Sei sulla pagina 1di 2

ELETTRONICA 1 ESERCITAZIONE 10

Conversione analogico digitale- digitale analogico


OBIETTIVI:
I. Montare il convertitore analogico digitale e portare attraverso il trimmer R11 il valore della tensione
di riferimento a 2,56 V;
II. Applicare una tensione continua in ingresso (utilizzando luscita 0-6V del generatore di tensione
continua) compresa tra 0 e 5V e verificare la corrispondenza della parola binaria in uscita
(rispettando lordine della sequenza di bit da LSB a MSB) secondo la relazione:
Vin= 2*(Vrif /256)*(20 +21++2i++27)
I. Montare il circuito digitale analogico come da schema per la conversione della digitale analogica e
verificare luscita Vout in funzione della parola binaria imposta in ingresso.

CENNI TEORICI:
Un convertitore analogico digitale o ADC un circuito elettronico in grado di convertire un segnale
analogico con andamento continuo in una serie di valori discreti. Il convertitore digitale-analogico
o DAC compie l'operazione inversa.

Nel convertitore analogico digitale prima di eseguire la conversione vera e propria necessario applicare al
segnale un pre-trattamento analogico di S/H, ovvero di sample & hold, cio di campionamento e mantenimento. Il
segnale analogico viene infatti diviso in un certo numero di intervalli e ad ognuno di questi si assegna un codice
binario.

Condizione necessaria affinch si ottenga una conversione pi accurata possibile che la frequenza di
campionamento sia almeno il doppio di quella del segnale (teorema di Shannon)

PROCEDIMENTO:
Si montato il convertitore analogico digitale seguendo lo schema in figura:

Per realizzare linterruttore di start, non disponendo di un reale interruttore, si fatto uso di un semplice filo che,
finch connesso a massa, manteneva il circuito inattivo, una volta scollegato permetteva la conversione.
Si quindi calibrato il TRIMMER, ovvero la resistenza variabile, tramite luso di un giravite in plastica. Questo
passaggio ha permesso di portare la tensione di riferimento al valore ottimale di 2,56V. Questultima stata infatti
verificata tramite il multimetro durante loperazione. Stabilizzando Vrif a tale valore, si reso noto il secondo
termine dellequazione che permette la conversione portandolo ad un valore fisso di circa 10 mV. A questo punto
si inserito un segnale in continua di apposito valore, e tramite i led montati sul circuito, si verificata la parola
in codice binario in uscita, confrontandola con i dati teorici attesi. Infatti si sono inserite le cifre binarie nella
formula precedente e si riscontato un risultato circa pari a quello inserito tramite lalimentazione. Si riscontrata
per una leggera discordanza, dovuta allimpossibilit di portare esattamente il riferimento ai 2,56V richiesti.

Si sono verificati i seguenti valori con le rispettive parole binarie in uscita:

3,50V=10100101
1,00V=00101001
4,30V=11001110
Si infine notato che portando lingresso ad un valore superiore a quello di alimentazione, il circuito andava in
saturazione e tutti i diodi rimanevano accesi.
Si montato il circuito del convertitore digitale analogico come da schema:

Si calcolata la Iref= V+/R4 dove per V+ si utilizzato un valore pari a 7 V per compensare le cadute di tensione
lungo il circuito in modo da ottenere almeno 5V in uscita. Si utilizzata la formula Iout=(X/256)* Iref dove il
valore di X dipende dalla parola in ingresso. Considerando tutti gli ingressi alluno logico
X=(20+21+22+23+24+25+26+27)=255 per cui Iout=255/256*Iref. Si misurata sperimentalmente luscita
Vout tramite luso del multimetro e, dividendo tal valore per la resistenza R1, si ottenuto un valore di Iout
circa uguale a al valore teorico precedentemente calcolato.
Inoltre collegando i due circuiti in modo tale che le uscite del convertitore ADC siano gli ingressi del
convertitore DAC e inserendo come ingresso un segnale a rampa a frequenza pari a 0,05Hz si visualizzato
con loscilloscopio che luscita dal DAC era esattamente uguale al segnale a rampa posto in ingresso al
convertitore ADC.