Sei sulla pagina 1di 32

Portate di progetto

Metodi regionali per la determinazione


delle portate di progetto
Metodi di regionalizzazione

Determinazione della probabilit dellevento di piena in una


sezione non strumentata
Stime regionali
Analisi del comportamento spaziale della
Identificazione della
variabile random considerata su diverse
regione idrologicamente
stazioni strumentate ricadenti allinterno
omogenea
della regione omogenea

Determinazione del quantile regionale

Determinazione del quantile locale


tramite lutilizzo di relazioni che legano la
variabile random alla caratteristiche
Es. piogge intense, topografiche e morfologiche (es. area)
portate al colmo di piena
Regionalizzazione dei parametri di modelli afflussi-deflussi
Regionalizzazione delle precipitazioni
intense
La regionalizzazione delle precipitazioni intense utilizza tutta
linformazione pluviometrica disponibile per lelaborazione
statistica attendibile delle precipitazioni intense
Limitata densit della rete dei pluviometri registratori
Accidentata morfologia del territorio
Lunghezza limitata delle serie pluviografiche in numerose stazioni

Progetto VAPI (VAlutazione PIene)


Sviluppato dal Gruppo Nazionale per la Difesa dalle Catastrofi
Idrogeologiche (GNDCI) del Consiglio Nazionale delle Ricerche [CNR,
1994] http://caronte.gndci.cs.cnr.it/GNDCI/Vapi.htm
Si propone la valutazione delle piene dei corsi dacqua italiani, basata
su una regionalizzazione delle piogge intense eseguita con
metodologia omogenea su tutto il territorio nazionale
Distribuzione di probabilit TCEV

Distribuzione di probabilit TCEV (Two Component Extreme Value)


Componente base degli eventi ordinari, cui compete la maggior parte
dei massimi annuali
Componente straordinaria degli eventi molto rari e di assoluta
eccezionalit (out-liers)

1. Lintensit osservata per gli eventi straordinari supera di gran lunga le


intensit inferiori di pari durata
2. La probabilit degli eventi straordinari fortemente sottostimata da
leggi Gumbel o log-normali
3. Data la rarit degli eventi straordinari in una singola stazione
pluviografica, la stima regionale dei parametri della componente
straordinaria consente una maggiore efficienza
4. La distinzione delle componenti trova giustificazione fisica nella natura
dei fenomeni meteorologici che danno luogo ai diversi tipi di eventi
Distribuzione di probabilit TCEV
E1 e E2 successioni di eventi indipendenti le cui intensit V1 e V2 sono
distribuite secondo le PV1(x) e PV2(x)

E E1 E2

N1t e N2t il numero degli eventi E1 e E2 nellintervallo (0,t), con


distribuzioni PN1t(n) e PN2t(n) e valori medi L10 e L20

Nt N1t N 2t

Distribuzione di probabilit dellintensit V degli eventi E



prob E1 E
1

PV x prob E1 E PV1 x prob E2 E PV2 x


prob E E 2
2
Distribuzione di probabilit TCEV

Se N1 e N2 seguono delle distribuzioni di Poisson


n n
p N1,t n 1
e 1 p N 2 ,t n 2
e 2

n! n!
Se V1 e V2 seguono delle distribuzioni esponenziali con 2 1
x x

PV1 x 1 e 1 PV2 x 1 e 2

Distribuzione dei valori estremi (tipo 1) a due componenti, o TCEV


(Two Component Extreme Value)
x x
1 2
1e 2e
PX x e
1 1
1 , 2
1 x 2 x 1 2
e e

1 2
PX x e
ln 1 ln 2
1 ln 1, ln
1
1
2
2
2 2
Distribuzione di probabilit TCEV

Forma standardizzata
2
, * 0
x x
1
1e
1 1
e 1
PX x e 1
2
, 0
1/
1

Momenti della distribuzione

x x 1 media della distribuzione



x 1/ x
1e e
PX x e 1
, , 1

Il coefficiente di variazione teorico = / dipende da 1, * e * ed


indipendente da 1
Il coefficiente di asimmetria teorico = 3/ 3 dipende solo da * e * ed
indipendente da 1 e 1
VAPI Italia centrale

Regionalizzazione delle variabili Xi (i = 1 n)


Aggregazione di tali variabili in gruppi con caratteristiche stocastiche
comuni
Per le variabili distribuite sul territorio, come le piogge, si richiede che
tali raggruppamenti abbiano riferimenti geografici

Livelli di regionalizzazione
Primo livello: regioni omogenee rispetto ai parametri * e *, da cui
deriva l'omogeneit anche rispetto al coefficiente di asimmetria
Secondo livello: zone omogenee anche rispetto al parametro 1, da cui
deriva l'omogeneit anche rispetto al coefficiente di variazione
Terzo livello: sottozone omogenee rispetto alla dipendenza del
parametro 1 - e quindi della media - da alcune grandezze
geografiche locali (quota, distanza dal mare, orientamento dei
versanti)
VAPI Italia centrale

Regionalizzazione delle massime altezze di pioggia giornaliere hd


Rete pluviometrica ordinaria, 626 stazioni N30 anni e 2 con 20N<30
anni
hd hd

hd 1/ hd
P( hd ) e 1e 1 e

Introducendo il coefficiente di crescita k= hd/ hd


k

k
1e
1/
e
P(k ) e 1

k T curva di crescita
1
dove T
1 Pk

La funzione k(T) non invertibile


VAPI Italia centrale
Regionalizzazione delle massime altezze di pioggia giornaliere hd
Primo livello: tre regioni omogenee rispetto al coefficiente di asimmetria,
tirrenica (regione A, 154 stazioni), appenninica (regione B, 353 stazioni)
e adriatica (regione C, 120 stazioni)
Secondo livello: le regioni sono risultate omogenee anche rispetto al
coefficiente di variazione

Regione=zona * 1

A 0,174 3,490 29,314 4,480


B 0,762 1,241 22,017 4,359
C 0,795 2,402 27,806 5,301

T (anni) 2 5 10 20 25 40 50 100 200 500 1000


KT(SZOA) 0.89 1.22 1.49 1.84 1.97 2.29 2.45 2.98 3.52 4.23 4.77
KT(SZOB) 0.96 1.25 1.45 1.64 1.70 1.83 1.89 2.07 2.26 2.51 2.70
KT(SZOC) 0.90 1.29 1.59 1.90 2.01 2.22 2.32 2.64 2.96 3.38 3.70
c d c d
sottozona N sottozona N
(mm/m) (mm) (mm/m) (mm)

VAPI Italia centrale


A1 10 0,01892 55,64 0,886 B19 6 0,01418 36,02 0,836
A2 8 0,02785 59,22 0,953 B20 5 0,01098 57,23 0,449
A3 9 0,02738 64,43 0,919 B21 6 0,15691 16,83 0,913
A4 13 0,03390 67,67 0,833 B22 7 0,01890 76,65 0,795
A5 7 0,03031 60,09 0,620 B23 5 0,04972 60,54 0,887

Regionalizzazione delle
A6 8 0,13518 66,15 0,901 B24 7 0,07960 30,38 0,903
A7 7 0,03582 67,72 0,830 B25 10 0,02089 64,28 0,676

massime altezze di pioggia


A8 16 0,01680 62,79 0,843 B26 9 0,13532 -48,29 0,894
A9 7 0,02671 61,61 0,741 B27 5 0,05786 67,35 0,954

giornaliere hd
A10 5 0,06301 67,83 0,968 B28 12 0,03599 63,48 0,792
A11 3 0,07624 41,70 0,996 B29 5 0,03152 87,30 0,565
A12 6 0,01510 72,77 0,920 B30 4 0,05066 68,93 0,999
Terzo livello: sono state A13 9 0,02714 50,42 0,624 B31 11 0,00116 60,07 0,060

individuate 78 sottozone A14 4 0,02517 62,33 0,783 B32 7 0,04004 27,64 0,971
A15 4 0,03647 68,78 0,834 B33 6 0,01264 54,93 0,634

omogenee in cui la media A16


A17
4
7
0,02592
0,10165
52,00
15,14
0,889
0,860
B34
B35
4
5
0,25615
0,07432
-85,09
15,64
0,955
0,740
dell'altezza giornaliera hd
A18 11 0,02208 58,80 0,685 B36 7 0,05270 40,46 0,667
A19 5 0,03408 41,11 0,980 B37 2 0,03513 33,42 1,000
dipende dalla quota z della A20 7 0,03637 49,62 0,956 B38 10 0,01874 40,79 0,637

stazione A21
B1
4
13
0,02854
0,03028
43,38
43,52
0,926
0,895
B39
B40 8
4 0,04514
0,04250
38,13
58,21
0,969
0,921
B2 5 0,02250 42,59 0,830 B41 4 0,08894 34,37 0,835
B3 11 0,03478 49,18 0,859 B42 9 0,02237 71,20 0,567
hd cz d B4 10 0,02747 62,61 0,724 C1 19 0,00482 57,46 0,392
B5 13 0,03136 53,96 0,904 C2 34 0,02822 64,04 0,915
B6 6 0,03764 44,54 0,933 C3 8 0,05900 42,12 0,952
B7 9 0,01863 49,36 0,756 C4 5 0,06381 49,63 0,984
B8 4 0,02219 50,91 0,844 C5 6 0,01574 61,16 0,809
B9 16 0,04546 46,32 0,953 C6 5 0,01374 58,39 0,825
B10 9 0,04145 37,12 0,893 C7 5 0,00985 62,40 0,831
B11 44 0,02300 35,60 0,849 C8 7 0,07690 50,19 0,917
B12 13 0,04292 45,49 0,901 C9 6 0,02767 51,23 0,886
B13 2 0,01793 20,47 1,000 C10 7 0,11377 38,98 0,937
B14 13 0,05343 55,04 0,921 C11 5 0,02573 57,44 0,887
B15 6 0,00153 69,69 0,135 C12 4 0,02395 44,17 0,976
B16 12 0,02565 22,88 0,912 C13 3 0,04634 -5,21 0,898
B17 5 0,00722 64,41 0,798 C14 4 0,03330 32,01 0,763
B18 3 0,00128 62,43 0,391 C15 4 0,00655 57,57 0,776
VAPI Italia centrale
Regionalizzazione piogge di massima intensit e breve durata
Rete pluviometrografica di 223 stazioni N20 e 86 10N<20 anni
Si assunta lipotesi che la curva di crescita k(T) per hd, sia valida
anche per le piogge di durata inferiore
Legge Intensit Durata Frequenza (IDF)

b
m
it T i0 T
a (T ) b t
it T
(b t ) m b
m

it i0
b t
Coefficiente di crescita k

m
it T b t
k
i0 b
VAPI Italia centrale
Regionalizzazione piogge di massima intensit e breve
durata
k





P( k ) e 1e k
1/
1 e

m
k it T b t
i 0 b

Hp. Per la determinazione di k


i24 = id con =1,15
i5 = 3,36 i1h (Roma Macao)
m e b indipendenti da T per il parallelismo delle leggi IDF in scala
logaritmica
m e b costanti in una sottozona omogenea
(le ipotesi sono confermate/dedotte dei dati osservati)
b b
sottozona N m io/ i24 sottozona N m io/ i24
(h) (h)

VAPI Italia centrale


A1 7 0,1660 0,7810 48,90 B19 1 0,1135 0,6951 41,48
A2 4 0,1528 0,7597 46,83 B20 1 0,1170 0,7010 41,91
A3 8 0,1454 0,7478 45,74 B21 2 0,1585 0,7690 47,72
A4 4 0,1705 0,7881 49,62 B22 3 0,1101 0,6895 41,08
A5 2 0,1621 0,7748 48,28 B23 5 0,1398 0,7387 44,94
A6 3 0,1137 0,6955 41,50 B24 3 0,1040 0,6792 40,39
Regionalizzazione piogge di A7 5 0,1054 0,6816 40,54 B25 6 0,0986 0,6700 39,80

massima intensit e breve


A8 6 0,1323 0,7263 43,89 B26 4 0,0908 0,6565 39,02
A9 3 0,1502 0,7555 46,45 B27 2 0,1366 0,7335 44,49

durata
A10 4 0,1415 0,7415 45,18 B28 6 0,1168 0,7007 41,88
A11 1 0,1744 0,7943 50,26 B29 4 0,0895 0,6542 38,89
A12 2 0,1251 0,7145 42,93 B30 2 0,1222 0,7097 42,56
A13 2 0,1484 0,7526 46,18 B31 5 0,0902 0,6555 38,96
A14 1 0,1521 0,7586 46,73 B32 5 0,1071 0,6844 40,73
A15 1 0,1326 0,7269 43,93 B33 3 0,0806 0,6389 38,13
A16 2 0,1427 0,7434 45,35 B34 2 0,0940 0,6620 39,33
A17 7 0,1728 0,7917 50,00 B35 3 0,0977 0,6684 39,71
A18 1 0,1498 0,7549 46,39 B36 2 0,1434 0,7446 45,45
A19 3 0,1729 0,7919 50,02 B37 1 0,1141 0,6962 41,56
A20 2 0,1456 0,7482 45,77 B38 7 0,1670 0,7826 49,06
A21 3 0,1437 0,7450 45,49 B39 4 0,0971 0,6674 39,65
B1 7 0,1168 0,7006 41,88 B40 4 0,1136 0,6953 41,49
B2 1 0,1603 0,7718 47,99 B41 1 0,1673 0,7830 49,11
B3 3 0,1252 0,7146 42,94 B42 3 0,1279 0,7190 43,29
B4 6 0,1015 0,6748 40,10 C1 10 0,1408 0,7403 45,08
B5 2 0,1302 0,7230 43,61 C2 24 0,1107 0,6905 41,15
B6 2 0,1354 0,7314 44,31 C3 7 0,1156 0,6986 41,73
B7 4 0,1275 0,7185 43,25 C4 2 0,1123 0,6932 41,34
B8 1 0,1768 0,7981 50,66 C5 2 0,1281 0,7195 43,33
B9 5 0,1455 0,7479 45,75 C6 4 0,0957 0,6650 39,50
B10 3 0,1136 0,6953 41,49 C7 3 0,1129 0,6942 41,41
B11 18 0,1035 0,6782 40,32 C8 6 0,1001 0,6725 39,96
B12 3 0,1097 0,6887 41,02 C9 4 0,1076 0,6852 40,79
B13 1 0,0685 0,6173 37,30 C10 6 0,1034 0,6781 40,31
B14 4 0,1380 0,7357 44,68 C11 1 0,1101 0,6895 41,08
B15 5 0,1048 0,6804 40,47 C12 3 0,1100 0,6894 41,07
B16 8 0,1051 0,6811 40,51 C13 3 0,0821 0,6414 38,25
B17 2 0,0889 0,6532 38,84 C14 3 0,0897 0,6547 38,92
B18 3 0,1167 0,7005 41,87 C15 1 0,0863 0,6488 38,61
VAPI Italia
centrale

Limite zone A-B


Limite zone B-C

Sottozone A
Sottozone B
Sottozone C
Regionalizzazione delle portate
Metodi di regionalizzazione della massima piena (es. Gherardelli,
1939)
Caratterizzazione non probabilistica massima piena osservata (Qmax)
A larea e u100 e a sono i parametri
Qmax
umax A


u A
u100
max 100

Metodo della portata indice


Q
Regionalizzazione probabilistica del fattore di crescita k
Q = portata al colmo massima annuale Q

Q = media di Q detta portata indice


Regionalizzazione
Metodo della portata indice
Si definisce idrologicamente omogenea una regione in cui
k indipendente dalla posizione della sezione allinterno della regione
k non dipende dalle caratteristiche del bacino
k ha la medesima distribuzione di probabilit PK(k) in tutta la regione
PK(k) = curva di crescita regionale
kT = quantile regionale
1 1
kT PK 1
T
Q(portata indice) dipende dal vettore b dalle caratteristiche del
bacino (area, pendenza media, copertura vegetale, litologia,
permeabilit, pluviometria)
Q indipendente dalla distribuzione
qT = quantile locale

qT kT Q
Regionalizzazione
Metodo della portata indice
Si definisce idrologicamente omogenea una regione in cui
b = A, fattore geomorfologico pi importante essendo in grado di
spiegare gran parte della variabilit spaziale; la regressione con ulteriori
fattori produce soltanto modeste riduzioni della varianza
q, parametri della distribuzione di probabilit

qT A, kT Q A
mQ dipende dallarea secondo una legge di potenza
A0 = area di riferimento (es. 100 km2)

A
Q Q A0
A0

A A qT A, A
qT A, kT Q A0 qT A0 ,
A0 A0 qT A0 , A0
Regionalizzazione
Metodo della portata indice
Procedura di stima
1. j = 1, 2, M stazioni ubicate in una regione ipotizzata idrologicamente
omogenea, ciascuna sottende un bacino di area Aj
2. q*ji = portate osservate nella stazione j -esima, con i = 1, 2, Nj
* = stima della media delle portate nella stazione j -esima
qj
4. regolarizzazione delle medie con la legge di potenza (es. con il
metodo dei minimi quadrati); stima dei parametri mQ(Ao) e a
5. calcolo dei rapporti
* q
*
ij
kij
Q Aj
6. stima della legge di distribuzione di probabilit di K: stima dei parametri
q a partire dal campione k*ji e i = 1, 2, Nj e j = 1, 2, M
calcolo dei quantili kT(q)
calcolo dei quantili di qT(Aj) per le varie stazioni
verifica delladattamento alle osservazioni
Regionalizzazione delle portate
VAPI
Serie storiche delle portate al colmo di piena delle stazioni
idrometriche fornite dalla Pubb. N. 17 del Servizio Idrografico
Italiano (1922-1970), dal 1970 calcolate mediante scala di deflusso
Ipotesi di suddivisione in regioni omogenee con risultati non del
tutto soddisfacenti
Dubbi sul procedimento di adattamento TCEV

Q Aj aA j b

Compartimento Zona a b
ROMA Unica 0.0863 125.477
PESCARA A 0.0375 16.450
B 0.2955 -7.704
Portate di progetto
Metodi indiretti (afflussi-deflussi) per la
determinazione delle portate di progetto
Modelli afflussi-deflussi
Richiedono in ingresso precipitazioni di progetto con assegnato
tempo di ritorno, ipotizzando che il tempo di ritorno della portata sia
pari al tempo di ritorno della corrispondente precipitazione intensa

Modelli stocastici, ipotizzano soltanto un legame di dipendenza


stocastica tra gli afflussi e i deflussi, senza introdurre elementi descrittivi
delle caratteristiche del bacino

Modelli concentrati, che rappresentano il bacino come ununit


globale aggregando le diverse componenti del ciclo idrologico in
pochi algoritmi

Modelli distribuiti, che rappresentano la variabilit spaziale del sistema


tenendo conto separatamente di un maggior numero di componenti,
rispetto ai modelli concentrati, del ciclo idrologico
Modelli concentrati
Modelli lineari
t

Idrogramma unitario istantaneo,
q (t ) p ( )u (t )d densit di probabilit del tempo di
0
detenzione nel sistema

Risposta del modello in forma discreta ad un ingresso discreto Pj


Metodo dellidrogramma unitario
1 jt
Uj
t ( j 1) t
u ( )d

I parametri del modello sono costituiti dagli elementi Uj


dellidrogramma unitario
M il numero di intervalli temporali antecedenti listante tj per i
quali apprezzabile linfluenza degli eventi precedenti


j
qj PjU1 Pj 1U2 Pj k 1Uk k 1
Pj Uk
k 1

j 1..M , M memoria del sistema


Modelli concentrati
Determinazione dellidrogramma unitario
Identificazione dei parametri per taratura in base ad eventi di
piena osservati
j
q *
y, j P
k 1
*
Uk
y, j k 1 y, j

Py , j successione di misure di pioggia



q y , j successione di misure di portata corrispondenti

j 1..M , parametri del modello o memoria del sistema

y 1..N , numero degli eventi di piena
scarto fra portate osservate q y , j e portate simulate
y, j
dal modello calibrato con le piogge osservate Py , j

Modelli concentrati
In forma matriciale (NM)
Gli eventi con durata inferiore a M vengono allungati
aggiungendo portate nulle

Q* P *U E

q1,1 P1,1 0 L 0 L 0 1,1



q
1, 2 P1, 2 P1,1 L 0 L 0 1, 2
U1
L L L L L L L U L
2
q1, M P1, M P1, M 1 L P1,i L P1,1
L 1, M
q P 0 L 0 L 0 2,1
2,1 2,1 Ui
L L L L L L L
L L
q P Py , j 1 L Py ,i L 0
y, j y, j U M y, j

L L L L L L L L

q N , M PN , M PN , M 1 L P1, M i L PN ,1 N , M
Modelli concentrati
Metodo dei minimi quadrati N M N M
j

2

f E

2
j qy, j
y 1 j 1
P U y ,i j k 1

y 1 j 1 i 1

f E N
M j

U 2 qy, j Py,iU j i 1 Py, j J 1 0
J y 1 j 1 i 1
Sistemalinearedi M equazioniin M incogniteU j
1
U P*T P* P*T Q*
Problemi di ottimo vincolato
Uj 0

Wq Wq volume dell' idrogramma calcolato


G,
W p W p volume della precipitazione
Fattore di guadagno
G volume dell' idrogramma unitario

G 1, se la precipitazione netta e Wq W p

1, altrimenti rappresenta il coefficiente di deflusso
Modelli concentrati
Alcune considerazioni
Il modello dellidrogramma unitario si basa sulla sola ipotesi che le
piene dipendano dalle piogge tramite un processo di concentrazione
lineare
La memoria M pu essere determinata per tentativi, partendo da un
valore elevato ed eliminando le componenti dellidrogramma che
non differiscono significativamente da zero
Per una descrizione significativa dellidrogramma occorre che i
parametri Uj siano numerosi
Informazione a-priori sulla componente del deflusso di base, sui modelli
di rifiuto del suolo, sulle condizioni di umidit iniziali, sulla variabilit
stagionale comporta laumento del numero dei parametri
Si necessita di un elevato numero di eventi di osservazione per la
robustezza della stima
La taratura viene di norma effettuata su eventi di piena ordinari, ma
applicata anche per eventi di piena estremi
Modelli concentrati
Parsimonia dei parametri
Il numero dei parametri pu essere sensibilmente ridotto introducendo
dei vincoli di forma sullidrogramma unitario istantaneo
La forma analitica dellIUH incorpora la conoscenza a priori che si ha
sulla forma dellonda di piena
Idrogramma unitario sintetico di Snyder (SUH), lega la durata della pioggia
unitario al tempo di ritardo del bacino
Si fa riferimento a schemi idraulici ideali, canale lineare e invaso
lineare, definendo modelli concettuali
Modello cinematico 1 dA t A area contribuente
ut ,
Ab dt Ab area del bacino
t/k
e
Modello dellinvaso lineare u t ,k costante d' invaso
k
Modelli geomorfologici che ricavano la forma dellIUH
dallinformazione sullandamento altimetrico del bacino
WFIUH: IUH ricavato dalla funzione dampiezza riscalata
Modelli distribuiti
Modelli fisicamente basati a scala di bacino
Integrano le equazioni differenziali alle derivate parziali che simulano
landamento dei fenomeni su domini complessi
Necessitano delle condizioni iniziali e la contorno
La scala delle misure puntuale se confrontata con la scala di bacino
e non riesce a cogliere la distribuzione delle grandezze che
compaiono nelle equazioni fisiche
Le grandezze medie non possono essere rappresentative per via della non
linearit dei fenomeni
I modelli distribuiti vanno comunque tarati, anche se per la
complessit dei fenomeni e la loro variabilit spaziale i parametri sono
in numero molto elevato
I parametri ottenuti non sono generalmente esportabili ad altri bacini
Ma sono in grado di tenere conto degli effetti della variabilit spaziale
degli ingressi (precipitazione, stato di imbibizione dei suoli ) sulla
portata di piena
Modelli distribuiti

SHE (Systeme Hydrologique Europeen) (Abbot et al, 1986)


Precipitazioni di progetto

Piogge di progetto
Curva di probabilit pluviometrica i(tp,T)
Ietogramma rettangolare o triangolare (critico per la durata
considerata, tp)
Ietogramma Chicago (critico per ogni durata)

i(t,T)
100

80

60

40

20

5
t 10 15
tp
Metodi di simulazione
Simulazione sintetica, approccio Monte Carlo

1. Simulazione di lunghe serie di precipitazioni che riproducono le


caratteristiche statistiche delle piogge osservate (es. alternanza
pioggia/non pioggia, stagionalit, massimi annuali, distribuzione
spaziale ); simulazione di numerosi eventi di pioggia intensa

2. Valutazione tramite modelli afflussi/deflussi opportunamente tarati


della corrispondente risposta idrologica

3. Inferenza statistica delle portate massime annuali simulate dal


modello afflussi/deflussi

4. Determinazione delle portate di progetto