Sei sulla pagina 1di 727

Esercizi di Scienza delle Costruzioni

Claudio Franciosi

3 maggio 2015
2 Esercizi di Scienza delle Costruzioni
Indice

1 Analisi cinematica delle strutture: metodo analitico 1


1.1 Un telaio zoppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2
1.2 Telaio zoppo con carrello inclinato . . . . . . . . . . . . . . . . 4
1.3 Telaio zoppo con cerniera interna . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
1.4 Telaio a due campate con cerniere interne . . . . . . . . . . . . 8
1.5 Trave a tre campate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
1.6 Trave con bipendolo interno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
1.7 Trave ad asse parabolico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15

2 Analisi cinematica delle strutture: metodo grafico 19


2.1 Un portale a tre cerniere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
2.2 Un portale labile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
2.3 Telaio a tre tratti, con due cerniere interne . . . . . . . . . . . . 23
2.4 Una maglia chiusa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24
2.5 Un portale su trave appoggiata . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28
2.6 Doppia capriata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30

3 Lanalisi cinematica e la geometria analitica: I 35


3.1 Alcuni risultati di Geometria analitica . . . . . . . . . . . . . . 35
3.2 Portale con cerniera e pendolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
3.3 Portale con pendolo interno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
3.4 Portale con doppio bipendolo interno . . . . . . . . . . . . . . . 45
3.5 Telaio a quattro cerniere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
3.6 Portale a tre cerniere e bipendolo . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
3.7 Portale con bipendolo al piede . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
3.8 Un arco parabolico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54
3.9 Arco con bipendolo interno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57

4 Lanalisi cinematica e la geometria analitica: II 61


4.1 Una maglia chiusa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61
4.2 Una maglia chiusa con bipendolo . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
4.3 Un portale poggiante su trave appoggiata . . . . . . . . . . . . 69
4.4 Una maglia con doppio bipendolo interno . . . . . . . . . . . . 72

5 Analisi statica: metodo analitico 77

Esercizi di Scienza delle Costruzioni i


INDICE

5.1 Telaio zoppo non caricato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79


5.2 Telaio zoppo con carico distribuito . . . . . . . . . . . . . . . . 80
5.3 Portale a tre cerniere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 81
5.4 Telaio a due campate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 84
5.5 Portale a quattro cerniere con pendolo . . . . . . . . . . . . . . 86
5.6 Trave appoggiata con sovrastruttura . . . . . . . . . . . . . . . 88
5.7 Portale con cerniera e due bipendoli . . . . . . . . . . . . . . . 90
5.8 Portale a tre tratti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92

6 Analisi statica: metodo grafico 95


6.1 Portale con bipendolo interno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 96
6.2 Portale con due bipendoli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97
6.3 Portale soggetto ad una coppia . . . . . . . . . . . . . . . . . . 100
6.4 Arco a quattro cerniere con pendolo . . . . . . . . . . . . . . . 101
6.5 Una maglia chiusa irregolare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102
6.6 Maglia chiusa a quattro cerniere e pendolo . . . . . . . . . . . . 108
6.7 Maglia chiusa a tre cerniere:caso semplice . . . . . . . . . . . . 109
6.8 Maglia chiusa a tre cerniere:caso complesso . . . . . . . . . . . 109
6.9 Maglia chiusa con cerniera e due bipendoli . . . . . . . . . . . . 111

7 Sul grado di labilit` a ed iperstaticit` a 117


7.1 Un portale labile ed iperstatico . . . . . . . . . . . . . . . . . . 118
7.2 Un portale con pendolo inefficace . . . . . . . . . . . . . . . . . 118
7.3 Un portale con cerniere mal disposte . . . . . . . . . . . . . . . 119
7.4 Un portale doppio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119
7.5 Vincoli multipli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 120
7.6 Le travi ad asse rettilineo in assenza di forze orizzontali . . . . 121
7.7 Il caso delle travature reticolari . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122

8 Il procedimento di Lagrange 125


8.1 Il calcolo delle reazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 126
8.1.1 Una trave appoggiata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 126
8.1.2 Trave Gerber . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 127
8.1.3 Arco a quattro cerniere con pendolo . . . . . . . . . . . . 129
8.1.4 Arco con bipendolo allimposta . . . . . . . . . . . . . . . 133
8.2 Un portale zoppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 136
8.3 Il calcolo delle caratteristiche della sollecitazione . . . . . . . . 138
8.3.1 Trave a due campate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 138
8.3.2 Trave appoggiata con sbalzo . . . . . . . . . . . . . . . . . 139
8.3.3 Portale con quattro cerniere e pendolo . . . . . . . . . . . 140

9 Analisi della tensione 143


9.1 Determinazione del vettore di tensione . . . . . . . . . . . . . . 143
9.2 Determinazione del vettore di tensione . . . . . . . . . . . . . . 144
9.3 Determinazione del vettore di tensione tangenziale . . . . . . . 145
9.4 Verifica dellequilibrio per uno stato piano . . . . . . . . . . . . 146

ii Esercizi di Scienza delle Costruzioni


INDICE

9.5 Verifica dellequilibrio per uno stato tensionale generico . . . . 147


9.6 Deduzione forze di massa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 148
9.7 Studio di uno stato tensionale generico . . . . . . . . . . . . . . 148
9.8 Uno stato tensionale piano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 154
9.9 Secondo stato tensionale piano . . . . . . . . . . . . . . . . . . 156
9.10 Un terzo stato tensionale piano . . . . . . . . . . . . . . . . . . 159
9.11 Lo stato tensionale alla De Saint-Venant . . . . . . . . . . . . . 161
9.11.1 Soluzione: . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 161
9.12 Lutilizzo dei cerchi di Mohr . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 163

10 Analisi della deformazione 165


10.1 La deduzione della matrice delle deformazioni . . . . . . . . . . 165
10.2 Deduzione delle componenti di deformazione . . . . . . . . . . . 167
10.3 Deduzione delle componenti di deformazione . . . . . . . . . . . 168
10.4 Ancora sulla deduzione delle componenti di deformazione . . . 168
10.5 Studio di uno stato piano di spostamento . . . . . . . . . . . . 169
10.6 Un controllo di compatibilit`a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 173
10.7 Deduzione delle deformazioni lineari . . . . . . . . . . . . . . . 174
10.8 Deduzione delle deformazioni lineari e nonlineari . . . . . . . . 174
10.9 Controllo di compatibilit`a per uno stato piano . . . . . . . . . . 175
10.10 Controllo di compatibilit`a per uno stato generico . . . . . . . . 176

11 Geometria delle aree 177


11.1 Un sistema ad aree concentrate . . . . . . . . . . . . . . . . . . 177
11.2 La sezione ad L . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 180
11.3 Una travata da ponte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 183
11.4 Triangolo isoscele . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 184
11.5 Una sezione composta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 185
11.6 Semicerchio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 186

12 Flessione deviata 189


12.1 Un profilato sottile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 189

13 Taglio 197
13.1 Sezione compatta a T . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 197
13.2 Profilato a T . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 199
13.3 Sezione a tre rettangoli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 201
13.4 Sezione a tre rettangoli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 207
13.5 Quadrato sollecitato lungo una diagonale: prima soluzione . . . 209
13.6 Quadrato sollecitato lungo una diagonale: seconda soluzione . . 211
13.7 Sezione triangolare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 212
13.8 La sezione circolare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 217
13.9 La sezione a C . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 219

14 Calcolo delle caratteristiche per strutture isostatiche 227


14.1 Trave a mensola . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 228

Esercizi di Scienza delle Costruzioni iii


INDICE

14.2 Trave a due campate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 231


14.3 Mensola con sbalzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 233
14.4 Telaio a quattro cerniere e pendolo interno . . . . . . . . . . . . 235
14.5 Telaio a due campate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 247
14.6 Un portale con pendolo inclinato . . . . . . . . . . . . . . . . . 255
14.7 Portale a tre cerniere con sbalzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . 262
14.8 Maglia chiusa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 269

15 Le travi soggette a sforzo assiale 275


15.1 Lapproccio energetico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 276
15.2 Asta bloccatalibera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 276
15.3 I vincoli elasticamente cedevoli . . . . . . . . . . . . . . . . . . 280
15.4 Unasta indentata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 283
15.5 Il caso della sezione variabile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 285

16 Le travi soggette a momento flettente e taglio 289


16.1 Relazioni fondamentali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 289
16.2 Lapproccio energetico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 291
16.3 Le travi ad una campata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 291
16.4 Alcuni esempi per travi a due campate . . . . . . . . . . . . . . 295
16.4.1 La trave soggetta a forza concentrata ad una ascissa ar-
bitraria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 296
16.4.2 La trave soggetta a distorsione flessionale . . . . . . . . . 298
16.5 Le travi a pi`u campate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 300
16.5.1 Una trave continua . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 300
16.6 La presenza di variazioni termiche e coppie distribuite . . . . . 307
16.6.1 Una trave soggetta a coppie distribuite . . . . . . . . . . . 308
16.6.2 Le travi soggette a variazioni termiche flessionali . . . . . 313
16.7 Le travi a sezione variabile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 317
16.7.1 La trave a mensola a rigidezza variabile linearmente . . . 317

17 Il metodo della doppia integrazione 321


17.1 La trave appoggiata soggetta a carico distribuito . . . . . . . . 321
17.2 La trave appggiata soggetta a forza concentrata . . . . . . . . . 323
17.3 Trave bipendoloappoggio con sbalzo . . . . . . . . . . . . . . . 328
17.4 Trave Gerber . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 332

18 I corollari di Mohr per il calcolo degli spostamenti 337


18.1 Relazioni fondamentali: lanalogia . . . . . . . . . . . . . . . . . 337
18.2 La trave ausiliaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 338
18.3 Trave appoggiata con carico distribuito . . . . . . . . . . . . . . 339
18.4 La trave appoggiata con forza concentrata . . . . . . . . . . . . 341
18.5 La trave appoggiata con coppia concentrata . . . . . . . . . . . 342
18.6 Trave con bipendolo ed appoggio . . . . . . . . . . . . . . . . . 344
18.7 Trave Gerber . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 345
18.8 Trave con sbalzo e coppia allestremo . . . . . . . . . . . . . . . 347

iv Esercizi di Scienza delle Costruzioni


INDICE

18.9 Mensola caricata parzialmente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 348


18.10 Una trave a pi`
u campate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 349

19 I coefficienti fondamentali 353


19.1 La trave a mensola . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 354
19.2 La trave appoggiata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 357

20 La composizione degli spostamenti 363


20.1 Lutilizzo dei risultati fondamentali . . . . . . . . . . . . . . . . 363
20.2 Trave a mensola con carico parziale . . . . . . . . . . . . . . . . 364
20.3 Trave appoggiata caricata parzialmente . . . . . . . . . . . . . 366
20.4 La cosiddetta forca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 369

21 Calcolo di spostamenti su strutture isostatiche 373


21.1 Trave appoggiata con coppia applicata . . . . . . . . . . . . . . 374
21.2 Trave appoggiata con variazione termica . . . . . . . . . . . . . 376
21.3 Trave appoggiata con cedimento elastico . . . . . . . . . . . . . 377
21.4 Trave con cedimento anelastico . . . . . . . . . . . . . . . . . . 379
21.5 Un telaio con bipendolo interno: spostamento relativo . . . . . 380
21.6 Un telaio con bipendolo interno: spostamento del traverso . . . 384
21.7 Il metodo della doppia integrazione . . . . . . . . . . . . . . . . 386
21.8 Il caso della rigidezza assiale infinita . . . . . . . . . . . . . . . 391

22 La scrittura diretta delle equazioni di congruenza 395


22.1 Trave con incastro ed appoggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . 396
22.2 Una trave doppiamente iperstatica . . . . . . . . . . . . . . . . 400
22.3 Unequazione dei tre momenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 403
22.4 Un telaio zoppo con sbalzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 406
22.5 Un telaio zoppo due volte iperstatico . . . . . . . . . . . . . . . 409
22.6 Un telaio zoppo tre volte iperstatico . . . . . . . . . . . . . . . 412
22.7 Un portale semplicemente iperstatico . . . . . . . . . . . . . . . 415
22.8 Un portale doppiamente iperstatico . . . . . . . . . . . . . . . . 419
22.8.1 Lutilizzo del principio dei lavori virtuali . . . . . . . . . . 420
22.9 Un telaio tre volte iperstatico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 424
22.10 Una diversa scelta di incognite iperstatiche . . . . . . . . . . . . 428

23 Il plv per le strutture iperstatiche 435


23.1 Un portale semplicemente iperstatico . . . . . . . . . . . . . . . 435
23.2 Portale con cedimento anelastico . . . . . . . . . . . . . . . . . 441
23.3 Un portale sospeso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 442
23.4 Un telaio semplicemente iperstatico . . . . . . . . . . . . . . . . 446
23.5 Una trave tre volte iperstatica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 450
23.6 Una struttura spingente iperstatica . . . . . . . . . . . . . . . . 453
23.7 Una maglia triangolare chiusa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 457
23.8 Una trave doppia con pendolo di collegamento . . . . . . . . . . 465
23.9 Un telaio doppiamente iperstatico . . . . . . . . . . . . . . . . . 470

Esercizi di Scienza delle Costruzioni v


INDICE

24 Il metodo misto per le strutture iperstatiche 475


24.1 Un telaio zoppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 475
24.2 Una trave doppia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 478

25 Vincoli imperfetti e variazioni termiche 483


25.1 Trave con cedimento anelastico . . . . . . . . . . . . . . . . . . 485
25.2 La matrice di rigidezza di una trave di EuleroBernoulli . . . . 488
25.3 I corollari di Mohr e le distorsioni . . . . . . . . . . . . . . . . . 490
25.4 La linea elastica in presenza di distorsioni . . . . . . . . . . . . 491
25.5 La trave continua in presenza di variazioni termiche . . . . . . 492
25.6 Il principio dei lavori virtuali in presenza di variazioni termiche 497
25.7 Un telaio a tre cerniere con pendolo interno . . . . . . . . . . . 499

26 La linea elastica e le strutture a telaio isostatiche 503


26.1 Un telaio zoppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 504
26.2 Una maglia chiusa a tre cerniere . . . . . . . . . . . . . . . . . 510
26.3 Un telaio zoppo con pendolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 518
26.4 Un telaio zoppo con sbalzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 526
26.5 Una maglia chiusa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 531

27 La linea elastica e le strutture a telaio iperstatiche 543


27.1 Un semplice telaio zoppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 544
27.2 Un portale con nodo triplo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 551
27.3 Portale con nodo quadruplo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 554
27.4 Un telaio a due piani . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 562
27.5 Un telaio zoppo con bipendolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 567
27.6 Telaio zoppo con incastro e carrello . . . . . . . . . . . . . . . . 572
27.7 Una trave doppia collegata da un pendolo . . . . . . . . . . . . 576
27.8 Un telaio chiuso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 581
27.9 Una maglia triangolare chiusa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 586
27.10 Una seconda maglia chiusa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 589
27.11 Una maglia chiusa con carrello . . . . . . . . . . . . . . . . . . 595
27.12 Una maglia chiusa con cerniere nei nodi . . . . . . . . . . . . . 596
27.13 Maglia chiusa con pendolo interno . . . . . . . . . . . . . . . . 600
27.14 Portale a quattro cerniere e pendolo . . . . . . . . . . . . . . . 604

28 I telai assialmente rigidi 611


28.1 Telaio a nodi fissi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 611
28.2 Telaio a nodi spostabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 616
28.3 Un Telaio zoppo a nodi fissi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 620
28.4 Una forca con due carrelli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 624
28.5 Una forca con carrello ed appoggio . . . . . . . . . . . . . . . . 628
28.6 Un telaio simmetrico con carico antisimmetrico . . . . . . . . . 630
28.7 Lutilizzo delle propriet`a di simmetria . . . . . . . . . . . . . . 632
28.8 Un telaio simmetrico con carico simmetrico . . . . . . . . . . . 634
28.9 Lutilizzo delle propriet`a di simmetria . . . . . . . . . . . . . . 637

vi Esercizi di Scienza delle Costruzioni


INDICE

28.10 Un telaio a tre campate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 639


28.11 Un telaio a scala . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 641
28.12 Una mensola con tirante incastrato . . . . . . . . . . . . . . . . 645
28.13 Una mensola con tirante incernierato . . . . . . . . . . . . . . . 648
28.14 Una travatura reticolare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 650
28.15 Una maglia chiusa esternamente labile . . . . . . . . . . . . . . 651

29 Strutture simmetriche ed antisimmetriche 657


29.1 Un portale simmetrico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 658
29.2 Trave a tre appoggi con carico simmetrico . . . . . . . . . . . . 660
29.3 Trave a tre appoggi con carico antisimmetrico . . . . . . . . . 660
29.4 Un telaio simmetrico con forza sul traverso . . . . . . . . . . . 661
29.5 Una maglia chiusa doppiamente simmetrica . . . . . . . . . . . 661
29.6 Un telaio chiuso rettangolare soggetto a carico antisimmetrico . 662
29.7 Un telaio con un ritto sullasse di simmetria: carico antisimmetrico663
29.8 Un telaio con un ritto sullasse di simmetria: carico simmetrico 666
29.9 La scomposizione di un carico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 667

30 Le travi di Timoshenko 671


30.1 Il metodo della funzione ausiliaria . . . . . . . . . . . . . . . . . 672
30.2 Trave a mensola . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 673
30.3 Trave doppiamente incastrata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 674
30.4 Trave a due campate caricata parzialmente . . . . . . . . . . . 675
30.5 La matrice di rigidezza di una trave di Timoshenko . . . . . . . 677

31 La ricerca dei carichi critici 683


31.1 Una trave a due campate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 683
31.2 Trave a due campate con sbalzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . 687
31.3 La frontiera di stabilit`
a. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 689
31.4 Il caso della perturbazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 691
31.5 Un semplice telaio zoppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 693

Esercizi di Scienza delle Costruzioni vii


Elenco delle figure

1.1 Un telaio zoppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2


1.2 Il caso degenere del telaio di Figura 1.1 . . . . . . . . . . . . . 4
1.3 Un telaio zoppo vincolato con un carrello inclinato in A . . . . 4
1.4 Relazione tra gli spostamenti orizzontali e verticali, e secondo
il piano di scorrimento del carrello, e la sua normale . . . . . . 5
1.5 Un telaio zoppo costituito da due tratti rigidi connessi da una
cerniera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
1.6 Un telaio zoppo costituito da due tratti rigidi connessi da una
cerniera: diagramma degli spostamenti orizzontali e verticali . 9
1.7 Un telaio costituito da tre tratti rigidi connessi da due cerniere 10
1.8 Una trave labile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
1.9 Il meccanismo rigido per la trave di Figura 1.8 . . . . . . . . . 12
1.10 Una trave labile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
1.11 Il meccanismo rigido per la trave di Figura 1.10 . . . . . . . . 14
1.12 Un arco ad asse parabolico di freccia f . . . . . . . . . . . . . 15
1.13 Un arco ad asse parabolico di freccia f : il meccanismo . . . . . 18

2.1 Un portale a tre cerniere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21


2.2 Un telaio zoppo costituito da due tratti rigidi connessi da una
cerniera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
2.3 I centri di rotazione ed il relativo meccanismo per lesempio
di Figura 2.2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
2.4 Un telaio costituito da tre tratti. La posizione della cerniera sul
primo traverso `e un parametro di controllo . . . . . . . . . . . 23
2.5 Un telaio costituito da tre tratti: i centri assoluti e relativi . . 25
2.6 Un telaio costituito da tre tratti: le deformate verticali ed
orizzontali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
2.7 Una maglia chiusa con quattro cerniere . . . . . . . . . . . . . 26
2.8 I centri di rotazione necessari per il tracciamento della catena
cinematica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
2.9 Le catene cinematiche per la maglia chiusa di Figura 2.7 . . . 27
2.10 Un portale a quattro cerniere poggiante su una trave appoggiata 29
2.11 I centri di rotazione necessari per il tracciamento delle defor-
mate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
2.12 Il cinematismo della struttura di Figura 2.10 . . . . . . . . . . 31
2.13 Quattro tratti rigidi vincolati tra loro con due cerniere . . . . . 31

Esercizi di Scienza delle Costruzioni viii


ELENCO DELLE FIGURE

2.14 I centri per lesercizio della Figura 2.13 . . . . . . . . . . . . . 32


2.15 Il cinematismo per l esempio di Figura 2.13 . . . . . . . . . . 33

3.1 Il sistema di riferimento adottato . . . . . . . . . . . . . . . . . 36


3.2 Intersezione di due rette, ciascuna passante per due punti asse-
gnati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
3.3 Intersezione di due rette, una passante per due punti assegnati
ed una di direzione assegnata e passante per un punto . . . . . 39
3.4 Un telaio zoppo costituito da due tratti rigidi connessi da una
cerniera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
3.5 I centri di rotazione ed il relativo meccanismo per lesempio di
Figura 3.4 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42
3.6 Un telaio zoppo costituito da due tratti rigidi connessi da un
pendolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
3.7 I centri di rotazione ed il relativo meccanismo per l esempio di
Figura 3.6 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
3.8 Un telaio appoggiato in A e C, costituito da due tratti rigidi
connessi da un doppio bipendolo . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
3.9 Un possibile cinematismo per il telaio di Figura 3.8 . . . . . . 47
3.10 Un telaio zoppo costituito da tre tratti rigidi connessi da due
cerniere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47
3.11 I centri di rotazione ed il relativo meccanismo per l esempio di
Figura 3.10 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
3.12 Un telaio zoppo costituito da tre tratti rigidi connessi da una
cerniera e da un bipendolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
3.13 I centri di rotazione ed il relativo meccanismo per l esempio di
Figura 3.12 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
3.14 Un telaio zoppo costituito da tre tratti rigidi connessi da due
cerniere, vincolato al suolo con bipendolo ed appoggio . . . . . 52
3.15 I centri di rotazione ed il relativo meccanismo per l esempio di
Figura 3.14 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53
3.16 Un arco parabolico costituito da tre tratti . . . . . . . . . . . . 54
3.17 I centri di rotazione ed il relativo meccanismo per l esempio di
Figura 3.16 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56
3.18 Un arco costituito da tre tratti collegati da una cerniera ed un
bipendolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
3.19 I centri di rotazione ed il relativo meccanismo per l esempio di
Figura 3.18 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59

4.1 Un telaio zoppo costituito da due tratti rigidi connessi da una


cerniera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 62
4.2 I dieci centri relativi al telaio a quattro tratti di Figura 4.1 . . 64
4.3 I diagrammi degli spostamenti per il telaio di Figura 4.1 . . . . 65
4.4 Un telaio zoppo costituito da due tratti rigidi connessi da una
cerniera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66
4.5 I dieci centri relativi al telaio a quattro tratti di Figura 4.4 . . 68

Esercizi di Scienza delle Costruzioni ix


ELENCO DELLE FIGURE

4.6 I diagrammi di spostamento per il telaio di Figura 4.4 . . . . . 68


4.7 Un portale a quattro cerniere poggiante su una trave appoggiata 69
4.8 I centri di rotazione necessari per il tracciamento delle defor-
mate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70
4.9 Il cinematismo della struttura di Figura 4.7 . . . . . . . . . . . 71
4.10 Un portale a tre cerniere e doppio bipendolo su una trave ap-
poggiata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72
4.11 I centri di rotazione per il tracciamento delle deformate . . . . 75
4.12 Il cinematismo della struttura di Figura 4.10 . . . . . . . . . . 75

5.1 Un portale zoppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79


5.2 Il diagramma delle reazioni per lesempio di Figura 5.1 . . . . 80
5.3 Il telaio zoppo di Figura 5.1, caricato sul traverso da un carico
q uniformemente distribuito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80
5.4 Lo stesso telaio della Figura 5.3, con applicata la risultante F
del carico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 82
5.5 Un portale a tre cerniere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 82
5.6 Il diagramma delle forze per la struttura di Figura 5.5 . . . . . 83
5.7 Un telaio zoppo a due campate . . . . . . . . . . . . . . . . . . 84
5.8 Il diagramma delle forze per il telaio di Figura 5.7 . . . . . . . 85
5.9 Un telaio a quattro cerniere e pendolo interno . . . . . . . . . 86
5.10 Il diagramma dele forze per il telaio di Figura 5.9 . . . . . . . 87
5.11 Una trave appoggiata, con cerniera intermedia, carrello e sbalzo,
su cui poggia una coppia di aste connesse da un pendolo . . . 89
5.12 Il diagramma delle forze per lesempio di Figura 5.11 . . . . . 89
5.13 Un telaio con cerniera e due bipendoli . . . . . . . . . . . . . . 91
5.14 Il diagramma delle forze per lesempio di Figura 5.13 . . . . . 91
5.15 Un altro semplice telaio soggetto a carico distribuito sul traverso 92
5.16 Il diagramma delle forze per il telaio di Figura 5.15 . . . . . . 93

6.1 Condizioni di equilibrio per tratto rigido soggetto a due, tre e


quattro forze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 96
6.2 Condizioni di equilibrio per tratto rigido soggetto a due forze
ed una coppia, oppure tre forze ed una coppia . . . . . . . . . 97
6.3 Un portale zoppo con bipendolo interno . . . . . . . . . . . . . 98
6.4 La determinazione grafica delle reazioni per il telaio di Figura
6.3 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 98
6.5 Un secondo portale zoppo con bipendolo interno . . . . . . . . 99
6.6 La determinazione grafica delle reazioni per il telaio di Figura
6.5 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 99
6.7 Un portale zoppo soggetto ad una coppia concentrata . . . . . 100
6.8 Le reazioni per il telaio zoppo di Figura 6.7 . . . . . . . . . . . 101
6.9 Un arco a quattro cerniera e pendolo . . . . . . . . . . . . . . 101
6.10 Le reazioni per larco di Figura 6.9 . . . . . . . . . . . . . . . . 102
6.11 Una struttura chiusa a quattro tratti rigidi connessi da quattro
cerniere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 103

x Esercizi di Scienza delle Costruzioni


ELENCO DELLE FIGURE

6.12 La costruzione della retta ausiliaria a + b = II + IV . . . . . . 104


6.13 La costruzione della retta ausiliaria d + (II + IV) = F + c . . . 105
6.14 Le successive scomposizioni della forza F . . . . . . . . . . . . 106
6.15 Una maglia chiusa a quattro cerniere e pendolo . . . . . . . . . 108
6.16 Una maglia chiusa a quattro cerniere e pendolo: la ricerca delle
reazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 109
6.17 Una maglia chiusa a quattro cerniere e pendolo: le reazioni . . 110
6.18 Una maglia chiusa a tre cerniere soggetta ad un carico auto
equilibrato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 111
6.19 La ricerca delle reazioni per la maglia di Figura 6.18 . . . . . . 112
6.20 Le reazioni per la maglia di Figura 6.18 . . . . . . . . . . . . . 112
6.21 Una maglia chiusa a tre cerniere soggetta ad un carico auto
equilibrato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
6.22 La ricerca delle reazioni per la maglia di Figura 6.21 . . . . . . 114
6.23 Le reazioni per la maglia di Figura 6.21 . . . . . . . . . . . . . 114
6.24 Una maglia chiusa a due bipendoli ed una cerniera soggetta ad
un carico autoequilibrato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 115
6.25 La ricerca delle reazioni per la maglia di Figura 6.24 . . . . . . 116
6.26 Le reazioni per la maglia di Figura 6.24 . . . . . . . . . . . . . 116

7.1 Un portale a quattro cerniere con pendolo inefficace, l =1, i =1 118


7.2 Un portale a quattro cerniere ed incastro, con pendolo ineffica-
ce,l =1, i =1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119
7.3 Un portale incastrato al piede, con tre cerniere mal disposte . 119
7.4 Un portale doppio una volta iperstatico: il pendolo HK pu`o
essere rimosso senza pregiudicare lequilibrio . . . . . . . . . . 120
7.5 Un portale doppio una volta labile e due volte iperstatico: la
labilit`
a risiede nellarco a quattro cerniere CDEF . . . . . . . 120
7.6 Alcuni vincoli multipli e vincoli misti . . . . . . . . . . . . . . 121
7.7 Una trave ad asse rettilineo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122
7.8 Una travatura reticolare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 123

8.1 Una trave a mensola . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 126


8.2 Lo schema per il calcolo della coppia reattiva dellincastro . . . 127
8.3 Una trave a tre appoggi e cerniera . . . . . . . . . . . . . . . . 128
8.4 Lo schema per il calcolo della reazione dellappoggio in B . . . 128
8.5 Un arco a quattro cerniere e pendolo esterno . . . . . . . . . . 129
8.6 Le deformate per larco a quattro cerniere . . . . . . . . . . . . 130
8.7 Arco parabolico con bipendolo, tre cerniere e pendolo esterno . 133
8.8 Il cinematismo per larco parabolico con bipendolo, tre cerniere
e pendolo esterno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134
8.9 Un portale zoppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 137
8.10 Il cinematismo per il portale zoppo di Figura 8.9 . . . . . . . . 137
8.11 Una semplice trave con incastro ed appoggio, e cerniera inter-
media . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 138
8.12 Il cinematismo della trave di Figura 8.11 . . . . . . . . . . . . . 139

Esercizi di Scienza delle Costruzioni xi


ELENCO DELLE FIGURE

8.13 Una trave appoggiata con sbalzo . . . . . . . . . . . . . . . . . 139


8.14 Il cinematismo della trave di Figura 8.13 . . . . . . . . . . . . 140
8.15 Un portale a quattro cerniere con pendolo . . . . . . . . . . . . 141
8.16 Il cinematismo del portale con pendolo soppresso . . . . . . . . 141

9.1 Il piano di equazione (9.5) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 145


9.2 Lo stato tensionale in esame . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 149
9.3 I tre cerchi principali di Mohr . . . . . . . . . . . . . . . . . . 154
9.4 Lo stato tensionale in esame . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 155
9.5 I cerchi principali di Mohr . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 156
9.6 I cerchi principali di Mohr . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 159
9.7 I cerchi principali di Mohr . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 161
9.8 Il cerchio di Mohr relativo ai fasci di piani che si appoggiano
allasse X2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 164

10.1 I sei apparati sperimentali per la misura degli allungamenti


percentuali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 166
10.2 Un rettangolo ed i suoi spostamenti . . . . . . . . . . . . . . . 168
10.3 Un rettangolo ed i suoi spostamenti . . . . . . . . . . . . . . . 169
10.4 La decomposizione degli spostamenti . . . . . . . . . . . . . . 171

11.1 Un sistema di aree concentrate . . . . . . . . . . . . . . . . . . 178


11.2 Il baricentro del sistema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 179
11.3 Gli assi centrali di inerzia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 180
11.4 La sezione ad L . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 181
11.5 La sezione ad L come unione di due rettangoli . . . . . . . . . 182
11.6 Baricentro ed assi centrali di inerzia del profilato ad L . . . . . 182
11.7 Una sezione da ponte aperta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 183
11.8 Una sezione a triangolo isoscele . . . . . . . . . . . . . . . . . . 185
11.9 Una sezione composta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 185
11.10 Una sezione a semicerchio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 187
11.11 Una sezione a semicerchio: baricentro ed assi centrali . . . . . 187

12.1 Il profilato sottile in esame . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 189


12.2 I quattro rettangoli in cui `e scomposta la sezione, e gli assi di
primo riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 190
12.3 Gli assi centrali di inerzia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 193
12.4 La flessione retta secondo lasse 1 . . . . . . . . . . . . . . . . 194
12.5 La flessione retta secondo lasse 2 . . . . . . . . . . . . . . . . 195
12.6 Lo stato tensionale finale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 196

13.1 Una sezione compatta a T . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 197


13.2 Il diagramma delle 23 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 199
13.3 Un profilato a T . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 200
13.4 Il calcolo della tensione allattacco tra ala ed anima . . . . . . 201
13.5 Il calcolo della tensione massima nellanima . . . . . . . . . . . 202

xii Esercizi di Scienza delle Costruzioni


ELENCO DELLE FIGURE

13.6 Una sezione compatta costruita assemblando tre rettangoli . . 203


13.7 La sezione di Figura 13.6 vista come insieme di tre rettangoli . 203
13.8 Caso A La corda taglia il rettangolo superiore . . . . . . . . 204
13.9 Caso B - La corda taglia il rettangolo centrale . . . . . . . . . 205
13.10 Caso C - La corda taglia il rettangolo inferiore . . . . . . . . . 205
13.11 Il diagramma delle 23 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 206
13.12 Una sezione compatta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 207
13.13 Il diagramma delle 23 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 208
13.14 Una sezione quadrata sollecitata lungo la diagonale . . . . . . 209
13.15 Il caso della corda parallela allasse orizzontale . . . . . . . . . 210
13.16 Il diagramma delle 23 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 211
13.17 Il quadro tensionale completo delle n . . . . . . . . . . . . . . 212
13.18 La stessa sezione, caso delle corde parallele ai lati . . . . . . . 213
13.19 Il calcolo del momento statico rispetto allasse l . . . . . . . . 213
13.20 Una sezione a triangolo isoscele . . . . . . . . . . . . . . . . . . 214
13.21 Il calcolo del momento statico . . . . . . . . . . . . . . . . . . 215
13.22 Il diagramma delle 23 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 216
13.23 I valori notevoli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 216
13.24 La sezione retta circolare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 217
13.25 Il calcolo del momento statico S . . . . . . . . . . . . . . . . . 218
13.26 La sezione retta a C soggetta a taglio verticale . . . . . . . . . 219
13.27 La corda parallela allasse X2 per il calcolo delle tensioni nelle
ali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 220
13.28 Lo stato tensionale nellala inferiore della sezione a C . . . . . 222
13.29 La corda parallela allasse X1 per il calcolo delle tensioni nel-
lanima . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 223
13.30 Il diagramma delle tensioni 23 nellanima . . . . . . . . . . . 224
13.31 Le risultanti delle tensioni tangenziali ed il centro di taglio . . 225

14.1 Un primo esempio elementare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 228


14.2 Il diagramma del taglio per la trave di Figura 14.1 . . . . . . . 229
14.3 Il diagramma del momento per la trave di Figura 14.1 . . . . . 230
14.4 Una trave isostatica a due tratti . . . . . . . . . . . . . . . . . 231
14.5 Il diagramma del taglio per la trave di Figura 14.4 . . . . . . . 232
14.6 Il diagramma del momento per la trave di Figura 14.4 . . . . . 232
14.7 Un semplice telaio a mensola con sbalzo . . . . . . . . . . . . . 233
14.8 Il diagramma per lequilibrio del concio in corrispondenza del-
lincastro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 234
14.9 Il diagramma per lequilibrio del concio in B . . . . . . . . . . 234
14.10 I diagrammi di taglio e sforzo normale per il telaio di Figura 14.7 236
14.11 Il diagramma del momento per il telaio di Figura 14.7 . . . . . 236
14.12 Un telaio a quattro cerniere e pendolo interno . . . . . . . . . 237
14.13 Una scelta di sistemi di riferimento per il tracciamento dei
diagrammi delle c.s.i. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 238
14.14 Lequilibrio del vincolo in E . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 239
14.15 Lequilibrio del concio in H . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 239

Esercizi di Scienza delle Costruzioni xiii


ELENCO DELLE FIGURE

14.16 Lequilibrio del concio in L . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 239


14.17 Lequilibrio del concio in F . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 240
14.18 Lequilibrio del concio in B . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 240
14.19 Un telaio a quattro cerniere e pendolo interno: il diagramma
del taglio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 241
14.20 Lequilibrio del concio in K . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 242
14.21 Il diagramma del momento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 243
14.22 Ricerca grafica delle reazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 244
14.23 Il poligono di equilibrio per il calcolo delle reazioni . . . . . . . 245
14.24 Il diagramma del momento per via grafica . . . . . . . . . . . . 245
14.25 Un telaio a due campate asimmetrico . . . . . . . . . . . . . . 248
14.26 I sette sistemi di riferimento per la definizione delle c.s.i. . . . . 249
14.27 Un telaio a due campate asimmetrico: il diagramma del taglio 251
14.28 Un telaio a due campate asimmetrico: il diagramma del mo-
mento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 252
14.29 Un telaio a due campate asimmetrico: la costruzione della ri-
sultante M N per lequilibrio di quattro forze . . . . . . . . . . 254
14.30 Un telaio a due campate asimmetrico: il diagramma del mo-
mento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 254
14.31 Un portale con pendolo inclinato . . . . . . . . . . . . . . . . . 256
14.32 Il diagramma del momento dedotto analiticamente . . . . . . . 261
14.33 Il calcolo grafico delle reazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . 261
14.34 Tracciamento della ausiliaria a + d = i + m . . . . . . . . . . . 263
14.35 Tracciamento del momento nel traverso inferiore BM . . . . . 263
14.36 Il tracciamento del momento nel ritto AB . . . . . . . . . . . . 264
14.37 Il diagramma del momento dedotto graficamente . . . . . . . . 264
14.38 Portale a tre cerniere con sbalzo . . . . . . . . . . . . . . . . . 265
14.39 Il diagramma del momento dedotto analiticamente . . . . . . . 267
14.40 Il calcolo grafico delle reazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . 268
14.41 Tracciamento del diagramma del momento . . . . . . . . . . . 268
14.42 Una maglia chiusa autoequilibrata . . . . . . . . . . . . . . . 269
14.43 Il diagramma del momento, dedotto analiticamente . . . . . . 272
14.44 Ricerca delle reazioni e tracciamento del diagramma del mo-
mento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 273

15.1 Unasta soggetta a carico assiale linearmente distribuito . . . . 277


15.2 Lo sforzo normale nellasta di Figura 15.1 . . . . . . . . . . . . 279
15.3 Gli spostamenti assiali per lasta di Figura 15.1 . . . . . . . . . 279
15.4 Una trave a vincoli elasticamente cedevoli . . . . . . . . . . . . 280
15.5 Lequilibrio del concio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 282
15.6 Unasta a sezione variabile con discontinuit`a . . . . . . . . . . 283
15.7 Il diagramma dello sforzo normale per la trave di Figura 15.6 . 285
15.8 Il diagramma degli spostamenti assiali per la trave di Figura
15.6 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 286
15.9 Spostamenti assiali e sforzi normali per trave iperstatica a se-
zione variabile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 287

xiv Esercizi di Scienza delle Costruzioni


ELENCO DELLE FIGURE

15.10 Spostamenti assiali e sforzi normali per trave isostatica a sezione


variabile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 288

16.1 Una trave doppiamente incastrata soggetta a carico parabolico 292


16.2 Il diagramma del taglio per la trave di Figura 16.1 . . . . . . . 294
16.3 Il diagramma del momento per la trave di Figura 16.1 . . . . . 294
16.4 Il diagramma delle rotazioni per la trave di Figura 16.1 . . . . 295
16.5 Il diagramma degli spostamenti per la trave di Figura 16.1 . . 295
16.6 Una trave soggetta a forza concentrata in una generica ascissa
intermedia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 296
16.7 I diagrammi di taglio, momento, rotazioni e spostamenti per la
trave soggetta a forza concentrata ad un terzo della luce . . . . 299
16.8 Una trave su tre appoggi soggetta ad una distorsione flessionale
in corrispondenza dellappoggio intermedio . . . . . . . . . . . 300
16.9 I diagrammi di taglio, momento, rotazioni e spostamenti per la
trave soggetta a distorsione concentrata in mezzeria . . . . . . 301
16.10 Una trave continua . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 302
16.11 Il diagramma del taglio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 305
16.12 Il diagramma del momento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 306
16.13 Il diagramma delle rotazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 306
16.14 Il diagramma degli spostamenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . 306
16.15 Il concio elementare soggetto a carico trasversale e coppie di-
stribuite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 307
16.16 Una trave Gerber soggetta ad un carico di coppie distribuite . 308
16.17 Il diagramma del taglio per la trave di Figura 16.16 . . . . . . 312
16.18 Il diagramma della derivata del momento per la trave di Figura
16.16 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 313
16.19 Il diagramma del momento per la trave di Figura 16.16 . . . . 314
16.20 Il diagramma delle rotazioni per la trave di Figura 16.16 . . . 314
16.21 Il diagramma degli abbassamenti per la trave di Figura 16.16 . 314
16.22 Una trave isostatica soggetta a variazione termica . . . . . . . 315
16.23 Una trave iperstatica soggetta a variazione termica . . . . . . . 315
16.24 Una trave iperstatica soggetta a variazione termica: diagramma
del momento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 316
16.25 Una trave iperstatica soggetta a variazione termica: diagramma
delle rotazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 317
16.26 Una trave iperstatica soggetta a variazione termica: diagramma
degli spostamenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 318
16.27 Trave a mensola a sezione variabile . . . . . . . . . . . . . . . . 318
16.28 Trave a mensola a sezione variabile soggetta a coppia allestremo 319

17.1 Trave appoggiata soggetta a carico distribuito . . . . . . . . . 322


17.2 Trave appoggiata soggetta a carico concentrato in una sezione
generica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 323
17.3 I diagrammi delle c.s.i. per la trave appoggiata soggetta a carico
concentrato in una sezione generica . . . . . . . . . . . . . . . 325

Esercizi di Scienza delle Costruzioni xv


ELENCO DELLE FIGURE

17.4 I diagrammi di rotazioni e spostamenti . . . . . . . . . . . . . 327


17.5 Una trave con bipendolo ed appoggio caricata su uno sbalzo . 328
17.6 I diagrammi delle c.s.i. per la trave di Figura 17.5 . . . . . . . 330
17.7 I diagrammi di rotazioni e spostamenti per la trave di Figura
17.5 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 331
17.8 Una trave su tre appoggi e cerniera . . . . . . . . . . . . . . . 332
17.9 I diagrammi delle c.s.i. per la trave di Figura 17.8 . . . . . . . 333
17.10 I diagrammi di rotazioni e spostamenti per la trave di Figura
17.8 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 336

18.1 Lo studio della trave appoggiata soggetta a carico distribuito


secondo la teoria di Mohr . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 339
18.2 La trave ausiliaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 340
18.3 Trave appoggiata soggetta a carico concentrato . . . . . . . . . 341
18.4 La trave ausiliaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 342
18.5 Il diagramma delle forze per il calcolo del momento flettente in
L/4 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 342
18.6 Una trave appoggiata soggetta ad una coppia concentrata . . . 343
18.7 La trave ausiliaria corrispondente alla trave di Figura 18.6 . . 343
18.8 Una trave con bipendolo ed appoggio caricata su uno sbalzo . 344
18.9 La trave ausiliaria ed il carico fittizio corrispondente alla trave
di Figura 18.8 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 345
18.10 Il diagramma delle forze per il calcolo del momento . . . . . . 345
18.11 Una trave su tre appoggi e cerniera . . . . . . . . . . . . . . . 346
18.12 La trave ausiliaria corrispondente alla Figura 18.11 . . . . . . . 346
18.13 Una trave con sbalzo e coppia applicata . . . . . . . . . . . . . 347
18.14 La trave ausiliaria corrispondente alla Figura 18.13 . . . . . . . 347
18.15 Una trave a mensola parzialmente caricata . . . . . . . . . . . 348
18.16 La trave ausiliaria per lesempio di Figura 18.15 . . . . . . . . 349
18.17 Una trave composta da tre tratti, soggetta a due forze indipen-
denti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 350
18.18 La trave ausiliaria per lesempio di Figura 18.17 . . . . . . . . 351

19.1 Lo schema 1: trave a mensola con coppia allestremo . . . . . . 354


19.2 La trave ausiliaria per lo schema 1 . . . . . . . . . . . . . . . . 354
19.3 Lo schema 2: trave a mensola con forza allestremo . . . . . . . 355
19.4 La trave ausiliaria per lo schema 2 . . . . . . . . . . . . . . . . 355
19.5 Lo schema 3: trave a mensola con forza allestremo . . . . . . 356
19.6 La trave ausiliaria per lo schema 3 . . . . . . . . . . . . . . . . 357
19.7 Lo schema 4: trave appoggiata con coppia allestremo . . . . . 358
19.8 La trave ausiliaria per lo schema 4 . . . . . . . . . . . . . . . . 358
19.9 Lo schema 5: trave appoggiata con forza in mezzeria . . . . . . 359
19.10 La trave ausiliaria per lo schema 5 . . . . . . . . . . . . . . . . 359
19.11 Lo schema 6: trave appoggiata con carico distribuito . . . . . . 360
19.12 La trave ausiliaria per lo schema 6 . . . . . . . . . . . . . . . . 360

xvi Esercizi di Scienza delle Costruzioni


ELENCO DELLE FIGURE

20.1 Uno schema elementare per la composizione degli spostamenti 363


20.2 Lo spostamento allestremo libero come somma del contributo
elastico e del cinematismo rigido . . . . . . . . . . . . . . . . . 364
20.3 Calcolo di spostamenti e rotazioni nellestremo libero . . . . . 364
20.4 Il tratto AB `e rigido, BC `e una mensola di luce L2 . . . . . . 365
20.5 Il tratto BC `e rigido, AB `e soggetto al taglio ed al momento
flettente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 366
20.6 Una trave appoggiata soggetta ad un carico parziale . . . . . . 366
20.7 Fase 1 - Il tratto AB `e rigido e vincolato con un incastro, BC
`e una mensola soggetta al carico ed alla reazione . . . . . . . . 367
20.8 Fase 2 - Il tratto BC `e rigido, AB `e soggetto al taglio ed al
moimento flettente, ed `e ancora vincolato con un incastro . . . 368
20.9 Fase 3 - Lintera trave `e rigida, si ripristina la congruenza in C 368
20.10 La forca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 370
20.11 Lo spostamento del punto di applicazione della forza secondo il
metodo delle composizioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 370

21.1 Una trave appoggiata con coppia in mezzeria . . . . . . . . . . 374


21.2 Il sistema di forze fittizio scelto per il calcolo dellabbassamento
in mezzeria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 375
21.3 Il sistema di forze fittizio scelto per il calcolo dellabbassamento
in mezzeria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 376
21.4 Una trave appoggiata soggetta a variazione termica . . . . . . 376
21.5 Una trave appoggiata con appoggio cedevole e sbalzo . . . . . 377
21.6 Il sistema di forze fittizio per il calcolo della rotazione in A . . 378
21.7 Una trave con bipendolo anelasticamente cedevole . . . . . . . 379
21.8 Lo schema fittizio per il calcolo dello spostamento in A . . . . 379
21.9 Un telaio isostatico di esempio per il calcolo di spostamenti . . 380
21.10 Il sistema di forze virtuali per il calcolo dello spostamento rela-
tivo in C . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 381
21.11 Il diagramma del momento per il telaio di Figura 21.9 . . . . . 382
21.12 Il diagramma del momento per il telaio di Figura 21.10 . . . . 383
21.13 Il diagramma del momento fittizio per il calcolo dello sposta-
mento del traverso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 385
21.14 La deformata per il telaio di Figura 21.9 . . . . . . . . . . . . . 392

22.1 Una trave continua tre volte iperstatica . . . . . . . . . . . . . 396


22.2 Un sistema isostatico equivalente alla struttura di Figura 22.1
(S.I.E.) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 397
22.3 Il sistema isostatico equivalente suddiviso in aliquote singole . 397
22.4 Una trave semplicemente iperstatica . . . . . . . . . . . . . . . 398
22.5 Un sistema isostatico (S.I.E.) equivalente per la trave di Figu-
ra 22.4 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 398
22.6 I due sistemi parziali per il calcolo dei coefficienti dellequazione
di congruenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 399

Esercizi di Scienza delle Costruzioni xvii


ELENCO DELLE FIGURE

22.7 Un secondo possibile sistema isostatico equivalente (S.I.E.) per


la trave di Figura 22.4 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 399
22.8 I due sistemi parziali per il calcolo dei coefficienti dellequazione
di congruenza (22.11) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 400
22.9 Una trave due volte iperstatica . . . . . . . . . . . . . . . . . . 401
22.10 Un possibile sistema isostatico equivalente per la trave di Figu-
ra 22.9 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 401
22.11 I tre sistemi parziali sui quali determinare i coefficienti delle
equazioni di congruenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 402
22.12 Un sistema iperstatico adatto allequazione dei tre momenti . . 403
22.13 Un conveniente S.I.E. per la struttura di Figura 22.12 . . . . . 403
22.14 Lo schema per il calcolo di reazioni e tagli sulla prima campata 405
22.15 Lo schema per il calcolo di reazioni e tagli sulla seconda campata 405
22.16 Un telaio con piedritto e sbalzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . 406
22.17 Il S.I.E. al telaio di Figura 22.16 . . . . . . . . . . . . . . . . . 407
22.18 Lo schema per il calcolo dellabbassamento in A dovuto al ca-
rico q . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 408
22.19 Lo schema per il calcolo dellabbassamento in A dovuto alla
forza F . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 408
22.20 Lo schema per il calcolo dellabbassamento in A dovuto ad una
incognita iperstatica di valore unitario . . . . . . . . . . . . . . 409
22.21 Un telaio doppiamente iperstatico . . . . . . . . . . . . . . . . 410
22.22 Un possibile S.I.E. al telaio di Figura 22.21 . . . . . . . . . . . 410
22.23 Lo schema S2 per il calcolo degli spostamenti in A dovuti ad
una incognita iperstatica di valore unitario . . . . . . . . . . . . 411
22.24 Un telaio tre volte iperstatico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 413
22.25 Un possibile S.I.E. al telaio di Figura 22.24 . . . . . . . . . . . 413
22.26 Lo schema S3 per il calcolo degli spostamenti in A dovuti ad
una incognita iperstatica di valore unitario . . . . . . . . . . . . 414
22.27 Un telaio zoppo semplicemente iperstatico . . . . . . . . . . . . 416
22.28 Un S.I.E. per il telaio zoppo di Figura 22.27 . . . . . . . . . . . 416
22.29 Lo schema S0 per il telaio zoppo di Figura 22.27 . . . . . . . . 418
22.30 Lo schema S1 per il telaio zoppo di Figura 22.27 . . . . . . . . 418
22.31 Un telaio zoppo doppiamente iperstatico . . . . . . . . . . . . . 419
22.32 Un S.I.E. per il telaio zoppo di Figura 22.31 . . . . . . . . . . . 420
22.33 Lo schema S2 per il telaio zoppo di Figura 22.30 . . . . . . . . 421
22.34 Un telaio tre volte iperstatico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 425
22.35 Un possibile S.I.E. per il telaio di Figura 22.34 . . . . . . . . . 425
22.36 Le forze agenti sulla struttura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 427
22.37 I diagrammi di sforzo normale, sforzo di tagli e momento flettente429
22.38 Un altro possibile sistema isostatico equivalente . . . . . . . . . 430
22.39 Lo schema 1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 431
22.40 Lo schema 2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 431
22.41 Lo schema 3 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 431
22.42 Lo schema 0 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 432

xviii Esercizi di Scienza delle Costruzioni


ELENCO DELLE FIGURE

23.1 Un portale semplicemente iperstatico . . . . . . . . . . . . . . 436


23.2 Il sistema isostatico equivalente . . . . . . . . . . . . . . . . . . 437
23.3 Il sistema S1 di forze virtuali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 437
23.4 Il diagramma del momento sul sistema S1 . . . . . . . . . . . . 438
23.5 I diagrammi delle forze per il calcolo di sforzi normali e tagli . 439
23.6 I diagrammi del taglio e dello sforzo normale sul sistema S1 . . 439
23.7 Il diagramma del momento sul sistema S0 . . . . . . . . . . . . 440
23.8 Il diagramma del taglio e dello sforzo normale sul sistema S0 . 441
23.9 La presenza di un vincolo imperfetto . . . . . . . . . . . . . . . 442
23.10 Un portale sospeso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 443
23.11 Un S.I.E. per il portale sospeso . . . . . . . . . . . . . . . . . . 443
23.12 Il diagramma M (0) per il portale sospeso . . . . . . . . . . . . 444
23.13 Il diagramma M (1) per il portale sospeso . . . . . . . . . . . . 444
23.14 Un telaio semplicemente iperstatico . . . . . . . . . . . . . . . 447
23.15 Un S.I.E. per il telaio semplicemente iperstatico di Figura 23.14 448
23.16 Il diagramma M (0) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 449
23.17 Il diagramma M (1) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 449
23.18 Una trave tre volte iperstatica . . . . . . . . . . . . . . . . . . 450
23.19 Un S.I.E. per la trave di Figura 23.18 . . . . . . . . . . . . . . 451
23.20 Il diagramma del momento per il sistema S0 . . . . . . . . . . 452
23.21 Il diagramma del momento per il sistema S1 . . . . . . . . . . . 452
23.22 Il diagramma del momento per il sistema S2 . . . . . . . . . . . 452
23.23 Il diagramma del momento per il sistema S3 . . . . . . . . . . . 452
23.24 Una struttura spingente semplicemente iperstatica . . . . . . . 454
23.25 Un S.I.E. per la struttura di Figura 23.24 . . . . . . . . . . . . 454
23.26 Lequilibrio della cerniera in sommit`a per il sistema S0 . . . . 454
23.27 Il diagramma del momento sul sistema S1 . . . . . . . . . . . . 455
23.28 Lequilibrio della cerniera in A per il sistema S1 . . . . . . . . 456
23.29 Una maglia triangolare chiusa, tre volte iperstatica . . . . . . . 457
23.30 Il sistema isostatico equivalente alla maglia chiusa di Figura
23.29 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 457
23.31 Il diagramma del momento sul sistema S0 . . . . . . . . . . . . 458
23.32 Il diagramma del momento sul sistema S1 . . . . . . . . . . . . 459
23.33 Le forze agenti sullasta AB e sulla cerniera in A . . . . . . . . 460
23.34 Il diagramma del momento sul sistema S2 . . . . . . . . . . . . 460
23.35 Il diagramma del momento sul sistema S3 . . . . . . . . . . . . 461
23.36 Una trave doppia collegata da un pendolo . . . . . . . . . . . . 465
23.37 Il sistema isostatico equivalente alla struttura di Figura 23.36 . 466
23.38 Il sistema S0 ed il relativo diagramma dei momenti M (0) . . . 467
23.39 Il sistema S1 ed il relativo diagramma dei momenti M (1) . . . 467
23.40 Il sistema S2 ed il relativo diagramma dei momenti M (2) . . . 467
23.41 Un telaio doppiamente iperstatico . . . . . . . . . . . . . . . . 470
23.42 Un sistema isostatico equivalente per il telaio di Figura 23.41 . 470
23.43 Il diagramma M (0) per il telaio di Figura 23.41 . . . . . . . . . 471
23.44 Il diagramma M (1) per il telaio di Figura 23.41 . . . . . . . . . 472
23.45 Il diagramma M (2) per il telaio di Figura 23.41 . . . . . . . . . 473

Esercizi di Scienza delle Costruzioni xix


ELENCO DELLE FIGURE

24.1 Un telaio zoppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 475


24.2 Un possibile sistema labile equivalente . . . . . . . . . . . . . . 476
24.3 Il cinematismo del sistema labile equivalente . . . . . . . . . . 477
24.4 Il diagramma del momento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 478
24.5 Una trave doppia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 478
24.6 La struttura labile equivalente del sistema di Figura 24.5 . . . 479
24.7 Un possibile sistema labile equivalente . . . . . . . . . . . . . . 479
24.8 Il diagramma dei momenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 480

25.1 La distorsione termica flessionale (alla Navier) . . . . . . . . . 484


25.2 Una trave su tre appoggi soggetta a cedimento anelastico di uno
dei tre appoggi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 485
25.3 Momenti e tagli per la trave di Figura 25.2 . . . . . . . . . . . 486
25.4 Spostamenti e rotazioni per la trave di Figura 25.2 . . . . . . . 487
25.5 Una trave isostatica soggetta a variazione termica . . . . . . . 490
25.6 La trave ausiliaria per la trave di Figura 25.5 . . . . . . . . . . 491
25.7 Una trave continua soggetta a variazione termica su due cam-
pate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 493
25.8 Il diagramma degli spostamenti per la trave continua . . . . . 495
25.9 Il diagramma delle rotazioni per la trave continua . . . . . . . 496
25.10 Il diagramma dei momenti per la trave continua . . . . . . . . 497
25.11 Il diagramma dei tagli per la trave continua . . . . . . . . . . . 497
25.12 Una trave iperstatica soggetta a variazione termica . . . . . . . 498
25.13 Il S.I.E. per la trave di Figura 25.12: su di esso si calcola il
momento M . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 498
25.14 Il sistema di forze virtuali per la trave di Figura 25.12: su di
esso si calcola il momento M (1) . . . . . . . . . . . . . . . . . . 499
25.15 Un telaio a tre cerniere con pendolo interno . . . . . . . . . . . 499
25.16 Il S.I.E. al telaio di Figura 25.15 . . . . . . . . . . . . . . . . . 500
25.17 Il sistema di forze virtuali per lesercizio di Figura 25.15 . . . . 500

26.1 Un semplice telaio zoppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 505


26.2 I tre sistemi di riferimento per i tre tratti AB, BC e CD . . . 505
26.3 La deformata per il telaio zoppo di Figura 26.1 . . . . . . . . . 510
26.4 Una maglia chiusa a tre cerniere . . . . . . . . . . . . . . . . . 510
26.5 La scelta dei sistemi di riferimento per la maglia chiusa di
Figura 26.4 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 511
26.6 Il diagramma dei momenti per la maglia chiusa di Figura 26.4 514
26.7 Il diagramma degli spostamenti per la maglia chiusa di Figura
26.4, in ipotesi di EA = . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 518
26.8 Un telaio zoppo con pendolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 518
26.9 I sistemi di riferimento per il telaio zoppo con pendolo . . . . . 519
26.10 Il diagramma dei momenti per il telaio di Figura 26.8. . . . . . 522
26.11 Il diagramma degli spostamenti per il telaio di Figura 26.8, in
ipotesi EA = . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 526
26.12 Un telaio zoppo con sbalzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 527

xx Esercizi di Scienza delle Costruzioni


ELENCO DELLE FIGURE

26.13 Il diagramma dei momenti per il telaio di Figura 26.12 . . . . 529


26.14 Il diagramma degli spostamenti per il telaio di Figura 26.12, in
ipotesi EA = . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 531
26.15 Una maglia chiusa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 532
26.16 Il diagramma dei momenti per il telaio di Figura 26.15 . . . . 535
26.17 La ricerca per via grafica delle reazioni per il telaio di Figu-
ra 26.15 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 536
26.18 Il diagramma degli spostamenti per il telaio di Figura 26.16, in
ipotesi H = 2/3L, = /4, EA = . . . . . . . . . . . . . . 540

27.1 Un semplice telaio zoppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 544


27.2 I due sistemi di riferimento locale per il traverso ed il ritto . . 545
27.3 Il concio in B e le forze su di esso agenti . . . . . . . . . . . . 546
27.4 Gli spostamenti per il telaio di Figura 27.1 . . . . . . . . . . . 549
27.5 I momenti flettenti per il telaio di Figura 27.1 . . . . . . . . . 549
27.6 Un telaio costituito da tre elementi . . . . . . . . . . . . . . . 551
27.7 Il nodo triplo ed il suo equilibrio . . . . . . . . . . . . . . . . . 553
27.8 Gli spostamenti per il telaio di Figura 27.6 . . . . . . . . . . . 555
27.9 I momenti flettenti per il telaio di Figura 27.6 . . . . . . . . . 555
27.10 Un telaio con un nodo quadruplo . . . . . . . . . . . . . . . . . 556
27.11 Il nodo quadruplo ed il suo equilibrio . . . . . . . . . . . . . . 557
27.12 Gli spostamenti per il telaio con nodo quadruplo . . . . . . . . 561
27.13 I momenti flettenti per il telaio con nodo quadruplo . . . . . . 562
27.14 Un telaio a due piani . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 563
27.15 Gli spostamenti per il telaio a due piani di Figura 27.14 . . . . 566
27.16 I momenti flettenti per il telaio a due piani di Figura 27.14 . . 566
27.17 Un telaio zoppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 567
27.18 Il concio in B e le forze su di esso agenti . . . . . . . . . . . . 568
27.19 Gli spostamenti per il telaio di Figura 27.17 . . . . . . . . . . . 572
27.20 Un telaio zoppo con forza orizzontale sul traverso . . . . . . . . 573
27.21 Il concio in B e le forze su di esso agenti . . . . . . . . . . . . 574
27.22 Gli spostamenti per il telaio di Figura 27.20 . . . . . . . . . . . 576
27.23 Una trave doppia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 577
27.24 Il concio in D e le forze su di esso agenti . . . . . . . . . . . . 578
27.25 Il concio in E e le forze su di esso agenti . . . . . . . . . . . . 579
27.26 Gli spostamenti per il telaio di Figura 27.23 . . . . . . . . . . . 581
27.27 Una maglia chiusa con il ritto di destra a rigiudezza flessionale
(ed assiale) dimezzata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 582
27.28 La scelta dei sistemi di riferimento per la maglia chiusa di Figura
27.27 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 583
27.29 Il diagramma dei momenti per la maglia chiusa di Figura 27.27 586
27.30 Gli spostamenti per la maglia chiusa di Figura 27.27 . . . . . . 587
27.31 Una maglia chiusa triangolare . . . . . . . . . . . . . . . . . . 587
27.32 Lo schema per la scrittura delle equazioni di congruenza in C . 588
27.33 Lo schema per la scrittura delle equazioni di equilibrio in C . . 588
27.34 Una maglia chiusa triangolare . . . . . . . . . . . . . . . . . . 590

Esercizi di Scienza delle Costruzioni xxi


ELENCO DELLE FIGURE

27.35 I sistemi di riferimento per la maglia triangolare . . . . . . . . 591


27.36 Gli spostamenti per la maglia chiusa di Figura 27.34 . . . . . . 595
27.37 I momenti flettenti per la maglia chiusa di Figura 27.34 . . . . 596
27.38 Una maglia chiusa triangolare con carrello in B a piano di
scorrimento orizzontale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 597
27.39 Una maglia chiusa triangolare . . . . . . . . . . . . . . . . . . 597
27.40 Gli spostamenti per la maglia chiusa triangolare di Figura 27.39 600
27.41 Una maglia chiusa triangolare con pendolo interno . . . . . . . 601
27.42 I sistemi di riferimento per la maglia triangolare con pendolo
interno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 602
27.43 Gli spostamenti per la maglia chiusa triangolare di Figura 27.41 603
27.44 I momenti flettenti per la maglia chiusa triangolare di Figura
27.41 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 604
27.45 Un telaio a quattro cerniere e pendolo . . . . . . . . . . . . . . 605
27.46 La deformata per il telaio di Figura 27.45 . . . . . . . . . . . . 609
27.47 Il diagramma dei momenti per il telaio di Figura 27.45 . . . . 610

28.1 Un semplice telaio zoppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 612


28.2 I due sistemi di riferimento locale per il traverso ed il ritto . . . 612
28.3 Il concio in B e le forze su di esso agenti . . . . . . . . . . . . . 613
28.4 Gli spostamenti per il telaio di Figura 28.1 . . . . . . . . . . . . 615
28.5 I momenti flettenti per il telaio di Figura 28.1 . . . . . . . . . 615
28.6 Un semplice telaio zoppo a nodi spostabili . . . . . . . . . . . . 616
28.7 I due sistemi di riferimento locale per il traverso ed il ritto . . . 617
28.8 Il concio in B e le forze su di esso agenti . . . . . . . . . . . . . 618
28.9 Gli spostamenti per il telaio di Figura 28.6 . . . . . . . . . . . . 620
28.10 Un semplice telaio zoppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 621
28.11 Lequilibrio del concio in B . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 622
28.12 Gli spostamenti per il telaio di Figura 28.10 . . . . . . . . . . . 623
28.13 Un telaio a nodi spostabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 625
28.14 Un telaio di esempio a nodi spostabili: diagramma degli spo-
stamenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 627
28.15 Un telaio di esempio a nodi spostabili: diagramma dei momenti 627
28.16 Un telaio di esempio a nodi fissi . . . . . . . . . . . . . . . . . . 628
28.17 Un telaio a nodi fissi: il diagramma degli spostamenti . . . . . 629
28.18 Un telaio a nodi fissi: il diagramma dei momenti . . . . . . . . 630
28.19 Un telaio simmetrico con carico antisimmetrico . . . . . . . . . 631
28.20 Un telaio simmetrico con carico antisimmetrico: diagramma
degli spostamenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 633
28.21 Un telaio simmetrico con carico antisimmetrico: diagramma dei
momenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 633
28.22 Lo schema ridotto per il telaio simmetrico con carico antisim-
metrico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 634
28.23 Un telaio simmetrico con carico simmetrico . . . . . . . . . . . 635
28.24 Un telaio simmetrico con carico simmetrico: diagramma degli
spostamenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 636

xxii Esercizi di Scienza delle Costruzioni


ELENCO DELLE FIGURE

28.25 Un telaio simmetrico con carico simmetrico: diagramma dei


momenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 637
28.26 Lo schema ridotto per il telaio simmetrico con carico simmetrico 638
28.27 Un telaio di esempio a nodi fissi . . . . . . . . . . . . . . . . . . 639
28.28 Un telaio di esempio a nodi fissi: il diagramma degli spostamenti641
28.29 Un telaio di esempio a nodi fissi: il diagramma dei momenti . . 641
28.30 Un telaio di esempio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 642
28.31 La deformata del telaio di Figura 28.30 . . . . . . . . . . . . . 644
28.32 Il diagramma dei momenti per il telaio di Figura 28.30 . . . . . 645
28.33 Una mensola con tirante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 646
28.34 Una mensola con pendolo tirante . . . . . . . . . . . . . . . . . 648
28.35 Una semplice travatura reticolare . . . . . . . . . . . . . . . . . 650
28.36 Una maglia chiusa in equilibrio per particolari condizioni di carico652
28.37 Il diagramma degli spostamenti per la maglia chiusa di Figura
28.36 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 655
28.38 Il diagramma dei momenti per la maglia chiusa di Figura 28.36 656

29.1 Una struttura dotata di un asse di simmetria. Per essa, sono


interessanti i carichi simmetrici ed antisimmetrici rispetto allo
stesso asse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 657
29.2 Una struttura simmetrica, e simmetricamente caricata. A de-
stra, la struttura ridotta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 659
29.3 Una struttura simmetrica, ed antisimmetricamente caricata. A
destra, la struttura ridotta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 659
29.4 Una trave simmetrica, simmetricamente caricata . . . . . . . . 660
29.5 La struttura ridotta dello schema di Figura 29.4 . . . . . . . . 660
29.6 Una trave simmetrica, antisimmetricamente caricata . . . . . . 661
29.7 La struttura ridotta dello schema di Figura 29.6 . . . . . . . . 661
29.8 Un telaio simmetrico, antisimmetricamente caricato, almeno in
ipotesi di infinit`
a rigidezza assiale . . . . . . . . . . . . . . . . 662
29.9 La struttura ridotta dello schema di Figura 29.8 . . . . . . . . 662
29.10 Una maglia chiusa con due assi di simmetria . . . . . . . . . . 663
29.11 La struttura ridotta dello schema di Figura 29.10 . . . . . . . . 663
29.12 Un telaio chiuso rettangolare soggetto a carico antisimmetrico 664
29.13 La struttura ridotta dello schema di Figura 29.12 . . . . . . . . 664
29.14 Lo stesso telaio dellesempio precedente, ma con un ritto cen-
trale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 665
29.15 La struttura ridotta dello schema di Figura 29.14 . . . . . . . . 665
29.16 Un telaio a due campate con carrelli centrali su ogni campata . 666
29.17 La struttura ridotta dello schema di Figura 29.16 . . . . . . . . 666
29.18 Un telaio simmetrico soggetto ad un carico non simmetrico . . 667
29.19 La scomposizione del carico originario . . . . . . . . . . . . . . 668
29.20 Lo schema ridotto del telaio di Figura 29.19 . . . . . . . . . . . 669

30.1 Trave a mensola di Timoshenko . . . . . . . . . . . . . . . . . 673


30.2 Trave doppiamente incastrata di Timoshenko . . . . . . . . . . 674

Esercizi di Scienza delle Costruzioni xxiii


ELENCO DELLE FIGURE

30.3 Una trave di Timoshenko a due campate . . . . . . . . . . . . 675


30.4 Linfluenza delle deformazioni da taglio sul diagramma degli
abbassamenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 678
30.5 Linfluenza delle deformazioni da taglio sul diagramma dei mo-
menti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 678

31.1 Un primo esempio per il calcolo del carico critico . . . . . . . . 683


31.2 La deformata in corrispondenza del carico critico per L1 <
0.4303L2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 686
31.3 La deformata in corrispondenza del carico critico per L1 = L2 687
31.4 Una trave continua su tre appoggi, con sbalzo . . . . . . . . . 687
31.5 La deformata per la trave continua in corrispondenza del carico
critico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 689
31.6 Una trave soggetta a due forze assiali . . . . . . . . . . . . . . 690
31.7 La deformata per la trave di Figura 31.6 in corrispondenza del
carico critico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 691
31.8 Una trave a mensola soggetta al carico assiale F e ad una
perturbazione q . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 692
31.9 Leffetto della perturbazione sullo spostamento in sommit`a della
mensola . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 693
31.10 Un semplice telaio zoppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 694

xxiv Esercizi di Scienza delle Costruzioni


Capitolo 1

Analisi cinematica
Metodo analitico

In questo Capitolo si esamina una serie di strutture al fine di identificare le


propriet`a cinematiche di ognuna di esse. Lapproccio `e analitico, si scrivono
le equazioni di vincolo, poi si scelgono gli opportuni poli e si trasformano
laddove necessario le equazioni di vincolo, al fine di far comparire in esse
gli spostamenti dei poli. Infine, scrivendo le equazioni in forma matriciale si
possono trarre conclusioni sulla eventuale labilit`a della struttura.
Per essere pi`
u specifici, sia O il polo, e sia P un punto qualsiasi del tratto
rigido in considerazione. Siano u 0 ed u P gli spostamenti del polo e del punto P
generico, e sia il vettore delle rotazioni del tratto rigido:

u0 uP x
u 0 = v0 u P = vP = y (1.1)
w0 wP z

Si noti che spesso, nellambito degli esercizi, `e preferibile abbandonare la no-


tazione indiciale, ed indicare con lettere diverse i tre assi (X, Y e Z invece di X1 ,
X2 ed X3 ) e le tre componenti di spostamento (u, v e w invece di u1 , u2 ed u3 ).
Come noto, gli spostamenti del punto generico P possono esprimersi in funzione
degli spostamenti dei punti del polo O, attraverso la relazione vettoriale:

u P = u O + OP (1.2)

dividendo lo spostamento complessivo in una traslazione ed una rotazione rigida.


Scalarmente si ha:

uP u0 x xP xO
vP = v0 + y yP yO (1.3)
wP w0 z zP zO

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 1


1.1. UN TELAIO ZOPPO

Pi`
u esplicitamente si ha:

i j k
i j k i j k
u P + v P + w P = u O + vO + w O + x y z
xP xO yP y0 zP zO
(1.4)
e quindi infine:

uP = uO + y (zP zO ) z (yP yO )
vP = vO + z (xP xO ) x (zP zO ) (1.5)
wP = wO + x (yP yO ) y (xP xO )

Nel caso di un corpo rigido bidimensionale giacente nel piano (Y Z) si ha


poi:

vP = vO x (zP zO )
(1.6)
wP = wO + x (yP yO )

1.1 Un telaio zoppo


Come primo esempio, si consideri il telaio di Figura 1.1, costituito da unasta
verticale di altezza H ed unasta orizzontale di luce L.

B
O
Z

L
Y

Figura 1.1: Un telaio zoppo

Si vuole analizzare la struttura per identificare possibili cinematismi:

Passo 1 - Le condizioni di vincolo proibiscono lo spostamento verticale del


punto A, ed ambedue le componenti di spostamento del punto B:

vA = 0 wB = 0 vB = 0 (1.7)

2 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 1. ANALISI CINEMATICA DELLE STRUTTURE: METODO ANALITICO

Passo 2 - Si scelga il polo O allintersezione delle due aste, e si esprimano le


condizioni di vincolo in funzione degli spostamenti wO , vO del polo, e della
rotazione O intorno ad un asse X passante per il polo O. Utilizzando le
(1.6) si potr`
a scrivere:

vA = vO O (zA zO ) = 0
wB = wO + O (yB yO ) = 0 (1.8)
vB = vO O (zB zO ) = 0

e poich`e:

zA zO = 0 yB yO = 0 zB zO = L (1.9)

si giunge allespressione finale delle equazioni di vincolo in funzione delle


incognite polari:

vO = 0 wO = 0 v0 O L = 0 (1.10)

Passo 3 - Si scrivono ora le relazioni precedenti in forma matriciale, per


poter studiare le caratteristiche cinematiche della struttura esaminando la
matrice dei coefficienti:

0 1 0 w0 0
1 0 0 vO = 0 (1.11)
0 1 L O 0

E questo un sistema di tre equazioni, omogeneo, e la matrice dei coeffi-


cienti ha determinante pari ad L. Ne segue che lunica soluzione possibile
`e la soluzione banale, in cui w0 , v0 e 0 sono nulli. La struttura `e quindi
cinematicamente determinata.

Passo 4 - Infine, si considerino i possibili casi eccezionali, quando par-


ticolari geometrie della struttura conducono a risultati atipici. Nel caso
in esame, ad esempio, se la luce L si riduce a zero la struttura si riduce
ad unasta singola, come riportato in Figura 1.2, per cui la matrice dei
coefficienti diviene:
0 1 0
1 0 0 (1.12)
0 1 0

Tale matrice ha determinante nullo, e rango due. La struttura possiede un


a , quindi 1 possibili cinematismi, definiti da spostamenti
grado di labilit`
nulli del polo, e valori arbitrari della rotazione O .

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 3


1.2. TELAIO ZOPPO CON CARRELLO INCLINATO

O B
Z

Figura 1.2: Il caso degenere del telaio di Figura 1.1

O B

Figura 1.3: Un telaio zoppo vincolato con un carrello inclinato in A

1.2 Telaio zoppo con carrello inclinato


Si vuole ora esaminare lo stesso telaio dellesempio precedente, vincolato in B
con la cerniera, ed in A con un carrello il cui piano di scorrimento `e inclinato di
un angolo rispetto allorizzontale (cfr. Figura 1.3).
Passo 1 La condizione di vincolo espressa dal carrello annulla lo sposta-
mento del punto A lungo la retta ortogonale al piano del carrello, e quindi
la prima delle (1.7) dovr`a essere rimpiazzata da:

vA =0 (1.13)

Dalla Figura 1.4 si evince subito:



wA = wA cos() + v A sin()

(1.14)
vA = wA sin() + v A cos()

4 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 1. ANALISI CINEMATICA DELLE STRUTTURE: METODO ANALITICO

-
Z
-
w

O
w Z

v
-
v
P

-
Y Y

Figura 1.4: Relazione tra gli spostamenti orizzontali e verticali, e secondo il


piano di scorrimento del carrello, e la sua normale

e quindi:

wA = wA cos() vA sin()

(1.15)
v A = wA sin() + vA cos()

La (1.13) si scrive quindi:

wA sin() + vA cos() = 0 (1.16)

da affiancare alle altre condizioni di vincolo che proibiscono gli spostamenti


in B:

wB = 0
(1.17)
vB = 0

Passo 2 Si scelga ora il polo O allintersezione delle due aste, e si espri-


mano le condizioni di vincolo in funzione degli spostamenti wO , vO del
polo, e della rotazione O intorno ad un asse X passante per il polo O.
Utilizzando le (1.6) si potr`
a scrivere:

(wO + O (yA yO )) sin() + (vO O (zA zO )) cos() = 0


wO + O (yB yO ) = 0 (1.18)
vO O (zB zO ) = 0

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 5


1.3. TELAIO ZOPPO CON CERNIERA INTERNA

e poich`e:

yA yO = H
zA zO = 0 (1.19)
yB yO = L

si giunge allespressione finale delle equazioni di vincolo in funzione delle


incognite polari:

(wO + O H) sin() + vO cos() = 0


wO = 0 (1.20)
vO O L = 0

Passo 3 Si scrivono ora le espressioni precedenti in forma matriciale, per


poter studiare le caratteristiche cinematiche della struttura esaminando la
matrice dei coefficienti:

sin() cos() H sin() w0 0
1 0 0 vO = 0 (1.21)
0 1 L O 0

Il determinante di questa matrice `e pari a L cos() + H sin(), usualmente


diverso da zero. Ne segue che la struttura continua ad essere cinematica-
mente determinata, a meno di casi eccezionali, che si studiano nel passo
successivo

Passo 4 Un possibile caso eccezionale si ha per un particolare valore


dellangolo di inclinazione del carrello. Se infatti `e tale da annulla-
re il determinante dei coefficienti della (1.21), la struttura presenter`a un
meccanismo. Lequazione fornisce:

L cos() + H sin() = 0 (1.22)

da cui = arctan(L/H). Ne segue che quando il carrello `e inclinato in


modo tale che il suo piano di scorrimento `e ortogonale alla congiungente
A e B, sar`
a possibile un meccanismo di rotazione intorno al punto B.

1.3 Telaio zoppo con cerniera interna


Si consideri ora il telaio di Figura 1.5, costituito da due tratti rigidi connessi tra
loro tramite una cerniera.

Passo 1 Indicando simbolicamente con B1 e B2 la faccia di sinista e di


destra della cerniera, rispettivamente, si possono scrivere le equazioni di

6 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 1. ANALISI CINEMATICA DELLE STRUTTURE: METODO ANALITICO

B
B1 B2
H2

C
H1

L1 L2

Figura 1.5: Un telaio zoppo costituito da due tratti rigidi connessi da una
cerniera

vincolo:
wA = 0
vA = 0
wB 0 = wB 00 (1.23)
vB 0 = vB 00
vC = 0

La terza e la quarta equazione di vincolo esprimono luguaglianza degli


spostamenti ai due lati della cerniera.
Passo 2 Si scelgono come parametri lagrangiani gli spostamenti wA , vA
del punto A, e la rotazione A del primo tratto, gli spostamenti wC , vC
del punto C, e la rotazione C del secondo tratto. Utilizzando le (1.6)
occorre trasformare la terza e quarta equazione. Sar`a:

vB 0 = vA A (zB zA ) = vA A L1
wB 0 = wA + A (yB yA ) = wA A H1
(1.24)
vB 00 = vC C (zB zC ) = vC + C L2
wB 00 = wC + C (yB yC ) = wC C H2

e quindi le equazioni di vincolo si scrivono:

wA = 0
vA = 0
wA A H1 = wC C H2 (1.25)
vA A L1 = vC + C L2
vC = 0

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 7


1.4. TELAIO A DUE CAMPATE CON CERNIERE INTERNE

Passo 3 - Introdotto il vettore delle coordinate lagrangiane:

d T = (wA , vA , A , wC , vC , C ) (1.26)
le equazioni precedenti si scrivono, matricialmente:

wA 0
1 0 0 0 0 0 vA
0 1 0
0 0 0 0
A


1 0 H1 1 0 0
H 2
= (1.27)

0 1 L1 wC 0
0 1 L2
vC

0
0 0 0 0 1 0
C 0

Passo 4 In genere, il rango della matrice dei coefficienti `e massimo, ossia


pari a 5, e quindi la struttura `e una volta labile. Il risultante meccanismo
pu`
o identificarsi ponendo, ad esempio, A = , da cui subito:
L1
C = (1.28)
L2
ed ancora:
L1
wC = H1 H2 (1.29)
L2
Il parametro non ha un valore determinato, in quanto il meccanismo `e
definito in forma, ma non in ampiezza.
Gli spostamenti della cerniera possono calcolarsi in funzione di , a partire
dalle (1.24):
vB 0 = A L1 = L1
(1.30)
wB 0 = A H1 = H1

In Figura 1.6 sono riportati i diagrammi degli spostamenti orizzontali lungo


i due ritti, nonch`e il diagramma degli spostamenti verticali lungo il traverso,
assumendo un angolo positivo (antiorario) ed arbitrario.

1.4 Telaio a due campate con cerniere interne


Il telaio di Figura 1.7 `e composto da tre tratti rigidi vincolati tra loro dalle due
cerniere B e D, mentre i vincoli esterni si riducono a due appoggi in A e C, ed al
carrello a piano di scorrimento orizzontale in E. Si effettui lanalisi cinematica
della struttura.
Passo 1 Le condizioni di vincolo impongono:
wA = 0 vA = 0 wB 0 = wB 00 (1.31)
vB 0 = vB 00 wC = 0 vC = 0 (1.32)
w D0 =w D 00 v D0 =v D 00 vE = 0 (1.33)

8 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 1. ANALISI CINEMATICA DELLE STRUTTURE: METODO ANALITICO

wB
B
B1 B2

wC

vB

Figura 1.6: Un telaio zoppo costituito da due tratti rigidi connessi da una
cerniera: diagramma degli spostamenti orizzontali e verticali

Passo 2 Si scelgono come poli dei tre tratti i punti A, C ed E, rispet-


tivamente, e quindi i parametri lagrangiani saranno:

d T = (wA , vA , A , wC , vC , C , wE , vE , E ) (1.34)

Occorre ora esprimere le quattro condizioni di vincolo nelle due cerniere


in B e D in funzione delle coordinate lagrangiane. Sar`a:

vB 0 = vA A (zB zA ) = vA A L
(1.35)
wB 0 = wA + A (yB yA ) = wA A H

vB 00 = vC C (zB zC ) = vC + C L
(1.36)
wB 00 = wC + C (yB yC ) = wC 2C H
vD0 = vC C (zD zC ) = vC C L
(1.37)
wD0 = wC + C (yD yC ) = wC C H
vD00 = vE E (zD zE ) = vE + E L
(1.38)
wD00 = wE + E (yD yE ) = wE E H
e quindi le equazioni di vincolo divengono:

wA = 0 vA = 0 (1.39)
wA A H = wC 2C H vA A L = vC + C L (1.40)
wC = 0 vC = 0 (1.41)
wC C H = wE E H v C C L = v E + E L (1.42)
vE = 0 (1.43)

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 9


1.5. TRAVE A TRE CAMPATE

L L L L

B
B1 B2

A D
D1 D2

C E

Figura 1.7: Un telaio costituito da tre tratti rigidi connessi da due cerniere

Passo 3 Scrivendo le relazioni precedenti in forma matriciale si giunge


a definire la matrice:

1 0 0 0 0 0 0 0 0

0 1 0 0 0 0 0 0 0


1 0 H 1 0 2H 0 0 0


0 1 L 0 1 L 0 0 0

A=
0 0 0 1 0 0 0 0 0
(1.44)

0 0 0 0 1 0 0 0 0


0 0 0 1 0 H 1 0 H

0 0 0 0 1 L 0 1 L
0 0 0 0 0 0 0 1 0

il cui determinante `e pari a 3HL2 , sicuramente diverso da zero. La


struttura `e quindi cinematicamente determinata.

1.5 Trave a tre campate


Si consideri ora la trave di Figura 1.8, costituita da tre tratti rigidi connessi tra
loro da due cerniere in B e D. La trave `e vincolata con un appoggio allestremo
di sinistra, con un bipendolo esterno allascissa zC = 2L, e con un carrello a
piano di scorrimento orizzontale allascissa zE = 4L.

10 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 1. ANALISI CINEMATICA DELLE STRUTTURE: METODO ANALITICO

A B C D E F
B1 B2 D1 D2

L L L L L

Figura 1.8: Una trave labile

Passo 1 Le condizioni di vincolo impongono:

wA = 0 vA = 0 wB 0 = wB 00 (1.45)
vB 0 = vB 00 C = 0 wD0 = wD00 (1.46)
vD0 = vD00 vE = 0 (1.47)

Passo 2 Si scelgono come poli dei tre tratti i punti A, C ed E, rispet-


tivamente, e quindi i parametri lagrangiani saranno:

dT = (wA , vA , A , wC , vC , C , wE , vE , E ) (1.48)

Occorre ora esprimere le quattro condizioni di vincolo nelle due cerniere


in B e D in funzione delle coordinate lagrangiane. Sar`a:

vB 0 = vA A (zB zA ) = vA A L wB 0 = wA + A (yB yA ) = wA
(1.49)
vB 00 = vC C (zB zC ) = vC + C L wB 00 = wC + C (yB yC ) = wC
(1.50)
vD0 = vC C (zD zC ) = vC C L wD0 = wC + C (yD yC ) = wC
(1.51)
vD00 = vE E (zD zE ) = vE + E L wD00 = wE + E (yD yE ) = wE
(1.52)

e quindi le equazioni di vincolo divengono:

wA = 0 vA = 0 (1.53)
wA = wC vA A L = vC + C L (1.54)
C = 0 wC = wE (1.55)
vC C L = vE + E L vE = 0 (1.56)

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 11


1.6. TRAVE CON BIPENDOLO INTERNO

A B C D E F
B1 B2 D1 D2

-L
-

L L L L L

Figura 1.9: Il meccanismo rigido per la trave di Figura 1.8

Passo 3 Scrivendo le espressioni precedenti in forma matriciale si giunge


a definire la matrice:

1 0 0 0 0 0 0 0 0
0 1 0 0 0 0 0 0 0

1 0 0 1 0 0 0 0 0

0 1 L 0 1 L 0 0 0
A= 0 0 0
(1.57)
0 0 1 0 0 0
0 0 0
1 0 0 1 0 0
0 0 0 0 1 L 0 1 L
0 0 0 0 0 0 0 1 0

Il rango di questa matrice `e pari ad 8, quindi la struttura risulta una


volta labile. Se si sceglie come parametro lagrangiano la rotazione A =
del primo tratto, la quarta condizione e la settima condizione di vincolo
forniscono:
vC = L
(1.58)
E =

Gli altri gradi di libert`a sono nulli, mentre `e possibile calcolare, a partire
dalle (40):
vB = L (1.59)

In Figura 1.9 `e riportato il diagramma degli spostamenti verticali.

1.6 Trave con bipendolo interno


Si studiano adesso i possibili cinematismi della trave di Figura 1.10, costituita
da tre tratti rigidi connessi tra loro da un bipendolo interno in zB = L1 e da
una cerniera in zD = L1 + L2 + L3 . La trave `e vincolata esternamente con un
appoggio in A, e due carrelli a piano di scorrimento orizzontale in C ed E.

12 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 1. ANALISI CINEMATICA DELLE STRUTTURE: METODO ANALITICO

B
A C D E F
B1 B2 D1 D2

L1 L2 L3 L4 L5

Figura 1.10: Una trave labile

Passo 1 Le condizioni di vincolo impongono:

wA = 0 vA = 0 B 0 = B 00 (1.60)
wB 0 = wB 00 vC = 0 wD0 = wD00 (1.61)
vD0 = vD00 vE = 0 (1.62)

Passo 2 - Si scelgono come poli dei tre tratti i punti A, C ed E, rispetti-


vamente, e quindi i parametri lagrangiani saranno:

d T = (wA , vA , A , wC , vC , C , wE , vE , E ) (1.63)

Occorre ora esprimere le quattro condizioni di vincolo nel bipendolo in-


terno e nella cerniera in B e D in funzione delle coordinate lagrangiane.
Sar`
a:

wB 0 = wA + A (yB yA ) = wA
wB 00 = wC + C (yB yC ) = wC
B 0 = A
B 00 = C
(1.64)
vD0 = vC C (zD zC ) = vC C L3
wD0 = wC + C (yD yC ) = wC
vD00 = vE E (zD zE ) = vE + E L4
wD00 = wE + E (yD yE ) = wE

e quindi le equazioni di vincolo divengono:

wA = 0 vA = 0 A = C (1.65)
wA = wC vC = 0 wC = wE (1.66)
vC C L3 = vE + E L4 vE = 0 (1.67)

Passo 3 - Scrivendo le relazioni precedenti in forma matriciale si giunge a

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 13


1.6. TRAVE CON BIPENDOLO INTERNO

definire la matrice:

1 0 0 0 0 0 0 0 0
0 1 0 0 0 0 0 0 0

0 0
1 0 0 1 0 0 0

1 0 0 1 0 0 0 0 0
A= 0 0
(1.68)
0 0 0 1 0 0 0

0 0
0 1 0 0 1 0 0

0 0 0 0 1 L3 0 1 L4
0 0 0 0 0 0 0 1 0

Il rango di questa matrice `e pari ad 8, quindi la struttura risulta una


volta labile. Se si sceglie come parametro lagrangiano la rotazione A =
del primo tratto, la terza condizione e la settima condizione di vincolo
forniscono:

C =
L3 (1.69)
E =
L4

Gli altri gradi di libert`a sono nulli, mentre `e possibile calcolare gli sposta-
menti delle due facce del bipendolo, come:

vB 0 = vA A (zB zA ) = A L1 = L1
(1.70)
vB 00 = vC C (zB zC ) = C (zB zC ) = L2

In Figura 1.11 `e riportato il diagramma degli spostamenti verticali.

B
A C D E F
B1 B2 D1 D2

-L3
-L1 L3
-L2 L5
L4

L1 L2 L3 L4 L5

Figura 1.11: Il meccanismo rigido per la trave di Figura 1.10

14 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 1. ANALISI CINEMATICA DELLE STRUTTURE: METODO ANALITICO

1.7 Trave ad asse parabolico


Si consideri ora la struttura ad asse curvilineo di Figura 1.12, costituita da tre
archi rigidi collegati tra loro da due cerniere, ed al suolo tramite un appoggio al-
lestremo di destra ed un bipendolo allestremo di sinistra. Lasse di scorrimento
del bipendolo `e ortogonale allasse dellarco.

C
B C1 C2
B1
B2 f

D
A

L1 L2 L3

Figura 1.12: Un arco ad asse parabolico di freccia f

Supponendo che larco sia parabolico, di luce L = L1 + L2 + L3 e di freccia


f , lequazione dellasse sar`
a data da:
f
g(z) = 4 z(L z) (1.71)
L2
e quindi la tangente all arco stesso sar`a fornita da:
f
g 0 (z) = 4 (L 2z) (1.72)
L2
In particolare, quindi, all estremo di sinistra la tangente all arco sar`a pari
f
a 4 .
L
Per scrivere le equazioni di vincolo si indichi con (t, n) la coppia di assi con
origine in A, con t tangente allasse ed n ortogonale allasse, e siano (ut , un ) gli
spostamenti lungo la tangente e la normale. Le equazioni di vincolo si scrivono
allora:

A = 0 utA = 0 wB 0 = wB 00 (1.73)
v B0 =v B 00 w C0 =wC 00 v C0 =v C 00 (1.74)
wD = 0 vD = 0 (1.75)

La seconda condizione di vincolo deve modificarsi, a somiglianza di quanto


f
fatto nellEsercizio 1.2. Restano infatti valide le (1.15), con = 4 L e quindi
dovr`a essere:    
f f
utA = wA cos 4 vA sin 4 =0 (1.76)
L L

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 15


1.7. TRAVE AD ASSE PARABOLICO

Sar`
a poi:
vB 0 = vA A (zB zA ) = vA A L1
wB 0 = wA + A (yB yA ) = wA + A (g (L1 ) g(0))
vB 00 = vC 0 C (zB zC ) = vC 0 + C L2
wB 00 = wC 0 + C (yB yC ) = wC 0 + C (g (L1 ) g (L1 + L2 ))
vC 00 = vD D (zC zD ) = vD + D L3
wC 00 = wD + D (yC yD ) = wD + D (g (L1 + L2 ) g (L1 + L2 + L3 ))
(1.77)
Le equazioni di vincolo divengono quindi:
A = 0
   
f f
wA cos 4 vA sin 4 =0
L L
wA + A (g (L1 ) g(0)) = wC 0 + C (g (L1 ) g (L1 + L2 ))
vA A L1 = vC 0 + C L2
wC 0 = wD + D (g (L1 + L2 ) g (L1 + L2 + L3 ))
vC 0 = vD + D L3
wD = 0
vD = 0
(1.78)
Semplificando si ha:
A = 0
   
f f
wA cos 4 vA sin 4 =0
L L
wA = wC 0 + C (g (L1 ) g (L1 + L2 ))
vA = vC 0 + C L2 (1.79)
wC 0 = D (g (L1 + L2 ) g (L1 + L2 + L3 ))
vC 0 = D L3
wD = 0
vD = 0
Si giunge quindi ad un sistema di cinque equazioni in sei incognite, che pu`o
scriversi matricialmente come:

wA 0
c1 c2 0 0 0 0 vA 0
1
0 1 0 c3 0
wC 0 0
0
1 0 1 L 2 0 vC 0 = 0
(1.80)
0 0 1 0 0 c4
C 0
0 0 0 1 0 L3
D 0

16 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 1. ANALISI CINEMATICA DELLE STRUTTURE: METODO ANALITICO

avendo posto:


f
c1 = cos 4
L
 
f
c2 = sin 4 (1.81)
L
c3 = g (L1 ) g (L1 + L2 )
c4 = g (L1 + L2 ) g (L1 + L2 + L3 )

Scegliendo la rotazione dellultimo tratto, D , come parametro lagrangiano,


si possono scrivere le cinque equazioni non omogenee:

c1 wA c2 vA = 0
wA wC 0 c3 C = 0
vA vC 0 C L2 = 0 (1.82)
wC 0 = c4
vC 0 = L3

con soluzione:
wC 0 = c4
vC 0 = L3
c1 c4 + c2 L3
C =
c1 c3 c2 L2 (1.83)
c2 (c4 L2 + c3 L3 )
wA =
c1 c3 c2 L2
c1 (c4 L2 + c3 L3 )
vA =
c1 c3 c2 L2

Esempio numerico
Si consideri un arco di luce L e freccia L/4, e le cerniere siano situate ad L/4
5 L
e 2L/3, sicch`e L1 = L/4, L2 = L ed L3 = , mentre i quattro coefficienti
12 3
divengono:
 
f
c1 = cos 4 = 0.5403
L
 
f
c2 = sin 4 = 0.8414 (1.84)
L
c3 = g (L1 ) g (L1 + L2 ) = 0.0347L
c4 = g (L1 + L2 ) g (L1 + L2 + L3 ) = 0.222L

e quindi la deformata dell arco `e definita da:

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 17


1.7. TRAVE AD ASSE PARABOLICO

L4 512 L L3

C
B
B1 C1 C2
B2
D
A

Figura 1.13: Un arco ad asse parabolico di freccia f : il meccanismo

wC 0 = 0.222L
L
vC 0 =
3
c1 c4 + c2 L3
C = = 1.207
c1 c3 c2 L2 (1.85)
c2 (c4 L2 + c3 L3 )
wA = = 0.264L
c1 c3 c2 L2
c1 (c4 L2 + c3 L3 )
vA = = 0.1696L
c1 c3 c2 L2
Per il tracciamento delle deformate `e anche utile individuare gli spostamenti
L
del punto F in mezzeria, ossia in z = . Sar`a:
2
vF = vC 0 C (zF zC ) = 0.1322L
(1.86)
wF = wC 0 + C (yF yC ) = 0.188L

In Figura 1.13 sono riportati i diagrammi degli spostamenti verticali ed


orizzontali.

18 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


Capitolo 2

Analisi cinematica
Metodo grafico

Si illustra ora un classico metodo grafico per lanalisi cinematica delle strutture,
utilizzando due risultati di geometria che permettono il tracciamento veloce dei
diagrammi degli spostamenti. Il metodo proposto `e da ritenersi duale rispet-
to al metodo analitico studiato nella prima Esercitazione: il metodo analitico
fornisce in modo semiautomatico risultati precisi per strutture geometrica-
mente semplici, il metodo grafico fornisce risultati qualitativi per strutture pi`u
complesse.
Lintera trattazione grafica si basa sui concetti di centro assoluto di rotazione
Ci di un tratto rigido i e di centro relativo di rotazione Cij tra i due tratti rigidi
i e j. A tal proposito, si ricorda che per ciascun tratto rigido si pu`o scegliere
arbitrariamente un punto, detto polo, e ricondurre gli spostamenti degli altri
punti del tratto alle due traslazioni del polo, e ad una rotazione del tratto
intorno ad un asse ortogonale al piano e passante per il polo. Alternativamente,
`e possibile dimostrare che esiste una particolare scelta del polo, per cui le due
traslazioni si annullano, e gli spostamenti dei punti del tratto si riducono ad
una singola rotazione intorno ad un asse ortogonale al piano e passante per
esso. Tale punto si chiama centro assoluto di rotazione.
E appena il caso di osservare che il tratto rigido continua a possedere tre
gradi di libert`
a, essendosi barattate le due traslazioni con le due coordinate del
centro.
Se poi si considerano due tratti rigidi i e j, allora ha senso definire gli spo-
stamenti rigidi del tratto j -mo relativamente al tratto i -mo (o viceversa), ossia
considerando il tratto i -mo come fermo, e trattando gli spostamenti del tratto
j -mo come assoluti. E cos` possibile definire il centro di rotazione relativo Cij
per gli spostamenti rigidi relativi tra i due tratti rigidi i e j.
Conosciuto il centro assoluto Ci del tratto i -mo, di coordinate (zi , (yi ) `e
quindi possibile tracciare i diagrammi delle componenti orizzontali e verticali di

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 19


spostamento, secondo le formule:

wP = i (yP yi )
(2.1)
vP = i (zP zi )

dove i `e la rotazione del tratto rigido intorno ad un asse ortogonale al piano,


e passante per il punto Ci .
Come si vedr` a, per il tracciamento delle deformate occorre ricavare le coor-
dinate dei centri assoluti di rotazione e dei centri relativi di rotazione, e questa
ricerca pu`o essere condotta applicando i due teoremi sulle catene cinematiche,
per la cui dimostrazione si rimanda ad un qualsiasi classico trattato di Scienza
delle Costruzioni1 :
Teorema 1. Un sistema rigido costituito da n tratti `e labile se e solo se per
ogni coppia di tratti rigidi i e j, i centri Ci , Cj e Cij risultano allineati
Teorema 2. Un sistema rigido costituito da n tratti (n 3) `e labile se e solo
se per ogni terna di tratti rigidi i, j e k, i centri di rotazione relativa Cij , Cik e
Cjk risultano allineati
Applicando questi due teoremi `e possibile ricavare le coordinate dei centri,
ed in base ad essi tracciare le deformate. Alcune semplici regole pratiche per
localizzare velocemente i centri sono le seguenti:
1. un appoggio agente sul tratto i -mo permette di definire il centro assoluto
di rotazione del tratto i -mo stesso, in quanto Ci viene a coincidere col
punto di applicazione dellappoggio
2. un bipendolo esterno sul tratto i -mo impone che il centro assoluto di
rotazione Ci sia il punto improprio degli assi dei due pendoli
3. un carrello sul tratto i -mo, con piano di scorrimento lungo la retta s,
impone che il centro di rotazione si trovi sulla retta normale alla retta s.
Per quanto concerne i vincoli interni, o sconnessioni, si pu`o concludere:
4. se due tratti rigidi i e j sono collegati da una cerniera, il loro centro relativo
di rotazione Cij `e situato in corrispondenza della cerniera stessa
5. se due tratti rigidi i e j sono collegati da un bipendolo, il loro centro
relativo di rotazione Cij `e situato in corrispondenza del punto improprio
dellasse dei pendoli
6. se due tratti rigidi i e j sono collegati da un pendolo, il loro centro relativo
di rotazione Cij `e situato lungo lasse del pendolo.
Dopo aver applicato queste semplici regole, si passa ad applicare le condizioni
di allineamento, deducendo gli altri centri, ed una volta conclusa la ricerca dei
centri, si passa al tracciamento delle deformate, in base alle (2.1).
1 Si consulti ad esempio A. Sollazzo, U. Ricciuti, Scienza delle Costruzioni Vol.I, pagg.220
222

20 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 2. ANALISI CINEMATICA DELLE STRUTTURE: METODO GRAFICO

H2
C
H1

L1 L2

Figura 2.1: Un portale a tre cerniere

In generale, per una struttura costituita da n tratti rigidi, si hanno n(n+1)2


centri, assoluti o relativi, anche se per il tracciamento dellintera deformata basta
la conoscenza di 2n 1 centri opportuni. Ed infatti, la deformata del primo
tratto `e definita a partire dalla conoscenza del centro assoluto C1 , mentre per
ogni tratto successivo k si pu` o tracciare la deformata a partire dalla conoscenza
di Ck e di Ck1 .

2.1 Un portale a tre cerniere


Si consideri il portale di Figura 2.1, vincolato con due appoggi al suolo, e con una
cerniera intermedia in B. Poich`e C1 `e situato in corrispondenza dellappoggio
in A, il centro C12 `e situato in corrispondenza della cerniera intermedia in B,
ed il centro C2 si trova in corrispondenza dellappoggio in C, si pu`o concludere
- in base al primo teorema - che la struttura `e cinematicamente determinata.
Infatti, i tre centri non sono allineati.

2.2 Un portale labile


Si consideri ora il portale di Figura 2.2, costituito da due tratti rigidi ma vin-
colato ora con un carrello in C. La presenza dellappoggio in A permette di
situare subito il centro C1 , mentre il carrello in C permette di affermare che
C2 `e situato sulla verticale per il punto C. Infine, la cerniera in B permette di
situare subito il centro C12 .
Applicando ora il primo teorema sulle catene cinematiche giungiamo ad iden-
tificare il centro assoluto C2 del secondo tratto allintersezione tra la congiun-
gente il punto A ed il punto B, e la verticale passante per C, come riportato in
Figura 2.3.

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 21


2.2. UN PORTALE LABILE

H2

C
H1

L1 L2

Figura 2.2: Un telaio zoppo costituito da due tratti rigidi connessi da una
cerniera
C2


wB
C12

wC

C1

vB

Figura 2.3: I centri di rotazione ed il relativo meccanismo per lesempio


di Figura 2.2

22 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 2. ANALISI CINEMATICA DELLE STRUTTURE: METODO GRAFICO

Assegnato il parametro lagrangiano, ossia scelto arbitrariamente langolo


1 = di cui ruota il primo tratto intorno ad un asse ortogonale al piano e
passante per C1 , si pu` o tracciare il diagramma delle componenti verticali di
spostamento per il primo tratto: esso `e costituito da un segmento rettilineo,
inclinato di rispetto alla fondamentale. In corrispondenza del centro C12 si ha
lo spostamento vB = L1 , che fornisce uno dei due valori necessari a disegnare
il diagramma degli spostamenti verticali lungo il secondo tratto. Laltro valore
`e ovviamente il valore nullo in corrispondenza del centro C2 . Nel segue che il
secondo tratto ruoter` a di un angolo = vB /L2 .
Per disegnare il diagramma delle componenti orizzontali di spostamento si
consideri che per il primo tratto si ha il valore nullo in C1 e si conosce linclina-
zione, pari ad , e questo permette il tracciamento immediato del diagramma,
da zero in corrispondenza di C1 fino a wB = H1 . Per il secondo tratto, si
consideri che il diagramma deve annullarsi in C2 ed essere inclinato di , oppure,
alternativamente, che si conosce il valore dello spostamento wB ed il punto di
nullo in C2 . In ambedue i casi si ottiene il risultato di Figura 2.3.

2.3 Telaio a tre tratti, con due cerniere interne

L1 L2 L L

I II H

A D

III H

C E

Figura 2.4: Un telaio costituito da tre tratti. La posizione della cerniera sul
primo traverso `e un parametro di controllo

Nell esempio di Figura 2.4, i centri noti in base alle considerazioni elementari
sui vincoli sono C1 , punto improprio della retta verticale passante per A, il

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 23


2.4. UNA MAGLIA CHIUSA

centro C2 , situato in corrispondenza dellappoggio in C, il centro relativo C12


corrispondente alla cerniera in B, il centro C23 , situato nella cerniera in D.
Inoltre, il centro C3 si trover`a sulla verticale passante per E, ortogonale al
piano di scorrimento dellappoggio. Applicando il primo teorema delle catene
cinematiche si possono subito ricavare le coordinate esatte di tale centro, in
quanto basta intersecare la retta CD con la verticale per E. Inoltre, poich`e in
generale C1 , C12 e C2 non sono allineati, il telaio `e cinematicamente determinato.
Nel caso degenere in cui L2 = 0, e quindi la cerniera in B viene a trovarsi
sulla verticale per lappoggio C, i centri C1 , C12 e C2 risultano allineati, e la
struttura ammette un cinematismo dovuto al cattivo piazzamento dei vincoli. E
tuttavia ovvio che, almeno da un punto di vista matematico, il perfetto allinea-
mento dei tre centri deve riguardarsi come un caso eccezionale, non meritevole
di attenzione.
In Figura 2.5 sono riportati i tre centri assoluti, e due centri relativi di rota-
zione. Il tracciamento del diagramma degli spostamenti verticali non presenta
difficolt`
a alcuna: il primo tratto non ammette spostamenti verticali, e risulta
conveniente scegliere come coordinata lagrangiana langolo di rotazione 2 =
del secondo tratto. Ne segue che la cerniera in D subisce un innalzamento pari
ad L, mentre il terzo tratto ruota di .
Per il tracciamento dei diagrammi dello spostamento orizzontale si consideri
che il terzo tratto ruota di intorno al punto C3 , e di conseguenza il carrello
si sposta verso sinistra di una quantit`a pari a 2H, mentre la cerniera in D
ha uno spostamento orizzontale, sempre verso sinistra, pari ad H. Il secondo
tratto ruota di , in senso antiorario, quindi la cerniera in B subisce uno spo-
stamento orizzontale, verso sinistra, pari a 2H, ed infine il primo tratto trasla
orizzontalmente, senza ruotare, della medesima quantit`a. Tutto `e riportato nel
diagramma di Figura 2.6.

2.4 Una maglia chiusa


Si consideri ora la maglia chiusa di Figura 2.7, di base L ed altezza H, costituita
da quattro tratti connessi tra loro da quattro cerniere. La maglia non `e vincolata
esternamente, quindi pu`o essere soggetta a traslazioni rigide; alternativamente,
pu` o pensarsi che la maglia sia soggetta ad un insieme di forze autoequilibrate.
In entrambi i casi, esister`a una ulteriore possibilit`a di moto rigido, come si
dimostra in seguito attraverso lidentificazione dei centri ed il tracciamento della
deformata.
Si scelga arbitrariamente un tratto, ad esempio il primo, e lo si consideri
fisso, (in Figura 2.7 lo si `e indicato con la lettera S, per indicare il suolo) sicch`e
il centro C1 `e immediatamente identificabile in corrispondenza della cerniera in
(L1 , 0), ed il centro C3 `e situato in corrispondenza della cerniera in (0, H1 ).
Altri centri facilmente ricavabili sono il centro C12 ed il centro C23 , posti nelle
due cerniere che connettono il primo ed il secondo tratto, ed il secondo e terzo
tratto, rispettivamente.

24 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 2. ANALISI CINEMATICA DELLE STRUTTURE: METODO GRAFICO

2L L L
C12 C3

I
II H

C1 HL C23

III H

C2

Figura 2.5: Un telaio costituito da tre tratti: i centri assoluti e relativi


2L L L 2H
C12 C3

I I
II II

C1 HL C23

III III

C2

Figura 2.6: Un telaio costituito da tre tratti: le deformate verticali ed orizzontali

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 25


2.4. UNA MAGLIA CHIUSA

L4 L5

H2 III

II

H1
S I

L1 L2 L3

Figura 2.7: Una maglia chiusa con quattro cerniere

Applicando i teoremi delle catene cinematiche, si pu`o poi ricavare il centro


assoluto C2 , intersecando la retta che collega C1 e C12 con la retta che collega
C23 e C3 . Ed infatti, per il primo teorema, C2 deve essere allineato sia con C1
e C12 , sia con C3 e C23 .
In uno spirito esclusivamente grafico, basta tracciare due rette, come in
Figura 2.8, ma `e evidente che tale operazione pu`o tramutarsi in un facile esercizio
di geometria analitica:
identificare lequazione della retta passante per i punti (L4 , (H1 + H2 ) )
e (0, H1 )

identificare lequazione della retta passante per (L2 , 0) e (L1 + L2 , 0)

intersecare queste due rette e ricavare le coordinate del punto di interse-


zione. La prima retta ha equazione:
H2
z + y + H1 = 0 (2.2)
L4
mentre la seconda rappresenta l asse orizzontale, di equazione:

y=0 (2.3)

Intersecando le due rette, si ottengono le coordinate del punto C2 :


 
H1
C2 = L4 , 0 (2.4)
H2

26 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 2. ANALISI CINEMATICA DELLE STRUTTURE: METODO GRAFICO

L4 L5

C23
H2

C3

C1 C12 H1
Z
C2 H1
L4 Y
H2 L1 L2 L3

Figura 2.8: I centri di rotazione necessari per il tracciamento della catena


cinematica
L4 L5

H1
H L4+LL
H2

C23
H2

C3

C1 C12 H1

C2
H1
H L4+LL
H2
H1
L4
H2 L1 L2 L3

Figura 2.9: Le catene cinematiche per la maglia chiusa di Figura 2.7

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 27


2.5. UN PORTALE SU TRAVE APPOGGIATA

La conoscenza di questi cinque centri permette il tracciamento del cinemati-


smo. Ed infatti, si scelga come parametro lagrangiano langolo di cui ruota il
primo tratto, sicch`e il diagramma degli spostamenti del primo tratto `e definito.
Il centro C12 si innalza della quantit`a L2 , e la conoscenza di questo valore
permette di calcolare la rotazione del secondo tratto. Sar`a, come evidente dalla
Figura 2.9:
L2
= (2.5)
H1
L4 + L1 + L2
H2
Pu`o quindi proseguirsi il diagramma degli spostamenti verticali al di l`a di
C12 , con inclinazione
 , e giungendo
 a calcolare linnalzamento dellestremo
H1
di destra, H2 L4 + L1 + L2 + L3 . Tale innalzamento si ritrova anche nel
corrispondente punto del tratto superiore, giungendo quindi a calcolare linnal-
zamento del centro C23 . Lungo il terzo tratto la pendenza cambia nuovamente,
in quanto il diagramma deve annullarsi in corrispondenza del centro C3 , e ci`o
permette di calcolare langolo :
H1 + H2
= (2.6)
H2
Il tracciamento dei diagrammi degli spostamenti orizzontali `e reso pi`u age-
vole dallosservare che il tratto 2 ruota dellangolo , mentre il tratto 3 ruota
dellangolo . Ne segue che il traverso superiore si sposta verso sinistra della
quantit` a (H1 + H2 ) , pari ovviamente a H2 .

2.5 Un portale su trave appoggiata


Si consideri ora il sistema di Figura 2.10, costituito da quattro tratti rigidi
connessi tramite quattro cerniere, e vincolati al suolo da un appoggio ed un
carrello. I centri banalmente noti sono C1 , in corrispondenza dellappoggio, ed i
centri di rotazione relativa C12 , C23 , C34 e C14 in corrispondenza delle quattro
cerniere. Inoltre, il centro C3 di rotazione assoluto del tratto 3 deve appartenere
alla retta verticale passante per il carrello. Servono almeno altri due centri, per
cui occorre applicare i teoremi delle catene cinematiche.
Per il secondo teorema delle catene cinematiche, applicato ai tratti 1,2 e 3, il
centro C13 deve appartenere alla retta passante per i centri C12 e C23 , entrambi
noti, quindi deve giacere sullorizzontale passante per lappoggio. Inoltre, pos-
siamo applicare lo stesso teorema utilizzando i tratti 1,3, e 4, per cui il centro C13
deve anche appartenere alla retta passante per i centri C34 e C14 , anchessi noti.
Allintersezione di queste due  rette si trover`aC13 , ed `e immediato riconoscere
H1 L5
che le sue coordinate saranno L1 ,0 .
H2
Conosciuto C13 pu`o applicarsi il primo teorema delle catene cinematiche,
utilizzando i tratti 1 e 3, e quindi C3 dovr`a essere situato sulla retta passante
per C1 e C13 . Ne segue che esso sar`a situato in corrispondenza del carrello. Si
giunge alla situazione di Figura 2.11

28 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 2. ANALISI CINEMATICA DELLE STRUTTURE: METODO GRAFICO

L5 L6

H2 IV
III

H1
I II

L1 L2 L3 L4

Figura 2.10: Un portale a quattro cerniere poggiante su una trave appoggiata

La conoscenza di questi sette centri `e sufficiente per tracciare i cinematismi,


mentre la localizzazione degli altri centri pu`o servire da utile verifica. Il centro
C4 pu` o ad esempio calcolarsi applicando il primo teorema ai tratti 1 e 4, e quindi
imponendo che esso si trovi sulla retta congiungente i centri C1 e C14 , ed ai tratti
3 e 4, imponendo quindi che esso appartenga anche alla retta congiungente C34
e C3 . Ne segue che le sue coordinate saranno pari a:

(H1 + H2 ) L1 (L1 + L2 + L3 + L4 )
H2 L1 + H1 (L1 + L2 + L3 + L4 L5 )
(2.7)
H1 (H1 + H2 ) (L1 + L2 + L3 + L4 )

H2 L1 + H1 (L1 + L2 + L3 + L4 L5 )

Per il tracciamento del cinematismo, si inizi a tracciare il diagramma dello


spostamento verticale del tratto I, ruotandolo di un angolo arbitrario , scelto
quindi come coordinata lagrangiana. La cerniera C12 subisce un innalzamento
pari ad (L1 + L2 ), ma il tracciamento della deformata sul secondo tratto `e reso
impossibile dalla mancata conoscenza di C2 . Si esamini allora il terzo tratto:
per esso si conosce subito lo spostamento in corrispondenza del carrello in C3 , e
si conosce anche lo spostamento (virtuale) del punto C13 . Basta, per ottenerlo,
proseguire virtualmente la deformata del primo tratto fino ad intersecare la
verticale per C13 (deformata
 virtuale,
 riportata in tratteggio), ottenendo lo
H1 L5
spostamento pari ad L1 . Basta collegare questo valore col punto
H2
di nullo in C3 e si ottiene la deformata relativa al terzo tratto, tenendo conto
che una parte di questo segmento `e virtuale, ed `e quindi riportato in tratteggio.
A questo punto `e possibile completare il diagramma dello spostamento lungo
il tratto 2, in quanto si conosce sia lo spostamento della cerniera in C12 che lo
spostamento in C23 .

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 29


2.6. DOPPIA CAPRIATA

L5 L6

C34

H2
C14

H1

C13 C1 C12 C23 C3

H1 L5
L1 -
H2 L1 L2 L3 L4

Figura 2.11: I centri di rotazione necessari per il tracciamento delle deformate

Langolo di cui ruota il tratto III `e fornito da:


 
H1 L5
L1
H2
=   (2.8)
H1 L5
L1 + L1 + L2 + L3 + L4
H2

e la conoscenza di permette il tracciamento immediato del diagramma degli


spostamenti orizzontali sul tratto verticale a destra: da zero, in corrispondenza
del punto inferiore, a (H1 + H2 ) in sommit`a.
Per il tracciamento del diagramma degli spostamenti verticali sul tratto oriz-
zontale superiore, si consideri che il tratto III ruota dellangolo , ed il suo
abbassamento si annulla in corrispondenza della verticale per C3 . Quindi il
diagramma pu` o proseguire fino a C34 . Lungo il tratto IV, si consideri che lo
spostamento del tratto verticale di sinistra `e pari a L1 , e quindi gli sposta-
menti verticali possono completarsi lungo tutto il tratto orizzontale superiore.
Si giunge quindi alle deformate di Figura 2.12.
Infine, il diagramma degli spostamenti orizzontali sul tratto verticale si-
nistro pu` o tracciarsi constatando che il tratto I ruota dellangolo , e che lo
spostamento in sommit`a vale (H1 + H2 ).

2.6 Doppia capriata


Si vogliono ora studiare i possibili cinematismi della struttura di Figura 2.13,
formata da quattro tratti rigidi collegati tra loro da due cerniere, ed al suolo
tramite un appoggio ed un carrello.

30 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 2. ANALISI CINEMATICA DELLE STRUTTURE: METODO GRAFICO

L1
HH1 +H2 L
C34

C14

C13 C1 C12 C23 C3

Figura 2.12: Il cinematismo della struttura di Figura 2.10

H2

III IV

H1
I II

L1 L2

Figura 2.13: Quattro tratti rigidi vincolati tra loro con due cerniere

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 31


2.6. DOPPIA CAPRIATA

Le informazioni fornite dai vincoli sono numerose: in corrispondenza dellap-


poggio a sinistra possono essere identificati i centri assoluti C1 e C3 delle due
aste in esso concorrenti, nelle due cerniere interne si ritroveranno i centri relativi
C12 e C34 , in corrispondenza del carrello a destra si trova il centro relativo C24
delle due aste in esso concorrenti. Inoltre, i centri assoluti delle stesse aste 2 e
4 si troveranno sulla verticale per il carrello.

C4

C2
C34

H2
C12
III IV

H1
I II
C1 ,C3 C24

L1 L2

Figura 2.14: I centri per lesercizio della Figura 2.13

Una doppia applicazione del primo teorema delle catene cinematiche forni-
sce le coordinate esatte di questi due centri: ed infatti C2 dovr`a giacere sulla
congiungente C1 e C12 , mentre C4 sulla congiungente C3 e C34 . Sar`a quindi:
 
H1
C2 = 0, (L1 + L2 )
L1
  (2.9)
H1 + H2
C4 = 0, (L1 + L2 )
L1
Per il tracciamento delle catene cinematiche, si inizia con gli spostamenti
verticali dellasta 1, utilizzando quale coordinata lagrangiana la rotazione . Si
definisce cos` linnalzamento del punto C12 , pari ad L1 , ed `e anche immediato
proseguire lungo lasta 2, fino ad annullare il diagramma in corrispondenza del
carrello. Si osserva quindi che il tratto 2 ruota di una quantit`a negativa, perch`e
oraria, e pari a:
L1
= (2.10)
L2

32 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 2. ANALISI CINEMATICA DELLE STRUTTURE: METODO GRAFICO

C4

Hy4 -y34 L C2
C34

C12
III IV


I II
C24
C1 ,C3

Figura 2.15: Il cinematismo per l esempio di Figura 2.13

Si prosegue poi con gli spostamenti orizzontali dellasta 2, di cui si conosce


H1
il punto di nullo, in corrispondenza di y2 = (L1 + L2 ) e linclinazione, pari
L1
a . Il diagramma pu` o essere quindi facilmente tracciato, e risulta in parte
virtuale (linea tratteggiata). Il carrello subisce uno spostamento orizzontale
verso sinistra, pari a:
H1
w24 = (L1 + L2 ) (2.11)
L1
La conoscenza dello spostamento del carrello permette di tracciare anche il
diagramma delle componenti orizzontali di spostamento dellasta 4, in quanto
sono noti gli spostamenti del punto C24 e C4 . Anche in questo caso parte del
diagramma sar` a virtuale. Lasta 4 ruota di un angolo pari a:
H1
= (2.12)
H1 + H2
Il diagramma delle componenti orizzontali di spostamento dell asta 1 `e co-
stituito da un tratto unico inclinato dellangolo , mentre per il tracciamento

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 33


2.6. DOPPIA CAPRIATA

del diagramma relativo al tratto 3 `e possibile utilizzare la conoscenza dello


spostamento orizzontale della cerniera 34:

 
(H1 + H2 )
w34 = (y4 y34 ) = (L1 + L2 ) + H1 + H2 =
L1
(2.13)
L2
(H1 + H2 )
L1
Di conseguenza, lasta 4 ruota dellangolo :
L2
= (2.14)
L1
E infine possibile tracciare i diagrammi delle componenti verticali di spo-
stamenti per le due aste superiori, giungendo al diagramma di Figura 2.15

34 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


Capitolo 3

Lanalisi cinematica e la
geometria analitica: I

Le considerazioni grafiche svolte nel Capitolo precedente possono agevolmente


tradursi in altrettante equazioni, attraverso i dettami della Geometria anali-
tica. In questo Capitolo, dopo aver brevemente richiamato alcuni risultati di
Geometria, si affronta lanalisi graficogeometrica di alcune strutture costituite
da due o tre tratti rigidi. Si far` a uso di un programma di calcolo simbolico
(Mathematica), ma lestrema semplicit`a delle formule permette anche il calcolo
manuale.

3.1 Alcuni risultati di Geometria analitica


Si consideri il piano cartesiano di Figura 3.1, in cui si `e fissato un sistema di
riferimento con origine nel punto arbitrario O, lasse Y che punta verso il basso,
lasse Z che punta verso destra. Una retta pu`o essere definita dallequazione:
az + by + c = 0 (3.1)
oppure, se b 6= 0, da:
y = mz + n (3.2)
a c
con m = ed n = . La pendenza m `e fornita da:
b b
m = tan() (3.3)
dove `e langolo positivo se antiorario che la retta forma per sovrapporsi
allasse orizzontale Z.

Retta per un punto con pendenza assegnata


Se il tratto i -mo `e vincolato con un carrello a piano di scorrimento inclinato,
oppure con un pendolo ad asse inclinato, `e necessario definire la retta cui dovr`a

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 35


3.1. ALCUNI RISULTATI DI GEOMETRIA ANALITICA

PHz1,y1L
Z

Figura 3.1: Il sistema di riferimento adottato

appartenere il centro assoluto di rotazione Ci , identificando la retta che passa


per il punto di applicazione (z1 , y1 ) del vincolo, ed inclinata di un angolo pari
allinclinazione del pendolo. In altri termini, la pendenza della retta `e nota, in
quanto m = tan(), mentre il parametro n pu`o identificarsi imponendo che sia:

y1 = mz1 + n (3.4)

da cui subito:
n = y1 mz1 (3.5)
La retta ricercata (retta passante per un punto, ed inclinata di un angolo )
ha allora equazione:
y[z] = m (z z1 ) + y1 (3.6)

Nel caso della Figura 3.1, si `e scelto = 7, z1 = 2 ed y1 = 1.

Retta per due punti


Come facilmente intuibile, `e spesso necessario identificare lequazione della retta
che passa per due punti, di coordinate (z1 , y1 ) e (z2 , y2 ). Dovranno essere
verificate simultaneamente le due equazioni:

y1 = mz1 + n
(3.7)
y2 = mz2 + n

e quindi:
y2 y1 y1 z2 y2 z1
m= n= (3.8)
z2 z1 z2 z1

Ne segue che la retta passante per (z1 , y1 ) e per (z2 , y2 ) ha equazione:


y2 y1 y1 z2 y2 z1
y[z] = z+ (3.9)
z2 z1 z2 z1

36 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 3. LANALISI CINEMATICA E LA GEOMETRIA ANALITICA: I

Intersezione di due rette


Siano:

yA [z] = mA z + nA
(3.10)
yB [z] = mB z + nB

due rette, di cui si vuol trovare lintersezione (z , y ). Dovr`a essere, contempo-


raneamente:

y = m A z + nA y = mB z + nB (3.11)

e quindi il punto intersezione sar`


a dato da:
nA nB mB nA mA nB
z = y = (3.12)
mA mB mA mB

Retta parallela ad una retta assegnata, e passante per un


punto assegnato
Sia assegnata la retta:
y[z] = mz + n (3.13)
ed il punto P (z1 , y1 ) . La retta passante per P , e parallela alla retta assegnata,
avr`
a equazione:
y[z] = m (z z1 ) + y1 (3.14)

Intersezione di due rette, ciascuna passante per due punti


assegnati
Siano:
y2 y1 y1 z2 y2 z1
yA [z] = z+
z2 z1 z2 z1
(3.15)
y4 y3 y3 z4 y4 z3
yB [z] = z+
z4 z3 z4 z3

due rette, passanti per i punti (z1 , y1 ) (z2 , y2 ) e (z3 , y3 ) (z4 , y4 ), rispettivamente,
e se ne voglia calcolare lintersezione (z5 , y5 ). Utilizzando la (3.12) si ha, sosti-
tuendo opportunamente i valori mA , mB , nA ed nB , cos` come deducibili dalle
(3.15):

(y2 z1 y1 z2 ) (z3 z4 ) + (y4 z3 + y3 z4 ) (z1 z2 )


z5 =
(y1 y2 ) (z3 z4 ) + (y3 + y4 ) (z1 z2 )
y1 (y4 (z2 + z3 ) + y3 (z2 z4 )) + y2 (y4 (z1 z3 ) + y3 (z1 + z4 ))
y5 =
(y3 y4 ) (z1 z2 ) + (y1 y2 ) (z3 z4 )
(3.16)

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 37


3.1. ALCUNI RISULTATI DI GEOMETRIA ANALITICA

Hz3,y3L

Hz2,y2L
Hz5,y5L
Z

Hz4,y4L
Hz1,y1L

Figura 3.2: Intersezione di due rette, ciascuna passante per due punti assegnati

In Figura 3.2 `e riportato il disegno delle due rette passanti per P1 = (1, 5) e
P2 = (4, 2), e per P3 = (2, 3) e P4 = (8, 4), rispettivamente. Lintersezione `e
P5 = (3.619, 1.111).
Poich`e la ricerca di un centro porta spesso a dover identificare un punto che
appartiene a due rette, ciascuna passante per due punti assegnati, `e opportuno
definire una funzione che permetta di risparmiare tempo, diminuisca le probabi-
lit`
a di errori di scrittura, e renda pi`
u agevole la comprensione del procedimento,
senza appesantirlo con calcoli banali. La funzione Centro ammette quali para-
metri di ingresso le otto coordinate dei quattro punti per cui devono passare le
due rette, e restituisce le coordinate dellintersezione delle rette:

Centro[z1_,y1_,z2_,y2_,z3_,y3_,z4_,y4_]:=
Module[{z5,y5,D},
D=(y1-y2)(z3-z4)+(-y3+y4)(z1-z2);
z5=- (((y2 z1-y1 z2)(z3-z4)+(-y4 z3+y3 z4)(z1-z2))/D);
y5=(y1 (y4 (-z2+z3)+y3 (z2-z4))+y2 (y4 (z1-z3)+y3 (-z1+z4)))/D;
Print[z5];Print[y5]
]

38 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 3. LANALISI CINEMATICA E LA GEOMETRIA ANALITICA: I

Utilizzando gli stessi valori che hanno permesso di ottenere la Figura prece-
dente, si ha, ad esempio:
Centro[1.,5,4,-2,2,-3,8,4]
3.61905
1.11111

Intersezione di due rette, una identificata da due punti ed


una di direzione assegnata e passante per un punto
Si consideri il seguente problema:
assegnata una retta, passante per i punti (z1 , y1 ) e (z2 , y2 ) , ed una retta
passante per il punto (x3 , y3 ) e di pendenza m, ricavare lintersezione delle due
rette.

Hz3,y3L

Hz2,y2L
Hz4,y4L
Z
ArcTan@mD

Hz1,y1L

Figura 3.3: Intersezione di due rette, una passante per due punti assegnati ed
una di direzione assegnata e passante per un punto

La prima retta ha equazione:


y2 y1 y1 z2 y2 z1
yA [z] = z+ (3.17)
z2 z1 z2 z1
mentre la seconda pu`
o scriversi:
yB [z] = m (z z3 ) + y3 (3.18)

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 39


3.2. PORTALE CON CERNIERA E PENDOLO

e quindi l intersezione (z4 , y4 ) si ottiene risolvendo il sistema di equazioni:


y2 y1 y1 z2 y2 z1
y4 = z4 +
z2 z1 z2 z1 (3.19)
y4 = m (z4 z3 ) + y3

Si hanno quindi le coordinate della richiesta intersezione:

y2 z1 y1 z2 + y3 (z1 + z2 ) + mz1 z3 mz2 z3


z4 =
y1 + y2 + m (z1 z2 )
(3.20)
y2 (y3 + m (z1 z3 )) y1 (y3 + m (z2 z3 ))
y4 =
y1 + y2 + m (z1 z2 )

In Figura 3.3 `e riportato il disegno della retta passante per P1 = (1, 5) e


P2 = (4, 2), della retta passante per P3 = (2, 3), con pendenza assegnata
m = 1 e della loro intersezione P4 = (3.7, 1.3).
Anche in questo caso, `e opportuno definire una funzione che utilizzi in in-
gresso le sei coordinate dei tre punti prescritti, pi`u lassegnata pendenza, e
restituisca le coordinate dellintersezione:
Centro1[z1_,y1_,z2_,y2_,z3_,y3_,m_]:=
Module[{z4,y4,D},
D=-y1+y2+m (z1-z2);
z4=(y2 z1 -y1 z2+y3 (-z1+z2)+m z1 z3-m z2 z3)/D;
y4= (y2 (y3+m (z1-z3))-y1 (y3+m (z2-z3)))/D;
Print[z4];Print[y4];
];
Utilizzando gli stessi valori che hanno permesso di ottenere la Figura prece-
dente, si ha, ad esempio:
Centro1[1.,5,4,-2,2,-3,1]
3.7
1.3

3.2 Portale con cerniera e pendolo


Si consideri il portale di Figura 3.4, costituito da due tratti rigidi collegati da
una cerniera in B, e vincolato al suolo con appoggio in A ed un pendolo in C.
Il pendolo `e inclnato di un angolo rispetto allorizzontale. Le coordinate dei
tre punti significativi sono deducibili dalla Figura 3.4, ipotizzando un sistema
di riferimento con origine in A, asse verticale che punta verso il basso, asse
orizzontale che punta verso destra:

zA = 0 yA = 0 zB = L1 (3.21)
yB = (H1 + H2 ) zC = L1 + L2 yC = H1 (3.22)

40 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 3. LANALISI CINEMATICA E LA GEOMETRIA ANALITICA: I

H2
C

H1

L1 L2

Figura 3.4: Un telaio zoppo costituito da due tratti rigidi connessi da una
cerniera

Si tratta di una struttura composta da due tratti, quindi i centri da deter-


minare sono i due centri assoluti C1 e C2 , ed il centro relativo C12 . La presenza
dellappoggio in A permette di situare subito il centro C1 , mentre la cerniera in
B permette di situare subito il centro di rotazione relativo C12 . Infine, il centro
di rotazione assoluto C2 deve situarsi lungo la retta dazione del pendolo, la cui
equazione pu` o essere scritta utilizzando la (3.6):

yP [z] = mz m (L1 + L2 ) H1 (3.23)

Applicando ora il primo teorema sulle catene cinematiche giungiamo ad iden-


tificare il centro assoluto C2 del secondo tratto allintersezione tra la retta da-
zione del pendolo e la congiungente il punto A ed il punto B. La retta passante
per C1 e C12 ha equazione deducibile dalla (3.9):

yB yA yA zB yB zA (H1 + H2 )
yAB [z] = z+ = z (3.24)
zB zA zB zA L1
e quindi le coordinate del centro di rotazione assoluto C2 si ottengono interse-
cando le due rette. Utilizzando la funzione Centro1 si ha:
Centro1[0, 0, L1 , (H1 + H2 ) , L1 + L2 , H1 , m]
e quindi pu`
o definirsi la posizione del centro C2 attraverso le sue due coordinate:

L1 (H1 + m (L1 + L2 ))
zC2 =
H1 + H2 + mL1
(3.25)
(H1 + H2 ) (H1 + m (L1 + L2 ))
yC2 =
H1 + H2 + mL1
Si passa ora al tracciamento del cinematismo. Assegnato il parametro lagran-

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 41


3.2. PORTALE CON CERNIERA E PENDOLO

C2
wB
C12 1

wC
C1

1 vB

vC

Figura 3.5: I centri di rotazione ed il relativo meccanismo per lesempio di Figura


3.4

giano, ossia scelto arbitrariamente langolo di cui ruota il primo tratto intorno
ad un asse ortogonale al piano e passante per C1 , si pu`o tracciare il diagramma
delle componenti verticali di spostamento per il primo tratto: esso `e costituito
da un segmento rettilineo, inclinato di rispetto alla fondamentale. In corri-
spondenza del centro C12 si ha lo spostamento vB = L1 , che fornisce uno
dei due valori necessari a disegnare il diagramma degli spostamenti verticali
lungo il secondo tratto. Laltro valore `e ovviamente il valore nullo in corri-
spondenza del centro C2 . Nel segue che il secondo tratto ruoter`a di un angolo
1 = vB /L2 = L1 /L2 .

Per disegnare il diagramma delle componenti orizzontali di spostamento si


consideri che per il primo tratto si ha il valore nullo in C1 e linclinazione, pari
ad , e questo permette il tracciamento immediato del diagramma, da zero fino
a wB = (H1 + H2 ). Per il secondo tratto, si consideri che il diagramma
deve annullarsi in C2 ed essere inclinato di 1 , oppure, alternativamente, che si
conosce il valore dello spostamento wB ed il punto di nullo in C2 . In ambedue
i casi si ottiene il risultato di Figura 3.5, in cui `e possibile anche leggere le
componenti di spostamento del pendolo in C.

42 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 3. LANALISI CINEMATICA E LA GEOMETRIA ANALITICA: I

Un caso limite
Se lasse del pendolo `e verticale, langolo diviene /2, ed il coefficiente angolare
m diviene infinito. E per` o immediato semplificare le (3.25), ottenendo il caso
limite:
zC2 = L1 + L2
(H1 + H2 ) (L1 + L2 ) (3.26)
yC2 =
L1

3.3 Portale con pendolo interno


Si consideri il portale di Figura 3.6, costituito da due tratti rigidi collegati da un
pendolo in B, e vincolato al suolo con appoggi in A e C. Il pendolo `e inclinato
di un angolo rispetto allorizzontale. Le coordinate dei tre punti significativi
sono deducibili dalla Figura 3.6, ipotizzando lusuale sistema di riferimento con
origine in A:

H1

A C

L1 L2

Figura 3.6: Un telaio zoppo costituito da due tratti rigidi connessi da un pendolo

zA = 0 yA = 0 zB = L1 (3.27)
yB = H1 zC = L1 + L2 yC = 0 (3.28)

Si tratta di una struttura composta da due tratti, quindi i centri da deter-


minare sono i due centri assoluti C1 e C2 , ed il centro relativo C12 . La presenza
dellappoggio in A permette di situare subito il centro C1 , mentre lappoggio in
C permette di situare subito il centro di rotazione assoluto C2 . Infine, il centro
di rotazione relativo C12 deve situarsi lungo la retta dazione del pendolo, di
equazione, deducibile a partire dalla (3.6):

yP [z] = m (z L1 ) H1 (3.29)

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 43


3.3. PORTALE CON PENDOLO INTERNO

Secondo il primo teorema sulle catene cinematiche, i tre centri C1 , C2 e C12


devono essere allineati, quindi il centro C12 dovr`a situarsi sulla congiungente gli
appoggi in A ed in C. Tale congiungente ha equazione:
yC yA yA zC yC zA
yAB [z] = z+ (3.30)
zC zA zC zA

e quindi le coordinate del centro di rotazione relativo C12 si ottengono inter-


secando questa retta e la retta dazione del pendolo. Utilizzando la funzione
Centro1 si deve scrivere:
Centro1[0, 0, L1 + L2 , 0, L1 , H1 , m];
e quindi le coordinate del centro di rotazione relativo C12 possono scriversi.

H1
zC12 = + L1
m (3.31)
yC12 =0

Assegnato il parametro lagrangiano, ossia scelto arbitrariamente langolo


di cui ruota il primo tratto intorno ad un asse ortogonale al piano e passante
per C1 , si pu`
o tracciare il diagramma delle componenti verticali di spostamento
per il primo tratto: esso `e costituito da un segmento rettilineo, inclinato di
rispetto alla fondamentale. In corrispondenza del centro C12 si ha lo sposta-
mento vC12 = zC12 , che fornisce uno dei due valori necessari a disegnare il
diagramma degli spostamenti verticali lungo il secondo tratto. Laltro valore
`e ovviamente il valore nullo in corrispondenza del centro C2 . Si noti che si
sono disegnate a tratteggio le parti virtuali di ambedue le rette, ossia le parti
che non corrispondono a punti reali. Langolo di rotazione del secondo tratto `e
calcolabile come:
zC12
2 = (3.32)
zC12 zC
La faccia sinistra del pendolo subisce uno spostamento verticale pari a:

vBsin = zB = L1 (3.33)

mentre la faccia destra avr`a lo spostamento:

vBdes = 2 (zC zB ) = 2 L2 (3.34)

Le componenti orizzontali di spostamento si deducono immediatamente, rea-


lizzando che il primo tratto ruota dellangolo ed il secondo dellangolo 2 . Di
conseguenza, gli spostamenti orizzontali delle due facce del pendolo sono pari:

wBsin = yB = H1
(3.35)
wBdes = 2 yB = 2 H1

44 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 3. LANALISI CINEMATICA E LA GEOMETRIA ANALITICA: I

wBsin wBdes

C1 C2 C12


vBsin 2

vBdes

Figura 3.7: I centri di rotazione ed il relativo meccanismo per l esempio di


Figura 3.6

Un caso limite
Se lasse del pendolo `e verticale, langolo diviene /2, ed il coefficiente angolare
m diviene infinito. E per` o immediato semplificare le (3.31), ottenendo il caso
limite:
zC12 = L1
(3.36)
yC12 = 0

L1
In questa ipotesi, 2 = e le due facce del pendolo subiscono lo stesso
L2
spostamento verticale.

3.4 Portale con doppio bipendolo interno


Si consideri il portale di Figura 3.8, costituito da due tratti rigidi collegati da un
doppio bipendolo in B, e vincolato al suolo con appoggi in A e C. Le coordinate
dei tre punti significativi sono deducibili dalla stessa Figura, ipotizzando un
sistema di riferimento con origine in A:

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 45


3.5. TELAIO A QUATTRO CERNIERE

H1

A C

L1 L2

Figura 3.8: Un telaio appoggiato in A e C, costituito da due tratti rigidi connessi


da un doppio bipendolo

zA = 0 yA = 0 zB = L1 (3.37)
yB = H1 zC = L1 + L2 yC = 0 (3.38)

Si tratta di una struttura composta da due tratti, quindi i centri da deter-


minare sono i due centri assoluti C1 e C2 , ed il centro relativo C12 . La presenza
dei due appoggi permette di individuare subito i due centri di rotazione assoluti
C1 e C2 . Infine, il centro di rotazione relativo C12 `e improprio, lungo la retta
che congiunge C1 e C2 . Ne segue che le rotazioni relative in B sono proibite,
e le rette rappresentative degli spostamenti dei due tratti devono essere paral-
lele. Si ha quindi il diagramma di Figura 3.9 da cui `e immediato ricavare gli
spostamenti del doppio bipendolo.

3.5 Telaio a quattro cerniere


Si consideri il portale di Figura 3.10, costituito da tre tratti rigidi collegati
da due cerniere in B ed in C, e vincolato al suolo con appoggi in A e D.
Le coordinate dei quattro punti significativi sono deducibili dalla Figura 3.10,
ipotizzando lusuale sistema di riferimento con origine in A:

zA = 0 yA = 0 zB = L1 (3.39)
yB = (H1 + H2 ) zC = L1 + L2 yC = (H1 + H2 ) (3.40)
zD = L1 + L2 + L3 yD = H1 (3.41)

Si tratta di una struttura composta da tre tratti, quindi i centri da determi-


nare sono i tre centri assoluti C1 , C2 e C3 , e i tre centri relativi C12 , C13 e C23 .

46 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 3. LANALISI CINEMATICA E LA GEOMETRIA ANALITICA: I

C1 C2

Figura 3.9: Un possibile cinematismo per il telaio di Figura 3.8

B C

H2

H1

L1 L2 L3

Figura 3.10: Un telaio zoppo costituito da tre tratti rigidi connessi da due
cerniere

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 47


3.5. TELAIO A QUATTRO CERNIERE

La presenza dellappoggio in A permette di situare subito il centro C1 , mentre le


cerniere in B e C permettono di situare subito i centri di rotazione relativi C12
e C23 , rispettivamente. Infine, il centro di rotazione assoluto C3 deve situarsi
nellappoggio D.
Applicando ora ai primi due tratti il primo teorema sulle catene ci-
nematiche, possiamo affermare che il centro C2 deve appartenere alla retta che
congiunge C1 e C12 , e riapplicandolo al secondo e terzo tratto si potr`adedurre che
C2 appartiene anche alla retta che congiunge C23 e C3 . Si pu`o allora utilizzare
la funzione Centro, che restituisce le coordinate di C2 :
Centro[0, 0, L1 , (H1 + H2 ) , L1 + L2 , (H1 + H2 ) , L1 + L2 + L3 , H1 ]
ottenendo:
L1 (H1 (L1 + L2 ) + (H1 H2 ) (L1 + L2 + L3 ))
zC2 =
H2 L1 (H1 + H2 ) L3
(3.42)
(H1 H2 ) (H1 (L1 L2 ) + (H1 H2 ) (L1 + L2 + L3 ))
yC2 =
H2 L1 (H1 + H2 ) L3

Il centro C13 deve appartenere alla retta che congiunge C1 e C3 , e per il


secondo teorema delle catene cinematiche, deve anche appartenere alla retta
che congiunge C12 e C23 . Si ha quindi:
Centro[0, 0, L1 + L2 + L3 , H1 , L1 , (H1 + H2 ) , L1 + L2 , (H1 + H2 )] ;

((H1 + H2 ) L1 + (H1 H2 ) (L1 + L2 )) (L1 L2 L3 )


zC13 =
H1 L2
(3.43)
(H1 H2 ) L1 + (H1 H2 ) (L1 + L2 )
yC13 =
L2
Assegnato il parametro lagrangiano, ossia scelto arbitrariamente langolo
di cui ruota il primo tratto intorno ad un asse ortogonale al piano e passante
per C1 , si pu`o tracciare il diagramma delle componenti verticali di spostamento
per il primo tratto: esso `e costituito da un segmento rettilineo, inclinato di ri-
spetto alla fondamentale. In corrispondenza del centro C12 si ha lo spostamento
vB = L1 , che fornisce uno dei due valori necessari a disegnare il diagramma
degli spostamenti verticali lungo il secondo tratto. Laltro valore `e ovviamente
il valore nullo in corrispondenza del centro C2 . Nel segue che il secondo tratto
ruoter` a di un angolo 1 = vB /L2 = L1 /L2 , e la relativa deformata si esten-
der`a fino al punto C23 . Per il terzo tratto, baster`a congiungere lultimo punto
della seconda deformata con il valore nullo in corrispondenza dellappoggio in
D.
Per disegnare il diagramma delle componenti orizzontali di spostamento si
consideri che per il primo tratto si ha il valore nullo in C1 e linclinazione, pari
ad , e questo permette il tracciamento immediato del diagramma, da zero fino
a wB = (H1 + H2 ). Per il secondo tratto, si consideri che il diagramma
deve annullarsi in C2 ed essere inclinato di 2 , oppure, alternativamente, che si

48 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 3. LANALISI CINEMATICA E LA GEOMETRIA ANALITICA: I

wB C2
wC
C12 C23

2
C3

C1

vB
1 2
vC

Figura 3.11: I centri di rotazione ed il relativo meccanismo per l esempio di


Figura 3.10

conosce il valore dello spostamento wB ed il punto di nullo in C2 . In ambedue


i casi si ottiene il risultato di Figura 3.11

3.6 Portale a tre cerniere e bipendolo


Si consideri il portale di Figura 3.12, uguale al portale dellesercizio precedente,
ma con un bipendolo in C. Le coordinate dei quattro punti significativi sono
deducibili dalla Figura:

zA = 0 yA = 0 zB = L1 (3.44)
yB = (H1 + H2 ) zC = L1 + L2 yC = (H1 + H2 ) (3.45)
zD = L1 + L2 + L3 yD = H1 (3.46)

Si tratta di una struttura composta da tre tratti, quindi i centri da determi-


nare sono i tre centri assoluti C1 , C2 e C3 , e i tre centri relativi C12 , C13 e C23 .
La presenza dellappoggio in A permette di situare subito il centro C1 , mentre
la cerniera in B permette di situare subito il centro di rotazione relativo C12 . Il
bipendolo interno in C situa il centro C23 lungo la retta impropria ortogonale
allasse del bipendolo. Infine, il centro di rotazione assoluto C3 deve situarsi
nellappoggio D.
Applicando ora il primo teorema sulle catene cinematiche, possiamo afferma-
re che il centro C2 deve appartenere alla retta che congiunge C1 e C12 , ed anche

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 49


3.6. PORTALE A TRE CERNIERE E BIPENDOLO

B C

H2

H1

L1 L2 L3

Figura 3.12: Un telaio zoppo costituito da tre tratti rigidi connessi da una
cerniera e da un bipendolo

alla retta che congiunge C23 e C3 , ossia alla retta passante per D ed avente in-
clinazione ortogonale allasse del bipendolo. Nel caso in esame, quindi, in cui il
bipendolo ha asse verticale, bisogner`a tracciare la retta orizzontale passante per
D, quindi con m = 0. Utilizzando la funzione Centro1 bisogna quindi scrivere:
Centro1[0, 0, L1 , (H1 + H2 ) , L1 + L2 + L3 , H1 , 0]
ottenendo le coordinate del centro C2 :
H1 L1
zC2 =
H1 H2 (3.47)
yC2 = H1

Il centro C13 deve appartenere alla retta che congiunge C1 e C3 , e per il


secondo teorema delle catene cinematiche, deve anche appartenere alla retta
che congiunge C12 e C23 . Le sue coordinate possono calcolarsi con:
Centro1[0, 0, L1 + L2 + L3 , H1 , L1 , (H1 + H2 ) , 0]
ottenendo:

(H1 H2 ) (L1 + L2 + L3 )
zC13 =
H1 (3.48)
yC13 = H1 H2

Assegnato il parametro lagrangiano, ossia scelto arbitrariamente langolo


di cui ruota il primo tratto intorno ad un asse ortogonale al piano e passante per
C1 , si pu`
o tracciare il diagramma delle componenti verticali di spostamento per
il primo tratto: esso `e costituito da un segmento rettilineo, inclinato di rispetto

50 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 3. LANALISI CINEMATICA E LA GEOMETRIA ANALITICA: I

C12 C23=

1
C2 C3

C1

1
1

Figura 3.13: I centri di rotazione ed il relativo meccanismo per l esempio di


Figura 3.12

alla fondamentale. In corrispondenza del centro C12 si ha lo spostamento vB =


L1 , che fornisce uno dei due valori necessari a disegnare il diagramma degli
spostamenti verticali lungo il secondo tratto. Laltro valore `e ovviamente il
valore nullo in corrispondenza del centro C2 . Nel segue che il secondo tratto
ruoter`a di un angolo 1 = vB /L2 , e la relativa deformata si estender`a fino al
bipendolo in C. Si noti che una parte della retta `e fittizia, ed `e quindi stata
tratteggiata. Il terzo tratto dovr`
a ruotare della stessa quantit`a 1 di cui `e ruotato
il secondo tratto, partendo dal punto di nullo in corrispondenza della cerniera
in D.
Il disegno delle componenti orizzontali di spostamento non presenta alcun
elemento di novit`
a, rispetto a quanto detto nellesercizio precedente.

3.7 Portale con bipendolo al piede

Si consideri il portale di Figura 3.14, costituito da tre tratti rigidi collegati da


due cerniere in B ed in C, e vincolato al suolo con un bipendolo in A ed una
cerniera in D. Le coordinate dei quattro punti significativi sono deducibili dalla

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 51


3.7. PORTALE CON BIPENDOLO AL PIEDE

B C

H2

H1

L1 L2 L3

Figura 3.14: Un telaio zoppo costituito da tre tratti rigidi connessi da due
cerniere, vincolato al suolo con bipendolo ed appoggio

Figura 3.14, ipotizzando un sistema di riferimento con origine in A:

zA = 0 yA = 0 zB = L1 (3.49)
yB = (H1 + H2 ) zC = L1 + L2 yC = (H1 + H2 ) (3.50)
zD = L1 + L2 + L3 yD = H1 (3.51)

Si tratta di una struttura composta da tre tratti, quindi i centri da deter-


minare sono i tre centri assoluti C1 , C2 e C3 , e i tre centri relativi C12 , C13
e C23 . La presenza del bipendolo in A permette di situare subito il centro C1 ,
punto improprio della retta verticale, mentre le cerniere in B e C permettono di
situare subito il centro di rotazione relativo C12 e C23 , rispettivamente. Infine,
il centro di rotazione assoluto C3 deve situarsi nellappoggio D.
Applicando ora il primo teorema sulle catene cinematiche, possiamo affer-
mare che il centro C2 deve appartenere alla retta che congiunge C1 e C12 , ed
anche alla retta che congiunge C23 e C3 . Ipotizzando, in un primo momento,
che il bipendolo sia inclinato secondo una retta di coefficiente angolare m, si
avr`a subito:
Centro1[L1 + L2 , H1 H2 , L1 + L2 + L3 , H1 , L1 , H1 H2 , m]
ottenendo le coordinate di C2 come:

H2 (L1 + L2 ) mL1 L3
zC2 =
H2 mL3
(3.52)
H1 (H2 mL3 ) + H2 (H2 m (L2 + L3 ))
yC2 =
H2 + mL3

52 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 3. LANALISI CINEMATICA E LA GEOMETRIA ANALITICA: I

C2


C12 C23

1
C3

C1=
1

Figura 3.15: I centri di rotazione ed il relativo meccanismo per l esempio di


Figura 3.14

ed il limite per m che tende ad infinito fornisce il caso limite di Figura 3.14, in
cui il bipendolo ha asse di scorrimento orizzontale:

zC2 = L1
H2 (L2 + L3 ) (3.53)
yC2 = H1
L3
Per disegnare il diagramma delle componenti verticali di spostamento, si
consideri che il primo tratto non subisce traslazioni verticali, e quindi occorre
assegnare arbitrariamente langolo di cui ruota il secondo tratto intorno ad un
asse ortogonale al piano e passante per C12 . In corrispondenza della cerniera in
C si ha quindi uno spostamento verticale pari ad u2C = L2 , ed il diagramma
pu`o essere completato per il terzo tratto congiungendo tale valore col punto di
nullo in D. Langolo di rotazione del terzo tratto sar`a quindi 1 = L2 /L3 .
Per disegnare il diagramma delle componenti orizzontali di spostamento si
consideri che per il terzo tratto ruota dellangolo 1 , e quindi lo spostamento
a pari a = 1 H2 . Infine, il primo tratto subir`a
orizzontale del traverso sar`
uno spostamento orizzontale costante, e pari a .

Verifica analitica
Le equazioni di vincolo possono scriversi come:

u2A = 0 A = 0 u3B = 0 u2B = 0 (3.54)


u3C = 0 u2C = 0 u3D = 0 u2D = 0 (3.55)

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 53


3.8. UN ARCO PARABOLICO

B
C
f
D
A

L1 L2 L3

Figura 3.16: Un arco parabolico costituito da tre tratti

e scegliendo come coordinate lagrangiane le seguenti quantit`a:

d T = {u3A , u2A , A , u3Ddes , u2Bdes , Bdes , u3D , u2D , D } (3.56)

si giunge alle otto equazioni nelle nove incognite:

u2A = 0 A = 0 u3Bdes = u3A (3.57)


u2Bdes = 0 u3Bdes = u3D D H2 u2Bdes + B L2 = u2D + D L3 (3.58)
u3D = 0 u2D = 0 (3.59)

Si sceglie un parametro libero, ad esempio lo spostamento , e si esprimono


le altre coordinate in funzione di esso:

u3A = u3Bdes = (3.60)


L3
D = Bdes = (3.61)
H2 H2 L2
ritrovando i valori ottenuti col metodo geometrico.

3.8 Un arco parabolico


Si consideri ora larco parabolico di Figura 3.16, di luce complessiva L e freccia
f . Esso `e costituito da tre tratti rigidi collegati da due cerniere in B ed in C,
ed `e vincolato al suolo con un bipendolo in A ed un appoggio in D. Lequazione
dellasse dellarco `e:
f
y[z] = 4 2 z(L z) (3.62)
L
e di conseguenza le coordinate dei quattro punti A, B, C e D sono forniti da:

zA = 0 yA = 0 zB = L1 (3.63)
yB = y [L1 ] zC = L1 + L2 yC = y [L1 + L2 ] (3.64)
zD = L1 + L2 + L3 yD = y [L1 + L2 + L3 ] (3.65)

Si tratta di una struttura composta da tre tratti, quindi i centri da deter-


minare sono i tre centri assoluti C1 , C2 e C3 , e i tre centri relativi C12 , C13

54 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 3. LANALISI CINEMATICA E LA GEOMETRIA ANALITICA: I

e C23 . La presenza del bipendolo in A permette di situare subito il centro C1 ,


punto improprio della retta ortogonale al piano di scorrimento del bipendolo,
mentre le cerniere in B e C permettono di situare subito il centro di rotazione
relativo C12 e C23 , rispettivamente. Infine, il centro di rotazione assoluto C3
deve situarsi nellappoggio D.
Applicando ora il primo teorema sulle catene cinematiche, possiamo affer-
mare che il centro C2 deve appartenere alla retta che congiunge C1 e C12 , ed
anche alla retta che congiunge C23 e C3 . Ipotizzando, in un primo momento,
che il bipendolo sia inclinato secondo una retta di coefficiente angolare m, si
avr`a subito:
Centro1[L1 + L2 , y [L1 + L2 ] , L1 + L2 + L3 , y [L1 + L2 + L3 ] , L1 , y [L1 ] , m]
Le coordinate del centro C2 sono quindi fornite da:

 
2
4f L2 L L1 mL21 + m (L2 + L3 ) + L1 (4f + 2mL2 + 2mL3 )
zC2 =  
4f (L1 + L2 )
L2 m +
L2
 
4f L1
4f (L1 + L2 ) (L2 + L3 ) m
L2
yC2 =  
4f (L1 + L2 )
L2 m +
L2
(3.66)
Se poi, come usuale, il bipendolo ha asse di scorrimento ortogonale allasse
dellarco, ne segue che la pendenza m della direzione dei pendoli sar`a proprio:
dy f
m= [z = 0] = 4 (3.67)
dz L
ed in tal caso il centro C2 avr`
a coordinate:

L31 + LL2 (L2 + L3 ) + L21 (L + 2L2 + 2L3 ) + L1 L22 + L23 + L2 (L + 2L3 )
zC2 =
L21 + L22 + L23 + L2 (L + 2L3 ) + L1 (L + 2L2 + 2L3 )

4f (L1 + L2 ) (L2 + L3 ) L21 + (L2 + L3 ) 2 + L1 (L + 2L2 + 2L3 )
yC2 =
(L1 + L2 + L3 ) 2 (L21 + L22 + L23 + L2 (L + 2L3 ) + L1 (L + 2L2 + 2L3 ))
(3.68)
Per disegnare il diagramma delle componenti verticali di spostamento, si
assegni arbitrariamente uno spostamento verticale al bipendolo in A. Tale
spostamento resta costante lungo tutto il primo tratto, fino alla cerniera B,
poi occorre tracciare gli spostamenti verticali del secondo tratto. Conoscendo
sia lo spostamento in corrispondenza di C12 (= ) che lo spostamento in corri-
spondenza di C2 (=0), si pu`o tracciare subito la retta che congiunge tali punti,
proseguendola fino alla cerniera in C. Il secondo tratto ruota quindi dellangolo:

2 = (3.69)
zC2 zB

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 55


3.8. UN ARCO PARABOLICO

C2 K
2

C23 F
C12 C
B
3
C1=
C3
H A
1

2 3

Figura 3.17: I centri di rotazione ed il relativo meccanismo per l esempio di


Figura 3.16

e la cerniera in C subisce uno spostamento verticale pari a:


zC zC2
vC = 2 (zC zC2 ) = (3.70)
zC2 zB

Si pu`
o infine completare il diagramma, in quanto sul terzo tratto si conoscono
gli abbassamenti in C ed in D. Il terzo tratto ruota quindi di:
vC zC zC2
3 = = 2 (3.71)
zD zC zD zC
Per disegnare il diagramma delle componenti orizzontali di spostamento si
consideri che per il terzo tratto ruota dellangolo 3 , e quindi lo spostamento
orizzontale della cerniera C sar`a pari a:

wC = 3 (yC yD ) (3.72)

Il diagramma delle componenti orizzontali di spostamento pu`o quindi essere


tracciato (retta HC). Il secondo tratto ruota intorno a C2 , quindi il relativo
diagramma degli spostamenti orizzontali si ottiene dalla retta KB (solo il tratto
F B `e reale). Lo spostamento orizzontale della cerniera in B `e quindi fornito da:


wB = 1 = 2 (yC2 yB ) = (yC2 yB ) (3.73)
zC2 zB

Infine, il primo tratto non subisce rotazioni, quindi il suo diagramma sar`a
fornito dalla retta verticale BA. Si noti che il bipendolo subir`a uno spostamento

56 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 3. LANALISI CINEMATICA E LA GEOMETRIA ANALITICA: I

B
C
f
D
A

L1 L2 L3

Figura 3.18: Un arco costituito da tre tratti collegati da una cerniera ed un


bipendolo

di intensit`
a: s  2
yC2 yB
sA = 1+ (3.74)
zC2 zB

3.9 Arco con bipendolo interno


Si consideri ora larco parabolico di Figura 3.18, di luce complessiva L e freccia
f . Esso `e costituito da tre tratti rigidi collegati da una cerniera in B ed un
bipendolo in C, ed `e vincolato al suolo con due appoggi in A e D. Lequazione
dellasse dellarco `e:
f
y[z] = 4 2 z(L z) (3.75)
L
e di conseguenza le coordinate dei quattro punti A, B, C e D sono forniti da:

zA = 0 yA = 0 zB = L1 (3.76)
yB = y [L1 ] zC = L1 + L2 yC = y [L1 + L2 ] (3.77)
zD = L1 + L2 + L3 yD = y [L1 + L2 + L3 ] (3.78)

Si tratta di una struttura composta da tre tratti, quindi i centri da deter-


minare sono i tre centri assoluti C1 , C2 e C3 , e i tre centri relativi C12 , C13 e
C23 . La presenza dei due appoggi di estremit`a permette di situare subito i centri
C1 e C3 , la cerniera in B rende possibile situare il centro relativo C12 , mentre
il bipendolo in C situa il centro di rotazione relativo C23 nel punto improprio
della retta definita dallasse dei pendoli.
Applicando ora il primo teorema sulle catene cinematiche, possiamo affer-
mare che il centro C2 deve appartenere alla retta che congiunge C1 e C12 , ed
anche alla retta che congiunge C23 e C3 . Ipotizzando, in un primo momento,
che il bipendolo sia inclinato secondo una retta di coefficiente angolare m, si
avr`a, in generale:
Centro1[zA , yA , zB , yB , zD , yD , m];
con il centro C2 di coordinate:

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 57


3.9. ARCO CON BIPENDOLO INTERNO

m (L1 + L2 + L3 )
zC2 =
4f (L2 + L3 )
m+ 2
(L1 + L2 + L3 ) (3.79)
4f m (L2 + L3 ) (L1 + L2 + L3 )
yC2 =
mL21 + 2mL1 (L2 + L3 ) + (L2 + L3 ) (4f + mL2 + mL3 )
Se poi, come usuale, il bipendolo ha asse di scorrimento ortogonale allasse
dellarco, ne segue che la pendenza m della direzione dei pendoli sar`a proprio:
dy 4f (L1 + L2 L3 )
m= [z = zC ] = 2 (3.80)
dz (L1 + L2 + L3 )
ed in tal caso il centro C2 avr`a coordinate:
(L1 + L2 L3 ) (L1 + L2 + L3 )
zC2 =
L1 + 2L2
(3.81)
4f (L1 + L2 L3 ) (L2 + L3 )
yC2 =
(L1 + 2L2 ) (L1 + L2 + L3 )
Per disegnare il diagramma delle componenti verticali di spostamento, si as-
segni arbitrariamente una rotazione di ampiezza al primo tratto, ossia intorno
a C1 A. Lo spostamento verticale di C12 sar`a quindi pari a L1 , e questo
permette il tracciamento delle componeneti verticali anche per il secondo tratto.
Basta infatti tracciare la retta che passa per (L1 , L1 ), ed il punto (zC2 , 0),
proseguendo fino al bipendolo in C. Il secondo tratto ruota quindi di un angolo:
L1
2 = (3.82)
zC2 zB
e la faccia sinistra del bipendolo in C subisce uno spostamento verticale pari a:

vCsin = 2 (zC zC2 ) (3.83)

Si pu`
o infine completare il diagramma, in quanto il terzo tratto dovr`a ruotare
dello stesso angolo di cui `e ruotato il secondo, ossia dovr`a essere parallelo al
secondo tratto, con punto di nullo in corrispondenza dellappoggio in D. La
faccia destra del bipendolo subir`a uno spostamento verticale pari a:

vCdes = 2 (zD zC ) = 2 L3 (3.84)

Per disegnare il diagramma delle componenti orizzontali di spostamento


si consideri che il primo tratto ruota dellangolo , e quindi lo spostamento
orizzontale della cerniera B sar`a pari a:

wB = yB (3.85)

Il secondo tratto ruota, dellangolo 2 , intorno a C2 , quindi il relativo dia-


gramma degli spostamenti orizzontali pu`o completarsi tracciando la retta che

58 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 3. LANALISI CINEMATICA E LA GEOMETRIA ANALITICA: I

C2
2 2
C12
C23=


C1 C3 2

2 2
2

Figura 3.19: I centri di rotazione ed il relativo meccanismo per l esempio di


Figura 3.18

passa per il punto precedente e poi interseca la fondamentale in corrisponden-


za di yC2 . A sinistra, quindi, possono leggersi gli spostamenti orizzontali della
semiluce sinistra dellarco.
Infine, il terzo tratto ruota di 2 , quindi la faccia destra del bipendolo subir`a
uno spostamento orizzontale pari a:

wCdes = 2 yC (3.86)

mentre gli spostamenti orizzontali del secondo tratto saranno rappresentati da


una retta parallela a quella appena tracciata per il terzo tratto. Lo spostamento
orizzontale della faccia sinistra del bipendolo sar`a quindi pari a:

wCsin = 2 (yC2 yC ) (3.87)

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 59


3.9. ARCO CON BIPENDOLO INTERNO

60 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


Capitolo 4

Lanalisi cinematica e la
geometria analitica: II

Per strutture costituite da quattro o pi`


u tratti la ricerca dei centri pu`o risultare
laboriosa. Tuttavia lutilizzo dei due teoremi delle catene cinematiche, insieme
ai pochi risultati di Geometria Analitica presentati nel Capitolo precedente,
permettono una deduzione metodica dei centri, ed il conseguente tracciamento
dei diagrammi di spostamento.

4.1 Una maglia chiusa


Si consideri il portale di Figura 4.1, costituito da quattro tratti rigidi collegati
da cerniere, e vincolati al suolo tramite un appoggio in A ed un pendolo in
C. Il pendolo `e inclinato di un angolo rispetto allorizzontale. Le coordinate
dei punti significativi sono deducibili dalla stessa Figura, ipotizzando lusuale
sistema di riferimento con origine in A:

zA = 0 yA = 0
zB = L1 + L2 yB = 0
zC = L1 + L2 + L3 + L4 yC = 0
(4.1)
zD = L1 yB = H1
zE = L1 + L2 + L3 yB = H3
zF = L1 + L5 yB = H1 H2 = H3 H4

Si tratta di una struttura composta da quattro tratti, quindi i centri da


determinare sono i quattro centri assoluti C1 , C2 , C3 e C4 , dei quattro tratti,
i centri di rotazione relativi tra il primo tratto ed i restanti tre, C12 , C13 , C14 ,
i centri di rotazione relativi tra il secondo tratto ed i restanti due, C23 , C24 ed
il centro di rotazione relativo C34 tra gli ultimi due tratti. La relativa tabella,

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 61


4.1. UNA MAGLIA CHIUSA

L5

H2 III IV H4

D E
H1 A I B II C H3

L1 L2 L3 L4

Figura 4.1: Un telaio zoppo costituito da due tratti rigidi connessi da una
cerniera

quindi, intrinsecamente simmetrica, pu`o indicarsi come:


C1 C12 C13 C14
C12 C2 C23 C24
C= (4.2)
C13 C23 C3 C34
C14 C24 C34 C4
I centri noti sono:
C1 in corrispondenza della cerniera in A
C12 in corrispondenza della cerniera in B
C13 in corrispondenza della cerniera in D
C34 in corrispondenza della cerniera in F
C24 in corrispondenza della cerniera in E
E inoltre immediato situare il centro assoluto C2 in corrispondenza della
congiungente C1 e C12 con lasse del pendolo, ossia in C.
Applicando ora il secondo teorema sulle catene cinematiche ai tratti 1,2 e 4
possiamo affermare che i tre centri relativi C12 , C14 e C24 devono essere allineati,
mentre applicando lo stesso teorema ai tratti 1, 3 e 4 possiamo affermare che
i tre centri relativi C13 , C14 e C34 devono essere allineati. Quindi il centro
C14 dovr` a situarsi allintersezione delle retta congiungente C12 e C24 , e della
retta congiungente C13 e C34 . Le sue coordinate possono ottenersi utilizzando
la funzione Centro:
Centro[L1 + L2 , 0, L1 + L2 + L3 , H3 , L1 , H1 , L1 + L5 , H1 H2 ]
che restituisce:
H2 L1 L3 (H3 (L1 + L2 ) + H1 L3 ) L5
zC14 =
H2 L3 H3 L5
(4.3)
H3 (H2 L2 + H1 L5 )
yC14 =
H2 L3 + H3 L5

62 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 4. LANALISI CINEMATICA E LA GEOMETRIA ANALITICA: II

Del tutto analogamente, applicando ora il secondo teorema sulle catene ci-
nematiche ai tratti 1, 2 e 3 possiamo affermare che i tre centri relativi C12 , C13
e C23 devono essere allineati, mentre applicando lo stesso teorema ai tratti 2,
3 e 4 possiamo affermare che i tre centri relativi C23 , C24 e C34 devono essere
allineati. Quindi il centro C23 dovr`a situarsi allintersezione delle retta congiun-
gente C12 e C13 , e della retta congiungente C24 e C34 . Esso pu`o quindi essere
calcolato con:
Centro[L1 + L2 , 0, L1 , H1 , L1 + L2 + L3 , H3 , L1 + L5 , H1 H2 ]
ed ha coordinate:
H2 L2 (L1 + L2 + L3 ) H3 L2 (L1 + L5 ) + H1 (L2 L5 + L1 (L3 + L5 ))
zC23 =
H2 L2 H3 L2 + H1 (L3 + L5 )
H1 ((H1 + H2 ) L3 + H3 (L2 L5 ))
yC23 =
H2 L2 + H3 L2 + H1 (L3 L5 )
(4.4)
Il centro assoluto di rotazione del terzo tratto pu`o essere dedotto applicando
il primo teorema delle catene cinematiche ai tratti 1 e 3, ed ai tratti 2 e 3. C3
dovr`a quindi situarsi allintersezione della retta congiungente C1 e C13 e della
retta congiungente C2 e C23 :
Centro[0, 0, L1 , H1 , L1 + L2 + L3 + L4 , 0, zC23 , yC23 ]
(L1 (L1 + L2 + L3 + L4 ) ((H1 + H2 ) L3 + H3 (L2 L5 )))
zC3 =
D (4.5)
(H1 (L1 + L2 + L3 + L4 ) ((H1 + H2 ) L3 + H3 (L2 L5 )))
yC3 =
D
con:
D = H2 (L1 L3 L2 L4 ) + H1 (L1 L3 + L2 L3 + (L3 + L4 ) (L3 L5 ))
(4.6)
+ H3 (L1 (L2 L5 ) + L2 (L2 + L3 + L4 L5 ))
Infine, il centro assoluto di rotazione del quarto tratto pu`o essere dedotto
applicando il primo teorema delle catene cinematiche ai tratti 1 e 4, ed ai tratti
2 e 4. C4 dovr` a quindi situarsi allintersezione della retta congiungente C1 e C14
e della retta congiungente C2 e C24 :
Centro[0, 0, zC14 , yC14 , L1 + L2 + L3 + L4 , 0, L1 + L2 + L3 , H3 ]

(L1 + L2 + L3 + L4 ) H2 L1 L3 (H3 (L1 + L2 ) + H1 L3 ) L5 )


zC4 =
H2 (L1 L3 L2 L4 ) (H3 (L1 + L2 ) + H1 (L3 + L4 )) L5
(4.7)
(L1 + L2 + L3 + L4 ) H3 (H2 L2 + H1 L5 )
yC4 =
H2 (L1 L3 + L2 L4 ) + (H3 (L1 + L2 ) + H1 (L3 + L4 )) L5
I dieci centri sono riportati in Figura 4.2, insieme alle rette necessarie per
la loro individuazione. Tuttavia, al fine del tracciamento del diagramma degli
spostamenti, non tutti i centro devono essere necessariamente dedotti

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 63


4.1. UNA MAGLIA CHIUSA

C3
C34

C4
C13
C1 C24 C2
C12
C14

C23

Figura 4.2: I dieci centri relativi al telaio a quattro tratti di Figura 4.1

Assegnato il parametro lagrangiano, ossia scelto arbitrariamente langolo


di cui ruota il primo tratto intorno ad un asse ortogonale al piano e passante per
C1 , si pu`o tracciare il diagramma delle componenti verticali di spostamento per
il primo tratto: esso `e costituito da un segmento rettilineo, inclinato di rispetto
alla fondamentale. In corrispondenza del centro C12 si ha lo spostamento vB =
(L1 + L2 ) che fornisce uno dei due valori necessari a disegnare il diagramma
degli spostamenti verticali lungo il secondo tratto. Laltro valore `e ovviamente
il valore nullo in corrispondenza del centro C2 . Nel segue che il secondo tratto
ruoter` a di un angolo:

zB zA L1 + L2
2 = = (4.8)
zC zB L3 + L4

Per ottenere le componenti verticali di spostamento del terzo tratto, si con-


sideri che in corrispondenza del centro C13 (cerniera D) si ha un valore noto,
e che tali componenti devono annullarsi in corrispondenza del punto C3 . Basta
congiungere questi due valori e si ottiene il richiesto diagramma (retta verde).
Analogamente, nel punto C24 (cerniera E) si conosce un punto del diagramma
relativo al tratto quarto, mentre laltro punto `e il valore nullo in corrispondenza
di C4. Ci`o basta per tracciare lintero diagramma (retta rossa).
Per disegnare il diagramma delle componenti orizzontali di spostamento si
consideri che per il primo tratto si ha il valore nullo in C1 e linclinazione, pari
ad , e questo permette il tracciamento immediato del diagramma, da zero
fino a wD = H1 . Poich`e in D `e situato il centro di rotazione relativo C13 ,
questo valore `e valido anche per il terzo tratto, e poich`e in corrispondenza di
C3 gli spostamenti devono annullarsi, si ha la possibilit`a di tracciare lintero
diagramma relativo al terzo tratto (retta verde). Si tenga sempre presente che

64 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 4. LANALISI CINEMATICA E LA GEOMETRIA ANALITICA: II

C3
C34
3
C4
4
C13 C24
C1 C12 C2

2

1* 13* 4* 34* 3* 24* 2*

Figura 4.3: I diagrammi degli spostamenti per il telaio di Figura 4.1

i valori per y < H1 + H2 sono fittizi. Il terzo tratto ruota di un angolo pari a:
yD yA
3 = (4.9)
yC3 zD
Il secondo tratto ruota dellangolo 2 intorno al punto C. Ci`o permette di
tracciare le componenti orizzontali di spostamento giungendo nella cerniera E
con uno spostamento pari a wE = 2 H3 . Da questo valore si pu`o poi tracciare
il diagramma rappresentativo del quarto tratto, utilizzando il punto di nullo
in corrispondenza di C4 (retta rossa). Infine, quindi, il quarto tratto ruota
dellangolo:
yE yC
4 = 2 (4.10)
yC4 zE

4.2 Una maglia chiusa con bipendolo


Lo stesso telaio dellesercizio precedente presenti un bipendolo ad asse di scor-
rimento verticale in A, invece dellappoggio:
I centri noti sono:
C1 in corrispondenza del punto improprio della retta orizzontale
C12 in corrispondenza della cerniera in B
C13 in corrispondenza della cerniera in D
C34 in corrispondenza della cerniera in F
C24 in corrispondenza della cerniera in E
E inoltre immediato situare il centro assoluto C2 in corrispondenza della
congiungente C1 e C12 con lasse del pendolo, ossia in C.
Applicando ora il secondo teorema sulle catene cinematiche ai tratti 1,2 e 4
possiamo affermare che i tre centri relativi C12 , C14 e C24 devono essere allineati,
mentre applicando lo stesso teorema ai tratti 1, 3 e 4 possiamo affermare che i

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 65


4.2. UNA MAGLIA CHIUSA CON BIPENDOLO

L5

H2 III IV H4
D E
H1 A I B II C H3

L1 L2 L3 L4

Figura 4.4: Un telaio zoppo costituito da due tratti rigidi connessi da una
cerniera

tre centri relativi C13 , C14 e C34 devono essere allineati. Quindi il centro C14
dovr`a situarsi allintersezione delle retta congiungente C12 e C24 , e della retta
congiungente C13 e C34 . La solita funzione Centro pu`o essere chiamata:
Centro[L1 + L2 , 0, L1 + L2 + L3 , H3 , L1 , H1 , L1 + L5 , H1 H2 ]
a fornire le richieste coordinate:
H2 L1 L3 (H3 (L1 + L2 ) + H1 L3 ) L5
zC14 =
H2 L3 H3 L5
(4.11)
H3 (H2 L2 + H1 L5 )
yC14 =
H2 L3 + H3 L5
Del tutto analogamente, applicando ora il secondo teorema sulle catene ci-
nematiche ai tratti 1, 2 e 3 possiamo affermare che i tre centri relativi C12 , C13 e
C23 devono essere allineati, mentre applicando lo stesso teorema ai tratti 2, 3 e 4
possiamo affermare che i tre centri relativi C23 , C24 e C34 devono essere allinea-
ti. Quindi il centro C23 dovr`a situarsi allintersezione delle retta congiungente
C12 e C13 , e della retta congiungente C24 e C34 . Esso ha quindi coordinate:
Centro[L1 + L2 , 0, L1 , H1 , L1 + L2 + L3 , H3 , L1 + L5 , H1 H2 ]

H2 L2 (L1 + L2 + L3 ) H3 L2 (L1 + L5 ) + H1 (L2 L5 + L1 (L3 + L5 ))


zC23 =
H2 L2 H3 L2 + H1 (L3 + L5 )
H1 ((H1 + H2 ) L3 + H3 (L2 L5 ))
yC23 =
H2 L2 + H3 L2 + H1 (L3 L5 )
(4.12)
Il centro assoluto di rotazione del terzo tratto pu`o essere dedotto applicando
il primo teorema delle catene cinematiche ai tratti 1 e 3, ed ai tratti 2 e 3. C3

66 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 4. LANALISI CINEMATICA E LA GEOMETRIA ANALITICA: II

dovr`a quindi situarsi allintersezione della retta congiungente C1 e C13 (ossia


dellorizzontale per C13 ) e della retta congiungente C2 e C23 . Questa volta
occorre utilizzare la funzione Centro1:
Centro1[L1 + L2 + L3 + L4 , 0, zC23, yC23, L1 , H1 , 0]
che restituisce:
H2 (L1 L3 + (L2 + L3 ) (L3 + L4 )) + H3 (L1 (L2 L5 )
zC3 = +
(H1 + H2 ) L3 + H3 (L2 L5 )
(4.13)
H1 (L1 L3 + (L3 + L4 ) L5 ) (L3 + L4 ) L5 )
(H1 + H2 ) L3 + H3 (L2 L5 )

yC3 = H1 (4.14)
Infine, il centro assoluto di rotazione del quarto tratto pu`o essere dedotto
applicando il primo teorema delle catene cinematiche ai tratti 1 e 4, ed ai tratti
2 e 4. C4 dovr` a quindi situarsi allintersezione della retta congiungente C1 e C14
(ossia dellorizzontale per C14 ) e della retta congiungente C2 e C24 . Ancora la
funzione Centro1:
Centro1[L1 + L2 + L3 + L4 , 0, L1 + L2 + L3 , H3 , zC14, yC14, 0]
restituicse:
H3 L4 (H2 L2 + H1 L5 )
H3 (L1 + L2 + L3 + L4 ) +
H2 L3 + H3 L5
zC4 =
H3 (4.15)
H3 (H2 L2 + H1 L5 )
yC4 =
H2 L3 + H3 L5
I dieci centri sono riportati in Figura 4.5, insieme alle rette necessarie per
la loro individuazione. Tuttavia, al fine del tracciamento del diagramma degli
spostamenti, non tutti i centri devono essere necessariamente dedotti
Assegnato il parametro lagrangiano, ossia scelto arbitrariamente lo sposta-
mento del primo tratto (si noti che lo si `e scelto verso lalto, quindi negativo),
si pu`o tracciare il diagramma delle componenti verticali di spostamento per il
primo tratto: esso `e costituito da un segmento orrizontale, fino al centro C12 .
Poi, lungo il secondo tratto, il diagramma scende fino ad annullarsi in C2 . Nel
segue che il secondo tratto ruoter` a di un angolo:

2 = = (4.16)
zC zB L3 + L4
Per ottenere le componenti verticali di spostamento del terzo tratto, si con-
sideri che in corrispondenza del centro C13 (cerniera D) si ha lo spostamento ,
e che tali componenti devono annullarsi in corrispondenza del punto C3 . Basta
congiungere questi due valori e si ottiene il richiesto diagramma (retta verde).
Il terzo tratto ruota quindi dellangolo:

3 = (4.17)
zC3 zD

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 67


4.2. UNA MAGLIA CHIUSA CON BIPENDOLO

C34
C3
C1 C13 C24 C2
C12
C14
C4

C23

Figura 4.5: I dieci centri relativi al telaio a quattro tratti di Figura 4.4

C34
3 C3
C1 C13 C24
C12 C2 2

4
2
4 C4
3
1* 13* 34* 24* 3* 2* 4*

Figura 4.6: I diagrammi di spostamento per il telaio di Figura 4.4

Analogamente, nel punto C24 (cerniera E) si conosce un punto del diagram-


ma relativo al tratto quarto, mentre laltro punto `e il valore nullo in corrispon-
denza di C4. Ci`o basta per tracciare lintero diagramma (retta rossa). Il quarto
tratto subir`
a quindi una rotazione pari a:

zC3 zC34
4 = 3 (4.18)
zC4 zC34

Per disegnare il diagramma delle componenti orizzontali di spostamento si


consideri che per il primo tratto non subisce spostamenti orizzontali, mentre il
terzo tratto ruota, intorno a C13 D di un angolo 3 . Il traverso superiore
quindi subisce lo spostamento orizzontale:

wF = 3 H2 (4.19)

68 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 4. LANALISI CINEMATICA E LA GEOMETRIA ANALITICA: II

Il secondo tratto ruota dellangolo 2 intorno al punto C. Ci`o permette di


tracciare le componenti orizzontali di spostamenti giungendo nella cerniera E
con uno spostamento pari a wE = 2 H3 . Da questo valore si pu`o poi tracciare
il diagramma rappresentativo del quarto tratto, utilizzando il punto di nullo in
corrispondenza di C4 (retta rossa). Lo spostamento finale 4 (yF yC4 ) dovr`a
essere pari a wF

4.3 Un portale poggiante su trave appoggiata


Si consideri ora il sistema di Figura 4.7, costituito da quattro tratti rigidi con-
nessi tramite quattro cerniere, e vincolati al suolo da un appoggio ed un carrello.

L5 L6
F

H2 IV
III
E
H1
A I B II C D

L1 L2 L3 L4

Figura 4.7: Un portale a quattro cerniere poggiante su una trave appoggiata

I centri banalmente noti sono C1 , in corrispondenza dellappoggio, ed i centri


di rotazione relativa C12 , C23 , C34 e C14 in corrispondenza delle quattro cerniere.
Inoltre, il centro C3 di rotazione assoluto del tratto 3 deve appartenere alla retta
verticale passante per il carrello. Servono almeno altri due centri, per cui occorre
applicare i teoremi delle catene cinematiche.
Per il secondo teorema delle catene cinematiche, applicato ai tratti 1, 2 e 3, il
centro C13 deve appartenere alla retta passante per i centri C12 e C23 , entrambi
noti, quindi deve giacere sullorizzontale passante per lappoggio. Inoltre, pos-
siamo applicare lo stesso teorema utilizzando i tratti 1, 3,e 4, per cui il centro C13
deve anche appartenere alla retta passante per i centri C34 e C14 , anchessi noti.
Allintersezione di queste due rette si trover`a C13 , ed `e immediato riconoscere
che le sue coordinate saranno:
H1 L5
zC13 = L1
H2 (4.20)
yC13 = 0

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 69


4.3. UN PORTALE POGGIANTE SU TRAVE APPOGGIATA

Conosciuto C13 pu`o applicarsi il primo teorema delle catene cinematiche,


utilizzando i tratti 1 e 3, e quindi C3 dovr`a essere situato sulla retta passante
per C1 e C13 . Ne segue che esso sar`a situato in corrispondenza del carrello.

L5 L6

C34

H2
C14

H1

C13 C1 C12 C23 C3

H1 L5
L1 -
H2 L1 L2 L3 L4

Figura 4.8: I centri di rotazione necessari per il tracciamento delle deformate

La conoscenza di questi sette centri `e sufficiente per tracciare i cinematismi,


mentre la localizzazione degli altri centri pu`o servire da utile verifica. Il centro
C4 pu` o ad esempio calcolarsi applicando il primo teorema ai tratti 1 e 4, e quindi
imponendo che esso si trovi sulla retta congiungente i centri C1 e C14 , ed ai tratti
3 e 4, imponendo quindi che esso appartenga anche alla retta congiungente C34
e C3 . Ne segue che le sue coordinate saranno pari a:
(H1 + H2 ) L1 (L1 + L2 + L3 + L4 )
zC4 =
H2 L1 + H1 (L1 + L2 + L3 + L4 L5 )
(4.21)
H1 (H1 + H2 ) (L1 + L2 + L3 + L4 )
yC4 =
H2 L1 + H1 (L1 + L2 + L3 + L4 L5 )

Per il tracciamento del cinematismo (cfr. Figura 4.9), si inizi a tracciare il


diagramma dello spostamento verticale del tratto 1, ruotandolo di un angolo ar-
bitrario 1 , scelto quindi come coordinata lagrangiana. La cerniera C12 subisce
un innalzamento pari ad 1 (L1 + L2 ), ma il tracciamento della deformata sul
secondo tratto `e reso impossibile dalla mancata conoscenza di C2 . Si esamini al-
lora il terzo tratto: per esso si conosce subito lo spostamento in corrispondenza
del carrello in C3 , e si conosce anche lo spostamento (virtuale) del punto C13 .
Basta, per ottenerlo, proseguire virtualmente la deformata del primo tratto fino
ad intersecare la verticale per C13 (deformata virtuale, riportata in tratteggio),
ottenendo lo spostamento pari ad 1 zC13 . Basta collegare questo valore col
punto di nullo in C3 e si ottiene la deformata relativa al terzo tratto, tenendo

70 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 4. LANALISI CINEMATICA E LA GEOMETRIA ANALITICA: II

1 L1 3
3 HH1 +H2 L
C34

C14 3

C13 C1 C12 C23 C3

1 3

Figura 4.9: Il cinematismo della struttura di Figura 4.7

conto che una parte di questo segmento `e virtuale, ed `e quindi riportato in trat-
teggio. A questo punto `e possibile completare il diagramma dello spostamento
lungo il tratto 2, in quanto si conosce sia lo spostamento della cerniera in C12
che lo spostamento in C23 .
Langolo 3 di cui ruota il tratto 3 `e fornito da:

zC13
3 = 1 (4.22)
zC13 + L1 + L2 + L3 + L4

e la conoscenza di 3 permette il tracciamento immediato del diagramma degli


spostamenti orizzontali sul tratto verticale a destra: da zero, in corrispondenza
del punto inferiore, a 3 (H1 + H2 ) in sommit`a.
Per il tracciamento del diagramma degli spostamenti verticali sul tratto oriz-
zontale superiore, si consideri che il tratto 3 ruota dellangolo 3 , ed il suo
abbassamento si annulla in corrispondenza della verticale per C3 . Quindi il
diagramma pu` o proseguire fino a C34 . Lungo il tratto 4, si consideri che lo spo-
stamento del tratto verticale di sinistra `e pari a 1 L1 , e quindi gli spostamenti
verticali possono completarsi lungo tutto il tratto orizzontale superiore.
Infine, il diagramma degli spostamenti orizzontali sul tratto verticale sini-
stro pu`o tracciarsi constatando che il tratto 1 ruota dellangolo 1 , e che lo
spostamento in sommit` a vale 3 (H1 + H2 ).

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 71


4.4. UNA MAGLIA CON DOPPIO BIPENDOLO INTERNO

4.4 Una maglia con doppio bipendolo interno


Si consideri ora il sistema di Figura 4.10, costituito da quattro tratti rigidi
connessi tramite tre cerniere ed un doppio bipendolo, e vincolati al suolo da
un appoggio ed un carrello. Esiste inoltre un pendolo che collega il primo ed il
quarto tratto, con pendenza:

H1 + H2
mp = (4.23)
L5 + L6 L2

L5 L6 L7

F K

H2 III
IV H4

H1 E
A I B II C H3
H

L1 L2 L3 L4

Figura 4.10: Un portale a tre cerniere e doppio bipendolo su una trave


appoggiata

Il computo dei vincoli fornisce 3ts = 1211 = 1, e la struttura risulta labi-


le. I centri banalmente noti sono C1 , in corrispondenza dellappoggio, ed i centri
di rotazione relativa C12 , C13 , C24 in corrispondenza delle tre cerniere, mentre
il centro relativo C34 `e improprio. Il centro C2 `e immediatamente situabile in
corrispondenza del carrello in C, in quanto dovr`a situarsi sulla congiungente C1
e C12 , e sulla retta verticale passante per il carrello.
Per il secondo teorema delle catene cinematiche, applicato ai tratti 1, 2 e
4, il centro C14 deve appartenere alla retta passante per i centri C12 e C24 ,
entrambi noti. Inoltre, il centro di rotazione relativo C14 dovr`a situarsi sullasse
del pendolo HK, che unisce i tratti 1 e 4. Ne seguono le coordinate del centro
C14 :

Centro
[L1 + L2 + L3 , 0, L1 + L5 + L6 + L7 , H3 , L1 + L2 , 0, L1 + L5 + L6 , H1 H2 ]

72 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 4. LANALISI CINEMATICA E LA GEOMETRIA ANALITICA: II

H3 (L1 + L2 + L3 ) (L2 L5 L6 )
zC14 =
D
(H1 + H2 ) (L1 + L2 ) (L2 + L3 L5 L6 L7 )
(4.24)
D
(H1 + H2 ) H3 L3
yC14 =
D
con:

D = H3 (L2 L5 L6 ) (H1 + H2 ) (L2 + L3 L5 L6 L7 ) (4.25)

Il centro (improprio) C34 pu` o calcolarsi applicando il secondo teorema delle


catene cinematiche ai tre tratti 1, 3 e 4, e quindi imponendo lallineamento dei
centri C13 , C14 e C34 : ne risulta che C34 deve situarsi allinfinito della retta
congiungente C13 e C14 . Tale retta ha pendenza:
yC13 yC14
m34 = (4.26)
zC13 zC14

Il centro C23 deve trovarsi, applicando il secondo teorema ai tratti 1, 2 e 3,


allineato con i centri C12 e C13 , ed applicando lo stesso teorema ai tratti 2, 3 e
4, C23 deve risultare allineato con C24 e C34 . Ci`o significa, per limpropriet`a di
C34 , che esso deve situarsi sulla retta passante per C24 e di pendenza m34 .
Centro1[L1 + L2 + L3 , 0, L1 , H1 , L1 + L5 + L6 + L7 , H3 , m34 ]

H3 (L2 + L3 ) (L2 L5 L6 )
zC23 = +
(H1 + H2 ) L3
H1 (L1 L3 (L2 + L3 ) (L2 L5 L6 L7 ))
+
(H1 + H2 ) L3
H2 (L1 L3 (L2 + L3 ) (L2 L5 L6 L7 ))
(4.27)
(H1 + H2 ) L3
H1 (H3 (L2 L5 L6 ) + H1 (L2 L3 + L5 + L6 + L7 )
yC23 = +
(H1 + H2 ) L3
H2 (L2 L3 + L5 + L6 + L7 ))
(H1 + H2 ) L3

Il centro assoluto C3 si deduce applicando il primo teorema delle catene


cinematiche ai tratti 1 e 3 (e quindi il centro deve essere sulla retta che congiunge
C1 e C13 ) ed ai tratti 2 e 3 (e quindi il centro deve essere sulla retta che congiunge
C2 e C23 ):
Centro[0, 0, L1 , H1 , L1 + L2 + L3 + L4 , 0, zC23, yC23]

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 73


4.4. UNA MAGLIA CON DOPPIO BIPENDOLO INTERNO

(L1 (L1 + L2 + L3 + L4 ) (H3 (L2 L5 L6 )


zC3 = +
(H3 (L1 + L2 + L3 ) (L2 L5 L6 ) + H1 + H2 )
H1 (L2 L3 + L5 + L6 + L7 )
+
(H3 (L1 + L2 + L3 ) (L2 L5 L6 ) + H1 + H2 )
H2 (L2 L3 + L5 + L6 + L7 )))
(4.28)
(H3 (L1 + L2 + L3 ) (L2 L5 L6 ) + H1 + H2 )
(H1 (L1 + L2 + L3 + L4 ) (H3 (L2 + L5 + L6 )
yC3 = +
(H3 (L1 + L2 + L3 ) (L2 L5 L6 ) + H1 + H2 )
H1 (L2 + L3 L5 L6 L7 ) + H2 (L2 + L3 L5 L6 L7 )))
(H3 (L1 + L2 + L3 ) (L2 L5 L6 ) + H1 + H2 )
con:
= L22 + L2 (2L3 + L5 + L6 + L7 ) + L1 (L2 L3 + L5 + L6 + L7 ) +
L3 (L3 L4 + L5 + L6 + L7 )
(4.29)
Infine, il centro assoluto C4 si deduce applicando il primo teorema delle
catene cinematiche ai tratti 1 e 4 (e quindi il centro deve essere sulla retta che
congiunge C1 e C14 ) ed ai tratti 2 e 4 (e quindi il centro deve essere sulla retta
che congiunge C2 e C24 ).
Centro[0, 0, zC14 , yC14 , L1 + L2 + L3 + L4 , 0, L1 + L5 + L6 + L7 , H3 ]

((L1 + L2 + L3 + L4 ) (H3 (L1 + L2 + L3 ) (L2 L5 L6 )


zC4 =
H3 (L1 + L2 + L3 ) (L2 L5 L6 ) + H1 + H2
H1 (L1 + L2 ) (L2 + L3 L5 L6 L7 )

H3 (L1 + L2 + L3 ) (L2 L5 L6 ) + H1 + H2
(4.30)
H2 (L1 + L2 ) (L2 + L3 L5 L6 L7 )))

H3 (L1 + L2 + L3 ) (L2 L5 L6 ) + H1 + H2
((H1 + H2 ) H3 L3 (L1 + L2 + L3 + L4 ))
yC4 =
H3 (L1 + L2 + L3 ) (L2 L5 L6 ) + H1 + H2
In definitiva, si ottengono i centri riportati in Figura 4.11.
Per il tracciamento del cinematismo (cfr. Figura 4.12, si inizi a tracciare il
diagramma dello spostamento verticale del tratto 1, ruotandolo di un angolo
arbitrario , scelto quindi come coordinata lagrangiana. La cerniera C12 subi-
sce un innalzamento pari ad (L1 + L2 + L3 ), e da questo valore si pu`o iniziare
a tracciare il diagramma relativo al secondo tratto; poich`e lo spostamento de-
ve annullarsi in corrispondenza del carrello in C, si pu`o completare anche il
diagramma relativo al tratto 2.
Langolo 2 di cui ruota il tratto 2 `e quindi fornito da:
L1 + L2 + L3
2 = (4.31)
L4

74 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 4. LANALISI CINEMATICA E LA GEOMETRIA ANALITICA: II

C34

C4

C13
C24
C12 C2
C1
C23

C3
C14

Figura 4.11: I centri di rotazione per il tracciamento delle deformate

C34

C4

C13 4

C24
C1 C12 C2 2
C23
3
C3
C14
3 2
* * *
3 4 1

Figura 4.12: Il cinematismo della struttura di Figura 4.10

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 75


4.4. UNA MAGLIA CON DOPPIO BIPENDOLO INTERNO

Per il tracciamento dei diagrammi relativi al traverso superiore, si consideri


che si conosce lo spostamento della cerniera D (ossia del centro C13 ) e lo spo-
stamento (nullo) del punto C3 . Ci`o basta a tracciare il diagramma del tratto
3 (retta verde). Analogamente, si conosce lo spostamento della cerniera in E
(ossia di C24 ) e lo spostamento (nullo) di C4 , e questo `e sufficiente a tracciare
il diagramma per lintero tratto 4 (retta rossa). Si noti il parallelismo tra le
due rette, a conferma dellesistenza di un doppio bipendolo in F . Si avr`a allora
langolo di rotazione dei tratti 3 e 4:
L1 H3
3 = = 2 (4.32)
L1 zC3 yC4 H3

Per il tracciamento del diagramma degli spostamenti orizzontali, si consideri


che il primo tratto ruota di un angolo , e che quindi la cerniera in D subisce uno
spostamento pari a H1 . Poich`e si conosce anche lo spostamento del punto
C3 , si pu`o tracciare il diagramma relativo al tratto 3 (retta verde). Analoghe
considerazioni possono farsi per il tratto 2 (che ruota di 2 ) e per il tratto 4,
ottenenendo il diagramma riportato in rosso.
Dal diagramma sono anche chiaramente visibili gli spostamenti relativi ver-
ticali ed orizzontali tra le due facce del doppio bipendolo.

76 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


Capitolo 5

Analisi statica
Metodo analitico

Si consideri una struttura piana S, costituita da t tratti rigidi, e si immagini di


rimuovere tutti i vincoli, sia interni che esterni, sostituendo ad essi le opportune
reazioni incognite. Ci si `e ricondotti ad un insieme di t tratti rigidi, sconnessi,
soggetti ai carichi esterni, noti, ed alle reazioni incognite, e sia s il numero di
tali reazioni.
Per ciascun tratto si possono scrivere tre equazioni di equilibrio, due di
traslazione lungo i due assi coordinati Z ed Y , ed una di rotazione intorno
ad un asse ortogonale al piano (Z, Y ) e passante per un punto arbitrario del
piano, detto polo. Simbolicamente si possono quindi scrivere le 3t equazioni di
equilibrio:
X X X
Fz(k) = 0 Fy(k) = 0 M (k) = 0 (5.1)

Alternativamente, la prima equazioni di equilibrio di traslazione pu`o essere


sostituita da una seconda equazione di equilibrio di rotazione intorno ad un
secondo polo O2 che non sia allineato verticalmente con il primo polo O1 , oppure
la seconda equazione di equilibrio di traslazione pu`o essere sostituita da una
seconda equazione di equilibrio di rotazione intorno ad un secondo polo che non
sia allineato orizzontalmente con il primo polo. Ancora, ambedue le equazioni
di traslazione possono sostituirsi con due equazioni di rotazione, scegliendo un
secondo e terzo polo in modo tale che la terna dei poli O1 , O2 , O3 sia non
allineata.
Comunque sia, `e possibile scrivere solo tre equazioni indipendenti di equili-
brio per ciascun tratto, e quindi si giunge infine a 3t equazioni nelle s incognite
reattive. Matricialmente si ha:
Ax = b (5.2)
La matrice A si dice matrice di equilibrio, `e rettangolare, con 3t righe ed s
colonne, e dipende solo dalla geometria della struttura S. Viceversa, il vettore

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 77


dei 3t termini noti b dipende dai carichi applicati, ed `e nullo se la struttura non
`e caricata, nel qual caso le equazioni di equilibrio risultano omogenee. Il vettore
x contiene le s incognite reattive.
Sia r il rango della matrice di equilibrio A , e sia r il rango della sua orlata,
A|bb], e si ipotizzi, in questa fase, che il rango r sia massimo,
ossia della matrice [A
rimandando ai successivi Capitoli lo studio del caso in cui ci`o non avvenga.
Possono verificarsi tre condizioni:

Caso I: 3t s > 0 Esistono pi` u equazioni che incognite, la struttura si dice


labile, ed l = 3t-s `e il corrispondente grado di labilit`a. Il rango r della
matrice di equilibrio `e pari ad s, ed in genere non `e garantito lequilibrio,
e la struttura ammette cinematismi rigidi che possono essere tracciati coi
metodi gi` a descritti nei Capitolo precedenti. Se tuttavia le forze applicate
sono disposte in modo tale che il rango r dellorlata sia anchesso pari ad
s, allora si ha possibilit`a di equilibrio: la struttura S `e in realt`a equilibrata
per particolari condizioni di carico.

Caso II: 3t s = 0 Il numero delle equazioni `e pari al numero delle incognite,


la matrice di equilibrio `e quadrata, e poich`e si `e ipotizzato che il rango
della matrice sia massimo, sar`a sicuramente possibile risolvere le equazioni
di equilibrio, a fornire lunica soluzione equilibrata. E questo il caso delle
strutture isostatiche, in cui il problema statico pu`o essere risolto attraverso
la scrittura delle sole equazioni di equilibrio:

x = A 1b (5.3)

Caso III: 3t s < 0 Esistono pi` u incognite che equazioni di equilibrio, il ran-
go della matrice `e pari a 3t, la struttura `e sicuramente equilibrata, e la
soluzione delle (5.2) `e definita a meno di i = s 3t parametri, che possono
essere i reazioni arbitariamente scelte. E questo il caso delle strutture
iperstatiche, ed i = s 3t `e il relativo grado di iperstaticit`a. In questo
caso, i valori delle reazioni non possono essere calcolati con lausilio delle
sole equazioni di equilibrio, ed occorrer`a affiancare ad esse altre equazioni
(di congruenza).

Schematicamente, e nell ipotesi che A abbia rango massimo, si ha:




Struttura S labile A =




Struttura S isostatica A =

78 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 5. ANALISI STATICA: METODO ANALITICO










Struttura S iperstatica A =







5.1 Telaio zoppo non caricato


La struttura di Figura 5.1 `e gi`
a stata studiata da un punto di vista cinematico,
giungendo alla conclusione che essa era cinematicamente determinata.

O
B
z

L
y

Figura 5.1: Un portale zoppo

Si sostituisca al carrello in A la sua reazione verticale incognita RAv , ed


allappoggio in B la reazione verticale orizzontale RBw e la reazione verticale
RBv . Poich`e la struttura `e costituita da un solo tratto, `e possibile scrivere tre
equazioni di equilibrio, e la struttura risulta isostatica.
Le tre equazioni di equilibrio possono essere ad esempio le due equazioni di
equilibrio alla traslazione orizzontale e verticale, e lequazione di equilibrio alla
rotazione intorno al polo O. Dalla Figura 5.2 si trae:
RBw = 0 RAv + RBv = 0 RBv L = 0 (5.4)
che matricialmente si scrivono:

0 1 0 RAv 0
1 0 1 RBw = 0 (5.5)
0 0 L RBv 0
Il rango della matrice di equilibrio `e pari a 3, e lunica soluzione delle equa-
zioni `e quella banale. Si noti che la matrice di equilibrio A `e la trasposta della

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 79


5.2. TELAIO ZOPPO CON CARICO DISTRIBUITO

B RBw
O

RBv
H

RAv
L

Figura 5.2: Il diagramma delle reazioni per lesempio di Figura 5.1

matrice cinematica ottenuta nella (1.11) del Capitolo 1. Ci`o esprime la cosid-
detta dualit`
a staticocinematica, ed `e conseguenza dellaver utilizzato lo stesso
polo O per ambedue le analisi.

5.2 Telaio zoppo con carico distribuito


La stessa struttura dellesercizio precedente sia ora soggetta ad una stesa di
carico uniformemente distribuito lungo lasta orizzontale, di intensit`a q (cfr.
Figura 5.3). Poich`e lasta su cui agisce il carico `e rigida, il carico stesso pu`o essere
sostituito da una corrispondente forza concentrata, di intensit`a pari allintegrale
del carico, ed agente nel baricentro del carico.

O B
z

L
y

Figura 5.3: Il telaio zoppo di Figura 5.1, caricato sul traverso da un carico q
uniformemente distribuito

80 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 5. ANALISI STATICA: METODO ANALITICO

Nel caso in esame: Z L


F = q dz = qL (5.6)
0

ed il baricentro del rettangolo `e ovviamente situato in L/2. Ai fini della scrittura


delle equazioni di equilibrio, si pu`o sempre sostituire il carico distribuito con la
corrispondente forza concentrata, come riportato in Figura ??
Le equazioni di equilibrio si scrivono quindi:
L
RBw = 0 RAv + RBv + qL = 0 RBv L qL =0 (5.7)
2
che matricialmente si scrivono:
0
0 1 0 RAv
1 0 1 RBw = qL (5.8)

qL2

0 0 L RBv
2
con soluzione:
qL
RBw = 0 RAv = RBv = (5.9)
2
Il carico verticale si distribuisce equamente tra i due vincoli in A e B, dando
luogo a due reazioni dirette verso lalto.

5.3 Portale a tre cerniere


Si voglia adesso eseguire lanalisi statica per il telaio di Figura 5.5, costituito da
due tratti rigidi collegati tra loro da una cerniera, e vincolati al suolo tramite
due appoggi. Poich`e per ogni tratto possono scriversi tre equazioni di equilibrio,
si possono scrivere, in complesso, sei equazioni di equilibrio.
Corrispondentemente, eliminando i vincoli, sia esterni che interni, e sosti-
tuendo ad essi le rispettive reazioni, si giunge allo schema di Figura 5.6, in cui
sono evidenziate le sei incognite statiche, ossia le reazioni orizzontali e verticali
dei due appoggi, lo sforzo normale e lo sforzo di taglio nella cerniera. Si ha
cos` una uguaglianza tra il numero di incognite ed il numero di equazioni di
equilibrio, 3t s = 0, e la struttura `e potenzialmente isostatica.
Scegliendo come poli per la scrittura delle equazioni di equilibrio alla rota-
zione il punto A ed il punto C, rispettivamente per il primo ed il secondo tratto,
si potranno scrivere le equazioni:

RAw + F + NB = 0 RAv + TB = 0 F H1 NB H1 TB L1 = 0
(5.10)
qL22
NB + RCw = 0 TB + qL2 + RCv = 0 NB H2 TB L2 + =0
2
(5.11)

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 81


5.3. PORTALE A TRE CERNIERE

L2

F=qL
B
O
z

L
y

Figura 5.4: Lo stesso telaio della Figura 5.3, con applicata la risultante F del
carico

q
F
B
H2
C
H1

L1 L2

Figura 5.5: Un portale a tre cerniere

82 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 5. ANALISI STATICA: METODO ANALITICO

q
F B NB NB

TB TB H2
RCw
C
H1
RCv

A RAw

RAv L1 L2

Figura 5.6: Il diagramma delle forze per la struttura di Figura 5.5

o, matricialmente:
F

1 0 1 0 0 0 RAw
0 1 0 1 0 0 RAv 0
F H1

0 0 H1 L1 0 0 NB

= 0

(5.12)
0 0 1 0 1 0 TB

qL2

0 0 0 1 0 1 RCw

qL22

0 0 H2 L2 0 0 RCv
2
Il rango della matrice di equilibrio `e massimo, come pu`o evidenziarsi calco-
lando il suo determinante, pari a = (H1 L2 + H2 L1 ), banalmente diverso da
zero se le dimensioni geometriche non si annullano. Ne segue che la struttura
`e isostatica, e che `e possibile calcolare le reazioni dovute alle forze applicate,
risolvendo il sistema (5.11). Sar`a quindi:
 
L1 2F H2 qL22 H1 2F H2 qL22
RAw = RAv = (5.13)
2 2 
L2 (2F H1 + qL1 L2 ) H1 2F H2 qL22
NB = TB = (5.14)
2 2 
L2 (2F H1 + qL1 L2 ) H1 2F H2 qL22
RCw = RCv = qL2 + (5.15)
2 2
Unutile verifica pu`
o essere il controllo dell equilibrio globale della struttura.
Dovr`
a essere:
RAw + RCw + F = 0
RAv + RCv + qL2 = 0
  (5.16)
L2
F H1 RCw (H1 H2 ) qL2 L1 + RCv (L1 + L2 ) = 0
2

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 83


5.4. TELAIO A DUE CAMPATE

L L L L

Fo B

H
Fv
A
D

C E

Figura 5.7: Un telaio zoppo a due campate

ed inserendo i valori delle reazioni gi`a calcolati si ha:



L1 2F H2 qL22 L2 (2F H1 + qL1 L2 )
+ +F 0
2  2 
H1 2F H2 qL22 H1 2F H2 qL22
qL2 + + qL2 0
2 2
L2 (2F H1 + qL1 L2 )

L2
 (5.17)
F H1 (H1 H2 ) qL2 L1 +
2 2
 !
H1 2F H2 qL22
(L1 + L2 ) qL2 + 0
2

5.4 Telaio a due campate


La struttura di Figura 5.7 `e gi`a stata studiata nel primo Capitolo, e la scrittura
della matrice cinematica aveva condotto a concludere che essa fosse cinemati-
camente determinata. Poich`e per essa si ha 3t s = 9 9 = 0, se ne deduce
subito che essa `e isostatica.
La struttura `e caricata da una forza orizzontale in sommit`a del primo tratto,
e da una forza verticale in corrispondenza della cerniera in D. Sostituendo ai
vincoli le reazioni incognite e le caratteristiche della sollecitazione interna, si
giunge al diagramma di Figura 5.8, dove banali considerazioni di equilibrio della
cerniera in D portano a scrivere:

TDsin = TDdes + Fv (5.18)

84 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 5. ANALISI STATICA: METODO ANALITICO

Fo
B NB
TB

TDdes
RAw D ND
A
RAv TDsin

RCw
C E
RCv REv

Figura 5.8: Il diagramma delle forze per il telaio di Figura 5.7

Le equazioni di equilibrio si possono ora scrivere imponendo lequilibrio dei


tre tratti di Figura 5.8, e scegliendo come poli i punti A, C ed E, rispettivamente:

RAw + NB + Fo = 0 RAv + TB = 0 (5.19)


NB H Fo H TB L = 0 NB + ND + RCw = 0 (5.20)
TB + TDsin + RCv = 0 2NB H TB L ND H TDsin L = 0 (5.21)
ND = 0 TDdes + REv = 0 (5.22)
ND H TDdes L = 0 (5.23)

ed introducendo la (5.18) si giunge alla relazione matriciale:


1 0 1 0 0 0 0 0 0 RAw Fo

0 1 0 1 0 0 0 0 0
RAv
0


0 0 H L 0 0 0 0 0
NB
Fo H


0 0 1 0 1 0 1 0 0
TB
0


0 0 0 1 0 1 0 1 0
RCw =
0


0 0 2H L 0 0 H L 0
RCv
0


0 0 0 0 0 0 1 0 0
ND
0

0 0 0 0 0 0 0 1 1 TDsin Fv
0 0 0 0 0 0 H L 0 REv Fv L
(5.24)
La matrice di equilibrio risulta essere la trasposta della matrice cinematica
dedotta nellapplicazione precedente, in quanto si sono scelti i medesimi poli. Il
determinante `e quindi pari a 3HL2 , sicuramente diverso da zero. Risolvendo

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 85


5.5. PORTALE A QUATTRO CERNIERE CON PENDOLO

C
3a
B K

5a

H
3a
A D
6a 10a 6a

Figura 5.9: Un telaio a quattro cerniere e pendolo interno

le (5.23) si ha:
2HFo + LFv 2HFo LFv HFo LFv
RAw = RAv = NB =
3H 3L 3H
(5.25)
2HFo + LFv HFo LFv 2 (HFo 2LFv )
TB = RCw = RCv =
3L 3H 3L
(5.26)
ND = 0 TDsin = Fv REv = 0 (5.27)

Le equazioni globali di equilibrio si scrivono:

RAw + RCw + Fo = 0
RAv + RCv + REv + Fv = 0 (5.28)
Fo H 3Fv L + RCw H 2RCv L 4REv L = 0

avendo scelto come polo il punto A.

5.5 Portale a quattro cerniere con pendolo


Si consideri ora il telaio di Figura 5.9, ripreso da V. Franciosi, Problemi di
Scienza delle Costruzioni, Vol.1, pag.179185. Esso pu`o riguardarsi come un
telaio rettangolare a quattro cerniere, con un pendolo che collega il primo ed il
terzo tratto. Le incognite reattive sono rappresentate dalle reazioni orizzontali
e verticali nei due appoggi, nei tagli e negli sforzi normali nelle due cerniere
interne, e nello sforzo normale NHK nel pendolo. In totale si ha quindi s = 9,
e poich`e la struttura `e costituita da tre tratti rigidi, si ha 3t s = 0
Lo sforzo normale nel pendolo `e considerato positivo se esso tende ad allunga-
re il pendolo stesso (sforzo di trazione). Ne segue che lo stesso sforzo normale,

86 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 5. ANALISI STATICA: METODO ANALITICO

F
NC
C
TC K
B NB
NHK
TB

H NHK
A RAw D RDw
RAv RDv

Figura 5.10: Il diagramma dele forze per il telaio di Figura 5.9

agente sulla struttura, tende a far avvicinare i punti H e K di estremit`a del


pendolo. La struttura libera dei vincoli `e allora riportata in Figura 5.10.
Per il primo tratto si potr`
a scrivere:

RAw + TB + NHK cos() = 0


RAv NB NHK sin() = 0 (5.29)
8aTB 3aNHK cos() = 0

avendo scelto come polo il punto


 A, 
ed avendo definito linclinazione del pendolo
5
attraverso langolo = arctan . Per il secondo tratto, invece:
22

TB + NC = 0
NB + F + TC = 0 (5.30)
6aF 16aTC 3aNC = 0

avendo scelto come polo il punto B, ed infine:

NC + RDw NHK cos() = 0


TC + RDv + NHK sin() = 0 (5.31)
11aNC 6aTC + 8aNHK cos() = 0

avendo utilizzato D come polo del terzo tratto.

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 87


5.6. TRAVE APPOGGIATA CON SOVRASTRUTTURA

Si pu`
o quindi scrivere, matricialmente:

1 0 cos() 0 1 0 0 0 0 RAw 0

0 1 sin() 1 0 0 0 0 0
RAv
0

0 0 3a cos() 0 8a 0 0 0 0
NHK
0

0 0 0 0 1 1 0 0 0
NB
0

0 0 0 1 0 0 1 0 0
TB =
F

0 0 0 0 0 3a 16a 0 0
NC
6aF

0 0 cos() 0 0 1 0 1 0
TC
0

0 0 sin() 0 0 0 1 0 1 RDw 0
0 0 8a cos() 0 0 11a 6a 0 0 RDv 0
(5.32)
Il determinante della matrice di equilibrio A `e pari a:

det(A) = 442a3 cos() (5.33)

e quindi la sruttura `e isostatica. Per la particolare condizione di carico proposta


in Figura 5.9 le reazioni valgono:

90 8 90
RAw = F RAv = F RDw = F (5.34)
221 11 221
3 128 54
RDv = F NB = F TB = F (5.35)
11 221 221
54 93 72 509
NC = F TC = F NHK = F 0.6682F (5.36)
221 221 2431
e quindi il pendolo risulta compresso.

5.6 Trave appoggiata con sovrastruttura


La struttura di Figura 5.11 `e anchessa ripresa da V.Franciosi, Problemi di
Scienza delle Costruzioni, vol.1, dove `e risolta graficamente.
Essa `e costituita da una trave appoggiata, con cerniera intermedia, carrello
e sbalzo, su cui poggia una coppia di aste connesse da un pendolo. I tratti rigidi
sono due, e quindi 3t = 6, le incognite reattive sono le due reazioni nellappoggio,
la reazione verticale del carrello, lo sforzo normale ed il taglio nella cerniera, lo
sforzo normale nel pendolo. Quindi s = 6, e 3t s = 0.
Rimuovendo i vincoli, si giunge allo schema di Figura 5.12, su cui possono
scriversi le equazioni di equilibrio. Scegliendo i poli nei punti A,per il primo
tratto, e C per il secondo tratto, si giunge a scrivere:

RAw + NB + NHK = 0 RAv + TB = 0 (5.37)


NHK H1 TB (L1 + L2 ) = 0 NB NHK = 0 (5.38)
TB + RCv + F = 0 RCv L3 F (L3 + L4 ) + NHK H1 = 0 (5.39)

88 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 5. ANALISI STATICA: METODO ANALITICO

L5

H K

H1
F

A B C

L1 L2 L3 L4

Figura 5.11: Una trave appoggiata, con cerniera intermedia, carrello e sbalzo,
su cui poggia una coppia di aste connesse da un pendolo

H K
NHK NHK

F
TB
A B C
RAw NB
RAv RCv

Figura 5.12: Il diagramma delle forze per lesempio di Figura 5.11

ossia, matricialmente:


1 0 1 0 0 1 RAw 0

0 1 0 1 0 0
RAv
0


0 0 0 L1 + L2 0 H1
NB
= 0
(5.40)

0 0 1 0 0 1
TB
0

0 0 0 1 1 0 RCv F
0 0 0 0 L3 H1 NHK F (L3 + L4 )

Il determinante della matrice di equilibrio `e pari ad H1 (L1 + L2 + L3 ), e

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 89


5.7. PORTALE CON CERNIERA E DUE BIPENDOLI

quindi la struttura risulta isostatica. Le reazioni sono fornite da:


L4
RAw = 0 RAv = F (5.41)
L1 + L2 + L3
L1 + L2 + L3 + L4 (L1 + L2 ) L4
RCv = F NB = F (5.42)
L1 + L2 + L3 H1 (L1 + L2 + L3 )
L4 (L1 + L2 ) L4
TB = NHK = F (5.43)
L1 + L2 + L3 H1 (L1 + L2 + L3 )

E ovviamente nulla lunica componente reattiva orizzontale, mentre pu`o


facilmente verificarsi che RAv + RCv + F = 0. Il pendolo HK risulta teso.

5.7 Portale con cerniera e due bipendoli


La struttura seguente `e un telaio, costituito da due tratti rigidi connessi tra loro
con un bipendolo interno, e vincolati al suolo con un appoggio ed un altro bi-
pendolo. Per esso si potranno scrivere quindi sei equazioni di equilibrio, mentre
le incognite reattive saranno le due reazioni orizzontali e verticali delappoggio
in C, la reazione verticale e la coppia reattiva in A, lo sforzo normale ed il
momento in B. Quindi, ancora una volta, 3t s = 0
Per scrivere le equazioni di equilibrio, si consideri lo schema di Figura 5.14,
e si scelgano come poli i due punti A e C, rispettivamente per il primo ed il
secondo tratto. Si ha:
Fw + NB = 0
RAv + Fv = 0
MA + MB NB H2 FW H2 Fv L3 = 0
(5.44)
RCw NB = 0
RCv = 0
MB + NB H1 = 0

e matricialmente:

0 0 1 0 0 0 RAv Fw
1 0
0 0 0 0
MA
Fv

0 1 H2 1 0 0 NB Fw H2 + Fv L3
= (5.45)
0 0 1 0 1 0 MB 0

0 0 0 0 0 1 RCw 0
0 0 H1 1 0 0 RCv 0

La struttura `e sicuramente non labile, in quanto il determinante di A `e pari


a 1. La soluzione delle (5.44) `e immediata:

RAv = Fv MA = Fw H1 + Fv L3 NB = Fw (5.46)
MB = Fw H1 RCw = Fw RCv = 0 (5.47)

90 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 5. ANALISI STATICA: METODO ANALITICO

L3

Fv
B

Fw
H1

H2

A C

L1 L2

Figura 5.13: Un telaio con cerniera e due bipendoli

L3
Fv
MB
NB
B

Fw
H1

H2

A MA C
RCw
RAv RCv
L1 L2

Figura 5.14: Il diagramma delle forze per lesempio di Figura 5.13

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 91


5.8. PORTALE A TRE TRATTI

Si noti infine che spesso, e quasi sempre nellapproccio grafico, si preferisce


utilizzare il teorema del trasporto, pensare che il bipendolo reagisca con una
forza ortogonale al piano di scorrimento del bipendolo stesso, e passante per un
punto dettato dalle condizioni di equilibrio.

5.8 Portale a tre tratti

Il portale di Figura 5.15 `e formato da tre tratti rigidi, ed `e vincolato al suolo


con un appoggio a sinistra ed un incastro a destra. Le nove incognite reattive
possono calcolarsi in base alla scrittura di nove equazioni di equilibrio.

q
B C

H1

A D
L1 L2

Figura 5.15: Un altro semplice telaio soggetto a carico distribuito sul traverso

A tal fine, si sostituiscono ai vincoli le rispettive reazioni, giungendo al dia-


gramma di Figura 5.16; si noti che la cerniera in C `e posta allincrocio del
traverso col ritto di destra, e che per lequilibrio del concio lo sforzo normale
nel traverso sar` a uguale al taglio nel ritto, mentre il taglio nel traverso sar`a
uguale allo sforzo normale nel ritto. Le equazioni di equilibrio possono scriversi,
utilizzando i punti A, B e D come poli:

L21
RAw + NB = 0 RAv + qL1 = 0 M B NB H 1 q =0 (5.48)
2
L2
NB + NC = 0 TC + qL2 = 0 MB TC L2 q 2 = 0 (5.49)
2
NC + RDw = 0 TC + RDv = 0 MD + NC H1 = 0 (5.50)

92 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 5. ANALISI STATICA: METODO ANALITICO

B NB NC
C
MB TC

H1

A RAw D RDw
MD
RAv RDv
L1 L2

Figura 5.16: Il diagramma delle forze per il telaio di Figura 5.15

ossia, matricialmente:

0

1 0 1 0 0 0 0 0 0 RAw
0 1 0 0 0 0 0 0 0 RAv qL1
L2

0 0 H1 1 0 0 0 0 0 NB q 21


0 0 1 0 1 0 0 0 0 MB 0


0 0 0 0 0 1 0 0 0 NC = qL2


0 0 0 1 0 L2 0 0 0 TC L2
q 22


0 0 0 0 1 0 1 0 0 RDw
0


0 0 0 0 0 1 0 1 0 RDv
0
0 0 0 0 H1 0 0 0 1 MD 0
(5.51)
Il determinante di A `e pari ad H1 e quindi la struttura `e sicuramente non
labile. Per il carico in Figura 5.15, le reazioni valgono:

L21 L22
RAw = RDw = q RAv = qL1 RDv = qL2 (5.52)
2H1
1 L22 L21 qL22
MD = q L21 L22

NB = q MB = (5.53)
2 2H1 2
L2 L21
NC = q 2 TC = qL2 (5.54)
2H1

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 93


5.8. PORTALE A TRE TRATTI

94 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


Capitolo 6

Analisi statica
Metodo grafico

Come si `e visto nel Capitolo precedente, ciascun vincolo esterno o interno pu`o
essere sostituito dalle reazioni da esso esplicate. Ad esempio, un carrello pu`o
essere sostituto da una forza di valore incognito ortogonale al piano di scor-
rimento del carrello stesso, mentre il valore della forza deve essere poi calcolato
imponendo le equazioni di equilibrio. Analogamente, un appoggio `e equivalente
a due forze incognite, un incastro a due forze ed una coppia, etc. Sostituite
le reazioni ai vincoli, si possono imporre le condizioni di equilibrio, tratto per
tratto, tra le reazioni e le forze applicate.
In questo Capitolo si imporranno tali equilibri in forma grafica, tenendo
conto che:

un carrello definisce la retta dazione della reazione, che passa per il


carrello ed `e ortogonale al piano di scorrimento

un doppio bipendolo fornisce una coppia reattiva

un appoggio, o una cerniera interna, pu`o essere visto come equivalente


ad una forza appartenente ad una retta che passa per lappoggio (o er la
cerniera), la cui direzione viene definita imponendo lequilibrio

un bipendolo, esterno o interno, pu`o essere visto come equivalente ad


una forza appartenente ad una retta ortogonale allasse di scorrimento dei
bipendoli, la cui posizione viene definita imponendo lequilibrio

un incastro `e equivalente ad una retta di cui non `e noto a priori n`e la


direzione n`e la posizione, che dovranno calcolarsi in base alle condizioni
di equilibrio

Operate queste sostituzioni, le forze agenti su ciascun tratto rigido devono


essere equilibrate, e possono presentarsi i seguenti casi:

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 95


6.1. PORTALE CON BIPENDOLO INTERNO

2 2 3 4
3

1 1

Figura 6.1: Condizioni di equilibrio per tratto rigido soggetto a due, tre e quattro
forze

tratto rigido soggetto a 2 forze: per lequilibrio, esse devono avere la stessa
retta dazione

tratto rigido soggetto a 3 forze: per lequilibrio, esse devono concorrere in


un punto

tratto rigido soggetto a 4 forze: per lequilibrio, la risultante di due di esse


deve avere la stessa retta dazione della risultante delle altre due forze

tratto rigido soggetto a 2 forze ed una coppia: per lequilibrio, le due for-
ze devono essere parallele, dirette in verso opposto, e a distanza tale da
bilanciare la coppia

tratto rigido soggetto a 3 forze ed una coppia: per lequilibrio, la risultante


di due forze deve risultare parallela alla terza, e giacere a distanza tale da
bilanciare la coppia.

Graficamente, si hanno quindi i casi di Figura 6.1 e Figura 6.2.

6.1 Portale con bipendolo interno


Si consideri il semplice portale di Figura 6.3, e si vogliano ricavare le reazioni
con il metodo grafico. Il primo tratto `e soggetto ad una forza RA passante per
lappoggio in A, alla forza F , e ad una forza orizzontale RB , che rappresenta la

96 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 6. ANALISI STATICA: METODO GRAFICO

2 3
M 2 M

2+3
1

d 1

Figura 6.2: Condizioni di equilibrio per tratto rigido soggetto a due forze ed
una coppia, oppure tre forze ed una coppia

reazione del bipendolo, senza che peraltro si conosca linclinazione della forza
passante per A, n`e leffettiva posizione della forza orizzontale.
Il secondo tratto `e invece soggetto a due forze, la prima sicuramente oriz-
zontale, la seconda, RC , sicuramente passante per lappoggio C. Si rientra nel
caso a) della Figura 6.1, e quindi RB ed RC devono essere situate sulla retta
orizzontale passante per C. Conoscendo ora la retta dazione di RB, il primo
tratto pu`o essere considerato nella situazione b) della Figura 6.1. Ne segue che
la reazione RA dovr` a passare per lintersezione tra la retta di azione di F , e
lorizzontale per C. La sua retta dazione `e cos` determinata, ed un banale
triangolo di equilibrio fornisce il loro effettivo valore, come illustrato in Figura
6.4.
Dal grafico possono, se necessario, trarsi informazioni analitiche: la retta
dazione della forza ha equazione z = L3 , la retta dazione di RC ha equazione
y = H2 H1 , quindi il punto di intersezione ha coordinate (L3 , H2 H1 ).
Ne segue che la retta dazione di RA deve passare per lorigine e per il punto
(L3 , H2 H1 ), e quindi ha equazione:

H2 H1
y(z) = z (6.1)
L3

E tuttavia opportuno notare che queste deduzioni analitiche non sono affatto
nello spirito dell approccio grafico.

6.2 Portale con due bipendoli


La struttura di Figura 6.5 differisce dalla struttura precedente sia nelle condi-
zioni di vincolo (bipendolo a sinistra anzich`e appoggio), sia nelle condizioni di
carico.

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 97


6.2. PORTALE CON DUE BIPENDOLI

L3

F
B

H2
C
H1

L1 L2

Figura 6.3: Un portale zoppo con bipendolo interno

B RC

C RC F RA

RA

Figura 6.4: La determinazione grafica delle reazioni per il telaio di Figura 6.3

98 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 6. ANALISI STATICA: METODO GRAFICO

L3

F
B

H2
C
H1

L1 L2

Figura 6.5: Un secondo portale zoppo con bipendolo interno

Tuttavia, il secondo tratto `e ancora soggetto alle due sole forze reattive in
B ed in C, sicch`e la reazione RC dovr`a passare per C, ed avere retta dazione
orizzontale. La reazione RA , questa volta, avr`a direzione nota, in quanto dovr`a
essere verticale, e dovr`a passare per il punto di intersezione delle due rette
dazione di F e di RC.

F
B RC

RC F RA
C

A RA

Figura 6.6: La determinazione grafica delle reazioni per il telaio di Figura 6.5

Si ha cos` la situazione di Figura 6.6, ed un triangolo delle forze, riportato a


destra, fornisce i valori delle due reazioni. Si noti che per lequilibrio del secondo
tratto si ha subito che la reazione del bipendolo interno dovr`a essere uguale e
contraria alla reazione RC .

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 99


6.3. PORTALE SOGGETTO AD UNA COPPIA

6.3 Portale soggetto ad una coppia


Lo stesso portale zoppo del primo esercizio sia ora soggetto ad una coppia M
agente sul primo tratto. Per il calcolo grafico delle reazioni si deve esaminare
prima il secondo tratto, dove agiscono solo due forze, la reazione dellappoggio
C, che deve passare per il punto C, e la reazione del bipendolo, che dovr`a esse-
re necessariamente orizzontale. Per lequilibrio, quindi, esse dovranno passare
ambedue per C, ed essere uguali e contrarie.

L3

M B

H2
C
H1

L1 L2

Figura 6.7: Un portale zoppo soggetto ad una coppia concentrata

Lequilibrio dellintera struttura impone poi che anche la reazione in A sia


orizzontale, uguale e contraria ad RC (per lequilibrio alla traslazione orizzon-
tale). Il valore effettivo delle reazioni si ottiene infine considerando che esse
dovranno generare una coppia reattiva uguale e contraria alla coppia applicata
M, ossia oraria. Ne segue che sar`a:
M
RC = RA = (6.2)
d
Si noti che se i due appoggi sono situati allo stesso livello, per cui H1 = H2 ,
il braccio d della coppia reattiva si annulla e lequilibrio non `e pi`
u possibile.

Verifica analitica
La struttura `e divisa in due tratti, connessi da un bipendolo. Le equazioni di
equilibrio si scrivono, nelle usuali notazioni:

RAw + NB = 0 RAv = 0 M NB H1 + MB = 0 (6.3)


RCw NB = 0 RCv = 0 MB + NB H2 = 0 (6.4)

e se H2 = H1 la terza e sesta equazione non sono risolvibili.

100 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 6. ANALISI STATICA: METODO GRAFICO

L3

M B

H2
C RC
H1

RA A

L1 L2

Figura 6.8: Le reazioni per il telaio zoppo di Figura 6.7

6.4 Arco a quattro cerniere con pendolo


Si consideri ora larco a quattro cerniere con pendolo di Figura 6.9, soggetto
ad una forza sul primo tratto rigido. Sul tratto AB agiscono le reazioni RA ed
RB , la reazione RHK del pendolo, e la forza F , sul tratto BC agiscono le due
reazioni RB ed RC , sul terzo tratto agiscono le reazioni RC ed RD , e la reazione
RHK del pendolo. E quindi ovvio iniziare lanalisi dal secondo tratto, per cui
pu`o farsi riferimento alla situazione di Figura 6.1a).

F
B
C
K
H
D
A

L1 L2 L3

Figura 6.9: Un arco a quattro cerniera e pendolo

Per lequilibrio, le reazioni RB ed RC devono essere uguali e contrarie, quin-


di la loro retta dazione non pu` o che essere la congiungente B e C. E usuale
parlare, in questi casi, di un comportamento a pendolo del tratto BC. Cono-
sciuta la retta dazione delle reazioni RB ed RC , si passi ad esaminare il terzo
tratto: su di esso agisce RC , di cui si conosce la retta dazione, RHK , di cui

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 101


6.5. UNA MAGLIA CHIUSA IRREGOLARE

si conosce la retta dazione, ed RD , che deve passare per la cerniera D. Ne


segue che pu`o farsi riferimento alla Figura 6.1b) per concludere che la reazione
RD deve passare per il punto di intersezione di RC ed RHK , e quindi si pu`o
conoscere la retta dazione di RD.

F
B
C
K
H N
A D

RD RD RC

NHK
F
RA

Figura 6.10: Le reazioni per larco di Figura 6.9

Facendo riferimento alla Figura 6.10, si prolunga la congiungente BC ed il


pendolo HK, fino allintersezione N . La reazione RD , per lequilibrio del tratto,
deve passare per N , e quindi RD `e diretta secondo la retta DN .
L equilibrio globale della struttura implica che le tre forze agenti su di essa,
ossia le due reazioni RA ed RD e la forza F , devono incontrarsi in un punto:
prolungando quindi la retta dazione di F e di RD si identifica il punto M , per
cui dovr`a passare anche RA . Si conosce anche la retta dazione di RA , ed un
semplice triangolo di equilibrio fornisce graficamente i valori delle due
reazioni esterne. Infine, in basso a destra `e riportato il triangolo di equilibrio
delle tre forze agenti sul terzo tratto, ottenendo anche RHK ed RC .
Ne segue che il pendolo HK `e teso, mentre il tratto BC si comporta come
un pendolo compresso.

6.5 Una maglia chiusa irregolare


Si vuole ora esaminare la struttura di Figura 6.11, costituita da quattro trat-
ti rigidi connessi tra di loro attraverso quattro cerniere, e ciascuna cerniera `e
connessa al suolo tramite un pendolo. La struttura libera ha quindi 12 gradi
di libert`
a, le quattro cerniere permettono di scrivere otto equazioni di vincolo,
ciascuno dei quattro pendoli permette la scrittura di una equazione di vincolo,
quindi la struttura `e potenzialmente isostatica.

102 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 6. ANALISI STATICA: METODO GRAFICO

F
D
III
C

IV II

I B

Figura 6.11: Una struttura chiusa a quattro tratti rigidi connessi da quattro
cerniere

Primo passo
Esaminando il primo tratto, si nota che esso `e soggetto alle due rezioni a e b
dei pendoli A e B, dirette secondo lasse dei pendoli ed alle due reazioni II e
IV del secondo e quarto tratto, anchesse note in direzione. Si `e quindi nella
situazione di Figura 6.1c, e pu` o costruirsi la retta ausiliaria a + b = II + IV : a
tal fine si prolungano gli assi dei due pendoli, fino alla loro intersezione in H, si
prolungano le due aste II e IV fino alla loro intersezione in K, e si ottiene la
retta ausiliaria HK. La costruzione `e riportata in Figura 6.12.

Secondo passo
Esaminando ora il terzo tratto, si vede che esso `e soggetto alla forza F , alle
due reazioni c e d dei due pendoli, ed alla reazione combinata dei due tratti
II e IV , la cui retta di azione `e stata appena determinata. Anche ora si `e
quindi nelle condizioni della Figura 6.1c, ed occorre costruire la retta ausiliaria
d + (II + IV ) = F + c: per ottenerla si deve prolungare la retta dazione del
pendolo d fino ad intersecare la retta II + IV in H1 , e si deve prolungare la
retta dazione del pendolo c fino ad intersecare la retta dazione della forza F in
K1 . La richiesta retta ausiliaria `e la retta H1 K1 . La costruzione `e riportata in
Figura 6.13

Terzo passo
Conosciuta la retta dazione ausiliaria II + IV + d, il terzo tratto `e soggetto
alle tre forze F , Rc ed alla forza risultante II + IV + d. Ne segue che F si
pu`o scomporre secondo la direzione del pendolo C e secondo la direzione della

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 103


6.5. UNA MAGLIA CHIUSA IRREGOLARE

F
D
III

IV II
K
B
I
A

H
a+b=II+IV

Figura 6.12: La costruzione della retta ausiliaria a + b = II + IV

seconda ausiliaria, ottenendo la reazione Rc e la forza risultante II + IV + d. A


sua volta, questa forza pu`o scomporsi secondo la direzione del pendolo d e della
prima ausiliaria a+b = II +IV . In tal modo si ottiene la reazione Rd del pensolo
d, e la forza risultante a + b. Infine, questultima pu`o scomporsi secondo le rette
dazione dei pendoli a e b, fornendo le reazioni Ra ed Rb . Lintera operazione `e
riportata in Figura 6.14

Una digressione nel campo della geometria analitica


Le operazioni descritte graficamente possono essere tutte ricondotte ad opera-
zioni algebriche, applicando i dettami della geometria analitica, ed in realt`a
i disegni riportati sono stati ottenuti proprio seguendo questa via. Si defini-
sca allora in modo geometricamente preciso la struttura iniziale, assegnando le
coordinate delle quattro cerniere:

A = (zA , yA ) B = (zB , yB ) C = (zC , yC ) D = (zD , yD ) (6.5)

e le inclinazioni dei quattro pendoli, attraverso gli angoli , , e che lorizzon-


tale forma ruotando in senso antiorario fino a sovrapporsi allasse del pendolo.
Infine, si definisca la retta dazione della forza attraverso i due coefficienti mF
ed nF :
yF (z) = mF z + nF (6.6)

104 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 6. ANALISI STATICA: METODO GRAFICO

D
III

IV H1 K1 II
II+IV+d=F+c
K

B
I
A

a+b=II+IV

Figura 6.13: La costruzione della retta ausiliaria d + (II + IV) = F + c

A partire da questi dati, si possono costruire le equazioni delle rette cui


appartengono i quattro tratti. Per il tratto I, che collega il punto A ed il punto
B:
yA yB yA yB
m1 = n1 = yB zB y1 (z) = m1 z + n1 (6.7)
zA zB zA zB

ed analogamente per gli altri tratti:

yB yC yB yC
m2 = n2 = yC zC y2 (z) = m2 z + n2 (6.8)
zB zC zB zC
yC yD yC yD
m3 = n3 = yD zC y3 (z) = m3 z + n3 (6.9)
zC zD zC zD
yD yA yD yA
m4 = n4 = yA zD y4 (z) = m4 z + n4 (6.10)
zD zA zD zA

Per i quattro pendoli, invece, occorre definire la retta che passa un punto
con una assegnata inclinazione. Per il pendolo a, inclinato di sullorizzontale,

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 105


6.5. UNA MAGLIA CHIUSA IRREGOLARE

II+IV+d=a+b+d R
O
Rb

Rc T
F a+b

Ra
Rd
P
S

Figura 6.14: Le successive scomposizioni della forza F

si ha:
sin() sin()
ma = n a = yA zA ya (z) = ma z + na (6.11)
cos() cos()
ed analoghe formule valgono per gli altri tre pendoli:
sin() sin()
mb = n b = yB zB yb (z) = mb z + nb (6.12)
cos() cos()
sin() sin()
mc = nc = yC zC yc (z) = mc z + nc (6.13)
cos() cos()
sin() sin()
md = n d = yD zD yd (z) = md z + nd (6.14)
cos() cos()

Costruzione prima ausiliaria


Per costruire la prima retta ausiliaria occorre ricavare le coordinate dellinterse-
zione tra le rette II e IV (punto H) e dellintersezione tra le rette a e b (punto
K). In altri termini occorre risolvere il sistema di due equazioni in due incognite:
yH = m2 zH + n2 yH = m4 zH + n4 (6.15)
ottenendo il punto H:
n4 n2 n4 n2
zH = yH = n2 + m2 (6.16)
m2 m4 m2 m4
Del tutto analogamente, il punto K ha coordinate:
nb na nb na
zK = yK = n a + m a (6.17)
ma mb ma mb
La retta ausiliaria II + IV = a + b `e la congiungente i punti H e K, e quindi:
yH yK yH yK
maux = naux = yK zK yaux (z) = maux z + naux
zH zK zH zK
(6.18)

106 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 6. ANALISI STATICA: METODO GRAFICO

Costruzione seconda ausiliaria


Per costruire la seconda retta ausiliaria occorre ricavare le coordinate dell in-
tersezione tra le rette dazione della forza F e del pendolo c, (punto K1 ) e
dellintersezione tra la retta ausiliaria appena calcolata, e la retta dazione del
pendolo d (punto H1 ). Il procedimento `e identico a quanto gi`a fatto per la
prima ausiliaria, e fornisce le coordinate di K1 :
nF nd nF nd
zK1 = yK1 = nd + md (6.19)
md mF md mF
e del punto H1 :
naux nc naux nc
zH1 = yH1 = nc + mc (6.20)
mc maux mc maux
La retta ausiliaria F + c = a + b + c `e la congiungente i punti H1 e K1 , e
quindi:
yH1 yK1 yH yK1
maux2 = naux2 = yK1 1 zK (6.21)
zH1 zK1 zH1 zK1 1
yaux2 (z) = maux2 z + naux2 (6.22)

Scomposizione della forza


In una prima fase, la forza F deve essere scomposta nelle sue componenti secondo
il pendolo c e secondo la seconda ausiliaria. A ci`o fare, si parte dalla forza F ,
definita dal segmento OP , e si definisce la retta parallela alla retta dazione del
pendolo c, e passante per P .
Per una nota formula di geometria analitica, la retta parallela ad una retta
assegnata y = mx + n e passante per il punto (x1 , y1 )ha equazione (y y1 ) =
m (x x1 ). Ne segue che la retta rc parallela alla retta dazione del pendolo c,
e passante per il punto P = (zP , yP ) ha equazione:
mrc = mc nrc = yP mc zP yrc (z) = mrc z + nrc (6.23)
Identificata questa retta, si definisce una retta parallela alla seconda ausilia-
ria, e passante per O:
mraux = maux2 nraux = yO maux2 zO yraux (z) = mraux z + nraux (6.24)
Infine, lintersezione tra yrc (z) ed yraux (z) fornisce il terzo vertice R del
triangolo di equilibrio:
nrc nraux nrc nraux
zR = yR = nraux + mraux (6.25)
mraux mrc mraux mrc
Il segmento P R fornisce la reazione del pendolo c, mentre il segmento OR
va ulteriormente scomposto secondo la prima ausiliaria, e la retta dazione del
pendolo d. A ci` o fare si definiscono la retta parallela alla prima ausiliaria, e
passante per R, e la retta parallela alla retta dazione del pendolo d, e passante
per O. La loro intersezione S fornisce la reazione Rd del pendolo d, e la som-
ma delle reazioni dei pendoli a e b. Infine, anche il segmento RS deve essere
scomposto, a fornire le reazioni dei due pendoli a e b.

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 107


6.6. MAGLIA CHIUSA A QUATTRO CERNIERE E PENDOLO

6.6 Maglia chiusa a quattro cerniere e pendolo


La maglia chiusa non vincolata di Figura 6.15 `e costituita da quattro tratti
rigidi connessi tra loro attraverso quattro cerniere, ed un pendolo HK collega il
terzo e quarto tratto.

F
A II
B
I
K
D
III
H

IV C
F

Figura 6.15: Una maglia chiusa a quattro cerniere e pendolo

Poich`e non esistono vincoli esterni, le forze esterne devono farsi equilibrio:
nel caso specifico si tratta di due forze uguali e contrarie agenti sul tratto 2 e
sul tratto 4.
Esaminando il primo tratto si nota che al solito esso `e scarico, e quindi
le reazioni in A e D devono farsi equilibrio, il tratto si comporta da pendolo, e
la retta dazione della reazione delle due cerniere `e nota. Passando al secondo
tratto, esso `e soggetto alla reazione della cerniera A, la cui retta dazione `e nota,
alla forza F , nota, ed alla reazione RB della cerniera in B, che dovr`a passare
per la cerniera in B. Ne segue che basta prolungare la retta dazione di RA fino
ad intersecare la retta dazione della forza, nel punto M , e si ottiene il secondo
punto per cui dovra` passare la RB .
Il terzo tratto `e anchesso soggetto a tre forze, due delle quali note in direzione
(RB e lo sforzo normale nel pendolo), mentre la terza deve passare per la cerniera
C. Imponendo lequilibrio del tratto si trova il secondo punto per cui RC dovr`a
passare: basta, allo scopo, prolungare le rette dazione del pendolo e di RB fino
alla loro intersezione in N . Lintero procedimento `e riportato in Figura 6.16.
Ottenute le rette dazione di tutte le reazioni, si pu`o passare alla determina-
zione del loro valore: a partire dalla forza F si disegna il triangolo di equilibrio
OP R, ottenendo la reazione Ra e la reazione Rb . Ci`o fatto, la reazione RB si
scompone secondo le due rette dazione del pendolo e della cerniera in C. Le-
quilibrio del tratto IV pu`o leggersi sullo stesso diagramma, considerando che
esso `e soggetto a F , ad Rd = Ra , RHK ed Rc . Il procedimento si ritrova in
Figura 6.17

108 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 6. ANALISI STATICA: METODO GRAFICO

F
M

A II

B
I N

K
D
III
H

IV C
F

Figura 6.16: Una maglia chiusa a quattro cerniere e pendolo: la ricerca delle
reazioni

6.7 Maglia chiusa a tre cerniere:caso semplice


Si consideri ora la maglia chiusa a tre cerniere di Figura 6.18, caricata da tre
forze, che per lequilibrio devono necessariamente passare per un punto di in-
tersezione comune. In questo esercizio si esamina il caso pi` u semplice, in cui
uno dei tratti `e scarico, mentre unaltro `e caricato da una sola forza, ed il tratto
tratto `e soggetto a due forze.
La ricerca delle reazioni parte proprio dallesame del tratto scarico, che come
usuale si comporta da pendolo, e quindi le due reazioni delle cerniere B e C sono
uguali e contrarie. Si passa poi al tratto soggetto ad una forza, ossia al tratto
I: esso `e in equilibrio in presenza della forza F , delle reazione della cerniera in
B, ambedue di direzione nota, e della reazione in A, che deve passare per A. Ne
segue che basta prolungare le rette dazione di F1 e di RB per ottenere, con la
loro intersezione H, il secondo punto che definisce la direzione di RA
Nella Figura 6.20 `e riportato il triangolo di equilibrio delle tre forze, e la
scomposizione di F1 secondo le sue componenti RA ed RB . Si noti che lequili-
brio del terzo tratto pu` o verificarsi percorrendo il quadrilatero PROSP in senso
antiorario.

6.8 Maglia chiusa a tre cerniere:caso complesso


Nel caso in esame, la maglia chiusa a tre cerniere di Figura 6.21 `e soggetta a
tre forze autoequilibrate, ciascuna agente su un tratto diverso. Ne segue che

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 109


6.8. MAGLIA CHIUSA A TRE CERNIERE:CASO COMPLESSO

S
RHK

O
Rc
Rb
R
F
Ra
P

Figura 6.17: Una maglia chiusa a quattro cerniere e pendolo: le reazioni

non esistono tratti scarichi, ed ognuno di essi `e soggetto ad una forza e a due
reazioni che devono passare per le cerniere, ma di direzione incognita.
Si risolver`
a il problema del calcolo delle reazioni applicando i dettami della
geometria analitica. Siano allora (zA, yA ), (zB , yB ) e (zC , yC ) le coordinate delle
tre cerniere, e definiamo le tre rette dazione delle tre forze:

y1 (z) = mF1 z + nF1 y2 (z) = mF2 z + nF2 y3 (z) = mF3 z + nF3 (6.26)

Si noti che poich`e le tre forze concorrono in un punto, dovr`a essere necessa-
riamente:
mF1 nF1 1
Det mF2 nF2 1 =0 (6.27)
mF3 nF3 1
Siano ora:

ya (z) = mA z + nA yb (z) = mB z + nB yc (z) = mC z + nC (6.28)

le equazioni delle rette cui devono appartenere la tre reazioni incognite. Si hanno
quindi sei parametri incogniti, che verranno calcolati imponendo:
1. le condizioni che le rette passino per A, B e C, rispettivamente:

yA =mA zA + nA yB =mB zB + nB yC =mC zC + nC (6.29)

2. la condizione che per lequilibrio del tratto I la forza F1 , la reazione


RA e la reazione RB debbano concorrere in un punto:

mF1 nF1 1
Det mA nA 1 =0 (6.30)
mB nB 1

110 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 6. ANALISI STATICA: METODO GRAFICO

F1
B II

I
C

F2

III

F3

Figura 6.18: Una maglia chiusa a tre cerniere soggetta ad un carico auto
equilibrato

3. la condizione che per lequilibrio del tratto II la forza F2 , la reazione


RB e la reazione RC debbono concorrere in un punto:

mF2 nF2 1
Det mB nB 1 =0 (6.31)
mC nC 1

4. la condizione che per lequilibrio del tratto III la forza F3 , la reazione


RC e la reazione RA debbono concorrere in un punto:

mF3 nF3 1
Det mC nC 1 =0 (6.32)
mA nA 1

Queste sei equazioni in sei incognite permettono la definizione delle rette


dazione delle reazioni, come illustrato in Figura 6.22
Lintensit`
a delle reazioni pu`o ora essere dedotta scomponendo F1 secondo
le rette dazione delle reazioni RA ed RB , la forza F2 secondo le rette dazione
delle reazioni RB ed RC , e per verifica la forza F3 secondo le rette dazione delle
reazioni RA ed RC . Si ha quindi il diagramma di Figura 6.23

6.9 Maglia chiusa con cerniera e due bipendoli


Si consideri ora la maglia chiusa di Figura 6.24, in cui tre tratti rigidi sono
collegati tra loro tramite una cerniera e due bipendoli. Non essendovi vincoli
esterni, le tre forze concorrono in un punto, garantendo lequilibrio.

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 111


6.9. MAGLIA CHIUSA CON CERNIERA E DUE BIPENDOLI

F1
B II

I
C

F2

III

F3

Figura 6.19: La ricerca delle reazioni per la maglia di Figura 6.18

Si risolver`
a anche questo problema applicando i dettami della geomnetria
analitica. Siano quindi (zA, yA ) , (zB , yB ) e (zC , yC ) le coordinate della cerniera
e dei due bipendoli, e siano e gli angoli che lorizzontale forma in senso
antiorario , per sovrapporsi al piano di scorrimento del bipendolo in A ed in
B, rispettivamente. Nel caso di Figura si `e scelto = /4 e = /2.
Si definiscano poi le rette dazione delle tre forze:

y1 (z) = mF1 z + nF1 y2 (z) = mF2 z + nF2 y3 (z) = mF3 z + nF3 (6.33)

O
F2
Ra R

S F1
F3

Rb

Figura 6.20: Le reazioni per la maglia di Figura 6.18

112 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 6. ANALISI STATICA: METODO GRAFICO

F1
B II

F2

A
C
III

F3

Figura 6.21: Una maglia chiusa a tre cerniere soggetta ad un carico auto
equilibrato

con la condizione di equilibrio:



mF1 nF1 1
Det mF2 nF2 1 =0 (6.34)
mF3 nF3 1

Siano ora:

ya (z) = mA z + nA yb (z) = mB z + nB yc (z) = mC z + nC (6.35)

le equazioni delle rette cui devono appartenere la tre reazioni incognite. Le


reazioni RA ed RB hanno direzione nota, in quanto devono essere dirette secondo
gli assi dei bipendoli, ossia devono essere inclinate di +/2 e +/2 rispetto
allorizzontale. Se ne pu`o dedurre:

mA = tan( + /2) mB = tan( + /2) (6.36)

La terza reazione `e invece costretta a passare per il punto C:

yC = mC zC + nC (6.37)

A queste tre condizioni vanno aggiunte le tre condizioni di equilibrio dei tre
tratti: la condizione che per lequilibrio del tratto I la forza F1 , la reazione
RA e la reazione RB debbono concorrere in un punto:

mF1 nF1 1
Det mA nA 1 = 0 (6.38)
mB nB 1

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 113


6.9. MAGLIA CHIUSA CON CERNIERA E DUE BIPENDOLI

F1 B II

I
F2

A
C
III

F3

Figura 6.22: La ricerca delle reazioni per la maglia di Figura 6.21

U
Rc

O Rb
F2

Ra R

S F1
F3 Ra

Rb T
Rc
P

Figura 6.23: Le reazioni per la maglia di Figura 6.21

114 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 6. ANALISI STATICA: METODO GRAFICO

F1
B II

F2

A
C

III
F3

Figura 6.24: Una maglia chiusa a due bipendoli ed una cerniera soggetta ad un
carico autoequilibrato

la condizione che per lequilibrio del tratto II la forza F2 , la reazione


RB e la reazione RC debbono concorrere in un punto:

mF2 nF2 1
Det mB nB 1 = 0 (6.39)
mC nC 1

e la condizione che per lequilibrio del tratto III la forza F3 , la reazione


RC e la reazione RA debbono concorrere in un punto:

mF3 nF3 1
Det mC nC 1 = 0 (6.40)
mA nA 1
Queste sei equazioni in sei incognite permettono la definizione delle rette
dazione delle reazioni, come illustrato in Figura 6.25. Si noti che lintersezione
tra RC , RB ed F2 non `e stata disegnata in quanto non rientrante nellarea del
disegno.
La forza F1 si scompone secondo le rette dazione dei due bipendoli, ossia
in questo caso secondo la retta orizzontale e la retta inclinata di 3/4,
ottenendo le reazioni RA ed RB . La forza F2 si scompone secondo le rette da-
zione della reazione del bipendolo in B e della reazione in C, ottenendo RC .
Infine, la terza forza deve essere equilibrata in presenza di RA ed RC . Ne segue
il diagramma di Figura 6.26

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 115


6.9. MAGLIA CHIUSA CON CERNIERA E DUE BIPENDOLI

F1
B II

F2

A
C

III
F3

Figura 6.25: La ricerca delle reazioni per la maglia di Figura 6.24

O
Rc
F2 U
R Rb
Ra
F1
F3
Ra
Rb
S
P Rc
T

Figura 6.26: Le reazioni per la maglia di Figura 6.24

116 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


Capitolo 7

Sul grado di labilit`


a ed
iperstaticit`
a

Una struttura `e labile se presenta una possibilit`a di meccanismo rigido, `e iso-


statica se `e possibile calcolare le reazioni vincolari con lausilio delle sole equa-
zioni della statica, `e iperstatica se presenta una sovrabbondanza di vincoli, e le
equazioni della statica non sono sufficienti per la determinazione delle reazioni.
Si `e visto che la classificazione delle strutture in base al loro grado di labilit`a
l ed iperstaticit`a i `e usualmente molto agevole: basta contare i t tratti rigidi
in cui la struttura `e suddivisa dai vincoli interni, contare gli s gradi di libert`a
soppressi da ciascun vincolo esterno ed interno e valutare la differenza
3t s. Se tale differenza `e maggiore di zero, la struttura `e labile, se `e minore di
zero, la struttura `e iperstatica:

3t s > 0 struttura labile


3t s < 0 struttura iperstatica (7.1)
3t s = 0 struttura isostatica

Queste tre implicazioni valgono solo nel verso indicato, perch`e una struttura
pu`o essere contemporaneamente labile ossia presentare la possibilit`a di un
meccanismo rigido ed iperstatica - ossia presentare una ridondanza di vincoli.
In tal caso diviene necessario uno studio pi` u approfondito della struttura, e non
ci si pu` o pi`
u limitare ad un semplice computo di tratti, vincoli e gradi di libert`a.
A questo tipo di strutture verr` a dedicata la prima parte del presente Capitolo.
Si `e poi finora presupposto che i vincoli fossero ben disposti, e che quindi le
equazioni che li definiscono fossero (linearmente) indipendenti, dando luogo ad
una matrice cinematica (o di equilibrio) di rango massimo. In questo Capitolo
si illustreranno alcuni casi in cui i vincoli sono mal disposti, e quindi inefficaci.
Un cenno meritano anche i cosiddetti vincoli multipli, come ad esempio
una cerniera in cui convergono pi` u di due tratti rigidi, che possono talvolta
generare confusione, ed a cui vengono dedicati alcuni esempi.

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 117


7.1. UN PORTALE LABILE ED IPERSTATICO

Infine, si introducono alcune semplificazioni per casi speciali: il riconosci-


mento del carattere di una struttura attraverso la similitudine con casi gi`a noti,
il caso classico di trave ad asse rettilineo soggetto a forze trasversali e coppie,
introducendo un conteggio ad hoc del numero di gradi di libert`a e del numero
di vincoli, e lo studio delle travature reticolari a maglie triangolari.

7.1 Un portale labile ed iperstatico


Si consideri il portale di Figura 7.1, costituito da tre tratti rigidi connessi tra
loro con due cerniere in B ed E, ed al suolo con due appoggi in A ed F . Senza
il pendolo CD, la struttura `e manifestamente labile, in quanto possiede 3t = 9
gradi di libert`a, e possono scriversi solo s = 8 equazioni di vincolo. Introducendo
il pendolo CD, si introduce anche una equazione di vincolo, sicch`e 3t s = 0, e
la struttura `e potenzialmente isostatica; tuttavia, se il pendolo collega due punti
di uno stesso tratto rigido, come in Figura, esso `e inefficace, come pu`o facilmente
controllarsi scrivendo le equazioni di equilibrio del secondo tratto. Ne segue che
la struttura di Figura 7.1 `e una volta labile ed una volta iperstatica.

B C

D
H2

E
H1
H3

L1 L2

Figura 7.1: Un portale a quattro cerniere con pendolo inefficace, l =1, i =1

7.2 Un portale con pendolo inefficace


Il portale di Figura 7.2 `e costituito da quattro tratti rigidi, connessi al suolo da
un appoggio sulla sinistra ed un incastro a destra. In assenza del pendolo HK si
ha 3t = 12, mentre i vincoli sopprimono 11 gradi di libert`a, due in ciascuna delle
cerniere e nellappoggio in A, tre nellincastro in E. Introducendo il pendolo
si ottiene quindi la relazione 3t s = 0, ma nella situazione di Figura esso `e

118 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


` ED IPERSTATICITA
CAPITOLO 7. SUL GRADO DI LABILITA `

palesemente inefficace, in quanto il punto K appartiene al tratto DE, che non


si muove a causa dellincastro, e quindi la reazione del pendolo `e nulla.

B C

K
A E
H

Figura 7.2: Un portale a quattro cerniere ed incastro, con pendolo inefficace,l =1,
i =1

7.3 Un portale con cerniere mal disposte


Il portale di Figura 7.3 `e incastrato al piede, e vede tre cerniere a dividere
la struttura in quattro tratti. Un veloce computo dei vincoli porta a scrivere
3t = 12, ed s = 12, quindi la relazione necessaria di isostaticit`a `e soddisfatta,
3ts = 0. Tuttavia, la presenza di tre cerniere allineate lungo il traverso implica
la possibilit`
a di un meccanismo rigido con abbassamento della cerniera centrale,
e quindi la struttura `e labile ed iperstatica allo stesso tempo.

B C D

A E

Figura 7.3: Un portale incastrato al piede, con tre cerniere mal disposte

7.4 Un portale doppio


Un esempio pi`
u complesso `e riportato nelle Figure 7.47.5.

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 119


7.5. VINCOLI MULTIPLI

II D

I
L III

C E
K
H IV
A B F

Figura 7.4: Un portale doppio una volta iperstatico: il pendolo HK pu`o essere
rimosso senza pregiudicare lequilibrio

II D
C
I L III

E
K
H IV
A B F

Figura 7.5: Un portale doppio una volta labile e due volte iperstatico: la labilit`a
risiede nellarco a quattro cerniere CDEF

Si pu`o agevolmente contare quattro tratti rigidi, e quindi 3t = 12, mentre


i vincoli sopprimono 13 gradi di libert`a, e quindi la struttura `e sicuramente
iperstatica. La differenza tra i due schemi risiede nella disposizione dei due
pendoli: nel primo caso si pu`o rimuovere il pendolo HK, giungendo ad una
struttura isostatica, e quindi la struttura di Figura 7.4 `e una volta iperstatica,
l = 0, i = 1. Nel secondo caso, invece, la presenza dellarco a quattro cerniere
CDEF implica la presenza di una labilit`a, e quindi la struttura di Figura 7.5 `e
una volta labile e due volte iperstatica, l = 1 ed i = 2.

7.5 Vincoli multipli


Si considerano in questa sezione alcuni vincoli multipli, che potrebbero gene-
rare perplessit`a nel calcolo dei gradi di libert`a soppressi. Un primo caso, in
Figura 7.6a), `e quello di una cerniera interna in cui concorrono n tratti rigidi.
Considerando che per ogni coppia di tratti possono imporsi due condizioni di
vincolo, esprimenti lannullarsi degli spostamenti relativi, sembrerebbe che la
cerniera multipla sopprima 2n gradi di libert`a. Tuttavia, lannullarsi degli spo-

120 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


` ED IPERSTATICITA
CAPITOLO 7. SUL GRADO DI LABILITA `

stamenti relativi tra il primo e lultimo tratto `e gi`a implicito nelle precedenti
equazioni di vincolo, e quindi una cerniera interna che connette n aste, sopprime
un totale di 2(n 1) gradi di libert`a. Nel caso in Figura 7.6a), n = 8, e quindi
i gradi di libert`
a soppressi sono 14.

Figura 7.6: Alcuni vincoli multipli e vincoli misti

In Figura 7.6b) `e presentato un vincolo misto, ossia una cerniera cui sono
connessi n tratti, riposante su un carrello a piano di scorrimento orizzontale.
Analizzando separatamente la cerniera multipla, ed il carrello, si vede che il
vincolo sopprime globalmente 2n 1 gradi di libert`a.
In Figura 7.6c), invece, gli n tratti convergono in un punto, vincolato con un
carrello. In questo caso il punto di intersezione degli n tratti `e da considerare un
incastro, e per esso possono scriversi 3(n 1) equazioni di vincolo linearmente
indipendenti, cui va aggiunto il grado di libert`a soppresso dal carrello. In totale,
quindi, il vincolo di Figura 7.6c) sopprime 3n 2 gradi di libert`a. Situazioni
simili possono essere esaminate secondo queste linee guida.

7.6 Le travi ad asse rettilineo in assenza di forze


orizzontali
E opportuno accennare ora ad alcune strutture particolari, per cui talvolta viene
utilizzata una formula semplificata di calcolo del grado di labilit`a/iperstaticit`a.
Si consideri infatti una trave ad asse rettilineo, soggetta a forze trasversali e/o
coppie concentrate agenti nel piano della trave, mentre si suppongono assenti
le forze agenti secondo lasse della trave. In tale ipotesi, le equazioni di equili-
brio alla traslazione orizzontale sono automaticamente soddisfatte, e per ciascun
tratto possono scriversi due equazioni di equilibrio non banali. Corrisponden-
temente, i vincoli vanno ripensati, eliminando dal computo dei gradi di libert`a
soppressi quelli relativi agli spostamenti orizzontali; ne segue che scompare la
differenza tra appoggio e carrello a piano di scorrimento orizzontale, che una
cerniera interna `e definita da due forze verticali uguali e contrarie, che un bi-
pendolo interno reagisce con due coppie, che lincastro elimina due gradi di
libert`
a, e cos` via.

Una trave a pi`


u luci
La trave di Figura 7.7 pu`o essere facilmente analizzata secondo la classica e
generale formula 3t s = l i: considerato che essa `e costituita da 4 tratti, si

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 121


7.7. IL CASO DELLE TRAVATURE RETICOLARI

potranno scrivere dodici equazioni di equilibrio. Corrispondentemente, il car-


rello in A identifica una reazione verticale, le due cerniere in B e D identificano
due reazioni ciascuna, il bipendolo esterno in C `e definito dalla corrispondente
coppia reattiva, il bipendolo interno equivale ad una coppia ed una forza oriz-
zontale reattiva, i due appoggi a due reazioni ciascuno. In totale si possono
quindi identificare dodici reazioni, e la condizione necessaria di isostaticit`a `e
soddisfatta: 3t s = 0. Tuttavia, `e immediato realizzare che la trave in oggetto

A B C D E F G

L1 L2 L3 L4 L5 L6

Figura 7.7: Una trave ad asse rettilineo

`e una volta labile, e quindi anche una volta iperstatica. Scrivendo infatti le
equazioni di equilibrio alla traslazione orizzontale, si ha un sistema di quattro
equazioni in cinque incognite:

RBH = 0 RBH + RDH = 0 (7.2)


RDH + REH + RF H = 0 RF H + RGH = 0 (7.3)

Non essendoci forze orizzontali applicate, le cinque reazioni possono essere


supposte nulle. Se si utilizza la formula semplificata 2ts = li, si scrivono otto
equazioni di equilibrio, quattro alla traslazione verticale e quattro di rotazione,
mentre le incognite reattive sono le tre reazioni verticali dei tre appoggi A, B e
G (scompare la differenza tra carrello ed appoggio), le forze verticali reattive in
B e D, le coppie reattive in C ed F , per un totale di sette incognite. Si ha cos`
2t s = 1, e la struttura `e una volta labile.

7.7 Il caso delle travature reticolari


Un altro caso di particolare interesse `e quello delle travature reticolari, inten-
dendosi per tali le strutture costituite da tratti rigidi collegati tra loro tramite
cerniere, e caricate solo con forze concentrate nelle cerniere. Per esse il calcolo
del grado di labilit`
a/iperstaticit`a pu`o essere certamente condotto attraverso la
formula generale. Ad esempio, nel caso di Figura 7.8, si hanno 15 tratti e quindi
la struttura non vincolata ha 45 gradi di libert`a. I vincoli sono rappresentati
da due cerniere in cui concorrono due tratti, due cerniere in cui concorrono tre

122 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


` ED IPERSTATICITA
CAPITOLO 7. SUL GRADO DI LABILITA `

tratti, e cinque cerniere in cui concorrono quattro tratti.In totale i vincoli in-
terni sopprimono 2 2 +2 4 + 5 6 = 42 gradi di libert`a, cui andranno
aggiunti i tre gradi di libert`
a soppressi dai vincoli esterni. Ne segue che `e sod-
disfatta la condizione necessaria di isostaticit`a. E per`o possibile semplificare il

Figura 7.8: Una travatura reticolare

calcolo riguardando la travatura reticolare come un insieme di c punti materiali,


le cerniere, connesse da a aste, che si comportano da pendoli. In tal modo la
struttura non vincolata avr` a 2c gradi di libert`a, cui andranno sottratti gli a
gradi di libert`
a dei vincoli interni, ed i v gradi di libert`a dei vincoli esterni. Si
ha quindi la formula semplificata:

2c a v = l i (7.4)
sicuramente molto pi`u agevole della formula generale. Nella struttura di Figura
7.8, ad esempio, si ha c = 9, a = 15 e v = 3, per cui subito: 18 15 3 = 0.

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 123


7.7. IL CASO DELLE TRAVATURE RETICOLARI

124 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


Capitolo 8

Il procedimento di
Lagrange

In questa applicazione si utilizza il principio dei lavori virtuali per il calco-


lo di una singola reazione su una struttura isostatica. Il metodo, noto come
procedimento di Lagrange, si articola nelle seguente fasi:
Sia S una struttura isostatica, soggetta a determinati carichi, e sia Ri una
generica reazione vincolare, corrispondente ad un vincolo Vi . Si elimini il
vincolo Vi , rendendo quindi la struttura una volta labile
si tracci la deformata della struttura labile, e si scriva il lavoro (virtuale)
delle forze e della reazione causato da questo cinematismo
si imponga la condizione di equilibrio, annullando il lavoro calcolato al
passo precedente, e quindi ricavando il valore della reazione incognita.
Del tutto analogo `e il procedimento per il calcolo di una caratteristica della
sollecitazione interna in una sezione della struttura:
Sia S una struttura isostatica, soggetta a determinati carichi, e sia
una generica sezione in cui si voglia conoscere una caratteristica della
sollecitazione interna. Si operi una sconnessione in , secondo il seguente
schema:
se si ricerca il momento flettente, si introduca una sconnessione di
rotazione relativa, cosicch`e la sezione diviene una cerniera, soggetta
al momento flettente M incognito
se si ricerca lo sforzo normale, si introduca una sconnessione di scor-
rimento assiale relativa, cosicch`e la sezione diviene un bipendolo
ad asse ortogonale allasse della trave, soggetto allo sforzo normale N
se si ricerca lo sforzo di taglio, si introduca una sconnessione di scorri-
mento trasversale relativa, cosicch`e la sezione diviene un bipendolo
ad asse parallelo allasse della trave, soggetto allo sforzo di taglio T

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 125


8.1. IL CALCOLO DELLE REAZIONI

si tracci la deformata della struttura labile, e si scriva il lavoro (virtuale)


delle forze e della caratteristica, causato da questo cinematismo
si imponga la condizione di equilibrio, annullando il lavoro calcolato al
passo precedente, e quindi ricavando il valore della caratteristica incognita
E evidente che il procedimento di Lagrange `e tanto pi`
u conveniente quanto
pi`
u `e semplice tracciare il relativo cinematismo.

8.1 Il calcolo delle reazioni


Si inizia con un esempio banale, su una trave ad una sola campata ad asse
rettilineo

8.1.1 Una trave appoggiata


Si consideri la trave a mensola di Figura 8.1, di luce L, soggetta ad una forza
in mezzeria, ad una forza nellestremo libero, e ad una coppia concentrata nel-
lestremo libero. Si voglia conoscere il valore della coppia reattiva dellincastro.
Rimuovendo il vincolo rotazionale in A, lincastro si riduce ad un appoggio, ca-

F1 F2

L2 M

Figura 8.1: Una trave a mensola

ricato dalla coppia reattiva MrA , il cui valore dovr`a essere calcolato attraverso
la scrittura del principio dei lavori virtuali. A ci`o fare, si osservi che la struttura
`e divenuta una volta labile, ed `e possibile tracciarne un cinematismo, come in
Figura 8.2.
Il principio dei lavori virtuali esprime la condizione di equilibrio della strut-
tura, imponendo che sia nulla la parte del primo ordine del lavoro svolto da
forze e reazioni:
Lv = MrA + F1 v1 + F2 v2 + M = 0 (8.1)
Si devono ora esprimere le quantit`a cinematiche in funzione di una singola
coordinata lagrangiana, ad esempio langolo . Dovr`a allora essere:
L
v1 = v2 = L (8.2)
2

126 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 8. IL PROCEDIMENTO DI LAGRANGE

F1 F2

MrA v2
A v1
M
L2

Figura 8.2: Lo schema per il calcolo della coppia reattiva dellincastro

dove il segno negativo si giustifica in quanto a rotazioni positive (antiorarie)


corrispondono spostamenti negativi (verso lalto). Si noti che il principio dei
lavori virtuali impone la scrittura delle relazioni precedenti, al posto delle cor-
rispondenti relazioni trigonometriche:
L
v1 = tan() v2 = tan()L (8.3)
2
in quanto si deve annullare solo la parte del primo ordine dello spostamento
(atto di moto). La (8.1) diviene allora:
L
Lv = MrA F1 F2 L + M = 0 (8.4)
2
ed attesa l arbitrariet`
a di , si potr`a dedurre il valore della coppia reattiva:
L
MrA = F1 + F2 L M = 0 (8.5)
2

8.1.2 Trave Gerber


Si consideri ora la trave a tre luci di Figura 8.45, ovviamente isostatica, e si
voglia calcolare la reazione dellappoggio in B. Rimuovendo lappoggio stesso,
e sostituendolo con la reazione incognita RB , la struttura diviene una volta
labile, il centro C1 del primo tratto `e situato in corrispondenza dellappoggio
in A, il centro relativo C12 `e situato nella cerniera, ed infine il centro assoluto
C2 del secondo tratto si situa nellappoggio in D. E allora possibile tracciare
una deformata, su cui calcolare il lavoro virtuale del carico distribuito e della
reazione RB . Sullo schema di Figura 8.4 si scrive:
Z L1 +L2 +L3
Lv = RB vB + q v dx3 = 0 (8.6)
0

Nel caso in esame, `e possibile ricavare, dalla stessa Figura 8.4:

vB = L1 vC = (L1 + L2 ) (8.7)

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 127


8.1. IL CALCOLO DELLE REAZIONI

q
A B C D

L1 L2 L3

Figura 8.3: Una trave a tre appoggi e cerniera

q
A B C D

RB

vB vC

L1 L2 L3

Figura 8.4: Lo schema per il calcolo della reazione dellappoggio in B

Z L1 +L2 +L3
1 2 1
v dx3 = (L1 + L2 ) (L1 + L2 ) L3 (8.8)
0 2 2
e quindi:
1 2 1
RB L1 + q (L1 + L2 ) + (L1 + L2 ) L3 = 0 (8.9)
2 2
da cui la richiesta reazione:
2
1 (L1 + L2 ) 1 L3
RB = q (L1 + L2 ) (8.10)
2 L1 2 L1

Verifica
Utilizzando le equazioni cardinali della statica, dovranno scriversi le quattro
condizioni di equilibrio:

RA + RB + TC + q (L1 + L2 ) = 0
(L1 + L2 ) 2
RB L1 TC (L1 + L2 ) q =0
2 (8.11)
TC + RD + qL3 = 0
qL23
TC L3 + =0
2

128 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 8. IL PROCEDIMENTO DI LAGRANGE

dalla quarta pu`


o ricavarsi il taglio in C, che sostituito nella seconda fornisce la
(8.10).

8.1.3 Arco a quattro cerniere con pendolo


Si vuole ora calcolare la reazione del pendolo EF sullarco di Figura 8.5. Si
tratta di un arco parabolico di luce L e freccia f , incernierato alle imposte e
diviso in tre tratti dalla presenza di due cerniere poste a distanza L1 ed L2 + L2
dalla cerniera di sinistra. Il pendolo EF insiste sul secondo tratto, ed `e inclinato
di una angolo rispetto allorizzontale. La struttura `e soggetta ad un carico
verticale uniformemente distribuito su tutta la luce, di intensit`a q. La curva
dellarco `e quindi descritta dalla funzione parabolica:

f
z(L z)
g(z) = 4 (8.12)
L2
La struttura `e isostatica, in quanto possono scriversi nove equazioni di equilibrio

C
L4
B E

F f

A D

L1 L2 L3

Figura 8.5: Un arco a quattro cerniere e pendolo esterno

nelle nove incognite (cinque reazioni esterne, due tagli e due sforzi normali nelle
due cerniere interne), sicch`e la reazione del pendolo pu`o calcolarsi applicando il
procedimento di Lagrange: si rimuove il pendolo, sostituendo ad esso la reazione
incognita Rp , si traccia il cinematismo per la struttura labile cos` ottenuta, e si
annulla il lavoro virtuale del carico e della reazione Rp .

Il tracciamento della deformata


La ricerca dei centri di rotazione non presenta alcun problema: il centro di
rotazione assoluto C1 del primo tratto e C3 del terzo tratto sono situati nelle
cerniere A e D, rispettivamente, i due centri relativi C12 e C23 sono individuati
nelle due cerniere interne B e C, mentre il centro di rotazione assoluto C2 `e
individuabile intersecando la retta che congiunge C1 e C12 con la retta che

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 129


8.1. IL CALCOLO DELLE REAZIONI

C2
C23
C12

2
C3
C1

2
1

Figura 8.6: Le deformate per larco a quattro cerniere

congiunge C23 e C3 . Si pu`o quindi tracciare la deformata in Figura 8.6 La retta


a che passa per C1 e C12 `e identificabile analiticamente come la retta che passa
per i punti di coordinate (0, 0) ed (L1 , g(L1 )) , e quindi avr`a equazione:
g (L1 )
ya (z) = z (8.13)
L1
mentre la retta b che passa per i punti C23 e C3 `e identificabile analiticamente
come la retta che passa per i punti di coordinate (L1 + L2 , g(L1 + L2 )) ed (L, 0,
e quindi avr`
a equazione:
g (L1 + L2 )
yb (z) = (L z) (8.14)
L3
Infine, le coordinate del centro di rotazione assoluto C2 si ottengono inter-
secando le rette a e b, e quindi pu`o scriversi1 :
((Lg (L1 + L2 ) L1 L2 )
zC2 = L1 (8.18)
L3 g (L1 ) + L1 g (L1 + L2 )
1 Si ricorda che la retta passante per i punti di coordinate (z , y ) e (z , y ) `
1 1 2 2 e esprimibile
come:
y2 y1 z 2 y1 z 1 y2
y(z) = z+ (8.15)
z2 z1 z2 z1
mentre l intersezione tra le due rette di equazioni:
ya (z) = ma z + na
(8.16)
yb (z) = mb z + nb
ha coordinate:

nb na
zI =
ma mb
(8.17)
nb na
yI = m a + na
ma mb

130 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 8. IL PROCEDIMENTO DI LAGRANGE

g (L1 ) ((Lg (L1 + L2 ) L1 L2 )


yC2 = zC2 = g (L1 ) (8.19)
L1 L3 g (L1 ) + L1 g (L1 + L2 )
Si traccia ora il diagramma delle componenti verticali di spostamento, par-
tendo dalla cerniera di sinistra, ed assegnando al primo tratto una rotazione
arbitraria di ampiezza , positiva se antioraria. Lo spostamento verticale della
a quindi pari a L1 , e la conoscenza di tale spostamento per-
cerniera in B sar`
mette il tracciamento della deformata del secondo tratto, in quanto si conosce il
punto di nullo, sulla verticale per C2 . Langolo 1 di cui ruota il secondo tratto
`e pari allora a:
L1
1 = (8.20)
zC2 L1
Lo spostamento verticale della cerniera in C `e calcolabile come:

L1 + L2 L1 L1 + L2
vC = 1 = (8.21)
zC2 zC2 L1 zC2

e quindi l angolo 2 di cui ruota il terzo tratto `e pari a:

vC L1 + L2 L1 L1 + L2
2 = = 1 = (8.22)
L3 L3 zC2 L3 (zC2 L1 ) zC2

Il diagramma delle componenti orizzontali di spostamento pu`o tracciarsi


analogamente: il primo tratto ruota dellangolo , provocando uno spostamento
orizzontale verso sinistra della cerniera B pari a:

wB = g (L1 ) (8.23)

Il diagramma relativo al secondo tratto pu`o tracciarsi dalla conoscenza di


questo valore, e dalla conoscenza dellordinata del centrio C2 , dove lo sposta-
mento si annulla. Si otterr`a una retta inclinata dellangolo 1 , che permetter`a
anche di leggere lo spostamento orizzontale della cerniera in C. Si pu`o quindi
tracciare anche la deformata relativa al terzo tratto, congiungendo tale valore
con il punto di nullo in D, ed ottenendo una retta inclinata dellangolo 2 .

La scrittura del lavoro virtuale


Se wE e vE indicano gli spostamenti orizzontali e verticali del punto di applica-
zione del pendolo, si avr`
a:
Z L
Lv = q v(z) dz + Rpy vE + Rpz wE = 0 (8.24)
0

dove:

Rpy = Rp sin() Rpz = Rp cos() (8.25)

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 131


8.1. IL CALCOLO DELLE REAZIONI

Dalla Figura 8.6 si evince:


Z L
1 1 1 1
v(z) dz = L1 vB + (zC2 L1 ) vB + (L2 + L1 zC2 ) vC + L3 vC (8.26)
0 2 2 2 2

ossia, in funzione dell angolo arbitrario :


Z L
1 1 1 L1 L1 + L2
v(z) dz = L21 (zC2 L1 ) L1 + (L zC2 )
0 2 2 2 L3 (zC2
L1 ) zC2
(8.27)
Per quanto concerne invece le componenti di spostamento del punto di
applicazione del pendolo, si potr`a scrivere:

L1
vE = 1 (zC2 zE ) = (zC2 zE )
zC2 L1
(8.28)
L1
wE = 1 (yC2 yE ) = (yC2 yE )
zC2 L1

Ne segue, dalla (8.24):


 
1 1 1 L1 L1 + L2
Lv = q L21 (zC2 L1 ) L1 + (L zC2 ) +
2 2 2 L3 (zC2 L1 ) zC2
(8.29)
L1 L1
Rpy (zC2 zE ) + Rpz (yC2 yE ) = 0
zC2 L1 zC2 L1

ossia ancora:
 
1 1 1 L1 L1 + L2
q L21 (zC2 L1 ) L1 + (L zC2 ) +
2 2 2 L3 (zC2 L1 ) zC2
(8.30)
L1 L1
Rpz tan() (zC2 zE ) + Rpz (yC2 yE ) = 0
zC2 L1 zC2 L1

da cui subito la componente orizzontale della reazione:


 
L1 + L2
(zC2 L1 ) zC2 (L zC2 )
q L3 (zC2 L1 ) zC2
Rpz = (8.31)
2 (tan() (zC2 zE ) + (yC2 yE ))

ed infine:
Rpy = Rpz tan()
q (8.32)
Rp = Rpy 2 + R2
pz

Un esempio numerico
Si consideri ora un arco con luce di 20 metri e freccia 5 metri, ipotizzando che le
cerniere intermedie siano situate a 6 metri ed a 12 metri dallimposta di sinistra.

132 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 8. IL PROCEDIMENTO DI LAGRANGE

Il pendolo agisca invece allimposta di sinistra, e sia inclinato di un angolo =


/5. Il carico q abbia valore unitario
Le coordinate del punto C saranno fornite da:

(Lg [L1 + L2 ] L1 L2 )
zC = L1 = 8.269
L3 g [L1 ] + L1 g [L1 + L2 ]
(8.33)
g [L1 ]
yC = zC = 6.946
L1

mentre le reazioni sono fornite da:

Rpz = 3.454 q Rpy = 2.5095 q Rp = 4.2695 q (8.34)

8.1.4 Arco con bipendolo allimposta


Si considera ora lo stesso arco parabolico dellesempio precedente, ma vincolato
a sinistra con un bipendolo a piano di scorrimento normale alla curva dellasse,
come in Figura 8.7. Inoltre, esso `e caricato da una forza F concentrata in
corrispondenza della seconda cerniera, e da una coppia concentrata M agente
sul terzo tratto.

F
L4
C
B E
M
F f

D
A

L1 L2 L3

Figura 8.7: Arco parabolico con bipendolo, tre cerniere e pendolo esterno

Eliminato il pendolo EF , la struttura diviene labile, e si deve tracciare il


relativo cinematismo, individuando i centri e tracciando le relative deformate.
La presenza del bipendolo fissa il centro di rotazione C1 nel punto improprio
della retta tangente allasse in A, ossia lungo la retta:

f
y1 (z) = 4 z (8.35)
L
mentre i centri C12 , C23 e C3 sono immediatamente situabili in corrispondenza
delle cerniere in B, C e D. Ne segue che il centro di rotazione assoluto C2 deve

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 133


8.1. IL CALCOLO DELLE REAZIONI

trovarsi sullintersezione della retta a parallela alla (33), e passante per B, e la


retta b passante per C e D. La retta a avr`a equazione2 :

4f 4f
ya (z) = yB + (z zB ) = g (L1 ) + (z L1 ) (8.37)
L L
mentre la retta b avr`
a equazione fornita dalla (8.14):

g (L1 + L2 )
yb (z) = (L z) (8.38)
L3

Lintersezione fornisce le coordinate del centro C2 :

L2 g [L1 + L2 ] + (Lg [L1 ] + 4f L1 ) L3


zC2 = (8.39)
Lg [L1 + L2 ] + 4f L3

g [L1 + L2 ] (Lg [L1 ] + 4f (L L1 ))


yC2 = (8.40)
Lg [L1 + L2 ] + 4f L3
Si inizia ad imporre una componente verticale arbitraria allo spostamento del

C2
1
C23

C12

2
C1 C3

1 2

Figura 8.8: Il cinematismo per larco parabolico con bipendolo, tre cerniere e
pendolo esterno

bipendolo, assumendo quindi come coordinata lagrangiana. I punti del tratto


I subiscono lo stesso abbassamento, sicch`e il diagramma prosegue costante fino
a C12 . Per tracciare la deformata del secondo tratto, basta poi connettere questo
2 Si ricorda che una retta, passante per un punto di coordinate (x , y ) e parallela alla retta
1 1
di equazione y(x) = m x + n , avr` a equazione:

y y1 = m (x x1 ) (8.36)

134 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 8. IL PROCEDIMENTO DI LAGRANGE

valore con il punto di nullo in corrispondenza di C2 , e proseguendo fino a C23 .


Il tratto II ruota quindi di un angolo:


1 = (8.41)
zC2 L1

e quindi lo spostamento verticale della cerniera C `e pari a:

(L1 + L2 zC2 )
vC = 1 (L1 + L2 zC2 ) = (8.42)
zC2 L1

Infine, il diagramma delle componenti verticali di spostamento lungo il terzo


tratto non presenta difficolt`
a, dovendosi semplicemente congiungere labbassa-
mento in C23 con il valore nullo in corrispondenza di C3 . Il tratto III quindi
ruota di un angolo:
vC (L1 + L2 zC2 )
2 = = (8.43)
L3 L3 zC2 L1
Per tracciare i diagrammi delle componenti orizzontali di spostamento, si
parte dal tratto III, che ruota di 2 . Ne segue che lo spostamento orizzontale
della cerniera C `e pari a:

wC = 2 g (L1 + L2 ) (8.44)

Da qui in poi, si pu`o tracciare la retta che giunge a zero in corrispondenza


di yC2 , fermo restando che tale diagramma ha significato solo fino alla chiave
dellarco. Infine, la parte di sinistra ruota dellangolo 1 , permettendo il trac-
ciamento del primo tratto di diagramma , da yC2 a g [L1 ], per poi proseguire
costante, in quanto il tratto I non ruota. Il diagramma finale si presenta come
in Figura 8.8

La scrittura del lavoro virtuale


Se wE e vE indicano gli spostamenti orizzontali e verticali del punto di applica-
zione del pendolo, si avr`
a:

Lv = F vC + M2 + Rpy vE + Rpz wE = 0 (8.45)

dove:

Rpy = Rp sin() Rpz = Rp cos() (8.46)

Dalla Figura 8.8 si evince:


vE = 1 (zC2 zE ) = (zC2 zE )
zC2 L1
(8.47)

wE = 1 (yC2 yE ) = (yC2 yE )
zC2 L1

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 135


8.2. UN PORTALE ZOPPO

e quindi, utilizzando anche la (8.41) e la (8.42), il lavoro virtuale 8.45 si scrive:

(L1 + L2 zC2 ) (L1 + L2 zC2 )


Lv = F +M +
zC2 L1 L3 zC2 L1
(8.48)

Rpy (zC2 zE ) + Rpz (yC2 yE ) = 0
zC2 L1 zC2 L1
ossia ancora:
M
Lv = F (L1 + L2 zC2 ) + (L1 + L2 zC2 ) + Rpz tan() (zC2 zE ) +
L3
Rpz (yC2 yE ) = 0
(8.49)

da cui subito la componente orizzontale della reazione:


 
M (L1 + L2 zC2 )
Rpz = F + (8.50)
L3 (tan() (zC2 zE ) + (yC2 yE ))

ed infine:
Rpy = Rpz tan()
q (8.51)
Rp = Rpy 2 + R2
pz

Un esempio numerico
Si consideri ora un arco con luce di 20 metri e freccia 5 metri, ipotizzando che le
cerniere intermedie siano situate a 6 metri ed a 12 metri dallimposta di sinistra.
Il pendolo agisca invece allimposta di sinistra, e sia inclinato di un angolo =
/5. Il carico sia unitario.
Le coordinate del punto C saranno fornite da:

zC = 8.625 yC = 8.19 (8.52)

mentre le reazioni sono fornite da:

Rpz = 1.07879 q Rpy = 0.783787 q Rp = 1.33346 q (8.53)

8.2 Un portale zoppo


Si consideri il portale zoppo di Figura 8.9, incernierato a sinistra e con carrello
a destra, soggetto ad una forza verticale F agente a distanza L1 dalla cerniera
a sinistra, e ad una forza orizzontale F1 agente in sommit`a del ritto di sinistra.
Si voglia la reazione del carrello di destra.
La struttura `e manifestamente isostatica, ed eliminando il carrello in C essa
si trasforma in una struttura labile, il cui cinematismo pu`o essere disegnato
come in Figura 8.10. La scrittura del lavoro virtuale risulta immediata:

136 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 8. IL PROCEDIMENTO DI LAGRANGE

F
F1

H2
H1
C

L1 L2

Figura 8.9: Un portale zoppo

H1 F H1
F1

H2 1

H1

C
RC

A
L1 L2

HL1 +L2 L

Figura 8.10: Il cinematismo per il portale zoppo di Figura 8.9

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 137


8.3. IL CALCOLO DELLE CARATTERISTICHE DELLA SOLLECITAZIONE

Lv = F L1 RC (L1 + L2 ) F1 H1 = 0 (8.54)
da cui subito la reazione del carrello:
L1 H1
RC = F F1 (8.55)
L1 + L2 L1 + L2

8.3 Il calcolo delle caratteristiche della solleci-


tazione
Si illustrano ora alcuni esempi di applicazione del metodo di Lagrange per il
calcolo di una caratteristica della sollecitazione interna.

8.3.1 Trave a due campate


Come primo, immediato esempio, si consideri la trave di Figura 8.11, incastrata
a sinistra, appoggiata a destra, e con cerniera intermedia a distanza L1 dallin-
castro. Si voglia calcolare il momento flettente nella generica sezione S apparte-
nente alla semiluce di sinistra della trave, ossia posta a distanza z dallincastro,
con z < L1 .

A S
z
L1

Figura 8.11: Una semplice trave con incastro ed appoggio, e cerniera intermedia

Secondo la procedura sopra illustrata, si inserisce una cerniera in S, insieme


al momento flettente M (z) incognito, e si traccia un possibile cinematismo della
risultante struttura labile, come in Figura 8.12.
La scrittura del principio dei lavori virtuali `e immediata:
Lv = M F (L1 z) = 0 (8.56)
da cui:
M (z) = F (L1 z) (8.57)
Si noti che quando la sezione S coincide con la sezione di incastro, si ottiene
M (0) = F L1 , mentre in corrispondenza della forza si ritrova un momento
nullo. Si pu`o quindi tracciare il diagramma del momento per lintera semiluce
di sinistra.
Come utile esercizio, si calcoli il taglio nella stessa sezione S.

138 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 8. IL PROCEDIMENTO DI LAGRANGE

L1
z F

S M
A

Figura 8.12: Il cinematismo della trave di Figura 8.11

8.3.2 Trave appoggiata con sbalzo


Si voglia ora conoscere il diagramma del taglio per la trave appoggiata con sbalzo
di Figura 8.13, soggetta ad un carico uniformemente distribuito su tutta la luce.
A far ci`o, si scelga una sezione allascissa generica z < L1 , e si introduca in z
un bipendolo ad asse verticale, insieme alla forza di taglio T (z) La risultante

A S B

L1 L2

Figura 8.13: Una trave appoggiata con sbalzo

struttura presenta una labilit` a, ed un suo possibile cinematismo `e disegnato in


Figura 8.14: assegnata una rotazione di ampiezza arbitraria al primo tratto,
la faccia di sinistra del bipendolo si alzer`a della quantit`a z. Il secondo tratto
sar`
a anchesso ruotato dello stesso angolo , e quindi la faccia di destra del
bipendolo si abbasser` a di (L1 z). La scrittura del principio dei lavori virtuali
non presenta difficolt`a:
Z z Z L1
Lv = T (z)z T (z) (L1 z) + qv() d + qv() d+
0 z
Z L1 +L2
(8.58)
qv(z) dz = 0
L1

e semplificando:
Z z Z L1 Z L1 +L2
Lv = T (z)L1 + q v() d + q v() d + q v() d = 0 (8.59)
0 z L1

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 139


8.3. IL CALCOLO DELLE CARATTERISTICHE DELLA SOLLECITAZIONE

A THzL B

L1 L2

Figura 8.14: Il cinematismo della trave di Figura 8.13

e svolgendo gli integrali:

z2 (L1 z) 2 L2
Lv = T (z)L1 q + q q 2 = 0 (8.60)
2 2 2
da cui:
L22
 
q
T (z) = L1 2z (8.61)
2 L1
Si completi lesercizio individuando una sezione S sullo sbalzo.

8.3.3 Portale con quattro cerniere e pendolo


Si consideri il portale a quattro cerniere con pendolo interno di Figura 8.15,
sollecitato da una coppia agente in corrispondenza dellappoggio di sinistra. Si
voglia calcolare lo sforzo normale nel pendolo.
Sopprimendo il pendolo, la struttura diviene labile, ed il corrispondente ci-
nematismo `e riportato in Figura 8.16, insieme ai centri di rotazione necessari
al suo tracciamento. Il centro C2 , con semplici considerazioni di similitudi-
ne geometrica, avr` a coordinate (3L, 6H), dovendo situarsi allintersezione delle
due rette passanti per C1 e C12 , e C23 e C3 , rispettivamente. Assegnata la
coordinata lagrangiana , e tracciato il diagramma degli spostamenti verticali
del primo tratto, si giunge in corrispondenza di C12 . Si prosegue poi lungo il
secondo tratto, annullando gli spostamenti in corrispondenza del centro C2 . Ne
segue che il secondo tratto ruota di -2. Gli spostamenti orizzontali del primo
tratto si tracciano considerando che il tratto ruota di , a partire da C1 . Gli
spostamenti orizzontali del secondo tratto si ottengono ruotando il tratto di -2
intorno al punto C2 , ottenendo cos` lo spostamento orizzontale del centro C23 .
Infine, si prosegue annullando gli spostamenti in corrispondenza di C3 . Poich`e
la cerniera in C23 ha uno spostamento pari a -8H, il terzo tratto ruoter`a di 4.

140 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 8. IL PROCEDIMENTO DI LAGRANGE

C D E

H
B F
H
G

2H
M
A H

2L L

Figura 8.15: Un portale a quattro cerniere con pendolo

C2

2
C12

wB wF

C23
4

C1 C3

Figura 8.16: Il cinematismo del portale con pendolo soppresso

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 141


8.3. IL CALCOLO DELLE CARATTERISTICHE DELLA SOLLECITAZIONE

Nella stessa Figura sono anche indicati gli spostamenti orizzontali dei punti
B ed F , dove agisce il pendolo:

wB = 3HwF = 6H (8.62)

per cui lo spostamento relativo sar`a pari a:

wBF = wF wB = 3H (8.63)

La scrittura del principio dei lavori virtuali porta a scrivere:

M 3HNBF = 0 (8.64)

da cui lo sforzo normale:


M
NBF = (8.65)
3H

142 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


Capitolo 9

Analisi della tensione

In questa Esercitazione si esaminano alcuni stati tensionali, deducendo, per


alcuni di essi, le tensioni principali e le corrispondenti direzioni principali, cal-
colando le minime e massime tensioni tangenziali, e disegnando i cerchi di Mohr
principali. Un esempio `e del tutto generico, ed i calcoli vanno svolti con lausilio
di un computer, gli altri presentano alcune peculiarit`a che permettono il calcolo
manuale.

9.1 Determinazione del vettore di tensione

Si consideri il corpo B, e si ipotizzi che nel punto P la matrice delle tensioni sia
data da:

1 2 1
S = 2 4 0 t cm2 (9.1)
1 0 1.5

e si voglia determinare il vettore tensione tn sul piano definito dalla normale


con coseni direttori
1

r14



n= 2
(9.2)
7


3

14

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 143


9.2. DETERMINAZIONE DEL VETTORE DI TENSIONE

Soluzione
Basta applicare il teorema di CauchyPoisson, ottenendo:
1

r14

tn1 1 2 1 0
tn2 = 2 4 0

2 = 1.60357 t cm2

7

tn3 1 0 1.5 0.935414
3

14
(9.3)

9.2 Determinazione del vettore di tensione


Si consideri il corpo B, e si ipotizzi che nel punto P la matrice delle tensioni sia
data da:
1 2 1
S = 2 0 2 t cm2 (9.4)
1 2 1.5

e si voglia determinare il vettore tensione tn sul piano definito dallequazione


(cfr. Figura 9.1):
x1 + 2x2 + 2x3 1 = 0 (9.5)

Soluzione
Dato il piano di equazione:

ax1 + bx2 + cx3 + d = 0 (9.6)

i coseni della normale ad esso sono forniti da:


a b c
n1 = n2 = n3 = (9.7)
a2 + b2 + c2 a2 + b2 + c 2 a2 + b2 + c2

Nel nostro caso sar`a allora:


1 2 2
n1 = n2 = n3 = (9.8)
3 3 3
e quindi il teorema di CauchyPoisson fornisce:
1
13

tn1 1 2 1 3
tn2 = 2 2 2 2
0 2 = t cm (9.9)

3 3
tn3 1 2 1.5 2 2
3 3

144 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 9. ANALISI DELLA TENSIONE

X3

1
CH0,0, L
2

O X2
1
BH0, ,0L
2

AH1,0,0L
X1

Figura 9.1: Il piano di equazione (9.5)

9.3 Determinazione del vettore di tensione tan-


genziale
Si consideri il corpo B, e si ipotizzi che nel punto P la matrice delle tensioni sia
data da:

5 2 0
S = 2 1 2 t cm2 (9.10)
0 2 1

e si voglia determinare la tensione tangenziale n agente sul piano di normale


con coseni direttori:
1
n1 3
n2 = 23 (9.11)

n3 2
3

Soluzione
Si calcolano, nellordine, la tensione t n sul piano in oggetto, la sua componente
normale n e lampiezza della componente tangenziale n . Infine, si calcolano i
coseni direttori della retta di azione di n .

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 145


9.4. VERIFICA DELLEQUILIBRIO PER UNO STATO PIANO

La tensione t n si ottiene applicando il teorema di CauchyPoisson:


1 1
5 2 0 3 3
tn = Sn = 2 1 2 23 = 43 t cm2 (9.12)

0 2 1 2 2
3 3

La componente normale n `e la componente di t n lungo la normale n , e si


calcola attraverso il prodotto scalare tra il vettore di tensione t n ed il vettore
della normale n :
11 42 22 13
n = tn n = tn1 n1 + tn2 n2 + tn3 n3 = + + = t cm2 (9.13)
33 33 33 9
Lampiezza della tensione tangenziale `e immediatamente deducibile come:
r
1 16 4 169 2 5
p q
2 2 2 2 2
|n | = tn n = tn1 + tn2 + tn3 n = 2 + + =
9 9 9 81 9
(9.14)
Infine, i coseni direttori della retta di azione di n si ottengono da:
tn1 n n1 2
n 1 = = = 0.298142
n 3 5

tn2 n n2 5
n 2 = = = 0.745356 (9.15)
n 3
tn3 n n3 4
n 3 = = = 0.596285
n 3 5

9.4 Verifica dellequilibrio per uno stato piano


Assegnato lo stato tensionale:
11 = c1 x1 + c2 x2 + c3 x1 x2
22 = c4 x1
(9.16)
x2
12 = c3 2 c1 x2
2
verificare se esso `e ipotizzabile, in assenza di forze di massa.

Soluzione
Le equazioni indefinite dell equilibrio, in assenza di forze di massa, si semplifi-
cano in:
11 12
+ =0
x1 x2
(9.17)
12 22
+ =0
x1 x2
e sono banalmente soddisfatte dal campo di tensioni (9.16)

146 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 9. ANALISI DELLA TENSIONE

9.5 Verifica dellequilibrio per uno stato tensio-


nale generico
Assegnato lo stato tensionale:

c12 3
11 = c1 x1 + c2 x2 + c3 x1 x2 + c4 x23 x
3 1
22 = c5 x1 + c6 x22 c7 x3
33 = c8 x1 + c9 x2 + c10 x1 x23 + c11 x23
(9.18)
x22
12 = c3 c1 x2
2
13 = c12 x21 x3
23 = c13 x2 x3

verificare se esso `e realizzabile in assenza di forze di massa

Soluzione
Le equazioni indefinite dell equilibrio, in assenza di forze di massa, si semplifi-
cano in:

11 12 13
+ + =0
x1 x2 x3
12 22 23
+ + =0 (9.19)
x1 x2 x3
13 23 33
+ + =0
x1 x2 x3

La prima equazione `e identicamente soddisfatta, mentre le altre due diven-


gono:

2c6 x2 c13 x2 = 0
(9.20)
2c11 x3 c13 x3 + 2c10 x1 x3 + 2c12 x1 x3 = 0

Di conseguenza, il campo tensionale assegnato non `e equilibrato, a meno che


non si abbia:

c13
c6 = c11 =
2 (9.21)
c10 = c12

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 147


9.6. DEDUZIONE FORZE DI MASSA

9.6 Deduzione forze di massa


Assegnato il campo di tensioni:

11 = 2x1 x2 + x2 x3
22 = x1 x1 x3
33 = x3
x2 (9.22)
12 =
2
13 = 0
23 = x2

dedurre le forze di massa in equilibrio con esso.

Soluzione
Dalle equazioni indefinite dell equilibrio:

11 12 13
+ + = X1
x1 x2 x3
12 22 23
+ + = X2 (9.23)
x1 x2 x3
13 23 33
+ + = X3
x1 x2 x3
si trae subito che dovr`a essere:
5
X1 = X2 = 0 X3 = 2 (9.24)
2

9.7 Studio di uno stato tensionale generico


Si consideri il punto P , interno al corpo B, e si assegni in P la seguente matrice
delle componenti speciali di tensione:

750 400 125
S = 400 1000 0 Kg cm2 (9.25)
125 0 500

Si vuole:

1. disegnare lo stato tensionale

2. calcolare le tensioni principali

3. calcolare le corrispondenti direzioni principali di tensione

4. calcolare le massime e minime tensioni tangenziali

148 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 9. ANALISI DELLA TENSIONE

X3

750 400
125
500 400
1000 125
125 1000 X2
400 500
400 125
750

X1

Figura 9.2: Lo stato tensionale in esame

5. identificare i piani su cui agiscono tali tensioni


6. tracciare i cerchi principali di Mohr, confermando i risultati del punto
precedente

Soluzione
Punto 1
Lo stato tensionale `e disegnato in Figura 9.2. Si osservi che le tensioni sono
state riportate col loro segno, e che di conseguenza il loro valore `e stato indicato
in assoluto.

Punto 2
Per dedurre le tensioni principali, `e opportuno calcolare i tre invarianti:

I1 = 11 + 22 + 33 = 750 + 1000 500 = 1250 Kg cm2




2 2 2
2
= 300625 Kg cm2

I2 = 11 22 + 11 33 + 22 33 12 13 23
3
I3 = Det(S) = 310625000 Kg cm2


(9.26)

da cui poi trarre lequazione secolare:

3 + 1250 2 + 300625 310625000 = 0 (9.27)

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 149


9.7. STUDIO DI UNO STATO TENSIONALE GENERICO

Le tre radici, reali, possono essere calcolate con un qualsiasi metodo nume-
rico, ottenendo le tre tensioni principali:

1 = 1297.15 2 = 466.348 3 = 513.496 (9.28)

Punto 3
Per calcolare la prima direzione principale occorre risolvere il sistema:

S 1 I ) n = 0
(S (9.29)

ossia:

750 1297.15 400 125 n1 0
400 1000 1297.15 0 n2 = 0
125 0 500 1297.15 n3 0
(9.30)
omogeneo ed a determinante nullo. Dividendo per n3 si ha, dalle prime due
equazioni:    
n1 n2
547.15 400 = 125 (9.31)
n3 n3
   
n1 n2
400 297.15 =0 (9.32)
n3 n3
con soluzione ottenibile con un normale metodo di sostituzione:
n1 n2
= 14.3655 = 19.3377 (9.33)
n3 n3
Infine, la soluzione pu`o essere normalizzata imponendo che sia:

n21 + n22 + n23 = 1 (9.34)


Basta, a tal fine, scrivere:
14.3655
n1 = 1/2
= 0.59582 (9.35)
(14.36552 + 19.33772 + 1)

19.3377
n2 = 1/2
= 0.802046 (9.36)
(14.36552 + 19.33772 + 1)
1
n3 = 1/2
= 0.0414758 (9.37)
(14.36552 + 19.33772 + 1)
La prima direzione principale `e quindi data da:

0.59582
n (1) = 0.802046 (9.38)
0.0414758

150 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 9. ANALISI DELLA TENSIONE

Per calcolare la seconda direzione principale occorre risolvere il sistema:


S 2 I ) n = 0
(S (9.39)
ossia:


750 466.348 400 125 n1 0
400 1000 466.348 0 n2 = 0
125 0 500 466.348 n3 0
(9.40)
omogeneo ed a determinante nullo. Dividendo per n3 si ha, dalle prime due
equazioni:    
n1 n2
283.652 400 = 125 (9.41)
n3 n3
   
n1 n2
400 533.652 =0 (9.42)
n3 n3
con soluzione ottenibile con un normale metodo di sostituzione:
n1 n2
= 7.73091 = 5.79472 (9.43)
n3 n3
Infine, la soluzione pu`
o essere normalizzata imponendo che sia:
n21 + n22 + n23 = 1 (9.44)
Basta, a tal fine, scrivere:
7.73091
n1 = 1/2
= 0.79592 (9.45)
(7.730912 + 5.794722 + 1)
5.79472
n2 = 1/2
= 0.596584 (9.46)
(7.730912 + 5.794722 + 1)
1
n3 = 1/2
= 0.102953 (9.47)
(7.730912 + 5.794722 + 1)
La seconda direzione principale `e quindi data da:

0.79592
n (2) = 0.596584 (9.48)
0.102953
Per calcolare la terza direzione principale occorre risolvere il sistema:
S 3 I ) n = 0
(S (9.49)
ossia:

750 + 513.496 400 125 n1 0
400 1000 + 513.496 0 n2 = 0
125 0 500 + 513.496 n3 0
(9.50)

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 151


9.7. STUDIO DI UNO STATO TENSIONALE GENERICO

omogeneo ed a determinante nullo. Dividendo per n3 si ha, dalle prime due


equazioni:    
n1 n2
1263.5 400 = 125 (9.51)
n3 n3
   
n1 n2
400 + 1513.496 =0 (9.52)
n3 n3
con soluzione ottenibile con un normale metodo di sostituzione:
n1 n2
= 0.107965 = 0.0285339 (9.53)
n3 n3
Infine, la soluzione pu`o essere normalizzata imponendo che sia:

n21 + n22 + n23 = 1 (9.54)

Basta, a tal fine, scrivere:


0.107965
n1 = 1/2
= 0.107298 (9.55)
(0.1079652 + 0.02853392 + 1)
0.0285339
n2 = 1/2
= 0.0283576 (9.56)
(0.1079652 + 0.02853392 + 1)
1
n3 = 1/2
= 0.993822 (9.57)
(0.1079652 + 0.02853392 + 1)
La terza direzione principale `e quindi data da:

0.107298
n (3) = 0.0283576 (9.58)
0.993822

Si costruisca ora la matrice modale, inserendo le tre direzioni in colonne


successive:

0.59582 0.79592 0.107298
N = 0.80204612 0.596584 0.0283576 (9.59)
0.0414758 0.102953 0.9938224

Tale matrice risulta ortogonale, a determinante unitario, segnalando che le


direzioni principali sono mutuamente ortogonali. Inoltre, `e facile verificare che:

N 1SN = (9.60)

con matrice diagonale contenente liesima tensione principale in posizione


iesima:
1297.15 0 0
= 0 466.348 0 (9.61)
0 0 513.496

152 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 9. ANALISI DELLA TENSIONE

Punto 4
Conosciute le tensioni principali, `e immediato concludere che le minime e mas-
sime tensioni tangenziali sono fornite da:
1. sui quattro piani di normale n T = (0, 12 , 12 )

2 3 466.348 + 513.496
n = = = 489.922 (9.62)
2 2
con tensione normale, agente sul medesimo piano, pari a:
2 + 3 466.348 513.496
n = = = 23.574 (9.63)
2 2

2. sui quattro piani di normale n T = ( 12 , 0, 12 )

3 1 513.496 1297.15
n = = = 905.323 (9.64)
2 2
con tensione normale, agente sul medesimo piano, pari a:
3 + 1 513.496 + 1297.15
n = = = 391.827 (9.65)
2 2

3. sui quattro piani di normale n T = ( 12 , 12 ,0)

1 2 1297.15 466.348
n = = = 415.401 (9.66)
2 2
con tensione normale, agente sul medesimo piano, pari a:
1 + 2 1297.15 + 466.348
n = = = 881.749 (9.67)
2 2

Punto 5
Il tracciamento dei cerchi principali di Mohr `e immediato:
si individuano sullasse orizzontale i tre punti di ascissa 1 , 2 e 3 ,
si individuano i tre centri, con coordinate:
     
2 + 3 3 + 1 1 + 2
C1 = ,0 C2 = ,0 C3 = ,0 (9.68)
2 2 2

2 3
si traccia il cerchio di centro C1 e raggio r1 = , il cerchio di centro
2
1 3 1 2
C2 e raggio r2 = , il cerchio di centro C3 e raggio r3 = .
2 2
Si giunge infine ai cerchi di Figura 9.3

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 153


9.8. UNO STATO TENSIONALE PIANO

C1 C2 C3 n
3 2 1

Figura 9.3: I tre cerchi principali di Mohr

9.8 Uno stato tensionale piano


Si consideri un punto P interno al corpo B, e si assegni in P la seguente matrice
delle tensioni:
1000 500 0
S = 500 200 0 Kg cm2

(9.69)
0 0 0
Si vogliono conoscere le tensioni principali e le corrispondenti direzioni prin-
cipali di tensione.

Soluzione
Lo stato tensionale `e disegnato in Figura 9.4: da esso si evince che tutte le com-
ponenti non nulle di tensione giacciono in un piano, come caratteristico negli
stati piani di tensione. Si cominci con losservare che la matrice S ha una riga
(ed una colonna) interamente nulla, e che di conseguenza il suo determinante `e
nullo. Questo implica che il termine noto dellequazione secolare, ossia linva-
riante cubico, `e anchesso nullo. Ne segue che una radice sar`a senzaltro nulla, e
che lequazione stessa si riduce ad unequazione quadratica, di facile soluzione.
Linvariante lineare si calcola immediatamente, come traccia di S :

I1 = 11 + 22 = 800 (9.70)

ed anche linvariante quadratico non presenta difficolt`a:


2
I2 = 11 22 12 = 1000 200 5002 = 450000 (9.71)

154 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 9. ANALISI DELLA TENSIONE

X3

1000
500
500
200
200 X2
500
500
1000

X1

Figura 9.4: Lo stato tensionale in esame

A questo punto lequazione secolare si scrive:


450000 + 800 2 = 0

(9.72)
con soluzione immediata:
1 = 1181.02 2 = 0 3 = 381.025 (9.73)
Ottenute le radici, esse vanno sostituite, una per volta, nel sistema di equa-
S II )n
zioni (S n = 0 . Ad esempio, per = 1 si ha:
181.02 n1 + 500 n2 = 0
500 n1 1381.02 n2 = 0 (9.74)
1181.02 n3 = 0
La terza equazione fornisce subito n31 = 0, mentre `e possibile verificare
che la seconda equazione si ottiene dalla prima moltiplicata per 2.76213. Ci`o
significa che, come daltronde ovvio, non si pu`o certo sperare di calcolare un
valore univoco e non nullo della coppia di incognite n1 , n2 . E per`o possibile
calcolare il loro rapporto, dividendo, ad esempio, la prima equazione per n2 :
n1 500
= 2.76213 (9.75)
n2 181.02
Per ottenere i coseni direttori, non resta che normalizzare, scrivendo:
n1 500
n1 p = 0.940275 (9.76)
n21 + n22 + n23 5002 + 181.022

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 155


9.9. SECONDO STATO TENSIONALE PIANO

C1 C2 C3 n
3 2 1

Figura 9.5: I cerchi principali di Mohr

n2 181.02
n2 p 2 = 0.340417 (9.77)
n1 + n22 + n23 5002 + 181.022
Mentre il calcolo della direzione principale corrispondente a 2 = 381.025
non presenta alcuna difficolt`a, si noti che per la seconda direzione principale
occorre risolvere il sistema (per 3 = 0):
1000 n1 + 500 n2 = 0
500 n1 200 n2 = 0 (9.78)
0 n3 = 0
che potrebbe causare qualche perplessit`a. Tuttavia `e immediato realizzare che
le prime due equazioni sono indipendenti, avendo determinante dei coefficienti
diverso da zero, e pertanto ammettono solo la soluzione nulla. Dalla terza
scompare ogni traccia di n3 , che pertanto pu`o essere assunta arbitraria. Ne
segue, normalizzando, la soluzione n = (0, 0, 1).
I cerchi principali di Mohr sono riportati in Figura 9.5.

9.9 Secondo stato tensionale piano


Si consideri un punto P interno al corpo B, e si assegni in P la seguente matrice
delle tensioni:
5 10 20
S = 10 20 40 Kg cm2 ;

(9.79)
20 40 105
Si vuole conoscere le tensioni principali e le corrispondenti direzioni principali
di tensione.

156 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 9. ANALISI DELLA TENSIONE

Soluzione:
Si cominci con losservare che la matrice S ha due righe chiaramente linear-
mente dipendenti, poich`e una `e il doppio dellaltra, e che di conseguenza il suo
determinante `e nullo. Questo implica che il termine noto dellequazione seco-
lare, ossia linvariante cubico, `e anchesso nullo. Ne segue che una radice sar`a
senzaltro nulla, e che lequazione stessa si riduce ad unequazione quadratica,
di facile soluzione.
Linvariante lineare si calcola immediatamente, come traccia di S :

I1 = 11 + 22 + 33 = 130 (9.80)

ed anche linvariante quadratico non presenta difficolt`a:


2
I2 = 11 22 12 = 625 (9.81)

Lequazione secolare si scrive:

3 + 130 2 625 = 0 (9.82)

con soluzione immediata:

1 = 125 2 = 5 3 = 0 (9.83)

Ottenute le radici, esse vanno sostituite, una per volta, nel sistema di equa-
S II )n
zioni (S n = 0 . Ad esempio,per = 1 = 125 si ha:

120n1 + 10n2 + 20n3 = 0


10n1 105n2 + 40n3 = 0 (9.84)
20n1 + 40n2 20n3 = 0

e dividendo per n3 :
n1 n2
120 + 10 = 20
n3 n3
n1 n2
10 105 = 40 (9.85)
n3 n3
n1 n2
20 + 40 = 20
n3 n3
Le prime due equazioni forniscono, con un metodo di sostituzione,
n1 1 n2 2
= = (9.86)
n3 5 n3 5

Una soluzione non normalizzata `e quindi nT = (1, 2, 5). Per ottenere i coseni
direttori, non resta che normalizzare, scrivendo:
n1 1
n1 p = 0.182574 (9.87)
n21 + n22 + n23 1 + 2 2 + 52

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 157


9.9. SECONDO STATO TENSIONALE PIANO

n2 2
n2 p = 0.365148 (9.88)
n21 + n22 + n23 1 + 2 2 + 52
n3 5
n3 p = 0.912871 (9.89)
n21 + n22 + n23 1 + 2 2 + 52
La seconda direzione principale, corrispondente alla tensione principale 2 =
5, si ottiene risolvendo il sistema:

10n2 + 20n3 = 0
10n1 + 15n2 + 40n3 = 0 (9.90)
20n1 + 40n2 + 100n3 = 0

ossia, dividendo per n3 :


n2 n1 n2 n1 n2
= 22 +3 = 8 +2 = 5 (9.91)
n3 n3 n3 n3 n3
con soluzione:
n1 n2
= 1 = 2 (9.92)
n3 n3

Una soluzione non normalizzata `e quindi n T = (1, 2, 1). Per ottenere i


coseni direttori, non resta che normalizzare, scrivendo:
n1 1
n1 p 2 = 0.408248 (9.93)
n1 + n22 + n23 1 + 22 + 1

n2 2
n2 p = 0.816496 (9.94)
n21 + n22 + n23 1 + 2 2 + 52
n3 1
n3 p = 0.408248 (9.95)
n21 + n22 + n23 1 + 2 2 + 52
Infine, la direzione principale corrispondente a 3 = 0 si ottiene dalla solu-
zione del sistema:
5n1 + 10n2 + 20n3 = 0
10n1 + 20n2 + 40n3 = 0 (9.96)
20n1 + 40n2 + 105n3 = 0

Se si cerca di utilizzare lo stesso approccio delle altre due direzioni principali,


si ottiene il sistema:

n1 n2
+2 = 4
n3 n3
n1 n2 105 (9.97)
+2 =
n3 n3 20

158 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 9. ANALISI DELLA TENSIONE

C1 C2 C3 n
3 2 1

Figura 9.6: I cerchi principali di Mohr

che non ha soluzioni. Ne segue che n3 = 0, e che conseguentemente:


n1
= 2 (9.98)
n2

Una soluzione non normalizzata, in definitiva, `e nT = (2, 1, 0), la cui


normalizzazione si lascia come esercizio.
I cerchi principali di Mohr sono riportati in Figura 9.6, anche se il cerchio
pi`
u piccolo `e scarsamente visibile.

9.10 Un terzo stato tensionale piano


Si consideri un punto P interno al corpo B, e si assegni in P la seguente matrice
delle tensioni:
1 0 0
S = 0 5 1 Kg cm2 ;

(9.99)
0 1 5
Si vuole conoscere le tensioni principali e le corrispondenti direzioni principali
di tensione.

Soluzione
Si cominci con losservare che la matrice S ha la prima riga e la prima colonna
in cui lunica entrata non nulla `e sulla diagonale principale. In questo caso,

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 159


9.10. UN TERZO STATO TENSIONALE PIANO

invece di ricorrere alla scrittura dellequazione secolare in termini di invarianti,


conviene partire dalla definizione di tensione principale, imponendo che sia:

1 0 0
Det 0 5 1 =0 (9.100)
0 1 5
e calcolando il determinante con la regola di Laplace, secondo la prima riga (o
la prima colonna) si ha lequazione secolare nella forma:
(1 ) (5 )2 1 = 0

(9.101)
Ne segue che una tensione principale `e pari a 11 = 1, mentre le altre due si
calcolano risolvendo una equazione quadratica:
1 = 6 2 = 4 3 = 1 (9.102)
Ottenute le radici, esse vanno sostituite, una per volta, nel sistema di equa-
S II )n
zioni (S n = 0. Per = 1 = 6 si ha:
5n1 = 0
n2 + n3 = 0 (9.103)
n2 n3 = 0
che ha ovviamente la soluzione nT = (0, 1, 1)
Per ottenere i coseni direttori, non resta che normalizzare, scrivendo:
n2 1
n2 p 2 2 2
= (9.104)
n1 + n2 + n3 2
n3 1
n3 p 2 2 2
= (9.105)
n1 + n2 + n3 2
Per la seconda direzione principale occorre risolvere il sistema (per 2 = 4):
3n1 = 0
n2 + n3 = 0 (9.106)
n2 + n3 = 0
con soluzione n T = (0, 1, 1). Infine, in corrispondenza della terza radice si ha
il sistema:
0 n1 = 0
4n2 + n3 = 0 (9.107)
n2 + 4n3 = 0
con soluzione n T = (1, 0, 0). Ci`o indica che lasse X1 `e un asse principale1 . Infi-
ne, i cerchi principali di Mohr mostrano lassenza di stati tensionali puramente
tangenziali, come si evince dalla Figura 9.7.
1 In genere, se una matrice S presenta liesima riga (e liesima colonna) nulla, salvo

lentrata in posizione diagonale, si potr`


a affermare che una tensione principale `
e pari a ii , e
che la corrispondente direzione principale coincide con lasse Xi

160 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 9. ANALISI DELLA TENSIONE

C1 C2 C3 n
3 2 1

Figura 9.7: I cerchi principali di Mohr

9.11 Lo stato tensionale alla De Saint-Venant


Si consideri un punto P interno al corpo B, e si assegni in P la seguente matrice
delle tensioni:
0 0 13
S = 0 0 23 (9.108)
13 23 33

che, come vedremo in seguito, assume importanza fondamentale in teoria della


trave.

9.11.1 Soluzione:
Si calcolano gli invarianti:
2 2
I1 = 33 I2 = 13 23 = 32 I3 = 0 (9.109)

da cui subito pu`


o notarsi che lo stato tensionale `e piano. Lequazione secolare
si scrive:
2 33 32 = 0

(9.110)

con una radice nulla, e due radici fornite da:


 
1
q
1,2 = 33 2 + 4 2
33 (9.111)
3
2

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 161


9.11. LO STATO TENSIONALE ALLA DE SAINT-VENANT

 p 
In corrispondenza della tensione 1 = 12 33 + 33 2 + 4 2
3 si avr`a una
direzione principale fornita dal sistema:
 
1
q
33 + 33 2 + 4 2 n
3 11 + 13 n31 = 0
2
 
1
q
33 + 33 2 + 4 2 n
3 21 + 23 n31 = 0 (9.112)
2
  
1
q
13 33 + 33 2 + 4 2 n11 + 23 n21 + 33 n31 = 0
3
2
Dividendo le prime due equazioni per n31 si ottiene:
  
1 n11
q
33 + 332 + 4 2 = 13
3
2 n31
   (9.113)
1 n21
q
33 + 332 + 4 2 = 23
3
2 n31
da cui subito:
n11 2
= p 13
n31 2 + 4 2
33 + 33 3
(9.114)
n21 223
= p
n31 2 + 4 2
33 + 33 3

Ne segue che la prima direzione principale `e identificata da:


 q 
2
n I = 213 , 223 , 33 + 33 + 43 2 (9.115)

da normalizzare nel solito modo.


Analogamente a quanto detto per la primatensione principale,  la direzione
1
p
2 2
principale corrispondente alla tensione 2 = 2 33 33 + 43 sar`a fornita
dalla risoluzione del sistema:
 
1
q
33 332 + 4 2 n
3 12 + 13 n32 = 0
2
 
1
q
33 332 + 4 2 n
3 22 + 23 n32 = 0 (9.116)
2
  
1
q
13 33 33 2 + 4 2 n12 + 23 n22 + 33 n32 = 0
3
2
Dividendo le prime due equazioni per n31 si ottiene:
  
1 n12
q
33 332 + 4 2 = 13
3
2 n32
   (9.117)
1 n22
q
33 332 + 4 2 = 23
3
2 n32

162 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 9. ANALISI DELLA TENSIONE

da cui subito:
n12 2
= p 13
n32 2 + 4 2
33 33 3
(9.118)
n22 223
= p
n32 2 + 4 2
33 33 3

Ne segue che la seconda direzione principale `e identificata da:


 q 
n II = 213 , 223 , 33 332 + 4 2 (9.119)
3

da normalizzare nel solito modo.


La direzione principale corrispondente alla tensione 3 = 0 sar`a fornita dalla
risoluzione del sistema:
13 n33 = 0
23 n33 = 0 (9.120)
13 n13 + 23 n23 + 33 n33 = 0

Se almeno una delle due tensioni tangenziali `e diversa da zero, allora n33 = 0,
e dalla terza equazione:
13 n13 + 23 n23 = 0 (9.121)
da cui subito:
n III = (23 , 13 , 0) (9.122)
da normalizzare nel solito modo. Se invece le due tensioni tangenziali sono
ambedue nulle, allora sar`
a, banalmente n III = (0, 0, 1).

9.12 Lutilizzo dei cerchi di Mohr


Si consideri un punto P interno al corpo B, e si assegni in P la seguente matrice
delle tensioni:
105 0 20
20 0 Kg cm2 ;

S = 0 (9.123)
20 0 75
Si vuole conoscere le tensioni principali e le corrispondenti direzioni principali
di tensione, utilizzando la teoria dei cerchi di Mohr

Soluzione:
Dallesame dello stato tensionale risulta evidente che una delle tensioni prin-
cipali `e 2 = 20 Kg cm2 , e che la corrispondente direzione principale viene a
coincidere con lasse coordinato X2 .
E allora opportuno studiare, con la teoria di Mohr, il fascio di piani che
si appoggiano allasse X2 , poich`e a tale fascio appartengono gli altri due piani

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 163


9.12. LUTILIZZO DEI CERCHI DI MOHR

PH11 ,13 L

O 3 C 1 n

OC R

Figura 9.8: Il cerchio di Mohr relativo ai fasci di piani che si appoggiano


allasse X2

 
11 + 33
principali. Il relativo cerchio di Mohr `e centrato nel punto C = ,0
2
= (90, 0), ed ha raggio:
r r
(11 33 ) 2 2 (105 75)2
R= + 13 = + 202 = 25 (9.124)
4 4
Ne seguono subito, dallesame del cerchio di Mohr di Figura 9.8, i valori delle
due tensioni principali:

1 = OC + R = 90 + 25 = 115 Kg cm2

(9.125)

3 = OC R = 90 25 = 65 Kg cm2

(9.126)

164 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


Capitolo 10

Analisi della deformazione

10.1 La deduzione della matrice delle deforma-


zioni
Si supponga di voler conoscere sperimentalmente lo stato di deformazione in
un punto M di un corpo solido tridimensionale. A tal fine, si immagini di
poter piazzare sei dispositivi sperimentali (6 strain-gauges) capaci di rilevare
direttamente gli allungamenti percentuali secondo sei direzioni prefissate, come
illustrato in Figura 10.1. Siano Ea , Eb , Ec , Ed , Ee ed Ef gli allungamenti
percentuali segnalati dai sei straingauges, con:

Ea = 6 103 Eb = 4.5 103 Ec = 3 103 (10.1)


3 3
Ed = 1.5 10 Ee = 0 Ef = 3 10 (10.2)

lungo le rette definite dai coseni direttori:



1 1/2
 3 2
a X1 = 0 b= 3 2 c = 1/2
0 0 0
 (10.3)
0 0 2 2
d= 2
 2 e X 3 = 0 f = 0
2 2 1 2 2
Si deducano:
1. la matrice delle deformazioni lineari in M .

2. le deformazioni principali

Soluzione
Punto 1 Lallungamento percentuale EM N `e fornito da:

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 165


10.1. LA DEDUZIONE DELLA MATRICE DELLE DEFORMAZIONI

X3

E
D
F
450
C
450
M 600 X2

600 B
A

X1

Figura 10.1: I sei apparati sperimentali per la misura degli allungamenti


percentuali.

EM N = eij li lj = e11 l12 + e22 l22 + e33 l32 + 2e12 l1 l2 + 2e13 l1 l3 + 2e23 l3 l3 (10.4)
Conoscendo quindi gli allungamenti percentuali lungo sei rette, si potr`a
scrivere il sistema di sei equazioni nelle sei incognite eij :

3 3 1 3 3
6 10 = e11 4.5 10 = e11 + e22 + e12 (10.5)
4 4 2
3 1 3 1 1
3 103 = e11 + e22 e12 1.5 103 = e22 + e33 + e23 (10.6)
4 4 2 2 2
1 1
0 = e33 3 103 = e11 + e33 + e13 (10.7)
2 2
o, matricialmente:

1 0 0 0 0 0
1 3 3
0 0 0
4 4 2 e11 6

3 1 3 e22 4.5
0 0 0
e33

3

4 4 2
3
= 10 (10.8)
0 1
1 e12 1.5
0 0 1
e13

0


2 2


0 0
1 0 0 0
e23 3
1 1
0 0 1 0
2 2

166 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 10. ANALISI DELLA DEFORMAZIONE

con soluzione:
e11 = 6 103 e22 = 1.5 103 e33 = 0 (10.9)
3 3
e12 = 2.165 10 e23 = 0.75 10 e13 = 0 (10.10)
Punto 2 - Per dedurre le deformazioni principali, si scriva lequazione seco-
lare, calcolando gli invarianti di deformazione:
I1 = e11 + e22 + e33 = 7.5 103
I2 = e11 e22 + e11 e33 + e22 e33 e212 e213 e223 = 3.75 106 (10.11)
9
I3 = Det(E) = 3.375 10
Lequazione secolare si scrive allora:
e3 + 7.5 103 e2 3.75 106 e 3.375 109 = 0 (10.12)
ed ha soluzioni:
e1 = 6.88 103 e2 = 1.07 103 e3 = 0.45 103 (10.13)

10.2 Deduzione delle componenti di deformazio-


ne
Assegnato il campo di spostamenti:
u1 = x1 x2 (2 x1 ) c1 x2 + c2 x33
x21
u2 = c3 x22 (1 x1 ) (3 x1 ) c1 x1 (10.14)
3
u3 = c2 x21 + (2 x2 ) x3
ricavare le deformazioni lineari.

Soluzione
Applicando le note formule si ottiene:
u1
e11 = = 2 (1 x1 ) x2
x1
 
1 u1 u2 1
2c1 + c3 x22

e12 = + =
2 x2 x1 2
u2
e22 = = 2c3 (1 + x1 ) x2
x2
  (10.15)
1 u1 u3 1
= c2 2x1 + 3x23

e13 = +
2 x3 x1 2
 
1 u2 u3 x3
e23 = + =
2 x3 x2 2
u3
e33 = = 2 x2
x3

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 167


10.3. DEDUZIONE DELLE COMPONENTI DI DEFORMAZIONE

X2 2

D C

A B X1 =1

Figura 10.2: Un rettangolo ed i suoi spostamenti

10.3 Deduzione delle componenti di deformazio-


ne
Il rettangolo ABCD di Figura 10.2 subisce gli spostamenti illustrati. Determi-
nare il campo deformativo.

Soluzione
il generico punto M , di coordinate (x1 , y1 ), del rettangolo, subisce gli sposta-
menti:
x2
u1 =
h (10.16)
u2 = 0

per cui lunica componente di deformazione diversa da zero risulta essere:

1
e12 = (10.17)
2h

10.4 Ancora sulla deduzione delle componenti


di deformazione
Il rettangolo ABCD di Figura 10.3 subisce gli spostamenti illustrati. Determi-
nare il campo deformativo.

168 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 10. ANALISI DELLA DEFORMAZIONE

X2

D C

h x1 = k x22

A B X1

Figura 10.3: Un rettangolo ed i suoi spostamenti

Soluzione
Dalla legge x1 = kx22 `e immediato ricavare il valore di k, in quanto dovr`a essere
= kh2 . Ne segue che il generico punto M , di coordinate (x1 , y1 ), del rettangolo,
subisce gli spostamenti:
x 
2 2
u1 =
h (10.18)
u2 = 0

per cui lunica componente di deformazione diversa da zero risulta essere:


e12 = 2 x2 (10.19)
h2

10.5 Studio di uno stato piano di spostamento


Si consideri un corpo B, ed in esso un punto P , di coordinate (x1 , x2 , x3 ). Per
effetto delle forze applicate, P subisca gli spostamenti:

2103 x1 103 x2

u1
u (P ) = u2 = 3103 x1 2103 x2 (10.20)
u3 0

Si vuole:

determinare e studiare lo stato di deformazione e di rotazione. In parti-


colare:

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 169


10.5. STUDIO DI UNO STATO PIANO DI SPOSTAMENTO

calcolare la matrice H del gradiente di spostamento


calcolare le matrici E ed
calcolare la matrice D di GreenLagrange
calcolare lo spostamento di un segmento dx steso lungo lasse X1
calcolare lallungamento percentuale del suddetto segmento, utiliz-
zando teoria completa e semplificata
ricercare le deformazioni principali e le corrispondenti direzioni principali,
in ipotesi di deformazioni lineari
dedurre le rotazioni cui andr`a sottoposto il sistema di riferimento per
portarlo a coincidere con il sistema principale

Soluzione
Punto 1 - La matrice H dei gradienti di spostamento si ottiene attraverso
elementari operazioni di derivazione:

2 1 0
H = 3 2 0 103 (10.21)
0 0 0
la sua parte simmetrica `e quindi fornita da:

2 1 0
E = 1 2 0 103 (10.22)
0 0 0
mentre la parte antisimmetrica `e calcolabile come:

0 2 0
= 2 0 0 103 (10.23)
0 0 0
La matrice D del tensore di GreenLagrange `e data dalla formula:

2 1 0
1 T
D = E + H H = 1 2 0 103 +
2
0 0 0
(10.24)
2 3 0 2 1 0
1
1 2 0 3 2 0 106
2
0 0 0 0 0 0
Si noti, prima di operare il prodotto matriciale, che la correzione nonlineare
`e pari a qualche millesimo della parte lineare. In definitiva `e:

2 1 0 13 8 0
D = 1 2 0 103 + 8 5 0 106 (10.25)
0 0 0 0 0 0

170 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 10. ANALISI DELLA DEFORMAZIONE

X2
N'''

N''

N'

X1
M
dx1 N

Figura 10.4: La decomposizione degli spostamenti

Assegnato il segmento dx steso lungo lasse X1 si pu`o calcolare la sua


deformazione e la sua rotazione rigida attraverso la decomposizione:

du = du e + du r = Edx + dx (10.26)

Gli spostamenti da deformazione pura saranno quindi pari a:



2 1 0 dx1 2 dx1
du e = 1 2 0 103 0 = dx1 103 (10.27)
0 0 0 0 0

mentre le rotazioni rigide sono fornite da:



0 2 0 dx1 0
du r = 2 0 0 103 0 = 2 dx1 103 (10.28)
0 0 0 0 0


Come si deduce dalla Figura 10.4, il segmento M N = dx ruota rigidamen-

te, portandosi in M N 00 , poi si deforma portandosi in M N 000 . La parte di de-

formazione pura `e quella che porta M N in M N 0 , definita dallallungamento
percentuale:
|M N 0 | |M N |
EM N = = e11 = 2 103 (10.29)
|M N |
e dalla variazione angolare:
= e12 = 103 (10.30)
Punto 2 - Per ottenere le deformazioni principali si calcolano gli invarianti di
deformazione:

I1e = 0 I2e = 5 106 I36 = 0 (10.31)

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 171


10.5. STUDIO DI UNO STATO PIANO DI SPOSTAMENTO

e quindi lequazione secolare si scrive:


e3 + 5 106 e = 0 (10.32)
con soluzioni:

e1 = 5 103 e2 = 0 e3 = 5 103 (10.33)
Per calcolare la prima direzione principale occorre risolvere il sistema di
equazioni:

2 5 1 0 n1 0
E e1I ) n = 0
(E 1 2 5 0

n2 = 0
0 0 5 n3 0
(10.34)
con soluzione:
n1
n3 = 0 =2+ 5 (10.35)
n2
Normalizzando in modo da ottenere un vettore a lunghezza unitaria, si ha:

2+ 5
n1 = q 2 = 0.973 (10.36)
1+ 2+ 5

1
n2 = q 2 = 0.23 (10.37)
1+ 2+ 5
Per calcolare la seconda direzione principale occorre risolvere il sistema di
equazioni:

2 1 0 n1 0
E e2I ) n = 0 1 2 0 n2 = 0
(E (10.38)
0 0 0 n3 0

con soluzione nII = (0, 0, 1). Infine, la terza direzione si ottiene risolvendo il
sistema:

2+ 5 1 0 n1 0
E e3I ) n = 0
(E 1 2 + 5 0 n2 = 0
0 0 5 n3 0
(10.39)
con soluzione:
n1 1
n3 = 0 = (10.40)
n2 2+ 5
Normalizzando in modo da ottenere un vettore a lunghezza unitaria, si ha:
1
n1 = q 2 = 0.23 (10.41)
1+ 2+ 5

172 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 10. ANALISI DELLA DEFORMAZIONE


2+5
n2 = q 2 = 0.973 (10.42)
1+ 2+ 5

La matrice L dei coseni direttori `e, in definitiva:



2+ 5 1
q 2 q 2 0
1+ 2+ 5 1+ 2+ 5

L= 1 2+ 5 (10.43)


q
2 q 2 0

1+ 2+ 5 1+ 2+ 5
0 0 1

ed `e immediato controllare lortogonalit`a delle sue colonne. Si ha inoltre che il


triplo prodotto matriciale LT EL fornisce la matrice diagonale con le deforma-
zioni principali lungo la diagonale.

10.6 Un controllo di compatibilit`


a
Si consideri il campo di deformazioni:

e11 = c1 x1 x21 + x22




e12 = c3 x21 x2 (10.44)


1
e22 = c2 x31
3

e13 = e23 = e33 = 0 (10.45)

con c1 , c2 e c3 costanti. Si voglia stabilire se esso `e un campo di deformazioni


compatibile

Soluzione
Il campo di deformazioni in esame `e bidimensionale, e lunica equazione di
compatibilit`
a non identicamente soddisfatta fornisce:

2 e11 2 e22 2 e12


2 + 2 2 = 2c1 x1 + 2c2 x1 4c3 x1 (10.46)
x2 x1 x1 x2

e quindi il campo deformativo non `e compatibile, se non sussiste la seguente


relazione tra le tre costanti:

c1 + c2 x1 2c3 = 0 (10.47)

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 173


10.7. DEDUZIONE DELLE DEFORMAZIONI LINEARI

10.7 Deduzione delle deformazioni lineari


Si consideri il campo di spostamenti piano:

u1 = x1 x2 (2 x1 ) c1 x2 + c2 x32
x21 (10.48)
u2 = c3 x22 (1 x1 ) (3 x1 ) c1 x 1
3
e si calcolino le deformazioni lineari.

Soluzione
Le deformazioni lineari si ottengono applicando la definizione:
 
1 ui uj
eij = + (10.49)
2 xj xi
e quindi si avr`
a:
e11 = 2 (x1 1) x2
1
2c1 + (3c2 + c3 ) x22

e12 = (10.50)
2
e22 = 2c3 (x1 1) x2

10.8 Deduzione delle deformazioni lineari e non-


lineari
Si consideri il campo di spostamenti piano:

u1 = x1 x21 x2 + c1 2c32 + 3c22 x2 x32




(10.51)
 
3 3 2 1 3 3 2
u2 = x2 2c2 + c2 x2 x2 + c1 x1 x2
2 4 2
e si calcolino le deformazioni lineari e nonlineari.

Soluzione
Le deformazioni lineari si calcolano a partire dalla definizione:
 
1 ui uj
eij = + (10.52)
2 xj xi
e quindi le tre deformazioni sono pari a:

e11 = 3x21 x2 + c1 2c32 + 3c22 x2 x32




e22 = 2c32 3c22 x2 3c1 x21 x2 + x32 (10.53)


1
e12 = x1 x21 + 3c1 c22 2x22

2

174 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 10. ANALISI DELLA DEFORMAZIONE

Le deformazioni non lineari, invece, devono dedursi a partire dalla:


 
1 ui uj 1 uk uk
dij = + + (10.54)
2 xj xi 2 xi xj

ottenendo:
 2  2
u1 1 u1 1 u2
= 3x21 x2 + c1 2c32 + 3c22 x2 x32 +

d11 = + +
x1 2 x1 2 x1
1 2 2 2 2 
x1 x1 + c1 3c22 3x22 + 3x21 x2 + c1 2c32 + 3c22 x2 x32
2
(10.55)

 
1 u1 u2 1 u1 u1 1 u2 u2
d12 = + + + =
2 x2 x1 2 x1 x2 2 x1 x2
1
3c1 x1 x22 + x1 x21 + c1 3c22 3x22

2
3c2 x2 x3
 2
3c1 x21 3x2
 
3 3c2
3c1 x1 x22 2c32 2 c1 x21 x2 + 2 x2 + 2 +
2 2 4 2 2 4
x1 x21 + c1 3c22 3x22 3x21 x2 + c1 2c32 + 3c22 x2 x32
 

(10.56)

2 2
3c2 x2 x3
 
u2 1 u1 1 u2 3
d22 = + + = 2c32 2 c1 x21 x2 + 2
x2 2 x2 2 x2 2 2 4
 2 2 2
   2
3c2 3c1 x1 3x 1 3c x2 3
x2 + 2 + 9c21 x21 x42 + 2c32 2 c1 x21 x2 +
2 2 4 2 2 2
2
!
x32 3c22 3c1x21 3x2
 
x2 + 2
4 2 2 4
(10.57)

10.9 Controllo di compatibilit`


a per uno stato
piano
Si stabilisca se il seguente campo di deformazioni `e ammissibile:

e11 = x21 + x22


e12 = x1 x2 (10.58)
e22 = x22

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 175


` PER UNO STATO GENERICO
10.10. CONTROLLO DI COMPATIBILITA

Soluzione
Lunica equazione di congruenza da controllare `e:

2 e12 2 e11 2 e22


2 = 2 + (10.59)
x1 x2 x2 x21

ed `e soddisfatta.

10.10 Controllo di compatibilit`


a per uno stato
generico
Si stabilisca se il seguente campo di deformazioni `e ammissibile:

e11 = x3 x21 + x22




e12 = 2x1 x2 x3
e13 = x3
(10.60)
e22 = x22
e23 = x1
e33 = x23

Soluzione
Lo stato deformativo `e completo, e le equazioni di congruenza da soddisfare sono
sei. Operando le derivate, `e possibile ad esempio controllare che lequazione:

e212 e2 e2
2 = 112 + 22 (10.61)
x1 x2 x2 x21

non `e soddisfatta, e quindi il campo tensionale precedente non `e deducibile a


partire da una terna di spostamenti di un corpo continuo.

176 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


Capitolo 11

Geometria delle aree

In questo Capitolo si applicano le definizioni di baricentro, momento statico, mo-


mento dinerzia, etc. ad alcuni esempi di interesse pratico. Si parte dallo studio
di sistemi ad aree concentrate, per poi passare ad analizzare aree distribuite a
geometria complessa, che possano riguardarsi come lunione di aree a geometria
pi`
u semplice. In sostanza, si applicano i risultati ricavati per le sezioni rettan-
golari, triangolari, circolari ed ellittiche, assieme alla propriet`a distributiva dei
momenti statici e dei momenti di inerzia:
Assegnate N aree A1 , A2 , . . . An , il momento statico dellunione di queste
aree `e la somma dei momenti statici delle singole aree, ed analoga propriet`a vale
per i momenti del secondo ordine:
  N   N
N X N X
S Ai = S (Ai ) I Ai = I (Ai ) (11.1)
i=1 i=1
i=1 i=1

11.1 Un sistema ad aree concentrate


Si consideri un sistema di N aree concentrate Ai , identificate dalle loro coordi-
nate x1 ed x2 in un generico sistema di riferimento. Larea totale A del sistema
`e la somma delle aree parziali:
N
X
A= Ai (11.2)
i=1

Per definizione, il momento statico di un tale sistema `e un vettore definito da:


N
X
  Ai x1i
S2

i=1
S= = (11.3)

S1

X N
Ai x2i

i=1

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 177


11.1. UN SISTEMA AD AREE CONCENTRATE

dove Si `e il momento statico rispetto allasse Xi .


La matrice dei momenti di inerzia si definisce come:
N N

X X
2
  Ai x1i Ai x1i x2i
I22 I12

i=1 i=1
I = = (11.4)

I12 I11

X N X N
Ai x1i x2i Ai x22i

i=1 i=1

dove I11 `e il momento di inerzia rispetto allasse X1 , I22 `e il momento di inerzia


rispetto allasse X2 , I12 `e il momento centrifugo rispetto agli assi X1 ed X2 .
Tutto ci`o premesso, si consideri il sistema di Figura 11.1, costituito da quat-
tro aree disposte ai vertici del rettangolo di base 5 metri ed altezza 3 metri,
con:

mA = 0.2 m2 mB = 0.4 m2 mC = 0.7 m2 mD = 0.3 m2 (11.5)

X2
mA mC

3
mB mD X1

Figura 11.1: Un sistema di aree concentrate

Larea totale `e allora pari a:

A = 1.6 m2 (11.6)

mentre i due momenti statici, rispetto agli assi X1 ed X2 , sono forniti da:

S1 = (0.2 + 0.7)3 = 2.7 m3


(11.7)
S2 = (0.7 + 0.3)5 = 5 m3

Il baricentro del sistema, quindi, avr`a coordinate pari a:

S2 5 S1 2.7
x1G = = = 3.125 m x2G = = = 1.6875 m (11.8)
A 1.6 A 1.6

178 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 11. GEOMETRIA DELLE AREE

X2 X2 G

mA mC

G
X1 G
1.68
mB mD X1

3.125

Figura 11.2: Il baricentro del sistema

I momenti di inerzia, rispetto agli assi X1 ed X2 , sono forniti da:

I11 = (0.2 + 0.7)32 = 8.1 m4


I22 = (0.7 + 0.3)52 = 25 m4 (11.9)
4
I12 = (0.7)5 3 = 10.5 m

Per ottenere i momenti di inerzia baricentrici, relativi agli assi paralleli ad


X1 ed X2 , ma passanti per il baricentro del sistema, non resta che applicare il
teorema di Huyghens:

0
I11 = I11 Ax22G = 8.1 1.6 1.68752 = 3.5437 m4
0
I22 = I22 Ax21G = 25 1.6 3.1252 = 9.375 m4 (11.10)
0 4
I12 = I12 Ax1G x2G = 10.5 1.6 1.6875 3.125 = 2.0625 m

Si sono quindi indicati con lapice le tre quantit`a relative al sistema baricen-
trico.
Infine, i momenti principali di inerzia sono forniti da:
s 2
I 0 + I22
0 0 I0
I11 0
I1 = 11 + 22
+ I122 = 10.0308 m4
2 2
s (11.11)
2
I 0 + I22
0 0 I0
I11 0
I2 = 11 22
+ I122 = 2.8879 m4
2 2

mentre la rotazione che occorre assegnare al sistema di riferimento per portarlo


ad allinearsi con gli assi principali di inerzia `e fornita da:
0
 
1 2I12
= arctan 0 0 = 0.307834 (11.12)
2 I22 I11

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 179


11.2. LA SEZIONE AD L

ossia circa 17.63 gradi, in senso antiorario1 . Si ha quindi il sistema di riferimento


indicato in Figura 11.3.

X2 X2 G
2
mA mC
1
G *
X1 G
1.68
mB mD X1

3.125

Figura 11.3: Gli assi centrali di inerzia

11.2 La sezione ad L
Calcolare le coordinate del baricentro ed i momenti di inerzia della sezione ad
L di Figura 11.4.

Soluzione
Si suddivide la sezione nei due rettangoli di Figura 11.5, di base b1 = 20 cm e
b2 = 60 cm ed altezza h1 = 100 cm ed h2 = 20 cm, rispettivamente. Tale suddi-
visione `e ovviamente arbitraria, nel senso che altre scelte sarebbero altrettanto
legittime. Larea della sezione `e fornita quindi da:

A = A1 + A2 = b1 h1 + b2 h2 = 3200 cm2 (11.14)

Per calcolare il baricentro, si calcolino i due momenti statici rispetto ai due assi
di Figura 11.5:

(1) (2) (1) (2) h1 h2


S1 = S1 + S1 = A1 x2G + A2 x2G = b1 h1 + b2 h2 = 112000 cm3
2 2 
(1) (2) (1) (2) b1 b2
S2 = S2 + S2 = A1 x1G + A2 x1G = b1 h1 + b2 h2 b1 + = 80000 cm3
2 2
(11.15)
1 In forma matriciale, si possono scrivere i momenti di inerzia nel sistema baricentrico:
 0 0
  
I22 I12 9.375 2.0625
I0 = 0 0 = (11.13)
I12 I11 2.0625 3.5437
ed ottenere i momenti principali di inerzia, assieme alle corrispondenti direzioni principali di
inerzia, equivale al calcolo degli autovalori e degli autovettori di I 0 .

180 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 11. GEOMETRIA DELLE AREE

X2
80
20

100

20 X1

Figura 11.4: La sezione ad L

da cui le coordinate del baricentro dellintera figura:


 
b1 b2
b1 h1 + b2 h2 b1 +
S2 2 2 80000
x1G = = = = 25 cm
A b1 h1 + b2 h2 3200 (11.16)
h1 h2
S1 b1 h1 + b2 h2
x2G = = 2 2 = 112000 = 35 cm
A b1 h1 + b2 h2 3200

Per calcolare i momenti di inerzia rispetto agli assi di Figura 11.5, si pu`o
scrivere:

(1) (2) b1 h31 b2 h32


I11 = I11 + I11 = + = 6.82667 106 cm4
3 3
2
b31 h1 b32 h2
2 
(1) 0
(2)

(2) b2
I22 = I22 + I22 + A2 x1G = + + b2 h2 b1 + =
3 12 2
3.627 106 cm4
 
(1) (1) (2) (2) b1 h1 h2 b2
I12 = A1 x1G x2G + A2 x1G x2G = b1 h1 + b2 h2 b1 + = 1.6 106 cm4
2 2 2 2
(11.17)

Si osservi che nel calcolo di I22 si `e calcolato lapporto del secondo rettangolo
come somma del momento di inerzia rispetto allasse verticale passante per il
suo baricentro, e poi si `e aggiunto il momento di trasporto secondo Huygens,
mentre nel caso dei momenti centrifughi si `e calcolato per ambedue i rettangoli
il solo momento di trasporto, poich`e il momento centrifugo baricentrico `e nullo.

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 181


11.2. LA SEZIONE AD L

X2

b1 b2

h1 1

2 h2 X1

Figura 11.5: La sezione ad L come unione di due rettangoli

In riferimento agli assi baricentrici paralleli alla coppia di assi X1 ed X2 si


ha, per la legge di Huygens:

0
I11 = I11 Ax22G = 6.82667 106 3200352 = 2.90667 106 cm4
0
I22 = I22 Ax21G = 3.62667 106 3200252 = 1.62667 106 cm4 (11.18)
0
I12 = I12 Ax1G x2G = 1600000 3200 25 35 = 1200000 cm4

Infine, per ottenere i momenti dinerzia centrali occorre ruotare la coppia di

X2
2
25

*
G
35
X1

Figura 11.6: Baricentro ed assi centrali di inerzia del profilato ad L

182 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 11. GEOMETRIA DELLE AREE

assi di un angolo pari a:


0
 
1 2I12
= arctan 0 I0 = 0.54042 (11.19)
2 I22 11

pari a 30.96 gradi. Si ottengono cos` gli assi 1 e 2 di Figura 11.6, e rispetto ad
essi i momenti dinerzia richiesti valgono:
0
r
I22 = I11 sin2 + 2I12
0
sin cos + I22
0
cos2 = 906667 cm4
0
r
I11 = I11 cos2 2I120
sin cos + I22
0
sin2 = 3.62667 106 cm4 (11.20)
0 0
r
) sin cos + I12
0
cos2 sin2 = 0

I12 = (I11 I22

11.3 Una travata da ponte


Calcolare le coordinate del baricentro ed i momenti di inerzia della sezione aperta
di Figura 11.7.

X2
200 500 200

30

170
X1

40 40

Figura 11.7: Una sezione da ponte aperta

Soluzione
Si consideri la sezione come composta da un rettangolo di base 9 metri ed
altezza 2 metri, a cui vanno sottratti i tre rettangoli interni.In questottica si
ha unarea:

A = 900 200 180 170 460 170 180 170 = 40600 cm2 (11.21)

ed un momento statico rispetto allasse orizzontale pari a:

170 170 170


S1 = (900200)100(180170) (460170) (180170) = 6151000 cm3
2 2 2
(11.22)

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 183


11.4. TRIANGOLO ISOSCELE

Il baricentro della sezione ha quindi coordinate:


6151000
x1G = 450 cm x2G = = 151.5 cm (11.23)
40600
Ovviamente, la prima coordinata discende da propriet`a di simmetria.
I momenti di inerzia rispetto agli stessi assi si calcolano come:
900 2003 180 1703 460 1703 180 1703
I11 = = 1.05711 109 cm4
3 3 3 3
(11.24)
9003 200 1803 170 4603 170
I22 = 460 170 4502
3 3 12 (11.25)
1803 170
180 170 8102 = 1.08958 1010 cm4
12
9002 2002 1802 1702 170
I12 = 460 170 450
4 4 2 (11.26)
170
180 170 810 = 2767950000 cm4
2
Per ricavare i momenti di inerzia baricentrici, si pu`o utilizzare il teorema di
Huygens
0
I11 = I11 Ax21G = 1.05711 109 40600151.52 = 1.25252 108 cm4
0
I22 = I22 Ax22G = 1.08958 1010 406004502 = 2.67431 109 cm4
0 6151000
I12 = I12 Ax1G x2G = 2767950000 40600 450 = 0
40600
(11.27)

11.4 Triangolo isoscele


Si utilizzino i risultati per il triangolo equilatero al fine di calcolare la matrice
dei momenti di inerzia per il triangolo isoscele di base B ed altezza H di Figura
11.8.
Il baricentro della sezione `e situato sull asse di simmetria, e quindi x1G =
B/2. Poich`e inoltre la sezione pu`o considerarsi formata da due triangoli rettan-
goli, i cui baricentri sono ad un terzo dalla base, si ha subito x2G = H/3. Ci`o
premesso si pu` o calcolare il momento dinerzia I11 rispetto allasse baricentrico
orizzontale, in quanto esso `e somma dei due momenti di inerzia dei due triangoli
rettangoli:
B H3 BH 3
I11 = 2 = (11.28)
2 36 36
Il momento di inerzia I22 rispetto allasse baricentrico verticale, invece, pu`o
essere calcolato aggiungendo al momento dinerzia dei due triangoli equilateri il
relativo momento di trasporto:
 3 2 !
B3H

B H 1B 1B
I22 = 2 + H = (11.29)
2 36 2 2 32 48

184 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 11. GEOMETRIA DELLE AREE

X2

X1
B

Figura 11.8: Una sezione a triangolo isoscele

Il momento dinerzia centrifugo I12 `e nullo, segnalando che gli assi orizzontali
e verticali sono gli assi centrali di inerzia.

11.5 Una sezione composta


Si consideri la sezione di Figura 11.9, in cui B = 20 cm, b = 2.5 cm, H = 10 cm
ed H1 = 20 cm. Si calcolino il baricentro ed i momenti di inerzia baricentrici.

X2
B

b b
H1

X1

Figura 11.9: Una sezione composta

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 185


11.6. SEMICERCHIO

Calcolo del baricentro


Larea della sezione `e pari a:
1
A = BH + (B 2b)H1 = 350 cm2 (11.30)
2
mentre il momento statico rispetto allasse X1 `e pari a:
 
H 1 2
S1 = BH H1 + + (B 2b)H1 H1 = 7000 cm3 (11.31)
2 2 3
Ne segue che la coordinata x2G `e fornita da:
BH H1 + H
 1 2
2 + 2 (B 2b)H1 3 H1
x2G = = 20 cm (11.32)
BH + 12 (B 2b)H1
mentre la coordinata x1G `e pari a B/2, in quanto il baricentro deve situarsi
sullasse di simmetria della sezione.

Calcolo dei momenti di inerzia


Rispetto agli assi baricentrici, i momenti di inerzia valgono, per il teorema del
trasporto:
BH 3 H3
I11 = + (B 2b) 1 = 16666.7 cm4 (11.33)
3 12
3
B3H
 
B H1
I22 = +2 b = 8072.92 cm4 (11.34)
12 2 12
mentre il momento centrifugo sar`a nullo.

11.6 Semicerchio
Per la sezione a semicerchio di Figura 11.10, calcolare il baricentro ed i momenti
di inerzia baricentrali utilizzando anche i risultati per la sezione circolare.
Larea del semicerchio `e fornita da:
R2
A= (11.35)
2
mentre il momento statico rispetto all asse X1 pu`o calcolarsi come:
Z RZ
2R3
S1 = r sin()R d dr = (11.36)
0 0 3
e quindi (cfr. Figura 11.11):
4R
x2G = (11.37)
3
Il momento di inerzia rispetto allasse orizzontale baricentrale pu`o allora
calcolarsi come:
2
1 R4 R2 4R R4 8R4

I11 = = (11.38)
2 4 2 3 8 9

186 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 11. GEOMETRIA DELLE AREE

X2

X1

Figura 11.10: Una sezione a semicerchio

X2

G
4R
X1 3

Figura 11.11: Una sezione a semicerchio: baricentro ed assi centrali

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 187


11.6. SEMICERCHIO

188 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


Capitolo 12

Flessione deviata

Si esaminano alcuni casi di sollecitazione di flessione deviata.

12.1 Un profilato sottile


Si consideri una trave con sezione retta fornita dal profilato di Figura 12.1,
soggetta ad una coppia flettente con asse di sollecitazione orizzontale.

35

100
4

25

50

Figura 12.1: Il profilato sottile in esame

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 189


12.1. UN PROFILATO SOTTILE

Il calcolo delle caratteristiche di inerzia


Si studia preventivamente il profilato al fine di:

calcolare il baricentro della sezione

calcolare la matrice dei momenti di inerzia baricentrali

calcolare i momenti di inerzia centrali, insieme alle direzioni centrali di


inerzia

Il calcolo del baricentro

Si divida la sezione nei quattro rettangoli di Figura 12.2, e si definiscano per


speditezza di calcolo quattro vettori: b T = {4, 42, 4, 31} contenente le basi
dei rettangoli
h T = {25, 4, 100, 4} contenente le altezze dei rettangoli
d Tx1 = {12.5, 2, 50, 98} contenente le distanze dei baricentri dei rettangoli dal-
lasse orizzontale X1
d Tx2 = {48, 25, 2, 19.5} contenente le distanze dei baricentri dei rettangoli dal-
lasse verticale X2

X2
31

4
4

100 3
4

1 25
2 X1

42

Figura 12.2: I quattro rettangoli in cui `e scomposta la sezione, e gli assi di primo
riferimento

190 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 12. FLESSIONE DEVIATA

Con queste definizioni, si possono calcolare immediatamente larea della


sezione retta ed i due momenti statici rispetto agli assi X1 ed X2 :
4
X
A= bi hi = 792 mm2
i=1
4
X
Sx1 = bi hi dx1 i = 33738 mm3 (12.1)
i=1
4
X
Sx2 = bi hi dx2 i = 12218 mm3
i=1

Ne segue che le coordinate del baricentro saranno fornite dalle formule:


Sx2
xG1 = = 15.4268 mm
A (12.2)
Sx
xG2 = 1 = 42.5985 mm
A

Il calcolo della matrice dei momenti di inerzia baricentrali


Si inizi a calcolare i momenti di inerzia rispetto agli assi di primo riferimento
X1 ed X2 . A ci` o fare, si calcolano rettangolo per rettangolo i momenti
di inerzia rispetto ai propri assi baricentrali, aggiungendo poi il momento di
trasporto.
4 2
X bi h3 i
X
I11 = + bi hi d2x1 i = 2.54612 106 mm4 (12.3)
i=1
12 i=1
4 2
X b3 hii
X
I22 = + bi hi d2x2 i = 419444 106 mm4 (12.4)
i=1
12 i=1
4
X
I12 = bi hi dx1 i dx2 i = 345364 mm4 (12.5)
i=1
Infine, si usa il teorema di Huyghens per calcolare i richiesti momenti di
inerzia baricentrici:
G
I22 = I22 Ax2G2 = 1.10894 106 mm4
G
I11 = I11 Ax2G1 = 230960 mm4 (12.6)
G 4
I12 = I12 AxG1 xG2 = 175104 mm

Il calcolo dei momenti di inerzia centrali e delle rispettive direzioni


Assegnata la matrice dei momenti di inerzia baricentrali:
   
I22 I12 230960 175104
I = = (12.7)
I12 I11 175104 1.10894 106

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 191


12.1. UN PROFILATO SOTTILE

lequazione secolare si scriver`a:

2 Tr(II ) + Det(II ) = 0 (12.8)

con radici:
1 I1 = 1.14257 106
(12.9)
2 I2 = 197325

La matrice dei momenti di inerzia `e allora divenuta:


   
I2 0 197325 0
I = = (12.10)
0 I1 0 1.14257 106

Le rispettive direzioni centrali si ottengono risolvendo i due sistemi:

(I22 I1 ) n11 + I12 n21 = 0


(12.11)
I21 n11 + (I11 I1 ) n21 = 0

ossia, numericamente:

911611n11 + 175104n21 = 0
(12.12)
175104n11 + 33634.4n21 = 0

con soluzione normalizzata n I = (0.1886, .9820), e:

(I22 I2 ) n12 + I12 n22 = 0


(12.13)
I21 n12 + (I11 I2 ) n22 = 0

ossia, numericamente:

33634.4n11 175104n21 = 0
(12.14)
175104n11 911611n21 = 0

con soluzione normalizzata n II = (0.9820, 0.1886).


Ne segue che la prima direzione principale sar`a inclinata, rispetto allasse
orizzontale, di un angolo pari a 0.189771 radianti, ossia circa 10.87 gradi,
ottenendo gli assi centrali di inerzia riportati in Figura 12.3.

Il diagramma delle tensioni


Scomponendo la coppia M = 10000 kg mm (ossia diretta verso il basso) lungo
i due assi centrali di inerzia si avranno le due coppie:

M1 = M cos() = 1886.34 kg mm (12.15)

M2 = M cos() = 9820.47 kg mm (12.16)


e potranno studiarsi separatamente le due flessioni rette secondo gli assi centrali
1 e 2.

192 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 12. FLESSIONE DEVIATA

X2

1
G

42.6

X1

15.42

Figura 12.3: Gli assi centrali di inerzia

Nel primo caso si ottiene il diagramma di Figura 12.4. I due punti signi-
ficativi in cui la tensione assume i valori estremi sono i vertici 2 e 10. Le
coordinate di 2 nel riferimento originario sono (x21 , x22 ) = (50, 0), sicch`e nel
riferimento traslato nel baricentro si hanno le coordinate (50 xG1 , xG2 ) =
(34.5732, 42.5985), e nel riferimento centrale si avranno le coordinate:
      
21 cos sin 34.5732 25.917
= = (12.17)
22 sin cos 42.5985 48.3554
La formula di Navier:
M1
33 =
2 (12.18)
I1
fornisce allora nel punto 2 la tensione normale positiva:
(2) 1886.34
33 = (48.3554) = 0.0798329 kg mm2 (12.19)
1.14257 106
Nel punto simmetrico 10 invece, le coordinate originarie sono (0, 100), quelle
baricentriche sono (15.4268, 57.4017), e quindi nel riferimento centrale il punto
10 avr`
a coordinate (4.32195, 59.281). Infine, dalla (12.18) si ottiene la tensione:
(10) 188634
33 = 59.281 = 0.0978707 kg mm2 (12.20)
1.14257 106
Nel secondo caso, come si deduce dalla Figura 12.5, servono le coordinate
del punto 1, e del punto 3. Con lo stesso procedimento illustrato in preceden-
za si hanno le coordinate baricentriche del punto 1 come (0 xG1 , 0 xG2 )=

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 193


12.1. UN PROFILATO SOTTILE

X2

-0.098 Kg mm-2 10 9
7 8
2

-
1
M1 G

4 3

6 5 X1
1 2
+
0.079 Kg mm-2

Figura 12.4: La flessione retta secondo lasse 1

(15.4268, 42.5985), e quindi le coordinate, nel sistema di riferimento centrale:


      
11 cos sin 15.4268 23.1853
= = (12.21)
12 sin cos 42.5985 38.9237
mentre le coordinate baricentriche di 3 sono fornite da (50 xG1 , 25 xG2 ) =
(34.5732, 17.5985), e quindi nel sistema di riferimento centrale:
      
31 cos sin 34.5732 30.6329
= = (12.22)
32 sin cos 17.5985 23.8042
Seguono le tensioni fornite dalla formula di Navier:
M2
33 = 1 (12.23)
I2
e quindi:
(1) 9820.27
33 = (23.1853) = 1.15389 kg mm2 (12.24)
197325
e:
(3) 9820.27
33 = 30.6329 = 1.52451 kg mm2 (12.25)
197325

Lequazione dellasse neutro


Si ha, secondo la formula binomia:
M1 M2
33 = 2 1 = 0 (12.26)
I1 I2

194 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 12. FLESSIONE DEVIATA

X2

10 9
7 8
2

1
G

M2
4 3

6 5 X1
1
2

-1.15 Kg mm-2 - + 1.525 Kg mm-2

Figura 12.5: La flessione retta secondo lasse 2

e quindi:
188634 982027
6
2 + 1 = 0 (12.27)
1.14257 10 197325

ossia:

2 = 30.14421 (12.28)

e quindi lasse neutro forma con lasse 2 langolo pari a:

1 1
tan (nx2 ) = = = 0.0331738 (12.29)
2 30.1442

e quindi langolo = nx2 = arctan(0.0331738) = 0.0331617, pari a 1.9 gradi.

Il diagramma finale delle tensioni

Per il calcolo del diagramma finale, si calcolano le tensioni nei vertici, e si ottiene,
per sovrapposizione degli effetti:

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 195


12.1. UN PROFILATO SOTTILE

X2

10 9
7 8

1
G

M
4 3

6 5 X1
1
2

-1.09 Kg mm-2 - + 1.564 Kg mm-2

Figura 12.6: Lo stato tensionale finale

1
33 = 0.0642615 1.15389 = 1.08962 kg mm2
2
33 = 0.0798329 + 1.28984 = 1.36967 kg mm2
3
33 = 0.0392998 + 1.52454 = 1.56384 kg mm2
4
33 = 0.0380541 + 1.32904 = 1.36709 kg mm2
5
33 = 0.0721019 + 1.13189 = 1.20399 kg mm2
(12.30)
6
33 = 0.0590219 0.920837 = 0.861815 kg mm2
7
33 = 0.0901396 0.0571482 = 0.147288 kg mm2
8
33 = 0.0804854 + 1.45796 = 1.37748 kg mm2
9
33 = 0.0869707 + 1.49551 = 1.40854 kg mm2
10
33 = 0.0978706 0.215094 = 0.312965 kg mm2

e lo stato tensionale `e disegnato in Figura 12.6.

196 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


Capitolo 13

Taglio

In questo Capitolo si studiano alcune sezioni rette soggette a sforzo di taglio, si


utilizza la teoria di Jourawsky per tracciare il diagramma delle relative tensioni
tangenziali, si deduce il fattore di taglio e si localizza il centro di taglio.

13.1 Sezione compatta a T


Disegnare il diagramma delle tensioni 23 , e calcolare il valore della 23 massima
per la sezione compatta di Figura 13.1.

L2 L L2

Figura 13.1: Una sezione compatta a T

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 197


13.1. SEZIONE COMPATTA A T

Soluzione
1. Calcolo baricentro Il baricentro G della sezione sar`a situato sullasse di
simmetria verticale. Per identificare la sua altezza, si calcola larea A della
sezione, ed il momento statico S1 rispetto ad un asse orizzontale passante per
la base inferiore. Sar`
a:
A = 3L2
(13.1)
 
L L 7
S1 = 2L L L + + L L = L3
2 2 2

da cui laltezza del baricentro:


S1 7
yG = = L (13.2)
A 6
2. Calcolo momento dinerzia baricentrico dellintera sezione Si calcola il mo-
mento di inerzia della sezione considerandola costituita da un rettangolo supe-
riore di base 2L ed altezza L, e da un quadrato inferiore di lato L. Per ciascuno
di essi si calcola il momento baricentrico, e si aggiunge il momento di trasporto:
2 2
L3 L3
 
3 7 7 L 11 4
I11 = 2L + 2L2 L L +L 2
+L L = L (13.3)
12 2 6 12 6 2 12

3. Calcolo del momento statico Se la corda generica AB, a distanza x2 dal


baricentro, interseca il rettangolo superiore, allora il momento statico dellarea
0 rispetto allasse X1 baricentrico `e fornito da:

25L3
     
0 7 L 7 1 7 x2
S1 = LL L + L L 2L L L 2Lx2 = Lx22
6 2 6 2 6 2 36
(13.4)
mentre se la corda interseca il quadrato inferiore, si ha:

49L3 Lx22
     
7 1 7
S100 = L L x2 L x2 + x2 = (13.5)
6 2 6 72 2

Ne segue che la tensione tangenziale 23 `e fornita, nei punti del rettangolo


superiore, da: 
T S10 T 25L2 36x22
23 = = (13.6)
2I11 L 66L4
mentre nei punti del quadrato inferiore si ha:

T S100 T 49L2 36x22
23 = = (13.7)
I11 L 66L4

4. Tracciamento del diagramma Qualitativamente, il diagramma avr`a anda-


mento parabolico, annullandosi agli estremi, con una discontinuit`a in corrispon-
denza dellattaccatura tra rettangolo e quadrato. Il valore delle tensioni cresce

198 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 13. TAGLIO

fino allasse baricentrico, dove il diagramma ha tangenza verticale, per poi de-
crescere lungo la parte inferiore della sezione. Il valore massimo della tensione
si raggiunge sulla fibra superiore del quadrato, dove x2 = L6 :
8 T T
23max = 0.73 2 (13.8)
11 L2 L
mentre lungo la fibra inferiore del rettangolo vale la met`a di questa. In corri-
spondenza della fibra baricentrica, si ha x2 = 0, e quindi:
25 T T
23bar = 0.38 2 (13.9)
66 L2 L
Il diagramma si presenta come in Figura 13.2.

L
X1 G

X2
L2 L L2

Figura 13.2: Il diagramma delle 23

13.2 Profilato a T
Per la sezione di Figura 13.3, calcolare la tensione tangenziale massima nellala
e nellanima.

Soluzione
1. Calcolo baricentro Il baricentro G della sezione sar`a situato sullasse di
simmetria verticale. Per identificare la sua altezza, si calcola larea A della
sezione, ed il momento statico S1 rispetto ad un asse orizzontale passante per
la base inferiore. Sar`
a:
A = 2Bs
 s B (13.10)
S1 = Bs B + + Bs
2 2

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 199


13.2. PROFILATO A T

s
B

Figura 13.3: Un profilato a T

da cui laltezza del baricentro:


S1 1
yG = = (3B + s) (13.11)
A 4
2. Calcolo momento dinerzia baricentrico dell intera sezione Si calcola il mo-
mento di inerzia della sezione considerandola come costituita da un rettangolo
superiore (ala) di base B ed altezza s, e da un rettangolo inferiore (anima) di
base s ed altezza H = B. Per ciascuno di essi si calcola il momento baricentrico,
e si aggiunge il momento di trasporto:
2
s3 H3
2 
 s H
I11 = B + Hs H + yG + s + sH yG =
12 2 12 2 (13.12)
1 2 2

Bs 5B + 6Bs + 5s
24
3. Calcolo della massima tensione tangenziale nellala Il massimo valore della
tensione tangenziale nellala si raggiunge allattacco tra lala e lanima, quindi
lungo le corde a a e b b. Si calcoli allora il momento statico dellarea 0
ombreggiata rispetto allasse orizzontale baricentrico (cfr. Figura 13.4):
 
0 B s  s  1
S1 = s B + yG = (B s)s(B + s) (13.13)
2 2 2 8
Ne segue che la tensione tangenziale 23 `e fornita, nei punti delle corde a a
e b b, da:
T S10 3(B s)(B + s) T
23 = = (13.14)
I11 s (5B 2 + 6Bs + 5s2 ) Bs

200 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 13. TAGLIO

a b
s
a b
G
X1

B
X2

s
B

Figura 13.4: Il calcolo della tensione allattacco tra ala ed anima

4. Calcolo della massima tensione tangenziale nellanima La tensione tangen-


ziale nellanima raggiunge il valore massimo in corrispondenza della corda bar-
centrica c c. Si calcoli allora il momento statico dellarea 0 ombreggiata
rispetto allasse orizzontale baricentrico (cfr. Figura 13.5):

yG 1
S10 = syG = s(3B + s)2 (13.15)
2 32
Ne segue che la tensione tangenziale 23 `e fornita, nei punti della corda c c,
da:
T S10 3(3B + s)2 T
23 = = 2 2
(13.16)
I11 s 4 (5B + 6Bs + 5s ) Bs

13.3 Sezione a tre rettangoli


Si consideri la sezione di Figura 13.6. Per essa, disegnare il diagramma delle
tensioni 23 , e calcolare il valore della 23 massima.
Si suddivide la sezione nei tre rettangoli di Figura 13.7, le cui aree e momenti
di inerzia baricentrici sono, rispettivamente:

(2L)3
A1 = 2L2 I1 = L
12
(2L)3
A2 = 6L2 I2 = 3L (13.17)
12
L3
A3 = 2L2 I2 = 2L
12

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 201


13.3. SEZIONE A TRE RETTANGOLI

c G c
X1

B
X2

s
B

Figura 13.5: Il calcolo della tensione massima nellanima

1. Calcolo baricentro Il baricentro G della sezione sar`a situato sullasse di


simmetria verticale. Per identificare la sua altezza, si calcola larea A della
sezione, ed il momento statico S1 rispetto ad un asse orizzontale passante per
la base inferiore. Sar`
a:
A = 10L2
(13.18)
 
L
S1 = A1 L + A2 (L + 2L) + A3 + 4L = 29L3
2
da cui laltezza del baricentro:
S1 29
yG = = L (13.19)
A 10
2. Calcolo momento dinerzia baricentrico dellintera sezione Si calcola il mo-
mento di inerzia della sezione considerandola come costituita dai tre rettangoli
di Figura 13.7:
 2
2 2 L 457 4
I11 = I1 +A1 (yG L) +I2 +A2 (yG 3L) +I3 +A3 yG 4L = L
2 30
(13.20)
3. Calcolo del momento statico Occorre distinguere tre casi:
Caso A La corda interseca il rettangolo superiore (Figura 13.8). Calcolando,
a, il momento statico del complemento di 0 si ha:
per semplicit`

441L3
 
h
S10 = 2LhdGG0 = 2Lh x2 + = Lx22 (13.21)
2 100

202 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 13. TAGLIO

2L
T

2L

2L

L L L

Figura 13.6: Una sezione compatta costruita assemblando tre rettangoli

2L
T

3 L

2 2L

1 2L

L L L

Figura 13.7: La sezione di Figura 13.6 vista come insieme di tre rettangoli

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 203


13.3. SEZIONE A TRE RETTANGOLI

dove laltezza h `e fornita da:

h = 5L yG x2 (13.22)

2L

a G' a h

x2

G
X1

X2
yG

L L L

Figura 13.8: Caso A La corda taglia il rettangolo superiore

Caso B La corda interseca il rettangolo centrale (Figura 13.9). Si ha:

1003L3 3Lx22
 
h
S100 = A1 (yG L) + 3Lh x2 + = (13.23)
2 200 2
con:
h = yG 2L x2 (13.24)

Caso C La corda interseca il rettangolo inferiore (Figura 13.10). Si ha:

841L3 Lx22
 
yG x2
S1000 = L (yG x2 ) x2 + = (13.25)
2 200 2

4. Calcolo della tensione tangenziale Nei tre intervalli in cui la corda `e costan-
te si ha, rispettivamente:
S10 3
441L2 100x22 T

23 = T = 4
(13.26)
2I11 L 9140L
S100 1
1003L2 300x22 T

23 = T = 4
(13.27)
3I11 L 9140L
000
S 3
=T 1 = 841L2 100x22 T

23 (13.28)
I11 L 9140L4

204 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 13. TAGLIO

2L

G
X1 x2
a a h
X2
yG

L L L

Figura 13.9: Caso B - La corda taglia il rettangolo centrale

2L

G
X1
x2
X2
a a yG

L L L

Figura 13.10: Caso C - La corda taglia il rettangolo inferiore

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 205


13.3. SEZIONE A TRE RETTANGOLI

2L
T

2L

2L

L L L

Figura 13.11: Il diagramma delle 23

e quindi il diagramma si presenta come in Figura 13.11.


5. Calcolo dei valori notevoli Il valore massimo viene attinto sulla corda che
separa il rettangolo inferiore dal rettangolo centrale, e vale:
S1000 114 T T
23max = T (x2 = yG 2L) = 0.249 2 (13.29)
I11 L 457 L2 L
Significati sono anche i valori sulla corda baricentrica e sulla corda che separa
il rettangolo centrale dal rettangolo superiore:
S100 1003 T T
23bar = T (x2 = 0) = 0.11 2 (13.30)
3I11 L 9140 L2 L
S10 48 T T
23sup = T (x2 = yG 4L) = 0.105 2 (13.31)
2I11 L 457 L2 L
6. Verifica dellequilibrio La risultante delle tensioni dovr`a essere pari alla
forza di taglio applicata T . Ed infatti si pu`o verificare che:
Z 5LyG
3T
441L2 100y 2 dy+

2L 4
4LyG 9140L
Z 4LyG
T
1003L2 300y 2 dy+

3L 4
2LyG 9140L
Z 2LyG (13.32)
3T 2 2

L 841L 100y dy =
yG 9140L4
 
53 270 134
+ + T =T
457 457 457

206 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 13. TAGLIO

13.4 Sezione a tre rettangoli


La sezione di Figura 13.12, ai fini del calcolo delle tensioni tangenziali, pu`o
riguardarsi come costituita da un rettangolo superiore, di base 2L ed altezza L,
da un rettangolo centrale, di base 4L ed altezza 2L, e da un rettangolo inferiore
uguale al rettangolo superiore. A parte le dimensioni, essa `e quindi equivalente
alla sezione dellesempio precedente.

T
L

2L

L 2L L

Figura 13.12: Una sezione compatta

Le coordinate del baricentro sono note:


xG = 2L
(13.33)
yG = 2L
Il momento di inerzia dellintera sezione rispetto allasse orizzontale baricen-
trico `e allora fornito da:
2 2
L3 (2L)3 L3
 
L L
I11 = 2L + 2LL L + + 4L + 2L + 2LL L + = 12L4
12 2 12 12 2
(13.34)
Se la corda interseca i due rettangoli superiori, il momento statico dellarea
ad essa sottostante, rispetto allasse orizzontale baricentrico sar`a fornito da:
 
0 2L x2
S1 = 2L (2L x2 ) x2 + = 4L3 Lx22 (13.35)
2
mentre se interseca il rettangolo centrale si avr`a:
   
00 L (L x2 )
S1 = 2LL L + + 4L (L x2 ) x2 + = 5L3 2Lx22 (13.36)
2 2
Se infine la corda interseca il rettangolo inferiore, si avr`a:
 
3L x2
S1000 = 2L (3L x2 ) x2 + = 4L3 Lx22 (13.37)
2

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 207


13.4. SEZIONE A TRE RETTANGOLI

Nei tre intervalli in cui la corda `e costante si ha, rispettivamente:


S10 4L2 x22
23 = T = T
2I11 L 24L4
S100 5L2 2x22
23 =T = T (13.38)
3I11 L 48L4
S 000 4L2 x22
23 =T 1 = T
I11 L 24L4
e quindi il diagramma si presenta come in Figura 13.13: si noti la simmetria

L 2L L

Figura 13.13: Il diagramma delle 23

del diagramma, dovuta al fatto che i due rettangoli superiori possono riguar-
darsi come un singolo rettangolo di base 2L, e quindi equivalente al rettangolo
inferiore.
Il valore massimo viene attinto sulle corde che separano il rettangolo centrale
dai corpi inferiore e superiore, e vale:
S10 S1000 T T
23max = T (x2 = L) T = (x2 = L) = = 0.125 2 (13.39)
2I11 L 2I11 L 8L2 L
Significativo `e anche il valore sulla corda baricentrica:
S100 5 T T
23bar = T (x2 = 0) = 2
0.104 2 (13.40)
4I11 L 48 L L
Infine, lequilibrio alla traslazione verticale `e soddisfatto, in quanto:
Z 4LyG ! Z 3LyG
4L2 y 2 5L2 2y 2
2 2L 4
T dy + 4L T dy =
3LyG 24L LyG 48L4
  (13.41)
5 13
2 + T =T
36 18

208 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 13. TAGLIO

13.5 Quadrato sollecitato lungo una diagonale:


prima soluzione
Un caso particolarmente significativo `e riportato in Figura 13.14, ed `e ripreso da
T. Cavallina, E. DAnna Esercizi di Scienza delle Costruzioni, P`atron Editore,
Vol.I. Si tratta di una sezione romboidale, soggetta ad una forza tagliante di-
retta secondo una diagonale. In questa sezione, si vogliono calcolare le tensioni
tangenziali agenti sulle corde parallele allasse orizzontale X1 .

A G C
X1
X2
H

D
H H

Figura 13.14: Una sezione quadrata sollecitata lungo la diagonale

Soluzione Il baricentro `e immediatamente calcolabile, essendo situato allin-


crocio delle due diagonali. Il momento di inerzia dellintera sezione rispetto
allasse baricentrico pu`o calcolarsi riguardando la sezione come somma dei due
triangoli ABC ed ACD. Si ha allora:
 2
H3 H4
 
1 H
I11 = 2 2H + 2( 2HH) = (13.42)
36 2 3 3
Il momento statico dellarea sottostante ad una generica corda appartenente
al triangolo inferiore si pu`
o scrivere, a partire dalla Figura 13.15, come:
 
0 b b 1
S1 = (H x2 ) dGG0 = (H x2 ) x2 + (H x2 ) =
2 2 3
(13.43)
b
(H x2 ) (H + 2x2 )
6
e quindi le tensioni su quella corda valgono:
T
23 = (H x2 ) (H + 2x2 ) (13.44)
2H 4

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 209


13.5. QUADRATO SOLLECITATO LUNGO UNA DIAGONALE: PRIMA SOLUZIONE

Le tensioni 23 raggiungono il valore massimo in corrispondenza del punto di

G
X1
X2 x2
H a a
G'
H-x2

b
H H

Figura 13.15: Il caso della corda parallela allasse orizzontale

tangenza verticale, ossia dove si annulla la derivata:


 0  
d S1 d 1 1
= (H x2 ) (H + 2x2 ) = (H 4x2 ) (13.45)
dx2 b dx 6 6

e quindi in H/4. Su tale corda si ha:


9 T
23max = (13.46)
16 H 2
laddove la tensione sulla corda baricentrica vale:
1 T
23bar = (13.47)
2 H2
Infine, il diagramma si viene a completare per simmetria nella parte supe-
riore, come illustrato in Figura 13.16.
Il diagramma delle 13 Sui punti del contorno la tensione tangenziale dovr`a
essere tangente al contorno stesso, quindi dovr`a essere:

13 = 23 (13.48)

lungo i bordi AB e CD, e


13 = 23 (13.49)
lungo i bordi BC e AD. Infine, la 13 varier`a linearmente lungo la corda,
annullandosi sullasse verticale. Per utilizzare la formula di Kharlab, si consideri

210 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 13. TAGLIO

G H4
A C
X1 H4
X2

D
H H

Figura 13.16: Il diagramma delle 23

che la lunghezza della generica corda b pu`o esprimersi in funzione della sua
distanza x2 dal baricentro come:

b(x2 ) = 2(H x2 ) (13.50)

e quindi potr`
a scriversi:
x1
13 = 223 (13.51)
b
Nel punto generico della generica corda relativa al triangolo inferiore, la
tensione tangenziale sar`a diretta verso il punto D, mentre nel generico punto
della generica corda relativa al triangolo superiore, la tensione tangenziale sar`a
diretta verso il punto B, come riportato in Figura 13.17.

13.6 Quadrato sollecitato lungo una diagonale:


seconda soluzione
La stessa sezione romboidale, soggetta ad una forza tagliante diretta secondo una
diagonale, viene ora studiata, come suggerito da Cavallina e DAnna, calcolando
le tensioni tangenziali sulle corde parallele ai lati del rombo (cfr. 13.18). Si
suddivide quindi lo sforzo verticale T nelle due componenti Tl e Tm secondo i
lati BC ed AB. Si traccia poi il diagramma delle tensioni tangenziali in presenza
di Tm , utilizzando corde parallele al lato BC. Analogo studio pu`o condursi per
la forza Tl .
Soluzione Il momento statico dellarea tratteggiata rispetto allasse l `e fornito
da (cfr. Figura 13.19):

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 211


13.7. SEZIONE TRIANGOLARE

A C
13 13
23 n n n 23
H

D
H H

Figura 13.17: Il quadro tensionale completo delle n

   
L 1 L L 2
Sl0 L 4m2

=L m m+ m = (13.52)
2 2 2 8
e quindi la tensione 3m `e fornita da:

Tm Sl0 T S0 L2
 
3T 6T
= l = L2 4m2 = m2

3m = (13.53)
I11 L 2I11 L 2 2L4 2L4 4

Ripetendo lanalisi in presenza di Tl , ed utilizzando corde parallele ad AB,


si ottiene un identico risultato, e sovrapponendo gli effetti si ha una tensione
tangenziale diretta secondo la verticale, che equilibra la forza verticale T , e pari
a:
3T L2
 
2 3T
H 2 x22

23 = 4 x2 = (13.54)
L 2 4H 4
Con questo approccio, quindi, landamento delle 23 `e fornito da una singola
parabola, eliminando la strana gobba del diagramma di Figura 13.16.

13.7 Sezione triangolare


La sezione triangolare di Figura 13.20, di base B ed altezza H, `e soggetta alla
forza tagliante T in sommit`a. Calcolare le tensioni tangenziali 23 e 13 sulle
corde orizzontali.

212 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 13. TAGLIO

Tm Tl
T
B

l
G
A C
m
H

D
H H

Figura 13.18: La stessa sezione, caso delle corde parallele ai lati

Tm Tl
T
B

a
l
G
A C

m
L
a 2
m
D
L
-m
2

Figura 13.19: Il calcolo del momento statico rispetto allasse l

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 213


13.7. SEZIONE TRIANGOLARE

Figura 13.20: Una sezione a triangolo isoscele

Soluzione Le coordinate del baricentro sono ben note, cos` come `e noto il
valore del momento di inerzia I11 rispetto allasse X1 baricentrale:
BH 3
I11 = (13.55)
36
Resta da calcolare il momento statico dellarea sottostante la corda generica
rispetto allo stesso asse. In questo caso, `e preferibile calcolare il momento statico
dellarea sovrastante la corda, e considerare che esso `e lopposto del momento
statico desiderato. A partire dalla Figura 13.21 pu`o scriversi:
 
1 2
S10 = b H + x2 dGG0 =
2 3
      
1 2 1 2 H H
b H + x2 x2 + H + x2 = (13.56)
2 3 3 3 3 3
b
(H 3x2 ) (2H + 3x2 )
27
Ne segue l espressione della tensione tangenziale:
4T
23 = (H 3x2 ) (2H + 3x2 ) (13.57)
3BH 3
e quindi landamento del diagramma risulta parabolico, come illustrato in Figura
13.22.
Per il calcolo del massimo valore delle 23 , si identifica la corda su cui il
diagramma presenta pendenza verticale:
 0
d S1
=0 (13.58)
dx2 b

214 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 13. TAGLIO

2
H
3

G'

G
x2

Figura 13.21: Il calcolo del momento statico

ossia si calcola il valore di x2 per cui:


d
(H 3x2 ) (2H + 3x2 ) = 0 (13.59)
dx2
ottenendo:
H
x2max = (13.60)
6
Ne segue il valore della tensione tangenziale massima:
T
23max = 3 (13.61)
BH
In corrispondenza della corda baricentrica si ha un valore leggermente infe-
riore, come riportato in Figura 13.23:
8 T
23 max = (13.62)
3 BH
Landamento delle tensioni 13 Su ciascuna corda orizzontale la tensione 13
varia con legge lineare. Agli estremi, la tensione tangenziale n `e diretta secondo
il contorno, e quindi nel punto di sinistra si ha:

13 sin = 23 tan(1 ) (13.63)

dove 1 `e fornita da:


B
1 = arctan( ) (13.64)
2H

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 215


13.7. SEZIONE TRIANGOLARE

H
X1

X2

Figura 13.22: Il diagramma delle 23

T
3
BH

X1 H6

X2

8 T
B 3 BH

Figura 13.23: I valori notevoli

216 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 13. TAGLIO

Nel punto di destra si ha:

13des = 23 tan(2 ) = 13 sin (13.65)

In mezzeria, evidentemente, la 13 si annulla. In ogni altro punto della corda,


la tensione n `e diretta verso il vertice del triangolo.
Se si vuole utilizzare la formula di Kharlab, occorre calcolare lespressione
analitica della generica corda b(x2 ) situata a distanza x2 dal baricentro. Una
semplice proporzione geometrica permette di scrivere:

B b(x2 )
= (13.66)
H 2
H + x2
3
e quindi:
B 2
b(x2 ) = ( H + x2 ) (13.67)
H 3
Ne segue:
db B
= (13.68)
dx2 H
e la formula di Kharlab fornisce:
B x1
13 = 23 (13.69)
H b(x2 )

13.8 La sezione circolare


Si vuole ora studiare la sezione circolare, di raggio R, illustrata in Figura 13.24.
Per essa, il baricentro `e situato al centro del cerchio, mentre il momento dinerzia

R
X1

X2

Figura 13.24: La sezione retta circolare

`e pari a:
R4
I11 = (13.70)
4

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 217


13.8. LA SEZIONE CIRCOLARE

La generica corda AB, a distanza x2 dallasse X1 , ha lunghezza b (x2 ) pari


a: q
b (x2 ) = 2 R2 x22 (13.71)

Occorre ora calcolare il momento statico dellarea 0 sottostante alla corda


AB. Considerando che 0 pu`o essere vista come la differenza tra il settore
circolare OAB
\ ed il triangolo OAB (cfr. Figura 13.25), si potr`a calcolare larea
come:
0 = R2 R2 cos() sin() (13.72)

Il baricentro del triangolo OAB si trover`a a distanza yG1 dallasse X1 :

R
X1
O
x2

A B
S'

X2

Figura 13.25: Il calcolo del momento statico S

2 2
yG1 = x2 = R cos() (13.73)
3 3
mentre il baricentro del settore circolare OAB
\ si trover`a a distanza yG2 dallasse
X1 :
2 2 sin()
yG2 = x2 = R (13.74)
3 3
Ne segue, per la propriet`a distributiva del baricentro, che il baricentro di 0
si trover`
a a distanza yG dallasse X1 , dove:

 
R2 yG2 R2 cos() sin() yG1 2 R sin()3
yG = 0
= (13.75)
3 cos() sin()

Infine, il richiesto momento statico `e pari a:

2 3 b3
S 0 = 0 yG = R sin()3 = (13.76)
3 12

218 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 13. TAGLIO

La formula di Jourawsky fornisce quindi :



T b2 T b2 4 T R2 x22
23 = = 4
= (13.77)
12I11 3R 3 R4

Per ottenere la componente 13 si applica la formula di Kharlab, per cui


occorre calcolare:
db x2
= 4 (13.78)
dx2 b
Ne segue:

db x1 T 4 T
13 = 23 = x1 x2 = x1 x2 (13.79)
dx2 b 3I11 3 R4

13.9 La sezione a C
Le sezioni considerate finora possedevano un asse di simmetria verticale, e la
forza tagliante T agiva lungo questasse. Non sorgeva quindi alcun momento
torcente aggiuntivo, e nemmeno tensioni tangenziali ad esso dovute. In altri
termini, il centro di taglio giaceva sullasse di simmetria, e la forza applicata
passava per esso.
Si consideri ora, invece, la sezione retta a forma di C, illustrata in Figura
13.26, con ali larghe B e con anima alta H. Lo spessore delle ali sia pari a t, lo
spessore dellanima sia d. La sezione sia soggetta a forza di taglio baricentrica
diretta lungo lasse X2 , sicch`e lasse neutro flessionale coincide con lasse X1 .

H2

X1 G
T

H2 X2

Figura 13.26: La sezione retta a C soggetta a taglio verticale

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 219


13.9. LA SEZIONE A C

Lo stato tensionale nelle ali


Considerando la sezione come un insieme di tre rettangoli, si inizi a determinare
lo stato tensionale tangenziale nelle ali. Per esse conviene considerare corde
parallele allasse X2 : data infatti la loro minore lunghezza rispetto a corde
parallele allasse X1 lo stato tensionale su tali corde sar`a sicuramente pi` u si-
gnificativo. Scelta allora una corda generica a distanza 1 dallestemo di destra
dellala inferiore, si pu`o enucleare subito larea di cui calcolare il momento
statico rispetto allasse baricentrale X1 . Dalla Figura 13.27 si ottiene:

H2

X1 G
T

H t
H2 -
X2 1 2 2
m
t
l
B

Figura 13.27: La corda parallela allasse X2 per il calcolo delle tensioni nelle ali

 
H t
S10 = t1 (13.80)
2 2
e quindi la tensione m3 `e fornita da:
T2 S10 T
m3 = = (H t)1 (13.81)
I11 b 2I11
Si noti che ora lasse m viene a coincidere con lasse X1 , quindi la tensione
m3 precedente `e pari alla componente cartesiana 13 . Essa varia linearmen-
te lungo lala, annullandosi allestremo, dove 1 = 0, e divenendo massima
allattacco con lanima, dove 1 = B d:
T
m3max = (H t)(B d) (13.82)
2I11
Laltra componente di tensione varia con legge quadratica lungo la corda
prescelta. Agli estremi la tensione tangenziale n sar`a diretta secondo il con-
torno, e quindi viene a coincidere con la m3 . Ne segue che in tali punti l3 `e

220 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 13. TAGLIO

nulla, e di conseguenza landamento della l3 sar`a simmetrico rispetto allasse


dellala. Linclinazione dei diagramma sar`a data da:

1 S10
   
l3 T T H t
= x2 = x2 (13.83)
l I11 b m I11 2

e quindi linclinazione sar`


a nulla (come prevedibile per la simmetria) sullasse
H
dellala, mentre sar`a massima per x2 = , bordo inferiore dellala, e per x2 =
2
H
t (bordo superiore dellanima), dove varr`a:
2
 
l3 T t
= (13.84)
l max I11 2

Per ottenere lespressione analitica delle l3 si inizi col porre:

l3 = al2 + bl + c (13.85)

e poi si calcolino i tre coefficienti incogniti imponendo le tre condizioni:

H2
 
H H
l3 l = = 0 a +b +c=0 (13.86)
2 4 2
   2  
H H H
l3 l = t = 0 a t +b t +c=0 (13.87)
2 2 2
 
l3 H T t H T t
l= = 2a + b = (13.88)
l 2 I11 2 2 I11 2
Si ha subito:
T T T
a= b= (H t) c= H(H 2t) (13.89)
2I11 2I11 8I11

e quindi la tensione si scriver`a:


 
T (H 2t)
l3 = l2 l(H t) + H (13.90)
2I11 4

con valore massimo lungo lasse dellala pari a:

T t2
 
H t
l3max = l3 l = = (13.91)
2 2 8I11

Tale valore `e di solito molto basso, rispetto ai valori delle componenti m3 ,


e pertanto leffetto delle l3 lungo le ali `e usualmente trascurato. Lo stato
tensionale nellala inferiore `e schematizzato in Figura 13.28, nellala superiore `e
del tutto analogo.

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 221


13.9. LA SEZIONE A C

l3max

m3max

Figura 13.28: Lo stato tensionale nellala inferiore della sezione a C

Lo stato tensionale nellanima


Lo stato tensionale nellanima andr`a valutato scegliendo corde orizzontali, che
hanno la lunghezza minore. Con una corda a distanza x2 dallasse X1 si avr`a,
come risulta dalla Figura 13.29:
!
H


 
H t H t x2
S10 = Bt +d t x2 2
+ x2 =
2 2 2
   (13.92)
H t d H H
Bt + t x2 t + x2
2 2 2 2
e quindi, semplificando:
 2 !
T t H
m3 = B(H t) + t x22 (13.93)
2I11 d 2

Si noti che ora lasse `e orientato secondo X2 , e quindi la tensione m3 pre-


cedente coincide con la componente speciale 23 , e che tale tensione varia con
legge quadratica lungo lasse, raggiungendo il suo massimo in x2 = 0:
 2 !
T t H
m3max = B(H t) + t (13.94)
2I11 d 2

H
In corrispondenza dellincrocio tra ali ed anima si ha x2 = 2 t, e la tensione
vale:

222 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 13. TAGLIO

H2

X1 G
T
x2
l
H2
m X2 1

Figura 13.29: La corda parallela allasse X1 per il calcolo delle tensioni


nellanima

 
H T t
m3 t = (H t)B (13.95)
2 2I11 d
Si ha quindi il diagramma di Figura 13.30. Da esso si osserva come sia spesso
possibile assimilare il diagramma delle tensioni tangenziali ad un rettangolo,
trascurando il contributo delle ali ed assumendo una distribuzione costante di
tensioni tangenziali, pari a:

T
m3max = (13.96)
(H 2t)d
La componente di tensione l3 `e ovunque nulla nellanima.

Il fattore di taglio
Il fattore di taglio pu`
o essere valutato approssimativamente trascurando il con-
tributo delle ali, e quindi utilizzando la formula precedente. In tal caso si ha
una energia di deformazione pari a:

T 2L T 2L
Z
1 2
Lt = 23 dV = (H 2t)d = (13.97)
2G V0 2G(H 2t)2 d2 2G(H 2t)d

e volendo porre lenergia nella nota forma:

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 223


13.9. LA SEZIONE A C

H
2

X1 G
T

H
X2 2

Figura 13.30: Il diagramma delle tensioni 23 nellanima

T 2L
Lt = (13.98)
2 GA
si giunge allespressione approssimata del fattore di taglio:
A
= (13.99)
(H 2t)d

Quindi, il fattore di taglio `e pari al rapporto tra larea totale A della sezione
e larea dellanima.

Il centro di taglio
Lala inferiore `e soggetta ad una distribuzione triangolare di tensioni, la cui
risultante pu`o calcolarsi come:
Z
Tr1 = 13 dA (13.100)

e quindi, trattandosi di un diagramma triangolare:


t Tt
Tr1 = (B d)13 max = (B d)2 (H t) (13.101)
2 4I11
Nellala superiore la risultante delle tensioni tangenziali `e uguale e contraria, in
quanto i momenti statici cambiano di segno. Infine, la risultante delle tensioni
tangenziali nellanima, utilizzando la (13.96), `e pari a T , ed `e diretta secondo
lasse baricentrale dellanima.

224 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 13. TAGLIO

MtT
Tf3

Tf2=T T
X1 G X1 C G

X2

Tf1
X2

Figura 13.31: Le risultanti delle tensioni tangenziali ed il centro di taglio

Complessivamente, quindi, le tensioni agenti sono equivalenti ad una forza


T applicata nel baricentro dellanima, e ad un momento torcente dovuto alle
due forze risultanti nelle ali, e tale momento torcente `e pari a (Figura 13.31):

Tt
Mt = Tr1 (H t) = (B d)2 (H t)2 (13.102)
4I11
Tale sistema di forza pi`u momento torcente pu`o infine ridursi alla singola
forza T traslata, rispetto alla sua posizione originaria, di una quantit`a:
Mt
dt = (13.103)
T
Indicando con la distanza del baricentro dallestremo esterno dellanima si
ha che la coordinata xC1 del centro di taglio pu`o calcolarsi come
d t
xC1 = + (B d)2 (H t)2 (13.104)
2 4I11
mentre per la simmetria della sezione sar`a sicuramente xC2 = 0. Se T non passa
per il centro di taglio occorrer`
a aggiungere alle tensioni tangenziali calcolate in
questa sezione anche le tensioni tangenziali da torsione.

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 225


13.9. LA SEZIONE A C

226 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


Capitolo 14

Calcolo delle caratteristiche


per strutture isostatiche

In questo Capitolo si illustrano alcuni metodi per tracciare i diagrammi delle


caratteristiche della sollecitazione interna, limitatamente al caso di strutture
isostatiche. Qualunque sia lapproccio usato, analitico, geometrico o grafico, si
dovr`a far uso delle equazioni di equilibrio, che impongono le seguenti relazioni
tra carichi applicati e caratteristiche della sollecitazione interna (c.s.i.):

dN (x3 ) dT (x3 ) dM (x3 )


= t (x3 ) = p (x3 ) = T (x3 ) (14.1)
dx3 dx3 dx3
Ne segue che la distribuzione dei carichi assiali e trasversali fornisce una
indicazione sullandamento del diagramma di sforzo normale e taglio:

tratto scarico caratteristica costante

tratto caricato da un carico uniformemente distribuito caratteristica


lineare

tratto caricato da un carico distribuito con legge lineare caratteristica


quadratica
Inoltre, nei tratti dove il carico `e positivo, la caratteristica corrispondente
dovr`a essere una funzione decrescente

Per il momento flettente, in base alle (14.1) potr`a dirsi:

tratto scarico taglio costante momento lineare

tratto caricato da un carico uniformemente distribuito taglio lineare


momento quadratico

Inoltre, nei tratti dove il taglio `e positivo, il momento dovr`a essere una
funzione crescente.

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 227


14.1. TRAVE A MENSOLA

Conosciuto landamento dei diagrammi, alcuni valori potranno dedursi in


base alle condizioni ai limiti di equilibrio. Ad esempio, in corrispondenza di
un estremo libero non caricato le caratteristiche dovranno annullarsi, in corri-
spondenza di una cerniera il momento sar`a nullo, etc. Infine, si consideri che
dove il taglio `e nullo il momento avr`a un minimo, un massimo, o un punto di
flesso, e che in generale potranno trarsi tutte le deduzioni note dallAnalisi
Matematica e dallo studio delle funzioni.
In corrispondenza dei vincoli interni e delle forze concentrate intermedie sor-
geranno discontinuit`a nei diagrammi: in particolare, una forza assiale concen-
trata causa una discontinuit`a nello sforzo normale, una forza trasversale causa
una discontinuit`a nel taglio, ed una discontinuit`a angolare nel momento, una
coppia causa una discontinuit`a nel diagramma del momento. Analogamente, i
vincoli introducono reazioni concentrate, e quindi altrettante discontinuit`a.
Nel tracciamento dei diagrammi, a ciascun tratto viene assegnato un sistema
di riferimento, identificando un nodo iniziale (sia esso A) ed un nodo finale (sia
esso B), e quindi un verso di percorrenza. Lorigine viene scelta in corrispon-
denza del nodo iniziale, lasse X3 viene scelto coincidente con il segmento AB,
lasse X2 viene orientato in modo da formare un angolo antiorario di novanta
gradi con lasse X3 . Ci`o fatto, il taglio positivo viene riportato nel semipiano
con x2 negative, mentre il momento positivo viene riportato nel semipiano con
x2 positive. Qualora necessario, il verso di percorrenza viene indicato tramite
pedici, sicche ad esempio TAB (x3 ) viene ad indicare il diagramma del
taglio lungo il tratto AB, con verso di percorrenza da A verso B.
Nel seguito si inizia con lesaminare alcune strutture semplicissime, per poi
studiare telai man mano pi` u complessi.

14.1 Trave a mensola


Come primo, banale esempio, si consideri la mensola di Figura 14.1, soggetta
ad un carico trasversale uniformemente distribuito.

A B

Figura 14.1: Un primo esempio elementare

228 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 14. CALCOLO DELLE CARATTERISTICHE PER STRUTTURE ISOSTATICHE

Metodo grafico
Il tracciamento dei diagrammi di taglio e momento si effettua secondo i seguenti
passi:

calcolo delle reazioni, che in questo caso risulta immediato:

qL2
RA = qL MrA = (14.2)
2

ad un carico uniformemente distribuito corrisponde un taglio variabile con


legge lineare. Si conoscono i due valori agli estremi, in quanto:

T (0) = RA = qL T (L) = 0 (14.3)

ed `e quindi possibile tracciare la retta che congiunge i due punti. Si osservi


che come previsto il taglio `e una funzione decrescente con pendenza
pari al carico (cfr. Figura 14.2).

qL

A B

Figura 14.2: Il diagramma del taglio per la trave di Figura 14.1

il diagramma del momento varier`a con legge quadratica, e si conoscono i


due valori estremi:
qL2
M (0) = MrA = M (L) = 0 (14.4)
2

Inoltre, in L il diagramma del momento avr`a tangenza orizzontale, in


quanto la sua derivata (ossia il taglio) `e nulla. Tutto ci`o permette il disegno
della parabola quadratica di Figura 14.3, che rappresenta il momento.
Si noti che, in accordo con quanto detto in precedenza, il diagramma
del momento e stato disegnato nel semipiano delle x2 negative, e quindi
rappresenta una funzione crescente.

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 229


14.1. TRAVE A MENSOLA

qL2
-
2

A B

Figura 14.3: Il diagramma del momento per la trave di Figura 14.1

Metodo analitico
Se si vogliono ottenere le formule che descrivono landamento dei diagrammi
delle c.s.i., si consideri che, poich`e il taglio `e lineare, si potr`a scrivere:
T (x3 ) = a0 + a1 x3 (14.5)
e le due costanti potranno dedursi imponendo le condizioni ai limiti:
T (0) = qL a0 = qL
(14.6)
T (L) = 0 a0 + a1 L = 0
e quindi:  x3 
T (x3 ) = qL 1 (14.7)
L
Analogamente, il momento `e quadratico, e quindi si potr`a scrivere:
M (x3 ) = b0 + b1 x3 + b2 x23 (14.8)
e le tre costanti dovranno dedursi a partire dalle tre condizioni:
qL2 qL2
M (0) = b0 =
2 2
(14.9)
M (L) = 0 b0 + b1 L + b2 L2 = 0
M 0 (L) = 0 b1 + 2b2 L = 0
Si ottiene:
qL2 q
b0 = b1 = qL b2 = (14.10)
2 2
e quindi il momento `e esprimibile analiticamente come:
q
M (x3 ) = L2 2Lx3 + x23

(14.11)
2

230 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 14. CALCOLO DELLE CARATTERISTICHE PER STRUTTURE ISOSTATICHE

14.2 Trave a due campate


Un secondo esempio elementare `e proposto in Figura 14.4, dove una trave co-
stituita da due tratti collegati da una cerniera `e soggetta ad una stesa di carico
uniforme limitatamente al tratto di destra.

A B C

L1 L2

Figura 14.4: Una trave isostatica a due tratti

Poich`e la trave `e vincolata a sinistra con un incastro, ed a destra con un


appoggio, essa risulta isostatica, e le reazioni possono calcolarsi immediatamente
risolvendo le quattro equazioni di equilibrio:

RA + TB = 0 MrA TB L1 = 0 (14.12)
qL22
TB + RC + qL2 = 0 TB L2 + =0 (14.13)
2

Si ha:

qL2 qL2
TB = RC = (14.14)
2 2
qL2 qL2
RA = MrA = L1 (14.15)
2 2

Il diagramma del taglio sar` a costante lungo il primo tratto, e lineare nel
secondo, e poich`e si conoscono i valori:

qL2 qL2
T (0) = T (L1 + L2 ) = (14.16)
2 2

si pu`o subito tracciare il diagramma di Figura 14.5.


Il momento varier` a linearmente lungo la prima campata, e quadraticamen-
te nella seconda. E anche noto che esso dovr`a annullarsi sia in B che in C,
e che in mezzeria della seconda campata (dove il taglio `e nullo) dovr`a presen-
tare una tangenza orizzontale, permettendo il tracciamento del diagramma di
Figura 14.6.

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 231


14.2. TRAVE A DUE CAMPATE

qL2
2 qL2
-
2
A B C

L1 L2

Figura 14.5: Il diagramma del taglio per la trave di Figura 14.4

q
- L1 L2
2

q L22
8
A B C

L1 L2

Figura 14.6: Il diagramma del momento per la trave di Figura 14.4

Metodo analitico
Lungo il primo tratto, dove il taglio `e costante ed il momento varia linearmente
tra MrA e zero, si potr`a scrivere:

qL2
TAB (x3 ) = (14.17)
2  
qL2 x3
MAB (x3 ) = L1 1 (14.18)
2 L1

assumendo un sistema di riferimento con origine in A. Nel secondo tratto il


qL2 qL2
taglio varia linearmente assumendo agli estremi i valori a sinistra e
2 2
a destra. Si potr`a quindi scrivere, assumendo ora un sistema di riferimento con
origine in B:
 
qL2 x3
TBC (x3 ) = 12 (14.19)
2 L2

232 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 14. CALCOLO DELLE CARATTERISTICHE PER STRUTTURE ISOSTATICHE

Nello stesso sistema di riferimento, il momento potr`a scriversi come un


polinomio quadratico:
MBC (x3 ) = b0 + b1 x3 + b2 x23 (14.20)
i cui coefficienti potranno calcolarsi dalle tre condizioni:
MBC (0) = 0 b0 = 0
MBC (L2 ) = 0 b0 + b1 L2 + b2 L22 = 0 (14.21)
0 qL2 qL2
MBC (0) = b1 =
2 2
In definitiva sar`
a:
qx3
MBC (x3 ) = (L2 x3 ) (14.22)
2

14.3 Mensola con sbalzo


Si condideri ora la mensola con sbalzo di Figura 14.7: per essa, si vogliono
tracciare i diagrammi di taglio, momento e sforzo normale.

B C

Figura 14.7: Un semplice telaio a mensola con sbalzo

La struttura `e composta da un ritto di altezza H e da un traverso di lunghez-


za L. Per il ritto, si adotta un sistema di riferimento con origine nel punto B,
lasse X3 diretto secondo lasse della trave, verso il nodo A, e lasse X2 diretto
verso sinistra, mentre per il traverso si sceglie lorigine in B, lasse X3 diretto
lungo lasse del tratto, verso il nodo C, e lasse X2 verso il basso.
Il calcolo delle reazioni `e immediato:
qL2
RAh = 0 RAv = qL MrA = (14.23)
2

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 233


14.3. MENSOLA CON SBALZO

NBA
MBA
TBA

RAw
M rA

RAv

Figura 14.8: Il diagramma per lequilibrio del concio in corrispondenza


dellincastro

In corrispondenza dellincastro, lequilibrio del concio di Figura 14.8 detta:

TBA (H) = RAh = 0 (14.24)


NBA (H) = RAv = qL (14.25)
2
qL
MBA (H) = MrA = (14.26)
2
Lungo il tratto BA il taglio sar`a quindi identicamente nullo, mentre lo sforzo
normale sar` a costante, e pari ad RAv . Il momento flettente, poich`e il taglio `e
a costante, e pari ad MrA .
nullo, risulter`
In B lequilibrio detta invece, come illustrato in Figura 14.9:

NBC

TBC MBC

TBA

MBA
NBA

Figura 14.9: Il diagramma per lequilibrio del concio in B

TBC (0) + NBA (0) = 0 (14.27)


NBC (0) TBA (0) = 0 (14.28)
MBC (0) + MBA (0) = 0 (14.29)

234 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 14. CALCOLO DELLE CARATTERISTICHE PER STRUTTURE ISOSTATICHE

e quindi:
NBC (0) = 0
TBC (0) = NBA (0) = qL
(14.30)
qL2
MBC (0) = MBA (0) =
2
Infine, lungo il traverso BC lo sforzo normale sar`a costante, e quindi nullo, il
taglio decrescer`a linearmente da qL a zero, il momento varier`a con legge qua-
qL2
dratica crescendo da a zero. Si hanno quindi i diagrammi di Figura 14.10
2
e 14.11.

14.4 Telaio a quattro cerniere e pendolo interno


Si consideri il telaio di Figura 14.12, palesemente isostatico, in quanto assimila-
bile ad un arco a quattro cerniere con pendolo intermedio, e si voglia tracciare
i diagrammi dello sforzo normale, del taglio e del momento flettente.

Soluzione analitica
Si calcolano le reazioni attraverso la scrittura delle nove equazioni di equilibrio.
Dallequilibrio del tratto DE si trae:
TD + P + REw = 0
ND + REv = 0 (14.31)
2TD H P H = 0
e quindi la reazione orizzontale dellappoggio di destra e lo sforzo di taglio nella
cerniera in D sono calcolabili come:
P
TD =
2 (14.32)
P
REw =
2
Lequilibrio globale della struttura detta, scegliendo il polo in E:
RAw + REw + P = 0
RAv + REv = 0 (14.33)
10RAv H + 4RAw H P H = 0
e quindi si ottengono le altre tre reazioni esterne :
P
RAw = REw P =
2
P 4 3
RAv = RAw = P (14.34)
10 10 10
3
REv = RAv = P
10

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 235


14.4. TELAIO A QUATTRO CERNIERE E PENDOLO INTERNO

qL
qL

B C B C

A A

Figura 14.10: I diagrammi di taglio e sforzo normale per il telaio di Figura 14.7

qL2
2

B C

Figura 14.11: Il diagramma del momento per il telaio di Figura 14.7

236 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 14. CALCOLO DELLE CARATTERISTICHE PER STRUTTURE ISOSTATICHE

K C F L

4H
6H
D
P H
H
E H
B

4H

4H 2H 4H

Figura 14.12: Un telaio a quattro cerniere e pendolo interno

Lequilibrio del primo tratto impone che sia, scegliendo il polo in B:

RAv + TC NBF sin() = 0


RAw + NC + NBF cos() = 0 (14.35)
4RAw H 4TC H 6NC H = 0

dove NBF `e lo sforzo normale nel pendolo, positivo se il pendolo risulta teso, ed
= 4 . Sostituendo i valori gi`
a noti delle reazioni esterne, si ha:

19P
NBF cos() =
10
19P
NBF sin() =
10 (14.36)
7P
NC =
5
8P
TC =
5
Lequilibrio del tratto CD `e automaticamente soddisfatto.

Il diagramma del taglio


Per il tracciamento del diagramma del taglio, si consideri che esso dovr`a essere
costante a tratti, con discontinuit`a in corrispondenza dei due punti B ed F
di applicazione del pendolo, dei due nodi K ed L, e del punto di applicazione
H
 della forza applicata. Conviene quindi definire sei sistemi di riferimento
(i) (i) (i)
Oi , X3 , X2 identificando sei distinti origini degli assi, orientando lasse X3

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 237


14.4. TELAIO A QUATTRO CERNIERE E PENDOLO INTERNO

H3L
X2H2L K X3 C F X3H4L X2H5L L
X3H5L
X3H2L X2H3L X2H4L

D
X2H6L H P
H6L
X2H1L B E X3

X3H1L

Figura 14.13: Una scelta di sistemi di riferimento per il tracciamento dei


diagrammi delle c.s.i.

(i)
lungo lasse del telaio, dallorigine verso laltro estremo, e lasse X2 a formare un
(i)
angolo di /2 con X3 . Quando nessuna confusione `e possibile, si elimineranno
gli apici.
Per il telaio di Figura 14.12, quindi, si opera la seguente scelta, illustrata in
Figura 14.13:
- tratto 1, da B ad A, con origine in B
- tratto 2, da K a B, con origine in K
- tratto 3, da K ad F , con origine in K
- tratto 4, da F ad L, con origine in F
- tratto 5, da L ad H, con origine in L
- tratto 6, da H ad E, con origine in H
Il diagramma del taglio sar`a quindi univocamente determinato dai valori
TBA , TKB , TKF , TF L , TLH e THE .
Partendo dal tratto HE, lequilibrio dellappoggio di estremit`a permette di
ottenere il valore del taglio in HE, come illustrato in Figura 14.14.

P
THE = REw = (14.37)
2
In corrispondenza della forza applicata P si ha una discontinuit`a del dia-
gramma, e per lequilibrio del concio H dovr`a aversi, come deducibile dalla
Figura 14.15:
P
TLH = THE P = (14.38)
2
e tale valore si manterr`a costante fino al punto L. Nel tratto F L il valore del
taglio sar`
a pari al valore dello sforzo normale nel tratto LH, ossia sar`a pari,

238 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 14. CALCOLO DELLE CARATTERISTICHE PER STRUTTURE ISOSTATICHE

NE

TE

REw

REv

Figura 14.14: Lequilibrio del vincolo in E


NLH
MLH
TLH

THE
MHE
NHE

Figura 14.15: Lequilibrio del concio in H

TFL
NFL

MFL
TLH

MLH

NLH

Figura 14.16: Lequilibrio del concio in L

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 239


14.4. TELAIO A QUATTRO CERNIERE E PENDOLO INTERNO

come illustrato in Figura 14.16, a:


3P
TF L = NLH = REv = (14.39)
10
In F , unaltra equazione di equilibrio permette di ottenere il taglio in KF ,
secondo il diagramma di Figura 14.17:

TFL
MKF
NKF NFL

MFL
TKF

NBF

Figura 14.17: Lequilibrio del concio in F

3P 19P 8P
TKF = TF L + NBF sin() = + = (14.40)
10 10 5
Nel tratto BA, il taglio `e pari allinverso della reazione in A:
P
TBA = RAw = (14.41)
2
ed infine, nel tratto KB, potr`a dedursi dallequilibrio del concio in B (cfr.
Figura 14.18):

NKB
MKB
TKB
NBF

TBA
MBA
NBA

Figura 14.18: Lequilibrio del concio in B

P 19P 7P
TKB = TBA NBF cos() = = (14.42)
2 10 5
In definitiva, il diagramma del taglio pu`o disegnarsi come in Figura 14.19.

240 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 14. CALCOLO DELLE CARATTERISTICHE PER STRUTTURE ISOSTATICHE

K F L

H
E
B

Figura 14.19: Un telaio a quattro cerniere e pendolo interno: il diagramma del


taglio

Il diagramma del momento


Per il tracciamento del diagramma del momento, si tenga conto che utili in-
formazioni possono aversi dallappena dedotto diagramma del taglio, che ne
rappresenta la derivata. Esso sar` a costituito da diagrammi lineari, per cui
utilizzando i gi`
a citati sistemi di riferimento si potr`a scrivere:

MBA (x3 ) = c0 + TBA x3 MKB (x3 ) = c1 + TKB x3 (14.43)


MKF (x3 ) = c2 + TKF x3 MF L (x3 ) = c3 + TF L x3 (14.44)
MLH (x3 ) = c4 + TLH x3 MHE (x3 ) = c5 + THE x3 (14.45)

Partendo dallappoggio in A, dove il momento e nullo, si potra scrivere:

MBA (x3 = 4H) = c0 + 4TBA H = c0 + 2P H = 0 c0 = 2P H (14.46)

e quindi: x 
3
MBA (x3 ) = P 2H (14.47)
2
Nel tratto KB, si avr`
a subito, per la continuita del momento in B::
32
MKB (x3 = 6H) = c1 + 6TKB H = 2P H c1 = 6TKB H 2P H = PH
5
(14.48)
e quindi il momento nel tratto KB sar`a esprimibile come:
P
MKB (x3 ) = (32H 7x3 ) (14.49)
5

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 241


14.4. TELAIO A QUATTRO CERNIERE E PENDOLO INTERNO

NKF

MKF
TKF

TKB

MKB

NKB

Figura 14.20: Lequilibrio del concio in K

giungendo in K con un valore:


32
MKB (x3 = 0) = PH (14.50)
5
Sar`
a quindi, per lequilibrio del nodo:
P
MKF (x3 ) =
(32H + 8x3 ) (14.51)
5
Si noti subito, che come dettato dalle condizioni ai limiti si ritrova
MKF (x3 = 4H) = 0. In F il momento varr`a:
16
MKF (x3 = 6H) = P H = c2 (14.52)
5
e quindi il momento nel tratto F L varr`a:
P 3
MF L (x3 ) = (16H x3 ) (14.53)
5 2
In L quindi si avr`
a un momento pari a:
MF L (x3 = 4H) = 2P H = c3 (14.54)
Nel tratto verticale LH si avr`a il momento:
x3
MHL (x3 ) = P (2H ) (14.55)
2
che ovviamente si annulla in x3 = 4H, e giunge in H col valore:
PH
MHL (x3 = 5H) = (14.56)
2
Infine, nel tratto HE si ha una pendenza pari a P/2, e quindi:
P
MHE (x3 ) = (H + x3 ) (14.57)
2
annullandosi in E.
In Figura 14.21 `e disegnato il diagramma del momento, che per convenzione
`e riportato dalla parte dellasse X2 positivo.

242 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 14. CALCOLO DELLE CARATTERISTICHE PER STRUTTURE ISOSTATICHE

K C F L

D
H
B E

Figura 14.21: Il diagramma del momento

Soluzione grafica
Per la ricerca delle reazioni, si ossevi che lequilibrio del tratto di telaio da A a
C impone che la reazione a dellappoggio in A, la reazione b del pendolo e la
reazione c della cerniera in C soddisfino la relazione:

a+b+c=0 (14.58)

mentre lequilibrio del secondo tratto detta una relazione simile:

b+c+d=0 (14.59)

da cui a = d. Quindi, la retta dazione della reazione a in A, e la retta dazione


della reazione d della cerniera in D devono coincidere, e poich`e a deve passare
per A, e d deve passare per D, le loro direzioni sono note. Inoltre, lequilibrio
del terzo tratto:
d+P +e=0 (14.60)
permette di conoscere la retta dazione e di RE , che dovr`a passare per E, e per il
punto M , intersezione tra la retta dazione di P ed RD . Infine, la retta dazione
c di RC si ottiene congiungendo la cerniera in C con il punto N , intersezione tra
RA ed il prolungamento del pendolo. Tutto ci`o `e sintetizzato in Figura 14.22.
Ottenute le rette dazione delle reazioni, un triangolo di equilibrio permette
di ottenere la loro intensit`
a, come illustrato in Figura 14.23.
Per il tracciamento del diagramma del momento, si parte dal punto E, as-
segnando una inclinazione iniziale al diagramma, e giungendo fino alla retta di
applicazione della forza. Si prosegue poi fino ad L, annullando il momento nella

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 243


14.4. TELAIO A QUATTRO CERNIERE E PENDOLO INTERNO

C F L
K

b
D
H
c B M E
e
a=d

Figura 14.22: Ricerca grafica delle reazioni

cerniera D. In L il diagramma deve essere ribaltato, per rispettare lequilibrio


del nodo, per poi proseguire con una pendenza dettata dal punto di intersezione
tra lorizzontale e la retta dazione d della cerniera D. Si giunge in F , per poi
proseguire fino a K annullando il diagramma in C. In K il diagramma va anco-
ra ribaltato, per poi proseguire fino a B, anullandosi laddove la retta dazione
c della cerniera C incontra la verticale. Infine, da B si prosegue annullando il
momento in A. Il diagramma finale si presenta come in Figura 14.24

Soluzione geometrica
Deduzione delle reazioni
Se si vuole utilizzare i risultati della geometria analitica, `e conveniente definire
le coordinate di alcuni punti:

xA = 0 yA = 0 xB = 0 yB = 4H
xC = 4H yC = 10H xF = 6H yF = 10H
xD = 10H yD = 6H xH = 10H yH = 5H
xE = 10H yE = 4H

244 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 14. CALCOLO DELLE CARATTERISTICHE PER STRUTTURE ISOSTATICHE

RA RE

Figura 14.23: Il poligono di equilibrio per il calcolo delle reazioni

K C F L

b
D

c B E
e
a=d

Figura 14.24: Il diagramma del momento per via grafica

definendo quindi la retta dazione del pendolo come:

yp (x) = mp x + np (14.61)

dove:

yF yB
mp = =1 (14.62)
xF xB
xF yB xB yF
np = = 4H (14.63)
xF xB

La retta dazione della reazione RA e della reazione RD della cerniera in D


`e allora definita come la retta che passa per A e D:

yAD (x) = mAD x + nAD (14.64)

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 245


14.4. TELAIO A QUATTRO CERNIERE E PENDOLO INTERNO

dove:
yD yA 3
mAD = = (14.65)
xD xA 5
xD yA xA yD
nAD = =0 (14.66)
xD xA

Lintersezione N tra la (14.61) e la (14.64) ha coordinate:

xN = 10H
(14.67)
yN = 6H

e quindi la retta dazione della reazione della cerniera in C passer`a per C e per
N:
yC (x) = mC x + nC (14.68)
dove:
yC yN 8
mC = = (14.69)
xC xN 7
xC yN xN yC 38
nC = = (14.70)
xC xN 7

La retta dazione della forza applicata P ha equazione:

yP (x) = 5H (14.71)

e quindi lintersezione M tra di essa e la congiungente A e D avr`a coordinate:


25
xM = H
3 (14.72)
yM = 5H

Infine, la retta dazione della reazione in E potr`a essere definita come la


retta che passa per E e per M :

yE (x) = mE x + nE (14.73)

dove:
yE yM 3
mE = = (14.74)
xE xM 8
xE yM xM yE
nE = = 10H (14.75)
xE xM

Deduzione dellintensit`
a delle reazioni
Conosciute le rette dazione della reazioni in A ed E, `e possibile conoscere la
loro intensit`
a imponendo lequilibrio con la forza applicata P . Siano e gli

246 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 14. CALCOLO DELLE CARATTERISTICHE PER STRUTTURE ISOSTATICHE

angoli che le rette dazione di RA ed RE formano con lasse X:


   
yD yA 3
= arctan = arctan (14.76)
xD xA 5
   
yE yM 3
= arctan arctan (14.77)
xE xM 5

e si uguaglino le componenti orizzontali e verticali delle tre forze in gioco:

RA cos() + RE cos() + P = 0 (14.78)


RA sin() + RE sin() = 0 (14.79)

Si ha: r
P 36
RA = RE = 1+ (14.80)
2 100
e quindi:

P
RAw = RA cos() =
2
3
RAv = RA sin() = P
10 (14.81)
P
REw = RE cos() =
2
3
REv = RE sin() = P
10
Le reazioni appena dedotte equivalgono alle reazioni calcolate analiticamen-
te, non appena si tenga conto che nelle (14.34) le reazioni positive puntano verso
il basso, mentre nella deduzione delle (14.81) si sono assunte positive le reazioni
verso lalto.

14.5 Telaio a due campate


Si consideri il telaio di Figura 14.25, costituito da tre tratti rigidi collegati da
due cerniere. Per esso, si possono scrivere 3t = 9 equazioni di equilibrio nelle
nove incognite RAw , RAv , RLv , RIw , RIv , TC , NC ,TG , NG .

Soluzione analitica
Esplicitamente, si ha, per il primo tratto:

RAw + NC = 0 (14.82)
RAv + TC = 0 (14.83)
4TC L 6NC L = 0 (14.84)

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 247


14.5. TELAIO A DUE CAMPATE

F G H

4L
C D E
B

I II III 6L

A L I

4L 3L 2L 4L 6L

Figura 14.25: Un telaio a due campate asimmetrico

avendo scelto il punto A come polo, mentre per il secondo tratto:


NC + NG = 0
TC + F + RLv + TG = 0 (14.85)
3F L + 5RLv L + 9TG L + 4NG L = 0
avendo scelto il punto C come polo. Infine, per il terzo tratto:
RIw NG = 0 (14.86)
RIv TG = 0 (14.87)
6TG L5 + 10NG L = 0 (14.88)
avendo scelto I come terzo polo.
Per risolvere questo sistema, lo si riscriva riordinandolo nel modo seguente:
RAw = NC (14.89)
RAv = TC (14.90)
RIw = NG (14.91)
RIv = TG (14.92)

NG = NC (14.93)
2TC + 3NC = 0 (14.94)
3TG 5NG = 0 (14.95)

TC + RLv + TG = F (14.96)
5RLv + 9TG + 4NG = 3F (14.97)

248 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 14. CALCOLO DELLE CARATTERISTICHE PER STRUTTURE ISOSTATICHE

X3H6L G X2H7L H
X2H5L
F
X3H5L X2H6L X3H7L
4L
X H2L X3H3L
X2H1L 3 C D E
B
X3H1L X2H2L X2H3L X3H4L

6L

A L I

4L 3L 2L 4L 6L

Figura 14.26: I sette sistemi di riferimento per la definizione delle c.s.i.

Le ultime cinque equazioni possono riguardarsi come un sistema di cinque


equazioni nelle cinque incognite RLv , TC , NC ,TG , NG , che pu`o essere riscritto
sostituendo le prime tre nelle restanti due:

6RLv + 19NC = 6F (14.98)


5RLv + 19NC = 3F (14.99)

da cui subito, sottraendo membro a membro:

RLv = 3F (14.100)
12
NC = F (14.101)
19

Le altre incognite si deducono facilmente:

12 18 20
NG = F TC = F TG = F (14.102)
19 19 19
12 18 20
RAw = F RAv = F RIv = F (14.103)
19 19 19
12
RIw = F (14.104)
19

Il sistema `e quindi isostatico, e si pu`o procedere al calcolo dei tagli e degli


sforzi normali.
A tal fine, si introducono sette diversi sistemi di riferimento, come illustrato
in Figura 14.26, ed il diagramma del taglio sar`a definito dai valori TBA , TBD ,
TDE , TEL , TF E , TF H , THI . Analoghe conclusioni valgono per gli sforzi normali.

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 249


14.5. TELAIO A DUE CAMPATE

In A, per lequilibrio del concio, si ottengono i valori di taglio e sforzo normale


nel piedritto BA:
12 18
TBA = RAw = F NBA = RAv = F (14.105)
19 19
In B, lequilibrio del concio permette di ottenere il taglio in BD e lo sforzo
normale in BE:
18 12
TBD = NAB = F NBE = TBA = F (14.106)
19 19
Si giunge in D, dove la forza introduce una variazione di taglio, sicch`e nel
tratto successivo DE si ha:
37
TDE = TBD F = F (14.107)
19
Il tratto EL `e soggetto al solo sforzo normale:

NEL = RLv 3F (14.108)

e quindi lequilibrio del concio E permette di ottenere il taglio e lo sforzo normale


in F E:
12 20
TF E = NBE = F NF E = NEL TDE = F (14.109)
19 19
Per lequilibrio del concio F dovr`a aversi, sul traverso F H:
20 12
TF H = NF E = F NF H = TF E = F (14.110)
19 19
Infine, studiando lequilibrio del tronco in H si ottengono gli sforzi normali
ed il taglio nel piedritto di destra HI:
12 20
THI = NF H = F NHI = TF H = F (14.111)
19 19
Il diagramma del taglio si presenta quindi come in Figura 14.27.
Il diagramma del momento segue immediatamente, in quanto costituito da
tratti lineari con pendenza assegnata.
Iniziando dal tratto BA, poich`e in corrispondenza dellappoggio il momento
si annulla, dovr`a essere:
12
MBA (x3 ) = TBA (x3 6L) = F (4L x3 ) (14.112)
19
e quindi nel nodo B si ha, per lequilibrio:
72
MBD (0) = MBA (0) = FL (14.113)
19

250 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 14. CALCOLO DELLE CARATTERISTICHE PER STRUTTURE ISOSTATICHE

H
F
G

C D E
B

A L I

Figura 14.27: Un telaio a due campate asimmetrico: il diagramma del taglio

Ne segue il momento fino a D:


72 18
MBD (x3 ) = F L + TBD x3 = F (4L x3 ) (14.114)
19 19
Nella cerniera in C il momento si annulla (per x3 = 4L) ed in D si ha:
54
MBD (x3 = 7L) = MDE (x3 = 0) = FL (14.115)
19
Proseguendo, nel tratto DE si ha un cambio di pendenza, dovuto alla
presenza della forza, e sar`
a:
54 F
MDE (x3 ) = F L + TDE x3 = (54L + 37x3 ) (14.116)
19 19
Si giunge cos` nel punto E, dove il momento nel traverso varr`a:
128
MDE (x3 = 2) = FL (14.117)
19
e poich`e lungo il tratto EL il momento `e identicamente nullo, potr`a scriversi
lequazione di equilibrio:
128
MF E (x3 = 4L) = MDE (x3 = 2L) = FL (14.118)
19
e quindi il momento lungo il tratto F E potr`a esprimersi con la legge:
F
MF E (x3 ) = (80L + 12x3 ) (14.119)
19
In F , lequilibrio del nodo detter`a:
80
MF H (x3 = 0) = MF E (x3 = 0) = FL (14.120)
19

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 251


14.5. TELAIO A DUE CAMPATE

F G H

B C D E

A L I

Figura 14.28: Un telaio a due campate asimmetrico: il diagramma del momento

da cui immediatamente:
20
MF H (x3 ) = MF H (0) + TF H x3 = F (4L x3 ) (14.121)
19
Nella cerniera in G (per x3 = 4L) il momento si annulla, per poi giungere in
H col valore:
120
MF H (x3 = 10L) = FL (14.122)
19
e per lequilibrio del nodo H:

120
MHI (x3 = 0) = MF H (x3 = 10L) = FL (14.123)
19
da cui poi, infine:

12
MHI (x3 ) = MHI (x3 = 0) + THI x3 = F (10L x3 ) (14.124)
19
annullandosi infine in corrispondenza dellappoggio I.
Il diagramma dei momenti si presenta come in Figura 14.28.

Soluzione grafica
Il primo ed il terzo tratto sono scarichi: le rette dazione delle due reazioni
esterne dei carrelli in A ed I sono immediatamente deducibile dallequilibrio dei
tratti, che detta:

a+c=0
(14.125)
g+i=0

252 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 14. CALCOLO DELLE CARATTERISTICHE PER STRUTTURE ISOSTATICHE

e quindi le loro rette dazione coincidono con le rette passanti per A e C, e


per I e G, rispettivamente. La retta dazione della reazione del carrello `e in-
vece verticale. Ci`
o basta per iniziare il diagramma, tracciando il momento nel
tratto AB, ed utilizzando il valore cos` raggiunto in B come unit`a di misura.
In B il diagramma si ribalta, proseguendo lungo il traverso, fino allascissa di
applicazione della forza F , ed annullandosi in corrispondenza della cerniera C.
Per proseguire, occorre studiare lequilibrio del secondo tratto, soggetto alla
reazione C, alla reazione G, alla forza F ed alla reazione RLv . Dovr`a aversi
quindi:
c+f +l+g =0 (14.126)
ossia:
c+f =l+g (14.127)

Si conoscono le rette dazione di ciascuna di queste quattro forze, sicch`e `e


possibile costruire la risultante, che dovr`a passare per il punto M , (intersezione
di c ed f ) e per punto N (intersezione di l e g), come illustrato in Figura 14.29.
Costruita la risultante, si pu` o proseguire il diagramma del momento nel
tratto DE, poich`e esso dovr` a passare per il punto K, laddove MN incontra il
traverso BE. In E il diagramma semplicemente si ribalta, in quanto il tratto EL
non `e soggetto a momento. Inoltre, il momento nel tratto EF dovr`a annullarsi
in N , e quindi pu` o tracciarsi il diagramma nel tratto EF , per poi proseguire
previo ribaltamento lungo EH, con punto di nullo in G. Infine, giunti in
H, il diagramma si ribalta ancora, e si ottiene lultimo tratto giungendo in I,
dove il momento si annulla. Il diagramma si presenta come in Figura 14.30, ed
`e sovrapponibile a quello ottenuto in precedenza.

Soluzione geometrica
La via grafica pu`
o essere facilmente tradotta in termini geometrici, seguendo i
dettami della geometria analitica. A tal fine, si definiscano per semplificit`a le
coordinate di alcuni punti della struttura:

xA = 0 yA = 0 xB = 0 yB = 6L
xC = 4L yC = 6L xD = 7L yD = 6L
xG = 13L yG = 10L xI = 19L yI = 0
xL = 9L yL = 0

La retta dazione della reazione in A sar`a definita come la retta che passa per
A e C:
RAC (x) = mAC x + nAC (14.128)
con:
yC yA 3 xA yC xC yA
mAC = = nAC = =0 (14.129)
xC xA 2 xA xC

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 253


14.5. TELAIO A DUE CAMPATE

M F G H

C D E
B

A L I

Figura 14.29: Un telaio a due campate asimmetrico: la costruzione della


risultante M N per lequilibrio di quattro forze

M F G H

C K D E
B

A L I

Figura 14.30: Un telaio a due campate asimmetrico: il diagramma del momento

254 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 14. CALCOLO DELLE CARATTERISTICHE PER STRUTTURE ISOSTATICHE

ed analogamente, la reazione dellappoggio in I sar`a definita come la retta che


passa per G ed I:
RIG (x) = mIG x + nIG (14.130)
con:
yI yG 5
mIG = = (14.131)
xI xG 3
xG yI xI yG 95
nIG = = L (14.132)
xG xI 2
Per ottenere la risultante M N occorre preventivamente definire la retta
dazione della forza:
RF (y) = xD = 7L (14.133)
in modo da ottenere le coordinate del punto M :
21
xM = 7L yM = RAC (7L) = L (14.134)
2
e quelle del punto N :
65
xN = 9L yN = RIG (9L) = L (14.135)
2
La richiesta risultante, quindi, avr`a equazione:

RM N (x) = mM N x + nM N (14.136)

con:
yM yN xN yM xM yN 133
mM N = = 11 nM N = = L (14.137)
xM xN xN xM 2
Infine, il punto K si ottiene intersecando M N con la retta di equazione
y = H1 :
145
xK = L yK = 6L (14.138)
22

14.6 Un portale con pendolo inclinato


Si voglia ora studiare il telaio di Figura 14.31, costituito da tre tratti rigidi
vincolati al suolo da un bipendolo con asse inclinato di un angolo rispetto
allorizzontale, e da un pendolo con asse inclinato di un angolo .
Per esso, possono scriversi le equazioni di equilibrio dellintera struttura:

RAv + F + RM v = 0
RAw + RM w = 0 (14.139)
MrA + 14RAv L + 4RAw L + 5F L = 0

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 255


14.6. UN PORTALE CON PENDOLO INCLINATO

II F H III
E K
2L
3L
I
D
4L
3L

C I L M
B

4L

3L 4L 2L 2L 3L

Figura 14.31: Un portale con pendolo inclinato

con polo in M . Assumendo per semplicit`a che il bipendolo in A abbia


piano di scorrimento inclinato di 45 gradi, si potr`a scrivere:
RAv = RAw (14.140)
Se poi anche il pendolo in M agisce secondo una retta inclinata di 45 gradi,
allora esso esplicher`
a una reazione diretta secondo tale retta, per cui dovr`a
essere:
RM v = RM w (14.141)
Per il secondo e terzo tratto, si pu`o scrivere:
TD + NF = 0 (14.142)
ND + TF = 0 (14.143)
4TF L NF L = 0 (14.144)
TF + F + NI = 0 (14.145)
NF TI = 0 (14.146)
2NF L 4TF L + 2F L = 0 (14.147)
con poli in D ed I, rispettivamente. Si hanno quindi nove equazioni di equilibrio
in nove incognite, la cui soluzione pu`o ottenersi facilmente considerando che la
terza e la sesta forniscono subito:
2 3
NF = F TF = F (14.148)
5 10

256 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 14. CALCOLO DELLE CARATTERISTICHE PER STRUTTURE ISOSTATICHE

Ne seguono immediatamente i tagli e gli sforzi normali in D ed in I:


2 3
TD = F ND = F (14.149)
5 10
2 7
TI = F NI = F (14.150)
5 10
Le tre equazioni di equilibrio globale divengono ora:
RAv + F + RM v = 0
RAv RM v = 0 (14.151)
MrA + 14RAv L + 4RAv L + 5F L = 0
permettendo il calcolo delle reazioni esterne:
F
RAv = RM v =
2
F
RAw =
2 (14.152)
F
RM w =
2
MrA = 4F L
e quindi la struttura pu`
o considerarsi isostatica.

Soluzione analitica
La deduzione dei tagli e degli sforzi normali non presenta alcuna difficolt`a:
F F
TBA = RAw = NBA = RAv = (14.153)
2 2
F F
TBC = NBA = NBC = TAB = (14.154)
2 2
2 3
TEC = TD = F NEC = ND = F (14.155)
5 10
F 9
TCL = TBC + NEC = NCL = NBC TEC = F (14.156)
5 10
3 2
TEH = TF = F NEK = T EC = F (14.157)
10 5
7 2
THK = TEH F = F TKL = NEK = F (14.158)
10 5
7 F
NKL = THK = F TLM = NKL + TCL (14.159)
10 2
F
NLM = NCL TKL (14.160)
2
Si noti che dalle relazioni precedenti `e anche possibile dedurre che sono stati
introdotti otto sistemi di riferimento, con origine nei punti B, B, E, C, E, E, H,
K, L, rispettivamente, ed `e possibile individuare direzione e verso dellasse X3 .

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 257


14.6. UN PORTALE CON PENDOLO INCLINATO

Il tracciamento del diagramma del momento pu`o iniziare dal punto M , dove
il momento `e nullo. Nel tratto LM il diagramma sar`a lineare, ed avr`a equazione:

F
MLM (x3 ) = c0 + TLM x3 = c0 x3 (14.161)
2
e poich`e il momento in M `e nullo, in x3 = 3L, si potr`a scrivere:

F
MLM (x3 ) = (3L x3 ) (14.162)
2
Il valore del momento nel nodo L, considerato come estremo del tratto LM
vale quindi:
3
MLM (x3 = 0) = F L (14.163)
2
Sul ritto KL, invece, il diagramma sar`a lineare:
2
MKL (x3 ) = c0 + TKL x3 = c0 + F x3 (14.164)
5
e si annulla nella cerniera I:
4 4
MKL (x3 = 2L) = c0 + F L = 0 c0 = F L (14.165)
5 5
La sua espressione finale `e quindi:
2
MKL (x3 ) = F (2L + x3 ) (14.166)
5
ed `e possibile dedurre il valore nel nodo L:
8
MKL (x3 = 6L) = FL (14.167)
5
Lequilibrio del nodo permette di ricavare il valore del momento in L lungo
il traverso inferiore:
FL
MCL (x3 = 8L) = MLM (x3 = 0) MKL (x3 = 6L) = (14.168)
10
Nel traverso inferiore, quindi, il momento varia con legge lineare:

F
MCL (x3 ) = c0 + TCL x3 = c0 + x3 (14.169)
5
e dovr`
a essere:
8 FL
MCL (x3 = 8L) = c0 + F L = (14.170)
5 10
e quindi:
17 F
MCL (x3 ) = F L + x3 (14.171)
10 5

258 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 14. CALCOLO DELLE CARATTERISTICHE PER STRUTTURE ISOSTATICHE

Nel nodo triplo C il momento lungo il traverso inferiore sar`a allora:


17
MCL (x3 = 0) = FL (14.172)
10
Sul ritto CE il diagramma si annulla nella cerniera D, e giunge in C con
valore:
6
MEC (x3 = 6L) = 3TEC L = F L (14.173)
5
Lequilibrio del nodo triplo C permette il calcolo del momento in C sul tratto
BC:
FL
MBC (x3 = 3L) = MCL (x3 = 0) MEC (x3 = 6L) = (14.174)
2
Nel tratto BC il diagramma ha pendenza TBC , e quindi:
F
MBC (x3 ) = c0 + TBC x3 = c0 + x3 (14.175)
2
FL
e la costante c0 si calcola imponendo che in C si abbia un momento pari a .
2
Si ha quindi:
F
MBC (x3 ) = 2F L + x3 (14.176)
2
Nel nodo B sar` a dunque:

MBC (x3 = 0) = 2F L (14.177)

e per lequilibrio del nodo sar`


a anche:

MBA (x3 = 0) = MBC (x3 = 0) = 2F L (14.178)

Infine, il diagramma nel ritto BA `e definito da:


F
MBA (x3 ) = c0 + TBA x3 = 2F L + x3 (14.179)
2
Si noti che comunque dovr`
a verificarsi anche:

MBA (x3 = 4L) = 4F L = MrA (14.180)

Sul tratto superiore il diagramma pu`o completarsi facilmente, in quanto sul


ritto di sinistro si potr`
a scrivere:
2
MEC (x3 ) = c0 + TEC x3 = c0 F x3 (14.181)
5
e poich`e esso dovr`
a annullarsi in corrispondenza della cerniera si potr`a scrivere,
soddisfacendo anche la (14.177):
2
MEC (x3 ) = F (3L x3 ) (14.182)
5

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 259


14.6. UN PORTALE CON PENDOLO INCLINATO

In E si ha quindi il valore:
6
MEC (x3 = 0) = FL (14.183)
5
Lequilibrio del nodo impone poi che il momento in EH sia dato da:
6 3
MEH (x3 ) = F L + F x3 (14.184)
5 10
Il momento si annulla quindi in corrispondenza della cerniera, laddove x3 =
4L, mentre in corrsipondenza della forza si avr`a:
3
MEH (x3 = 6L) = FL (14.185)
5
Nel tratto HK, il diagramma prosegue con diversa pendenza, THK , sicch`e
si potr`
a scrivere:
3 3 7
MHK (x3 ) = + THK x3 = F L F x3 (14.186)
5 5 10
giungendo in K con valore:
4
MHK (x3 = 2L) = F L (14.187)
5
Il diagramma del momento si presenta come in Figura 14.32.

Soluzione grafica
Si inizia a determinare graficamente le reazioni, partendo dallovvia constata-
zione che lequilibrio del tratto II impone che la retta dazione delle cerniere in
D ed F coincida con la congiungente le due cerniere. Per lequilibrio del tratto
III si pu`o scrivere:
f +p+i=0 (14.188)
e conoscendo le rette dazione di f e di p, si pu`o dedurre la reazione della cerniera
I: basta infatti intersecare f e p, identificando il punto S, e la reazione i della
cerniera sar`
a la retta passante per I e per S. Infine, lequilibrio esterno impone
che sia:
a+p+m=0 (14.189)
Le rette dazione p della forza ed m del pendolo sono note, cos` come `e
nota linclinazione della retta dazione a del bipendolo. Ne segue che basta
identificare lintersezione V tra la retta dazione del pendolo m, e la verticale
per la forza, per definire completamente la reazione del bipendolo, che dovr`a
passare per V , ed essere ortogonale allasse del bipendolo.
Determinate le reazioni, pu`o tracciarsi il diagramma del momento, iniziando
dal pendolo in M , e dal tratto M L. Per proseguire, si noti che lequilibrio del
tratto I impone che sia:
a+d+i+m=0 (14.190)

260 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 14. CALCOLO DELLE CARATTERISTICHE PER STRUTTURE ISOSTATICHE

E F H K

I
D


B L M
C

Figura 14.32: Il diagramma del momento dedotto analiticamente

P
S
E F H K

d=f
I
D
i

C L M
B

a m
A
V

Figura 14.33: Il calcolo grafico delle reazioni

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 261


14.7. PORTALE A TRE CERNIERE CON SBALZO

ossia:
a+d=i+m (14.191)

Si costruisce allora la retta ausiliaria che passa per lintersezione U tra a e


d, e per lintersezione T tra i ed m.
Ci`o fatto, si consideri che in un punto generico del tratto CL le forze agenti
sul tratto I, a destra del punto, sono i+m, e quindi il momento si annuller`a
in W , ossia in corrispondenza dellintersezione della risultante appena costruita
con il traverso.
Per conoscere un altro punto del diagramma, si consideri la sezione M1 in
cui la reazione i incontra il traverso: in essa, il momento `e dovuto alla sola
reazione m del pendolo, e quindi il diagramma del momento nel tratto CL, se
proseguito idealmente, dovr`a passare per M2 . Ci`o permette il tracciamento del
diagramma del momento fino allaltro nodo triplo C.
Per proseguire lungo BC, si consideri che il diagramma dovr`a annullarsi in
A1 , laddove la reazione RA del bipendolo incontra il traverso. Inoltre, le forze
agenti a destra di un generico punto lungo BC sono (i+m)+d. Nella sezione A2 ,
dove il traverso incontra la reazione d, il momento sar`a dovuto alla sola (i + m),
e quindi lordinata A3 `e valida, permettendo di completare il diagramma in BC.
In B il diagramma del momento pu`o essere ribaltato, e lungo AB si pu`o
proseguire considerando che il momento dovr`a annullarsi in B1 , intersezione tra
la verticale per A e la reazione del bipendolo. In definitiva, il diagramma del
momento si presenta come in Figura 14.37.

14.7 Portale a tre cerniere con sbalzo


Si voglia ora studiare il telaio di Figura 14.38, costituito da un portale a tre
cerniere con uno sbalzo, su cuii agisce la forza verticale P . Lisostaticit`a `e
ovvia.

Soluzione analitica
Si scrivano le equazioni di equilibrio dei due tratti:

RAv + P + TD = 0 (14.192)
RAw + ND = 0 (14.193)
P L1 TD L2 ND H1 = 0 (14.194)
REv TD = 0 (14.195)
REw ND = 0 (14.196)
TD L3 + ND H2 = 0 (14.197)

262 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 14. CALCOLO DELLE CARATTERISTICHE PER STRUTTURE ISOSTATICHE

P
S
E F H K

I
UD
a+d=i+m

C W M
B L T

A
V

Figura 14.34: Tracciamento della ausiliaria a + d = i + m

P
S
E F H K

A3 I
D


W M1 M
A2 B C A1 L
M2

Figura 14.35: Tracciamento del momento nel traverso inferiore BM

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 263


14.7. PORTALE A TRE CERNIERE CON SBALZO

E F H K

B1
I
D


B C B2 M
L
a

Figura 14.36: Il tracciamento del momento nel ritto AB

E F H K

I
D


B M
C L

Figura 14.37: Il diagramma del momento dedotto graficamente

264 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 14. CALCOLO DELLE CARATTERISTICHE PER STRUTTURE ISOSTATICHE

P
D E
B C

II
H1 I H2

F
A

L1 L2 L3

Figura 14.38: Portale a tre cerniere con sbalzo

avendo scelto i due poli in A ed F , rispettivamente. La soluzione delle equazioni


pu`
o scriversi come:
 
H2 L1 L1 L3
RAv = P 1 + RAw = P (14.198)
H2 L2 + H1 L3 H2 L2 + H1 L3
H2 L1 L1 L3
REv = F REw = P (14.199)
H2 L2 + H1 L3 H2 L2 + H1 L3
H2 L1 L1 L3
TD = P ND = P (14.200)
H2 L2 + H1 L3 H2 L2 + H1 L3
La deduzione dei tagli e degli sforzi normali non presenta alcuna difficolt`a:
TBC = P NBC = 0 TCA = RAw NCA = RAv (14.201)
TCE = TD NCE = ND TEF = REw NEF = REv (14.202)
Il tracciamento del diagramma del momento pu`o iniziare dal punto B, dove
il momento `e nullo. Nel tratto BC il diagramma sar`a lineare
MBC (x3 ) = TBC x3 = P x3 (14.203)
giungendo nel nodo C con il valore:
MBC (x3 = L1 ) = P L1 (14.204)
Nel ritto CA, il diagramma varier`a:
MCA (x3 ) = c0 + TCA x3 (14.205)
e dovr`
a annullarsi in x3 = H1 , ossia in corrispondenza della cerniera. Ci`o basta
per definire univocamente landamento:
MCA (x3 ) = TCA (H1 x3 ) (14.206)

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 265


14.7. PORTALE A TRE CERNIERE CON SBALZO

Quindi nel nodo C si avr`a:

H1 L1 L3
MCA (x3 = 0) = TAC H1 = P (14.207)
H2 L2 + H1 L3

Similmente, lungo il ritto EF il momento varia lineramente:

MEF (x3 ) = c0 + TEF x3 (14.208)

e si annulla in corrispondenza della cerniera F , per x3 = H2 . Nel nodo E sar`a


quindi:
L1 L3
MEF (x3 = 0) = TEF H2 = P H2 (14.209)
H2 L2 + H1 L3
e lequilibrio dello stesso nodo permette di calcolare il valore del momento in E
sul traverso:
L1 L3
MCE (x3 = L2 + L3 ) = MEF = (x3 = 0) = P H2 (14.210)
H2 L2 + H1 L3

Sar`
a quindi:

H2 L1
MCE (x3 ) = c0 + TCE x3 = c0 + P x3 (14.211)
H2 L2 + H1 L3

e poich`e:

H2 L1 L1 L3
MCE (x3 = L2 + L3 ) = c0 + P (L2 + L3 ) = P H2
H2 L2 + H1 L3 H2 L2 + H1 L3
(14.212)
ne segue il valore della costante:

H2 L1 L2
c0 = P (14.213)
H2 L2 + H1 L3

e quindi, in definitiva, lungo il traverso si ottiene il momento:

H2 L1 L2
MCE (x3 ) = P (L2 x3 ) (14.214)
H2 L2 + H1 L3

Nella cerniera in D il momento si annulla, mentre in C:

H2 L1 L2
MCE (x3 = 0) = P (14.215)
H2 L2 + H1 L3

Unutile verifica consiste nel controllare che il nodo C sia equilibrato:

MBC (x3 = L1 ) + MCA (x3 = 0) + MCE (x3 = 0) (14.216)

Il diagramma finale `e riportato in Figura 14.39.

266 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 14. CALCOLO DELLE CARATTERISTICHE PER STRUTTURE ISOSTATICHE

P
D E
B C

H1 H2

F
A

L1 L2 L3

Figura 14.39: Il diagramma del momento dedotto analiticamente

Soluzione grafica

Si inizia a determinare graficamente le reazioni, partendo dallovvia constata-


zione che lequilibrio del tratto II impone che la retta dazione delle cerniere in
D ed F coincida con la congiungente le due cerniere. Per lequilibrio del tratto
III si pu`o scrivere:

p+a+d=0 (14.217)

e conoscendo le rette dazione p della forze e d della reazione nella cerniera, si


pu`o dedurre la retta dazione della reazione in A: basta infatti intersecare p e
d, identificando il punto G, e la reazione a della cerniera sar`a la retta passante
per A e per G.
Determinate le reazioni, pu` o tracciarsi il diagramma del momento, iniziando
dal punto B, sotto la forza, in cui il momento `e nullo. Si traccia quindi un
segmento inclinato di un angolo arbitrario cos` assegnando implicitamente
una scala fino al nodo triplo C. Per proseguire lungo il traverso, si noti che
nel punto N , laddove la reazione a interseca il traverso, il momento `e dovuto alla
sola forza P , e quindi il punto M `e un punto valido del richiesto diagramma. Ne
segue che basta congiungere M con la cerniera in D per ottenere il diagramma
lungo CE.
Ci`
o fatto, si ribalta il diagramma in E e si congiunge con la cerniera in F ,
ottenendo il diagramma anche in EF . Infine, il solito equilibrio del nodo C
permette di ottenere il valore del momento in C sul ritto AC, completando il
diagramma di Figura 14.41.

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 267


14.7. PORTALE A TRE CERNIERE CON SBALZO

a
d=f
P
D E
B C

F
A

Figura 14.40: Il calcolo grafico delle reazioni

P M
D E
B N C

F
A

Figura 14.41: Tracciamento del diagramma del momento

268 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 14. CALCOLO DELLE CARATTERISTICHE PER STRUTTURE ISOSTATICHE

P
H G F E
II
2L
3L I
D
I
4L
3L
III
A B C
P
2L 3L 5L

Figura 14.42: Una maglia chiusa autoequilibrata

14.8 Maglia chiusa


Si voglia ora studiare la maglia chiusa di Figura 14.42, non vincolata esterna-
mente, ma soggetta a due forze autoequilibrate. Essa `e costituita da tre tratti
rigidi, e per ciascuno di essi possono scriversi le usuali equazioni di equilibrio:
NG TI = 0 NI + TG = 0 (14.218)
2TG L 3NG L = 0 TG + P + ND = 0 (14.219)
NG TD = 0 8TG L + 5P L + 2NG L = 0 (14.220)
NI ND P = 0 TI + TD = 0 (14.221)
ed ancora:
3TI L 5NI L + 5ND L 4TD L = 0 (14.222)
Si sono scelti i tre poli in I, in D ed in B, rispettivamente. Si ottengo-
no quindi nove equazioni in sei incognite, ma `e immediato constatare che tre
equazioni sono linearmente dipendenti dalle altre sei, in quanto basta soddisfare
lequilibrio di due tratti per imporre lequilibrio del tratto restante. Riscrivendo
le prime sei equazioni, ad esempio, si ha:
TI = NG (14.223)
NI = TG (14.224)
TD = NG (14.225)
2TG 3NG = 0 (14.226)
TG + ND = P (14.227)
8TG + 2NG = 5P (14.228)

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 269


14.8. MAGLIA CHIUSA

Dalle ultime tre equazioni si ottiene subito:


5
NG = P
14
15
TG = P (14.229)
28
13
ND = P
28
e le prime tre forniscono il taglio in D, lo sforzo normale ed il taglio in I:
5
TI = NG = P
14
15
NI = TG = P (14.230)
28
5
TD = NG = P
14
` facile constatare che le ultime tre equazioni sono identicamente soddisfatte.
E

Soluzione analitica
Anche in questo caso, la deduzione dei tagli e degli sforzi normali non presenta
alcuna difficolt`
a:
5 15
THA = TI = P NAH = NI = P (14.231)
14 28
15 5
THF = TG = P NHE = NG = P (14.232)
28 14
13 5
TF E = THF P = P TEC = TD = P (14.233)
28 14
13 13
NEC = ND = P TBC = NEC = P (14.234)
28 28
5 15
NAC = TEC = P TAB = NAH = P (14.235)
14 28
Il tracciamento del diagramma del momento pu`o iniziare dal tratto HA:
5
MHA (x3 ) = c0 + THA x3 = c0 P x3 (14.236)
14
e considerando che in I esso si dovr`a annullare, si potr`a dedurre la costante di
integrazione c0 :
5
MHA (x3 ) = P (3L x3 ) (14.237)
14
Il momento in H sul tratto verticale varr`a quindi:

[
MHA (x3 = 0) = 5][14]P L (14.238)
1

270 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 14. CALCOLO DELLE CARATTERISTICHE PER STRUTTURE ISOSTATICHE

mentre in A si avr`
a:
15
MHA (x3 = 6L) = PL (14.239)
14
Per lequilibrio del nodo in H, si ottiene:
15
MHF (x3 = 0) = MHA (x3 = 0) = PL (14.240)
14
e quindi il momento nel tratto HF potr`a scriversi come:
15 15 x3
MHF (x3 ) = P L + THF x3 = P (L ) (14.241)
14 14 2
Esso si annulla quindi nella cerniera in G, dove x3 = 2L, ed in corrispondenza
dellascissa di applicazione della forza assume il valore:
45
MHF (x3 = 5L) = PL (14.242)
28
e, proseguendo lungo F E, con diversa pendenza, si dovr`a porre:
45 13
MF E (x3 ) = c0 + TF E x3 = P L P x3 (14.243)
28 28
giungendo in E col valore:
5
MEF (x3 = 5L) = P L (14.244)
7
Lungo il ritto, poich`e dallequilibrio si ottiene:

MEC (x3 = 0) = MF E (x3 = 5L) (14.245)

si potr`
a scrivere:
5 x3
MEC (x3 ) = c0 + TEC x3 = P (L ) (14.246)
7 2
Il diagramma si annulla nella cerniera in D, e giunge in C col valore:
10
MEC (x3 = 6L) = PL (14.247)
7
Il momento in BC potr`
a scriversi come:

MBC (x3 ) = c0 + TBC x3 (14.248)

e la costante c0 pu`
o dedursi dallequilibrio del nodo in C, che detta:
10
MBC (x3 = 5L) = MEC (x3 = 6L) = PL (14.249)
7
e quindi:
65 10
c0 + PL = PL (14.250)
28 7

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 271


14.8. MAGLIA CHIUSA

P
H G F E

2L
3L
D
I
4L
3L

A B C
2L 3L P 5L

Figura 14.43: Il diagramma del momento, dedotto analiticamente

da cui:
105
c0 = PL (14.251)
28
In definitiva, quindi, lungo BC sar`a:

105 13
MBC (x3) = P L + P x3 (14.252)
28 28

ed in B:
105
MBC (x3 = 0) = PL (14.253)
28
Infine, il momento in AB pu`o calcolarsi come:

15
MAB = c0 + TAB x3 = c0 P x3 (14.254)
28

La costante c0 si determina dalla condizione:

75 105
MAB (x3 = 5L) = c0 PL = PL (14.255)
28 28

per cui:
15 x3
MAB = P (L + ) (14.256)
24 2
Il diagramma finale `e riportato in Figura 14.43.

272 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 14. CALCOLO DELLE CARATTERISTICHE PER STRUTTURE ISOSTATICHE

Soluzione grafica
Si inizia a determinare graficamente le reazioni, partendo dallovvia constata-
zione che lequilibrio del tratto I impone che la retta dazione delle cerniere in
G ed I coincida con la congiungente le due cerniere. Per lequilibrio del tratto
II si pu`o scrivere:
p+g+d=0 (14.257)
e conoscendo le rette dazione p della forza e g della reazione nella cerniera, si
pu`o dedurre la retta dazione della reazione in D: basta infatti intersecare p e
g, identificando il punto L, e la reazione d della cerniera sar`a la retta passante
per L e per D.

P
H G F N E

D
I

V S
A B C
P

Figura 14.44: Ricerca delle reazioni e tracciamento del diagramma del momento

Determinate le reazioni, pu` o tracciarsi il diagramma del momento, iniziando


dal ritto di sinistra. Si traccia quindi un segmento inclinato di un angolo arbi-
trario cos` assegnando implicitamente una scala fino al nodo H in alto, ed
al nodo A in basso. Per proseguire lungo il traverso, si ribalta il diagramma e si
prosegue fino ad F , passando per la cerniera in G. Per proseguire, si osservi che
a destra di una generica sezione del tratto FE agisce solo la reazione d, e quindi
la sua intersezione N col traverso segna un punto di nullo del diagramma. Ci`o
consente di tracciare il diagramma fino in E, e poi, ribaltandolo, di proseguire
fino a C, passando per la cerniera D.
Ci`
o fatto, si consideri che a destra di una generica sezione del tratto BC
agisce solo la reazione d, e quindi la sua intersezione S col traverso inferiore

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 273


14.8. MAGLIA CHIUSA

segna un punto di nullo del diagramma, consentendo di tracciare il diagramma


fino alla sezione B, in corrispondenza della forza inferiore. Infine, a sinistra di
una generica sezione del tratto AB agisce solo la reazione I, e quindi la sua
intersezione V col traverso inferiore fornisce il punto di nullo, consentendo di
completare il diagramma di Figura 14.44.

274 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


Capitolo 15

Le travi soggette a sforzo


assiale

Si consideri una trave rettilinea soggetta ai carichi assiali t (x3 ). Per essa, si
hanno le seguenti equazioni:
Equazioni di equilibrio:
dN (x3 )
= t (x3 ) (15.1)
dx3

Equazioni di congruenza:
du3 (x3 )
e33 = (15.2)
dx3

Equazioni costitutive (legge di Hooke):

N (x3 ) du3 (x3 )


=E (15.3)
A (x3 ) dx3

Dalla (15.3) si ottiene lo sforzo normale, che pu`o essere derivato ed inserito
nella (15.1), a fornire lequazione differenziale nellincognita u3 :

(EA)0 u03 + EAu003 = t (15.4)

dove per semplicit` a si sono eliminate le dipendenze funzionali da x3 , e


dove lapice indica derivazione rispetto ad x3 . In ipotesi di sezione costante,
lequazione precedente si semplifica in:

EAu003 = t (15.5)

con soluzione:
u3 = C0 + C1 x3 + Ip (15.6)

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 275


15.1. LAPPROCCIO ENERGETICO

e lintegrale particolare Ip dipende dal carico t (x3 ) applicato. Le due costanti di


integrazione C0 e C1 si ottengono imponendo le condizioni ai limiti agli estremi.
In ciascun estremo, infatti, si pu`o imporre che lo spostamento assiale sia nullo
(estremo fisso), oppure che lo spostamento assiale sia permesso (estremo libero).
Nel primo caso occorrer`a imporre u3 = 0, laddove nellestremo libero dovr`a
annullarsi lo sforzo normale, e quindi dovr`a essere u03 = 0.

15.1 Lapproccio energetico


Lenergia potenziale connessa ad una trave di luce L, soggetta al carico assiale
t (x3 ), pu`
o scriversi come:
EA L 0 2
Z Z L
Et = u3 dx3 tu3 dx3 = Et (u3 , u03 ) (15.7)
2 0 0
Si noti che per semplicit`a si `e gi`a ipotizzato che la rigidezza assiale EA sia
costante. La variazione Et si calcola come:
Et = Et (u3 + u3 , u03 + u03 ) Et (u3 , u03 ) =
EA L 0
Z Z L
0 2
(u3 + u3 ) dx3 t (u3 + u3 ) dx3
2 0 0
(15.8)
EA L 0 2
Z Z L
u3 dx3 + tu3 dx3
2 0 0
e svolgendo i quadrati e semplificando:
Z L Z L
EA L 0 2
Z
0 0
Et = EA u3 u3 dx3 tu3 dx3 + u3 dx3 (15.9)
0 0 2 0
Il principio di stazionariet`a dellenergia potenziale totale impone lannullarsi
della parte lineare della variazione, e quindi dovr`a essere:
Z L Z L
1 Et = EA u03 u03 dx3 tu3 dx3 = 0 (15.10)
0 0
Integrando per parti il primo integrale si pu`o scrivere:
Z L Z L
0 L 00
[EAu3 u3 ]0 EA u3 u3 dx3 tu3 dx3 = 0 (15.11)
0 0
Dovranno separatamente annullarsi lintegrale ed i termini finiti: per larbi-
trariet`
a di u3 si ritrova quindi la (15.5), mentre in ciascuno degli estremi potr`a
essere nullo lo spostamento oppure lo sforzo normale.

15.2 Asta bloccatalibera


Si consideri lasta di Figura 15.1, bloccata a sinistra e libera a destra, di rigidezza
EA costante, e soggetta al carico assiale distribuito con legge lineare tra il valore
t0 a sinistra, ed il valore nullo a destra. Si calcoli lo spostamento e lo sforzo
normale.

276 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 15. LE TRAVI SOGGETTE A SFORZO ASSIALE

t0

A B

Figura 15.1: Unasta soggetta a carico assiale linearmente distribuito

Prima soluzione
La struttura `e isostatica, in quanto esiste una sola incognita reattiva, la reazio-
ne orizzontale dellestremo A, ed una sola equazione di equilibrio significativa,
lequazione di equilibrio alla traslazione orizzontale. Ci`o significa che `e possibile
dedurre lo sforzo normale con considerazioni di equilibrio, e poi calcolare gli
spostamenti. Poich`e il carico `e distribuito con legge lineare, lo sforzo normale
sar`a una funzione quadratica:

N (x3 ) = a0 + a1 x3 + a2 x23 (15.12)

Daltro canto, si possono scrivere le tre condizioni:


1
N (x3 = 0) = RAh = t0 L
2
N (x3 = L) = 0 (15.13)
dN
(x3 = L) = 0
dx3
che permettono la determinazione delle tre costanti ai . La prima condizione
deriva dallequilibrio del concio in A, la seconda dallequilibrio del concio in B,
la terza deriva dallannullarsi del carico in B. Si ha quindi:
1
a0 = t0 L a0 + a1 L + a2 L2 = 0 a1 + 2a2 L = 0 (15.14)
2
e lo sforzo normale `e fornito da:
1 t0 2 t0 2
N (x3 ) = t0 L t0 x3 + x = (L x3 ) (15.15)
2 2L 3 2L
Lo spostamento si ottiene per integrazione, a partire dalla (15.3):
x2 x3
Z  
N t0 L
u3 (x3 ) = dx3 = x3 3 + 3 + a3 (15.16)
EA EA 2 2 6L
e la costante di integrazione a3 svanisce, imponendo lequazione di congruenza
in A:
u3 (x3 = 0) = 0 (15.17)

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 277


15.2. ASTA BLOCCATALIBERA

In definitiva, quindi, lo spostamento assiale `e esprimibile come:


t 0 x3
3L2 3Lx3 + x23

u3 (x3 ) = (15.18)
6EA L

Seconda soluzione
Il carico si esprime analiticamente come:
 x3 
t (x3 ) = t0 1 (15.19)
L
e quindi lequazione differenziale (15.5) si scrive:
t0  x3 
u003 = 1 (15.20)
EA L
ed integrando due volte:

x23 x3
 
t0
u3 = 3 + c0 x3 + c1 (15.21)
EA 2 6L

Le due costanti di integrazione si determinano a partire dalle due condizioni


ai limiti negli estremi A e B. In A, per la congruenza dovr`a essere:

u3 (x3 = 0) = 0 (15.22)

mentre in B, per lequilibrio del concio, dovr`a essere nullo lo sforzo normale,
ossia la derivata prima dello spostamento:

u03 (x3 = L) = 0 (15.23)

Utilizzando la (15.21), quindi, si hanno le due equazioni:

t0 L
c1 = 0 + c0 L + c1 = 0 (15.24)
2EA
da cui subito:
t0
c1 = 0 c0 = (15.25)
2EA
e quindi:
t 0 x3
3L2 3Lx3 + x23

u3 (x3 ) = (15.26)
6EA L
coincidente con la (15.18). Da questa si pu`o dedurre lo sforzo normale:
2
x23
 
t0 t0 (L x3 )
N (x3 ) = EAu03 = 3L 6x3 + 3 = (15.27)
6 L 2L

coincidente con la (15.15).

278 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 15. LE TRAVI SOGGETTE A SFORZO ASSIALE

NHx3 L

x3

Figura 15.2: Lo sforzo normale nellasta di Figura 15.1

u3 Hx3 L

x3

Figura 15.3: Gli spostamenti assiali per lasta di Figura 15.1

Il tracciamento dei diagrammi

Il diagramma dello sforzo normale, come gi`a detto, `e una funzione quadratica,
parte in A con un valore pari alla reazione orizzontale (cambiata di segno), e
decresce monotonicamente fino ad annullarsi in B. Inoltre in B il diagramma
avr`a tangente orizzontale, presentandosi quindi come in Figura 15.2.

Gli spostamenti orizzontali, invece, varieranno con legge cubica, dovranno


annullarsi in A, crescere monotonicamente (in quanto lo sforzo normale `e ovun-
que positivo) e giungere in B al valore massimo, con tangenza orizzontale (in
quanto lo sforzo normale si annulla in B). Si ha cos` il diagramma di Figura 15.3.

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 279


15.3. I VINCOLI ELASTICAMENTE CEDEVOLI

I valori notevoli
Uno sguardo ai diagrammi permette di identificare due valori notevoli, corri-
spondenti ai valori massimi dello sforzo normale e dello spostamento assiale:
t0 L
Nmax = N (x3 = 0) = (15.28)
2
t0 L2
u3max = u3 (x3 = L) = (15.29)
6EA

15.3 I vincoli elasticamente cedevoli


Si consideri lasta di Figura 15.4, di rigidezza assiale costante, soggetta ad un
carico uniformemente distribuito lungo tutta la luce, con un vincolo fisso a
sinistra ed una vincolo elasticamente cedevole a destra. Se kB `e la rigidezza
assiale del vincolo, si potr`a ipotizzare una relazione lineare tra la reazione del
vincolo ed il corrispondente spostamento:

RB = kB u3B (15.30)

t0

A B

Figura 15.4: Una trave a vincoli elasticamente cedevoli

Nel vincolo risiede quindi lenergia elastica fornita da:


1
LB = kB u23B (15.31)
2
La condizione ai limiti da imporre in B pu`o dedursi in via energetica o in
via diretta:

Lapproccio energetico
Lenergia potenziale connessa ad una trave di luce L, soggetta al carico assiale
t (x3 ), pu`
o scriversi come:
Z L Z L
EA 1
Et = u032 dx3 tu3 dx3 + kB u23 (L) = Et (u3 , u03 ) (15.32)
2 0 0 2

280 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 15. LE TRAVI SOGGETTE A SFORZO ASSIALE

Si noti che per semplicit`


a si `e gi`a ipotizzato che la rigidezza assiale EA sia
costante. La variazione Et si calcola come:
Et = Et (u3 + u3 , u03 + u03 ) Et (u3 , u03 ) =
EA L 0
Z Z L
2 1 2
(u3 + u03 ) dx3 t (u3 + u3 ) dx3 + kB (u3 (L) + u3 (L))
2 0 0 2
EA L 0 2
Z Z L
1
u3 dx3 + tu3 dx3 kB u23 (L)
2 0 0 2
(15.33)
e svolgendo i quadrati e semplificando:
Z L Z L
EA L 0 2
Z
0 0
Et = EA u3 u3 dx3 tu3 dx3 + u3 dx3 +
0 0 2 0 (15.34)
1 2
kB (u3 (L)u3 (L)) + kB u3 (L)
2
Il principio di stazionariet`a dellenergia potenziale totale impone lannullarsi
della parte lineare della variazione, e quindi dovr`a essere:
Z L Z L
0 0
1 Et = EA u3 u3 dx3 tu3 dx3 + kB (u3 (L)u3 (L)) = 0 (15.35)
0 0

Integrando per parti il primo integrale si pu`o scrivere:


Z L Z L
0 L 00
[EAu3 u3 ]0 EA u3 u3 dx3 tu3 dx3 +kB (u3 (L)u3 (L)) = 0 (15.36)
0 0

Dovranno separatamente annullarsi lintegrale ed i termini finiti; per larbi-


trariet`
a di u3 si ritrova quindi la (15.5):
EAu003 + t = 0 (15.37)
mentre in ciascuno degli estremi dovr`a essere:
EAu03 (0)u3 (L) = 0
(15.38)
[EAu03 (L) + kB u3 (L)] u3 (L) = 0

Lapproccio geometrico
Lequilibrio del concio in B impone che sia, come si evince dalla Figura 15.5:
N (L) + RB = 0 (15.39)
e poich`e:
N (L) = EAu03 (L)
(15.40)
RB = kB u3 (L)
si giunge a scrivere:
EAu03 (L) + kB u3 (L) = 0 (15.41)

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 281


15.3. I VINCOLI ELASTICAMENTE CEDEVOLI

N RB =-kB u3

Figura 15.5: Lequilibrio del concio

La deduzione di sforzo normale e spostamenti


In presenza di carico costante, gli spostamenti saranno esprimibili come:
t0 2
u3 (x3 ) = x + c0 + c1 x3 (15.42)
2EA 3
e le due condizioni ai limiti, che permettono il calcolo di c0 e c1 saranno date
da:
u3 (0) = 0 c0 = 0
t0 2
EAu03 (L) + kB u3 (L) = 0 t0 L + c1 EAL kB L + kB c1 L = 0
2EA
(15.43)

e quindi:  
t0 kB L
c1 = 1+ (15.44)
EA + kB 2EA
In definitiva, gli spostamenti sono espressi da:
 
t0 2 t0 kB L
u3 (x3 ) = x + 1+ x3 (15.45)
2EA 3 EA + kB 2EA

e gli sforzi normali da:

t0 (kB (L 2x3 ) 2EA (1 + x3 ))


N = EAu03 (x3 ) = (15.46)
2 (EA + kB )

I due casi limite


Al variare del valore della rigidezza, lestremo destro passa dallessere libero
(per kB = 0) allessere bloccato (per kB = ). Ambedue questi casi limite di
vincolo perfetto possono ritrovarsi con facilit`a:
   
t0 2 t0 kB L t0 (2 + x3 ) x3
lim x3 + 1+ x3 = (15.47)
kB 0 2EA EA + kB 2EA 2EA
   
t0 2 t0 kB L t0 (L x3 ) x3
lim x3 + 1+ x3 = (15.48)
kB 2EA EA + kB 2EA 2EA

282 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 15. LE TRAVI SOGGETTE A SFORZO ASSIALE

15.4 Unasta indentata

Lasta di Figura 15.6 presenta due luci laterali, di rigidezza assiale 2EA, ed un
tratto centrale di rigidezza assiale EA. Gli estremi sono fissi, la parte centrale
`e soggetta ad una stesa di carico costante di intensit`a t, mentre nel punto di
collegamento tra la luce centrale e la luce di destra agisce una forza assiale
concentrata F di intensit` a tL. Si calcolino gli spostamenti assiali e gli sforzi
normali.

t F=tL

A 2EA B EA C 2EA D

L L L

Figura 15.6: Unasta a sezione variabile con discontinuit`a

La trave `e iperstatica, e lapproccio migliore sembra la scrittura diretta


dellequazione differenziale della linea elastica. Si hanno quindi le tre equazioni:

t
u003 = 0 v300 = w300 = 0 (15.49)
EA

valide rispettivamente da A a B, da B a C, e da C a D. Le soluzioni sono


quindi:

u3 = a0 + a1 x3
t
v3 = b0 + b1 x3 x2 (15.50)
2EA 3
w3 = c0 + c1 x3

Le sei costanti di integrazione si determinano imponendo la congruenza degli


spostamenti agli estremi e nei punti B e C, e lequilibrio dei conci B e C. Si ha
quindi:

u3 (0) = 0 u3 (L) = v3 (0) (15.51)


2EAu03 (L) = EA 0
v3 (0)v3 (L) = w3 (0) (15.52)
EAv30 (L) = 2EAw30 (0) +F w3 (L) = 0 (15.53)

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 283


15.4. UNASTA INDENTATA

da cui il sistema algebrico lineare:

a0 = 0
a0 + a1 L = b0
2a1 = b1
t (15.54)
b0 + b1 L L2 = c0
2EA
t F 2tL
b1 L = 2c1 + b1 = 2c1 +
EA EA EA
c0 + c1 L = 0

con soluzione:
3 tL 3 tL2 3 tL
a1 = b0 = b1 = (15.55)
8 EA 8 EA 4 EA
5 tL2 5 tL
c0 = c1 = (15.56)
8 EA 8 EA
Gli spostamenti sono perci`o esplicitabili come:

3 tL
u3 = x3
8 EA
3 tL2 3 tL t
v3 = + x3 x2 (15.57)
8 EA 4 EA 2EA 3
2
5 tL 5 tL
w3 = x3
8 EA 8 EA
mentre lo sforzo normale `e dato da:
3
N1 (x3 ) = 2EAu03 = tL
4
3
N2 (x3 ) = EAv30 = tL tx3 (15.58)
4
5
N3 (x3 ) = 2EAw30 = tL
4
rispettivamente, nei tre tratti AB, BC e BD.

Il calcolo delle reazioni


Le due reazioni in A e D sono fornite, rispettivamente, da:
3 5
RAh = N1 (0) = tL RDh = N3 (L) = tL (15.59)
4 4
Si noti che lequilibrio alla traslazione orizzontale `e verificato:

RAh + RDh + tL + F = 0 (15.60)

284 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 15. LE TRAVI SOGGETTE A SFORZO ASSIALE

NHx3 L

3
tL
8
x3
5
7 tL
L 8
4

Figura 15.7: Il diagramma dello sforzo normale per la trave di Figura 15.6

Il tracciamento dei diagrammi


Il diagramma dello sforzo normale non presenta alcuna difficolt`a: da A a B la
trave `e tesa, con sforzo normale costante, da C a D la trave `e compressa, con
sforzo normale ancora costante; in C esiste una forza assiale concentrata F , e
quindi un salto nel diagramma di valore pari a tL. Nel tratto centrale lo sforzo
3 1
normale varia con legge lineare tra tL a sinistra e tL a destra.
4 4
Ne segue, con una semplice proporzione geometrica, che lo sforzo normale si
7
annulla a L.
4
Per tracciare il diagramma degli spostamenti assiali, si consideri che agli
estremi lo spostamento dovr` a essere nullo, dovr`a variare con legge lineare nei
7
due tratti laterali e con legge quadratica nel tratto centrale. Inoltre, in x3 = L
4
lo spostamento sar` a massimo, in corrispondenza del punto di nullo dello sforzo
normale. Infine, gli spostamenti cresceranno fino a tal valore, nella regione dove
la trave `e tesa, per poi decrescere nella parte di destra, dove la trave `e compressa.

15.5 Il caso della sezione variabile


Se la rigidezza assiale dellasta in esame non `e costante, lequazione differenzia-
le che regge il problema `e la (15.4), ossia `e unequazione del secondo ordine a
coefficienti variabili. Come tale, non sempre `e agevole, o anche possibile, otte-
nere una sua soluzione in termini di funzioni elementari; tuttavia, lutilizzo dei
software di integrazione simbolica facilita grandemente la ricerca dei possibili
integrali. In questo esempio si far` a uso del software Mathematica per studiare
la legge di variazione:
 x3 n
EA (x3 ) = EA0 1 (15.61)
L

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 285


15.5. IL CASO DELLA SEZIONE VARIABILE

u3 Hx3 L

21 tL2
32 EA

x3
74 L

Figura 15.8: Il diagramma degli spostamenti assiali per la trave di Figura 15.6

Il caso n=2
Lequazione differenziale diviene:
 x3 2 00 2EA0  x3  0
EA0 1 u3 1 u3 = t (15.62)
L L L
con soluzione:
tL3 tL2 log (L x3 ) a1
u3 = 2
2
+ + a2 (15.63)
EA0 (L x3 ) EA0 (L x3 )

La trave iperstatica ad estremi fissi


Nel caso della trave ad estremi fissi, le due condizioni ai limiti impongono:
tL2 tL2 log(L) a1
u3 (0) = 0 2
2
+ + a2 = 0 (15.64)
EA0 EA0 L
tL3 (1 ( 1) log(L L) EA0 a1 + LEA0 ( 1)2 a2
u3 (L) = 0 =0
LEA0 ( 1)2
(15.65)
con soluzione:
tL3
a1 = ( ( 1) log(1 )) (15.66)
2 EA0
2
tL
a2 = (log(1 ) + log(L L)) (15.67)
3 EA0
Gli spostamenti sono quindi forniti da:
tL2
u3 (x3 ) = ((L x3 ) log(L) + (x3 x3 ) log(1 )+
2 EA0 (L x3 )
(L + x3 ) log(L x3 ))
(15.68)

286 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 15. LE TRAVI SOGGETTE A SFORZO ASSIALE

u3 Hx3 L
=.9

=.7
=.5
=.3
=.1
x3

NHx3 L

=.9

=.1 x3

Figura 15.9: Spostamenti assiali e sforzi normali per trave ad estremi fissi e
sezione variabile secondo la (15.61) con n = 2

e gli sforzi normali da:

tL
N (x3 ) = tx3 + ( ( 1) log(1 )) (15.69)
2

In Figura 15.9 sono riportati gli spostamenti assiali e gli sforzi normali per
cinque valori del coefficiente .

La trave isostatica

Se lestremo di destra `e libero, la seconda condizione ai limiti deve modificarsi,


perch`e ora lo spostamento `e ammesso, e di conseguenza deve annullarsi lo sforzo
normale:
tL3 + EA0 a1
u03 (L) = 0 =0 (15.70)
EA0 L2 ( 1)2

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 287


15.5. IL CASO DELLA SEZIONE VARIABILE

u3 Hx3 L

=.9

=.7
=.5
=.3
=.1

x3

Figura 15.10: Spostamenti assiali e sforzi normali per trave ad estremi fissi e
libera a sezione variabile secondo la (15.61) con n = 2

Le due costanti di integrazione sono ora:

tL3
a1 =
EA0
(15.71)
tL2
a2 = (1 + log(L))
EA0 2
Ne seguono gli spostamenti e gli sforzi assiali:

pL2 x3 ( 1) + (L x3 ) log(L) + (L + x3 ) log(L x3 )


u3 (x3 ) =
EA0 2 (L x3 )
(15.72)

N (x3 ) = t (L x3 ) (15.73)
Si noti subito come, in questo caso, lo sforzo normale non dipenda dalla varia-
bilit`
a della sezione. Il diagramma degli spostamenti `e riportato in Figura 15.10:
si noti come la tangente in L sia comunque orizzontale.

Esercizio n.1
Utilizzare un programma di calcolo simbolico per ottenere gli spostamenti e gli
sforzi assiali
di una trave ad estremi fissi, a sezione variabile secondo la (15.61),
per n = 2, n = 1, n = 3 ed n = 4.

288 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


Capitolo 16

Le travi soggette a
momento flettente e taglio

In questo Capitolo si illustra un metodo di calcolo onnicomprensivo, in grado di


fornire abbassamenti, rotazioni, momenti e tagli per una qualsiasi trave ad asse
rettilineo soggetta a momento flettente e taglio. Tale metodo sfrutta contem-
poraneamente le equazioni di equilibrio, di congruenza e costitutive, giungendo
ad una equazione differenziale del quarto ordine, concettualmente analoga alle
equazioni dellequilibrio elastico. Dopo aver dedotto lequazione nel caso pi` u
semplice, ossia per una trave a sezione costante soggetta a solo carico trasver-
sale, si risolve lequazione e si illustrano alucni casi banali di trave ad una sola
campata soggetta a vincoli perfetti.
La metodologia illustrata viene poi generalizzata per tener conto della pre-
senza di vincoli intermedi forze e coppie concentrate, distorsioni concentrate
di tipo tagliante e di tipo flessionale, offrendo una panoramica completa delle
possibili condizioni ai limiti.
Lequazione differenziale viene poi generalizzata, per tener conto di due ca-
richi inusuali, ossia le coppie distribuite e le distorsioni di tipo flessionale
(variazioni termiche alla Navier).
Infine, si descrivono alcuni casi di travi a sezione variabile in cui la soluzione
`e ottenibile in forma chiusa.

16.1 Relazioni fondamentali


Si consideri una trave rettilinea soggetta ai carichi trasversali p (x3 ). Per essa,
si hanno le seguenti equazioni:
Equazioni di equilibrio:

dT dM
= p =T (16.1)
dx3 dx3

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 289


16.1. RELAZIONI FONDAMENTALI

Equazioni di congruenza:

du3
= (16.2)
dx3

Equazioni costitutive (legge di Hooke):


M = EI (16.3)
dx3

Inserendo la (16.2) nella (16.3) si giunge alla legge che collega il momento
alla derivata seconda dellabbassamento:

M = EIu002 (16.4)

dove lapice indica derivazione rispetto ad x3 . Inoltre, derivando la seconda delle


(16.1), inserendola nella prima, ed utilizzando la (16.4), si giunge allequazione
differenziale del quarto ordine, che regge il problema della trave in presenza di
carichi trasversali:
00
(EIu002 ) = p (16.5)

Se la rigidezza flessionale EI `e costante, la (16.5) si riduce a:

EIu0000
2 =p (16.6)

con soluzione:
u2 = C0 + C1 x3 + C2 x23 + C3 x33 + Ip (16.7)

e lintegrale particolare Ip dipende dal carico p (x3 ) applicato. Le quattro co-


stanti di integrazione Ci si ottengono imponendo le condizioni ai limiti agli
estremi. In ciascun estremo, infatti, si pu`o imporre:

che labbassamento e la rotazione siano nulli (incastro). In tal caso sia


momento che taglio potranno essere presenti

che labbassamento sia nullo e la rotazione sia permessa (appoggio). In


tal caso il momento sar`a nullo

che labbassamento sia permesso e la rotazione sia nulla (bipendolo). In


tal caso il taglio sar`a nullo

che labbassamento e la rotazione siano permessi (estremo libero). In tal


caso il momento ed il taglio saranno nulli

290 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 16. LE TRAVI SOGGETTE A MOMENTO FLETTENTE E TAGLIO

16.2 Lapproccio energetico


Lenergia potenziale connessa ad una trave di luce L, soggetta al carico assiale
p (x3 ), pu`
o scriversi come:

EI L 002
Z Z L
Et = u2 dx3 pu2 dx3 = Et (u2 , u002 ) (16.8)
2 0 0

Si noti che per semplicit` a si `e gi`a ipotizzato che la rigidezza flessionale EI


sia costante. La variazione Et si calcola come:

EI L 00
Z
2
Et = Et (u2 + u2 , u002 + u002 ) Et (u2 , u002 ) = (u2 + u002 ) dx3
2 0
Z L
EI L 0
Z Z L
p (u2 + u2 ) dx3 u 2 dx3 + pu2 dx3
0 2 0 2 0
(16.9)

e svolgendo i quadrati e semplificando:


Z L Z L
EI L 00 2
Z
Et = EI u002 u002 dx3 pu2 dx3 + u2 dx3 (16.10)
0 0 2 0
Il principio di stazionariet`
a dellenergia potenziale totale impone lannullarsi
della parte lineare della variazione, e quindi dovr`a essere:
Z L Z L
1 Et = EI u002 u002 dx3 pu2 dx3 = 0 (16.11)
0 0

Integrando due volte per parti il primo integrale si pu`o scrivere:


Z L Z L
00 0 L 000 L 0000
[EIu2 u2 ]0 [EIu2 u2 ]0 + EI u2 u2 dx3 pu2 dx3 = 0 (16.12)
0 0

Dovranno separatamente annullarsi lintegrale ed i termini finiti; per lar-


bitrariet`
a di u2 si ritrova quindi la (16.6), mentre in ciascuno degli estremi
potr`a essere nullo lo spostamento u2 oppure lo sforzo di taglio EIu000 2 , ed
analogamente potr` a annullarsi la rotazione, oppure il momento flettente EIu002 .

16.3 Le travi ad una campata


Si intender`a per trave ad una campata una qualsiasi trave per cui sia possi-
bile applicare la metodologia illustrata, ossia in realt`a una qualsiasi trave
i cui spostamenti siano funzioni continue e derivabili con continuit`a almeno fi-
no alla derivata quarta. Rientrano quindi in questa categoria le travi soggette
a carico distribuito lungo tutta la luce, ma non quelle caricate parzialmente
(discontinuit`a nella derivata quarta), quelle a sezione costante, ma non quelle
a sezione variabile con discontinuit`a, quelle caricate con carichi e coppie con-
centrate negli estremi, ma non in una ascissa intermedia (discontinuit`a nella

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 291


16.3. LE TRAVI AD UNA CAMPATA

derivata seconda o terza). Sono inoltre escluse le travi con vincoli intermedi, sia
esterni (discontinuit`a nelle derivate seconde o terze) che interni (discontinuit`a
nellabbassamento o nella sua derivata prima), e le travi soggette a distorsioni
concentrate ad ascisse intermedie (discontinuit`a nellabbassamento o nella sua
derivata prima).
Un catalogo esteso di travi ad una sola campata `e fornito in due Capitoli
di teoria, dedicate rispettivamente al carico uniformemente distribuito ed ai
possibili carichi concentrati negli estremi, sicch`e sullargomento resta poco da
aggiungere. Tuttavia, si consideri lulteriore esempio di Figura 16.1, in cui una
trave doppiamente incastrata `e soggetta ad un carico parabolico di valore p0
agli estremi, e nullo in mezzeria.

p0

A B

Figura 16.1: Una trave doppiamente incastrata soggetta a carico parabolico

Per ottenere lintegrale particolare occorre quindi identificare la legge ana-


litica di variazione del carico. Assumendo una legge di variazione parabolica si
ha:
p (x3 ) = a + bx3 + cx23 (16.13)

ed imponendo il rispetto dei tre valori agli estremi ed in mezzeria si ha:

p (x3 = 0) = a = p0
L2
 
L L
p x3 = =a+b +c =0 (16.14)
2 2 4
p (x3 = L) = a + bL + cL2 = p0

Risolvendo il sistema di tre equazioni si ottiene infine:

x23
 
x3
p (x3 ) = p0 1 4 + 4 2 (16.15)
L L

e quindi la (16.6) si scrive:

x23
 
x3
EIu0000
2 p0 1 4 + 4 (16.16)
L L2

292 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 16. LE TRAVI SOGGETTE A MOMENTO FLETTENTE E TAGLIO

con soluzione ottenibile attraverso integrazioni successive:


p0 x43 1 x53 1 x63
 
2 3
u2 = C0 + C1 x3 + C2 x3 + C3 x3 + + (16.17)
EI 24 30 L 90 L2
Le costanti di integrazione si ottengono imponendo le quattro condizioni ai
limiti, in cui gli incastri in A e B vietano sia gli abbassamenti che le rotazioni:
u2 (x3 = 0) = C0 = 0
u02 (x3 = 0) = C1 = 0
7 p0 L4 (16.18)
u2 (x3 = L) = C0 + C1 L + C2 L2 + C3 L3 + =0
360 EI
p0 L3
u02 (x3 = L) = C1 + 2C2 L + 3C3 L2 + =0
15EI
con soluzione:
p0 L2 p0 L
C0 = C1 = 0 C2 = C3 = (16.19)
120EI 36EI
Gli spostamenti sono quindi forniti dal polinomio di ordine sei:
p0 L2 x23 Lx33 x4 x5 x6
 
u2 (x3 ) = + 3 3 + 32 (16.20)
EI 120 36 24 30L 90L
e per successive derivazioni si ottengono infine le rotazioni, i momenti ed i tagli:
L2 x3 Lx23 x33 x43 x53
 
p0
(x3 ) = + + (16.21)
EI 60 12 6 6L 15L2
L2 x2 2x3 x4
 
Lx3
M (x3 ) = p0 + 3 + 3 32 (16.22)
60 6 2 3L 3L
2x2 4x3
 
L
T (x3 ) = p0 x3 + 3 32 (16.23)
6 L 3L
Il diagramma del taglio si presenta come in Figura 16.2: funzione cubica,
andamento decrescente, tangenza orizzontale in mezzeria, laddove il carico si
annulla, funzione antisimmetrica rispetto alla mezzeria, in quanto la struttura
`e simmetrica e simmetricamente caricata rispetto alla stessa mezzeria (vedi la
lezione sule propriet` a di simmetria ed antisimmetria).
Il diagramma del momento `e riportato in Figura 16.3: `e una funzione quarti-
ca, simmetrica rispetto alla mezzeria, con valore massimo sulla mezzeria stessa,
laddove il taglio si annulla. Inoltre, landamento crescente nella prima semiluce,
laddove il taglio `e positivo, decrescente nella seconda semiluce, dove il taglio
diviene negativo.
Come illustrato in Figura 16.4, le rotazioni dovranno annullarsi agli estremi,
dove vi sono gli incastri, ed in mezzeria, per ragioni di simmetria. Inoltre,
laddove il momento `e negativo le rotazioni decresceranno, mentre nella zona
centrale, dove il momento `e positivo, cresceranno. I valori minimi e massimi si
raggiungono laddove i momenti si annullano.
Infine, gli abbassamenti si presentano come in Figura 16.5, con un aspetto
molto simile al corrispondente diagramma per carico uniformemente distribuito.

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 293


16.3. LE TRAVI AD UNA CAMPATA

THx3 L

L
p0
6
x3

L
p0
6

Figura 16.2: Il diagramma del taglio per la trave di Figura 16.1

L2
p0
60

x3
L2
p0
MHx3 L 240

Figura 16.3: Il diagramma del momento per la trave di Figura 16.1

294 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 16. LE TRAVI SOGGETTE A MOMENTO FLETTENTE E TAGLIO

Hx3 L

x3

Figura 16.4: Il diagramma delle rotazioni per la trave di Figura 16.1

x3

L4
p0
2880

u2 Hx3 L

Figura 16.5: Il diagramma degli spostamenti per la trave di Figura 16.1

16.4 Alcuni esempi per travi a due campate

Se, in una generica ascissa intermedia della trave, si verifica una discontinuit`a
dello spostamento (dovuta ad una distorsione tagliante, oppure alla presenza
di un bipendolo interno), della rotazione (dovuta ad una distorsione flessionale,
oppure ad una cerniera), del momento (dovuta ad una coppia applicata, oppure
ad un bipendolo esterno) oppure del taglio (dovuto ad una forza applicata,
oppure alla presenza di un appoggio), allora la metodologia fin qui illustrata
deve essere opportunamente generalizzata.
Sia allora S la sezione generica in cui si verifica la discontinuit`a, e sia
lascissa di S, sicch`e la trave, di luce L, resta suddivisa in due tratti, di luce
ed L , rispettivamente. In ciascuno dei due tratti, quindi, la continuit`a dello
spostamento e delle sue derivate successive `e rispettata, e quindi in ciascuno dei

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 295


16.4. ALCUNI ESEMPI PER TRAVI A DUE CAMPATE

due tratti pu`


o scriversi lequazione differenziale del quarto ordine (16.6):

EIu0000
2 = p1 (16.24)

EIv20000 = p2 (16.25)

con soluzione:
u2 = C0 + C1 x3 + C2 x23 + C3 x33 + Ip (16.26)

v2 = C4 + C5 y3 + C6 y32 + C7 y33 + Jp (16.27)

Si sono indicati con u2 e v2 le funzioni spostamento nel primo e nel secondo


tratto, rispettivamente. Inoltre, si sono considerati due sistemi di riferimento
distinti, con origine nellestremo di sinistra e nella sezione S, rispettivamente, e
quindi si sono indicate con x3 ed y3 le rispettive variabili.
Le otto costanti di integrazione si determinano imponendo otto condizioni
ai limiti, due in ciascuno estremo esattamente come fatto in precedenza e
quattro nella sezione S. In S occorre imporre il rispetto della congruenza degli
spostamenti e delle rotazioni, nonch`e lequilibrio della sezione nei riguardi della
traslazione verticale e della rotazione.

16.4.1 La trave soggetta a forza concentrata ad una ascissa


arbitraria
Un semplice esempio `e proposto in Figura 16.6, dove una trave incastrata
appoggiata `e soggetta alla forza concentrata F nella sezione generica S a di-
stanza dallincastro di sinistra.

A S B

L-

Figura 16.6: Una trave soggetta a forza concentrata in una generica ascissa
intermedia

In questo caso i due integrali particolari sono nulli, per lassenza di carico
distribuito, e le condizioni ai limiti si scrivono:

u2 (x3 = 0) = 0
(16.28)
u02 (x3 = 0) = 0

296 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 16. LE TRAVI SOGGETTE A MOMENTO FLETTENTE E TAGLIO

in corrispondenza dellincastro in A,
u2 (x3 = ) = v2 (y3 = 0)
u02 (x3 = ) = v20 (y3 = 0)
(16.29)
u002 (x3 = ) = v200 (y3 = 0)
EIu000 000
2 (x3 = ) EIv2 (y3 = 0) + F = 0

in corrispondenza della sezione S di applicazione della forza, ed infine:


v2 (y3 = L ) = 0
(16.30)
v200 (y3 = L ) = 0
in corrispondenza dellappoggio in B.
Esercizio - Si esaminino le otto condizioni precedenti, per ognuna di esse si
stabilisca se impongono il rispetto della congruenza, oppure se traducono con-
dizioni di equilibrio. In questultimo caso, si disegni il concio elementare con le
forze su di esso agenti, e si traggano le rispettive equazioni
Le otto condizioni ai limiti danno luogo al sistema di otto equazioni lineari
nelle otto costanti di integrazione:
C0 = 0
C1 = 0
C0 + C1 + C2 + C3 3 = C4
2

C1 + 2C2 + 3C3 2 = C5
2C2 + 6C3 = 2C6 (16.31)
F
6C3 6C7 + =0
EI
C4 + C5 (L ) + C6 (L )2 + C7 (L )3 = 0
2C6 + 6C7 (L ) = 0
Eliminando C0 e C1 , ed esprimendo le costanti di integrazione del secondo
tratto in funzione delle due costanti C2 e C3 del primo tratto si giunge ad un
sistema di due equazioni in due incognite:
C2 2 + C3 3 + 2C2 + 3C3 2 (L ) + (C2 + 3C3 ) (L )2 +

 
F
C3 + (L )3 = 0
6EI (16.32)
 
F
C2 + 3C3 + 3 C3 + (L ) = 0
6EI
con soluzione:

F 2L2 3L + 2
C2 =
4EIL2  (16.33)
F 2L3 3L 2 + 3
C3 =
12EIL3

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 297


16.4. ALCUNI ESEMPI PER TRAVI A DUE CAMPATE

In definitiva, gli abbassamenti si scrivono come:


 
F 2L2 3L + 2 2 F 2L3 3L 2 + 3 3
u2 (x3 ) = x3 x3 (16.34)
4EIL2 12EIL3

F (L )2 (4L ) 3 2 2L3 + 6L2 5L 2 + 3
v2 (y3 ) = y3
EI 12L3 4L3
(L )(3L ) 2 2 (3L ) 2 3

y3 + y3
4L3 12L3
(16.35)
con rotazioni, momenti e tagli da calcolarsi tramite derivazione. In Figura 16.7
si riportano i grafici per il caso in cui la sezione S `e posta ad un terzo della luce.
Esercizio Si studino e si commentino i diagrammi. In particolare, si tragga-
no i valori estremi di rotazioni ed abbassamenti, insieme alle ascisse dove essi
vengono attinti.

16.4.2 La trave soggetta a distorsione flessionale


Si consideri ora la trave su tre appoggi di Figura 16.8, e si ipotizzi di asse-
gnare una distorsione rotazionale D alla sezione in cui `e situato lappoggio
intermedio.
In questo caso, per definizione di distorsione, bisogner`a imporre che in S si
abbia:
D = = sin des (16.36)
e quindi le otto condizioni ai limiti si scriveranno ora:
u2 (x3 = 0) = 0 u002 (x3 = 0) = 0 (16.37)
in corrispondenza dellappoggio in A,
u2 (x3 = ) = 0 v2 (y3 = 0) = 0 (16.38)
v20 (y3 = 0) u02 (x3 = ) = D u002 (x3 = ) = v200 (y3 = 0) (16.39)
in corrispondenza della sezione S di applicazione della distorsione, ed infine:
v2 (y3 = L ) = 0 v200 (y3 = L ) = 0 (16.40)
nellappoggio di destra. Si giunge facilmente al sistema:
C0 = 0
C2 = 0
C0 + C1 + C2 2 + C3 3 = 0
C4 = 0
(16.41)
C5 C1 2C2 3C3 2 = D
2C2 + 6C3 = 2C6
C4 + C5 (L ) + C6 (L ) + C7 (L )3 = 0
2

2C6 + 6C7 (L ) = 0

298 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 16. LE TRAVI SOGGETTE A MOMENTO FLETTENTE E TAGLIO

THx3 L

23
F
27

x3

4
F
27

5
FL
27

x3

8
FL
81
MHx3 L

Hx3 L

FL2
54 EI
x3

25 FL2
1242 EI

x3

FL3
162 EI

u2 Hx3 L

Figura 16.7: I diagrammi di taglio, momento, rotazioni e spostamenti per la


trave soggetta a forza concentrata ad un terzo della luce

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 299


` CAMPATE
16.5. LE TRAVI A PIU

A S D B

L-

Figura 16.8: Una trave su tre appoggi soggetta ad una distorsione flessionale in
corrispondenza dellappoggio intermedio

con soluzione:
D
C0 = 0 C1 = D C2 = 0 C3 = (16.42)
2L 2L
 
3 D
C4 = 0 C5 = D 1 C6 = D C7 = (16.43)
L 2L 2L(L )
Gli spostamenti sono allora forniti dalle due espressioni cubiche:
 
1 3
u2 (x3 ) = D x3 x
2L 2L 3
   (16.44)
3 2 1 3
v2 (y3 ) = D 1 y3 y + y
L 2L 3 2L2 2L 3
con rotazioni, momenti e tagli da calcolarsi tramite derivazione. Di seguito,
in Figura 16.9, si riportano i grafici per il caso in cui la sezione S `e posta in
mezzeria.

16.5 Le travi a pi`


u campate
Se le discontinuit`a dello spostamento e/o delle sue derivate sono pi` u duna,
la procedura appena descritta pu`o essere facilmente generalizzata: in presenza
di k discontinuit`a si devono utilizzare k + 1 funzioni spostamento, ciascuna
esprimibile come la (16.6); occorre poi imporre 4(k + 1) condizioni ai limiti, di
congruenza e/o di equilibrio, in modo da determinare univocamente le costanti
di integrazione.
Lunico limite allutilizzo di questo metodo `e il dover risolvere un sistema
di equazioni lineari di dimensioni abbastanza ragguardevole, ma lutilizzo di
software di calcolo simbolico ha in pratica eliminato questo inconveniente.

16.5.1 Una trave continua


Si consideri la trave continua di Figura 16.10, suddivisa in tre campate di luce
L mediante due appoggi intermedi. La rigidezza flessionale del terzo tratto CD
`e pari ad EI, la rigidezza flessionale dei primi due tratti `e invece pari a 2EI.
La trave `e caricata da una forza F in corrispondenza del bipendolo. Si calcolino
tagli, momenti, rotazioni ed abbassamenti.

300 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 16. LE TRAVI SOGGETTE A MOMENTO FLETTENTE E TAGLIO

THx3 L

6 EI
D
L2
x3

6 EI
D
L2

x3

3 EI
D
L

MHx3 L

Hx3 L

D
x3 4
D
4

x3

L
D
12 3

u2 Hx3 L

LH2 3L

Figura 16.9: I diagrammi di taglio, momento, rotazioni e spostamenti per la


trave soggetta a distorsione concentrata in mezzeria
Esercizi di Scienza delle Costruzioni 301
` CAMPATE
16.5. LE TRAVI A PIU

A B C D

L L L

Figura 16.10: Una trave continua

La deduzione della linea elastica


La trave `e soggetta ad un carico concentrato, quindi gli spostamenti saranno
esprimibili tramite polinomi cubici:
u2 (x3 ) = a0 + a1 x3 + a2 x23 + a3 x33
v2 (x3 ) = b0 + b1 x3 + b2 x23 + b3 x33 (16.45)
w2 (x3 ) = c0 + c1 x3 + c2 x23 + c3 x33
rispettivamente in AB, BC e CD. Si noti che per semplicit`a si `e indicata la
variabile indipendente con x3 , dando per inteso che i tre sistemi di riferimento
hanno tre origini diverse, in A, B e C rispettivamente.
Le dodici costanti di integrazione si calcolano imponendo le condizioni di
equilibrio e congruenza in corrispondenza dei vincoli:
nellappoggio in A
u2 (0) = 0 M (0) = 0 (16.46)

in corrispondenza dellappoggio intermedio in B


usin = 0 udes = 0 sin = des Msin = Mdes (16.47)

in corrispondenza dellappoggio intermedio in C


usin = 0 udes = 0 sin = des Msin = Mdes (16.48)

in corrispondenza del bipendolo in D


=0 Tsin + F = 0 (16.49)

Occorre ora trasformare queste dodici condizioni in funzione degli abbassamenti


e delle sue successive derivate, onde ottenere un sistema di dodici equazioni
nelle costanti di integrazione. Si avr`a, introducendo tre opportuni sistemi di
riferimento con origine nei tre appoggi:
u2 (0) = 0 u002 (0) = 0 u2 (L) = 0 v2 (0) = 0 (16.50)
u02 (L) = v20 (0) u002 (L) = v200 (0) v2 (L) = 0 w2 (0) = 0 (16.51)
v20 (L) = v20 (0) 2v200 (L) = w200 (0) w20 (L) =0 EIw2000 (L) +F =0 (16.52)

302 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 16. LE TRAVI SOGGETTE A MOMENTO FLETTENTE E TAGLIO

ed utilizzando le (16.45), insieme alle loro successive derivate, si giunge al


sistema:

a0 = 0
a2 = 0
a0 + a1 L + a2 L + a3 L3 = 0
2

b0 = 0
a1 + 2a2 L + 3a3 L2 = b1
2a2 + 6a3 L = 2b2
(16.53)
b0 + b1 L + b2 L2 + b3 L3 = 0
c0 = 0
b1 + 2b2 L + 3b3 L2 = c1
2 (2b2 + 6b3 L) = 2c2
c1 + 2c2 L + 3c3 L2 = 0
6EIc3 + F = 0

con soluzione:

F L2 F
a0 = a2 = b0 = c0 = 0 a1 = a3 = (16.54)
110EI 110EI
F L2 3F L F
b1 = b2 = b3 = (16.55)
55EI 110EI 22EI
7F L2 12F L F
c1 = c2 = c3 = (16.56)
110EI 55EI 6EI

Ne seguono le tre linee elastiche:

F
x3 L2 x23

u2 (x3 ) =
110EI
F
x3 2L2 3Lx3 + 5x23

v2 (x3 ) = (16.57)
110EI
F
x3 21L2 + 72Lx3 55x23

w2 (x3 ) =
330EI

ed in cascata, le rotazioni, i momenti ed i tagli:



AB F L2 3x23
(x3 ) =
110EI 
2
BC F 2L + 6Lx3 15x23
(x3 ) = (16.58)
110EI 
2
CD F 7L + 48Lx3 55x23
(x3 ) =
110EI

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 303


` CAMPATE
16.5. LE TRAVI A PIU

06F x3
M AB (x3 ) = 2EIAB =
55
BC BC 0 6
M (x3 ) = 2EI = F (L 5x3 ) (16.59)
55
 
0 24L
M CD (x3 ) = EICD = F + x3
55
0 6F
T AB (x3 ) = M AB (x3 ) =
55
BC BC 0 6F (16.60)
T (x3 ) = M (x3 ) =
11
CD CD 0
T (x3 ) = M (x3 ) = F

Il calcolo delle reazioni


Nellappoggio A si avr`a, per lequilibrio:
6
RA = T AB (0) = F (16.61)
55
mentre nei due appoggi intermedi sar`a:

6F 6F 36
RB = T AB (L) T BC (0) = + = F
55 11 55 (16.62)
6F 17
RC = T BC (L) T CD (0) = F = F
11 11
Nel bipendolo a destra, invece, la coppia reattiva sar`a
31
MrD = M CD (L) = FL (16.63)
55
Unutile verifica consiste nel controllare che siano soddisfatte le equazioni di
equilibrio:

RA + RB + RC + F = 0
(16.64)
MrD + RA 3L + RB 2L + RC L = 0

Il tracciamento dei diagrammi


Il diagramma del taglio, riportato in Figura 16.11, non pone difficolt`a di alcun
genere: costante a tratti, con due discontinuit`a dovute alle reazioni degli appoggi
intermedi.
Il momento `e distribuito con legge lineare in ciascuno dei tre tratti, con di-
scontinuit`
a angolari in corrispondenza degli appoggi centrali. Nel primo tratto,
dove il taglio `e positivo, il momento crescer`a dal valore nullo (in A) fino al
valore:
6F
MB = TA L = L (16.65)
55

304 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 16. LE TRAVI SOGGETTE A MOMENTO FLETTENTE E TAGLIO

THx3 L

x3

6F
11

Figura 16.11: Il diagramma del taglio

in corrispondenza dellappoggio B. Nel secondo tratto, il taglio `e negativo,


quindi il momento decresce, con pendenza pari al valore del taglio, giungendo
in C con valore:
6F 24
MC = M B L = FL (16.66)
11 55

Nel terzo tratto, infine, riprender`a a crescere, con pendenza pari ad F , e


quindi giunger`
a in D con valore:

24 31
M D = MC + F L = FL + FL = FL (16.67)
55 55

Si ha cos` il diagramma di Figura 16.12.


I due punti di nullo del diagramma del momento sono particolarmente signi-
ficativi, in quanto corrispondono a punti di flesso del diagramma degli abbassa-
L
menti. Una semplice proporzione geometrica permette di ottenere 1 in (L + )
5
24
e 2 in (2L + L).
55
Il diagramma delle rotazioni `e costituito da tratti quadratici, e si presenta
come in Figura 16.13. Si noti la tangenza orizzontale in A e nei due punti di nullo
del momento, e la discontinuit` a angolare in C, dovuta al variare della rigidezza
flessionale. La presenza del bipendolo impone lannullarsi della rotazione in D
Gli spostamenti si presentano come in Figura 16.14: essi si annullano in
corrispondenza degli appoggi, raggiungono valori estremi in corrispondenza dei
punti di nullo delle rotazioni, e cambiano di curvatura in 1 ed in 2 .

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 305


` CAMPATE
16.5. LE TRAVI A PIU

31
FL
55
1* 2* x3

24
FL
55

MHx3 L

Figura 16.12: Il diagramma del momento


Hx3 L

2* x3
1*

Figura 16.13: Il diagramma delle rotazioni

2* x3
*
1

19 F L3
165 EI

u2 Hx3 L

Figura 16.14: Il diagramma degli spostamenti

306 Esercizi di Scienza delle Costruzioni


CAPITOLO 16. LE TRAVI SOGGETTE A MOMENTO FLETTENTE E TAGLIO

16.6 La presenza di variazioni termiche e coppie


distribuite
Lequazione della linea elastica `e stata dedotta nellipotesi che lunico carico
distribuito fosse un carico trasversale p (x3 ). Talvolta, per`o, possono agire sulla
trave anche delle coppie distribuite m (x3 ) e delle distorsioni flessionali distri-
buite (x3 ), ed in tal caso lequazione differenziale (16.6) va opportunamente
modificata.
Le equazioni di equilibrio relative al concio elementare divengono ora, come
pu`o leggersi dalla Figura 16.15:

mHx3 L
pHx3 L

MHx3 L MHx3 +dx3 L

THx3 L THx3 +dx3 L

x3 dx3

Figura 16.15: Il concio elementare soggetto a carico trasversale e coppie


distribuite

T (x3 ) + T (x3 + dx3 ) + p (x3 ) dx3 = 0


dx3 (16.68)
M (x3 ) + M (x3 + dx3 ) + p (x3 ) dx3 + m (x3 ) dx3 = 0
2
e con le usuali manipolazioni si giunge alle due relazioni differenziali:

dT dM
= p =T m (16.69)
dx3 dx3
ed alla legge che lega il momento al carico:

d2 M dm
2 = p (16.70)
dx3 dx3

Lequazione di congruenza resta inalterata:

du3
= (16.71)
dx3

Esercizi di Scienza delle Costruzioni 307


16.6. LA PRESENZA DI VARIAZIONI TERMICHE E COPPIE DISTRIBUITE

A B C D

2a a 2a

Figura 16.16: Una trave Gerber soggetta ad un carico di coppie distribuite

mentre lequazione costitutiva deve essere generalizzata a tener conto della


curvatura aggiuntiva dovuta alla distorsione flessionale:

d
M = EI + EI (x3 ) (16.72)
dx3

o anche, inserendo la (16.71):

d2 u3
M = EI + EI (x3 ) (16.73)