Sei sulla pagina 1di 2033

N. 4818106 R.G.N.R. D.D.A.

N. 4055107 R.G.I.P. D.D.A.


N. fi!A( ROCC

TRIBUNALE DI REGGI0 CALABRIA


Sezione dei giudici per le indagini preliminari

ORDINANZA DI APPLICAZIONE DI MISURA CAUTELARE


E DECRETO DI SEQUESTRO PREVENTIVO

11 G.I.P. dott. Adriana TRAPANI,


visti gli atti del procedimento penale indicato in epigrafe, iscritto nei confronti di:
1) AGRESTA Francesco, nato a Plat il 15.03.1975 e ivi res in Via De Gaspen Trav. 11;
2) AQUINO Giuseppe, nato a Marina di Gioiosa lonica il 20.02.1962, ivi residente in
Via Porticato Io Tronco nr. 9;
3) BARBARO Giuseppe, nato a Plat il 07.07.1968 e ivi residente in Via Lacchi nr. 27/a;
4) BARBARO Rosario nato a Plati il 30.09.1940, ivi residente in via XXIV Maggio n.7,
alias u' rosi;
5) BASILE Giulio, nato a Reggio Calabria lo 01.03.1952 ed ivi residente in Via Stazione
S. Caterina N. 2;
6) BOVA Bruno, nato a Ardore il 20.1 1.1957, ivi residente in via U. Fosco10 N. 46;
7) BOVA Giuseppe, nato ad Ardore il 10.03.1926 ed ivi residente in Via Manna N. 27;
8) CGTALDO Giuseppe, nato a Gerace il 02.09.1957 e ivi resid. in C.da S. Filippo snc;
9) CIRILLO Martello, nato Fabnzia il 01.09.1958, ivi residente via Boccaccio 111"
Trav. Nr. 5;
IO) CONDELLI Domenico, nato a Locn lo 09.10.1979 e residente ad Antonimina in Via
Trieste nr. 16;
I 1) FABIANO Giuseppe alias "Peppe u lupu", nato a Plati il 17.1 1.1961 ed ivi residente,
Frazione Cirella, C.da Gioppo N. 4;
12) FAZZARI Pierino, nato ad Antonimina il 03.06.1966 e ivi residente in Via Cesare
Battisti snc;
13) FAZZARI Teresa, nata ad Antonimina il 36.12.1952, ivi resid. fiaz. Bagni m.li nr. 14;
14) FAZZARI Vincenzo, nato ad Antonimina il 26.05.1956 ed ivi residente in C.da Bagni
,Minerali snc;
15)FILIPPONE Maria, nata ad Antonimina il 29.07.1962 ed ivi residente in C.da S.
Nicola snc;
16) FRAGOMENI Salvatore, nato a Gerace il 06.01.1955, residente a Gerace (RC) in
Contrada Azzuria snc;
17) FURFARO Giovanni, nato a Cittanova il 24.06.1967, ivi residente in Via P.
Innocenza nr. 8;
1S)GARGIULO Ilario, nato a Manna di Gioiosa lonica il 22.08.1960 ed ivi residente in
Via I Maggio nr. 5 1Ia;
19) GIRONDA Filippo, nato a Reggio Calabria il 03.07.1975 ed ivi residente in Via Logia
Pellaro N. 12;
20) GUARNIERI Pietro, nato a Locri il 26.10.1964 e res. a Roma in via Carlo Frati N. 13;
2 1) IANTORNO Franco, nato a Cosenza il 10.09.1971 e residente a San Vincenzo la
Costa (CS) in via Palazzello N. 13;
22) IEROPOLI Antonio Rocco, nato a Locri il 05.08.1977 e residente a Plati, in Via
Eremita N. 55lint. 2;
23) IETTO Carmelo Gaetano, nato a Careri il 20.03.1946 ed ivi res. in Via Genova N. 9;
24) LONGO Antonio, nato a Melito di Porto Salvo il 29.12.1964 e residente a S. Ilario in
Via Marconi N. 103;
25) MACRI' Giovanni, nato ad Ardore (RC) il 14.01.1955, ivi res. in C.da Lanzo m.9;
26) MAIOLO Rocco Ilario, nato a Locri il 17.02.1983, residente a Nardodipace (VV) via
Kennedy N. 1 1;
27) MALAFARINA Rocco, nato a Locri il 3 1.08.1975, residente a Plat frazione Cirella
via Calvizzano n. 77;
28) MARVELLI Antonio, nato a Careri il 16.03.1964, ivi residente in Via Pirarelle N. 90;
29) MEDIATI Alfredo, nato a Plat il 23.08.1953 e resid. ad Ardore in Via Collar N. 2;
30) MEDIATI Francesco Saverio, nato a Locn il 03.06.1988, residente ad Ardore via
Calm N. 1 1;
3 1) MEDIATI Rocco Antonio, nato a Locri il 20.1 1.1976 e residente a Plat in C.da
Lacchi N. 3;
32) MEDIATI Rocco Antonio, nato a Melito di Porto di Salvo, il 29.01.198 1, domiciliato
a Perugia, in Via Ettore Ricci N. 25;
33) MELIA Nicola, nato a Plat, fraz. Cirella, in data 20.10.1954 ed emigrato in data
sconosciuta per il Canada;
34) MELIA Vincenzo, nato a Plat il 20.04.1929 e resid. ad Ardore in Via Leopardi N. 32;
35) MONTELEONE Teresa, nata a Antonimina il 25.03.1954 ivi res. in c.da tre arie snc;
36) MURDACA Domenico Francesco, nato ad Antonimina il 28.02.1922 ed ivi residente
in Via Roma N. 83;
37) MURDACA Giuseppe, nato ad Antonimina il 23.0 1.1951, Responsabile dell' Area
Tecnica Manutentiva del Comune di Antonimina;
38) NAPOLI Antonio, nato a Locri il 18.01.1982, residente ad Ardore in Via Michele
Bello N. 39;
39) NESCI Nicola, nato a Cimin il 24.06.1955 ed ivi residente in Via Bovio n. 99;
40) PARLONGO Bruno, nato ad Ardore il 25.10.1962 ed ivi res. in C.da Feudo N. 191a;
1 1 ) PARROTTA Felice, nato ad Ardore lo 06.07.1936, ivi residente in C.da Serra N. 3;
42) PELLE Antonio Pasquale, nato a Locri il 08.1 1.1972, e residente ad Antonimina in
C.da S. Nicola N. 15;
43) PELLE Massimo, nato a Locri il 28.01.1974, res. ad Antonimina via San Nicola snc;
44) PERRE Giuseppe, detto "U itlaistru", nato a Plat (RC) il 2 1.06.1937, res.a Bovalino
in Via Bric snc;
45) POLIFRONI Giancarlo, nato a Locri (Rc) il 17.08.1974 e residente a Bovalino (Rc)
in Via Ficarelle N. 4 1 ;
46) POLITO Bruno, detto "Broccia", nato a Locri (RC) il 25.1 1.1972 res. residente a
Airasca (To) in via Del Nicola nr. 16;
47) POLLIFRONI Carrnine, nato a Taurianova il 26.04.1972 e residente ad Antonimina
in C.da Bagni 1412;
48) P R I M E W O Francesco, nato a Bovalino il 07.12.1959 ed ivi residente in C.da
Oliveto nr. 4;
49) RASO Giuseppe, nato a Cittanova il giorno 0 1.10.1941, residente ad Antonimina c.da
S. Nicola snc, alias "awocato";
50) ROMANO Amalia, nata a Locri il 07.10.1974 e residente ad Antonimina in Fraz.
Bagni M.li nr. 1411;
51) ROMANO Giuseppe, nato a Ottawa (Canada) il 22.10.1965 e residente ad
Antonimina in C.da Troiolo 318;
52) ROMANO Maria, nata a Locri il 05.10.1976, residente ad Antonimina fraz. Bagni
m.li nr. 1412;
53) ROMANO Nicola, nato ad Antonimina il 2 1.08.1948, ivi resid. fraz. Bagni m.li nr. 14;
54) SALVINI Fabio, nato a Locri il 2 1.06.1980, resid. ad Antonimina via Littorio nr. 32;
55) SALVINI Marco, nato a Locri il 06.1 1.1982, res. ad Antonimina via S. Nicola nr. 19;
56) SICILIANO Giuseppe, nato ad Ardore il 22.09.1950 ed ivi res. in C.da Strac nr. 212;
57) SICILIANO Massimo, nato a Catanzaro il 23.1 1.1970, residente ad Antonimina fraz.
Bagni m.li nr. 1411;
58) SPAGNOLO Antonio, nato a Cimin il 3 1.03.1960 ed ivi res. in Via Bovio Vico VI0
nr. 99;
59) VALENTI Rocco, nato a Locri (RC) il 26.06.1987, residente a Bovalino (RC) via
Gelsagrande nr. 9;
6O)VALLELONGA Bruno Cosimo Damiano, nato a Mongiana il 27.09.1955 ed ivi
residente in Via Roma nr. 3812;
61) VARACALLI Arturo, nato a Cimin il giorno 11.01.1958, residente ad Ardore in via
Aspromonte nr. 13lA;
62) VARACALLI Giuseppe, nato a Ardore il 22.04.1953, ivi resid. c.da Calvario nr. 7;
63) VARACALLI Luigi, nato a Plat il giorno 11.02.1941, gi residente a Cirella di Plat
in C.da Senoli ed attualmente residente in Australia dal 24.06.1967, a Sidney, 30 Grace
Avence 02765 Riverstone;
64) VARACALLI Rocco Bruno, nato a Cimin il 06.08.1967, res. ad Ardore Trav. I
Leopardi;
65) ZAFFINO Bruno, nato a Serra San Bruno il 03.10.1964, ivi resid. via Milano nr. 35;
66) ZANGARA Francesco, nato a Gerace il 19.10.1946 e residente in Roccella Jonica in
Via Cappelleri s.n.c.;

In ordine ai seguenti reati: m ,I

IMELIA Vincenzo, ROMANO Nicola, NESCI Nicola, VARACALLI Giuseppe,


MELIA Nicola, SICILIANO Giuseppe, VARACALLI Luigi, PARROTTA Felice,
BOVA Giuseppe, BOVA Bruno, PARLONGO Bruno, VARICALLI Rocco Bruno,
NAPOLI Antonio, MACRI' Giovanni, MURDACA Domenico Francesco, ROMANO
Giuseppe, FAZZARI Teresa, FAZZARI Pierino, FAZZARI Vincenzo, SICILIANO
,Massimo, SPAGNOLO Antonio, POLITO Bruno, POLIFRONI Giancarlo,
GUARNIERI Pietro, FABIANO Giuseppe, MALAFARINA Rocco, RASO Giuseppe,
FURFARO Giovanni, PELLE Antonio Pasquale, PELLE Massimo, FRAGOMENI
Salvatore, IETTO Carmelo Gaetano, BARBARO Rosario CI. 40, PERRE Giuseppe CI.
37
A) Del reato di cui all' art. 416 bis commi 1, 2,3, 4, 5 e 6 C.P., per aver fatto parte, con
altre persone allo stato non ancora individuate, nonch con, tra gli altri, PELLE Giuseppe,
PELLE Domenico CI. 75, AQUINO Rocco, AQUINO Giuseppe, COMMISSO
Giuseppe CI. 47, MAESANO Giovanni, TRIPODO Antonino Venanzio (nei cui
confronti si procede separatamente) dell'associazione matiosa denominata 'ndrnngheta,
operante sul temtorio della provincia di Reggio Calabria, del temtorio nazionale ed estero
costituita da molte decine di locali, articolate in tre mandamenti e con organo di vertice
denominato "Provincia", associazione che si awale della forza d'intimidazione del vincolo
associativo e della condizione di assoggettamento e di omert che ne deriva, allo scopo di:

commettere delitti in materia di armi, esplosivi e munizionamento, contro il


patrimonio, la vita e l'incolumit individuale, in particolare commercio di sostanze
stupefacenti, estorsioni, usure, furti, rapine, abusivo esercizio di attivit finanziaria,
riciclaggio, reimpiego di denaro di provenienza illecita in attivit economiche,
corruzioni, favoreggiamento di latitanti, corruzione e coercizione elettorale,
intestazione fittizia di beni, ricettazione, omicidi;
acquisire direttamente e indirettamente la gestione e10 controllo di attivit economiche,
in particolare nel settore edilizio, movimento terra, taglio boschivo, attivit
commerciali;
acquisire in modo diretto (mediante la stipula di vari contratti di subappalto) ed
indiretto (mediante accordi collusivi, violazioni in materia di subappalti, violazione ai
contratti di nolo "a freddo", accaparramento delle forniture e guardiania abusiva), la
gestione o comunque il controllo di concessioni, di autorizzazioni, appalti pubblici
(accaparramento totale o comunque in regime di monopolio delle varie gare d'appalto
bandite da vari Enti locali per lavori d'opera);
ostacolare il libero esercizio del voto, procurare a s e ad altri voti in occasione di
competizioni elettorali, convogliando in tal modo le preferenze su candidati a loro
vicini in cambio di future utilit; condizionando l'elezione di organi istituzionali (quali,
ad esempio, il Presidente della Comunit Montana "Aspromonte orientale");
conseguire per s e per altri vantaggi ingiusti.
Con l'aggravante per essere l'associazione armata,
Con l'aggravante che le attivit economiche di cui gli associati intendono assumere o
mantenere il controllo sono tinanziate in tutto o in parte con il prezzo, il prodotto, il
profitto di delitti;
1n particolare:
MELIA Vincenzo, ROMANO Nicola, NESCI Nicola, VARACALLI Giuseppe,
FABIANO Giuseppe, RASO Giuseppe facevano parte di una articolazione
dell'associazione denominata "Corona", struttura cui facevano capo i "locali" di
'ndrangheta di Antonimina, Cimin, Ardore, Cirella di Plati e Canolo, tinalizzata al
controllo mafioso dei temtori di tali Comuni ed al raggiungimento degli scopi sopra
elencati awalendosi: della forza d'intimidazione del vincolo associativo e della condizione
di assoggettamento e di omert che ne deriva; delle "doti" da ciascuno possedute
all'interno dell'organizzazione; dei vantaggi e collegamenti derivanti dalle sinergie
criminali prodotte dal coordinamento dei cinque "locali" sopra menzionati; degli stretti
rapporti con esponenti di rilievo del mondo politico e della massoneria; dei legami
criminali con gli esponenti delle principali famiglie mafiose della provincia reggina, quali i
Commisso di Siderno, i Cord di Locri, i Pelle di S. Luca, d i Aquino di Marina di Gioiosa
Jonica, i Vallelunga di Serra S. Bruno, i Barbaro di Plat, gli Ietto di Natile di Careri, i
Primerano di Bovalino e con personaggi di assoluto spessore criminale all'interno della
'ndrangheta, quali, tra gli altri, Maesano Giovanni, Tripodo Antonino Venanzio.
bIELIA Vincenzo, nella qualit di "Capo Corona", era posto al vertice della struttura, con
compiti di decisione, pianificazione e indivicluuzione delle azioni e delle strategie e, altres
impartendo le direttive agli associati; in particolare, dirigendo e organizzando il sodalizio,
assumendo le decisioni pi rilevanti, impartendo le disposizioni o comminando sanzioni
agli altri associati a lui subordinati, decidendo e partecipando ai riti di affiliazione,
conferendo agii altri associati cariche e doti, curando i rapporti con le altri articolazioni
dell'associazione, in particolare con la 'ndrangheta australiana e con la famiglia Gambino
del Connecticut (USA), dirimendo contrasti interni ed esterni al sodalizio, gestendo in
prima persona l'attivit di esercizio abusivo del credito e l'attivit usuraria.
ROMANO Nicola, nella qualita di "Capo Consigliere della Corona" e di capo locale di
Antonimina, faceva parte della struttura, in diretto contatto con il Melia, con compiti di
decisione, pianificazione e individuazione delle azioni e delle strategie e, altres
impartendo le direttive agli associati del locale di appartenenza; in particolare, dirigendo e
organizzando il locale, assumendo le decisioni pi rilevanti, impartendo le disposizioni o
comminando sanzioni agli altri associati a lui subordinati, decidendo e partecipando ai riti
di affiliazione, conferendo agli altri associati cariche e doti, curando i rapporti con le altri
articolazioni dell' associazione nonch con esponenti del mondo politico e della
massoneria, gestendo in prima persona l'attivit di esercizio abusivo del credito e le attivit
imprenditoriali di interesse per il sodalizio (nel settore dei pubblici appalti e nel settore del
taglio boschivo), mettendosi a disposizione degli altri associati.
NESCI Nicola, nella qualita di "Mastro di Corona e Capo Consigliere della Corona" e di
capo locale di Cimin, faceva parte della struttura, in diretto contatto con il Melia, con
compiti di decisione, pianificazione e individuazione delle azioni e delle strategie e, altres
impartendo le direttive agli associati del locale di appartenenza; in particolare, dirigendo e
organizzando il locale, assumendo le decisioni pi rilevanti, impartendo le disposizioni o
comminando sanzioni agli altri associati a lui subordinati, decidendo e partecipando ai riti
di atfiliazione, conferendo agli altri associati cariche e doti, curando i rapporti con le altri
articolazioni dell' associazione nonch con esponenti del mondo politico e della
massoneria, mettendosi a disposizione degli altri associati.
VARACALLI Giuseppe, nella qualita di "Consigliere della Corona" e di capo locale di
Ardore, faceva parte della struttura, in diretto contatto con il Melia, con compiti di
decisione, pianificazione e individuazione delle azioni e delle strategie e, altresi
impartendo le direttive agli associati del locale di appartenenza; in particolare, dirigendo e
organizzando il locale, assumendo le decisioni pi rilevanti, impartendo le disposizioni o
comminando sanzioni agli altri associati a lui subordinati, decidendo e partecipando ai riti
di atfiliazione, conferendo agli altri associati cariche e doti, curando i rapporti con le altri
articolazioni dell' associazione nonch con esponenti del mondo politico e della
massoneria, gestendo in prima persona le attivit imprenditoriali di interesse per il
sodalizio (nel settore dei pubblici appalti), mettendosi a disposizione degli altri associati. ,l

FABIANO Giuseppe, nella qualit di appartenente alla "Coronay' e di capo locale di


Cirella di Plati, faceva parte della struttura, in diretto contatto con il Melia, con compiti di
ifi;
;i i

decisione, pianificazione e individuazione delle azioni e delle strategie e, altres


impartendo le direttive agli associati del locale di appartenenza; in particolare, dirigendo e
organizzando il locale, assumendo le decisioni pi rilevanti, impartendo le disposizioni o
comminando sanzioni agli altri associati a lui subordinati, decidendo e partecipando ai riti
di affiliazione, conferendo agli altri associati cariche e doti, curando i rapporti con le altri
articolazioni dell' associazione, mettendosi a disposizione degli altri associati.
RASO Giuseppe, nella qualit di appartenente alla "Corona" e di capo locale di Canolo,
faceva parte della struttura, in diretto contatto con il Melia, con compiti di decisione,
pianificazione e individuazione delle azioni e delle strategie e, altresi impartendo le
direttive agli associati del locale di appartenenza; in particolare, dirigendo e organizzando
il locale, assumendo le decisioni pi rilevanti, impartendo le disposizioni o comminando
sanzioni agli altri associati a lui subordinati, decidendo e partecipando ai riti di affiliazione,
conferendo agli altri associati cariche e doti, curando i rapporti con le altri articolazioni
dell' associazione nonch con esponenti del mondo politico e della massoneria, gestendo in
prima persona le attivit imprenditoriali di interesse per il sodalizio (nel settore dei
pubblici appalti e nel settore del taglio boschivo).
VARACALLI Luigi, con la qualit di partecipe attivo alla associazione di stampo mafioso
denominata 'ndrangheta, con il compito di assicurare le comunicazioni tra gii associati,
partecipare alle riunioni ed eseguire le direttive dei vertici della societ e dell'
associazione, riconoscendo e rispettando le gerarchie e le regole interne al sodalizio.
Anziano "uomo d'onore" in diretto contatto con il capo corona Melia Vincenzo e con
Varacalli Giuseppe, rappresentava l'anello di congiunzione con l'articolazione australiana
del sodalizio e partecipava alle decisioni relative al conferimento di doti di 'ndrangheta ad
altri associati, anche residenti in Australia.
PARROTTA Felice, con la qualit di partecipe attivo alla associazione di stampo mafioso
denominata 'ndrangheta, con il compito di assicurare le comunicazioni tra gii associati,
partecipare alle riunioni ed eseguire le direttive dei vertici della societ e dell'
associazione, riconoscendo e rispettando le gerarchie e le regole interne al sodalizio.
Anziano "uomo d'onore" in diretto contatto con il capo corona Melia Vincenzo, con
Romano Nicola, gi operante in territorio torinese, svolgeva in particolare l'attivit di
esercizio abusivo del credito e praticava l'usura.
,MELIA Nicola, CARUSO Giuseppe n.m.i., con la qualit di partecipi attivi alla
associazione di stampo mafioso denominata 'ndrangheta, con il compito di assicurare le
comunicazioni tra gli associati, partecipare alle riunioni ed eseguire le direttive dei vertici
della societ e dell' associazione, riconoscendo e rispettando le gerarchie e le regole
interne al sodalizio. In diretto contatto con il capo corona Melia Vincenzo, collaboravano
alla gestione delle somme di denaro provento delle attivit illecite del Melia e di altri
associati.
MURDACA Domenico Francesco, ROMANO Giuseppe, FAZZARI Teresa,
FAZZARI Pierino, FAZZARI Vincenzo, SICILIANO Massimo, con la qualit di
partecipi attivi alla associazione di stampo mafioso denominata 'ndrangheta, in particolare
quali appartenenti al locale di Antonimina, con il compito di assicurare le comunicazioni
tra gii associati, partecipare alle riunioni ed eseguire le direttive dei vertici della societ e
dell' associazione, riconoscendo e rispettando le gerarchie e le regole interne al sodalizio.
Romano Giuseppe anche quale soggetto incaricato di detenere le armi per conto del
sodalizio. Fazzari Teresa, Fazzari Pierino, Fazzari Vincenzo, Siciliano Massimo anche
quali imprenditori di riferimento del sodalizio nel settore edile e, per quanto riguarda
Fazzari Teresa, anche nel settore del taglio boschivo e della cornrnercializzazione del
legname.
SPAGNOLO Antonio, GUARNIERI Pietro, POLITO Bruno, POLIFRONI Giancarlo
SPAGNOLO Antonio, quale esponente di vertice, gii altri con la qualit di partecipi attivi
alla associazione di stampo mafioso denominata 'ndrangheta, in particolare quali
appartenenti al locale di Cimin, con il compito di assicurare le comunicazioni tra gli
associati, partecipare alle riunioni ed eseguire le direttive dei vertici della societ e dell'
associazione, riconoscendo e rispettando le gerarchie e le regole interne al sodalizio.
SICILIANO Giuseppe, BOVA Giuseppe, BOVA Bruno, PARLONGO Bruno,
VARACALLI Rocco Bruno, NAPOLI Antonio, MACRI' Giovanni, con la qualit di
partecipi attivi alla associazione di stampo mafioso denominata 'ndrangheta, in particolare
quali appartenenti al locale di Ardore, con il compito di assicurare le comunicazioni tra gli
associati, partecipare alle riunioni ed, eseguire le direttive dei vertici della societ e dell'
associazione, riconoscendo e rispettando le gerarchie e le regole interne al sodalizio.
Parlongo Bruno e Varacalli Rocco Bruno anche quali imprenditori di riferimento del
sodalizio nel settore edile. Bova Bruno anche quale esponente politico di riferimento del
sodalizio.
MALAFARINA Rocco, con la qualit di partecipe attivo alla associazione di stampo
matioso denominata 'ndrangheta, in particolare quali appartenenti al locale di Cirella di
Plat, con il compito di assicurare le comunicazioni tra gli associati, partecipare alle
riunioni ed eseguire le direttive dei vertici della societ e dell' associazione, riconoscendo e
rispettando le gerarchie e le regole interne al sodalizio, sostituendo Fabiano Giuseppe nei
periodi di detenzione di quest'ultimo.
FURFARO Giovanni, PELLE Antonio Pasquale, PELLE Massimo, con la qualit di
partecipi attivi alla associazione di stampo mafioso denominata 'ndra'ngheta, in particolare
quali appartenenti al locale di Canolo, con il compito di assicurare le comunicazioni tra gli
associati, partecipare alle riunioni ed eseguire le direttive dei vertici della societ e dell'
associazione, riconoscendo e rispettando le gerarchie e le regole interne al sodalizio. Pelle
Antonio Pasquale e Pelle Massimo anche coadiuvando Raso Giuseppe nel settore del taglio
boschivo.
IETTO Carmelo Gaetano, con la qualit di partecipe attivo alla associazione di stampo
mafioso denominata 'ndrangheta, in particolare quali appartenenti alla "societ maggiore"
del locale di Natile di Careri, con il compito di assicurare le comunicazioni tra gli associati,
partecipare alle riunioni ed eseguire le direttive dei vertici della societ e dell'
associazione, riconoscendo e rispettando le gerarchie e le regole interne al sodalizio, in
diretto contatto con elementi apicali della "corona" come Romano Nicola.
FRAGOMENI Salvatore, faceva parte della 'ndrangheta e segnatamente del "locale" di
Gerace, con lo scopo di assicurare il controllo mafioso del temtori di tale Comune e di
raggiungere gli scopi sopra elencati awalendosi della forza d'intimidazione del vincolo
associativo e della condizione di assoggettamento e di omert che ne deriva, riconoscendo
le gerarchie e le regole interne al sodalizio e ponendo in essere atti intimidatori.
BARBARO Rosario CI. 40 - PERRE Giuseppe CI. 37, facevano parte, quali esponenti di
a vertice, della 'ndrangheta e segnatamente del "locale" di Plati, con lo scopo di assicurare il
controllo mafioso del temtori di tale Comune e di raggiungere gli scopi sopra elencati
avvalendosi della forza d'intimidazione del vincolo associativo e della condizione di
assoggettamento e di omert che ne deriva, riconoscendo le gerarchie e le regole interne al
sodalizio, ponendo in essere atti intimidatori, acquisendo in modo diretto ed indiretto
(anche mediante accordi collusivi con altri esponenti della 'ndrangheta) il controllo di
attivit economiche e settori commerciali (quale quello del taglio boschivo).
Con l'aggravante, per MELIA Vincenzo, ROMANO Nicola, NESCI Nicola,
SPAGNOLO Antonio, VARACALLI Giuseppe, FABIANO Giuseppe, U S O
Giuseppe, BOVA Giuseppe, VARACALLI Luigi, IETTO Carmelo Gaetano,
BARBARO Rosario CI. 40, di rivestire la qualit di capo e organizzatore, dirigendo e
organizzando il sodalizio, assumendo le decisioni pi rilevanti, impartendo le disposizioni
o comminando sanzioni agli altri associati a lui subordinati, decidendo e partecipando ai
riti di aftiliazione curando rapporti con le altri articolazioni dell' associazioni, dirimendo
contrasti interni ed esterni al sodalizio.
Con la precisazione che si tratta di reato transnazionale ex art. 3 lett. B) e C) I. n. 14612006
in quanto commesso in Italia, in Australia, Canada, Stati Uniti, da gruppo criminale
organizzato impegnato in attivit criminali in pi di uno stato.
Fatti commessi ed accertati in Ardore, Antonimina, Canolo, Cimin, Cirella di Plat,
Plat, Natile di Careri, S. Luca, Locri, Gerace, Marina di Gioiosa Jonica, Siderno,
Cittanova e Rosarno (RC) con collegamenti con la citth di Reggio Calabria ed
all'estero, in particolare in Canada, negli Stati Uniti ed in Australia in data
antecedente e prossima aii'anno 2006 con condotta in atto

RASO Giuseppe:
B) delitto p.p. dagli artt. - 110 - 424 - 628 co. 1 e 3 - 7 1. n. 203191, perch, con pi
azioni esecutive del medesimo disegno criminoso, in concorso con altri soggetti allo stato
non identificati, allo scopo di trarne un ingiusto profitto e, nello specifico, anche al fine di
partecipare, a titolo estorsivo, alla spartizione dei proventi derivanti dall'esecuzione dei
lavori di costruzione delle nuove Terme di Antonimina, mediante violenza e minaccia,
derivante dalla forza di intimidazione sprigionata dall'appartenenza alla 'ndrangheta ed in
particolare quale capo locale di Canolo (RC):
decideva e dava mandato di eseguire una rapina ai danni dell'imprenditore di Cittanova
Ligato Giuseppe, titolare di un'impresa edile facente parte dell'ATI cui erano stati
rippaltati dal comune di Antonimina i lavori per la costruzione delle nuove Terme di
Antonimina, il quale in data 3 1.03.06 in Cimin (RC) veniva costretto, dietro la minaccia
di un'arrna da fuoco, a consegnare a due individui travisati la propria autovettura Lancia
Lybra tg BP063DR - poi data alle fiamme - ed il proprio apparecchio cellulare;
cos procurandosi un ingiusto profitto con altrui danno.
Con l'aggravante di aver commesso il fatto facendo parte di un'associazione di cui all'art.
416bis C.P.e di essere il mandante di una rapina ef'fettuata da pi persone riunite e con il
volto travisato.
Con I'aggravante di aver commesso il ttto awalendosi delle condizioni di cui all'art.
416bis C.P.e per agevolare I'organizzazione matiosa di appartenenza di cui al capo A.
In Cimin, Antonimina e Canolo (RC) dal 31.03.06 fino ad una data ant. e pross. al
16.08.07

ROMANO Nicola - AQUINO Giuseppe:


C) delitto p.p. dagli artt. 110 - 610 C.P. - 7 1. n. 203191, perch, in concorso tra di loro,
mediante violenza e minaccia, derivante dalla forza di intimidazione sprigionata
dall'appartenenza alla 'ndrangheta - ed in particolare Aquino Giuseppe quale esponente di
spicco della cosca "Aquino" operante in Marina di Gioiosa Jonica (RC) e Romano Nicola
quale capo locale di Antonimina (RC) - e pronunciando frasi di chiaro tenore intimidatorio
quali: "volete smetterla se no vi facciamo alzare i tacchi e ve ne andate pure di qua da
Gioiosa.. .ti avevo avvertito ... allora toccate storto.. ." costringevano Bevilacqua Cosimo
n.m.i. - autore del furto del quadro elettrico di una gru in uso all'imprenditore Ligato
Giuseppe - a restituire quanto rubato.
Con l'aggravante di aver commesso il fatto awalendosi delle condizioni di cui all'art.
4 t6bis C.P.e per agevolare l'organizzazione mafiosa di appartenenza.
in iMarina di Gioiosa Jonica (RC) in epoca ricompresa tra il 02.05.06 ed il 04.05.06
MELIA Vincenzo
D) delitto p.p. da@ artt. 132 del D.I. n.385193 e 7 1. n. 203191, perch, cambiando in pi
occasioni assegni post-datati o cambiali in denaro liquido a diversi soggetti, tra i quali
certamente:
- Romano Nicola;
- Varacalli Rocco Bruno;
- Tassone Agostino;
- Barbaro Giuseppe;
- Varacalli Arturo;
- Cirillo Martello;
musol lino Girolamo;
- Nirta Antonio;
ovvero mediando tra questi e terzi soggetti n.i., ovvero prestando ai medesimi somme di
denaro, sempre dietro corrispettivo di un interesse, svolgeva abusivamente nei confronti
del pubblico una o pi delle attivit tinanziarie previste dall'art. 106 cornma 1 del predetto
d.lvo 385/93 senza essere iscritto nell'elenco previsto dal medesimo articolo, ed, in
particolare, erogava prestiti di danaro, in maniera stabile, ad un numero indeterminato di
persone.
Con l'aggravante d'aver commesso il fatto awalendosi delle condizioni di cui aii'art.
416bis C.P.; in particolare awalendosi della capacita intimidatoria derivante dalla sua
appartenenza alla 'ndrangheta ed, in particolare, aiia struttura mafiosa di cui al capo
A), nonch al fine di agevolare la medesima associazione.
In Ardore (RC) e zone limitrofe, tra l'anno 2006 e l'anno 2008

MELIA Vincenzo
E) delitto p.p. dagli artt. 644 co. 5 n. 3 C.P. e 7 L.203191, perch, quale corrispettivo della
consegna a titolo di prestito di una somma di danaro pari ad C. 5.000,00, si faceva
promettere e consegnare da TASSONE Agostino, dopo soli dieci giorni, la somma di
5.500,00, cos ottenendo da questi interessi usurari pari al 4.672,00% annuo sul capitale
prestato e quindi superiori al tasso sogiia previsto dalla legge (per il IV trimestre del 2006,
a1 19,17%).
Con I'aggravante di aver commesso il fatto in danno di soggetto in stato di bisogno.
Con l'aggravante d'aver commesso il fatto awalendosi delle condizioni di cui all'art.
4l6bis C.P.; in particolare awalendosi della capacit intimidatoria derivante dalla sua
appartenenza alla 'ndrangheta ed, in particolare, alla struttura mafiosa di cui al capo A).
In Ardore (RC) e zone limitrofe, nel mese di maggio del 2007 V-
,tJ

MELIA Vincenzo
F) delitto p.p. dagli artt. 110, 644 C.P. e 7 L.203191, perch, quale corrispettivo del
cambio in denaro liquido di un assegno post-datato di 5.629,00 con scadenza a 90 gg., si
faceva promettere da ROMANO Nicola il pagamento ad un terzo soggetto n.i. della
somma di 350,OO a titolo di interesse, cos concorrendo a procurare, a questi, interessi
usurari pari al 32,6 1% annuo sul capitale prestato e quindi superiori al tasso soglia previsto
dalla legge (per il I trimestre del 2007, al 19,32%).
Con I'aggravante d'aver commesso il fatto avvalendosi delle condizioni di cui all'art.
4l6bis C.P.; in particolare awalendosi della capacit intimidatoria derivante dalla sua
appartenenza alla 'ndrangheta ed, in particolare, alla struttura matiosa di cui al capo A).
In Ardore (RC) e zone limitrofe, in data 29 marzo 2007
ROMANO Nicola
C) delitto p.p. da@ artt. 132 del D.I. n.385193 e 7 1. n. 203191, perch, cambiando in pi
occasioni assegni post-datati o cambiali in denaro liquido a diversi soggetti, owero
prestando ai medesimi somme di denaro, svolgeva abusivamente nei confronti del pubblico
una o pi delle attivit finanziarie previste dall'art. 106 c o m a 1 del predetto d.lvo 385193
senza essere iscritto nell'elenco previsto dal medesimo articolo, ed, in particolare, erogava
prestiti di danaro, in maniera stabile, ad un numero indeterminato di persone, tra le quali
certamente:
Monteleone Rita;
- Pelle Domenico;
Con I'aggravante d'aver commesso il fatto awalendosi delle condizioni di cui all'art.
416bis C.P.; in particolare awalendosi della capacita intimidatoria derivante dalla sua
appartenenza alla 'ndrangheta ed, in particolare, alla struttura mafiosa di cui al capo A),
nonch al fine di agevolare la medesima associazione.
In Antonimina (RC) e zone limitrofe, tra I'anno 2006 e I'anno 2008

PARROTTA Felice
H) delitto p.p. dagli artt. 132 del D.I. n.385193 e 7 1. n. 203191, perch, cambiando in pi
occasioni assegni post-datati o cambiali in denaro liquido a diversi soggetti, owero
prestando ai medesimi somme di denaro, svolgeva abusivamente nei confronti del pubblico
una o pi delle attivit tinanziarie previste dall'art. 106 comma 1 del predetto d.lvo 385193
senza essere iscritto nell'elenco previsto dal medesimo articolo, ed, in particolare, erogava
prestiti di danaro, in maniera stabile, ad un numero indeterminato di persone, tra le quali
certamente:
Romeo Cirolamo;
Varacalli Rocco Bruno;
Carreffa Pasquale;
Con I'aggravante d'aver commesso il fatto awalendosi delle condizioni di cui all'art.
416bis C.P.; in particolare awalendosi della capacita intimidatoria derivante dalla sua
appartenenza alla 'ndrangheta ed, in particolare, alla struttura matiosa di cui al capo A),
nonch al fine di agevolare la medesima associazione.
In Ardore (RC) e zone limitrofe, tra I'anno 2006 e I'anno 2008

PARROTTA Felice
1) delitto p.p. dagli artt. 644 co. 5 n. 3 C.P. e 7 L.203191, perch, quale comspettivo della
consegna a titolo di prestito di una somma di danaro pari ad E. 14.000,00, si tceva
promettere e consegnare da GARREFFA Pasquale, nr. 10 effetti cambiari privi di scadenza
dell'importo di 2.000,OO ciascuno (per un totale di 20.000,OO di cui 6.000,OO a titolo
di interessi), e quindi, in considerazione della durata del rapporto di finanziamento,
interessi usurari pari al 24,09 % annuo sul capitale prestato e quindi superiori al tasso
soglia previsto dalla legge (per il Il trimestre del 2005, al 20,55%).
Con I'aggravante di aver commesso il fatto in danno di soggetto in stato di bisogno.
Con I'aggravante d'aver commesso il fatto awalendosi delle condizioni di cui all'art.
416bis C.P.; in particolare awalendosi della capacit intimidatoria derivante dalla sua
appartenenza alla 'ndrangheta ed, in particolare, alla struttura matiosa di cui al capo A),
nonch al tine di agevolare la medesima associazione.
In Ardore (RC) e zone limitrofe, fino al mese di novembre del 2006
PRIMERANO Francesco
L) delitto p.p. dagli artt. 132 del D.I. n. 385193 e 7 1. n. 203i91, perch, cambiando in pi
occasioni assegni post-datati o cambiali in denaro liquido a diversi soggetti, owero
prestando ai medesimi somme di denaro, svolgeva abusivamente nei confronti del pubblico
una o pi delle attivit finanziarie previste dall'art. 106 comma 1 del predetto d.lvo 385193
senza essere iscritto nell'elenco previsto dal medesimo articolo, ed, in particolare, erogava
prestiti di danaro, in maniera stabile, ad un numero indeterminato di persone.
Con l'aggravante d'aver commesso il fatto awalendosi delle condizioni di cui all'art.
416bis C.P.; in particolare awalendosi della capacit intimidatoria derivante dalla sua
appartenenza alla famiglia Primerano di Bovalino.
In Ardore (RC) e zone limitrofe, tra l'anno 2006 e l'anno 2008, condotta in atto

AGRESTA Francesco
M) delitto p.e p. dagli artt. 378 C.P., 7 1. n. 203191, per avere aiutato BARBARO
Giuseppe CI. 68 a sottrarsi alle ricerche dell'Autorit ed in particolare all'esecuzione della
Ordinanza di custodia cautelare Proc. Pen. 5 1512004 R.G.N.R. DDA, nr. 24512005 R.GIP e
nr. 1412005 ROCC del 08.0 1.2007 fornendogli un supporto logistico in occasione dei suoi
spostamenti e comunque trasmettendo messaggi per suo conto ad altri soggetti (tra questi
sicuramente Melia Vincenzo), nella consapevolezza del suo stato di latitanza.
Con l'aggravante di aver commesso il fatto per agevolare l'attivit della cosca mafiosa dei
Barbaro di Plati.
in Ardore, Plat ed Oppido Mamertina (RC) il 07.07.2005

ROMANO Nicola
N) delitto p.p. dagli artt. 81 cpv. - 640 comrna 2 C.P. - 7 1. n. 203191, perch, in
esecuzione del medesimo disegno criminoso, quale dipendente dell'A.F.0.R. in qualit di
Responsabile e con la qualifica di C.SQ.FF. (Capo squadra forestali), con artifizi e raggiri
consistiti nel far risultare regolarmente la sua presenza sul posto di lavoro negli appositi
registri delle presenze, quando in realt lo stesso durante l'orario di lavoro si assentava
sistematicamente, e cos inducendo in errore il suddetto ente pubblico circa il corretto
svolgimento della prestazione lavorativa dovuta, si procurava il profitto consistente
dell'indebita percezione, nel periodo aprile 2006-gennaio 2008, della retribuzione e delle
indennit previste dalla legge, con relativo danno per l'ente.
Con l'aggravante d'aver commesso il fatto awalendosi delle condizioni di cui all'art. , ,4
4l6bis C.P.; in particolare awalendosi della capacit intimidatoria derivante dalla sua , ,
appartenenza alla 'ndrangheta ed, in particolare, alla struttura mafiosa di cui al capo A),
nonch al tine di agevolare la medesima associazione.
In Antonirnina (RC), dall'aprile 2006 al gennaio 2008

ROMANO Nicola
0) delitto p.p. dagli artt. 81 cpv. C.P.- 2 1. n. 895167 - 7 1. n. 203191, perch, in
esecuzione del medesimo disegno criminoso, deteneva illegalmente un mitra e pi fucili
automatici.
Con l'aggravante d'aver commesso il fatto awalendosi delle condizioni di cui all'art.
4 16bis C.P.; in particolare awalendosi della capacit intimidatoria derivante dalla sua
appartenenza alla 'ndrangheta ed, in particolare, alla struttura mafiosa di cui al capo A),
nonch al fine di agevolare la medesima associazione.
In Antonimina (RC) e zone limitrofe, in data ant. e pross. al 27.07.2008

ROMANO Nicola, SICILIANO Massimo, FAZZARI Pierino, FAZZARI Vincenzo e


i+IONTELEONETeresa:
P) del delitto p. e p. dagli artt. 81 cpv.-110-513bis co I e I1 C.P.e 7 1. nr. 203191, perch
in concorso tra loro ed in esecuzione di un medesimo disegno criminoso, ponevano in
essere atti di illecita concorrenza sleale volti al controllo o comunque al condizionamento
della aggiudicazione e della esecuzione dei pi rilevanti e remunerativi appalti pubblici
banditi dal Comune di Antonimina; in particolare, stringevano un accordo collusivo
mirante, attraverso la fraudolenta predisposizione di offerte e10 attraverso rapporti di sub-
appalto (lecito o illecito) dei lavori, alla imposizione esterna della scelta delle ditte
destinate ad aggiudicarsi gli appalti o comunque ad eseguire di fatto i lavori sulla base di
una logica spartitoria improntata ad un criterio di tumazione tra le ditte interessate
all'accordo (F.P. di FAZZARI Pierino e C. S.A.S.; ditta Siciliano Geom. Massimo; ditta
Monteleone Teresa) e dettata dagli equilibri mafiosi esistenti nel territorio di Antonimina;
attivit illecita resa possibile dall'intervento intimidatorio e dallo spessore mafioso di
ROMANO Nicola, "capo locale" di Antonimina, e della famiglia Fazzari, legata sia al
Romano che a RASO Giuseppe, "capo locale" di Canolo.
Con I'aggravante di avere commesso il fatto per attivit finanziata in tutto o in parte dallo
Stato.
Con I'aggravante d'aver commesso il fatto awalendosi delle condizioni di cui all'art.
4 16bis C.P.; in particolare awalendosi della capacit intimidatoria derivante dalla sua
appartenenza alla 'ndrangheta ed, in particolare, alla struttura matiosa di cui al capo A),
nonch al fine di agevolare la medesima associazione.
In Antonimina (RC) in data antecedente e prossima aii'anno 2006, condotta in atto.

ROMANO Nicola - GIRONDA Filippo - BASILE Giulio - ZANGARA Francesco -


-
GARGIULO Ilari0 IMARVELLIAntonio - SALVINI Fabio - SICILIANO Massimo
Q)deldelittop.ep.dagliartt.40 c.2,81 c.2, 110,640 c.2 nr.l,61 nr.7e 9 C.P. e art.7
I. nr. 203191, perch, in concorso tra loro, con piu azioni ed omissioni esecutive del
medesimo disegno criminoso, poste in essere anche in tempi diversi, in violazione della
stessa e di diverse disposizioni di legge, nell'esercizio delle rispettive funzioni e qualit
(Gironda Filippo quale formale aggiudicatario dell'appalto pubblico di seguito indicato,
Siciliano Massimo quale formale titolare dell'impresa cui vengono subappaltati parte dei
lavori per un importo di 90.000,00, Romano Nicola quale effettivo esecutore dei lavori e
,
'\ t
beneficiario finale dei conispettivi; Salvini Fabio quale stretto collaboratore del Romano
Nicola, Basile Giulio e Zangara Francesco quali Responsabili del procedimento, Gargiulo
Ilario e Marvelli Antonio quali componenti della Direzione Lavori), ponevano in essere,
nell'esecuzione del contratto d'appalto concluso tra il Comune di Gerace e G.F.
Costruzioni - Lavori edili e stradali del geom. GIRONDA Filippo di Giuseppe, avente ad
oggetto MANUTENZIONE STRAORDINA RiA OPERE DI VIABILITA ' COMUNALE-
C.DA ZIPARI E COSTRUZIONE PONTE SUL TORRENTE CANNONE, gi artifici e
raggiri di seguito indicati:
- falso ideologico e abuso d'ufficio nella Determina N. 05 del 27.01.2005, nel SAL nr. 3,
nei verbali di sospensione lavori del 1 Aprile 2005, 1 Agosto 2005, 18 Novembre 2005, 15
Giugno 2006 e 3 1 Agosto 2006, nel certificato di ultimazione lavori del 20.05.2007 (di cui
al seguente capo T);
- frode nelle pubbliche forniture (di cui al seguente capo U);
in modo tale che sembrassero regolarmente effettuate da parte della ditta G.F. Costmzioni-
Lavori edili e stradali del geom. GIRONDA Filippo di Giuseppe e dell'Impresa
Costruzioni SICILIANO Geom. Massimo (subappaltante) le prestazioni contrattuali
previste;
cos, con l'avallo del personale della DD.LL. nella persona di GARGIULO Ilario e
MARVELLI Antonio e dei R.U.P. BASILE Giulio e ZANGARA Francesco - che
consapevolmente omettevano i dovuti controlli e ponevano in essere i falsi di cui al capo
-
seguente inducevano il Comune di Gerace a procedere alla liquidazione delle spettanze
della predetta impresa per prestazioni in realt effettuate in maniera diffrme a quanto
previsto da progetto, e si procuravano un ingiusto ed ingente profitto [ammontante ad
291.664,72 oltre oneri di sicurezza e IVA importo complessivo dei lavori come da
aggiudicazione] con grave danno a carico dell'erario dello Stato.
Con l'aggravante d'aver commesso il fatto con le condizioni previste dall'art 416 bis C.P.
ed al fine di agevolare I'associazione mafiosa denominata 'ndrangheta ed in particolare il
sodalizio matioso di cui al capo A) nella articolazione capeggiata da Romano Nicola
operante in Antonimina.
in Gerace e Antonirnina (RC) fino al 18.07.2007.

ROMANO Nicola - GIRONDA Filippo - BASILE Giulio - ZANGARA Francesco -


GARGIULO Ilario - MARVELLI Antonio - SALVINI Fabio - SICILIANO Massimo
R) artt. 81 cpv., 110,479,61 n. 2 C.P. - 7 1. n. 203191, perch, in concorso tra loro e nelle
qualit indicate nel capo Q), per eseguire il reato di cui al capo precedente e procurare
intenzionalmente un ingiusto vantaggio patrimoniale a Romano Nicola, con pi azioni
esecutive di un medesimo disegno criminoso, nell'esercizio delle loro tunzioni ed in
relazione all'appalto di cui al medesimo capo, trmavano in violazione di legge gli atti di
seguito indicati:
- Determina nr.05 del 27 Gennaio 2005, a tirma del Responsabile Arch. BASILE Giulio '
(con la quale si attestava falsamente il rispetto delle condizioni di legge in materia e si ( C -- -
approvava un subappalto per categoria OG3 e quindi in misura non corrispondente alla ' l,'
categoria - OG8 - indicata nell'ot'ferta);
- S.A.L nr. 3 a firma del r.u.p. ZANGARA Francesco, dell'impresa e della DD.LL. (ove e
falsamente contabilizzato, con il bene placet della DD.LL., lo scavo roccia complessivo di
mc 3891.07, per un importo complessivo di 23.969,00, mentre lo scavo roccia veniva
effettuato soltanto per mc 1.000,00 circa);
- verbali di sospensione lavori, a firma della DD.LL., del 1 Aprile 2005, 1 Agosto 2005, 18
Novembre 2005, 15 Giugno 2006 e 3 1 Agosto 2006 (formati in data diversa e successiva
al 04.06.2007, attestanti falsamente la necessit di sospendere i lavori per le awerse
condizioni atmosfxiche);
- certificato di ultimazione lavori del 20.05.2007 a firma della DD.LL. (attestante
falsamente l'esecuzione definitiva di tutte le opere previste dal contratto di appalto a regola
d'arte, mentre, a quella data, risultavano lavori e posa in opera incompleti, per esempio in
relazione alla stesura dello strato di bitume, awenuta soltanto in data 23.05.2007, e
all'apposizione dei guard-rail).
Con l'aggravante d'aver commesso il fatto con le condizioni previste dall'art 416 bis C.P.
ed al tine di agevolare l'associazione mafiosa denominata 'ndrangheta ed in particolare il
sodalizio mafioso di cui al capo A) nella articolazione capeggiata da Romano Nicola
operante in Antonimina.
in Gerace e Antonimina (RC) fino a data successiva al 04.06.2007.

ROMANO Nicola - GIRONDA Filippo - BASILE Giulio - ZANGARA Francesco -


-
GARGIULO Ilario MARVELLI Antonio - SALVINI Fabio - SICILIAVO Massimo
S) del delitto p. e p. dagli artt. 40 c.2, 81 c.2, 110, 356 c.2 in relazione al 355 c.2 nr.1,
61 nr.2 e 9 C.P. e art. 7 1. nr. 203191, perch, in concorso tra loro e nelle qualit indicate
nel capo Q), con pi azioni ed omissioni esecutive del medesimo disegno criminoso, poste
in essere anche in tempi diversi, in violazione della stessa e di diverse disposizioni di
legge, per eseguire il reato di cui al capo S), commettevano frode nell'esecuzione del
contratto d'appalto concluso tra il Comune di Gerace e G.F. Costruzioni- Lavori edili e
stradali del geom. GIRONDA Filippo di Giuseppe, avente ad oggetto MANUTENZIONE
STRAORDINARIA OPERE DI VIABILITA ' COMUNALE-C.DA ZIPARI E
COSTRUZIONE PONTE SUL TORRENTE CANNONE - non adempiendo agli obblighi
derivanti dal predetto negozio giuridico ed in particolare non realizzando:
I. lo sbancarnento di circa 2700 mc di terra (nel 3" S.A.L. viene contabilizzato per
3891'07 ed effettuato solo per circa mc 1000, cfr. capo che precede);
2. la messa in sicurezza delle scarpate adiacenti al ponte (oggetto di costanti
movimenti franosi) come prescritto dalla DD.LL. nel verbale di sopralluogo del
05.04.2007;
3. lo spessore del bitume previsto per la pavimentazione del ponte, ridotto da 8 a 5
cm con un risparmio complessivo di 38,7 metri cubi di materiale;
i. non apponendo i previsti guard-rail ai margini del ponte;
con l'avallo del personale della DD.LL. nella persona di GARGIULO Ilario e MARVELLI
Antonio e dei R.U.P. BASILE Giulio e ZANGARA Francesco - che consapevolmente
omettevano i dovuti controlli. I,

Con l'aggravante d'aver commesso il fatto con le condizioni previste dall'art 416 bis C.P. /
,
y
l, l
ed al fine di agevolare l'associazione mafiosa denominata 'ndrangheta ed in particolare il
sodalizio mafioso di cui al capo A) nella articolazione capeggiata da Romano Nicola
operante in Antonimina.
in Gerace e Antonimina (RC) fino a data successiva al 18.07.2007.

ROMANO Nicola - SALVINI Fabio - SICILIANO Massimo MURDACA Giuseppe -


- LONGO Antonio - CONDELLI Dornenico:
T) del delitto p. e p. dagli artt. 40 c.2,81 c.2, 110, 640 c.2 nr.l,61 nr.7 e 9 C.P. e art. 7
1. nr. 203191, perch, in concorso tra loro, con pi azioni ed omissione esecutive del
medesimo disegno criminoso, poste in essere anche in tempi diversi, in violazione della
stessa e di diverse disposizioni di legge, nell'esercizio delle rispettive funzioni e qualit
(Siciliano Massimo quale formale aggiudicatario dell'appalto pubblico di seguito indicato,
Romano Nicola quale effettivo esecutore dei lavori e beneficiano finale dei comspettivi,
Salvini Fabio quale stretto collaboratore del Romano Nicola, Murdaca Giuseppe quale
Responsabile del procedimento, Longo Antonio e Condelli Domenico quali componenti
della Direzione Lavori), ponevano in essere, nell'esecuzione del contratto d'appalto
concluso tra il Comune di Antonimina e l'IMPRESA COSTRUZIONI SICILIANO Geom.
Massimo, avente ad oggetto i "LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE CAMPO DI CALCIO
IN LOCALITA ' BADESSA ", gli artifici e raggiri di seguito indicati:
- falso nella redazione del S.A.L. nr. 1, nel Certificato di ultimazione lavori, nel S.A.L. nr.
2 (di cui al seguente capo U)
- frode nelle pubbliche forniture (di cui al seguente capo V)
in modo tale che sembrassero regolarmente ef'fettuate da parte della ditta "IMPRESA
COSTRUZIONI SICILIANO Geom. Massimo" le prestazioni contrattuali previste;
cos, con l'avallo del personale della DD.LL. nella persona di LONGO Antonio e
CONDELLI Domenico e del R.U.P. MLIRDACA Giuseppe - che consapevolmente
omettevano i dovuti controlli e ponevano in essere i falsi di cui al capo seguente -
inducevano il Comune di Antonimina a procedere alla liquidazione delle spettanze della
predetta impresa per prestazioni in realt effettuate in maniera difforme a quanto previsto
da progetto, e si procuravano un ingiusto ed ingente profitto [ammontante ad 132.184,43
importo complessivo dei lavori come da aggiudicazione] con grave danno a carico
dell'erario dello Stato.
Con l'aggravante d'aver commesso il fatto con le condizioni previste dall'art 416 bis C.P.
ed al fine di agevolare l'associazione mafiosa denominata 'ndrangheta ed in particolare il
sodalizio mafioso di cui al capo A) nella articolazione capeggiata da Romano Nicola
operante in Antonimina.
in Antonimina (RC) fmo al 26.02.2007.

ROMANO Nicola - SALVINI Fabio - SICILIANO Massimo MURDACA Giuseppe -


- LONGO Antonio - CONDELLI Dornenico
U) artt. 81, 110, 323, 479, 61 n. 2 C.P.- 7 1. n. 203191, perch, in concorso tra loro e ,%r
nelle quaiith indicate nel capo T), per eseguire il reato di cui al capo precedente e ''0
procurare intenzionalmente un ingiusto vantaggio patrimoniale a Romano Nicola, con pi
azioni esecutive di un medesimo disegno criminoso, nell'esercizio delle loro funzioni ed in
relazione all'appalto di cui al medesimo capo, formavano in violazione di legge gli atti di
seguito indicati:
- S.A.L nr. l a tirma del r.u.p., dell'impresa e della DD.LL. (attestante falsamente
l'esecuzione di opere non ancora realizzate, tra cui la fomitura dell'S4% del terreno
speciale per campi da gioco previsto, mentre, alla data del S.A.L., era stata fornita una
quantit inferiore e, comunque, veniva fornito ed utilizzato semplice materiale inerte
proveniente dall'impianto della Calcestruzzi ed inerti di ROMANO Maria);
- certificato di ultimazione lavori a firma della DD.LL. del 23.1 1.2006 assunto al
protocollo N. 3874 del Comune di Antonimina (attestante falsamente I'ultimazione dei
lavori salvo "lavorazioni di piccola entit in rapporto alla globalita del progetto", per le
quali veniva assegnato un termine di l l gg., quando in realt erano ancora mancanti opere
signiticative quali le opere idrauliche nei servizi igienici, la tinteggiatura dei locali,
I'apposizione di parte della rete di protezione, che venivano completate non prima del
3 1.O 1.2007);
- S.A.L. nr. 2 in data 04.12.2006 a firma del r.u.p., dell'impresa e della DD.LL. (attestante
falsamente la conclusione delle opere, quando in realt erano mancanti le opere idrauliche
nei servizi igienici, la tinteggiatura dei locali, l'apposizione di parte della rete di
protezione, che venivano completate non prima del 3 1.O1 2007).
Con l'aggravante d'aver commesso il fatto con le condizioni previste dall'art 416 bis C.P.
ed al fine di agevolare l'associazione mafiosa denominata 'ndrangheta ed in particolare il
sodalizio mafioso di cui al capo A) nella articolazione capeggiata da Romano Nicola
operante in Antonimina.
in Antonimina (RC) fino al 04.12.2006.

ROMANO Nicola - SALVINI Fabio - SICILIANO Massimo MURDACA Giuseppe -


- LONGO Antonio - CONDELLI Domenico
V) del delitto p. e p. dagli artt. 10 c.2, 81 c.2, 110, 356 c.2 in relazione al 355 c.2 nr.1,
61 nr.2 e 9 C.P. e art. 7 1. nr. 203191, perche, in concorso tra loro e nelle qualiti
indicate nel capo T), con piu azioni ed omissioni esecutive del medesimo disegno
criminoso, poste in essere anche in tempi diversi, in violazione della stessa e di diverse
disposizioni di legge, per eseguire il reato di cui al capo V), commettevano frode
nell'esecuzione del contratto d'appalto concluso tra il Comune di Antonimina e
l'IMPRESA COSTRUZIONI SICILIANO Geom. Massimo, avente ad oggetto "LAVORI
DI RISTRUTTURAZIONE CAMPO DI CALCIO IN LOCALITA ' BADESSA " - non
adempiendo agli obblighi derivanti dal predetto negozio giuridico ed in particolare:
- impiegando calcestruzzi scadenti ed aventi caratteristiche strutturali difformi da quelle
prescritte (in particolare, cls rck maggiore o uguale a 250 kg/cmq, mentre veniva di fatto
utilizzato cls rck a 200 kglcmq);
- realizzando, in modo difforme da quanto previsto dal progetto, un muro di metri 3 di
altezza con un dislivello di centimetri 20;
- non utilizzando alcuni materiali previsti dal contratto. tra cui la resina per le pareti dei
servizi igienici, ed il terreno speciale per campi da gioco (in luogo del quale si utilizzava
'

'
+-
\

6
normale materiale inerte).
Con l'aggravante d'aver commesso il fatto con le condizioni previste dall'art 416 bis C.P.
ed al fine di agevolare l'associazione mafiosa denominata 'ndrangheta ed in particolare il
sodalizio mafioso di cui al capo A) nella articolazione capeggiata da Romano Nicola
operante in Antonimina.
in Antonimina (RC) fino al 04.12.2006.

ROMANO Nicola - ROMANO Maria:


- -
W) delitto p.p. dagli artt. 110 - 81 624- 625 n. 7, 632 639 bis C.P.- 7 L. N. 203191,
perch, in concorso tra loro e con Salvini Marco e Cataldo Giuseppe (dipendenti della
"Calcestruzzi e inerti di ROMANO Maria" nei cui confronti si procede separatamente) ed
allo scopo di trarne profitto, si impossessavano di una quantit non precisata di materiale
inerte, asportandolo dal greto della fiumara "S. Paolo" in Antonimina, cos causando il
mutamento dell'originario corso delle acque con deturpamento del paesaggio.
Con le aggravanti di aver commesso il fatto su un corso d'acqua e su un fondo pubblici,
destinati ad uso pubblico ed esposti per destinazione alla pubblica fede.
Con l'aggravante d'aver commesso il fatto awalendosi delle condizioni di cui all'art.
4 l6bis C.P. e al tine di agevolare la consorteria matiosa di cui al capo A.
In Antonimina-fiumara "S. Paolo" in data 08.01.2007

SALVINI Marco - SALVINI Fabio


Z) delitto p.p. dagii artt. 110 C.P. e 336 C.P., 7 l. n. 203191, perch, in concorso tra di
loro, usavano minaccia nei confronti del Mar. dei Carabinieri MOSCETTA Marco -
intervenuto nel controllo da cui scaturiva la denuncia a piede libero del Salvini Marco per
il reato di cui al capo precedente - consistita nel pronunciare al suo indirizzo le seguenti
frasi:
"Maresci, siete voi? Non lo riconoscete a mio fratello?"; " Tu sei quello che mi ha
rovinato!"; "Stai attento maresciallo perch da noi invece si pregano solo i morti";
per costringere il suddetto P. U. ad omettere di eflettuare rtlteriori controlli sul1 'attivit
della "Calcestruzzi e inerti di ROMANO Maria" e comunque ad omettere atti del proprio
irJf;ciopregirtdizievoli per i Salvin e per Romano Nicola.
Con l'aggravante di aver commesso il fatto awalendosi delle condizioni previste dall'art.
416 bis C.P. e al fine di agevolare le attivit dell'associazione mafiosa capeggiata da
Romano Nicola di cui al capo A.
in Locri (RC) il 22.07.2007

ROMANO Nicola - CATALDO Giuseppe


a - -
AA) delitto p.p. dagii artt. 110 - 81 624- 625 n. 7,632 639 bis C.P. - 7 L. N. 203191,
perch, in concorso tra loro ed allo scopo di trame profitto, in pi occasioni si
impossessavano di una quantit non precisata di materiale inerte, asportandolo dal greto
della fiumara "S. Paolo" in Antonimina, cos causando il mutamento dell'originario corso
delle acque con deturpamento del paesaggio.
Con le aggravanti di aver commesso il fatto su un corso d'acqua e su un fondo pubblici,
destinati ad uso pubblico ed esposti per destinazione alla pubblica fede.
Con l'aggravante d'aver commesso il fatto awalendosi delle condizioni di cui all'art.
4 16bis C.P.e al tine di agevolare la consorteria mafiosa di cui al capo A.
in Antonimina-fiumara "S. Paolo" in data 05.06.2007, 18.07.2007 e 31.07.2007
ROMANO Nicola
- -
AB) delitto p.p. dagli artt. 110 - 81 624- 625 n. 7, 632 639 bis C.P.- 7 L. N. 203191,
perch, in concorso con Cataldo Giuseppe (dipendente della "Calcestruzzi e inerti di
ROMANO Maria") e Romano Antonio (dipendente della ditta "La Radica" di Fazzari
Teresa), nei cui confronti si procede separatamente, ed allo scopo di trame profitto, si
impossessava di una quantit non precisata di materiale inerte, asportandolo dal greto della
fiumara "S. Paolo" in Antonimina, in prossimit dell'argine, cosi causando il mutamento
dell'originario corso delle acque con deturpamento del paesaggio.
Con le aggravanti di aver commesso il fatto su un corso d'acqua e su un fondo pubblici,
destinati ad uso pubblico ed esposti per destinazione alla pubblica fede.
Con l'aggravante d'aver commesso il fatto awalendosi delle condizioni di cui all'art.
4 l6bis C.P.e al fine di agevolare la consorteria mafiosa di cui al capo A.
In Antonimina-fiumara "S. Paolo" in data 04.09.2007

ROMANO Nicola - FAZZARI Pierino - FAZZARI Vincenzo


- -
AC) delitto p.p. dagli artt. 81 624- 625 n. 7,632 639 bis C.P.- 7 L. N. 203191, perch
allo scopo di trarne profitto, si impossessavano, in pi occasioni, ciascuno per rifornire il
proprio impianto di lavorazione, di una quantith non precisata di materiale inerte (circa
300.000 metri cubi, per un valore complessivo di 1.500.000,OO circa), asportandolo dal
greto della tiumara "S. Paolo" in Antonimina-Gerace, nel tratto ricadente in localit
"Stretto-Dottorazzo", cosi causando il mutamento dell'originario corso delle acque con
deturpamento del paesaggio (abbassamento medio del letto della fiumara di mt. 5 circa).
Con le aggravanti di aver commesso il fatto su un corso d'acqua e su un fondo pubblici,
destinati ad uso pubblico ed esposti per destinazione alla pubblica fede.
Con l'aggravante d'aver commesso il fatto awalendosi delle condizioni di cui all'art.
416bis C.P.e al tine di agevolare la consorteria matiosa di cui al capo A.
In Antonimina-Gerace fiumara "S. Paolon, localiti 'bStreito-Dottorazzo~'in data
06.09.2007

ROMANO Nicola
-
AD) Del reato p. e p. dagli artt. 110 81 cpv., 633, 639, bis C.P., 137 comma I D.L.vo
15212006, 279 co. 1 e 4 in relazione all'art. 269 co. 1 D. L.vo 151106, 89 in relazione
all'art. 4 D.L.vo 626194, artt. 40 e 50 D.L.vo 277191,256 co 1 lett. A) e B) co. 2 D.L.vo
152106,7 1. n. 203191, perch, in concorso con Romano Maria nei cui confronti si procede 1'

separatamente, in qualit di amministratore di fatto della ditta "Calcestruzzi ed inerti di


ROMANO Maria1' esercente l'attivit di lavorazione di materiale inerte e produzione %
' ,y
calcestruzzi, sita in C.da S. Croce del Comune di Antonimina, insistente su terreno di
propriet privata contraddistinto dalle particelle nr. 427, 428, 429, 515, 524 e 525 del
foglio di mappa catastale nr. 16 del predetto Comune, con pi azioni ed omissioni
esecutive di un medesimo disegno criminoso:
- realizzava uno scarico illecito di acque reflue industriali derivanti dall'impianto di
lavorazione inerti, contluenti nell'alveo della Aumara San Paolo di Gerace;
- attivava l'impianto di lavorazione inerti di cui sopra senza la prescritta autorizzazione e
senza la comunicazione dei dati relativi alle immissioni in atmosfera delle polveri prodotte
durante il ciclo di lavorazione;
- ometteva di effettuare il documento di valutazione dei rischi sulla sicurezza nei luoghi di
lavoro;
- ometteva di effettuare la valutazione fonometrica nei luoghi di lavoro;
- realizzava all'intemo dell'area interessata dall'impianto nonch in prossimit dello stesso
ed all'intemo dell'alveo della tiumara San Paolo di Gerace, una discarica abusiva di rifiuti
speciali pericolosi e non pericolosi costituiti da vari cumuli di fanghi disidratanti
provenienti dalla decantazione delle acque retlue industriali, veicoli fuori uso, traversine
ferroviarie dismesse, rottami ferrosi, pneumatici esausti, batterie esauste, parti meccaniche
di veicoli, tubi in plastica (PVC), cavi elettrici, imballaggi di legno, tavole dimesse da
carpenteria, cavi elettrici, cartellonistica stradale;
- invadeva arbitrariamente al fine di occuparlo e trarne altrimenti profitto, porzione
dell'alveo della fiumara San Paolo di Gerace situata nei pressi dell'impianto di cui sopra
depositandovi cumuli di materiale inerte lavorato.
Con I'aggravante, in relazione ai soli delitti sopra contestati, d'aver commesso il fatto al
fine di agevolare la consorteria mafiosa di cui al capo A.
In Gerace ed Antonimina (RC) fino al settembre del 2007

SICILIANO Massimo - SALVINI Marco - CATALDO Giuseppe


AE) delitto p.p. da@ artt. 110 - 349 commi 1 e 2 C.P. - 7 L. N. 203191, perch, in
concorso tra loro (e con Romano Maria nei cui confronti si procede separatamente),
violavano i sigilli apposti all'impianto di lavorazione inerti della "Calcestruzzi e inerti di
Romano Maria" apposti a seguito del sequestro dell'impianto dalla Procura della
Repubblica di Locri (p.p. n. 260108 rgnr) al fine di assicurare la conservazione e l'integrit
del bene.
Con l'aggravante di aver agito in concorso con la formale proprietaria e custode del bene.
Con l'aggravante d'aver commesso il fatto awalendosi delle condizioni di cui all'art.
4 l6bis C.P. e al fine di agevolare la consorteria matiosa di cui al capo A.
In Antonimina (RC) in data 05.02.2008

ROMANO Nicola - SALVINI Marco


- -
AF) delitto p.p. dagli artt. 81 cpv. - 110 624- 625 n. 7, 632 639 bis C.P. - 7 L. N. ,,
203191. perch. in concorso tra loro ed allo scopo di trame profitto, in pi occasioni si
impossessavano di una quantit non precisata di materiale inerte, asportandolo dal g e t o !f-
' 3
della fiumara "delle vigne" sita in c.da Vigne di Antonimina, cos causando il mutamento
dell'originario corso delle acque con deturpamento del paesaggio.
Con le aggravanti di aver commesso il fatto su un corso d'acqua e su un fondo pubblici,
destinati ad uso pubblico ed esposti per destinazione alla pubblica fede.
Con l'aggravante d'aver commesso il fatto avvalendosi delle condizioni di cui all'art.
4 l6bis C.P.e al tine di agevolare la consorteria matiosa di cui al capo A.
In Antonimina (RC)-fiumara "delle vigne" tra il 21.02.2008 ed il 29.02.2008
ROMANO Nicola - SICILIANO Massimo - SALVINI Marco
AG) delitto p.p. dagli artt. 110 - 624- 625 n. 7, 632 - 639 bis C.P. - 7 L. N. 203191,
perch, in concorso tra loro ed allo scopo di trame profitto, in pi occasioni si
impossessavano di una quantit non precisata di materiale inerte, asportandolo dal greto
della fiumara "Portigliola" sita tra i comuni di Antonimina e Portigliola, cos causando il
mutamento dell'originano corso delle acque con deturparnento del paesaggio.
Con le aggravanti di aver commesso il fatto su un corso d'acqua e su un fondo pubblici,
destinati ad uso pubblico ed esposti per destinazione alla pubblica fede.
Con I'aggravante d'aver commesso il fatto awalendosi delle condizioni di cui all'art.
4 l6bis C.P. e al fine di agevolare la consorteria mafiosa di cui al capo A.
In Antonimina e Portigliola (RC)-fiumara "Portigliola" in data 31.03.2008

VARACALLI Giuseppe - PARLONGO Bruno - VARACALLI Arturo


AH) del delitto p. e p. dagli artt. 81 cpv.-110-513bis co I e 11 C.P. e 7 1. nr. 203191,
perch in concorso tra loro ed in esecuzione di un medesimo disegno criminoso, ponevano
in essere atti di illecita concorrenza sleale volti al controllo o comunque al
condizionamento della aggiudicazione e della esecuzione dei pi rilevanti e remunerativi
appalti pubblici banditi dal Comune di Ardore; in particolare, stringevano un accordo
collusivo mirante, attraverso la tiaudolenta predisposizione di offerte e10 attraverso
rapporti di sub-appalto (lecito o illecito) dei lavori, alla imposizione estema della scelta
delle ditte destinate ad aggiudicarsi gli appalti o comunque ad eseguire di fatto i lavori
sulla base di una logica spartitoria dettata dagli equilibri mafiosi esistenti nel territorio di
Ardore; attivit illecita resa possibile dall'intervento intimidatorio e dallo spessore mafioso
di VARACALLI Giuseppe, "capo locale" di Ardore.
Con I'aggravante di avere commesso il fatto per attivit finanziata in tutto o in parte dallo
Stato.
Con l'aggravante d'aver commesso il fatto awalendosi delle condizioni di cui all'art.
416bis C.P.; in particolare awalendosi della capacit intimidatona derivante dalla sua
appartenenza alla 'ndrangheta ed, in particolare, alla struttura mafiosa di cui al capo A),
nonch al fine di agevolare la medesima associazione.
In Ardore(RC) in data antecedente e prossima all'anno 2006, condotta in atto.

I
PARLONGO Bruno - VARACALLI Rocco Bruno /T-
AI) delitto p.p. dagii artt. 110 - 8lcpv. - 648 C.P.- 7 L. N. 203191, perch, in concorso
tra loro ed allo scopo di trame proiitto, in pi occasioni acquistavano o comunque
ricevevano da Cosmo Antonio, Cosmo Domenico e Cosmo Giuseppe una quantit non
precisata di materiale inerte, di provenienza delittuosa perch asportato senza titolo da una
cava abusiva a cielo aperto sita in c.da Randaci del comune di S. Luca.
Con l'aggravante d'aver commesso il fatto al fine di agevolare la consorteria matiosa di cui
al capo A.
In Ardore (RC) tra la fine dell'anno 2006 e i primi mesi dell'anno 2007
PARLONGO Bruno - VARACALLI Rocco Bruno
-
AL) delitto p.p. dagli artt. 110, 81 cpv. 624- 625 n. 7, 632 - 639 bis C.P. - 7 L. N.
203191, perch, in concorso tra loro ed allo scopo di trame protitto, in pi occasioni si
impossessavano di una quantit non precisata di materiale inerte, asportandolo dal peto
della tiumara "Condojami" sita nel Comune di Ardore, cos causando il mutamento
dell'originario corso delle acque con deturpamento del paesaggio.
Con le aggravanti di aver commesso il fatto su un corso d'acqua e su un fondo pubblici,
destinati ad uso pubblico ed esposti per destinazione alla pubblica fede.
Con l'aggravante d'aver commesso il fatto al fine di agevolare la consorteria mafiosa di cui
al capo A.
In Ardore (RC)-fiumara "Condojanni" in data ant. al 28.02.2007, il 02.03.2007, il
17.03.2007

ROMANO Nicola - RASO Giuseppe - BARBARO Rosario - CIRILLO Marcello -


PELLE Antonino Pasquale - PELLE Massimo
AM) del delitto p. e p. dagli artt. 81 cpv.-110-513bis C.P.e 7 1. nr. 203191, perch in
concorso tra loro e con VALLELUNGA Damiano (deceduto) ed in esecuzione di un
medesimo disegno criminoso, ponevano in essere atti di illecita concorrenza sleale volti al
controllo o comunque al condizionamento del settore del taglio boschivo e del settore della
commercializzazione del legname nella zona pre-aspromontana a cavallo tra la locride e la
piana di Gioia Tauro; in particolare, stringevano un accordo collusivo (tra il gruppo
Romano-Cirillo-Vallelonga, il gruppo Raso-Pelle ed i Barbaro di Plati) mirante
all'accaparrarnento, in regime di oligopolio, delle sezioni di taglio insistenti, nella zona
predetta, su terreni privati owero appartenenti ad enti pubblici e ad una gestione della
commercializzazione del legname volta alla spartizione degli affari dettata dagli equilibri
mafiosi esistenti nel territorio ed alla esclusione dal mercato, se necessario mediante atti di
intimidazione (cfr. capo seguente), di imprese non partecipanti all'accordo; attivit illecita
resa possibile dall'intervento intimidatorio e dallo spessore mafioso di: ROMANO Nicola,
"capo locale" di Antonimina; RASO Giuseppe, "capo locale" di Canolo; VALLELUNGA
Damiano, esponente di spicco della omonima cosca operante in Serra San Bruno;
BARBARO Rosario esponente di spicco della omonima cosca operante in Plati.
Con l'aggravante d'aver commesso il fatto awalendosi delle condizioni di cui all'art.
4 16bis C.P.; in particolare awalendosi della capacit intimidatoria derivante dalla loro I
appartenenza alla 'ndrangheta (nelle articolazioni di cui al capo A), nonch al fine di
agevolare la medesima associazione.
In Antonirnina, Canolo, Serra San Bruno e Plati in data antecedente e prossima
all'anno 2005, fino aii'anno 2008.

-
CIRiLLO Marcello IANTORNO Franco ZAFFINO Bruno -
.AN)del delitto p. e p. dagli artt. 110 - 610 C.P.e 7 1. n. 203191, perch, in concorso tra
loro (Cirillo e lantomo quali mandanti, Zaffino quale esecutore materiale) ed allo scopo di
trame protitto, proferendo con tono minaccioso le seguenti fiasi: "Non ti azzardare l a
vendergli.. . non ti permettere.. . a vendergli i pali .. . nemmeno Stella che, altrimenti, vado
io da Stella, chiamo io Stella e Stella non si permette ... e nessuno gli portano pali"
ull'indirizzo di un rappresentante della ditta Stella di Bari, operante nel settore della
commercializzazione del legname, costringevano questi a non promuovere per conto della
ditta Stella di Bari la vendita di 12.000 pali di castagno da 2 mt. ad una ditta operante in
Sardegna ed, in generale, a non promuovere la vendita di simili prodotti per conto di terzi e
a fornire a potenziali acquirenti notizie false circa i prezzi praticati nel settore, in modo da
favorire l'attivit del Cirillo.
Con l'aggravante d'aver commesso il fatto awalendosi delle condizioni di cui all'art.
416bis C.P.; in particolare awalendosi della capacit intimidatoria derivante dalla
appartenenza del Cirillo al "cartello" di cui al capo che precede e dalla sua vicinanza a
Vallelunga Damiano.
In Serra San Bruno (VV) in data 11.04.2007

- -
MEDIATI Alfredo MEDIATI Francesco Saverio MEDIATI Rocco Antonio CI.76 -
-
MEDIATI Rocco Antonio CI. 81 IEROPOLI Rocco Antonio
AO) del delitto p. e p. dagli artt. 110,81 cpv. C.P.,12 quinquies D.L. 8 giugno 1992 nr.
306, conv. in L. 7 agosto 1992 nr.356, e art.7 L. nr.203191, perch, previo accordo tra
loro, al fine di eludere le disposizioni di legge in materia di misure di prevenzione
patrimoniale, con pi azioni esecutive del medesimo disegno criminoso, MEDIATI
Alfiedo, titolare di fatto della IEROMEDIA S.R.L., partita IVA 02398850806, con sede ad
Ardore via Colarr nr. l l e del complesso aziendale della impresa individuale IEROPOLI
Antonio Rocco (partita IVA 01440340808, con sede in Ardore via Calvario fiaz. San
Nicola), attribuiva in modo tittizio a MEDIATI Francesco Saverio e MEDIATI Rocco
Antonio, la esclusiva titolarit formale delle quote sociali della citata societ, nonch,
attraverso le seguenti operazioni tittizie:
e In data 11 Settembre 2006, concessione in atlitto della azienda IEROPOLI Antonio
Rocco alla IEROMEDIA S.R.L;
e In data 6 Dicembre 2006 trasferimento d'azienda da IEROPOLI Antonio Rocco
alla IEROMEDIA S.R.L.;
e In data 15 Febbraio 2007 compravendita definitiva da IEROPOLI Antonio Rocco a
IEROMEDIA S.R.L.;
e In data 17 Luglio 2009 concessione in affitto del citato complesso aziendale da
IEROMEDIA S.R.L. a IEROPOLI Antonio Rocco;
attribuiva in modo fittizio a MEDIATI Francesco Saverio, MEDIATI Rocco Antonio

+-
(quali soci della citata s.r.1.) ed a IEROPOLI Rocco Antonio la disponibilit giuridica del
complesso aziendale della citata impresa individuale formalmente riconducibile a
IEROPOLI Rocco Antonio.
Con l'aggravante di aver commesso il fatto awalendosi delle condizioni previste dall'art
416 bis C.P. e per agevolare l'organizzazione mafiosa denominata 'ndrangheta ed in
particolare la cosca Barbaro di Plat.
In Ardore e Plat (RC) fino al 17.07.2009

-
BARBARO Giuseppe VALENTI Rocco
AP) del delitto p. e p. dagli artt. 110 C.P., 12 quinquies D.L. 8 giugno 1992 nr. 306,
conv. in L. 7 agosto 1992 nr.356, e art.7 L. nr.203191, perch, previo accordo tra loro, al
tine di eludere le disposizioni di legge in materia di misure di prevenzione patrimoniale,
BARBARO Giuseppe, titolare di fatto del ristorante "l1 peperoncino" con sede a Siderno in
Via Mario Pagano nr. 24, attribuiva in modo tittizio a VALENTI Rocco, la esclusiva
titolarit formale di tale attivit commerciale.
Con l'aggravante di aver commesso il fatto awalendosi delle condizioni previste dall'art
416 bis C.P. e per agevolare l'organizzazione mafiosa denominata 'ndrangheta ed in
particolare la cosca Barbaro di Plat.
In Plati e Siderno (RC) fino al 17.07.2009

ROMANO Nicola - ROMANO Maria


AQ) del delitto p. e p. dagli artt. 110,81 cpv. C.P., 12 quinquies D.L. 8 giugno 1992 nr.
306, conv. in L. 7 agosto 1992 nr.356, e art.7 L. nr.203191, perch, previo accordo tra
loro, al fine di eludere le disposizioni di legge in materia di misure di prevenzione
patrimoniale, con pi azioni esecutive del medesimo disegno criminoso, ROMANO
Nicola, titolare di fatto dell'impresa individuale CALCESTRUZZI ED iNERTI DI
ROMANO Maria con sede in Antonimina (RC) C.da Santa Croce, attribuiva in modo
fittizio a ROMANO Maria, la esclusiva titolarit formale di tale attivit.
Con l'aggravante di aver commesso il fatto awalendosi delle condizioni previste dall'art
416 bis C.P. e per agevolare l'organizzazione mafiosa denominata 'ndrangheta di cui al
capo A.
In Antonimina (RC) in data 14.02.2003

ROMANO Nicola - ROMANO Maria - ROMANO Amalia - SICILIANO Massimo


AR) del delitto p. e p. dagli artt. 110,81 cpv. C.P., 12 quinquies D.L. 8 giugno 1992 nr.
306, conv. in L. 7 agosto 1992 nr.356, e art.7 L. nr. 203191, perch, previo accordo tra
loro, al fine di eludere le disposizioni di legge in materia di misure di prevenzione
patrimoniale, con pi azioni esecutive del medesimo disegno criminoso, ROMANO
Nicola, titolare di fatto della M.A.R. S.r.l. UNIPERSONALE, partita IVA 02493030809
(poi M.A.R. S.r.l. dal 18.05.2009) con sede ad Antonimina c.da SANTA CROCE snc,
attribuiva in modo tittizio a SICILIANO Massimo (Amministratore unico nominato in data
22.10.2007) e a ROMANO Maria e ROMANO Amalia (dal 22.06.2009), la esclusiva
titolarit formale delle quote sociali e in via esclusiva la carica di amministratore della
citata societ, nonch, attraverso le seguenti operazioni tittizie:
- cessione di azienda in data 09.12.2009, cedente ROMANO Maria cessionario M.A.R.
S.r.l. UNIPERSONALE;
la disponibilit del complesso aziendale della citata impresa individuale formalmente
riconducibile a ROMANO Maria, ma di fatto di propriet di Romano Nicola (cfr. capo
precedente).
Con l'aggravante di aver commesso il fatto awalendosi delle condizioni previste dall'art
416 bis C.P. e per agevolare l'organizzazione matiosa denominata 'ndrangheta di cui al
capo A.
In Antonimina (RC) fino al 09.12.2009
ROMANO Nicola - POLLIFRONI Carmine
AS) del delitto p. e p. dagli artt. 110 C.P., 12 quinquies D.L. 8 giugno 1992 nr. 306,
conv. in L. 7 agosto 1992 nr. 356, e art. 7 L. nr. 203191, perch, previo accordo tra loro,
al fine di eludere le disposizioni di legge in materia di misure di prevenzione patrimoniale,
con pi azioni esecutive del medesimo disegno criminoso, ROMANO Nicola, titolare di
fatto della Impresa individuale LE VIE DEL LEGNO di POLLIFRONI Carmine, con sede
in Antonimina c.da Bagni nr.1412, titolare firmatario POLLIFRONI Carmine, partita IVA
02261 190801, attribuiva in modo fittizio a POLLIFRONI Carmine la esclusiva titolanta
formale della citata impresa individuale, di fatto di propriet di Romano Nicola.
Con l'aggravante di aver commesso il fatto awalendosi delle condizioni previste dall'art
416 bis C.P. e per agevolare l'organizzazione mafiosa denominata 'ndrangheta di cui al
capo A.
In Antonimina (RC) in data 28.01.2004

- -
ROMANO Nicola - CIRILLO Marcello FAZZARI Teresa MAIOLO Rocco Ilario
- -
POLLIFRONI Carmine VALLELONGA Bruno Cosimo Damiano
AT) del delitto p. e p. dagli artt. 110 C.P., 12 quinquies D.L. 8 giugno 1992 nr. 306,
conv. in L. 7 agosto 1992 nr.356, e art.7 L. nr.203191, perch, previo accordo tra loro, al
fine di eludere le disposizioni di legge in materia di misure di prevenzione patrimoniale,
con pi azioni esecutive del medesimo disegno criminoso, ROMANO Nicola, socio
occulto della Societ a Responsabilit Limitata DUE MONTI LEGNAMI S.r.l., attribuiva
in modo tittizio a CIRILLO Marcello - FAZZARI Teresa - MAIOLO Rocco Ilario -
POLLIFRONI Carmine - VALLELONGA Bruno Cosimo Damiano la esclusiva titolarit
formale delle quote e in via esclusiva a POLLIFRONI Carmine la carica di amministratore
della citata societ.
Con l'aggravante di aver commesso il fatto awalendosi delle condizioni previste dall'art
416 bis C.P. e per agevolare l'organizzazione mafiosa denominata 'ndrangheta di cui al
capo A.
In Antonimina (RC) in data 06.02.2008

RASO Giuseppe - FILIPPONE Maria


AU) del delitto p. e p. d a d i artt. l10 C.P., 12 quinquies D.L. 8 giugno 1992 nr. 306,
conv. in L. 7 agosto 1992 nr. 356, e art. 7 L. nr. 203191, perch, previo accordo tra loro,
,t
\

al fine di eludere le disposizioni di legge in materia di misure di prevenzione patrimoniale,


con pi azioni esecutive del medesimo disegno criminoso, RASO Giuseppe, titolare di
fatto della Impresa individuale FILIPPONE Maria, con sede in Antonimina c.da San
Nicola, titolare firmatario FILIPPONE Maria, partita IVA 02422350807, attribuiva in
modo fittizio a FILIPPONE Maria la esclusiva titolarita formale della citata impresa
individuale, di fatto di propriet di RASO Giuseppe.
Con l'aggravante di aver commesso il fatto awalendosi delle condizioni previste dall'art
116 bis C.P. e per agevolare l'organizzazione mafiosa denominata 'ndrangheta di cui al
capo A.
In Antonimina (RC) in data 01.03.2005
Esaminata la richiesta della locale Procura Distrettuale del 31 marzo 201 1 (nonch le
successive integrazioni del 24 maggio 20 1 1, del 6 dicembre 201 1 e del 27 settembre 20 12),
in relazione al procedimento di cui in epigrafe, con cui si chiede l'applicazione della
misura cautelare coercitiva della custodia in carcere per i reati a ciascuno rispettivamente
ascritti (con esclusione del capo AD della rubrica) nei confronti di:

1) AGRESTA Francesco, nato a Plati il 15.03.1975 e ivi residente in Via De Gasperi


Trav. 11;
2) AQUINO Giuseppe, nato a Marina di Gioiosa Jonica il 20.02.1962, ivi residente in
Via Porticato Io Tronco N.9;
3) BARBARO Giuseppe, nato a Plati il 07.07.1968 e ivi res. in Via Lacchi N. 271a;
4) BARBARO Rosario, nato a Plati il 30.09.1940, ivi residente in via XXIV Maggio
n.7, alias u' rosi;
5) BOVA Bruno, nato a Ardore il 20.1 1.1957, ivi residente in via U. Foscolo N. 46;
6) BOVA Giuseppe, nato ad Ardore il 10.03.1926 ed ivi resid. in Via Marina nr. 27;
7) CATALDO Giuseppe, nato a Gerace il 02.09.1957 e ivi residente in C.da S.
Filippo snc;
8) CIRILLO Marcello, nato Fabrizia il 01.09.1958, ivi residente via Boccaccio 111"
Trav. Nr. 5;
9) FABIANO Giuseppe alias "Peppe u lupu", nato a Plati il 17.11.1961 ed ivi
residente, Frazione Cirella, C.da Gioppo N. 4;
10) FAZZARI Pierino, nato ad Antonimina il 03.06.1966 e ivi residente in Via Cesare
Battisti snc;
1I)FAZZARI Teresa, nata ad Antonimina il 26.12.1952, ivi res. fraz. Bagni m.li
nr.14;
12) FAZZARI Vincenzo, nato ad Antonimina il 26.05.1956 ed ivi residente in C.da
Bagni Minerali snc;
13) FRAGOMENI Salvatore, nato a Gerace il 06.01.1955, residente a Gerace (RC) in
Contrada Azmria snc;
14) FURFARO Giovanni, nato a Cittanova il 24.06.1967, ivi residente in Via P.
Innocenzo nr. 8;
15)GUARNIERI Pietro, nato a Locri il 26.10.1964 e residente a Roma in via Carlo
Frati N. 13;
16) IANTORNO Franco, nato a Cosenza il 10.09.1971 e residente a San Vincenzo la
Costa (CS) in via Palazzello nr. 13;
17)IEROPOLI Antonio Rocco, nato a Locn il 05.08.1977 e residente a Plati, in Via
Eremita N. 55lint. 2;
18) IETTO Carmelo Gaetano, nato a Careri il 20.03.1946 ed ivi residente in Via ?J

Genova N. 9;
19) MACRI' Giovanni, nato ad Ardore (RC) il 14.01.1955, ivi residente in C.da
Lanzo M. 9;
20) MAIOLO Rocco Ilario, nato a Locri il 17.02.1983, residente a Nardodipace (VV)
via Kennedy nr. 1 1 ;
21)MALAFARINA Rocco, nato a Locri il 31.08.1975, residente a Plati frazione
Cirella via Calvizzano n.77;
22) MEDIATI Alfredo, nato a Plat il 23.08.1953 e res. ad Ardore in Via Collar N. 2;
23) MEDIATI Francesco Saverio, nato a Locri il 03.06.1988, residente ad Ardore via
Calarr nr. 1 1 ;
24) MEDIATI Rocco Antonio, nato a Locri il 20.1 1.1976 e residente a Plati in C.da
Lacchi nr. 3;
25) MEDIATI Rocco Antonio, nato a Melito di Porto di Salvo, il 29.01.198 1,
domiciliato a Perugia, in Via Ettore Ricci N. 25;
26) MELIA Nicola, nato a Plat, tiaz. Cirella, in data 20.10.1954 ed emigrato in data
sconosciuta per il Canada;
27) NIELIA Vincenzo, nato a Plat il 20.04.1929 e res. ad Ardore in Via Leopardi, 32;
28) NAPOLI Antonio, nato a Locn il 18.0 1.1982, residente ad Ardore in Via Michele
Bello N. 39;
29) NESCI Nicola, nato a Cimin il 24.06.1955 ed ivi residente in Via Bovio 99;
30) PARLONGO Bruno, nato ad Ardore il 25.10.1962 ed ivi residente in C.da Feudo
N. 19/a;
3 1 ) PARROTTA Felice, nato ad Ardore lo 06.07.1936, ivi resid. in C.da Serra N. 3;
32)PELLE Antonio Pasquale, nato a Locri il giorno 08.1 1.1972, e residente ad
Antonimina in C.da S. Nicola N. 15;
33) PELLE Massimo, nato a Locn il 28.0 1.1974, residente ad Antonimina via San
Nicola snc;
34) PERRE Giuseppe, detto "U Maistru" nato a Plat (RC) il 21.06.1937, res.a
Bovalino in Via Bnc snc;
35) POLIFRONI Giancarlo, nato a Locn (Rc) il 17.08.1974 e residente a Bovalino
(Rc) in Via Ficarelle N. 4 1 ;
36) POLITO Bruno, detto "Braccia", nato a Locn (RC) il 25.1 1.1972 res. residente a
Airasca (To) in via Del Nicola N. 16;
37) POLLIFRONI Carmine, nato a Taurianova il 26.04.1972 e residente ad
Antonimina in C.da Bagni 1412;
38) RASO Giuseppe, nato a Cittanova il 01.10.194 1, residente ad Antonimina c.da S.
Nicola snc, alias "avvocato";
39) ROMANO Giuseppe, nato a Ottawa (Canada) il 22.10.1965 e residente ad
Antonimina in C.da Troiolo 318;
40) ROMANO Nicola, nato ad Antonimina il 2 1.08.1948, ivi residente fraz. Bagni m.li
N. 14 (tranne che per il capo AD);
41) SALVINI Fabio, nato a Locn il 2 1.06.1980, res. ad Antonimina via Littorio N. 32;
42) SALVINI Marco, nato a Locn il 06.11.1982, residente ad Antonimina via S.
Nicola N. 19;
43)SICILIANO Giuseppe, nato ad Ardore il 22.09.1950 ed ivi residente in C.da
Strac N. 212;
44) SICILIANO Massimo, nato a Catanzaro il 23.1 1.1970, residente ad Antonimina
I
,
fraz. Bagni m.li N. 1411;
45)SPAGNOLO Antonio. nato a Cimin il 3 1.03.1960 ed ivi residente in Via Bovio
Vico VI0 N. 99; d
46) VALENTI Rocco, nato a Locri (RC) il 26.06.1987, residente a Bovalino (RC) via
Gelsagrande N. 9;
47) VALLELONGA Bruno Cosimo Damiano, nato a Mongiana il 27.09.1955 ed ivi
residente in Via Roma N. 3812;
48) VARACALLI Arturo, nato a Cimin il giorno 1 1 .O 1.1958, residente ad Ardore in
via Aspromonte N. 131A;
39) VARACALLI Giuseppe, nato a Ardore il 22.04.1953, ivi res. c.da Calvario N. 7;
50)VARACALLI Luigi, nato a Plat il giorno 11.02.1941, gi residente a Cirella di
Plat in C.da Senoli ed attualmente residente in Australia dal 23.06.1967, a Sidney,
30 Grace Avence 02765 Riverstone;
51) VARACALLI Rocco Bruno, nato a Cimin il 06.08.1967, residente ad Ardore
Trav. I Leopardi;
52) ZAFFINO Bruno, nato a Serra San Bruno il 03.10.1964, ivi res. via Milano nr. 35;
Esaminata, altres, la contestuale richiesta con cui si chiede, ai sensi dell'art. 321 commi 1
e 2 C.P.P.,il sequestro preventivo delle seguenti aziende, quote sociali e beni immobili:

1) IEROMEDIA S.R.L., partita IVA 02398850806, con sede ad Ardore via


Colarrb nr.1 l (quote per l'intero capitale sociale);

2) complesso aziendale della impresa individuale IEROPOLI Antonio Rocco


(partita IVA 01440340808, con sede in Ardore via Calvario fraz. San Nicola);

3) ristorante "I1 peperoncino" di VALENTI Rocco con sede a Siderno in Via


Mario Pagano nr. 24;

4) impresa individuale CALCESTRUZZI ED INERTI DI ROMANO Maria con


sede in Antonimina (RC) C.da Santa Croce;
5) M.A.R. S.r.l. UNIPERSONALE, partita IVA 02493030809 (poi M.A.R. S.r.l.
dal 18.05.2009) con sede ad Antonimina cada SANTA CROCE snc (quote per
l'intero capitale sociale);
6) Impresa individuale LA RADICA di FAZZARI Teresa, con sede in
Antonimina c.da Bagni nr.14, titolare firmatario FAZZARI Teresa, partita
[VA 02091690806;
7) Impresa individuale LE VIE DEL LEGNO di POLLIFRONI Carmine, con
sede in Antonimina c.da Bagni nr.1412, titolare firmatario POLLIFRONI
Carmine, partita IVA 02261190801;
8) Societh a Responsabilith Limitata DUE MONTI LEGNAMI S.r.l. (quote per
l'intero capitale sociale);

9) Impresa individuale FILIPPONE Maria, con sede in Antonimina c.da San


Nicola, titolare firmatario FILIPPONE Maria, partita IVA 02422350807;

OSSERVA
Il presente procedimento si fonda sugli esiti di una capillare attivit di indagine avviata dai
Comandi Stazione Carabinieri di Cimin ed Antonimina e proseguita dal Gruppo CC di
Locri N.I., sotto I'egida della Direzione Distrettuale di Reggio Calabria, compendiata nelle
numerose informative in atti, la quale ha consentito di rivelare l'esistenza di una articolata
associazione per delinquere di chiaro stampo mafioso, che, mediante un forte controllo del
territorio, lo stiuttamento delle risorse in esso presenti, il condizionamento di soggetti o
interi settori appartenenti a diversi enti pubblici, la commissione di diversi reati, mirava
all'accaparramento di capitali anche ingenti, alla gestione e al controllo diretto ed indiretto
di attivit economiche (in particolare nel settore edilizio, del movimento terra e del taglio
boschivo in Aspromonte), di concessioni, di autorizzazioni e di appalti nonch, in
occasione di consultazioni elettorali, ad impedire od ostacolare il libero esercizio del voto
(condizionando l'elezione di organi istituzionali, come, ad esempio, il Presidente della
Comunit Montana "Aspromonte orientale").
Ci che e emerso e l'esistenza e I'operativit di un ampio sodalizio criminale, fondato su
un forte vincolo associativo, che lega alcuni soggetti operanti in diversi temtori della
Locride, da Antonimina, che costituisce il punto di partenza, ai limitrofi centri urbani di
Canolo, Cimin, Gerace, Portigliola, Ardore e Cirella di Plat, su cui esso tende ad
affermare la propria supremazia e la propria incondizionata egemonia.
L'input dell'indagine scaturisce da un fatto-reato verificatosi in data 31 marzo 2006 nel
territorio di Cimin ai danni di un imprenditore di Cittanova, LIGATO Giuseppe, che stava
et'fettuando in quel periodo i lavori di costruzione del nuovo stabilimento termale di
Antonimina.
Gli approfondimenti investigativi effettuati al riguardo hanno fatto emergere la sussistenza
di un contrasto tra due soggetti di notevole caratura criminale, RASO Giuseppe e
ROMANO Nicola, entrambi residenti ad Antonimina, e l'obiettivo dell'uno di colpire,
anche se in modo indiretto, l'altro aveva portato all'intimidazione nei confronti del
predetto imprenditore, reo, secondo il RASO, di essersi affidato esclusivamente all'altro
(owero al ROMANO) nell'esecuzione dell'appalto per la costruzione del predetto
stabilimento termale.
Lo sviluppo dell'indagine ha, poi, rivelato che i due personaggi, gi pregiudicati per reati
di vario genere, erano in possesso di un non comune carisma negli ambienti malavitosi
locali e non disdegnavano il ricorso alla forza di intimidazione ed alla violenza, agendo ad
ampio raggio in diversi settori, pur di ottenere i loro scopi.
11 monitoraggio ambientale delle autovetture ad essi in uso e la successiva estensione delle
operazioni di captazione anche a carico di alti soggetti, ritenuti di interesse investigativo,
emersi nel corso delle indagini hanno consentito di comprendere come l'intimidazione a
LIGATO Giuseppe fosse soltanto "la punta di un iceberg", owero uno dei tanti casi di
condizionamento di un appalto pubblico da parte della criminalit organizzata operante nel
territorio di riferimento.
Grazie ai dialoghi intercettati si sono appresi elementi di indiscutibile valore indiziario, che
hanno costituito il punto di partenza per conoscere l'identit dei soggetti affiliati
all'organizzazione ed il ruolo specifico ricoperto al suo interno da ciascuno di essi, nonch
per accertare la commissione di numerosi reati fine, di esclusivo appannaggio della
organizzazione medesima.
Tali complessivi elementi sono stati opportunamente vagliati ed approfonditi con ulteriori
attivit di indagine e mirati riscontri probatori, tanto da consentire di giungere alla
1-f
conclusione che l'associazione per delinquere su cui si fatta luce sia pienamente inserita
nella pi ampia associazione matiosa denominata " 'ndrangheta", dominante nella
provincia di Reggio Calabria e presente nell'intero temtorio nazionale, con ramiticazioni
ed influenza a livello mondiale (sotto il profilo dell'inquadramento generale, si richiamano
le risultanze della operazione c.d. "CRIMiNE", in atti, e, in particolare, i prowedimenti
cautelai e la sentenza di primo grado emessa il 718 marzo 2012 in esito al giudizio svoltosi
con le trme del rito abbreviato, quest'ultima trasmessa dal PM per estratto in data 19
ottobre 20 12).
Nelle complessive risultanze investigative trovano conferma il predominio sul temtorio di
riferimento da parte dell'associazione criminale, il controllo delle attivit economiche
maggiomente redditizie, i legami con gli ambienti della politica e delle logge massoniche,
la sorprendente capacit della stessa di rinnovarsi e mutare le proprie caratteristiche in
funzione dell'evolversi dei tempi e della realt circostante, pur mantenendo integre le
peculiarit che rendono la 'ndrangheta diversa ed unica nel quadro delle varie
organizzazioni criminali.
Passando all'aspetto delle fonti di prova, va osservato che l'attivit investigativa risulta
fondata in larga parte sugli esiti delle risultanze delle operazioni di intercettazione
telefonica ed ambientale effettuate a seguito di rituali provvedimenti autorizzativi
dell'A.G., oltre che dei servizi di appostamento ed osservazione espletati dalla p.g.
operante.
Le interessanti e molteplici conversazioni intercettate nell'ambito della presente indagine,
tra cui assumono rilievo dominante le intercettazioni ambientali eseguite sulla autovettura
Seat Alharnbra, in uso a ROMANO Nicola, il cui pregio e l'assoluta genuinit e
spontaneit, in quanto provenienti da soggetti certamente inconsapevoli dell'esistenza
dell'attivit di captazione e che risultano inseriti a pieno titolo nell'organizzazione mafiosa
in esame, hanno consentito di apprendere, in presa diretta, la struttura e la composizione
del1'associazione contestata, le fasi, i passaggi e gli sviluppi del programma criminoso
perseguito dagli indagati, di ricostruire l'evoluzione della vita associativa, che si
alimentava attraverso la gestione degli appalti pubblici, e di accertare la commissione di
numerosi reati- fine.
Anche laddove si tratti di dichiarazioni etero accusatorie, la loro valenza parimenti degna
di nota, in quanto gli interlocuton, personaggi di riconosciuto ed acclarato spessore
criminale, si limitano a ripercorrere i fatti nel loro sviluppo o a riferire circostanze di
rilievo, tali da cristallizzare le caratteristiche dei soggetti nominati, che non avrebbe avuto
alcuna ragione di diffamare o calunniare.
Nessun dubbio sussiste in ordine all'identificazione degli interlocutori, in ragione del fatto
che le intercettazioni si sono protratte per un considerevole lasso temporale, circostanza
questa che ha consentito ai militari operanti di ascoltare ripetutamente e, quindi, di
riconoscere con assoluta certezza la voce degii abituali interlocutori.
A ci va aggiunta la considerazione che per molti degli indagati la corretta identificazione
stata possibile grazie alla titolarit ed alla disponibilit del mezzo intercettato da parte
degli stessi (apparecchi telefonici identificati per scheda telefonica owero per numero
IMEI, cfr. intestazione schede telefoniche in atti), ma anche in base al contenuto delle
conversazioni, nel corso delle quali gli interlocutori, il pi delle volte, si chiamano per
nome o menzionano persone, chiamandole per nome e cognome o, ancora, si appellano con
soprannomi e nomignoli, o fanno riferimento a parentele o a circostanze e fatti specifici,
che rendono del tutto agevole l'identificazione degli interlocutori o dei terzi menzionati ed,
infine, anche per la predisposizione da parte dei militari operanti di accurati servizi di
pedinamento, osservazione e controllo, che conducono in maniera incontrovertibile a
ritenere corrette le identiticazioni operate gi solo attraverso il riconoscimento delle voci.
Tra gli elementi di prova si collocano, inoltre, anche le dichiarazioni dei collaboratori di
giustizia, VARACALLI Rocco e MARANDO Rocco, sui criteri di valutazione delle quali
occorre effettuare alcune preliminari considerazioni di natura strettamente giuridica.
Il legislatore indica la regola di giudizio relativa alla chiamata di correo ai commi 3 e 4
dell'art. 192 C. p. p., il cui tenore il seguente: "3. Le dichiarazioni rese dal coimptitato
del medesimo reato o da persona imptitota in irn procedimento connesso a norma dell'art.
12 sono ilaltltate rrnitamente agli altri elementi di prova che ne confirmano l 'attendibilitu.
4. La disposizione del comma 3 si applica anche alle dichiarazioni rese da persona
itnputata tii rm reato collegato a qtlello per cui si procede nel caso previsto dall'art. 371
comma 7 lett. b)."
Come noto, in ordine alla valutazione della "chiamata in correit" ai tini del giudizio di
merito, la giurisprudenza di legittimit (cfr., ad esempio, Cassazione, Sezione 5, 18.01.00,
ORLANDO) ha statuito, in modo costante, che la stessa assume valore di prova diretta
contro I'accusato in presenza di tre requisiti consistenti:

a) nella credibilith del dichiarante, valutata in base a dati e circostanze attinenti


direttamente alla sua persona, quali il carattere, il temperamento, la vita anteatta, i
rapporti con I'accusato, la genesi ed i motivi della chiamata di correo;
b) neii'attendibilith intrinseca della chiamata di correo, desunta da dati specitici
interni ad essa quali la spontaneit, l'immediatezza, la reiterazione senza
contraddizioni, la costanza nel tempo, la verosimiglianza, la logicit, la precisione,
la completezza della narrazione, I'univocit;
C) neii'esistenza di riscontri esterni, che confermino I'attendibilit della chiamata di
correo gi scrutinata come intrinsecamente attendibile (principio questo ricavabile
dalla stessa lettera del comma 3 dell'art. 192 C. p. p., che parla di "conferma
dell'attendibilit delle dichiarazioni" e non del dichiarante).
Quanto ai riscontri, la giurisprudenza ha richiesto che gli stessi
a. debbano essere certi,
b. non debbano necessariamente riguardare direttamente il "thema probandum'',
owero la prova in s della colpevolezza dell'imputato, altrimenti costituirebbero
prove autonome della colpevolezza,
C. debbano avere carattere "individualizzante", nel senso che non possono
limitarsi a confermare le modalit obiettive del fatto descritte dal chiamante, ma
devono riguardare in modo specifico la posizione soggettiva del chiamato in
relazione ai singoli fatti delittuosi a lui addebitati,
d. possano avere qualunque natura, sia rappresentativa sia logica, e possono essere
costituiti anche da altra chiamata di correo, purch le due chiamate siano:
convergenti in ordine al fatto materiale oggetto della narrazione; indipendenti,
nel senso che non devono derivare da pregresse intese fraudolente od anche
solo da suggestioni o condizionamenti che potrebbero inficiarne il valore della
concordanza; specifiche, nel senso che la c.d. convergenza del molteplice deve
essere sufficientemente individualizzante, ossia le varie dichiarazioni pur non
necessariamente sovrapponibili devono contluire su fatti che riguardano
direttamente sia la persona dell'incolpato sia le imputazioni a lui attribuite (Sez. 2,
30.04.99, Cataldo).
Tale regola, originariamente fissata solo per il giudizio di merito, opera, oggi, anche in
sede cautelare, per effetto della legge n. 63 dell' 1.03.2001 il cui art. 1 1 ha inserito nell'art.
273 C. p. p. il comma 1 bis, che evidenzia come: "Nella iyaltitazione dei gravi indizi di
col~er~olezza si a~plicanole dis~osizionidegli artt. 192 commi 3 e q...".
Nell'interpretazione di questa norma si sono registrati oscillanti orientamenti
giurisprudenziali che hanno trovato soluzione nella decisione delle Sezioni Unite, secondo
cui "in tema di valutazione della chiamata in reit o correit in sede cautelare, le
dichiarazioni acciisatorie rese dal coindagato o coimputato nel medesimo reato o da
persona indagata od imputata in tin procedimento connesso o collegato. integrano i gravi
indizi di colpevolezza di crti all'art. 273 comma I cpp, in virt dellestensione applicativa
dell'art. 192 commi 3 e 4 ad opera dell'art. 273 comma I-bis C.P.P. soltanto se esse, oltre
cid essere intrinsecamente attendibili, risultino corroborate da riscontri estrinseci
individualizzanti, tali cio da assumere idoneit dimostrativa in ordine al1 'attribiizione del
Jatto-reato al soggetto destinatario di esse. Jrma restando la diversit dell'oggetto della
delibazione carttelare, preordinata ad un giudizio prognostico in termini di ragionevole ed
alta probabilit di colpevolezza del chiamato, rispetto a quella di merito, orientata invece
all'acquisizione della certezza processuale in ordine alla colpevolezia del chiamato,
rispetto a qrrella di merito, orientata invece all'acqrrisizione della certezza processuale in
ordine alla colpevolez~adell'imputato" (Sez. Un. n. 36267 del 30.05.2006, P.G. in proc.
SPENNATO; in senso analogo vedi Cass. Sez. 1, n. 22853 del 9.05.2006, LIANG; Cass.
Sez. 1, n. 35710 del 20.09.2006, PM in proc. ARANGIO MAZZA; Cass. Sez. 1, n. 19867
del 4.05.2005, LO CRICCHIO).
Tale ultimo orientamento appare senz'altro preferibile, essendo evidente che il legislatore,
nell'introdurre la modifica normativa ed avendo ben presenti i diversi criteri usati dalla
giurisprudenza in ordine alla valutazione della "chiamata in correit" a seconda che si
trattasse del piano cautelare o di quello del giudizio di merito, ha perseguito lo scopo di
omologare, per quanto possibile, la valutazione della chiamata in correit in sede cautelare
ed in sede di giudizio di merito.
Sul punto vanno richiamate le pi recenti pronunzie della Suprema Corte, che ha affermato
che, in tema di misure cautelari personali, la chiamata di correo quale grave indizio di
colpevolezza, oltre che essere apprezzato nella sua attendibilit intrinseca, deve essere
supportato da riscontri esterni individualizzanti in grado di dimostrarne la compatibilit col
"thema decidendum" proprio della pronuncia "de libertate" e di giustificare, quindi, la
razionalit della medesima, essendo l'esigenza della "corroboration" - che inerisca non solo
alle modalit oggettive del fatto descritto dal chiamante ma anche soggettivamente
indirizzata - imprescindibile nell'ambito di una valutazione che strumentale all'adozione
di un prowedimento, quale quello restrittivo della libert, dagli effetti rigorosamente "ad
personam" (cfr. Cassazione, Sez. 5, Sentenza n. 15097 del 13/04/201O), ed ha, poi,
evidenziato come, nella fase delle indagini preliminari, i gravi indizi di colpevolezza
richiesti per l'applicazione di una misura cautelare, che devono essere tali da lasciar
desumere la qualificata probabilit di attribuzione all'indagato del reato per cui si procede,
possono fondarsi sulla dichiarazione di un collaborante, se precisa, coerente e
circostanziata, che abbia trovato riscontro in elementi esterni, anche di natura logica,
- tali da
rendere verosimile il contenuto della dichiarazione (Nella suecie si ritenuto sufficiente
riscontro la convergente e circostanziata chiamata di correo di un altro collaboratore) (cfi.
Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 16792 del 09/04/2010).
A tal riguardo, la Suprema Corte ha evidenziato che un collaboratore di giustizia, anche
non coimputato o non indagato nello stesso procedimento, pu essere credibile quando ha .\

acquisito le notizie propalate nell'ambito della sfera di criminalit organizzata in cui sia
inserito, purch venga accertata l'intrinseca attendibilit delle sue dichiarazioni, nonch la '3
sussistenza di riscontri esterni, i quali, in caso di ~ i chiamate
u convergenti, possono anche
consistere nella circostanza che le dichiarazioni riconducano, anche se in modo non
sovrapponibile, il fatto all'imputato, essendo sufficiente la confluenza su comportamenti
riferiti alla sua persona e alle imputazioni a lui attribuite, cio l'idoneit delle dichiarazioni
a riscontrarsi reciprocamente nell'ambito della cosiddetta "convergenza del molteplice"
(Cassazione, Sez. 1, Sentenza n. 3 1695 del 23/06/2010), ed ha ribadito che, in tema di
chiamata di correo, non sono assimilabili a pure e semplici dichiarazioni "de relato" quelle
con le quali un intraneo riferisca notizie assunte nell'ambito associativo, costituenti un
patrimonio comune, in ordine ad associati ed attivit propri della cosca mafiosa.
Ci premesso, nel contesto in esame, occorre tenere conto del fatto che l'apporto
conoscitivo offerto al presente procedimento proviene da soggetti intranei all'associazione
mafiosa di riferimento, le dichiarazioni dei quali rispondono ai canoni interpretativi
individuati dalla giurisprudenza di legittimit.
Sia VARACALLI Rocco sia MARANDO Rocco si sono determinati ad intraprendere un
percorso collaborativo con la giustizia in maniera del tutto spontanea (il che avvalora la
genuinit della loro deposizione) ed hanno reso dichiarazioni volte a delineare i
meccanismi interni della cosca, a descrivere le attivit criminose ed il ruolo svolto, in
particolare, da alcuni sodali.
Le loro dichiarazioni si presentano connotate dai requisiti della congruenza interna, logica,
ed esterna, cio della plausibilit e verosimiglianza obiettive e storiche, della spontaneit,
autonomia e dal carattere diretto delle conoscenze esposte ed anche laddove alcune notizie
tssero riferite de relato, tuttavia esse risultano, comunque, apprese in prima persona
nell'ambito .criminale di interesse, da parte di altri soggetti che vi appartenevano e che le
comunicavano come fonte primaria. Esse, inoltre, ot'fiono valida conferma alla fondatezza
dell'impostazione accusatoria, integrandosi ed incrociandosi reciprocamente.
Ci chiarito, appare opportuno riportare quanto puntualmente esposto nella richiesta della
Procura Distrettuale, che, nella trattazione dei gravi indizi di colr>evolezza in relazione alle
imputazioni di cui in rubrica, suddivide la trattazione in dieci capitoli, a loro volta suddivisi
in diversi paragrafi:
CAPITOLO PRIMO: I fatti del 3 1 marzo 2006 ed il contesto geografico ed ambientale nel
quale sono maturati
CAPITOLO SECONDO: La 'ndrangheta: un' associazione mafiosa tra leggenda, storia e
416 bis
CAPITOLO TERZO: Melia Vincenzo: il capo corona
CAPITOLO QUARTO: Il "locale" di Antonimina ed il suo capo Romano Nicola
CAPITOLO OUiNTO: 11 "locale" di Canolo ed il suo capo Raso Giuseppe
CAPITOLO SESTO: 11 Comune di Cimina' ed il "locale" di 'ndrangheta ivi operante
CAPITOLO SETTIMO: 11 comune di Ardore ed il "locale" di 'ndrangheta ivi operante
CAPITOLO OTTAVO: 11 comune di Gerace ed il "locale di 'ndrangheta" ivi operante
CAPITOLO NONO: 11 controllo del taglio boschivo in Aspromonte
CAPITOLO DECIMO: Osservazioni conclusive, il cui primo paragrafo e dedicato al reato
associativo e alle singole posizioni, mentre il secondo paragrafo contiene considerazioni
giuridiche in tema di usura, di esercizio abusivo di attivit finanziaria di cui all'art. 132
D.Lgs. n. 385 del 1993, di illecita concorrenza con minaccia o violenza, di cui all'art. 5 13
bis C.P., e riporta schematicamente i principali elementi su cui si fondano le contestazioni
in tema di tittizia intestazione a prestanome, di cui all'art. 12 quinquies del D.L. 8 giugno
1992 n. 306.
Cos scrive la Procura:

9 - CAPITOLO I
I FATTI DEL 31 'MARZO 2006 ED IL CONTESTO GEOGRAFICO ED
AMBIENTALE NEL QUALE SONO MA TURATI.

-
9 Paragrafo 1.1
Il comune di Antonimina e la sua posizione nel contesto geografico, economico e socio-
culturale del basso versantejonico calabrese

11 Comune di Antonimina confina con i Comuni di Locri, Gerace, Cittanova, Cimin e


Portigliola. Il suo territorio esclusivamente montuoso e collinoso e si estende dalla
localit Zomaro (spartiacque tra lo Jonio ed il Tirreno) e la localit Bagni Minerali, posta al
confine con il territorio clel comune di Locri, lato sud - est.'
In contrada Bagni Minerali affiora una sorgente di acqua temo - minerale, chimicamente
idonea ed alquanto benefica per cure antireumatiche, il cui utilizzo ha dato vita allo
Stabilimento termale che vi si trova collocato.

I corsi d'acqua che attraversano il temtorio sono a carattere torrentizio e la loro portata
strettamente collegata alle precipitazioni atmosferiche. Vi il torrente "San Paolo ", il
quale riceve le acque degli affluenti " Cannone " e " Grottella ", ed il torrente "
.-lntonimina - Portigliola " che riceve gli affluenti " Mico " e " Colla " . Nel periodo estivo
detti corsi d'acqua hanno una portata irrisoria mentre nel periodo di piena, nonostante
abbiano degli argini piuttosto robusti, interessano talvolta i terreni agricoli limitrofi.
Le attivit economiche presenti sono principalmente legate, oltre al gi menzionato
stabilimento termale, anche allo shttamento delle risorse boschive, alla lavorazione degli
inerti ed alla produzione di calcestruzzi. Vi anche una limitata attivit di allevamento
bovino, suino ed ovino, a conduzione prettamente familiare.
In merito alla criminalit organizzata di stampo mafioso notoriamente difksa nei comuni
della fascia jonica della provincia di Reggio Calabria possibile affermare, anche alla luce
delle risultanze della presente indagine, che il comune di Antonimina fa parte di una nutrita
schiera di centri tra cu si annoverano Gerace, Portigliola, Sant'Ilario dello Jonio, Ardore,
Cimin, Cirella di Plat, all'intemo dei quali operano diversi personaggi affiliati alla
'Ndrangheta, alcuni dei quali associati tra loro nel compimento dei reati pi disparati, che
operano owiarnente in collaborazione con le cosche pi forti presenti nei centri limitrofi
quali Locri, Sidemo, Marina di Gioiosa Jonica, Bovalino e S. Luca.
i$-
La presente attivit di indagine, scaturita da un fatto delittuoso di natura intimidatoria di
cui si dir a breve, ha avuto il suo inizio proprio nel territorio comunale di Antonimina per
poi estendersi a molte realt del circondario, ed ha rivelato la presenza di un'associazione
per delinquere di stampo mafioso con finalit molteplici. In effetti sono state accertate,
oltre a diversi reati contro la persona ed il patrimonio, numerose violazioni di legge
finalizzate all'acquisizione del denaro pubblico mediante l'aggiudicazione di finanziamenti
e gare d'appalto, allo shttamento delle risorse del temtorio, al controllo di pi enti
pubblici, al condizionamento delle attivit economiche ed industriali, all'accumulo di
ingenti capitali apparentemente leciti perch attentamente riciclati nei modi pi disparati.

9 - Paragrafo 1.2

' Vedasi cartina geogratica tratta dal programma Google Earth in allegato 1 ;
L'appalto per la costruzione delle Nuove Terme di Antonimina.

11 Comune di Antonimina sin dal 1989 aveva awiato le procedure per la progettazione e la
successiva costruzione del nuovo stabilimento termale, e nel corso degli ami vi erano state
numerose varianti al progetto originario dovute anche all'adeguarnento alle normative
vigenti.'
Agii atti risultava che il progetto esecutivo dei lavori era stato redatto dagli Ingg. ZIPARO
Francesco e NICOLO' Francesco, dal Geom. MONTELEONE Aurelio e, per la parte
geologica, dal Dr. MANDAGLI0 Giuseppe, ed assegnato con contratto d'appalto nr. 14
del 27.12.1991 ad un' A.T.I. aggiudicataria3, poi risolto per effetto dei fallimenti delle ditte
che la componevano.
In data 10 Giugno 2004, con apposita delibera della Giunta ~ u n i c i ~ a l edel " comune di
Antonimina, veniva costituita la Commissione per l'appalto e conferito all'awocato
SALAZAR Prof. Michele e all'ingegnere LONGO Antonio l'incarico di consulenza e
assistenza per le procedure d'appalto e per la valutazione tecnica dell'opera, tanto che
veniva richiesta la pubblicazione del Bando di gara su diversi uotidiani locali e nazionali
per il giorno 30.09.2004 nonch sul sito internet "www.sific.it". 9
I1 predetto bando6, relativo alla realizzazione del "l0 Lotto Funzionale" dell'opera,
prevedeva la realizzazione di opere edili ( 0 ~ 1 ) 'ed impianti tecnologici (OGI I)%per un
totale complessivo a base d'asta di 2.129.795,40 euro e 42.848'43 per l'attuazione dei piani
di sicurezza.
In data 18 Novembre 2004 alle ore 10.00~veniva effettuata una prima seduta per il
pubblico incanto dell'opera ma, vista l'assenza dei predetti A w . SALAZAR e Ing.
LONGO, la stessa veniva aggiornata alle ore 17.30 del medesimo giorno.
Alla seconda seduta" si procedeva all'apertura dei due plichi pervenuti e contenenti le
ot'ferte delle ditte partecipanti:

I . A.T.I. P.A.N. COSTRUZIONI PELLEGRINO S.A.S. - Reggio Calabria


( ~ a ~ o ~ r u ~e ~TECNO
o)" IMPIANTI T.I. S.p.A.- Reggio Calabria
(~andante)'~;

' I dati riportati sono tratti dalla documentazione acquisita dalla Stazione Carabinieri di Antonimina presso i
competenti uffici comunali in data l I Maggio 2007 come da verbale in allegato 2;
' Associazione Temporanea d'Imprese composta dalla CIS Sud S.R.L. con sede in Sant'Ilario dello Jonio. i '
lp
F.lli Ceravolo s.n.c. con sede in Bovalino e GALLO Domenico s.n.c. con sede in Bovalino;
J
L'assemblea era composta nella fattispecie dal Sindaco CONDELLI Antonio e dagli assessori ZARA' I

Maria, FAZZARI Nicola e RULLI C m e l o , come da deliberazione m. 50 Reg. Del. in allegato 3;


Vedasi nota m. 2926 di prot. datata 27.09.2004 del Comune di Antonimina in allegato 4;
6
Disciplinare di gara per " L'ESECUZIONE DEI LAVORI DI COSTRUZIONE NUOVE TERME-
(Riappalto opere a seguito fallimento impresa appa1tatrice)- COMPLETAMENTO ED
AGGIORNAMENTO TECNICO-ECONOMICO ALLA LEGISLAZIONE VIGENTE CON
PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLA L. 109194 E SUCC. MOD. ED INT: I" LOTTO
FUNZIONALE" in allegato 5;
7
Per un valore di 1.140.047,68 euro;
n Per un valore di 989.742,72 euro;
9
Vedasi "Verbale m. 1" di "Pubblico Incanto (Asta Pubblica) per l'appalto per l'esecuzione dei lavori
costruzione nuove terme" in allegato 6;
l" Vedasi "Verbale m. 2" di "Pubblico Incanto (Asta Pubblica) per l'appalto per l'esecuzione dei lavori
costruzione nuove terme" in allegato 7;
' l Vedasi Visura Camerale della PAN COSTRUZIONI PELLEGRINO S.A.S. DI DEMETRIO FORTUGNO
& C. in allegato 8;
l' Vedasi Visura Camerale della TECNO IMPIANTI S.R.L. in allegato 9:
2. A.T.I. SICLARI AGOSTINO- Reggio Calabria ( ~ a ~ o g r u ~ ~S.T.E.M.
o)l~-
S.R.L.- Vibo Valentia( ~ a n d a n t e ) ' ~IMPRESA
- LIGATO GIUSEPPE-
Cittanova (~andante)";

delle quali una veniva immediatamente esclusa, precisamente l'A.T.I. indicata al numero 1,
in quanto l'offerta di ribasso era stata inserita nella busta "A" anziche in quella "6".
Si d atto che, come risulta dai verbali di pubblico incanto allegati, in entrambe le sedute
era presente solo il LIGATO Giuseppe in qualit di rappresentante della propria Impresa
individuale facente parte di una delle due A.T.I. partecipanti, poi risultata aggiudicataria,
mentre non vi era nessun rappresentante delle Imprese della A.T.I. concorrente.
All'atto dell'apertura delle buste l'A.T.I. indicata al nr. 1 veniva esclusa per il seguente
motivo: "La dichiarazione dell'ojferta del ribasso era inserita nella bzrsta
".4"(doc2imentazione) e pertanto il presidente'" sentiti i consrilenti, dispone l 'escbisione
tlalla gara" ... "dispone altres che non venga aperta la bzcsta "B" che rimane pertanto
integra".
11 disciplinare di gara che regolava il contenuto delle buste "A" e " B indicava
tassativamente i documenti che in esse dovevano essere contenuti, previa esclusione dalla
gara, senza specificare la possibilit che in una delle due buste vi fossero atti in piu. In
effetti la presenza dell'offerta di ribasso" nella busta "A" e la mancata apertura della busta
"B1'non dava la certezza del contenuto di quest'ultima e quindi della sua presunta
regolarit, ma la Commissione di gara procedeva comunque in tal senso assegnando
l'appalto all'altra A.T.I. partecipante, la cui documentazione risultava invece regolare e
conforme al bando di gara.
In data 14 Aprile 2005 veniva stipulato il contratto di appalto tra il comune di Antonimina
e la societ "SICLARI AGOSTINO COSTRUZIONI GENERALI s.r.l.", in qualit di
capogruppo dell'A.T.l. predetta, per l'importo di euro 2.1 13.055,21 al ribasso dello
0,786%, che sommato agli oneri sicurezza ammontava a complessivi euro 2.1 55.903,64.18

9 - Paragrafo 1.3
La rapina ed il successivo incendio dell'autovettura di LIGATO Giuseppe.

In data 31.03.2006, a seguito di segnalazione verbale da parte di alcuni cittadini di


Antonimina, i militari della locale Stazione Carabinieri si recavano in Piano dei Corvi,
agro del Comune di Cimina, ove rinvenivano, alle ore 22.20, la carcassa di un'autovettura
completamente bruciata" e, a breve distanza da questa, alcuni massi di grosse dimensioni ',
che ostruivano completamente la strada.
Alle successive ore 23.00 l'Ispettore RECA ~rancesco'~del Commissariato di P.S. di , &
Cittanova contattava telefonicamente il Comando Stazione Carabinieri di Cimina e

" Vedasi Visura Camerale della SICLARI AGOSTINO COSTRUZIONI GENERALI S.R.L. in allegato 10;
l4 Vedasi Visura Camerale della S.T.E.M. S.R.L. in allegato I 1;
Vedasi Visura Camerale della LIGATO Giuseppe- impresa individuale in allegato 12;
'' MURDACA Giuseppe, nato ad Antonimina il 23.01.1951 e residente a Roma in via Flavio Silicone 259,
domiciliato a Locn in C.da Coliura s.n.. Responsabile Area Tecnica del Comune di Antonimina;
17
Vedasi copia dell'offerta di ribasso in allegato 13;
''
10
Vedasi Contratto d'appalto in allegato N. 14;
Lancia Lybra targata BP063DR di proprieta di LIGATO Giuseppe.
Si specifica che il mezzo era completamente bruciato, con il freno a mano alzato e posto in direzione mare
monti.
"REGA Francesco, nato a Castello di Cisterna (NA) il 22.12.1963 e residente a Cittanova in Via Po N. 2.
Ispettore della Polizia di Stato in servizio presso il Commissariato di P.S. di Cittanova, coniugato dal
24.04.1993 con LIGATO Rosa. nata a Cittanova il 01.09.1966, figlia di LIGATO Giuseppe;
comunicava che il veicolo rinvenuto poco prima era di propriet del suocero LIGATO
~ i u s e ~ ~ ee 'che
' , questi era stato vittima di una rapina alle precedenti ore 18.40 circa.
I militari delle Stazioni Carabinieri di Antonimina e di Cimin procedevano al sopralluogo
ed al successivo sequestro della carcassa bruciata nonch della targa BP063DR, intestata al
medesimo LIGATO Giuseppe.
Lo stesso giorno della rapina, alle ore 21.30, il LIGATO Giuseppe sporgeva denuncia
presso il Commissariato di P.S. di Cittanova. La vittima, imprenditore edile, dichiarava di
essere titolare dei lavori di completamento delle Nuove Terme di Antonimina e di aver
lasciato il cantiere a termine della giornata lavorativa, alle ore 18.30 circa, per tornare
presso la sua abitazione in Cittanova, portando con s i progetti dell'opera che stava
realizzando.
Nel corso del viaggio di ritorno, avendo trovato alcuni massi che ostacolavano la via, il
LIGATO Giuseppe era sceso dall'autovettura sulla quale viaggiava per spostarli, ma era
stato immediatamente awicinato da due uomini con il volto travisato, di cui uno armato di
pistola, che gli intimavano di lasciare l'auto e di dirigersi a piedi verso i Piani dello
Zomaro. Prima di allontanarsi l'imprenditore era stato anche costretto a consegnare il
proprio cellulare ad uno dei malfattori e questi immediatamente lo aveva lanciato nella
vicina scarpata.
In sede di denuncia il LIGATO Giuseppe dichiarava di non aver negato il posto di lavoro
ad alcuno n di aver subito richieste estorsive connesse alla sua attivit imprenditoriale2.

9 - Paragrafo 1.4
Le prime ipotesi investigative.
Il diretto legame tra il fatto delittuoso e la realizzazione dell'appalto per la costruzione
del nuovo stabilimento termale.
Il furto del quadro elettrico di una gru all'interno del cantiere di Antonimina.

La rapina e successivo incendio dell'autovettura di LIGATO Giuseppe appariva sin da


principio come un evento anomalo sia per le modalit esecutive sia per le finalit ai quali
era mirato, e comunque non classiticabile tra quei reati che in altri contesti vengono
attribuiti alla microcriminalit comune.
Analizzando il modus operandi dei malfattori appare piuttosto o w i o che costoro non
fossero interessati al furto dell'autovettura, del valore di circa 10.000 euro, poich la
incendiavano immediatamente e avessero invece come scopo primario quello di incutere !&
timore nella vittima, recandole nell'occasione anche un danno patrimoniale. 1 $3
LIGATO Giuseppe era stato oggetto di un atto intimidatorio in un territorio lontano da
Cittanova, sua citt d'origine e di residenza, e nelle vicinanze del luogo ove lo stesso stava
realizzando un'importante opera pubblica. Sulla scorta di queste due valutazioni le indagini
venivano immediatamente incentrate sull'attivit lavorativa della vittima, specialmente in
relazione al cantiere delle Nuove T e m e di Antonimina, anche con I'ausilio dell'attivit di
intercettazione telefonica delle utenze fissa e mobili in uso al LIGATO ed ai suoi familiari.
In tal modo era possibile apprendere diverse notizie utili relative al contesto in cui era
maturato il fatto, ed individuare, nei mesi successivi, mediante ulteriori attivit
investigative, il mandante ed il movente, cio appurare che vi erano forti interessi da parte
della malavita locale per la realizzazione del nuovo stabilimento termale in merito alle

" LIGATO Giuseppe, nato a Cittanova (RC) il 17.10.1937, ivi residente alla via Po M. 3, imprenditore edile.
l?
-- Vedasi Comunicazione Notizia di Reato M. 8511 della Stazione Carabinieri di Cimin datata 0 1.04.7006 in
allegato 15;
forniture di materiali, all'impiego della manovalanza del luogo oltre che al pagamento di
una somma di denaro al mandante della rapina quale tangente per l'esecuzione dei lavori.
I primi dati utili erano forniti da alcune conversazioni intercettate dagli Ufficiali di P.G. del
Comando Stazione Carabinieri di Cimina sull'utenza residenziale in uso alla famiglia
LIGATO, dalle quali si evinceva che vi era un urgente bisogno di denaro da versare presso
la Banca Cooperativa di Cittanova, per una situazione di passivit ammontante a 7.000
euro nel loro conto corrente, tanto da esser richiesto con insistenza anche ai clienti debitori
della gioielleria di FAZZARI ~ s s u n t a ' ~ .
LIGATO Giuseppe, vittima di un'intimidazione e bisognoso di denaro per coprire il
proprio scoperto bancario, sembrava essere l'ennesimo imprenditore calabrese vittima di
estorsione, e tale tesi trovava parziali conferme anche a seguito delle verifiche effettuate
presso il cantiere delle Nuove Terme. In effetti, mediante mirati servizi di osservazione
compiuti dai militari dei Comandi Stazione Carabinieri di Antonimina e Cimin, veniva
notata, tra gli altri", la presenza all'interno del cantiere della Ditta Ligato di un
pregiudicato del luogo, ROMANO ~ i c o l a " , gi noto alle forze dell'ordine per i suoi
legami con la criminalit organizzata, e con precedenti di polizia specifici in tema di
estorsioni e reati contro la persona, nonch un mezzo'6 intestato alla moglie FAZZARI
eres sa", una macchina di movimento terraz8 e due operai, SALVINI S arco'^ e
CATALDO all'epoca dipendenti3' della Ditta ROMANO aria^*, intenti ad
effettuare operazioni di movimento terra.
Le osservazioni compiute dal Comando Stazione Carabinieri di Antonimina permettevano
inoltre di appurare, in occasione di un fugace incontro nei pressi della locale caserma, che
il LIGATO Giuseppe conosceva personalmente uno dei suoi compaesani residente pero ad
Antonimina, RASO anch'egli pregiudicato ed inserito nell'organigramrna
matioso della cosca RASO-GULLACE-ALBANESEoperante in Cittanova.
La ricerca del movente e degli autori materiali dell'atto intimidatorio e dell'ipotizzata
estorsione in danno dell'imprenditore di Cittanova assumeva contorni pi chiari a seguito
dei nuovi elementi forniti dai servizi di osservazione e controllo, poich si rat'forzava l'idea
che la criminalit locale avesse allungato le proprie mani sull'appalto di Antonimina, a tal
punto da essere presente direttamente sul cantiere senza curarsi minimamente dei possibili
controlli da parte delle Forze dell'ordine.
In data 02 maggio 2006 LIGATO Giuseppe formalizzava presso il Comando Stazione
Carabinieri di Antonimina una denuncia34contro ignoti per il furto di un quadro elettrico
7+0
,,., !
'"FAZZARI Assunta, nata a Cittanova il 14.08.1944 e ivi residente in Via Po nr. 2, coniugata con LIGATO
Giuseppe;
'4 Vedasi annotazioni di p.g. datate 4 Aprile 2006 e 15 Maggio 2006, in allegato 16 e 17;
'' ROMANO Nicola, nato a Antonirnina(RC) il 21.08.1948, ivi residente in C.da Bagni Minerali nr. 14.
coniugato. Capo Squadra Forestale. Vedasi scheda personale allegata;
'"arnion di colore verde targato BL048ZG intestato a FAZZARI Teresa, nata ad Antonimina il 26.12.1952;
" FAZZARI Teresa nata ad Antonimina il 76.12.1952 ed ivi residente in C.da Bagni Minerali nr.14,
coniugata con ROMANO Nicola. imprenditrice. INDAGATA. Vedasi scheda personale allegata:
18
Trattasi di una macchina di movimento terra di colore arancione non meglio indicata;
29 SALVMI Marco, nato a Locri il 06.1 1.1982 e residente ad Antonimina in Via Littorio nr. 32. Vedasi
scheda personale allegata;
'O CATALDO Giuseppe, nato a Gerace il 02.09.1957 e ivi residente in C.da S. Filippo, Vedasi scheda
personale allegata;
" Vedasi certiticazione storica dei due dipendenti acquisita presso il Centro per l'Impiego di Locri in allegato
18;
'' Vedasi Visura Camerale della CALCESTRUZZI E INERTI di ROMANO Maria in allegato 19:
" RASO Giuseppe, nato a Cittanova il 01.10.1941 e residente ad Antonimina in C.da S. Nicola snc,
coniugato. pregiudicato. Vedasi scheda personale allegata;
4
Vedasi comunicazione notizia di reato nr. 8 2 1 datata 03.05.7006 del Comando Stazione Carabinieri di
Xntonimina da cui e scaturito il Proc. Pen. nr. 580106 R.G.N.R. mod. 44 per il reato di cui all'art. 62.1 e
625 nr. 2 C.P. gi pendente presso la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Locri. in allegato 30;
della gru sita all'interno del cantiere ove egli stava eseguendo i lavori per la costruzione
del nuovo stabilimento Termale.
In data 06.05.2006 il Comando Stazione Carabinieri di Antonimina comunicava alla
Procura della Repubblica presso il Tribunale di Locri l'avvenuto rinvenimento del quadro
rubato a poca distanza dal cantiere, in un fondo di ropriet del comune di Antonimina, ad
opera dello stesso denunciante, LIGATO Giuseppe . P5
I dati emersi dalle prime indagini erano piuttosto univoci poich l'imprenditore di
Cittanova era stato vittima di un atto intimidatorio e di un furto sul proprio cantiere, e
successivamente notato conversare con due importanti pregiudicati del luogo, ROMANO
Nicola e RASO Giuseppe.
Gli elementi raccolti erano tali da far presupporre che l'intercettazione ambientale
all'interno de~l'autovettura'~usata da ROMANO Nicola potesse fornire le informazioni
necessarie per risalire al movente ed agli esecutori dell'intimidazione, ed accertare se
realmente vi fosse un'estorsione in danno di LIGATO Giuseppe. L'effettuazione delle
operazioni tecniche consentiva cos di scoprire i retroscena dell'intera vicenda ed ampliare
in modo eccezionale il quadro investigativo, permettendo di ricostruire non soltanto i fatti
ma anche, come gi accennato precedentemente, di appurare la presenza nel temtorio del
comune di Antonimina e di molti altri centri della fascia jonica calabrese di un'articolata e
salda organizzazione di chiaro stampo mafioso, dedita a molteplici attivit illecite, spesso
collegate in modo diretto con l'esecuzione di opere pubbliche.

5 - Paragrafo 1.5
Due pregiudicati che risiedono nel medesimo territorio. Il mutamento degli equilibri
quale causa principale degli eventi accaduti.

Appare necessaria una premessa che illustri quali fossero i rapporti tra ROMANO Nicola e
RASO Giuseppe, vicini agii ambienti malavitosi dei loro rispettivi paesi d'origine,
Antonimina e Cittanova, ed oggetto delle relazioni di servizio3' redatte nel corso degli anni
dalle Forze di Polizia operanti sul temtorio ed utili a dimostrare anche l'esistenza di una
conoscenza diretta che perdurava da diversi anni.
In particolare, gi nel 1992, un militare dipendente dal Comando Stazione Carabinieri di '
Antonimina relazionava su alcune informazioni ottenute da fonte c ~ n f d e n z i a l e ~
cui ROMANO Nicola avrebbe acquistato nel mese di Agosto di quell'anno una villetta in
secondo
~. /x
'
localit Zomaro del Comune di Cittanova grazie all'interessarnento dell'allora latitante
RASO Giuseppe.
In effetti agii atti d'ufficio risultava che in diverse occa~ioni'~
i due personaggi erano stati
notati assieme negli anni successivi al periodo di latitanza del RASO
Si gi precedentemente accennato al fatto che le ipotesi si trasformavano in certezze
grazie all'apporto fondamentale delle intercettazioni ambientali registrate nel corso dei
mesi successivi dalla P.G. procedente'".

''Vedasi nota nr. 82/2 datata 06.05.7006 del Comando Stazione Carabinieri di Antonimina in allegato 2 1;
'"SEAT ALAHAMBRA targata CA279PE intestata a FAZZARI Teresa, nata ad Antonimina il 76.12.1952 e
ivi residente in C.da Bagni nr. 14;
37
Vedasi in tal senso le rispettive schede personali allegate;
Vedasi relazione di servizio in allegato 22;
3v
Vedasi allegati da 23 a 42:
40
Precisamente dall'anno 198 1 al 13.03.1993, data del suo arresto operato dal Comando Stazione Carabinieri
di Antonirnina;
Verranno qui di seguito riportati i dialoghi, precisamente espliciti, relativi ai fatti sin ora
esposti, seguiti da un breve commento utile a rimarcarne i punti salienti.
Sin dalle prime conversazioni tra l'indagato ROMANO Nicola e la moglie FAZZARI
Teresa era possibile apprendere che la collaborazione che sino a quel tempo aveva
costantemente caratterizzato il loro rapporto con la famiglia RASO, ed in particolare con
" ~ ' a w o c a t o ' ~aveva
~ , subito un brusco cambio di direzione, a seguito dei recenti fatti
accaduti e di altre incomprensioni relative alla gestione del taglio boschivoJ3.
In data 16.06.2006~ROMANO Nicola e la moglie FAZZARI Teresa intrattenevano la
seguente conversazione:

Che c'era il genero di Cola PEDULLA'"' il polpettone la e poi povero


..incomprensibile.. quell'altro ..incomprensibile.. perci gli dite che.. gli
ROMANO dite o che non ha ..incomprensibile.. per ora no.. perch non n ha.. poi
giustamente la.. andiamo dopo.. quando poi.. quando per il genero
vostro.. per cui ..incom~rensibile..

1 TERESA 1 Non 6 stato lui..

ROMANO dirglielo a lui.. ed venuto a dirmelo lui.. di nuovo.. un'altra volta!


Tempo addietro.. ma noi abbiamo parlato.. si.. si..
I TERESA I Ti ha detto.. di no.. perch' 1
1 ROMANO 1 Che il genero.. che Cola PEDULLA' vuole una sezione.. ha detto
queil'altro..

1 TERESA 1 Eh..
..
Si.. compare P.. non ce n! Noi abbiamo parlato che non ce n!
Poi sei stato tu stesso che avete detto.. che il genero di Cola
ROMANO
PEDULLA' non li supera. Non ci sono per nessuno.. perch
Poli.. s ~ u n t aaua e suunta la..
..incom~rensibile..
1 TERESA 1 Gli hanno raccontato..

ROMANO
No.. gii ha raccontato la sera a lui.. che c'era pure tuo fratello, dice..
..
a me doveva negarmelo? che gliel'ho negato!
~ ,.I'

II
La "vicinanza" dei due noti pregiudicati a LIGATO Giuseppe, vittima di un cos grave reato proprio nel ,
'
id
territorio di residenza e "competenza", non poteva che confermare e rafforzare l'ipotesi investigativa
Formulata nell'immediatezza dei fatti;
I?
Pseudonimo ufficialmente riconosciuto quale "alias" del RASO Giuseppe e pi volte utilizzato nel corso
dei dialoghi intercettati;
'' Si precisa che, come ampiamente descritto nel prosieguo dell'informativa, l'indagato ROMANO Nicola
era il gestore di diverse attivit imprenditoriali intestate ai suoi familiari, operanti nel settore edile e del
taglio boschivo, tra le quali "La Radica" di FAZZARi Teresa, "Le vie del legno" di POLIFRONI
Carmine e 1a"Due monti legnami";
W
Vedasi verbale di trascrizione N. 107 ( Rit. 5111006 Proc. Pen. 698106 della Procura della Repubblica
presso il 'l'ribunale di Locn) del 16.06.7006 in allegato 43;
45
Identificato in PELLE Antonio, nato a Locri il 08.1 1.1972, e residente ad Antonimina in C.da S. Nicola,
bracciante agricolo. coniugato con PEDULLA' Maria Stella. nata a Locri il 03.02.1976. indagato. Vedasi
scheda personale allegata.
Si e giunti all'identificazione del soggetto in quanto il suocero e l'unico PEDULLA' Nicola (nato ad
Antonimina il 06.08.1948) residente ad Antonimina;
I TERESA Ihi?
'AU'awocaton no! (RASO Giuseppe).. che venuto a dirmelo per
ROMANO
iuello di PEDCTLLA'..

TERESA :h.. eh..

ROMANO Che io giielo devo negare a quello..

TERESA \h.. che tu gii devi.. ..incomprensibile.. se tu prima dici..

Se prima abbiamo parlato in una maniera.. dovevo negartelo? E poi


ROMANO
voleva farsi bello con.. il cazzo si fa!

TERESA Voleva farsi bello con le persone!


Ma vai a fare in culo lasciami in pace! Poi giiel'ho detto io..
compare Peppe, ma che cazzo.. fatevi.. Se noi abbiamo parlato in
ROMANO una maniera, poi voi gli avete a tale posto cosi.. cosi che.. non
..
dovevo negarvelo! che cosa non dovevo negarvi? Ha preso e se la
stricata! Vai a fare in culo!
1 TERESA Eh che..

1 ROMANO Tipo che io vado e faccio due facce come la cipolla..

1 TERESA Ma una cosa lorda.. fuori garbo!

l-
Come a te! .. Se io dico una cosa quella.. Perch sai.. ma tu gii hai
ROMANO
..
negato cosi.. cosi! questi sono fatti miei!

E
Quella di allora?

Uh! .. sono fatti miei.. miei e suoi!


/'l
l
TERESA ..incomprensibile..

1 ROMANO Sono fatti miei e suoi!


P - P P

Fuori garbo!

Si pure allora.. al tempo delle elezioni hanno tirato fuori questa


storia.. no!

1 TERESA Ah.. ha questo vizio..

1 ROMANO Si allora che votavano eh.. per questo.. per quest'altro..


TERESA Ahh.. si.. si..

ROMANO ..incomprensibile..

1 TERESA
Fuori garbo il Signore.. fuori.. E lui che va a fare a raccontare i cazzi
ad uno e all'altro? Che tragediatore!
Per farsi beiio con i "Santi Nicolari" (Famiglie U S O -
ROMANO FILIPPONE).. no! Che sono stato io che non ho voluto dargli il
legno magari!
1 TERESA Perch loro vogliono ..incomprensibile..
l
..incomprensibile.. ne avete avuto con tutti.. andate e tagliate sopra al
deposito.. sopra le lenze..

1 TERESA L.. non vanno l!

ROMANO L non vanno che se lo vuole tenere per i cazzi suoi..

1 TERESA
1- Che vuole tenerselo per lui.. che lui..

ROMANO Che ha i pagliai.. che ha..!

1 TERESA Certo!

I ROMANO 1 Che non passino..

TERESA Che non passino le genti.. che non caccino.. lui fino..

ROMANO Lui e stato.. andate sopra le lepri.. andate!

TERESA Ma che disonorato! Ma questo e disonorato forte!

1 ROMANO C'& San Nicola..

Certo che li comanda a tutti lui.. che neanche possono pisciare nel
cannolo! Che cazzo di tamburo!

ROMANO I ..incomprensibile..

TERESA 1 Ah?

1 ROMANO 1 .incomprensibile..

1 TERESA 1 ..incomprensibile.. che cosa hanno nella testa le persone.. i nervi che gli
bollono!
Zuesti ancora aspettano che andiamo per chiarire con compare
?eppe!

1 TERESA lh.. aspettano che vi..

1 ROMANO 7 .
91..

I TERESA
..
4h.. si? QUESTO E UN FRATELLO MIO! .. ma tu che temi
icusa? Che non .?

ROMANO [O niente!

TERESA E allora! Che tu che chiami per i cazzi tuoi!

[Oche mi devo spiegare.. se non voglio dargli questo gusto! Che


ROMANO
..
vadano a fare in culo! che mi devo chiarire! Con lui devo chiarire!

1 TERESA Perch lui.. a loro gli dice in una maniera!


Queiio che gli dice e che non gli dice.. Quello vuole nominare a lui..
ROMANO ..
una volta che vengono da me dice.. POI LE STABILISCO IO LE
COSE..

1 TERESA Certo! Quello.. queiio vuole..

1 ROMANO
Che lui lo sa che.. se si allontana Co.. da me.. che faccio! Almeno.. lo
sa che.. Perci non quello!

1 TERESA

ROMANO Per me non ha che contarmi.. io le cose le so!

Ma tu le sai.. ma gli altri non le sanno! .. capisci? .. Gli altri sanna


TERESA
quello che gli racconta!

ROMANO Ma se li vogiiono sapere.. non li sanno!

TERESA
No.. gli altri sanno quello che gli racconta lui.. hai capito? .. Perchi
lui tragediatore!

1
P - P

("cotrarelli") ragazzi! Se erano ragazzi! .. loro due parole.,


ROMANO

1 TERESA
ORA DEVO LAVORARE AD ANTONIMINA.. DEVO ANDARE
A PASSARGLI ORDINE A LUI!

1 ROMANO
Allora! Dovevo andare l a monte.. che LORO ASPETTAVANO
CHE VADO A DIRGLI..

L
TERESA Si..
POSSIAhIO LAVORARE? SI.. SI.. ~MO .. VADO! Aspetta che mi
..
vado.. per il lavoro m vado l a monte! per dirglielo a lui! CHE ..
LUI CHI ? Che vado a dirgli per il lavoro.. e poi che cosa lui! .
42
pure tu!

I TERESA I Non penso che gliel'hai passati I


Io no! Non gli ho passato mai confidenza! A Pietro.. gli ho detto
ROMANO sempre che.. di quello che C'& a d Antonimina.. il tuo diritto non te lo
( togie nessuno! .. certamente!
I TERESA
I Ma non aveva nessun diritto! ..che non era di qua! I
I ROMANO / No.. stato ad Antonimina.. venuto ad Antonimina.. I
stato ad Antonirnina che stato accolto.. e che stato rispettato!
TERESA
VAI A DIRGLI DI NON FARE FATTURE!
Ma che poi.. ma che poi tu devi inserirti nei cazzi miei.. di tutto e
ROMANO per tutto no! ..incomprensibile.. li so io.. allora non sono
..incomprensibile..per che vai armando guai.. no!
C' Paolo quello ..incomprensibile.. che si fatto porcherioso! Che
TERESA
ha fame di soldi!

/ ROMANO / Vedono che passiamo tutti di I l capisci? I


I TERESA I Certo! Passiamo tutti di l.. I
Sino a questo punto"6 i due coniugi discutevano principalmente del rapporto tra RASO
Giuseppe e ROMANO Nicola e delle incomprensioni che si erano generate in relazione al
taglio boschivo nel territorio circostante. Il RASO Giuseppe avrebbe contestato al
ROMANO la mancata concessione di una sezione di bosco ad un individuo a lui
particolarmente vicino, PELLE ~ntonio", genero di PEDULLA' Nicola. Durante il
dialogo il RASO Giuseppe veniva pi volte accusato di essere un "tragediatore", ossia
una persona capace di mettere zizzania, di fomentare gli abitanti della C.da S. Nicola di
Antonimina, ove anch'egli risiede, contro ROMANO Nicola.
Si ponga attenzione alla terminologia con cui si esprimevano entrambi i conversanti.. . "Io
che mi devo spiegare.. se non voglio dargli questo gusto! Che vadano a fare in culo! ..
...
che mi devo chiarire! Con lui devo chiarire! omissis ...Q uello che gli dice e che non
..
gli dice.. Quello vuole nominare a lui.. una volta che vengono da me dice.. poi le
stabilisco io le cose.. ...omissis. ..Ora devo lavorare ad Antonimina.. devo andare a
passargli ordine a lui!", poich spesso ricorrer nel corso dell'indagine, a rimarcare
sempre di pi il ruolo di comando ricoperto nel territorio di Antonimina dal ROMANO
Nicola, ed evidenziare anche la forte influenza sulle sue scelte esercitata dalla moglie
FAZZARI Teresa.

La conversazione verteva a tal punto proprio sul fatto da cui era scaturita la presente
indagine, la rapina e successivo incendio dell'autovettura di LIGATO Giuseppe, alla quale
ROMANO Nicola accostava anche il furto del quadro della gru, successivamente
recuperato invece presso gli zingari residenti in Marina di Gioiosa Jonica:

Ui
Sino a pagina 7 del verbale di trascrizione nr. 107 allegata;
41
Sopra generalizzato;
I ROMANO I Che devono venire..
CON LORO, NON
LA MACCHINA NON L'HA PREPARATO
L'HANNO PREPARATO ASSIEME MA
/
STATO LUI CHE.. IL CAPO ..incomprensibile.. STATO LUI..
/ TERESA / Ma ..incomprensibile.. la macchina.. 1
I ROMANO I ..incomprensibile.. aspetta che m vedi..

/ TERESA I Certo! Doveva venire da te e vedevate che cosa.. 1


ROMANO Gli ho detto quattro parole..

i TERESA Doveva venire da te e vedere..


Gliel'ho detto quella sera.. gli ho detto io.. con i forestieri qua ad
Antonirnina.. gii ho detto io.. le cose ce le siamo chiarite fra noi, le
abbiamo decifrate e le abbiamo sistemate come abbiamo voluto, nei
ROMANO migliori dei modi.. gli ho detto io! Dignitosamente! .. SENZA
SPARGIMENTI DI SANGUE.. e senza malincuore.. e senza
.. ..
inimicizie! Dice.. vuole dire che sono io il forestiero? Non ho fatto
nomi!
/
I

TERESA Cosa lorda.. indegna!


..incomprensibile.. che poi successo il fatto.. ..incomprensibile.. quel
giorno non ho potuto chiamare.. ..incomprensibile.. successo il fatto
di tuo fratello.. io gli ho detto che non vengo pi! .. ed io me ne fotto
ROMANO
..
che non venite! A casa mia sono venuti buoni e mali.. di tutte le
..
maniere.. vengono! perch la casa mia in grazia d i Dio stata
..
aperta per tutti! Dignitosamente! Poi non gli ho dato seguito nel
discorso perch se no dovevo litigare! Glielo dicevo.. gli dicevo..
..
QUANDO HAI AVUTO BISOGNO! DI NOTTE E DI GIORNO!
TERESA E glielo dicevi.. gli dicevi.. mi pare che.. avanzavate qualche cosa.. t

-
/ i
L'azione.. l'azione . Teresa! ..incomprensibile.. Quando ti pare che
ROMANO
1
sai.. assai.. assai! Sai sempre poco!
Lui chiss che gli ha detto a loro.. perch dice ..incomprensibile.. per il
fatto della macchina., gli ho detto io.. ed ha pensato che.. che lui no,
TERESA che lui "all'awocato" non gliel'ha detto.. il fatto della macchina. Chi
va nella macchina.. per il fatto della macchina! Lui chiss che gli
entra loro!
I ROMANO E loro gli hanno detto che non ..incomprensibile..

TERESA Chiss che gli entrava a loro..

ROMANO QUESTA UNA COSA CHE DOBBIAMO CHIARIRE CON LUI..


TERESA M la cacci con quello.. con un porco come quello!

ROMANO Mannaggia!

TERESA M la cacci!

1 ROMANO Yo? Eppure volevo avere.. parla!


Cammina se vuoi! Chi tragediatore.. tragedia per una vita! Non ti
preoccupare! HAI VISTO CHE GIANNI.. L SOTTO DA LORO..
TERESA
SI SCAGIONATO CON QUELLO, CHE ANDATO A DIRGLI
CHE SONO STATI LORO.
1 ROMANO Dove?

l---
TERESA LA SOTTO ALLO STABILIMENTO..

ROMANO DOVE? .. L SOTTO ALLO STABILIMENTO..

TERESA L sotto ..incomprensibile..

ROMANO Ahh! No vabb gli pareva che ..incomprensibile..


NON CHE GLI HA DETTO.. MA GLI HA FATTO CAPIRE..
TERESA NO! SE TU NON LA VUOI FARE CAPIRE UNA COSA.. VIENI E
ME LO DICI! ..incomprensibile..
1 ROMANO
p -

L
P -PP

TERESA E poveri noi!

1 ROMANO
P -
Eh.. pare mai! Lordo!
P p - P

TERESA ..incomprensibile.. (impreca) razza indegna!

ROMANO Alla larga di tutti!

QUELL'ALTRA.. L'HA PREPARATA.. CHE NON SA.. DOVE


TERESA
NASCONDE SOLDI.

ROMANO Scoprendo..

TERESA Tutti questi soldi che ..incomprensibile.. che si mollano.. hai capito?

1 ROMANO no.. i soldi no.. sono tante cose che gli dice.. comunque dice venite..
TERESA Per fare la stessa fine!

ROMANO DEVE VENIRE LUI DICE.. OUA!

1 TERESA
I SI! ASPETTAVA.. VA DA QUELLO DELLA PIANA..
..incomprensibile.. ASPETTAVA O A T E O QUALCUN ALTRO..

1 ROMANO
l
Si.. subito!
l
1 TERESA
No? ..incomprensibile.. porcherioso.. tu non lo sai che.. dove sai che
..incomprensibile.. le persone.. CHE PENSAVA.. CHE TU T I
IMPAURIVI! ..incomprensibile..
COSI LORDI.. LORO! VOI NON LO SAPETE COSA PU
VENIRE DOMANI. VEDETE CHE LE GUERRE.. IO NON GLI
HO DETTO NON PER MACCHINE E NON PER NIENTE! I
VEDETE CHE GUERRE SONO ENTRATE CON LE PICCOLE E
S I SONO FATTE COSE GROSSE! A MACCHIA D'OLIO GLI HO
DETTO IO S I SONO ALLARGATE LE COSE. I O GLI HO
DETTO: QUANDO UNO VA APPRESSO AD UN ALTRO E NON
ROMANO
CAMMINA CON IL CERVELLO SUO! E CHE VALUTI LE
COSE PER BENE. QUELLO CHE PU VENIRE DOMANI,
PERCH POI SE INTELLIGENTE.. LA DEVE METTERE IN
ATTO L'INTELLIGENZA! E CHE SAPPIA QUELLO CHE PU
SUCCEDERE DOMANI! ..CHE GUARDI DIETRO.. OUELLO
CHE E SUCCESSO PER NIENTE. E CHE DICA.. PU
SUCCEDERE OUESTO.. SE NOI FACCIAMO OUESTO!
TERESA 1 PU DARSI PURE CHE L'HA FATTI.. LI HA CONTATTATI..
PER.. PER ME NON HA PARTECIPATO..

ROMANO 1 SI.. HANNO PARTECIPATO..


E NON CREDO CHE ANDAVANO L COLA.. PARE CHE NON
TERESA I AVEVANO NIENTE IN MEZZO ALLA STRADA LORO! MA TU
SCHERZI!
VABBE.. LORO.. SONO ANDATI QUEGLI ALTRI DUE.. NOI LA
FACCIAMO NEL COMUNE DI CIMIN.. HAI CAPITO? ..
PERCH ANTONIMINA NON L'HANNO NOMINATA PER
NIENTE!,
TERESA DI CIMINA E DI PORTIGLIOLA!

1 ROMANO I Uh?
l
1 TERESA 1 NON ANDAVANO COSI FACILMENTE CO..! EH.. CHE NON
L O CHIAMAVANO E LO ASPETTAVANO.. ..incomprensibile..

ROMANO Quella e la ..incomprensibile..


EH.. PARE iMAI! LUI GLIELA SCARICA A LORO.. E LORO
TERESA NON SANNO NIENTE.. PERO.. NON MI PARE CHE cos
FACILE..
l-- I
ROMANO Chiss!

CHE LUI SI SPAVENTAVA A MANDARE IL SUO SCAGNOZZO


TERESA
YELLA PARTE DI CIMINA!

ROMANO Eh.. ci sono..

TERESA Eh.. ora?


CI SONO.. PER.. GIUSTAMENTE LE ABITUDINI CHE
ROMANO ANDAVA DI LA.. LO SAPEVANO OUELLI.. SALI.. SCENDI..

1 TERESA
..incomprensibile.. GLI HA POTUTO DOMANDARE A CHE ORA
PASSA. A CHE ORA E A CHE ORA NON !
TUTTO PER FARE LA SCENA.. NON TI PREOCCUPARE.. LO
ROMANO
FACCIAMO VENIRE.. ..incomprensibile..
Chiaro.. hanno pensato che ..incomprensibile.. vedi.. vedi quello che
TERESA
hai fatto! Vedi che ..
Questi per il lavoro si.. si perdono, hai capito qual il discorso suo?
ROMANO PerchCquando basta.. vedono.. per il lavoro si perdono.. non che (
loro. ~ e i c h poi
le penti dicono.. ma noi?

1 TERESA Ma pensava Nicola..

1 ROMANO Hai capito? Va bene va!

1
, TERESA

ROMANO

TERESA
Pensavano! Eh.. io non capisco ..incomprensibile..

Ormai li so come ..incomprensibile..


- -

PURE A GIGI CHE HA IL MARTELLO TUO.

VA BENE.. IL MARTELLO QUELLO SIMILE..


ROMANO
1 TERESA E una cosa..
l
ROMANO ERA UN MARTELLO, ERA UN MARTELLO..
l

1 TERESA
Ma non si pu dire.. apposta l'ha cacciata, qualcuno non li mette quel
giorno, alla larga di tutti! Pu dire.. pu dire.. ..incomprensibile..

' ROMANO UN PUNTELLO.. UN PUNTELLO CHE..

TERESA ..incomprensibile..per una cosa simile non dovete..


l

ROMANO ..incomprensibile..
( TERESA / Quando fai un fabbricato ..incomprensibile.. I
UN iMARTELLO CON LA TESTA ARRUGGINITA, CHE ERA
ARRUGGINITA PER DIRE LA, CON LA TESTA GIRATA
..
VERSO SOTTO! ARRUGGINITA ERA.. QUESTA ERA NEL
) CAIIIION..
POI SEI ANDATO A MONTE GLIEL'HAI NOMINATA, CHE E
TERESA QUELLA, CHE DI QUELLO LA, CHE E DI QUELLO! RAGAZZI
VEDETE CHE C O S ~
SI FANNO GLI SCHERZI!
1 ROMANO I
SE NON ERA PER QUELLO, SE NON ERA PER QUEL
MARTELLO..

/ TERESA C O S ~SI FANNO LE ROVINE!


I
SE NON ERA PER QUEL MARTELLO.. IO SUBITO HO
PENSATO AGLI ZINGARI, PERCHE HO VISTO I TAGLI.. NO!
..TAGLI.. HO DETTO.. QUESTI QUA, CHE CAZZO QUESTI
NON.. CHE QUA I ZINGART FURONO.. INFATTI CHE E
ROMANO VENUTO L'ALTRO GIORNO E GLI HO DETTO: VEDETE CHE
GLI ZINGARI SONO STATI. GLI HO DETTO IO.. GLI
ZINGARI QUA.. IN 15 ANNI NON SONO VENUTI MAI, POI GLI
ZINGARI.. POI L'ALTRO DISCORSO, 15 ANNI QUEL QUADRO
LA, NON SONO ANDATI MAI ..incomprensibile..
1 TERESA I E SENTI.. E VEDI CHE, VEDI COME CAPITANO LE COSE.. I
I ROMANO 1 15 anni, 15 anni..

I TERESA ( Lo vedi come capitano le cose.. I


15 ANNI IN QUELLA GRU.. QUEL QUADRO, NON SONO
ROMANO ANDATI A TOCCARE IL QUADRO.. E NE SONO PASSATI
ZINGAIU! ,-.l,
Ma lui si convinto che ..incomprensibile.. certo che giiel'hanno G
TERESA
toccato..
i ;C
( ROMANO Che glie17hannotoccato.. ..Dietro la parola.. I
( TERESA / Che.. I
Dice.. hanno staccato la ceralacca! "L'AVVOCATO" CHE CI
SIAMO VISTI L A MONTE AL SILOS, CHE ABBIAMO
PARLATO DUE, TRE ORE.. HA DETTO.. SUCCEDONO..
ROMANO
POSSIBILE CHE SUCCEDONO ALTRE COSE.. SUBITO HO
ACCENTUATO.. HO DETTO.. ALLORA QUA IL DISCORSO
VOI LO SAPEVATE!
I TERESA I Disgrazia!
I
Cos fanno.. la madonna.. IO HO DETTO LA PAROLA, PUOI
) PENSARE CHE? ..
1 0 NON PENSO NIENTE.. PENSO SOLO
l I CHE.. CHE NON COMBACIANO TANTE COSE CHE.. I
1 TERESA 1 Eh.. ma cos combaciano Ie cose, ti vai a mettere in mezzo..

/ ROMANO I LUI HA DETTO LA PAROLA.. l


I TERESA I Cosi combaciano le cose Co.. che non sono potuti andare.. l
1 ROMANO I QUEL MARTELLO A TRAPUNTINO CHE, CHE USAVAMO
CHE ERA DENTRO UN CAIVIION DI QUELLI.. DELL' 82..

I TERESA ( mio
NON ERANO QUELLI.. VEDI CHE TI SEI SBAGLIATO! Caro
non e che posso dire che ..incomprensibile..eh..
SE LE SONO SCORDATE L, LE HANNO POSATE LA,
PERCH SE NON LASCIAVANO QUEL MARTELLO.. IO NON
AVEVO PENSATO A LORO. AVEVO PENSATO AGLI
ROMANO ZINGARI, PERCHE HO VISTO I TAGLI ED HO PENSATO..
QUESTI SONO GLI ZINGARI.. CHE FANNO QUESTE AZIONI.
.. QUEL MARTELLO. QUELLA PAROLA DI LUI.. CHE
SUCCEDONO ALTRE COSE..?
1 TERESA I Cosi si illude uno li Co.. 1
ROMANO Certo.. ora qua che succede?

I TERESA I Come uno passa e saluta a uno sinceramente.. perch la saluta amico
con quello..
E ALLORA.. HO DETTO IO.. ORA CHE LA FINIAMO.. ORA
HO DETTO IO! LUI STIZZOSO.. E 1 0 SONO IMBESTIALITO!

/ TERESA I "L'AWOCATO"? l
CHE SE NON VOGLIONO PER IL QUADRO.. GLI HO DETTO
IO: VOI VI FATE I FATTI VOSTRT! SONO PARTITO.. QUELLA
SERA CHE SE.. L'ALTRA VOLTA ERO PARTITO (MI ERO
INFURIATO)..
I TERESA I Eri partito come?

l1 ROMANO E CHE LO LASCIAVO VIVO!

E SI.. FACEVAMO.. MA SCUSA.. MA VEDI CHE NON


TERESA
STATO.. E CHE FACEVAMO SCUSA..

1 ROMANO 1 Io giustamente.. l
) TERESA I MA CHE SUCCEDEVA?
Eh perch gli ho detto io.. gli dicevo.. SI SONO PRESI IL QUADRO?
ROMANO DOMANI ALLE DIECI.. COME.. OUANDO IL QUADRO DEVE
ESSERE TORNATO AL SUO POSTO.
I TERESA
NON IL DIRE.. CHE POSSO DIRE SONO PARTITO..
PARTITO SENZA CHE ABBIA COLPA!

I ROMANO No..

1 TERESA 1 COME S I SCATENAVANO LE COSE? EH.. EH.. CARO MIO..


VEDI CHE NON SI SCHERZA!

( ROMANO lo mi accertavo che..

CHE LA VITA TUA.. POI QUELLA DEGLI ALTRI E PURE


TERESA
OUELLA DEGLI ALTRI.. UNA VITA COME E LA TUA!

I ROMANO IO MI ACCERTAVO!
l
1 TERESA
NON E CHE POSSO FARE LE COSE COME MIPASSANO NEL
CERVELLO!

iMI ACCERTAVO! MI ACCERTAVO! ..IO MI ACCERTAVO!


PERCH COS SUCCEDONO LE DISGRAZIE.. EH!

1 0 NON CHE ANDAVO SUBITO! ..


I O MI ACCERTAVO..
NON CHE ANDAVO SUBITO A FARE..
PARTIVA LA SUA E PARTIVA PURE LA TUA. PARTIVA..
ALLA LARGA DI TUTTI PERCH NON SAPEVAMO PIU
TERESA
NIENTE! PERCH TU CHE CAZZO FAI.. QUANDO PARTIVA
LA SUA.. LA TUA NON PARTIVA PURE?
1 ROMANO Eh.. eh.. la mia.. perch stavo in mezzo alla strada?

1 TERESA E che stavi in mezzo alla strada.. loro non avevano.. Eh.. ma tu scherzi!

Non dovevano..

1 TERESA Non per questi e non per gli altri..

1 ROMANO Non dovevano..


!
Prima che si ..incomprensibile.. SI RAGIONA CON LA TESTA
QUELLO CHE TU DICI, SE SI RAGIONA COME
TERESA
INCOSCIENTI.. ..incomprensibile.. per essere cos! .. Non che a me
mi salta nel cervello che tu con lui e con te..
/ ROMANO I Mi salta nel cervello.. ..incomprensibile..
i TERESA ( ..incomprensibile..

ROMANO LA MACCHINA.. LA MACCHINA!


MA NON VERO.. LA MACCHINA NON SAI ANCORA C H E
TERESA TRAGEDIA c' SOTTO.. PERCH NON L'HAI SCOPERTA E
NON LA SCOPRI..
I ROMANO I Gi tutto.. I
Hai capito? NON SAI CHE TRAGEDIA C'E! PU DARSI PURE
1 TERESA 1 UN GIORNO C H E DICA.. MA CHE SBAGLIO C H E H O FATTO I
1 ROMANO I Allora! 1
1 TERESA 1 Cheno!
PERCH.. IL DIRE NO.. LORO NON SONO STATI.. POI S E NE
E VENUTO ED HA DETTO: DICE.. SI.. PU DARSI PURE
DICE.. CHE FORSE DICE.. PU DARSI PURE C H E SONO
STATI LORO, PER LA MACCHINA.. NO!
I TERESA I PERCH VUOLE SCAGIONARSI LUI! I
E NON S I PU SCAGIONARE. PERCH QUANDO EH.. C O M E
S I SCAGIONA? NON S I PUSCAGIONARE!

/ TERESA I Ma tu mi pare che ..incomprensibile.. eh.. scusa! 1


QUANDO POI ALLA FINE.. VIENE SCOPERTO.. ALLORA
ROMANO CHIAMATELI C H E VOGLIO VEDERE.. PERCH L'HANNO
..
FATTO? LA POI ESCE LA VERITA!
EH.. MA NON DEVI SCOPRIRTI COSI.. EH! ..incomprensibile..
TERESA
scusa!

1 ROMANO / S I PRENDE UN MITRA.. I


Eh.. non che uno deve. .. IL POTERE SUO.. C H E LI TIENE.. !l
TERESA DOVE VANNO E CHE FANNO QUELLO C H E VOGLIONO LE
7if
PERSONE. U

( ROMANO / PU GIOCARE A CHI VUOLE.. C H E STIA LONTANO DA ME! 1


TERESA
l Ma ha quel ragazzo suo, lui si gioca..
- - P - p

ROMANO Ma lui..

TERESA E fa quello, faccia quello che vuole..


1 ROMANO 1 IL POTERE..

TERESA I PERCH GLI HAI DATO CONFIDENZA TU!

ROMANO IL POTERE..

1 TERESA
I
PERCH' NON GLI DAVI CONFIDENZA TU.. GLI DICEVI.. TU
SEI NELLA PIANA? VATTENE A VEDERE I CAZZI DELLA
PIANA!
1 ROMANO / IL POTERE.. 1
TERESA 1 CHE I CAZZI DI OUA.. NON SONO CAZZI TUOI!

11 dialogo riportato forniva spunti investigativi, conferme ed elementi di indubbio valore


probatorio, alcuni dei quali non sarebbero in nessun altro modo emersi, e chiariva ancora di
pi in quale contesto fossero maturate le azioni intimidatorie nei confronti di LIGATO
Giuseppe.
Imanzitutto appariva palese che RASO Giuseppe, personaggio carismatico per la sua
notoria appartenenza ad una delle famiglie storiche della 'ndrangheta e legato per vincoli
di parentela ad altre tmigiie quali i GULLACE e gli ALBANESE di Cittanova, stesse
tentando di imporre il proprio peso criminale sul territorio di Antonimina, raccogliendo a
s i "Santi Nicolari", gli abitanti della frazione ove risiede, e stesse screditando
l'immagine di ROMANO Nicola. Tale azione ovviamente era malvista da quello che si
pu, alla luce di quanto verr esposto nel corso della presente richiesta, detinire il "capo
locale" di Antonimina e soprattutto, aggiunta ai fatti delittuosi in danno di LIGATO
Giuseppe, lesiva del suo prestigio e della sua funzione di garante del territorio in cui
l'imprenditore stava operando.
ROMANO Nicola in questa fase iniziale nutriva fondati sospetti sulla mente che aveva
organizzato la duplice azione contro l'imprenditore di Cittanova, e in tal senso aveva
"lanciato" dei messaggi al RASO Giuseppe durante un incontro avuto con lo stesso presso
lo stabilimentoJ8 di propriet della tiglia ROMANO aria^^. In quell'occasione riferiva
alla moglie di aver insinuato la possibilit di una reazione violenta "... vedete che le
guerre.. io non gli ho detto non per macchine e non per niente! vedete che guerre sono
entrate con le piccole e si sono fatte cose grosse! a macchia d'olio gli ho detto io si
sono allargate le cose...", qualora le incomprensioni non fossero state chiarite, e di essere
pronto anche ad utilizzare misure estreme: "si prende un mitra..".
FAZZARI Teresa dal canto suo consigliava al marito di accertarsi bene prima di
intraprendere una qualsiasi azione contro la vita altrui, piuttosto la donna rimproverava il
marito per la troppa confidenza data ad uno "straniero", e gli suggeriva per il futuro di
ribadire il suo ruolo di supremazia ad Antonimina: "Perch gli hai dato confidenza
tu! ...omissis ...Perch non gli davi confidenza tu.. gli dicevi.. tu sei nella piana?
...omissis...Vattene a vedere i cazzi della piana! Che i cazzi di qua.. non sono cazzi
tuoi!".

" Trattasi dell'irnpianto


di lavorazione inerti e produzione calcestruzzi sito in C.da S. Croce di Antonimina;
ROMANO Maria, nata a Locri il 05.10.1976 e residente ad Antonimina in C.da Bagni Minerali nr. 14,
coniugata, imprenditrice. Vcdasi scheda personale allegata;
9 - Paragrafo 1.6
La restituzione del quadro comandi della gru rubato a LIGATO Giuseppe.
L'intervento risolutore di ROMANO Nicola e AQUINO Giuseppe.

In data 25.10.2006~~ era il medesimo ROMANO Nicola che, conversando con un uomo
non identificato, chiariva uno degli episodi oggetto di indagine, il furto del quadro elettrico
della gru dal cantiere delle Terme di Antonimina:

UOMO CHE HA DETTO IL RAGIONIERE?


CHE SONO STATI GLI ZINGARI, iMA SICURAMENTE.. DICE
CHE DOVE GIRA QUESTO RAGAZZO, CHE VA A GUARDARE,
ROMANO POI VANNO A RUBARE.. HA DETTO: DOVE GIRA QUESTO
RAGAZZO E VA A GUARDARE MI HA DETTO, POI O PORTA
OUELLI DI ARDORE..
) UOMO O uno o l'altro..
SI, CHE SONO COLLEGATI CON QUESTI DI ARDORE.. DISSE:

l I NON AVETE VISTO SE ERA UNA PANDA OPPURE UNA UNO,


PERCH HANNO UNA UNO..
Una Panda, una panda grigia.. La Uno di quella cosa brutta, la di quello
'OMo
di Ardore..
ROMANO Ne hanno pure..
UOMO NO, QUELLI DI BOVALINO, QUELLI DI BOVALINO..
ROMANO Ouelli di Bovalino e ne hanno pure una aua..
1 UOMO I Pure una qua?
SI.. GLI HO DETTO MA NON.. HA DETTO: ORA ANDIAMO E '
1 ROMANO LI ACCHIAPPIAMO NOI, VENITE DOPO MEZZOGIORNO.. HA
DETTO PASQUALE.. Mannaggia a Dio.. DISSE!
UOMO Cosi lordi!
Gli ho fatto dare un lavoretto ha detto, qua.. non so da quale avvocato, la
ROMANO
vicino alla Stazione..
3 Si.. si.. . 'i
V 0 Per raccogliere ferro, non so che altro.. . :&
D Eh.. eh.. , '6
l
Gli hanno cacciato le finestre della casa, sono andati la notte e gli 1
ROMANO
cacciato le finestre della casa..
UOMO Mannaggia aila puttana!
ROMANO Di alluminio, che erano di alluminio..
UOMO Mannaggia alla puttana della Madonna!
Mannaggia alla madonna del Carrnine! Poi di bello e bello volevano
ROMANO
negarmelo ha detto. un altro ooco..
UOMO Ma guarda che sono cose dell'altro mondo..
NO, LONTANI DA TUTTI, SONO DISONESTI! SI HA DETTO, ..
SONO COLLEGATI ORA c' PURE UN RAGAZZO DI
ROMANO MELITO.. VENGONO DA MELITO PURE HA DETTO, CHE UNO
DI QUESTO FIDANZATO CON UNA RAGAZZA DI MELITO E
PORTANO PURE QUELLI DI MELITO..
Sono tutti aggregati no! .. Ma questi qua perch, questi qua passato..
UOMO
uerche non e che dice.. e passato il luned..

O' Vedasi verbale di trascrizione nr. 756 (Rit. 1897106 DDA) del 25.10.7006 in allegato 44;

53
ROMANO Si.. si.. no.. no..
UOMO E passato luned..
ROMAiiO Ha detto: se passato lui non c'..
UOMO E passato il luned lui con la moglie, con una femmina che aveva..
ROMANO Si.. si.. se passato lui, questo .. miserabile ha detto, disonesto!
UOMO E facile che ormai erano pure aggregati, l sono pure, questi sono stati!
Si.. si.. se sono passati loro, ha detto: se li sono portati loro.. non c'
ROMANO niente da fare! Ha detto: sono miserabili e vanno a rubare una cosa
terribile!
i UOMO I Ma mannaggia a quel cornuto!
Ha detto: ora vado, ora vado e li chiamo, venite pomeriggio ha detto
ROMANO
..
che vediamo.. indegni!
1 UOMO Se non glielo negano..
LI STRINGIAMO, O CON UNO O CON L'ALTRO LI
STRSNGIAMO! NON E QUESTO.. DOBBIAMO VEDERE CHE
NON SIANO COLLEGATI CON QUESTO COSA LORDA LA DI
BOVALINO..
UOMO Questo qua?
Perch ha detto che sono collegati, disse: con Ardore sono collegati.
ROMANO Disse: un ragazzo di questi fidanzato con una zingarella l, con un
altro ragazzo di Melito ha detto. E vengono di l verso qua.
UOMO Levano.. si.. si.. vanno e portano..
ROMANO Levano, portano! E capace pure che venuto un furgone da l..
UOMO Si.. si.. tutto possibile! ..incomprensibile..
0
ROMANO
non faticano. non hanno soldi. cauite che d i hanno cacciato..
1 UOMO Si, questo il fatto..
ROMANO Le femmine vogliono il lusso pure e vanno a rubare ovunque..
UOMO Si.. si..
Di bello e bello! L'altro giorno ha detto di bello e bello, un cugino mio
disse, gli ha dato due macchine, gli ha detto per non andare l se non
ROMANO ci sono io, per andare a cacciarle.. Sono andati, non sono riusciti a
cacciarli quelli con la moto Ape, non sono riusciti a tirarli.. ha detto:
c'era una fresa, se la sono caricata e se la sono portata..
Che abbiano disgrazie..
Non sapevano cosa fare per farci tornare quella fresa disse..
~ a n n a i g i aalla Madonna, i a non sai, di bello e- bello ci negava ha
1 detto.. di bello e bello ci negava

. .. pausa di circa 15 secondi ...


I UOMO I Vedi che le negano le cose.. 1
Perch si raccolgono tre, quattro giovanotti di quest'altro, che vanno l a
fare che? Per fare che?
Io penso che di questi qua, quel giovanotto.. No, non andava nessuno l a
UOMO
fare un lavoro..
l
ROMANO E una stagione intera che sono l e non..
Assolutamente! Non andavano! .. ma non solo l, pure l sotto a Merici,
UOMO
l nella cosa, non sono andati, non hanno toccato mai niente.
ROMANO No.. no.. no.. no!
'ure nella cosa.. a quanto veramente da nessuna parte..
vIa voi il fatto. il fatto del..

i-=
'er non andava da nessuna parte..
MA IL FATTO DEL OUADRO, QUESTO DELLA GRU. L'AVETE
ROMANO
SAPUTO?
1 UOMO un1
1
\lo!
MANNAGGIA ALLA .MADONNA NON CI STAVAMO
ROMANO
4MMAZZAiYDO CON I PARENTI MIEI!
Della gru.. l.. l?
Si.. si.. si!
LA NEI BAGNI, L NELLE COSE?
..
31.. si.. si.. Che poi in quella occasione poi sono andato a chiamarli..
E CHE SI SONO SFOTTUTI TUTTO LO SCHEMA LA DEL
QUADRO?
SONO VENUTI, UN PAIO DI GIORNI PRIMA COMPARSO
UNO ZINGARO CHE CI CONOSCEVAMO DI GIOIOSA.. HA
DETTO: HAI BISOGNO DI QUALCHE COSA? HO QUESTO, HO
QUEST'ALTRO? GLI HO DETTO: NON HO BISOGNO DI
NIENTE! ED ERANO LUI E UN ALTRO RAGAZZO.. DISSE: HAI
FERRO? C'ERANO CERCHIONI DI CAMION LA SOPRA
OUELLE GABBIE..
.incomprensibile..
C'erano cerchioni di camion sopra a quel gabbione.. gli ho detto
scassateveli, ferro brutto, poi se ho bisogno, perch qua nell'impianto gli
1 ROMANO ho detto, un pezzo di ferro serve sempre gli ho detto, non che.. ma
portatelo, PER OUELLO CHE TI RACCOMANDO COSIMO GLI
HO DETTO: NON MANDARE RAGAZZI CHE VEDI CHE
l
INIMICHIAMO..
1 UOMO La Madonna Addolorata chi lui!
HA DETTO: NO, NON TI PREOCCUPARE CHE SE VOGLIO
QUALCHE COSA VENGO E TE LA CERCO. ..IL GIORNO
DELLA FESTA DELLA GROTTA, IO SONO SALITO SOPRA
l ROMANO ALLA GROTTA.. MI PARE CHE ERA SABATO, SABATO.. POI E
VENUTA LA DOMENICA: POI LUNEDI OUANDO VENUTO
PEPPE LIGATO, MI CHIAMANO GLI OPERAI.. VEDI CHE SI
SONO LEVATI IL OUADRO DELLA GRU.. EH.. COSTAVA

r
OTTOMILA EURO..
Eh.. ragazzi miei..
- - - - --- ...

MANNAGGIA ALLA ,MADONNA! HANNO LASCIATO UN


MARTELLO E UNO SCALPELLO, COME DI QUESTI
ROMANO
iMARTELLI CHE AVEVAMO IN QUESTI CAMION UNA
VOLTA..
Si.. si..
Mannaggia alla vergine santa! MI ANDATO NELLA TESTA GLI
1 ROMANO ZINGARI A iME.. iMA DATO CHE HO VISTO QUEI CAZZO DI
FERRI, HO DETTO IO: LO ZINGARO LASCIAVA QUA IL
FERRO QUA PER IMPRONTA.. PER PRENDERE..
1 UOMO CHE LORO SE LO MCCOLGONO PER PRIMO..
CON OUELLA CAZZO DI LASCIATA DI FERRO LA. MI E
ROMANO ANDATO NELLA TESTA.. HO DETTO: GI ERA SUCCESSO IL
FATTO DEL.. EH..
UOMO SI.. SI.. SI.. SI..
ROMANO DELLA MACCHINA LA SOPRA..
UOMO UNA COSA E L'ALTRA..
..
Ma che vogliono qua! HO DETTO: QUA CI SONO "TRAGEDIE"
HO DETTO IO! GIRA DI OUA. GIRA DI LA.. ERO PARTITO DI
TESTA! HO DETTO: SE NON TORNA IL QUADRO CHE CHE ...
POI.. GLI HO MANDATO A DIRE L A PEPPE RASO.. VEDI
CHE PASSA IL FATTO C O S ~E COS, CHE TORNI IL OUADRO
ROMANO ..
SUBITO, SENNO.. IN OUESTO FRATTEMPO.. INCONTRO UN
RAGAZZO E GLI HO DOMANDATO.. GLI HO DETTO: NON
CHE TU SABATO. DOMENICA SEI STATO QUA E HAI VISTO
OUALCHE FURGONE DEGLI ZINGARI GIRARE? MI HA
DETTO: SI DISSE.. HO LA TARGA DISSE, TIENI OUA LA
TARGA DISSE, HA PRESO PURE LA TARGA!
UOMO Eh.. si..
Mannaggia alla Madonna del Carmine! SONO ANDATO, SONO
ROMANO CORSO A GIOIOSA.. L'HO ACCHIAPPATO. GLI HO DETTO:
MANNAGGIA ALLA.. ERA PROPRIO QUELLO!
UOMO Ma guarda.. ragazzi miei!
GLI HO DETTO.. mannaggia alla Madonna.. MA CHE DOBBIAMO
ROMANO FARE QUA SCUSA? TU STAVI FACENDOMI AMMAZZARE
CON I PARENTI MIEI STESSI!
UOMO
COMPARE COLA?
ROMANO Parenti..
UOMO COMUNOUE UN BEVILACOUA?,
ROMANO NO.. NO.. PARENTI, L SONO OGNUNO PER I FATTI SUOI..
UOMO Si.. non so..
ROMANO .
Sono auattro o cinaue sauadre l..
UOMO Si?
ROMANO Si..
UOMO E mannapia alla..
COSI C'ERA PEPPE AOUINO PURE. GLI HO DETTO O PE..
VIENI CON ME.. SIAMO ANDATI L E L'HA AVVERTITO
PURE PEPPE AOUINO: VOLETE SMETTERLA. SENNO VI
FACCIAMO ALZARE I TACCHI, E VE NE ANDATE PURE DI
ROMANO
OUA DA GIOIOSA! .. TI AVEVO AVVERTITO DI NON..
SPECIALMENTE. SICCOME TI AVEVO DETTO.. SE VUOI
OUALCHE COSA DI DOMANDARE. CHE CAZZO SEI ANDATO
A FARE?
UOMO Andavi a rendere..
ALLORA TOCCATE STORTO! GLI HO DETTO: CARICALO IN
ROMANO
IMACCHINA. CHE PESAVA. ERA UN OUADRO GROSSO!
UOMO Mamaizia alla Madonna!
E PORTALO LA SOPRA.. E GLIEL'HANNO PORTATO.. .. TI
ROMANO DICO, TI DICO PAROLA D'ONORE CHE TI FANNO
fi
/ UOMO 1 Sii.. uno.. e non c' niente. sono cosi lordi..
I ROMANO I Noo!
In merito al furto del quadro elettrico della gru le responsabilit erano molto pi chiare a
seguito dell'intercettazione ambientale sopra riportata, e ROMANO Nicola non esitava a
descrivere al suo interlocutore le proprie valutazioni fatte diversi mesi prima, nel mese di
Giugno, cos come gi era emerso dalla conversazione ambientale con la moglie.
Infatti ROMANO Nicola aveva erroneamente associato l'intimidazione a LIGATO
Giuseppe mediante rapina della sua autovettura, al successivo furto del quadro, tanto da
averne attribuito anche la responsabilit ai "parenti suoi"5' ed a RASO Giuseppe, al quale
si era anche rivolto minacciosamente perch prowedesse a farlo restituire.
In realt era successivamente riuscito a scoprire che gli autori del fatto non erano altri che
gli zingari residenti in Marina di Gioiosa Jonica, ed in particolare uno di essi,
BEVILAQUA ~ o s i m o che ~ ~ pochi
, giorni addietro aveva prelevato del ferro vecchio nel
comune di Antonimina.
La vicenda si era risolta in brevissimo tempo, in quanto solo due giorni dopo il furto
LIGATO Giuseppe comunicava il ritrovamento del quadro elettrico, riferendo di averlo
casualmente rinvenuto poco distante dal proprio cantiere. In realt l'oggetto rubato era
stato portato a Marina di Gioiosa Jonica ove il ROMANO Nicola, accompagnato da
AQUINO ~ i u s e ~ p eaveva~ ' , proweduto a minacciare gli zingari ivi residenti obbligandoli
a riportare indietro quanto sottratto.
Ulteriori particolari utili a ricostruire la vicenda erano forniti dal dialogo registrato in data
16.08.2007'~tra ROMANO Nicola e FAZZARI Teresa, di cui si riporta uno stralcio:

Omissis da inizio conversazione sino a pag. 16 del verbale...


Che non usciate con tuo fratelloss a parlare o con qualcuno e gli fai
ROMANO
c a ~ i r eche..
FAZZARI E con mio fratello quando parliamo?
ROMANO No.. perch.. eh..
FAZZARI E quando parlo io con mio fratello? Ma per dire che?
ROMANO Per auesta cosa..
Ma tu scherzi! Ma che cazzo me ne fotto io.. e poi prima che.. Io con
FAZZARI I
lui non parlo mai.. prima che lui..
ROMANO Che non domanda.. h-
' re
ALLORA MI HA DOMANDATO QUALCHE COSA, CHE NON 1

C'ERA COSA CON TE, CON ERAVATE, CHE NON VI


PARLAVATE.. ORA PURE CHE NON PARLATE.. 1 0 PENSO
CHE BASTA.. EH.. S E MAI MI DICE.. GLI DICO.. S E VUOI
QUALCHE COSA.. MIO MARITO LO SAI DOV'E! VAI E ..
PARLI CON LUI.. 1 0 CHE HO A CHE FARE! OUANDO MI ..
DOVREBBE DIRE.. CHE NON MI DICE.. CHE NON MI DICE
..
NIENTE MAI! EH.. PER OUANT'E CHE NON LO VEDO IO! ..

" I FAZZARI, precisamente gli indagati Vincenzo e Pienno, con i quali aveva gi dei contrasti a seguito del
loro favoreggiamento a RASO Giuseppe:
52
BEVILAQUA Cosimo. non meglio identificato a causa dei numerosi omonimi residenti e domiciliati a
Marina di Gioiosa Jonica;
"AQUINO Giuseppe. nato a Marina di Gioiosa Jonica il 70.02.1962, ivi residente in Via Porticato io Tronco
nr. 9. indagato. Vedasi scheda personale allegata;
" Vedasi verbale di trascrizione nr. 3969 (Rit. 1897/06 DDA) del 16.08.2007 in allegato 45;
'' FAZZARI Vincenzo nato ad Antonimina il 76.05.1956 e ivi residente in Fraz. Bagni nr. 2 . coniugato,
imprenditore. Vrdasi scheda personale allegata;
Eh.. a me viene a dirmi.. va.. io lo sai.. tu hai avuto problemi.. sono 30
anni.. aualche ~robiemacon me..
No.. no.. no.. io non posso.. non.. tu hai visto..
Hai avuto aualche volta aualche ~roblemada me!
ROMANO TI HO DETTO.. IO LE COSE LE AWISO..
Ah.. che vai a.. PER ME NON SI FACEVANO GUERRE AI BAGNI..
NELLE FAMIGLIE.. NON TI PREOCCUPARE! iMa a lui.. gliela..
dico qualche cosa.. logicamente lui.. ma non che gliela dico perch..
FAZURI che cazzo .. gli dico che non so niente di nessuno.. e non voglio
..
sapere! Non m'interessa.. e se so qualche cosa me la tengo per me!
A m e dispiace che quella parola che mi ha detto quella mnttina, che
avete fatto del martello.. perch le cose.. fatele..
IL MARTELLO.. ERANO I SUOI LO SAI? L'HANNO PRESO ..
GLI ZINGARI NEL CAMION.. CHE IO SONO VOLUTO
1 ROMANO
ANDARE PER ACCERTARMI DAGLI ZINGARI.. POI L'HO
COSTRETTO E MI HA DETTO: NEL CAMION..!
Dentro a quale camion?
ROMANO
..
NEL CAMION ROSSO! ED IO LI HO VISTI.. PERCHE ERANO
DA UNA PARTE.. MACCHIATI.. DALLA CASSETTA..
E nel camion rosso auale..
L sotto nella fiumara..
Quello che fermo l?
ROMANO
NELL' 82! ..IO GLIEL'HO DETTO L'ALTRO GIORNO..
VEDETE CHE..
FAZZARI A chi?
"L'AWOCATOn RIMASTO MALE CON QUELLE COSE.. EH..
ROMANO AVETE FATTO! .. EH.. VENITE.. GLI HO DETTO.. CHE
ANDIAMO A GIOIOSA E VEDETE SE SONO I SUOI!
E LUI POI NON HA VISTO CHE LE COSE GLI MANCAVANO
FAZZARI
DAL..
Lui che sapeva il cazzo!
NON SAPEVA.. NON SAPEVA!
10 GLI HO APERTO SUBITO LA CASSETTA.. ED HO VISTO
..
CHE C'ERANO LE MACCHIE! E POI HO GIRATO LA COSA..
ED HO VISTO CHE AVEVA LE MACCHIE.. HO DETTO IO: LE
I ROMANO COSE ERANO QUA DENTRO! .. POI UN GIORNO L'HO
STRETTO ALLO ZINGARO.. GLI HO DETTO 10: QUEI
MARTELLI CHE HAI LASCIATO L.. GLI HO DETTO.. ERANO
..
I TUOI? MI HA DETTO DI NO!
'piz ..incomprensibile..preparano loro scusa..
ROMANO Chi?
Loro!
Eh.. io giustamente..
Eh.. eh..!
HO VISTO I MARTELLI.. ED HO RICONOSCIUTO I
ROMANO
MARTELLI.. ED I MARTELLI ERANO I SUOI..
..incomprensibile.. ma non si pu chiudere.. non si pu chiudere finch
FAZZARI
non si sanno le cose!
SI MA SE IO NON VEDEVO.. 1 0 LA PRIMA PAROLA CHE GLI
ROMANO
HO DETTO 1 0 A LIGATO.. GLI HO DETTO: QUA VEDETE CHE
1 I SONO STATI GLI ZINGARI.. OUANDO HO VISTO CHE ERANO (
TAGLIATI..
FAZZARI Eh.. ma intanto tu hai fatto che..
1 ROMANO I Quando ho visto che c' il martello l.. PERCH IO HO
RICONOSCIUTO IL MARTELLO..
1 FAZZARI I Che hai fatto?
CHE ERANO I SUOI.. ..incomprensibile.. DI COLEDDA.. DENTRO '
ROMANO IL CAMION.. ED ERANO OUELLI.. PERCH POI MI SONO
VOLUTO ACCERTARE PER BENE!
FAZZARI E POI CHE HANNO FATTO CON OUEI MARTELLI2
ROMANO SE LI SONO PORTATI I CARABINIERI!
1 FAZZARI Mahh! ..incomprensibile..
I 0 LA PRIMA PAROLA CHE GLI HO DETTO A LIGATO.. GLI
l

ROMANO I HO DETTO: VEDETE CHE QUA GLI ZINGARI SONO STATI!


POI QUANDO HO VISTO QUEI COSI LA.. HO DETTO..
..
manna&ia alla Madonna.. QUA NON COSA DI ZINGARI!
LASCIAVANO I MARTELLI LA E SE NE ANDAVANO.. E NON
FAZZARI LO SAPEVANO CHE NON FACEVATE DOPO.. NON
DOVEVANO LASCIARE.. ..incomprensibile..
UA IL "DISCORSO" STATO UN ALTRO.. IL "DISCORSO"
ERA..
FAZZARI Oggi che giorno e?
ROMANO QUANDO NOI ABBIAMO PARLATO CON "L'AVVOCATOn..
FAZZARI Qua e chiuso. che ora ?
I ROMANO ( Quattro giorni prima.. 1
FAZZARI Si sono presi le ferie..
ROMANO QUATTRO GIORNI PRIMA.."
FAZZARI ..incomprensibile.. o no?
DISSE: "SUCCEDE ALTROn.. LUI L'HA DETTO PER
..
INTIMIDIRCI! E SUCCESSO IL "DISCORSOn.. E SUCCESSO
VERAMENTE! .. HO DETTO 10.. ALLORA OUA IL
I "DISCORSO".. EH..
...omissis sino a termine verbale.

ROMANO Nicola, intervenuto immediatamente per risolvere il nuovo problema di


LIGATO Giuseppe, aveva inizialmente male interpretato il furto del quadro elettrico della
gru, poich era awenuto solo quattro giorni dopo l'incontro con RASO Giuseppe, detto ,n
bbl'awocato", il quale, con fare intimidatorio, aveva fatto allusione alla possibilit che si ,b
veriticassero ultenon ntorsioni dicendo"Succede altro". J 10

Gli oggetti ritrovati e poi posti sotto sequestro dai Carabinieri del Comando Stazione di
Antonimina in quanto strumenti adoperati per compiere il reato erano stati riconosciuti da
ROMANO Nicola poich simili a quelli utilizzati dai suoi congiunti, anche se dal dialogo
non era ben comprensibile se il "Coledda" indicato fosse FAZZARI ~icola", fiatello di
FAZZARI Teresa o FILIPPONE ~ i c o l a dipendente
~~, della "F.P. di FAZZARI Pienno &
C. s.a.sWdi Antonimina.

'6 Verosimilmente il 24.04.2006, "quattro giorni prima" la data del tiirto del quadro elettrico;
" FAZZARI Nicola, nato ad Antonimina il 12.10.1945;
'' FILIPPONE Nicola, nato ad Antonimina il 04.12.1965 ed ivi residente in C.da Dilica nr. 4, assunto in data
11.02.2006 come da Libro matricola dell'Impresa FAZZARI in allegato 46:
ROMANO Nicola aveva pertanto erroneamente attribuito la colpa del furto nuovamente a
RASO Giuseppe ed a coloro che in quel periodo a lui si appoggiavano, cio FAZZARI
Vincenzo e FAZZARI Pierino, interpretandola come l'ennesima intimidazione volta ad
ottenere una parte dei guadagni provenienti dall'appalto del Nuovo Stabilimento termale.

9 - Paragrafo 1.7
Gli interessi della criminalit organizzata sull'appalto del nuovo stabilimento termale
di Antonimina. RASO Giuseppe mandante della rapina.

I primi risultati delle attivit investigative avevano pertanto fatto emergere alcuni dati
oggettivi, come l'esistenza di un contrasto piuttosto marcato tra due personaggi,
ROMANO Nicola e RASO Giuseppe, che sino ad allora avevano sempre collaborato e
rispettato ciascuno il proprio ambito di competenza. Un mutamento degli equilibri che
appariva sin da principio direttamente correlato alla realizzazione del nuovo stabilimento
termale e che era verosimilmente sfociato nell'atto intimidatorio a LIGATO Giuseppe.
Tale tesi veniva ampiamente confermata da uno dei diretti interessati che ben 15 mesi
dopo, colloquiando con la moglie FAZZARI Teresa, forniva elementi chiari e diretti per
attribuire il ruolo di mandante della rapina a RASO Giuseppe.
In data 16.08.2007 veniva intercettato a tal riguardo il dialogo tra i due coniugi residenti
nella frazione Bagni di Antonimina, di cui si riportano alcuni

Omissis da inizio trascrzione a pag. 9 del verbale.. .


Eh.. quel giorno ..incomprensibile..non che no! che hanno fatto il lavoro
FAZZARI l ..incomprensibile., CON "L'A WOCATOn.. E GLI RIMASTA
LA MACCHINA.. ALLORA CHE TI HA DETTO?
Eh.. allora ci siamo "beccati".. ci siamo beccati proprio allora.. in
..
quei giorni no! Poi siamo rimasti che.. Disse: no, non penso che
b'l'amba~~iata"non te l'hanno mandata! ..
Gli ho detto io: a me
ROMANO ..
"l'ambasciatan non arrivata! Andate e gli dite.. di vedere con chi
ha mandato "I'ambasciata".. perch.. ..incomprensibile..poi appresso 1
1 mattina questa "ambasciata9'- arrivata.. dopo che ..incomprensibile I
- -

l
1 causa disturbo di linea.. con "l'awocato"!
Ma che vuole.. ma che.. vuole comandare! Vuole comandare! che ..
abbia male disgrazia! Gli macina per questo ponte hO ...
ROMANO Uh?
Per questo ponte gli macina! .. Che doveva metterlo in giro.. ma che coso
lordo!
SI I GUAI LI HA COMBINATI.. PERCH QUANDO NOI GLI
ABBIAMO DETTO PER IL LAVORO.. SI PENSAVA CHE LO
PRENDEVANO ALTRI, CHE NON LO FACEVANO.. GLI HO
ROMANO
DETTO IO: PERCH.. CHE CAMBIA? ALLORA VOI DICEVATE
CHE CAMBIANO.. VI RICORDATE QUANDO..? E ALLORA
CHE E.. CHE CAMBIA? .. ..incomprensibile..

1
FAZZARI
ROMANO ~ ..incomvrensibile..
SI.. GIA GLIEL'HO MOLLATA UNA VOLTA IO.. GLI HO 1
DETTO.. LA COLPA UNA VOLTA.. GLI HO DETTO.. STATA ~
Vedasi verbale di trascrizione nr. 3968 (Rit. 1897106 DDA) del 16.08.2007 in allegato M. 47;
00
I due conversanti accennano all'appalto pubblico per il rifacimento del Ponte sulla tiumara S. Paolo di cui
si riferir ampiamente in seguito;
LA VOSTRA GLI HO DETTO.. VORREI SAPERE IL MOTIVO
PERCH, CHI L'HA PORTATA.. PER QUALE SENSO..
FAZZARI Di chi?.. a loro? A loro gli ..incomprensibile..
ROMANO ..incomprensibile..
FAZZARI Ehh. e lui..
CHISS PERCHE.. SI PENSAVA CHE I PRENDE
..incomprensibile..A ME.. EH!
FAZZARI E lui perch gliel'ha detto?
ROMANO VORREI SAPERE IL MOTIVO PERCHE..
FAZZARI E lui perch gliel'ha detto? I
ROMANO Parlavano no.. sono andati a raccontarglielo no..
FAZZARI E a te uerch te l'hanno detto? .. Che te l'hanno detto loro?
NO.. LORO.. SI.. SI ME L'HANNO.. NO NIE L'HA DETTO UN
ALTRO CHE ERA CON LORO MENTRE PARLAVANO..
USCITO CHE LA COLPA STATA MIA.. CHE 1 0
..incomprensibile..

...omissis da pag. 10 del verbale a termine trascrizione.


I riferimenti alla rapina si facevano ancora pi chiari nel prosieguo della conversazione6':

..incomprensibile.. COSO LORDO CHI L'HA PORTATO QUA..


FAZZARI LORDE, PUTTANE E iMAGNACCI! SONO UNA ;MASSA DI ..
COSI LORDI.. TUTTI QUANTI SONO.. ..incomprensibile..
ROMANO Non devo passare per forza da qua.. non posso passare da sotto..
FAZZARI Ma di qua passiamo davanti alla W a ?
ROMANO Eh.. non assia amo davanti alla frutta!
MALA DISGRAZIA CHE ABBIA.. NON FATE GUERRA..
PERCH VEDETE CHE IN OUESTA TERRA CAMPIAMO
POCO.. NON FATE GUERRA E NON ARMATE PER GLI
ALTRi.. CHE POI LA FATE VOI! ..
ALLONTANATELI..
VEDETE COME DOVETE FARE, PERCHE NON E GIUSTO
FAZZARI FARE OUESTE AZIONI! ..
"EH.. LA IL SUO, DA LUI..
NELLA TERRA SUA.. FATE.. LASCIATELO FOTTERE.. CHE
FACCIA OUELLO CHE CAZZO VUOLE"! .. NON ANDATE A
I I FARGLI.. FRONTE.. ..incomprensibile.. LASCIATELO IN PACE I
I ..
I E VIA! EH.. CHE NON AVETE CHE LITIGARE.. SUL SERIO.. 1
"CHE QUESTO C I AMMAZZA"..
ROMANO EH.. "PERCHE NON C'E PIOMBO PER LUI".. EH.. EH..!
Hai visto gi com' venuto.. com' venuto in casa ad armarti ':'
i,'Y
..
"piattini*.. (storie).. l'hai visto? "EH.. QUESTO E CAPACE DI i ' ,,u
TUTTO, CHE HA DA PERDERE! ..
Eh.. non pensare che.."!..

1 I "PARLATE LE COSE. RAGIONATELE, SE VUOLE CAPIRE.. I


1 FAZZARJ 1 CAPISCE.. SENNO GLI DICI.. VA AMMAZZATI E FAI CHE
CAZZO VUOI.. E NON LO GUARDATE PIU"! La mangianza era
buona, che mangiava da un anno all'altro.. che per qualsiasi cosa
correva l da.. la mangianza era.. ..incomprensibile.. portava una
mandria di buoi.. ..incomprensibile.. uh.. voleva ..incomprensibile.. le
persone!
ROMANO Gli finita pure a lui.. perch ai consorzi gli finita!

"' Vedasi verbale di trascrizione nr. 3969 (Rit. 1897106 DDA) precedentemente allegata;
61
I FAZZARI I ..incomwrensibile..basta! 1,
ROMANO ..
"Tutto viene scoperto! Tutto si scopre"!
FAZZARI Eh..
"QUANDO LA PERSONA ABUSIVISTA"! .. E FALSA.. VIENE
A GALLA TUTTO!

.. pausa di circa 25 secondi ..


l
1 FAZZARI / Vedi che non uiu.. ..incomwrensibile.. l

I ROMANO ..incomprensibile..sta bene ..incomprensibile..


FAZZARI Chiarisci.. ..incomprensibile.. che abbia disgrazia.. cerca di chiarire..
1 ROMANO Ehh..
FAZZARI Lui non..
ROMANO "PER LA MACCHINA SE L'E ACCETTATA"!
FAZZARI SE L' ACCETTATA.. E CHE COSA HA DETTO?
EH.. "HO DOVUTO FARLO PERCH TU NON MI HAI
ROMANO
RISPETTATO"! ..
AH.. SI.. E DITEMI DOVE NON VI HO
RISPETTATO? .. PER CONTO.. PERCHE LA COLPA E
VOSTRA!
FAZZARI EH.. -PARE
- -MAI!
~--
--T

VOI.. GLI HO DETTO 10: SENTITE UNA PERSONA E GLI DITE


CHE DOBBIAMO ESSERE ONESTI.. VOI NON SIETE ONESTO!
.. PERCH SE VOI ERAVATE UN CRISTIANO ONESTO E CHE
RISPETTAVATE VERAMENTE.. PRIMA.. GLI H O DETTO IO:
ROMANO DI PARLARE.. PERCH AVEVAMO PARLATO CON VOI PER
IL LAVORO.. GLI DICEVATE.. SI ASPETTA.. GLI DICEVI.. LO
DEVI PRENDERE TU.. NON LO PRENDI.. ORA CHIAMIAMO A
COLA E POI DISCUTIAMO E VEDIAMO! .. NON GLI
..
DICEVATE.. VAI! CHE SONO OUESTE COSE?
SE NON PARTIVA LUI IN OUESTA MANIERA.. NON SI
FAZZARI
FACEVA LA GUERRA!

ROMANO
s
.. E PARTITA DALL'ALTRA PARTE O E PARTITA D1 QUA..
GLI HO DETTO IOL
FAZZARI Pare mai!
. .--....

E CERTO.. PERCHE QUANDO QUELLA SERA DISSE.. AI


BAGNI MI DISSE.. CHE NOI AD ANTONIMINA C I SIAMO
RISPETTATI SEMPRE.. E NON ASPETTIAMO I FORESTIERI
ROMANO
CHE CI METTANO GUERRA! ..
GLI HO DETTO 10: PER
1 1 QUESTO MI SONO ALLONTANATO! CHE ASPETTAVO.. GLI .. I
i
-

HO DETTO IO!
1 FAZZARI I CHE VENIVATE AD ARMATE TRAGEDIE!
SE.. SE 1 0 GLI HO DETTO CHE.. SE IO GLI HO DETTO CHE..
VOI AVETE DETTO UNA VOLTA.. CHE QUELLO CHE
SUCCEDE IN MONTAGNA.. SE NON LO SAPETE LA SERA.. LO
ROMANO
SAPETE LA MATTINA GLI HO DETTO IO! COME MAI CHE.. ..
GLI HO DETTO IO: NON LO SAPEVATE CHE.. ALL'INIZIO
NON LO PENSAVO.. MA SUBITO DOPO.. CHE PENSAVATE
I CHE ..incomprensibile.. EH.. EH.. MI DISPIACE GLI HO DETTO
IO! .. MI SEMBRA CHE.. [N GRAZIA DI DIO LA TESTA CE
1 L'ABBIAMO ANCORA.. 1
... A questo punto e precisamente al minuto 17.33 della registrazione, si sentono i due
coniugi che scendono dalla vettura sbattendo gli sportelli. Come si evince dal sistema del
G.P.S., il mezzo si trova in Sidemo, precisamente sul corso Garibaldi, nei pressi
dell'attivit commerciale Jonica Frutta.. .
. .. Al minuto 26.04 si sentono ROMANO Nicola e la moglie FAZZARI Teresa, che
risalgono a bordo della macchina, come si evince dal sistema di G.P.S. si avviano in
direzione di Locri.. .

1 ..incomprensibile.. se
non lo fai mangiare ..incomprensibile.. me ne I
fotte a me ..incomprensibile.. INDEGNI.. GENTE ABITUATA DA
FAZZARI SEMPRE A SPARARE PERSONE.. ..incomprensibile..
traffici.. rovine..
I ROMANO I
Va bene va! .. se uno gliele passa.. io quando..
FAZZARI MA GLIELE HAI PASSATE TU..
..
/ ROMANO 1
IO NO! "IO L'HO TENUTO A BADA.. E PIU DI LA NON E
PASSATO.. PERCH NON L'HO LASCIATO PASSARE"!
CAPITO?
HAI ..
MA SE.. MA SE.. SE VI SVENAVATE (facevate in quattro per lui)
APPRESSO A LUI.. CHE G L I FACEVATE..,
MA DI CHE.. C H E GLI FACEVI IL REGALO. C H E G L I
FACEVI.. OUESTI..
FAZZARI ..incom~rensibile..
1 ROMANO I Che significato ha..
FAZZARI Vai che a quando.. ..incomprensibile..
ROMANO Che significato.. che..
FAZZARI E OUESTO CHE RISPETTO E?
ROMANO VA.. VA.. VA..
FAZZARI Scusa!
IO S T O PARLANDO SU COSE SERIE.. SOPRA LE COSE SERIE
ERA L E BASTA.. NON ALTRO..
,

IO S O C H E TUTTO OUELLO CHE FACEVATE.. CORREVATE


D ROMANO
DA LUI.. S O QUELLO CHE FACEVATE..
DI CHE FACEVAMO.. CHE CORREVAMO DA LUI?
DEI LAVORI.. DI OUESTI. DI OUEGLI ALTRI. DI QUEGLI
ALTRI!
- ..
MA QUALI LAVORI SIAMO CORSI DA LUI!
ALLO STABILIMENTO.. DA ALLORA
ALLORA LI
LI ALLO
. n
-1

,1 1
J

STABILIMENTO.. POI S I E INSERITO LUI.. CHE QUANDO..


SIAMO STATI NEMICI..
FAZZARI Ma tu..
UANDO SIAMO STATI NEMICI CON LORO.. HANNO
:SERITO A LUI PER PORTARE LE NOVITA!
MA QUINDI NELLO STABILIMENTO.. OUESTO L O
FAZWR1
INTERESSANO DA ALLORA A L U L
ROMANO ALLO STABILIMENTO DA ALLORA..
SCUSA.. E NON L'AVETE INSERITO DA ALLORA? S E
ALLORA L'AVETE INSERITO.. ORA SI ALLONTANAVA?..
A
FAZZARI MA ORA SI ALLONTANAVA SECONDO TE?,
ORA C I VOGLIONO TRE DITTE.. E GLI ABBIAMO FATTO IL
REGALO SUO E BASTA!
E ORA S I ALLONTANAVA SECONDO T E ? DICE.. ALLORA ..
,
SONO STATO BUONO.. ED ORA NON SONO BUONO!
EH.. NON C H E DICO CHE SI ALLONTANAVA O NON SI
, - ALLONTANAVA..
FAZZARI Eh.. eh.. eh..

1 ROMANO
PARE CHE I O L'HO TENUTO LONTANO.. IO NON GLIEL'HO
DETTO QUANDO ANDATO ALLO STABILIMENTO.. EH..
PERCI..-GLI DISSI.. CHE FINO A LA..
FAZZARi MA VOI VE L'AVETE PORTATO L!
ROMANO FINO A LA..
FAZZARi E ORA CHE T I PARE CHE SI ALLONTANA SENZA..
FINO A LA.. IMA SENZA TRAGEDIE. PERCH SENZA GUAI..
PERCH SE IO GLI DICO UNA COSA.. T I DICO C H E E
IMPOSTATA, CHE DEVE ANDARE COS.. MA SENZA TU C H E
VIENI A IMPORMI A ME CHE LO DEVI FARE CON TIZIO..
..
MA NON VAI A FARE IN CULO! SE IO T I DICO UNA COSA..
I I CHE E GIUSTA COSI.. DOBBIAMO FARLA COS~!

.. pausa di circa 15 secondi ..


FAZZARI ..incomprensibile..
SI SONO FATTI IL CONTO.. OLTELLI HANNO FATTO IL
CONTO.. DICE LO PRENDIAMO CON TANTO.. DICE.. VI
VIENE A VOI.. TANTO LA PARTE VOSTRA! E OUELLO T E ..
.. pausa di circa 25 secondi..
FAZZARI ..incomprensibile..
ROMANO Oh!
FAZZARI E CAPACE C H E SPARA..
ROMANO "E CHE T I PARE CHE NON C'E PIOMBO PURE PER LLTI"!
FAZZARI Andiamo e facciamo.. allora finita che.. che voglio pi dalla vita! 1
NON E CHE.. O FA.. CHE VEDA OUELLO CHE DEVE FARE..
C H E VEDA OUELLO CHE DEVE FARE!
FAZZARI Dovete parlare prima..

...omissis sino a termine verbale.


Sono diversi i punti sui quali e necessario porre l'accento poich si possono ampiamente
delineare le responsabilit di RASO Giuseppe e di alcuni suoi fiancheggiatori.
La discussione tra i due coniugi e incentrata sugli errori che sarebbero stati compiuti in
passato a causa dell'eccessiva tiducia data ad uno "straniero" come RASO Giuseppe,
pronto ad insinuarsi nella gestione del territorio di competenza di ROMANO Nicola. 11
pregiudicato di Cittanova era divenuto il punto di riferimento di alcuni congiunti del
ROMANO che lo avevano coinvolto allorquando erano iniziati i lavori del nuovo
stabilimento termale "...allora l allo stabilimento.. da allora li allo stabilimento.. poi si
inserito lui.. che quando.. siamo stati nemici ..omissis...quando siamo stati nemici
con loro.. hanno inserito a lui per portare le novit!".
Secondo quanto emerso dalle indagini compiute si pu affermare con certezza che i
soggetti ai quali ROMANO fa riferimento sono i congiunti FAZZARI Vincenzo e
FAZZARI ~ i e r i n o rispettivamente
~~, fratello e nipote di FAZZARI Teresa, titolari di uno
stabilimento per la lavorazione di inerti e la produzione di calcestruzzi sito in C.da Modi
del Comune di Gerace, proprio di fronte a quello gestito dalla famiglia ROMANO.
Il ruolo di mandante per la rapina e successivo incendio dell'autovettura di LIGATO
Giuseppe era palese durante la descrizione del colloquio awenuto tra ROMANO Nicola e
RASO Giuseppe nei mesi successivi all'accaduto: "..."per la macchina se l' accettata"!
... se l' accettata.. e che cosa ha detto? ... eh.. "ho dovuto farlo perch tu non mi hai
.. ..
rispettato"! ah.. si.. e ditemi dove non vi ho rispettato? per conto.. perch la colpa
...
vostra! ... omissis voi.. gli ho detto io: sentite una persona e gii dite che dobbiamo
..
essere onesti.. voi non siete onesto! perch se voi eravate un cristiano onesto e che
rispettavate veramente.. prima.. gli ho detto io: di parlare.. perch avevamo parlato
con voi per il lavoro.. gii dicevate.. si aspetta.. gii dicevi.. lo devi prendere tu.. non lo
prendi.. ora chiamiamo a Cola e poi discutiamo e vediamo! non gli dicevate.. vai! .. ..
che sono queste cose?".

RASO Giuseppe e ROMANO Nicola avevano preventivamente preso accordi per la


gestione dell'appalto di cui si tratta ma i suoi congiunti, desiderosi di inserirsi per prendere
parte ai guadagni che ne sarebbero derivati, si erano rivolti al primo per raggiungere il loro
scopo e questi, risentito nei confronti del ROMANO, li aveva autorizzati ad agire.
Si specifica che RASO Giuseppe non titolare di alcuna impresa edile, n i tigli risultano
avere interesse per questo tipo di attivit lavorativa, ma la presenza sul territorio di una
persona a cui necessariamente occorreva "portare rispetto" imponeva l'obbligo di tenerla
in conto nella spartizione dei guadagni derivanti dagli appalti. Non era il monopolio delle
forniture di materiali l'interesse dell"'awocato", bens I'ottenimento di un vantaggio, un
"regalo" consistente verosimilmente in una qualche somma di denaro: "...ma se.. ma se..
se vi svenavate appresso a lui.. che gli facevate...omissis ... ma di che.. che gii facevi il
regalo, che gli facevi.. questi..omissis ... ora ci vogliono tre ditte.. e gii abbiamo fatto il
regalo suo e basta!"
Owiamente le tensioni sorte negli ultimi mesi mantenevano costante il pericolo di una
degenerazione violenta del rapporto tra i due pregiudicati nonch tra le opposte fazioni che
li appoggiavano "...non fate guerra e non armate per gii altri.. che poi la fate voi!
..omissis..."C he questo ci ammazza "...omissis...b capace che spara...omissis... "e che ti
pare che non c' piombo pure per lui".
Una conferma ancor piu diretta si aveva grazie alla conversazione tra ROMANO Nicola e "
MELIA Vincenzo, uno degli indagati pi importanti il cui ruolo verr ampiamente
descritto nei corso della presente richiesta, che veniva registrata in data 1 1 Gennaio 2008
all'intemo della sua abitazione sita in Via Leopardi di ~ r d o r e ~ ~ :

I MELIA I ..incomvrensibile.. l'

I SE NON SI GUARDANO.. C' OUALCUNO BUONO.. MA SE SI 1


1 ROMANO GUARDANO NELLE MANI.. LE PERSONE VORREBBERO
SOLO PISTOLETTATE!
MELIA ..incomprensibile.. solo, non vuole sapere niente! Finch ne ho mi

"'FAZZARI Pierino. nato ad Antonimina il 03.06.1966 e ivi residente in Via Cesare Battisti snc, coniugato.
imprenditore. Vedasi scheda personale allegata;
"'Vedasi verbali di trascrizione N. 564 18. 5642 1 e 56422 (Rit. 2 1 13i06 DDA) del 1 1 .01.7008 in allegati da
48 a 50:
( restano sempre ..incomprensibile..
ROMANO I ..incom~rensibi/e..
MELIA Ci allontaniamo..
ROMANO E CHE GLI INTERESSA DEI FATTI MIEI? ..incomprensibile..
MELIA Loro sono stati sempre.. ..incomprensibile.. l'avete visto?
ROMANO Mi pare che non ..incomprensibile..
IMELIA ..incom~rensibiie..la arte d i Bruno..
SI.. SI! EHH.. LOGICAMENTE NON CAPISCONO CHE UNO..
,
CHE GIUSTAMENTE HA.. TRAGEDIE! ..incomprensibile..
MELIA MI RISPETTA A ME.. VI DICO.. ..incomprensibile..
QUA ANCORA COMPARE VICE.. S I CREDE ALLA BEFANA..
1 1 UOMINI MISTERIOSI CHE APRONO LA GIRANDOLA.. I
( ROMANO i
UOMINI CHE SI INSERISCONO. CHE FANNO.. NON C'
NIENTE! ..incomprensibile.. AD UNO.. HANNO LOTTATO CON IL
1 / COMPARE MIO OUA, CON PEPPE RASO! C I SONO TROPPI I
INTERESSI..
MELIA CON CHI?
I O MI SONO COMPORTATO SEMPRE.. NON LO SAPEVO CHE
( ROMANO /
LOGICAMENTE.. IO VI DICO CHE CI SONO BRUTTE
PERSONE.. CHE GLI POSSONO PRENDERE IL DNA COMPARE
P
VICE!
MELIA ..incomprensibile..

ed ancora:

M
i ELI A ..incomprensibile..
iVCI SBAMPARU GIA A M A CHINA, iVCI SPARA RU! (GLI HANNO
ROMANO GIA BRUCIATO LA MACCHINA, GLI HANNO SPARATO)! SE ..
NE FOTTEVA DELLA ..incomprensibile..
NIELIA YEAH!

ed infine:

VI DICO CHE PEPPE RASO FACEVA AVANTI E INDIETRO..


CHE VOLEVANO I SOLDI.. OUELLO E UN CAFONE! OUELLO
UN CAFONE CHE.. PERICOLOSO! MA IO NON AVEVO..
ROMANO ..incomprensibile.. 30 ANNI INSIEME! NON ABBIAMO IMAI
AVUTO A CHE FARE.. PER QUANTO RIGUARDA, 1 0 GLI HO
DATO.. PER I SOLDI CHE FA UNO.. PER I SOLDI TRADISCE
PURE LA MADRE!
NIELIA NON LO T O C C - ANX
-
NO! ..incomprensibile.. LO STESSO FATTO DEL ..incomprensibile..
ROMANO SI SENTE DI ESSERE POTENTE.. LO STESSO FATTO DEL
, ,incomprensibile..
I ..incomurensibile..

MA NON AVETE CAPITO CHE L'HO TAGLIATO!MI HA


ROMANO ROTTE A ME ALLE TERME.. L'HO TRATTATO! VERO CHE
L'HO TRATTATO! COMPARE VICE.. L'HO PAGATO.. E L'HO-
L ( PAGATO A PAGARE!

Non vi erano pertanto dubbi sulla tangente pretesa da RASO Giuseppe per l'appalto dello
stabilimento termale e ottenuta anche grazie all'intimidazione in danno di LIGATO
Giuseppe.

Nel corso di un dialogo i n t e r ~ e t t a t oall'interno


~~ del VW Tuareg in uso a SICILIANO
Massimo si aveva notizia di un episodio piuttosto interessante dal punto di vista
investigativo, awenuto nel mese di Giugno 2008:

Omissis da inizio trascnzione a pag. 8 del verbale.. .

E tu pensa che quei mesi, quei mesi a Brancaleone, un mese ho fatto.. e


poi loro.. ti ricordi quanto andavo? Una volta alla settimana.. quello mi
ha dato 3.500 euro! Per un mese.. 3.500! e me li ha pagati.. il giorno 1
dopo che ho tinito al cantiere.. gli ho portato la fattura perch..
SI QUELLO.. NEANCHE I CANI.. SICLARI? NEANCHE I

DONNA
CANI!
-
Madonna CHE PRECISO.. AL MASSIMO!
MASSIMO UNA COSA IMPRESSIONANTE GUARDA!
Mi ha chiamato.. allora mi ha chiamato per dirmi che i soldi li
aveva.. che lui fa il bonifico "on line".. no! per dirmi che me l'aveva
DONNA
fatto.. e poi dopo due giorni mi ha richiamato per sapere se era
arrivato il bonifico! Cio proprio.. Madonna Massimo..
PER OUESTE COSE GUARDA.. PER OUESTE COSE.. LUI STA1
. FACENDO LE TERME AD ANTONIMINA..
1 DONNA I SILOSO!

ULTIMAMENTE HANNO AVUTO QUALCHE PROBLEMA DI


CONTEGGI E NON CONTEGGI. CHE SONO ANDATI..
QUELL'ALTRA IMPRESA PRESENTAVA FATTURE..
DONNA FASULLA
QUESTO NON GLI HA

1 DONNA I -

1 MASSIMO I E FINO A CHE NON AGGIUSTANO I CONTI.. QUELLO SOLDI

m
NON NE CACCIAL
DONNA NOO.. PRECISO!
L
DUE CHE PRENDEVANO MISURE, UNO DA UNA PARTE E
UNO DALL'ALTRA CON LA RULLINA, TUTTE E DUE LE
IMPRESE! SICLARI E QUELL'ALTRO.. P

DONNA N 0 0 0 . . ..incomprensibile..
UANDO LI HO VISTI HO DETTO.. GUARDA TU.. GUARDA
1 MASSIMO
I
! MANNAGGIA ALLA MADOSCA! CIO.. MA UNA
PRECISIONE QUELLA PERSONA.. UNA COSA TROPPO..

...omissis da pag. 8 del verbale a fine trascnzione.


" Vrdasi verbale di trascrizione nr. 5066 (Rit. 1309107 DDA) del 13.06.2008 in allegato 5 1;

67
Non da escludere pertanto che LIGATO Giuseppe avesse pagato la tangente richiestagli e
garantito un guadagno oltre misura per le forniture a ROMANO Nicola, contando di
recuperare il mancato introito a discapito di SICLARI Agostino mediante l'emissione nei
suoi confronti di fatture "gonfiate", ma quest'ultimo si era accorto dell'anomalia ed aveva
fermamente contestato le richieste dell'imprenditore di Cittanova.

8 - Paragrafo 1.8
L'appalto per le Nuove Terme e i vantaggi per la malavita organizzata.

E' ormai risaputo che gli interressi della malavita organizzata in Calabria si siano da tempo
concentrati anche sui proventi derivanti dall'ingerenza negli appalti pubblici, in particolare
quelli che vengono banditi per l'effettuazione di opere edili, quali strade, ponti, gallerie,
linee ferroviarie nonch costruzione e demolizione di edifici di vario genere.
Molte attivit di indagine compiute in tempi recentib5hanno dimostrato che gli interessi
economici hanno spesso spinto alcune 'ndrine storicamente contrapposte, addirittura a
trovare un equilibrio tale da permettere la gestione pacitica degli appalti e il
conseguimento di una sorta di "tangente silenziosa", ottenuta mediante l'imposizione delle
fomiture, dei noli e l'assunzione di operai riconducibili alle diverse cosche presenti sul
territorio.
E' facilmente spiegabile anche la ratio che ha portato la 'ndrangheta ad operare in tal
senso, poich il passaggio di ingenti somme di denaro piuttosto visibile e soggetto a
riscontri di natura tiscale e giudiziaria. Diverso il caso delle trniture e dei noli, concessi
spontaneamente o a seguito di minacce di vario genere dalle ditte aggiudicatarie, in quanto
esse appaiono come normali rapporti di lavoro, quando invece sono lo strumento che
consente talvolta di occultare il denaro estorto, "coprendolo" mediante I'emissione di
fatture non comspondenti alle restazioni realmente effettuate o del tutto inesistenti.
Una conversazione telefonica!6 ricevuta da LIGATO ~ r c a n ~ e l oin~data ' 21 Marzo 2007
da Don Fabio CAMPIONE^^, sacerdote presso la parrocchia S. Nicola di Pirgo del
Comune di Grotteria, era indicativa della situazione ambientale in cui dovevano operare le
imprese che si aggiudicavano gli appalti:

DONNA I Pronto.
don Fabio Parroco Pronto famiglia LIGATO? L

' '-4
DONNA Sii.. i ,.
don Fabio Parroco ...
Eh, c' Giuseppe? don Fabio sono di Crotteria.. 1
DONNA .
E h no. lui non c'.. c' Arcangelo. 1
DONNA Eh. Arcangelo si.
don Fabio Parroco ) Ah, si che poi lui ...
DONNA I Vi passo Arcangelo.. .
1 don Fabio Parroco 1
..vero, vero capo ... dam, damme, dammi il numero si grazie..

115
Si fa riferimento alle operazioni "Appia-Mithos", "Vertice", "Rotarico". "Noas". "Nuntius", "Ronin",
''Arca". "Testamento", "Grande Drago". "Rima", "Ricatto" ed altre;
""edasi verbale di trascrizione nr. 1224 (Rit. 1863106 DDA) del 21.03.2007 in allegato 52;
67
LIGATO Arcangelo. nato a Cittanova il 18.03.1970. figlio di LIGATO Giuseppe;
""CAMPIONE Fabio, nato a Roma il 09.10.1964;
...la donna gli passa Arcangelo. ..
1 LIGATO Arcangelo Si, pronto..
don Fabio Parroco Pronto.. don Fabio sono
LICATO Arcangelo Ah, salve don Fabio..
don Fabio Parroco Di Grotteria.
LICATO Arcangelo Salve.
don Fabio Parroco
CIAO ... VOI QUALCHE GIORNO FA AVETE GI
FIRMATO IL CONTRATTO VERO.
LICATO Arcangelo SI. SI. SI..
eh, come sono le procedure adesso, perch noi abbiamo dei
don Fabio Parroco
tempi un po' ristretti, per quella chiesetta.
Eh, aspettavamo il Comune che ci indicasse la data per la
LICATO Arcangelo consegna dei lavori perch c'era il direttore dei lavori che era
malato e non so quando ...sovrapposizione di voci..
Si allora, ah quindi cosa deve fare prima.. I'architetto deve
don Fabio Parroco
mettersi in contatto coi Comune?
No deve dirci una data in modo tale che ci possa consegnare i
LICATO Arcangelo
lavori.
Quindi praticamente se la devono vedere con l'architetto e
don Fabio Parroco
poi vi chiamano giusto?
LICATO Arcangelo Ci chiamano cos viene Dure l'architetto. noi e.. .
Eh ... perfetto adesso vi faccio mettere in contatto perch non
don Fabio Parroco sapevo la procedura, perch se aspetto loro possono passare
anni.
LIGATO Arcangelo No, perch lui era malato aveva subito un'operazione..
L don Fabio Parroco Si, si aveva avuto, pero adesso dovrebbe essere a posto.. .
Un intervento dice che si doveva riprendere, il tempo di
LICATO Arcangelo
n
Si, si, no I'ho visto, I'ho visto il diciannove alla consacrazione
don Fabio Parroco della chiesa nuova . ..inc... (qui a Pirdo?). Quindi
(sovrapposizione di voci).
LIGATO Arcangelo ...inc..
don Fabio Parroco Adesso si. l'altro ieri. ~ -

LICATO Arcangelo Ho capito, va bene.


PERFETTO, ORA LO CHIAMO... CHI CURERA.. LO
don 'lbioParroco
FARAI TU DICIAMO LE COSE.
SI SI SI CI SONO IO c' MIO PADRE NON CI SONO
LICATO Arcangelo
-
PI;OLEMI...
HO CAPITO POI .ASCOLTAMI PRI. UNA VOLTA ..
don Fabio Parroco CHE VIE... QUANDO VIENI IN ZONA PRIMA, ...
PRIMA DI ANDARE LI SULLA CHIESA...
LIGATO Arcangelo Uhm.. .
don Fabio Parroco CI DOBBIAMO VEDERE PER CONTO NOSTRO.
LICATO Arcangelo VA BENE.
don Fabio Parroco PER EVITARE PROBLEMI POI IN ZONA L, CAPITO?
LIGATO Arcangelo UH&
PERCHE SAI QUALCUNO CIA VUOLE METTERCI IL
don Fabio Parroco NASO. .. ALLORA PER EVITARE TI DEVO
I PREPARARE BENE ... H DICIAMO COME
COMPORTARTI IN QUELLA ZONA. ..
LIGATO Arcangelo UH.. VA BENE ... inc... (sovrnpposizione di voci).
PER EVITARE, PER EVITARE COME DIRE, PER

-
don Fabio Parroco
EVITARE COMPLICAZIONI L.
LIGATO Arcangelo UH..

LIGATO Arcangelo UH.


PER EVITARE CHE CI SIANO INFILTRAZIONI CHE
don Fabio Parroco
CREINO FASTIDIO ALL'ESECUZIONE DEI LAVORI.-

don Fabio Parroco CAPITO.


LIGATO Arcangelo C'E PURE QUESTO PROBLEMA QUA..,
NO, NO, NO. E SOLO UNA SCIOCCHEZZA, NON
don Fabio Parroco
...
PENSARE PER QUALCUNO QUALCUNO L NII ...
HA DETTO, IMI RACCOMANDO QUANDO ARRIVANO
FALLI VENIRE DA&
LIGATO Arcangelo AH, HO CAPITO VOGLI....
SONO COSE... HAI GI CAPITO CHI
don Fa bio Parroco
PROBABILMENTE.
LIGATO Arcangelo NO VOGLIONO DETTA LA PAROLA DICIAMO...
MA SI, PER NON VORREI CHE FOSSE UNA PAROLA
don Fabio Parroco
CHE E SEGUITA DA FATTI
LIGATO Arcangelo UHM.
don Fabio Parroco NON SO SE... QUELLO NON DEVE ESISTERE.
-
..
LIGATO Arcangelo NO. NO ASSOLUTAMENTE..,
don Fabio Parroco CAPISCI, PERCHE GIA SONO QUATTRO SOLDINI.
I LIGATO Arcangelo I SI. S I
I I SE POI ANDIAMO A FARE COME DIRE DEI 1
I don Fabio Parroco I PENSIERINI A COS, COSI. NO NON CI STIAMO I
PROPRIO IO...
LIGATO Arcangelo VA BENE, ALLORA CI VEDIAMO IL GIORNO PRIMA
CI VEDIAMO NOI E POI PARLIAMO TI SPIEGO BENE
don Fabio Parroco
LA SITUAZIONE.
-

LIGATO Arcangelo UH. VA BENE.


don Fabio Parroco COME DOBBIAMO PRENDERE IL FATTO L.
LIGATO Arcangelo HO CAPITO SI.
don Fabio Parroco ...
OKAY VABB l
l\,

LIGATO Arcangelo GRAZIE. ty'


I Allora parlo con l'architetto e poi ti faccio sapere nei
don Fabio Parroco
prossimi giorni.
LIGATO Arcangelo Va benissimo.. . grazie.
I don Fabio Parroco I Grazie. mazie assai ciao. I

Ancor prima dell'inizio dei lavori pertanto, alcuni soggetti allo stato ignoti si erano rivolti
direttamente al sacerdote facendogli intendere di essere interessati al denaro che era stato
stanziato per la realizzazione delle opere ed il prelato, desideroso di garantire la regolare
esecuzione dei lavori, si era premurato di awisare l'Impresa della situazione ambientale
che avrebbe trovato in quella zona.
Ci premesso, apparir pi semplice comprendere i fatti oggetto della presente indagine e i
motivi che li hanno generati. In un piccolo centro come quello di Antonimina venivano
compiuti i medesimi reati che poi sono stati accertati in relazione ai lavori di
ammodernamento dell'autostrada Salerno-Reggio Calabria o in occasione della costruzione
del nuovo tracciato della SS 106, le medesime imposizioni e le stesse dinamiche,
naturalmente ampliate in rapporto all'entit delle opere ed agli interessi che le cosche
mafiose traggono da esse.
Le intercettazioni telefoniche ed ambientali, opportunamente riscontrate con servizi di
osservazione e sopralluoghi mirati, confermavano sino a che punto ROMANO Nicola
fosse gi riuscito ad inserirsi nei lavori di costruzione del nuovo Stabilimento Termale e
quale fosse il suo principale interesse, cio assicurarsi l'esclusiva per le trniture di
materiali ed l'et'fettuazione di alcune opere di movimento terra, con un importante
guadagno, ottenuto in modo apparentemente lecito.
Le conversazioni telefoniche seguenti dimostrano che ROMANO Nicola, gestore di fatto
di tutte le attivit economiche intestate ai propri familiari, ha fornito materiale inerte,
uomini e mezzi per le necessarie opere di movimento terra, oltre a svolgere il ruolo di
intermediario per l'acquisto di altro materiale edile, curandone personalmente il successivo
pagamento.

In merito alla trnitura di mattonelle si inseriva nuovamente un componente della famiglia


AQUINO di Marina di Gioiosa Jonica, AQUINO ~occo", fratello di Giuseppe, poich
ROMANO Nicola lo aveva interessato per l'amvo del materiale presso il cantiere delle
Nuove Terme.

In data 20 Ottobre 2006" ROMANO Nicola colloquiava con LIGATO Giuseppe:

ROMANO 1 Si. 1

LIGATO I Eh ...inc... Nicola sono Ligato..


ROMANO Ah, don Pep che si dice?
LIGATO Eh, che si dice?. .. Ha piovuto..
ROMANO Ah, piovuto.. voi siete da questa parte o da quell'altra parte? J
LIGATO Qua sono.. qua ...inc.. .
ROMANO Ah, qua siete,.. no non sono l sopra io.
LIGATO Ah, no.. SENTITE SAPPIAMO QUALCOSA DEI MATTONI?

LIGATO E vedete..

, ,.
ROMANO Eh ma sicuramente che arriveranno stasera o domattina.
...
Eh, vedia... volevo saperlo, altrimenti questo inc.. che poi non

Non gli dite, non gli dite che glieli porta a Ciccio quello che ha i cosi.. . il
mastro stesso.. che lui ha il numero di Ciccio l.
Ma il ragioniere gli risponde a lui non sa.. . il ragioniere ha detto che non
t,IGATO
-- -- - - -
I sa niente. l
I ..
ROMANO Uh.. E adesso pi tardi gli telefono io..
LIGATO Va bene, me lo fate sapere allora?. ..
ROMANO Si, si..
Voi venite per qua.. . altrimenti se voi venite vi aspetto altrimenti me I
LIGATO
ne vado ..poi mi telefonate voi.. l

O9
AQUINO Rocco. nato a Marina di Gioiosa Ionica il 04.07.1960. ivi residente in via Porticato I o Tronco
nr. l l. indagato. Vedasi scheda personale allegata;
70
Vedasi verbaledi trascrizione nr. 1 10 (Rit. 1996106DDA) del 20.10.2006 in allegato 53;
...omissis da pag. 3 del verbale a termine conversazione.
Un'ora dopo veniva registrato il contatto tra ROMANO Nicola e AQUINO ROCCO":

[
(
ROMANO Nicola / Pronto..
AQUINO ROCCO ( Pronto..
11
ROMANO Nicola Rocco AQUINO ...
AQUINO Rocco Eh, Nicola ditemi.. .
SIAMO QUA, SENTI GLI ARRIVANO QUELLE
NicOola
MATTONELLE.. .
AQUINO Rocco LUNED ARRIVANO NICOLA..
ROMANO Nicola Luned..
Si, si... domani lo faccio richiamare, ma lunedi mi aveva I
AQUINo Rocca detto che arriva il camion... l
ROMANO Nicola Ah..
- AQUINo Rocca
Pu darsi pure che arriva domani adesso ci. adesso... ..
chiamo in officina e vedo se arriva domani...
Domani, altrimenti li hanno finiti oggi e non hanno per
ROMANO Nicola
lunedl..
AQLTINO Rocco Non vi ...inc.. . che ora torno a chiamare.. . dai.. . vabbo..
ROMANO Nicola Vabb.. .
AQUINO Rocco Quando ci vediamo Nicola?
ROMANO ~ i c o l a In settimana ci vediamo dai...
AQUINO Rocco Vedete, vedete ...inc.. . (sovrapposizione di voci). ..
1 ( O picca, o picca, o assai sto girando... che pure io sono
..
co&binato male. sto girando perchL inc. .. sto girando ... ...
1! che nullo, nullo vi da una lira, che giro da mezza giornata. ..
I
ci muoiono tutti nella braccia.. .
Eh, lo so, dobbiamo.. dobbiamo li facciamo chiudere questi
AQUINO Rocco
conti altrimenti ..inc.. (sovrapposizione di voci) ...
Mannaia la madosca, ma non sapete.. . voi sapete meglio di me
Nicola
che succede ..in giro non C,& non si capisce niente ...
Eh, eh ...non lo so, che non vedo che non si stanno incassando
AQUINO Rocco
soldi..
No, non ci fidiamo.. guardate che io sopra le legna solo ...
ROMANO Nicola sopra le legna ... ho qualche trentacinque mila euri
sparpagliati e non mi fido di raccogliere cinque mila euri. ..
I .
Si, si, ma voi tenete conto che io.. parola d'onore.. .NON ,341
AQUINORocco
- DANNO GLI ASSEGNI E NON GLI STO PORTANDO
.
FERRO.. ma sapete perch.. (sovrapposizione di voci). ..
ROMANO Nicola Ma capisco, capisco, capisco perch critica la situazione..
AQUINO Rocco Uh, uh..
Sopra, SOPRA I LAVORI PUBBLICI lo sapete meglio di me
ROMANO Nicola ... SONO SEI MESI CHE NON INCASSIAMO.. SEI MESI .
SANI, SANI CHE NON PRENDIAhIO UNA LIRA.
.AQLTINO Rocco Si, si e che si deve fare.. . vabbo..
ROMANO Nicola In settimana ci vediamo dai.. .
AQUINO Rocco Vab.. . ciao Nicola vi saluto..

'1
Vedasi verbale di trascrizione nr. 116(Rit. 1996106 DDA) del 20.10.3006 in allegato 54;

72
1 ROMANO Nicola 1 Vabb. vi saluto. vi saluto.. .. 1
Si apprendeva pertanto che AQUNO Rocco aveva fornito del materiale a ROMANO
Nicola e che ancora questi non aveva saldato il conto. In particolare si ponga attenzione
alle giustificazioni addotte da costui, capo operaio forestale sulla carta, ma imprenditore di
fatto, poich si lamentava di avere crediti nei confronti di terzi derivanti da forniture di
legna per ben 35.000 euro e di non riuscire ad incassare denaro dall'effettuazione di lavori
pubblici da ben sei mesi.

Le richieste di consegna del materiale proseguivano anche nei giorni successivi7':

Don Pep.. .
ROMANO Nicola
E allora..
LIGATO Giuseppe
E allora... ora, ora mi sono sentito per telefono e mi ha
ROMANO Nicola detto che per strada che sta venendo il camion.. ma solo ,
che per oggi non scarica.
LIGATO Giuseppe Ah, si.. va be per saperlo no.
Si, no, per oggi ha detto che non scarica, che non ce la fa a
ROMANO Nicola
scaricare per oggi.
LIGATO Giuseppe Ah ..inc.. .
Perch il camion partito.. ha detto che il camion
ROMANO Nicola ...
partito per per strada ed ha detto che per oggi ora, ...
ora gli ho telefonato un'altra volta.
LIGATO Giuseppe Ma io.. . era caricato almeno.
Ha detto di si, ha detto che erano carichi ed erano per
ROMANO Nicola ..
strada. si vede o che sono andati a scaricare ad altre
l

1 parti... perch si vede chee.. non che ha solo quelli nostri. /


' LIGATO Giuseppe Ho capito.. .. Va bene..
Ha detto che per oggi difficile che ce la facciamo a
1 Nicola
..
scaricare, ha detto. ora, ora ci siamo sentiti.. . Adesso
passavo, che sono a Locri, adesso passavo l i sopra per
1 I dirvelo. 1
1 LIGATO Giuseppe 1 Lrh, va bene .. va bo si, per saperlo no.
1 ROMANO Nicola I Va bene.

...omissis da pag. 2 del verbale a tine conversazione.


Ed in data 25 Ottobre 2006~':

,AQUINO Rocco / Pronto.


ROMANO Nicola Buongiomo.
AQUINO Rocco Buongiorno disturbo linea telefonica ora anivano Nicola.
ROMANO Sicola A che ora, che questi mi stanno tartassando, queste persone

1 AQCIPO Rocco
qua.
Non so a che ora arriva l'autotreno, come arriva vi faccio. Vi ...
ROMANO Xicola Ma di.. .. Vengono prima di mezzogiorno.
.4QUINO Rocco iMa, io penso di no.

Vedasi verbale di trascrizione N. 145 (Rit. 1996106 DDA) del 13.10.3006 in allegato 55;
73
Vedasi verbale di trascrizione nr. 116( Rit. 1996106 DDA) del 35.10.1006 in allegato 56;
ROMAiiO Nicola A, non vengono prima di mezzogiorno, mannagghia.. ...
AQUINO Rocco E capace pure che tra un'ora vi chiamo Nicola.
ROMANO Nicola Va bono, dai.
AQUINO Rocco Va bono?
ROMANO Nicola Vedi di farli arrivare, che mi stanno facendo.
.AQUISO Rocco No, no oggi arrivano, come arrivaaaa, come arriva vi chiamo,
che gli scarichiamo li direttamente.

...omissis da pag. 2 del verbale a fine conversazione.


ROMANO Nicola e AQUINO Rocco si contattavano numerosissime volte anche nei giorni
successivi, poich, a causa di un guasto al Tir che li trasportava e ad una serie di
tiaintendimenti con gli operai di LIGATO Giuseppe, la fornitura subiva un certo ritardo.
Dalle conversazioni era possibile apprendere inoltre che le piastrelle facenti parte di quella
fornitura erano complessivamente 1.570 metri quadri e che la loro fatturazione era
presumibilmente a nome dell'Impresa LIGATO, ma il pagamento era di "competenza" di
ROMANO Nicola.

Si vedano, sul punto, le trascrizioni delle seguenti conversazioni tra Aquino Rocco e
Romano Nicola, ovvero tra quest'ultimo e Ligato Giuseppe:

- Conversazione N. 283 del 26 Ottobre 2 0 0 6 ~ ~ :


- Conversazione N. 292 del 26 Ottobre 2 0 0 6 ~ ~ :
- Conversazione N. 360 del 27 Ottobre 2 0 0 6 ~ ~ :
- Conversazione N. 379 del 27 Ottobre 2 0 0 6 ~ ~ :
- Conversazione N. 445 del 30 Ottobre 2 0 0 6 ~ ~ :
- Conversazione N. 448 del 30 Ottobre 2 0 0 6 ~ ~ :
- Conversazione N. 450 del 30 Ottobre 2006":
- Conversazione N. 463 del 30 Ottobre 2006":

Le conversazioni in discorso comprovano l'interesse di ROMANO Nicola per le forniture


dei materiali e testimoniano come costui fosse il principale interlocutore delle imprese
operanti nel cantiere di Antonimina.
Un particolare importante emergeva da due colloqui in merito alla fatturazione delle
mattonelle, in quanto AQUINO Rocco richiedeva al ROMANO Nicola persino
l'intestazione dell'impresa da indicare nei titoli fiscali:

Conversazione N. 1080 del 16 Novembre 2 0 0 6 ~ ~ :

ROMANO Nicola Pronto?


AQUINO Rocco Nicola, sono Rocco Aquino!

Vedasi verbale di trascrizione nr. 283(Rit. 1996106 DDA)del 26.10.2006 in allegato 57;
'5 Vedasi verbale di trascrizione nr. 292(Rit. 1996106 DDA)del 26.10.2006 in allegato 58;
l6 Vedasi verbale di trascrizione nr. 360 (Rit. 1996106 DDA)del 27.10.2006 in allegato 60:
'7
Vedasi verbale di trascnzione nr. 379(Rit. 1996i06 DDA)del 27.10.2006 in allegato 6 1 ;
n' Vedasi verbale di trascrizione nr. 445 (Rit. 1996106 DDA)del 30.10.2006 in allegato 62;
-0
Vedasi verbale di trascrizione nr. 448 (Rit. 1996i06 DDA)del 30.10.2006 in allegato 63;
'"Vedasi verbale di trascrizione nr. 450 (Rit. 1996106 DDA)del 30.10.2006 in allegato 64;
'' Vedasi verbale di trascrizione nr. 463 (Rit. 1996106 DDA)del 30.10.2006 in allegato 65:
Vedasi verbale di trascrizione N. 1080 (Rit. 1996106 DDA)del 16.1 1.2006 in allegato 66;
( ROMANO Nicola ( Ohhh.. ., si vi ho conosciuto! 1
l
AQCTINO Rocco Come andiamo?
ROMANO Nicola Eh..mannaia.., ora..in questi giorni..sto facendo tutti i giorni,
9
AQCTINO Rocco Nico.. .Nicola, massimo..(r~oceinterrotta)
ROMANO Nicola Facciamo.. ..facciamo la chiesa, facciamo la chiesa e domani
facciamo il camoanile Pure i
AQUINO Rocco Nico.. .inc.. .
ROMANO Nicola Questione di 2 (due), 3 (tre) giorni sono, i 1
AQUINO Rocco Se a me lunedi non mi date l'assegno a vista saltano ai'aria,
...
sto chiamando a tutti perch purtroppooo metto in giro le
banche a male versamento, non ce la faccio pi, i ci^
sono...CI SONO FERRI DI U N ANNO A MOMENTO..inc.. 1
ROMANO Nicola ...inc.. .ci vediamo sabato i, sabato vengo l e ci vediamo
AQUINO Rocco Sentite una cosa.. .
ROMANO Nicola Dite!
AQCTINO Rocco QUELLE PIASTRELLE A NOME DI CHI ERANO
FATTURATE?
ROMANO Nicola Ehhh, vi porto l'intestazione ii
AOLTINO Rocco Eh?
ROMANO Nicola VI PORTO L'INTESTAZIONE SABATO, I
AQUINO Rocco Va bene, vedete che vi aspetto sabato, Nicola!
ROMANO Nicola SI, SI, VENGO LA SABATO E VI PORTO
1 L'INTESTAZIONE DELLE PIASTRELLE PURE, IA
AQUINO Rocco Va bene
ROMANO Nicola Va bene?
AQUINO Rocco Vi aspetto sabato allora, vi saluto
ROMANO Nicola Va bene, va bene, vi saluto
-

Conversazione nr. 1255 del 20 Novembre 2006'~:

ROMANO Nicola Pronto?


AQUINO Rocco Nicola!
ROMANO Nicola Si, Ro.. . &l
, l i-,
I
!f

I ROMANO Nicola Si ...


AQUINO Rocco Mannaia la..inc... mi avete abbondanato!
ROMANO Nicola No, non vi abbandono per niente, niente, datemi tempo un
paio di giorni che sto risolvendo questi problemi!
AQUINO Rocco Nicola, sono in un mare di guai, questa settimana.. .inc.. .(vocel,
I sovrapposta) J
1 ROMANO Nicola E pure io, e pure io.. .mannaia la.. ., sono. sono che
mi. l.inc.. .notte e giorno, questi deticienti che mi hanno ~
mandato. .(voce interrotta)
AQUINO Rocco E PORTATEMI IL NOMINATIVO PER FATTURARE LA
1 I CERAMICA I

3
'i
Vedasi verbale di trascrizione M. 1255 (Rit. 1996106 DDA) del 20.1 1.2006 in allegato 67;
75
In data 29 Giugno 2 0 0 6 ~vi~era il primo contatto:

. .. Nella prima parte della registrazione e precisamente fino al minuto 4.25 ROMANO
Nicola si trova da solo a bordo del mezzo non vi nessun dialogo. La conversazione ha
inizio quando si ferma a parlare con GIOViNAZZO Enrico che rimane fuori
dall'autovettura . ..

ROMANO ..incomprensibile..
UOMO Senti.. dice che lo mette l fuori.. ..incom~rensibile..
I
l ..incomprensibile, causa disturbo di linea.. POI PRIMA GLI AVEVO
DETTO DI iMETTERE A QUEL RAGAZZO.. IL FIGLIO DI

hai capito?
UOMO Si..
ROMANO Ognuno ha il compito suo..
UOMO Va bene ..incom~rensibife..
ROMANO E ognuno ..
UOMO Operai ne ha.. Nicola..

n
ROMANO Poi per quanto riguarda.. idraulici..
No e che..
HANNO FINITO.. NO.. NO HANNO FINITO.. PER QUANTO
RIGUARDA INTONACI E COSE.. QUELLI SONO TUTTI A
COTTIMO.. PER DIRE I PAVIMENTI SONO A COTTIMO..
ROMANO ..incomprensibile.. ORA GLI PARLO.. SE HA RIPARAZIONI LI..
CHE HA QUESTI ALTRI TRE, QUATTRO OPERAI SUOI.. IN
MEZZO A QUELLI..
1
d UOMO

UOMO
Con questi.. va bene senza che abbiano problemi hai capito..
NO.. POI CI PARLO.. NO.. NON E CHE..
Va bene.. ma questo..
Questo.. questo qua.. ciao Natalina.. (saluta una donna che si awicina
ROMANO
agli uomini)..

. .. A questo punto e precisamente al minuto 5.45 della registrazione si sente una donna che
si avvicina. ROMANO Nicola chiama la donna con il nome di Natalina. La rimanente b
parte di conversazione intercorsa tra ROMANO Nicola, la donna di nome Natalina e ;\C;
J

Antonimina ed aveva al tempo un congiunto di nome Vincenzo con gravi problemi di salute. Seguono i
riscontri effettuati:
- GIOVMAZZO Enrico, nato ad Antonimina in data 25.12.1960 e coniugato con CONDELLI Natalina
Amalia, nata a Locn il 25.12.1968. titolare di una macelleria sita in Via Provinciale, c.da Bagni di
.uitonimina. come da visura camerale in allegato 92.
I coniugi GIOVMAUO hanno due figli, un maschio classe 1988 e una femmina classe 1999.
come da certificato di stato di famiglia in allegato 93.
Il padre di CONDELLI Natalina Amalia e CONDELLI Vincenzo, nato ad Antonimina lo
08.10.1939, cognato di ROMANO Nicola. come da certificato anagrafico storico dei coniugi e stato di
famiglia in allegati da 94 a 96;
Yb
Vedasi verbale di trascrizione M.422 (Rit. 5 1/2006 Proc. Pen. 69812006 della Procura della Repubblica
presso il Tribunale di Locri) del 29.06.3006 in allegato 97;
87
Identificato in SICILIANO Antonio, nato a Locri il 31.08.1990. figlio di SICILIANO Pietro, nato ad
Antonimina il 79.12.1967 e ivi residente in C.da Tre Arie s/n. Vedasi come ulteriore riscontro la
trascrizione tu.111 del 04.12.3006 gi allegata;
77
GIOVINAZZO Enrico prosegue a tenore amichevole, pertanto il dialogo non viene
trascritto in quanto non ritenuto utile ai fini dell'indagine.. .

UOMO ..incomprensibile.. no questo mese..


ORA GLIELO DICO A DON PEPPE DAI.. ORA GLIELO DICO A
DON PEPPE..
GLIELO DICI CHE.. DICE PURE PER FARSI UN POCO DI
UObIO SOLDI PER LA SCUOLA, PER.. POI NON RIESCE A STARE
I
FERMO.. HAI CAPITO.. CHE UN TIPO CHE NON..
ROMANO Poi giielo dico.. 1
UOMO Se vuole andare ..incomprensibile..
SE DOMANI MATTINA SONO QUA GLIELO DICO.. SENNO
MATTINA DI LUNEDI GLIELO DICO IO DAI..
UOMO DIGLIELO.. DIGLI CHE..
ROMANO Va bene? 1
UOMO Senza cosa..
ROMANO VA BENE.. NON TI PREOCCUPARE..
UOMO Con prova..
ROMANO NON TI PREOCCUPARE CIAO.. CIAO..
UOMO Ciao..

Un secondo dialogo era intercettato in data 9 Luglio 2 0 0 6 ~ ~ :

ROMANO AI mare oggi?


La porto al mare che non l'ho portata proprio.. stiamo aspettando il
UOMO
veterinario che deve venire a farmi un certiticato..
ROMANO Vincenzo che fa?
Mannaggia a Dio non c' niente.. l .. che lo devono operare di nuovo
UOMO
ora..

UOMO Poi ieri sera sono andato a portare a mia moglie.. che rimasta 18.. '
ROMANO Me l'ha detto.. me l'ha detto.. ..incomprensibile.. i ', Pl . ~
UOMO Mannaggia alla Madosca.. non si capisce niente! d iii
ROMANO Mannaggia alla Madonna..
1 / ..incomprensibile.. vediamo se gli arriva.. ma non credo.. io dico che I
1 UOMO 1 inutile.. ogni tre giorni un taglio..ogni tre giorni un taglio! Ha quel19anca.. /
che pare mai.. di qua sopra tutta tagliata..
ROMANO Mannaggia alla Madonna Santissima.. mannaggia!
UOMO NON HAI VISTO NIENTE TU?
GLIEL'HO DETTO.. ASPETTAVO.. VISTO CHE SONO DUE
DITTE CAPISCI.. ASPETTAVO CHE QUELL'ALTRO NON

88
Vedasi verbale di trascrizione nr. 423 (Rit. 5111006 Proc. Pen. 69812006 della Procura della Repubblica
presso il Tribunale di Locri) del 29.06.2006 in allegato 98;
Y9
Vedasi verbale di trascrizione nr. 572 (Rit. 5111006 Proc. Pen. h9812006 della Procura della Repubblica
presso il Tribunale di Locri) del 09.07.2006 in allegato nr. 99;
-

COMPARSO PER DIRGLIELO..


E VENUTO QUA.. IO NON LO CONOSCEVO MANNAGGIA..
'OMo
CHE VIENE A COMPRARE LA CARNE QUA..
ROMANO PEPPE LIGATO?
UOMO No.. auello di..

ROMANO SICLARI SI.. SICLARI.. SI..


Gli ho detto io a mia moglie.. chi questo? Che era una faccia che non
UOMO
avevo visto mai.. Ha detto: questo di.. di qua delle..
ROMANO Ieri..?
UOMO No!

UOMO Venerd.. venerdi..


ROMANO Venerd..
l I VENERDI ECCO.. ERO L DAVANTI CHE AGGIUSTAVO I
1 UOMO I
QUELLA TENDA.. STAVO PER DIRGLIELO.. MA POI GLI HO
DETTO NIENTE.. CHE DATO CHE.. SULLA COSA TUA.. HO -

DETTO IO.. PARE CHE V -


POI SERA DI V E N E R D ~NON LI HO VISTI.. LI HO VISTI LA
MATTINA.. HO VISTO A PEPPE LIGATO LA MATTINA.. HA
ROMANO DETTO: DOBBIAMO VEDERCI CON SICLARI.. E
SICURAMENTE SI SONO VISTI QUEL GIORNO.. CHE CON
SICLARI ..incomprensibile..

'
Eh.. venerd era l.. deve venire.. marted viene ..incomprensibile.. per la
UOMO
carne..
SI MA CON DON PEPPE SIAMO RIMASTI CHE C I VEDIAMO..
VAI CORRENDO.. PARE CHE LE COSE..
UOMO Si.. no.. si.. si.. quando amva uno poi non arriva l'altro..
1 ROMANO
,
I
Lontano da tutti siamo diventati.. in una situazione.. che non si pu
cam~are ui!
-~~ ~ -~ I
UOMO Si.. siamo amvati..
Mannaggia alla Madonna se non prendo e chiudo tutte cose.. mi sono
I I esaurito! Quando corri da una e quando corri per l'altra.. Ieri gli /
\
indiani.. i rumeni voleva scannare! Ero.. che mi riposavo 5 minuti.. quei
ROMANO
telefoni li hanno fatti rossi.. che si sono acchiappati! Che si sono 1i 1 ' +t

acchiappati tra di loro! Che sono andato l.. mannaggia d'Ostia


I / consacrata
Non emergevano ulteriori dati a conferma dell'esito positivo della richiesta avanzata da
GIOViNAZZO Enrico, anche perch si decideva di non acquisire, per il momento, il libro
matricola delle imprese operanti per non pregiudicare il prosieguo delle indagini.

5 - CAPITOLO 11
LA 'NDRANGHE TA: UN' ,-i
SSOCIAZIONE ,MA FIOSA TRA LEGGENDA, STORIA E
416 BIS
-
$j Paragrafo 2.1

La genesi della 'ndrangheta: dalla leggenda alla cronaca.


I1 simbolismo: l'immagine dell'albero della scienza e gli altri segni di riconoscimento

La leggenda e antichissima e suggestiva. A fondare la "'ndrangheta", in Calabria, sarebbe


stato un cavaliere spagnolo dal nome quanto meno Carcagnosso. Era
compagno di altri due cavalieri, Osso e Mastrosso, che a loro volta fondarono la mafia in
Sicilia e la camorra nel napoletano.
I tre vissero in un'epoca imprecisata, forse nel Seicento, e secondo la leggenda si sarebbero
imbarcati su una nave partita dalla Spagna poich erano stati costretti a fuggire dopo aver
lavato nel sangue l'onore di una sorella sedotta. I nobili cavalieri facevano parte di
un'associazione fondata a Toledo nel 1412, la Garduna, e dalle loro terre, quelle della
Catalogna, portarono nel Mezzogiorno d'Italia alcuni metodi in uso in quella consorteria.
Carcagnosso avrebbe fondato la "societ degli uomini diritti d'onore", con l'aiuto di San
Michele Arcangelo, <<che tiene in una mano la bilancia e nell'altra la spada>>. Poi lo
stesso cavaliere ne scelse i simboli, stabili le gerarchie, dett i rituali e le regole di
comportamento tra gli affiliati.
Una leggenda che servita a creare un mito, a nobilitare le ascenderne, a costituire una
sorta di albero genealogico con tanto di antenati.
La 'ndrangheta venne quindi poeticamente rappresentata da un giardino di rose e tiori
sovrastato da una stella sotto la quale c' "l'albero della scienza", che diviso in sei parti:
fustow, rifusto" ,i ramiv2,ramoscelliv3,fiorivJe tbgliev5.
Nel giugno del 1987 in occasione dell'arresto del superlatitante Giuseppe CHILA venne
rinvenuto un codice contenente notizie importantissime in merito all'evoluzione che la
'ndrangheta aveva subito a partire dagli anni Settanta, ed in esso veniva arricchita, tra
l'altro, la leggenda dei tre cavalieri. Ad essi si affiancavano le tigure di Minotiio,
Misgrizzi e Misgarro che avrebbero "...omissis...tagliato la testa a S. Michele Arcangelo
perche stato molto severo nella sua spartizione e il suo corpo stato sepolto sotto due
pugnali incrociati e la sua testa e stata bruciata...omissis".
Nell'anno 2006, all'interno di una delle diverse autovetture monitorate durante l'indagine
mediante un sistema di intercettazione ambientale con rilevatore Gps, veniva
sorprendentemente registrata una conversazionev6 tra ROMANO Nicola, utilizzatore del

- ,\
mezzo, e la propria consorte, FAZZARI Teresa, durante la quale l'indagato narrava proprio
<F

,>o
Il CAPOBASTONE. che ha potere di vita o di morte sugli altri affiliati;
')I
Il VICECAPO, a cui sono atridati i compiti primari di collaborazione con il capobastone e di curare
L'amministrazione della societk
'Q
Sono gli 'NDRANGHETISTI O CAMORRISTI con svariati anni di attivit alle spalle. suddivisi. in base
allo specifico settore nel quale operano. in tre categorie: DI SGARRO, DI SANGUE E DI SETA;
8 CAMORRISTA DI SGARRO colui che non accetta repliche e deve pretendere la riscossione del
pizzo;
CAMORRISTA DI SANGUE colui che deve organizzare le spedizioni punitive e la commissione
di reati con violenza su persone o cose:
8 CAMORRISTA DI SETA colui a cui affidato il delicato compito di condurre trattative, stipulare
contratti ed avere rapporti con le altre organizzazioni e con l'esterno;
"'
94
Sono gli affiliati giovani, o PICCIOTTI. con compiti prettamente operativi;
Sono i GIOVANI D'ONORE, cio gi sottoposti al battesimo di 'Ndrangheta, che aspirano a divenire
picciotti;
'j5
Sono i cosiddetti TRADITORI, il cui destino e' cadere e marcire in terra;
"' Vedasi verbale di trascrizione nr. 573 ( Rit. 5112006 Proc. Pen. 689106 della Procura della Repubblica
presso il Tribunale di Locri) del 27.07.2006 in allegato 1 ;
una leggenda simile a quella a cui gli 'ndranghetisti amano legare l'origine
dell'rtssociazione a cui appartengono:

FAZZARI ..incomprensibile..
A UNO LE DEVE SAPERE LE STORIE PURE.. PER
POTERGLI RISPONDERE.. SENNO PASSA PER SCEMO! J
FAZZARI FATE QUELLA POESIA.. QUELLA.. IHH..
..
MA NON E UNA POESIA! SE TU VIENI E MI DICI.. T I HO
DETTO NON VERO, PERCHE LA STORIA E UNA.. LA
ROMANO STORIA MONDIALE UNA.. CHE POI S I SONO SUBENTRATI..
LOGICAMENTE SONO ARRIVATI I GRECI.. O C H E SONO
ARRIVATI MUSULMANI.. UN ALTRO DISCORSO!
FAZZARI E che avete bevuto..
ROMANO Io non ho bevuto niente..
FAZZARI Eh.. niente proprio!
QUELLO CHE VIENE LA.. TU NON SAI NIENTE DI STORIA..
ROMANO LMA I O CLIEL'HO DETTO: CHE CAZZO DI STORIA SAPETE
V s Q u e l l o di Gerace..
Perch.. quale.. ..incomprensibile.. SCUSA CHE SAI LA GENTE CHE
FAZZARI
SA E C H E NON SA!
Si.. ma logicamente.. S E TU VIENI E MI DICI UNA COSA A ME.. E
T I SEMBRA CHE I O NON T I S O RISPONDERE.. T U SBAGLI! ..
ROMANO PERCHE IO NON H O STUDIATO.. PERO IL CODICE L O S O
..
TUTTO! E IL CODICE UN% ..
NON E C H E T I SEMBRA
CHE.. IL CODICE MONDIALE.. E UNICO!

... pausa di circa 35 secondi ...


FAZZARI ..incomprensibile..
ROMANO Che?
FAZZARI Tanto che siamo a quest'ora ..incomprensibile..
..incomprensibile.. vengono li.. come rientrano le persone.. Chi munge..
chi spreme.. chi ..incomprensibile..ehh.. TUTTO NASCOSTO!
FAZZARI O sono ingerenti o no che devono ingerire ..incom~rensibile..
Perci.. questi giovanotti no! .. QUESTI GIOVANOTTI VEDONO..
COME T E LA DEVONO RENDERE.. +\
FAZZARI La rendono ..incomprensibile.. +C

l, 'C
PERCH LA SOPRA DICE.. INSISTO.. PER LA NON LA
ROMANO POSSO LASCIARE.. INVECE A NELL'OSCURIT LA POSSO
- ..incomprensibile..
FAZZARI 1 ..i n c o m p r e n c
- ROMANO "I1 ~rofessore"della Madonna..
- FAZZARI Che ha il professore? Che dice..'?

E non sa che dice! Quando poi.. mi girano le scatole glielo dico.. vai a
farla in culo gli dico.. ..incomprensibile.. cos gli dico.. Con il culo come
ROMANO
salamita (lircertola) siete rimasto e non capite niente! .. Eh.. rnannaggia..
l la vita.. la vita bella! .. Uno dovrebbe avere il temr>o..
( FAZZARI I (sbadiglia)..

8I
ROMANO Libero.. per approfondire quella linea.. che abbia soldi..
FAZZARI ..incomprensibile..
C H E ABBIA SOLDI PER APPROFONDIRE.. MA LIBERO! ..
SENZA METTERE MECCANISRII AVANTI.. ED ALLORA S I
ROMANO
p u APPROFONDIRE LA! ..
PERCH UNA VOLTA LA VITA
DELL'UOMO.. OUELLO C H E DOVEVA.. APPROFONDIRE E
PORTARE.. AVANTI TUTTI ARGOMENTI. ERA UN UOMO
C H E NON POTEVA.. NEANCHE SPOSARSI!
1 FAZZARI 1 fsbadi~lia) 1
3 NON DOVEVA NEANCHE SPOS-
Eh.. trottava!
Doveva subire.. doveva subire gli stimoli suoi.. NON POTEVA
ROMANO VIOLARE, NON POTEVA VIOLARE LE REGOLE! L'UOMO ..
NON POTEVA VIOLARE OUELLE REGOLE!
(sbadiglia) .. vai.. vai.. che ci sono magagne sotto.. tu credi a tutti.. pure il
FAZZARI
prete non pu violare i limiti..
ROMANO I primi loro.. erano loro..
E mamaggia.. eh.. tutti! E allora.. statti zitto.. quando mai il prete non ha
FAZZARI
violato le regole.. e la monaca non ha violato le regole!

I FAZZARI ] E che tu abbia.. a


ROMANO Quando si imposto..
FAZZARI Ancora credi..
ROMANO Io non credo..
FAZZARI E allora! -
NON CHE CREDO.. SONO REGOLE! ..
OUANDO SI E
IMPOSTO..
Ha violato le regole quello ..incomprensibile.. si.. si.. fottitene.. povero
FAZZARI
verrrinello! Fottitene tu!
ROMANO QUANDO S I IMPOSTO IL MONDO DELLE REGOLE..
FAZZARI ERA COS~..PERO NON L'HA MANTENUTO NESSUNO!
C'ERANO T R E UOMINI C H E ANDAVANO GIRANDO.. PER
SCOPRIRE TUTTE QUESTE.. HANNO GIRATO PER TUTTI G L I
STATI DEL MONDO.. ALLORA.. UN BEL MOMENTO ERANO
ROMANO T R E UOMINI E UNA DONNA. AVEVANO UNA DONNA.. C H E
LA PORTAVANO CON LORO, ONESTA! .. ALLORA UN BEL
%IOMENTO HANNO LASCIATO OUESTA DONNA.. CON UNO
0
FAZZARI ..incomurensibile..
G L I DISSERO.. MA NON T I PERMETTERE A TOCCARLA..
QUESTI SE NE SONO ANDATI IN GIRO PER IL MONDO.. E
HANNO LASCIATO QUESTA FEMMINA CON OUEST'UOMO,
CREDENDO CHE LOGICAMENTE QUELLO ASCOLTAVA L E
LORO PAROLE.. INVECE L'HA INGANNATA! STANDO ..
INSIEME.. L'HA INGANNATA.. OUANDO SONO TORNATI..
OUANDO OUESTI SONO TORNATI, QUESTA FEMMINA ERA
INCINTA..
FAZZARI fredda l'aria.. abbassala un poco..
Abbassala tu da l! .. ALLORA A LUI L'HANNO AMMAZZATO.. E
LEI L'HANNO LASCIATA CHE FACESSE IL FIGLIO.. E
FAZZARI iMA STAI ZITTO.. FAI SILENZIO.. EHHHH!
ROMANO Eh.. eh..
SAPEVO 10 C H E VOLEVI ARRIVARE A QUESTO PUNTO.. FAI
SILENZIO..
ROMANO QUESTO.. QUESTO E IL FIGLIO CHE DELLA IMADONNA..,
t FAZZARI Per non far sembrare a uno e all'altro..
I ROMANO Questa e la Madonna..
FAZZARI Stai zitto.. stai zitto.. non nominare il nome di Dio invano..
ROMANO QUESTA E.. QUESTA LA STORIA DI DIO!
FAZZARI Fai silenzio!
Ma vai scema.. tu sei scema per davvero.. QUESTA LA STORIA DI
DIO!
FAZZARI DA UNA VITA C H E S I LEGGE SUI LIBRI COM'!
PER INTERPRETAZIONE.. PER INTERPRETAZIONE.. NON S I
PU LEGGERE IN QUEL MODO..
I FAZZARI I Certo.. 1
PER.. PER INTERPRETAZIONE.. COM' LA VERA
ROMANO LEGGENDA.. QUESTA QUA! .. LA VERA LEGGENDA E
QUESTA!
FAZZARI T U ERI LA?
NO! .. E LA STORIA E L'UOMO.. E IL 31ONDO.. C H E
LOGICAMENTE L'HANNO PORTATA AVANTI.. CHE
L'HANNO SCRITTA.. UNA STORIA, REGOLA! .. QUANDO
HANNO VISTO C H E QUESTO QUA L'HA INGANNATA..
FAZZARI Vai vattene sul muretto va..
QUANDO L'HANNO VISTA CHE L'HA INGANNATA..
L'HANNO AMMAZZATO.. E LEI POI HA FATTO.. UN UOMO..
C H E LOGICAMENTE, LEI HA FATTO UN FIGLIO..
QUELL'UOMO C H E LOGICAMENTE PRESCRITTO PER IL
ROMANO ..
MONDO. QUESTA.. LA REGOLA QUESTA.. C H E ERA GESU
CRISTO.. POI OUESTO HA FATTO LE VECI DI GESU CRISTO..
CERTAMENTE QUELLO CHE LEGGETE SUI LIBRI
TRASFORMATO.. INVECE LA REGOLA E GIUSTA.. LA
VERSIONE QUESTA !.
Si.. che tu eri la! .. Quando l'hanno concepito, quando hanno partonto..
FAZZARI
eri 1 tu..e mannaggia.. mannaggia!
'i
ROMANO Io non ero l.. L
NOI SAPPIAMO QUELLA.. CHE GIUSTA QUELLA.. E i/ C
ADORIAMO QUELLA.. CHE QUELLA! EH.. E BASTA!
QUESTO STASERA DICEVA.. GLI HO DETTO IO.. LMA C H E
CAZZO STATE DICENDO.. PERCH.. ORA VADO A
PRENDERE ALTRE.. VEDETE CHE C'E UN ALBERO.. CON
TANTI RAMI..
CHE VAI 4 RACCONTARGLI ALLE PERSONE.. C H E
DICONO.. .
CHE POI.. CHE POI.. ME NE FOTTO DI QUELLO C H E
DICO=
FAZZARI Ma stai zitto che sei.. ma vattene la.. con queste cazzate!
ROMANO CHE POI GLI HO DETTO 10.. E FORMULATO IN TANTI
DISCORSI.. CHE CAZZO VENITE A DIRMI.. MA
ANDATEVENE!

...omissis da pag. 6 del verbale a fine trascrizione,

E' owio che ROMANO Nicola raccontava una versione tutta sua della nascita di Ges
Cristo, piuttosto lontana da quei dogmi cristiani ai quali la moglie FAZZARI Teresa
sembrava essere molto pi legata, ma permetteva di intravedere in quest'uomo, da sempre
vissuto tra i boschi aspromontani e, come si vedr in seguito, profondo conoscitore di mille
realt e detentore di una vera e propria "memoria storica" riguardo agii eventi che hanno
coinvolto intere comunit e molteplici famiglie, un convinto sostenitore di un modello di
societ basata sulle "regoIe" di 'ndrangheta, sull'onore e sull'acquisita "fiatellanza di
sangue" che ne deriva, ritenuta superiore addirittura a quella naturale.

Si aveva gi traccia nelle parole di ROMANO Nicola di quella commistione tra sacro e
profano che tante altre volte sar possibile ritrovare nei suoi dialoghi con altri affiliati,
quasi a ricongiungere, con una logica costante che permane nel tempo, tutte le vicende
emerse durante l'intera indagine.
Si ponga l'attenzione al valore dato alla parola "regola", ossia a quel codice d'onore a cui
ROMANO Nicola dichiarava pi volte nel corso del tempo di essere pienamente fedele.
E nel descrivere ed esaltare lo spessore di un anziano uomo di 'ndrangheta, BOVA
~ i u s e ~ ~ eil" ROMANO
, Nicola, accompagnato nell'occasione dal suo diretto superiore
grarchico, MELIA ~incenzo", personaggio carismatico a cui sar dedicata un'arnpia
parte della presente richiesta, non usava mezzi termini e si rifaceva all'ormai consueta
terminologia utilizzata solo in determinati frangenti e con particolari soggettiYg:

Omissis da inizio trascrizione a pag 5 del verbale...


PEPPE BOVA.. AH.. AH.. AH.. "PEPPE BOVA UN UOMO
- D'ONORE VERAMENTE"!
MELIA E se parlo..
"NON UN UOMO DI SOLDI O UN UOMO ABUSIVISTA"! ..
ROMANO "QUELLO UN UOMO D'ONORE CHE CAPISCE LE LEGGI
DI GESU CRISTO"!
MELIA CERTO!
UELLO LE CAPISCE "LE LEGGI SACRE", "LE LEGGI
, SACRE DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO"!
I ,MELIA I QUELLO QUANDO NON iMI VEDE..
ROMANO E LE RISPETTA..
\
E NON MI SENTE.. MANDA AMBASCIATE.. COME SIETE, M

COME NON SIETE.. i IL


...omissis da pag. 5 del verbale a fine trascrizione.

o7
BOVA Giuseppe. nato ad Ardore il 10.03.1926 ed ivi residente in Via Manna N. 27. Identificato anche
grazie al dialogo ambientale N. 66 1 1 (Rit. 1897i06 DDA) del 20.0 1 .?O08 in allegato 2, durante il quale
ROMANO Nicola riferiva di aver incontrato il "figlio awocato". cio BOVA Domenico Antonio, di
Giuseppe e nato ad Ardore il 05.12.1948 ed ivi residente in Via Fosco10 N. 119, coniugato con [EMMA
Anna Maria, nata a Gioiosa Jonica il 74.06.1955, awocato;
,in
MELIA Vincenzo. nato a Plat il 10.04.1929 e residente ad Ardore in Via Leopardi N. 42;
'P)
Vedasi verbale di trascrizione N. 2357 ( Rit. 1897i00 DDA) del 23.04.2007 in allegato 3;
Durante la conversazione con la coniuge precedentemente riportata, successiva ad una
cerimonia nuziale a cui ROMANO ~ i c o l aveva
a partecipato poco prima, egli descriveva in
che modo aveva dato sfoggio delle sue conoscenze di fronte ad ;n di invitati, ai
quali aveva anche accennato all'esistenza di un simbolo, l'albero della scienza, proprio
quello che da sempre la leggenda assegna alla 'ndrangheta per indicarne la struttura :
"questo stasera diceva.. gli ho detto io.. ma che cazzo state dicendo.. perch.. ora vado
a prendere altre.. vedete che C'& un albero.. con tanti rami..omissis ... che vai a
raccontargli alle persone.. che dicono...omissis ... che poi.. che poi.. me ne fotto di
quello che dicono!"

Pochi mesi dopo infatti, ~ o l l o ~ u i a n dall'estemo


o'~~ dell'autovettura con altri due indagati,
PARROTTA eli ce"' e VARACALLI Rocco ~ r u n o " ~ ,il cui ruolo in seno
all'organizzazione verr in seguito meglio descritto, riproponeva l'immagine dell'albero
della scienza sovrastato da una luce:

Ornissis da inizio trascrizione a pag. 2 del verbale...


PERCHE QUANDO VADO, QUANDO VADO LA SOPRA
FELICE IO NON POSSO PARLARE.. ..incomprensibile, causa bassa
tonalit della voce e rtrmori esterni..
NON STIAMO BENE.. LO SAPETE CHE
ROMANO ..incomprensibile.. NASCOSTI.. .. C'ERA UN SEGNO DI
RICONOSCIMENTO..
VARACALLI R.B. QUALE?
CIO NON E CHE L'ABBIAMO INVENTATA NOI.. CHI .
ROMANO
L'HA INVENTATA ERA UNO SCIENZIATO.. GIA!
L'ALA DI UN ALBERO C'E, L'ALBERO c', DOVE
.
GIUSTAMENTE SI E APERTA UN'ALTRA LUCE,
UN'ALTRA LUCE CHE C I HA INDICATO..
VARACALLI R.B. C'ERA UNA COSA..
NATURALE.. iMA GIUSTAMENTE.. ACCENTUAVA UN
ROMANO
ALTRO DISCORSO..
. FELICE Si ..incomprensibile..
DI UN ALTRO.. DI UN ALTRO SEGNO DI
ROMANO
RICONOSCIMENTO..
VARACALLI R.B. ..incomprensibile..
ROMANO
C'E CTN'ALTRA AMICIZIA! MAMMA MIA DICE.. C I ..
TROVIAMO.. OUA E LA!
FELICE

ROMANO
..incomprensibile.. E QUESTA.. E QUESTA.. LA NOSTRA..
VOI NON SAPETE.. VOI NON SAPETE PERCHE..
OGGI SONO TUTTI.. TUTTI INTELLIGENTI.. [N
1
'
-
\

'-
QUESTE COSE..
FELICE C'E LA BELLEZZA.,
VARACALLI R.B. Sono spioni.. sono spioni!
. .% FELICE IO MI RICORDO

Vedasi verbale di trascrizione nr. 506 ( Rit. 5 112006 Proc. Pen. 698106 della Procura della Repubblica
presso il Tribunale di Lucri) del 05.07.7006 in allegato 4;
I n ' PARROTTA Felice. nato ad Ardore il 06.07.1936 ed ivi residente in C.da Serra N. 3;
"'' VARACALLI Rocco Bruno, nato a Cimin i l 06.08.1967 e residente ad Ardore in Trav. Leopardi;
Si d atto che nel verbale di cui trattasi l'uomo in compagnia di ROMANO Nicola veniva inizialmente
identificato in PARLONGO Bruno. indagato, ma le indagini successive permettevano di appurare che
costui era VARACALLI Rocco Bruno.anchlegli facente parte degli indagati del presente procedimento;
A PARTIRE DA QUARANTA.. CINOUANTA..
..incomprensibile..
ROMANO ..incomprensibile..
FELICE E FINITA.. E FINITA.. SE SIAMO NELLE,.
VARACALLI R.B. LA SERA.. LA MATTINA DOPO T I TAGLIANO..
ROMANO ..incomprensibile..a Peppe ..incomprensibile..
CON VINCENZO SIAMO ANZIANI.. TUTTI E DUE
FELICE RAGIONIAMO, SAPPIAMO CHE CHI "TRAGIA"
..incomprensibile..
PER "L'ONORE E SANGUE" VERAMENTE!
ROMANO
..incomprensibile..
..incomprensibile.. VEDO CHIARO PER.. PERO NON
FELICE TROVO RISCONTRO, NON TROVO RISCONTRO
COLA.. NON TROVO RISCONTRO!
PERCH QUANDO IO VADO L PER RAGIONARE
UNA COSA PER "ONORE E SANGUE",
ROMANO
GIUSTAMENTE.. PRIMA DI PRENDERE IL
DISCORSO ..incomprensibile..
VARACALLI R.B. PER ONORE...
E POI LASCIA FOTTERE IL RAGIONATO PERCHE
ROMANO
SIAMO UOMINI.. UOMINI PACIFICI.. ..incomprensibile..
FELICE Compare Cola..
ROMANO E MI PORTANO SEMPRE..
FELICE T I PORTANO ..incomprensibile..
E MANNAGGIA! MA VOI VEDETE CHE
ROMANO
COMPLICAZIONI?
FELICE ..incomprensibile..

"Ragionare una cosa per onore e sangue" diceva ROMANO Nicola, cio convergere con
altri sulla medesima scelta seguendo la legge di mafia, osservando regole e dinamiche
imposte dall'appartenenza alla 'ndrangheta, usando un " altro segno di riconoscimento",
"un'altra amicizia" che permetta di riconoscersi anche senza essersi mai visti " ci
troviamo qua e l".
L'immagine del giardino fiorito all'interno del quale cresceva l'albero della scienza
riecheggiava nuovamente nelle parole del ROMANO Nicola durante un colloquio'03 avuto
con un individuolo4 di Locri incontrato casualmente per strada. Nell'occasione i due si , 1
lamentavano del comportamento delle cosche mafiose operanti in zona, soprattutto in
relazione all'uccisione di Francesco FORTUGNO, Vicepresidente della Regione Calabria v, \t'
assassinato a Locri il 16 Ottobre 2005, i cui mandanti ed esecutori materiali erano collegati
alla cosca CORDI' ivi operante, come stabilito dal Tribunale di Locri con sentenza del 2
Febbraio 2009.
Si osservi con attenzione la similitudine fatta dal ROMANO che trovava concorde il suo
interlocutore, il quale aveva definito precedentemente la citt locrese un "capo
mandamento", un punto nevralgico negli affari di mafia:

Omissis da inizio trascrizione a pag. 8 del verbale...

l03
Vedasi verbale di trascrizione nr. 670 (Rit. 1897106 DDA) del 13.1 1.1006 in allegato 5;
104
Trattasi di un professore residente a Locri che non stato possibile identiticare compitamente;

56
COME LOCRI CHE LO AVEVANO iMANTENUT0.. "LA
VECCHIA IDEOLOGIAn.. DI TUTTI E "QUATTRO I FRONTI" ..
L'HANNO IMANTENUTO COME UNA "ROSA NEL VASO" E ..
PRIMA C H E ENTRASSERO IN LOCRI S I DOVEVANO PULIRE
LE SCARPE!
TOTO' EHHH!
SIA LA POLITICA, SIA LA 'NDRANCHETA, SIA LA
MASSONERIA, SIA TUTTO! ASSIENIE. TUTTI A S S I E M E
TOTO' ANDAVANO D'ACCORDO!
TUTTI ASSIEME AVEVANO PORTATO LOCRI UN GIOIELLO!
ROMANO UN VASO.. UN VASO.. UN VASO DI ROSE! "LTN VASO DI ROSE,
DOVE G L I AVEVANO DATO UNA BELLA VALUTAZIONE"!

...omissis da pag. 8 del verbale a fine trascrizione.


In un'altra occasione il dialogo'05tra ROMANO Nicola e MELIA Vincenzo assumeva toni
nostalgici, in quanto i due concordavano nel lamentarsi dell'eccessivo legame tra gli
appartenenti alla 'ndrangheta e gli interessi economici, in contrasto con il principio
dell'onore e del legame di sangue a cui essi stessi dicevano di essere fedeli:

Ornissis da inizio trascrizione a pag. 6 del verbale...

ROMANO I palizzoti (abitanti di Palizzi)!


MELIA Ah?

( MELIA ..incomprensibile..NEL SANGUE..


ROMANO S E LA SENTIVANO.. PER LA MADONNA!
MELIA ..incomprensibile..
EH.. GLI SENTIVANO AMORE E SAPORE.. EH.. COMPARE
VICE! POI IL DISCORSO TRAGEDIE.. IL DISCORSO C H E
GIUSTAMENTE RIENTRARE.. NEL SENSO DIFFERENTE.. EH..
TU SEI QUA PER INTERESSE.. ALLORA TU NON SEI UN
"UOMOn.. "TU NON HAI SANGUE C H E T I SCORRE NELLE
VENE.. DI UOMO"! "L'UOMO S I FA PER ONORE E SANGUE"!
MELIA CERTO!
NON PER INTERESSE..! DOPO C H E NOI ABBIAMO FATTO
ENTRARE OUESTI "CIAMBRELLI D'INTERESSI"! .. C H E NON
CAPISCONO C H E COS' OUESTA VITA! L ~ ERA UN
~ .. ~ ~
ORDINE.. ERA UN ORDINE ERA"!
MELIA SI..
ORDINATO, UNO DOVEVA STARE ORDINATO! ..
INTERESSI..? VAI A FARE IN CULO TU E G L I INTERESSI.. VAI
A ZAPPARE SE VUOI MANGIARE! EFFETTIVAMENTE ..
ROMANO OGNUNO HA PERSO "AMORE E SAPORE"! DICE.. "CHE ..
VADO A GARANTIRE A QUELLI CHE VENGONO A
PORTARMI AVANTI DISCORSI D'INTERESSE"!.. ,MA VAI A
FARE IN CULO!
MELIA ..iizcomprensibile.. ,
ROMANO NO.. GUARDATE CHE ANCORA SONO GIOVANE.. MA 311
IO5
Vedasi verbale di trascrizione M. 7396 (Rit. 1897i06 D D A ) del 09.05.1007 in allegato 6;

87
SONO DIS'INNAMORATO! ..incomprensibile.. TUTTO PER
INTERESSI.. SI MA ORMAI.. LA COLPA STATA NOSTRA..
NON E.. QUANDO GIUSTAMENTE.. QUESTA PASSA.. E
QUELLA PASSA.. E OUELL'ALTRA PASSA.. E QUELL'ALTRA
PASSA.. POI VI HANNO ACCAPPOTTATO (ribaltato)! "E ..
INVECE LA SI PARLAVA.. LA SI PARLAVA.. L SI DOVEVA
PARLARE DI OUELLO.. DI REGOLA.. E VIA''!
MELIA ..incomprensibile..
EHH.. L'INCORTEZZA DELLA CALABRIA.. GUARDATE CHE..
IO DICO CHE NON C I SONO PAESI INCOLTO COME LA
CALABRIA.. MA SPECIE NELLA NOSTIW PROVINCIA..
PERCH.. OGGI.. DICIAMO.. NOI SIAMO QUESTI, SIAIVI0
QUELL'ALTRO.. NOI NON SIAMO NIENTE. NON SIAMO
NIENTE! OUELLO DALL'ALTRA PARTE DEL MONDO HA
RAGIONATO.. OUA.. EH.. LONTANI DA TUTTI.. SI SONO
LIBERATI COME GLI AVVOLTOI! COME QUEI CANI ..
AFFAMATI.. CHE NON AVEVANO VISTO MAI MANGIARE! ..
9 VEDETE CHE STATO UN PERIODO PERICOLOSO.. EH..
ROMANO RAGAZZI, FEMMINE E UOMINI CHE LI SEOUESTRAVANO..
QUESTO NON . QUESTA NON UNA GESTIONE.. COMPARE
VICE! ..
PERCH UNA VOLTA IL "DISCORSO ERA SACRO
..
VERAMENTE"! I MEDICI NON SI DOVEVANO TOCCARE, LE
FEMMINE NON SI DOVEVANO TOCCARE. I BAMBINI NON SI
DOVEVANO TOCCARE.. ALLORA VERO CHE ERA UN
DISCORSO SACRO! O CHE PRENDEVANO PARI.. PARI.. PER
DENARO PARI.. PARI.. ;MA DOVE SIAMO ARRIVATI QUA!
CHE COSA.. VA BENE CHE ..incomprensibile.. MA PENSARE
CHE SI PAGATO TUTTO. SI PAGA TUTTO! OGNI COSA ..
STORTA CHE SI METTE AVANTI.. SI PAGA!
MELIA O VOLETE O NON VOLETE!
EH.. OGNI COSA STORTA CHE SI NIETTE AVANTI.. SI PAGA!
ROMANO .. NON LA PAGA IL PADRE.. LA PAGA IL FIGLIO.. PERO SI

D ...omissis da pag 7 del verbale a fine trascrizione.


La 'ndrangheta non si era saputa gestire e pur di accumulare capitali i suoi affiliati avevano , ./

violato le pi elementari "regole", come quella di non "toccare" le dome, i bambini ed i


medici, preferendo dedicarsi ai sequestri di persona.

Nel corso di un dialogo'u6registrato in data 17 Aprile 2007 all'intemo dell'abitazione di


MELIA Vincenzo, i cui contenuti erano utili anche a rimarcare la terminologia e
l'appartenenza dei conversanti al sodalizio mafioso, si poteva cogliere nuovamente un tono
nostalgico dei tempi trascorsi:

MELIA ..incomprensibile.. l'avete visto?


ROMANO Non l'ho visto pi.. ..incomprensibile..
MELIA ..incomprensibile.. e per questo lo odio..
ROMANO ..incomprensibile.. ma sicuramente ..incomprensibile..

106
Vedasi verbale di trascrizione nr. 13 18 1 (Rit. 2 1 13/06 DDA) del 17.04.3007 in allegato 7:
58
..incomprensibile.. HANNO DISTACCATO LA 'NDRANGHETA
MELIA
P
, ..incomprensibile..
ROMANO ..incom~rensibile..
MELIA NO! LA 'NDRANGHETA.. ..incomprensibile..
..incomprensibile.. P I U ~ O M P A R EVICE.. ,MANNAGGIA ALLA
ROMANO MADOSCA PURE VOI.. A PARTE LI.. ERA IL TIPO CHE LA
'NDRANGHETA..
..incomprensibile.. NO.. VOLEVO CHE C I VEDEVAMO
MELIA
..incom~rensibile..
NON SI PU FARE.. IL MONDO E LIBERO.. IL MONDO ORMAI
SI LIBERATO E QUINDI LE REGOLE NON LE OSSERVA
NESSUNO PIU.. COMPARE YICE.. SE OSSERVAVANO LE
REGOLE? ALLORA NON SI PUO FARE! GIUSTO?
MELIA B A 4
OGNUNO FA QUELLO CHE VUOLE E C I TROVIAMO MALE..
ROMANO COS C I TROVIAMO MALE! C I TROVIAMO MALE..
..incom~rensibile..
1 MELIA ..incomprensibile..
MA A CHIEDERE.. BENE O iMALE CHE c' E CHE NON C'E!
POI QUESTO.. POI OUELL'ALTRO.. VEDIAMO CHE c'.. CHE
CAZZO VOGLIO DIRE.. VEDIAMOCI I CAZZI NOSTRI..
PERCHE LA LEGGE CE L'ABBIAMO IN MEZZO PURE.. NON E
CHE QUA.. CHI CHIAMA DA UNA VIA, CHI CHIAMA
DALL'ALTRA.. ALL'ULTIMO ..incomprensibile.. UNA REGOLA
CHE GIUSTA!
Ed io che li ..incomprensibile..
Un chilo un chilo.. 1000 grammi e basta! Cos deve essere.. un metro
ROMANO un metro.. non che qua un metro e da un9altra parte . quello !
..incom~rensibile..
MELIA ..incomprensibile..
POI SE VOGLIAMO IGNORARE TUTTO.. FACCIAMO TUTTO
COMPARE VICE..! ..incomorensibile..UOMINI.. ..incomorensibile..
1 1 1 0 SO.. CHE ME L'HANNO IMPARATO ..incomprensibile.. 1
QUANDO HA VISTO QUELLO.. incomprensibile.. UANDO
&lEL1*
NARDO POLITO'~', MICO POLITO'~~, MIMMO GUARNIERI 0~
PIETRO GUARNIERI"~.. E GENTE CON ..incomprensibile.. "SI >
DISTACCATO DALLA SOCIETY E NON p u FARE ;
"L'UOMO"! ,'V t

ROMANO E NO.. PER QUESTO.. 1 10


LMELIA MA NON..

l07
POLITO Nardo. soggetto non identificato;
108
POLITO Domenico, soggetto non identificato:
I W GUARNIERI Domenico. di Vincenzo e VARACALLI Maria Cannela, nato a Cimin il 25.04.1958. gi
residente a Cimin in Via Garibaldi nr. I ed emigrato a Locri il 12.03.1990, ove risiede in Via Avellino
snc. E' coniugato con ZUCCO Caterina. nata a Locri il 18.12.1962, ed e fratello di GUARNIERI Pietro
sotto identiticato;
' l 0 GUARNIERI Pietro, di Vincenzo e VARACALLI Maria Cannela. nato a Locri il 26.10.1964. gi
residente Cimin in Via Garibaldi 48, emigrato in data 12.11.1988 per Mongrando (VC). E'cugino di 2"
drll'indagato NESCI Nicola ed e stato tratto in arresto in data 9 Maggio 2008 nell'ambito dell'operazione
"Stupor Mundi", condotta dalla Guardia di Finanza nei confronti della cosca SPAGNOLO di Cimin per
traffico internazionale di stupefacenti:
I I NON LO PU FARE "L'UOMO".. ..incomprensibile.. 1
ROMANO ONESTAMENTE DEVE DARE CONTO A TUTTO IL POPOLINO!
DEVE DARE CONTO ALLA ..incomprensibile..
MELIA MA NON C I SONO^^
LTELLO SI DEVE DIFENDERE.. GIUSTAMENTE SULLA

MELIA Mi sembra che ..incomprensibile..


ROMANO ..incomprensibile..
MELIA E BASTA! E NON PU FARE "L'UOMO"!
NON PIU,. E LOGICO CHE LUI PARTE ATTIVA..
incomprensibile.. NON PU FARE "L'UOMO"!
MELIA LUI NON PU PIU FARE! ..incomprensibile..
ROMANO Fare giustamente.. si entra.. prima.. ..incomprensibile..
O METTO A LUI.. O iMETTO A COSO.. E ,MI DICONO.. DEVI
FERMARE ..incomprensibile.. VERO O NO?
ROMANO SI.. E UN OBBLIGO NO! E UN PUBBLICO UFFICIALE.. I
MELIA OH!
ROMANO UN PUBBLICO UFFICIALE E BASTA! EHHH..
MENO MALE CHE L'AVETE DETTO VOI.. NON HO VOLUTO

' DIRLO IO..


EH.. L O DICO IO.. EHH.. OUESTA UNA REGOLA CHE VALE..
O L O DICO 1 0 COMPARE VICE?
MELIA Ma perci!
ROMANO LO DICONO GLI ALTRI O LO DICO IO..
UNA REGOLA.. ..incomprensibile.. QUESTA.. OGNI CRISTIANO I
SI DEVE GUARDARE..
ROMANO Una volta che ..incom~rensibile..un corso amministrativo..
I MELIA Ohh!
ROMANO ..incomprensibile.. un pubblico ufficiale!
fi
ROMANO Quello tutore delle proprie idee!
MELIA E dusto!
1 ROMANO / Lui un pubblico ufficiale.. dovete dare conto! ..incomprensibile.. 1
I due quindi valutavano che il sodalizio matioso si era discostato dalle "regole" ed i suoi
componenti agivano spesso autonomamente senza rispettarle, tanto che MELIA Vincenzo
portava l'esempio di un ignoto individuo "distaccato~dallaSociet" che, per tale motivo,
non poteva pi avere un molo attivo nella 'ndrangheta, non poteva pi fare "l'uomo". - , \,

5 - Paragrafo 2.2
La struttura della 'ndrangheta e la corrispondenza con le registrazioni ambientali e
telefoniche

L'indipendenza del fenomeno calabrese da quelli, senz'altro pi studiati e considerati,


delle due regioni che la Calabria stessa unisce come un ponte naturale, Sicilia e Campania,
appare evidente fin da subito, sia per l'organizzazione sul temtorio, sia per i metodi, sia
per l'atteggiamento nei contionti di qualsiasi rappresentazione dell'autorit dello Stato.
L'organizzazione calabrese, come emerso in diverse vicende giudiziarie, si basa sulle
cosiddette '"ndrine".
11 termine "'ndrina", che la struttura di base della 'ndrangheta, come gi accennato,
presenta diverse interpretazioni etimologiche tra chi ne fa derivare il significato dal termine
grecanico di "uomo dritto", che non piega mai la schiena, e chi, invece, dalla contrazione
di quello all'epoca pi corrente di "malandrina" ed radicata in un comune o in un
quartiere cittadino. In un comune ci possono essere pi 'ndrine; in tal caso esse fanno parte
di un "locale'*.
Ogni "locale" diretto da una tema di 'ndranghetisti, detta "copiata", quasi sempre
rappresentata dal capo-bastone, dal contabile e dal capo crimine. La copiata il "biglietto
da visita" che precede un affiliato allorquando gli venga appositamente richiesta da un
altro con grado gerarchico pi elevato o quando si presenta in un "locale" diverso dal
proprio, ed in tali occasioni egli tenuto ad indicare chi sono i tre personaggi che nel suo
gruppo. .
criminale svolgono quelle particolari funzioni, in conseguenza delle "doti" che
possiedono.
Il locale da considerarsi "aperto" quando il "locale principale""' ha dato il suo assenso,
e "attivo" quando si tengono riunioni di 'ndrangheta almeno una volta al mese.
In proposito vedasi lo stralcio di una conversazione ambientale registrata1":

Omissis da inizio trascrizione a Dag. 4 del verbale...


MELIA QUESTO E IL NIPOTE DI 'NTONI SPACNOLO?"~
ROMANO GLI VIENE NIPOTE, IL FIGLIO D1 NARDo.."~
MELIA DI NARDO OUELLO..?
ROMANO IL FIGLIO DI NARDo.."~
MELIA ..incom~rensibile..una volta sono andati..
ROMANO UNA VOLTA.. DOPO CHE HANNO "APERTO IL LOCALE"..
LMELIA Ah?
ROMANO DOPO CHE HANNO "APERTO IL LOCALEn..
MELIA SI!

...omissis da pag. 5 del verbale a fine trascrizione.

La cosca o 'ndrina, elemento autonomo ed al suo interno fortemente gerarchizzato,


formata essenzialmente dalla famiglia naturale, di sangue, del capo-bastone, alla quale si
aggregano altre famiglie generalmente, o almeno inizialmente, subalterne.
Le famiglie aggregate non di rado sono imparentate a quella del capo-bastone. Una lunga
catena di matrimoni ha contraddistinto la vita delle cosche mafiose, sicch possibile
affermare che questa tendenza comune a tutte le famigiie.
Ma la 'ndrangheta ha molti capi, a pi livelli, ed ognuno di essi ha potere di vita o di morte ,
sui suoi uomini e ricopre una carica che solitamente si tramanda di padre in figlio. Il .o
"capo" ha il potere di "rimpiazzare", cio di affiliare anche elementi esterni alla famiglia ,
anagrafica. Per ufficializzare l'adesione di questi nuovi associati c' per bisogno

'l' Tradizionalmente si tratta della cosiddetta "Mamma del Crimine", con sede in S. Luca;
'l2 Vedasi verbale di trascrizione M. 1025 (Rit. 1897106 DDA) del 02.01.2007 in allegato 8;
l ' ' SPAGNOLO Antonio, nato a Cimin (RC) il 3 1.03.1960, ivi residente in via Bovio nr. 93, coniugato.
bracciante agricolo, tratto in arresto iiell'ambito dell'operazione "Stupor Mundi" per traftico
internazionale di stupefacenti;
I l J SPAGNOLO Leonardo. nato a Cimin 1'1 1.07.1951. fratello di SPAGNOLO Antonio, sopra
generalizzato;
' l 5 SPAGNOLO Leonardo ha due tigli SPAGNOLO Rosario, nato a Locri il 16.6.1977 e SPAGNOLO
Antonio, nato a Locri il 25.02.1987;
dell'approvazione del capo-bastone, a cui questi devono essere presentati durante una
riunione del "locale".

Si ha in mento un riscontro investigativo di non poco conto poich, durante un colloquio"6


tra ROMANO Nicola e MELIA Vincenzo, i due discutevano dell'affiliazione alla
'ndrangheta di uno degli indagati, VARACALLI Rocco Bruno:

Omissis da inizio conversazione a pag. 8 del verbale...

IL IMIGLIORE ERA ROCCO (n.d.r.= Rocco VARACALLI).. LI SE


MELIA AVEVA.. SICCOME AVEVA PIU ..incomprensibile.. era.. il
PARLONGO .
ROMANO UN RAGAZZO PIU ONESTO FORSE..
MELIA Eh.. PIU ONESTO! Ma questo..
ROMANO "NON VI SIETE FIDATO A RIMPIAZZARGLIELO CHE"..
MELIA Ah?
ROMANO "CHE FACEVATE IN M 0 DO DI RIMPIAZZARLO"..
MELIA CHI?
ROMANO "NON VE L'HANNO ACCETTATO PER RIMPIAZZARLO"..
MELIA A ME? CHI CHE NON ME L'HA ACCETTATO?
ROMANO NO.. DICO IO!
MELIA A me?
ROMANO AVETE PARL.. AVETE PARLATO SEMPRE PER!
"IO SE VOGLIO FARLO".. LO FACCIO PURE SENZA
MELIA
I ..incomurensibile..
ROMANO EH.. MA SE SI OPPONGONO..
3IELIA Ah?
SE SI OPPONGONO.. LA "NEL LOCALEn.. SENZA OUELLO
. COME LO FATE? ..incomprensibile..
MELIA OHH.. COMPARE COLA!

MELIA ~
ROMANO EH.. EH.. EH!
"FORSE.. SAPETE CHI NON L'ACCETTAVA COMPARE"? .. IL
PARLONGO!
ROMANO EH.. LO SO!
,MELIA Eh..
ROMANO PERCHE VUOLE TENERSELO PER SGUATTERO!
LMELIA Ahh!
NO DICE.. SE.. SE COMINCIA A COGLIERE, AD ALZARE LA
ROMANO TESTA NON LO TENGO PIU! .. NON E CHE SI FOTTE LA
MOGLIE.. NO? 1 f'
I ,MELIA Di chi?
ROMANO DI BRUNICELLO PARLONGO.. NO?
MELIA ..incomurensibile..
No.. voglio dire.. CHE NON.. c' QUALCOSA DI DONNE IN
MEZZO..NO?
P
LMELIA NO.. NO! ..incomprensibile.. ,
ROMANO Ah?

'l'' Vedasi verbale di trascrizione M. 1901 (Rit. 18971'06 DDA) del 29.03.2007 in allegato 9;

92
MEL IA I ..incom~rensibile..
ROMANO I SI.. NO VOGLIO DIRE.. HA VOLUTO TENERLO FERMO..
CIO OUALE PREMESSA?
' MELIA NO.. CHE SONO ANDATI A PROTESTARE ..incomprensibile..
ROMANO CHE NON LA PASSAVA..
IMELIA ..incomprensibile..
ROMANO AH.. VUOLE TENERSELO PER NON APRIRGLI GLI OCCHI..

...omissis da pag 10 del verbale a fine trascrizione.


Si precisa che il breve stralcio del dialogo stato riportato al fine di rimarcare la
terminologia utilizzata dai conversanti ma verr nuovamente riproposto
. .
nel seguito della
presente richiesta in sede di descrizione dei personaggi che ne sono protagonistie di quelli
citati nel corso dell'intera conversazione.
Proseguendo nella descrizione delle caratteristiche della 'ndrangheta, ormai riconosciute in
modo non superficiale grazie alle passate inchieste giudiziarie, alle informazioni acquisite
dalle dichiarazioni dei pochi collaboratori di giustizia nonch dai codici sequestrati,
possibile affermare che in una cosca, qualora si raggiunga un numero eccessivo di affiliati
che hanno in comune la stessa "copiata", il capo-famiglia pu costituire la cosiddetta
"ndrina distaccata", che serve alla cosca per rafforzare ed estendere la propria influenza
territoriale.
in data 21 Settembre 2006 ROMANO Nicola conversava"' con un altro anziano
identificato nello zio MURDACA Dornenico ~rancesco"~, un pluripregiudicato residente
in Antonimina, e lo informava dei mutati assetti che le cosche dei paesi vicini avevano
assunto:
Omissis da inizio trascrizione a pag. 17 del verbale...
E dimmi una cosa.. e poi.. IL GERACESE DOPO.. POI SI ERANO
FATTI A PEZZI DI NUOVO.. FRA LORO.. BRUNO VALENTE
BRAVO.. CHE BRAVO BRUNO VALENTE.. BRUNO
VALENTE E BRAVO..
1 ROMANO
- .- -. - 1 Uh! I
"LA CAPRA""~NON MALE NEANCHE.. CHE BRAVA LA
CAPRA.. SE..
ROMANO MA LORO.. "LA CAPRA" NON VANNO PIU INSIEME..
CICCIO Ah?
ROMANO "LA CAPRA".. SI E DISTACCATO..
CICCIO SI E DISTACCATO?
ROMANO TUTTI.. MIMMARELLO.. "LA CAPRA".. TUTTI..
CICCIO TUTTI?
\
ROMANO SI..
CICCIO EPERCHE? l1T
C

ROMANO NON LO SO..


CICCIO ,MA iMO.. $10..AIO..?
ROMANO NO E ASSAI..
CICCIO HA PIU DI UN ANNO.. NO!

117
Vedasi verbale di trascrizione nr. 1662 (Rit. 5112006 Proc. Pen. 6981'06della Procura della Repubblica
presso il Tribunale di Locri) del 2 1.09.2006 in allegato LO;
I l X MURDACA Domenico Francesco, nato ad Antonimina il 18.02.1922 ed ivi residente in Via Roma 3 1;
l ' " Pseudonimo utilizzato per indicare LIZZI Domenico, nato a Gerace il 09.09.1966, come meglio
specificato nel capitolo dedicato al "locale" di Antonimina;
ROMANO UH..
E PIU DI UN ANNO CHE SI SONO DISTACCATI! .. E IL
PERCHE?
ROMANO NON LO SO.. NON SO.. IL PERCH NON LO SO..
CICCIO 0
ROMANO PER INTERESSI.. INTERESSI.. INTERESSI!

1 ROMANO I A disposizione.. auguriamoci che gli vada bene li..


1 CICCIO I Da quella parte.. dove ti pare.. che pago io.. pago io..
1 ROMANO I Uh.. chi paga.. paga non importa..
Sarebbe stata quindi autorizzata una 'ndrina "distaccata" dal "locale" di Gerace, composta
dalla famiglia LlZZI, i cui componenti risiedono in Merici, una contrada sita tra Locri e
Gerace, ove gestiscono anche un'attivita commerciale per la vendita di materiali edili.
Secondo quanto emerso nel corso di precedenti attivit giudiziarie, il "distaccamento"
sarebbe autorizzato dal Locale principale, la cosiddetta "Mamma del Crimine" di San
Luca.
A tal proposito si riporta il dialogo'20 registrato tra gli squilli tra alcuni soggetti non
identificati e TRIPODO Antonino ~enanzio"', un indagato i cui legami con la 'ndrangheta
sono, come emerso dalle indagini, non solo di natura familiare in quanto figlio del defunto
boss TRIPODO ~ o m e n i c o " ~ucciso
, durante la Prima guerra di mafia verificatasi nella
provincia reggina alla fine degli ami '70, e coniugato con ROMEO eres sal^', figlia di
ROMEO Sebastiano, detto 'U staccu", noto boss di S. Luca.
Tra gli squilli si registrava il seguente dialogo:

: TRIPODO Venanzio
UOMO
1 ... IL "CRIMINE" .. E COMANDO [O!
I Vedi che venuto...incomprensibile...
TRIPODO Venanzio .. FA PARTE DELLA "MINORE"...
UOMO Sentimi a me...
TRIPODOVenanzio SOPRA ALLE OSSA DI MIO PADRE ...inc..
PRESENTO...
UOMO ...inc... stretto fra di noi ...
TRIPODO Venanzio ...E LI SPOGLIO A TUTTI POI...
UOMO ...Inc...
TRIPODO Venanzio ...QUA SONO TUTTI DA SPOGLIARE Ma questo ...
cornuto di Maurizio uerch non risuonde...
UOMO I Eh questo vai a vedere dov'e.. a mare...
UOMO1 3 mare...
TRIPODO Venanzio No a mare non e a quest'ora, perch la moto era l! (1

UOMOI ...inc.. ,T
UOMO 1 Chi? ... 1
UOMO1 ...inc... ... io posso sapere se ...inc...I'awocato ...
TRIPODO Venanzio Senti .. di chi e questa motocicletta?...

"O Vrdasi trascrizione nr. 52993 (NT. 301i07 DDA) del 19.07.2007in allegato 11;
''l TRIPODO Antonino Venanzio. nato a Reggio Calabria il 05.06.1955 e residente a Fondi (LT) in Via degli
Osci nr. 7. di fatto dorniciliato a Bovalino;
"' TRIPODO Dornenico. nato a Sarnbatello di Reggio Calabria lo 01.01.1923, deceduto nel carcere di
Poggioreale (Na) il 76.08.1976;
l" ROMEO Teresa. nata a S. Luca il 03.02.1961 e residente a Bovalino in Via F. Calfapetra nr. 92;
E' proprio la terminologia usata e il giuramento sulle "ossa di mio padre" che non
lasciavano dubbi sul valore del dialogo "ambientale" registrato tra gli squilli e
sull'appartenenza dei dialoganti ai livelli pi alti della gerarchia matiosa.
TRIPODO Antonino Venanzio, alterato per il comportamento di alcuni affiliati, dichiarava
di far parte del "Crimine", cioe del vertice dell'associazione mafiosa, e di essere in grado,
per le "doti" in suo possesso, di allontanarli definitivamente dalla 'ndrangheta, cioe di
"spogliarli".
11 ricorso al termine "Crimine", come un'entit dai contorni ben precisi e posta ai vertici
della struttura della 'ndrangheta e di ciascun "locale", lo si ritrovava anche durante il
registrato tra ROMANO Nicola e POLICHENI ~ e o n a r d o " ~in data 18
Dicembre 2006.
1 due, nel tessere le lodi di uno degli indagati, VARACALLI ~ i u s e ~ ~ efacevano "~,
riferimento a tempi iuttosto lontani, allorquando un suo antenato, l'omonimo
VARACALLI G i u ~ e ~ ~avrebbeJ ' ~ , posto le basi dell'organizzazione:

Omissis da inizio conversazione a pag. l I del verbale...


1 Eh.. sempre per la pace.. un amico che menta Pep.. vedete.. Compare
NARDo
I Cola come a noi.. iusto?
ROMANO Io lo conosco a Pep..
Nel momento ..incomprensibile.. non per debolezza.. per I'at'fetto che
NARDO
avete in una persona..
E buono.. potente.. perch ..incomprensibile.. dovuto partire.. Io sono
andato a casa sua quando.. ..incomprensibile.. ALLORA SO CHE
ROMANO .
SONO PERSONE SEMPRE,. I VARACALLI SONO STATI
SEMPRE.. DI OUANDO SI E FORMATO "IL CRIMINE".. PEPPE
VARACALLI IL VECCHIO..
I NARDO I UHH!
LUI HA MESSO LA PRIMA PIETRA.. L'HA MESSA LUI LA
SOPRA.. ..incomprensibile..
1 NARDO Comunque ..incomprensibile
ROMANO Perci non che..
NARDO Poi di ..incom~rensibile.. eravamo ragazzi..
ROMANO No.. Pep un buono cristiano, al contrario di certi che sono stati..
P
-
NARDO Si.. si.. ..incomprensibile..
ROMANO ..incomprensibile.. statevi bene..
...omissis da pag. 12 del verbale a tine trascrizione.

Le intercettazioni ot'frono anche alcuni riferimenti alle riunioni degli associati presso il
santuario della Madonna della montagna, a Polsi, nel cuore dell'Aspromonte, svolti anche,
approtittando dei festeggiamenti e del foltissimo pellegrinaggio in onore della Madonna, ai
primi di settembre

'" Vedasi verbale di trascrizione nr. 985 ( Rit. 1897!06 DDA) del 28.12.2006 in allegato 12;
POLICHENI Leonardo. nato a Portigliola il 18.02.1949 ed ivi residente in C.da Lent nr. 164;
'" VARACALLI Giuseppe. nato ad Ardore il 27.04.1953 ed ivi residente in C.da Calvario 7;
'" VARACALLi Giuseppe. tii Antonio e POLLLICHEMI Caterina. nato ad Ardore il 18.08.1888, coniugato
con CHINE' Caterina. nata ad Ardore il 18.03.1896. pi volte sottoposto al contino di polizia. nOM0
dell'indagato VARACALLI Giuseppe classe 1953. Vedasi a tal proposito le informazioni di rito fornite
dal Comando Stazione Carabinieri di Ardore con nota nr. 3 1134-1 del 16.03.3009 in allegato 13;
In due occasioni si aveva sentore dell'awenuta partecipazione di alcuni indagati ad
incontri di cos alto livello. In particolare, in data 1 Giugno 2007, ROMANO Nicola
~ o l l o ~ u i a v acon
" ~ uno dei suoi soci d'affari nel campo del taglio boschivo, MAIOLO
Marcello ~ i u s e ~ ~ e ' ' ~ :

FINITA! .. NON c' PIU NIENTE! VOLETE INCANALARVI


SOPRA I SOLDI..
-- LMAIOLO FINITO QUEL TEMPO!
ORDINE NON c' PIU!.. E NON CI STA.. DA QUEL
1 1 MOMENTO DISORDINE! PRIMA.. DOPO, DOPO NEANCHE I
..
l l UN ANNO. CI FU.. "DI QUANDO HANNO FATTO QUELLA
RIUNIONE A lMONTALTO".. ..incomprensibile.. SIAMO PUNTO

PRESTO!
iMAIOLO ..incomurensibile..
NON C'E STATO PIU.. UGUAGLIANZA.. (
..incomprensibile.. c' STATO UN AFFAMICAMENTO DI
DENARO (UNA CORSA AL DENARO).. NON.. NEANCHE
QUESTO.. PERCHE SE ERA.. ANCORA.. ANCORA! MORTI! ..
GALERA! ARRICCHIMENTO DEI GIUDICI E DEGLI

IMAIOLO Loro morti non n hanno! ..incomprensibile..


ROMANO ..incom~rensibile..guardate che ci sono altre cose..
UOMO ..incomprensibile.. loro vedono la telecamera ..incomprensibile..
ROMANO Si..
MAIOLO ..incomprensibile..
Fai un poco di fabbriche.. ..incomprensibile.. Tu vuoi andare al
..
Parlamento.. o alla Regione? Qua abbiamo bisogno di questo..
questo.. una la fai nella zona dove lavori, cos pu scendere dalla
ROMANO montagna.. a dieci, quindici chilometri.. e pu abbracciare sopra e
..
sotto! Una la fai da un parte.. una dall'altra.. metti dieci fabbriche
da Catanzaro a Reggio.. dove le persone possono lavorare, femmine
e uomini, per avere uno stipendio e per avere i contributi!
,MAIOLO Ma questo.. ,
Non che andate.. ognuno che si arrangi per se stesso! Ognuno si
ROMANO
arrangi per se stesso! ..incomprensibile..
lMAIOLO I ..incomprensibile..
" W -

Per accertare l'identit del passeggero, MAIOLO Marcello Giuseppe, veniva richiesto al
Comando Compagnia Carabinieri di Serra S. Bruno di controllare l'autovettura sottoposta
ad intercettazione all'uscita da C.da Ninf di Serra S. Bruno, luogo di dimora di diversi

l'' Vedasi verbale di trascrizione nr. 26 16 ( Rit. 1897,'06DDA) del 0 1.06.2007 in allegato 14;
O'' MAIOLO Marcello Giuseppe, nato a Nardodipace il 24.02.1970 ed ivi residente, Fraz. Cassari, in Via
Papa Giovanni 27;
componenti della famiglia matiosa VALLELUNGA e ci a ~ e n i v a "alle
~ successive ore
10.40 in Via Roma del Comune di Mongiana.

Dopo il controllo i due commentavano"' la versione da riferire per un eventuale richiesta


da parte della locale Stazione Carabinieri:

VOI CON QUALE STAZIONE ANDATE.. CON.. CON


ROMAiiO NARDODIPACE? ( si riferisce alla stazione Carabinieri e al
I precedente controllo sirbito).
l

UOMO Si..
ALLORA ORA COME CHIEDONO INFORMAZIONI.. T I
CHIAMANO..
UOMO ..incomurensibile..
ROMANO SONO ANDATI PER TRONCHI CON LUI GLI DICI..
UOMO T I PARE CHE NO..
ROMANO SE DICONO.. CHE E VENUTO A FARE? PER DOMANDARE..
1 UOMO PER DOMANDARE SE..
1 ROMANO NO. TANTO PER DIRE.. PER DOMANDARE SE..
UOMO PER QUELLA MONTAGNA LA SOPRA..
PER QUALCHE POCO DI TRONCHI, CHE HA LA SEGHERIA!
HA LA SEGHERIA..
UOMO CHE VUOLE UNA MONTAGNA DI ALBERI..
ROMANO EH.. HA LA SEGHERIA..

Ci dimostrava come ROMANO Nicola avesse timore dell'eventuale veritica del suo
legame con i personaggi residenti nella localit Ninfo di Serra S. Bruno, e per tal motivo
"istruiva*' il MAIOLO affinch ne giustificasse la presenza con motivazioni lecite.

In data 21 Settembre 2006, durante la conversa~ione'~~gi parzialmente riportata in merito


alla 'ndnna "distaccata" creatasi nel locale di Gerace, ROMANO Nicola comunicava a
MURDACA Francesco Domenico, detto " Ciccio bandera", di essersi recato a Polsi e di
aver incontrato diversi "belli amici":

Omissis da inizio trascrizione a pag. 15 del verbale...

CICCIO I Vedi se vedi a coso li.. ..incomwrensibile..


ROMANO Una volta..
CICCIO DI REGGIO.. ME LO SALUTI..
C I SIAMO VISTI L'ALTRO GIORNO.. C I SIAMO VISTI A
POLSI..
CICCIO E VENUTO?
ROMANO CON IL GENERO.. CON IL GENERO E VENUTO!
CICCIAREDDU (FRANCESCO).. CI SIAMO SENTITI L'ALTRO
GIORNO.. OUALCHE GIORNO VADO E L O TROVO..
ROMANO / SI.. CON IL GENERO.. CI SIAMO VISTI A POLSI..
CICCIO i ALTRI..

130
Vedasi O.P. 85 della Compagnia Carabinieri di Serra S. Bruno del 0 1.06.2007 in allegato 15;
IJI
Vedasi verbale di trascrizione nr. 762 1 (Rit. 1897106 DDA) del 0 1.06.2007 in allegato 16:
'" Vedasi verbale di trascrizione nr. 1662 (Rit. 51/7006 Proc. Pen. 698/'06 della Procura della Repubblica
presso il Tribunale di Locri) del 2 1.09.2006 gi in allegato al presente Capitolo:
/ CICCIO MANNAGGIA ALLA MADONNA.. NON HO TROVATO AD
UNO CHE MI PORTASSE.. UN AMICO..

CICCIO VENIRE CON UN GARZONE.. NON SONO VENUTO..


ROMANO E NON C'E NIENTE..
CICCIO E NON c' NIENTE..
ROMAiiO NO.. FINITO TUTTO..
l

CICCIO IL MONDO SI.. IL MONDO!


GLI INTERESSI HANNO ROVINATO.. VOI NON VEDETE.. IL
MONDO UNA GUERRA ACCESA.. UNA GUERRA ACCESA!
CICCIO Da tutte le parti.. da tutte le parti..
Tutto per interessi .. tutto per interessi! Com' in piccolo.. in
ROMANO
grande..
CICCIO E noi poi moriamo e lasciamo li.. vaffanculo..
E lasciamo tutto.. lasciamo.. Ecco questo che giustamente arriva.. si
ROMANO
pensa dopo..
i CICCIO / Come aniva giustamente.. 1
...omissis da pag. 16 del verbale sino a termine trascrizione.

La "rimpatriata" awenuta pochi giorni prima a Polsi aveva tutto il sapore di una di quelle
occasioni speciali che gli 'ndranghetisti da decenni sono soliti organizzare nelle radure di
quella localit., e la rinuncia di MURDACA Domenico Francesco dettata dalla mancanza di
un degno accompagnatore, "venire con un garzone...non sono venuto.. ",faceva intendere
l' importanza dell'evento.

Altri riferimenti di carattere generale alle vicende di 'ndrangheta.

Le intercettazioni eseguite nel corso delle indagini oftiono altri riferimenti a vicende,
anche importanti, vissute dall'associazione mafiosa nel corso della sua storia.
Solo per brevit espositiva e per non esulare dal contesto della presente indagine si far
riferimento solo all'omicidio di due tra i piu importanti boss della provincia reggina, A
MACRI' ~ n t o n i o " ~ed il gi nominato TRIPODO Domenico, padre dell'indagato
Antonino Venanzio, rei di non aver accettato il "nuovo sistema" prevalso dopo lunghi
,,'E
'

contrasti tra gli associati.


La premessa valga a spiegare meglio l'argomento trattato dai conversanti nello stralcio del
dialogo regi~trato'~' in data 24 Novembre 2007, che a breve verr riportato.
Si specifica che i conversanti, tra cui ROMANO Nicola e MARTINO Domenico
~ n t o n i o " ~ anche
. (7"e alle indagini svolte nel presente procedimento, sono da
133
MACRI' Antonio. nato a Siderno il 23.05.1904 in vita residente a Sidemo in via Dromo 11.53, assassinato
in Siderno in data 20.01.1975 come da accertamento anagratico in allegato 17:
I 4
Vedasi verbale di trascrizione nr. 5747 ( Rit. 1 X97:06 DDA) del 14.1 12007 in allegato 18;
l 5
MARTINO Domenico Antonio. nato a Oppido Mamertina il 06.04.195 1 ed ivi residente in Via A. Longo
03. alias "Micu u Patacca";
considerare soggetti di alto spessore criminale, come dimostra il tenore dell'intero
dialogo'36e la propria "malandrineria" dichiarata dal MARTMO: "A me se viene uno.. e
mi prende il Codice Penale a me. ..omissis... Io sono di stirpe di "malandrini".. a tutti
gii effetti! A tutti! Mio padre era "malandrino", mio nonno era 'bmalandrino"!":

Ornissis da inizio conversazione a pag. l l del verbale...

C E NE SIAMO ANDATI FUORI DAL SEMINATO! Ci sono cose


kIICO che non sono.. non sono.. Secondo me.. NON SONO ALL'ALTEZZA
DELL'UOMO!

MICO I Io lo conosco pure..


ROMANO 1
FINO A CHE CAMPATO LA.. BUONANIMA DI ANTONIO

' MACRI'
VEDETE CHE IO AD ANTONIO LMACRI' IO VE L'HO DETTO
PRIMA..
ROMANO I ANTONIO MACRI' A SIDERNO..
MICO FU CARCERATO CON MIO PADRE!,
ROMANO OLTRE.. OLTRE.. OLTRE LA.. NON ERA ANDATO..

ROMANO NON ERA ANDATO OLTRE LA!


NO.. IO.. IO SONO PER IL VECCHIO.. "PER IL VECCHIO
SISTEMA"!
MICO
ROMANO
NINO
IMICO
NINO
MICO
ROMANO
I
1
Ora ti dico una cosa..
IO SONO PER OUESTO..
IO SE MI DICI DI TORNARE INDIETRO..
NINO.. NINO.. NINO IO TI DICO..
SE DICI DI TORNARE INDIETRO.. OUA..!
Nino.. io ti dico una cosa.. scusate compare Cola...
Prego..
I
i

I
MICO Vi chiedo perdono! .. Io ti dico una cosa..
NINO Eh!
IO HO ASSISTITO.. mio padre sono 28 anni che morto.. a febbraio
MICO
fa 28 anni!
ROMANO Pace d'anima sua..
MIO PADRE NON PARLAVA.. NON S O CHI L'HA.
CONOSCIUTO A N110 PADRE, MA PENSO CHE CHI L'H .
CONOSCIUTO.. NON PU DISDIRE CHI ERA MIO PADRE!I
MIO PADRE.. CHE VENUTO UN GIORNO LA BUONANIMA,
DI ANTONIO MACRI'.. IMI RICORDO SEMPRE, C'ERA iMIO
PADRE E LA BUONANIMA DI ..incomprensibile.. IO ERO1
FIGLIOLO.. IO SAPETE QUANTO POTEVO AVERE.. 10 ANNI..
31ICO
CHE AVEVO! .. DI CERTO IO NON SAPEVO QUELLO CHE
PARLAVANO LORO.. PERO BUONANIMA DI u ~ ~ ~ ~ ~ ~

PARLAVA.. CHE LUI HA VISTO "CRISTIANI".. CHE A L L O U


SI PARLAVA DEL FATTO DEL "TRASFERIMENTO"
COMPAGNIA E COSE..! CHE SE LI PIZZICAVA CHE L
FACEVA SALTARE.. "TISTUNIn GLI DICEVA A COMPARE,
..
ANTONIO BUONANIMA.. LA BUONANIMA DI iMIO P A D R I
I{h
La conversazione ed il contesto da cui i scaturita verranno trattati con maggiore peculiarit al Capitolo IV;

99
t
GLI DICEVA.. "LASCIA STARE CHE FACCIA ANTONIO.. CHE
MEGLIO".. NO GLI DICEVA LMIOZIO.. MIO ZIO.. PERCHE
MIO ZIO ERA PIU LIBERO.. MIO ZIO ERA UNO CHE
PARLAVA TANTO COME LO SONO IO!
NOI ABBIAMO PARLATO.. ABBIAMO PARLATO TANTE
I ROMANO ( VOLTE. ABBIAMO DISCUSSO GIORNATE INTERE.. HO I
AVUTO iMODO DI..
E "TISTUNI" GLI HA DETTO DI NO! GLI DISSE DI NO!.. CHE
SAPEVA.. GLI DISSE MIO PADRE.. NON E COME DICI TU E
..
NON COME DICE ANTONIO! PERCH "UN CRISTIANO"..
O FA IL "CRISTIANO" O FA UN TESTA DI CAZZO! O FA IL
POLITICO O FA IL SINDACO! .. [MAGARI NELLA JONICA
..incomprensibile..
1 ROMANO DOPO CHE LI HANNO LIBERATI..

L ORA SI E LIBERATA.. ORA SI LIBERATO DA TUTTE LE


1 PARTI! ORA QUELLI GRANDI FANNO (batte le mani per
applaudire) PUNTO E BASTA.. COMPARE NICOLA..
ALL'EPOCA.. ALL'EPOCA OGNUNO LOGICAiMENTE SI
ROMANO PORTAVA AVANTI.. IL COMPITO SUO "ONORATO E
DIGNITOSO"..
MICO E LO PORTAVA AVANTI..
ROMANO E SI DISTINGUEVA..
MICO NON VOLEVA..
ROMANO "L'UOMO.. L'UOMO.. DISTINGUEVA L'UOMO!
MICO Si distingueva allora l'uomo dall'animale.. scusate la frase..
ROMANO Ecco.. un..
MICO ORA NON SI DISTINGUE..
NON FARE L'UOMO.. NON FARE L'UOMO.. ORA.. ORA
ARRASSU I TUTTI (LONTANO DA TUTTO
iMICO NON SI DISTINGUE..
ORA.. LONTANO DA TUTTI.. CHE SI DISTINGUE! CHE ORA
c* UNA PESTILENZA! c' L'INTERESSE..
'MICO C'e il cornuto..

E CORNUTO.. MA DA UNA PARTE LI BUTTAVANO..


..incomprensibile..
ROMANO ..incomurensibile.. UNA VOLTA..
iMA DOVE? CHE POI CERTE VOLTE QUANDO SUCCEDONO
LE COSE COMPARE NICOLA.. UNO DEVE DOMANDARE..
SOLO DOVE.. CHI GUASTA.. ,YON IL PERCH.. PERCH
! -
OUALCOSA c'!
1 ROMANO ( E LOGICO!
1 NINO ..incomprensibile..
, hlICO E va bene..
UALCOSA C'E! ..
PERCI QUANDO GIUSTAMENTE 1

WC0 SI.. ALLA SEGATURA..!


ROMANO EHH.. ALLORA SI E PERSO TUTTO!
I NINO A auei due..
MICO 1 SI.. GRIDAVANO A GRIDARE!

1 O0
<

..
INFATTI! SE NOI GIUSTAMENTE "PORTIAh.10 AVANTI UN
DISCORSO DIGNITOSO E ONORATO'' E C1 DOBBIAMO
IMMISCHIARCI.. CHE SAPPIAMO CHE SONO UNA MANDRIA
DI BASTARDI..
MICO Con i porci.. con i porci..
..
ROMANO CORNUTI E PORCI! DOBBIAiMO.. "IL NOSTRO ONORE"..
MICO Che glielo buttiamo agli animali!
ROMANO "MA DOVE.. DOVE.. DOVE SIAMO ARRIVATI NOI''!
NINO PERCH.. PERCH.. E FINITO NICOLA.. E FINITO..
ROMANO PER INTERESSI..
..
PERCH? PERCH OGNUNO DI NOI.. OGNUNO.. IO DICO
OGNUNO DI NOI EH! IO MI METTO IL PRIMO 10.. OGNUNO
MICO DI NOI.. NON.. ORMAI NON ABBIAMO.. NON ABBIAMO PIU IL
SENSO DELL'UMORISMO.. COMPARE NICOLA! ORMAI CE
NE FOTTIAMO DI TUTTI! E NON.. ..incomprensibile....
N IN0 ..incomprensibile..
Si.. si eccola l! .. CE NE FOTTIAMO DI TUTTI COMPARE
COLA.. VOI NON CHE PENSATE CHI SONO 10.. VOI
PENSATE A QUELLO CHE E PER VOI.. MAGARI VI DA
QUELLO CHE VI DA!
ROMANO SI.. SI!
NINO SI..

...omissis da pag. 15 del verbale a fine trascrizione.


Nel Novembre 2007 tre soggetti a spasso per le vie di Pellaro di Reggio Calabria, all'uscita
da un ristorante, tra i commenti sulla qualit del cibo e poche altre brevi tiasi di
circostanza, si confrontavano quindi sull'epoca in cui Antonio MACRI', poi ucciso proprio
per tale motivo, sosteneva il mantenimento del "vecchio sistema", di un'organizzazione e
di principi che avevano mantenuto da sempre la 'ndrangheta ed i suoi affiliati distanti da
tutto il resto, lontana dagli ambienti della politica e dell'economia, limitandone il raggio
d'azione e lasciandola legata ad una dimensione agro-pastorale non pi accettata da tutti in
quella determinata fase storica. Inutile sottolineare quanto di mistificatorio vi sia in questa
visione dato che anche allora la 'ndrangheta era una feroce e sanguinaria associazione
criminale.
Le stesse considerazioni valgono per un altro dialogo "ambientale" registrato"' su una
delle utenze cellulari in uso a TRIPODO Antonino Venanzio, allorquando
inawertitamente l'indagato lasciava la chiamata aperta che veniva poi registrata dalla -1
segreteria del gestore di telefonia: I 'C/

Tra gli squilli si sente TRIPODO ed altro uomo che parlano tra loro:

TRIPODO NON MI SBAGLIO DI.. DI NESSUNO h11 SBAGLIO..,


UOMO ..lnc.. e...
I TRIPODO I
Ah ..inc.., ..inc.., TI SEI FATTO.. TI SEI TROVATO UN BEL I
COMPARE,
UOhlO Iha.. non c' fortuna! Che hai combinato'!.. Cazzi.. .
1 TRIPODO I Ah.. con me no sinceramente ..inc.., 1
UOMO 1 CON ME IN CHE SENSO?NON CAMBIARE DISCORSO..
l'' Vedasi verbale di trascrizione nr. 16649 (Rit. 1561107 DDA) del 22.09.2007 in allegato 19:
TRIPODO CON M E ..inc.., OUELLO C H E FANNO.. FACCIAMO..,
UOMO I O CON TE..

Segreteria telefonica che invita a lasciare un messaggio:


TRIPODO continua il suo dialogo senza dar retta al messaggio della
segreteria:

"" Tratto incomprensibile ""

E NON LO POSSO DIRE.. T I ODIO PROPRIO C O M E S E


FOSSE C H E M I HANNO TOCCATO LlN FAMILIARE..
MATERIALMENTE PARLANDO E TUTTO QUANTO! Q
PORCI! CHE NON HANNO RISPETTO PER LA UEST1 LORO I
\
"00 TRIPODO CON TUTTO CHE SONO "AMICIn.. ..inc.. POI VEDO
L'EDUCAZIONE TRA UNA FAMIGLIA E L'ALTRA, QUESTI
C H E iMI SONO NELLA PARENTELA..
TRAMITE M I O COGNATO STEFANO'~~..
INDIRETTE..
S I COMPORTANO
MALE.. QUEGLI ALTRI C H E NON M I SONO PROPRIO
PARENTI.. SI COMPORTANO BENE, LA VERITA.. HAI
CAPITO?

"ro
C H E C I PUOI FARE TU?
TRIPODO I O DI TUTTO OUELLO C H E DICO LA VERIT, NON VADO
A PARLARE E CALUNNIARE LE PERSONE SENZA
,MOTIVO.. E PURE C H E C'E MOTIVO NON L I CALUNNIO L O
STESSO A LIVELLO DI TRAGEDIE, NON NE H O MAI
DETTE! I 0 DICO: INDIPENDENTEMENTE DI UN PARENTE
DEI TUOI.. C'E UN ALTRO PARENTE DEI SUOI C H E FA
SCHIFO: IO LO DICO PERCH CI SONO LE PROVE, L'HA
DETTO MIO P A D R E ' ~ ~C H E ERA NUMERO UNO IN
PERSONA E NESSUNO PUO DIRE "A".. PERCH G L I PORTO
250 PROVE AL MINUTO! SE QUELLO IL MALE P E R ME.. E
MALE PURE PER T E ANCHE SE C E L'HAI VICINO! PERCHE
QUELLO HA ARMATO SEMPRE TRAGEDIE PER TUTTI! E
HA FATTO I COMPARATI CON QUELLI.. C H E NON
POSSONO VEDERE NEANCHE A TE! AH.. AH, PERCHE E
UN MONDO DI SQUILIBRATI OUA, DI MENOMATI FISICI E
MENTALI, OUA NON E C H E DICE.. UNO HA LA CAPACITA..
QUA VA AVANTI SEMPRE LA TRAGEDIA!
UObIO IMA VERAMENTE.
I TRIPODO I LA TRASPARENZA NON c' MAI STATA OUA! S E C I STAVA I
1 ( PAPA CON COMPARE ANTONIO MACRI""~ ED ALTRI DUE, I
T R E CHE DICEVA LUI, T I FACEVO VEDERE C O M E
L'AGGIUSTAVANO LA CALABRIA! LORO NON S E L O
IMMAGINAVANO PROPRIO, SE LO IiVIMAGINAVANO
0
'" ROMEO Stefano, nato a S. Luca il 15.09.1967 ed ivi residente in Via P. Nenni m. 3, coniugato VOTTARI
Xntonella, CI. 7 5 , pregiudicata, e fratello di ROMEO Teresa. moglie di TRIPODO Antonino Venanzio;
119
TRIPODO Domenico. sopra generalizzato;
I40
MACRI' Antonio, sopra generalizzato;
LORO ATTORNO. SE NO VEDI CHE CAMMINAVANO..
CAMMINAVANO SI.. IL MONDO TUTTO SI E GIRATO
ALL'INCONTRARIO! UNA VOLTA.. QUA E SUCCESSA LA
BARAONDA DA OUANDO NATA LA TRAGEDIA.. E LA
TRAGEDIA NATA SOPRATTUTTO IN QUESTI PAESI
MALFAMATI E BASTARDI TIPO SAN LUCA, iYEANCHE A
LOCRI! TU T'IMMAGINI CHE UNA VOLTA A LOCFU..
TUTTI QUESTI GRANDI UOMINI NO.. CHE C'ERANO
SOTTO L.. AL NEGOZIO DI PEPPE CATALDO L.. ERANO
TUTTI INSIEME ..CON PAP CON 3110 ZIO
COMMERCIAVA A LIVELLO NUMERO UNO inc. -100 EURO .. ..
A.. 800 BUOI ALLA VOLTA! TUTTI QUESTI.. QUESTI
MERCATI DELLA CALABFUA E DELLA SICILIA LI
CONOSCEVA TUTTI ED ANDAVANO TUTTI
COMMERCIANTI IMI RICORDO IO LA BUONANIMA DI

1 PEPPE CATALDO, TUTTI ASSIEME E POI E SUBENTRATO


QUALCHE.. QUALCHE.. COME SI DICE OUANDO IL
COMPUTER SI ENTRA?
UOMO QUALCHE VIRUS,
VIRUS.. E ENTRATO UN VIRUS! QUESTO VIRUS GLI HA
AMMALATO IL CERVELLO A COMPARE PEPE QUA A
LOCRI.., (risafina), POI CHI HA TORTO LE CONSEGUENZE
LE DEVONO PAGARE, E DICO COSI.. MIA COLPA E MIA
MASSIMA COLPA SE A TE NON TI STA BENE VAI AD
INSULTARE IL PROSSIMO.. CHE VUOI?.. QUALSIASI
PERSONA PUO PASSARE UN GUAIO, MA MICA TUTTE

La voce guida della segreteria annuncia che e stata raggiunta la


lunghezza massima del messaggio ed interrompe la comunicazione.

Le affermazioni di TRIPODO Antonino Venanzio dimostravano come quest'ultimo,


vantandosi della sua "onorata" discendenza, ricopriva un ruolo di primo piano nelle
gerarchie mafiose della locride, ispirandosi - a suo dire - a principi che erano stati propri
non solo del padre ma anche di MACRI' Antonio ed altri soggetti non meglio indicati,
citati come gli unici in grado di aggiustare la Calabria, nel senso di ristabilire l'ordine che
- ~

la 'ndrangheta aveva mantenuto quando essi erano in vita.


i
Nel corso degli ultimi decenni la criminalit organizzata calabrese ha quindi cambiato pelle
diverse volte, senza gettare quella vecchia, ma sovrapponendole la nuova.
La struttura gerarchica della 'ndrangheta, gi in parte descritta, continua a mantenere le
proprie strutture, come l'ulteriore suddivisione tra Societa Minore e Societ Maggiore, la
medesima, con valore ovviamente diverso, che si pu anche ritrovare all'intemo di ciascun
"locale".

Si citano ad esempio le note dichiarazioni del pentito Francesco Fonte, ex affiliato alla
cosca di Sidemo, secondo cui farebbero parte della Societa Minore i picciotti semplici e
quelli di giornata, i camomsti semplici, di societ, di tibbia, formati e di sgarro, ed intine
gli sgamsti di sangue e definitivi.
La caratteristica di ciascun grado la "dote", che indica il valore di merito conferito ad un
affiliato nel corso della sua carriera e che nel tempo aumenta per gradi: pi pesante e
maggiore il suo valore.
11 termine "dote" ricorrer diverse volte nel corso delle conversazioni ambientali registrate
ed in questo frangente se ne propone una particolarmente significativa'", poich uno dei
principali indagati, ROMANO Nicola, dichiara serenamente di possederle e di porre in
essere alcuni comportamenti solo in virt di esse:

Omissis da inizio conversazione a pag. 5 del verbale ...

/ MELIA
Compare Vice..
AMICO..
1
..incomprensibile.. I O CON L'AMICIZIA.. E

I LA
"TEORIA TEORIA".. OGNUNO C I TENIAMO IL 1
( ROMANO 1
"RAGIONAMENTOn QUELLO CHE ABBIAMO..
PORTIAMO AVANTI.. COME E GIUSTO C H E S I PORTI
.
AVANTI!
MELIA GIUSTO.. SACRE PAROLE! -

EH.. E GIUSTO? PERCH IO L'AMICIZIA LA S T I M O PER


AMICIZIA! I O A VINCENZO MELIA L O STIMO NON PER G L I
INTERESSI.. MA PER L'AMICIZIA!~CONOSCIAMO.. S E POI
VINCENZO MELIA.. HA AVUTO NELLE MANI.. QUELLO C H E
HA AVUTO! ..
ED HA VOLUTO LOGICAMENTE EHH..
ALLORA!
PER CHE NON SI CREDA CHE VINCENZO MELIA MI
&lELtA
MANCA A ME! Va a mangiare..
ECCO.. 'MA ANCORA.. C I PUO ESSERE ANCORA UN'ALTRA

FUORI DI.. OLTRE LOGICAMENTE INSOMMA..


ROMANO ATTENZIONE.. OUELLA UNA COSA.. L'AMICIZIA E I
UN' ALTRA!
MELIA LA RAGIONE..
ROMANO GIUSTO?
,MELIA I O LA VEDO COSI!
ORA.. NOI DICIAMO I "SANTOLUCOTI".. I "SANTOLUCOTI"
LA TESTA NON L'HANNO AVUTA PROPRIO.. PERCH ..
ROMANO SENNO.. UNA VOLTA.. UNA VOLTA.. NEL 73 311 PARE C H E .'W
ERA.. 74.. 74.. 75.. HO MANTENUTO L'AMICIZIA CON TUTTI I I ;' '6
"LOCALI".. i,

P
MELIA rnconrprensrbrle
SI C I SONO... ED H O iMANTENUTO L'AMICIZIA COMPARE
VINCENZO CON TUTTI I "LOCALIn.. ONESTI!
MELIA I ..incomprensibile..
I NON H O VOLUTO MAI IMMISCHIARMI IN NESSUNA
ROMANO "CATRIGA".. C O M E SAPETE.. IO RINGRAZIO A DIO.. H O LE
..
CAPACITA MIE! 10CON TUTTE LE BELLE DOTI MIE.. .
IJI
Vedasi verbale di trascrizione nr. 1025 (Rit. 1897106 DDA) del 02.01.1007 gi in allegato al presente
Capitolo;
1 04
PERCH DEVO ANDARE A IMMISCHIARMI! ..incomprensibile..
NON HO BISOGNO ..incomprensibile..

Gli affiliati pertanto erano tenuti a stimarsi reciprocamente non in virt degli interessi
economici e personali, ma per il solo fatto di appartenere al sodalizio, di essere "uomini"
nel senso mafioso del termine, ed a questo tipo di "amicizia" poteva aggiungersi anche un
rapporto personale che avrebbe reso il legame ancor pi forte e duraturo.

L'uso del termine "uomini" da parte degli indagati della resente indagine, per indicare gli
.p
affiliati, era ancor pi palese durante un breve dialogo''- tra ROMANO Nicola e MELIA
Vincenzo:

1 XIELIA Dove andate a casa ora'?


1 ROMANO Che ora .. le 12.30..
( MELIA 1 ..incomprensibile..
ROMANO Vado a casa che.. la mia fa le 1 2.30..
IMELIA Ah?
I ROMANO La mia fa le 12.30.. la vostra meno un quarto..
MELIA 12.20..
ROMANO Ma la paesana mia se lo venduto qua il Bar?
MELIA Si.. si!
ROMANO Se lo preso Nardicello ARONE..
MELIA Non so chi . di Portidiola !
ROMANO Del Pira.. sono..
1
P

iMELIA
1 ROMANO I Si.. del comune.. del comune di Portigliola..
'
MELIA NON SO CHI E..LO CONOSCETE VOI?
ROMANO SIUHH!
MELIA E UN CRISTIANO BUONO?
"UHM.. IVO.. 'VON ENNU OMINI" (UHM.. NO.. NON SONO
UOMINI)! QUESTO FACEVA L'AUTOTRASPORTATORE!
ROMANO Aveva un camion e andava verso sopra.. Una volta lavorava con la
buonanima di Nardo ZUCCO! Nel 70 lavorava, faceva l'autista con
Nardo ZUCCO!

.omissis da pag. 2 del verbale a fine trascrizione.

Le doti degli affiliati alla Maggiore sarebbero anch'esse molteplici e, partendo dal basso,
vi sarebbe la "Santa", il "Vangelo".
Alcuni personaggi la cui identit deve rimanere particolarmente segreta sarebbero "dotati"
dei gradi di "Quartino"e "Trequartino".

L'evoluzione dei tempi e le contromisure che la 'ndrangheta doveva necessariamente


prendere erano oggetto della con~ersazione'~~, avente tenore pi generico rispetto a quelle
gi riportate, tra due indagati di forte spessore criminale quali ROMANO Nicola e NESCI
Nicola, registrata in occasione del summit organizzato dall'indagato MAESANO Giovanni
a Palizzi, di cui si dir ampiamente nel seguito della richiesta:

""" Vedasi verbale di trascrizione nr. 6 168 (Rit. 1897!06 DDA)del 18.12.1007 in allegato 20;
l43
Vedasi verbale di trascrizione nr. 6599 (Rit. 1897:06 DDA)del 19.012008 in allegato 1I ;
Tutto iniziato.. che hanno ammazzato a MORO.. hanno rovinato..
chi manovrava la Magistratura, chi manovrava la Politica dall'alto.. i
Ministri! Si evidenziata questa situazione, l'hanno ammazzato..
giie19hannoaccollato a chi glie19hannoaccollato! HANNO FATTO IN
MODO CHE SI METTESSERO "IN URTO TRA LE BRIGATE
ROSSE E LA 'NDIWNGHETA"!
NESCI Si.. si.. si..
LI HANNO MESSI IN URTO.. LI HANNO PROVOCATI IN
MODO CHE LORO MANDASSERO AVANTI.. PER FARLI
SALTARE, PER FAR VEDERE CHE LORO SI IMPEGNAVANO!
INVECE QUELLI NON C'ENTIWVANO NIENTE NESSUNO..
NON C'ENTRAVA NIENTE NESSUNO.. E DA ALLORA HANNO
INIZIATO A PAPPARE!
NESCI Si..
HANNO INIZIATO A PAPPARE, PERCHE SE LO SONO TOLTO
ROMANO DAI PIEDI.. PERCH GLI DAVA FASTIDIO.. PERCH ERA UN
UOMO..
PiESCI ONESTO!
ROMANO ECCO.. ONESTO!
NESCI Che non si fidava di quel sistema..
ROMANO Che quel sistema.. ecco.. quel sistema che gli avevano imposto..
NESCI No si fidava.. di questo sistema di corrotti.. ecco!
E allora se lo sono ripulito.. perch l c' un discorso.. di gemelIaggio
ROMANO
con altre nazioni!

I==
NESCI - - ...
..... . - ..- - - ..- ..
ROMANO QUA DOBBIAMO FARE QUESTI PASSAGGI.. DI TRAFFICI!
MA SEMPRE MODERATI.. IO NON DICO CHE SE UNO SI
TROVA LI.. GIUSTAMENTE CON LA TAVOLA
APPARECCHIATA DALL'ANTIPASTO AL DOLCE E TUTTO.
CIO.. SE SI ALZA.. SI DEVE ALZARE MORTO DI FAME..
NESCI
PERO.. ANCHE PERCH SE GLI DOMANDATE QUALCHE
COSA ..incomprensibile.. IMA TU NON TI PUOI MANGIARE..
1 TUTTO E LASCIARE GLI ALTRI A *MORIRE DI FAME. CHE

PENSI CHE GUARDANO SEMPRE A TE!


ROMANO Pare mai!
DICO GIUSTO? MANGIATI QUELLO CHE TI BASTA PER
SOPRAVVIVERE! CHE POI SE PRENDI UN BOCCONE IN PIU..
NON SI NOTA NEANCHE.. NON SEMBRA VOGLIO DIRE!
ROMANO Ma il popolino.. non sono stati mai uniti!
NESCI A tutto c' un limite!
ROMANO
-
- - - ..incom~rensibile..
.- -
1

NESCI Quando le cose vanno fuori misura, fuori limite! normale..


PERCHE SE SI FACEVANO LE RIVOLTE.. SE SI FACEVANO
UN PAIO D1 RIVOLTE.. LOGICAMENTE.. SI TENEVA A BADA!
ROMANO NON FACEVA.. PER I N QUALCHE MODO LOGICAMENTE IL
POPOLINO.. NON LI MANDAVANO.. IL POPOLO HA UN
, ARMA.. CHE LOGICAMENTE.. LA POTEVA UTILIZZARE!
Comunque.. io vi dico che l'inizio compare Cola.. io dico che il
IYESCI
popolo.. non passer molto, se non fanno qualche cosa.. e non fanno ,
qualche cosa.. i soldi.. i soldi che hanno le aziende.. quelle grosse li
hanno compare Cola..

Dal minuto 7.20 al minuto 8.09 della registrazione, la conversazione non viene trascritta
in quanto il dialogo non ritenuto utile ai fini dell'indagine.. .

1 RoMmo
,A NOI CI HANNO PESTATO.. OUA LA LEGGE.. I MEZZI
COSE.. NON SI Pu.. NON SI PU ALZARE LA TESTA UN
POCO CHE TI MENANO. TI R O T O L ~ O ! PERCH NO;

Le istituzioni lavorative.. non che.. dignitose.. 11 lavoro una cosa


ROMANO
degna.. una cosa..
NESCI Dipendere chi vuole lavorare..
Noi parlando.. l'altra mattina con Pasquale NEVOLO.. qua di
Brancaleone.. abbiamo parlato di Bovalino.. di Ardore, Locri..
arrivato qualcuno della Piana.. Gli ho detto io.. figlioli formiamoci
una societh lavorativa.. dove eiustamente mettiamo due avvocati.. l
NESCI Per auto difenderci..

ROMANO cosa.. onesta, degna! Le istituzioni.. non possono fermare le


istituzioni.. ..incom~rensibile..
N ESCI Il lavoro diciamo..
A1 primo posto.. al primo posto viene il lavoro, perch il lavoro
ROMANO
auelle che loeicamente..
NESCI Il lavoro ..incomprensibile..
PERCH DOBBIAMO LASCIARCI BUTTARE.. IL PRIMO CHE
SI ALZA.. LA MATTINA VIENE A CACCIARTI DAL LAVORO
TUO.. A DIRTI.. CHE TI METTONO ARTICOLI CHE NON
ROMANO ESISTONO! CHE NON ESISTONO! SI DICE.. VEDIAMO.. QUA..
L.. EH.. EH.. SONO ANDATO QUALCHE SETTIMANA
AVANTI E INDIETRO.. VEDETE CHE SI SONO AiMMAZZATI! ,
1 NON SIAMO UNITI.. NON SIAMO..
NESCI SI..
ROMANO I DICE.. 'MA IO NON L'HO CAPITA? SEDIAMOCI.. CHE LA
RAGIONIAMO ANCORA! \
NESCI SI..
NO.. DICE.. IO A FARE CHE.. QUANDO.. ,MA TU NON FAI
1 jE
NIENTE! TU NON FAI NIENTE!
NESCI Tu non fai niente! Tu non fai niente..
I ROMANO Noi facciamo tutto assieme. ci raccodamo 100 aersone..
NESCI Certo!
ROMANO iMettiamo 50 euro l'uno..
NESCI
1 Formiamo una associazione.. intanto facciamo numero.. allora..
.. 1
I allora..
l ROMANO I E allora?
NESCI Cos ci facciamo sentire..
DELEGHIAMO DUE, TRE PERSONE.. CHE RITENIAMO
ROMANO OPPORTUNO, CHE SONO CAPACI DI PORTARE QUESTO
COMPITO AVANTI.. E LOGICAMENTE LORO DEVONO
RISPONDERE NELLA PROVINCIA.. QUANDO EH.. EH.. BELLO
MIO TU CHE VUOI QUA? DELLA FATICA DELLE PERSONE..
STANNO PAGANDO LE TASSE! TI STANNO MANTENENDO IN
PIEDI.. CHE COSA VUOI?
NESCI Certo! Cos si deve fare!

N ESCI ..incomprensibile..
HO CAMMINATO UNA QUINDICINA DI GIORNI.. PASQUALE
NEVOLO.. QUA.. QUESTO ERA CONVINTISSIMO.. DICE
UNA COSA GIUSTISSIMA! SE DOBBIAMO FARLA QUALCHE
ROMANO GIORNO.. PURTROPPO.. EH.. EH.. CI FALLITA.. CI
FALLITA! PERCH c 7 GENTE CHE NON CAPISCE QUESTE
COSE QUA! ANCORA c' GENTE CHE SI RUFFIANA DA
SOLO.. E PORTA AVANTI.. NON FAI NIENTE DA SOLO! QUA..
iVESCI Si.. di Dare che a Locri.. come auello ..incomvrensibile..
1 ROMANO I Loro.. loro sai come sono!
NESCI Chi?
QUESTI QUA VENGONO-E FANNO QUELLO CHE VOGLIONO!
QUESTI QUA SONO INGLESI E IRLANDESI..
NESCI EH!
ROMANO I CHE STANNO FACENDO QUESTO VILLAGGIO!
NESCI UN VILLAGGIO?
ROMANO UN PAESE.. STANNO FACENDO UN PAESE.."~
NESCI Si?
ROMANO Si! C' aualche..
m

NESCI Questo non male compare Cola.. fosse..


ROMANO No.. no.. ma questi qua..
NESCI Fosse.. fosse.. che ne venivano assai di questi compare Cola!
ROMANO Ma questi qua sono persone preparate compare Cola!
NESCI Questi vengono qua che hanno un progetto..
ROMANO I Questi sono persone preparate.. questi qua..
NESCI -
Un ~roeettoe le idee ben chiare!
QUESTI QUA.. SE TU VIOLI QUESTA LEGGE.. QUESTI QUA
ROMANO NON SI VERGOGNANO AD ANDARE AD ATTACCARLI ALLA
,MAGISTRATURA!
NESCI EH..
ROMANO TU I DIRITTI MIEI NON iME LI PUOI VIETARE.. \
1 NESCI 1 CERTO! t7l5

Omissis da inizio trascrizione a pag. 3 del verbale.. .

1 ..incomprensibile.. PER "I PIANOTI" ..incomprensibile.. DELLA 1


ROMANO JONICA.. ..incomprensibile.. A PELLARO.. .. LA VITA BELLA!
i
144
Fa riferimento ad un complesso di appartamenti in costruzione sul litorale jonico nel comune di
Brancaleone. ove notizie giornalistiche riferivano esser stati impiegati capitali provenienti dall'estero;
l45
Vedasi verbale di trascrizione nr. 6600 (Rit. 1597,'06 DDA) del 19.012008 in allegato 22;
..incomprensibile..
Con pi.. ..incomprensibile..
..incomvrensibile..
S I SONO TRAVISATI!
Giustamente con cose.. ..incom~rensibile..
..incomprensibile.. HANNO PRESO ALTRE STRADE C H E NON
HANNO PORTATO DA NESSUNA PARTE..

r
S I E VENDUTO! L'UOMO SI E VENDUTO!
NON HANNO PORTATO DA NESSUNA PARTE.. S E NONCHE A
SGRETOLARSI! A CROLLARE.. OUEL PALAZZO C H E S I E R A
N ESCI
COSTRUITO.. DAL PRINCIPIO.. SU VALORI C H E ERANO
SACRI E SANTI OVVIAMENTE!
..incomprensibile.. HANNO MESSO CANDELOTTI DI DINAMITE
NELLE FONDAMENTA! -

E NON RIMASTO NIENTE!


NU
BESTIE! ANDAVA FATTA UNA BUONA SELEZIONE.. DOPO
CHE S I VALUTA LA COSA PERSONALE.. UNA BUONA
SELEZIONE.. DI QUELLE C H E SI CACCIANO PURE I
TUMORI..
,MALIGNI!
MALIGNI C H E OGNUNO S E LI E .MESSI IN SENO! CHE S I
VALUTA.. C H E S I VALUTA.. A LIVELLO PERSONALE LA
SELEZIONE.. QUESTI VALORI, PRINCIPI PRIMARI..
Eh.. ..incomprensibile..erano ..incomprensibile..
NESCI
..
PER ESSERE ONESTI! PER ESSERE ONESTI! ESSERE
L
Mamma mia.. quando una persona..
ALLA LUNGA.. ALLA LUNGA.. SONO QUESTE COSE QUA..
CHE PAGANO.. ..incomprensibile.. I FATTI VOSTRI S I VEDONO

10 PENSO CHE QUANDO GIUSTAMENTE LA PERSONA


ONESTA..
NOI SPERIAR.10 CHE SIA ONESTA..
CERTO CHE E UN VALORE.. E UN VALORE..
SEMPRE CON FARE..
MA QUANDO LOGICAMENTE VEDIAMO C H E S I STA
PERDENDO.. ..incomprensibile.. C H E COSA FACCIAMO? NEL
MERIDIONE CHE COSA FACCIAMO? QUANDO IZ
I-!

..incomprensibile.. C H E COSA HANNO CONCLUSO COMPARE


ROMANO
COLA? SOTTO IL NOME DI OUELLO, SOTTO IL NOME DI UN
ALTRO.. I O SONO DOVUTO ANDARE ..incomprensibile..
QUELLO CHE SI DICE.. UNO GIUSTAMENTE..
..incomprensibile..UNA LOGICA IN ONESTA!
..incomvrensibile..
UNA DITTATURA.. ..incomprensibile..
UNA DITTATURA.. TROVI IL >IICLIORE A WOCATO.. PUOI
AVERE IL MIGLIOR AVVOCATO..
NON FA NIENTE!
NON FA NIENTE! PUO AVERE IL hIIGLIORE AVVOCATO..
1 NON FA NIENTE! ..incom~rensibile..

Le considerazioni dei due erano indiscutibilmente riferite alla 'ndrangheta, poich NESCI
Nicola utilizzava una metafora per descrivere le sorti dell'organizzazione, la paragonava ad
un palazzo costruito su "valori che erano sacri e santi", le cui fondamenta, ribatteva
ROMANO Nicola, erano state minate con "candelotti di dinamite", tanto che non era
rimasto nulla di quello che era in principio, trasformatosi oggi giorno in un'unione basata
sull'interesse economico e sulla legge del pi forte.
L'idea sulla quale i due concordavano era quella di fare una "buona selezione" e di
eliminare quelli che con una ulteriore metafora venivano detiniti "tumori maligni che
ognuno se li messi in seno", cio quegli affiliati alla 'ndrangheta privi di uno dei valori
essenziali, "l'onest", cio la correttezza nei rapporti con gli altn componenti del
sodalizio.
In et'fetti, commentava intine ROMANO Nicola, "nel meridione" si era cercata una
soluzione affidandosi ai prestanome, "sotto il nome di quello, sotto il nome di un altro",
ma ci non era bastato visti gli effetti, non era stato sufficiente avere "il migliore
avvocato" per sfuggire all'azione della Legge, alle confische, alle condanne per
violazione dell'art. 416 bis ed al regime carcerario del 41 bis.

Le considerazioni sulla 'ndrangheta e sul comportamento degli associati, come si visto,


erano spesso oggetto dei discorsi che ROMANO Nicola intratteneva con altri affiliati,
come nel caso di IETTO Carmelo ~ a e t a n o "in~ occasione di una visita nel paese di
Careri ": '
Alla fine compare Cola.. sono amici quando.. ..incomprensibile..
SIAMO ARRIVATI AL PUNTO.. SE IO HO BISOGNO DI VOI..
E MI POTETE FAVORIRE.. AVETE PACTRA DI FARLO!
PERCH FINO A QUANDO VOI MI FAVORITE.. ALLORA A
ME MI TROVATE DISPONIBILE DA TUTTI I LATI.. QUANDO
NON MI POTETE FAVORIRE ..incomprensibile..
A QUESTO PUNTO SIAMO ARRIVATI.. A QUESTO PUNTO
ROMANO SIAMO ARRIVATI! A QUESTO PUNTO- QUA SIAMO
- ARRIVATI!
GAETANO Per.. giustamente..
ROMANO Riservando.. voglio dire..
GAETANO OGNUNO RISPONDE DELLE AZIONI SUE!
'-\
ROMANO ECCO.. OGNUNO RISPONDE DELLE PROPRIE AZIONI.. , -

GAETANO
PER.. SE UNO HA DA FARE CON UNO.. GLI ESCE IL
CONTO.. POI HA DA FARE CON UN ALTRO E GLI ESCE PIU
L'E
( O MENO IL CONTO..
1 ROMANO 1 E GLI ESCE IN OUESTA MANIERA IL CONTO..

L
POI HAI DA FARE CON UN ALTRO.. EH.. UNO QUA COME
GAETANO
FA!
Una volta quando in una famiglia pi o meno.. perch una volta

i ROMANO
erano quasi tutte numerose.. arrivava un amico per una faccenda.. o
che non aveva pagato o una cosa o l'altra.. pure che nella famiglia
non andavamo d'accordo, si diceva.. va bene ora ce la vediamo noi..
O un fratello, o un parente, o un cognato.. oggi vedete che arrivano
-

116
IETTO Carnelo Gaetano. nato a Careri il 20.03.1946 ed ivi residente in Via Genova nr. 9:
I47
Vedasi verbali di trascrizione nr. 5961 r 5965 ( Rit. 1897106 DDA) del 10.13.2007in allegati 23 e 74:
oggi.. oggi non me la passo bene.. no dice.. io non voglio sapere
niente.. no, non andiamo d'accordo.. fra fratelli, fra cognati.. OGGI
SIAMO ARRIVATI AD UN DISCORSO MALAMENTE..
PERCH I PANNI SPORCHI.. UNA VOLTA DICEVANO.. SI
LAVANO IN FAMIGLIA! I NOSTRI VECCHI ANTENATI..
Per voglio dire.. compare Cola.. giusto che i panni sporchi si
GAETANO lavano in famiglia.. ..incomprensibile.. per quando vi costringono..
come ..incomprensibile..
1 ROMANO SI.. CHE POI.. POI..
GAETANO CHE NE APPROFITTANO CONTINUATAMENTE..
ROMANO Poi.. poi quando.. quando..
GAETANO EH.. COME FATE A PRENDERE POSIZIONE..
NON SI PUO PRENDERE NEANCHE POSIZIONE, PERCHE
SIAMO ARRIVATI A QUESTO PUNTO..
SEMPRE CHE.. UNA PERSONA DICE.. VA BENE.. NOI NON
GAETANO ANDIAMO D'ACCORDO.. ..incomprensibile.. SE A T E PARE
CHE TRASCURO IO..
1 ROMANO CHIARIAMO..
1 GAETANO METTIAMO LE CARTE SOPRA IL TAVOLO..
1 ROMANO I CERTO..
' ROMANO
TRA PERSONE SERIE.. ..incomprensibile.. ALLORA VEDIAMO
SE HO TRASCURATO I? OPPURE HAI TRASCURATO TU!
..incomprensibile.. NON C'E PIU CHIARIMENTO..
GAETANO Non quando che.. quando arriva al punto..

...omissis da pag. 12 a pag. 13 del verbale.. .


PERCHE QUANDO VOI VI SENTITE IN COLPA PER UNA
GAETANO FACCENDA.. LA COSA PIU BREVE E QUELLA DI
ALLONTANARVI COMPARE COLA..
I SI.. LOGICAMENTE UNO QUANDO VEDE CHE.. MI SENTO
IN TORTO MI ALLONTANO..
GAETANO Eh.. eh.. vedete..
CHE VADO A FARE A CONTINUARE! PAROLE E
ROMANO CHIARIMENTI! GUARDATE CHE I NOSTRI VECCHI
ANTENATI HANNO LASCIATO DEI DETTI, REGOLE..
GAETANO PERO NON E ONESTO..
-REGOLE PER BENE.. COSE GENTILI.. 1 CHIARIMENTI.. PIU
- BELLI DEI CHIARIMENTI GUARDATE CHE NON ABBIAMO..
i

GAETANO
# W mi trovo ringrazio a Dio.. ..incomprensibile..
UN'ALTRA BELLA COSA.. UNO.. LA NOSTRA IDEOLOGIA..
DOVEVA ESSERE PIU UNITA, PIU ONESTA! EH.. PER
METTERE AVANTI DISCORSI LAVORATIVI.. CON I NOSTRI
E SAPERLI GESTIRE! PENSO CHE GIUSTAMENTE
ROMANO
ABBIAMO UN BENE IMMENSO.. NOI POTEVAhIO AVERE UN
BENE UN IMRIIENSO.. PER LO MENO DI FARE IN ,MODO CHE
C I INVADESSERO! INVECE NOI GLI ABBIAhIO DATO LA
POSSIBILIT DI ODIARCI!
GAETANO Solo ..incom~rensibile..
Dai.. perch a voi vi piace lavorare.. a me mi piace lavorare
onestamente.. C' quello poi che non gli piace.. e allora non ci fa..
OUESTO PURE L'ALTRO FRONTE CHE NON HA
FUNZIONATO QUA! PERCH SE VOI AVETE FATTO
ROMANO
SACRIFICI PER METTERE AVANTI.. UN iMULINO, U N
BUSINESS.. EH.. GIUSTAMENTE NON E CHE DOVETE
VEDERE A QUELLO CHE VIENE E DICE.. TU STAI BENE E P

IO STO MALE!

Non.. ecco.. c9un discorso che non.. non si lascia spiegare!

C- GAETANO
ROMANO
GAETANO
NO! MA SOPRATTUTTO NELLE FAMIGLIE ..incom~rensibile..
SI.. IN TUTTE LE FAMIGLIE.. A TUTTE, PARE CHE LA
V O S T ~ .O . QUELLA DI..

..incomprensibile..
SE IO NON TI FACCIO ..incomprensibile.. AiiDIAMO A
GAETANO MORMORARE NELL'ORECCHIO.. ..incom~rensibile..

1 ROMANO
NO.. NO.. QUELLO PECCATO, PERCH QUANDO
MORMORIAMO
L'ALTRO..
NELL'ORECCHIO L'UNO CONTRO

E poco dopo:
1 GAETANO 1 ..incom~rensibile..comDare Cola.. non so con chi sto ~arlando..
ROMANO Va bene ma.. per carit..
SE VOI FATE UN PASSO O DUE PASSI.. ED 10..
GAETANO ..
..incomprensibile.. NON M'INTERESSA PER ME! 1 0 PER ME..

'
6*GT*NO
ROMANO SI.. SI!
MA STO BENISSIMO! PERCH LA PRIMA "DOTE".. TE LA
DA GESU CRISTO!

l-
QUELLA E LA PIU BELLA! QUELLA E LA PIU BELLA..
ROMANO ..incomprensibile..
E POI BISOGNA RINGRAZIARE LE PERSONE DEL MONDO..
CON TANTO DI RISPETTO PER TUTTI! ..incomprensibile..
NESSUN RIMPIANTO IO! .. SE TU FICCHI UN PALO IN UNA
TERRA FERMA (dura).. TU LO PUOI METTERE GROSSO
QUANTO VUOI IL PALO.. MA NON ..incomprensibile.. MAI!
L'ALBERO E LA NATURA CHE LO FA! BELLO.. LO VEDETE
ROMANO QUANDO GERMOGLIA.. POI SE VOI GLI VOLETE METTERE
UN ALTRO INNESTO..?
GAETANO SE NOI..
ROMANO GLIELO METTETE.. tMA SENNO..
NOI.. QUANDO.. LOTTAMMO LA SITUAZIONE.. ABBIAhIO
FATTO.. LOTTAMMO.. ..incomprensibile.. POI.. SIAMO
l RIMASTI CON UN CERTO TIPO DI DISCORSO.. E VE NE
l
TROVATE UN ALTRO!
ROMANO Pare mai!
GAETANO Io non sono..
ROMANO i NO!
- GAETANO Vedete compare Cola.. io non sono..
ROMANO Almeno.. ..incomprensibile..
IO.. VEDETE QUA.. IO SONO UN U O h I 0 DI ..incomprensibile..
GAETANo
I O POSSO ARRIVARE QUA!
ROMANO ..incomprensibile..
GAETANO BASTA!, ..incomprensibile..
EH.. OGNUNO.. OGNUNO LOGICAMENTE.. CERTO.. PIU DI
ROMANO
QUA NON POSSO ARRIVARE.. NON ..incomprensibile..
G A E T A N O - ..incomprensibile..
IL MALE NOSTRO.. GUARDATE E STATO QUESTO
PERCHE..
GAETANO SI.. SI.. (tossisce) E QUESTO! 1
ROMANO HANNO FATTO DISCORSI A DUE TEMPI!
I GAETANO ( ..incomprensibile..
~-

ROMANO E basta.. la pure hanno fatto.. ..incomprensibile..


S E NOI SIAMO RIMASTI.. NOI SIAMO RIMASTI COS.. IL

1
GAETANO DISCORSO.. VOI VE NE TROVATE UN ALTRO.. MICA I 0
SONO..
ROMANO Pare mai!
GAETANO ..incomprensibile..
ROMANO Perci vi dico..
FATTI BENE I CONTI E PRESO L'IMPEGNO.. VA BENE..
GAETANo SENNO ANDIAMO MALE..
NOI VEDETE CHE QUA C I SIAMO TROVATI MALE.. C I
SIAMO TROVATI MALE.. PROPRIO PER QUESTI TIPI DI
RAGIONAMENTI CHE HANNO VOLUTO..NON E CHE SONO
ROMANO SUCCESSI.. HANNO VOLUTO FARLI! VOLUTAMENTE!
QUESTI LI HANNO FATTI VOLUTAMENTE! PEZZIARU..
PEZZIARU (hanno rovinato) FAMIGLIE! HANNO DIVISO LA
PARENTELA..
GAETANO MA PERCH SIAMO INGORDI COMPARE COLA!
ROMANO SI.. NON E QUESTO..
GAETANO COMPARE COLA.. NOI SIAMO INGORDI!
ROMANO .MA ALLA FINE.. COMPARE GAETANO.. ALLA FINE..
NOI ALLA FINE.. L'INGORDIGIA LA POTEVAMO
GAETANo
TRANQUILLAMENTE LASCIARE A CASA!
EH.. LASCIAMOLA A CASA.. ALLA FINE CHE COSA
RACCOGLIAMO PER LE COSE FALSE..
GAETANO ..incomprensibile..
,MA.. NOI.. NOI ABBIAMO PRESO QUESTA MONTAGNA..
CHE NOI NON C I BASTAVA.. LA SOMMA ERA ASSAI.. SONO
ROMANO DUE ANNI C H E STO LOTTANDO! EH.. FIGLIOLI.. QUA E
INUTILE CHE NOI.. TROVIAMO ALTRI DUE, T R E AhIICI..
CHE METTONO I SOLDI E LA FACCIAMO TUTTA INSIEME..
GAETANO E OUAL E IL PROBLEMA!
s

EH.. EH.. AH.. TU COSI LA VUOI? PER ME E COS.. SE


VOLETE CHE LAVORIAMO!
GAETANO iMA INFATTI..
ROMANO COSI.. C I METTIAMO..
GAETANO DOVEVO GUADAGNARE 100 MILA
ACCONTENTO DI 50..
ROMANO 50.. RESTA!
GAETANO I Ah.. ..incomprensibile..
ROMANO QUESTA !
GAETANO QUELLA E LA PERSONA..
MA SEMPRE CON FORESTIERI MI SONO DOVUTO
METTERE.. CON PAESANI.. NON L'HANNO CAPITA!
GAETANO NO.. NON L'HANNO CAPITA!
ROMANO HAI CAPITO?
GAETANO EH..
CON I FORESTIERI MI SONO DOVUTO METTERE.. CHE I
PAESANI NON L'HANNO CAPITO! IO GLI HO PARLATO..
CHIARO AVANTI A QUESTI AMICI.. GLI HO DETTO..
ROMANO VEDETE CHE IO.. SONO SEMPRE IN GIRO, IL GENERO
MIO.. E LUI LA CON I CAMION E MOTO PALE.. I MEZZI VE
LI MANDO.. NON C I SONO PROBLEMI! E STA
FUNZIONANDO..
GAETANO SIETE UNA PERSONA SERIA.. NON E DIRE.. ..incomprensibile..
ROMANO VI RINGRAZIO.. BONTA V O S T X
GAETANO Per ..incomprensibile..
PER.. VI DICO.. VI DICO CHE 1 0 HO PARLATO CHIARO
SEMPRE..
MA QUANDO UNO PARLA CHIARO.. NON c' NIENTE..
GAETANO CERTO CHE NON POSSONO USCIRE.. ..incomprensibile.. LE
CATRICHE (iproblemi) NON POSSONO USCIRE!

L'identiticazione del soggetto aweniva sia perch ROMANO Nicola lo chiamava


"Compare Gaetano" sia perch durante altri dialoghi registrati in quell'occasione citava
anche il fiatello "Pietro" IETTO~"~, come risulta dalla situazione di famiglia originaria del
Comune di Careri.
Inoltre ROMANO Nicola lo riaccompagnava presso il consorzio di mangimi da lui gestito,
sito all'ingresso di Natile nuovo, tiazione di Careri.

11 dialogo affrontava alcuni argomenti che verranno sviluppati in altra parte della richiesta,
come ad esempio l'acquisto da parte di ROMANO Nicola di una vasta area boschiva in
C.da Misifumeri di Plati in collaborazione con alcuni indagati residenti nell'entroterra
vi bonese.
Il suo inserimento in questo particolare contesto motivato soprattutto da due aspetti: la
terminologia utilizzata e le considerazioni fatte dai due indagati.
IETTO Carmelo Gaetano dichiarava apertamente la propria appartenenza alla 'ndrangheta
utilizzando dei termini del tutto simili a quelli gi registrati in diverse altre conversazioni e
pronunciati da altri indagati, e ci c o n h a v a la tesi secondo cui si trattava di un
linguaggio proprio agli affiliati che ne facevano uso solo in occasione dei loro incontri.
In et'fetti l'indagato di Careri affermava di essere in possesso della "prima dote", quella
data da "Ges Cristo", e di essere soddisfatto del livello raggiunto nelle gerarchie del
proprio "locale", poich ci gli consentiva un'esistenza dignitosa e pacifica.
Era palpabile il rammarico per degli awenimenti che evidentemente avevano interessato il
"locale" di Careri creando delle spaccature interne alla "famiglie", cio alle 'ndrine attive
in quel territorio, dovute ad un mancato rispetto degli accordi presi, "siamo rimasti con un

148
IETTO Pietro. alias "U pertica". nato a Careri il 25.04.1958;
113
tipo di discorso e ve ne trovate altri!", e l'approvazione di ROMANO Nicola a queste
amare considerazioni era ovviamente riferita al contrasto che anch'egli aveva vissuto in
Antonimina con i propri congiunti.

Si d atto che IETTO Carmelo Gaetano tra gli individui citati nel corso dei verbali di
interrogatorio redatti nei confronti del collaboratore di giustizia VARACALLI Rocco,
nell'ambito del Proc. Pen. 26 195105 R.G.N.R. e 10900105 e nr.6191107 della Procura della
Repubblica presso il Tribunale di Torino e nr. 1723107 R.G.N.R. ignoti D.D.A. di Reggio
Calabria.

In particolare:

1. IETTO Gaetano Carmelo, alias "11 frittirlaru", nato a Careri il 70.03.1946, ivi
residente in via Genova nr.9, coniugato con PANGALLO Maria Carmela veniva
citato nel corso dell'interrogatorio effettuato in data 5 Aprile 2007, in Roma, in
questi termini:

"...omissis.. .(vds pag. 3-4) .4DR: adesso elencher il nominativo delle persone che
rivestono ruoli i n seno alla 'ndrangheta calabrese del locale di Natile. I capi
dell'organiizazione che reggono il locale di Natile ed il suo distaccamento di Torino
sono i seguenti: .MAGGIORE...omissis... IETTO GaetanolJ9 alias " u friitularu"
(quello del consorzio) che fa parte della famiglia dei '5urvia" ...omissis. .. La cosiddetta
maggiore, composta dai personaggi sopra elencati, si riunisce per stabilire le decisioni
pi importanti (come liste elettorali, spartkioni degli appalti ecc.) spesso a casa di
taluno dei componenti o i n campagna nei loro giardini ...omissis.. . Il capo locale e la
maggiore sono autonomi e sovrani per le decisioni che riguardano le cose interne alla
locale e non devono rendere conto a Polsi.. .omissis.. ."

Lo stesso IETTO Gaetano Carmelo veniva indicato come soggetto inserito nelle gerarchie
matiose del locale" di Natile anche nel manoscritto redatto dal collaboratore ed allegato
"

al verbale di interrogatorio datato 4 Aprile 2007.

- Paragrafo 2.4
La "Sacra Corona". Struttura e ruoli di un'entith superiore ai "locali"

'r't
\\

Sino a questo punto si curata l'esposizione delle intercettazioni e di quei tratti di dialogo ,
utili a far comprendere la stretta correlazione tra le vicende dell'associazione per
delinquere di stampo matioso oggetto dell'indagine e la pi ampia associazione
denominata 'ndrangheta, con le sue vicende storiche ed il suo bagagiio di gerghi, rituali,
strutture e codici.
Ciascuno degli indagati verr nel prosieguo della richiesta descritto in relazione al proprio
ruolo ed al proprio ambito di competenza, nonch al suo inserimento in una struttura
intermedia esistente nelle gerarchie mafiose del temtorio locrese, dai contorni ormai ben
definiti, posta superiormente ai "locali", le unit temtoriali di base, e articolata sul
temtorio in modo da "associare" alcune piccole realt temtorialmente simili e vicine.
Tale struttura veniva detinita dai due principali indagati, ROMANO Nicola e MELIA
Vincenzo, con il nome di "Sacra Corona" o semplicemente "Corona". Anche in questo

II O
GAETANO Carmelo Gaetano. nato a Careri il 20.03.1946:
115
caso il riferimento al contenuto di un documento che si pu detinire storico per la valenza
investigativa che gli si pu attribuire, nuovamente il codice sequestrato nel covo di
CHILA' Giuseppe.
In un'epoca in cui la descrizione per grandi linee delle gerarchie della 'ndrangheta e stata
finora affidata alle rivelazioni fatte dai pochissimi pentiti e sempre limitata ai territori di
appartenenza di costoro, il rinvenimento di un documento originale nelle mani di un
personaggio inserito a pieno titolo nel "sistema" costituisce di per s un passo da gigante
nella conoscenza di un mondo pressoch oscuro, ermetico ed un punto fermo nella lotta
alla criminalit organizzata calabrese.
Se si pensa che a distanza di ami ci consente il confronto con le conversazioni "rubate"
all'interno di autovetture, abitazioni e nei momenti in cui qualche affiliato "tradisce" il suo
dovere di riservatezza su tali argomenti, si pu percepire l'altissimo valore investigativo e
probatorio dei dialoghi ambientali che verranno a breve commentati.
Si riporta un tratto del citato codice relativo alle "REGOLE DI SANTA", consistente nella
sequenza di domande e risposte rivolte solitamente da un superiore ad un altro affiliato:

D: Da chi formata la Santa?


R: Dal capo santista, sottocapo santista, a destra, mastro di controllo a sinistra e
scorta distaccata dietro le spalle.
D: Quando nato il primo santista?
R: E' nato il giorno della nascita del nostro Santo Cristo.
D: Quando stato santizzato il primo santista?
R: 11 25 dicembre, quando il Cristo nato io sono stato santizzato.
D: Per mezzo di che cosa dimostrate di essere un santista?
R: Per mezzo di una croce dietro la spalla destra che il capo santista me I'ha data, io
l'ho accettata e tutta la SANTA CORONA me I'ha confermata;
D: Di quanti santisti formato il consigio locale?
R: E' FORMATO DI 9 SANTISTI.
D: Di quanti locali formato l'altro consiglio (direttiva) generale?
R: E' FORMATO DA 5 LOCALI.
D: Che cosa rappresenta il Capo santista?
R: Rappresenta il capo giudice supremo che dal suo giudizio propone e da quello di
tutti i suoi giudici dispone e impartisce regole sante, grazie e prescrizioni severe
per tutti i locali vogliono stare al giudizio dell'alto consiglio generale.
D: Con quali vincoli vi hanno santizzato?
R: Con vincolo di non tradire la fede e le prescrizioni di questo corpo di santa,
formata altrimenti giudicato distaccato e ricacciato in ogni punto che di questo
alto consiglio sarei segnalato.

Come gi in precedenza detto, un susseguirsi di rituali, parole chiave e simboli che a


tratti assumono carattere allegorico, ma ai quali erano riconducibili sorprendenternente i
contenuti di conversazioni ambientali registrate tra il 2006 ed il 2007.
Ogni singolo dialogo ha contribuito ad assegnare a ciascun molo il nome ed il cognome di
un affiliato, ha indicato "doti" e funzioni di ciascuno, che materialmente si manifestavano
nella gestione criminale del territorio e dei suoi abitanti, nel compimento di reati di
qualsiasi genere e nell'esercizio costante di una minaccia che a volte non necessita neppure
di manifestazioni pratiche, in quanto genera assoggettamento ed omert di per sa soltanto
perch direttamente o indirettamente riconducibile al concetto di 'ndrangheta nel senso piu
ampio del termine.
11 primo dialogo'50 che verr esposto da considerare come una delle principali prove
tangibili dell'esistenza della predetta "Corona". A colloquio ci sono ancora i due
esponenti di vertice dell'associazione matiosa di cui si sta trattando, MELIA Vincenzo,
individuato come l'individuo maggiormente "dotato", con poteri superiori rispetto agli
altri, e ROMANO Nicola, uno dei suoi accoliti pi Ideli:

Omissis da inizio trascrizione a pag. 4 del verbale...

ROMANO I O VI H O DETTO.. DI QUELLO C H E FATE..


MELIA 1
UELLO C H E FATE VOI VI HO DETTO IO.. BEN FATTO SIA,
NON E CHE..
AMELIA S I IMA IO VOGLIO PURE..
1 ROMANO ( Perch giustamente..
' MELIA S E I O VI RISPETTO A VOI E A COLA NESCI..
ROMANO Perch dustamente..
1 MELIA ( VE L O DEBBO DIRE, E GIUSTO O NO?
PERCH GIUSTAMENTE VOI AVETE. %NA DOTEn, DOVE
GIUSTAMENTE VI DA LE u ~ o ~ DI ~PROCEDERE..
~ ~ ~ ~ ~ ~
MELIA *NEANCHE DIO LO pu FARE. SOLO IO COMPARE COLA^,^
ROMANO 1 C H E PROCEDIATE NELLE MANIERE, NELLE iMANIERE..
iMELIA 1 PER DOMANI E PER SEMPRE!
NELLE MANIERE PIU CATEGORICHE E PIU ASSOLUTE!
GIUSTAMENTE.. EH..
,MELIA COM'E SCRITTO DI DIETRO!
ROMANO CERTO..
S E IO MUOIO DOMANI.. COME AVETE DETTO VOI, VE L O
RICORDATE O NO COMPARE COLA. PERCH IO
1 &lEL1*
iMANNAGGIA ALLA MADONNA LE COSE LE PENSO, LE
..
VALUTO, VI HO DETTO IO A VOI: VE L O DO A VOI C O M E
"CAPO CORONA"? M I AVETE DETTO: NO A COLA NESCI.. I
VERO O NO?
ROMANO PER L'AMORE DI DIO!
' MELIA VEROONO?
E PURE C H E ,MI INSISTEVATE NON ME L O PRENDEVO,
PERCH C I SONO QUELLI PRIMA DI ME, GIUSTO?
MELIA E VERO O NO?
ROMANO E VERO! AH LA iMADOSCA!
VI HO DETTO IO: "IL CAPO CORONA LUI"..
( MELIA CORONA" LUI E "MASTRO DI CORONA" .A VOI. VE L'HO
DETTO QUESTO, SI O NO?
J '

ROMANO SI.. SI..


AVETE DETTO NO.. COME VOLETE VOI COMPARE COLA,
PER ME.. ORA 10.. 1 DUE "CAPI CONSIGLIERI" C H I SONO?-
GIUSTAMENTE DI QUELLO CHE S I PARLAVA SIAMO IO E
COLA NESCI, GIUSTO!
ZIELIA EBASTA! 1
ROMANO PERCHE DI QUELLO CHE SI E FATTO. SIAMO IO E COLA

lS0 Vedasi verbale di trascrizione nr. 16 ( Rit. 1897106 DDA) dell' 08.10.2006 in allegato 35:

117
NESCI!
OCTELLO C H E "DECIDIAMO".. UNO. DUE E TRE! PER
MELIA
UANTO PARLA UNO.. LO STESSO! GIUSTO O NO? ..
LA..Io.. QUELLO CHE H o FATTO.. SE H o T O R T O PER M E
L O DOVETE DIRE QUA! NON QUANDO SIAMO DI FRONTE..
COMPARE VICE.. ,COMPARE VICE.. CHE VI DEVO DIRE CHE
AVETE TORTO.. SE VOI GIUSTAMENTE..
MELIA ORA..
ROMANO SAPETE CHE UNA COSA LA POTETE FARE, VOI ..
MELIA Senza.. che la.. ..incomprensibile..
C I METTIAMO A DIRE CHE ABBIAMO TORTO! VOI AVETE ..
ROMANO 1
DETTO.. I O L O POSSO FARE PERCH LOGICAMENTE.. EHH..
LE CONDIZIONI C E L'HO, PER.. GIUSTAMENTE PER FARLE
E BASTA! QUESTO !

...omissis da pag. 5 a pag. 7 del verbale...

E giusto cosi! No.. no per me giusto! Perch giustamente le cose ve


l'ho detto fino a d ora.. che pi belle si coltivano e pi belle crescono!
IMELIA O r a io devo dare conto a Cola ..finaparola incomprensibile..?
ROMANO Devono.. devono.. pi belle di cosi!
IO NON DEVO DARE CONTO A NESSUNO! DEVO DARE
%lELtA
CONTO QUA CON QUALCUNO? OK..
- ROMANO LE COSE..
MELIA IO LIBERO L E "DOTIn OUANDO SONO A PUNTO DI MORTE..
MA VOI VIVETE DUE SECOLI COMPARE VICE.. TENETELE
SEMPRE VOI.. - -

MELIA M I AVETE CAPITO?


TENETELE SEMPRE VOI. PERCHE GIUSTAMENTE VOI
- SAPETE OUELLO CHE FATE.
MELIA 1 0 LE ..incomprensibile.. E DAL 1962 CHE HO..
ROMANO ESATTO!
MELIA E VOI L O SAPETE..
TENETELE, TENETELE SEMPRE VOI. PERCHE
ROMANO CIUSTAhIENTE.. E GIUSTO. 1 0 VI HO DETTO C H E C I
VEDIAMO. PRIMA DOVETE PENSARE A GUARIRE..
VELIA OK!
ROMANO Che la prima e la salute..
MELIA Ora..
ROMANO POI, DOPO S E NE PARLA..
r
MELIA Ora..
ROMANO DOPO SI.. SE NE PARLA..
MELIA Quando si ha una disgrazia come la mia..
ROMANO C I VEDIAhIO TUTTI E TRE..
..,, ..
.VI L L l A
CHE G L I CAPITA.. DOVEVANO CORRERE TUTTI G L I
UOMINI O C H E CHIAMANO PER VEDERE..
COMPARE VICE.. QUA E DIVENTATO UN MONDO
DISGRAZIATO!

...omissis da pag. 8 del verbale a tine trascrizione.

118
La struttura della "Corona" era piuttosto chiara. Vi era un "capo corona" che nel periodo in
cui sono state svolte le delle indagini era sicuramente identificabile in MELIA Vincenzo,
anziano uomo d'onore in possesso delle "doti" sin dal 1962 ed in grado di decidere, come
tutti i capi mafia di alto spessore criminale, senza dover dare conto a nessuno delle proprie
azioni, afiancato dai due "capi consiglieri", ROMANO Nicola e NESCI ~ i c o l a " ' ,
quest'ultimo individuato quale "capo locale" di Cimin e legato anche da vincoli di
parentela alla cosca SPAGNOLO, gi emersa nel corso di altre attivit di indagine per
traffico internazionale di stupefacenti.
Tre persone che conoscevano la "regola", ciascuno in grado di parlare autonomamente in
quanto autorizzato ad esprimere le decisioni prese di comune accordo, tre individui che
reggevano e promuovevano un'associazione fondata sul concetto di "sangue e onore",
come amavano ripetere spesso i conversanti.
In un'altra occasionels2 ROMANO Nicola e MELIA Vincenzo disquisivano sui principi
che regolavano la "Corona":

Omissis da inizio trascrizione a pag. 5 del verbale...

Si.. ehh.. oggi e un mondo d9interesse e basta! Per interesse 1


tradiscono alla propria madre, il padre e ii fratello!
tMELIA Per interesse!
ROMANO Ehh.. ed.. auesto!
MELIA ..incomprensibile..voi vi sentite in grado di dire a me ..incomprensibile..
ROMANO I 0 NO.. IO MI SENTO ONESTO!
MELIA ..incomprensibile..
1 IO.. IO.. LO DICO.. ..(inveisce contro qualczrno fuori che corre).. 10
1 ROMANO 1
NO.. IO HO CAMMINATO SEMPRE-CON ~i
ED HO IMANGIATO SEMPRE CON LA SAGGEZZA ,MIA
SAGGEZZA MIA
-1
COMPARE VICE. ONESTO!
MELIA NO0 !
PERCHE CE NE POSSONO ESSERE COME ME OUALCHE
PAIO.. MA ASSAI NON CE NE SONO! .. E PIU DI ME NON CE
NE SONO NEANCHE. QUESTO VE LO POSSO CONFERMARE
E FIRMARE!
MELIA NON CI SONO!
PERCHE 10. PERCHE IO HO CAMMINATO SEMPRE CON LA
SAGGEZZA IMIA. NON HO VOLUTO, NON HO VOLUTO
ROMANO SENTIRE.. ..incomprensibile, cawa disturbi di linea.. CON LA
SAGGEZZA iMIA HO CAMMINATO SEMPRE.. E PRIMA DI
FARE I FATTI HO GUARDATO DOVE METTEVO IL PIEDE!
MELIA ..incomprensibile..
ROMANO ..incom~rensibile..
MELIA ..incomprensibile.. J

ROMANO Non ho capito che c'e lo sportello aperto'?


"L'UOMO SACRO.. DELLA SACRA CORONA UN FRATELLO
'IELIA
DI SANGUE. COSA RAPPRESENTA ..incomprensibile..?
/ ROMANO I RAPPRESENTA UN FRATELLO. UN "FRATELLO D[ SANGUE", 1
"' NESCI Nicola, nato a Cirnin il 24.06.1955 ed ivi residente in Via Bovio 99;
Vedasi trascrizione 1956 (Rit. 1897t'06 DDA) del 04.04.1007 in allegato 16:
UN FRATELLO.. CHE GIUSTAMENTE NON DOVREBBE 1
..
VIOLARE NEI CONFRONTI..
p-
MELIA NEANCHE UN TANTO..
ROMANO NON DOVREBBE VIOLARE UN TANTO.. (iVIENTE)!
iMELIA OHH.. BRAVO! AVETE VISTO..
UESTO RAPPRESENTA.. "UN FRATELLO, UN FRATELLO..
DI OUELLO NATURALE"! ASSAI DI PIU!
OUELLO NATURALE SAPPIAMO CHE SIAMO FRATELLI,
SIAMO USCITI DALLA STESSA PARTE! MA OUESTO..
.. PERCHE . ~
iMELIA VOI VI SIETE SEGNATO ED IO MI SONO SEGNATO!
MA OUESTO.. MA QUESTO.. MA OUESTO NO! OUESTO CI
ROMANO SIAiMO SEGNATI, CI SIAMO SEGNATI E SIAMO RIENTRATI
IN UN "DISCORSO.. CHE SAPPIAMO CHE E SACRO"!
NIELIA OH!
CHE SAPPIAMO CHE.. ALLORA NON SI DEVE VIOLARE
ROMANO NEMMENO DI UN TANTO DI FRONTE AD UN ALTRO
FRATELLO!
ORA.. QUESTI CHE A iME.. ..incomprensibile.. SI DESCRIVE..
MELIA NELLA SACRA.. ..incomprensibile.. VE LO DICO A VOI.. E

CERTO.. MA GIUSTAMENTE LA "SACRA CORONA DEVE


ROMANO AVERE LA SACRA ADDOLORATA".. E.. LA STORIA, E LA
STORIA OLTRE LA REGOLA!
1 MELIA I OHH..
ROMANO NEL VANGELO, QUESTO NEL VANGELO!
..incomprensibile.. QUANDO UN UOMO NON E CAPACE
MELIA
..incomurensibile.. PER SE OUANDO ARRIVA ..incomurensibile..

l I
..incomprensibile.. SE GLI UOMINI APPRENDONO TUTTI
QUESTI SACRAMENTI. CHE NON SI POSSONO VIOLARE,
CHE LWOMO LOGICAMENTE A CONOSCENZADI OLTESTI
SACRAMENTI E LI APPRENDE VERAMENTE. LOGICAMENTE
LI VALUTA E LI APPREZZA.. ..incomprensibile.. OGGI
TORNIAMO LA COMPARE VICE..

...omissis da pag. 7 del verbale a fine trascrizione


;.\
I dialoghi intercettati rivelavano l'appartenenza al sodalizio mafioso, regolato da norme
ben precise: "Voi vi siete segnato ed io mi sono segnato...omissis ... questo ci siamo
segnati, ci siamo segnati e siamo rientrati in un b'discorso.. che sappiamo che e sacro"!
e, soprattutto, il desiderio di continuit che l'associazione voleva assicurarsi, in quanto
MELIA Vincenzo faceva riferimento al proprio "testamento mafioso", alla cessione delle
proprie doti in favore degli affiliati pi fedeli e pi affidabili.
La proposta dell'emigrante ora residente ad Ardore era stata quella di assegnare a
ROMANO Nicola il grado di "capo corona", che lo stesso aveva rifiutato poich,
rispettoso delle gerarchie, riconosceva a NESCI Nicola il diritto di esserlo, essendo questi
maggiormente "dotato" rispetto a lui.
MELIA comunque, pur avendo lanciato la proposta e tastato il polso della situazione, era
deciso a "liberare le doti" solo in punto di morte, in quanto fortemente convinto di poter
tranquillamente governare la "Corona" grazie all'aiuto dei due validi collaboratori.
La discussione in merito alle vicende dell'associazione scaturiva da un episodio di non
poco conto, in quanto uno dei componenti di maggior peso, l'indagato VARACALLI
si sarebbe reso responsabile di un comportamento poco rispettoso delle
"regole", tanto da far parzialmente ricredere il MELIA Vincenzo in merito alla sua
at'fidabilit.
In data 7 Ottobre 2006 si celebrava in Antonimina il matrimonioi5' tra MONTELEONE
e PELLE Maria ~ a t e r i n a " ~ .
Tra gli invitati al banchetto seguente alle nozze vi erano i due capi consiglieri, ed il
colloquio15' verteva inevitabilmente sulle vicende riguardanti l~associazione a cui
appartenevano:

Omissis da inizio trascrizione a pag. 2 del verbale...

ROMANO Ehh.. niente il telefonino era spento..


MELIA Yeah (si).. che poi ho telefonato alla comare..
E niente, ero uscito che e venuto uno a prendermi, che siamo dovuti I

Eh.. mannaggia alla Madonna! Niente ieri ho avuto un'altra


ROMANO giornataccia, poi alle quattro sono andato che si sposata una
cugina la..
iMELIA Si, me l'ha detto ..incomprensibile..
E SIAMO RITORNATI IERI SERA ALLE DIECI, C H E POI
COMPARSO PURE.. BOVALINO OPERATO AMARO..
LMELIA DON BOVALINO DI MOLOCHIO?
ROMANO E OPERATO!
l iMELIA eh.. amaro..
operato, gli hanno storto, non l'hanno operato bene a ViUa S.G. e
ROMANO
gli hanno stortigliato tutto il muso, amaro com' combinato!
1 MELIA YEAH AMARO! E GRANDICELLO ORA PEPPE..
1 ROMANO 1 93..
MELIA Mamaggia al Signore! E ANCORA VA AI MATRIMONI..
NON POTEVA FARE DI iMENO, ERA ASSAI AiMICO PURE
CON LUI, CON QUESTO!
IMELIA Con chi?
ROMANO CON QUESTA FAMIGLIA QUA, DI ANTONIMINA QUA!
MELIA Dove andiamo a prendercelo la sotto? O giriamo di qua..
ROMANO O andiamo aua fuori..
,MELIA Dove volete voi, io non scendo.
No, ve lo porto io. COMUNQUE C'ERA COMPARE COLA PURE
I ERI..
I MELIA Quale compare Cola?
ROMANO NESCI!
! IMELIA
ALLORA VI SIETE SCIALATO! ALLORA VE LI SIETE FATTI
I DISCORSI!
NO, SIAMO STATI SEDUTI IN UN TAVOLO, IO, LUI, PEPPE
BOVALINO, C'ERANO I CENERI MIEI..

l'' VARACALLI Giuseppe. nato ad Ardore il 11.04.1953 ed ivi residente in C.da Calvario nr. 7:
I54
Vrdasi Certificato di matrimonio di PELLE Maria Caterina e MONTELEONE Giuseppe in allegato 27;
"' MONTELEONE Giuseppe. nato a Locri il 27.07.1974;
' j h PELLE Maria Caterina, nata a Locri il 05.1 1.1979;

"' Vedasi verbale di trascrizione nr. 15 ( Rit. l R97:06 DDA) del OR. 10.2006 in allegato 28;
m Yeah..

ROMANO
MELIA
@
ROMANO TUTTI E DUE, C'ERA..

MIO FRATELLO C'ERA..


Avete parlato di aualche cosa?
SI, GLI H O DETTO CHE ERO ANDATO L'ALTRA SERA, CHE
GLI H O TELEFONATO..
SIELIA DITEMI LE COSE COME STANNO COMPARE COLA..
VE LE DICO COME STANNO, COSI STANNO EHH..! GLI H O
ROMANO USCITO PURE L'ALTRO DISCORSO PURE, GLI HO DETTO:
l
CON LUIGI VI VEDETE..
J
4

MELIA 1 Come?
ROMANO HA DETTO MEZZA PAROLA..

CON LUIGI? ..
GLI HO DETTO 10: SI, C I SIAMO VISTI,
SIAMO ANDATI CON COMPARE VINCENZO, QUELLA SERA
CHE DOVEVI VENIRE PURE TU. DISSE: L'AVEVO VISTO
1 PURE UN'ALTRA VOLTA 10..
MELIA 1 ERA ANDATO CON PEPPE VARACALLI LUI..

ROMANO La vi e un altro..
MELIA No.. no.. no.. qua, qua..
ROMANO Qua compare.. .. S I PARLATO DEL PIU E DEL MENO CHE..
MELIA Oua e il Bar..
CHE LA MOGLIE ERA ANDATA, DALLA ,MOGLIE DI PEPPE
VARACALLI..
MELIA EH.. GLIELO AVETE DETTO?
ROMANO Non la DOSSO lasciare aua la macchina..
MELIA Fermate pi avanti, mettetela l avanti..
ROMANO La metto qua avanti..

Al minuto 3.26" si sente ROMANO che scende dalla vettura lasciando da solo il MELIA a
bordo della stessa, certamente per andare a prendere il caff.

Al pranzo di nozze vi erano quindi ROMANO Nicola, NESCI Nicola, SICILIANO (1


~ a s s i m o " ~POLLIFRONI
, ~ a r m i n e " ~ROMANO
, ~ i e t r o " ~BOVALINA
, ~ i u s e ~ ~e e l ~ '
l'occasione era stata propizia per affrontare diversi argomenti. tra cui il problema che si era
generato recentemente tra alcuni soggetti appartenenti alla "Corona".

Poco dopo, al ritorno di ROMANO Nicola in auto'b2:

MELIA 1 Allora ~oi.. a me mi ~ i a c eil fatto di "corn~areCola NESCI". di 1

'" SICILIANO Massimo, nato a Catanzaro il 23.1 1.1970. genero di ROMANO Nicola. in quanto coniugato
con la figlia ROMANO Amalia;
POLLIFRONI Carmine, nato a Taurianova il 26.04.1972 e residente ad Antonimina in Fraz. Bagni 1412,
genero di ROMANO Nicola in quanto coniugato con la figlia ROMANO Maria:
l"" ROMANO Pietro. nato ad Antonimina il 15.06.1952;

l"' BOVALINA Giuseppe. nato a Molochio il 20.02.19 13. Deceduto nell'anno 2007:

'"l Vedasi verbale di trascrizione nr. 16 del 08.10.1006 gi in allegato al presente Capitolo:
saperlo..
MA ABBIAMO PARLATO UN POCHETTINO, POCO CHE POI
ROMANO CI SONO STATE ALTRE PERSONE, HA DETTO CHE.. PER
..
L'ALTRA SERA CHE POI, GLI AVETE DETTO CHE..
CHE I DUE.. CHE I DUE COGNATI SONO FERMI "SOTTO LA
'IELIA
MIA RESPONSABILIT~'!
R O M A N O NO, QUESTO NON L'ABBIAMO PARLATO!
MELIA
- Uh.. allora..

MELIA Ah?
ROMANO CHE GLI AVETE DATO..
,MELIA A OUELLI DI.. DI AFRICO LA..?
ROMANO EH.. EH..
I I VE L'HA DETTO VARACALLI SI? EH.. MAH.. GLI DICEVO 1
1 MELI* I CHE NO! LA.. NON HA NESSUNO DA DIRE.. E GIUSTO? VE
L'AVEVO DETTO A VOI IO E VOI AVETE DETTO DI SI.. E A
ME..
SI.. SONO COSE VOSTRE VI HO DETTO IO, NON E CHE.. A
ROMANO IME L'AVEVATE DETTO.. VI HO DETTO: FATE QUELLO
CHE.. QUELLO CHE FATE VOI BEN FATTO!
MELIA NO!.. GIUSTO?
ROMANO QUELLO CHE FATE VOI E BEN FATTO SEMPRE..
- MELIA tMA VI HO PASSATO LA PAROLA?
ROMANO SI VA BENE iMA..
iMELIA COMPARE COLA.. NON DOVETE DIRE COSI CON ME!
1 ( MA SOPRA A QUESTE COSE QUA, VOI L'AVETE DETTO.. I
( ROMANO I AVETE DETTO. IO GLIELA DO, FACCIO QUELLO CHE (
VOGLIO AVETE DETTO!
MELIA M
SI ME L'AVETE DETTO CHE GLIELA DAVATE.. EH.. PER
F'AMOR DI DIO!
tMELIA E GIUSTO?
ROMANO 0
MELIA ..
POI.. ERA DATA? E GIUSTO?
PER CARITA! PER L'AMORE DI DIO!
1 ERA DATA..! ..
ORMAI.. LUIGI VARACALLI VENUTO
MELIA GIUSTO O NO? ..incomprensibile..QUA.. SOTTO LA VOSTRA
RESPONSABILITA. NON LA MIA.. GIUSTO O NO?
ROMANO VA BENE ma ..incomurensibile..

. .. squillo di cellulare ...

31EL IA I Giriamo. andiamo ..incomurensibile..


. . . squillo di cellulare, si sente ROMANO che risponde . ..
P P -

ROMANO Si? .. Compare ci sentiamo un altro poco..


LMELIA HO FATTO BENE O HO FATTO iMALE?
ROMANO Compare Vice..
hlELIA IO A COLA NESCI..
COMPARE VICE.. VOI GIUSTAMENTE AVETE RITENUTO
ROMANO OPPORTUNO C H E E GIUSTO, DIETRO C H E SE NE ERA
PARLATO.. EH!
HELIA
ROMANO
M
PER ME, PER ME, PER M E VA BENE CHE SIGNIFICA!
MELIA M
( MELIA E ALLORA?
I ROMANO 1 0 VI H O DETTO.. DI OUELLO C H E FATE..
MELIA PERCH UNA COSA "SACRA"!
UELLO C H E FATE VOI VI H O DETTO 10.. BEN FATTO SIA,
:ON CHE..

...omissis da pag. 4 a pagina 5 del verbale...


..
ORA.. POI.. S E I O HO TORTO? QUA SONO DI FACCIA..
MELIA NON QUANDO SIAMO DI FRONTE.. TU PEPPE VARACALLI..
NON VOGLIO.. chiudete l'aria condizionata..
ROMANO L'ho chiusa.. l'ho chiusa..
NON VOGLIO CONTRARIARE SE SBAGLIANO NESSUN
..
UOMO.. GIUSTO O NO? SEI VENUTO QUA.. HAI FATTO
UN CASINO SENZA BASI.. VERO O NO? COLA NESCI.. S E ..
ERA PER IL CARATTERE DI COLA NESCI.. 1 0 GI L'AVEVO
AMMAZZATO.. MA INVECE.. CALMO.. PEPPE BOVA VE
L'HA DETTO A VOI. MA NON M'IMPORTA.. LUIGI..
VARACALLI? .. LUIGI VARACALLI.. C H E HA CHIAMATO
MELIA
..
DALL'AUSTRALIA.. E GIUSTO O NO? PERCHE NON T I SEI
PERMESSO DI DIRCI.. VINCENZO, COMPARE COLA,
CICCIO.. EH.. GUARDATE C H E LUIGI VARACALLI M I HA
CHIAMATO E G L I HA SPIEGATO LA SITUAZIONE. DEL
PERCHE NON E VENUTO A CERCARMI.. GIUSTO? MO..
LUIGI VARACALLI.. PARTE DA DOVE E.. 27 MIGLIA, HA
PRESO LA iMOGLIE, C H E LA MOGLIE SUA ERA L.. VA E
TROVA A TUA MOGLIE ..incomprensibile.. PERCHE NON C E
..
L'HAI DETTO? C H E SIAMO NOI? NO..!
SONO FATTI I SUOI, PERCHE GIUSTAhlENTE S E LUI
SOTTOVALUTA O PURAMENTE. SI ALLARMA C O N UNA
ROMANO
COSA C H E S I PUO FARE A MENO.. CI SONO MODI E MODI
COME SI, SI..
TU T I SEI ALLARMATO.. ..incomprensibile:. E IN UN SECONDO
TEMPO, RAPPEZZATA, CUCITA SACRA. PERCH NON C E
L'HAI DETTO? C H I SONO IO UN PUPO? COLA ROMANO
C H E E.. PLTPO? COLA NESCI C H E E? GLIEL'HA DETTO A
COLA NESCI ..incomprensibile.. PERCH? C H I SONO IO?
COMUNQUE C I DOBBIAMO VEDERE TUTTI E TRE. ORA
ROMANO PENSATE A GUARIRE, ORA PENSATE A GUARIRE.. POI C I
1 VEDIAMO TUTTI E TRE E DISCUTIAMO!
MELIA ..
CERTO.. ORA.. J

I ROMANO COSI LE COSE P1 SI DISCUTONO, PIU SI VALUTANO..


3IELIA E PIU NIEGLIO.. EH..
PIU SI VALUTANO E PIU BELLE VENGONO..
ROMANO
..
Ora.. rispondetemi a me qua.. come padre, come fratello, come
figlio.. HO TORTO O HO RAGIONE?
VOI AVETE LE RAGIONI VOSTRE, GIUSTARIIENTE
OGNUNO..
I MELIA NON LE MIE..
IO.. ,MA AVETE LE RAGIONI DI TUTTO IL DISCORSO,
..
GIUSTO! iMA LE VOSTRE RAGIONI SONO QUELLE CHE..
VI COMPETONO.. SE TU A itlE DOVEVI VENIRE A DIRMI
QUELLO CHE LOGICAMENTE.. .incomprensibile.. TU, TU
PRIMA SEI VENUTO ED HAI DETTO CHE NON VENUTO A
SALUTARTI..
MELIA CHE NON E VENUTO A SALUTARTI CHE NON..
1 1 CHE NON L'HAI TROVATO CHE SI NASCOSTO. DOPO I
I ROMANO I
SONO VENUTI, GIUSTAMENTE ERI IN DOVERE..
VINCENZO, PASQUALE, COLA, PEPPI, CIANNI! VEDETE ..
CHE SI FATTO SENTIRE. SI SCUSATO EHH..
,MELIA AH.. A VISTO A MIA LMOGLIE!
PASSATO PURE DA MIA MOGLIE.. E SI CHIUDEVA IN
BELLEZZA!
MELIA E GIUSTO O NO?
1 ROMANO 1 E SI CHIUDEVA.. 1
MELIA GIUSTO O NO?
ROMANO EH.. SAREBBE GIUSTO COS!
MELIA SE NON E VOGLIO CHE ME LO DITE..

...omissis da pag. 7 a pag. 8 del verbale...


UN ALTRO E VOSTRO COMPARE PEPPE RASO CHE CE
..
L'HO QUA! NON VOGLIO DISPIACERVI..
AH!.. A M E CHE LMI DISPIACE? ..
A ,ME NON DISPIACE
,
NIENTE! ~i
NO.. PRIMA NON VI HO DETTO.. PERCHPER VOI STATO
FATTO D I CANOLO SE NO,
ROMANO FORSE.. FORSE HO SBAGLIATO..
-
XIELIA BASTA!
ROMANO FORSE HO SBAGLIATO!
MELIA BASTA!
ROMANO IO PENSAVO LOGICAMENTE TUTTO ALL'INVERSO.. MA..
MELIA E GIUSTO..
ROMANO FORSE HO SBAGLIATO!
MELIA ME LO TENGO IO E ,ME LO TENGO NEL CUORE..
ROMANO HO FATTO.. HO FATTO.. HO FATTO..
1 MELIA 1 MA BASTAVA..
PURE 10, PURE IO ME LO TENGO, ME LO TENGO PER ME E
ZITTO!
MELIA E GIUSTO! I
ROMANO CHE HO SBAGLIATO!
3IELIA E BASTA!
1 ROMANO 1 BASTA! HO SBAGLIATO COMPARE VICE.. 1
( MELIA ORA.. ORA COMPARE COLA.. I
/ I
l

PIU CHE DIRVI.. QUANDO UNO SE LIACCETTA CHE


ROMANO
SBAGLIA EH..
MELIA Eh.. certo! Ora..
ROMANO PERCHE PENSAVO DIFFERENTE PURE I O DI PEPPE RASO.. l
PEPPE BOVA HA FATTO UN MACELLO! E S I FATTO
'IEL1*
COME UN ANIMALE CON ME PERCH GLIEL'HO DATA.,
1 ROMANO MACHI?
1 MELIA PEPPE! ..incomprensibile..
IMA ORMAI, ,MA ORMAI E FATTO IL DISCORSO. I O
QUELLO CHE VOGLIO C H E PARLIAMO TUTTI E TRE,

SENSIBILI, G L I UOMINI C H E HANNO IL CERVELLO..


1 RIELIA OHH!
G L I UOMINI CHE LOGICAMENTE.. DAVVERO SANNO DI
DOVE GLI ARRIVA L'UMILT!
' MELIA ORA IO A COLA ROMANO..
E C H E C I SEDIAMO DOPO C H E GUARITE, BELLO E
,
PULITO, A MENTE CALMA..
iM EL IA E A COLA NESCI..

S E POSSIAMO PER DIRE MEDICARE, LMEDICHIAMO E VIA


COMPARE VICE..
31EL IA PERCHE NON VOGLIO C H E NESSUNO..
1 ROMANO E CHE I CAZZI NOSTRI NON LI SAPPIA NESSUNO..
IMELIA OHH!
ROMANO DOVE SI PUO MEDICARE..
MELIA C H I SA..
SAPETE C H E UNA PIAGA, UNA PIAGA, UNA PIAGA.. Guardate
ROMANO
qua. una oiaga..
MELIA UNA FERITA..
E UNA FERITA, ED HA GIUSTAiMENTE.. COME S I DICE? I
PANNI SPORCHI SI LAVANO IN FAMIGLIA.. 9
up
MELIA OHHH! ORA DICO.. ,L
ROMANO OUELLO.. OUELLO CHE DICO IO!
1 31ELIA Io c o m ~ a r eCola.. 1
SE PEPPE VARACALLI.. . HA TRASCURATO?T DOBBIAMO
CHIAMARLO E G L I DICIAMO: COMPARE PEPPE, VOI
NELLE VOSTRE PORTATE, UOMO DI UNA GROSSA
PORTATA PER COME SI DICE. CHE GIUSTAMENTE,
DIRIGETE IL VOSTRO "LOCALE" VASTO.. AVETE UNA
NOMINA IN GIRO..
NON VALE NIENTE! IL FATTO DEGLI ZINGARI LI HANNO
'IELIA
FATTI NIENTE..
,

I ROMANO MA POI SONO FATTI LORO ALL'INTERNO..


~ I E L I A SONO FATTI SUOI. A NOI NON..
I ROMANO SONO FATTI SUOI ALL'INTERNO..
LMELIA A NOI NON C'INTERESSA..
ROMANO SONO FATTI DELL'INTERNO..
MELIA I A IME QUELLO C H E M'INTERESSA- 1
IL RISPETTO, IL RISPETTO DOBBIAMO DIRGLIELO, DEVE
ESSERE RECIPROCO O PER BENE, PERCHE QUA XON
SIAMO PER DUECENTO AiNI.. QUEST'ALTRO POCO C H E

MELIA Ohh!
DOBBIAiMO VALUTARCI DA AMBO LE PARTI, L'UNO CON
L'ALTRO..
MELIA OHH! I
COMPARE VINCENZO H A L E S U E VEDUTE, PEPPE
VARACALLI HA LE SUE. COLA NESCI HA LE SUE..
k1ELIA COLA ROMANO..
ROMANO COLA ROMANO HA L E SUE ECCETERA..
MELIA NOI QUAiiDO..
CHE C I VALUTIAMO A VICENDA BELLI E PULITI E C H E C I
GUARDIAMO LE SPALLE L'UNO CON L'ALTRO..
MELIA Quando ..incomprensibile..
SE NE ABBIAMO BISOGNO.. SE NE ABBIAMO BISOGNO? C I
, DISTURBIAMO L'UNO CON L'ALTRO! 4

MELIA I CHE FIGURA.. P -

ROMANO PERCH L'UOMO..


CHE FIGURA FACCIAMO SE NOI, CHE IL "PROFESSOREn
SAOUESTE COSE?
ROMANO E NO.. C I SCHIFIAMO NOI STESSI!
MELIA VERO O NO?
PERCHE QUANDO SI VEDONO OUESTE COSE. C H I TIRA E
CHE ALLENTA, OGNUNO PRENDIAMO LA STRADA
NOSTRA E CE NE ANDIAMO TUTTI, PERCH
ROMANO CIUSTAMENTE OUESTE COSE NON STANNO BENE.
PERCHE SE NOI GIA ABBIAMO VISTO NEL, NEL. NELLA
COMUNE COSA E SUCCESSO.. E NOI DOBBIAMO
RICOPIARE QUELLA COPIA L? NO!
LIIELIA Ora..
ROMANO SE QUA SIAMO QUATTRO..,
AZELIA ORA SE L O SA FEDERICO CHE COSA FA? '\
--Z
S E NOI, S E NOI, SE ABBIAMO "QUATTRO CONSIGLIERI" , /C
, IN GRAZIA DI DIO ERAVAMO QUATTRO b b ~ ~ ~ ~ I ~ ~ l
LIIELIA Ohh!
ROMANO Abbastanza.. logicamente.. ehh..
.MELIA VALUTOSI..
VALUTOSI, ABBIAMO LE ESPERIENZE NOSTRE, ABBIAiMO
LE DIFFERENZE NOSTRE..
AZELIA T u ti sbatti a terra!
PERCHE CIUSTAMENTE NON SIAiMO CRISTIANI
0
MELIA Compare.. ora..
SIAMO CRISTIANI ONESTI, CRISTIANI CHE VALUTIAiMO
PURE LE PIETRE DELLA VIA!,
IMELIA Ora..
ROMANO GIUSTO? SE UNO NON VALE LA PENA, NON VALE L A -
'ENA, NON VALE LA PENA DICE: PERCH? POSSONO
;APERE.. PEPPE VARACALLI CON VINCENZO MELIA CHE
..
3ANNO AVUTO? ECCO.. E GIUSTO! CAPITE?..
IO GLI HO DETTO..
ILLORA TU C I ASPETTAVI UN GIORNO PRIMA..
J L I DITE A PEPPE VARACALLI ED A PEPPE SICILIANO,
SOTTO LA MIA PIENA RESPONSABILITA, LE SUE DOTI
3ONO PER LA "SACRA CORONAn SONO CONSERVATE . . m a
..
iarola incomprensibile.. CHIUSO E BASTA! QUANDO STO
.
COMODO, SENTO CHE LE AZIONI SUE CHE VIENE E DICE:
MI HA CHIAMATO DICE VARACALLI.. E ANDATO A
VEDERE MIA MOGLIE, PERCI cos.. IO NON VI HO
CHIAMATO ..incomprensibile.. PRIMA HAI FATTO IL
VULCANO COLA NESCI, COLA NESCI ..incomprensibile..
COLA NESCI.. M VOGLIO CHE VENCAOUA!
[O DICO UNA COSA: NOI NON DOBBIAMO APP.., NOI IN
QUALITA DI OLTELLI CHE SIAMO, SE NON SIAMO SICURI,
CHE NON ABBIAMO NELLE MANI QUALCHE COSA. NON
DOBBIAMO NEANCHE APRIRE LA BOCCA..
1 MELIA AHH! BRAVO.. BASTA. CHIUSO!
1 ROMANO E BASTA!
PUNTO E BASTA!
PERCH SE L'APRIAMO LA BOCCA, IN QUALIT DI
QUELLO CHE SIAMO, SBAGLIAMO SE NOI NON ABBIAMO
1 ROMANO
NIENTE NELLE MANI, ED PECCATO! ED PECCATO
PERCH SE NOI ABBIAMO..
I MELIA Ora io..
l SE NOI ABBIAMO, SE NOI ABBIAMO UN DISCORSO
"SACROn NELLE MANI E NOI LO VIOLIAMO. PERCH CON
1 ROMANO
LE PAROLE POI CI ESCONO E NON LE VALUTIAMO.. EHH..
E OUELLO CHE E DI FRONTE A NOI?
Ora io comnare Cola..
QUELLO CHE DI FRONTE A NOI CHE LE CAPISCE, CHE
ROMANO
GIUSTAMENTE, DICE.. LMAQUESTO..?
COMPARE COLA.. ORA IO COME GUARISCO, O UN
INCONTRO.. IO, VOI.. 1 0 HO VALUTATO.. SE HO
SBAGLIATO hlE LO DITE.. 10, VOI, COLA NESCI,
FEDERICO, CANALE, CRISTIANO.. EHH.. ..incomprensibile..
ANDIAMO UNA SERA, CHE VOGLIONO, HANNO DETTO
..
CHE VOGLIONO VEDERE TUTTO! SE HANNO I COGLIONI
IVII HA DETTO FEDERICO, SE NO NON LI PORTARE!
RESPONSABILE SEI TU, 1 0 SOLO CON T E POSSO E BASTA!

DOBBIAMO ANDARE DI GIORNO NON E CHE..


AH?
1 ROMANO
DI GIORNO, PERCH DI SERA IL "PROFESSORE" NON
ESCE..
EH.. ANDIAMO E MANGIAMO..
DI GIORNO, CE N E ANDIAMO UN GIORNO..
E GIUSTO.. SI! ORA IO h11 POSSO METTERE CON QUESTE
PERSONE CHE DICONO OGGI CECI E DOMANI FAVE? VIA!
128
1 ROMANO 1 NO..
E QUANDO MI SPUTANO UNO DI OUESTI. DOVE VADO IO A
METTERhlI SULL;.incomprensibile..
1 1 NO.. NO.. PERCI VI HO DETTO IO: UN "UOMO SACRO", UN 1
1 ROMANO I UOMO C H E HA NELLE MANI "COSE SACRE". DEVONO 1
I PRIMA PARLARE GIUSTAMENTE.. 1
MELIA C H E SAPPIA UNO..
ROMANO C H E SIA SICURO. C H E SIA SICURO..
MELIA DI QUELLO C H E DICE!
ROMANO DI QUELLO C H E DI=
MELIA OH.. BASTA!
ROMANO SE NO C H E STIA ZITTO C H E NON SBAGLIA MAI!
MELIA OH!
1 I STA ZITTO.. E ANZI S E GLI DICONO.. MA PERCH NON (
l ROMANO PARLI? EH.. NON SONO SICURO DI OCTELLO C H E DICO,
I

PERCHE NON LA VEDO..


IL BARBIERE, IL BARBIERE.. QUANDO SONO ANDATO E
G L I H O DETTO 10..

ZENZO~N-
UELLA COSA LA, QUELLA COSA LA SE E VERA O E

..incomprensibile.. G L I H O DETTO IO: NICOLA.. COSI, COSI E


MELIA COSI! ..incomprensibile.. FINALMENTE! IERI SERA M I HA
DETTO..
NON S I FANNO.. NON E FINALMENTE.. 1 0 NON CONSIDERO
QUESTE COSE PERCHE. COMPARE VICE.. VOI A NIE MI
DOVETE SCUSARE, SE NOI C I SIAMO SEDUTI AL TAVOLO,
ROMANO
QUANTI SIAklO? SETTE, OTTO, NOVE.. C I SIAMO SEDUTI
PIU DI UNA VOLTA, ABBIAMO PARLATO, HANNO QUELLO
CHE HANNO NELLE MANI. GIUSTO?
MELIA OH! ORA LUI..
S E POI, S E POI LORO NON VOGLIONO VALUTARLA, POI S E

MELIA c' SICILIANO..


PER& PER.. IO. TU A ME DEVI VENIRE A DIRMI C H E
ROMANO VUOI? PERCHE GIUSTAMENTE HAI ARMATO QUESTE
1 CATRIGHE, GIUSTO?
MELIA OH! ORA TU SICILIANO VAI.. ' \

ROMANO I Giusto? Queste .. 'Q


;,il
1 VAI DOMANDANDO.. E C H I E? DOVE E NATO? E COME. A
YIELIA VOI C H I L9HA DATA? TANTI ANNI C H E C E L'HA LUI? C H E
CAZZO VUOI TROVARMI TU!
EHH.. COMPARE VICE.. VOI IN OUESTE COSE C I
,INSEGNATE..
h1ELIA ..incomprensibile..
ORMAI GIUSTAMENTE AVETE PASSATO UNA VITA DI
QUESTE COSE..
MELIA IO COMPARE COLA IN PAROLE POVERE..
CON "UOMINI': CON "UOMINI DI TUTTI I CALIBRI". CON
RoiVIANo
UOMINI DI TUTTIII..
hIELIA C o m ~ a r eCola in aro le Dovere..
1 ROMANO / LE REGIONI. DI TANTE REGIONIII..
MELIA Mi dispiace che non..
ROMANO DAVVERO "CIELO, TERRA E MARE"..
MELIA 1 NON HO VISTO A COSO LI..
ROMANO E iustamente. e eiustamente..
LMELIA ( A SARO FERRAR0 ..incomprensibile..
ROMANO / E GIUSTAMENTE NON DOVETE ANDARE..
XIELIA Oua non c'. andiamo..
ROMANO Se noi, se noi.. se noi..
, MELIA Andiamo un'altra volta. andiamo chiuso.. Ora se..
ROMANO Se noi.. se giustamente, queste..
.MELIA COMPARE E GIUSTO!
LA LEGGE D'UMILTA. LA LEGGE D'UMILTA. QUANDO VI
INSERITE SAPETE CHE VA "DAL CAPO ALLA FINE"!
hIELIA Io me ne ..incomprensibile..sentite compare Cola..
ROMANO Vi faccio un assegno di tre milioni, vi faccio un assegno dei miei..
MELIA Eh..
Ve lo faccio cos pari, che mi ha portato 15 milioni (lire) di assegni uno,
mannaggia alla Madonna, ha detto che me li porta la mattina di marted.
Me li ha portati la mattina di martedi, per tutti assegni, ve lo faccio dei
miei.
MELIA Devo darglieli perch ..incomprensibile..
ROMANO Si, no ve lo faccio dei miei qua..
MELIA Ora voi un'altra cosa qua..
Vedete che vi ho portato tre forme di formaggio, volete portarli al
medico o.. a Rosetta non gliela lasciate una li?
1 MELIA Grazie, si come no! ..incomprensibile..
I ROMANO No.. no.. no.. no..
XIELIA Ah.. ah! compare Cola?
ROMANO Vi ho detto di no, no.. un pensiero..
MELIA Dove andate. avete sbadiato..
ROMANO Va bene giriamo di qua e siamo l..
State sbagiiando no.. ORA COMPARE COLA.. IO HO DA FARE
MELIA CON COLA NESCI.. E COME ESCO. COME LMI SENTO,
ANDIAMO A TROVARLO PERCHE.. girate, di questa qua grate..
ROMANO SI.. SI..
MELIA OK? GIUSTO O NO?
] ROMANO ANDIAMO E LO TROVIAMO..
hIELIA ..incomprensibile..
IERI QUANDO SIAMO USCITI, IERI SIAMO USCITI A
ROMANO PARLARE LA CON PEPPE BOVALINO PER GIANNI
FURFARO,.
iMELIA Eh!
ROMANO CHE c' STATA LA DISCUSSIONE, QUANDO..
$1EL IA E H!
QUANDO SONO ANDATI A FERMARE NELLA FIUICIARA DI
1 CAULONIA..
.CIELIA I Si.. si.. .. andate avanti..
ROMANO 1 No aua e..
3lELIA ( No, andate avanti, andate avanti, andate di qua se non vi dispiace.. 10
minuti di tempo non li avete ora'?
ROMA NO^ No saliamo di..
S I LMA I O VOGLIO ANDARE DI QUA, VOGLIO VEDERE SE
MELIA
c' SARO F E R R A R 0 PER..
AHH!
,
ORA.. IO.. C'E QUESTO AMICO MIO DI LAiMEZIA, A VOI VE
L O PRESENTO ..incomprensibile.. GIUSTO O NO? C'E IL
MELIA GENERO DI VINCENZO SACCO.. A VOI VE LO.. andate di qua,
A VOI VE L O PRESENTO.. MALATO QUELLO, UN MALE..
GIUSTO O NO?
ROMANO IL GENERO DI VINCENZO SACCO?
MELIA EH!
ROMANO Mi dispiace..
MELIA Scendete di qua..

/ ROMANO
A LUI, A LUI GLIELA AVEVA LASCIATO, GLIELA AVEVA
LASCIATO LUI!
jiiori)..
.. ciao.. vi saluto, vi saluto (salutano qilalcuno

iMELIA Ci vediamo

. ..Voce di donna all'estemo che dice ciao, ciao.. .


MELIA CIAO.. ESCONO PAZZI PER ME.
ROMANO CHE GLIELA AVEVA LASCIATO?
MELIA 1 IL SUOCERO..
ROMANO COMPARE VINCENZO, IL SUOCERO?
Eh! No.. di qua non andiamo.., non qua, non qua, non alla
..incomprensibile..di qua potete andare?
ROMANO Si, si..
ORA.. I O NON VOGLIO ANDARE IN SICILIA, IN AMERICA..
MELIA I O NON VOGLIO FARE QUESTE COSE QUA, GIUSTO O
NO?
ROMANO PERCHE DOVETE ANDARE?
PERCH DEVO ANDARE IO SOTTO COMPARE COLA? di ..
qua, di qua..
ROMANO Si, si giriamo di qua..
XCELIA DICO GIUSTO O NO COMPARE COLA?
'MA E, MA E GIUSTISSIMO! IO NON CHE H O DETTO C H E ,
ROMANO NON GIUSTO! MA 1 0 VI HO DETTO: C H E DOBBIAMO l&
VEDERCI PER PARLARE PER I CAZZI NOSTRI! ,'
C'& il medico VERSACE ora ve lo presento.. ..incomprensibile..
STANNO FACENDO COSE DELL'ALTRO iMONDO. VOI
L'AVETE VCSTO CHE STANNO FACENDO. ORA QUA C'E IL
NIPOTE DI CICCIO BARILLARO, ..incomprensibile.. C H E
STANNO FACENDO COSE TRAGICHE! NIENTE.. MA SONO
"MALAiYDRINI" BUONI.. E SONO SEDUTI, NON VOGLIONO
SAPERE NIENTE, PER MI DANNO CONTO, 311 TENGONO..
IO NON DEVO PENSARE CHE H O A COLA NESCI E A COLA
ROMANO, SE OGGI O DOMANI [O CEDO? OGNUNO
CEDIAMO, E GIUSTO O NO?
E NATURALE..
MELIA NON DEVO..
ROMANO E NATURALE, E NATURALE..
DEVO LASCIARE LE SAGOME ALMENO DOVE FACCIAMO,
GIUSTO O NO COMPARE COLA?
ROMANO E GIUSTO, COSI CAMMINA ..incomprensibile..
MELIA DITELO, SE HO TORTO, DITELO? COMPARE ..
NO AVETE TORTO? IO NON VI HO DETTO CHE AVETE
1 ROMANO TORTO. 10.. VI HO DETTO 1 0 DI CHIARIRE LE COSE,
PERCH BELLO.. BELLO..
MELIA OH! ORA.. VOI..
ROMANO E BELLO LE COSE NOSTRE CHE LE CHIARIAMO..
1 MELIA VOI CON COLA NESCI..
ROMANO PERCH L'AMICIZIA..
MELIA IO SO CHE VOI CON COLA NESCI PARLATE..
ROMANO NON ABBIAMO TEMPO COMPARE VICE..
I MELIA SI..
NON c' IL TEMPO DISPONIBILE NEANCHE PER PARLARE,
PERCH..
MELIA Scendete aua entriamo la dentro..
ROMANO No.. andate, devo arrivare..
ORA.. A ME MI PIACE.. E VOI, NOI SIAMO MALATI, IO.. A
MELIA ME COLA NESCI, COLA ROMANO MI VEDONO.. GIUSTO
O NO?
IO.. IO NON.. QUANDO IO DEVO VEDERVI PIU SPESSO,
ROMANO soltanto che io mi sono combinato.. la mattina di venerd sono dovuto
partire per Roma e sono amvato a mezzanotte qua, notte di venerdi..
NIELIA Ok.. basta!
1 ROMANO I Sono dovuto andare urgente..
l I ORA PERCH SIAMO, PERCH DOBBIAMO? DOBBIAMO 1
MELIA AIUTARCI? ORA "PEPPE IL L U P O ' " ~ ~E USCITO IN
LIBERTA..
ROMANO AH.. E USCITO?
XIELIA SI, TUTTO..
ROMANO SI E LIBERATO?
I I SI.. GIUSTO O NO? IO DEVO VEDERE. IO GLI HO I
I 1 MANDATO A DIRE SE HA BISOGNO, QUELLO CHE.. CON IL I
MELIA FIGLIO, SE HA BISOGNO, SE HA BISOGNO DI SOLDI E
TUTTO.. PER L'AVVOCATO? CHE SONO A DISPOSIZIONE!
DOVEVO FARLO QUESTO DOVERE. SI O NO?
( ROMANO GIUSTO!
I MELIA GIUSTO O NO?
ROMANO GIUSTO!

! OH! iMANNAGGIA A DIO! SE HO TORTO iME LO DITE..


COMPARE VINCENZO VOI AVETE TORTO..

/ NO, NON AVETE NESSUN TORTO, IO VI STO DICENDO CHE


l?GIUSTO!

' " k L ' u o m oe stato identificato in FABIANO Giuseppe. di Rocco e VARACALLI Antonia, nato a Plati il
17.1 1.196l. residente ad Ardore in Via Foscolo nr. 02 e domiciliato a Plati- Fraz. Cirella in C.da Gioppo
nr. 04. In effetti nel corso di una conversazione telefonica con ROMANO Nicola, riportata nel Capitolo
Il1 egli stesso si autodefinisce "Peppe u lupu";
IMELIA Non scrive?
ROMANO No.. scrive..
MELIA Andiamo.. che andiamo la..
No, aspettate che ce l'ho la penna.. ho la penna qua dentro.. AH SI E
LIBEIWTO PEPPARELLO? -
MELIA SI!
ROMANO MENO MALE..
MELIA SI!
ROMANO ..incomvrensibile..CHISSA COME L'HANNO CACCIATO..

ROMANO
i NON SO, LUI RISPONDE A CASA, iMA LIBERO IN TUTTI I
MODI..
-
. -- .

AH.. LIBERO SI..


I
LMELIA ORA.. J

ROMANO A PIEDE LIBERO, PUO RISPONDERE A PIEDE LIBERO..


E VA BENE NON E.. VUOL DIRE CHE NON STATO
PESANTE..
- ROMANO no.. 11.. ieri hanno buttato una condanna a Reggio..
MELIA Non so a chi..
ROMANO Hanno buttato una condanna pesante..
IMELIA A chi?
ROMANO Sono i Sidernesi. ci sono i Lo cresi. ci sono..
MELIA / Per quando lo fate questo assegno? 1
Eh.. ora ve lo dico io.. per.. glielo possiamo fare per il 10 di Novembre?
ROMAiYO Perch ce l'ho fino al 15 di Novembre me l'hanno ttti, mi hanno 15
mila euro..
~~~ -

Mannaggia alla Madonna! .. 3 mila euro.. scrivetelo a me Vincenzo


MELIA..

L'eccezionale valore della conversazione appena riportata era gi di per s lampante anche
alla sua sola semplice lettura, ma si ritiene che necessiti comunque di un commento.
I conversanti facevano un quadro dell'associazione per delinquere della quale erano
promotori, indicandone i componenti piu rappresentativi, la natura del vincolo che li legava
ed i principi a cui si ispiravano, corrispondenti in tutto e per tutto a quelli della pi ampia
associazione per delinquere denominata 'ndrangheta.
Si ritiene pero di dover ora descrivere ancor meglio la struttura della "corona". Si gi
detto che il suo capo indiscusso era MELIA Vincenzo, che vantava al suo fianco due fidati
collaboratori. ROMANO Nicola e NESCI Nicola, con il ruolo attualmente di "capi
consiglieri", mentre deputati a ricoprire il ruolo di semplici "consiglieri" vi erano
VARACALLI Giuseppe e SICILIANO Giuseppe, anche se a causa del loro
comportamento costoro sarebbero stati poi tenuti in scarsa considerazione dal loro
superiore gerarchico.

Assieme ai tre soggetti posti ai vertici della "corona" vi erano quindi altrettanti "capi
locale":

- VARACALLI Giuseppe, uomo di grande spessore criminale, matioso per


discendenza secondo quanto accennato in precedenza, a capo di un vasto "locale",
facente parte integrante della "Corona" ed in lizza, assieme al cognato SICILIANO
Giuseppe, per I'ottenimento di ulteriori "doti" da parte del suo superiore gerarchico
MELIA Vincenzo:" O$i dite a Peppe Varacalli ed a Peppe Siciliano, sotto la mia
piena responsabilith, le sue doti sono per la "Sacra Corona'' sono conservate
..
..11naparola incomprensibile.. chiuso e basta! quando sto comodo".

- RASO Giuseppe, gi individuato quale soggetto di alto interesse investigativo,


inserito nella "corona*', si era comunque messo negativamente in luce quale elemento
di disturbo all'interno dell'associazione. Costui infatti aveva rischiato di
destabilizzare l'ambiente e rompere gli equilibri esistenti, con il suo atteggiamento di
stida a ROMANO Nicola, all'intemo di un "locale", Antonimina, diverso da quello
di competenza, ma nel quale risiedeva con la propria b i g l i a .
Si poteva cogliere in modo del tutto diretto, senza necessita di interpretazioni di alcun
genere, il rammarico che, sia ROMANO Nicola sia MELIA Vincenzo, provavano per
la concessione a costui della "dote" di "capo locale" del temtorio di Canolo.
Infatti MELIA Vincenzo sottolineava al ROMANO Nicola che "per voi stato fatto
di Canolo", tanto che quest'ultimo ammetteva amaramente di aver clamorosamente
sbagliato nella valutazione del soggetto, in quanto si era poi dimostrato inaffidabile e
poco rispettoso delle "regole d'onore", come anche ampiamente descritto nel capitolo
precedente.
In relazione all'elezione di RASO Giuseppe quale "capo locale" di Canolo si era
espresso in modo del tutto netto anche BOVA Giuseppe, altro anziano 'ndranghetista
inserito nell'organigramma dell'associazione, poich avrebbe: " fatto un macello! e
si fatto come un animale con me perch gliel'ho data..''

- FABIANO G i u s e ~ p e ' alias


~ ~ , "Peppe u lupu", ultimo soggetto individuato come
componente dell'organigrarnma della "Corona" con ruoli dirigenziali.
Nel corso del colloquio MELIA Vincenzo dava comunicazione al ROMANO Nicola
che costui si era appena liberato dai problemi giudiziari scaturiti da un'accusa di
traffico di stupefacenti e questi si rallegrava per l'evento, mostrandosi piuttosto
sollevato per la notizia ricevuta.
Agli atti d'ufficio risulta infatti che il FABIANO era stato destinatario di O.C.C. nr.
5069/04 R.G.G.I.P. e N. 28/06 D.D.A. emessa dal Tribunale di Reggio Calabria in
data 4 Luglio 2006.
Trascorsi due mesi di latitanza si era consegnato spontaneamente al Comando
Stazione Carabinieri di Plati in data 26 Settembre 2006.
Solo tre giorni dopo il Tribunale di Reggio Calabria emetteva Decreto di
scarcerazione N. 5069104 R.G.N.R. D.D.A. e N. 3397105 R.G.I.P. D.D.A.
In data 14 Dicembre 2006 gii veniva notiticato dal Commissariato di Bovalino
llAwiso Orale.
Si da atto che nel mese di Ottobre 2008 l'indagato veniva coinvolto nuovamente in
un'operazione di polizia inerente il traffico di stupefacenti, denominata
"Black&Withe", condotta dalla Compagnia Carabinieri di Villa S. Giovanni su t 2
delega della Procura della Repubblica DDA presso il Tribunale di Reggio Calabria.
Anche in quel caso il FABIANO Giuseppe si rendeva irreperibile per poi consegnarsi
spontaneamente al Comando Stazione Carabinieri di Plati qualche mese dopo.
MELIA Vincenzo, da buon capo mafia, in occasione del primo arresto nell'amo
2006 era subito accorso in suo aiuto, gli aveva "mandato a dire se ha bisogno,
quello che.. con il figlio, se ha bisogno, se ha bisogno di soldi e tutto.. per
l'avvocato? che sono a disposizione!", chiedendo al suo fido consigliere se il
comportamento adottato fosse giusto e necessario. ROMANO Nicola ovviamente
I04
FABIANO Giuseppe. alias "Peppe u lupu", nato a Plati il 17.1 1.1961 ed ivi residente. Frazione Cirella,
C.da Gioppo nr. 4;
approvava in toto la condotta del proprio superiore, in quanto rientrante tra i "doveri"
dettati dal vincolo associativo allorquando qualche affiliato abbia problemi con la
Giustizia.

Diversi mesi dopo si aveva conferma dell'appartenenza di FABIANO Giuseppe alla


'ndrangheta e della sua vicinanza alla cosca SPAGNOLO di Cimin, poich lo stesso
veniva citato nel corso dei verbali di interrogatorio redatti nei confronti del collaboratore di
giustizia VARACALLI Rocco, nell'ambito del Proc. Pen. 26195105 R.G.N.R. e 10900105 e
nr.6191107 della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Torino e nr. 1723107
R.G.N.R. Ignoti D.D.A. di Reggio Calabria.
In particolare:

1. FABIANO Giuseppe, alias "Peppe u lupu", nato a Plat il 17.11.1961, residente a


Cirella in c.da Gioppo, veniva citato nel corso dell'interrogatorio effettuato in data
5 Aprile 2007, in Roma, in questi termini:
6'
...omissis.. . ( vds pag. 10-1 1) L 'uffiio da atto che vengono mostrate al VARACALLI
alcune effigi e precisamente dal numero 45 al numero 52...omissis.. . foto nr. 50:
riconosco la persona raffigurata ma non ricordo il suo nome, sono sicuro che abita a
Cirella e con cui mi sono incontrato molte volte...omissis.. .L 'ufficio da atto che la foto
nr. 50 raffiura FA BIANO Giuseppe nato a Plai il 1 7.11.1961; apprese le generalit
l'indagato dichiara: lo conosco molto bene ed inserito nella 'ndrangheta e fa parte
del gruppo di Spagnolo.. " .
MELIA Vincenzo si era comunque ricreduto sulla personalit di alcuni suoi sottoposti a
seguito del loro comportamento poco conforme alle regole imposte dal vincolo associativo.
Si gi piu volte parlato delle vicende precedenti al dialogo di cui si tratta, e relative ai
fatti accaduti a LIGATO Giuseppe, dei quali RASO Giuseppe era la causa principale.
Oltre a ci era possibile comprendere la vicenda di VARACALLI Giuseppe, il quale aveva
trmalmente protestato poich un aftiliato all'organizzazione, venuto dall'Australia, si
sarebbe, a suo dire, nascosto per non salutarlo in occasione della sua visita.
La venuta in Italia di VARACALLI ~ u i g i ' ~ POCO'. tempo prima, si era resa necessaria
allorquando MELIA Vincenzo aveva deciso di consegnare una "dote" ad ~ f r i c o ,e' tale ~~
operazione era awenuta previo concerto con i consiaieri della "corona", primo tia tutti
ROMANO Nicola.

"l5 VARACALLI Luigi, di Rocco e di TRIMBOLI Giuseppa. nato a Plati 1'1 1.02.1941, gi residente a
Cirella di Plati in C.da Senoli ed attualmente residente in Australia dal 34.06.1967. a Sidney, 30 Grace
Avence 02765 Riverstone. Coniugato con MONTELEONE Giuseppa, di Rocco e F A B I ~ OMaria
Eugenia, nata a Cirella di Plati il 14.01.1944. I due coniugi risultano avere due figli, VARACALLI
Giuseppa, nato a Plati 1' 1 1.01.1963 e VARACALLI Rocco, nato a Plati il 19.08.1965.
L'interessato fratello di:
VARACALLI Giuseppe. nato a Plati il 10.12.1950 ed ivi residente in C.da Senoli n,.25,
pregiudicato, coniugato con PIPICELLA Colombina. nata a Locri il 04.09.1959:
VARACALLI Natalina, nata a Plati il 25.12.1959. ivi residente in C.da Senoli nr. 36. coniugata con
PIPICELLA Sebastiano, nato a Careri il 10.08.1957;
Vedasi a tal proposito accertamenti anagratici effettuati presso i comuni di .4rdore. Cimin e Plati in
allegato 19. dai quali emerge che il VARACALLI Luigi l'unico individuo con tali generalit emigrato
in Australia.
I rh
Dai riscontri investigativi, riportati al capitolo 111, era emersa la vicinanza di MELIA Vincenzo ad alcuni
soggetti di origine calabrese emigrati in Australia. tra cui tale "MAVIGLIA Saro", originario di Africo.
identificato in MAVIGLIA Salvatore. nato ad Africo il 24.02.1940. coniugato con STAITI Domenica.
nata a Bova Marina il 31.01.1962. iscritto all'AIRE del comune di Africo dal 18.11.1991;
VARACALLI Giuseppe si era indignato per il comportamento dell'emigrante, e si era
rivolto in modo piuttosto perentorio a NESCI Nicola per evidenziare la problematica.
In realt VARACALLI Luigi e la moglie si erano recati presso l'abitazione di
VARACALLI Giuseppe per trgli visita e si erano intrattenuti con la sua consorte, tanto
che l'incomprensione generatasi tra i due era stata immediatamente appianata.
VARACALLI Giuseppe aveva per a sua volta compiuto una mancanza ritenuta "grave"
da MELIA Vincenzo e da ROMANO Nicola. Inttti il "capo locale" di Ardore, dopo aver
allarmato inutilmente gli animi, non si era premurato di awisare gli altri afiliati del gesto
riparatore compiuto da VARACALLI Luigi, trattandoli da "pupi", mancando quindi ad
uno dei doveri imposti dall'affiliazione alla "corona", poich: "il rispetto, il rispetto
dobbiamo dirglielo, deve essere reciproco o per bene...omissis...che ci valutiamo a
vicenda belli e puliti e che ci guardiamo le spalle l'uno con l'altro ..."
Questa duplice delusione aveva fatto ricredere il MELIA Vincenzo nei progetti di
evoluzione della "corona", poich questi si dimostrava poco intenzionato a frsi garante
dei vari "capi locale" a lui sottoposti, nei confronti di alcuni personaggi ai quali dichiarava
di dover dare conto, perch "hanno detto che vogiono vedere tutto!".
Si amplier a breve-l'esposizione delle indagini compiute anche su tali soggetti, indicati
genericamente con i loro cognomi, "FEDERICO, CANALE, CRISTIANO ed il
"Professore", tutti successivamente identificati e facenti parte di un ''gruppo di
riferimento" per i componenti della "Sacra Corona".
Un incontro tra i principali promotori dell'associazione, cio MELIA Vincenzo ed i suoi
due capi consiglieri ROMANO Nicola e NESCI Nicola, aweniva in data 23 Dicembre
2006 e veniva solo parzialmente monitorato dagli apparati di intercettazione da poco
istallati nell'abitazione di Via Leopardi ad Ardore, poich la ricezione era di pessima
qualit.
In quell'occasione'67 si riusciva solo a capire che MELIA Vincenzo sapeva di una riunione
gi awenuta tra ROMANO Nicola e NESCI Nicola, ma il prosieguo del dialogo era
assolutamente incomprensibile a causa della predetta anomalia.

La valutazione del comportamento di VARACALLI Giuseppe era oggetto di dialogo'68


anche in data 2 Gennaio 2007:

..incomprensibile.. VARACALLI.. ..incomprensibile.. voi qua!


..incomprensibile.. E GIUSTO O NO? QUANDO LUIGI
VARACALLI. PENSANDOCI BENE.. L'HO CHIANIATO
ALL'AUSTRALIA.. GIUSTO? CHE SI DICE. CHE NON SI DICE?
..incomprensibile.. perch compare Cola.. ..incomprensibile.. GLI HA
&IELIA VISTO LA MOGLIE! .. IN MANIERA CHE A COLA NESCI L'HO
..incomprensibile.. MA SE P E P P E VARACALLI TI HA
CHIAMATO.. VA BENE! HA VISTO LA MOGLIE.. NON E
VENUTO A VEDERMI. PERCHE IO SONO STATO MALATO.. ..
..incomprensibile..QUANDO TU SEI VENUTO DALL'AUSTRALIA..
..incorn~rensibile..

11 comportamento piuttosto negativo di alcuni affiliati alla "Corona" non solo aveva deluso
il MELIA Vincenzo, ma aveva fatto tramontare anche l'idea di mantenere i rapporti di - -

affiliazione in modo conforme ad alcune regole di 'ndrangheta, ossia mediante periodiche


riunioni che rafforzassero sempre di pi il vincolo "di sangue" che li accomunava.
1<,7
Vedasi verbali di trascrizione nr. 250 e 251 ( Rit. 21 13/06 DDA) del 13.12.2006in allegati 30 e 3 1:
'"'Vrdasi verbale di trascrizione nr. 1027 (Rit. 1897:OCi DDA) del 02.01.7007 in allegato 32;
La delusione traspariva alesemente dalla registrazione a m b i e n t a ~ e 'del
~ ~ 30 Dicembre
1006 e dai due dia10ghi'~'del 2 Gennaio 2007.

La prima registrazione permetteva anche di comprendere quale fosse il "peso" dato al


parere del gi citato BOVA Giuseppe nelle vicende della "Corona":

Omissis da inizio trascrizione a pag. 3 del verbale...


11 MELIA I ..
EH.. E C H E S I DICE..? VI SALUTA PEPPE BOVA..
ROMANO DEVO ANDARE A VEDERLO..L
MELIA SIETE ANDATO..
ROMANO DEVO ANDARE A VEDERLO..

i-
MELIA ..incomprensibile..
LO SO.. "E UN UOMO.. UN UOMO ONESTO, UN UOMO
ROMANO
..
ONESTO COME A LLTI" PER L'AMOR DI DIO..
HA DETTO.. E GIUSTO PER NICOLA NESCI.. NICOLA QUA E
LA.. HA DETTO C H E SI.. PER VEDETE.. HA DETTO.. ORMAI
MELIA A IME.. LE COSE DISSE.. LE LASCIAMO STARE..

* ..incomprensibile.. PERCH LUI SI E RISENTITO.. PER PEPPE

LI LASCIAMO STARE.. COME?


1 MELIA ( C H E NON C'E PIU NIENTE..
ROMANO OGNUNO OUELLO C H E HA.. S E LO TIENE PER S E E VIA!
MELIA Se noi..
SE VOI.. SE VOI.. SE VOLETE CHE LASCIAMO STARE..
LASCIAMO STARE.. OGNUNO OUELLO C H E HA S E LO
TIENE.. SI.. PERO.. GIUSTAMENTE DOVETE ESSERE
RICONOSCENTI.. A C H I VE L'HA DATO!
LMELIA -1
ROMANO A C H I VE L'HA DATO! EH.. E GIUSTO? ..
MELIA EH!
NON VOGLIO DIRE.. AD ALTRI.. MA A CHI VE L'HA DATO
VOLETE ESSERE RICONOSCENTI!
MELIA EH.. IO VE L'HO DETTO A VOI..
ROMANO Ma.. ma.. che.. ..incomprensibile..
A IME L'HA DETTO.. A ME.. ME L'HA DETTO PEPPE BOVA..
( MELIA I
MI HA DETTO PER LORO.. G L I HO DETTO.. ..incomprensibile..
ME LO SALLITI.. COMPARE COLA.. DISSE.. COMPARE
COLA E LO SAPPIAiMO!
ROMANO E mannaggia.. che deve uno.. prima lo pensa e poi lo fa @i disse..

Pochi giorni dopo la discussione verteva nuovamente sul medesimo argomento:

LO SBAGLIO
, GROSSO.. L'IMPORTANTE E C H E LO DICO..
ROMANO NON E CHE.. VOI GLIEL'AVETE DATA COMUNOUE AD
] ARDORE.. BASTA!

"l'Vedasi verbale di trascrizione m. 1002 ( Rit. 1897/06 DDA) del 30.17.7006 in allegato 33;
""edasi verbali di trascrizione m. 1015 e nr. 1016 ( Rit. L597/06 DDA) del 02.0 1.1007 in allegati 34 e 35;
MELIA SI..
EHH.. EH.. BASTA! CHIUDETEVI IL.. (BATTE LE 'MA~lrl)..
EHH..
COMPARE COLA.. SE VE L'HO DETTO IO.. E VOI MI AVETE
DETTO.. ASPETTATE CHE ..incomprensibile..
EHH.. BASTA.. PERCH GIA C'ERA.. C'ERA PEPPE..
\
1 3 1 ~ ~ 1 ..incomprensibile..
~
! ROMANO E SE L' TENUTA.. SE L' TENUTA CON LUI..

Ed ancora:

IL DISCORSO SI FACEVA VERAMENTE PER BENE, E


GIUSTO? NON CHE..
MELIA EH!
SENZA CHE APPROFONDIAMO LA DA VARACALLI.. PEPPE
VARACALLI, NON TANTO PEPPE SICILIANO.. MA OUESTO
VARACALLI.. COME INCARICHI.. SEMPRE.. LUI VENUTO
S I E OFFERTO ..incomprensibile.. TUTTI! GLI AMICI SUOI L.:
TUTTI.. LA VOI LI SAPETE MEGLIO DI ME.. VORREBBE
DOMINARE NO! ..incomprensibile..
MELIA L O FANNO PER MOSTRARSI..
COMPARE VICE.. ABBIAMO PARLATO FINO AD ORA.. "NON
C'E NIENTE PIU"! GIUSTO? NON C'E NIENTE! ERA BELLO
CHE CI VEDEVAMO OGNI TANTO E PASSAVAMO DUE ORE
C I IMBROGLIAVAMO. VOLTAVAMO. GIRAVAMO i
RAGIONAVAMO.. BEN BENE.. SE SI POTEVA FARE UN
DISCORSO...
MELIA Compare..
"SACRO E SANTO VERAMENTE* DOVE "I CRISTIANI*
DOVEVANO VENIRE PER UNA NOTIZIA.. E GIUSTO?

'L3
La notizia che dall'Australia fossero giunti dei titoli, tecnicamente definiti dagli indagati '1 Y,
J l
con il termine di "medaglie", per mano di VARACALLI Luigi, era ancor pi chiaro nel
corso della conversazione'" registrata in data 4 Aprile 2007:

VEDETE CHE LA.. LO DEVONO METTERE ALLA PROVA. CHE


ROMANO UN UOMO CHE PU PORTARE UN PESO.. NON GLIELO
r
DANNO!
MELIA
.-p- - NO!
-

EH.. E GIUSTO.. NOI LA PRENDIAMO QUA.. LO BACIAMO,


GLI DIAMO OUESTO MERITO.. E GIUSTAMENTE FINISCE
LA! MA E UNO SBAGLIO GROSSO! PERCHE LOGICAMENTE
ROMANO PER OGNI COSA.. EH.. E INUTILE CHE 1 0 G L I DO UNA
;CIACCHINA.. YELLE 3IAiYI AD UNO CHE NON LA SA
GUIDARE.. GIUSTO? 9UESTO COMPARE VICE.. PERCHE IN
QUELLO LA.. MAGARI HA VISTO.. UN DISCORSO NUOVO!

"' Vedasi verbale di trascrizione m. 1957 (Rit. 1897106 DDA) del 04.04.2007 in allegato 36;
138
{H.. MAGARI..HA GIRATO ATTORNO.. ED HA VISTO CHE DI
)UESTE..
4 iME.. ME L'HAiYNO DATA..
)I QUESTE PERSONE NON.. NON HA TROVATO..
.incomnrensibile..
YON HATROVATO SPIRAGLIO DI.. EPPURE c7.. c'..
IOM'? CHE TU SIA UN UOMO, CHE TU SIA UN UOMO
4LTERNATO DI QUESTA VITA.. DI OUESTO SACRAMENTO..
ROMANO
L'HO VALUTATO.. DELLA BIBBIA. DEL VANGELO..
ECCETERA.. TU DEVI SAPERE CHE QUESTO c'! E UNA
DOTE DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO!

PERCHI
GIUSTAMENTE L'HA PORTATA AVANTI.. E
PUANDO L'HA FINITA.. OUANDO LOGICAMENTE.. E POI
YON LO SO SE CI SONO ANCORA ALTRI. ALTRI
SACRAMENTI.. FINITA. FINITA IN QUESTO
l SACRAMENTO!
1 MELIA E FINITA..
NON DEVI SOTTOVALUTARE.. SOTTOVALUTI SE C'E O NON
c'! LEGGITI.. LEGGITI.. LEGGITI IL VANGELO! POI.. POI..
ROMANO
PERCHE SUL VANGELO CI SONO DELLE PAROLE CHI
PORTANO QUA..
POI.. ECCO.. ECCO.. QUANDO LUIGI VARACALLI HA
PORTATO LE iMEDAGLIE DALL'AUSTRALIA.. GLIEL'HA
DATA A SUO ZIO.. SUO ZIO L'HA DATA
..incomprensibile...MANCAVA SOLO.. .incomprensibile... TE L'HA
DATA IL SUOCERO TUO? CHE CAMBIA?...NON PENSI

NON E QUESTO COMPARE VICE, NOI CI DOBBIAMO


NIETTERE IN TESTA..

1 MELIA
QUANDO PEPPE BOVA GLI HA DETTO.. SE ERA PER M E
NON.. ..incomprensibile..
CI DOBBIAMO METTERE IN TESTA.. CHE OGNI UOMO
..incomprensibile..BASTA! OUELLO CHE PRIMA c'.. EHH.. NEL
1 ROMANO DISCORSO ..incomprensibile..LA E UNA RUOTA GRANDISSIMA!
CHI NON PU PORTARE UN CERTO PESO.. NON GLIELO
DANNO! EH.. INUTILE CHE ORA..

l-
MELIA MA I 0 HO SBAGLIATO..
VOI SIETE ANDATO CORRENDO.. ..incomprensibile..NO! NON
QUESTO IL DISCORSO.. IO PORTO LA COSA PIU AVANTI.. IO
VI RINGRAZIO PER L'AMOR DI DIO. NON HO PAROLE PER
I ROMANO RINGRAZIARVI! PERO IO SONO ARRIVATO LA E BASTA. IMI
SONO FERMATO.. BASTA! IO HO CAPITO CHE QUA.. CHE
QUA.. %I1AVETE DETTO DI ANDARE LA.. OPPURE DI.. IO VI
RINGRAZIO PER TUTTO.. PER L'AMORE DI DIO!
1 ROMANO
1
YELIA QUANDO PORTA ..incomprensibile..GLIELA DIAMO..
PERCHE GIUSTAMENTE..
QUESTO SOTTO LA MIA RESPONSABiLITA!
PERCHE GIUSTAMENTE.. NON SI PU FARE.. SAPPIAICIO E
1 ROMANO ABBIAMO CAPITO.. CHE GIUSTAMENTE SONO COSE SACRE!
.. SONO COSE CHE.. PERCHE [O OGNI TANTO QUANDO HO
TEMPO.. LEGGO! IO QUANDO HO TEMPO.. LEGGO! IO
LEGGO.. CAPITE.. PAROLA PER PAROLA.. POI NON LE
iMEMORIZZ0 TUTTE IN TESTA CHE HO ALTRI CAZZI PER
LA TESTA..
MELIA Ehh.. ..incomprensibile..immaginate..
PER IO LE LEGGO TUTTE.. PERCHE LOGICAMENTE
QUESTE SONO COSE.. CHE NON LI SEGNIAMO NO[.. MA
ROMANO BENSI.. NOSTRO SIGNORE GES CRISTO.. CHE E STATA
PAROLA PER PAROLA.. HA FATTO IL MONDO INTERO! DI
REGOLE! DI SACRAMENTI! ..
Ci che era stato consegnato da VARACALLI Luigi a MELIA Vincenzo era stato
distribuito da quest'ultimo con eccessiva fretta, in quanto chi aveva ricevuto questa sorta di
"elezione" non si stava dimostrando meritevole. In ci avevano sicuramente una parte di
responsabilit anche coloro i quali avrebbero dovuto invece indirizzare al meglio le scelte
dell'anziano emigrante, dato che ROMANO Nicola aveva "raccomandato" RASO
Giuseppe, e NESCI Nicola, molto vicino al "locale" di Ardore ed ai suoi piu alti
rappresentanti, aveva caldeggiato la candidatura di VARACALLI Giuseppe e SICILIANO
Giuseppe.

Qualche mese dopo si riusciva a comprendere'72 che il progetto di unione nella "Sacra
Corona" dei "locali" di 'ndrangheta del circondario era ben pi ampio del nucleo primario
costituito da MELIA Vincenzo, ma che le vicende successive lo avevano fatto
parzialmente recedere dall'intento iniziale.

In questo frangente era piuttosto chiaro l'intervento di ROMANO Nicola per evitare che
l'anziano "capo corona" facesse ulteriori errori, dato che lo sconsigliava di privare altri
aftiliati, in particolare RASO Giuseppe, delle "medaglie" o "doti" a loro assegnate :

Omissis da inizio trascrizione a pag. 3 del verbale.. .

EHH.. SONO COSE CHE UNO NON DEVE METTERLE ALLA


LUCE DEL SOLE.. PERCH..
:
TUTTI.. NON SONO COSE DA PERCH VOI AVEVATE
COMINCIATO.. A FARE UN LARGO GIRO..
NIELIA E BASTATO!,
ROMANO E NON&
BASTA! AVETE VISTO CHE DUE SE XE SONO ANDATI A
CASA..,
ROMANO NON E GIUSTO PERCHE..
MELIA EH.. AVETE VISTO CHE DUE SE NE SONO ANDATI A C A S A . . j
ROMANO "SONO COSE RARE" COSE CHE.. ..
E PIANO.. PIANO COME iM'INCONTRA VOSTRO COMPARE
GLIELA CACCIO PURE..
NO.. NON ANDATE A PARLARE CON QUELLO.. LASCIATELO
FOTTERE.. NE HA DISGRAZIE NELLA PANCIA!
NELIA SI..

l'' Vedasi verbale di trascrizione nr. ?257(Rit. 1897!06 DDA) in allegato 37:

140
LASCIATELO FOTTERE! "SONO U O ~ ~ ~T ~ N ~I D I M E N T O S I
ROMANO
(traditori), QUESTI NON SONO UOMINI BUONI"..,
1 ,MELIA E VA BENE..
ROMANO MI SONO PENTITO.. PERCHE PENSAVO DIFFERENTE..
MELIA EH.. BRAVO!
ROMANO SE NO.. "SI TENEVA QUELLA CHE AVEVA LUI"..

ROMANO JS
MELIA BASTA!
C H E POI QUESTI VE CONTRACCAMBIANO.. UNA COSA
BUONA VE LA CONTRACCAMBIANO A MALE..
MELIA AH.. VA BENE..
1
ROMANO "SONO TRADIMENTOSI.. QUESTI UOMINI"..
MELIA E va bene ..incomprensibile..
Si basta.. spero solo ..incomprensibile.. e basta! Compare Vice..
ROMANO
..incomprensibile..
SAPETE DI C H I HO FIDUCIA OUA.. DEL BARBIERE"' E PEPPE
BOVA..
PEPPE BOVA.. AH.. AH.. AH.. "PEPPE BOVA UN UOMO
D'ONORE VERAMENTE"!
MELIA E SE PARLO..

I "NON UN UOMO DI SOLDI O UN UOMO ABUSIVISTA*! ..


ROMANO "QUELLO E UN UOMO D'ONORE CHE CAPISCE LE LEGGI DI
CESU CRISTO"!,
,MELIA Certo!
UELLO LE CAPISCE "LE LEGGI SACRE", "LE LEGGI SACRE
DI NOSTRO SIGNORE CESU CRiSTO'9!
MELIA QUELLO QUANDO NON MI VEDE..
ROMANO E LE RISPETTA..
E NON [MI SENTE.. IMANDA AMBASCIATE.. COME SIETE,
COME NON SIETE..
AVETE CAPITO? ,MA NOI.. GLI UOMINI CHE S I TROVANO
SONO UOMINI DI SOLDI E BASTA..

r
MELIA E BASTA..
' ROMANO E BASTA! SENZA CHE ANDIAMO PIO LONTANO..
-

NOI CON COMPARE COLA (ndr: NESCI Nicola).. C I SIAMO


ACCHIAPPATI UN'ALTRA VOLTA L'ALTRA SERA.. LUI.. PER
QUELLO CHE FACCIO CON PEPPE VARACALLI.. 9
IL ..
"SOLDATO" VA.. E "SOLDATOn QUESTO QUA.. QUESTO
CHE.. GLI HO DETTO A COMPARE COLA.. E TANTO C H E
NON.. NON AVETE TEMPO GLI HO DETTO 1 0 PER
..incomprensibile.. IMA VOI LO SAPETE CHE RAPPRESENTATE
COMPARE COLA..
LASCIATE ANDARE.. ANDATE PIANO, LASCIATE ANDARE
COMPARE VICJ,
,MA IO.. STATTI ZITTO! ..
GLI HO DETTO IO.. COMPARE
COLA.. COLA ROMANO E INTRIGATO COME VOLETE, "IL
171
Identificato in MACRI' Nicola. nato ad Ardore il 04.04.1957 ed ivi residente in Fraz. S. Nicola-C.da
Lrinzo 8ib, in quanto nella conversazione precedente era indicato quale "Nicola" e lo stesso risultava dalle
intercettazioni telefoniche in stretto contatto con gli affiliati del "locale" di Ardore::
PROFESSORE" GLI VUOLE BENE.. OUESTO LO CONOSCE..
VAI A FARE IN CULO.. GIOCHIAMO! E GIUSTO O NO?

L'UOMO.. L'UOMO GUARDATE PIU SACRO PIU VALIDO..


ABBIAMO TUTTI BISOGNO..
NIELIA IMA QUESTI NON CAPISCONO CHE VUOLE DIRE..
ROMANO OGNUNO..

ROMANO OGNUNO RISPONDE DEL SUO..


MELIA VA BENE ..incomprensibile..
I ROMANO 1 Va bene.. statevi bene.. l

Si trattava di ''medaglie" che MELIA Vincenzo era in grado di istituire per premiare l'uno
o l'altro consociato e "doti" che avevano radici antiche e che, secondo quanto indi~ato"~
dagli stessi indagati, erano appartenute a personaggi tra i quali alcuni erano gi noti in
ambienti giudiziari per le loro malefatte e per la ormai acclarata appartenenza alla
'ndrangheta:

ROMANO
Omissis da inizio conversazione a pag. 9 del verbale.. .
MEDAGLIE NON NE ABBIAMO FATTE PIU.. NIENTE?
.
.MELIA .iH?

SE VOLETE FARLA.. LA FATE SINGOLA.. SENZA CHE LO


SAPPIA NESSUNO..
MELIA AH?
ROMANO SE VOLETE FARLA OUALCUNA.. PARE CHE..
MELIA SE VOGLIO FARLA.. ..incomprensibile..
ROMANO CHE NON LO SAPPIA NESSUNO..
iMELIA A ME NON MI FERMA NESSUNO COMPARE COLA..
VA BENE.. NON SI DEVE SAPERE. PERCHE GIUSTAMENTE..
NON SI SA.. SE LA PORTA PER LUI. OGNUNO.. TIENITELA
PER TE E BASTA! U N MERITO.. PERCH OGNUNO SE LO
DEVE TENERE PER SE..
T/ 1 0 GLIELO POSSO DARE A CHI VOGLIO!
ROMANO MA SENZA DIRGLI.. C'E TIZIO E C'E CAIO! -

' MELIA NO!


SE GLI DITE.. C'E TIZIO E C'E CAIO.. QUELLO NON LO
RICONOSCE.. ..incomprensibile..
QUANDO PER COLA NESCI E PER PEPPE VARACALLI..
'IELIA
ALLORA POI SI PERSO.. AVEVA RAGIONE PEPPE.. ..
ROMANO PEPPE CHI?
NIELIA BOVA!
EH.. PEPPE BOVA VEDETE CHE.. XON E CHE.. PEPPE BOVA..
b ? 4 U P A A S , 4 P P 9 ( S AILFATTOSUO)..
LMELIA SI!

174
Vedasi verbale di trascrizione nr. 2396 (Rit. I897i06 DDA) gi in allegato al presente Capitolo;
I ROMANO 1 CAZZO SE HA 1MAI PARLATO.. MAI CON NESSUNO!
iMELIA C m
ROMANO O PEPPE VARACALLI IL VECCHIO!""
MELIA PEPPE VARACALLI IL VECCHIO ..incomprensibile..
ROMANO
PEPPE VARACALLI IL VECCHIO.. ..incomprensibile.. HA FATTO
'IELIA
A PEPPE.. OUELLO CHE A TORINO!"<
ROMANO QUELLO CHE A TORINO?
MELIA SI..
ROMANO IO PARLO DI QUESTO CHE A TORINO..
MELIA AH?
ROMANO IO PARLO DI OUESTO CHE E A TORINO..
MELIA CON IL CAZZO CHE VENGONO!
ROMANO OUESTO NON HA NEANCHE FIGLI MASCHI?
'lELIA
NO! ..SI E INCAZZATO, SI E FATTO COME UN ANIMALE,
QUANDO HA SAPUTO CHE GLIEL'HO DATA..

ROMANO 1
CONOSCENDO L'INDOLE.. PER DIRE PEPPE SICILIANO..
CHE DICE.. NOI NON GLIELA ABBIAMO DATA PER DIRE A
TUO PADRE.. TU CHE LITIGHI PER DARGLIELA AL FIGLIO!
1
,MELIA SI!
ROMANO AVETE CAPITO?
1 MELIA ORAMAI ABBIAMO FINITO.. ..incomprensibile..
ORAMAI.. LI AVEVA FATTI.. PERO HA FATTO UNA DI UNA
1 MELIA
VIA, UNO DI UNA PARTE E UNO DI UN'ALTRA..
Dopo che gli hanno dato.. ..incomprensibile.. e basta! A Gianni
..incomprensibile..
A CHI? A IMICO RUGULO? A MICO RUGULO"~ NON ..
GLIEL9HANN0DATA..
MELIA NO, AL PADRE..
ROMANO AH.. IL PADRE..
A GIANNI "LUPU" ..incomprensibile.. A OUESTO SICILIANO E A

175
VARACALLI Giuseppe, nato ad Ardore il 18.08.1888. coniugato con CHME' Caterina. nata ad Ardore il
18.03.1896. piu volte sottoposto al confino di polizia, nonno dell'indagato VARACALLI Giuseppe classe
1953. gi nominato precedentemente durante un colloquio tra ROMANO Nicola e POLICHENI
Leonardo, riportato nel presente Capitolo;
176
Si tratta di VARACALLI Giuseppe, nato ad Ardore i l 11.03.1928 e residente a Gmgliasco (TO) in Via
Camillo Benso di Cavour nr. 27. identificato in quanto intestatano dell'utenza 340252759 1 a lui in uso, in
contatto con I'utenza cellulare in uso al nipote VARACALLI Giuseppe CI. 53, intercettata dal Gmppo CC
Ji Locri:
177
Si tratta di VARACALLI Giuseppe, nato ad Ardore il 23.04.1953. individuato quale "capo locale" di
Ardore e figlio di VARACALLI Antonio Paolo. nato a Ardore il 22.03.1913, deceduto;
173
SICILIANO Giuseppe. nato ad Ardore il 22.09.1950, ed ivi residente in C.da Strac nr. 717, cognato di
VARACALLI Giuseppe. classe 1953. indagato;
170
RUGOLO Domenico. nato a Oppido Mamertina 1' 1 1.06.1935 e ivi residente in Largo Lazio nr. 3;
ROMANO COMPARE PEPPE BOVA, SARO SCARFO'..
..incomprensibile.. SE I O NON L'HO DATA.. SARO SCARFO'
ME
..incomorensibile..
ROMANO L'AVEVA FATTO.. IL GIRO L'AVEVA FATTO!
..incomprensibile.. E GLIELA DAVO A LUI SOLO..
..incomorensibile.. IL CATANZARITI HA PRESO.. ..incomorensibile..
/ ROMANO 1 NON MI RICORDO NEANCHE I O COMPARE VICE..

I tratti incomprensibili non lasciavano intendere completamente la miriade di informazioni


utili a ricostruire i vari passaggi che "la dote" di cui parlavano i due indagati aveva fatto tra
i vari affiliati, ma si poteva ampiamente capire l'ennesima arrabbiatura di BOVA Giuseppe
per le decisioni di MELIA Vincenzo in favore di VARACALLI Giuseppe CI. '53 e del
cognato SICILIANO Giuseppe, l'avvenuta affiliazione di VARACALLI Giuseppe CI '28,
attualmente residente a Torino da parte del piu anziano omonimo'80 che avrebbe, come gi
precedentemente riferito, posto la "prima pietra" quando si era " formato il Crimine", il
coinvolgimento del noto RUGOLO Domenico e di altri individui non identificati come
"Saro S C A R F O e "Gianni U LUPU".

Ad alimentare lo scoramento di MELIA Vincenzo contribuiva anche un incontro con


BOVA Giuseppe durante il quale costui aveva riferito alcune affermazioni di NESCI
Nicola, poi confermate anche dal barbiere MACRI' Nicola presente ai fatti, ritenute dal
"capo corona'' piuttosto gravi e bisognose di un urgente chiarimento.
Cos si apprendevano alcuni aspetti di quest'ennesimo risvolto grazie ad un colloquio'8'
registrato nell'abitazione di Ardore tra MELIA Vincenzo e ROMANO Nicola:

I MELIA A COMPARE COLA NON L'AVETE VISTO PIU?


ROMANO ..incomprensibile..
1 MELIA NO? MI HA CHIAMATO LUI.. I
ROMANO VI HA CHIAMATO?
MELIA UH!
L'HO INCONTRATO L'ALTRO GIORNO, SONO PASSATI CON .i\
UN AMICO.. PER NON L'HO VISTO PIU! ..incomprensibile..
.
..incomprensibile.. POI.. $11 HA DETTO PEPPE BOVA h11 AVEVA ire
DETTO.. CHE.. DAL "BARBIERE".. ERAVAMO LA..
..incomprensibile.. A NESCI L'HAI VISTO? GLI H O DETTO EH..
NO! DISSE.. E VENUTO A TROVARE A ME C H E E ASSAI
IO.. /
DISSE! ABBIAMO PARLATO.. E DISSE.. ORAMAI LE GENTI
VENGONO.. MA NON c' NIENTE PIU! Mannaggia alla Madonna
DISSE.. SI STA VENDENDO PER FALSO! POI PER VOI MI HA
DETTO.. mamaggia alla Madonna DISSE! ..incomprensibile..GLI H O
DETTO IO.. MA POSSIBILE? L'ABBIAMO CHIAMATO..
..incomprensibile..E GLIEL'HO DETTO..
ROMANO ..incomprensibile..
..incomprensibile.. NO! LA IL BARBIERE DI FRONTE..
'"IELrA ..incomprensibile..IL BARBIERE.. ..incoinprensibile..

I YO
VARACALLi Giuseppe. cl. 1888, sopra generalizzato;
''l Vcdasi verbale di trascrizione nr. 52369 (Rit. 71 13/06 DDA) del 17.12.2007 in allegato 38:
1 ROMANO I IL BARBIERE? AH.. VE L'HA DETTO UN'ALTRA V O L T K
MELIA EH!
ROMANO ..incomprensibile.. uno di quelli.. ..incomprensibile..
PEPPE BOVA ..incomprensibile.. mannaggia alla Madonna.. C H E
NON GLI SEMBRA CHE HANNO A CHE FARE.. COLPI TU!
'"IELIA ..incomprensibile.. IL PRIMO TU.. ..incomprensibile.. DI QUATTRO
UOMINI DISSE!
ROMANO EHH.. MALEDUCATI!
MI .AVETE SENTITO? PEPPE.. GLI HO DETTO IO.. C H E N11
'IELIA
STATE DICENDO?
ROMANO Mannaggia alla Madonna del Carmine..
%IE LA PORTAVO ADDOSSO GLI HO DETTO IO! T E LA ..
PORTAVI.. COME ME LA SONO PORTATA IO! PERCHE
'lELIA
..
QUANDO 1 0 T I DISSI.. HA 90 ANNI GLI DISSE IL BARBIERE!
.. L'HANNO FATTO.. ..incomprensibile..NO.. VINCENZO BIELIA..
ROMANO E POI NON VI SIETE VISTI PIU?
-

MELIA CON CHI?


ROMANO CON PEPPE BOVA?
AIELIA NO.. NON L'HO VISTO!

MELIA VENITE C H E ANDIAMO UNA SERA ASSIEME,


ROMANO SI.. COSI RAGIONIAMO ..incomprensibile..
RISPETTATEMI! A CHI CAZZO STO TOCCANDO ORA!
MELIA ..incomprensibile..
ROMANO SI.. SI..
MELIA ..incomprensibile..uhhh!
ROMANO UNA SERA DI QUESTE VENGO E ANDIAMO..
MELIA SI.. E SE SAPETE C H I GLIEL'HA DETTO! ..incomprensibile..
I O PENSAVO CHE ERA LINO SERIO, O UNO SMIDOLLATO..
ROMANO ORA MI PORTO LA "DOTE" DEL ..incomprensibile.. C H E VI HA
DETTO.. ..incomprensibile..
MELIA EH.. E .. mannaggia alla Madonna! ..incomprensibile..
I
ROMANO E VOI VOLETE CONTINUARLA ANCORA!
3IELIA m
VOLETE CONTINUARLA ANCORA! EH.. EH.. COMPARE.. t 1
VINCENZO. VERO IL DISCORSO.. CHE. "COMPARE VICE
LA VUOLE ALLARGARE LA SITUAZIONE"! ..incomprensibile..
SIAMO COMBINATI,..incomprensibile..
MELIA Compare ..incomprensibile..deI rispetto!
~
ROMANO Noo.. per canta di Dio!
- ~-

MELIA Sono onesto!


E ALLORA NON DOVETE.. ..incomprensibile,. RISPETTO! ..
C'ERA RISPETTO.. RISPETTO! S I VEDE CHE..

Solo 5 giorni dopo, il 32 Dicembre 2007, in effetti NESCI Nicola si recava a tr visita ad
Ardore a MELIA Vincenzo ed i due venivano monitorati mentre chiarivano la questione.
La conversazi~ne'~~ era importantissima dal punto di vista investigativo in quanto spiegava
detinitivamente il senso della "Sacra Corona" e quale fosse, oltre all'argomento delle

'" Vedasi verbale di trascrizione nr. 53095 (Rit. 11 13/06 DDA) del 22.12.7007 e relazione di servizio del
Comando Stazione Carabinieri di Ardore in allegati 39 e 40:
affiliazioni, di "medaglie, "doti" e regole di 'ndrangheta, il reale obiettivo
dell'associazione che MELIA Vincenzo aveva inteso promuovere, cio il mutuo soccorso
tra gli associati nei momenti critici, la collaborazione concreta da un punto di vista
economico ed ambientale in tutti i territori da essi controllati, anche a costo di rinunciare
ad assidue frequentazioni, divenute pericolose per la particolare attenzione ai territori della
locride da parte delle forze dell'ordine, ed a formalismi di antico retaggio:

Omissis da inizio trascrizione a pag. 3 del verbale.. .


E POI VI DICO.. QUANDO AVETE VISTO .A PEPPE BOVA CHE
'IEL1'
GLI AVETE DOMANDATO A FA-
NESCI IO NON S O DIRVI..
Esco.. vado mi prendo il caff e poi torno a casa.. ..incomprensibile..
MELIA DOVE DEVO ANDARE.. DAL BARBIERE.. ..incomprensibile.. A
COMPARE COLA L'HO VISTO AVANTIERI..
NESCI CON NICOLA NON C I SIAMO VISTI..
1 MELIA C I SIAMO VISTI.. STA LAVORANDO..
1 NESCI ..incomprensibile.. DAL BARBIERE.. NON MI RICORDO..
M
M
1 MELIA
CHE VI SIETE VISTI E AVETE PARLATO PER IL FATTO DI
PEPPE BOVA..
I NESCI SI!
1 MELIA
VI HA CHIAMATO IL BARBIERE? .. IL BARBIERE.. SE VI SIETE
ACCORTO COMPARE COLA.. IL BARBIERE, ..incomprensibile..
IO GLIEL'HO DETTO.. GLI HO DETTO IO.. GLI HO DETTO IO..
C E NE SONO PIU GRAVI.. ..incomprensibile.. NO GLI HO DETTO
[O.. DI OUESTO IO NON MI RICORDO.. GLIEL'HO DETTO.. iMA

-
I 0 QUESTO NON E CHE LO NEGO.. iMA SECONDO ME.. LA
COSA O SI PARLA SUBITO.. ..incomprensibile.. PERCHE IO.. IO
DOPO UN ANNO NON MI POSSO RICORDARE OUELLO CHE
HO DETTO!
OH.. YEAH GIUSTO!
GIUSTO? DOPO UN ANNO CHE COSA DOVEVO?
GIUSTO.

..incomprensibile.. VOI DOMANI DOVETE DIRLO.. OUELLA SERA


COLA NESCI MI HA DETTO UNA PAROLA CHE SECONDO ME..
NON HA.. ECCO! PERCH IO DOPO TANTO TEMPO.. VI POSSO
DIRE.. L'HO DETTA PER OUESTO, L'HO DETTA PER
OUEST'ALTRO.. L'HO DETTA ..incomprensibile.. ECCO! DOPO
UN ANNO.. CHE COSA.. ,MA LA VOLETE DIRE?
MA OUANDO A ME MI HA DET
DETTO.. CHE NON c' NIENTE PIU, LASCIAMO STARE
QUESTE COSE! DISSE.. CHE LUI VI HA DETTO ,A VOI..
..incomvrensibile..
1 NESCI MA NON MI RICORDO COMPARE VINCENZO..
SE IO DEVO ..incomprensibile.. COMPARE COLA.. DICE.. VEDETE
PER CARITA.. OH! ORA DICE LUI.. COME MAI DICE.. COLA
XIELIA
NESCI DICE.. LMI DICE A ME CHE NON C'E NIENTE PIU..
( mannaggia alla Madonna!
g
SICURAMENTE NON GLI HO DETTO.. CHE NON c' NIENTE!
SECONDO ME.. GLI HO DETTO IO.. CHE NON CI SONO LE
CONDIZIONI! CHE NON CI 'SONO LE CONDIZIONI! PER
QUELLO CHE.. PER QUELLO CHE CI COMPORTA LA VITA
OGGI.. PER QUELLO CHE LA VITA OGGI!
MELIA NON DOBBIAMO GUARDARE QUESTO COMPARE COLA.,
NO CHE NON C'E NIENTE.. CHE NON c' NIENTE! IO..
SICURAMENTE.. NON c' NIENTE.. NON c' NIENTE.. NON MI
RIFERIVO.. SICURAMENTE SIAMO ARRIVATI.. NON C'E
NIENTE! E NON PENSO CHE QUESTE SONO PAROLE MIE! IO ..
HO POTUTO DIRE.. CHE NON CI SONO PIU LE CONDIZIONI..
DI TENERLA IN PIEDI COME BISOGNA FARE!
OUANDO UNO NON E PRESENTE..
NESCI POSSO DIRE DI NO..
AMELIA COMPARE COLA E IL PERNO DI CIMINA!
NESCI Io non che ..incom~rensibi!e..
AMELIA Ah?
NESCI Io non ..incomprensibile..
MELIA ..incomorensibile..

l--
NESCI
PER NON c 9 BISOGNO CHE V E D I A M O C H I C ~ D AMI ~.
CAPITE? VOGLIO DIRE.. SE C'E BISOGNO.. ..incomprensibile.. SE
MELIA
IL MOMENTO LO RICHIEDE POI.. ALLORA VA BENE! CERTO ..
CI CONOSCIAMO.. CI DOBBIAMO RISPETTARE, CI AMIAMO E
CI DOBBIAMO VOLERE BENE PERO! .. VE LO RICORDATE

NESCI SI!,
PERO.. SE COLA NESCI HA BISOGNO DI 20.000 EURO
STASERA? DEVONO USCIRE 20.000 EURO! ..(SI SENTE MELL4
CHE BATTE OUALCOSA SUL TAVOLO).. SEMPRE CHE NON ..
SONO ..incomprensibile.. SE SONO PER I FATTI SUOI NO.. NO! E
MELIA
GIUSTO O NO? ..incomprensibile.. PEPPE VARACALLI A S.
NICOLA.. OUA! SE GLI SERVONO.. ..incomprensibile.. .. LO PENSO
IO PER.. LO PENSO IO! RICORDATEVI CHE VE L'AVEVO
DETTO..
NESCI
MA IO LO PENSO.. PERCH CI CONTAVA MACRI' E SAR
C O S ~ PER MOLTO! SEMPRE ..incomprensibile.. PASQUALE
ACRESTA ..incomprensibile.. CE L'HA.. DA TUTTE LE PARTI CE

NESCI ..incomprensibile..
..incomprensibile.. L'HANNO LIBERATA ..incomprensibile.. VERSO
ZERVO ..incomprensibile..

"Non c' bisogno che vediamo chi comanda ...omissis...ci conosciamo, ci amiamo e ci
..
dobbiamo volere bene.. .omissis.. .per. se Cola NESCI ha bisogno di 20.000 euro
...
stasera? Devono uscire 20.000 euro! omissis...Peppe VARACALLI a S.
.".
Nicola.. .qua! Se gli servono..
Perentorio e risoluto il "capo corona" ribadiva dei principi espressi personalmente in
occasione della nascita del sodalizio della "Sacra Corona" e che le notizie su NESCI
l Nicola a lui giunte gli avevano dimostrato non essere stati ben recepiti da quest'ultimo.
Ancor pi importante era l'allusione a VARACALLI Giuseppe ed alla piena disponibilit
di un aiuto economico in caso di necessit, poich il "capo locale" di Ardore, pur essendo
aspramente criticato nel corso dei dialoghi con ROMANO Nicola, rimaneva pur sempre
uno dei componenti del sodalizio, uno 'ndranghetista che meritava, anche se solo per tale
motivo, il rispetto e l'aiuto dell'anziano emigrante e di tutti gli altri consociati a lui
sottoposti.

Qualche tempo dopo MELIA Vincenzo dava notizia'" a ROMANO Nicola del fatto che
BOVA Giuseppe lo aveva incontrato ed aveva richiesto espressamente di incontrate i due
"capi consiglieri" ROMANO Nicola e NESCI Nicola.

l1 colloquio'" proseguiva su argomenti riguardanti i componenti della "Sacra Corona", in


primis RASO Giuseppe:

MELIA 1
.
1 0 A PEPPE RASO E C H E NON L O VEDO..

1
l IO PURE ..incomprensibile.. S I PARLATO.. S I PARLATO DEL
COMANDO.. TUTTO S I PARTE incomprensibile..
MELIA C o m ~ a r eCola.. ..incom~rensibile..
ROMANO Eh.. Antonimina no.. i ragazzi..
LMELIA
1 ROMANO
MEL IA
, Ah?
1 Scendono i ragazzi.. crescono i ragazzi.. ..incomprensibile.. Ma non e..
..incomprensibile.. ii manda al silos..
..incomprensibile.. NE HA..
ROMANO NE HA.. NE HA!
MELIA N E H A ....incomprensibile?
EH.. DI LA NON LI HA! QUELLI C H E ERANO.. QUELLI C H E
ERANO NON SONO.. ..incomprensibile..
MELIA A LUI C I COLPO IO COMPARE ..incomprensibile..
..incomprensibile.. PURTROPPO COMPARE VICE.. HO
CONSTATATO C H E VA ARMANDO ZAGARELLE (casini)!
LMELIA E COME NO!
ROMANO ..incomprensibile.. VA ARMANDO CASINI!
MELIA ..incomprensibile..
ROMANO VA ARMANDO ZAGARELLE (casini) ..incomprensibile..
DEVE DARE CONTO.. CON ME NON PUO ARMARE
'lELtA
ZAGARELLE (casini)!
COMPARE VICE.. QUELLO LI HA FATTI PURE CON SUA , A

LMADRE! PARE MAI QUELLO ..incomprensibile.. FALSO E


TRAGEDIATORE! BUONGIORNO E ARRIVEDERCI! OGNUNO
PER ..incompremi bile..
b~b
MELIA NON L'AVETE VISTO PIU?
ROMANO PARE AMAI!
MELIA NON VIENE AD ANTONIMINA?
ROMANO
..
NO.. NO! QUESTO E L'UOMO.. DI OUANDO HA BISOGNO
..incomprensibile..
3IELIA Com~areCola..
LE PERSONE L O HANNO RISPETTATO AD ANTONIMINA..
PERCI UNA DELUSIONE.. UNA DELUSIONE.. PERCHE
-- p-p

1x1
Vedasi verbale di trascrizione M. 56412 (Rit. 21 13;06 DDA) dell'11.01.2008 in allegato 41;
IYJ
Vedasi verbale di trascrizione M. 56420 (Rit. 2 1 13106 DDA) dell' 1 1 .O 1.2008 in allegato 42;
C E R T E VOLTE VI SEMBRA C H E QUELLO C H E DICONO E
DETTO! MA I O NON.. ..incomprensibile.. NON L'HANNO
I 1 ARRESTATO CHE.. ..incomprensibile..

Seguivano ulteriori brevi accenni a RASO Giuseppe e le ennesime c o n s i d e r a ~ i o n isugli


'~~
indagati di Ardore:

E PURTROPPO COMPARE VICE.. LO S O I O DOVE S I A M O '


ARRIVATI.. INSEGNAMENTI DI VITA!
MELIA NON UN UOMO!
PER QUATTRO SOLDI SCHIFOSI.. SI VENDONO..
TRADISCONO PURE.. LA MADRE!
iMELIA SI.. SI..
E QUANDO VOI SCOPRITE QUESTE OMBRE.. IL SANGUE S I
ROMANO FA ACQUA! IL SANGUE S I FA ACQUA! GUARDA QUA..
GUARDA QUA QUESTI COSI LORDI!
1 1 COME PEPPE SICILIANO E PEPPE VARACALLI.. C H E IL 1
RISPETTO.. LI
..incom~rensibile..
SPAREREI mannaggia

MA QUESTI QUA ANCORA.. ANCORA GENTE C H E


alla
/
ROMANO LAVORANO E NON VANNO VEDENDO.. QUELLO NO..
QUELLO..! SONO GENTE C H E LAVORANO.. ..incomprensibile..
MELIA A PEPPE BOVA ..incom~rensibile..
PEPPE BOVA! PERCH PEPPE BOVA.. LA SITUAZIONE L A ..
SAPEVA! ..incomprensibile.. DI LINA VECCHIA GUARDIA..
PRATICAVA PERSONE E SAPEVA OUANTO VALEVANO E
QUANTO PESANO! E NON G L I HA DATO.. NON G L I HA DATO
ROMANO
PCU DI OUEL PESO.. FINO A LA POTETE ARRIVARE E BASTA!
CON QUELLE MENTI C H E LOGICAMENTE LE GENTI IN
CALABRIA POSSONO PORTARE.. ..incomprensibile.. COMPARE
VICE.. PEPPE BOVA NON UN FESSACCHIOTTO!
MELIA
ROMANO EH.. PARE MAI!
A ME MI DEVE DIRE IL PERCHE? POI MI DISSE CHE COLA
NESCI HA PRETESO ..incomprensibile.. COLPI TU mannaggia alla
MELIA Madonna! PERCHE GLIEL'HAI DATA? C H E TU ME L O DICI A
1
ME.. COME ME L O RICORDO? C H E LUI HA DETTO C H E NON
T I HA DETTO NIENTE! VA BENE!
ROMANO CTH..

MELIA SI..
PERCHE UNO DEVE LOGICAiMENTE ..incomprensibile.. A
MERITO NEL DISCORSO.. ..incomprensibile.. TUTTO!
MELIA GIUSTO!
LA DOTE NON ERA NON PER COMPARE VICE, NON PER
PEPPE BOVA. NON PEPPE VARACALLI!
IY5
Vedasi verbale di trascrizione nr. 56473 (Rit. 71 13/06 DDA) del 11.01.2008 in allegato 43;

1-19
1 ,MELIA 1 GIUSTO!
VEDIAMO DI RIUNIRCI.. DI NUOVO.. LOGICAMENTE
..incomprensibile.. SE STA BENE.. VI STA BENE? E COSI.. NON E
ROMANO COSI! VEDIAMO COME LOGICAMENTE DOBBIAMO
PARLARE PER UN DISCORSO PER BENE E BASTA! NON PER
UNO E NON PER L'ALTRO! CHE C1 STIA BENE A TUTTI!

BOVA Giuseppe aveva pertanto insistito sulle considerazioni espresse da NESCI Nicola,
ma questa volta MELIA Vincenzo aveva risposto a tono poich si era gi chiarito con il
SUO "capo consigliere", ma si avvertiva in quel periodo la necessita di un incontro
chiarificatore tra tutti i componenti l'associazione al fine di trovare una soluzione equa ed
accettata da tutti.

Particolari interessanti sui progetti di evoluzione della "Sacra Corona" meditati da MELIA
Vincenzo e l'ennesimo intervento moderatore da parte del "capo consigliere" ROMANO
Nicola, trasparivano dal dialogo registratolY6in data 28 Gennaio 2008:

MELIA CON COMPARE COLA NESCI VI VEDETE?


ROMANO CI SIAMO INCONTRATI L'ALTRO GIORNO!
ME L'HA DETTO.. ME L'HA DETTO CHE VI SIETE
M
INCONTRATI ..incomprensibile..
ROMANO ..incomprensibile..
..incomprensibile.. DISSE.. SEMPRE INDAFFARATO COMPARE
COLA.. EH.. AVETE PARLATO!
NO.. ABBIAMO PARLATO DEL PIU E DEL MENO.. NON E
CHE..
,MELIA CHE HA DETTO? LA VERIT DAI?
No.. no.. no.. abbiamo parlato di tutto.. abbiamo parlato solo..
Abbiamo chiacchierato un poco.. cos., che c'.. che non c'! Che non
c' niente di pi! Che i1 mondo diventato fanatico! Che si sono
costruite tante cose.. e che in un niente sono andate a strafottere! La
ROMANO
gente non sa che vuole pi! ..incomprensibile.. PER COSTRUIRE CI
VUOLE U N BEL POCO, iMENTRE PER DEMOLIRE NON CI
VUOLE NIENTE! SEMPRE LE SOLITE COSE.. LE SOLITE
COSE..
E PER QUELLE.. DELLO ZINGARO ..incomprensibile.. NON
AVETE PARLATO?

ABBIAMO TOCCATO!
.MELIA AH?
ROMANO NON ABBIAMO TOCCATO OUEL TASTO!
MELIA NO?
SINGOLO NO.. IN GENERALE SI.. MA SINGOLO NO, NON
L'ABBIAMO TOCCATO!
MELIA NON HA PARLATO DI ME?
ABBIAMO PARLATO.. SI ABBIAMO PARLATO.. DI VOI
ABBIAMO PARLATO..
JIELIA IO SO CHE AVETE PARLATO..
/ ROMANO A MERITO LOGICAiMENTE.. SI SEMPRE IN BENE!
I Xf>
Vedasi verbali di trascrizione N. 68745 (Rit. 7 113:06 DDA) del 75.01.7008 in allegato 44:

150
MELIA Che ha detto'?
Cos.. no niente.. Quando vi ha telefonato.. vi ha telefonato.. perch vi ha
telefonato!
MELIA ..iicomprensibile..
Ha detto se ci siamo visti? SI, GLI HO TELEFONATO, CI SIAMO
VISTI!
MELIA VENUTO PER NATALE..
SI! GLI HO DETTO IO.. TI HO TELEFONATO A NATALE MA ..
NON HAI RISPOSTO! CHE NON ERI MGGIUNGIBILE.. GLI
HO TELEFONATO A PEPPE VARACALLI E NON HA
RISPOSTO NEANCHE! POI.. CON COMPARE VICE VI SIETE
VISTI? SI CI SIAMO VISTI! ..incomprensibile.. VI HA
TELEFONATO ..incom~rensibile..?
klELIA SI.. SI GRAZIE!
L ROMANO Niente di particolare.. ma di altro non abbiamo toccato..
MELIA PEPPE BOVA VI SALUTA..
ROMANO GRAZIE!
MELIA ME L'HA DETTO IERI..
GLI HO MANDATO.. GLI HO MANDATO I SALUTI CON IL
FIGLIO!
- -

MELIA AH?
GLI HO iMANDATO I SALUTI CON IL FIGLIO..'^^ CON
ROMANO L'AVVOCATO! GLI HO DETTO.. ME LO SALUTATE A
COMPARE PEPPE!
ELIA
&l ..incomprensibile..
ROMANO SI COMPARE VICE.. PURTROPPO EH..
MELIA ..incomprensibile.. OMICIDIO..
7
NON C'E NIENTE.. PERCHE SE UNO.. SE UNO SI SEDEVA E
J
CHIARIVA TUTTE LE COSE. BELLE E PULITE!
MELIA IO NON HO NIENTE DA CHIARIRE!
SI ANDAVA AVANTI BELLI E PULITI.. iMA SENZA PACE.. IO..
ROMANO NON HO.. ..incomprensibile.. DA UNA PARTE. DALL'ALTRA!
..incomprensibile..

E NON PIU BASSA! SIAMO TUTTI GLI STESSI..


UANDO CI SEDIAMO AD UN TAVOLINO E SI PORTA UN
T 0 SANO. CHE STIA BENE PER TUTTI.. [&
MELIA
PEPPE BOVA VI DICO CHE RAGIONA..
EHH.. iMA PEPPE BOVA ERA UNO.. NON DISPREZZANDO A
NESSUNO.. SAGGIO.. CHE LI SA TUTTI GLI ARTICOLI!
, 'MELIA SE NE FOTTE DI NOI!
UA DA NOI.. GUARDATE QUA.. DA NOI.. CI METTIAMO IN
:[ED1 CHE SAPPIAMO.. MA PRIMA O POI S B A G L I A M S
DITEMI UNA COSA.. COME DOBBIARIO PER PORTARGLI UN
'lELtA
REGALO A QUELLO DI kIONGIANA?,
ROMANO ALLA MONGIANA?
MELIA EH!
1x7
Trattasi di BOVA Domenico Antonio, di Giuseppe e nato ad Ardore il 05.12.1948 ed ivi residente in Via
Foscolo N. 1 19. coniugato con IEMMA Anna Maria. nata a (jioiosa Jonica il 24.06.1955. avvocato:
ROMANO CREDO CHE ORMAI NON c'..
LMELIASi?
Se ne andava.. che.. gli hanno fatto la causa a Catanzaro.. Io sapevo
ROMANO che aveva la causa, gliela avevano fatto prima.. lo sapevano che lo
arrestavano.. non so..
MELIA Li hanno condannati?
Non so quanto gli hanno dato! Avevano la causa.. io lo sapevo.. che
andavano avanti e indietro.. avanti e indietro.. poi gli hanno dato la
sorveglianza.. POI SICCOME AVANTIERI SCESO UN ALTRO..
ROMANO
SCESO UN CUGINO SUO'" per macinarmi.. che hanno una
macchina di quelle che macinano il legno.. altre cose.. POI GLI H O
DOMANDATO.. OUELLO CHE FA DA MIA NO?'^^
..incomprensibile..
Devo parlare per vedere quanto gli hanno dato a lui e agii altri..
I ROMANO
Perch l delle volte non so come..
VOGLIO VEDERE COME DEVO DIRGLIELO A COMPARE
COLA..
ALT..! NON TOCCATE QUESTE COSE! LASCIATE STARE.. IO
ROMANO GLI HO DETTO DI RIGIRARSELE PER I FATTI SUOI! VOI LO

MELIA A=
QUANDO ANDIAMO A TOCCARE UNA COSA DI OUESTE..
ROMANO ALLORA SONO ARRIVATI LA.. COMPARE VICE.. CHE
ANDIAMO A C O G L I O N E G G W
LMELIA Se oggi o domani glieii.. ..incomprensibile..
SE OGGI O DOMANI.. LASCIATE STARE! LASCIATE STARE
, LE COSE COME STANNO! EH.. NON ..incomprensibile..
( MELIA ( ..incomprensibile..
ROMANO PEPPE RASO.. c' PEPPE RASO.. CHISSA ..incomprensibile..
,MELIA NO..
1 I CHI LO SA IL DISCORSO SUO COME L'HA FATTO! )
I ROMANO I ..incomprensibile.. NON DOBBIAMO ANDARE NOI LA.. I ,
MELIA
..incomprensibile..POI COMPARE PIETRO HA VISTO..
A PEPPE RASO LO CON-
pa
\
l!

ROMANO SI! ORA IN GALERA PURE LUI..


MELIA GLIELO AVETE DETTO IL DISCORSO DI PEPPE RASO? 2
1 ROMANO I SI!
~ -~ 1
iMELIA ..incomprensibile..
ROMANO NON L'HO VISTO PIU!

lX8 Trattasi di VALLELONGA B N ~ o ,Cosimo, Damiano. nato a Mongiana il 27.09.1955, ed ivi residente in
Via Roma N. 3812. socio in affari di ROMANO Nicola. Su espilicita richiesta del Gmppo CC di Locri.
stata effettuata una ricerca anagrafica da parte del Comando Compagnia Carabinieri di Serra San Bruno,
al fine di risalire al rapporto di parentela tra il predetto VALLELONGA Bmno ed il pregiudicato
VALLELUNGA Damiano. In effetti, a causa di un errore di trascrizione del cognome. vi era stata nel
corso del tempo la trasformazione. per un ceppo della medesima famiglia, dell'originario cognome
VALLELUNGA in VALLELONGA. I due soggetti di cui tratt~qirisultavano pertanto parenti in quanto il
nonno di VALLELUNGA Damiano ed il bisnonno di VALLELUNGA Bmno erano fratelli. Si allegano a
tal proposito gli accertamenti anagratici trasmessi con nota N. 0901 2179-4 "P" del Comando Compagnia
Carabinieri di Serra S. Bmno in allegato 45;
"" '*Damiano". "quello della Mongiana", non e altri che VALLELUNGA Damiano, nato a Mongiana il
14.02.1957 e residente a Serra S. B N ~ O
in Via Carlo Pisacane s.n.c.;
MELIA
ROMANO
BIELIA
~
1 ..incomprensibile..
NO.. QUELL'ALTRO
..incom~rensibi/e..
LA

GLIEL'HA DETTO AL ",4WOCATO"..


LASCIATELO STARE** ~
ROMANO NO!
iMELIA GLIEL'HANNO DETTO A LUI.. ..incomprensibile..
NOI GLI ABBIAMO DETTO TUTTO E NON GLI ABBIAMO
DETTO NIENTE, CON QUESTO QUA ERANO AMICI!
IMELIA A PEPPE RASO GLIEL'ABBIAMO DETTO.. SI!
A PEPPE RASO G L I ABBIAMO ..incomprensibile.. NON E CHE

1
0
MELIA I ..incom~rensibi/e.. I
ROMANO Passando ancora.. poi si va ..incomprensibile..
iMELIA AH?
1 ( PASSANDO ANCORA TEMPO.. POI VEDIAMO CHE FANNO E (
1 ROMANO I CHE NON FANNO. POI SI VALUTA UN ALTRO DISCORSO.. I
LUI PUVENIRE.. VIENE LUI E VI TROVA A VOI..
MELIA Si.. ..incomprensibile.. GLIEL'HA DATA A CIANNI FURFARO..
G L I HA DETTO CHE.. CHE A GIANNI FURFARO GLIEL'HA
DATA.. CHE AVEVA IL POSTO RISERVATO.. CHE..
GLIEL'HO DETTO L'ALTRO GIORNO DI OUESTO FATTO.. A
ME NON MI HANNO DETTO NIENTE ..incomprensibile..
VEDIAMO SE UOMO.. CHE DICE ..incomprensibile.. A PEPPE
SICILIANO!
LASCIATE LE COSE COME STANNO! PER ORA LASCIAMO
STARE COME STANNO!
MELIA VA BENISSIMO, VI SEGUO..
ROMANO
- -
MELIA VI SEGUO PERCHE SIETE CONSIGLIERE!
ROMANO SI, MA E COS.. LASCIAMO LE COSE COME STANNO..
iMELIA SI MA CONTRO TUTTI!
- - ROMANO QUELLO E UN AiMICO COMPARE VICE..
NIELIA CHI E?
QUELLO LA SOPRA? HA I GUAI SUOI.. ,MA QUELLO E \
ROMANO ONESTO.. E UN AMICO ONESTO! ONESTO E Pu.. CLIELI , ??
iMANDA ..incomprensibile.. LUI NON E UOMO DI SOLDI..
,MELIA AH?
ROMANO NON UOMO DI SOLDI..
XfELIA E QUESTO E..
LAVORA.. HA LA POSIZIONE SUA.. ONESTO.. NON UOMO
3
MELIA Vincenzo era pertanto intenzionato a portate un "regalo" a VALLELUNGA
Damiano, pluripregiudicato originario delle Serre vibonesi, dove ROMANO Nicola aveva
accompagnato in data 29 Luglio 2007 MELIA Vincenzo, affinch i due si conoscessero,
ma in quel periodo l'indagato era in attesa di qualche sentenza definitiva che lo avrebbe
costretto ad allontanarsi.
MIELIA era anche intenzionato ad agire nei confronti di RASO Giuseppe, ma ROMANO
Nicola si opponeva fermamente a questa soluzione in quanto ciascun "capo locale" aveva
sicuramente organizzato il proprio territorio e conferito le "cariche" ai vari aftiliati in
modo del tutto autonomo, come volevano i principi di 'ndrangheta, ed eventuali modifiche
dell'assetto cos ridetinito rischiavano di creare un disordine non di poco conto.
In tale frangente si apprendeva che uno degli "eletti" da parte di RASO Giuseppe era stato
sicuramente FURFARO ~ i o v a n n i ' ~un, individuo risultato, nel corso delle indagini,
effettivamente vicino al "capo locale" di Canolo, poich questi aveva addirittura "il posto
riservato".

I1 concetto di mutuo soccorso veniva ripreso nuovamentei9' durante quell'incontro del


Gennaio 2008:

MEL IA ..incomprensibile..

,MELIA ..incomprensibile..SE USCIVA ANTONIO.. ..incomprensibile..


ROMANO USCIVANO TUTTI VOGLIO DIRE..
MELIA Ah?

QUELLO DI PALERMO.. LUI PRENDEVA 40.000 EURO AL


MESE.. E IL FIGLIO PRENDEVA 20.. LE MOGLI DI QUEGLI
UOMINI CHE ERANO CON LORO, CHE LI ARRESTAVANO..
ROMANO ..incomprensibile..PER PORTARGLI QUALCOSA AI MARITI NEL
CARCERE.. CHE LORO NON GLIELI MANDAVANO 1.000
EURO! LORO PRENDEVANO 60.000 EURO AL MESE.. E NON
GLI MANDAVANO 1.000 EURO AL CARCERATO! E SE LA
SONO CANTATA LORO STESSI POI.. NON SI FA COSI!
MELIA NO.. NO.. NO!
SE QUESTI UOMINI T I HANNO PORTATO SOLDI E SONO
ANDATI IN GALERA PER TE, TU LO DEVI SAPERE CHE A
OUELLI GLI DEVI PASSARE LO STIPENDIO PURE! O T E LI
PRENDI E T E LI METTI IN TASCA TU!
,MELIA YEAH!
Capite? Se vogliamo che logicamente.. di avere un poco di
ROMANO
..incomprensibile..
MELIA No.. no..
TU GLI DAI 20.000 EURO A TUO FIGLIO, 40.. T E LI PRENDI
..
TU! E QUEGLI UOMINI CHE T I PORTAVANO QUESTI SOLDI
SONO IN GALERA.. E LE MOGLIE DEVONO FARE LE
PUTTANE PER.. PER PORTARGLI 500 EURO NEL CARCERE!
..incomprensibile..SONO CAFONI DI SOLDI! MA LORO HANNO
RIPULITO A TUTTI! HANNO PRESO A TUTTI! I LATITANTI DI
RANGO LI HANNO RIPULITI.. SE LA SONO CANTATA TUTTI!
TU ABUSI! ABUSI! ABUSI!
MELIA ..incom~rensibi/e..
..incomprensibile..UN ALTRO DELLA PIANA, NO.. UN ALTRO DI
ROMANO AFRICO.. QUELLO DI AFRICO CHE HANNO PRESO A
SIDERNO..
EH.. L'HANNO PRESO A SIDERNO.. MA NON S O DI DOVE
MELIA
ERA?
1 ROMANO DI AFRICO ERA! UN CERTO STAITI..'~~

l '90
FURFARO Giovanni, nato a Cittanova il 34.06.1967 ed ivi residente;
l')l
Vedasi verbale di trascrizione nr. 56427 (Rit. 3 1 13/06 DDA) del 1 1.O 1.7008 in allegato -16:
I MELIA I ED ERA LATITANTE LI?
DICEVANO CHE ERA FUORI.. PER L'ESTERO, INVECE ERA
ROMANO ..
QUA A SIDERNO! LI PRENDONO COMPARE VICE.. NON c':
MENTE PIU!
1 MELIA OH.. YEAH!
OLTRETUTTO CHE CON QUESTI TELEFONINI, MICROSPIE
ROMANO SANNO SEMPRE DOVE SIAMO! OGGI SE VOGLION
PRENDERE A UNO.. LO PRENDONO!
MELIA SI!

.MELIA IL TELEFONINO CE L'HANNO TUTTI..


Si.. ..incomprensibile.. CON IL TELEFON-
1 ROMANO 1 QUANDO UNA TELEFONATA CHE NON GLI PIACE LO (
l
1 1 CHIUDE! .. Va bene compare Vice.. ci vediamo..

11 comportamento corretto era, a detta degli indagati, quello di soccorrere gli affiliati e le
loro famiglie in occasione di provvedimenti giudiziari nei loro confronti.
In effetti ci era avvenuto quando MELIA Vincenzo aveva offerto aiuto economico a
FABIANO Giuseppe e quando ROMANO Nicola, come verr ampiamente descritto in
altra parte della richiesta, si era prodigato in favore di ROMANO Giuseppe"', uno dei
componenti del "locale" di Antonimina, e dei suoi familiari, in occasione del suo arresto
per detenzione illegale di armi clandestine.
Similare, ma legato anche a motivazioni di natura familiare, era stato anche il
comportamento di NESCI Nicola. che, come si vedr in seguito, si prodigava per
l'assistenza economica e legale del cognato SPAGNOLO Antonio, tratto in arresto
nell'ambito dell'operazione "Stupor mundi" condotta dalla Guardia di Finanza.

Il timore di essere intercettato traspariva anche nel corso di un dialogo194tra ROMANO


Nicola e FAZZARI Tersa ed in quell'occasione la doma, chiaramente consapevole dello
status del manto e partecipe a diverse sue malefatte, lo metteva sorprendentemente in
guardia dai pericoli delle intercettazioni veicolari:

Che Luciano RACCO'~~..quello della GRU'^^.. gli ha dato soldi.. ai


COSTA.. perch gli raccogliessero i voti! l'

FAZZARI Ah! +F
O non so se ha cantato uno di questi COSTA.. che li hanno arrestati.., 1 IL
li hanno arrestati per questo.. CONGIUSTA!
FAZZARI Uhm..
' ROMANO O che al colloquio.. avevano la microspia..
FAZZARI Ehhh..
E parlavano marito e moglie.. poi i voti non gli sono usciti.. per come
+
dice il giornale..
1 FAZZARI Ehhh..
1 ROMANO I Ehh.. Luciano RACCO si fatto tornare i soldi!
"' Trattasi di STAITI Giuseppe, nato a Melito Porto Salvo i l 23.1 1.1971 e residente ad Aliico in Via
Stazione M. 10. tratto in arresto in data 08.01.2008;
193
ROMANO Giuseppe, nato a Ottawa (Canada) il 22.10.1965 e residente ad Antonimina in C.da Troiolo
31 B;
IO4
Vedasi verbale di trascrizione nr. 1390 (Rit. 1897106 DDA) del 3 1 .O 1.2007 in allegato 47;
1'15
RACCO Luciano, nato a Siderno i1 26.02.1952 ed ivi residente;
1 '%
Trattasi del Centro Commerciale "Le GRU" di Siderno;
/ FAZZARI ( Ah.. ah.. ah..
ROMANO Poi lui.. ora li prende..
FAZZARI Subito! 1
ROMANO ARRASSI I TUTTI
FAZZARI FIGLIOLI MIEI CAMMINATE SOLI!
ROMANO ..incomprensibile.. I

FAZZARI SOLI.. NON ANDATE VEDENDO CRISTIANI!


ROMANO MA c'..

ROMANO E POI C I SONO "CIMICIn.. C I SONO "CIMICI"..


FAZZARI EH..

FAZZARI DISGRAZIA!
EH.. iME NE FOTTO DI LORO.. IO PARE CHE.. ,MA C I DEVE

La paura di essere intercettati o "nominati" da qualche collaboratore di giustizia emergeva


prepotentemente in occasione del pentimento di VARACALLI Rocco, un affiliato al
"locale" di Torino originario di Careri, le cui rivelazioni erano state utilizzate per il
processo relativo all'operazione "Stupor Mundi" nel quale era coinvolto SPAGNOLO
Antonio e rese pubbliche'97 sin dal 22 A p d e 2008 con ampia diffisione sui mezzi di
stampa.
In data 30 Aprile 2008 MELIA Vincenzo parlava'98 con un cugino non identificato,
all'intemo della sua abitazione di Ardore:
- P -

MELIA Eh ma ..incomprensibile..
UOMO PERCI SONO
LUI INTANTO SPAGNOLO DEVE VENIRE.. ..incomprensibile..
CHE VIENE.. ..incomprensibile..
UOMO E ARRESTATO!^
AH.. SUO FRATELLO ..incomprensibile.. no, questo..
,MELIA \
..incomprensibile,coperto dal nrmore del passaggio del treno..
UOMO E CON LUI.. CHI E? ..incomprensibile.. i,!
t'
/-f
NIELIA SI, ..incomprensibile..
PERCIO VOGLIO DIRE.. CON UN AVVOCATO BUONO LI,
PURE LORO VEDONO CHE E UNO SCIMUNITO PAZZO! HAI
'OMo
CAPITO? PURE LA FAMIGLIA SUA STESSA.. DICONO CHE
SCEMO.. HAI VISTO CHE DICONO CHE E PAZZO!
P

INTANTO C I STA ROVINANDO.. QUESTO HA NOMINATO A


,MELIA ME, HA NOMINA A COLA NESCI, A PEPPE VARACALLI DI
SAN NICOLA. CHI CAZZO L'HA VISTO MAI!

l"' Vedasi articoli di stampa tratti dai quotidiani locali "Gazzetta del Sud", "Il Quotidiano" e "Calabria Ora"
in allegato 48;
I'18
Vedasi verbale di trascrizione M. 96049 (Rit. 7 113,06 DDA) del 30.04.1008 in allegato 49;
iMELIA ..incomprensibile..
iMI HA VISTO! C I SIAMO PRESI UN CAFF, E VERO, h11 HA
'OMo
VISTO ALLORA .. MA C H I CAZZO!
MELIA O R A VEDIAMO C H E ESCE..
UOMO MA C H E DEVE USCIRE CUGINO VINCENZO!
iMELIA SPERIAMO!
UN'ALTRA VOLTA.. C H E DEVE USCIRE! VI HA PORTATO DI
NUOVO A VOI. PER SENTITO DIRE.. PER OUESTA COSA QUA,
PER QUESTA DROGA.. ,MA SE NON C I HA VISTO.. VENGA
'OMo
DAVANTI E FACCIAMO UN CONFRONTO. MI PU DIRE MAI
C H E M I HA VISTO.. S E NON E VERO! DI NOMINARE HA

iMELIA ..incomprensibile..HA NOMINATO A TE.. A SAVERIO..


U O M O I ..incom~rensibile..
I
- - - - - -

( MELIA HA NOMINATO A T E PURE..

...omissis da pag. 2 del verbale a fine trascrizione.


In data 26 Aprile 2008 il quotidiano "Calabria Ora" titolava "Le distanze dal pentito: e
pazzo- In una lettera i parenti di Varacalli dejniscono inafidabili le sue parole", proprio
come veniva riferito a MELIA Vincenzo, il quale, gi a conoscenza dei fatti, dava per
scontato che il collaboratore di giustizia avesse rivelato l'identit dei componenti della
"Sacra Corona" e gli affiliati dei vari "locali".
In realt il VARACALLI Rocco aveva rivelato informazioni utili solo su SPAGNOLO
Antonio e FABIANO Giuseppe senza tornire riscontri su MELIA Vincenzo, NESCI
Nicola e VARACALLI Giuseppe, a lui del tutto sconosciuti, a riconferma della "novit" e
segretezza costituita dalla struttura della "Sacra Corona".

Qualche domo dopo l'animo di MELIA Vincenzo, a colloquio200con RAGNO Maria


osa"', una cugina residente ad Oppido Marnertina, si mostrava pi sereno perch
evidentemente erano giunte notizie precise in mento alle dichiarazioni del collaboratore:

ROSA I VI STAVO DICENDO..


QUALE VARACALLI HANNO CONCLUSO.. 1
MELIA CON ME? R O C C O VARACALLI!
ROSA SII! VI HA CHIAMATO? k,
I

( M ELIA / ..incomprensibile.. 1 //C:


ROSA VI HA CHIAMATO, G L I HA DETTO QUALCOSA?
ABBIARI0 PARLATO.. MAH.. G L I H O DETTO.. iME NE FOTTO!
, HANNO I VERBALI DI..

ROSA IO S T O iMORENDO!
NO! SE DOVEVA USCIRE.. XON h.. SE C'ERA UNA COSA DI
MALE CUGINA.. QUELLO CHE E.. PIU DI UNO ..incomprensibile..
PERCH SE UNA COSA DI MALE.. PiEL SENSO.. NON L O
I DICONO! M I CAPITE CHE VI VOGLIO DIRE?
1 <)q
Vedasi verbale di trascrizione N. 96050 (Rit. 2 1 13/06 DDA) del 30.04.1008 in allegato 50:
Vedasi verbale di trascrizione nr. 97796 (Rit. 2 1 13/06 DDA) del 05.05.1008 in allegato 5 l ;
"" RAGNO Romeo Rosa. nata a Oppido Marnertina il 16.08.1937 ed ivi residente in Via A. M. Curcio N.
104:
ROSA MA IO NON SONO FATTA PER QUESTE COSE..
MELIA NON L'HO VISTO!
ROSA
MELIA Non so niente..
ROSA Che non sia quello che si fatto il palazzo color di rosa a G i o p ~ oli a..
) MELIA Ah?
1 ROSA Quello che si fatto quel grande palazzo color di rosa..
I MELIA 1 No! -
I
- ROSA No?
MELIA NO.. UN INFAME PURE.. ..incomprensibile..

La "Sacra Corona" era una struttura basata sull'assegnazione di "cariche"202 e di tunzioni


~~ecifiche'~', che vedeva al vertice un anziano uomo d'onore, MELIA Vincenzo,
affiancato da BOVA Giuseppe e VARACALLI Luigi e dai due suoi pi stretti consiglieri,
ROMANO Nicola e NESCI Nicola, ed aveva la funzione di raggruppare le 'ndrine dei
centri meno importanti per dare loro, cos riunite, un peso maggiore di quanto non ne
avrebbero da isolate, nell'ambito criminale della 'ndrangheta. Per tale motivo al suo vertice
era posta una "personalit autorevole", dall'indiscusso spessore criminale, che potesse
quindi confrontarsi alla pari con i capi delle cosche e dei "locali" pi importanti, non tanto
per "peso specifico", che, come gi descritto, proprio per la peculiarit che
contraddistingue la criminalit calabrese, vede i capi, ai vari livelli, sullo stesso piano, ma
per capacit tinanziarie e militari.
L'assegnazione delle "doti" awenuta in epoca precedente all'inizio delle indagini si era
rivelata per costellata da errori e ripensamenti, al punto che MELIA Vincenzo era pi
volte tentato a fare un passo indietro e riassegnare alcune cariche all'interno
dell'associazione. ROMANO Nicola dal canto suo svolgeva la sua funzione di
"consigliere" e placava pi volte le ire dell'anziano "capo corona", suggerendo di lasciare
le cose cos come erano state decise in principio, anche perch aveva valutato la possibile
reazione negativa degli altri consociati.

Anche da un punto di vista geografico era piuttosto chiara l'estensione territoriale


dell'associazione ed il suo ambito di influenza, dato che i "locali" che componevano la
"Sacra Corona" erano tutti a ridosso della citt di Locri.

Le indagini compiute avevano dimostrato che il rapporto di affiliazione tra i vari


consociati, in primis tra i "capi locali" e, in secondo luogo, tra i componenti di ciascun
1
locale, caratterizzava molti aspetti sia della loro sfera personale che di quella lavorativa. a -
Si riporta nuovamente una hase, gi precedentemente citata, ma che pu riassumere nella .' IC
propria laconicit il filo conduttore dell'intera indagine: "il rispetto, il rispetto dobbiamo
dirglielo, deve essere reciproco o per bene, perch qua non siamo per duecento anni...
quest'altro poco che siamo ...omissis... che ci valutiamo a vicenda belli e puliti e che ci
guardiamo le spalle l'uno con l'altro..".

[n sostanza apparso in modo piuttosto chiaro, nell'arco temporale durante il quale si


svolta l'attivit investigativa, che i rapporti tra le diverse anime della "Sacra Corona" non
erano basati su incontri periodici, come gli stessi indagati ROMANO Nicola e MELIA
Vincenzo avrebbero inizialmente preferito, ma si evidenziavano in occasione di vicende

"'Tra cui "Capo consigliere" e "Mastro di Corona";


"" Tra cui .'Capo locale";
soprattutto negative che interessavano i singoli, cio al momento del bisogno, o in
occasione di eventi lieti o luttuosi, come le cerimonie nuziali, occasioni imperdibili per
riunirsi e discutere anche problematiche di rilevo, e tutto ci nell'ottica di quel "rispetto
reciproco" cos tanto invocato, almeno a parole.

3 - Paragrafo 2.5
La collaborazione tra i "capi locale" in occasione del furto di un escavatore a iMINA
Dornenico

Nel corso delle operazioni di P.G. compiute nei confronti dei "capi locale", individuati
grazie al contenuto dei dialoghi ambientali gi riportati, e finalizzate a riscontrare
l'effettivo ruolo di ciascuno nel territorio di competenza, veniva monitorato un episodio
ritenuto molto utile agli scopi investigativi anzidetti.
In data 2 Luglio 7007 MINA ~ o m e n i c o ' ~dipendente
~, della TELECOM Italia s.p.a.,
contattava FABIANO Giuseppe alias "Peppe u lupu", per comunicargli di aver subito il
furto di un escavatore, ma questi si trovava al nord ed era in auto sulla via del ritorno.
Si d atto che i due erano in stretto rapporto di confidenza in quanto la figlia del primo era
all'epoca fidanzata con FABIANO Rocco ~ntonio'~',tiglio del "capo locale" di Cirella di
Plati.

La conversazione era la seguenteIo6:

FABIANO Giuseppe Pronto?


MINA Dornenico Compare, buon giorno!
FABIANO Giuseppe Buon giorno!
MINA Dornenico Ti disturbo?
FABIANO Giuseppe Quale disturbo!
MINA Dornenico Tu sei rientrato gi?
FABIANO Giuseppe Sono in ...inc..., me ne sto scendendo
MINA Dornenico CHE HO BISOGNO URGENTE OH VEDIAMO CHE SI ...
SONO RUBATI L'ESCAVATORE
FABIANO Giuseppe IL TUO? I

Ml' MINA Dornenico. nato a Cimina il 29.05.1957 e residente a Locn in Via Dromo N. 3 1 ;
"l5 FABIANO Rocco Antonio, nato a Locri il 1 1.07.1981 e residente nella Fraz. Cirella del Comune di Plati.
C.da Serro del Mulino nr. 04;
'O6 Vedasi verbale di trascnzione N. 789(Rit. 8?3,'07 DDA) del 02.07.7007 in allegato 60;
MINA Dornenico SI!
FABIANO Giuseppe "Mannaia" la Madonna ...della montagna!
MINA Dornenico MA TU DICI CHE DEVO FARE LA DENUCIA DAI
CARABINIERI, COME MI DEVO COMPORTARE?
FABIANO Giuseppe EH.., FALLA!
MINA Dornenico MI DICI DI FARLA "FUIENDO" (immediatamente)
FABIANO Giuseppe 3
MINA Dornenico A CIMINA
FABIANO Giuseppe EH ...,
VEDI DI DARTI DA FARE, CHE ORA FACCIO
QUALCHE TELEFONATA DAI, C I SENTIAMO PIU
TARDI
MINA Dornenico VA BENE!
FABIANO Giuseppe VAI TROVALO A QUELLO"LLOC0" LA.., CAPITO?
MINA Dornenico ....
A CHI A QUELLO DEL PAESE?
FABIANO Giuseppe EHH!
MINA Dornenico VA BENE
FABIANO Giuseppe VA BENE?
MINA Dornenico Ciao, ciao!
FABIANO Giuseppe Ok, ciao!
MINA Dornenico LA DENUNCIA SUBITO?
FABIANO Giuseppe SI, S I
iMINA Dornenico Ciao!

Il MiNA Domenico quindi chiedeva innanzitutto consiglio sul comportamento da tenere,


poich era titubante sul fatto di denunciare immediatamente il furto presso il Comando
Stazione Carabinieri di Cimin, comune ove evidentemente era custodito il mezzo d'opera
sottratto, o temporeggiare nel tentativo di ritrovarlo mediante l'intervento di FABIANO
Giuseppe.
Nel contempo " Peppe u lupu" indirizzava MiNA Dornenico da "quello del paese", cio
dall'individuo noto ad entrambi per la sua competenza sul territorio di Cimina.
"
Successivamente venivano monitorati molteplici contatti telefonici che verranno distinti
per data, in modo da rendere comprensibile la successione cronologica degli eventi, anche
perch la P.G. procedente in diverse occasioni predisponeva dei servizi di osservazione e
pedinamento che permettevano di identificare alcuni dei soggetti coinvolti nell'opera di
recupero dell'escavatore rubato.

Ore 1 1 :02- MINA Domenico FABIANO Giuseppe:

"" Vedasi verbale di trascrizione nr. 79 1(Rit. 82307 DDA) del 02.07.2007 in allegato 61 :
1 60
FABIANO Giuseppe Pronto?
MINA Dornenico Compare ...
FABIANO Giuseppe Si?
LMINADornenico E allora stai arrivando, dove sei?
FABIANO Giuseppe Sono nella direzione Roma
%IINADornenico AH.. ANCORA, ALLORA ARRIVI TARDI..
FABIANO Giuseppe EH.., SEI ANDATO LA?
MINA Dornenico SIII, HO INCONTRATO OUEL CRISTIANO CHE TU
MI HAI DETTO. SIAMO OU INSIEME.. E MI
. ....
DOMANDAVA VOLEVA SAPERE A CHE ORA TU
SEI QUA PIU O MENO
FABIANO Giuseppe Ma ehh...,calcola che sono in direzione Roma
MINA Dornenico Direzione Roma?
FABIANO Giuseppe Eh.., sopra l'adriatica, sto facendo I'adriatica!
AMINADornenico EH, SEMPREEE, SE NE PARLA STASERA VERSO LE
SEI?
FABIANO Giuseppe Eh...qua. ..quattro, cinque, sto camminando a tutta carica!
MINA Dornenico ...
EH OUATTRO, LE CINQUE, ,MA TU HAI
CHIAMATO OUALCUNO, HA FATTO QUALCHE
COSA?
FABIANO Giuseppe A OUALCUNO GLI HO TELEFONATO, MA DOVE
L'AVEVI?
MINA Dornenico EH.., NEL CAPANNONE, QUA SOPRA!
FABIANO Giuseppe AH.. IL SUOCERO TUO?
MINA Dornenico SI, SI!
FABIANOGiuseppe VA BENE, COME ARRIVO T I CHIAMO, QUANDO
SONO PER LA TI CHIAMO
,MINA Dornenico VA BENE, CIAO, CIAO, CIAO
FABIANO Giuseppe OHH, SENTI!
MINA Domenico DINIMI!
FABIANO Giuseppe MA TU LA SOPRA...&IIO FIGLIO LA DA MIO ...
FRATELLO...SANNO QUALCHE COSA?
MINA Domenico NO, NON SANNO NIENTE
FABIANO Giuseppe VA BENE, VEDO SE POSSO INCONTRARE ...inc...MIO
FRATELLO...inc...
iMINA Dornenico L1 AVVERTI TU ALLORA?
FABIANO Giuseppe L1 AVVERTO 1 0 DAI, NON T I PROCCCTPARE!
MINA Dornenico EH.., VEDI CHE DEVI FARE..(voce sovrnpposta)
FABIANO Giuseppe Ok?
MINA Dornenico ci sentiamo pi tardi, ciao, ciao, cia..
Si d atto che nel lasso di tempo trascorso tra la prima e la seconda conversazione
FABIANO Giuseppe non aveva effettuato chiamate inerenti i fatti oggetto di indagine con
I'utenza monitorata, ma non si esclude che avesse in uso altra utenza non conosciuta dalla
P.G.
MINA Dornenico riferiva di essere assieme a "quel cristiano che tu mi hai detto" e
chiedeva l'ora di arrivo in zona per poter organizzare un incontro.
MINA Dornenico specitlcava che I'escavatore era custodito all'interno del capannone di
propriet del suocero, identificato in MURDACA ~ a r l u c c i o ' ~padre
~, della moglie
MURDACA velia'09.

e Ore 16:46- MINA Domenico ~hiamava"~


NESCI Nicola:

In effetti MINA Dornenico si era recato "da quello del paese", cio dal "capo locale" di
Cimin, e ci era desumibile sin dal primo contatto che questi aveva con NESCI Nicola,
durante il quale riferiva l'orario di amvo del "lupo":

NESCI Nicola I Pronto..


MINA' Dornenico NICOLA CIAO..
NESCI Nicola CIAO MIMMO, T I AVEVO CHIAMATO PRIMA iMA..
MINA' Dornenico Si, ho visto la chiamata ma ero in zona irraggiungibile
1 Nicola..
NESCI Nicola Eh.. immaginavo, dove sei ora?
MINA' Domenico SONO OUA.. TRA SAN ILARI0 E CI,MINA!
NESCI Nicola TU TI SEI SENTITO CON PEPPE?
YIINA' Dornenico SI, PEPPE ANCORA NON E RIENTRATO, PERO HA
CHIAMATO, SI E DATO DA FARE PURE LUI. MA FRA
NON MOLTO ARRIVA NICOLA..
NESCI Nicola NO VOGLIO DIRE SE.. SE ARRIVA NEL GIRO DI
UN'ORA.. ECCO TUTTO.. OUESTO VOLEVO SAPERE
IO..
MINA' Dornenico EH.. FACCIAMO UNA COSA.. 10 ORA LO CHIAMO E TI
RICHIAMO MAGARI..
NESCI Nicola EH.. CHIAMALO E RICHIAMAMI, COSI 1 0 ORA
SCENDO IN CIU E VEDIAMO DOVE C I POSSIARIO
VEDERE.. VA BENE?
1 YIINA' Domenico Va benissimo. va bene.. ciao grazie

MiNA Dornenico riferiva di aver colloquiato con FABIANO Giuseppe e di aver appreso
che si era impegnato per risolvere il problema. Si d atto che non vi traccia sulla linea di
FABIANO Giuseppe di altri contatti con MiNA Domenico e10 con terze persone inerenti il
suo arrivo o il tiirto dell'escavatore, tanto che era ancor piu chiara l'ipotesi che l'indagato
utilizzasse anche un'altra utenza telefonica.
NESCI Nicola comunque gi sapeva che FABIANO Giuseppe sarebbe rientrato
pressappoco in quelle ore, essendo presente durante la telefonata delle ore 16:46, ed aveva
di fatti chiamato per sincerarsene.

'OR MURDACA Carluccio, nato a Cimina il 05.01.1924 ed ivi residente in C.da Quarantana M. 15;
'"'MURDACA Velia. di Carluccio e FAZZARI Caterina, nata a Cimina il 75.04.195 1 e residente a Locn in
Via Dromo;
""Vedasi verbale di trascrizione nr. 5077 (Rit. 7265i06 DDA) del 02.07.7007 in allegato 62;
m Ore 17.03- MINA Dornenico chiamava7" poco dopo FABIANO Giuseppe:

FABIANO Giuseppe Pronto?


MINA Dornenico Prontoo
FABIANO Giuseppe U,compare Mi...
XIINA Dornenico Eh ..., sei tornato?
FABIANO Giuseppe Prontoo?
iMINA Dornenico Mi senti?
FABIANO Giuseppe Eh.., siamooo passato Cosenza! ...,
MINA Dornenico ...,
Eh allora ancora un paio di ore?
FABIANO Giuseppe Si..., un'ora e mezza, due, sono l!
MINA Domenico MI.., MI HA CHIAMATO NICOLA C H E E SCESO PER
LA MARINA E VOLEVA C H E C I VEDEVAMO
...
FABIANO Giuseppe SI, EH UN'ORA. UN'ORA E UN QUARTO. STIAMO
CAMMINANDO EH ARRIVIAMO... ....
MINA Dornenico ALLORA G L I DICO UN'ORA E MEZZA C H E C I
VEDIAMO QUA AD ARDORE. LOCRI ...
FABIANO Giuseppe SI. PURE LA DA TE, C H E COME ARRIVO PASSO LA
l
DA T E DOVE MI DICI TU ...,
MINA Dornenico VA BENE, VA BENE. T I RICHIAMO, CIAO!
FABIANO Giuseppe Eh..!

m Ore 17.16 - MINA Dornenico chiamava712 NESCI Nicola per organizzare


l'appuntamento presso la sua abitazione:

JIINA' Dornenico Pronto..


NESCI Nicola Mimmo?
MINA' Domenico NICOLA STA RIENTRANDO, HA DETTO C H E ARRIVA
ALLE SEI E MEZZA.. SETTE MENO UN OUARTO
NESCI Nicola
MINA' Dornenico
SEI E MEZZA, SETTE MENO UN QUARTO?
SI, SE PER T E VA BENE C I VEDIAMO LA A CASA MIA,
S E POI VUOI CHE CI VEDIAMO PRIMA CON T E
-
\

, ,b
EVENTUALMENTE.. SE..,
XESCI Nicola EH.. ASPETTA MIMMO, ALLORA IO ORA VOGLIO
FARE UNA TELEFONATA. POI PASSO DI QUA, STO
SCENDENDO VERSO LA MARINA HAI CAPITO?
MINA' Domenico EH!
NESCI Nicola COME MI SBRIGO T I CHIARIIO, TU SEI VERSO LA

\UNA' Domenico SI.. SI.. IO SONO QUA NELLA IMARINA NICOLA.. I


NESCI Nicola ALLORA IO VOGLIO PASSARE DA QUA, CHE VOGLIO

'l' Vedasi verbale di trascrizione M. 794 (Rit. 823i07 DDA) del 02.07.2007 in allegato 63;
"'Vedasi verbale di trascrizione M. 5081 (Rit. 7265i06 DDA) del 02.07.1007 in allegato 64;
( VEDERE A UNO SE RIESCO A RINTRACCIARLO E POI
CI VEDIAMO IN GIU.. VA BENE?
I
MINA' Domenico VA BENE CI VEDIAMO IN GIU. OK.. GRAZIE NICOLA..
YESCI Yicola 1 Ciao Mirnrno ciao.. l

Prima dell'incontro quindi NESCI Nicola voleva "vedere a uno se riesco a


rintracciarlo", cio contattare qualcuno per proseguire nelle ricerche dell'escavatore
rubato.

Ore 17.17 - NESCI Nicola chiarnava'13 ROMANO Nicola.

Con questa telefonata si chiudeva un po' il cerchio, in quanto il mutuo soccorso tra i "capi
locale" della "Sacra Corona" trovava piena conferma proprio in un momento critico:

ROMANO Eh! compare "Colan come andiamo? Buona sera.


YESCI Eh! non c' male. tu te la v assi bene?
ROMAYO Eh! andiamo correndo avanti e indietro.
YESCI SENTI VOLEVO CHE CI VEDEVAMO, HO CERCATO.. ...
ROMANO SI.
' YESCI HO CERCATO NEI PARAGGI DOVE SEI?
ROMAYO NO, STO ANDANDO.. ...
YESCI I Incomprensibile
1 ROMAYO sto andando per Reggio
YESCI Stai andando per Regao, ho capito e va bene va.
ROMAYO DOMANI.
YESCI A SI.SI. E ALLORA. MAGARI ......
ROMAYO OPPURE SE ARRIVO NELLA NOTTE, SE MI SBRIGO SE SIETE
PER SOTTO.
XESCI MI RITIRO SICURAMENTE SUL. SUL TARDI CHE SE STO
ANDANDO ADESSO FUORI SONO LE CINQUE E MEZZA.
P
ROMAVO SI, UHM!.
YESCI CI VEDIAMO MAGARI DOMANI DAI.
ROMAYO EH!
YESCI Ti telefono domani ~ o m e r i ~ emagari.
io
ROiMAYO Va bene dai.
YESCI Va bene?
ROMAYO Va bene compare "Cola".

Nonostante i suoi impegni ROMANO Nicola capiva che una telefonata del "Mastro di
Corona" non era casuale ed era pronto ad incontrarsi nottetempo con lui pur di
accontentarlo. L'incontro veniva comunque rinviato all'indomani ed avveniva presso
l'abitazione di ROMANO Nicola nella frazione Bagni Minerali di Antonimina, come si
desume dal contatto telefonicoD tra i due registrato il giorno successivo.

"'Vedasi verbale di trascrizione nr. 5083 (Rit. 2165106 DDA)del 02.07.7007 in allegato 65;
Il4
Vedasi verbale di trascrizione nr. 5 133 (Rit. 7165106 DDA)del 03.07.1007 in allegato 66;
Ore 18.07 - MINA Dornenico chiamava"' FABIANO Giuseppe, che era giunto a
Sidemo, e gli dava appuntamento presso la sua abitazione;

A quel punto la p.G. procedente predisponeva apposito servizio di o s s e r ~ a z i o n eed


~ ' ~alle
successive ore 18.40 effettuava prima un passaggio dinanzi l'abitazione di MINA
Domenico, in Via Dromo nr. 3 1 di Locri, ove l'autovettura Mazda 2 di colore grigio"7 era
intenta a fare manovra di inversione, al cui interno erano notati 4 individui in parte
riconosciuti dagli operanti in:

- SERGI Antonio'18 (lato guida);


- ,MINA Dornenico (lato passeggero anteriore);
- FABIANO G i u s e ~ ~alias
e , "Peppe u lupu" (lato passeggero posteriore destro);

ed un quarto individuo non meglio identificato.

Alle ore 19.30 veniva effettuato un ulteriore passaggio presso l'abitazione del MINA
Dornenico e oltre alle altre autovetture in sosta gi notate in precedenza vi era parcheggiata
la Seat Leon di colore grigio"9 in uso a NESCI Nicola.

Ore 20.10 - NESCI Nicola ~hiamava"~ il figlio NESCI Francesco e gli chiedeva di
raggiungerlo a S.IIario dello Jonio perch doveva mandare
"un'ambasciata7*in paese:

' FRAiiCESCO ( Pronto


NICOLA Oh
FWYCESCO Pronto
'IICOLA Pronto.. . monto mimi senti o non mi senti?
I FRANCESCO I Si,tu mi senti?
YICOLA Eh,sei qua nella marina?dove sei?
FRANCESCO A Bovalino ...
'IICOLA Ah
FRAiiCESCO VUOI QUALCOSA?
;VICOLA VOLEVO CHE CI VEDEVAMO UN ATTIMO...
FRANCESCO Eh.. . adesso sono qua.. . qua alla concessionaria.. che ..inc.. quando '\
L-L~
I 1 torno ti chiamo? - 1 i(j

ZIICOLA Da noi alla concessionaria sei?


1 FRAYCESCO No.. .. A Bovalino sono da una concessionaria.. .
>[COLA I AH.. ..MA TU SALI A MANGIARE AL PAESE? 1
FRANCESCO DOVREI...
3ICOLA DOVRESTI... DEVO DIRTI ...
DOBBIAMO VEDERCI CHE
DEVO FARTI UN'AMBASCIATA PERCI VEDI A CHE ...
ORA RITORNI...
FRANCESCO EH.. ASPETTA UN MINUTO.. .

"'Vedasi verbale di trascrizione N. 795 (Rit. 823i07 DDA) del 02.07.1007 in allegato 67;
''O Vedasi Annotazione di servizio del Comando Gruppo CC di Locri datata 02.07.2007 in allegato 68:
'l7 :Iutovettura MAZDA 2 targata CP056AC:
'lR SERGI Antonio, nato a Locn il 28.08.1966 e residente a Plati in C.da Lacchi nr. 3;
SEAT Lcon targata BP123DR, intestata a SPAGNOLO Grazia. nata a Cirnin il 04.12.1962 ed ivi
residente in V. Bovio N. 103 ed in uso a NESCI Nicola nato a Cirnin il 23.06.1955, ivi residente in via
V. Bovio nr. 99;
"" Vedasi verbali di tra%cnzioneN. 5102 e 5105(Rit. 2265106 DDA) in allegati 69 e 70;
- - -

YICOLA ?@-
FRANCESCO OH PA ...
XICOLA OH... I
FRANCESCO MA TU ADESSO STAI SALENDO A CASA?,
YICOLA IO, NON STO SALENDO A CASA ADESSO.. PERO STO
ANDANDO DA OUALCHE PARTE ANCH'IO.. NON E CHE
SONO QUI CHE NON FACCIO NIENTE ...
FIWiYCESCO Ed io dieci minuti e siamo ad Ardore. ..
NICOLA Eh,dieci minuti..
FTWiCESCO Dieci minuti contati. ..
NICOLA Allora sai che fai? Che io devo salire fino a sant'ilario un minuto dalla
signora.. .
FRXYCESCO Ti aspetto ad Ardore.. .
NICOLA No,non mi aspetti ad Ardore ... vienimi all'incontro a Sant'Ilario da
I 1 aualche arte. T. I
FRANCESCO Va bene.. .
NICOLA Sai che fai?
FRANCESCO Eh
NICOLA Eh... aspettami qui fuori al bivio per dove andiamo per il paese
magari.. ..
FRANCESCO Fuori a Shop2000?
NICOLA Eh.. .
FRANCESCO Devo aspettarti li sotto al bivio di Sant'Ilario dai....
MCOLA Aspettami fuori al bivio di Sant'ilario la al baretto dai, ...
FRANCESCO Si,ciao.. .
NICOLA Muoviti
FRANCESCO Uh.ciao.ciao

Ore 09:14 - FABIANO Giuseppe chiamava"' MUSOLiNO Carmine, che si


trovava ad Alessandria, riferendogli di dover parlare con lui con la
massima urgenza e di ricontattarlo appena giunto in zona l'indomani
sera.
Ore 09:34 - FABIANO Giuseppe chiamava2" MINA Domenico:
t%
MINA Domenico Pronto'?
FABIANO Giuseppe Buon giorno!
MINA Domenico Buona mattinata, buon giorno!
FABIANO Giuseppe DOVE SIETE?
MINA Domenico NEL CAPANNONE A S. ILARI0
FABIANO Giuseppe SCENDI PER LA MARINA OH...
MINA Domenico MA ASPETTAVO A MIO FRATELLO PER ANDARE L;\

"'
7,-
Vedasi verbale di trascrizione N. 804 (Rit. 823107 DDA) del 03.07.7007 in allegato 71 ;
--- Vedasi verbale di trascrizione N. 906 (Rit. 823/07 DDA) del 03.07.7007 in allegato 72;
DA OUELL'AMICO CHE PII DICESTI TU L AD
ARDORE
FABIANO Giuseppe Eh...,perci ...inc...dove ci vediamo?
MINA Domenico
EH ...,
DIMMI DOVE VUOI CHE CI VEDIAMO CHE
TOTO ARRIVA TRA DIECI hIINUTI, UN QUARTO
D'ORA
...,
FABIANO Giuseppe Eh io sono vicino Bianco, vengo verso S. Ilario i ti vengo ...
ail'incontro dai
MINA Domenico Eh.., io son qua al capannone, come lui arriva...sen sono qu
al capannone fermo
FABIANO Giuseppe Va bene, ok, voi partite e percorrete la strada che
c'incontriamo
MINA Domenico va bene ciao.

MJNA Domenico si trovava quindi in un capannone a S. Ilario ed attendeva il fratello


MJNA ~ntonio"~,con il quale si sarebbe recato "Ih da queil'amico che mi dicesti tu Ih
ad Ardore", ovviamente per interessarlo della ricerca del mezzo rubato.

Ore 10.18- Previo contatto telef~nico"~l'incontro tra i fratelli MJNA e FABIANO


Giuseppe veniva tissato al bar di S. Ilario sito nei pressi della stazione
trroviaria;

Alle ore 10.20, durante mirato servizio di osserva~ione'~~ predisposto dalla P.G.
procedente, venivano notati ben cinque uomini che si incontravano all'interno del predetto
bar e l'unico riconosciuto dagli operanti era proprio FABIANO Giuseppe. Alcuni degli
individui notati colloquiare con il' "capo locale" di Cirella di Plat erano giunti con due
altre autovett~re"~intestate a MINA Antonio, fratello di Domenico, e FABIANO Bruno,
tiatello del predetto Giuseppe.

Ore 17.57 - FABIANO Giuseppe chiamavan7 SERGI Antonio per concordare un


incontro all'esterno della sua abita~ione"~
di Ardore;

,\
"le
1

V
Ore 1752 - NESCI Nicola ~hiarnava"~
MJNA Domenico:

1 >II>lMO I Pronto.

"3 MINA Antonio. nato a Cimin il 24.04.1960 e residente ad Antonimina in C.da Falco;
'" Vedasi verbale di trascrizione nr. 808 (Rit. 823107 DDA) del 03.07.2007 in allegato 73;
'" Vedasi annotazione di servizio del Comando Gruppo CC di Locri datata 03.07.1007 in allegato 74;
'" Mitsubishi L200 targato DD175SK intestata a MINA Antonio, sopra generalizzato. mai controllata, e
Mitsubishi L200 targato BV873SK intestato a FABIANO Bruno, nato a Plati il 03.02.1966 ed a lui in
uso;
'" Vedasi verbale di trascrizione nr 812 (Rit. 823107 DDA) del 03.07.2007 in allegato 75;
"' Si da atto che, da quanto emerso dall'attivit di intercettazione telefonica a suo carico. FABIANO
Giuseppe era proprietario di una casa in costruzione sulla SS 106 nel tratto che attraversa il comune di
.Ardore;
"I' Vedasi verbale di trascrizione nr. 5 153(Rit. 2265106 DDA) del 04.07.2007 in allegato 76;
NICOLA Ciao Mimmo, Nicola sono.
NiIMMO Ciao Nicola.
( MCOLA I Com'?. 1
YIIMMO Ma.
;YICOLA COME ANDIAMO?.
XiINIkIO hIOVIMENT1 SEMPRE AVANTI ED INDIETRO.
NICOLA SENTI AVEVO UN APPUNTAMENTO CON IL CONSUOCERO TUO
PER LE CINOUE E MEZZA, ORA SONO LE SEI E NON E VENUTO,
.
VEDI SE LO RINTRACCI DIGLI CHE IO NON POSSO ASPETTARE
l I P I U CHE ANCORA OLIELLA 6 C ~ ~ERO \ PASSATO\
~ ~ ~ ~
EEE.... DEVO PASSARE PIU TARDI.
JlIhIMO UHM!UHM!
I YICOLA QUELLA "AMBASCIATAn CHE SA LUI, POI MAGARI TI

5IIMMO UHM!
YICOLA E TI DICO SE C'E OUALCHE COSA DI POSITIVO O NO.
MIMMO Va bene, tu in quale zona sei?
NICOLA Io sono qua alla stazione di Ardore sono io.

NICOLA Eh!
MIMMO ED PROBABILE CHE ARRIVO IO TRA UN QUARTO D'ORA,
VENTI MINUTI LI CHE SONO PURE 1 0.........
NICOLA Ma devo, mi devo spostare ora Mimmo, io devo andare un attimo hori, fuori

.MIMMO Ah! Ho capito.


NICOLA Se poi, fai una cosa quando arrivi qua, tra venti minuti chiamami che magari
io sono a Bovalino. e ~ otomo
i di nuovo verso aua.
1 31IMMO 1 Va bene. I

Ore 17.58 - MMA Domenico cornuni~ava'~~ di aver chiamato FABIANO


Giuseppe e che quest'ultimo si trovava ad Ardore. NESCI Nicola
confermava di averlo gi incrociato per strada.

Ore 18.13 - FABIANO Giuseppe contattava"' SERGI Antonio e gii chiedeva


ausilio perch "volevo vedere di andare l dietro o vedere qualche
altro". I due si accordavano per un incontro al bar di S. Ilario dello
Jonio.

Il servizio di os~ervazione'~~
organizzato dalla P.G. procedente permetteva di notare, alle
successive ore 18.40, FABIANO Giuseppe e SERGI Antonio che dialogavano tra loro
all'intemo del "Bar del Sole" sito sulla SS 106 nel tratto che attraversa il Comune di S.
Ilario dello Jonio.
[vi erano presenti anche il MERCEDES colore blu scuro"3 di proprieta di MMA
Domenico, il MITSUBISHI L200 colore verde acquagJ in uso a FABIANO Giuseppe e la
MAZDA 2 colore @gio'35 di propriet di SERGI Antonio.

"O Vedasi verbale di trascrizione nr. 5 155 (Rit. 1265106 DDA) del 04.07.2007 in allegato 77;
'" Vedasi verbale di trascrizione nr. 830 (Rit. 823107 DDA) del 04.07.1007 in allegato 78;
'QVedasi la relazione di servizio del Comando Gruppo CC di Locri datata 04.07.7007 in allegato 79;
'j3 MERCEDES blu scuro targato AV587JL intestata a MINA Domenico. nato a Cirnin il 29.05.1957 e
residente a Locri in Via Drorno;
Ore 19.47 - NESCI Nicola chiamava'36 il figlio NESCI Francesco perch doveva
riferirgli qualcosa, "dove sei che devo dirti". I due concordavano un
incontro in paese a Cimin.

/ 5 LUGLIO 2007
l

Ore 08.05 - FABIANO Giuseppe chiamava2" MINA Antonio chiedendo cosa


volesse, poich suo fiatello (FABIANO Bruno) lo aveva avvertito.
I due si davano appuntamento a casa di "Peppe u lupu";

Ore 16.53 - FABIANO Giuseppe dava appuntamento'38 a MEDIATI Saverio


~ n t o n i o a' ~casa
~ sua;

Ore 17.17 - MINA Domenico NESCI Nicola:

YICOLA Pronto.
MIMMO Nicola.
XICOLA Uhel!
MIMMO Tu sei per sotto? Sovrapposizioni di voci ciao Mimmo sono.
YICOLA Oh, ciao Mimmo come andiamo?
.MIMMO Ciao. ti disturbo?
1 YICOLA I No,no, assolutamente no Mimmo uhm! Dimmi.
MIMMO TU SEI QUA PER SOTTO, CHE C'E UN AMICO C H E TIVOLEVA.
YICOLA NO,NO, NON SONO MIMMO, SONO FUORI CHE T E L O AVEVO
DETTO, CHE GLIELO AVEVO DETTO A PEPPE C H E MANCAVO
UN PAIO DI GIORNI.
MIMMO Eh!
YICOLA Mi trovo lontano Mimmo, mi trovo lontano che devo mancare un paio di .....
io li rientro luned.
MIMMO Va bene, va bene.
XICOLA EH! RIENTRO LUNEDI LI IO MIMMO.
.MIMMO VA BENE NICOLA.
YICOLA GLIELO AVEVO DETTO A PEPPE IO IERI SERA.. ....
MIMMO NO E NON, NON ABBIAMO PARLATO, SI VEDE CHE... ..
YICOLA EH! I
l
51IMMO NON MI DISSE NIENTE. I

'-e
2 /(j-
YICOLA NON VI SIETE VISTI? NON VI SIETE INCONTRATI.
MIMMO N0,NO.
XICOLA Uhm!

'j4 MITSUBISHI L100 targata PFEC249 in uso a FABIANO Giuseppe. nato a Plati il 17.1 1.1961 ed ivi
residente Fraz. Cirella, C.da Gioppo snc.;
' j 5 MAZDA 2 grigia targata CP056AC intestata ed in uso a SERGI Antonio, nato a Locri IL 16.08.1966.

residente a Plati in C.da Lacchi m. 3;


Vedasi verbale di trascrizione N. 5159(Rit. 2165106 DDA) del 04.07.2007 in allegato 80;
"' Vedasi brogliaccio parziale del Rit. 823107 DDA. sintesi del progressivo m. 847. in allegato 8 1;
""edasi brogliaccio parziale del Rit. 823107 DDA, sintesi del progressivo nr. 855. gi in allegato al
presente Capitolo;
'"
1.10
MEDIATI Saverio Antonio. nato a Locri il 13.10.1973 e residente a Benestare in C.da S. Giovanni snc;
Vedrisi verbale di trascrizione M. j178 (Rit. 2165106 DDA) del 05.07.1007 in allegato 82;
MIMMO Va bene.
NICOLA Va bene, ne lo ........
MI3IMO NICOLA CI SENTIAMO.
NICOLA ME LO SALUTI OUESTO AiMICO. GTWZIE MIMMO. CIAO.

In effetti NESCI Nicola e "Peppe" FABIANO si erano incontrati la sera precedente, come
risultava dai contatti telefonici sopra riportati.

Ore 17.37 - FABIANO Giuseppe chiamava2'" SERGI Antonio e gli comunicava di


passare al pi presto da casa sua perch c'era "Antonio" Saverio
MEDIATI che voleva parlare con lui;

Ore 17.49 - FABIANO Giuseppe il luogo dell'appuntamento,


invitando SERGI Antonio al bar:

Ore 19.36 - FABIANO Giuseppe dava243 appuntamento a MEDIATI Saverio


Antonio presso la sua abitazione ad Ardore;

Ore 20.13 - MINA Giuseppe chiamava'14 FABIANO Giuseppe e gli comunicava


che lui ed il fratello, MINA Antonio, volevano incontrarlo. "Peppe u
lupu" riferiva di trovarsi ad Ardore e di essere in attesa di una persona
(MEDIATI). I tre dovevano incontrarsi in quanto MINA Antonio
aveva "qualcosa'* da riferire a FABIANO Giuseppe;

Ore 20.28 - FABIANO Giuseppe ricontattava2" MEDIATI Saveno Antonio per


sollecitare l'incontro;

Ore 11.24 - FABIANO Giuseppe chiamava216MEDIATI Saverio Antonio e gii


dava appuntamento a S. Nicola;

Ore 16.26 - MINA Antonio ~hiamava"~FABIANO Giuseppe e gli comunicava le


novit:

I .ANTONIO I Pronto.
GIUSEPPE Caro Toto.
ANTONIO Eh! com'e?

"' Vedasi brogliaccio parziale del Rit. 823107 DDA. sintesi del progressivo N. 858. gi in allegato al
presente Capitolo;
Vedasi brogliaccio parziale del Rit. 823107 DDA. sintesi del progressivo nr. 859, gi in allegato al
presente Capitolo;
143
Vedasi brogliaccio parziale del Rit. 823107 DDA. sintesi del progressivo N. 562. gi in allegato al
presente Capitolo;
144
Vedasi brogliaccio parziale del Rit. 823107 DDA. sintesi del progressivo nr. 863, gi in allegato al
presente Capitolo;
"' Vedasi brogliaccio parziale del Rit. 823107 DDA. sintesi del progressivo nr. 864. gi in allegato al
presente Capitolo;
"" Vedasi brogliaccio parziale del Rit. 823107 DDA, sintesi del progressivo nr. 890. gi in allegato al
presente Capitolo;
"' Vedasi verbale di trascrizione nr. 90 1 (Rit. 823107 DDA) del 07.07.7007 in allegato 8 3 ;
GIUSEPPE Bestemmiamo in questi costoni.
ANTONIO In questi costoni, cercate di venirvene nella pianura.
GIUSEPPE Eh! domani mattina siamo la se tutto procede bene.
A3TONIO Ma verso che ora?
GIUSEPPE Ma nella mattinata, stasera la prepariamo se tiniamo.
ANTONIO Eh!
GIUSEPPE Che montiamo la lama e domani mattina partiamo a buona ora.
- .LYTONIO
GIUSEPPE
Eh!
In mattinata siamo la.
AXTONIO SENTITE UN POCO. NOVITA?.
GIUSEPPE NOVIT DI LA ZERO. NON ERI COME DICEVI TU.
, A3TONIO NON .....
GIUSEPPE E&
.ANTONIO N01
GIUSEPPE NOsYO. NO.
AiYTONIO MI HANNO DATO UN ALTRO INDIZIO S T A M A T T I i
GIUSEPPE UHM!
ANTONIO A RIZZICONI.
GIUSEPPE E ma ora "Mannagghia a Dio" UNO DICE PER UNO. UNO ORA
ANDIAMO PER UN ALTRO.
ANTONIO EH!
GIUSEPPE OGGI MI HANNO DETTO .,......
ANTONIO NO.NO. QUESTO E UNA OUESTIONE DI QUA DELLA ZONA
sovrapposiiioni di iloci DI QUA PER SOPRA EEEE...... .. E MI HA
DETTO CHE SE LA SONO STATI QUESTI.
GIUSEPPE ORA .....
CHE HA. CHE COMPRA LE ARANCE LA SOPRA IL SILOS LI DI
COSO.
-

GIUSEPPE EH!EH!
ANTONIO AVETE CAPITO?
GIUSEPPE EH!EH!
.ANTONIO OUELLO. UN CERTO NAPOLI CHE COMPRA LE ARANCE.
GIUSEPPE SI.SI.SI.SI.
ANTONIO EH!
GIUSEPPE NIENTE IO STASERA ORA PIU TARDI. C H E OGGI SONO
VENUTI C I SIAMO VISTI AD ARDORE.,
ANTONIO EH!
GIUSEPPE EH! CON QUEGLI ALTRI UN'ALTRA VOLTA. GLI H O
MANDATIIDOMANDATO E UN'ALTRA VOLTA. ORA SIAMO
RIMASTI CHE C I VEDIAMO STASERA CHE DOVEVAMO
VENIRE LI A PORTIGLIOLA. ORA NON SO ASPETTAVO C H E
MI CHIAMAVANO.
.ANTONIO SENTITE VENITE, SE VENITE PER QUA PASSATE DI QUA,
PASSATE DI QUA CHE I O SONO QUA A CASA.
GIUSEPPE EH! NON S O A CHE ORA C I SBRIGHIAMO A VENIRE .A
1 PORTIGLIOLA, COMUNQUE DAI, NON T I PREOCCUPARE
DAI.
,LYTONIO Eh! Va bene4?. -

GIUSEPPE Va bene'?
l ANTONIO 1 Ok.
GIUSEPPE Tu domani mattina non vai a lavorare no?
AYTONIO No, no, sono qua, sono qua.
GIUSEPPE VA BENE, DOMANI MATTINA CI VEDIAMO PER LI ALLOIW.
AYTONIO VA BENE.

Ornissis da pag. 3 del verbale a tine trascrizione.. .

Secondo quanto avevano riferito a MINA Antonio il furto dell'escavatore era riconducibile
3d un individuo, tale "Napoli" di Rizziconi, "quello che compra le arance l sopra il
silos li di coso".

e Ore 1 1.43 - MINA Dornenico contattava2'* NESCI Nicola per chiedere la data del
suo ritorno dall'estero in quanto "c'e' un amico in comune
che...omissis...da molto che voleva trovarti".

Ore 16.51 - MINA Dornenico chiamavas9 NESCI Nicola per concordare un


incontro in serata alla "marina", cioe ad Ardore Marina;

Ore 17.50 - FABIANO Giuseppe NESCI Nicola per concordare un


incontro a Locri;

Nel corso del servizio di osserva~ione'~'


predisposto dalla P.G. procedente venivano notati
FABIANO Giuseppe e NESCI Nicola che colloquiavano dinanzi al Bar Tabacchi sito in
Via Provinciale-Angolo Via Matteotti di Locri e, a breve distanza, le due autovetture a loro
in
,?

I/
'/
t
e Ore 22.30 - FABIANO Giuseppe invitava"' MEDIATI Saverio Antonio a Locri a
casa del "consuocero", cioe da MINA Dornenico in Via Dromo di
Locri;

1 11 LUGLIO 2007

'" Vedasi verbale di trascrizione nr. 5198 (Rit. 2765106 DDA) del 09.07.7007 in allegato 84;
''O Vedasi verbale di trascrizione nr. 5225 (Rit. 2765i06 DDA) del 10.07.2007 in allegato 85;
"O Vedasi verbale di trascrizione m. 5728 (Rit. 2765i06 DDA) del 10.07.2007 in allegato 86;
'51 Vedasi Annotazione di servizio del Comando Gruppo CC di Locri datata 10.07.7007 in allegato 87;
Pick Up di colore verde acqua targato PFEC2.19 in uso a FABIANO Giuseppe e SEAT Leon di colore
grigio targata BP123DR in suo a NESCI Nicola:
'" Vedasi verbale di trascrizione m. 977 (Rit. 823i07 DDA) del 10.07.2007 in allegato 88;
Ore 17.20 - MINA Domenico ~hiamava"~NESCI Nicola e gli comunicava di
essere a casa dove c'era "un amico in comune" che voleva parlargli.
I due si davano appuntamento a breve;

Ore 18.13 - NESCI Nicola chiama~a"~MINA Domenico e gii chiedeva di


chiamare il "consuocero", cio FABIANO Giuseppe affinch si
mettesse in contatto con lui;

Ore 20.42 - FABIANO Giuseppe ~hiamava"~NESCI Nicola ed i due si


accordavano per un incontro l'indomani sera. Si d atto che non vi
erano ulteriori riscontri telefonici in merito all'incontro;

Ore 21.38 - MINA Domenico chiamava'" NESCI Nicola:

.MIMMO Pronto.
YICOLA Si pronto, sono Nicola N.. ...
,MIMMO Nicola, Mimmo sono, ciao.
YiCOLA Oh! Ciao Mimmo, ciao come andiamo'?
MIMMO Ti disturbo'?
YICOLA No,no, che ora sono rientrato a casa e quando sono arrivato qua ho visto la
chiamata eee.. .
YlIMMO EH! SENTI C'E OUELL' ANIICO CHE CI SIAMO INCONTRATI L'
ALTRA SERA. ....
YICOLA SI.
,MIMII.lO CHE DOMANI SERA ALLE CINQUE E QUA CHE TI VUOLE
PARLARE, SE PUOI FARE.
P
YICOLA DOMANI SERA ALLE CINQUE?
>lIMMO SI, CHE C'E PURE IL CONSUOCERO MIO.
YICOLA UHM!E VA BENE MIMMO, VEDO SE POSSO ARRIVARE.
MIMMO Va bene, grazie Nicola mi saluti la famiglia.
NICOLA Grazie Mimmo, altrettanto, grazie.

!54
Vedasi verbale di trascrizione N. 52-17 ( Rit. 7365106 DDA) de11'11.07.3007 in allegato 89:
255
Vedasi verbale di trascrizione N. 5368 (Rit. 7765106 DDA) del 16.07.7007 in allegato 90;
!" Vedasi verbale di trascrizione N. 5373 (Rit. 7765i06 DDA) del 16.07.7007 in allegato 9 1;
257
Vedasi verbale di trascrizione N. 5454 ( Rit. 7265106 DDA) del 7 1.07.3007 in allegato 97;
Ore 18.06 - MINA Domenico ~ h i a m a v a " ~NESCI Nicola e si sincerava del suo
arrivo, "si ti stiamo aspettando dai";

Non vi erano altri contatti telefonici ritenuti utili ai tini dell'indagine sulla vicenda del
furto dell'escavatore, pertanto non si era in grado di verificare attraverso le intercettazioni
l'evoluzione della vicenda.

Si d atto che da un controllo alla Banca Dati delle FF. di P. e da apposita richiesta
inoltrata ai Comandi Stazione Carabinieri del circondano (Cimin, Antonimina, Ardore e
~ o c r i ) "riguardante
~ le denuncie sporte da MiNA Domenico e MiNA Antonio e /o dai loro
congiunti, per il h r t o dell'escavatore si appurava che:

1. Presso i Comandi Arma di Cimin, Locri ed Antonimina non era stata sporta
alcuna denuncia di furto di un escavatore;
2. Presso il Comando Stazione Carabinieri di Ardore era stata sporta una sola
denuncia, in data 4 Luglio 2007, da parte di MISITANO ~ i u s e p p e ' ~per
~ , il
furto di un mini-escavatore marca Komatzu modello PC16R-2, awenuto in
Ardore in C.da Costorone;
3. Per il controllo alla Banca Dati venivano utilizzati i seguenti parametri di
ricerca:
Reato contro il patrimonio;
Denunciato dal 2 Luglio 2007 al 15 Lugio 2007 nell'intera
provincia di Reggio Calabria;
Per un fatto awenuto nell'intera provincia di Reggio Calabria;

L'esito della verifica, volta a controllare l'eventuale presentazione della


denuncia presso Uffici di polizia diversi dai Comandi Stazione Carabinieri,
dava esito negativo.

Una ulteriore venfica alla Banca Dati permetteva di appurare che MINA Domenico,
ipotetico proprietario dell'escavatore rubato, era un dipendente Telecom, mentre il tiatello
Antonio era intestatario di un'impresa individ~ale'~'operante nel settore agricolo per la
coltura mista di cereali e agrumi.
Un controllo ulteriore tra le denunce presentate dal MINA Antonio presso il Comando
Stazione Carabinieri di Cimin, permetteva di verificare che costui in data 13 Febbraio
2008 aveva la disponibilit di un escavatore marca "Komatzu" di colore giallo262,utilizzato ,
per l'effettuazione di alcuni lavori agricoli.

'"Vedasi verbale di trascrizione nr. 5462 (Rit. 2265106 DDA) del 23.07.3007 in allegato 93;
Vedasi richiesta e relativo esito dei Comandi Stazione Carabinieri di Cimin. Ardore. Locri e Antonimina
in allegato 94;
'"O MISITANO Giuseppe. nato a Bianco il 10.08.1953 e residente a Mezzago (MI) in Via Garibaldi I I ,
coniugato, artigiano;
'"' Vcdasi visura camerale di MINA Antonio in allegato 95;
'"l Vedasi relazione di servizio del Comando Stazione Carabinieri di Cimin datata 13.02.1008 in allegato
96;
-
Paragrafo 2.6

L'elezione di BOVA Bruno a Presidente della Comunit Montana Aspromonte


Orientale

Un'ulteriore occasione per attuare gli scopi della "Sacra Corona", seguendo il principio del
reciproco aiuto tra i consociati cos come MELIA Vincenzo aveva perentoriamente
ribadito a NESCT Nicola, era offerta dall'elezione del Presidente della Comunit Montana
Aspromonte Orientale, della quale facevano parte diversi dei temtori posti sotto l'intluenza
matiosa degli indagati, e cio Ardore, Cimin ed Antonimina.

Le prime notizie riguardanti il protagonista della vicenda, BOVA ~ r u n o ' ~ ' scaturivano
, da
un'intercettazione ambientale tra ROMANO Nicola e MELIA Vincenzo registrata in data
29 Marzo 2007.
In quell'occasione ROMANO Nicola chiedeva n ~ t i z i e 'di~ BOVA Bruno, e, dalle risposte
ricevute, appariva come questi fosse ampiamente inserito nella consorteria matiosa
dominante in quel territorio, nonch legato a diversi personaggi gi indagati, quali
PARLONGO ~ r u n o ' e~ ~VARACALLI Lui. ma Bruno sposato
.. ..
si?'!.. "Bruno BOVA.. si?". 't4 h.. non sposato?" .. " iVo!'!.. "No!", ed ancora alle
richieste del ROMANO:. .." E Bruno PARLONGO sta fermo i? Bruno PARLONGO ..
.
di Ardore .Marina o sopra. dove abita?". ."Ardore .Marina?... ", il MELTA Vincenzo
.. ..
rispondeva: "...,-lrdore". "Uh! Bruno PARLONGO " un soldato" di Bruno BOVA e
d Peppe VARACALLI!"...", "soldati di Bruno BOVA.. lui. il "u giustu't. Gianni
,MACRI'. ..':
ROMANO Nicola commentava anche le fiasi di MELIA Vincenzo dicendo: "Uh.. dico..
..
sta fermo? ~Vonvuole dato conto pure lui? (ndr: riferito a PARLONGO Bnlno) ..
...
"Soldato"fino ad un certo punto.. poi quando entrano nel" " Quando entrano nel
"discorso"..poi ehh.. si vestono dei "panni di caporali o di generali". ..; per poi chiedere
ulteriori informazioni sul predetto MACRI'?~': "u giustu.. u giustu" a chi
.
chiamate?". .'!-l h! Gianni iMA CRI '!".

i personaggi indicati nel tratto di dialogo riportato erano pertanto quattro, due dei quali,
PARLONGO Bruno e VARACALLI Giuseppe, gi sottoposti ad attivit di intercettazione
telefonica. Ai predetti venivano attribuite posizioni gerarchiche ben distinte all'intemo del
"locale" di Ardore, tanto che il PARLONGO Bruno e MACRI' Giovanni erano indicati
quali "soldati", ossia esecutori degli "ordini matiosi" impartiti da VARACALLI Giuseppe , ,
e BOVA Bruno.

"lJ BOVA Bruno. nato ad Ardore il 10.1 1.1957 ed ivi residente in Via Marina M. 55, celibe. consulente
aziendale. all'epoca dei fatti consigliere di maggioranza del Comune di Ardore;
"l4 Vedasi verbale di trascrizione M 1901 ( Rit. l897106 DDA) gi in allegato al presente Capitolo;
'"' PARLONGO Bruno. nato a Ardore il 25.10.1962. ivi residente in C.da Feudo M. 19iA. coniugato,
imprenditore;
:'" VARACALLI Giuseppe, nato ad Ardore in data 12.04.1953 e ivi residente in Fraz. S. Nicola, C.da
Calvario M. 7, coniugato. impresario edile;
"' MACRI' Giovanni. nato a Ardore il 14.01.1955 ed ivi residente in C.da Lanzo nr. 9:
In effetti erano state gi registrate alcune conversazioni telefoniche di interesse
investigativo proprio tra i soggetti indicati, in particolare tra PARLONGO Bruno e BOVA
Bruno, che testimoniavano la loro frequentazione'68.

Nel corso dei loro dialoghi i due lasciavano intendere di avere interessi comuni o,
perlomeno, ch il BOVA Bruno fosse "garante" del PARLONGO Bruno in uno o pi
"pratiche" di suo intere~se'~~:

Omissis da inizio trascrizione a pag. 3 del verbale.. .


BRUNO Che hai?. ..che hai?
1 BOVA NON HO NIENTE!...SENTI! VEDI CHE LA VIAGGIA TUTTO BENE
l

PUELLA
PRATICA TUA!
BRUNO EH! ED IO L'ALTRO IERI SONO STATO L! G L I HO DOVUTO

BOVA
PORTARE ALTRI DOCUMENTI!
SEI STATO L'ALTRO IERI LA! LO SO..LO SO!
.
1 BRUNO IMMH! I
BOVA ORA VANNO.. .incomprensibile.. .IN RAGIONERIA!
BRUNO M E R C O L E D ~M'HA DETTO!
BOVA EH?
1 BRUNO I MERCOLED DICEVA! I
1 BOVA I DOVEVANO! ANCORA NON ANDATO PENSO! PENSO DOMANI ...I
1 BRUNO I Eh! m'hanno detto mercoled! I
1
BOVA Mercoled per oggi?
BRUNO No! Mercoledi prossimo!
BOVA Per Mercoled.. .incomprensibile...
BRUNO Eh?
BOVA Non...

1 BOVA I ...incomprensibile...una volta! 1


1 BRUNO 1 [...ieri! ieri! ...aspetta un minuto. .. I
...
i A Reggio quando sono andato? ieri o l'altro ieri?...19altro ieri i'altro
eri.. .si!
...
qua che.. .incomprensibile.. .A GIANNI! STAMATTINA iMI HA
...
LA COPIA UN'ALT RA... AL COMUNE CHE ERO ...
UA SOPRA AL COMUNE!
' BRUNO Eh! Eh!Va bene! Va bene! Andiamo! -1
BOVA Ok? ,L
1 (J
BRUNO Ci vediamo dopo! Dai!Grazie.. .!

Omissis da inizio conversazione a pag. 2 del verbale.. .

Si riusciva a comprendere chiaramente che la pratica in oggetto era trattata da un ufficio a


Reggio Calabria e interessava un Comune, lasciando presupporre che si trattasse di un

"''vedasi verbali di trascrizione m. 755 del 23.02.3007 e nr. 1946 del 23.04.2007( Rit. 301/07 DDA) in
allegato 97 e 98;
'""Vrdasi verbale di trascrizione m. 9925 (Rit. 301i07 DDA)in allegato 99:
qualche appalto, tanto da far assumere un valore maggiore al ruolo di consigliere di
maggioranza dell'amministrazione comunale di Ardore che BOVA Bruno svolgeva
all'epoca.

Un ulteriore colloquio'70 tra i due, con tono riservato e criptico, lasciava intendere che vi
tsse un qualcosa in anivo, verosimilmente denaro, e che fosse vivo il timore di un blocco
dello stesso:

BRUNO Si.. .Pronto!


BOVA Ehi! Ma poi non mi hai detto niente! Com'era quel fatto. ..
BRUNO No. ..e ora l'ho visto! Pare che sono potuto andare ieri!
BOVA Mmh! E quindi?
BRUNO .
E ora ha detto che chiama!. .come glielo dice...
BOVA .. .incomprensibile...
BRUNO Aspettiamo che arrivino prima..no?
BOVA Ah? l
BRUNO Aspettiamo che arrivino prima!
BOVA ...
A vedi che non sia che non abbiano sbagliato questi a ,
scrivere.. .diciamo!
BRUNO Eh! Eh!Ok!...Salvo che non li blocchino!
I BOVA 1 Fammi sapere! Ok?
1 BRUNO ] Si! Ok! Ciao, ciao, ciao! J
La presenza di BOVA Bruno in qualit di consigliere di maggioranza appariva sin da
principio quindi uno dei punti di forza per gli affiliati al "locale" di Ardore i quali erano, a
partire dal vertice VARACALLI Giuseppe, impegnati nel campo dell'imprenditoria edile e
nell'esecuzione di appalti pubblici.
Effettivamente diversi indagati, come appurato anche in altre realt "locali" oggetto di
indagine, riuscivano a curare i propri affari "dall'intemo", condizionando anche le scelte
politiche e tvorendo gli interessi personali dei singoli, mediante l'assegnazione di appalti
pubblici e opere a licitazione privata.

Un ulteriore riscontro alla tnzione svolta dalla "Sacra Corona" di unire e dare forza ai
b'locali" che la componevano era offerto dalle elezioni di BOVA Bruno a presidente della
Comunit Montana "Aspromonte Orientale", composta all'epoca dai comuni di Afnco,
Antonimina, Ardore, Benestare, Bovalino, Bmzzano Zeftirio, Careri, Cusignana, Cimina,
Ferruzzano, Plati, Samo, San Luca, Sant'Agata del Bianco e Sant'Ilario dello Jonio.
La vicenda viaggiava sostanzialmente su due binari, quello prettamente politico e quello di
natura associativa, in quanto l'indagato BOVA Bruno da una parte si adoperava per
costruire un complesso gioco di alleanze e mediazioni, che verranno riportate al solo fine
di descrivere un quadro il pi completo possibile dei fatti, e dall'altra ricorreva all'ausilio
di alcuni affiliati alla "Sacra Corona" pur di ottenere il risultato a lui favorevole.

La prima conversazione te~efonica'~'relativa all'argomento risaliva al 74 Agosto 2007,


allorquando l'allora Presidente della Comunit Montana "Aspromonte Orientale",
MOLLACE ~incenzo'~',incaricato di ricoprire quel molo direttivo per l'ultimo mandato

"" Vedasi verbale di trascrizione N. 10679 ( Rit. 301/'07 DDA) del 11.07.?007 in allegato 100;
"' Vedasi verbale di trascrizione N. 77 (Rit. 1618107 DDA) del 21.08.1007 in allegato 101;
"' MOLLACE Vincenzo, nato a Casignana il 06.01.1960 ed ivi residente In Via Vittorio Emanuele 133;

177
decennale, organizzava un incontro con BOVA Bruno e pochi altri soggetti al fine di
sondare gli animi in vista della sua successione:

BOVA Chi e?. ..

BOVA Ah.. .Enzo dimmi.. .


Come stai?. ...
MOLLACE
BOVA Non c' male.. .
SENTI...RIUSCIAhIO AD INCONTRARCI TU IO PEPPE e ... ...
/
MOLLACE FUDOLI...CON FRANCO CUZZOLA E CICCIO PER IL
POMERIGGIO ...VERSO LE OUATTRO (n.d.r. 16.00). . .
Dimmi dove?. ..
Alla Comunitai Montana ci vediamo.. .
1 BOVA VA BENE.. .PIA SOLO NOI QUATTRO..
HAI CAPITO SOLO NOI... QUATTRO SOLO NOI ... '
QUATTRO...SI. ..SI ...
BOVA Va bene.. .
MOLLACE Va bene...
BOVA Ok.. .
MOLLACE Ci vediamo alle quattro (n.d.r. 16,OO). ..ciao.. .

Si trattava pertanto di un incontro tra i cui partecipanti vi erano, come si apprendeva anche
dalle chiamate successive273,oltre ai conversanti, anche FUDOLI ~ i u s e ~ ~CUZZOLAe-~~,
~ r a n c e s c o ' ~STRANGIO
~, Giuseppe e tale "Ciccio". non meglio identificato.

L''incontro veniva ~ o m m e n t a t o 'il~ ~giorno successivo da BOVA Bruno con il segretario


del Comune di Bovalino, GALLUCCIO ~rancesco'~':

BOVA
GALLUCCIO Dottore BOVA.. .
BOVA Come andiamo.. .
GALLUCCIO Che c'.. .che si dice.. .
Niente...ieri sera prima che voi veniste c'eravamo visti io...lui
BOVA
I I e... I
GALLUCCIO Eh.. .
BOVA quell'awocato.. .quel paesano vostro.. .
GALLUCCIO Eh.. .ah...quello.. .
Si. ..si.. .perch loro hanno preparato il.. .il pacchetto della
BOVA
...
Giunta no...nel senso che...
GALLUCCIO Come.. .come deve essere fatta la Giunta.. .
NO. ..SI...HANNO PREPARATO TUTTO
BOVA
...
QUINDI PERCH LUI ... CHE FA...LUI VUOLE
PROIETTARE QUELLE PERSONE DELLA GIUNTA
NELLA...DICE ...IO HO FATTO. ..IL SONDAGGIO...Q UA

17' Vedasi verbale di trascrizione nr. 117 (Rit. 1618107 DDA) del 27.08.2007 in allegato 102;
'74 FUDOLI Giuseppe, nato a Cimina il 14.1I. 1925. consigliere del Comune di Cirnina;
275
CUZZOLA Francesco, nato a Bmzzano Zeffiro il 11.09.1947. Sindaco del Comune di Bmzzano Zeffiro;
"" Vedasi verbale di trascrizione nr. 58 (Rit. 1618i07 DDA) del 25.08.2007 in allegato 103;
'77 GALLUCCIO Francesco nato a S. Agrtta del Bianco lo 08.08.1946:
... ...
L DICE ALLA FINE DICE C I SONO TRE ... ...
...
NO~IINATIVI MA QUELLI I DUE CHE VANNO PER ...
LA MAGGIORE SONO BRUNO. ..DICE.. .E
PEPPE ...Q UELLO CHE SPONSORIZZA LUI...SO. ..CHE
FA.. .
1 GALLUCCIO ...
STRANGIO SI.. .SI.. .SI...
e...QUINDI PERO CI DOBBIAMO ALLA FINE
...
DECIDERE ...Q UA E LA PIPI E POPO. ..E I 0 GLI HO
I BOVA
DETTO. ..VA ...
BENE CONTINUA SELLE TUE
CONCERTAZIONI.. .INTANTO FACCIAMO GLI HO
DETTO IO LA "PRESA AD ACTA" DEI NUOVI
COMPONENTI ...
1 GALLUCCIO Eh.. .
Poi se c' tempo per parlare di queste cose...p er preparare il
documento...e. ..loro sono tranquilli sotto questo
BOVA
aspetto.. .e.. .per la discussione.. .C'& stata una discussione ieri
sul fatto della Giunta.. .no...
Eh.. .
Siccome quando siamo arrivati.. .io.. .e il. ..e STRANGIO.. .e
...
mi ha detto che voleva fare questa Giunta ...q ua di l. gii ..
BOVA ho detto io...g uarda Enzo con tutto il rispetto per la tua
... ...
persona io ritengo in questo periodo di.. .gli ho detto io.. .di
convocazione del consiglio.. .
GALLUCCIO Eh.. .
E quindi.. .cio.. .fino.. .alla.. .alla ratifica dei nuovi
...
componenti opportuno che si facciano degli atti
BOVi\
I GALLUCCIO
indifferibili. ..e.. .
Esatto.. .com'&eiusto.. .
Incomprensibile.. .necessari per la vita dell'Ente.. .il resto pua
i BOVA essere demandato ...g li ho detto io perch qual il
l
problema.. .dice.. .no.. .
1 GALLUCCIO Eh..
E stabilire quali che sono questi atti...gli ho detto guarda ia
1 BOVA non lo posso stabilire ma gli uffici dell'Ente sono in grado di
stabilire quali sono gli atti necessari all'attivit dell'Ente.. .
GALLUCCIO Uh..c'eravamo litigati.. .
Se poi ...
La mattina con lui.. .
...
eh eh ...g li ho detto se poi tu ritieni ...g li ho detto poi il
problema qual ...no.. .si trattava di...ed ha tirato fuori quel
discorso l.. .no.. .
Uh...
Gli ho detto...mi sembra a me che quello non sia un atta ...
necessario o indifferibile alla...
QUESTO DI PITTARI? ...
BOVA
SI...TUTTI...SI HA DETTO PER VOLEVA... ...
...
PRENDERE E USCITO IN QUESTO QUA.. .HA DETTO. ..
GALLUCCIO ... .
SI SI..
Guarda. ..io.. .io non sono gli ho detto io.. .in grado di ...peri:
se.. .se gli uffici dell'Ente portano degli atti.. .che si devonc
1 approvare.. .io verifico secondo me quali sono quelli necessari e (
( urgenti.. .
GALLUCCIO Certo.. .e logico.. .
Per non penso che gli uffici della ...della Comunit per quanto
1 BOVA ( possono essere.. .che.. .portano degli atti che non.. .chi non sono I
necessari ed urgenti o iidifferibili per la.. .
GALLUCCIO Certo.. .
Per la ...p er la vita deii'Ente...no ...si...si ...e su questo fatto se
I BOVA
sentita.. .no...onestamente...perch...penso...queU'altro.. .che !
lui voleva.. .secondo me.. .ieri sera.. .
GALLUCCIO No.. .ma lui.. .
SI SONO AFFRONTATI...SI SONO ACUITI I RAPPORTI
BOVA
NEL SENSO CHE ...
GALLUCCIO Eh.. .
BOVA
...
LUI...ANCORA CHIARO CHE MI V CONTRO
ORA...NO. ..
GALLUCCIO Si.. .si.. .si.. .
Perch lui voleva che.. .gli dovevo convocare.. .@i dovevo fare
BOVA
la Giunta.. .parliamoci chiaro.. .
GALLUCCIO Si.. .si.. .e chiaro.. .si.. .
E CHIARO CHE IO...TU NON PUOI IO NON POSSO ...
...
PARTECIPARE DOVRESTI PRESIEDERLA TU ...Q UA E
... ...
DI L GLI HO DETTO IO GUARDA IO LA PRESIEDO
BOVA NON CI SONO PROBLEMI...CI SONO DEGLI
...
ATTI PERO DEVONO ESSERE DEGLI ATTI CHE GLI
UFFICI MI DICONO CHE SONO NECESSARI E
URGENTI...ALTRIMENTI NON NE FACCIO ATTI ...
GALLUCCIO E logico.. .
BOVA E rriusto o no? ...
GALLUCCIO E giusto come no.. .
Facciamo...facciamo un ordine del giorno gli ho detto io.. .intanto
gli ho detto io la Giunta non si convoca d'ora.. .nel senso che uno
BOVA la convoca.. .vedete che facciamo Giunta.. .la convoca.. .la Giunta
si convoca ed in queste.. .incomprensibile...si mettono gii atti che
sono necessari.. .li scriviamo.. .
GALLUCCIO Certo.. .li.. .
ALLORA HA PRESO ED HA CAMBIATO
DISCORSO...PERCHE LUI VOLEVA FARE IL
...
RAGIONAMENTO INFATTI POI A PRESO LA SCUSA
BOVA CHE VOLEVA VEDERMI PER IL FATTO DEL
...
PRESIDENTE ,MA LUI VOLEVA CHE CI VEDEVAMO
PER FARE LA GIUNTA ...Q UANDO GLI CADUTO IL
RAGIONAMENTO IN PRIMO DA PARTE MIO...
GALLUCCIO Si.. .si.. .si.. . 1
BOVA HA VISTO RINUNCIATO.. .NO.. .
E ,MA 1 0 GLIEL'AVEVO DETTO CHE 1 0 COME
SEGRETARIO NON AVREI PARTECIPATO ALLA
CALLUCC1o
GIUNTA. ..SE VOLEVA FARSELA SOLO SE LA
FACEVA ... PERCHE IO HO PARLATO CON LA
1 PREFETTU RA...
BOVA Uh.. .
MI HANNO DETTO FINO A QUAiYDO NON
GALLUCC1o
RISPONDIAMO NOI NON FATE GIUNTA.. .
BOVA Eh.. .
DICE ...Q UANDO RISPONDIAMO NOI. ..DOPO AVER
VALUTATO BENE LA SITUAZIONE E ALLORA. ..SIAMO
GALLUCC1o
STATI IN CONTATTO TUTTA UNA GIORNATA CON LA
PREFETTURA...
...
Che questi si pensano che io ho...la cosa che apposta che non
BOVA ...
devo fare il presidente devo essere disponibile ma che stiamo
scherzando...
...
LORO COSI MA LUI VUOLE UN PRESIDENTE. ..CHE
L O RAPPRESENTI IN TUTTO E PER TUTTO...IN TUTTE
GALLUCC1o
LE COSE CHE VUOLE FARE LUI...PER QUESTO VUOLE
A PEPPE STRANGIO ...
BOVA Si.. .no. ..ma.. .
GALLUCCIO VUOLE A PEPPE STRANGIO. ..
BOVA Se riesce.. .se riesce.. .lo faccia.. .assolutamente.. .
GALLUCCIO Ma non penso che possa avere queste.. .queste.. .
BOVA
PER VEDETE CHE A QUELLI A QUELLI DELLA ...
GIUNTA.. .LI.. .LI HA. ..
CALLUCCIO A QUELLI FA QUELLO CHE VUOLE.. .
BOVA
...
S I LI HA PROPRIO. ..LI HO VISTI IERI SONO ...
...
PLAGIATI ANCHE PERCH ...
GALLUCCIO No..incomprensibile.. .
Perch.. .C'&...sul fatto del dissenso.. .no.. .gIi ho detto va
1 1 bene... chiaro che ii presidente fa le ~onsultazioni nel 1
gruppo...qua l ...per alla fine ci pu essere anche un
BOVA
dissenso. ..se c' un dissenso uno si diversifica...vuol dire che si
fa una maggioranza ed una minoranza alla Comunit...q ual
...
il problema no...
NO..NO...NON VUOLE QUESTE COSE LUI...LUI VUOLE
GALLUCCIO
... VUOLE CHE NASCA IL CONTRASTO ...
BOVA Eh.. . .
DOPO DI CHE ...LUI VUOLE CHE ESCE IL CONTRASTO
IN MODO CHE NON C I SIA L'ACCORDO SUL
PRESIDENTE. ..IN MODO TALE CHE A UN CERTO
...
PUNTO INTERVIENE PERCH L'HO CAPITO ED E
COS CON CERTEZZA MATEMATICA.. .INTERVIENE E
!\b
GALLUCCIO DICE VA BENE DAL MOMENTO IN CUI NON SI E
RAGGIUNTO L'UNANIMITA DEI CONSENSI VUOL DIRE
CHE ,MI METTO IO...OPPURE NASCE UNA PROPOSTA
DA PARTE DI UNO DEI SUOI SCAGNOZZI COS DICE ...
TI DEVI METTERE TU UN'ALTRA VOLTA...E SI FAR
ELEGGERE A BRUZZANO COSI E... ...
BOVA No. ..ma no.. .assolutamente...
GALLUCCIO Cos ...puoi stare... !
Ma tremo.. .si.. .ma faremo una maggioranza ed una minoranza
BOVA
questa volta. ..
L
NON LA VUOLE LASCIARE LUI LA COMUNIT
GALLUCCIO
MONTANA.. .
--
EH...
I CALLUCCIO
NON LA LASCIA..IO SONO CONVINTO AL MILLE PER
MILLE...
Si.. .ma noi.. .noi...segretario sentite a me..una volta che.. .che
noi partiamo anche lui deve portare delle decisioni ...deve dire
BOVA ...
qualcosa se lui ancora indeciso dopo che si fa la ratifica se
non facciamo la ratifica dei componenti non c'
niente.. .dobbiamo fare la ratifica.. .

Quando ratifichiamo vuole dire che...noi l'abbiamo ragionata


BOVA eia.. .no..
GALLUCCIO Eh...
Vuol dire che se arriviamo ad un certo numero siamo arrivati
BOVA
altrimenti facciamo la minoranza...auai9 il ~robiema...no...
IO...VI DICO...IO DICO DI TENERE PRONTO QUESTO
GALLUCC1o
PROGRAMMA E DI FARVELO FIRMARE GI ...
VOI INIZIATE ...A STILARE UN MEZZO DOCUMENTO
BOVA
C H E POI C I VEDIAMO DIECI MINUTI...
GALLUCCIO E...SI PRENDE...E S I FA...SI SOTTOSCRIVE. ..
VOI NON AVETE QUALCHE DOCUMENTO
BOVA
...
TIPO LA ...Q UALCHE COSA...PER...
GALLUCCIO SI...NON L O TROVIAMO LA...SI...
[NIZIATELO A PREPARARE COSI POI C I VEDIAMO
BOVA
CON ME DIECI MINUTI...iME DATE E LO...
SI PRENDE S I PRENDE...SI SOTTOSCRIVE ...QUELLI
GALLUCC1o
CHE SONO AMICI...AMICI NOSTRI...E VIA...
BOVA Incornorensibi/e...E Lo Facciamo.. .Lo Facciamo Firmare.. .
PERCH AD ANDARE DIETRO A LUI ...ESCE UN
GALLUC1o
BORDELLO.. .ESCE ...
BOVA NO.. .NO.. .NO.. .
GALLUCCIO ESCE UN BORDELLO ...

Poi lunedi mattina.. .queste sono le novit.. .comunque io ieri


BOVA ... ...
ho tenuto la tesi della che non c' la faccio cio...p erch lui
ha puntato su di me...
CALLUCCIO Certo.. .
Mi ha convocato alle tre e mezza l che mi doveva dire...anzi
alle quattro per la verit...
Si ma lui ...lui aveva...lui aveva avuto una discussione molto
( GALLUCCIO accesa al telefono con me e gli avevo detto che io non avrei
l partecipato e gli ho detto anche altre cose.. .e via discutendo...
Si.. .si.. .
IERI SERA HA ACCETTATO TUTTO IL
...
DISCORSO PERCH LUI...&lIRAVA. ..>!IRAVA LI A
FARE QUELLE COSE CHE VOLEVA LUI...IN POCHE

BOVA Si.. .si.. .si.. .ma.. .


GALLUCCIO Gli ho detto io.. .che quando legittimato a farle.. .di farle.. .
BOVA Bravo.. .
GALLUCCIO Infatti a PITTARI.. .a PITTARI gli ha fatto il decreto. ..
BOVA E allora qual il problema vedete che se si vuole si dicono...
...
No ...gliel'ho detto io fategli il decreto ve la prendete voi la
GALLUCCIO
res~onsabiith basta.. .
BOVA 1 Assolutamente. .. 1
Non ha queste cose...la ~ i u n t na o n ha questi atti di
GALLUCCIO
gestione.. .non sono della Giunta.. .
BOVA 1 Assolutamente.. .sono d'accordo con voi.. .ok.. .
BOVA Bruno pertanto era stato perentorio durante l'incontro ed aveva respinto gli inviti di
MOLLACE Vincenzo a stringere alleanze e promuovere atti che fossero diversi da quelli
inderogabili che l'Ente doveva comunque attuare in quel particolare periodo di transizione.
11 Presidente ancora in carica aveva sostanzialmente manifestato il desiderio di candidare
alla sua successione l'avvocato STRANGIO ~ i u s e ~ ~ma e ' l'indagato
~~, BOVA Bruno si
era contrapposto a questa manovra, di puro carattere politico, poich mirava a candidarsi
egli stesso alla massima carica all'intemo della Comunit Montana.

Immediato appoggio veniva sin da principio manife~tato'~~ anche da CRiNO' Pietro


~ r m a n d o " ~Direttore
, Sanitario dello Studio Radiologico di Sidemo nonch Sindaco del
Comune di Casignana:

CRINO' Bruno.. .
BOVA Chi e?. ..
CRINO' Pietro CRINO'. ..Bruno.. .
BOVA Oeh.. .Pietro.. .come stai?. . .
COME VA? ...LMA...MA. ..,MA SENTI CHE TI
CRINO' ... ...
DICO CAZZO iMA VOI AVETE DECISO QUALCHE
... ...
COSA VOI VOI LUNEDI AVETE LA RIUNIONE ...
SI. . M A PIETRO. ..CHE LUNEDI ABBIAMO LA
BOVA RIUNIONE. ..NON C'E
1 ANCORA...ASSOLUTAMENTE ...
PERCH MI HA CAMBIATO QUEL SINDACO DI SANT'AGATA
CRINo'
CHE VUOLE PARLARMI ...
BoVA
...
E SI...MA QUELLO PERCHE QUELLO E SPONSORIZZATO
DA COSO.. .DA.. .incomorensibiie...
...
I CRINO'
AH..L'AVEVO
BENESTARE ANCHE I
PARLARMI ...
CAPITO ENZO ROCCA IL SINDACO DI
HA CHIAMATO ...CHE VUOLE

E TUTTI.. .*MA TUTTI STANNO PARLANDO. ..MA POI SI


BoVA
, DEVONO...SIDEVONORACCOGLIE_R--ME ...
CRINO' Eh.. .
LASCIALI PARLARE ...Q UINDI SI
I BOVA ASPETTA.. .NORMALMENTE.. .SICCOh.IE CI SONO
I QUATTORDICI O QUINDICI CONSIGLIERI CHE DEVONO /
"'STRANGIO Giuseppe, nato a S. Agata del Bianco il 14.04.1972. Sindaco del Comune di S. Agata del
Bianco;
"'Vedasi verbale di trascrizione nr. 253 (Rit. 16 18107 DDA) del 3 1.08.2007 in allegato 104;
'" CRiNO' Pietro Armando. nato a Casignana il 09.04.1949 ed ivi residente in Via Metastasio;
1 I ESSERE NOTIFICATI. ..COME FAI A PARLARE SE PRIMA 1
NON NOTIFICHI I CONSIGLIERI ...
NO.. .NO.. .LORO VOGLIONO CIA DA ,-tDESSO.. .IN ,MODO
CRINo'
CHE COMINCIANO...
I I LO SO...MA LA GENTE PER FIRMARE IL DOCUMENTO O FA I
BOVA MOVIMENTI DEVE ESSERE PRIMA NOTIFICATO O DEVE
ESSERE CONSIGLIERE DELLA COMUNITA iMONTANA. ..NO. .._
CRINO' Si.. .si.. .si.. .
BOVA Eh ...
CRINO' Eh.. .ma comunque tu.. .
EH...IO L'HO INCONTRATO...IO A FRANCO L'HO
INCONTRATO ANCHE. ..GLI HO DETTO NON TI
BOVA PREOCCUPARE.. .SE c' UN MOVIMENTO. ..NON CHE
VADO A FARE IL MOVIMENTO A RACCOGLIERE FIRME
COSI.. .SOLO PER...
CRINO' CERTO...
BOVA PER IL GUSTO DI PARTECIPARE.. ..NO.,.
CRINO'
...
Quindi a questi gli dico no ma io glielo posso dire
anche.. .chiaramente.. .
...
,Ma...ma...ma si. ..ma tu digli sei padrone di dirgli quello che
BOVA
vuoi ...Q UESTO SI STA MUOVENDO PERCH CI ...
TIENE.. .PERCH ENZO GLIELO HA PROMESSO.. .ALMENO A
...
DETTA SUA NON LO SO SE POI EFFETTIVAMENTE ...
EH. ..MA IO GLIELO POSSO DIRE CHE C'E UN DISCORSO -

...
~ ~ ~

CON TE. ..IO NON HO DIFFICOLTA A DIRGLIELO PERCHE


QUESTO ...
VUOLE....PER...PER...PER ~MI...~MI...IMI
CRINO'
IMPECNO...CHE FACCIO CON LUI ORA IO HO PRESO ...
...
TEMPO ANCHE PERCH IO SONO A SIDERNO E LUI MI HA
TELEFONATO DA SANT'ACATA L'ALTRA SERA...
BOVA Si ...
CRINO' Ha detto che domani o dopodomani.. .se mi rispondi.. .
DICLI...GUARDA PRIMA CHE PRENDO IMPEGNI DEVO

CRINO' ...
SI...SI SI...
CI CONOSCIAICIO...DA UNA VITA SIAMO POI NON LO... ...
BOVA
SO.. . 't
CRINO' Si.. .si.. .si.. .
BOVA Ne discutiamo. ..e vediamo com' la situazione.. .
1 CRINO' Eh ...
BoVA
...
PERCH OUANDO SI SUPERA IL PRIMO OSTACOLO POI ...
SI DEVONO VEDERE LE ALTRE COSE NO LOGICO. ... ... ..
UH...SENTI...VA BENE...POI EVENTUALMENTE CI
CRINO'
, VEDIAMO...SE LA COSA...
Si ma io aspettavo di fare la ratifica e poi di. ..di incontrarci e di
BOVA
parlare.. .no.. .
CRINO' Va bene.. .
BOVA E inutile che faccio aueste cose aua.. .
CRINO' Certo. .. I1 tre avete la ratifica. ..il tre luned...
BOVA SI...SI. ..IL LUNEDI...PERCHE LA PRIMA E ANDATA
SEiVIPRE...SI FA LA R A T I F I C ~E POI C'E LTNMESE UN MESE
E MEZZO PER PREDISPORRE IL DOCCTMENTO DA
PRESENTARE AL.. .AL.. .QUESTE COSE QUA ...
1 CRINO' Certo.. .d'accordo.. .

,,
PERCH IL PROBLEMA DI FONDO SAI QUAL ...NoN
1 BOVA
...
QUELLO DI E CHE NON VORREMMO CHE ALLA FINE'
QUELLO SI FA NOMINARE DA QUALCHE PARTE...HAI
CAPITO. ..ORA... l
~
Eh.. . l
BOVA HAI CAPITO.. .A CHI.. .NO...QUESTO.. .
CRINO' hIA SEMBRA...SEiMBRA DI NO...
BOVA SEMPRE UN POSTO VUOTO A BRUZZANO ...
CRINO' AH...ALLORA SI...
BOVA AH.. .E ALLORA.. .
CRINO' SIAMO NELLA PARENTELA ORA LA ...
ALLORA...E ALLORA... SICCOME C'E UN POSTO
VUOTO. ..SICCOME IO NON E CHE SONO UN RAGAZZO HO
...
QUASI CINQUANT'ANNI SONO...SONO TRENTA CHE SONO
IN MEZZO A QUESTE COSE... E SO..
HANNO.. .HANNO UNA PARENTELA L.. .

_1*
CRINO'
E SICCOME LUI TENDENZIALMENTE VORREBBE CHE NON
USCISSE UN
POI...RIENTRARE...
HO CAPITO...
NOME CON MOLTI..CHE ...PER
P

PERCHE SICCOME E ANDATO IN OUALCHE POSTO A DIRE


CHE NON SONO PASSATI I DIECI ANNI ...CHE VA A DIRLO A
FARE...ME LO SPIEGHI?. ..
HO CAPITO...E ALLORA SI.. .
P

CRINO'
BOVA SE..SEI SPIRITO DI ...
.. .omissis da pag. 4 del verbale a tine trascrizione.
BOVA Bruno era piuttosto determinato ad ottenere la carica di Presidente, ma occorreva
un primo passo formale, cio la nomina dei consiglieri, che poi avrebbero dovuto
sottoscrivere, nell'arco del successivo mese e mezzo, un documento, una sorta di 1
programma redatto dal candidato Presidente.
Per ciascun comune, sempre da ci che si poteva desumere dalle varie intercettazioni
telefoniche effettate, erano disponibili tre voti, quello del sindaco e di due altri
rappresentanti, uno per la maggioranza e l'altro per la minoranza, di ciascun comune
membro. 11 candidato avrebbe dovuto raggiungere la maggioranza delle preferenze.
Un altro dato utile desumibile dal dialogo, per descrivere al meglio il quadro delle alleanze
politiche strette da BOVA Bruno, era la disponibilit incondizionata alla sua candidatura
da parte di CRiNO' Pietro, e quindi di 3 potenziali "firme" dalla Giunta del comune di
Casigana.
In data l Settembre 2007, poco dopo un incontro2" con PRIMERANO Sebastiano,
Vicesindaco del Comune di Bovalino, BOVA Bruno contattava3' il segretario
GALLUCCIO Francesco:

'" Vedasi verbale di trascrizione nr. 277 (Rit. 16181'07 DDA) del 01.09.2007 in allegato 105;
'" Vedasi verbale di trascrizione nr. 278 (Rit. 16 18/07 DDA) del 01.09.2007 in allegato 106:
GALLUCCIO Pronto.. .
Mi sono dimenticato di domandarvi una cosa.. .ora mi venuta in
BOVA
mente.. .
GALLUCCIO SI. ..
PERCH HO FINITO DI PARLARE LA SITUAZIONE DI ...
BOVA
.
SAMO COM'..
GALLUCCIO
BOVA
0
.MA.. .
GALLUCCIO CON DUE DEI TRE ...
BOVA EH...iMA QUESTI DUE ...
GALLUCCIO EH. ..
SONO CONTRARI EVENTUALMENTE. ..MI REGOLO
BOVA
cosi...
EH ...CERTO ...c * UN DISCORSO APERTO.. .PERCHE
GALLUCCIO NATURALMENTE ...FANNO. ..UN DISCORSO ANCHE DI
PARTECIPAZIONE ALLA GIUNTA...COSE ...ECCETERA.. .
BOVA Si.. .si.. .va bene.. .ma non c' bisogno.. .
Ma un discorso che dobbiamo affrontare assieme.. .avete
GALLUCCIO
ca~ito?...
E ALLORA.. .MA...NO...PER...QUESTI LI. ..LI TENETE
BOVA
BLOCCATI VOI DICIAMO...NO...SOPRA A QUESTO ...
SI..IO HO IL NUMERO DI TELEFONO DI QUESTI
..
GALLUCCIO QUA ANCHE QUELLO ANCHE DI QUELLO DI ...
AFRICO...
BOVA Va benissimo. ..

i QUANDO c' ...Q UANDO C'..QUANDO


GALLUCCIO AFFRONTARE IL DISCORSO LI CHIAMIAMO E VEDIAMO
COSA ESCE. ..
BOVA D'ACCORDO. ..VA BENE. ..
Per.. .perb.. .secondo me sarebbe importante entro domani se
GALLUCCIO
parlate con questo qua.. .di Bianco.. .con.. .
SI...SI,..VA BENE...MA NO SICCOME SONO ANDATO AD ...
UN POSTO .A PARLARE PER UNA SITUAZIONE E MI
BOVA HANNO...$11 HANNO DETTO UNA COSA. ..HO DETTO
FERMATI PERCH ME NE AVEVA PARLATO IL
SEGRETARIO.. .ORA MI SONO RICORDATO.. .
...
GALLUCCIO SI...AMA LA...iMA LA LA SITUAZIONE BLOCCATA ...
BOVA VA BENE...
NEL SENSO CHE E SUSCETTIBILE...DI. ..DI DISCORSI
GALLUC1o
CHE DOBBIAMO INTAVOLARE.. .AVETE CAPITO.. .
BOVA Va benissimo.. .perfetto.. .ci sentiamo dopo.. .

Dopo Casignana quindi vi era anche la disponibilit di due voti del Comune di Samo in
cambio di una qualche carica all'interno della giunta, che il Presidente avrebbe formato
dopo la sua elezione.

I1 3 Settembre 2007 si registrava un nuovo colloquio'" con MOLLACE Vincenzo in vista


della riunione che si sarebbe svolta a breve presso la Comunit Montana:

"'Vedasi verbale di trascrizione N. 31 1 (Rit. 1618i07 DDA) del 03.09.2007 in allegato 107;
186
BOVA ih.. .Enzo.. .Bruno sono.. .
inno.. .ciao.. .
iei tornato?...
Li.. .sono rientrato mi hanno smamto i bagagli.. .e li devo recuperare.. .che
ni hanno smamto tutti i bagagli.. .
BOVA 40 capito. . .
Jh.. .
;ENTI CHE FACCIAMO STASERAINTANTO LA
V'EDIAMO.. ANDIAMO.. .CHE FACCIAiVIO.. .
$1.. .SI...ASSOLUTAMENTE...E C I MANCAVA COSI SI ATTIVA ...
:L PROCESSO IL PERCORSO E VIA...EH..EH...ADESSO
)AVVERO POSSIAMO TENERE LE COSE APPESE.. A N C H E
PERCH ALTRIMENTI c 7 UNA SITUAZIONE DI CONFUSIONE
LA ALL7ENTE...NON UNA COSA BELLA...
1 BOVA Va bene.. .
7 ...
EOS SI PARTE CON IL PROCESSO DI ATTIVAZIONE DELLE
PROCEDURE ED ENTRO TRENTA GIORNI DEVE ESSERE
CONVOCATO IL CONSIGLIO SI PRESENTA UNA
MOZIONE. ..EH...
VA BENE...
...
YO...SECONDO ME ... LA SOLUZIONE PIU LOGICA.. .
Ma che facciamo adesso a questo punto.. .vuoi.. .che ci.. . incomprensibile.. .
IO DIREI DI FARE UNA COSA...EH. ..EH...FACCIAMO IN
QUESTI GIORNI UN INCONTRO PIU STRETTO PROPRIO...A
DUE O TRE *MASSIMO...SENZA COINVOLGERE NESSUNO
DEGLI ALTRI...EH...EH ...
...
NO ...EH COINVOLGI UNO DEI PI ANZIANI DELLA
GIUNTA.. .IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO...EH.. .
[O DIREI DI FARE. ..CUZZOLA ...MARANDO PER QUANTO ...
...
CICCIO UN ALTRO CONFUSIONARIO GLI SPIEGHI LE COSE
E POI NON LO TROVI MAI SOPRA LA POSIZIONE DI
... ...
PRIMA PERCH FACCIAMO SEMPRE CONFUSIONE LA LA ...
...
QUESTIONE DI DIRE VA FATTA UNA VA ADOTTATA UNA ...
...
SOLUZIONE SULLA TANTO ABBIAMO AVUTO IL ,MANDATO
DI TUTTI GLI .4LTRI...GLI ALTRI VOGLIONO UNA
SOLUZIONE. ..RAPIDA E CHE CONSERVI UN DISCORSO UNA ...
FETTA DI MAGGIORANZA CONIE QUELLA CHE c' TUTTO ...
OUA ...
VA BENE...
POI SI TRATTA DI STABILIRE SUI TRE ...Q UATTRO COMUNI
...
NUOVI EH. ..GLI SPAZI PER DUE INGRESSI CI
... ... ... ...
SONO EH EH SOLIDIFICHI CONSOLIDI UNA SITUAZIONE
DI MAGGIORANZA E VIA. ..GLI ALTRI SE VOGLIONO CAPIRLA
LA CAPISCONO...O BRUNO ...ALTRIMENTI ...NON E CHE. ..
VA BENE. ..
Io ...
so oggi Peppe e venuto a trovarmi...io gli
...
ribadir...dico...esattarnente la questione dico...guardate ...se volete
che uno concorra anche per il futuro...a sostenere con le posizioni ...
tutto quanto.. .bisogna fare una cosa ragionevole.. .e lui no ha.. .n il
tempo n la possibilit secondo me di dedicarsi alla.. . Comunit
Montana perch uno che fa il professionista privato e fa il Sindaco non
pu fare anche il presidente della Comunit Montana ...
BOVA Va bene.. .ok.. .
Secondo me.. .si deve.. .secondo.. .andrebbe definita una proposta che
vediamo di farla fare da Franco e da coso. ..da Ciccio...in cui si
ENZO istituisce per bene questa consulta dei Sindaci e lui pu da Sindaco fare
...
un ragionamento che riguardi i cosi. ..che riguardi il coordinamento
dei Sindaci assieme.. .eh...
Va bene. ..
-

BOVA
Perch se noi ci presentiamo aii'interno della conferenza dei Sindaci
( ENZO I Generaii...eon u& posizione unitaria nostra...aumenta maggiormente (
1 l'impatto.. .
BOVA Esatto.. .
ENZO E lui ha una possibilit di farsi spazio.. .
BOVA Va bene.. .
ENZO TU FAI IL PRESIDENTE.. .
BOVA CI VEDIAMO STASERA. ..
E FUDOLI TI FA IL VICEPRESIDENTE E SECONDO ME ...
SAREBBE LA COSA...
BOVA COME VUOI TU...
ENZO CHE NE DICI? ...
...
TU ...SI...SI ...SI NON CI SONO PROBLEMI. ..IO POSSO AYCHE
BOVA NON FARE NIENTE BASTA CHE LO DECIDI TU ...IO. ..FACCIO
QUELLO CHE DECIDI TU ...
ENZO- No.. .incompren~bile.. .soluzione.. .ma dawero.. .
BoVA
SE TU ,MI DICI FAI. ..FAI QUESTO IO FACCIO OK. ..VA ... ...
BENE...
' ENZO VA BENE...TI SALUTO ...
BOVA SONO A TUA DISPOSIZIONE DECIDI TU ... ...
1 ENZO I Ciao bello. ..ciao ...ciao.
BOVA Bruno, apparentemente accondiscendente alle proposte di MOLLACE Vincenzo, in
realt si ado erava per raccogliere i consensi di altri comuni e per questo specifico motivo
coniattava'" POLIFRONI ~icola'", vicesindaco di Cimin, e GIUGNO ~ u i g i " ~ ,
Consigliere di maggioranza della Provincia di Reggio Calabria, al quale chiedeva
espressamente di "portargli le firme" di Bovalino e Careri.
ik
Anche successivamente, durante un colloquio'87 con NICITA ~ i n o " ~ BOVA , Bruno
affermava di poter disporre delle preferenze del comune di Careri, in quanto li aveva
richiesti a "Cigi" GIUGNO.

In data 5 Settembre 2007 BOVA Bruno c o ~ l o ~ u i a vcon a ~ un


~ ~giornalista, PIPICELLA
Giuseppe, ed at'fermava di aver necessit di 22 voti per essere eletto.

Vedasi verbali di trascrizione tu. 340 e 342 (Rit. 1618i07 DDA) del 03.09.2007 in allegati 108 e 109;
POLIFRONI Nicola, nato a Locri il 13.09.1965 e residente ad Ardore in Via U. Fosco10 N. 165;
GIUGNO Luigi, nato a Careri il 20.1 1.1955 e residente a Bovalino in Via degli Oleandri nr. 41;
'" Vedasi verbale di trascrizione N. 583 (Rit. 1618107 DDA) del 10.09.2007 in allegato 110;
'" NNICITA Gino, nato a Casignana lo 08.09.1940 e residente a Sidemo in C.da Lenza snc;
""edasi verbale di trascrizione nr. 401 (Rit. 1618:07 DDA) del 05.09.2007 in allegato L I I;
Tra le conversazioni telefoniche di BOVA Bruno vi erano anche quelle con un componente
del Parlamento della XVA Legislatura, il Senatore FCTDA ~ietro'~', con cui l'indagato
discuteva in diverse occasioni in merito all'evoluzione della sua candidatura a Presidente
della Comunit Montana.

Un primo contatto te~etnico'~'relativo alla candidatura risaliva al 7 Settembre 2007:

Si.. .ti ho chiamato.. .perch io.. .l'ho chiamato io.. .e giiel'ho detto
io.. .gliel'ho detto prima a Peppe e poi ho chiamato lui ...gli ho
detto.. .guarda qua Enzo.. .tu vuoi consegnargliela a questo.. .vedi che di
questo io non mi tido di questo qua.. .no.. .pronto mi senti?. . .
Si.. .
1 Dice no.. .io domani.. .monto mi senti?. ..
BOVA Si.. .si.. .ti sento.. .
Io domani awio un tavolo.. .dice.. .perch i tre sono quei tre l.. .Bruno coso
l eccetera.. .gli ho detto io guarda -a me mi pare che. ...FUDOLI e fuori
discussion& ormai perch - mi sembra che:. .che non.. .non.. .non.. .non
raccolga il consenso.. .vedete come vi dovete orientare gli ho detto io.. .pero
non la consegnare gli ho detto io a I'UDEUR perch e un peccato.. .dato che
tu ti stai candidando adesso.. .lo stiamo candidando con noi.. .credo.. .sopra
al.. .al Partito Democratico.. .no.. .
BOVA Eh.. .
Ha l'interesse ad allargare l.. .di ho detto io.. .cogli l'occasione per farti una
base perch se domani facciamo questa riunione e si converge su
FUDA
MiNNITI ...e tu ti candidi con noi per il Nazionale e per il Regionale l
dentro a ca~olista...~robabilmentevaluta.. .no.. .
BOVA Eh.. .mi sembra che.. .
FUDA Va bene.. .speriamo.. .
BOVA Incomprensibile...I'UDEUR.. .
FUDA Come?. ..
BOVA Incomprensibile...lo appoggia 1'UDEUR.. .
E quindi.. .voglio.. .questo voglio dirgli.. .questo qua.. .glie17ho detto
FUDA io.. .questo voglio ...e questo gli ho detto. ..hai capito che questo ho
detto.. .va bene Bruno.. .
BOVA Ok.. .grazie Pietro.. .
FUDA Ti saluto.. .

Pochi giorni dopo BOVA Bruno coll~~uiava'." con GALLUCCIO Francesco e gli
descriveva l'evoluzione delle candidature e l'atteggiamento del presidente uscente
l:b
MOLLACE Vincenzo:

BOVA Pronto.. .
GALLUCCIO Pronto dottore BOVA.. ..
BOVA Come andiamo'?...
GALLUCCIO Che c'...che si dice...che novit abbiamo?...
BOVA Niente. ..sembra che.. .&.... .non parlate con nessuno.. . in fase

- FUDA Pietro, nato a Sidemo il 28.02.1943;


'01)

"" Vedasi verbale di trascrizione nr. 301 (Rit. 1018/07 DDA) del 07.09.2007 in allegato I I?;
"" Vedasi verbale di trascrizione nr. 552 (Rit. 10 18107 DDA) del 10.09.2007 in allegato 113:
BOVA
I No. ..no...sembra che...ha...in un certo qual modo...p er tanti
parti.. .
GALLUCCIO Eh.. .
BOVA GLI HA DETTO CHE HA VENTICINQUE VENTISEI.. . ...
GALLUCCIO ..
SI. VENTOTTO...
BOVA
I GLI HANNO DETTO. ..VA BENE SE HAI QUESTI NUMERI
PERCH NON...NON PROCEDI NO. ... ..
GALLUCCIO Ma cose da pazzi ...
POI DA QUALCHE ALTRA PARTE E ANDATO ANCHE A
BOVA
NOME DEL...DEL PRESIDENTE...NO.. .
GALLUCCIO SI...SPENDE IL NOME SUO. SPENDE.. . ..
1 BOVA
E poi.. .poi. ..poi.. .il presidente gliel'ha detto.. .eh.. .eh.. .questo
sbagliato io non ti ho dato il permesso di parlare con nessuno
perch noi eravamo rimasti che tu facevi...
GALLUCCIO Eh.. .
No...dice...lui la deve smettere. ..qua e l ...q uindi
BOVA adesso...sembra che anche lui in fase di diciamo che siamo ....
agli ultimi "screpiti". .no.. . .
dice. ..sono a Bovalino volevo passare a trovarti ...gii ho detto
GALLUCCIO
io.. .io non sono qua.. .
BOVA Uh...
No. ..volevo parlare con te ...gli ho detto ...ma insomma si pu
...
GALLUCCIO sapere che figura stai facendo anche tu 18. ..che c' che non
c'.. .
I BOVA Llh. ..
TI PORTANO A TE...A CHI PORTANO...E ALLORA SI E
SBILANCIATO UN PO' ...NO ... c' IL PAESANO TUO CHE
VUOLE FARE...IL PAESANO TUO GLI HO DETTO IO E ...
TU PENSI CHE IN CONDIZIONI DAVVERO QUELLO DI
FARE IL PRESIDENTE DELLA COMUNITA
GALLUCCIO MONTANA. ..GLI HO DETTO.. .CHE NON APJDATE A
VERGOGNARVI ...EH ...DICE c9 IL PRESIDENTE CHE ...
VUOLE A LUI ...Q UA E
...
LA INSOMMA...&II. DICE COMUNQUE .. ... INSOMMA
APPENA TORNO CI VEDIAMO CHE VOGLIO SAPERE CHE
I
DEVO FARE CON QUESTO CONSIGLIO...ECCETERA. ...
BOVA Uh.. .va bene.. .comunque
QUINDI SI VEDE CHE. ..SI VEDE CHE ANCORA AMOLLACE
GALLUCC1o
NON SI RASSEGNATO...
NO..MA...RESTI TRA ME E VOI CI SIAMO INCONTRATI
BOVA
CON ME STAMATTINA per questo ve lo . ..incomprensibile...
GALL UCCIO Ah.. .ah.. .ecco.. .benissimo.. .e questo e importante.. .
BOVA E...& .. entrato nella fase del...ci siamo capiti ...
GALLUCCIO Del ri~ensamento ...
Gli ho detto io.. .si.. .perche.. .secondo me.. .se poi.. .vuoi arrivare
BOVA
ad una mediazione qua Ia...la facciamo. ..ci mancherebbe altro

190
gli ho detto io giusto fare una mediazione.. .
GALLUCCIO Eh.. .eh.. .eh.. .
BOVA La.. .la mediazione l'arte della politica.. .gli ho detto io.. .
GALLUCCIO Certo.. .
PER SE POI NON PENSI. ..DI NO ANDIAMO E CI ...
I BOVA / ...
CONTIAMO NON UN PROBLEMA GLI HO DETTO ...
IO ...
Ecco ...q uesto ... IMPORTANTE CHE SA CHE SI VA ALLO
GALLUCC1o
SCONTRO.. .
E quindi non che poi vieni e mi dici...sai questo voglio ...
BOVA questo.. .voglio quest'altro.. .gli ho detto io.. .se si arriva ad un
accordo un accordo se poi non arriviamo ad un accordo.. .
GALLUCCIO Eh.. .
Se io faccio.. .se faccio minoranza.. .faccio opposizione tieni conto
BOVA che io faccio opposizione o ti pensi che faccio chiacchiere
...
poi no...
GALLUCCIO Mi fa.. .mi fa Diacere.. .mi fa ~iacere..tusei stato chiaro...
BOVA .
Gliel'ho detto cos.. .tra me voi.. .proprio..
GALLUCCIO Eh.. .
Per non voglio che glielo dite a nessuno ...q uesto
BOVA
colloquio.. .perch non.. .
GALLUCCIO 1 No.. .per l'amore di. ..
I BOVA I Deve essere riservato.. .
Mai.. .quello che parliamo assieme rimane tra di noi.. . chiaro
GALLUCCIO
non ci sono.. .
NO.. .PERCHE...GLI HO DETTO IO...CHIUDIAMO QUESTA
PARTITA...GLI HO DETTO IO...VEDI SE CI DOBBIAMO
INCONTRARE CON LUI FACCIAMO UNA
BOVA
MEDIAZIONE..QUESTO E QUEST'ALTRO POI.. .POI & ...
SBAGLIATO. ..CHE LUI VADA A DIRE ...GLI HO
DETTO...POI AD AMICI iMIEI, A PERSONE CHE LUI NON
SA...INSOMMA IO E DALL'87 CHE FACEVO IL SINDACO
AD ARDORE FIGURATI ...
GALLUCCIO Ma cose da pazzi.. .
SE SUL TERRITORIO NON AMI CONOSCONO ...POI LUI
1 BoVA
DICE CHE NE HA VENTICINQUE O VENTISEI A PERSONE
...
CHE 1 0 SO O CHE FREQUENTO INSOMMA...LA GENTE
... ...
1 GLI RIDE NO ...DICE VENTICINQUE O VENTISEI. ..
1 GALLUCCIO Ma gli stanno.. .gli stanno ridendo tutti.. .
Quindi iI problema gli ho detto non tanto lui. ..il problema
BOVA che...p iu di uno pensa che dietro ci sei tu ...g li ho detto
io. ..auindi...
GALLUCCIO Certo.. .
No.. .qua.. .la.. .pipi ...popo.. .POI HA FATTO UN
1 BOVA RAGIONAMENTO ED ALLA FINE HO CAPITO
L CHE...SONO NELLA FASE DI RESA NO. ... ..
GALLUCCIO Eh.. .eh.. .
IO NON HO ...NON HO POSTO CONDIZIONI .AL
I BOVA ...
MOMENTO FACCIO PRIMA CHE SI ARRENDONO
I POI. ..VEDIAMO. ..
...
LOGICO ...S I SI...SI. ..
Eh ...

ml*
GALLUCCIO

MESSO A RACCOGLIERE FIRME O FARE DOCUMENTI


PER EVITARE PROPRIO DI...DI SPIANARGLI LA
...
STRADA PERCH S E I O AVESSI FATTO QUESTO
LORO. ..
GALLUCCIO Certo.. .
IN UN C E R T O QUAL iMODO...SI SAREBBERO RITROVATI
BOVA LA STRADA SPIANATA...VEDI STIAMO ANDANDO ALLO
SCONTRO.. .QUESTO ...Q UELL'ALTRO...
GALLUCCIO No.. .no.. .
SICCOME I O [MI SONO POSTO. ..IN.. .IN UNA.. .POSIZIONE
BOVA
P
-
DI. ..DI ASSOLUTA DELICATEZZA SENZA.. .CHIEDERE...
Bruno.. .ma.. .ma noi facciamo politica d a una vita...non
GALLUCCIO
samiamo cosa dobbiamo fare.. .
Eh.. .Chiaramente.. .quei.. .quei.. .quattordici.. .quindici.. .gi
BOVA
... ...
riservati...messi...messi da parte pronti no...non che ...,
GALLUCCIO Ah.. .
BON SONO FESSO. ..NO.. .EH...IO L'ALTRA MATTINA
SONO ANDATO A PARLARE CON...CON UN SINDACO...MI
HA DETTO ...S I E VENUTO QUA M I HA DETTO C H E LI
HA...E G L I H O DETTO...E VA BENE S E T U L I HAI NON NE
BOVA
HAI BISOGNO CHE...CHE PROBLEMA HAI.. .GLI HO
DETTO...VAI A QUALCHE ALTRA PARTE ...PER ORA
SOTTOBANCO STANNO CERCANDO ANCHE...LA CARTA
FUDOLI ...NO ...
GALLUCCIO
Si.. .si.. .no.. ....gli ho detto io.. .va bene se tu vuoi fare.. .diventare la
BOVA
P-
Comunit gli ho detto un ospizio.. . la soluzione buona.. .
GALLUCCIO Ma cose da ~ a z z i ..auesto
. un incosciente.. . un incosciente.. .
BOVA Cio non.. .
Manda allo.. .manda allo sbaraglio la gente.. .ma "cazzolata" ma non
GALLUCCIO
credo. . .
BOVA I Pi di uno per rispetto tuo potrebbe dirti si ...ma tu ti rendi conto a
cosa vai incontro.. .
GALLUCCiO Eh. ..
Enzo ma tu ti immagini a lui che fa il presidente e mi mandi a me ,
BOVA
all'o osizione.. .ma ti rendi conto o no.. .
GALLUCCIO
avere garanzie sul futuro.. .
L V

BOVA
- .-1 Eh ...
...
Quindi non vuole uscire completamente d a qua nel senso ...
GALLUCCIO
che.. .
BOVA ) La garanzia vuole lui...lo sapete meglio di me...
GALLUCCIO Vuole la garanzia che tutto procede come vuole lui.. .
BOVA Va bene.. .
GALLUCCIO Ouesta e la auestione...comunaue...
BOVA I Si ...ma ...c' una continuit che bisogna rispettare di ...modi di l
192
BOVA E giusto.. .no...
GALLUCCIO E cosi.. .e.. .
BOVA Per.. .a tutto c' anche un limite.. .no.. .
GALLUCCIO C' anche un limite.. .comunque...
BOVA ...
PER ASPETTIAMO ...
NO ...NO. ..LA STIAMO CONDUCENDO BENE LA
GALLUCC1o
0
SI...NO ...LA STIAMO CONDUCENDO
BOVA ...
BENE L'IMPORTANTE E NON FAR CAPIRE AGLI ALTRI

GALLUCCIO
Incomprensibile.. .non di dite niente.. .perch.. .che
BOVA
lui.. .incomprensibile.. .
GALLUCCIO No.. .no.. .va bene cos.. .va bene.. .
BOVA Cos si affiancano e si ureuarano altri.. .no.. .
GALLUCCIO Eh.. .certo.. .
Incomprensibile ...tino alla fine e poi dire che si raggiunge un
BOVA
accordo.. .no.. .
GALLUCCIO Si.. .si.. .si.. .va bene cos.. .dai.. .
BOVA Ok.. .

BOVA Bruno pertanto aveva scelto una soluzione attendista, in quanto non voleva
dichiarare apertamente quale fosse il consenso che gi diversi sindaci gli avevano
assicurato nell'eventualit di una sua candidatura utEciale alla presidenza.
L'indagato sottolineava di essere ben noto nell'ambiente politico locale e che non era
corretto che qualche altro candidato si rivolgesse ad i suoi "amici" per chiedere appoggio:"
...
sbagliato che lui vada a dire.. .gli ho detto...p oi ad amici miei, a persone che lui
non sa...insomma io da11'87 che facevo il sindaco ad Ardore figurati...".

La conta dei voti, questa volta con CRiNO' Pietro, proseguiva'93 in data 12 Settembre
2007:

CRINO' l Pronto.. .
1
Ueh...mi hai abbandonato...non mi hai chiamato.. .non mi dici
P
BOVA
.
niente.. .cazzo..
i CRINO' 9
Te ne vai in campagna...invece di aiutarmi
BOVA
qua.. .cazzo.. .vedi.. .incomprensibile.. .
MA...E. ..BRUNO...E CHE DEVO
.L
"'b
...
VEDERE VABB...Q UELLO DI SAMO NON DOVRESTI
CRINO' AVERE PROBLEMI...Q UELLO DI SANT'AGATA TE L'HO
...
DETTO IO NON LO SO VENERDI DEVO VEDERE...
) QUESTO DI SAN LUCA...FORSE VEDIAMO ...
DICO...iMA NO...VA BENE ...QUESTI DI SAN LUCA LI HO
BoVA
VISTI.. .
CRINO' i Ma tu mi devi dire Bruno quelli che hai visto 6..
.e n l l o ~ m dici..
i .tu

"" Vedasi verbale di trascrizione nr. 624 (Rit. 1618/07 DDA) del 17.09.2007 in allegato 1 14:

193
1 mi devi dire.. .
BOVA
' No...siccome tu...siccome tu mi hai detto quel giorno ...questi i
miei.. .va bene.. .poi dici ne ho qualche altro.. .li devo vedere.. .
CRINO' Eh.. .ma.. .
BOVA Con calma.. .no.. .
SENZA...Q UELLI DI SAN LUCA TE LI STAI VEDENDO
CRINO'
TU.. .HAI PARLATO TU.. .
SI...Q UESTI DI SAN LUCA LA. ..SE LI E VISTI MICHELE
'OVA
- LA ...Q UELLO CHE LAVORA L DA LORO...
CRINO' Si.. .

CRINO' ... ...


NO MICHELE BASTA CHE DI MICHELE ...Q UESTO SI. ..

BOVA Riunione?. ..venerd?...


CRINO' Riunione dei Sindaci.. .auindi verranno tutti.. .
BOVA Quella Conferenza.. .no. ..
CRINO' Si.. .
...
Allora...p assi tu domani. ..sei in giro? che passi e ti dico tutte
BOVA
queste novith. ..
CRINO' Si...si...si ...sono qua...
BOVA Ti faccio uno sauillo.. .
CRINO' Va bene.. .
COMUNQUE IN...IN ... OGNI CASO. ..DICO CHE UNA
BOVA "QU ATTRINA" DEI TUOI LI POSSO
CONTARE...DICIAMO... NO... VA BENE. ..
CRINO' SINO AD ORA ERANO CINQUE MI PARE...
TU MI HAI DETTO...DIMMI QUATTRO...Q UANTI
BoVA
....
SONO QUATTRO. ..
' CRINO' QUATTRO...c' QUELLO DI SAMO CINQUE ... ...
QUELLO...Q UELLO DI SANT'AGATA ...Q UELLO DI
'OVA
GALLUCCIO L ...
CRINO' SI. ..SI...SI ...
CRINO' Va bene.. .mi chiami domani.. .

Il 21 Settembre 1007 CRiNO' Pietro si rendeva d i ~ ~ o n i b i l e "per


~ chiedere il voto a
FOCA' ~incenzo"~,all'epoca vicesindaco del comune di Femzzano, ma BOVA Bruno
preferiva rinunciare in quanto sapeva che quest'ultimo era schierato con i suoi awersari
politici.
l-
. '/,, ,.
L'

Poco dopo BOVA Bruno si confi~ntava"~con GALLUCCIO Francesco per i voti dei
rappresentanti del comune di Samo:

-'""edasi verbale di trascrizione nr. 1004 (Rit. 16 L 8107 DDA) del 2 1.09.2007 in allegato 1 15;
"''
-'06
FOCA' Vincenzo, nato a Femzzano il 23.02.1960. Vicesindaco del Comune di Femizzano;
Vedasi verbale di trascrizione nr. 102 1 (Rit. l h 18/07 DDA) del 2 1.09.7007 in allegato I I h:

194
SEGRETARIO Pronto.. .
BOVA 1 Segretario.. .Bruno sono.. .
SEGRETARIO Oh.. .Bruno che c'?. ..
VEDETE NEL POMERIGGIO ...Q UANDO VOLETE CHE LI
BOVA
INCONTRIAMO A QUESTI.. .DIECI MINUTI.. .
SEGRETARIO EH...ORA FACCIO UN COLPO DI TELEFONO...
Eh.. .vedete.. .che adesso sto tornando da Reggio.. .ed ho fatto
BOVA
tardi. ..
SEGRETARIO Eh.. .
BOVA Altrimenti. ..vi chiamavo prima.. .
SEGRETARIo
...
VOI VOI ...Q U ~ D O VI VEDETE LA CON...CON ...
QUESTI AMICI NOSTRI. ..
STASERA.. .SUL TARDI MI DEVO VEDERE ... ...
W R I O SUL...SUL TARDI.. .
BOVA UH...
SEGRETARIO EH...VA BENE. ..
PER ...Q UESTI VOLEVO VEDERLI.. .INTANTO IO.. .IN
BOVA iMODO CHE MI REGOLO LA SITUAZIONE A C H E PUNTO
.. .E G L I DICO.. .ncom~rensibile..
.
NO. ..LA SITUAZIONE...Q UESTI...QUESTI Q U A LI ...
ABBIAMO CON NOI ...
AH. ..VA BENE.. .PER VOLEVO
BOVA ...
INCONTRARLI DICE ...Q UINDI. ..LI POSSIAMO VEDERE
ANCHE DOMANI...EVENTUALMENTE. NO... ..
SI...SI...FORSE MEGLIO DOMANI ...LI ABBIAMO CON
NOI A QUESTI O...O...O ...
DUE O TRE.. .ANCHE
PROBABILMENTE ANCHE TRE ...Q UELLO DELLA
MINORANZA. ..AVETE CAPITO ...
BOVA VA BENE...
SEGRETARIO PERCHE IO HO PARLATO IO. ... ..
Incomprensibile...OUANDO VADO SE IN CASO
ROMPIAMO GLIELO , ... DICO...VEDI
BOVA CHE.. .QUA.. .CIOE.. .LO DEVO SAPERE.. .PER ESSERE
SICURO PERCH ...
CON OUESTI DUE SONO A
YENTIQUATTRO O VENTICINQUE.. .GIA.. .CAPITO. ..
APPOSTA. ..E LI ABBIAMO QUASI...Q UASI CON
CERTEZZA MATEMATICA. ..SALVO. ..SALVO...
MI FIDO DELLE VOSTRE...iMI FIDO DELLE VOSTRE
BOVA
PAROLE ...
SEGRETARIO NON. .. .
BOVA PER ME E...NON HO CONFIDENZA IO CON QUESTI ...
I SEGRETARIO Eh.. .e Madonna mia.. .
I

BOVA-- 1 Eh ... - - - -..

IO AVEVO GIA PARLATO CON. ..CON DUE. ..NON AVEVO


PARLATO CON QUESTO. ..CIANNI STRATI'
BOVA Si.. .
CON GIANNI STRATI CHE E VENUTO A ...
...
TROVARVI PER E R O GIA RIMASTO CON L'ALTRO

-'<,7
STRATI Giovanni. nato a Samo lo 02.01.1959, consigliere del comune di Samo:
( COMPONENTE. ..CON CARRA' ..."'
CARRA'. ..si...
-
BOVA
EH ...CON CARRA'. .CHE . FACEVAMO UN
...
DISCORSO DICE...DICE.. .NON CI SONO
SEGRETARIO ...
PROBLEMI DICE ...BASTA CHE GLI DICIAMO UNA
...
PAROLA AL SINDACO DICE SAI COM'E CHE IO LO ... ...
CONOSCO.. .
BOVA ...
IL SINDACO IL SINDACO ...
SEGRETARIO ANCHE A PEPPE BRUZZANITI299...
IL SINDACO PENSO... CHE GLI HA PARLATO PIETRO
BOVA CRINO'...PENSO ...CHE QUALCHE COSA GLI A V ~
DETTO ...
...
SI iMA E AiMICO MIO PEPPE BRUZZANITI ANCHE CI ...
CONOSCIAMO DA UNA VITA ...Q UINDI ...
BOVA SI.. .COMUNQUE VEDETE ANCHE VOI NO... ...
EH...EH.. .STATEVI TRA...Q UELLI L LI ABBIAMO LI ...
SEGRETARIO POSSIAMO VEDERE ANCHE DOMANI. ..NON CHE c'
UN PROBLEMA DI...
... ...
BENE NO E
I
VA PER AVERE I CONTI
BOVA
... ...
PRECISI COSI C O S ~ STASERA GLIELO DICO.. .O
...
QUESTO O CAZZI SE VUOI STARE STAI ALTRIMENTI
TE NE VAI ...Q UINDI...
...
ALTRIMENTI SE NE VA CHE NON E CHE AD UN CERTO
SEGRETARIO PUNTO SI PU STARE DIETRO A LUI CHE VANNO ...
GIOCANDO...
BOVA Ho cavito.. .
Vedete piuttosto se non esce fuori con altre.. .soluzioni.. .perch
SEGRETARIO
lui chiss che va cercando ancora.. .
No.. .no.. .non cerca.. .non getta soluzioni lui.. .perch adesso.. .io
sono stato a Reggio stamattina perch io nel pomeriggio
BOVA
temporeggiavo ancora perch si candida alle primarie
MOLLACE.. .hai capito.. .
SEGRETARIO Che fa?.. .
l BOVA
I . . .. .,
... ...
Si candidato nelle primarie del ~ar<ito &a che facciamo ie

BOVA Incomprensibile...Partito Democratico.. .


SEGRETARIO Ho cavito.. .
BOVA E l'hanno messo nella lista.. .di..del Partito Meridionale.. .l.. .
SEGRETARIO Ah...e che vuole il pennacchio ancora di presidente ...
E allora.. .no.. .vuole l.. .per.. .vuole per.. .secondo me.. .impegni
BOVA
dal punto di vista.. .
' SEGRETARIO Impegni.. .ho capito.. .
BOVA
MA QUESTE hIE LE VEDO IO QUESTE COSE CHE GLI ...
DICO SI.. .SI.. .E POI ...SE LA.. .
... ...
1 BOVA
SI SI...SI. ..MA GIOCATE COhIE GIOCA LUI CHE LUI
ABITUATO AI GIOCHI..
C..\SPITA...CASPITA...LASCIATEh.IIFARE A hIE ...
.
-">R
CARRA' Giovanni. nato a Samo il 71.07.1952. Consigliere del comune di Samo;
-7oq
BRUZZANITI Giuseppe, nato a Samo il 21.05.1950. Sindaco del comune di Samo:
SEGRETARIO Lo so.. .lo so.. .
Comunque.. .incomprensibile... di questo modo.. .non vi
BOVA
preoccupate.. .
SEGRETARIO Va bene.. .
SINO AD ORA LI ABBIAiMO INCARTATI.. .FIGURATEVI
BOVA
SE NON LI INCARTIAMO SINO ALLA FINE ...
SI.. .,MA NON.. .iYON.. .NON HO DUBBI
IO.. .ASSOLLITAMENTE...CHE POI ...SONO QUATTRO
SCEMI DEL TUTTO L c' LUI CHE IL GRANDE ...
MANOVRATORE.. .
EH. ..iMANOVRATORE.. .CON QUELLI IL ...
MANOVRATORE. ..IL MANOVRATORE LO DEVE FARE
BOVA
CON QUELLI PIU SOPRA DI LUI NON CON QUELLI PIU
SOTTO.. .
SEGRETARIO
NO. ..LUI ABITUATO A CIRCONDARSI SEMPRE DI 1
GENTE CHE NON SERVE NIENTE...
VA BENE...CI SENTIAMO ALLO M...POI E TUTTO A ...
POSTO.. . 1
BOVA Bruno si rivolgeva anche all'allora Sottosegretario al Ministero delle Infrastrutture
MEDURI ~uigi'*, al quale chiedeva aiuto per sostenerlo nell'opera di convincimento
degli amministratori locali chiamati a scegliere il presidente della Comunit Montana.

Si riporta il testo della prima conversa~ione~~'


tra i due riguardante lo specifico argomento:

MEDURI 1 Dimmi.. .
BOVA Senti.. .dovresti tre una telefonata.. .al tuo avvocato.. .
'MEDURI Uh.. .
Perch importante adesso siamo nella tse cruciale ...p erch
adesso.. .sono uscito da una riunione.. .e.. .perch il mio interlocutore
o avversario come lo vuoi dire in tse di ritlessione
BOVA profonda.. .potrebbe anche mollare.. .no.. .per .. . uno che molto
legato a lui perch hanno fatto.. .insieme la.. .la strategia.. .e adesso la
strategia non gli sta pi ...q uindi se questo gli dice andiamo ed
accordiamoci.. .qua e l.. .si pu fare.. .capisci.. .
1 MEDURI Eadessolochiamo ...dai ...
E un passaggio importante.. .per che non capisca che ti ho
BOVA
chiamato.. .no.. .
MEDURI No.. .no.. .
Va bene ...p erch tu gli dici ...ma che avete fatto li alla Comunit che
I BOVA ( punto siete ma perch non.. .non vi accordate.. .digli..
- .tu con Bruno ti I [l
senti garantito.. .hai a me.. . 1%
MEDURI Adesso lo chiamo.. .
Perch importante in questa fase.. .per.. .che non capisca.. .perch
BOVA e assai...perch e storto ma intelligente per queste cose...le
I I capisce ...no ... l
.MEDLTRI
l r -

1 No.. furbo.. .k hrbo.. . l


"'O MEDURI Luigi, nato a Reggio Calabria il 19.03.1942, all'epoca dei fatti Sottosegretario al Ministero
delle Infrastrutture del Governo Prodi dal 18 maggio 2006 al 7 maggio 2008;
"" Vedasi verbale di trascrizione N. 1207(Rit. 16 18/07 DDA) del 24.09.2007 in allegato 1 17;
BOVA
MEDURI
I Eh.. .eh.. .intelligentenel senso che.. .capisce.. .che ti ho chiamato.. .
Adesso lo chiamo.. .adesso lo chiamo.. .
I
BOVA Perch in una fase cmciale.. .adesso.. .hai capito.. .
MEDURI Ciao.. .ciao.. .

La richiesta di interessamento veniva sollecitata302da BOVA Bruno anche nei giorni


successivi. ma da quanto si poteva intendere dal colloquioso' registrato in data 27
Settembre 2007, l'aiuto richiesto a MEDURI Luigi non aveva sortito l'effetto desiderato,
tanto che l'indagato di Ardore affermava: "No...ma...ho chiuso io", intendendo di aver
raggiunto lo scopo con i propri mezzi.

In data 25 Settembre 2007 BOVA Bmno c o n t a t t a ~ aGALLUCCIO


~~ Francesco e gli
comunicava l'awenuta rottura delle trattative con il presidente uscente MOLLACE
Vincenzo, tanto da essere intenzionato a preparare un documento da presentare
ufficialmente alla Comunit Montana che doveva essere sottoscritto dalla maggioranza dei
componenti la Giunta.
In tale occasione BOVA insisteva con il GALLUCCIO affinch si accertasse della
disponibilit dei voti di Samo, dei quali evidentemente non aveva piena certezza.

Era pertanto iniziata la raccolta delle firme da apporre in calce al documento che
formalmente avrebbe sancito la candidatura di BOVA Bruno alla presidenza della
Comunit Montana e pertanto iniziava una due giorni frenetica, fatta di numerosi contatti
telefonici, incontri, promesse e solleciti.
Data la mole di contatti telefonici registrati sulle utenze in uso al BOVA Bruno, per ci che
riguarda i voti del comune di Samo, Casignana, Femzzano e Benestare, si ritenuto
opportuno rimandare alle trascrizioniso5e riferire brevemente che:

Per ottenere due dei tre voti disponibili per il comune di Samo era stato
determinante il contributo di CRiNO' Pietro, TALIA ~ i u s e ~ ~eeGALLUCCIO
'"~
Francesco;
BOVA Bruno chiedeva a CRINO' Pietro e GALLUCCIO Francesco di interloquire
anche con il terzo votante del comune di Samo, SCLTRUCHI ~ r u n o " ~ma' , non era
ben chiaro se tale tentativo avesse avuto buon esito;
Per ottenere i voti di Femzzano, BOVA Bruno richiedeva ausilio ai predetti
CRINO' Pietro e TALIA Giuseppe;
I voti di Casignana erano garantiti dall'appoggio dello stesso sindaco, CRINO'
Pietro;
Per il voto di GUIDACE ~ a r i o " ~consigliere
, del comune di Benestare, era
intervenuto il dott. GIUGNO Luigi, all'epoca consigliere provinciale;

'02
Vedasi verbali di trascrizione nr. 12 17 e 130 1 del 25.09.2007 (Rit. 1618/07 DDA) in allegati 1 18 e 1 19:
"l3 Vedasi verbale di trascrizione nr. 1527( Rit. 16 18/07 DDA) del 27.09.7007 in allegato 120;
'" Vedasi verbale di trascrizione nr. 12 17( Rit. 16 18/07 DDA) del 25.09.2007 in allegato 1 2 I ;
105
Vedasi verbali di trascrizione nr. 1218, 1232, 1264 del 25.09.2007, N. 1324, 1370, 1402, 1403, 1424,
1447, 1478 e 1331 del 26.09.2007 (Rit. 1618i07 DDA) in allegati da 122 a 132;
706
TALIA Giuseppe, nato ad Africo il 23.04.1953 ed ivi residente in Via Trieste 13:
107
SCURUCHI B N ~ o nato . a Femzzano i1 22.08.1951. consigliere del comune di Samo;
"'"GUIDACE Mario, nato a Locn il 02.08.1976 e residente a Benestare in Via S. Francesco 34, consigliere
del comune di Benestare;
Problematico si rivelava invece il recupero dei voti di Bovalino, in quanto il sindaco
ZAPPAVIGNA ~ r a n c e s c o ~temporeggiava
'~ senza sbilanciarsi, nel tentativo di capire chi
fosse il candidato pi forte destinato a vincere la contesa elettorale.
L'interessamento per quelle preferenze veniva richiestoH0 da BOVA Bruno, in data 25
Settembre 2007, a GIUGNO Luigi, il quale si dimostrava disponibile a parlare con
"Gaetano" PIPICELLA, sindaco di Careri e con "ZAPPAVIGNA" Francesco.
I voti di Bovalino lasciavano BOVA Bruno con il fiato sospeso perch, nonostante le
rassicurazioni degli alleati politici, egli temeva di non raggiungere il numero di firme
necessarie3' : '
BOVA Puoi parlare.. .dove sei?. ..
GIUGNO No.. .sono qua.. .in giro sono.. . l
BOVA No volevo devo.. .ti spiego alcuni passaggi.. .perch.. .
GIUGNO Dimmi.. .
BOVA 1 LA POSIZIONE DI QUESTO CICCIO IMPORTANTE NO... ...
GIUGNO SI...
BOVA PERCH CON OUESTO SIAMO A 24.. .incomprensibile.. .
SI MA LUI MI HA DETTO CHE NON CI SONO PROBLEMI
...
PER PER I VOTI LORO.. .
iMA NO ...INVECE.. .TI SPIEGO...TI SPIEGO UN PASSAGGIOI
BoVA
PERCH QUESTO HA FATTO COSI ...
GIUGNO Si. ..
BOVA Perch la proposta che lui ha fatto ieri sera...
GIUGNO Si...
BOVA 1 Era di...di una terza persona...con noi due vicari no.......
GIUGNO Per.. .
IERI SERA ENZO HA FATTO UNA PROPOSTA DI NOI
BOVA DUE...VICARI CON UNA TERZA PERSONA
PRESIDENTE...NO. ..
GIUGNO SI. ..
PER SEI MESI.. .PERCH POI DOVREBBE
BoVA
..
ENTRARE...CICCIO .HAI CAPITO...
GIUGNO Uh ...
E. ..PER QUESTO LUI SECONDO ME TI HA FATTO QUESTI
BoVA
GIOCHI ...
GiUGNO ...
CIOE...LE FRASI...COME CICCIO A CHE TITOLO ...
E PERCHE GLIEL'HA PROMESSO A CICCIO...HAI
BoVA
CAPITO. ..HA CHIAMATO A CICCIO IERI MATTINA. ..
GIUGNO i1 presidente?
SI...E ANDATO A PARLARE CON CICCIO IERI
'OVA
MATTINA...CHE ME L'HA DETTO IL SEGRETARIO...
GIUGNO Ma.. .guarda.. .lui ha detto in questo modo..tu.. .
Incomprensibile ...SE POI NON FIRMA VUOL DIRE CHE LE
BoVA
TORNIAMO INDIETRO E BUONANOTTE. ..NO ...
GIUGNO ...
E...VA BENE NON TI PREOCCUPARE
BOVA Era buono. ..se tu rientravi almeno per domani sera. ..cos ci
:l19
ZAPPAVIGNA Francesco. nato ad Ardore il 10.07.1952 e residente a Bovalino in Via Rosa N. 1-19;
'l" Vedasi verbali di trascrizione nr.89 e 9 1 (Rit. 1618107 DDA) del 25.09.2007 in allegati 133 e 134;
'l ' Vedasi verbale di trascrizione nr. 94 (Rit. 1618/07 DDA) del 25.09.2007 in allegato 135;
regolavamo.. .
Ora vediamo.. .dai. ..non ti preoccupare mantieni un attimo
/ GIUGNO di....tanto non ci sono problerni...v~drai che non ci saranno (
problemi.. .
BOVA Va bene.. .ciao. . .

La tesi di BOVA era pertanto quella che ZAPPAVIGNA Francesco stesse temporeggiando
perch gli era stata promessa la carica di Presidente da parte di "Enzo" MOLLACE, dopo
che fosse trascorso un breve periodo di transizione della durata di sei mesi.
La firma sua e degli altri rappresentanti del comune di Bovalino erano importanti poich,
tra quelle gi ottenute e quelle potenziali, BOVA Bruno avrebbe raggiunto il numero di 24,
e quindi la certezza di essere eletto.

Il giorno suc~essivo"~ si registrava una ulteriore richiesta a GIUGNO Luigi per i voti di
Careri e Bovalino, ma se per il primo comune sembravano esserci minori problemi, per
Bovalino la questione rimaneva sempre aperta:

GIUGNO Si.. .pronto...


BOVA Pronto.. .
GIUGNO Ueh.. .
BOVA
...
Te ne fotti di me cazzo ...io per segnalazione provinciale me ne
vado.. .due giorni prima.. .America.. .
...
Si. ..te ne vai tu...tu non ti preoccupare TU SEI SICURO DEI
FATTI TUOI.. .
BOVA
GIUGNO
v
,

UH...CHE SI DICE...
l

BOVA ....
QUA CI HANNO SU^
GIUGNO COM'E LA SITUAZIONE ...
BOVA NON BUONA...
GIUGNO PERCHE. ..
1 BOVA E PERCH ...
BOVA AH...
GIUGNO PERCHE NON HAI 42 FIRME...
BOVA NO...NON HO 23 FIRME...21 NE HO ...
GIUGNO 2 1. ..E QUALE MANCA?.. .
BOVA ....
E TI RICORDI CHE MANCANO...DUE ,MANCANO... 1
V
-A ...
BENE QUESTE DUE NON TI PREOCCUPARE PER
...
QUESTE MA QUESTE TE LA HANNO MESSE GIA 21. .. e
BOVA SI...

BoVA
... ...
NO CIOE DEVO ANDARE ORA A PRENDERLO...PERO
SECONDO ME 21 SONO...
VA BENE. ..TU COMUNQUE. ..COhlINCIA A PRENDERE
, ...
QUESTE QUA BRUNO cos TI CHIAMO... ...
BOVA Li presento.. .
1 GIUGNO Ti chiamo io ~omeriggio...eh?. ..
BOVA 1 LI PRESENTO POI tl...

'l' Vedasi verbale di trascrizione nr. 1 13 (Rit. 16 15/07 DDA) del 16.09.1007 in allegato 136;
iMA SECONDO ME ...
TU INTANTO SCRIVITI 21 E POI
GIUGNO POMERIGGIO CI SENTIAMO CON ME ,METTI 21 NEL ...
SACCO.. .
BOVA Va bene.. .
GIUGNO E 23 li hai di sicuro ...
BOVA Va bene.. .ciao.. .
GIUGNO Ok.. .ciao.. .
BOVA Senti.. .
GIUGNO Eh ...
BovA 1 A GAETANO LO CHIAMO DIRETTAMENTE IO ...DI
1 VENIRE...
I SI...TI HA DATO IL NUMERO. ..DIGLI DI VENIRE GLI ...
I
I
GIUGNO SPIEGHI UN PO' COM' LA SITUAZIONE TUTTE QUESTE
...
COSE QUA VA BENE. ..
...
Per il comune di Careri infatti BOVA Bruno chiamava prima ZITO Rocco vito3I3 e poi
PIPICELLA " ~ a e t a n o " ~e ' le
~ conversazioni successive rivelavano che la richiesta di
sottoscrizione del documento era stata esaudita3''.

Come gi evidenziato in precedenza, il vero problema dalle resistenze del


primo cittadino di Bovalino, poi descritte3" da BOVA Bruno a GIUGNO Luigi alle ore
21.02 del 26 Settembre, giorno antecedente alla presentazione del documento:

1 GIUGNO I Pronto.. .
ALLORA DICIAMO CHE HO QUASI COMPLETATO ...iMANCA

BOVA SI..MI HA CHIAMATO ED VENUTO A TROVARMI..NO. ..


GIUGNO EH...
HA DETTO...IO POTREI ANCHE FIRMARE IN
...
QUESTO FARLI VENIRE A FIRMARE IN QUESTO
MOMENTO...MA TU VOGLIO DIRE E MEGLIO DOMANI ...
...
MATTINA PERCH VOGLIO ... FARE ...TENTARE UNA
MEDIAZIONE SE TU SEI D'ACCORDO. ..
GIUGNO Che politica ha detto che vuole tre?. ..
vuole tentare.. .Vuole scendere.. .vuole parlare con quegli
1-l altri.. .no...
SI...MA IO ...A &I E NON STA

VUOLE.. .
'BOVA Sta facendo t r o ~ ~ o . . .
I
l
GIUGNO I Si.. .si.. .si.. .lui sta facendo troppo il difficile dopo aver detto che
-- -- - .
era.. -
BOVA 1 Gli ho detto io.. .guarda.. .non so perch ha voluto fare.. .gli ho detto

'l3 ZITO Rocco Vito. nato a Careri il 15.06.197 1 ed ivi residente in Via Veronica m. 7;
'" PIPICELLA Gaetano, nato a Careri I' 1 1.06.1957 e residente in Via Girardino m. 4;
'l5 Vedasi verbali di trascrizione nr. 1334, 1 16, 1367, 1372 (Rit. 16 18i07 DDA) del 26.09.1007 in allegati da
137 a 140;
I lh
Vcdasi verbali di trascrizione nr. 136 e 1477 (Rit. 1615107 DDA) del 26.09.2007 in allegati I4 I e 142:
'l7 Vcdasi verbale di trascrizione m. 1-45(Rit. 1618107 DDA) del 26.09.7007 in allegato 143:
Ciccio per me non ci sono proble mi...
LUI NON RIESCE DISTACCARSI DA QUESTI
QUA.. .TIPO.. .CAPISCI.. .
Non so ha ...
detto dopo che questo mi ha
1 BOVA
aiutato.. .avanti.. .indietro.. .mi
mediazione ...gl i ho detto ma Ciccio
ha
non
detto
so...una
ma
mediazione
tu.. .una
se non
.
-
1 so quello che dicono loro.. .come.. .posso fare..
No che mediazione.. .mediazione.. .la mediazione.. .si doveva fare un
GIUGNO
accordo tutti assieme.. .se non hanno voluto.. .che vogliono adesso.. .
E gliel'ho offerto tino alla fine ...q uesti ancora tino a stasera sono
andati.. .IO SONO ANDATO A RACCOGLIERE TRE FIRME AD
BOVA
UN POSTO E PRIMA ERANO ANDATI
LORO. ..Q UINDI. ..NON.. .PROPRIO...
GIUGNO Si.. .
A PALLA...E NOI CON OUESTI DI CICCIO SIAMO A...23 PIU
BOVA QUELLO RISERVATO CHE ABBIAMO 24 QUINDI SIAMO ... ...
BENE...NO. ..
SI...SIAMO BENE. ..TU LASCIALO STARE...LASCIA CHE
VIENE ADESSO LUI...DOMANI VIENE... ALTRIMENTI
GIUGNO
LASCIALO FARE CHE VUOLE...A ME MI HA DETTO CHE
NON CI SONO PROBLEMI. ..UN'ORA FA ...
SI...ME L'HA DETTO ANCHE A ME..PERO MI HA DETTO.. .
...
MI HA CHIAMATO LUI TRA L'ALTRO...
Mi ha detto.. .incomprensibile...gli ho detto fai.. .cio...tipo che
1 BOVA l
disponibile..
-
.no.. .sembrava che. ..no...tu mi
.
devi
1 firmare.. .incomprensibile.. .se no scorretto.. .diciamo.. .no..
GIUGNO Si ...si.. .si.. .ma lui sai chi andato a trovarlo?. . .
' BOVA Uh ...
...
L'IDEOLOCO ANDATO A TROVARLO IERI...HAI
CAPITO...
BOVA , AH...HO CAPITO...HO CAPITO. ..
1 GIUGNO ...
QUELLO HAI CAPlTO...NO.. .
BOVA Si ...
E quindi dice. ..chiss che si stanno inventando ...p erch questi qui

BOVA Uh.. . I

1 ( Cercavano di dirgli ad ognuno che lo poteva fare lui perch dallo I


( GIUGNO ( scontro doveva saltare il terzo nome...a tutti gli dicevano la stessa I
.
cosa.. .capisci..
BOVA Si.. .si...
GIUGNO ...
E allora i codioni come ci sono cascati auasi tutti. ..tant' che.. .
1 BOVA ISi ... 1
1 GIUGNO
Un conto uno che ti dice...come hanno fatto certi...ti
...
appoggio un conto uno che fino all'ultimo li tartaglia e poi ti ,
1 appoggio ha un'altra valenza poi.. .mi sembra logico no. ... ..
...
I BOVA 1 Si ...
1 GIUGNO E tanto chiaro.. .scusa.. .
E anche...anche perch noi per quadrare il cerchio abbiamo preso
1 BOVA
degli impegni non che ora posso tornare indietro ...
GIUGNO Eh?. ..
Dico.. .uno.. .per quadrare il cerchio ha preso degli impegni ora non
BoVA
che pu tornare indietro....
E logico.. .ma ci mancherebbe altro.. .ma io quello.. .ormai Bruno non
GIUGNO c' niente da fare.. .la si sfonda.. .se loro dovessero prendere pi voti noi
1 rispettiamo la.. .la democrazia e.. .incomprensibile...tenere.. .
BOVA Certo. ..
...
Se prendi pi tu. ..vai a giocare tu voglio dire.. .noi abbiamo
fatto...l'abbiamo detto a qualche amico perch ritenevamo che
GIUGNO
questa tua sia una cosa per migliorare la zona perch hai
l'esperienza e tu sei libero.. .anche. ..
BOVA Uh ...
GIUGNO Quindi ti puoi.. .dedicare.. . stato questo il motivo.. .
BOVA Si.. .
AD OGNUNO GLI ABBIAMO DETTO DI DECIDERE
SECONDO COSCIENZA.. .SPIEGANDOGLI.. .LE.. .LE
MOTIVAZIONI POLITICHE...POI NON CHE SIAMO
ANDATI A FORZARE NESSUNO E N GLI ABBIAMO DETTO
GIUGNO ...
NIENTE DI NESSUNO LA GENTE FA SECONDO
..
COSCIENZA. ,MA...Q UELLI CHE VOGLIONO VOTARE...E
INUTILE CHE VENGONO DOMANI.. .O DA
RAGGIUNGERE C'E ... POCO DA
RAGGIUNGERE PERCH.. . ...
BOVA A si ...
Tutte queste genti che sono venute prima.. .poi che gii dici.. .venite e te
GIUGNO ne vai ...dicono come io sono venuto con te e ora che fai tu ...fai
l'accordo con loro.. .
BOVA Si..si.. .
GIUGNO E ~ u s t o no'?...
Uh.. .si ma lui.. .aveva.. .intanto aveva tirmato..cosa che
...
non.. .non.. .stamattina mi ha risposto in un certo modo stasera mi
ha detto in un altro modo...E...DICE CI VEDIAMO DOMANI
BOVA
...
MATTINA TU SAI CHE DOMANI IMATTINA ABBIAMO LE
PRESENZE GLI HO DETTO IO VA BENE C I VEDIAMO...
PRESTO...MA NON C I SONO PROBLEMI DI QUA E D1 L ... ...
GIUGNO E va bene.. .
SECONDO ME. ..A XlE..GIGI MI HA
DETTO. ..CHE. ..ASSOLUTAMENTE CHE NON. ..CHE NON CI
SONO PROBLEMI ALTRIMENTI VEDEVO ...IMI
BOVA
SAREI...ORIENTATO DIVERSAMENTE PER.. .SE NON ...
VERO NIENTE..PER~ I O DOMANI MATTINA DEVO
SBRIGARMI.. .
TU TIENI CONTO CHE ...SEMPRE A BOVALINO ABBIAMO
GIUGNO
ALL'ALTRO CHE SE NE VIENE CON NOI. ..
BOVA Ouesto vero.. .
1 GIUGNO
Comunque a me lui un'ora fa mi ha chiamato e mi ha detto che il
problema non esiste.. .secondo me lui.. .
Uh.. .
ADESSO MI VIENE DA PENSARE CHE AVESSE QUASI
PRESO MEZZO IMPEGNO ANCHE CON GLI ALTRI ...
BOVA SECONDO ME SI ... ...
E NON SA COME DISTRICARSI DALLA
SITUAZIONE.. .FORSE.. .HAI CAPITO...
LUI RIMASTO QUANDO HA VISTO CHE AVEVO TUTTE
BOVA
QUELLE FIRME. ..AH..
Si.. .loro pensavano.. .gli avevano detto che tu non avevi nessuna
GIUGNO
.
firma.. Bruno.. .hai capito.. .questi qua sai cosa andavano dicendo
in giro..
- .che non ha niente.. .che avr.. .sei o otto firme.. .non ha.. .e
ognuno era titubante.. .hai capito Bruno.. .
BOVA A
GIUGNO
...
E quindi cosi comunque che lui che faccia secondo
coscienza...q uello che vuole fare fa.. . per amor di Dio.. .

GIUGNO No.. .ma tu adesso non gli dire niente pi per le firme.. .
BOVA No.. .
se lui si fa sentire si fa sentire altrimenti ti presenti con le firme che
GIUGNO
hai e basta...
BOVA VA BENE ...
GIUGNO OK...
BOVA VA BENE...D'ACCORDO ...
I GIUGNO I Ciao.. .ciao Bruno.. .

Appariva chiaro che in quel preciso momento BOVA Bruno non era ancora certo di aver
ottenuto un risultato positivo, proprio per colpa del sindaco di Bovalino, e tale particolare
aspetto stato descritto in modo dettagliato per evidenziare la differenza con ci che era
invece accaduto riguardo i voti dei rappresentanti del Comune di Antonimina.

Il tentativo di recuperare i voti di Antonimina, che in prossimit della scadenza si erano


rivelati fondamentali per i progetti politici di BOVA Bruno, iniziava sin dall'l Settembre
1007, allorquando l'indagato intere~sava"~ il sindaco di Ardore, CAMPISI ~ i u s e ~ ~ e ~ ' ' :

CAMPISI I Si.. .pronto.. .


1 BOVA I Oh...P ... 1
CAMPISI I Eh ...
NIENTE...SAI COME SONO I RAPPORTI
BOVA TRA...FRANCESCO .MAGRI' ED IL SINDACO DI
ANTONIh.IINA?...
CAMPISI PENSO BUONI...BRUNO...
'OvA
CAMPISI
COMUNIT COS V ... E D
...
VEDI COM'E IL FATTO DAI. ..CHE MI SERVE PER LA
O
EH...VA BENE. ..ORA MI INFORMO IO COMUNOUE
.
...
':'t
FAI UN SONDAGGIO...VEDI SE IN CASO INCONTRI A
BOVA FRANCESCO...DIGLI CHE PER ME...CHE [O SONO IN
BUONI RAPPORTI CON FRANCESCO...HAI CAPITO...
CAMPISI LIh..uh...va bene ok. .... ..
BOVA Va bene.. .
118
Vedasi verbale di trascrizione M. 28 1 (Rit. 16 18107 DDA) del 0 1.09.2007 in allegato 114;
I I0
CAMPISI Giuseppe, nato a Locri il 2 1.06.1964;
1 CAMPISI I Va benissimo. ..ci sentiamo. ..ciao. 1
Alcuni giorni prima della scadenza il problema di Antonimina si risolveva parzialmente
grazie all'ai~to"~
di MAI0 ~ u c a ~ "all'e
, oca consigliere provinciale, che si era impegnato
ri , sindaco e rappresentante della minoranza:
interloquendo con CONDELLI ~ n t o n i o ~ "ex

Omissis da inizio trascrizione a pag. 2 del verbale.. .

MAI0 Passami.. .passami.. .un attimo a Bruno.. .ciao.. .


UOMO I1 titolare ti passo. ..si ...
,MAIO Si.. .il ~residente...
BOVA Buonasera awocato.. .
BUONASERA...VEDETE CHE E TUTTO A POSTO...DOPO
MAIO ...
PER TRA DOMANI E DOPODOMANI VENGO ANCHE CON
CONDELLI.. .VA BENE.. .CHE VI VUOLE SALUTARE. ..
BOVA 1 VABENE...
MAI0 ABBIAMO FATTO.. .I PASSAGGI GIUSTI.. .OK.. .
BOVA CIAO.. .CIAO.. .
I MA10 ( COMUNQUE TUTTO A POSTO. ... ..
BOVA Ciao...
MA10 Salutami il LUPO. l... ..
I BOVA I
Ok...ciao... 1
I1 25 Settembre 2007 BOVA Bruno confermava323di aver ottenuto gi il voto della
minoranza ad Antonimina e chiedeva a BRIZZI ~ a s ~ u a l e ' ' ~ sindaco
, di S.Ilario dello
Jonio, di convincere anche gli altri due rappresentanti di quel comune aventi diritto di voto
in seno alla Comunit Montana:

Omissis da inizio conversazione a pag. 3 del verbale.. .

Antonirnina e Cimin a questo punto che fanno. ..se vuoi chiamo il


PASQUALE
Sindaco di Cimin.. .io poi.. . -
TU A QUELLO DI ANTONIMINA DEVI CHIAMARE PIU DI 1
BOVA
...
QUELLO DI CIMIN E GLI DEVI DIRE VEDI CHE BOVA ...
ST RACCOGLIENDO LE FIRME E A ...
BUON
PUNTO...VEDETE VOI OUELLO CHE VOLETE FARE,,
PASQUALE ...
E ALLORA L O CHIAMO SE QUA LO VEDO OGGI..,
CHE POI UNA VOLTA...UNA VOLTA CHE NE RACCOLGO
BOVA VENTIQUATTRO POI ME NE FOTTO DI CHI RESTA DI
FUORI. ..HAI CAPITO. EH...EH.. .. .
PASOUALE VA BENE ...EH ...EH. .. 1

''O Vedasi verbale di trascrizione N. 1026 (Rit. 1618107 DDA) del 7 1.09.7007 in allegato 145;
'" MAI0 Luca, nato a Locri il 13.12.1972;
'" CONDELLI Antonio. nato ad Antonimina il 12.02.1955, ivi residente in C.da Vigne snc:
"' Vedasi verbale di trascrizione N. 17 13 (Rit. 16 18i07 DDA) del 75.09.7007 in allegato 146;
BRIZZI Pasquale, nato a Melito Porto Salvo il 19.02.1973;
.. .omissis da pag. 3 a pag. 5 del verbale.. .
...
A QUESTO PUNTO QUA I O VEDO QUESTE COSE QUA DI
PASQUALE ANTONIMINA.. .di Cimini ...
... ...
NO NO CIMINA LASCIALI STARE TU...SENTI A
BOVA
ME.. .VEDITI SOLO ANTONIR,IINA.. .
PASQUALE VA BENE.,
C H E NON ABBIAhIO...A NOI ,ANTONIMINA C I
BOVA
SERVE...FERMO RESTANDO...
PASQUALE VA BENE ...
BoVA
C H E QUELLA. ..DI. ..DI IIIINOIWNZA NON GLIELO DIRE ...
A LUI...
PASQUALE SI ...
ID- C H E CE L'HO GIA. ..HAI CAPITO. ..
PASQUALE VA BENISSIMO ...OK.. .
BOVA PERO NON GLIELO DIRE A LORO QUESTO FATTO ...
NO ...NO...IO NON S O NIENTE...IO GLI DICO C H E H O
STUDIATO IL GENERALE CON LUI E VEDIAMO
PASQUALE ...
COM' SU QUALE POSIZIONE ...E POI GLIELO
DICIAMO.. .incomprensibile...VA BENE CHE DEVE
DECIDERE ANCHE LUI NO... ...
BOVA Ok.. .

BOVA Bruno aveva per gi deciso di percorrere altre strade per raggiungere l'obiettivo,
pur mostrandosi bisognoso dell'aiuto "politico" di BRIZZI Pasquale.

Ci emergeva grazie ad un colloquio intercettato sull'utenza del "capo locale" di Ardore,


VARACALLI Giuseppe, il quale contatta~a'~~, alle ore 15.51, BOVA Bruno all'utenza
fissa istallata presso l'hotel "PANAMA di Ardore, da lui gestito:

VARACALLI PRONTO,
BRUNO A PEP, BRUNO SONO,
VARACALLI CIAO BRUNO ..., IYIENTE STAVO PASSANDO DI LA CHE
SONO DOVUTO ANDARE FINO AD ANTONIMINA ...,
BRUNO EH. OUA SONO. ..,
VARACALLI SOLO... SOLO PER SALUTARTI SI,
BRUNO OK, GRAZIE, CIAO,
VARACALLI Va bene.. .,
BRUNO Ciao.

VARACALLI Giuseppe aveva in tal modo reso edotto BOVA Bruno della sua visita ad
Antonimina ed era desideroso di incontrarlo per ragguagliarlo dell'esito del suo
interessamento.

'" Vedasi verbale di trascrizione nr. 2705 (Rit. 1561i07 DDA) del 25.09.1007 in allegato 147:
Proseguivano intanto le mosse politiche degli alleati, tanto che alle 16:47 del medesimo
giomo, BRIZZI Pasquale riferiva3" di non essere ancora riuscito a contattare il collega
sindaco di Antonimina, tanto che BOVA lo incoraggiava ad insistere per veriticare "lui in
che posizione ".

Alle ore 19.03 non vi erano stati sviluppi per la questione di Antonimina e lo stesso BOVA
affermava3" che: "la trattativa a ~ e r t aed a buon punto ...perch venuto uno a
trovarmi.. .loro vo~liono~arantiti...ma ~arantitiquello ci possono essere. ..quello
diciamo.. .".

Alle ore 2 1.l4 e 2 1.26 del 25 Settembre 2007 BOVA Bruno tentava di chiamare I'utenza
in uso a VARACALLI Giuseppe, ma questi non rispondeva alla chiamata.
A sua volta, alle successive ore 21.27 VARACALLI Giuseppe tentava di richiamare
BOVA Bruno, ma anche questa volta il cellulare squillava senza che vi fosse alcuna

La mattina del giomo successivo alle ore 08.16, i due riuscivano a parlare329:

1 VARACALLI I PRONTO?
BOVA ...
AH P.. .BRUNOSONO..
VARACALLI AH...CIAO BRUNO ...
SENTI SE ERA POSSIBILE PER STASERA OUELLA ...
BOVA RISPOSTA...PERCHE HO BISOGNO.. .DELLE FIRME

SI...ERO ANDATO IERI BRUNO. . M A NON L'HO


VARACALLI
TROVATO..
BOVA VA BENE...
VARACALLI OGGI...OGGI CERCO DI VEDERLO SI... ...
BOVA GRAZIE.. .OK.. .SCUSATE.. .
VARACALLI CIAO. ..BRCINO. ..CIAO

Era palese pertanto che BOVA Bruno si era rivolto al "capo locale" di Ardore per ottenere
le firme che gli erano necessarie e questi si era recato personalmente ad Antonimina per
contattare una terza persona non meglio speciticata.

Alle ore 10.48 si riusciva ad appurare chi fosse il personaggio ad Antonimina a cui
VARACALLI Giuseppe era intenzionato a rivolgersi per favorire BOVA Bruno, cio
ROMANO Nicola.
Il fatto era di fondamentale importanza ai tini delle indagini condotte da questo Ut'ficio,
poich era l'ulteriore conferma, dopo l'episodio dell'omicidio di BEVILACQUA Giovanni
ed il recupero dell'escavatore dei fratelli MINA, che i componenti della "Sacra Corona"
h
erano coesi ogni qualvolta era necessario risolvere le problematiche che interessavano pi
"locali".
Favorire un affiliato al "locale" di Ardore aftinch raggiungesse una posizione direttiva
piuttosto importante nell'economia del territorio, alla guida di un ente periferico in grado
di gestire denaro pubblico e quindi bandire gare d'appalto, interloquire con gli apparati

"" Vedasi verbale di trascrizione M. l760 (Rit. 16 18/07 DDA) del 25.09.2007 in allegato 148;
127
Vedasi verbale di trascrizione M. 1-80 (Rit. 1618107 DDA) del 25.09.7007 in allegato 1-19;
12%
Vedasi a tal proposito brogliaccio dei progressivi M. 102, IO4 e 105 del 25.09.7007 in allegato 150;
119
Vedasi verbale di trascrizione M. I I7 (Rit. 1618107DDA) del 26.09.7007 in allegato 151:

307
provinciali e regionali e condizionare, mediante le alleanze politiche e la spartizione delle
varie cariche al suo interno, le scelte di una parte dell'elettorato, era un'occasione da non
perdere, soprattutto per quella 'ndrangheta inserita maggiormente nel mondo
dell'imprenditoria, come verr specificato meglio in seguito, di cui facevano parte gli
affiliati alla "Sacra Corona".

Il contatto tra VARACALLI Giuseppe e ROMANO Nicola avveniva330alle ore 10.48 del
26 Settembre 2007:

VARACALLI EH.., BUON GIORNO COMPARE COLA


ROMANO BUON GIORNO
VARACALLI PEPPE VARA.., PEPPE VARACALLI SONO..
ROMANO Si..
VARACALLI ...,
Eh come andiamo ?
ROMAiYO Eeh.., non c' male ! Non c' male !
VARACALLI iMi avete conosciuto, si ?
ROMANO Si, si, si, si, si..
VARACALLI EH.., EH.., EH SENTITE AAH ....,
SIETE A LOCRI PER CASO ?
ROMAiYO SI
VARACALLI EH.. E DOVE
ROMANO SONO QUI ......,
COME SI GIRA OUA DALL'ESSO, QUI AL BAR
VARACALLI AH.., AH.., VA BENE, CHE IO STO PARTENDO ADESSO DA
ARDORE, SE C I INCONTRIAMO UN MINUTO .?
ROMANO ALL'ENTRATA DI LOCRI, LI ALL'ESSO, SONO QUI AL BAR,
ALTRIMENTI SE VOLETE CHE VENGO, POSSO VENIRE IO..
VARACALLI EEH ...,
DUNQUE ....,
EEEH ....,
S O N C'E BISOGNO, VENGO IO
1 I STESSO. AH..! I
ROMANO ALLORA VI ASPETTO QUI, ANDIAMO !
1 VARACALLI E DI FRONTE ALL'ESSO, MI SEMBRA CHE SIA IL BAR, NO !?
1 ROMANO IDI SOPRA, DI SOPRA, QUA QUANDO SI SALE PERI
L'OSPEDALE, QUI ALLA CRAI..
VARACALLI AH.., HO CAPITO ! BENISSIMO, HO CAPITO, SI, SI, SI..
ROMAiYO SI
VARACALLI ARRIVO, ARRIVO SUBITO LI, SI
ROMAiVO VA BENE, VA BENE, VA BENE..
VARACALLI Va bene. arrivederci.

La P.G. procedente riusciva a ricostruire i movimenti di ROMANO Nicola yazie al


sistema di pedinamento GPS montato a bordo della SEAT Alhambra a lui in uso3 l : l'auto
sostava all'incrocio tra la Piazza Giovanni Bosco e la via Provinciale di Locri, nei pressi b
/;b
lb
del bar ove i due si erano dati appuntamento.

110
Vedasi verbale di trascrizione nr. 12379 (Rit. 1996106 DDA) del 26.09.2007 in allegato 152;
'" Vedasi stralcio del tracciato GPS datato 26.09.2007 in allegato 153. Si d atto che. per un'anomalia al
sistema inforrnatico. in quel periodo il GPS indicava i tracciati con un'ora circa di anticipo rispetto al
reale compimento di quei movimenti. Ci stato riscontrato confrontando i dati con le varie tracce audio
registrate. nonch con i dati desumibili da intercettazioni telefoniche e servizi di osservazione;
Al termine dell'incontro ROMANO Nicola risaliva in auto e si dirigeva verso il centro
abitato di Antonimina, rimanendovi in sosta per diversi minuti, per poi tornare alla sua
abitazione sita in Frazione Bagni nr. 14.
Subito do o l'incontro con ROMANO Nicola, alle ore 11.05, VARACALLI Giuseppe
~hiamava"~BOVA Bruno:

L BOVA ( Pronto.. . -

VARACALLI
1
P

Pronto Bruno?. ..
I BOVA Eh.. .dimmi Pe.. .
VARACALLI SI. ..NEL POMERIGGIO SEI AL RISTORANTE?. ..
BOVA SI...SI...SEMPRE A CASA SONO...
VARACALLI BENISSIMO...
BOVA QUALSIASI ORARIO...
EH...CHE IL GEOMETRA ,MIO DOVREBBE ANDARE A
1 VARACALLI REGGI0 PER CERCARE PER PORTARE CERTI ...
P -

BOVAVA BENE...
E MI HA DETTO CHE QUANDO PASSA VUOLE
SALUTARTI.. .
1
I
BOVA VA BENISSIMO.. .PERFETTO...
VARACALLI Va bene.. .
BOVA I Ok.. .incomprensibile...
Un nuovo elemento subentrava nelle conversazioni tra i due: il linguaggio convenzionale.
Sino al giorno prima VARACALLI Giuseppe e BOVA Bruno avevano chiaramente parlato
di "firme", ma immediatamente dopo l'incontro con ROMANO Nicola, quest'ultimo
veniva indicato con il termine convenzionale di "geometra".
Le conversazioni successive, che verranno a breve riportate, davano contrma dell' "alias"
con cui VARACALLI Giuseppe indicava ROMANO Nicola quando parlava
telefonicamente con BOVA Bruno.
Il "capo locale" di Antonimina tra l'altro era in quei giorni impegnato a risolvere la
questione di un appalto con l'impresa G.F. Costruzioni di Pellaro, di cui si riferir in
seguito, tanto da esser costretto a recarsi a Reggio Calabria in diverse occasioni, proprio
come accennato da VARACALLI Giuseppe.

In attesa della risposta detinitiva da parte di VARACALLI Giuseppe, BOVA Bruno


manteneva i contatti3" anche con BRIZZI Pasquale e gli diceva di proseguire formalmente
nelle sue pressioni "politiche", facendogli chiaramente capire che si trattava di
un'operazione di facciata in quanto la questione stava per essere risolta grazie ad aiuti
"esterni": I

BOVA Chi e?. ..


PASQUALE Oh.. .Mimmo.. .Pasquale sono.. .eh.. .Bruno.. .
BOVA Eh.. .
ALLORA STASERA...IL SINDACO DI
...
ANTONIMINA STASERA SONO CON IL SINDACO DI

P p - p p p

'" Vedasi verbale di trascrizione nr.


311
1353 (Rit. 16 18/07 DDA) del 16.09.2007 in allegato 154:
Vedasi verbale di trascrizione N. 137 1 (Rit. 16 181'07 DDA) del 26.09.7007 in allegato 155;
...
CATANZARO PARTE DA LA VERSO LE SEI...
BOVA Uh ...
SEI E MEZZA MI HA DETTO, ... EH. ..POLIFRONI HA
, PASQUALE CONSIGLIO ALLE SEI...IL TEMPO CHE LO FINISCE CI ...
VEDIAMO ALLE OTTO A LOCRI A CASA SUA...
BOVA HO CAPITO...
ALLORA LUI I HA FATTO UN DISCORSO PER
...
TELEFONO 311 SEMBRA CHE LORO PUO DARSI ANCHE ...
PASQUALE CHE FACCIAR.10 UN DISCORSO INSIEME ...m
MARGINE.. .DI PRENDERE QUALCHE IMPEGNO.. .O NO?. ..
...
SI. . M A IO. ..TU TIENI PRESENTE CHE CIOE. ..SE h11
BoVA
FIRMANO IL DOCUMENTO. ..IL MARGINE c~.. .
.NO..
1 PASQUALE I E MA IO...
BOVA DEVONO FIRMARE IL DOCUMENTO.. .
PASQUALE Voglio dire.. .io faccio cos. ..devo parlare con te...

I BOVA
Perch.. .la cosa.. .la cosa...la cosa importante Pasquale qual'
&...se lo firmano adesso il documento alIora i1 margine di
1 ragionamento.. . I
PASQUALE No.. .stasera. ..
BoVA
.
POI.. .IO TI INFORMO.. PERCHE POMERIGGIO VENGONO
1

, SECONDO ME...DA ANTONIMINA OUALCUNO NO. ... ..


1 PASOUALE 1 Si ... 1
...
1 BOVA
SE LUI GI CHIUSO...ED A TE NON TI DICO
NIENTE. ..TU FAI IL RAGIONAMENTO LO STESSO HAI
CAPITO?. ..,
...
PASQUALE , 'S
PER SEMBRARE CHE LO CHIUDI TU SEMPRE IL
BoVA
, FATTO...HAI CAPITO ...,
BOVA POLITICAMENTE ECCO.. ... .
PASQUALE Io ho un margine di poter operare?
BOV A Certo.. .certo.. .certo.. .
PASQUALE Io mi spiego ora.. .altrimenti resto su1 generico.. .
BOVA Nei. ..nei limiti del consentito. ..hai ca~ito.. . l
PASQUALE E poi tu mi devi dire.. .si. ..si pu chiudere Cimin.. .Antonimina...
Non e che.. .Antonimina chiaro che. .. un Comune ...se portano
BOVA tre.. .tre.. .se portano due o tre glieIo possiamo
dare.. .incomprensibile...la presenza.. .
Io siccome non so gli altri impegni tuoi che...ho detto prima che
PASQUALE parlo.. .o resto nel generico.. .o se andiamo a quagliare.. .se '>,
I riusciamo a fargiielo firmare anche stasera stesso il documento... +t

Ma dipende.. .dipende che tipo di richiesta fa Cimina.. .perch loro i '(J


I BOVA dopo che gli e scappata la lepre.. .vogliono fottere a me.. .no.. .capisci
quello che ti voglio dire.. .
Io voglio dire.. .ormai la.. .la scelta sei tu o Peppe.. .eh.. .visto che sulla
PASQUALE mediazione di MOLLACE voi non ci siete.. .non c' pi FUDOLI.. .
,

BOVA Esatto.. .
No.. .questo era assodato questo discorso.. .io gliel'ho detto chiaro a
PASQUALE
loro.. .
BOVA I ,Ma.. . l

3 10
Infatti poi lui mi ha buttato una battuta.. .ma MOLLACE diceva.. .per
PASQUALE MOLLACE poteva farsi anche i fatti suoi ha detto lui.. .

...
Si.. .si...ma tu...tu sei abilitato a trattare che significa ...sei la

PASQUALE CONCORDIAMO SU ...


CON.. .incomprensibile...
BOVA 301...NOI ABBIAMO.. .NO.. .NO.. .
IO RESTO SUL GENERICO...NO...E C E L O TIRIAMO
PASQUALE POLITICAMENTE DENTRO...SE EVENTUALiMENTE TU
NON RIESCI A CHIUDERE...
BoVA
ALLORA...ALLORA ...
FAI FAI UNA COSA I O VEDO ...
POMERIGGIO CHI VIENE.. .NO...
PASQUALE E C I SENTIAMO IN SERATA. ..PRIMA CHE VADO...
POI TI CHIAMO A T E PRIMA CHE VAI COS LA ...
BoVA
IMPOSTIAMO.. .HAI CAPITO.. .
PASQUALE SI.. .CERTO.. .E. ..
IN MODO CHE SE I O ANCHE CHIUDO CON LUI TU T E LA ...
BoVA
GIOCHI POLITICAMENTE.. .HAI CAPITO. ..
PASQUALE OK...
BOVA SUL TERRITORIO TUO.. .E GIUSTO ANCHE.. .
PASQUALE Si.. .si.. .si.. .
BOVA l Eh. ..ok?. ..
PASQUALE Ok ...
BOVA Va bene ...
I due pertanto erano concordi nell'attendere gli eventi del pomeriggio, in quanto BOVA
Bruno era fiducioso sul buono esito dell'intervento di VARACALLI Giuseppe, anche se
sarebbe stato comunque utile far apparire che si trattava di un successo ottenuto
"politicamente" grazie all'intervento di BRIZZI Pasquale.
Importante anche il riferimento al sindaco di Antonimina, PELLE ~uciano~".dipendente
di uno degli uffici della Regione Calabria con sede a Catanzaro, il quale sarebbe stato
assente per gran parte della giornata e sarebbe rientrato solo in serata.
Il dato era utile in quanto ROMANO Nicola, subito dopo aver incontrato VARACALLI
Giuseppe a Locri, si era recato nel centro abitato di Antonimina, ove si trovano sia la Casa L /G
/?l
comunale sia l'abitazione di residenza del sindaco PELLE Luciano.

Ci giustifica ampiamente il movimento335effettuato dal "capo locale" di Antonimina con


la sua autovettura, in quanto non riuscendo a parlare in mattinata con i1 primo cittadino
perch assente, era stato costretto a tornare nuovamente in quel luogo in serata, quando
cio l'amministratore era sicuramente rientrato da Catanzaro.

"'PELLE Luciano, nato ad Antonimina il 15.09.1950;


135
Vedasi stralcio del tracciato GPS datato 36.09.3007 in allegato 156;
Per tutto il pomeriggio BOVA Bruno fremeva nell'attesa che si sbloccasse la situazione ad
Antonimina, come si poteva evincere anche dai colloqui336con BRIZZI Pasquale e TALIA
Giuseppe, nel corso dei quali i colloquianti facevano la conta complessiva delle adesioni
raccolte e delle promesse ricevute, pianificando le ulteriori mosse da compiere per
risolvere al meglio la questione.

Alle ore 18.59 il sistema di intercettazione audioJ3' e di rilevamento GPS installato a bordo
dell'auto di ROMANO Nicola, come accennato in precedenza, si attivava brevemente e
indicava il tragitto dell'auto sino al centro abitato di Antonimina.

Alle ore 19.32 del 26 Settembre 2007 BOVA Bruno contattavaJ38VARACALLI Giuseppe
per segnalargli che, contrariamente alle attese, non vi erano stati sviluppi:

I VARACALLI I~ronto,pronto,
I BOVA l ~ Phe ~ .... P e ~ eBruno sono. I
VARACALLI Oh Bruno, ciao,
BOVA EE... VEDI CHE IL "GEOMETRA" DOPO NON PASSATO,
VARACALLI NON PASSATO?
BOVA NO.NO,
VARACALLI E LASCIA CHE LO CHIAMO, iMI HA DETTO CHE NEL
POMERIGGIO DOVEVA ANDARE A COSO AAA.. . REGGI0 ED
HA DETTO COME PASSO DA REGGI0 PASSO...iMI FERMO IO
UN MINUTO, UN MINUTO BRUNO, LASCIAiMI QUESTO
TELEFONO APERTO,
BOVA 10~ GRAZIE,
.
IVARACALLI I ~ i a ociao.
,

T progressivi immediatamente successivi a tale conversazione erano i seg~enti"~:

Progr. 2296 - VARACALLI Giuseppe chiamava ROMANO Nicola Cell.: VODAFONE


Progr. 2297 - VARACALLI Giuseppe chiamava ROMANO Nicola Cell.: VODAFONE
Progr. 2298 - VARACALLI Giuseppe chiamava ROMANO Nicola Uf'ficio: SQUILLI
Progr. 2299 - VARACALLI Giuseppe chiamava ROMANO Nicola Casa: SQUILLI
Progr. 2300 - VARACALLI Giuseppe chiamava ROMANO Nicola Cell.: VODAFONE /
' ,1

Alle ore 19.45 ROMANO Nicola finalmente r i ~ ~ o n d e v asull'utenza


~"~ di casa a
VARACALLI Giuseppe, e con linguaggio convenzionale, gli confermava di aver risolto il
problema:

'l6vedasi verbale di trascrizione N. l429 e 1468 (Rit. 16181.07 DDA) del 26.09.2007 in allegati 157 e 158;
. " Vedasi brogliaccio del progressivo N. 4645 (Rit. 1897'06 DDA) del 76.09.7007 in allegato 159:
.'lR Vedasi verbale di trascrizione N. 2295 (Rit. l561107 DDA) del 76.09.2007 in allegato 160;
l'l
Vedasi brogliaccio dei progressivi N. 1796, 2297. 2798. 7299. 1300 (Rit. 1561107DDA) del 26.09.2007
in allegato L6 1;
'""edasi verbale di trascrizione N. 660 (Rit. 15611'07 DDA) del 26.09.2007 in allegato 167;
ROMANO Pronto,
VARACALLI Pronto eee.. compare Cola?
ROMANO Si,
VARACALLI Pep VARACALLI sono compare Cola,
ROMANO AH VI TELEFONAVO IO ORA, -
VARACALLI VI DISTURBO?
ROMANO NOOO... FIGURATEVI PER L'AMOR DI DIO, CHE MI DI..,
VEDETE CHE.. QUEL CAMION E A POSTS i
VARACALLI A POSTO,
ROMANO SI,
VARACALLI ALLORA PUO ANDARE TRANQUILLO SI,
ROMANO SI, SI,
VARACALLI PUO GUIDARE TRANOUILLO, VA BENE, VI RINGRAZIO
MOLTO.. CI INCONTRIAMO E POI..,
ROMANO SI, POI CI INCONTRIAMO.. SZ,
VARACALLI SI, SI, VI RINGRAZIO COMPARE COLA,
ROMANO PREGO, PREGO,
VARACALLI ARRIVEDERCI EH,

Il "camion" era a posto e l'interessato "pu andare tranquiiio", sintomo che i


rappresentanti della maggioranza comunale antoniminese avrebbero dato il loro appoggio a
BOVA Bruno.
La chiamata immediatamente successiva3", registrata in uscita alle ore 19.47 dall'utenza di
VARACALLI Giuseppe, era, come ovvio, a BOVA Bruno:

BOVA Si pronto,
VARACALLI Si pronto Bruno?
BOVA Eh,
VARACALLI ...,
SI CI SIAMO SENTITI CON IL ,MIO "GEOMETRA" POCO
PRIMA.. .,
BOVA EH.
VARACALLI E TUTTO A POSTO,
BOVA EH PER NON ...,
A POSTO PER VERBALMENTE NON VA,
DEVE PASSARE LE CARTE SE NO NON c' NIENTE, AVETE
CAPITO?
VARACALLI EH, LUI MI HA DETTO...,
BOVA ..Inc.., NON HO LE CARTE PER PORTARGLIELE AL
DEPOSITO NON C'E NIENTE AVETE CAPITO?...
VARACALLI E COME ...,
BOVA ..Inc.., AL GENIO CIVILE AVETE CAPITO?
VARACALLI 'COME SI DOVREBBE FARE, VIENE LUI DI LA?
BOVA E NO ..., ...,
DOVREBBE SE IO ENTRO DOMATTINA RICEVO
LE CARTE PER PORTARLE AL GENIO CIVILE VA BENE, SE
NO POI &I1REGOLO DIVERSAMENTE, AVETE CAPITO?

"" Vrdasi verbale di trascrizione nr. 2303 (Rit. 1561/07 DDA) del 26.09.2007 in allegato 163;
213
VARACALLI EH, EH. MA COS' UNA SPECIE DI DELEGA?
BOVA 0 , SANNO COS' PEPE QUINDI
~ 0 . ~LORO .... ...,
VARACALLI

TUTTO A POSTO,
BOVA VA B ...,
VARACALLI EH, TU PENSI C H E VUOI C H E FACCIAMO UN SALTO UN
MINUTO ...,
BOVA NO,NO, ASSOLUTAMENTE. LORO L O SANNO SE ...,
VOGLIONO L O SANNO .... HAI PARLATO... L O SA [L
"GEOMETRA". ..,
VARACALLI SI,SI,
BOVA ... CASO MAI ...,
VARACALLI SI,SI,
BOVA ..lnc.., COMUNOUE DOMATTINA COME PASSI C I VEDIAMO
AL LIMITE 2 MINUTI EEE... S E NON VENGONO FINO A
DOMATTINA OU SONO IO, POI DEVO ANDARE A
PORTARLI AL DEPOSITO HAI CAPITO, C H E NON
SCADONO,
VARACALLI H O CAPITO, NO I O VERSO LE 7 E MEZZA MASSIMO SONO
LI ALLA MARINA. SE TU PENSI C H E I O DEBBA FARE
QUALCHE MOVIMENTO STASERA I O VADO SUBITO ORA,
BOVA No, ma loro.. .,
VARACALLI ..lnc..,
BOVA ...LORO L O SAPEVANO COSA DOVEVANO FARE, DATO
C H E CON LE CARTE ...,
VARACALLI SI ...,
BOVA ..lnc.., capisci ...,quindi non.. .,
VARACALLI SI, IO GLI H O DATO .... IO GLI HO DATO IL T U O
NOMINATIVO,
BOVA OK, VA BENE,
VARACALLI OK?
BOVA C I SENTIAMO DOPO, DOMANI MATTINA, VA BENE?
VARACALLI Eh?
BOVA OK ...,
C I SENTIAMO DOMANI MATTINA, .ASPETTIAiMO
C H E ..inc..,
VARACALLI VA BENISSIMO.. ., D'ACCORDO, D'ACCORDO.. ., CIAO,
C
CIAO.

Il linguaggio convenzionale utilizzato da entrambi, anche grazie al contesto in cui esso era
inequivocabilmente inserito, non impediva di comprendere quale fosse l'argomento trattato
e come si fosse svolta concretamente l'intera vicenda.
Nel corso della telefonata registrataJJ2 qualche minuto pi tardi con BRIZZI Pasquale,
BOVA Bruno infatti si mostrava sicuro delle preferenze di Antonimina, ma lo autorizzava
a proseguire nella mediazione, in modo da dare un'immagine esclusivamente politica al
risultato elettorale:

Io adesso sto andando ...la a Locri che mi ha chiamato il


Sindaco.. .che.. .incomprensibile...ha mezz'ora di ritardo.. .SE CI
PASQUALE VEDIAMO L;\ CON IL SINDACO DI CIMIN E DI
ANTONIMINA.. .
BOVA UH.. .
PASQUALE IO POSSO TENERE LA TESI COME SIAMO RIMASTI?...
BOVA
... ...
SI SI TRANQUILLAMENTE NO...PERCH CI SIAMO ...
GI.. .SONO A VENTIQUATTROQUINDINON. ..
1 PASQUALE Ma voglio dire.. .
BOVA Uh.. .
Io come mi sbrigo ...p erch stavo con la signora e con
PASQUALE PELLEGRINO.. .
.
Per...digli. .digli che se io presento il documento
BOVA ...
per...p oi...non che poi vengono che quello che capita si
prendono.. .non che dice.. .che.. .
PASQUALE
Ma apposta voglio dire io ...
voglio dire ho ...
la.. .incomprensibile...di trattare con loro?. ..nello.. .
Incomprensibile.. .garantisco quelli che firmano il
BOVA
documento.. .hai capito. ..
PASQUALE Eh ...cio ma giusto ...
Erano ventiquattro firme potenziali, anche perch solo il mattino successivo BOVA Bruno
avrebbe concretamente fatto firmare il documento a diversi altri soggetti che gli avevano
verbalmente assicurato il loro consenso, come dimostrano le conversazioni con BRIZZI
Pasquale allegate3j3.

La mutata posizione dei rappresentanti di Antonimina emergeva anche dal colloquio3J4con


TALIA Giuseppe delle 2 1.19:

BOVA Pronto Peppe.. .


PEPPE Oh Bruno.. .incomprensibile... ,
I BOVA 1 Pronto.. .
SI. ..CI SENTIAMO SENTITI CON PINO PELLE DI
ANTONIMINA.. .
1 BOVA Uh.. .uh...
E ...
ALLORA LORO...VOGLIONO...FIRMANO TUTTI E \
...
DUE SOLO CHE UNO ATTUALMENTE E A BOLOGNA CON LA 1 'b
.C
XIOGLIE PERCH DICE CHE HA PROBLEMI DI
SALUTE...L'ALTRO ...
BOVA Uh ...
PIETROBURCO.. .VIENE O.. .STASERA PIU TARDI O DOMANI
YATTINAVERRAAFIRMARE ...
Vedasi verbale di trascnzione N. 1483 (Rit. 16 18/07 DDA) del 76.09.2007 in allegato 164:
i43
Vedasi verbale di trascnzione N. 1506 e 1507 (Rit. 16 18107 DDA) del 27.09.2007 in allegati 165 e 166:
144
Vedasi verbale di trascrizione N. 1189 (Rit. l h 18/07 DDA) del 26.09.7007 in allegato 167:
BOVA HO CAPITO.. . -

PERCHE UNO ...L'ALTRO A BOLOGNA CON LA


...
MOGLIE PURTROPPO...
l
BOVA VA BENE ...
SI...,MA...L'ALTRO PIETROBURGO E QUA E VIENE .i
)
BOVA A
1 PEPPE 30...VENGONO.. .TRANQUILLO BRUNO.. .NON.. .
P

( BOVA ( Va bene.. .ok.. .ci sentiamo domani comunque...


.omissis da pag. 2 del verbale a fine trascrizione.

Il consigliere di maggioranza PIETROBURGO ~ i u s e ~ avrebbe ~ e ~ ' ~


quindi sottoscritto
nella mattinata successiva il documento, mentre uno degli altri aventi diritto, pur essendo
favorevole, "firmano tutti e due", si trovava fuori sede per problemi tmiliari ed avrebbe
dato evidentemente il suo appoggio in secondo tempo, essendo prevista, dopo il deposito
del documento programmatico da parte di BOVA Bruno, una votazione che ne avrebbe
sancito l'elezione a presidente della Comunit Montana.

La versione ufficiale, cio che gazie a BRIZZI Pasquale i voti di Antonimina erano stati
finalmente accordati a BOVA Bruno, veniva sostenuta pi volte con gli altri esponenti
politici con cui l'indagato era in stretto contatto e che avevano anche loro contribuito al
suo successo elettorale.
Parlando con GIUGNO Luigi del comportamento poco corretto da parte di ZAPPAVIGNA
Francesco, sindaco di Bovalino, BOVA Bruno affer~nava~'~: "Facciamo finta ...p erch si
...
comportato proprio se non era per Pasquale ...g uarda. ..che andato a recuperare
Antonimina.. .qua e la. ..lui mi aspettava al varco.. .ah. ..",
ed ancora3": " Pasquale
stato importante...ah...omissis ... Si...& andato a recuperarli Pasquale a quei due di ...
Antonimina e quei due di Cimina. ..a tutti e due.. .".

Owiamente il favore ottenuto andava contraccambiato "politicamente" e le prime


awisaglie si potevano cogliere nel corso di alcuni dialoghi te~efonici~~\on
MAI0 Luca:

I BOVA I Chi? ...


,MAIO ...
Oh Bruno tu stasera sei a casa dopo di la ... ...
BOVA Quasono ...sempreingiro ...
...
-L

EH. ..CHE IO TORNO DA REGGI0 DAL CONSIGLIO CHE TI


DEVO DIRE. ..
...
NON V I STRESSATE CHE NON CI SONO PROBLEhlI ...NON VI
'OVA
STRESSATE ...
NO...NON DIRE. ..CHE A ME ANTONIMINA GI ,t11 STANNO
O
''''
TARTASSANDO.. .A\TONIMINA.. .
BOVA
MAI0 ...
...
VA BENE...NON NON TI ...NON TI CREARE PROBLEMI
Uh.. .va bene ciao.. .ciao...
... , i
ci
BOVA EH...STAI TRANQUILLO DORMI. ... ..
.MA10 Che volevo dirti.. .Cimin auanti hanno firmato?. ..
l" PIETROBLIRGO Giuseppe, nato ad Antonimina i1 18.02.1961. ivi residente Fraz. Bagni nr. 7;
'41,
Vedasi verbale di trascrizione N. 15 17 (Rit. 16 18/07 DDA) del 27.09.2007 in allegato 168:
147
Vedasi verbale di trascrizione N. 1590 (Rit. 16 18/07 DDA) del 27.09.7007 in allegato 169;
Vsdasi verbali di trascrizione N. 1642 e 1643 ( Rit. 16 lui07 DDA) del 18.09.7007 in allegati 170 e 17 1
1 BOVA 1 Due. ..
I MAI0 I Due.. .va bene. ..ciao...

Per verificare il contenuto dei dialoghi telefonici appena riportati, si acquisiva il


documento programmatico3J9presentato da BOVA Bruno, ove erano state apposte le firme
dei consiglieri della Comunit montana "Aspromonte Orientale".
Vi erano alcune anomalie, in quanto l'atto presentava tutte e tre le firme dei consiglieri
comunali di Antonimina, contrariamente a quanto affermato da TALIA Giuseppe
sull'assenza di uno di essi per problemi familiari.
In effetti, nella successiva riuonione del 29 Settembre 2007, durante la quale veniva sancita
ufficialmente l'elezione del Presidente BOVA Bruno, il consigliere CUSATO ~ o m e n i c o ~ ~ ~
era assente.

Dopo aver presentato il documento programmatico BOVA Bruno riceveva la chiamata3"


di un giornalista, PIPICELLA Giuseppe, con il quale concordava sommariamente il
contenuto dell'articolo che avrebbe diffuso l'indomani la notizia della sua prossima
elezione:

Le notizie stampa diffuse avrebbero riportato una larga base di consensi raccolta da un
BOVA Bruno storicamente impegnato nella politica e nella gestione del territorio
attraverso le cariche ricoperte nei vari Enti periferici, ma nulla vi era ovviamente riguardo
alla vicenda di Antonimina ed alle difficolt incontrate per ottenere i consensi di
quell'amministrazione, anche perch il problema era stato facilmente superato grazie
all'ausilio degli esponenti mafiosi e non politici, saldamente legati dal vincolo associativo
della "Sacra Corona".

Non era pertanto di dominio pubblico quanto invece ROMANO Nicola r i f e n ~ ain~data
~~
39 Settembre 2007 a MELIA Vincenzo. all'intemo della sua abitazione di Ardore:

M ELIA ..incomprensibile..
E A BRUNO BOVA.. .A BRUNO BOVA L'HANNO FATTO
PRESIDENTE DELLA COMUNITA MONTANA
.MELIA COME?
HANNO FATTO LO SCONTRO PURE PER I VOTI DI
ANTONIMINA..
MELIA COMPARE BRUNO ..incomprensibile..
ROMANO ..incomprensibile.. BRUNO BOVA..

. ..omissis da pag. 2 del verbale a fine trascrizione.


ROMANO Nicola descriveva a MELIA Vincenzo la vicenda dei voti di Antonimina con il
termine "scontro", per indicare le difficolt incontrate da BOVA Bruno per ottenere le
tirme dei rappresentanti di quel comune e, fatto ancor pi importante, egli ne era a
conoscenza proprio perch era stato incaricato in prima persona da VARACALLI
Giuseppe per risolvere quella vicenda.

3-19
Vedasi Deliberazione del Consiglio Comunitario nr. 7458 di protocollo della Comunit Montana
".Ltspromonte Orientale" in allegato 172;
""USATO Domenico. nato ad Antonimina il 15.05.1957;
"' Vedasi verbale di trascrizione nr. l582 (Rit. l h1 8107 DDA) del 27.09.1007 in allegato 173:
"' Vedasi verbale di trascrizione nr. 49636 (Rit. 1113/06 DDA) in allegato 171:
Gli eventi successivi alla raccolta dei consensi ed al raggiungimento del numero di firme
necessarie per ottenere la carica di presidente della Comunit Montana, vedevano BOVA
Bruno impegnato nel conferimento degli incarichi per la formazione della giunta
dell' Ente.

All'indomani dell'elezione la maggior parte degli amministratori locali e dei soggetti


interessati all'evoluzione della vicenda chiamavano BOVA Bruno ed oltre alle formali
felicitazioni per il risultato raggiunto, avanzavano proposte e chiedevano il rispetto delle
promesse fatte.
In un caso per era BOVA Bruno a chiedere3", con modi quasi servili, il contributo di
alcuni consiglieri comunali a LOMBARDO ~ i u s e ~ ~ nonostante e ~ ' ~ , costoro non lo
avessero appoggiato durante la raccolta delle tirme:

PEPE' Pronto.. .
BOVA Caro Peu...Bruno sono.. .
PEPE' Ehi.. .Ciao.. .
BOVA Come andiamo'?. ..stavi mangiando?. . . i

PEPE' Come andiamo?. ..tutto a posto'?...


BOVA Eh.. .disc.. .no...incomprensibile.. .sulla carta.. .
PEPE' UH? ...
CARTA ...SI-..I NUMERI LI ABBIAMO.. .
.-

SULLA
P P

BOVA
PEPE' E ALLORA. ..E ALLORA...
...
E ALLORA NIENTE...TI...VA BENE...TU GIA LO SAPEVI. ..VEDI
S E PUOI...SE VIENE FRANCO SE VIENE.. .incomprensibile.. .SE
BoVA
...
VOGLIONO VUOLE VENIRE PER PER IL CONSIGLIO ...ANCHE
I SE I O I NUII'IERI CE L'HO PERO ... ...
PEPE' - MA CON LA COSA CHE HA LUI IN CORSO...LA ...HAI CAPITO ...
...
LO SO. ..VA BENE ,MA I CONSIGLIERI LI PUO FARE
BoVA
VENIRE. ..NO. ..
PEPE' UH...+
ANCHE PER UNA OUESTIONE. ..DATO CHE CI. ..FAREMO TUTTO
BoVA PENSO MATTINA DI SABATO QUINDI ... ...
PEPE' QUAND'E CHE LI FATE ...DOMANI?. ..
i

BOVA DOMANI iMATTINA...SI ...


PEPE' E ADESSO STASERA DOVREI VEDERLO ...
BOVA NO...CI TERREI ANCHE PER UNA QUESTIONE DI. ..
PEPE' HO CAPITO...
BoVA
Incomprensibile.. .ALTRI CHE NON HANNO FIRMATO E DANNO ... 4
'

IL LORO CONSENSO.. .NO...


PEPE' HO CAPITO ...
BOVA ANCHE PER GLI.. .incomprensibili.. .SUCCESSIVI...iUO...OK. ..
PEPE' VA BENE...OK...
BOVA SCUSAMI.. .CIAO ...,
PEPE' iMA DI CHE...STAI SCHERZANDO CIAO BRUNO. ... -

"'Vedasi verbale di trascrizione nr. 1667 (Rit. 16 18/07 DDA) del 28.09.2007 in allegato 175:
l'' LOMBARDO Giuseppe. nato a Caraffa del Bianco il 04.10.1947;
~ ~ il segretario GALLUCCIO per attribuire un'indemita
In altra occasione c ~ n c o r d a v a 'con
di carica in favore del presidente del Consiglio della Comunit, cosa che sino a quel
momento non era stata mai fatta:

SEGRETARIO Pronto.. .
BOVA Ueh.. .segretario.. .Bruno sono.. .
SEGRETARIO Che c'.. .Bruno.. .come andiamo.. . - - - - P P P P -

Eravamo q u a che stavamo finendo i lavori della

SEGRETARIO Incomorensibile...eh.. .
VI VOLEVO DOMANDARE UNA
COSA...LA ...L'INDENNITA DI CARICA DI SINDACO
BOVA
CON QUELLA DELLA C O M U N I T ~ MONTANA
CUMULABILE O NON ...incomtirensibile.. .
SEGRETARIO NO.. .NO.. .NO.. .NO.. .
BOVA DEVE OPTARE PER UNA O PER L'ALTRA?. ..
SI...PER LA vlIGLIORE...PER QUELLA CHE
MIGLIORE...CHIARAMENTE. ..
BOVA
SEGRETARIO
.
.AH...SI...PER QUELLA C H E ...PIu...
CHE E LIVELLO PIU ALTA...
1 BOVA
AH ...Q UINDI UN. ..UN SINDACO NON PU PRENDERE
L'INDENNITA DELLA COMUNITA MONTANA.. .
SEGRETARIO NO...NO. ..NO. ..DEVE SCEGLIERE O UNA O L'ALTRA ...
BOVA HO CAPITO. ..
I SEGRETARIO 1 QUAL' ...LA PIU VANTAGGIOSA PER LUI. 1 ..
DITEMI. ..IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DA NOI
BOVA PRENDI INDENNITA DI CARICA QUALCHE COSA ... ...
IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO NO...PER...PER ...
PER ANALOGIA PERCH NON c' UNA NORMA
SEGRETARIO PRECISA CHE REGOLI QUESTO LA QUESTIONE ...
DELLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DELLA
! COMUNITA MONTANA ...
BOVA

...
PER PER IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEL
L/

...
COMUNE DEL CONSIGLIO COMUNALE c' UNA
NORMA PRECISA SUL TESTO UNICO ...
1 BOVA 1 UH... 1
CHE. ..CHE CONSENTE DI PACARE...PER QUANTO
SEGRETARIO RIGUARDA IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DELLA
COMUNITA MONTANA ...NON c' E ALLORA. ... ..
BOVA Incomorensibile... I
NON L'ABBIAMO MAI APPLICATA LI NON ...
SEGRETARIO L'ABBIAMO MAI PAGATO A "CICCILLINO" ...( ndr:
MARANDO Francesco)

155
Vedasi verbale di trascrizione M. 7152 (Rit. 1618i07 DDA) del 06.10.7007 in allegato 176;
BOVA I GRAZIE...

l1 "favore" concesso da PIETROBURGO Giuseppe di Antonimina veniva contraccambiato


con la sua nomina ad assessore e, secondo quanto riferito3s6da BRIZZI Pasquale, anche il
sindaco PELLE Luciano era ben contento di contribuire in favore dei temton della
Comunit st-uttando il suo impiego presso il Settore Ambiente alla Regione Calabria:

l BOVA IChie? ...


PASQUALE Bruno'?...Pasquale.. .
P

BOVA v l

BOVA ] In che senso?. ..


PASQUALE- Voglio dire.. .sempre lo stesso. ..
NON C'E NIENTE...,MA NON CAPISCONO CHE ORMAI I
BoVA
TEMPI SONO CAMBIATI. ..NON SI RENDONO CONTO... ,

PASQUALE Uh.. .
COMUNQUE POI...POI TI SPIEGO...NO NON CI SONO ...
BOVA PROBLEMI...A ME.. .NON MI POSSO CACARE IL
CAZZO...DIMMI ...

1 PORTA. ..incomprensibile. . .
...
E DISPONIBILISSIMO ANCHE HA DETTO. ..SU DI ME CI
PASQUALE ...
POTETE CONTARE IO HO GLI ASSESSORI.. .MA.. .DA. ..VI
DO UNA MANO ANCHE PERSONALMENTE...
BOVA EH...EH. ..

"" Vedasi verbale di trascrizione nr.7 156 (Rit. 1618107 DDA) del 06.10.2007 in allegato 177:
...
C I TENGO SINDACO ANCHE PERCH DOVETE FARE
UNA SQUADRA... GLI HO DETTO ...SIA C H I DENTRO C H I
PASQUALE ...
FUORI MA ...PER IL PRESIDENTE SIAMO TUTTI
...
UGUALI GLI HO DETTO IO ANCHE PERCH ... ...
BOVA VA BENE...

/ PASQUALE
L'IMPORTANTE FARE UN PROGETTO DI AMPIO
...
REsPIRo...E LUI MI HA DETTO CHE o L U N E D ~ o
MARTED~QUANDO RIENTRA DA CATANZARO. ..
BOVA VA BENE...

La nomina ad assessore di uno dei rappresentanti del comune di Bovalino era


comunicata357preventivamente al Senatore FUDA Pietro:

FUDA Si.. .Bruno.. .dimmi.. .pronto.. .


BOVA Si.. .questo ALTOBELLO Florio di Bovalino vicino a te?. ..
FUDA Come dimmi non ho capito.. .
BOVA ALTOBELLO Florio e vicino a te di Bovalino?. ..
FUDA Si. ..si. ..questo qua mi sembra.. .
Lo.. .lo sto nominando assessore.. .vedi che giielo dico che mi hai chiamato
BOVA 1 h,

tI FUDA
LU...

I Si.. .si.. .si.. .chiama a lui e digli.. .digli a coso.. .e digli pure che l il
I riferimento il vicesindaco che- il p r & ' e s s o r e . . . ~ che ~ ~ ~I
~ ~ ~ quello
che in gamba.. .ah.. .
Incomprensibile.. .di dico.. .io gli dico che mi hai chiamato tu.. .vedi che il
- BoVA Sindaco per. ..
FUDA Si...si ...si ...
P
BOVA Vedi che mi hai chiamato tu.. .
FUDA Chiama.. .chiama.. .si.. .aspetta un minuto.. .chiama a MALLAMO anche.. .
BOVA Va bene.. .
Aspetta un minuto che glielo dico a MALLAMO ...aspetta ...aspetta un
FUDA
attimo un minuto che glielo dico a MALLAMO. .. l
,. 1 o

La lista detinitiva degli assessori era la seguente:

1. ALTOBELLO Carnelo ~ l o r i per


o ~il~comune
~ di Bovalino;
2. STRATI per il comune di Samo;
3. PIETROBURGO per il comune di Antonimina;
4. SCULLI Giuseppe3("per il comune di Femzzano;

357
Vedasi verbale di trascrizione nr. 194 (Rit. 1618107DDA) del 08.10.1007 in allegato 178;
"?,~LTOBELLO Cannelo Florio, nato a Locri il 10.02.1972;
""TRATI Giovanni. nato a Samo 11 02.0 1.1959:
"l"PIETROBURGO Giuseppe, nato ad Antonimina il 18.02.1961:
5. POLICHENI ~ m m a c o l a t aper ~ ~il~comune di S. Ilario dello Jonio;
6. STILO ~ e o n a r d oper~ i1
~ comune
~ di Afnco;
7. GIORGI per il comune di San Luca;
3. MITTIGA Giuse pe per il comune di Careri;
i'
9. ROMEO paolaj6 per il comune di Casignana;
10. POLIFRONI ~ a s ~ u a l i n o per
' ~ ' il comune di Cimin.

Per la composizione della giunta BOVA Bruno aveva seguito un criterio temtoriale e non
politico, stando alle sue affermazioni durante un colloquio telefonico368con SCURUCHI
~runo~~~:

BOVA Chi e?. ..


SCURUCHI Buongiorno presidente sono Bruno SCURUCHI.. .
BOVA a.. .buongiorno SCURUCHI.. .ditemi.. .
SCURUCHI Vi disturbo?. ...
1 BOVA No che mi disturbate.. .ci mancava.. .
1 SCURUCHI Sentite...ho riflettuto su quella proposta l...

BOVA Uh...
E PRATICAMENTE...iMA...VOI ERAVATE...ERAVATE ...
/
SCURUCHI RIMASTI C H E VI SARESTE SENTITI...PARLATI...UN
CONTATTO.. .
] H O DETTO C H E SE I O FACCIO UNA GIUNTA POLITICA...CI 1
1
1 BOVA I SENTIAMO...SICCOME QUESTA NON E UNA GIUNTA I
POLITICA VE L'HO SPIEGATO...
SCURUCHI A. ..HO CAPITO...
OUESTA E UNA GIUNTA TERRITORIALE...CIOE NON E
FATTA SECONDO LA LOGICA DELLA
'OVA
POLITICA...ALTRIMENTI DOVEVO INTERPELLARE I
PARTITI.. .SICCOME.. .,
SCCTRUCHI SI. ..SI...SI...
ALLA COMUNITA MONTANA NON C I SONO I
PARTITI...ALLORA I O H O FATTO UNA DiSTRIBUZIONE
TERRITORIALE...DOVE...DOVE C I SONO DUE O T R E
ASSESSORI E DUE O T R E CONSIGLIERI C H E ,MI HANNO
BOVA
VOTATO GLI H O DATO L'ASSESSORE DOVE C E N' UNO
NON GLI H O POTUTO DARE L'ASSESSORE PERCH IO &I1
DEVO MANTENERE ANCHE LA *MAGGIORANZA ALLA
COMUNIT DA QUEL PUNTO DI VISTA ...
SCURUCHI Va bene...ad ogni modo vedete se avete qualche proposta ...
BOVA ( Maio ...

:h1
SCULLI Giuseppe, nato a Locri i1 14.09.1968;
'" POLICHENI Immacolata. nata a Portigliola il 09.07.1957;
'63
STILO Leonardo. nato a Locri il 14.02.1985;
'(A
GIORGI Michele. non identificato;
'h5
MITTIGA Giuseppe Mario. nato a Locri il 16.05.1968;
106
ROMEO Paola, nata a Casignana il 12.1 1.1965;
"" POLIFRONI Pasqualino, nato a Locri il 10.04.1971;
'''l Vedasi verbale di trascrizione N. 585 (Rit. 16 18/07 DDA) de11' 1 1.10.2007 in allegato 179:
'04
SCURUCHI Bruno. nato a Femzzano il 12.08.195 1 e residente a Sarno in Via M. Bianchi nr.63:
SCURUCHI Incomprensibile.. .gentilmente..
iMa io molto probabilmente vi posso mandare anche al Parco...sto
BoVA
- verificando questo fatto.. .perch Il.. .incomprensibile.. .voi.. .

...omissis da pag. 2 del verbale a Iine trascrizione.


11 ruolo di presidente della Comunit Montana aveva, come accennato precedentemente,
degli o w i risvolti positivi per il temtorio e per i comuni a lui "vicini", in primis quello di
Ardore, di cui BOVA Bruno era anche vicesinda~o"~:

BOVA Pronto. ..
GALLUCCIO Dottore BOVA.. .
BOVA Come andiamo?. ..
GALLUCCIO Che si dice?. ..tutto a posto?. ..
BOVA Non c'e male.. .voi?. ..insomma.. .
GALLUCCIQ Che fate di bello questa mattina.. .siete la in giro.. .
No.. .ero in giro.. .stavo lavorando per la Giunta.. .stavo sentendo
BOVA
qualcuno.. .ci siamo fatti qualche incontro.. .no...
GALLUCCIO Ah ...ho capito ...
Vorrei chiudere...entro domani sera avere il quadro della
BOVA
situazione.. .
GALLUCCIO Eh.. .benissimo.. .sentite.. .vi volevo dire.. .
I BOVA 1 Incomprensibile. . .si. ..
GALLUCC1o
...
VI VOLEVO DIRE c9UNA CARTELLA ESATTORIALE (
DELL'ETR...
1 BOVA I SI...
DI CENTOVENTIDUEMILA ECTRO C H E NOI ,ABBIAMO
GALLUCC1o
NOTIFICATO AL COMUNE DI ARDORE...
BOVA SI...
PER UANTO RIGUARDA IL CONTRIBUTO
GALLUCC1o
BOVA
ASSOCIAOTIVO.
SI...
..
GALLUCCIO ADESSO...E VENUTO A TROVARiMI SANTINO LEMOLI.. .
BOVA U- H
.
DICENDO SE POSSIAMO PERCH DICE C I ... ...
1 GALLUCC1o
TROVIAMO .tL COMUNE
..
IN
SITUAZIONE.. .E. FINANZIARIA COMPLETAMENTE
UNA
...
DICIAMO...
BOVA .SI...
1 I COMBINATA MALE. ..PER CUI S E 311 FATE QUESTA (
CORTESIA ElI...DI CHIEDERE LA SOSPENSIONE DEGLI
GALLUCCIO ...
ATTI PERCHE NOI CHIEDIAMO A NOSTRA
VOLTA...CHIEDIAhIO LA RATEIZZAZIONE DEL DEBITO
ALLA COMUNITA MONTANA.. .
.. ...
SI. PERO C'E UN PROBLEMA...CHE C I SONO DIVERSI
BOVA COMUNI C H E SONO NELLA STESSA SITUAZIONE...SII
ACCENNAVANO ...

1-0
Vedasi verbale di trascrizione nr. 1952 (Rit. 16 18107 DDA) del 02.10.7007 in allegato 180;
223
QUINDI DOVREMMO FARE UNA COSA UNICA,..PER NON
BOVA
SEMBRARE CHE ...
GALLUCCIO SICCOME QUESTI STANNO...
BOVA INTANTO I SINDACI.. .incomprensibile...
-

GALLUCCIO STANNO FACENDO IL PIGN. ..


BOVA IL PIGNORAMENTO?. ..
STANNO FACENDO IL PIGNORAMENTO.. .SAiVTINO h11
1 GALLUCCIO FACEVA PRESENTE.. .DICE...SIAMO ROVINATI PERCH
...,
l SE...SE CI NOTIFICANO IL PIGNORAMENTO..,EH

1 BOVA
SI...iMA PER VORREI CHE CI VEDIAMO DIECI MINUTI
IN MODO CHE NON SEIVIBRA UNA COSA AD HOC SOLO ...

GALLUCCIO EH...VA BENE. ..


AL LIMITE SE C'E OUALCUN ALTRO PERCH C'E ...
BOVA QUALCHE ALTRO COMUNE CHE E NELLA STESSA
SITUAZIONE.. .GLI FACCIAMO FARE UNA COSA.. .
GALLUCCIO EH...
E GLI DICIAMO ENTRO CINQUE O SEI GIORNI DI
BOVA
VENIRE A FARE LA RATEIZZAZIONE.. .SENNNON...
, GALLUCCIO UH ...
... ...
NON VORREI GI ANCORANON M1 SONO INSEDIATO
1 BOVA ...
E FACCIO LA PRIMA COSA incomprensibile.. .LA FACCIO
PER IL COMUNE DI ARDORE.. .
E...E ALLORA...HO CAPITO...E ALLORA 1 0 NON NON ...
GALLUCCIO INTERVENGO ANCOM...PERCH AVEVO PENSATO DI
TELEFONARE E DI SCRIVERE UNA LETTERINA AL...
BOVA POI SE...AL LIMITE GLI FATE... ... i

GALLUCCIO ALL'ETR...
GLI FATE UNA TELEFONATA ORA STESSO...E GLI DITE
1 BOVA
...
SE SOPRASSIEDONO UN DUE O TRE GIORNI CHE SI E
INSEDIATO IL PRESIDENTE NUOVO. ..IL TEMPO DI (
VERIFICARE ALCUNE COSE. ..
GALLUCC1o
GLI FACCIO UN COLPO DI TELEFONO LA LETTERA LA ...
FACCIAMO DOPO...
BOVA
...
ESATTO IN MODO CHE DOPO CONCORDIAMO CON IL
COMUNE...
GALLUCCIO UH ...
1 BOVA
IL COMUNE CI FA LA RICHIESTA NOI LA GIRIAMO A
...
LORO PERO CE LA FACCIAMO FARE DI PI ...PERCHE
...
c' PIU DI UN COMUNE E LA FACCIAMO FARE PIU DI
...
UNO NO.. .
t

1 GALLUCCIO VA BENE..,
1 l
BOVA
PER NON SEMBRARE CHE SIA UN COSA ...ESCLUSIVA
PER IL COMUNE DI ARDORE...
VA BENE...GLI FACCIO UN COLPO DI TELEFONO
GALLUCC1o
'ALLOm...
GLIELO DITE ...SICCOME STIAR.10 TRATTANDO CON I
BOVA
COMUNI LA RATEIZZAZIONE...IL PRESIDENTE ... DA .
STAMATTINA OPERATIVO.. .
GALLUCCIO Uh...
BOVA I Il tempo di verificare alcune cose e facciamo.. .va bene.. .
GALLUCCIO 1 Va bene.. .va bene.. .d'accordo. .. 1
BOVA
PENSO CHE SIA PIU GIUSTO COSI POI VOI ...NON ...
CHE SIETE. ..
CON COSO.. .NO.. S O . . .FACCIAMO
1 GALLUCCIO COSI.. .,YO...FACCIA~~;IO UNA TELEFONATA 1
1 INTERLOCUTORIA COSI CI. ..
BOVA
CHE SI FERMANO CHE ...
GIORNI-
GALLUCCIO Uh ...
BOVA il tempo di prendere atto di questa vicenda.. .no...
GALLUCCIO Va bene.. .di quella questione.. .avete parlato..
BOVA Incom~rensibile.. .ah?...
. 1
1 GALLUCCIO Avete parlato ieri l. con... ..
Si...&..ho parlato anche con...con GIUGNO ieri...con la
BOVA
ragioneria non ho ~ a r l a t o ...
GALLUCCIO Eh...
PERCHE CON LA RAGIONERIA VORREI...APPR.. .FARE
UN DISCORSO GENERALE E POI FARE LIN
BOVA
APPROFONDIMENTO PERCH IO DEVO SAPERE ANCHE
LA SITUAZIONE DI CASSA REALE COM' ...
GALLUCCIO Certo.. .
BOVA e. ..sono dell'idea. ..
1 GALLUCCIO Va bene.. .ma questo.. .
BOVA
...
Forse di nominarmi qualche consulente esterno personale per
andare a verificare Der bene le cose come stanno...
I GALLUCCIO I Va bene e poi ragioniamo in merito ...q uesto...
Si trattava di 122.000,OO euro che il Comune di Ardore doveva pagare alla Comunit
Montana come contributo associativo, e l'elezione di BOVA Bruno avrebbe permesso di
agevolare le pratiche per la rateizzazione od il rinvio a data da destinarsi, in quanto le casse
del comune di Ardore. a detta di LEMOLI sante3", Responsabile
dell'Ut'ficio Amministrativo - Affari Generali - Servizi Sociali, non avrebbero potuto
assolutamente tionteggiare tale spesa.
Verr ampiamente descritto nella parte dedicata al "locale" di Ardore come la gestione del
denaro comunale facesse parte di quei comportamenti delittuosi volti a favorire il sodalizio
matioso ivi operante.
BOVA Bruno ovviamente cercava di salvare le apparenze consigliando al segretario
GALLUCCIO di coinvolgere anche gli altri comuni affinch apparisse formalmente che si
trattava di una problematica comune e non un vero e proprio favoritismo fatto
all'amministrazione di appartenenza del presidente.

Si potevano anche registrare i malumori di alcuni sindaci, tra cui BRUZZANITI


~ i u s e ~ ~di eSamo,
~ " nei contionti della precedente amministrazione, quella presieduta da

171
LEMOLI Sante. nato a Taranto i1 11.04.1945 e residente ad Ardore in Via Matteotti N. 3 I Int. 4 P.3:
172
DRUZZANITI Giuseppe, nato a Samo il 11.05.1950:

225
MOLLACE Vincenzo, in mento alla gestione di alcuni tnanziamenti di cui si erano perse
le tracce3":

BOVA Chi e? ...pronto ...


BRUZZANITI Pronto.. .mesidente della Comunit Montana.. .
BOVA Pronto.. .pronto.. .
BRUZZANITI Pronto.. .presidente della Comunit Montana?. ..
BOVA %...chi oarla? ...
BRUZZANITI Sono il Sindaco di Samo.. .buongiorno. ..
- BOVA Ah.. .buongiorno BRUZZANITI.. .come state?. ..
BRUZZANITI Bene voi?. ..
BOVA E insomma si tira avanti.. .ditemi.. .
EH...VI HO CHIAMATO PERCH DOVETE FORSE ...
BRUZZANITI MARTEDI ANDARE A CATANZARO. ..MI HANNO
DETTO. ..
SI PER QUEL PROBLEMA DEL PIR...LI PER
BOVA
QUELLO.. .incomprensibile.. .
EH...DEL PIR. ..SI...NOI AVEVAMO...TRECENTOMILA
BRUZZANITI EURO CHE ORIGINARIAMENTE LI AVEVA IL COMUNE

SI...
CHE. ..PER UNA STRADA CHE AVEVAMO. ..ALLORA
FATTO UNA...UN ACCOMODAMENTO CON I SINDACI
PERCH LTN'OPERA CHE RIGUARDA SIA
BRUZZANITI
NOI...CHE. ..TUTTI I COMUNI.. .ADDIRITTURA
SANT'AGATA STATO CHE. ..DOVEVAMO PRENDERE
CENTOMILA EURO CIASCUNO. ..NO...
SI...

P BRUZZANITI
BOVA
E L'ABBIAMO CONVOGLIATO TUTTI SU QUESTA
STRADA.. .
1 SI.. .
PERCH RITENEVAMO CHE FOSSE U N COSA MOLTO
IMPORTANTE...ALLORA C'ERA QUESTA
BRUZZANITI ...
VOLONTA ORA NON SO COME ...LA ...LA POSSA
..
PENSARE. CRINO' CHE ORA k SINDACO ...ALLORA
C'ERA MUSTICA...
BOVA UH...
... ... ...
EH AH EH INIZIALMENTE LI AVEVANO
BRUZZANITI SPOSTATI...PER GESTIRLI..IL COMUNE DI
CASIGNANA...
1 BOVA SI ... -
POI IL PRESIDENTE NON
BRUZZANIT1
;
BOVA -
SI. ..
HA FATTO. ..GLI HA FATTO FARE UNA
BRUZZANITI DELIBERA...DI...A...A MUSTICA E SE LI INCAMERATI
COME COMUNITA MONTANA. .. -
BOVA SI...

171
Vedasi verbale di trascrizione N. 2050 ( Rit. 16 18107 DDA) del 04.10.7007 in allegato 181 ;
POI 1 1 AVEVANO DETTO CHE CERA UNO
SFIORO.. .CIOE...SEMPRE LORO PERCHE ...
LA
BRUZZANITI COMUNITA MONTANA AVEVA SUPERATO IL TETTO
...
MASSIMO DELLA QUOTA DELLA QUOTA DOVUTA
, PER LE STRADE.. .INTERPODERALI. ..
BOVA SI...
PER OUESTE STRADE RURALI...E QUINDI FORSE
BRUZZANITI DICEVA ALMENO ALLORA IL PRESIDENTE CHE SI
TROVAVA IN DIFFICOLT.. .MI CAPITE?. ..
SI HO CAPITO TUTTI I PASSAGGI...IO N HO PARLATO
BOVA GIA CON L'INGEGNERE DI QUESTO FATTO PERCHE
IO...
..
ORA. ORA...SE c' LA VOLONTA A NOI NON CHE...
INTERESSA OUALE COMUNE O CHI LA ...O SE LI PUO
GESTIRE LA CORIIUNIT MONTANA MEGLIO
ANCORA. ..L'IMPORTANTE CHE NON SI PERDA
BRUZZANITI
QUESTO FINANZIAMENTO CHE MAGARI E...PER ...
QUEST'OPERA QUA ...CHE SAREBBE E. DI ... ..
INTERESSE DICIAMO PER TUTTI I COMUNI DEL
COMPRENSORIO.. .
ERANO TRECENTOMILA EURO.. .QUINDI.. .CHE VOI 1
BOVA AVEVATE CONVOGLIATO.. ,
BRUZZANITI TRECENTOMILA EURO.,.SI...
AVEVATE CONVOGLIATO SU UN UNICO
BOVA
INTERVENTO..
- .
BRUZZANITI SU UN UNICO INTERVENTO ...
BRUZZANITI
FERRAINA-GAMBARIE. ..VA BENISSIMO IO NE ...
BOVA PARLO CON L'INGEGNERE PERCH NOI ANDIAMO A
CATANZARO IN SETTIMANA...
...
SI SI...SI...SE SI PUO
...
a BRUZZANITI

BOVA
,MANTENERE...O UESTO PERCH ALLORA SI ERA
QUASI ARRIVATI AD APPALTARLA.
SI...
..
... UNA COSA CHE SE FACCIAMO...DI UTILITA PER
BRUZZANIT1 TUTTO IL COMPRENSORIO ...
NON VI PREOCCUPATE VOI INGEGNERE CHE ... ...
BOVA MI.. .;\DOPERER. ..STATE TRANQUILLO.. .
BRUZZANITI Va bene.. .
1 BOVA Va benissimo.. .
BRUZZANITI Aspettate che c'.. .
BOVA Grazie per la telefonata.. .

Omissis da pag. 4 del verbale a tne trascrizione.


La problematica del denaro destinato ai progetti stradali nel comprensorio e mal gestito dal
suo predecessore, emergeva nuovamente durante un colloquio37J tra BOVA Bruno e
CRiNO' Pietro:

PIETRO i Pronto..
BOVA O Pi.. .Bruno BOVA sono.. .
PIETRO O Bruno.. .ciao.. .
BOVA Tutto a posto.. .incomprensibile...
PIETRO Ti ho mandato un fax ieri ...
BOVA Eh ...

sbrigami diverse cose.. .


hlE L'HA DETTO. ..SICCObIE POI I O AVEVO LASCIATO UN
'IETRo
MESE FA DUE MESI FA...GLI AVEVO LASCIATO...
BOVA Uh.. .
.
UNA. ..UNA.. .UNA.. .RICHIESTA.. UNA.. .COMUNICAZIONE
... ALLA.. .ALLA. ..ALLA.. .ALLA.. COMUNIT
MONTANA...L'INGEGNERE GIUGNO NON SE LO
P1 ETRO RITROVA...DICE...NON SA DOVE L'HANNO MESSO VA ...
BENE...E M E L'HA FATTO IMANDARE DI NUOVO
IERI...PER TE...A DETTO C H E LO METTE SUL. ..SUL
TAVOLO TUO.. .
1 BOVA E che .. .di che si tratta.. .

PIETRO ED
...
E
PIR UNA...CASIGNANA...CHE...SE
UNA

RIENTRARE. ..SICCOME HA TANTI SOLDI...


RICHIESTA DEL
PUO

1
P

I BOVA Uh. ..uh..


DOPO...UN'ALTRA.. .UN'ALTRA SCORRETTEZZA C H E ,MI
PIETRO ...
HA FATTO ENZO MOLLACE C'ERANO TRECENTOMILA
l I EURO NEL...NEL PIR DI CASIGNANA...E LUI VOLEVA... l
BOVA Sono.. .sono.. .
SOLO. ..SOLO SETTANTAMILA EURO ABBIAMO AVUTO
GLI ALTRI DUECENTOTRENTA VOLEVA SPOSTARLI POI ...
L'HO CHIAMATO...DUE MESI FA...TRE MESI FA...DICE SI
'IETRo
VERO FORSE...HAI RAGIONE ERANO TRECENTOMILA
EURO...FAMMI UNA RICHIESTA CHE VEDIAMO DI
RECUPERARLI...
SI. ..SI...PER OUESTO FATTO SONO ANDATO IERI. ..IYON C'E
BoVA
NIENTE LA ... ...
PIETRO AL PIR? ...
GI GLI HO PARLATO...E ...POI T I SPIEGO IO COSA S I
BoVA
PU FARE.. .NON..
PIETRO EH...
BOVA CON LE STRADE..COSE ...NON c' NIENTE ...
PIETRO ...
.4 NO? SI PERDONO LE STRADE ...
...
SI PERCHE CIO E ... ... TUTTO ABBANDONATO
BOVA LA.. ..C'ERANO COSE LA...ABBIAMO PERSO SU UN
PROGETTO OTTANTANIILA EURO ANCHE PERCHE ...
P

T-4
Vedasi verbale di trascrizione nr. 478 (Rit. 1618/07 DDA) del 10.10.2007 in allegato 182;
..
LUI.. .HANNO FATTO.. .UNA. incomprensibile ...
'IETRo
...
MA QUESTO QUA S T O GRANDE IMBROGLIONE M A ...
C H I C A Z Z O L'HA MANDATO IN MEZZO AI PIEDI...
NON L O SO...ORA...ORA SONO RIMASTI SOLDI SUL PIR
BoVA
MA NON SI POSSONO UTILIZZARE PER STRADE UN ...
CAZZO DI.. .incomprensibile. ..POI T I SPIEGO DI PERSONA
COMUNOUE,
PIETRO VA BENE. ..
VEDIAMO S E POSSIAMO RECUPERARE PER QUALCHE-
BoVA
ALTRA COSA...
PIETRO VA BENE. ..
BOVA PERCHE C'E QUALCHE ALTRA COSA. ..UN'ALTRA COSA. .. l

...umissis da pag. 3 del verbale a fine trascrizione.


Sempre in merito alla gestione del denaro da destinare ad opere pubbliche nei comuni
del19Ente,si registravano i contatti3" con il sindaco di Careri, PIPICELLA Gaetano:

GAETANO Pronto.. .
BOVA Gaetano.. .
GAETANO Oh.. .Bruno.. .
Ero nella macchina.. .e purtroppo avevo problemi per
BOVA
parlare.. .dimmi?. ..
1 E SENTI A &IE...SICCOME. ..CI SIAMO INCONTRATI CON
...
1
GAETANO

BOVA
1 ,MOLLACE LA DOMENICA. ..iMENTRE
PRIMARIE.. .
1 UH...
C'ERANO LE

1
E M I DICEVA C H E SONO RIMASTI NEL. ..PRIMA DI USCIRE
GAETANO
LUI ...NO ...
BOVA UH ...
CHE AVEVA LASCIATO NEL...NEL PR CHE
GAETANO ...
C'EtWNO 100.000,OO EURO DA SPENDERE PER IL COMUNE
DI CARERI ...
UESTO E UN CHIACCHIERONE.,.POI VIENI C H E T 1
BoVA
& E c o TUTTO.. . c I o ~ . . .
GAETANO N O ...
T I H O ANNUNCIATO QUEL GIORNO. ..TI RICORDI C H E T I
BOVA HO CHIAMATO C H E ... STAVO RITORNANDO DA
CATANZARO. ..CHE ERO ANDATO PER IL PR...NO...
GAETANO Eh.. .
C'E UNA SOMMA C H E SI PUO SPENDERE PER CARERI ED E
BoVA
...
LIELLA PER L'ACQUEDOTTO PERCHE LE SOMME P E R
E: STRADE L E HA UTILIZZATE TUTTE LUI...HAI

...
Ah.. per l'acquedotto meglio ancora...noi abbiamo un problema
che non abbiamo acqua...
apposta.. .esatto.. .esatto.. .possiamo riprendere l'acquedotto di
BOVA
ANCUNI.. .poi.. .se passi ti spiego.. .no.. .
1 GAETANO Di ANCUNI?. ..

'75 Vedasi verbali di trascrizione nr. 1058 del 17.10.1007 e nr. 1-27 del 10.10.7007( Rit. 1618107 DDA) in
allegati 183 e 184;
La.. .l'acquedotto l.. .non so che acquedotto era.. .che una volta era del
BoVA
Consorzio.. .nostro.. .ti ricordi.. .Ardore.. .Benestare.. .Cirei.. .

GAETANO ACONA.. .no ACUNI.. .E QUINDI QUANTI SOLDI C I ~ N O ... 1


... ...
UN BEL PO' C'E COMUNQUE UNA CIFRA ABBASTANZA
BOVA CONSISTENTE. ..ORA NON MI RICORDO SE SONO PIU DI ...

BOVA Si.. .poi.. .poi vieni che ce la ragioniamo comunque.. .va bene...
GAETANO Va bene...
BOVA
GAETANO ~
I
I
Per l'intervento ...p oi...
...
OK...SI NON. ..LUI MI HA DETTO 100...SI VEDE CHE NON
NE SAPEVA NIENTE...

1 BOVA
Incomprensibile...CHIACCHIERONE...SEMPRE CHIACCHIERE
HA RACCONTATO...HA UTILIZZATO TUTTO PER LE
STRADE. E... ..
..
k
GAETANO EH.
ALTRI COMUNI ASPETTAVANO...SAMO DICE CHE NE
AVEVA 300 ....CASIGNANA CHE NE AVEVA ALTRI
...
300 DOVE SONO...Q UESTO QUA SONO POSSIAMO ...
' BOVA UTILIZZARE UNA CERTA CIFRA CHE NON PER LE
STRADE E LE POSSIAMO UTILIZZARE SOLAMENTE PER
ACQUEDOTTI, ALTRE.. .incomprensibile...RURALI.. .QUESTE
COSE QUA ...
Incomorensibile...
...
_I

BOVA E GI E GI AVEVAMO STABILITO NELLA GIUNTA COSA


...
SI DOVEVA FARE SOLO CHE 1 0 MI SONO RISERVATO IL
FATTO DELL'ACQUEDOTTO PERCH MI RICORDAVO IL
FATTO DI CARERI... A
GAETANO Si.. .si.. .si.. .
1 BOVA ...
Che stato in quei fatti Natile...no ... i

L
P

GAETANO
BOVA
0
E va bene.. . quella.. .poi ti spiego tutto.. .

BOVA Si..si. ..ho capito.. . l

GAETANO Poi vengo e parliamo.. .l sotto.. .vediamo.. .come la possiamo. ..


BOVA / Si.. .passa anche da casa quando mi vedi.. .quando vuoi.. ..

Le conversazioni appena riportate esprimevano le aspre critiche mosse alla precedente


gestione capeggiata da MOLLACE Vincenzo, sia da BOVA Bruno ch dai vari Sindaci
con cui quest'ultimo colloquiava, in merito a dei finanziamenti per opere pubbliche che
sarebbero stati in qualche modo distratti dalla loro originaria destinazione.
Come gi precedentemente anticipato e confermato dai dialoghi immediatamente
successivi all'elezione, il ruolo acquisito da BOVA Bruno sarebbe stato vantaggioso in
primis per il comune di Ardore. ma anche per quelli a lui politicamente vicini, nonch per
tutti quei soggetti che avrebbero beneticiato dei contributi e delle opere pubbliche
finanziate dall'Ente da lui diretto.
9 - Paragrafo 2.7
I rapporti tra la "Sacra Corona" e le logge massoniche

Alla luce di quanto sopra esposto appare palese come sia stato individuato un gruppo di
individui, indiscutibilmente inseriti nel panorama mafioso locale, che si erano associati
sotto la guida di MELIA Vincenzo con il precipuo scopo di coadiuvarsi vicendevolmente,
al fine di acquisire maggior peso specifico e perpetrare i loro affari illeciti grazie ad una
assoluta egemonia sul territorio, inteso non solo in senso geografico, ma anche sociale ed
economico.
Sin da principio si era comunque palesata l'esistenza di un ulteriore livello rispetto a quello
rappresentato dalla "Sacra Corona".
Attraverso le parole di MELIA Vincenzo e ROMANO Nicola, che verranno riportate a
breve, era stato possibile apprendere dell'esistenza di un gruppo "di riferimento", a cui la
"Sacra Corona" ed i suoi componenti dovevano essere trmalmente presentati, composto
da una serie di individui legati da un unico comune denominatore, cio l'appartenenza alla
Massoneria.

La massoneria era vista dagli indagati come un trampolino di lancio, il modo pi semplice
ed owio per entrare in contatto con i vertici della societ italiana, con il subdolo scopo di
ottenerne vantaggi economici e personali, facilitare le loro condotte illecite ed accrescere il
dominio sul temtorio.
Era la conversazione ambientale376nr. 16 registrata all'interno della Seat Alhambra in data
8 Ottobre 2006 a rivelare l'esistenza non solo della "Sacra Corona" ma di un livello
ulteriore, composto da personaggi assolutamente ignoti alle cronache giudiziarie:

Omissis da inizio trascrizione a pag. 1 1 del verbale.. .


I I IL RISPETTO. IL RISPETTO DOBBIAMO DIRGLIELO, DEVE I
1 ROMANO 1
ESSERE RECIPROCO O PER BENE, PERCH QUA NON
SIAMO PER DUECENTO ANNI.. QUEST'ALTRO POCO C H E
SIAMO..
MELIA OHH!
DOBBIAA'IO VALUTARCI DA AMBO LE PARTI. L'UNO CON .b
, lb
L'ALTRO..
,MELIA OHH!

I XIELIA
COMPARE VINCENZO HA LE SUE VEDUTE, PEPPE
VARACALLI HA LE SUE. COLA NESCI HA LE SUE..
COLA ROMANO..
ROMANO COLA ROMANO HA LE SUE ECCETERA..
MELIA NOI OUANDO..
C H E C I VALUTIAMO A VICENDA BELLI E PULITI E C H E C1
GUARDIAMO LE SPALLE L'UNO CON L'ALTRO..
AI E L IA Quando ..incomprensibile..
SE NE ABBIAMO BISOGNO.. S E NE ABBIAMO BISOGNO? C I
DISTURBIAMO L'UNO CON L'ALTRO!
1 MELIA 1 C H E FIGURA,
~ - -

l'l,
Vedasi verbale di trascrizione nr. 16 (Rit. 189786 DDA) del 08.10.1006 gi in allegato al presente
Capitolo;
ROMANO Perch l'uomo..
CHE FIGURA FACCIAMO S E NOI, CHE IL "PROFESSORE" SA
QUESTE COSE?
l ROMANO E NO.. C I SCHIFIAMO NOI STESSI!
j MELIA VEROONO?
PERCH QUANDO SI VEDONO QUESTE COSE, CHI TIRA E
C H E ALLENTA, OGNUNO PRENDIAiMO LA STRADA NOSTRA
E C E NE ANDIAiMO TUTTI. PERCHE GIUSTAhIENTE QUESTE
ROMANO
COSE NON STANNO BENE. PERCH SE NOI GI ABBIAMO
VISTO NEL, NEL. NELLA COMUNE COSA SUCCESSO.. E
NOI DOBBIAMO RICOPIARE QUELLA COPIA LA? NO!
ORA..
ROMANO SE OUA SIAMO OUATTRO..
MELIA ORA SE L O SA FEDERICO CHE COSA FA?
S E NOI, S E NOI, S E ABBIAMO "OUATTRO CONSIGLIERl", IN
GRAZIA DI DIO ERA