Sei sulla pagina 1di 2

XI Il signorotto attende con ansia il ritorno dei bravi inviati a rapire Lucia, ma la vista

del Griso basta a fargli intendere che il piano fallito. La sua prima reazione di ira
contro il bravo, ma dal suo racconto capisce che era successo qualcosa di imprevisto.
Incarica perci il Griso di indagare, compito cje risulta essere pi facile del previsto: il
piano del rapimento fallito perch i promessi sposi stavano attuando il loro progetto
di matrimonio a sorpresa. Altrettanto semplice risulta scoprire dove si trovino ora Lucia
e Renzo. Don Rodrigo manda il Griso a Monza per avere informazioni pi dettagliate su
Lucia. Sulla strada da Monza a Milano, Renzo, da lontano, vede emergere la mole del
Duomo. Il giovane non ci impieg assai per capire che era entrato in una Milano
straziata dalla carestia. Renzo, per, spinto dalla curiosit, decide di andare a vedere
che cosa capita in citt.
XII Le cause della carestia erano essenzialmente due: i raccolti scarsi e la guerra in corso.
In assenza del governatore, il suo vice Antonio Ferrer, cede alle pressioni della folla ed
alza il prezzo del pane ad un livello insostenibile in quei frangenti. La gente reagisce
con rabbia al rincaro del pane, riversandosi in piazza. La mattina dopo torna ad
invadere le strade. Renzo arriva proprio a questo punto davanti al forno delle grucce.
Seguendo il flusso della folla di dirige prima al Cardusio, un forno posto sotto assedio,
e successivamente alla casa del vicario di provvisione.
XIII I rivoltosi cominciano ad attaccare il palazzo dove il vicario risiede, manifestando
propositi omicidi. Unito alla folla c Renzo, ormai convolto nel tumulto. Egli condivide i
pregiudizi della folla ma non condivide la componente violenta ed omicida di
questultima. Renzo comincia per a pensare di uscir dalla folla, per tornare al
convento dei cappuccini. Intanto il gran cancelliere (Ferrer) avanza sulla sua carrozza.
Infine la carrozza riesce a raggiungere la casa del vicario, recupera il vicario impaurito
nascondendolo sul fondo della carrozza e lo accompagna al castello.
XIV Renzo, nel frattempo, che andava alla ricerca di unosteria, capita in un crocchio,
dove si improvvisa oratore, pronunciando un discorso relativo a quella storica giornata.
Ma Renzo, continuando a sentirsi euforico si affida al primo venuto per farsi condurre
in unosteria. Arrivato davanti ad uninsegna con la luna piena, Renzo decide che
quellosteria fa per lui. Losteria piena di uomini che giocano a carte, mangiano e
bevono. Loste, scorgendo i due, capisce che lo sconosciuto con cui Renzo si
accompagna uno sbirro. Renzo ordina del vino e dello stufato e manifesta
lintenzione di fermarsi a dormire. Loste, allora, gli chiede il suo nome, ma Renzo si
rifiuta. Poco dopo, tuttavia sar lui stesso a dichiararlo allo sbirro, cadendo nella
trappola.
XV Loste, vedendo che Renzo non si regge in piedi, decide di condurlo a letto. Loste
allora esce per raggiungere il palazzo di giustizia. Arrivatoci, loste fa quindi la sua
denuncia ad un notaio criminale. Allalba del giorno successivo, Renzo bruscamente
svegliato dal notaio criminale che, insieme a due sbirri, venuto per arrestarlo. In
strada, Renzo cerca di attirare lattenzione dei passanti con cenni, colpi di tosse e
grida, riuscendoci e facendo radunare una piccola folla intorno agli sbirri. A questo
punto, Renzo approfitta della situazione per fuggire.
XVI Liberatosi degli sbirri, Renzo pensa a fuggire decidendo di recarsi a Bergamo, dove
vive suo cugino Bortolo. La prima preoccupazione di Renzo allontanarsi da Milano.
Non volendo rivelare la sua reale destinazione, che potrebbe destare sospetti di fuga,
riesce a sapere da una vecchia, il nome del paese vicino al confine: Gorgonzola. Cos,
chiedendo la strada in modo pi disinvolto, Renzo arriva a Gorgonzola. Entrato in
unosteria, Renzo ordina da mangiare e da bere, con lintenzione di riposarsi un po e
di ottenere qualche indicazione utile per passare lAdda, che segna, il confine con la
Repubblica di Venezia. Poco dopo, per, giunge un mercante da Milano, il quale inizia a
raccontare quanto accaduto in citt. Si parla anche di Renzo, presentato come uno
dei caporioni della rivolta. Renzo a questo punto, senza attirare lattenzione chiede il
conto e riprende il cammino.

Potrebbero piacerti anche