Sei sulla pagina 1di 10

Liceo Laura Bassi Liceo Musicale Lucio Dalla Bologna

PERCORSO INTERDISCIPLINARE SUL MADRIGALE


CLASSE II P - A.S. 2013/2014

Il Madrigale: un genere poetico-musicale


Ambiti disciplinari coinvolti: Italiano, Storia della Musica, Teoria analisi e composizione
Lezioni in compresenza di Italiano e Teoria, analisi e composizione

La scelta di lavorare sul Madrigale, genere delezione per la connessione


musica/testo poetico, ha consentito di costruire un percorso interdisciplinare assai
organico sia nellesposizione dei quadri storico-concettuali, sia nellapplicazione degli
strumenti di analisi (testuale e musicale).

In particolare sono stati analizzati due madrigali di Claudio Monteverdi, entrambi


su testo di Giovan Battista Guarini:
Lumi miei cari Lumi (dal Terzo libro di Madrigali, 1592)
A un giro sol (dal Quarto Libro di Madrigali, 1603)

Obiettivi
riconoscere in modo appropriato gli elementi della comunicazione e le funzioni
comunicative;
riconoscere e utilizzare il linguaggio musicale e il linguaggio verbale, nelle strutture e
funzioni essenziali;
acquisire i concetti, il lessico e le procedure di base dellanalisi musicale e testuale;
contestualizzare l'opera e l'autore, riconoscendone gli elementi stilistici distintivi;
mettere in relazione strutture, funzioni e contenuti di ambiti disciplinari diversi.

Modalit
3 lezioni in compresenza di Teoria, Analisi e Composizione e Italiano, durata 2H.

Luoghi e attrezzature
Aula di Musica d'Insieme Lucio Dalla, attrezzata di Lavagna Interattiva Multimediale
e pianoforte

Materiali
Presentazioni sulla struttura del Madrigale e del testo poetico, con
contestualizzazione degli autori in analisi.

Verifica e valutazione
Prova comune Interdisciplinare fra Teoria, Analisi e Composizione, Storia della
musica e Italiano, con griglia di valutazione ponderata sui risultati delle tre discipline (in
allegato).

ITALIANO
In questo ambito disciplinare, il percorso stato inserito nel programma di analisi del testo
poetico, contestualizzato nel XVI secolo.
QUADRO STORICO-CULTURALE DEL XVI SECOLO
Si verificano grandi sconvolgimenti economici, politici, religiosi e sociali.
Ambito politico
in Oriente, espansione dell'Impero Ottomano;
in Occidente, nascita degli Stati moderni, tra cui le monarchie nazionali di
Francia, Inghilterra e Spagna.
Ambito economico e sociale
espansioni coloniali a seguito della scoperta del Nuovo Mondo.
Ambito religioso
Riforma protestante, ovvero lo scisma fra Chiesa cattolica e protestante.
Ambito culturale
Rinascimento, fase innovativa della storia d'Europa, che si svilupp da Firenze;
il termine rinascita", usato da Giorgio Vasari indica un ciclo che partendo da
Giotto si liberava dalle forme greco-bizantine per tornare a quelle romano-latine;
individuo capace di autodeterminarsi e dominare la natura modificandola;
affermazione del metodo scientifico.

GIOVANNI BATTISTA GUARINI

Poeta e letterato italiano (Ferrara 1538-Venezia 1612)

TESTI DEI MADRIGALI


Musiche di Claudio Monteverdi, poesie di G.B. Guarini

ELEMENTI DI ANALISI
A un giro sol de' begl'occhi lucenti
A un giro sol de' begl'occhi lucenti
ride l'aria d'intorno,
e 'l mar s'acqueta e i venti,
e si fa il ciel d'un altro lume adorno,
sol io le luci ho lagrimose e meste.
Certo quando nasceste
cos crudel e ria,
nacque la morte mia.
METRICA
Strofa unica di 8 versi, suddivisibili in una quartina con rime alternate ed una a rime baciate.
Versi settenari, alternati ad endecasillabi ai vv. 1, 4, 5.

RIME
I primi quattro versi presentano rime alternate, a cui seguono due distici in rime baciate.
Schema: ABAB CCDD
FIGURE
Verso 2 Ride personificazione
V.3 s'acqueta sillessi (concordanza a senso), i venti anastrofe
V.4 'fa...adorno iperbato, lume analogia
V.5 luci analogia
V.6 Nasceste apostrofe
V.7 crudel apocope
V.8 morte mia iperbato a chiusura, nacque...morte antitesi
V.3, 4 e anafora, polisindeto
V.6, 8 nasceste...nacque, poliptoto

PAROLE CHIAVE
Campi semantici della luce e della vista: occhi lucenti, lume, luci

STRUTTURA
I parte, vv. 1-5. I versi 1 e 5, centrati sulla figura umana (parole chiave occhi e lumi)
racchiudono descrizioni di paesaggi naturali in rasserenazione (vv. 2,3,4).
II parte, vv.6-8. La focalizzazione si centra sulla sofferenza d'amore del protagonista, che,
invocando la nascita e la morte, evoca la ciclicit della natura in perenne trasformazione.

ELEMENTI DI ANALISI
Lumi, miei cari lumi
Lumi, miei cari lumi,
che lampeggiate un s veloce sguardo
ch'a pena mira e fugge
e poi torna s tardo
che 'l mio cor se ne strugge;
volgete a me, volgete
quei fuggitivi rai,
ch'oggetto non vedrete
in altra parte mai
con s giusto desio,
che tanto vostro sia quanto son io.
METRICA
Strofa unica di 11 versi, all'interno della quale ravvisabile una struttura di rime, con il I
verso isolato, 2 quartine ed un distico.
Versi settenari, ad eccezione dell'11 e del 10 (chiusura) endecasillabi.

RIME
Il primo verso isolato seguito da due quartine a rime alternate; in chiusura un distico a
rima baciata.
Schema: ABCBC DEDE FF

PAROLE CHIAVE
Campi semantici della luce e della vista: lumi, lampeggiate, sguardo, rai, vedrete.

FIGURE
Verso 1. Lumi, analogia, anafora, personificazione
V.2 S aferesi
V.3 ch'a apocope
V.5 'l, aferesi, cor apocope
V.6 volgete iterazione, parallelismo
V.7 Rai analogia, sincope
V.10 s aferesi
V. 2,3,5,6,7,8, g, gg allitterazione verticale
V. 2,3,5,8,10,11, ch' anafora, c allitterazione verticale

TEORIA, ANALISI E COMPOSIZIONE


La scelta degli argomenti da trattare ha tenuto doverosamente conto delle
conoscenze pregresse dei ragazzi: il genere del madrigale presenta, infatti, un sistema
sonoro di riferimento che alunni di un biennio non possono ancora cogliere nella
loro specificit.

In particolare, essendo la programmazione del nostro biennio focalizzata


sullapprendimento del linguaggio tonale e dellorganizzazione ritmico-metrica della
battuta moderna, alcuni specifici aspetti tecnici (ambito modale e notazione bianca
mensurale) sono stati affrontati solo negli aspetti pi generali.
Non a caso sono stati scelti due componimenti della stagione tarda del madrigale,
e della produzione matura di Monteverdi; se tale scelta non stata rigorosa sul piano
cronologico, stata tuttavia funzionale alla possibilit che i ragazzi cogliessero gli aspetti
specifici del linguaggio musicale loro proposto: sappiamo, infatti, che proprio con
Monteverdi il genere giunge, in fondo, alla sua dissoluzione, e il linguaggio polifonico-
modale evolve verso un assetto monodico-tonale.

Per questo percorso sono stati preliminarmente esposti i concetti e fornite le


definizioni di
polifonia (con cenni storici e differenziazione fra polifonia omoritmica e poliritmica);
procedimenti di imitazione a canone;
monodia;
omofonia.

Quindi, stato presentato il genere del madrigale, con riferimento allorganizzazione


della scrittura musicale (distribuzione delle parti o voci; eventuale presenza degli strumenti;
scale modali di riferimento con cenni al sistema del Dodecachordon).

Lanalisi partita dallascolto.


Distribuito ai ragazzi il solo testo poetico (appena analizzato dalla docente di
Italiano), stata data la consegna di individuare anzitutto la presenza di eventuali
cesure nel decorso sonoro, ovvero momenti cadenzali; quindi di individuare, per
ciascun verso, quale fosse lo stile del trattamento musicale (omoritmico accordale o
polifonico-imitativo).

Successivamente stato riproposto lascolto, con la proiezione sulla LIM di unanalisi


organizzata in forma di tabella, ripartita in tre colonne.
La prima a sinistra conteneva i versi, con evidenziazione delle parole sulle
quali viene realizzato un madrigalismo;
in quella centrale era annotato, in corrispondenza di ciascun verso, lo stile di
scrittura, gi rilevato nella prima fase dellascolto;
lultima colonna a destra conteneva osservazioni di particolari pi rilevanti
(ambito modale; eventuali formule cadenzali, dissonanze, procedimenti
imitativi etc..).
In senso orizzontale, invece, linee semplici o doppie mettevano in evidenza le
cesure del decorso musicale: risultava immediatamente visibile, cos, quale
organizzazione formale il musicista avesse inteso dare alla sua intonazione
del testo poetico.

In una terza ed ultima fase stata proposta lanalisi della partitura, con osservazione di
ulteriori particolari di scrittura:
eventuali movimenti cadenzali del basso e individuazione di caratteristiche tonali
(polarizzazione maggiore/minore);
riscontro in partitura di quanto spiegato nelle lezioni di teoria sulla costruzione della
scala minore armonica (alterazione ascendente del VII grado nel Cantus su
movimento discendente di grado nel Bassus - ovvero la clausula cantizans);
uso espressivo di dissonanze e ritardi; madrigalismi; procedimenti imitativi e canoni
fra le voci; effetto conclusivo della terza piccarda.

Tema di approfondimento stato luso di figure retoriche musicali (riferimenti


bibliografici: Musica poetica di Burmeister, 1606; cfr. anche il bellarticolo di Olivier Cullin sui
madrigali di Luca Marenzio, in Analyse Musicale, n. 25, Novembre 1991, pp. 53-64).
Ne stata data una descrizione e fornita una definizione generale; quindi sono state
descritte alcune figure retoriche presenti nei due madrigali analizzati:
due di ripetizione (anafora; epanalessi);
due di elocuzione (aposiopesi; abruptio);
una polifonica (antitesi);
una armonica (prolongatio).

La verifica stata calibrata su tutti i contenuti proposti, in ordine a obiettivi sia


specifici (riconoscimento di ambiti intervallari, procedimenti cadenzali, ritardi e dissonanze)
sia generali (acquisizione dei linguaggi specifici; capacit argomentativa; capacit di
organizzazione ed esposizione di semplici procedure analitiche, attraverso luso di tabelle e
di annotazioni schematiche in partitura).

Il momento dellascolto, ritenuto imprescindibile nella nostra programmazione e


proposto durante le lezioni, non stato formalizzato nella verifica specifica di fine percorso;
ma viene destinato alla fase di certificazione delle competenze, in cui, accanto ad altre
prove scritte, pratiche e orali, ci sar quella del riconoscimento degli stili di scrittura utilizzati
in un madrigale proposto allascolto.

Le docenti
Italiano: Ida Maffei
Teoria, Analisi e Composizione: Anna Quaranta
Liceo Laura Bassi-Liceo Musicale Lucio Dalla

GRIGLIA DI VALUTAZIONE
Verifica interdisciplinare Storia della Musica, Teoria Analisi e composizione,
Italiano Durata complessiva 2H - Classe 2P Pentamestre A.S. 2013/14

Questionario sul Madrigale

Il voto finale decimale e considera:


la media matematica del punteggio unitario conseguito in tutte le
discipline coinvolte
la media fra il punteggio unitario e il punteggio singolo di ogni disciplina

Per ogni quesito viene attribuito un punteggio


Ciascuna disciplina attribuisce 10 punti
Il punteggio unitario delle tre discipline massimo 10 punti
Il punteggio unitario viene rapportato al voto decimale unitario (cfr. tabella)
Il punteggio unitario viene mediato con il punteggio singolo di ogni disciplina
(cfr. tabella)

Criteri di valutazione

esattezza e completezza delle informazioni


correttezza morfosintattica e appropriatezza lessicale

Le frazioni di punto sono rapportate al voto come segue:

da 0,2 a Da 0,5 a Da 0,7 a 0,8 = _ _ rispetto 0,9 = _ rispetto al voto


0,4 = + 0,6 = al voto intero successivo intero successivo
GRIGLIA DI VALUTAZIONE
Verifica interdisciplinare Storia della Musica, Teoria Analisi e composizione, Italiano Durata
complessiva 2H - Classe 2P Pentamestre A.S. 2013/14

ITALIANO
Punteggio massimo: 10 da rapportare a voti in decimi (proporzione)

A un gir solo
Comprensione complessiva
1.a. Parafrasa il testo nello spazio apposito
1 Punto

Analisi
2.a. Analizza la strofa, la metrica e le rime. 6 Righe)
1 Punto
2.b. Nella prima met della strofa, individua la personificazione e, nella seconda met della
strofa, l'analogia, illustrandone la funzione. 6R
1 Punto

Lumi....
Analisi
3.a. Sottolinea sul testo e trascrivi nello spazio apposito le parole-chiave afferenti al campo
semantico della luce e della rapidit.
1 Punto

3.b. Trascrivi le anafore, evidenziandone i parallelismi e l'effetto sul significato.


Punti 2 frazionabili; valore di sufficienza 2.5.

4. Approfondimenti.
Facendo riferimento ad altri testi o ad aspetti culturali di tua conoscenza, esprimi una riflessione
sul tema dell'amore, in armonia o contrasto con il tono di uno dei brani in analisi, a scelta. (8R)
Punti 4 frazionabili; valore di sufficienza 2.5.

TEORIA, ANALISI E COMPOSIZIONE


Punteggio massimo: 10 da rapportare a voti in decimi (proporzione)

Definisci: a) monodia; b) polifonia; c) omofonia.


2 Punti frazionabili; valore di sufficienza 1,25

Descrivi le principali caratteristiche del genere del madrigale (tipo di scrittura, rapporto col
testo, numero di voci, sistema sonoro di riferimento, organizzazione delle durate etc.)
2 Punti frazionabili; valore di sufficienza 1,25

Descrivi le caratteristiche principali della forma del canone


1 Punto frazionabile
Che cos una figura retorica musicale? Descrivine almeno due fra quelle analizzate.
1 Punto frazionabile

Nella partitura del madrigale A un giro sol segnala i particolari salienti della scrittura
musicale: fine dei versi e cesure; dissonanze e ritardi; trattamenti polifonici particolari;
movimenti cadenzali; clausula cantizans; ambiti modali etc.
2 Punti frazionabili; valore di sufficienza 1,25

Nella tabella allegata segna, in corrispondenza di ciascun verso: lo stile utilizzato (colonna
centrale); particolari significativi (cesure, presenza di madrigalismi, figure retoriche almeno
due fra quelle analizzate in classe.
2 Punti frazionabili; valore di sufficienza 1,25

STORIA DELLA MUSICA


questionario della prof.ssa Maria Rosaria Bazzarini
Punteggio massimo: 10 da rapportare a voti in decimi (proporzione)

Quanti libri di madrigali scrisse Claudio Monteverdi?


1 Punto frazionabile

Cos il Madrigalismo?
1 Punto frazionabile

Il Combattimento di Tancredi e Clorinda : quali sono le novit che Monteverdi introduce in


questo madrigale?
Punti 2 frazionabili; valore di sufficienza 1,25

A chi erano destinati i madrigali?


1 Punto frazionabile

Qual era stata la composizione vocale polifonica pi vicina cronologicamente al madrigale?


Punti 2 frazionabili; valore di sufficienza 1,25

Cita altri compositori di madrigali cinquecenteschi oltre Monteverdi.


Punti 2 frazionabili; valore di sufficienza 1,25

I madrigali potevano essere accompagnati da strumenti?


1 Punto frazionabile
GRIGLIA DI VALUTAZIONE
Verifica interdisciplinare Storia della Musica, Teoria Analisi e composizione, Italiano Durata
complessiva 2H - Classe 2P Pentamestre A.S. 2013/14

ATTRIBUZIONE VOTI
Il voto finale decimale e considera:
la media del punteggio unitario conseguito in tutte le discipline coinvolte
la media fra il punteggio unitario e il punteggio singolo di ogni disciplina

Il punteggio unitario la media dei punteggi di tutte e tre le discipline, attribuito


secondo la tabella
Il voto finale per ogni disciplina la media fra il punteggio unitario e il
punteggio ottenuto nella singola disciplina. Esempio:

Alunna Punteggio Puntegg Puntegg Punteggio Voto finale Voto Voto finale
unitario io io singolo Italiano finale Storia
(tre singolo singolo Sdm TAC musica
discipline) Italiano TAC
Carla 5 ,5 2 ,50 5 9,25 4 5+ 7+
Rossi
Calcolo Calcolo Calcolo Calcolo
media3 media2 media2 media2
(2,5+5+9,25): (5,5 + 2,5): (5,5 + 5): 2 (5,5 +
3 = 5,5 2=4 = 5, 2 9,25):2=7,3

TABELLA
Corrispondenza Calcolo media 2 - voti singole discipline

Calcolo media 2 Voto singola Calcolo media 2 Voto singola


disciplina disciplina

0-2 2 6 6
2,2 2, 4 2+ 6,2 6, 4 6+
2,5 2, 6 2 6,5 6,6 6
2,7 2,8 3= 6,7 6,8 7=
2,9 3- 6,9 7-
3 3 7 7
3,2 3, 4 3+ 7,2 7,4 7+
3,5 3, 6 3 7,5 7,6 7
3,7 3,8 4= 7,7 7,8 8=
3,9 4- 7,9 8-
4 4 8 8
4,2 4, 4 4+ 8,2 8,4 8+
4,5 4, 6 4 8,5 8,6 8
4,7 4,8 5= 8,7 8,8 9=
4,9 5- 8,9 9-
5 5 9 9
5,2 - 5,4 5+ 9,2 9,4 9+
5,5 - 5,6 5 9,5 9,6 9
5,7 5,8 6= 9,7 9,8 10=
5,9 6- 9,9 10-
10 10

Potrebbero piacerti anche