Sei sulla pagina 1di 216

Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

EUROCODE 3

Norma Europea finalizzata a regolamentare la progettazione e la


costruzione di strutture in acciaio, principalmente in campo civile
Insegnamento di Costruzione di Macchine

Inserita in una vasta famiglia di norme che regolamentano le strutture


civili
CLM in Ingegneria Meccanica

PROBLEMI CHE SI INTENDE RISOLVERE CON GLI EUROCODEs


Problemi connessi con progetto e costruzione in paesi diversi
Unica regolamentazione nellintero mercato Europeo
Facilitare la concorrenza e lesecuzione di lavori in altri paesi
Facilitare il trasferimento tra attivit di ricerca e normative
Formare una base comune per manuali, strumenti di progetto e
materiale didattico in paesi diversi
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

SCOPI PRINCIPALI DEGLI EUROCODEs

Garantire strutture sicure e capaci di fornire le prestazioni richieste


Fornire regole sufficientemente chiare da limitare al minimo i contenziosi
Insegnamento di Costruzione di Macchine

Facilitare la competizione di mercato internazionale


Permettere linnovazione garantendo contemporaneamente i principi
CLM in Ingegneria Meccanica

essenziali di sicurezza
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

STRUTTURA DEGLI EUROCODEs

EN 1990
Insegnamento di Costruzione di Macchine

Eurocode(EC) 0
Basis of Design
CLM in Ingegneria Meccanica

EN 1991 EN 1992 EN 1993 EN 1994 EN 1995 EN 1996 EN 1997 EN 1998 EN 1999


EC1 EC2 EC3 EC4 EC5 EC6 EC7 EC8 EC9
Actions Des. of Des. of Des. of Des. of Des. of Geotech Des. of Des. of
on Concrete Steel Steel and Timber Masonry nical Struct.s Alumin.
Struct.s Struct.s Struct.s Concrete Struct.s Struct.s Design Earthq. Struct.s

Tra le norme non sono permesse duplicazioni di contenuti, per cui


nessuna di esse completamente auto-consistente, ma si rende
frequentemente necessario considerarle nel loro complesso. Es.: lEC 3 non
si pu usare da solo, ma occorre integrarlo con lEC 1 per i carichi agenti e
con lEC0 per le relative combinazioni ed i principi generali.
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

EN 1993
STRUTTURA DEGLI EUROCODEs
EC3
Des. of
Steel
Struct.s EN 1990
Insegnamento di Costruzione di Macchine

Eurocode(EC) 0
Basis of Design
CLM in Ingegneria Meccanica

EN 1991 EN 1992 EN 1993 EN 1994 EN 1995 EN 1996 EN 1997 EN 1998 EN 1999


EC1 EC2 EC3 EC4 EC5 EC6 EC7 EC8 EC9
Actions Des. of Des. of Des. of Des. of Des. of Geotech Des. of Des. of
on Concrete Steel Steel and Timber Masonry nical Struct.s Alumin.
Struct.s Struct.s Struct.s Concrete Struct.s Struct.s Design Earthq. Struct.s
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

EN 1993
STRUTTURA DEGLI EUROCODEs
EC3
Des. of
Steel
Struct.s
Insegnamento di Costruzione di Macchine

EN 1993-1 : Regole generali e regole per gli edifici


EN 1993-2 : Ponti in acciaio
CLM in Ingegneria Meccanica

EN 1993-3 : Torri, pali e ciminiere


EN 1993-4 : Silos, serbatoi e condotte
EN 1993-5 : Pali e palancole
EN 1993-6 : Strutture per apparecchi di sollevamento
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

EN 1993
STRUTTURA DEGLI EUROCODEs
EC3
Des. of
Steel
Struct.s
Insegnamento di Costruzione di Macchine

EN 1993-1 : Regole generali e regole per gli edifici


EN 1993-2 : Ponti in acciaio
CLM in Ingegneria Meccanica

EN 1993-3 : Torri, pali e ciminiere


EN 1993-4 : Silos, serbatoi e condotte
EN 1993-5 : Pali e palancole
EN 1993-6 : Strutture per apparecchi di sollevamento

EN 1993-1-1 : Regole generali e regole per gli edifici


EN 1993-1-2 : Progettazione contro lincendio
EN 1993-1-3 : Regole supplementari per limpiego di
profilati e lamiere sottili piegati a freddo
EN 1993-1-4 : Regole supplementari per acciai inox
EN 1993-1-5 : Elementi strutturali a lastra
EN 1993-1-6 : Resistenza e stabilit delle strutture a guscio
EN 1993-1-7 : Strutture a lastra ortotropa caricate fuori del
piano
EN 1993-1-8 : Progettazione dei collegamenti
EN 1993-1-9 : Fatica
EN 1993-1-10 : Resilienza del materiale e propriet
attraverso lo spessore
EN 1993-1-11 : Progettazione di strutture con elementi tesi
EN 1993-1-12 : Regole aggiuntive per lestensione della
EN 1993 fino agli acciai di grado S700
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

EN 1993
STRUTTURA DEGLI EUROCODEs
EC3
Des. of
Steel
Struct.s
Insegnamento di Costruzione di Macchine

EN 1993-1 : Regole generali e regole per gli edifici


EN 1993-2 : Ponti in acciaio
CLM in Ingegneria Meccanica

EN 1993-3 : Torri, pali e ciminiere


EN 1993-4 : Silos, serbatoi e condotte
EN 1993-5 : Pali e palancole
EN 1993-6 : Strutture per apparecchi di sollevamento

EN 1993-1-1 : Regole generali e regole per gli edifici


EN 1993-1-2 : Progettazione contro lincendio
EN 1993-1-3 : Regole supplementari per limpiego di
profilati e lamiere sottili piegati a freddo
EN 1993-1-4 : Regole supplementari per acciai inox
EN 1993-1-5 : Elementi strutturali a lastra
EN 1993-1-6 : Resistenza e stabilit delle strutture a guscio
EN 1993-1-7 : Strutture a lastra ortotropa caricate fuori del
piano
EN 1993-1-8 : Progettazione dei collegamenti
EN 1993-1-9 : Fatica
EN 1993-1-10 : Resilienza del materiale e propriet
attraverso lo spessore
EN 1993-1-11 : Progettazione di strutture con elementi tesi
EN 1993-1-12 : Regole aggiuntive per lestensione della
EN 1993 fino agli acciai di grado S700
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

ASPETTI PECULIARI DELL EUROCODE 3

Progettazione basata sul Metodo Semi-probabilistico agli Stati limite


Considerazione della capacit di resistenza delle sezioni rispetto al
Collasso Plastico
Insegnamento di Costruzione di Macchine

Considerazione delle capacit di resistenza delle sezioni tenendo


CLM in Ingegneria Meccanica

conto di potenziali fenomeni di instabilit locale


Considerazione di analisi strutturali condotte in campo plastico ed in
grandi spostamenti
Considerazione nei modelli di analisi della effettiva rigidezza dei giunti
strutturali in funzione della loro forma costruttiva
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

NOMENCLATURA, DIMENSIONI
CARATTERISTICHE DELLE SEZIONI PI
COMUNI E CONVENZIONE SUGLI ASSI

fy = tensione di snervamento
Insegnamento di Costruzione di Macchine

fu = tensione di rottura
y = deformazione allo snervamento= fy/E
CLM in Ingegneria Meccanica

u = deformazione ultima corrispondente a fu


Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

MATERIALI

La norma, che si basa anche sullo sfruttamento delle capacit elasto-plastiche


del materiale, include delle prescrizioni generali volte ad assicurare che il
materiale stesso possieda una duttilit minima sufficiente.
Insegnamento di Costruzione di Macchine

fu
1.10
CLM in Ingegneria Meccanica

fy
Allungamento a rottura 15%
u 15 y
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

MATERIALI

Gli acciai esplicitamente considerati nella Norma sono indicati con una sigla del
tipo:
Insegnamento di Costruzione di Macchine

S 235 J0 G3
Stato di
fornitura
CLM in Ingegneria Meccanica

Acciaio per
impieghi
strutturali Resilienza (minima) :
Il primo carattere indica il valore:
Tensione di J=27 joule
snervamento [MPa] K= 40 joule
minima garantita per Il secondo la temperatura di misura:
spessori <= 16 mm R = (room) 5-23 C
0 = 0 C
2 = -20 C
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

MATERIALI

La norma fornisce le caratteristiche (dipendenti dallo spesore) da utilizzare nei


calcoli per i materiali considerati.
Insegnamento di Costruzione di Macchine

Spessore40 mm 40 mmSpessore80 mm
Acciaio
fy [MPa] fu [MPa] fy [MPa] fu [MPa]
CLM in Ingegneria Meccanica

S 235 235 360 215 360

S 275 275 430 255 410

S 355 355 510 335 470

S 420 420 520 390 520

S 460 460 540 430 540

Le altre caratteristiche da usare nei calcoli sono:


E = 210000 MPa
G = 81000 MPa
= 0.3
= 1210-6 per K (per T 100 C)
= 7850 kg/m3
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

REQUISITI DI BASE DEL PROGETTO DI UNA STRUTTURA (EN 1990)

Una struttura deve essere progettata per garantire unadeguata:


Resistenza strutturale Stati Limite Ultimi (SLU)
Insegnamento di Costruzione di Macchine

Funzionalit Stati Limite di Servizio (SLS)


Resistenza al fuoco (per un periodo adeguato di tempo)
CLM in Ingegneria Meccanica

Robustezza (non essere danneggiati da eventi come


esplosioni, impatti o conseguenze di errori
umani in modo sproporzionato rispetto alla
causa originaria).
Durabilit per lintera vita utile progettazione per:
Corrosione
Usura
Fatica
Ispezione e manutenzione
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

REQUISITI DI BASE DEL PROGETTO DI UNA STRUTTURA (EN 1990)

Una struttura deve essere progettata per garantire unadeguata:


Resistenza strutturale
Insegnamento di Costruzione di Macchine

Funzionalit
Resistenza al fuoco
CLM in Ingegneria Meccanica

Robustezza
Durabilit

Tali requisiti di base si considerano soddisfatti ove sia usata la progettazione


semiprobabilistica agli stati limite insieme al metodo dei fattori parziali, alle
combinazioni di carico date nella EN 1990 (EC 0) ed alle azioni date nella EN
1991 (EC 1)
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

STATI LIMITE SECONDO EN 1990

Stato limite = condizione superata la quale la struttura in esame o uno dei suoi
elementi costitutivi non soddisfa pi le esigenze per le quali stata progettata
Insegnamento di Costruzione di Macchine

La norma EN 1990 considera due tipologie di Stati Limite nel progetto della
struttura:
CLM in Ingegneria Meccanica

Stati Limite Ultimi: se uno di tali SLU viene superato ci si attende il collasso
immediato della struttura; si considerano quattro meccanismi di cedimento
principali:
EQU: perdita dellequilibrio statico
STR: cedimento interno o eccesso di deformazione
GEO: collasso del terreno su cui poggia la struttura
FAT: rottura per fatica
Stati Limite di Servizio: se uno di tali SLS viene superato ci si attende la
perdita di funzionalit della struttura, che pu essere:
Reversibile: se gli effetti scompaiono quando ne viene rimossa la
causa (Es.: un eccesso di vibrazioni)
Irreversibile: se gli effetti rimangono anche dopo la rimozione della
causa (Es.: piccoli imbozzamenti o deformazioni plastiche locali
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICA TRADIZIONALE VERIFICA SECONDO STATI LIMITE +


BASATA SULLE TENSIONI FATTORI PARZIALI
AMMISSIBILI Valore di progetto
Valore di progetto della corrispondente
delle azioni agenti resistenza strutturale
Insegnamento di Costruzione di Macchine

Tensione
ammissibile
Tensione Tensione
CLM in Ingegneria Meccanica

Tensione max. snervamento Fd Rd snervamento

fy
max amm Azioni
fy A
agenti
M
Coefficiente P P
di sicurezza
Analisi Elastica Lineare Fattore parziale di
Fattore parziale di sicurezza per la
sicurezza per le resistenza del
azioni materiale
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

METODO SEMI-PROBABILISTICO AGLI STATI LIMITE


Prob.
P R
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica

P0 Valore
Probabilit R<P0
Date le distribuzione di probabilit del carico (P) e della resistenza (R) qual
la probabilit di cedimento?

Si considera la probabilit che il carico assuma un generico valore P0 e,


contemporaneamente, la probabilit congiunta che la resistenza sia
minore di P0. Sommando (integrando) su tutti i possibili valori di P0 si ottiene
infine la probabilit di rottura complessiva.

Metodo difficilmente applicabile in pratica, per la sua complessit e per la


difficile reperibilit delle effettive distribuzioni.
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

METODO SEMI-PROBABILISTICO AGLI STATI LIMITE


Prob.
P R
Insegnamento di Costruzione di Macchine

Probabilit P<Pd
Probabilit R<Rd
CLM in Ingegneria Meccanica

Pd Rd Valore
Si considera un valore Pd del carico che ha probabilit p sufficientemente
piccola di essere superato.

Si considera inoltre un valore Rd della resistenza, per il quale si ha una


probabilit p sufficientemente piccola che la resistenza effettiva sia minore.

Si conduce la verifica: Pd < Rd


Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

METODO SEMI-PROBABILISTICO AGLI STATI LIMITE


Prob.
P R
Insegnamento di Costruzione di Macchine

Probabilit P<Pd
Probabilit R<Rd
CLM in Ingegneria Meccanica

Pd Rd Valore
Il metodo semi-probabilistico in quanto non viene calcolata la vera
probabilit di rottura, ma si tiene comunque conto delle distribuzioni di
probabilit del carico e della resistenza nel calcolo di Pd e Rd, che vengono in
genere fissati in corrispondenza di p=5%.

Per ottenere Pd ed Rd si applicano dei coefficienti (fattori di sicurezza parziali)


ai valori caratteristici (medi) Pm e Rm : P P
d m P

Rm
Rd
R
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICA SECONDO EUROCODES STATI LIMITE + FATTORI PARZIALI

Ultimi Stato limite Servizio


Insegnamento di Costruzione di Macchine

Condizioni di progetto Condizioni di progetto


Persistenti Caratteristiche
CLM in Ingegneria Meccanica

Transitorie Frequenti
Eccezionali Quasi permanenti
Sismiche

Valore effettivo Combinazioni di Tipo di Azioni


delle Azioni carico + relativi fattori (carichi) agenti
(carichi) agenti parziali Permanenti
Variabili
Accidentali
Valori di progetto
delle Azioni per ogni
Combinazione di
carico
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

STATI LIMITE ULTIMI CRITERIO DI VERIFICA

Il criterio generale di verifica per gli SLU dato da:

Ed Rd
Insegnamento di Costruzione di Macchine

Valore di progetto
CLM in Ingegneria Meccanica

Valore di progetto
delle azioni agenti della corrispondente
resistenza strutturale

Le azioni e le resistenze saranno nel seguito identificate con diversi tipi di grandezze
rappresentative, tipicamente Tensioni o Caratteristiche di sollecitazione. Esse saranno indicate da una
specifica denominazione ed identificate come azioni o resistenze dalla presenza nel pedice,
rispettivamente, della sigla Ed o Rd. Esempi:

Valori di progetto di azioni Valori di progetto di resistenze

x , Ed Tensione x N t , Rd Forza normale ammissibile aste tese

N Ed Forza Normale o assiale M c , Rd Momento ammissibile aste inflesse

M y , Ed Momento flettente y M N , Rd Momento ammissibile in presenza di


forza normale
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

STATI LIMITE ULTIMI COMBINAZIONI DI CARICO E FATTORI PARZIALI

Tipo di Azioni (carichi) agenti


Permanenti (G): azioni che non variano nel tempo, come il peso proprio o
il peso di impianti o accessori (dead load)
Insegnamento di Costruzione di Macchine

Variabili (Q): azioni che possono variare nel tempo, come i carichi utili o di
lavoro, il vento o la neve (live loads);
CLM in Ingegneria Meccanica

Accidentali (A): carichi di breve durata, ma forte intensit, come esplosioni


o impatti

Condizioni di progetto
Persistenti: le normali condizioni di uso
Transitorie: condizioni temporanee di carico applicate alla struttura, es.: i
carichi dovuti al montaggio ed alla manutenzione
Eccezionali: condizioni eccezionali di carico applicate alla struttura, es.:
incendi, esplosioni, impatti, conseguenze di cedimenti localizzati
Sismiche
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

STATI LIMITE ULTIMI COMBINAZIONI DI CARICO E FATTORI PARZIALI

Condizioni di progetto persistenti o transitorie


La k-esima combinazione di carico definita da:

Gk , j Q ,1 Qk ,1 Q ,i 0,i Qk ,i
Insegnamento di Costruzione di Macchine

G, j
j 1 i 1
CLM in Ingegneria Meccanica

e comprende:
tutte le azioni permanenti, moltiplicate per i relativi fattori parziali G
una azione variabile dominante Qk1, moltiplicata per Q1
le altre azioni variabili, moltiplicate per i relativi Q e per il fattore di
combinazione che tiene conto della probabilit che le diverse azioni
variabili si verifichino contemporaneamente.

Le azioni variabili devono essere considerate dominanti a turno.


Le azioni variabili che non possono fisicamente verificarsi insieme non
devono essere combinate.
Le azioni devono essere distinte in sfavorevoli o favorevoli a seconda
che provochino rispettivamente un aumento o una riduzione delle azioni
strutturali (forze e momenti).
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

STATI LIMITE ULTIMI COMBINAZIONI DI CARICO E FATTORI PARZIALI

Condizioni di progetto Eccezionali


La k-esima combinazione di carico definita da:

G Ad 1,1 Qk ,1 2,i Qk ,i
Insegnamento di Costruzione di Macchine

k, j
j 1 i 1
CLM in Ingegneria Meccanica

e comprende:
tutte le azioni permanenti, con il loro valore caratteristico
lazione accidentale Ad
una azione variabile dominante Qk1, moltiplicata per il fattore di
combinazione
le altre azioni variabili, moltiplicate per i fattori di combinazione 2,i
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica

Fattori di combinazione per edifici


Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

Fattori di sicurezza parziali per edifici


Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

STATI LIMITE DI SERVIZIO CRITERIO DI VERIFICA

Il criterio generale di verifica per gli SLS dato da:

Ed C d
Insegnamento di Costruzione di Macchine

Valore di progetto
CLM in Ingegneria Meccanica

Valore di progetto
delle azioni agenti della corrispondente
resistenza strutturale

Per il significato e la denominazione di azioni e resistenze valgono considerazioni analoghe a


quelle fatte per gli SLU.
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

STATI LIMITE DI SERVIZIOCOMBINAZIONI DI CARICO E FATTORI PARZIALI

Individuazione delle condizioni limite di servizio


Le condizioni di perdita di funzionalit devono essere individuate caso per caso,
dipendendo dallo specifico campo di applicazione. La norma fornisce, per
questo caso, poche indicazioni effettive.
Insegnamento di Costruzione di Macchine

Le pi comuni verifiche consigliate sono:


deformazioni
CLM in Ingegneria Meccanica

ampiezze delle fessure (strutture in c.a o c.a.p.)


frequenze di oscillazione.

Condizioni di progetto
Caratteristiche: SLS con carattere di irreversibilit es.: fenomeni localizzati di
plasticizzazione, imbozzamento, scorrimenti delle giunzioni bullonate
Frequenti: SLS reversibili
Quasi permanenti: SLS di lungo termine
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

STATI LIMITE DI SERVIZIOCOMBINAZIONI DI CARICO E FATTORI PARZIALI

Condizioni caratteristiche
La combinazione di carico definita da:

G Qk ,1 0,i Qk ,i
Insegnamento di Costruzione di Macchine

k, j
j 1 i 1
CLM in Ingegneria Meccanica

Condizioni frequenti
La combinazione di carico definita da:

G
j 1
k, j 1,i Qk ,1 2,i Qk ,i
i 1

Condizioni quasi permanenti


La combinazione di carico definita da:

G
j 1
k, j 2,i Qk ,i
i 1

I fattori parziali di sicurezza sono, in questo caso, assunti pari ad 1.0.


Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

STATI LIMITE DI SERVIZIO VALORI LIMITE

Edifici Spostamenti verticali


LEC 3 raccomanda che i limiti sugli spostamenti verticali siano definiti in
accordo col committente. Valori limite tipici sono dati dalla seguente Tabella
Insegnamento di Costruzione di Macchine

Freccia max.
Condizioni
Totale Car. Esercizio
CLM in Ingegneria Meccanica

Coperture(ingenerale) L/200 L/250


Coperturepraticate L/250 L/300
Solai(ingenerale) L/250 L/300
Solai(conmaterialifragilidifinitura) L/250 L/350
Solaichesupportanocolonne L/400 L/400
Compromissioneesteticaedificio L/250

L = luce delle travi


Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

STATI LIMITE DI SERVIZIO VALORI LIMITE

Edifici Spostamenti orizzontali


LEC 3 raccomanda che i limiti sugli spostamenti orizzontali, ad esempio
dovuti al vento, siano definiti in accordo col committente. Valori limite tipici
Insegnamento di Costruzione di Macchine

sono dati dalla seguente Tabella


Condizioni Freccia max.
CLM in Ingegneria Meccanica

Singolopiano(altezzah) h/300
Interoedificio(altezzahtot) htot/500

Edifici Spostamenti vibrazioni


LEC 3 raccomanda che i limiti sulle vibrazioni siano definiti in accordo col
committente. Valori limite tipici sono dati dalla seguente Tabella

Valore min. 1
Condizioni
frq. propria
Edificicomuni 3Hz
Edificisollecitatiinmodoritmico
5Hz
(palestre, saledaballo)
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

CLASSIFICAZIONE DELLE SEZIONI

LEC 3 permette di far conto sul comportamento elasto-plastico del materiale


nel determinare la capacit di carico della struttura.
In linea teorica, lo studio del comportamento in campo elasto-plastico di una
Insegnamento di Costruzione di Macchine

sezione strutturale pu essere condotto come segue:


CLM in Ingegneria Meccanica

fy fy fy

tw
tf

y
h

z
b
2 fy Jy M pl f y b t f h t f
M el 2
h h
f y tw t f
2
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

CLASSIFICAZIONE DELLE SEZIONI


Landamento del momento in funzione della rotazione per unit di lunghezza
assiale pu essere ottenuta con un semplice modello analitico (sezione
rettangolare bxh, modello di materiale elastico-perfettamente plastico):
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

CLASSIFICAZIONE DELLE SEZIONI

M pl f y z dA 2 f y z dA 2 f y S y ,1/ 2
A A/ 2
fy
y W pl 2 S y ,1/ 2
Insegnamento di Costruzione di Macchine

Jy
z Wel
fy z max
CLM in Ingegneria Meccanica

Rapporto tra Wpl e Wel per alcuni profilati tipici

Profilo

Wpl/Wel 1.5 1.7 1.21.3 1.31.4 1.11.2

Valori tipici per profilati commerciali


Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

Esempio E.1
Calcolare (trascurando i raggi di raccordo) il modulo di resistenza elastico e
plastico attorno allasse y-y per la sezione HE 260 AA in acciaio S 235.
Ripetere il calcolo includendo anche i raggi di raccordo tra ali ed anima (per
facilitare il compito si forniscono le relazioni per la posizione del baricentro
Insegnamento di Costruzione di Macchine

ed il momento di inerzia del quarto di circonferenza).


CLM in Ingegneria Meccanica

h = 244 mm
tw
tf

y b = 260 mm
tf = 9.5 mm Momento attorno a y
h

tw = 6.5 mm
r = 24 mm
z
b

Momento attorno a yG

NB: si creano, per il calcolo dei moduli con raggi di raccordo, delle funzioni dei parametri geometrici da
utilizzare anche nel seguito
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica

Oss.: trascurare i raggi di raccordo comporta un


errore su W vicino al 10%
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

Esercizio E.2
Calcolare il momento plastico attorno allasse y-y per la sezione HE 260 AA
dellesercizio E.1 e per la sezione HE 800x444, entrambe in acciaio S 235.
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica

Dati Sezione HE 800x444


tw
tf
y h = 842 mm
h b = 313 mm
tf = 54.0 mm
tw = 30.0 mm
z r = 30 mm
b
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica

Oss.: aumentando lo spessore diminuisce la


tensione di snervamento minima garantita
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

CLASSIFICAZIONE DELLE SEZIONI


Landamento regolare mostrato pu verificarsi solo se non insorgono fenomeni di
instabilit elasto-plastica locale delle zone compresse, che riducono la capacit di
carico. Per tener conto di questo, lEC 3 suddivide le sezioni in 4 Classi:

Classe 1: sezioni in grado di sviluppare


Insegnamento di Costruzione di Macchine

una cerniera plastica avente la capacit


rotazionale richiesta per lanalisi plastica
CLM in Ingegneria Meccanica

Classe 2: sezioni in grado di sviluppare il


momento resistente plastico, ma che
hanno una capacit rotazionale limitata a
causa di fenomeni di buckling locale
Classe 3: sezioni nelle quali le tensioni
nelle fibre esterne compresse possono
raggiungere lo snervamento, ma
linstabilit locale impedisce lo sviluppo del
momento resistente plastico;
Classe 4: sezioni per le quali i fenomeni di
buckling locale si sviluppano prima del
raggiungimento dello snervamento
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

CLASSIFICAZIONE DELLE SEZIONI


Lappartenenza della sezione ad una classe deve, anche intuitivamente,
dipendere da:

lo spessore del profilato in rapporto alle altre dimensioni: pi lo spessore


Insegnamento di Costruzione di Macchine

sottile rispetto alla larghezza/altezza dellelemento, pi basso sar il carico di


instabilit
la tensione di snervamento del materiale: pi elevata la tensione di
CLM in Ingegneria Meccanica

snervamento del materiale, pi alte saranno le tensioni agenti durante la


progressiva plasticizzazione della sezione, per cui i fenomeni di instabilit
locale saranno facilitati
leffettivo andamento della tensione: se le tensioni su unanima/ala sono
tutte di compressione la situazione pi critica che se lo sono solo in parte,
con zone che, invece, risultano tese.
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

CLASSIFICAZIONE DELLE SEZIONI

Per stabilire lappartenenza di una sezione ad una classe in primo luogo


necessario stabilire quali delle sue parti siano, in tutto o in parte, compresse. Per
profilati comuni, si ha la situazione seguente:
Insegnamento di Costruzione di Macchine

A B C
z z z
CLM in Ingegneria Meccanica

y y y y y y

z z z
Caratteristica agente A-anima A-Ali B-Anima B-Ali C-Anima C-Ali

Compressione Compressione Compressione Compressione Compressione Compressione Compressione

Flessione y-y Flessione Compressione Flessione Compressione Flessione Compressione

Presso-flessione y-y Compressione Compressione Compressione Compressione Compressione Compressione


+ flessione + flessione + flessione

Flessione z-z ----------- Flessione Compressione Flessione Compressione Flessione


Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

CLASSIFICAZIONE DELLE SEZIONI

In secondo luogo si stabilisce il valore del parametro di riferimento , che


dipende dal materiale:
235 MPa

Insegnamento di Costruzione di Macchine

fy
CLM in Ingegneria Meccanica

Si calcolano i parametri e/o , dipendenti dalla eventuale distribuzione di


tensioni di presso-flessione:

compressione fy compressione fy
c
c

c
trazione

trazione fy

Verifica limiti per Classi 1 e 2 Verifica limiti per Classe 3


Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

CLASSIFICAZIONE DELLE SEZIONI (IN BASE ALLANIMA)

tw tw tw

cw
cw

cw
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica

Classe Flessione Compressione Flessione e


Compressione
1 c/t 72 c/t 33 c 396
0 .5
t 13 1
c 36
0.5
t

c/t 83 c/t 38 456


2 c
0 .5
t 13 1
c 41.5
0.5
t

3 c/t 124 c/t 42 c 42


1
t 0.67 0.33

1 62 1
c
t
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

CLASSIFICAZIONE DELLE SEZIONI (IN BASE ALLE ALI)


cf cf
c f
NB: Se le diverse zone della
sezione appartengono a

tf
tf
Classi diverse, si attribuisce
tf
Insegnamento di Costruzione di Macchine

alla sezione la Classe pi


grande
CLM in Ingegneria Meccanica

Classe Compressione

1 c/t 9

t
c/t 10
d
2

3 c/t 14

Classe Flessione e/o


NB: Per altri casi vedere la norma Compressione
EN 1993-1-1 prospetto 5.2 d/t 50
1

2 d/t 70

3 d/t 90
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

Esempio E.3
Individuare la Classe di appartenenza per la sezione HE 260 AA in acciaio
S 235, S 355 ed S 460 soggetta a flessione attorno allasse y-y ed a
compressione (separatamente) .
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica

h = 244 mm
tw
tf
y b = 260 mm
h tf = 9.5 mm
tw = 6.5 mm
r = 24 mm
z
b
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

Oss.: la sezione risulta di Classe 3 se costruita


in S 235 ed in S 355, mentre risulta di Classe 4
se costruita in S 460.
In generale, aumentando le caratteristiche del
Insegnamento di Costruzione di Macchine

materiale, diminuiscono i limiti di appartenenza


alle diverse Classi.
Fisicamente, questo dovuto al fatto che le
CLM in Ingegneria Meccanica

tensioni al momento della plasticizzazione sono


maggiori e, quindi, tendono pi facilmente a
produrre fenomeni di instabilit.
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

Oss.: la sezione risulta ancora di Classe 3 se


costruita in S 235 ed in S 355 e di Classe 4 se
costruita in S 460.
Tuttavia si osserva un declassamento, per
Insegnamento di Costruzione di Macchine

quanto ininfluente in questo caso, dellanima, in


quanto la sollecitazione di compressione risulta
pi pericolosa di quella di flessione.
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

Esercizio E.4
Individuare la Classe di appartenenza per la sezione IPE 270 in acciaio S
235, S 355 ed S 460 soggetta a compressione e flessione (separatamente).
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica

h = 270 mm
tw b = 135 mm
y tf = 10.2 mm
tf

tw = 6.6 mm
r = 15 mm
h

b
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

Oss.: In compressione la sezione risulta di


Classe 2 se costruita in S 235, di Classe 3 se
costruita in S 355 e di Classe 4 se costruita in S
460.
In questo profilato, laltezza dellanima
Insegnamento di Costruzione di Macchine

maggiore rispetto alla larghezza delle ali, per cui


linstabilit dellanima a divenire determinante
per la classificazione.
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica

Oss.: In flessione la sezione risulta di Classe 1


per tutti i materiali.
Il passaggio dalla flessione alla compressione
comporta, in questo caso una rilevante
penalizzazione di Classe.
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICA PER GLI SLU RESISTENZE DI PROGETTO

La verifica viene svolta con la relazione generale:


Valore di progetto
Ed Rd della corrispondente
Valore di progetto
resistenza strutturale
Insegnamento di Costruzione di Macchine

delle azioni agenti


CLM in Ingegneria Meccanica

Valore caratteristico della grandezza


Rk considerata, determinata da propriet materiale
in cui Rd data da: Rd
M e dimensioni e classe sezione

Coefficiente di sicurezza parziale globale


per la grandezza considerata

Fattore Eurocode AN
Impiego
parziale M 3 Italia
M0 Res. sezioni trasversali 1.0 1.05
M1 Res. membrature alla instabilit 1.0 1.05
M2 Res. sezioni trasv. a frattura in trazione 1.25 1.25
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICA PER GLI SLU RESISTENZE DI PROGETTO

Verifica elastica
La verifica viene elastica pu essere applicata a tutte le classi di sezioni. Per
la Classe 4 si devono usare le dimensioni efficaci.
Insegnamento di Costruzione di Macchine

Per la verifica elastica pu essere usato il seguente criterio (Von Mises, per
stati di tensione biassiali) per un punto critico della sezioni trasversale:
CLM in Ingegneria Meccanica

Valori di progetto delle tensioni

2 2 2
x , Ed z , Ed x , Ed z , Ed Ed
3 1
f / f / f / f / f /
y M 0 y M 0 y M 0 y M 0 y M 0

La verifica elastica basata sulle tensioni in pratica raramente usata, in


favore delle formule di interazione tra caratteristiche di sollecitazione, che
risultano spesso pi favorevoli, in quanto possono considerare anche le
risorse plastiche della sezione.
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICA PER GLI SLU RESISTENZE DI PROGETTO


NB: Trattazione limitata agli aspetti principali, per i dettagli consultare EC3

Trazione
N Ed N t , Rd
Insegnamento di Costruzione di Macchine

A fy
N t , Rd per sezioni non forate
M0
CLM in Ingegneria Meccanica

0.9 Anet f u
N t , Rd per sezioni forate, se minore della precedente
M2

Compressione
N Ed N c , Rd

A f y
N c , Rd per sezioni forate e non forate
M0
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICA PER GLI SLU RESISTENZE DI PROGETTO


Flessione

M Ed M c , Rd
Insegnamento di Costruzione di Macchine

W pl f y
M c , Rd per sezioni di Classe 1 e 2
M0
CLM in Ingegneria Meccanica

M pl f y z dA 2 f y z dA 2 f y S y ,1/ 2
A A/ 2

W pl 2 S y ,1/ 2

Wel ,min f y
M c , Rd per sezioni di Classe 3
M0
Jy
Wel ,min
z max
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

Esercizio E.5
Calcolare il momento resistente a flessione attorno allasse y-y per la
sezione HE 260 A in acciaio S 235, S 355 ed S 460. Assumere M0=1.05.
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica

h = 250 mm
tw
tf
y b = 260 mm
h tf = 12.5 mm
tw = 7.5 mm
r = 24 mm
z
b
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICA PER GLI SLU RESISTENZE DI PROGETTO

Taglio

VEd Vc , Rd
Insegnamento di Costruzione di Macchine

Area resistente a taglio Area anima


Av f y / 3
CLM in Ingegneria Meccanica

Vc , Rd
M0

Verifica per pi caratteristiche di sollecitazione (metodo cautelativo)


Nel caso di presenza contemporanea di pi caratteristiche, si pu usare
cautelativamente la somma dei rapporti di sfruttamento per ciascuna
caratteristica:

N Ed M y , Ed M z , Ed
1
N Rd M y , Rd M z , Rd
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICA PER GLI SLU RESISTENZE DI PROGETTO

Flessione + forza assiale


Per Sezioni di Classe 1 e 2 deve essere soddisfatto il seguente criterio:

M Ed M N , Rd
Insegnamento di Costruzione di Macchine


M N , Rd M pl , Rd 1 N Ed / N pl , Rd
2

CLM in Ingegneria Meccanica

Confronto tra il criterio corrente


e quello basato sulla somma
dei rapporti di sfruttamento
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICA PER GLI SLU RESISTENZE DI PROGETTO

Flessione + forza assiale


Per Sezioni di Classe 3 deve essere soddisfatto il seguente criterio:
M y , Ed fy
x , Ed max x
N Ed

Insegnamento di Costruzione di Macchine

Wel ,min A M0
M y , Ed M 0 N Ed M 0 M y , Ed N Ed
1
CLM in Ingegneria Meccanica

Wel ,min f y A fy M Rd N Rd

Confronto tra la resistenza di


una sezione di Classe 3 e di
una sezione di Classe 1 o 2
(Mpl/Mel=1.2)
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICA PER GLI SLU RESISTENZE DI PROGETTO

Flessione + forza assiale (Interpretazione relazioni)


Per una sezione rettangolare, al collasso plastico, si ha:

Momento
Insegnamento di Costruzione di Macchine

fy
Forza normale
CLM in Ingegneria Meccanica

+ +

y y
= + +
y
h

z - N Ed f y 2 y b -

b

M Ed f y W pl y 2 b
Tensione totale
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICA PER GLI SLU RESISTENZE DI PROGETTO

Flessione + forza assiale (Interpretazione relazioni)


Dalle relazioni precedenti si ottiene facilmente:

N Ed
Insegnamento di Costruzione di Macchine

y
fy 2b
2
N Ed b
CLM in Ingegneria Meccanica

M Ed b
1 y 2 1
f y W pl f y W pl
f y 2 b W pl

2

M Ed N Ed b h2
1
f y W pl f 2b
h b h2
y 4
2 4
2
M Ed N Ed
1
M pl , Rd N
pl , Rd
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICA PER GLI SLU RESISTENZE DI PROGETTO

Flessione + forza assiale (Interpretazione relazioni)


Al limite del campo elastico si ottiene invece:
M Ed N Ed
max fy
Insegnamento di Costruzione di Macchine

Wel A
M Ed N
Ed 1
CLM in Ingegneria Meccanica

f y Wel f y A

M Ed N
Ed 1
M el , Rd N el , Rd
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICA PER GLI SLU RESISTENZE DI PROGETTO


Flessione + forza assiale (Interpretazione relazioni)
Per una sezione a doppio T, al collasso plastico, si ha (asse neutro che taglia
la regione dellanima a spessore costante, caso di gran lunga pi comune) :
Momento
Insegnamento di Costruzione di Macchine

fy
Forza normale
CLM in Ingegneria Meccanica

tw + +
tf

y y
= + +
y
h

z - N Ed f y 2 y t w -

b

M Ed f y W pl y 2 t w
Tensione totale

Valgono considerazioni simili alla sezione rettangolare, per cui si usano le stesse
relazioni.
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICA PER GLI SLU RESISTENZE DI PROGETTO


Flessione + forza assiale (Interpretazione relazioni)
Per una sezione a doppio T, al collasso plastico, si ha (asse neutro che taglia
la regione dellanima a spessore costante, caso di gran lunga pi comune) :
Insegnamento di Costruzione di Macchine

fy
CLM in Ingegneria Meccanica

tw + +
c
y
c

y
= + c
c

y
c
z - -

N 2 1 c f y t w
b
Per la sezione a doppio T per possibile anche un cambio di
Classe legato al valore di N (si pu avere una classe diversa per
lanima in compressione ed in flessione). 1 1 N
1
Dalla distribuzione plastica si ottiene un legame tra ed N. 2 cw f y t w
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICA PER GLI SLU RESISTENZE DI PROGETTO


Flessione + forza assiale (Interpretazione relazioni)
Dato che da dipende il limite per passare dalla Classe 2 alla 3, si pu
interpretare tale limite in termini di N
cw 456 1 1 N
1
Insegnamento di Costruzione di Macchine

t w 13 1 2 cw f y t w
456
13 1
CLM in Ingegneria Meccanica

cw / t w
Limite per Legame tra ed
456 N da distribuzione
passaggio da 13 1
Classe 2 a 3 cw / t w plastica

13 1 N 456
1 1
2 cw f y t w cw / t w
1 N 2 456
1 1
cw f y t w 13 cw / t w

2 456
Limite su N per N 1 1 f y t w cw
passaggio da 13 cw / t w
Classe 2 a 3
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICA PER GLI SLU RESISTENZE DI PROGETTO

Flessione + forza assiale (Interpretazione relazioni)


Un esempio di dominio di ammissibilit per una sezione IPE 270 soggetta a
forza normale e momento y-y:

M N , Rd M pl , Rd 1 N Ed / N pl , Rd
Insegnamento di Costruzione di Macchine

2
M pl , Rd
CLM in Ingegneria Meccanica

M Rd

Passaggio da
Classe 2 a 3

M y , Ed N Ed
1
M Rd N Rd

N Rd N pl , Rd
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

Esercizio E.6
Individuare la Classe di appartenenza per la sezione IPE A 330 in
acciaio S 355 soggetta alle seguenti due condizioni di carico:
Condizione di carico 1 (CC1)
MEdy = flessione attorno allasse y-y = 220 kNm
NEd = forza normale di compressione = 380 kN
Insegnamento di Costruzione di Macchine

Condizione di carico 2 (CC2)


MEdy = flessione attorno allasse y-y = 150 kNm
CLM in Ingegneria Meccanica

NEd = forza normale di compressione = 600 kN

h = 330 mm
tw
tf

y b = 160 mm
tf = 11.5 mm
h

tw = 7.5 mm
r = 18 mm
z
b
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica

Oss.: la Classe della sezione determinata dallanima, essendo le ali in Classe 1.


Lanalisi di maggiore dettaglio, condotta considerando le effettive condizioni di sollecitazione, ha
permesso di ottenere la Classe 2 per la CC1 e la Classe 3 per la CC 2, contro la Classe 4 ottenuta
considerando lanima compressa.
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICA PER GLI SLU RESISTENZE DI PROGETTO

Instabilit - Membrature uniformemente compresse

N Ed N b , Rd
Insegnamento di Costruzione di Macchine

fy A
CLM in Ingegneria Meccanica

N b , Rd
M1

dove = coefficiente di riduzione della resistenza dovuto alla instabilit.

dato da apposite relazioni e diagrammi in funzione di:


snellezza dellasta
coefficiente di imperfezione , dipendente dalla forma della sezione
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICA PER GLI SLU RESISTENZE DI PROGETTO

Instabilit - Membrature uniformemente compresse


Si considera il parametro di snellezza:
Lunghezza libera
Insegnamento di Costruzione di Macchine

Lcr 1

i 1 1
CLM in Ingegneria Meccanica

Raggio di inerzia

che rappresenta la snellezza , normalizzata rispetto al valore 1 per il quale


la cr diviene uguale alla fy:
2E E
cr 2 f y 1
1 fy

Si ottiene, quindi, la seguente espressione:

L 1 fy f y L2cr f y L2cr A A fy L2cr A f y


cr
1 i E E 2i 2 E 2i 2 A 1 2E J N cr
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICA PER GLI SLU RESISTENZE DI PROGETTO


Instabilit - Membrature uniformemente compresse
Si sceglie la curva di riferimento, in base alle caratteristiche della sezione
Profilo Asse S 460 Altri
Insegnamento di Costruzione di Macchine

IPE, y-y a0 a
IPN z-z a0 b
CLM in Ingegneria Meccanica

y-y a b
HE
z-z a c

Travi
y-y b b Si sceglie il coefficiente di
saldate
z-z c c
aperte imperfezione in base alla curva
Travi selezionata
saldate
--- b b
casson
e

U,T, Curva a0 a b c d
--- c c
piene
0.13 0.21 0.34 0.49 0.76

L --- b b
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICA PER GLI SLU RESISTENZE DI PROGETTO

Instabilit - Membrature uniformemente compresse


Si calcola il parametro:

0.5 1 0.2 2
Insegnamento di Costruzione di Macchine

1.2
da cui si ottiene infine
CLM in Ingegneria Meccanica

il coefficiente di 1
riduzione
0.8
1
min ;1 0.6

2 2

0.4
si noti la differenza
con la soluzione 0.2
classica di Eulero che
si ottiene per: 0
0 0.2 0.4 0.6 0.8 1 1.2 1.4 1.6 1.8 2 2.2 2.4 2.6 2.8 3
M21

a0 a b c d Eulero
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

Esercizio E.7
Calcolare la massima forza normale di compressione per una trave di
lunghezza 5 m, sezione IPE 270, incernierata agli estremi e realizzata in
acciaio S 235, S 355 o S 460.
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica

h = 270 mm
tw b = 135 mm
y tf = 10.2 mm
tf

tw = 6.6 mm
r = 15 mm
h

b
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

Oss.: Il vantaggio della curva pi favorevole per il


Insegnamento di Costruzione di Macchine

materiale S 460 pi che compensato dal valore pi


svaforevole della snellezza normalizzata, per cui il
coefficiente di riduzione maggiore.
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICA PER GLI SLU RESISTENZE DI PROGETTO

Instabilit - Membrature inflesse


Verifica alla instabilit flesso-torsionale con:

M Ed M b , Rd
Insegnamento di Costruzione di Macchine

LT f y Wy
CLM in Ingegneria Meccanica

M b, Rd
M1

dove LT = coefficiente di riduzione della resistenza dovuto alla instabilit.

Wy W pl , y per sezioni di Classe 1 e 2

Wy Wel , y per sezioni di Classe 3


Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICA PER GLI SLU RESISTENZE DI PROGETTO

Instabilit - Membrature inflesse


Si considera il parametro di snellezza:
Insegnamento di Costruzione di Macchine

Wy f y
LT
M cr
Momento critico elastico per
CLM in Ingegneria Meccanica

linstabilit flesso-torsionale, che


considera la sezione, la distribuzione
dei carichi ed i vincoli

Per il problema classico della trave di lunghezza L, soggetta a momento


flettente y uniforme, di sezione costante e la cui rotazione attorno ad x
sia bloccata agli estremi, si ha:

M cr , y GJ p EJ z
L
Nella EC 3 sono riportati numerosi fattori correttivi che tengono conto dei
vincoli, della effettiva distribuzione del momento, etc.. Questi coefficienti non
saranno discussi per brevit.
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICA PER GLI SLU RESISTENZE DI PROGETTO

Instabilit - Membrature inflesse


Si seleziona la curva di riferimento:
Sezione Limiti Curva
Insegnamento di Costruzione di Macchine

h/b2 a
Sezioni a I laminate
h/b>2 b
CLM in Ingegneria Meccanica

h/b2 c
Sezioni a I saldate
h/b>2 d
Altre sezioni d

In base alla curva selezionata si ottiene il coefficiente di imperfezione

Curva a b c d
Coefficiente di imperfezione LT 0.21 0.34 0.49 0.76
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICA PER GLI SLU RESISTENZE DI PROGETTO

Instabilit - Membrature inflesse


Si calcola il parametro:

LT 0.5 1 LT LT 0.2 LT
2

Insegnamento di Costruzione di Macchine

da cui si ottiene infine 1.2


CLM in Ingegneria Meccanica

il coefficiente di
riduzione 1

1
LT min ;1 0.8

2 2
LT LT LT
LT
0.6

0.4

0.2

0
0 0.2 0.4 0.6 0.8 1 1.2 1.4 1.6 1.8 2 2.2 2.4 2.6 2.8 3
LT

a b c d
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

Esercizio E.8
Calcolare il massimo momento flettente ammissibile per instabilit
flesso-torsionale per una trave di lunghezza L=5 m, sezione HE 240 A, in
acciaio S 235, S 355 ed S 460.
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica

h = 230 mm
tw tf b = 240 mm
y
tf = 12 mm
h tw = 7.5 mm
r = 21 mm
z
b
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICA GIUNZIONI - BULLONI

Classi di Bulloni

Classe 4.6 4.8 5.6 5.8 6.8 8.8 10.9


Insegnamento di Costruzione di Macchine

fyb (MPa) 240 320 300 400 480 640 900


fub (MPa) 400 400 500 500 600 800 1000
CLM in Ingegneria Meccanica

Coefficienti parziali di sicurezza

Categoria CPS Val.


Resistenza di bulloni, saldature e a rifollamento M2 1.25
Resistenza allo scorrimento SLU M3 1.25
Resistenza allo scorrimento SLS M3,ser 1.1
Serraggio bulloni alta resistenza M7 1.1
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICA GIUNZIONI - BULLONI


Categorie di Giunzioni Bullonate Resistenza a taglio
Categoria Criteri Osservazioni
Connessioni a taglio Resistenza a rifollamento
Insegnamento di Costruzione di Macchine

Fv,Ed Fv,Rd Classi da 4.6 a 10.9.


A A contatto
Fv,Ed Fb,Rd Precarico non richiesto
CLM in Ingegneria Meccanica

Fv,Ed,ser Fs,Rd,ser Resistenza a scorrimento


B Ad attrito alla SLS Fv,Ed Fv,Rd Bulloni precaricati Classi 8.8 o 10.9
Fv,Ed Fb,Rd
Fv,Ed Fs,Rd Resistenza sezione netta
C Ad attrito allo SLU Fv,Ed Fv,Rd Bulloni precaricati Classi 8.8 o 10.9
Fv,Ed Nnet,Rd
Connessioni a trazione Resistenza a trazione
Ft,Ed Ft,Rd Classi da 4.6 a 10.9
D Non precaricata
Ft,Ed Bp,Rd Precarico non richiesto
Ft,Ed Ft,Rd
E - Precaricata Bulloni precaricati Classi 8.8 o 10.9
Ft,Ed Bp,Rd
Resistenza a punzonamento
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICA GIUNZIONI - BULLONI


Categorie di Giunzioni Bullonate Precaricati
CARICO DA TRASMETTERE Non precaricati
Insegnamento di Costruzione di Macchine

TAGLIO TRAZIONE
CLM in Ingegneria Meccanica

Contatto Attrito

Cat. A Cat. B Cat. C Cat. D Cat. E


Taglio Taglio Taglio Traz. Traz.
Rifoll. Rifoll. Rifoll. Punz. Punz.
Scorr. Scorr.

TAGLIO + TRAZIONE TAGLIO + TRAZIONE

Interazione lineare Riduzione carico di


trasmissibile senza
scorrimento
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICA GIUNZIONI - BULLONI


Resistenza a taglio
La resistenza a taglio dei bulloni data da:
Area bullone
0.6 f ub A
Fv , Rd
Insegnamento di Costruzione di Macchine

M2
CLM in Ingegneria Meccanica

Resistenza a rifollamento
La resistenza a rifollamento data da:
Diametro bullone
Spessore lamiera
2.5 f u d t
Fb , Rd
M2
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICA GIUNZIONI - BULLONI

Resistenza a trazione
La resistenza a trazione data da:
Area resistente
Insegnamento di Costruzione di Macchine

a trazione

0.9 f ub As NB: la resistenza a trazione non


CLM in Ingegneria Meccanica

Ft , Rd influenzata dal pre-carico


M2

Resistenza a punzonamento
La resistenza a trazione data da:
Diametro testa
bullone/dado Spessore lamiera

0 .6 d m t f u Resistenza ultima
B p , Rd
M2 materiale lamiera
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICA GIUNZIONI - BULLONI

Resistenza a trazione e taglio per giunzioni delle categorie A+D


La resistenza in presenza contemporanea di azioni taglianti e di trazione, per
giunzioni non precaricate, verificate a taglio in categoria A ed a trazione in
Insegnamento di Costruzione di Macchine

categoria D, data da:


1.2
CLM in Ingegneria Meccanica

1
Fv , Ed Ft , Ed
1
Fv , Rd 1.4 Ft , Rd 0.8

Ft,Ed/Ft,Rd 0.6

0.4

0.2

0
0 0.2 0.4 0.6 0.8 1 1.2
Fv,Ed/Fv,Rd
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICA GIUNZIONI - BULLONI

Resistenza allo scorrimento


La resistenza allo scorrimento di un bullone precaricato data da:
Coefficiente che n superfici
Insegnamento di Costruzione di Macchine

dipende dal tipo di a contatto


foro (ordinari =1, Coefficiente di attrito (da 0.2 a 0.5 a
sovradim. =0.85,) seconda del trattamento superficiale)
CLM in Ingegneria Meccanica

ks n
Fs , Rd Fp ,C
M3 Precarico

0.7 f ub As
Fp ,C
M7
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICA GIUNZIONI - BULLONI


Resistenza a trazione e taglio per giunzioni delle Categorie B-C ed E
La resistenza in presenza contemporanea di azioni taglianti e di trazione, per
giunzioni verificate a scorrimento in categoria B, data da:
Insegnamento di Costruzione di Macchine

1.2
ks n
Fs , Rd , ser F 0.8 Ft , Ed , ser
M 3, ser
p ,C
1
CLM in Ingegneria Meccanica

GiuntiClasseA
0.8
per giunzioni verificate a scorrimento

Ft,Ed/Ft,Rd
in categoria C, data da: 0.6

ks n
Fs , Rd F 0.8 Ft , Ed 0.4
M3
p ,C

0.2 =0.5

=0.2
0
0 0.2 0.4 0.6 0.8 1 1.2
Fv,Ed/Fv,Rd
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICA GIUNZIONI - BULLONI


Resistenza a trazione e taglio per giunzioni di Categoria B e C
1.2

1
Insegnamento di Costruzione di Macchine

GiuntiClasseA
0.8

Ft,Ed/Ft,Rd
Fp ,C 0.7 f ub As 0.6
CLM in Ingegneria Meccanica

0.9 f ub As 0.9
Ft , Rd Fp ,C 0.4
M2 0.7 M 2
0.2 =0.5
0.6 f ub A 0.6
Fv , Rd Ft , Rd =0.2
M2 0.72 0
0 0.2 0.4 0.6 0.8 1 1.2
ks n k s n 0.7 M 2
Fs , Rd F 0.8 Ft , Ed

Ft , Rd 0.8 Ft , Ed
Fv,Ed/Fv,Rd

M3 M 3 0.9
p ,C


Fv , Ed k s n 0.7 M 2 Ft , Rd 0.8 Ft , Ed

Fv , Rd M 3 0.9 0.6

0.6
Ft , Rd
F t , Rd
0.72 0.72
k n 0.7 M 2 0.72 0.8 0.72 Ft , Ed
s
M 3 0.9 0.6 0.6 Ft , Rd
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

Esercizio E.9
Calcolare il diametro minimo dei bulloni del giunto mostrato in Figura
chiamato a trasmettere:
momento flettente y-y = 40 kNm
Taglio z = 110 kN
Si chiede di condurre la verifica contro:
Insegnamento di Costruzione di Macchine

Rottura per taglio, bulloni non pre-caricati tipo 4.8


Scorrimento allo SLU, bulloni pre-caricati tipo 10.9
CLM in Ingegneria Meccanica

h = 230 mm
b = 240 mm
hb

tf = 12 mm
tf

y tw
tw = 7.5 mm
h

r = 21 mm
hb

hb = 150 mm
z
tp = 12 mm (spessore piastra)
S 235 (materiale piastra)
b
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICA GIUNZIONI - SALDATURE


Resistenza statica di saldature a cordone dangolo

Metodo Direzionale
Le tensioni convenzionali devono essere calcolate con riferimento al piano
Insegnamento di Costruzione di Macchine

effettivo della sezione di gola (non ribaltata).


Le tensioni calcolate devono soddisfare entrambe le relazioni seguenti:
CLM in Ingegneria Meccanica

2 3 2 //2
fu
w M 2
0.9 f u

M2
Acciaio W
S235 0.8
S275 0.85
S355 0.9
a S420 1.0
S460 1.0
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICA GIUNZIONI - SALDATURE


Resistenza statica di saldature a cordone dangolo

Metodo Semplificato
La risultante di tutte le forze per unit di lunghezza trasmesse dal cordone
Insegnamento di Costruzione di Macchine

deve rispettare la seguente condizione:

FW , Ed FW , Rd
CLM in Ingegneria Meccanica

fu
FW , Rd a
3 w M 2

fu fu
FW , Rd a tot
3 w M 2 3 w M 2
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

Piano , w 0.85 Confronto metodo Direzionale


Mwetodo Direzionale
Metodo Semplificato
2
fu
2 3 2
w M 2
Insegnamento di Costruzione di Macchine

2 3 2
2
2
1
fu fu

CLM in Ingegneria Meccanica


w M2 w M2

0 .9 w
fu
w M 2
Metodo Semplificato
fu
FW , Rd a
3 w M 2
fu
tot
3 w M 2
tot 1

fu 3
w M 2
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICA GIUNZIONI - SALDATURE


Resistenza statica di saldature a piena penetrazione
Si assume semplicemente che la saldatura a piena penetrazione abbia una
resistenza statica uguale a quella del pi debole tra i due elementi uniti.
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

Esercizio E.10
Condurre la verifica a rottura statica del giunto saldato a cordoni
dangolo mostrato in Figura chiamato a trasmettere:
momento flettente y-y = 40 kNm
Taglio z = 110 kN
Si chiede di condurre la verifica con:
Insegnamento di Costruzione di Macchine

Metodo direzionale
Metodo semplificato
CLM in Ingegneria Meccanica

h = 230 mm
b = 240 mm
hw

tf = 12 mm
tf

y tw
tw = 7.5 mm
h

r = 21 mm

hw = 10 mm (lato cordone)
z S 235 (materiale lamiere)

b
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

COMPORTAMENTO STRUTTURALE DEI GIUNTI


Classificazione dei giunti
LEC 3 opera una classificazione piuttosto complessa dei giunti, soprattutto in
relazione alla loro modellazione nellanalisi strutturale.
In generale un giunto strutturale presenta un comportamento variabile da
Insegnamento di Costruzione di Macchine

molto rigido a molto flessibile.


A complicare ulteriormente le cose, tale comportamento pu essere molto
diverso per le diverse caratteristiche di sollecitazione agenti.
CLM in Ingegneria Meccanica

My
M
Mx

Mz

z
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

COMPORTAMENTO STRUTTURALE DEI GIUNTI


Classificazione dei giunti
La curva generica elasto-plastica di un giunto pu essere approssimata con
una idealizzata
Rigidezza
Insegnamento di Costruzione di Macchine

Momento M flessionale
resistente iniziale
di progetto
CLM in Ingegneria Meccanica

Mj,Rd

Rigidezza
flessionale

Cd

Capacit rotazionale di progetto


Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

COMPORTAMENTO STRUTTURALE DEI GIUNTI


Classificazione dei giunti secondo la rigidezza
I collegamenti sono classificati in base alla loro rigidezza in:
1. Rigidi
2. Semirigidi
Insegnamento di Costruzione di Macchine

3. Nominalmente incernierati
La classificazione si basa sul valore della rigidezza elastica Sj,ini, e sul
seguente diagramma
CLM in Ingegneria Meccanica

Sj,ini
3

Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

COMPORTAMENTO STRUTTURALE DEI GIUNTI


Classificazione dei giunti secondo la resistenza
I collegamenti sono classificati in base alla loro resistenza in:
A completo ripristino di resistenza: la resistenza del giunto almeno
pari a quella plastica pi piccola tra le strutture collegate
Insegnamento di Costruzione di Macchine

Nominalmente incernierati: collegamenti in grado di trasmettere le forze


CLM in Ingegneria Meccanica

interne senza sviluppare momenti significativi; un collegamento si pu


classificare come come nominalmente incernierato se il suo Momento
resistente di progetto Mj,Rd non supera il 25% di quello richiesto per il
completo ripristino di resistenza
A parziale ripristino di resistenza: un collegamento che non soddisfa
nessuno dei due requisiti precedenti
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

COMPORTAMENTO STRUTTURALE DEI GIUNTI


Classificazione dei giunti Calcolo rigidezza e resistenza
Il calcolo delle caratteristiche di rigidezza e resistenza dei collegamenti pu
essere ottenuto:
Sperimentalmente
Insegnamento di Costruzione di Macchine

Tramite modelli FEM


Tramite Modelli analitici (disponibili per alcune geometrie tipiche nellEC 3)
CLM in Ingegneria Meccanica

Esempio: giunto trave colonna calcolo rigidezza


Il giunto schematizzato come
uninsieme di molle in serie/parallelo.
Ogni molla rappresenta un
componente del giunto.
Per ogni componente la rigidezza
fornita tramite relazioni appossimate.
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

COMPORTAMENTO STRUTTURALE DEI GIUNTI


Classificazione dei giunti Calcolo rigidezza e resistenza

1 1 Individuazione componenti
5
1. Ala tesa
Insegnamento di Costruzione di Macchine

2. Ala compressa
3. Anima a taglio
CLM in Ingegneria Meccanica

4. Bulloni compressi
2 5. Bulloni tesi
3 4

2 Calcolo rigidezza per ogni


componente
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

COMPORTAMENTO STRUTTURALE DEI GIUNTI


Classificazione dei giunti Calcolo rigidezza e resistenza

3 Calcolo rigidezza giunto


Insegnamento di Costruzione di Macchine

E z2
S j ,ini
z 1
i k
CLM in Ingegneria Meccanica

z = braccio equivalente della coppia


Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

COMPORTAMENTO STRUTTURALE DEI GIUNTI


Classificazione dei giunti Esempi di giunti
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica

Nominalmente
Semi-rigidi Rigidi
incernierati
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

MODELLI PER LANALISI STRUTTURALE


Effetti del comportamento delle giunzioni
I collegamenti sono classificati in base alla loro rigidezza.
Il modello viene costruito tenendo conto della classificazione:
Insegnamento di Costruzione di Macchine

A completo
ripristino di
CLM in Ingegneria Meccanica

resistenza
Cerniere

Nominalmente incernierati

Semirigidi Molle torsionali


Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

Esercizio E.11
Considerando molto elevata la rigidezza delle colonne, calcolare la distribuzione
del momento flettente nella trave orizzontale del portale mostrato in Figura,
tenendo conto della rigidezza delle giunzioni di estremit, che possono essere
realizzate nei tre modi seguenti:
Insegnamento di Costruzione di Macchine

A B C
CLM in Ingegneria Meccanica

Si,ini_A = 300 Knm Si,ini_B = 4000 kNm Si,ini_C = 20000 kNm


HE 160 A
P
Dati HE 160 A
h = 152 mm
b = 160mm
L tf = 9 mm
tw = 6 mm
r = 15 mm

P = 25 kN
L=5m
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

P
y
Insegnamento di Costruzione di Macchine

= =
CLM in Ingegneria Meccanica

L
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3
Insegnamento di Costruzione di Macchine

K=Sj,ini K=Sj,ini
P
CLM in Ingegneria Meccanica

= =
L
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica

=
L
P

=
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

MODELLI PER LANALISI STRUTTURALE

Analisi della struttura


Insegnamento di Costruzione di Macchine

(modelli di calcolo che rispecchino


il comportamento strutturale con
accuratezza appropriata)
CLM in Ingegneria Meccanica

Analisi elastica Analisi plastica


(comportamento del materiale Elasto-plastica : cerniere plastiche
elastico-lineare) Elasto-plastica completa non-lineare

Analisi 1 ordine Analisi 2 ordine


(Equilibrio struttura indeformata) (Equilibrio struttura deformata)
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

MODELLI PER LANALISI STRUTTURALE

Effetti della geometria deformata della struttura


Lanalisi del primo ordine si pu impiegare quando gli incrementi delle
azioni interne prodotti dalle deformazioni possono essere trascurati.
Insegnamento di Costruzione di Macchine

Questo pu ritenersi vero se:


CLM in Ingegneria Meccanica

Fcr 10 per l' analisi elastica


cr
FEd 15 per l' analisi plastica

FEd = Carico di progetto


Fcr = Carico critico di instabilit elastica globale, basato sulle rigidezze
elastiche iniziali
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

MODELLI PER LANALISI STRUTTURALE


Effetti della geometria deformata della struttura (giustificazione).
Q
Si consideri la trave (per simmetria P
si studia il tratto 0xL/2): y
Insegnamento di Costruzione di Macchine

= =
M x x P y
Q
CLM in Ingegneria Meccanica

L
2

d2y
y ( x) A coskx B sin kx
Q
EJ 2 M x x
dx 2P
d2y Q
EJ 2 P y x y ( 0) A 0
dx 2

P dy kL Q
k2 Bk cos 0
EJ dx x L 2 2P
2
2
d y Q
k 2
y x B
Q
dx 2 2 EJ kL
2 Pk cos
2
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

MODELLI PER LANALISI STRUTTURALE


Effetti della geometria deformata della struttura (giustificazione).
Q
Soluzione P
y
sin kx
Q Q
Insegnamento di Costruzione di Macchine

y ( x) x
kL 2P
2 Pk cos = =
2
CLM in Ingegneria Meccanica

L
In particolare interessa:

L Q kL Q L
ymax y ( ) sin
2 kL 2 2P 2
2 Pk cos
2

Q kL kL
tan 2 2
2 Pk

Q L3 24 EJ kL kL
tan 2 2
2 Pk 24 EJ L3
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

MODELLI PER LANALISI STRUTTURALE


Effetti della geometria deformata della struttura (giustificazione).

L3 24 EJ kL kL Q

Q P
2 Pk 24 EJ L3 tan 2 2 y

Insegnamento di Costruzione di Macchine

QL3 24 EJ kL kL = =
tan 2 2
CLM in Ingegneria Meccanica

48 EJ PkL3 L

QL3
P u
k 48 EJ
EJ
3
3
QL 24 EJ 2 kL kL Spostamento in Effetto di P
tan 2 2
48 EJ L3 P assenza di P

u
kL L P
L P L2 P
u P
2 2 EJ 2 EJ 2 2 EJ 2 Pcr
QL3 3tan u u QL3
u
48 EJ u3 48 EJ
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

MODELLI PER LANALISI STRUTTURALE


Effetti della geometria deformata della struttura (giustificazione).
Q
Soluzione P
y
sin kx
Q Q
Insegnamento di Costruzione di Macchine

y ( x) x
kL 2P
2 Pk cos = =
2
CLM in Ingegneria Meccanica

L
In particolare interessa anche:
QEJk L 2 kL
M max tan
d2y 2P 2 L 2
M max x M ( ) EJ 2
L
2 dx x L QL 2 EJ kL
2
M max k tan
4 L P 2
d2y
k 2 sin kx
Q
QL 2 EJ P kL
dx 2
kL tan
2 Pk cos 4 L P EJ 2
2
QL 2 EJ kL
tan
4 L P 2
QEJk kL
M max tan QL tan u
2P 2
4 u
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

MODELLI PER LANALISI STRUTTURALE


Effetti della geometria deformata della struttura (giustificazione).
Q
La correzione per leffetto della P
geometria deformata si mantiene y
Insegnamento di Costruzione di Macchine

abbastanza piccolo finch Pcr/P10


= =
CLM in Ingegneria Meccanica

5 L

4 1.2
Fattorecorrettivo

Fattorecorrettivo
2 1.1

0 1
0 0.1 0.2 0.3 0.4 0.5 0.6 0.7 0.8 0.9 1 0 0.02 0.04 0.06 0.08 0.1

P/Pcr P/Pcr
Fatt.Corr.Spost. Fatt.Corr.Momento
Fatt.Corr.Spost. Fatt.Corr.Momento
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

Esercizio E.12
Verificare la necessit di unanalisi del secondo ordine per il telaio
mostrato in Figura, considerando solo fenomeni di instabilit delle
colonne nel piano.
Nel caso lanalisi del secondo ordine sia richiesta, selezionare il profilo
ottimale (tra gli HE) che consente di evitarla.
Insegnamento di Costruzione di Macchine

P
CLM in Ingegneria Meccanica

Dati HE 160 A
h = 152 mm
b = 160mm
HE 160 A tf = 9 mm
H
tw = 6 mm
r = 15 mm

P = 800 kN
H=3m
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

Dato che le connessione sono assimilabili a delle cerniere, si pu proporre, per


il calcolo del carico critico delle colonne, il semplice modello (approssimato)
mostrato nella Figura.
Insegnamento di Costruzione di Macchine

P P/2
CLM in Ingegneria Meccanica
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

MODELLI PER LANALISI STRUTTURALE

Analisi della struttura


(modelli di calcolo che rispecchino
il comportamento strutturale con
accuratezza appropriata)
Insegnamento di Costruzione di Macchine

Analisi elastica Analisi plastica


CLM in Ingegneria Meccanica

(comportamento del materiale Elasto-plastica (limite): cerniere plastiche


elastico-lineare) Elasto-plastica completa non-lineare

Analisi 1 ordine Analisi 2 ordine


(Equilibrio struttura indeformata) (Equilibrio struttura deformata)
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

MODELLI PER LANALISI STRUTTURALE


Analisi Elastica
Solitamente unica analisi per gli SLS, spesso utilizzata anche per gli SLU.

Vantaggi:
Analisi lineare semplice e veloce
Insegnamento di Costruzione di Macchine

Applicabile la sovrapposizione degli effetti


CLM in Ingegneria Meccanica

Svantaggi
Momenti pi elevati, non contando sulla ridistribuzione plastica
Strutture pi pesanti

Analisi Elasto-plastica non lineare completa


In pratica utilizzata molto raramente nelle analisi per gli edifici

Vantaggi:
Ricostruzione corretta del comportamento della struttura

Svantaggi
Richiede conoscenze specialistiche avanzate e SW per analisi non lineare
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

MODELLI PER LANALISI STRUTTURALE


Analisi Elasto-plastica semplificata (analisi limite)
Spesso utilizzata per gli SLU in strutture semplici, quali telai a portale, travi su
molti appoggi, etc..

Vantaggi:
Insegnamento di Costruzione di Macchine

Analisi non lineare, ma comunque semplice da condurre


Momenti ridotti rispetto allanalisi elastica, grazie alla ridistribuzione plastica
CLM in Ingegneria Meccanica

Strutture pi leggere

Svantaggi
Sovrapposizione degli effetti NON applicabile
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

MODELLI PER LANALISI STRUTTURALE


Analisi Elasto-plastica semplificata (analisi limite)
Lanalisi al collasso plastico o analisi limite si propone di determinare le condizioni
nelle quali la struttura non in grado di sostenere alcun ulteriore aumento di
carico.
Le ipotesi fondamentali su cui si basa sono:
Insegnamento di Costruzione di Macchine

il comportamento del materiale elastico-perfettamente plastico


le sezioni nelle quali non si raggiunto il momento di piena plasticizzazione si
CLM in Ingegneria Meccanica

comportano elasticamente
le sezioni nelle quali si raggiunto il momento di piena plasticizzazione
divengono cerniere plastiche, che possono ruotare senza ulteriori incrementi
del momento
il materiale sufficientemente duttile da consentire le deformazioni plastiche
nella struttura senza rotture
le deformazioni e gli spostamenti si mantengono abbastanza piccoli da non
doverne tener conto nelle equazioni di equilibrio

NB: il raggiungimento del limite plastico non legato necessariamente a sollecitazioni di


flessione, ma potrebbe riguardare, ad esempio, il completo snervamento del membro di una
travatura reticolare. Nel seguito si far riferimento alla formazione di cerniere, in quanto
rappresentano il meccanismo pi comune.
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

MODELLI PER LANALISI STRUTTURALE


Analisi Elasto-plastica semplificata (analisi limite)
Lanalisi limite di una struttura semplice pu essere condotta con la seguente
procedura:
si conduce lanalisi elastica
si individuano i punti in cui il momento maggiore, nei quali si formeranno le
Insegnamento di Costruzione di Macchine

cerniere plastiche
si introducono sufficienti cerniere plastiche da trasformare la struttura in un
CLM in Ingegneria Meccanica

meccanismo (ad 1 gdl)


si calcolano dalle equazioni di equilibrio le reazioni vincolari
una delle equazioni di equilibrio permette di calcolare i valori massimi dei
carichi applicati (con sezioni assegnate) o i valori minimi dei moduli plastici di
resistenza (con carichi assegnati) compatibili con lesistenza delle cerniere
plastiche

NB: Lanalisi limite ha evidentemente senso solo per strutture iperstatiche, dato che una
struttura isostatica si trasforma in un meccanismo alla formazione della prima cerniera
plastica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

MODELLI PER LANALISI STRUTTURALE


Analisi Elasto-plastica semplificata (analisi limite)
-3PL/16
P P Analisi elastica
Insegnamento di Costruzione di Macchine

= = 5PL/32
L
CLM in Ingegneria Meccanica

Mpl Mpl
P Mpl
Meccanismo di collasso

= =
L

Mpl Mpl
P Mpl
Reazioni vincolari da
equazioni di equilibrio P/2 P/2
dellintera struttura
Mpl/L Mpl/L
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

MODELLI PER LANALISI STRUTTURALE


Analisi Elasto-plastica semplificata (analisi limite)
Mpl Mpl
P P Mpl
Insegnamento di Costruzione di Macchine

P/2 P/2
= =
L Mpl/L Mpl/L
CLM in Ingegneria Meccanica

Mpl Mpl Mpl


P/2 P/2
Equilibrio dei due link
P/2 Mpl/L Mpl/L P/2
Mpl/L Mpl/L
P L M pl L P L M pl L
2 M pl 0 M pl 0
2 2 L 2 2 2 L 2
3 PL 3 PL
M pl 0 M pl 0
2 4 2 4
PL PL
M pl M pl
6 6
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

Analisi Elasto-plastica semplificata (analisi limite)


Alcuni esempi da Feodosev, Strength of materials

Mpl=PL/4
L P L
Insegnamento di Costruzione di Macchine

L L Mpl=PL/2
CLM in Ingegneria Meccanica

L L

Mpl=pL2/(2(1+2)2)
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

MODELLI PER LANALISI STRUTTURALE


Procedure di dimensionamento/verifica

RESISTENZA ELASTICA
Insegnamento di Costruzione di Macchine

(Sezioni di qualsiasi Classe)


ANALISI ELASTICA
CLM in Ingegneria Meccanica

RESISTENZA PLASTICA
(Sezioni di Classe 1 e 2)

Verifica
plastica-plastica
ANALISI ELASTO- RESISTENZA PLASTICA
PLASTICA (Sezioni di Classe 1 e 2)
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

Esercizio E.13
Condurre il dimensionamento della trave mostrata in Figura, con modelli di
calcolo elastico-elastico, elastico-plastico e plastico-plastico.

p
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica

p = 35 kN/m
L=5m
Materiale S 235
M0 = 1.05
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

Mpl Mpl p Mpl Mpl


Insegnamento di Costruzione di Macchine

L
CLM in Ingegneria Meccanica

Mpl Mpl p Mpl Mpl

pL/2 pL/2

Mpl Mpl p

pL/2
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA
Aspetti Generali
La Norma prevede che la valutazione della affidabilit a fatica possa
essere condotta con due metodi alternativi:
Insegnamento di Costruzione di Macchine

Metodo del Danneggiamento Accettabile (Damage Tolerant


Approach): il metodo prevede lipotesi di un difetto iniziale
CLM in Ingegneria Meccanica

(generalmente legato alla curva POD del sistema di ispezione


utilizzato), una stima della velocit di propagazione del difetto stesso
in base ai carichi applicati ed una periodica ispezione/riparazione;
Metodo della Vita Sicura (Safe Life Approach) essenzialmente
finalizzato alla prevenzione dellinnesco delle rotture per fatica
tramite specifiche curve di resistenza S-N
La Normativa, di fatto, fornisce specifiche prescrizioni solo per il metodo
Safe Life, per cui nel seguito si far riferimento ad esso
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA
Aspetti Generali
Le tensioni per lanalisi a fatica devono essere calcolate tramite unanalisi
lineare elastica
Insegnamento di Costruzione di Macchine

Le tensioni devono essere calcolate allo SLS


Le tensioni devono essere calcolate nel potenziale punto di innesco della
CLM in Ingegneria Meccanica

rottura per fatica


Se sono presenti effetti di concentrazione delle tensioni, oltre a quelli
tipici dei particolari costruttivi cui si riferiscono le curve di resistenza,
devono essere considerati attraverso un apposito Coefficiente di
Concentrazione della Tensione
Il calcolo pu essere condotto con:
Metodo delle tensioni nominali
Metodo delle tensioni di hot-spot
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI NOMINALI


Calcolo delle tensioni nominali
Le tensioni pertinenti per il materiale base:
Tensioni normali
Insegnamento di Costruzione di Macchine

Tensioni tangenziali
CLM in Ingegneria Meccanica

Le tensioni pertinenti per le saldature:


Tensioni normali trasversali: Wf 2 f 2 f

Tensioni tangenziali parallele: Wf // f

f //f
NB: le tensioni sono calcolate sulla
sezione di gola ribaltata, per cui sono
//f
diverse da quelle usate nella verifica
statica
f
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI NOMINALI


Calcolo dei cicli di fatica
Per il conteggio del numero di cicli di fatica e della relativa variazione di
tensione in una generica storia di carico si pu utilizzare:
Insegnamento di Costruzione di Macchine

Metodo rainflow
Metodo del serbatoio (reservoir method)
CLM in Ingegneria Meccanica

1
2

3
t
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI NOMINALI


Valori di progetto dellintervallo di variazione della tensione
Valori di progetto dellintervallo di variazione della tensione nominale

Valore di Intervallo di variazione della tensione


Insegnamento di Costruzione di Macchine

progetto prodotto dai carichi applicati

Ff E , 2 1 2 ........n Ff Qk
CLM in Ingegneria Meccanica

Ff E , 2 1 2 ........n Ff Qk

Coefficienti di danneggiamento
equivalente
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI NOMINALI


Coefficienti di danneggiamento equivalente

Storia di carico Modello di calcolo


Insegnamento di Costruzione di Macchine

vera semplificato
( Ff Qk ,max )
CLM in Ingegneria Meccanica

Andamento vero Tensioni massime


tensione nel e minime nel ( Ff Qk ,min )
refer. point t refer. point ( Ff Qk )
ni
Danneggiamento DF
i N Ri

Tensione
equivalente a D( E , 2 ,2 106 ) DF
2106 cicli

E , 2 Ff Qk
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

Esercizio E.14
Calcolare la ampiezza di tensione equivalente a 2 Mcicli per lo spettro mostrato
nella Figura 14.1 e nella relativa tabella, basandosi sulla curva di resistenza
riportata nella Fig. 14.2
[MPa] Ni
1000
Insegnamento di Costruzione di Macchine

237.5 4
225 10
200 131
175 1004
CLM in Ingegneria Meccanica

150 5770 100

[MPa]
125 24704
100 78025
75 178755
50 287037 10
25 295524 Fig. 14.1
250

200 1
1.E+04 1.E+05 1.E+06 1.E+07 1.E+08 1.E+09
150
[MPa]

NR
100
Fig. 14.2
50

0
1.E+00 1.E+01 1.E+02 1.E+03 1.E+04 1.E+05 1.E+06
N
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI NOMINALI


Valori di progetto dellintervallo di variazione della tensione
Valori di progetto dellintervallo di variazione della tensione nominale
modificata (per eventuali intagli)
Insegnamento di Costruzione di Macchine

Coefficiente di concentrazione
Modelli FEM per
delle tensioni
calcolare kf
CLM in Ingegneria Meccanica

Ff E , 2 k f 1 2 ........n Ff Qk
Ff E , 2 k f 1 2 ........n Ff Qk

Concentrazioni non comprese nelle curve S-N (Es.: disallineamenti)


Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI NOMINALI


Calcolo del/i valore/i delle tensioni nominali
Le tensioni nominali devono essere calcolate nel punto del potenziale
innesco della rottura per fatica.
Insegnamento di Costruzione di Macchine

In taluni casi, pu essere necessario considerare pi di un punto di innesco


per lo stesso cordone:
CLM in Ingegneria Meccanica

Innesco al piede

Innesco alla
radice
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI NOMINALI


Resistenza a fatica
Curve S-N per le tensioni normali.
C = Categoria del particolare costruttivo
Insegnamento di Costruzione di Macchine

D = Limite di fatica ad ampiezza costante


L = Cut-off limit 1000
CLM in Ingegneria Meccanica

Pendenza3

Pendenza5
2 106
1/ 3 D
C N R 5 106

R[MPa]

N R C
5 106
1/ 5 L
100
R D 5 106 N R 1 108
NR

L 1108 N R

D 0.737 C
L 0.549 D 0.405 C
2E6 5E6 1E8

10
1.E+04 1.E+05 1.E+06 1.E+07 1.E+08 1.E+09
Numerodicicliarottura,NR
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI NOMINALI


Resistenza a fatica
Curve S-N per le tensioni tangenziali.
C = Categoria del particolare costruttivo
Insegnamento di Costruzione di Macchine

L = Cut-off limit
1000
CLM in Ingegneria Meccanica

2 106
1/ 5

C N R 1 108
R
N
R

L 1 108 N R
Pendenza5

L 0.457 C
R[MPa]

100
L
C

2E6 1E8

10
1.E+04 1.E+05 1.E+06 1.E+07 1.E+08 1.E+09
Numerodicicliarottura,NR
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI NOMINALI


Resistenza a fatica
Le Categorie (resistenza a fatica a 2106 cicli) per i diversi particolari costruttivi sono date in appositi
prospetti.

La categoria di un particolare pu essere stabilita per via sperimentale. In questo caso la resistenza a
Insegnamento di Costruzione di Macchine

2106 cicli deve essere calcolata con una probabilit di sopravvivenza del 95% ed un intervallo di
confidenza del 75%.
CLM in Ingegneria Meccanica

Identificazione del particolare, indicazione delle


tensioni pertinenti e dellinnesco
Categoria

Eventuali
prescrizioni
per la
verifica

Eventuali
limitazioni
dimensionali
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI NOMINALI


Resistenza a fatica
La scelta della Categoria per uno specifico giunto deve essere basata su:

Geometria del giunto


Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica

Saldature longitudinali

Saldature trasversali
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI NOMINALI


Resistenza a fatica
La scelta della Categoria per uno specifico giunto deve essere basata su:

Geometria del giunto


Insegnamento di Costruzione di Macchine

Direzione e tipologia di carico


CLM in Ingegneria Meccanica

Forza normale o flessione

Taglio o torsione
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI NOMINALI


Resistenza a fatica
La scelta della Categoria per uno specifico giunto deve essere basata su:

Geometria del giunto


Insegnamento di Costruzione di Macchine

Direzione e tipologia di carico

Zona di rottura attesa


CLM in Ingegneria Meccanica

Rottura al piede

Rottura alla radice


Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI NOMINALI


Resistenza a fatica
La scelta della Categoria per uno specifico giunto deve essere basata su:

Geometria del giunto


Insegnamento di Costruzione di Macchine

Direzione e tipologia di carico

Zona di rottura attesa


CLM in Ingegneria Meccanica

Tipo di saldatura
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI NOMINALI


Resistenza a fatica
Principali classi di Categorie
disponibili:

8.1 Materiale base e giunzioni


Insegnamento di Costruzione di Macchine

chiodate e bullonate
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI NOMINALI


Resistenza a fatica
Principali classi di Categorie
disponibili:

8.2 Travi saldate composte


Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI NOMINALI


Resistenza a fatica
Principali classi di Categorie
disponibili:

8.3 Giunzioni trasversali di testa


Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI NOMINALI


Resistenza a fatica
Principali classi di Categorie
disponibili:

8.4 Elementi saldati accessori


Insegnamento di Costruzione di Macchine

ed irrigidimenti
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI NOMINALI


Resistenza a fatica
Principali classi di Categorie
disponibili:

8.5 Elementi saldati soggetti a


Insegnamento di Costruzione di Macchine

diversi tipi di carico


CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI NOMINALI


Resistenza a fatica
Principali classi di Categorie
disponibili:

8.6 Giunzioni tra elementi


Insegnamento di Costruzione di Macchine

tubolari
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI NOMINALI


Resistenza a fatica
Principali classi di Categorie
disponibili:

8.7 Nodi di travature reticolari


Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI NOMINALI


Resistenza a fatica
Principali classi di Categorie
disponibili:

8.9 Irrigidimenti di lastre


Insegnamento di Costruzione di Macchine

ortotrope
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI NOMINALI


Resistenza a fatica
Principali classi di Categorie
disponibili:

8.10 Giunzioni ala-anima


Insegnamento di Costruzione di Macchine

(tipiche delle travi di sostegno


delle vie di corsa delle gru a
ponte
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI NOMINALI

Effetto della tensione media


Per il materiale base e per saldature soggette a distensione possibile
tener conto delleffetto della tensione media, considerando un intervallo di
variazione della tensione efficace ridotto, E,2,red.
Insegnamento di Costruzione di Macchine

E , 2 E , 2,min 0

CLM in Ingegneria Meccanica

E , 2,red E , 2,max 0.6 E , 2,min E , 2,min 0, E , 2,max 0 1.4


0.6 E , 2,max 0
E ,2
Giuntisaldati
1.2 nondistesi

E,2eff/E,2
0.8

0.6

at Materialebasee
E,2,red

0.4
giuntisaldatidistesi
0.2

ac ac t 0
1 0.5 0 0.5 1
m/E,2
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI NOMINALI

Effetto della tensione media


Per saldature non soggette a distensione non usare un intervallo di variazione
della tensione efficace ridotto, E,2,red. Questo in quanto si considera che siano
Insegnamento di Costruzione di Macchine

potenzialmente presenti elevate tensioni residue di trazione


CLM in Ingegneria Meccanica

Ciclo dovuto ai Ciclo vero


carichi esterni

E,2 E,2,red = E,2


m = m = y E,2/2
Materiale elastico lineare

Materiale elastico perf. plastico


E,2 y b c e E,2 b c, e
y
2 a 2 a

E,2
E.2

res
res

d
d

t
(a) (b)
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI NOMINALI

Verifica
1. Gli intervalli di variazione della tensione nominale, modificata o geometrica
devono soddisfare le relazioni seguenti:
Insegnamento di Costruzione di Macchine

1.5 f y
fy
CLM in Ingegneria Meccanica

1.5
3


fy fy
Immediato Nessuno
shakedown.
<2fy

shakedown.
Ciclo in campo Ciclo in campo
elastico.
t Fatica ad alto t elasto-plastico con

>2fy
plasticit ciclica.
numero di cicli Fatica oligociclica
-fy -fy
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI NOMINALI

Verifica
2. Gli intervalli di variazione di progetto della tensione nominale o modificata
devono soddisfare le relazioni seguenti.
Insegnamento di Costruzione di Macchine

a. Verifica tramite i fattori di danneggiamento equivalente


CLM in Ingegneria Meccanica

C
Ff E , 2
Mf Conseguenze del collasso
C Basse Elevate
Ff E , 2
Mf Mf 1.15 1.35

Per il fattore parziale relativo al carico Ff si consiglia un valore pari a 1.0


Nel caso in cui non si disponga dei fattori per lo spettro di carico della
struttura, non possibile calcolare la tensione di progetto E,2. In questo
caso si pu applicare direttamente la regola di Miner
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI NOMINALI

Verifica
2. Gli intervalli di variazione di progetto della tensione nominale o modificata
devono soddisfare le relazioni seguenti.
Insegnamento di Costruzione di Macchine

b. Verifica tramite il danneggiamento cumulativo: nel caso in cui non si


disponga dei fattori per lo spettro di carico della struttura, non
CLM in Ingegneria Meccanica

possibile calcolare la tensione di progetto E,2; in questo caso si pu


calcolare direttamente il danneggiamento durante la storia di carico
tramite la regola di Miner:
1000

Pendenza3

nEi
Dd 1.0
Pendenza5
D

N Ri

R[MPa]
C
i L

Ffi
100

i
N Ri N R Ff i 1E8
2E6 5E6

n
10

ni 1.E+04 1.E+05 1.E+06 1.E+07


Numerodicicliarottura,NR NRi1.E+08 1.E+09
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI NOMINALI

Verifica
2. Gli intervalli di variazione di progetto della tensione nominale o modificata
devono soddisfare le relazioni seguenti.
Insegnamento di Costruzione di Macchine

c. Verifica tramite il limite di fatica: si pu semplicemente verificare che


risulti:
CLM in Ingegneria Meccanica

L
Ff Max i
Mf
L
Ff Max i
Mf

questa verifica non prevista esplicitamente, ma deriva direttamente


dalla osservazione che se tutti i i sono minori del limite di fatica si
evidentemente Dd=0
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI NOMINALI

Verifica
3. Quando non diversamente specificato nei prospetti che definiscono le
categorie, si raccomanda che, nel caso di combinazioni di variazioni di
Insegnamento di Costruzione di Macchine

tensioni normali e tangenziali E,2 e E,2 (condizioni pluriassiali) sia


verificata la:
CLM in Ingegneria Meccanica

3 5
Ff E , 2 Ff E , 2
1 .0
/ /
C Mf C Mf
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI NOMINALI

Stati di tensione pluriassiali


Gli stati di tensione pluriassiali possono essere classificati in:
Proporzionali: tutte le componenti di tensione variano insieme nel tempo e
tra i loro valori esiste un rapporto costante
Insegnamento di Costruzione di Macchine

t
CLM in Ingegneria Meccanica

cost
t Le direzioni principali dello
stato di tensione non cambiano
durante il ciclo

F=F0cos(t)
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI NOMINALI

Stati di tensione pluriassiali


Gli stati di tensione pluriassiali possono essere classificati in:
Non proporzionali-sincroni: la parte variabile cambia nel tempo in modo
proporzionale, quella costante per non rispetta la stessa proporzione
Insegnamento di Costruzione di Macchine

a t
cost m
CLM in Ingegneria Meccanica

a t m Le direzioni principali dello


stato di tensione cambiano
durante il ciclo, ma non in
maniera marcata.

Mx=cost F=F0cos(t)

m 0
m m0 0
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI NOMINALI

Stati di tensione pluriassiali


Gli stati di tensione pluriassiali possono essere classificati in:
Non proporzionali-asincroni: le tensioni cambiano nel tempo in modo del
tutto generale ed indipendente; si possono avere, ad esempio, differenze di
Insegnamento di Costruzione di Macchine

fase, ma anche di frequenza

a t
CLM in Ingegneria Meccanica

cost Le direzioni principali dello


a t stato di tensione cambiano
durante il ciclo, anche in
maniera marcata.

F1=F01cos(t)

F2=F02cos(t+)
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI NOMINALI

Stati di tensione Proporzionali o Non proporzionali-sincroni


Lintervallo di variazione delle tensioni dovrebbe essere calcolato come il
massimo intervallo di variazione tra le tensioni principali.
Insegnamento di Costruzione di Macchine

LEC 3 applica un metodo sostanzialmente equivalente a quello delle tensioni


principali per alcuni casi specifici.
CLM in Ingegneria Meccanica

In primo luogo si osservi che nei dettagli strutturali, durante i test, le tensioni
normali e tangenziali legati a tipi di sollecitazione solitamente agenti insieme
(Es.: le tensioni normali dovute alla flessione e quelle tangenziali dovute al
taglio) variano evidentemente in modo proporzionale.

Utilizzando, quindi, come parametro di progetto la tensione di riferimento


indicata nel dettaglio e confrontandola con la relativa categoria, si tiene
implicitamente conto anche delleventuale effetto di interazione con le altre
tensioni agenti contemporaneamente.
Il parametro di progetto risulta inoltre proporzionale alla tensione principale
massima.
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI NOMINALI

Stati di tensione Proporzionali o Non proporzionali-sincroni


Ad esempio, per una trave composta sottoposta a flessione e taglio (Partt. 1-6 a
seconda del tipo di saldatura) sufficiente condurre la verifica con le tensioni
normali da flessione, da confrontarsi con la relativa curva di resistenza.
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI NOMINALI

Stati di tensione Proporzionali o Non proporzionali-sincroni


Nel caso in cui le tensioni normali e tangenziali non fossero invece presenti
contemporaneamente nei test sui dettagli strutturali, necessario ricorrere,
anche in presenza di stati di tensione proporzionali, alla:
Insegnamento di Costruzione di Macchine

3 5
Ff E , 2 Ff E , 2
1 .0
/ /
CLM in Ingegneria Meccanica

C Mf C Mf

Ad esempio, per una trave a cassone saldata sollecitata a flessione e


torsione, si possono utilizzare le seguenti categorie:

Flessione + taglio

Torsione
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI NOMINALI

Stati di tensione Proporzionali o Non proporzionali-sincroni


In alcuni (pochi) casi, viene esplicitamente indicato di calcolare il usando le
tensioni principali.
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI NOMINALI

Stati di tensione Non proporzionali-asincroni


In questo caso considerato conservativo calcolare separatamente il
danneggiamento dovuto alle tensioni normali e quello dovuto alle tensioni
tangenziali, come se fossero cicli indipendenti, e sommarli.
Insegnamento di Costruzione di Macchine

Dd D D 1.0
CLM in Ingegneria Meccanica

In termini di valori di progetto, quando disponibili, si ottiene:

3 5
E , 2 Ff E , 2
Dd Ff 1.0
/ /
C Mf C Mf
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI NOMINALI


Stati di tensione Non proporzionali-asincroni
Dimostrazione della relazione di calcolo
E , 2 n 2 10 6 Intervallo di variazione della tensione equivalente
C3 2 10 6 i3 N Ri che produce con 2106 cicli un danneggiamento pari a
Insegnamento di Costruzione di Macchine

quello
3 della effettiva storia di carico
C
E , 2 N R 2 10 6

CLM in Ingegneria Meccanica

E
3
n 2 10 6 E , 2
D
NR C
3
C
2 10 6

E , 2
3
Ff E , 2
D
/
C Mf
5
Ff E , 2
D
/
C Mf
3 5
Ff E , 2 Ff E , 2
Dd 1 .0
/ /
C Mf C Mf
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI NOMINALI


Stati di tensione Non proporzionali-asincroni
Dimostrazione della relazione di calcolo
E , 2 n 2 10 6
C3 2 10 6 i3 N Ri Cicli a rottura corrispondenti alla generica i
Insegnamento di Costruzione di Macchine

3
C
E , 2 N R 2 10 6

E
CLM in Ingegneria Meccanica


3
n 2 10 6 E , 2
D
NR C
3
C
2 10 6

E , 2
3
Ff E , 2
D
/
C Mf
5
Ff E , 2
D
/
C Mf
3 5
Ff E , 2 Ff E , 2
Dd 1 .0
/ /
C Mf C Mf
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI NOMINALI


Stati di tensione Non proporzionali-asincroni
Dimostrazione della relazione di calcolo
E , 2 n 2 10 6
C3 2 10 6 i3 N Ri
Insegnamento di Costruzione di Macchine

3
C
E , 2 N R 2 10 6
Cicli a rottura corrispondenti a E,2
E
CLM in Ingegneria Meccanica


3
n 2 10 6 E , 2
D
NR C
3
C
2 10 6

E , 2
3
Ff E , 2
D
/
C Mf
5
Ff E , 2
D
/
C Mf
3 5
Ff E , 2 Ff E , 2
Dd 1 .0
/ /
C Mf C Mf
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI NOMINALI


Stati di tensione Non proporzionali-asincroni
Dimostrazione della relazione di calcolo
E , 2 n 2 10 6
C3 2 10 6 i3 N Ri
Insegnamento di Costruzione di Macchine

3
C
E , 2 N R 2 10 6

E
CLM in Ingegneria Meccanica


3
n 2 10 6 E , 2
D Danneggiamento calcolato con E,2
NR C
3
C
2 10 6

E , 2
3
Ff E , 2
D
/
C Mf
5
Ff E , 2
D
/
C Mf
3 5
Ff E , 2 Ff E , 2
Dd 1 .0
/ /
C Mf C Mf
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI NOMINALI


Stati di tensione Non proporzionali-asincroni
Dimostrazione della relazione di calcolo
E , 2 n 2 10 6
C3 2 10 6 i3 N Ri
Insegnamento di Costruzione di Macchine

3
C
E , 2 N R 2 10 6

E
CLM in Ingegneria Meccanica


3
n 2 10 6 E , 2
D
NR C
3
C
2 10 6

E , 2
3
Ff E , 2
D Inserendo i coefficienti parziali
/
C Mf
5
Ff E , 2
D
/
C Mf
3 5
Ff E , 2 Ff E , 2
Dd 1 .0
/ /
C Mf C Mf
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI NOMINALI


Stati di tensione Non proporzionali-asincroni
Dimostrazione della relazione di calcolo
E , 2 n 2 10 6
C3 2 10 6 i3 N Ri
Insegnamento di Costruzione di Macchine

3
C
E , 2 N R 2 10 6

E
CLM in Ingegneria Meccanica


3
n 2 10 6 E , 2
D
NR C
3
C
2 10 6

E , 2
3
Ff E , 2
D
/
C Mf
5
Ff E , 2
D
/ Analogamente per il danneggiamento prodotto da E,2
C Mf
3 5
Ff E , 2 Ff E , 2
Dd 1 .0 Danneggiamento totale
/ /
C Mf C Mf
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI NOMINALI


Stati di tensione Non proporzionali-asincroni
Dimostrazione della relazione di calcolo
E , 2 n 2 10 6
C3 2 10 6 i3 N Ri
Insegnamento di Costruzione di Macchine

3
C
E , 2 N R 2 10 6

E
CLM in Ingegneria Meccanica


3
n 2 10 6 E , 2
D
NR C
3
C
2 10 6

E , 2
3
Ff E , 2
D
/
C Mf
5
Ff E , 2
D
/ Analogamente per il danneggiamento prodotto da E,2
C Mf
3 5
Ff E , 2 Ff E , 2
Dd 1 .0 Danneggiamento totale
/ /
C Mf C Mf
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

Esercizio E.15
Condurre la verifica a fatica per sola flessione e per flessione e torsione della
barra tubolare mostrata nella Figura. Saldature non distese.
Insegnamento di Costruzione di Macchine

Cordone
dangolo
A 10

200
CLM in Ingegneria Meccanica

z
10
y y

Piena A z
penetrazione
Sez. A-A
Mx = 3.0 kNm
Mz = 2.0 kNm
n = 250000 cicli di lavoro
Mf = 1.15 Ff = 1.0
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI GEOMETRICHE


La tensione geometrica o di Hot-spot la tensione principale strutturale massima calcolata nel
materiale base al piede del cordone. Essa considera gli effetti dovuti alla geometria globale di un
determinato particolare costruttivo e non quelli dovuti alla micro-geometria locale di dettaglio del cordone,
come per esempio i suoi raggi di raccordo.
Insegnamento di Costruzione di Macchine

vera strutturale peak



vera,max
vera
CLM in Ingegneria Meccanica

= +
HS
N0 N=0
M0 M=0

strutturale

HS

vera,max
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI GEOMETRICHE


Esempi di variazione della tensione di hot-spot in alcune giunzioni (da Fatigue design of welded joints
and components, The International Institute of Welding (IIW), the Abington Publishing, 1996)
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI GEOMETRICHE

VALUTAZIONE: sperimentale, tramite strain gauges


Insegnamento di Costruzione di Macchine


vera
CLM in Ingegneria Meccanica

HS
Strain gauge

estrapolazione

d1
d2

strain gauges
Apposite norme suggeriscono il numero, le posizioni e le dimensioni degli
strain gauges in funzione dello spessore della lamiera
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI GEOMETRICHE

VALUTAZIONE: Numerica con Modelli 3-D (brick)


Insegnamento di Costruzione di Macchine

Tensione di hot spot valutata tramite:

Estrapolazione, sostituendo le
CLM in Ingegneria Meccanica

tensioni calcolate col FEM a quelle


misurate dagli estensimetri

Estrazione della parte lineare dalla


distribuzione di tensioni: si prende
landamento nello spessore delle
tensioni al piede della saldatura e se
ne estrae la parte membrane +
bending

HS

= +

N0 N=0
M0 M=0
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI GEOMETRICHE

VALUTAZIONE: Numerica con Modelli a shell


Insegnamento di Costruzione di Macchine

Tensione di hot spot valutata tramite:

Estrapolazione, sostituendo le
CLM in Ingegneria Meccanica

tensioni calcolate col FEM a quelle


misurate dagli estensimetri

Valutazione diretta della tensione al


piede del cordone: il modello shell
fornisce direttamente landamento
lineare.

HS
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI GEOMETRICHE

Confronto con il metodo della tensione nominale


La tensione nominale correlata alla tensione effettiva agente nel cordone da un
fattore di proporzionalit k (sinch si resta in campo elastico), che deve tener
conto di numerosi fattori.
Insegnamento di Costruzione di Macchine

vera nom
CLM in Ingegneria Meccanica

vera k nom
Dipende da:
geometria giunto
Richiesta una curva S-N geometria componente
specifica per ogni particolare tipo di carico
strutturale (forma giunto, tipo forma cordone
cordone) e modalit di carico etc.
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI GEOMETRICHE

Confronto con il metodo della tensione nominale


La tensione nominale correlata alla tensione effettiva agente nel cordone da un
fattore di proporzionalit k (sinch si resta in campo elastico), che deve tener
conto di numerosi fattori.
Insegnamento di Costruzione di Macchine

La curva S-N ingloba gli effetti di:


geometria del giunto La tensione nominale ingloba gli effetti di:
CLM in Ingegneria Meccanica

tipo di sollecitazione livello di carico


concentrazioni tensione nel cordone
tensioni residue
difetti ed imperfezioni del cordone
tecnologia di saldatura

Curva S-N variabile con il tipo di cordone, con la geometria del


giunto e con le modalit di carico
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI GEOMETRICHE


La tensione geometrica o di Hot-spot
Insegnamento di Costruzione di Macchine

La curva S-N ingloba gli effetti di: La tensione hot spot ingloba gli effetti di:
concentrazioni tensione nel cordone livello di carico
tensioni residue distribuzione di tensioni nel giunto
CLM in Ingegneria Meccanica

difetti ed imperfezioni del cordone tipo di sollecitazione


tecnologia di saldatura

Curva S-N variabile solo con il tipo di cordone (e non con la geometria del giunto o del
componente)

PROBLEMI APERTI:
risultati mesh-sensitive, con procedure di analisi ancora non del tutto standardizzate
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

VERIFICHE A FATICA METODO DELLE TENSIONI GEOMETRICHE

Curva S-N
Le curve S-N per il metodo delle tensioni geometriche sono in numero molto pi
ristretto rispetto a quello delle tensioni nominali (3 in tutto).
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3

Esercizio E.15
Condurre la verifica a fatica per sola flessione della barra tubolare mostrata nella
Figura. Saldature non distese.
Cordone
dangolo
A 10

200
z
Insegnamento di Costruzione di Macchine

10
CLM in Ingegneria Meccanica

y y

A z
Sez. A-A
Tensione nel punto A, xA = 45 MPa
Tensione nel punto B, xB = 37 MPa
n = 250000 cicli di lavoro 6 4
Mf = 1.15 Ff = 1.0

B A
Insegnamento di Costruzione di Macchine
CLM in Ingegneria Meccanica
Lezioni sul progetto di strutture in acciaio secondo Eurocode 3