Sei sulla pagina 1di 4

Scordia nuovo futuro

Da troppo tempo Scordia stata abbandonata a s stessa, ridotta in condizioni


che non merita, immagine sbiadita della bella citt che abbiamo conosciuto in
passato, in continuo fermento culturale, imprenditoriale, sociale e politico. Vogliamo
di nuovo Scordia e per questo metteremo in campo una squadra di eccellenza che,
dal primo giorno, non perda nemmeno un attimo per rimettere in moto la nostra citt,
senza mosse demagogiche, ma con pragmatismo, competenza ed in totale
trasparenza. Non sar facile per nessuno amministrare questa straordinaria citt, ma
noi crediamo fortissimamente nel nostro sogno di ridare fiducia ai cittadini e credere
in un nuovo futuro.

Ecco alcuni punti del nostro programma amministrativo, consultabile integralmente


nella pagina Facebook...

POLITICA DEI SERVIZI E DEL PERSONALE


Il personale vive una fase di demotivazione. In queste condizioni, la macchina
amministrativa lontana dallessere uno strumento di sviluppo ed un moltiplicatore di
opportunit, non aiuta i suoi cittadini ad avere servizi migliori, non spinge leconomia
della citt ad essere pi competitiva. Il motore dellAmministrazione sono le donne e
gli uomini che vi lavorano. Per valorizzare questo lavoro avvieremo un progetto di
razionalizzazione del personale con lobbiettivo di rendere efficiente il funzionamento
degli uffici comunali. Procederemo al riequilibrio di tutte le posizioni del personale
comunale e alla valorizzazione delle professionalit interne, compresa la progressiva
stabilizzazione del precariato. La pianta organica, compatibilmente con i vincoli
imposti dallo stato di dissesto, andr adattata alle esigenze dellefficienza dei servizi ai
cittadini avendo sempre lobbiettivo della qualit del servizio offerto.

INNOVAZIONE TECNOLOGICA
Le tecnologie digitali stanno trasformando ovunque il modo di fare Amministrazione.
Scordia deve tornare ad essere un comune allavanguardia come lo stato in passato.
Attueremo un progetto di Open data rendendo pubblici e facilmente monitorabili dai
cittadini tutti i dati dellAmministrazione (risorse assegnate e spese, ambiti tematici,
soggetti attuatori e tempi di attuazione, pagamenti). Ci attrezzeremo rapidamente per
rendere i nostri servizi disponibili e accessibili al Sistema Pubblico dellIdentit digitale
(SPId), in modo che i cittadini, aderendovi, potranno accedere on-line a tutti i servizi
della pubblica Amministrazione con ununica identit digitale. Il portale internet del
Comune di Scordia diventer uno spazio interattivo di comunicazione fra i cittadini e
lamministrazione.

SVILUPPO ECONOMICO e LAVORO.


Leconomia della nostra citt vive una fase di stagnazione e di crisi che vanno
affrontate con decisione e con una visione strategica di lungo periodo che valorizzi
tutte le risorse umane, strumentali e di conoscenza presenti nel nostro territorio. lo
sviluppo dell'economia e la creazione di opportunit di lavoro a favore dei giovani si
realizza attraverso la concertazione di azioni integrate fra l'amministrazione, le
imprese, la scuola e le forze sociali. Dobbiamo far dialogare tradizione e innovazione,
dobbiamo far incontrare gli artigiani che vogliono trasmettere il mestiere con gli
innovatori digitali. Lalternanza Scuola-Lavoro una grande opportunit da cogliere
non solo in chiave educativa ma anche delleconomia e dello sviluppo del nostro
territorio. L'amministrazione dovr diventare un facilitatore dello sviluppo economico
utilizzando, in tutte le loro potenzialit, strumenti quali lo "Sportello Unico" delle
imprese e i progetti europei per la formazione e la qualificazione degli artigiani, degli
agricoltori e dei commercianti, necessari per affrontare la sfida del mercato globale.
Lagricoltura del nostro territorio, ancora vettore trainante delleconomia della nostra
citt, necessita di servizi innovativi e di unadeguata rappresentanza degli interessi
degli agricoltori. Va avviato un rapporto costante e progettuale con le organizzazioni di
categoria del territorio e con i singoli imprenditori agricoli, per salvaguardare la piccola
propriet e bloccare il continuo abbandono delle campagne. Va diffusa la cultura della
qualit dei prodotti locali e assicurata lassistenza a tutti gli operatori economici per
laccesso ai finanziamenti europei. Va garantita la sicurezza dei lavoratori sui posti di
lavoro e la tutela delle attivit produttive dagli attacchi della criminalit. La legalit
assoluta delle procedure e il possesso dei requisiti di legge, dovr essere punto
irrinunciabile per le imprese che ricevono commesse pubbliche.
Larea industriale-artigianale-commerciale, rappresenta ancora una grande
opportunit di sviluppo, a patto di attuare una politica concreta di concertazione con
gli operatori economici che in essa agiscono.
Il no-profit una grande opportunit imprenditoriale ed occupazionale, da sviluppare
anche con formule innovative di welfare, per lassistenza alle persone e per
linclusione sociale. Incentiveremo limprenditorialit dei giovani, specie nei settori
delle industrie creative e digitali con una politica sugli spazi pubblici inutilizzati da
trasformare con investimenti minimi, compatibili con la situazione del bilancio
comunale, in luoghi e servizi per la creativit (incubatori, fablab, spazi di coworking).

OPERE PUBBLICHE
La situazione di dissesto limita fortemente le possibilit di realizzare investimenti in
opere pubbliche. Rimane, tuttavia, da giocare la carta della progettualit: la capacit
di reperire risorse esterne attraverso la partecipazione ai bandi, nazionali ed europei, e
lattrazione di investimenti privati attraverso la finanza di progetto. Si dovr vigilare
attentamente sulla realizzazione dei progetti gi finanziati ed esecutivi come ad
esempio il programma di manutenzione straordinaria della viabilit urbana. Andr
realizzata al pi presto anche una manutenzione delle infrastrutture a rete, in
particolare dellilluminazione urbana, dellacquedotto e della rete fognaria. Per il
depuratore consortile, invece, vale un discorso diverso: sbroglieremo la matassa
burocratica, tecnica e giuridica che da anni ne impedisce la messa in funzione, non
sappiamo se riusciremo a vedere questa terra promessa, ma affronteremo il
problema da subito, mettendo in campo le migliori competenze per raggiungere
lobiettivo. Legalit e trasparenza accompagneranno qualunque progetto pubblico,
preferendo sempre ladozione delle procedure ad evidenza pubblica e assicurando
laccesso a tutti i cittadini agli atti attraverso la pubblicazione integrale di tutte le
procedure nel sito internet del comune.

POLITICHE DEI SERVIZI SOCIALI


C bisogno, soprattutto, di riscoprire la centralit dei servizi di welfare che rivestono
una funzione fondamentale per promuovere linclusione sociale, per rispondere ai
vecchi come ai nuovi rischi sociali, per dare un contributo diretto e indiretto alla
creazione di nuova occupazione e di nuove reti di imprese a finalit sociale. Il Piano di
Zona rappresenta, ancora, lo strumento privilegiato di intervento in tutte le attivit in
esso previste: interventi a favore di giovani, anziani e disabili; tuttavia, nuove forme di
welfare, che mettono al centro la persona e i suoi bisogni, si affacciano allorizzonte e,
per questo, lamministrazione deve dotarsi di tutti gli strumenti idonei a cogliere le
opportunit e per monitorare i bisogni di servizi socio-assistenziali emergenti,
puntando su un rapporto stretto di collaborazione con le associazioni di volontariato,
gli enti e le parrocchie. Si dovranno attivare nuovi servizi rivolti agli anziani, ai giovani
ed adulti a rischio devianza o dipendenze, ai disabili. Alcune misure sono realizzabili
anche dentro i risicati spazi di manovra del comune in dissesto: le residenze private in
cui vivono insieme gruppi di anziani da assistere con operatori sanitari (co-housing
assistito); listituzione di un albo badanti comunale; la vigilanza antitruffa; lutilizzo
degli strumenti antiusura; i servizi di monitoraggio attivo delle persone anziane e sole;
i servizi educativi per i giovani a rischio devianza; la lotta alle nuove dipendenze ed in
particolare allalcol e al gioco dAzzardo Patologico (gAP) rispetto al quale va applicata
la legislazione volta a prevenire e ridurre queste dipendenze (norme che vietano di
collocare le sale da gioco in aree sensibili come scuole, ospedali, luoghi di culto, centri
anziani). Per rendere proficua la relazione di aiuto dellistituzione comunale andranno
promosse nuove forme di partecipazione sociale per gli anziani, i giovani, i bambini, i
disabili, gli immigrati.

UNA NUOVA URBANISTICA e SICUREZZA URBANA


La citt di Scordia oggi ripartita in pi citt separate, disomogenee, che tendono ad
allontanarsi economicamente e socialmente. C la citt del centro storico, quella
delle aree di espansione, quella di contrada Montagna e quella diffusa nelle aree rurali.
Lobiettivo che abbiamo quello di integrare le diverse aree che compongono Scordia.
una grande sfida e per vincerla dobbiamo avere una visione urbanistica della citt di
lungo periodo. Mireremo a ricompattare la citt per servirla meglio, riducendo la
separazione e lesclusione sociale. Il punto di partenza sar la riqualificazione
architettonica e ambientale della citt, per rendere luoghi e servizi accessibili si
abbatteranno totalmente le barriere architettoniche e si creeranno nuovi punti di
incontro e di aggregazione. Scordia dovr essere preparata a partecipare ai bandi
emanati periodicamente da Europa, Stato e Regioni. Va redatto al pi presto un nuovo
piano del traffico urbano e attuate forme nuove di trasporto pubblico che colleghino
parti distanti della citt. Va ripristinata integralmente la segnaletica orizzontale e
verticale in tutte le parti della citt, soprattutto davanti alle scuole e nei luoghi ad
intenso transito.
La sicurezza dei cittadini e la prevenzione di fenomeni criminali andr realizzata
attraverso lattuazione della recente normativa che attribuisce ai sindaci nuovi poteri
di pubblica sicurezza; nonch attraverso la realizzazione di un efficiente sistema
urbano di videosorveglianza. Si attiveranno anche strumenti per la collaborazione
attiva di tutti i cittadini che vogliono riappropriarsi di una dimensione urbana vivibile e
civile.

AMBIENTE
Il primo passo quello di ripulire la citt e di predisporre tutte le azioni per mantenerla
pulita. Vie, spazi e piazze della citt sono in una situazione indecorosa che va
eliminata al pi presto affinch essa non si ripresenti mai pi. Lavvio del nuovo
servizio di raccolta e pulizia di Kalatambiente rappresenta un banco di prova per
esigere, con assoluto rigore, il rispetto del contratto con la ditta appaltatrice, pronti ad
adottare ogni misura che la legge ci consente a tutela della nostra citt. Scordia
produce circa 5,5 mila tonnellate di rifiuti lanno riuscendo a differenziare solo il 58 %.
Sembra una grande cifra ma lontana da quanto necessario per abbattere in modo
significativo i costi del servizio di conferimento in discarica delle 2,3 mila tonnellate di
rifiuti non differenziati. Per accrescere la quota differenziata sar fondamentale il
coinvolgimento dei cittadini, garantendo un immediato riscontro al loro impegno
attraverso ladozione di una Tariffa Puntuale che premi chi produce meno rifiuti
indifferenziati e sanzioni pesantemente chi viola gli obblighi di differenziazione.
La vivibilit urbana andr migliorata attraverso il monitoraggio costante
dellinquinamento nelle varie sue forme: atmosferico, acustico. Verr messa in atto
una politica di severo rigore verso le discariche abusive di materiali inerti e di rifiuti
attuando una dura repressione delle attivit inquinanti.

CON GLI ALTRI COMUNI


La partecipazione del Comune di Scordia agli enti territoriali che gestiscono servizi di
primaria importanza per i cittadini, come quello della raccolta e smaltimento dei rifiuti
solidi urbani (Kalatambiente SRR) oppure lutilizzo di risorse europee del programma
Leader (GAL Natiblei), dovr affermare gli interessi supremi della comunit scordiense,
con il riconoscimento del suo ruolo di citt importante del calatino e attraverso una
presenza qualificata in tali enti.

CULTURA, TEMPO LIBERO e SPORT


La cultura e il tempo libero sono opportunit di crescita personale e collettiva. Tutte le
citt vivaci culturalmente lo sono anche dal punto di vista economico. Scordia da
sempre stimola i suoi abitanti, i giovani in particolare, alla produzione di idee e di arte.
Il nostro obiettivo sar quello di sostenere, incoraggiare e tutelare chi vuole far
cultura, attraverso un uso efficiente e mirato di tutti gli spazi e delle strutture che la
citt possiede e che sono da tempo inutilizzati. Vanno, al contempo, ri-valorizzate
anche le risorse culturali come il Premio Letterario Nazionale di poesia edita in
tutti i dialetti dItalia Salvo Basso, che ha posto la nostra citt allattenzione del
mondo accademico nazionale.
Cultura sono anche le tradizioni e il folklore, momenti di aggregazione civile e di
costruzione della comunit. Il natale, il carnevale, le manifestazioni di piet popolare,
sono occasioni di aggregazione civile, di costruzione di comunit che appartengono
alla nostra tradizione e che vanno recuperate con il coinvolgimento
dellassociazionismo, mettendo a loro disposizione strutture e servizi pubblici.
Lo sport una grande opportunit per costruire una citt migliore: non solo momento
di attivit fisica ma, anche, occasione di incontro tra le diverse generazioni, di
educazione ai valori, di inclusione per prevenire il disagio sociale.
I numerosi percorsi naturalistici e archeologici presenti nelle campagne che circondano
la nostra citt, inoltre, sono una grande risorsa turistica e unopportunit di
educazione alla natura e allambiente.
Il nostro obiettivo sar quello di coinvolgere le associazioni ricreative e sportive, in
modo particolare quelle che curano gli sport considerati minori. Solo con il contributo
di tutti avremo un nuovo futuro e , Scordia citt dello Sport e del tempo libero.

RISANAMENTO ECONOMICO.
Lobiettivo rimettere in piedi il bilancio della citt. Occorre uscire dalla procedura di
dissesto nei tempi previsti dalla legge, senza ritardi. Fatto questo, bisogna attuare una
sana politica di bilancio, per recuperare le sacche di inefficienza della spesa e attivare
tutte le risorse disponibili, a partire da quelle europee, investendole nel migliore dei
modi. Dal punto di vista organizzativo, verr creato un osservatorio permanente
composto da esperti e professionisti che, gratuitamente, affiancher il Sindaco, gli
assessori e i dirigenti del Comune, per studiare come eliminare gli sprechi,
razionalizzare gli acquisti di beni e servizi, aumentare la produttivit
dellAmministrazione. La gestione oculata e trasparente delle entrate locali
essenziale per rendere sostenibile nel futuro qualunque iniziativa di modernizzazione,
di sviluppo e di investimento da parte del Comune di Scordia. Gli scordiensi devono
essere partecipi della destinazione dei soldi da loro pagati allEnte e per questo
saranno promosse forme di bilancio partecipato; sar curata la trasparenza e il
controllo diretto da parte dei cittadini; saranno attuati nuovi strumenti specifici quali
bilancio di responsabilit sociale e di genere.

Potrebbero piacerti anche