Sei sulla pagina 1di 19

LE TRADIZIONI DI MARA SU CONNOTU DE MARA

IL CARNEVALE SU CARNOVALI

LA QUARESIMA, LA SETTIMANA SANTA E LA PASQUA SA CARSIMA, SA CIDA SANTA E PASCA MANNA

LA CANDELORA SA CANDELORA

SAN GIOVANNI SANTUANNI

TUTTI SANTI IS PANIXEDDAS

IL CARNEVALE SU CARNOVALI

[Tratto da: UCCIA AGUS, Tradizioni popolari campidanesi, [Pigau de: UCCIA AGUS, Tradizioni popolari campidanesi,
1994, pp. 25-26] 1994, pginas 25-26]

Il carnevale di Maracalagonis particolarmente lungo, poi- Su carnovali de Mara dda tirat a longu po medas diis, ca cu-
ch ha inizio con lEpifania al segnale ufficiale del corno di mentzat sa dii de sa Pasca de is Tres Urreis cun su sinnali

-1-
caccia. Tuttavia, al solito, i festeggiamenti di qualche rilievo si <<ufitziali>> de su corru po andai a cassa. E puru is afestus de
svolgevano (ora sono ridotti a una larva) secondo il calendario calincunu importu (in dii de oi funt, po su prus, totus spars-
comune. Anche per Mara - come per Sinnai, Settimo San Pie- sius) sighiant a su calendriu comunu. Finas a Mara comenti
tro, Quartu, Quartucciu e Selargius - le feste descritte sono puru a Snnia, Setimu, Quartu, Quartciu e Cerxius is afe-
quelle che hanno perdurato fino allultima guerra. Poco dopo si stus fiant cussus etotu finas a srtima gherra. Apustis de
svolto per processo di massificazione che ha lasciato soprav- pagu tempus de insandus, po mori de su chi naraus su processu
vivere alcune danze tradizionali e luso di friggere zippulas e de massificazione, funt abarraus biatzus is baddus segundu
preparare dolciumi. santigriu e sumperu de friri tzpulas e de fai durcis puru.

Sa gibia cadraiollu (il gioved del calderone, da caddaxiu, Sa gibia cadraiollu (sa gibia de su caddxiu, cadrxiu o
cadraxiu o cardaxiu, calderone per friggere o bollire cibi) era cardxiu, est a nai de saina po friri o ponni a buddiri sa cosa
giorno di feste, di danze e di frittura. I balli proseguivano de papai) fiat una dii de festa, de baddus e de friri. Is baddus
domnigu, in forma pi fastosa, sulla piazza. Lusanza delle sighiant su domnigu, cun scioru prus mannu, in sa pratza.
Quarantore, ossia lesposizione in chiesa del Santissimo per Susntzia de is <<Corantoras>> est a nai sesponidura in crsia
quarantore, fino al marted grasso non impediva n attenuava i de su Santssimu po coranta oras, finas a su martis grassu no
festeggiamenti, perch, anzi, si danzava fino a notte tarda. fiant de strobu e nimancu smengunt is afestus poita, antzis,
baddnt finas a noti manna.
Su lunis de agoa era il giorno in cui le danze e le feste conti- Su lunis de agoa fiat sa dii chi sighiant a baddai e a afestai
nuavano e, accanto ai comuni ballerini, troviamo le maschere; e, acanta de is chi baddnt comunementi, agataus a is chi si
alcune di animali, altre parodie i tipi del paese. maschernt; calincunu ponendi-s una mschera d-unu animali,
Il martis de agoa, allo scadere delle Quarantore, si svol- calincunu teru mascherendi-s comenti a sa genti stravanada
geva nel pomeriggio una corsa di cavalli, coi cavalieri in costu- de sa bidda.
me e poi, a sera, la processione di Carnevale. Il fantoccio era Su martis de agoa, pagu prima de acabai is <<corantoras>>,

-2-
abitualmente di fieno e stracci variopinti, il suo ventre era co- fiant a mer una cursa de cuaddus, cun is chi setziant a cuaddu
stituito da ventrame di bue e il viso era una zucca cava, una bistius in costumi e agoa, a mericeddu, sa processione de Car-
crocoriga de istrexu, fornita di occhi, naso e bocca e spesso novali. Su mustajoni ddu fiant de fenu e de tzpulus pintaus, sa
illuminata allinterno con un lume. Carnevale era portato in pro- brenti sua dda fiant cun su matzmini de boi e sa faci fiat una
cessione per le strade del paese sopra un carretto trainato da crocoriga stuvia, una crocoriga de istrexu cun is ogus, su nasu
un asino. La folla, tra gli schiamazzi, chiedeva vino e dolciumi. e sa buca e anturu cun d-una lntia alluta. Carnovali ddu por-
Del corteo facevano parte diversi tipi di maschere. Quelle tnt in processioni po is arrugas apitzus d-unu carretoni tragau
raffiguranti i personaggi singolari del paese e quelle degli uo- de unu burricu. Sa craca de sa genti, strambullendi-s, pregon-
mini travestiti da donna sono scomparse assai di recente. tt binu e bobois.
Quelle che, invece, raffiguravano animali e che risalivano pro- A su corteu pignt parti arratzas diversas de mscheras.
babilmente a data assai antica, sono scomparse da una trentina Cussas afigurendi is chi de sa bidda fiant strambecus e cussas
danni. Il signor Silvio Falqui descrive le maschere animalesche de is minis bistius a fmina funt sparssias imoi de pagu me-
che lui vedeva trenta o quaranta anni fa: i mascherati usava- da. Cussas, po contras, afigurendi animalis e capassu chi fiant
no coprirsi di pelli, che potevano essere di cervo, di cinghiale o antigas meda, funt sparssias d-unu trinta annus a imoi. Silvio
di caprone. Talora, con una pelle nera su dorso, si legavano in- Falqui chistionat aingriu de is mscheras chi issu etotu biiat
sieme a una catena o ad un bastone ed invitavano gli orsi, di cui <<trenta o quaranta anni fa>>: is chi si maschernt si coberiant
si sforzavano di riprodurre anche i grugniti. difficile scopri- de peddi, podiat essi de crebu, de sirboni o de crabu mannu. A
re lorigine di questa imitazione degli orsi, visto che questi bortas, cun d-una peddi niedda in is palas, saciungiant apari a
plantigradi non hanno il loro habitat in Sardegna. una cadena o a una matzoca e insullnt is ursus cun sa tenta de
Alla fine della processione, in una piazza, Carnevale subiva la ddus stroci. Bai e circa de aundi ndi bengat custa strocidura
solita operazione, dopo la quale moriva. Al sostare del corteo de is ursus, est cosa traballosa a sciri ca no ddui bivint in Sar-
gli si facevano intorno i medici, il dnnia.
macellaio e gli infermieri. Il medico pi esperto gli apriva il A sacabu de sa processioni, in d-una pratza, a Carnovali ddu

-3-
ventre, asportando metri e metri di visceri di bue. Appena ri- fiant diaici agoa de si morri: candu su corteu si firmt ddu in-
cucito, il paziente moriva. Dopo di che veniva compianto con girint is dotoris, su carnatzeri e is infermieris. Su dotori, su
atitidus e, cosparso di petrolio, era fatto bruciare. Codesta prus sbiu, ddoberiat sa brenti, boghendi-nci aforas unu sciacu
usanza del funerale dopo loperazione e dellardere il fantoc- de metrus de frisciura de boi. Apena ddu torrnt a cusiri, issu
cio, bench ridotta ai minimi termini e senza particolari ma- etotu si fiat mortu. Apustis chi ddiant prantu cun atitidus e,
schere, era ancora in uso sino a tre anni or sono. I soliti versi infundendiddu cun su petrliu, ddu abruxint. Custa usntzia
Carnovali mottu, spacciau solle proccu accompagnavano il de ddu interrai apustis chi ddiant operau e abruxiau, mancai
defunto. fessit amischinada e fora de imperai mscheras prpias, dda
I festeggiamenti carnevaleschi, chiusi con la morte di Carne- fiant ancora finas a pagu tempus. Is versus chi fiant slitus
vale, avevano tuttavia unappendice la prima domenica di qua- <<Carnovali motu, spaciau solle procu...>> acumpangit a su mor-
resima, detta a Mara su carnevaloni (il carnevalone). Tipica di tu.
questo giorno era lusanza dinfrangere per le strade delle pi- Is afestus, acabendi cun sa morti de Carnovali, sodignt in-
gnatte sospese tra due balconi (come a sa pariglia di Sinnai) tamus in su primu domnigu de caresima, chi a Mara ddi nant su
colpendole in groppa a cavalli con bastone e cercando carnevaloni (il carnevalone). Prpiu de custa dii fiat sa co-
dindovinare in quale pignatta si trovasse sa roba bona (la roba stumntzia de arrogai po is arrugas is pingiadas pndias in artu
buona), premio costituito in genere da dolciumi. I cavalieri era- intra duus barconis (comenti in sa parllia de Snnia) e de ddas
no quasi sempre mascherati. acorpai stzius a cuaddu e circhendi de intzertai in cali pingia-
da sagatesssit sa roba bona, su prmiu fatu su prus de is bor-
[Tradotto in sardo a cura dello Sportello della Lingua Sarda tas de bobois. Is chi setziant a cuaddu fiant mascheraus po su
di Mara] prus.

[Furriau in sardu a incuru de su Portalitu de sa Lngua Sarda


de Mara]

-4-
LA QUARESIMA, SETTIMANA SANTA E PASQUA SA CARSIMA, SA CIDA SANTA E SA PASCA MANNA

[Tratto da: UCCIA AGUS, Tradizioni popolari campidanesi, [Pigau de : UCCIA AGUS, Tradizioni popolari campidanesi,
1994, pp. 79-81] 1994, pginas 79-81]

Anche a Mara sa caresima, che inizia su merculis de cinixu, Finas a Mara sa carsima, cumentzendi su mrculis de cinixu,
interrompeva il grande digiuno e lastinenza la prima domenica acabt su giaunu mannu e sastinntzia su primu domnigu infa-
successiva su carnevaloni ed il giorno di San Giuseppe (19 mar- tu de su carnaveloni e de sa dii de Santu Giusepi (su 19 de mar-
zo). Le donne indossavano abiti scuri. Luso del viola come colo- tzu). Is fminas si cuncordnt bistendi-s de colori murenu. Su
re predominante oggi scomparso. Esso era riservato soprat- colori morau, comenti a su prus imperau, est oi sparssiu. Ddu
tutto alle gonne, cui si accompagnavano su deventali oscuru (il impernt massimamenti in is gunnedas impari a su deventali
grembiule oscuro) e su mucadori sriu (il fazzoletto da testa oscuru e a su mucadori sriu (est a nai su mucadori de
serio). ponni in conca sriu).
La seriet del periodo di quaresima, coi suoi momenti tragici, Sa caresima amostt in sa bidda de Mara finas una parrin-
ha in Maracalagonis un aspetto che richiama il sorriso nelluso, tzia allirga cun duus pupazus-calendriu chi ddi narnt Giuanni
oggi scomparso, di due pupazzi-calendario di Giuanni Stinghi- Stinghiritzu e Maria Salarola chi in dii de oi no ddoi funt
rizzu e Maria Salarla. Tali pupazzi, fatti di cartone, carton- prus. Custus pupazus ddus fiant de cartoni, cartoneddu o pape-
cino o carta straccia, si costruivano il primo giorno di Quare- ri de tzpulu sa primu dii de sa Carsima. Giuanni Stinghiritzu
sima. Giuanni Stinghirizzu (Giovanni stecchino) raffigurato ddu figurnt fini fini, stasiu (lngiu poita si-nci ghett a is
sottilissimo, stasu (magro per gli stravizi). Maria Salarla , stravtzius). Maria Salarola, intamis, fut grassa meda poita pa-

-5-
invece, grassissima per il troppo mangiare nel periodo di carne- pt meda a Carnaveloni. Su primu ddoi tenit in sa manu una ca-
vale. Il primo ha in mano una cadriga (una graticola), la seconda driga (est a nai una graticola), stera una cassarola (est a
una cassarola (una casseruola). La coppia veniva appesa in cuci- nai una casseruola). Totus e a duus ddus apicnt in coxina e
na ed aveva il seguente uso. serbiant po su chi emus a nai imoi.
Maria Salarla aveva sette gambe, ciascuna corrispondente Maria Salarola ddoi teniat seti cambas, donniuna oguali a is
ad una delle sette settimane che componevano la quaresima. seti cidas de sa Carsima. A sacabu de dnnia cida a Maria Sa-
Alla fine di ogni settimana a Maria Salarla veniva <<amputata>> larola dda segnt una camba. E sighenti diaici finas a lmpi a su
una gamba. Cos di seguito fino al giorno del sabato santo. sbudu santu. Candu dda segnt srtima camba, si setziant in
Lultima <<amputazione>> avveniva al momento di sedersi a tavo- sa mesa poita ca su giaunu fut acabau. Incapas fiant totus al-
la, poich segnava la fine del periodo di digiuno. Si trattava, lirgus prima de si prandi beni. Labai una mgini insoru:
evidentemente, di un momento di grande allegria, che precede-
va il lauto pranzo. Ecco unimmagine dei due pupazzi:

-6-
Per tutto il periodo della quaresima era proibito mangiare Po totu su tempus de sa Caresima no podiant papai petza e ol-
carne e grassi e le pentole usate per la frittura de is zippulas lamini e is pingiadas chi impernt po friri is tzpulas ddas fiant
erano accuratamente fatte bollire cun sa lissa (con la lisciva) buddiri cun sa lissia (est a nai la lisciva) po nci bogai beni beni
per eliminare completamente residui di grassi che, altrimenti, sollu ca ousinunca si podiat amisturai a su papai de sa Caresi-
si sarebbero potuti mischiare ai cibi di quaresima. ma.
Venti giorni prima della Pasqua si preparava su nnniri, che a Binti diis prima de Pasca Manna fiant su nnniri anturu de
Mara si preparava in genere in una pentola e, prima di deporlo una pingiada e, pagu prima de ddu lassai in su sepulcru, ddu mu-
sul sepolcro, si ornava con nastri, pappri tottu pintau (carta dnt cun frocus, paperi totu pintau e magineddas de santus.
tutta dipinta) ed immaginette sacre. Su domnigu de passioi a is sttuas in crsia ddas poniant api-
Su dominigu de passii si velavano le statue in chiesa e si da- tzus unu velu e cumentznt a si preparai is pramas.
va inizio alla preparazione delle palme. Po su domnigu de prama a Mara sa beniditzioni de is pramas
Su dominigu de pramma si svolgeva la cerimonia della benedi- fut stravanada. Candu iant preparau is palmas ddas portnt
zione delle palme, che a Maracalagonis si svolgeva con qualche acanta de sa crsia chi fut serrada. No si podiat intrai a crsia
particolarit. Preparate le palme, le si portava accanto alla finsas a candu su predi nart ca eja a torrai a oberri su portali,

-7-
chiesa, deponendole davanti alla porta, che era sbarrata. narendi in latinu <<aperite portas>>. Faendi diaici si boliat arre-
Lingresso in chiesa non era consentito finch il sacerdote non gordai cun scioru sintrada de Gesus a Gerusalemi.
dava lordine di riaprire le porte, con la formula latina <<aperite Apustis de essi fatu sa beniditzioni, fiant lmpi is pramas e is
portas>>. Col che si voleva pi fastosamente commemorare cambixeddus de solia beniditus a is domus scioberendi cuddas
lingresso di Ges a Gerusalemme. Dopo il rito della benedizio- chi fiant is prus mannas ofertas (durcis, fruta, conillus). Is
ne, che non presenta qui particolarit rimarchevoli, si usava pramas ddas poniant apitzus de is gennas de is domus e in is
mandare palme ed ulivo benedetti nelle case, prediligendo quel- tancaduras po no intrai genti mala, e po no ddas fai pigai ogu
le in cui si sapeva di ricevere pi laute offerte (dolci, frutta, de is strngius sangiosus.
conigli). Le palme erano poi messe sopra le porte delle abita- Ddas poniant puru in is crucifissus o a conca de letu. In prus
zioni e nei chiavistelli po no intrai genti mala (per non far en- is messajus soliant acapiai apari cun follas de prama duus cam-
trare gente cattiva), contro il malocchio di ospiti invidiosi. Es- bus d-una mata in su sartu po nci bogai aforas sogu pigau e
se erano poste altres sui crocefissi o sulla testata del letto. dnnia cosa mala in su chi arregolliant de su traballu insoru
Inoltre, i contadini solevano legare insieme con foglie di palma sperendi diaici de tenni unannada bona.
due rami di un albero in un campo, per proteggere il raccolto
dal malocchio e da ogni cattiva evenienza cos da avere una
buona annata.
Il lunis santu, con cui aveva inizio la cida santa, ci si confes- Su lunis santu, chi cumentzt sa cida santa, si cunfessnt po
sava per meglio prepararsi ai sacri riti della settimana. mellus pigai parti a is ritus sagraus de sa cida.
Il giorno di gibia santa i ragazzini andavano in giro per le ca- Sa dii de gibia santa is piciocheddus andnt aingriu po is
se a chiedere sa fa cotta (le fave cotte) per il digiuno del ve- domus domandendi sa fa cota (est a nai la fava cotta) po su
nerd. Ovviamente, le loro mete preferite e pi proficue erano giaunu de sa cenbara. Cumprendeus beni ca issus andnt a is
le case dei ricchi. La mattina di questo giorno era dedicata alla domus de is prus arricus. Su mengianu de sa dii etotu dda
preparazione del <<sepolcro>>, con coperte candide, is nnniris lassnt po preparai a su <<sepulcru>> cun is mantas nidas, is

-8-
e in pi una candela ai piedi del Cristo. Poich dal gioved santo nnniris e in prus una candela a is peis de su Cristu. Sigumenti
al mezzod del sabato era proibito suonare le campane, queste chi de gibia santa a mesudii de sbudu no si podiant sonai is
erano sostituite, in ogni funzione, da is zaccareddas (zaccai = campanas, a su postu insoru, po dnnia funtzioni, sonnt is tza-
picchiar, battere), nome che a Mara si d alle matraccas, sorta careddas (tzacai = picchiare, battere), diaici a Mara nant is
di ncchere o raganelle formate da un manico e da alcune tavo- matracas, nmini d-una genia de nicaras o arraineddas cun d-
lette unite tra loro soltanto da una parte di questo; agitandole, unu mnigu e unas cantu tauleddas acapiadas apari sceti cun d-
le tavolette battono tra l loro provocando frastuono. Usanza una parti cosa sua; movendi-ddas, is tauleddas si tumbant apari
del gioved santo era quella di onorare il sepolcro appena co- faendi carrxiu. Costumntzia de sa gibia santa fiat sa
struito, baciando i piedi del Cristo durante la recita di alcune donorai a su sepulcru apena fatu basendi is peis de Gesugristu
preghiere. in su mentris chi narnt unas cantu pregadorias.
Sa Cenbara santa vedeva anche a Mara la rappresentazione Finas a Mara Sa Cenbara santa arrepresentnt su scrava-
dello scravamentu. In un palco costruito sopra i gradini mentu. In d-unu palcu chi iant fatu apitzus de is scalinus de
dellaltare, gli attori rappresentavano le deposizione del Cristo, sartari, is atoris arrepresentnt su scravamentu de Gesugri-
impersonando la Maddalena, S. Giovanni, Nicodemo, Giovanni stu, impersonendi a sa Maddalena, Santuanni, Nicodemu,
dArimatea, angioletti (rappresentati da bambini) etc. Essi se- Giuanni dArimatea, is angiuleddus (chi ddus arrepresentnt is
guivano gli ordini del sacerdote, finch toglievano i chiodi, la pipius) e sighendi a nai. Issus poniant infatu a is cumandus de
corona di spine e deponevano Ges dalla croce su una lettiga. Il su predi finas a candu tirnt aforas is pncias, sa corona de
simulacro era poi trasportato non gi in unaltra chiesa, ma in spinas e arrimnt Gesus de sa Cruxi in d-una ltia. Agoa sa
sarrettoriu (loratorio) della chiesa medesima. sttua dda tragnt no giai in untera crsia ma in sarretriu
Su sbudu santu il Gloria suonava a Mara alle dieci del matti- (loratorio) de sa crsia etotu.
no, tra lesplodere dei mortaretti (guettus). I padroni di casa, Su sbudu santu a Mara sonnt su Glria a is dexi de mengia-
dovunque si trovassero, facevano i soliti scongiuri percuotendo nu in mesu de is tzchidus de is guetus. Is meris de domu, aun-
leggermente oggetti e persone con sa pttia de sarmentu, allo di si siat sagatessint, fiant abrbius de smpiri scudendi a

-9-
scopo di scacciare su dimniu, purificando ogni cosa per la Pa- pagu a pagu is cosas e sa genti cun sa ptia de sarmentu, po
squa. Dopo la messa si svolgeva anche a Mara la benedizione nci fai curri a su dimniu, purifichendi dnnia cosa po sa Pasca.
dellacqua e del fuoco, che veniva impartita sulla piazza della Infatu de sa missa a Mara puru ddoi iat sa beniditzioni de
chiesa allacqua portata dai fedeli in una tinozza (da cui poi scua e de su fogu e dda fiant in sa pratza de sa crsia a
tutti attingevano per portarsi a casa un poco dacqua benedet- scua chi is fidelis aproillnt in d-una tina (chi agoa totus
ta, utile per gli scongiuri) ed al fuoco ricavato dal rogo delle pignt unu pagheddu de cua benidita po nci dda portai a domu
palme secche dellanno precedente. Il pomeriggio dello stesso insoru ca podiat serbiri po is abrbius) e a su fogu chi ndi rica-
giorno si svolgeva la consueta benedizione delle case da parte vnt abruxendi is pramas sicadas de sannu innantis. Su meri-
del sacerdote, con le solite offerte in arance, uova, formaggio ceddu de sa dii etotu su predi benedixiat comenti a usntzia is
e dolci. domus arricendi arngius, ous, casu e durcis.
Il giorno di Pasca manna (Pasqua), dopo la messa solenne, si Sa dii de Pasca Manna, infatu de sa missa solenni, ddoi iat
svolgeva una curiosa usanza: il suonatore di launeddas (si parla una costumntzia stravanada: su sonadori de launeddas (seu
di quaranta o cinquant anni fa), che non veniva pagato durante chistionendi de coranta o cincuanta annus a oi) chi no ddu pa-
lanno per le sue numerose prestazioni ai balli che si svolgevano gnt in totu sannu candu sont a is baddus in is domus o in sa
in casa o in piazza durante le feste, passava in mattinata per le pratza po is afestus, passillt de a mengianu in is arrugas e in
strade e nelle case con sa pallinedda per riceverne le offerte, is domus cun sa pallinedda po arriciri is ofertas chi si ddas do-
che gli si tributavano abbastanza cospicue. nnt mannas meda.
Tra i doni pi usati nel giorno di Pasqua cerano quelli dedicati In mesu de is arregalus chi fiant de prus in sa dii de Pasca
ad amici e parenti (secondo unabitudine diffusa in altri altri Manna ddoi iant cuddus a is amigus e a is de sa parentella (co-
luoghi) offerti dal padrone o dalla padrona ai suoi dipendenti (i menti a costumntzia spainada in turus logus) chi is serbidoris
servi) che andavano a far loro gli auguri, naturalmente grano, arriciant de su meri o de sa meri de domu candu andnt anca
di solito doni consistenti in formaggio, uova, dolci e simili. issus po is augrius, est a nai trigu, su prus de is bortas casu,
ous, durcis e teras cosas chi ddas assimbillnt.

- 10 -
[Tradotto in sardo a cura dello Sportello della Lingua Sarda [Furriau in sardu a incuru de su Portalitu de sa Lngua sarda
di Mara] de Mara ]

LA CANDELORA 2 FEBBRAIO SA CANDELORA SU DUUS DE FRIAXU

[Tratto da: UCCIA AGUS, Tradizioni popolari campidanesi, [Pigau de: UCCIA AGUS, Tradizioni popolari campidanesi,
1994, p. 120] 1994, pgina 120]

Anche a Mara la processione della festa di Candelra pre- Finas a Mara in sa processioni de sa festa de sa Candelora sa
sieduta da due priorssas mannas e da due priorssas minoris. parti de cumandu dda tenint duas priorissas mannas, e ddoi
Le prime due sono a capo delle seconde, le quali sono da loro funt duas priorissas minoris puru. Is priorissas mannas cu-
nominate. Queste ultime hanno lufficio di recare una coppia di mandant a is priorissas minoris chi ddas nminant. A is prioris-
piccioni ed un cofano di confetti, mentre le prime portano luna sas minoris incrrigant de nci fai lompi duus picionis, mascu e
un simulacro del Bambin Ges e laltra un giglio. Sono queste le fmina, e unu cofineddu de bobois, po contras is priorissas
offerte che verranno deposte ai piedi della statua della Vergi- mannas tragant a sa sttua de Gesus Bambinu, una, e unu lillu,
ne, in chiesa. stera. Custas funt is ofertas chi ant a lassai a is peis de sa
La processione si snoda verso la parrocchia, partendo dalla sttua de sa Vrgini, in crsia.
casa duna delle due priorssas mannas e dalla testa del corteo Sa processioni si snuat conca a sa parrchia, movendi de sa
portato un cero e delle candele accese. Dopo la benedizione i domu d-una de is duas priorissas mannas e a primtziu de su
fedeli uscivano di nuovo con le candele accese e, sul persistere corteu tragant a unu criu cun d-una pariga de candelas allutas.

- 11 -
o meno della loro fiamma, si traggono gli auspici sullannata Infatu de sa beniditzioni is fidelis torrnt a bessiri cun is can-
ventura. La processione accompagnata da canti religiosi in delas allutas e, a segundu chi sa frama abarressit alluta o si-
dialetto, spesso con gli stessi gcius per Sinnai come <<Maria ndi studessit, ndi bognt a pillu a comenti iat a podi essi
mamma ammurosa>>. Eccone il testo e la traduzione: sannada benidora. Cantus arreligiosus in sardu acumpngiant a
sa processioni, cantendi su prus is gcius totunus a is de Snnia
comenti a <<Maria mamma ammurosa...>>. Innoi ligeis is fueddus
e sa tradusidura insoru:

<<O Maria graziosa, << O Maria graziosa <<O Maria gratziosa, << O Maria graziosa
o lillu de biancura, o giglio di bianchezza, o lillu de biancura, o giglio di bianchezza,
de is istellas ses prus pura delle stelle sei pi pura de is stellas ses prus pura delle stelle sei pi pura
ses prus bella de sarrosa sei pi bella della rosa ses prus bella de sarrosa sei pi bella della rosa
e de Deus mamma e isposa e di dio mamma e sposa e de Deus mama e isposa e di dio mamma e sposa
giardinu de tottis froris giardino di tutti i fiori giardinu de totu is froris giardino di tutti i fiori

Maria mamma ammurosa Maria mamma amorosa Maria mama amurosa Maria mamma amorosa
Salva nosus peccadoris! salva noi peccatori! Salva nosus pecadoris! salva noi peccatori!

De sa luna ses prus luxenti Della luna sei pi lucente De sa luna ses prus luxenti Della luna sei pi lucente
de su xelu ses prus serena del cielo sei pi serena de su celu ses prus serena del cielo sei pi serena
de dogna grazia ses prena, dogni grazia sei piena, de dnnia gratzia ses prena, dogni grazia sei piena,
mamma de sOnnipotenti. madre dellOnnipotente. mama de sOnnipotenti. madre dellOnnipotente.
De tui cuddu serpenti Da te quel serpente De tui cuddu serpenti Da te quel serpente

- 12 -
stettiu fiadiscramentau era stato punito sttiu fiat iscramentau era stato punito
candu diast appattigau quando lavevi schiacciato candu diast apatigau quando lavevi schiacciato
o rena vittoriosa. o regina vittoriosa. o reina vitoriosa. o regina vittoriosa.

Salva nosus peccadoris Salva noi peccatori Salva nosus pccadoris Salva noi peccatori
Maria mamma ammurosa. Maria mamma amorosa. Maria mama amurosa. Maria mamma amorosa.

Ti timi tottu sinferru Ti teme tutto linferno Ti timi totu sinferru Ti teme tutto linferno
e timendi ti rispettada e temendo ti rispetta e timendi ti rispetat e temendo ti rispetta
e de tui su coru aspettada e da te il cuore aspetta e de tui su coru aspetat e da te il cuore aspetta
sollievu in su disterru sollievo nella terra sollievu in su disterru sollievo nella terra
po cudda cadene ferru per quella catena di ferro po cudda cadena de ferru per quella catena di ferro
de su peccau mortali del peccato mortale de su pecau mortali del peccato mortale
chi peus de dognia mali che peggio dogni male chi peus de dnnia mali che peggio dogni male
contra nosus e contra Deus. contro noi e contro Dio. contra nosus e contra Deus. contro noi e contro Dio.
Ma cun tui no da timeus Ma con te non temiamo Ma cun tui no dda timeus Ma con te non temiamo
chi si miras piedosa. che ci guardi pietosa. chi si miras piedosa. che ci guardi pietosa.

Salva nosus peccadoris Salva noi peccatori Salva nosus pecadoris Salva noi peccatori
Maria mamma ammurosa. Maria mamma amorosa. Maria mama amurosa. Maria mamma amorosa.

Po su latti chi as donau Per il latte che hai dato Po su lati chi as donau Per il latte che hai dato
a su Fillu graziosu al tuo Figlio grazioso a su Fillu gratziosu al tuo Figlio grazioso

- 13 -
cun affannu e pagu riposu con affanno e poco riposa cun afannu e pagu riposu con affanno e poco riposa
stettiu fiadallattau. era stato allattato. sttiu fiat allatau. era stato allattato.
Perdonas su peccau Perdonaci il peccato Perdona-s su pecau Perdonaci il peccato
e tottu cantis erroris. e tutti gli errori e totu cantus is erroris. e tutti gli errori

Maria mamma ammurosa Maria mamma amorosa Maria mama amurosa Maria mamma amorosa
salva nosus peccadoris! Salva noi peccatori! salva nosus pecadoris! Salva noi peccatori!

Risplendi divina rosa Risplendi, divina rosa Risplendi divina rosa Risplendi, divina rosa
in cuddu celesti ortu, In quel celeste orto, in cuddu celesti ortu, In quel celeste orto,
sesi speranza e cunfortu sei speranza e conforto ses sperantza e cunfortu sei speranza e conforto
de sanima dubbiosa dellanima dubbiosa, de snima dubiosa dellanima dubbiosa,
de sa patria dicciosa dalla patria beata de sa ptria diciosa dalla patria beata
manda a nosus in favoris. mandaci i (tuoi) favori. manda a nosus in favoris. mandaci i (tuoi) favori.

Maria mamma ammurosa Maria mamma amorosa Maria mama amurosa Maria mamma amorosa
Salva nosus peccadoris! salva noi peccatori! Salva nosus pecadoris! salva noi peccatori!

Ses coronda rena Sei regina incoronata Ses coronada reina Sei regina incoronata
de su xelu e de sa terra del cielo e della terra de su celu e de sa terra del cielo e della terra
de custa trista guerra da questa triste guerra de custa trista guerra da questa triste guerra
salvas, mama divina salvaci, Madre divina salva-s, mama divina salvaci, Madre divina
e de cuddeterna ruina e da quelleterna rovina e de cudda eterna ruina e da quelleterna rovina

- 14 -
scampasindi, portentosa. scampaci, o portentosa. scampasi-ndi, portentosa. scampaci, o portentosa.

Salva nosus peccadoris Salva noi peccatori Salva nosus pecadoris Salva noi peccatori
Maria mamma ammurosa. Maria mamma amorosa. Maria mama amurosa. Maria mamma amorosa.

Nosus fillus fortunaus Noi figli fortunati Nosus fillus fortunaus Noi figli fortunati
de tui, mamma de Deus, tuoi, madre di Dio, de tui, mama de Deus, tuoi, madre di Dio,
speranzosus riccurreus speranzosi ricorriamo sperantzosus ricurreus speranzosi ricorriamo
e grazias ti domandaus e grazie ti chiediamo e grtzias ti domandaus e grazie ti chiediamo
e su coru tintregaus e il cuore ti affidiamo e su coru tintregaus e il cuore ti affidiamo
po chin celu du ristoris. perch in cielo lo ristori. po chin celu du ristoris. perch in cielo lo ristori.

Maria mamma ammurosa Maria mamma amorosa Maria mama amurosa Maria mamma amorosa
salva nosus peccadoris! salva noi peccatori! salva nosus pecadoris! salva noi peccatori!
De stellas incoronada Di stelle incoronata De stellas incoronada Di stelle incoronata
E de soli bista e di sole vestita E de soli bistia e di sole vestita
Tottu santa cunseba tutta santa concepita Totu santa cunseba tutta santa concepita
De peccau preservada di peccato preservata De pecau preservada di peccato preservata
Ses in Cielu acclamada sei in cielo acclamata Ses in Celu aclamada sei in cielo acclamata
Intra tottus gloriosa. fra tutte gloriosa. Intra totus gloriosa. fra tutte gloriosa.

Salva nosus peccadoris Salva noi peccatori Salva nosus pecadoris Salva noi peccatori
Maria mamma ammurosa>> Maria mamma amorosa. Maria mama amurosa>>. Maria mamma amorosa.

- 15 -
SAN GIOVANNI 24 GIUGNO SANTUANNI SU BINTICUTURU DE LMPADAS

[Tratto da: UCCIA AGUS, Tradizioni popolari campidanesi, [Pigau de: UCCIA AGUS, Tradizioni popolari campidanesi,
1994, p. 133] 1994, pgina 133]

I fuochi, che a Maracalagonis si fanno per le strade alla vigi- A Mara is fogus, alluendiddus in is arrugas a sa viglia de San-
lia di Santuanni, sono preparati con legna di sarmentu (sarmen- tuanni, ddus faint cun linna de sarmentu e aristixeddas cun
to) e spighe con paglia, entrambi combustibili efficacissimi, ma palla, abruxendi-s totus impari cun efetu mannu, ma chi ddus
che devono essere continuamente alimentati con nuovi quanti- depint atzutzai totu de sighida aciungendi-ndi a nou poita ten-
tativi, proprio per il loro ardere assai rapido. I consueti salti nint de pressi. Is atiddudus acostumaus de is fogaronis serbint
dei fal hanno lo scopo di curare o prevenire le malattie, anche a curai o a prevenni is maladias, mancai is prus givunus e is chi
se vi si mischia, soprattutto da parte dei pi giovani e pi pro- non andant a crsia si spassint puru.
fani, un elemento di divertimento. Po stringi su gopargiu (comparatico), chi a Mara podit essi
Per stringere il comparatico, legame che a Mara pu essere finas intra mascus e fminas (a simbressi de Snnia), mancai
anche tra persone di sesso diverso (contrariamente a Sinnai), bnciat sa costumntzia intra fminas sceti, su chi faint assim-
ma in cui prevale tuttavia luso tra le donne, il cerimoniale af- billat a su chi eus giai nau. Is comari (o is compari) chi
fine a quello gi descritto. Le comari (o in compari) che strin- stringiant custu liamu ddi narnt gomais (o gopais de froris).
gevano il legame in tali circostanze si chiamavano gomais (o go- Susntzia (chi amostat beni sacnnidu a is froris) est sa de fai
pais de froris). Lusanza (che spiega bene lallusione ai fiori) lompi a chini boliat a si stringi su compargiu unu nnniri chi

- 16 -
quella dinviare alla persona con la quale si voleva stringere il assimbillat a su de Pasca Manna. A mer, su chi nart ca eja,
comparatico un nnniri simile a quello pasquale. La sera, se la depiat andai a avisitai a su gopai o a sa gomai noa narendi, mel-
persona accettava, doveva recarsi in visita dal nuovo compare o lus acanta d-unu fogu, custus fueddus:
dalla nuova comare, con cui, meglio se vicino ad un fuoco, pro-
nunziava la formula seguente:

<<Gomais seus <<Comari siamo <<Gomais seus <<Comari siamo


fillas de Deus figlie di Dio fillas de Deus figlie di Dio
fillas de Gesus figlie di Ges fillas de Gesus figlie di Ges
no si sculeus prus>>. non ci disfiamo pi>> no si sculeus prus>>. non ci disfiamo pi>>

Tra le divinazioni, le pi importanti riguardavano, al solito, Intra is indivinadura, is prus importantis fiant, comenti a
quelle sullo sposo futuro. Per conoscerne il nome si usava allo- smpiri, is chi arreferriant a su sposu benidori. Po ndi podi
ra, qualche volta, mettere quattro foglie di fico nei quattro connosci su nmini costumnt in su tempus passau, calincuna
angoli della stanza da letto. A ciascuna di esse si dava il nome borta, a ponni cuturu follas de figu a is cuturus arreconis de
di un uomo. Quella che la mattina dopo era pi fresca delle al- saposentu de crocai. A donniuna dda narnt cun su nmini d-un
tre avrebbe rivelato il nome dello sposo futuro. mini. Sa folla chi su mengianu infatu fut sa prus frisca iat a
Diffuso anche altrove (Quartu) era luso di gettare dalla fi- essi scoviau a su nmini de su sposu benidori.
nestra, la mattina del ventiquattro, un garofano, che cadeva Spainada finas in teru logu, comenti a Quartu, fut susntzia
sulla strada. Luomo che lo avrebbe raccolto avrebbe avuto il de nci ghetai de sa ventana a bsciu, su mengianu de su benti-
nome dello sposo futuro (e naturalmente avrebbe potuto addi- cuturu, unu gravellu chi arruiat in sarruga. Smini chi ddu iat
rittura essere lui lo sposo). a essi arregortu ddiant a essi tzerriau cun su nmini suu de su
Tra i prodigi, diffusa anche a Mara lopinione (oggi in di- sposu benidori (e iat a podi agiumai essi issu etotu su sposu).

- 17 -
scredito) dei colloqui, gi visti per Sinnai, tra animali. Il bue Intra is cosas spantosas, finas a Mara est spainau crei (in dii
nero o il gatto nero possono, alla vigilia di San Giovanni parlare de oi pagu famau) ca is bestias chistionessint, comenti creiant
con i loro padroni, facendo loro delle profezie, come a Snnia etotu. Su boi nieddu o sa gatu niedda podint, a sa vig-
nellesempio gi riportato. lia de Santuanni, chistionai cun is meris insoru, narendiddus to-
tu su chi podiat sutzedi.

[Tradotto in sardo a cura dello Sportello della Lingua Sarda [Furriau in sardu a incuru de su Portalitu de sa Lngua Sarda
di Mara] de Mara]

IS PANIXEDDAS 2 NOVEMBRE IS PANIXEDDAS - SU DUUS DE DONNIASANTU

[Tratto da: HAMARA Periodico Marese di Cultura e Informa- [Pigau de: HAMARA Periodico marese di cultura ed informa-
zione ANNO 4 N 13 Febbraio 2000] zione Anno 4 - N 13 Febbraio 2000.

Is panixeddas una tradizione che si ripete ogni anno, il Is Panixeddas est una festa chi sarrepitit dnnia annu su
due novembre. Questa tradizione deriva dallo spagnolo e il no- duus de donniasantu. Ndi benit de su spaniolu e su nmini pani-
me panixeddas significa piccola offerta. xeddas bolit nai oferta pitica.
Il primo novembre in ogni casa venivano accese delle lampade Su primu de donniasantu alluiant in dnnia domu is lntias a
ad olio, is lntias, una per ogni morto e messo nella stanza pi ollu, una po dnnia mortu e ddas poniant in saposentu de im-

- 18 -
importante. portu prus mannu.
Dopo la cena non si sparecchiava la tavola, si lasciavano aper- Infatu de sa cena no pinnignt sa mesa, lassnt obertas finas
te anche le credenze perch i morti si servissero del cibo. is credentzas de modu chi is mortuus podessint papai.
Al mattino presto, il giorno due novembre, veniva celebrata la A mengianeddu, sa dii de su duus de donniasantu sa missa dda
messa in cimitero. tzelebrnt in campusantu.
I ragazzi di un tempo (circa 30 anni fa), specialmente quelli Is picocheddus de insandus (seus chistionendi de 30 annus a
poveri, andavano sempre al mattino per le vie del paese a chie- imoi), massimamenti is poborus, andnt smperi de a mengianu
dere is panixeddas. aingriu po is arrugas de sa bidda a domandai is panixeddas.
Venivano dati loro pane fatto in casa, fichi secchi, fave, me- Arriciant pani fatu in domu, figu sicada, fai, arenara, mndula,
lagrane, mandorle, uva passa e dolci. pabassa e durcis. Is durcis fiant po su prus pabassinas e su
I dolci erano per lo pi is pabassinas e su pane saba. Per pane saba. Po torrai grtzias is pipius narnt Deus si ddu pa-
ringraziare i bambini dicevano: Deu si ddu paghit e la rispo- ghit e ddui torrnt: Deu paghit totu.
sta era: Deus paghit totu. Ancora oi is pipius ponint infatu a custa traditzioni ma po
Ancora oggi i bambini seguono questa tradizione, ma per gio- giogu e sa genti etotu at cambiau is arregalus e is ofertas piti-
co. Anche i doni o le piccole offerte della gente sono cambiate: cas: wafers, cioculatus, bobois, tomatas, mela pirngia e dinai.
wafers, cioccolati, caramelle, pomodori, melecotogne e soldi.

[Tradotto in sardo a cura dello Sportello della Lingua Sarda [Furriau in sardu a incuru de su Portalitu de sa Lngua Sarda
di Mara] de Mara]

- 19 -