Sei sulla pagina 1di 16

Copyright- Dott Alberto Pedrazzo Pagina - 0 -

Sono Alberto Pedrazzo, Farmacista e Naturopata. Mi sono laureato


con una tesi sulle piante medicinali, precisamente, un Atlante di
Farmacognosia Microscopica. In quegli anni iniziavano a comparire
i primi corsi di Omeopatia, quindi mi sono iscritto ad un corso
biennale di specializzazione in Omeopatia e Bioterapie, poi, non
abbastanza soddisfatto, ho seguito anche il terzo anno per medici.

La motivazione che mi ha spinto stata di conoscere rimedi


efficaci, ma privi di effetti collaterali. Nel corso della mia carriera
ho continuato a fare corsi, ad approfondire ed applicare le mie
conoscenze sulle medicine naturali.

Ho esercitato come farmacista a contatto con il pubblico per 35


anni, e il mio obiettivo sempre stato di aiutare le persone a
conservare la salute, soprattutto mediante lutilizzo di cure naturali.

Mi sono diplomato in Naturopatia con una tesi sulla nutrizione


intitolata: Luomo ci che mangia perch condivido il principio
ippocratico: Il tuo cibo sia la tua medicina .
Sono fermamente convinto dellimportanza della prevenzione come
primo e pi efficace metodo di cura.
A tal proposito mi conforta quanto disse il prof. Berrino, (che
stato direttore del Dipartimento di Medicina Preventiva e Predittiva
dellistituto Naz. Tumori di Milano) nella trasmissione Le iene del
26/03/2014 : Non c direttamente non c un interesse
economico nei confronti della prevenzione. Che parola si potrebbe
usare per definirla? E una commistione di ignoranza, di stupidit e
di interessi

Copyright- Dott Alberto Pedrazzo Pagina - 1 -


Qualche volta non hai neppure voglia di alzarti dal letto per
iniziare la giornata?
Hai difficolt a concentrarti e a ricordare?
Hai perso la fiducia in te stesso/a?
Ti senti spesso stanco/a e soffri dinsonnia?
Hai perso interesse nei confronti della realt circostante?

Sappi che questi sono segnali dallarme che il tuo corpo ti sta
inviando, e che se trascurati possono mettere radici nella tua mente
e nel tuo corpo facendoti scivolare nella depressione senza neppure
accorgertene.

E importante sapere che la depressione non un male ineluttabile


che ci cade sulla testa come una tegola, ma che noi possiamo
favorirla o aggravarla con quanto facciamo, o non facciamo.

Copyright- Dott Alberto Pedrazzo Pagina - 2 -


Come un errata alimentazione pu portarti alla depressione
e come alcuni alimenti possono farti ritrovare il buon umore

In uno degli ultimi congressi della Societ Europea di Neuro


Farmacologia, svoltosi a Parigi, stato evidenziato ancora una volta
il ruolo degli alimenti sul benessere mentale, grazie allapporto di
sostanze antiossidanti. In particolare il prof. Michael
Maes (Director Clinical Research Center for Mental Health, di
Anversa) stato uno dei primi scienziati a dimostrare uno stretto
rapporto di causa effetto tra stress ossidativo a livello cerebrale e
depressione, e ha presentato numerosi dati sperimentali e clinici
circa leffetto di antiossidanti nutrizionali sui disturbi del
comportamento.

Un recente studio dellAmerican Journal of Psychiatry mostra un


rilevante aumento del rischio
di comparsa di diabete tra
persone con diagnosi di
depressione, e questo stato
confermato dalle conclusioni
alle quali sono giunte ben
trentanove ricerche, che
hanno evidenziato tra i
pazienti diabetici la presenza
contemporanea di sintomi

Copyright- Dott Alberto Pedrazzo Pagina - 3 -


depressivi in numero almeno doppio rispetto alle popolazioni non
diabetiche esaminate dagli studi.

Gli esempi delleffetto negativo che possono svolgere determinati


alimenti, sono molto numerosi, ne riporto uno a caso.

Le bibite gassate possono aumentare il rischio di incorrere nella


depressione, lo rivela uno studio del "Research Triangle Park" in
North Carolina (Usa).

Per i ricercatori statunitensi, il consumo di grandi quantit di queste


bevande, specialmente nella versione "light", porterebbe a un
incremento del 30-38% del rischio di ammalarsi del "male oscuro".

Al termine di questa lunga indagine, condotta per dieci anni, si


visto che circa 11.000 di queste persone, quasi il 5%, sulle 250.000
seguite, hanno manifestato uno stato depressivo.

L'alimentazione pu influire positivamente sull'umore in due modi:

1. Per la presenza di sostanze antiossidanti che riducono


l'infiammazione al cervello, che in genere si associa alla
depressione.

2. Stimolando la produzione di neurotrasmettitori.

Ecco 3 alimenti particolarmente efficaci .

Copyright- Dott Alberto Pedrazzo Pagina - 4 -


Frutti di bosco
Fragole, mirtilli e lamponi contengono sostanze in grado di
stabilizzare gli sbalzi dumore.

Secondo i ricercatori queste


molecole svolgono la stessa azione
dei principi attivi dei farmaci
utilizzati per curare ansia,
depressione e altri disturbi
dellumore.

Infatti, le sostanze aromatizzanti contenute in questi frutti hanno


una struttura chimica simile allacido valproico. Si tratta di una
larga quantit di composti che in futuro potrebbero essere impiegati
come modulatori dell'umore, consumati come cibi, ma anche inseriti
in farmaci di una nuova generazione, senza effetti collaterali, per la
cura di attacchi dansia e depressione. Karina Martinez-Mayorga, direttrice della
ricerca, per conto dell American Chemical Society di Philadelphia.

Pepe nero
Questa spezia preziosa un antidepressivo naturale: The Journal of
Food and Chemical Toxicology ha riferito che la piperina (circa 6%)
componente del pepe nero, aumenta la funzione cognitiva e aiuta a
combattere la depressione. Inoltre, la piperina fa aumentare le
endorfine nel cervello.

Copyright- Dott Alberto Pedrazzo Pagina - 5 -


Le endorfine sono sostanze chimiche
presenti nel cervello che danno sollievo al
dolore, ma migliorano anche lumore, ci
fanno sentire bene, e sono chiamate
ormoni del buonumore. Aumenta la
produzione di calore anche del 10%
(effetto termogetico), e quindi ha anche effetti dimagranti.

Ha la capacit di incrementare la biodisponibilit della curcumina,


per questo motivo buona norma associare sempre curcuma e
pepe.

Si tratta di una spezia molto nutriente, ricca di antiossidanti e


minerali.

Minerali: ferro, potassio, calcio, manganese (importante per il


metabolismo di grassi e carboidrati, e per la formazione del tessuto
osseo), magnesio (per un corretto funzionamento dei nervi e dei
muscoli, e per la conversione di zucchero nel sangue in energia),
zinco (antiossidante) e cromo (importante per il metabolismo dei
grassi e dei carboidrati).

Vitamine: C, A, Niacina (B3), Riboflavina (B2), Piridossina (B6)


(previene la ritenzione idrica e permette la conversione dei
carboidrati in energia), Tiamina (B1) e, soprattutto acido folico,
importante per la formazione della serotonina.

Copyright- Dott Alberto Pedrazzo Pagina - 6 -


Nocciole

Le nocciole sono uno dei frutti pi antichi utilizzati dalluomo.


Di origine asiatica, sono citate negli antichi testi di medicina.
Le nocciole contengono una grande
quantit di acido folico (vitamina B9)
vitamina B1, B2, B3, B6, e acidi
grassi insaturi, quindi costituiscono
uno degli alimenti base di una dieta
antidepressiva. Lacido folico entra
nel meccanismo di produzione della serotonina, la cui carenza
associata a irritabilit, aggressivit, diminuzione delle capacit di

concentrazione e deficit di memoria. Sono unimportante sorgente


di calcio di origine vegetale (il calcio che introduciamo dovrebbe
essere di origine vegetale per essere ben assimilato
dallorganismo). Le nocciole ne contengono 140 mg per 100
grammi, e il loro consumo fa in modo che si possa installare
rapidamente un profondo stato di calma e autocontrollo.

Copyright- Dott Alberto Pedrazzo Pagina - 7 -


Tre integratori alimentari che migliorano il tuo umore
e ti fanno uscire dal tunnel della depressione

Litio oligoelemento
Loligoelemento litio uno dei rimedi pi interessanti che conosca
per il trattamento della depressione e degli sbalzi dumore, privo di
tossicit, effetti collaterali, controindicazioni. In tanti anni di lavoro
in farmacia, stato uno dei rimedi che mi
ha dato maggiori soddisfazioni.

Non ha niente a che vedere con il litio


normalmente usato come farmaco in
psichiatria, cio il litio carbonato (150 o
300 mg) che deve essere usato sotto
stretto controllo medico, e che richiede
periodiche analisi del suo livello nel sangue.

In questo prodotto presente a dosi infinitesimali, sufficienti


per a migliorare i sintomi che si manifestano soprattutto quando
lestate cede il passo allautunno e le giornate si accorciano, ma
non solo. E possibile anche usare litoterapici a base di litio:
Lepidolite e Tormalina litica, in diluizione D8.
La Litoterapia dechelatrice, si basa sulluso di rocce diluite e
dinamizzate secondo il metodo omeopatico, che hanno la
funzione di dechelare, cio liberare e rendere biodisponibili gli
ioni metallici, che restano bloccati nelle cellule a causa delluso di
farmaci e delle sostanze inquinanti.

Copyright- Dott Alberto Pedrazzo Pagina - 8 -


Senza lutilizzo della litoterapia dechelatrice verrebbero bloccate
le reazioni metaboliche fondamentali per il mantenimento
dellequilibrio organico.
Ansia, depressione, insonnia, umor nero, voglia di piangere e
desiderio di rimanere da soli, sono affezioni che trovano beneficio
dallutilizzo delloligoelemento litio. Sono sufficienti dosaggi cos
bassi perch gli oligoelementi funzionano da catalizzatori, cio da
acceleratori di reazioni biochimiche, e da attivatori di processi
metabolici dell'organismo.

Normalmente si trova in commercio sotto forma di fialette o flaconi,


la dose consigliata di 1-3 fialette o misurini, al giorno per via
perlinguale, (trattenendo il liquido un po in bocca prima di
deglutire) preferibilmente al risveglio, verso il tramonto e prima di
coricarsi.

Se preso alla prima manifestazione dei sintomi, sono sufficienti


poche (2/3) settimane di trattamento. Molte volte sufficiente
assumerlo da solo, altre volte si deve associare ad altri
oligoelementi. Chiedere comunque sempre consiglio al medico
curante prima di assumere qualunque prodotto.

Copyright- Dott Alberto Pedrazzo Pagina - 9 -


Griffonia
La griffonia una pianta africana, della quale vengono usati i semi,
che contengono il 5-idrossitriptofano (5-HTP), un precursore della
serotonina.

Il nostro organismo produce la serotonina a partire dal triptofano


che un aminoacido definito "essenziale" perch deve essere
assunto con lalimentazione, non essendo in grado di produrlo.

La Griffonia oggi utilizzata con


buoni risultati come
antidepressivo naturale per il
trattamento della depressione
lieve o moderata; negli stati
d'ansia; nelle depressioni
stagionali e nell'insonnia,
perch oltre a innalzare i livelli di serotonina, regola il ciclo sonno-
veglia (ritmo circadiano).

L'uso della griffonia si rivelato utile anche per il controllo della


fame nervosa, che provoca spesso un desiderio incoercibile di cibo,
in particolare carboidrati e zuccheri semplici contenuti nei dolci,
proprio per mancanza di serotonina.

Copyright- Dott Alberto Pedrazzo Pagina - 10 -


Zinco

Il meccanismo che correla la scarsit di zinco con la depressione


non ancora noto, ma probabilmente dipende dal fatto che
interviene nel processo di sintesi di neurotrasmettitori e ormoni.
Bassi livelli di testosterone possono portare a problemi di salute che
hanno come conseguenza depressione e bassa energia.

Sul Journal of Affective Disorders stato presentato uno studio,


secondo il quale, una scarsit di zinco nella dieta pu influenzare la
depressione nelle donne pi che negli uomini.

Lo zinco un minerale presente in oltre 200 enzimi, tra i quali una


delle tante forme del SOD (SuperOssidoDismutasi), un enzima con
effetti antiossidanti.

Una nuova ricerca ha svelato, per la prima volta, un meccanismo


biologico attraverso il quale la mancanza di zinco si pu sviluppare
con l'et, portando a un declino del sistema immunitario e una
maggiore infiammazione, associata con molti problemi di salute
compreso il cancro, malattie
cardiache, autoimmuni e
diabete.

In altre parole, dovremmo dare


pi zinco al nostro corpo,
soprattutto con l'avanzare
dell'et.

Copyright- Dott Alberto Pedrazzo Pagina - 11 -


E un minerale intracellulare come il magnesio, pertanto il suo
dosaggio non facile.

Lo zinco si trova nelle carni come manzo e pollame, e a livelli


ancora pi elevati nei molluschi come le ostriche (che sono la
migliore fonte di zinco).

Prodotti lattiero-caseari, come lo yogurt, sono anche una buona


fonte di zinco. Se siete vegetariani o vegani lo potrete trovare
nella frutta secca e nei semi (come i semi di zucca, di sesamo, di
anguria, ecc), che sono ricchi di questo micronutriente, e anche nel
cioccolato fondente che una grande fonte di zinco.

Gli integratori possono essere sotto forma di solfato, acetato,


gluconato, citrato, picolinato, aspartato e orotato. La dose
giornaliera raccomandata non deve superare i 20 mg.

Estrogeni, farmaci antitubercolosi, antidepressivi IMAO,


corticosteroidi, diuretici, alcol, fitati e metalli pesanti ne causano la
perdita.

Aromaterapia: Il vero segreto che ti permette di


eliminare il dolore e vivere uno stato emozionale
di intenso benessere
Il motivo per cui l'aromaterapia risulta efficace per i suoi effetti
sulle varie aree del cervello molto semplice, infatti i recettori
dell'olfatto sono direttamente collegati al sistema limbico del
cervello, all'amigdala e all'ippocampo, che si occupano della
gestione delle emozioni, perci un odore pu scatenare immediate

Copyright- Dott Alberto Pedrazzo Pagina - 12 -


risposte emotive (naso cervello sistema neurovegetativo
ormoni sfera emozionale).

L'importanza degli odori e dell'olfatto la conoscono molto bene certi


studiosi di marketing, che all'interno delle loro attivit diffondono
nell'aria essenze che stimolano e predispongono le persone ad un
certo tipo di azione.

Il professor Paolo Rovesti, dell'Universit di Milano, ha utilizzato gli


oli essenziali in campo neuropsichiatrico con effetti molto positivi
in casi di depressione, nevrosi e stati ansiosi. Ecco che cosa dice al
riguardo:In psicoterapia gli oli
essenziali possono venire
impiegati come rimedi ausiliari o
anche esclusivi. L'argomento
riveste particolare interesse in
quanto gli oli essenziali usati
nell aromaterapia, se somministrati a dosi appropriate,
sono innocui per l'organismo e non provocano i disturbi che danno
i comuni psicofarmaci. Esperimenti conclusivi in questo senso
sono stati fatti in varie cliniche per malattie mentali su pazienti
affetti da isterismo o da
depressione.
In particolare il professor Rovesti
ha constatato l'efficacia di varie
applicazioni di oli essenziali di
bergamotto, cipresso, lavanda,
neroli, e rosa: sia inalati per mezzo

Copyright- Dott Alberto Pedrazzo Pagina - 13 -


di diffusore, sia utilizzati per bagni e massaggi e assunti per via
interna.
Gli aroma terapeuti consigliano l'uso del bergamotto nelle cure
antidepressive e contro gli stati di ansia.

Secondo recenti studi il suo effetto dovuto all'azione


regolarizzante sull'ipotalamo: data la caratteristica di essere sia
persistente sia fresco, il profumo riequilibra piacevolmente le
reazioni emozionali eccessive, calmando e rilassando la persona, e
allo stesso tempo svolgendo un'azione tonica e vivificante.

E' rinfrescante, rasserenante e stimolante per le funzioni cerebrali


se unita a rosmarino , lemongras o verbena.
Grazie alla sua vibrazione solare, d coraggio e rallegra lo spirito.
La sua nota
delicata e floreale
vivifica la gioia e il
calore umano.

L'essenza di tonka, rallegra, rilassa e fa vedere tutto in una luce


ottimistica. Con neroli, gelsomino e pompelmo, euforizzante e
molto antidepressiva.
La fragranza dell'Ylang-Ylang morbida, dolce ed erotica; ricorda
quella della violaciocca, dell'orchidea e della mandorla.
Questo profumo stimola nel cervello la produzione di endorfine,
che hanno un effetto antidolorifico, euforizzante ed erotizzante.

Copyright- Dott Alberto Pedrazzo Pagina - 14 -


Come utilizzarli
Possono essere usati nella lampada per aromi, in oli per massaggi,
e in bagni aromatici .
I metodi pi sicuri ed efficaci per
diffondere il profumo degli oli essenziali
sono principalmente tre:

Diffusore a candela (brucia-essenze)


Diffusore elettrico
Diffusore spray manuale

I diffusori elettrici funzionano a ultrasuoni e lavorano a freddo, in


tal modo non si altera lolio essenziale; ve ne sono alcuni che
abbinano laromaterapia alla cromoterapia consentendo la
diffusione di luci di colore particolare in funzione dellessenza usata.

La qualit essenziale in un olio per laromaterapia, dipende dalla


coltivazione della pianta che deve essere biologica, dalla tecnica di
estrazione, e da molti altri fattori.
Gli oli essenziali naturali, sono costituiti dalle sostanze aromatiche
non oleose presenti nelle piante e, sono altamente volatili. Hanno
notevoli propriet medicinali dovute allelevata quantit di principi
attivi in essi contenuti, ed hanno costi molto alti in relazione alla
quantit di essenza contenuta nella pianta.

Copyright- Dott Alberto Pedrazzo Pagina - 15 -