Sei sulla pagina 1di 52

editoriale direttore@periodicoitalianomagazine.

it
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

La nuova Metropolis
della globalizzazione
La sacrosanta distinzione tra etica della convinzione ed etica del suc-
cesso discende da unantica utopa: quella dellavvento di unumanit
altera, rigenerata, perfetta. Chi vuole ottenere successo, in generale
cerca un punto dincontro con i gusti e le tendenze delle masse, men-
tre chi segue seriamente una convinzione profonda mira a obiettivi
pi lontani e distanti, sollevando il collo della razionalit al di sopra
della foresta, come le giraffe. La
tendenza, o lo strumento, di unetica
della convinzione dunque lesteti-
ca: la teorizzazione fotografica di
un sogno espressionista, o qualcosa
del genere. Chi, invece, ragiona
secondo unetica del successo appare
maggiormente realista, analizza
alcune movenze di fondo della socie-
t e le asseconda, pi raramente le
modifica, mutuandone la forma al
fine di differenziarle, rigenerando-
le. Ora, sotto il profilo filosofico, il
problema che si pone il seguente:
chi tende a compiacere le masse con
belle parole non solo compie
unopera di corruzione, ma trascina
verso il basso lintera societ, propo-
nendo modelli e riti sempre pi falsi, o quanto meno ambigui, alla col-
lettivit. Ma assuefarsi alla menzogna, alle ipocrisie, alle vuote ritua-
lit pu nascondere finalit atterrenti, come dimostrato dal fonda-
mentalismo islamico o, pi in generale, dallintegralismo religioso.
Per tali motivi, lo spunto che proponiamo in questo primo numero
del 2017 di Periodico italiano magazine non affatto casuale: leste-
tica non estranea alletica, bens ne parte integrante e indissolu-
bile. Sotto il profilo sostanziale, possedere una convinzione differen-
zia molto il singolo individuo dalla massa, rendendolo rappresentan-
te di una crisi della crisi. Questultimo un concetto molto presente
tra le coscienze pi avvertite del mondo intellettuale, poich ci si
accorti che linnovazione tecnologica in atto scavalca le vecchie figu-
re di crisi, sgombrando il campo da questioni e problemi al fine di
esautorarli. Si tratta di una modificazione spiazzante, di unimprevi-
sta tendenza utopistica della globalizzazione, la quale sta generando
una realt a due facce, totalmente contrastanti tra loro: da una parte,
quella dellavanguardia tecnologica; dallaltra, quella assai pi fosca
della scomparsa di numerose specializzazioni e mansioni. Lavvento
dellepoca digitale ha gi causato il declino di alcune professioni,
come per esempio quella del fotografo. Anche in questo caso, non si

3 > > > > > > > > > > > > > > > > > > > > Periodico italiano MAGAZINE
editoriale Lumanit ha bisogno di unetica altra
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

trattato della scomparsa degli aspetti di abilit o di virtuosismo arti-


stico, teorico ed estetico, di tale professione, bens del suo mercato
nei suoi aspetti pi strutturalmente artigianali, consumistici, com-
merciali. Lavvento di una nuova tecnologia riuscita, insomma, a
scavalcare il prodotto stesso, rimpiazzandolo con un altro a basso
costo. Di qui, sorge una constatazione: lo sviluppo tecnologico non
persegue affatto lincremento delle opportunit o la nascita di nuovi
mercati, bens quello della marginalit delloccupazione lavorativa.
In sostanza, il progresso vorrebbe liberare luomo dalla schiavit del
lavoro, ma dopo aver individuato tale obiettivo di prospettiva, dimen-
tica di dover dare una nuova forma, una modalit, un come, ai
distinti passaggi intermedi del processo produttivo. Ecco spiegato
perch torna assai comoda la chiave interpretativa della vecchia cul-
tura socialista del 900, che non affatto un cane morto: al contrario,
essa la sola tradizione in grado di avvertire lumanit dei pericoli di
antitesi negative che possono derivare da uno sviluppo disordinato o
malgovernato. Parafrasando Pasolini: uno sviluppo distante intere
galassie dal vero progresso. Fu esattamente questa l'intuizione di
Fritz Lang allorquando immagin una grigia realt industriale:
unispirazione che lo condusse a dar vita al geniale film Metropolis.
La crisi della crisi sostanzialmente salta a pi pari ogni mediazione,
eliminando, anche e soprattutto sul versante aziendalista, ogni pos-
sibilit di un nuovo contratto sociale. In pratica, la crisi della crisi
la vera crisi, poich in essa non vi alcuna alternativa, nessuna
possibilit di organizzare una risposta efficiente. E ci rende necessa-
rie, se non addirittura urgenti, nuove sintesi di compromesso.
Ovvero, una nuova etica del successo, in grado di organizzare una
risposta ai radicalismi pi irrazionali e astratti. La convinzione che
lo sviluppo tecnologico porti a radiose albe di progresso rischia di
diventare un obiettivo rimandato ad libitum, poich ci che rende
maggiormente umana ogni etica proprio la sua capacit di far rife-
rimento a categorie reali, non certo di andare a generare lapocalisse
della noia e della disoccupazione di massa. Lumanit ha dunque biso-
gno anche di unetica altra: quella del successo. La quale, se utilizza-
ta correttamente, ha il pregio di determinare un limite nei confronti
di ci che pu condurci, pur in buona fede, verso ulteriori disastri.
Proprio letica del successo ci che andrebbe rianalizzata e mutua-
ta in quanto metodologia, poich ha il merito di fissare materialmen-
te ogni tendenza, rendendola pi vicina alle aspettative e ai bisogni
delle masse. La nuova Metropolis della tecnologia rischia di trasfor-
marsi in un processo gi compiuto, nel quale nulla di diverso pu
accadere sotto la coltre della propria inumanit. Lo sviluppo, se
assunto come unica stella polare di orientamento, pu assumere con-
notati eccessivi, enfatici, persino angoscianti. Ma sotto il profilo del-
lorganizzazione di una risposta politica, in certi casi sempre buona
cosa moderare il processo, facendolo passare attraverso formulazioni
di sintesi meno vaghe, pi precise e definite, comprensibili e utili per
tutti. Diventando successo.
VITTORIO LUSSANA

4 > > > > > > > > > > > > > > > > > > > > Periodico italiano MAGAZINE
storiadicopertina Ognuno detiene la propria verit
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Io credo, ma in cosa?
Credere implica un atto di fede; sapere, uno di verit. Credere oggi anche
libert individuale, di distaccamento da verit precostituite. Il sentirsi
uomo o donna per il transessuale una verit, la quale non corrisponde al
sentire comune, che tende a raggruppare le cose in categorie spesso molto
generali, polarizzate, veramente poco esaustive. Una delle categorie
umane pi credenti per esempio quella degli scienziati, i quali per ovvie
ragioni di tempo sono obbligati a compiere numerosissimi atti di fede
riguardanti la validit di molti esperimenti del passato, senza perci
doverli uno a uno di nuovo ripetere personalmente. Ma il confine tra sog-
gettivismo e oggettivismo, tra credenza e verit cosa tutt'altro che sem-
plice da delineare. Prendiamo l'amore: un uomo che ami per esempio due
donne contemporaneamente un bugiardo? Possiamo rispondere no, se
valutiamo la questione secondo il principio del Poliamore, una corrente di
pensiero relativamente recente che all'ipocrisia d'una relazione monoga-
ma, intrisa di tradimenti, preferisce l'onest d'un amore dichiaratamente
non esclusivo. Chiaramente, chi abbraccia tale dottrina non crede che la
relazione monogama sia sbagliata in quanto tale, ma che sia essenzial-
mente disonesta e lacerante per l'individuo, costretto a dover reprimere o
coltivare di nascosto i suoi sentimenti verso una terza o quarta persona.
Ovviamente, qui entra in ballo ci che il singolo desidera per s, per la pro-
pria serenit. Persino il non credere stato codificato in atto di fede in
determinate realt del mondo. ci che accaduto in Cina negli ultimi
anni, con l'avvento di Xi Jinping come nuovo segretario del Partito comu-
nista cinese. Egli ha sottolineato, molto di pi rispetto al passato, che l'es-
sere comunisti implica necessariamente lessere atei e ha creato ad hoc
una dichiarazione formale di ateismo: una fede nella non fede. Qui si
trattato di unimposizione. Ma anche la libera scelta ha i suoi risvolti oscu-
ri. Ne sono un esempio le sette, che spesso si tramutano in forme di condi-
zionamento che conducono allomicidio o al suicidio collettivo. Per non par-
lare di quelle alla moda, quali Scientology. Daltronde, come non diffida-
re dallidea di un pacchetto base del valore di 25 mila dollari che guida
verso la via dell'illuminazione i suoi adepti? O, per meglio dire, disassem-
bla lo schema mentale dell'individuo e lo sostituisce con un altro che ne
garantisce il pieno controllo da parte dellorganizzazione e lo rende imper-
meabile agli influssi esterni. il tentativo di riallacciare quel filo nascosto
fra noi e l'universo, di sentirci parte del tutto. Le scuole di pensiero, in tal
senso sono molteplici e ampliano allinfinito la scelta di uno stile di vita,
dalleducazione impartita ai figli (scuole montessoriane o staineriane?)
allalimentazione, alle cure mediche (omeopatia, agopuntura o meglio un
antidolorifico da banco?). In questo momento storico, la libert di espres-
sione ha raggiunto il suo apice: vero tutto e il contrario di tutto. Ognuno
esprime la propria idea come verit. lelevazione delluomo comune ai
massimi vertici, la fine della ricerca di ogni risposta di senso, perch siamo
noi, con le nostre convinzioni, a darci un senso: quello di essere nel giusto
e condannare ferocemente chi la pensa diversamente. Lespressione:
Secondo il mio modesto parere superata. Dimenticate la modestia, non
di questi tempi. stata battuta dallintolleranza.
ANDREA TERMINI

5 > > > > > > > > > > > > > > > > > > > > Periodico italiano MAGAZINE
sommario Anno 6 I numero 24 I Gennaio 2017

3 Editoriale

5 Storia di copertina

8 Il futuro del credere


Fino al 2050 il cristianesimo rester
la religione pi diffusa nel mondo,
ma i seguaci dellIslam aumenteranno
pi velocemente
di ogni altro gruppo religioso

12 La deriva egotista
Res pubblica o privata? Esiste ancora
il politico che ha unicamente
e principalmente lo scopo di rendere
la democrazia pi fruibile ed efficiente?

15 Bobo Craxi
Veniamo da un ventennio sciagurato

18 Il buon mercato
che ha creato
il consumismo
I primi grandi magazzini hanno visto
Bicicletta la luce a Parigi, alla fine dell800.
& chocolat Da quella merce per tutti nascer
anche la democrazia
28 21 Donna Fugata
Riapre con un ampio progetto
di rivalutazione culturale la storica
biblioteca del Castello ragusano

24 Patrizia Schiavo
Secondo uno studio dellUni- Una tigre in prima linea
Una grande attrice e una donna
versit di Detroit, pedalare
coraggiosa, che ha voluto a tutti i costi
aiuta a sentirsi pi forti e inseri- inaugurare un nuovo spazio teatrale
re nella dieta cacao fondente in una realt difficile
consente di bruciare pi calorie della periferia romana
6 > > > > > > > > > > > > > > > > > > > > Periodico italiano MAGAZINE
36 Ausonia: Il fumetto vitale Costruire
Una graphic novel nella quale
il classico tema del passaggio la memoria
dall'infanzia vira verso un mondo
disseminato di 'delicati zombie'

38 Favole prt- - porter


Marcella Panseri ha creato
una piattaforma web attraverso la quale
possibile commissionare
una novella personalizzata
32
40 Jocelyn Pulsar
Il low budget una risorsa Il 27 gennaio si rinnova lappuntamento
con la giornata dedicata alle vittime
Uno degli artisti pi interessanti
dellOlocausto: unoccasione per avvici-
del panorama indie italiano narsi alla storia della comunit ebraica
italiana ed europea
42 Musica News
Guida allascolto

44 Arte News
Le mostre del momento

46 Libri&Libri
Novit in libreria
Anno 6 - n. 24 - Gennaio 2017
48 Nuovi universi Direttore responsabile: Vittorio Lussana
cinematografici Vicedirettore: Francesca Buffo

La nuova moda di Hollywood In redazione: Gaetano Massimo Macr, Carla De Leo,


Giuseppe Lorin, Michela Zanarella, Dario Cecconi,
quella dei vasti contesti narrativi Annalisa Civitelli, Serena Di Giovanni, Ilaria Cord ,
Silvia Mattina, Giorgio Morino, Michele Di Muro,
in cui i vari avvenimenti di un film Clelia Moscariello, Andrea Termini, Raffaella Ugolini
influenzano le vicende narrate REDAZIONE CENTRALE:
Via A. Pertile, 5 - 00168 Roma - Tel.06.92592703
in pellicole successive Progetto grafico: Komunicare.org - Roma
Editore Compact edizioni divisione di Phoenix associa-
zione culturale - Periodico italiano magazine una
testata giornalistica registrata presso il Registro
Stampa del Tribunale di Milano, n. 345, il 9.06.2010

PROMOZIONE E SVILUPPO

7 > > > > > > > > > > > > > > > > > > > > Periodico italiano MAGAZINE
primopiano Fra i migranti non cattolici, i pi numerosi sono i cristian
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Il futuro
del credere
ra guerre sante, antiche o recenti, ed episodi di discriminazio-
Fino al 2050 il cristianesimo T ne pi o meno violenti, il nostro pianeta oggi ospita una gran
variet di credo religiosi, capaci di unire (o dividere) sotto la stessa
rester la religione pi diffu-
fede miliardi di persone. Di fronte alle numerose polemiche nei con-
sa nel mondo, ma i seguaci fronti dei flussi migratori siamo stati abituati a pensare che la que-
stione riguardi principalmente l'afflusso di musulmani. Eppure le
dellIslam aumenteranno pi minoranze religiose nel nostro Paese sono pi di 800. Fra queste tro-
velocemente di ogni altro viamo gruppi abbastanza piccoli, come gli Hare Krishna o i devoti
del reverendo Moon che sono qualche migliaio o i fedeli di
gruppo religioso Scientology che sono alcune decine di migliaia, e gruppi molto pi
grandi, come i protestanti pentecostali o i Testimoni di Geova.
Questi ultimi, peraltro, sono la seconda organizzazione religiosa fra
i cittadini italiani dopo la Chiesa cattolica con poco pi di 400mila
fedeli. A contraddire lo stereotipo secondo il quale limmigrato di
religione non cattolica tipicamente musulmano, lEnciclopedia
delle religioni in Italia pubblicato annualmente dal Centro studi
sulle nuove religioni (Cesnur). Fra i migranti non cattolici, infatti,
risultato dalla ricerca che i pi numerosi sono i cristiani ortodossi e
protestanti con il 46,8%, mentre i fedeli dellislam sono al secondo
posto con il 42,3%, dunque neppure la maggioranza relativa. Ci tut-
tavia, non impedisce alla politica nostrana di giocare con la paura
terrorismo per farne un cavallo di battaglia da campagna elettorale.
Difficile capire come si pu ipotizzare, onestamente, che dietro a ogni
musulmano (uomo, donna o bambino) si celi un probabile kamikaze.
Anche perch lestremismo non una prerogativa dellIslam.
Secondo uno studio effettuato dal SPLC (Southern Poverty Law
Center), unorganizzazione americana che, tra le altre cose, specia-
lizzata nellindividuazione dei cosiddetti gruppi dodio, ovvero quelle
aggregazioni che propagandano idee di odio razziale o religioso, nel-
larco di tempo che va dallaprile del 2009 al febbraio 2015 sul terri-
torio americano sempre pi persone sono morte per colpa del fanati-
smo cristiano, piuttosto che per quello jihadista. Secondo la ricerca,
l'estremismo islamico si pericolso ma talvolta viene esaltato pro-
prio perch appartenente a una cultura diversa. Per esempio, tutti
ricorderanno lattentato alle Torri Gemelle di New York dell11 set-
tembre 2001, ma quello che molti non sanno che il secondo atten-
tato pi violento della storia americana avvenuto il 19 aprile 1995
a Oklahoma City, per mano di Timothy McVeigh, ex militare, che
pianific un attentato in cui persero la vita 168 persone e altre 800
rimasero ferite. Le motivazioni, secondo quanto dichiarato dallo
stesso McVeigh, sono da ricercare nella condotta del governo ameri-

8 > > > > > > > > > > > > > > > > > > > > Periodico italiano MAGAZINE
i ortodossi e protestanti, mentre i fedeli dellislam sono al secondo posto
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

cano, a sua detta sempre pi ostile e quindi meritevole di unazione


strategicamente equivalente a quelle operate dagli stessi Stati Uniti
contro edifici del governo serbo, iracheno o di altre nazioni. The
Army of God (lesercito di Dio), Eastern Lightning (Chiesa del Dio
Onnipotente), Esercito di Resistenza del Signore (LRA), Fronte
Nazionale di Liberazione di Tripura, Phineas Priesthood, The
Concerned Christians, questi i nomi dei sei gruppi estremisti cristia-
ni che hanno causato attentati negli Stati Uniti nellultimo trenten-
nio. Stiamo parlando di organizzazioni violente che si battono contro
laborto (facendo saltare in aria ambulatori medici), la diversit di
genere, le altre religioni.
Certo, si tratta di piccole organizzazioni, ma rappresentano comun-
que la dimostrazione che lestremismo e il fanatismo possono
abbracciare bandiere diverse. Anche quella, per noi italiani impen-
sabile, del cristianesimo. Sul fronte europeo, comunque, la preoccu-
pazione verte principalmente nei confronti degli attacchi terroristici
organizzati dallIs. E per quanto sia ormai assodato che soltanto una
minoranza di musulmani aderisce al terrorismo, sono in molti a
chiedersi quanto si diffonderanno queste comunit religiose a livel-
lo globale?
Attualmente le grandi religioni nel mondo sono 5: cristianesimo (2,4
miliardi di fedeli), islam (1,5 miliardi di fedeli), induismo (1 miliar-
do di fedeli), buddhismo (576 milioni di fedeli), taoismo (400 milioni
di fedeli).
Secondo uno studio redatto da Pew Research Center di Washington,
uno dei pi importanti think thank americani specializzati nellana-
lisi sociale dei pi incisivi fenomeni demografici, nel giro di 35 anni
il mondo vedr alcuni culti in rapida ascesa, mentre altri si avvie-
ranno verso un declino sostanziale.

9 > > > > > > > > > > > > > > > > > > > > Periodico italiano MAGAZINE
primopiano Il numero dei non credenti subir vertiginose perdite e
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Cristianesimo
Rimarr la religione pi importante del mondo anche nel 2050, ma,
nonostante questo, potrebbe subire un netto ridimensionamento. Nel
2010 un quarto di tutti i suoi fedeli (circa il 25,5 %) abitava lEuropa,
ma nel giro di 35 anni questo dato potrebbe subire un forte calo,
diminuendo fino ad arrivare alla soglia del 15, 6%. LAfrica, dal canto
suo, si prepara a diventare la terra del credo cattolico, come confer-
mano i dati: nel 2010 la zona dellAfrica sub-sahariana stata popo-
lata da circa il 24% dei cristiani di tutto il mondo. Una statistica che
prevede un incremento notevole entro il 2050, quando i fedeli catto-
lici in quella zona diventeranno pi del 38%. LEuropa sar lunica
regione in cui si prevede una netta diminuzione del numero di cri-
stiani entro il 2050, con un seguito che dovrebbe scendere dai 553
milioni di fedeli attuali fino a un minimo di 454 milioni nel 2050. Un
cambiamento culturale molto significativo, che per vedr Stati
Uniti e Brasile rimanere tra i 10 Paesi al mondo con la maggior con-
centrazione di fedeli cristiani. In netto calo, invece, Messico, Russia,
Germania e Cina, con queste ultime due che nemmeno appaiono
nella breve classifica. I cambiamenti pi importanti coinvolgeranno
Regno Unito, Australia, Benin, Bosnia-Erzegovina, Francia, Paesi
Bassi, Nuova Zelanda, Macedonia, che non avranno pi, tra la pro-
pria popolazione, una maggioranza cristiana.

Islam
Nonostante le previsioni dicano che nel 2050 il cristianesimo sar,
con tutta probabilit, ancora la religione predominante sul pianeta,
nel 2100 che la religione musulmana raggiunger lapice della sua

10 > > > > > > > > > > > > > > > > > > > Periodico italiano MAGAZINE
entro il 2050
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

crescita. Secondo la relazione, infatti, nel 2050 i fedeli islamici pre-


senti in Europa saranno solo il 10%, mentre nel 2100 dovrebbero
addirittura superare la soglia occupata dai fedeli cristiani (34%).
Prospettive importanti se si pensa che ad oggi, nel mondo, i musul-
mani costituiscono quasi un quarto della popolazione (23,2%) e i loro
indici di crescita sembrano in costante aumento. Lislam, nel 2100,
diventer la religione con pi seguito al mondo. Questa crescita glo-
bale, secondo il rapporto del PRC, sarebbe dovuta alla giovane et
dei suoi fedeli e al fatto che il tasso di mortalit, tra le popolazioni
che hanno fatto registrare una maggiore adesione al credo islamico,
sono in netto calo. A questo bisogna aggiungere, secondo gli autori,
un alto tasso di fertilit registrato tra la popolazione musulmana,
rispetto ad altri gruppi religiosi.

Ebraismo
La quota della popolazione ebraica dovrebbe rimanere invariata, con
una soglia vicina al 2% della popolazione mondiale. Nonostante la
natura statica della sua espansione, entro il 2050 il numero di fede-
li del giudaismo sar di circa 16 milioni (2 milioni in pi rispetto al
2010). Secondo il rapporto, la maggior parte dei fedeli ebraici, entro
il 2050, vivr in Israele, dove gi risiede buona parte dei suoi segua-
ci. Lo studio, per, come fanno notare gli autori, comprende solo i
fedeli dellebraismo, tralasciando tutti coloro che si sentono apparte-
nenti alla cultura o alletnia ebraica per discendenza, ma che non
professano alcuna religione (o abbiano un credo diverso). Se si consi-
derassero anche queste persone, sicuramente la stima avrebbe
numeri maggiori (o minori, qualora di considerasse una discendenza
esclusiva maschile).

Buddismo
Di fronte a una crescita esponenziale di fedeli cristiani, musulmani
e a quella statica degli ebraici, la religione che far registrare un
netto calo di adesioni sar il buddismo. Questo credo, entro il 2050,
destinato a vedere calare (e di molto) il proprio seguito, a causa del-
linvecchiamento dei propri fedeli e della loro bassa fertilit.

In tutta questa proiezione sul futuro del credere, il dato pi interessan-


te quello che riguarda gli atei. Il numero dei non credenti subir ver-
tiginose perdite entro il 2050. Nel 2010 la popolazione che non si iden-
tificava con nessun credo era di circa il 16%, mentre, secondo la stima
del PRC, nel 2050 questi valori caleranno fino al 13%, soprattutto a
causa dellet avanzata dei seguaci e della loro bassa fertilit. Fino ad
ora, le nazioni con un maggior numero di atei sono state la Cina, il
Giappone e gli Stati Uniti, ma nel giro di 35 anni questa tendenza
potrebbe svilupparsi molto di pi in Occidente. Secondo la relazione,
nei prossimi anni Paesi come il Vietnam, la Germania, la Francia e il
Regno Unito (oltre i gi citati Giappone e Stati Uniti) dovrebbero assi-
stere a una crescita di atei nella propria popolazione.
Certo le proiezioni della ricerca sono ipotesi al pari degli exit poll
politici, e non tengono conto di tante variabili. Ma lasciano ben spe-
rare che per gran parte dellumanit Dio esiste. Se questo salver
luomo da se stesso, resta un mistero.
FRANCESCA BUFFO

11 > > > > > > > > > > > > > > > > > > > Periodico italiano MAGAZINE
politica Rottamano, espellono, il loro credo prevale su quello dei compagni di par
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

La deriva
egotista

Res pubblica o privata? Il dubbio sorto, di conseguenza


anche la domanda: esiste ancora il politico che ha unica-
mente e principalmente lo scopo di rendere la democrazia
pi fruibile ed efficiente?
l 2016 stato, senza alcun dubbio, lanno plice, ma forse neanche troppo onesta. Per fare
I della confusione, in cui emerso il vero indi-
vidualismo della classe politica italiana.
una similitudine, pensiamo a un giocatore di
calcio che, invece di condividere e affrontare gli
Partito democratico e Movimento 5 Stelle avversari insieme ai compagni di squadra, deci-
sono stati i punti cardine attorno ai quali leser- de di attraversare il campo in completa solita-
cizio del res publica (la gestione della cosa pub- ria dribblando tutti gli avversari.
blica) ha giocato una partita non proprio sem- Simpaticamente, per i meno giovani azzardia-

12 > > > > > > > > > > > > > > > > > > > Periodico italiano MAGAZINE
rtito: il sintomo di una governanceche mette al primo posto lio e perde per strada il noi
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

mo la similitudine con il cartone giapponese care con mano la vita di tutti i giorni. Premesse
Holly e Benji, vero e primo esempio di indivi- e promesse colme di dialettica retorica, dato che
dualismo superomistico allinterno di un gioco a soli due anni dalla sua ascesa, il popolo non
collettivo e di squadra. Procediamo, dunque, lha pi sostenuto durante la sua campagna
con cautela, perch vorremmo analizzare alcu- elettorale referendaria, costringendolo, come
ne questioni che lanno appena trascorso ha sappiamo, alle dimissioni. Ed proprio lepiso-
lasciato in sospeso, a cominciare proprio dal ter- dio delle dimissioni che convince litaliano a
mine individualismo, ovvero: una prospettiva rendersi conto che, oggi, il termine collettivit
sociale o pi banalmente unideologia e posizio- ha lasciato il posto allindividualismo pi mali-
ne morale, che eleva il soggetto singolo a una gno e autoreferenziale: Il mio governo fini-
posizione differente dai propri simili. sce qui; mi assumo tutte le responsabilit della
Queste nostre premesse vertono a sollevare il sconfitta; dico agli amici del S che ho perso io,
dubbio che molti nostri esponenti, che hanno non voi; voi volevate riavvicinare i cittadini alla
occupato la scena mediatica e politica nel 2016, cosa pubblica e avete fatto una campagna elet-
abbiano travisato il concetto di individualismo, torale casa per casa, voi non avete perso. Le
rendendosi autonomamente portavoce di un parole sottolineate indicano come, in poche
sistema rivolto direttamente al popolo stesso. frasi, il punto centrale sia sempre lex premier,
cio possibile che sia stato frainteso il significa- Matteo Renzi: non la sua squadra, non il suo
to intrinseco della parola individualismo? governo, ma se stesso. Alla luce dei fatti, come
Herbert Marcuse sosteneva che la societ ide- se lintero gioco fosse stato condotto unicamen-
ale era quella che aveva panchine a uso singo- te da una singola figura. Eppure, sappiamo che
lo, ovvero il momento storico preciso nel quale il il referendum costituzionale stato promosso e
carattere privato del soggetto alimenta la fun- sostenuto anche dallattuale Sottosegretario
zione pubblica. Dopo decenni, per, il luogo alla presidenza del Consiglio, Maria Elena
principale delle libert individuali divenuto Boschi, la quale pochi giorni dopo stata ricon-
una sorta di verticismo che ha semplicemente fermata nellattuale Governo Gentiloni. Io ho
spettacolarizzato la politica, svuotandola di perso; dopo ogni elezione resta tutto com; io
contenuti. sono diverso: non sono riuscito a portarvi alla
Dopo il trauma della contestazione sessantotti- vittoria; ho fatto tutto quello che si potesse fare
na e il rigetto degli anni di piombo, rendere in questo momento storico. Effettivamente, gi
figura politica chi prima era visto solo come le parole pronunciate da Renzi lasciano poco
semplice individuo sembrata a molti una solu- spazio alla libert di percezione alle possibili
zione per avvicinare la politica alluomo comu- idee di colui il quale dovrebbe fruire del mes-
ne. Ma con il procedere degli anni, questa fami- saggio politico, rendendo cos la comunicazione
liarizzazione ha portato al sopravvento dellin- a senso unico, prettamente individualista: un
teresse privato rispetto alla cosa pubblica. continuo Renzi-to-Renzi. Veniva definito over-
E proprio il 2016 stato lanno in cui, pi cla- chiever, ovvero un quarantenne che non cono-
morosamente del solito, vi stato il declino di sce dubbi o solitudini. Uno figo, verrebbe da
secoli di politica. Due sono state le figure prin- dire. Ma, alla fine, la solitudine arrivata pro-
cipali che hanno sconvolto e stravolto ogni pre- prio allo scoccare della mezzanotte dello scorso
supposto storico-filosofico, rendendo esplicito il 5 dicembre, quando dopo aver abbracciato la
concetto individualistico della politica: lex pre- moglie Agnese, salito sul proprio pulpito e
mier, Matteo Renzi e il portavoce, nonch uno lunica cosa che rimasta chiara del suo discor-
degli esponenti principali del Movimento 5 so stato il pronome personale Io.
Stelle, Beppe Grillo. Nonostante il loro ruolo di Anche Beppe Grillo, il comico-politicante e
figure centrali della politica italiana, entrambi, bloggista per eccellenza, ha fatto dellindivi-
dal nostro punto di vista, sono i pi chiari esem- dualismo la propria filosofia di vita. Forse ha
pi del narcisismo politico italiano. preso gusto nellisolamento quando, alla luce
Matteo Renzi, il rottamatore, ha convinto gli dei recenti scandali del proprio movimento e
italiani grazie ad alcune premesse iniziali, dopo la prematura scomparsa del manager
basate sul voler riportare il ceto politico a toc- Roberto Casaleggio, il movimento a cinque stel-

13 > > > > > > > > > > > > > > > > > > > Periodico italiano MAGAZINE
Politica La pulsione populista un impasto pericoloso di fanatismi che, con la su
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

le sembra aver perso la strada. Tralasciando cosa pubblica. E questo uno dei segni pi sug-
gli scandali di Parma, delle giunte del napole- gestivi del grande problema della societ stes-
tano o gli abusi di potere in Sicilia, il comico ha sa, nella quale essere parte di un gruppo
ritirato il braccio nel momento dellaiuto. Ci diventato sempre pi una rarit. Il nostro pro-
riferiamo alla questione romana e alla sindaca cesso degenerativo porter lessere umano a
Virginia Raggi, che lasciata sola ha perso le essere solo davanti alla propria quotidianit e
redini del problema. A differenza del tanto mal questo suo status viene riflesso improrogabil-
sopportato Renzi, Grillo per nei discorsi utiliz- mente sulla politica? La domanda voluta-
za sempre la parola noi, quasi a voler indica- mente provocatoria e radicale, poich sappia-
re che, in fondo, anche lui parte del gruppo. mo che, in caso di schiacciamento della realt
Tuttavia, dal movimento giungono, troppo collettiva di fronte al trionfo del privato,
spesso, le voci, separate e confuse, dei numero- prima o poi genera una risposta contraria per
si lupi solitari, Di Battista e Di Maio sopra a contraccolpo. E viceversa, come dimostrato sto-
tutti. Mentre Grillo sembra anchegli via via ricamente dalle vecchie democrazie socialiste
tentato dal voler portare avanti la battaglia dellest europeo. La questione vera, infatti,
politica come primo e unico condottiero, anche unaltra: non forse vero, come affermava
in Europa. Umberto Eco, che il continuo evolversi della
In ogni caso, i due esempi che abbiamo voluto societ , di per s, uninvoluzione? Dalla poli-
mettere in evidenza sono il frutto di una socie- tica alla vita, forse dovremmo riflettere, intor-
t che pone al centro lindividuo, sia esso lega- no a un problema cos profondo.
to alla familiarit privata o a una visione della ILARIA CORD

14 > > > > > > > > > > > > > > > > > > > Periodico italiano MAGAZINE
uggestione di creare una societ nuova, tende soprattutto a distruggere e contestare quello che c'
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Bobo Craxi:Veniamo
da un ventennio sciagurato
Parla il figlio del grande leader socialista, a 17 anni dalla scompar-
sa: Questa societ, totalmente priva di valori ideali e contenuti
concreti, il risultato di un cambiamento violento, che ha finito con
lindebolire la nostra democrazia, ormai esposta a gravi rischi
ei giorni del 17esimo anni- che gli ismi stessi avevano gene-
N versario della morte di
Bettino Craxi, in una fase politica
rato. Ma non sono solamente le
versioni pi fanatiche dei detta-
che sembra aver perduto ogni mi religiosi a influenzare tanta
bussola di orientamento ideologi- parte dell'oriente e dell'occidente,
ca, valoriale e sociale, abbiamo ma anche le stesse dottrine eco-
intervistato il figlio del grande nomiche liberali, che hanno finito
leader socialista, Bobo Craxi, al per generare ottuse visioni neo-
fine di aiutarci ad analizzare que- monetariste le quali, a loro volta,
sto stravagante piano inclinato hanno danneggiato le societ e
che, dalla fine della prima reso pressoch inespugnabili que-
Repubblica, sembra inesorabil- sti castelli costruiti su delle cer-
mente trascinare la democrazia tezze che non hanno trovato rea-
italiana verso una disordinata lizzazione nella realt. Pi o
deriva demagogica di leaderismo meno, quello che accaduto ai possibilit che questa societ sia
irresponsabile e, soprattutto, regimi ideologici totalitari. nelle condizioni di rispondere alle
totalmente incompetente nel Inoltre, la saldatura fra antichi domande che vengono poste, di
rispondere alle grandi emergenze estremismi, di destra e di sini- risolvere temi e problemi dai
della societ attuale. stra, ha prodotto, in Europa, quel- quali si sente quotidianamente
la pulsione che noi per comodit accerchiata. La perdita di poten-
Onorevole Craxi, il crollo definiamo populista: un impasto za economica della societ occi-
delle ideologie del 1989, alla inedito e pericoloso di fanatismi dentale ha prodotto anche la
fine sembra aver causato con- pre-rivoluzionari, senza visione caduta dei suoi valori e la consa-
seguenze nefaste: da una ideale o la suggestione di creare pevolezza delle conquiste ottenu-
parte, la caduta del comuni- una societ nuova. Un atteggia- te, che non sono pi considerate
smo pare abbia trascinato mento votato soprattutto a sufficienti e adatte ai tempi che
con s anche le versioni non distruggere e contestare quello stiamo vivendo. Non il disincan-
coattive del socialismo; dal- che c'. to che muove questa nuova condi-
laltra, sembra aver dato il via zione umana, quanto l'assenza di
libera a integrismi religiosi Rispetto a un mondo sugge- speranza o di utopa, che stata
che, con una superpotenza stionato da utopie, da quella sempre una grande risorsa ideale
come lUrss, in precedenza comunista a quella neo-liberi- per l'uomo di ogni secolo.
sembravano maggiormente sta, si passati a un pianeta
sotto controllo: cos? globalizzato, in cui lecono- Il suo punto di vista sui
cos. E le conseguenze di que- mia domina assai pi di recenti attentati di Berlino e
sto dissolvimento delle vecchie prima rispetto alla politica: Istanbul: quanto siamo vicini
incrostazioni ideologiche la vedia- nessuno, in occidente, crede a uno scontro di civilit?
mo, innanzitutto, nell'inedita sal- pi a niente? Io rifiuto questa visione secca e
datura tra le visioni pi estreme Innanzitutto, non si crede alla semplificata con la quale si sono

15 > > > > > > > > > > > > > > > > > > > Periodico italiano MAGAZINE
Politica Il disincanto attuale mosso dall'assenza di utopa
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

letti gli eventi che hanno caratte- Io continuo ad augurarmi che guenza di un ventennio sciagu-
rizzato questo inizio di secolo. sia possibile rendere giustizia a rato.
Ritengo, invece, che molti fatti questa grande Storia mondiale,
siano il frutto di un pi ampio europea e italiana, offrendo una Nei prossimi giorni ricorrer
riposizionamento delle potenze forza politica che sia degna di il 17esimo dalla scomparsa di
regionali, frantumate dall'esito questo passato. Abbiamo attra- suo padre: lei crede che, a
della prima e della seconda guer- versato per vent'anni un enorme suo tempo, sia stata fatta
ra mondiale. Antiche civilt, cul- deserto: qualcuno di noi ha resi- ricadere ogni causa della cor-
ture e imperi tendono a riemerge- stito; altri si sono arresi e si sono ruzione italiana unicamente
re, poich nella natura di questi fermati negli accampamenti che sui Partiti della prima
popoli riguadagnare il fasto per- offrivano acqua e viveri. Fra que- Repubblica?
duto. Ci vale tanto per l'antico sti, c'era anche il Partito demo- Quello di vent'anni fa fu un
impero ottomano, quanto per cratico, ma sotto quella tenda mi cambiamento violento, operato
quello persiano. Lo scontro vero, pare che, allo stato, non vi sia lo per ragioni politiche. Per quanto
semmai, quello interno al spazio in grado di riconoscere al oneroso fosse il costo della demo-
mondo musulmano e al colpevole socialismo italiano il ruolo che crazia dei Partiti, oggi il risulta-
ritardo con il quale esso arriva- merita. In ogni caso, un Partito to di una societ priva di solidi
to all'appuntamento con il mondo socialista satellite del Pd non pilastri democratici ci espone a
moderno e la globalizzazione, serve a nessuno: o riacquisisce il rischi evidenti di crollo verticale.
verso la quale ha opposto una dono nell'autonomia, oppure La societ politica italiana, per
chiusura conservatrice e un orgo- destinato a mal vivacchiare, come dirla con Bauman, divenuta
glioso, quanto incomprensibile ai accaduto in questa legislatura e liquida, quindi pi fragile e,
nostri occhi, ripiegamento sulle i problemi e le fratture sono state ripeto, esposta a molti rischi.
proprie tradizioni e costumi. inevitabili. Penso che stiamo
giungendo a una svolta e tutte le Quali iniziative commemora-
Perch lei crede, ancora oggi, forme di dissenso presenti nel tive sono state previste, que-
nel socialismo? E in quale Partito, mi auguro che possano stanno, per ricordare il pre-
tipo di socialismo? uscire allo scoperto. sidente Craxi?
A botta calda sono sempre ten- Come ogni anno, la Fondazione
tato di dire si: credo in una sinte- Un giudizio sulle vicende del animata da mia sorella Stefania
si moderna dell'antica dottrina o Movimento 5 stelle: la nascita ha organizzato una cerimonia ad
filosofia morale e politica che fu il di una forza politica cos Hammamet. E, lungo tutto il
socialismo. Tuttavia, ritengo magmatica e carica di con- corso del mese di gennaio, parte-
anche che non si tratti di avere traddizioni anchessa frutto ciper a diverse manifestazioni
una visione palingenetica della del crollo delle ideologie? commemorative. Gli anni passa-
societ, n tantomeno quella di Per quanto contraddizioni e sin- no, ma quando apro il registro
ritenere, come riteneva Marx, che golari piroette abbiano costellato delle firme che abbiamo posto nel
il socialismo possa essere il la vita del Movimento, esso pare piccolo cimitero cristiano sono
regno di Dio senza Dio". Penso, rappresenti, nella scelta degli sempre impressionato dal nume-
invece, che una visione democra- italiani che voteranno, la forza ro di italiani che intendono
tica e sociale in grado di unire il pi importante del Paese. Sono lasciare una firma, un messag-
valore della giustizia con quello le forze politiche che contestano gio, un ricordo. So quanto ha
della libert continui a essere questo sistema che, in questo fatto mio padre per il nostro
una felice sintesi di ci che noi momento storico, stanno preva- Paese. E anche come stato trat-
continuiamo a definire una socie- lendo. Di tutte le ricette per tato. Convivono sentimenti di
t contentente elementi essenzia- poter contrastare questo rischio gratitudine e di rabbia per la sua
li del socialismo moderno. di deriva confusionaria, ritengo fine, in tutti coloro che consegna-
che quella di inseguirli sul loro no questi messaggi di solidariet
Il Psi pu ancora svolgere un terreno, come ha cercato di fare postuma. per una Storia che
ruolo sul quadrante della Matteo Renzi, sia stata la scel- continua a vivere giorno dopo
politica italiana, oppure ta la peggiore. Non si esaurir giorno: lui parla e, come diceva,
destinato a confluire definiti- in fretta questa stagione, che continuer a parlare.
vamente nel Pd? d'altronde l'inevitabile conse- ILARIA CORD

16 > > > > > > > > > > > > > > > > > > > Periodico italiano MAGAZINE
economia Con l'avvento dei centri commerciali, i parigini entravano e
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Il buon mercato
che ha creato
il consumismo
I primi grandi magazzini hanno visto la luce a Parigi, alla fine
dell800, poi dilagarono ovunque, in Europa e negli Stati Uniti,
poich offrivano una libert mai goduta prima: la possibilit
di acquistare capi alla moda da parte di chiunque. Da quella
merce per tutti nascer anche la democrazia
tempo di saldi, quelli post natalizi. E tra stagione (lo recitano ogni anno, puntualmente,
crisi che morde il portafogli e il tradiziona-
le shopping coi ribassi dei prezzi, difficile resiste-
ma non hanno completamente torto); per quasi
tutti, la possibilit di acquistare un capo o un pro-
re a questultimo. Magari, si stringer un po la dotto adocchiato durante le feste.
cinghia, ma alla merce in offerta non si rinuncia. Enogastronomia, abbigliamento, libri (inaspetta-
Per molti, loccasione dellaffare; per i commer- ti!) e hi-tech i settori pi richiesti, secondo recen-
cianti, una misera toppa ai magri guadagni di ti stime. E cresce la percentuale di coloro che si

18 > > > > > > > > > > > > > > > > > > > Periodico italiano MAGAZINE
e uscivano dai negozi, anche soltanto per vedere la merce esposta
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

rivolgono ai siti on line. I tempi cambiano: non si


pu pretendere che tutto rimanga come nella
Parigi dell800, dove tutto ebbe inizio. C per un
dato di fatto, rimasto immutato da quando il com-
mercio dei grandi magazzini (oggi i centri com-
merciali) comparso nella Storia dellumanit: la
possibilit di acquisto. Non tanto il come e il
dove, ma lidea che ci sia sempre la possibilit di
comprare un oggetto: questa fu la vera rivoluzio-
ne liberaldemocratica che ha cambiato tutto. Non
si riflette abbastanza, intorno a ci: la nuova tipo-
logia di negozi che inizi a diffondersi nella Parigi
nel XIX secolo fu uno shock, un cambiamento
radicale delle abitudini di acquisto. Prezzi fissi e
visibili, merce a rotazione, con margini di profitto
pi bassi, che consentiva a tutti laccesso ai con-
sumi. Si punt, inizialmente, a quel ceto medio
che stava andando arricchendosi: la nascente
borghesia che aveva trovato proprio in quei nuovi
tipi di negozi il suo tempio. L poteva dare sfog-
gio della ricchezza acquisita col lavoro. Ben pre-
sto, col diffondersi dei nuovi spazi di vendita, la
merce pi ricercata, a prezzi fissi e contenuti, fu
unattrazione per tutti. Laccesso ai prodotti alla
moda, fino ad allora riservato ai ricchi e nobili,
divenne pi democratico. Fecero la loro comparsa tacolare che nessuno ci faceva caso. In siffatte
le vetrine, che come finestre sul mondo, espone- condizioni, i criteri di scelta dei consumatori
vano i capi di abbigliamento pi in voga. mutarono, passando, nella motivazione dellac-
Probabilmente, la qualit di quei vestiti poteva quisto, dal bisogno al desiderio. Limportante era
essere anche un filo scadente, ma il modo in cui che tutti, finalmente, potessero mostrarsi in una
venivano presentati era cos accattivante e spet- veste nuova. Le donne, che incominciavano a
lavorare, presero a uscire con le amiche per un
giro di shopping, diremmo oggi. Insieme toccava-
no con mano e valutavano la merce, mentre i
GODBODY
mariti le attendevano nelle apposite sale da let-
di Theodore Sturgeon
tura (ebbene s, cerano anche quelle). Era diven-
Atlantide Edizioni
tato usuale vedere le signore passeggiare da sole
Pagg. 192, 24 euro
e nessuno che le giudicasse: qualcuna, a dire il
vero, dilapid lintero patrimonio di famiglia. Si
Il libro di Stefano Cavazza spiega come nelle
societ preesistenti alla rivoluzione dei con- racconta di donne che trascorrevano intere gior-
sumi, solo i ceti pi ricchi avessero libero nate tra gli scaffali. La visita ai grandi magazzi-
accesso allacquisto dei beni, che di solito ni era unautentica festa, ma con linevitabile
erano di lusso. La parte pi povera, invece, rovescio della medaglia. Quel brio offerto dagli
consumava soltanto ci che produceva direttamente, in una sorta di acquisti, si trasformava spesso in un attaccamen-
autoconsumo. Oltre a sostenere lidea della democratizzazione della to alla merce quasi feticistico, complice probabil-
societ di massa attraverso loperato dei grandi magazzini, lautore mente anche la pubblicit, che iniziava a prende-
compie una riflessione sulla dimensione moderna che il tempo libe- re forma in quel periodo, vendendo, oltre al pro-
ro stava assumendo nella met dell800, inteso a scopo ricreativo, dotto finito, anche i sogni a esso connessi. Tutto
dai viaggi, allo sport fino alle vacanze organizzate, preludio al turi- ci preludeva, inevitabilmente, al consumismo. A
smo di massa. fronte di una tale emancipazione, una nuova
forma di schiavit era, in parte, una conseguenza

19 > > > > > > > > > > > > > > > > > > > Periodico italiano MAGAZINE
economia Il desiderio valeva pi delleffettivo acquisto
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

imprevista. Nonostante ci, si deve convenire nel


fatto che mai come in quel momento gli uomini e
Luomo che invent le donne dovettero sentirsi finalmente affrancati,
lo shopping liberi di costruirsi unestetica, seguendo i moder-
ni gusti o apprendendo altri canoni di bellezza.
Parigi, 1852, rue du Bac sulla Rive gauche. E l che un tale, Spinte dai nuovi impulsi, le signore dello shop-
Aristide Boucicaut, acquist Au Bon March, (buon affare), ping lungo le strade parigine, attraversavano un
un emporio di tessuti. Fu lui ad avere lidea di esporre sul
ponte sulla Senna per passare dal Bon March
banco la merce, ruotandola periodicamente. Il ricambio velo-
di Aristide Boucicat (da l nacque lidea dei gran-
ce gli consentiva di mantenere bassi i prezzi. In quel modo i
di magazzini) sulla rive gauche, alle Galeries
clienti potevano toccare con mano, farsi unidea pi precisa,
Lafayette sulla riva opposta. Il Bon March era
magari convincersi di acquistare il capo di abbigliamento. E il
prezzo era chiaramente esposto, cos che tutti sapessero il tra i pi amati dalle donne, che vi si recavano coi
costo. Boucicaut inizi con abiti da signora, cappelli e calzatu- figli, di solito al gioved. Pu sembrare strano a
re. Col tempo propose la vendita per corrispondenza, tramite dirsi, ma ben prima di acquisire il diritto di voto,
cataloghi e appartengono a lui anche lidea dei saldi e il sod- le donne hanno acquisito la possibilit di farsi
disfatti o rimborsati. Senza saperlo, invent il modello che di belle. Parigi era la citt perfetta per il lancio della
l a poco i grandi magazzini imiteranno e diffonderanno in nuova tendenza ai consumi, poich possedeva
Europa e in America. Pi che oggetti, vendo il desiderio, unurbanistica che favoriva lo shopping. Le ampie
amava ripetere. Aveva gi capito tutto. Nei suoi magazzini, strade sembravano fatte apposta per quello. E la
oltre alla sala di lettura, cera persino quella dei giochi per i ferrovia consentiva ai grandi magazzini di essere
bambini. A proposito di questi ultimi, molto astutamente sempre riforniti in tempi rapidi di ogni sorta di
Boucicaut li utilizzava per incrementare le vendite, tramite merci. Fu proprio quella merce per tutti a costi-
unidea che per lepoca era innovativa. Ogni gioved, giorno in tuire la nuova linfa vitale di una citt che, solo
cui non si andava a scuola e i bambini accompagnavano le fino a pochi anni prima, era stata quella de I
madri nelle compere, Boucicaut distribuiva loro cartoline, con miserabili di Victor Hugo. Adesso mile Zola, la
la promessa che se fossero ritornati la settimana successiva, sua voce narrante. Lo scrittore francese cos
avrebbe continuato. Un geniale esempio di fidelizzazione descrive la frenesia del tempo, nel romanzo Au
della clientela ante litteram. Su un lato delle cartoline si pub- bonheur des dames (Il paradiso delle signore) del
blicizzava un prodotto del Bon March, sullaltro si riproduce- 1883: Era uno spettacolo nuovo: un formicolio di
vano automobili, uniformi militari, giochi di bambini o ragaz- teste, viste di scorcio, che nascondevano il resto
ze in costume da bagno. Lidea funzion, come testimoniava la della persona () Le signore restavano sorprese,
fila di gente del gioved e fu subito rubata da altri grandi
pi che dal resto, dal prodigioso spettacolo della
magazzini. Una piccola curiosit: nel 1914, Pierre de
grande esposizione della biancheria. A permette-
Coubertin commission per le Olimpiadi del 1916 la tessitura
re alla clientela di girare il pi possibile lungo le
della bandiera coi famosi cerchi olimpici proprio a Le Bon
vie di Parigi, ci pensarono le illuminazioni elettri-
March. A causa dello scoppio della guerra, i Giochi furono rin-
viati. Oggi il negozio esiste ancora ed tra i pi grandi del suo che pubbliche, altra diavoleria della modernit.
genere a Parigi. In quel modo era nata una frequente circolazione
urbana, una sorta di turismo commerciale, che si
accresceva nel periodo dei saldi, proprio come
oggi. La gente entrava e usciva dai negozi, anche
soltanto per vedere. Un cartello in un grande
magazzino di Newcastle recitava: Curiosate pure
senza comprare, potrete farlo unaltra volta. E la
speranza di acquistare un vestito valeva pi del-
leffettivo acquisto. Alimentava la possibilit di un
avanzamento sociale, la promessa a se stessi di
poter essere qualcuno. In altri termini, in quel
modo si confermavano i principi delle liberalde-
mocrazie moderne. A quelli s che siamo sempre
rimasti saldi, fortissimamente saldi.
GAETANO MASSIMO MACR

20 > > > > > > > > > > > > > > > > > > > Periodico italiano MAGAZINE
mostre Riapre la storica biblioteca del Castello ragusano
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Donna
Fugata
Nella sontuosa dimora in corso la mostra
Biblioteca svelata, a carte scoperte: uninizia-
tiva che si inserisce nella pi ampia visione di
riportare larea alla sua originaria identit di
fortezza delle arti e della sapienza

onna Fugata un mondo, plasmato dalleclettismo di uno dei


D suoi pi illustri abitanti, il Barone Corrado Arezzo. Politico e
uomo di studi, un illuminato, amante della musica, della scrittura,
della pittura, che ha concentrato nel castello tutto il suo sapere e il
sapere della sua famiglia. Per fare degli esempi: fece costruire intorno
alla sontuosa dimora anche il pi grande labirinto esistente; riusc a
far modificare un tracciato della ferrovia in modo tale da avere la pro-
pria stazione ferroviaria; le foglie del grande ficus che si trova allen-
trata del parco, grazie a un decreto legge, potevano essere affrancate e
spedite come cartoline. E tanto altro. Far rivivere Donna Fugata signi-
fica quindi aprire le porte di un mondo da svelare. Ci introduce cos
alla mostra Biblioteca svelata, a carte scoperte, di cui curatore,
Giuseppe Nuccio Iacopo. Quando ho potuto ammirare lantica biblio-
teca del Castello, chiusa ormai da decenni e che conserva circa diecimi-
la volumi dal 500 in poi, ho immediatamente pensato che quel sapere
dovesse rivivere. Larte, i libri, se restano chiusi non hanno senso e moti-

21 > > > > > > > > > > > > > > > > > > > Periodico italiano MAGAZINE
mostre Il progetto di rivalutazione del castello intende riportare in luce larte e
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

vo di esistere. Quindi ho fatto creare un box dal quale i visitatori pos-


sono ammirare la biblioteca, ma anche consultare i testi e i versi che a
mano a mano selezioniamo. Questo, infatti, il primo di una serie di
appuntamenti che intendiamo rinnovare attraverso la selezione di
argomenti di volta in volta diversi. E che abbiamo deciso di inaugura-
re con lesposizione di letteratura al femminile, alla scoperta quindi di
testi di letterate e poetesse siciliane la cui arte e sensibilit sono state
oscurate per secoli. Ricordiamoci che le donne che si dedicavano alla
scrittura venivano considerate maledette, prostitute. La biblioteca di
Donna Fugata conserva invece moltissima letteratura al femminile, fatto
che dice molto sulla profonda diversit, sensibilit e apertura di quel
mondo. Ad accogliere i visitatori della mostra le creazioni artistiche di
Salvatore Cusimano. Una scelta che Giuseppe Nuccio Iacopo ci spiega:
tutto collegato: cos come la carta sostiene le poesie e la letteratura fem-
minile, la carta dellartista, distrutta e accartocciata, trasformandosi in
abiti diventa essa stessa poesia. La poesia quindi presente sia in scrit-
ti i versi delle poetesse che in forme: gli abiti di Salvatore Cusimano,
che raccontano in forma poetica storie di donne e leggende. Ogni abito ha
infatti una sua storia poich la fantasia dellartista plasma a partire da
una narrazione. Una poesia trasformata in vestito: gli abiti non sono
indossabili, non diventano mai realt. Sono sogni, sono suggestioni che
nascono dallimmaginazione e dalla meraviglia. Tutto ci fa da preludio
a quello che, negli intenti del curatore, diventer un museo della moda e
del costume. In attesa della conclusione dei lavori tante le iniziative pro-
mosse. Dalla recente mostra sullOttocento dove, accanto allesposizione
degli abiti, sono state ricostruite, con musiche, profumi e scenografie, le
ambientazioni tipiche e suggestive di quel periodo. Evento che ne ha
immediatamente ispirato un altro: la mostra tuttora in corso parallela-
mente a quella sulla letteratura femminile, dal titolo Tra pizzi e merlet-
ti, storie di vita privata, nata come risposta ad una delle maggiori curio-
sit emerse da quella sullOttocento: cosa cera sotto i vestiti?
Unesposizione di abiti sconci, la cui realizzazione stata possibile grazie
allacquisto, da parte del comune di Ragusa, della collezione Gabriele
Arezzo di Crisiletti una delle pi grandi raccolte di abiti sconci presen-
ti in Italia dopo quella di Palazzo Pitti . Circa 3000 pezzi, alcuni molto
importanti, come ad esempio labito che ispir il Gattopardo. E accessori,
come sedie da parto o vasche da bagno da viaggio. Al museo della moda
e del costume vorremmo affiancare una sorta di scuola, di accademia,
aperta al pubblico e alle scuole. Creando una didattica per bambini e per
le nuove generazioni di artisti.
CARLA DE LEO

Castello di Donna Fugata, Ragusa


Biblioteca svelata, a carte scoperte
Tra pizzi e merletti storie di vita privata
(Fino al 26 marzo 2017)
Marted, gioved edomenica ore 9-13 e 14.45-16.15
mercoled, venerd ore 9-12.45 (Luned chiuso )
Info: castello.donnafugata@comune.ragusa.gov.it

22 > > > > > > > > > > > > > > > > > > > Periodico italiano MAGAZINE
e il bello che regnavano a Donna Fugata
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Salvatore Cusimano
Ho colto lenergia di Donna Fugata
Le sue affascinanti creazioni,
abiti da sogno interamente rea-
lizzati con la carta, sono esposte
come parte integrante della
mostra a Donna Fugata, attual-
mente in corso, dedicata alla let-
teratura al femminile. Creazioni
suggestive che hanno catturato
lattenzione di Giuseppe Nuccio
Iacono, curatore degli eventi di
Donna Fugata. Da qui il connu-
bio fra poesia e abiti di carta.
Una sorta di bolla onirica, in cui
la poesia da respirare sia
nella fantasia e sensibilit delle
poetesse siciliane, esposta attra-
verso i loro versi, sia nella mate-
rializzazione del sogno, come lato una precisa allegoria del bolla, abbia significato averlo
testimoniano gli abiti di nome del Castello, che deriva intrappolato l, catturato dalla
Salvatore Cusimano. Unav- dalla parola arabaAyn Al- sua forte energia.
ventura artistica circondata da Sihhat e che significa fonte
un alone di magia, come ci rac- della salute. Ora, il bianco il Per lei e per la sua crescita
conta lartista: casualit o no, colore dellacqua, della fonte; il artistica e professionale,
quando il curatore mi ha propo- verde il colore della salute. invece, cosa sta significando
sto di esporre a Donna Fugata, Labito verde, tra laltro, pro- questo progetto?
avevo cinque abiti finiti e uno prio quello terminato nel Questa mostra per me rappre-
che stavo terminando. Sei, quin- Castello. Infine, aggiungo il senta innanzitutto un grandissi-
di: come il numero delle donne ricordo del momento in cui la mo onore: non tutti hanno la
pi importanti del Castello. porta della biblioteca stata possibilit di esporre le proprie
Inoltre, il colore degli abiti che aperta: ho veramente vissuto creazioni in un museo cos
sono stati scelti come portanti, tutto come una magia. Quando importante. Quindi, mi sento
cio quello bianco con un lungo la porta si spalancata mi sono indubbiamente su un grande
strascico e quello verde, si rive- sentito catturato da unenergia palcoscenico, che mi sta dando
indescrivibile, avvertendo una moltissima visibilit e dalla
fortissima comunione con il quale potrebbero aprirsi, spero,
Castello e la sua storia, con le nuove opportunit. Nel frattem-
sue leggende e i suoi misteri, po, mi ha portato a ricevere un
con le sue donne e con la sua riconoscimento ufficiale da parte
letteratura. Ho realmente fatto del sindaco di Ragusa come arti-
tuffo nel passato. Labito verde, sta. Come persona che si nutre
quello terminato nel castello, di suggestioni per sfamare la
lunico a non avere titolo e sto- propria creativit, ha infine rap-
ria. Credo che laverlo portato a presentato il contatto con un
termine tra le stanze e le atmo- covo di energie e storie, che sono
sfere di Donna Fugata, mentre il pane e la linfa della mia arte.
mi sentivo come dentro una CARLA DE LEO

23 > > > > > > > > > > > > > > > > > > > Periodico italiano MAGAZINE
teatro "Abbiamo lottato per creare Teatrocitt. E ogni giorno ci confrontiamo con
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Patrizia Schiavo
Una tigre
in prima linea
Una grande attrice e una donna coraggiosa, che ha voluto a tutti
i costi inaugurare un nuovo spazio teatrale in una realt difficile
della periferia romana, in cui qualche piccolo miracolo si gi
materializzato
Patrizia Schiavo una grande attrice: chi ha punti di vista, delle donne, dal titolo: Frammenti
C frequentato a lungo lambiente teatrale lo sa.
Lo diventata, poich naturalmente avvantag-
al femminile. Unoperazione che ha riscosso un
notevole successo di pubblico, il quale si ritro-
giata da un timbro vocale e da un diaframma vato ogni sera coinvolto in dibattiti sentiti, pro-
profondissimo, da un talento reale e assoluto che fondi, di buon livello. Nulla a che vedere con le
Carmelo Bene seppe individuare sin dai suoi sguaiatezze televisive, in cui oltre ad affrotnare
anni giovanili. Ma lo diventata anche perch ha molte temitiche del femminile, il pubblco riusci-
sempre assunto, nel proprio percorso artistico, to nel miracolo di avvicinarsi, non senza qualche
decisioni libere e autonome, rischiando sempre in trauma, a quegli elementi e rudimenti di critica
prima persona. Dopo il suo ritorno dalla che spesso non comprendeva, non conosceva, non
Svizzera, si subito disposta in trincea, sulla era abituato ad assumere come linguaggio. La
prima linea della periferia romana, aprendo un critica ha incontrato il pubblico. E il pubblico ha
nuovo spazio teatrale, Teatrocitt, proponendo, finalmente aperto le braccia alle donne, allintero
altres, una rassegna di successo interamente universo femminile. stato un miracolo a dir
basata sul punto di vista, anzi sui molteplici poco commovente, di cui in pochi hanno parlato.

24 > > > > > > > > > > > > > > > > > > > Periodico italiano MAGAZINE
n una realt che potrebbe rigettarci come corpo estraneo"
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Ma lei una vera tigre e non si scoraggia. Ha frutti: il teatro gioco, immaginazione, festa, stu-
avuto il sentore, la netta impressione che qual- pore e sentinella critica, specchio-coscienza della
cosa stia cambiando, nel pubblico, che una rifles- realt. Il teatro patrimonio di coloro che
sione collettiva si possa ancora proporre seria- possiedono fantasia e senso della realt, dei gio-
mente, al fine di combattere certi drammi quoti- vani, degli studenti, di chi ha una speranza. La
diani: la violenza, lingiustizia, la sopraffazione realt di Torre Spaccata non si cambia con un
che si scatenano ogni giorno, spesso a pochi metri piccolo spazio teatrale, ma le persone che vivono
da noi, soprattutto nelle grandi periferie urbane. qui, forse possono aprire gli occhi su una realt
La politica e i grandi mezzi dinformazione anco- che troppo spesso gli viene negata.
ra non hanno compreso che le periferie si stanno
risvegliano, che la societ italiana sta cercando di Qual la visione strategica che accompa-
emergere da un lungo ripiegamento sul privato, gna questa scelta di puntare, ancora una
che ne aveva causato lintorpidimento morale e volta, sul teatro per provare a rivitalizzare
culturale. Ci sta avvenendo anche grazie ai Roma e il suo antichissimo patrimonio
nuovi mezzi dinformazione, alla rete internet e storico-culturale?
al dibattito che, pur nella gran confusione, i Innanzitutto la mia storia: quella di unattrice
social network stanno quotidianamente stimo- che ha iniziato a lavorare a 15 anni e, dopo aver
lando e provocando. Ma ci sta avvenendo anche spaziato tra il teatro di ricerca e il teatro di giro
grazie al coraggio di donne come la Schiavo, che e aver lavorato con grandi professionisti, ha
ha il coraggio di insistere e di coinvolgere i citta- preferito intraprendere un percorso creativo
dini, di esprimere contenuti, di informare attra- autonomo. Nel momento in cui la mia carriera
verso il teatro e il suo modo, assolutamente era completamente avviata, delusa e a tratti
splendido, di farlo e di concepirlo. schifata dai meccanismi del sistema e del
mestiere, scopro il dono e il piacere della
Patrizia Schiavo, pu dirci, innanzitutto, trasmissione dei codici teatrali appresi e inizio,
perch ha deciso di lanciarsi in questa parallelamente, a insegnare. Mi trasferisco in
nuova avventura, inaugurando uno spazio Svizzera: il paradiso terrestre. Nessuno mi
teatrale denominato Teatrocitt in un chiedeva: chi ti manda? Di chi sei figlia, moglie o
quartiere difficile della capitale come amante? Sei di destra o di sinistra? Sei lesbica?
Torrespaccata? Incredibile: scrivevo a unistituzione qualsiasi e
Di getto direi: per accogliere una sfida in un ricevevo una risposta. Subito! Invitavi i giornal-
campo, quello della cultura e pi specificata- isti alle conferenze stampa e alle prime e veni-
mente del teatro, relegato a intrattenimento, vano. Scrivevano! Cose divenute incredibili, in
fenomeno spettacolare, che non possiede pi mor- unItalia sempre pi ripiegata su se stessa. Nel
dente sociale e politico. Anche perch la politica 1994, ho fondato a Locarno una compagnia, la
stata trasformata in arena, in talk show sempre prima Cnt: Compagnia Nuovo Teatro, ricevo
pi aggressivi, volgari e inutili. Una sfida a riap- finanziamenti, spazi per lavorare e inizio a sper-
propriarsi di uno spazio di frontiera, dove proba- imentarmi nella drammaturgia e nella regia.
bilmente sopravvivono energie vitali, contraddit- Furono anni importanti; studio, ricerca, lavoro
torie ma in grado di essere scintilla di cambia- costante, progetti contro la violenza e il razzismo
mento. Non retorica: il dramma di una societ con produzioni esportate anche in Germania, a
che ha pochissimi margini di apertura al deside- Berlino e in Olanda, ad Amsterdam. Finch
rio, al sogno, allimpegno. Abbiamo effettiva- arrivato il richiamo della patria natia e il mio
mente lottato per creare Teatro Citt. E ogni esilio nordeuropeo venne interrotto. Dopo circa
giorno ci confrontiamo con una realt che 15 anni, sono dunque tornata in Italia e, talvolta,
potrebbe rigettarci come corpo estraneo. Ma mi ritrovo a chiedermi il perch: tante cose sareb-
vivere questavventura in questa periferia del- bero potute e dovute accadere, mentre si stava
limpero sono convinta che restituisca al teatro andando sempre verso il peggio, qui da noi.
la sua valenza di aggregazione e denuncia. Ma Giorigo Albertazzi mi dice, in quel preciso
proprio per uscire da una facile quanto inoppor- momento, che dovevo scegliere tra il fare la reg-
tuna retorica, voglio affermare che non siamo qui ista o lattrice, poich lItalia non un Paese
come surrogato di un impegno politico e sociale dove una donna pu fare tutto quello che pu fare
che proprio in queste realt non ha dato grandi un uomo. Cos, lessere diventata madre non

25 > > > > > > > > > > > > > > > > > > > Periodico italiano MAGAZINE
teatro necessario recuperare una cultura del teatrocontro ogni acculturamento. E,
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

servito a neutralizzare il pensiero originario:


dovevo nascere maschio. Continuo a lavorare,
scegliendo linvisibilit, ma presto vengo individ-
uata da qualcuno:Ah! Questa unartista che ha
molto da dire, ma dove stata fino ad oggi!? In
Svizzera. E perch? E allora interviste, festival,
inviti alla gestione dei teatri di cintura e,
improvvisamente, sono diventata una donna coi
coglioni. Evviva! Ma poi ti accorgi che, con o
senza coglioni, non ce la fai a reggere le attese
snervanti, le ipocrisie di circostanza, le vigliac-
cherie, le bugie, le promesse. Ti accorgi che non
sarebbe servito a niente nascere maschio senza
le qualit per diventare Al Capone. Comunque
sia, alla fine ho accettato la mia vocazione alla
trincea e ho accolto linvito del Comitato di
sviluppo per la riqualificazione del quartiere di
Torrespaccata, dove dopo pi di tre anni di duro
lavoro, alterne e rocambolesche vicende, cospicui
investimenti personali e grazie allapporto dei
pochi, ma validi, componenti della nuova
Compagnia Nuovo Teatro nato Teatrocitt.
Cosa pensa del mondo della cultura e dello
Cosa intendete fare? E come lo farete? spettacolo in Italia?
Ho parlato dei giovani ed a loro che vogliamo Poche parole, soprattutto su cosa penso ci
puntare. Creare rapporti con il territorio, cer- sarebbe da fare per migliorarlo: ricostruirlo,
cando di partire dalle scuole. Provare a esten- spazzare via il clientelismo, eliminare gli
dere, anche qu, il lavoro che gi portiamo avanti sprechi, rifondare unidea di merito, di qualit,
in altre realt e sappiamo che questo il modo rompere la dipendenza da altre forme di espres-
migliore - non lunico, certo - per restituire al sione come la televisione e, adesso, il web e i
teatro la sua valenza culturale, politica e didatti- social network. E, ancora, dare spazio alle idee
ca. Incentivare la creativit giovanile attraverso innovative, al coinvolgimento, alla parteci-
concorsi, rassegne e iniziative pi strettamente pazione: anche quest un miraggio? Io mi inter-
legate alla dimensione attoriale, come la nostra rogo sempre sulla funzione ultima del teatro,
recente rassegna di corti Frammenti al che per me officina dellutopia. Diversamente
Femminile, con la quale abbiamo aperto il teatro da ci, a cosa servirebbe?
lo scorso ottobre, dedicata alla drammaturgia e
alla scrittura scenica creata da attrici e autrici Siamo di fronte allesigenza di dover accul-
esclusivamente donne. Per non dimenticare che il turare un ampio settore della societ ital-
teatro arte, cibo per lo spirito e per lintelligen- iana, secondo lei, oppure la deriva piccolo
za. Per distaccarci dallidea manichea che al pub- borghese del mero intrattenimento ha
blico bisogna dare quello che chiede, ovvero spaz- ormai trionfato?
zatura. La spazzatura lideologia che prop- Acculturare una parola che non amo: il teatro
ugna una simile, vecchia, trite e ritrita tesi: al ha necessit di esistere per le ragioni che ho
pubblico non bisogna dare: il pubblico ama la appena indicato. Che la deriva piccolo borghese
novit, lintelligenza lironia, la comicit la rifles- abbia trionfato un dato di fatto, ma anche la
sione critica, la creativit e questo chiede. Che malattia cronica di una classe. E poi, il mero
fare nel concreto? Seminari, stages, corsi per intrattenimento appartiene a tutte le epoche e la
ragazzi, adulti, anziani, rassegne di teatro dram- borghesia, essendo un camaleonte, se ne rende
matico e di teatro comico, incontri con esperti, interprete. Il teatro, anche e fortunatamente,
scambi culturali. tanto? quello che neces- un camaleonte e sta proprio a chi del teatro
sario fare, se si ama questo mestiere. voce, mettendo in atto una trasformazione con-
tinua che sia un potente antidoto allintratteni-

26 > > > > > > > > > > > > > > > > > > > Periodico italiano MAGAZINE
, in questo, la formazione dei giovani svolge un ruolo essenziale
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

mento. Noi che siamo voce e corpo di questa


arte, dobbiamo assumerci una responsabilit: far
saltare sulle sedie comode dei salotti uno pseu-
Il progetto Teatrocitt
Teatrocitt, il nuovo spazio teatrale aperto dallattrice Patrizia
do-pubblico che non so nemmeno sia corretto
Schiavo e dal suo gruppo artistico, la compagnia Cnt, vuole
definire borghese: semplicemente un pubblico
essere un polo artistico e culturale in quanto strumento di riqua-
acquiescente, addormentato. necessario recu-
lificazione territoriale. Un luogo dove creare, insegnare e vivere
perare una cultura del teatro contro ogni accul-
le arti della scena, dove sperimentare e condividere. Uno spazio
turamento. E, in questo, la formazione dei gio-
polivalente, nel quale possano convergere energie e stimoli
vani svolge un ruolo essenziale, sia che decidano
diversi, didattica, confronti culturali, artistici e impegno civile,
di intraprendere la professione, oppure no: il
attraverso tutte le forme possibili: spettacoli, letture, cinefo-
teatro, anzitutto, per la vita.
rum, proiezioni, incontri tematici, concerti, mostre, web radio.
Tutto questo nel quartiere Piscine di Torre Spaccata, alle spalle
Questa sua predilezione allapertura di
degli studi cinematografici di Cinecitt, alla via Guido Figlionlini
scuole teatrali un modo lavorare in un
n. 18 in Roma. Un quartiere che per molti anni stato sinonimo
momento di crisi dellintero mondo del pal-
di degrado, un paradigma della condizione delle periferie dove i
coscenico, oppure solo un metodo per
servizi, le possibilit, le attivit commerciali e culturali e la qua-
gestire e contenere al meglio la sua vul-
lit stessa della vita sono spesso entit lontane. Teatrocitt
canica natura, regalando un po di s agli
dunque uno spazio ristrutturato, che verteva in condizioni di
altri?
abbandono totale e di degrado. Il progetto di riqualificazione,
Regalare un po di me agli altri parte certa-
inserito nel Comitato di sviluppo locale (Piscine di
mente della missione che mi sono data in teatro,
Torrespaccata), si colloca all'interno di un pi ampio e ambizioso
ossia veder crescere le potenzialit, la voglia, la
programma di rivalutazione socio-culturale attraverso il recupe-
bellezza e il piacere di una grande passione in
ro di immobili abbandonati al deperimento o chiusi da anni. Si
coloro che si avvicinano al mondo del teatro.
tratta di un intero quartiere che sta prendendo vita grazie al
condividere un progetto, una speranza, una
lavoro costante, allimpegno e allentusiasmo di tutte le associa-
visione del lavoro e dellimpegno, cosa che riten-
zioni, le cooperative e le attivit commerciali coinvolte nel pro-
go preziosa in un momento di crisi. chiaro che
getto denominato: La fabbrica dei sogni.
ci anche frutto della mia vulcanica natura,
come voi la definite, ma il teatro, per farlo, ha
bisogno di grandissima energia: vulcanica, per
lappunto.

Ha mai pensato di utilizzare la sua


conoscenza del tessuto sociale per la politi-
ca? Ha gi avuto qualche esperienza in
questo campo?
Quello che faccio con i miei compagni di lavoro
gi politico: il lavoro in una realt tutta da
costruire; il rapporto con le persone che vivono
qui; limpegno culturale. Il mio impegno politico
si ferma qui. E credo che sia gi molto.

Cosa cambierebbe e cosa lascerebbe invari- che lascerei invariata, che mi augurerei non si
ato, anche socialmente, per il mondo gio- modifichi. Cambierei al contrario lomologazione,
vanile? lappiattimento, la chiusura che spesso si mani-
Questa una domanda alla quale difficile festa anche tra i giovani. Ma la difficolt della
rispondere. Non percepisco il mondo giovanile risposta proprio questa: come fare? Il mio
come un soggetto che possieda un comune lavoro non mi permette di offrire risposte, ma
denominatore, per esempio lideologia, come pote- certamente di chiedermi quale possa essere il
va essere ancora venti anni fa. Lunica caratteris- mio contributo per la realt che ho di fronte.
tica che credo possa essere caratterizzante per Anche per quella che, per motivi anagrafici, non
luniverso giovanile la complessit, la mi pi tanto vicina, ossia la realt giovanile.
molteplicit, la diversit: ecco, questa la cosa RAFFAELLA UGOLINI

27 > > > > > > > > > > > > > > > > > > > Periodico italiano MAGAZINE
benessere Pedalando a un ritmo medio si consumano da 300 a 600 ca
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Bicicletta
& chocolat
Secondo uno studio dellUniversit di Detroit, pedalare aiuta
a sentirsi pi forti e inserire nella dieta cacao fondente con-
sente di bruciare pi calorie
l cioccolato vanta molte
I propriet benefiche per il
corpo umano, non a caso
tante e nutritiva per la pelle
nonch un efficace antidepres-
cacao sulle cellule del corpo
umano e i risultati sono stati
sivo. Da oggi, a tutto questo, sorprendenti: lassunzione di
detto il cibo degli dei: riduce possiamo aggiungere anche cioccolato fondente equipa-
il rischio di ictus e malattie una notizia sorprendente che rabile, a livello cellulare, ad
cardiovascolari, abbassa i lascia tutti a bocca aperta: il un allenamento intenso o ad
livelli di colesterolo nel san- cioccolato fa dimagrire. uno sforzo fisico notevole.
gue, dilata i vasi sanguigni e Alluniversit di Detroit, il I ricercatori hanno analizza-
diminuisce la pressione. dottor Malek ha studiato to la risposta dei mitocondri,
Inoltre una sostanza idra- recentemente gli effetti del piccole centrali delle cellule

28 > > > > > > > > > > > > > > > > > > > Periodico italiano MAGAZINE
alorie allora
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

che generano energia, ad una gambe a reggere lintero peso Piccirillo. Ha il dottorato in
particolare sostanza conte- del corpo. Andare in bici scienze motorie ed prepara-
nuta nel cacao, lepicatechi- particolarmente utile anche tore atletico. La bici , da
na, scoprendo che questa sti- per perdere peso: pedalando sempre, la sua grande passio-
mola in esse una particolare a un ritmo medio si consuma- ne: ha vinto la medaglia d'ar-
reazione paragonabile allat- no da 300 a 600 calorie gento ai campionati italiani a
tivit fisica sportiva. Facendo allora. Tale consumo pu cronometro e si classificato
jogging o andando in biciclet- salire anche oltre 600 calorie al secondo posto al Cost to
ta il numero di mitocondri se si aumenta la velocit. cost in Florida.
nelle cellule dei muscoli Inoltre, dopo solo 30 minuti
aumenta. Detto questo, natu- di bicicletta, il nostro corpo Gianni Caputi, le molte-
ralmente, smettere di fare inizia a intaccare i depositi plici discipline sportive a
attivit fisica non unopzio- adiposi, quasi sempre localiz- cui ti dedichi quotidiana-
ne intelligente e da Detroit zati in zona fianchi, addome, mente ti hanno portato
consigliano di trovare un giu- cosce. anche a stretto contatto
sto equilibrio tra sport e con- Nella nostra intervista allo con il ciclismo. Quali sono
sumo di cioccolato, rigorosa- sportivo Gianni Caputi, i maggiori benefici che
mente fondente. classe 1977, personal trainer, possiamo trarre da questo
Lattivit fisica migliore da iron man e record man deten- sport?
abbinare a un uso, ovviamen- tore del primato mondiale di ormai accertato che prati-
te misurato, di cacao anda- 12 ore in bici su strada aper- care la pedalata, a tutti i
re in bicicletta. Sempre ta al traffico, scopriamo nel livelli, apporta numerosi
secondo gli studi dettaglio quali sono i maggio- benefici. Si tonificano i
dellUniversit di Detroit, ri benefici del ciclismo, non muscoli, si mantengono le
pedalare aiuta a sentirsi pi solo agonistico ma anche articolazioni sane ed efficien-
ti, si stimola la circolazione e,
di conseguenza, si tiene il
cuore ben allenato. Inoltre la

forti e pi sani. La pedalata sportivo o svolto per hobby. pedalata permette di smalti-
unattivit molto semplice da Gianni Caputi vive e lavora re i chili di troppo e questo
praticare e regala grandi per lo sport sia in Italia che a non un beneficio da poco.
benefici per quanto riguarda Miami, pratica beach volley,
la salute del cuore, aiuta a pesca subacquea, triathlon e Quali possono essere, per
tonificare i muscoli di gambe, pugilato. Attualmente pre- esempio, a livello musco-
glutei, addominali e braccia. paratore atletico di basket. Si lare, i maggiori giovamen-
Una nota rilevante: rispetto misurato con atleti campio- ti che si possono trarre?
ad altri sport non comporta ni del mondo e olimpionici La pedalata, in particolare,
alcun rischio per le articola- come Paolo Bettini, Tom aiuta i muscoli delle gambe a
zioni poich non obbliga la Boonene ed il pugile tonificarsi, a rinforzarsi.

29 > > > > > > > > > > > > > > > > > > > Periodico italiano MAGAZINE
benessere In bicicletta il peso del corpo non grava sulla schiena
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Il ciclismo uno sport ciascuno debba trovare il pro-


consigliato a tutti o ci prio ritmo ricercando la fre-
sono delle controindica- quenza migliore, quella che gli
zioni per qualcuno? permette di mantenere un
Direi che tutti possono per- andatura costante e prolunga-
mettersi di pedalare, a meno ta nel tempo, anche se di per
che non ci siano delle gravis- s, la frequenza di pedalata
sime patologie che lo impedi- non individuale. In salita, in
scano. Il ciclismo scientifi- particolare, fondamentale
camente consigliato a tutti, trovare quelle condizioni che
anche a chi, per esempio, sof- permettono di mantenere un
fre di lombalgie o sciatalgie ritmo brillante senza andare
dovute a posture scorrette o a in affanno. Tra queste condi-
peso eccessivo. In questo zioni ci sono la cadenza di
sport il peso del corpo non pedalata, la posizione in sella,
grava sulla schiena e questa la respirazione e laspetto
particolarit lo rende prati- mentale, che non da sottova-
cabile anche da chi soffre di lutare. In molti casi il cambio
disturbi a livello della colon- permette di andare al proprio
Polpacci e glutei si rassodano na vertebrale. ritmo, senza creare affatica-
e le cosce diventano pi snel- mento nei principianti o in chi
le. I muscoli delle spalle e I maggiori esperti di medi- in soprappeso.
delle braccia sono meno coin- cina consigliano di prati-
volti in questo tipo di attivit care il ciclismo per mante- Possiamo salutarci con un
sportiva, se praticata in modo nere il cuore allenato. consiglio per tutti inostri
blando, ma vengono totalmen- Limportante saper gesti- lettori su un percorso da
te sollecitati nelle salite o nei re la frequenza di pedala- intraprendere in bici. Uno
terreni irregolari. ta. Di cosa si tratta? adatto un po a tutti.
La frequenza di pedalata Certo, volentieri. Io suggeri-
Il ciclismo quanto pu indica il numero di giri com- rei lAvene verte Parigi -
aiutare a perdere peso? pleti che una gamba compie Londra. Si tratta di un persor-
Andare in bicicletta aiuta a in un minuto. Ogni persona so spettacolare. Pi di 400 km
perdere notevolmente peso ha una conformazione fisica di piste ciclabili uniscono le
ma solo a patto che si segua diversa perci un suo natura- avenue verte francesi e le gre-
anche una corretta alimenta- le ritmo di frequenza oltre al enway inglesi. Entrambe cor-
zione. Si perde peso solo quale non si pu andare per rono in mezzo a campagne e
quando il consumo calorico non affaticare troppo il cuore. boschi secolari lungo i percor-
giornaliero superiore alla Per misurare la propria fre- si di ferrovie in disuso. DallIle
quantit di calorie assunte quenza di pedalata la mag- de France si raggiunge la stu-
giornalmente con i pasti. gior parte dei ciclo-computer penda Alta Normandia e, dopo
moderni sono dotati di senso- aver navigato il Canale della
Quindi importante abbi- re conta-pedalate, ma in Manica, partendo dalle sugge-
nare unadeguata alimen- assenza di questo, si pu stive scogliere del Seven
tazione allattivit fisica? ricorrere al vecchio metodo di Sister Country Park nel
molto importante. Noi contare quanti giri un piede Sussex, si raggiunge la capita-
siamo il frutto della nostra fa in un minuto consultando le britannica. La Avenue verte
adeguata attivit fisica ma un cronometro. stata inaugurata di recente
anche di ci che mangiamo. eppure gi una delle vie
E una questione di equilibri. Quindi necessario che ciclabili pi gettonate
Importantissimo lapporto ciascuno trovi il proprio dEuropa, di facile percorrenza
proteico e di fibre. Questi due ritmo? e adatta un po' a tutti.
fattori non sono mai da sotto- Credo che, al di l delle indi-
valutare. cazioni scientifiche specifiche, DARIO CECCONI

30 > > > > > > > > > > > > > > > > > > > Periodico italiano MAGAZINE
for Emergency

Emergency nata 20 anni fa per offrire cure gratuite e di elevata qualit alle vittime della guerra e della povert.
Da allora abbiamo assistito oltre 6 milioni di persone grazie al contributo di decine di migliaia di sostenitori che hanno
deciso di fare la propria parte per garantire un diritto fondamentale - il diritto alla cura - in alcuni dei Paesi pi disastrati
al mondo.
Aiutaci con lattivazione di una donazione periodica (RID): tu scegli che cifra destinare a Emergency e con
quale frequenza e noi potremo pianificare al meglio il nostro lavoro e mantenere la nostra indipendenza.

Consulta www.emergency.it per scoprire come si fa. EMERGENCY


Fai la tua parte. Stai con Emergency. w w w. e m e r g e n c y. i t
cultura Dopo cinquant'anni dagli stermini nazisti, la questione fondamentale div
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Costruire
la memoria
Il 27 gennaio si rinnova lappuntamento con la giornata dedicata
alle vittime dellOlocausto: unoccasione per avvicinarsi alla storia
della comunit ebraica italiana ed europea
a splendida mostra allesti- deteneva il potere a Venezia,
L ta presso il Palazzo Ducale
di Venezia sino allo scorso il
il patrocinio del Comitato I
500 anni del Ghetto di
Venezia, nonch della comu-
insieme ai circa 2 mila mem-
bri del Maggior Consiglio, dai
13 novembre 2016, dal titolo nit ebraica di Venezia, essa quali il doge di Venezia e i suoi
Venezia, gli Ebrei e lEuropa riuscita a porre in evidenza la consiglieri venivano eletti,
1516 2016, dovrebbe essere lunga e ostinata segregazione decret che tutti gli ebrei della
accolta dalle maggiori citt degli Ebrei nella Storia Serenissima Repubblica di
italiane in quanto prestigioso moderna e contemporanea del Venezia venissero confinati su
allestimento relativo alla nostro continente. un isolotto di Cannaregio. Il
memoria storica della comuni- quartiere fu poi isolato da
t ebraica, in Italia e in Gli Ebrei veneziani ampi canali e dalle due chiu-
Europa. Curata da Donatella e il giorno della memoria se, manovrate da guardie cri-
Calabi, sotto la direzione Nel 1516, il Consiglio dei stiane. Ebbene: proprio in
scientifica di Gabriella Belli e Dieci, che era lorgano che quella zona cera unantica

32 > > > > > > > > > > > > > > > > > > > Periodico italiano MAGAZINE
viene quella di comprendere in quale modo dare un senso al lutto degli Ebrei
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

fonderia, che gettava le colate


di piombo e ferro nelle forme
utili allattivit della
Serenissima. Da getto a ghet-
to, sotto il profilo dellevolu-
zione semantica il passo
breve. E infatti, il termine
ghetto, da allora in poi venne
usato per le enclavi di ebrei
in tutto il mondo. Di giorno, gli
abitanti potevano uscire, ben-
ch obbligati a indossare
distintivi e berretti di identifi-
cazione. Le uniche occupazioni
loro consentite erano il com-
mercio tessile, il prestito di
denaro e la medicina. Il nume-
ro crescente di ebrei determi-
n lespansione del ghetto: gli
edifici si innalzarono vertical-
Vittore Carpaccio: "Predica di Santo Stefano", Olio su tavola
mente. E quelli di Venezia
erano indicati come i gratta- cultura ebraica; due sinago- seppe arricchirsene utilizzan-
cieli di oggi, senza entrare nel ghe per le suggestive cerimo- dolo come parte integrante del
dettaglio di chi grattava fino nie religiose. A Venezia, sul proprio successo mercantile e
allosso le persone bisognose grande Campo del Ghetto politico. Nel corso degli anni
daiuto, in un momento parti- Nuovo, da poco rinnovato, ci seguirono politiche pi inclu-
colare della loro esistenza. I sono molti negozi che vendono sive, che hanno fatto la fortu-
grattacieli si estesero nel rabbini in vetro nero e bian- na di Venezia, trasformandola
Ghetto Vecchio di Venezia fin co: sono personaggi umoristici in una delle capitali del
dal 1541, per poi estendersi, in caricatura, realizzati con la mondo occidentale. La comu-
negli anni a seguire, sino a tecnica della lavorazione a nit ebraica di Venezia rap-
formare il Ghetto Novissimo lume. Insieme a questi, sono presenta, ancora oggi, uno dei
del 1633. Nella met del XVII in vendita anche le lampade capisaldi della internaziona-
secolo, esso contava pi di 5 Hanukkah. Il museo del lizzazione della citt, contri-
mila persone. Nel 1797, Ghetto Nuovo ospita una col- buendo con continuit al suo
Napoleone Bonaparte demol i lezione di arredi sacri, codici, ruolo di baricentro culturale
cancelli, ma con il ritorno lampade da cerimonia e altro, e di autentico crocevia delle
degli austriaci, gli ebrei ven- che riguardano nello specifico conoscenze tra nordsud e tra
nero ancora uns volta obbliga- i secoli che vanno dal XVII al ovest ed est dellEuropa.
ti al confinamento. Solo nel XIX. A Venezia si trova anche
1866, gli ebrei videro ricono- la sinagoga tedesca, spagnola La questione del perdono
sciuta la loro libert. Oggi, e quella levantina, riccamen- e lelaborazione del lutto
solamente 700 ebrei vivono a te decorate. Nel tempo, il per lolocausto
Venezia, ma il quartiere non Ghetto ha saputo divenire, La Fondazione Musei Civici di
ha tuttavia perso la propria contrariamente alle attese, un Venezia, con lapprovazione
connotazione etnica. Ci sono i luogo di concentrazione delle della presidenza del Consiglio
negozi kosher, un panificio intelligenze, di opere dinge- dei ministri, ha dunque pro-
con annessa pasticceria tipica gno elevato, coerenti con la dotto il magnifico e prestigioso
ebraica, con mandorle visciole, migliore tradizione e cultura evento di Palazzo Ducale dello
ciliegie, miele e pinoli; una ebraica. La Serenissima, scorso anno facendo confluire
importante biblioteca della matrigna del Ghetto stesso, nella citt lagunare pezzi di

33 > > > > > > > > > > > > > > > > > > > Periodico italiano MAGAZINE
cultura Lolocausto stato caratterizzato da alcuni elementi forti, che lo hanno re
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

emergeva dall'universo delle


disgrazie della guerra. Poi,
dieci anni dopo, si cominci
questa ricostruzione della
memoria. Ed qui che biso-
gnerebbe distinguere due
piani ben distinti di riflessio-
ne: quello di chi ha vissuto
l'epoca dell'olocausto e quello
di chi invece consapevole di
come la Shoah sia stata una
tragedia soprattutto per i non
ebrei. stata unintera cultu-
ra, quella occidentale, che in
qualche modo ha avallato il
massacro: lo ha vissuto e lo ha
accettato, entrando a farne
parte. Ed una tragedia che
riguarda tutti coloro che
Joseph Heintz il Giovane: Caccia ai tori in campo San Polo, Olio hanno vissuto il fatto stesso
su tela mentre questo si realizzava.
Ma anche la tragedia di colo-
inestimabile valore, che 2017. Lelaborazione del lutto, ro che, in qualche modo, oggi
andrebbero mostrati in tutta come insegna l'antropologia, si vorrebbero voltare pagina per
Italia e, perch no, a tutto il avvale di precisi rituali, tesi a riuscire, in qualche modo, a
mondo. Si trattato, infatti, di superare la ferita della morte. rimuovere un simile sfregio
una manifestazione promossa E per il popolo ebraico, tali sul volto stesso della Storia.
per il cinquecentesimo anni- rituali sono quelli della
versario dellistituzione del museificazione dell'olocausto,
Ghetto di Venezia per opera sollecitata da mostre, musei
della Repubblica veneta, avve- della comunit ebraica, dal-
nuta il 29 marzo 1516. E dato ladozione di segni distintivi
che si parla, oggi, di perdono della memoria, come il ricordo
per la memoria storica del- dei nomi di tutti coloro che,
l'olocausto, quando ancora si altrimenti, andrebbero smar-
nella fase cruciale dellelabo- riti. Ci potrebbe rappresenta-
razione del lutto, varrebbe la re una prima forma di elabo-
pena di ricostruire la vicenda razione della tragedia, andan-
storica della millenaria dia- do oltre i consieti rituali reto-
spora ebraica, attraverso ini- rici. Anche perch, la memoria
ziative culturalmente elevate non soltanto ricordo, o sem-
e importanti dello stesso tipo. plice mantenimento del ricor-
La questione fondamentale do, quanto piuttosto costru-
diviene, infatti, quella di com- zione continua del ricordo
prendere in quale modo dare stesso. E se guardiamo alla
un senso al lutto degli Ebrei. Storia della Shoah, vediamo
Dopo cinquant'anni dagli ster- che questa non stata una
mini nazisti, siamo certi che costruzione semplice: all'inizio
esso sia stato veramente ela- vi fu una rimozione generale,
borato? Sarebbe questa la sia da parte ebraica, sia non Contratto matrimoniale ebraico
riflessione da proporre in ebraica. La categoria storio- Diana bat Gavri'el Barak
vista del prossimo 27 gennaio grafica dello sterminio non Caravaglio con Moeh ben Ya'aqov

34 > > > > > > > > > > > > > > > > > > > Periodico italiano MAGAZINE
so unico nella Storia: la pianificazionedello sterminio di un intero popolo per ci che era
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

avvenuto. Ma gli ebrei con-


vinti stanno cercando di rea-
lizzare proprio questo contra-
rio. Lolocausto stato carat-
terizzato da alcuni elementi
forti, che lo hanno reso unico
nella Storia: la pianificazione
dello sterminio di un intero
popolo per ci che era e non
per altro. Intorno a questo ele-
mento di odio, totalmente pre-
ventivo e immotivato, va
ammesso, per esempio, come
tale sciagura sia stata prece-
La Shoah ha eliminato sei scritto un libro che ripercorre duta dal genocidio armeno. E
milioni di ebrei, ma ha anche lo sviluppo della memoria che anche in tempi pi recen-
alimentato, nella coscienza di della Shoah in Israele, in cui ti si sono verificati stermini
molti, rimorsi che pesano tut- si legge come essa non sia decisamente accostabili alla
tora. Sulle nuove generazioni, affatto lineare: al contrario, Shoah: si pensi al Rwanda, o
al contrario, va preso atto che risulta contesa tra religiosi e alla pulizia etnica nei Balcani
viviamo in un mondo diverso, laici e si trasfonde nella negli anni 90 del secolo scor-
pur non potendo dimenticare costruzione dello Stato. so. Oppure, si prenda il caso
come, dopo la Shoah, vi siano Dentro questa vicenda storica della Cambogia, dove tutti
stati altri massacri e genocidi della memoria rientrano quelli che portavano gli
simili. Ai giovani dovremmo anche le difficolt di alcuni occhiali vennero eliminati da
fornire una nuova memoria, ad accettare che vi siano dei Pol Pot. Questultimo forse il
che non pu essere fossilizza- musei. Sta di fatto, che la caso pi vicino all'essenza
ta, bens rispondere ad alcu- museificazione della Shoah tragica della Shoah: anche in
ne domande: una, per esem- avviene in luoghi dove si Cambogia furono eliminati in
pio, non tanto il cosa fare punta soprattutto sulla paro- massa uomini, donne e bam-
perch questo non accada di la. E quando si punta sull'edi- bini per quello che erano, con
nuovo secondo quanto disse, ficio solo nel caso dei campi assoluta indifferenza per
alcuni anni fa, Primo Levi, di concentramento. Se si l'et, il sesso, la condizione
bens di capire come fare pensa al nuovo museo di sociale o fisica. Preso atto di
affinch simili abominevoli Daniel Libeskind, a Berlino, questo, pu essere utile fare
tragedie non avvengano sotto vediamo un'architettura dav- della Shoah un paradigma
nuove forme. molto diffici- vero impressionante, che rap- dello sterminio da condanna-
le museificare la Shoah. Nei presenta solo una fuga nel re. Ma attenzione anche a non
musei ebraici prevalgono le simbolo. E un museo, in sbandare verso il pericolo
parole e qualche immagine. fondo, questo: un simbolo, opposto, trasformando ogni
Ma in realt, la museificazio- cio il contrario della cultura fatto storico in olocausto,
ne una fossilizzazione per materiale che osserviamo, di altrimenti compiamo unope-
uso pubblico e politico della solito, nei musei dominati razione simile a quella dei
memoria della Shoah. soprattutto da oggetti di uso religiosi ultraortodossi israe-
Normalmente, questi luoghi quotidiano, da paramenti, liani, secondo i quali, dalle
della memoria appartengono quadri, fotografie, planime- crociate in poi, ogni martirio e
a tutti. C' stata, vero, una trie, architetture, busti, ripro- ogni uccisione si equivalgono.
controversa vicenda relativa duzioni, filmati. Ripercorrere Ringraziamo la studiosa
agli spazi dedicati al giorno la cultura vuol dire esatta- Anna Foa, per il proprio con-
della memoria. Proprio intor- mente il contrario: toglierle il tributo espressivo.
no a ci, uno storico revisioni- valore simbolico per materia-
sta israeliano, Tom Segev, ha lizzare il ricordo di ci che GIUSEPPE LORIN

35 > > > > > > > > > > > > > > > > > > > Periodico italiano MAGAZINE
graphic novel Una straordinaria fiaba esistenzialista cara
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Ausonia
Il fumetto vitale
Una graphic novel nella
quale il classico tema
del passaggio dall'in-
fanzia vira verso un
mondo disseminato di
lutti, di 'delicati zom-
bie' e di veggenti che
pongono in connessione
le due dimensioni
ra i fumettisti italiani pi apprezzati degli ulti- cui disegni sono stati interamente realizzati a
T mi anni, Ausonia (nome d'arte di Francesco
Ciampi) noto per la struttura narrativa partico-
grafite con uno stile che ricorda quello di Egon
Schiele (pittore espressionista dellart nou?veau
larmente complessa, e l'uso di una tecnica mista ossessionato dallumanit dolente dei corpi degli
(disegno, fotografia, collage) per opere quali ultimi della societ, in una sorta di infantilismo
Pinocchio, Interni e ABC. Classe 1973, Ausonia grafico gestito con genio). Una graphic novel
nasce e vive a Firenze dove frequenta il corso di nella quale il classico tema del passaggio dall'in-
Pittura all'Accademia di Belle Arti e dopo il suo fanzia vira verso un mondo disseminato di lutti,
primo fumetto Schizzo, idee e immagini e dei brevi di delicati zombie e di veggenti che pongono in
racconti a fumetti (Blue e Heavy Metal), decide di connessione le due dimensioni. Le architetture
dedicarsi alla carriera pittorica (1998) per un arco sono ben definite, di una bellezza indescrivibil-
temporale di dieci anni. Il suo nome nel mondo del mente razionale e sembrano essere funzionali a
fumetto inizia a circolare solo nel 2006, quando contenere le emozioni e gli stati danimo di figu-
arriva la sua prima opera in volume Pinocchio - sto- re appena accennate. Una straordinaria fiaba
ria di un bambino, candidato al Premio Micheluzzi esistenzialista caratterizzata da un tratto grafi-
2007, quest'ultimo riuscir ad ottenerlo solo nel co quasi iperrealista, che affronta il tema del-
2011 con il terzo volume di Interni. luscita dallinfanzia/adolescenza e lentrata nel-
Dopo la sua prima personale nel 2010 alla manife- let adulta.
stazione Lucca Comics & Games e la partecipazio-
ne alla realizzazione Le 5 Fasi, antologia di tavole Francesco Ciampi, cominciamo dal titolo,
realizzate dal collettivo DUMMY (collettivo compo- come mai la scelta di categorizzare lessere
sto dagli artisti Alberto Ponticelli, Officina umano con le prime lettere dell'alfabeto?
Infernale, Squaz, Akab e Tiziano Angri ed Ausonia Era un modo per sottolineare le basi, la semplici-
stesso) edita da Edizioni BD. t. ho disegnato il libro usando solo grafite e carta,
Nel 2012 pubblica la sua ultima opera ABC per ho raccontato vite di persone comuni, il titolo mi
Coconino Press, graphic novel di oltre 260 tavole i sembrava racchiudesse bene tutto questo.

36 > > > > > > > > > > > > > > > > > > > Periodico italiano MAGAZINE
atterizzata da un tratto grafico quasi iperrealista
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

La protagonista Laura una diciannovenne


che pensa di sapere tutto fino alla morte della
nonna, una figura che la perseguita per tutto
il racconto. Tra sogno e realt, si pu parlare
metaforicamente di una rappresentazione
del senso di colpa della ragazza?
In parte s, sicuramente, ma non neanche tanto
una rappresentazione metaforica, linconscio agisce
costantemente nel sogno anche per aiutarci a ela-
borare le perdite e i lutti.

Ci sono altre presenze che rimandano alle


tante assenze che ognuno di noi ha vissuto
dolorosamente e nel racconto sono il suo ex Stilisticamente, c una contrapposizione
ragazzo Luca e la sua amica Erika. Perch hai tra levanescenza dei personaggi e del pae-
scelto dei giovani per raccontare il passaggio saggio e la forza e la potenza espressiva
dalla vita alla morte? delle architetture classicheggianti. Laura si
Perch solo apparentemente Abc un racconto rivela totalmente solo alla fine, perch tale
sulla morte, in verit mi interessava indagare sul scelta?
passaggio tra ladolescenza e let adulta di Laura, Levanescente ha dei confini sfumati, per defini-
la protagonista. in questo senso si potrebbe anche zione. Laura prendendo coscienza di se stessa,
dire che gli a sono gli adolescenti, i c gli adulti e i rimette anche i confini alla propria immagine, si
b stanno sul confine di queste due fasi della vita di mette a fuoco e capisce di avere una forma nitida,
ognuno. Laura, in questo senso, un b perfetto: con contorni definiti, e i dettagli del suo volto
confusa e spaventata. appaiono finalmente non interpretabili.

Le azioni e le distanze sono due concetti ben Il tuo libro curato nei minimi particolari,
esplicati dalla figura del Professore, una se pensiamo alla grafica, al lettering, alla
guida spirituale per la protagonista insieme copertina e all'impaginazione. La scelta del
anche al racconto dell'Artista che arresta la materiale non dunque casuale a racconta-
sua sete creativa solo con i limiti fisici. Che re una storia al confine con la metafisica?
cos un elogio al carpe diem? Nel racconto lautore Dio che gioca con le sue
Io la vedo pi come una spinta verso la rassegna- creature. La nonna di Laura, dopo essere morta,
zione, viviamo in un sistema finito ed superfluo dice di non sapere cosa sia la morte. Questo un
avere inutili aspettative. elemento che dimostra che nemmeno lautore
mai del tutto padrone di ci che racconta. Per
quanto ti sforzi di tenere sotto controllo
tutti gli elementi di un libro non riesci mai
a dominare su tutto, i personaggi che crei
godono comunque di un libero arbitrio fon-
damentale e hanno dei loro dubbi legittimi,
anche rispetto al mondo che hai creato per
loro e in cui li stai facendo vivere.

Da fumettista come vedi l'arte con-


temporanea in Italia?
Escluse rare eccezioni, la rappresenta-
zione del nulla. Il fumetto per certi aspetti
versa nelle stesse condizioni ma le eccezio-
ABC ni, qui, non sono cos rare. Credo che nel
di Ausonia fumetto, adesso, si trovino le menti pi
Coconino Press - Fandango vitali dellarte italiana".
Pagg. 264, euro 19,00 SILVIA MATTINA

37 > > > > > > > > > > > > > > > > > > > Periodico italiano MAGAZINE
lavoro Fiabe per dire una sorta di Andersen 2.0 grazie al quale chiunque pu dive
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Marcella Panseri
ha creato una piat-
taforma web attra-
verso la quale, in
pochi passaggi,
possibile ad adulti
e bambini, com-
missionare e quin-
di ricevere una
novella personaliz-
zata. Lutente sug-
gerisce il soggetto e
lautrice ci mette le
parole giuste

Favole
prt- - porter
ollo tutto e scrivo storie. Questa in due parole
M la vicenda umana di cui protagonista lex
copywriter bergamasca classe 1973.
Coraggiosamente, dato il momento storico, decide
di lasciare il lavoro per dedicarsi unicamente alla
scrittura di fiabe.
Lidea nasce quasi per caso e si sviluppa dappri- Gli spunti per regalarne, e regalarsene, una posso-
ma allinterno della cerchia pi intima di cono- no essere pressoch infiniti: suggellare un ricordo,
scenze: amici e colleghi. Quando ancora scriveva dichiarare il proprio amore o chiedere scusa, incita-
testi per le campagne pubblicitarie, Marcella re un amico a fare pi sport, spiegare ai bambini
Panseri ha iniziato a creare fiabe secondo finalit una malattia o un concetto complicato, lasciare un
quasi terapeutiche, a mo di sostegno nel supera- ricordo o rievocarlo, ridere, celebrare un avveni-
mento di situazioni personali difficili e complica- mento importante come la caduta di un dentino,
te, come ad esempio una delusione amorosa. una ricorrenza e cos via.
Scopre di possedere un talento in questo partico- I destinatari dei racconti possono essere sia bambi-
lare genere letterario nonostante, ha dichiarato, ni che adulti, e anche aziende.
questo non fosse il suo prediletto. Collegandosi al sito fiaberperdire.com e prima di

38 > > > > > > > > > > > > > > > > > > > Periodico italiano MAGAZINE
entare protagonista di un racconto fantastico
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

procedere allacquisto, sar opportuno per lutente


farsi un idea dello stile col quale Marcella Panseri
scrive i suoi racconti fantastici carichi di metafore e
simbologie, pieni di significato e aventi solitamente
una lunghezza variabile tra le 8 e le 10 pagine.
Tutte le storie, come vuole il genere, presentano un
messaggio, una morale, che si palesa tra le righe e
che viene indicata dal committente stesso.
possibile richiedere la propria copia via e- mail o,
pi romanticamente, in forma stampata su carta.
Nella sezione bambini troviamo ad esempio Cera
una volta un album di foto scolorite. Protagonista
del testo Sansone, un vecchio e triste raccoglitore
in pelle ormai dimenticato da anni in soffitta ma
ancora pieno di immagini che raccontano la vita
della nonna da tempo lasciata in ospizio. Il prezioso
oggetto diviene lo strumento tramite il quale si
affronta col bambino il tema della vecchiaia, della
solitudine e dellimportanza del ricordo.
Propedeutica alla stesura del testo la chiacchie-
rata telefonica di unora circa che intercorre tra
autrice e committente ( pu capitare che si renda preferito un esistenza dai ritmi pi umani e sfrut-
necessario allargare la conversazione a parenti e tando le sue capacit di scrittura ha saputo mette-
amici, in modo da avere un quadro pi chiaro re in piedi un attivit che le consente maggiore
della vicenda umana) e attraverso la quale, par- libert e che certamente le star regalando la giu-
lando si s, possibile fornire gli elementi basici sta soddisfazione.
del racconto, lo spunto per la narrazione. La vita Il caso dellautrice bergamasca non per lunico in
reale si fa cos fiaba. Italia.
Dopo alcuni giorni il testo, certificato di riservatez- Dopo aver perso
il lavoro come
dirigente la cin-
quantenne
Mariarosa
Ventura di
Padenghe del
Garda si
reinventata
anchessa
scrittrice.
Oltre ad aver
pubblicato
libri noir,
fondatrice
di Fiabe in
costruzione. Partito nel 2014 in
forma di blog, diventato col tempo un sito pi
strutturato attraverso il quale acquistare libri di
za incluso, pronto e viene inviato. fiabe, con tanto di illustrazioni ad opera di due ami-
Il costo di 350 euro per la versione digitale e 400 che, realizzati in formato 20x 20 e totalmente per-
per quella rilegata sonalizzabili.
Alla stressante vita aziendale Marcella Panseri ha MICHELE DI MURO

39 > > > > > > > > > > > > > > > > > > > Periodico italiano MAGAZINE
musica Uno degli artisti pi interessanti del panorama indie italiano
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Jocelyn Pulsar
Il low budget una risorsa
Convivenza Arcade il
nuovo album del can-
tautore romagnolo. In
solo sei brani la quoti-
dianit raccontata tra
sarcasmo e romantici-
smo: un progetto low
budget fatto di sonorit
semplici e testi leggeri,
ma mai banali
n lavoro essenziale quello dellartista di Forl, alcune caratteristiche proprio dei videogiochi vinta-
U Francesco Pizzinelli, che torna con un Ep velo-
ce, immediato, prodotto da La Sete Dischi. lui
ge. Nel videoclip la scelta di Barbie e Ken non
affatto casuale, anzi fa proprio pensare alla vita di
lelemento fisso, lanima portante e lautore dei testi coppia vista con una certa ironia: quella che serve
di Jocelyn Pulsar, gruppo nato nel 2001, diventato per raccontare i legami. Pizzinelli canta storie di
negli anni un progetto solista, anche se spesso si vita comune senza prendersi troppo sul serio e lo fa
alternano diversi musicisti. La formazione costan- con alcuni giochi di parole che sottendono velate
temente cambiata, ma questo non ha impedito nostalgie: Se anche i Guns sono tornati
nuove sperimentazioni. Ne passato di tempo dal- insieme/allora so che anche tu ritornerai da me.
lesordio con Lamore al tempo del telefono fisso. Lindie senza il pubblico il singolo che ha conqui-
Dal 2003 Pulsar riuscito a mettersi in evidenza stato le classifiche, forse anche il migliore dei sei.
fino a essere riconosciuto come uno degli artisti pi Descrive perfettamente il precariato artistico ed
interessanti del panorama indie italiano. Tale rico- una sorta di manifesto underground. Bella coppia
noscimento gli viene attribuito per lutilizzo di tec- mantiene il filone delle incomprensioni tra due per-
nologie non professionali, lo identifica infatti luso sone che stanno insieme. Laltro Baggio la storia
di unestetica lo-fi, a bassa fedelt, fatta in casa, ma di un calciatore costretto a essere etichettato come
non per questo meno creativa. Oggi questa scelta fratello di una leggenda, una traccia in cui il calcio
non cos negativa in fatto di peculiarit del suono, diventa metafora dellesistenza. Lansia del matri-
perch sono migliorati molto tutti i sistemi di pro- monio viene affrontata in Domani mi sposo e una
duzione. Autoironico, sintetico e sentimentale, dedica delicata a una pornostar In nome di
Pulsar mantiene il suo stile, ma questa volta c Barbarella, attrice. Efficaci corrispondenze, inte-
una spinta autobiografica da non sottovalutare. La ressanti immagini, un pungente umorismo uniti a
copertina dellalbum ci proietta a un ritorno ai una vocalit scarna rendono questo progetto musi-
videogiochi degli anni '80, quando era in uso il vec- cale per alcuni aspetti particolare, anche se la
chio Commodore 64. Il primo brano, che porta lo tematica non poi cos nuova. Sta di fatto che
stesso titolo del disco, una ballata dalle sonorit Pulsar descrive ci che sente e vede con buone
minimali, dove il rapporto sentimentale assume intuizioni di scrittura.

40 > > > > > > > > > > > > > > > > > > > Periodico italiano MAGAZINE
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Francesco Pizzinelli, in arte Jocelyn Pulsar, uscito da poco un suo nuovo album con
lei tra i pi noti esponenti della musica indi- letichetta La Sete Dischi, perch il titolo
pendente legati a un'estetica lo-fi, ci spiega Convivenza Arcade?
meglio cosa significa? Il tema della convivenza centrale nel disco: la
In estrema sintesi: quando ho iniziato a fare usci- vita insieme, il matrimonio, il diventare in un certo
re dischi come Jocelyn Pulsar, ormai una quindici- senso grandi: la parole arcade fa riferimento ai
na di anni fa, la musica indipendente era una real- videogiochi da bar anni 80/90, e messa accanto sta
t piuttosto di nicchia, in Italia; questo dava la pos- un po a indicare che probabilmente una parte di
sibilit di sperimentare, eventualmente anche di me rimarr sempre legata a quel mondo nerd che
far uscire dei prodotti che non suonassero in spesso racconto nelle mie canzoni, rifiutandosi di
maniera professionale, visto che erano destinati a crescere del tutto.
un circuito completamente diverso. Alcuni pensaro-
no che fosse possibile registrare le proprie canzoni Registrare dischi con tecnologie non profes-
con una tecnologia povera, senza avvalersi di studi sionali un limite o un valore aggiunto?
di registrazione costosi, a volte semplicemente con Bella domanda. Difficile rispondere. La logica dice
un computer e un microfono. Lo-fi l'opposto di Hi- di registrare comunque nel modo pi professionale
fi, quindi bassa fedelt, intesa come qualit del possibile, cos nel caso avrai tra le mani un prodot-
suono; i tempi sono cambiati e oggi questo termine to pronto per un mercato pi ampio; nella realt,
decisamente in disuso, direi irrimediabilmente comprarsi una Ferrari solo per andare a fare la
sorpassato. spesa ogni giorno e un paio di gite fuori porta ogni
tanto la domenica francamente sciocco. Bisogna
Oltre a lei, attualmente la formazione da chi essere possibilmente soddisfatti di quello che si va
composta? a fare, e soprattutto realizzarlo con le persone giu-
Mario Ingrassia, oltre a Davide Ponti e Davide ste. Ci sono studi professionali dove si registra,
Zozzi mi hanno spesso accompagnato sia dal vivo come dico io, a tassametro, con il fonico sempre con
che nelle registrazioni, in questi anni. Attualmente locchio allorologio. Io cerco di circondarmi da per-
sto portando in giro un live prevalentemente acu- sone che pi o meno sanno come faccio le cose, che
stico, dove sono il pi delle volte solo, coadiuvato da se gli dico qui usiamo una tastierina giocattolo o
loop-station e un paio di tastiere (tra cui una a la ritmica facciamola con un bicchiere non mi
pedale, modificata da me). guardano come un pazzo, ma mi capiscono. Questo
fondamentale. Proprio per questo, a volte,
Si sente un artista indie? meglio fare da soli: ho avuto una bellissima espe-
Sicuramente si, per una cronica incapacit di rienza al MushRoom Studio di Enrico Berto, ci
raggiungere il brano smaccatamente radiofonico, tengo a sottolinearlo e a ringraziarlo.
sentendo invece sempre la necessit di inserire
frasi, o passaggi musicali, che inevitabilmente Cosha in pi questo disco rispetto ai lavori
inclinano la potenziale fruibilit della canzone. precedenti?
Amo inoltre i rientri notturni e lAutogrill alle Questo il disco in cui ho scremato di pi in tutta
due di notte. la mia carriera (se vogliamo usare questa parola):
ho tolto, tolto e alla fine sono rimaste solo sei can-
Quali sono le scaramanzie tipiche prima di zoni: poche forse, ma davvero quelle che mi convin-
salire sul palco? cevano maggiormente, interpretavano il significato
Sento spesso il bisogno di fare un giretto da solo, di questo disco. Rispetto ai precedenti sicuramen-
prima di suonare: non di rado cerco un bar, pren- te il pi autobiografico.
do un amaro, cerco di ascoltare il dialetto del
posto in cui mi trovo, leggo il giornale Il videoclip per lei essenziale, che cosa rap-
locale...ecco, questa una tradizione senza la presenta?
quale mi troverei in difficolt a salire sul palco; Nel videoclip, assieme al regista che sempre
un altro aspetto legato alla mia cronica assenza Luca Coralli, amo l'approccio indipendente: con un
di scaletta: non la faccio mai, perch mi piace budget zero devi necessariamente fare di necessit
improvvisarla, in base al mio umore e alla dire- virt e lavorare di fantasia; nei videoclip come nelle
zione che prende la serata (per la disperazione di canzoni, questa sempre la mia filosofia.
chi, in certi casi, suona con me dal vivo). MICHELA ZANARELLA

41 > > > > > > > > > > > > > > > > > > > Periodico italiano MAGAZINE
musicanews Guida allascolto a cura di Michele Di Muro
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Motta
La fine dei (miei) 20 anni
Il debutto del polistrumentista pisano stato uno dei lavori pi apprezzati dellanno appena passato,
al punto da meritarsi la prestigiosa targa Tenco come miglior opera prima. Un lavoro fortemente
autobiografico tra folk, pop e rock
luppate su scale pi alte.
I testi sono prevalentemente
autobiografici. Si passa dalla
condivisione di ricordi legati
alla sfera familiare (Mio padre
era comunista) o al contesto
urbano quotidiano (Roma sta-
sera) fino alla riflessione sulla
propria esistenza che, parten-
do dal particolare, finisce per
tirare le somme sullo stato di
un intera generazione.
Gli arrangiamenti poi sono
curati nel dettaglio e indagano
diversi registri musicali: dal
pop al rock, passando per la
musica folk. un disco vario in
l disco del cantautore tosca- Le dieci canzoni sono il frutto di
I no classe 86, ma vive a
Roma da tempo, giunge dopo
quattro anni di lavoro e vedono
la partecipazione, in qualit di
cui non si ripropone mai la
medesima formula ma in cui
evidentemente si molto ricer-
anni di carriera durante i quali produttore e co- autore di alcuni
cato attorno alla forma canzo-
il nostro ha accumulato un testi, di Riccardo Sinigallia. A
ne. Lelemento acustico domi-
importante bagaglio di espe- impreziosire il tutto vanno
nante e viene condito da un
rienze: i due dischi con i annoverati gli apporti di Cesare
sapiente uso degli effetti di
Criminal Jokers in qualit di Petulicchio (Bud Spencer Blues
chitarra e sulla voce, mentre
batterista e cantante ( This Explosion) alla batteria, il noto
lelettronica viene centellinata.
was supposed to be the future Giorgio Canali alle chitarre nei
Le composizioni pi interes-
del 2009 e Bestie del 2012) e le due brani di chiusura e
santi, a parere di chi scrive,
preziose collaborazioni con Alessandro Alosi (Il Pan del
sono quelle che si caratterizza-
Nada, Pan del Diavolo, Zen Diavolo) co-autore e co-interpre-
no secondo un andamento
Circus e Giovanni Truppi. In te di Se continuiamo a correre.
mantrico, ossessivo e tribale,
mezzo gli studi di Francesco Motta possiede un
quasi primitivo. Questi ele-
Composizione per film presso linguaggio diretto e a tratti
menti costituiscono la cifra sti-
il Centro Sperimentale di poetico. La sua voce potente e
listica del lavoro e, sposati
Cinematografia di Roma a cui espressiva. Ne risulta uninter-
allitaliano contribuiscono alla
seguita la scrittura di colon- pretazione personale e coinvol-
creazione di un linguaggio
ne sonore per film e documen- gente. La scrittura interes-
affatto innovativo. Tali carat-
tari di respiro internazionale, sante e ben si pone sulla scia
teristiche appaiono particolar-
come ad esempio il caso di dei grandi del passato nella
mente evidenti, secondo diver-
Dollhouse di Edward Balli. misura in cui viene posta enfa-
se gradazioni, in brani come
La fine dei ventanni quindi si sulla singola parola o verso,
Roma stasera, Del tempo che
un esordio che sa gi di maturi- cosa che riesce in maniera pi
passa la felicit, Prima o poi ci
t artistica. efficace nelle linee vocali svi-

42 > > > > > > > > > > > > > > > > > > > Periodico italiano MAGAZINE
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

passer, Se continuiamo a cor-


rere e Prenditi quello che vuoi.
In primo piano
Questo dovrebbe essere impu-
tabile allinflusso, dichiarato, NOVAMERICA Novamerica
dei maliani Tinariwen. Bel disco di debutto per il veneto Carlo Cerclin Re. Ex dj e produttore, si
Altrove pi legittimo ricerca- riscoperto cantautore attraverso un rinnovato avvicinamento agli
re assonanze con le produzioni strumenti analogici. Pubblicate dalletichetta La Valigetta, le dieci can-
nostrane di band come zoni contenute nellalbum sono state scritte prevalentemente a un pia-
Afterhours e Zen Circus (in noforte tedesco degli anni 30, eredit del nonno musicista, per poi
particolare nelle linee melodi- essere arrangiate in studio in maniera complessa e articolata. Gi a par-
che di Andrea Appino). Accenni tire dalla copertina, omaggio al Battisti di Anima Latina, si intuisce lo spirito che pervade il lavoro
a un pi tradizionale folk e che rimanda ad una grandiosa spazialit, a tratti psichedelica. Atmosfere rilassate e intime, il
moderno nostrano (Brunori mood portante, si alternano a brani dalla ritmica pi spinta e quasi dancereccia come Music is the
Sas ad esempio) sono riscon- answer, Ill get up e There is no time for us. Lutilizzo variegato di strumenti acustici ed elettronici
trabili invece in Sei bella dav- rende lalbum eterogeneo e ricco di sfumature. Carlo Cerclin Re dotato di una vocalit molto godi-
vero. bile ed un bravo interprete, ma pecca un po in fatto di originalit. Sia dal punto di visto melodi-
La fine dei ventanni un cro- co che armonico e musicale gli influssi, o spunti, che hanno determinato la nascita delle canzoni
cevia. Segna il passo verso la appaiono alquanto evidenti. Questo tuttavia non toglie valore allopera intera che rimane di spes-
maturit. Quella esistenziale sore autoriale. I riferimenti vanno ricercati nelle produzioni estere contemporanee. Se Music is the
cantata nelle canzoni, ma al anwer rimanda da vicino agli MGMT e M83, Ill get up deve molto ai Phoenix e agli Strokes.
tempo stesso musicale: per
In Something doesnt work evidente linflusso del Beck di Morning phase. Pi consistente lascen-
Motta lalbum costituisce lini-
dente, che si ripresenta a pi riprese, esercitato da parte di Matthew Bellamy dei Muse. Lesplosione
zio di un percorso da solista del
colorita di Cure of time ci sembra invece omaggiare i The Flaming Lips. Un disco eclettico quindi che
quale seguiremo i successivi
sviluppi con attenzione.
spicca per ricercatezza, raffinatezza e complessit di arrangiamento. Per gli sviluppi futuri si auspi-
Generazionale. ca avvenga la formulazione di un linguaggio canoro ancor pi personale. Barocco

MICHELE DI MURO AIN Generation One


Una riuscita fusione tra rap italiano e nu soul e R&B Made in U.S.A.
caratterizza lesordio del romano, ma originario di Foggia, Arnaldo
Santoro. Lalbum uscito lo scorso maggio per Totally Imported e segue
a distanza di due anni la pubblicazione del singolo Cosa c.
Dopo gli studi presso il Saint Louis college di Roma ha frequentato la
Venice Voice Academy di Los Angeles. Ha collaborato quindi con lo
scattista Geg Telesforo, di cui il nipote, e con Giorgia. Grazie a una borsa di studio messa in
palio da Umbria Jazz, Ain ha affinato il suo stile al Bekelee College of music di Boston.
Il disco si divide in due parti. Le prime sei tracce sono cantate in italiano e le restanti sette in ingle-
se. Spiccano i duetti con Sergio Cammariere ( Dopo la pioggia) e col rapper Ghemon ( Tutto dorme
e Nel mio mondo). Ain, nonostante la giovane et, mostra di aver ben assimilato la lezione del rap
italiano che va da Bassi Maestro fino al primo Neffa e del vasto campionario della black music con-
temporanea. Taylor McFerrin, John Legend, Robert Glasper e Frank Ocean sono solo alcuni dei
giganti della black music contemporanea che possono essere citati in qualit di modelli di riferi-
mento. Un sapiente uso dellelettronica, grazie allapporto del producer Pasquale Strizzi, si accom-
pagna a sonorit acustiche di piano, basso, batteria e chitarre. Il suono caldo, avvolgente, come
si conf al genere. I brani sono ben strutturati e sapientemente arrangiati. La voce vibrante, deli-
cata, quasi fragile e vellutata di Arnaldo Santoro ben si muove allinterno delle composizioni e
risulta piuttosto credibile nellalternanza linguistica. Si ritiene tuttavia che per scrittura e inter-
pretazione i brani in inglese siano meglio riusciti, in particolare Leave me alone. Questo forse sin-
tomo di un naturale ascendente e predisposizione che andrebbe assecondata. Nelle prossime usci-
te sar probabilmente opportuno operare una scelta definitiva e radicale sulla direzione da intra-
prendere. Generation One rimane tuttavia una delle pi sorprendenti e godibili uscite della passa-
ta annata. Elegante

43 > > > > > > > > > > > > > > > > > > > Periodico italiano MAGAZINE
artenews La segnalazione delle mostre pi interessanti del momento
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

FIRENZE
ROMA
Klimt experience lvaro Siza, Sacro
Al MAXXI di Roma una mostra dedicata al noto architetto portoghe-
se, vincitore del Pritzker Prize nel 1992, del Premio Wolf per le arti nel
2001, del RIBA's Royal Gold Medal nel 2009 e del Leone d'Oro alla
Carriera nel 2012. A cura di Achille Bonito Oliva e Margherita
Guccione lesposizione nasce nellambito del ciclo Nature, monogra-
fiche e installazioni site-specific incentrate sui grandi protagonisti
dellarchitettura. Quella progettata da Siza per il MAXXI uninstalla-
zione ambientale, un percorso serpeggiante fatto di pareti oblique,

AOSTA

Inaugurata lo scorso 26 novembre e visitabile


Robert Doisneau. Icnes
fino al 2 aprile 2017, la mostra Klimt Experience LAssociazione Forte di Bard dedica una esposizione monografica a
permette un approccio multisensoriale, dinamico Robert Doisneau, considerato dalla critica tra i pi grandi fotografi
e interattivo con il lavoro di Gustav Klimt, uno del Novecento e, assieme a Henry Cartier-Bresson, uno dei padri fon-
dei pi significativi artisti della secessione vien- datori del fotogiornalismo di strada. Lesposizione Robert Doisneau.
nese. Dopo il successo di Van Gogh Alive nel Icnes, a cura dellAtelier Robert Doisneau di Parigi e
2015 e di Da Vinci Alive lestate seguente, la dell'Associazione, presenta una nuova selezione di fotografie realiz-
chiesa sconsacrata di Santo Stefano al Ponte zate dall artista francese nel corso della sua carriera. Il percorso
ospita di nuovo una mostra altamente innovati- imperniato sull iconicit delle immagini che maggiormente hanno
va, progettata e ideata da Crossmedia Group
sotto la curatela di Sergio Risaliti. Un evento che
consente di addentrarsi in capolavori ormai FORL
parte dellimmaginario collettivo come lAlbero
della vita, Il Bacio e la Giuditta, ancora da scopri- Genesi
re sotto il profilo storico-artistico. Immergendosi Le fotografie di Sabastiao Salgado
virtualmente nella produzione dellenigmatico Lultimo grande lavoro del pi importante fotografo documentarista
artista viennese lo spettatore ha, infatti, la possi- del nostro tempo. il frutto di uno sguardo appassionato, teso a sot-
bilit di apprezzarne ogni dettaglio cogliendovi tolineare la necessit pi che mai utopica di salvaguardare il
plurime sfumature. Trenta proiettori laser tra- nostro pianeta attraverso un nuovo stile di vita, fatto di comporta-
smettono sui megaschermi pi di 40 milioni di menti pi rispettosi della natura e di quanto ci circonda, per raggiun-
pixel garantendo unaltissima risoluzione. Un gere una nuova armonia. Un percorso a ritroso sulle origini del
enorme impatto visivo, dato dalle oltre 700 mondo per guardare al futuro, che ha inizio proprio da un viaggio nei
immagini riprodotte dal sistema Matrix X-
Dimension, progettato in esclusiva per questa
installazione. Oltre ai supporti didattici fisici, PALERMO
nella zona introduttiva della mostra vengono
inoltre proposte delle esperienze di approfondi- Guttuso. La forza delle cose
mento attraverso tavoli interattivi touch screen e
Una mostra che raccoglie ben 47 nature morte, genere caro a Renato
la Klimt VR Experience. La quale, grazie agli
Guttuso e componente essenziale della sua produzione. Compresi tra
Oculus Samsung Gear VR, tecnologia avanzata
gli anni Trenta e Ottanta del Novecento i lavori documentano la
di realt virtuale sviluppata dalla Orwll, consen-
drammatica condizione esistenziale del dopo guerra, il crescente
te di entrare allinterno dei lavori distinguendo-
interesse dellartista nei riguardi della sintesi cubista e post-cubista
ne tridimensionalmente ogni elemento.
picassiana e la fase pi meditativa degli anni Sessanta, esemplificata
26 novembre 2016 - 2 aprile 2017 da opere come Il Cestello (1959), La Ciotola (1960) e Natura morta
Santo Stefano al Ponte, Piazza di Santo Stefano, Firenze con fornello elettrico (1961). Il percorso inoltre arricchito da foto-
Tutti i giorni dalle 10.00 alle 19.00 grafie in parte inedite concesse dagli Archivi Guttuso e da video-

44 > > > > > > > > > > > > > > > > > > > Periodico italiano MAGAZINE
a cura di Serena Di Giovanni
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

spazi ampi alternati ad altri volutamente ristretti che si mostrano


parimenti in dialogo e contrapposizione con gli ambienti museali.
Lesposizione ospita disegni, progetti e oggetti che rivelano il perso-
nale legame dellartista con il tema della sacralit intesa come spec-
chio del vissuto e risposta ai bisogni dellessere umano. Tra le opere
esposte anche gli scatti di Fernando Guerra, Nicol Galeazzi, Jos M.
Rodrigues, Leonardo Finotti, Lus Ferreira Alves e Mimmo Jodice.
9 novembre 2016 - 26 marzo 2017
MAXXI Museo nazionale delle arti del XXI secolo
Via Guido Reni 4, Roma
Da marted a venerd ore 11-19
sabato ore 11-22, domenica ore 11-19

saputo conquistare il grande pubblico a partire dal celebre bacio del


1950, Le baiser de lHtel de ville. Doisneau ha immortalato i miti e
le icone della Parigi del '900, regalando al contempo un monumen-
tale affresco della capitale francese e dei parigini. A renderlo celebre,
in particolare, i ritratti di infanti e di innamorati, colti nella loro pro-
fonda umanit. Soggetti che, nella mostra in questione, si affianca-
no ai ritratti di note personalit artistiche e letterarie dellepoca, tra
cui Picasso, Giacometti e Prvert.
17 dicembre 2016- 1 maggio 2017
Forte di Bard, Aosta
da marted a venerd ore 11-18
sabato, domenica e festivi ore 11-19

luoghi pi remoti del Pianeta durato ben 8 anni. Un itinerario che ha


prodotto circa 200 fotografie, volte a narrare luoghi straordinari, in
rarissimi casi ancora parzialmente incontaminati: dalle foreste tropi-
cali dellAmazzonia, del Congo, dellIndonesia e della Nuova Guinea
ai ghiacciai dellAntartide, dalla taiga dellAlaska ai deserti
dellAmerica e dellAfrica fino ad arrivare alle montagne dellAmerica,
del Cile e della Siberia. In questo senso, la mostra racconta la genesi
del mondo, ci che stato e ci che appare oggi.
28 ottobre 2016- 29 gennaio 2017
Chiesa di San Giacomo - Piazza Guido da Monetfeltro, Forl
dal marted al venerd ore 9.30- 18.30;
sabato, domenica e festivi ore 10- 19

riproduzioni messe a disposizione da Rai Teche per raccontare la vita,


intima e pubblica, di Guttuso. La mostra unoccasione per ripercor-
rere anche le relazioni dellartista con importanti personaggi del suo
tempo: dagli scrittori Moravia, Vittorini, Saba e Levi, ad altri artisti
come Manz, Moore e Picasso; dai poeti Pasolini e Neruda ai registi
De Sica e Visconti, fino ai musicisti come Nono. Rapporti che hanno
condotto a interessanti e storiche collaborazioni cinematografiche,
letterarie e politiche.
22 dicembre 2016- 26 marzo 2017
Villa Zito, Via Libert 52, Palermo
Dal marted al gioved ore 10-17
Venerd, sabato, domenica e festivi ore 10-19

45 > > > > > > > > > > > > > > > > > > > Periodico italiano MAGAZINE
libri&libri Novit in libreria a cura di Michela Zanarella
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

LETTO PER VOI leggere qualcosa di singolare, anche se la struttu-


ra del libro non molto originale. Ad ogni capito-
Godbody lo associato un personaggio, che vive gli stessi
avvenimenti e li narra in prima persona. Si inizia
con Dan Currier, pastore protestante, sposato con
Arriva in Italia il romanzo eretico di una donna bellissima, tutto preoccupato di essere
uno dei pi grandi autori del Novecento buono con gli altri. Dan incontra Godbody allan-
golo tra due strade. nudo. E indossa la sua
americano. Unopera controversa che nudit come un abito. I capelli lunghi, sottili, di
racchiude un messaggio rivoluzionario colore rosso rame. Intorno alla sua testa un cer-
chio di falene bianche in volo. Difficile capire il
Lultimo romanzo dello scrittore di fantascienza colore dei suoi occhi. Dalla descrizione dettagliata
statunitense, Theodore Sturgeon, pubblicato nel e minuziosa tutto ci porta verso liconografia del
1986, ad un anno dalla sua morte, ora nelle Cristo. Le corrispondenze sono molteplici, e ad
librerie italiane edito da Atlantide, con la tradu- ogni immagine proposta nulla lasciato al caso.
zione di Marina Sirka Mosur. Dopo oltre trentan- Diventa spontaneo attivare il cervello, capire, sco-
ni dalla sua uscita considerato prire, analizzare. La scrittura di Sturgeon flui-
ancora oggi un libro particolare e da, come un fascio di luce che arriva
insolito, dalla trama discussa e ad abbagliare allimprovviso e si
ambigua, attuale per i significati avverte la sua necessit di avvolgere
che esprime. e stupire nel modo pi naturale pos-
Siamo in una cittadina americana. sibile chi legge. Forte la simbologia
Larrivo di un uomo misterioso cam- che si alterna, le falene ad esempio
bia radicalmente lesistenza delle oltre a formare una strana aureola,
persone. Chi Godbody, il protago- rappresentano la speranza di ascen-
nista? Gi nella scelta del nome si dere dalla condizione terrestre alla
intuisce lintenzione dellautore di luce delle eterne altitudini, il pane
centrare lattenzione sulla figura di al centro del culto cristiano, cibo
questindividuo, il cui semplice sacro che abbraccia levoluzione del
tocco trasmette un irresistibile desi- genere umano con le sue contraddi-
derio di amare e farsi amare. A zioni, come il vino che da un lato
primo impatto il nome Godbody, in significa sangue e sacrificio e dallal-
italiano Il corpo di Dio, ci induce a GODBODY tro gioia ed estasi divina. Godbody
pensare ad un chiaro riferimento di Theodore Sturgeon quando si presenta al pastore riferi-
religioso e spirituale. Ed in parte Atlantide Edizioni sce di essere stato per qualche ora un
cos, ma c molto di pi. Si arriva Pagg. 192, 24 euro uccello, il vivere la mimesi, diventare
ad un punto estremo, che racconta altro, stabilire quel legame indisso-
lumanit fatta di carne, nel lato pi sessuale, lubile tra cielo e terra, tra dimensione terrena e
istintivo ed animale. Ed cos che si entra in una ultraterrena. Luccello assume molteplici signifi-
descrizione spinta, che pu sembrare al limite cati, dallevoluzione ciclica del pianeta fino a colui
della decenza. Il lettore entra in punta di piedi gi che dimora in cielo, cio lanima che lascia il corpo
dalle prime pagine, consapevole che si trover a un uccello che prende il volo.
Anche il riferimento ai colori dettato da una
LAUTORE scelta ben precisa. Il verde nuovo ed intenso
Theodore Sturgeon (1918-1985) considerato uno dei migliori scritto- il colore della natura, della speranza, della
ri dellEt doro della fantascienza insieme a Heinlein, Asimov, Simak, vitalit. Il rosso il colore dellamore, sia terre-
Clarke e Van Vogt. Tra i suoi libri capolavoro Cristalli sognanti, che no che spirituale, del sangue, vedi il Sacro
mette in crisi e in discussione il concetto stesso di ruolo e identit, stra-
volgendo le precezioni della realt. Come sceneggiatore di alcuni epi- Cuore di Ges.
sodi della serie Star Trek, alla fine degli anni Settanta, ha introdotto il Gi da questi pochi elementi possibile com-
concetto di Prima direttiva (la norma della Federazione dei Pianeti prendere limmenso e complesso valore del con-
Uniti che vieta di interferire nello sviluppo naturale di una civilt). tenuto, che ha in s stimolo di riflessione

46 > > > > > > > > > > > > > > > > > > > Periodico italiano MAGAZINE
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

In primo piano
La voce nascosta
delle pietre
di Chiara Parenti, Garzanti
Pagg. 380, 16,90 euro
Il nonno insegn a Luna, quando era una bam-
bina, il significato e limportanza delle pietre.
Solo che alla soglia dei trentanni lei non riesce
pi a sentire la loro voce. Troppe delusioni lhan-
no scoraggiata. Ma tutto pi cambiare, basta
crederci. Magico
Lion
di Saroo Brierley, Rizzoli
Pagg. 224, 18,00 euro
Un bambino di soli cinque anni sale per sbaglio
su un treno e da allora la sua vita cambia per
sempre. Siamo in India. quanto accaduto
realmente allautore che, cresciuto in Australia
Theodore Sturgeon
con una famiglia adottiva, cerca di rintracciare
sua madre e i suoi fratelli. Dal libro stato tratto
costante per il lettore: credere o non credere. E anche un film con Dev Patel e Nicole Kidman.
una testimonianza damore quella che Commovente
Sturgeon ci affida, non tanto nel senso religio-
so del protagonista che ha scelto, ma nella bel- Nessuno come noi
lezza stessa della vita, del genere umano cos di Luca Bianchini, Mondadori
diverso e allo stesso tempo cos simile. E i per- Pagg. 252, 18,00 euro
sonaggi che si susseguono hanno una loro uni- Vincenzo, diciassettenne, innamorato di
cit, nel bene e nel male, a partire dal perver- Caterina, sua compagna di banco, ma lei si inna-
tito misogino, che non riesce a desiderare una mora di tutti, tranne che di lui. Lo fa soffrire, chie-
donna se prima non la umilia, fino alla svedese dendogli consigli amorosi, sotto gli occhi perples-
naturalista e nudista, che vive lontana dalla si dellamica Spagna. Insieme sono un trio indis-
metropoli, dalla ragazza goffa ignorata da solubile, ma arriver qualcuno a rompere gli
tutti, al poliziotto dal passato non proprio per- equilibri. Emozionante
fetto, che tenta di recuperare in qualche modo,
facendo rispettare la legge secondo la sua
legge. Godbody lo specchio ed il filtro di
unumanit in cammino, con le sue fragilit,
ma anche con le sue virt. La sua presenza rie-
sce a far apparire tutte o quasi, queste perso-
Editoria indipendente
ne, cos come sono, senza maschere o finzioni, Le dee del miele
con i loro limiti, ma con tante emozioni diverse, di Emma Fenu, Milena Edizioni
dentro e fuori. Godbody al contempo meta- Pagg. 170, 8,90 euro
morfosi e cambiamento. Una storia di donne ambientata in una
Se uno ha la volont di crederci fino in fondo, Sardegna di inizio Novecento, intrisa di mito e
Sturgeon mette in atto una rivoluzione del- memoria. Le quattro protagoniste sono diver-
lanima, della mente e del corpo. Lancia una se tra loro per condizioni sociali e vissuto, ma
serie di domande, e sta nel lettore trovare la sono unite tra loro da un destino che le avvici-
chiave per accedere alla verit. La risposta non na. Donne forti e coraggiose, dee dolci come il
la morte, ma lamore, la risposta non la fine miele. Un intreccio narrativo denso di emozio-
di tutto, ma la vita. I ni, storia, tradizione e magia. Autentico

47 > > > > > > > > > > > > > > > > > > > Periodico italiano MAGAZINE
cinema Alle major non basta pi creare un film a s stante: la nuova parola dord
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

Nuovi universi
cinematografici

La nuova moda sulle verdi colline di Hollywood quella dei vasti conte-
sti narrativi che comprendono uninfinit di protagonisti diversi, capaci
di interagire tra di loro e in cui i vari avvenimenti di un film influenza-
no le vicende narrate in pellicole successive
idea di creare una trasver- lUomo Invisibile) ai quali ne anche ai possibili sviluppi futu-
L salit narrativa tra pi pel-
licole un concetto che ha preso
vennero affiancati altri creati
appositamente per il grande
ri di questa nuova tendenza.

piede solo di recente grazie schermo (La Mummia, il Marvel


allesplosione del fenomeno dei Mostro della Laguna Nera e Cinematic Universe
film Marvel, e che da l si pro- lUomo Lupo). Quel genere di Il capostipite della moderna
pagato come unincendio sulle pellicole cre in un certo senso concezione di narrazione tra-
assolate colline californiane. In il concetto di universo espanso, sversale. Nel 2008 luscita nelle
realt non una vera novit: con i vari mostri che si incon- sale di Iron Man ha inaugurato
gi negli anni 20, quando la travano di tanto in tanto, senza un nuovo percorso per i film dei
Universal Pictures realizz una per creare un interazione supereroi della Casa delle Idee
serie di pellicole che avevano corale e continuativa, come al cinema, con unidea molto
per protagonisti i principali avviene invece oggi. Vediamo semplice sulla carta: inserire in
mostri della letteratura otto- quindi nel dettaglio quali sono un contesto narrativo virtual-
centesca (Dracula, Franken- gli universi cinematografici mente infinito (come avviene
stein, Il Fantasma dellOpera e attuali, gettando uno sguardo appunto nei fumetti) eroi e per-

48 > > > > > > > > > > > > > > > > > > > Periodico italiano MAGAZINE
dine in quel di Hollywood creare una trasversalit narrativa tra pi pellicole
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

sonaggi che interagiscono a


vari livelli tra di loro, creando
quindi il presupposto di un cor-
pus narrativo immenso e ricco
di correlazioni. Unidea chiara e
uno sviluppo lineare e coerente
ha permesso ai Marvel Studios
di costruire un vero e proprio
piano aziendale, articolato in
Fasi: la Fase 1 comprende i
primi due film su Iron Man e i
primi Thor, Captain America e
Hulk, culminando nel mega
campione dincassi Avengers e
si poneva come obiettivo di
introdurre i personaggi e cattu-
rale lattenzione del pubblico; la
Fase 2 ha avuto inizio con Iron
Man 3 e si conclusa con Ant- sto punto si rivelato insor- Jones (fumettista DC che ha di
Man, passando per Guardiani montabile, la scarsa lungimi- fatto rivitalizzato testate ormai
della Galassia e il secondo ranza del team creativo dietro date per morte come Lanterna
Avengers, sviluppando ancora questo progetto: dopo LUomo Verde) la guida del reparto
di pi i personaggi gi esistenti dAcciaio (2013), film che riscri- creativo. Il nuovo anno sembra
e introducendone di nuovi, cre- ve le origini di Superman tuttavia promettere bene, con il
ando quel legame di interces- dando nuova vita a questo uni- film dedicato a Wonder Woman
sione che avr il suo culmine verso, si deciso di non proce- e il corale Justice League, dove
nella Fase 3, attualmente in dere per gradi, visto il conside- tutti gli eroi collaboreranno tra
corso. In totale, il Marvel revole ritardo, e inserire imme- di loro. Non resta che aspettare
Cinematic Universe conta 14 diatamente tutti i personaggi dunque.
film usciti al cinema e altri sei prima elencati nel film Batman
in fase di produzione, con lapi- v Superman: Dawn of Justice Star Wars
ce che verr toccato in del 2015. Probabilmente alla Il padre di tutti gli universi
Avengers: Infinity War, pellico- Warner nessuno conosce lada- cinematografici. Parlare della
la corale che, stando alle dichia- gio la gatta frettolosa fa i figli galassia lontana lontana creata
razioni dei registi Anthony e ciechi, perch altrimenti non si da George Lucas nel 1977 deve
Joe Russo, vedr intervenire spiega lindescrivibile buco tener conto di una divisione
tutti e 62 i personaggi apparsi nero di incoerenza narrativa temporale, prima e dopo lac-
nelle precedenti pellicole. che questultima pellicola si quisto da parte della Walt
porta sulle spalle. Il film suc- Disney Company nel 2012.
DC Extended Universe cessivo della serie, Suicide Prima di questa data George
Dopo il sucesso dei film Marvel, Squad, migliora la situazione Lucas aveva potuto gestire in
la reazione della concorrenza ma non di molto. Il fatto che totale autonomia la propria
ha tardato ad arrivare. Con ben la Marvel, tra il 2008 e il 2012 creatura, creando quello che i
6 anni di ritardo la Warner ha prodotto ben 5 film che pre- fan chiamarono Expanded
Bros, detentrice dei diritti dim- parassero al mega crossover Universe: una serie di serial tv,
magine dellintero universo Avengers. In questo caso in 6 romanzi e videogiochi che inte-
supereroistico DC Comics anni non si fatto quasi nulla. gravano la storia della trilogia
(Superman, Batman, Wonder La speranza, tuttavia, lulti- originale e che avevano vari
Woman, Flash e chi pi ne ha ma a morire e nel prossimo gradi di canonicit dal
pi metta) ha deciso di struttu- futuro la programmazione dei momento che a volte alcune
rare anchessa un universo film Warner/DC sembra aver storie contraddicevano altre.
cinematografico che potesse imboccato la giusta direzione, Con il passaggio alla Disney,
rivaleggiare con Iron Man & merito anche della scelta lungi- Lucas ha perso questa libert,
Co. Il problema, che fino a que- mirante di affidare a Jeoff accettando la decisione da

49 > > > > > > > > > > > > > > > > > > > Periodico italiano MAGAZINE
cinema La Universal realizzer un reboot dellintero universo dei mostri
>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>>

forse uno dei pi longevi


della storia del cinema, anno-
verando allincirca 30 film dal
1954, e vera icona del
Giappone sul grande schermo.
Kong, il gigantesco gorilla
signore dellIsola del Teschio
nato dalla fantasia di Merian
C. Cooper nel 1933, pu essere
considerato la controparte di
Godzilla sul suolo americano.
I due mostri si erano gi
incontrati al cinema nel 1962:
Il trionfo di King Kong. Oggi
la Warner Bros ha deciso di
rispolverare queste due icone
parte dei vertici della compa- sordina con Dracula Untold, monstre, con lobiettivo di
gnia dare tabula rasa delle sto- pellicola tutto sommato mode- farle scontrare di nuovo. A
rie fino a quel momento raccon- sta che narrava la trasforma- avviare le danze stato il
tate (escludendo i 6 film) e zione di Vlad III di Valacchia Godzilla di Garrett Edwards
riscrivere tutto quanto. Da qui nel vampiro Signore delle tene- (2014) e questanno sar il
nasce il progetto Star Wars bre. Il film ha ricevuto incassi turno del grande gorilla, pro-
Stories, una serie di lungome- cos miseri e critiche tanto tagonista di Kong: Skull
traggi che racconteranno storie negative da spingere i vertici Island. Se il responso del pub-
parallele e complementari a della major a fare un passo blico sar favorevole il grande
quelle originali di Lucas, indietro e a cominciare il loro match tra Godzilla e Kong non
venendo rilasciati alternativa- tanto agognato universo con il arriver prima del 2020. Il
mente ai nuovi film della storia prossimo reboot de La titolo? Godzilla vs. Kong
principale. Questanno luscita Mummia (2017) con protagoni- ovviamente. Viva la fantasia.
di Rogue One, storia mai narra- sta linossidabile Tom Cruise.
ta ma perfettamente inserita Guardando il trailer del film Il Signore degli Anelli
nel continuum narrativo, ha per, non sembra esserci molto La serie record di Peter
inaugurato questo nuovo filone in cui sperare, vista la quasi Jackson basata sulla monu-
riscuotendo un buon successo apparente totale assenza del mentale opera del professor
(attualmente stimato a 600 fattore horror in favore della Tolkien ha incantato il mondo
milioni di dollari incassati a componente action. A questo raccontando il viaggio epico di
livello globale) e preparando la seguiranno poi film sullUomo Frodo Baggins per distruggere
strada a nuove storie: due Lupo, sul cacciatore di vampiri lUnico Anello. La prima trilo-
nuovi film sono gi in cantiere, Van Helsing, sul Mostro della gia si era conclusa nel 2003
uno su Han Solo nel 2018 e uno Laguna Nera e sulla moglie di con l11 volte vincitore del pre-
su Boba Fett nel 2020, nuove Frankenstein. Che fine abbia mio Oscar Il Ritorno del Re e
storie a fumetti integrative e fatto il mostro originale per ora la storia proseguita, un po
un approccio transmediale pi resta un mistero, cos come fiaccamente a dire il vero, con
aggressivo. E allapparenza misteriose restano le intenzioni la trilogia de Lo Hobbit. Da
vincente. della Universal: che un giorno quel momento nessun proget-
forse vedremo tutti questi to di proseguire la storia della
Mostri Universal mostri combattere uno di Terra di Mezzo si presentato
Della serie prima o poi ritorna- fianco allaltro contro un allorizzonte, ma le possibilit
no. Dopo anni di tentennamen- mostro ancora pi mostruoso? potrebbero effettivamente
ti la Universal ha deciso di met- esserci guardando alla vastit
tere in cantiere un reboot del- Godzilla e King Kong del corpus di manoscritti di
lintero universo dei mostri. Giusto per restare in tema di Tolkien.
Loperazione iniziata un po in mostri. Il franchise di Godzilla GIORGIO MORINO

50 > > > > > > > > > > > > > > > > > > > Periodico italiano MAGAZINE
l
ari
vi
st
aches
fogl
ionl
ine