Sei sulla pagina 1di 852

Emilia Asnaghi Raffaella Gaviani

0_ Prime pagine.indd 1 22/02/11 18:37


I n d i ce

Introduzione ................................................................................................................................ . 1

PRESENTAZIONE DEL CORSO ....................................................................... 3 Gli esercizi . ............................................................................................................... . 10


I testi base: i contenuti ...................................................................... . 3 Le veriche, la valutazione
I testi base: la struttura del percorso ..................... . 3 e lautovalutazione . .................................................................................... . 10
Il piano dellopera. ........................................................................................ . 5 La dislessia . ........................................................................................................... . 12
Il Mito e lEpica . ................................................................................................ . 8 Il percorso facilitato . ............................................................................... . 14
La Letteratura . ................................................................................................ . 8 Laccoglienza ....................................................................................................... . 15
Il mio quaderno INVALSI ............................................................... . 8 Il metodo di studio, lorientamento,
CD audio ..................................................................................................................... . 8 gli esami di Stato .......................................................................................... . 16
Letture facili . ........................................................................................................ . 8 Proposte operative per lesame
Contatto/Oltrepagina .......................................................................... . 8 orale o scritto ..................................................................................................... . 16
La Prova Nazionale ................................................................................. . 16
INTENTI E FINALIT DEL CORSO . ............................................................. . 10 La L.I.M. ...................................................................................................................... . 17
I brani ................................................................................................................................ . 10 Lonline ............................................................................................................................. . 18

Materiali per linsegnante .............................................. . 21


Piano di lavoro triennale ................................................................................................................................. 23
Completano le Unit . ............................................................................................................................................. 29
Proposte per lesame . ......................................................................................................................................... 36
Schede dei lm ............................................................................................................................................................... 45
Volume 1 U2 La favola, La Gabbianella e il Gatto . ............................................................................................. . 46
U3 La leggenda, 2012 . .............................................................................................................................................. . 49
U4 I racconti di paura, La famiglia Addams ................................................................................. 52
U15 Lintegrazione, Forrest Gump ................................................................................................................. 55
U17 Vivere la storia, Ladyhawke ................................................................................................................... . 58
Volume 2 U3 Il racconto di avventura, Marrakech express ................................................................. . 61
U5 La lettera, Le parole che non ti ho detto . .............................................................................. . 64
U6 Il diario, Il diario di Anna Frank ........................................................................................................... . 67
U7 La poesia, Il postino ........................................................................................................................................... . 70
U15 I diritti della donna, Sognando Beckham ........................................................................... 73
U18 Vivere la storia, Mission .............................................................................................................................. 76
Volume 3 U3 Il romanzo storico, Oliver Twist ............................................................................................................ 79
U4 Il romanzo di formazione, Il giardino segreto ................................................................ . 82
U6 La poesia, Lattimo fuggente .................................................................................................................... 85
U15 La mondialit, All the invisible children ............................................................................. . 88
U16 La legalit, Gomorra ........................................................................................................................................ . 91
Schede di autovalutazione . ...................................................................................................................... . 94
Ascoltare Classe 1, 94 Classe 2, 95 Classe 3, 96
Parlare Classe 1, 97 Classe 2, 98 Classe 3, 99
Leggere Classe 1, 100 Classe 2, 101 Classe 3, 102
Scrivere Classe 1, 103 Classe 2, 104 Classe 3, 105
Epica: percorsi didattici . ............................................................................................................................... . 106
Iliade . .................................................................................................................................................................................................... 106

0_ Prime pagine.indd 2 22/02/11 18:37


Odissea .............................................................................................................................................................................................. . 107
Eneide .................................................................................................................................................................................................. . 108
La Canzone di Orlando .................................................................................................................................................. . 109
Il Cantare del Cid .................................................................................................................................................................. 110
Il Ciclo di re Art ................................................................................................................................................................... 111
Il Canto dei Nibelunghi ................................................................................................................................................ . 112
Raccontato in prosa .............................................................................................................................................. 113
Iliade . ................................................................................................................................................................................................... . 113
Odissea .............................................................................................................................................................................................. . 117
Eneide .................................................................................................................................................................................................. . 126
La Canzone di Orlando .................................................................................................................................................. . 130
Il Cantare del Cid .................................................................................................................................................................. 133
Il Canto dei Nibelunghi ................................................................................................................................................ . 134
Percorso triennale di lettura laboratoriale ........................................................................ 138
Copioni per lattivit teatrale . ................................................................................................................ 139
Odissea . ............................................................................................................................................................................................ . 139
Arsenico e vecchi merletti ...................................................................................................................................... 148
La parola ai giurati ............................................................................................................................................................ . 165
185
Contatto/Oltrepagina ............................................................................................................................................
Il.piano.del.corso,.187.Schede.di.rilevazione.per.la.conoscenza.dellalunno,.196
La.normativa,.201Esempio.di.Protocollo.di.accoglienza,.204

Testi per lascolto . ............................................................................................ . 207


Prove dingresso Classe 1, Zoo ......................................................................................................................................................................... . 209
Classe 2, Il professore di segni .................................................................................................................... 210
Classe 3, Ladro .................................................................................................................................................................... . 211
Volume 1 U1 La aba, Il povero calzolaio ..................................................................................................................... . 214
U2 La favola, Il leone, il lupo e la volpe ............................................................................................. 215
U3 La leggenda, La foca bianca ................................................................................................................... . 216
U4 I racconti di paura, Lupi mannari ...................................................................................................... 217
U5 I racconti umoristici, Per chi lano le tre vecchiette? ......................................... 220
U6 Filastrocca e poesia, I mesi per i bambini ............................................................................ . 225
U9 Ascoltare, Prevedere le parole .............................................................................................................. 225
U9 Ascoltare, Il falcone e lanatra .............................................................................................................. . 226
U9 Ascoltare, La bambina che entrava nei libri ....................................................................... 226
U9 Ascoltare, Il gatto con un amico importante ..................................................................... . 227
U9 Ascoltare, Eseguire le istruzioni ........................................................................................................ . 228
U12 Conoscersi per crescere, Una strana famiglia ...................................................... 228
U13 Attivi, forti, corretti: sportivi, Filippo .......................................................................................... . 231
U14 I diritti dei minori, Matilde ..................................................................................................................... . 236
U15 Lintegrazione, I muri di Casablanca ........................................................................................... 239
U16 Lambiente, Balene nel Mediterraneo ...................................................................................... 240
Volume 2 U1 Il giallo, Lassassinio di Medardo Bosch, antiquario .............................................. . 241
U2 Il racconto fantasy, La meravigliosa citt del mago .............................................. . 245
U3 Il racconto di avventura, La spruzzo fantasma ............................................................... 248
U4 Il racconto autobiograco, La mia prima apparizione in teatro................. 249
III

0_ Prime pagine.indd 3 22/02/11 18:37


I Indice

U5 La lettera, Caro Christophe ............................................................................................................... . 250


U6 Il diario, Gian Burrasca nel collegio Pierpaoli ............................................................. . 251
U7 La poesia, Sera dottobre .............................................................................................................................. 253
U10 Ascoltare, Il semaforo: dalle rotaie alle strade ........................................................... 254
U10 Ascoltare, La lettera B ................................................................................................................................... 254
U10 Ascoltare, Senza leggi, nessuna libert . ............................................................................. 256
U10 Ascoltare, La porta spalancata ......................................................................................................... . 257
U10 Ascoltare, Giacomo di cristallo .......................................................................................................... 259
U10 Ascoltare, Hamoukar, Siria, 5.500 anni fa la battaglia
pi antica della Storia . ................................................................................................ . .260
U10 Ascoltare, Funghi in citt ........................................................................................................................... 261
U10 Ascoltare, Il pifferaio magico .............................................................................................................. . 264
U10 Ascoltare, Magellano, una s da allignoto ........................................................................ . 265
U13 Le relazioni: gli amici, i bulli, i genitori, Harold ........................................................ . 266
U14 La tolleranza, Linvidia dei bianchi ................................................................................................ 267
U15 I diritti della donna, Volevo fare tante cose ................................................................. . 268
U16 Salute e alimentazione, Invito a sorpresa ........................................................................ . 269
U17 Un tema ambientale: lacqua, Il mare che crea ...................................................... . 269
Volume 3 U1 Il racconto fantastico, Il risveglio ..................................................................................................... . 271
U2 La fantascienza, Chiss come si divertivano .................................................................... 272
U3 Il romanzo storico, Gente di Gagliano ......................................................................................... . 275
U4 Il romanzo di formazione, La mia futura immagine ................................................. . 277
U5 La novella, Arsenico ............................................................................................................................................ . 278
U6 La poesia, Larboscello ..................................................................................................................................... 281
U9 Ascoltare, Oscuramento .................................................................................................................................. . 281
U9 Ascoltare, Quei tre desideri ........................................................................................................................ 282
U9 Ascoltare, La vera Gioconda mor a Firenze.
Ecco dov sepolta Monna Lisa .......................................................................... . 284
U9 Ascoltare, Il Rio delle Amazzoni supera il Nilo.
Libri da riscrivere .................................................................................................................. . 285
U9 Ascoltare, Vola, cicogna bianca vola ........................................................................................... 286
U9 Ascoltare, Individuare lo scopo di chi parla ...................................................................... . 287
U9 Ascoltare, Individuare lo scopo di chi parla ...................................................................... . 288
U9 Ascoltare, Storie di ragazzi violenti .............................................................................................. . 288
U9 Ascoltare, La stiratura dei capelli ..................................................................................................... 290
U9 Ascoltare, Lorrida famiglia di Matilde ........................................................................................ . 292
U9 Ascoltare, I giorni perduti ............................................................................................................................ . 294
U9 Ascoltare, Se la tragedia supera il fascino ......................................................................... . 295
U9 Ascoltare, Le dame e le altre ................................................................................................................... 296
U9 Ascoltare, Elaborare una propria opinione ............................................................................ 296
U9 Ascoltare, Prendere appunti e rielaborarli ........................................................................... . 297
U9 Ascoltare, Prendere appunti e rielaborarli ........................................................................... . 299
U9 Ascoltare, Yunus, il banchiere dei poveri,
vince il Premio Nobel per la pace ................................................................... . 300
U9 Ascoltare, Cervelli in fumo ......................................................................................................................... . 301
U12 Adolescenti che scelgono, 14 settembre ........................................................................... . 303
IV

0_ Prime pagine.indd 4 22/02/11 18:37


I Indice

U13 Il diritto alla pace, Dov Blitz? ......................................................................................................... 305


U14 LOlocausto, Il segreto di Vanda ..................................................................................................... . 308
U15 La mondialit, Giovani che navigano da fermi ........................................................... . 311
U16 La legalit, Luomo salvato da un libro ................................................................................... . 312
U17 La Terra: un pianeta da salvare, Lettera a un bambino
appena nato.............................................................. . 314
Volume Il Mito e lEpica Miti ed eroi, La creazione di Tahiti ............................................................................................................. 316
Veri che ascolto Volume 1, La gola della balena . .................................................................................................................... . 317
Volume 1, Eureka! . ........................................................................................................................................................... . 319
Volume 2, Paura del buio ....................................................................................................................................... . 321
Volume 2, Il ragazzo che visse con i babbuini ........................................................................ . 322
Volume 3, Tosse durante il concerto ...................................................................................................... 325
Volume 3, CONTROSTORIA
Ma il femminismo nato africano ................................................................... . 326
Ascolto Letture facili Volume 1, Lasino che si f ingeva zoppo e il lupo .................................................................. 328
Volume 1, Cara C@rla .................................................................................................................................................. 328
Volume 2, I ricci e la raccolta delle mele . ...................................................................................... 330
Volume 2, Il diario di Alice . .................................................................................................................................. 331
Volume 3, Il Nautilus ..................................................................................................................................................... 332
Volume 3, Un ospedale nel deserto . ........................................................................................................ 333

Soluzioni . ........................................................................................................................................................ 337


Per capire il testo Volume 1 .......................................................................................................................................................................................... 339
Volume 2 ......................................................................................................................................................................................... . 370
Volume 3 ......................................................................................................................................................................................... . 399
Volume Il Mito e lEpica ............................................................................................................................................. . 433
Volume La Letteratura . ................................................................................................................................................. 446
Schede di comprensione dei lm ................................................................................................................. . 470
Prove dingresso Classe 1 .......................................................................................................................................................................................... 485
Classe 2 . ........................................................................................................................................................................................ 486
Classe 3 .......................................................................................................................................................................................... 487
Veri che sommative Volume 1 .......................................................................................................................................................................................... 488
Volume 2 .......................................................................................................................................................................................... 492
Volume 3 .......................................................................................................................................................................................... 497
Abilit Ascolto .......................................................................................................................................................................... 503
Volume Il Mito e lEpica .............................................................................................................................................. 505
Volume La Letteratura . ................................................................................................................................................ . 509
Comprensione Letture facili..................................................................................................................................... 512
Percorso facilitato Volume 1 .......................................................................................................................................................................................... 513
Volume 2 .......................................................................................................................................................................................... 515
Volume 3 .......................................................................................................................................................................................... 518
Recupero Volume 1 .......................................................................................................................................................................................... 522
Volume 2 .......................................................................................................................................................................................... 527
Volume 3 .......................................................................................................................................................................................... 531
Volume Il Mito e lEpica .............................................................................................................................................. 536
V

0_ Prime pagine.indd 5 22/02/11 18:37


I Indice

Materiali fotocopiabili........................................................................... 537


Classe 1 .......................................................................................................................................................................................... .
Prove dingresso 539

Classe 2 ......................................................................................................................................................................................... . 548

Classe 3 ......................................................................................................................................................................................... . 558
Veri che sommative Abilit Ascolto Volume 1 ............................................................................................................................................ 567
Abilit Ascolto Volume 2 ............................................................................................................................................ 571
Abilit Ascolto Volume 3 ............................................................................................................................................ 575
Volume Il Mito e lEpica ............................................................................................................................................... 581
Volume La Letteratura .................................................................................................................................................. . 611
Comprensione Letture facili 1 ............................................................................................................................ 635
Comprensione Letture facili 2 ............................................................................................................................ 641
Comprensione Letture facili 3 ............................................................................................................................ 647
Percorso facilitato Volume 1 .......................................................................................................................................................................................... . 655
Volume 2 ........................................................................................................................................................................................... 667
Volume 3 ........................................................................................................................................................................................... 680
Recupero Volume 1 ........................................................................................................................................................................................... 695
Volume 2 ........................................................................................................................................................................................... 733
Volume 3 ........................................................................................................................................................................................... 784
Volume Il Mito e lEpica ............................................................................................................................................... 836

CD tracce audio ...................................................................................................... 842

www.latteseditori.it Impaginazione
info@latteseditori.it Rubber Band (Torino)
Coordinamento prestampa
Gianni Dusio

Propriet letteraria riservata


2011 S. Lattes & C. Editori SpA - Torino

Stampato in Italia - Printed in Italy ristampa anno


per conto della casa editrice da
La Graca Boves (CN) 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15

VI

0_ Prime pagine.indd 6 22/02/11 18:37


Introduzione
> Presentazione del corso
> Intenti e finalit del corso

001_020_A_C_D_E.indd 1 22/02/11 15:26


001_020_A_C_D_E.indd 2 22/02/11 15:26
I Introduzione

Presentazione del corso

I testi base: i contenuti I testi base: la struttura


Il corso si articola in tre volumi, uno per anno, suddivisi del percorso
in quattro macrosezioni: Generi, Abilit, Temi, Educazio- Ogni macrosezione si compone di diverse unit, le quali
ne allimmagine. sono organizzate al loro interno secondo un metodo di-
dattico esplicito e funzionale, articolato in una struttu-
I generi sono presenti nei tre volumi, secondo la se- ra precisa, che si ripete in tutte le sezioni dei generi e dei
guente scansione: temi e in tutti i volumi.
> volume 1: fiaba favola leggenda racconti di paura
racconti umoristici poesia teatro; Ogni unit, quindi, presenta la seguente articolazione:
> volume 2: racconto giallo racconto fantasy raccon- > apertura con una frase topica dautore, che incuriosi-
to di avventura autobiografia lettera diario poe- sce e definisce il senso base dellunit;
sia teatro; > definizione di conoscenze e abilit;
> volume 3: racconto fantastico racconto di fanta- > indicazione dei materiali dellunit destinati allo stu-
scienza romanzo storico novella poesia teatro dente e allinsegnante;
romanzo di formazione giornale. > attivit di ascolto per entrare in argomento: questa atti-
vit introduce gli alunni nel vivo dellargomento delluni-
t, presentando un brano da ascoltare con il CD audio
Le abilit (parlare, ascoltare, leggere, scrivere) sono dellinsegnante e di cui i ragazzi non hanno il testo, che
presenti nei tre volumi in due modalit: per disponibile per il docente in questa Guida;
> sono trattate in modo completo e approfondito nelle > mappa del percorso delle conoscenze, per essere al
unit a esse dedicate; corrente degli argomenti trattati e delle conoscenze
> sono riprese in ogni unit in sezioni specifiche e inte- che verranno acquisite nel percorso;
grate nella trattazione. > scheda sul genere o sul tema proposto, che ne de-
finisce i contenuti, i motivi storico-sociali, le caratteristi-
I temi possono essere suddivisi in tre filoni: la cono- che rispetto alla struttura, al linguaggio e agli autori;
scenza di s, la convivenza civile, il rapporto con lam- > brani per la lettura con un forte apparato operativo;
biente e con il tempo storico. > rubrica lessicale in relazione al genere o al tema;
> proposte di attivit di scrittura relative al genere o al tema;
Volume 1: > proposte di attivit riguardanti il parlato, relative al ge-
> conoscenza di s = conoscersi per crescere; nere o al tema;
> convivenza civile = attivi, forti, corretti: sportivi i diritti > verifica formativa con autovalutazione, le cui solu-
dei minori lintegrazione; zioni si trovano a fondo volume per consentire allalun-
> rapporto con lambiente e con il tempo storico = lam- no di valutare in autonomia il proprio apprendimento;
biente vivere la storia. > proposta, in sei unit per volume, di schede dedicate a
Volume 2: film relativi al genere o al tema trattato; queste schede
> conoscenza di s = le relazioni: gli amici, i bulli, i geni- costituiscono degli spunti per un lavoro guidato di ana-
tori; lisi, fatto in classe, dopo la visione del film, per com-
> convivenza civile = la tolleranza i diritti della donna prendere la trasposizione cinematografica dei mecca-
salute e alimentazione; nismi narrativi; tutte le unit prevedono la proposta di
> rapporto con lambiente e con il tempo storico = un te- un film la cui scheda inserita nella presente Guida, l
ma ambientale: lacqua vivere la storia. dove non nel volume base;
Volume 3: > rimando alla verifica sommativa presente nel fasci-
> conoscenza di s = adolescenti che scelgono; colo annesso al volume, le cui soluzioni sono a dispo-
> convivenza civile = il diritto alla pace la mondialit la sizione dellinsegnante in questa Guida;
legalit lOlocausto; > proposta di recupero in questa Guida con esercizi su
> rapporto con lambiente = la Terra: un pianeta da sal- un brano del testo secondo un percorso didattico
vare. triennale facilitato e un brano aggiuntivo per ogni uni-
Leducazione allimmagine propone lanalisi di te- t con esercizi semplificati;
matiche quali: il fumetto la televisione la pubblicit > brani semplificati per stranieri nel volume Contatto/Ol-
il cinema Internet. trepagina.
3

001_020_A_C_D_E.indd 3 22/02/11 15:26


I Introduzione Presentazione del corso

Quella che segue lorganizzazione cronologica di un percorso, ossia una scatola vuota, che presenta le ti-
pologie di lavoro delle varie unit e che consente anche di progettare ununit in autonomia in relazione alle caratteri-
stiche della classe e allinteresse dellinsegnante.

Struttura unit generi letterari


INTRODUZIONE: frase topica
DECLINAZIONE DI CONOSCENZE E ABILIT
ASCOLTARE: BRANO DI APERTURA registrato su CD audio o lettura insegnante con ESERCIZI di:
> comprensione (elementi inventariali collegamenti logici)
> analisi (caratteristiche strutturali e contenutistiche del testo il genere)
MAPPA: IL PERCORSO DELLE CONOSCENZE

SCHEDA INFORMATIVA TEORICA SUL GENERE

SEZIONE LEGGERE
BRANI con esercizi PER CAPIRE IL TESTO di:
> comprensione (informazioni principali collegamenti)
> analisi (struttura messaggio stile scopo e senso del testo...)
> lessico
> produzione scritta
BRANO PER LA PROVA NAZIONALE

SEZIONE SCRIVERE
RUBRICA LESSICALE: Le parole per lo sviluppo lessicale
PERCORSO DI SCRITTURA sul genere in esame

SEZIONE PARLARE
PROPOSTE DI ATTIVITA in relazione al genere

VERIFICA FORMATIVA CON AUTOCORREZIONE E AUTOVALUTAZIONE


BRANO con esercizi PER CAPIRE IL TESTO di: comprensione analisi lessico

RIMANDI (in fondo al testo): puoi leggere puoi ascoltare puoi vedere

CONSOLIDAMENTO O POTENZIAMENTO
Letture ONLINE

VERIFICA SOMMATIVA DELLE ABILITA E DELLE CONOSCENZE articolata in:


ABILIT: > comprensione (informazioni principali collegamenti)
> analisi (struttura messaggio stile scopo e senso del testo...)
> lessico
CONOSCENZE: il genere

RECUPERO
> esercizi su un brano del testo secondo un percorso triennale didattico facilitato (nella Guida)
> un brano aggiuntivo per ogni unit a risposte chiuse (nella Guida)

MATERIALI per la L.I.M

001_020_A_C_D_E.indd 4 22/02/11 15:26


I Introduzione Presentazione del corso

P IANO D ELLOPERA PRIMO ANNO


IL
Generi
La fiaba I racconti umoristici
Attivit di ascolto Che cos la fiaba Fiabe tradizionali e fiabe dautore Attivit di ascolto Caratteristiche del genere La grammatica dellumori-
Le fiabe moderne La struttura Le caratteristiche Il linguaggio I ruoli smo Per la Prova Nazionale Scrivere racconti umoristici Raccontare
dei personaggi Le funzioni Per la Prova Nazionale Scrivere fiabe storie spiritose Film Verifica formativa
Raccontare fiabe Film Verifica formativa Filastrocca e poesia
La favola Attivit di ascolto Dire in versi Che cos la filastrocca Gli scopi
Attivit di ascolto Origini e sviluppo Principali caratteristiche Favole Tra passato e presente Il verso La rima La divisione in sillabe Le
moderne Differenza tra Favola e Fiaba Dalle sequenze al riassunto figure metriche Lenjambement Che cos la poesia Le particolarit
Per la Prova Nazionale Scrivere favole Parlare di favole Verifica della poesia Come si legge una poesia Lallitterazione Lonomatopea
formativa Paronomsia Linversione Lanafora La ripetizione La personifi-
La leggenda cazione La similitudine La metafora Scrivere filastrocche e poesie
Attivit di ascolto Per la Prova Nazionale Scrivere leggende Raccon- Esprimersi in versi Verifica formativa
tare leggende Verifica formativa Il teatro
I racconti di paura Che cos il teatro Gli elementi del teatro Realizzare un progetto teatrale
Attivit di ascolto Il fascino della paura Un po di storia Gli ingredienti I diversi generi del teatro La nascita del teatro Il teatro greco Il teatro
fissi Per la Prova Nazionale Scrivere racconti di paura Raccontare romano
storie di paura

Abilit
Parlare Leggere
Parlare come attivit spontanea Parlare in occasioni formali Organizza- Gli scopi della lettura La lettura veloce Tecniche per aumentare la
re, sostenere, migliorare lesposizione orale Organizzare una discussione velocit di lettura I modi di leggere Il testo narrativo
Ascoltare Scrivere
Perch importante sapere ascoltare Le situazioni di ascolto Gli ele- Introduzione alla scrittura Orientamento Ideazione Pianificazione
menti di un ascolto efficace Ascoltare significa Stesura Revisione Correzione Copiatura Controllo finale I testi
scritti: la descrizione, la cronaca, il testo regolativo, iI riassunto

Temi
Conoscersi per crescere Lintegrazione
Attivit di ascolto Limportanza degli altri Tu e gli altri Per la Prova Attivit di ascolto Che cos lintegrazione Per costruire lintegrazione
Nazionale Scrivere di s Ascoltarsi e dialogare Film Verifica for- Per la Prova Nazionale Scrivere di integrazione Raccontare lintegra-
mativa zione Verifica formativa
Attivi, forti, corretti: sportivi Lambiente
Attivit di ascolto e tu che sportivo sei? Per la Prova Nazionale Attivit di ascolto Gaia, ovvero il pianeta vivente Lo sviluppo sostenibile
Scrivere di sport Parlare di sport Film Verifica formativa Le prime leggi a difesa dellambiente Gli animali a rischio Il mare
I diritti dei minori La biodiversit La dichiarazione universale dei diritti degli animali Per
Attivit di ascolto I diritti del bambino secondo lONU Gli articoli della la Prova Nazionale Scrivere di animali Parlare di ambiente e di animali
convenzione Per la Prova Nazionale Proposte di scrittura Sostenere Verifica formativa
i diritti Film Verifica formativa Vivere la storia
La storia attraverso tante storie
Educazione allimmagine
Il fumetto unidea, molte puntate Lo stile: il dibattito o la rissa La TV che informa
La storia Gli elementi del fumetto Il linguaggio I generi del fumetto I Una notizia, molte interpretazini La televisione che indaga Informare
classici del fumetto I supereroi Il fumetto del mistero I fumetti di oggi divertendo Divertire graffiando Lera dei grandi fratelli: tra reality e
show Le soap opera I telefilm Sorrisi di cartone Il cinema in TV
La grande sorella: viaggio nella TV La pubblicit: incuriosire per vendere Pro e contro la TV Davanti alla
Parole e immagini Come parla la TV? Rapidit: no ai tempi morti TV: occhi sempre aperti!
Struttura in crescendo: fino allultimo minuto Serialit dei contenuti:

Miti ed eroi Epica


Miti della creazione - Miti del diluvio - Miti sui fenomeni Epica classica Iliade Odissea Eneide
naturali - Gli eroi della grecia - Gli eroi di Roma - Eroi di Epica medievale Il ciclo carolingio Il ciclo castigliano Il ciclo
altri paesi bretone Il ciclo germanico

Quaderno dello studente


Pronti, partenza si cresce (Progetto Accoglienza) - Il metodo di studio - Verifiche Sommative - Esercitazioni per la
Prova Nazionale

001_020_A_C_D_E.indd 5 22/02/11 15:26


I Introduzione Presentazione del corso

P IANO D ELLOPERA SECONDO ANNO


IL
Generi
Il giallo La lettera
Attivit di ascolto Perch giallo? Un po di storia I perch di un Attivit di ascolto Caratteristiche generali La lettera personale La
successo Le caratteristiche del giallo La struttura narrativa del giallo - Il pubblicazione La struttura Per la Prova Nazionale La lettera ai gior-
giallo allitaliana Per la Prova Nazionale Storia e intreccio Scrivere nali Scrivere lettere Parlare di lettere Verifica formativa
racconti gialli Parlare di gialli Film Verifica formativa Il diario
Il fantasy Attivit di ascolto Che cos il diario La storia Il diario personale Le
Attivit di ascolto Un po di storia Gli elementi caratteristici Le tec- caratteristiche Il diario dinvenzione Le motivazioni La pubblicazione
niche narrative Per la Prova Nazionale Scrivere racconti fantasy Per la Prova Nazionale Scrivere pagine di diario Come in un diario
Raccontare storie fantasy Film Verifica formativa Verifica formativa
Il racconto di avventura La poesia
Attivit di ascolto Il fascino dellavventura Gli ingredienti fissi I classici Attivit di ascolto Il verso e la strofa I componimenti poetici Il ritmo
dellavventura Per la Prova Nazionale Scrivere racconti di avventura Lenjambement e la cesura La misura dei versi La divisione in sillabe
Raccontare storie avventurose Verifica formativa La rima Il suono delle parole La disposizione delle parole Le immagini
Il racconto autobiografico della poesia Il significato della poesia Lamore Storie in versi Genitori
Attivit di ascolto Che cos lautobiografia Breve storia del genere e figli Scrivere versie altro Parlare di poesia Verifica formativa
Perch scrivere lautobiografia Le caratteristiche Per la Prova Nazio- Il teatro
nale Scrivere autobiografie Raccontare episodi autobiografici Film Il teatro moderno Gli edifici teatrali Leggere testi teatrali di Shakespe-
Verifica formativa are, Molire, Goldoni

Abilit
Parlare Leggere
Organizzare lesposizione orale Tenere un discorso Esporre un testo Gli elementi del testo narrativo: autore e narratore, tempo, spazio
narrativo Presentare un articolo di giornale Linterrogazione Scrivere
Ascoltare Sperimentare tecniche diverse Scrivere in modo creativo Scrivere rac-
Strategie per lascolto di testi orali Cogliere gli elementi significativi di un conti
testo Distinguere fatti e opinioni Prendere appunti

Temi
Le relazioni: gli amici, i bulli, i genitori Salute e alimentazione
Attivit di ascolto Che cos lamicizia Che amico sei? Gli amici Attivit di ascolto Lalimentazione nel tempo La distribuzione mondiale
Per la Prova Nazionale I bulli: capire per comprendere e per agire I delle risorse alimentari Per la Prova Nazionale Una dieta equilibrata
genitori Percorso di scrittura: le relazioni Raccontare le relazioni Film Per capire Percorso di scrittura Confrontarsi Film Verifica formativa
Verifica formativa Un tema ambientale: lacqua
La tolleranza Attivit di ascolto Lacqua: una risorsa con tanti problemi Linquina-
Attivit di ascolto La tolleranza della democrazia Quotidianit tollerante mento delle acque Per la Prova Nazionale Forum Scrivere su un
Per la Prova Nazionale Scrivere sulla tolleranza Parlare di tolleranza tema ambientale: lacqua Parlare di acqua Film Verifica formativa
Verifica formativa Vivere la storia
I diritti della donna La storia attraverso la letteratura
Attivit di ascolto La regina della casa Emancipazione femminile Per la
Prova Nazionale Percorso di scrittura Discutere Verifica formativa
Educazione allimmagine
La pubblicit
Perch la pubblicit I destinatari della pubblicit Loriginalit della pubblicit Il linguaggio della pubblicit

La Letteratura
Dalle origini allanno Mille La seconda met dellOttocento: Giosue Carducci Giovanni
Il Duecento Verga
Il Trecento: Dante Alighieri Francesco Petrarca Giovanni Boccaccio Il Novecento: Giovanni Pascoli Gabriele DAnnunzio Italo Svevo
Luigi Pirandello Guido Gozzano Filippo Tommaso Martinetti
Umanesimo e Rinascimento: Ludovico Ariosto Torquato Tasso
Vincenzo Cardarelli Umberto Saba Giuseppe Ungaretti Eugenio
Niccol Machiavelli
Montale Salvatore Quasimodo Alberto Moravia Cesare Pavese
Il Seicento: Giambattista Marino Galileo Galilei Elio Vittorini Primo Levi Italo Calvino Mario Rigoni Stern Emilio
Il Settecento: Giuseppe Parini Carlo Goldoni Lussu Dino Buzzati Elsa Morante Natalia Ginzburg Pier Paolo
La prima met dellOttocento: Ugo Foscolo Giacomo Leopardi Pasolini Leonardo Sciascia
Alessandro Manzoni I contemporanei

Quaderno dello studente


Lorientamento - Verifiche Sommative - Esercitazioni per la Prova Nazionale

001_020_A_C_D_E.indd 6 22/02/11 15:26


I Introduzione Presentazione del corso

P IANO D ELLOPERA TERZO ANNO


IL
Generi
Il racconto fantastico formazione Raccontare storie di formazione Verifica formativa
Attivit di ascolto Che cos il genere fantastico Le origini Il patto La novella
narrativo Le caratteristiche del genere fantastico La struttura e le tec- Attivit di ascolto Lorigine Le caratteristiche del genere Gli autori
niche narrative Per la Prova Nazionale Scrivere racconti fantastici principali Per la prova Nazionale Scrivere novelle Raccontare Map-
Raccontare storie fantastiche Film Verifica formativa pa per il colloquio dEsame Verifica formativa
La fantascienza La poesia
Attivit di ascolto Le caratteristiche del genere I perch del genere I Attivit di ascolto Le figure di suono Le figure di sintassi Le figure di
temi e gli autori Per la Prova Nazionale Scrivere testi di fantascienza significato Parafrasi, argomento e tema, commento La natura Il senso
Parlare di fantascienza Film Verifica formativa dellesistenza La poesia e la storia La poesia e la societ La vita e la
Il romanzo storico morte Scrivere poesie Imitare i poeti Mappa per il colloquio dEsame
Attivit di ascolto Levoluzione del romanzo attraverso i suoi autori Le Verifica formativa
caratteristiche del genere Scopi del romanzo storico Per la Prova Na- Il teatro
zionale Scrivere di storia Parlare di storia Verifica formativa Il teatro contemporaneo - Leggere testi teatrali di C echov, Brecht, Piran-
Il romanzo di formazione dello, Fo
Attivit di ascolto Che cos Le origini Le prove diniziazione Le
tematiche adolescenziali Per la Prova Nazionale Scrivere esperienze di

Abilit
Parlare Leggere
Affrontare lesame finale Sostenere lesposizione di un argomento cul- Il punto di vista Le parole e i pensieri dei personaggi Le scelte stilistiche
turale Relazionare su unattivit svolta Sostenere unargomentazione Il tema e il messaggio Analisi di un testo narrativo
Ascoltare Scrivere
Strategie per lascolto di testi orali Cogliere la dinamica dei fatti Com- Il testo argomentativo Caratteristiche dellargomentazione Strategie
prendere le informazioni implicite Identificare opinioni e punti di vista dellargomentazione Caratteristiche linguistiche Produrre un testo ar-
Cogliere la struttura di un testo argomentativo Elaborare la propria opi- gomentativo
nione

Temi
Adolescenti che scelgono La mondialit
Attivit di ascolto I cambiamenti Il gruppo Per la Prova Nazionale Attivit di ascolto Nuovi scenari Popolazione Cultura Soluzioni
Innamoramento e amore Le responsabilit Adolescenti di altri mondi possibili Per la Prova Nazionale Scrivere sulla mondialit Parlare di
Scrivere sulladolescenza Raccontare esperienze di adolescenti Film mondialit Mappa per il colloquio dEsame Verifica formativa
Mappa per il colloquio dEsame Verifica formativa La legalit
Il diritto alla pace Attivit di ascolto Per la Prova Nazionale Scrivere Parlare Mappa
Attivit di ascolto Il diritto alla pace Per la Prova Nazionale Scrivere per il colloquio desame Verifica formativa
storie di guerra e di pace Raccontare esperienze di guerra e di pace La Terra: un pianeta da salvare
Film Mappa per il colloquio dEsame Verifica formativa Attivit di ascolto Il grido dallarme della Terra Per la Prova Nazionale
LOlocausto La Terra: un pianeta da salvare Scrivere di problemi ambientali Parlare
Attivit di ascolto Per la Prova Nazionale Scrivere Parlare Film di ambiente Film Mappa per il colloquio desame Verifica formativa
Mappa per il colloquio dEsame Verifica formativa

Educazione allimmagine
Il giornale Jack e Rose - Un amore nellOceano La storia del 900 sul grande
Che cos il giornale Breve storia del giornale La libert di stampa Per schermo La lista di Schindler - La tragedia di un popolo La vita bella
uninformazione al servizio dei cittadini Le sezioni del giornale Le notizie Lamore di un padre Ladolescenza al cinema, tra lacrime e sorrisi
I titoli Il giornale di classe Alex e Aidi, un amore per sempre. Forse Babi e Step, un amore per
sempre. Per Il mondo dei giovani, tra aspiranti veline e un futuro da
Il cinema sognare Folletti, elfi, piccoli maghi e pesci rossi... Una storia infinita
Due secoli fa, inizia la storia - Per ridereMa non solo Buio in sala,
Gli elementi della recensione
va in scena la magia Charlot, un monello malinconico Stanlio e Ollio:
due maestri del sorriso Bud e Terence: botte da orbi tutte da ridere! Internet
Sorrisitecnologici Non copie, ma citazioni da esperti! Un viaggio nel Cerano una voltai primi computer Un mondo in un pc Una rete di
tempo tra cinema e fiaba 2001 Odissea nello spazio: visioni del futuro notizie Notizie vere, notizie virtuali Studiare con Internet, ma Lettere
Matrix: il futuro come un incubo Alieni buoni, alieni cattivi E.T. - elettroniche: e-mail Pagine di diarioblog Discutere e conoscersi on-
lextraterrestre: un amore marziano Alien - Una minaccia sconosciuta line: forum e chat Una rete buona o una rete cattiva?
Il pianeta sotto attacco! Indipendence day - La forza dellumanit
La guerra dei mondi - La debolezza dellumanit Immagini dal passato

Quaderno dello studente


Per lEsame di Stato - Orientamento - Verifiche Sommative - Esercitazioni per la Prova Nazionale

001_020_A_C_D_E.indd 7 22/02/11 15:26


I Introduzione Presentazione del corso

Il Mito e lEpica Il mio quaderno INVALSI


Il primo volume dellantologia accompagnato dal volu- Ogni volume accompagnato dal quaderno dello stu-
me Il MITO E LEPICA. dente, che sono, quindi, tre e contengono quanto segue.
I testi proposti, sempre originali, e non parafrasi o
adattamenti, consentono di cogliere il senso e la bellezza > Quaderno 1: accoglienza metodo di studio verifiche
sommative 5 brani per la Prova Nazionale.
dellintera opera e i valori presenti nellepica.
> Quaderno 2: orientamento verifiche sommative 5
Tutti i poemi sono introdotti da ampie notizie storiche e
brani per la Prova Nazionale.
sociologiche e da rubriche di approfondimento.
> Quaderno 3: Esame di Stato orientamento verifiche
I brani sono seguiti da esercizi efficaci suddivisi in:
sommative 8 brani per la Prova Nazionale.
comprensione, analisi, lessico.
Ogni poema presentato sul CD audio dellinsegnan-
te, con il suo proemio letto in lingua originale e in italiano, CD audio
allo scopo di dare lidea allalunno che quei testi appar-
Il CD audio contiene:
tengono a civilt e culture diverse dalla nostra.
Sempre nel volume, la trattazione dei poemi si con- > tutti i brani di ascolto che aprono le unit;
clude con la proposta di un brano in prosa di un autore > tutti gli esercizi dellascolto relativi alle tre unit sullabi-
contemporaneo: Raccontato da, che riguarda il po- lit specifica dellascolto, situate nei tre volumi;
ema stesso, rivisitandolo con un linguaggio e dei colle- > la lettura dei proemi dei poemi epici, in lingua originale
gamenti alle prospettive attuali. La proposta vuole essere e in italiano;
uno stimolo ad avvicinarsi a queste letture e vuole porta- > brani ulteriori delle varie unit per un ampliamento del-
re alla comprensione dellimportanza dei classici nella sto- le stesse;
ria delluomo. > brani adeguatamente letti per il percorso degli alunni
Ogni poema si chiude con una verifica formativa pre- dislessici.
sente nel volume, mentre in questa Guida sono a dispo-
sizione le verifiche sommative cos caratterizzate:
> riguardano lintero poema; Letture facili
> fanno riferimento a episodi presenti nel testo. Il corso accompagnato da tre volumi di testi facili.
Si tratta di una sintetica antologia per alunni stranieri
In questa Guida sono poi disponibili: ma anche per alunni in difficolt. Ogni volume presenta 2
> Raccontato in prosa, ossia la versione in prosa dei brani di ogni unit del volume base parafrasati in modo
testi, utile anche per alunni in difficolt: semplice e accompagnati da esercizi che aiutano lallie-
> i percorsi didattici seguiti nella realizzazione del lavoro vo al raggiungimento di obiettivi minimi.
sullepica. Ogni unit introdotta con la presentazione del gene-
re o del tema. La sezione dei generi e quella dei temi si
chiudono con la proposta di un brano per lascolto: il te-
La Letteratura sto registrato sul CD e presente in questa Guida, men-
Anche nella letteratura i testi proposti sono sempre ori- tre gli esercizi sono sul volume. Segue una pagina con
ginali e non parafrasi o adattamenti; per la loro quanti- proposte varie di scrittura e una pagina con proposte va-
t consentono di cogliere il senso e la bellezza dellintera rie di parlato. Il tutto si chiude con una verifica sommati-
opera di un singolo autore. va dei generi e una verifica sommativa dei temi, colloca-
La trattazione della Letteratura ampia e ricca di au- te in questa Guida.
tori e di brani; i testi fino all800 sono accompagnati da
parafrasi.
Si prendono in esame, nel volume, le varie tappe si-
Contatto/Oltrepagina
gnificative della storia della Letteratura, delle quali vie- Le caratteristiche del corso
ne presentato il quadro storico, culturale e artistico. Una CON-TATTO intende sottolineare, a partire dal titolo
particolare attenzione viene data a come litaliano si stesso, la valenza del suo duplice significato:
evolve e arricchisce nel tempo; inoltre, i testi pi signi-
ficativi degli autori importanti vengono presentati e con- > CON-TATTO, ossia con discrezione, nel rispetto dei
testualizzati. valori delle altre culture;
Ogni brano seguito da esercizi funzionali, ogni epo- > CONTATTO, ossia come occasione e strumento di dia-
ca chiusa da una proposta di verifica sommativa, arti- logo e comunicazione.
colata in: conoscenze (relative agli eventi storici, culturali Il testo fornisce spunti e indicazioni per lapprendi-
e linguistici dellepoca in esame) e abilit (relative alla ca- mento dellitaliano come seconda lingua a studen-
pacit di comprendere passi di testi letterari sia dal pun- ti non italofoni al momento dellinserimento nella scuo-
to di vista strutturale che dei contenuti). la secondaria di primo grado.
8

001_020_A_C_D_E.indd 8 22/02/11 15:26


I Introduzione Presentazione del corso

I criteri che orientano la struttura del corso sono: Volume 1


> ladesione alla realt e allesperienza degli studenti non
Alfabetizzazione
italofoni;
> lutilizzo di un lessico in funzione della concretezza, evi- Il primo volume relativo alla prima fase dellinserimen-
tando un linguaggio astratto e decontestualizzato; to dellalunno nel gruppo classe: la priorit immediata
> la gradualit delle competenze comunicative; si va quella di comunicare con compagni e insegnanti. La lin-
dallapprendimento dellitaliano come seconda lingua gua da usare sar quindi quella della vita quotidiana, la
per la comunicazione quotidiana, allapprendimento lingua del qui e ora che permette di superare le barriere
comunicative e la fase del silenzio, di stabilire il contatto,
della lingua per lo studio.
di esprimere bisogni. Laspetto fondamentale, e non so-
lo nel momento dellaccoglienza, capirsi e conoscersi
Il corso strutturato in unit didattiche autonome
nella quotidianit, poich lapprendimento di una secon-
e graduali, a partire dai primi e pi urgenti bisogni co- da lingua un processo lungo e lento, per niente sempli-
municativi fino ad ampliare le conoscenze linguistiche e ce n per il docente n per lalunno.
morfosintattiche.
Volume 2
Allinterno di ogni unit sono previsti:
> Box grammaticali, in colore azzurro, in cui si trovano
Litaliano in situazione
percorsi semplificati per un primo approccio alla gram- Dopo la prima fase di alfabetizzazione, viene consolida-
matica italiana. to il processo dellapprendimento linguistico attraverso
> Box Per saperne di pi, in colore verde, in cui di vol- luso dellitaliano in situazioni comunicative, in contesti
ta in volta vengono approfonditi regole ortografiche, scolastici ed extrascolastici.
aspetti lessicali ed elementi per la costruzione della fra- Dopo un primo momento in cui ogni conquista lin-
se semplice e complessa. guistica pu apparire immediata e naturale, il consolida-
mento di questo processo pu, per vari motivi, subire un
Le unit sono corredate da una serie di esercizi gra- rallentamento. Occorrono almeno due anni per interagire
verbalmente in contesti comunicativi.
duati e diversificati, sia di tipo tradizionale, sia di tipo lu-
Si passa a una fase successiva: lapprendimento del-
dico-operativo.
la lingua orale e scritta non pi destinata alla sola dimen-
Sono stati, inoltre, previsti degli esercizi di consolida-
sione quotidiana ma alla lingua per narrare, per esprime-
mento, come momento di verifica finale. re stati danimo, per riferire esperienze personali.
Nelle ultime pagine, viene inserito:
Il mio vocabolario articolato in: Volume 3
Immagine, Lingua madre, Italiano. Litaliano nei testi
Una maggiore competenza della lingua italiana permet-
Si tratta di un vocabolario per immagini e bilingue,
ter, attraverso funzioni linguistiche e comunicative pi
realizzato interamente dal ragazzo che permetter di complesse, di strutturare testi scritti e orali attraverso un
valorizzare la lingua madre (L1) e faciliter nel contem- bagaglio lessicale pi ricco e appropriato.
po lapprendimento lessicale in italiano (L2). Lalun- Arriviamo quindi alla fase dellapprendimento dellita-
no avr cura di completare al termine di ciascuna uni- liano come lingua di sviluppo cognitivo, che prevede la
t sia la parte iconografica (con propri disegni, ritagli, comprensione e lespressione di concetti e astrazioni.
immagini ricavate da altri testi) sia la parte lessica- I passi antologici proposti sono testi a scrittura con-
le, al fine di memorizzare sistematicamente i vocabo- trollata, comprensibili e di facile lettura poich sottoposti
li appresi. a unoperazione di semplificazione non di banalizzazio-
Il corso composto da tre volumi. ne, del contenuto e degli aspetti sintattico-lessicali.

001_020_A_C_D_E.indd 9 22/02/11 15:26


I Introduzione Intenti e finalit del corso

Intenti e finalit del corso


Questa antologia vuole: riali), analisi (delle strutture e degli aspetti linguistici
e letterari), lessico e produzione;
> permettere lo sviluppo culturale e morale: culturale in
> nei temi lanalisi sostituita dalla riflessione, in
quanto dai brani scelti si ricevono molte informazioni
quanto oltre agli aspetti strutturali, vengono propo-
nuove, morale perch i brani sono portatori di valori
sti spunti per far pensare sui contenuti e fare dei
universali;
confronti con la problematica trattata e lautore.
> suscitare il piacere della lettura perch leggere significa
2. in ogni unit dei generi e dei temi un brano presenta
scoprire, significa andare oltre a ci che si vede, signi-
esercizi finalizzati alla Prova Nazionale, costruiti re-
fica arrivare in mondi lontani;
golarmente con 10 quesiti di comprensione e 5 di ri-
> far pensare in positivo, tramite brani che, pur non na-
flessione sulla lingua, per lo pi a risposta multipla, tal-
scondendo i problemi, ne mostrano il superamento o
volta a risposta aperta ma obbligata.
le possibili soluzioni;
> incentivare, tramite il successo personale, lautostima Le verifiche, la valutazione
e lamore per il sapere, nel senso che i testi proposti,
e lautovalutazione
arricchendo lalunno e proponendogli esercizi mirati, lo
pongono nella condizione di avere esiti positivi a scuo- Le verifiche sono formative e sommative.
la;
> fare amare lascolto perch magico, in quanto fa va- Le formative sono presenti nel testo e sono mirate al-
gare con la fantasia. lo sviluppo dellautovalutazione, la quale ha una forte va-
lenza didattica perch significa consapevolezza di s.
Per tutti questi intenti e molti altri, che via via potranno Lautovalutazione contribuisce allo sviluppo della re-
essere scoperti, questa antologia Raccontami sponsabilit personale, alla presa di coscienza del pro-
prio successo o insuccesso; ci al fine di stimolare la ri-
I brani cerca e la soluzione delle cause di un eventuale insuc-
cesso o i motivi di un eventuale successo per attivarsi
I brani selezionati costituiscono una scelta ricca e va-
sempre in modo adeguato nelle diverse situazioni.
ria, sono di scrittori di epoche, culture e luoghi diversi.
Lalunno pu lavorare in tutte le fasi di queste verifiche
Lestensione, spesso ampia dei singoli brani, consente al
in assoluta autonomia; infatti ha a disposizione:
lettore una pi completa visuale dellargomento trattato,
> il testo da leggere, con le indicazioni bibliografiche;
di appassionarsi al testo e di comprendere pienamente
> gli esercizi;
le diverse tipologie narrative.
> una Guida allautovalutazione relativa ai comportamen-
Gli esercizi ti durante lo svolgimento del lavoro;
> le soluzioni per il controllo del lavoro svolto.
Sono riccamente presenti in tutti i volumi, si presentano La prova si intende superata quando, relativamente al
sotto due specifiche tipologie: punteggio previsto, stato raggiunto almeno il 60% del-
1. gli esercizi denominati Per capire il testo; si col- le risposte esatte.
locano a seguito di ogni brano dellunit e si articolano: Quello che segue il quadro dellautovalutazione al
> nei generi, in comprensione (degli elementi inventa- termine delle verifiche formative, presente nei testi base.

VALUTA I RISULTATI
Prova di comprensione effettuata il: ................................... Punteggio ottenuto: .............. / ..............

Ho trovato difficolt nella lettura del testo: s. no.


Le difficolt si riferiscono:
alla comprensione dei fatti. alla comprensione del messaggio.
alla comprensione del lessico. alla conoscenza del genere.
I brani letti nel corso dellunit sul genere FIABA sono stati di mio gradimento:
tutti. quasi tutti. alcuni. solo pochi. nessuno.
Posso affermare di conoscere il genere testuale analizzato:
s, bene. s, abbastanza bene. s, con incertezza. no, ho bisogno di aiuto.
10

001_020_A_C_D_E.indd 10 22/02/11 15:26


I Introduzione Intenti e finalit del corso

Ritengo complessivamente la mia preparazione:


positiva. buona. accettabile. incerta. scadente.
Per prepararmi alla verifica sommativa, intendo mettere in pratica queste strategie:
leggere. studiare.

Le sommative sono nel fascicolo dellalunno, ma lin- lisi, lessico, produzione scritta) e conoscenze;
segnante potr farsele consegnare allinizio dellanno, se > nei temi, il lavoro solo sulle abilit.
non intende lasciarle a disposizione del proprietario, in
quanto le pagine sono fustellate. Sono comunque a disposizione esclusivamente del
Queste verifiche sono in grado di misurare leffettivo Docente 12 verifiche sommative di comprensione del te-
apprendimento dellalunno e sono specificatamente cali- sto (4 per ogni anno), diverse da quelle presenti nel qua-
brate sullalunno e sul percorso affrontato. derno dello studente.
Si differenziano nei generi e nei temi per alcune carat- Sar lInsegnante a decidere se vorr utilizzare le une
teristiche. o le altre.
> nei generi, infatti, sono espressamente presenti eserci- Sono fornite a parte rispetto a questa Guida.
tazioni relative alle specificit strutturali del testo analiz- Anche le sommative si concludono con una fase di auto-
zato, per cui si articolano in abilit (comprensione, ana- valutazione, secondo lo schema che segue.

VALUTA I RISULTATI
Ho trovato difficolt nella lettura del testo: s. no.
Le difficolt si riferiscono:
alla comprensione dei fatti. alla comprensione del messaggio.
alla comprensione del lessico. alla comprensione del tema.
Ho avuto difficolt nella comprensione delle consegne degli esercizi: s. no.
Le difficolt si riferiscono:
alla comprensione dei termini. alla comprensione del lavoro da svolgere.
Ritengo complessivamente la mia prova:
positiva. buona. accettabile. incerta. scadente.

Le loro soluzioni sono presenti in questa Guida e sono seguite da una proposta di valutazione, che ogni insegnan-
te pu adattare ai livelli dei singoli alunni e alla classe: il docente infatti pu prevederne una adeguata alle esigenze del
proprio Istituto, stabilendo autonomamente quale sistema usare per lattribuzione dei punteggi.

Intervalli
Percentuale Descrizione Livello
di punteggio
100% Approfondito e sicuro possesso delle abilit e delle conoscenze previste. 10
99% - 96% Corretto e completo il possesso delle abilit e delle conoscenze previste. 9
Quasi corretto, quasi completo il possesso
95% - 86% 8
delle abilit e delle conoscenze previste.
Abbastanza corretto, abbastanza completo il possesso
85% - 76% 7
delle abilit e delle conoscenze previste.
Sufficientemente corretto, sufficientemente completo il possesso
75% - 60% 6
delle abilit e delle conoscenze previste.
Non del tutto corretto, parziale o mancato possesso delle abilit da 5 a ...
< 60%
e delle conoscenze previste. (a discrezione)

Data limportanza che si attribuisce allautovalutazione, si ritiene utile la proposta di Schede di autovalutazione
sulle quattro abilit, articolate sul triennio, collocate a pag. 94 di questa Guida.
11

001_020_A_C_D_E.indd 11 22/02/11 15:26


I Introduzione Intenti e finalit del corso

Questa antologia sviluppa abilit, ne di rinforzo attraverso una lettura dellinsegnante e lo


conoscenze, competenze svolgimento degli esercizi adatti allo scopo da parte de-
gli allievi;
Si partiti da queste definizioni condivise. 6. in ogni volume presente una sezione, inserita nelle
LE CONOSCENZE: indicano il risultato dellassimila- abilit, dedicata allascolto con esercizi mirati allo svi-
zione di informazioni attraverso lapprendimento. Le co- luppo nel triennio di tale competenza.
noscenze sono linsieme di fatti, principi, teorie e prati-
che, relative a un settore di studio o di lavoro; le cono- Il docente avr, quindi, lopportunit di sollecitare gli
scenze sono descritte come teoriche e/o pratiche. studenti a un esercizio costante dellascolto. Potr inoltre
LE ABILIT: indicano le capacit di applicare cono- valersi delle verifiche sommative presenti in questa Guida
scenze e di usare know-how per portare a termine com- come occasione di verifica conclusiva dellabilit co-
piti e risolvere problemi; le abilit sono descritte come struita attraverso il percorso didattico descritto.
cognitive (uso del pensiero logico, intuitivo e creativo) e I brani proposti come momenti finali di verifica e di va-
pratiche (che implicano labilit manuale e luso di meto- lutazione dellascolto individuale sono del tutto coerenti
di, materiali, strumenti). alle caratteristiche dei generi e dei temi a cui essi si rife-
LE COMPETENZE: indicano la comprovata capacit riscono e rappresentano prove di controllo di quanto gli
di usare conoscenze, abilit e capacit personali, socia- studenti hanno saputo via via acquisire ed elaborare, sot-
li e/o metodologiche, in situazioni di lavoro o di studio e to questo profilo.
nello sviluppo professionale e/o personale; le competen- Ovviamente, ogni docente avr la possibilit di attuare
ze sono descritte in termini di responsabilit e autonomia. le modifiche e le variazioni che riterr opportune, in modo
tale da potenziare, se lo vorr, le occasioni di ascolto e di
Pertanto il lavoro stato organizzato, unit per unit, esercizio: riteniamo, infatti, che i testi e gli apparati utili al-
in modo da promuovere, esercitare, sviluppare abilit e la loro comprensione possano essere rivolti al consolida-
conoscenze di ascolto, parlato, scrittura e lettura, mento di questa abilit, oltre che della capacit di lettu-
verificabili queste ultime nelle specifiche verifiche som- ra alla quale essi sono stati, in maggior parte, finalizzati.
mative di unit.
Ci per giungere al traguardo annuale finale, a mettere Questa antologia tiene conto delle
in pratica competenze, in particolare nella lettura, veri- problematiche di tutti gli alunni
ficabili attraverso oggettive Prove simili a quella Nazio-
nale che sono state autonomamente elaborate. LA DISLESSIA
Questa antologia sviluppa Che cos?
le quattro abilit Leonardo, Mozart, Napoleone, Andersen, Twain, Darwin:
hanno sofferto tutti di dislessia, ma hanno sviluppato ca-
Come si evince dalla struttura del testo, questa antologia pacit strabilianti in diversi campi. Che cos, dunque, la
mira allo sviluppo equilibrato delle quattro abilit di base: dislessia?
ascoltare, parlare, leggere, scrivere.
Una particolare attenzione stata dedicata allabilit Il termine stato coniato nel 1887 da un oculista te-
dellASCOLTO, in quanto la sua costruzione richiede un desco e il disturbo specifico stato descritto per la pri-
esercizio specifico e ripetuto; nel predisporre le occasioni ma volta nel 1896 da un medico inglese.
e i materiali didattici a esso finalizzati, abbiamo cercato di
rispettare i seguenti criteri: La dislessia un problema che colpisce molti bam-
bini e che spesso viene diagnosticato con difficolt. Se-
1. presenza, in ogni unit e sezione, di un testo intro- condo lOrganizzazione Mondiale della Sanit, un di-
duttivo riservato allattivit dellascolto; sono stati in- sturbo dellapprendimento della lettura e della scrittu-
dividuati brani di non elevata lunghezza allo scopo di ra che si manifesta in bambini di intelligenza normale,
favorire la comprensione da parte di tutti gli alunni; che non hanno difficolt visive o uditive o altre patolo-
2. il brano introduttivo rappresentativo del genere lette- gie neurologiche e hanno avuto adeguate opportunit di
rario che viene affrontato nellunit o significativo in re- apprendere.
lazione al tema trattato; Ne soffre circa il 5% della popolazione italiana in et
3. al testo prescelto sono stati abbinati esercizi utili alla scolare; i maschi sono colpiti pi delle femmine, spesso al-
sua comprensione orale e a unanalisi critica, coe- tri membri della famiglia hanno avuto lo stesso problema.
renti con quelli preparati per i brani di lettura;
4. nellarco del triennio vengono somministrati quesiti di Come si manifesta?
difficolt graduate e differenziate, utili allo svolgimen- I sintomi pi frequenti sono:
to di un percorso di sviluppo dellabilit dellascolto; > difficolt a identificare i suoni che costituiscono una pa-
5. ogni testo presente nelle unit, sia dei generi sia dei te- rola e le sequenze di suoni che costituiscono le sillabe
mi, potr essere utilizzato dal docente come esercitazio- e le parole;
12

001_020_A_C_D_E.indd 12 22/02/11 15:26


I Introduzione Intenti e finalit del corso

> difficolt a riconoscere le sequenze di lettere che for- di operazioni automatiche che il soggetto dislessico ha
mano la parola scritta; difficolt a svolgere.
> difficolt a sviluppare una lettura veloce e corretta con Gli strumenti compensativi pi utilizzati sono:
una comprensione puntuale di quanto viene letto; > tabella dei mesi, tabella dellalfabeto e dei vari caratteri;
> difficolt ad acquisire lortografia e a esprimersi per > tavola pitagorica;
iscritto; > tabella delle misure, tabella delle formule;
> difficolt nella matematica (discalculia) nello scrivere e > calcolatrice;
leggere i numeri, nellimparare le tabelline e le opera- > registratore;
zioni, nel comprendere e risolvere i problemi; > computer con programmi di videoscrittura, con cor-
> difficolt nellorganizzazione spazio-temporale con rettore ortografico e sintesi vocale, commisurati al sin-
confusione fra destra/sinistra, alto/basso, ieri/oggi/do- golo caso;
mani > CD-ROM contenenti i testi parlati dei libri in adozione;
Laspetto pi particolare la discrepanza tra le capaci- > testi narrativi registrati (possibilit di collaborazione
t intellettive che sono normali e le prestazioni che di so- con il Centro del Libro parlato dellUnione Italiana
lito sono inferiori alla classe frequentata e alle aspettative. Ciechi);
> dizionari di lingua straniera computerizzati.
Che cosa fare?
Spesso proprio linsegnante ad accorgersi del proble- Le facilitazioni informatiche innalzano notevolmen-
ma e, se ha il dubbio che si tratti di dislessia, deve sug- te il livello di autonomia del bambino dislessico e gli con-
gerire alla famiglia di richiedere, al pi presto, una valu- sentono di studiare come gli altri, acquisendo le informa-
tazione diagnostica appropriata da uno specialista: neu- zioni in forma orale, invece che in forma scritta; oppure
ropsichiatra infantile, psicologo, logopedista, per agire gli consentono di eseguire pi agevolmente le verifiche
poi in modo coordinato con gli operatori sanitari e la fa- scritte.
miglia medesima.
Nel frattempo fondamentale a scuola e a casa as-
Parallelamente, in maniera commisurata alle necessi-
sumere un atteggiamento adeguato verso il ragazzo pro-
t individuali degli alunni con DSA, si deve garantire la di-
blematico e cercare lausilio di supporti funzionali.
spensa da alcune prestazioni, quali:
> lettura ad alta voce, scrittura veloce sotto dettatura,
Quello che segue un decalogo redatto per gli inse-
uso del vocabolario, studio mnemonico delle tabelli-
gnanti dalla dott.ssa Gardini dellIstituto Besta, che ha
ne, ecc.
pubblicato il testo I disturbi di apprendimento della let-
> dispensa dallo studio delle lingue straniere in forma
tura e della scrittura (Franco Angeli editore).
scritta, a causa delle difficolt rappresentate dalla dif-
ferenza tra scrittura e pronuncia;
1. In caso di sospetta dislessia consigliare una consu-
lenza specialistica tempestiva; > tempi pi lunghi per le prove scritte e per lo studio;
2. coordinarsi con gli operatori sanitari e la famiglia; > organizzazione di interrogazioni programmate;
3. incoraggiare sempre il bambino; > assegnazione di compiti a casa in misura ridotta;
4. non assegnargli carichi troppo onerosi o fuori dalla > possibilit duso di testi ridotti, non per contenuto ma
sua portata; per quantit di pagine.
5. concedergli pi tempo per rispondere, per leggere e
per scrivere; Nello specifico, in questa Antologia, stato individua-
6. mettere in evidenza le altre capacit che possiede; to un percorso triennale per alunni dislessici, in stretto
7. concedergli molta attenzione e infondergli fiducia in collegamento con le unit dei testi base.
s stesso e nelle sue capacit; Sono stati scelti, infatti, allinterno di ogni unit dei ge-
8. non metterlo in imbarazzo davanti alla classe, evitare neri e dei temi due brani (per un totale di circa venti per
definizioni come lento, pigro, svogliato; anno) che vengono proposti nel CD audio con una lettu-
9. non confrontare i suoi risultati con quelli dei compagni; ra finalizzata alla segnalazione delle particolarit di suono
10. usare nella didattica quotidiana gli strumenti com- e di scrittura delle parole, effettuata quindi con un ritmo
pensativi e dispensativi previsti dalle circolari mi- pi lento rispetto alla norma e scandendole.
nisteriali e consigliati dallAssociazione Italiana Di- Il ragazzo, disponendo del testo nel volume, potr
slessia. confrontare la pronuncia con la scrittura.

Strumenti compensativi e dispensativi Inoltre, ogni famiglia, o la scuola, pu richiedere tra-


La disabilit di lettura deve essere affrontata, a livello mite lAssociazione Italiana Dislessia copie dellanto-
scolastico, con un approccio educativo generale, ac- logia in formato pdf, secondo le necessit. Tali copie
compagnando gli sforzi dellalunno con strumen- vengono lasciate in comodato duso agli alunni per tut-
ti compensativi, cio con supporti tecnologici che ta la durata del triennio, poi dovranno essere restituite
semplifichino lattivit scolastica, svolgendo una serie allAID.
13

001_020_A_C_D_E.indd 13 22/02/11 15:26


I Introduzione Intenti e finalit del corso

Sulla dislessia si pu reperire tantissimo materiale nisce i Disturbi Specifici di Apprendimento in ambito sco-
consultando i principali siti di riferimento: lastico ed estende la tutela legale per circa 350.000 alun-
> www.aiditalia.org, dellAssociazione Italiana Disles- ni. I punti pi importanti delle legge sono tre:
sia; > il diritto a usufruire dei provvedimenti compensativi
> www.dislessia.org, sito della sede romana AID; e dispensativi lungo tutto il percorso scolastico, fino
> www.Idonline.org, sui problemi dellapprendimento, allUniversit;
in inglese; > la previsione di un Piano nazionale di formazione per
> www.ascab.org, Associazione per lo sviluppo delle insegnanti e famiglie;
capacit di apprendimento nei bambini; > la possibilit, per i genitori, di usufruire di orari di lavo-
> www.biblioaid.it, biblioteca digitale dellAID; ro flessibili, in presenza di figli con DSA.
> www.agiad.it, Associazione Genitori e Insegnanti e
Amici della Dislessia. Nella sua struttura, questa antologia si presenta co-
me uno strumento scolastico conforme alla personaliz-
Alcuni elementi innovativi vengono dalla nuova legge zazione della didattica, con lo scopo di favorire il suc-
sulla dislessia (Legge 8 ottobre 2010, n 170), che defi- cesso formativo degli alunni con DSA.

Il percorso facilitato

Contenuti

Le proposte per il recupero sono due e possono esse- A tal fine si propone un percorso triennale facilita-
re gestite dal singolo insegnante con assoluta autonomia. to, del quale vengono declinati qui di seguito gli obiettivi
minimi relativi alla comprensione del testo.
La prima riguarda un percorso didattico curricula-
Per il raggiungimento di questi obiettivi vengono pro-
re che, dopo lo svolgimento di una verifica sommativa,
poste esercitazioni adeguatamente calibrate, elabo-
al termine di ununit, propone un lavoro di recupero per
rate su brani delle unit presenti nei testi base.
chi non riuscito a raggiungere il livello di accettabilit (il
Per questi alunni, litinerario indicato pu diventare
60% del punteggio previsto).
percorso base, che si pu completare con quei brani
A questo proposito in questa Guida vengono forniti ulte-
sopra proposti come recupero curricolare. Lalunno in
riori brani mirati, con esercitazioni, soluzioni e valutazione.
difficolt ha pertanto a disposizione un brano per ogni
Vi poi un recupero ben pi importante, che pu co- unit dei volumi base con esercitazioni mirate e un brano
stituire lunico livello di lavoro per quegli studenti che pre- specifico aggiuntivo pure con esercitazioni mirate, i cui
sentano difficolt di apprendimento e manifestano pro- contenuti seguono la programmazione di classe, come
blemi a seguire il percorso normale. si pu verificare nella tabella qui di seguito.

Classe 1a (25 brani: Classe 2a (25 brani: Classe 3a (24 brani:


13 nel testo e 12 nella Guida) 13 nel testo e 12 nella Guida) 12 nel testo e 12 nella Guida)
Generi Il mito Il giallo Il racconto fantastico
La fiaba Il fantasy La fantascienza
La favola Il racconto di avventura Il romanzo storico
La leggenda Il racconto autobiografico Il romanzo di formazione
I racconti di paura La lettera La novella
I racconti umoristici Il diario La poesia
Filastrocca e poesia La poesia
Temi Conoscersi per crescere Le relazioni: gli amici, i bulli, i genitori Adolescenti che scelgono
Attivi, forti, corretti: sportivi La tolleranza Il diritto alla pace
I diritti dei minori I diritti della donna LOlocausto
Lintegrazione Salute e alimentazione La mondialit
Lambiente Un tema ambientale: lacqua La legalit
Vivere la storia Vivere la storia La Terra: un pianeta da salvare

14

001_020_A_C_D_E.indd 14 22/02/11 15:26


I Introduzione Intenti e finalit del corso

Declinazione delle abilit relative alla comprensione della lettura

Lalunno: comprende il testo analizza il testo decodifica e usa il lessico

Classe 1a riconosce le principali relazioni realizza campi semantici e famiglie


riconosce i personaggi (chi?) tra gli eventi (perch? a quale sco- di parole
indica dove si svolgono i fatti (dove?) po? come?) sostituisce termini con sinonimi
elenca gli eventi (che cosa?) riconosce il narratore (prima terza e contrari
precisa il tempo degli eventi (quan- persona) risolve giochi di parole
do? per quanto tempo?)

Classe 2a riconosce le principali relazioni realizza campi semantici e famiglie


riconosce i personaggi (chi?) tra gli eventi (perch? a quale sco- di parole
descrive il loro carattere, il loro modo po? come?) sostituisce termini con sinonimi
di essere (sentimenti, emozioni) individua informazioni implicite e contrari
stabilisce il loro ruolo riconosce in un testo inizio, sviluppo, riconosce e crea il rapporto
indica luoghi e ambienti in cui conclusione di inclusione (iperonimi e iponimi)
si svolgono i fatti (dove?) ordina le sequenze, le segnala stabilisce i diversi significati
segnala luso dei sensi utili alle de- distingue il narratore dallautore di parole polisemiche
scrizioni lette decodifica espressioni del linguaggio
distingue spazi aperti e chiusi figurato
distingue spazi reali e fantastici risolve giochi di parole
elenca gli eventi (che cosa?)
distingue fatti e opinioni
precisa il tempo degli eventi (quan-
do? per quanto tempo?)

Classe 3a riconosce le principali relazioni realizza campi semantici e famiglie


riconosce i personaggi (chi?) tra gli eventi (perch? a quale sco- di parole
descrive il loro carattere, il loro modo po? come?) sostituisce termini con sinonimi
di essere (sentimenti, emozioni) individua relazioni implicite e contrari
distingue personaggi umani e non in un esercizio a risposta chiusa riconosce e crea il rapporto
indica luoghi e ambienti in cui distingue il narratore esterno di inclusione (iperonimi e iponimi)
si svolgono i fatti (dove?) e interno stabilisce i diversi significati
deduce lepoca degli eventi riconosce largomento, il tema, di parole polisemiche
dalla narrazione il messaggio su scelte proposte decodifica espressioni del linguaggio
precisa il tempo degli eventi (quan- individua in un elenco lo scopo figurato
do? per quanto tempo?) del brano usa prefissi e suffissi
distingue storia e intreccio riconosce il meccanismo dellaltera-
riconosce i flashback zione e della composizione
risolve giochi di parole

Questa antologia guida lalunno Nellunit per laccoglienza sono state inserite varie at-
nel lavoro tivit finalizzate ai seguenti obiettivi:
1. lautopresentazione dellalunno in ordine ai suoi dati e
alle sue caratteristiche essenziali;
LACCOGLIENZA
2. la conoscenza reciproca da parte dei membri della
Lantologia corredata da ununit dedicata alle attivi-
nuova classe e lavvio di una positiva collaborazione;
t di prima accoglienza delle nuove classi; la finalit 3. la conoscenza dellambiente e lorientamento nel nuo-
di questo materiale integrativo , naturalmente, quella di vo contesto;
proporre allattenzione dei docenti che si attiveranno su 4. la costruzione di unautonomia personale in rapporto a
questo versante una serie di iniziative, di giochi e di let- luoghi, regole, organizzazione;
ture utili allambientazione iniziale dei nuovi alunni che, 5. lo svolgimento di attivit ludiche e ricreative, importanti
provenendo da un contesto didattico differente, proba- per un inserimento piacevole nella nuova istituzione;
bilmente si accostano al nuovo ciclo scolastico con qual- 6. lavvio alla lettura con la proposta di brani pertinenti
che timore e preoccupazione. allesperienza scolastica.
15

001_020_A_C_D_E.indd 15 22/02/11 15:26


I Introduzione Intenti e finalit del corso

Le attivit dellaccoglienza, nella nostra proposta, non ne, con laiuto degli insegnanti. Infatti, accanto ad alcune
solo intendono contribuire alla positiva gestione delle pri- indicazioni generali su come affrontare lesame nel Vo-
me giornate di scuola dei neo-iscritti, ma soprattutto mi- lume 3 dello studente sono presenti le seguenti proposte
rano a favorire un loro impatto confortante e rassicuran- per lesame di terza media.
te, rispetto alla tensione che in genere caratterizza il pas-
saggio dalla scuola elementare al ciclo successivo. PROPOSTE OPERATIVE PER LESAME
Attraverso di esse, lalunno potr apprezzare il fatto che ORALE O SCRITTO
esiste una continuit affettiva nei suoi confronti e che i Sono allinterno delle pagine degli esercizi, in diversi
progetti educativi di entrambi gli ordini scolastici, pur nel- brani delle unit:
la loro inevitabile diversit, hanno in comune lobiettivo pri- > Adolescenti che scelgono
mario dello stare bene a scuola, della creazione di un rap- > Il diritto alla pace
porto di fiducia e di cordialit fra i vari soggetti che opera- > La mondialit
no nella classe, essendo queste premesse indispensabili > La legalit
per un reale successo formativo e per il conseguimento di > LOlocausto
una soddisfacente preparazione culturale. > La Terra: un pianeta da salvare
Le proposte da noi presentate lasciano ovviamente ai
singoli docenti tutto lo spazio e la possibilit di individua- 8 MAPPE, per lesame orale, cos distribuite:
re e di attuare le modifiche, gli adattamenti e le alternati- > 1 un narratore, unit Il romanzo storico
ve ritenute opportune in base ai differenti contesti in cui > 1 un poeta, unit La poesia
la fase di accoglienza verr realizzata. > 1 unit Adolescenti che scelgono
> 1 unit Il diritto alla pace
IL METODO DI STUDIO, LORIENTAMENTO, > 1 unit La mondialit
GLI ESAMI DI STATO > 1 unit La legalit
Allinterno di questa Antologia viene sviluppato un percorso > 1 unit LOlocausto
triennale importante, che si articola in tre tappe: lapprendi- > 1 unit La Terra: un pianeta da salvare
mento di un metodo di studio, lo sviluppo della capacit
di orientarsi, cio di scegliere una strada per il proprio futu- Le proposte possono essere visionate alla pag. 36
ro, e ladozione di strategie efficaci per affrontare lesame. della presente Guida.
Il metodo di studio affrontato nel 1 anno. Lidea
di fondo del lavoro che lapprendimento pi impor-
tante di tutti imparare a imparare, cio acquisire Questa antologia in linea
unabilit di ricerca autonoma. Le tecniche di studio con le novit e le normative
suggerite sono semplici e possono essere applicate
da ogni studente desideroso di migliorarsi; una vol- LA PROVA NAZIONALE
ta acquisite certe competenze, esse serviranno per A partire dallanno 2008 lesame di Stato, al termine del-
tutta la vita. la Scuola secondaria di primo grado, prevede una prova
finalizzata alla misurazione dei livelli di apprendimento in
Lorientamento un percorso affrontato in due fasi, italiano e matematica.
nel 2 e nel 3 anno. Nel 2 anno, le attivit proposte si Si tratta di prove standardizzate che vogliono ga-
sviluppano intorno ai concetti della scelta e della co- rantire la comparabilit dei risultati conseguiti dagli
noscenza di s stessi. Nel 3 anno, lattivit pi mira- alunni e dalle scuole e che rispondono allesigenza di
ta ed indirizzata alla scelta della Scuola superiore. Gli dotare il Paese di un sistema di valutazione della scuo-
alunni dovranno anzitutto avere una buona conoscen- la in linea con le esperienze pi avanzate a livello in-
za di s, poi informazioni dettagliate sulle scuole pre- ternazionale.
senti sul proprio territorio e, infine, dovranno confrontar- I testi della prova sono predisposti dallINVALSI (Istitu-
si con gli adulti (genitori e insegnanti), per fare una scel- to Nazionale per la Valutazione del Sistema Educativo di
ta consapevole. Istruzione e di Formazione).
Lobiettivo di fondo favorire il successo formativo. La prova di italiano si articola in due sezioni:
> la prima dedicata alla comprensione della lettura;
Lesame di Stato un punto nodale del percorso > la seconda dedicata alla riflessione sulla lingua.
scolastico di ogni alunno. Anzitutto esso si pone come Ciascuna sezione prevede dei quesiti a scelta multipla e
traguardo per lo sviluppo delle competenze, cio co- a risposta aperta con soluzione univoca.
me punto conclusivo di almeno otto anni di scuola e an-
che come punto di riferimento per il percorso scolastico Queste prove hanno costituito una novit e hanno su-
successivo. scitano parecchie perplessit, soprattutto perch con-
Lesame va visto come unesperienza positiva di ap- corrono alla valutazione dellalunno di terza media, come
prendimento, nella quale gli studenti dimostrano i pro- le prove di istituto, e poi perch i risultati globali vengono
gressi fatti nello studio; pertanto, esso va preparato be- sbandierati sui quotidiani nazionali accompagnati da giu-
16

001_020_A_C_D_E.indd 16 22/02/11 15:26


I Introduzione Intenti e finalit del corso

dizi non del tutto corrispondenti al vero sulla preparazio- VOLUME 1


ne fornita dalla scuola italiana. > Unit 1 La fiaba
L. Gandini - R. Piumini, Il povero calzolaio
Ci si chiesti, perci, da pi parti, che cosa sono ta- C. Gatto Trocchi, Le tre mele incantate
li prove e che relazione hanno con il lavoro svolto rego- A. Carter, La Baba Yaga
larmente in classe. Le fiabe dei Grimm, patrimonio dellumanit
La fiaba - Le funzioni (Propp)
La sintesi conclusiva cui attraverso lanalisi del qua- > Unit 2 La favola
dro di riferimento e dei vari documenti pubblicati che Esopo, Le rane che chiesero un re
le competenze e i contenuti che le prove intendono veri- J. Muzi, Luccello
ficare sono esattamente quelli che, attraverso linsegna-
mento della comprensione del testo scritto e della gram- > Unit 3 La leggenda
matica italiana, vengono sviluppati nella didattica quoti- H. Gougaud, La foca bianca
diana. > Unit 4 I racconti di paura
T. Deary, Lupi mannari
A tale proposito, si predisposta, come gi detto, in > Unit 5 I racconti umoristici
ogni unit dei generi e dei temi una prova finalizzata al- G. Rodari, Per chi filano le tre vecchiette
la Prova Nazionale: un brano presenta infatti esercitazio- La grammatica dellumorismo
ni specifiche, costruite con 10 quesiti di comprensione e
> Unit 6 Filastrocca e poesia
5 di riflessione sulla lingua, per lo pi a risposta multipla,
F. Fortini, I mesi per i bambini
talvolta a risposta aperta ma obbligata.
G. Pascoli, Orfano
Tali esercitazioni non vogliono essere per nulla uno
U. Saba, Favoletta
strumento di addestramento al test, perch sarebbe inu-
C. Govoni, Le cose che fanno la domenica
tile e non farebbe il bene n della scuola n dello studen-
G. Carducci, San Martino
te: non serve infatti una preparazione specifica per svol-
E. Dickinson, Buss il vento
gere le prove con successo.
La parafrasi
La proposta consiste in un allenamento globale alla ti-
pologia dei quesiti INVALSI, che traducono abilit e co- > Unit 10 Leggere
noscenze in competenze. La lettura ad alta voce
Nel quaderno dello studente sono previste, inoltre, 5 Il testo narrativo
prove il primo anno, 5 il secondo, 8 il terzo su brani ag- > Unit 11 Scrivere
giuntivi rispetto ai testi base, scelti in funzione delle tipo- I testi scritti: la cronaca
logie dei brani proposti nelle Prove Nazionali: I testi scritti: il riassunto
> il testo narrativo; > Unit 12 Conoscersi per crescere
> il testo descrittivo; I. Calvino, Una strana famiglia
> il testo informativo-espositivo; K. Gallmann, I camaleonti di Emanuele
> il testo argomentativo;
> il testo non continuo. > Unit 13 Attivi, forti, corretti: sportivi
C. Medaglia, Filippo
La L.I.M. > Unit 14 I diritti dei minori
Lutilizzo della Lavagna Interattiva Multimediale (L.I.M.) R. Dahl, Matilde
consente di operare con il libro di testo in modo interattivo. J. Boyne, Alla ricerca della verit
Risulta infatti possibile sfogliare le pagine del volu- > Unit 15 Lintegrazione
me direttamente sulla L.I.M., ingrandendo, sottolinean- A. Bekkar, I muri di Casablanca
do, scrivendo ed, eventualmente, memorizzando in for-
> Unit 16 Lambiente
ma digitale questi elaborati.
L. Seplveda, Balene nel Mediterraneo
Tutte le pagine di Raccontami sono predisposte a tale
J. Giono, Luomo che piantava gli alberi
scopo e possono quindi essere immediatamente proiet-
Giornata internazionale dei Diritti degli animali
tate e utilizzate sulla L.I.M.
I Diritti degli animali
Inoltre, alcune di esse sono state rese attive median-
te attivit di ascolto, altre attraverso attivit di lettura e di
VOLUME 2
scrittura, utili per lapprofondimento e la schematizzazio-
ne di alcuni contenuti. > Unit 1 Il giallo
Questi materiali sono a disposizione del docente nel G. Celli, Lassassino di Medardo Bosch, antiquario
CD-ROM dedicato alla L.I.M. Le caratteristiche del giallo
Di seguito ne riportato lelenco, ricordando che sa- Storia del genere
r scrupolo della Casa editrice aggiornare e implemen- > Unit 2 Il racconto fantasy
tare tali risorse. L.F. Baum, La meravigliosa citt del mago
17

001_020_A_C_D_E.indd 17 22/02/11 15:26


I Introduzione Presentazione del corso

> Unit 3 Il racconto di avventura B. Brecht, Un poeta contro la guerra


H. Melville, Lo spruzzo fantasma U. Foscolo, In morte del fratello Giovanni
Gli ingredienti fissi del racconto di avventura > Unit 12 Adolescenti che scelgono
> Unit 4 Il racconto autobiografico E. Da Ros, 14 Settembre
C. Chaplin, La mia prima apparizione in teatro Piercing e tatuaggi
Le caratteristiche del racconto autobiografico Anoressia e bulimia
L. Mancinelli, La parmigiana di melanzane Droga, fumo, alcol
> Unit 5 La lettera > Unit 13 Il diritto alla pace
C. Donner, Caro Christophe E. Morante, Dov Blitz?
La struttura > Unit 14 LOlocausto
A. de Saint-Exupery, Lettera alla madre V. Pratolini, Il segreto di Vanda
> Unit 6 Il diario > Unit 15 La mondialit
L. Bertelli, Gian Burrasca nel collegio Pierpaoli F. Mernissi, Giovani che navigano da fermi
Le caratteristiche del diario > Unit 16 La legalit
A. Petrosino, Mi sempre piaciuto scrivere T. Benacquista, Luomo salvato da un libro
> Unit 7 La poesia > Unit 17 La Terra: un pianeta da salvare
G. Pascoli, Sera dottobre I. Asimov, Lettera a un bambino appena nato
G. Apollinaire, Il ponte Mirabeau Forum: Pro o contro il nucleare?
C. Sbarbaro, Padre, se anche tu non fossi il mio
R. Kipling, Se VOLUME IL MITO E LEPICA
G. Ungaretti, La madre > Miti ed eroi
Il linguaggio della poesia H. Gougaud, La creazione di Tahiti
Il significato della poesia Origine della navigazione
La prima neve
> Unit 13 Le relazioni: gli amici, i bulli, i genitori
G. Paulsen, Harold > Epica classica
Iliade (Proemio)
> Unit 14 La tolleranza
La guerra di Troia
M. Argilli, Linvidia dei bianchi
La trama dellIliade
> Unit 15 I diritti della donna Lira di Achille
S. Tamaro, Volevo fare tante cose Odissea (Proemio)
> Unit 16 Salute e alimentazione Il contenuto dellOdissea
P. Delerm, Invito a sorpresa Eneide (Proemio)
> Unit 17 Un tema ambientale: lacqua Lautore e il contesto dellopera
Lacqua: una risorsa con tanti problemi > Epica medievale
Linquinamento delle acque La Canzone di Orlando (Proemio)
Forum: Acqua pubblica o privata? La Canzone di Orlando
Il Cantare del Cid (Proemio)
VOLUME 3
Il Cantare del Cid
> Unit 1 Il racconto fantastico Il Ciclo di re Art (Proemio)
F. Kafka, Il risveglio Storia di re Art
Le caratteristiche del genere fantastico Il Canto dei Nibelunghi (Proemio)
> Unit 2 La fantascienza Il Canto dei Nibelunghi
I. Asimov, Chiss come si divertivano
> Unit 3 Il romanzo storico Lonline
C. Levi, Gente di Gagliano Questa Antologia, secondo la normativa vigente, ha con-
Alessandro Manzoni figurazione mista, cartacea e digitale.
Pertanto, ai volumi tradizionali si aggiungono materiali
> Unit 4 Il romanzo di formazione
in forma digitale reperibili, da parte di docenti e studenti,
S. De Beauvoir, La mia futura immagine
sul sito della Casa editrice www.latteseditori.it.
> Unit 5 La novella Questi materiali sono costituiti principalmente da bra-
P. Levi, Arsenico ni aggiuntivi e da approfondimenti, su generi e temi, de-
> Unit 6 La poesia stinati a integrare e a espandere i contenuti dei volumi.
U. Saba, Larboscello Di seguito ne riportato lelenco, ricordando che sa-
Il linguaggio poetico r scrupolo della Casa editrice aggiornare e implementa-
E. Montale, Meriggiare pallido e assorto re tali risorse consentendo allopera di rimanere sempre
G. Leopardi, Il passero solitario in linea con le aspettative e le necessit proprie del mon-
G. Ungaretti, Poesie dal fronte do della scuola.
18

001_020_A_C_D_E.indd 18 22/02/11 15:26


I Introduzione Presentazione del corso

VOLUME 1 I. Betancourt, Forse mi uccideranno domani


> Unit 1 La fiaba > Unit 5 La lettera
A.N. Afanasjev, La moglie spia A. Sofri, Piccola posta
I. Calvino, Lorco con le penne S. Roncaglia, Caro Johnny Depp
> Unit 2 La favola > Unit 6 Il diario
L. da Vinci, La pietra e lacciarino A. Gobetti, Diario partigiano
E. Loewenthal, La scimmia e il leone P. Haski, Diario di Ma Yan
J. Thurber, La tartaruga e la lepre > Unit 7 La poesia
> Unit 3 La leggenda A. Achmatova, Non il tuo amore che domando
C. Gatto Trocchi (a cura di), La leggenda del lago Tra- U. Saba, Donna
simeno > Unit 8 Il teatro
H. Gougaud, La siccit C. Goldoni, Gli innamorati
> Unit 4 I racconti di paura > Unit 13 Le relazioni: gli amici, i bulli, i genitori
AA.VV., LOlandese volante D. Pennac, Locchio del lupo
G.G. Marquez, I fantasmi di agosto A. Moravia, Quant caro
> Unit 5 I racconti umoristici > Unit 14 La tolleranza
T. Guerra - L. Malerba, Fra Guidone e gli altri L. Levi, Ges era ebreo
A. Amurri, La moglie gassofoba M.L. King, Resistenza non violenta
> Unit 6 Filastrocca e poesia > Unit 15 I diritti delle donne
C. Govoni, La trombettina S. Colloredo, Verso la Polinesia
V. Lamarque, Bella copia V. Wolf, Judith, sorella di Shakespeare
> Unit 7 Il teatro > Unit 16 Salute e alimentazione
Sofocle, La piet di una sorella M. Mahy, Le supergomme
> Unit 12 Conoscersi per crescere > Unit 17 Un tema ambientale: lacqua
S. Roncaglia, La luna di Luca Il manifesto mondiale dellacqua
V. Rossi, Pensa se non ci avessi mai provato Acqua, una risorsa da conoscere
> Unit 13 Attivi, forti, corretti: sportivi Oro blu, sgorga a casa tua
P. Bakolo Ngoi, La grande occasione Acqua, scopri se buona
D. Bottero - F. Cannavaro, La caparbiet di chi non Chiudiamo il rubinetto dello spreco
molla mai Ogni goccia conta
> Unit 14 I diritti dei minori > Unit 18 Vivere la storia
M. Rigoni Stern, Per salvare un capriolo S. Marianelli, Alla fine del mondo
P. Bakolo Ngoi, La partita M. Bellonci, Una madre
> Unit 15 Lintegrazione
don L. Ciotti, Le nostalgie di Mohamed VOLUME 3
P. Zannoner, Primo ostacolo > Unit 1 Il racconto fantastico
> Unit 16 Lambiente K. Ireland, Zona dombra
G. Durrell, Le colline delle tartarughe D. Buzzati, Il mantello
F. Carbone, I due cigni > Unit 2 La fantascienza
> Unit 17 Vivere la storia F. Brown, Alla ricerca dellastronave
M. Yourcenar, Le memorie di Adriano R. Sheckley, Carovita
> Unit 3 Il romanzo storico
VOLUME 2 B. Fenoglio, Un partigiano con lidea
> Unit 1 Il giallo > Unit 4 Il romanzo di formazione
A. Losini, Dessert M. Duras, Quindici anni e mezzo
E. Queen, Il sosia I. Shaw, Pietro due
> Unit 2 Il racconto fantasy > Unit 5 La novella
D. Stern, Una brutta giornata per Lara N.V. Gogol, Il naso
I. Allende, Le donne dei Pigmei A. Palazzeschi, Il cuore e la legge
> Unit 3 Il racconto di avventura > Unit 6 La poesia
M. Twain, Due nobili sulla zattera A. Bertolucci, Torrente
R. Messner, Il popolo degli sherpa C. Govoni, Quanto pot durare il tuo martirio
> Unit 4 Il racconto autobiografico > Unit 7 Il teatro
E. Burgos, La natura. La Terra madre delluomo O. Wilde, Il ricatto

19

001_020_A_C_D_E.indd 19 22/02/11 15:26


I Introduzione Presentazione del corso

> Unit 12 Adolescenti che scelgono VOLUME IL MITO E LEPICA


S. Morgenstern, Innamorata > Miti ed eroi
P. Zannoner, Dance Deucalione e Pirra (Grecia)
> Unit 13 Il diritto alla pace Il carro del sole (Grecia)
Striscia di Gaza e di dolore La formazione della terra e delluomo
I. Allende, Lultimo appello Ester
> Unit 14 LOlocausto > Epica classica
D. Goldhagen, I carnefici DallIliade, Priamo e Achille
E. DellOro, La fuga DallEneide, La morte di Palinuro
> Unit 15 La mondialit > Epica medievale
D. Ellis, Finalmente a casa Dalla Canzone di Orlando, Il tradimento di Gano
D. Lapierre, I geyser della morte Dal Cantare del Cid, Il Cid e i suoi cari
> Unit 16 La legalit Dal Canto dei Nibelunghi, Crimilde la bella
M. Gangemi, Il giudice meschino
> Unit 17 La Terra: un pianeta da salvare
Fare la spesa pensando allambiente
Carta sei e carta ritornerai
Io mi faccio lecocasa

20

001_020_A_C_D_E.indd 20 22/02/11 15:26


Materiali per
linsegnante
> Piano di lavoro triennale
> Completano le Unit
> Proposte per lesame
> Schede dei film
> Schede di autovalutazione
> Epica: percorsi didattici
> Raccontato in prosa
> Percorso triennale di lettura laboratoriale
> Copioni per lattivit teatrale

021_045_M.indd 21 22/02/11 16.15


021_045_M.indd 22 22/02/11 16.15
A Abilit

Piano di lavoro triennale


CLASSE 1a

Conoscenze Abilit

Ascoltare
Strategie dellascolto di testi orali: Assumere comportamenti atti allascolto.
racconti, istruzioni, canzoni. Prestare attenzione per il tempo necessario.
Individuare il tono di chi parla.
Segnalare difficoltj di comprensione lessicale o logica per ottenere
spiegazioni.
Individuare largomento del messaggio ascoltato.
Cogliere le informazioni principali.
Individuare le intenzioni comunicative.
Costruire una scaletta di quanto ascoltato.
Interazione orale: conversazione, dialogo, Rispondere a una serie di domande orali o scritte proposte.
intervista su argomenti di vita quotidiana. Completare un dialogo, una conversazione, unintervista.
Ascoltare testi narrativi. Comprendere gli elementi principali di un testo ascoltato.

Parlare
Elementi fondamentali del parlato. Assumere comportamenti atti al parlato.
Strategie di memoria e tecniche Utilizzare adeguatamente la voce e strumenti non verbali.
di supporto al discorso. Usare un registro adatto a chi ascolta.
Esprimersi in situazioni formali e informali con chiarezza e proprietj
lessicale.
Rispettare i tempi e le modalitj richieste dalla situazione.
Sostenere un discorso.
Organizzare lesposizione orale.
Il dibattito. Intervenire adeguatamente in una discussione.

Leggere
Strategie di lettura ad alta voce. Leggere ad alta voce in modo espressivo testi noti e non, pronun-
ciando le parole in modo chiaro e corretto.
Usare il volume adeguato e modularlo in relazione al contenuto.
Seguire un ritmo pertinente al contesto.
Effettuare pause sia in relazione alla punteggiatura sia al significato.
Variare il tono in rapporto alla situazione.
Strategie di lettura silenziosa. Leggere silenziosamente usando le tecniche adeguate.
Leggere per comprendere testi narrativi: Individuare gli elementi principali:
fiabe i personaggi (CHI?)
favole Riconoscere le loro qualitj fisiche.
leggende Riconoscere stati danimo.
racconti di paura Attribuire azioni alle persone.
racconti umoristici Identificare i modi di essere (sentimenti, emozioni).
testi teatrali Riconoscere le funzioni, il ruolo dei personaggi.
testi a tema Distinguere il protagonista dagli altri personaggi.
Individuare il carattere.
Distinguere personaggi positivi e negativi.

23

021_045_M.indd 23 22/02/11 16.15


A Abilit Piano di lavoro triennale

Conoscenze Abilit

lo spazio, i luoghi, lambiente (DOVE?)


Riconoscere gli elementi dellambiente fisico.
Stabilire lestensione.
Stabilire la distanza.
Cogliere il rapporto tra personaggi e ambiente.
Riconoscere i connettivi spaziali.
Enunciare le caratteristiche dellambiente.
Distinguere aspetti reali e fantastici.
gli eventi (CHE COSA?)
il tempo (QUANDO?)
Stabilire la successione cronologica dei fatti.
Riordinare il testo in base al tempo.
Stabilire la progressione delle azioni.
Stabilire la durata delle azioni.
Riconoscere i connettivi di tempo e gli indicatori temporali.
Stabilire un rapporto di tempo tra i fatti.
Stabilire il tempo del discorso.
le relazioni (PERCH?)
Cogliere le relazioni tra individui: simmetria-asimmetria,
analogia-differenza, ruoli, funzioni, affetti.
Cogliere le relazioni logico-semantiche: causa, effetto, scopo,
comparazione, congiunzione-disgiunzione, condizione.
la struttura del testo
Saper definire una sequenza.
Saper suddividere il testo in sequenze.
Saper indicare i segnali di cambiamento di una sequenza.
Distinguere in un testo linizio, lo sviluppo, la conclusione.
Distinguere le varie formule in base al testo.
Riconoscere gli elementi di un genere narrativo specifico.
il narratore
Distinguere la narrazione in prima e in terza persona.

Leggere per comprendere il testo Conoscere le diverse tipologie di filastrocche e individuarne gli scopi.
poetico. Cogliere le differenze e le somiglianze tra le filastrocche popolari
La filastrocca popolare. e quelle dautore.
La filastrocca dautore. Analizzare gli elementi musicali dei versi: rima, ritmo, enjambement
Il verso, la rima, il ritmo. Cogliere le differenze esistenti tra:
La poetica dellassurdo: i nonsense. testo poetico e prosa;
Le figure di suono: allitterazione, filastrocca e poesia.
onomatopea, paronomasia. Saper leggere una poesia, per coglierne la musicalit.
Scoprire come i suoni delle parole possano suscitare immagini
ed emozioni.
Le figure di significato: personifica- Interpretare il linguaggio figurato, riconoscendo personificazioni,
zione, similitudine, metafora. similitudini, metafore.
La parafrasi. Fare una parafrasi guidata.

Scrivere
Metodo operativo per la produzio- Organizzare il tempo a disposizione per produrre un testo scritto.
ne di un testo scritto. Documentarsi sullargomento da trattare.
Riflettere sulla consegna.
Elaborare liste di idee, grappoli associativi, schemi di relazioni.
Prestare attenzione allapertura e alla chiusura del testo.
Rivedere il testo.
Correggerlo.
Usare il vocabolario.

Produrre testi in relazione a un Scrivere testi relativi a un genere


genere. Usare i termini specifici del genere.

24

021_045_M.indd 24 22/02/11 16.15


A Abilit Piano di lavoro triennale

CLASSE 2a

Conoscenze Abilit

Ascoltare
Strategie dellascolto di testi orali: Assumere comportamenti atti allascolto.
racconti, trasmissioni radio-televisive. Prestare attenzione per il tempo necessario.
Individuare il tono di chi parla.
Segnalare difficolt di comprensione lessicale o logica per ottenere
spiegazioni.
Cogliere i particolari di un testo e ricordarli.
Cogliere la struttura del testo e ricostruirla.
Cogliere gli elementi pi significativi di un testo.
Distinguere fatti, opinioni, sentimenti.
Fare ipotesi.
Gli appunti: una forma abbreviata di Prendere appunti applicando le strategie adeguate.
scrittura.
Ascoltare testi narrativi. Comprendere gli elementi principali di un testo ascoltato.

Parlare
Strategie per: Assumere comportamenti atti al parlato.
esporre un argomento di studio Utilizzare adeguatamente la voce e strumenti non verbali.
sostenere unargomentazione Usare un registro adatto a chi ascolta.
presentare unattivit svolta Sostenere un argomento di studio.
Sostenere unargomentazione.
Presentare unattivit svolta.

Leggere
Gli elementi del testo narrativo: Individuare in un testo narrativo il narratore distinguendo fra le varie
autore e narratore tipologie.
tempo Individuare epoca di ambientazione e durata di un testo narrativo.
spazio Riconoscere le strategie per modificare il tempo della narrazione.
Saper descrivere lo spazio e precisarne la funzione.

Leggere per comprendere testi narrativi: Individuare gli elementi principali:


racconti gialli i personaggi (CHI?)
racconti fantasy Riconoscere le loro qualit fisiche.
racconti davventura Riconoscere stati danimo.
autobiografie Attribuire azioni alle persone.
lettere Identificare i modi di essere (sentimenti, emozioni).
diari Identificare gli atteggiamenti: certezza-dubbio, possibilit-
teatro impossibilit, affermazione-negazione, intenzionalit-volont,
testi a tema ammissione-esclusione, valutazione
testi divulgativi Riconoscere le funzioni, il ruolo dei personaggi.
Distinguere il protagonista dagli altri personaggi.
Individuare il carattere.
Individuare gli atti: statici, dinamici.
Distinguere personaggi positivi e negativi.
lo spazio, i luoghi, lambiente (DOVE?)
Riconoscere gli elementi dellambiente fisico.
Stabilire lestensione.
Stabilire la distanza.
Cogliere il rapporto tra personaggi e ambiente.

25

021_045_M.indd 25 22/02/11 16.15


A Abilit Piano di lavoro triennale

Conoscenze Abilit

Riconoscere i connettivi spaziali.


Enunciare le caratteristiche dellambiente.
Distinguere aspetti reali e fantastici.
gli eventi (CHE COSA?)
il tempo (QUANDO?)
Stabilire la successione cronologica dei fatti.
Riordinare il testo in base al tempo.
Stabilire la progressione delle azioni.
Cogliere la distanza nel tempo tra accadere e narrazione
(autobiografia, diario).
Stabilire la durata delle azioni.
Definire unazione puntuale.
Riconoscere i connettivi di tempo e gli indicatori temporali.
Stabilire un rapporto di tempo tra i fatti e datare gli eventi.
Distinguere storia e intreccio.
le relazioni (PERCH?)
Cogliere le relazioni tra individui: simmetria-asimmetria,
analogia-differenza, ruoli, funzioni, affetti.
Cogliere le relazioni logico-semantiche: causa, effetto, scopo,
comparazione, congiunzione-disgiunzione, condizione.
Cogliere relazioni esplicite.
Cogliere relazioni implicite.
la struttura del testo
Saper suddividere il testo in sequenze.
Saper indicare i segnali di cambiamento di una sequenza.
Distinguere in un testo linizio, lo sviluppo, la conclusione.
Distinguere le varie formule in base al testo.
Riconoscere gli elementi di un genere narrativo specifico.
il narratore
Distinguere la narrazione in prima e in terza persona.
Le caratteristiche principali del testo poe- Approfondire le caratteristiche principali del testo poetico: verso,
tico. rima e ritmo.
I suoni delle parole. Riconoscere e interpretare nuove figure di significato: sinestesia,
Il linguaggio figurato. metonimia, sineddoche, ossimoro
La parafrasi. Fare autonomamente la parafrasi di un testo poetico.
Il commento. Produrre il commento di un testo poetico, partendo da una traccia
I temi. data.
Approfondire alcuni temi ricorrenti della poesia.

Scrivere
Strategie diverse per la produzione di un Modificare i tempi verbali di una narrazione.
testo scritto di tipo narrativo. Modificare il narratore.
Modificare le modalit narrative.
Modificare il punto di vista.
Imitare lo stile degli scrittori.
Produrre testi fantastici.
Inventare racconti applicando categorie narrative.

Produrre testi in relazione a un genere. Scrivere testi relativi a un genere.


Usare i termini specifici del genere.

26

021_045_M.indd 26 22/02/11 16.15


A Abilit Piano di lavoro triennale

CLASSE 3a

Conoscenze Abilit

Ascoltare
Strategie dellascolto di testi orali: Assumere comportamenti atti allascolto.
racconti, argomentazioni, documentari, Comprendere elementi predittivi: contesto, titolo, collocazione
film. Cogliere la dinamica dei fatti.
Opinioni e punti di vista. Individuare lo scopo di chi parla.
Informazioni implicite. Identificare opinioni e punti di vista.
Comprendere le informazioni implicite.
Cogliere la struttura di un testo argomentativo.
Elaborare una propria opinione.
Rielaborazione degli appunti. Prendere appunti spontaneamente e rielaborarli.
Ascolto di testi narrativi. Comprendere un testo ascoltato.

Parlare
Strategie per: Assumere comportamenti atti al parlato.
esporre un argomento di studio Utilizzare adeguatamente la voce e gli strumenti non verbali.
sostenere unargomentazione Usare un registro adatto a chi ascolta.
presentare unattivit svolta Sostenere un argomento di studio.
Sostenere unargomentazione.
Lesame finale. Presentare unattivit svolta.

Leggere
Gli elementi del testo narrativo: Individuare in un testo narrativo il punto di vista.
il punto di vista Saper riconoscere le modalit di riferimento dei pensieri
le parole e i pensieri dei personaggi dei personaggi.
tema e messaggio Definire largomento e il tema di un testo narrativo.
Scoprirne il messaggio.

Leggere per comprendere testi narrativi: Individuare gli elementi principali:


racconti fantastici i personaggi (CHI?)
racconti di fantascienza Riconoscere le loro qualit fisiche.
romanzo storico Riconoscere stati danimo.
novelle e racconti Attribuire azioni alle persone.
testi teatrali Identificare i modi di essere (sentimenti, emozioni).
testi a tema Identificare gli atteggiamenti: certezza-dubbio, possibilit-
testi argomentativi impossibilit, affermazione-negazione, intenzionalit-volont,
testi divulgativi ammissione-esclusione, valutazione
Riconoscere le funzioni, il ruolo dei personaggi.
Individuare il carattere.
Individuare gli atti: statici, dinamici.
Distinguere personaggi positivi e negativi.
Cogliere il giudizio dellautore sui personaggi.
Individuare levoluzione del personaggio.
Individuare i valori espressi dai personaggi.
Distinguere aspetti umani e non (fantascienza).
lo spazio, i luoghi, lambiente (DOVE?)
Enunciare le caratteristiche dellambiente.
Distinguere aspetti reali e fantastici.
Dedurre lepoca.
Dedurre informazioni implicite.
Attribuire un valore simbolico allo spazio.

27

021_045_M.indd 27 22/02/11 16.15


A Abilit Piano di lavoro triennale

Conoscenze Abilit

gli eventi (CHE COSA?)


il tempo (QUANDO?)
Riordinare il testo in base al tempo.
Stabilire la progressione delle azioni.
Stabilire la durata delle azioni.
Definire unazione puntuale.
Datare gli eventi.
Stabilire il tempo del discorso.
Distinguere storia e intreccio.
Collocare i fatti in unepoca storica.
Riconoscere flashback (analessi), anticipazioni (prolessi).
Segnalare il rallentamento o laccelerazione del discorso (ellissi, som-
mario, pausa, ritmo).
le relazioni (PERCH?)
Cogliere le relazioni tra individui: simmetria-asimmetria,
analogia-differenza, ruoli, funzioni, affetti.
Cogliere le relazioni logico-semantiche: causa, effetto, scopo,
comparazione, congiunzione-disgiunzione, condizione.
Cogliere relazioni esplicite.
Cogliere relazioni implicite.
la struttura del testo
Saper suddividere il testo in sequenze.
Saper indicare i segnali di cambiamento di una sequenza.
Distinguere in un testo linizio, lo sviluppo, la conclusione.
Distinguere le varie formule in base al testo.
Riconoscere gli elementi di un genere narrativo specifico.
Saper collegare la tipologia delle sequenze al ritmo del discorso.
il narratore
Distinguere le tipologie di narratore.
tecniche di rappresentazione delle parole e dei pensieri
Distinguere monologo, soliloquio, discorso indiretto, dialogo, monologo
interiore, flusso di coscienza, resoconto (discorso diretto o discorso
indiretto libero).
Indicare le caratteristiche delle varie tecniche.
messaggio e scopo
Individuare il messaggio.
Individuare lo scopo per cui lautore scrive il testo.

Le caratteristiche principali Riconoscere le caratteristiche principali del testo poetico: verso, rima
del testo poetico. e ritmo, allitterazione, onomatopea, ecc.
Il linguaggio figurato. Interpretare le principali figure di significato: personificazione, similitudine,
metafora, sinestesia, metonimia, sineddoche, ossimoro
La parafrasi e il commento. Saper produrre autonomamente la parafrasi e il commento.
I temi. Approfondire alcuni temi ricorrenti della poesia.
Il contesto. Saper inserire una poesia nel contesto storico, sociale e letterario
di riferimento.

Scrivere
Strategie per la produzione Organizzare il proprio tempo.
di un testo argomentativo. Riflettere sulla consegna.
Elaborare liste, grappoli.
Elaborare analogie e differenze, pro e contro.
Sostenere tesi in un testo argomentativo.
Confutare tesi non condivise.
Strutturare ed elaborare un testo argomentativo.
Produrre testi in relazione Scrivere testi relativi a un genere.
a un genere. Usare i termini specifici del genere.

28

021_045_M.indd 28 22/02/11 16.15


M Materiali

Completano le Unit
UNIT VERIFICHE SOMMATIVE
Unit 9 > J.R. Kipling, La gola della balena
VOLUME 1
Ascoltare > W. Bennet, Eureka!

Unit 10 > V. Sessa Vitali, Paura del buio


VOLUME 2
Ascoltare > T. Bosco, Il ragazzo che visse con i babbuini

Unit 9 > H. Bll, Tosse durante il concerto


VOLUME 3
Ascoltare > C. Zappa, CONTROSTORIA Ma il femminismo m nato africano

Miti ed eroi > Luonnotar, la bella dea


> Narciso

Epica classica > Iliade


> Odissea
VOLUME
> Eneide
IL MITO E LEPICA
Epica medievale > La Canzone di Orlando
> Il Cantare del Cid
> Il Ciclo di re Art
> Il Canto dei Nibelunghi

> Dalle origini al Trecento


> Umanesimo e Rinascimento
> Seicento e Settecento
VOLUME
> Settecento e Ottocento
LA LETTERATURA > Ottocento e Novecento
> I poeti del Novecento
> I narratori del Novecento

VOLUME IL MITO E LEPICA PER LA L.I.M. PER IL RECUPERO


Miti ed eroi > H. Gougaud, La creazione di Tahiti > M. Cazzavillan (a cura di), Aracne
> Origine della navigazione > M. Gibson, Prometeo
> La prima neve

Epica classica > Iliade (Proemio)


> La guerra di Troia
> La trama dellIliade
> Lira di Achille
> Odissea (Proemio)
> Il contenuto dellOdissea
> Eneide (Proemio)
> Lautore e il contesto dellopera

Epica medievale > La Canzone di Orlando (Proemio)


> La Canzone di Orlando
> Il Cantare del Cid (Proemio)
> Il Cantare del Cid
> Il Ciclo di re Art (Proemio)
> Storia di re Art
> Il Canto dei Nibelunghi (Proemio)
> Il Canto dei Nibelunghi

29

021_045_M.indd 29 22/02/11 16.15


M Materiali Completano le Unit

VOLUME 1 PER LA L.I.M. LETTURE FACILI


Unit 1 > L. Gandini - R. Piumini, Il povero calzolaio > C. Gatto Trocchi, Il vaso fatato
La fiaba > Le fiabe dei Grimm, Patrimonio > G. Rodari, Il pulcino cosmico
dellUmanit)
> C. Gatto Trocchi, Le mele incantate
> La fiaba - Le funzioni (Propp)
> A. Carter, La Baba Yaga

Unit 2 > Esopo, Il leone, il lupo e la volpe > Fedro, Il lupo e lagnello
La favola > La favola > Trilussa, Lagnello furbo
> J. Muzi, Luccello

Unit 3 > H. Gougaud, La foca bianca > G. Valle - A.Manzi, Guglielmo Tell
La leggenda > H. Weldemariam (a cura di), Una lezione
per tutta lumanit)

Unit 4 > T. Deary, Lupi mannari > M. Mahy, In cerca di un fantasma


I racconti di paura > B. Coville, Un mottro nellarmadio

Unit 5 > G. Rodari, Per chi filano le tre vecchiette > I. Calvino, La citt) smarrita nella neve
I racconti umoristici > La grammatica dellumorismo > M. Twain, Come imbiancare una
staccionata

Unit 6 > F. Fortini, I mesi per i bambini


Filastrocca e poesia > G. Pascoli, Orfano
> U. Saba, Favoletta
> C. Govoni, Le cose che si fanno la
domenica
> La parafrasi
> G. Carducci, San Martino
> E. Dickinson, BussQ il vento

Unit 10 > La lettura ad alta voce


Leggere > Attivit n. 3, Il lupo e lagnello
> Attivit n. 4
> Attivit n. 8
> Il testo narrativo

Unit 11 > I testi scritti: la cronaca


Scrivere > I testi scritti: il riassunto

Unit 12 > I. Calvino, Una strana famiglia > J. Wilson, Questa sono io
Conoscersi per crescere > K. Gallmann, I camaleonti di Emanuele > A. Valente, La classe

Unit 13 > C. Medaglia, Filippo > R. Perrone, Due cognomi


Attivi, forti, corretti: > A. Scemma, La carica dei bisonti
sportivi

Unit 14 > R. Dahl, Matilde > F. Gatti, Viki


I diritti dei minori > J. Boyne, Alla ricerca della verit) > S. Towensend, Le tonsille, che
scocciatura!

Unit 15 > A. Bekkar, I muri di Casablanca > F. Gatti, Il primo giorno di scuola
Lintegrazione > J. Spinelli, Il Mitico Jeffrey

Unit 16 > L. Seplveda, Balene nel Mediterraneo > S. Lagerlf, La scoiattola


Lambiente > J. Giono, Luomo che piantava gli alberi > M. Milani, Lultimo lupo
> Giornata Internazionale dei Diritti degli
Animali
> I Diritti degli Animali

Unit 17
Vivere la storia

30

021_045_M.indd 30 22/02/11 16.15


M Materiali Vo l u m e 1

PERCORSO FACILITATO PER LA DISLESSIA PER IL RECUPERO FILM


> C. Gatto Trocchi, Il vaso > C. Gatto Trocchi, Il vaso fatato > G. Rodari, Il tamburino e le
fatato > G. Rodari, Il pulcino cosmico principesse incantate

> A. Turin, Rosaconfetto > Esopo, Le rane che chiesero un re > A. Monterroso, Il saggio che > La
> J. Muzi, Luccello prese il potere Gabbianella
e il Gatto

> C. Mutti (a cura di), La > M. Riotto (a cura di), Pesche > M. Riotto (a cura di), La tigre > 2012
giustizia di Dracula dinverno e il kaki
> H. Weldemariam (a cura di), Una
lezione per tutta lumanit)

> M. Mahy, In cerca di un > P. Bone, Bloody Mary > B. Cerf (a cura di), > La famiglia
fantasma > N. Stival, Un fantasma Allincrocio Addams

> I. Calvino, La citt) smarrita > S. Benni, La riparazione del nonno > S. Benni, Luisona
nella neve > G. Durrell, Il bacillo di santo
Spiridione

> G. Carducci, San Martino > U. Saba, Favoletta > G. Caproni, Per lei
> R. Piumini, E lacqua

> G. Paulsen, Mi chiamo Tony > S. Benni, La mia famiglia > A. Nanetti, Preferisci il calcio
> B. Concina, Ultimo giorno di scuola o il tennis

> R. Perrone, Due cognomi > W. Douthwaite, LArancione > L. Garlando, Nello
> A. Scemma, Una corsa da Oscar spogliatoio

> A. Crofts, Il fabbricante di > F. Gatti, Viki > G. Caliceti, Tutti uguali, tutti
sogni > E. Kstner, Due gocce dacqua diversi

> J. Spinelli, Il Mitico Jeffrey > G. Pontiggia, Il go-kart > A. Sturiale, Noi non > Forrest
> J. Wilson, Una ragazza odiosa camminanti Gump

> L.N. Tolstoj, Il marasco > L.N. Tolstoj, Il marasco selvatico > D. Attemborough, Le foreste
selvatico > J. Giono, Luomo che piantava gli tropicali
alberi

> E. Power, Lapprendista > E. Power, Lapprendista guantaio > Ladyhawke


guantaio > U. Eco, Gli occhiali

31

021_045_M.indd 31 22/02/11 16.15


M Materiali Completano le Unit

VOLUME 2 PER LA L.I.M. LETTURE FACILI


Unit 1 > G. Celli, Lassassino di Medardo Bosch, > A. Camilleri, Il compagno di viaggio
Il giallo antiquario > R. Olivieri, Matilde
> Le caratteristiche del giallo
> Storia del genere

Unit 2 > L.F. Baum, La meravigliosa citt) del mago > C.S. Lewis, Le gelatine di frutta
Il racconto fantasy > H. Brennan, Ritorno al castello

Unit 3 > H. Melville, Lo spruzzo fantasma > F. Geda, Grecia


Il racconto di avventura > Gli ingredienti fissi > W. Bonatti, Nel folto della foresta

Unit 4 > C. Chaplin, La mia prima apparizione in > L. Mancinelli, La parmigiana di melanzane
Il racconto autobiografico teatro > M. Hack, Nel 1938
> Le carateristiche
> L. Mancinelli, La parmigiana di melanzane

Unit 5 > C. Donner, Caro Christophe > A. Nanetti, Cara Giorgia


La lettera > La struttura > J. John, Caro presidente Obama
> A. de Saint-Exupry, Lettera alla madre

Unit 6 > L. Bertelli, Gian Burrasca nel collegio > Z. Filipovic,


Questa m davvero guerra
Il diario Pierpaoli > R. Hattersley, Diario di un cane
> Le caratteristiche del diario
> A. Petrosino, Mi m sempre piaciuto
scrivere

Unit 7 > G. Pascoli, Sera dottobre


La poesia > Il linguaggio della poesia
> Il significato della poesia
> G. Apollinaire, Il ponte Mirabeau
> C. Sbarbaro, Padre, se anche tu non fossi
il mio
> R. Kipling, Se
> G. Ungaretti, La madre

Unit 13 > G. Paulsen, Harold > B. Masini, Un sabato pomeriggi di


Le relazioni: gli amici, primavera
i bulli, i genitori > J. Spinelli, Il mio nome m Crash

Unit 14 > M. Argilli, Linvidia dei bianchi > P. Kouma, Lambulante


La tolleranza > A. Vivarelli, Una tovaglia a punto croce

Unit 15 > S. Tamaro, Volevo fare tante cose > E. Burgos, Una bracciante agricola di otto
I diritti della donna anni
> W. Muta Maathai, La scuola: che
conquista!

Unit 16 > P. Delerm, Invito a sorpresa > S. Tamaro, Grasso come un porcello
Salute e alimentazione > N. Babbit, Che cosa m veramente
delizioso?

Unit 17 > Lacqua: una risorsa con tanti problemi > G. Sinou, Il lago dAral
Un tema ambientale: > Linquinamento delle acque > L. Seplveda, La peste nera
lacqua > Forum: Acqua pubblica o privata?

Unit 18
Vivere la storia

32

021_045_M.indd 32 22/02/11 16.15


M Materiali Vo l u m e 2

PERCORSO FACILITATO PER LA DISLESSIA PER IL RECUPERO FILM


> G. Scerbanenco, Un alibi > E. Queen, Lo zio dAustralia > V. Zucconi, Le ceneri
dacciaio > G. Scerbanenco, Un alibi dacciaio

> C.S. Lewis, Le gelatine > J.K. Rowling, LHorcrux > R.E. Raspe, Viaggio a
di frutta > S. Meyer, La lotta contro il male Ceylon

> F. Geda, Grecia > S. King, Allimprovviso un fischio > J. Verne, I pericolosi sentieri > Marrakech
> F. Geda, Grecia dellAngola express

> E. Canetti, Little Mary > M. Hack, Nel 1938 > A. Davis, La gente al di l)
> P. Neruda, La pioggia della mia della strada
infanzia

> A. Nanetti, Cara Giorgia > J. John, Caro presidente Obama > L. Jacobson, > Le parole
> M. Akram Sheban - G. Fink, Se Mio caro pap) che non ti ho
vuoi essere mia amica detto

> Alice, Beth m unamica > Alice, Beth m unamica meravigliosa > D. Leandri, Il diario di > Il diario di
meravigliosa > Z. Filipovic, Questa m davvero Daniele Anna Frank
guerra

> S.A. Esenin, Canzone della > A. Blok, Per la citt) correva un > G. Ungaretti, In memoria > Il postino
cagna uomo nero
> N. Hikmet, Non vivere su questa
terra come un inquilino

> F. Uhlman, Ritratto di un > Nove mesi di paura ma vorrei > N. Ammaniti, Michele e
amico dirvi questo Filippo
> M. Mazzeo, La smania di crescere

> A. Vivarelli, Una tovaglia a > T. Nasreen, Pi vergogna che paura > T. Blacker, Tyrone Sherman
punto croce > F. Begaudeau, Discussioni in classe

> E. Burgos, Una bracciante > A. Nafisi, Uninsolita lezione a > D. Ellis, Verso il paradiso > Sognando
agricola di otto anni Teheran Beckam
> Latifa, Tre bambine di Taimani

> N. Babbit, Che cosa m > G. Quarzo - A. Vivarelli, Una visita > C. Lossani, Una storia
veramente delizioso? istruttiva pesante
> C. Medaglia, Danzare, danzare,
danzare

> G. Sinou, Il lago dAral > Un liquido molto speciale > I. Calvino, Dovm pi azzurro
> Troppo bella per sprecarla il fiume

> A. Manzoni, La peste > A. de Villiers de lIsle-Adam, La > Mission


tortura della speranza
> A. Manzoni, La peste

33

021_045_M.indd 33 22/02/11 16.15


M Materiali Completano le Unit

VOLUME 3 PER LA L.I.M. LETTURE FACILI


Unit 1 > F. Kafka, Il risveglio > R. Akutagawa, Sennin
Il racconto fantastico > Le caratteristiche del genere fantastico > D.H. Keller, La cosa in cantina

Unit 2 > I. Asimov, Chiss) come si divertivano > P.K. Dick, La Cosa-Padre
La fantascienza > M. Reynolds, Alla larga da Michi!

Unit 3 > C. Levi, Gente di Gagliano > C. Dickens, Lometto


Il romanzo storico > Alessandro Manzoni > I. Silone, Una speranza tradita

Unit 4 > S. De Beauvoir, La mia futura immagine > W. Faulkner, Lincontro con lorso
Il romanzo di formazione > E. Morante, Le certezze assolute

Unit 5 > P. Levi, Arsenico > G. de Maupassant, Due amici


La novella > D. Buzzati, I topi

Unit 6 > U. Saba, Larboscello


La poesia > Il linguaggio poetico
> E. Montale, Meriggiare pallido e assorto
> G. Leopardi, Il passero solitario
> G. Ungaretti, Poesie dal fronte
> B. Brecht, Un poeta contro la guerra
> U. Foscolo, In morte del fratello Giovanni

Unit 12 > E. Da Ros, 14 Settembre > P. Mastrocola, Le scarpe di Gaspare


Adolescenti che scelgono > Piercing e tatuaggi > F. Savater, Fa ciQ che vuoi
> Anoressia e bulimia
> Droga, fumo, alcol

Unit 13 > E. Morante, Dovm Blitz? > K. Hosseini, Il tempo degli aquiloni
Il diritto alla pace > G. Strada, Una mina per giocattolo

Unit 14 > V. Pratolini, Il segreto di Vanda > A. Kuznetsov, Lavventura di Dina


LOlocausto > U. Orlev, Resisti Alex

Unit 15 > F. Mernissi, Giovani che navigano da fermi > L. Djitli, Perch0 portare il velo
La mondialit > J. Yue, Lontano da casa

Unit 16 > T. Benacquista, Luomo salvato da un libro > L. Garlando, Il mostro


La legalit > R. Saviano, Terra di cemento

Unit 17 > I. Asimov, Lettera a un bambino appena > M. Carwardine, Le foreste pluviali tropicali
La Terra: un pianeta da nato > J. Rifkin, Nel mondo delleffetto serra
salvare > Forum: Pro o contro il nucleare?

34

021_045_M.indd 34 22/02/11 16.15


M Materiali Vo l u m e 3

PERCORSO FACILITATO PER LA DISLESSIA PER IL RECUPERO FILM


> R. Akutagawa, Sennin > D. Buzzati, Il colombre > H. Horn, I vincitori del giorno
> R. Akutagawa, Sennin dopo

> I. Asimov, Una statua per > F. Brown, La cupola > G. Chetwin, Auni
pap) > I. Asimov, Una statua per pap)

> C. Dickens, Lometto > . Zola, Il discorso di Gtienne > G. Bedeschi, Con la morte > Oliver Twist
> I. Silone, Una speranza tradita negli occhi

> N. Chohra, Io, lattrice > S. Morgenstern, Paffutella > F. Uhlman, Fine di > Il giardino
> E. Morante, Le certezze assolute unamicizia segreto

> G. de Maupassant, Due > D. Buzzati, I topi > A. Palazzeschi, La bomba


amici > M. Rigoni Stern, Un Natale del
1945

> P. Levi, Shem) > E. Montale, Meriggiare pallido e > V. Cardarelli, Sera di Liguria > Lattimo
assorto fuggente
> N. Hikmet, Apritemi sono io

> U. Kroeber Le Guin, Natalie > D. Luciani, Metamorfosi > S. Coloru, Festa di
> P. Cataldo, Il dolore nascosto compleanno

> G. Strada, Una mina per > G. Strada, Una mina per giocattolo > I. Beah, Cacciati dalla guerra
giocattolo

> E. Wiesel, Il ghetto: una falsa > G. Rumici, Madonna mia: m la foiba! > Z. Zweig, La liberazione
illusione > B. Pahor, La parete dei
paracadutisti

> J. Yue, Lontano da casa > C. Rollet, Demografia e > M. Nouri, Jana e Mohamed > All the
alimentazione invisible
> F. Rampini, La madre di tutte le children
pollerie

> L. Garlando, Il mostro > L. Garlando, Prima parola: il capito > G. Falcone, Per conoscere e > Gomorra
> F. DAdamo, Io mica spaccio combattere la mafia

> P. Costa - G. Nebbia - > M. Carwardine, Le foreste pluviali > E. Franceschini, Cos la
M. Ruzzenenti, Rifiuti: tropicali Terra senza luomo
un problema da affrontare > F. Tulli, La controffensiva del deserto

35

021_045_M.indd 35 22/02/11 16.15


A Abilit Generi P rop os te p er les am e

Per il colloquio desame


ALESSANDRO MANZONI

CONTESTO
BIOGRAFIA TESTI ARGOMENTO TEMA GENERE
STORICO

Preparativi di
Breve Renzo e Lucia don Abbondio
presentazione La La paura
(I Promessi per non di fronte
della vita Restaurazione
Sposi) celebrare al potere
dellautore
il matrimonio

Fuga in barca
Addio monti dal paese Nostalgia per
Il qualcosa che
(I Promessi da parte
Risorgimento si ritiene perduto
Sposi) di Renzo,
Lucia e Agnese per sempre

La monaca Ritratto
LUnit di Monza della La costrizione
nella scelta Romanzo
dItalia (I Promessi monaca storico
Sposi) di Monza di vita

I forni milanesi Rivolta popolare


Lassalto al forno
vengono presi per la
(I Promessi
dassalto mancanza
Sposi)
dalla gente del pane

La peste Descrizione Sofferenza


(I Promessi degli eventi della
Sposi) della peste popolazione
milanese

Analisi della vita Forza della fede


Il cinque di Napoleone Ode
e della
maggio dopo la sua (Strofe
religione
morte di settenari)
cattolica

Lirica
Moti La libert
patriottica
Marzo 1821 piemontesi non deve
(Strofe
del 1821 venire dagli
stranieri di otto
decasillabi)

36

021_045_M.indd 36 22/02/11 16.15


A Abilit Generi P rop os te p er les am e

Quello che segue lesempio di un percorso logico per presentare al colloquio desame un poeta.

GIUSEPPE UNGARETTI

CONTESTO STILE
BIOGRAFIA TESTI ARGOMENTO TEMI
STORICO POETICO

Precariet
Breve vita Prima guerra
Soldati esistenza
dellautore mondiale
umana in guerra

Fascismo Atrocit
in Italia, della guerra
Veglia
nazismo e richiamo
in Germania alla vita

Gli orrori vissuti


Seconda
Sono una appaiono come - Testi
guerra
creatura sofferenza molto brevi
mondiale
universale - Ricerca di
Il dolore
della guerra una poesia
essenziale
Fraterna - Parole dense
solidariet che di significato
Fratelli
lega i soldati
in guerra

Immedesimazione
San Martino
del poeta-soldato
del Carso
con il paesaggio

Evasione in un
Cera una volta mondo della
memoria
Poesia pi
tradizionale,
Constatazione
scansione in
Riflessioni del dolore
strofe,
La madre sulla morte e del male
punteggiatura
della madre del singolo
accurata,
e della
costruzioni
collettivit sintattiche
complesse

37

021_045_M.indd 37 22/02/11 16.15


A Abilit Temi P rop os te p er les am e

Valuta i suggerimenti proposti per organizzare unesposizione orale pluridisciplinare sul tema gli adolescenti.
Ovviamente non tutte le proposte andranno sviluppate: spetter a te la scelta del percorso logico e anche
lintegrazione delle proposte con altre, di ulteriori ambiti e tematiche che hai avuto lopportunit di conoscere
nel corso dellanno scolastico nelle varie discipline di studio o come approfondimento personale.

GLI ADOLESCENTI

letture sui TEMI


lAMORE nella lAMORE nella
ITALIANO ADOLESCENZIALI
prosa poesia
film sul tema
di oggi, di ieri

ieri: nelle
il LAVORO dei oggi: in Italia,
STORIA industrie, nelle
bambino nelmondo
miniere

EDUCAZIONE la CONVENZIONE
il minore nella
dei diritti
CIVICA COSTITUZIONE
dellinfanzia

i bambini
GEOGRAFIA neiPaesi del la demografia
SUD del mondo

le malattie
gli APPARATI
sessualmente
RIPRODUTTORI
trasmesse
SCIENZE
lEREDITARIET le malattie
Mendel
dei caratteri genetiche

TECNOLOGIA le malattie ANORESSIA,


alimentari BULIMIA

SCIENZE la conoscenza di
s, delle proprie
MOTORIE prestazioni

ARTE E analisi di QUADRI


legati al tema il tatuaggio
IMMAGINE (Klimt, Chagall)

EDUCAZIONE un bambino
canzoni, opere,
prodigio:
MUSICALE MOZART sonate sul tema

38

021_045_M.indd 38 22/02/11 16.15


A Abilit Temi P rop os te p er les am e

Attraverso la lettura dei brani, hai potuto osservare che la conquista di una vera pace mondiale rimane
un obiettivo tuttora da conseguire in quanto alcuni conflitti oramai decennali attendono una soluzione. Il
colloquio desame potrebbe essere per te loccasione per riflettere ulteriormente sul tema generale della
pace, magari prendendo in considerazione uno specifico scenario di guerra.

DIRITTO ALLA PACE

IL CONFLITTO La nascita dello Il ruolo


I tentativi
ARABO Le cause storiche stato degli USA
di pacificazione
ISRAELIANO di Israele e dellONU

I GENOCIDI Gli Indios


I Curdi Gli Armeni I Ceceni
CONTEMPORANEI dellAmazzonia

LE GUERRE
Sudan Ruanda Sierra Leone Costa dAvorio
IN AFRICA

La figura
Il problema Lemancipazione
IL SUD AFRICA del Premio Nobel
dellapartheid dei neri
Nelson Mandela

La difficile
LE GUERRE Le due Lattentato costruzione della
Il terrorismo La lotta al
guerre dell11 democrazia
IN AFGHANISTAN internazionale fondamentalismo
del Golfo settembre in Iraq e in
Afghanistan

IL PROBLEMA
Le armi atomiche Il commercio
DEL La guerra fredda
e chimiche mondiale di armi
DISARMO

Sedi
IL RUOLO dellorganizzazione
Storia Statuto Attivit e associazioni
DELLONU correlate (Unicef, Fao,
Unesco)

I PROTAGONISTI
Gandhi Mandela Brandt Kennedy Gorbaciov Rabin
DELLA PACE

39

021_045_M.indd 39 22/02/11 16.15


A Abilit Temi P rop os te p er les am e

LOlocausto certamente uno degli argomenti di maggiore importanza che hai trattato nel corso del ter-
zo anno; la memoria di quella drammatica esperienza storica deve rimanere ben salda nella tua formazio-
ne e nella tua preparazione culturale, perch tale consapevolezza una delle basi fondamentali per la co-
struzione di un cittadino tollerante e democratico.
Per questo motivo, anche in vista del colloquio desame, ti consigliamo una serie di spunti che possono gui-
dare la tua autonoma elaborazione dellargomento, adeguata a una sua trattazione di tipo pluridisciplinare.

LOLOCAUSTO

Le leggi razziali di La repressione


Le leggi razziali Lorganizzazione
STORIA Norimberga e la degli oppositori e la
del fascismo in dello sterminio di
politica antiebraica discriminazione
Italia massa: i lager
del nazismo delle minoranze

Lettura sul tema:


Se questo un uomo (P. Levi)
Il giardino dei Finzi Contini (G. Bassani)
ITALIANO Maus (A. Spiegelman)
Lamico ritrovato (F. Uhlman)
La notte (di E. Wiesel)
Uno su mille. Cinque famiglie ebraiche durante il fascismo (A. Stille)

La diffusione in Paesi extraeuropei


GEOGRAFIA Europa dei lager in cui in atto il
di sterminio problema razziale

Ricerca di opere Jona che visse nella balena (diR. Faenza)


Visione di film
darte Il pianista (di R. Polanski)
ARTE E relativi alla
rappresentative La vita bella (di R. Benigni)
tragedia
IMMAGINE deifatti connessi Schindlers list (di S. Spielberg)
storica
allOlocausto: Lamico ritrovato (di J. Schatzberg)
dellOlocausto
AldoCarpi Il diario di Anna Frank (di G. Stevens)

Esperimenti medici Sottoalimentazione, igiene,


Il concetto di
SCIENZE e scientifici nei annullamento della
razza lager personalit

SCIENZE Le Olimpiadi del 1936 le vittorie


di Jesse Owens, atleta nero
MOTORIE dellAlabama

EDUCAZIONE La biografia del Ricerca di canzoni contro la guerra


musicista Arnold e la sopraffazione (es. Auschwitz
MUSICALE Schonberg Blowin in the wind)

40

021_045_M.indd 40 22/02/11 16.15


A Abilit Temi P rop os te p er les am e

Grazie alla lettura dei brani della sezione, possibile che tu abbia maturato linteresse a sviluppare la co-
noscenza di alcuni argomenti legati al tema della mondialit. A titolo esemplificativo ti proponiamo alcu-
ni spunti che potrebbero essere approfonditi per lEsame di Stato.

LA MONDIALIT

mancanza di diffusione delle cause,


IL FENOMENO povert/ lavoro/ culture/ conseguenze,
DELLEMIGRAZIONE ricchezza mancanza di imposizione di caratteristiche, da
manodopera usanze dove, verso dove

LEMERGENZA le malattie
cause e conseguenze con riferimento agli
infettive pi argomenti trattati in scienze
SANITARIA diffuse

rapporti analisi dei


LA Nord e Sud del economici tra prodotti a internet come
GLOBALIZZAZIONE mondo Paesi ricchi e diffusione risorsa
poveri mondiale

il modo di vestire
confronto tra le le abitudini nel mondo
LE USANZE festivit religiose alimentari cattolico, ebraico,
musulmano

LO SVILUPPO gli indici del sottosviluppo (speranza di vita, alfabetizzazione,


le cause
INEGUALE alimentazione, strutture sanitarie, mortalit infantile)

LO SCAMBIO larte, la letteratura, il cinema e il modo di vivere dei vari popoli


CULTURALE con esemplificazioni

le associazioni di
LA SOLIDARIET gli aiuti economici
volontariato

LE TUTELA
conoscenza dei i popoli in via di
DELLE vari gruppi etnici estinzione
MONORANZE

41

021_045_M.indd 41 22/02/11 16.15


A Abilit Temi P rop os te p er les am e

Come hai potuto comprendere grazie alle letture proposte nella sezione, la legalit rappresenta un tema di
grande importanza e attualit e pu essere sicuramente utilizzato per limpostazione del tuo colloquio desa-
me; tale questione interessa infatti differenti discipline e quindi hai la possibilit di organizzare unesposi-
zione orale realmente pluridisciplinare; valuta quindi i seguenti suggerimenti ai quali potrai aggiungere, se
lo riterrai opportuno, altri spunti e percorsi integrativi.

LA LEGALIT

Il terrorismo in eventi della storia gli attentati pi


STORIA Italia e nel mondo contemporanea clamorosi

Lettura, integrale o parziale, di testi Il giorno della civetta (L. Sciascia)


ITALIANO relativi alla presenza della criminalit Cose di cosa nostra (G. Falcone)
mafiosa in Italia Gomorra (R. Saviano)

EDUCAZIONE I principi e gli articoli della Costituzione Il problema degli edifici scolastici non
CIVICA pi inerenti alla legalit costruiti secondo le norme vigenti

Le nuove mafie
Il terrorismo in Lo sfruttamento
GEOGRAFIA inalcune nazioni
Italia e nel mondo dei minori
del mondo

ARTE e I cento passi (di M.T. Giordana)


Film relativi al Il muro di gomma (di M. Risi)
IMMAGINE tema dellillegalit
Gli intoccabili (di B. De Palma)

I rifiuti e la Il commercio Il traffico


SCIENZE presenza di degli organi internazionale
discariche abusive umani degli stupefacenti

norme e
TECNOLOGIA La sicurezza Lillegalit
strumenti
sullavoro attraverso internet
legislativi

SCIENZE Le scommesse e
Il doping nello La corruzione nel calcio italiano;
le partite
MOTORIE sport personaggi e indagini
truccate

EDUCAZIONE La pirateria nel


MUSICALE mercato musicale

42

021_045_M.indd 42 22/02/11 16.15


A Abilit Temi P rop os te p er les am e

Per lesame orale e scritto


UNIT 13 - IL DIRITTO ALLA PACE

Vivere la guerra a Berlino, p. 487 si pongono anche Madre Teresa di Calcutta, Nelson Mandela
Alla fine della Seconda guerra mondiale, Berlino stata divisa in e tutti coloro che hanno ottenuto nel tempo un Premio Nobel
due zone, successivamente separate da un muro. Esponi in una per la Pace. Ricerca informazioni su queste persone e pre-
relazione: il perch della divisione della citt; quando e perch sentale indicando:
stato costruito il muro; le condizioni di vita degli abitanti del setto- a. quando e dove hanno operato;
re est e ovest; quando e perch il muro stato abbattuto. b. per quale causa.
Pensieri, p. 499 2 Fai una ricerca che metta in evidenza i caratteri peculiari della
1 Tra le figure che possono essere definite costruttori di pace dominazione inglese nei confronti dellIndia.

UNIT 14 - LOLOCAUSTO

Il ghetto: una falsa illusione, p. 534 Elabora unesposizione orale di quanto sarai stato in grado di ac-
Il termine ghetto viene prevalentemente utilizzato in relazione quisire e di conoscere.
alla Seconda guerra mondiale per indicare le aree e i quartieri di
La parete dei paracadutisti, p. 546
diverse citt europee in cui erano stati confinati gli ebrei. Daltra
parte, il termine ha unorigine pi antica e ha la funzione di in- Il rientro a casa dai campi di sterminio a volte stato altrettanto
doloroso della permanenza negli stessi lager. Infatti alcuni so-
dicare le realt urbane di emarginazione e di miseria nelle quali
pravvissuti sono morti successivamente per le pessime condizioni
spesso una parte della popolazione, non sempre minoritaria, di salute, altri in patria hanno trovato le loro case occupate, altri
stata segregata e maltrattata. ancora non poterono venire in possesso dei propri beni in quanto
Circa questo termine e i vari aspetti storici che gli sono col- non erano in grado di dimostrare le loro generalit.
legati, sviluppa una ricerca che ti porter a prendere in con- Puoi approfondire largomento leggendo il libro di Primo Levi La
siderazione varie epoche e differenti situazioni geografiche e tregua, in cui lautore descrive il lunghissimo viaggio verso casa,
sociali. o vedendo lomonimo film.

UNIT 15 - LA MONDIALIT

Demografia e popolazione, p. 581 Fai una ricerca sulle opinioni opposte e mettile a confronto in
Con lo studio geografico dei paesi extra-europei hai avuto la possibilit un testo argomentativo; esprimi, nelle battute conclusive, il tuo
di conoscere i tanti problemi che assillano il mondo attuale. Tra questi parere personale.
hai preso in considerazione i grandi squilibri, di natura sociale ed eco-
nomica, che si manifestano tra le varie parti del globo. Descrivi in che La madre di tutte le pollerie, p. 595
cosa consistono le principali differenze tra quelle che sono conside- Nonostante la scienza abbia fatto progressi da gigante, alcune
rate le aree sviluppate e quelle che invece incontrano grandi difficolt malattie infettive dilagano senza che gli organismi sanitari in-
nella via dello sviluppo. Esamina, poi, le diverse opportunit che pu ternazionali riescano a porvi rimedio. Fai una ricerca, partendo
incontrare un tuo coetaneo che vive in un paese economicamente e dal tuo libro di scienze, per approfondire i seguenti aspetti: le
socialmente avanzato e uno che magari vive in un paese povero. pi importanti malattie infettive del nostro secolo; i continenti in
cui si sono maggiormente diffuse; per ognuna di esse spiega
Perch portare il velo, p. 586 come avviene il contagio; le misure messe in atto per arginare
In Francia stata approvata una legge che vieta alle donne mu- la diffusione; le buone norme igieniche da utilizzare nella vita
sulmane di portare il velo in pubblico. quotidiana.

UNIT 16 - LA LEGALIT

Prima parola: il capito, p. 619 delle tue osservazioni; puoi utilizzare, se lo ritieni opportuno, i concetti
Forse anche per te, come per Camilla, la politica rappresenta qualcosa e anche le specifiche espressioni presenti nel brano che hai letto.
di lontano e di estremamente difficile da capire; rifletti sulle domande > Qual il tuo grado di interesse per la politica?
proposte e prepara unesposizione orale o scritta delle tue risposte e > Che significato dai al concetto di politica?

43

021_045_M.indd 43 22/02/11 16.15


A Abilit Temi P rop os te p er les am e

> Che cosa hai capito del brano di Garlando, circa il concetto di nella societ odierna e soprattutto nel mondo giovanile; dedica
politica? a questo problema una specifica attivit, documentandoti attra-
> In che misura il brano ti ha indotto a modificare il tuo atteggia- verso varie fonti:
mento verso la politica? > quotidiani e riviste;
> Parli mai di politica con i tuoi amici? E con i tuoi familiari? > manuali scolastici;
> Nel corso dellattivit scolastica svolta questanno vi stata > libri e saggi sul tema;
qualche occasione in cui avete parlato di questioni politiche? > interviste a esperti (medici, operatori sociali, conoscenti);
Se s, specifica quali. > programmi televisivi;
> Hai mai seguito trasmissioni o programmi dedicati alle que- > film.
stioni della politica? Se s, in quale occasione? Che cosa ricordi Al termine elabora una relazione scritta, suddivisa per paragrafi, o
di quanto hai ascoltato? una raccolta di materiali dedicati ai seguenti aspetti del problema,
> Sono numerose le persone, specialmente fra i giovani, che non scelti ovviamente in base a quanto avrai potuto acquisire:
conoscono il nome delle pi alte cariche dello Stato e neppure > il concetto di droga;
le nostre istituzioni fondamentali; come giudichi questo fatto? > la distinzione fra droghe leggere e droghe pesanti;
> Quale evento o problema politico internazionale ti ha coinvolto > aspetti medici connessi alluso delle sostanze stupefacenti;
pi di altri? Che cosa conosci di questo tema? > la diffusione degli stupefacenti nella societ odierna;
> Quale evento o problema politico, di tipo nazionale o locale, ha > le organizzazioni criminali che gestiscono lo spaccio;
destato recentemente la tua attenzione? Cosa sai riferire di esso? > esperienze di persone coinvolte nel problema;
> Ritieni che il tuo interesse per la politica possa accrescersi nei > notizie di cronaca (indagini, sequestri, arresti);
prossimi anni? Per quale motivo? > la legislazione in Italia relativa al problema delle droghe;
> i centri per il recupero e la reintegrazione dei tossicodipendenti;
Io mica spaccio, p. 640 > esempi di legislazione e di intervento in altri Stati europei e/o
Il brano affronta il problema della diffusione degli stupefacenti mondiali.

UNIT 17 - LA TERRA: UN PIANETA DA SALVARE

Le foreste pluviali tropicali, p. 674 Degrado delle terre nelle aree aride, semi-aride e sub-umide
1 Come purtroppo ben sai, luomo in questi ultimi anni ha abbattuto secche, attribuibile a varie cause, fra le quali variazioni clima-
numerose foreste in alcune parti del mondo. Ci ha provocato tiche ed attivit umane. Lespressione degrado delle terre
conseguenze catastrofiche. Fai una ricerca mettendo in evidenza: designa la diminuzione o la scomparsa della produttivit biolo-
> i luoghi in cui ci avvenuto; gica o economica e della complessit delle terre coltivate non
> i modi in cui avvenuto; irrigate, delle terre coltivate irrigate, dei percorsi, dei pascoli,
> i tempi in cui avvenuto; delle foreste o delle super ci boschive in seguito allutilizza-
> le possibili conseguenze per la popolazione del posto, dal zione delle terre o di uno o pi fenomeni, segnatamente di
punto di vista economico e culturale. fenomeni dovuti allattivit delluomo e ai suoi modi dinse-
2 Fai una ricerca sul ruolo che il bosco e la foresta hanno avuto diamento.
nellimmaginario culturale degli uomini (pensa allimportanza Tenendo presente la definizione, fai una ricerca che metta in evi-
che essi hanno avuto nelle fiabe e nelle leggende) e chiediti a denza come i fenomeni dovuti allattivit delluomo e soprattutto
quale cultura essi rimandano. ai suoi modi di insediamento abbiano favorito la desertificazione.
3 In Italia, la distruzione delle foreste causata spesso dagli in- Scegli una nazione dellAfrica.
cendi estivi. Fai una ricerca sugli incendi in Italia, individuando:
> la mappa degli incendi dellultima estate;
> le cause; Rifiuti: un problema da affrontare, p. 681
> gli effetti; 1 Fai una ricerca in modo da evidenziare limpatto ambientale
> le possibili soluzioni. delle diverse tipologie di smaltimento dei rifiuti: discarica, in-
ceneritore, riciclaggio.
La controffensiva del deserto, p. 678 2 Scrivi un articolo per un giornale locale che illustri i benefici
La definizione di desertificazione attualmente accettata dalla co- di riuso, riciclaggio e compostaggio, come metodi per ridurre
munit internazionale la seguente: i rifiuti.
44

021_045_M.indd 44 22/02/11 16.15


F Film Ta v o l a r i a s s u n t i v a

Schede dei film


Volume 1
Unit Volume studente Guida insegnante
1 La fiaba Cappuccetto rosso e gli insoliti sospetti
2 La favola La Gabbianella e il Gatto
GENERI

3 La leggenda 2012
4 I racconti di paura La famiglia Addams
5 I racconti umoristici Criminali da strapazzo
12 Conoscersi per crescere Billy Elliot
13 Attivi, forti, corretti: sportivi Il pi bel gioco della mia vita
TEMI

14 I diritti dei minori Iqbal


15 Lintegrazione Forrest Gump
16 Lambiente Avatar
17 Vivere la storia Ladyhawke

Volume 2
Unit Volume studente Guida insegnante
1 Il giallo Sherlock Holmes
2 Il racconto fantasy Percy Jackson e gli Di dellOlimpo: il ladro
di fulmini
GENERI

3 Il racconto di avventura Marrakech express


4 Il racconto autobiografico Il mio west
5 La lettera Le parole che non ti ho detto
6 Il diario Il diario di Anna Frank
7 La poesia Il postino
13 Le relazioni: gli amici, i bulli, i genitori Io non ho paura
15 I diritti della donna Sognando Beckham
TEMI

16 Salute e alimentazione Super Size me


17 Un tema ambientale: lacqua Heart
18 Vivere la storia Mission

Volume 3
Unit Volume studente Guida insegnante
1 Il racconto fantastico La leggenda degli uomini straordinari
2 La fantascienza District 9
GENERI

3 Il romanzo storico Oliver Twist


4 Il romanzo di formazione Il giardino segreto
6 La poesia Lattimo fuggente
12 Adolescenti che scelgono Stand by me
13 Il diritto alla pace Luomo che verr
TEMI

14 LOlocausto Il bambino con il pigiama a righe


15 La mondialit All the invisible children
16 La legalit Gomorra
17 La Terra un pianeta da salvare Una scomoda verit

45

021_045_M.indd 45 22/02/11 16.15


F Film Vo l u m e 1 U 2 L a f a v o l a

La Gabbianella
e il Gatto
TITOLO: La Gabbianella e il Gatto
ANNO DI USCITA: 1999
DURATA: 78 minuti
NAZIONE: Italia
GENERE: animazione
REGIA: Enzo DAl
SCENEGGIATURA: Enzo DAl, Umberto Marino

La trama In una grande citt affacciata sul mare vive un gruppo di gatti; sono uniti
da un profondo legame di lealt e amicizia: tra di loro vi il giovane Zorba,
ma anche un autorevole felino che tutti chiamano il colonnello, con il suo
giovane nipote, Pallino.
Un giorno, mentre il suo stormo in viaggio, la gabbiana Kenga resta
imprigionata in una chiazza di petrolio. Riesce a liberarsi e riprende il volo,
ma ormai spacciata. Con le sue ultime forze, raggiunge il giardino della
casa dove vive Zorba e qui depone il suo uovo. Prima di chiudere gli occhi,
la gabbiana chiede a Zorba di prometterle che si prender cura del suo uovo:
soprattutto, Kenga fa promettere a Zorba che, quando nascer la piccola, lui
le insegner a volare. I problemi, per, non tardano ad arrivare: quando la
piccola uscir dalluovo, si convincer di essere un gatto

Perch Il lungometraggio ha molti elementi in comune con la struttura della favola,


questo film ma esprime anche un messaggio profondo e impegnativo: ogni essere umano
ha diritto a seguire le proprie aspirazioni, ad ascoltare le proprie inclinazioni
pi autentiche. A volte facile essere condizionati, influenzati dallambiente
in cui si cresce e dalle persone che si conoscono. Per, pur riconoscendo la
buona fede e lautentica amicizia dimostrata da chi ci sta accanto, giunge il
momento in cui ciascuno di noi deve effettuare alcune scelte. Proprio come
la gabbianella Fortunata: crescer tra i gatti e si convincer di essere lei stessa
un gatto, anzi, a volte guarder gli altri gabbiani come delle creature estra-
nee, con sospetto. Poi, per, quando sar adulta, si accorger di essere diver-
sa da chi, con amore e rispetto, lha aiutata a crescere e non potr pi negare
a s stessa la semplice verit: il suo destino non sar mai miagolare su un
tetto o inseguire i topi. I gatti, dal canto loro, tenteranno ogni stratagemma
per aiutarla a volare. Studieranno libri, predisporranno strumenti complessi,
ma quando giunger il suo momento sar lei, Fortunata, ad aprire le ali e a
solcare il cielo, senza laiuto di nessuno. Dovr separarsi dai suoi amici gatti;
non sar facile, ma solo cos potr essere s stessa e volare libera, insieme
con il suo stormo.
46

046_093_Schede film_O.indd 46 22/02/11 18:17


F Film Vo l u m e 1 U 2 L a f a v o l a

Il genere Il cartone animato tratto dal romanzo di Louis Sepulveda Storia di una
gabbianella e del gatto che le insegn a volare. Lo scrittore, anchegli sotto
forma di disegno, compare in alcune sequenze iniziali, quando racconta po-
esie e frammenti di storie alla bimba che vive con lui. Nella versione italiana,
i personaggi sono stati doppiati da importanti attori: la voce del gatto Zorba,
per esempio, di Carlo Verdone.
La Gabbianella e il Gatto racconta una vicenda di coraggio, di emozio-
ni, di amicizia e di conquista della propria identit. Al tempo stesso, per,
dal punto di vista narrativo un esempio di come pu essere costruita una
favola. In questa tipologia di racconto, infatti, i protagonisti sono per la
maggior parte animali. Ognuno di questi, rappresenta delle caratteristiche
dellanimo umano: in molte favole antiche, per citare alcuni esempi, la volpe
si comporta sempre in modo furbo, il leone si affida alla forza fisica, che a
volte diviene superbia e arroganza, lagnello sempre la vittima innocente
della prepotenza altrui.
Anche in questo film gli animali si distinguono per un aspetto particolare
del carattere: i gatti si comportano in modo leale e spesso coraggioso, mentre
i topi sono egoisti, pensano soltanto ai propri interessi.
Non solo. Allinterno della comunit felina, ogni gatto ha una sua perso-
nalit; il protagonista, Zorba, un gatto molto attento ai bisogni di chi gli sta
vicino e dedica ogni sforzo a mantenere le promesse che ha fatto. Insieme
con lui, vi sono altri quadrupedi con un carattere ben delineato: il Colonnel-
lo, per esempio, molto attento alla forma e alle buone maniere, per que-
sto si cura delleducazione di suo nipote, Pallino, che si mostra coraggioso,
sprezzante del pericolo ma solo a parole. Il piccolo gatto, quando si tratta
di minacciare i topi, inveisce in ogni modo contro di loro e si dice pronto a
sfidarli; quando per se ne trova uno di fronte, gli tremano le zampe e corre
a rifugiarsi tra i suoi amici pi grandi. Pallino, alla fine, rappresenta lesube-
ranza e, perch no, anche la sfrontatezza di tutti i cuccioli, anche quelli di
uomo.
Non passa inosservata nemmeno la figura di Diderot, il gatto colto, che
cerca tra i libri dellenciclopedia la risposta a ogni quesito. Lodevole di cer-
to, il suo amore per la cultura e il suo desiderio di conoscere a fondo ogni
argomento: purtroppo, a volte la sua passione per il sapere diviene comica,
quando cerca tra le pagine di un libro anche informazioni che si potrebbe
scoprire semplicemente guardandosi intorno.
E poi c lei, Fortunata, la piccola gabbiana che, circondata dallaffetto
dei gatti, penser a lungo di essere anche lei un felino, salvo, poi, capire che
le sue non sono zampe ma ali e che il suo mondo non la terra ma il cielo.
Per rendere pi piacevole la narrazione, il regista ha inserito nel cartone
alcune parti musicali, come la canzone Siamo gatti, eseguita da Fortunata
insieme con i suoi amici. Anche i topi avranno il loro tema: mentre i gat-
ti canteranno un brano allegro e coinvolgente, questi eseguiranno un inno
allegoismo e allaccumulo di cibo nelle loro tane. La musica, dunque, uno
strumento in pi con cui gli autori tratteggiano il carattere dei personaggi di
questa favola.

47

046_093_Schede film_O.indd 47 22/02/11 18:17


F Film Vo l u m e 1 U 2 L a f a v o l a

Scheda di comprensione
Contenuto e tema
1 La citt in cui si svolge la storia : in pianura, al mare o in montagna? Quali elementi te lo fanno capire?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

2 Allinizio del film compare un uomo, cui appartiene la voce narrante. Vive in un appartamento con la figlio-
letta. Entrambi hanno un preciso talento in due diversi campi artistici: quale?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

3 Quando ormai sta per morire, la gabbiana chiede al gatto Zorba di farle tre promesse. Quali?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

4 Elenca almeno tre occasioni in cui i gatti cercano informazioni sullenciclopedia.


.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

5 Con quali azioni Zorba si prende cura prima delluovo e poi della gabbianella Fortunata?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

Forma e tecnica
6 Nel film, ogni personaggio ha una propria personalit e si comporta in modo diverso dagli altri. Scrivi ac-
canto al nome di ogni animale tre aggettivi che descrivano il suo carattere o comunque latteggiamento.
a. Colonnello: .................................................................................................................................................................................................................... ;

b. Bobulina: ....................................................................................................................................................................................................................... ;

c. Pallino: ............................................................................................................................................................................................................................ ;

d. Diderot: ........................................................................................................................................................................................................................... ;

e. Zorba: .............................................................................................................................................................................................................................. ;

f. Grande Topo: ................................................................................................................................................................................................................ .


7 Fin dalle prime sequenze, quale tipo di rapporto si : creato tra i gatti e i topi? E quale rapporto, invece, esi-
ste tra gatti e cani? cosO anche nella realt?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

8 Tutte le sequenze del cartone animato sono realizzate con la stessa tecnica oppure a volte sembra che sia-
no state create da mani diverse? Perchk?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

Messaggio e valutazione
9 Cosa pensano i gatti, specialmente Colonnello, degli esseri umani?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

10 Perchk i gabbiani definiscono il petrolio la maledizione degli umani?


.....................................................................................................................................................................................................................................................

11 Qual : il messaggio fondamentale che questo film vuole trasmettere?


.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

48

046_093_Schede film_O.indd 48 22/02/11 18:17


F Film Vo l u m e 1 U 3 L a l e g g e n d a

2012

TITOLO: 2012 (originale: id.)


ANNO DI USCITA: 2009
DURATA: 158 minuti
NAZIONE: USA
GENERE: fantascienza / catastrofico / azione
REGIA: Roland Emmerich
SCENEGGIATURA: Roland Emmerich, Harald Kloser
CAST: John Cusak (Jackson Curtis); Chiwetel Ejiofor
(Adrian Helmsley); Thomas McCarthy (Gordon
Silberman); Thandie Newton (Laura Wilson);
Danny Glover (Thomas Wilson, presidente
degli USA); Zlatko Buric (Yuri Karpov)

La trama il 2012. La Terra sconvolta da una serie di devastanti terremoti, che pro-
vocano crolli e distruzione in ogni angolo del pianeta, mettendo in pericolo la
sopravvivenza stessa del genere umano. Gi a partire dal 2009, per, i gover-
natori degli Stati pi influenti sapevano che presto si sarebbe verificata questa
immane catastrofe. In segreto strato elaborato un piano che dovrebbe garan-
tire la salvezza di centinaia di migliaia di persone. Sono state costruite alcune
arche, immense imbarcazioni in grado di resistere alla furia della natura, ma
non tutti potranno salire a bordo: il biglietto per mettere piede su una di
queste arche costa un miliardo di euro. Uno scrittore di fantascienza, per,
pronto ad affrontare ogni pericolo pur di mettere in salvo la sua famiglia. In-
contrer un magnate russo, disposto a tutto per raggiungere una delle arche.
Il pianeta, ormai, precipitato nel caos. Moltissimi, ormai, ragionano soltanto
in base allistinto di sopravvivenza; qualcun altro, invece, non ha dimenticato
la solidariet e il desiderio di aiutare chi in difficolt.

Perch 21 dicembre 2012: questa, secondo una diceria diffusa, la data in cui si
questo film consumer la fine del mondo. Lorigine di questa leggenda legata allantica
mitologia dei Maya, un popolo vissuto in America prima ancora della sco-
perta di Cristoforo Colombo. Ovviamente non esiste alcuna prova scientifica
a supporto di questa profezia, ma ancora oggi alcune antiche leggende
sono in grado di affascinare milioni di appassionati in tutto il mondo.
Roland Emmerich, regista e co-sceneggiatore di questo colossal, descrive
uno scenario di distruzione su larga scala dellintero pianeta. 2012 non fa ri-
ferimento soltanto alla leggenda Maya; nella finzione del film, alcuni scienziati
propongono anche una spiegazione scientifica. Una serie di potenti eruzioni
solari avrebbe causato il pi alto conteggio di neutrini mai registrato; questi, a
loro volta, si sarebbero trasformati in un nuovo tipo di particelle nucleari, re-
49

046_093_Schede film_O.indd 49 22/02/11 18:17


F Film Vo l u m e 1 U 3 L a l e g g e n d a

sponsabili del riscaldamento del nucleo terrestre. Insomma: antiche narrazioni


si fondono con la pi avanzata ricerca scientifica. In un panorama cupo e apo-
calittico, per, alla fine trionferanno anche la speranza e i buoni sentimenti.

Il genere Il film si apre con una panoramica del sistema solare e dei pianeti che lo com-
pongono. Linquadratura pi significativa riservata al Sole; anche grazie al
sapiente inserimento della colonna sonora, la stella che nella realt offre calore
e luce alla Terra trasmette ora la sensazione di una minaccia incombente.
Gli autori di questo colossal catastrofico e avventuroso affrontano il tema
della leggenda in modo molto coinvolgente, mirando soprattutto a creare
nello spettatore un senso di attesa e di mistero. La narrazione, infatti, ha ini-
zio nel 2009, quando per la prima volta alcuni scienziati rilevano una consi-
stente minaccia ambientale per la Terra. Linformazione raggiunge immedia-
tamente i massimi esponenti della politica e del governo; tuttavia proprio gli
uomini pi potenti del pianeta decidono di non rendere pubblica la notizia,
per non creare panico nella gente.
La profezia sulla fine del mondo e il riferimento al calendario dei Maya
accennata da un ricercatore: unantica leggenda, dunque, si intreccia con le
rilevazioni geologiche ottenute grazie alla pi sofisticata tecnologia. Quando,
per, proprio con lavvento del 2012 iniziano a verificarsi negli Usa e nel re-
sto del mondo gravi terremoti, la leggenda sullapocalisse ormai imminente
torna di estrema attualit.
Nel film, in particolare, emerge la figura di Charlie Frost, un condutto-
re radiofonico che, con il suo atteggiamento esaltato e visionario, elabora
aggiornamenti in tempo reale sulla drammatica situazione. Tra i suoi ascol-
tatori vi anche il protagonista del film, lo scrittore Jackson Curtis. Frost
nel suo blog su internet (un po strampalato, proprio come lui) afferma:
Nellantichit, la civilt Maya fu la prima a scoprire che questo pianeta aveva
una data di scadenza. Secondo il loro calendario nellanno 2012 avr luogo
un evento catastrofico, provocato da un allineamento dei pianeti del nostro
sistema solare, che si verifica ogni 640 mila anni.
A questo elemento narrativo, cio il verificarsi di una presunta predizione
sulla fine del mondo, si accostano nel film anche altri aspetti coinvolgenti, a
partire dallo sviluppo di situazioni sentimentali e familiari. Curtis, per esem-
pio, non ha un rapporto ugualmente sereno con entrambi i figli, anche se
poi nel corso della storia ogni incomprensione sar risolta. Anche uno tra i
co-protagonisti, il geologo Adrian Helmsley, nutre un affetto molto profon-
do verso il padre, imbarcato su una nave chiamata Genesis; infine, pure
il presidente degli Stati Uniti esprime immenso affetto per sua figlia, Laura.
Nel film sono predominanti sequenze di fughe rocambolesche e cata-
clismi naturali: il regista, inoltre, costruisce la storia in modo tale che molti
eventi si risolvano allultimo istante, dopo una precipitosa corsa contro il
tempo. In questa cornice, a ogni modo, trova spazio anche la critica sociale,
anche se soltanto accennata: secondo le intenzioni di alcuni esponenti del
governo, infatti, lingresso alle arche (e dunque la possibilit di salvezza)
destinato soltanto alle persone pi ricche del pianeta. Chi non dispone di
almeno un miliardo di euro destinato a morte quasi certa. Grazie allin-
tervento del giovane geologo Helmsley i piani iniziali saranno modificati. Il
lieto fine, insieme alla prosecuzione della specie umana, sar assicurato.
50

046_093_Schede film_O.indd 50 22/02/11 18:17


F Film Vo l u m e 1 U 3 L a l e g g e n d a

Scheda di comprensione
Contenuto e tema
1 Come si comporta il presidente degli Stati Uniti, quando per la prima volta : avvisato della futura emergen-
za planetaria?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

2 Qual : il primo fenomeno che, in California, preannuncia la catastrofe imminente?


.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

3 Dove : diretto il protagonista, lo scrittore Jackson Curtis, quando affronta con i suoi figli un primo viaggio
in auto?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

4 In quali circostanze perde la vita Charlie Frost, il curioso speaker radiofonico?


.....................................................................................................................................................................................................................................................

5 Il presidente degli Usa, Thomas Wilson, decide di imbarcarsi o no sullaereo che lo condurrebbe in salvo?
Perchk?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

6 Oltre ai terremoti, quale altro devastante fenomeno naturale coinvolge il pianeta?


.....................................................................................................................................................................................................................................................

Forma e tecnica
7 Nellantefatto del film sono ricostruiti diversi eventi che accadono tra il 2009 e il 2012. Ricordane almeno tre.
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

8 Quando, in gran segreto, il dipinto La Gioconda : collocato in un forziere, oppure in alcune sequenze che
mostrano laffondamento del transatlantico Genesis, quali celebri colossal sono citati in modo evidente?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

9 Nel film sono comprese numerose sequenze di corse mozzafiato con diversi mezzi di trasporto. Sapresti ci-
tarne almeno due?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

Messaggio e valutazione
10 Oggi siamo ununica famiglia che si avvia verso il baratro unita. Siamo una nazione che ha molte religioni,
ma io credo che queste parole riflettano lo spirito di tutte le nostre fedi. A pronunciare queste parole, nel
film, : il presidente Usa, in un discorso alla nazione. Quale messaggio vogliono trasmettere?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

11 Il finale del film, secondo te, : ottimista o pessimista? Che cosa significa la scritta day 27 month 01
year 0001, che compare sullo schermo prima dellepilogo?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

51

046_093_Schede film_O.indd 51 22/02/11 18:17


F Film Vo l u m e 1 U 4 I r a c c o n t i d i p a u r a

La famiglia Addams

TITOLO: La famiglia Addams


(originale: The Addams family)
ANNO DI USCITA: 1991
DURATA: 99 minuti
NAZIONE: USA
GENERE: commedia grottesca
REGIA: Barry Sonnenfeld
SCENEGGIATURA: Caroline Thompson, Larry Wilson
CAST: Anjelica Houston (Morticia Addams);
Raoul Julia (Gomez Addams); Christina Ricci
(Mercoled Addams); Carel Struycken (Lurch);
Christopher Lloyd (Zio Fester).

La trama In una villa dallaspetto minaccioso vive una famiglia davvero strana: gli Ad-
dams. Tutti i componenti di questo nucleo familiare hanno una caratteristica
in comune: il gusto per tutto ci che orrido e apparentemente spaventoso.
Gomez e Morticia, marito e moglie, si amano intensamente e trascorrono le
loro giornate dedicandosi a macabri passatempi. I loro due figli, Mercoled
e Pugsley, non sono da meno. Purtroppo, Gomez tormentato da un rim-
pianto: da venticinque anni, infatti, non vede pi suo fratello Fester, con cui
aveva litigato per una storia di donne.
Un giorno, per, la sorpresa: Fester bussa di nuovo alla porta di casa
Addams; in realt, non si tratta del vero fratello di Gomez, Gordon, un
furfante ingaggiato dallavvocato degli Addams, che spera di mettere le mani
sul patrimonio della stramba famiglia. I colpi di scena non mancheranno.
Qual la vera identit di Gordon?

Perch Questopera presenta tutti gli elementi di una narrazione paurosa, a partire
questo film dallambientazione e dai personaggi. Morticia, per esempio, ha le sembianze
di una strega, mentre il maggiordomo Lurch modellato sulla figura del mo-
stro di Frankestein. In casa Addams si aggira anche Mano, un arto maschile
dotato di vita autonoma, che si rivela un ottimo aiutante per Gomez. Tutto,
dunque, richiama il mondo del macabro, compresi i giochi dei due bambini
di casa. Eppure il tono della storia allegro e divertito. I meccanismi del
cinema horror sono spesso citati, ma per essere utilizzati al fine di divertire
gli spettatori. I dialoghi sono caratterizzati dalluso dellironia, cos come
laccenno ad azioni che potrebbero essere terrificanti, se soltanto non fossero
nominate in casa Addams. Dopo tanto parlare di morte e torture, infatti, nes-
suno nel film sar realmente ferito, anzi: qualche esponente della cosiddetta
52

046_093_Schede film_O.indd 52 22/02/11 18:17


F Film Vo l u m e 1 U 4 I r a c c o n t i d i p a u r a

societ normale preferir vivere con Morticia e Gomez, che sanno bene
cosa sono la lealt e lamicizia.

Il genere La famiglia Addams era il titolo di una celebre serie di telefilm andati in
onda per la prima volta (anche in Italia) tra il 1964 e il 1966. Nel 1991 usc
il primo film, cui nel 1993 fece seguito un secondo capitolo.
Il film diretto da Barry Sonnenfeld fa riferimento a molti elementi tipi-
ci del cinema horror. In questo genere narrativo, infatti, i personaggi sono
coinvolti in vicende macabre. Nei momenti di massima tensione si consu-
mano fatti di sangue dai risvolti violenti e a volte inspiegabili. Molti film
dellorrore, poi, fanno leva sulla presenza di fantasmi, o di forze invisibili che
si manifestano nei modi pi inattesi e agghiaccianti.
Questi stessi elementi compaiono anche ne La famiglia Addams. Pure
in questo film la vicenda si svolge in unabitazione dallaspetto poco acco-
gliente, ma Gomez e sua moglie Morticia vivono in perfetta armonia in quella
villa, tra mobili polverosi e antichi strumenti di tortura; non si sognerebbero
mai di lasciarla e non certo perch una forza malvagia li costringe a restare,
ma perch loro sono felici di abitare in quella casa. Non mancano creature
bizzarre che, se fossero state introdotte in un contesto differente, sarebbero
risultate forse spaventose. Zio Fester ricorda i malvagi vampiri di altri film,
come Dracula o Nosferatu: il termine fester, tra laltro, in inglese significa
ulcera. Anche alcuni personaggi secondari sono allapparenza inquietanti,
come il cugino It (tradotto in italiano con il nome di Coso): un essere
di bassa statura, completamente nascosto da una cascata di capelli castani,
che parla in modo incomprensibile.
Tutti gli aspetti tratti dal mondo del cinema horror, per, sono puntual-
mente estratti dal loro tradizionale contesto e inseriti in una cornice nuova,
pi spiritosa. I dialoghi, per esempio, sono densi di particolari orridi, ma
sono costruiti per divertire il pubblico, anzich suscitare ribrezzo. Quando
Morticia Addams vede suo marito in pensiero per le sorti del fratello Fester,
lo rincuora dicendogli: Non devi torturarti cos: a quello ci penso io In
unaltra sequenza, Gordon (camuffato da Fester) si prepara a soggiornare
in casa Addams; estrae dalla valigia tutto ci che potrebbe servire per il suo
losco piano. Morticia lo sorprende con una boccetta di veleno in mano e, per
nulla preoccupata, sospira: Cianuro: come se in casa mancasse
Anche in questopera compare un elemento specifico di altri film thriller-
horror: la persona che viene da fuori, lestraneo che si trova a condividere
misteri e rivelazioni tali da mettere in pericolo la sua vita, ma in questo caso,
ancora una volta, tutto giocato sullo scherzo. Anzi, il contatto fra gli Ad-
dams e le persone che si intromettono nella loro vita condurr a esiti inattesi.
Gordon, quando si trover da solo con lastuta madre nellormai ex-casa degli
Addams, prover nostalgia per quella famiglia. Non solo: Margaret Alford,
la moglie di Tully (un complice nella tentata truffa ai danni degli Addams),
incontrer nel surreale cugino Coso un sincero amico con cui confidarsi in
tutta tranquillit. Se vero che non bisogna mai giudicare dalle apparenze,
con gli Addams assolutamente vietato!

53

046_093_Schede film_O.indd 53 22/02/11 18:17


F Film Vo l u m e 1 U 4 I r a c c o n t i d i p a u r a

Scheda di comprensione
Contenuto e tema
1 Quali azioni compie Mano, nelle prime sequenze del film?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

2 Per quali ragioni i coniugi Alford (Tully e Margaret) fanno visita agli Addams?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

3 In quale disciplina molto abile Gomez? In quale campo artistico si diletta Lurch?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

4 Dove dice di dover tornare zio Fester (che in realt Gordon), dopo che ha fatto la sua comparsa in casa
Addams?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

5 Quali sono gli svaghi preferiti di Mercoled e Pugsley?


.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

6 Quale particolare conferma con particolare forza i sospetti che Gomez nutre nei confronti di Fester?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

Forma e tecnica
7 Quale immagine offre il regista della casa della famiglia Addams?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

8 Quale effetto crea la colonna sonora?


.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

9 Di seguito sono elencati diversi elementi che caratterizzano i film horror. Sottolinea soltanto quelli che com-
paiono anche in questa pellicola.
temporali notturni assassini spietati passaggi segreti omicidi sanguinosi tombe e cimiteri
colpi di scena terrificanti vittime costrette a soffrire armi orribili

Messaggio e valutazione
10 Quale tipo di rapporto esiste tra Gomez e il fratello Fester? Come vive il suo ritorno?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

11 Nonostante il loro aspetto inconsueto, i componenti della famiglia Addams provano sentimenti positivi. Ci-
ta qualche esempio.
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

54

046_093_Schede film_O.indd 54 22/02/11 18:17


F Film V o l u m e 1 U 1 5 L i n t e g r a z i o n e

Forrest Gump

TITOLO: Forrest Gump (originale: id.)


ANNO DI USCITA: 1994
DURATA: 136 minuti
NAZIONE: USA
GENERE: drammatico
REGIA: Robert Zemeckis
SCENEGGIATURA: Eric Roth
CAST: Tom Hanks (Forrest Gump); Robin Wright (Jenny
Curran); Mykelti Williamson (Benjamin Bubba
Blue); Gary Sinise (Dan Taylor)

La trama Forrest seduto su una panchina, alla fermata del bus. Ha con s una vali-
getta e una scatola di cioccolatini; mentre attende, inizia a raccontare la sua
storia alle persone che si siedono accanto a lui. Ricorda quandera piccolo ed
era costretto a camminare con le protesi alle gambe; i compagni di scuola lo
prendevano in giro: per sfuggire alle loro stupide persecuzioni ha imparato
a correre sempre pi veloce. Sua mamma, per sopravvivere, affittava alcune
camere della loro casa in Alabama. Forrest ripensa al giorno in cui in una di
quelle stanze soggiorn un giovanotto con la chitarra: il suo nome era Elvis
Presley. Ricorda anche il profondo affetto che lo ha sempre legato a Jenny,
lunica ragazza che fin da piccola lo aveva ascoltato e rispettato. Forrest, poi,
cresciuto e ha vissuto innumerevoli avventure: stato in Vietnam, ha com-
battuto, diventato un campione sportivo, ha creato industrie, ma non ha
mai perso la sua innocenza, il suo ingenuo sorriso di fronte al mondo. Ora
attende il bus che lo porter proprio da lei, da Jenny; ancora una volta, la sua
vita sta per cambiare

Perch Forrest Gump tratta con estrema delicatezza, con autentica poesia il tema
questo film della diversit. Lopera di Zemeckis, inoltre, insegna limportanza del rispet-
to, unico antidoto efficace contro i pregiudizi e lintolleranza. Il protagonista
di questo film un bambino differente da tutti gli altri e, quando crescer,
diventer un adulto differente da tutti gli altri, n migliore, n peggiore:
semplicemente, diverso, non solo per via del suo quoziente intellettivo, che
risulta leggermente inferiore rispetto ai parametri della normalit; Forrest
diverso da tutti anche per una ragione pi profonda: lui non capace di fare
del male a nessuno, non sa nemmeno che cosa sia il male. Alcuni compagni,
quandera bambino, lo inseguivano e gli lanciavano delle pietre; coloro che
si sono presi gioco di lui, per, dovranno ricredersi. Forrest diverso dagli
altri, vero: ma per molti aspetti migliore dei cosiddetti individui normali.
55

046_093_Schede film_O.indd 55 22/02/11 18:17


F Film V o l u m e 1 U 1 5 L i n t e g r a z i o n e

Con il suo entusiasmo innocente, aiuter molte persone a sorridere ancora


alla vita, perch gli occhi di Forrest riescono a vedere soltanto ci che di
buono si nasconde in ciascuno ed questo che lo rende unico.

Il tema Questo film si aggiudic ben sei premi Oscar; il pi prestigioso riconosci-
mento nel mondo del cinema: vinse come miglior film e per la migliore regia,
per il migliore attore (Tom Hanks), la migliore sceneggiatura non originale,
il miglior montaggio e i migliori effetti speciali visivi.
Nellopera di Zemeckis, infatti, proprio gli effetti speciali furono realizzati
con tecnologie allavanguardia; in alcune sequenze, limmagine dellattore
Tom Hanks inserita in veri filmati depoca. Grazie a sofisticate elaborazioni
al computer, lo spettatore ha davvero limpressione che Forrest, e dunque
lattore Hanks, fossero presenti mentre accadevano eventi fondamentali nella
storia americana.
Ma gli effetti speciali, pure raffinatissimi, non rappresentano il cuore di
questo film. Al centro della storia sempre lui, un ragazzo che nato con
un quoziente intellettivo non certo stratosferico, eppure, ha saputo impe-
gnarsi a fondo nelle prove che la vita gli ha riservato. Non si mai arreso;
soprattutto, si sempre preso cura degli altri, a modo suo, con tutta la sua
innocenza. Molti di coloro che lhanno incontrato, invece, lo hanno trattato
come se fosse uno stupido, hanno pensato addirittura che non fosse in grado
di provare emozioni.
Il tema della diversit e dellintegrazione, spesso difficile da raccontare,
affrontato con ritmo e, a volte, con poetica ironia. Il regista, per rendere
la narrazione pi coinvolgente, ha deciso di utilizzare, almeno in parte, la
struttura dei film a episodi. Lopera non racconta una sola storia, ma percorre
tutta la vita del protagonista, dallinfanzia fino allet adulta. Forrest ricorda
gli avvenimenti pi importanti della sua vita mentre seduto su una panchi-
na, alla fermata del bus. A ogni viaggiatore in attesa racconta una parte della
sua esistenza, un frammento del suo mondo. I vari capitoli si susseguono,
separati luno dallaltro, ma al tempo stesso uniti da numerosi elementi.
Tutte le vicende, poi, hanno unispirazione comune: la dolcezza, linge-
nuit di Forrest. Quando sar spedito in Vietnam, Gump non si render con-
to che in quel paese in corso una guerra, dove la gente spara e muore. Sar
colpito da un proiettile, ma penser di essere stato morso da un serpente.
Stringer una salda amicizia con il soldato Bubba, un altro ragazzo come lui:
non un genio ma sincero e con un cuore tanto grande da non nutrire rancore
per chi lo ha isolato e preso in giro. Solo Forrest, inoltre, rester accanto al
tenente Dan, suo superiore in guerra, quando questo rimarr gravemente fe-
rito, lo aiuter a ritrovare lentusiasmo e concluder con lui affari eccellenti.
Poi c sua madre. Forrest prova per lei un amore immenso, pulito. sta-
ta lei la prima a dirgli che non avrebbe mai dovuto sentirsi diverso dagli altri,
a insegnargli che, per difendersi da chi lo derideva, avrebbe dovuto sempre
ricordarsi di correre. Quando la donna morir, Forrest conserver di lei un
ricordo dolcissimo.

56

046_093_Schede film_O.indd 56 22/02/11 18:17


F Film V o l u m e 1 U 1 5 L i n t e g r a z i o n e

Scheda di comprensione
Contenuto e tema
1 Dove ha trascorso la sua infanzia Forrest Gump?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

2 In quale occasione Forrest notato per la prima volta dallallenatore di una squadra di football?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

3 Gump, appena arruolato nellesercito, per due volte riceve lodi dai suoi superiori: in quali occasioni?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

4 Nel corso di unimboscata in Vietnam, Forrest compie un gesto coraggioso, eroico. Quale? Gli sono tutti ri-
conoscenti per la sua azione?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

5 In quale sport Forrest dimostra di essere un vero campione, durante il suo ricovero in ospedale?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

6 Quale tragitto compie Forrest di corsa, dopo che Jenny ha lasciato la sua casa?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

7 Dal punto di vista lavorativo, Forrest crea due aziende di immenso successo: quali?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

Forma e tecnica
8 Il film ha una struttura circolare, infatti inizia e finisce con due sequenze molto simili tra loro: quali?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

9 Anche il primo incontro con Jenny e poi quello con Bubba sono costruiti in modo simile. Che coshanno in
comune le due scene?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

10 Nel film sono inseriti diversi filmati storici appositamente manipolati, grazie a effetti speciali, in cui com-
paiono Forrest o i suoi antenati. Citane alcuni.
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

Messaggio e valutazione
11 Non permettere mai a nessuno di dirti che migliore di te. Tu non sei diverso da chiunque altro. Per-
ch la mamma di Forrest dice queste cose a suo figlio?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

12 Come si evolve nel tempo il rapporto tra Jenny e Forrest?


.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

13 Forrest, non ti ho mai ringraziato per avermi salvato la vita. A che cosa si riferisce il tenente Dan Taylor,
con queste parole?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

57

046_093_Schede film_O.indd 57 22/02/11 18:17


F Film V o l u m e 1 U 17 V i v e r e l a s t o r i a

Ladyhawke

TITOLO: Ladyhawke (originale: id)


ANNO DI USCITA: 1985
DURATA: 116 minuti
NAZIONE: USA
GENERE: fantastico / avventura / storico
REGIA: Richard Donner
SCENEGGIATURA: Edward Khmara, Michael Thomas, Tom
Mankiewicz, David Peoples
CAST: Matthew Broderick (Philippe Gaston); Rutger
Hauer (Etienne Navarre); Michelle Pfeiffer
(Isabeau dAnjou); Leo McKern (Imperius);
John Wood (vescovo di Aguillon);
Ken Hutchinson (capitano Marquet)

La trama iamo nel Medioevo. Un ragazzino, Philippe Gaston, sta per essere giu-
S stiziato nel castello di Aguillon, in Francia, ma riesce a fuggire dalla pri-
gione. I soldati del vescovo si mettono subito sulle sue tracce; il giovane,
per, incontra un personaggio misterioso, che lo protegge dalla violenza del-
le guardie. Il cavaliere si chiama Etienne Navarre; i due proseguono la fuga
tra foreste intricate e distese innevate, ma Navarre ha un segreto: ha vissuto
unesperienza che spalancher a Philippe i cancelli della leggenda. Navarre
porta dentro nellanima lamore immenso che prova per Isabeau; la donna,
in realt, sempre accanto a lui, ma i due sono stati colpiti da una terribile
maledizione, che li ha condannati a non potersi mai davvero incontrare.
Navarre vuole porre fine a questa maledizione, per questo deve tornare al
castello di Aguillon, proprio l, nella cattedrale del castello, dove tutto ha
avuto inizio

Perch Il film diretto da Richard Donner si sviluppa su registri differenti, che sono
questo film mescolati tra loro in modo da creare unopera avventurosa ed emozionante.
Laspetto che, nello sviluppo della trama, assume rilevanza crescente quello
sentimentale: la storia damore che lega Navarre a Isabeau infatti il motore
di tutta la vicenda, la giustificazione che indurr Navarre a prendere deci-
sioni drammatiche e definitive. Gli autori dellopera hanno inserito anche
elementi tipici del genere fantasy, come la possibilit che esseri umani si tra-
sformino in animali e viceversa. Tutte le avventure, gli inseguimenti, i com-
battimenti sono per inseriti in una chiara cornice storica. Le riprese sono
state effettuate allinterno di cattedrali e castelli medievali, a volte, per, gli
edifici sono stati ricostruiti in teatri di posa. Allo stesso modo i personaggi,
58

046_093_Schede film_O.indd 58 22/02/11 18:17


F Film V o l u m e 1 U 17 V i v e r e l a s t o r i a

le ambientazioni, i costumi, tutti gli oggetti e gli accessori che compaiono nel
film ricordano il Medioevo. Tutta la vicenda raccontata rimanda a un passato
che ha tramandato fino a oggi testimonianze della sua storia.

Il tema In Ladyhawke si respira aria di Medioevo. Lo spettatore catapultato in


un passato in equilibrio tra storia e fantasia, tra verosimiglianza e leggenda.
Non si tratta di un film storico a tutti gli effetti: il suo scopo, infatti, non
la ricostruzione puntuale e documentata di un determinato avvenimento.
Questo film racconta prima di tutto una storia avventurosa, in cui amore e
magia muovono il cuore dei protagonisti, che provano emozioni profonde e
slanci emotivi.
Tutti gli avvenimenti, siano essi verosimili o fantastici, si inquadrano co-
munque nella prospettiva storica. La trama fa costantemente riferimento al
Medioevo, unepoca dominata spesso dallincertezza, in cui gli uomini av-
vertivano con profondit il senso di precariet dellesistenza e il bisogno di
proiettare la vita in una dimensione spirituale. Non mancano rapidi accenni
a eventi storici realmente accaduti: Navarre, durante un dialogo con Philip-
pe, afferma che la sua spada stata utilizzata durante le Crociate. La storia,
infatti, si svolge nel XII secolo.
Se gli edifici, i castelli, le abbazie rimandano allambientazione medieva-
le, la storia pu essere ricercata anche nelle parole del vescovo di Aguillon.
Il religioso rappresenta una sorta di antagonista: stato lui lorigine di tutta
la sofferenza di Navarre, stato lui a impedire che il suo amore per Isabeau
potesse fiorire. Al tempo stesso, per, il vescovo, mentre parla con il capo
delle sue guardie, offre uno spaccato significativo della cultura e della politi-
ca medievale. In questepoca, ogni signore metteva in atto svariate strategie
per mantenere il controllo sul territorio di sua competenza e sulla gente che
lo abitava. Anche il vescovo non sfugge a questa regola: quando il capo delle
guardie gli annuncia che fuggito un piccolo ladro dalle carceri, il vescovo
afferma: Le tempeste si fanno annunciare da lieve brezza, capitano, e una
sola scintilla pu appiccare il fuoco della ribellione.
In un altro momento, il vescovo diviene ancora pi esplicito. Sempre
rivolgendosi al capitano Marquet, riflette sui problemi che deve affrontare e
sbotta: Viviamo in tempi assai difficili; la carestia ha impedito alla gente di
pagare i tributi alla Chiesa; io aumento le tasse e loro mi dicono che non c
pi altro da tassare: impudenti!
Parole brusche, pronunciate da un personaggio che non brilla certo per
la sua simpatia e per il desiderio di assecondare le richieste del popolo, per
sono anche riflessioni che offrono una chiave di lettura storica per interpre-
tare la crisi di quellepoca.
Non pu essere dimenticata, infine, anche la presenza di momenti pi
leggeri allinterno del film; sequenze in cui la tensione sentimentale e la
drammaticit della trama lasciano spazio a sequenze pi divertenti. Il prota-
gonista stesso, Phillipe Gaston, appare a volte impacciato e ingenuo; i com-
battimenti in cui coinvolto si svolgono in maniera volutamente inverosi-
mile e manipoli di soldati armati fino ai denti non riescono ad acciuffarlo.
Evidentemente, nella realt le cose non sarebbero andate in questo modo,
ma lavventura assicurata.
59

046_093_Schede film_O.indd 59 22/02/11 18:17


F Film V o l u m e 1 U 17 V i v e r e l a s t o r i a

Scheda di comprensione
Contenuto e tema
1 Con quale soprannome conosciuto Philippe Gaston? Come riesce a evadere dalla prigione in cui stato
rinchiuso?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

2 In quale luogo le guardie del vescovo rintracciano Gaston dopo la fuga? Con quale tattica lo sorprendono?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

3 Quale strana avventura capita al protagonista, durante la prima notte trascorsa con Navarre?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

4 Che tipo di animale ha sempre con s Navarre?


.....................................................................................................................................................................................................................................................

5 Quale missione dice di avere Navarre? Perch ha bisogno che Philippe resti con lui?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

6 Il Monaco Imperius e Philippe predispongono una trappola per impedire a Navarre di raggiungere la citt
prima del tempo. In che cosa consiste il loro piano? Perch fallisce?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

Forma e tecnica
7 Lambientazione storica chiara fin dalle prime sequenze. Quali elementi suggeriscono lepoca della vicenda?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

8 Perch nel film sono inserite numerose inquadrature dedicate allalba e al tramonto?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

9 A quali generi musicali appartengono i brani della colonna sonora?


.....................................................................................................................................................................................................................................................

Messaggio e valutazione
10 Quale rapporto unisce Philippe a Navarre?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

11 Riassumi in breve la vicenda che il monaco Imperius racconta a Gaston, per spiegare il legame che unisce
Navarre a Isabeau.
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

12 Quale aspetto del film ti ha maggiormente coinvolto: la vicenda sentimentale, le parti avventurose o i rife-
rimenti storici? Motiva la tua risposta.
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

60

046_093_Schede film_O.indd 60 22/02/11 18:17


F Film Vo l u m e 2 U 3 I l r a c c o n t o d i a v v e n t u r a

Marrakech express

TITOLO: Marrakech express


ANNO DI USCITA: 1989
DURATA: 110 minuti
NAZIONE: Italia
GENERE: commedia / avventura
REGIA: Gabriele Salvatores
SCENEGGIATURA: Umberto Contarello, Enzo Monteleone,
Carlo Mazzacurati
CAST: Diego Abatantuono (Ponchia); Fabrizio
Bentivoglio (Marco); Giuseppe Cederna
(Paolino); Gigio Alberti (Cedro); Cristina
Marsillach (Teresa)

La trama Cinque ragazzi sono diventati uomini, cinque amici si incontrano di nuovo e
riscoprono la bellezza di stare insieme. Marco ha trentanni e vive a Milano.
Una sera, mentre a casa, riceve la visita di una ragazza che non hai mai visto
prima. Dice di chiamarsi Teresa e parla con accento straniero; racconta che
Rudy, un amico di vecchia data, stato rinchiuso in carcere, in Marocco. Per
farlo uscire, servono molti soldi. Marco informa tutti gli amici della sua vecchia
compagnia. Non si vedono da dieci anni e si scoprono cambiati: ora hanno
un lavoro, degli impegni da mantenere. Qualcuno si costruito una famiglia,
ma i ricordi hanno il sopravvento, cos come la voglia di rimettersi in gioco
e lanciarsi in una nuova avventura. Tra qualche dubbio e tanta incoscienza,
sono tutti daccordo: raggiungeranno il Marocco in fuoristrada. Un viaggio di
migliaia di chilometri: verso Marrakech ma anche verso lamicizia

Perch Marco, Maurizio detto Ponchia, Paolino, Cedro: erano amici per la pelle,
questo film quando erano pi giovani. Poi la vita ha riservato loro destini diversi, scelte
diverse. Senza nemmeno sapere perch, alla fine si sono persi di vista. Labi-
tudine, i mille impegni della vita quotidiana li hanno allontanati. Qualcuno di
loro ha preso delle decisioni drastiche, radicali: come Cedro, che andato a
vivere in un rifugio, in montagna, lontano da tutto e da tutti. Eppure, quan-
do si rivedono, provano una bruciante nostalgia della loro passata amicizia.
Allinizio, lidea di andare in Africa in macchina sembra una pazzia, ma poi
si guardano negli occhi, si sorridono e si sentono pronti per affrontare altre
avventure, tra imprevisti e contrattempi surreali. Attraverseranno citt, rimar-
ranno senza parole di fronte a tramonti incredibili, sfideranno il deserto in bi-
cicletta, litigheranno a volte, ma sapranno sempre trovare la battuta giusta per
sorridersi di nuovo. Marrakesh express riesce a fondere le caratteristiche del
61

046_093_Schede film_O.indd 61 22/02/11 18:17


F Film Vo l u m e 2 U 3 I l r a c c o n t o d i a v v e n t u r a

film avventuroso con un richiamo, delicato e leggero, al valore dellamicizia.


Tra situazioni grottesche e inconvenienti di ogni tipo, il film ricorda che non
basta il tempo, non basta la lontananza a cancellare una vera amicizia.

Il genere Non bastano tutti i cammelli del deserto per comprarsi un amico. Questo
proverbio arabo appare sullo schermo prima ancora dei titoli di testa. Proprio
il valore dellamicizia, in tutte le sue sfaccettature, al centro del film. Eppure
Marrakech express pu essere considerato a pieno titolo un film di avventura.
Lelemento fondamentale della pellicola infatti il viaggio, da sempre uno
dei temi predominanti del genere avventuroso. Questo, per, assume un doppio
significato: non soltanto una necessit materiale, ma anche la metafora di un
percorso alla scoperta delle proprie emozioni, della propria interiorit; un viag-
gio verso il Marocco, dunque, ma anche un viaggio degli amici verso s stessi.
Litinerario dei protagonisti appare fin da subito denso di incognite. Si di-
rigono verso una terra che non conoscono, portando con s una quantit di
denaro superiore al consentito; quando attraversano una dogana sono colti
da imbarazzo e preoccupazione; al confine con il Marocco, sono coinvolti
in una vicenda che li conduce perfino a rischiare larresto. Tutte le vicende
del film, per, anche se a volte presentano risvolti seri o malinconici, sono
raccontate in chiave divertente.
Un aspetto fondamentale della narrazione di avventura costituito dagli
ostacoli che i personaggi devono affrontare e superare. Lelenco degli imprevisti
tecnici, nel film di Salvatores, davvero corposo: la scarsa conoscenza delle
lingue straniere, la necessit di muoversi in citt sconosciute, i rischi di un am-
biente ostile come il deserto.
Tra Marco, Ponchia, Paolino e Cedro si insinua a volte anche un altro
ostacolo, insidioso: dieci anni di silenzio, dieci anni in cui non si sono pi
incontrati e hanno lasciato che la vita li trascinasse su sentieri lontani.
In una delle sequenze iniziali, Marco, Ponchia, Paolino e Teresa si incon-
trano in un parco. Marco gi deciso ad aiutare Rudy... Vabbeh, daccor-
do dice sono dieci anni che non lo vediamo, ma questo non vuol dire
Scusate, anche noi non che ci siamo visti, eppure eccoci qua! Insomma, lui
adesso dentro, ci chiede una mano per uscire, non gliela diamo? Con tutto
che secondo me glielo dobbiamo anche Secca la risposta di Ponchia.
No, noi non gli dobbiamo niente: che sia chiaro! Marco replica: Senti,
Ponchia, fai quello che vuoi. Per me sempre un amico, va bene? Anche se
sono passati dieci anni, non cambiato niente. Ma Ponchia non si lascia
commuovere, si rivolge anche agli altri e sbotta: cambiato tutto. Sono
cambiato io, cambiato lui, cambiato anche quello l, probabilmente luni-
ca cosa che non cambiata sei tu.
Poi eccoli che salgono tutti insieme, sul fuoristrada, pronti a raggiungere
lAfrica, a correre in aiuto di Rudy. Per lui si avventureranno nel deserto in
sella a quattro biciclette, che presto diventeranno tre, poi due, poi nessuna.
Si arrenderanno al caldo, alla stanchezza. Rischieranno di morire tra le dune
e, quando scopriranno la verit su Rudy e su quella donna, Teresa, non sa-
ranno delusi o arrabbiati. Anzi: saranno pronti ancora una volta ad aiutarsi,
a condividere le stesse speranze, gli stessi progetti.

62

046_093_Schede film_O.indd 62 22/02/11 18:17


F Film Vo l u m e 2 U 3 I l r a c c o n t o d i a v v e n t u r a

Scheda di comprensione
Contenuto e tema
1 Che lavoro svolge Ponchia nella vita quotidiana? E Paolo?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

2 Quale stratagemma mette in atto Ponchia, per trasportare il denaro?


.....................................................................................................................................................................................................................................................

3 Perch a Barcellona i cinque amici sono costretti a fuggire da un supermercato? Dove termina la loro corsa?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

4 In quale luogo particolare si ritrovano, quando il fuoristrada rimane senza benzina?


.....................................................................................................................................................................................................................................................

5 Quale imprevisto accade alla frontiera con il Marocco? Come viene risolto?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

6 Dove vanno Marco, Ponchia, Cedro e Paolo prima del programmato incontro con lavvocato di Rudy?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

7 Ponchia deve affrontare un problema di salute: quale?


.....................................................................................................................................................................................................................................................

8 Come avviene lincontro con Rudy?


.....................................................................................................................................................................................................................................................

Forma e tecnica
9 Durante i titoli di testa, sono mostrati gli impegni e le azioni di Marco durante unintera giornata: quali?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

10 In diversi passaggi assumono importanza alcune fotografie, che ritraggono gli amici tutti insieme. Cita al-
cune sequenze.
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

11 Due episodi molto significativi, nel film, sono accompagnati per intero da una canzone di Francesco De Gre-
gori. Quali sono?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

Messaggio e valutazione
12 Come definiresti il carattere di Ponchia? E quello di Marco? Come si comporta invece Paolo?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

13 Come si modifica il rapporto tra Paolo e Cedro?


.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

14 Quale immagine dellamicizia trasmette questo film, secondo te?


.....................................................................................................................................................................................................................................................

63

046_093_Schede film_O.indd 63 22/02/11 18:17


F Film Vo l u m e 2 U 5 L a l e t t e r a

Le parole che
non ti ho detto
TITOLO: Le parole che non ti ho detto
(originale: Message in a bottle)
ANNO DI USCITA: 1999
DURATA: 131 minuti
NAZIONE: USA
GENERE: drammatico
REGIA: Luis Mandoki
SCENEGGIATURA: Gerald DiPego
CAST: Robin Wright (Theresa Osborne);
Kevin Costner (Garrett Blake); Paul Newman
(Dodge Blake); John Savage (Johnny Land)

La trama Theresa una giornalista; un giorno, mentre in vacanza al mare, corren-


do sulla spiaggia ritrova una bottiglia con dentro una lettera. Lautore della
missiva si chiama Garrett e rivolge parole dolcissime a Catherine, una donna
che ha perduto. La direzione del quotidiano per cui Teresa lavora pubblica
la lettera in prima pagina; in seguito, vengono alla luce altre missive con la
stessa intestazione, segnate da toni drammatici e malinconici. La giornalista,
impressionata dallintensit di quelle parole, decide di mettersi sulle tracce
del loro autore. Quando lo incontra, non gli rivela di essere a conoscenza dei
messaggi che ha scritto. Tra i due nasce una profonda tenerezza, un senti-
mento delicato, fatto di confidenze, di ricordi e a volte di silenzio. Garrett
ancora molto legato al ricordo di Catherine, la donna che ha sempre amato,
scomparsa due anni prima per una malattia, ma ritrova il coraggio di met-
tersi in gioco, di progettare un futuro, proprio grazie a Theresa. Il destino,
per, in agguato

Perch A volte la voce non riesce a dire certe cose, ci si sente imbarazzati, impac-
questo film ciati; si ha paura di non trovare le parole giuste, di non essere in grado di
esprimere nel modo migliore le proprie emozioni; si teme di essere frainte-
si e proprio per questo di allontanare da noi le persone che riteniamo pi
importanti. Allora ecco che arriva in nostro aiuto un foglio bianco, pronto
a ricevere i nostri pensieri. Scrivere una lettera permette di elaborare con ra-
zionalit le idee, donando loro una struttura chiara e organica. Se una frase,
una volta scritta, non sembra opportuna in un certo contesto, si pu cancel-
lare e riscrivere daccapo. Il protagonista di questo film, Garrett Blake, stato
segnato profondamente dalla perdita di una donna che ha amato moltissimo
e affida a una lettera il ricordo straziante dei sentimenti che ha condiviso
con lei, della serenit che ha provato quando era al suo fianco. Immaginava
64

046_093_Schede film_O.indd 64 22/02/11 18:17


F Film Vo l u m e 2 U 5 L a l e t t e r a

che nessuno mai avrebbe letto quelle frasi, eppure proprio grazie a esse il
suo cuore torner a battere forte. Una lettera, come insegna questo film, pu
cambiare la vita; le parole, se sincere, possono restituire la gioia.

Il genere Una bottiglia restituita dal mare, una donna che la raccoglie sulla spiag-
gia e una pura casualit si trasformano in una storia damore. Message in a
bottle (cio messaggio in una bottiglia) il titolo originale della pellico-
la, tratta dallomonimo romanzo di Nicholas Sparks. Questo film, con toni
marcatamente romantici, intende esplorare il complesso universo dei senti-
menti umani. La bottiglia ritrovata da Theresa, di professione ricercatrice
per un quotidiano di Chicago: contiene una lettera dolcissima, che scatena
nella donna un turbine di emozioni. Chi ha scritto quelle parole, lo ha fatto
mentre provava sensazioni profonde, perfino dolorose. Lautore, che si firma
Garrett, si rivolge a una donna, con cui ha trascorso parte della sua vita e,
purtroppo, ora non pi con lui.
Cara Catherine inizia la lettera mi dispiace di non avere parlato con
te per tanto tempo, ma avevo perso le coordinate: niente pi rotta, niente pi
bussola. Tu eri la mia stella polare. prosegue il testo Riuscivo sempre a
rientrare in porto, quando ceri tu ad aspettarmi. Nelle parole di Garrett,
ogni metafora fa riferimento al mare, quello stesso mare che ha trasportato la
bottiglia fino alle mani di Theresa. Mi sei apparsa in sogno, stanotte dice
ancora luomo con quel tuo sorriso che mi ha sempre stregato e avvinto
e cullato come un bambino. Tutto quello che mi rimasto del sogno una
grande pace.
Perch lautore di quelle parole ha deciso di affidarle alloceano? Theresa
sapr rispondere a questa domanda soltanto dopo che avr incontrato Gar-
rett di persona e avr scoperto quanto amore e quanta tenerezza lo avevano
legato a sua moglie Catherine. Garrett ha consegnato a quelle lettere le pa-
role che non ha mai trovato la forza di pronunciare di fronte a lei, parole di
affetto e riconoscenza, oscurate dalla malinconia di averla persa per sempre.
Theresa, anche una volta che ha instaurato con Garrett un rapporto di
profonda confidenza, non gli parla delle lettere: lui ha scritto quelle parole
per una donna che non esiste pi, ma sopravvive nei suoi ricordi.
Quando Garrett scopre che Theresa ha letto il testo delle missive, anzi ha
permesso anche che fossero pubblicate su un quotidiano, non pu trattenere
la rabbia. Lui aveva gettato le lettere nelloceano proprio perch nessuno le
leggesse. Lunica destinataria di quelle righe era sempre stata soltanto Ca-
therine. A Theresa non rimane che essere sincera: Mi sono innamorata di
te prima nelle lettere, confessa a Garrett poi quando ti ho conosciuto. E
avevo paura che se te lavessi detto ti avrei perso per sempre.
Il finale del film giunge inatteso. Ancora una volta, per, prima del dram-
ma che chiude lopera, Garrett scrive unultima lettera. destinata a Cathe-
rine, come le precedenti, ma questa volta parla di Theresa e della voglia di
vivere che ha fatto rinascere in lui. Purtroppo anche queste parole rimarran-
no su un foglio, resteranno parole non dette.

65

046_093_Schede film_O.indd 65 22/02/11 18:17


F Film Vo l u m e 2 U 5 L a l e t t e r a

Scheda di comprensione
Contenuto e tema
1 Qual la situazione familiare di Theresa, la protagonista?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

2 Quale effetto provoca la pubblicazione della misteriosa lettera damore sulla prima pagina del Chicago tribune?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

3 Dove si incontrano per la prima volta Theresa e Garrett Blake? Che cosa sta facendo Garrett, quando rag-
giunto dalla donna?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

4 Per quale motivo Garrett si avventa contro un cliente del bar, prima di uscire per il collaudo della barca?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

5 In quale circostanza Garrett nomina per la prima volta sua moglie, Catherine?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

6 Quale attivit aveva pianificato di svolgere Garrett insieme a Catherine?


.....................................................................................................................................................................................................................................................

7 Chi aveva scritto la terza lettera trovata da Theresa, lunica non scritta da Garrett?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

8 Quale azione compie il fratello di Theresa, quando entra nellofficina di Garrett?


.....................................................................................................................................................................................................................................................

Forma e tecnica
9 Il mare un elemento fondamentale per lo sviluppo della trama. Cita alcune sequenze che lo dimostrino.
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

10 Nel film inserito anche un flashback molto significativo. Che cosa racconta?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

11 Quali caratteristiche presenta la colonna sonora del film?


.....................................................................................................................................................................................................................................................

Messaggio e valutazione
12 Come si sviluppa il rapporto tra Theresa e Garrett?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

13 Come definiresti il rapporto tra Garrett e suo padre, Dodge? Come si comporta questultimo quando il fra-
tello e i genitori di Catherine pretendono i quadri della donna?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

14 piuttosto affollato, l dentro dice Theresa a Dodge, parlando dellabitazione di Garrett. Il protagonista,
in quel momento, in casa da solo. Come spieghi laffermazione di Theresa?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

66

046_093_Schede film_O.indd 66 22/02/11 18:17


F Film Vo l u m e 2 U 6 I l d i a r i o

Il diario di Anna Frank

TITOLO: Il diario di Anna Frank


(originale: The diary of Anne Frank)
ANNO DI USCITA: 1959
DURATA: 172 minuti
NAZIONE: USA
GENERE: drammatico / biografico
REGIA: George Stevens
SCENEGGIATURA: Frances Goodrich, Albert Hackett
CAST: Mille Perkins (Anna Frank); Joseph Schildkraut
(Otto Frank); Gusti Huber (Edith Frank); Diane
Baker (Margot Frank); Lou Jacobi (Hans Van
Daan); Shelley Winters (Petronella Van Daan);
Richard Beymer (Peter Van Daan)

La trama il luglio del 1942. Ovunque, in Europa, dilaga la Seconda guerra mondia-
le. Bombardamenti, distruzione, sofferenza. In tutte le citt conquistate dai
nazisti, la polizia setaccia ogni casa, ogni abitazione per dare la caccia agli
ebrei; la persecuzione raggiunge ogni giorno vette pi elevate di violenza.
Ad Amsterdam, grazie alla protezione di un imprenditore tedesco, due fa-
miglie di origini ebraiche trovano rifugio in una soffitta. Una costituita dai
coniugi Frank, con le loro due figlie, Anna e Margot; laltro nucleo familiare
sono i Van Daan, che a loro volta hanno un figlio, Peter. Agli inquilini della
soffitta si aggiunger presto un dentista. La convivenza non sempre facile,
tra piccoli litigi e regole severissime, che devono essere rispettate per non es-
sere scoperti. La paura la compagna di ogni giorno. Le notizie dallesterno
a volte sono incoraggianti, ma spesso sono tragiche. La giovane Anna Frank
inizia a scrivere un diario. Giorno dopo giorno annota ci che accade nella
soffitta, ma pi ancora i suoi pensieri, i suoi sogni, le sue aspirazioni di tre-
dicenne. Le piace immaginare come sar la sua vita, una volta che la guerra
sar terminata e potr abbandonare quella soffitta. La follia nazista non avr
piet di lei: Anna perder la vita in un campo di concentramento.

Perch Il film di George Stevens, che si aggiudic ben tre premi Oscar, racconta due
questo film anni di segregazione tra gli spazi di una soffitta, quando il grido di una sirena
per strada faceva temere a ogni rifugiato una deportazione imminente. Le pa-
role che Anna annota nel suo diario sono il ritratto di una ragazzina che non
vuole arrendersi alla desolazione della guerra. Anna non ha mai smesso di
sperare, di fare progetti, di condividere i suoi pensieri e perfino le sue fragili-
t con chi le stava accanto. Le pagine del diario che la protagonista aggiorna
quotidianamente custodiscono le sue riflessioni pi personali, le confidenze
67

046_093_Schede film_O.indd 67 22/02/11 18:17


F Film Vo l u m e 2 U 6 I l d i a r i o

pi tenere. Giorno dopo giorno, Anna affida al diario i molti dubbi e le prime
certezze dei suoi tredici anni, senza perdere il sorriso, la fiducia nei confronti
degli altri. Nonostante tutto, io credo ancora che la gente in fondo sia buo-
na. Cos scriveva, poco prima di essere deportata in un lager.

Il genere Il diario, in questo film, assolve a una funzione essenziale: il filo conduttore,
lelemento che costituisce la cornice narrativa di tutta la vicenda. la voce di
Anna ad accompagnare lo spettatore nella soffitta di Amsterdam dove otto per-
sone vivranno fianco a fianco per due anni. Il personaggio di Anna interagisce
con gli altri inquilini, dialoga con loro, partecipa attivamente a numerose vicen-
de che caratterizzano la vita dei rifugiati. Al tempo stesso, per, anche una voce
fuori campo: lo spettatore ascolta spesso le riflessioni che ladolescente scrive tra
le pagine del suo diario, viene dunque a conoscenza di pensieri che Anna, a vol-
te, non rivela a nessuna delle persone che vivono con lei. Questo vale soprattutto
per il rapporto a volte difficoltoso con la madre, o per quello strano batticuore
che la coglie quando si trova vicino a Peter, il figlio dei coniugi Van Daan.
9 luglio 1942 cos annota Anna sulla prima pagina del prezioso qua-
derno Caro diario, dato che tu ed io diventeremo grandi amici comincer
col raccontarti tutto di me. Mi chiamo Anna Frank, ho 13 anni, sono nata in
Germania, ma siccome la mia famiglia ebrea, emigrammo in Olanda quan-
do Hitler sal al potere.
La voce di Anna prosegue il suo racconto, la sua allegria tenta di allonta-
nare le ombre terribili della guerra e dellodio. Dovevamo sparire, com-
menta, ricordando le persecuzioni in atto svanire nellaria. Sto vivendo una
grande avventura.
La sua dolce ingenuit investe anche considerazioni molto delicate, dai
risvolti profondi. Peter afferma di volere bruciare la stella gialla che porta
cucita alla giacca. qualcosa che ti costringono a portare per poterti umi-
liare, sbotta, mentre parla con Anna. Lei, pensierosa, replica: Lo so, ma
in fin dei conti la stella di David, no?
Il diario lo scrigno di mille pensieri, di segreti che non hanno nulla di
oscuro o malvagio, ma Anna preferisce tenere per s. Leggere la cosa pi
bella che possa fare e che abbia mai fatto, scrive la giovane al termine della
prima giornata nella soffitta di Amsterdam leggere anche un rifugio acco-
gliente per me, il pi accogliente che abbia conosciuto.
A chi confidare questa passione per i libri, se non a un diario?
Anna ha qualche dubbio sulla prospettiva di raccontare i fatti e le os-
servazioni che ogni giorno porta con s. Mi sembra unidea tanto strana,
quella di scrivere un diario. Non solo perch non lho mai fatto, ma perch
mi sembra che n a me n a nessunaltra persona potranno mai interessare le
confidenze di una scolara tredicenne.
In realt, presto, il diario diventer un amico inseparabile per la giovane,
un compagno di avventura, soprattutto quando emergeranno i primi conflit-
ti tra gli adulti, acuiti dalla drammatica ristrettezza degli spazi. Anna stessa si
ritrova a discutere animatamente sia con la madre sia con il signor Van Daan.
China sul suo diario, si chiede cosa significhi diventare adulti; ne parla con
Peter, che come lei non ha risposte definitive. Si domanda come sar lei, da
adulta, che lavoro far quando sar grande; le piacerebbe diventare scrittrice
o giornalista: non conosce ancora il suo destino.
68

046_093_Schede film_O.indd 68 22/02/11 18:17


F Film Vo l u m e 2 U 6 I l d i a r i o

Scheda di comprensione
Contenuto e tema
1 Come si accede alla soffitta nascosta in cui si rifugiano i signori Frank e i Van Daan?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

2 Otto Frank, il padre di Anna, appena giunto nella soffitta, dispone diverse regole per tutti gli inquilini, giu-
dicandole inevitabili per la sopravvivenza. Citane alcune.
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

3 Che cosa contiene la scatola che il signor Frank consegna alla figlia, al termine del primo giorno in soffitta?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

4 In quali occasioni i rifugiati temono di essere stati scoperti dalla polizia nazista?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

5 Quali notizie porta il nuovo ospite, il signor Dussel?


.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

6 Che cosa fa Anna, durante la celebrazione di un rito ebraico, per rendere la festa pi allegra?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

7 Per quale motivo la madre di Anna si arrabbia furiosamente con il signor Van Daan?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

Forma e tecnica
8 Come presentata la citt di Amsterdam?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

9 Il film costruito come un ampio flashback. Quali elementi te lo fanno capire?


.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

10 Nel film sono inserite riprese di persone internate in un campo di concentramento. In quale circostanza ap-
paiono queste immagini?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

Messaggio e valutazione
11 Descrivi il carattere e la personalit di Anna, come emerge dal film. Come si comporta il padre nei suoi con-
fronti?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

12 Non ci sono muri, n serrature, n catenacci che possano costringere i tuoi pensieri. Che cosa intende di-
re Otto Frank, rivolgendo queste parole alla figlia Anna?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

13 Quali aspetti della storia ti hanno particolarmente impressionato? Motiva la tua risposta.
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

69

046_093_Schede film_O.indd 69 22/02/11 18:17


F Film Vo l u m e 2 U 7 L a p o e s i a

Il postino

TITOLO: Il postino
ANNO DI USCITA: 1994
DURATA: 111 minuti
NAZIONE: Italia / Spagna / Regno Unito
GENERE: drammatico / commedia
REGIA: Michael Radford, Massimo Troisi
SCENEGGIATURA: Anna Pavignano, Michael Radford, Massimo
Troisi, Furio Scarpelli, Giacomo Scarpelli
CAST: Massimo Troisi (Mario Ruoppolo);
Philippe Noiret (Pablo Neruda); Maria Grazia
Cucinotta (Beatrice Russo), Renato Scarpa
(Giorgio Serafini, il capo telegrafista)

La trama Mario vive su unisola nel golfo di Napoli, in una famiglia di pescatori, ma di
seguire le orme del padre, tra reti da riparare e uscite in barca prima dellal-
ba, non ne vuole sapere. Il giovane assunto come postino: il suo mezzo di
trasporto sar una bicicletta; per, dato che sullisola sono quasi tutti analfa-
beti, dovr lavorare per una sola persona: un ospite illustre, giunto in Italia
dal Cile. Pablo Neruda, un poeta apprezzato e corteggiato, che ha dovuto
abbandonare il suo paese per ragioni politiche. lestate del 1952: Mario
salta in sella a una bicicletta e ogni giorno consegna la posta allo scrittore.
Sar linizio di unamicizia indimenticabile. Mario imparer che le parole
possono dare forma ai sentimenti: i versi di una poesia possono anche aiu-
tarlo a esprimere ci che prova quando guarda Beatrice Russo, la ragazza di
cui innamorato; il giovane postino imparer a vedere il mondo con occhi
diversi, ma la sua scoperta, purtroppo, avr un prezzo tragico.

Perch La poesia non soltanto puro esercizio di stile, non si lascia definire da una
questo film rima, non si lascia imprigionare dal ritmo di alcuni versi. La poesia non un
grumo di parole difficili o, peggio, incomprensibili. Non il triste gioco di
chi cerca parole astruse per descrivere cose semplici, semmai, il contrario:
larte di rendere semplice ci che appare complesso. La poesia nasce nel
cuore, prima ancora che nella testa. Fare poesia significa trasmettere emozio-
ni, sentimenti ed essere poeti significa usare le parole per rivestire di signifi-
cato alcune capriole del cuore. Mario, il protagonista di questo film, scopre
la poesia quando per la prima volta vede Beatrice. Gli basta guardarla negli
occhi per innamorarsi di lei. Proprio grazie allamicizia con il poeta Neruda,
riuscir a donare voce al suo amore; non importa se non diventer famoso
come lartista cileno; Mario imparer da Pablo la sua lezione pi importante:
70

046_093_Schede film_O.indd 70 22/02/11 18:17


F Film Vo l u m e 2 U 7 L a p o e s i a

non bisogna vergognarsi dei propri sentimenti, a volte, anzi, bello condivi-
derli con altre persone e la poesia pu compiere il miracolo.

Perch Il film, interpretato da Massimo Troisi e Philippe Noiret, tratto dal roman-
questo film zo di Antonio Skrmeta Il postino di Neruda. La pellicola ottenne cinque
nomination per lOscar, ma si aggiudic una sola statuetta, per la migliore
colonna sonora. Il postino, tra laltro, considerato come il testamento
artistico dellattore napoletano, il quale mor poche ore dopo aver terminato
le riprese del film.
Lopera racconta la storia dellamicizia che nasce tra due persone, molto
diverse tra loro per storia e per cultura, oltre che per nazionalit. Da una par-
te Mario Ruoppolo, timido e sensibile, dolce e malinconico, che vede davanti
a s un futuro da pescatore, anche se questa prospettiva non lo attrae affatto.
Laltro protagonista, invece, il poeta Neruda: i suoi ammiratori lo accolgo-
no come una star; ma gli abitanti dellisola lo trattano a volte con timorosa
circospezione, non si fidano di una persona che conosciuta per i versi che
compone e vive scrivendo libri.
Tra Mario e Pablo, in apparenza, si stende un abisso. Il postino napoletano,
allinizio, ha un rapporto puramente formale con il poeta sudamericano, si
limita a consegnargli la posta e a salutarlo con un mezzo sorriso. Pochi giorni
dopo il loro primo incontro, Mario ha con s una copia di una raccolta di poe-
sie pubblicata da Neruda e chiede al poeta di autografarla: lartista, per, scrive
una dedica che suona troppo generica. La distanza tra i due ancora evidente.
Sar la poesia a far nascere tra i due unamicizia intensa, fatta di parole
ma anche di silenzi. Mario, come tutti i suoi compaesani, ha sempre pensato
alla poesia come a un mondo distante da lui, fatto di studi e raffinatezze. La
poesia, secondo Mario, non materia per pescatori o per postini.
La magia delle parole fa irruzione nel mondo di Mario durante uno scam-
bio di battute con Neruda. Dimprovviso, il poeta nomina le metafore e le
similitudini; il postino, intimidito, chiede cosa sia una metafora. La risposta
del poeta luminosa: Le metafore, che dirti come quando parli di una
cosa paragonandola a unaltra. Per esempio? chiede Mario. Quando dici
che il cielo piange, che cosa vuol dire? Che sta piovendo. Questa una
metafora sentenzia Neruda, soddisfatto. Allora semplice conclude
Mario Perch ha questo nome complicato?
Il film, con le sue panoramiche su incantevoli scorci naturali, insegna
che la poesia non fatta per restare sigillata tra le pagine dei libri, fatta
per vivere. Se ne accorge Mario, quando incontra Beatrice e capisce che la
donna della sua vita. Per lui il nome stesso della ragazza gi poesia. Neruda
un giorno gli chiede quali siano le principali bellezze dellisola; lui risponde
sicuro: Beatrice Russo.
Donna Rosa, zia di Beatrice, non vede di buon occhio il rapporto tra la nipote
e Mario. Quando legge il testo di una poesia di Neruda che Mario ha copiato per
Beatrice, crede che sia rivolta proprio alla ragazza. Nei versi che Pablo ha dedica-
to alla moglie, lanziana intravede la precisa descrizione di Beatrice. Anche Don-
na Rosa, a modo suo, rimasta vittima dellincanto che le metafore sanno creare.
La poesia una forma di linguaggio universale e pu parlare al cuore di
tutti o, almeno, al cuore di chi non si vergogna di cercare la bellezza.
71

046_093_Schede film_O.indd 71 22/02/11 18:17


F Film Vo l u m e 2 U 7 L a p o e s i a

Scheda di comprensione
Contenuto e tema
1 Con quale pretesto Mario tenta di giustificare di fronte al padre il fatto che non gli piace uscire in barca per
pescare?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

2 In quale occasione Mario e gli altri abitanti dellisola vengono a sapere ufficialmente che presto giunger
Neruda?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

3 Neruda riceve tra laltro una lettera dalla Svezia: che cosa gli comunica?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

4 Come avviene il primo incontro tra Mario e Beatrice?


.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

5 Quale favore chiede Mario a Pablo Neruda, dopo aver conosciuto Beatrice?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

6 Che notizia annuncia Neruda al pranzo per il matrimonio di Mario e Beatrice?


.....................................................................................................................................................................................................................................................

7 Neruda spedisce allisola una lettera dal Cile, ma Mario e la sua famiglia restano delusi: perch?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

8 Mario e il telegrafista Giorgio decidono di spedire a Neruda un ricordo dellisola: quale?


.....................................................................................................................................................................................................................................................

Forma e tecnica
9 Come descritta labitazione in cui vivono Mario e suo padre? Come appare invece il piccolo paese sullisola?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

10 Gli autori prestano molta attenzione ai paesaggi naturali: in quali situazioni evidenziata la bellezza dei
luoghi?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

11 Cosa accade nellepilogo, cinque anni dopo?


.....................................................................................................................................................................................................................................................

Messaggio e valutazione
12 Vedi, Mario, io non so dire quello che hai letto con parole diverse da quelle che ho usato, quando la spie-
ghi, la poesia diventa banale. Meglio di ogni spiegazione, lesperienza diretta delle emozioni che pu sve-
lare la poesia a un animo predisposto a comprenderla. Cosa vuole dire Neruda al suo amico Mario, con
questo discorso?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

13 Come si diventa poeta chiede Mario a Pablo. Ecco la risposta del poeta: Prova a camminare lentamente
lungo la riva sino alla baia, guardando intorno a te. Cosa insegnano queste parole?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

72

046_093_Schede film_O.indd 72 22/02/11 18:17


F Film Vo l u m e 2 U15 I d i r i t t i d e l l a d o n n a

Sognando Beckham

TITOLO: Sognando Beckham


(originale: Bend it like Beckham)
ANNO DI USCITA: 2002
DURATA: 112 minuti
NAZIONE: Regno Unito / Germania
GENERE: commedia
REGIA: Gurinder Chadha
SCENEGGIATURA: Guljit Bindra, Gurinder Chadha,
Paul Mayeda Berges
CAST: Parminder Nagra (Jess Bhamra); Keira
Knightley (Jules Paxton); Jonathan Rhys
Meyers (Joe, lallenatore); Anupam Kher
(Mr. Bhamra, il padre di Jess)

La trama Jesminder, Jess per gli amici, ha una grande passione: il calcio. E un unico
idolo: David Beckham. Mentre gioca a pallone con alcuni amici, in un parco,
incontra Jules, una ragazza che fa parte di una squadra di calcio femminile.
Anche Jess entra nel team e si fa presto notare per la sua abilit con il pallone;
le compagne di gioco e lallenatore riconoscono il suo talento. Una partita pi
delicata attende Jess non su un campo di calcio, ma tre le pareti di casa: la fa-
miglia di Jess, pur vivendo da tempo in Inghilterra, di origini indiane. I suoi
genitori e tutti i parenti sono molto legati alle tradizioni e non concepiscono
che una ragazza pratichi unattivit sportiva di quel genere. Mamma e pap
pensano che dovrebbe dimenticare la sua passione per il calcio e impegnarsi
piuttosto a diventare una brava donna di casa: la protagonista, pur tra strata-
gemmi e qualche bugia, affronta il campionato della sua squadra senza dire
nulla ai genitori. Ma la partita finale, la pi importante di tutte, fissata per lo
stesso giorno delle nozze di sua sorella. Che fare? Da una parte la famiglia, i
parenti, le tradizioni; dallaltra, il sogno pi grande di tutta la vita

Perch Jess Bhamra una ragazza costretta a camminare su un filo delicato, teso
questo film tra due mondi. Da una parte le usanze, la cultura, le convinzioni della sua
famiglia, un sistema di valori tradizionali a cui i suoi genitori ritengono di
doversi attere fedelmente. Jess, per, sente dentro di s anche il richiamo di
una passione profonda, sincera, la consapevolezza di un talento che vorreb-
be esprimere liberamente. Questi due mondi appaiono tra loro inconcilia-
bili, ma Jess non vuole essere costretta a scegliere tra la famiglia e il calcio. I
suoi problemi sono gli stessi di moltissime ragazze in tutto il mondo, donne
che ogni giorno devono scontrarsi con antichi pregiudizi e sono considerate
pericolose soltanto perch esprimono le loro idee.
73

046_093_Schede film_O.indd 73 22/02/11 18:17


F Film Vo l u m e 2 U15 I d i r i t t i d e l l a d o n n a

Sognando Beckham racconta con leggerezza e ironia la storia di una


ragazza che non accetta di rivestire un ruolo che le viene imposto, per non
vuole scontrarsi con i genitori. Alla fine, sceglier di essere sincera con loro:
non rinuncer alla famiglia, alle sue origini, ma non dir addio nemmeno al
suo talento. Soltanto cos sar libera di sognare.

Il tema La protagonista del film, Jess Bhamra, vive ogni giorno sulla sua pelle la difficolt
di conciliare tra loro due modelli culturali differenti, ai suoi coetanei inglesi
spesso concessa ogni libert di scelta; per lei, invece, i genitori vorrebbero una
vita votata alla casa e al matrimonio, lontana dai campi da gioco. Il problema,
per, non dipende soltanto dalle differenti culture di origine. Con raffinata iro-
nia, infatti, gli autori del film mostrano come anche alcuni ragazzi inglesi, di cul-
tura occidentale, hanno qualche difficolt nei rapporti con i genitori. La madre di
Jules, lamica di Jess, ripete sempre alla figlia che dovrebbe vestirsi in modo pi
femminile, dovrebbe trovarsi un ragazzo e sposarsi al pi presto. Anche il loro
allenatore ha litigato con il padre e, da tempo, non parla pi con lui.
Per Jess, per, tutto pi complicato. Lavversione della sua famiglia per il
mondo del calcio motivata dallappartenenza a una precisa concezione della
societ. Il destino della protagonista, agli occhi della famiglia, segnato: Jess
deve sposare un ragazzo indiano e dedicarsi a lui. Con il suo carattere allegro e
sensibile, la protagonista a volte si sente spaesata. Confronta serenamente il mo-
dello culturale della sua famiglia con quello delle sue compagne di squadra. Ma
il compromesso sembra impossibile. Devo scegliere fra tradire la squadra si
sfoga Jess con lallenatore e fare arrabbiare i miei e io non voglio fare del male a
nessuno. Vogliono proteggermi: il calcio mi allontana dal loro mondo.
Sognando Beckham comunque una commedia e presenta spesso situazio-
ni divertenti, equivoci e battute spiritose. Per offre anche numerosi spunti di ri-
flessione. Soprattutto sul tema della donna e del suo ruolo allinterno della societ.
Un esempio. Alla festa di fidanzamento di Pinky, la sorella di Jess, con un
ragazzo indiano, partecipano i parenti delle rispettive famiglie. Durante il ri-
cevimento trilla la suoneria di un telefono cellulare: tutti gli invitati (compre-
se molte donne anziane) estraggono da tasche e borsette il loro telefonino.
Tutti possiedono uno dei simboli della tecnologia occidentale. Ma un atto
soltanto esteriore, di superficie; quando discutono tra loro, infatti, mostrano
di essere ancora legati a schemi tradizionali.
Jess attraversa momenti non facili, frastornata da voci spesso dissonanti.
Rivela i suoi problemi a Joe, lallenatore della squadra. Il ragazzo le risponde,
secco: Capisco le tue difficolt, ma non sempre i genitori hanno ragione.
La protagonista gioca molte partite senza dire nulla ai suoi; eppure sa che
non potr mentire allinfinito, non solo per i continui sotterfugi cui deve ricor-
rere, ma perch vuole che i suoi genitori sappiano e le diano il loro consenso.
Il dilemma raggiunge il culmine proprio al matrimonio di sua sorella. Nello
stesso giorno, infatti, si disputa la finale di campionato. Jess sceglie di partecipare
alla festa, di stare con i parenti. Il padre si accorge della sua profonda tristezza,
prende da parte la figlia e le fa un breve discorso Pinky felice e tu sembra che
stia al funerale di tuo padre. Se lunico modo di vederti sorridere al matrimonio
di tua sorella, allora vai a giocare. Ma quando torni qui, voglio vederti felice. E
gioca bene, mi raccomando. Luomo, poi, parler alla moglie e anche lei per-
metter alla figlia di seguire la sua strada. La sincerit, a volte, pu fare miracoli.
74

046_093_Schede film_O.indd 74 22/02/11 18:17


F Film Vo l u m e 2 U15 I d i r i t t i d e l l a d o n n a

Scheda di comprensione
Contenuto e tema
1 A quale attivit si dedica la sorella di Jess nel pomeriggio che precede la sua festa di fidanzamento? Jess
entusiasta di accompagnarla?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

2 Perch Jess, al primo allenamento ufficiale, esita a entrare in campo?


.....................................................................................................................................................................................................................................................

3 Con quale stratagemma Jess prosegue gli allenamenti e gioca le partite senza che la madre lo sappia?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

4 Un giorno, rientrando a casa, Jess trova i suoi genitori arrabbiati con lei e sua sorella in lacrime. Che cosa
pensano che abbia fatto Jess?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

5 In quale paese estero Jess si reca con la sua squadra senza dirlo ai suoi genitori? Come la scopre suo padre?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

6 Che cosa accade durante la partita a cui assiste anche il padre di Jess?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

7 Quale atteggiamento assumono il padre e la madre di Jules (lamica di Jess) nei confronti della figlia?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

Forma e tecnica
8 La passione per il calcio che anima la protagonista gi al centro della scena iniziale: come si apre infatti
il film?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

9 Come strutturato il racconto della cerimonia nuziale della sorella di Jess?


.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

Messaggio e valutazione
10 Come si comporta Jess nei confronti dei suoi coetanei? Quale rapporto si instaura tra lei e lallenatore?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

11 Qual latteggiamento dei genitori e della sorella di Jess verso di lei?


.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

12 Io non voglio che Jess debba soffrire, non voglio che faccia lo stesso sbaglio che ha fatto suo padre, di su-
bire la vita, subire senza reagire. Io voglio che combatta e voglio che vinca, perch lho vista giocare ed
bravissima. Io dico che nessuno ha il diritto di fermarla. Sono le parole che il signor Bhamra, il padre di
Jess, rivolge alla sua famiglia. Come interpreti il suo discorso?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

75

046_093_Schede film_O.indd 75 22/02/11 18:17


F Film Vo l u m e 2 U18 V i v e r e l a s t o r i a

Mission

TITOLO: Mission (originale: The mission)


ANNO DI USCITA: 1986
DURATA: 125 minuti
NAZIONE: Regno Unito
GENERE: storico / drammatico
REGIA: Roland Joff
SCENEGGIATURA: Robert Bolt
CAST: Jeremy Irons (padre Gabriel); Robert De Niro
(Rodrigo Mendoza); Liam Neeson (padre
Fielding); Ray McAnally (cardinale Altamirano)

La trama Sud America, met del XVIII secolo. Un coraggioso sacerdote, che appartie-
ne allordine dei gesuiti, raggiunge un insediamento di Indios. Questi uo-
mini vivono nel cuore della foresta, in una zona impervia, molto difficile
da raggiungere. Padre Gabriel conquista la fiducia degli indigeni, rispetta
le loro usanze ma al tempo stesso conduce i loro passi sulla via della fede
cristiana: linsediamento degli Indios diventer la missione San Carlos. Qui
giunge anche Rodrigo Mendoza: era uno spietato mercenario, un trafficante
di schiavi, ma dopo aver commesso un terribile omicidio, travolto dal ri-
morso, ha abbracciato la fede. La vita nelle missioni procede in tranquillit
e armonia, ma il sogno di una pacifica convivenza si scontra presto con la
politica e con la voracit dei colonizzatori portoghesi e spagnoli. In Europa,
i sovrani hanno deciso di modificare la distribuzione dei loro possedimenti
in Sud America e le missioni dei gesuiti possono essere un ostacolo ai loro
disegni. La Chiesa di Roma manda sul posto il cardinale Altamirano: il suo
compito evitare ogni conflitto. Il prelato vedr con i suoi occhi la bellezza
delle missioni, ma la sua decisione sar spietata.

Perch Storia, passioni, fede, drammi umani e ragioni politiche si fondono in questo
questo film film che affronta un tema scottante della storia mondiale: la colonizzazione
del continente sudamericano da parte di alcune potenze europee. Un messag-
gio, allinizio, chiarisce che il film fa riferimento a eventi realmente accaduti,
nel 1750, nei territori di confine tra lArgentina, il Paraguay e il Brasile. Le
vicende personali dei protagonisti si intrecciano con alcuni tristi episodi del
colonialismo, che spesso si tradusse nella riduzione in schiavit degli Indios.
Lopera mette in risalto anche i risvolti ambigui e sanguinosi che caratterizza-
vano lequilibrio tra le monarchie europee: alcuni Stati, spesso, non esitavano
a esportare nelle colonie i conflitti che infuocavano il continente. E a rimanere
privi di vita, sul campo di battaglia, erano anche gli indigeni. Il cuore del film,
76

046_093_Schede film_O.indd 76 22/02/11 18:17


F Film Vo l u m e 2 U18 V i v e r e l a s t o r i a

per, dedicato alla passione e al sacrificio di alcuni religiosi che hanno cre-
duto con ogni forza negli ideali della pace, della tolleranza e del rispetto. Il loro
progetto stato ucciso, ma il loro esempio vivr per sempre.

Il tema la voce del cardinale Altamirano a ricostruire la drammatica serie di eventi


che si consumata in un angolo del mondo cos lontano dallEuropa e al tem-
po stesso cos vicino agli interessi dei sovrani. Il cardinale, nella costruzione
narrativa, detta a un altro religioso una lettera destinata al Papa: pertanto, tutti
i fatti raccontati nella missiva sono gi accaduti. Il film strutturato come un
lungo flashback. Altamirano stato inviato dal Pontefice a verificare sul cam-
po la situazione e le condizioni di vita nelle missioni dei gesuiti, sui territori
delle colonie spagnole e portoghesi. Ha visto con i suoi occhi la serenit degli
Indios, ha constatato di persona la bont della loro fede, ma conosce anche le
trame e i sotterfugi che si muovono nelle corti dEuropa.
Santit esordisce la sua lettera la trascurabile questione che mi ha
portato allestremo limite della vostra luce sulla Terra risolta e gli Indios
sono ancora una volta liberi di essere fatti schiavi dai colonizzatori spagnoli
e portoghesi. Si rende conto di essere stato troppo brusco o, forse, di aver
detto la verit senza troppi giri di parole. Allora ricomincia da capo e detta
unaltra versione del messaggio. Santit riprende a dettare Altamirano
vi scrivo in questo anno di grazie 1758 dal continente dellAmerica meridio-
nale e precisamente dalla Asuncin, a due settimane di marcia dalla grande
missione di San Miguel. Queste missioni prosegue il cardinale offrivano
agli Indios un rifugio contro le feroci razzie dei colonizzatori e per queste
ragioni le missioni stesse si sono attirate grandi risentimenti.
Le parole, poi, cedono il passo al ricordo, alle immagini, ai passi di un ma-
nipolo di sacerdoti che ha affrontato ostacoli e avversit di ogni tipo per stare
accanto agli Indios. Religiosi che, per portare la loro fede nel profondo della
giungla, hanno messo da parte lorgoglio, la presunzione e hanno aperto il cuore
alla tolleranza e alla comprensione. Anche i sacerdoti hanno le loro debolezze e
affrontano quotidianamente la loro umana fragilit: emblematico il caso di Ro-
drigo, che prima di vestire labito sacerdotale era un mercante di esseri umani.
Come avrebbero potuto immaginare quegli Indios si interroga il car-
dinale, dopo aver ricordato luccisione di un missionario proprio a opera de-
gli indigeni che come conseguenza delloscura morte di quel prete avreb-
bero visto giungere un uomo la cui vita si sarebbe indissolubilmente legata
alla loro?
Nemmeno il cardinale, per, ha potuto evitare il peggio. Non riuscito a
impedire che i fucili dei soldati tuonassero e che le armi riducessero in cenere il
progetto dei missionari. Per questo appare ancora pi drammatico il contrasto
tra le sequenze che descrivono la vita degli Indios nelle missioni e il cinismo dei
colonizzatori, pronti ad autorizzare ogni violenza pur di rafforzare il dominio.
La Storia basata indiscutibilmente sullo studio dei documenti e sullanalisi
delle testimonianze: questa rimane una fase fondamentale, altrimenti i fatti ce-
dono il posto alle leggende e alle ricostruzioni fantasiose. Ma la Storia vive anche
nella passione di chi ha dato tutto, compresa la vita, per gli ideali in cui ha credu-
to, come i missionari, che hanno pagato con il loro sangue la dignit che avevano
donato agli Indios, e gli Indios stessi, vittime innocenti di una politica crudele.
77

046_093_Schede film_O.indd 77 22/02/11 18:17


F Film Vo l u m e 2 U18 V i v e r e l a s t o r i a

Scheda di comprensione
Contenuto e tema
1 Quale percorso segue padre Gabriel per raggiungere linsediamento degli Indios? Come entra in contatto
con loro?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

2 Qual il destino degli Indios rapiti da Mendoza?


.....................................................................................................................................................................................................................................................

3 Per quale motivo Rodrigo Mendoza uccide suo fratello Felipe?


.....................................................................................................................................................................................................................................................

4 A che tipo di penitenza si sottopone Mendoza, per espiare la sua colpa?


.....................................................................................................................................................................................................................................................

5 Il cardinale Altamirano (la voce narrante del film) raggiunge il Sud America con un complesso obiettivo po-
litico: quale?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

6 Che impressione riceve il cardinale Altamirano dalla sua visita alla missione San Miguel? Come viene accolto?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

7 Che cosa chiede il cardinale agli Indios, al termine della sua visita? Come reagiscono gli indigeni?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

8 Quali azioni compiono i missionari gesuiti, mentre attendono larrivo dei soldati europei?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

Forma e tecnica
9 Quali aspetti nella vita dei Guarany sono evidenziati nel film? Come essi si comportano verso gli stranieri?
Cita qualche sequenza.
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

10 Il successo di Mission legato anche alla suggestiva colonna sonora, firmata da Ennio Morricone. In qua-
li occasioni, secondo te, la musica rende pi commoventi o drammatiche alcune scene?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

Messaggio e valutazione
11 Come si modifica nel corso della storia il rapporto tra Mendoza e padre Gabriel?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

12 Io vi ringrazio per avermi preso qui con voi confessa Mendoza ai gesuiti, seduti a tavola con lui alla mis-
sione. Ringrazia i Guarany la riposta di padre Gabriel. Che cosa vogliono dire, entrambi, con questo
scambio di battute?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

78

046_093_Schede film_O.indd 78 22/02/11 18:17


F Film Vo l u m e 3 U 3 I l r o m a n z o s t o r i c o

Oliver Twist

TITOLO: Oliver Twist (originale: id.)


ANNO DI USCITA: 2005
DURATA: 125 minuti
NAZIONE: Gran Bretagna / Repubblica Ceca / Italia /
Francia
GENERE: drammatico
REGIA: Roman Polanski
SCENEGGIATURA: Ronald Harwood, basata sul romanzo
di Charles Dickens
CAST: Barney Clark (Oliver Twist); Ben Kingsley
(Fagin); Leanne Rowe (Nancy); Jamie
Foreman (William Sykes, Bill); Edward
Hardwicke (signor Brownlow)

La trama Nel giorno del suo nono compleanno, Oliver Twist condotto in un orfa-
notrofio. Qui, insieme con altre centinaia di bambini, condivide lunghe ore
di lavoro, in cambio di una scodella di cibo. Presto, per, il piccolo allon-
tanato dalla struttura; riesce a evitare il terribile lavoro di spazzacamino;
assunto come garzone in una bottega di pompe funebri. Stanco di offese e
umiliazioni, Oliver fugge a Londra; ma lo attendono momenti difficili. Nella
grande citt, smarrito e ingenuo, incontra il vecchio Fagin: un personaggio
dallaspetto grottesco, apparentemente gentile, che in realt un delinquente
e costringe i bambini a commettere furti. Al piccolo orfano non resta che ras-
segnarsi, imparare a rubare come tutti gli altri ragazzini che vivono nella sua
casa. Durante un tentativo di furto, per, il piccolo orfano incontra un uomo
comprensivo, dal carattere buono, che si prende cura di lui. Sembrerebbe
linizio di una nuova vita, ma Fagin e il suo complice Bill non hanno alcuna
intenzione di lasciare libero Oliver

Perch Il film, cos come lomonimo romanzo di Charles Dickens da cui tratto,
questo film ambientato nella Londra del XIX secolo. Il protagonista vive in prima perso-
na le gravi contraddizioni della societ, in unepoca segnata dal processo di
industrializzazione. Oliver subisce legoismo e la malvagit di chi vuole sol-
tanto approfittarsi degli altri e non esita nemmeno a sfruttare i bambini pur
di arricchirsi; il giovane protagonista incontrer sulla sua strada molti adulti
apparentemente generosi, ma pronti a punirlo e minacciarlo al minimo se-
gno di insubordinazione. Il piccolo orfano, per, ricever anche compren-
sione da parte di alcune persone. Sar proprio grazie a loro che Oliver Twist
non perder la sua innocenza, la sua fiducia nel prossimo. Sar grazie a chi
non lha giudicato soltanto in base alle apparenze che Oliver sar finalmente
79

046_093_Schede film_O.indd 79 22/02/11 18:17


F Film Vo l u m e 3 U 3 I l r o m a n z o s t o r i c o

sereno. Nonostante i fatti si svolgano quasi due secoli fa, questa storia contie-
ne un messaggio ancora profondamente attuale: ogni bambino ha il diritto di
essere felice, ma perch questo avvenga, deve crescere in una societ giusta,
che non sia dominata sempre e soltanto dallarroganza e dallavidit.

Il genere Nel corso dell800, sia in Inghilterra che nel resto dEuropa, ebbero molto
successo i romanzi sociali e i cosiddetti romanzi di formazione. Si tratta
di storie in cui le avventure dei protagonisti si intrecciano profondamente
con la realt dellepoca. Sullo sfondo di vicende storiche realmente accadute
sono sviluppate storie dal forte impatto emotivo, rese ancora pi significative
dagli evidenti risvolti sociali. Oliver Twist, in questo senso, non pi soltan-
to un bambino con la sua storia particolare, ma diviene simbolo di unintera
collettivit, di un mondo che, ieri come oggi, troppo spesso non sa rispettare
linfanzia, anzi, la stritola nella morsa della sofferenza e dellinfelicit. La sua
storia simile a quella di innumerevoli altri ragazzini, che hanno vissuto i
suoi stessi problemi, hanno subto le stesse ingiustizie. Ma tutti i personaggi
della storia rappresentano precise categorie di esseri umani. Basti pensare
allastuto Fagin, che prima si conquista la fiducia dei ragazzini con i suoi
modi affabili e poi li obbliga a compiere atti da delinquenti; oppure a Bill,
brusco e rancoroso con tutti, che pensa soltanto al proprio interesse.
I personaggi che circondano il piccolo orfano lo giudicano in modo molto
severo. Si comportano con lui come se fosse un bambino pericoloso; temo-
no che, se solo si dimostrassero umani, lui darebbe sfogo a comportamenti
negativi. Molti, addirittura, gli dicono che presto finir sulla forca. Quando
Oliver si unisce alla famiglia di un impresario di pompe funebri, deve subire
la rabbiosa diffidenza della moglie del titolare e, soprattutto, le offese di un
ragazzino poco pi grande. Questultimo si rivolge a Oliver chiamandolo
ospizio; un giorno, riferendosi alla madre del protagonista, dice che era
una poco di buono. Lorfano, stanco di essere umiliato, si ribella e aggredi-
sce il ragazzo. Tutti, per, saranno pronti a punire Oliver e a infliggergli un
severo castigo. trattato come un criminale: a renderlo colpevole, agli occhi
degli altri, la sua stessa condizione di orfano e di povero.
A Oliver Twist non resta che scappare. Lasciarsi alle spalle un mondo popo-
lato da gente che giudica senza sapere e condanna senza capire. Il viaggio segno
di passaggio, di cambiamento e anche di maturazione. Il giovane protagonista
percorre 70 miglia a piedi, la distanza che lo separa da Londra. Anche la capitale
mostrer allorfano il suo volto pi ipocrita, pi torbido, un volto come quello di
Fagin, un vecchio furfante che si presenta come un benefattore; lo accoglie nella
sua casa, lo illude di volerlo aiutare. Nellabitazione di Fagin vivono anche altri
bambini. Le buone maniere di Oliver sono per loro motivo di scherzo. Sono tutti
piccoli ladri: stato Fagin a insegnare loro come rubare. Anche il protagonista,
suo malgrado, impara a infilare le mani nelle tasche della gente.
Ma Oliver buono; anche se cammina per vie gremite di gente incattivita,
non perder mai la sua innata purezza danimo. costretto a introdursi, di notte,
nella villa di un uomo che si era preso cura di lui: lo aveva sottratto a un pro-
cesso ingiusto e lo aveva ospitato proprio in quellabitazione che lui dovrebbe
svaligiare. Il protagonista, per, non ha perso il suo coraggio e il suo desiderio di
vivere con la coscienza pulita. Qualcuno sar ucciso, proprio per averlo aiutato.
E Oliver Twist scoprir che nessuno, al mondo, mai davvero solo.
80

046_093_Schede film_O.indd 80 22/02/11 18:17


F Film Vo l u m e 3 U 3 I l r o m a n z o s t o r i c o

Scheda di comprensione
Contenuto e tema
1 Per quale motivo Oliver Twist allontanato dallorfanotrofio?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

2 Come accolto, il primo giorno, dalla famiglia Sowerberry, che si occupa di servizi funebri?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

3 Che cosa contiene lo scrigno che Fagin tiene nascosto in una botola sotto il pavimento, nella sua abitazione?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

4 Quando Oliver partecipa al suo primo colpo, fuori da una libreria, inseguito e catturato. Come si svolge
ludienza, di fronte al magistrato?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

5 In che modo il signor Brownlow dimostra concretamente la sua fiducia a Oliver?


.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

6 Qual il piano di Bill e del suo complice Toby, per introdursi nella casa di Brownlow? Che cosa accade a
Bill, mentre abbandonano la villa?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

7 Come agisce Nancy, per proteggere Oliver?


.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

8 Che cosa fa Oliver, al termine del film, prima di salire sulla carrozza e allontanarsi verso la sua nuova vita?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

Forma e tecnica
9 Come sono rappresentati il villaggio in cui sorge lorfanotrofio e, in seguito, Londra? Come appare la citt,
di notte?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

10 Quali elementi caratterizzano la residenza di Brownlow e il quartiere di Pentonville, in cui sorge labitazione?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

Messaggio e valutazione
11 Fagin assume verso Oliver atteggiamenti profondamente contraddittori, a seconda delle situazioni in cui
coinvolto. Sapresti citare alcuni esempi?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

12 Non posso, non posso Non costringetemi a derubare lui, abbiate piet! Con queste parole Oliver Twist
implora Bill e Toby, prima che lo costringano a entrare nella casa di Brownlow. Perch il protagonista parla
in questo modo?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

81

046_093_Schede film_O.indd 81 22/02/11 18:17


F Film Vo l u m e 3 U 4 I l r o m a n z o d i f o r m a z i o n e

Il giardino segreto

TITOLO: Il giardino segreto


(originale: The secret garden)
ANNO DI USCITA: 1993
DURATA: 101 minuti
NAZIONE: USA / Gran Bretagna
GENERE: drammatico
REGIA: Agnieszka Holland
SCENEGGIATURA: Caroline Thompson, basata sul romanzo di
Frances Hodgson Burnett
CAST: Kate Maberly (Mary Lennox); Maggie Smith
(signora Medlock); Laura Crossley (Martha);
Anrew Knott (Dickon); Heydon Prowse
(Colin Craven)

La trama Mary Lennox ha appena dieci anni quando perde i suoi genitori: un terribile
terremoto si abbatte sullIndia, il Paese dove cresciuta, e soltanto lei soprav-
vive alla devastazione della sua residenza. Mary raggiunge lInghilterra insieme
con altri orfani del terremoto. Al porto attesa dalla governante della tenuta
dove abita suo zio e dove anche lei dovr vivere; la donna ha modi bruschi e
severi, anticipa a Mary che lo zio, Lord Craven, la incontrer raramente. Mary
vive con disagio i suoi primi giorni nel castello inglese, sola in un ambiente
cupo; un giorno, per, oltre il parco scopre un giardino che era stato chiuso
molti anni prima. Nessuno vi ha mai messo piede da parecchio tempo. Du-
rante le sue solitarie esplorazioni, Mary incontra un amico, Dickon, il fratello
pi piccolo della cameriera che si prende cura di lei, e in una stanza scura del
castello incontra anche Colin, il figlio di Lord Craven: un ragazzino triste
e rassegnato, che trascorre i suoi giorni steso in un letto, ritenendo di essere
molto malato, quasi in punto di morte. Mary confida a Colin il segreto del
giardino. Un luogo che pu compiere prodigi dolci e inaspettati

Perch Con i toni delicati di una favola e i tratti realistici di un dramma emotivo,
questo film questo film racconta una storia di profondi cambiamenti. Tutti i personaggi
coinvolti nella vicenda vivono con intensit i mutamenti che avvengono nel
loro carattere, nel modo di affrontare le persone e nel modo stesso di assapora-
re la vita. Mary inizialmente una bambina dallo sguardo triste e scoraggiato:
anche il suo rapporto con i genitori, prima del dramma che li porter via per
sempre, appare compromesso. Poi, per, inizier per lei una nuova stagione.
La scoperta del giardino assume nel film il valore simbolico della maturazione,
della crescita, dellapertura agli altri: la primavera del giardino diventa anche
quella dellanima. Sar un effetto a catena: il sorriso di Mary getter una nuova
82

046_093_Schede film_O.indd 82 22/02/11 18:17


F Film Vo l u m e 3 U 4 I l r o m a n z o d i f o r m a z i o n e

luce anche sul volto di Colin. Il figlio di Lord Craven, dunque anche il cugino
di Mary, ha conosciuto soltanto la paura e la malinconia, ma anche per lui
giunger la primavera. Nessuno sar escluso da questa fioritura del cuore.

Il genere La voce fuori campo della protagonista accompagna lo spettatore nei mo-
menti pi delicati del film. Gi allinizio la protagonista si presenta e dalle
sue parole emerge una tangibile ostilit nei confronti del mondo e delle per-
sone che la circondano.
Mi chiamo Mary Lennox, sono nata in India. Era un paese caldo, un paese
strano e solitario lIndia, non mi piaceva. Lunica che si occupava di me era la
mia cameriera. I miei genitori non mi volevano. A mia madre interessavano solo
i ricevimenti e mio padre pensava solo alla sua carriera militare. Ai ricevimenti
che organizzavano non mi permettevano di partecipare e io restavo a guardare
dalla finestra della camera di mia madre. Mi arrabbiavo, ma non piangevo mai:
io non sapevo piangere. Mary ha un rapporto difficile con le sue coetanee.
Gli adulti, dal canto loro, spesso rincarano la dose. Appena la signora Medlock
incontra Mary, non esita a distruggere subito ogni possibilit di instaurare un
dialogo sereno con lei. Che bambina cupa e silenziosa! afferma di fronte alla
bambina Bisogna dire che proprio bruttina; e pensare che sua madre era una
donna bellissima, sicuramente sua figlia non ha preso da lei.
Le premesse per il futuro della piccola Mary non sono certo rosee, eppure
questo film racconta la storia di un prodigio, di una specie di incantesimo. Il
giardino che Mary scopre assume un significato fondamentale: al tempo stesso
un luogo fisico, concreto e un luogo della mente, dei sentimenti, rappresenta il
cambiamento, levoluzione della personalit. Molte le sequenze che, anche grazie
alla toccante colonna sonora di Zbigniew Preisner, sottolineano questo valore.
Lopera presenta tutte le caratteristiche narrative del romanzo di forma-
zione, proprio perch pone al centro della trama la metamorfosi del carat-
tere e dei sentimenti che coinvolge tutti i personaggi, una trasformazione
che si concretizza anche attraverso momenti di inevitabile conflitto. Mary ha
un litigio drammatico con Colin Craven, suo cugino, un ragazzino infelice,
convinto di essere malato; proprio Mary, che era sempre stata scorbutica e
taciturna, accusa Colin di essere antipatico, troppo ossessionato da pensieri
di malattia e presagi di morte imminente. I cambiamenti avvenuti nel mondo
interiore di Mary si riflettono anche nella natura che la circonda: la rinascita
della ragazzina coincide con il sopraggiungere della primavera. Questa sta-
gione descritta da sequenze commoventi, che sottolineano lo sbocciare dei
fiori, il crescere dellerba nei prati, la rigenerazione della natura.
Questo film trasmette anche un insegnamento che riguarda la vita di tutti i
giorni. Ognuno di noi stringe rapporti e legami con le persone che ha intorno
e il nostro modo di comportarci influenza inevitabilmente le reazioni e latteg-
giamento degli altri. La serenit contagiosa, spesso si trasmette facilmente,
ma anche la nostra tristezza pu rendere scuri i giorni di chi ci vuole bene.
Mary riesce a portare una nuova armonia intorno a s, nessuno rimarr
insensibile.
A partire da Colin, che finalmente felice chieder a Mary: Sei tu che hai fatto
questa magia? No, sei stato tu sar la risposta della ragazzina. come nella
favola, replicher Colin indicando s stesso qui dentro ho tutto luniverso.
Un universo dove sforzarsi di portare la luce e i colori della primavera.
83

046_093_Schede film_O.indd 83 22/02/11 18:17


F Film Vo l u m e 3 U 4 I l r o m a n z o d i f o r m a z i o n e

Scheda di comprensione
Contenuto e tema
1 Come mai Mary sopravvive al terremoto che devasta la sua residenza in India?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

2 Quale spiacevole circostanza si verifica, appena Mary sbarca in Inghilterra?


.....................................................................................................................................................................................................................................................

3 In quale modo Martha scopre dove si trova la porta di ingresso al secondo giardino del castello? Perch il
giardino stato chiuso? Dov la chiave che apre la porta?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

4 Quale strana capacit possiede Dickon, il fratello pi piccolo di Martha? Quale segreto gli confida la bambina?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

5 Che cosa chiede Mary a Lord Craven, durante il loro primo incontro?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

6 In quale circostanza Colin Craven si alza in piedi per la prima volta?


.....................................................................................................................................................................................................................................................

7 Come si svolge il rito magico che i tre protagonisti mettono in scena nel giardino?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

Forma e tecnica
8 Come descritta la tenuta di Misselthwaite, sia allesterno che allinterno?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

9 Quali elementi, invece, sono evidenziati nel giardino segreto? In questo scenario ambientato anche un
sogno: quale?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

Messaggio e valutazione
10 Che tipo di rapporto ha la protagonista, almeno inizialmente, con gli adulti che le stanno accanto?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

11 Come avviene il primo incontro tra Mary e Colin? Che cosa scoprono, luno dellaltra, per rendersi conto di
essere simili?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

12 Come cambia, nel film, il carattere di Colin Craven?


.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

13 Scrivi una recensione del film, soffermandoti in particolare sul valore metaforico del giardino. Commenta
inoltre la frase che pronuncia nel finale Lord Craven: Ci hai ridato la voglia di vivere, Mary. Hai fatto una
cosa che credevo nessuno potesse fare.
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

84

046_093_Schede film_O.indd 84 22/02/11 18:17


F Film Vo l u m e 3 U 6 L a p o e s i a

Lattimo fuggente

TITOLO: Lattimo fuggente


(originale: Dead poets society)
ANNO DI USCITA: 1989
DURATA: 123 minuti
NAZIONE: USA
GENERE: drammatico
REGIA: Peter Weir
SCENEGGIATURA: Tom Schulman
CAST: Robin Williams (John Keating); Robert Sean
Leonard (Neil Perry); Ethan Hawke (Todd
Anderson); Gale Hansen (Charlie Dalton);
Josh Charles (Knox Overstreet)

La trama Sta per iniziare un nuovo semestre, alla Welton Academy, nel Vermont: qui
gli alunni devono imparare a rispettare le regole, eseguendo alla lettera gli
ordini dei loro insegnanti. Non ammessa alcuna trasgressione. il 1959:
il corso di letteratura sar tenuto dal professor Keating, al suo primo anno
in quella scuola. Keating usa i versi di celebri poeti per spiegare che la vita
breve e non pu essere sprecata. Insegna questo ai suoi alunni: che ognuno
deve decidere con la propria testa, deve trovare da solo il sentiero che con-
duce alla felicit. Le parole del professor Keating cambieranno nel profondo
la vita di alcuni dei suoi alunni. Todd, da sempre in lotta contro la propria
timidezza, tenter di comunicare anche agli altri le emozioni che prova; Neil,
invece, dovr confrontarsi con i genitori, che hanno gi deciso il suo futuro.
Gli studenti del professor Keating imparano presto la forza della poesia. For-
mano un gruppo, la Setta dei poeti estinti e si ritrovano, la notte, per reci-
tare celebri versi. Purtroppo, per, una tragedia sta per abbattersi sulla classe
del professore e Keating pagher in prima persona la colpa di aver insegnato
che i sogni non vanno dimenticati ma ascoltati.

Perch Le parole non hanno peso e, a volte, sembra che non lascino il segno, ma i ver-
questo film si dei grandi poeti possono aiutare a cogliere la bellezza del creato, soprattut-
to, aiutano a riconoscere le emozioni che si annidano nellanima di ciascuno.
Lattimo fuggente prima di tutto un film dedicato alla poesia, affronta con
passione e profondit il significato della cultura e lamore per larte. Non tutte
le poesie possono ugualmente entusiasmare il lettore: in tutte, per, qualcuno
ha racchiuso una parte di s. La letteratura, infatti, il coraggio di affidare alle
parole le proprie emozioni; la pagina su cui scritta una poesia uno spec-
chio, uno specchio di carta, in cui alcune persone si possono vedere per ci
che sono realmente. La poesia non solo studio, esercizio di stile: emozione.
85

046_093_Schede film_O.indd 85 22/02/11 18:17


F Film Vo l u m e 3 U 6 L a p o e s i a

Il mondo della letteratura non fatto di polvere e di ideali ormai superati, al


contrario: la cultura lunica vera chiave per affrontare il presente e, se neces-
sario, cambiarlo, perch la poesia permette davvero di vedere il mondo da una
prospettiva diversa. Lo dice anche il professor Keating.

Il genere A scuola si impara, si ride, ci si commuove. A volte si incontra lamore. Sicura-


mente, si cresce. Per questo, molti film e diverse serie televisive sono state am-
bientate tra le aule scolastiche, dove infinite storie di adolescenti, o di ragazzi
pi maturi, si intrecciano ogni giorno. Spesso, latmosfera della vita in classe
stata raccontata con il registro della comicit, della leggerezza: al centro della
narrazione sono collocate storie di litigi e incomprensioni, innamoramenti e
scene di gelosia. Il mondo dei professori a volte dipinto in modo quasi grotte-
sco. Nella cornice della commedia, gli insegnanti sono spesso nevrotici ed esa-
sperati, continuamente costretti a richiamare gli alunni, senza alcun risultato.
Nel film di Peter Weir, invece, la scuola il luogo dove nascono le idee, una
vera palestra per lo spirito, lanticamera della vita, dove i ragazzi imparano a guar-
darsi dentro e a mettere in discussione il mondo che li circonda. Proprio come fa
il professor Keating, quando invita i suoi studenti a leggere il saggio introduttivo
di un testo dedicato alla poesia, poich, secondo lui, quel testo non trasmette vero
entusiasmo, ordina ai ragazzi di eliminarlo dal libro, di strappare letteralmente le
pagine. La poesia non risponde a leggi prestabilite, risponde soltanto allo spirito.
lo stesso professor Keating, mentre in classe, a spiegare che cosa signi-
fica per lui la poesia. Confessa ai suoi studenti: Qualunque cosa si dice in
giro, parole e idee possono cambiare il mondo. Quello sguardo negli occhi di
Pitts aggiunge linsegnante, riferendosi a un alunno dice che la letteratura
dell800 non centra con le facolt di economia e di medicina, vero? Pu darsi.
E lei, Hopkins dice, voltandosi verso un altro studente daccordo con lui e
pensa: eh, s, dovremmo semplicemente studiare il professor Preacher, impa-
rare rima e metrica e preoccuparci di coltivare altre ambizioni. Ho un segreto
da confessarvi: avvicinatevi. I ragazzi sono un po titubanti, abituati soltanto
a restare immobili dietro i loro banchi. Avvicinatevi! ripete il professore. Si
accuccia tra due file di banchi e prende a parlare con un tono di voce pi bas-
so, come se stesse confidando un segreto. Non scriviamo e leggiamo poesie
perch carino. Noi leggiamo e scriviamo poesie perch siamo membri della
razza umana e la razza umana piena di passione. Medicina, legge, economia,
ingegneria sono nobili professioni, necessarie al nostro sostentamento, ma la
poesia, la bellezza, il romanticismo, lamore: sono queste le cose che ci tengono
in vita. Silenzio degli studenti e, nei loro occhi, immensa ammirazione per
quel professore cos diverso da tutti gli altri. Citando Walt Whitman: O me,
o vita, domande come questa mi perseguitano; infiniti cortei di infedeli, citt
gremite di stolti, che v di nuovo in tutto questo, o me, o vita? Risposta: Che
tu sei qui. Che la vita esiste. E lidentit. Che il potente spettacolo continua e
tu puoi contribuire con un verso. Il professore guarda profondamente negli
occhi alcuni studenti e ripete quelle parole cos suggestive. Che il potente
spettacolo continua e che tu puoi contribuire con un verso. Si rivolge a un
alunno e gli pone una domanda. Apparentemente strana, ma in realt molto
legata alle parole che ha appena pronunciato. Quale sar il tuo verso? Non
vero che le parole non contano o valgono meno dei fatti. Le parole sono la
voce delle idee e la poesia la voce delle idee libere.
86

046_093_Schede film_O.indd 86 22/02/11 18:17


F Film Vo l u m e 3 U 6 L a p o e s i a

Scheda di comprensione
Contenuto e tema
1 Con quale cerimonia si apre il semestre, alla Welton Academy?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

2 A quale attivit il padre di Neil Perry chiede al giovane di rinunciare, prima ancora che abbia inizio il seme-
stre? E che cosa gli impedir di fare, in seguito?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

3 Perch Todd Anderson, inizialmente, non intenzionato a partecipare al primo incontro notturno della Set-
ta dei poeti estinti? Che cosa gli propone Neil?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

4 Come si svolge la riunione tra i componenti della Setta?


.....................................................................................................................................................................................................................................................

5 Quale circostanza suscita la collera del professor Nolan, il preside? Come si comporta, in seguito allepisodio?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

6 A volte il professor Keating invita i suoi alunni a compiere gesti inconsueti, durante le sue lezioni. Quali ri-
cordi, oltre alla richiesta di strappare le pagine dellintroduzione del libro di poesia?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

Forma e tecnica
7 Quali aspetti sono particolarmente evidenziati, per descrivere la vita quotidiana nella scuola Welton?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

8 Come sono descritti i paesaggi naturali allesterno della scuola?


.....................................................................................................................................................................................................................................................

Messaggio e valutazione
9 Che tipo di rapporto esiste tra gli allievi e i loro genitori?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

10 Cogli la rosa quando il momento, ch il tempo, lo sai, vola e lo stesso fiore che sboccia oggi, domani ap-
passir. parte del testo della poesia che il professor Keating fa leggere a un alunno durante la sua prima
lezione. Che cosa intende dire?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

11 Come si comporta il professor Keating nei confronti del timido Todd Anderson?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

12 Come interpreti la scena con cui si conclude il film?


.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

87

046_093_Schede film_O.indd 87 22/02/11 18:17


F Film Vo l u m e 3 U15 L a m o n d i a l i t

All the invisible


children
TITOLO: All the invisible children
ANNO DI USCITA: 2005
DURATA: 120 minuti
NAZIONE: il film una produzione italiana; oltre che in
Italia, alcuni episodi sono stati girati in Burkina
Faso, a Brooklyn (New York, USA), a San Paolo
(Brasile), nella ex Jugoslavia e a Pechino (Cina)
GENERE: drammatico
REGIA il film diviso in sette episodi.
SCENEGGIATURA: 1) Tanza: scritto e diretto da Mehdi Charef;
2) Blue Gipsy: regia Emir Kusturica;
sceneggiatura di Stribor Kusturica;
3) Jesus children of America: regia di Spike Lee; sceneggiatura
di Cinque Lee e Joie Lee;
4) Bil e Joao: regia di Katia Lund; sceneggiatura di Katia Lund e Eduardo Tripa;
5) Jonathan: regia di Jordan e Ridley Scott; sceneggiatura di Jordan Scott;
6) Ciro: regia di Stefano Veneruso; sceneggiatura di Diego De Silva e Stefano
Veneruso;
7) Song Song e Little Cat: regia di John Woo; sceneggiatura di Li Qiang.
CAST: Adama Bila (Tanza); Uros Milovanovic (Uros); Hannah Hodson (Blanca); Andre Royo
(Sammy); Vera Fernandes (Bil); Francisco Anawake de Freitas (Joao); David Thewlis
(Jonathan); Daniele Vicorito (Ciro); Zhao ZiCun (Song Song); Qi RuYi (Little Cat)

La trama Tutti i cortometraggi raccontano la storia di bambini costretti ad affrontare


situazioni drammatiche: ogni episodio, per, si svolge in uno Stato diver-
so ed dedicato a specifici problemi. Tanza, il primo episodio, narra le
vicende di un bambino africano trasformato in soldato; il secondo, Blue
Gipsy, ricostruisce la vita di un bimbo slavo, dentro e fuori da un istituto
di correzione, cio un carcere per minorenni. Jesus children of America
dedicato a Blanca, una bambina che vive a New York e dai genitori, entrambi
tossicodipendenti, ha ereditato una terribile malattia, lAIDS; il quarto capi-
tolo, Bil e Joao, ambientato a San Paolo, in Brasile, dove due bambini
sopravvivono raccogliendo spazzatura per strada e rivendendola; nel quinto
racconto, Jonathan, un fotografo di guerra combatte contro le orrende vi-
sioni contenute nelle sue immagini. Ciro, protagonista del sesto capitolo,
un ragazzino napoletano, che ha imparato presto a rubare, a vendere la
merce ai ricettatori, ma non ha perso la nostalgia per il gioco. Lultimo corto-
metraggio, Song Song e Little Cat, ruota intorno alla storia di due bambine
cinesi: la prima vive in una casa meravigliosa e suona il pianoforte per la
madre, mentre laltra stata abbandonata alla nascita ed obbligata a vende-
re fiori sui marciapiedi; un giorno le due bimbe si incontrano e si guardano
88

046_093_Schede film_O.indd 88 22/02/11 18:17


F Film Vo l u m e 3 U15 L a m o n d i a l i t

negli occhi. Le due piccole sapranno riconoscersi: il destino, per loro, avr il
volto di una bambola e il profumo di una rosa.

Perch Sette racconti. Sette episodi. Sette storie di bambini. Sette angoli del mondo in
questo film cui linfanzia sfruttata da adulti senza scrupoli. Uomini per cui un bambino
non un bambino ma un piccolo lavoratore, un piccolo soldato, un piccolo
disperato da buttare in mezzo a una strada a chiedere lelemosina. Bambini che
non sanno ancora che cos la vita, ma sanno gi che cos la sofferenza, la ma-
lattia, la povert di chi non ha un bicchiere di latte da bere e una stanza dove
rifugiarsi. Molti di loro provano ugualmente a sorridere, trovano il coraggio di
affrontare ogni giorno una nuova sfida. Qualcuno di loro cede alla disperazio-
ne e non trattiene una lacrima. Altri si difendono sognando una vita diversa.
Sullo sfondo ci sono gli adulti, che a volte tendono una mano, si commuovo-
no, a volte restano indifferenti al loro pianto, perch per loro un bambino non
un bambino, ma soltanto una nuova vittima da sfruttare e umiliare, una
creatura che non esiste, perch nessuno la vuole vedere. Ma un mondo in cui
i bambini restano invisibili condannato a non avere un futuro.

Il tema I bambini, sul grande schermo, portano solitamente una naturale carica di
allegria e spensieratezza. Con la loro ingenuit, la loro spontanea esuberanza
riescono a sdrammatizzare anche situazioni complesse; con il loro sorriso di-
sarmante riportano la serenit dove si era insinuata lombra della malinconia.
I piccoli protagonisti di questo film, invece, a volte sono gi privi di spe-
ranze, si sentono stritolati in un meccanismo che non mostra alcuna via
duscita. Il loro mondo fatto di lacrime, incertezze e fatica. Purtroppo, a
molti adulti, fa comodo che questa situazione non cambi: traggono profitto
dalla paura dei piccoli, dalla loro sottomissione.
Tutti gli episodi sono accomunati dalla centralit dei bambini, con il loro
sguardo a volte innocente, spesso ferito. Il regista di ciascun episodio dipin-
ge una realt diversa, un differente dramma, senza la volont di commuovere
a tutti i costi, senza utilizzare il registro del patetico. Ogni autore utilizza il
linguaggio che gli proprio: in alcuni casi pi commovente e poetico, quasi
fiabesco, come accade in Song Song e Little Cat; in altre circostanze, pi
diretto e realistico, come in Jesus children of America. In alcuni episo-
di, come in Blue Gypsy, non mancano infine tocchi di umorismo. Diversi
capitoli hanno un finale aperto: lasciano cio allo spettatore spazi di libera
interpretazione, anche se il messaggio di ogni autore sempre chiaro.
Tutte le storie, comunque, raccontano uninfanzia negata, come quella del
piccolo Tanza, un bambino africano: ha gi visto morire i suoi amici, trucidati in
assurde guerriglie e ormai considerato il vecchio del suo gruppo di soldati.
Jonathan, un fotoreporter, riflette tra s, al termine dellepisodio che por-
ta il suo stesso nome: Ci sono bambini che non hanno mai conosciuto la
pace, ma hanno unenorme capacit di sopravvivenza e listinto di prendersi
cura luno dellaltro. Una volta ho letto: Lamicizia riesce a moltiplicare il
bene e a ripartire il male.
Questo film parla soprattutto di ragazzini che, nonostante tutto, non
hanno perso la forza di sorridere e il coraggio di sperare, sognando un mon-
do in cui non esistano pi bambini invisibili.
89

046_093_Schede film_O.indd 89 22/02/11 18:17


F Film Vo l u m e 3 U15 L a m o n d i a l i t

Scheda di comprensione
Contenuto e tema
1 Che cosa fa Tanza, una volta che si introdotto in unaula scolastica?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

2 Che lavoro vorrebbe svolgere Uros, una volta uscito dal riformatorio? Che cosa gli chiede di fare il padre?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

3 Che cosa chiede alla preside la madre di una compagna di scuola di Blanca?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

4 Quale rapporto esiste tra Joao e la piccola Bil? Come si guadagnano da vivere?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

5 Quale circostanza provoca sofferenza al fotografo Jonathan? Come tenta di sfuggire a questa situazione?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

6 Per quale motivo Ciro deve fuggire tra i vicoli di Napoli?


.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

7 In quale occasione si incontrano realmente le due piccole protagoniste dellepisodio Song Song e Little Cat?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

Forma e tecnica
8 In Blue Gypsy, che pure affronta una vicenda drammatica, il regista include episodi divertenti. Quali?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

9 In Song song e Little Cat inserito un delicato flashback. Come costruito?


.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

Messaggio e valutazione
10 Qui, se ci sai fare, te la canti e te la suoni, come ti pare e quanto ti piace e se vuoi ti fermi; l fuori, se ci
sai fare, non ti fanno smettere mai. Il bambino che pronuncia questa frase un compagno di Uros, prota-
gonista del secondo episodio, Blue Gipsy, che ha vissuto insieme con lui lesperienza del riformatorio. Co-
sa intende dire?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

11 Mi chiamo Blanca. Sono queste le uniche parole che pronuncia la ragazzina, alla sua prima seduta in un
centro per la salute dei giovani, dopo che tutti gli altri componenti del gruppo si sono presentati e hanno
raccontato brevemente la loro storia. Come interpreti questa frase?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

12 Quale, tra i cortometraggi di questo film, ti ha coinvolto con particolare intensit? Motiva la tua risposta.
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

90

046_093_Schede film_O.indd 90 22/02/11 18:17


F Film Vo l u m e 3 U16 L a l e g a l i t

Gomorra

TITOLO: Gomorra
ANNO DI USCITA: 2008
DURATA: 130 minuti
NAZIONE: Italia
GENERE: drammatico
REGIA: Matteo Garrone
SCENEGGIATURA: Matteo Garrone, Massimo Gaudioso, Roberto
Saviano, Maurizio Braucci, Ugo Chiti, Giani
Di Gregorio, basata sul libro di Roberto Saviano
CAST: Toni Servillo (Franco); Salvatore Abbruzzese
(Tot); Ciro Petrone (Ciro); Marco Macor
(Marco); Salvatore Cantalupo (Pasquale);
Gianfelice Imparato (Don Ciro)

La trama Quattro storie di ordinaria malavita si consumano nella periferia di Napoli, tra
immensi palazzoni, dominati dagli esponenti della camorra. Lotte di potere e
fame di denaro sono allorigine di una faida infinita tra i clan. Il film racconta
diverse storie, che si intrecciano tra loro, tra echi di spari e urla dalle strade.
Tot appena un ragazzino, eppure decide di entrare a far parte di un gruppo
criminale, senza calcolare le terribili conseguenze del suo gesto. Don Ciro,
con la sua aria dimessa e quasi anonima, mantiene i contatti con numerose
famiglie segnate dalla violenza della camorra. Pasquale un sarto, lavora per
lalta moda, ma costretto ad accettare condizioni di lavoro insostenibili, che
lo condurranno ad ambienti poco limpidi. Franco ha laria di un manager, ma
in realt gestisce unattivit molto pericolosa, accanto a lui lavora Roberto, un
ragazzo che desiderava per s un impiego onesto. Ciro e Marco sono due cani
sciolti: ingenui e incoscienti, pensano di potersi imporre negli ambienti della
malavita senza la protezione di qualche capoclan. Tutti i personaggi dovranno
fare i conti con una realt spietata, in cui non esistono sentimenti ma soltanto
debiti da saldare. Qualcuno perder la vita in questa guerra strisciante. Qual-
cuno avr il coraggio di dire no e costruirsi una nuova vita.

Perch Il film di Matteo Garrone tratto dallomonimo libro, scritto da Roberto


questo film Saviano. Lopera un viaggio nel mondo della delinquenza, dove la legge
dello Stato non esiste pi ed sostituita dagli ordini di camorristi arroganti
e violenti. Giovani, donne, anziani, perfino bambini: tutti possono dare il
loro contributo alla malavita. Restare fuori non facile: tentare di non essere
coinvolti gi una colpa, un rifiuto che pu essere pagato con la morte. Le
forze dellordine non sono assenti, ma la capacit dei camorristi di arruolare
nuovi affiliati sconcertante. In cambio di soldi, di moltissimi soldi, i de-
91

046_093_Schede film_O.indd 91 22/02/11 18:17


F Film Vo l u m e 3 U16 L a l e g a l i t

linquenti trovano sempre qualcuno disposto a lavorare per loro. In questo


quadro che sembra senza speranza, non manca un raggio di luce. Lavorare
onestamente possibile. La legalit non scomparsa.

Il tema Il film ha inizio con una sequenza esplicita: un vero e proprio massacro che
avviene allinterno di un centro abbronzatura. Impossibile ricostruire chi sia-
no gli autori della strage e quali i motivi che li abbiano indotti a compiere
un gesto cos orrendo. Questo, per, proprio il messaggio agghiacciante
che vuole trasmettere il regista, gi in apertura: quando non esistono pi
le regole, quando vige soltanto la legge del pi forte, allora ogni violenza
possibile. Le persone che restano prive di vita, uccise a sangue freddo mentre
si abbronzavano davanti alle lampade avranno forse trasgredito a qualche
ordine ricevuto da un malavitoso o forse avranno tradito, saranno cio
passati al servizio di un capocosca differente da quello che avevano servito
fino a quel momento. Si muore per questo e anche per molto meno, quando
a comandare non pi la legge ma la paura di essere uccisi.
Il film mostra la vita quotidiana in alcuni quartieri del capoluogo campano.
Ovviamente la pellicola non intende formulare accuse generalizzate a unintera
citt o colpevolizzare tutta la popolazione di Napoli. Al contrario, racconta al-
cune storie di delinquenza, che permettono di comprendere il meccanismo che
permette a pochi capi di dominare precisi quartieri del capoluogo. Ognuno ha
unarea specifica su cui esercitare il potere, attraverso i suoi uomini di fiducia:
un meccanismo che non molto differente, anche se in prospettiva criminale,
dalla struttura del feudalesimo. Ogni capo della camorra deve dimostrarsi forte,
per difendersi dagli attacchi delle altre famiglie, e deve essere pronto a reagire, se
soltanto sfiorato dal sospetto che uno dei suoi uomini non gli sia fedele.
Spesso i protagonisti del film pronunciano la parola guerra, un termine
forte, che porta con s ricordi e pensieri terribili. In effetti, per molti perso-
naggi, la vita in certe condizioni una guerra quotidiana, fatta di sparatorie e
regolamenti di conti. In cambio, per, i mandanti di questa guerra possono
contare su guadagni immensi, maneggiano ogni giorno voluminosi fasci di
banconote. La camorra, come emerge dal film, prima di tutto un grande
business per qualcuno.
Storie di disperazione si intrecciano con gli affari e anche i legami familiari
diventano merce di scambio, se a condurre il gioco sono personaggi privi di
scrupoli. Io non ce la faccio a campare dice un uomo a Don Ciro, che lavora
per la camorra sono pieno di debiti. Statemi a sentire prosegue io ho un
figlio da mantenere, lho tenuto per quarantanni fuori dal giro, non ha un posto.
Che devo fare, devo andare dallaltra parte? Loro lo sanno, io li ho serviti per
quarantanni con onest. E questa la ricompensa? Con una moglie in galera?
Ovunque, intanto, sentinelle della camorra dai tetti dei condomini segna-
lano la presenza di pattuglie della polizia o dei carabinieri.
Non tutte le storie narrate nel film hanno un finale negativo. Due perso-
naggi troveranno la forza e il coraggio di lasciarsi dietro le spalle un mondo di
intimidazioni e sospetti, accettando la prospettiva di un lavoro meno remune-
rativo rispetto ai traffici della camorra ma onesto e pulito. Qualcuno, invece,
inseguir lillusione di diventare un grande fuorilegge, come nel film Scarfa-
ce, interpretato da Al Pacino. Sar messo a tacere da una scarica di proiettili.
92

046_093_Schede film_O.indd 92 22/02/11 18:17


F Film Vo l u m e 3 U16 L a l e g a l i t

Scheda di comprensione
Contenuto e tema
1 Che lavoro svolge il giovanissimo Tot? Che cosa decide di fare, in seguito?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

2 Qual il primo colpo di Ciro e Marco? Perch sono convocati dal losco Giovanni, un capoclan?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

3 In che cosa consiste il lavoro di Don Ciro?


.....................................................................................................................................................................................................................................................

4 Per quale motivo un imprenditore cinese avvicina Pasquale, che dirige una sartoria?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

5 Di che cosa si occupa lazienda di Franco? Quali garanzie offre allimprenditore del Nord Italia che si rivol-
ge a lui?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

6 Dove si procurano le armi Ciro e Marco? E dove provano a usarle per la prima volta?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

7 Come avviene il trasferimento di Pasquale dallabitazione dei cinesi alla fabbrica dove terr le sue lezioni?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

Forma e tecnica
8 Le numerose scene girate in esterno quale immagine offrono di alcuni quartieri della citt?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

9 Quale ruolo ha la musica in questo film?


.....................................................................................................................................................................................................................................................

Messaggio e valutazione
10 Io te lo dico: se non cambi parte pu darsi che ti ammazziamo o che tu ammazzi noi, perch siamo in
guerra, ci sono morti tutti i giorni. In questo modo parla a Tot un suo amico. Cosa vuole dire?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

11 O stai con noi o stai contro di noi, due sono le cose. Se stai contro di noi da qui non te ne vai, perch non ci
fidiamo di te. Cos dice un ragazzo a Tot, nel corridoio di un ospedale dopo una sparatoria. Poi aggiunge.
Noi la pensiamo cos, tu non devi pensare. Cosa significano le sue parole?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

12 Come si conclude la storia del sarto Pasquale? Che decisione prende Roberto, il giovane aiutante di Fran-
co? Quale messaggio trasmettono i due episodi?
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

13 Quale interpretazione puoi dare della sequenza che chiude il film?


.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

14 Scrivi una recensione del film, soffermandoti in particolare sulla realt sociale che emerge dallopera.
.....................................................................................................................................................................................................................................................

.....................................................................................................................................................................................................................................................

93

046_093_Schede film_O.indd 93 22/02/11 18:17


A Abilit Scheda di autovalutazione

Ascoltare
SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE - classe 1a
Questa scheda ha lo scopo di invitarti a riflettere sul lavoro che hai svolto e sui risultati che esso ha prodotto.
Lapprendimento, infatti, un processo che coinvolge totalmente e che d risultati pi proficui quando si sa
che cosa si sta facendo e come lo si sta facendo.

CHE TIPO DI ASCOLTATORE SONO?


sempre quasi a volte mai
sempre
I miei comportamenti
Mentre ascolto, mantengo il massimo livello di attenzione.
Mentre ascolto, esprimo cenni di riscontro.
Evito atteggiamenti che potrebbero distrarre chi parla.
Non interrompo.
Ascolto tutto quello che viene detto, sino alla fine.
Mi concentro su chi parla e non su me stesso.
Evito di vagare con limmaginazione.
Non fingo di ascoltare.
Guardo in viso chi parla per cogliere le sue espressioni.
Osservo i gesti e i movimenti che accompagnano le parole.
Presto attenzione al tono, al ritmo, al volume della voce, alle pause.

La qualit del mio ascolto


Prima di ascoltare, mi documento sullargomento che verr trattato.
Faccio domande per chiarire ci che non ho capito.
Faccio domande per verificare se esatto ci che ho capito.
Mi informo sul significato di termini che non conosco.
Prevedo le parole di chi parla.
Individuo le informazioni principali.
Individuo gli elementi citati e li ricordo.
So eseguire istruzioni ascoltate.
Partecipo adeguatamente a una conversazione, a un dialogo.

livello livello livello


elementare maturo esperto
Applico le mie competenze a contenuti specifici
Capisco indicazioni e istruzioni per eseguire un compito, un esercizio teorico o pratico.
Comprendo lesposizione di unesperienza personale (vicenda, viaggio).
Seguo la narrazione di una storia, di un fatto accaduto.
Seguo dialoghi e discussioni e vi partecipo.

94

094_105_O.indd 94 22/02/11 16.16


A Abilit Scheda di autovalutazione

Ascoltare
SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE - classe 2a
Questa scheda ha lo scopo di invitarti a riflettere sul lavoro che hai svolto e sui risultati che esso ha prodotto.
Lapprendimento, infatti, un processo che coinvolge totalmente e che d risultati pi proficui quando si sa
che cosa si sta facendo e come lo si sta facendo.

CHE TIPO DI ASCOLTATORE SONO?


sempre quasi a volte mai
sempre
I miei comportamenti
Mentre ascolto, mantengo il massimo livello di attenzione.
Mentre ascolto, esprimo cenni di riscontro.
Evito atteggiamenti che potrebbero distrarre chi parla.
Non interrompo.
Ascolto tutto quello che viene detto, sino alla fine.
Mi concentro su chi parla e non su me stesso.
Evito di vagare con limmaginazione.
Non fingo di ascoltare.
Guardo in viso chi parla per cogliere le sue espressioni.
Osservo i gesti e i movimenti che accompagnano le parole.
Presto attenzione al tono, al ritmo, al volume della voce, alle pause.
Prendo appunti.

La qualit del mio ascolto


Prima di ascoltare, mi documento sullargomento che verr trattato.
Faccio domande per chiarire ci che non ho capito.
Faccio domande per verificare se esatto ci che ho capito.
Mi informo sul significato di termini che non conosco.
Prevedo le parole di chi parla.
Individuo le informazioni principali.
Individuo gli elementi citati e li ricordo.
So eseguire istruzioni ascoltate.
Partecipo adeguatamente a una conversazione, a un dialogo.
So selezionare adeguatamente gli elementi significativi di un testo.
Colgo la struttura di un testo e so ricostruirla.
Distinguo i fatti dalle opinioni.

livello livello livello


elementare maturo esperto
Applico le mie competenze a contenuti specifici
Seguo conversazioni su argomenti che mi interessano.
Seguo il racconto di un evento, di un fatto di cronaca, dellesperienza di un altro.
Colgo le informazioni principali di una trasmissione radiofonica o televisiva.
Seguo la narrazione di un testo letterario.
Seguo dibattiti su argomenti di attualit che mi interessano.
Seguo le lezioni chiedendo spiegazioni e prendendo appunti.

95

094_105_O.indd 95 22/02/11 16.16


A Abilit Scheda di autovalutazione

Ascoltare
SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE - classe 3a
Questa scheda ha lo scopo di invitarti a riflettere sul lavoro che hai svolto e sui risultati che esso ha prodotto.
Lapprendimento, infatti, un processo che coinvolge totalmente e che d risultati pi proficui quando si sa
che cosa si sta facendo e come lo si sta facendo.

CHE TIPO DI ASCOLTATORE SONO?


sempre quasi a volte mai
sempre
I miei comportamenti
Mentre ascolto, mantengo il massimo livello di attenzione.
Mentre ascolto, esprimo cenni di riscontro.
Evito atteggiamenti che potrebbero distrarre chi parla.
Non interrompo.
Ascolto tutto quello che viene detto, sino alla fine.
Mi concentro su chi parla e non su me stesso.
Evito di vagare con limmaginazione.
Non fingo di ascoltare.
Guardo in viso chi parla per cogliere le sue espressioni.
Osservo i gesti e i movimenti che accompagnano le parole.
Presto attenzione al tono, al ritmo, al volume della voce, alle pause.
Prendo appunti.
Rielaboro gli appunti.

La qualit del mio ascolto


Prima di ascoltare, mi documento sullargomento che verr trattato.
Faccio domande per chiarire ci che non ho capito.
Faccio domande per verificare se esatto ci che ho capito.
Mi informo sul significato di termini che non conosco.
Prevedo le parole di chi parla.
Individuo le informazioni principali.
Individuo gli elementi citati e li ricordo.
So eseguire istruzioni ascoltate.
Partecipo adeguatamente a una conversazione, a un dialogo.
So selezionare adeguatamente gli elementi significativi di un testo.
Colgo la struttura di un testo e so ricostruirla.
Distinguo i fatti dalle opinioni.
Individuo lo scopo di una comunicazione orale.
Colgo le informazioni implicite.
Riordino le informazioni ricavate da una comunicazione orale.
Elaboro una mia opinione relativamente a ci che ho ascoltato.

livello livello livello


elementare maturo esperto
Applico le mie competenze a contenuti specifici
Comprendo discorsi di una certa lunghezza su temi noti e non.
Colgo gli elementi principali della lettura di racconti letterari anche estesi.
Seguo e capisco lo sviluppo delle lezioni scolastiche.
Seguo conferenze su temi dattualit o su temi culturali.
Seguo e comprendo argomentazioni sostenute anche da pi persone.

96

094_105_O.indd 96 22/02/11 16.16


A Abilit Scheda di autovalutazione

Parlare
SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE - classe 1a
Questa scheda ha lo scopo di invitarti a riflettere sul lavoro che hai svolto e sui risultati che esso ha prodotto.
Lapprendimento, infatti, un processo che coinvolge totalmente e che d risultati pi proficui quando si sa
che cosa si sta facendo e come lo si sta facendo.

CHE TIPO DI PARLATORE SONO?


sempre quasi a volte mai
sempre
I miei comportamenti
Sono calmo e sicuro durante lesposizione.
Mentre parlo, vario il volume della voce.
Vario il tono.
Vario il ritmo.
Uso le pause per creare un effetto particolare.
Uso adeguati gesti.
Uso espressioni facciali appropriate al discorso.
Guardo il pubblico e stabilisco un contatto con la maggior parte
degli ascoltatori.
Coinvolgo il pubblico.

La qualit del mio parlato


Espongo gli argomenti con ordine e chiarezza.
Riferisco tutte le informazioni importanti.
Organizzo il contenuto con inizio, corpo, conclusione.
Evito intercalari, ripetizioni e interruzioni.
Uso un lessico adeguato allargomento.
Tengo conto del contesto in cui mi sto esprimendo.
Uso schemi, materiali audiovisivi, altri codici.
Dimostro entusiasmo e convinzione delle mie conoscenze.

livello livello livello


elementare maturo esperto
Applico le mie competenze a contenuti specifici
Mi esprimo in modo chiaro e articolato su svariati argomenti, in classe,
in famiglia, con gli amici, con estranei.
Riferisco in modo articolato fatti e avvenimenti cui ho partecipato o assistito.
Partecipo a una discussione.

97

094_105_O.indd 97 22/02/11 16.16


A Abilit Scheda di autovalutazione

Parlare
SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE - classe 2a
Questa scheda ha lo scopo di invitarti a riflettere sul lavoro che hai svolto e sui risultati che esso ha prodotto.
Lapprendimento, infatti, un processo che coinvolge totalmente e che d risultati pi proficui quando si sa
che cosa si sta facendo e come lo si sta facendo.

CHE TIPO DI PARLATORE SONO?


sempre quasi a volte mai
sempre
I miei comportamenti
Sono calmo e sicuro durante lesposizione.
Mentre parlo, vario il volume della voce.
Vario il tono.
Vario il ritmo.
Uso le pause per creare un effetto particolare.
Uso gesti adeguati.
Uso espressioni facciali appropriate al discorso.
Guardo il pubblico e stabilisco un contatto con la maggior parte
degli ascoltatori.
Coinvolgo il pubblico.

La qualit del mio parlato


Espongo gli argomenti con ordine e chiarezza.
Riferisco tutte le informazioni importanti.
Seguo uno schema guida.
Evito intercalari, ripetizioni e interruzioni.
Modifico il linguaggio in relazione al contesto.
Uso materiali audiovisivi, altri codici.
Dimostro entusiasmo e convinzione delle mie conoscenze.

livello livello livello


elementare maturo esperto
Applico le mie competenze a contenuti specifici
Ripropongo oralmente, in modo personale, racconti e sintesi di testi narrativi.
Racconto la trama di un libro che ho letto, di un film che ho visto.
Riferisco il contenuto di articoli di giornale di vario genere.
Sostengo uninterrogazione con sicurezza.
Riferisco dei miei progetti futuri in modo personale.

98

094_105_O.indd 98 22/02/11 16.16


A Abilit Scheda di autovalutazione

Parlare
SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE - classe 3a
Questa scheda ha lo scopo di invitarti a riflettere sul lavoro che hai svolto e sui risultati che esso ha prodotto.
Lapprendimento, infatti, un processo che coinvolge totalmente e che d risultati pi proficui quando si sa
che cosa si sta facendo e come lo si sta facendo.

CHE TIPO DI PARLATORE SONO?


sempre quasi a volte mai
sempre
I miei comportamenti
Sono calmo e sicuro durante lesposizione.
Mentre parlo, vario il volume della voce.
Vario il tono.
Vario il ritmo.
Uso le pause per creare un effetto particolare.
Uso gesti adeguati.
Uso espressioni facciali appropriate al discorso.
Guardo il pubblico e stabilisco un contatto con la maggior parte
degli ascoltatori.
Coinvolgo il pubblico.

La qualit del mio parlato


Espongo gli argomenti con ordine e chiarezza.
Riferisco tutte le informazioni importanti.
Evito intercalari, ripetizioni e interruzioni.
Uso un lessico adeguato allargomento.
Tengo conto del contesto in cui mi sto esprimendo.
Metto in evidenza fatti e opinioni.
So convincere chi mi ascolta.
Sostengo argomentazioni.
Controbatto argomenti altrui.
Uso schemi, materiali audiovisivi, altri codici.
Dimostro entusiasmo e convinzione delle mie conoscenze.

livello livello livello


elementare maturo esperto
Applico le mie competenze a contenuti specifici
Sostengo la trattazione di un argomento di carattere culturale o sociale,
portando il contributo di opinioni diverse.
Uso argomentazioni per scopi diversi.
Riferisco in modo personale la sintesi di opere di narrativa.
Descrivo, attraverso una relazione, in modo articolato e personale unattivit svolta.
Espongo con adeguatezza un argomento di studio.
Descrivo usando argomentazioni i miei progetti in merito al futuro.

99

094_105_O.indd 99 22/02/11 16.16


A Abilit Scheda di autovalutazione

Leggere
SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE - classe 1a
Questa scheda ha lo scopo di invitarti a riflettere sul lavoro che hai svolto e sui risultati che esso ha prodotto.
Lapprendimento, infatti, un processo che coinvolge totalmente e che d risultati pi proficui quando si sa
che cosa si sta facendo e come lo si sta facendo.

CHE TIPO DI LETTORE SONO?


sempre quasi a volte mai
sempre
Le tecniche di lettura
Leggo in modo veloce.
Leggo rispettando le pause.
So prevedere le parole.
Do espressivit e ritmo alla lettura.
Leggo ad alta voce in modo espressivo, chiaro e comprensibile.
Leggo in silenzio senza accompagnare la lettura col movimento delle labbra.

Le strategie di lettura
So selezionare le informazioni di un testo.
So consultare un testo per trovare le informazioni che mi servono.
So comprendere, interpretare, valutare un testo per lo studio.

La comprensione del testo


So individuare in un testo i personaggi.
So individuare i luoghi.
So individuare gli eventi.
So individuare il tempo delle azioni.
So individuare le relazioni esplicite.
So individuare le relazioni implicite.
So definire la struttura di un testo.
Individuo il narratore.
Individuo il filo logico del discorso.
Divido il testo in sequenze.
So elaborare la scaletta di un testo.
So elaborare una mappa logica del contenuto.

livello livello livello


elementare maturo esperto
Applico le mie competenze a contenuti specifici
Colgo gli elementi essenziali di un articolo.
Comprendo largomento trattato in lettere, e-mail.
Comprendo le indicazioni di un testo regolativo.
Colgo le linee essenziali di un semplice testo narrativo.
Comprendo un testo descrittivo.
Comprendo semplici racconti letterari e/o fantastici cogliendone gli aspetti narratologici
(protagonista, spazio, tempo, fabula, intreccio, temi).
Leggo e comprendo semplici testi poetici.
Analizzo la struttura di testi poetici.

100

094_105_O.indd 100 22/02/11 16.16


A Abilit Scheda di autovalutazione

Leggere
SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE - classe 2a
Questa scheda ha lo scopo di invitarti a riflettere sul lavoro che hai svolto e sui risultati che esso ha prodotto.
Lapprendimento, infatti, un processo che coinvolge totalmente e che d risultati pi proficui quando si sa
che cosa si sta facendo e come lo si sta facendo.

CHE TIPO DI LETTORE SONO?


sempre quasi a volte mai
sempre
Le tecniche di lettura
Leggo in modo veloce.
Leggo rispettando le pause.
So prevedere le parole.
Do espressivit e ritmo alla lettura.
Leggo ad alta voce in modo espressivo, chiaro e comprensibile.
Leggo in silenzio senza accompagnare la lettura col movimento delle labbra.

Le strategie di lettura
So selezionare le informazioni di un testo.
So consultare un testo per trovare le informazioni che mi servono.
So comprendere, interpretare, valutare un testo per lo studio.

La comprensione del testo


So individuare in un testo i personaggi.
So individuare i luoghi.
So individuare gli eventi.
So individuare il tempo delle azioni.
So individuare le relazioni esplicite.
So individuare le relazioni implicite.
So definire la struttura di un testo.
Individuo il narratore.
Individuo il filo logico del discorso.
Divido il testo in sequenze.
Distinguo i fatti dalle opinioni.
So elaborare la scaletta di un testo.
Individuo il messaggio di un testo.
Individuo lo scopo.

livello livello livello


elementare maturo esperto
Applico le mie competenze a contenuti specifici
Colgo gli elementi essenziali di un articolo.
Comprendo largomento trattato in lettere, e-mail.
Comprendo le indicazioni di un testo regolativo.
Colgo le linee essenziali di un semplice testo narrativo.
Comprendo un testo descrittivo.
Comprendo semplici racconti letterari e/o fantastici cogliendone gli aspetti
narratologici (protagonista, spazio, tempo, fabula, intreccio, temi).
Leggo e comprendo semplici testi poetici.
Analizzo la struttura di testi poetici.
Analizzo testi poetici anche in relazione alle figure retoriche.

101

094_105_O.indd 101 22/02/11 16.16


A Abilit Scheda di autovalutazione

Leggere
SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE - classe 3a
Questa scheda ha lo scopo di invitarti a riflettere sul lavoro che hai svolto e sui risultati che esso ha prodotto.
Lapprendimento, infatti, un processo che coinvolge totalmente e che d risultati pi proficui quando si sa
che cosa si sta facendo e come lo si sta facendo.

CHE TIPO DI LETTORE SONO?


sempre quasi a volte mai
sempre
Le tecniche di lettura
Leggo in modo veloce.
Leggo rispettando le pause.
So prevedere le parole.
Do espressivit e ritmo alla lettura.
Leggo ad alta voce in modo espressivo, chiaro e comprensibile.
Le strategie di lettura
So selezionare le informazioni di un testo.
So consultare un testo per trovare le informazioni che mi servono.
So comprendere, interpretare, valutare un testo per lo studio.
La comprensione del testo
So individuare in un testo i personaggi e la loro evoluzione.
So individuare i luoghi.
So individuare gli eventi.
So individuare il tempo delle azioni.
Colloco i fatti in unepoca storica.
So individuare le relazioni esplicite.
So individuare le relazioni implicite.
So definire la struttura di un testo.
Individuo il narratore.
Individuo il filo logico del discorso.
Divido il testo in sequenze.
Distinguo i fatti dalle opinioni.
So elaborare una mappa logica del contenuto.
Riconosco le tecniche di narrazione.
Individuo il messaggio di un testo.
Individuo lo scopo.
Colgo il parere dello scrittore.
livello livello livello
elementare maturo esperto
Applico le mie competenze a contenuti specifici
Colgo gli elementi essenziali di un articolo.
Comprendo largomento trattato in lettere, e-mail.
Comprendo le indicazioni di un testo regolativo.
Colgo le linee essenziali di un semplice testo narrativo.
Comprendo un testo descrittivo.
Comprendo semplici racconti letterari e/o fantastici cogliendone gli aspetti narratologici
(protagonista, spazio, tempo, fabula, intreccio, temi).
Leggo e comprendo semplici testi poetici.
Analizzo la struttura di testi poetici.
Leggo e comprendo articoli su temi di attualit.
Confronto punti di vista diversi leggendo articoli di opposte tendenze culturali.
Comprendo testi narrativi di diversi generi, anche non brevi.
Analizzo testi narrativi.

102

094_105_O.indd 102 22/02/11 16.16


A Abilit Scheda di autovalutazione

Scrivere
SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE - classe 1a
Questa scheda ha lo scopo di invitarti a riflettere sul lavoro che hai svolto e sui risultati che esso ha prodotto.
Lapprendimento, infatti, un processo che coinvolge totalmente e che d risultati pi proficui quando si sa
che cosa si sta facendo e come lo si sta facendo.

CHE TIPO DI SCRITTORE SONO?


sempre quasi a volte mai
sempre
La qualit del mio scritto
Organizzo il mio tempo per lo scritto.
Prima di scrivere, se posso, mi documento sullargomento che dovr trattare.
Rifletto sulla consegna.
Elaboro liste delle idee.
Elaboro grappoli associativi.
Elaboro schemi delle relazioni.
Presto attenzione allapertura del testo e alla sua chiusura.
Rivedo il testo.
Correggo il testo.
Presto attenzione alla copiatura.
Uso il vocabolario.

livello livello livello


elementare maturo esperto
Applico le mie competenze a contenuti specifici
Predispongo il resoconto di eventi legati allesperienza.
Descrivo un luogo, un ambiente.
Descrivo una persona, un animale.
Descrivo un oggetto.
Elaboro il riassunto di un testo.
Redigo un regolamento.
Stendo una cronaca.
Organizzo un tema legato allesperienza.

103

094_105_O.indd 103 22/02/11 16.16


A Abilit Scheda di autovalutazione

Scrivere
SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE - classe 2a
Questa scheda ha lo scopo di invitarti a riflettere sul lavoro che hai svolto e sui risultati che esso ha prodotto.
Lapprendimento, infatti, un processo che coinvolge totalmente e che d risultati pi proficui quando si sa
che cosa si sta facendo e come lo si sta facendo.

CHE TIPO DI SCRITTORE SONO?


sempre quasi a volte mai
sempre
La qualit del mio scritto
Organizzo il mio tempo per lo scritto.
Prima di scrivere, se posso, mi documento sullargomento che dovr trattare.
Rifletto sulla consegna.
Elaboro liste delle idee.
Elaboro grappoli associativi.
Elaboro schemi delle relazioni.
Presto attenzione allapertura del testo e alla sua chiusura.
Rivedo il testo.
Correggo il testo.
Presto attenzione alla copiatura.
Uso il vocabolario.

livello livello livello


elementare maturo esperto
Applico le mie competenze a contenuti specifici
Scrivo lettere personali su argomenti che mi interessano.
Scrivo lettere formali.
Scrivo lettere aperte a giornali.
Produco pagine di diario.
Elaboro unautobiografia.
Scrivo racconti reali o fantastici, gialli e davventura.
Predispongo relazioni su argomenti di studio.
Esprimo le mie opinioni in un tema.
Elaboro riassunti.

104

094_105_O.indd 104 22/02/11 16.16


A Abilit Scheda di autovalutazione

Scrivere
SCHEDA DI AUTOVALUTAZIONE - classe 3a
Questa scheda ha lo scopo di invitarti a riflettere sul lavoro che hai svolto e sui risultati che esso ha prodotto.
Lapprendimento, infatti, un processo che coinvolge totalmente e che d risultati pi proficui quando si sa
che cosa si sta facendo e come lo si sta facendo.

CHE TIPO DI SCRITTORE SONO?


sempre quasi a volte mai
sempre
La qualit del mio scritto
Organizzo il mio tempo per lo scritto.
Prima di scrivere, se posso, mi documento sullargomento che dovr trattare.
Rifletto sulla consegna.
Elaboro liste delle idee.
Elaboro grappoli associativi.
Elaboro schemi delle relazioni.
Presto attenzione allapertura del testo e alla sua chiusura.
Rivedo il testo.
Correggo il testo.
Presto attenzione alla copiatura.
Uso il vocabolario.

livello livello livello


elementare maturo esperto
Applico le mie competenze a contenuti specifici
Predispongo una relazione su argomenti di vario genere utilizzando materiali vari.
Produco recensioni di film e di libri.
Elaboro testi argomentativi per sostenere unopinione su argomenti di attualit.
Produco temi a scopo espressivo.
Elaboro il riassunto di un testo anche non narrativo.

105

094_105_O.indd 105 22/02/11 16.16


E Epica Percorsi didattici

Epica: percorsi didattici


Iliade
Contenuti Attivit Abilit Approfondimenti
Proemio (Libro I, Testo in greco
vv. 1-9, registrato su CD
trad. V. Monti) e tradotto a fronte
Lira di Achille Comprensione Selezionare i dati contenuti nel testo secondo un criterio.
(Libro I, Analisi Comprendere le caratteristiche della poesia epica: la
vv. 148-192, e riflessione costruzione e luso dellepiteto.
trad. R. Calzecchi Lessico Individuare le cause che determinano i comportamenti
Onesti) dei personaggi e le situazioni.
Ettore e Comprensione Individuare gli elementi fondamentali dellepisodio. La donna nellet
Andromaca Analisi Riconoscere le figure retoriche. omerica
(Libro VI, e riflessione Individuare le caratteristiche dei personaggi principali.
vv. 399-409, Lessico Individuare i temi dominanti dellepisodio.
vv. 429-434, Esprimere valutazioni personali.
vv. 440-489, Riflettere sulle proprie esperienze.
trad. S. Quasimodo) Cogliere le differenze tra passato e presente.
La morte Comprensione Individuare i punti chiave del racconto. Le armature degli
di Patroclo Analisi Riconoscere le figure retoriche: similitudine, eroi
(Libro XVI, e riflessione metonimia. Carri da
vv. 783-822, Lessico Individuare le caratteristiche dei personaggi. combattimento
trad. S. Quasimodo) Esprimere il proprio punto di vista.
Il duello fra Ettore Comprensione Individuare le fasi salienti dellepisodio. Lonorata
e Achille Analisi Riconoscere le figure retoriche: similitudine, metonimia. sepoltura
(Libro XXII, e riflessione Comprendere il significato di epiteti e patronimici.
vv. 254-363, Lessico Individuare le sequenze narrative.
trad. R. Calzecchi Esprimere il proprio punto di vista.
Onesti) Individuare gli atteggiamenti dei personaggi.
Priamo e Achille Comprensione Riconoscere le fasi salienti del brano.
(Libro XXIV, Analisi Riflettere sui comportamenti.
vv. 477-558, e riflessione Spiegare il significato di espressioni particolari.
vv. 572-586, Lessico
trad. R. Calzecchi
Onesti)
Il rogo in onore Verifica Individuare gli elementi principali.
di Ettore formativa Motivare le affermazioni.
(Libro XXIV, Comprensione Riconoscere epiteti e figure retoriche.
vv. 777-804, Analisi
trad. S. Quasimodo) Lessico
Raccontato da Confronto
Alessandro
Baricco, Criseide
Verifica Conoscere caratteristiche ed eventi del poema.
sommativa Analizzare semplici episodi.
Conoscenze
Abilit

106

106_137_O.indd 106 22/02/11 16.17


E Epica Percorsi didattici

Odissea
Contenuti Attivit Abilit Approfondimenti
Proemio (Libro I, Testo in greco
v.1-10, trad. R. registrato su CD
Calzecchi Onesti) e tradotto a fronte
Odisseo e Calipso Comprensione Comprendere i dati espliciti e impliciti contenuti nel brano.
(Libro V, vv. 148- Analisi Individuare il linguaggio proprio dellepica: ricorrenza di
153, vv. 203-224, e riflessione alcune espressioni, epiteti, figure retoriche.
vv. 233-264, Lessico Individuare gli elementi descrittivi.
trad. A. Privitera) Individuare i modelli di comportamento degli eroi omerici.
Lincontro con Comprensione Individuare gli elementi fondamentali dellepisodio: I Feaci
Nausicaa Analisi luoghi, eventi, personaggi, sentimenti. Il valore
(Libro VI, e riflessione Riconoscere le figure retoriche: similitudine, metafora, dellospitalit
vv. 115-197, Lessico anafora.
trad. S. Quasimodo) Individuare le caratteristiche dei personaggi principali.
Individuare i temi dominanti di un episodio: il valore
dellospitalit.
Cogliere le differenze tra passato e presente.
Il Ciclope Comprensione Individuare gli elementi fondamentali dellepisodio: Civilt e forza
(Libro IX, Analisi luoghi, eventi, personaggi, punti di vista, sentimenti. bruta
vv. 233-298, e riflessione Riconoscere le figure retoriche e le costruzioni Odisseo, eroe
vv. 306-335, Lessico particolari. dellintelligenza
vv. 364-384, Individuare le caratteristiche dei personaggi principali. e dellastuzia
vv. 391-419, Riflettere sui temi dominanti di un episodio.
vv. 425-443, Esprimere valutazioni personali e confrontarle con altri.
trad. S. Quasimodo) Riflettere sulle proprie esperienze e conoscenze.
Il cane Argo Comprensione Individuare le caratteristiche e i sentimenti dei personaggi.
(Libro XVII, Analisi Individuare gli epiteti.
vv. 290-327, e riflessione Individuare i significati.
trad. R. Calzecchi Lessico Formulare riflessioni personali.
Onesti) Collegare il contenuto dellepisodio con altre storie.
La gara con larco Comprensione Individuare le fasi salienti dellepisodio.
(Libro XXI, Analisi Riconoscere le figure retoriche: similitudine.
vv. 359-434, e riflessione Individuare gli epiteti.
trad. A. Privitera) Lessico Esprimere un proprio punto di vista.
Individuare atteggiamenti, valori, sentimenti
dei personaggi.
La strage dei Proci Comprensione Comprendere gli eventi.
(Libro XXVII, Analisi Costruire campi semantici.
vv. 1-88, e riflessione Esprimere pareri personali.
trad. R. Calzecchi Lessico
Onesti)
Odisseo e Penelope Verifica formativa Individuare gli elementi principali.
(Libro XXIII, Comprensione Riconoscere epiteti e figure retoriche.
vv. 163-217, Analisi
trad. A. Privitera) Lessico
Raccontato da Confronto
Mino Milani, Ritrovare
un vecchio amico
Verif. sommativa Conoscere caratteristiche ed eventi del poema.
Conoscenze Analizzare semplici episodi.
Abilit

107

106_137_O.indd 107 22/02/11 16.17


E Epica Percorsi didattici

Eneide
Contenuti Attivit Abilit Approfondimenti
Proemio (Libro I, Testo in latino
vv. 1-7, trad. R. registrato su CD
Calzecchi Onesti) e tradotto a fronte
Linganno del Comprensione Individuare gli elementi fondamentali dellepisodio:
cavallo (Libro II, Analisi luoghi, eventi, personaggi, sentimenti.
vv. 1-56, trad. R. e riflessione Individuare i temi dominanti di un episodio.
Calzecchi Onesti) Lessico Riflettere sulle proprie esperienze.
Riconoscere le figure retoriche.
La maledizione di Comprensione Individuare gli elementi fondamentali dellepisodio: Lorigine di
Didone (Libro IV, Analisi eventi, personaggi, punti di vista, sentimenti. Cartagine
vv. 584-591, e riflessione Individuare le sequenze. Il vendicatore:
vv. 607-671, Lessico Individuare le caratteristiche dei personaggi principali. Annibale
trad. R. Calzecchi Riflettere sui temi dominanti di un episodio.
Onesti) Riflettere sulla propria esperienza.
Riconoscere le figure retoriche e le tecniche di
narrazione.
Spiegare il significato di vocaboli ed espressioni.
Eurialo e Niso Comprensione Individuare le caratteristiche dei personaggi. Lambientazione
(Libro IX, Analisi Individuare le sequenze e le loro caratteristiche. Gli eroi dai nobili
vv. 367-449, e riflessione Riconoscere la funzione del narratore. sentimenti
trad. L. Canali) Lessico Riconoscere le sequenze.
Individuare i dati essenziali.
Individuare i significati.
Formulare riflessioni personali.
Cambiare la conclusione dellepisodio.
Raccontare le proprie esperienze.
La morte di Turno Comprensione Riconoscere gli elementi principali.
(Libro XII, Analisi Riordinare le sequenze.
vv. 887-952, e riflessione Collegare il personaggio alle sue affermazioni.
trad. R. Calzecchi Lessico Trovare sinonimi.
Onesti)
Lincontro con Verifica Individuare gli elementi principali.
lombra di Didone formativa Analizzare il personaggio principale.
(Libro VI, Comprensione Spiegare il significato di vocaboli ed espressioni.
vv. 450-476, Analisi
trad. R. Calzecchi Lessico
Onesti)
Raccontato da Confronto
Gherardo Ugolini,
La storia
dellerrante Enea
Verifica Conoscere caratteristiche ed eventi del poema.
sommativa Ricostruire semplici episodi.
Conoscenze
Abilit

108

106_137_O.indd 108 22/02/11 16.17


E Epica Percorsi didattici

IL CICLO CAROLINGIO
La Canzone di Orlando
Contenuti Attivit Abilit Approfondimenti
Proemio Testo in lingua
(trad. F. Pozzoli) originaria
registrato su CD
e tradotto a fronte
Orlando suona Comprensione Ricostruire la trama per comprendere i dati salienti Gli ideali del
lolifante Analisi dellepisodio. cavaliere
(Lasse CXXXIII- e riflessione Individuare il linguaggio proprio dellepica medievale: Una teoria sulle
CXXXV, Lessico ricorrenza di alcune espressioni, figure retoriche, origini delle
vv. 1761-1806, anticipazioni. canzoni di gesta
trad. F. Pozzoli) Individuare i modelli di comportamento degli eroi.
Comprendere i messaggi non espliciti.
Riconoscere le strategie narrative.
Confrontarsi con i personaggi.
La morte di Comprensione Ricostruire la trama per comprendere i dati salienti Orlando fedele
Orlando Analisi dellepisodio. vassallo di Carlo
(Lasse CLXX, e riflessione Individuare le intenzioni nelle azioni di un personaggio. e perfetto
vv. 2297-2311; Lessico Individuare i modelli di comportamento degli eroi. cristiano
CLXXIII-CLXXV, Individuare le caratteristiche degli ambienti Il paesaggio
vv. 2355-2396, e gli elementi di colore.
trad. R. Lo Cascio) Comprendere i messaggi non espliciti.
Riconoscere le caratteristiche stilistiche.
Confrontarsi con i personaggi.
Utilizzare gli elementi individuati per produrre un testo
discorsivo di analisi.
La punizione del Verifica Individuare gli elementi principali.
traditore formativa Analizzare specifici aspetti stilistici.
(Lasse CCL- Comprensione Comprendere il lessico.
XIX, vv. 3734- Analisi
3741; CCLXXII, Lessico
vv. 3762-3779;
CCLXXXVIII,
vv. 3960-3974,
trad. F. Pozzoli)
Raccontato da Confronto
G. Agrati, M.L.
Magini, Lordalia
Verifica Conoscere caratteristiche ed eventi del poema.
sommativa Ricostruire semplici episodi.
Conoscenze
Abilit

109

106_137_O.indd 109 22/02/11 16.17


E Epica Percorsi didattici

IL CICLO CASTIGLIANO
Il Cantare del Cid
Contenuti Attivit Abilit Approfondimenti
Proemio Testo in lingua
originaria
registrato su CD
e tradotto a fronte
Lesilio del Cid Comprensione Ricostruire la trama per comprendere i dati salienti La Reconquista
(I Cantare, Analisi dellepisodio. La caccia con il
Lasse I-IV, e riflessione Individuare le qualit dei personaggi. falcone
vv. 1-49, Lessico Individuare il linguaggio proprio dellepica:
trad. A. ricorrenza di alcuni termini o espressioni.
Baldissera) Ordinare le sequenze.
Cogliere il particolare uso dei tempi del verbo.
Individuare i modelli di comportamento degli eroi.
Riflettere sulle proprie esperienze.
Il perdono del re Comprensione Ricostruire la trama dellepisodio. I luoghi: il Tago e
(II Cantare, Analisi Individuare le caratteristiche del personaggio. la Castiglia
Lasse CI-CII, e riflessione Individuare i modelli di comportamento degli eroi.
vv. 1877-1958, Lessico Riconoscere le caratteristiche stilistiche: il narratore,
trad. A. le riprese.
Baldissera) Comprendere espressioni specifiche.
Confrontarsi con i personaggi.
Laffronto Verifica Individuare gli elementi principali.
(III Cantare, formativa Analizzare aspetti stilistici.
Lasse CXXVIII, Comprensione Comprendere il lessico.
trad. A. Analisi
Baldissera) Lessico
Verifica Conoscere caratteristiche ed eventi del poema.
sommativa Ricostruire semplici episodi.
Conoscenze
Abilit

110

106_137_O.indd 110 22/02/11 16.17


E Epica Percorsi didattici

IL CICLO BRETONE
Il Ciclo di re Art
Contenuti Attivit Abilit Approfondimenti
Proemio Testo in lingua
(da T. Malory, originaria
Storia di re Art e registrato su CD
dei suoi cavalieri, e tradotto a fronte
trad. T. Villa)
Excalibur (Libro I, Comprensione Ricostruire la trama per comprendere i dati salienti La vita del
da T. Malory, Analisi dellepisodio. cavaliere
Storia di re Art e e riflessione Individuare i personaggi dellepisodio. Giostre e tornei
dei suoi cavalieri, Lessico Individuare le sequenze. Le armi
trad. T. Villa) Cogliere le determinazioni di tempo.
Confrontare caratteristiche di diversi poemi epici.
Individuare i modelli di comportamento degli eroi.
Riflettere sulle proprie esperienze.
Art, Ginevra e la Comprensione Ricostruire la trama per comprendere i dati salienti Il Santo Graal o il
Tavola Rotonda Analisi dellepisodio. Calice dei misteri
(Libro III, da T. e riflessione Individuare le caratteristiche del personaggio.
Malory, Storia di Lessico Individuare i modelli di comportamento degli eroi.
re Art e dei suoi Confrontarsi con i personaggi.
cavalieri, a cura Riconoscere le caratteristiche stilistiche:
di G. Agrati, M.L. le anticipazioni.
Magini)
Lancillotto sfida in Verifica Individuare gli elementi principali.
duello Meleagant formativa Analizzare gli atteggiamenti dei personaggi.
per liberare Comprensione Riconoscere aspetti del linguaggio epico.
Ginevra (da C. de Analisi
Troyes, Romanzi Lessico
cortesi, a cura di
G. Agrati, M.L.
Magini)
Verifica Conoscere caratteristiche ed eventi del poema.
sommativa Ricostruire semplici episodi.
Conoscenze
Abilit

111

106_137_O.indd 111 22/02/11 16.17


E Epica Percorsi didattici

IL CICLO GERMANICO
Il Canto dei Nibelunghi
Contenuti Attivit Abilit Approfondimenti
Proemio Testo in lingua
(da I Nibelunghi, originaria
trad. L. Mancinelli) registrato su CD
e tradotto a fronte
Sigfrido Comprensione Ricostruire la trama per comprendere i dati salienti
(II Avventura, Analisi dellepisodio.
strofe 21-26, Lessico Individuare le caratteristiche del personaggio.
da I Nibelunghi, Riconoscere le caratteristiche stilistiche:
trad. L. Mancinelli) le anticipazioni.
Riconoscere le caratteristiche degli ambienti.
Comprendere i significati di alcuni termini considerati.
La morte di Comprensione Ricostruire la trama per comprendere dati salienti
Sigfrido Analisi dellepisodio.
(XVI Avventura, e riflessione Individuare le caratteristiche stilistiche dellepica
strofe 970-998, Lessico medievale: interventi del narratore.
da I Nibelunghi, Individuare i modelli di comportamento degli eroi.
trad. L. Mancinelli) Riflettere sul significato di alcuni vocaboli.
Confrontarsi con i personaggi.
Riflettere sulle proprie esperienze.
La vendetta Verifica Individuare gli elementi principali.
di Crimilde formativa Analizzare aspetti stilistici.
(XXXIX Avventura, Comprensione Comprendere il lessico.
strofe 2367-2379, Analisi
a cura di L. Lessico
Mancinelli)
Raccontato da Confronto
Laura Mancinelli,
La caccia fatale
Verifica Conoscere caratteristiche ed eventi del poema.
sommativa Ricostruire semplici episodi.
Conoscenze
Abilit

112

106_137_O.indd 112 22/02/11 16.17


R Raccontato in prosa

Raccontato in prosa
Alcuni brani dei poemi proposti vengono qui raccontati anche in prosa.

Iliade
Proemio
C antami (aiutami a narrare), o dea, lira ostinata di Achille, figlio di
Peleo, che fu tanto funesta, perch rec agli Achei dolori senza fine e
mand nellAde, il regno dei morti, un gran numero di anime di valorosi
guerrieri, mentre i loro corpi rimanevano in bala di cani e di uccellacci
di ogni sorta.
Si compiva cos la volont di Zeus, manifestatasi fin da quando
unaspra contesa aveva messo in contrasto Agamennone, signore di uo-
mini valorosi, e il divino Achille.

Lira di Achille
(Libro I, vv. 148-192) G uardando Agamennone, il veloce Achille, cupo in volto, dice queste
parole: Tu sei un uomo che mostra solo arroganza e che pensa solo
al suo interesse. Come faranno, mi chiedo, gli Achei ad obbedire volen-
tieri ai tuoi ordini, a mettersi in marcia per una spedizione militare e a
battersi valorosamente contro i nemici?
Quanto a me, non sono venuto qui a combattere per odio contro i
valorosi Troiani: essi non hanno commesso colpe nei miei confronti. Essi
non hanno mai razziato le mie mandrie di bovini e di cavalli, n hanno mai
saccheggiato i raccolti a Ftia, la mia terra dai campi fecondi, terra deroi,
perch c tanta distanza tra noi e loro, ci sono i monti coperti di foreste e
ci divide lampia distesa del mare che risuona per il suo fragore.
Noi ti abbiamo seguito, grandissimo spudorato, perch tu avessi un
risarcimento da parte dei Troiani per tuo fratello Menelao e per te. Ma
tu non consideri questo, anzi minacci di portarmi via il premio che mi
stato assegnato dagli Achei e per il quale ho sopportato molte fatiche.
Del resto, ogni volta che gli Achei distruggono qualche popolosa citt
dei Troiani, non ricevo mai un dono simile al tuo, anche se la maggior
fatica viene sostenuta dalle mie braccia.
Quando arriva il momento di spartire le prede, il premio pi grande
per te; io invece ne ricevo uno che, pur piccolo, mi caro e con questo
torno verso le navi stanco per il combattimento.
Ora, per, torner a Ftia perch meglio far ritorno a casa con le navi
e, inoltre, non intendo restare qui senza onore ad accumulare per te beni
e ricchezze.
Gli risponde Agamennone, signore di guerrieri: Scappa pure, se ne hai
voglia! Io certamente non ti supplico di restare per amor mio. Con me resta-
no altri che mi renderanno onore e tra tutti il saggio Zeus. Tu sei, tra tutti i re,
113

106_137_O.indd 113 22/02/11 16.17


R Raccontato in prosa Iliade

figli di Zeus, il pi odioso: cerchi sempre la lotta e sempre ti sono care guerre
e battaglie. Se sei tanto forte, questo certo merito degli di. Vattene a casa
con le tue navi e i tuoi compagni e regna sui tuoi Mirmidoni.
Non mi curo di te e non temo la tua ira. Anzi ti faccio questa minac-
cia: poich Apollo mi porta via Criseide, io la far accompagnare con
una mia nave dai miei uomini, io per verr al tuo accampamento per
prendermi Briseide dalle belle guance. Cos ti renderai conto di quanto
sono pi potente di te: cos anche qualche altro avr paura a credersi mio
uguale e ad affrontarmi da pari a pari.
Alludire queste parole, Achille prova un grande dolore ed diviso fra
due possibilit: se uccidere Agamennone sfilando la spada corta dal fodero
a contatto con la coscia o controllare i suoi sentimenti e calmare la sua ira.

Ettore e Andromaca
(Libro VI, vv. 399-409;
vv. 429-434;
A ndromaca gli va incontro e con lei c lancella che porta in braccio
il bambino, il figlio di Ettore, simile ad una splendida stella. Ettore
lo chiama Scamandrio, mentre gli altri lo chiamano Astianatte, che si-
vv. 440-489) gnifica difensore della citt, in onore del padre, perch Ettore proprio
il difensore della citt. Egli sorride guardando in silenzio il bimbo, ma
Andromaca, in lacrime, gli prende la mano dicendo: Il tuo valore sar
per te causa di rovina. Non hai piet per il figlio n per me che rester
vedova. []
Tu, Ettore, sei per me tutto: sei padre, madre, fratello, marito. Abbi
piet di me: non andare a combattere, non fare di tuo figlio un orfano e
di me una vedova. Trattieni lesercito vicino al fico selvatico, perch di l
facile attaccare Troia. []
Il grande Ettore le risponde: Quanto dici anche una mia preoccu-
pazione, ma forte in me il senso dellonore nei confronti dei Troiani e
delle Troiane dai lunghi mantelli; mi sentirei un vile se restassi lontano
dalla battaglia, n lo desidero. Ho imparato ad essere forte e a battermi in
prima fila con gli altri Troiani, procurando gloria a mio padre e a me. So
per certo che un giorno Troia cadr e Priamo e i suoi saranno sconfitti. Ma
non mi preoccupa tanto la sorte dei Troiani, n quella di Ecuba o di Pria-
mo o dei miei fratelli, che forse cadranno nella polvere per mano nemica,
quanto mi preoccupa invece la tua sorte, pensando che uno degli Achei ti
porter via in lacrime, privandoti della libert. Dovrai vivere in Argo, tes-
sendo la tela al comando di una straniera, oppure dovrai portare lacqua
dalla fonte, contro la tua volont. Forse qualcuno, vedendoti in lacrime,
dir: Ecco la donna di Ettore, il primo a combattere intorno a Troia. La
mancanza di un uomo, capace di tenerti lontano dalla schiavit, sar per
te un nuovo dolore. Io mi auguro di morire prima di dover ascoltare le tue
grida e vederti portare via prigioniera.
Dicendo questo, Ettore protende le braccia verso il figlio, ma il bimbo
si volta verso la nutrice, spaventato dallaspetto del padre, dalla lancia e
dallelmo, sul quale si agitano crini di cavallo.
La madre e il padre sorridono, subito Ettore si toglie lelmo e lo posa
per terra. Poi bacia il suo caro figlio e lo fa ballare tra le sue braccia. Pre-
gando Zeus e gli altri di, dice: Zeus e voi tutti di, fate in modo che mio
figlio diventi come me, si distingua tra i Troiani, sia altrettanto valoroso e
114

106_137_O.indd 114 22/02/11 16.17


R Raccontato in prosa Iliade

regni potente su Troia. Vorrei che un giorno di lui si dicesse pi forte


del padre, vedendolo tornare dalla battaglia con le spoglie dei nemici e
di questo fosse felice sua madre.
Dopo aver detto ci, depone il bimbo tra le braccia della madre e lei
lo accoglie, stringendolo al petto e sorridendo tra le lacrime. Il marito
ne ha piet, la accarezza e le dice: Non angustiarti per me, nessuno mi
mander nellAde contro la volont del destino, cos come nessuno pu
evitare la morte, sia egli coraggioso o vile.

La morte
di Patroclo
(Libro XVI, vv. 783-822)
P atroclo si lancia risoluto in mezzo ai Troiani. Li attacca tre volte, si-
mile allimpetuoso Ares, e per tre volte uccide nove guerrieri.
Ma quando si avventa per la quarta volta, come un demone, giunge
per lui la fine della vita! Gli viene incontro Febo, nella violenta lotta, in
tutta la sua tremenda potenza.
Leroe non lo scorge, mentre avanza avvolto da una fitta nebbia. Il
dio si ferma dietro a lui e lo colpisce sul dorso e sulle larghe spalle con
il palmo della mano. A Patroclo si stravolgono gli occhi. Febo Apollo gli
fa cadere lelmo dal capo, facendolo rotolare sotto le zampe dei cavalli e
sporcare di sangue. Mai si era sporcato di polvere quando copriva la testa
del divino Achille. []
La lancia gli si spezza tra le mani, poi il dio, dopo aver spezzato le
cinghie, fa scivolare per terra lo scudo dalle sue spalle e gli scioglie i lacci
della corazza. La sua mente comincia ad offuscarsi e il suo corpo a inde-
bolirsi. Patroclo si ferma come disorientato, allora Euforbo di Pantoo lo
colpisce, con lasta appuntita, proprio in mezzo alle spalle.
Euforbo il migliore tra i giovani a scagliare la lancia con la punta
di bronzo, nella corsa e nello scontro con i carri leggeri. Aveva appena
imparato a combattere sui carri, che gi riusciva a sbalzare dai cavalli ben
venti soldati.
Costui, per primo, ha vibrato un colpo, ma non lha ucciso e si ritira
fra i suoi dopo aver strappato la lancia dalla ferita: non ha il coraggio di
affrontare il suo nemico che rimasto senza armi. Patroclo, disarmato e
colpito dal dio e da Euforbo, si ritira fra i suoi per sfuggire alla morte.
Ettore, appena lo vede, gli va vicino e lo colpisce nel basso ventre. Patro-
clo cade a terra con grande rumore, provocando un grande sgomento tra
lesercito acheo.

Il duello fra Ettore


e Achille
(Libro XXII, vv. 254-363)
A chille, volgiamo lo sguardo agli di; essi saranno i migliori te-
stimoni dei nostri patti. Io non intendo far strazio di te selvag-
giamente, se Zeus mi concede di resistere e se ti tolgo la vita, ma dopo
averti spogliato delle armi famose, restituir il cadavere agli Achei. Cos
fai anche tu!
Guardandolo cupo, Achille, dai piedi rapidi, gli dice: Ettore non par-
larmi di patti! Sei proprio un pazzo. Come non ci pu essere alleanza tra
i leoni e gli uomini, come lupi e agnelli non si accordano mai, perch si
odiano senza tregua, cos non possibile alcun patto tra di noi; prima che
tra di noi ci possano essere impegni giurati, uno dei due deve cadere e
saziare la sete di sangue di Ares, dio della guerra. Fai appello ora ad ogni
115

106_137_O.indd 115 24/02/11 12:01


R Raccontato in prosa Iliade

tua abilit: hai bisogno di essere un buon combattente di lancia e un in-


trepido guerriero. Non c pi scampo per te. Ben presto Pallade Atena ti
abbatter sotto la mia lancia. Oggi mi pagherai, tutte in una volta, le pene
patite dai miei compagni, che tu hai ucciso, infierendo con lasta. Traen-
do allindietro la lancia dalla lunga ombra, Achille la scaglia, ma lillustre
Ettore guarda in avanti, la vede in anticipo, si china e riesce a schivarla
cos la lancia di bronzo si conficca nel terreno. Pallade Atena la prende e
la riporta ad Achille ed Ettore, guida di genti, non se ne accorge. Allora
leroe parla con Achille: Hai sbagliato il colpo Achille, tu che sei simile
agli di, non conosci la mia sorte. Tu sei un fanfarone, scaltro soltanto a
parole, vuoi che per paura io dimentichi il mio coraggio. Non mi pianterai
lasta nella schiena mentre fuggo, ma qui nel petto, se qualche divinit te
lo concede. Ed ora scansa la mia asta di bronzo, vorrei cacciarla tutta nel
tuo corpo. Allora la guerra per i Troiani sarebbe meno dura: tu sei, per
loro, la pi grande sciagura.
Traendo indietro la lancia dalla lunga ombra, la scaglia e colpisce in
pieno lo scudo di Achille senza sbagliare, ma lasta rimbalza lontano. Et-
tore rimane male vedendo che il colpo gli uscito di mano a vuoto e resta
confuso: non ha unaltra asta di faggio. Allora chiama a gran voce Defobo,
dal bianco scudo, per avere una lunga lancia, ma egli non gli pi vicino.
Ettore comprende ci che sta accadendo e dice: Vedo che gli di mi chia-
mano alla morte. Io credevo che mi fosse accanto il guerriero Defobo, ma
egli dentro le mura e qui sono ingannato da Atena. Ora so che la fine
vicina, non c scampo. Da tempo cos volevano Zeus e il figlio Apollo che
in passato mi proteggevano benevoli. Ora mi raggiunge il destino, ma non
devo perire senza lotta e senza gloria. Voglio compiere qualcosa di grande
che rester per sempre nella memoria degli uomini.
Dopo aver detto ci, sguaina la spada tagliente, che gli pende dal fianco
grossa e massiccia. Egli sembra unaquila che vola alta e cala verso il piano
attraverso nuvole oscure a ghermire un tenero agnello o una timida lepre.
Cos Ettore si lancia brandendo la spada appuntita. Anche Achille bal-
za con lanimo colmo di furore. Davanti al petto protende lo splendido
scudo di squisita lavorazione e muove lelmo brillante a quattro creste: i
fiocchi doro, che Efesto ha disposto intorno allelmo, si agitano.
Come la stella Vespero, la pi bella stella del cielo, si muove andando
tra gli astri nel cuore della notte, cos brilla, in punta, la lancia che Achil-
le impugna contro Ettore, mentre osserva il suo corpo per comprendere
quale possa essere il punto da colpire.
Anche Ettore protetto dalle armi di bronzo, le bellissime armi che
ha tolto al forte Patroclo, dopo averlo ucciso. scoperto alla gola, nel
punto in cui le clavicole separano il collo dalle spalle.
Il grande Achille con la lancia lo colpisce proprio in quel punto, men-
tre gli viene incontro. La punta passa attraverso il collo delicato da parte a
parte. Ma non gli taglia la trachea, cos pu ancora parlare. Mentre Etto-
re cade nella polvere, Achille grida queste parole: Certamente credevi di
passarla liscia, spogliando Patroclo delle sue armi e non hai pensato a me,
suo difensore, che rimanevo presso le navi. Cos ti ho colpito e ora cani e
uccellacci ti sbraneranno, mentre Patroclo verr onorato con le esequie.
116

106_137_O.indd 116 22/02/11 16.17


R Raccontato in prosa Odissea

Ettore senza forze gli risponde: Ti supplico per la tua vita, per le tue gi-
nocchia e i tuoi genitori, non lasciare che i cani mi divorino presso le navi de-
gli Achei. Accetta bronzo in abbondanza e loro che ti daranno in dono il pa-
dre e la madre e rendi il mio corpo cos i Troiani affideranno le mie spoglie al
fuoco del rogo. Achille, dai piedi veloci, lo guarda torvo: Non supplicarmi
per le mie ginocchia e i miei genitori. Ascoltami bene, vorrei tagliarti a pezzi
e mangiare le tue carni, dopo ci che mi hai fatto. Nessuno allontaner da te
i cani, neanche se portassero qui doni immensi, neanche se Priamo, figlio di
Dardano, ti facesse riscattare a peso doro. Tua madre non potr comporre la
tua salma nel tuo letto di morte e piangerti, ma cani e uccelli ti sbraneranno.
Dice Ettore morente: Ti conosco bene, non posso convincerti: hai
un cuore di ferro. Potrei per diventare la causa dello sdegno degli di,
il giorno in cui Paride e Apollo ti uccideranno, nonostante la tua forza,
alle Porte Scee. Mentre parla cos, la sua anima vola via dal suo corpo e
se ne va allAde, mentre piange la sua sorte che le impone di lasciare la
forza e la giovinezza delleroe.

Odissea
Proemio
P arlami, o Musa della poesia, delluomo ricco di astuzia che, dopo aver
contribuito alla distruzione della citt di Troia, vide, nel suo viaggio
di ritorno da questa citt, le terre di molti popoli e conobbe i pensieri di
tali genti, che soffr molti dolori lungo questo viaggio, lottando perch
i suoi compagni non morissero e potessero anzi tornare alle loro case.
Nonostante ci, egli non li salv, sebbene tanto lo avesse voluto, perch
essi, pazzi!, si persero per la loro stessa follia, infatti mangiarono i buoi
del Sole Iperione e il Sole, per vendetta, distrusse il giorno del loro ritor-
no. Racconta qualcosa anche a noi di tutto ci, o figlia di Zeus.

Odisseo e Calipso
(Libro V)
Testo (vv. 148-153)
U dito il messaggio di Zeus da Ermes, il rapido messaggero, la ninfa
Calipso si reca da Odisseo. Lo trova, con gli occhi bagnati di lacri-
me, seduto sulla riva del mare, dove egli consuma la sua vita sospirando
il ritorno, perch non gli piace pi il suo soggiorno presso la ninfa. []

[Slascer partire. Taglia dei grossi tronchi e fabbrica una grande zat-
Continuazione i rivolge a lui e gli dice: Non piangere pi, non rovinarti la vita. Ti
del testo (omesso)
tera; costruisci sopra un cassero alto che possa portarti sul mare oscuro.
Dentro io metter pane, acqua e vino rosso in abbondanza che ti difen-
dano dalla fame, ti dar delle vesti, mander un vento propizio perch
tu giunga salvo alla terra dei tuoi padri: se questo quello che gli di
vogliono, poich sono pi forti di me.
Rabbrividendo, il tenace Odisseo le risponde cos:
Tu, o dea, stai pensando ad altro, non a farmi tornare in patria, attra-
versando il mare tremendo, spaventoso, profondo. Neppure le navi pi
117

106_137_O.indd 117 22/02/11 16.17


R Raccontato in prosa Odissea

perfette riescono a fare un simile viaggio col favore del vento di Zeus. Io
non salir, o dea, su una barca se tu non mi giurerai che non stai traman-
do in qualche modo contro di me.
La divina Calipso sorride, lo accarezza con una mano e gli dice:
Sei davvero scaltro e non certo sciocco: chiamo come testimoni la
terra e il cielo immenso, lacqua dello Stige, e questo il giuramento pi
solenne, che non sto tramando nulla contro di te. Io far per te quello
che farei per me stessa, se ne avessi bisogno. Il mio animo giusto e il
cuore nel mio petto non di ferro, ma sa provare piet.]

Testo
(vv. 203-224;
vv. 233-264)
D ivino figlio di Laerte, Odisseo, uomo molto astuto, cos ora tu
vuoi tornare a casa tua, nella cara terra dei tuoi antenati ma
se tu sapessi quante sofferenze sei destinato a sopportare prima di rag-
giungere la tua patria, forse resteresti qui con me a custodire questa terra
e saresti anche immortale, nonostante il forte desiderio che tu hai e che
si rinnova ogni giorno di rivedere tua moglie. Eppure so di non essere
inferiore a lei per aspetto e per immagine, perch non cosa giusta che
le donne mortali gareggino con quelle immortali rispetto alla bellezza.
Odisseo le risponde: O dea molto potente, non adirarti per questo
con me; so bene anchio che, a vederla, la saggia Penelope inferiore
a te per bellezza e levatura, lei infatti mortale, mentre tu sei immor-
tale e, quindi, sempre giovane. Ma nonostante ci, io desidero e voglio
fortemente ogni giorno tornare a casa e vedere il giorno del mio grande
ritorno. Se un dio mi far naufragare sul mare scuro come il vino, a causa
di una tempesta, sapr sopportare anche questa sventura, perch sono
paziente: ho gi sofferto per tante altre, sia per mare sia in guerra. []

Allora Calipso prepara la partenza per Odisseo. Gli d una grande


scure di bronzo a doppio taglio con il manico in legno dolivo, bellissimo
e fissato saldamente. Gli d, poi, anche unascia lucente. Lo guida poi
allestremit dellisola, dove crescono alberi alti, ontani, pioppi e abeti
che toccano il cielo: tutto legno stagionato, secco, buono per galleggiare;
poi torna a casa. Odisseo taglia i tronchi e lavora velocemente. Ne abbatte
venti, li sgrossa tutti con la scure, li leviga abilmente fino a farli diventare
dritti. Intanto la divina Calipso porta le trivelle con le quali Odisseo fa
i buchi nei tronchi che poi congiunge gli uni agli altri. Rinsalda, infine,
la barca con chiodi di legno e ramponi. Come un esperto falegname, co-
struisce il fondale concavo e largo di una grande nave da carico, cos fa
Odisseo per la sua grande zattera. Alza poi il cassero, con molti travicelli
connessi tra di loro e lo completa con assi lunghissime. Costruisce lalbe-
ro e, attaccato ad esso, il pennone; infine aggiunge il timone per poterla
guidare. La cinge con stuoie di vimini, a difesa dalle onde del mare, e
copre il fondo di frasche. Allora la divina Calipso porta dei drappi per
fare le vele: ed egli fabbrica anche quelle. Lega poi le sartie, le drizze e
le scotte e con rulli di legno porta infine la zattera sul mare lucente.
gi il quarto giorno e tutto terminato; il quinto giorno Calipso lo lascia
partire dallisola, dopo un bagno ristoratore e dopo averlo vestito con
indumenti profumati.
118

106_137_O.indd 118 22/02/11 16.17


R Raccontato in prosa Odissea

Lincontro
con Nausicaa
(Libro VI, vv. 115-197)
N ausicaa getta la palla a unancella, ma sbaglia tiro e la palla cade
nellacqua profonda. Le fanciulle lanciano un grido che risveglia il
divino Odisseo. Egli si mette a sedere e pensa tra s:
In quale terra mi trovo, tra quali uomini? Si tratter di gente violenta
e selvaggia che non conosce la giustizia o di un luogo abitato da persone
ospitali che hanno timore di dio? Ho udito un grido di giovani donne,
sono le ninfe cha abitano le alte vette dei monti, le sorgenti dei fiumi e i
prati coperti derba? O mi trovo vicino ad esseri umani? Voglio cercare
di vedere io stesso.
Con questi pensieri, il divino Odisseo esce dai cespugli, strappa con
le sue mani, dalla fitta boscaglia, un ramo pieno di foglie per coprire le
nudit del suo corpo. Egli viene avanti come un leone che scende dai
monti sicuro della sua forza e sotto la pioggia e il vento avanza mentre i
suoi occhi mandano lampi, va a caccia di buoi o di pecore o di cerbiatte
selvatiche e la fame lo spinge a entrare anche in un recinto chiuso per
assalire le greggi. Cos Odisseo, che, tra le fanciulle dai bei capelli,
sta per giungere nudo: spinto dalla necessit. Appare loro coperto di
salsedine: orribile. Esse fuggono per tutta la spiaggia. Solo la figlia di
Alcinoo rimane, poich Atena le infonde nellanimo coraggio e toglie
ogni tremore al suo corpo. La fanciulla sta davanti al naufrago immobile.
Odisseo incerto, non sa se supplicare la bella fanciulla, abbracciandole
le ginocchia, o rivolgerle parole gentili, parlando da lontano, affinch gli
indichi la citt e gli doni dei panni per coprirsi.
Gli pare, alla fine, pi prudente pregarla da lontano con parole mi-
surate e accorte, temendo di sollecitare il suo sdegno abbracciandole le
ginocchia.
Signora, ti supplico, dimmi: sei una donna o una dea? Se sei una dea
che abita il cielo infinito, io ti paragono ad Artemide, figlia del sommo
Zeus perch le somigli per il tuo aspetto e per la tua figura. Se invece
appartieni ai mortali che vivono sulla terra, allora tre volte felici sono tuo
padre, tua madre e i tuoi fratelli: il loro cuore sicuramente pieno di gio-
ia quando vedono danzare nelle loro stanze questo bellissimo fiore. Ma
pi di tutti felice colui che, colmandoti di doni nuziali, ti porter alla
sua casa. Io non ho mai visto una creatura di simile bellezza, n uomo
n donna. Ti guardo e lo stupore mi prende. Un tempo a Delo, vicino
allaltare di Apollo, vidi una giovane palma cos bella. Sono giunto infatti
a Delo e molti mi seguivano in un viaggio che mi ha procurato infiniti
dolori. Allora mi sono stupito nel vederla, difficilmente la terra produce
qualcosa di simile. Allo stesso modo io ti ammiro e stupisco, ma ho paura
di toccare le tue ginocchia e ho nel cuore una terribile angoscia. Ieri sono
scampato alla furia del mare nero come il vino ed era il ventesimo giorno
da quando le onde e le tempeste impetuose mi hanno trascinato dallisola
di Ogigia. Ora mi ha gettato qui un dio, Poseidone, perch anche qui io
soffra sventure, non credo che sia finita, perch gli di vorranno farmi
soffrire ancora. Abbi piet di me! Dopo tante sofferenze mi rivolgo a te,
per prima, poich non conosco nessuno in questa citt e in questa terra.
Dimmi dove si trova la citt, dammi un telo per coprirmi, di quelli che
119

106_137_O.indd 119 22/02/11 16.17


R Raccontato in prosa Odissea

hai usato per avvolgere i panni, quando sei venuta qui. Ti auguro che
gli di ti concedano tutto quello che il tuo cuore desidera: una casa, un
marito e un felice accordo tra voi. Non c niente di pi prezioso dellac-
cordo tra marito e moglie, quando essi governano, con unanima sola, la
loro casa. Di questo provano molta invidia i nemici, gioia gli amici. Ed
essi acquistano fama.
A lui risponde Nausicaa dalle belle braccia: Straniero, tu non sembri
un uomo malvagio o privo di saggezza; tu sai che Zeus d la felicit alle
persone buone e a quelle malvagie, quando lui lo desidera; a te ha dato
dolori e, quindi, devi soffrire. Ora, per, sei nella mia terra, verrai nella
mia citt e avrai una veste e tutto ci che occorre a un infelice e che a noi
lo chieda. Ti indicher la via della citt e qual il popolo che la abita. L
e in questa terra intorno vivono i Feaci e io sono la figlia del generoso
Alcinoo, che dei Feaci il re.

Il Ciclope
[QOra, miei fedeli compagni, aspettate qui. Io con la mia nave e i
uando arriv lAurora riunii tutti i miei compagni e cos parlai loro:
(Libro IX)
Antefatto (omesso) miei uomini andr a vedere chi questa gente, se sono violenti, ingiusti
e selvaggi, oppure rispettosi dellospite e timorati degli di .
Dissi queste cose, salii sulla nave e ordinai ai miei compagni che si
imbarcassero e sciogliessero gli ormeggi a poppa. Essi salirono subito, si
sedettero ai banchi e, uno vicino allaltro, battevano con i remi il mare
bianco di schiuma. E quando fummo giunti alla terra vicina, proprio sul
mare al limite estremo, vedemmo unenorme grotta ricoperta di alloro.
Intorno dormivano greggi di pecore e capre: vicino cera un recinto di
massi conficcati in terra e lunghi tronchi di pino e quercia dalle alte
fronde. Qui viveva, da solo, un essere enorme che pascolava le greggi,
lontano da tutti. Non frequentava nessuno, ma se ne stava in disparte e
non conosceva la giustizia. Era un gigante mostruoso che non assomi-
gliava ai comuni mortali, ma alla cima selvosa di un monte altissimo che
si distingue da tutti gli altri.
Dissi ai miei compagni di rimanere a custodire la nave. Io, invece, mi
avviai con dodici uomini scelti, i migliori.
Rapidi giungemmo allantro, ma non trovammo il gigante: era al pa-
scolo con le sue ricche greggi.
Guardavamo con meraviglia ogni cosa: i graticci carichi di formaggio,
i recinti pieni di agnelli e capretti separati gli uni dagli altri: i primi nati,
i secondi e infine i lattanti. Le brocche di buona fattura, i vasi e i secchi,
nei quali mungeva, erano pieni di latte. I miei compagni mi supplica-
vano di prendere i formaggi, spingere agnelli e capretti verso la nave
e prendere il largo rapidamente. Io non li ascoltai (forse sarebbe stato
meglio farlo), perch volevo constatare se il gigante mi avrebbe ricevuto
in modo ospitale.
Ma il suo ritorno sarebbe stato infausto per i miei compagni.
Dopo aver acceso il fuoco, offrimmo sacrifici agli di, poi mangiam-
mo formaggio, aspettandolo seduti.]
120

106_137_O.indd 120 22/02/11 16.17


R Raccontato in prosa Odissea

Testo
(vv. 233-298;
vv. 306-335)
R itorn il Ciclope con le sue greggi, portando una pesante fascina di
legna che avrebbe utilizzato per cucinare la sua cena. Gett la legna
dentro la grotta con grande fracasso, tanto che noi fuggimmo atterriti
in fondo alla grotta. Egli spinse nella grotta le bestie per la mungitura,
mentre i maschi, capri e montoni, li lasci fuori, allinterno di un vasto
recinto. Con un enorme e pesante masso chiuse lentrata; ventidue ro-
busti carri a quattro ruote non avrebbero mosso lenorme pietra che egli
utilizz come porta. Seduto mungeva le pecore e le capre belanti, una
dopo laltra e spingeva i lattanti sotto ciascuna. Fece rapprendere con il
caglio met del bianco latte, lo raccolse e lo mise in canestri di vimini,
vers laltra met nei vasi per poterne bere per cena. Dopo aver sbrigato il
suo lavoro, accese il fuoco. Alla luce del fuoco egli ci vide e ci domand:
Stranieri chi siete? Da dove venite, percorrendo le vie del mare? Ef-
fettuate qualche commercio o navigate senza una meta precisa, come i
pirati, rischiando la propria vita e portando rovina agli altri?
Egli parl in questo modo e a noi si ruppe il cuore nel petto per paura
di quel gigante e della sua voce tremenda. Tuttavia io gli risposi in questo
modo:
Siamo Achei di ritorno da Troia; i venti ci hanno portati fuori rotta
sul grande mare. Eravamo diretti alle nostre case, ma abbiamo seguito
altre vie per volere di Zeus. Siamo guerrieri di Agamennone, figlio di
Atreo, la cui fama arriva fino al cielo: egli ha distrutto, infatti, una grande
citt e ha ucciso molti uomini. Noi ci inchiniamo, supplicandoti affinch
tu ci conceda la tua ospitalit, oppure tu ci voglia offrire un dono, come
si usa fare con gli ospiti. Rispetta il volere degli di, noi ti supplichiamo.
Zeus colui che vendica i torti subiti dagli ospiti che non sono stati ac-
colti in modo degno.
Io dissi queste cose, ma lui mi rispose con cuore duro:
Sei sciocco, straniero, oppure vieni da molto lontano, se mi racco-
mandi di rispettare gli di. I Ciclopi non temono Zeus, signore del cielo,
e non si curano degli altri di, perch noi siamo molto pi forti. Non
salver la vita n a te n ai tuoi compagni, se questa non la mia volont,
per timore degli di. Vorrei per sapere dove hai ormeggiato la tua nave:
qui vicino, oppure lontano?
Egli tentava di tendermi una trappola, ma non ingann la mia intelli-
genza, cos gli risposi dicendogli il falso:
Poseidone distrusse la mia nave, scagliandola contro le rocce di un
promontorio, ai confini di questa terra. Un forte vento la spingeva dal
mare. Solo io e questi miei compagni siamo sfuggiti alla rovina. Quelles-
sere dal cuore di pietra non mi rispose, ma rapidamente afferr due miei
compagni: li sbatteva al suolo come cuccioli e intanto il cervello schizza-
va dalla loro testa e bagnava la terra; poi li fece a pezzi e cos si prepar
la cena. Li divor voracemente, come un leone dei monti, senza lasciare
nulla. Alzavamo le braccia al cielo disperati, davanti allorrendo spettaco-
lo. Eravamo impotenti. Dopo che il Ciclope ebbe riempito il suo enorme
ventre, mangiando carne umana e bevendo latte, si mise a dormire per
terra, in mezzo alle pecore. Io intanto pensavo di sguainare la spada,
conficcargliela nel petto, nel punto in cui il fegato chiuso dentro il
121

106_137_O.indd 121 22/02/11 16.17


R Raccontato in prosa Odissea

diaframma. Un pensiero per mi dissuase dal mettere in atto un simile


piano: saremmo morti tutti l dentro di una morte tremenda, perch
nessuno avrebbe potuto spostare il pesante masso con il quale il gigante
aveva chiuso lingresso della caverna.
[]
Disperati aspettammo lAurora.
Quando apparve la mattutina Aurora, il gigante accese il fuoco e
inizi a mungere le pecore, una dopo laltra, in ordine e poi spinse i lat-
tanti sotto ciascuna. Dopo che ebbe svolto i suoi lavori, afferr altri due
uomini e prepar cos il suo pranzo. Dopo il suo orrendo pasto, spinse
fuori dalla grotta le grasse pecore dopo aver spostato, senza fatica, il
masso che chiudeva lingresso; ma subito lo rimise al suo posto, come
si rimette il coperchio alla faretra. Con un fischio acuto il Ciclope guid
verso il monte le pecore floride. Io rimasi nella grotta a meditare la mia
vendetta, sperando che Atena volesse concedermi questa opportunit.
Infine trovai una soluzione che mi sembrava realizzabile. Accanto al re-
cinto cera un grosso tronco di olivo: il mostro laveva tagliato per farne
un bastone. Era talmente lungo e grosso che sembrava lalbero di una
nera nave di venti remi, una grossa nave da carico capace di percorrere
gli abissi del mare. Mi avvicinai, ne tagliai un pezzo lungo due braccia
e lo diedi ai miei compagni affinch lo assottigliassero; essi lo fecero
diventare liscio, io invece lo appuntii ad una estremit e poi lo misi sul
fuoco per indurirlo. Poi lo nascosi sotto il letame che nella caverna si
trovava in gran quantit. Ai miei compagni ordinai di tirare a sorte il
nome di coloro che mi avrebbero dovuto aiutare a sollevare il palo e a
conficcarlo nellunico occhio del mostro quando egli fosse stato vinto
dal sonno. La sorte indic i quattro che io stesso avrei scelto e come
quinto proposi me stesso.

[Ase nella grotta, senza lasciarne fuori neanche una: forse meditava
Continuazione sera torn dal pascolo con le pecore dal vello folto che subito spin-
del testo (omesso)
qualcosa o cos volle un dio. Sollev e rimise a posto lenorme masso, poi
si sedette a mungere pecore e capre belanti, una dopo laltra, in ordine
e spinse poi il lattante sotto ciascuna. Sbrigati i lavori, afferr altri due
uomini e prepar la cena in questo modo. Allora io, con una coppa in
mano, mi avvicinai al Ciclope e gli dissi: Bevi questo vino, Ciclope, ora
che hai mangiato carne umana, cos vedrai quale bevanda trasportavo
sulla mia nave, la portavo a te come offerta, se tu avessi avuto piet di
me e mi avessi fatto tornare. Ma la tua follia intollerabile. Chi mai, in
futuro, vorr venire da te? Certamente non hai agito secondo giustizia.
Egli prese la coppa e bevve. Il dolce vino gli piacque moltissimo, tan-
to che me ne chiese dellaltro.
Dammene ancora, ti prego, e dimmi il tuo nome, affinch io possa
darti un dono ospitale che ti dia gioia. Anche ai Ciclopi la terra fertile
regala il vino di ottime viti, ma questo nettare o ambrosia divina.
Io gli offrii dellaltro vino, per tre volte e tre volte lo bevve, come uno
sciocco. Quando il vino ebbe annebbiato la mente gli parlai con parole
suadenti:]
122

106_137_O.indd 122 22/02/11 16.17


R Raccontato in prosa Odissea

Testo
(vv. 364-384;
vv. 391-419;
T u, o Ciclope, chiedi il mio nome e io te lo riveler, ma tu dammi
il dono che mi hai promesso. Il mio nome Nessuno, cos mi
chiamano padre e madre e tutti i miei compagni.
vv. 425-443) Quellessere dal cuore spietato mi rispose cos:
Dopo tutti i tuoi compagni, per ultimo io manger Nessuno. Questo
il mio dono ospitale.
Detto questo cadde allindietro, disteso, con il grosso collo piegato,
vinto dal sonno che vince ogni cosa. Era ubriaco e ruttava, dalla bocca
sgorgavano il vino e brandelli di carne umana. Io spinsi rapidamente il
palo sotto la brace finch questo fu incandescente; intanto facevo corag-
gio ai miei compagni atterriti, perch non si tirassero indietro. Quando il
tronco dolivo stava per prendere fuoco, io lo tolsi dalle braci; i compagni
erano tutti attorno a me. Certamente, in quel momento, un dio ci infuse
un grande coraggio. Alzarono il tronco dolivo dalla punta aguzza e lo
Continuazione conficcarono nellocchio. Io dallalto lo facevo girare, [come quando un
del testo (omesso) uomo perfora il legno di una nave con il trapano che altri muovono sotto
con una cinghia, tenendola da tutte e due le parti, cosicch il trapano
avanza senza fermarsi. Cos noi, tenendo conficcato nellocchio il tronco
rovente, lo facevamo girare, intanto il sangue girava attorno alla punta.
La vampata che colp la pupilla gli bruci anche le palpebre e le so-
pracciglia, mentre le radici dellocchio crepitavano al fuoco.]
Come quando un fabbro immerge nellacqua fredda una grande scu-
re o unascia, che manda sibili acuti, ma intanto cos la tempra, perch
questa la forza del ferro, cos strideva locchio intorno al tronco dolivo.
Il Ciclope gett un grido tremendo che risuon in tutta la grotta, e noi
fuggimmo atterriti. Si strapp dallocchio, con le mani, il palo macchiato
di sangue e lo gett lontano da s, come un pazzo. Chiamava in suo aiuto
i Ciclopi che abitavano nelle grotte vicine, sulle cime dei monti battuti
dai venti. Essi, udendo il suo grido, accorrevano da ogni parte e, stando
intorno alla grotta, chiedevano che cosa gli fosse capitato di male:
Perch, Polifemo, nella placida notte hai gridato con tanta angoscia
e non ci lasci dormire? Forse qualcuno ti sta rubando le pecore? Forse
qualcuno ti vuole uccidere con la violenza e con linganno?
Dalla caverna Polifemo rispose cos:
O amici, Nessuno mi uccide con linganno, non con la violenza.
Essi risposero cos ad alta voce:
Se nessuno ti usa violenza e sei solo, il male che hai ti viene da Zeus,
quindi non puoi evitarlo, prega piuttosto il dio Poseidone, tuo padre.
Dissero questo e se ne andarono; il mio cuore rideva perch lave-
vo ingannato perfettamente con astuzia. Gemendo per il dolore, tolse il
masso dallapertura della grotta e si sedette sulla soglia, tendendo le brac-
cia per afferrare chi avesse tentato di uscire assieme alle pecore: sperava
che io fossi cos sciocco.

[Io pensavo quale fosse il piano migliore per poter trovare scampo
per me e i miei compagni; tessevo ogni sorta di inganno e di astuzie,
come quando si rischia la vita, perch si minacciati da una grande scia-
gura. Infine trovai una soluzione che mi sembr la migliore possibile.]
123

106_137_O.indd 123 22/02/11 16.17


R Raccontato in prosa Odissea

Cerano dei montoni, grandi, bellissimi, nutriti bene, con un folto


vello viola. Io li legai assieme, tre alla volta, con i vimini sui quali dor-
miva il Ciclope gigante che non conosceva piet: il montone che stava
in mezzo portava un compagno, gli altri, camminando a fianco, lo pro-
teggevano. Tre montoni portavano un solo uomo. Io afferrai sul dorso
un ariete, il pi grande di tutto il gregge, mi spinsi sotto il suo ventre
lanoso, tenendomi aggrappato saldamente e con molto coraggio al suo
folto pelo. Cos aspettavamo con ansia lAurora.
Quando arriv lAurora, Polifemo fece uscire i montoni; nei recinti le
femmine, che non erano state munte, belavano a causa delle mammelle
rigonfie. Straziato dal dolore, il Ciclope tastava il dorso di tutte le pecore
che stavano ritte: non capiva, lo stolto, che al petto delle pecore lanose
Continuazione erano legati gli uomini. [Per ultimo usc dalla grotta lariete sotto il quale
del testo (omesso) io, un uomo dai pensieri coraggiosi, stavo aggrappato. Tastandolo il forte
Polifemo gli diceva:
Perch esci dalla grotta per ultimo, mio amato montone? Prima non
restavi dietro le pecore, ma eri il primo a brucare sui pascoli la tenera
erbetta, balzando davanti, giungevi per primo al fiume ed eri il primo a
ritornare al recinto la sera. Ora sei lultimo. Forse piangi locchio del tuo
padrone? Dopo avermi ubriacato col vino, un vile, assieme ai suoi compa-
gni, mi ha accecato. Nessuno, che io credo, non sia ancora scampato alla
morte. Se tu potessi capire, se tu mi potessi dire dove si trova questuomo
che si nasconde alla mia furia, gli spaccherei il cervello sbattendolo al
suolo per la caverna, da una parte allaltra, cos la mia angoscia troverebbe
sollievo dalle sventure che mi procur questo Nessuno da nulla.
Dopo aver detto queste parole, spinse il montone allesterno. Quan-
do fummo un po lontani dalla grotta, lasciai lariete e poi sciolsi i miei
compagni. Rapidi spingemmo le floride pecore, dalle lunghe zampe, te-
nendole riunite, finch giungemmo alla nave.]

Il cane Argo
(Libro XVII, vv. 290-327) M entre Odisseo e Eumeo parlano tra loro, un cane, l sdraiato, solle-
va la testa e le orecchie. Argo, il cane del valoroso Odisseo, che
un tempo egli stesso aveva allevato senza poter godere della sua compa-
gnia, dovendo partire per la guerra di Troia. Un tempo lo portavano a
caccia di capre selvatiche, di cervi, di lepri; ma ora, senza padrone, giace
abbandonato sopra il letame dei muli e dei buoi, che si ammucchia fino
a quando i servi di Odisseo lo portano sui vasti terreni per concimarli. Il
cane Argo, pieno di zecche, giace in quel luogo.
Quando il cane sente che Odisseo si avvicina, muove la coda, abbassa
le orecchie, ma non riesce ad accostarsi al suo padrone. Odisseo, disto-
gliendo lo sguardo, si asciuga una lacrima, di nascosto da Eumeo, e poi
gli domanda:
Eumeo, questo cane, che giace nel letame, daspetto bellissimo, ma
non so dire se era altrettanto veloce nella corsa o se era, invece, come
quei cani da compagnia che i padroni allevano per vanit.
Gli risponde cos Eumeo, guardiano di porci:
il cane di un uomo che morto lontano. Se nelle azioni e nel corpo
fosse ancora come era quando Odisseo lo lasci, partendo per Troia, ti
124

106_137_O.indd 124 22/02/11 16.17


R Raccontato in prosa Odissea

stupiresti nel vedere la sua velocit e la sua forza. Non una preda sfuggi-
va al suo inseguimento nel folto della profonda foresta, era infatti esper-
to nel fiutare le tracce. Ora la sventura lo ha colto. Il padrone morto
lontano da casa e le donne non hanno cura di lui. Quando i padroni
non li controllano, i servi non si curano di compiere il loro lavoro. Zeus,
signore del tuono, toglie alluomo gran parte del suo valore e della sua
responsabilt, quando lo rende schiavo.
Detto questo entra nella bella dimora, va verso la sala, tra i nobili pre-
tendenti.
E la morte oscura scende su Argo, non appena ha rivisto Odisseo
dopo ventanni.

La gara con larco


(Libro XXI, vv. 359-434) I l guardiano di porci prende larco ricurvo per portarlo ad Odisseo e i
Proci, in sala, si mettono tutti a gridare; qualcuno di quei giovani su-
perbi pronuncia queste parole:
Ma dove porti larco ricurvo, stolto porcaro, pazzo che sei! Fra poco,
se Apollo ci assiste e, con lui, gli altri di immortali, fra i tuoi maiali ti
sbraneranno i cani veloci, quei cani che tu allevasti.
Dicono queste cose ed Eumeo lo riporta al suo posto, atterrito, perch
dentro la sala molti gridano. Ma grida anche Telemaco, minacciando:
Vecchio, porta larco a me! Se ubbidirai a costoro, lo farai a tuo dan-
no. Attento che non ti spedisca in campagna a sassate: sono pi giovane
e sono pi forte.
E, se fossi pi forte di tutti i pretendenti che sono in casa, ne caccerei
qualcuno dal mio palazzo in malo modo, perch essi progettano azioni
ignobili.
I Proci ridono di Telemaco, schernendolo, ma smettono di essere vio-
lenti. Il guardiano, portando larco attraverso la sala, si avvicina a Telemaco
e lo pone tra le mani del prode Odisseo. Poi chiama Euriclea e le dice:
Telemaco ti ordina di chiudere le solide porte della sala; e se qual-
cuno ode rumore o lamenti umani provenire dallinterno, non esca, ma
badi, in silenzio, al suo lavoro.
Euriclea comprende e chiude le porte della bellissima sala. Filezio, in
silenzio, esce dalla casa e chiude i portoni del cortile. Nel portico c una
fune di nave, una corda di papiro e con questa lega saldamente i battenti.
Poi rientra e siede, guardando Odisseo. Egli ha in mano larco e lo gira da
ogni parte come per verificare se mentre era lontano i tarli abbiano corro-
so il legno. Intanto, parlando con il vicino qualcuno osserva:
Questo vagabondo, tormentato dalle disgrazie, ha una certa esperien-
za con gli archi, forse ne possiede uno simile a casa, o vuole costruirsene
uno.
Un altro dei giovani superbi dice:
Possa avere poca fortuna, quanta ne avr nel tendere larco.
I pretendenti dicono queste cose.
Lastuto Odisseo, dopo aver guardato bene il grande arco, come
quando un esperto suonatore di cetra tende senza sforzo la corda intorno
alla nuova chiavetta, fissando da una parte e dallaltra il ritorto budello
di pecora, cos, senza sforzo, tende il grande arco. Egli tocca con la mano
125

106_137_O.indd 125 22/02/11 16.17


R Raccontato in prosa Eneide

destra la corda e questa emette un suono bellissimo simile al verso di


una rondine. I Proci spaventati impallidiscono. Zeus tuona forte, mani-
festando cos il suo favore ed lieto leroe che il figlio di Crono gli abbia
mandato un segno.
Odisseo allora prende una freccia che si trova vicino a lui, su un tavo-
lo, la pone nel mezzo della corda e la scocca mirando dritto. Non fallisce
il primo colpo, infatti la freccia dalla punta di bronzo attraversa tutte le
scuri, uscendo dallaltra parte.
Allora egli dice a Telemaco:
Telemaco, lospite che siede nella tua sala non ti disonora; non ho
faticato a tendere larco, non ho fallito il bersaglio; possiedo ancora la
forza, contrariamente a quanto dicono i Proci insultandomi. Ora bisogna
preparare la cena, finch c luce; poi potremo divertirci con il canto e la
cetra che accompagnano ogni banchetto.
Dopo aver detto questo fa cenno con gli occhi. Telemaco prende la
spada affilata, impugna la lancia e con lelmo di bronzo splendente si
mette accanto al trono del padre.

Eneide
Proemio
I o celebro le battaglie e leroe che partendo da Troia, come esule, per
volere del Fato, giunse in Italia, sulle spiagge di Lavinio. Egli vag a
lungo per mare e per terra, per la dura volont degli dei e per lira osti-
nata di Giunone. Egli soffr molte pene anche combattendo prima di
fondare la citt e fin quando riusc a portare le sue divinit nel Lazio, l
dove ebbero origine la razza latina e quella albana e infine lintramonta-
bile Roma.

Linganno
del cavallo
(Libro II, vv. 1-56)
T acquero tutti, facendosi pi attenti. Enea dal suo triclino inizi a
parlare:
O regina, mi chiedi di rinnovare un grande dolore: come i Dnai
abbatterono la potenza troiana e il regno, e tutte le miserie che io vissi
e soffrii.
Chi potrebbe, parlando di simili cose, anche fosse uno dei Mirmidoni
o dei Dolopi o un soldato di Odisseo, riuscire a trattenere le lacrime?
Lumida notte sta scendendo e gli astri, che stanno tramontando, ci in-
vitano al riposo. Ma se cos grande il desiderio di conoscere le nostre
vicende e lestrema agonia di Troia, anche se il mio animo fugge da questi
ricordi, io prover a raccontare.
Sfiniti dalla guerra e ostacolati dal Fato, dopo molti anni, i condottieri
dei Dnai costruiscono, ispirati da Atena, un cavallo gigantesco di abete
e fanno credere che tutto questo sia fatto come offerta votiva, e tutti ne
parlano.
Allinterno del cavallo viene nascosto un gruppo di guerrieri scelti a
sorte, che trovano riparo nellenorme ventre.
126

106_137_O.indd 126 22/02/11 16.17


R Raccontato in prosa Eneide

I Greci intanto si nascondono sulla spiaggia di Tenedo, isola di grande


rinomanza, ricca finch Priamo regnava in pace, ma ormai era diventata
un approdo malsicuro per le navi. I Greci fin l vanno e si nascondono
sulla spiaggia. Noi tutti li crediamo partiti alla volta di Micene, col favore
del vento. Allora la terra dei Teucri pare si liberi dalla lunga oppressione.
Vengono aperte le porte: tutti godono, uscendo dalla citt, nel vedere gli
accampamenti dei Dori e i luoghi occupati dai Greci, ormai vuoti. Qui le
schiere dei Dori, qui il crudele Achille aveva le tende; qui stava la flotta,
qui davano solitamente battaglia.
C chi si stupisce per lofferta, che si riveler apportatrice di lutti,
fatta alla vergine Minerva e ammira la mole del cavallo. Timete, per pri-
mo, ci invita a portarlo dentro le mura e a sistemarlo nella rocca forse
per inganno o forse per volere del destino. Capi, e chi come lui era pi
assennato, consiglia di buttare nelloceano il dono dei Danai oppure di
bruciarlo o di perforare il capace ventre del cavallo per esplorarne i na-
scondigli. Il popolo incerto si divide in pareri opposti.
Davanti a tutti, alla testa di una grande folla che lo accompagna, Lao-
coonte corre dallalta rocca gridando:
O sventurati, che follia mai la vostra, cittadini? Credete che i ne-
mici siano lontani e il loro dono non nasconda un inganno? Conoscete
cos poco Odisseo? O in questa statua di legno si nascondono gli Achei
o questa una macchina costruita a ridosso delle nostra mura per guar-
dare nelle nostre case e scendere dallalto nella citt, oppure nasconde
qualche altro inganno; non dovete credete a un cavallo, o Teucri. In ogni
caso io temo i Dnai, anche quando portano doni.
Detto ci, scaglia, con tutte le sue forze, il giavellotto nel fianco del
cavallo, nel ventre ricurvo. Larma, conficcata nel legno, vibra e le cavit
del ventre del cavallo risuonano cupe ed emettono un gemito. Se tutto
questo non fosse stato il volere divino e il nostro spirito non fosse stato
ottenebrato, ci saremmo gettati a colpire con la spada quel covo di Argivi
e Troia ora esisterebbe ancora e tu, rocca di Priamo, saresti ancora l.

La maledizione
di Didone
(Libro IV, vv. 584-591;
Q uando lAurora, alzandosi dal luminoso letto del marito Titone, il-
lumina la terra, Didone vede albeggiare e vede anche, dalle finestre,
le vele della flotta di Enea procedere veloci. Immaginando le spiagge e
vv. 607-671) i porti ormai vuoti, senza navi, si batte pi volte il petto e si strappa i
capelli disperata; invoca Giove, come testimone, poich Enea se ne sta
andando, deridendo e oltraggiando il suo regno. [...]
Invoca anche il Sole, Giunone, Ecate, le Dire vendicatrici, gli di di
Cartagine, affinch accolgano le sue offerte votive, ascoltino le sue pre-
ghiere e accettino di perseguitare i colpevoli. Didone chiede che, se an-
che ad Enea sia concesso di arrivare al porto e toccare la nuova patria,
come Giove vuole, possa egli essere duramente perseguitato in guerra da
un popolo coraggioso, sia strappato allaffetto del figlio Iulo, costretto a
chiedere aiuto e a vedere la pena dei suoi. La regina chiede, inoltre, che
anche quando si piegher ad umilianti condizioni di pace, non possa go-
dere il suo regno, ma muoia prematuramente e rimanga insepolto sulla
nuda terra.
127

106_137_O.indd 127 22/02/11 16.17


R Raccontato in prosa Eneide

Ai Cartaginesi chiede di tormentare, per sempre, con lodio i discen-


denti di Enea, auspicando che dalle sue ossa possa nascere un vendica-
tore che perseguiti costoro col ferro e col fuoco e che questi due popoli
e questi due territori siano perennemente in armi tra loro. La regina fa
queste affermazioni ed intanto impaziente di porre fine ai suoi giorni
e alle sue pene, per questo mette in atto tutte le risorse di cui dispone.
Parla brevemente a Barce, la nutrice di Sicheo (la sua nutrice era ormai
sepolta nellantica patria), chiedendole di avvertire la sorella Anna, affin-
ch purifichi il suo corpo con lacqua di fiume e venga portando con s
le vittime per il sacrificio da compiere; chiede che anche Barce si copra
il capo. Spiega che ha pronta lofferta per Giove Stigio e vuole porre fine
alle sofferenze bruciando sul rogo limmagine di Enea e ci che le ricorda
il suo amore.
La vecchia nutrice la segue, adeguando a lei il suo passo. La regina,
tremante, stravolta dallatroce proposito, con gli occhi iniettati di sangue,
corre per il palazzo, sale sul rogo e sguaina la spada di Enea che aveva
chiesto in dono, non certo per farne questo uso. Posa per un attimo lo
sguardo sugli oggetti del Dardano, si getta disperata sui cuscini, pronun-
ciando le sue ultime parole.
Ombre dello Stige, dolci finch eravate in vita, accogliete lanima
mia e liberatemi da queste pene. Ho vissuto realizzando la strada che la
Fortuna mi ha assegnato e ora la mia figura passer nel regno dei morti.
Ho fondato una bellissima citt, ho visto realizzate intorno ad essa mura
volute da me, ho vendicato il mio sposo, punito il fratello che era nemi-
co; sarei stata felice, molto felice se le navi di Enea non avessero toccato
la mia terra. E premendo le labbra sul letto aggiunge: So che la mia
morte rester invendicata, ma voglio scendere nel regno delle ombre.
Enea possa vedere la mia fine dal mare, portando con s la maledizione
che viene dalla mia morte.
Disperata si getta sulla spada per mettere fine ai suoi giorni e la ve-
dono le ancelle e vedono il sangue scorrere sulle mani e sulla spada. Per
tutto il palazzo si odono grida, lamenti, gemiti, urla di donne, come se,
essendo entrati i nemici in citt, Cartagine intera crollasse o crollasse
lantica Tiro e le fiamme salissero, bruciando le case degli uomini e i
templi degli di.

Eurialo e Niso
(Libro IX, vv. 367-449) T recento cavalieri, guidati da Volcente, mandati in avanscoperta dalla
citt latina, vengono a portare un messaggio al re Turno, mentre il
grosso dellesercito attende schierato. I latini si avvicinano al campo e gi
sono sotto le mura, quando vedono da lontano i due troiani che girano,
in fretta, lungo un sentiero a sinistra: i raggi della luna colpiscono lelmo
dellimprudente Eurialo provocando un bagliore che non passa inosser-
vato e attira lattenzione dei latini. Volcente intima di fermarsi, chiede ai
due fuggiaschi di giustificare la loro presenza e di indicare la loro meta.
Non ottiene nessuna risposta, perch i due fuggono velocemente verso
il bosco, sperando nella protezione delle tenebre. I cavalieri si gettano
allinseguimento, bloccando ogni possibile via duscita. un bosco fol-
tissimo pieno di cespugli, di lecci scurissimi e di rovi. Solo pochi sentieri
128

106_137_O.indd 128 22/02/11 16.17


R Raccontato in prosa Eneide

si distinguono nella macchia. Inoltre loscurit e il peso del bottino ral-


lentano la marcia di Eurialo e la paura gli impedisce di trovare la strada
giusta. Intanto Niso si allontana senza pensare, sfuggendo ai nemici e
lasciando quei territori che, dopo la fondazione di Albalonga, vengo-
no chiamati Albani. Ad un tratto il giovane si volta per cercare lamico
e rimane attonito constatando di essere solo. Per cercarlo ripercorre i
sentieri intricati e silenziosi. Poi sente lo scalpitio dei cavalli e i richiami
degli inseguitori. Poco dopo ode delle grida e vede Eurialo, spaventato
da quella confusione, circondato dalla squadra nemica, mentre viene tra-
scinato via, malgrado i suoi sforzi per liberarsi.
Niso sgomento si chiede come fare per liberare lamico e se sia meglio
gettarsi nella mischia per cercare una morte gloriosa in battaglia. Scaglia
due frecce e colpisce a morte due guerrieri latini: Sulmone e Tago. Volcen-
te adirato perch non riesce a vedere il colpevole, si scaglia contro linerme
Eurialo con la spada sguainata. Allora Niso, temendo per lamico, si fa
avanti, dichiarandosi colpevole e chiede di liberarlo. Ma troppo tardi, la
spada di Volcente ha gi trafitto mortalmente il giovane Eurialo.
Il collo del giovane si piega, ormai senza forza, come un rosso fiore
che, tagliato dallaratro, perde la sua vigoria e cos come i papaveri che
chinano il capo quando la pioggia li appesantisce. Niso si getta nella mi-
schia cercando Volcente con il desiderio di vendicarsi. Bench i nemici
lo stringano da ogni parte, egli si fa largo roteando la spada, finch non
la immerge nella gola di Volcente. Poi, colpito a morte, si getta sul corpo
dellamico per trovare finalmente una serena morte.
Virgilio afferma che Eurialo e Niso sono fortunati perch i suoi versi
non li faranno dimenticare mai, il loro coraggio e la loro grande amicizia
saranno sempre un esempio per gli uomini, rimarranno per sempre nella
loro memoria almeno finch Roma esister.

La morte di Turno
(Libro XII, vv. 887-952) E nea si rivolge con determinazione a Turno perch si sottrae allo scon-
tro, dicendogli che quella che sta affrontando non una gara di corsa
e che devono lottare ferocemente con le armi. Continua affermando che
lui pu nascondersi dove gli pare, pu volare fra le stelle o nascondersi
dentro una caverna, ma questo non lo salver. Turno, scuotendo la testa,
risponde che non sono le sue parole rabbiose a spaventarlo, ma Giove
che ormai gli diventato nemico; poi afferra un enorme sasso, collocato
come segno di confine fra due propriet per evitare o per risolvere even-
tuali liti fra i vicini; difficilmente dodici uomini robusti avrebbero potuto
alzarlo, ma Turno lo fa, perch molto forte. Lo prende con frenesia, lo
agita per scagliarlo contro Enea, ma si rende conto di non essere pi ve-
loce come lo era stato un tempo; non sa dove andare e il masso diventa
troppo pesante, le sue ginocchia sono deboli; Turno non si riconosce
pi nella sua forza di un tempo e ci gli fa paura; effettua il lancio, ma il
masso non compie lintera traiettoria e non raggiunge Enea.
Cos come durante un sogno, tentiamo di lanciarci in corse frenetiche
ma cadiamo senza forze, traditi dalle forze che credevamo di possedere,
n ci aiutano la voce o le parole, cos a Turno la dea Dira nega il succes-
so. Allora nel cuore di Turno si agitano pensieri tumultuosi; spaventato
129

106_137_O.indd 129 22/02/11 16.17


R Raccontato in prosa La Canzone di Orlando

da presagi di morte, non pi abile nelle sue azioni n padrone di s;


qualunque iniziativa tenti, questa risulta vana. Pensa ai suoi uomini e al
colpo fatale che sta per arrivare; trema, ma non sa assalire il nemico e non
vede pi la sorella Giuturna che lo aiutava.
Intanto Enea lancia lasta con forza; larma vola come un vento scuro,
strappa lorlo della corazza e lultimo giro dello scudo fatto di sette strati,
poi colpisce la coscia di Turno, che cade in ginocchio. I Rutuli emettono
un grido di sgomento che rimbomba nei boschi e nelle valli intorno. Da
terra Turno si rivolge implorante alleroe troiano, dicendogli che pu
ben esercitare il diritto che spetta al vincitore, quello di ucciderlo, ma
lo supplica di pensare al suo vecchio padre Dauno e di rendergli il suo
corpo; lo prega, poich Enea ha vinto e tutti lo hanno visto e poich lui
si arrende e tutti lhanno visto, di risparmiargli la vita. Il vincitore esita
alle parole di Turno, quando a un tratto vede sulle spalle del nemico
risplendere la cintura del giovane Pallante, trucidato dallo stesso Turno.
Ricordando il tragico evento, viene preso dallira e si rivolge al nemico
affermando: Tu dunque, vestito delle armi dei miei che hai ucciso, vuoi
vivere? Pallante che, con questo mio colpo, ti uccide, lui, quel giova-
ne troiano da te brutalmente trucidato, che si vendica per mano mia.
Gridando queste parole, egli affonda la spada nel petto dellavversario
senza piet. La vita di Turno abbandona il suo corpo e il suo spirito triste
raggiunge lOltretomba.

La Canzone di Orlando
Orlando suona
[L Olivieri: Orlando vuole suonare il corno, Olivieri convinto che
arcivescovo Turpino interviene nella discussione tra Orlando e
lolifante
(Lasse CXXXIII-CXXXV; ormai sia inutile. Il valoroso arcivescovo invita i due Paladini a conclu-
vv. 1761-1806) dere la discussione: egli sostiene che Carlo sarebbe arrivato a Roncisvalle
Antefatto (omesso) troppo tardi per aiutarli, ma in tempo per vendicare la loro morte. So-
stiene che i Franchi potranno, inoltre, raccogliere e ricomporre i loro
corpi martoriati nelle bare, esprimere il loro dolore, dar loro sepoltura in
luoghi benedetti come i vestiboli delle chiese e in tal modo i loro corpi
non rimarranno insepolti, preda di lupi, cani o porci.]

Testo
O rlando porta il corno alla bocca con decisione e suona con forza.
Dalla sua bocca sprizza il sangue e le sue tempie si gonfiano fino a
rompersi. Il suono del corno si sente lontano.
Lo sente Carlo, lo sente Namo, suo consigliere, lo sentono i Franchi.
Limperatore convinto che Orlando e la retroguardia siano in pericolo
e stiano sostenendo un attacco; esprime la sua ansia, ma Gano lo zitti-
sce, attribuendo alla sua et avanzata e al suo comportamento infantile il
motivo di tanta preoccupazione. Il conte sostiene che Orlando pieno di
130

106_137_O.indd 130 22/02/11 16.17


R Raccontato in prosa La Canzone di Orlando

orgoglio e mai suonerebbe per chiedere aiuto. Ricorda che quando prese
Noples, i Saraceni, con un assalto, costrinsero il vassallo a combattere ed
egli lav, proprio per orgoglio, i prati dal sangue dei suoi guerrieri perch
non si vedessero neppure le tracce della battaglia e non si capisse che
qualcuno dei suoi era morto.
Gano ricorda anche che Orlando ha labitudine di suonare tutto il
giorno e che forse anche in quel momento sta scherzando con i suoi
soldati.
Intanto al Paladino sanguina la bocca e gli si rotta una tempia per
lo sforzo di suonare, e il suono rivela le sofferenze che egli sta patendo.
Carlo sente il richiamo e lo sentono tutti i Franchi. Il sovrano osserva che
quel richiamo viene da lontano.
Il conte Namo finalmente si convince che dietro quel suono c la
richiesta daiuto di un prode che stato tradito da colui (Gano) che so-
stiene che le ansie e i dubbi dellimperatore sono infondati. Egli invita
limperatore a lanciare il grido di battaglia per andare a soccorrere i com-
pagni in pericolo.
Carlo fa suonare i corni; i Franchi indossano le armature, gli elmi
e le spade adorne doro. Hanno scudi bellissimi e lance grandi e forti
e stendardi bianchi, rossi e azzurri. Tutti montano poi a cavallo e si
dirigono di corsa in aiuto dei compagni, sperando di trovare Orlando
ancora in vita per mettersi al suo fianco nella lotta. Purtroppo linter-
vento sar tardivo.

La morte di Orlando
[O gravemente e il cervello gli esce dalle orecchie. Il Paladino
rlando sente ormai che la morte si avvicina: stato colpito
(Lasse CLXX,
vv. 2297-2311; chiede a Dio di accogliere i suoi compagni e prega, per s, langelo
CLXXIII-CLXXV, Gabriele. Non volendo meritarsi il biasimo dei cristiani, afferra loli-
vv. 2355-2396) fante e la sua spada Durlindana e si avvia verso un campo incolto,
Antefatto (omesso) verso la Spagna. Su un colle, allombra di due alberi frondosi accanto
a quattro grossi macigni, si getta per terra e perde i sensi perch or-
mai la morte si avvicina.
Un saraceno lo guarda, si sporca il volto e il corpo di sangue
e, steso fra gli altri, si finge morto. A causa del suo orgoglio fa un
grosso errore che gli sar fatale; convinto che il nipote di Carlo sia
ormai morto e quindi definitivamente vinto, si precipita verso di lui
e afferra la sua spada con lintenzione di portarla in Arabia come
trofeo. Mentre il saraceno tenta di impadronirsi della spada, Orlan-
do si riprende, apre gli occhi e si accorge di avere davanti a s un
nemico. Il Paladino tiene con forza lolifante, dal quale non vuole
mai separarsi, e colpisce con la spada lelmo dacciaio del saraceno,
fracassandogli la testa, poi inveisce contro il nemico ormai morto ai
suoi piedi, assicurando che nessuno mai verr a conoscenza di una
impresa tanto folle.]
131

106_137_O.indd 131 22/02/11 16.17


R Raccontato in prosa La Canzone di Orlando

Testo
O rlando, pallidissimo, sente che le forze gli vengono meno, ma cerca
di reagire e di restare in piedi. Davanti a s vede una grossa pietra che
colpisce ripetutamente con la sua spada: questa stride, ma non si rompe.
Egli chiede alla Vergine Maria di aiutarlo a spezzare la sua arma, perch
teme che la fedele compagna di tante imprese possa cadere nelle mani di
un uomo indegno. Il Paladino riconosce che, grazie alla spada, ha avuto
molte vittorie sul campo e ha combattuto contro tanti Paesi, che ora sono
sotto il governo del re Carlo, il quale ha la barba bianca. Nessun uomo che
fugga davanti a un altro uomo deve possedere Durlindana; un prode cava-
liere lha tenuta per tanto tempo, di prodi cos la Francia non ne avr pi.

Continuazione [Colpisce, quindi, ancora la pietra, lacciaio stride, ma non si rompe.


del testo (omesso) Quando il conte si accorge che anche questo tentativo vano, si dispe-
ra e ricorda che Dio aveva mandato un angelo a portare Durlindana a
Carlo affinch egli la affidasse a un conte capitano e limperatore laveva
data a lui.
Il Paladino ripensa alle imprese gloriose compiute con la sua potente
arma, alle conquiste fatte in nome di Carlo ed pi che mai deciso a mo-
rire piuttosto che lasciarla ai pagani. Egli colpisce ancora la pietra grigia,
ma la spada non si scalfisce neppure. Allora piange per la sorte della sua
fedele compagna che nasconde nella sua impugnatura le reliquie di San
Pietro, di San Basilio, di San Dionigi, della Vergine Maria. Questo pensie-
ro continua a tormentare Orlando che non vuole che Durlindana finisca
nelle mani di una persona che possa compiere azioni indegne.]

A un certo punto sente che la morte si avvicina e si corica sotto un


pino sullerba verde, nascondendo lOlifante e la sua spada con il suo
corpo, poi rivolge il viso verso la Spagna, affinch Carlo comprenda che
egli muore dopo aver affrontato il nemico a viso aperto. Orlando ricorda
i peccati compiuti nellarco di tutta la sua vita, gravi e meno gravi, poi
porge il suo guanto a Dio in segno di sottomissione. Sente che la sua vita
giunta al termine e si trova su un poggio appuntito, col viso rivolto
verso la Spagna. Si batte il petto con una mano e, ripensando ancora ai
suoi peccati, chiede di essere perdonato affinch la sua anima sia salva,
poi offre ancora a Dio il suo guanto e incontro a lui alcuni angeli scen-
dono dal cielo. steso sotto un pino, ha il viso rivolto verso la Spagna e
comincia a ricordare: ricorda le terre conquistate, la sua dolce Francia, la
sua famiglia, il suo imperatore, che lha cresciuto, e non riesce a trattene-
re le lacrime e i sospiri. Prima, per, di perdere ogni ricordo, riconosce
ancora le proprie colpe e invoca Dio. O vero Padre, che sei sempre stato
leale con i tuoi figli, che hai richiamato alla vita Lazzaro e hai salvato Da-
niele dai leoni, salvami lanima dai pericoli dei peccati che ho commesso
in vita!. Leroe tende il guanto destro e lo offre a Dio; San Gabriele lo
prende dalla sua mano. Abbandona il Paladino il capo sul suo braccio e
conclude la sua vita pregando. Dio manda langelo Cherubino, San Mi-
chele che protegge dai pericoli; a loro si aggiunge San Gabriele e insieme
portano lanima di Orlando in Paradiso.

132

106_137_O.indd 132 22/02/11 16.17


R Raccontato in prosa

Il Cantare del Cid


Lesilio del Cid
(I Cantare, Lasse I-IV,
vv. 1-49)
P iangendo disperatamente, Rodrigo Diaz guarda la sua casa svuota-
ta da ogni cosa. Vede le porte aperte e senza serrature, le assi per
gli abiti senza mantelli e senza pellicce, senza falconi e senza astori dal
piumaggio mutato. Il Cid bench angosciato si rivolge, con una pacata
invocazione, al Signore, ricordando la malvagit dei suoi nemici, che gli
hanno provocato tanti dolori.
I suoi fidi compagni si apprestano a spronare i loro cavalli per allon-
tanarsi.
Lasciando la citt di Bivar, avevano sentito una cornacchia alla loro
destra, segno di buon augurio, mentre entrando a Burgos ne sentono una
a sinistra e questa porta un cattivo presagio. Il Cid scuote le spalle e scrol-
la il capo, quasi a scongiurare la cattiva sorte. Il Cid invita il fido Alvar
Fanez ad allontanarsi dalla Castiglia, dalla quale sono stati scacciati, con
la certezza che un giorno vi ritorneranno con grandi onori. Rodrigo entra
a Burgos seguito da sessanta insegne; tutti si affacciano commossi e addo-
lorati alle finestre per vederlo. Tutti affermano che Rodrigo Diaz avrebbe
potuto essere un ottimo vassallo se avesse avuto un buon signore.
Tutti vorrebbero invitarlo, ma nessuno osa farlo, temendo la tremen-
da ira del re Alfonso, che ha inviato una lettera con ordini molto severi:
nessuno deve dare ospitalit al Cid; se qualcuno lo facesse, perderebbe
la vita e gli averi.
Tutti con gran pena evitano il Cid, perch non osano rivolgergli la
parola.
Rodrigo si dirige verso la sua casa, ma la trova sprangata a causa degli
ordini del re. I fedeli del Cid chiamano per far aprire la porta, ma coloro
che si trovano allinterno della casa non rispondono alle loro richieste. Il
Cid sferra un potente calcio per aprire la porta, ma questa non si apre.
Si avvicina una bimba di nove anni che gli spiega che nessuno, per
nessun motivo, gli aprir per paura dellira di re Alfonso: infatti perde-
rebbero tutti i beni e la casa e persino gli occhi dalla faccia, sarebbero
cio puniti gravemente. Certamente il Cid nulla guadagna dalla loro di-
sgrazia, per cui la preghiera che il Creatore lo assista. Pronunciate simili
parole, la bambina rientra in casa.

Il perdono del re
(II Cantare, Lasse CI-CII,
vv. 1877-1958)
I due cavalieri fedeli al Cid baciano le mani al re che li ha convocati e
vanno a riposarsi. Il re ordina che siano accuditi e ben serviti in ogni
loro necessit. Intanto gli infanti di Carrin stanno elaborando dei pro-
getti segreti: Gli affari del Cid lo stanno rendendo ricco, chiediamogli in
sposa le figlie, cos potremo accasarci bene, accrescere il nostro onore e
averne vantaggio.
Si recano poi dal sovrano per esporgli i loro piani: Vi chiediamo aiu-
to, perch solo con la Vostra grazia possiamo ottenere ci che vorremmo:
chiedere la mano delle figlie del Cid, per il loro e per il nostro bene.
Il re medita a lungo sulla richiesta: Ho scacciato dalla patria il buon
Campeador, gli ho sicuramente fatto del male, mentre lui a me ha por-
133

106_137_O.indd 133 22/02/11 16.17


R Raccontato in prosa Il Canto dei Nibelunghi

tato grandi vantaggi; non so se lo far felice il matrimonio, ma, visto che
mi viene sollecitato, affronter la questione.
Decide di iniziare subito le trattative; chiama Pedro Bermdez e Mi-
naya lvar Fez e chiede loro di mettersi in contatto con il Cid per
portargli il suo perdono, invitarlo ad un incontro, in un luogo di suo gra-
dimento, e portargli la proposta di matrimonio degli infanti, sostenendo
che cresceranno i suoi beni e crescer il suo onore.
I due cavalieri si dichiarano disponibili ad assumere il ruolo di amba-
sciatori e, assieme al loro seguito, si mettono in viaggio per raggiungere
Valencia.
Il Campeador, venuto a sapere del loro arrivo, va loro incontro felice
di vedere i fedeli compagni. Egli chiede ai due cavalieri se il re abbia gra-
dito i suoi doni; gli viene risposto che il re appagato di tutto ci che il
Cid gli ha inviato e inoltre gli esprime tutto il suo affetto. Rodrigo felice
ringrazia Dio.
I due messaggeri incominciano poi a presentare la proposta del re
Alfonso: se egli conceder le sue figlie agli infanti ricever grandi onori
e pi alte dignit. Il Cid riflette a lungo sulla proposta: grato a Dio per
aver di nuovo ottenuto laffetto del re e per la proposta ricevuta. Ha tut-
tavia qualche dubbio sui giovani cavalieri di Carrin, ma poich il re a
dare questo consiglio, accetta di prenderlo in considerazione, confidan-
do nellaiuto divino.
I due ambasciatori aggiungono che il re gli attribuisce la facolt di
scegliere il luogo dellincontro.
Rodrigo riconosce che spetta al re prendere questa decisione, mentre
suo dovere sarebbe quello di andare a trovarlo e rendergli omaggio. Egli
accetta infine la proposta del re e stabilisce che lincontro avvenga sulle
rive del fiume Tago. Vengono, quindi, scritte delle lettere e inviate al re
tramite i due cavalieri.

Il Canto dei Nibelunghi


Sigfrido
(II Avventura, strofe 21-26)
Testo
S igfrido, il figlio del grande re Sigmund e della regina Sieglind, vive nel
Niederland, pi precisamente a Xanten, citt del basso Reno. Egli
un guerriero nobile e coraggioso che ha vissuto molte imprese gloriose,
grazie al suo valore e alla sua forza fisica. Delleroe si raccontano perci,
le mirabolanti imprese, si esalta la nobilt e la prestanza fisica. Educato
nel migliore dei modi, come si conviene ad un giovane del suo rango, sa
anche coltivare nel suo animo molte virt. Onora il regno ereditato dal
padre, infatti non risparmia mai il suo impegno e la sua dedizione.
Giunto allet in cui i giovani incominciano a frequentare la corte, egli
gi si fa notare, in modo particolare dalle donne e dalle fanciulle. Alcune
di queste lo amano e il principe ne consapevole, anzi inizia a corteggia-
re, con discrezione, le fanciulle adatte al suo rango.
134

106_137_O.indd 134 22/02/11 16.17


R Raccontato in prosa Il Canto dei Nibelunghi

[Isono al suo rango, ed istruito negli usi di corte da valenti maestri.


Continuazione l giovane non mai senza scorta, si presenta vestito in modo con-
dellepisodio (omesso)
ormai in grado di portare le armi perci in grado di regnare sul suo
territorio e sul suo popolo.
Un giorno Siegmund, suo padre, annuncia che vuole invitare gli ami-
ci ad una grande festa di corte. Vengono invitati giovani, di nobile lignag-
gio, che hanno la possibilit di diventare cavalieri.
Siegmund e Sieglind distribuiscono molti doni a tutti gli invitati. Ar-
rivano perci, nel regno, molti cavalieri.
Assieme a Sigfrido ricevono una nuova veste quattrocento scudieri;
molte fanciulle lavorano a lungo per fissare, con il filo doro, le gemme
sulle vesti dei giovani, come vuole la tradizione della corte. Il re fa pre-
parare gli alloggi per molti cavalieri giunti per il giorno in cui suo figlio
diventer cavaliere.
Si recano alla cattedrale, per la messa, molti scudieri e nobili cavalieri
e gli anziani servono i pi giovani, come vuole la tradizione. Per quel
giorno sono previsti divertimenti e gioia e tutti accorrono verso il luogo
in cui i giovani diventeranno cavalieri.]

La morte di Sigfrido
[Gcaccia nella foresta, oltre il Reno, per cacciare cinghiali, orsi, bisonti.
unther e Hagen, con malvagio intento, organizzano una battuta di
(XVI Avventura,
strofe 970-998) Partecipa alla spedizione anche Sigfrido che prima di partire va a salutare
Antefatto (omesso) Crimilde. La nobile dama in preda ad una profonda angoscia perch ha
svelato ad Hagen il segreto di Sigfrido: lunico punto in cui vulnerabile.
Ella non ha il coraggio di confessare al marito la sua imprudenza, ma chie-
de a Sigfrido di disertare la caccia, poich teme uneventuale trama ordita
da qualche nemico. Sigfrido rassicura la sua sposa, poi la saluta affettuosa-
mente e parte assieme agli altri cavalieri del seguito del re Gunther.
Il gruppo attraversa il Reno, portando, con i cavalli da soma ogni sor-
ta di prelibatezze, come si conviene ad un re tanto potente e si accampa
ai margini di una foresta dove vengono stabiliti i punti di appostamento.
Hagen propone di dividere la comitiva in modo tale che i cacciatori
possano misurare la loro abilit nella caccia e verificare chi, tra tutti, in
grado di procacciare un numero maggiore di prede.
Sigfrido ottiene il maggior successo e guadagna lammirazione di tutti
perch le sue prede sono numerose e di grande pregio: un fortissimo
cinghiale, un bisonte, un alce, quattro uri, un fortissimo cervo.
Tornano al campo per una pausa, quando vedono un orso e Sigfrido
si getta allinseguimento. Egli giunge in una fitta foresta dove costretto
a scendere da cavallo e a continuare linseguimento a piedi. Con molta
bravura cattura lanimale, lo lega e lo porta allaccampamento. Sigfrido,
oltre a essere molto abile nella caccia, vestito molto bene e indossa armi
di grande pregio e di buona fattura. I compagni di caccia gli corrono
incontro e lo aiutano a tenere il cavallo. Il giovane si appresta a slegare
lorso, che infastidito dal clamore del campo si libera, creando un grande
scompiglio. Solo leroe in grado di raggiungerlo e di ucciderlo.
Vengono portate vivande raffinate per rifocillare i cacciatori, ma non
viene servito il vino, con grande disappunto di Sigfrido.]
135

106_137_O.indd 135 22/02/11 16.17


R Raccontato in prosa Il Canto dei Nibelunghi

Testo
S igfrido ha sete, per questo Hagen fa togliere in fretta le mense, per
andare, su perfido consiglio di alcuni guerrieri, verso la montagna
dove c una sorgente, luogo utile per tendere un tranello.
La selvaggina da lui catturata con mano robusta viene inviata su carri
verso la citt e chiunque lo vede gli esprime la sua approvazione. Ha-
gen, malvagio, che volutamente ha spedito il vino in unaltra direzione,
suggerisce di recarsi presso una fonte vicina, per dissetarsi, misuran-
dosi, nello stesso tempo nella corsa, perch conosce per fama labilit
di Sigfrido e vorrebbe averne una dimostrazione. Il prode re accetta la
sfida e propone una gara fino alla fontana, dove il vincitore ricever le
lodi della vittoria.
Hagen accetta e Sigfrido annuncia che si sieder sullerba per dare del
vantaggio a Gunther. Gunther si rallegra e Sigfrido aggiunge che addirit-
tura indosser tutte le sue armi durante la corsa e porter lasta, lo scudo,
la faretra e la spada. Gli altri invece si tolgono le vesti e rimangono con
una camicia bianca. Simili a pantere selvagge, corrono verso il piano, ma
alla meta giunge per primo Sigfrido, abituato in ogni gara a vincere gli
avversari. Qui, si libera delle armi, depone la custodia delle frecce, ap-
poggia lasta a un tiglio, depone lo scudo vicino alla fonte; la sua cortesia
veramente grande e, bench arda di sete, attende che il re possa bere
per primo: purtroppo non sar ben ripagato di questa sua cortesia. La
sorgente fresca, limpida e dolce; Gunther, quando arriva, beve, poi si
alza in piedi; anche Sigfrido berrebbe volentieri, ma pagher cara la sua
cortesia. Infatti Hagen prende le armi di Sigfrido e le nasconde, impugna
la lancia e mira allunico punto vulnerabile del guerriero. Mentre Sigfri-
do, il re, beve alla sorgente, lo colpisce nel punto segnato, sui suoi abiti,
con una croce da Crimilde, anche lei ingannata dal fratello, e il sangue
della sua ferita sprizza sugli abiti di Hagen. Lautore commenta che nes-
sun cavaliere potr compiere un gesto cos grave.
Hagen gli lascia anche lasta confitta nel cuore e fugge con tanta furia
come non era mai fuggito in vita sua davanti a nessun altro uomo, con-
sapevole della gravit del gesto appena compiuto.
Quando Sigfrido si rende conto di essere stato gravemente ferito, bal-
za in piedi dalla sorgente; lasta lunghissima gli sporge dal cuore; cerca
larco e la spada per punire Hagen; quando non trova n luno n laltra,
prende il suo grandissimo scudo. Rincorre Hagen, vassallo di Gunther,
il quale non pu sfuggirgli e, bench ferito a morte, scaglia lo scudo con
tanta forza che molte delle pietre preziose che lo adornano volano via e
lo scudo si rompe: vorrebbe vendicarsi. Hagen cade per il forte lancio e
tutta lisola risuona per la violenza del colpo. Se Sigfrido avesse avuto la
spada, Hagen sarebbe morto, perch tanta furia, a ragione, faceva agire
il ferito. Ma il suo volto scoloriva e le sue forze venivano meno; tutta la
vigoria del suo corpo veniva a mancare e nel pallore si vedevano i segni
della morte ormai prossima. Lautore commenta che Sigfrido sar pianto
dalle belle donne.
Lo sposo di Crimilde cade tra i rovi e dalla ferita il sangue esce con
impeto; allora parla in modo aspro, e con buoni motivi, di coloro che
hanno tramato il tradimento e la sua morte.
136

106_137_O.indd 136 22/02/11 16.17


R Raccontato in prosa Il Canto dei Nibelunghi

Dice: Infami, vigliacchi, a che cosa sono servite le mie azioni se mi


uccidete? Non merito questa morte, perch vi sono stato sempre fedele;
avete cos macchiato la vostra stirpe e tutti coloro che nasceranno da voi
porteranno il marchio di questo delitto. Avete sfogato troppo ferocemen-
te la vostra collera sulla mia vita e la vergogna vi render isolati dagli altri
guerrieri onorati.
Accorrono i cavalieri l dove Sigfrido giace e per molti di loro un
giorno doloroso; infatti i guerrieri leali lo piangono e ci ben meritava il
valoroso cavaliere.
Anche il re dei Burgundi piange la sua morte, ma Sigfrido esclama:
Non c motivo che chi ha compiuto il delitto pianga dopo averlo com-
piuto; egli merita disprezzo, preferibile che non pianga.
Hagen esclama furioso: Non capisco che cosa state piangendo, cava-
lieri; qui hanno fine per noi le umiliazioni e le preoccupazioni; non c pi
nessuno che ci possa comandare, perch io ho posto fine al suo potere.
Sigfrido commenta: Il vostro vanto privo di valore, perch se avessi
conosciuto le vostre intenzioni, avrei potuto difendermi da voi. Ma ora
c qualcosa che mi preoccupa di pi della mia vita, Crimilde, la mia
sposa. Mi possa perdonare Dio di averle dato un figlio, al quale un gior-
no sar rinfacciato che i suoi stessi parenti gli uccisero il padre; se avessi
forza, piangerei per lui. E soffrendo aggiunge: Se siete ancora in grado,
o re, di essere fedele a qualcuno, vi raccomando la mia dolce sposa! Fate
che per lei sia un bene il fatto che sia vostra sorella, statele sempre accan-
to con la nobilt che caratterizza un re. Inutilmente, infatti, mi attende-
ranno mio padre e i miei guerrieri, mai una donna stata pi colpita di
Crimilde a causa del modo in cui muore luomo che ama.
Tutti i fiori intorno sono ormai fradici di sangue e lui lotta ancora
contro la morte; ma la lotta breve, perch larma della morte molto
affilata; cos il nobile cavaliere viene meno.

137

106_137_O.indd 137 22/02/11 16.17


L Lettura laboratoriale

Percorso triennale di lettura laboratoriale


Questa una proposta articolata, che pu essere utilizzata per diverse occasioni: pu costituire il contenuto di un
laboratorio di lettura sia a livello di singola classe sia a livello di classi aperte; pu costituire lo spunto per attivit da
svolgere al termine della lettura individuale o di classe di un singolo testo o di pi testi; pu essere lo spunto per
unattivit di animazione della lettura da effettuare secondo scadenze prefissate durante lanno scolastico; pu esse-
re suddivisa in tre sezioni e utilizzata nel triennio sempre per unattivit di animazione della lettura.

Obiettivi formativi Abilit Contenuti operativi Compito Prodotto


Lalunno: Lalunno: Giochi linguistici Realizzare giochi Cartelloni con
esplora la propria usa le regole dei Il cambiatitolo: risalire al titolo partendo da libri nuove copertine
identit di lettore; giochi linguistici; originale di un libro famoso. esistenti. di libri
interpreta e manipola testi in Es.: Dagli Appennini alle bande Cartelloni con
personalizza un modo creativo; (anzich Dagli Appennini alle elenchi di nuovi
libro a partire crea trame Ande), Il taglio del losco (anzich titoli.
dalla propria coerenti rispetto a Il taglio del bosco).
immaginazione, un titolo dato. Il cambiastorie: stravolgere i titoli,
dal proprio vissuto immaginare la trama, disegnare
e dalla propria la copertina.
sensibilit. Linventastorie: immaginare la
trama partendo dal titolo e dalla
copertina.
Lalunno: Lalunno: Lidentikit Realizzare Cartelloni con
esplora la propria analizza i Produrre ritratti con immagini presentazioni di collage e testi.
identit di lettore; personaggi di un ricavate da giornali; produrre e personaggi.
personalizza il libro; risolvere anagrammi ispirati ai
libro attraverso descrive le loro personaggi di un libro; produrre
la propria caratteristiche. brevi descrizioni dei personaggi di
immaginazione. un libro.
Lalunno: Lalunno: Processo ai personaggi Produrre Drammatizzazione
esplora la propria espone Dividendosi in sostenitori e argomentazioni. di un processo al
identit di lettore; argomentazioni a oppositori di personaggi di libri personaggio.
confronta col favore o contro i letti, gli alunni sostengono la loro
gruppo le proprie comportamenti di difesa o la loro accusa esponendo
opinioni. un personaggio. e sostenendo argomentazioni
pertinenti.
Lalunno: Lalunno: Il libroforum Elaborare Attivit di
esplora la propria comprende gli Dopo aver letto un libro, la classe interventi orali in libroforum.
identit di lettore; elementi di un si confronta in un dibattito guidato. merito a un libro
rispetta le opinioni testo; letto.
altrui; seleziona
coglie e valorizza situazioni,
gli aspetti affermazioni, idee
socializzanti della a lui consone.
lettura.
Lalunno: Lalunno: Hit parade dei libri Elaborare clas- Articoli per il
mette a produce un testo Stesura di una classifica relativa sifiche, produrre giornalino di
disposizione degli valutativo; ai personaggi, agli autori, alle recensioni. scuola, per la
altri le proprie esprime le proprie storie (pi belli, pi divertenti, biblioteca
riflessioni. riflessioni. pi creativi). comunale, per
Stesura di consigli di lettura siti web.
per il giornalino scolastico, per
la biblioteca comunale, per siti
web

138

138_184_O.indd 138 22/02/11 16.17


T Teatro

Copioni per lattivit teatrale


PERSONAGGI Odissea
ZEUS
ATENA
ODISSEO Il copione proposto stato realizzato da due classi prime durante un laboratorio di teatro,
PENELOPE che prevedeva la compresenza degli insegnanti di italiano e di educazione artistica, per
CIRCE una classe, e di educazione musicale per laltra. Il lavoro ha occupato un intero anno, per
POSEIDONE
AIACE: marinaio due ore settimanali.
ALCIMO: marinaio Gli alunni inizialmente hanno studiato lepica classica, con particolare riferimento allOdis-
CEBRIONE: marinaio sea di Omero, di cui hanno letto, analizzato e commentato con i docenti i passi che nar-
ELENO: marinaio rano gli episodi pi significativi della vicenda di Ulisse.
ELEPONE: marinaio
EURILOCO: marinaio
Successivamente hanno individuato gli episodi che avevano suscitato maggiore interesse e,
FILEZIO: marinaio a partire da questi, hanno scritto in prosa la storia che volevano raccontare con il loro spet-
GLAUCO: marinaio tacolo. Hanno, poi, trasformato la vicenda da loro inventata in un copione, ideando le battute.
IDOMENEO: marinaio Delineando le caratteristiche dei personaggi, hanno voluto evidenziare gli aspetti pi co-
POLIDORO: marinaio mici del loro carattere: Zeus diventato cos un tiratore scelto, Atena una figlia viziata,
POLITE: marinaio
RAGAZZI (possono essere i Era una moglie gelosa.
marinai) Infine, con laiuto di tutti coloro che partecipavano al laboratorio, stato messo in scena
lo spettacolo.

Scena prima
Tutti gli attori sono disposti sui tre lati del palco, seduti a terra. Quando, durante la rap-
presentazione, escono di scena si risiedono al loro posto iniziale.
Zeus, seduto su un trono, lancia dei fulmini poi abbassa il braccio.

RAGAZZI: Zam (urlando)


ZEUS: Lho colpita quella casa!
RAGAZZI: Zam (urlando)
ZEUS: Lho colpita ancora!
RAGAZZI: Zam (urlando)
ZEUS: Ho colpito quelluomo!
RAGAZZI: Zam (urlando)
ZEUS: Colpita e affondata!
ATENA: (parlando piano) Pap, pap.
ZEUS: Cosa c, Atena! (scocciato)
ATENA: (ad ogni battuta Atena si sposta sui due lati del trono, facendo delle mosse di
karat) C una cosuccia che ti devo dire!!
ZEUS: (infastidito) Cosa vuoi ancora? Non vedi che sono impegnato nel mio
sport preferito: il lancio dei fulmini? (puntando un fulmine verso la ter-
ra) Spostati un po a destra. Voglio colpire con una saetta quella casa
di Ateniesi
RAGAZZI: Zam! (urlando)
ZEUS: Porcaccia la miseria, lho mancata tutta colpa tua che mi hai distratto.
ATENA: Io non ho nessuna colpa e poi pap ti devo dire sempre quella cosa:
ora che Ulisse, uomo molto valoroso e che io stimo tantissimo, ritorni
alla sua cara Itaca.
139

138_184_O.indd 139 22/02/11 16.17


T Teatro Odissea

ZEUS: Perch ti piace tanto?


ATENA: lunico greco che opponga lintelligenza e lastuzia alla forza bruta.
Dopo dieci anni mi sembra che sia ora.
ZEUS: Non ci penso nemmeno. Se mio fratello Poseidone dovesse scoprire che lo
sto aiutando, sicuramente assaggerei il suo tridente nelle mie divine carni.
ATENA: Non ti preoccupare, pap, lo zio se ne accorger quando sar troppo tardi.
ZEUS: Intanto per vendicarsi potrebbe buttarmi a mare: Atena, sai benissimo
che non so nuotare. (impaurito).
ATENA: (arrabbiata) Perch non vuoi capire, pap?? Se non mi aiuti sar costretta
a chiamare la mamma
ZEUS: (parlando sotto voce, con tono implorante) Zitta. Sono appena tornato da
una cena a lume di candela con Calipso. Non vorrai che Era scopra i miei
altarini
ATENA: Beh, se proprio non mi vuoi aiutare questo quello che ti aspetta (ur-
lando) Mamma!!!
ZEUS: (a bassa voce) Zitta, per carit!
ATENA: E poi a me non manca certo il coraggio per dirlo. Mamma!!! (in tono pro-
vocatorio; va verso il pubblico e si ferma).
ZEUS: (intimorito) Ho capito, Atena, ho capito: so che non ho altra scelta. Se
non dovesse buttarmi a mare Poseidone, lo far Era.
ATENA: (in tono sarcastico) Vedo che, quando vuoi, sai comprendere. Alla fine
non usi la testa solo per portarla dal parrucchiere.
ZEUS: Non fare troppo la spiritosa!!!
ATENA: Gi dimenticavo, la usi per lanciare fulmini e saette a tuo piacimento!!!
ZEUS: uno sport che mi riesce cos bene!! (lanciando un fulmine)
RAGAZZI: Zam!
ATENA: Pap, per tornare al discorso di Ulisse, tra quanto tempo lo facciamo
ritornare a casa da Penelope?
ZEUS: Direi trenta o quarantanni? Sono ragionevoli?
ATENA: Meno non si pu? (con aria supplichevole)
ZEUS: (stressato da Atena) Va bene, facciamo ventanni. (uscendo di scena) Ultima
offerta. Prendere o lasciare.
ATENA: (felicissima della risposta) Affare fatto!! (si siede sul trono di Zeus) Pap sei
proprio un tesoro!! (uscendo di scena porta fuori il trono)

Scena seconda
Quando parte la musica, i marinai entrano in scena e si mettono disposti in modo da
occupare tutto il palco, fermi e non parlano.

ODISSEO: (rivolgendosi al pubblico come se scrutasse lorizzonte) Si sta alzando il ven-


to. Marinai, si parte!
MARINAI: Si riparte!
Odisseo inizia un movimento tipico dei marinai, lo seguono ad uno ad uno gli
altri marinai della prima schiera, quando arriva lultimo entra in scena una
seconda schiera che inizia il suo movimento a terra aggiungendo una battuta.
Allarrivo dellultimo marinaio, Odisseo si sposta dallaltra parte del palco-
scenico e contemporaneamente i marinai della sua schiera si fermano nella
posizione in cui si trovano; poi ad uno ad uno raggiungono Ulisse e iniziano
140

138_184_O.indd 140 22/02/11 16.17


T Teatro Odissea

il secondo movimento; allarrivo dellultimo, il primo della seconda schiera,


alzando il braccio, ferma i suoi marinai e si dirige verso la seconda posizione.
Gli altri, facendo il giro largo, ad uno ad uno si mettono in posizione.
ODISSEO: (facendo due passi verso il pubblico, rivolto ai marinai) Ai posti di lavoro!
(I marinai si dispongono sul palcoscenico facendo la loro azione e aggiungendo
la battuta scelta. Odisseo gira fra loro controllando.)
ALCIMO: Odisseo, dove siamo?
(Tutti guardano Odisseo che non risponde e quindi fanno un gesto di stizza e
riprendono a lavorare.)
CEBRIONE: Polidoro, c una rete rotta.
EURILOCO: Vai via di qua che sporchi.
POLIDORO: Cebrione, la rete pronta.
ODISSEO: Come va la pesca?
ELENO: Ne abboccasse uno.
EURILOCO: Che mal di schiena. (cambio di posizione)
FILEZIO: Non dirlo a me!
IDOMENEO: Che sfaticati.
POLIDORO: Ma quanto dura questo viaggio?
FILEZIO: Che pesanti queste casse.
ELEPONE: Quante te ne mancano?
AIACE: Le giornate sono interminabili.
ALCIMO: Si muore di caldo.
CEBRIONE: Che pescata, oggi si far una bella mangiata. (cambio di posizione)
AIACE: Quanto pesce!
POLITE: Ora ti tocca di pulirlo!
GLAUCO: Quando si mangia?
ELENO: Che profumino.
IDOMENEO: pronta la cena! (cambio di posizione)
ELEPONE: Che fame!
CEBRIONE: Speriamo che non sia la solita sbobba.
AIACE: Io penso al vino.
POLIDORO: Non bertelo tutto, per.
ELENO: Ha abboccato.
ELEPONE: grosso?
ELENO: S, enorme.
ODISSEO: Polidoro, cuci bene quella rete che i pesci ci devono entrare. (cambio di
posizione)
EURILOCO: Perch non lo fai tu?
POLITE: Sempre pi sporco questo pavimento.
GLAUCO: Acqua a bordo!
EURILOCO: Marinai, prendete i secchi, tutti a poppa.
POLITE: Terra!
(Al buio tutti escono di scena)

Scena terza
La battaglia sullisola dei Ciconi.
I marinai entrano in scena, non vedono perch c nebbia, sono preoccupati. Lentamente
devono guardare da tutte le parti. In mano hanno due corti bastoni.
141

138_184_O.indd 141 22/02/11 16.17


T Teatro Odissea

EURILOCO: Che silenzio.


IDOMENEO: Odisseo, che facciamo. (i marinai si fermano immobili nella posizione in cui
si trovano)
ODISSEO: Aspettiamo. (ripartono)
POLITE: Con questa nebbia cos fitta non si vede nulla.
(Lentamente formano un cerchio molto ampio, stando rivolti verso lesterno.
Girano a volte su s stessi in cerchio alzando le mani con i bastoni.)
AIACE: Andiamocene, dobbiamo ritornare alle navi.
ALCIMO: No, no, non ancora.
ELEPONE: Solo ombre, c un silenzio strano.
POLIDORO: Li sento arrivare.
GLAUCO: Spuntano dalla nebbia.
FILEZIO: Guerrieri Ciconi.
CEBRIONE: Si avvicinano.
ELENO: Sono in tanti, tantissimi.
ODISSEO: Siamo circondati (a voce altissima) Attacchiamo.
(Alla prima a tutti insieme alzano il bastone, allultima lo picchiano sullaltro,
prima verso lesterno del cerchio, poi verso linterno. Corrono verso il pro-
scenio con il braccio sinistro alzato verso il davanti, il destro verso il dietro e
allurlo di Odisseo battono i legni. Corrono poi verso il fondo del palcoscenico
e fanno lo stesso. Urlando, corrono ai lati del palcoscenico rimanendo in piedi.
Tutti partecipano alla guerra, tranne gli di.
Gli attori entrano correndo in tutte le direzioni secondo una precisa frequenza.
Quando tutti sono entrati, il primo alunno entrato si ferma di botto guardando
in avanti con la mano destra sul cuore, poi si ferma la seconda alunna e cos via.
Quando tutti sono in posizione iniziano ad ansimare, poi il primo riprende a
camminare emettendo un rumore che rappresenti il battito del cuore, tutti lo
seguono prima a bassissima voce, poi sempre pi forte, quindi escono di corsa.
Cambio improvviso di luci e di musica.
Allordine di Odisseo, cinque attori maschi da sinistra e cinque attori da de-
stra, correndo, si scambiano di posto incrociandosi al centro. Subito dopo gli
attori che si trovano sulla linea di fondo corrono verso il proscenio, si blocca-
no assumendo una posizione e unespressione che incutano paura, emettendo
un suono adatto, poi correndo ritornano al loro posto. Subito dopo partono
cinque attrici da sinistra e cinque da destra; correndo si scambiano di posto
incrociandosi al centro. Tutti i soldati si alzano lanciando un urlo di battaglia
e contemporaneamente, andando verso un compagno, inizia un corpo a corpo
a rallentatore. Quando la musica diminuisce di volume, i soldati sciolgono le
tensioni in circa 10 secondi e si rivolgono verso il pubblico.)
ATENA: (cammina lentamente tra i marinai alla ricerca di Odisseo, quando lo vede gli
appoggia una mano sulla spalla. Odisseo si volta lentamente verso di lei; quan-
do si trova di fronte Atena inizia a parlare, mentre segue i suoi movimenti) I
Ciconi pi forti e violenti a combattere volsero in fuga gli Achei.
(Lentamente i marinai escono, mentre Atena ed Odisseo parlando stanno fer-
mi al loro posto rivolti verso il pubblico.)
ODISSEO E ATENA: (assieme) Sei compagni, sei compagni dai begli schinieri ha perduto ogni
mia nave qui in terra. (gli attori escono)
ODISSEO: Caricate le navi di tutto quello che abbiamo strappato a queste genti.
142

138_184_O.indd 142 22/02/11 16.17


T Teatro Odissea

Atena, dagli occhi lucenti, stammi vicino, pensa tu ad ordire la trama;


questo ritorno sar lungo. Ti sento, sei un battito dali.
ATENA: Alza le vele, (mentre esce) riparti. Nostos.
ODISSEO: Lasciamo la terra dei Ciconi, si riparte.
(Odisseo rimane al centro della scena, mentre i marinai battendo i bastoni en-
trano in scena e si mettono disposti in modo da occupare tutto il palco stando
appoggiati sul ginocchio sinistro.)
IDOMENEO: Vedo l nel rosa dellaurora alzarsi unisola.
AIACE: Vedo alzarsi dallisola fumo.
GLAUCO: Vedo nel verde delle colline riccioli bianchi di pecore e capre.
ODISSEO: Vedere conoscere.
POLITE: Una spelonca ombreggiata da lauri, pini, querce dalla lunga chioma.
EURILOCO: Un recinto alto di grandi massi conficcati nel suolo.
ODISSEO: Una terra sconosciuta un richiamo troppo forte, non posso non sentirlo.
(i marinai smettono di battere i bastoni; i marinai consegnano i bastoni ai com-
pagni e si dirigono in fondo al palcoscenico dove vengono distribuite le torce.)
ALCIMO: Odisseo, la tua torcia.
Odisseo indietreggia verso i marinai.
Entrano nella grotta.
ALCIMO: Non c nessuno, la grotta enorme.
ELENO: Guardate, in ogni angolo secchi e otri traboccano di latte.
CEBRIONE: Lass appese ceste piene di caci e formaggi.
POLIDORO: Senti lodore, l negli steccati agnelli e capretti, non li spaventiamo.
FILEZIO: Il fuoco acceso con tronchi enormi.
ELEPONE: Uva e olive.
EURILOCO: Odisseo, tutta questa abbondanza?
POLITE: Incustodita, prendiamo e carichiamo le navi in fretta, ci baster per tutto
il ritorno.
IDOMENEO: tutto cos enorme, gigantesco. Odisseo, dove siamo?
ODISSEO: Kiklos ops, enorme.
AIACE: Che cosa vuoi dire?
ODISSEO: Lo voglio vedere.
ALCIMO: Chi vuoi vedere?
POLIDORO: Una creatura gigantesca. Questa la sua tana. (si sparpagliano sul proscenio)
ELENO: Prendiamo tutto e andiamocene, le bestie si agitano.
ODISSEO: No, aspettiamo.
ELEPONE: pericoloso, andiamocene via.
CEBRIONE: Siamo ancora in tempo, via, via.
ODISSEO: Voglio vedere, (si accende una luce che rappresenta il Ciclope) voglio vederlo.
EURILOCO: Eccolo. Unombra, gigantesco.
ALCIMO: Guardate le sue braccia e le sue mani!
CEBRIONE: Solleva un masso, una montagna che chiude la caverna.
IDOMENEO-AIACE-FILEZIO: Siamo in trappola.
POLITE: Ci guarda.
ELENO: Locchio.
POLIDORO: Ci fissa, ci ha visto.
143

138_184_O.indd 143 22/02/11 16.17


T Teatro Odissea

ODISSEO: (rivolto al Ciclope, mentre la musica si abbassa) Achei, potente signore,


guerrieri achei. Veniamo da Troia spinti da venti e da contrari destini.
EURILOCO: Veniamo supplici alle tue ginocchia e chiediamo ospitalit come Zeus
insegna.
AIACE: Tutti i mortali sanno bene che sei figlio di Poseidone e che non temi il
potere degli di. Ti chiediamo solo cibo per ripartire.
(Il Ciclope prende due uomini, musica con ritmi di tamburi.)
ODISSEO: No, no, perch allunghi la mano?
EURILOCO: (andando verso il Ciclope) Due, ne ha presi due. (voltandosi verso i compa-
gni) Li stringe e li batte contro la terra. Li spacca come sassi. Li mangia,
li ingoia tutti.
(La musica si abbassa.)
ODISSEO: Tu non puoi, non puoi. Il mio nome: Nessuno. Nessuno mi chiamano
mio padre, mia madre e i miei compagni.
POLIDORO: Potente Ciclope, siamo solo mortali viaggiatori. Abbiamo gi patito tan-
to, lasciaci andare, non siamo niente in confronto a te.
Musica con ritmi di tamburi.
ODISSEO: Cosa fai? Lasciali, lasciali!
ALCIMO: (andando verso il Ciclope) Lasciali, lasciali. (voltandosi verso i compagni)
Quattro, ne ha presi quattro nelle sue mani. Li stritola, li batte, li squarta.
Il loro sangue, no, no! Li mangia, stacca i pezzi a morsi. (cade in ginocchio,
due marinai lo portano via)
ODISSEO: Ecco Ciclope, ora che hai mangiato carne duomo, bevi questo vino, dol-
cissimo regalo di Marone, placa la tua furia, bevi. bevanda divina.
ELEPONE: Lo beve, lo beve.
POLIDORO: Gli piace.
POLITE: Ancora Odisseo, dagliene ancora.
CEBRIONE: Il suo occhio si chiude.
IDOMENEO: Ancora, ancora.
AIACE: Ha vuotato tutto lotre.
ELENO: Le sue ginocchia cedono.
ALCIMO: Ha piegato la testa sul lato.
EURILOCO: Si sta addormentando.
POLIDORO: Il suo occhio chiuso.
ODISSEO: Prendete un tronco come lalbero di una nave, appuntitelo con le vostre
spade, gettate tra le fiamme e infuocate la sua punta.
(rivolto a Polifemo, mentre un alunno porta il tronco)
Figlio di Poseidone, tu che hai massacrato i miei compagni, sentirai di
che cosa sono capace e se qualcuno risponder ai tuoi latrati, urla forte
chi stato.
TUTTI: Nessuno.
(Tutti escono di scena. Buio)

Scena quarta
Quando la luce si riaccende in mezzo al palco c Poseidone.

POSEIDONE: Odisseo, ti giuro che me la pagherai per tutto quello che hai fatto a mio
figlio Polifemo. Mi piacer vederti distrutto!!!!
144

138_184_O.indd 144 22/02/11 16.17


T Teatro Odissea

La tempesta.
(I marinai corrono disordinatamente e nel panico, si buttano, urlano, tirano le vele.)
ELEPONE: Aiuto!
AIACE: Uomo in mare.
EURILOCO: Aiutiamolo.
ODISSEO: (sul proscenio, tenendo il braccio alzato, sei marinai si mettono dietro a lui nel-
la stessa posizione) Londa! (si girano su s stessi unendo le mani e poi cadono
a terra; fanno lo stesso tutti i marinai e subito si rialzano)
POLITE: Attenti!
CEBRIONE: Si rotto lalbero maestro!
POLIDORO: La nave non resister a lungo!
ALCIMO: Ammainate le vele!
ODISSEO: (sul proscenio, tenendo il braccio alzato, sei marinai si mettono dietro a lui
nella stessa posizione, finge di ammainare la vela) Veloci! (appoggiando la
vela si lasciano cadere a terra, cos fanno gli altri marinai)
AIACE: Potente Zeus, aiutaci tu.
EURILOCO: Questa opera di Poseidone.
ELENO: Maledetto!
GLAUCO: La nave affonda.
(Tutti i marinai si gettano a terra, mentre Odisseo esce. Finita la tempesta,
i marinai sono addormentati e si lamentano. Al cambio della musica Circe e
le sue ancelle entrano portando almeno due contenitori che depositano vicino
ai marinai; mentre passano tra gli uomini li sfiorano con i loro vestiti. Escono
quando la musica fa una specie di zampillo. I marinai si risvegliano.)
ALCIMO: Dove sono?
EURILOCO: La tempesta, no, no.
AIACE: Che sete!
POLIDORO: Acqua, acqua. (prende la brocca, beve e la passa agli altri)
ELENO: Finalmente.
Appena hanno bevuto, si trasformano in maiali e si raggruppano sulla sinistra
del proscenio. Poco dopo entra Odisseo.
ODISSEO: (avvicinandosi ai maiali) Oh, poveri amici miei.
Quando parte la musica, Circe entra con una coppa in mano.
CIRCE: Vieni marinaio, offrir anche a te da bere e da mangiare.
ODISSEO: Spero non sia un inganno. (e beve)
CIRCE: (toccandolo con la bacchetta) Dai, vai anche tu a mangiare ghiande, dai
sbrigati; cosa aspetti.
ODISSEO: Ti avevo detto di non fare scherzi, ora libera i miei compagni o morirai.
CIRCE: Ma come possibile? Appena il mio filtro supera la corona dei denti,
trasforma gli uomini in animali.
ODISSEO: Peccato non abbia avuto effetto su di me!
CIRCE: Dimmi, dunque, chi sei per poter resistere al mio filtro?
ODISSEO: Odisseo, figlio di Laerte, re di Itaca.
CIRCE: Mi avevano preannunciato il tuo arrivo, ma io non ho voluto crederci; ti
prego risparmiami.
ODISSEO: Libera subito i miei compagni e non ti accadr nulla di male.
CIRCE: Va bene, non posso nulla contro il fato.
(Quando parte la musica, tocca i maiali che ritornano uomini.)
145

138_184_O.indd 145 22/02/11 16.17


T Teatro Odissea

AIACE: Guardate, siamo tornati come prima!


POLIDORO: Non siamo pi prigionieri.
EURILOCO: Siamo liberi.
ALCIMO: Tutto merito di Odisseo.
GLAUCO: Grazie, grazie.
ELENO: Svelti, torniamo alla nave.
(Tutti i marinai si mettono a cuneo con Odisseo che fa da punta. Eseguono il
movimento del mare ondeggiando lievemente sui piedi in avanti e indietro; a
gruppi di tre dicono in tempi diversi mare, vento, acqua. Il movimento e le
parole durano per tutte le successive battute.)
ELENO: Odisseo non arriveremo mai a casa?
EURILOCO: Hai detto che Circe ti parlava di un canto.
ALCIMO: Di unisola seminata di scheletri.
POLITE: Di un canto pericoloso.
GLAUCO: Il canto delle Sirene.
POLIDORO: Chi lo ascolta non fa pi ritorno.
(Quando parte la musica, Odisseo avanza tre passi e cos due marinai ai suoi
lati.)
CEBRIONE: calato il vento: bonaccia.
ELEPONE: Ecco lisola delle Sirene!
ODISSEO: Turatevi le orecchie con questa cera molle. (finge di passare la cera ai ma-
rinai che se la passano lun laltro) Io non lo far. Voglio ascoltare il loro
canto. Legatemi allalbero maestro della nave. Non scioglietemi, anche se
vi pregher.
(Formano la piramide, al buio si sente una musica dolcissima.
La luna si riaccende, i marinai occupano lintero palco.)
IDOMENEO: Anche oggi non si alzato il vento, non si pu ripartire.
POLIDORO: E le vele si spezzano, consumate dal sale.
ALCIMO: Il tempo non promette nulla di buono.
GLAUCO: Le provviste sono finite.
ELEPONE: Come finite? Io ho fame, ho fame!
POLITE: Ma da quanto tempo siamo su questisola?
ELEPONE: Tanto troppo, forse.
ELENO: E non possiamo toccare quelle vacche?
FILEZIO: Perch non possiamo mangiarle, Odisseo, perch?
AIACE: Per compiacere gli di?
EURILOCO: E quando mai gli di ci hanno assistito, Odisseo?
ODISSEO: Tiresia la furia di Poseidone
IDOMENEO: Basta con i ricordi, basta!
POLIDORO: E i nostri compagni? Quelli presi, risucchiati da Scilla e Cariddi?
ALCIMO: Quegli orribili mostri straziavano i loro corpi!
GLAUCO: Mentre loro gridavano e chiamavano te, Odisseo!
ELEPONE: Avanti, dillo! Tu lo sapevi che passare nello stretto di Scilla e Cariddi
voleva dire ancora morte!
POLITE: S, lo sapeva. Parlava al timoniere e gli diceva di tenere la rotta!
ELEPONE: Tu ci hai tradito!
ELENO: Hai tradito la fiducia dei nostri compagni!
FILEZIO: Anche loro volevano tornare a casa!
146

138_184_O.indd 146 22/02/11 16.17


T Teatro