Sei sulla pagina 1di 3

Esame Fisica Generale TA e T1 (C)

CdL Ing. Civile ed Informatica - 15/09/2014


1. Lesame `e suddiviso in due parti: Problemi e Quesiti. Solo chi raggiunge almeno 8
punti in entrambe le sezioni `e ammesso ad un eventuale esame orale. Le regole per la
valutazione sono spiegate in dettaglio sulla mia pagina web docente.
2. Il risultato degli esercizi e la risposta ai quesiti devono essere scritti con la penna, sul
foglio protocollo a quadretti con il timbro del Dipartimento, in modo chiaro e leggibile -
tutto ci` o che `
e scritto a matita o non ` e comprensibile verr` a ignorato durante
la correzione.
3. NON sono valide le soluzioni prive dei passaggi intermedi necessari a giustificarle.
4. Le soluzioni devono essere corrette numericamente. In altre parole, gli errori di
calcolo comportano una penalizzazione sul punteggio finale, proporzionale alla loro
gravit`
a.
5. Si ricorda infine che:
(a) allinizio della prova potr`
a essere verificata lidentit`
a degli studenti;
(b) non `
e consentita alcuna comunicazione con lesterno o con altri studenti;
(c) non `
e consentita la consultazione di appunti o libri;
(d) `
e permesso solo luso di una calcolatrice ed `
e vietato luso di computer portatili,
notebook, palmari, telefoni cellulari etc.
(e) borse, giacche e telefoni cellulari devono essere depositati, allinterno dellaula,
nei corridoi laterali, sugli attaccapanni o sulla cattedra.
La trasgressione di queste regole comporta limmediata esclusione dalla
prova desame. Lo studente risulter`
a RITIRATO.

1 Problemi
1.1 Problema 1 - 5 punti
Una molla ideale pu` o essere compressa di 2.33 cm da una forza di modulo
268 N. Un blocco di massa 3.18 kg, inizialmente fermo in cima ad un piano
inclinato privo di attrito, che forma un angolo di 32o con lorizzontale, viene
lasciato andare. Il blocco si ferma dopo avere compresso la molla di 5.48 cm.
Determinare:
1. Quale distanza complessiva ha percorso il blocco lungo il piano inclinato?
2. Qual `e la velocit`
a del blocco quando tocca la molla?

1.2 Problema 2 - 5 punti


A un estremo di unasta sottile rigida di lunghezza L=50 cm `e saldato un corpo
sferico di massa m= 8 kg e dimensioni trascurabili. Laltro estremo della-
sta `e incernierato al pavimento. Partendo da una posizione verticale il siste-
ma asta+corpo sferico vien lasciato libero di cadere. Si trascuri ogni attrito.
Calcolare:

1
1. la velocit`
a lineare con cui il corpo sferico urta il pavimento;
2. la quota massima a cui risale il corpo sferico dopo lurto sapendo che
nellurto anelastico con il pavimento si perde il 25% dellenergia.
Si risponda alle due domande nel caso in cui la massa M dellasta sia trascurabile
(M=0) e nel caso in cui sia uguale alla massa del corpo sferico (M=m). Il
momento di inerzia di unasta rispetto ad uno dei suoi estremi `e I = 1/2 M L2 .

1.3 Problema 3 - 3 punti


Con quale velocit` a deve essere lanciato dalla terra in direzione radiale, un corpo
per raggiungere una distanza d= 600 km dalla superficie terrestre ? La velocit`a
a tale distanza `e nulla.

1.4 Problema 4 - 2 punti


Si consideri un punto materiale di massa m che si muove nello spazio sotto
lazione di una forza il cui potenziale `e dato dallespressione: V (x, y, z) = x2 +
y z 2 + 2 Calcolare laccelerazione del punto materiale, specificando le singole
componenti.

2 Soluzione dei problemi


2.1 Problema 1 - 5 punti
1. Calcoliamo la costante elastica della molla. Dalla legge di Hooke F= - K
x, dove x = 2.33 cm `e la compressione, si ricava: K = 11502 N/m. Appli-
chiamo quindi il principio di conservazione dellenergia, ponendo lo zero
dellenergia potenziale gravitazionale nel punto in cui il blocco si arresta.
Indichiamo con x la massima compressione della molla e scriviamo:

Einiziale = Ef inale

cio`e
mg(d + x) sin = 1/2Kx2
Lo spostamento totale del corpo lungo il piano inclinato `e d + x = 1.04
m
2. Nellistante in cui tocca la molla, il corpo `e sceso di una quota pari a
d sin . Applicando di nuovo il principio di conservazione dellenergia si
ottiene: m g d sin = 1/2 m v2 , da cui v = 3.2 m/s .

2.2 Problema 2 - 5 punti


Non ci sono attriti, quindi durante la discesa, se M= 0, mgL = 1/2 m vo 2 , cio`e
vo = 3.13 m/s; durante la risalita, dopo lurto, 0.75 1/2 m vo 2 = mg hf in , cio`e
hf in = 37.5 cm. Considerando M=m, la conservazione dellenergia nella fase di
caduta diventa: MgL/2 +mgL = 1/2 I o2 , dove o `e la velocit`a angolare del
sistema subito prima dellurto con il pavimento e I = 31 M l2 + ml2 `e il momento
di inerzia totale, da cui vo = o l= 3.32 m/s. Dopo lurto si ottiene: 0.75 1/2

2
I o 2 = Mghf in /2 + mg hf in , hf in = 37.5 cm, uguale al caso in cui la massa
dellasta sia trascurabile.

2.3 Problema 3 - 3 punti


1/2mvo2 mMT G/RT = mMT G/(RT + d), da cui vo = 3.28 103 m/s

2.4 Problema 4 - 2 punti


La forza che agisce sul punto `e data da:


F = gradV = (2xi + 1j 2z k)

Laccelerazione `e



a = F /m = 1/m(2xi + 1j 2z k)

3 Quesiti
3.1 Quesito 1 - 5 punti
Si enuncino e si discutano brevemente le equazioni cardinali del moto di un
corpo rigido.

3.2 Quesito 2 - 5 punti


Si enunci e si dimostri il teorema delle forze vive.

3.3 Quesito 3 - 5 punti


Si illustri il collegamento tra la terza legge di Keplero sul moto dei pianeti e la
legge della gravitazione universale di Newton.