Sei sulla pagina 1di 2

Oliver Sacks (1933-2015) stato un medico e professore di

neurologia, che si a lungo occupato delle potenzialit terapeutiche


della musica.

CAPITOLO 20. MELODIA CINETICA: IL MORBO DI PARKINSON E LA


MUSICOTERAPIA

Per una delle mie pazienti [] la musica non era meno potente di un
farmaco. Un minuto prima la vedevo compressa, contratta e bloccata,
oppure agitata da movimenti a scatto, tic e discorsi incoerenti: una
sorta di bomba a orologeria umana. Se le facevano ascoltare della
musica, un minuto dopo tutti quei fenomeni esplosivi-ostruttivi
scomparivano, sostituiti da una beata facilit e fluidit di movimento;
improvvisamente liberata dai suoi automatismi, la signora D.,
sorridente, si metteva a dirigere la musica, oppure si alzava e
cominciava a ballare. Nel suo caso, tuttavia, era necessario che la
musica fosse un legato; uno staccato, una musica percussiva avrebbero sortito infatti un effetto
contrario. [] In generale, per i pazienti parkinsoniani, la musica giusta non deve soltanto essere
legata, ma avere anche un ritmo ben definito. [] Il tempo e la velocit della musica []
prevalgono sul parkinsonismo e - fintanto che la musica dura consentono ai pazienti di tornare
alla loro personale velocit di movimento, quella che per loro era naturale prima della malattia.[...]
Se vero che la musica, da sola, pu sbloccare le persone parkinsoniane, e che ogni genere di
movimento o esercizio fisico benefico, la danza fornisce una combinazione ideale di musica e
movimento (ballare i coppia o in una situazione sociale, poi, innesca altre dimensioni
terapeutiche).

CAPITOLO 29. MUSICA E IDENTIT: DEMENZA E MUSICOTERAPIA

In particolare, la risposta alla musica si conserva anche quando la demenza molto avanzata.
Nella demenza, per, il ruolo terapeutico della musica molto diverso da quello che essa ha nei
pazienti con disturbi motori o del linguaggio. La musica che aiuta i pazienti parkinsoniani, per
esempio, deve avere un carattere ritmico deciso, ma non occorre che sia familiare o evocativa. []
Nelle persone con demenza, daltra parte, lo scopo della musicoterapia molto pi ampio di
questo: essa cerca di rivolgersi alle emozioni, alle facolt cognitive, ai pensieri e ai ricordi
insomma al s sopravvissuto del paziente- per stimolarli e farli riemergere. Mira ad arricchire ed
ampliare lesistenza, offrendo libert, stabilit, organizzazione e concentrazione. [] In questi
pazienti la musicoterapia possibile perch la percezione, la sensibilit, lemozione e la memoria
musicali possono sopravvivere anche quando altre forme di memoria sono scomparse da molto
tempo. [] A volte la musicoterapia collettiva, altre volte individuale. sbalorditivo vedere
individui muti, isolati e confusi riscaldarsi in presenza della musica, riconoscerla come qualcosa di
familiare, e cominciare a cantare e a stabilire un legame con il terapeuta.[] C unattenzione
improvvisa [] I pazienti torpidi diventano vigili e consapevoli, quelli agitati si calmano. []
Insieme una parola fondamentale, perch qui fa presa il senso della comunit, e questi pazienti,
che sembravano irrimediabilmente isolati dalla malattia e dalla demenza sono in grado, almeno per
un po, di riconoscere gli altri e stabilire dei legami. [] Di solito la musicoterapia destinata ai
pazienti con demenza assume la forma dellesposizione a vecchie canzoni le quali, con la specificit
delle melodie, dei contenuti e della carica emotiva, richiamano ricordi biografici, evocano reazioni
personali e invitano alla partecipazione. Probabilmente quando la demenza si fa pi profonda
questi ricordi e queste reazioni diventano meno disponibili. Malgrado ci, quasi sempre sopravvive
qualcosa: soprattutto, resistono i ricordi e le reazioni motorie associate al ballo.
1. La musicoterapia si rivela efficace nei pazienti affetti da morbo di Parkinson? In che modo?
2. Per i pazienti parkinsoniani che tipo di musica preferibile utilizzare?
3. Perch la danza pu essere utile?
4. La musicoterapia si rivela efficace nei pazienti affetti da morbo di Alzheimer? In che modo ?
5. La musicoterapia aiuta i pazienti affetti da morbo di Alzheimer ad uscire dal loro stato di
isolamento? Perch?