Sei sulla pagina 1di 18
DellVinnocenza di un uomo possiamo anche dubitare... della sua colpevolezza occorre essere assolutamente certi. ASSOCIAZIONE VITTIME dell INGIUSTIZIA Pack LV.A.e Co Fee 1007870478, MOLT PESCIA Pietaia- Via per Cas ‘Tel (0572) 480,190. = Few Cacia Postale 35 SIOL7 PESCLA (Pitan) ASSOCIAZIONE VITTIME Dell' INGIUSTIZIA ARTICOLO UNO DELLO STATUTO 1)" L’ AN. ha lo scopo di riunire, quanti abbiano subito atti ingiustizia e di prevaricazione penale, civile, fiscale e di altri settori; di associare tutti coloro che si propongono di evitare il ripetersi di simi eventi, con I intento di ristabilire una Giustizia giusta nei confronti dei Singoli e della Societa. L' A.V.L. ha per finalita fa promozione, nelle opportune sedi, delle garanzie costituzionali, dei diritti di liberta e di una efficace tutela contro ogni tipo di prevaricazione, abuso e lesione dei diritti e degli interessi spettanti ai singoli. Essa intende perseguire il riconoscimento e la riparazione di iustizie, di errori giu dei danni per I' ingiusta detenzione, per le lentezze, le inefficienze e le inadeguatezze del funzionamento della attuale Giustizia. Inoltre I" A.V.1. ha lo scopo di opporsi ad ogni forma di sommarieta della Giustizia, ad ogni arbitrio e prevaricazione, anche con la Fiaffermazione del principio di responsabilita di quanti debbono esercitare i pubblici poteri in tutte le loro forme ed espressioni, di Perseguire quanti violino diritti e doveri inerenti alla realizzazione della Giustizia e dell osservanza del Diritto”. un eearetae. Nazionale Giacontg: FASSINO prota eS Questa lettera 2 stata scritta da Pietro Pacciani ed invita alla nostra Associazione, Contiene una sintetica descrizione degli eventi narrati dallo stesso protagonista. Vogliamo lasciare all’intelligenza del lettore, ogni interpretazione ed ogni valutazione di merito, dopo aver letto attentamente la sentenza di condanna di primo grado. Ci limitiamo a sottolineare che Pietro Pacciani teme che la pubblicacione della sentenza possa nuocergli influenzando negativamente opinione publica. see Icodice nazista, all’articolo 2 prevedeva il “Tipo d'autore", owero una persona poteva essere duramente condannata anche solo per essere il possibile tipo di autore di un determinato delitto, 11 Codice Penale italiano non prevede questa ipotes. Spelt 5 Oe, Cracomo, Fassive o é Gaseila, Coslite, WB) Slog, “Peeta , Pry a? Prot. Pr goin» fn Pacereut, PIETRO Cash Qieconi, pi Soseterrawe x My Vin mdeedine Fg SCAND L oon ly ca. Clorelite, Asean, Uilline DeliubenssTiza i Pte ALL‘! Scaactanis ew speinace Viff, Devine, Siaeonio Fags We 2) aah] 95, Koei dn 0h 95. HC RieeluTe,cn Sun Lélfinn Sceitiy je 1 AROS E28 RIWERAE zio, pat Pabeogipe net. evare, 8in Lei che foltp Lassoeiprione,€Tulti eelero che Aue Bele LA auh iifocedza, La evale He eifile felt £4 (eriti, pA= Wank, At wleslee Fratello nists, ohe wlele AGRE (1sls La qunde givRAi padailir alla eon mosTaavoe acca conte 1c RilRalle oi eed ehedet Agile PelogRAFAle, & PrANGEWDO,piceve FuRe tui, Lo CROGIFISSERS fn ecniz, chenonadedd Fale vessvat supe, € loleSa Bere a fay Cows /0eRAK. poet fut Febkli,eone Ho,Pure Sequite 10 1 8u0l CoMlSIGLI, DoPo LesPE, RIEWZA, On eiolane. che Ho SuBile, wee 4954, quitKDO,mi Dodele SPesare cont minor Buses, La guace DOPO DUE Auldl’ D/ FiDAMedaLehlla, AUC mo, F1Ssel6 ic mataimonld, ENTRo 1c mese, ct FeLeSAme Bene, GERACA = mo oRgetiosi, EviRemér oi guests fawls AMeFo gioRWo, mA IcDesTe No eRUDede, @Loced, 1 WestRi, soetivawnal A fRodare ungiorvo cAsuR Les ELA TRodai IN Um Boseo con RE Pecore, IN ual FossAlo ON UM ALIRo, INF Rg6 hulle ADULTERIo, ani RADI, ALLA igiLin Dedce Nozze, MA, Let Praueewoo, Ari pissé to Wow (ecedo, mi A FRESA con Forze, Non’ Ho Potits pireelveRmi, Prechialo, Piehince, ect AWDAT IW eoulTRo Per TiRAR, Li ove Puen, ma ERA 1. 00PFIO, DI ate, E Plu’ Forte, i AFFERE PeR LA cota, Con ANIBEOVE Le MAN, fi EBAI A DIFeNDtBe Noa! ReserAndo PIU, E successe LA DisgRareth, Si dewile AResTal, ANIBeDUE, Eseomlft nA Lunten Pomp, Let IW caReeRe mi ScRISSe, chieoen/Dom PeRDONO, E Veloti, ceutibemne, 1c FiDANZA mele Le Serissi Ula LuNGhA CelleRa Risenltitg, che Now nui’ seniesse, Pil, EMoneal, ogi Coni sPoubewlzn, & FIM; 1c N25TRo cetlega ments) mii Mist A LABGRARG IW DIStREE CASE Pena, LiPer. AIUTARE C4 tif PodeRh FAMIELIA DI GON TPDINT, E mio PoveRo PADRE AOR I, GuAoo ERo ANeoRe IN CARCERe, ESOFRIT, taal Dacre, or ew Polanco’ Aidenene, EfAuTe aRoce Saree nize PeNSANbO® | | | | Famigeip iat raaah' Dt Aleoer Co mae Ak 4, eT ila st oa Lagerare Peer Basile filpoamal OWA Fatih eLip al Ro DUE Fists, E uw Tergo me0R!, ain Mogi RinAse MW monte eu Por 1. ZAelio Gesakio, Pure Le Brgales nalilo, EReollg. % ce consesunlee DELLA MADRE, AIA MORE, eU Tobeo ALUTBALA A eRecme Re Le rghit, /0 AN, Aust 'subille a LadoRARe Senza Pervere wilora pi LAdoRo Faeenloo 42,0n¢ AL GLORWo, nae sosth, cadcrido Pure La Domenica, EBBI bug iMeARIT Suc cadore, che ile Biscuit ft ([tORA. € VA favo AUAME-A Forza pi Fe Rapin, ORA gus iesreene SIE. = ru sileeccals GeesTo MAte, che Mi Bloeeg LA eipeotAzione, E Solo STs te 20 MARLO Rveolersile 4, eARe gsi chemi Overarawo A uyla Vela che Beocenda ca erReolazionfe AL evore, MA Nowe elovals Witalleo Palle te Ponle DeLLINFeRA/o, & Soalo SemPRe Cot solilg MALE, HS Fo awili, ELA Bide.6La DekRessione,Pw3AilDo che Mv ANilo orto, gun SexeA aber Fale Wessel piace Di Qetetls ehe au SIANIO AecusaNlbo, FO Wee 495%, che Fei Anestile Por aden opts gualche Schigrto aati Figiin RosawilA ehe si ERA Whlancnéle 0} um UaeABANDo che ERA Pho, ssiio 4, SPosaRsi,Co a (ptlhea & 4 Geer FACESA ereverrche Stosala ee; Eeiene Ded questa messi, 10 cadorase vaca matin acca sern,Pen qun oA EMaRe _gustthe Sot 00 Pek pled FAR aunweane Wiculiescca Faaugeis, esti pleloareg fe va ciBRETe AoceultunlA, che oLlke A pucecio che evaonentidauto LoRo cot Sve cadere, Nor genrIgRy Si SL *AeEIUNGEVA, Gupkeosa , & gurste Sagaeot'eo 1h TBe MeSi Gi Pole 3 800.¢00,LiRe O¢ulh 3 gloruli awloava DH Lei, Le orev Dania Beownita pede Pagare cw oeBiile,evawino Lavoro Te oti Rene Woi ci DOBBiAnIO SPoSARE gurelle che e) mito, EAM Jehe Teo, EGiutlle che E foo E Pure mio, GHLBADO Lo Men? AeCORS!.LA S¢aioal, eLA mawoal > FARSEELI RenloeRe, MA TeRWe Sen2A. Mi DI8Se 6A Gin S Posi, ALORA, ei seiese/, foto fo UiwisegNAmenle ELA RA SICK, Eni LaseiaRte Poe Re, DI NOW RiveoeRlo PIL, FO A Che Liew! tia* Reso l Soipi coven’, YIPIMEROELION2, ELA FIOBNZATR Meh UnlALIRA E bretie $i SPOS ja Cel TEStAROA MON (6 IRR alk 1 Tost CARRY Sago : eu esate QFE EHD Mboun eavelor toe GESON Talo, 5 RCE ‘ > e PRES Cb Ly Peon eee HAgoneneee Ro, mcgcie nel iadio esto Clp 1 A FIRENZE, [Os CEProW, RULORA , rn cue Sac cde ans ae worp to et AUeIE ; oMis che We Aded} MBM Nh 2 RAUB A coRo Ce b ciltedls Per TeleKon’ alta Buscar cu oro Le DAU ele Fonlo, ch ‘Bley Cueopee Hr anaes Ser ¢ bere 3 aunope ct cts a gare ‘i domanitgees Path enere sc. LiBrelto Dj’ ORN AUB, A Re 4, 01S: z ate, fui 7 ello vi Pea 10 CL) 7a 2A Oomenleg 260), Per ehes ; 1 Sol) ef, 10 CLI 7éLeFou) EWI, CUAL OD Al es gti STRAOR DIN? APWHT c Llerou), pitcbou de owt A ‘api, cet onle SURBIL Mas biceUDote he eet WoW es eonlosernnn St ARABIO' Vets DAI $1, € ui 81 reve LOH SME 9 tothe IW" seinmo, & PURE TR 06 che Ob CMT. [pI CUCINy 10 Pho Ftc Lhe 1 dosiap Ve lony a Cin eet pee Aipteen oa Lye pea geraat MAW Adedo B Re LA Ueaila Ze; Ports ehER - gr Z omy an dee liege Cal a ae RIS IW en scan WACE Ag PARO Bi /A + , €00, UNA FA . BN Per the Tr A buy WA, M1 Fee RIT pata. ée i melon PIS UA, bieew = AREFTRe EAU » DETR og etio ele aged Dew TR e&n doles Wo) 0 EM Feee Duce ee adele Ben é Bs 7, Bee ttcca del eaMeRe Ce Bi DARE A Ani TALE FAC Oe pty ere Nena Elgon bale ele apa Wales o Ot cactgun Oe ec wena ne Dal FC RiecveRs Ie Cee $es Sele ce ihe Eta g Hille Re fer Wp CALA DT CURA. reinteiy hy ve Sepeeie pRooale & Pike Re, RR fate lA enluena Epon Fire eho DIRE thi gue We eps, ‘ A, E PERE (28) E du 1 PeRSOL ‘pf ied a CAMEBEND 1 Seeeerer Walia Doig Keen 00 ERO 4 he lela: CRM PAEMD Aalrechio alec 4 Prod De eRe Ihe ROAMEORE if Recs qe) HHO ARIF te ee. nee, eng MRM Larne che g¢RAU? , gueste (fi 5 conlosee g-uesTo, 0 CN | Ree ale CALERO Coven, Dean oA Cree ee wet a tr tays eae SP TES Io a J Ded. AAU, “Alena t® Ton Or ?enero eh | Plee Nv Bonin At Pass AUODRED Ati TEMA oo ioe sen aie 9. Epselp, Per La cae eonie @ 4 Sean, opel Avoae forge Leu Tats HER catale Hag Po( Wau re Chosen. C eA Te MBS oie ty © Seay we OBIE tae BLA eee Als A meron. Wipe avoRe, & MRE 8 [Bie o TCM prea’? eet Ne tote Tape TET la eeee en tet 0 Che te og ipla hy, lelle Ea wif hile Ese a Pain Mw er Aun «WW 20 Re peyese ehie Rape TiRe O Flips Betio er lBlh, MetlRe £6 boeo eigen Par ep B10 | / Joelle Pi PeR (viTeReSsst Seno u e A UME Che, MARES eupies MM Pen elowe ae - ee ie exiate Der €.C£ se Bo aiecns (oe Gen r ALLA, gine /STRRTORA & EI ecard UL AM2AETh DaGiM Pel Pee AF 4eesa8 Io ESP Concern? feat ence anit ca, far Co SAPEIRA OSCE Cel NONE GUELLC Ch, bee “glORKi, pret ea Altes CLeo brea ceien 4 A pees of we ries las Aen picewnole 2A Smell D: TERIOR, pam 2 tf § 3 flu tp “a RISPOS Keane Feonloseo Gute sla, PAZEO, ALTRIMEL AREY Tile ORS eee i bio, che igre Sono PORE 10, SH PADRE DA FRG Banton & 61050 01 FEIRUE iss Auiio Pease g.uet Pose Bae IS eG to €: Bae Boden GeUrToRy ee Tien Pure fo DUB FIStie: AaFot Yale p fesse ScaniaRe qaeraliee pRto JeniRe GRANDE, & We ince o Been. tpnlota Pemehe nen aveUewo Filly MieK/le) ine a Wecawe. PAgh? fe ear eee G.2slo O10 9 Gunw doll OoMmAbo Coss WPL Sid agar Io ce pase! Lied oye digrgop of univaRs ig Peeing) SCOMLUBLATS, EA €. Tale ia ee ee ZAUORARE she Se ge ple sve tn’ CBUORO Wa, AURCRBCK TEMPE 0 RARE, Fe he 4 GRATo Lo TH: Op Shs Walle Sah ou th ade EAI UR ann LEE AP scir tir ees came nceuiead porn ag ZRalig D1 UM presen Mp caer ee ot NA Scope yer lewite AcegenRe vat Poftro cop fap) ‘Plu Lada th a fa Ger Camp ca PANU Ale TEMPO CE BER By aia SOua'e ae e AEARE pet Male, A DecPaleRI RAGAzor eho A'p esi j Pale wot A mph cow. geige eberheg!o 9,E 0A guier GLORWG NeoHINe GT) Mee peau srzcoU raul IRveh) 1 eASA Aus FACERDO TRO\ ARE, Appel [ont lbs MeES8A DACORO al CRO SPIE Ain seogie Pol eoMurrae 4 KA8leo pi Regis anciove Cakes Re CHA isce ia inp ScTtergle a'el OR lo Un Paotelide EPR Baeco suvecehiane OR UNA ATRe ANA, FU Baeslile Cov LAe1DD MeRIiiiey oo PURE 1c cowteNie feta pe oeltfe EWCORG KEAA Mp, ivee gf lo 50 7estinoni’ FACS f/ Pinz0g oe Soopap, € tot falta (gta ie Chcchagy Ie GrORAlo, 35 5 cokes elt tee Mebeis agen et polite 380 dlao¢ eotestemARoni c46,, Or DICE CA mince Hs FERD« ¢ | Dib 2, hi Dice UNA 3.doLunt's ERE iw n'a PipzzoDr ot 5 PUB BR) DI Wete BLUp 30,1 e256 esl BOSe0 Lon TAVe dpe glen tecince Ceo sa Gate oe man ‘A Ypoe Couto Nis Fe Migros TU ui Bie dest TES MCNKE, EP URE 1’ C;) RABI, PAL jee LW. ices dagionw SLi eam ge le Fatt TREE E O.ues MALA reacts ¢ (FRANCESLERA Aji i tis aren mene IRR Ako Vienne eines Ce tRoviade A A Eq Aeeljinia ch Aug Fe ee lip chaste sue Ref ANORTs Col Je ACTER Pane he iat ys oki AP EERBAIAY EEDA ey See Wow seule'A vie hro, Bcr puedo Lcteniaawnin Se Wo A MER EAE eARABINIER! A EARMI CA Pe zloNe BU . ma. Abitie Falls Risikane ud tect city bo ca ERC STOR, LeRG Sigone Messi tally, DF CORPO, EhOPO 1EEL0AMI eh a CWA PURE fue cost pied: Senktle 30, CAI ALA MLOELIE, bhe A he ERO Necig LA “alepue A mle PISCE, C13 Oueple LASS ie AY EPeERO ASC Gipe a ele Cho Usclls Dr eA Ree Re CERO (A eIpip CORO, DOP tott AgslEMe, EACEDEVOOE! 8eUSA Dl BuelLo GieR We cow LeRo Ash MIA IC MAResetAdlo Derek D1’ GAeerne Suete8so, Jeyffe Oper Dott LomBAR02, DICEM SOME ChE 10, EGO Ke Ui Fogo De Sete ch cacy Alle FIGlle PeRehe ERA ifeelbiy 9 cone ge Eo upabRe caved eo mtPeRBIE 70, ELoRo Poleritve ire) MA Vi) AWZI, CC SIERB-C ests 8CUSA EY DIEDERD ¢ MPD pom BAbbo PeRooWH et [0Tle PutecLo Che ABBIAN Lite paws Pelle pike, mA 1c magescinlio hi) Disee gu Pelle Evo ~ We. Del CL0DIEE, Per LA S1EURERA Nelle FLELIE, LEB E cone Re AweoRA Dede TorRWARe Colla Moglle ki & Che Petree haz, Feel, Mp ERA ow Tavecer, PER VeuiRe A GE Be BEBE com Che ded pio NASCOSe Las & PARI Det een (Cle okie Wen eontpeessp, Come, niraltt, come kitels Adebale oe MUCROSPIE.DA OGM AY/E0LO DELLA CASB, UMA VO Mesed tc. €c00lp Su uN 744 Ia, 2 S 2LECHMERA WA. RUE IN CASA I oh SueRA SAME CER collTRoLLERMI chy UW ir he Lo PACELD, U7 PROIEMILe As co Messvmle TON / eeu UN Porth SHPoNe COLCR Rasp, CON MARE oslo IMUM TRAvEs, Neue mal estsh) ro we AdedO C'nvo ga, Delis. Che 1 ee ga nif Adeio Messe Dewtho Der Aq wots' pt TALE ARIE Seite, Ee; Rotts Ds Ribarske Brace Alef Dr Ila ScRelca ee Mr Coteau ile Roa'o DAL 0 COP AMS Biplleo, © Stl Mise cee 06) Cli LeUa PoRIARow CORO, ETAUT AcTRI Taveel Aue Ke WW Puello Roe, ce Fefesfinuou’ FARSE, Che 0) ceVANe che pe feng) AkWO eae fr yehe Ce UNRATE MONIBEA DEL Bry nectaur Gipauy grep tee. # TMONTOo NLeEWDO Che Wat DALE TOD BE pe oh go Beda eh Bos or ReseliB chele PAccrAhy Aden Uwe pene a BRIM aye Cl Resel7A che ELRASSe We pleioRWo We ees FISSO,EWCN Testimon | ANZE, Del SUARDIA ChectA Iozz te Note, A (Fo, ic. to eirade lle 1 ¢/oRio PPR 1 Boseh f EpR Coy cheteslr nn If Pac era ASR ORE Ae oF eLonso Ne cha Wowie Migs Vishe= ‘Wie, DL Oa eocokp, € of Meee Welle ie ANive Dette eon LetteRe AvoMlme BEE SERS! Bllate g.uesla CoveRn FAmugeca ay Pot MI ApeslARone,& Cents eis rain ease 2A EAE Che €ERA Perlecto,ehe le INGLN AEs, Obin CALECARE, Dit = ele LC INDLNASST Le opela, the WW au? | che WoW Ho MAL Advts comtalts cca Noseunle EbeRo soRdeehi is pi pie (1 GORA, MeL A118 Shane bors Fiona toniietd Bo ipatc, For RIWUIRTe A glu eto, @ baoeessals Ben; Palle pomnte so, OF FeleslA eARoG MA, ehe Dic Lo BRU ECU T YD pode St feode, & Conte RiPelo We ANUS Seri Tle Taw Te, Wl i ney ke 5 ME cali Hoo, AUGLALA OL SUPPoS(ziowd ALLO SLOW EIN ERNIE pi Osa CEMERE Mose UNA PAROLA Of Jepo,WePPYRE UMA viegole) Ai AML OFFESO DICENDEIERE by OFK) eccoRe pe CACC ELL BuglARdo Sang WNAREO 54 Valea Upantore, mal attan CA EAMAOLLA. @ ee St op £00 ope 2. /UitT LA- WIRITAS PASS O,Passo, Decca MLA UTR, BLUE EGE LA EL10° Cateye YM ie gecets (eglic ine 4 she cantPeRe teat Cie Juels Efe Kio Delle CONTRO DE Me ECleCAMLO Eile 0/Re,ZoRo Lo Salto Wie Oe eke Howes eRoplee Figtie Gh) COMP £4 esa. Le pore [areoteslo A PAgAMLChTe PeR EARLE PRENDeRC CAM LAURER, A aparare vil Snestiere CoeompRat OWN eleLoPeniAn DI 25 cau oni eonoscenesarere, COMPLTR Df VecaBorakio & DIZLONORID Pap = piseh f PeR ImPBRARE Ee EINGUE, OWA mpeehig EtcHRopiteg Meee): Peafneaanee A eceikey Gel HO ApeRIe UW LIBRElTo BL cole. con Cee enV, Cosa PUl PARE val PodeRo PADRE Pry Dr cess, 10 Cader PER LORO) 10 LATORATe PURE AisidAlo che Ho AdyTo DUE LWFART See? Zadoro = olehaRns :uURc(po erUite, € PeMstouinls PERLE MALIITE, Auvle E Pure, AAUA ALOGLIE, CO LeniPRe Riseollala edoccle Beare AL hitttiie sul ACZAdS bo, E241 Polio 1 CAPRCLATE A CeThe, Gli Pare Vo CA SPeo hy ELAR 4 FAR ,/eMANWEI BRE PeR REA, AmipRle 64 FaTien , We Pure cere mincala Di MERU, & Sennen Di Mele, E Funcche pisevssioe,eeS/N OM EBMIELIA TAR MICELIEE marily mawougss LiTenda) Sonto Tolle FacsITA che dteouo Le Persoul MEN Pree ealus Wiehe) OBA AWwO SeRITIa, cc BeLITE PNRSTT Seen delle si! ProcessorENe nawe Ae elute Lwin Ereeusnittnp che Not es) WePPURE Lt PRoeeseay © STAI Smentils DALLA DIFESA Th 0 AE SUR NG eRrehe St Dede RieioeaRe LC Sotife cose, Dl FRLSIIBS Sonlo CE80 sR iiatcal A Deore CA /éRUa SORA Wel Nese DI MAR vedupy Lore, AVC SIPNPH> 50COPLE DELLA MoTiSAubNe 20, E@ Aluita 24 SIAMPA, © PUBBLIe Ale PeR /MELUEKE, ve & Sole Pob6clen. & Ler’, Sie Presiderile, FAss( Wo, VoRes | %¢ Lorintowe Buel EAS Ia PRocEsUHE, & NISTRIBUIRLe, pele ( CULAR. ost Peano G-xiee Cocho D1 AKFElly DELLA SEN TE eRSONE 9 fae, 51 URI ECR AA PAccih, SBTREPARAVDO espe her Se HAND AH! C4 : Cobae eae to oH BOSA TR EASS| Oec68 Men Ula cee eMehy Edi vogue Gene MOREL. Sh epee ake Teo ee (010) Ui Bent aseigi hye UN eee bie feaegS pcan oe re Ujepisle BM PLETRO,) ASSOCIAZIONE VITTIME dell INGIUSTIZIA Part LV.A6 Cl Fn, 1MBTO 51017 PESCIA Pistoia) -Via per Casa Nuova Tel (0572) 40.180 Fae (0872) 478.897 Gaulle Postale, £5 SIOIT PESCIA (Pistoia) PREFAZIONE Pietro PACCIANI - La Sentenza Pubblichiamo la sentenza di primo grado della Corte di Assise di Firenze contenente Je motivazioni che hanno portato alla condanna di Pietro PACCIANI. Come nostro costume non entriamo nel merito della vicenda, evitiamo quindi commenti ed annotazioni che potrebbero influenzare il sereno giudizio di chi leggera questo importantissimo documento. Inseriamo alcuni comunicati della ns. Associazione che riguardano Ia vicenda in in essi sono riportate le iniziative prese in favore di Pietro PACCIANI. Nella parte conclusiva riproduciamo alcuni articoli apparsi sulla stampa nazionale sempre attinenti al caso. Prevediamo che i poderosi motivi di Appello, che verranno presentati dagli avvoc BEVACQUA e FIORAVANTI, saranno composti da migliaia di pagine con le quali si cerchera di smontare e possibilmente demolire il castello accusatorio. Mentre la Corte di Assise di Firenze ha avuto quasi sei mesi di tempo per scrivere € predisporre la sentenza di condanna, (ben 526 pagine) gli avvocati difensori non hanno che 30 giorni dalla data della notifica per presentare i motivi di appello, Una disparita di trattamento procedurale, tra accusa e difesa, che la dice lunga sulla “par-condicio" che, proprio in questo attualissimo e delicato caso giudiziario, appare completamente disattesa da una corte di giustizi Restiamo a disposizione di tutti coloro che vorranno associarsi a noi nella ricerca di una giustizia giusta per tutti i cittadini. Scriveteci Vostre eventuali osservazioni od annotazioni che saranno per noi motivo di attenta riflessione e fonte di preziosi suggerimenti. ASSOCIAZIONE VITTIME dellINGIUSTIZIA 51017 PESCIA Pistoia)- Vie per Casa Nuova, 3 ‘Tol, (0872) 490.190 Fax (0872) 478.007 Casella Postale, 85 S107 PESCIA Pistoia) Oggetto: Pietro PACCIANI. Richiesta di aiuto, Abbiamo ricevuto la Sua cartolina in favore di Pietro PACCIANI, presunto mostro di Firenze, e La ringraziamo vivamente per la sensibilita ed il coraggio civile dimostrato con questo semplice gesto. In questi tempi oscuri informare I" opinione publica sui problemi della nostra disastrata Giustizia ¢ una cosa molto importante. Purtroppo la situazione di Pietro PACCIANI, al di la della condanna, @ drammatica. Le sue condizioni di salute fisica sono seriamente compromesse tant’ é che é stato ricoverato in ospedale per gli esami del caso; si teme che abbia un tumore. 143 aprile @ stata depositata la sentenza di condanna della Corte di Assise di Firenze con la motivazione della condanna all’ ergastolo. Nella sentenza sono descritti ‘tutti i particolari, anche i pid scabrosi, reltivi agli omicidi compiuti dal "Mostro di Firenze”. Stiamo provvedendo a far stampare la predetta sentenza per farla avere a tutti coloro che, avendone interesse, vorranno richiedercene una copia integrale. La spedizione avverra a mezzo posta direttamente all’ indirizzo degli interessati. | | | | | | | | i I La famiglia di Pietro PACCIANI é in completo stato di indigenza e noi, come Associazione Vittime dell" Ingiustizia, abbiamo aperto una sottoscrizione publica in loro favore per cercare di aiutarli concretamente: “per evitare che muoiano letteralmente di fame”. Se vorra trasmetterci un Suo contributo, anche modesto, potra inviare un Assegno Bancario o fare un Vaglia Postale intestato alla ns. Associ scrivendo sulla motivazione "per Pietro Pacciani”. La informiamo inoltre che ci impegnamo a tenere dettagliatamente aggiornati, sul proseguimento della vicenda di Pietro PACCIANI, tutti coloro che partecipano finanziariamente a questa raccolta fondi per scopi umanitari. Attendiamo un Suo cortese cenno di riscontro ed il Suo contributo economico. Con questo gesto diamo uno schiaffo all' Ingiustizia. Le alleghiamo una ns. cartolina pregandoLa di darla ad una persona sensibile che voglia aderire all’ iniziativa. Grazie comunque della collaborazione che ci vorra dare anche a nome di Pietro PACCIANI. Chiudo questa mia porgendoLe ringraziamenti per quanto potra fare in concreto. Con i pit: cordiali saluti e una calorosa stretta di mano. Pescia aprile ‘86 I Segretario Nazionale Giacomo Fassino ASSOCIAZIONE VITTIME dell'INGIUSTIZIA Part LV.A,¢ Cod, Fa. 1007570473 51017 PESCTA @istoia)-Viaper Case Nuova,3 Tal. (0572) 490.130 Fex (0872) 475.497 Carella Pore, 85 51017 PESCIA (Pistoia) COMUNICATO STAMPA N°361 Pietro PACCIANI, e se fosse innocente..? Abbiamo ascoltato con molta attenzione la requisitoria, a volte dura e triviale, durata circa otto ore, del P.M, della Corte di Assise di Firenze Dr. Paolo Canessa, al termine della quale egli ha chiesto per Pietro Pacciani la condanna alla “pena infinita", anzi a 16 ergastoli (uno per ogni vittima). Ci aspettavamo chiss& quali poderose argomentazioni a sostegno della Sua tesi colpevolista. Invece... molte, molte chiacchiere e due soli indizi, una cartuccia "trovata" nell! orto del Pacciani in circostanze quantomeno strane ed un blocco notes di produzione tedesca trovato in casa sua nel 1992. La cartuccia calibro 22 pare che presenti "micro-strie" che fanno presupporre la sua espulsione da una pistola Beretta LR70 (spallettamento). Chissa quanti milioni di codeste cartuece sono state prodotte e messe in circolazione nel nostro paese? ma una di queste é misteriosamente finita tra gli interstizi di un palo di cemento nell’ orto in questione e repertata in circostanze perlomeno “singolari". Per non parlare poi delle migliaia e migliaia di pistole Beretta Cal. 22 nella cui canna potrebbe essere stato ospitato tale proiettile di tipo simile a quelli usati dal mostro. La pistola Beretta, Cal. 22 LR70, utilizzata dal pluri-omicida non é mai stata trovata. L’ altro elemento, il blocco di carta “germanica", sfuggito a varie reiterate perquisizioni in casa Pacciani ma repertato, assai tardivamente, solo nel giugno del 1992, contiene appunti del Pacciani scritti e datati negli anni 1980/1981. Peccato che i due cittadini tedeschi, uno dei quali era il proprietario del blocco da disegno, siano stati barbaramente assassinati nel 1983 (due anni dopo). In un qualsiasi Stato dove vige il "Diritto" nessun Tribunale potrebbe arrivare ad una condanna, alla massima pena, con simili elementi puramente indiziari. Dell’ innocenza di un uomo si pud anche dubitare, della sua colpevolezza bisogna sempre esserne certi oltre ogni ragionevole dubbio. Non dimentichiamo nel recente passato i 5 precedenti errori giudiziari su altrettanti presunti "Mostri di Firenze Il contadino Pietro Pacciani ha commesso un solo madornale irreparabile errore, quello di non avvalersi della facolta di non rispondere e conseguentemente non presentarsi nemmeno nell’ aula del tribunale. Un imputato quasi anonimo, sarebbe stato sicuramente assolto perché un simile processo indiziario non avrebbe trovato un “criminale su misura” cosi caro al P.M. Dott. Canessa. II vecchio codice penale nazista, ai tempi di Hitler, all’ art. 2 contemplava proprio il "tipo d" autore". Invece il grezzo Pacciani, nella foga di difendersi dalle accuse si é maldestramente dato la zappa sui piedi ed ha prestato il fianco ai duri attacchi della publica accusa che ne ha sapientemente sfruttato gli errori e le confuse, bizarre, argomentazioni. Una sola riflessione pare obbligatoria! il Pacciani, bucolico semi-analfabeta ha, nei periodi in cui era libero, costantemente amato ed adorato le donne (a modo suo) ed ha sempre attivamente “consumato", con abbondanza di squallidi particolari, gli atti sessuali con tutte le femmine entrate nella sua vita, figliole comprese. Nl Mostro di Firenze, al contrario, non ha mai compiuto atti sessuali attivi sulle sue disgraziate vittime mutitandone peré le parti sessuali con una perizia tecnica da vero chirurgo che mal si addice al grezzo contadino avvezzo tutt’ al pid agli “innesti”. Prima di entrare in camera di consiglio per decidere della sorte di Pietro Pacciani occorre dare un monito..." Signori Giudici, ricordatevi del povero Enzo Tortora”. 1 Segretario Nazjgnale a ASSOCIAZIONE VITTIME dell'INGIUSTIZIA ‘R017 PESCIA Pita) Via por Casa Nuova, 3 ‘Tel (0572) 490.130" - Fax (0672) 478.897 Coscta Portal SI0t7 BeSCIA ieaoiay COMUNICATO STAMPA N° 372 Chiediamo aiuto per Pietro PACCIANI, presunto “Mostro di Firenze". La sentenza: La ns. Associazione ha deciso di stampare e di mettere a disposizione di tutti i cittadini che desiderino prenderne conoscenza, la copia integrale della sentenza, composta da ben 526 pagine, della I° Corte i Assise di Firenze del 01 novembre 1994 depositata il 13 aprile 1995, con la quale é stato condannato alla pena dell’ ergastolo Pietro PACCIANI. La sentenza contiene anche la descrizione dettagliata di tutti i particolari scabrosi dei delitti attribuiti al "Mostro di Firenze". Chiunque desideri riceverne una copia potra prenotaria telefonando ai ns. uffici allo 0572-490130, le consegne inizieranno entro la fine della prossima settimana, Le cartoline: Stiamo ricevendo mi di cartoline e di lettere firmate da cittadini italiani (numerosissime anche le lettere di residenti all’ estero) con la dicitura: “Vorrei che per ragioni di equita e di giustizia il processo di appello contro Pietro PACCIANI, presunto "Mostro di Firenze", venisse celebrato in una qualsiasi Corte di Assise di Appello purché diversa da quella della citta di Firenze. La notorieta della vicenda, enfatizzata dalla stampa, dalle TV e dalle emittenti radiofoniche, potrebbe condizionare la serenita di quel giudizio imparziale che spetta ad ogni uomo ancorché imputato di reati di grave allarme sociale." La solidarieta’: ‘Abbiamo aperto una sottoscrizione publica in favore di Pietro PACCIANI chiunque volesse partecipare con un contributo in denaro, anche modesto, lo potra fare inviando un assegno bancario o un vat 51017 PESCIA (PT) con la dicitura “per Pietro PACCIANI”. Inoltre, poiché I" A. J. @ un’ Associazione senza ii di lucro, il ricavato detla vendita della copia della sentenza, detratti i costi, verra interamente devoluto allo uno stato di grave indigenza, Dell’ innocenza di un uomo si pud anche dubitare, della sua colpevolezza bisogna essere assolutamente certi. Noi questa certezza non |' abbiamo trovata nelle argomentazioni espresse in sentenza e quindi abbiamo deciso che lotteremo al fianco ‘dell’ uomo Pietro PACCIANI affinche egli possa avere giustizia giusta. I! Segretario Nazionale Giacomo Fassino Pescia aprile 1995 esueuee a sowwewny ge6h crouusb ez Paquowog Bun 98 ‘OUSe4 DLIO215 191 ONDP et “rede viop Oe eur ONE Os TULIDIe OI ord OYeYWOD [I OFeU | azuail ep ourzUO] Oyadde,p ossadoad ff atLtajseAy Wey eq ennaio 1995 .A NAZIONE re & la ns o an iia re a mn te re i in te di in no. in as o- de allo Mex ato ta ani tito il, di ato an- ua, ue sst- a il Giornale ) Costituito a Firenze un Comitato nazionale a favore di Pacciani nize i costituito ieri sui- njzlativa dell’Associazione vittime dellingiustizia un da spedire al procurstore generale della corte di cas sazione. Corriere della Sera FIRENZE Un comitato «pro Pacciani» FIRENZE — Si é costi- tuito a Firenze il «Com tato nazionale pro Pietro Pacciani», promosso dal- PAssociazione vittime delP'ingiustizia, La pro- posta, formulata dal se- gretario nazionale dell'A- Vi, Glacome Fassino, si prefigge di raccogliere ‘imeno 100 mila firme e altrettante cartoline da inviare al procuratore generale presso la Corte {di Cassazione di Firenze. Fassino, nel corso di un convegno, a Firenze, hha Sottolineato che «