Sei sulla pagina 1di 3

Catania, 2 maggio 2017

On. le Baldassarre Gucciardi


Assessore della Salute Regione Sicilia

e p.c. Avv. Ignazio Tozzo


Dirigente Generale Dipartimento P S

Ing. Salvatore Giglione


Dirigente Generale DASOE

Direttori Generali Aziende Sanitarie


ed Ospedaliere del SSR

On. li Presidente e Deputati Componenti


VI Commissione dellARS

Sede

Oggetto: Rete Ospedaliera. Segnalazioni, osservazioni e richieste dei Comitati Consultivi delle Aziende
Sanitarie.

I Comitati Consultivi delle Aziende Sanitarie, pluricomposti dai rappresentanti delle Associazioni di tutela e
volontariato e dalle Organizzazioni professionali degli Operatori Sanitari, seguono con legittima attenzione
il prolungato iter di riordino della Rete Ospedaliera attraverso cui attuare il Piano Sanitario Regionale per
corrispondere ai bisogni di cura in acuzie e lungodegenza e riconvertire le risorse necessarie a potenziare
lassistenza sanitaria territoriale per la deospedalizzazione della tutela della salute, in un rapporto pi
appropriato e sostenibile e soprattutto pi qualificato in prevenzione, continuit assistenziale ed
umanizzazione.

Bench codesta Amministrazione non ha ritenuto, finora, di sentire sulla materia gli Organismi di
rappresentanza dei cittadini istituiti dalla L.R. 5/2009 per portarne le istanze e privilegiare la massima
trasparenza e condivisione delle scelte, ossia gli scriventi CCA e la Consulta Regionale della Sanit; si ritiene
indispensabile, pur tuttavia, rappresentare le osservazioni, segnalazioni e richieste raccolte da chi vive sul
campo i problemi dei Pazienti e degli Utenti.

Quanto sopra in considerazione, da un lato, delle lunghe negoziazioni, intermediazioni e rielaborazioni della
Rete Ospedaliera intervenute, nei due anni trascorsi, tra Ministero, Regione e parti in causa influenti del SSR
e, dallaltro, della garanzia della centralit del cittadino e dellinteresse generale dello stesso SSR da doversi
assicurare.

E opportuno, in questo senso, richiamare i principi di legittimit funzionale cui sono ancorati i CCA:
________________________________________________________________________________________________________________________
Via S. Sofia 78 - 95123 Catania - Tel / Fax 095/3782756
Email:comitatoconsultivo@policlinico.unict.it
- la sussidiariet civica orizzontale per il buon andamento del SSR, quale bene del singolo cittadino e della
collettivit. Se controparte legittima di negoziato sono le Organizzazioni Sindacali, i CCA sono garanti della
centralit del cittadino nel confronto col decisore politico ed amministrativo e non devono essere trascurati
da una concezione politica retrograda e dalla consequenziale impostazione burocratica;

- perseguire l'interesse generale del SSR dentro il quale si realizza l'equit, altrimenti prevaricata da interessi
delle parti pi forti. I CCA difendono servizi e prestazioni dovute, non primariati;

- interesse soprattutto del cittadino contribuente la riorganizzazione funzionale dell'assistenza sanitaria


per migliorare l'efficienza, far meglio con minor costo, e l'appropriatezza per liberare risorse da destinare al
miglioramento della qualit ed innovazione. I CCA non difendono lo status quo fine a se stesso, specie se
utile a grossi interessi corporativi radicati, ma la riqualificazione fondamentale del SSR.

Tutto ci premesso, considerato che il crono programma di adeguamento degli atti aziendali e delle
dotazioni organiche delle Aziende del SSR disposto con nota assessoriale A.I.3-S. 1/32951 del 18 aprile 2017,
prevede linformazione preventiva alle OO.SS. ed alla Conferenza dei Sindaci, ci si chiede perch non sia
prevista analoga informazione ai CCA che, per espressa previsione di legge, devono esprimere altrettanto
parere obbligatorio sui Piani aziendali di programmazione sanitaria. In ogni caso, si rappresentano, in sintesi
generale, le seguenti problematiche ritenute ancora aperte e necessarie di soluzione. Le stesse saranno nel
caso approfondite dai singoli CCA in sede territoriale secondo particolari bisogni assistenziali e le
caratteristiche vocazioni delle singole Aziende e, conseguentemente, in un debito incontro in Assessorato.

Dare giusta evidenza pubblica e motivare la diseguale contrazione del numero di posti letto del SSR,
circa 5.000 per raggiungere il parametro obbligato di 3 per mille abitanti ( era 4,3 nel 2012), tra le
strutture pubbliche e quelle private in convenzione; si ritiene opportuna la dimostrazione della
integrabilit dei rispettivi setting assistenziali secondo lo spirito di competitivit virtuosa a favore della
libera scelta dellUtente, a parit di obblighi e contribuzioni ed uniformit dei criteri di accreditamento,
al fine di accrescere la continuit assistenziale, labbattimento delle liste dattesa, gli standard di
sicurezza, la valutazione della qualit percepita.

Garantire laumento del numero di posti letto di lungodegenza in quantit accertata congrua al
decremento del p.l. in acuzie.

Assicurare con la distribuzione dei 387 posti letto ancora sospesi non solo il contenzioso col privato ma la
dotazione per l'apertura e pieno funzionamento dei nuovi Ospedali costruiti, emblematico esempio il S.
Marco di Catania, prima che, completato, col tempo vada in malora;

Implementare, potenziare ed integrare effettivamente i Punti di Primo Intervento, compresa la Guardia


Medica, nella Rete Regionale Emergenza Urgenza di primo e secondo livello prima di attuare la
riclassificazione ai sensi del D.M. 70/2015 e la riconversione dimportanti Presidi Ospedalieri
metropolitani (es. Villa Sofia Cervello) e territoriali.

Salvaguardare le Reti Assistenziali per le malattie reumatiche e del diabete, in et pediatrica e adulta,
dell'ictus ed infarto, nonch i Centri Specialistici di riferimento Regionale riconosciuti, assicurando la
costituzione delle UOS Dipartimentali con dotazione di risorse umane (in standard minimi definiti di
organico medico ed infermieristico per volumi di assistenza secondo i dati epidemiologici) e posti letto
dedicati per assicurare la piena funzionalit dei servizi assistenziali delle stesse Reti e riassorbire la
mobilit passiva ;

________________________________________________________________________________________________________________________
Via S. Sofia 78 - 95123 Catania - Tel / Fax 095/3782756
Email:comitatoconsultivo@policlinico.unict.it
Il prioritario obiettivo di riqualificazione e potenziamento dellassistenza sanitaria ambulatoriale, di
continuit e prossimit territoriale, insito nella logica di deospedalizzazione, impone una verifica
puntuale, riferita al Piano Operativo di Consolidamento e Sviluppo 2016/2018 per linnalzamento del
livello di qualit del SSR, sui servizi di prevenzione (ad es. si richiama lattenzione sulle criticit degli
ambulatori provinciali di medicina dello sport), sui percorsi diagnostico terapeutici assistenziali (ad es.
per le malattie neuromuscolari) da estendere alle malattie rare riconosciute dai nuovi LEA, sulla
riabilitazione ( ad es. quella visiva a seguito di patologie causa di ipovisione e cecit).

Operare scelte chiare e responsabili sul futuro della Cardiochirurgia Pediatrica in Sicilia, mettendo al
primo posto la migliore soluzione per i bambini.

Rivedere la distribuzione regionale dei centri di senologia (Breast Unit) secondo le Linee guida nazionali
e nel rispetto dei volumi di attivit prodotte;

Verificare il mantenimento delle strutture assistenziali per lo svolgimento della quantit di attivit
assistenziale indispensabile alla didattica delle Scuole di Medicina, delle Scuole di Specializzazione e dei
Corsi di Laurea delle Professioni Sanitarie, nel rispetto dei fabbisogni stabiliti dalla programmazione
nazionale e regionale come pure delle individuazioni delle strutture concordate nei Protocolli d'Intesa
vigenti con l'Universit. Nellalta formazione medica, specialistica e sanitaria c in gioco il futuro stesso
del Servizio Sanitario Regionale.

Su quanto sopra esposto e sulle criticit connesse la Conferenza dei Presidenti dei CCA chiede allAssessore
della Salute un incontro di ascolto e chiarificazione per dare riscontro a tutte le Associazioni ed
Organizzazioni rappresentate e corretta informazione allopinione pubblica di riferimento.

Pieremilio Vasta AOU Policlinico Vittorio Emanuele


Gaetana Pensabene AOU Giaccone
Luigi Anile ASP Catania
Salvatore Camiolo ISMETT
Patrizia Cavallaro ARNAS Garibaldi
Innocenzo Di Carlo ASP Enna
Rocco Di Lorenzo AO Villa Sofia Cervello
Antonio Giardina ASP Messina
Giuseppe Graceffa ASP Agrigento
Francesco Paolo La Placa ASP Palermo
Marisa Simonelli ASP Ragusa
Francesca Micali AOU G. Martino
Salvatore Pelonero ASP Caltanissetta
Giovanni Pugliese ASP Trapani
Pier Francesco Rizza ASP Siracusa
Francesco Sammarco ARNAS Civico Di Cristina Benfratelli
Francesco Tanasi AO Cannizzaro
Vincenzo Terzi AO Papardo

________________________________________________________________________________________________________________________
Via S. Sofia 78 - 95123 Catania - Tel / Fax 095/3782756
Email:comitatoconsultivo@policlinico.unict.it