Sei sulla pagina 1di 2

OPPIOIDI

Composti correlati alloppio, naturali, derivati o sintetici, che vanno ad agire sui
recettori delle endorfine alleviando il dolore da moderato a grave e agendo
indistintamente sulla componente emotiva del dolore.

Oppioidi endogeni: sono accomunati dal MOTIVO OPPIOIDE che ne permette il


legame con i recettori (tirosina-glicina-glicina-fenilalamina-[metionina o leucina]). Si
distinguono in:
- Encefaline, derivate da una pre-pro encefalina che forma una leu-encefalina e
molte met-encefaline, sono agonisti delta posti in snc, tratto GI, midollare del
surrene, ghiandola salivari.
- Endorfine, derivate da POMC (che forma anche ACTH MSH e betaLPH) agonisti
posti prevalentemente nel snc.
- Dinorfine, derivate dalla pre-prodinorfina, agoniti kappa.
I recettori delta e sono molto somiglianti tra loro rispetto al recettore kappa: infatti
mentre il recettore delta e possono subire desensitizzazione e tolleranza, oltre a
causa dipendenza ed effetto rebound, ci non avviene per i recettori kappa.
In questo caso tutti sono associati a proteine Gi la cui attivazione G1 abbassa
lAdenilato Ciclasi (effetto acuto) mentre Gi aumenta lAC e il PLC (effetto cronico)

Effetti: 1. Analgesia spinale prevalentemente tramite stimolazione delta (kappa pu


antagonizzare questo effetto) ; sopraspinale principalmente
2. alterazione dellumore, euforia e tranquillit; meccanismo non chiaro
3. respirazione depressione dei centri bulbari con diminuita risposta allipercapnia
(ma non allipossia) e inibizione al centro della tosse
4. cardiovascolare riduzione precarico, inotropismo e cronotropismo; ipotensione
ortostatica da: vasodilatazione, inibizione dei riflessi barocettoriale e liberazione
dellistamina.
5. GI sfintere esofageo rilassato, riduzione motilit gastrica e secrezione acida e
aumento del tono muscolare con inibita peristalsi quindi stipsi ; diminuzione
secrezione biliari, pancreatiche
6. vie urinarie ritensione
7. nausea vomito, prurito, rossore, sudorazione (istamina) ; immunosoppressione
8. endocrino riduzine dellossitocina, adh ma aumento della prolattina,
ipogonadismo ipogonadotropo.

Tolleranza: la dose di farmaco abituale perde di efficacia e sono necessari dosi


maggiori per avere lo stesso effetto farmacologico.
Tolleranza acuta da desensitizzazione del recettore per fosforilazione (pka, pkc, kinasi
del recettore adrenergico)
Tolleranza cronica da aumento dellattivit delladenilato ciclasi

Dipendenza: cambiamento dellomeostasi di un organismo con alterazione dei set


point omeostatici in caso di mancata somministrazione di un farmaco.

1.MORFINA:os, iv,ev,im,epidurale,transmucosale,transdermico, prima scelta nel dolore


grave, acuto e cronico, ma anche in edema polmonare e infarto +diarrea, tosse
anestesia.
Effetti collaterali: depressione respiratoria, nausea ,vomito, disforia, stipsi, aumento
della pressione delle vie biliari, ritenzione urinaria e rilascio di istamina con prurito,
astenia e broncocostrizione.
2. METADONE: per os, analgesico di lunga durata nella sindrome da dipendenza da
oppiacei. Attivit analgesica inferiore alla morfina. Poca sindrome da astinenza
3.CODEINA: per via orale, effetto premetabolismo con antitussivo, successivamente
convertito tramite CYP2D6 convertito in morfina.
4.BUPRENORFINA: analgesico e farmaco di mantenimento nei tossici. Agonista parziale
. Inoltre in quanto antagonista delta pu fermare la depressione respiratoria quasi
come NALTREXONE e NALOXONE. Per os
5.FENTANILalfentanil, ramifentanil, sulfentanil: infusione endovenosa nellanalgesia
operatoria- via epidurale o intratecale nel dolore cronico maligno.
Effetti collaterali: dopo il metabolismo (effetto ritardato) si ha depressione respiratoria,
nausea, vomito e rigidit muscolare.
6.DESTROPROPOSSIFENE: analgesico nel dolore lieve-moderato (associato ai FANS).
Ha azione antitussiva
7.TRAMADOLO: analgesico usato nel dolore acuto, inibisce SERT e NET, pochi effetti
collaterali.
8.DESTROMETORFANO: antitussivo, poco tossico.
9.LEVOPROPOSSIFENE: antitussivo
10. LEVORFANO: effetti simili alla morfina, poca nausea e vomito
11. MEPERIDINA: analgesico e nel tremore post operatorio, non nel dolore cronico per
la tossicit dei suoi metaboliti. Effetti collaterali: sindrome eccitatoria perch blocca in
parte i MAO, mai con I-MAO e SSRI. Non causa spasmi biliari.
12. LOPERAMIDE: derivato della meperidina che ha effetto selettivo GI sui recettori
intestinale-> usato nel trattamento della diarrea.
Effetti collaterali: crampi addominali, sonnolenza, reazioni cutanee
13 DIFENOSSILATO: antidiarroico
14. NALOXONE E NALTREXONE: attivit intrinseca praticamente nulla. Usato da
diagnosi nella dipendenza fisica oppioide, tossicit da oppioidi. Il naloxone blocca la
depressione respiratoria, naltrexone tossicodipendenza o alcolismo. Bloccano il legame
tra oppioidi esogeni e recettori.
15. PENTAZOCINA, CICLAZOCINA, NALBUFINA, BUTORFANO: agonisti kappa e
antagonisti analgesici ma con uno spettro di effetti collaterali grave. Iniettivo nel
dolore grave e in anestesia (pentazocina)