Sei sulla pagina 1di 2

Guida al

programma

GIOVENT
Opportunit di apprendimento non formale e informale nel settore della giovent.

QUALI SONO LE AZIONI SOSTENUTE?


Le seguenti sezioni "Azione Chiave 1", "Azione Chiave 2"e "Azione Chiave 3"presentano le azioni concrete
concepite per conseguire gli obiettivi del Programma nel settore della giovent. Fra queste azioni, quelle correlate
principalmente, sebbene non esclusivamente, al settore della giovent (apprendimento non formale e informale)
sono:

progetti di mobilit per i giovani (scambi di giovani e servizio volontario europeo) e per gli animatori giovanili;

eventi del servizio volontario europeo su larga scala;

Partenariati strategici;

Sviluppo delle capacit nel settore della giovent;

incontri tra giovani e decisori politici nel settore della giovent.

La sezione relativa all'Azione Chiave 3 offrir anche informazioni sulle azioni riguardanti l'analisi politica e
l'apprendimento tra pari, le iniziative future, gli strumenti e le reti, la cooperazione con le organizzazioni
internazionali, il dialogo con le parti interessate e con le organizzazioni delle parti interessate, che saranno
promosse nell'ambito di Erasmus+ a sostegno dei sistemi della giovent. Queste azioni saranno attuate mediante
inviti a presentare proposte specifici gestiti dall'Agenzia esecutiva della Commissione europea o direttamente dalla
Commissione stessa. Per ulteriori informazioni, consultare il sito Internet della Commissione e dell'Agenzia
esecutiva.

QUALI SONO GLI OBIETTIVI DI QUESTE AZIONI?


OBIETTIVI SPECIFICI
Gli obiettivi specifici perseguiti dal Programma Erasmus+ nel settore della giovent sono:

migliorare il livello delle competenze e delle abilit chiave dei giovani, compresi quelli con minori opportunit,
nonch promuovere la loro partecipazione alla vita democratica in Europa e al mercato del lavoro, la
cittadinanza attiva, il dialogo interculturale, l'inclusione sociale e la solidariet, in particolare mediante
maggiori opportunit di mobilit a fini dell'apprendimento per i giovani, per coloro che operano
nell'animazione socioeducativa o nelle organizzazioni giovanili e per gli animatori giovanili, e grazie al
rafforzamento dei collegamenti tra il settore della giovent e il mercato del lavoro;

favorire miglioramenti della qualit nell'ambito dell'animazione socioeducativa, in particolare mediante una
maggiore cooperazione tra le organizzazioni operanti nel settore della giovent e/o le altre parti interessate;

integrare le riforme politiche a livello locale, regionale e nazionale e sostenere lo sviluppo di una politica in
materia di giovent basata sulla conoscenza e su dati concreti nonch il riconoscimento dell'apprendimento
non formale e informale, in particolare mediante una cooperazione politica rafforzata, un migliore impiego
degli strumenti dell'Unione per la trasparenza e il riconoscimento e la diffusione delle buone pratiche;

accrescere la dimensione internazionale delle attivit nel settore della giovent e il ruolo degli animatori e
delle organizzazioni giovanili quali strutture di sostegno per i giovani, in modo complementare rispetto
all'azione esterna dell'Unione, in particolare mediante la promozione della mobilit e della cooperazione tra le
parti interessate dei paesi aderenti al Programma e dei paesi terzi e le organizzazioni internazionali, anche
grazie allo sviluppo mirato delle capacit nei paesi terzi.

Durante il periodo 2014-2020, il 10% del bilancio sar destinato al sostegno alle opportunit di apprendimento
non formale e informale nel settore della giovent.

30
Parte B Informazioni sulle azioni oggetto della presente guida

TRE AZIONI CHIAVE


Le azioni nei settori dell'istruzione, della formazione e della giovent saranno presentate insieme nelle seguenti
sezioni, considerando che:

queste azioni sono tutte organizzate in un quadro basato su tre Azioni Chiave;
numerose azioni sono strumenti per sostenere gli obiettivi nei tre settori dell'istruzione, della formazione e
della giovent;
il Programma Erasmus+ mira a promuovere le sinergie, la cooperazione e l'integrazione fra i diversi settori.

Questo approccio eviter anche inutili ripetizioni in questa Guida.

31