Sei sulla pagina 1di 5

LA CELLULA

La cellula lunit strutturale e funzionale degli organismi viventi, ovvero la pi piccola


parte della materia vivente che ne mantiene le caratteristiche. Tutte le cellule sono in grado di
riprodursi tramite divisione cellulare (in modo da trasferire le proprie informazioni genetiche
alle cellule figlie), sono dotate di sensibilit agli stimoli sia interni sia esterni e sono dotate di
un metabolismo proprio (il quale suddivisibile in catabolismo linsieme delle reazioni
che permettono di degradare alcune molecole per le necessit della cellula e anabolismo
linsieme delle reazioni finalizzate a costruire nuove molecole e componenti cellulari).

Dal punto di vista strutturale ogni cellula possiede tre componenti fondamentali:
La membrana cellulare o plasmatica, linvolucro che delimita la cellula separando il
compartimento interno dallambiente esterno;
Il citoplasma, la matrice fluida racchiusa dalla membrana plasmatica e in cui sono
immersi tutti gli organuli e in cui si svolge la maggior parte delle funzioni cellulari;
Il materiale genetico (o DNA), il componente in cui sono archiviate tutte le
informazioni.

In base al numero:
unicellulari una cellula che adempie a tutti i compiti fondamentali per la vita;
pluricellulari molti miliardi di cellule, ci permette che alcune si differenzino.

In base alla complessit e alla funzione le dimensioni sono molto variabili (batteri1-5 m;
uomo100 m; in media tra 10 m e 50 m).
Il volume non pu essere molto ridotto perch deve ospitare DNA, molecole proteiche e
organuli interni e allo stesso tempo non pu essere troppo grande perch deve disporre di una
superficie sufficiente per compiere gli scambi con lesterno; per cui deve esserci un equilibrato
rapporto tra superficie e volume.

Classificazione: in base al metabolismo;

in base alla struttura.

Aerobico
A seconda che (utilizza O2)
Classificazione in base al metabolismo: usi O2

In base alla
nutrizione Anaerobico

Autotro
f
Capaci di nutrirsi
utilizzando sostanze
inorganiche
Classificazione in base alla struttura:
Classificazione in base alla struttura:
Eterotr
of
Si nutrono di sostanze Per assorbimento
Cellula Procariote organiche prodotte (alcuni batteri e funghi)
dagli autotrofi
Non presenta un nucleo vero e proprio ma un
NUCLEOIDE, unarea del citoplasma in cui si
Fotoautr Chemioautro
concentra il DNA,
ofa fa
organizzato in un cromosoma
circolare privo
(piante) di introni; (possono esserci anche
(alcuni Per ingestione
usa dei
la luce batteri)
plasmidi) (animali)
Pi piccola (dim. tra 1 e 10 m) e semplice di Diretto erbivori
quella eucariotica, non presenta altri Indiretto carnivori
compartimenti n organuli;
Contiene numerosi ribosomi (pi piccoli e un po
diversi);
Presenta strutture esterne alla membrana: la
parete cellulare (un rivestimento rigido che
protegge e da forma alla cellula) la capsula (un
rivestimento esterno adesivo che protegge
ulteriormente la superficie della cellula e facilita

Cellula Eucariote

pi evoluta, presenta un nucleo,


delimitato da una doppia membrana che
racchiude e protegge il patrimonio
genetico dellorganismo;
di dimensioni maggiori;
Presenta un sistema di membrane
interne che la suddivide in regioni
distinte (COMPARTIMENTAZIONE).

Questa permette di svolgere


contemporaneamente processi
metabolici differenti e di aumentare
l'attivit metabolica.

Esiste una suddivisione tra cellula


animale e vegetale, che hanno stessa
struttura di base ma con alcune
differenze:

la cellula animale presenta:


- i lisosomi (vescicole membranose ricche
di enzimi litici);
- il centriolo (struttura citoscheletrica
coinvolta nella divisione cellulare).
La cellula vegetale presenta:
- la parete cellulare (struttura rigida
esterna alla membrana plasmatica e
analoga a quella batterica ma con
diversa composizione chimica);
1) Svolgono funzioni importanti nella sintesi delle
molecole: NUCLEO, RIBOSOMI, RETICOLO
ENDOPLASMATICO E APPARATO DI GOLGI.

NUCLEO: organulo che contiene la maggior parte


del DNA, pi complesso di quello dei batteri e ricco
di introni. delimitato esternamente dall involucro
riserva
nuclearee cromoplasti, caratterizzati
(doppia membrana con poridalla presenza
rivestiti di di pigmenti di
colore rosso, giallo e arancio);
proteine che controllano il flusso dei materiali di
- Il vacuolo
entrata centrale
e di uscita)(organulo di dimensioni
ed direttamente moltocon
connesso grandi,
costituito
il reticoloda una vescicola membranosa
endoplasmatico. All'interno del che contiene acqua,
nucleo
varie
troviamo la cromatina (struttura fibrosa formata da serbatoio di
sostanze chimiche ed enzimi; oltre a fungere
scambio per le
dall'unione delsostanze,
DNA con regola il turgore
particolari e le dimensioni
proteine) che
cellulari).
nella divisione cellulare si compatta in cromosomi e
il nucleolo (una regione costituita da alcuni tratti di
Le strutture e gli organuli possono essere suddivisi in quattro
DNA, RNA e proteine, per la formazione dei
gruppi funzionali:
ribosomi).

RIBOSOMI: organuli citoplasmatici deputati alla


sintesi proteica. Costituiti da RNA e proteine, sono
formati da due subunit una maggiore l'altra minore.
Hanno due principali collocazioni: liberi nel
citoplasma o associati alla superficie del reticolo
endoplasmatico o dell' involucro nucleare. Essi sono
presenti anche in alcuni mitocondri, che possiedono
un proprio DNA e attuano una propria sintesi
proteica.

RETICOLO ENDOPLASMATICO: esteso organulo


costituito da membrane a diretto contatto con il
nucleo. Ci sono due tipi:
- liscio: un labirinto di canalicoli intercomunicanti
privi di ribosomi, con la funzione di sintetizzare i
lipidi delle membrane cellulari e gli ormoni steroidei.
Ha due funzioni:
- in grado di modificare chimicamente sostanze
parzialmente dannose;
- immagazzina gli ioni di calcio.
Inoltre dal REL si staccano delle vescicole di
trasporto che, in base al loro contenuto, vanno a
fondersi con specifici organuli bersaglio.

- Ruvido: formato da un sistema di cisterne


comunicanti, le cui membrane sono disseminate
esternamente da ribosomi, che riversano le proteine
prodotte allinterno dellorganulo per essere
APPARATO DI GOLGI: un organulo formato da
pile di cisterne appiattite non comunicanti e di
numero variabile, circondate da tubuli e vescicole;
presenta due facce distinte: cis o prossimale, che
accoglie
le vescicole provenienti dal REL (che vengono
incorporate nella membrana dove formano una
nuova cisterna) e trans o distale, rivolta verso la
membrana cellulare e dalla quale gemmano
grosse vescicole di secrezione. Lapparato di Golgi
modifica le molecole prodotte dal RE per poi
indirizzarle, tramite vescicole di trasporto, nei vari
compartimenti cellulari o allesterno della cellula.
2) implicati nella demolizione delle molecole: LISOSOMI, VACUOLI E PEROSSISOMI.

LISOSOMI: organuli citoplasmatici costituiti da vescicole contenenti enzimi idrolitici


in grado di digerire le molecole o le strutture che la cellula vuole demolire. Durante la
fagocitosi si fondono con la vescicola di materiale fagocitato provvedendo alla sua
digestione.

VACUOLI: strutture a sacco, delimitate da una membrana, che svolgono diverse


funzioni in base alle cellule in cui si trovano. ALIMENTARI, CENTRALI E CONTRATTILI.
Centrale: ha funzioni idrolitiche (come i lisosomi): pu assorbire ed espellere acqua
ed in grado di immagazzinare sostanze vitali e prodotti di rifiuto.
Contrattili: hanno la forma di mozzo di ruota (espelle lacqua in eccesso dalla cellula
allesterno) da cui dipartono vari raggi (che la raccolgono).

PEROSSISOMA: vescicola contenente numerosi enzimi catalitici che degradano gli


acidi grassi e trasformano sostanze nocive in sostanze innocue.