Sei sulla pagina 1di 988

Biblioteca di Linguistica

diretta da Massimo Arcangeli

1
Biblioteca di Linguistica
collana diretta da Massimo Arcangeli

La collana prevede una serie di volumi, afdati alle cure di di-


versi specialisti, dedicati ad aspetti essenziali della linguistica e
ad alcuni temi forti della linguistica contemporanea. Ogni volu-
me sar costituito da una parte teorica introduttiva, da unampia
antologia e da un glossario ragionato, e conceder uno spazio pri-
vilegiato alla linguistica italiana. Un Dizionario ragionato di lin-
guistica assommer alla ne in s tutti i dizionari acclusi ai vari
volumi. A utile corredo della collana prevista inoltre la pubbli-
cazione di una serie di supplementi di approfondimento di singo-
li temi.
Mario Alinei

LORIGINE
DELLE PAROLE
Copyright MMIX
ARACNE editrice S.r.l.

www.aracneeditrice.it
info@aracneeditrice.it

via Raffaele Garofalo, 133 a/b


00173 Roma
(06) 93781065

ISBN 9788854815315

I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica,


di riproduzione e di adattamento anche parziale,
con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi.

Non sono assolutamente consentite le fotocopie


senza il permesso scritto dellEditore.

I edizione: luglio 2009


INDICE

Prefazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25

1. Cosa una parola . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29


1.1. La parola come unit del discorso . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
1.1.1. Due diversi tipi di parola: parola vs lessema o lemma . . . . . . . 30
1.1.1.1. Sinonimi di parola e di lessema . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32

1.2. La parola come artefatto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33


1.2.1. Alcune somiglianze dellartefatto lessicale con gli altri
artefatti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
1.2.2. La parola come artefatto sui generis . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
1.2.2.1. La parola come artefatto complesso . . . . . . . . . . . . . . 38
1.2.2.2. La parola come artefatto standardizzato senza pro-
cedure burocratiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
1.2.2.3. La parola come artefatto creabile e riproducibile
da chiunque . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
1.2.2.4. La parola come artefatto che identica una comu-
nit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
1.2.2.5. La parola come artefatto multifunzionale . . . . . . . . . . 42
1.2.2.6. La parola come artefatto volatile e allo stesso
tempo durevole . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44
1.2.2.7. La durata delle parole dovuta alla loro trasmis-
sione da una generazione allaltra . . . . . . . . . . . . . . . . 44
1.2.2.8. La parola come artefatto allo stesso tempo fossi-
le e vivente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
1.2.2.9. La parola come artefatto gratuito . . . . . . . . . . . . . . . . . 46

1.3. La parola come moneta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47


1.3.1. La parola come moneta sui generis . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48

2. Cosa si nasconde in una parola . . . . . . . . . . . . . . . . . 53


2.1. La parola come segno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53
2.2. Analisi fonologica e fonetica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54
2.3. Analisi morfologica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54

7
8 Lorigine delle parole

2.4. Analisi semantica e semiotica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55


2.5. Analisi motivazionale o iconimica . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
2.5.1. La motivazione (iconimo) come ombelico della parola . . . . . 62
2.5.2. Una nuova terminologia e una nuova convenzione per la
motivazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
2.5.3. Liconimo nella parola e nella moneta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67
2.5.4. Iconimia fonica, iconimia lessicale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68
2.5.5. Iconimia paradigmatica e metaforica, iconimia sintagma-
tica e metonimica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69
2.5.6. Aspetti delliconimia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70
2.5.6.1. Liconimo come unica causa del mutamento se-
semantico ovvero: il mutamento semantico co-
me creazione di signicato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70
2.5.6.2. La lessicalizzazione iconimica come genesi del
signicato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72
2.5.6.3. Liconimia come causa della trasformazione del
concetto in signicato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74
2.5.6.4. Scomparsa delliconimo dopo lassolvimento
della sua funzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74
2.5.6.5. Iconimo come scorciatoia di un concetto e mo-
dalit della sua scelta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77
2.5.6.6. Liconimia come genesi del linguaggio poetico . . . . . 78
2.5.6.7. Rapporto fra iconimo e morfologia . . . . . . . . . . . . . . 80
2.5.6.8. Confusione delliconimo col signicato . . . . . . . . . . . 81
2.5.6.9. Il rapporto delliconimo con il nome . . . . . . . . . . . 82
2.5.6.10. Popolarit e prestigio sociale del campo iconimi-
co e suo valore storicoculturale e cronologico . . . . . 84
2.5.6.11. Le locuzioni: un fondamentale capitolo dellico-
nimia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 86
2.5.6.12. Come inizia il processo di iconimia? . . . . . . . . . . . . . 87

2.6. Dalla dicotomia di Saussure al triangolo semiotico di


Ogden e Richards e al quadrangolo iconimico . . . . . . . . . . 89

3. Una rilettura critica


dei fondamenti delletimologia . . . . . . . . . . . . . . . . . 91
3.1. Linteresse principale delletimologia non sta nel mu-
tamento ma nella continuit della parola nel tempo . . . . . 91
Indice 9

3.2. Il mutamento lessematico come movimento appa-


rente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 94
3.3. I mutamenti lessematici come discontinuit nella
continuit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 95
3.4. Le convenzioni e i metodi di base delletimologia . . . . . . 96
3.4.1. La sequenza etimologica bidirezionale e le sue applicazioni . . . . 96
3.4.2. Etimo attestato, etimo ricostruito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 98
3.4.3 I due metodi di base delletimologia tradizionale: fonetica
e morfologia storica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 98
3.4.4. Fonetica storica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 99
3.4.4.1. Il principale problema della fonetica storica e il
suo riesso nelletimologia: regole contrastanti . . . . . 103
3.4.4.2. La soluzione tradizionale, in chiave di reicazio-
ne del linguaggio, e la soluzione nuova in chiave
geo e sociolinguistica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105
3.4.4.3. Lapproccio fonetico articolatorio . . . . . . . . . . . . . . . . 108
3.4.4.4. Un altro problema della fonetica storica inade-
guatamente studiato: lopposizione fra regole e
accidenti generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 111
3.4.5. Morfologia storica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 121
3.4.5.1. Coesistenza di morfemi diversi, anche se derivan-
ti dalla stessa origine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122
3.4.5.2. Uso dellimperativo nei composti . . . . . . . . . . . . . . . . 128

3.5. Il rapporto fra mutamento lessematico ed etimologi-


co: le incoerenze delletimologia tradizionale . . . . . . . . 129
3.6. Una prima revisione critica della denizione delle-
timo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134
3.7. Nuove esigenze terminologiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134
3.8. La tipologia del mutamento lessematico in base al-
letimo: una revisione critica delle conclusioni della
linguistica storica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 137
3.8.1. Tipi di mutamento lessematico con vs senza impatto sulla
parola: endolessematici vs esolessematici . . . . . . . . . . . . . . . . . 139
3.8.1.1. Mutamenti endolessematici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 139
3.8.1.2. Mutamenti esolessematici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 141
3.8.2. Tipi di mutamento lessematico con vs senza impatto sul si-
stema: strutturali o diasistemici vs locali . . . . . . . . . . . . . . . . . 146
10 Lorigine delle parole

3.8.3. Tipi di mutamento lessematico in base alle sue cause e-


sterne . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 149
3.8.3.1. Il mutamento lessematico non ha un carattere or-
ganico o comunque inevitabile . . . . . . . . . . . . . . . . . . 150
3.8.3.2. La causa ultima della continuit linguistica sta
nella competenza del parlante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 153
3.8.3.3. Le cause ultime del mutamento lessematico sono
esterne . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 153
3.8.4. Il ruolo della competenza del parlante nel mutamento les-
sematico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 159
3.8.4.1. Il ruolo della competenza nellanalogia . . . . . . . . . . . . 163
3.8.4.2. Il ruolo della competenza nella differenziazione
diastratica e diafasica del lessico . . . . . . . . . . . . . . . . . 166
3.8.5. Classicazione nale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 167

3.9. Il rapporto fra etimo e la classicazione dei lessemi:


altre incoerenze delletimologia tradizionale . . . . . . . . . . . 172
3.10. La classicazione etimologica dei lessemi: una re-
visione critica delle nozioni tradizionali . . . . . . . . . . . 173
3.10.1. Lessemi mutati nella fonetica: macro e microfonetismi . . . . 177
3.10.1.1. Macrofonetismi di tradizione popolare: pa-
leolessemi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 179
3.10.1.2. Macrofonetismi di tradizione semidotta: me-
solessemi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 180
3.10.1.3. Microfonetismi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 184
3.10.2. Lessemi mutati nella semantica: iconimie . . . . . . . . . . . . . . . 184
3.10.2.1. Iconimie pure, popolari o anonime (accezioni) . . . 186
3.10.2.2. Iconimie pure, specialistiche o di autore (tec-
nicismi, neologismi) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 189
3.10.2.3. Voci di tradizione dotta (mesolessemi) se-
manticamente mutate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 191
3.10.2.4. Calchi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 191
3.10.2.5. Altre iconimie pure . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 192
3.10.3. Lessemi immutati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 192
3.10.3.1. Paleolessemi immutati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 193
3.10.3.2. Lessemi di tradizione dotta e altri meso-
lessemi immutati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 194
3.10.4. Lessemi mutati per contatto linguemico . . . . . . . . . . . . . . . . 195
3.10.4.1. La norma: gli encorismi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 197
3.10.4.2. Leccezione: gli esocorismi e i pericorismi o
prestiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 198
Indice 11

3.10.5. Lessemi mutati per tab: tabuismi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 207


3.10.5.1. Tabuismo/noa con occultamento sostitutivo . . . . . 208
3.10.5.2. Tabuismo/noa con occultamento fonetico o
desemantizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 208
3.10.5.3. Tabuismo/noa con occultamento fonoiconi-
mico o reiconimizzazione fonetica . . . . . . . . . . . . . 208
3.10.6. Lessemi mutati per variabili di competenza . . . . . . . . . . . . . 208
3.10.6.1. Competenza classedipendente . . . . . . . . . . . . . . . 209
3.10.6.2. Competenza gruppodipendente . . . . . . . . . . . . . . 209
3.10.6.3. Competenza etdipendente . . . . . . . . . . . . . . . . . . 209
3.10.6.4. Competenza pragmatica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 210
3.10.7. Lessemi mutati per analogia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 210
3.10.7.1. Macroanalogismi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 210
3.10.7.2. Microanalogismi o ipercorrettismi . . . . . . . . . . . . . 210
3.10.8. Lessemi risalenti allo stesso etimo, ma risultanti da di-
versi tipi di mutamento per contatto linguemico: allo-
tropi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 215
3.10.8.1. Allotropia sociolinguistica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 216
3.10.8.2. Allotropia dialettale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 216
3.10.8.3. Allotropia diaglottica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 217
3.10.8.4. Allotropia mista . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 217
3.10.8.5. Allotropia problematica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 217
3.10.9. Un caso speciale: le etimologie sbagliate . . . . . . . . . . . . . . . 218

3.11. La validit della classicazione dipende dal livello


della ricerca etimologica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 219
3.12. Una prima classicazione cronologica del lessico:
paleo meso e neolessemi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 220

4. Principali sviluppi
delletimologia tradizionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 223
4.1. Le cinque principali innovazioni della ricerca etimo-
logica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 223
4.1.1. In primo piano la cosa: la scuola Parole e Cose . . . . . . . . . . . 225
4.1.2. In primo piano la geograa: lonomasiologia . . . . . . . . . . . . . . 227
4.1.2.1. Onomasiologia: etimologia comparata . . . . . . . . . . . . 228
4.1.2.2. Dallonomasiologia alla linguistica storica: le nor-
me di Bartoli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 231
12 Lorigine delle parole

4.1.2.3. Dallonomasiologia allonomasiologia strutturale . . . . 232


4.1.3. In primo piano i rapporti etnici e sociali: la teoria del so-
strato e i suoi sviluppi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 249
4.1.4. In primo piano il tab: il tab linguistico e la sua impor-
tanza per letimologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 252
4.1.4.1. Animali tabuizzati e tipologia dei loro nomi noa . . . . 254
4.1.4.2. Il carattere ciclico del tabu linguistico e locculta-
mento semantico continuato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 256
4.1.5. In primo piano il signicato: semasiologia o geosemantica . . . . 257
4.1.5.1. Dalla geolinguistica alla linguistica storica: la
densit morfosemantica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 257
4.1.6. In primo piano la preistoria: la paleontologia linguistica . . . . . 264

4.2. Conclusione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 265

5. Etimi certi ed etimi incerti:


una distinzione fondamentale
per lepistemologia
della ricerca etimologica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 267
5.1. Il bilancio negativo delletimologia tradizionale . . . . . . 267
5.2. Cosa vuol dire etimi certi? Una prima risposta em-
pirica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 269
5.2.1. Il valore storicoculturale delletimo dei giorni della setti-
mana . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 269
5.2.2. Il valore storicoculturale del rapporto etimologico fra lit.
Natale, fr. Nol, cat. nadal, galiz. nadal, occ. nadal, etc.,
come nomi della festa cristiana, e il lat. Natalis solis come
festa solstiziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 271
5.2.3. Il valore storicoculturale del rapporto etimologico fra lat.
sidus stella e lat. desiderare, considerare; di lat. contem-
plare da lat. templum; di lat. auspicium da lat. avis spicium
osservazione degli uccelli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 271
5.2.4 Il valore storicoculturale delletimo di termini latini e i-
taliani derivati da antiche tecniche neolitiche . . . . . . . . . . . . . . 273
5.2.5. Il valore storicoculturale delle scoperte, anche fonetiche,
della ricerca etimologica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 274
5.2.6. Conseguenze della mancata distinzione fra etimi certi ed
timi incerti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 275
5.2.7. Una prima proposta metodologica: etimograa vs etimotesi . . . . 277
Indice 13

5.3. Cosa vuol dire etimi certi? La risposta teorica de-


nitiva: morfonologia e iconomastica come i due fon-
damenti della certezza etimologica . . . . . . . . . . . . . . . . . 278
5.3.1. Etimograa ed etimotesi: una nuova denizione . . . . . . . . . . . . 279

5.4. I due tipi fondamentali di ricerca etimologica: morfo-


netimologia e iconomastica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 282

6. Iconimo come ne ultimo della ricerca


etimologica e iconomastica
come sua nuova disciplina . . . . . . . . . . . . . . . . . . 285
6.1. Letimologia tradizionale come ricerca senza un og-
getto ben denito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 285
6.2. Iconimo come ne ultimo, e iconomastica come nuo-
va disciplina della ricerca etimologica . . . . . . . . . . . . . . 288
6.2.1. Il posto delliconimo e delliconomastica nella struttura ge-
rarchica della ricerca etimologica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 289

6.3. I tre tipi di iconomastica: iconimologia, iconomasio-


logia, semasiologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 293

7. Iconimologia: ricerca delliconimo . . . . . . . . . . . 297


7.1. Tipologia interna alliconimologia: semplice o mo-
nofase e bifase . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 297
7.2. Tre esempi di ricerca iconomastica semplice o mo-
nofase . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 301
7.2.1. Casino postribolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 301
7.2.2. Il gallo della Checca ricercato dalle donne . . . . . . . . . . . . . . . 302
7.2.3. Mosca cieca gioco infantile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 303
7.2.3.1. Mosca cieca in altre lingue . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 303
7.2.3.2. Altri animali ciechi in area neolatina . . . . . . . . . . . . . . 304
7.2.3.3. Personaggi umani o mitici, ciechi e no: Maria,
santa Lucia, la vecchia, il diavolo, lorco, la morte . . . 306
7.2.3.4. Il gioco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 307
7.2.3.5. Lofciante del rito come colpitore . . . . . . . . . . . . . 308
14 Lorigine delle parole

7.2.3.6. Il signicato degli etnotesti relativi al gioco della


mosca cieca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 310
7.2.3.7. Il colpitore cieco come rafgurazione della morte . . . . 310
7.2.3.8. Gli animali e la maga ciechi come rappresenta-
zione della morte nella concezione totemica . . . . . . . . 312

7.3. Alcuni esempi di ricerca iconomastica bifase . . . . . . . . 314


7.3.1. Vecchie iconimologie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 315
7.3.2. It. pateracchio da lat. PATER + ACULUM . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 315
7.3.3. It. sciara lava indurita da lat. FLAGRO ammeggiare, av-
vampare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 315
7.3.4. Il curioso destino di tre termini monastici medievali: it. co-
lazione da lat. COLLATIO, it. pietanza da lat. PIETAS, it. mi-
nestra da lat. MINISTRARE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 316
7.3.5. It. dial. mazza vomere dellaratro da lat. *MATEA (cfr. lat.
MATEOLA) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 322
7.3.6. It. ugello da lat. *AVICELLUS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 324

7.4. Liconimologia come fonte primaria di conoscenze


storiche e parte integrante dellArcheologia Etimo-
logica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 326
7.5. Liconimologia come inverso speculare della sema-
semasiologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 326

8. Iconomasiologia:
onomasiologia e tipologia degli iconimi . . . . . . . 329
8.1. Dallonomasiologia alliconomasiologia . . . . . . . . . . . . 329
8.2. Dalletimoanteforma alletimoiconimo . . . . . . . . . . . 333
8.3. Dal singolo iconimo alla classe e al campo iconimi-
ci: iconomastica tipologica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 336
8.4. Laspetto speculare e ciclico delliconomastica: dal-
liconomasiologia alla semasiologia . . . . . . . . . . . . . . . . 338
8.5. Il risultato principale della ricerca iconomastica: la
scoperta delle regole della semantica storica . . . . . . . 339
8.6. Tre esempi di iconomasiologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 340
8.6.1. Iconomasiologia europea dellarcobaleno . . . . . . . . . . . . . . . . . 340
Indice 15

8.6.1.1. La produttivit delliconomasiologia per la solu-


zione di problemi etimologici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 346
8.6.1.2. Laspetto ciclico della ricerca iconomasiologica:
dalliconimo del nome al nome delliconimo . . . . . . . 348
8.6.2. Iconomasiologia europea della coccinella . . . . . . . . . . . . . . . . . 351
8.6.2.1. Le rime infantili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 352
8.6.3. Iconomasiologia europea della donnola . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 354

8.7. Un esempio di iconomasiologia di classe: iconoma-


siologia zoonimica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 359
8.7.1. Le tre principali categorie tipologiche di iconimi zoonimi-
ci: cristiani, precristiani, parentelari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 360
8.7.2. La sacralit dellanimale, alla luce delle due categorie
magicoreligiose . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 364
8.7.3. La sacralit dellanimale alla luce della categoria del tab . . . . 365

8.8. Nuovi orizzonti della ricerca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 365


8.9. Un esempio diverso di iconomasiologia: i nomi del
vomere dellaratro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 366

9. La semasiologia rivisitata
alla luce delliconomastica . . . . . . . . . . . . . . . . . . 375
9.1. Cos la semasiologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 375
9.2. La semasiologia nella ricerca semantica tradizionale . . . 376
9.2.1. La semasiologia nei primi dizionari etimologici . . . . . . . . . . . . 377
9.2.2. La semasiologia nellhistoire du mot . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 379
9.2.3. La semasiologia nella geosemantica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 380

9.3. Conseguenze teoriche della revisione in chiave ico-


nomastica del mutamento semantico . . . . . . . . . . . . . . . 381
9.4. Conseguenze pratiche: la complessit variabile del-
la semasiologia come ricerca iconimica . . . . . . . . . . . . . 383
9.4.1. Tipologia schematica della ricerca semasiologica . . . . . . . . . . . 385
9.4.2. La centralit della semasiologia rispetto alliconomasiolo-
gia e alletimologia tout court . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 386
9.4.3. La semasiologia come principale fonte di certezze etimo-
logiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 388

9.5. Esempi di ricerca semasiologica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 389


16 Lorigine delle parole

9.5.1. Gli sviluppi di lat. draco < gr. serpente come i-


conimo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 389
9.5.1.1. Drago acquatico e terrestre . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 392
9.5.1.2. Drago celeste . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 399
9.5.1.3. Antropomorzzazione del drago . . . . . . . . . . . . . . . . . 405
9.5.2 Un esempio del rapporto speculare fra semasiologia e ico-
nimologia: gli sviluppi di gr. drago femminile co-
me iconimo, e letimologia di it. dial. lagno canale di rac-
colta delle acque montane, e it. e fr. dial. *lanca langa, lat.
lama . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 410
9.5.3. Un esempio di semasiologia combinata con liconoma-
siologia: il {drago} come iconimo di aspetti della natura . . . . . 418
9.5.4. Letimologia di bova drago . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 419
9.5.5. Un esempio di ricerca semasiologica a livello tipologico di
classe: la zoonimia parentelare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 421
9.5.5.1. Animaliparenti in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 422
9.5.5.2. Animaliparenti in Europa ..................... 422
9.5.5.3. Lorsoparente nellarea dei Nenci e dei Mansi . . . . . . 429
9.5.5.4. La conferma delle abe . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 431
9.5.6. Un esempio di livello tipologico massimo: la semasiologia
del campo {MAGICORELIGIOSO} combinata con li-
conomasiologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 433
9.5.7. Un esempio tecnologico: il nome del vomere e del ceppo
dellaratro come sviluppo di quello della zappa . . . . . . . . . . . . 433

10. Archeologia etimologica:


la datazione delle parole . . . . . . . . . . . . . . . . . . 435
10.1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 435
10.2. Cosa signica datare una parola . . . . . . . . . . . . . . . 435
10.3. Datare una parola non signica datarne la forma . . . 436
10.4. Datare una parola signica datarne il signicato . . . . 437
10.4.1. Si pu datare il signicato anche senza identicarne
liconimo? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 439
10.4.2. La datazione delle singole parole di una lingua trava-
lica la datazione della lingua stessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . 441
10.4.3. Datare i mutamenti della forma fonica di una parola:
un problema irrilevante per la datazione della parola . . . . . 444
10.4.4. Una verica: come datare forestierismi e calchi . . . . . . . . . 445
Indice 17

10.5. Metodi di datazione lessicale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 446


10.5.1. La datazione lessicale esterna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 447
10.5.1.1. Limiti metodologici e valore variabile delle
prime attestazioni scritte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 447
10.5.1.2. Il valore delle prime attestazioni per datare
i mutamenti fonetici: critica della tesi tradi-
zionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 453
10.5.1.3. Il carattere necessariamente elitario della
lingua scritta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 455
10.5.1.4. Limiti cronologici della documentazione
scritta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 457
10.5.2. La datazione lessicale interna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 458
10.5.3. La semantica storicizzabile come base delle da-
tazioni interne . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 459
10.5.4. La via maestra per la datazione lessicale: lautodata-
zione lessicale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 459
10.5.4.1. Autodatazioni lessicali moderne . . . . . . . . . . . . . 460
10.5.4.2. Autodatazioni lessicali medievali e del prin-
cipio della nostra era . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 461
10.5.4.3. Si possono autodatare i nomi dei referenti
preistorici? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 463
10.5.4.4. Come essere sicuri che i nomi dei referenti
preistorici siano quelli originari, e non siano
innovazioni? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 464
10.5.4.5. Un primo metodo tradizionale per elimina-
re il rischio che i nomi autodatabili siano in-
novazioni: le attestazioni scritte . . . . . . . . . . . . . 466
10.5.4.6. Il metodo tradizionale per vericare lau-
tenticit dei nomi preistorici: la compara-
parazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 467
10.5.4.7. Un nuovo metodo per dimostrare lautenti-
cit di un nome e la veridicit della sua au-
todatazione: la sequenza iconimica . . . . . . . . . . . 469

10.6. Lautodatazione lessicale nella paleolinguistica


linguistica tradizionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 478
10.6.1. Critica della paleontologia linguistica . . . . . . . . . . . . . . . . 481
10.6.2. Critica dellargomentazione di James Mallory . . . . . . . . . . 482

10.7. Continuit di qualunque parola ereditaria dalle o-


rigini del linguaggio: dalla sequenza etimologica
alla stratigraa etimologica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 490
10.7.1. Tipi di stratigraa etimologica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 493
18 Lorigine delle parole

10.7.2. Le stratigrae etimologiche sono obbligate . . . . . . . . . . . . 496


10.7.3. Le stratigrae etimologiche sono narrative . . . . . . . . . . . . . 496
10.7.4. Le stratigrae etimologiche sono indipendenti dal ti-
po di tradizione, ininterrotta o dotta . . . . . . . . . . . . . . . . . . 497
10.7.5. Due conclusioni di valore generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 499

11. Archeologia etimologica:


la periodizzazione del lessico . . . . . . . . . . . . . . . 503
11.1. Cosa signica periodizzare un lessico . . . . . . . . . . . . 503
11.2. Dalla datazione delle parole alla periodizzazione
di un lessico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 503
11.3. La periodizzazione del lessico di una lingua vi-
vente nella prassi tradizionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . 504
11.4. La tripartizione cronologica fondamentale di un
lessico europeo: paleolessico, mesolessico e neo-
lessico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 506
11.5. Esempi di periodizzazione preistorica del paleo-
lessico italiano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 507
11.5.1. Paleolitico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 507
11.5.1.1. Il lessico grammaticale italiano . . . . . . . . . . . . . . 507
11.5.1.2. Il lessico italiano che risale al PIE . . . . . . . . . . . 508
11.5.1.3. Temi lessicali specici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 517
11.5.2. Mesolitico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 526
11.5.2.1. La scoperta delle colle da lavoro estraibili
dagli alberi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 526
11.5.2.2. Linizio della pesca come sistema di econo-
mia specializzata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 527
11.5.2.3. Linizio della lavorazione generalizzata del
legno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 529
11.5.3. Neolitico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 530
11.5.3.1. Agricoltura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 531
11.5.3.2. Pastorizia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 535
11.5.3.3. Tessitura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 535
11.5.3.4. Ceramica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 535
11.5.3.5. Religione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 535
11.5.4. Et del Rame . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 540
Indice 19

11.5.5. Et del Bronzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 543


11.5.6. Et del Ferro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 545

11.6. Conclusione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 547

12. Etimologia di frontiera:


i pi frequenti errori tradizionali
e i requisiti per una ricerca ottimale . . . . . . . . 549
12.1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 549
12.2. Lerrore pi evidente delletimologia dilettantistica . . . 550
12.3. Un dodecalogo degli errori pi frequenti del-
letimologia tradizionale e dei requisiti di uneti-
mologia ottimale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 552
12.4. Esempi di scelta, nella zona grigia fra etimotesi
ed etimograa, fra etimi alternativi . . . . . . . . . . . . . . 560
12.4.1. Limportanza del tab per letimologia . . . . . . . . . . . . . . . . 561
12.4.1.1. It. iella, iellato vs iettare, iettatore, iettatura . . . 561
12.4.2. Limportanza delle regole di conversione libere (ac-
cidenti generali) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 562
12.4.2.1. It. anche e ancora . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 563
12.4.2.2. It. andare, fr. aller . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 567
12.4.3. Limportanza della localizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 573
12.4.3.1. It. zattera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 573
12.4.4. Limportanza dellarcheologia delle cose . . . . . . . . . . . . . . 574
12.4.4.1. It. zappa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 575
12.4.5. Limportanza dellideologia: il pangermanesimo nel-
letimologia romanza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 576
12.4.5.1. It. arredo e corredo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 580
12.4.5.2. It. bianco e biondo, fr. blanc e blond . . . . . . . . . . 582
12.4.5.3. Guai e guaio, guado, guaire, guastare e si-
mili: origine latina, non germanica, e con in-
uenza celtica (brittonica), non germanica . . . . . 590
12.4.5.4. It. leccare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 593
12.4.5.5. It. rigoglio e orgoglio, fr. orgueil . . . . . . . . . . . . . 594
12.4.5.6. It. strappare e scippare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 600
12.4.6. Limportanza della teoria della continuit: prein-
doeuropeismi immaginari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 602
20 Lorigine delle parole

12.4.6.1. It. e lat. pala . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 603


12.4.6.2. It. manzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 606
12.4.6.3. It. lampone . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 609
12.4.6.4. It. mer. e toponimo morra gregge di peco-
re, mucchio di sassi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 610
12.4.6.5. It. reg. balma, fr. reg. baume caverna . . . . . . . . 612
12.4.7. Un esempio emblematico dei vizi delletimologia tra-
dizionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 616
12.4.7.1. It. pizza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 616

12.5. Conclusione: il primato delletimograa per la ri-


costruzione della nostra preistoria e storia cultu-
rale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 631

13. Dizionari etimologici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 633


13.1. I dizionari etimologici e la loro tipologia . . . . . . . . . . 633
13.1.1. Dizionari etimologici per il pubblico: a sequenza re-
gressiva e monolessicali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 634
13.1.2. Dizionari etimologici specialistici: a sequenza pro-
gressiva, comparativi e plurilessicali . . . . . . . . . . . . . . . . . 637

13.2. Dizionari (ic)onomasiologici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 640


13.3. Illustrazione e discussione di un esempio italiano,
visto nei principali dizionari etimologici . . . . . . . . . . 642

14. Verso una denizione critica


delletimologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 653
14.1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 653
14.2. Denizioni di dizionari monolingui, di dizionari
di linguistica, di linguisti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 653
14.2.1. Un commento alle denizioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 660

14.3. Etimologia: scienza o arte? Un dilemma inesi-


stente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 661
14.4. Il posto delletimologia nella linguistica . . . . . . . . . . 662
Indice 21

14.5. In che senso letimologia ricerca lorigine di


una parola? Nel senso della lessicalizzazione, e
quindi delliconimo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 662
14.6. Etimologia come ricerca dello stadio precedente
o dello stadio pi antico? Un altro dilemma inesi-
stente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 665
14.6.1. In quale caso la denizione o il raggiungimento del-
liconimo meno rilevante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 665

14.7. Etimologia, enciclopedismo, specializzazione . . . . . . 666


14.8. Verso una denizione metodologica delletimolo-
gia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 667
14.8.1. Finalit immediata della ricerca: la discontinuit nel-
la continuit . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 668
14.8.2. Finalit ultima della ricerca: liconimo . . . . . . . . . . . . . . . . 668
14.8.3. Modalit della ricerca: sequenziale e stratigraca . . . . . . . 668
14.8.4. Lunghezza variabile della stratigraa iconimica, lun-
ghezza ssa della sequenza etimologica tradizionale . . . . . 669
14.8.5. Orizzonti della ricerca: tipologica e/o storica nellam-
bito dellarcheologia etimologica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 669

14.9. Un abbozzo di denizione e un dodecalogo . . . . . . . 670

Antologia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 673

1878 e 1960. Esempi di revisione di etimologie germaniche . . . . 677


1.1. NAPOLEONE CAIX, Studi di etimologia italiana e romanza, Firen-
ze, Sansoni, 1878 (selezione) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 679
1.2. ANGELICO PRATI, Storie di parole italiane, Milano, Feltrinelli, 1960
(riprod. pp. 3235) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 683

1886. La scoperta del sostrato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 687


2. GRAZIADIO ISAIA ASCOLI, Di un lone italico, diverso dal romano, che
si avverta nel campo neolatino. Lettera a Napoleone Caix, in ID., Due
lettere glottologiche, Archivio Glottologico Italiano, X, 18861888,
pp. 117 (riprod. integrale) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 689

1919. Iconomasiologia e semasiologia ante litteram . . . . . . . . . . 707


3. ADRIANO GARBINI, Antroponimie ed ononimie nel campo della zoo-
logia popolare. Atti e memorie dellAccademia di agricoltura scien-
22 Lorigine delle parole

ze e lettere di Verona, Verona, Mondadori, 19191925, 3 voll. (riprod.


pp. 135859, 137883) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 709

1921, 1976, 2005. Tre esempi di approccio tipo parole e co-


se ai nomi dellaratro, di cui uno storicolinguistico, uno an-
tropologico e uno storicoagricolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 717
4.1. MAX LEOPOLD WAGNER, La vita rustica della Sardegna riessa nel-
la lingua, Nuoro, Ilisso, 1996 (trad. it., a cura di G. DE PAULIS, di
Das lndliche Leben Sardiniens im Spiegel der Sprache: Kulturhi-
storischsprachliche Untersuchungen, Wrter und Sachen, Bei-
heft 4, Heidelberg, Winter, 1921) (riprod. pp. 9097, 99) . . . . . . . . . . . . 719
4.2. GIULIO ANGIONI, Sa laurera: Il lavoro contadino in Sardegna,
Cagliari, Editrice Democratica Sarda, 1976 (riprod. pp. 139145) . . . . . 729
4.3. GAETANO FORNI, Laratro valdostano. Il pi antico (2750 a.C.) del
nostro Paese? In Etnostorie, Piemonte e Valle dAosta, a cura di Re-
nato Comba e Giovanni Coccoluto, Cuneo, Societ per gli Studi sto-
rici, archeologici ed artistici della provincia di Cuneo, 2005, pp.
159169 (riprod. integrale) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 737

1923. Un esempio di iconomasiologia ante litteram, con ap-


profondimento di tipo parole e cose . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 749
5. VITTORIO BERTOLDI, Un ribelle nel regno de ori. I nomi romanzi del
Colchicum autumnale L. attraverso il tempo e lo spazio, Genve, Ol-
schki, 1923 (riprod. indice pp. IIIV, gura, introd. pp. 14) . . . . . . . . . . . 751

192829. Uno dei primi e migliori esempi di ricerca sul fe-


nomeno del tab linguistico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 759
6. DMITRI KONSTANTINOVI ZELENIN, Tab linguistici nelle popolazio-
ni dellEuropa orientale e dellAsia settentrionale, Quaderni di Se-
mantica, IX (1988), pp. 187317, X (1989), pp. 123180, 183276
(trad. dal russo) (riprod. pp. 160165, 269275) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 761

1936. Il primo esempio istituzionale di geosemantica . . . . . . . . . 775


7. KARL JABERG, Aspects gographiques du langage, Paris 1936 (riprod.
pp. 4749 + carta) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 777

193637. La prima sintesi, iconomastica ante litteram, di zoo-


nimia popolare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 781
8. RICHARD RIEGLER, Tiernamen, Handwrterbuch des deutschen A-
berglaubens, VII, pp. 819842, 864901 (trad. it.: Zoonimia popo-
lare, Quaderni di Semantica, II, 1981, pp. 325361) (riprod. inte-
grale esclusa la bibliograa, pp. 325356) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 783
Indice 23

1952. Un esempio di approfondimento storicoculturale per


un calco latino dal greco (lat. catum > it. fegato) . . . . . . . . . . . . 815
9. VITTORIO BERTOLDI, Larte delletimologia, Napoli, Liguori, 1952
(riprod. pp. 3742) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 817

1957. Un esempio di etimologia con approfondimento stori-


coagricolo e geolinguistico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 823
10. GIANDOMENICO SERRA, Appunti sulla storia linguistica del dibosca-
mento in Italia. A proposito delle voci cetina e cesina e afni, Ro-
manistisches Jahrbuch, VIII, 1957, pp. 4862 (riprod. integrale) . . . . . . 825

1974. Un esempio di ricerca delle prime attestazioni e degli


autori di neologismi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 841
11. BRUNO MIGLIORINI, Onomaturgia, Lingua Nostra, XXXV, 1974,
pp. 3336 (riprod. integrale) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 843

1978. Alla ricerca del semidotto dialettale . . . . . . . . . . . . . . . . 847


12. GIULIA PETRACCO SICARDI, Nota su mezzadro, in AA.VV., Italia lin-
guistica nuova ed antica, Galatina, Congedo, 1978, vol. II, pp.
205218 (riprod. pp. 205214) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 849

1982 e 1983. Due esempi recenti di iconimologia bifase an-


te litteram . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 859
13.1. OTTAVIO LURATI, Pateracchio, Lingua Nostra, XLIII, 1982, pp.
45 (riprod. integrale) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 861
13.2. GIOVANNI SINICROPI, Sciara, Lingua Nostra, XLIV, 1983, pp.
113115 (riprod. integrale) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 863

1984 e 2005. Due esempi recenti di iconimologia monofase


ante litteram . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 867
14.1. PAOLO ZOLLI, Essere il gallo della Checca, Lingua Nostra, XLV,
1984, p. 119 (riprod. integrale) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 869
14.2. FRANCO CREVATIN, Ital. Casino casa di tolleranza (Breviora ety-
mologica), in MAX PFISTER e GABRIELE ANTONIOLI (a cura di), I-
tinerari linguistici alpini. Atti del Convegno di dialettologia in o-
nore del prof. Remo Bracchi (Bormio, 2425 settembre 2004),
SondrioMainz, Istituto di Dialettologia e di Etnograa Valtelli-
nese e Valchiavennasca/Lessico Etimologico Italiano/Arbeitstelle
der Akademie der Wissenschaften und der Literatur, 2005, pp.
243245 (riprod. 244245) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 871
24 Lorigine delle parole

1988. Un esempio recente di retrodatazione . . . . . . . . . . . . . . . . 873


15. SALVATORE CLAUDIO SGROI, Americanata, Lingua Nostra, XLIX,
1988, p. 126 (riprod. integrale) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 875

2003. Iconomasiologia e semasiologia nei nomi parentelari


della mantide religiosa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 877
16. ALFIO LANAIA, I nomi della mantide religiosa nel dominio linguistico
italiano, Bollettino dellAtlante Linguistico Italiano, XXVII, 2003,
pp. 1151 (riprod. pp. 2633) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 879

Glossario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 887

Bibliograa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 935

Illustrazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 963
PREFAZIONE

Lo studio dellorigine delle parole loggetto di una discipli-


na linguistica chiamata etimologia. Disciplina antichissima, dato
che il concetto e la parola stessa etimologia risalgono a Platone,
secondo il quale letimologia era la ricerca del signicato auten-
tico (gr. tumj vero, autentico), che veniva contrapposto a
quello che tutti conoscono, considerato solo apparente e quindi
falso. Come vedremo, abbiamo qui unintuizione feconda, spes-
so a torto criticata dalla ricerca tradizionale. Da quando letimo-
logia diventata una disciplina scientica nellOttocento
letimologia infatti divenuta la ricerca di un etimo (spesso chia-
mato anchesso, tautologicamente, etimologia, per cui letimolo-
gia sarebbe la ricerca delletimologia), non pi inteso nel sen-
so di signicato vero, bens di un semplice stadio precedente
della parola stessa, e senza che sia chiaro se questo stadio ante-
riore comporti necessariamente un cambiamento, e se esso ri-
guardi la forma, o il signicato, o tutti e due. Cos, per esempio,
nei manuali e nei dizionari etimologici troviamo che letimo di it.
io il lat. ego, dove abbiamo un cambiamento di forma ma non
di signicato; quello di it. alibi mezzo di difesa in un processo,
scusante, giusticazione il lat. alibi altrove, con un cambia-
mento di signicato ma non di forma; quello di it. ciao, attraver-
so il veneziano /'avo/ schiavo, il lat. tardo sclavus slavo,
con un cambiamento sia di forma che di signicato; quello di
quando il lat. quando, dove non abbiamo n un cambiamento di
forma, n di signicato, ma solo di lingua (nel tempo); quello di
sport dallinglese sport, in cui, di nuovo, non c n cambia-

25
26 Lorigine delle parole

mento di forma n di signicato, ma solo di lingua (nello spazio);


e inne che letimo di malloppo il dialettale malloppo, dove c
solo un mutamento di lingua (nella societ).
Che cos allora, veramente, letimo di una parola, e in cosa
consiste la ricerca etimologica?
Rispondere a queste due domande tuttaltro che facile: non
solo perch, come vedremo, la materia estremamente comples-
sa, ma anche, e soprattutto, perch letimologia manca quasi com-
pletamente di un solido supporto teorico, e la sua denizione tra-
dizionale irta di agranti contraddizioni. La ricerca etimologica
scientica, infatti, ha goduto di grande prestigio solo nellOtto-
cento e agli inizi del Novecento, nel periodo di formazione della
linguistica storica, e, come stato pi volte notato (cfr. SCHMITT
1977: 2), i fondatori delletimologia non erano molto interessati a
dare un fondamento teorico alla nuova disciplina, ma piuttosto ad
applicare a essa i nuovi principi scoperti e formulati dalla lingui-
stica storicocomparata. E a partire dagli anni Trenta e Quaranta,
quando letimologia aveva gi perso molto del suo prestigio in
parte per levidente debolezza dei suoi risultati, in parte per le-
mergere di nuovi interessi prevalentemente teorici (e non pi sto-
rici) per il linguaggio i linguisti non si interessano pi alleti-
mologia. Come ammetteva, nel 1976, il romanista americano (di
origini ucraine) Yakov Malkiel (MALKIEL 1976: vii), uno dei po-
chi linguisti interessati allaspetto teorico delletimologia: [ety-
mologys] fall from high estate, accelerated over the last thirty or
forty years, has been quite dramatic. Per cui, letimologia come
nozione teorica non ha mai potuto essere veramente al centro del-
lattenzione degli studiosi. Nonostante alcuni tentativi negli anni
Settanta di far rivivere linteresse teorico nei suoi confronti
(MALKIEL 1976, ZAMBONI 1976, SCHMITT 1977), la sua dramma-
tica caduta, lamentata da Malkiel, solo continuata, anche a cau-
sa del ristagno generale della linguistica storica e della continua
diminuzione del suo ruolo nella linguistica generale.
In questo libro sottoporremo ad analisi teorica e metodologi-
ca tutte le diverse fasi della ricerca etimologica, individuando le
fondamentali conquiste fatte dai fondatori della linguistica stori-
Prefazione 27

ca come scienza, ma anche tentando, allo stesso tempo, di col-


marne le lacune, alla luce dei risultati della ricerca di questi ulti-
mi decenni, fra i quali anche quelli della cosiddetta Teoria della
Continuit dal Paleolitico (ALINEI 1996a2000a), troppo impor-
tanti, sul piano specicamente cronologico, per essere taciuti in
una discussione che riguarda, necessariamente, anche la datazio-
ne delle parole.
Nei primi due capitoli analizzeremo la parola, prima generi-
camente, come artefatto umano sui generis, poi specicamente,
come segno. Sulla base di questa analisi discuteremo poi critica-
mente, nel terzo e quarto capitolo, i principi e i risultati della ri-
cerca etimologica tradizionale, mettendone in luce i limiti e av-
viandone una rielaborazione. Nei sei capitoli successivi (dal quin-
to allundicesimo) illustreremo diverse nuove proposte teoriche e
metodologiche, anche concernenti la datazione e la periodizza-
zione lessicale. Nel dodicesimo riassumeremo i principali errori
delletimologia tradizionale e illustreremo quelli che ci sembrano
i requisiti di unetimologia ottimale. Nel tredicesimo illustreremo
i dizionari etimologici, e nellultimo tenteremo di dare una nuo-
va denizione riassuntiva delletimologia.
Seguono la Bibliograa e, come Appendici: (A) unAntologia
critica di esempi signicativi di ricerca etimologica; (B) un Glos-
sario.
Da quanto detto dovrebbe risultare chiaro che questo libro non
intende essere una storia della ricerca etimologica italiana o
romanza o indoeuropea , anche se, inevitabilmente, i riferi-
menti alle diverse scuole di pensiero che hanno inuenzato que-
ste specializzazioni saranno numerosi. Piuttosto, questo libro vor-
rebbe essere un manuale introduttivo alletimologia, sia teori-
co che pratico, che aiuti lo studente e il giovane studioso a entra-
re subito in medias res approttando del fatto che le nostre pa-
role sono una straordinaria enciclopedia che ciascuno di noi,
n dallinfanzia, ha a propria disposizione. Che li aiuti a capire,
quindi, che cosa signica veramente cercare letimo delle parole,
che cosa e cosa non deve essere letimologia, e quale enorme
contributo essa pu dare, se effettuata con coscienza critica e ri-
28 Lorigine delle parole

gore di metodo, alla conoscenza di tutto il nostro passato, dal pi


recente al pi remoto, e quindi di noi stessi e dei nostri simili, co-
me rappresentanti del genere umano. Per questo, abbiamo prefe-
rito concentrarci sullitaliano, sulle sue connessioni con il latino,
con le altre lingue e gli altri dialetti neolatini, e con altre lingue
antiche e moderne, per dare unidea pi coerente possibile del ti-
po di ricerca che si pu fare e dei risultati che si possono ottene-
re partendo dalle parole di una singola lingua.
Avvertiamo che in questo volume i segni usati per distinguere
le principali modalit del discorso e della parola sono i seguenti:
corsivo per le forme linguistiche e per lenfasi, grassetto per le
protoforme del PIE, corsivo grassetto per lenfasi accentuata,
per il signicato, per il distanziamento e vari altri usi, per le
citazioni; // per la trascrizione fonologica larga, [ ] per la trascri-
zione fonologica stretta; {} per liconimo (motivazione); <> per
la graa; / \ per racchiudere le sequenze e le formule etimologi-
che, le prime caratterizzate, allinterno di / \, da >, per indicare lo
sviluppo storico da X a Y, e da > per indicare lorigine storica di
Y da X; le seconde caratterizzate da per indicare la direzione
della presentazione. Il segno usato anche per il rinvio al Glos-
sario e allAntologia critica. Nelle forme latine, la quantit voca-
lica stata segnata solo quando oggetto specico di discussio-
ne, e non nellesemplicazione pura e semplice.
1. COSA UNA PAROLA

1.1. La parola come unit del discorso

Prima di affrontare il problema dellorigine delle parole sar


opportuno denirne con qualche rigore loggetto: la PAROLA [
Glossario]. La questione potr sembrare cavillosa o superua, in
quanto qualunque PARLANTE [ Glossario] e a maggior ra-
gione il lettore di queste pagine certamente sa cosa sono le pa-
role. Tuttavia, vedremo come la questione sia meno semplice di
quanto non paia a prima vista, tanto pi se la domanda viene po-
sta in rapporto al problema delle origini delle parole.
Anzitutto, occorre ricordare al lettore che nella ricerca lingui-
stica, se non si specica altrimenti, quando si parla di LINGUA [
Glossario] e di LINGUAGGIO [ Glossario] si intende sempre par-
lare di lingua parlata, e non di lingua scritta. Ed anzi signica-
tivo che la forma pi antica, non attestata, della parola parlare
fosse proprio *parolare, usare le parole.
Ora, in ambito di lingua scritta, la denizione di una parola sa-
rebbe semplice: unit graca preceduta e seguita da spazio o da
segno di punteggiatura. E in effetti grosso modo cos che un
computer o un processore computa e gestisce le parole di un te-
sto. Ma nella lingua parlata una parola non viene divisa da spa-
zi dalle altre, e di solito neanche da pause, e la sua realt quin-
di molto pi sfuggente. Per catturarla, quindi, se non la cono-
scessimo, dovremmo ricorrere a procedure complesse, che miri-
no a vericare la sua separabilit, cio la possibilit di esistere
come unit signicativa autonoma, da sola, o in un certo conte-

29
30 Lorigine delle parole

sto. Chi si trovasse per la prima volta a dover identicare le paro-


le di una lingua parlata ignota come accaduto e accade an-
cora nello studio delle lingue e/o dei dialetti non ancora alfabe-
tizzati, e nella compilazione dei loro dizionari deve di fatto ri-
correre a tali procedure. Nelle societ che dispongono di una lin-
gua scritta, e in cui la separabilit delle parole stata gi rea-
lizzata a questo scopo, gli studiosi possono risparmiarsi le com-
plesse operazioni di verica; le assumono cio come virtualmen-
te effettuate, e deniscono la parola, senza per altro riuscirvi pie-
namente, per la complessit del problema, come unit minima
separabile del discorso che abbia un signicato.

1.1.1. Due diversi tipi di parola: parola vs lessema o lemma

Chiarito questo, tuttavia, dobbiamo ancora affrontare un altro


problema, che non solo rilevante per il problema delle origini,
ma lo , in generale, per la comprensione della natura della paro-
la e, a livello pratico, anche per la preparazione di vocabolari e di
altri strumenti che riguardano il LESSICO [ Glossario] nel suo in-
sieme. Ed un problema che si pone soprattutto per le lingue es-
sive come litaliano e le lingue indoeuropee in genere e per
quelle agglutinanti come quelle uraliche e altaiche: quando
parliamo di parole, cio, intendiamo quelle esse o declinate co-
me andiamo andate andando andassero, amica amiche amicone
amichetti, o la forma astratta che nella convenzione lessicale ita-
liana e neolatina viene rappresentata dallinnito andare per i ver-
bi, e dal maschile per i sostantivi e gli aggettivi (amico), e che di
solito si chiama LESSEMA [ Glossario] o LEMMA [ Glossario]?
Ci che troviamo nei dizionari monolingui e bilingui sono sol-
tanto i lessemi o lemmi del dizionario, e invano si cercherebbe u-
na denizione o una traduzione di parole come andiamo o anda-
te. Questo non solo per ovvie ragioni di economia, ma anche per-
ch ci che ci interessa, della parola, soprattutto il suo SIGNIFI-
CATO [ Glossario] (di cui parleremo pi in dettaglio nel prossi-
mo capitolo), e questo, come ben sappiamo, si conserva immuta-
to, nel suo nucleo, in tutte le forme della coniugazione del verbo.
1 Cosa una parola 31

Pi esattamente, la coniugazione di un verbo aggiunge al suo si-


gnicato di base, mediante le desinenze [ Glossario, DESINEN-
ZA], ci che chiamiamo la persona, rispettivamente singolare (io,
tu, lui, etc.) o plurale (noi, voi, loro, etc.), il modo (indicativo, im-
perativo, condizionale, etc.) e il tempo (presente, passato, futuro,
etc.). Mentre nei nomi e negli aggettivi aggiungiamo il genere
(maschile, femminile), il numero e, facoltativamente e mediante
sufssi, unalterazione (accrescitivo, diminutivo, vezzeggiativo,
dispregiativo, etc.).
Anche nei dizionari etimologici [ Glossario, DIZIONARIO E-
TIMOLOGICO], che rispondono alle nostre domande sullorigine
delle parole, troviamo soltanto i lessemi, e non le parole in senso
stretto. Non troviamo quindi risposta n a domande del tipo da
dove viene andiamo? n del tipo da dove viene la desinenza
iamo della I pers. plur. del presente di tutti i verbi italiani?. N
troviamo lorigine di sufssi [ Glossario, SUFFISSO] accresciti-
vi, diminutivi e dispregiativi come one o etto, ino, uccio,
accio, etc., e neanche di sufssi di diverso tipo strutturale, come
esimo (battesimo, cristianesimo, umanesimo) o come aggio
(lavaggio, messaggio, ingrassaggio, viaggio, omaggio, etc.), o
come esco (grottesco, cavalleresco, pedantesco, etc.). A do-
mande di questo tipo che riguardano la MORFOLOGIA [ Glos-
sario] delle parole, e quindi i morfemi [ Glossario, MORFEMA]
e non le parole stesse in quanto tali risponde, come vedremo,
la GRAMMATICA STORICA [ Glossario] e, pi specicamente,
quella sua parte che si chiama MORFOLOGIA STORICA [ Glos-
sario] (vd. oltre).
Dobbiamo quindi scegliere anche noi, n dallinizio: a quale
tipo di parola ci rivolgiamo, nella nostra trattazione: alle parole
in senso stretto o ai lessemi o lemmi del vocabolario?
Affrettiamoci a rispondere: a entrambi. La nostra trattazione
mira a dare unidea completa delle problematiche e delle meto-
dologie che riguardano lorigine delle parole cos come le cono-
sciamo e le usiamo; quindi includeremo nella nostra illustrazione
tutti e due i sensi di parola: sia quello di parola in senso stretto,
sia quello della parola nel senso di lessema.
32 Lorigine delle parole

Ma aggiungiamo subito questa precisazione: dedicheremo,


obbligatoriamente, molto pi spazio al lessema, perch lorigine
dei morfemi di tipo iamo, ate, aggio, esimo, e cos via, tipi-
ci della parola in senso stretto, riguarda anzitutto un numero mol-
to pi limitato di casi; inoltre, molto meno problematica di quel-
la dei lessemi. Ma a parte questa differenza, il problema delle o-
rigini si sdoppia, a partire da ora, in un problema delle origini dei
lessemi, e in un altro di quelle dei morfemi.

1.1.1.1. Sinonimi di parola e di lessema

Ricordiamo, a proposito della tipologia della parola, che nella


tradizione lessicale italiana (e anche in quella di altre lingue euro-
pee) esistono diversi sinonimi, sia di lessema come termine scienti-
co univoco, sia di parola come termine comune e ambiguo: sino-
nimi come voce, vocabolo, termine, entrata lessicale, forma. Cia-
scuno di questi termini ha una connotazione pi o meno diversa, che
ora cercheremo di analizzare, senza tuttavia pretendere di arrivare a
una denizione ottimale, che richiederebbe molto pi spazio.
Sinonimi di lessema in senso univoco:

termine: la scelta preferenziale per rinviare alla presen-


za di una terminologia ristretta e specica o, pi generica-
mente, per indicare una scelta lessicale ben determin
ata, cio cosciente della differenza specica di una parola
rispetto ad altre, allinterno del lessico. Ha quindi, di soli-
to, il senso di lessema;
vocabolo: termine oggi poco usato nella ricerca, se non in
rapporto al suo ancora usatissimo derivato vocabolario:
come tale tende ad avere lo stesso signicato di lessema;
entrata lessicale: anglicismo che ricalca lexical entry, a
sua volta equivalente di lessema in area anglosassone (do-
ve i neologismi di origine grecolatina non sono popola-
ri). In Italia viene usato esclusivamente dai generativisti.

Sinonimi di parola in senso ambiguo:


1 Cosa una parola 33

voce: nella ricerca, come nel linguaggio scolastico, uno


dei termini pi usati, di solito per designare una singola u-
nit nellambito di un complesso dello stesso tipo, e sot-
tintende quindi linsieme da cui proviene. termine am-
biguo, in quanto viene usato sia nel senso di forma, per e-
sempio in voce di un certo verbo; sia come lessema, per
esempio in voce dialettale o voce di un vocabolario.

Un discorso a parte inne va fatto per FORMA [ Glossario],


termine scientico che spicca per la sua ambiguit, ma che di
difcile sostituzione. A livello teorico e astratto, infatti, forma mi-
ra a designare laspetto formale, cio morfofonetico [Glossa-
rio, MORFOFONETICA] della parola/lessema, e si oppone quindi al
loro signicato. Per cui, a livello SINCRONICO [ Glossario],
ha nito con acquistare lo stesso valore di parola non lemmatiz-
zata [ Glossario, LEMMATIZZAZIONE], cio realizzata nel suo
contesto sintattico, e si oppone quindi proprio a lessema o lem-
ma, come unit lessicale astratta e convenzionale (in italiano in-
nito per i verbi, maschile singolare per nomi e aggettivi). Men-
tre a livello DIACRONICO [ Glossario] nisce con riferirsi
proprio al lessema, di cui rappresenta laspetto FONETICO [
Glossario] o FONOLOGICO [ Glossario], mediante il quale si
pu recuperare l ANTEFORMA [ Glossario] o la PRO-
TOFORMA [ Glossario, PROTO] etimologica.
Va quindi sottolineata la mancanza, nel linguaggio comune, di
sinonimi esclusivi per parola in senso stretto (dato che, come gi
detto, forma in tal senso in uso solo nel discorso scientico). Con-
trariamente a quanto si potrebbe pensare, il parlante ha molto pi
vivo il senso della nozione di lessema, che implica la stabilit del
signicato, che non quella della forma come tale.

1.2. La parola come artefatto

Chiarita lesistenza dei due diversi tipi di parola, possiamo o-


ra porci una prima domanda fondamentale sulla parola, comun-
34 Lorigine delle parole

que intesa: come possiamo denirla, nel senso pi astratto e ge-


nerico possibile, cio superiore alla stessa TASSONOMIA LESSICA-
LE [ Glossario] della linguistica? Ricordiamo che tassonomia
il nome che si d allorganizzazione gerarchica di un lessico,
nellambito della quale, per esempio, possiamo denire un ma-
stino come un cane da guardia a un livello superiore, quindi co-
me un cane a un livello ancora superiore, quindi come un ani-
male domestico a quello successivo, e inne come un animale,
che consideriamo il vertice della tassonomia. La tassonomia dei
cani rientra in quella degli animali domestici, che a sua volta rien-
tra in quella degli animali. Ognuno di questi livelli rappresenta u-
na categoria superordinata (di iperonimi [ Glossario, IPERONI-
MO] rispetto a quella inferiore (di iponimi [ Glossario, IPONI-
MO] e coiponimi [ Glossario, COIPONIMO]. quindi uno dei
due modelli fondamentali per la strutturazione di un lessico natu-
rale. Laltro quello che possiamo denire, in modo generico, co-
me la SINTASSI DEL LESSEMA [ Glossario], soggiacente alla LES-
SICALIZZAZIONE [ Glossario], che determina lassegnazione di
ogni lessema alle diverse parti del discorso [ Glossario, PARTE
DEL DISCORSO], a seconda della struttura concettuale e sintattica
che esso servito a rappresentare in forma abbreviata (vd. oltre e
cfr. ALINEI 1974a, 1980a).
Come possiamo dunque denire la parola al livello extralin-
guistico pi generico possibile? Quale pu essere il vertice pi ge-
nerico della sua tassonomia? La risposta, anche se pu richiedere
pi di un momento di riessione, non pu essere che una: la paro-
la un ARTEFATTO [ Glossario]. Cio fatta ad arte, perch crea-
ta dalla mente umana e realizzata con il ato umano, modicato
dallapparato vocale, gustativo e masticatorio.
Descritta nella sua materialit, questa mirabile facolt di HO-
MO LOQUENS [ Glossario], che secondo le ultime ricerche pa-
leoantropologiche Homo ha ereditato, come facolt innata, da
uninnovazione facoltativa di Australopithecus, ci ha messo in-
fatti in grado di sfruttare lemissione del ato effettuata per lo
pi in modo sonoro, cio con le corde vocali vibranti, ma pur sem-
pre continuando nella respirazione normale per modicare
1 Cosa una parola 35

contemporaneamente il suono delle parole attraverso il movi-


mento delle labbra, del palato, della lingua, del velo, delle corde
vocali stesse e di altre parti della cavit orale; parole prodotte da
sole o in sequenze sintattiche regolate dalla nostra GRAMMATICA
[ Glossario].
Invenzione simile, ma incomparabilmente superiore, tecnica-
mente, a quella di qualunque strumento musicale a ato, perch
con la parola vocale, volendo, potremmo anche cantare come lo
strumento stesso, mentre con nessuno strumento musicale po-
tremmo mai pronunciare parole, cio esprimere concetti. Per i
suoi risultati, poi, facolt ancora pi prodigiosa, e forse la pi
grande fra le facolt umane, perch con essa che Homo loquens
si distinto dagli altri Primati, e senza di essa lumanit non a-
vrebbe potuto realizzare nessuna delle altre invenzioni che carat-
terizzano la sua formidabile storia. E poco importa se alcuni spe-
cialisti ritengano che il linguaggio di tipo moderno, basato su u-
na grammatica sosticata, sia cominciato solo con Homo sapiens,
e altri pensino invece che sia cominciato molto prima, e sia quin-
di il risultato di unevoluzione continua. Perch sia nelluno che
nellaltro di questi casi la parola come tale, cio come primo ele-
mento fondamentale di un linguaggio, non importa se sosticato
o primitivo, doveva essere gi disponibile. In altre parole, il lin-
guaggio moderno pu forse essere iniziato con Homo sapiens, ma
la parola come tale, primo elemento di qualunque tipo, anche roz-
zo e primitivo, di linguaggio, deve essere iniziata con le prime
specie di Homo.
Vi poi, passando al linguaggio moderno come lo conoscia-
mo noi, un altro aspetto della parola che conferma ed evidenzia
clamorosamente il suo carattere di artefatto: la sua diversit nel-
le varie parlate del mondo. Se tutte le parole in tutte le lingue del
mondo fossero le stesse, si potrebbe anche sospettare che esse sia-
no, anzich artefatti, il prodotto diretto di qualche misteriosa at-
tivit mentale e organica; ma la realt che ogni parola diversa
di lingua in lingua, di dialetto in dialetto: la parola per dio deus
in latino, qej in greco (che non ha nulla a che fare con deus),
god in inglese, bog in russo, sura in sanscrito. Cosa vi potrebbe
36 Lorigine delle parole

essere di pi articiale? Ovviamente, ci non toglie che qualun-


que artefatto, comprese le parole, venga prodotto mediante fa-
colt innate nellessere umano, ma non questo il punto che ci in-
teressa qui.

1.2.1. Alcune somiglianze dellartefatto lessicale con gli altri ar-


tefatti

Molte sono le somiglianze degli artefatti lessicali con gli altri


artefatti umani. Vediamo le pi evidenti.
Anche gli artefatti lessicali, come tutti gli altri, vengono crea-
ti in un dato momento. Per le parole, come gi detto e come ve-
dremo meglio nel prossimo capitolo, il momento della loro crea-
zione quello che viene chiamato lessicalizzazione.
Unaltra somiglianza, molto importante, degli artefatti lessi-
cali con gli altri artefatti che anchessi sono soggetti a fattori e-
sterni. Il ferro, non protetto, arrugginisce; il colore, alla luce,
sbiadisce; il legno si tarla; il tessuto bagnato si restringe; e cos
via. Anche la parola, se pronunciata da una bocca straniera, o dal-
la bocca di un dialettofono, o di un bambino infante, o male in-
terpretata da un parlante incolto, si deforma, si abbrevia, si allun-
ga, cambia. Per ragioni che illustreremo nei prossimi capitoli, la
parola pu anche cambiare di signicato senza per questo cam-
biare di forma. Anche se gli agenti esterni che modicano le pa-
role non sono, ovviamente, gli stessi che modicano il ferro, o il
legno, o il tessuto, sono sempre agenti esterni che producono al-
terazioni lessicali (e linguistiche in genere).
Indipendentemente da questi mutamenti, poi, anche gli arte-
fatti lessicali, come tutti gli altri, possono diventare obsoleti e
scomparire dalluso. I musei agricoli e scientici sono pieni di
strumenti non pi usati ma importanti come testimonianze stori-
che e oggetto di studi sul nostro passato recente. Per lantichit
pi remota esistono i musei preistorici, creati per custodire pre-
ziosissime vestigia dei nostri artefatti pi antichi, dalle recenti Et
dei Metalli no al pi remoto Paleolitico. Perno per le industrie
obsolete dellepoca moderna esiste larcheologia industriale. Per
1 Cosa una parola 37

le parole come artefatti, purtroppo, non si ha alcuna attenzione e


considerazione. Come vedremo, invece, si tratta sempre di uten-
sili di enorme valore storico, anche quando escono dalluso. Va-
lore che aumenta, naturalmente, in misura della loro antichit.
Proprio per questo, fra laltro, le innumerevoli parole dialettali
che sono morte e stanno morendo, per la morte delle condizioni
culturali che ne hanno permesso no a poco fa la sopravvivenza,
dovrebbero essere registrate e conservate a disposizione degli
studiosi in musei audiocartacei, come tesori di inestimabile va-
lore storico e preistorico, per la luce che possono gettare sul no-
stro passato e sulle nostre conoscenze delluniverso cognitivo e
linguistico di gruppi rappresentativi della differenziazione del ge-
nere umano.
Come gli altri artefatti, inne, anche quelli lessicali possono
viaggiare naturalmente trasportati anche loro da un paese
allaltro, e talvolta affermarsi fra i parlanti di unaltra lingua. In
mancanza di lingua scritta, naturalmente, la diffusione di una pa-
rola al di fuori della propria area di origine non poteva che di-
pendere dai viaggi del parlante stesso. La lingua scritta prima
con il trasporto dei documenti, oggi divenuto immediato con fax,
cellulari e computer , e quella parlata poi con il telefono, la
radio e la televisione hanno moltiplicato allinnito queste po-
tenzialit di diffusione della parola.
Quando una parola si afferma fra i parlanti di unaltra lingua,
la LINGUISTICA STORICA [ Glossario], come vedremo, parla di
prestiti [ Glossario, PRESTITO] da una lingua allaltra: nome,
come stato gi notato (cfr. TAGLIAVINI 1964: 220 e n.), non po-
co curioso, della cui scelta sarebbe utile ricostruire la storia e il
contesto ideologico, dato che i prestiti si suppone vengano resti-
tuiti, ci che nella storia delle lingue succede solo rarissimamen-
te con i cosiddetti Rckwanderer o cavalli di ritorno parole
che viaggiano ritornando in altra forma al paese di origine! In
realt, andrebbe aggiunto, si tratta di acquisizioni, o di veri e pro-
pri regali, che come tali di solito arricchiscono e non impoveri-
scono la lingua che li riceve. E da questo punto di vista degno
di nota che, sebbene tutte le culture accettino la norma di buona
38 Lorigine delle parole

educazione secondo cui a caval donato non si guarda in bocca, la


storia delle lingue conosca tanti puristi, non proprio bene edu-
cati, che passano il loro tempo a guardare in bocca i cavalli stra-
nieri che ci sono stati regalati per svalutarli e sostenere che biso-
gna usare solo cavalli nostrani, o per lo meno introdurre delle
quote di immigrazione Dimenticando, fra laltro, che proprio
linglese, oggi principale incriminato per le valanghe di regali
che da qualche tempo rovescia in tutte le lingue del mondo, u-
na delle poche lingue occidentali composte per pi di met di pre-
stiti da unaltra lingua: il francese. Per cui, quando affermiamo
Linglese attualmente la lingua dominante nel mondo, notia-
mo solo un prestito inglese nella frase (la parola inglese!), men-
tre quando lo affermiamo in inglese English is at present the
dominant language in the world notiamo tre prestiti, tutti e tre
dallantico francese (present, dominant, langage). Purtroppo, non
c peggiore educatore del censore! E, come si vede, proprio la
lingua pi aperta e tollerante ai prestiti quella che oggi ha con-
quistato il mondo!

1.2.2. La parola come artefatto sui generis

Ma se la parola assomiglia per certi versi agli altri artefatti es-


sa ha anche caratteristiche uniche e straordinarie, che la distin-
guono da tutti gli altri artefatti, ed soprattutto su queste che ora
dobbiamo concentrare la nostra attenzione.

1.2.2.1. La parola come artefatto complesso

Come artefatto, la parola tuttaltro che semplice. Anzitutto,


anche se la consideriamo come lessema, ne esistono decine di mi-
gliaia, e di ciascuna di esse dobbiamo conoscere e ricordare le re-
gole di riproduzione. Per di pi, come abbiamo gi visto, quasi o-
gni lessema di una lingua come litaliano conosce un certo nu-
mero di forme (parole in senso stretto), a seconda se si tratta di
nomi, di aggettivi o di verbi, e a seconda se si riferisca a una o pi
persone o cose, se sia di genere maschile o femminile, se si rife-
1 Cosa una parola 39

risca a me, a te, a lui, a lei, a noi, a voi, a loro, e se nel presente,
nel passato, nel futuro, se sia un racconto, unasserzione, un invi-
to, un comando, una supposizione, unipotesi, e cos via. In realt,
il livello di produttivit lessicale che ci si aspetta da qualunque
parlante, anche il pi incolto, esige che questi diventi, gi da bam-
bino, un perfetto gestore del proprio hardware (polmoni, bocca,
lingua, etc.), e un altrettanto perfetto utente del complesso softwa-
re che gli permette, n dallinfanzia, di produrre questa mirabo-
lante variet di artefatti, ognuno diverso dallaltro, ma sempre
prodotto con le stesse regole e le stesse eccezioni.

1.2.2.2. La parola come artefatto standardizzato senza procedure


burocratiche

Gli altri artefatti umani, anche quando sono industriali, cio


prodotti in massa, raramente sono standardizzati: la loro produ-
zione, cio, di solito, varia liberamente secondo il gusto e la stra-
tegia dei produttori. Solo quando viene standardizzata, cio sot-
toposta a norme imposte da unautorit esterna, e conformi a un
certo modello precisamente denito, viene resa pi uniforme; ci
che limita in qualche misura la libert del produttore. Ma anche i
prodotti standardizzati (per es. i prodotti elettrici, i farmaci e al-
tri) differiscono di solito nei materiali, nella qualit, nella confe-
zione e in altri aspetti, per la scelta dei quali la libert dei singoli
produttori non viene limitata. Indumenti, strumenti di uso quoti-
diano e generalizzato, che non sono standardizzati formalmente,
ma la cui funzione li livella egualmente a modelli universali (si
pensi alle taglie per gli indumenti), conoscono forme, materiali,
colori, stili e qualit diversi, a seconda della moda, del gusto per-
sonale, del luogo di produzione, del nome del produttore, del
prezzo.
Le parole prodotte dai membri di una comunit di parlanti, in-
vece, siano essi bambini, adulti o vecchi, donne o uomini, sono
sempre identiche a s stesse, e senza che nessuno abbia esplicita-
to, imposto o autorizzato una norma qualsiasi. La parola, dunque,
nonostante non sia un prodotto industriale, un artefatto assolu-
40 Lorigine delle parole

tamente standardizzato, e lo in modo assoluto e senza eccezio-


ni: infatti sempre identico a s stesso. E alla sua standardizza-
zione provvede un meccanismo sociale di autoregolazione, gesti-
to dalla comunit che lo usa, nel senso preciso che la parola vie-
ne prodotta in modo identico da tutti i membri di una stessa co-
munit, indipendentemente dallet, dal sesso e dalla cultura di
chi la usa, e nonostante sia prodotta in miliardi di esemplari dal-
lintera comunit di parlanti. Tutte le parole usate in qualunque
conversazione fra due persone che si trovino in qualunque luogo
della propria area linguistica, o a livello scritto in qualunque pub-
blicazione, sono sempre le stesse. A partire dal momento in cui u-
na parola, per opera di un individuo, nasce ed entra in circolazio-
ne, essa diventa automaticamente riproducibile da tutti i parlanti
di quella lingua. Con o senza inessioni dialettali nel parlato, con
o senza errori di ortograa nello scritto, le migliaia di parole del
vocabolario che ognuno di noi usa quotidianamente si continua-
no, di fatto inalterate, nei discorsi e negli scritti delle decine di mi-
lioni di italiani, cos come quelle inglesi o spagnole nelle centi-
naia di milioni dei parlanti di quelle lingue. Anche nello spazio di
una nazione, con esclusione delle eventuali aree alloglotte, le pa-
role di una lingua sono sempre le stesse, indipendentemente da chi
le pronuncia. Nelle societ tradizionali vi possono essere diffe-
renze fra il vocabolario degli uomini e delle donne, o di un grup-
po sociale rispetto agli altri, ma si tratta di differenze imposte da
credenze religiose e da consuetudini rituali, e non inerenti le pa-
role stesse, che nonostante queste differenze sono sempre stan-
dard. Nelle societ socialmente straticate del nostro mondo, le
differenze sociali e i loro riessi geoculturali possono causare la
produzione di varianti sociolinguistiche [ Glossario, SOCIOLIN-
GUISTICA] delle parole, ma anche queste varianti, in ultima anali-
si, sono standardizzate, cio autoregolate secondo norme accetta-
te dalle comunit sociolinguistiche che le usano.
1 Cosa una parola 41

1.2.2.3. La parola come artefatto creabile e riproducibile da


chiunque

Nonostante sia un artefatto complesso, e nonostante sia pro-


dotto in massa e secondo una norma standardizzata, la parola non
ha bisogno di un mestiere o di unarte per essere prodotta o ri-
prodotta: i bambini imparano n dallinfanzia a crearle, senza
neanche andare a scuola; gli adulti non cessano di produrle, sen-
za andare mai in pensione. Chiunque pu creare parole, sempre i-
dentiche a loro stesse, senza bisogno di strumenti che non siano
quelli della mente e dellapparato fonatorio, e senza obblighi o
permessi o controlli di unautorit. Unica condizione il consen-
so della comunit alla quale una parola destinata, consenso che
fra laltro avviene tacitamente, con la semplice adozione della pa-
rola. Per riprodurla, una volta creata da altri, non serve neanche
questo. La scuola, da quando nata come istituzione sociale, nel-
lambito delle societ socialmente straticate, nelluso della lin-
gua introduce norme di correttezza e di stile che servono a di-
stinguere, socialmente, i colti dai meno colti. Ma ci non cambia
la sostanza delle cose.
Siamo perci davanti a una propriet che d a tutti i parlanti il
ruolo di liberi creatori, innovatori, utenti, gestori e custodi di un
immenso tesoro collettivo, da cui tutti possono liberamente attin-
gere, e che ciascuno pu arricchire o modicare. Su questa, che
forse la pi straordinaria fra le propriet della parola, torneremo
pi oltre.

1.2.2.4. La parola come artefatto che identica una comunit

Una conseguenza della riproducibilit universale e della dif-


fusione assolutamente capillare della parola, anche nelle pi va-
ste comunit di parlanti, quella di poter identicare la comunit
stessa, differenziandola da tutte le altre. Nessun artefatto possie-
de in tal misura questo potere, anche se non mancano altri arte-
fatti tipici, come cibi, indumenti e pochi altri, che talvolta si u-
sano per identicare una comunit nazionale o locale, spesso in
42 Lorigine delle parole

senso negativo o derisorio (maccheroni per gli italiani, crauti per


i tedeschi, zoccoli per gli olandesi, patate fritte per i belgi, bom-
betta per gli inglesi, etc.).
Anche certi artefatti industriali di prestigio e prodotti in gran-
di numeri, come le automobili, possono identicare la comunit
nel cui ambito nasce la produzione, ma la loro diffusione non
mai capillare ed esclude vasti strati di popolazione, per ragioni
che possono essere economiche (non tutti possono permettersene
lacquisto), o di scelta (esistono marche competitive).
Fra gli innumerevoli artefatti umani ve ne solo uno che sia
simile alla parola per il grado di diffusione capillare allinterno
della comunit, e per il potere, che di solito ha, di identicare la
comunit stessa: il denaro (no a poco tempo fa, ogni paese eu-
ropeo aveva la sua moneta). Somiglianza casuale, o signicativa?
A questa domanda risponderemo pi oltre. Ma n da ora occorre
notare una differenza fondamentale: il denaro viene coniato da
unautorit centrale, prima di essere diffuso in ogni meandro del-
la comunit. Solo la parola, nonostante non abbia alcuna consa-
crazione formale conferitagli dallalto o dallesterno, e pur es-
sendo prodotta da ogni singolo membro di una comunit in con-
dizione di parlare, ha anche il potere di identicare la comunit
dei suoi utenti.

1.2.2.5. La parola come artefatto multifunzionale

Sulle funzioni della parola sono state scritte migliaia di libri.


Per il nostro scopo basti qui notare che gli altri artefatti umani han-
no di solito una o pi funzioni ben delimitate: gli strumenti agri-
coli per lagricoltura, quelli chirurgici per operare, quelli da pesca
per pescare, il cacciavite per le viti, il martello per martellare, la
forchetta, il coltello e il cucchiaio per mangiare, il bicchiere e la
tazza per bere, lago per cucire o per curare, la lavastoviglie per la-
vare le stoviglie, il fax per faxare, la fotocopiatrice per fotocopia-
re, il ventilatore per rinfrescare, il termosifone per riscaldare, il cli-
matizzatore per tutte e due le cose, il denaro per pagare; ogni mo-
bile ha una sua funzione precisa nella casa o nellufcio; ogni in-
1 Cosa una parola 43

dumento serve a coprire e ad abbellire diverse parti del corpo, il ci-


bo a nutrire e a soddisfare il palato, e cos via.
La parola ha invece un insieme pressoch illimitato di funzio-
ni: ha prima di tutto una fondamentale funzione conoscitiva [
Glossario, CONOSCITIVA, FUNZIONE] e concettuale, in quanto con
la parola classichiamo il mondo, formiamo i concetti, calcolia-
mo, valutiamo, misuriamo. Ma ha anche una funzione comuni-
cativa [ Glossario, COMUNICATIVA, FUNZIONE] altrettanto fon-
damentale, a torto negata dai generativisti, e in questo ambito ser-
ve a chiedere, a rispondere, a spiegare, a comandare, a convince-
re, a pregare, a insultare, a blandire, ad adulare, a mentire, a in-
gannare, a tradire, a esprimere amore, odio e ogni altra emozione
umana. Con le parole da un lato si pu creare arte mirabile, si pos-
sono porre e risolvere problemi scientici di incalcolabile rilievo,
formulare progetti di enorme portata sociale, dallaltro si pu pre-
gare il dio, il santo o il santone in cui si crede, si possono raccon-
tare barzellette, pronunciare i discorsi di Mussolini, scrivere Mein
Kampf, mentire, tradire, calunniare, ferire, perno uccidere. Ne-
gare laspetto comunicativo del linguaggio certo meno grave che
ignorarne o sottovalutarne il valore conoscitivo, ma dubitare del-
la funzione esclusivamente comunicativa dellaudiofonologia,
parte integrante della grammatica universale del parlante/ascol-
tatore, un po come dubitare della funzione motoria dei piedi1.

1. Per negare la funzione comunicativa del linguaggio si usa citare la boutade dei due
presuntuosi generativisti di turno, Sperber e Wilson, secondo i quali dire che il linguaggio
serve a comunicare sarebbe come dire che il naso serve a tirar su gli oggetti, ci che ve-
ro per gli elefanti ma non per gli umani. La banalissima realt invece che cos come per
gli elefanti il naso serve sia a respirare che a tirar su gli oggetti, per gli esseri umani il na-
so serve sia a respirare che a pronunciare le consonanti nasali e le vocali nasalizzate, e quin-
di il linguaggio serve sia a conoscere che a comunicare. Fra laltro, proprio Darwin aveva
sottolineato il ruolo fondamentale, nellevoluzione delle specie, compresa quella umana,
della riutilizzazione di organi preesistenti per eseguire una nuova funzione.
44 Lorigine delle parole

1.2.2.6. La parola come artefatto volatile e allo stesso tempo du-


revole

Come abbiamo visto, la parola un artefatto realizzato con il


nostro ato. Come tale esso del tutto volatile e di conseguenza
tutto fuorch durevole. Non a caso si parla di atus voci proprio per
indicare qualcosa che non ha n consistenza n effetto, e il detto
scripta manent verba volant mette in luce proprio il contrasto fra
la durata delle parole scritte e la volatilit di quelle parlate. Eppu-
re, incredibile a dirsi, nonostante questa loro intrinseca volatilit,
le parole esistevano da chiss quanto tempo prima della nascita
della lingua scritta, e sono continuate a durare anche dopo, per
millenni e per secoli; e solo di rado hanno breve durata. Non a ca-
so, dedichiamo questo libro allorigine delle parole parlate. Origi-
ne che si intende dunque nel tempo, e nel tempo anche remoto, pri-
ma e oltre che nello spazio e nella societ. Questa forse una del-
le qualit pi straordinarie e paradossali delle parole, con la quale
ci avviciniamo alla loro essenza. A cosa si deve dunque questa lo-
ro durata, in cos agrante contrasto con la loro volatilit?

1.2.2.7. La durata delle parole dovuta alla loro trasmissione da


una generazione allaltra

La risposta sta proprio nella continuit delle parole nella so-


ciet, prima illustrata. Qualunque anziano di nostra conoscenza
pu dirci: Le parole che adopero io sono quelle che adoperava
mio nonno, e sono anche, allo stesso tempo, quelle che adopera
mio nipote. Per ogni parlante anziano, dunque, vale la stessa e-
sperienza linguistica: cinque generazioni solidali, di cui tre vi-
venti (nonno, genitori, gli) e due passate (nonni e genitori de-
funti del nonno vivente), usano le stesse parole. Ci che implica,
automaticamente, una durata di circa centocinquanta anni per
quelle parole. E poich ogni volta che facciamo incontrare un
nonno con suo nipote sono centocinquanta anni, arretrando nel
tempo, basta farli incontrare cinque volte per raggiungere lepo-
ca di Dante; e diciotto per partecipare alla fondazione di Roma.
1 Cosa una parola 45

Daltra parte, anche il nonno del nostro anziano, quando era


bambino, parlava come suo nonno. E anche il nipote del nostro
anziano diventer prima genitore e poi nonno, continuando a u-
sare le stesse parole. E cos via, di nonno di nonno, allindietro, e
di nipote di nipote, in avanti. Anche per le generazioni successi-
ve, quindi, il meccanismo biologico e demograco garantisce la
continuit delle parole (e della lingua), in quanto qualunque ge-
nerazione tramander alle generazioni successive le stesse paro-
le che aveva appreso da quelle precedenti. E cos via, in un ciclo
riproduttivo senza ne, che ovviamente vale anche a ritroso, per
il passato. , insomma, questa catena generazionale e sociale
senza ne, che in qualunque momento e in qualunque luogo si sta-
bilisce lungo il lo delle parole usate da una comunit di parlan-
ti, che determina, nonostante la loro natura di artefatti volatili, la
loro continuit nel tempo. Come vedremo nel prossimo capitolo,
questo meccanismo riproduttivo delle parole garantirebbe la loro
durata per sempre (nella misura in cui dura una societ), se non
fosse per alcune cause esterne che le possono mutare, o ne pos-
sono segnare la ne.

1.2.2.8. La parola come artefatto allo stesso tempo fossile e vi-


vente

Abbiamo visto che le parole hanno in comune con altri arte-


fatti la possibilit di cambiare per effetto di fattori esterni. Ma an-
che in questa circostanza, anzi proprio grazie a essa, la parola si
distingue radicalmente dagli altri artefatti umani, mostrando
quella che forse la pi straordinaria delle sue caratteristiche:
mentre le modiche degli altri artefatti (il ferro arrugginito, il le-
gno tarlato, il tessuto danneggiato o ristretto) di solito segnano la
ne del loro uso, gli artefatti lessicali, anche se modicati, ven-
gono tacitamente riaccettati e tenuti in circolazione dalla colletti-
vit che li usa. Qualunque utensile che nel corso degli anni si
deformasse no a perdere la sua forma primitiva sarebbe buttato
via o, se antico e di valore, conservato in un museo; ma i lessemi
che nei millenni e nei secoli hanno totalmente cambiato aspetto
46 Lorigine delle parole

come per es. il lat. augustus che in francese ha perso tutto il


suo corpo tranne la vocale tonica ed diventato /u/ (scritto aot)
o il lat. habet che in italiano diventato la semplice /a/ (ha)
continuano tuttora a essere usati, e per il momento non si vede il
perch, il quando e il come si potrebbe fare a meno di loro nel fu-
turo.
Per cui, da un lato una parola del tutto simile a un fossile, in
quanto viene tramandata di generazione in generazione da tempi
anche molto antichi, e spesso conservando tracce della sua origi-
ne (come vedremo sempre nel prossimo capitolo). Dallaltro, tut-
tavia, per il fatto che il suo uso continua attualmente, essa an-
che paragonabile a un utensile moderno. In questo senso preciso,
dunque, la parola un artefatto che ha del miracoloso: come se lo
stesso ciottolo scheggiato e usato per tagliare nel Paleolitico an-
tico si fosse di generazione in generazione trasformato, senza per
questo mai cadere dalluso e cambiare identit e attualit, prima
nelle diverse varianti di strumenti di pietra usati per tagliare nel
Paleolitico Medio e Superiore, nel Mesolitico e nel Neolitico, poi
nelle diverse lame di rame, di bronzo, di ferro delle Et dei Me-
talli, e inne in quelle di acciaio o di plastica dei nostri tempi.
Nessun altro strumento umano, al di fuori della parola, ha questa
incredibile, straordinaria, e veramente miracolosa pur se ra-
zionalmente del tutto spiegabile , virt.

1.2.2.9. La parola come artefatto gratuito

Grazie alla sua immaterialit, al suo esser fatta di ato, la pa-


rola non costa niente (perno nellenergia spesa, praticamente pa-
ri a quella del ato), n a chi la produce o riproduce, n a chi la
riceve (salvo lattenzione per capirla). A differenza degli altri ar-
tefatti, le parole non hanno prezzo, il loro scambio non produce
nessuna partita di credito e debito, che non sia quella dei rappor-
ti affettivi o sociali. Naturalmente, se non vengono inserite in u-
na rete di rapporti economici di altra natura, come succede oggi
a chi parla o scrive sotto contratto. Di norma, se una o pi parole
servono a evocare in qualunque modo un bene gratuito, il loro u-
1 Cosa una parola 47

so basta per ottenerlo. Poich, come abbiamo gi visto e stiamo


per vedere, per certi aspetti la parola si lascia confrontare con la
moneta, va anche qui subito notata unaltra differenza con il de-
naro: il denaro ha un costo, che quello del lavoro che serve a
produrre il suo equivalente preferenziale, loro; perci, come ha
insegnato Marx, il suo scambio, attraverso il meccanismo del
prezzo, ha luogo con le merci.

1.3. La parola come moneta

Per concludere questa rassegna delle straordinarie propriet


della parolaartefatto, dobbiamo ora soffermarci proprio sul con-
fronto appena fatto: quello con la moneta. Lo faremo, natural-
mente, senza allontanarci dalloggetto di questo libro, che lo-
rigine delle parole, e quindi senza inoltrarci in quello che, come
gi detto, potrebbe essere il tema di un altro libro, della loro fun-
zione.
Il confronto fra denaro e linguaggio stato fatto molto presto,
da loso e da studiosi, a cominciare da Francesco Bacone nel
Medioevo, passando per Rabelais nel Rinascimento, no a Marx,
che lo aveva negato, e pi recentemente a un semiologo come
ROSSI LANDI (1968) che lo ha elaborato ma, come vedremo, in
modo insoddisfacente.
Il linguaggio ha infatti tanti aspetti in comune coi sistemi mo-
netari, come la circolazione assolutamente capillare allinterno di
una societ, il logorio, linazione, il falso, il tesoro, etc.; a-
spetti che, per il loro carattere strutturale, non hanno mancato di
colpire lattenzione dellosservatore attento e curioso. Soprattut-
to designazioni come tesoro o thesaurus ed equivalenti in altre
lingue (fr. trsor, ted. Wortschatz, etc.) sono stati, e sono tuttora,
comuni per denire in modo abbastanza accurato proprio il lessi-
co, come deposito virtuale delle parole di una lingua al quale cia-
scuno di noi pu attingere.
Vediamo ora il confronto pi da vicino. In effetti, elaborando
ulteriormente la somiglianza, e trascurando per ora (vi torneremo
48 Lorigine delle parole

subito) le n troppo evidenti differenze, facile vedere che les-


sere umano, cos come ha attribuito, quasi come unetichetta, u-
na parola a qualunque cosa che nelluniverso abbia rilevanza per
lui, anche al denaro ha dato la facolt di rappresentare pressoch
tutto, di penetrare ovunque, talvolta perno l dove le cose di so-
lito non si lasciano comprare. Cos come le parole sembrano e-
tichette attaccate a tutte le cose, o alle concezioni che ne abbia-
mo, anche il denaro, insomma, sia pure trasformando tutte le co-
se in merci, ha nito con etichettarle tutte, meno quelle che non
hanno prezzo. Che per non contano molto se vero, come si di-
ce n troppo spesso, che ogni cosa ha il suo prezzo, cos come
si dice che ogni cosa ha la sua parola.

1.3.1. La parola come moneta sui generis

Se io dico rosa la evoco. Se io dico rosa a un oraio la com-


pro, ma solo dopo averla pagata. Se io invece dico rosa a mia mo-
glie, che coltiva rose in giardino, non solo la evoco ma la ottengo
anche. In questo ultimo caso, la funzione della parola come mo-
neta appare quanto mai evidente, in quanto il contesto domestico
e lesistenza di un giardino privato, con tutti i costi (e i conti) gi
pagati che stanno a monte di questi due eventi, si trovano al di l,
o al di qua, dellinvisibile barriera del denaro, e la parola pu di-
spiegare tutta la sua reale potenza, non solo evocativa ma anche
produttiva. In realt, a ben pensarci, il bambino che dice voglio
la luna lunico autentico interprete della parola, perch ha gi
potuto scoprirne lillimitato potere evocativo senza avere ancora
scoperto, per sua fortuna, la barriera del denaro: con la parola vo-
glio e la parola luna, in realt, dovrebbe essere possibile averla!
Mentre la risposta delladulto al bambino Lerba voglio non
cresce neanche nel giardino del Re la tipica, e non del tutto
rassegnata, risposta di chi ha da tempo scoperto la barriera del de-
naro, e insegnando la moderazione al bambino cerca di consolare
s stesso col pensiero che anche il Re deve pagare per lerba
Ecco perch, in tutti i contesti che non connano con la bar-
riera del denaro, come per esempio nei rapporti familiari o, pi
1 Cosa una parola 49

genericamente, nel mondo degli affetti e dei sentimenti, la paro-


la continua a esercitare tutta la sua straordinaria potenza, non so-
lo evocativa ma anche produttiva: ti amo, ti voglio bene, ti ado-
ro, ti odio, ti aborro, ti disprezzo, ti temo, ti invidio, e cos via,
se pronunciati come valori di verit, cio con sincerit, non so-
lo evocano ma donano a chi li ascolta ci che dicono. In un rap-
porto regolato da affetto, e non da retribuzioni, una frase come
ti chiedo per piacere di fare questa cosa per me ottiene lo stes-
so risultato di chi pronuncia la stessa frase a un proprio dipen-
dente retribuito. In tutti e due i casi, il parlante pronuncia le stes-
se parole, ma solo l dove esistono rapporti familiari o amiche-
voli il risultato viene ottenuto senza ausilio del denaro. In altre
parole, mentre il denaro ha sempre bisogno della parola, la pa-
rola ha bisogno del denaro solo l dove il potere di questo si so-
vrapposto al proprio.
di qui che dobbiamo partire per cogliere, sia pure sinteti-
camente, lessenza della parola come artefatto monetario sui
generis. Per farlo, possiamo prendere le mosse dallunico stu-
dioso recente che abbia tentato di elaborare in termini teorici
lafnit fra linguaggio e sistema monetario, fra parola e mo-
neta: il gi citato semiologo ROSSI LANDI (1968). Ovviamente
in termini marxiani, dato che nessuno studioso ha nora supe-
rato il livello raggiunto da Marx nella sua analisi delleconomia
moderna e delle sue origini storiche. Rossi Landi ha visto giu-
stamente, nella parola e nel linguaggio, il risultato di un lavo-
ro, ma su questa base giusta ha poi concluso, sbagliando, che
anche la parola assimilabile a una merce. Non a caso, la sua
analisi si ferma qui. Restano infatti senza risposta le domande
pi importanti: se anche il linguaggio denaro, che bisogno c
allora del denaro vero? In che rapporto starebbe il denaro lin-
guistico con quello vero? Che differenza c fra i due sistemi
monetari? E se la parola una merce perch allora non costa
nulla? E cos via. Senza rispondere a queste domande, lassi-
milazione del linguaggio a un sistema monetario e della parola
a una moneta resta una metafora lontanamente suggestiva, ma
in nessun modo vicina a un concetto scientico.
50 Lorigine delle parole

Il problema teorico si risolve invece con unanalisi pi rigoro-


sa della parola, e cio partendo da una delle osservazioni gi il-
lustrate nelle sezioni precedenti: grazie alla natura volatile del-
la parola, che risulta dal fatto che la sua origine nel nostro re-
spiro, la quantit di lavoro cristallizzata in una parola talmente
bassa da essere trascurabile. Pi precisamente, poich il lavoro
speso per la parola coincide con quello che serve a respirare, co-
me non ci fosse. Ecco perch, fra laltro, il costo o il peso del-
la parola di solito non si misurano sulla base della sua fatica, ben-
s del suo tempo, e tutte le lingue che conosciamo hanno espres-
sioni per il chiacchierone, per lattaccabottoni, per il logorroico,
per chi prolisso, o si parla addosso, e cos via: dove laccento
non cade sulla fatica del parlare che non esiste in quanto par-
lando e ascoltando si continua pur sempre a respirare ma sul-
la perdita di tempo che subisce lascoltatore del parlante che
parla troppo. E conciso, stringato, sintetico, serrato, e cos via,
sono giudizi positivi nei riguardi del discorso che dice tutto in po-
co tempo.
Di qui, allora, la gratuit della parola che a sua volta, molti-
plicata per tutte le fonti di emissione di parole, cio per tutti i par-
lanti di una stessa lingua, genera un sistema di circolazione e di
scambio simile a quello monetario ma allo stesso tempo profon-
damente diverso, in quanto potenzialmente accessibile a tutti sen-
za differenza di classe e di censo.
Daltra parte, come abbiamo visto, il sistema monetario del
denaro ha bisogno della parola, perch senza questa non potreb-
be funzionare. Ci signica, quindi, che il denaro deve essersi so-
vrapposto al sistema monetario lessicale e linguistico dopo che
questo gi esisteva.
In unottica storica, daltra parte, sappiamo che il denaro, nella
sua forma attuale, cio aurea, metallica e cartacea, uninvenzione
non meno tipica della genialit umana di quanto non sia il linguag-
gio: infatti il prodotto pi importante e caratteristico di quel pro-
cesso di formazione che ha portato alle societ che il grande ar-
cheologo Gordon Childe chiamava urbane, e che oggi vengono
chiamate, pi precisamente, socialmente straticate, e pu quindi
1 Cosa una parola 51

essere datato, al pi presto, allinizio delle Et dei Metalli. Di con-


seguenza, nel periodo precedente, dal Neolitico agricolo proceden-
do allindietro, al Mesolitico e al Paleolitico, nel lunghissimo pe-
riodo della caccia e della raccolta e pi importante per la nostra
questione delle societ egualitarie, lunico sistema monetario
esistente doveva essere quello linguistico.
In altri termini, il linguaggio pu essere considerato non tanto
come denaro tout court, quanto come denaro sui generis, di tipo
comunistico, culturalmente sincronizzato con le societ egualita-
rie paleomesoneolitiche; e la sua invenzione, da parte di Homo
loquens, va vista come il momento iniziale della preistoria uma-
na nel pieno senso della parola, intesa come prima forma di atti-
vit conoscitiva e comunicativa per un ne produttivo comunita-
rio. Come prodotto di societ primordiali egualitarie, il linguag-
gio, infatti, risponde perfettamente alla ben nota formula marxia-
na del comunismo perfetto: a ciascuno secondo il bisogno, da cia-
scuno secondo la capacit. Inutile dire che questo miracolo si
realizzato grazie allinvenzione che ha permesso di produrre un
artefatto scambiabile senza alcun lavoro. Con il linguaggio, in ef-
fetti, lessere umano ha il potere di veicolare tutto luniverso u-
mano in modo gratuito e libero, senza restrizioni che non siano
quelle della propria competenza, mentre le sue possibilit di ac-
cesso al tesoro collettivo sono assolutamente illimitate.
Ovviamente, quando a questo sistema linguisticomonetario
di tipo assolutamente egualitario si sono sovrapposti i successivi
sistemi di straticazione sociale (da quello germinale del Neoli-
tico nale, e sempre pi accentuato dellEt del Rame e del Bron-
zo, no a quello ormai maturo e schiavista dellEt del Ferro, e a
quello feudale del Medioevo e capitalista dellEra Moderna), il
rapporto fra competenza ed esecuzione linguistica, prima condi-
zionato soltanto dalle capacit individuali, stato profondamen-
te turbato dalle disuguaglianze sociali, che hanno impedito e o-
stacolato laccesso alla cultura, e pi tardi alla scuola, e quindi la
possibilit di un pieno e libero sviluppo linguistico per tutti. Ma
nelle societ democratiche moderne, dove stato conquistato il
diritto di tutti allo studio, linuenza della struttura di classe sul-
52 Lorigine delle parole

le prestazioni linguistiche degli individui socialmente subordina-


ti pi limitata di quanto non fosse nel passato anche recente.
Daltra parte, se si volesse immaginare che cosa succederebbe se
per le mirabilia tecnologiche o altra circostanza per ora fanta-
scientica la globalizzazione capitalistica generasse tale ab-
bondanza mondiale da vanicare il valore economico delle cose
e rendere tutte le merci gratuite, ci si renderebbe conto che il mez-
zo di scambio, automaticamente, tenderebbe e coincidere di nuo-
vo col linguaggio.
Gli aspetti della parola che devono essere privilegiati, in que-
sta visione, sono dunque due: la sua incommensurabile impor-
tanza, sia per lindividuo che per la societ, e la sua illimitata di-
sponibilit, vera e propria cornucopia, che ognuno di noi esperi-
menta sia nella propria vita individuale che nella propria espe-
rienza sociale.
2. COSA SI NASCONDE IN UNA PAROLA

2.1. La parola come segno

Chiarite le propriet della parola come artefatto, possiamo pas-


sare alla categoria che domina direttamente la tassonomia della pa-
rola, e che quindi la pi rilevante per la nostra analisi: quella che
la denisce come SEGNO [ Glossario]. Sia la moneta che la pa-
rola, come molti altri artefatti che ne condividono alcune caratte-
ristiche segnalazioni stradali e di altro tipo, alfabeti, codici, ci-
frari, e cos via , appartengono infatti alla categoria degli arte-
fatti segnici, cio dei segni, oggetto di studi della SEMIOTICA o SE-
MIOLOGIA [ Glossario]. Ci che tutti i parlanti di una lingua san-
no, anche se a livello intuitivo, che la parola signica qualcosa:
un segno che sta per qualche altra cosa. Essa ha quindi, come s
gi detto, una duplice funzione: conoscitiva, in quanto individua,
classica, riassume ed evoca il REFERENTE [ Glossario] che
designa; e comunicativa, in quanto la natura fonica e sillabica del
suo corpo materiale, indissolubilmente connessa alla respirazione,
allarticolazione e alludito del parlante, serve proprio a condivi-
dere e a elaborare tale conoscenza con gli altri utenti del SISTEMA
LINGUISTICO [ Glossario], cio gli altri parlanti/ascoltatori. In
questo capitolo analizzeremo la parola come segno, riassumendo,
rivedendo e modicando alcune conclusioni tradizionali. Ci chie-
deremo quindi: come si analizza una parola intesa come segno? Di
cosa si compone? Qual la sua struttura? Anche queste, come ve-
dremo, sono domande assai complesse, alle quali, a nostro avviso,
per alcuni aspetti non si ancora risposto adeguatamente.

53
54 Lorigine delle parole

2.2. Analisi fonologica e fonetica

Anzitutto, essendo la parola creata con il nostro ato, modi-


cato dagli organi della cavit orale, essa si lascia scomporre, li-
nearmente, in suoni funzionali, cio elementi fonici minimi che
servono a distinguere una parola dallaltra, e sono quindi chia-
mati, al livello della FONOLOGIA [ Glossario], fonemi [ Glos-
sario, FONEMA]. Se per es. confrontiamo quattro parole italiana
come manca manda mancia mangia, ci rendiamo conto che tutte
e quattro queste parole hanno in comune i tre fonemi /m/ /a/ (di
cui uno tonico e uno atono) e /n/, e si distinguono invece soltan-
to per la /k/ /d/ /c/ e /g/. A loro volta, tuttavia, questi quattro fo-
nemi si possono analizzare, pi da vicino, nella loro realt arti-
colatoria o fonetica [ Glossario, ARTICOLAZIONE]: se ci limi-
tiamo alla nasale /n/, e ci fermiamo a osservare come la pronun-
ciamo nei tre diversi contesti di /nd/ /nk/ e /nc/ /ng/, ci rendiamo
conto che in ognuna di queste parole la nostra lingua prende una
posizione diversa: nel primo caso la /n/ una [n], cio una enne
dentale, nel secondo una [], una enne velare, e nel terzo e quar-
to una [n, ], una enne prepalatale. Come vedremo nel cap. 3, nella
ricerca sullorigine delle parole considerazioni di tipo articolato-
rio sono spesso fondamentali per renderci conto anche dei muta-
menti fonologici che possono intervenire nel corso della storia di
una parola.

2.3. Analisi morfologica

In secondo luogo la parola, sempre scomposta linearmente, si


lascia dividere in due o pi componenti signicativi distinti, chia-
mati nella terminologia pi vicina alla tradizione BASE o RA-
DICE o TEMA [ Glossario], per quanto riguarda la sua parte s-
sa, a cui anche afdato il nucleo semantico (o SEMEMA o SE-
MANTEMA [ Glossario]) della parola; e morfema per quanto ri-
guarda ci che la modica in rapporto a persona, numero, modo,
tempo o altre modalit del discorso. Ci muoviamo qui al livello
2 Cosa si nasconde in una parola 55

della morfologia della parola. Se consideriamo la parola sfortu-


natamente, per esempio, in una prima analisi possiamo ricono-
scervi una sequenza di quattro unit: (i) il morfema s che espri-
me il negativo (rispetto a fortunato); (ii) fortunat che esprime
il signicato principale (e per questo viene chiamato base); (iii)
a che esprime il femminile, in accordo col sostantivo seguen-
te mente, e (iv) mente, che la marca pi frequente degli avver-
bi di modo. Sicch lintera unit signicava in origine in modo
non fortunato. Possiamo poi procedere nellanalisi, distinguen-
do, allinterno di (s)fortunato, la base (s)fortuna e il sufsso a-
to/a, in origine desinenza del part. passato, col signicato di
provvisto di. Spesso, lanalisi morfologica di una parola pu
cambiare dopo la scoperta di un suo stadio anteriore: esagerato,
per es., in italiano si lascia scomporre solo nei due morfemi esa-
gerato, ma se risaliamo al suo stadio precedente, latino, sco-
priamo che esagerato si compone di ex fuori, su, oltremodo,
etc., agger argine e atus part. pass., sicch il concetto di e-
sagerazione, in ultima analisi, si rivela geneticamente associato
a quello dellargine.

2.4. Analisi semantica e semiotica

Questo ci porta a un ulteriore e fondamentale livello di anali-


si della parolasegno: quello della sua struttura interna, cio il li-
vello SEMANTICO [ Glossario], che riguarda il signicato. Sen-
za ancora muoverci dalle conoscenze comuni, la prima risposta
che qualunque parlante darebbe, a chi gli chiedesse perch esi-
stono le parole, cio a che cosa servono, sarebbe certamente che
esse servono a signicare qualcosa, a designare un signicato. Di
questa funzione delle parole, cio della loro relazione con il si-
gnicato, qualunque parlante cosciente. Non solo, ma qualun-
que parlante anche operativamente cosciente che questa rela-
zione fra la parola e il suo signicato bidirezionale: ci si pu
chiedere cosa vuol dire questa parola, e ci si pu chiedere co-
me si dice questa cosa. Forma, signicato e referente sono tre a-
56 Lorigine delle parole

spetti del segno di cui ogni parlante dunque perfettamente co-


sciente. Anche quando stiamo apprendendo una lingua straniera,
le prime domande che impariamo a fare sono sempre queste due:
What does it mean?, How do you say it?, Questceque
cela signie?, Comment diton cela?. Nel primo caso partia-
mo dalla parola ignota, e vogliamo sapere a che cosa essa corri-
sponde, nelluniverso delle realt che conosciamo anche noi. Nel
secondo partiamo da un frammento delluniverso delle nostre co-
noscenze, che immaginiamo sia comune anche ai parlanti dellal-
tra lingua, e vogliamo sapere mediante quale segno lessicale esso
sia stato realizzato nella lingua che non la nostra. Come vedre-
mo, questa bidirezionalit della relazione fra forma e signicato
attraversa come un lo rosso tutta la nostra trattazione.
Su questa relazione fra la parola e il suo signicato il lingui-
sta svizzerofrancese Ferdinand de Saussure, lo scopritore del-
larbitrariet del segno linguistico e uno dei fondatori della se-
miotica e dello strutturalismo (SAUSSURE 1916/1989), non ha ag-
giunto molto a quella che una competenza innata di qualun-
que parlante, quando ha denito la parola come segno linguisti-
co, e ha denito tale segno come composto dai due componenti
SIGNIFIANT e SIGNIFI [ Glossario] Anzi, semmai, ha tolto qual-
cosa, perch ha trascurato la cosa, il referente, che il parlante
ha invece ben presente. Per quanto riguarda la denizione del se-
gno, in effetti, fecero meglio OGDEN/ RICHARDS (1923/1966) con
il loro TRIANGOLO SEMIOTICO [ Glossario], che comprendeva
non solo symbol (simbolo), equivalente del signiant saussuria-
no, e thought (pensiero o CONCETTO [ Glossario]), equivalen-
te di signi, ma anche referent (referente). Per apprezzare quin-
di quello che c di nuovo nella formulazione di Saussure, occor-
re anzitutto ricordare che in francese il nostro signicato si di-
ce signication, per cui signi non signica tanto il signicato
nel senso comune della parola, ma rappresenta invece il semplice
participio passato del verbo signier signicare. Per cui in ita-
liano sarebbe qualcosa che si pu solo parafrasare con ci che
viene, o che stato signicato, ci che si inteso signicare,
come normale per il participio passato, e che sarebbe errato tra-
2 Cosa si nasconde in una parola 57

durre con il sostantivo. In sostanza, la denizione di Saussure e-


ra coscientemente tautologica, e quindi non voleva denire nien-
te, se non la presenza di un rapporto indissolubile allinterno del
segno: in realt, non si pu denire il segno con il segno (si-
gnicare signicando, in effetti, fare un segno), cos come
non si pu denire, per esempio, un codice con la dicotomia co-
dicante codicato, la pace con pacicante pacicato, il sempli-
ce con semplicante semplicato, lesempio con esemplicante
esemplicato, lidentit con identicante identicato, e via di-
cendo.
Saussure, in altri termini, con la sua trasparente tautologia non
mirava tanto a denire la natura del segno, quanto a sottolineare,
evitando qualunque discussione cavillosa e irrilevante sul proble-
ma, che la sola cosa che dal punto di vista funzionale gli sembra-
va assolutamente fondamentale era che il segno si compone ne-
cessariamente di ci che serve a signicare e di ci che viene si-
gnicato: dopo di che poteva procedere a dimostrare che il rap-
porto fra i due componenti arbitrario. Il grande merito di Saus-
sure la scoperta dellarbitrariet del segno, non la sua deni-
zione. Il segno, spiega Saussure, infatti per sua natura arbitra-
rio: lo dimostra inequivocabilmente il fatto che uno stesso signi-
cato, per esempio albero, si dice arbre in francese, tree in in-
glese, baum in tedesco, e cos via. Eppure si tratta pur sempre del-
lo stesso concetto di albero! dunque evidente che il rapporto fra
la forma e il signicato tanto stretto quanto, in s, arbitrario.
Daltra parte, proprio perch arbitrario, il segno devessere anche
convenzionalmente accettato da tutti i suoi utenti. Senza una con-
venzione sociale, la scelta arbitraria di un signicante per desi-
gnare qualcosa non potrebbe mai trasformarsi in segno social-
mente valido.

2.5. Analisi motivazionale o iconimica

Con la sua originale ricerca sulla natura arbitraria del segno,


Saussure aveva anche fondato la scienza che oggi si chiama se-
58 Lorigine delle parole

miotica o semiologia, e che mira a studiare non soltanto il segno


linguistico, ma anche qualunque altro sistema di segni, dal codi-
ce Morse e dalla segnaletica stradale ai fumetti, allarte, allar-
chitettura, alla letteratura. In questo ambito, tuttavia, Saussure a-
veva sollevato e discusso, purtroppo senza risolverlo, un altro
problema fondamentale del segno e della sua arbitrariet: il ruo-
lo della MOTIVAZIONE [ Glossario] nella parola, che emerge
spesso nellanalisi linguistica, e contrasta con la sua arbitrariet.
Cosa si intende, anzitutto, con questo termine?
Rispondiamo con un esempio facile: il nome degli occhiali. In
italiano occhiali, in francese lunettes, in spagnolo gafas, in in-
glese glasses, in tedesco Brille. Come nel classico esempio saus-
suriano dellalbero, anche il nome degli occhiali diverso nelle
diverse lingue: ennesima conferma che il rapporto fra nome e si-
gnicato, fra signiant e signi, fra simbolo e concetto, arbi-
trario. Ma mentre nel caso dellalbero Saussure aveva scelto, for-
se volutamente, dei nomi che anche per qualunque parlante sono
del tutto arbitrari, nel caso degli occhiali e di innumerevoli altri
referenti, la situazione ben diversa: in italiano, chiunque sareb-
be in grado di dire che occhiali risale a occhio, a cui stato ag-
giunto il sufsso ale, per indicare che si tratta di qualcosa che
serve agli occhi. Per il francese, chiunque sarebbe in grado di ri-
conoscere in lunette un diminutivo di lune, e quindi di interpretar-
lo come un originario piccola luna, riferito alla forma rotonda
delle lenti. Per linglese, tutti i parlanti sanno che glasses, in origi-
ne eyeglasses, ha il signicato letterale di vetri (per gli occhi),
da glass vetro. In spagnolo gafas il semplice plurale del nome
del gancio, della stanghetta della montatura che si aggancia allo-
recchio. Solo in tedesco, la maggioranza dei parlanti probabil-
mente non sarebbe in grado di dire che Brille viene dal nome del
berillio, il cristallo con cui anticamente si facevano gli occhiali. Pi
esattamente, lo saprebbe solo chi ha cercato la parola in un dizio-
nario etimologico o chi si occupa professionalmente di occhiali.
Ricordando insomma una distinzione resa esplicita in seguito
da ULLMANN (1952, 1957, 1962, in particolare il cap. 4, dedicato
alle transparent and opaque words; cfr. GUSMANI 1985), ma gi
2 Cosa si nasconde in una parola 59

implicita e fondamentale nel discorso di Saussure, nel lessico di


qualunque lingua si contrappongono parole motivate o traspa-
renti [ Glossario, TRASPARENTE], come occhiali, lunette, glas-
ses e gafas, e parole apparentemente immotivate o opache [
Glossario, OPACO], come ted. brille, it. albero, fr. arbre, ingl. tree,
ted. Baum. Trasparenti sono, naturalmente, anche tutte quelle pa-
role che rappresentano una derivazione morfologica da una base,
anche se questa poi, a sua volta, opaca. Non solo quindi oc-
chiali, che chiunque pu ricondurre a occhio (che per opaco!),
ma anche derivati del lessema (opaco!) andare, tipo andamento,
andante, andata, andatura, sono trasparenti. E anche per qualun-
que verbo, di qualunque sua forma regolare sapremo sempre di-
re a quale lessema verbale essa risalga. Quindi per esempio an-
date, andiate, andavate, andaste, andrete, andreste, andando, e
cos via, sono tutte, per denizione, parole trasparenti, che risal-
gono al lessema opaco andare, assunto come prototipico. Per le
stesse ragioni, se prendiamo composti come attaccapanni, auto-
strada, battipanni, battiscopa, cavatappi, dormiveglia, lavastovi-
glie, marciapiedi, nontiscordardim, parafulmine, passaporto,
portabagagli, poggialibro, schiacciasassi, tergicristallo, tirami-
s, e cos via, abbiamo sempre parole trasparenti, in quanto sap-
piamo benissimo cosa vogliono dire i loro componenti (che per,
se considerati in s, sono spesso opachi). In genere, quindi, la par-
te morfologicamente derivazionale e composta di un lessico, che
ne costituisce la maggior parte, sempre trasparente.
proprio di fronte a questa curiosa alternanza fra trasparen-
za e opacit, fra motivazione e immotivazione, che Saussure, nel
suo discorso tutto incentrato sul principio dellarbitrariet del se-
gno, arriv a una conclusione solo parzialmente giusta, che era
questa: se, nonostante larbitrariet del segno, esiste una motiva-
zione nel lessico, sia pure nella forma casuale e imprevedibile in
cui la constatiamo, essa devessere nata per evitare il caos: nes-
sun lessico, concluse Saussure, si lascerebbe gestire da un par-
lante se lintero universo lessicale fosse immotivato.
In realt, le cose sono molto pi complesse: anche se indub-
biamente vero che una morfologia strutturalmente motivata (cio
60 Lorigine delle parole

con desinenze e sufssi diversi, aggiunti sempre a una stessa ba-


se) uno strumento di enorme duttilit per la gestione di un les-
sico da parte della mente umana, Saussure non aveva capito la co-
sa pi importante: che la motivazione, come vedremo, non ca-
suale, ma una componente obbligatoria per generare la parola:
essa, cio, non serve pi dopo che la parola entrata in circola-
zione. La motivazione , per denizione, un oggetto del tipo u-
sa e getta. Ha quindi una funzione fondamentalmente genetica,
non funzionale, e come tale anche transitoria. E non avendo ca-
pito questo, Saussure si era accontentato di osservare lesistenza
di una motivazione relativa, presente in maggiore o minore mi-
sura in tutte le lingue e connessa soprattutto allapparato morfo-
logico. Chiam quindi grammaticali le lingue prevalentemente
morfologiche, il cui lessico appare come pi motivato, e lessico-
logiche quelle il cui lessico appare pi immotivato. Lesistenza di
tale motivazione relativa port poi Saussure a introdurre il con-
cetto parallelo e contrario di arbitrariet relativa, concetto che
per non doveva inciare il principio generale dellarbitrariet as-
soluta, e quindi sembrava sboccare in una contraddizione. Questa
contraddizione veniva risolta, come gi detto, interpretando la
motivazione relativa come una forza che mirava ad attenuare lir-
razionalit e il caos dellarbitrario assoluto.
Dopo le discussioni esegetiche e teoriche seguite al Cours di
de Saussure, le elaborazioni soprattutto tipologiche di BALLY
(1932), di ULMANN (1951, 1952, 1962) e di GUIRAUD (1955), e
qualche altro lavoro isolato (per es. RETTIG 1981 e, molto pi o-
riginale, GUSMANI 1985), non ci sono stati contributi che abbiano
mutato il quadro generale, di ispirazione saussuriana. anche
probabile che al declino e alla pressoch totale scomparsa della
motivazione dalle discussioni teoriche abbia anche contribuito il
fatto che il suo contesto preferenziale, a parte le discussioni sul
segno saussuriano, sia stata proprio la ricerca etimologica, che co-
me abbiamo visto non appartiene alla tematica favorita dalla teo-
ria linguistica degli ultimi quattro decenni (cfr. MALKIEL 1962,
1970, 1976, ALINEI 1994, 1995a). Sta il fatto che la voce motiva-
zione non si trova menzionata in nessuno dei sempre pi nume-
2 Cosa si nasconde in una parola 61

rosi dizionari enciclopedici linguistici pubblicati recentemente,


sia allestero che in Italia (per es. BECCARIA 1994, COLLINGE
1990, CRYSTAL 1987, MALMKJAER 1991). Solo la nuova edizione
del Dizionario di linguistica di BECCARIA (2004) lha nalmente
inclusa, con unaggiornata trattazione di Sabina Canobbio. Fra i
manuali introduttivi alletimologia, la menziona soltanto quello
recentissimo di PFISTER/LUPIS (2001), ma lo fa, curiosamente, so-
lo per escluderla, di fatto, dalletimologia e ignorando, fra laltro,
non solo il lavoro di chi scrive che sarebbe il meno ma tut-
to il formidabile lavoro etimologico, esplicitamente incentrato
sulla motivazione, dellAtlas Linguarum Europae (ALE) che
ha inaugurato la cartograa detta MOTIVAZIONALE [ Glossario]
e dellAtlas Linguistique Roman (ALiR). Atlanti che non so-
no neanche citati nella bibliograa!
Occorre poi anche notare, per rispondere alle osservazioni di
Saussure sul caos lessicale, che se vero, per esempio, che i ver-
bi irregolari (cio, di fatto, non motivati) sono la dannazione de-
gli studenti di una lingua straniera, ai native speakers essi non
fanno n caldo n freddo: per un parlante italiano, la differenza
formale fra io parlo e noi parliamo da un lato, e io vado e noi an-
diamo dallaltro, pu passare del tutto inavvertita: la sola cosa di
cui si perfettamente coscienti la differenza semantica fra I per-
sona singolare e II persona plurale. Lo stesso dicasi per la coppia
regolare parlo = parlare, rispetto a quelle irregolari vado an-
dare, o sono essere. In termini generali, insomma, non si pu
assolutamente sostenere che il parlante, confortato dalla mancan-
za di motivazione nelle parole che pronuncia o ascolta, avverta u-
na qualche sensazione di caos o di una sua minaccia incombente:
la verit che della motivazione e/o della sua mancanza il par-
lante neanche si accorge. Lunica cosa che conta per lui che le
parole dette e ascoltate signichino qualcosa.
Per cui la domanda a cui Saussure e i suoi studiosi non hanno
saputo dare una risposta adeguata resta questa: se della motivazio-
ne lessicale il parlante non si rende conto, se non gli serve, perch
essa esiste? E la risposta si lascia trovare facilmente nella semioti-
ca, cio proprio nel terreno aperto con tanto successo da Saussure.
62 Lorigine delle parole

2.5.1. La motivazione (iconimo) come ombelico della parola

Il problema che nello studiare la motivazione sia Saussu-


re che i maggiori studiosi di semiotica da OGDEN/RICHARDS
(1923/1966) a Umberto Eco (ECO 1975, 1984) non hanno te-
nuto presenti tutte le nozioni di semiotica a cui occorre rifarsi.
Come noto, infatti, la condizione sine qua non per lesisten-
za di un segno, di qualunque tipo, quella che proprio Saussu-
re aveva giustamente sottolineato come la sua socialit, cio la
sua NOTORIET [ Glossario] nella comunit che lo adotta.
Questo si lascia osservare nel modo pi semplice a livello mi-
crosociale: se due o pi persone volessero creare un codice per
comunicare in pubblico senza essere capiti dagli altri, cosa do-
vrebbero fare? Ovviamente, dovrebbero accordarsi preventiva-
mente sul codice stesso: come, per esempio, nel gioco infanti-
le in cui si parla aggiungendo a ogni sillaba unaltra sillaba con
f allinizio e vocale eguale a quella originale. Per cui cosa di-
venta cofosafa e caso cafasofo. In altre parole, gli utenti di un
codice, siano essi due individui o duecento milioni, debbono
conoscere, preventivamente, la chiave del codice. Come i se-
miologi ben sanno, insomma, un segno linguistico, per deni-
zione arbitrario, ha bisogno di notoriet preventiva. Ma quel-
lo che i semiologi non hanno visto che esistono almeno tre
modi concreti di PUBBLICIZZAZIONE [ Glossario] preventiva
di un sistema convenzionale di segni, tutti e tre molto diversi
fra loro.
In un primo ambito, per niente studiato, pur essendo molto im-
portante perch quello dei sistemi monetari e di quelli metrici,
la notoriet si raggiunge nel modo che potremmo chiamare isti-
tuzionale e pubblico. In questo ambito il codice segnico viene
preventivamente pubblicizzato mediante la sua registrazione uf-
ciale, sancita e garantita dalla legge e dalle autorit. Nel caso del
segno monetario, questa istituzionalizzazione del codice avviene
necessariamente attraverso il conio ufciale della zecca di stato,
unica custode e gestrice del sistema monetario corrente in una na-
zione, mentre nei sistemi metrici ci avviene attraverso il deposi-
2 Cosa si nasconde in una parola 63

to di un modello ufciale, il campione1, nelle apposite istituzioni


internazionali. Anche in ambito linguistico esiste questa proce-
dura istituzionale, per esempio per i nomi propri delle persone,
che vengono obbligatoriamente registrati dallanagrafe, o per
quelli commerciali, che vengono registrati dalle camere di com-
mercio.
In un secondo ambito, che potremmo denire, in opposizio-
ne al precedente, privato, la pubblicizzazione preventiva di un
segno, come per esempio il nome o il logo di un prodotto com-
merciale, non ha carattere impositivo come quello precedente,
ma viene raggiunta mediante la pubblicit commerciale vera e
propria, nel senso moderno della parola: come si dice oggi, do-
ve non c lo stato c il mercato. Tutti conosciamo esempi di pa-
role articiali o esistenti lanciate dalla pubblicit, ed en-
trate nel lessico comune: come per esempio la penna biro, il mo-
tore diesel, il pullman, il cui nome identico al cognome dei ri-
spettivi inventori, ungherese, tedesco e americano.
Nel terzo ambito, che proprio quello linguistico, e che cu-
riosamente del tutto sfuggito ai semiologi, la notoriet del segno
viene raggiunta con un espediente tanto geniale quanto semplice,
consistente nel RICICLAGGIO [ Glossario], cio nel riutilizzo di
lessemi preesistenti, e quindi gi conosciuti, adottati per desi-
gnare il nuovo referente. Per questo, per designare locchiale, pos-
siamo usare parole preesistenti, il cui signicato ben noto, co-
me quelle per occhio, vetro, luna, berillio, gancio. Questa
procedura di riciclaggio non n pubblica n privata, non richie-
de n lo stato n il mercato, ma ricorre al patrimonio linguistico
della collettivit stessa, in quanto patrimonio collettivo. Sfrutta
quindi la propriet della parola che abbiamo illustrato, di essere
collettivistica, accessibile a tutti in egual misura, e allo stesso
sempre disponibile e come tale inestinguibile. Anche se la lingua
scritta, tendenzialmente elitaria nella nostra societ, tende ad at-

1. Non mi soffermo qui sugli importanti aspetti teorici, a mio parere non ancora stu-
diati, del campione, nel suo rapporto con la genesi dei segni metrici. Accenni alla que-
stione in ALINEI (1979, 1980b).
64 Lorigine delle parole

tenuare questo collettivismo originario e ad accentuare articial-


mente le differenze sociali usando, per esempio, un vocabolario
arcaizzante, come egli anzich lui, ella anzich lei, recarsi inve-
ce di andare, e cos via, la caratteristica di fondo del linguaggio
resta questa.
importante sottolineare, di nuovo, che questa strategia di
riutilizzazione del preesistente, appropriatamente modicato
per eseguire una nuova funzione, ha un ruolo fondamentale nel
processo evolutivo umano, e la sua importanza fu sottolineata da
Darwin. Proprio la facolt linguistica, per esempio, fa uso di or-
gani che servono in primo luogo alla respirazione, alla mastica-
zione e alla deglutizione (cfr. ALINEI 1996a: cap. 13). In ambito
glottogonico, dunque, anche il riutilizzo di lessemi esistenti per
crearne dei nuovi fa parte integrante di ununica strategia biolo-
gica, divenuta ormai culturale, e in atto da sempre.
Di altri due modi per motivare i lessemi, che in apparenza so-
no diversi ma in sostanza si lasciano ricondurre allo stesso mo-
dello, diremo fra poco.
Emerge allora laspetto paradossale della motivazione, che
questo: proprio perch il segno linguistico nella sua essenza ar-
bitrario, esso senza altre forme di pubblicizzazione ha an-
che bisogno di essere allo stesso tempo motivato. In realt, il se-
gno linguistico arbitrario non pubblicizzato deve essere motivato
perch solo in questo modo esso diventa immediatamente noto, e
non ha quindi pi bisogno di passare attraverso altre procedure
pubblicitarie. La motivazione non quindi un aspetto permanen-
te della natura del segno, ma una sorta di cordone ombelicale con
esso, cio uno strumento rappresentativo e comunicativo transi-
torio, mediante il quale il segno arbitrario neonato pu essere a-
dottato e appreso immediatamente da tutti. E pur essendo desti-
nato a scomparire, esso tuttavia lascia le sue tracce visibili nella
parola cui ha dato vita, proprio come il cordone ombelicale reci-
so lascia un segno nel corpo umano: la motivazione lombelico
della parola.
2 Cosa si nasconde in una parola 65

2.5.2. Una nuova terminologia e una nuova convenzione per la


motivazione

Chiarito che la motivazione fondamentale per la genesi del


segno, e quindi per qualunque ricerca sullorigine e la storia del-
le parole, tutte per denizione nate con questa caratteristica, ap-
pare anche evidente che si impone la scelta di un neologismo per
designarla. Il termine tradizionale di motivazione infatti troppo
carico di altri sensi per poter designare tutti i complessi aspetti di
quello che si rivela ora come loggetto di una disciplina linguisti-
ca autonoma. Non pu, anzitutto, fungere da base per un TECNI-
CISMO [ Glossario] che designi lo studio del fenomeno: moti-
vologia si baserebbe su un termine ancora pi ambiguo, usato fra
laltro anche in altre discipline umanistiche. Pi importante, me-
diante il termine di motivazione non si pu distinguere il fenome-
no del riciclaggio di lessemi preesistenti, effettuato per creare
nuovi lessemi con lo stesso signicante ma con un diverso signi-
cato, dallo strumento per realizzarlo. E la confusione fra i due
concetti non permette alla teorizzazione di decollare veramente.
La famiglia di neologismi scientici per designare il fenomeno
nei suoi vari aspetti, proposta da chi scrive (ALINEI 1995b,
1997a), e che ha gi avuto un certo successo anche allestero,
quella che si basa su ICONIMO [ Glossario], termine aplologico
che fonde icona immagine e onimo nome, cio no-
meicona, nome che attraverso il proprio riciclaggio rappresen-
ta direttamente il nuovo referente concettuale. Sulla sua base si
possono poi coniare ICONIMIA [ Glossario] come nome del fe-
nomeno, derivati come iconimico, per designare e riferirsi al fe-
nomeno, ICONIMOLOGIA [ Glossario] per designare lo studio o
la ricerca delliconimo, ICONOMASTICA [ Glossario] per desi-
gnare linsieme degli iconimi e/o la disciplina, seguendo il mo-
dulo di toponimia, toponomastica e simili, ICONOMASIOLOGIA
[ Glossario] per designare lo studio della motivazione applica-
to allonomasiologia, e cos via.
Si potrebbe obiettare che lesistenza sopra notata di se-
gni linguistici non motivati, creati articialmente, e imposti alla
66 Lorigine delle parole

comunit in modi pubblicitari di tipo commerciale, oppure quella


di nomi propri, assolutamente opachi, e tuttavia adottati univer-
salmente, dimostra che liconimia non veramente obbligatoria.
Questo verissimo, ma va inteso storicamente: da quando esiste
la lingua scritta, nellambito di societ socialmente straticate, i
cui ceti egemoni possono valersene per pubblicizzare le loro vo-
lont, liconimia non pi obbligatoria. Ma anche in questo nuo-
vo contesto storico, il ricorso a procedure non iconimiche resta pur
sempre uneccezione che conferma la regola: ci che la natura ar-
bitraria del segno impone soltanto la notoriet, e non liconimia.
Anche nelle societ alfabetizzate, per denizione straticate, li-
conimia resta il modo preferenziale per raggiungere la notoriet
del segno senza ricorrere a forme pubblicitarie o di registrazione
istituzionale ogni volta che nasce una parola o cambia un signi-
cato. Accanto a essa nascono nuove procedure: per esempio quel-
la delle abbreviazioni usate nel parlato2 istituzionali, politiche,
scientiche, tecniche o comuni , come IVA, ICI, IRPEF, DNA,
ABS, CGIL, CISL e tante altre; o quella dei nomi creati articial-
mente di prodotti commerciali. Con queste procedure le autorit i-
stituzionali, i grandi produttori economici e gli stessi parlan-
ti/scriventi possono, tutte le volte che lo vogliano, creare o impor-
re nomi che entrano nel linguaggio di tutti, anche senza iconimia,
raggiungendo la notoriet con le altre due modalit che abbiamo
visto. Ma si tratta di fenomeni strettamente dipendenti dallesi-
stenza della lingua scritta, cio di un Homo scribens [ Glossa-
rio, HOMO SCRIBENS], e quindi recentissimi, rispetto allo sconna-
to quadro cronologico di Homo loquens, oltre che rari e occasio-
nali rispetto alla frequenza e alla portata delliconimia per lincre-
mento lessicale.
Inoltre, constatato che la parola come segno si lascia scom-
porre, senza contare il referente, in tre componenti, e non in due
come si sostenuto no ad ora, conviene anche introdurre, per
maggiore chiarezza e praticit, una nuova convenzione graca per

2. Ce ne sono molte usate solo nello scritto, come km, m., gr., sig., dott., avv., ing.,
SV e tante altre.
2 Cosa si nasconde in una parola 67

distinguere liconimo dal signicato. Nel caso del fr. lunettes, per
esempio, avremo, accanto alla forma appena citata in corsivo, il
signicato occhiali citato fra virgolette, e liconimo fra parente-
si a graffa {luna}. Lutilit della convenzione si apprezza di pi se
letimologia di una parola abbia rivelato un iconimo inatteso: /it.
ciao < {venez. sciao schiavo}\; /it. schiavo < {lat. tardo scla-
vus slavo}\, dove allinterno delle graffe il corsivo distingue li-
conimo formale concreto dal suo livello astratto. Senza menzione
delliconimo concreto avremmo: /it. ciao < {schiavo}\, /it. schia-
vo < {slavo}\. Come vedremo, la convenzione proposta si presta
anche a distinguere fra diversi livelli di astrazione iconimica.

2.5.3. Liconimo nella parola e nella moneta

Poich abbiamo illustrato le profonde afnit della parola con


la moneta, utile rilevare come liconimo esista e non potreb-
be mancarvi! anche nella moneta. Anzi, nella moneta liconi-
mo ancora pi chiaramente visibile. Il semplice pezzo di metal-
lo o di carta, infatti (che, come materiale grezzo, paragonabile
al ato della voce umana con cui si crea la parola), viene trasfor-
mato in segno attraverso il suo conio istituzionale, che con-
siste nellimpressione di immaginiicone, riconoscibili da tutti,
riprodotte sul suo verso e sul suo recto, con le quali lautorit i-
dentica, consacra e legittima la moneta. Anche qui, dun-
que, il conio ufciale delliconimo monetario che trasforma il
pezzo di carta o di metallo in qualcosa di pubblicamente circo-
lante, in moneta corrente (ingl. currency), e come tale noto o-
vunque, proprio come liconimo lessicale prelevato dal tesoro
lessicale collettivo permette alla nuova parola di entrare im-
mediatamente in circolazione senza lintervento di alcuna auto-
rit. E anche nel caso della moneta, una volta che sia entrata in
circolazione, il suo conio pu essere danneggiato, perdere parte
della propria forma a causa delluso, o per un incidente, senza
causare alcuna perdita di valore.
68 Lorigine delle parole

2.5.4. Iconimia fonica, iconimia lessicale

Come abbiamo gi accennato, il riciclaggio delle parole pree-


sistenti non il solo modo per motivare le parole: i modi di tipo
istituzionale e pubblicitario, qui sopra illustrati, raggiungono la
notoriet senza alcuna forma di riciclaggio lessicale. Ma vi un
altro modo di iconimia che, pur sembrando, in apparenza, diver-
so da quello lessicale, in sostanza si lascia ricondurre allo stesso
modello appena illustrato: quello in cui il riciclaggio, invece di
essere lessicale, fonico. Appare quindi un tipo di iconimia fo-
nica, suddiviso, a sua volta, in due sottotipi: onomatopeico [
Glossario, ONOMATOPEA] e fonosimbolico [ Glossario, FONO-
SIMBOLISMO]. Vediamoli pi da vicino.
Il tipo onomatopeico quello in cui liconimo viene scelto per
associazione con il suono assunto come noto prodotto dal
referente (cfr. GUSMANI 1985, p. 331). Per es. chi ha introdotto per
primo il {tic tac} come iconimo del ticchettio di un orologio po-
teva contare sulla comprensione immediata del rumore che si i-
mitava: il {tic tac} mirava a evocare il suono dei primi orologi
prodotti, quelli a pendolo, e per questo contrapponeva il tic della
prima oscillazione al tac della seconda3.
Il tipo fonosimbolico, scoperto dal linguista russoamericano
Roman Jakobson in alcuni studi fondamentali (principalmente
JAKOBSON 1941/62) (ma chiamato anche, molto meno chiara-
mente, espressivo), quello che riconosce, in termini elementa-
ri come mamma, pappa, nanna, tata, cacca, pip e molti altri si-
mili, la presenza di suoni articolatori che si associano al referen-
te in modo inconscio (per alcuni studiosi, fra cui anche chi scri-
ve, in senso freudiano). Anche in questo caso, di fatto, si utiliz-
za materiale gi noto, sia pure a livello inconscio, come il suono
{/m/} per la labialit dellallattamento infantile (cfr. mamma,
mammella).

3. Il modulo i/a lo stesso di zigzag, ingl. chifchaf lu, che canta basandosi
su due note, etc.
2 Cosa si nasconde in una parola 69

2.5.5. Iconimia paradigmatica e metaforica, iconimia sintagma-


tica e metonimica

Allinterno della tipologia iconimica possiamo ancora distin-


guere fra due diverse modalit di scelta: (I) nellambito di un cam-
po PARADIGMATICO o ASSOCIATIVO o METAFORICO [ Glossario],
e (II) in quello di un campo SINTAGMATICO o DEFINITORIO e DE-
SCRITTIVO o METONIMICO [ Glossario].

(I) Le iconimie di tipo paradigmatico o associativo sono le


tre seguenti: i due tipi gi illustrati (I 1) onomatopeico e
(I 2) fonosimbolico, in cui lassociazione paradigmatica
fonica, e (I 3) il tipo metaforico, in cui lassociazione
lessicale (per es. {luna} per designare gli occhiali).
(II) Nella scelta sintagmatica o denitoria e descrittiva, inve-
ce, liconimo viene scelto, arbitrariamente, fra i compo-
nenti della proposizione che rappresenta la denizione
concettuale del referente, come {occhio} {vetro}, {beril-
lio} {gancio} per gli occhiali, {lavare} e {stoviglia} per il
lavastoviglie, etc., e quindi , di fatto, di tipo metonimico.

Se queste quattro sottocategorie delliconimia hanno in comu-


ne la scelta di un iconimo, fonico o lessicale, per designare il re-
ferente, percentualmente, tuttavia, va osservato che sia i termini
onomatopeici che quelli fonosimbolici rappresentano una frazio-
ne minima del lessico delle lingue. La stragrande maggioranza
del lessico di una lingua presenta tipi iconimici metonimici o me-
taforici.
70 Lorigine delle parole

2.5.6. Aspetti delliconimia

2.5.6.1. Liconimo come unica causa del mutamento semantico


ovvero: il mutamento semantico come creazione di si-
gnicato

Quando noi parliamo di una parola che cambia signicato,


o di mutamento semantico, ci esprimiamo in modo impressioni-
stico: come se la parola, reicata [ Glossario, REIFICAZIONE],
avesse la capacit organica di cambiare qualcosa di s. Anche se
difcile non mantenere luso dellespressione, per la sua evi-
dente comodit, la realt unaltra. La parola in s non cambia,
n nella forma n nel signicato. Quando cambia, sia fonetica-
mente che semanticamente, lo fa perch costrettavi da fattori e-
sterni, che agiscono sul parlante. Ci che non cessa mai di cam-
biare, in una comunit di parlanti, sono solo due cose: (A) la co-
munit stessa, soggetta a qualunque evento primi fra tutti i con-
tatti culturali e linguistici, lIBRIDAZIONE LINGUISTICA [ Glos-
sario] con altre comunit e il rimescolio delle componenti socia-
li con le conseguenti innovazioni; (B) la produzione linguistica di
proposizioni ben formate, cio di elaborati concettuali che, per
denizione, sono sempre, potenzialmente, anche signicati. Lo
diventerebbero se fossero lessicalizzati. Per esempio, se nella
quotidianit del sociale diventa comune inviare un messaggio
scritto tramite telefono cellulare, possiamo prevedere che qua-
lunque forma coniugata di questa espressione come io ti man-
do un messaggio tramite cellulare, tu mi mandi, lui mi ha man-
dato, ci inviamo, ci invieremo un messaggio, e cos via
prima o poi verr abbreviata e compattata quindi resa molto
pi economica mediante la sua lessicalizzazione tramite il
nuovo verbo messaggiare, basato sulliconimo {messaggio + a-
re}. Come signicati potenziali, ovviamente, tali proposizioni e-
sistono prima e indipendentemente dalle scorciatoie lessicali [
Glossario, SCORCIATOIA], cio dai lessemi che i parlanti possono
adottare per designarle. E quando un parlante si decide a lessica-
lizzare una nuova concettualizzazione, sappiamo ora che non lo
2 Cosa si nasconde in una parola 71

fa con una nuova parola, bens con una vecchia parola (o con un
vecchio sintagma), a cui poi attribuisce il nuovo signicato da lui
elaborato. Ci che nuovo quindi, in questa pi precisa analisi,
solo il concetto lessicalizzato, e non la parola, che in s sempre
vecchia. Il mutamento semantico quindi in realt unillusione
ottica, in quanto noi riteniamo di vedere la stessa forma passare
da un signicato X a un signicato Y, mentre in realt ci che suc-
cede solo la presa di coscienza che un concetto Y, non ancora
lessicalizzato, nel momento della sua lessicalizzazione diventa un
signicato lessematico, ricevendo come nome una parola X pree-
sistente. Il motore di questo mutamento, ovviamente, non sta nel-
la parola stessa ma nel parlante.
Se quindi volessimo descrivere ci che succede nel muta-
mento semantico non pi in modo impressionistico, ma in modo
rigoroso, e nei nuovi termini di cui ora disponiamo, non do-
vremmo pi dire che una parola ha cambiato signicato, quan-
to, pi precisamente, che un parlante ha individuato un nuovo
signicato che merita di essere lessicalizzato e a tale scopo ha
scelto una parola preesistente come suo iconimo. Non muta-
mento di signicato, dunque, bens creazione di signicato,
con riutilizzo, da parte del parlante, di una vecchia parola per de-
signarlo.
Anche se concentriamo la nostra attenzione non pi sul par-
lante, unico motore della lessicalizzazione, ma sulla parola stes-
sa, semplice soggetto passivo dellinnovazione, il mutamento di
signicato della parola si lascia denire pi precisamente come
un mutamento di ruolo da parte di una vecchia parola, che da no-
me di un vecchio referente diventa un iconimo del nuovo signi-
cato, trasformandosi cos nel nome del nuovo referente. Cos co-
me viene concepito dalla linguistica tradizionale, invece, un mu-
tamento di signicato paragonabile allevento prodigioso per
cui qualcosa si trasforma magicamente in altro. Sostenere che la
parola penna ha cambiato organicamente di signicato, per e-
sempio, tanto poco rispettoso della realt quanto lo sarebbe laf-
fermazione che la piuma doca si trasformata magicamente nel-
la penna. Mentre per quanto riguarda la realt dello sviluppo sap-
72 Lorigine delle parole

piamo benissimo che, ben lungi dal trattarsi di una magica meta-
morfosi, prima della penna per scrivere c stato qualcuno che ha
inventato linchiostro, e poi qualcun altro che ha avuto lidea di
appuntirne la punta per poterla intingere nellinchiostro stesso e
poi scriverci: non lartefatto che si cambiato da solo, ma lar-
tece che lo ha cambiato. Analogamente, perch penna cambias-
se di signicato stato necessario che lautore dellinnovazione
tecnica scegliesse il nome della penna duccello come iconimo
per designare lo strumento scrittorio.

2.5.6.2. La lessicalizzazione iconimica come genesi del signi-


cato

Il processo con cui nasce una parola si ripete dunque, in mo-


do assolutamente identico, ogni qual volta il signicato della stes-
sa parola cambia. E il fenomeno di genesi del signicato, comu-
ne ai due processi, quello che tecnicamente, come abbiamo vi-
sto, viene chiamato lessicalizzazione. Con essa, un nuovo refe-
rente, una nuova nozione, rappresentata nel nostro pensiero da un
elaborato concettuale o concetto che la denisce, viene conden-
sata e compattata, mediante la scelta di un iconimo, in una singo-
la unit lessicale.
Se prendiamo le lessicalizzazioni che nascono nel corso della
nostra vita, che sono tantissime, possiamo renderci conto che que-
sti sono gli aspetti salienti del fenomeno. E possiamo farlo con
precisione molto maggiore di quanto non ci riesca proiettandoci
nel passato, inaccessibile alla nostra osservazione diretta anche se
non il passato pi remoto. Nella ricerca etimologica tradiziona-
le, invece, ci si interessa a ricostruire la storia delle parole le cui
origini sono lontane da noi, e quindi senza una possibilit di veri-
ca precisa e totale. Anche i trattati di semantica, i capitoli di se-
mantica della linguistica storica, e in particolari gli studi del mu-
tamento semantico, di solito trascurano lo studio dei processi di
lessicalizzazione vissuti direttamente, e si concentrano invece sui
mutamenti semantici avvenuti nellantichit, sempre assunti co-
me spontanei e quindi imprevedibili, senza regole, e come tali
2 Cosa si nasconde in una parola 73

non suscettibili di uno studio che non sia occasionale, curioso, e-


rudito ed enciclopedico.
Questo avviene da un lato perch liconimo non mai stato al
centro dellattenzione degli etimologi, che lo hanno s notato
senza esplicitarlo quando esso emergeva dalla loro ricerca, ma
hanno sempre rivolto il loro sforzo principale alla ricerca delle-
timo in senso tradizionale e stretto, cio, come vedremo nel pros-
simo capitolo, di uno stadio pi antico della forma; dallaltro, per
un preconcetto per il quale i processi semiotici volontari, attuali
o recenti, sono meno signicativi di quelli spontanei e antichi.
invece importante capire che proprio perch il processo di pub-
blicizzazione del segno convenzionale consiste nel riciclaggio di
termini gi correnti, adottati per designare nuovi signicati, poco
importa che questo fenomeno avvenga ora o sia avvenuto antica-
mente, e in modo volontario (come nel caso della lessicalizzazio-
ne medievale degli occhiali e di qualunque nuovo referente na-
to sotto i nostri occhi), o spontaneo (come nel caso di ciao da
schiavo o di penna per scrivere da penna duccello). In ambedue
i processi, infatti, il ruolo delliconimo esattamente lo stesso,
anche se le modalit di scelta sono pi spesso sintagmatiche e de-
scrittive nel primo caso che non nel secondo.
Ci che importa capire, insomma, che ogni lessicalizzazio-
ne comporta necessariamente un mutamento semantico cio
la creazione di un nuovo signicato in quanto in essa il vec-
chio nome, adottato come iconimo, acquista un nuovo signica-
to. E che viceversa ogni mutamento semantico implica una lessi-
calizzazione, in quanto, fornendo a una vecchia parola un nuovo
signicato, di fatto ne crea unaltra. Lo studio del processo di les-
sicalizzazione in vivo non solo rientra nellambito della ricerca
storicosemantica, ma ne costituisce anzi il fondamento teorico.
Il ruolo delliconimo infatti molto pi chiaramente osservabile
nei processi di lessicalizzazione diretta. Come abbiamo visto, an-
che il concetto di mutamento semantico, pur restando indi-
spensabile per descrivere a posteriori, cio post factum il
risultato del processo iconimico, non ne descrive adeguatamente
lessenza.
74 Lorigine delle parole

2.5.6.3. Liconimia come causa della trasformazione del concet-


to in signicato

Abbiamo visto come Saussure ignori il referente, mentre Og-


den e Richards lo includono nel loro triangolo. Senza referenti
reali, non potrebbero esserci referenti concettuali, che a loro vol-
ta sono quelli che noi lessicalizziamo. Il referente, dunque, ci
vuole, in una denizione analitica del segno, e in questo il trian-
golo di Ogden e Richards superiore alla dicotomia saussuriana.
Ma perch il triangolo pone thought pensiero al posto del signi-
saussuriano? Anche se evidente che pensiero sta qui per con-
cetto, e la triade quindi quella composta dal simbolo, dal con-
cetto e dal referente, come nasce il signicato vero e proprio? Og-
den e Richards non rispondono a questa domanda, n potevano
farlo in mancanza della nozione di iconimia. Il segreto del segno
infatti proprio questo: nel momento in cui entra in azione lico-
nimia, avviene anche un altro fenomeno: il concetto del referen-
te si trasforma nel signicato della parola: uno dei due aspetti
alchimistici delliconimia, assieme a quello delliconimo stes-
so, che da nome del vecchio referente diventa nome del nuo-
vo referente. Alla ne del capitolo torneremo su questo punto,
precisandolo.

2.5.6.4. Scomparsa delliconimo dopo lassolvimento della sua


funzione

Chiarita la funzione genetica e transitoria delliconimo, di-


venta facilmente comprensibile perch esso, subito dopo aver
svolto la propria funzione pubblicitaria, passi immediatamente
in secondo piano e possa poi anche scomparire: proprio come il
cordone ombelicale. Diventa anche comprensibile perch questo
processo di perdita delliconimo non sia sso e obbligatorio, ma
legato a circostanze casuali, storiche. Diventa soprattutto chiaro
che esso genera da un lato la distinzione fra lessemi opachi e les-
semi trasparenti, dallaltra quella fra arbitrariet assoluta e rela-
tiva, e fra lingue lessicologiche e lingue grammaticali. Dellop-
2 Cosa si nasconde in una parola 75

posizione fra lingua naturale e lingua convenzionale diremo fra


poco.
La scomparsa delliconimo dovuta al mutamento fonologico
stato uno dei temi favoriti della ricerca, e quindi non meriterebbe
unulteriore illustrazione. Dar un esempio, tuttavia, che serve a
chiarire un punto. Il saluto ciao oggi assolutamente immotivato
e solo la ricerca etimologica in grado di ricondurlo alliconimo
{schiavo} (che, a sua volta, risale alliconimo {slavo}). Una vol-
ta introdotto il nuovo saluto mediante liconimo {schiavo} che
esprimeva una dichiarazione di disponibilit a servire (cfr. luso
di servus come saluto in Austria e in Ungheria) , i diversi pro-
cessi di conversione fonetica lo oscurarono completamente. Re-
st il saluto convenzionale, del tutto opaco al parlante. Lo stesso
accaduto allinglese goodbye (in origine da God be with you
Dio sia con te), al tedesco regionale tchss (da adieu), al pie-
montese cerea (da serea signoria). Al contrario, un saluto come
arrivederci (e analogamente fr. aurevoir, sp. hasta la vista, ted.
aufwiedersehen) rimasto ancora del tutto trasparente. Sul piano
funzionale, come si pu notare, non vi alcuna differenza fra ciao
e arrivederci: tutti e due, come saluti, funzionano egregiamente e
nessun parlante nota la differenza fra i due. Anche sul piano ge-
netico, la differenza fra ciao e arrivederci solo apparente: tutti
e due hanno un iconimo. La sola differenza quella del tutto su-
perciale che arrivederci rimasto trasparente, mentre ciao di-
ventato opaco. Differenza non solo superciale ma anche casua-
le, in quanto si deve solo al fatto che ciao nato in unarea dia-
lettale in cui la parola schiavo veniva pronunciata [sc'avo], da cui
poi, per successive conversioni, ciao, mentre arrivederci nato in
Toscana, e ha conservato le sue caratteristiche fonetiche origina-
li. Se anche arrivederci fosse nato al nord, probabilmente avrem-
mo una forma opaca come *arvtsi o qualcosa di simile, e sareb-
be divenuto anchesso opaco. Se ciao fosse nato in Toscana, si di-
rebbe ancora schiavo, e tutti sarebbero in grado di capire perch.
Qualunque lessicalizzazione, nel momento in cui viene fatta, uti-
lizza necessariamente un iconimo. Sono i processi di mutamento,
sia culturale (semantico) che fonetico, che possono oscurare la tra-
76 Lorigine delle parole

sparenza originaria. E poich questi processi di mutamento dipen-


dono, come vedremo, da cause diverse, e avvengono con modalit
e con conseguenze anche diverse, essi rendono il processo di scom-
parsa iconimica del tutto casuale e imprevedibile.
La scomparsa delliconimo pu, naturalmente, avvenire anche
senza mutamenti fonetici, e per semplici ragioni di carattere sto-
ricoculturale: quando parliamo di vaccino per linuenza, nes-
suno di noi pensa alla {vacca} da cui deriva, perch lo scarto fra
il signicato delliconimo e quello del nuovo nome ormai trop-
po grande; e quando andiamo allopera, non associamo certo que-
sta parola a operaio, o alloperazione chirurgica. E tanto meno
ci rendiamo conto, nel parlare di un tramonto sul mare, di dire
qualcosa di assurdo, letteralmente, perch in origine la parola tra-
montare signicava scomparire {tra i monti}, e quindi fu in-
ventata da parlanti che abitavano in una zona montuosa! Levolu-
zione storicoculturale, la diffusione delle parole su tutto il terri-
torio della comunit e lo scarto fra il signicato originario delli-
conimo e il signicato della nuova parola sono i principali fatto-
ri che rendono opaca una parola nonostante la perfetta conserva-
zione della sua forma fonologica originaria.
La dialettica fra presenza vs assenza, fra modo volontario vs
spontaneo delliconimia risolve anche, una volta per sempre,
lantica ma mai sopita diatriba fra i sostenitori delle due visioni
diametralmente opposte del linguaggio: quelli del linguaggio co-
siddetto naturale, o naturalista, e quelli del linguaggio conven-
zionale o convenzionalista. Questa opposizione attraversa co-
me un lo rosso e domina tutta la storia della linguistica. Gi nel
Cratilo, il dialogo che Platone dedica al linguaggio, si fronteg-
giano da una parte la posizione di Cratilo, che sostiene che la lin-
gua riette lessenza della natura, per cui letimo della parola
coincide con la sua verit (come in realt liconimia), dallaltra
Ermogene, che sostiene che la lingua solo convenzione (come
in realt la scelta delliconimo). Tutti e due hanno ragione, per-
ch se vero che il linguaggio natura, in quanto la scelta delli-
conimo riette sempre il diretto rapporto fra il parlante e la natu-
ra delloggetto che sta designando, anche vero che il linguaggio
2 Cosa si nasconde in una parola 77

convenzione, in quanto il ricorso alliconimo determinato dal-


lesistenza di una convenzione linguistica preesistente, che ne per-
mette la scelta fra uninnita serie di possibilit, e la scomparsa
stessa delliconimo non lascia altro di visibile, nella parola, che non
sia il suo nuovo uso convenzionale. In altri termini, il contrasto fra
linguaggio come natura e linguaggio come convenzione non al-
tro che la traduzione in termini losoci della contrapposizione
saussuriana fra motivazione e arbitrariet, e ambedue si lasciano ri-
solvere dalla nuova visione, qui illustrata, della genesi del segno.

2.5.6.5. Iconimo come scorciatoia di un concetto e modalit del-


la sua scelta

Un altro aspetto fondamentale delliconimo, che abbiamo gi


menzionato, il suo ruolo di scorciatoia del signicato. Questo
aspetto, gi intravisto dai primi studiosi di semantica per e-
sempio Darmesteter , stato dimostrato in modo denitivo dal-
lo psicolinguista russo L. S. Vygotsky in studi che risalgono agli
anni Trenta, ma che in Occidente sono diventati accessibili solo
negli anni Sessanta (VYGOTSKY 1934/1990). Anche se Vygotsky
nei suoi studi parla del nome, o della parola, e non delliconi-
mo, dalla sua trattazione del tutto chiaro che quanto egli dice si
riferisce esclusivamente alliconimo. Vedremo fra poco perch i-
conimo e nome possano essere facilmente confusi.
La funzione di scorciatoia del signicato assunta dalliconi-
mo emerge chiaramente se riprendiamo in esame lesempio degli
occhiali, proiettandoci nellepoca in cui furono inventati, cio nel
Medioevo. Quali scelte iconimiche esistevano per lessicalizzare
il nuovo referente? Come abbiamo visto, essenzialmente due:
quella sintagmatica, denitoria, descrittiva e metonimica, che
cerca liconimo nel ristretto ambito della denizione concettuale
del nuovo oggetto, e quella paradigmatica, associativa e metafo-
rica, che lo cerca in un ambito liberamente associativo.
Per quanto riguarda il primo tipo, una denizione concettua-
le degli occhiali potrebbe essere qualcosa di simile a questo:
strumento che serve a migliorare la vista, composto di due len-
78 Lorigine delle parole

ti rotonde di cristallo (anticamente il berillio) poste davanti agli


occhi, unite da una montatura che poggia sul naso e si aggancia
alle orecchie. Se ora riprendiamo e allarghiamo lelenco di ico-
nimi utilizzati dalle lingue europee vediamo che litaliano, il rus-
so e il turco hanno scelto rispettivamente occhiali, ock, gzlk,
cio {occhi}, pi un sufsso preesistente, e quindi {ci che ser-
ve agli occhi}; il tedesco, il nederlandese, il danese e il norvege-
se hanno scelto rispettivamente brille, bril e briller, cio {beril-
lio}, il cristallo con cui si costruivano le antiche lenti; linglese
parlato ha scelto glasses, cio {vetri} (nella lessicalizzazione o-
riginaria eyeglasses {vetri per gli occhi}); anche ungherese e
nlandese hanno scelto rispettivamente szemveg e silmlasit,
cio di nuovo {vetri per gli occhi}; lo spagnolo lentes o gafas,
cio {lenti} o {gancio}; lo svedese glasgon, cio {occhi di ve-
tro}. Tutte queste scelte sono dunque scorciatoie del signica-
to di tipo denitorio (e metonimico), cio rappresentano il si-
gnicato in modo abbreviato mediante termini preesistenti che
fanno parte della denizione concettuale delloggetto.
Per quanto riguarda il secondo tipo, come abbiamo gi notato
solo il francese ha risolto il problema con una scorciatoia asso-
ciativa, mediante un iconimo metaforico, fuori del campo con-
cettuale del referente, e ha visto gli occhiali come due {piccole
lune} o lunettes. Nel lessico in generale, tuttavia, le scelte me-
taforiche, liberamente associative, sono numerose, e spesso anche
estremamente interessanti.
Ambedue le modalit iconimiche sono poi importanti per il lo-
ro valore come documento, testimonianza, fossile stori-
coculturale e cronologico. Torneremo su questi aspetti nel deci-
mo capitolo, dedicato alla datazione delle parole.

2.5.6.6. Liconimia come genesi del linguaggio poetico

In quanto creatore di parole attraverso liconimia, Homo lo-


quens si rivela anche, necessariamente, Homo pota. Sulla base
di altri argomenti, e quindi in termini diversi, questa equazione e-
ra stata gi sostenuta e dimostrata da JAKOBSON (1956/1971,
2 Cosa si nasconde in una parola 79

1960). Liconimia ne fornisce unulteriore e indipendente prova,


forse ancora pi evidente.
Lequazione lessicalizzazione = LINGUAGGIO POETICO [
Glossario] determinata formalmente dalla natura stessa delli-
conimia, pi precisamente dalla tipologia delle quattro modalit
di scelta di cui, come abbiamo visto, il parlante dispone per con-
densare e compattare unintera proposizionedenizione del si-
gnicato in un singolo iconimo: lonomatopea, il fonosimboli-
smo, la metafora e la metonimia.
Come facile vedere tutte e quattro sono anche fondamentali
strumenti del linguaggio poetico. Infatti:

(1) nelliconimia onomatopeica, il parlante esercita la sua


competenza nellimitare suoni del mondo esterno con il
proprio apparato articolatorio; nessuna poesia esisterebbe
senza questa funzione linguistica;
(2) nelliconimia fonosimbolica il parlante dimostra la pro-
pria capacita di esprimere, a livello fonico, il proprio uni-
verso emotivo; nessuna poesia esisterebbe senza questa
funzione linguistica;
(3) nelliconimia metaforica il parlante trova la prima, e an-
che la pi frequente e importante, occasione di creare me-
tafore, per denizione poetiche;
(4) inne, non meno importante, anche nelliconimia sintag-
matica o denitoria, che a prima vista sembrerebbe priva
di aspetti poetici in quanto necessariamente legata al
concetto della cosa che si mira a lessicalizzare, la fun-
zione poetica invece tanto importante quanto evidente:
in questa operazione, infatti, il parlante sceglie, allinter-
no di una complessa proposizione, ununit lessicale che
la riassuma e la rappresenti. Nella scelta di questi lesse-
mi rappresentativi, il parlante non fa che creare metoni-
mie, sineddochi e tropi simili. Rispetto agli occhiali, per
esempio, se la {luna} unevidente metafora, gli {occhi},
il {vetro}, il {berillio} la {lente} e le {stanghette} sono
non meno evidenti metonimie.
80 Lorigine delle parole

In sintesi, la lessicalizzazione, intesa come il meccanismo i-


conimico che determina la genesi e levoluzione di un lessico, al-
tro non che un costante esercizio di linguaggio poetico; e que-
sto non perch nel creare il lessico il parlante aggiunga qualcosa
al linguaggio che prima non cera, ma perch il parlante non po-
trebbe parlare, e quindi creare lessico e generare proposizioni, se
non fosse anche poeta. Il discorso andrebbe qui approfondito,
dato che le radici di questa poeticit del linguaggio devono tro-
varsi, ovviamente, alle origini, e quindi nella nostra facolt cono-
scitiva. Lasciamo ad altri lo studio di questo tema interessante.

2.5.6.7. Rapporto fra iconimo e morfologia

Anche se nessuno nora ha potuto procedere a un calcolo,


neanche approssimativo, molto probabile che la maggioranza
delle lessicalizzazioni di tipo denitorio siano quelle che nasco-
no per derivazione morfologica. Questo ci porta a riesaminare il
rapporto fra iconimia e morfologia, spiegando cos meglio quan-
to aveva intravisto Saussure.
Saussure aveva notato lo stretto rapporto fra motivazione e
morfologia, senza tuttavia dirci una cosa essenziale di questo rap-
porto: e cio che liconimo governa la morfologia. In altre pa-
role, la morfologia non potrebbe esistere senza liconimo, assun-
to come strumento per la proiezione della stessa forma su ogni
possibile livello classicatorio, lungo i percorsi delle strutture
sintattiche e cognitive soggiacenti allorganizzazione di un lessi-
co (ALINEI 1974a, 1980a). Ci sarebbe molto da dire su questo pun-
to, perch in effetti esso rappresenta un nuovo modo di concepire
la morfologia, e di collegarla alla sintassi soggiacente alla STRUT-
TURAZIONE COGNITIVA DEL LESSICO [ Glossario]. Una morfo-
logia vista cio non pi come un pacchetto di regole mnemoniche
gi pronto, per un uso di natura squisitamente meccanica (e non
importa se presentato tradizionalmente o generativamente), ben-
s come risultato di uninvenzione di origine quanto mai remota
che ha portato alcune lingue e non altre a inventarsi una procedu-
ra efcace ed economica per contrassegnare semanticamente in-
2 Cosa si nasconde in una parola 81

tere porzioni del lessico, senza fare scelte nuove a ogni singola
lessicalizzazione. insomma la proiezione delliconimia sulle
trasformazioni sintattiche soggiacenti al lessico che permette di
adottare, invece del paradigma del tipo, per esempio, rubare ~ la-
dro (= persona che ruba) ~ furto (atto del rubare), quello pi eco-
nomico del tipo correre ~ corridore ~ corsa, o ricercare ~ ricer-
catore ~ ricerca.

2.5.6.8. Confusione delliconimo col signicato

Se dallosservazione dello stretto rapporto fra iconimo e


morfologia sembra nascere una pi precisa visione della morfo-
logia, da quella del rapporto, altrettanto stretto, fra iconimo e si-
gnicato, nasce invece lesigenza di una netta differenziazione fra
la semantica e liconomastica. In altri termini, la vicinanza fra i-
conimo e la rappresentazione concettuale del referente produce
spesso la confusione fra iconimo e signicato, e quindi fra studio
delliconimo e semantica. Ci avviene, purtroppo, anche nelle di-
scussioni teoriche e nelle applicazioni pratiche. E avviene inevi-
tabilmente, in quanto il concetto di iconimo non stato mai chia-
ramente individuato n tanto meno approfondito. Nella manuali-
stica, per esempio, quando si parla del CALCO [ Glossario]
una vecchia nozione della linguistica storica che non mai stata
riesaminata criticamente (vd. anche il cap. 3) si suole parlarne
come di calco semantico, come se il calco fosse una traduzio-
ne del signicato, e non delliconimo. evidente, invece, che un
calco come it. grattacielo, fr. gratteciel, ted. e ned. Wolkenkrab-
ber, etc., non traduce il signicato che palazzo che si svi-
luppa molto in altezza rispetto alla base , bens liconimo del
termine ingl. skyscraper, cio {raschiacielo}.
Questa confusione teorica fra iconimo e signicato nasce dal
fatto che la scelta pi frequente delliconimo, come abbiamo vi-
sto per il nome degli occhiali, viene fatta allinterno del campo
concettuale, denitorio, del referente. Quando ci avviene, la dif-
ferenza fra signicato e iconimo pu quindi apparire come mini-
ma, se non addirittura inesistente. Nelle lessicalizzazioni moder-
82 Lorigine delle parole

ne realizzate mediante composizione questo aspetto ancora pi


evidente. Il nome it. lavastoviglie e quello corrispondente ingl. di-
shwasher, per esempio, sono motivati dal verbo {lavare}, a cui
stato aggiunto loggetto del lavaggio: in italiano {stoviglie}, in in-
glese {dish piatt(i)}. In ambedue le lingue liconimo consiste
dunque di due componenti della denizione concettuale. Anche
se manca lelemento macchina, una domanda del tipo che co-
sa vuol dire lavastoviglie? in italiano lascerebbe perplessi, per-
ch iconimo e signicato tendono qui a coincidere. Da questa cir-
costanza nasce la confusione.
La confusione teorica fra iconimo e signicato ha conseguen-
ze importanti, perch molto di quello che nella letteratura e nella
manualistica viene trattato nel capitolo della semantica pu ri-
guardare in realt liconimo. Cos come liconimia governa la
morfologia senza coincidere con essa, anche semantica e icono-
mastica si toccano ma sono due cose sostanzialmente diverse. Per
questo il capitolo della teoria delliconimo destinato a crescere
molto nel futuro, a spese di quello della semantica, ma anche a
suo vantaggio, perch molti aspetti della problematica semantica
diventano pi chiari, e, soprattutto, formalmente denibili, se
vengono esaminati in termini di iconimia.

2.5.6.9. Il rapporto delliconimo con il nome

Un punto di fondamentale importanza, sia in s che per il no-


stro tema, quello del rapporto strettissimo, di quasi identit, fra i-
conimo e NOME [ Glossario]. Che va per inteso, come stiamo
per vedere, nel senso di designazione o etichetta4.
Prima di illustrare questo rapporto, infatti, importante ricor-
dare che nome, nelluso comune e nella grammatica tradizionale,

4. Se si riette al fatto che la radice PIE che soggiace allit. nome e al lat. nomen
una delle pi antiche, diffusa anche in Uralico e in altre famiglie linguistiche, si potrebbe
anche sostenere che nome la designazione prescientica delliconimo, vista nel suo rap-
porto col referente, e dal punto di vista del risultato concreto, e non del suo processo ge-
netico e dinamico.
2 Cosa si nasconde in una parola 83

ha acquisito il signicato riduttivo di sostantivo (nome comune


o nome proprio, opposto a verbo e alle altre parti del discorso [
Glossario, PARTE DEL DISCORSO]); signicato ripreso anche dalla
grammatica generativa (dove una delle due categorie primarie,
opposta a verbo).
Questo restringimento del signicato autentico di nome, tutta-
via, dovuto allassenza della nozione delliconimo nellanalisi
tradizionale del lessema. In realt, il nome lo scopo, e quindi
il risultato, delliconimia, e poich la funzione delliconimo nel
processo di lessicalizzazione prescinde completamente dalla di-
stinzione fra nome, verbo e le altre parti del discorso, ma carat-
teristica del lessema come espressione abbreviata di ununit con-
cettuale e conoscitiva, il nome viene dato non solo al nome, ma
anche al verbo, allaggettivo, allavverbio, alla preposizione, al-
linteriezione e a qualunque parte del discorso esista in un dato
linguema. Occorrerebbe forse creare un neologismo per distin-
guere questa fondamentale funzione del nome da quella tradi-
zionale: compito, tuttavia, che preferiamo non affrontare anche
perch ci sembra che lattributo di etichetta alla nozione di no-
me come labbiamo illustrata sia sufciente a eliminare even-
tuali fraintendimenti.
Chiarito questo, diventa anche chiaro che il concetto di iconi-
mo come nomeicona si basa sul senso di nome ora denito,
e non su quello tradizionale. Signica cio nomeetichetta rici-
clato. Punto di partenza del processo iconimico infatti sempre
un nomeetichetta noto (quindi gi esistente), scelto per motiva-
re il nuovo referente; punto di arrivo il nuovo nomeetichetta.
Liconimo quindi nella stragrande maggioranza dei casi
un vecchio nomeetichetta che si trasforma in un nomeetichetta
nuovo, pur restando identico a s stesso. La differenza fra no-
meetichetta e iconimo sta solo nella loro diversa funzione: il no-
meetichetta (sia nuovo che vecchio) ha la funzione denitiva,
classicatoria e comunicativa, del segno linguistico. Liconimo,
in quanto trasformazione di un vecchio nomeetichetta in uno
nuovo, ha una funzione pubblicitaria transitoria: un nomeeti-
chetta che ha perso la propria identit per diventare il nomeeti-
84 Lorigine delle parole

chetta di un nuovo referente, nomeetichetta gi noto che serve


solo a pubblicizzare il nuovo signicato. Di qui il corollario: un
iconimo si realizza sempre in un nuovo nomeetichetta, mentre
non ogni vecchio nomeetichetta viene necessariamente adottato
come iconimo. In altre parole, solo una parte del lessico di una lin-
gua viene riutilizzata per formare nuovi lessemi.

2.5.6.10. Popolarit e prestigio sociale del campo iconimico e suo


valore storicoculturale e cronologico

Come sappiamo, la scelta delliconimo deve soddisfare la con-


dizione della notoriet. Nella pratica, tuttavia, essa viene spesso
effettuata in maniera ridondante, perseguendo la maggiore noto-
riet possibile, o addirittura la popolarit o il prestigio sociale. E
poich queste qualit si estendono di solito a un intero campo se-
mantico, avviene anche spesso che le scelte iconimiche, per les-
sicalizzazioni del tutto indipendenti luna dallaltra, ricorrano a
uno stesso campo iconimico. Questo avviene sia nel caso dell i-
conimia di tipo sintagmatico o denitorio sia in quella di tipo pa-
radigmatico o metaforico: gli altri due onomatopeico e fono-
simbolico essendo per denizione motivati dal ruolo coscien-
te o inconscio del suono.
Un campo semantico popolare come quello del gioco del
calcio, per esempio, diventato un campo iconimico al quale si
attinge spesso, come dimostrano locuzioni del tipo giocare in ca-
sa, scendere in campo, fare autogol, etc. Analogamente, la popo-
larit e il prestigio dellautomobile sono allorigine di locuzioni
come partire in quarta, essere su/gi di giri, carburare, slittare
(delle date ssate), etc. Ritorneremo fra poco sullinteresse di
queste locuzioni per la teoria iconimica.
Nel caso degli occhiali, la scelta delliconimo, fra i molti
componenti della denizione dello strumento, caduta necessa-
riamente sui tre pi appariscenti: gli {occhi}, il {vetro}, la {mon-
tatura}. Anche nel caso di {luna} come iconimo metaforico del-
la rotondit, daltra parte, la scelta stata certo motivata dallele-
mentare notoriet delloggetto.
2 Cosa si nasconde in una parola 85

Analogamente, nel caso della scatola per lm denominata piz-


za in italiano la notoriet del cibo cos denominato ad aver deter-
minato la scelta di quella somiglianza, piuttosto che unaltra. Se
oggi si dice non ho capito o non mi importa un tubo, non sol-
tanto per la notoriet del {tubo} come componente fondamentale
nella costruzione delle case e delle reti urbane, ma anche perch la
lontananza dellidraulica dagli interessi quotidiani del cittadino
medio rende il {tubo} una buona scelta per esprimere la negazione
per estraniamento: neanche un tubo.
Diverso stato il caso delle particelle negative it. e it. dial. mi-
ca, mi(g)a minga, nonch dellemil. brisa, tutti e due in origine
{briciola}: qui avremo invece, anzich una negazione per estrania-
mento, una per avvicinamento: la {briciola} e la {mica} di pane
non solo costituivano un buon modello di oggetto minimo, ap-
plicabile alla negazione (neanche una briciola), ma erano anche
socialmente centrali in una societ di coltivatori padani.
Questa preferenza per i campi iconimici prestigiosi si lascia
osservare ancora pi chiaramente nellantichit: per esempio, per
spiegare linsieme di lessemi latini che nascono dalliconimo
{grex gregge}, cio egregius, congregare, segregare, aggrega-
re, disgregare, gregarius, etc., occorre ricordare la centralit del
ruolo della pastorizia nellantica societ latinoitalica. Non a ca-
so abbiamo, accanto alle derivazioni da grex, anche quelle da pes
pedis (dellanimale) e da pedica laccio per i piedi (di animali),
come lat. impedire e lat. pop. *impedicare (fr. empcher). E tanti
altri passaggi: da manus suetus avvezzo alla mano (detto di ani-
mali addomesticati), a mansuetus, poi applicato anche alle perso-
ne dal carattere mite; da ago, agere, nel senso di condurre il be-
stiame, ad agilis; da coago spingere insieme (la mandria) a co-
go costringere; da agmen marcia (del bestiame) a esercito in
marcia; da ambigo spingere attorno ad ambiguus; da transigo
spingere attraverso (difcili passi) a transigere; etc.
Ancora pi ricca, nel vocabolario latino, poi la derivazione
dallagricoltura di fondamentali concetti astratti, anchessa dovu-
ta a quel carattere arcaico della societ latina che aveva portato il
latinista francese MAROUZEAU (1925) a denire il latino come u-
86 Lorigine delle parole

na langue de paysans. Basti ricordare qui le astrazioni che na-


scono, gi in latino, da cultus e cultura, in origine coltivazione
delle piante; da putare potare a putare pensare, e poi a dispu-
tare, computare, amputare, reputare, imputare, deputare, etc.; da
caedo tagliare a praecisus ben tagliato, concisus, decido (de-
cidere una forma di tagliare); da lego raccogliere a religio,
legare collegare, lex legge, etc.; da lira solco dellaratro a de-
lirium, in origine deviazione dal solco; da laetus concimato (c-
fr. laetamen letame) a grasso, quindi fertile e inne (terra)
felice; da cerno setacciare, vagliare a discerno, concerno, de-
cretus, discretus, secerno secretum, crimen strumento per va-
gliare, poi decisione giuridica, crimine, etc.; da molo maci-
nare a immolare ed emolumentum paga per il mugnaio, e cos
via. Nulla di questo sarebbe possibile senza lenorme prestigio
dellagricoltura nella societ latina, e, come vedremo in un altro
capitolo, questo prestigio si spiega solo se si colloca questa serie
di straordinarie innovazioni semantiche nellunico periodo in cui
i coltivatori e allevatori latini potevano essere veramente liberi e
quindi creativi, cio nel Neolitico. La popolarit, la centralit e il
prestigio sociale di un campo iconimico possono avere una note-
vole importanza anche per risolvere problemi etimologici contro-
versi. Ma anche di questo parleremo in un altro capitolo.

2.5.6.11. Le locuzioni: un fondamentale capitolo delliconimia

Le locuzioni [ Glossario, LOCUZIONE] dette anche polire-


matiche [Glossario, POLIREMATICA], di cui abbiamo gi dato
qualche esempio, pur componendosi di due o pi lessemi, valgo-
no, come i singoli lessemi, a designare un concetto lessicalizza-
bile e si lasciano anchesse assegnare alle consuete parti del di-
scorso: locuzioni verbali (partire in quarta, scendere in campo,
fare autogol), aggettivali (allacqua di rose), avverbiali (a tam-
buro battente, ogni morte di papa), nominali (mangia pane a tra-
dimento).
Dal punto di vista etimologico, e in particolare iconomastico,
le locuzioni sono particolarmente interessanti perch, non suben-
2 Cosa si nasconde in una parola 87

do di solito mutamenti fonetici, restano nella stragrande maggio-


ranza dei casi iconimicamente trasparenti, e quindi rivelano, me-
glio delle stesse parole, la fondamentale importanza delliconi-
mia. Inoltre, sempre a livello iconomastico, permettono di osser-
vare, con maggiore evidenza, quanto sia stretto il legame, appena
discusso, fra iconimia e prestigio sociale del campo iconimico.
Abbiamo gi visto locuzioni come partire in quarta fare una co-
sa con grande impeto, e essere su/gi di giri, in senso psicologi-
co, chiaramente legate al ruolo centrale dellautomobile nella so-
ciet moderna; scendere in campo decidere di partecipare in pri-
ma persona, giocare in casa trovarsi in una situazione favore-
vole, fare autogol danneggiarsi anzich ottenere un vantaggio,
evidentemente legate alla popolarit del calcio. Lessemi e locu-
zioni come spronare, a briglie sciolte, a spron battuto, mordere il
freno, perdere le staffe, prendere la mano, recalcitrante, tenere le
redini, abbandonare le redini, imbrigliare, sbrigliato e simili, so-
no invece legati alla popolarit e al prestigio dellequitazione in
epoca medievale, se non pi antica; mentre varare, navigare con-
tro vento, col vento in poppa, essere al timone, navigare a gone
vele, navigare a vista, perdere la bussola, etc., sono dovuti alla
popolarit e allimportanza della navigazione; e hanno uno dei
primi esempi nel latino gubernare, che in origine signicava pi-
lotare una nave (con gubernaculum che era il timone di unim-
barcazione), prima di assumere il signicato, che ha ancora in i-
taliano, di governare.

2.5.6.12. Come inizia il processo di iconimia?

Da ultimo, dalla nozione delliconimia nasce un problema


glottogonico fondamentale. Dalla denizione delliconimo come
un nome noto quindi preesistente che diventa un nuo-
vo nome nasce inevitabilmente una domanda: come ha avuto i-
nizio il processo? Come nato liconimo stesso? Quando non ce-
rano nomi noti, e Homo loquens cominci a parlare, come ven-
nero create le prime parole, senza che ci fossero parole preesi-
stenti? Come poteva esistere un iconimo, cio un nomeicona,
88 Lorigine delle parole

prima che esistessero nomi? Come pu nascere il riciclaggio


delle parole senza linizio del ciclo, cio senza le prime parole?
Come sono nate, insomma, le prime parole?
Nonostante il problema sia complesso, e poco adatto a una
breve discussione, la risposta teorica chiara, se si riette di nuo-
vo alla funzione fondamentale delliconimo, che la notoriet del
nome preesistente: quando non cera il nome, si dovette neces-
sariamente ricorrere alla sola notoriet dellICONA [ Glossario],
cio alliconicit diretta. Come indica la parola iconimo stessa:
quando non cerano nomiicona preesistenti, i primi nomi furo-
no icone. Vennero quindi scelti con una modalit fonosimbolica,
con diretta espressione del carattere, delle dimensioni o della po-
sizione del referente, percepiti a livello inconscio o, pi raramen-
te, con una modalit onomatopeica con diretta imitazione del
suono del referente5. Nella genesi di quelli che possiamo chiama-
re i protolessemi [ Glossario, PROTOLESSEMA], insomma, quel-
lo che possiamo chiamare il PROTOICONIMO [ Glossario] fu
unicona onomatopeica o fonosimbolica del loro referente.
Dei quattro diversi tipi di iconimia sopra illustrati, quindi,
quello fonosimbolico e quello onomatopeico, pur essendo poi di-
venuti meno produttivi nel corso dellevoluzione linguistica, so-
no stati certamente quelli che hanno dato inizio al processo di ri-
ciclaggio. Possiamo quindi ipotizzare che nel processo evolutivo
del linguaggio le parole fonosimboliche in primo luogo, e quelle
onomatopeiche in secondo, abbiano formato il livello iniziale, e
che poi, appena raggiunto un livello concettuale pi elevato, sia-
no subentrati gli altri due modi iconimici, quello sintagmati-
co/denitorio e quello paradigmatico/metaforico, praticamente i-
nesauribili.

5. Vd. ora loriginale studio sul ruolo dei dimostrativi nella genesi del linguaggio e
sul loro aspetto fonosimbolico di XAVERIO BALLESTER (2006).
2 Cosa si nasconde in una parola 89

2.6. Dalla dicotomia di Saussure al triangolo semiotico di Og-


den e Richards e al quadrangolo iconimico

Concludiamo. Come sappiamo, Saussure vedeva il segno lin-


guistico, tautologicamente, come rapporto diadico fra signiant e
signi. Gi pochi anni dopo, tuttavia, Ogden e Richards svilup-
pavano il loro triangolo semiotico, molto pi vicino a una reale de-
nizione del segno, e composto, nei suoi termini inglesi originari,
da symbol (segno), thought (concetto) e referent (referente).
A questo triangolo, ora, occorre aggiungere un quarto angolo
quello delliconimo , trasformandolo in un QUADRANGOLO
SEMIOTICO [ Glossario]. Perch solo questo quarto elemento
che compie il miracolo della trasformazione del concetto del
referente nel signicato linguistico, del vecchio nome nel nuo-
vo nome, e in ultima analisi del ato in segno. Il percorso che il
parlante segue, prima da un angolo allaltro del quadrangolo, e
poi trasversalmente, infatti questo: prima, nel suo universo co-
noscitivo, ritaglia il nuovo referente che intende lessicalizzare;
per farlo, sceglie poi, entro il campo sintagmatico o paradigmati-
co del suo concetto del referente, liconimo che gli sembra pi a-
datto a rappresentarlo in modo abbreviato; ed ecco che la vecchia
forma fonica (i.e. il vecchio nome) delliconimo diventa il nome
del nuovo referente, mentre il concetto del referente, da cui par-
tito il processo, si trasforma nel signicato della nuova parola.
Schematicamente:

1. referente 6. signicato
2. concetto ( significato)

5. nome)
4. forma fonica ( 3. iconimo

Liconimia dunque la causa sia della duplice trasformazione,


del concetto in signicato, e della forma fonica nel nome (o del
90 Lorigine delle parole

vecchio nome delliconimo nel nome del nuovo referente), che


dellattribuzione del nome al nuovo signicato.
Inutile dire che il quadrangolo semiotico rappresenta la strut-
tura genetica del segno: una volta che il segno sia entrato in cir-
colazione, e liconimo sia uscito di scena, si ritorna al triangolo
semiotico, cio alla sua struttura funzionale, mentre delliconi-
mo, a volte nascosto, a volta ancora visibile, resta la traccia, co-
me ombelico, nella parola.
3. UNA RILETTURA CRITICA DEI FONDAMENTI DELLETIMOLOGIA

3.1. Linteresse principale delletimologia non sta nel muta-


mento ma nella continuit della parola nel tempo

Davanti al Colosseo, al Partenone o alle Piramidi, ammiriamo


i resti del monumento, e non ci che il tempo e gli uomini ne han-
no distrutto. Analogamente, davanti alle nostre parole dovremmo
rimanere molto pi colpiti da ci che resta di loro, talvolta dalla
pi remota antichit, che non dal loro mutamento.
La linguistica storica, invece, per ragioni che spiegheremo fra
poco, ha messo in primo piano il mutamento, sia del linguaggio
come tale che delle sue diverse componenti [ Glossario, MU-
TAMENTO FONETICO, MUTAMENTO LESSEMATICO, MUTAMENTO
LINGUISTICO, MUTAMENTO SEMANTICO], trascurando la loro
CONSERVAZIONE [ Glossario] e la loro CONTINUIT [ Glos-
sario], e nocendo, cos, esattamente a una corretta visione del
proprio oggetto di studio. Perch nel momento stesso in cui noi
ci poniamo davanti a una nostra parola concreta, per studiarne le
origini, lassunto indispensabile e inconscio che facciamo che
essa continui una stessa parola, pi antica, e ci indipenden-
temente da un suo possibile mutamento nei riguardi della forma
originaria, e dalla portata del mutamento stesso. Ancor prima di
sapere quale forma o quale signicato potesse avere questa pa-
rola nel momento della sua origine, possiamo essere sicuri, per
il semplice fatto che la usiamo, che essa sia la continuazione
ininterrotta o interrotta non importa di una stessa parola che
esisteva ab initio, tramandata di generazione in generazione. An-

91
92 Lorigine delle parole

che quando menzioniamo il nome dellultimo ritrovato della tec-


nologia, dovremmo sapere che dietro quel nome se non sta-
to inventato ex novo dal suo produttore (ci che succede solo
molto di rado) c una storia che si pu anche perdere nella
notte dei tempi. Abbiamo quindi a che fare in prima istanza con
ci che della parola originale si conservato, e non con ci che
se ne perso o cambiato. E se ci interessa anche questo, ci
esclusivamente perch attraverso di esso possiamo meglio com-
prendere la storia di ci che della parola si conservato.
Cos, quando scopriamo che it. io, attraverso lat. ego, provie-
ne da una forma simile alla RADICE RICOSTRUITA [ Glossario]
e per questo asteriscata (vd. oltre) del protoindoeuropeo
(PIE) *eg(h)(o)(m), che apparteneva cio al vocabolario degli
Indoeuropei prima di differenziarsi fra loro in Italici, Celti, Ger-
mani, BaltoSlavi, Greci, Illiri, IndoIraniani, etc., ci che dob-
biamo prima di tutto osservare e ammirare come qualcosa di
strabiliante lenorme, incredibile durata nel tempo, attra-
verso chiss quante decine di millenni, di quella stessa parola,
dato che essa, con ogni probabilit, risale alla nascita della co-
scienza umana, nel Paleolitico, nellambito di quella particolare
popolazione che chiamiamo Indoeuropea (IE). E anche quando
usiamo egoismo o egoista, o parliamo dellEgo in senso freudia-
no, in cui ego rappresenta la rimessa in gioco moderna di una pa-
rola latina, linterruzione della continuit, rispetto allitaliano,
non muta la continuit della parola latina stessa, rispetto alle sue
origini IE.
In altre parole, ci che noi necessariamente assumiamo come
un dato di fatto, quando studiamo il rapporto fra una parola del-
luso attuale, o una delluso antico, e uno o pi stadi anteriori, un
rapporto di continuit solidale, e come tale per denizione inin-
terrotta, a partire dal momento in cui la parola viene o venne usa-
ta, fra forme eventualmente diverse dello stesso artefatto. Perno
il fr. /u/ agosto e il fr. /o/ acqua, pur avendo conservato soltan-
to la vocale tonica del loro corposo antecedente latino, rispettiva-
mente augustus e aqua, costituiscono pur sempre la stessa pa-
rola: un microColosseo di cui sono rimaste solo le fondamenta.
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 93

Inoltre, anche davanti allevidente presenza e allinnegabile


importanza del mutamento lessematico, il nostro interesse per es-
so non dovrebbe essere esclusivamente tecnico ed euristico, co-
me tuttora nella linguistica storica tradizionale, ma dovrebbe e-
stendersi a tutto ci che le caratteristiche del mutamento possono
rivelarci su ci che della parola stessa si conservato e trasmes-
so, e che quindi riette la storia della comunit di parlanti, in tut-
ti i suoi aspetti. Dovrebbe quindi essere storico, epistemologico,
cognitivo, antropologico, etnologico, sociale.
Inne, vi unaltra fondamentale osservazione critica da fare
sullapproccio tradizionale al fenomeno del mutamento: pur aven-
dovi visto lessenza stessa del linguaggio, e avendone quindi fatto
il principale oggetto del proprio studio, la linguistica storica si poi
trovata nellimpossibilit di comprenderlo: lo ha semplicemente
mitizzato e superfetato, senza riuscire a individuarne le cause e ad
analizzarne adeguatamente le molteplici conseguenze. La ragione
di questa mitizzazione e di questo fallimento del tutto evidente e
immediatamente comprensibile. Da un lato, partendo dallerrato
assunto del linguaggio come organismo [ Glossario, ORGA-
NISMO (LINGUAGGIO COME)] e del conseguente mutamento orga-
nico come legge fondamentale del linguaggio, la linguistica stori-
ca non poteva fare altro che arrendersi allidea che il mutamento,
coincidendo col mistero della vita, sfuggisse alle nostre capacit di
analisi, e, anche dopo aver abbandonato a parole tale visio-
ne, scivolata in unastratta reicazione del linguaggio, tipica di
chi non riesce a dominare il proprio oggetto di studio e nisce col
lasciarsene sovrastare; di conseguenza ha anche considerato come
trascurabile, perch privo di interesse scientico, ci che nel lessi-
co di una lingua si presenta come immutato rispetto alletimo. Dal-
laltro, pur giustamente cosciente che le regole della grammatica
storica dovevano costituire, da allora in poi, la base scientica ine-
liminabile di qualunque ricerca etimologica o comparata, ha nito
col mettere quelle in primo piano, trascurando laltra faccia della
medaglia, che il conservativismo inerente al linguaggio.
Questultimo errore si realizzato in due modi diversi: (1) i-
gnorando o marginalizzando tutto ci che nel lessico di una lin-
94 Lorigine delle parole

gua si conservato sia nella fonetica che nella semantica (it.


quando < lat. quando), o solo nella fonetica (it. opera (musicale)
< opera (generico)), e quindi travisando la natura del mutamento
fonetico stesso; (2) l dove vi erano mutamenti, concentrando la
propria attenzione sul mutamento fonetico, senza rendersi conto
che per la ricostruzione della nostra storia e preistoria il muta-
mento semantico (cio, come abbiamo visto, il processo di lessi-
calizzazione) era molto pi importante. La linguistica storica, i-
noltre, si limitata a distinguere fra mutamento fonetico e muta-
mento semantico senza tuttavia riuscire a comprendere il carat-
tere specico del mutamento semantico, dato che questo, con-
frontato con quello fonetico che si presumeva biologico o
comunque inevitabile , sembrava fenomeno troppo capric-
cioso e irregolare per essere oggetto di ricerca teorica. Con con-
seguenze gravissime, come abbiamo gi visto a proposito delli-
conimo, e, come vedremo meglio in seguito, per lo statuto teori-
co e le applicazioni metodologiche delletimologia. Anticipando
qui la conclusione pi importante, proprio a causa di questo er-
rore iniziale che i gi pochi teorizzatori delletimologia non han-
no potuto risolvere il problema fondamentale, che proprio quel-
lo di una denizione adeguata dei concetti di ETIMO e di ETIMO-
LOGIA [ Glossario], e del loro reale valore epistemologico. Su
questo problema, naturalmente, torneremo nei capitoli seguenti.

3.2. Il mutamento lessematico come movimento apparente

Dobbiamo renderci conto che quando parliamo di mutamento


lessematico, cio di una parola che muta, ci esprimiamo a livel-
lo impressionistico e non scientico: cos come quando conti-
nuiamo a parlare dellalba del sole, o del tramonto del sole,
cio di un movimento del sole, come se il sole si muovesse, pur
sapendo che, in realt, non il sole che si muove ma la terra. Co-
me, del resto, abbiamo gi visto per il mutamento semantico, che
non causato da fantomatiche trasformazioni del signicato, av-
venute non si sa come e in quale misteriosa parte delluniverso,
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 95

ma dal parlante stesso, che per lessicalizzare un nuovo referente


concettuale o materiale ha scelto una parola preesistente come i-
conimo. Anche del mutamento lessematico, in tutte le sue forme,
la causa ultima non pu insomma essere che nel parlante. Nelle
prossime sezioni vedremo perch e come.

3.3. I mutamenti lessematici come discontinuit nella conti-


nuit

Naturalmente, anche se non possiamo pi vedere il mutamen-


to lessematico neanche metaforicamente come un fenome-
no di tipo organico o comunque inevitabile, possiamo egualmen-
te continuare a usare lespressione a livello metaforico. Ma anche
a questo livello, il senso che dobbiamo dare allespressione
quello di una forma di DISCONTINUIT [ Glossario] nella con-
tinuit, causata, come vedremo, dal costante variare del contesto
culturale, socioeconomico e politico, talvolta etnico, con cui le
generazioni di parlanti che si trasmettono lo stesso linguaggio so-
no destinate a confrontarsi, e di conseguenza anche dal costante
variare del contenuto del discorso linguistico che ha luogo, in-
cessantemente, allinterno di una comunit di parlanti. Variazio-
ni che possono ispirare o imporre ai parlanti interventi di vario ti-
po, che per non solo non incidono sulla fondamentale continuit
della parola, ma di fatto la confermano, proprio perch ci che
producono, in ultima analisi, pur sempre lulteriore trasmissio-
ne delle parole. Lesigenza fondamentale del parlante di qualun-
que sistema linguistico o LINGUEMA [ Glossario] sia esso u-
na lingua o un DIALETTO [ Glossario] infatti quella di u-
sarlo, e quindi di conservarlo, e non di cambiarlo, e, anche se e
quando lo cambia, lo fa con liconimia, cio con il riciclaggio, e
quindi la conservazione, di parole preesistenti.
Una parola, quindi, resta sempre la stessa pur cambiando, e
pu cambiare pur restando sempre la stessa. E in questo, effetti-
vamente, simile a un organismo biologico, la cui continuit e i-
dentit si identicano con il proprio costante mutamento. Ecco
96 Lorigine delle parole

perch i primi linguisti dellOttocento, nel contesto della scoper-


ta delle leggi evolutive darwiniane, si convinsero, con nefaste
conseguenze, che anche le parole e il linguaggio fossero organi-
smi di tipo biologico, che foneticamente si evolvono in modo i-
narrestabile ma regolare e quindi studiabile, mentre per la se-
mantica sfuggono a qualunque indagine rigorosa. E ci che i me-
no dotati fra gli strutturalisti hanno fatto, una volta abbandonata
la visione biologica del linguaggio, stato semplicemente di so-
stituire il termine organismo con quello mal compreso e male
usato di struttura, lasciando per immutata la reicazione del
linguaggio e il mito soggiacente dellimmanenza del cambia-
mento linguistico.
Come abbiamo visto, invece, le parole sono artefatti, assimi-
labili a monete sui generis, e, come vedremo meglio in questo ca-
pitolo, le cause del loro mutamento sono sempre nella reazione
del parlante/ascoltatore a cause che sono sempre esterne, e fra le
quali vi sono anche le stesse innovazioni lessicali create median-
te liconimia.

3.4. Le convenzioni e i metodi di base delletimologia

Chiariti questi aspetti del mutamento lessematico, possiamo


ora passare allillustrazione critica delle convenzioni e dei meto-
di di base delletimologia, cos come sono stati e come vengono
tuttora usati dagli specialisti.

3.4.1. La sequenza etimologica bidirezionale e le sue applicazioni

Per la rappresentazione schematica dei suoi risultati, la ricer-


ca etimologica utilizza una convenzione, che consiste in una se-
quenza [ Glossario, SEQUENZA ETIMOLOGICA] di almeno due
forme (lessema ed etimo) separate da un segno di derivazione cro-
nologica una freccia semplicata rivolta in due direzioni: <
o > la cui punta indica, appunto, la direzione del tempo: /it.
io < lat. ego\ o /lat. ego > it. io\. Per convenienza in questo libro
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 97

evidenziamo la sequenza etimologica ponendola fra due sbarre di


inclinazione opposta / \.
Possiamo ora denire tale sequenza regressiva se, partendo
dallit. io, raggiungiamo il lat. ego. O, se partiamo dal lat. ego,
raggiungiamo il PIE *eg(h)(o)(m). In termini astratti /parola < e-
timo\. Si noti che la sequenza regressiva riproduce leffettivo pro-
cesso della ricerca, che in questo assomiglia a uno scavo archeo-
logico, perch parte dal nunc (ora) della parola oggetto di stu-
dio e procede verso il suo passato il suo etimo in una dire-
zione contraria al uire del tempo. La sequenza pu tuttavia es-
sere rovesciata, e presentata in direzione normale, cio come u-
na ricostruzione del processo storico effettivamente avvenuto:
/lat. ego > it. io\. In termini astratti /etimo > parola\. La sequenza
diventa ora progressiva, segue cio la direzione del tempo, e la
freccia segue quella destrorsa del nostro scrivere.
Inutile dire che la scelta fra le due modalit, anche se a volte
pu essere casuale, di solito dipende dalle osservazioni che si vo-
gliono mettere in primo piano. Se, per esempio, si ricostruisce un
processo semantico o foneticocomparato ormai accertato, con-
viene partire dal passato e seguire la direzione dello sviluppo, al
ne di narrarlo e spiegarlo in modo adeguato. Se invece ci si vuo-
le soffermare su di un aspetto del metodo di ricerca e ricostruirne
il percorso, conviene riprodurre la direzione dello scavo, dal
moderno allantico. Come vedremo, la convenzione della se-
quenza, sia regressiva che progressiva, pu poi essere applicata,
a seconda dei casi e delle necessit, non solo alletimologia come
tale, ma anche alle sue tecniche fondamentali, e cio ai diversi ti-
pi di analisi di cui essa si vale per raggiungere le proprie nalit,
e che illustreremo nelle prossime sezioni: pu quindi essere non
solo fonetica (per es. /lat. <ct> > it. /tt/\), morfologica (per es. /lat.
tia > it. ezza\) e semantica (per es. /lat. alibi altrove > it. ali-
bi\, ma anche, dopo che abbiamo introdotto liconimo, iconimi-
ca (/{lat. alibi altrove} > it. alibi\), /{sl. Slav Slavo} > it.
schiavo\, /{vetro per gli occhi} > ingl., sved., ungh., nl., etc.,
occhiali\).
98 Lorigine delle parole

3.4.2. Etimo attestato, etimo ricostruito

La seconda convenzione quella che distingue, con un aste-


risco [ Glossario, ASTERISCATA, FORMA] posto davanti alleti-
mo, gli etimi ricostruiti da quelli effettivamente attestati nella
documentazione scritta. Per le lingue e i dialetti neolatini, leti-
mo , nella stragrande maggioranza dei casi, una forma attestata,
latina, o greca, o di altra lingua, o anche neolatina. Per lindoeu-
ropeo, o pi precisamente per lindoeuropeo comune o pro-
toindoeuropeo (= PIE), a cui si fanno risalire tutte le lingue IE,
compreso il latino e il greco, tutti gli etimi sono invece asterisca-
ti perch, precedendo la documentazione scritta, con cui inizia la
storia, sono preistorici per denizione, e quindi necessaria-
mente ricostruiti. Non di rado, tuttavia, la RICOSTRUZIONE [
Glossario] si rende necessaria anche per il latino, in quanto la
parte pi antica e autentica del lessico neolatino non continua il
latino classico, ma quello detto volgare o popolare, solo oc-
casionalmente attestato. Cos, per esempio, mentre per cane le-
timo latino la forma attestata canis (pi precisamente laccusa-
tivo cane(m)), per il femminile cagna dobbiamo ricostruire un e-
timo latino *cania(m), assente nella documentazione, anche tar-
da, del latino. Alla forma ricostruita non si procede, tuttavia, in
modo rigorosamente meccanico: se, per esempio, il latino tardo
(II sec. d. C.) attesta solo il part. passato inabscosus nascosto,
possiamo egualmente dare per scontata lesistenza dellintero pa-
radigma di un verbo pressato inabscondere, dal latino classico
abscondere nascondere, da cui deriver it. nascondere, con a-
feresi della vocale iniziale.

3.4.3. I due metodi di base delletimologia tradizionale: fonetica


e morfologia storica

I metodi di base delletimologia sono stati nora essenzial-


mente due: la FONETICA STORICA [ Glossario] e la gi citata
morfologia storica. A loro volta, queste due metodologie, assie-
me alla sintassi storica (per ovvie ragioni assai poco rilevante per
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 99

letimologia), costituiscono la grammatica storica di una lingua.


importante quindi notare, n dallinizio, che alletimologia tra-
dizionale sempre mancato e manca tuttora un supporto speci-
camente semantico: e che proprio per questa assenza letimolo-
gia tradizionale ha sempre avuto un carattere prevalentemente
formale, cio fonetico e morfologico. Nelletimologia tradizio-
nale, infatti, considerazioni di semantica possono mancare com-
pletamente e, anche quando ci sono, hanno quasi sempre un ca-
rattere marginale, e vengono comunque presentate con metodi ad
hoc, privi di valore generale. proprio questa lacuna, come ve-
dremo, che la scoperta del ruolo fondamentale delliconimia nel-
la genesi lessicale permette di colmare.

3.4.4. Fonetica storica

Come disciplina scientica, la ricerca etimologica nata nel-


lOttocento. E la sua nascita ufciale pu essere fatta risalire pro-
prio alla scoperta che il suo unico fondamento e la sua unica giu-
sticazione stavano nella fonetica e nella morfologia storica. Ci
avvenne con la pubblicazione, da parte di Friedrich C. Diez che
appunto per questo viene considerato il fondatore della romanisti-
ca , della Grammatik der romanischen Spachen (DIEZ 1836
1844), seguita nove anni dopo dallEtymologisches Wrterbuch
der romanischen Sprachen (DIEZ 1853) (vd. anche cap. 13).
La grammatica storica di una lingua pu quindi considerarsi
la pi grande scoperta della linguistica dellOttocento, che, in
quel periodo, era per denizione storica e comparata. Sulla
base del confronto [ Glossario, COMPARAZIONE FONETICA] fra
la fonetica di una lingua e quella di un suo stadio precedente
attestato o ricostruito: per esempio dellitaliano con il latino (due
lingue reali), o del latino con lindoeuropeo (una lingua reale e u-
na ricostruita) , e sulla base della sistematicit e regolarit del-
le corrispondenze, essa ha potuto ssare delle REGOLE DI CON-
VERSIONE FONETICA [ Glossario], allora chiamate erroneamen-
te Lautgesetzen o leggi fonetiche (di natura organica) [ Glos-
sario, LAUTGESETZ, LEGGE FONETICA], che soggiacciono al pas-
100 Lorigine delle parole

saggio da uno stadio allaltro, e creare quindi le basi per la rico-


struzione del protogermanico, protoceltico, protobaltoslavo,
e cos via, come antenati delle lingue germaniche, celtiche, bal-
toslave, etc., e del PIE o IE comune, come antenato di tutti i
gruppi di lingue IE.
Per il lettore di questo libro conviene aggiungere che mentre
nel caso della maggior parte delle lingue europee la grammatica
storica raggiungeva, sulla base del confronto di lingue o dialetti
afni, solo uno stadio precedente ricostruito congetturalmente
(protogermanico, protoslavo, protoceltico, etc., e successiva-
mente la loro fase anteriore che le collega al PIE), per litaliano e
per le altre lingue e tutti i dialetti neolatini lo stadio pi antico si
dimostrava invece effettivamente attestato, in quanto corrispon-
deva, come abbiamo vosto, a un tipo di latino denito popolare o
volgare (in opposizione implicitamente sociolinguistica a quello
classico, considerato come norma del ceto dominante): per cui in
questo caso le regole di conversione della fonetica storica si di-
mostravano assolutamente sicure. Ed era proprio questa certezza
che dava ai primi teorizzatori della grammatica storica la legitti-
ma convinzione di avere fatto un passo decisivo nella trasforma-
zione della linguistica storica e delletimologia in una vera e pro-
pria scienza.
Vediamo ora qualche esempio di regole di fonetica storica, che
ci permetter da una parte di toccare con mano il rapporto diret-
to, e quanto mai evidente, fra fonetica storica ed etimologia, e dal-
laltra di renderci conto di come la problematica della prima in-
vesta sempre, necessariamente, la seconda.
Una delle regole di conversione fonetica che si lascia ssare
con certezza, se si confronta litaliano (cio in origine il orenti-
no) con il latino, quella della sonorizzazione o lenizione delle
tre consonanti esplosive sorde (/k/ /t/ /p/) in posizione intervoca-
lica, cio fra due vocali. Ecco alcuni esempi, in cui sono sempre
omesse le abbreviazioni lat. per il primo lessema della sequen-
za progressiva, e it. per il secondo.
Per /k/: /acu > ago\, /lacu > lago\, /draco > drago\, /spica >
spiga\, /lcu > luogo\, /pacare > pagare\, /secare > segare\, /pre-
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 101

care > pregare\, /fricare > fregare\, /necare > annegare\, /intri-
care > intrigare\, /fcatu > fegato\, /verecndia > vergogna\, /vo-
care > vogare\, etc.
Per /t/: /datu > dado\, /litu > lido\, / potere > podere\, /strata >
strada\, /patella > padella\, /statera > stadera, /potestate > pode-
st, /spatha > spada, /scutu > scudo, /abbatia > badia\, /abbats-
sa > badessa\, /patella > padella\, /quiritare > gridare\, /muta >
muda\, /atus > ado\ (/comitatu > contado\, /episcopatu > ve-
scovado\), etc.
Per /p/ (in cui, oltre alla sonorizzazione, c anche la spiran-
tizzazione, cio il passaggio alla fricativa /v/): /pauperu > pove-
ro\, /capu > cavo\, /ripa > riva e arrivare\, /epscopu > vescovo\,
/recpere > ricevere\, /captia > cavezza\, /recuperare > ricovera-
re\, /*reimproperare > rimproverare\, etc.
Ora, nella misura in cui, sulla base di tanti esempi, la sonoriz-
zazione delle consonanti sorde fra due vocali pu ritenersi sicu-
ra, tutti gli esempi latini elencati rappresentano, per i rispettivi
lessemi italiani, altrettanti etimi certi, e la loro certezza dipende
dalla sicurezza raggiunta dalla grammatica storica non solo su
questo specico mutamento, ma anche su qualunque altro muta-
mento o conservazione dei diversi fonemi e morfemi mostrati dal-
le stesse parole cos etimologizzate.
Cos, per esempio, dalla serie di esempi dati possiamo anche
concludere che esiste per lo meno unaltra regola di conversione
fra latino e italiano, seguendo la quale qualunque u nale latina
diventa o nale in italiano: dati gli esempi di /acu > ago\, /lacu
> lago\, /lcu > luogo\, /datu > dado\, /litu > lido\, atus > ado\,
/pauperu > povero\, /caput > cavo\, etc., possiamo prevedere che
questa regola funzioni anche per qualunque parola latina che -
nisca in u: come, per esempio, la III pers. plurale dellindicati-
vo presente latino, che esce in unt, tipo mittunt, che in italiano
diventa appunto metton(o).
Un altro esempio di regola di conversione potrebbe essere quel-
lo della sincope o caduta della /g/ velare intervocalica (cio fra due
vocali): /lat. digitu > it. dito\, /lat. ego > it. io\, /lat. fagina > it. fai-
na\, /lat. frgidu > it. freddo\, /lat. magstru > it. maestro\, /lat. ma-
102 Lorigine delle parole

gis > it. mai e ma\, /lat. magida > it. madia (da *maida)\, /lat. pa-
gense > it. paese\, /lat. pagina > it. pania (da *paina)\, /lat. regale
> it. reale\, /lat. rege > it. re\, /lat. regione > it. rione\, /lat. sagtta
> it. saetta\, /lat. vignti > it. venti\, quadraginta > quaranta\, /lat.
vagire > it. guaire\ /lat. vagina > it. guaina\, etc.
Anche in questo caso, dalla consistente serie di sequenze eti-
mologiche analoghe possiamo dedurre lesistenza di altre regole,
documentate da altre serie di esempi (e quindi di etimi): per esem-
pio da ego, che, attraverso *eo, diventa io, possiamo dedurre:

(A) la conservazione di /o/ nale atona (cio senza accento)


latina (cfr. /hmo > uomo\, /octo > otto\, /quando > quan-
do\, /de rtro > dietro\, /lat. o desinenza di tutti i verbi
allindicativo presente di I pers. sing. > it. o\ (/lat. vdeo
> it. vedo\, /lat. tmeo > it. temo\, /lat. ausclto > it. a-
scolto\, etc.), /lat. ndo gerundio > it. ndo idem\,
etc.);
(B) il passaggio di /e/ tonica a /i/ in iato davanti ad a, e, o,
u, come in /lat. reu > it. rio\, /lat. deu > it. dio\, /lat. meu
> it. mio\, etc. E lo stesso vale per tutti gli altri fonemi e
morfemi degli esempi citati.

In altre parole, ciascuna regola di conversione della fonetica


storica, una volta accertata da un congruo numero di esempi (i-
dealmente, da tutti i lessemi interessati dal fenomeno, presenti in
un singolo lessico), riverbera la propria validit su tutte le parole
che lhanno seguita. E poich tutte le parole del lessico, ovvia-
mente, sono sempre composte dagli stessi fonemi (il cui numero
, per denizione, estremamente piccolo, rispetto allenorme nu-
mero di parole di un lessico), ciascuna regola della grammatica
storica ha un campo di azione enorme e unaltrettanto grande
produttivit, in quanto nisce per interessare una pi o meno va-
sta porzione dellintero lessico di una lingua, e per rappresenta-
re unulteriore conferma dei diversi etimi cos individuati.
Non vi quindi alcun dubbio che per quella parte di lessico
per cui la grammatica storica ha stabilito regole certe, gli etimi ri-
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 103

spettivi sono anche assolutamente certi, e quindi possono essere


considerati come la parte pi propriamente scientica dellETI-
MOLOGICUM [ Glossario] di una lingua, intendendo con questo
termine linsieme degli etimi di un intero lessico.

3.4.4.1. Il principale problema della fonetica storica e il suo ri-


esso nelletimologia: regole contrastanti

Come tutte le teorie scientiche, tuttavia, anche la fonetica


storica ha i suoi problemi e le sue contraddizioni interne, che lul-
teriore ricerca ha spesso risolto con successo. E anche questi pro-
blemi e contraddizioni, a loro volta, hanno conseguenze sulleti-
mologia. Torniamo, per illustrare questo punto, ai due esempi da-
ti, la sonorizzazione o lenizione delle consonanti sorde intervoca-
liche e la sincope della /g/ intervocalica.
Per quanto riguarda lesito sonoro delle tre consonanti occlusi-
ve intervocaliche, studiando le origini del lessico italiano ci ren-
deremmo ben presto conto che questo esito non lunico attesta-
to, ma che ve ne un altro, per giunta molto pi frequente, che
invece quello della conservazione della sorda: a cominciare dalle
desinenze latine del presente e dellimperfetto dellindicativo e
dellimperativo del verbo, rispettivamente atis etis itis, e ate
ete ite, confrontabili con quelle italiane ate ete ite, da quel-
le del part. passato in atum itum utum, corrispondenti allita-
liano ato ito uto, da sufssi come lat. atorem itorem, etatem
itatem, atorium itorium, atura itura, confrontabili rispetti-
vamente a it. atore itore, et it, atoio itoio, no agli innu-
merevoli lessemi che mostrano la conservazione delle tre conso-
nanti, come per esempio:

per /k/ /acutu > acuto\, /amicu > amico\, /bacu > baco\,
/focacea > focaccia\, /formica > formica\, fcu > fuoco\,
/jocu > gioco\, /jocare > giocare\, /domnica > domenica\,
/paucu > poco\, /ccu > cuoco\, /avica > oca\, /*recocta
> ricotta\, /secndu > secondo\, /vicu > vicolo\, /dico > di-
co\, /cu > co, etc.;
104 Lorigine delle parole

per /t/ pratu > prato\, /latu > lato\, /gratu > grato\, /aesta-
te > estate\, /atu > ato\, /mercatu > mercato\, /ste > se-
te\, /saeta > seta e setola\, /rete > rete\, /acetu > aceto\, /a-
biete > abete\, /laetu > lieto\, /vtu > vieto\, /vite > vite\,
/vita > vita\, /rta > ruota\, /vcitu > vuoto\, /nepote > ni-
pote\, /cote > cote\, /acutus > acuto\, /maturu > maturo\,
/laetamen > letame\, /frate > frate e fratello\, /catena >
catena, etc.;
per /p/ /ape > ape\, /caput > capo\, /rapa > rapa\, pepe >
pepe\, /saepe > siepe\, /scopa > scopa\, /lupu > lupo\, /-
pu > uopo\, /apertu > aperto\, /sapore > sapore\, /capllu
> capello\, /sapere > sapere\, /capstru > capestro\, /cape-
re capire\, /crepere > crepare\, /ceplla > cipolla\, /nepo-
te > nipote\, /cooperta > coperta\, /tpidu > tiepido\, etc.

E anche per quanto riguarda la caduta della /g/ intervocalica


questo esito non certo lunico attestato (cfr. GSLID: I,
217218): confrontando latino e italiano, troviamo infatti moltis-
sime corrispondenze lessicali che non mostrano affatto la caduta
del fonema latino, bens la sua conservazione e, talvolta, anche il
suo raddoppiamento:

conservazione: /plaga > piaga\, /jgu > giogo\, /magu >


mago\, /strge > strega\, /ruga > ruga\, /legumen > legu-
me\, /tegamen > tegame\, /ligare > legare\, /negare > ne-
gare\, /agustu > agosto\, etc.;
raddoppiamento: /lego > leggo\, /frigo > friggo\, etc.

Tuttavia, nonostante queste regole contrastino e contraddica-


no quelle che abbiamo visto prima, tutti gli etimi dati, sia quelli
che illustrano la conservazione delle sorde intervocaliche, sia
quelli che illustrano la conservazione o il raddoppiamento della
/g/, sono certamente sicuri, e lo sono esattamente per le stesse ra-
gioni date per le regole alternative: anche in questi casi, cio, il
numero e il tipo di esempi che attestano il cambiamento dimo-
strano, al di l di qualunque dubbio, la sua regolarit.
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 105

Ma come spiegare allora queste diverse regole, queste di-


verse regolarit che si contraddicono a vicenda? Ve n forse u-
na giusta, rispetto alla quale le altre sono sbagliate, cio non so-
no pi regole? O dobbiamo ammettere la coesistenza di regole
diverse? E se questo il caso, come si spiega questa coesistenza?
O forse si tratta di una diversa cronologia per ciascuna delle re-
gole? La prima cosa che dobbiamo capire, indipendentemente
dalla risposta che riusciremo a dare ai quesiti che ci siamo posti,
che questa coesistenza di regole di mutamento contraddittorie,
non affatto eccezionale. Dobbiamo perci risolvere il problema
a livello generale e teorico, e non con una spiegazione ad hoc, di-
versa caso per caso.

3.4.4.2. La soluzione tradizionale, in chiave di reicazione del


linguaggio, e la soluzione nuova, in chiave geo e socio-
linguistica

Al problema illustrato, in un primo periodo, i fondatori della


grammatica storica non avevano dedicato sufciente attenzione,
anche perch giustamente attratti e distratti dallenorme progres-
so nelle conoscenze storicolinguistiche che la scoperta delle pre-
sunte leggi organiche del mutamento aveva permesso. E quan-
do ben presto la generazione successiva a quella dei Padri
Fondatori inizi a occuparsene, emerse il difetto fondamentale
della losoa del linguaggio che soggiaceva al loro lavoro, anche
nella parte pi positiva: quella che abbiamo denito la reicazio-
ne del linguaggio.
Come abbiamo gi accennato, la concezione della lingua co-
me organismo che ha una nascita, una crescita e una morte, con
costanti mutamenti e fasi di sviluppo paragonabili a quelle di un
organismo biologico, anche se in s profondamente errata, aveva
tuttavia una giusticazione storica: nel momento in cui venne for-
mulata, nella seconda met dellOttocento, essa mirava ad armo-
nizzarsi sia pure su basi epistemologiche del tutto erronee
con la fondamentale scoperta, a met del secolo, delle leggi evo-
lutive darwiniane. Si ritenne, cio, di poter equiparare le suppo-
106 Lorigine delle parole

ste leggi del mutamento fonetico appena scoperte a quelle, ben


pi clamorose, dellevoluzione biologica. Le leggi del muta-
mento fonetico vennero infatti considerate, alla luce del confron-
to con quelle biologiche, come la prova per cos dire tangibile, e
per questo irrefutabile, che anche la grammatica storica era una
scienza, e che quindi anche le lingue erano organismi biologici e
come queste evolvevano naturalmente e senza cause esterne. Inol-
tre, il fatto che una lingua realmente attestata (e non ricostruita) co-
me il latino classico, prima di morire, risultasse visibilmente tra-
sformata prima in un latino di tipo popolare, poi in un tutta una se-
rie di parlate locali che cominciano ad apparire in forma scritta
solo nel Medioevo, permetteva di elaborare questa visione in u-
na forma compiutamente storica, anche se romanzesca, e di tipo
albero genealogico: il latino classico si era gradualmente tra-
sformato in latino popolare nel corso della decadenza imperiale per
poi morire, ma non prima di aver ramicato dal suo tronco tutte le
lingue e i dialetti moderni nel corso del Medioevo. E questa , tut-
tora, la visione canonica e sostanzialmente erronea della linguisti-
ca romanza e, mutatis mutandis, di tutte le lingue indoeuropee.
Nei riguardi della coesistenza di diverse e contraddittorie re-
gole di mutamento, lo sforzo dei primi linguisti storici il cui
gruppo pi impegnato nel sostegno della visione biologica e rei-
cante del linguaggio venne chiamato dei neogrammatici fu
dunque, in un primo tempo, quello di dare risposte di tipo mec-
canicistico ai quesiti che tale diversit poneva: non potendo cer-
care la soluzione del problema negli aspetti psicolinguistici, et-
nolinguistici, sociolinguistici e geolinguistici del mutamento lin-
guistico, che i linguisti dellOttocento e del primo Novecento
tranne gure eccezionali come il nostro Graziadio Ascoli
(18291927) o laustriaco Hugo Schuchardt (18421927) an-
cora trascuravano (e su cui torneremo in seguito), preferirono
prendere in considerazione due ipotesi: (A) quella che la posizio-
ne delle diverse vocali o consonanti rispetto allaccento potesse
determinare deviazioni dallo sviluppo normale, e quindi leggi
condizionate, pi complesse di quelle no ad allora ritenute vali-
de; e (B) quella che i diversi esiti potessero corrispondere a di-
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 107

verse fasi cronologiche dello sviluppo, e quindi a diverse fasi o


date nella vita della lingua in oggetto. Ipotesi che nono-
stante lerrato quadro teorico di fondo si rivelarono in alcuni
casi giuste, ma che certamente non potevano coprire lintera gam-
ma dei fenomeni di mutamento di una lingua.
In seguito, abbandonata in parte la versione pi rigida della -
losoa neogrammatica del linguaggio, e subentrata una maggio-
re coscienza della complessit della variabilit linguistica, la
spiegazione pi spesso adottata ma sempre come spiegazione
ad hoc, di questo o quel caso, e mai come spiegazione di valore
generale stata quella di una diversa origine geograca delle
regole coesistenti, e quindi dellopposizione fra la regola di con-
versione fonetica normale nellarea originaria, che, come vedre-
mo, chiameremo regola encorica [ Glossario, ENCORICO] o EN-
CORISMO [ Glossario], e la regola esocorica [ Glossario, E-
SOCORICO] o ESOCORISMO [ Glossario], cio penetrata nella-
rea encorica da unarea allolinguemica.
Per il problema della sonorizzazione, per esempio, la soluzio-
ne emersa un po alla volta, attraverso un lungo dibattito a cui han-
no partecipato i migliori linguisti dellOttocento e della prima
met del Novecento, venuta, appunto, dalla GEOLINGUISTICA
[ Glossario]: sulla base di considerazioni dialettologiche e a-
reali, la sonorizzazione delle esplosive sorde intervocaliche sta-
ta vista come regolare, cio come una regola di conversione fo-
netica di tradizione encorica ininterrotta solo in tutta lalta Italia
a nord della linea La SpeziaRimini (oltre che della Francia e del-
lIberia); a sua volta, questa regola stata attribuita alla grande
inuenza, in tutta la sua area, delle lingue celtiche in cui il fe-
nomeno ancora pi imponente e investe anche la sintassi. Di
conseguenza, tutte le parole italiane (cio in origine orentine)
che mostrano questo fenomeno non rappresentano encorismi, ma
dialettalismi [ Glossario, DIALETTALISMO], settentrionali, che
potremmo chiamare pericorici o pericorismi [ Glossario, PE-
RICORICO, PERICORISMO] per distinguerli sia dagli esocorismi fo-
restieri, sia dagli encorismi veri e propri. Mentre encoriche sono
le parole che conservano le sorde, e che poi dialettalmente in To-
108 Lorigine delle parole

scana subiscono, a loro volta, la cosiddetta gorgia, cio laspi-


razione condizionata dal contesto.
Per il problema dei tre diversi esiti della /g/ intervocalica, in-
vece, la grammatica storica non ha ancora suggerito una soluzio-
ne soddisfacente. Optando anche in questo caso per la soluzione
della differenziazione areale e/o sociolinguistica, potremmo ipo-
tizzare che la caduta della /g/ provenga dallalta Italia, dove, co-
me in Francia, encorica: cfr. fr. lier, nier, lire, rue, aot, etc., ri-
spetto a it. legare, negare, ruga, agosto, etc., e cfr. il toponimo di
origine encorica Aosta, dal lat. Augusta. La conservazione della
/g/ potrebbe invece essere lesito encorico proprio della Toscana,
mentre il raddoppiamento della /g/ sarebbe stato causato dalla-
nalogia con quello della /g/, tipico dellItalia centrale, dove an-
cora oggi si dice, anche nellitaliano regionale, raggione, reggio-
ne, staggione, viggile, etc. Le tre norme del Nord, del Centro
e del CentroSud si sarebbero succedute, in tempi per ora sco-
nosciuti ma la cui scansione potrebbe essere di straordinario in-
teresse nellegemonia linguistica della comunit peninsulare,
contribuendo ciascuna ad arricchire il lessico comune.
Sul piano teorico, comunque, abbiamo chiarito due punti fon-
damentali e collegati fra loro: (A) la fonetica storica ha un ruolo
fondante per letimologia, e, nella misura in cui essa raggiunge
certezze, essa produce anche etimi certi; (B) anche l dove essa
rileva lesistenza di regole contraddittorie, gli etimi ottenuti con
lapplicazione di tali regole sono pur sempre afdabili.

3.4.4.3. Lapproccio fonetico articolatorio

Alcune fra le pi recenti elaborazioni della fonologia hanno


rivalutato il ruolo della fonetica articolatoria, fra laltro anche
per la comprensione delle regole del mutamento fonetico. Di ri-
esso, essa importante anche per la spiegazione delle regole
contrastanti della fonetica storica e, di conseguenza, per letimo-
logia.
Un buon esempio per lapplicazione di questo approccio alli-
taliano pu essere la coesistenza dei due diversi tipi di sviluppo
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 109

del nesso consonante + y, su cui chi scrive ha, gi molti anni fa,
attirato lattenzione degli studiosi (ALINEI 1965). Se prendiamo,
per esempio, il nesso /dy/ e quello corrispondente sordo /ty/, ve-
diamo che per entrambi possiamo avere due esiti completamente
diversi: da un lato /lat. mediu > it. mezzo\, /lat. platea > it. piaz-
za\, /lat. pteu > it. pozzo\, sufssi /lat. tia > it. ezza\, /lat. an-
tia entia > it. anza enza\, etc., dallaltro /lat. hodie > it. oggi\,
/lat. radiu > it. raggio\, /lat. *gttia > it. goccia\, /lat. *dctia > it.
doccia\, /lat. *cuminitiare > it. cominciare. Pi raramente, il
doppio esito appare perno per la stessa base: /lat. radiu > it. raz-
zo e it. raggio; /lat. statio > it. stazzo e il gi menzionato staccio-
nata. Da una parte abbiamo quindi laffricata dentale, dallaltra
laffricata palatale (di un altro problema relativo a questo doppio
esito discuteremo pi oltre).
Indipendentemente dallaspetto geograco del problema (che
non affrontiamo qui), evidente che per spiegare la differenza fra
i due esiti, rispettivamente dentale e palatale, dobbiamo postulare
una diversa articolazione della semivocale /y/: per ottenere laffri-
cata palatale, dobbiamo postulare unarticolazione tesa, con la lin-
gua solcata; per ottenere laffricata dentale, dobbiamo postulare
unarticolazione rilassata, con la lingua piatta. Ora, almeno in ita-
liano standard, larticolazione naturale della /y/ senzaltro te-
sa. Inoltre, se confrontiamo la sua articolazione in altre lingue, ve-
diamo che la pi naturale delle due sempre quella palatale,
mentre quella rilassata, almeno a una prima verica, non si lascia
facilmente riscontrare. Basti pensare, per esempio, allinglese, do-
ve il frequentissimo incontro della /y/ di you, ad articolazione te-
sa, con la nale di not o di did o di got (tipo arent you, dont you,
wont you, wouldnt you, didnt you, did you, got you, etc.) genera
le forme ad affricata palatale, correnti nellinglese e nellamerica-
no parlato e informale, in cui il nesso diventa, rispettivamente /nc/
o /g/ o /c/. O tener conto dello sviluppo dello spagnolo, dove noc-
te e lacte, tramite *noyte, *notye e *leyte, *letye, diventano noche
e leche. La prevedibilit di questo sviluppo, insomma, data dal-
la normale articolazione palatale e tesa della /y/, in parole come
you, e nelle forme ricostruite spagnole *notye, *latye e simili.
110 Lorigine delle parole

Partendo da questa constatazione, le previsioni che possiamo


fare sono due: (1) la stessa duplicit di articolazioni deve esiste-
re anche per gli altri nessi di consonante + /y/, e per la /y/ stes-
sa; (2) dei due esiti, quello raro, cio quello affricato dentale,
deve essere stato originato da una diversa articolazione della /y/,
non pi tesa e a lingua solcata, ma rilassata e a lingua piatta, e
dovuta quindi a ibridazione linguistica da CONTATTO LINGUEMI-
CO [ Glossario], cio a SOSTRATO [ Glossario], ADSTRATO
[ Glossario] o SUPERSTRATO [ Glossario]. Ne riparleremo
pi avanti.
Ora, per quanto riguarda la prima previsione, le regole della
fonetica storica tradizionale che pur conosce il doppio esito dei
nessi /ty/ e /dy/ sembrano ignorarla. Vediamo i dati.
Per il nesso /ny/ la sola regola nota quella della palatalizza-
zione: /lat. vinea > it. vigna\, /lat. tinea > it. tigna\, /lat. campania
> it. campagna\, /lat. verecndia > it. vergogna\ (attraverso *ve-
recunnia), etc.; mentre esistono, per esempio, anche evidenti pro-
ve della seconda articolazione, debole e con successiva sincope
della /y/: /lat. epiphania > it. befana\, /lat. Neapolis > it. Napoli\,
/lat. sentio > it. sento\, etc.
Per il nesso /ly/ lo stesso: da un lato la regola nota, con /lat. liu
> it. glio\, /lat. folia > it. foglia\, /lat. alliu > it. aglio\, /lat. mlier
> it. moglie\, etc., con la normale palatalizzazione; dallaltro la re-
gola nora ignota, dimostrata da /lat. evangeliu > vangelo\, /lat. mi-
lia > it. mila\, /lat. pantaleone > (veneziano) > it. pantalone\, etc.
Per il nesso /(s)sy/ (spesso secondario da /sty/) lo stesso: da un
lato /lat. angstia > it. angoscia\, /lat. bestia > it. biscia\, /lat. po-
stea > it. poscia\, /lat. coxa (attraverso *coissa *cossya) > it. co-
scia\, /lat. laxare (attraverso *laissare *lassyare) > it. lasciare\,
etc., con la normale palatalizzazione; dallaltro ecclesia > it. chie-
sa, /lat. sexaginta > it. sessanta\, /lat. dixit > it. disse\, etc.
Per il nesso /my/ non c palatalizzazione (come invece avvie-
ne in francese: /lat. vindemia > fr. vendange\, /lat. simia > fr. sin-
ge\), ma c comunque il raddoppiamento della consonante, evi-
dente conseguenza di unarticolazione tesa della /y/; mentre esi-
stono sequenze come /lat. meadomina > it. madonna\, /lat. tmeo
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 111

> it. temo\, /lat. *Commeatulu > it. Comacchio\, etc., che si de-
vono basare su unarticolazione rilassata.
E per lo stesso /y/ intervocalico lesito regolare e noto, dovu-
to a pronuncia palatale tesa, quello della palatale /g/, come in
/lat. maiu > it. maggio\, /lat. maiore > it. maggiore\, /lat. peiu > it.
peggio\. Esistono, per, sviluppi del tipo /lat. Caieta > Gaeta\,
/lat. Tarpeia > Tarpea\, in cui la sincope della /y/ deve essere sta-
ta causata, anche qui, da unarticolazione rilassata.
Dallesame di questa documentazione appare evidente, in-
somma, che mentre le occlusive dentali si assimilano in modo di-
verso alla /y/ seguente, a seconda se la sua articolazione sia tesa
o rilassata, per le altre consonanti, nasali o liquide, sibilanti o fri-
cative, la debolezza dellarticolazione della /y/ si traduce nella
sua caduta: sicch lo sviluppo che possiamo prevedere, in questi
casi, la semplice conservazione della consonante.
Per quanto riguarda la produttivit di questo approccio nella
ricerca etimologica, vedremo in un altro capitolo come la suppo-
sizione del passaggio /my/ > /m/ permetta di risolvere alcuni pro-
blemi etimologici.

3.4.4.4. Un altro problema della fonetica storica inadeguatamente


studiato: lopposizione fra regole e accidenti generali

La grammatica storica tradizionale ha operato, n dai suoi i-


nizi, una netta distinzione, tuttora corrente anche se poco utiliz-
zata in etimologia, fra le leggi della fonetica storica, considera-
te come fenomeni del decorso fonetico organicamente norma-
le di un dato linguema, e come tali senza eccezione, e fenomeni
che sarebbero invece occasionali, anche se pi o meno frequenti,
che sono stati chiamati, con un nome che una contradictio in ter-
minis, ACCIDENTI GENERALI [ Glossario]. Fenomeni, secondo
questa visione, in cui il mutamento fonetico, invece di seguire la
via normale, ne avrebbe seguita unaltra, pi tortuosa e compli-
cata, e il cui fattore scatenante sarebbe nella psicologia del par-
lante, e soprattutto nel ruolo di quella che venne chiamata, con un
termine tuttora valido, ANALOGIA [ Glossario].
112 Lorigine delle parole

Gli accidenti generali citati nei manuali di grammatica sto-


rica sono i seguenti (in ordine alfabetico e, per tutti, [ Glossa-
rio]): AFERESI (perdita di un elemento etimologico allinizio del-
la parola: /epiphania > befana\), AGGLUTINAZIONE (o CONCRE-
ZIONE) dellarticolo (/gr. strakon > lastrico\) e DEGLUTINAZIONE
(o DISCREZIONE) dellarticolo (/*lusciniolu) > it. usignolo\), A-
NAPTISSI (inserimento di una vocale non etimologica in un grup-
po consonantico: /ismo > esimo\), APOCOPE (perdita di un ele-
mento etimologico alla ne della parola: /marmor > marmo\), AS-
SIMILAZIONE (adattamento di un fonema a un altro prossimo:
/factu > fatto\) e DISSIMILAZIONE (differenziazione di due fonemi
simili o eguali: /venenu > veleno\), CONTAMINAZIONE o INCROCIO
o ETIMOLOGIA POPOLARE o PARETIMOLOGIA o PARONIMIA o AC-
COSTAMENTO PARONIMICO (inuenza, per analogia, di un lessema
su di un altro: /lat. lacerta > it. lucertola\ per analogia con {luce}:
le lucertole cercano il sole), DILEGUO (caduta di un fonema), E-
PENTESI (inserimento di un elemento non etimologico allinterno
della parola: /reddere > rendere\), EPITESI (aggiunta di un ele-
mento non etimologico, detto anche PARAGOGICO, alla ne della
parola: /sum > sono\), IPERCORRETTISMO (correzione di un errore
inesistente: /it. faticare < lat. fatigare\ per correzione di una pre-
sunta sonorizzazione), IPOCORISTICO (abbreviazione di un nome
comune o proprio, per economia o per ragioni affettive: /it. bici-
cletta > bici\, /it. Giovanni > Gianni, o Vanni, o Nanni), METAPLA-
SMO DI CONIUGAZIONE (/lat. tremere > it. tremare\), METATESI (in-
versione di due fonemi: /pop(u)lu > *ploppu > pioppo\), PROSTESI
o PROTESI (aggiunta di un elemento non etimologico allinizio del-
la parola: /vultriu > avvoltoio\), RETROFORMAZIONE (formazione
di una parola da altra preesistente, di cui si suppone, erroneamen-
te, sia la base), SINCOPE (perdita di un elemento etimologico al-
linterno della parola: /ego > io\), SPOSTAMENTO DI ACCENTO (/lat.
ntgru > it. int(i)ero\), SUONO DI TRANSIZIONE (inserimento di u-
na consonante fra due vocali: /Genua > Genova\). A questi pu es-
sere aggiunto perch individuato pi tardi: manca infatti nella
manualistica relativa alla grammatica storica lEUFEMISMO
(perdinci anzich perdio, per TAB LINGUISTICO: vd. oltre).
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 113

Anche se mancano, purtroppo, studi moderni su questa tipo-


logia di fenomeni, possiamo anzitutto notare, prendendo sempre
come esempio litaliano, che non tutti questi accidenti sono ve-
ramente occasionali: un tipo di assimilazione consonantica, per
esempio, una delle regole caratteristiche dellitaliano: /sep-
tem sette\, /octo otto\, /dixi dissi\. Anche lanaptissi e lepitesi vo-
calica sono caratteristici del fondo lessicale ereditario dellitalia-
no (/ismus > esimo\, /ant > ano\, etc.). Lo stesso vale per la-
pocope delle consonanti occlusive, della s e della m nali: /est
> \, /caput > capo\, /amus emus imus > iamo, um am em
> o a e\. La sincope della vocale atona , fra laltro, molto fre-
quente nella coniugazione: vedere vedr, potere potr, andare
andr, venire verr, etc.; quella della g intervocalica latina ,
come abbiamo visto, una delle regole di conversione dellita-
liano. Il conne fra le due categorie, insomma, non netto, ci
che sul piano teorico basta a ipotizzare, piuttosto che una loro ra-
dicale opposizione, una sostanziale afnit.
Per poter approfondire adeguatamente lesame del rapporto
fra i due tipi di mutamento poi opportuno soffermarsi, a livello
generale e teorico, sul mutamento fonetico, anticipando cos al-
cune conclusioni della discussione sul mutamento lessematico,
cui dedicheremo alcune delle prossime sezioni di questo capito-
lo. Se infatti passiamo in rassegna tutti i tipi di mutamento fone-
tico che la ricerca ha nora studiato quindi sia le nostre rego-
le di conversione (leggi fonetiche), sia i cosiddetti accidenti
generali , ci accorgiamo anzitutto che ve ne sono due che si
discostano da tutti gli altri per queste due caratteristiche: (1) non
seguono n le regole di conversione n i cosiddetti generali e (2)
vengono innescati nel parlante da considerazioni semanti-
che. Vediamoli.

(1) Il primo tipo quello di solito designato eufemismo, che


noi preferiamo chiamare, con termine pi generico (non
tutti i lessemi modicati da tab possono essere deniti
eufemismi), TABUISMO [ Glossario] di tipo fonetico.
In questo, infatti, il parlante deforma la parola sulla base
114 Lorigine delle parole

di considerazioni semantiche, e senza seguire n le rego-


le di conversione fonetica, n i cosiddetti accidenti gene-
rali: come mostrano per esempio /cristo > cribbio\, /per-
dio > perdinci\, /cazzo > caspita\.
(2) Il secondo tipo quello della cosiddetta contaminazione o
incrocio o paretimologia, etc. (vd. sopra), in cui, come ve-
dremo, ha un ruolo centrale lanalogia. Il parlante modi-
ca foneticamente la parola perch lha considerata errata,
in quanto opaca, e proietta quindi su di essa un iconimo,
secondo lui pi adatto a designare la cosa: /lat. lacerta > it.
lucertola\. Anche in questo tipo di mutamento il muta-
mento fonetico non segue n le regole di conversione ob-
bligatorie n quelle libere degli accidenti generali.

Tutti gli altri tipi di mutamento sono caratterizzati dal rispetto


delle regole o degli accidenti, e sono inoltre attivati da reazioni
del parlante a fatti puramente fonetici.
Abbiamo quindi una prima opposizione, fra mutamenti fone-
tici di tipo FONETICODIPENDENTE [ Glossario], che sono re-
golari, e mutamenti fonetici di tipo SEMANTICODIPENDENTE [
Glossario], che sono invece irregolari. Inoltre, poich i primi
hanno un impatto sul sistema, e i secondi no, possiamo denire
mutamenti macrofonetici [ Glossario, MACROFONETICO, MU-
TAMENTO] i primi, e microfonetici [ MICROFONETICO, MUTA-
MENTO] i secondi. Allo stesso tempo i due tipi di mutamento mi-
crofonetico semanticodipendenti dimostrano che il parlante u-
tilizza per realizzarli la propria COMPETENZA LINGUISTICA
[ Glossario], e quindi hanno un carattere psicolinguistico: nes-
sun parlante potrebbe scegliere liconimo e la forma {luce} per
designare la lucertola senza coinvolgere la propria competenza
linguistica. E anche le parole tabuizzate foneticamente deforma-
te risultano tuttavia ben formate, cio perfettamente rispondenti
alla struttura sillabica e fonologica dellitaliano: cribbio ha la
struttura di nibbio, debbio, rebbio, dubbio e simili, perdinci ri-
corda cominci, convinci, bilanci, annunci e simili, e caspita ri-
calca ospita, despota, disputa. Ci che dimostra, in ambedue i ca-
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 115

si, il ruolo primario della competenza linguistica del parlante nel-


la deformazione fonetica.
Ora, se alla luce di queste considerazioni esaminiamo pi da
vicino le due grandi categorie tradizionali del mutamento foneti-
co le regole di conversione e gli accidenti generali consta-
tiamo che la loro differenza, anzitutto, non ha niente a che fare
con lopposizione fra organico e nonorganico, come stato
visto dai Neogrammatici, e come continua a esser visto tuttoggi,
per inerzia teorica, da storici della lingua e da etimologi. Ha
per un carattere psicolinguistico anchessa, perch si collega,
proprio come il mutamento fonetico semanticodipendente appe-
na visto, al ruolo della competenza nel mutamento fonetico. Ruo-
lo che per qui si sdoppia: nelle vecchie Lautgesetzen di tipo pseu-
doorganico la competenza del parlante viene confrontata da un
sistema fonologico e fonetico esocorico, e quindi da un processo
di ibridazione, dal quale risultano mutamenti regolari obbligatori
che chiameremo ora regole di conversione fonetica obbligatorie.
Mentre nei cosiddetti accidenti generali la competenza del par-
lante si confronta con le difcolt intrinseche del proprio sistema
fonologico e fonetico, cio di quello encorico, e da questo con-
fronto risultano mutamenti regolari liberi, che chiameremo ora re-
gole di conversione fonetica libere.
Vediamo di illustrare meglio questa distinzione prendendo,
come esempio del primo tipo, il parlante di un linguema il cui si-
stema fonologico non conosca consonanti sorde in posizione in-
tervocalica. chiaro che se le circostanze storiche costringono
il parlante di questo linguema ad apprendere e a riprodurre un si-
stema linguistico che invece ha le sorde intervocaliche, la sua
competenza (che Ascoli aveva adombrato nei suoi concetti di a-
bito idiomatico, predisposizione orale e simili) lo porter a
sonorizzarle regolarmente. Analogamente, il parlante di un lin-
guema che non conosca consonanti occlusive nali, nel ripro-
durre lessemi latini che invece le abbiano seguir due strade: o
le far cadere, o vi aggiunger una nuova vocale.
Il processo di mutamento quindi identico a quello che av-
viene nellapprendimento di una lingua straniera: la stragrande
116 Lorigine delle parole

maggioranza degli italiani che imparano linglese (soprattutto se


di origine centromeridionale) aggiungono una /e/ epitetica alle
consonanti nali dei tanti lessemi inglesi che hanno questa strut-
tura; o pronunciano la <I> tonica breve inglese come fosse una /i/
tonica italiana, e cio quasi come fosse la /i:/ tonica lunga del-
linglese corrispondente ai grafemi <ea> o <ee>: pronunceranno
quindi ingl. is quasi come fosse ease facilit, bit quasi come
fosse beat battere, hit colpire quasi come fosse heat calore,
e cos via. Inversamente, quando il parlante italiano pronuncia la
parola inglese peace /pi:s/, lascoltatore inglese capir, per lin-
consueta brevit della /i/ italiana, piuttosto pis, cio pisciare.
La competenza italiana media, insomma, confrontata con il pro-
blema dellapprendimento dellinglese, crea di fatto tre regole di
conversione fonetica obbligatoria: epitesi di /e/ postconantica e
passaggio di /I/ a /i:/ e inversamente di /i:/ a /I/.
Le regole di conversione fonetica obbligatorie della lenizione
consonantica e dellapocope delle consonanti occlusive nali,
quindi, nellarea dove esse sono encoriche, risultano quindi dal-
la trasformazione di unesecuzione intrinsecamente competen-
te (rispetto al linguema del parlante) in unesecuzione errata
(rispetto al linguema esocorico). Trasformazione causata, a sua
volta, da una duplice circostanza, esterna e pertanto casuale: (1)
lesistenza di un processo di ibridazione in corso fra due lingue-
mi imposto da cause extralinguistiche; (2) le inevitabili dif-
ferenze strutturali fra i due linguemi, come appunto quella fra il
sistema esocorico con sorde intervocaliche e occlusive nali e
quello encorico senza. Ecco perch i mutamenti di questo tipo so-
no obbligatori e, dato il loro impatto sul sistema encorico, sono
anche macrofonetici.
Prendiamo ora in considerazione, invece, un esempio del se-
condo tipo: la metatesi. Ci accorgiamo, anzitutto, che essa asso-
miglia ai frequenti, e anchessi accidentali, spostamenti di lettere
che facciamo quando battiamo al computer un testo. E, ancora
pi, assomiglia ai lapsus (le cosiddette papere), spesso esila-
ranti, in cui possiamo incorrere quando parliamo: come per e-
sempio quello dello sfortunato attore che, nella scena culminan-
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 117

te di un dramma storico, davanti al protagonista assassinato, e-


sclam: colpeto nel pitto!, anzich colpito nel petto! Cosa
vuol dire questa duplice somiglianza della metatesi? Anzitutto,
che anche in questo caso abbiamo a che fare con un errore che
per, nel caso dellerrore di battitura, di natura meccanica, e co-
me tale non conosce regole: invece di strada possiamo anche di-
gitare, per esempio, un impronunciabile *srtada. La nostra com-
petenza linguistica non stata coinvolta. Se invece osserviamo il
lapsus colpeto nel pitto vediamo subito che esso non solo di
natura meccanica ma anche di natura linguistica: ambedue le pa-
role, pur se errate, sono assolutamente ben formate rispetto al-
la struttura sillabica e alla fonologia italiana: i lessemi italiani che
niscono in eto e in itto sono pi o meno tanti quanti sono quel-
li che niscono in ito e in etto. Ci che ha guidato il parlante a
quel lapsus specico quindi, al di l dellerrore di esecuzione,
la sua competenza linguistica. In altre parole, un lapsus italiano
che trasformi colpito nel petto! in *colptio enl tepto! o in
*lpiotco lne tpeot! sarebbe inconcepibile.
Prendiamo ora tre casi di metatesi vera e propria come /lat. po-
pulu pioppo > *ploppu) > it. pioppo\, /lat. comula (dim. di co-
ma chioma) > *cloma > it. chioma\, /lat. coclea > *clocea > it.
chiocciola\. Anche per la produzione di queste tre parole solo
la competenza del parlante latino popolare che pu averlo por-
tato a seguire un altro modello lessicale (e fonatorio), a lui anche
familiare, come quello dei lessemi latini che cominciano con pl
e cl, ambedue estremamente frequenti. Anche qui, dunque, ab-
biamo un errore di esecuzione causato dalla competenza lingui-
stica del parlante. Con unimportante differenza, per, rispetto
alle regole di conversione obbligatorie, tipo lenizione consonan-
tica e apocope delle occlusive nali: in questi ultimi due muta-
menti la competenza del parlante che ovviamente include la
coscienza dellinesistenza delle sorde intervocaliche e delle oc-
clusive nali lo porta a sonorizzare tutte le occorrenze esoco-
riche delle prime, e a eliminare tutte le occorrenze delle seconde.
Mentre nel caso della metatesi e di tutti gli altri fenomeni ac-
cidentali sopra elencati , la competenza del parlante, che in-
118 Lorigine delle parole

clude la coscienza dellesistenza di diverse opzioni allinterno del


proprio sistema, lo porta a scegliere liberamente fra di esse, -
nendo poi col fare una scelta errata: invece di scegliere lopzio-
ne giusta popolo *comola e *cocchia non solo possibile ma an-
che realizzata in molti altri casi (cfr., per *cocchia, lo sviluppo di
cucchiaio da cochleariu) , preferisce scegliere *ploppu, *clo-
ma, *clocea. Ecco perch la regola di mutamento fonetico di que-
sto tipo libera e non obbligatoria.
Per meglio apprezzare, a livello teorico, la natura speciale di
questo tipo di errori, va poi anche ricordata lesistenza di due
diversi ordini di difcolt connessi con lesecuzione linguistica:
(1) a livello generale, le difcolt inerenti a qualunque compito
da eseguire, anche il pi facile e familiare per lesecutore: errare
humanum est; (2) a livello specico, lesistenza universale, in tut-
te le lingue e i dialetti del mondo, dei cosiddetti scioglilingua, che
in tanto esistono in quanto ogni linguema presenta per i suoi
stessi parlanti difcolt articolatorie intrinseche e speciche,
che gli scioglilingua, appunto, evidenziano e aumentano arti-
cialmente. Sono questi due ordini di difcolt, inerenti a ogni e-
secuzione linguistica e quindi radicalmente diversi da quelli che
nascono dallincontro di due linguemi diversi, che creano le con-
dizioni per lesistenza delle regole di conversione libere.
Appare quindi chiaro che le regole di conversione libere (ex
accidenti generali) hanno caratteristiche speculari rispetto alle
regole di conversione obbligatorie: mentre queste risultano, come
abbiamo visto, dalla trasformazione di unesecuzione intrinse-
camente competente (rispetto al linguema del parlante) in unese-
cuzione errata (rispetto al linguema esocorico), le regole di con-
versione libere risultano dalla trasformazione di unesecuzione in-
trinsecamente errata (rispetto al linguema del parlante) in unese-
cuzione potenzialmente competente (sempre rispetto al linguema
del parlante), perch basata su unaltra regola dello stesso siste-
ma encorico, alternativa a quella violata.
Resta da vedere se anche questo tipo di regola, che abbiamo
chiamato di conversione libera, possa essere considerato ma-
crofonetico o sia invece, piuttosto, microfonetico, dato che non
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 119

ha un impatto generalizzato sul sistema (nonostante lattributo


tradizionale di accidente generale).
La risposta va ponderata. Riprendiamo, per una prima discus-
sione, il fenomeno della metatesi: quanti sono i casi di metatesi
in un lessico come quello italiano? Difcile dirlo, anche perch,
per ovvie ragioni, i casi di metatesi non sono sistematicamente se-
gnalati dai dizionari etimologici (anzi!): il DELI, lunico che mi-
ri alla sistematicit e che si lasci per di pi consultare anche elet-
tronicamente, ne segnala 42, ma lelenco certamente incomple-
to: vi troviamo, per citare i casi pi noti e facili, i citati pioppo,
chioma e chiocciola, cos come sudicio da lat. sucidu, fradicio da
lat. fracidu, coccodrillo da lat. crocodilu, era da lat. feria, bi-
goncio da lat. bicongiu, e cos via. Ma non appaiono cos classi-
cati, per esempio, accola da lat. *acca < facula < fax face,
aba da lat. *aba < fabula, (ac)chiappare da lat. *clappare < ca-
pulu cappio, farnetico da lat. phreneticu, madornale da lat. ma-
tronale, pipistrello da lat. vespertilio, e chiss quanti altri. Se e-
saminassimo gli altri fenomeni che abbiamo elencato, come per
esempio la sincope vocalica, il numero dei casi sarebbe molto
maggiore.
Limpatto sul sistema quindi, pur essendo limitato e non gene-
ralizzato, senzaltro presente ed evidente, per cui possiamo so-
lo ribadire che la differenza fra i due tipi di impatto che in un
caso libero e nellaltro obbligatorio. Ma la conclusione
pi importante, agli effetti della revisione della grammatica sto-
rica che stiamo svolgendo per questo punto, unaltra: anche se
limpatto di tali regole sul sistema limitato e non generalizzato,
e se la loro applicazione libera e non obbligatoria, abbiamo pur
sempre a che fare con regole, la cui regolarit dettata dalla com-
petenza fonetica del parlante, e la cui libert di applicazione di-
pende dalla loro coesistenza con le altre regole dello stesso siste-
ma. In quanto regole, sono quindi parte integrante del sistema en-
corico, esattamente come le regole obbligatorie. La denizione
tradizionale di accidente generale, insomma, pur restando un
nonsenso coglie sia pure in minima parte qualcosa della
realt. Pi precisamente la capovolge e la oscura, perch da un la-
120 Lorigine delle parole

to mette in primo piano laccidente, invece del generale, e


dallaltro perch sia il generale che laccidente risultano es-
sere interpretazioni approssimative e imprecise di ci che invece
si lascia meglio denire come regolare e libero, in opposizione
a ci che regolare e obbligatorio.
Concludendo, lopposizione tradizionale fra leggi fonetiche
VS accidenti generali, tipica di una visione che si basa sulla rei-
cazione del linguaggio, va quindi trasformata in unopposizione
interna allunica categoria rilevante per lanalisi di ambedue i fe-
nomeni: quella degli errori del parlante, inevitabilmente cau-
sati dalla propria competenza fonetica. Opposizione tipica di u-
na visione che mette al centro il parlante e vede da una parte gli
errori del parlante obbligato ad apprendere un altro linguema,
che hanno un impatto generalizzato sul sistema (leggi: regole di
conversione obbligatorie), e dallaltra gli errori del parlante ob-
bligato ad apprendere nuove parole, che hanno un impatto pi
limitato sul sistema. A loro volta, inoltre, tutti gli errori del par-
lante causati dalla propria competenza fonetica si contrappongo-
no agli errori del parlante causati dalla propria competenza se-
mantica, determinati dal tab o dallanalogia.
Abbiamo quindi:

(A) da un lato i due tipi di regole di conversione della foneti-


ca storica di un linguema, obbligatorie e libere, per de-
nizione regolari, entrambe macrofonetiche e foneti-
codipendenti;
(B) dallaltro i due tipi di mutamento irregolari, microfo-
netici e semanticodipendenti, dovuti a tab o ad ana-
logia.

Se vediamo lopposizione in questo modo, ci accorgiamo al-


lora che per letimologia e per la storia della lingua i cosiddetti
accidenti non sono meno signicativi e diagnostici delle cosid-
dette leggi, e che quindi profondamente errato mettere i pri-
mi su un piano inferiore rispetto alle seconde. Ambedue si pon-
gono in relazione con il sistema e non con il singolo lessema, e la
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 121

loro differenza sta solo nella casuale diversit del loro con-
testo di apprendimento esocorico in un caso, encorico nellal-
tro e della loro applicazione obbligata in un caso, libera nel-
laltro. Ambedue, in effetti, hanno la stessa rilevanza e specicit
nel quadro generale dei processi fonetici e dei conseguenti muta-
menti che legano uno stadio linguemico allaltro, e letimologia
deve quindi tener conto di entrambi nella stessa misura.
Nella storia della linguistica storica e della ricerca etimologi-
ca, invece, poich la distinzione fra i due fenomeni venne fatta
nellambito della visione del mutamento linguistico come feno-
meno organico, ne conseguita una sottovalutazione, o addirittu-
ra un riuto, degli accidenti, considerati non organici e quin-
di qualitativamente inferiori: una specie di non valore, ri-
spetto alle vere e proprie leggi, le sole valide, dellorganismo
linguistico eternamente mutante. Qualcosa, insomma, da evitare
come fattore esplicativo e da ammettere solo come extrema ratio.
Ecco perch sar molto importante vedere, nel cap. 12, come
in casi di molte etimologie controverse (anche letimologia ha le
sue cruces), la sottovalutazione o il riuto degli accidenti abbia
spesso orientato gli etimologi verso etimi assurdi o complicatis-
simi, solo perch gli etimi alternativi, pur essendo talvolta molto
pi semplici, del tutto verosimili, o addirittura trasparenti, richie-
devano lammissione dei cosiddetti accidenti. Vedremo, in-
somma, come in unetimologia pi cosciente dei propri metodi, il
necessario rigore per il rispetto delle regole non valga solo per
le regole obbligatorie, ma anche per quelle libere.
Nelle sezioni seguenti torneremo, da altri punti di vista, su
questa problematica.

3.4.5. Morfologia storica

La morfologia storica non si distingue in nessun modo dalla


fonetica storica, se non per il fatto che invece di analizzare i sin-
goli fonemi come tali, cio come suoni distintivi, si indirizza in-
vece a gruppi di fonemi che allinterno della parola in senso
stretto costituiscono un morfema: prende cio in esame non so-
122 Lorigine delle parole

lo tutti gli afssi (pressi, inssi, sufssi [ Glossario, AFFIS-


SO, PREFISSO, INFISSO, SUFFISSO], dei lessemi, ma anche tutte le
desinenze dei verbi, degli aggettivi e dei sostantivi. Per cui, per
esempio, il fonema /o/ atono nale, che costituisce la desinenza
del verbo al presente indicativo, viene messo a confronto con la
o nale del verbo latino. Il morfema /'ava/ della III persona
sing. dellimperfetto indicativo dei verbi della I coniugazione
viene messo a confronto con lat. bat, e cos via.
Poich, come gi detto, i fonemi sono sempre gli stessi, evi-
dente che anche letimologia di questi componenti morfologici
della parola segue esattamente le stesse regole che abbiamo gi e-
semplicato. Per cui la morfologia storica permette di analizzare,
in un solo colpo, segmenti lessicali signicativi che ricorrono in
centinaia e migliaia di parole diverse. Essa rappresenta quindi un
aiuto enorme per letimologia, sia sul piano strutturale che su
quello delleconomia della ricerca. Nonch, come stiamo per ve-
dere, anche per linterpretazione della fonetica storica stessa.

3.4.5.1. Coesistenza di morfemi diversi, anche se derivanti dalla


stessa origine

Proprio perch la morfologia storica si basa sulle regole della


fonetica storica, evidente che la coesistenza di regole geofone-
tiche contrastanti per lo stesso fonema latino, qui sopra discussa,
si riette anche nella morfologia, in quanto genera geomorfemi
diversi pur partendo dallo stesso morfema latino.
Vediamo alcuni esempi.

(1) Dal morfema latino atus possiamo avere, accanto al nor-


male ato, anche il settentrionale ado, come appare per
esempio in vescovado (cfr. episcopato), contado (comita-
to), parentado, ovviamente voci encoriche in alta Italia,
ma pericoriche per il orentinoitaliano. Parallelamente,
accanto ai numerosissimi sostantivi in ata abbiamo an-
che contrada (da lat. *contrata), strada (da lat. strata <
sterno), rugiada, masnada, etc.
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 123

(2) Dal morfema latino arius possiamo avere:


(A) lesito dotto ario (bibliotecario, vicario, bancario,
abecedario, schedario, tranviario, ferroviario, ne-
cessario, dizionario, vocabolario, precario, segreta-
rio, sillabario, rosario, etc.);
(B) lesito toscano (e ligure) aio, come in paio, staio,
fornaio, vivaio, nevaio, ghiacciaio, acquaio, dirim-
pettaio, burattinaio, lattaio, buongustaio, mortaio,
notaio, etc.;
(C) lesito centromeridionale aro, come in denaro,
somaro, porcaro, vaccaro, palombaro, scolaro, ca-
lamaro, zampognaro, corsaro, palazzinaro, tassina-
ro, etc.;
(D) il raro e arcaico esito meridionale arro (ramarro da
ramarius);
(E) quello francese iere (cavaliere, candeliere, novel-
liere, etc.).
(3) Un esempio pi interessante, e ancora poco studiato, sia
per i suoi aspetti fonetici che per quelli sociolinguistici
(pi precisamente sociosemantici), quello dato dalla
coesistenza di diversi esiti per il morfema tio, tionis.
Abbiamo infatti:
(A) lesito dotto zione, come in azione, nazione, sta-
zione, razione, elezione, erezione, creazione, produ-
zione, petizione e innumerevoli altri;
(B) lesito settentrionale gione come in ragione (cfr.
razione), spartigione (cfr. spartizione); guarnigione
(cfr. guarnizione); impiccagione; stagione (cfr. sta-
zione e staccionata), seminagione, seccagione,
piantagione, enagione; cacciagione, uccellagione,
pescagione; imbandigione, libagione; carnagione,
enagione, infreddagione; esito che sembra indivi-
duare e isolare un insieme di lessemi settentrionali
quanto alla fonetica, ma di tipo agrarioaristocratico
e cortigiano quanto alla semantica e quindi, proba-
bilmente, associati a un importante gruppo feudale
124 Lorigine delle parole

altoitaliano, egemonico o grandemente inuente


anche in Toscana. I campi semantici che risultano
dallelenco dato sembrano infatti essere: calcolo e-
conomico, difesa militare, esercizio della legge, ge-
stione di propriet agricola, partite di caccia e pesca,
banchetti, cura del corpo;
(C) lesito che, su basi storicofonetiche, dovremmo
considerare encorico, ma che sorprendentemente
assai poco rappresentato nel lessico italiano (e che,
come abbiamo visto, basato su unarticolazione
non naturale della /y/): stazzo (dal nominativo
statio), acquazzone da aquationem, dirizzone da
directionem, tizzone da titionem, cozzone da coc-
tionem e pochi altri;
(D) lesito che dovremmo considerare naturale, ma an-
chesso assai poco rappresentato, che appare in stac-
cionata, da *stationata.
(4) Un altro esempio nora non spiegato, e di cui si offre qui
una prima analisi, quello dato dai due sufssi ismo ed
esimo: due diversi sviluppi della stessa base grecolat. i-
smus, molto diversi sia nella loro frequenza che nella lo-
ro storia. Le parole in ismo, come qualunque parlante i-
taliano ben sa, sono diverse centinaia, se non migliaia: a-
teismo, arcaismo, snobismo, cubismo, ostracismo, rotaci-
smo, grecismo, anglicismo, tecnicismo, stoicismo, stori-
cismo, classicismo, romanticismo, misticismo, gnostici-
smo, fascismo, sadismo, nudismo, assenteismo, paci-
smo, sillogismo, catechismo, sindacalismo, comunismo,
socialismo, vandalismo, nazionalismo, etc. Ismo, inol-
tre, anche un sufsso tuttora produttivo [ Glossario,
PRODUTTIVIT], in quanto pu essere liberamente usato
per creare nuove parole, come succede per esempio tutte
le volte che lo aggiungiamo al cognome di chi ha propo-
sto qualcosa di nuovo o in qualche modo rappresenta una
moda o una tendenza: produttivit che inizia n dal Sei-
cento, come mostrano le attestazioni seicentesche di a-
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 125

riostista, bembista, galileista, marinista, oltre a quietista,


caffeista, casista, fattista (MIGLIORINI 1960: 484).
Molto pochi, e di carattere prevalentemente storico,
sono i lessemi italiani in esimo, come battesimo, catto-
licesimo, cristianesimo, feudalesimo, paganesimo, prote-
stantesimo, umanesimo e alcuni altri. Si pu dire, tranne
alcune eccezioni che confermano la regola (come dan-
nunzianesimo e simili), che essi formano una lista chiusa.
Ambedue i sufssi appena indicati derivano dal lat. i-
smus che per il latino ha acquisito tardi, dal greco
ismj. Greche sono infatti anche le parole latine tut-
te di epoca tarda che lo mostrano: soloecismus, iotaci-
smus, exorcismus, catechismus, cynismus, priapismus,
barbarismus, baptismus, etc. Anche in questo caso la
grammatica storica che ci illumina e ci fornisce un primo
indizio della spiegazione di questo duplice sviluppo. Il
gruppo /sm/, anzitutto, in latino limitato alla giuntura di
morfemi (come transm, exm), da cui per es. it. tra-
smettere, trasmigrare, trasmutare, smacchiare, smagrire,
smaniare, smemorato, smentire, smettere, smidollato, smi-
nuire, sminuzzare, smodato, smontare, smorzare, smuove-
re, etc. Nel corpo della parola, invece, esso risultava ano-
malo, e per questo, quando nel linguaggio popolare venne
introdotto da parole o da morfemi greci dove invece e-
ra normale esso produsse non solo esimo da ismus,
ma anche cresima da chrisma, sima da (so)sma,
a(n)simare da asthma, fantasima (forma antica tosca-
na di fantasma), Cosimo nome tipicamente toscano,
cfr. Cosimo dei Medici dal greco Cosma (Santi Cosma
e Damiano), dialettalmente usimu in Calabria, usemo
(Lucania e Napoletano), sm (Puglie), odore, tutti da
gr. *smj idem (GSLID: I, 338). Tutte queste forme
mostrano la gi vista regola di conversione dellepentesi
vocalica, cio la tendenza a inserire una vocale per scio-
gliere un gruppo consonantico ignoto o poco comune nel
sistema encorico. Tendenza che si rivela molto forte, o ad-
126 Lorigine delle parole

dirittura regolare, soprattutto in Italia centrale (compresa


la Toscana) e meridionale, come mostrano Inghilterra (c-
fr. invece inglese, English, Angleterre), lanzichenecco da
landsknecht, dialettalmente (Roma) giuchebocchese per
jukebox, Mrchese Marx, e la pronuncia pissicologo,
molto comune nellitaliano meridionale (esempi che po-
trebbero essere moltiplicati).
Torniamo ora a ismo ed esimo, e alla coppia di esem-
pi del tipo crisma e cresima. Due morfemi o due lessemi
diversi, che hanno per la stessa etimologia, in italiano
vengono chiamati allotropi (agg. allotropico) [ Glos-
sario, ALLOTROPIA], cio che mostrano una diversa mo-
dalit di sviluppo (in francese doublets). La distinzione,
pur essendo fondamentale per la ricerca etimologica (vi
torneremo in unapposita sezione), non stata sufcien-
temente approfondita per quanto riguarda le cause. Che
cosa ha portato gli italiani a dire prima battesimo, cri-
stianesimo, cattolicesimo, protestantesimo, umanesimo,
obbedendo a una tendenza tipica dellItalia centrale, To-
scana compresa, e meridionale, e poi a rispettare la fo-
nologia originaria, dando inizio allinterminabile serie
degli ismi, ancora oggi in uso? Che cosa li ha portati a
far coesistere cresima con crisma, sima con sosma,
a(n)sima con asma?
Gli storici della lingua e gli etimologi hanno sottolineato
che il sufsso ismo ha cominciato ad affermarsi nel Sei-
cento, per poi diventare frequentissimo nellOttocento e
diventare liberamente produttivo nel Novecento (DELI).
Ma occorre spiegare perch ismo ha soppiantato esimo.
Tre osservazioni sono utili per proporre una risposta: (1)
la parola pi antica fra quelle in esimo sembra sia
battesimo, tipica della nuova religione cristiana e in quan-
to tale greca di origine (come chiesa, vescovo, prete e tan-
te altre); (2) il campo semantico pi rappresentato nelle-
lenco proprio quello del cristianesimo stesso, con cri-
stianesimo, cattolicesimo, paganesimo, protestantesimo,
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 127

e anche le altre parole sono riferibili al Medioevo (feuda-


lesimo) o al XIV/XVI secolo (umanesimo); (3) dopo bat-
tesimo, lattestazione pi antica e toscana quella
di cristianesimo, del XIII secolo. Appare dunque chiaro
che tutte le altre formazioni sono state modellate su que-
ste due.
Per quanto riguarda la spiegazione della sostituzione di
esimo con ismo, evidente che si tratta dellabbando-
no della regola di conversione che porta allepentesi vo-
calica, e dellinizio del mantenimento del gruppo origi-
nale /sm/. Ma questo mutamento, naturalmente, non va
visto in chiave di reicazione del linguaggio, come se u-
na lingua prima fosse A, poi diventasse B e poi ritornas-
se A, per sola forza interna (la cosiddetta deriva, ver-
sione pseudostrutturalista della reicazione del muta-
mento linguistico) o per cause biologiche, come fosse un
organismo vivente. Va invece visto come il risultato di un
mutamento esterno, di ordine sociopolitico, che inizia nel
Rinascimento e consiste nel graduale emergere di una
nuova classe egemone proveniente dallalta Italia, porta-
trice di norme non pi esclusivamente toscane o comun-
que non pi toscane arcaizzanti, e di tendenze articolato-
rie pi settentrionali e pertanto meno legate allepentesi:
linizio della ne dellegemonia linguistica della Toscana
trecentesca. Nel Seicento, infatti, quando iniziano le atte-
stazioni di ismo e ista ormai moderni (eroismo, nepo-
tismo, quietismo, idiotismo, etc.), siamo anche nel perio-
do delle polemiche contro il Vocabolario della Crusca da
parte del Beni, del Tassoni e di molti altri (MIGLIORINI
1960: 453 sgg.). Non si tratta quindi n di uno sviluppo
di tipo biologico n di una misteriosa deriva, da uno sta-
dio epentetico a uno non epentetico, ma della coesistenza
in Italia di due aree dialettali geofoneticamente diverse,
da cui emergono due diversi gruppi egemonici sociolin-
guisticamente differenziati, di cui uno toscano (e cen-
tromeridionale) e laltro settentrionale.
128 Lorigine delle parole

Per concludere, la maggiore trasparenza ed evidenza della di-


versa origine geograca dei morfemi allotropici, rispetto a quel-
le delle regole fonetiche, serve anche a rafforzare quanto gi af-
fermato nei riguardi dello stesso fenomeno in fonetica: la spiega-
zione giusta non pu essere che quella geolinguistica, allotropi-
codialettale (vd. anche oltre).

3.4.5.2. Uso dellimperativo nei composti

Pu essere utile, per concludere questa breve illustrazione del-


la morfologia storica, analizzare anche un problema etimologico
di natura morfologica: quello delluso della seconda persona del-
limperativo nella formazione dei composti. Pu infatti sembrare
strano, al parlante moderno, che nei composti di verbo e sostan-
tivo come lavastoviglie, attaccapanni, attaccabottoni, cavatappi,
prendisole, girasole, parabrezza, rompicapo, rompiscatole, ba-
ciamano, salvacondotto, passaporto, serramanico, schiacciasas-
si, frangiutti, scioglilingua, etc., o di verbo e avverbio o aggetti-
vo, come posapiano, cascamorto, tiramis, o di due verbi, come
andirivieni, dormiveglia, parapiglia, saliscendi, tiremmolla, pap-
pataci, e di innumerevoli altri, il verbo si presenti nella II perso-
na singolare dellimperativo: cio come una forma di comando, o
di richiesta, o di invito. Ma oltre allassoluta regolarit delle de-
sinenze, e alla presenza di forme antiche di imperativo come an-
di(rivieni) (per vai), lo conferma anche la presenza, inconfondi-
bile, della forma negativa della seconda persona dellimperativo
in un lessema come nontiscordardim.
Per quanto riguarda una possibile spiegazione, a nostra cono-
scenza non stato notato che il modello su cui si basa questa cu-
riosa forma di composto sembra continuare un tipo arcaico, an-
tropomorzzante, di rapporto che i nostri remoti antenati avevano
con i loro artefatti: quello dei reperti archeologici che sono stati
detti parlanti, perch portano una scritta, sia in latino, in greco
o in etrusco, proprio nella forma dellimperativo, II persona sin-
golare, con cui invitano il proprietario a usarli. Un limpido caso di
continuit culturale, oltre che linguistica, di unusanza arcaica.
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 129

3.5. Il rapporto fra mutamento lessematico ed etimo: le incoe-


renze delletimologia tradizionale

Con le conoscenze che abbiamo acquisito sul rapporto fra


grammatica storica che intenderemo ora come grammatica
del mutamento causato da imperfetto apprendimento linguisti-
co ed etimologia, dobbiamo ora affrontare una questione
teorica fondamentale, che la teoria etimologica e la linguistica
storica non si sono mai poste con rigore: quella del rapporto
strutturale fra il mutamento lessematico e la nozione di etimo.
In termini teorici, possiamo anzitutto formularla cos: biu-
nivoco, nella teoria etimologica tradizionale, il rapporto fra
mutamento lessematico ed etimo? Pi esplicitamente: (A) alle-
timo di una parola corrispondono sempre uno o pi mutamenti
lessematici? e, viceversa, (B) tutte le volte che abbiamo un mu-
tamento lessematico abbiamo anche, necessariamente, un eti-
mo? Data limportanza centrale del mutamento nella losoa
del linguaggio tradizionale, dovremmo attenderci una risposta
positiva. Come vedremo in dettaglio nelle sezioni successive,
invece, la duplice risposta, fornita dalla testimonianza dei di-
zionari etimologici, tanto semplice quanto sorprendente. Essa
, infatti, questa:

(1) a ogni etimo di unetimologia corrisponde, s, sempre,


un tipo di mutamento lessematico, ma non di rado que-
sto mutamento non appartiene a quelli noti, cio non
n fonetico n semantico; in altre parole, vi sono al-
tri tipi di mutamento lessematico, che la teoria tradi-
zionale non ha mai esplicitato, ma di cui la prassi tie-
ne regolarmente conto;
(2) a ogni mutamento registrato non corrisponde sempre
la postulazione di un etimo.

Dobbiamo quindi concludere: (A) che nella teoria e nella pras-


si etimologica tradizionale vi sono altri tipi di mutamento lesse-
matico oltre ai due arcinoti, fonetico e semantico, e (B) che non
130 Lorigine delle parole

tutti i tipi di mutamento lessematico hanno eguale statuto, ma al-


cuni sono considerati trascurabili.
Quali sono dunque i tipi di mutamento nora ignoti, che pure
emergono dalla prassi, e quali sono, invece, quelli che la teoria
conosce ma la prassi ignora?
Ecco, per rispondere alle nostre due domande, alcuni esempi,
che potrebbero essere facilmente centuplicati.
Si osservino sequenze etimologiche come /it. quando < lat.
quando\, /it. bene < lat. bene\, /it. tennis < ingl. tennis\, /it. bidet
< fr. bidet\, /it. sputnik < rus. sputnik\, /it. apartheid < ol. a-
partheid\, /it. kiwi < austral. kiwi\, /it. calamaro < nap. calamaro\,
/it. bustarella < rom. bustarella\, /it. naia < gerg. naia\. Queste se-
quenze, pur non mostrando n un mutamento di forma n di si-
gnicato, si trovano immancabilmente nei dizionari etimologici.
Perch? Perch mostrano quello che provvisoriamente chiamere-
mo, sulla base del mutamento dellabbreviazione /it. < lat.\,
/it. < ingl.\, /it. < fr.\, /it. < dial.\, /it. < gerg.\,
posta prima del lessema, un mutamento linguemico: cio un mu-
tamento nel tipo di linguema di provenienza, che pu essere pi
antico, forestiero, dialettale, gergale. Mutamento che non stato
esplicitato dalla teoria tradizionale, ma che tuttavia, come si ve-
de, costantemente presente nella prassi etimologica. Al contra-
rio, sequenze etimologiche come /it. opera (musicale) < it. opera
(generico)\, /it. operare (del chirurgo) < it. operare (generico), /it.
macchina (automobile) < it. macchina (generico)\, pur mostran-
do un tipo di mutamento lessematico arcinoto come quello se-
mantico, ci nonostante non si trovano nella maggioranza dei di-
zionari etimologici, e anche quando vi gurano, o vengono di-
scusse nella letteratura, sono denite come accezioni [ Glossa-
rio, ACCEZIONE] e non come etimi.
Cosa signica questo? Che i tipi di mutamento che sono stati
considerati etimologicamente autosufcienti [ AUTOSUFFI-
CIENTE ETIMOLOGICAMENTE, MUTAMENTO LESSEMATICO], cio
sufcienti a generare una sequenza etimologica, nella visione tra-
dizionale sono soltanto due: (1) la discontinuit nella forma, e (2)
la discontinuit nella lingua. Si infatti riconosciuto un etimo
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 131

non solo a it. io da lat. ego, con mutamento fonetico ma senza mu-
tamento semantico; ma anche a it. quando da lat. quando, senza
mutamento n di forma n di signicato, ma con un (non dichia-
rato) mutamento di lingua, e perno a it. naia da un gergale (ov-
viamente italiano anchesso) naia. Mentre non lo si riconosce a
it. scala (musicale) da it. scala (generica), o a voto (politico), vo-
to (religioso), voto (scolastico), da voto augurio, nei riguardi dei
quali si parla di accezione e non di etimo. Ci che dimostra, una
volta di pi, due cose:

(1) quello che ha soprattutto dominato la ricerca storicolin-


guistica ed etimologica il mutamento fonetico, cio la-
spetto formale, esterno, della parola e della lingua, men-
tre stato messo in secondo piano quello semantico, per
il quale non esisteva un complesso di regole paragonabi-
li a quelle fonetiche;
(2) nella visione tradizionale, il mutamento di signicato non
una condizione sufciente per attivare la ricerca etimo-
logica. Al massimo, esso viene registrato e supercial-
mente trattato quando la ricerca lo incontra. In questa vi-
sione, la discontinuit semantica un di pi, che interes-
sa il linguista storico solo quando essa si aggiunge alla di-
scontinuit nella forma o nella lingua, mentre quando si
verica da sola rappresenta, al massimo, un semplice
dato da registrare. Anche questa ingiusticata esclu-
sione dellaccezione dalla ricerca etimologica program-
matica ha contribuito a distogliere la maggior parte dei
mutamenti semantici di tipo trasparente e indiscutibile
dalle indagini nel settore, con conseguenze gravissime
per lo statuto teorico e per la stessa credibilit delleti-
mologia.

In realt, come abbiamo visto, il mutamento semantico altro


non che il risultato di uniconimia, per cui esso non solo rientra
a pieno titolo nello studio delletimologia ma, come vedremo, ne
rappresenta anche la parte pi importante e pi produttiva.
132 Lorigine delle parole

Letimo, insomma, pur essendo strutturalmente collegato con


qualche mutamento lessematico, non stato messo in un rap-
porto diretto con esso, e quindi non stato mai denito in manie-
ra adeguata. Inoltre, poich la ricerca etimologica tradizionale si
fondata unicamente sulla grammatica storica che esclude la
semantica , oltre che sullerrato concetto del mutamento orga-
nico e inevitabile del linguaggio, i risultati su cui essa ha nito per
concentrare la propria attenzione sono quelli in cui la forma
cambiata. Del mutamento semantico si preso naturalmente at-
to, ma non potendolo includere in un quadro di regole rigorose lo
si messo in secondo piano, come fenomeno oltremodo frequen-
te ma in sostanza di disturbo; escludendolo, infatti, tutte le volte
che esso si fosse vericato senza mutamenti formali, allinterno
dello stesso sistema linguistico. Per cui, implicitamente o esplici-
tamente, la denizione tradizionale delletimologia qualcosa di
simile a questo (vd. anche cap. 13): ricerca della forma pi anti-
ca di una parola, inevitabilmente diversa, accompagnata o meno
da un mutamento semantico. Denizione, come vedremo, non
solo scorretta in s, ma anche contraddetta dalla prassi stessa de-
gli etimologi, che considerano un etimo anche la forma fone-
ticamente immutata dellit. quando rispetto a lat. quando.
In altri termini liconimia, anche quando c (cio, in realt, in
qualunque tipo di mutamento semantico), non essendo stata i-
denticata come componente fondamentale del segno, viene in-
terpretata, appunto, come mutamento semantico, e quindi co-
me fenomeno altamente irregolare, che si pu s registrare e i cui
risultati si possono anche descrivere succintamente, ma sul quale
non si pu fondare alcuna ricerca rigorosa.
Ecco dunque, in sintesi, le principali incoerenze delletimolo-
gia tradizionale:

(1) convinta dellinevitabilit del mutamento fonetico, la lin-


guistica storica non si accorta di una cosa assolutamen-
te evidente sul piano della prassi, e fondamentale sul pia-
no teorico: che in qualunque dizionario etimologico sono
immancabilmente presenti numerosi lessemi fonetica-
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 133

mente immutati, come /it. quando < lat. quando\, /it. be-
ne < lat. bene >, /lat. in > it. in\. Ci che ovviamente di-
mostra che il mutamento fonetico non inevitabile;
(2) sempre a livello di teoria, la ricerca storicolinguistica ha
esplicitato solo due tipi di mutamento lessematico: i mu-
tamenti fonetici o semantici. Ed erroneamente ha visto i
primi in chiave di inevitabilit biologica/strutturale (Laut-
gesetzen leggi fonetiche), e i secondi in chiave di ca-
pricciosit inclassicabile. Come vedremo, invece, am-
bedue hanno cause chiaramente esterne alla parola e al
linguaggio stessi, e anche per i mutamenti semantici
possibile uno studio sistematico;
(3) a livello di prassi, invece, la ricerca etimologica tradizio-
nale non solo ha relegato a un rango marginale il muta-
mento semantico, e riservato un trattamento speciale al
mutamento fonetico, ma ha anche esteso lo stesso tratta-
mento privilegiato al tipo di mutamento che abbiamo
chiamato linguemico, senza per altro accorgersi che di
mutamento si tratta, e quindi senza poterlo sfruttare per
arrivare a una visione teoricamente coerente del muta-
mento lessematico.

Nelle prossime sezioni cercheremo quindi di rivedere, critica-


mente, la tipologia del mutamento lessematico come essa effetti-
vamente si lascia analizzare nella ricerca etimologica. Prima di
farlo, tuttavia, dobbiamo ancora domandarci due cose:

(1) possiamo procedere in questa discussione dei risultati


della ricerca etimologica senza prima avere in qualche
modo denito e designato pi precisamente il suo ogget-
to, letimo?
(2) adeguata la terminologia tradizionale per illustrare i ri-
sultati della nostra analisi?
134 Lorigine delle parole

3.6. Una prima revisione critica della denizione delletimo

Cominciamo dalla denizione delletimo. Come abbiamo ap-


pena visto, la denizione tradizionale delletimologia e delleti-
mo , approssimativamente, ricerca della forma pi antica di u-
na parola, inevitabilmente diversa, accompagnata o meno da un
mutamento semantico. Denizione contraddetta dalla prassi
stessa delletimologia, che dimostra che il mutamento fonetico
non obbligatoriamente presente, e che la ricerca non mira quin-
di a identicare la prima discontinuit nella forma della parola,
ma si accontenta anche di una discontinuit nel tipo di linguema
di un lessema. Se allora, per coerenza, a queste due discontinuit,
aggiungessimo anche quella semantica (che, come abbiamo vi-
sto, viene invece ignorata dalla prassi etimologica), potremmo de-
nire letimologia, pi coerentemente, come ricerca della prima
discontinuit, non importa se fonetica, semantica o linguemica,
nella storia di una parola.
Questa denizione, anche se provvisoria, avrebbe unimpor-
tante implicazione: il rapporto fra etimo e mutamento divente-
rebbe ora biunivoco: cio qualunque etimologia corrispondereb-
be a un tipo di mutamento lessematico, e qualunque tipo di mu-
tamento lessematico genererebbe una sequenza etimologica. Par-
tiamo dunque da questa nuova base.

3.7. Nuove esigenze terminologiche

Per quanto riguarda la terminologia, scartiamo subito lipotesi


anche se teoricamente legittima di sostituire etimo ed eti-
mologia con nuovi termini che deniscano meglio loggetto del-
la ricerca. Etimo ed etimologia sono ormai nozioni troppo radi-
cate nella cultura generale per poterle abbandonare. Decidiamo
quindi di lasciare a etimo ed etimologia il valore generico e in-
denito che hanno nito per acquisire nella ricerca, anche se ora
ridenito come abbiamo appena detto, precisando, tuttavia: (1)
che li assumiamo come iperonimi, cio come termini superordi-
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 135

nati rispetto alla nuova tassonomia lessicale delletimologia, che


ora cercheremo di esplicitare, e (2) che invece a questultima
che ora dobbiamo indirizzare i nostri sforzi di lessicalizzazione
pi adeguata. In altre parole, invece di dare un nuovo nome al-
letimo, decidiamo di continuare a usare etimo come termine ge-
nerico, cio nel senso di qualunque tipo di discontinuit rispet-
to alla parola presa in considerazione (compresa quindi quella
puramente semantica) e di proporre allo stesso tempo tanti tecni-
cismi quanti sono necessari per distinguere i diversi tipi di di-
scontinuit.
Proprio le conclusioni ormai denitive della ricerca sulla rela-
zione inscindibile fra linguaggio e pensiero (i cui arcinoti classi-
ci sono VYGOTSKY (1934/1990) e PIAGET (1952, 1954, 1955) ci
insegnano infatti che per essere efciente il pensiero ha bisogno
di creare quelle scorciatoie lessicali che abbiamo illustrato nel
precedente capitolo, che gli servono per evocare nel modo pi e-
conomico possibile le nuove concettualizzazioni che di volta in
volta ha effettuato. E poich nel nostro caso gli elementi analiti-
ci per farlo sono gi tutti disponibili, procedere alla loro lessica-
lizzazione senzaltro possibile. Vediamo dunque, prima di con-
tinuare nella discussione, di adottare dei semplici neologismi, che
rispecchino da vicino la casistica nora illustrata.
Nel farlo, naturalmente, dobbiamo essere consapevoli che in-
trodurre una terminologia nuova non compito n facile, n pia-
cevole, neanche per il linguista, dato che la scelta delliconimo,
come ora ben sappiamo, del tutto arbitraria e pu quindi essere
pi o meno (in)felice. Ma la sua importanza non devessere nean-
che esagerata: una rosa una rosa anche se la chiamiamo diver-
samente. In termini scientici, la funzionalit di una proposta ter-
minologica sta molto pi nella validit della nozione designata
che non nel nome scelto: la validit del nome occhiali o vaccino
o petrolio per designare il rispettivo referente non sta nella scelta
delliconimo {occhio}, {vacca} e {olio di pietra}, ma nellutilit
della lessicalizzazione del concetto di un nuovo strumento, di un
nuovo metodo di cura o di un nuovo combustibile, diversi da quel-
li prima esistenti.
136 Lorigine delle parole

Con questa coscienza, allora, premesso che riserviamo a eti-


mo la funzione di designare loggetto generico della ricerca sul-
lorigine delle parole, e a etimologia la procedura per raggiun-
gerlo, introduciamo quei tecnicismi che ci permettano di distin-
guere, nel rapporto di una parola col suo etimo, lassenza/presen-
za del mutamento nei riguardi dei tre fondamentali aspetti di un
lessema: (A) la forma; (B) il signicato (C) il linguema di pro-
venienza. Per cui:

(A) per quanto riguarda la forma (a livello di fonetica, morfo-


logia e raramente sintassi) di un lessema, il suo stadio an-
teriore, mutato o immutato, pu essere chiamato antefor-
ma o ANTEMORFEMA [ Glossario]. E quando lantefor-
ma o lantemorfema sono ricostruiti, e il livello raggiun-
to quello del protoIE, cio dellIE comune, si pu an-
che parlare di protoforma o PROTOMORFEMA [ Glossa-
rio, PROTO], cio qualcosa di simile (ma mai identico,
per linevitabile lacunosit della documentazione) alla
forma originaria della parola o del morfema PIE nel mo-
mento della loro lessicalizzazione;
(B) per quanto riguarda il signicato (a livello di semantica)
di un lessema, il suo stadio anteriore, mutato o immutato,
pu essere chiamato ANTESEMEMA [ Glossario]. Quan-
do il signicato raggiunto quello ricostruito del PIE pos-
siamo parlare di PROTOSEMEMA [ Glossario, PROTO];
(C) per quanto riguarda il linguema (a livello di linguistica
storica) di provenienza di un lessema, il suo stadio ante-
riore pu essere chiamato ANTELINGUEMA [ Glossario],
e la sua discontinuit come vedremo meglio fra poco
pu essere di tipo DIASISTEMICO [ Glossario] o STA-
DIALE [ Glossario] (/it. quando < lat. quando\), DIA-
GLOTTICO [ Glossario] (/it. tennis < ingl. tennis\) o DIA-
STRATICO [ Glossario] (/it. calamaro < merid. calama-
ro\, /it. naia < gerg. naia\). Quando il sistema linguistico
quello ricostruito a livello PIE, si pu parlare di PROTO-
LINGUEMA [ Glossario, PROTO];
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 137

(D) per quanto riguarda la presenza/assenza di mutamento (a


livello di linguistica storica), inne, pu essere utile di-
stinguere fra anteforma eguale (OMOANTEFORMA) [
Glossario] e diversa (ALLOANTEFORMA) [ Glossario];
fra antesemema eguale (OMOANTESEMEMA) [ Glossa-
rio] e diverso (ALLOANTESEMEMA) [ Glossario], e ante-
linguema eguale (OMOANTELINGUEMA) [ Glossario] e
diverso (ALLOANTELINGUEMA) [ Glossario]. Quando
lantesemema diverso, tuttavia, sappiamo ora che ab-
biamo a che fare, automaticamente, con liconimo
cio con un signicato precedente dellanteforma e
quindi di solito ci converr adottare il pi pregnante ico-
nimo che non alloantesemema.

Con questi cinque nuovi termini, iconimo, anteforma, ante-


morfema, antesemema, antelinguema (risp. diasistemico/sta-
diale, diaglottico e diastratico) e i quattro subordinati, rispettiva-
mente omo/alloanteforma, omo/alloantemorfema, omo/al-
loantesemema e omo/alloantelinguema, possiamo ora passare
a illustrare i metodi e i risultati fondamentali raggiunti dalleti-
mologia tradizionale, per poi procedere a una loro discussione
critica pi approfondita.
Nel corso della discussione vedremo poi per quali altre nozio-
ni converr modicare la terminologica corrente, o introdurre al-
tri tecnicismi, di cui abbiamo gi anticipato, nelle sezioni prece-
denti, qualche esempio.

3.8. La tipologia del mutamento lessematico in base alletimo:


una revisione critica delle conclusioni della linguistica
storica

Affrontando ora il problema del mutamento lessematico e


della sua tipologia, riassumiamo, anzitutto, ci che abbiamo gi
accertato: (1) a livello teorico esplicito, la ricerca etimologica tra-
dizionale ha introdotto una bipartizione fra mutamento fonetico
138 Lorigine delle parole

e mutamento semantico; nella prassi ha invece adottato una tri-


partizione, che comprende anche il mutamento di provenienza
linguemica o, in forma abbreviata, linguemico; (2) nella prassi,
solo il mutamento fonetico e quello linguemico si rivelano eti-
mologicamente autosufcienti, cio atti a generare una sequenza
etimologica; il mutamento semantico, da solo, non basta.
Ci poniamo ora diversi compiti, che divideremo fra questa e la
prossima sezione. In questa sezione renderemo espliciti i fonda-
menti teorici di questa tripartizione intuitiva, ne vericheremo la
validit e la completezza e, se troveremo nuovi tipi di mutamen-
to, vericheremo anche se siano etimologicamente autosufcien-
ti, nel senso sopra descritto. Nella prossima sezione vedremo co-
me le diverse nozioni tradizionali relative alla classicazione eti-
mologica di un lessico, e le eventuali nuove, risultanti dallanali-
si, si lascino collegare ai diversi tipi di mutamento lessematico.
Per la classicazione dei materiali ci varremo, per ovvie ra-
gioni espositive, del metodo tassonomico, pur essendo coscienti
dei limiti insuperabili di questo tipo di classicazione, e delle co-
noscenze acquisite dalla linguistica strutturale nei riguardi dei
metodi di classicazione basati sullanalisi in tratti distintivi (A-
linei 1974). Anche questultima, tuttavia, ha bisogno della tasso-
nomia per identicare le opposizioni. Conviene quindi ricordare,
soltanto, che pi complesso un universo di dati, pi aumenta il
numero di opposizioni, e quindi di risultati, per la sua classica-
zione: anche per ordinare una biblioteca, per esempio, possiamo
adottare, come criterio, le dimensioni dei libri, il loro soggetto, o
lordine alfabetico degli autori, ottenendo ogni volta una classi-
cazione diversa.
Per la nostra classicazione tassonomica dei tipi di mutamento
lessematico abbiamo identicato quattro diversi criteri opposizio-
nali che sono, in ordine crescente di profondit e di produttivit:

(1) conseguenze del mutamento sulla parola;


(2) conseguenze del mutamento sul sistema;
(3) cause esterne del mutamento;
(4) ruolo della competenza del parlante nel mutamento.
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 139

3.8.1. Tipi di mutamento lessematico con vs senza impatto sulla


parola: endolessematici vs esolessematici

Il criterio classicatorio pi evidente e superciale, per una-


nalisi tipologica dei mutamenti lessematici e per questo anche
lunico che sia stato intuito (ma non esplicitato) dai fondatori del-
la grammatica storica , quello che contrappone i tipi che han-
no un impatto sulla parola a quelli che non ne hanno alcuno. Chia-
meremo i primi endolessematici [ Glossario, ENDOLESSEMATI-
CO], e i secondi esolessematici [ Glossario, ESOLESSEMATICO].
I mutamenti mostrati da sequenze come /it. io < lat. ego\, /it. ope-
ra (musicale) < it. opera (generico), cio, rispettivamente, fonetici
e semantici, hanno un impatto sulla parola, e sono quindi endoles-
sematici. Quelli mostrati da sequenze come /it. quando < lat. quan-
do\, /it. tennis < ingl. tennis\, /it. bustarella < rom. bustarella\ /lat.
considerare > it. considerare\ e simili, che non mutano n nella for-
ma n nel signicato, non hanno un impatto sulla parola e sono
quindi esolessematici.
I mutamenti endolessematici sono i soli che la linguistica sto-
rica tradizionale ha esplicitato nonch male interpretato! e
sono i due mutamenti classicidi forma o fonetico e di signi-
cato o semantico. I mutamenti esolessematici sono invece, ov-
viamente, quelli di provenienza o linguemici, che la linguistica
storica non ha visto come mutamenti impedendosi cos di ar-
rivare a una coerente teoria del mutamento ma che ha, tuttavia,
utilizzato nella prassi. Vediamoli ora tutti e due pi in dettaglio,
soffermandoci ogni volta anche sulla loro eventuale autosuf-
cienza nel generare sequenze etimologiche.

3.8.1.1. Mutamenti endolessematici

MUTAMENTO DI FORMA O FONETICO. In moltissime etimologie


tradizionali che mostrano un mutamento fonetico, il signicato
non cambia, per cui sembra cambiare la sola forma: per esempio
/it. io < lat. ego\, /it. povero < lat. pauperu\, /it. (d)ove < lat.
(de)ubi\, /it. ieri < lat. hri, /it. oggi < lat. hodie\, /it. noi < lat. nos\,
140 Lorigine delle parole

/it. chi < lat. qui\, /it. che < lat. qud\, e cos via. In realt, queste
sequenze mostrano anche un mutamento linguemico: dallitalia-
no si passa al latino. I casi citati, quindi, non dimotrano lauto-
sufcienza del mutamento fonetico rispetto alletimo. Non dif-
cile, per, trovare altri esempi che dimostrano il contrario: se-
quenze come /it. mannaggia < it. mal naggia che ne abbia ma-
le\, /it. perdinci < it. perdio\, /it. nevvero < it. non vero?\, /it. t
< it. togli\, /it. beh < bene\ e simili, che mostrano solo un muta-
mento fonetico, senza alcun mutamento di linguema, si trovano
egualmente in qualunque dizionario etimologico. Il mutamento
fonetico viene quindi considerato sufciente, da solo, a generare
una sequenza etimologica.

MUTAMENTO DI SIGNIFICATO O SEMANTICO. In moltissime eti-


mologie tradizionali, il mutamento sembra essere solo nel signi-
cato: il caso di sequenze come /it. alibi giusticazione < lat. a-
libi altrove\, /it. lapis matita < lat. lapis pietra, /it. album < lat.
album bianco\ e simili. Nonostante lapparenza, tuttavia, anche
in questi casi il mutamento semantico accompagnato dal muta-
mento linguemico: dallitaliano si passa al latino. Il mutamento se-
mantico, quindi, non si pu considerare etimologicamente auto-
sufciente, perch ci che giustica la presenza di queste sequen-
ze nei dizionari etimologici il mutamento linguemico. A diffe-
renza del mutamento fonetico, il mutamento semantico non co-
nosce esempi che contraddicono questa conclusione. Al contrario,
come abbiamo visto, quando il mutamento linguemico manca, al-
lora non si parla, tradizionalmente, di etimologia, ma di accezio-
ne, e i lessemi rilevanti non si trovano nella maggior parte dei di-
zionari etimologici: mutamenti semantici come it. penna (da scri-
vere) da penna (duccello), ambedue italiani, opera (musicale) da
opera (generico), ambedue italiani, operazione chirurgica da ope-
razione generica, ambedue italiani, e innumerevoli casi simili, per
la linguistica storica tradizionale non sono etimologie.
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 141

3.8.1.2. Mutamenti esolessematici

Come abbiamo visto, il mutamento esolessematico il muta-


mento linguemico che, pur non essendo stato esplicitato e teoriz-
zato dalla ricerca tradizionale, stato, di fatto, regolarmente uti-
lizzato nella prassi. Come stiamo per vedere, tuttavia, esso mol-
to importante, e si lascia suddividere in tre sottotipi.

MUTAMENTO LINGUEMICO DIASISTEMICO/STADIALE. Molto spesso


la ricerca etimologica individua un etimo che assolutamente i-
dentico, sia nella forma che nel signicato, al lessema studiato. E
questo sia nei casi di tradizione popolare (vd. oltre) che in quelli
di tradizione dotta (vd. oltre): /it. quando < lat. quando\, /it. in <
lat. in\, it. per < lat. per\, it. amo < lat. amo\, it. perdo < lat. per-
do\, it. vado lat. vado\, /it. vidi < lat. vidi\, /it. terra < lat. terra\,
/it. tela < lat. tela\; e ancora /lat. considerare > it. considerare\,
/lat. desiderare > it. desiderare\, /lat. aggregare > it. aggregare\,
/lat. segregare > it. segregare\, e cos via. In questi casi, che la ri-
cerca tradizionale non ha elaborato a livello teorico, un muta-
mento tuttavia riscontrabile: quello che, in apparenza, sembre-
rebbe un mutamento linguemico nel tempo, e quindi di tipo dia-
cronico. Mutamento che, come abbiamo visto, anche etimolo-
gicamente autosufciente.
In questo processo, tuttavia, il tempo ha solo un ruolo appa-
rente e secondario. Il mutamento rivela, in effetti, lesistenza di
due diversi stadi di uno stesso linguema, la cui distanza cronolo-
gica irrilevante dato che, come abbiamo visto, il mutamento lin-
guistico , di fatto, un mutamento da apprendimento, e quindi per
denizione immediato (anche se la sua diffusione pu ovviamen-
te implicare una durata anche lunga). Sia nellapprendimento che
nel mutamento abbiamo a che fare, infatti, con un complesso di
modiche diasistemiche, con la differenza, tuttavia, che nel mu-
tamento linguistico di carattere popolare (vd. oltre), a differenza
che nellapprendimento, le modiche hanno luogo in un determi-
nato momento storico e in un determinato territorio, e introduco-
no una radicale discontinuit fra il primo stadio (la lingua da ap-
142 Lorigine delle parole

prendere) e il secondo (lesecuzione), trasformando un linguema


il latino in un altro, a noi noto come neolatino. La diffe-
renziazione nel tempo quindi apparente, e quando si manifesta
in ogni caso una conseguenza, non una causa, di tale processo.
Sulle cause complesse di questo processo, che naturalmente non
sono esattamente le stesse per il mutamento di tipo popolare, se-
midotto e dotto, ci soffermeremo pi oltre. Qui ci limitiamo a
spiegare che abbiamo chiamato questo mutamento linguemico,
oltre che diasistemico, anche stadiale, per sottolineare che esso
rivela diversi stadi di uno stesso linguema nello stesso territorio,
come avviene fra greco antico e neogreco, fra anglosassone e in-
glese, fra antico francese e francese moderno, fra gotico e tede-
sco, fra slavo ecclesiastico e russo, e cos via. E anche per avvi-
cinare il concetto di stadio linguistico alla nozione di stadio che,
mutatis mutandis, viene usata da storici, archeologi, etnologi e pa-
leoetnologi per distinguere, sul piano storicoeconomico, fra so-
ciet di caccia e raccolta, agropastorali, straticate, feudali e ca-
pitalistiche, e su quello storicoculturale, fra culture del Paleoli-
tico, Mesolitico, Neolitico, dellEt del Rame, del Bronzo e del
Ferro, che si succedono come ha scoperto larcheologia pro-
cessuale , per processi interni, in uno stesso territorio. Come
vedremo, un mutamento diasistemico/stadiale come quello dal
latino allitaliano, o a uno dei dialetti neolatini, coinvolge sempre,
infatti, anche un formidabile mutamento societario. Poco impor-
ta poi, in questa ottica, che vi sia una differenza fra mutamento
popolare e mutamento dotto: anche i verbi, i sostantivi e gli ag-
gettivi di tipo dotto, pur non seguendo le regole di conversione fo-
netica, seguono pur sempre una essione completamente diversa
da quella latina.
Per quanto riguarda i sopra elencati lessemi immutati di tradi-
zione popolare, che mostrano solo un mutamento linguemico di
tipo diasistemico, va inoltre notato che essi sono foneticamente
immutati pur avendo seguito le regole di conversione obbligato-
rie. Il caso ha voluto che queste regole fossero tali da non modi-
care le vocali e le consonanti speciche dei lessemi rimasti im-
mutati. Lo stesso accade, signicativamente, anche nellappren-
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 143

dimento: il caso vuole che il parlante italiano che apprende lin-


glese, per esempio, non abbia difcolt a riprodurre lingl. ten
dieci, perch la sua competenza linguistica gli permette di pro-
nunciare correttamente la /t/, la /n/ e la /e/ tonica inglese, nonch
di evitare lepitesi vocalica dopo una nasale dentale. In caso di
unipotetica ibridazione angloitaliana, lit. *ten sarebbe quindi
un lessema immutato di tradizione popolare, rispetto allingle-
se, pur avendo seguito le regole di conversione, che nella mag-
gioranza dei casi portano invece il parlante italiano a modicare
la fonetica inglese.

MUTAMENTO LINGUEMICO DIAGLOTTICO. Un fenomeno struttu-


ralmente simile a quello precedente, ma molto diverso nel conte-
sto, quello che avviene nel caso di it. tennis, sport, football, golf,
boxe, rugby, sexy, computer, scanner, mouse, etc., tutti da ingl.
tennis, sport, football, golf, boxe, rugby, sexy, computer, scanner,
mouse, etc., it. bidet, etc., da fr. bidet, etc., it. sputnik da rus. sput-
nik, it. apartheid da ol. apartheid, it. kiwi da austral. kiwi, e cos
via. Anche in questi casi non c n mutamento fonetico n mu-
tamento semantico, ma solo un mutamento linguemico. Solo che
qui, tuttavia, la differenza non riette una vera e propria rivolu-
zione diasistemica/stadiale che abbia coinvolto i nostri antenati,
ma dipende da un semplice contatto linguemico a livello geo-
graco con una lingua straniera, diversa dalla nostra. Possia-
mo quindi chiamarlo mutamento linguemico diaglottico, in
quanto coinvolge unaltra lingua.
Anche in questo tipo di mutamento la mancanza di altri muta-
menti casuale, dato che ci sono molti pi esempi dello stesso ti-
po che mostrano mutamenti fonetici o semantici o entrambi. Ma
come abbiamo visto, quando tale mancanza si verica, essa di-
mostra che questo tipo di mutamento etimologicamente auto-
sufciente.

MUTAMENTO LINGUEMICO DIASTRATICO. Un ultimo tipo di mu-


tamento strutturalmente simile al precedente, ma anchesso di-
verso nel suo contesto, quello che appare in etimologie come /it.
144 Lorigine delle parole

malloppo < rom. malloppo\, /it. calamaro < merid. calamaro\, /it.
ciao < venez. a(v)o\, e cos via. Qui il mutamento linguemico
pu essere di nuovo considerato come la conseguenza di un con-
tatto linguemico. Ma in realt il contatto qui diastratico, cio av-
viene nellambito della societ, allinterno di una stessa comunit
di parlanti. quindi un mutamento sociolinguistico, e come tale
implica una certa misura di distanza sociale nei confronti di grup-
pi dialettofoni o di altro tipo, che in determinati momenti possono
acquistare una particolare importanza culturale, o economica, o
sociale, tale da permetter loro di introdurre le loro parole nel cir-
cuito nazionale. Anche in questo caso la mancanza di mutamento
fonetico o semantico casuale. Ma dimostra che anche questo ti-
po di mutamento etimologicamente autosufciente.
Inutile dire che i tre tipi di mutamento fonetico, semantico
e linguemico molto spesso si combinano: /it. sciagura < lat.
*exauguria\, /it. biscia < lat. bestia\, /it. pieve < lat. plebem\, /it.
cretino < (fr.) < lat. tardo christianus\ mostrano sia un mutamen-
to di forma sia un mutamento di signicato; it. darsena e arsena-
le, tutti e due dallarab. dr assin a casa del lavoro, fabbrica,
mostrano, oltre a un mutamento linguemico, anche un mutamen-
to fonetico e semantico.
Ecco ora (vd. Schema 3.1) la tassonomia, in forma di albero,
dei mutamenti lessematici classicati in base allopposizione pre-
senza vs assenza di impatto sulla parola, cio endolessematici vs
esolessematici. Albero che si articola, come si vede, su tre livel-
li, con un vertice e otto nodi, corrispondenti quindi a otto catego-
rizzazioni.
Come abbiamo visto, tutti e tre i tipi di mutamento esolesse-
matico o linguemico (diasistemico, diaglottico, diastratico), pur
sembrando meno importanti di quelli endolessematici, si rivela-
no, nella prassi, una condizione sufciente per generare leti-
mologia di una parola e gurare quindi nei dizionari etimologici.
Solo il mutamento semantico non etimologicamente autosuf-
ciente. A questo punto, tuttavia, occorre chiarire che la prassi eti-
mologica non si certo sbagliata nellattribuire un etimo a qua-
lunque mutamento esolessematico (e, come vedremo, questo tipo
1. MUTAMENTO LESSEMATICO
CON VS SENZA IMPATTO SULLA PAROLA

MUTAMENTO ENDOLESSEMATICO MUTAMENTO ESOLESSEMATICO = LINGUEMICO

FONETICO SEMANTICO DIASISTEMICO DIAGLOTTICO DIASTRATICO


3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia

Schema 3.1
145
146 Lorigine delle parole

di mutamento non certo meno importante di quello endolesse-


matico). Essa ha commesso per un gravissimo errore nel negare
questo ruolo a ogni mutamento semantico, e a considerare le ac-
cezioni un tipo di materiale secondario, e non primario, della ri-
cerca etimologica, di fatto marginalizzandolo o trascurandolo
completamente. Ritorneremo su questo punto pi volte, anche nei
prossimi capitoli.

3.8.2. Tipi di mutamento lessematico con vs senza impatto sul si-


stema: strutturali o diasistemici vs locali

Il secondo criterio classicatorio dei mutamenti lessematici,


che in un altro contesto abbiamo gi visto in 3.4.4.4, si rivela
pi profondo del primo e riguarda lopposizione fra mutamenti
con e mutamenti senza impatto sul sistema. I primi conseguono
a una vera e propria rivoluzione linguistica, e possiamo quindi
chiamarli, con i termini gi illustrati qui sopra, diasistemici o sta-
diali. I secondi invece non escono dallambito del sistema lingui-
stico e possiamo chiamarli locali.
Vediamo lopposizione pi in dettaglio.

(1) Per quanto riguarda il mutamento fonetico, nella stra-


grande maggioranza dei casi esso presenta un carattere
fondamentalmente diasistemico, in quanto ogni muta-
mento di suono, potenzialmente, in grado di investire
tutto il lessico, o, pi precisamente, tutti i lessemi che
contengono il suono mutato, e quindi modicare il lessi-
co in estensione e in profondit: come per esempio la re-
gola /lat. u nale > it. o\. Come abbiamo gi anticipato
( 3.4.4.4), tuttavia e vi ritorneremo nelle prossime se-
zioni , il mutamento fonetico diasistemico soltanto
quando coincide con le regole di conversione (sia quelle
obbligatorie che quella libere) della grammatica storica.
Non lo invece quando dovuto a: (A) tab linguistico,
come mostrato dalla sequenza /it. perdio > it. perdinci\;
(B) analogia (/it. lucertola < lat. lacerta\). Dobbiamo
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 147

quindi distinguere fra due tipi di mutamento fonetico:


quello macrofonetico, che anche diasistemico, e quello
microfonetico, che invece locale. Va per ricordato, tut-
tavia, che entrambi sono etimologicamente autosufcien-
ti, essendo di natura fonetica.
(2) Per quanto riguarda il mutamento semantico, al contrario,
esso fornisce lesempio pi evidente di mutamento senza
impatto sul sistema, e quindi sempre, obbligatoriamente, lo-
cale: nessun mutamento semantico, non importa di che tipo
e in che quantit, potr mai intaccare il sistema grammati-
cale di un linguema. Ci consegue, naturalmente, alla natu-
ra stessa del mutamento semantico che, come ora sappiamo,
altro non che il risultato di un intervento iconimico del par-
lante, realizzato riciclando parole preesistenti nellambito
della grammatica in vigore. In nessun modo, quindi, esso
potrebbe avere un impatto sul sistema.

qui utile sottolineare come leliminazione della concezione


del mutamento organico o pseudostrutturale del linguaggio per-
metta di chiarire, una volta per tutte, la natura della differenza fra
i due tipi di mutamento: quello macrofonetico introduce un nuovo
modello articolatorio e quindi grammaticale nella comunit di
parlanti. Poich, come vedremo, le cause ultime di questo muta-
mento sono esterne, esso indice di un evento che possiamo de-
nire, in senso lato, rivoluzionario, cio di discontinuit e rottura, o
di discontinuit globale, sulla forma dellintero sistema linguisti-
co. Quello semantico, invece, pur essendo anchesso determinato
da cause esterne, collegato allo sviluppo culturale, che riette at-
traverso costanti processi di lessicalizzazione (innovazione lessi-
cale o semantica). Come tale modica in profondit il lessico sen-
za per mai modicare il sistema linguistico.
La tassonomia a forma di albero di questa seconda classica-
zione (vd. Schema 3.2) si articola su quattro livelli, con un verti-
ce e undici nodi, corrispondenti quindi a undici categorizzazioni.
Come si nota, lopposizione fra il mutamento diasistemi-
co/stadiale e quello locale ci obbliga a distinguere fra un tipo di
148

2. MUTAMENTO LESSEMATICO
CON VS SENZA IMPATTO SUL SISTEMA

MUTAMENTO DIASISTEMICO/STADIALE = MACROFONETICO MUTAMENTO LOCALE

REGOLE DI CONV. OBBLIGATORIE REGOLE DI CONV. LIBERE MICROFONETICO SEMANTICO DIAGLOTTICO DIASTRATICO

TABUISTICO ANALOGICO

Schema 3.2
Lorigine delle parole
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 149

mutamento macrofonetico, che investe lintero lessico (e come


sappiamo si sdoppia nelle regole di conversione (RC) obbligato-
rie o libere della grammatica storica), e un tipo microfonetico,
che invece investe una singola parola (e come gi sappiamo si
sdoppia nel mutamento per tab e per analogia). Ci impone an-
che di distinguere, fra i diversi mutamenti linguemici della pre-
cedente tassonomia, quello diasistemico/stadiale (italiano < lati-
no), che qui viene posto a un livello superiore agli altri, come lu-
nico che coinvolge il sistema. Ne risulta quindi una contrapposi-
zione fra (A) il mutamento diasistemico, che corrisponde alle re-
gole di conversione macrofonetiche, obbligatorie o libere; e (B)
i quattro mutamenti locali, che sono il mutamento microfonetico
(a sua volta suddiviso in tabuistico o analogico), il mutamento se-
mantico, e i due mutamenti linguemici di tipo diaglottico e dia-
stratico.
anche importante osservare, non solo a livello di metodolo-
gia classicatoria, ma anche di teoria linguistica, come il muta-
mento diasistemico/stadiale, che nella prima tassonomia risulta-
va necessariamente separato dal mutamento fonetico, in questa
seconda tassonomia appaia invece come la realizzazione per ec-
cellenza del mutamento macrofonetico: la differenza fra latino e
italiano come sistemi o stadi linguistici , infatti, principalmente
una differenza di grammatica: cio di fonetica, morfologia, sin-
tassi, lessico. Questa curiosa contraddizione fra le due tassono-
mie, che verr confermata anche dalla terza, verr spiegata nel
corso dellillustrazione della quarta e dellultima.

3.8.3. Tipi di mutamento lessematico in base alle sue cause e-


sterne

Il terzo criterio classicatorio che abbiamo identicato per la


classicazione dei tipi di mutamento lessematico si rivela ancora
pi produttivo del secondo, ed quello che si basa sulle sue cause
esterne. Le abbiamo gi in parte anticipate, quando abbiamo par-
lato di sviluppo culturale e di contatto linguemico. Prima di illu-
strarne la tipologia, tuttavia, dobbiamo ritornare su un punto fon-
150 Lorigine delle parole

damentale, per sgombrare denitivamente il terreno da una conce-


zione errata, ancora fortemente radicata nella linguistica storica.

3.8.3.1. Il mutamento lessematico non ha un carattere organico o


comunque inevitabile

Anzitutto, se rivediamo quanto abbiamo discusso nora, con-


statiamo che per tutti i tipi di mutamento n qui illustrati me-
no uno non si pu assolutamente parlare di una metamorfosi
organica o di una deriva della parola. Nel mutamento semanti-
co, infatti, come ora sappiamo, abbiamo a che fare sempre e sol-
tanto con un intervento iconimico del parlante, mirante a lessica-
lizzare un nuovo concetto.
Nei tre tipi esolessematici di mutamento linguemico del tut-
to evidente che la parola non subisce misteriose metamorfosi di ti-
po organico o per deriva, ma cambia semplicemente la sua eti-
chetta di provenienza. Essa pu infatti provenire, rispettivamente,
da un altro stadio della stessa lingua (diasistemico), da unaltra lin-
gua (mutamento diaglottico), o dal linguema di un gruppo socio-
linguistico diastratico, pi precisamente encorico o pericorico.
Anche per quanto riguarda i due tipi di mutamento microfo-
netico (tab e analogia), la stessa linguistica storica tradizionale
si ben guardata dallipotizzare un mutamento organico. Al con-
trario, come vedremo meglio nel prossimo capitolo, il mutamen-
to da tab stato sempre visto, correttamente, come un interven-
to cosciente del parlante su singole parole, determinato da cause
culturali. E lanalogia stata vista proprio in opposizione al pre-
sunto mutamento fonetico organico.
Resta dunque il solo mutamento macrofonetico, caratterizzato
dai due tipi di regole di conversione, obbligatorie e libere, come
unico possibile candidato a rappresentare un fenomeno organico,
di tipo biologico nel vecchio modello di reicazione del linguag-
gio, e di tipo pseudostrutturale (deriva e simili) nel nuovo.
Ora, ci sono due prove, assolutamente irrefutabili, del contrario.
Una, che passata del tutto inosservata alla linguistica storica
e alletimologia tradizionale, si basa su una tipologia che gi co-
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 151

nosciamo: la ora notata totale mancanza di mutamento fonetico o


semantico anche nei lessemi di tradizione ininterrotta, esempli-
cata dalle sequenze del tipo /it. quando, in, per, amo, vivo, terra,
tela, etc. < lat. quando, in, per, amo, vivo, terra, tela, etc.\. Qua-
le limportanza di questa cos evidente e non infrequente man-
canza di mutamento?

(A) Da un lato, con il semplice fatto di esistere, essa falsica la


tesi tradizionale che la mancanza di mutamento inevita-
bile. Ovviamente se il mutamento fosse veramente organi-
co e inevitabile, non potremmo avere parole immutate.
(B) Dallaltro, anche l dove questa continuit nellidentit
non si vericata, e dove sono invece osservabili reali
mutamenti, essa dimostra che questi sono del tutto ca-
suali, nel senso che dipendono dalle diverse peculiarit
dei sistemi che si ibridano, e quindi da circostanze ester-
ne, storicogeograche, mutando le quali muterebbero
anche i risultati. Il mutamento linguistico, insomma, non
solo non obbligatorio, ma quando si verica anche ca-
suale.

La seconda prova, paradossalmente, proprio la linguistica


storica tradizionale che ce la fornisce, illuminandoci, per di pi,
anche sulle vere cause del mutamento lessematico, e ci pur teo-
rizzando il contrario! Ci limitiamo qui a esporla schematicamen-
te, dato che su questo punto torneremo anche in seguito.
Fin dalle origini la linguistica storica e letimologia delle lin-
gue e dei dialetti neolatini hanno operato una distinzione fonda-
mentale per spiegare ci che il lessico di questi linguemi mostra-
va con assoluta evidenza: la coesistenza di tipi di trasmissione di-
versa per una stessa parola latina, e con questo il carattere com-
posito del lessico: per esempio it. angustia e angoscia, ambedue
da lat. angstia, it. bestia e biscia, ambedue da lat. bestia, it. pen-
sare e pesare, ambedue da lat. pensare, it. augusta e Aosta, am-
bedue da lat. augsta; e analogamente it. area e aia, da lat. area,
it. bula e bbia, da lat. bula, it. fria e foia, da lat. furia, it. ni-
152 Lorigine delle parole

tida e netta, da lat. ntida, it. stipare e stivare, da lat. stipare, it.
vigilare e vegliare, da lat. vgilare, it. coagulare e cagliare, da lat.
coagulare, e cos via. Ci vale anche per i morfemi, come abbia-
mo visto nellopposizione fra ismo e esimo, o ario e aio, etc.
Ora, in che modo la linguistica storica e letimologia hanno di-
stinto, e ancora distinguono, fra questi diversi continuatori di u-
na stessa parola latina? Denendo i continuatori immutati di tra-
dizione dotta [ Glossario, DOTTA, TRADIZIONE], e quelli muta-
ti secondo le regole della fonetica storica di tradizione popolare
[ Glossario, POPOLARE, TRADIZIONE]. Cosa signica questo?
Che le vere cause del mutamento cosiddetto organico sono sta-
te riconosciute, implicitamente, come societarie. Tradotta in ter-
mini pi attuali e precisi, questa conclusione signica infatti che
i mutamenti macrofonetici di tipo popolare vanno visti come
unesecuzione obbligatoriamente errata, da parte di una comu-
nit di parlanti socioculturalmente inferiori, nellapprendi-
mento del nuovo modello sociolinguistico normativo. Proprio co-
me il cosiddetto ACCENTO [ Glossario] di un parlante una lin-
gua straniera, o di un dialettofono che parli la lingua standard, ben
lungi dal rappresentare un mutamento organico, rappresenta in-
vece lesecuzione obbligatoriamente imperfetta di un modello al-
loglotto da parte del parlante: accento che, infatti, se analizza-
to in tutte le sue caratteristiche mediante il confronto con il mo-
dello normativo, si tradurrebbe in una fonetica storica sui gene-
ris, tipica dellapprendista bilingue.
In secondo luogo, la massiccia presenza di questo lessico di o-
rigine popolare, sia nel lessico GRAMMATICALE o SINCATEGORE-
MATICO [ Glossario], sia in quello pieno o CATEGOREMATICO
[ Glossario], deve giocoforza riettere un mutamento diasiste-
mico/stadiale anche nella societ, nel senso che legemonia lin-
guistica, in un determinato momento, deve essere passata dal ceto
dominante precedente a questa comunit popolare di parlanti.
Non vi dunque nulla di organico neanche in questo muta-
mento, per implicita ammissione dei fondatori della linguistica
storica, che, pur sbandierando lesistenza di leggi fonetiche di
tipo organico/biologico, avevano poi nito per riconoscere, senza
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 153

volerlo, il carattere sociolinguistico del mutamento diasistemi-


co/stadiale! Come abbiamo gi visto in 3.4.4.4, tuttavia, questo
mutamento sembra avere anche unaltra causa, di natura psico-
linguistica. Come conciliare queste due affermazioni? Cerchere-
mo di spiegarlo nelle sezioni che seguono.

3.8.3.2. La causa ultima della continuit linguistica sta nella com-


petenza del parlante

Anzitutto, occorre ribadire ci che abbiamo detto n dal pri-


mo capitolo: la continuit delle parole (e di una lingua) nel tem-
po, e quindi la loro straordinaria durata, pur contrastando radi-
calmente con la loro assoluta volatilit, dipendono dal loro uso u-
niversale in una determinata comunit di parlanti, e quindi dal
meccanismo di trasmissione senza ne, da una generazione al-
laltra, che risulta da questo uso universale. Ora, in termini di lin-
guistica moderna, questo meccanismo di trasmissione, specico
del linguaggio (e quindi anche del lessico), non pu essere visto
che in una maniera: come il risultato automatico della competen-
za linguistica di ciascun parlante di una comunit. In qualunque
campo, la competenza, per rimanere tale, deve perpetuare le
proprie conoscenze applicandole alle pi diverse situazioni. Par-
lare una lingua con competenza signica, per denizione, perpe-
tuarla, cos come si perpetua qualunque strumento materiale n-
ch resiste allusura.

3.8.3.3. Le cause ultime del mutamento lessematico sono esterne

La competenza linguistica perpetuerebbe quindi per sempre le


stesse parole (e la stessa lingua), se non fosse per due possibili
cause esterne, che sono lo sviluppo culturale e i contatti lingue-
mici. Cause esterne che, da un lato, proprio in quanto tali, sono ac-
cidentali (lo sviluppo culturale pu esserci o pu mancare, e an-
che quando c pu variare grandemente; i contatti linguemici di-
pendono anzitutto dalla collocazione geograca, oltre che dalle
variabili storiche e socioeconomiche di qualunque comunit); e
154 Lorigine delle parole

che dallaltro, ben lungi dal neutralizzare la competenza linguisti-


ca, la costringono, al contrario, a funzionare in condizioni critiche,
generando cos risultati che possono risultare devianti rispetto al-
la norma. I mutamenti lessematici (e linguistici) sono la risposta
obbligatoria della competenza del parlante allo sviluppo cultu-
rale e ai contatti linguemici in tutti i loro aspetti.
quindi fondamentale capire che le due cause esterne del mu-
tamento lessematico sviluppo culturale e contatti linguemici
non agiscono direttamente sul lessico o sul singolo lessema,
ma agiscono esclusivamente sulla competenza linguistica del par-
lante, che quindi nisce con essere anche la sola causa diretta, sia
della continuit che della discontinuit lessematica (e linguisti-
ca). La sequenza del processo di mutamento dunque questa:
cause esterne > competenza del parlante > mutamento lessema-
tico. Ci che signica che lintera casistica del mutamento lesse-
matico (e linguistico) si riduce a una sola causa: la competenza
del parlante. Vediamo ora pi in dettaglio, anzitutto, le cause e-
sterne del mutamento lessematico.

SVILUPPO CULTURALE. La pi evidente causa o concausa ester-


na di qualunque mutamento lessematico lo sviluppo culturale
dellintera comunit di parlanti, conseguenza, a sua volta, delle
possibilit di sviluppo cognitivo individuale che un sistema so-
cioeconomico e politico offre ai membri di una comunit, e del-
la loro interazione. Nessun tipo di mutamento lessematico, sia es-
so macro o microfonetico, analogico, tabuistico, diasistemico o
locale, pu dirsi completamente esente da fattori storicocultura-
li. Come criterio di classicazione, quindi, esso non sarebbe rile-
vante, se il suo ruolo fosse sempre eguale. Senonch, mentre pu
essere concausa di qualunque tipo di mutamento, causa esclu-
siva di quello semantico. Lo sviluppo culturale, inteso nel senso
pi lato, infatti lunica fonte dellinnovazione semantica
cio di nuove lessicalizzazioni , naturalmente realizzata sem-
pre dai singoli parlanti, con gli stessi materiali lessicali esistenti
(grazie al fenomeno obbligatorio delliconimia), ma producente
sempre nuovi signicati, prima inesistenti.
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 155

Inutile dire che questo mutamento, realizzato mediante lico-


nimia, ha assoluto bisogno della competenza del parlante per rea-
lizzarsi. Va aggiunto, inoltre, che esso pu essere osservato da cia-
scuno di noi nel corso della propria vita, ogni volta che nascono
nuove parole, o nuovi signicati di vecchie parole.

TAB: UN CASO SPECIFICO DI SVILUPPO CULTURALE. Un caso di


sviluppo culturale che merita una trattazione a parte il tab o
tab linguistico. Poich non appartiene alle categorie tradiziona-
li della grammatica storica, ne riassumiamo qui le caratteristiche,
per tornarvi pi in dettaglio nel prossimo capitolo.
Molti aspetti sacri della vita (nel senso pi profondo, cio
inconscio, del termine), e con essi i nomi che li designano, ven-
gono di solito colpiti dal tab, cio dal divieto di pronunciarne il
nome e dalla loro sostituzione con altri, tabuizzati: ancora oggi,
religione, magia, sesso, cicli siologici, malattie, morte, caccia
(!) e pesca (!), i nomi di determinate persone considerate porta-
trici di sfortuna, mostrano questo fenomeno. In epoca antica, gli
aspetti della vita colpiti da tab linguistico erano ancora pi ge-
nerali e numerosi.
La risposta fondamentale del parlante al tab linguistico
lOCCULTAMENTO [ Glossario] volontario della parola tabuiz-
zata con parole sostituive, dette noa [ Glossario, NOA, PAROLA]
dagli etnogra, tradizionalmente chiamate eufemismi, ma che noi
chiameremo per ragioni che illustreremo pi oltre tabuismi.
Questo occultamento volontario, che ovviamente ha assoluta-
mente bisogno della competenza del parlante, si pu realizzare in
tre diverse maniere:

(1) con la SOSTITUZIONE LESSICALE [ Glossario]: con essa


la parola tabuizzata viene sostituita da parole preesisten-
ti, diverse da quella tabuizzata, seguendo regole che ve-
dremo pi in dettaglio nel prossimo capitolo; bastino co-
me esempi tumore o brutto male invece di cancro; deces-
so, dipartita, scomparsa, perdita, defunto, trascorrere a
miglior vita, spirare, esalare lultimo respiro invece di
156 Lorigine delle parole

morte, morto, morire; cose, regole, periodo, etc., invece


di mestruazione; andare di corpo invece di cacare, etc. In
inglese parlato si usa labbreviazione BM (per bowel mo-
vement movimento intestinale). Talvolta, invece di ta-
buismi di tipo encorico, si occulta il nome tabuizzato con
un nome equivalente ma esocorico, cio straniero, che ha
lo stesso signicato della parola tabuizzata ma non gene-
ra la stessa reazione di rigetto dellequivalemte encorico:
per esempio in Olanda limprecazione schijt merda vie-
ne talvolta sostituita dallafne inglese shit, che ha la stes-
sa origine e lo stesso signicato;
(2) occultamento fonetico della parola tabuizzata, che la ren-
de parzialmente irriconoscibile e la desemantizza [
Glossario, DESEMANTIZZAZIONE]: per es. cribbio invece
di Cristo, caspita invece di cazzo, acciderbole o accipic-
chia invece di accidenti, perdindirindina invece di perdio,
sic. mizzica invece di minchia, rom. porca matosca inve-
ce di porca madonna. In inglese invece di dire God si pu
usare gosh. E invece di Jesus (pronuncia /'ss/) si pu e-
sclamare gee! o gee weez!, ambedue chiaramente legati
alla prima sillaba delloriginale. In olandese invece di Je-
sus si dice jetje, con laggiunta del morfema diminutivo
tje alla prima sillaba delloriginale;
(3) occultamento fonoiconimico della parola tabuizzata, che
la rimotiva o reiconimizza [ Glossario, REICONI-
MIZZAZIONE], trasformandola in parole preesistenti, ma
foneticamente simili a quella tabuizzata: per es. cavolo o
kaiser invece di cazzo; perdiana invece di perdio, tosc.
Maremma invece di Madonna, emil. romagn. sorbole in-
vece del noto invito alla fellatio socmel. Talvolta anche i
tabuismi stessi possono essere a loro volta tabuizzati (vd.
cap. 4) e sostituiti: come il romanesco porca matosca che
diventa porca mattina.

Senza la competenza del parlante, nessuna di queste modalit


sarebbe realizzabile.
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 157

CONTATTI LINGUEMICI. La causa esterna pi complessa, e


con quella interna della competenza la pi lontana dalla vi-
sione organica del mutamento linguistico, quella dei contatti
linguemici. Come vedremo nel prossimo capitolo, essa stata gi
proposta ed elaborata, in altri termini, dal fondatore della dialet-
tologia e uno dei pi geniali linguisti dellOttocento e di tutti i
tempi, Graziadio Isaia Ascoli1.
I contatti linguemici di una comunit di parlanti possono es-
sere, a seconda del tipo di linguema interessato dal contatto, eso-
corici, pericorici ed epicorici e, a seconda del tipo di contatto,
semplici [ Glossario, ACQUISIZIONE] o complessi [ Glossario,
IBRIDAZIONE LINGUISTICA]. Vediamo le sottocategorie che ne de-
rivano.

(A) Contatti esocorici. Sono quelli che una comunit di


parlanti ha costantemente con altre comunit di parlan-
ti di lingua straniera, e quindi esterni allarea della stes-
sa comunit. Producono i sopra citati mutamenti lesse-
matici di provenienza diaglottica, pi precisamente fo-
restierismi e calchi, nonch il cosiddetto accento stra-
niero. Sono diretti, se dovuti a contiguit geograca, in-
diretti se dovuti a contiguit economicoculturale (que-
sti ultimi in continuo aumento man mano che cresce la
telecomunicazione), e sono tutti osservabili nel corso di
unesistenza.
(B) Contatti pericorici. Sono quelli che una comunit di par-
lanti ha con i gruppi dialettali presenti allinterno della-
rea linguistica nazionale. Sono quindi, in tal senso, socie-
tari, anche se, essendo i dialetti/linguemi preesistenti al-
la lingua nazionale, hanno in comune con i contatti eso-
corici una certa misura di diaglottismo. A livello sincro-
nico, producono mutamenti di provenienza diastratica,

1. Su Ascoli e sulla sua importanza si veda il bel saggio di Sebastiano Timpanaro


del 1972, ristampato di recente, a cura di Giulio Lepschy, in TIMPANARO (2005).
158 Lorigine delle parole

pi precisamente i dialettalismi e i regionalismi, e il co-


siddetto accento dialettale, tutti osservabili nel corso di
unesistenza.
(C) Contatti epicorici. Sono quelli che, allinterno di una
stessa comunit di parlanti, avvengono fra i gruppi e i
ceti sociali e professionali che compongono una societ
complessa. Producono i gergalismi, i tecnicismi, i set-
torialismi e gli altri tipi lessicali che vedremo meglio in
seguito. Sono anchessi mutamenti di provenienza dia-
stratica, ma si distinguono da quelli pericorici del pun-
to precedente in quanto sono puramente societari, non
interessando altri linguemi. In termini tradizionali, non
sono prestiti come lo sono gli esocorismi e i perico-
rismi, ma con essi hanno in comune di essere acquisi-
zioni.
(D) Ibridazione. I contatti linguemici complessi che genera-
no ibridazione sono quelli che nel Vecchio Mondo si so-
no vericati regolarmente a partire dallEt dei Metalli
(IV millennio a. C.), e in Europa soprattutto nellEt del
Bronzo (II millennio) e del Ferro (I millennio), quando la
formazione delle prime comunit socialmente straticate
port a due sviluppi fondamentali per la nostra preistoria
recente e per la nostra storia, anche linguistica: (A) in am-
bito encorico, epicorico e pericorico, al nuovo dominio
dei ceti elitari emergenti e della loro norma linguistica
sulle masse schiavizzate o subordinate in tutta la loro a-
rea; ci che cre le basi, inevitabilmente, anche per la pos-
sibilit di un rovesciamento dei ruoli, sia sociali che lin-
guistici (per es. il latino volgare che pi tardi prevalse
sulla vecchia norma elitaria; un dialetto come il oren-
tino che diventa lingua); (B) in ambito esocorico, al ri-
corso, da parte degli stessi ceti elitari emergenti, allinva-
sione, alloccupazione militare e alla colonizzazione di
territori stranieri, con conseguente egemonia culturale e
linguistica, per lo sfruttamento economico dei territori
occupati e delle comunit soggiogate.
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 159

Da contesti geostorici di questo tipo derivano, sul piano lin-


guistico, i mutamenti di tipo diasistemico, cio lintroduzione di
quelle innovazioni fonologicoarticolatorie e grammaticali che
trasformano un linguema in un altro, e che naturalmente a ec-
cezione del cosiddetto accento straniero o dialettale sono os-
servabili soltanto in periodi eccezionali di una comunit di par-
lanti. Poich lillustrazione precisa di questi processi ci portereb-
be troppo lontano, ci limiteremo a notare qui che libridazione,
nonostante una sua possibile, ma mai indispensabile, origine e-
socorica, si risolve sempre in ultima analisi in un fenomeno
di natura sociale. Perch libridazione linguistica avvenga, in-
somma, occorre passare attraverso una fase di ristrutturazione so-
ciale della comunit di parlanti. Il ruolo della competenza del par-
lante in questo processo, in parte gi illustrato, sar loggetto del-
la prossima sezione.
La tassonomia del mutamento lessematico in base alle sue
cause esterne riassunta nello Schema 3.3. Come si vede, questa
tassonomia si articola su cinque livelli, con un vertice e 18 nodi,
corrispondenti ad altrettante categorizzazioni. Si noti, di nuovo,
che il mutamento diasistemico, che nella prima tassonomia era
stato denito come linguemico, e nella seconda come macrofo-
netico, in questa tassonomia torna a essere linguemico. La spie-
gazione di questa metamorfosi, gi implicita nel 3.4.4.4, viene
data nella sezione seguente.

3.8.4. Il ruolo della competenza del parlante nel mutamento les-


sematico

Ci resta ora il compito pi complesso: quello di illustrare la tas-


sonomia dei mutamenti lessematici sulla base del ruolo fondamen-
tale che in essi riveste la competenza linguistica del parlante. Tas-
sonomia che non potremo rappresentare in forma schematica, a
causa della sua complessit (e per le conseguenti ragioni di spazio).
Come gi sappiamo, la competenza del parlante (con tutte le
sue variabili in una comunit di parlanti sociologicamente com-
posita) la causa ultima di qualunque mutamento lessematico,
160

3. CAUSE ESTERNE DEL MUTAMENTO LESSEMATICO

SVILUPPO CULTURALE CONTATTO LINGUEMICO

LESSICALIZZ. = ICONIMIA TAB SEMPLICE = ACQUISIZIONE COMPLESSO = DIASISTEMICO = IBRIDAZIONE

SOSTIT. DESEM. FONOICON. DIAGLOTTCO ESOCORICO


DIAGLOTTICO==ESOCORICO DIASTRATICO

PERICORICO EPICORICO

Schema 3.3
Lorigine delle parole
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 161

cos come lo della continuit lessicale (e linguistica). Per cui, in


realt, tutti i mutamenti lessematici (e linguistici) vanno visti co-
me deviazioni, in parte obbligatorie e in parte libere, causate dal-
lincontro/confronto della competenza del parlante con i fattori e-
sterni che abbiamo gi illustrato. In tal senso, anche i mutamenti
possono essere visti, in ultima analisi, come una forma sui gene-
ris di continuit.
Abbiamo infatti anticipato ( 3.4.4.4) che perno il pi spet-
tacolare dei mutamenti, quello macrofonetico e diasistemico (re-
gole di conversione fonetica, sia obbligatorie che libere) appar-
tiene a questo tipo, ed dunque di natura psicolinguistica. E va
da s che qualunque mutamento semantico o lessicalizzazione,
che, come ora sappiamo, consiste nella scelta di un iconimo, cio
di una parola preesistente, da parte del parlante, non sarebbe pos-
sibile senza la competenza linguistica del parlante. Della stessa
natura, inne, perch anchessi causati dalla competenza lingui-
stica e dalle sue variabili in una comunit di parlanti, sono tutti i
mutamenti che abbiamo denito locali, le cui caratteristiche fo-
netiche o semantiche sono identiche, nella sostanza, a quelle dei
mutamenti diasistemici.
Dal punto di vista classicatorio, quindi, la competenza lin-
guistica non avrebbe alcun effetto distintivo, se il suo ruolo fosse
sempre lo stesso per ciascun tipo di mutamento. Come abbiamo
gi anticipato, invece, essa si manifesta diversamente, e genera, fra
laltro, limportante distinzione fra le regole di conversione obbli-
gatorie (exleggi fonetiche) e le regole di conversione libere (ex
accidenti generali) nella tipologia del mutamento. Ne vedremo un
altro aspetto fondamentale nelle sezioni che seguono.
Occorre poi chiarire che se la linguistica generativa ha perfet-
tamente ragione di vedere il parlante e la sua competenza esclu-
sivamente in termini ideali e astratti, il modello di linguistica sto-
rica che proponiamo, che non ha a che fare con il funzionamento
di una singola grammatica ma con la sua genesi, e quindi con un
processo di ibridazione/fusione di due o pi grammatiche, non
pu non tener conto, nelladottare il concetto della competenza,
delle sue variabili concrete. Quando abbiamo parlato di regole di
162 Lorigine delle parole

conversione obbligatorie per la lenizione consonantica, per esem-


pio, la competenza concreta che abbiamo dovuto prendere in con-
siderazione quella di un parlante altoitaliano, diversa da quel-
la del parlante orentino che pure ne stato inuenzato.
Una comunit moderna socialmente straticata, infatti, sem-
pre di natura composita; di conseguenza, anche la sua norma lin-
guistica si sempre formata con il contributo di diversi gruppi, la
cui competenza linguistica inevitabilmente diversa: varia anzi-
tutto a seconda del livello di istruzione; ma varia anche a secon-
da dellet (il linguaggio infantile diverso da quello adulto e co-
nosce diversi stadi; il lessico dei nonni pu essere, per qualche no-
zione, diverso da quello dei nipoti); a seconda delle diverse aree
dialettali (che inuiscono notevolmente sullesecuzione della
norma), a loro volta derivanti da pi antiche differenziazioni et-
nosociali; in certe comunit a seconda del genere (e il linguaggio
femminile differir allora per certi aspetti da quello maschile). I-
noltre, anche allinterno dello stesso gruppo sociale, la compe-
tenza detta le regole delluso, a seconda delle circostanze e delle
caratteristiche dellatto linguistico (scritto, parlato, privato, pub-
blico, etc.). Vedremo la rilevanza di questi diversi aspetti della
competenza per lo studio del mutamento lessematico.
Nella tradizione storicolinguistica ed etimologica, invece, il
ruolo della competenza del parlante nelle innovazioni linguisti-
che, pur essendo stato intravisto n dagli inizi in termini natu-
ralmente antiquati , stato enormemente sottovalutato, e la sua
portata enormemente ridotta: stato infatti visto soltanto come il
contributo che lanalogia contrapposta, come forza del tutto
secondaria e marginale, alla supposta formidabile potenza prima-
ria delle leggi fonetiche organiche pu dare al mutamento
lessematico, cos come questo appare in alcuni degli accidenti
generali: per esempio la pi volte citata contaminazione (vd. so-
pra); o come il contributo, pi importante, che lanalogia pu a-
vere nella formazione del paradigma verbale o della derivazione.
Il suo ruolo, fra laltro, non stato riconosciuto neanche nellop-
posizione fra voci popolari e voci dotte che pure, come sappia-
mo, stata scoperta proprio dai fondatori della linguistica ro-
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 163

manza e che, come vedremo, pur essendo di natura sociolingisti-


ca direttamente legata al ruolo della competenza.
La competenza del parlante, insomma, ha un ruolo assoluta-
mente generale e strutturale nel mutamento, e ne investe lintera
casistica. Nella discussione che segue ritorneremo prima sul ruo-
lo della competenza nelladattamento analogico; e poi illustrere-
mo le sue diverse variabili.

3.8.4.1. Il ruolo della competenza nellanalogia

Sappiamo gi che il ruolo della competenza linguistica in


particolare fonetica quello che in qualunque processo di ap-
prendimento del parlante si manifesta obbligatoriamente nel suo
adattamento analogico al nuovo modello. Adattamento che a-
nalogico perch non pu che basarsi sulluso del proprio model-
lo fonoarticolatorio internalizzato.
Come abbiamo poi visto, il parlante/apprendista, nel caso del-
le regole di conversione obbligatorie ha davanti a s ununica scel-
ta di adattamento possibile; nel caso delle regole di conversione li-
bere ne ha pi di una, e nel caso dei mutamenti microfonetici, in-
ne, ha libert assoluta, seppur sempre con le restrizioni imposte
dal proprio modello. Per cui possiamo affermare che sia le regole
di conversione obbligatorie, sia quelle libere, sia quelle microfo-
netiche sono tutte sostanzialmente analogiche. Questo perch la-
nalogia, rivista alla luce della linguistica moderna, ben lungi dal-
lessere una componente secondaria del mutamento, ne rappre-
senta invece proprio la regola: costituisce infatti linsieme di re-
strizioni determinate dal proprio sistema internalizzato che
il parlante obbligato a seguire quando la sua competenza con-
frontata con un suono, con un morfema o un lessema a lui ignoti
lo conduce a scegliere, inevitabilmente, una forma imperfetta
di equivalenza, cio una similvalenza, con il modello da appren-
dere. Come quando, per esempio, per produrre la // francese o te-
desca, il parlante italiano incapace di riprodurre questo suono -
nisce con lo scegliere una delle tre vie duscita, tutte e tre imper-
fette, che la propria competenza gli offre: /i/ /u/ o /ju/.
164 Lorigine delle parole

Dobbiamo quindi, anzitutto, modicare la visione tradizionale


da un lato introducendo lanalogia dove prima non cera, cio an-
che nelle regole della fonetica storica, e dallaltro rendendo e-
splicito ci che distingue lanalogia tradizionale da quella genera-
le di cui abbiamo appena scoperto lesistenza. Ecco una proposta:

(I) nel caso delle regole di conversione, sia obbligatorie che


libere, cio del mutamento diasistemico/stadiale (come
appunto il passaggio dal latino allitaliano), unintera co-
munit di parlanti subordinata a unaltra viene in-
vestita dal sistema di unaltra comunit, formalmente
diverso dal proprio e quindi esocorico se si tratta di u-
na lingua straniera o pericorico se di un dialetto interno
alla comunit , che prima coesisteva con quello encori-
co, e che per qualche ragione si sta imponendo come nuo-
vo modello. Abbiamo quindi a che fare, come sappiamo,
con libridazione o commistione forzata di due sistemi, di
cui uno il modello egemone impositivo e laltro quello
subalterno ricettivo, e con il conseguente apprendimento
del primo da parte dei parlanti del secondo; con un adat-
tamento che chiameremo macroanalogico perch ge-
nerale, interessa tutti gli aspetti formali del sistema (quin-
di non solo morfofonetici ma anche sintattici), e causa
quindi un mutamento diasistemico. Di nuovo, sono sem-
pre e soltanto cause esterne, nella fattispecie circostanze
geostoriche e sociali, che possono causare libridazione
e limposizione del nuovo modello, con il conseguente a-
dattamento del sistema encorico a quello esocorico;
(II) nel mutamento tradizionalmente detto analogico, invece,
abbiamo un contesto diverso: il parlante/ascoltatore rea-
gisce allintroduzione di una singola forma o lessema,
considerati, talvolta erroneamente, come esocorici, e li a-
datta al proprio sistema encorico. In altre parole, il par-
lante utilizza la propria competenza linguistica per cor-
reggere singole forme o lessemi che a torto gli
sembrano errati rispetto al proprio sistema encorico. Ed
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 165

in questo caso che ladattamento, che possiamo chiama-


re microanalogico, causa un mutamento locale, che per,
come vedremo, pu essere sia fonetico che morfologico
e iconimico.

Come si vede, la distinzione fra i due fenomeni resta valida,


ma ne cambia integralmente la sostanza e, allo stesso tempo, ne
rivela la fondamentale afnit: entrambi i tipi di mutamento so-
no, in sostanza, forme di errata esecuzione, e quindi di adatta-
mento analogico al proprio modello.
Si potrebbe perno sostenere che essendo ambedue i tipi di
mutamento macro e microanalogico determinati dalla compe-
tenza, hanno ambedue anche un intento correttivo, e potrebbero
quindi essere ambedue considerati come forme di ipercorretti-
smo (vd. oltre), estendendo cos il signicato del termine che, tra-
dizionalmente, viene di solito usato nella sola accezione fonetica
e limitato ad alcuni degli accidenti generali.
Tuttavia, anche se dal punto di vista puramente formale que-
sta tesi forse sostenibile, essa si rivela, a una pi attenta analisi,
una forzatura: il parlante, in effetti, ha la coscienza di corregge-
re un lessema solo quando il suo intervento ha una portata loca-
le, e interessa solo singoli lessemi, che si lasciano poi inserire nel
proprio lessico e nel proprio sistema encorico. Mentre nel caso
delladattamento macroanalogico a un nuovo sistema, cos come
nellapprendimento di una lingua straniera, il parlante non ha la
coscienza di correggere, bens, piuttosto, di procedere a tasto-
ni, di navigare al buio, se non di gettarsi allo sbaraglio. quindi
opportuno, seguendo la tradizione, riservare luso di ipercorretti-
smo ai casi di microanalogia (vd. oltre).
Vi invece una differenza fra macro e microanalogia, sulla
quale dobbiamo soffermarci, per le distinzioni che produce: nel
caso delle regole obbligatorie o libere della grammatica stori-
ca, ladattamento macroanalogico, essendo generalizzato per le
ragioni gi illustrate, interessa tutto e soltanto il sistema fonetico
e quindi, per quanto riguarda il lessico, sue vastissime porzioni.
Mentre ladattamento microanalogico, riguardando singoli lesse-
166 Lorigine delle parole

mi, ne investe anche la morfologia e la semantica. Ecco perch,


allinterno della microanalogia, possibile distinguere, come ve-
dremo nella successiva sezione, fra il tipo fonetico, morfologico
e iconimico.
Per concludere, al posto della tradizionale opposizione fra mu-
tamento organico e mutamento analogico, basata sulla mitizza-
zione delle leggi fonetiche da un lato, e sulla marginalizzazio-
ne del parlante dallaltro, il parlante devessere messo al centro
del mutamento, di qualunque tipo, e con esso la problematica psi-
colinguistica della competenza e dellapprendimento. Questo
spiega anche, a nostro avviso in modo del tutto adeguato, perch
il mutamento diasistemico (per es. il passaggio dal latino allita-
liano o a un dialetto neolatino) possa risultare, a seconda del pun-
to di vista, linguemico senza impatto sulla parola, macrofonetico
con impatto sul sistema, effetto di unibridazione linguemica, ma-
croanalogico. La causa esterna il contatto complesso (ibrida-
zione) del parlante con un linguema altro il fattore scate-
nante; la competenza del parlante il lo rosso che collega, at-
traverso le regole di conversione fonetica e analogica (che posso-
no lasciare anche tutto immutato), le diverse faccie del muta-
mento in questione.

3.8.4.2. Il ruolo della competenza nella differenziazione diastra-


tica e diafasica del lessico

Il ruolo fondamentale della competenza nel mutamento lesse-


matico si manifesta anche in un altro modo: attraverso le sue va-
riabili. Mentre nel mutamento lessematico di tipo analogico la
competenza del parlante agisce in un ambito puramente psicolin-
guistico, e quindi resta sempre quella del parlante ideale, la mag-
gior parte delle categorizzazioni lessicali che stiamo per vedere
strettemente legata a variabili della competenza del parlante che
possono essere sia diastratiche che diafasiche, e rientrano quin-
di sia nellambito della sociolinguistica che della pragmatica.
Il tipo pi evidente di mutamento lessematico (e grammatica-
le) legato a queste variabili della competenza forse quello che
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 167

determina la scelta fra la forma intima tu e e quella formale lei nel


linguaggio parlato, da cui dipende anche una diversa scelta delle
forme verbali. Un altro esempio evidente, e di tipo diverso,
quello che genera il lessico infantile: il lessico italiano cos co-
me il lessico di qualunque altro linguema non avrebbe lessemi
del tipo di bua, bumbo, cecce, cocco, ciuccio, pip, nanna, pap-
pa, tata, cacca, e simili, se non vi fosse una specica competen-
za del parlante infantile, diversa da quella delladulto che la tra-
manda. Linsieme di queste competenze lessicali variabili, che va
ben oltre i due esempi illustrati, quello che genera non poche
delle categorizzazioni pi note e importanti della linguistica sto-
rica tradizionale e della lessicograa: la distinzione fra voci di tra-
dizione popolare, dotta e semidotta, quella fra le voci di tipo par-
lato, familiare, aulico, poetico, letterario e simili; e i sublessici
che vengono chiamati, per esempio, gergale e settoriale o spe-
cialistico. Su queste categorie ci soffermeremo pi a lungo nelle
successive sezioni di questo capitolo, per metterne in luce altri a-
spetti rilevanti.

3.8.5. Classicazione nale

Ricapitolando, la prima classicazione, basata sullimpatto


sulla parola, genera 8 categorizzazioni; la seconda, basata sul-
limpatto sul sistema, ne genera 11; la terza, basata sulle cause e-
sterne, 18; e la quarta, basata sul ruolo della competenza, che non
abbiamo potuto schematizzare, molte di pi. Risultati che, natu-
ralmente, non sono sommabili, trattandosi di una classicazione
incrociata. Lasciando ad altri il compito di costruire una matrice
a tratti distintivi che generi tutte le categorie linguistiche n qui
illustrate (nonch le altre che eventualmente ci siano sfuggite, o
siano presenti in altri linguemi), ci limitiamo qui a fornire, in due
varianti ambedue inadeguate per i limiti insuperabili della
classicazione tassonomica , lelenco alfabetico e numerato
dei tipi di mutamento discussi in questa sezione (ricordando an-
che che tutti i tecnicismi usati in questo libro si trovano deniti
nel Glossario).
168 Lorigine delle parole

Se elenchiamo meccanicamente tutti i tipi di mutamento les-


sematico discussi, trascurando i loro rapporti reciproci e la loro
possibile identit funzionale, otteniamo un primo elenco (A).

ELENCO A (m. = mutamento, l. = lessico):


1. acquisizione;
2. analogismo;
3. (l.) aulico;
4. (m.) diafasico;
5. (m.) diaglottico;
6. (m.) diasistemico;
7. (m.) diastratico;
8. (l.) dotto;
9. (m.) endolessematico;
10. (m.) epicorico;
11. (m.) esocorico;
12. (m.) esolessematico;
13. (l.) familiare;
14. (m.) fonetico;
15. (l.) gergale;
16. ibridazione;
17. (l.) infantile;
18. iconimia;
19. ipercorrettismo;
20. lessicalizzazione;
21. (l.) letterario;
22. (m.) linguemico complesso;
23. (m.) linguemico semplice;
24. (m.) locale;
25. (m.) macroanalogico;
26. (m.) macrofonetico;
27. (m.) microanalogico;
28. (m.) microfonetico;
29. (m.) pericorico;
30. (l.) popolare;
31. Regole di Conversione obbligatorie;
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 169

32. Regole di Conversione libere;


33. (m.) semantico;
34. (l.) semidotto;
35. (l.) settoriale;
36. (l.) specialistico;
37. (m.) stadiale;
38. tabuismo sostitutivo;
39. tabuismo desemantizzante;
40. tabuismo fonoiconimico.

Dallelenco si deduce che i quattro criteri di classicazione


hanno generato un totale di 40 tipi di mutamento lessematico, la
maggioranza dei quali sono specializzazioni di mutamenti pi ge-
nerali.
Se invece teniamo conto (nella misura del possibile, a causa
dellinsuperabile problema dellincrociarsi e del sovrapporsi del-
le quattro tassonomie) dei rapporti opposizionali e gerarchici fra
le 40 categorie, della loro possibile identit, e della produttivit
delle opposizioni, otteniamo qualcosa di simile allelenco B, di 6
pi o meno grandi categorie opposizionali o sintetiche che abbia-
mo ordinato per importanza (alcune di esse, tuttavia, andrebbero
completate duplicando ogni volta le sottocategorie rilevanti):

ELENCO B (in maiuscoletto i vertici delle opposizioni; in


grassetto i termini superordinati; fra parentesi i termini su-
bordinati, seguiti da = quelli di identico valore):

1. (M.) FONETICO (macrofonetico (Regole di Conversione


obbligatorie vs libere = l. popolare, semidotto) vs mi-
crofonetico) vs (m.) SEMANTICO = ICONIMIA = LESSICA-
LIZZAZIONE (l. aulico, dotto, gergale, infantile, familiare,
letterario, settoriale, specialistico, etc.);
2. ACQUISIZIONE = m. linguemico semplice (m. diaglottico =
esocorico; diastratico (pericorico vs epicorico), diafasi-
co) vs IBRIDAZIONE = m. linguemico complesso, = diasi-
stemico, = stadiale;
170 Lorigine delle parole

3. analogismo (macroanalogismo = macrofonetismo, iper-


correttismo = vs microanalogismo = microfonetismo);
4. (M.) DIASISTEMICO = STADIALE vs LOCALE;
5. (M.) ENDOLESSEMATICO vs ESOLESSEMATICO = LINGUEMICO;
6. tabuismo (sostitutivo, desemantizzante, fonoiconimico).

Tre cose si lasciano quindi notare:

(1) lenorme ruolo del mutamento nella storia di una lingua,


gi apprezzato dai fondatori della linguistica storica, an-
che se visto come fenomeno organico, e non come conse-
guenza di cause esterne e di interventi attivi del parlante;
(2) con i 40 tipi di mutamento siamo ben lontani dalla bipar-
tizione teorica e dalla tripartizione pratica della linguisti-
ca storica tradizionale. Cos come labbiamo effettuata
sulla base dei quattro diversi criteri, la nostra classica-
zione dei tipi di mutamento genera, ai livelli pi alti o me-
di della tassonomia, categorie generali arcinote, come per
esempio il mutamento semantico, o il mutamento foneti-
co, quello tabuistico e quello analogico. Ma genera anche
nuove opposizioni, ignote alla linguistica storica tradizio-
nale, come quella fra il mutamento endo vs esolessema-
tico, diasistemico vs locale, macro vs microfonetico,
macro vs microanalogico, acquisizione vs ibridazione,
esocorico vs peri ed epicorico. Ai livelli pi specici, i-
noltre, la classicazione supera, in profondit, quella tra-
dizionale. Come per esempio per il mutamento tabuisti-
co, per il quale la tradizione non ha che la categoria del-
leufemismo, mentre la nostra classicazione distingue tre
tipi di tabuismo: quello sostitutivo (regole anzich me-
struazione), quello fonetico desemantizzante (cribbio an-
zich Cristo), e quello fonoiconimico (perdiana anzich
perdio). In altri casi, inne, la nostra classicazione sco-
pre le afnit di tipi di mutamento che la tradizione, in-
tuitivamente e impressionisticamente, invece separa: co-
me per esempio quello microanalogico fonetico (it. fati-
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 171

care anzich lat. fatigare, per analogia con i verbi in i-


care, vd. oltre) e quello microanalogico semantico (it. lu-
certola anzich lat. lacerta), per analogia con {luce}), che
hanno in comune laspetto microanalogico, e per i quali
invece la linguistica storica tradizionale crea categorie ad
hoc come ipercorrettismo e contaminazione (o paretimo-
logia, etimologia popolare, incrocio, etc.), senza render-
ne esplicito il collegamento con la tipologia generale del
mutamento lessematico;
(3) ci che pi importante, con la nostra analisi raggiun-
giamo il punto in cui la classicazione dei tipi di muta-
mento sfuma, senza soluzioni di continuit, in quella dei
tipi di lessemi, mutati o meno, considerati dal punto di vi-
sta etimologico: quando parliamo di mutamento diaglot-
tico o esocorico, deniamo gi, in pratica, un FORESTIE-
RISMO [ Glossario] tradizionale; e quando parliamo di
mutamento diastratico, siamo gi al livello del dialettali-
smo o del gergalismo; quando parliamo di tabuismo, rag-
giungiamo gia, e anzi oltrepassiamo, il livello di eufemi-
smo, che non pi una categoria generica, ma ormai u-
na categoria lessematica, con la quale i dizionari etimolo-
gici usano denire un singolo lessema. Pi evidente an-
cora, categorizzazioni come popolare, dotto, semidotto,
infantile, specialistico e simili sono quelle tuttora in uso
per denire i lessemi.

Perch importante notare questo? Perch la linguistica stori-


ca e letimologia tradizionale non si sono mai rese conto, a livel-
lo teorico, che i numerosissimi termini specialistici da esse intro-
dotti per la classicazione etimologica dei lessemi (come eufemi-
smo, ipercorrettismo, prestito, calco, contaminazione, incrocio, di
tradizione popolare e dotta, e cos via: vd. oltre per lelenco com-
pleto), sono, in realt, tutti strettamente collegati alla tipologia del
mutamento lessematico; e che, non avendo mai reso espliciti i cri-
teri utilizzati per la classicazione di tale mutamento, hanno do-
vuto inevitabilmente procedere in questo secondo e fondamenta-
172 Lorigine delle parole

le compito in modo intuitivo e impressionistico, senza tener con-


to dei risultati del primo, come se le due operazioni non fossero le
due facce della stessa medaglia. Raggiungendo risultati che, pur
essendo in parte tuttora validi, non sono adeguatamente deniti,
con conseguenti omissioni ed errori.
Nella prossima sezione illustreremo, nei nostri nuovi termini,
questo rapporto. Ma n da ora occorre ribadire che lelenco sopra
riprodotto (e la molto pi adeguata, eventuale matrice a tratti di-
stintivi) va, a rigore, completato con la terminologia illustrata nel-
la sezione successiva, e che lelenco completo di tutti i termini di-
scussi in questo libro si trova nel Glossario nale.

3.9. Il rapporto fra etimo e la classicazione dei lessemi: altre


incoerenze delletimologia tradizionale

Come gi detto, molte delle categorie che letimologia tradi-


zionale ha proposto per la classicazione etimologica dei lessemi
sono tuttora valide e sono consolidate dalluso. Con una limitazio-
ne: quelle tuttora valide sono solo quelle basate sulletimo in sen-
so formale, mentre non lo sono quelle che in qualche modo coin-
volgono la nuova nozione delliconimo, nora inesistente. Se non
altro per questo, sar necessario introdurre nuove categorie e una
pi adeguata elaborazione anche per alcune di quelle tradizionali.
Un buon esempio di come la linguistica storica e la ricerca e-
timologica abbiano proceduto in modo approssimativo e intuitivo
nel loro compito, fornendo indicazioni casuali ed elencando ca-
tegorie pertinenti senza alcuna giusticazione teorica, offerto
dalla pi recente introduzione alletimologia romanza: quella di
PFISTER/LUPIS (2001: 47). Proprio allinizio della loro Analisi del
lessico gli autori affermano: Il lessico di una lingua composto
di tre sezioni: 1. Forme ereditarie [] 2. Forme dotte (per le lin-
gue romanze: latinismi) 3. Prestiti. Come si vede, si resta nel
molto approssimativo, dato per per rigoroso, n vi , neanche per
queste tre categorie di lessemi, alcun cenno al loro rapporto con
il mutamento lessematico. Dopo di che, ecco come gli autori pro-
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 173

cedono allulteriore classicazione della principale fra le tre se-


zioni, quella del lessico ereditario: Il lessico ereditario pu pro-
venire: a) dal fondo degli appellativi (latini, per le lingue roman-
ze); b) da voci imitative o onomatopeiche; c) da appellativi for-
mati da toponimi o nomi di persona; d) da sostrati; e) da super-
strati. Dove si nota che il lessico ereditario viene ridotto, senza
giusticazione, ai soli appellativi, cio a nomi comuni (come se
non esistessero, nel lessico ereditario, verbi, aggettivi, avverbi, e
lintero apparato grammaticale); a onomatopee (come se non esi-
stessero lessemi altrimenti motivati); a nomi provenienti da an-
troponimi o toponimi (come se non esistessero innumerevoli al-
tre provenienze). Poich nessuno pu dubitare che il collaborato-
re del FEW e fondatore del LEI abbia una profonda conoscenza
della tipologia interna di un dizionario etimologico, lesempio ci-
tato d unidea adeguata di quanto vasto sia lo iato fra conoscen-
za empirica del materiale e interesse in una sua rigorosa teorizza-
zione, a tutto detrimento del livello della stessa ricerca empirica.

3.10. La classicazione etimologica dei lessemi: una revisione


critica delle nozioni tradizionali

Inutile dire che non esiste una trattazione sistematica delle ca-
tegorie individuate dalla ricerca etimologica tradizionale per la
classicazione, anchessa etimologica, di un lessico, essendo sta-
te elaborate dalla ricerca quasi esclusivamente nel contesto della
prassi, e quindi su basi quasi sempre intuitive e impressionistiche.
Come gi detto, tuttavia, molte sono tuttora valide, proprio per la
straordinaria ricchezza della documentazione linguistica sulla cui
base sono state elaborate. Le passeremo ora tutte in rassegna per
vericarne la validit e la completezza, e per cercare di ricondur-
le a principi unitari e coerenti. Cominciamo con ordinarle, in pri-
ma approssimazione, in cinque gruppi.

(1) Origine socioculturale: popolare, dotto, semidotto, ger-


gale, aulico, letterario, parlato, familiare, settoriale, neo-
174 Lorigine delle parole

logismo, tecnicismo, cultismo, linguaggio giovanile, in-


fantile, tecnico, scientico, etc. Lelenco in realt molto
pi lungo, perch nei dizionari etimologici 2 le categorie
generiche usate dalla manualistica come tecnicismo,
neologismo, gergalismo, settorialismo, termine scienti-
co e simili, che sono le pi generiche e importanti ven-
gono, ovviamente, quasi sempre sostituite da aggettivi
specici come marinaresco, sportivo, studentesco, mili-
tare, giuridico, politico e simili, e/o dai nomi o abbre-
viazioni delle innumerevoli specializzazioni tecniche,
scientiche, professionali, artigianali del nostro mondo:
aeronautica, agricoltura, anatomia, architettura, astrolo-
gia, astronomia, biologia, burocrazia, chimica, chirurgia,
diritto e via dicendo.
(2) Origine geograca: prestito, calco, forestierismo, esoti-
smo, dialettalismo, regionalismo. Anche questo elenco
di termini generici fondamentali pur essendo molto
pi breve del primo nei dizionari etimologici si allun-
ga notevolmente (senza cambiarne la sostanza), e in due
direzioni: da una parte, anzich il generico prestito o fo-
restierismo, troviamo il nome specico del prestito, co-
me francesismo, germanismo, anglismo, celtismo, slavi-
smo, etc., o della lingua quindi senza ismo per i
prestiti pi rari, come africano, australiano, bretone, da-
nese, svedese, ebraico, normanno, etc. Dallaltra, anzi-
ch il generico dialettalismo troviamo quasi sempre il
nome del dialetto della citt o della regione o del
gruppo dialettale: quindi non solo romanesco, napoleta-
no, milanese, veneziano, etc., laziale, siciliano, lombar-
do, piemontese, etc., ma anche meridionale, centrome-
ridionale, settentrionale, galloitalico, francoproven-
ziale e simili.

2. Non cos nei dizionari delluso, fra i quali primeggia, per il rigore e la precisio-
ne dei dati, il GRADIT di De Mauro. Vd. oltre per alcuni riferimenti a questo dizionario,
rilevanti per il nostro tema.
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 175

(3) Origine etnica: sostrato, superstrato, adstrato; anche


questi termini, fondamentali e generici, nei dizionari ven-
gono sempre precisati dal nome di una lingua: celtico, e-
trusco, germanico, semitico, preromano e simili.
(4) Origine linguistica: abbreviazione, accezione, accosta-
mento, adattamento, aferesi, allotropo, alterazione, assi-
milazione, contaminazione, deformazione, dissimilazio-
ne, ellissi, epentesi, epitesi, estensione, etimologia popo-
lare, incrocio, metafora, metonimia, motivazione, pareti-
mologia, pleonasmo, senso gurato, similitudine, sined-
doche, sovrapposizione, traslato, etc. Dove leccetera -
nale sta per tutti i nomi mancanti delle regole di conver-
sione libera (gli accidenti generali della tradizione) che
abbiamo elencato qui in 3.4.3.4, e i nomi delle gure re-
toriche (o tropi, come metafora, metonimia, sineddoche,
etc.), che in realt sono poetiche e, come abbiamo visto
nel precedente capitolo, sono anche genetiche, in quan-
to su di esse che si basa liconimia. Fra le nozioni tradi-
zionali queste formano in assoluto lelenco pi lungo, per-
ch qui che la linguistica storica, in mancanza di un si-
stema coerente, si sbizzarrita, vedendo distinzioni dove
non ce ne sono, e omettendo di vedere quelle che ci sono.
(5) Origine psicologica: eufemismo (tab) e analogia.

Completato cos il nostro provvisorio elenco, la prima do-


manda che dobbiamo porci riguarda proprio i cinque criteri uti-
lizzati per la classicazione che, come abbiamo detto, sono e-
sterni e di comodo, non realmente collegati al nostro oggetto. A
rigor di logica, infatti, dovremmo attenderci un altro tipo di clas-
sicazione, dipendente dal rapporto delletimo con la tipologia
del mutamento lessematico. Questo perch, come abbiamo visto,
anche nelletimologia tradizionale a ogni etimo corrisponde sem-
pre un mutamento (pur non essendo vero il contrario): ed quin-
di del tutto evidente che letimologia, nel denire un lessema in
questo o quel modo, non pu non aver tenuto conto, sia pure a li-
vello pragmatico, intuitivo e approssimativo, del tipo o dei tipi di
176 Lorigine delle parole

mutamento che ogni lessema mostra di aver subito. Il nostro com-


pito sar dunque triplice: (1) scoprire ed esplicitare questo rap-
porto, vericando, alla luce dei risultati ottenuti: (2) se le nozio-
ni tradizionali sono valide; (3) se non sia necessario introdurre
nuove nozioni.
Nelle prossime sezioni cercheremo di eseguire questo triplice
compito. Non lo faremo, ovviamente, partendo dalle nozioni tra-
dizionali sopra elencate che sono loggetto della verica
bens utilizzando e sviluppando i 40 tipi di mutamento lessema-
tico che abbiamo gi illustrato nelle precedenti sezioni.
Naturalmente, poich qualunque classicazione incrociata,
le categorie per la classicazione etimologica di un lessico pos-
sono dipendere da pi di un mutamento, talvolta in rapporto ge-
rarchico fra loro: abbiamo gi visto le metamorfosi, attraverso le
diverse tassonomie, del mutamento diasistemico; possiamo se-
guire le peripezie di unaltra nozione complessa come quella del-
la tradizione popolare, che pu dipendere (a) dal mutamento ma-
crofonetico, per limpatto che questo ha sul sistema (e quindi dal
mutamento per ibridazione da contatto linguemico), (b) da quel-
lo per competenza macroanalogica (per le regole di conversione
che segue), (c) da quello per variabili di competenza (popolare vs
dotto), (d) da quello endolessematico per limpatto che ha, quasi
sempre, sulla parola. Ma anche una nozione semplice come il ta-
buismo si lascia classicare almeno in tre modi diversi: come ri-
sultato di un mutamento per tab linguistico, o come risultato, al-
ternativamente, di un occultamento fonetico (cristo > cribbio), o
di un occultamento fonoiconimico (perdio > perdiana).
Per evitare quindi troppe ripetizioni, e soprattutto per non di-
sgregare lunit concettuale di ciascuna nozione, le menzionere-
mo brevemente ogni volta, ma rinvieremo lillustrazione detta-
gliata al tipo di mutamento dal quale dipendono pi direttamen-
te. Nellillustrazione, seguiremo lo stesso ordine che abbiamo se-
guito per discutere i tipi di mutamento, tenendo per conto, natu-
ralmente, dei risultati ottenuti nel corso della discussione.
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 177

3.10.1. Lessemi mutati nella fonetica: macro e microfonetismi

Abbiamo visto come le due opposizioni fra mutamento con vs


senza impatto sulla parola, e con vs senza impatto sul sistema
diano origine allopposizione fra mutamento macro e microfo-
netico: in termini pi vicini a quelli tradizionali, fra lessemi che
seguono le regole di conversione obbligatorie (leggi) e le re-
gole di conversione libere (accidenti generali) della fonetica
storica da una parte, e lessemi che non le seguono (mutamenti fo-
netici da tab o per analogia) dallaltra. La linguistica storica non
ha reso esplicita questa opposizione, ma ne ha intuitivamente u-
tilizzato il primo termine senza per altro denirlo come ma-
crofonetico per creare quella che forse la pi importante ca-
tegorizzazione tradizionale, sociolinguistica ante litteram, fra les-
semi di tradizione popolare e tradizione dotta. Tecnicamente, in-
fatti, questa categorizzazione viene automaticamente collegata
allosservanza vs inosservanza delle regole della fonetica storica.
La linguistica storica, tuttavia, non ha mai chiarito i motivi che
hanno determinato il curioso salto da una contrapposizione pu-
ramente linguistica come quella fra presenza e assenza di muta-
mento macrofonetico a una, puramente socioculturale, come
quella fra tradizione popolare e tradizione dotta. Anzi: come ab-
biamo pi volte sottolineato, essa partiva dalla convinzione che il
mutamento linguistico fosse di natura organica, e quindi inevita-
bile. Cosa centra dunque il popolo con il mutamento, e la cul-
tura con limmutabilit, se poi il mutamento, alla n ne, deve
essere organico? Senza alcun dubbio, la linguistica romanza ca-
duta, qui, in una clamorosa contraddizione che per, per sua for-
tuna, le ha almeno permesso di progredire pi rapidamente della
linguistica storica in generale, che sempre rimasta chiusa a qua-
lunque considerazione di tipo sociale.
probabile ma una ricerca storiograca ad hoc sarebbe
benvenuta che la ragione del salto dalle regole di conversio-
ne macro o microfonetica al carattere popolare dei lessemi che
le mostrano, stia nella scoperta, anchessa fatta nel periodo fon-
dante della linguistica storica, del ruolo fondamentale che il lati-
178 Lorigine delle parole

no detto volgare ha avuto nella formazione delle lingue neola-


tine. Ruolo che, infatti, invano si cercherebbe nella grammatica
storica delle lingue germaniche o celtiche, o slave, o nnougri-
che o altre che, pur tuttavia, risultando anchesse da processi di i-
bridazione, devono essersi basate sullincontro di varianti di un
ceto dominante con quelle di ceti dominati! Sul piano teorico, in-
vece, il salto intuitivo della tradizione va esplicitato sulla base
di principi molto pi generali, rispetto ai quali sia la presenza di
un latino volgare sia quella di un lessico neolatino di tradi-
zione popolare diventano semplici e vistose conferme empi-
riche della teoria, e non peculiarit geolinguistiche dellarea me-
diterranea. Principi generali che abbiamo gi illustrato sulla base
di due ordini di argomenti: (1) da un lato, per poter giusticare
lesistenza delle differenze fra un lessico popolare, un lessico
dotto, semidotto, tecnicospecialistico, etc., dobbiamo dare per
scontata lesistenza di diversi livelli di competenza linguistica,
come causa del mutamento; (2) dallaltro, per poter spiegare il
mutamento macrofonetico, per denizione popolare, dobbiamo
postulare un processo di ibridazione, avvenuto in un periodo sto-
rico speciale, con conseguenze rivoluzionarie sia sugli assetti so-
ciali sia sullevoluzione linguistica, e causato da importanti con-
tatti linguemici, sia con popoli stranieri di lingua diversa, sia con
popoli stranieri di lingua afne, sia, inne, e soprattutto, con ce-
ti sociali interni alla comunit dei parlanti. Contatti che, attraver-
so meccanismi di tipo psicolinguistico collegati anchessi alla
competenza linguistica, avrebbero causato lintroduzione siste-
matica di lessemi foneticamente modicati nel sistema linguisti-
co encorico, oltre a nuove regole di grammatica.
Questa analisi confermata, indirettamente, dalle tre successive
nozioni di substrato o sostrato, superstrato e adstrato (vd. cap. 4),
la cui scoperta e la cui prima elaborazione risale soprattutto allA-
SCOLI (1864, 1882, 188688)3, con le quali di fatto il grande lingui-
sta italiano riconduceva il mutamento linguistico principalmente al

3. Vd., per una storia del pensiero ascoliano e per i suoi rapporti con gli studiosi
contemporanei, il primo volume di SILVESTRI (19771982).
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 179

tipo di inuenza che lui chiam substrato o sostrato, cio allin-


uenza del popolo autoctono sul linguema degli invasori; alla quale
successivamente vennero aggiunte quella del linguema degli inva-
sori su quello degli autoctoni (superstrato), e quella del linguema dei
popoli connanti con quello della comunit dei parlanti (adstrato).
A questo triplice scenario di tipo etnico mancava ancora, na-
turalmente, il suo perfetto pendant sociolinguistico, che potrem-
mo chiamare INFRASTRATO [ Glossario; vd. cap. 4], e che a sua
volta proietta la stessa complessa tipologia di rapporti sui ceti so-
ciali, inferiori, superiori o eguali. Ma limportante che si rico-
nosceva gi allora, di fatto, che il mutamento linguistico aveva
cause esterne e quindi, in ultima analisi, etnosociali.

3.10.1.1. Macrofonetismi di tradizione popolare: paleolessemi

Possiamo ora passare a quella, fra le due categorie fondamen-


tali del lessico popolare e dotto, su cui, per evidenti ragioni e n
dagli inizi, si sono concentrate la linguistica storica e letimolo-
gia: quella popolare.
Anzitutto, poich i lessemi di tradizione popolare risalgono,
per denizione, alle origini del latino volgare o popolare, e
quindi alla formazione sociolinguistica del latino stesso, essi co-
stituiscono, per denizione, il nucleo preistorico del lessico
neolatino, e meritano, insieme ai loro simili immutati (vd. oltre),
la nuova designazione di paleolessemi, utile per sottolinearne
lantichit, oltre che lautenticit. Vedremo pi oltre (nonch nei
capitoli 10 e 11) come questa classicazione cronologica dei les-
semi si lasci ulteriormente elaborare. Naturalmente, un gran nu-
mero dei paleolessemi mutati appartiene sia al vocabolario gram-
maticale o sincategorematico uno dei pi profondi e quindi
antichi strati del linguaggio umano che a quello pieno o cate-
gorematico. Ecco una documentazione rappresentativa.

Lessico sincategorematico: /io < ego\, /egli < lle\, /ella < l-
la\, /noi < nos\, /voi < vos\, /esso < psum\, /poi < post\, /di
< de\, /nello < in llo\, /che < qud\, /e < et\, /se < si\, etc.
180 Lorigine delle parole

Lessico pieno o categorematico: /ume < umen\, /lago < la-


cu\, /acqua < aqua\, /notte < nocte\, /giorno < dirnu\,
/mattina < matutina\, /domani < demane\, /ieri < hri\,
/venti < vignti\, /cinque < quinque\, /oggi < hodie\, /suora
< sror\, etc.

In particolare, i lessemi che mostrano, oltre a un mutamento


macrofonetico, anche uno semantico (come angoscia da an-
gstia, biscia da bestia, ciao da schiavo, schiavo da slavo, creti-
no da fr. crtin < christianus e innumerevoli altri), sono quelli su
cui si sempre concentrata lattenzione degli etimologi, inevita-
bilmente attirati dalla sda della scoperta della loro anteforma e
del loro eventuale antesemema originario. Ed indubbio che le-
sperienza di chi scopre, per esempio, che sotto la parola sciagura
si nasconde la forma latina exauguria, e che quindi il suo signi-
cato originario era quello di una violazione degli auspici tratti
da segni sacri, la pi illuminante che letimologia possa dare,
come diremo meglio pi oltre: e ci non solo perch si scopre, in
questo modo, la ragione ultima di quel senso di sacro terrore che
ancora sussiste nella parola italiana, e che dovuto allantica
maledizione letta negli auspici, ma anche perch si scopre il
grande potere esplicativo e storicizzante delletimologia nei suoi
momenti migliori. E ci si rende conto che Platone aveva ragione,
quando parlava di verit, di autenticit per letimologia. So-
lo che, di nuovo, per apprezzare pienamente la duplice scoperta
ci si deve rendere conto che essa sta tutta e soltanto nel muta-
mento semantico, e non in quello fonetico. Il mutamento foneti-
co, in questo e in altri casi, rende soltanto la scoperta semantica
pi clamorosa, in quanto la ha tenuta nascosta.

3.10.1.2. Macrofonetismi di tradizione semidotta: mesolessemi

Occorre ricordare che la fonetica storica romanza ha trovato


materiale per postulare, accanto ai lessemi di tradizione popola-
re e dotta, anche una terza categoria intermedia, detta semidot-
ta: formata da lessemi che mostrano di seguire solo alcune ma
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 181

non tutte le regole fondamentali della grammatica storica: it. ve-


recondia, rispetto a lat. verecndia, mostra lesito regolare della
// tonica latina, ma stranamente conservatrice sia del vocali-
smo atono che del consonantismo, se confrontato allesito (po-
polare e probabilmente settentrionale) vergogna dello stesso eti-
mo. Non mostra cio n la sincope della vocale protonica n la
sonorizzazione della consonante intervocalica, n il passaggio
alla palatale nasale del nesso ndy. Lo stesso vale per it. disce-
polo da lat. discpulus, la cui i breve tonica diventa regolar-
mente /e/ chiusa, ma il cui gruppo pul non segue il corso mo-
strato da /lat. copula > it. coppia\ o /lat. capulum > it. cappio\. O
per /it. dovizia < lat. divties), in cui la vocale protonica davanti
a /v/ si labializzata (come negli esiti popolari /it. domani < lat.
demane\, /it. dovere < lat. debere, etc.), ma la breve latina e
il nesso lat. /tj/ seguono lesito dotto /i/ e /tsj/ e non quello po-
polare /e/ e /tts/ (cfr. it. prezzo, vezzo, piazza da lat. pretium, vi-
tium, platea).
Ora, la distinzione fra questi tre tipi lessematici di notevole
importanza, sia sul piano storico che su quello geograco. Sul
piano storico essa ha infatti le seguenti implicazioni:

(1) la parte pi antica del lessico neolatino, come abbiamo


appena visto, quella ereditata da uno strato sociale di ti-
po popolare, diverso e inferiore rispetto alla classe colta,
che parlava il latino classico: lingua che poi morta non
per un fenomeno organico, inerente alla lingua, ma per la
scomparsa della classe sociale che la parlava, a seguito
della crisi delle strutture sociali dellImpero romano. Per
questo abbiamo chiamato i relativi lessemi paleolessemi;
(2) sia il lessico semidotto che quello dotto devono essersi af-
fermati in un periodo successivo alla ristrutturazione del-
la societ, quando ormai i nuovi ceti dominanti, eredi dei
ceti inferiori pi antichi, non erano pi in grado di elimi-
nare o di correggere il lessico popolare dei loro diretti an-
tentati; e a questo lessico popolare preesistente non po-
terono che sovrapporre il proprio, arricchendolo dei pro-
182 Lorigine delle parole

pri contenuti, e allo stesso tempo affermando o riaffer-


mando la propria superiorit sociale, nellambito del nuo-
vo modello di straticazione sociale caratteristico del
Medioevo feudale; penultima trasformazione, prima di
quella capitalistica moderna, di quei rapporti di stratica-
zione sociale e sociolinguistica che certamente dovevano
caratterizzare tutte le societ europee n dallEt del
Bronzo se non prima. Entrambe le categorie non devono
essere confuse con il lessico, anchesso dotto per deni-
zione, ma molto pi recente, di carattere tecnicoscien-
tico. Per questo, proponiamo di chiamare mesolessemi
le voci di tradizione semidotta e dotta, e neolessemi i set-
torialismi veri e propri (vd. oltre);
(3) la distinzione fra mesolessemi e neolessemi vale anche
per i latinismi, termine troppo generico e ambiguo per
valere qualcosa senza ulteriori specicazioni. Esso, infat-
ti, non tiene conto di una cosa individuata nella sua
giusta valenza storica e portata statistica da DE MAURO
(2005: 129) , che di latino nella storia del lessico ita-
liano (e con minore evidenza anche nelle altre lingue neo-
latine e non) non ve ne solo uno ma per lo meno sei4: (i)
il latino popolare, che verosimilmente il pi autentico e
antico, in quanto esente dalle articiosit pi recenti, ine-
renti alla koin elitaria del latino classico, (ii) il latino
classico, (iii) il latino tardo, risuscitato dai monaci, (iv) il
latino medievale, norma elitaria no allaffermarsi dei
vernacoli elitari borghesi, (v) il latino umanistico, risu-
scitato dai testi classici, e, (vi), il latino moderno, utiliz-
zato per settorialismi di ogni genere. Escludendo il latino
popolare, la cui continuazione sta nei paleolessemi, e il la-
tino classico, per denizione morto con la scomparsa dei
suoi parlanti, il latino tardo e medievale sono quelli che
rivivono nei mesolessemi, e il latino umanistico e moder-

4. Lelenco seguente differisce in qualche punto da quello di De Mauro.


3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 183

no nei neolessemi. Nei successivi capitoli avremo occa-


sione di illustrare esempi dei diversi tipi;
(4) il lessico semidotto deve essere relativamente pi antico
di quello dotto, e la sua partecipazione alle regole di con-
versione macro o microfonetica, anche se limitata, deve
necessariamente riettere un rapporto di prossimit, an-
che sociale, con gli antichi ceti popolari. Purtroppo, man-
cano completamente ricerche che mirino ad appurare la
consistenza e gli interessi specici di questo gruppo so-
ciale semidotto, che ha lasciato tracce cos vistose di s
nel lessico italiano (e neolatino). Una lacuna che sarebbe
facile colmare studiando sistematicamente la semantica e
liconomastica del lessico cos denito.

Sul piano geograco, inoltre, la tripartizione popolare/semi-


dotto/dotto rende necessario postulare che i tre gruppi lessemati-
ci abbiano avuto dei centri di irradiazione non necessariamente i-
dentici fra di loro. Come abbiamo visto nellillustrare la gram-
matica storica, infatti, la presenza di sviluppi contrastanti, per la
stessa base, nel lessico di tradizione popolare, dimostra la coesi-
stenza di diversi centri di irradiazione e di inuenza; mentre il les-
sico dotto, in quanto espressione di un ceto egemonico, poteva e
pu essere, per denizione, sparso sul territorio. Quanto a quello
semidotto, esso potrebbe riettere il periodo iniziale della nuova
straticazione sociale, in una o pi aree che sarebbe estrema-
mente importante identicare, con lemergere di nuovi ceti medi
in parte ancora vicini a quelli popolari.
Gli esempi di paleo e mesolessemi, cio sia di tradizione po-
polare che dotta e semidotta, sono innumerevoli (vd. anche ol-
tre), ma i pi utili a far risaltare la differenza sono quelli che si
presentano nel fenomeno, in parte gi illustrato, dellallotropia
(vd. anche oltre), cio di quelle coppie di parole che pur derivan-
do da uno stesso etimo mostrano uno sviluppo diverso. Si pren-
dano per esempio it. agosto e it. augusto, ambedue da lat. aug-
stu(m): agosto di tradizione popolare, perch segue due regole
fondamentali della grammatica storica italiana: (A) il passaggio
184 Lorigine delle parole

di // tonica o accentata latina a /o/ tonica chiusa italiana (cfr. bc-


ca bocca, crce croce, msca mosca, nce noce, tmba tomba, etc.)
e (B) il passaggio del dittongo /au/ protonico (cio precedente lac-
cento) ad /a/ in italiano (cfr. ausclto ascolto, exauguria sciagu-
ra, etc.). Al contrario, lagg. it. augusto, che non segue n luna n
laltra delle regole, di tradizione dotta. Nella coppia vergogna e
verecondia, ambedue da lat. verecndia, lesito popolare del primo
lessema (probabilmente di origine altoitaliana per la lenizione del-
la /k/ intervocalica prima della sincope della /e/ atona precedente),
si oppone allesito semidotto del secondo, in cui soltanto la vocale
tonica /u/ breve segue il passaggio regolare alla /o/ chiusa.

3.10.1.3. Microfonetismi

Come abbiamo visto, i microfonetismi sono i lessemi che mu-


tano foneticamente senza seguire le regole di conversione, e sono
soltanto due: quelli generati (1) da tab (tipo cristo > cribbio,
perdio > perdinci, etc.) (vd. oltre) e (2) da microanalogia (it. fa-
ticare da lat. fatigare per analogia con la lenizione dei verbi lati-
ni in icare) (vd. oltre).

3.10.2. Lessemi mutati nella semantica: iconimie

Come sappiamo, il mutamento semantico il grande assente


della grammatica storica, e la sua assenza dovuta allignoranza
del fenomeno delliconimia: per cui a ogni scelta di un iconimo
per denizione un lessema preesistente, e quindi fonetica-
mente immutato adatto a designare un nuovo referente, corri-
sponde, automaticamente, un mutamento di signicato. Il muta-
mento per iconimia, naturalmente, pu avvenire anche in conco-
mitanza con il mutamento fonetico e con gli altri mutamenti les-
sematici, ma la sua importanza comunque enorme.
Qui, tuttavia, ci soffermiamo sul gruppo di iconimie pi tra-
scurato dalla linguistica storica e dalletimologia tradizionali:
quello che chiameremo delle iconimie pure, cio non (ancora) o-
scurate da mutamento fonetico. Il nucleo pi consistente del les-
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 185

sico di qualunque linguema, non solo neolatino, infatti quello


costituito dai lessemi introdotti o modicati dallo sviluppo stori-
coculturale senza alcun mutamento formale, cio con un muta-
mento esclusivamente semantico. Nel GRADIT di De Mauro, per
esempio, che conta 250.000 lemmi, di cui circa 100.000 tecnici-
smi, oltre 90.000 sono i lemmi di derivazione italiana: pi della
met del lessico non tecnico. Questa categoria di lessemi, per di
pi, anche la pi trascurata dalla linguistica storica tradiziona-
le, per la pi volte notata passivit della ricerca tradizionale nei
confronti della semantica, a sua volta causata dallignoranza del
ruolo delliconimia nel processo di lessicalizzazione. La quasi to-
talit del lessico pieno o categorematico di una lingua, in effetti,
subisce mutamenti semantici senza subirne alcuno nella forma:
altra prova fondamentale, anchessa del tutto trascurata dalla lin-
guistica storica tradizionale, della stabilit formale di una lingua,
in contrapposizione alla sua grande essibilit semantica, a sua
volta riesso della dinamica culturale di una comunit.
Come vedremo meglio nei prossimi capitoli, questa parte del
lessico invece importantissima, e, essendo la pi consistente, rap-
presenta anche il nucleo della futura ricerca etimologica, dalla qua-
le ci si deve attendere anche una formulazione sempre pi precisa
delle REGOLE DELLA SEMANTICA STORICA [ Glossario], cio, pi
precisamente, della tipologia iconimica, sia pancronica e univer-
sale che geostoricamente determinata. A causa di questa enorme
lacuna, manca alla linguistica storica paradossalmente, per una
disciplina che si denisce storica anche unadeguata tratta-
zione dei problemi della datazione lessicale e della periodizzazio-
ne lessicale, che nella nostra visione costituiscono uno dei fonda-
menti di una vera e propria archeologia etimologica. Nei capitoli
10 e 11, dedicati a questi problemi fondamentali, vedremo, infatti,
come la datazione lessicale sia molto pi strettamente legata alla
semantica della parola che non alla sua fonetica, dato che il muta-
mento semantico pu vericarsi innumerevoli volte e in qualunque
momento storico, sia antichissimo che antico, moderno o contem-
poraneo, ed il solo che lasci tracce sicure della storia di una pa-
rola. La linguistica storica non mai riuscita a datare in modo a-
186 Lorigine delle parole

deguato le parole di un lessico, perch ne ha studiato solo la for-


ma, la sola che non si lasci datare!
Vediamo ora in quali sottogruppi questo principale nucleo del
lessico di una lingua si lascia suddividere.

3.10.2.1. Iconimie pure, popolari o anonime (accezioni)

In primo luogo, esso comprende le decine di migliaia di ac-


cezioni semantiche dei lessemi esistenti, antichi e nuovi, i cui
mutamenti, secondo la dottrina tradizionale, sfuggono a qualun-
que classicazione e quindi non fanno parte della ricerca etimo-
logica se non sul versante della mera registrazione passiva. Sono
invece fondamentali e, come abbiamo detto, proponiamo di chia-
marle iconimie pure.
Nella stragrande maggioranza sono casi di lessicalizzazione
popolare, che riettono indirettamente levoluzione storicocul-
turale della comunit dei parlanti, e quindi realizzati dal parlante
comune senza conoscenze o ambizioni specialistiche. La lingui-
stica storica tradizionale naturalmente nellambito dellidea
che la semantica non conosce regole denisce questo tipo di
mutamento semantico spontaneo. Pi che spontaneo de-
nizione che sembra implicare, stranamente, che i cosiddetti neo-
logismi e i tecnicismi non lo siano si tratta di scelte iconimiche
anonime, fatte cio senza la coscienza specialistica di creare u-
na nuova parola, con la conseguente risonanza che questo pu a-
vere, pur ottenendo lo stesso risultato. Il tecnicismo specialistico
creato da qualcuno che di solito ha, o presume di avere, il com-
pito di farlo, come avviene quando viene introdotto un nuovo pro-
dotto industriale o commerciale, o quando uno scienziato o uno
studioso, o un giornalista o un uomo politico, propone un nuovo
termine nel proprio campo specialistico o nella propria sfera di a-
zione. Nel caso della lessicalizzazione, per esempio di pizza, co-
me designazione della scatola rotonda che contiene pellicole ci-
nematograche, nessuno aveva ricevuto il compito di trovare una
nuova parola per questo particolare tipo di scatola. Chi lo ha fat-
to presumibilmente a Roma, principale sede dellindustria ci-
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 187

nematograca italiana ha fatto uso di quella competenza lin-


guistica universale di cui abbiamo parlato nel cap. 1, che permet-
te a chiunque di attingere alle proprie conoscenze linguistiche per
contribuire al miglioramento della conoscenza collettiva del rea-
le e alla semplicazione della comunicazione linguistica. E da
quando quella proposta stata accettata dagli addetti ai lavori, ed
entrata nelluso, pizza ha mutato di signicato. Analogamen-
te, e pi recentemente, quando qualcuno certamente non in-
colto, e dotto nel proprio campo ha scelto {chiocciola} co-
me iconimo per designare il simbolo @ della posta elettronica, e
la sua scelta ha avuto successo, chiocciola ha assunto il suo nuo-
vo signicato informatico (curiosamente, assente nel DELI).
Spesso, anche quando vi stato un tecnicismo specialistico uf-
ciale, ne emerge un secondo di carattere popolare , che ha
molto pi successo di quello ufciale: accanto al neologismo
(!) automobile ibridismo grecolatino creato in Francia e de-
stinato a dare, nei decenni successivi, un nuovo signicato al pre-
sso auto (che prima aveva solo il signicato di proprio deri-
vato dal greco utj), emerse ben presto il popolare macchi-
na, che poi diventato il termine corrente in italiano per desi-
gnare lautomobile. Lo stesso successo per svariate lingue del
mondo, europee e non. Analogamente, accanto al pi recente tec-
nicismo cellulare, nato telefonino, il cui iconimo {telefono + i-
no} costituito dal vecchio termine con la semplice aggiunta del
pi comune fra i sufssi diminutivi.
Occorre anche notare che la nascita del termine popolare ac-
canto a quello ufciale dipende direttamente dal livello di pene-
trazione del referente nella comunit: in italiano, elicottero, no-
me ufciale del veicolo, ancora il solo che esista. Negli Stati U-
niti dove lelicottero di uso privato molto pi diffuso e, nel-
le grandi citt e nei quartieri residenziali, quanto mai visibile,
accanto allufciale helicopter nato, con liconimia del {frulla-
tore}, chopper, che ha completamente sostituito il primo ed og-
gi il nome corrente del veicolo.
Un altro caso particolarmente rilevante e frequente di iconi-
mia anonima (e spesso popolare) quello delle locuzioni (polire-
188 Lorigine delle parole

matiche): come partire in quarta, essere su/gi di giri, scendere


in campo, giocare in casa, fare autogol, prendere le redini, a bri-
glie sciolte, con il vento in poppa e innumerevoli locuzioni simi-
li, che mostrano a vista docchio lo scarto fra il signicato lette-
rale (liconimo) e il signicato attuale.
In molti casi, un tecnicismo specialistico viene interessato,
successivamente, da lessicalizzazione popolare. Possiamo segui-
re processi simili sia nel passato, sia nel presente. Il sostantivo la-
tino album, per esempio, che aveva il signicato di tavoletta
(bianca), e rappresentava il neutro dellagg. lat. albus bianco,
fu prima adottato (in Germania) come termine specialistico dot-
to, e poi, tramite il francese, entr nelluso corrente italiano come
album (di foto o di fumetti e storie illustrate). Il lat. alibi altro-
ve, in un primo momento adottato come neologismo giuridico
nel senso di evidente prova di mancato coinvolgimento in una-
zione biasimevole o criminale, diventato poi termine comune,
non soltanto nel suo signicato legale, ma anche in quello se-
manticamente pi generico di scusante, giusticazione. Il neo-
logismo cinquecentesco latino di origine dotta lapis pietra, pri-
ma usato per denire scienticamente, come pietra di ematite,
la pietra sanguigna usata dagli artisti, in una vasta area dellItalia
centrale, che comprende la Toscana e Firenze, stato poi adotta-
to come nome ufciale della moderna matita. A differenza di
matita, dal lat. aematite, che ha subito laferesi della vocale ini-
ziale, lapis non ha subito neanche la caduta della /s/ nale, e ha
invece spesso aggiunto, per epitesi (normale nei dialetti cen-
tromeridionali) la e nale, diventando lpise. In certe aree (per
esempio a Roma) lapis stato poi anche erroneamente interpre-
tato come lapis, per cui il nome della matita diventato apis(e).
In tempi recenti, un tecnicismo medico e cardiologico come -
brillazione contrazione rapida della muscolatura cardiaca, sta-
to utilizzato, come iconimo, per designare linizio di uno stato di
intensa eccitazione. Dove si nota, di nuovo, la scelta di un campo
iconimico prestigioso per generare nuovi signicati: come gi
avvenuto, per la medicina, ad arteria, impiastro, incancrenire, i-
sterico, melancolia e malinconia (lumore nero della medicina
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 189

medievale), nostalgia (dolore per il ritorno), salasso e molti al-


tri, per la giurisprudenza a contenzioso o passare in giudicato, per
la scienza ad atmosfera, cavia, galvanizzare, etc. Processo icono-
mastico dotto, tuttavia, molto meno frequente di quello che uti-
lizza campi iconimici popolari o di larga diffusione, come
quelli dellequitazione (recalcitrante, spronare, di gran galoppo,
trottare, etc.), della vela (a gone vele, col vento in poppa, pren-
dere il sopravvento), del calcio (giocare in casa, scendere in cam-
po, fare autogol, etc.) e dellautomobile (essere su/gi di giri,
partire in quarta, slittare [detto di una data ssata], etc.).

3.10.2.2. Iconimie pure, specialistiche o di autore (tecnicismi,


neologismi)

Un secondo, vasto gruppo di iconimie pure quello che risul-


ta da una lessicalizzazione specialistica, e riette quindi diretta-
mente levoluzione storicoculturale di una societ. Anche questi
componenti lessicali sono sempre realizzati, per, mediante li-
conimia. Vengono chiamati, con termine non del tutto felice, neo-
logismi, e spesso distinti in tecnico, scientico, politico, cultura-
le, settoriale, e cos via. La contraddittoriet del termine neologi-
smo data dalla scelta delliconimo cronologico {nuovo}, che
contrasta molto presto con la realt, non appena sia passata la
novit. Anche se di difcile sostituzione, dato il suo uso inevi-
tabile e legittimo per i termini pi recenti, nel discorso teorico sa-
rebbe forse meglio usare termini come tecnicismo o settoriali-
smo, il cui iconimo {tecnica} o {settore} mette in primo piano il
carattere specialistico inerente alla lessicalizzazione nel momen-
to della sua genesi, e non la sua transitoria novit, implicita in o-
gni innovazione, non solo semantica. In ogni caso, neologismo
non va confuso con il neolessema qui sopra proposto: neologismo
un termine di cronologia relativa e proprio qui sta la sua
debolezza, in quanto perde il suo signicato dopo un certo perio-
do ; neolessema un termine di cronologia assoluta, che da-
ta una parola a un determinato periodo della nostra storia (vd.
anche oltre).
190 Lorigine delle parole

La lessicalizzazione di questi tecnicismi avviene continua-


mente, e sotto i nostri occhi, ogni qual volta nasce, per esempio,
un nuovo prodotto tecnologico: nel momento in cui nato il cel-
lulare, il termine cellulare, che prima era un semplice aggettivo
derivato da cellula, o un sostantivo che designava un furgone del-
la polizia diviso in celle per il trasporto dei prigionieri, acquista
un nuovo signicato. La linguistica storica tradizionale, per li-
gnoranza della funzione delliconimo nel processo di lessicaliz-
zazione, che come sappiamo identica a quella del mutamento se-
mantico popolare, ha forse esagerato limportanza del tecnicismo
colto, rispetto a quello popolare. Tanto che Bruno Migliorini, uno
dei migliori linguisti della scorsa generazione, ai creatori di tec-
nicismi colti ha voluto attribuire il titolo di onomaturghi (cfr. MI-
GLIORINI 1974, 1975) [ Antologia critica, 11]. Senza dubbio,
lidenticazione dellautore di un tecnicismo spesso fonda-
mentale per la ricostruzione rigorosa del contesto in cui esso na-
to (inoltre lopposizione fra iconimie anonime e iconimie dauto-
re coincide, in larga parte, con quella fra iconimie popolari e col-
te), ma sul piano teorico non vi assolutamente alcuna differen-
za fra un tecnicismo dotto come cellulare e un tecnicismo popo-
lare come telefonino o come messaggiare inviare un messaggio
con un cellulare. Per cui, se proprio vogliamo qualicare questa
attivit collaggettivo un po pomposo di onomaturgico, dobbia-
mo farlo per tutti e due i tipi di lessicalizzazione, e non solo per
quello di tipo dotto.
Una menzione a s meritano poi i tecnicismi scientici. La
maggior parte della terminologia scientica viene infatti conia-
ta ricorrendo coscientemente a iconimi grecolatini, cio a due
lingue morte. opportuno chiarire che questo avviene non solo
per la ben nota ragione che con luso delle lingue morte si ottie-
ne il maggior isolamento possibile della terminologia scientica
dalle intrinseche ambiguit e dagli imprevedibili mutamenti se-
mantici del lessico vivente, per denizione incontrollabile, ma
anche per ragioni nora non chiarite, e cio perch cos facendo
si soddisfa in modo del tutto inconscio e peculiare al re-
quisito del prestigio delliconimo: invece di cercare, come iconi-
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 191

mo, un oggetto o un campo semantico prestigioso, infatti, si a-


dotta una lingua che soddisfa preliminarmente a questa condi-
zione, dato che sia greco che latino sono considerate lingue di
prestigio della comunit scientica. Allinterno del lessico gre-
co e latino, poi, si procede alla successiva scelta iconimica nei
modi normali, cio nellambito del campo paradigmatico e de-
scrittivo (per metonimia) o di quello sintagmatico e associativo
(metafora). Per esempio atomo (dalliconimo greco {tomoj in-
divisibile}) un iconimo metonimico descrittivo, mentre peni-
cillina (dal latino {penicillum pennello}, dalla forma delle
muffe da cui si estrae) metaforico associativo.
Per la terminologia scientica si pu quindi parlare di una dop-
pia iconimia, in quanto il prestigio iconimico viene raggiunto u-
na prima volta con la scelta preliminare di una lingua morta pre-
stigiosa, diversa da quella comune, entro cui si sceglie poi un ter-
mine rilevante come iconimo vero e proprio.

3.10.2.3. Voci di tradizione dotta (mesolessemi) semanticamente


mutate

Un terzo gruppo di iconimie pure costituito dai numerosi


mesolessemi di tradizione dotta che hanno mutato il signicato o-
riginario: come it. pensare rispetto a lat. pensare pesare con cu-
ra; it. pensione rispetto a lat. pensionem pesatura, pagamento;
it. ambiente, rispetto a lat. ambientem che va intorno; it. lapsus
rispetto a lat. lapsus scivolamento; it. atomo, da gr. tomoj in-
divisibile, etc. (vd. anche oltre).

3.10.2.4. Calchi

Un quarto gruppo di iconimie pure per denizione quello dei


cosiddetti calchi (vd. oltre) che, come abbiamo gi visto, tradu-
cono liconimo di un forestierismo nella lingua encorica, e rap-
presentano quindi una forma sui generis di lessicalizzazione: co-
me falco, nel senso politico di favorevole a una politica forte,
che traduce liconimo (non il signicato!) delling. hawk idem.
192 Lorigine delle parole

3.10.2.5. Altre iconimie pure

Altri due gruppi di iconimie pure, di piccola entit ma di grande


evidenza teorica, sono quelli dei lessemi che risultano dallocculta-
mento sostitutivo, causato da tab (vd. oltre) e degli esocorismi (vd.
oltre), che, pur non cambiando di forma, cambiano di signicato ri-
spetto alloriginale, come ingl. box scatola, che in italiano diventa
garage o spazio delimitato in un locale grande e simili; ingl. golf
gioco, che diventa maglione (per giocare a golf) e simili.

3.10.3. Lessemi immutati

Lopposizione fra mutamento con o senza impatto sulla parola,


cio endo ed esolessematico, genera unopposizione nuova, ri-
spetto alla tradizione etimologica: quella fra le due grandi catego-
rie dei lessemi immutati e mutati. Partendo dallidea erronea che
il linguaggio muta per ragioni organiche, e quindi inesorabilmen-
te, la linguistica storica ha, infatti, messo sempre in primo piano i
lessemi che hanno subito un mutamento. Ci che , ovviamente,
una diretta conseguenza della mancata teorizzazione del con-
servativismo inerente al linguaggio umano. Inoltre, anche quando
la nozione dellimmutato viene approssimativamente sottintesa,
come per esempio nelle nozioni degli esotismi, latinismi, voci di
tradizione dotta e simili, immutata si intende la forma, e non la
semantica: molti latinismi integrali, come per esempio corpus,
criterium, excursus, raptus, quorum, lapsus, medium, rebus, refe-
rendum, repulisti, status, lapis, album, pur essendo identici al la-
tino nella forma, mostrano un radicale scarto dal signicato origi-
nale, e quindi non sono affatto immutati. Anche molte delle vo-
ci dette di tradizione dotta per noi mesolessemi , a parte i pos-
sibili adattamenti formali allitaliano, non sono necessariamente i-
dentiche, nella semantica, a quelle latine, e lo stesso vale per non
pochi forestierismi, semanticamente mutati rispetto alloriginale.
E tuttavia, i lessemi che non hanno subito alcun mutamento fo-
netico o semantico sono molti, e degni di attenzione. Passeremo in
rassegna quelli pi signicativi, e menzioneremo poi gli altri.
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 193

3.10.3.1. Paleolessemi immutati

Una delle lacune pi signicative, nella classicazione etimolo-


gica tradizionale di un lessico, quella dei lessemi immutati di tra-
dizione popolare. Forse pi delle altre lingue nazionali neolatine,
infatti, litaliano ricco di voci ereditarie di questo tipo, assoluta-
mente identiche, in forma e in signicato, al latino5. E, come ab-
biamo gi detto, basta la loro presenza per dimostrare che il lin-
guaggio tende a conservarsi, senza cause esterne, e non soggetto
a nessuna deriva di tipo biologico o strutturale.
Ovviamente questi lessemi, la cui struttura fonetica ha eluso
le regole di conversione, sono tanto antichi quanto i loro simili
mutati (vd. sopra), e quindi paleolessemi anchessi. Limportanza
e la consistenza dei paleolessemi immutati sono mostrate, inoltre,
dalla loro presenza in tutto il lessico, cio:

(A) nel vocabolario grammaticale o sincategorematico


come sappiamo uno dei pi antichi strati del linguaggio
umano: come per esempio it. me, tu, tua, se, sua, nostra,
quando, per e in, sostanzialmente identici alla loro an-
teforma e al loro antesemema latino;
(B) nel lessico pieno o categorematico, come it. alba, ala, a-
mica, anguilla, arma, ascia, ava, barba, candela, capan-
na, cappa, capra, cara, casa, catena, cava, caverna, cena,
cisterna, collina, corona, costa, cura, era, esca, farina, fa-
villa, forma, formica, fossa, gallina, ira, lama, lana, lan-
terna, lima, lingua, luna, lupa, maga, mappa, massa, mi-
ca, moneta, nata, nonna, nota, oliva, ora, pala, pera, pila,
porca, pupa, pupilla, rana, rosa, scala, scintilla, scopa,
scrofa, sella, sera, serva, seta, spina, stella, tela, terra, te-
sta, trama, una, urina, uva, vacca, vanga, vela, via, villa,

5. Si potrebbe obiettare che non teniamo conto della quantit vocalica, presente
in latino classico e assente in italiano. Ma lobiezione, a sua volta, non tiene conto del
fatto che il confronto stadiale viene fatto fra italiano e latino volgare o popolare,
che si deve postulare privo di quantit vocalica.
194 Lorigine delle parole

vita, etc. Come si pu vedere, non pochi di questi lessemi


appartengono agli strati pi antichi del lessico. Discutere-
mo i problemi della datazione lessicale nel cap. 10.

3.10.3.2. Lessemi di tradizione dotta e altri mesolessemi im-


mutati

Mesolessemi immutati sono quelli detti di origine dotta: na-


turalmente quando, rispetto al latino, sono immutati anche nella
semantica. Pur se spesso di origine molto pi recente dei paleo-
lessemi, anche questi sono rilevanti per dimostrare la conservati-
vit linguistica, se si riette che la maggior parte del lessico dot-
to italiano (e delle lingue neolatine) risale anche nella visione
tradizionale al latino delle scuole dellAlto Medioevo. La con-
tinuit di questi termini si misura quindi in quasi un migliaio di
anni, che per giunta uno dei millenni pi rivoluzionari nella sto-
ria dellevoluzione umana.
I mesolessemi di tradizione dotta sono migliaia (il DELI ne
conta oltre 4.000). Bastino qui esempi come: agglomerare, ag-
gregare, alterare, ampliare, ansa, appropinquare, ara, area, aria,
bacca, bibita, blaterare, blatta, cantilena, cautela, celare, claudi-
care, clava, cloaca, comma, commemorare, commendare, com-
portare, comprimere, concordia, contumacia, contumelia, copia,
custodia, discordia, ferocia, ducia, furia, gloria, incuria, invi-
dia, materia, memoria, miseria, parsimonia, pecunia, perdere,
perdurare, perdia, perforare, permanere, perorare, perpetrare,
persuadere, pertinacia, perturbare, provincia, socia, tenacia, vi-
gilia, etc.
Anche fra gli esocorismi e i pericorismi, che come sappiamo
possono provenire da altre lingue e da altri dialetti, ci sono esem-
pi di lessemi immutati:

esocorismi: ingl. tennis, golf, boxe, goal, corner, computer,


mouse, scanner, software, etc.;
pericorismi: sic. maa, cal. ndrangheta, nap. camorra,
rom. bustarella, etc.
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 195

3.10.4. Lessemi mutati per contatto linguemico

Fermo restando che il lessico di tradizione popolare risale,


come abbiamo visto, a ibridazione con gruppi etnicamente di-
versi (ibridazione esocorica), o socialmente tali (ibridazione pe-
ricorica), una parte molto maggiore del lessico di qualunque lin-
guema di quanto non si pensi tradizionalmente costituita inve-
ce dai lessemi mutati perch provenienti dal contatto linguemi-
co che abbiamo denito semplice, in opposizione a quello com-
plesso dellibridazione. Ne fanno infatti parte non solo i presti-
ti, infelice termine che, come abbiamo visto, la linguistica sto-
rica ha coniato per denire tutti i tipi di lessema che noi abbia-
mo chiamato eso e pericorici o eso e pericorismi, ma anche
non pochi altri tipi etimologici noti, che ora illustreremo in que-
sta nuova ottica.
Come abbiamo visto, nella tradizione prestito termine gene-
rico, ma insufcientemente analizzato, che vale sia per il muta-
mento da contatto esocorico, come il forestierismo, lesotismo, il
calco; sia per quello pericorico, come il dialettalismo e il regio-
nalismo. E, dal punto di vista teorico, anche i lessemi denibili
come di tipo gergale, giovanile, studentesco, settoriale, e cos via,
come quelli di tipo dotto o semidotto, sono collegabili, a rigore, a
contatti linguemici che, pur non essendo pericorici, sono pur tut-
tavia diastratici e possono essere deniti epicorici, perch non e-
scono dallambito del sistema linguistico encorico. Anche le les-
sicalizzazioni italiane che appartengono a quei linguaggi che og-
gi vengono spesso chiamati politichese, burocratese, legalese e
simili (cio il linguaggio politico, burocratico, giuridico, etc.) ap-
partengono di fatto a questa categoria.
Perch insistiamo su questo punto? Per chiarire due punti che
ci sembrano fondamentali. Il primo che se vogliamo adottare un
termine veramente adeguato, che funga da iperonimo della tasso-
nomia che comprende nel proprio ambito anche i cosiddetti pre-
stiti, sarebbe preferibile un termine come acquisizione. Il se-
condo che dal punto di vista del parlante ideale che veste
qualunque abito gli vogliamo fare indossare; non ha n et n ge-
196 Lorigine delle parole

nere, n identit storica, sociale o culturale, proteiforme e quin-


di coincide con qualunque membro della comunit dei parlanti
tutte le acquisizioni lessicali che ha fatto nel corso della sua esi-
stenza hanno in comune di essergli apparse, nella loro fase ini-
ziale, pi o meno distanti e marcate, rispetto al proprio lessico
internalizzato, provenendo infatti non solo da altre lingue o da al-
tri dialetti, ma anche da gruppi sociali inferiori, o superiori, o e-
guali, e pur tuttavia di natura diversa dal proprio, per et, per pro-
fessione, per mestiere, per cultura, etc. Chi scrive, parlante colto,
nel corso della propria esistenza si confrontato con la termino-
logia studentesca, con quella politica, linguistica, informatica, ar-
cheologica, antropologica, genetica, giuridica, medicoospeda-
liera, infantile e tante altre, avvertendo sempre ciascuna come al-
tra dalla propria, in quanto caratteristica di unaltra compe-
tenza, relativa a un altro gruppo sociale. Un parlante di profes-
sione medico, anche lui per denizione colto, avr avuto la stes-
sa reazione non solo nellapprendere la propria terminologia tec-
nica, ma anche ogni volta che si sar confrontato con altre spe-
cializzazioni. Poco importa, poi, se questa distanza sia ancora
avvertita, perch di origine recente (come accade continuamente
per le innovazioni tecnologiche o di altro tipo), o non sia pi av-
vertibile, perch i relativi lessemi sono nelluso da secoli o da mil-
lenni (in quanto appartenenti al nostro lessico ereditario), o di-
penda dallavvicendarsi delle generazioni, come il nostro ripetu-
to contatto col linguaggio infantile. Quello che conta per il nostro
parlante proteiforme lesperienza di ascoltare una parola mai
prima sentita, non tanto perch nuova in assoluto, ma perch ap-
partenente a un ambito a lui estraneo.
Il ruolo del mutamento lessematico che risulta dal contatto lin-
guemico, e in particolare da quello epicorico, risulta dunque e-
stremamente importante, perch sottende la maggior parte delle
innovazioni lessicali. Ed utile sottolinearlo perch ci illumina,
di nuovo, sul carattere socialmente composito di un lessico mo-
derno, parallelamente a quello della sua fonetica e della sua
morfologia storica che, come abbiamo visto, con le loro regole
contrastanti, mostrano esattamente la stessa caratteristica.
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 197

Se poi esaminiamo pi attentamente questo gruppo di nozioni


tradizionali vengono anche alla luce, con la consueta debolezza
della teoria tradizionale, importanti lacune nella terminologia.

3.10.4.1. La norma: gli encorismi

Anzitutto: se i prestiti, anche se intesi riduttivamente, forma-


no una parte importante, ma pur sempre periferica, del lessico di
un linguema, come chiamare tutti gli altri lessemi, che ne forma-
no il nucleo centrale? Colpisce infatti, dal punto di vista teorico,
la mancanza di un termine che designi la norma della continuit
lessicale in loco, di fronte alleccezione, rappresentata dal lesse-
ma che viene da fuori. Come si ricorder, abbiamo proposto ori-
gine encorica o encorismi per la norma, e origine esocorica ed e-
socorismi per leccezione, con la sottocategoria del pericorico o
pericorismo per tutto ci che ha origini dialettali, e quindi ester-
ne, rispetto allarea encorica in senso stretto, e dellepicorico per
tutto ci che interno allarea encorica ma settoriale.
Naturalmente la proposta terminologica non comporta la
schedatura di tutti i lessemi che non siano prestiti come enco-
rismi: sarebbero troppi e non servirebbe a nulla! Ma sia nella di-
scussione teorica, in particolare di grammatica storica, sia nel-
lillustrazione delle caratteristiche generali di un lessico etimolo-
gico, sia nella ricerca etimologica come tale, la possibilit di fo-
calizzare gli sviluppi encorici, distinguendoli dai tanti e cos va-
riati sviluppi esocorici possibili, si rivela utilissima, tanto pi che,
come si visto, lanalisi etimologica di un lessico mette sempre
pi in luce il suo carattere anche fonostoricamente composito.
Parallelamente, si pu utilmente distinguere, allinterno degli
encorismi di un lessico come quello italiano (e degli altri lessici
neolatini), gli encorismi di tradizione popolare di origine oren-
tina dai lessemi encorici in senso lato, pi esattamente dagli epi-
corismi di origine dotta e semidotta, in quanto nati dai diversi ce-
ti egemonici, variamente sparsi nel territorio della penisola, an-
che prima del sorgere delle nazioni moderne: espressioni quindi
di diversi stadi e delle diverse specializzazioni di una cultura su-
198 Lorigine delle parole

periore e pi o meno unitaria, come poteva essere quella del ceto


egemone latino in epoca classica, della Chiesa nellAlto Medioe-
vo, della borghesia comunale nel Basso Medioevo, delle corti ri-
nascimentali e, inne, di quella del ceto dominante e delle sue
specializzazioni nella societ capitalistica moderna.
Questa opposizione ci permette di denire gli encorismi di tra-
dizione popolare (che come sappiamo sono quelli interessati dal
mutamento macrofonetico o diasistemico) anche come paleoles-
semi. Lessemi come egli da lle, per da per, loro da illorum, esso
da psu, noi da nos, se da si, s da sic, otto da octo, cinque da quin-
que, sciagura da exauguria, etc. sono dunque sia paleolessemi
che encorismi popolari del lessico italiano.

3.10.4.2. Leccezione: gli esocorismi e i pericorismi o prestiti

Alle voci encoriche o encorismi, si oppongono, come sappia-


mo, gli esocorismi e i pericorismi, tradizionalmente detti presti-
ti, per denizione provenienti da unarea linguistica diversa da
quella encorica. Area encorica che per il lessico italiano di tradi-
zione popolare coincide con Firenze e si oppone quindi allarea
pericorica (il resto dellItalia), mentre per quello di tradizione se-
midotta e dotta coincide con lItalia e si oppone allarea esocori-
ca (il resto del mondo).
Cominciando dagli esocorismi, dobbiamo distinguere, anzi-
tutto, fra esocorismi integrali (per es. ingl. scanner), esocorismi
adattati (it. scannerizzare) ed esocorismi iconimici o calchi (it.
grattacielo, da ingl. skyscraper). Per convenienza, nellillustra-
zione che segue non separeremo gli esocorismi integrali da quel-
li adattati.

ESOCORISMI INTEGRALI O ADATTATI: FORESTIERISMI. Come gi


pi volte detto, pi che prestiti dovrebbero essere chiamati ac-
quisizioni, rispetto alla comunit encorica, e doni rispetto a
quella eso o pericorica, in quanto non solo non vengono mai re-
stituiti, ma rappresentano anche un enorme arricchimento delle
conoscenze del parlante e della sua comunit, e della sua co-
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 199

scienza di essere parte di un pi vasto universo. Il parlante italia-


no, per esempio, non ha prestato, ma ha donato al resto del
mondo, che lha acquisita, la terminologia musicale, e non solo
dubbio che ne chieda mai la restituzione, ma anzi molto proba-
bile che sia ero di aver lasciato questa traccia di s nella storia
mondiale. In tutto il mondo, per chi studia musica termini come
forte fortissimo, piano pianissimo, allegro, allegretto, andante,
largo, moderato, espressivo, rubato, crescendo, staccato, con
sentimento, con dolcezza (Condoleeza!), con brio, opera, aria,
tempo, bravo, e molti altri, sono tanto importanti quanto compu-
ter, mouse e software per linformatico.
Pu essere semmai utile rendersi conto, invece, della diversa
entit del dono che ciascuna comunit di parlanti diversa dalla
nostra ha fatto al lessico della nostra lingua. Per quanto riguarda
litaliano, per esempio, sulla base delle menzioni delle diverse
correnti di forestierismi nei dizionari, etimologici e non, dellita-
liano (in primo luogo il DELI, con i suoi 47.000 lemmi e le sue
87.000 accezioni, che in realt sono lemmi anchessi), si pu
abbozzare questa classica (dalla quale sono esclusi apporti mi-
nimi, come quelli del giapponese, cinese, australiano e simili):

francesismi e provenzalismi: 4.200;


grecismi: 3.300;
anglismi: 2.000;
ispanismi e portoghesismi: 550;
tedeschismi e longob.: 500;
ebraismi e arabismi: 490;
celtismi: 100;
slavismi 40.

Per un totale quindi di circa 12.000 forestierismi su 47.000


lemmi e 87.000 signicati, che fanno il 25% ca. dei lemmi e il
12,6% ca. dei signicati. Quadro confermato dai dati, pi precisi
e accurati, ricavabili dal CD Rom del Vocabolario Treccani (VT)
e relativi a un lemmario di 120.000 lemmi, quindi molto pi ric-
co di tecnicismi specialistici:
200 Lorigine delle parole

francesismi e prov.: 5.529;


grecismi: 3.514;
anglismi: 919;
ispanismi e portogh.: 507;
germanismi (francone, long., gotico, tedesco, germanico
[senza inglese]): 470;
ebraismi e arabismi: 294.

La notevole mancanza di dati sul celtico qui dovuta al


minore approfondimento etimologico di un dizionario monolin-
gue rispetto a un dizionario etimologico.
Il quadro confermato nella sostanza, nonostante le apparen-
ti differenze, dai dati forniti da De Mauro nella sua bellissima in-
troduzione al GRADIT, ora ripubblicata in DE MAURO (2005), il cui
lemmario conta ben 250.000 lemmi: la pi ampia fonte per la co-
noscenza del complessivo lessico dellitaliano, colto e popolare,
scientico e letterario, standard e regionale (ibidem, 118). Se-
condo questi dati la classica degli apporti esocorici al lessico i-
taliano questa:

grecismi: 8.354;
anglismi: 5.510;
francesismi: 4.370;
ispanismi e portoghesismi: 1.056 + 168;
tedeschismi e longob.: 604 + 114;
ebraismi e arabismi: 68 + 469;
russismi: 234.

Per spiegare le differenze nellapporto greco e inglese rispet-


to agli altri dizionari, occorre riettere che quasi met dellenor-
me lemmario del GRADIT consiste di tecnicismi specialistici,
compresi quelli chimici, medici e farmaceutici in cui prevale
il greco , e che anche i 5.510 anglismi consistono, per quasi la
met (esattamente 2.567), di termini tecnicoscientici della pi
recente tecnologia (mentre per i 4.370 francesismi questo nume-
ro scende a 910).
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 201

Per quanto riguarda il lessico comune, dunque, il quadro degli


apporti esocorici piuttosto quello registrato dal DELI e dal VT, e
non quello del GRADIT, ci che pu soprendere il lettore: sia per il
primato francese (con la modesta aggiunta del provenzale), che su-
pera perno il greco (trionfante solo per il suo ruolo nella termi-
nologia scientica), che per il modesto terzo posto del tanto te-
muto inglese. E pu sorprendere proprio letimologo, indotto for-
se a credere, dalla storia della ricerca e dalla poderosa presenza dei
volumi germanici del FEW (e presto del LEI), che linuenza
germanica sia fra le pi importanti, se non la pi importante in as-
soluto. Mentre non lo assolutamente, anche senza tener conto dei
fattori che lhanno aumentata articialmente, e di cui parleremo
pi oltre e in altri capitoli.
Per quanto riguarda linglese, tuttavia, la spiegazione della
sorpresa, facile: mentre linuenza dellinglese oggi sotto gli
occhi di tutti, quella del francese non pi attuale, anche se sta-
ta costante durante tutta la storia del lessico italiano, e no a non
molto tempo fa. E non a caso va forse aggiunto in certi pe-
riodi ha conosciuto punte paragonabili a quella attuale dellingle-
se, con gli stessi ridicoli fenomeni di censura e di provincialismo
xenofobico ai quali assistiamo oggi nei confronti dellinglese.
Per quanto riguarda lesemplicazione, essendo superuo for-
nire un elenco rappresentativo degli anglismi italiani di queste-
poca, ci limitiamo a illustrare la massiccia presenza dellinglese
nella terminologia italiana dello sport: presenza che non ha mai
infastidito nessuno (tranne, ovviamente, i fascisti), e che inizia
nellOttocento per continuare nel secolo successivo. A comincia-
re da sport stesso no ai nomi di molti sport e a innumerevoli lo-
ro aspetti, quasi tutti integrali: come ace, autocross, autogol, au-
tostarter, backhand, backspin, badminton, baseball, basket, bob,
bobsleigh, bogey, bomber, bouldering, bowling, boxe, break, bun-
ker, caddie, catch, challenge, challenger, chop, ciclocross, clinch,
combine, corner, crawl, cricket, criterium, cross (e crossare),
crosscountry, cruising, curling, dead heat, derby, doping, drib-
bling, drive, drop, drop shot, fault, fence, nish, t, oater, foot-
ball, footing, forcing, forfait, full contact, game, gentleman, gin-
202 Lorigine delle parole

cana, goal, gokart, golf, grip, groggy, groom, ground, hack, han-
dicap, hockey, hole, hurdlerace, indoor, inning, jab, jockey, jog-
ging, jumper, k.o., karting, kayak, knock down, knock out, lawn
tennis, leader, lift, light weight, longline, maiden, master, mat-
ch, maul, meeting, miler, minigolf, mister, motocross, mountain
bike, muff, net, nut, omnium, open, optional, out, outdoor, outrig-
ger, outsider, over, pacemaker, paddock, pairoar, paperhunt,
par, photo nish, pingpong, pitcher, play!, playmaker, playoff,
playout, pole position, polo, poule, press agent, pressing, punch,
punching bag, punching ball, putter, racehorse, racer, racing,
rafting, rally, rallycross, rating, ready, record, recordman, reco-
vering, redcoat, referee, ring, rough, round, rowing, rub, rugby,
run, running, rush, safe, sandwich, scooter, score, scratch, server,
set, sherpa, show, skateboard, skater, skating, skeleton, skilift,
skimmer, skiroll, slam, slice, slick, smash, softball, sparring part-
ner, speedway, spin, spinnaker, spit, sport, sprint, sprinter, squa-
sh, stand, start, starter, stayer, steeplechase, step, stepper,
steward, stop, stopper, stretching, stroke, studbook, sulky, sup-
porter, surf, surfboat, surfcasting, surng, survival, swing, tack-
le, tailing, tartan, team, tee, tennis, tiebreak, time out, top wei-
ght, topspin, tornado, trainer, trawl, trial, trotter, trudgen, turf,
turfman, under, undercut, uppercut, volleyball, walkover, wed-
ge, welter, wicket, windsurf, windsurfer, windsurng, wrestling,
yachting, yachtsman.
Riteniamo invece utile soffermarci pi in dettaglio sul france-
se che, come abbiamo visto, rappresenta linuenza straniera pi
importante nella storia del lessico italiano, e per di pi penetrata
in tutti i settori della societ e della cultura. Negli ultimi due se-
coli, per esempio, imponente stato lapporto francese in settori
come le istituzioni democratiche, le innovazioni scientiche e
culturali, i veicoli, laviazione, il costume, la moda, la gioielleria,
larte, lalta cucina, la musica, la danza, i comfort della casa e del-
la vita domestica, la cura del corpo, i giochi dazzardo e di so-
ciet. Per dare unidea, sia pure limitata, di questo apporto, ecco
un elenco dei principali francesismi dellitaliano che si lasciano
ancora facilmente riconoscere come tali (quindi omettendo il nu-
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 203

mero molto maggiore di francesismi adattati, non pi riconosci-


bili senza consultare un dizionario etimologico): abatjour, ac-
crochage, afche, aigrette, la page, ampre, anisetta, applique,
atelier, atout, attach, au pair, azzardo, baccarat, bagarre, ba-
guette, baionetta, ballon dessai, barbabl, barrage, beb, beige,
belle poque, berceuse, bergre, bers, besciamella, bid, bigiot-
teria, bign, bigodino, biscuit, bistrot (o bistr), blas, blasone,
boiserie, bote, bomb, bonbon, bonne, bordeaux, border, bou-
cl, boudoir, bouquet, boutade, boutique, bricbrac, brigadie-
re, brioche, brl, brut, bucaniere, buffet, bureau, buvette, ca-
bar, cabaret, cabriolet, cachet, caff, canap, cancan, cangiare,
capitonn, capote, capottare, carillon, carnet, carr, casin, ca-
squette, caucci, certosa, chaise longue, champagne, chance,
chansonnier, chantilly, chaperon, charme, charlotte, chssis,
chauffeur, chef, chemisier, cheque, chic, chiffon, chignon, choc (e
scioccare), cialda, ciambellano, cincill, claque, clich, cloche,
clou, cognac, coiffeur, collage, collant, collier, com, console,
consomm, corbeille, corv, cotillon, coulisse, coup, coupon,
crme caramel, crpe, cretonne, crochet, croissant, croupier, cu-
lotte, damigella, dbcle, dcollet, dfaillance, del, demisec,
dmod, dpendance, dpliant, dernier cri, deshabill, dessert,
dessous, dormeuse, dossier, doubleface, en passant, entourage,
entraneuse, quipe, exploit, expertise, falpal, che, n de sicle,
amb, an, fondant, forfait, foulard, frac, frapp, fricand, fri-
casse, frigidaire, fum, fumoir, gabardine, gaffe, gag, gala, ga-
rage, garonnire, gavotte, gendarme, gil, gratin, griffe, haute
couture, liseuse, matine, mlange, minuetto, noisette, oboe, o-
melette, organza, os, paillette, paletot, pamphlet, pap, papier
coll, papillon, par, parquet, parterre, parure, parvenu, pas-
separtout, pastiche, pt, pav, pedicure, pendant, peignoir, pe-
luche, percalle, petitfour, petitgris, piedterre, piedde
poule, pierrot, pincenez, piqu, piroetta, plafond, plateau, plis-
s (e plissettato), pochade, pochette, pois, polonaise, ponpon,
porteenfant, potpourri, pouf, pourparler, premire, prt
porter, pruderie, pur, rag, rally, rata, rat musqu, rclame,
redingote, refrain, relais, rendezvous, rentre, repchage, re-
204 Lorigine delle parole

staurant (e ristorante), rverie, revers, rimmel, rococ, roll, ron-


d, ros, roulette, roulotte, routine, sans faon, satin, savoirfai-
re, sciancrato, sciarada, secrtaire, spar, sof, soire, somme-
lier, sommier, souf, souplesse, souvenir, stil, suppl, suprme,
surmenage, surplus, taffett, tailleur, tapis roulant, tass, t-
tette, toilette, toupet, tour de force, tourne, tourniquet, tout
court, traitdunion, tranche, tran tran, travet, trib, tricot, trom-
pelil, troupe, trousse, trum, tut, varit, vaudeville, vedette,
veilleuse, vendeuse, vernissage, verve, visvis, viveur, voile,
volant, volauvent, voyerismo, zulu.
A questo gi lungo elenco di francesismi integrali o traspa-
renti, vanno poi aggiunti, come gi detto, quelli ancora pi nu-
merosi: alcune migliaia che non sono pi riconoscibili come
tali. Fra i quali val la pena di menzionare, tanto per dare un e-
sempio di quanto profonda sia la presenza francese nel nostro les-
sico, alcuni fra i francesismi pi inaspettati: da mangiare a burro,
bottiglia, cotoletta, marmitta, casseruola e decaffeinato, da auto-
mobile a battello, crociera, cabina, cuccetta, aeroplano, aviatore
e aviazione, elicottero, convoglio, marciare, canotto e canottag-
gio e atmosfera, da danzare a cinema, da emozione a gioia, da
gioiello a enciclopedia, da burocrazia a bigotto, codardo e creti-
no, e poi ancora agio, abbigliare, ardire, assemblea, attrezzo, at-
tuale (e attualit), avviso, batteria, berlina, bersaglio, biberon,
biglietto, bilione, blu, blusa, bonomia, brevetto, cerniera, condo-
glianza, congedo, controllo, cuccia e innumerevoli altri. Tra i
quali: i nomi e/o gli aggettivi in ardo, come bastardo, vegliardo,
stendardo, codardo, beffardo, inngardo, bugiardo, bigliardo,
goliardo, testardo, etc.; quelli in aggio, come viaggio, pedaggio,
ingaggio, villaggio, omaggio, formaggio, lignaggio, personaggio,
equipaggio, paraggio, miraggio, beveraggio, coraggio, oltraggio,
paesaggio, passaggio, massaggio, messaggio, retaggio, ostaggio,
vantaggio, linguaggio (!), lavaggio, selvaggio, etc., prima che
questo sufsso diventasse produttivo, e fosse quindi applicabile
anche a lessemi encorici; e quelli in iere/iero/iera, come al-
ere, banchiere, leggiero, destriero, maniera, criniera, anche in
questo caso prima che i sufssi diventassero produttivi. Inne i
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 205

lessemi che si lasciano identicare come francesismi per caratte-


ristiche fonetiche pi nascoste, come il gruppo graco <gli> in-
vece di /kky/, in corrispondenza di lat. /kl/: vegliardo invece di
vecchio, origliare invece di orecchio, pariglia invece di parec-
chio, bottiglia, da icula. Addirittura Ges, se anche questo an-
troponimo, curiosamente ossitono, e quindi anomalo rispetto al-
lantico it. Geso, da lat. Iesus, sembra essere, come abbiamo pro-
posto (ALINEI 1995c), un francesismo introdotto dal monachesi-
mo altomedievale di Cluny e Clairvaux!
Non c dunque settore della vita e della cultura italiana che
non sia stato arricchito, dal Medioevo no allaltroieri, dal fran-
cese. Quanto ai germanismi (con cui si intendono i prestiti dal
longobardo, dal francone e dal tedesco, esclusi quindi linglese,
le lingue scandinave e lolandese), il compito che si pone alla fu-
tura ricerca senza alcun dubbio quello di una revisione critica,
sistematica e severa, della cosiddetta Germania romanica, la cui
importanza e il cui signicato linguistico sono stati enormemen-
te gonati da alcuni dei fondatori germanofoni della roma-
nistica, nellOttocento e primo Novecento, certamente contagiati
dal pangermanesimo allora imperante (vd. cap. 12). Non a caso,
fra i veri germanismi non solo italiani ma internazionali vi
sono i termini classici della linguistica storica e dellindoeuro-
peistica ottocentesca, come Indogermanisch (ancora oggi prefe-
rito a indoeuropeo in area germanofona), Ablaut, Lautgesetzen,
Lautverschiebung, Schwa, Umlaut, Urheimat, Ursprache, Wort-
bildung, Wortgeschichte, Wrter und Sachen e simili.

ESOCORISMI ICONIMICI: CALCHI. Sono esocorismi il cui iconi-


mo stato tradotto nella lingua encorica. Come per esempio grat-
tacielo, che traduce liconimo dellinglese skyscraper, cortina di
ferro, che traduce quello di iron curtain, disco volante, che tra-
duce quello di ying saucer e tanti altri.
Come abbiamo gi detto, tradizionalmente il calco sempre
stato denito del tutto incorrettamente come calco seman-
tico. Ovviamente grattacielo non ricalca, cio non traduce, in i-
taliano il signicato di edicio che si sviluppa molto in altezza,
206 Lorigine delle parole

ma liconimo scelto dallinglese dAmerica per designare il si-


gnicato: cio {raschiacielo}. Il calco si lascia insomma deni-
re come un esocorismo, il cui iconimo stato tradotto nella lin-
gua encorica. Lerrore della denizione tradizionale dovuto al
semplice fatto che in ambito teorico tradizionale in cui il se-
gno, non esistendo la nozione di iconimo, viene sempre analizza-
to nei due componenti di forma e signicato, anzich in tre se
qualcosa non forma deve necessariamente trattarsi, per de-
fault, di signicato.
Per quanto riguarda il signicato, in qualunque forma di pre-
stito (quindi non solo nel calco ma anche nel prestito autentico),
esso viene di solito acquisito assieme alla forma. Per esempio il
termine politico di falco sostenitore di una politica forte, tradu-
ce solo liconimo americano hawk cio {falco}, mentre mantiene
il suo pieno signicato politico. Non di rado, le traduzioni delli-
conimo non sono neanche esatte, e rivelano cos uninsufciente
conoscenza della lingua originale da parte di chi introduce il cal-
co (di solito i media, notoriamente poco versati, in Italia, nelle lin-
gue straniere): quando in italiano si tradusse lespressione iron
curtain di Churchill con cortina di ferro, si propose qualcosa
che non aveva nessun senso reale, mentre in inglese una iron cur-
tain una realissima saracinesca: e {saracinesca (di ferro)} sa-
rebbe stato calco molto pi realistico ed efcace di quello poi pas-
sato alla storia. Anche il ying saucer, il cui iconimo di fatto era
{piattino volante} (perch saucer il normale piattino sui cui
poggia la tazza), diventato un inesistente disco volante. Lo
stesso it. grattacielo traduce male liconimo dellingl. skyscraper,
cio {raschiacielo}, perch il sostantivo scraper (dal verbo scra-
pe pulire, raschiare) designa uno strumento per pulire (nel sen-
so di raschiare, liberare da uno strato superciale) e non gratta-
re (cfr. ALINEI 1995c), che in inglese si dice to scratch.

PERICORISMI: DIALETTALISMI E REGIONALISMI. Sono i termini


provenienti da aree dialettali del territorio nazionale o comunque e-
sterni al territorio encorico in senso stretto (per litaliano la Tosca-
na e Firenze). Come possono essere, per litaliano, il dialettalismo
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 207

veneziano ciao, quelli romani palazzinaro e bustarella, quello mi-


lanese meneghino, quello napoletano scugnizzo, il regionalismo si-
ciliano maa, il regionalismo alpino vedetta, e cos via.

EPICORISMI: SETTORIALISMI. Settorialismi in senso lato pos-


sono essere considerati tutti i lessemi legati a gruppi sociali di
qualunque tipo, quindi di et (lessico infantile, giovanile, stu-
dentesco), cultura, attivit anche transitoria (lessico militare),
mestiere, professione, rapporti con la legge (lessico malavitoso).
Tradizionalmente, vengono messi in primo piano i gergalismi
giovanili, come co bello, sga sfortuna, sballo gran diver-
timento, sclerare sragionare, fagiolo studente universitario
di secondo anno, quelli malavitosi come madama polizia, al
fresco in carcere, gazzella vettura veloce dei carabinieri,
mammasantissima capomaa, etc., quelli militari come naia,
gavetta, mar, etc., e di altri gerghi come pivello principiante,
bionda sigaretta, toppare commettere un grosso errore, etc.
Ma le specializzazioni lessicali che riettono quelle sociali so-
no innumerevoli, e vanno molto al di l della ristretta visione
tradizionale. In realt, gran parte del lessico di una lingua mo-
derna appartiene a questa categoria, che coincide, in larga par-
te, con quella legata al ruolo della competenza linguistica (vd.
oltre).

3.10.5. Lessemi mutati per tab: tabuismi

Per quanto riguarda il tab linguistico, i dizionari etimologici


di solito si limitano a individuare gli eufemismi, ci che per altro
non fanno sistematicamente.
Come abbiamo visto (e come vedremo meglio nel capitolo
seguente), la tipologia del tab , tuttavia, molto pi complessa.
Per limitarci qui a quanto abbiamo gi visto nora (nel prossi-
mo capitolo estenderemo la nostra discussione ad altri aspetti
del tab), i lessemi modicati da tab possono essere classica-
ti in modo pi analitico, utilizzando tabuismo o parolanoa co-
me iperonimo.
208 Lorigine delle parole

3.10.5.1. Tabuismo/noa con occultamento sostitutivo

il tipo tabuistico pi frequente, come vedremo meglio nel


capitolo successivo. Esempi sono cose, regole, periodo, ciclo in-
vece di mestruo e mestruazione; decesso, dipartita, scomparsa,
trapasso, etc., invece di morte; passare a miglior vita invece di
morire; uccello, pisello e innumerevoli altri come tabuismo del
genitale maschile, passera, patata, bernarda e innumerevoli altri
di quello femminile, e cos via.

3.10.5.2. Tabuismo/noa con occultamento fonetico o desemantiz-


zazione

Lo vediamo in esempi come cribbio invece di Cristo, diamine


invece di diavolo, perdinci e perdindirindina invece di perdio, ca-
spita e cacchio invece di cazzo, etc. A Roma porca matosca an-
zich porca madonna, ammappete anzich ammazzate. In sicilia-
no mizzica invece di minchia.

3.10.5.3. Tabuismo/noa con occultamento fonoiconimico o rei-


conimizzazione fonetica

Lo vediamo in perdiana e perbacco, dove il Dio cristiano


stato trasformato dalla sovrapposizione delliconimo degli dei pa-
gani {Diana} e {Bacco}; {cavolo} e {capperi}, con occultamen-
to iconimico di cazzo; in Veneto ostrega {ostrica} invece di ostia;
in Toscana porca Madonna diventa porca {Maremma}, a Roma,
invece, porca {mattina} o porca {Maiella}.

3.10.6. Lessemi mutati per variabili di competenza

Buona parte dei lessemi mutati per il diverso livello di com-


petenza dei parlanti sono stati gi illustrati nelle sezioni prece-
denti. Ci soffermiamo quindi solo su quelli che non abbiamo an-
cora approfondito.
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 209

3.10.6.1. Competenza classedipendente

Come abbiamo visto, la distinzione fra paleolessemi di origi-


ne popolare e mesolessemi di tradizione semidotta e dotta non sa-
rebbe spiegabile senza ammettere una differenza nei livelli di
competenza linguistica fra le tre fondamentali componenti stori-
che ceto alto, medio e basso di una comunit di parlanti so-
cialmente straticata.

3.10.6.2. Competenza gruppodipendente

Abbiamo anche visto che le distinzioni lessematiche di tipo


gergale, studentesco, tecnico, specialistico, scientico, setto-
riale, marinaresco, giuridico, legale, sportivo, militare, politi-
co, scale, e cos via, rinviano a ovvie variabili di competenza
lessicale nei diversi gruppi sociali e, allinterno di ciascun
gruppo, nelle diverse specializzazioni professionali, tecniche e
artigianali.

3.10.6.3. Competenza etdipendente

Abbiamo gi rilevato, allinterno di un lessico, lesistenza di


un sublessico infantile, non ricco ma rappresentativo dellintera
esistenza (mamma, pappa, cocco, nanna, bua, pip, cacca simbo-
leggiano, da soli, la famiglia, laffetto, lalimentazione, il sonno,
le malattie, la buona salute). Ma allinterno di una comunit di
parlanti, che si compone di almeno tre generazioni viventi (nipo-
ti, genitori, nonni), e di due generazioni ricordate dai nonni (ge-
nitori e nonni dei nonni), possono circolare lessemi antiquati o
addirittura obsoleti, che lo sono diventati, o lo erano gi, allepo-
ca delle generazioni ricordate, e che quindi continuano a essere
tramandati. Chi scrive, per esempio, nonno per et, ricorda una
nonna paterna che usava correntemente viglietto e doventare, in-
vece di biglietto e diventare, e un prozio materno che esclamava
spesso, scherzosamente, poffare! Usi del tutto assenti nel proprio
idioletto.
210 Lorigine delle parole

3.10.6.4. Competenza pragmatica

Dalle variabili della competenza pragmatica, spesso combina-


te con le altre gi ricordate, derivano categorie lessematiche come
quelle del parlato, familiare, letterario, aulico e simili. Abbiamo
gi ricordato il caso della scelta fra tu e lei, con le ovvie conse-
guenze nella scelta delle forme verbali. Un altro esempio, diverso
nelle cause ma altrettanto importante nelle conseguenze morfo-
sintattiche, la distinzione fra lui, lei e loro del parlato ed egli, es-
sa/ella, essi/esse ed esso dello scritto o del parlato accademico.

3.10.7. Lessemi mutati per analogia

Come abbiamo visto, ladattamento analogico governato


dalla competenza linguistica del parlante, che a seconda dei casi
produce macronalogismi o microanalogismi.

3.10.7.1. Macroanalogismi

Macroanalogismi sono i lessemi che il parlante/ascoltatore ha


modicato indirettamente, e in blocco, cio tutti in una volta,
per una forma di adattamento generale al proprio sistema inter-
nalizzato, che interessa cio tutti gli aspetti formali del sistema e-
socorico (quindi non solo morfofonetici ma anche sintattici), e
causa quindi un mutamento diasistemico. Coincidono quindi con
i macrofonetismi, cio con i lessemi che hanno seguito le regole
generali di conversione fonetica, sia obbligatorie che libere, e di
conseguenza anche con i lessemi di tradizione popolare e semi-
dotta, che tali regole seguono in tutto o parzialmente.

3.10.7.2. Microanalogismi o ipercorrettismi

Microanalogismi sono i singoli lessemi modicati dal parlan-


te/ascoltatore quando questi, credendolo a torto errato (ci che
avviene pi spesso quando il lessema esocorico), lo corregge,
adattandolo al proprio sistema internalizzato. Possiamo chiama-
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 211

re questi lessemi, oltre che microanalogismi, anche ipercorretti-


smi, estendendo luso di questo termine, che tradizionalmente
collegato solo a fatti fonetici. I microanalogismi possono invece
essere non solo fonetici e morfologici ma anche iconimici, come
ora vedremo.

MICROANALOGISMO/IPERCORRETTISMO FONETICO. Tradizional-


mente, come si detto, lipercorrettismo un fenomeno esclusi-
vamente fonetico, per il quale un nuovo lessema, erroneamente
considerato portatore di un tratto fonetico estraneo al sistema en-
corico, viene modicato con la correzione del presunto tratto e-
socorico, sulla base della conoscenza delle regole di conversione
fonetica rilevanti. Per es. lit. (toscano) (af)fumicare, dal lat. fu-
migare (cfr. suffumigio, e, per il sufsso originario ig, cfr. lat.
caligo, fuligo, origo, robigo; castigare, fatigare, etc.), stato er-
roneamente corretto, probabilmente perch la /g/ originale fu a
torto considerata come dialettale. Lo stesso devessere accaduto
allit. faticare e fatica, da lat. fatigare. Un caso analogo, ma pro-
babilmente pi antico, quello posto da it. (toscano e centrale) a-
mido e sedano, che mostrano ambedue una /d/ al posto della /l/
del lat. amilum/amylum (da gr. mulon) e selinon (gr. slinon).
Questa errata correzione probabilmente dipesa dal passaggio
dialettale inverso, cio da /d/ a /l/, assai frequente gi nella for-
mazione del latino, per probabile inuenza sabina: lat. lingua da
*dingua (cfr. ingl. ned. tong, ted. Zunge), lat. lacrima da *dacri-
ma (cfr. gr. dkru, ingl. tear, ned. traan, etc.), lat. Ulysses dal gr.
'Odussej, lat. odor accanto a olere, lat. solium accanto a sedeo,
lat. lvir (< gr. dar), e cos via.
Un caso pi frequente lestensione del dittongo dalle forme
rizotoniche del verbo (cio con laccento sulla vocale della radi-
ce) dove la sua formazione regolare a quelle arizotoniche,
che invece non dovrebbero averlo: cos come abbiamo lalternan-
za dittongo/vocale semplice fra buono e bont, nuovo e novit,
suora e sorella, pu e poteva, vuole e voleva, siede e sedeva, do-
vremmo alternare anche suona a s(u)onava, tuona a t(u)onava,
ruota a r(u)otava. La competenza del parlante nei riguardi della
212 Lorigine delle parole

regolarit del paradigma ha per avuto la meglio su quella, pi


complessa e costosa, nei riguardi del dittongo mobile.
Un esempio dei nostri giorni pu essere la pronuncia, fre-
quente anche alla radio e in tv, di ammarrare e ammarraggio con
doppia rr (per evidente analogia con la struttura fonetica di at-
terrare e atterraggio), erroneamente considerata come quella giu-
sta. Come si vede, in questo caso si tratta proprio di un meccani-
smo di adattamento articolatorio, stimolato dalla vicinanza se-
mantica e fonetica dei due termini.

MICROANALOGISMO/IPERCORRETTISMO MORFOLOGICO. Liper-


correttismo morfologico si manifesta in diversi modi.

(I) Nei riguardi dellarticolo nella sua relazione con il nome:


le modalit di errata esecuzione, in questo caso, sono di-
verse: per esempio nel nome latino dellusignolo, lusci-
nia/luscinius da cui il dim. *lusciniolu(m) (cfr. fr. ros-
signol) la l fu erroneamente interpretata come artico-
lo, ci che diede luogo alla forma it. usignolo. Analoga-
mente a Roma, come gi detto, invece di lapis(e) matita
si dice apis(e), anche qui perch la l stata erroneamen-
te interpretata come articolo. Diverso il caso di it. allo-
ro, nome maschile che deriva dal lat. *lorum < laurum,
che invece femminile. Per spiegarne la formazione, dob-
biamo partire da unoriginaria frase nominale di tipo *la
loro (f.) per postulare la falsa lettura lalloro, con cambio
del genere in maschile.
(II) Nei riguardi della derivazione: un caso frequente di iper-
correttismo morfologico quello detto tradizionalmente
retroformazione. Mediante esso il parlante, che ha inter-
nalizzato rapporti morfologici storicamente attestati fra
nome e verbo, come campo > accampare, dito > additare,
vento > avventare e simili, di fronte a verbi che hanno per-
so il loro originale rapporto con un nome pu sentirsi au-
torizzato a crearne un altro. Tutti i cosiddetti nomi dever-
bali (cio nomi che derivano da verbi preesistenti), anche
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 213

moderni, sono esempi di questo tipo: come affronto e con-


fronto, coniati dopo che i verbi affrontare e confrontare a-
vevano perso il loro diretto legame con fronte, dal lat.
frons frontis. Analogamente, carico e carica, da caricare,
sono nati perch questo verbo non lasciava pi scorgere il
suo legame con carro + il sufsso icare; e cos via.
(III) Nei riguardi dei morfemi: spesso i prestiti stranieri, la cui
forma originaria non corrisponde ad alcun modello enco-
rico, vengono corretti dalla competenza morfologica del
parlante: lazteco chocolatl, attraverso lo spagnolo choco-
late, stato adattato alla morfologia italiana del participio
passato di prima coniugazione, sia nella forma femminile
cioccolata sia in quella maschile cioccolato. Nella for-
ma ora desueta cioccolatte, invece, lanalogia era del tipo
che illustriamo nel punto seguente.

MICROANALOGISMO/IPERCORRETTISMO ICONIMICO: LA (RE)ICO-


NIMIZZAZIONE E LE SUE SUDDIVISIONI. Il microanalogismo che di so-
lito viene chiamato con il termine paretimologia o con sino-
nimi come incrocio, contaminazione, etimologia popolare, eti-
mologia dotta, paronimia, accostamento, sovrapposizione e simi-
li, in realt un ipercorrettismo iconimico, che la tradizione, per
mancanza della nozione di iconimia, non ha analizzato conve-
nientemente. Si tratta, infatti, di un processo mediante il quale il
parlante, di fronte a un nuovo lessema opaco o considerato ta-
le per insufciente competenza , cerca di renderlo parzialmen-
te o totalmente trasparente, cio di iconimizzarlo, proiettando su
di esso un iconimo. E lo pu fare sia modicando il lessema nel-
la forma, rendendolo simile a un altro lessema trasparente, sia at-
tribuendogli un iconimo che non ha mai avuto. Ovviamente lat-
tribuzione di un iconimo a un lessema considerato (a torto o a ra-
gione) opaco ne facilita limmediata comprensione e quindi la
memorizzazione. Si torna, cos, alla fondamentale funzione del-
liconimo nella genesi della parola.
Visto cos, il fenomeno in questione acquista una portata pi
generale e rivela aspetti e varianti nora insufcientemente ana-
214 Lorigine delle parole

lizzate. Di conseguenza, anche la terminologia tradizionale per


denirlo risulta inadeguata. Conviene infatti adottare il termine
generico di rimotivazione (gi usato dai numerosi studiosi che
oggi effettuano ricerche a livello iconimico utilizzando il termine
tradizionale di motivazione) o il pi impegnativo (re)iconimizza-
zione, per tutte le varianti, chiarendo che (A) se liconimo viene
introdotto exnovo per un lessema considerato opaco possiamo
parlare di vera e propria ICONIMIZZAZIONE [ Glossario]; (B) se
invece liconimo viene sostituito a quello dato, considerato erra-
to o inadatto, parleremo di reiconimizzazione. Il mutamento, i-
noltre, pu essere parziale o completo, di tipo popolare o dotto,
con o senza mutamento fonetico.
Vediamo alcuni esempi illustrativi dei vari tipi.

(1) Iconimizzazione parziale, senza mutamento fonetico. Nel


caso dellingl. tramway, allopacit del termine si reag
interpretando way via, pronunciato /v'ai/, come la voce
verbale del verbo andare {vai} (e quindi senza modi-
carne la forma), dando un senso parziale alla parola che
poi venne abbreviata in tram.
(2) Iconimizzazione parziale, con mutamento fonetico. Il les-
sema *blasfmia, dal gr. blasfhma, divenuto prima
*blastmia (per un processo che non stato ancora ade-
guatamente spiegato (Alinei c.d.s.), e poi *biastmia, fu
corretto con liconimo {bestia} per divenire bestem-
mia. Lo stesso si pu dire del nome del laudano, in origi-
ne ladano, le cui virt vennero probabilmente esaltate da
Paracelso stesso (inuenza dotta!), identicandolo con
{laude}.
(3) Iconimizzazione completa, con mutamento fonetico. Nel
caso del serbocroato zdravica /sdrav'itsa/ brindisi (dal-
la base zdrav sano, cfr. it. salute) liconimizzazione
con mutamento fonetico stata completa, perch la voce
si diffusa in Italia nella forma foneticamente modica-
ta di stravizio bagordo, crapula, cio come composta dei
due iconimi {stra} e {vizio}. Qualcosa di simile avve-
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 215

nuto anche nel caso di altalena, dal lat. tolleno, dato che
oltre allevidente iconimo {alto}, anche {lena} pu ri-
chiamare lo sforzo della spinta per avviarne il moto o, con
il suo movimento ciclico, la nale di cantilena.

La linguistica storica tradizionale, signicativamente, tende a


chiamare paretimologia queste diverse varianti di ipercorrettismo
iconimico che, come abbiamo visto, in realt, riguardano solo li-
conimo. Perch signicativo questo? Perch accettando questa
designazione si nisce con lammettere, senza volerlo, che lo sco-
po ultimo delletimologia sia la ricerca delliconimo: una pro-
spettiva non priva di interesse che discuteremo nei prossimi capi-
toli. Mentre in pratica, come abbiamo visto, la ricerca etimologi-
ca non raggiunge sempre un iconimo ma talvolta solo unante-
forma.
Occorre inne precisare, a conclusione, che i citati termini di
paretimologia, etimologia popolare, contaminazione, incrocio,
accostamento, sovrapposizione e simili, cos spesso usati nella ri-
cerca, lungi dal denire ciascuno un diverso tipo di etimo, sono
invece semplici sinonimi, di tipo impressionistico, del termine
(re)iconimizzazione, che coglie meglio la natura del fenomeno.

3.10.8. Lessemi risalenti allo stesso etimo, ma risultanti da diver-


si tipi di mutamento per contatto linguemico: allotropi

Ritorniamo ora, per approfondirlo, sul fenomeno dellallotro-


pia o allotropismo che, come abbiamo visto, la diretta conse-
guenza del carattere composito del lessico del parlante, a sua vol-
ta conseguenza del carattere composito della sua comunit e del-
la ricchezza dei contatti e degli scambi al suo interno e col mon-
do esterno. Come sappiamo, sono allotropici o allotropi i due
(talvolta tre, molto raramente di pi) lessemi o morfemi che pur
continuando la stessa anteforma o lo stesso antemorfema mostra-
no diversi esiti, come it. vergogna e verecondia, ambedue da lat.
verecndia, it. agosto, augusto e Aosta, tutti e tre da lat. aug-
stum, a, i morfemi it. esimo e ismo, ambedue da lat. smus, i
216 Lorigine delle parole

morfemi aio, aro, arro, iere, ario, tutti e cinque da lat. a-


rius, etc.
Il fenomeno si presenta essenzialmente in tre diverse forme:
allotropia sociolinguistica, allotropia dialettale, allotropia dia-
glottica. Ma vedremo, oltre a una forma mista delle tre elencate,
anche unaltra che non ha una sicura spiegazione.

3.10.8.1. Allotropia sociolinguistica

Questo tipo di allotropia oppone uno sviluppo dotto o semi-


dotto a uno popolare, e lo fa sulla base della grammatica storica
encorica, che per litaliano quella orentina: oltre alle coppie
gi viste qui sopra, sono tali anche quelle di it. befana e epifania,
da lat. epiphania, it. pieve e plebe, da lat. plebem, it. impiegare e
implicare, da lat. implicare, it. spiegare ed esplicare, da lat. ex-
plicare, it. Maremma e marittima, da lat. martima, it. pesare e
pensare, da lat. pensare, it. giorno e diurno, da lat. dirnum, it.
vezzo e vizio, da lat. vtium, it. mezzo e medio, da lat. medium, etc.

3.10.8.2. Allotropia dialettale

Questo tipo di allotropia oppone lesito encorico, sia esso po-


polare o (semi)dotto, a esiti pericorici della stessa anteforma o del-
lo stesso antemorfema. Come nel caso di Aosta dal lat. augusta,
che riette lesito esocorico valdostano e francoprovenzale della
/g/ intervocalica, parallelo in questo caso a quello (ol) del fr. aot
agosto, rispetto al gi menzionato sviluppo encorico popolare a-
gosto e dotto augusto. O nel caso di prezzo e pregio, il primo esi-
to encorico popolare, il secondo anchesso popolare, ma pericori-
co e settentrionale, di lat. pretium. O in quello di vergogna la
cui prima g riette un esito settentrionale rispetto al semi-
dotto, ma encorico, verecondia. O di ciao, che riette lesito peri-
corico veneziano di sclavus, rispetto allencorico schiavo. O in-
ne del morfema meridionale aro (palazzinaro, calamaro, tassi-
naro, etc.), che si oppone a quello encorico (toscano) aio (for-
naio, pagliaio, vespaio, etc.).
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 217

3.10.8.3. Allotropia diaglottica

un caso pi raro, ma interessante, di duplice sviluppo fone-


tico e semantico dello stesso forestierismo: come per esempio
darsena e arsenale, ambedue dallarab. dr assin a casa del
lavoro, fabbrica; farabutto e libustiere, entrambi dallol. vrij-
buiter libero cacciatore di bottino; dollaro e tallero, entrambi da
nederl. daalder, basso ted. daler.

3.10.8.4. Allotropia mista

A volte si ha lincontro fortuito dei diversi tipi, e cio allotro-


pia mista. Ovviamente, questo accade solo quando i continuato-
ri sono pi di due: abbiamo gi visto il caso di agosto augusto e
Aosta, in cui abbiamo allotropia sociolinguistica per la prima
coppia, e allotropia dialettale per il terzo termine. Un caso anco-
ra pi complesso quello del quadruplo esito di lat. statio, onis:
stazzo, stagione, staccionata e stazione: dove stazzo rappresenta
lesito encorico (che signicativamente continua il nominativo e
non laccusativo), stagione un esito pericorico settentrionale,
staccionata un esito pericorico umbrolaziale, e stazione lesito
encorico dotto. A livello morfologico, allotropia mista quella,
gi menzionata, dei diversi sviluppi di lat. arium: aio, aro,
arro, iere, ario.

3.10.8.5. Allotropia problematica

Altre volte, inne, unallotropia sui generis, e per ora inclas-


sicabile, ci confronta con i problemi insoluti della grammatica
storica, come quello, cui abbiamo gi accennato in una delle pre-
cedenti sezioni, dei due allotropi raggio e razzo, ambedue svilup-
pi popolari da radium, e moggio e mozzo (della ruota), ambedue
da modium; e dei due morfemi allotropici izzare eggiare, am-
bedue da lat. tardo diare (< gr. xw): quale encorico e quale
esocorico (cfr. GSLID: I 276)? Il problema nasce dallopposi-
zione fra sviluppi alveopalatali tipo oggi < hodie, meriggio <
218 Lorigine delle parole

meridies, moggio < modium, poggio < podium, etc., da un lato, e


dentale tipo mezzo < medium e rozzo < *rdium (rudis), mozzo
(della ruota) < modium dallaltro: encorico solo lesito al-
veopalatale rappresentato da raggio, moggio, eggiare (lo fa-
rebbe pensare il numero molto maggiore di lessemi di questo ti-
po)? E, se fosse cos, perch allora il gruppo lat. /ty/, perfetto pa-
rallelo sordo del sonoro /dy/, mostra, al contrario, molto pi spes-
so lesito dentale di quello alveopalatale: cfr. piazza < platea,
vezzo < vtium, prezzo < pretium, ezza < tia, pozzo < pteum,
pazzo < patiens, etc., vs i pi rari it. cominciare < lat. cum initia-
re, it. goccia < lat. *gttia, it. doccia < lat. *dctia, etc.?
Vista in questa prospettiva, insomma, lallotropia una no-
zione linguistica fondamentale, perch riassume in nuce, a livel-
lo lessematico, la profonda, e solo parzialmente studiata, com-
plessit storicosociale di qualunque linguema.

3.10.9. Un caso speciale: le etimologie sbagliate

Un caso a parte, discusso da ZAMBONI (1976: 133), inne


quello delle etimologie dotte, intese come lopposto della co-
siddetta etimologia popolare (vd. sopra). Come esempio lauto-
re cita letimologia Vallis Euganea, che stata proposta, in o-
maggio agli antichi abitanti del Veneto, per il nome della Valsu-
gana, che invece risale ad Ausagum, nome dellantico centro
della valle.
Modicata nel nome, e chiarita nella sostanza, la proposta u-
tile. Dobbiamo chiarire, anzitutto, che in realt qui non abbiamo
a che fare con etimologie dotte, bens con etimologie sbagliate,
per denizione di origine dotta Inoltre, e pi importante, con
questa categoria entriamo in un ordine completamente diverso da
quello delle etimologie popolari: queste ultime hanno un effetti-
vo impatto sui lessemi di una lingua e per questo sono log-
getto di studio di questo libro e del bel libro di Zamboni , men-
tre le etimologie sbagliate da parte degli studiosi non hanno la
minima inuenza sul lessico di una lingua. Nel caso di stravizio,
di altalena e simili, insomma, si entra e si resta nel lessico italia-
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 219

no; nel caso di Vallis Euganea come etimologia di Valsugana si


entra e si resta nella testa di qualche etimologo meno buono.
Cos denita, la categoria delle etimologie sbagliate, anti-
che, recenti, attuali o future, diventa semplicemente quella che
tutti noi etimologi abbiamo contribuito a creare e continuiamo ad
accrescere, con le nostre etimologie. Fa quindi parte della storia
delletimologia, e non dei processi di lessicalizzazione.

3.11. La validit della classicazione dipende dal livello della


ricerca etimologica

A conclusione di questo capitolo conviene sottolineare che la


validit delle classicazioni qui illustrate non solo quelle tra-
dizionali ma anche le nostre stesse revisioni dipende in ultima
analisi dalla sicurezza delle etimologie stesse. Prendiamo in esa-
me, per illustrare questo punto, due fra le categorie pi rilevanti
della classicazione.
Per quanto riguarda lopposizione encorismi/esocorismi, se fos-
simo rimasti al livello del dizionario del Diez, molte parole italia-
ne, di sicura origine latina, sarebbero considerate ancora di origine
germanica. Ancora alla ne dellOttocento Napoleone Caix co-
minci il lavoro di ripulitura del dizionario del Diez (cfr. CAIX
1878) [ Antologia critica, 1.1], poi continuato, a met del No-
vecento e a livello soprattutto dialettale, da Angelico Prati (cfr. PRA-
TI 1960) [ Antologia critica, 1.2], e nel secondo Novecento, a
livello romanzo e non sempre con eguale successo, da Harri Meier
(cfr. MEIER 1975, 1980, 1981a, 1981b, 1984, 1986, 1988, 1989).
Nonostante questa linea di ricerca di carattere critico, gli pseu-
dogermanismi italiani (e neolatini) sono rimasti ancora numero-
sissimi, nonostante siano, spesso, anche criticamente insostenibili.
Nel cap. 12 vedremo alcune delle assurde etimologie ancora accet-
tate come certezze, e come sia invece spesso elementare trovare al-
ternative latine assolutamente trasparenti ai presunti germanismi.
Ovviamente, nella nuova classicazione tutti questi pseudoger-
manismi diventerebbero encorismi.
220 Lorigine delle parole

Talvolta la ricerca accerta che un esocorismo, pur restando ta-


le, ha per unorigine diversa da quella tradizionalmente suppo-
sta. Un buon esempio la ricerca con cui Gianfranco Contini
(CONTINI 1951) intelligente lologo che ha lasciato qualche
traccia di s anche in etimologia dimostr che lit. farabutto
non era un ispanismo da faraute, come a partire dal Caix no ad
allora si era sempre pensato, ma un nederlandismo, allotropo di
libustiere, da vrijbuiter pirata, corsaro. Nel cap. 12 daremo al-
tri esempi di questo tipo.
La categoria delle parole semidotte, distinte sia da quelle po-
polari che da quelle dotte, non stata ancora studiata sistemati-
camente, nonostante la sua ovvia importanza per la formazione
del lessico e della societ italiana. Sarebbe quindi urgente loca-
lizzare, identicare e storicizzare in modo adeguato i ceti medi
medievali e tardoantichi, regionali o nazionali, responsabili di
questa importante tipologia di innovazione. Esemplare, in questo
senso, la ricerca della Petracco Siccardi sulla parola mezzadro,
dalla quale questa risulta essere un regionalismo settentrionale di
origine semidotta: cfr. PETRACCO SICCARDI (1978) [ Antologia
critica, 12].

3.12. Una prima classicazione cronologica del lessico: paleo


meso e neolessemi

Nei capitoli 10 e 11 tratteremo diffusamente sia della datazione


che della periodizzazione di un lessico. tuttavia opportuno riassu-
mere e chiarire quanto abbiamo gi detto nora sullargomento.
Nel corso della discussione dei diversi tipi lessematici abbia-
mo introdotto una prima TRIPARTIZIONE CRONOLOGICA DEL LES-
SICO [ Glossario]: paleolessemi, che sono quelli pi antichi, di
tradizione ininterrotta e popolare e, come vedremo nei capitoli
citati, di datazione preistorica, protostorica e antica; mesolesse-
mi, che sono quelli pi recenti, suddivisi in semidotti e dotti e, co-
me vedremo, di datazione tardoantica e medievale; neolessemi,
che sono quelli moderni, intendendo con questo aggettivo tutto
3 Una rilettura critica dei fondamenti delletimologia 221

ci che postmedievale, dal primo Rinascimento in poi. Poich


riteniamo che questa tripartizione sia valida, mutatis mutandis,
per tutte le lingue neolatine ed europee, si tratterebbe di una ca-
tegorizzazione importante. Come vedremo, inoltre, la PERIODIZ-
ZAZIONE [ Glossario] vera e propria del lessico ci permetter di
articolarla molto pi dettagliatamente, sulla base di metodi inno-
vativi. Ma uno dei compiti facili e urgenti che a nostro avviso le-
timologia potrebbe gi assumersi n da ora quello di distribui-
re il lessico di una lingua come litaliano nei tre blocchi crono-
logici suddetti, per poter valutare lapporto delle tre epoche fon-
damentali della nostra storia al patrimonio delle nostre conoscen-
ze. Torneremo su questa problematica nei gi citati capitoli.
4. PRINCIPALI SVILUPPI DELLETIMOLOGIA TRADIZIONALE

4.1. Le cinque principali innovazioni della ricerca etimologica

Ai due metodi formali delletimologia illustrati nel prece-


dente capitolo fonetica e morfologia storica , che ne han-
no costituito e ne costituiscono la base, lo sviluppo della ricer-
ca ne ha ben presto aggiunti altri, che hanno spinto letimolo-
gia in direzioni diverse dalla mera forma, ampliandone gli oriz-
zonti:

(1) un primo metodo, chiamato WRTER UND SACHEN [


Glossario], in italiano PAROLE E COSE [ Glossario],
lha indirizzata verso lo studio delle cose, spesso di
fondamentale importanza per la comprensione dei loro
nomi, e quindi verso ricerche di storia della cultura ma-
teriale, ergologiche, etnograche e antropologiche;
(2) un secondo, chiamato ONOMASIOLOGIA [ Glossario], ha
esteso la ricerca etimologica in ambito geograco, e ha a-
vuto come scopo il confronto dei diversi nomi (eteronimi
[ Glossario, ETERONIMO]) che una stessa nozione pu
avere in dialetti e lingue diverse, e in particolare quello
dei loro etimi (cio di quelle che abbiamo chiamato an-
teforme);
(3) un terzo, di ambito esclusivamente IE, chiamato PALEON-
TOLOGIA LINGUISTICA [ Glossario], si rivolto verso il
rapporto delle parole con la preistoria;
(4) un quarto, pi generale, a cui abbiamo gi accennato nel
capitolo precedente, quello che va sotto il nome di teo-
ria del sostrato, e studia il possibile inusso linguistico di
gruppi etnici, afni o non, che si suppone preesistessero

223
224 Lorigine delle parole

alla comunit dei parlanti cos come si formata succes-


sivamente;
(5) un quinto, di applicazione pi propriamente etnograca e
antropologica, ha studiato linuenza sul lessico della va-
sta sfera del sacro inteso psicologicamente , e cio
lambito, gi precedentemente menzionato, del tab lin-
guistico.

In maggiore o minore misura queste cinque innovazioni, che


sono state anche le prime a emergere, fra Ottocento e prima met
del Novecento, hanno subito investito lintera comunit degli eti-
mologi e dei linguisti storici, e hanno lasciato una forte impronta
sulla successiva ricerca. A queste innovazioni molte altre ne sono
poi seguite in epoca pi recente, ma con minor seguito. Fra di es-
se scegliamo quelle che ci sembrano pi produttive. Signicati-
vamente esse sono tutte legate, direttamente o indirettamente, al
grande successo dellonomasiologia:

(6) il metodo detto delle norme areali [ Glossario, NORMA


AREALE], che attraverso lo studio delle carte geolinguisti-
che ottenute dallonomasiologia mirava a stabilire la cro-
nologia relativa delle diverse innovazioni lessicali;
(7) la SEMASIOLOGIA [ Glossario], o pi genericamente
GEOSEMANTICA [ Glossario], che pu essere considera-
ta come lopposto speculare dellonomasiologia, perch
invece di partire da un singolo signicato (o referen-
te/nozione) per studiarne i diversi nomi (cio forme), par-
te da una singola forma per studiarne le differenziazioni
semantiche nelle diverse aree;
(8) dalla geosemantica si poi sviluppato lo studio detto del-
la DENSIT MORFOSEMANTICA [ Glossario] di una stes-
sa anteforma nelle diverse aree dialettali, studio mirante
a individuare il focolaio di diffusione, primario o secon-
dario, di uninnovazione lessicale;
(9) dallonomasiologia si anche sviluppata l ONOMASIOLO-
GIA STRUTTURALE [ Glossario], che studia la distribu-
4 Principali sviluppi delletimologia tradizionale 225

zione areale dei microsistemi lessicali ottenuti dalla so-


vrapposizione di due o pi carte onomasiologiche ritenu-
te sincronizzabili.

Illustreremo ora queste nove diverse innovazioni, raggruppan-


dole tipologicamente.

4.1.1. In primo piano la cosa: la scuola Parole e Cose

Uno dei primi, sostanziali progressi della ricerca etimologi-


ca fu quello realizzato da un gruppo di coraggiosi e valenti lin-
guisti di area germanica il cui nome meritatamente pi fa-
moso quello dellaustriaco Hugo Schuchardt (18421927), u-
no dei pi originali linguisti di tutti i tempi che sostenne la
necessit di studiare lorigine delle parole non sulla sola base
delle regole della grammatica storica, ma anche sulla conoscen-
za approfondita di tutti gli aspetti, anche i pi minuti e speciali-
stici, degli oggetti che esse designano. Questa nuova, pi matu-
ra e realistica impostazione del problema etimologico portava
gli studiosi a entrare anche nel vivo della cultura materiale, nei
suoi diversi contesti storici, geograci, tecnici e sociali, e a u-
scire dallambito delle etimologie fatte a tavolino, con il solo au-
silio di qualche dizionario, e spesso prive di qualunque adden-
tellato con la realt. Etimi purtroppo tuttora frequenti nella pras-
si delletimologia, come vedremo nel cap. 13. Dal suo successo
nacque anche una rivista il cui nome Wrter und Sachen (pa-
role e cose) (voll. 123, Heidelberg 19091943/1944, Beihefte
16 e NS 12) serv anche a designare la scuola stessa. Co-
me Beiheft 4 della rivista, per esempio, apparve la fondamenta-
le ricerca di Max Leopold Wagner sulla vita agricola in Sarde-
gna: Das lndliche Leben Sardiniens im Spiegel der Sprache:
Kulturhistorischsprachliche Untersuchungen, di cui riprodu-
ciamo in Appendice le pagine dedicate allaratro (cfr. WAGNER
1921/1996 [ Antologia critica, 4.1]).
La maggioranza degli studi improntati a questo metodo di
autori di area germanica, ma in Italia esemplare stata la ricerca
226 Lorigine delle parole

di Vittorio Bertoldi (1923) sui nomi romanzi del Colchicum au-


tumnale L., che non ha trascurato nessuno dei molteplici aspetti
del ore (dalla forma ai giochi infantili, agli usi medicinali, alle
credenze popolari (cfr. BERTOLDI 1923 [ Antologia critica, 5])
che entrano nella sua ricchissima nomenclatura dialettale.
Anche le ricerche di Gian Domenico Serra (18851958), del-
la prima met del Novecento, si sono distinte per lapprofon-
dimento dei realia e per il rigore lologico, nonch per una luci-
da visione della continuit nel Medioevo delle comunit rurali
romane e preromane, come appare n dal titolo di una delle sue
principali opere (SERRA 1931). Esemplare il suo saggio sul di-
sboscamento e sulle voci cetina e cesina e afni (cfr. SERRA 1957)
[ Antologia critica, 10] che discuteremo nel cap. 11.
Talvolta lapprofondimento della cosa pu essere fonda-
mentale anche per una migliore comprensione di unetimologia
gi conosciuta e accettata, ma insufcientemente studiata in tutti
i suoi aspetti. Un buon esempio fornito dalle pagine che sempre
Bertoldi ha dedicato allit. (e romanzo) fegato (cfr. BERTOLDI
1952 [ Antologia critica, 9]), dal lat. (iecus) fcatum farcito
di chi, calco dal greco sukwtn. La dettagliata analisi del Ber-
toldi rende conto anche dellerrato mutamento di accento, dovu-
to allinuenza e al prestigio del greco.
Ovviamente le scoperte che letimologo poteva fare nellam-
bito delle cose non avevano di solito nulla a che fare con la
grammatica storica, ma riguardavano essenzialmente il comples-
so rapporto che lega la cosa al suo nome. Si accettava quin-
di, con questa impostazione, ci che , e resta, lillusione di un
rapporto diretto fra parola e cosa. Mentre in realt, come ab-
biamo visto, questo rapporto sempre, e necessariamente, me-
diato dalliconimo. Tuttavia, poich la nozione parole e cose
mirava a estendere lorizzonte della ricerca etimologica al conte-
sto culturale della cosa e non a offrire un nuovo contributo
alla teoria del segno possiamo affermare che di fatto, anche se
la nozione non esisteva ancora, il movimento Wrter und Sachen
stato il primo ad avvicinarsi concretamente alliconimo della
parola, che ripetiamolo lunico suo componente stretta-
4 Principali sviluppi delletimologia tradizionale 227

mente collegato, sia attraverso la forma che attraverso il signi-


cato, alla cosa e alla sua funzione nella societ. Tanto per tor-
nare allesempio banale degli occhiali, da cui siamo partiti nel
primo capitolo, chiaro che solo lo studio della cosa nella sua
prima realizzazione medievale: cio con lenti rotonde di berillio
permette di capire perch gli occhiali venissero chiamate Bril-
le in tedesco, o lunettes in francese cio perch liconimo del
loro nome pot essere il {berillio} o la {luna}. Possiamo quindi
considerare il movimento Wrter und Sachen come il primo passo
importante verso la creazione di una disciplina iconomastica. Pur-
troppo la grande lezione di questa scuola, pur essendo stata unani-
memente apprezzata da tutti gli studiosi, non mai divenuta una
regola metodologica e, come ho detto, le etimologie costruite al
tavolino sulla sola base delle regole della grammatica storica e
talvolta senza neanche quelle! sono continuate, e continuano
(come mostrano anche i fascicoli del LEI) a essere la norma.

4.1.2. In primo piano la geograa: lonomasiologia

Parallelamente allinteresse per le cose e allampliamento in


questo senso degli orizzonti delletimologia, un altro fondamen-
tale progresso della ricerca etimologica anche questo, come il
primo, non egualmente recepito da tutti gli specialisti fu quel-
lo di estendere lapplicazione della grammatica storica dalle lin-
gue nazionali a tutti i dialetti, compresi quelli privi di tradizione
scritta, nella giustissima convinzione che essi, sul piano storico e
comparativo, avessero gli stessi titoli delle lingue. A questa ri-
essione, anzitutto, conduceva il fenomeno cos frequente che
abbiamo visto nel precedente capitolo della coesistenza di e-
siti diversi della stessa base: come per esempio la lenizione (set-
tentrionale) accanto alla conservazione (toscana) delle consonan-
ti occlusive intervocaliche. Era cio chiaro che la diversit degli
esiti allinterno di uno stesso sistema linguistico non si poteva
spiegare senza postulare come fecero gi Ascoli e Schuchardt
una diversa origine etnica o sociale, a sua volta legata a una di-
versa provenienza geograca. In secondo luogo, la geolinguisti-
228 Lorigine delle parole

ca, con la prima creazione degli atlanti e delle carte linguistiche


(Fig. 4.1, pp. 964965), creava per la prima volta la possibilit di
conoscere e di paragonare, in modo capillare, villaggio per vil-
laggio, i diversi esiti che una stessa base fonetica poteva avere sul
territorio, disegnando cos con precisione le aree caratterizzate
dai diversi esiti. Per cui letimologo poteva cercare, con molta pi
sicurezza di prima, la possibile area di provenienza di un deter-
minato sviluppo fonetico. Sempre per la lenizione, per esempio,
si pot individuare la linea che venne chiamata La SpeziaRimi-
ni come spartiacque fra esiti sonori e sordi delle esplosive inter-
vocaliche sorde. E per il gi menzionato ciao, per dare un esem-
pio pi specico, solo grazie alle nostre conoscenze sulla diffe-
renziazione dialettale dellalta Italia che possiamo attribuire lo-
rigine di /sc'ao/, e quindi di ciao, al Veneto, dato che la vocale -
nale si conserva solo nei dialetti veneti, e non in quelli lombardi
e piemontesi. In terzo luogo, quando la geolinguistica, prima e-
sclusivamente fonetica, cominci a interessarsi con i primi a-
tlanti nazionali anche allo studio comparato dei nomi di uno
stesso referente nei diversi punti della rete, per la prima volta si
apr una duplice prospettiva di ricerca: per i nomi afni, cio di e-
guale etimo, si toccava con mano la variet, spesso straordinaria,
di forme foniche afni; per i nomi di etimo diverso (eteronimi),
anche questi spesso sorprendenti per la loro straordinaria variet,
ci si poteva porre il problema anche storicoculturale, oltre che
linguistico, della loro diversa origine.
Questo fondamentale tipo di ricerca, iniziato al principio del
Novecento, stato chiamato onomasiologia. Rappresenta forse u-
na dei principali sbocchi delletimologia e come vedremo
allo stesso tempo la base per ricerche etimologiche sempre pi so-
sticate.

4.1.2.1. Onomasiologia: etimologia comparata

Lonomasiologia si pu denire come lo studio comparato de-


gli etimi degli eteronimi di uno stesso referente: le prime ricerche
di questo tipo riguardarono larea neolatina, nel cui ambito ven-
4 Principali sviluppi delletimologia tradizionale 229

nero studiati i nomi delle parentele (TAPPOLET 1895), della luc-


ciola (SALVIONI (1892), delle parti del corpo (ZAUNER 1903), del-
le stagioni e dei mesi (MERLO 1904), del grillotalpa (MERLO
1906), del Carnevale (MERLO 1911), della cecit (VON WARTBURG
1912), del ramarro (BERTONI 1913), della Candelora (MERLO
1915), del lombrico (BERTONI 1917), del giorno feriale (MERLO
1918), dellape e dellalveare (BOTTIGLIONI (1919), del bambino
(PAULI 1919), del colchico (BERTOLDI 1923), del pipistrello (EG-
GENSCHWILLER 1934), della donnola (SCHOTT 1935) e di tante al-
tre nozioni. Dopo la pubblicazione, dal 1902 al 1912, dellAtlas
Linguistique de la France (ALF) di Gilliron, molte delle ricer-
che onomasiologiche furono automaticamente accompagnate da
cartine geolinguistiche, spesso utilissime, e talvolta fondamenta-
li, per una completa elaborazione dei materiali.
La cartografazione vera e propria degli eteronimi, tuttavia,
solo un complemento dellonomasiologia, che come abbiamo
detto si fonda, in primo luogo, soltanto sulla pura e semplice com-
parazione degli eteronimi, con un rinvio virtuale allarea di cia-
scun tipo lessicale. Ecco perch non tutte le opere onomasiologi-
che di maggiore importanza storica e metodologica, e tuttora di
grande utilit, sono corredate da carte geolinguistiche. Ricordia-
mo la monumentale opera del naturalista veronese Adriano Gar-
bini (cfr. GARBINI 19191925) [ Antologia critica, 3] sulla
zoonimia dialettale italiana, quanto mai caotica nellorganizza-
zione ma straordinariamente ricca di materiali e anche di signi-
cative cartine geograche, che si pu denire anche se solo a
livello intuitivo il primo studio comparato degli iconimi zoo-
nimici italiani, in quanto strutturata non sulla base del referen-
te ma su quella delliconimo (da Garbini chiamato tema), e co-
me tale il primo tentativo sistematico di semasiologia zoonimica
(vd. oltre); i due volumi, senza cartine geograche, di Otto Pen-
zig (PENZIG 1972) sulla ora italiana, quello analogo di Marzell
per la ora tedesca (MARZELL 1943), quello fondamentale, an-
chesso ovviamente senza corredo cartograco, di Carl
Darling Buck per le principali lingue IE (BUCK 1949) (vd. anche
cap. 13) e molti altri studi onomasiologici di carattere generale.
230 Lorigine delle parole

Linteresse di questo tipo di ricerca per letimologia duplice:


(A) per molte forme a etimo noto, ma non sufcientemente chiari-
te sul piano della fonetica storica, la spiegazione adeguata viene
spesso offerta dal continuum di forme dialettali no a quel mo-
mento ignote o non sufcientemente studiate, di aree contigue o
non, che molto spesso permettono di identicare lanteforma e di
ricostruire con sicurezza la sequenza dettagliata e completa di uno
sviluppo prima ipotetico o incerto; (B) per molte forme a etimo i-
gnoto od oscuro, il confronto con i nomi trasparenti o etimologica-
mente sicuri delle altre aree permette spesso di suggerire liconimo
prima di allora nascosto, perch oscurato da mutamenti fonetici.
Se poi la ricerca onomasiologica viene fatta con particolare at-
tenzione al mondo della cosa designata, e se questa partico-
larmente ricca di aspetti ignoti alla cultura generale, molti nomi
a prima vista oscuri o misteriosi diventano immediatamente tra-
sparenti. La succitata ricerca onomasiologica di Bertoldi sui no-
mi del colchico (cfr. BERTOLDI 1923) [ Antologia critica, 5],
per esempio, fatta non solo con le necessarie conoscenze botani-
che sul ore ma anche con una profonda conoscenza degli usi e
delle tradizioni popolari che lo riguardano, un ottimo esempio
della combinazione di questi due metodi.
Un ulteriore sviluppo di questa metodologia stato lamplia-
mento dellorizzonte della ricerca, dal singolo referente per e-
sempio un singolo ore, un singolo animale allintera classe
dei referenti simili: la ora, la fauna. Nascono cos quelli che si
possono chiamare i primi dizionari o repertori onomasiologici,
come quelli ancora straordinariamente utili di Garbini per
la fauna italiana (cfr. GARBINI 19191925) [ Antologia critica,
3] e di MARZELL (1943) per la ora tedesca.
Un grande incremento alla ricerca onomasiologica, questa
volta su scala continentale o di gruppo linguistico, stato dato an-
che dallAtlas Linguarum Europae (ALE) e dallAtlas Linguisti-
que Roman (ALiR). La loro maggiore importanza, tuttavia, sta
nel grande impulso che questi due progetti a partire dal primo
hanno dato allo sviluppo della ricerca iconomastica, qui anco-
ra chiamata motivazionale.
4 Principali sviluppi delletimologia tradizionale 231

4.1.2.2. Dallonomasiologia alla linguistica storica: le norme di


Bartoli

Unapplicazione dellonomasiologia alla ricerca etimologica


di valore marginale, ma storicamente non trascurabile, stata
quella delle cosiddette norme areali, proposte da Matteo Bar-
toli (BARTOLI 18731946), fertile ma non profondo n rigoroso
linguista1. Secondo il loro autore (BARTOLI 1925 e 1945, BERTO-
NI/BARTOLI 1925), queste norme dovrebbero permettere di stabi-
lire il rapporto cronologico fra i diversi eteronimi di una carta o-
nomasiologica. Sono le seguenti cinque: (1) la norma delle aree
isolate (nel senso di poco esposte alle comunicazioni, come le i-
sole e le aree alpine o montuose), secondo cui queste conservano
in genere il tipo pi antico: per es. sardo ebba (da lat. equa) ri-
spetto allinnovazione caballa delle altre aree; (2) la norma delle
aree laterali o periferiche (rispetto a quelle centrali), secondo cui
queste, come quelle isolate, di solito conservano il tipo lessicale
pi antico: per es. i tipi laterali sp. yegua e rum. iap (entrambi
da lat. equa), conservativi rispetto ai tipi innovativi e centrali ca-
balla o iumenta; (3) la norma dellarea maggiore, che di solito sa-
rebbe pi antica di quella minore (se questa non isolata o late-
rale): tipo caput capo, testa, maggioritario rispetto al gal-
loromanzo e galloitalico testa, o aperire aprire rispetto a ru-
meno discludere; (4) la norma delle aree di espansione seconda-
ria (area seriore per Bartoli), secondo cui queste conservereb-
bero di solito la fase pi antica: tipo iberico comedere mangiare
rispetto a it. manducare, tipo francese avunculus rispetto a it.
thius; (5) la norma dei tipi lessicali concorrenti, di cui quello in
declino sarebbe di solito il pi antico.
Nellinsieme sono norme utili, ma certo non tali da giustica-
re la tesi del loro scopritore, che riteneva non senza presunzio-
ne di avere dato vita con esse a una vera e propria neolingui-
stica. Quelle che vengono utilizzate pi spesso, per la loro pi fa-

1. La sua caotica illustrazione e la sua superciale interpretazione del dalmatico


(BARTOLI 1906) sono state giustamente demolite da Clemente Merlo.
232 Lorigine delle parole

cile verica, sono due: la norma della conservativit delle aree i-


solate, e quella analoga delle aree laterali o periferiche. Ma il loro
serio limite sta nel fatto che di solito la distribuzione areale degli
eteronimi di una nozione quale appare agli occhi di chiunque
consulti sistematicamente le carte geolinguistiche di un atlante in-
terpretativo o di una monograa onomasiologica mostra una ta-
le complessit e variet di tipi da vanicare qualunque tentativo di
applicazione delle norme in questione. Resta poi il fatto fonda-
mentale, a conferma di questa riserva, che non esiste tuttora nean-
che un singolo tentativo di sintesi dei risultati ottenuti con lappli-
cazione delle norme bartoliane. E a distanza di poco meno di un
secolo dalla loro prima presentazione, questa la miglior prova
della sostanziale inadeguatezza del metodo.

4.1.2.3. Dallonomasiologia allonomasiologia strutturale

La prima ricerca di onomasiologia strutturale risale al 1983


(ALINEI 1983a). Gi allora, tuttavia, chi scrive notava che sebbe-
ne lo strutturalismo fosse stato impiegato da tempo e con grande
successo nella geograa fonologica, la sua applicazione allono-
masiologia, cio alla geograa lessicale, non era mai stata tenta-
ta prima, nonostante la sua evidente importanza metodologica e
la produttivit esplicativa che poteva avere anche per letimolo-
gia. E gi allora sostenevamo che le ragioni di questa lacuna van-
no ricercate nello scarso interesse che la linguistica storica ha
sempre mostrato per la semantica, considerata a torto come il re-
gno dellirregolarit e dellassenza di struttura.
Il presupposto del metodo che qui riassumiamo che lo studio
simultaneo dei termini che insieme formano una struttura lessica-
le, visti sia in relazione fra loro che in relazione alle altre varianti
della stessa struttura, permette di ricostruire il percorso e la suc-
cessione delle innovazioni in modo ottimale, e quindi di apportare
elementi utili anche per letimologia dei singoli lessemi trattati.
Lesempio che segue riproduce essenzialmente la ricerca del
1983. Per il necessario aggiornamento dei dati e dellinterpreta-
zione vd. oltre.
4 Principali sviluppi delletimologia tradizionale 233

UN ESEMPIO: I NOMI DELLA COPPIA ZIO/ZIA E LETIMOLOGIA DI


BARBA ZIO. La ricerca concerne la distribuzione geograca delle
denominazioni di zio e di zia, considerate come una singola u-
nit solidale, ma naturalmente soggetta a innovazioni per ciascu-
no dei suoi due termini. Lesempio stato scelto anche per la ric-
chezza della bibliograa sullargomento (TAPPOLET 1895, JUD
1908, VRVARO 1968, BERETTA 1973, PELLEGRINI 1977, AEBI-
SCHER 1978, MARCATO 1982, VDSI, artt. anda 1 (GHIRLANDA),
barba 2 (ZELI); DRG, artt. anda I (PULT), barba II (SCHORTA); tut-
ti con bibliograa precedente), che permette di dare per acquisite
alcune conclusioni che altrimenti richiederebbero una pi lunga
trattazione. I dati sono quelli ricavati dallAIS, (carte 19 e 20, con
i supplementi della carta 1702), dallALF (941, 1279), dallA-
LEIC (539), dallASLEF (tav. 463) e da alcuni dizionari che cite-
remo di volta in volta.
Come gi detto, la ricerca riproduce la versione del 1983. Per
un aggiornamento della documentazione dialettale relativa ad a-
mita si veda LEI s. v. amita (con serie riserve sullorganizzazio-
ne dei materiali); per una modica della tesi sullorigine di meda
vd. ora BERTOLETTI (2006).
La validit e lutilit di una ricerca strutturale applicata al les-
sico dipende, naturalmente, dalla misura in cui possiamo consi-
derare solidali, anche cronologicamente, i termini che compon-
gono la struttura. Per quanto riguarda zio/zia, cos come per
fratello/sorella, padre/madre, nonno/nonna, suocero/suoce-
ra glio/glia e simili, questa solidariet cronologica pu esse-
re data per scontata, almeno a partire dal momento in cui nel
corso dellevoluzione sociale ha inizio il sistema parentelare
di tipo patrilineare che ancora oggi vige nella nostra societ. Per
zio/zia, inoltre, la solidariet viene confermata dallesistenza di
una perfetta simmetria nella realizzazione morfologica della cop-
pia tardolatina thius/thia e derivati, caratteristica sia dellitalia-
no standard che della maggior parte dei dialetti della penisola. La
stessa solidariet pu essere dunque data per scontata anche per
le altre coppie morfologicamente dissimili, cio quelle che rea-
lizzano la struttura zio/zia con tipi lessicali non apparentati fra
234 Lorigine delle parole

loro, come avunculus/amita e derivati in alta Italia e fuori dIta-


lia2, e barba/amita e derivati in alta Italia.
Come noto, in latino la coppia zio/zia si realizza con la cop-
pia avunculus/amita, che in Italia sopravvive solo al Nord e in aree
isolate. Il maschile della coppia risale ad avus antenato, di origine
IE, di cui rappresenta un diminutivo; il femminile di origine me-
no certa, ma anchesso IE e si collega certamente ad amma mam-
ma, nutrice, e probabilmente ad amicus e amo (DELL). Rispetto al-
la coppia avunculus/amita del latino classico, inoltre, il quadro ita-
liano caratterizzato da due innovazioni: (1) quella di barba per il
solo maschile e (2) quella di thius thia per la coppia intera.
Il tipo barba, come vedremo, di origine controversa, dato che
alcuni lo considerano un germanismo, e altri, invece, uno svilup-
po semantico del lat. barba barba. I tipi thius, thia, che in lati-
no sono attestati solo a partire da Isidoro, e sono diffusi anche in
Iberia, sono esocorismi dal greco qeoj divino. Vedremo dunque
come lo studio strutturale della coppia permetta: (I) di conferma-
re una delle due etimologie di barba eliminando cos laltra e, (II)
alla luce delliconomastica, di dare una diversa interpretazione al-
le due innovazioni.
La carta della Figura 4.2 (p. 966) registra tutte le coppie che
presentano il tipo thius per il maschile, e il tipo thia per il fem-
minile e mostra, come potevamo attenderci, la quasi perfetta i-
dentit delle due aree. Come si vede, infatti, larea thius/thia si e-
stende praticamente dalle isole alle Alpi centrali, e subisce sol-
tanto due variazioni morfologiche, rappresentate rispettivamente
da thianus/thiana al Sud, e da thiinus/thiina in Emilia. Notiamo,
inoltre, che mentre la coppia meridionale thianus/thiana an-
chessa perfettamente solidale, quella emiliana thiinus/thiina lo
solo parzialmente, ma per ragioni che si lasciano facilmente spie-
gare e interpretare, come vedremo tra poco.

2. Con la formula AVUNCULUS/AMITA indichiamo anche tipi di derivazione afne, co-


me per es. il tipo retoromanzo auk, prob. da *AVICUS, o quello valdostano, vallese avon,
prob. da *AVO, ONIS. Allo stesso modo, anche AMITA riassume derivati di AMMA o *AM-
MULA. Vd. oltre.
4 Principali sviluppi delletimologia tradizionale 235

Le precedenti ricerche hanno gi sottolineato che larea set-


tentrionale di thius/thia interessa solo la Lombardia e il Veneto
occidentale, e lascia quindi in disparte le due estremit occiden-
tale e orientale dellalta Italia. La cartografazione strutturale met-
te per in luce due aspetti della coppia thius/thia che erano pas-
sati inosservati agli altri studiosi: (1) nel Nord le forme maschili
o femminili di tipo diverso (barba, avus, amita) che si accoppia-
no con thia o con thius, formando cos delle coppie irregolari,
appaiono proprio agli estremi margini dellarea, e sono quindi
chiaramente il risultato di unibridazione del sistema parentelare
precedente con quello recenziore di tipo thius/thia. Questa lettu-
ra confermata sia dallattributo moderno che nella carta del-
lAIS glossa alcuni dei punti in cui appaiono thius e thia (per e-
sempio PP. 247, 275, 368 della carta 20), sia dagli attributi vec-
chio, rustico, raro e simili, che glossano la coppia concor-
rente, che quasi sempre barba/amita. Una sintesi di queste
informazioni, e allo stesso tempo di altri dati, nella carta della
Figura 4.3 (p. 967). Come si pu notare, infatti, la carta struttura-
le basta da sola a orientarci sulla direzione dellinnovazione rap-
presentata da thius/thia: anche se non lo sapessimo da altri indi-
zi, la coppia thius/thia appare molto chiaramente come uninno-
vazione proveniente dal Sud che si spinge no alle Alpi centrali,
senza per riuscire a diffondersi nel NordEst e nel NordOvest,
dove persistono coppie pi antiche.
Per quanto riguarda le innovazioni nate allinterno dellarea
thius/thia, cio i due tipi derivati thiinus/thiina e thianus/thiana,
ripetiamo anzitutto che mentre la coppia meridionale thia-
nus/thiana perfettamente solidale, quella emiliana thiinus/thiina
lo solo parzialmente. Aebischer, che non impostava il problema
strutturalmente, vedeva lEmilia traversata da due corridoi simili
ma non identici, uno di thius e laltro di thia, che collegavano la-
rea settentrionale a quella meridionale di thius/thia, e tagliavano
cos in due larea di thiinus/thiina. Tuttavia larea emiliana non
mostra tre aree thiinus/thiina, thius/thiina, thiinus/thia , co-
me dovremmo aspettarci nel caso ipotizzato da Aebischer, ma so-
lo due: thiinus /thiina, e thius/thiina ~thia: linnovazione pre-
236 Lorigine delle parole

sente solo per il femminile, e talvolta la forma innovata coesiste


con la forma thia immutata.
Proprio per questa sua asimmetria, il quadro emiliano dimostra
che la coppia iniziale thius/thia ha innovato solo il femminile thii-
na, che oggi prevale in tutta lEmilia, e che poi questa innovazio-
ne si estesa, ma solo parzialmente, anche al maschile. Perch
linnovazione avrebbe cominciato con il femminile? Certamente
per il maggior grado di affettivit associato al parente femminile,
ma forse anche per la possibile inuenza della coppia bar-
ba/amitina, presente in aree contigue allEmilia, in Lombardia oc-
cidentale e in Piemonte orientale, che gi mostrava il diminutivo
di amita. Anche qui va notato che soltanto limpostazione struttu-
rale permette di rilevare lassenza della coppia thiinus/thia, e di ri-
costruire quindi la sequenza progressiva /thius/thia > thius/thiina
> thiinus/thiina\. La coppia meridionale thianus/thiana invece
perfettamente solidale, e quindi rappresenta uninnovazione sin-
cronica. La singola eccezione di Scanno (P. 656), in cui appare
thianus/thia, si trova ai margini settentrionali dellarea thia-
nus/thiana, in una tipica area di contatto linguemico in cui quindi
si incontrano e si mescolano, casualmente, le due aree di thius/thia
e thianus/thiana.
La coppia isolata zin/zia che appare a Montemarciano (P.
538) e che il vocabolario di SPOTTI (1929, s. v. ziso) attesta anche
per Ancona, sembra invece mostrare uninnovazione accrescitiva
per il maschile. Come esocorismo settentrionale, la forma fem-
minile ziona di Ruvo di Puglia (vd. anche oltre) potrebbe invece
avere un valore diminutivo.
Concludendo lanalisi della prima carta, tutte le innovazioni
nate allinterno dellarea thius/thia e basate su questi due tipi so-
no comunque di tipo morfologico e a carattere affettivo.
La carta della Figura 4.3 mostra tutte le realizzazioni della cop-
pia zio/zia diverse da thius/thia in territorio italiano e, come si
vede, queste si trovano solo nel settentrione. La coppia che preva-
le barba/amita, che a sua volta, come stato gi notato dalla
maggioranza degli studiosi, rappresenta uninnovazione, per il so-
lo termine maschile, della coppia latina avunculus/amita. Questa,
4 Principali sviluppi delletimologia tradizionale 237

come noto, si continua in Francia, col tipo oncle/tante, e di qui


in Inghilterra, col tipo francese antico, ancora pi vicino allorigi-
nale, uncle/aunt. Mentre in Italia settentrionale e altrove sopravvi-
ve in aree alpine tipicamente conservatrici, ovviamente adiacenti
alla coppia barba/amita: in Val dAosta, a RhmeSt Georges
(AIS P. 121) e a Saint Marcel (AIS P. 122) e nel Vallese a Lens (P.
ALF 979), con il tipo la(v)n/lanta, cio *avo, onis/amita, am-
bedue con concrezione dellarticolo; sempre in Val dAosta, ma ad
Aosta (ALF P. 975), Oulx (ALF P. 972) e Chtillon (ALF P. 986),
nonch a Roquemolles (AIS P. 140) (e a Faeto in Italia meridiona-
le, AIS P. 715), con il tipo avn ~ oncle/tante, questultimo (cfr. fr.
tante) con duplicazione della sillaba nale e ritenzione della toni-
ca, un tipo di formazione estremamente frequente e con svariati e-
siti nella nostra area, come vedremo; mentre la coppia pi vicina
anche per il femminile alloriginale del latino classico, nel-
le varianti auk ~ avn ~ oncle/anda ~ anta (dove auk prob. < *a-
vicus), appare in area retoromanza, nel Vallese, a Courmayeur (P.
966) e a Sauze di Cesana (P. 150). Sulle caratteristiche arcaiche dei
derivati di avus in questarea torneremo pi oltre.
La coppia avus e derivati/amita, insomma, sempre netta-
mente alpina e periferica, rispetto a quella barba/amita, ci che
signica che linnovazione del termine maschile che ha sostitui-
to quello precedente deve essersi originata in pianura, in Val Pa-
dana. A questa coppia modicata si poi ulteriormente sovrap-
posta quella formata da thius/thia, proveniente dal Sud e innova-
trice di ambedue i termini.
Ora, nonostante tutti gli studiosi abbiano visto chiaramente
questa successione dei tre tipi, alcuni (per es. Jud), non si sono re-
si conto della contraddizione fra questa sequenza cronologica e la
tesi della presunta origine germanica di barba. Per poter sostene-
re questa tesi, che come vedremo smentita anche da altri argo-
menti di tipo pi nettamente strutturale, occorrerebbe infatti po-
stulare unorigine medievale di thius/thia, che invece contrad-
detta dalle attestazioni di thia del 563 o 572 d. C. in Spagna, gi
notate da AEBISCHER (1978: 63), oltre che dalla distribuzione geo-
graca in tutta lIberia e in Italia. Come aveva infatti sostenuto
238 Lorigine delle parole

Aebischer, la coppia thius/thia non pu che essere latino volga-


re, e poich, come abbiamo visto, linnovazione di barba ne-
cessariamente databile a prima di thius, una sua origine germani-
ca impossibile. Sugli altri argomenti di carattere strutturale che
smentiscono la tesi germanica e confermano letimologia latina
torneremo pi oltre.
La validit di questa conclusione cio che barba/amita rap-
presenti uninnovazione databile al latino volgare per il solo
termine maschile della coppia avus/amita dipende, natural-
mente, dalla certezza che le due coppie abbiano lo stesso femmi-
nile. Dobbiamo quindi ancora vericare se i numerosi termini
femminili della coppia che appaiono in Italia settentrionale deri-
vino effettivamente da amita o non siano per caso anchesse in-
novazioni, che complicherebbero ulteriormente il quadro degli
sviluppi.
A tal ne, nelle carte delle Figure 4.4 e 4.5 (pp. 968 e 969) ab-
biamo registrato soltanto il femminile della coppia. Esse per pos-
sono essere egualmente considerate strutturali in quanto il termi-
ne maschile sottinteso sempre avunculus (o altro derivato di a-
vus) nei punti sopra elencati, o barba negli altri (vd. Fig. 4.3, p.
969). Abbiamo poi ritenuto utile distribuire gli sviluppi di amita
su due diverse carte, a seconda se si tratti del tipo proparossitono
originario mita (Fig. 4.4), o del tipo recenziore parossitono am-
ta (Fig. 4.5), ben rappresentato dialettalmente dal tipo meda. Ci
permette di meglio apprezzare il contrasto fra il carattere tipica-
mente periferico dei continuatori del tipo arcaico proparossitono,
e quello tipicamente centrale del tipo parossitono. Cos come la
coppia recenziore thius/thia al Nord centrale rispetto alle altre
coppie, il tipo recenziore mda (che non a caso talvolta coesiste
con thia) centrale rispetto ad meda (cfr. Fig. 4.3).
Partendo dalloriginale proparossitono latino amita possiamo
avere, schematicamente, i seguenti tipi fonetici: (I) il tipo lenito
meda; (II) il tipo lenito con successiva caduta della consonante
amia e (III) con successiva palatalizzazione agna; (IV) il tipo che
ha subito la sincope prima della lenizione anta; (V) il tipo che ha
subito la sincope dopo la lenizione anda. A questi cinque tipi di
4 Principali sviluppi delletimologia tradizionale 239

sviluppo si possono poi aggiungere, per quanto riguarda la silla-


ba iniziale: (A) la concrezione dellarticolo (lanta, lameda, lan-
da); (B) la concrezione del possessivo di prima persona (magna);
(C) la proiezione della sillaba nale allinizio della parola (tanta,
danda, gnagna e varianti). Tutti questi tipi e altri, su cui ci sof-
fermeremo fra poco, sono rappresentati nella carta della Figura
4.4, dove, senza pretese di completezza, abbiamo esteso larea dei
continuatori di amita verso Treviso, Vicenza e verso il Polesine,
valendoci di POLO (1974), PAJELLO (1896), MAZZUCCHI (1907).
Come sempre, la geograa linguistica ci mostra, a livello sin-
cronico, diversi stadi di sviluppo diacronico distribuiti su aree
contigue. Ed appunto la contiguit delle aree che rafforza e con-
ferma la presenza di una sequenza di sviluppo. Cos, per menzio-
nare alcuni aspetti salienti, troviamo nella nostra carta: (1) la con-
tiguit dei tipi non leniti anta, lanta, tanta, sia fra loro che con la-
rea francese; (2) la contiguit di ameda sia con anda che con la-
meda; (3) la contiguit di danda con anda; (4) di anda con lan-
da; (5) di ameda con amia; (6) di amia con agna in Friuli e (7) di
amia con magna in Piemonte; (8) di gnagna e nagna con agna in
Friuli. Se molti di questi sviluppi sono incontestabili anche al di
fuori di unanalisi geolinguistica e di un quadro strutturale, alcu-
ni di essi diventano pi facilmente accettabili alla luce di questi
due metodi, i cui risultati convergono verso la stessa soluzione.
Per il tipo menana, isolato nella carta (Albosaggia, P. 227), non
una ma due soluzioni sono possibili, e senza neanche lasciare il
quadro degli sviluppi da amita. Per la difcolt di scelta, le ab-
biamo cartografate ambedue a seconda della loro tipologia: (A) ri-
condotta la prima sillaba al possessivo di prima persona MEA, na-
na potrebbe risultare da unassimilazione del gruppo nd (non i-
gnota nel Nord) di anda seguita da una duplicazione della sillaba
nale, secondo un modulo che si rivela frequentissimo nella no-
stra casistica. (B) Laltra ipotesi si lascia collocare nel quadro de-
gli sviluppi parossitoni della carta della Figura 4.5 (vd. oltre).
Abbiamo lasciato per ultimi i tipi ama, lama, lamla, lala. Que-
sti tipi ci sembrano doppiamente interessanti: da un lato, come ab-
biamo gi visto per altri tipi, la loro posizione geograca riette
240 Lorigine delle parole

da vicino la sequenza di sviluppo che li unisce; dallaltro, sem-


brano derivare non tanto da amita quanto da amma. Come noto
ai latinisti (DELL, s. vv. amita, amma), ma forse meno ai roma-
nisti, amma mamma, nutrice rappresenta infatti la base di ami-
ta, e potrebbe quindi continuarsi in dialetti conservativi come
quelli alpini, cos come abbiamo visto successo per varianti ar-
caiche di avunculus, del tipo *avo, onis o *avicus, direttamente
derivati dalla base avus, mentre avunculus sembra basato su a-
von. La presenza di amma, dunque, non solo non intacca la so-
lidariet delle nostre coppie ma di fatto la rafforza, rivelando al-
lo stesso tempo un tipo di coppia pi arcaico dello stesso tipo la-
tino, cio avus/amma.
Ecco i dettagli: troviamo ama ad Antronapiana (P. 115), lo
stesso tipo con concrezione dellarticolo lama a Trasquera (P.
107), lo stesso ancora con sufsso diminutivo lamla (quindi da
*ammula) a Ceppomorelli (P. 114), e inne a Premia (P. 109) tro-
viamo il tipo lala, che potrebbe derivare da assimilazione del
gruppo ml o, pi probabilmente, dalla duplicazione della silla-
ba nale, onnipresente nella nostra tipologia, o di quella iniziale.
Lipotesi che ama derivi direttamente da amia (sostenuta in unot-
tima monograa da NICOLET (1929, vd. anche GYSLING 1929: 97,
101, 175) ci sembra poco economica, oltre che difcile da soste-
nere, dato che il nesso mj, secondario nj, dovrebbe palata-
lizzarsi (come mostra la stessa NICOLET 1929: 64, 104, 105).
Il tipo ambia, infatti, che appare a Selveglio (Riva Valdobbia) (P.
124), appena a Sud della nostra area, rappresenta la base del tipo
palatalizzato amgia attestato, fuori dellAIS, a Brusio, nel Po-
schiavino (cfr. VDSI, s. v. anda). Si noti anche che la formazione
diminutiva da noi postulata (*ammula) rappresenterebbe il pen-
dant femminile dellavunculus maschile (da avus) latino.
Particolarmente interessante comunque ci sembra lisotipo
(strutturale, e non necessariamente genetico) che collega la cop-
pia barba/lala ligure a quella lepontina e a quella ladina (per la
quale ci siamo limitati a MENEGUS TAMBURIN 1959 e a DE LOREN-
ZO 1977, e sottolineiamo di nuovo che si tratta di isoglossa struttu-
rale e non tradizionale.
4 Principali sviluppi delletimologia tradizionale 241

La carta della Figura 4.5, come gi detto, raggruppa gli svi-


luppi parossitoni di amita, nonch quelli di un altro tipo lessica-
le, che non ci sembra possibile ricollegare ad amita. Anzitutto:
come si spiega il tipo parossitono meda, tipico della Lombardia e
dellarea ladina dolomitica? Se non andiamo errati, tre sono le i-
potesi principali, di cui le prime due di Salvioni, la terza di Prati,
appoggiata successivamente da Pellegrini (PELLEGRINI 1977, cfr.
MARCATO 1982): (I) retroformazione da medina, considerato un
diminutivo da (a)meda; (II) mutamento daccento davanti a nome
proprio, per proclisi: meda Paola darebbe mda Paola; (III) mu-
tamento daccento non condizionato, di cui esisterebbero paralle-
li in Lombardia. Si veda ora la nuova ipotesi di BERTOLETTI
(2006), che non discutiamo.
La carta strutturale, a nostro avviso, rafforza la prima ipotesi,
dato che larea di medina adiacente a quella di meda in Lom-
bardia (cfr. AIS, GALLI 1965, s. v. mdena, CHERUBINI 1839, s. v.
ameda, medin, VDSI s. v. anda). La presenza di meda nellarea
ladina dolomitica si potrebbe dunque spiegare o con una penetra-
zione del tipo dalla Lombardia, o assumendo la presenza di me-
dina in loco non come lemma autonomo, bens come vero e pro-
prio diminutivo. La seconda ipotesi teoricamente debole, dato
che luso assoluto dei termini parentelari per lo meno altrettan-
to frequente di quello proclitico. Per quanto riguarda la terza ipo-
tesi, gli esempi di Prati sono insufcienti a dimostrarla, e i con-
troesempi sono molto pi numerosi.
Per quanto riguarda la sua area di diffusione, nel passato il ti-
po meda/mea doveva comprendere tutta la pianura veneta (BER-
TOLETTI 2006) e arrivare no al Po, come testimoniano per es. TI-
RABOSCHI (1967) per il bergamasco, MELCHIORI (1972) per il bre-
sciano, e AA.VV. (1976) per il cremonese. Se lipotesi precedente-
mente presentata per lemiliano ziina corretta, larea del dimi-
nutivo medina doveva passare il Po. La presenza a Comacchio (P.
439) del tipo maschile didn rafforza questa ipotesi.
Per quanto riguarda gli altri tipi presenti nellarea, la carta ne
mostra la contiguit geograca e quindi la probabile continuit
nello sviluppo storico. In particolare: (I) larea di nena contigua
242 Lorigine delle parole

a quella di melena (variante assai frequente di medina) e si pre-


senta quindi come un altro esempio di duplicazione affettiva del-
la sillaba nale, con ritenzione della tonica. La presenza di nena
anche in area ladina e friulana (DE LORENZO 1977 s. v. neni, A-
SLEF 1851) rafforza lipotesi della presenza di medina o melena
in questarea, gi postulata per spiegare meda in una delle due i-
potesi disponibili; (II) la distribuzione geograca di deda rende
molto probabile la sua dipendenza da meda, cio come unenne-
sima formazione affettiva con duplicazione della sillaba nale,
come gi sostenuto da Tappolet. Il tipo appare infatti sempre nel-
le vicinanze di meda, sia nel Cremasco che nel Trentino e nel
Friuli (a Erto, cfr. ASLEF (P. 38)3.
La stratigraa che risulta da questa analisi sarebbe dunque:
prima il tipo medina, che potrebbe essere formazione diminutiva
secondaria da amita, o continuazione diretta del latino amitina
cugina. Poi meda come retroformazione, e nena come forma-
zione affettiva, ambedue da medina medena. Inne, da meda, de-
da. Il signicato di balia, spesso attestato per nena, non ci sor-
prender, data la relazione protolatina fra amma mamma, nutri-
ce e amita zia. Ritroveremo ancora una volta questa relazione
semantica, assai interessante dal punto di vista storicoantropo-
logico.
Torniamo a menana, che abbiamo introdotto anche nella carta
della Figura 4.5, per presentare unipotesi alternativa. Anzich
partire da anda per postulare un *ana da cui nana, potremmo uti-
lizzare (a)mi(t)ana, un tipo assai frequente soprattutto al plurale
nei dialetti moderni (cfr. per es. nella carta dellAIS Prestone
(Campodolcino) (P. 205), Mesocco (P. 44), Stampa (P. 46)), oltre
che abbondantemente attestato nel Medioevo: cfr. AEBISCHER
(1978). Il solito modulo di formazione affettiva ci darebbe nana,
e la prima sillaba potrebbe essere non soltanto il possessivo, ma
anche la continuazione della sillaba di ami(t)ana.

3. Diversa lipotesi di PELLEGRINI (1977), che considera deda un tipo indipendente.


Non solo largomento geograco, ma anche quello della solidariet strutturale ci sembra-
no orientare verso unorigine comune.
4 Principali sviluppi delletimologia tradizionale 243

Resta da discutere lunico tipo che a nostro avviso difcil-


mente pu risalire ad amita, nonostante la sua solidariet con bar-
ba: intendiamo il tipo iaia, che nellAIS appare nella Val Mona-
stero, a Santa Maria (P. 29), e in quattro punti della Valle del Pia-
ve, a Belluno (P. 335), Ponte nelle Alpi (P. 336), Vas (P. 345) e Tar-
zo (P. 346), sempre nella variante ieia. I dizionari ce la mostrano
anche in unarea intermedia, che colma la distanza fra il Canton
Grigioni e il Piave: RICCI (1970) e AZZOLINI (1976) per il trenti-
no (iaia), MENEGUS TAMBURIN (1959) per il Cadore (iaia), e PRA-
TI (1968), per il Veneto (giagia, giegia, che lAutore denisce in-
fantili). Ricci e Azzolini attestano il signicato di bambinaia,
nutrice che, come gi detto, riappare in nena balia e zia, e nel
passaggio da amma nutrice ad amita zia.
Per quanto riguarda le origini del tipo, Tappolet pensa a un
possibile sviluppo da amia o agna, cio a una vocalizzazione del
nesso palatale. Ma questa ipotesi non ha alcun appoggio nella
realt dialettale: non solo non esiste nessun altro continuatore di
amita del tipo *aia, ma neanche una tendenza a vocalizzare il nes-
so nasale; per di pi, larea bellunese di ieia cade proprio nel mez-
zo dellarea di ameda o amia, cio proprio in un area in cui il nes-
so si conserva. A nostro avviso, lipotesi pi economica e coe-
rente con il quadro nora illustrato unorigine da lat. avia (cfr.
it. aia), con il solito raddoppiamento della sillaba nale, che ci da-
rebbe dialettalmente iaia, ieia, giagia, giegia (cfr. per es. /fassa-
no giava, iava e ieva, nonna < lat. ava\; si vedano anche MAZ-
ZEL 1976, alle voci giava, iva, iva, nonna; REWS s. v. ava; ed
ELWERT 1972 [= 1943], dove il tipo viene ricondotto a lat. ava con
concrezione dellarticolo, e considerato unarcaica isoglossa la-
dinolombardopiemontese). Pi importante, la presenza di un
tipo avus/avia non solo non contraddirebbe la solidariet della
coppia originaria avunculus/amita, ma potrebbe rivelarne uno
stadio pi arcaico, anche morfologicamente solidale.
Riassumendo, le due carte mostrano chiaramente come il tipo
amita, termine sso delle due coppie avunculus/amita e bar-
ba/amita, si sia innovato solo foneticamente in modi perfettamen-
te regolari, o morfologicamente in modi del tutto comuni, come la
244 Lorigine delle parole

concrezione dellarticolo, del possessivo o la duplicazione della sil-


laba nale. Su questultimo tipo formativo, cos frequente nella no-
stra tipologia (lala, deda, nena, gnagna, danda, tanta, iaia, giagia,
etc.), ci sembra utile osservare, con Tappolet, che esso, di carattere
infantile, lo stesso di innumerevoli nomi propri come Gio-
vannino > Nino, Luigi > Gigi, Giovanni > Nanni, Giuseppe > Pep-
pe, Filippo > Pippo, Filomena > Nena, Battista > Titta, etc.
Se ora, alla luce delle osservazioni fatte n qui, riprendiamo
in esame la carta della Figura 4.3, notiamo: (1) come gi visto, i
punti in cui la coppia thius /thia appare marcata come moderna
rispetto ad altra coppia, e viceversa quelli in cui la coppia
barba /amita appare marcata come vecchia, rustica, rara e
simili, mostrano chiaramente come la coppia thius /thia penetri e
si diffonda a ventaglio nellItalia settentrionale, dove prima pree-
sisteva la coppia barba/amita. (2) Contro un totale di circa 150
punti in cui appare la coppia barba/amita ve ne sono solo 3 in cui
barba si accoppia con thia 4. Di queste tre, escludendo Ruvo di
Puglia (P. 718) come isola settentrionale, restano solo Coli (P.
420) e Fratta Polesine (P. 393). Ora, basta osservare la posizione
di queste due localit rispetto allarea di barba/amita e a quella di
thius/thia, per capire che la coppia barba/thia di questi due pun-
ti rappresenta il semplice risultato della resistenza di barba nel-
larea di contatto fra le due coppie, e non un focolaio dinnova-
zione. Lo stesso vale per il suo inverso thius/amita, che non per
nulla appare in area urbana, a Venezia, area di contatto non solo
geograca ma anche sociale. Come coppia solidale, barba/amita
rappresenta dunque il risultato di unimportante innovazione so-
cioculturale con la quale il termine maschile avus e i suoi deri-
vati sono stati sostituiti con barba. (3) Se barba, anzich di ori-
gine latina fosse di origine germanica, e quindi altomedievale

4. Non ci soffermiamo sulla coppia sarda barbareddu/tata di Tempio Pausania,


marcata come vecchia in confronto a tsiu/tsia. Il termine femminile tata, marcato que-
sta volta come volgare, ritorna anche a Buschi (P. 954). Tutta la terminologia parentela-
re sarda andrebbe studiata a fondo, anche dal punto di vista antropologico e sociologico,
sulla base di inchieste locali.
4 Principali sviluppi delletimologia tradizionale 245

(tesi in ogni caso assurda, perch contraddetta dalle datazioni di


thius), il suo accoppiamento con il precedente thia avrebbe pro-
dotto risultati assolutamente diversi, sia geogracamente che nu-
mericamente: dovremmo cio aspettarci una coppia molto pi
stabile, e diffusa in aree compatte e non solo in aree di contatto.
(4) Ci che inoltre lonomasiologia strutturale mette bene in luce
lassurdit della tesi che un esocorismo di presunta origine ger-
manica abbia scrupolosamente scelto di accoppiarsi solo con
un femminile latino, evitando accuratamente di accoppiarsi con
uno greco, che pur doveva preesistergli. Evidentemente, linno-
vazione di barba precede lingresso della coppia greca, e avvie-
ne in un contesto latino.
Come in innumerevoli altri casi, lipotesi germanica per lori-
gine di barba va collocata nel quadro di quel pangermanesimo
che stato cos forte nella cultura e nellideologia del secolo scor-
so e nel principio di questo secolo, e le cui espressioni nella sto-
ria della linguistica romanza sono ancora tutte da studiare (cfr. per
ora ALINEI 2000: 934 sgg., 2002a e qui cap. 12). Finch perdura
questa mancanza di coscienza autocritica, le etimologie germani-
che, anche quando assolutamente infondate come in questo caso,
sono destinate a resistere per forza di inerzia, come mere cristal-
lizzazioni di una dottrina ricevuta.
La conclusione che barba/amita formino una coppia latina an-
tica, successiva a quella di avunculus/amita e precedente quella
greca e latinovolgare di thius/thia, impone inne una nuova di-
scussione della questione del passaggio semantico da barba a
zio, e nei nuovi termini ora disponibili: la questione della scel-
ta delliconimo {barba} per designare lo zio. Questa discussio-
ne, nei suoi giusti termini storicoantropologici, stata gi av-
viata dalla compianta studiosa Monica Berretta (BERRETTA 1973),
ma richiede un ulteriore approfondimento e ampliamento. Alla te-
si dello sviluppo da barba a zio, come noto, studiosi di tutti
e due i campi, sostenitori cio sia delletimo latino che di quello
germanico, hanno rivolto unobiezione che pu essere riassunta
nei termini di Muratori (citato da VARVARO 1968): Ma e non han
forse barba anche gli altri parenti? (cfr. GDLI, s. v. barba); o in
246 Lorigine delle parole

quelli di Aebischer, che pur ammette lorigine latina: mais pour-


quoi loncle auraitil t consider comme particulirement bar-
bu? A questa domanda la Berretta risponde, giustamente: Aebi-
scher avrebbe invece dovuto chiedersi come mai (lo zio) sia sta-
to particolarmente venerabile. Gli argomenti addotti dalla Ber-
retta per dimostrare questa venerabilit, e allo stesso tempo per il-
lustrare il passaggio da barba a zio, sono fondamentali: 1) la
grande importanza del regime dellavunculato, cio del ruolo del-
lo zio materno (lat. avunculus) nelle societ primitive, conferma-
ta dal passaggio dal greco qeoj (lat. thius), in origine divino, a
zio; II) il carattere simbolico della barba, documentato n dal-
lantichit, come espressione di autorit e virilit; III) gli altri si-
gnicati di barba, meno frequenti di zio, ma altrettanto colle-
gati a parentele e ruoli venerabili: nonno, suocero, vesco-
vo, prete valdese, titolo di rispetto per persona anziana.
Al quadro antropologico ed etnologico, entro cui la Berretta a-
cutamente colloca la questione, si pu aggiungere ancora un altro
aspetto: quello del tab linguistico, di cui parleremo pi oltre in
questo capitolo. Anche i tab parentelari sono infatti universali,
nelle culture primitive, e fra laltro i linguisti sanno che la gran-
de diffusione di forestierismi nella terminologia parentelare (co-
me appunto avunculus/amita in area germanica, qeoj in area la-
tina) spesso collegabile a questo aspetto. Il tab avunculare pu
quindi spiegare sia linnovazione di barba in latino, sia quella di
qeoj divino, preso in prestito dal greco. Se si parte da unin-
terpretazione tabuistica di questi termini parentelari, lobiezione
di Muratori e di Aebischer, e in genere degli studiosi scettici sul-
lo ziobarbuto, acquista lo stesso valore di quella che fosse fatta
a proposito degli iconimi (cio nuovi nomi) tabuistici del lupo,
della volpe e degli altri animali, basati sulla {zampa}, sulla {co-
da} e altre parti del corpo, e che obiettasse: ma non solo il lupo
e la volpe hanno zampe e coda!. In realt, una delle gure pi
frequenti della tipologia lessicale tabuistica (cfr. ZELENIN 1929
1930/19881989 [ Antologia critica, 6] e RIEGLER 1936
37/1981 [ Antologia critica, 8] e vd. oltre in questo capitolo)
proprio quella della pars pro toto. E la scelta della parte, per
4 Principali sviluppi delletimologia tradizionale 247

quanto riguarda la barba, certo determinata dal suo carattere


simbolico, di potere e di sacralit.
A quanto la Berretta acutamente scrive nei riguardi del signi-
cato della barba nella cultura e nella societ latina, vorremmo
poi aggiungere altre considerazioni: anzitutto, il latino barbatus
non era soltanto in opposizione a imberbis, per contrapporre lin-
dividuo adulto, maturo, virile, a quello giovane e immaturo (si ri-
cordino anche i termini rumeni brbat uomo, sposo, marito e
brbtie virilit). Contrapponeva anche lindividuo latino di e-
poca arcaica, che si lasciava crescere la barba, a quello della so-
ciet classica, che si radeva. Non a caso, i volti dei Latini che ab-
biamo imparato a riconoscere (Cicerone, Giulio Cesare, Augu-
sto, etc.) sono sempre sbarbati, mentre Giove, per denizione ar-
caico, sempre barbuto. Di conseguenza, linnovazione che ha
sostituito barba ad avunculus potrebbe essere collocata in epoca
arcaica, o in ambito volgare, ammettendo come sempre
necessario una maggiore conservativit nelle usanze delle
masse servili e rurali anche di epoca classica o imperiale.
Tornando ora al rapporto tabuistico con i parenti, in una so-
ciet primitiva a successione matrilineare, entro cui certo in as-
senza del padre ancora ignoto nata la gura dello zio avun-
culare come parente maschile dominante, la sacralit dei parenti
preesiste certo alla formazione delle divinit antropomorche ce-
lesti o terrestri. , in effetti, la sacralit dei parenti che spiega la
proiezione in cielo delle parentele terrestri, cos evidente nelli-
conomastica di teonimi greci o latini come diskouroi {gli di
Dio} o iuppiter {Dio padre}, e nella successiva elaborazione cri-
stiana (ALINEI 1983b, 1984ac). quindi la sacralit del parente,
soggiacente alla sua tabuizzazione, che si continua e si rivela nei
diversi signicati assunti da barba: che non sono solo zio, non-
no, suocero, vescovo, prete valdese e titolo di rispetto, ma
anche santo nellespressione barba Pietro che i pescatori del-
lAdriatico adoperano per San Pietro (CORTELAZZO 19681969:
13) , e diavolo (cfr. VDSI e DRG s. v. barba 2).
La Berretta (art. cit.) nega il legame fra avunculato e ignoran-
za della funzione procreatrice maschile, con conseguente matrili-
248 Lorigine delle parole

nearit, probabilmente appoggiandosi allautorit di LviStrauss.


Ma LviStrauss, qui come in altre questioni, prende posizioni in
contrasto con le pi importanti conquiste delletnologia e dellan-
tropologia, da Morgan a Tokarev. Che istituzioni matrilineari so-
pravvivano in societ patriarcali fenomeno del tutto normale,
per il carattere conservativo delle sovrastrutture rispetto rispetto
alle strutture socioeconomiche. Ci che importa rilevare che
nelle societ matrilineari, dove in origine si ignora la funzione del
maschio nella procreazione, e quindi non esiste il concetto di pa-
dre naturale, il ruolo del padre non pu che toccare al fratello
della madre.
Per nire, un breve commento alletimologia correntemente
accolta dai grecisti e indoeuropeisti per il greco qeoj, secondo
cui qeoj divino e qeoj zio sarebbero completamente indi-
pendenti. A nostro avviso, tale separazione tipica di una ten-
denza intellettualistica a rendere complicate le cose semplici. Il
collegamento fra i due termini gi del Bachofen, noto etnologo
tedesco del secolo scorso, citato dal TAPPOLET (1895: 95), ed ac-
cettato da LviStrauss: gli etnologi non hanno nulla da obiettare.
Solo gli etimologi, non si capisce con quale argomentazione (dato
che gli specialisti non sono loro), non rinunciano al loro distin-
guo, che qui sembra piuttosto tipico, come sempre, di zelanti am-
ministratori di un sapere obsoleto. Come ha notato LviStrauss,
il passaggio da divino a zio si lascia invece facilmente inqua-
drare nella sacralit delle parentele e, aggiungeremmo, delle loro
conseguente tabuizzazione. Non mancano esempi neanche nella
terminologia parentelare dei dialetti italiani: basti ricordare nomi
dialettali del compare e della comare come santolo e santola, da
santo, o (compare/comare di) san Giovanni. Parenti iniziatici per
eccellenza, il compare o la comare sono stati cristianizzati per la
loro grande importanza magicoreligiosa in epoca precristiana
(ALINEI 1984a). Lo zio avunculare, vero e proprio padre nelle so-
ciet matrilineari, non era certo degno di minor rispetto.
4 Principali sviluppi delletimologia tradizionale 249

4.1.3. In primo piano i rapporti etnici e sociali: la teoria del so-


strato e i suoi sviluppi

Un altro fondamentale passo avanti della linguistica storica,


con enormi conseguenze sia sulla grammatica storica che sulle-
timologia, stato quello, gi menzionato nel capitolo precedente,
fatto dallAscoli, con la sua teoria del sostrato (cfr. ASCOLI
188688) [ Antologia critica, 2]. Lidea di base di questa teo-
ria che la lingua di un gruppo etnico, insediato in unarea che
successivamente stata occupata da un altro gruppo etnico, pu
inuenzare, modicandola, quella del nuovo gruppo. Non tente-
remo di riassumere la complessa storia della ricerca su questa te-
matica, anche perch su di essa esiste una fondamentale mono-
graa, di Domenico Silvestri (SILVESTRI 19771982), alla quale
rinviamo il lettore. Ci limitiamo invece a illustrare, in modo sche-
matico ma anche critico, il quadro concettuale che un po alla vol-
ta venne a formarsi attorno al concetto di sostrato, e a fornire
qualche esempio etimologico traendolo dalle ricerche pi famo-
se sullargomento.
Anzitutto, lintroduzione del concetto di sostrato nella lingui-
stica storica determin ben presto lesigenza di postulare il suo
rovescio, cio il superstrato: linuenza linguistica di un gruppo
etnico che si sovrappone a un altro, dominandolo e imponendogli
il proprio modello. Concetto, con quello di adstrato, gi implici-
to in Schuchardt n dal 1884, ma che fu teorizzato pi tardi, in
chiave germanica, da linguisti come Ernest Gamillscheg (GAMIL-
LSCHEG 19341936) e Walter von Wartburg (WARTBURG 1934,
1936, 1939), nellambito della loro tesi per non pochi studio-
si erronea e a nostro avviso profondamente inuenzata dallideo-
logia ariana e pangermanica degli anni Trenta sul ruolo de-
terminante dellinuenza germanica nella formazione delle lin-
gue e dei dialetti neolatini. Ovviamente, un concetto sia pure va-
lido come quello del superstrato pu anche essere male applica-
to, ed solo per queste inuenze non ancora criticamente vaglia-
te dalla ricerca che la Romania Germanica, gonata a dismisura,
rimasta uno dei pilastri della romanistica. Evidentemente non
250 Lorigine delle parole

bastato che gi negli anni Trenta uno dei pi intelligenti linguisti


e dialettologi italiani, Clemente Merlo (18791960), scrivesse:
Le recenti teorie che attribuiscono alle invasioni barbariche una
parte importante nella formazione di alcune tra le lingue roman-
ze non hanno verun fondamento. Gli invasori [] non lasciarono
della loro dominazione che poche e deboli tracce. (MERLO 1939,
e cfr. MERLO 1942). Nessuna critica, anche autorevole, riesce a
demolire una teoria sbagliata se non accompagnata dallidenti-
cazione della causa che lha resa possibile. E quando la causa
puramente ideologica, occorre che una disciplina scientica esca
da uno stato di presunta innocenza e faccia i conti col proprio
passato. Ci che in linguistica storica, a differenza che nelle altre
discipline storiche e preistoriche, non ancora successo, proba-
bilmente perch lattributo storico non mai stato preso vera-
mente sul serio.
Ritornando ai due opposti concetti di sostrato e superstrato,
che avevano in comune la presenza di un sotto e di un sopra,
lopposizione gener ben presto la nozione, non meno importan-
te, dellinuenza che un gruppo etnico vicino, quindi n so-
pra n sotto, poteva esercitare sul proprio. E si parl quindi,
coerentemente, di adstrato. Nozione che poi, in altro ambiente
teorico, con altre implicazioni, e per merito soprattutto di Uriel
Weinreich (WEINREICH 1953), si cristallizzata come rapporto fra
languages in contact, e che noi abbiamo cercato di generaliz-
zare ulteriormente con la nozione di contatto linguemico, distin-
guendo anche fra contatto linguemico semplice e complesso o i-
bridazione.
Inne, sempre nel quadro delle discussioni attorno a questi tre
concetti, molti studiosi hanno posto laccento su un quarto tipo di
possibile inuenza linguistica, che non propriamente etnico
anche se in ultima analisi potrebbe essere ricondotto a questo fat-
tore ma sociale: linuenza, cio, che il dialetto di uno strato
sociale subalterno pu esercitare sulla lingua del ceto dominante,
o quello, molto pi forte, che la lingua dominante pu esercitare
sui dialetti. Per litaliano, per esempio, linuenza dei dialetti al-
toitaliani sulla formazione del orentino (cfr. lenizione conso-
4 Principali sviluppi delletimologia tradizionale 251

nantica), e linuenza dellitaliano sui dialetti attuali. Per questa


duplice inuenza, signicativamente, non stato proposto alcun
termine, nonostante la sua ovvia importanza nella storia di tutte
le lingue, soprattutto per quanto riguarda linuenza della lingua
standard sui dialetti. Nel precedente capitolo abbiamo gi propo-
sto, per designarlo, infrastrato, che al sotto, al sopra e al-
laccanto dei tre termini citati aggiunge il fra. Tenendo pre-
sente, tuttavia, che nellambito di una lingua standard, come gi
detto, anche linfrastrato pu esercitare la propria inuenza da
sopra, o da sotto, o da accanto.
Veniamo ora alla relazione di questa problematica con la
grammatica storica e con letimologia. Come ci si pu immagi-
nare, anche senza conoscere limmensa letteratura sullargomen-
to, essa non pu che essere di eccezionale importanza: infatti
ovvio che la sopravvivenza di toponimi e di termini indigeni nel-
linglese, nello spagnolo e nel portoghese delle due Americhe
dovuta al sostrato indigeno; che lenorme numero di europeismi
che si possono osservare in tutte le lingue delle popolazioni che
hanno subito il colonialismo europeo, in Asia e in Africa, rappre-
senta uninuenza di superstrato; che lesistenza di importanti
ussi di forestierismi nelle stesse lingue occidentali (come per
esempio lattuale inuenza dellinglese sul nostro lessico) un ti-
pico fenomeno di adstrato; e inne che i dialettalismi presenti in
qualunque lingua standard altro non sono che un fenomeno di in-
frastrato.
Per quanto riguarda lesemplicazione etimologica, bastino
alcuni dei pi famosi, fra gli innumerevoli esempi che sono stati
discussi dalla ricerca: quelli tratti dalle ricerche dei gi menzio-
nati Ascoli e Merlo, i due linguisti che pi hanno contributo alla
teorizzazione di questi concetti e che con maggior successo li
hanno applicati alletimologia e alla grammatica storica.
Fu proprio attraverso letimologia, in effetti, che Ascoli (cfr. A-
SCOLI 18861888) [ Antologia critica, 2] scopr lesistenza, no-
tevolissima, di un sostrato italico nella lingua e nei dialetti ita-
liani: etimologie come /it. scarafaggio < lat. scarabaeus scara-
beo\, /it. tafano < lat. tabanus tafano\, /it. zufolare < lat. sibila-
252 Lorigine delle parole

re\, /it. bifolco < lat. bubulcus\ e altre dimostrano irrefutabilmente


che le popolazioni dellItalia mediana subirono linuenza di im-
portanti gruppi di OscoUmbri, la cui lingua era caratterizzata, fra
laltro, dalla presenza di una /f/ intervocalica l dove il latino pre-
sentava una /b/. Nei dialetti meridionali, dove ci si pu aspettare
che linuenza del sostrato italico sia ancora pi forte, queste for-
me con /f/ intervocalica anzich /b/ sono ancora pi frequenti.
MERLO (1926, 1933) mise in luce un altro fenomeno di so-
strato tipico dei dialetti centromeridionali, ancora pi importan-
te di quello appena menzionato, per la sua assoluta regolarit in
quasi tutta lItalia centromeridionale: lassimilazione alla nasa-
le dei nessi /nd/ e /mb/, con il passaggio, rispettivamente, a /nn/ e
/mm/. Come a Roma, dove ancora si dice ann, quanno, monno,
piommo. Loscoumbro caratterizzato anche da questo tratto.
Nel cap. 12 vedremo anche, a questo proposito, come le due eti-
mologie correnti di andare lat. ambulare o ambitare siano
assolutamente inaccettabili proprio per lostacolo rappresentato
dal centromeridionale ann, che postula senza alcun dubbio la
presenza di una /nd/ nellanteforma di andare.

4.1.4. In primo piano il tab: il tab linguistico e la sua impor-


tanza per letimologia

Come abbiamo visto nel precedente capitolo, il tab linguisti-


co un fenomeno di adattamento psicolinguistico a un contesto
extralinguistico (o adattamento extrasistemico). un fenomeno
linguistico molto importante, sia per il suo valore culturale che per
il suo ruolo nelletimologia. Scoperto non da linguisti ma dal gran-
de etnologo inglese James George Frazer, che vi ha dedicato un in-
tero libro Taboo and the Perils of the Soul dei 13 del suo clas-
sico The Golden Bough. A Study in Magic and Religio (FRAZER
(19061915), il suo studio fu poi continuato e approfondito anche
da molti linguisti: ZELENIN (19291930/19881989), RIEGLER
(1933, 19361937/1981), BONFANTE (1936), HAVERS (1946), EME-
NEAU (1948), SMALLSTOCKI (1950), TREIMER (19541955), HE-
GEDS (1958), RUUD (1960), LEACH (1964), MANSUR GURIOS
4 Principali sviluppi delletimologia tradizionale 253

(1976), BAMBECK (1984), ALINEI (1986, 1988a, 1993, etc.), e LA-


NAIA (2003). Lo studio classico pi ricco ed esauriente, e tuttora
insuperato sia per la vastit dellarea presa in esame che per la do-
cumentazione linguistica e antropologica, certamente quello di
Zelenin sul tab linguistico in Europa orientale e Asia settentrio-
nale, tradotto in italiano e pubblicato in tre parti (per un totale di
404 pagine) in Quaderni di Semantica (cfr. ZELENIN 19291930/
19881989 [ Antologia critica, 6].
Gli aspetti della vita e della natura soggetti a tab sono quelli
per i quali gli esseri umani hanno un sentimento ambivalente, che
si potrebbe denire a livello di psicologia dellinconscio di
sacro terrore, e in cui si mescolano quindi timore, terrore, ri-
pulsa, ma anche attrazione e attenzione. Questi aspetti della vita
e della natura sono attualmente soprattutto la religione, il sesso,
la morte, le invalidit, i cicli siologici, ma nel corso dellevolu-
zione culturale tutti i principali aspetti delluniverso e della vita
sono rientrati nellambito magicoreligioso (ne vedremo alcuni
esempi in questo e nei capitoli seguenti), e quindi tabuizzati. Fra
questi oggetti di tab pi arcaici e pi rilevanti per la ricerca sto-
ricolinguistica spiccano gli animali (e di conseguenza la cac-
cia/pesca), con il relativo totemismo, le piante, i fenomeni atmo-
sferici, gli aspetti orridi o misteriosi della natura, quelli magi-
coreligiosi e le parentele.
I fenomeni linguistici legati al tab di maggiore importanza per
la linguistica, e in particolare per letimologia sono: (i) la proibi-
zione di menzionare il nome vero, tabuizzato; (ii) la sua sostitu-
zione con un tabuismo, detto dagli antropologi parola noa e, nel-
la vita quotidiana delle culture occidentali, eufemismo; (iii) il ca-
rattere ciclico della sostituzione, nel senso che anche il tabuismo
pu a un certo punto venire tabuizzato e sostituito con un altro, e
cos via; (iv) le svariate modalit di sostituzione del nome tabuiz-
zato, che passeremo in rassegna fra poco.
Abbiamo gi visto, nel capitolo precedente, come la tipologia
tabuistica si lasci suddividere in tre sottogruppi: tabuismi sosti-
tutivi, fonetici e iconimici. Ora amplieremo questa tipologia, in
particolare il sottogruppo sostitutivo, e illustreremo pi in detta-
254 Lorigine delle parole

glio questo fondamentale aspetto del lessico e del linguaggio, ap-


profondendo gli aspetti relativi alle forme pi arcaiche e interes-
santi di tab: quelle relative agli animali cacciati.

4.1.4.1. Animali tabuizzati e tipologia dei loro nomi noa

La casistica pi studiata, fra tutte quelle che riguardano il tab


linguistico, quella degli animali, il cui nome vero, n dalla re-
mota antichit, si presenta sostituito da nomi noa.
Il caso pi noto forse quello dellorso, che abbiamo sintetiz-
zato nella Tabella 4.1. Come si vede, il nome indoeuropeo comu-
ne quello che si preserva ancora nel lat. ursus (da cui it. orso) e
nel gr. rktoj. In molti altri gruppi linguistici indoeuropei, come
il germanico, lo slavo, il baltico e il celtico, abbiamo invece un e-
vidente nome noa, basato su una sua caratteristica sica ({colore
bruno}, {peloso}), una sua azione tipica ({mangia il miele}), un
animale opposto ({vitello}), un ipocoristico ({buon vitello}).
La casistica dei nomi dati agli animali tabuizzati quella me-
glio studiata, sia per la loro rilevanza nella ricostruzione delle fa-
si pi antiche di un gruppo linguistico, sia perch la documenta-
zione dialettale ed etnograca estremamente ricca: si pensi ai
tab di caccia e pesca in uso non solo nelle societ tradizionali ma
anche in quelle avanzate. Nella Tabella 4.2 sono elencate le prin-
cipali categorie di zoonimi noa di tipo sostitutivo.
Come si vede, questa ricca casistica permette di attribuire al
tab linguistico molti nomi di animali a noi estremamente noti,
ma che senza questa documentazione non avremmo mai conside-
rato come tabuismi (e tanto meno come eufemismi): per esem-
pio barbagianni (zio Gianni), pettirosso, capinera, cutrettola (<
lat. cauda trepida + dim. ula), millepiedi, biscia (da lat. bestia),
scoiattolo (di origine greca: che si fa ombra con la coda), serpe
e serpente (strisciante, da lat. serpere strisciare), cavalletta da
cavallo, e cos via. Di fatto, questo signica che la maggior par-
te degli zoonimi popolari appartiene a questa categoria.
Due ottimi esempi di ricerca zoonimica basata sullantico ruo-
lo magicoreligioso dellanimale e su questa tipologia iconoma-
4 Principali sviluppi delletimologia tradizionale 255

Tabella 4.1 Il nome vero e i nomi sostitutivi dellorso

Nome IE comune dellorso: *rkos; cfr. lat. ursus, gr. rktj, etc.

Nomi sostitutivi (noa) dellorso, dopo la tabuizzazione di quello vero:
germanico: bruno: aisl. bjorn, aisl. bjrn, sved. bjrn, as. bera, ingl. bear, aat.
bero, ted. br, ol. beer, etc.;
slavo: mangiatore di miele: asl. medvd, russ. medvd, ucr. mdvid, bulg.
medved, scr. mdvjed, slovn. mdved, cec. medvd, pol. niedwied,
etc.;
baltico: prob. peloso: lit. lokys, lett. lcis, apruss. clokis;
celtico: buon vitello: airl. mathgamain, irl. mathghamhain (da maith buono
e gamain vitello)

Tabella 4.2 Tipologia iconimica degli zoonimi noa SOSTITUTIVI di quello ta-
buizzato

Esprimenti interdizione {innominabile}, {senza nome}, etc.

Offensivi o negativi {brutto}, {sporco}, {marcio}, {mostro}, {disgrazia},


{sfortuna}, {diavolo}, etc.

Ipocoristici {bello}, {caro}, {carino}, {dolce}, {piede doro}, etc.

Nomi di parenti {zio a}, {nonno a}, {avo a}, {mamma}, {padre},
{fratello/sorella}, {cugino a}, etc.

Termini generici della tasso- {bestia}, {animale}, {uccello}, {insetto}, {verme}, etc.
nomia animale

Generalizzazioni massimali {lui}, {lei}, {essere}, {essere vivente}, {abitante}, {co-


sa}, etc.

Nomi di animali opposti categoria domestica anzich selvatica o viceversa, pic-


colo anzich grande o viceversa, animali molto dissi-
mili, etc.

Iconimi basati su qualche ca- HABITAT: {che vive nei cespugli}, {nel bosco}, {nelle
ratteristica dellanimale: ha- grotte}, etc.
bitat, comportamento, tratti COMPORTAMENTO: {che mangia il miele}, {che salta},
fisici {che corre}, {che vola}, {che nuota}, etc.
TRATTI FISICI:
{rosso}, {bruno}, {grande}, {testa nera},
{petto rosso}, {coda lunga}, {coda che trema},
{piede grigio}, etc.
256 Lorigine delle parole

stica, e applicata al dominio dialettale italiano, sono quella del


compianto Giovanni Moretti (MORETTI 1997) sui nomi dello svas-
so maggiore, luccello fatato, e quella di Alo Lanaia (LANAIA
2003) sui nomi della mantide religiosa.

4.1.4.2. Il carattere ciclico del tab linguistico e loccultamento


semantico continuato

Laspetto ciclico del tab linguistico molto importante per


la soluzione di problemi etimologici che spesso insorgono in
questo contesto. Nei dialetti pi conservativi del Vietnam, per e-
sempio, stato scoperto che il nome tabuizzato dellanimale
(tab che vige non solo durante la caccia, ma anche durante la
cottura, il pasto, etc.) viene prima sostituito con un nome paren-
telare ({zio}, {nonno} e simili), seguito da un altro elemento
(proprio come avviene nei dialetti italiani ed europei) poi, quan-
do anche questo nomignolo non viene pi sentito come noa so-
stitutivo, ma come nome reale dellanimale, viene a sua volta
sostituito con una variante deformata del nome parentelare e del-
lelemento successivo (ALINEI 1993). Di conseguenza, molti no-
mi di animali in questi dialetti niscono con assomigliarsi tutti,
perch cominciano sempre con la stessa sillaba.
Questo processo ciclico di sostituzione e deformazione di ori-
gine tabuistica degli zoonimi parentelari di origine totemica in-
teressante soprattutto perch mette in luce il ruolo tabuistico
(noa) degli stessi zoonimi parentelari, non pi osservabile in
modo diretto nei dialetti italiani ed europei.
Questo infatti proprio quello che devessere successo a nu-
merosi zoonimi dialettali, italiani e non, che si assomigliano senza
che sia possibile analizzarli e riportarli a una base comune secon-
do i canoni della grammatica storica. Jean Philippe Dalbera ha mo-
strato in alcune ottime analisi il tortuoso percorso di molti zooni-
mi, passati attraverso diverse fasi di demotivazione e rimotivazio-
ne (cfr. per es. DALBERA 1997ab). In Sardegna, i numerosi zoonimi
che iniziano con ti/i/tsi, che sono di solito considerati prelatini,
sono stati invece ricondotti da BLASCO FERRER (2001), sulla scorta
4 Principali sviluppi delletimologia tradizionale 257

di una nostra ipotesi concernente il tipo ti/i/tsilikerta, interpreta-


to come zia lucertola (ALINEI 1984a), al nome locale dello zio
(che comincia appunto con ti/i/tsi), seguito da altro elemento.

4.1.5. In primo piano il signicato: semasiologia o geosemantica

Lo studio della distribuzione areale dei diversi sviluppi se-


mantici di una stessa forma, pur essendo stato intuito e in parte
realizzato dal gi citato Garbini (vd. sopra e cfr. GARBINI 1919
1925) [ Antologia critica, 3], e in seguito magistralmente il-
lustrato, per la prima volta in termini moderni, da uno dei mag-
giori romanisti del XX secolo, lo svizzero Karl Jaberg, non mai
veramente decollato, e non ha neppure ricevuto un termine spe-
cico. Il naturalista Garbini, infatti, formidabile raccoglitore dal-
le felici intuizioni, ma linguista dilettante, propone dei neologi-
smi (tema, eidonimo, carta dianemetica) che non avranno alcun
seguito; mentre Jaberg, meno ambizioso, si limita a parlare di a-
ree semantiche. Non che i risultati illustrati da Jaberg (cfr. JABERG
1936) [ Antologia critica, 7] non fossero importanti: al con-
trario, essi aprivano notevoli prospettive. La sua carta geoseman-
tica dei continuatori dialettali del lat. balteus [ Antologia criti-
ca, 7], per esempio, oltre ad avere un interesse metodologico in-
trinseco, si presterebbe anche a un interessante commento etru-
scologico, dato che il lessema latino Jaberg lo ignorava, o lo
tace di origine etrusca (ALINEI 2003d), e i suoi continuatori
sembrerebbero collegabili allespansione etrusca. Ma allinnova-
zione geosemantica di Jaberg nocque inevitabilmente il fatto che
essa si concentrava, anzich sugli aspetti formali, sulla semanti-
ca, disciplina allora troppo magmatica e priva di regole precise
per poter attrarre la maggioranza dei linguisti storici.

4.1.5.1. Dalla geolinguistica alla linguistica storica: la densit


morfosemantica

Nel 1965, al secondo International Congress of Dialectology,


tenuto a Marburgo, chi scrive present una comunicazione su un
258 Lorigine delle parole

nuovo metodo etimologico di tipo geolinguistico, che chiam del-


la densit semantica (ALINEI 1967, 1971, 1974b), e che conti-
nuava e sviluppava linnovazione di Jaberg. Questo metodo, poi
designato, pi precisamente, densit morfosemantica, molto
semplice e si lascia illustrare con un esempio banale: si conside-
rino le due parole internazionali lm e scanner, e si immagini che
le loro origini inglesi non ci siano note. Anche cos sarebbe e-
gualmente possibile identicare la loro provenienza, e sulla base
di elementari considerazioni linguistiche: solo in area inglese la
parola lm ha infatti una maggiore densit semantica, nel senso
che solo qui la parola ha un antesemema, di signicato pi gene-
rale, che quello di strato sottile, che diventa liconimo del si-
gnicato di pellicola fotograca o cinematograca, diffuso o-
vunque, come anglismo. Analogamente, in area inglese anche
scanner ha una maggiore densit morfosemantica, dato che solo
in area inglese esiste un verbo scan, il cui signicato generale
esplorare, scorrere da un capo allaltro, esaminare in dettaglio
tutte le parti di qualcosa in ordine sistematico permette di
spiegare il signicato specico della macchina, oltre a un sufs-
so er che indica lagente anche meccanico, come anche in bull-
dozer, typewriter, printer, computer e molti altri. Riassumendo:
poich la pi alta densit morfosemantica dei lessemi internazio-
nali lm e scanner in area inglese, quella devessere anche la-
rea della loro provenienza. Qualunque esocorismo, non importa
se internazionale o limitato a una sola area, esaminato con questo
metodo, produce lo stesso risultato: solo nellarea encorica il les-
sema ha un antesemema, mentre nellarea di espansione ha solo
il signicato recente.
Nonostante la sua semplicit e la sua produttivit (vd. oltre), an-
che questo metodo non ha avuto un importante seguito, probabil-
mente per la ragione gi illustrata, e cio che anche in epoca recente
la semantica ha continuato a essere, per la linguistica storica, piut-
tosto un deterrente che unispirazione. Nellesempio che segue mi-
sureremo la produttivit di questo metodo sul banco di prova di un
noto problema etimologico, e per di pi su di uno che si presta an-
che a essere studiato alla luce del metodo parole e cose.
4 Principali sviluppi delletimologia tradizionale 259

LETIMOLOGIA DI LAT. ROTA E AFFINI IE. Lesempio riguarda uno


dei due nomi indoeuropei della ruota (IEW: 866, BUCK 1949:
10.76): quello che si pu chiamare, dal suo rappresentante latino,
il tipo rota, e che comprende, oltre al lat. rota e ai suoi afni neo-
latini (it. ruota, fr. roue, sp. rueda, rum. roat, etc.), ted. Rad, ned.
rad; lit. rtas m. ruota, cerchio (pl. rtai carro, veicolo), lett.
rats (pl. rati veicolo) (> nl. ratas ruota); irl. roth (m.), galls.
rhod (f.), bret. rod, gall. Rotomagus (Rouen); aind. rtha (m.)
carro da battaglia, av. raa idem. Laltro che non studiamo
qui invece il tipo kklos, dal suo rappresentate greco: forma
semplice apruss. kelan, aslav. kolo (pl. kola carri), scr. e cec. ko-
lo, pol. koo, russ. koleso; forma raddoppiata: aind. cakra ruota
di carro, disco, cerchio, av. axra ruota, gr. kkloj cerchio,
aisl. hjl, hvl, asass. hwol, ingl. wheel, mned. wl, ned. wiel, fris.
al, dan. e sved. hjul; toc. A kukl, toc. B kokale carro).
Anzitutto, perch due nomi per lo stesso oggetto? Prima HEY-
NE (1901), e molto pi tardi anche WEIJNEN (1974), hanno for-
mulato unipotesi interessante: quella secondo cui il tipo kkloj
sarebbe il nome pi antico, che designava la ruota primitiva, so-
lida e a disco, e rota il tipo di ruota pi moderno, raggiato. I due
nomi corrisponderebbero quindi a due tecnologie della ruota
completamente diverse, e di conseguenza a due diversi periodi
della preistoria. Ovviamente questa tesi ha unimportante impli-
cazione storica: dato che la nuova invenzione della ruota rag-
giata (CHILDE 1954: 214) databile a hardly before the begin-
ning of the second millennium BC in Western Asia or Europe
(PIGGOTT 1983: 27, cfr. MALLORY 1989: 127), allora impossibi-
le che la famiglia di rota appartenga al lessico comune IE, come
vorrebbe Pokorny e come vuole tuttora lopinione corrente. Piut-
tosto, il tipo rota sar uninnovazione locale, estesa poi in una pi
vasta area come esocorismo. Heyne proponeva unorigine celti-
ca, ma sulla base delle conoscenze ormai obsolete dellinizio del
secolo XX. Weijnen ipotizza anche lui unorigine celtica, ma sen-
za argomentazione.
Due osservazioni preliminari si impongono: (A) la parola in-
doiranica (aind. rtha, av. raa) per carro da battaglia usato
260 Lorigine delle parole

dai condottieri e dal loro entourage di guerrieri aristocratici, ol-


tre che di veicolo rituale (PIGGOTT 1992: 56), implica una co-
struzione leggera, trainata da cavalli, e quindi ruote raggiate; (B)
anche lo sviluppo semantico da aat. rad ruota ad aat. rado, rato
velocemente, e ad aisl. roull raggiera, sole, conferma che il
tipo rota signicava ruota raggiata di un veicolo veloce. Si ri-
cordi anche, per il primo sviluppo, che la ruota raggiata veniva
spesso associata al culto del sole, e che nelle lingue neolatine il
nome del raggio, dal lat. radius, lo stesso del raggio della ruo-
ta (ALINEI 1974b).
Per venire ora al problema etimologico vero e proprio di rota
e afni, vediamo come la coscienza del ruolo delliconimo nella
genesi, anche geograca, della parola, oltre che un maggior rigo-
re teorico nellaffrontare i problemi di metodo delletimologia,
possono contribuire in modo determinante alla sua soluzione (A-
LINEI 1974b, 1996a, 261262, 1996b, 2004).
POKORNY (IEW: 867) deriva IE *roto ruota da una radice IE
ricostruita *ret(h) correre, rotolare, sebbene questo verbo ap-
paia soltanto, in realt, nelle lingue celtiche e in quelle baltiche:
airl. rethim corro, irl. rithim idem, galls redheg, bret. redek
correre; lit. rit, rsti rotolare. Weijnen segue Pokorny (IEW).
Gli specialisti di lingue baltiche, tuttavia, hanno escluso il colle-
gamento baltico: FRAENKEL (19621965: 703, s. v. rtas; 730, s. v.
riesti), infatti, dopo avere elencato la documentazione baltica, af-
ferma che Die wrter haben nichts mit lit. riesti aufbiegen, ho-
chwlben, zusammen, aufrollen, rsti rollen, wlzen zu tun.
E, pi precisamente, s. v. riesti: Die Wrter sind wegen des Voka-
lismus von der Sippe von lit. rtas Rad zu trennen []. Sowohl
W[alde]H[offmann] 2 244 [corrige: 444 M.A.] als auch
Pokorny [] ist diese Tatsache entgangen. Liconimo {corre-
re} di rota e afni appare dunque solo in area celtica: solo qui, at-
traverso le regole della grammatica storica celtica, avvenuto il
mutamento semantico da correre a ruota. Applicando il prin-
cipio della densit morfosemantica, si potrebbe quindi gi con-
cludere che la famiglia di rota, che solo in area celtica appare con
due signicati, provenga dallarea celtica. Ma la densit morfo-
4 Principali sviluppi delletimologia tradizionale 261

semantica del verbo celtico per correre non si limita al collega-


mento con ruota. Vediamola in tutta la sua ampiezza.

(1) Il celtico mostra uneccezionale variet di composti basa-


ti sul verbo airl. reth correre e i pressi ad, air,
toair, com, di, fordi, toimbdi, fotoimbdi,
toetar, comtoetar, fo, iarmfo, toiarmfo, imb,
ind, airind, toairind, toind, diod, fordiod
(PEDERSEN 19091913: 797).
(2) Dallo stesso verbo si formano anche sufssi, di valore
collettivo o astratto: come in mgalls. rhawd corsa, cor-
so, gaeafrawd inverno, mirl. gemrad idem, mgalls.
bedrawd, galls. beddrod, mbret. bezret, bret. bered
cimitero (galls. bedd tomba); galls. brithred grovi-
glio, confusione, mirl. brechtrad variet, mirl. aig
red ghiaccio, etc. (PEDERSEN 19091913: 396, POKOR-
NY IEW: 867).
(3) Dallo stesso verbo, come sappiamo, derivano le parole
celtiche per ruota: irl. roth, galls. rhod, bret. rod.

La maggiore densit morfosemantica per il celtico quindi


schiacciante: solo in celtico esiste il rapporto verbo ~ nome, so-
lo in celtico ci sono sviluppi semantici verso lastratto, e addirit-
tura forme di sufssazione, che ovviamente implicano grande
profondit cronologica. Mentre le parole celtiche per ruota ri-
sultano essere uno dei molti sviluppi del verbo celtico reth per
correre, a sua volta, come abbiamo visto, molto ricco di colle-
gamenti morfosemantici, nelle altre lingue IE dove la parola at-
testata essa data, e non mostra alcuna connessione. vero che
alcune lingue IE mostrano sviluppi morfosemantici derivati dal-
la parola per ruota, ma queste sono derivazioni posteriori alla
sua introduzione, e non anteriori, come nel celtico. In latino, per
esempio, laggettivo rotundus rotondo un evidente e com-
prensibile sviluppo da rota ruota, e anche in germanico ted.
rasch veloce, velocemente, gerade diritto, da aat. rado, rato
velocemente, e il gi menzionato aisl. roull raggiera, sole,
262 Lorigine delle parole

provano che il tipo Rad indicava una ruota gi esistente, veloce


e raggiata.
Se ora passiamo allanalisi della cosa e della sua preistoria,
dobbiamo anzitutto ricordare che una ruota raggiata, ancora og-
gi, come nella preistoria, si compone dei seguenti componenti:
(1) il mozzo centrale, su cui sono afssi tutti i raggi; (2) i raggi
stessi; (3) i quarti della ruota, cio le sue quattro parti ricurve, in-
castrate fra loro, su cui si ssano le altre estremit dei raggi; (4)
il cerchio o cerchione della ruota, applicato sui quattro quarti.
Vediamo ora levidenza lologica e archeologica.

(1) In latino, lintera terminologia dei veicoli da trasporto


celtica: benna, cant(h)us, carpentum, carrus, carrago, car-
racutium, carruca, cisium, colisatum, covinnus, essedum,
petorritum, pilentum, ploxenum, raeda. Non ci sarebbe al-
cuna difcolt ad aggiungere allelenco anche il nome del-
la ruota rota. La documentazione latina, in effetti, dimostra
in modo irrefutabile lesistenza di un primato celtico nella
tecnologia dei carri.
(2) Per gli scrittori latini, i pi famosi costruttori di ruote raggiate
erano i Celti (JOPE 1956), e la loro fama era soprattutto do-
vuta alla loro capacit di creare ruote raggiate con quarti di
un singolo pezzo di legno curvato col calore (CHILDE 1954).
(3) La documentazione archeologica conferma che i quarti di
ruota fabbricati con un solo pezzo di legno curvato a ca-
lore erano caratteristici dellEt del Ferro celtica (La T-
ne) (PIGGOTT 1983: 27), come mostrano le stupende ruo-
te sepolte nei sepolcri dei capi celtici che possiamo am-
mirare nei musei. Prima di quel periodo la forma standard
della ruota era con a felloe in which the segments [we]re
dowelled one to another, each carrying two spokes (ibi-
dem). Lesemplare pi antico di questo tipo datato al
secondo millennio, e proviene da un sito in Germania,
Barnstorf (Oldenburg) (PIGGOTT 1983: 27, 168).
(4) Lat. cant(h)us quarto, cerchione della ruota, conside-
rato un celtismo, confrontabile a galls. cant rim of the
4 Principali sviluppi delletimologia tradizionale 263

wheel, tyre, e bret. kant rim of the sieve (DELL). La pa-


rola latina si continua nel fr. jante e nelle varianti gal-
loromanze e occitane, incrociate con jambe (FEW, sen-
za buoni motivi, ipotizza cambita come la forma origina-
le incrociata con canthus), sp. (Sanabria) cantrelas, port.
dial. cantella, cantelras, cantelas idem (FEW). Queste
ultime forme sono confrontabili a galls. cantel e cantell
a rim (PEDERSEN 19091913: 397), it. canto rim of the
wheel, nord it. (Bormio) kant idem, pugliese ianta i-
dem (< GalloRom.).
(5) Le saghe eroiche anticoirlandesi del Ciclo di Ulster, che
formano lo strato pi antico della letteratura irlandese, so-
no imperniate sul tema epico del Tin B Cuailnge, il
CattleRaid of Cooley, che stato chiamato lIliade
celtica (HARBISON 1988: 166). La guerra, in queste saghe
eroiche, naturalmente il tema dominante, e uno dei suoi
motivi ricorrenti il carro da battaglia chiamato carpat,
dal celtico carpanto carbanto, cio la stessa parola da
cui proviene il lat. carpentum (PIGGOTT 1983: 236237).

Riassumendo, tutto questo porta a confermare il primato cel-


tico nella tecnologia dei carri in generale, e una specica origine
celtica del nuovo, o migliorato, tipo di ruote raggiate, caratteriz-
zate da quarti in legno ricurvo, con la sua diffusione, assieme al
suo nome celtico roth, nellarea latina, germanica e oltre. La dif-
fusione verso oriente di questo nome, che come sappiamo rag-
giunge la Persia e lIndia, pu essere interpretata come unantici-
pazione in chiave pacica delle ondate di conquista celtiche del-
lepoca protostorica, che si estesero no allAnatolia.
Dal punto di vista della storia culturale, insomma, la tesi di
unorigine celtica della famiglia di rota sembra contribuire in mo-
do originale a creare un quadro pi realistico della formazione del
potere celtico, quale si manifesta in maniera nora inesplica-
ta perch troppo improvvisa nelle conquiste celtiche della pro-
tostoria. Potere che poggerebbe su una chiara supremazia celtica
nella tecnologia dei carri, oltre che nellequitazione militare.
264 Lorigine delle parole

4.1.6. In primo piano la preistoria: la paleontologia linguistica

La paleontologia linguistica (di cui parleremo pi a lungo nei


capitoli 1011, dedicati al problema della datazione e della pe-
riodizzazione lessicale nel quadro dellarcheologia etimologica)
il metodo che lindoeuropeistica ha proposto, n dalle sue ori-
gini, per la datazione delle forme ricostruite dellIE comune o
PIE. Questo metodo si basava sulla combinazione di due intui-
zioni, in s felicissime, ma purtroppo condizionate e viziate dal
contesto in cui vennero elaborate:

(I) le radici ricostruite mediante il metodo comparativo e at-


tribuite al lessico del PIE dovevano ovviamente precede-
re la differenziazione (diaspora) degli IndoEuropei e
quindi risalire alla preistoria;
(II) i nomi delle diverse innovazioni tecnologiche della prei-
storia che mostrano etimi diversi nelle diverse aree IE po-
tevano invece essere datati a questo o a quel periodo della
preistoria a seconda del loro signicato tecnologico: se per
esempio le parole IE per ferro erano diverse nei diversi
gruppi linguistici, ci signicava che nellEt del Ferro gli
IE dovevano essere gi separati; se anche le parole per
bronzo erano diverse, gli IE dovevano esserlo anche nel-
lEt del Bronzo; se al contrario le parole per rame
sembravano (ma non era vero) appartenere al PIE, esse di-
mostravano che nellEt del Rame gli IE dovevano essere
ancora uniti. E lo stesso sembrava valere (ma non era vero)
anche per alcune parole designanti tipiche attivit agropa-
storali; errore che determin la tesi che nel Neolitico, quan-
do nacque lagropastorizia, gli IE erano ancora uniti.

Come vedremo nel cap. 10, lerrore principale di questo ra-


gionamento, in s impeccabile, fu nella sua mancata verica cri-
tica, sia qualitativa che quantitativa. Dal punto di vista del meto-
do, che in questo capitolo il solo aspetto che ci interessa sotto-
lineare, la paleontologia linguistica mostr tuttavia sia pure in-
4 Principali sviluppi delletimologia tradizionale 265

direttamente e senza alcuna elaborazione teorica come dai si-


gnicati si poteva risalire rispettando rigorose restrizioni al-
la datazione dei signicanti, creando cos la base per una loro pi
completa storicizzazione.

4.2. Conclusione

Come si vede, i grandi sviluppi e le principali innovazioni del-


la ricerca etimologica hanno un carattere in comune: quello di met-
tere in primo piano aspetti non formali della ricerca etimologica,
accanto a quelli strettamente formali (fonetici e morfologici) che
ne avevano costituito il fondamento e che avevano gi ricevuto tut-
ta lattenzione che essi meritano. Ovviamente questo ampliamen-
to non mirava a contestare, modicare o attenuare il ruolo strate-
gico della forma nella ricerca etimologica, ma semplicemente ad
aggiungere, a quelli gi noti, altri indirizzi e altre prospettive, che
non solo erano importanti in s, ma che potevano anche contri-
buire a una migliore valutazione degli stessi aspetti formali.
Non sempre la ricerca etimologica, tuttavia, ha tenuto conto di
questi nuovi contributi, che pure avevano enormemente ingrandito
gli orizzonti delletimologia, e ha quindi spesso trascurato, alterna-
tivamente, gli aspetti della cosa, o la possibilit di collocare la pa-
rola studiata in un pi preciso contesto geograco, o quella di ve-
derla come un riesso di deformazione tabuistica, o il confronto o-
nomasiologico con altre designazioni per la stessa nozione, e cos
via. Ma a parte queste mancanze, le cui conseguenze naturalmente
non sono trascurabili, e dipendono in primo luogo dal valore del-
letimologo, il principale limite della ricerca etimologica tradizio-
nale stato quello, ormai pi volte notato, di non avere dedicato
sufciente attenzione allelaborazione teorica del proprio lavoro, in
primo luogo per lepistemologia della ricerca stessa, cio per una
denizione rigorosa dei propri obiettivi e per il valore scientico
delle conoscenze che di fatto essa poteva raggiungere; e in secon-
do per lo studio sistematico dellaspetto semantico della parola. Ed
questa problematica che affronteremo nei prossimi capitoli.
5. ETIMI CERTI ED ETIMI INCERTI: UNA DISTINZIONE FONDAMENTALE
PER LEPISTEMOLOGIA DELLA RICERCA ETIMOLOGICA

5.1. Il bilancio negativo delletimologia tradizionale

La ragione per cui la ricerca etimologica non ha mai saputo


conquistarsi un posto importante, n nella linguistica moderna n
nelle scienze storiche in generale, sta nellerrata impressione che
gli specialisti hanno dato delletimologia naturalmente senza
volerlo al di fuori del loro ambiente. Anzich presentare la ri-
cerca etimologica come la documentazione fondante della fo-
netica storica di qualunque lingua, e quindi come una disciplina
che poteva vantare risultati seri e afdabili; e concentrando inve-
ce la propria attenzione su quella che chiameremo di qui in poi E-
TIMOLOGIA DI FRONTIERA [ Glossario], cio su problemi con-
troversi, spesso insolubili, e sulle sterili polemiche che spesso ne
conseguivano, gli etimologi hanno nito, senza volerlo, con lat-
tribuire alletimologia il carattere di una disciplina pseudoscien-
tica del tutto priva di metodi vericabili. Non a caso rimasta
attuale, nonostante il passare dei secoli, la lapidaria denizione
che delletimologia aveva dato Voltaire: une science o les
voyelles ne sont rien et les consonnes fort peu de chose. Deni-
zione che fra laltro, non menzionando neanche il signicato
della parola, denunciava anche la principale lacuna delletimolo-
gia tradizionale.
Da questa scelta di fondo riteniamo sia anche nato, e si sia poi
affermato come il modo pi comune di fare etimologia, quel tipo
di ricerca che potremmo chiamare etimologia enigmistica [

267
268 Lorigine delle parole

Glossario, ENIGMISTICA, ETIMOLOGIA]: basato, cio, sulla mera


ricerca di forme foneticamente simili tratte da qualunque lingua
o dialetto, antico o moderno, talvolta senza neanche unadeguata
attenzione per le regole della fonetica storica, e soprattutto senza
alcuna attenzione per la cosa e/o per lidenticazione delle cau-
se esterne del mutamento (che sono, come sappiamo, lo sviluppo
culturale e i contatti linguemici) e la conseguente ricostruzione
del contesto storicoculturale dellinnovazione. Ci soffermeremo
sullesemplicazione e sulla critica di questo tipo di etimologia
nel cap. 12.
La principale omissione degli etimologi stata, in effetti, pro-
prio quella di trascurare sul piano teorico, metodologico e do-
cumentario limmenso patrimonio di conoscenze sicure rive-
lato dalletimologia, e di non aver quindi istituito e reso esplicita
una distinzione netta, e di natura elementare, fra etimi assoluta-
mente incontrovertibili la maggioranza del lessico delle lingue
occidentali ed etimi controversi e incerti, per i quali, effettiva-
mente, non solo le vocali e le consonanti ma anche i principi teo-
rici e di metodo contano poco o niente.
Occorre insistere, inoltre, sul fatto che la richiesta di una tale
distinzione non determinata da unesigenza puramente classi-
catoria per altro legittima, ma che di fatto non cambierebbe
molto la sostanza delle cose , quanto da una necessit episte-
mologica, dato che dalla distinzione scaturiscono necessaria-
mente, come vedremo, una nuova valutazione del reale valore
delle conoscenze scientiche raggiunte dalletimologia, e di con-
seguenza anche una nuova impostazione della ricerca etimologi-
ca e la prospettiva di un suo nuovo ruolo fra le scienze storiche
vere e proprie. Da questa distinzione, infatti, ne nasce unaltra,
pi importante perch di tipo pi direttamente metodologico:
quella fra indagine su un etimo controverso, di tipo congettura-
le, e quindi inadeguata a formare le basi di una ricerca pienamente
storica anche se proprio questa, purtroppo, che stata scam-
biata per lessenza della ricerca etimologica , e studio illustra-
tivo e documentario di un etimo certo, di tipo storiograco, e
pertanto a pieno titolo parte integrante delle scienze storiche.
5 Etimi certi ed etimi incerti: una distinzione fondamentale 269

Se vogliamo che letimologia realizzi limpareggiabile poten-


ziale che contiene in s, occorre quindi che elaboriamo la dupli-
ce distinzione che abbiamo fatto qui sopra.

5.2. Cosa vuol dire etimi certi? Una prima risposta empirica

Prima di affrontare la questione basilare su come si possano


distinguere gli etimi certi da quelli incerti forse opportuno as-
sicurarci che le certezze di cui parliamo siano reali e remunerati-
ve come le abbiamo prospettate. E per farlo prenderemo in esa-
me un primo esempio tipico: i nomi italiani dei giorni della setti-
mana: luned, marted, mercoled, gioved, venerd, sabato e do-
menica.

5.2.1. Il valore storicoculturale delletimo dei giorni della setti-


mana

Quando apprendiamo che i primi cinque di questi nomi (e


quelli corrispondenti di molte altre lingue neolatine) derivano ri-
spettivamente dal lat. Lunae dies giorno della Luna, Martis dies
giorno di Marte, Mercurii dies giorno di Mercurio, Iovis dies
giorno di Giove, e Veneris dies giorno di Venere, e quindi so-
no legati al culto precristiano della Luna, di Marte, di Mercu-
rio, di Giove e di Venere, ci che ci sorprende e ci interessa non
tanto il fatto che attraverso elementari regole di fonetica storica
abbiamo identicato letimo di questi cinque nomi, quanto quel-
lo che con esso possiamo contribuire con argomenti originali
e assolutamente probanti alla ricostruzione di un importante
capitolo della storia della religione e del culto precristiano.
Allo stesso modo, analizzando etimologicamente sabato e do-
menica, e riscoprendo, sotto il primo, il nome della festa religio-
sa ebraica del Shabbath, e sotto il secondo il lat. tardo Dominica
dies, cio giorno del Signore (cristianamente inteso), in primo
piano appare il fatto che letimologia in grado di fornire prove
originali e sicure dellimponente fenomeno del processo di cri-
270 Lorigine delle parole

stianizzazione dellantica societ classica, precristiana, con cui


ovunque possibile il Cristianesimo si sovrapposto alla religione
precedente, in molti casi senza riuscire a farne scomparire le trac-
ce, in altri sostituendosi completamente a essa. E se inne ci do-
mandiamo quali fossero i nomi precristiani che sabato e dome-
nica hanno sostituito, sottraendoli per sempre al nostro uso e al-
la nostra conoscenza, ci ci pu essere rivelato con altrettanta cer-
tezza dalla ricerca etimologica delle lingue germaniche, nelle
quali gli iconimi di questi due nomi {Saturno} e {sole} so-
no stati introdotti da Roma e tradotti (come calchi iconimici) nel-
la lingua encorica, probabilmente per il pi tardo arrivo del Cri-
stianesimo in quelle aree: ingl. Saturday e ned. zaterdag sabato,
e ingl. Sunday, ned. zondag, ted. Sonntag. Questi nomi si lascia-
no facilmente analizzare etimologicamente come giorno (day,
dag, tag) di Saturno e giorno del Sole (sun, zon, Sonne). Per cui,
fra laltro, possiamo anche affermare con sicurezza che se in Ita-
lia il processo di cristianizzazione non ci fosse stato o non avesse
avuto successo neanche per questi due giorni festivi, i due nomi
latini per il sabato e la domenica, rispettivamente Saturni dies e
Solis dies, sarebbero probabilmente divenuti *satord (dove la u
tonica di Saturnus, in posizione protonica cio prima dellac-
cento davanti a dies, avrebbe presumibilmente seguito lo stes-
so sviluppo di quella di Mercurius in mercol(e)d, la cui /l/ do-
vuta a dissimilazione dalla /r/ precedente) e *sold, con la caduta
della vocale protonica (precedente laccento), come in venerd.
Nessuno storico della religione potrebbe fare a meno di utiliz-
zare, come parte integrante della propria argomentazione, questa
documentazione etimologica, e nessun uomo di cultura dovrebbe
ignorarla.
5 Etimi certi ed etimi incerti: una distinzione fondamentale 271

5.2.2. Il valore storicoculturale del rapporto etimologico fra lit.


Natale, fr. Nol, cat. nadal, galiz. nadal, occ. nadal, etc., co-
me nomi della festa cristiana, e il lat. Natalis solis come fe-
sta solstiziale

Altrettanto certo, e per alcuni aspetti ancora pi impressionan-


te di quello precedente, , per esempio, il passaggio dal Natalis So-
lis, o Natalis [Solis] Invicti Natale del Sole Invincibile(perch
muore ma rinasce sempre), nome latino della festa del 25 dicem-
bre, al nome neolatino pi diffuso del Natale cristiano, celebrato
nello stesso giorno come nascit di Ges. In Italia e in area neola-
tina questo nome e, in tutta Europa, innumerevoli altri nomi del
Natale cristiano, ci illuminano sui diversi aspetti di questa formi-
dabile trasformazione: dalle grandi feste del solstizio invernale
che occupavano lintero periodo precedente e successivo alla
morte e resurrezione del sole, e che in area celtica si celebrava-
no nei grandiosi monumenti megalitici del III millennio a. C., nel-
le cui aperture il sole penetra solo il 21 dicembre al gruppo di
feste che in Europa si concentrano fra il 5 dicembre del Sinterk-
laas (San Nicola) olandese, il 13 dicembre di Santa Lucia (nel
Trentino e in Scandinavia la dispensatrice di regali), il Natale stes-
so, Capodanno, e la Befana/Epifania del 6 gennaio. Storia che ab-
biamo raccontato altrove, alla luce dei numerosissimi nomi del
Natale in Europa (ALINEI 1997e); che coinvolge la scoperta, nel
Neolitico, dellimportanza del ciclo solare per lagricoltura, e il
sincretismo del Cristianesimo con i culti solari orientali, millenni
dopo, e che ci mostra come la cultura europea abbia radici fonda-
mentali nella preistoria.

5.2.3. Il valore storicoculturale del rapporto etimologico fra lat.


sidus stella e lat. desiderare, considerare; di lat. contem-
plare da lat. templum; di lat. auspicium da lat. avis spicium
osservazione degli uccelli

Con la stessa misura di certezza, e a livello altrettanto antico,


possiamo ricostruire altri importanti aspetti della religione latina
272 Lorigine delle parole

arcaica utilizzando questa volta, come punto di partenza, un in-


sieme di etimi certi di lessemi latini, il cui riesso, per di pi,
ancora presente in voci dotte dellitaliano e delle altre lingue neo-
latine.
Sappiamo in modo del tutto certo, per esempio, che lat. con-
siderare e desiderare, il cui signicato lo stesso degli omogra
italiani, derivano da lat. sidus, e quindi dalliconimo {stella}. Qui
dunque, davanti a questo etimoiconimo assolutamente certo,
siamo in grado di ricostruire con il maggior rigore possibile il
contesto rituale che ha portato dallosservazione magicoreligio-
sa degli astri componente fondamentale di qualunque religio-
ne neolitica, legata al ciclo stagionale allo sviluppo di una no-
zione astratta come considerare, e di un sentimento come desi-
derare. Qualcosa di simile appare anche nel rapporto fra lat. con-
templare e templum, dove al posto dellastro sidus c il {tem-
pio}. Poich, infatti, il lat. templum tempio un prestito dal gre-
co tmenoj tagliato > recinto sacro, da tmnw taglio, il suo
signicato originario, prima di diventare tempio come edicio
di culto, doveva essere ancora legato allo spazio sacro ritagliato
in cielo e in terra, indispensabile per le osservazioni del volo de-
gli uccelli e per i riti. Analogamente, il lat. auspicium auspicio,
che deriva da avisspicium osservazione del volo degli uccelli,
ricalca e conferma, pur nella differente attenzione al signicato
augurale del volo degli uccelli, lo sviluppo da sidus a desiderare
e da templum a contemplare. E, signicativamente, lo stesso vale
anche per due lessemi italiani, che pur non avendo riscontro nel la-
tino classico, hanno un etimo altrettanto certo, che si lascia collo-
care nello stesso ambito culturale (e quindi cronologico!) di ritua-
lit precristiana: disastro, ovviamente da *disastrum violazio-
ne di un auspicio astrale, e il gi menzionato sciagura, da exau-
guria cattivi auspici, violazione di auspici.
Ecco dunque come dalletimologia delle parole possiamo ri-
cavare conoscenze precise, concrete e dettagliate, di straordinario
valore per la ricostruzione di capitoli fondamentali della nostra
storia antica e della nostra preistoria anche ideologica.
5 Etimi certi ed etimi incerti: una distinzione fondamentale 273

5.2.4. Il valore storicoculturale delletimo di termini latini e ita-


liani derivati da antiche tecniche neolitiche

N deve credersi che questa trasparenza di rapporti etimologi-


ci cos ricchi di interesse storicoculturale sia limitata al mondo
magicoreligioso. Anche in ambito materiale e tecnico, la docu-
mentazione ancora pi ricca e se possibile ancora pi im-
portante, come vedremo anche meglio nei prossimi capitoli. Qui
basti ricordare i rapporti assolutamente certi etimologicamen-
te fra un termine pastorale come lat. grex gregge, divenuto i-
conimo per nozioni astratte come egregius aggregare, congrega-
re, segregare, etc.; fra pes piede e pedica legame ai piedi per il
bestiame, divenuti iconimi, rispettivamente, per lat. e it. impedi-
re e per fr. empcher impedire; fra un termine agricolo come pu-
to potare, assunto come iconimo per puto supporre, stimare (e
poi computare, deputare, imputare, disputare, amputare); fra ter-
mini della tessitura come texo tesso e textus testo, contextus
contesto e praetextus pretesto; ordior ordire e exordium, pri-
mordia, etc.; fra termini della ceramica come ngo foggiare un
vaso e ctilis ttile e gura, congurare, transgurare, etc.
Tutti rapporti che con la loro trasparenza e la loro certezza ci
illuminano sullenorme importanza che le quattro fondamentali
innovazioni del Neolitico pastorizia, agricoltura, tessitura e ce-
ramica dovettero avere non solo per leconomia, come ovvio,
ma anche per lo sviluppo cognitivo e culturale, per lelaborazio-
ne concettuale, per i riessi psicologici di quella societ latina ar-
caica della quale siamo gli eredi diretti, e con il cui vocabolario
concettuale, nato dalle antiche tecnologie neolitiche, ancora oggi
ci esprimiamo.
Scrivere la storia di queste parole , di nuovo, ricostruire ca-
pitoli fondamentali dellevoluzione umana, oltre che della comu-
nit di parlanti di cui siamo gli eredi.
274 Lorigine delle parole

5.2.5. Il valore storicoculturale delle scoperte, anche fonetiche,


della ricerca etimologica

Un esempio di tipo diverso, ma di eguale valore, quello da-


to dalla possibilit di utilizzare le singole scoperte della gram-
matica storica.
Gi lAscoli, per esempio, dalla scoperta della f intervoca-
lica come indice di un sostrato italico nelle parlate italiane (cfr.
ASCOLI 18861888) [ Antologia critica, 2], poteva arguire
a livello storicoculturale (ma non senza importanti implicazioni
sociali) che questo lone sembrava rivelare la presenza di
unimportante componente rustica nella formazione della nostra
lingua e della nostra societ: parole come lat. scrofa, it. bufalo, ta-
fano, scarafaggio, bifolco, profenda, zufolare fanno tutte parte di
un campo semantico omogeneo, tutto orientato verso lalleva-
mento e la vita rurale.
Altrove (ALINEI 1977a) abbiamo attirato lattenzione sulla pos-
sibilit di associare le formazioni pericoriche italiane in vgione
esito settentrionale di lat. vtione , ad alcuni campi semantici ri-
correnti, tutti connotati come aristocratici ed egemonici: quello del-
la gestione agricola stagione, seminagione, seccagione, pianta-
gione, enagione, seminagione, allegagione, segagione, allogagio-
ne; delle partite di caccia cacciagione, uccellagione, venagione,
pescagione ; dei banchetti imbandigione, libagione, bevigio-
ne; dellattenzione per il corpo guarigione, carnagione, ena-
gione, infreddagione; del calcolo economico ragione, spartigio-
ne ; dellesercizio della legge francagione, condannagione,
impiccagione, tamburagione, scomunicagione; dellattivit milita-
re guarnigione. Linsieme permette di identicare limportante
contributo alla formazione del lessico orentino medievale fu-
turo lessico italiano di un gruppo elitario di provenienza setten-
trionale, di epoca altomedievale e a carattere tipicamente agrario
aristocraticocortigiano, identicabile quindi con una corte feuda-
le altoitaliana. Lidenticazione pi precisa di questo gruppo po-
trebbe formare la base per la ricostruzione di un importante capi-
tolo della storia della societ e della lingua italiana.
5 Etimi certi ed etimi incerti: una distinzione fondamentale 275

5.2.6. Conseguenze della mancata distinzione fra etimi certi ed e-


timi incerti

Gli esempi di questo genere, nella documentazione etimologi-


ca di qualunque lingua, sono innumerevoli, e insieme formano
unenorme e impressionante documentazione a disposizione de-
gli storici di qualunque campo, quindi non solo storici in senso
stretto, ma anche storici della cultura, della religione, archeologi,
antropologi, etnologi.
La maggior parte degli etimologi, tuttavia, non rendendosi
pienamente conto del valore della distinzione, e omettendo di
conseguenza di concentrarsi sulla parte certa della ricerca eti-
mologica, hanno nito col fare di tutta lerba un fascio, confon-
dendo, sotto lo stesso nome di ricerca etimologica, fatti assoluta-
mente certi o accertati, il cui insieme rappresenta, come appena
detto, un immenso tesoro di informazioni e di evidenze stori-
coculturali, e speculazioni spesso prive di qualunque appiglio
con la realt, congetture controverse e problematiche, se non tal-
volta del tutto campate in aria. In realt, esiste una radicale diffe-
renza, sul piano epistemologico, fra un dato di fatto o una sua pre-
cisa e circostanziata ricostruzione storica da un lato, e una con-
gettura dallaltro. Ignorarla signica violare uno dei principi as-
solutamente basilari della scienza. Qualunque ne sia la causa, il
fatto che la maggioranza degli etimologi sempre rimasta at-
taccata a una concezione di tipo ermeneutico, se non addirittura
enigmistico, della sua ricerca; come se la sda intellettuale o
professionale posta da ogni singola parola opaca la interessas-
se di pi della ricostruzione storicoculturale degli etimi traspa-
renti o sicuri, o della prospettiva di lavori di insieme miranti a ri-
costruire, attraverso le etimologie certe e con lausilio di altre di-
scipline, interi capitoli di storia della cultura. Cos facendo, si
rinunciato a legittimare, come scienza storica a pieno titolo, la
parte pi valida della ricerca etimologica: la storia stessa. quin-
di proprio questa errata concezione delletimologia che da un la-
to ne ha segnato la decadenza nella linguistica stessa, in unepo-
ca in cui le esigenze di rigore, di precisione e di formalismo era-
276 Lorigine delle parole

no nel frattempo diventate sempre pi importanti; e dallaltro non


ha permesso di istituire quello stretto legame con le altre scienze
storiche che invece aveva n dagli inizi il diritto e la possibilit di
fare.
Vi sono, naturalmente, eccezioni, che tuttavia, proprio per il
loro carattere isolato nel pi vasto panorama della letteratura spe-
cializzata, confermano la regola. In Francia, Emile Benveniste
(BENVENISTE 1969/1976) ha ricostruito con ammirevole acribia
diminuita purtroppo dagli obsoleti dogmi della sua epoca sul-
la cronologia dellIE i contesti culturali che si lasciano rico-
struire dai rapporti fra lessemi a livello indoeuropeo. Per limi-
tarci allItalia e ai primi esempi che vengono in mente, Emilio Pe-
ruzzi (PERUZZI 1970, 1978) ha dedotto conclusioni di grande im-
portanza storica e preistorica, ancora oggi valide, dallo studio e-
timologico di antiche parole latine, svolto con particolare acribia
e massima attenzione al contesto storico culturale; Carlo Taglia-
vini (TAGLIAVINI 1963) ha dedicato unimportante monograa al-
le trasformazioni delle parole pagane in quelle cristiane nel les-
sico italiano.
Anche la maggioranza delle monograe sulle correnti di eso-
corismi penetrati in una lingua per litaliano quella spagnola,
francese, tedesca, inglese, araba, etc. si presentano pi spesso
come studi degli aspetti formali delle diverse tipologie (cfr. per
es., per linglese, KLAJN 1970), che non come studi volti a rico-
struire le ragioni storicoculturali e/o economiche che hanno por-
tato un popolo a diffondere, con la sua cultura, il proprio vocabo-
lario al di fuori dei propri conni. Non mancano eccezioni anche
qui, come per esempio i bellissimi libri di Vittorio Bertoldi (BER-
TOLDI (1947, 1949, 1950, 1952), le monograe di B. E. Vidos sul-
la fortuna dei termini marinareschi italiani in Francia (VIDOS
1939) e sulla migrazione dei termini tecnici nelle lingue romanze
e non romanze (1965), quella di Gian Luigi Beccaria sugli ispa-
nismi cinque e secenteschi in italiano (BECCARIA 1968), di DAR-
DI (1992) sui francesismi italiani nel periodo 16501715 e di PEL-
LEGRINI (1972) sugli arabismi nelle lingue neolatine e in Italia.
5 Etimi certi ed etimi incerti: una distinzione fondamentale 277

5.2.7. Una prima proposta metodologica: etimograa vs eti-


motesi

Come si possono tradurre, a livello metodologico, le osserva-


zioni appena illustrate?
La prima proposta fatta da chi scrive (ALINEI 1982) si
basava proprio sulla distinzione fra etimi incerti ed etimi certi. Ma
questa differenza veniva data per scontata, mentre purtroppo non
lo . Essa aveva comunque previsto due diversi tipi di ricerca eti-
mologica: (A) una ricerca che per richiamare il carattere di i-
potesi in essa implicita abbiamo chiamato ETIMOTESI [
Glossario], e che affronta il problema dellorigine controversa di
una parola non soltanto opaca, ma anche resistente alla ricerca,
con la piena coscienza di non raggiungere le certezze necessarie
per un risultato veramente storiograco; (B) una ricerca che in-
vece per sottolinearne il diverso statuto epistemologico, e il ca-
rattere illustrativo, documentario e storiograco abbiamo chia-
mato ETIMOGRAFIA [ Glossario], e che, partendo da un etimo
trasparente o comunque assolutamente sicuro, mira a ricostruire,
nel modo pi dettagliato e documentato possibile, e se necessario
con un approccio interdisciplinare, il contesto storico e culturale
della scelta delliconimo che diede vita al lessema.
Avevamo poi precisato che poich letimograa parte da un e-
timo che formalmente o del tutto trasparente, o comunque cer-
to per la sua irrefutabile ricostruzione, il problema dellopacit,
senza il quale non si potrebbe parlare di ricerca, si sposta dai ter-
mini formali, fonetici, a quelli, squisitamente culturali o cogniti-
vi, del rapporto fra signicato e iconimo, cio delle ragioni profon-
de che hanno portato a uniconimia piuttosto che a unaltra; opa-
cit che nisce con coincidere, di fatto, con quella che gli storici
affrontano quando studiano leziologia degli avvenimenti e degli
sviluppi storici in generale, e che quindi quella che d alletimo-
graa la dignit di una disciplina storica sui generis.
Se tuttavia, alla luce di quando detto nora, si esamina pi da
vicino lopposizione fra etimograa ed etimotesi, ci si rende facil-
mente conto che anchessa pur essendo senzaltro dirimente e
278 Lorigine delle parole

utile dal punto di vista classicatorio ed esplicativo non basta a


mettere in luce gli aspetti fondamentali della differenza fra etimi
certi ed etimi incerti, per cui non pu assolvere alla funzione a cui
viene ora chiamata. Anche nei precedenti capitoli e nelle precedenti
sezioni ci siamo limitati a illustrare esempi di etimi certi e delle re-
lative etimograe, senza per renderne espliciti i fattori costituen-
ti: la distinzione resta indenita, mentre da essa che dipende, in
ultima analisi, lo statuto epistemologico della ricerca etimologica.
Cercheremo quindi di denirla ora.

5.3. Cosa vuol dire etimi certi? La risposta teorica denitiva:


morfonologia e iconomastica come i due fondamenti della
certezza etimologica

Come abbiamo gi visto, la linguistica storica, e nel suo ambi-


to la ricerca etimologica, n dagli inizi della loro storia scientica
hanno sempre messo laccento sullinevitabilit del mutamento
linguistico, innalzandolo cos a legge organica, e distinguendo
poi al suo interno fra mutamento fonetico e mutamento semantico.
E poich soltanto del primo i linguisti erano riusciti a scoprire le
regole erroneamente elevate a leggi di un presunto muta-
mento organico del linguaggio il mutamento semantico era ri-
masto in balia di ricerche ad hoc, non di rado assolutamente prive
dei pur possibili addentellati con le altre scienze storiche. Di con-
seguenza, letimologia tradizionale sempre stata teoricamente
dominata dalla fonetica storica, mentre la semantica ha conosciu-
to due destini: o ha nito con lo scomparire ci che avviene ne-
cessariamente in tutti i casi di etimi che non mostrano mutamento
semantico (molto pi numerosi di quanto si pensi, e non indivi-
duati come tali dalla ricerca tradizionale); o con il diventare, nel-
lignoranza del ruolo delliconimia nel mutamento semantico, u-
no spazio senza limiti per limprovvisazione e la supercialit, a-
perto quindi anche a dilettanti ed eruditi di ogni sorta, a tutto de-
trimento della reputazione delletimologia. Spazio senza limiti,
dato che, nellinsieme di un lessico storico il numero e la portata
5 Etimi certi ed etimi incerti: una distinzione fondamentale 279

dei mutamenti semantici osservabili o ipotizzabili sono innita-


mente superiori a quelli fonetici, necessariamente limitati sia dal-
lesiguo numero dei fonemi di una lingua, sia dalla regolarit dei
mutamenti stessi.
insomma questa totale dissimmetria fra il piccolo ambito di
mutamenti fonetici regolari e lincommensurabile universo di
mutamenti semantici imprevedibili che ha potuto creare, proba-
bilmente anche nei suoi stessi cultori, limpressione che letimo-
logia fosse il regno delle incertezze e delle arbitrariet, e quindi
unarte piuttosto che una scienza (vd. cap. 13), e per di pi unar-
te senza vera scuola e senza veri metodi.

5.3.1. Etimograa ed etimotesi: una nuova denizione

In realt, la ricerca etimologica pu acquistare il ruolo che le


spetta nella ricerca storiograca attraverso alcune modiche al
suo quadro teorico tradizionale. Le principali ci sembrano le se-
guenti:

(A) levoluzione linguistica dominata dal principio della


conservazione e non del mutamento, per cui anche que-
stultimo devessere visto come un aspetto della conser-
vazione (discontinuit nella continuit);
(B) nella struttura del segno linguistico liconimo, con il suo
ruolo fondamentale, si pone come quarta (terza se si e-
sclude il referente) componente fondamentale, accanto
alla forma signicante e al suo signicato;
(C) quando presente e, come abbiamo visto, non lo
sempre , il mutamento fonetico quello che avviene fra
la forma oggetto di studio (per es. io) e lanteforma (per
es. ego);
(D) quando presente e, come abbiamo visto, non lo
sempre , il mutamento semantico consiste nel rapporto
fra il signicato oggetto di studio (per es. penna per scri-
vere) e lalloantesemema o iconimo ({penna duc-
cello});
280 Lorigine delle parole

(E) di conseguenza, gli elementi costituenti della parola


colti nel momento della sua genesi niscono con les-
sere solo due: lanteforma e liconimo: il signicato al-
tro non essendo che la risultante dellincontro fra gli al-
tri due.

Alla luce di queste precisazioni, risulta allora chiaro che gli e-


timi assolutamente certi sono:

(1) quelli in cui non vi stato n mutamento fonetico n se-


mantico (per es. /it. ego < lat. ego < PIE *e e varr.\), e
il cui iconimo originario se irraggiungibile pu es-
sere induttivamente considerato fonosimbolico;
(2) quelli in cui vi stato solo un mutamento semantico sen-
za un corrispondente mutamento fonetico (per es. /it. ali-
bi lat. alibi\, /it. penna (da scrivere), it. penna (duccello)\,
/it. dial. barba Gianni zio Gianni it. barbagianni\, /it.
mosca e it. cieco > it. moscacieca\. Come vedremo, qui
che liconimo mostra il suo ruolo fondamentale, dispiega
quindi tutta la sua importanza, e attende lattenzione che
gli spetta, nellambito di un nuovo tipo di ricerca icono-
mastica (vd. oltre) che diventa lunico che pu dirsi sto-
riograco a pieno titolo;
(3) quelli in cui non vi stato un mutamento semantico ma
solo un mutamento fonetico regolare (la stragrande mag-
gioranza delle voci dotte e semidotte, e una notevole par-
te delle voci popolari), in cui la ricerca delliconimo non
rilevante, o viene rinviata a un livello pi profondo di a-
nalisi.

A queste tre classi di etimi, che gi costituiscono un enorme pa-


trimonio di conoscenze storicoculturali consolidate, spesso an-
che illuminanti, se ne pu inne aggiungere anche una quarta:

(4) etimi caratterizzati da un duplice mutamento, sia fonetico


che semantico, ma ambedue vericabili, in quanto:
5 Etimi certi ed etimi incerti: una distinzione fondamentale 281

(I) il mutamento fonetico assolutamente regolare,


cio segue le regole di conversione obbligatorie o
quelle libere;
(II) il mutamento semantico tipologicamente attestato
o storicamente documentabile. Come per esempio
nellinsieme degli esempi su cui si fonda una gram-
matica storica, sia di una lingua viva che di una lin-
gua antica, e negli innumerevoli esempi di etimolo-
gie indiscutibili, come quelle dei giorni della setti-
mana.

Al di l di queste quattro classi resta inne la parte del lessico


etimologicamente problematica, la cui entit numerica e il cui pe-
so, tuttavia, potranno gradualmente diminuire con ladozione dei
nuovi principi e delle nuove tecniche gi illustrate, nonch di
quelle che seguiranno.
Per quanto concerne lopposizione fra etimograa, storiogra-
ca a pieno titolo, e etimotesi congetturale, la conclusione che
possiamo trarre, sul piano epistemologico e metodologico,
quindi la seguente:

(A) delle quattro classi etimologiche sopra elencate quelle


che costituiscono loggetto privilegiato della ricerca eti-
mograca sono le prime tre (cio: etimi totalmente im-
mutati, immutati nella sola fonetica e immutati nella so-
la semantica). A seconda dellappartenenza delletimo-
logia a una delle tre classi, la ricerca etimograca sar
poi di tipo prevalentemente o esclusivamente iconoma-
stico (mutamento solo semantico: 2) o verter prevalen-
temente su aspetti cronologici, geofonetici o cognitivi
(nessun mutamento o solo mutamento fonetico: 1 e 3);
(B) la quarta classe invece quella che, pur contenendo un co-
spicuo e fondamentale nucleo etimograco (alla cui base,
come gi detto, sono tutti i casi su cui si fonda la gram-
matica storica di una lingua, arricchiti dagli innumerevo-
li risultati della migliore ricerca etimologica tradiziona-
282 Lorigine delle parole

Tabella 5.1

Nessun mutamento = etimo certo


Mutamento solo semantico = etimo certo
Mutamento solo fonetico = etimo certo
Mutamento fonetico regolare (regole di conver- = etimo tendenzialmente certo
sione obbligate e/o libere) con mutamento se-
mantico tipologicamente attestato o storicamente
documenttato
Mutamento fonetico non riconducibile ad alcuna = etimo incerto
regola con mutamento semantico problematico

le), sconna, a un certo punto, nelletimotesi. E fra i com-


piti della ricerca etimologica futura, pi cosciente dei pro-
pri metodi, e quindi anche dei propri limiti, sar anche
quello di restringere sempre di pi larea etimotetica, al-
largando allo stesso tempo quella etimograca. E potr
farlo, come etimologia di frontiera, utilizzando ed elabo-
rando, per, i risultati della ricerca etimograca di fatto
gi realizzata, oltre ai nuovi metodi e ai nuovi principi i-
conomastici gi illustrati, e a quelli che cercheremo di il-
lustrare con pi dettaglio nellultima sezione di questo ca-
pitolo e nei prossimi.

La Tabella 5.1 riassume le conclusioni della discussione.

5.4. I due tipi fondamentali di ricerca etimologica: morfoneti-


mologia e iconomastica

Sempre sul piano epistemologico e metodologico, la tradizio-


nale opposizione fra studio rigoroso del mutamento fonetico o fo-
netica storica da un lato, e uninesistente semantica storica dal-
laltro (inesistente perch priva di qualunque rigore e metodo nei
riguardi del mutamento semantico), deve essere rivista alla luce
del nuovo principio secondo cui qualunque mutamento semanti-
5 Etimi certi ed etimi incerti: una distinzione fondamentale 283

co o lessicalizzazione altro non sono che lo scarto fra il signi-


cato del lessema nuovo e quello delliconimo prescelto per desi-
gnarlo. Da questa revisione della nozione di mutamento semanti-
co lopposizione sopra ricordata si trasforma nella nuova opposi-
zione fra:

(1) MORFONETIMOLOGIA [ Glossario], intesa come rico-


struzione, sulla base della grammatica storica, dellan-
teforma della parola, seguendo il modello della ricerca e-
timologica tradizionale;
(2) iconomastica preceduta, quando necessario, da una
fase morfonetimologica , che consiste nella ricerca e/o
nellillustrazione delliconimo, attraverso lesame del
contesto storicoculturale che soggiace al mutamento se-
mantico, e sulla base di ricerche anche interdisciplinari.

Non pi quindi opposizione fra fonetica e morfologia storica


da un lato e inesistente semantica storica dallaltro, ma fra morfo-
netimologia e iconomastica. Nei quattro capitoli seguenti illu-
streremo il nuovo tipo di ricerca iconomastica, anche nella sua
possibile combinazione con la morfonetimologia tradizionale.
6. ICONIMO COME FINE ULTIMO DELLA RICERCA ETIMOLOGICA E ICO-
NOMASTICA COME SUA NUOVA DISCIPLINA

6.1. Letimologia tradizionale come ricerca senza un oggetto


ben denito

Per illustrare convenientemente linnovazione della ricerca i-


conomastica, utile partire dalla constatazione che abbiamo gi
fatto pi volte: la mancanza, nelletimologia tradizionale, di un o-
biettivo ben denito, ci che la rende particolarmente vulnerabi-
le sul piano scientico. Come abbiamo visto, infatti, la ricerca e-
timologica tradizionale si arresta a un etimo di volta in volta di-
verso: a unanteforma e antesemema identici alla parola oggetto,
e quindi senza che liconimo sia venuto alla luce (/it. quando <
lat. quando\, /it. computer < ingl. computer\), a unanteforma di-
versa ma con antesemema eguale, e quindi ancora senza iconimo
(/it. io < lat. ego\), a unanteforma eguale con antesemema que-
sta volta diverso, e quindi con il raggiungimento delliconimo (/it.
alibi < lat. alibi altrove\).
chiaro che ognuno di questi diversi risultati ha un suo spe-
cico interesse scientico, ma altrettanto chiaro che dal punto
di vista storicoculturale il risultato pi remunerativo della ricer-
ca etimologica liconimo: la conoscenza della semplice an-
teforma di lat. pauper rispetto a it. povero, di lat. ego rispetto a it.
io, o di lat. quando rispetto a it. quando ci offre ciascuna volta u-
na testimonianza in pi dellantichit e della conservativit del
linguaggio che non dovrebbe mai cessare di sorprenderci ,
ma non contribuisce alle nostre conoscenze sulla storia della cul-

285
286 Lorigine delle parole

tura per nullaltro che non sia losservazione generica sulla coe-
sistenza dei due fenomeni della conservazione e del mutamento
fonetico, e sulla loro dialettica. Mentre il mutamento semantico,
che per denizione si traduce nella scoperta delliconimo {che
produce poco} rispetto a povero e a pauper, in quella di {schia-
vo} rispetto a ciao, di {Slavo} rispetto a schiavo, e di {osserva-
zione degli uccelli} rispetto ad auspicium, e cos via, apre pro-
spettive, talvolta anche inattese, di immediato e di profondo inte-
resse storicoculturale sullo sviluppo della nostra cultura.
La ragione di questa variet e differenza di risultati, tuttavia,
anche se primariamente teorica, secondariamente anche isti-
tuzionale, dettata cio dai limiti convenzionali e per questo in-
sussistenti a livello epistemologico della specializzazione pro-
fessionale. Il romanista che studia ciao e schiavo ha la fortuna di
trovare liconimo di ambedue le parole sulla base di regole della
grammatica storica italiana, e quindi nel momento in cui cerca
letimo di ciao trova anche liconimo {schiavo}, e se cerca anche
quello di schiavo trova {Slavo}. Per questo, e solo per questo,
qualunque dizionario etimologico italiano ci fornir queste due
interessanti spiegazioni. Il romanista che invece studia lit. pove-
ro o il fr. pauvre di solito si ferma al latino, e quindi allantefor-
ma latina pauper, mentre per scoprire loriginario paucumper,
cio liconimo {che produce poco}, dovrebbe consultare un di-
zionario etimologico latino, o inoltrarsi nella grammatica storica
latina, un campo che gli estraneo. Similmente, il romanista che
studia it. penna (da scrivere) trova subito laccezione penna
(duccello), che liconimo della penna da scrivere; ma se voles-
se rivolgere la propria attenzione a it. penna (duccello) si do-
vrebbe fermare poi allanteforma e allantesemema identici del
lat. penna. Per scoprire liconimo di lat. penna dovrebbe invece
risalire dal latino addirittura allIE, che gli restituirebbe *petna,
da una radice *pet volare: quindi la penna (duccello) come
{qualcosa che serve a volare}.
Ora, sul piano del metodo, poich la ricerca etimologica inte-
sa come ricerca dellorigine delle parole, non pu, ovviamente, ri-
conoscere limiti temporali o linguistici senza rinunciare a s stes-
6 Iconimo come ne ultimo della ricerca etimologica 287

sa; e poich i migliori etimologi, nella storia della ricerca, sono


spesso quelli che non hanno difcolt a scavalcare frontiere in-
terdisciplinari, evidente che una denizione rigorosa delleti-
mologia non potr tener conto dei limiti posti dalla specializza-
zione accademica. Specializzazione, fra laltro, che oggi in
profonda crisi, per il totale mutamento degli orizzonti cronologi-
ci della disciplina e per il radicale riassetto della linguistica teo-
rica.
Fra i teorici delletimologia, del resto, quelli che pongono li-
miti alla ricerca delletimo, come PFISTER (PFISTER/LUPIS (2001),
non sono linguisti che si siano distinti al di fuori del progetto di
cui si occupano (il LEI), mentre la posizione di maggioranza
quella dei linguisti che padroneggiano la linguistica storica a tut-
ti i livelli (per es. PISANI 1967, DEVOTO 1972, ZAMBONI 1976).
Di conseguenza, indipendentemente dalle ragioni di questa
decienza teorica, possiamo concludere che la ricerca etimologi-
ca tradizionale, proprio per non aver distinto adeguatamente fra
le diverse accezioni del termine etimo non ha mai raggiunto u-
na solida base scientica; e non avendo distinto fra ricerca che
raggiunge liconimo e ricerca che non lo raggiunge, ha rinuncia-
to, in un certo senso, anche alla propria ragion dessere: in quan-
to letimologia, nel suo signicato profondo che quello in-
trodotto da Platone e basato sulliconimo {tumoj vero} do-
vrebbe avere il compito, gi intuito proprio da Platone, di scopri-
re il vero signicato della parola, che anche nel senso moderno
non pu essere che liconimo. In unaccezione moderna della
verit, infatti, il vero signicato della parola non pu essere
che quello storicamente originario, e come tale autentico: quello
che gli stato attribuito nella sua genesi, che in quel preciso mo-
mento stato considerato il pi adatto a denirlo, e che ha segnato
linizio del percorso conoscitivo per la sua codicazione comu-
nicativa. Questo appunto liconimo.
288 Lorigine delle parole

6.2. Iconimo come ne ultimo, e iconomastica come nuova di-


sciplina della ricerca etimologica

Da Platone in poi, in effetti, letimologia sempre stata consi-


derata sia pure inconsciamente la ricerca di qualcosa che ci
illumini sul pi profondo e pi autentico signicato della parola.
Il fatto che non tutti, o solo pochi, fra gli etimi forniti da un dizio-
nario etimologico mostrino questa caratteristica, e abbiano questa
capacit, non ha modicato sostanzialmente questa idea. Ha, sem-
mai, contribuito a creare lattuale confusione, dato che nessun di-
zionario etimologico, anche scientico, fornisce una sia pur mini-
ma informazione sulla fondamentale differenza che intercorre fra
un etimoanteforma e un etimoiconimo (o antesemema).
In realt, lidenticazione delliconimo nel corso di una ricer-
ca etimologica la sola che possa causare, in chi si confronta con
essa, quellesperienza che i tedeschi chiamano, con denizione
intraducibile, una ahaerlebnis, cio, letteralmente, unesperien-
za di tipo ah!, di illuminazione intellettuale, di scoperta illumi-
nante. Come appunto pu avvenire, per es., quando si scopre che
parole come sciagura e sciagurato, con la loro connotazione cos
carica di oscure minacce, quasi di divina maledizione, derivano
dalliconimo {exauguria}, e cio dal sacro terrore che doveva in-
vadere il credente quando gli auspici che nel mondo antico si trae-
vano dal volo degli uccelli, o da altri segni premonitori, erano ne-
gativi. O che liconimo di pecunia {pecus bestiame}. O che al-
lorigine del desiderio ci sono le {stelle} e a quella del maritozzo
(fallico!) c il {marito}. Questa letimologia che appassiona e
che entusiasma anche chi non linguista, e che apre orizzonti cul-
turali sempre nuovi, spesso culturalmente utili e affascinanti.
Questa, e soltanto questa, dunque letimologia nel senso pla-
toniano di vero signicato, e proprio per questo, nellillustrare
una revisione critica della ricerca etimologica, doveroso chie-
derci, una seconda volta: non sarebbe forse opportuno, addirittu-
ra, sostituire il termine di etimologia con un altro o, per lo meno,
restituire al termine etimologia il suo vero senso originario, di i-
denticazione delliconimo?
6 Iconimo come ne ultimo della ricerca etimologica 289

La risposta, come abbiamo gi visto nel cap. 3, non pu essere


che no, almeno allo stato attuale della ricerca. Che facessimo la pri-
ma o la seconda cosa non saremmo buoni linguisti: perch la paro-
la etimologia in tutte le lingue occidentali ormai troppo entra-
ta nelluso, e non solo scientico ma anche culturale, come desi-
gnazione di una tecnica complessa collegata, in qualche confusa
maniera, alla ricerca delliconimo, ma certamente non coincidente
con essa. Ci che possiamo per fare, per risolvere il problema,
giusticare e confermare la scelta che abbiamo fatto n dal princi-
pio: mantenere i termini di etimo ed etimologia come termini ge-
nerici e superordinati (iperonimi nella terminologia tassonomica),
e lessicalizzare invece, con quei neologismi specici e subordinati
(iponimi nella terminologia tassonomica) che abbiamo di volta in
volta proposto nelle pagine precedenti, le nuove distinzioni che si
sono rivelate necessarie.

6.2.1. Il posto delliconimo e delliconomastica nella struttura


gerarchica della ricerca etimologica

Partiamo quindi, pragmaticamente, dalla situazione attuale, e


conserviamo il termine etimo(logia) nel senso generico, valido
quindi sia per /it. povero < lat. pauper\, che per /lat. pauper < pau-
cumper che produce poco\; attribuendo cos a etimo il valore
di iperonimo di una tassonomia che ha come iponimi sia antefor-
ma che antesemema. Inoltre, poich questi due tipi di etimo pos-
sono a loro volta essere identici o diversi dal lessema iniziale, in-
troduciamo un ulteriore livello tassonomico, con le due coppie di
iponimi di secondo livello, rispettivamente omo e alloantefor-
ma, e omo e alloantesemema. questultimo termine quello che
denisce analiticamente liconimo: alloantesemema, cio etimo
che mostra un signicato diverso da quello originario, indipen-
dentemente dalla conservazione o mutamento della sua forma.
La struttura gerarchica della tassonomia sarebbe dunque quella
dello Schema 6.1 (vd.).
In corrispondenza di questa struttura bipolare, otteniamo le
due diverse specializzazioni della ricerca etimologica:
290

etimo

anteforma antesemema

omoanteforma alloanteforma omoantesemema alloantesemema

(= iconimo)

Schema 6.1
Lorigine delle parole
6 Iconimo come ne ultimo della ricerca etimologica 291

(1) la morfonetimologia, o fase euristica formale, volta al-


lidenticazione o ricostruzione dellanteforma sulla ba-
se delle regole della grammatica storica;
(2) liconomastica, o fase interpretativa tipologica e/o stori-
ca, intesa come ricerca e studio delliconimo.

Assegneremmo inne a questultima, che come abbiamo visto


la sola parte pienamente storiograca della ricerca etimologica,
il ruolo di scopo ultimo della ricerca stessa. Di conseguenza, i
metodi e i risultati della ricerca morfonetimologica conservano
tutto il loro valore scientico, ma diventano preliminari e com-
plementari rispetto alliconomastica.
Per quanto riguarda il campo dazione delliconomastica, poi,
esso va delimitato sulla base della gi illustrata tipologia lesse-
matica, che comprende:

(A) anzitutto innumerevoli casi di mutamenti semantici non


accompagnati da un corrispondente mutamento fonetico
(come penna, operare, alibi, patente, conto, etc.: quasi o-
gni parola del lessico di una lingua ha pi di un signica-
to). Anche se, signicativamente, la ricerca etimologica li
ha quasi completamente trascurati, considerandoli bana-
li accezioni (come se questa nozione li privasse della lo-
ro natura di mutamenti semantici), sono proprio questi
mutamenti, invece, con la loro evidente tipologia, che for-
mano il primo e pi importante oggetto delliconomasti-
ca, intesa come storiograa a tutti gli effetti;
(B) gli etimi, non meno numerosi, in cui il mutamento se-
mantico accompagnato da mutamenti morfonetici as-
solutamente regolari, (per es. luned, lat. considerare, au-
spicium, etc.) o documentato da evidenze storiograche
o comparatistiche tali da non ammettere discussioni (/it.
ciao < ven. sciavo\, /it. schiavo < lat.t. sclavus < sl.
slav\, /it. gas < ned. gas < gr. coj\), il che gli consente
di essere egualmente posto al centro di una ricerca sto-
riograca.
292 Lorigine delle parole

(C) Gli altri mutamenti semantici, per i quali la ricerca delli-


conimo pu essere messa allordine del giorno, e dove
necessario e possibile inquadrata nella ricerca sullo-
rigine delle lingue e del linguaggio.

Nei nuovi termini che abbiamo introdotto, la ricerca icono-


mastica si indirizza allora:

(I) in primo luogo a iconimi associati a unomoanteforma


(anteforma eguale);
(II) in secondo luogo a iconimi associati a unalloanteforma
(anteforma diversa), considerata assolutamente certa;
(III) in terzo luogo a iconimi associati a unalloanteforma in
s pi problematica, ma che il confronto iconomastico
rende via via sempre pi plausibile.

Come gi detto nel precedente capitolo, infatti, fra i compiti


della ricerca etimologica futura sar anche quello di utilizzare e
sfruttare pienamente il confronto iconomastico per restringere
sempre di pi larea etimotetica delle incertezze, allargando nel
contempo quella etimograca delle certezze e delle verosimi-
glianze.
Spetter poi alla linguistica storica del futuro il compito di in-
dividuare e delimitare, allinterno dellenorme bibliograa eti-
mologica, quanto appartiene al settore etimograco delletimolo-
gia e, allinterno di questo, a quello iconomastico, che lunico
pienamente storiograco. E ci prima di ogni altra cosa per rica-
varne tutto lutile possibile per la propria legittimazione scienti-
ca e per il progresso delle proprie conoscenze, e in secondo luo-
go per metterlo a disposizione delle altre scienze storiche. Sul
ruolo e sui diversi metodi del confronto iconomastico diremo in
un successivo capitolo.
6 Iconimo come ne ultimo della ricerca etimologica 293

Tabella 6.1

forma iconimo signicato referente


ciao {schiavo} saluto informale pragmatico
penna {penna duccello} penna da scrivere materiale

6.3. I tre tipi di iconomastica: iconimologia, iconomasiologia,


semasiologia

Dalla nostra denizione delliconimo come uno dei quattro


componenti del segno (vd. cap. 2) risulta anche che esso neces-
sariamente bifronte, nel senso che guarda sia verso la forma si-
gnicante che verso il concetto signicato. Schematicamente,
possiamo stendere sul nostro foglio le quattro facce del quadran-
golo del segno (vd. Tab. 6.1). Vediamo cos che liconimo un in-
terfaccia transitorio fra gli altri due elementi: (1) con la forma at-
tuale ha un rapporto genetico, rapporto che pu essere stato oscu-
rato sia dal mutamento fonetico (schiavo che diventato ciao), sia
dal mutamento culturale (penna duccello che diventato penna
da scrivere, mosca cieca che diventata un gioco) o da ambedue
(exauguria che diventato sciagura); (2) con il proprio nuovo
signicato ha invece un rapporto acquisito, che gli viene attribui-
to dal parlante e che loscuramento fonetico o culturale di cui so-
pra devia verso la forma: per cui, per esempio, il signicato salu-
to informale non viene pi attribuito a {schiavo} ma a ciao.
Da questa complessit di rapporti consegue anche che la ri-
cerca iconimica si pu sviluppare, in una prima fase, in tre dire-
zioni fondamentalmente diverse:

(1) procedendo dalla forma e dal suo signicato per raggiun-


gere liconimo (per es. /it. ciao < ven. sciavo < {schia-
vo}\, /it. penna (da scrivere) < {penna duccello}\, /it. o-
perare (chirurgicamente) < {operare genericamente}\,
/lat. auspicium < avis spicium < {osservazione rituale de-
gli uccelli}\; /it. sciagura < lat. *exauguria < {cattivo
294 Lorigine delle parole

auspicio}\), etc.; in tal caso parleremo di iconomastica in


senso stretto, cio di ricerca del singolo iconimo o iconi-
mologia. E nei casi in cui vi stato mutamento fonetico,
la ricerca passa allora per la fase preliminare che abbia-
mo chiamato morfonetimologia, che ricostruisce la for-
ma originaria (vd. cap. 7);
(2) procedendo dal signicato/referente (cio dalla nozione)
e dalla sua forma per raggiungere i suoi vari iconimi
(per es. partendo dalla nozione di donnola, attraverso i
suoi eteronimi (vari nomi), se ne ricercano i vari iconimi);
e allora parleremo di iconomasiologia, per richiamare la
ricerca parallela dellonomasiologia (che per si concen-
tra sullanteforma) (vd. cap. 8);
(3) procedendo dalliconimo accertato tramite la sua for-
ma originaria al signicato attuale (per es. partendo
dalliconimo {drago} per ricercare tutti i signicati che
esso servito a designare); e in tal caso useremo il nome
tradizionale di semasiologia, con le debite rettiche (vd.
cap. 9).

Schematicamente:

iconomastica

iconimologia iconomasiologia semasiologia

Come vedremo nei prossimi capitoli, inoltre, combinando in


modo strutturato i risultati di queste tre diverse ricerche, e valen-
doci anche di nuovi metodi di datazione e di periodizzazione les-
sicale, possiamo dar corso a una seconda fase di ricerche, spe-
culari e/o cicliche rispetto a quelle ora viste, e suscettibili di
unelaborazione storiograca a tutti gli effetti, che chiameremo
archeologia etimologica, e che anche destinata a sostituire la
paleontologia linguistica tradizionale (vd. cap. 11). Questa fase
indirizza la ricerca in due altre direzioni:
6 Iconimo come ne ultimo della ricerca etimologica 295

(4) verso la costruzione di una tipologia iconimica, e quindi,


automaticamente, di uniconomastica tipologica o sin-
cronica, articolabile nei diversi periodi dellevoluzione u-
mana;
(5) verso la ricostruzione di una preistoria e storia degli ico-
nimi, e quindi di uniconomastica storica [ Glossario]
o diacronica, anchessa articolabile nei diversi periodi
dellevoluzione umana.

Schematicamente:

archeologia etimologica

iconomastica tipologica iconomastica storica

Il nome archeologia etimologica che abbiamo dato a questo


nuovo campo di ricerca non rappresenta soltanto un programma
destinato, come vedremo, a sostituire la paleolontologia lin-
guistica [ Glossario] tradizionale ma anche una denizione
ben ponderata dei reali risultati raggiunti e raggiungibili: anzitut-
to, come abbiamo notato e come era del resto gi apparso anche
ad altri linguisti, ogni singola etimologia ha in s qualcosa dello
scavo archeologico, e come questo pu procedere alla ricostru-
zione di un frammento della storia del territorio solo quando ha
raggiunto con certezza il proprio obiettivo. Pi importante e
del tutto nuovo rispetto alla tradizione , la possibilit di proce-
dere a una tipologia delliconomastica di una lingua o dialetto, va-
lida per i vari periodi storici e preistorici, permette di ricostruire,
mediante la raccolta, la rielaborazione e il riordino del meglio del-
lintera ricerca etimologica di un linguema, un quadro storico di
eccezionale valore generale per lintera comunit di parlanti. Ci
che si pu fare proprio come in archeologia, e per certi aspetti per-
no meglio, perch sulla base di una documentazione molto pi
ricca e analitica rispetto all'universo umano. Inne, cos come in
archeologia i nuovi metodi di datazione scoperti negli ultimi de-
296 Lorigine delle parole

cenni hanno permesso di riscrivere completamente la preistoria


europea e mondiale, i nuovi metodi di datazione e di periodizza-
zione lessicale che si lasciano elaborare sulla base del nostro ap-
proccio alletimologia, e che illustreremo nei prossimi capitoli,
permettono di dare, alla sintesi storica cos raggiunta, una forma
rigorosa e precisa, oltre che nuova per la sua profondit cronolo-
gica. Ecco perch l'iconomastica apre un nuovo e vasto campo di
ricerca, ed effettivamente tale da poter ambire a diventare una del-
le principali discipline storiche delle scienze umanistiche.
Nei cinque capitoli seguenti illustreremo le diverse metodolo-
gie in dettaglio, facendo seguire ciascuna di esse da qualche e-
sempio illustrativo.
7. ICONIMOLOGIA: RICERCA DELLICONIMO

7.1. Tipologia interna alliconimologia: semplice o monofase


e bifase

Come abbiamo visto, la ricerca iconimologica procede dalla


forma tramite il suo signicato alliconimo. Essa si lascia
quindi suddividere, a sua volta, in alcuni sottotipi, a seconda del-
le sue specicazioni interne:

(I) se non vi stato mutamento dellanteforma originaria (=


omoanteforma), e liconimo non richiede alcuna spiega-
zione, neanche di carattere storicoculturale, la ricerca
procede, di fatto, dallanteforma nota alliconimo noto e
trasparente, ed puramente morfologica: si limita a con-
statare, o a descrivere, o a illustrare in termini elementari
il processo di formazione o derivazione. Come il caso di
innite derivazioni morfologiche verbali, nominali, agget-
tivali, avverbiali (come andiamo, andate, andavo, andran-
no; andata, andatura, andamento; attimino, organizz
azione, utilit; nazionale, utilmente, etc.), nonch del-
la stragrande maggioranza dei composti (come lavastovi-
glie, bucaneve, rompiscatole, attaccabottoni, etc.). In tut-
ti questi casi, infatti, liconimo altro non che la base per
la essione o composizione dei derivati (vd. cap. 3 per la
concezione iconimica della morfologia);
(II) se non vi stato mutamento dellanteforma originaria (=
omoanteforma), e liconimo, pur essendo comprensibile,

297
298 Lorigine delle parole

richiede qualche spiegazione o documentazione storica,


la ricerca procede dallanteforma nota alliconimo noto
ma semitrasparente, ed quindi puramente storicodo-
cumentaria. Come il caso delle innumerevoli accezioni,
tipo opera (musicale) da opera generico, operare (chirur-
gico) da operare generico, etc., o di locuzioni tipo parti-
re in quarta o a gone vele;
(III) sempre se non vi stato mutamento dellanteforma origi-
naria (= omoanteforma), ma liconimo per diventato
culturalmente opaco (mosca cieca, barbagianni, penna
per scrivere, etc.), la ricerca procede dallanteforma nota
alliconimo ignoto od opaco, e ha, anche in questo caso,
un carattere esclusivamente storicoculturale, coinciden-
do per intero con la sua fase storiograca, esplicativa e il-
lustrativa. il tipo di ricerca pi produttivo e pi promet-
tente per la ricerca che abbiamo chiamato etimograca e,
come vedremo pi oltre, apre nuove prospettive;
(IV) se invece vi stato un mutamento dellanteforma (= al-
loanteforma), la ricerca procede necessariamente dallan-
teforma ignota alliconimo ignoto, e per far questo deve
passare da una prima fase euristica, di tipo tradizionale,
che abbiamo chiamato morfonetimologica, e che mira a
rintracciare o a ricostruire lanteforma rivelatrice delli-
conimo originario; scoperto il quale passa alla seconda
fase storicoculturale, con la procedura descritta qui so-
pra in (II).

In sintesi, considerando (II) e (III) come tipi sostanzialmente


eguali, abbiamo la casistica presentata nella Tabella 7.1.
Tralasciando la prima procedura, che non richiede illustrazio-
ne, possiamo riconoscere facilmente nella seconda un tipo di ri-
cerca iconimologica monofase [ Glossario, MONOFASE, ICONI-
MOLOGIA], in quanto richiede soltanto la ricostruzione del conte-
sto culturale in cui liconimo stato scelto; e nella terza un tipo
di ricerca iconimologica bifase [ Glossario, BIFASE, ICONIMO-
LOGIA], in cui la fase che concerne liconimo viene preceduta o
Tabella 7.1

anteforma antesemema esempio procedura metodo di ricerca tipo di ricerca

omoanteforma omoantesemema andate dal noto al noto analisi MORFOLOGIA


(iconimo lavastoviglie e trasparente morfologica
trasparente)
7 Iconimologia: ricerca delliconimo

omoanteforma alloantesemema opera (mus.), dal noto al noto esclusivamente ICONIMOLOGIA


(iconimo mosca cieca, ma semitrasparente storiografico SEMPLICE
culturalmente barbagianni o ignoto e iconomastico O MONOFASE
opaco)

alloanteforma alloantesemema ciao, povero dallignoto morfonetimologico ICONIMOLOGIA


(iconimo ignoto) allignoto + storiografico BIFASE
e iconomastico
299
300 Lorigine delle parole

accompagnata da una fase euristica, di tipo morfonetimologico,


la cui complessit pu, naturale, variare enormemente.
Si noti allora:

(A) la fase euristica morfonetimologica, che precede quella i-


conomastica, in realt la sola che sia stata compiuta-
mente studiata e applicata dalletimologia tradizionale.
Tanto che ha nito con farla coincidere a torto con
letimologia stessa, mentre in realt essa mira solo a ri-
scoprire o a ricostruire lanteforma originaria. Nel caso
di it. ciao, per esempio, questa fase quella mediante la
quale riscopriamo, attraverso le regole della grammatica
storica dei dialetti italiani, che lanteforma veneziana
sciavo, dalla quale deriviamo poi liconimo {schiavo}.
Nel caso di povero, la fase che si ferma alla ricostruzio-
ne dellanteforma latina pauper povero. Considerata in
s, quindi, questa fase assolutamente identica alla pro-
cedura che permette di scoprire lat. ego dietro it. io, o lat.
quando dietro it. quando, per i quali non vi iconimo;
(B) per quanto riguarda la fase iconomastica e storiograca,
dal noto allignoto che letimologia tradizionale non
ha esplicitato e che appare nei rimanenti due tipi di ri-
cerca, la domanda fondamentale che ci si pone necessa-
riamente sul perch un dato iconimo sia stato scelto per
designare un determinato referente. In questa fase, dopo
aver scoperto per es. che lanteforma di ciao il venez.
sciavo, e raggiunto cos liconimo {schiavo}, si realizza
la spiegazione confermata, per esempio, dal parallelo
del saluto germanico servus della genesi del saluto.
Nel caso di lat. pauper, inoltrandoci nella grammatica
storica latina, scopriamo liconimo {*paucumper che
produce poco}, e otteniamo gli elementi per una ries-
sione antropologica sulla genesi della povert in un am-
bito socialmente egualitario. Nel caso di schiavo, dopo a-
ver raggiunto, attraverso una seconda fase euristica
morfonetimologica, lanteforma Slavo, la fase storiogra-
7 Iconimologia: ricerca delliconimo 301

ca e iconomastica, questa volta molto pi complessa di


quella di ciao, ricostruisce quel capitolo di storia al-
tomedievale che vede gli Slavi pagani come principa-
le fonte di schiavi per i mercanti veneziani, dopo che la
riforma di papa Gregorio Magno aveva proibito la schia-
vit ma esclusivamente per i cristiani.

Nella complessa storia che va da ciao a Slavo effettuiamo


quindi due iconimologie, che consistono ambedue in una prima
fase euristica e morfonetimologica, ciascuna seguita da una se-
conda fase storiograca e iconomastica. Mentre se partiamo dal-
lit. povero o fr. pauvre e giungiamo a lat. *paucumper, pur a-
vendo egualmente due fasi euristiche e morfonetimologiche,
raggiungiamo soltanto un iconimo: perch con la prima fase eu-
ristica scopriamo solo lanteforma lat. pauper povero, che per
ha lo stesso signicato di povero e quindi non ci rivela ancora li-
conimo.
Se insomma la fase euristica morfonetimologica, quando c,
corrisponde ancora alla ricerca etimologica classica, la fase sto-
riograca e iconomastica, soprattutto come fase autonoma, indi-
pendente da una precedente fase euristica, nuova ed fonda-
mentale, in quanto fornisce sempre maggiori elementi di certez-
za alla ricerca etimologica, e quindi, come abbiamo visto e come
vedremo meglio, contribuisce a restringere sempre di pi larea
della ricerca etimotetica, allargando quella etimograca.
Diamo ora alcuni esempi dei due tipi di ricerca.

7.2. Tre esempi di ricerca iconomastica semplice o monofase

7.2.1. Casino postribolo

Sebbene sia fuori discussione che casino postribolo, dal pun-


to di vista formale, sia un semplice diminutivo maschile di casa,
nessuno, no a poco fa, si era preoccupato di ricostruire con e-
sattezza il contesto storicoculturale della specializzazione se-
302 Lorigine delle parole

mantica in tal senso. Franco Crevatin lo ha fatto con successo (c-


fr. CREVATIN 2005) [ Antologia critica, 14.2], mostrando co-
me il mutamento semantico sia avvenuto nella buona societ ve-
neziana del Settecento, e come quindi Venezia sia stata anche
questa volta il focolaio di diffusione di un lessema italiano. Per
completare la ricerca sul piano morfologico, si potrebbe aggiun-
gere che la derivazione del maschile casino dal femminile casa
non uneccezione, ma un fenomeno storicolinguistico molto
pi frequente e importante di quanto non si pensi (e pi di quan-
to ROHLFS non documenti: GSLID II: 387), come mostrano, per
esempio, non solo donna donnino, villa villino, camera cameri-
no, strada stradino e simili (in cui il senso del diminutivo resta
quello primario), ma anche manica manichino, cotica cotechino,
bottega botteghino, scala scalino, viola violino, tomba tombino,
bilancia bilancino, mola molino, piuma piumino, penna pennino,
torta tortino, festa festino, lista listino, crosta crostino, bolletta
bollettino, gazzetta gazzettino, etc., in cui, oltre al diminutivo, ap-
pare anche un mutamento semantico.

7.2.2. Il gallo della Checca ricercato dalle donne

Moltissime locuzioni sono trasparenti nelliconimia, ma opache


culturalmente: come mangiare la foglia, avere la coda di paglia, fa-
re Giacomo Giacomo (delle gambe), mosca cocchiera e innumere-
voli altre. Perch, per esempio, si dice il gallo della Checca per chi
ricercato dalle donne? Lo ha spiegato Paolo Zolli, un bravissi-
mo etimologo immaturamente scomparso nel 1989, che ha trovato
la risposta in una poesia di Giulio Cesare Croce pubblicata a Bolo-
gna nel 1592: dove si racconta come Madonna Checca fosse entu-
siasta delle imprese del focoso galletto del marito (cfr. ZOLLI
1984) [ Antologia critica, 14.1].
7 Iconimologia: ricerca delliconimo 303

7.2.3. Mosca cieca gioco infantile

7.2.3.1. Mosca cieca in altre lingue

Il nome del gioco infantile che in italiano si chiama mosca cie-


ca (ALINEI 2003a) offre un buon esempio di lessema dirematico
(composto da due parole), il cui iconimo formalmente del tutto
trasparente {una mosca che cieca}, ma assolutamente opaco per
quanto riguarda le ragioni culturali della sua scelta.
Naturalmente, per qualunque iconimo in s trasparente ma
culturalmente opaco, come appunto {mosca cieca}, dobbiamo
anzitutto accertarci che tale trasparenza non sia illusoria o, in al-
tri termini, che dietro di essa non si nasconda una reiconimizza-
zione (o rimotivazione: in termini tradizionali, etimologia popo-
lare, incrocio, contaminazione, etc.), nata da un fraintendimento
o dalla volontaria deformazione, per tab, di un altro nome
preesistente. Questa precauzione, sempre necessaria, lo tanto
pi in questo caso, in quanto proprio lautorevole grecista CHAN-
TRAINE (DELG) a cui si deve il miglior dizionario etimologico
esistente della lingua greca , di fronte allantico nome greco del
gioco, mua calk mosca di bronzo, non dissimile da quello i-
taliano, non ha esitato ad affermare che si tratta di una plaisante-
rie, la cui vera derivazione, invece, a suo parere sarebbe il verbo
mw chiudere.
Verichiamo dunque, anzitutto, mediante il confronto ef-
fettuato con la tecnica iconomasiologica che illustreremo nel
prossimo capitolo , se la {mosca cieca} italiana e la {mosca di
bronzo} greca antica siano effettivamente scherzosa e quindi il
risultato da una rimotivazione. Per farlo, ci baster consultare, a
livello di lingue nazionali, alcuni dizionari monolingui o bilingui
e, in ambito dialettale romanzo, la carta 743 dellAIS, 1811 del-
lALEIC, e 1511 dellALF (limitata alla met meridionale della
Francia).
Per quanto riguarda le lingue nazionali, romanze e non, ecco u-
na prima serie di paralleli: in spagnolo il gioco si chiama gallina
ciega; in catalano gallina cega o g. orba; in portoghese cabracega;
304 Lorigine delle parole

in greco moderno tuflomuga, cio mosca cieca, esattamente


come in italiano; in tedesco blindekuh, cio mucca cieca; in slo-
veno e in serbocroato rispettivamente slepe mii e slijepi mi to-
po cieco (igrati se slijepoga mia giocare a mosca cieca).
Ecco dunque un esempio classico di tipologia iconimica: il ti-
po lessicale dell{animale cieco} come iconimo per designare un
noto gioco infantile. Non vi pu quindi essere dubbio alcuno che
anche il nome italiano faccia parte della stessa serie, si riferisca
quindi realmente a una mosca, e a una mosca cieca. E anche il no-
me greco classico, con buona pace di Chantraine che eviden-
temente ignora completamente lonomasiologia del gioco in Eu-
ropa, e sottovaluta levidenza del greco moderno , andr con-
siderato autentico, e non scherzoso. Vedremo molti altri argo-
menti per esserne, se possibile, ancora pi certi.

7.2.3.2. Altri animali ciechi in area neolatina

Per quanto riguarda larea dialettale romanza, il nome del gio-


co di cui s appena detto risulta motivato non solo dalla {mosca
cieca} ma da almeno altri dodici animali, anchessi quasi sempre
ciechi o bendati. Ecco i risultati del confronto iconomasiologico:

1. cominciando dalla {mosca cieca} stessa, questa diffusa


soprattutto in Toscana, Corsica, Umbria, Calabria, Pie-
monte nordorientale e Lombardia alpina, nel Sassarese,
isolatamente in Friuli e in Sicilia. Lattributo cieca al
Centro e al Sud, orba al Nord. Una semplice {mosca}
cio senza attributi appare anche in Francia nellAude
(P. 785). Sulla {mosca di bronzo} greca antica torneremo
pi oltre;
2. la {gatta cieca} o, meno spesso, il {gatto cieco}, un no-
me a vasta diffusione in Piemonte, Emilia, Toscana o-
rientale, Umbria, Marche, Lazio e Italia meridionale, Sar-
degna meridionale e alcuni punti in Corsica. A seconda
delle regioni, lattributo cieca, cecata, orba, borgna, lo-
sca, turpa (sardo). tipo molto diffuso anche nella Fran-
7 Iconimologia: ricerca delliconimo 305

cia occitana (ALF 1511): dallArige, Aude, Pirenei or.,


alla Dordogne, Lot, Tarn, Cantal; e appare ancora nella-
rea francoprovenzale (ALF: Hautes Alpes, Piemonte PP.
982, 992, DURAFFOUR [1969: 8609]). Anche in Francia
lattributo {cieco} pu essere espresso con orba o borgna
(altri attributi: mita, mza, ruma, cfr. FEW s. v. cattus,
DURAFFOUR, ibidem);
3. l{orbettino}, cieco per denizione, richiederebbe una ri-
cerca pi approfondita: in unarea compatta, che coincide
molto da vicino con lEmilia e la Lombardia, sono infatti
attestati sia le forme semplici orbo/orba, sia derivati come
orbino/orbina, orbicino, orbetto, orbizola e altri. Poich,
come noto, liconimo dello zoonimo orbettino, a sua vol-
ta, {cieco}, e solo in alcune aree il nome del gioco cor-
risponde esattamente a quello dellorbettino, non si pu
affermare con sicurezza che ovunque si tratti dellanimale:
potrebbe anche trattarsi di un {cieco} o una {cieca} per
antonomasia, animale o umano, che avrebbe riscontri pa-
ralleli ma meno numerosi anche nellarea del tipo
cieco/cieca, dove appare sia nella forma semplice che in
quella derivata (cecarella, cecatella, cechetta), in alcuni
punti in Abruzzo, Lazio e nel Sud, oltre che in Corsica. La
compattezza dellarea, tuttavia, orienta verso linterpreta-
zione del nome come riferimento allorbettino;
4. la {serpe cieca}: la biscia orbula attestata in Veneto (P.
375), mentre in Friuli appare e sarebbe importante ap-
profondirne gli addentellati la serpe magica delle a-
be friulane, chiamata magne (da lat. mea amia mia zia,
vd. ALINEI 1984a), naturalmente anchessa orba;
5. il {lupo cieco}: lupo cieco appare nel Lazio (PP. 603,
583), mentre in Sicilia (P. 851) appare il semplice lupo; il
{lupo bendato} attestato anche in francoprovenzale: lu
buts (loup bouch, letteralmente tappato) (DURAFFOUR
1969: 5942);
6. la {capra} cieca attestata solo in Puglia (P. 708); ma nel
Logudoro lo stesso animale, come nome del gioco, appa-
306 Lorigine delle parole

re con gli attributi konkina testarda (konka testa) (P.


937), e mutula senza corna (lat. mutilus) (P. 949). Come
abbiamo visto, liconimo {capra} appare anche nel nome
portoghese del gioco;
7. la {merla cieca}: merla cieca appare in Corsica (P. 19);
8. il {rospo cieco}: rospo cieco appare in Corsica (P. 46);
9. il {sorcio}: un sorceddu, non esplicitamente cieco (a dif-
ferenza di quello sloveno e serbocroato, citati qui sopra),
appare in Sicilia (P. 844);
10. l{allodola bendata} (jouer lalouette bande) attesta-
ta in Francia (ALF P. 462);
11. l{asino cieco} (anu borlu) attestato in francoprovenza-
le (DURAFFOUR (1969: 363);
12. la {gallina cieca}: come abbiamo visto, gallina ciega il
nome spagnolo del gioco (non abbiamo ricercato nomi
dialettali), gallina cega quello catalano orientale, occi-
dentale, valenciano, e gallina orba quello delle Baleari
(ALCOVERMOLL, s. v. gallina).

Se a questi dodici animali aggiungiamo inne la {vacca cie-


ca} tedesca, raggiungiamo la bellezza di tredici animali diversi
tutti ciechi per designare il gioco in una vasta area europea.

7.2.3.3. Personaggi umani o mitici, ciechi e no: Maria, santa Lu-


cia, la vecchia, il diavolo, lorco, la morte

A complicare le cose, sia in Italia che in Francia, oltre che in


aree non romanze, appaiono anche personaggi umani o mitici.
Anchessi, tuttavia, sono prevalentemente ciechi.
{Maria cieca}, realizzato come Maria orba, il nome del gio-
co in una vasta area compatta che comprende Trentino e Veneto,
e appare anche isolatamente al P. 224. Al P. 559 appare invece il
tipo cieca Maria.
La {vecchia cieca}, realizzata come vecchia orba, appare nel
Comelico (P. 307), mentre la vecchia in assoluto appare in Emi-
lia (P. 446) e il vecchio in Calabria (P. 771). Ma la {vecchia cie-
7 Iconimologia: ricerca delliconimo 307

ca} anche il nome del gioco nellarea ceca (slep bba) e po-
lacca (lepa babka), e a proposito di questo nome occorre ricor-
dare che in area slava la baba, babka, etc., lonnipresente gu-
ra magica femminile del folclore, della abistica e dei dialetti che
d nome a uninnit di referenti, analogamente alla vetula in a-
rea neolatina (cfr. Alinei 1988b).
Molto signicativa lattestazione del tipo la {morta cieca} o
la {cieca morta}, rispettivamente nel Lazio (PP. 645, 654) e nel
Logudoro (P. 938), in cui la cecit appare associata alla morte. Ve-
dremo fra poco il signicato dellassociazione, ma una conferma
del legame sembra venire dal Campidano, in Sardegna, dove al P.
967 appare la frase iogai a fuifui a una motti giocare a sfuggi-
re alla morte.
Forse qui anche il tipo Santa Lucia, attestato solo in Lucania
(P. 733), in quanto protettrice della vista, mentre il diable boiteux
diavolo zoppo, che appare in area francoprovenzale (Hautes
Alpes P. 868), mostra la zoppaggine sul cui motivo, anchesso
mitico, tralasciamo di soffermarci invece della cecit. Una -
gura forse solo in apparenza minacciosa l{orco in piazza}
appare in Piemonte (P. 133).
Ecco dunque che l{animale cieco} ci appare spesso, in una
forma antropomorca, come {essere umano cieco} o come {es-
sere minaccioso}.

7.2.3.4. Il gioco

Qualcosa sul gioco in generale, prima di affrontare il proble-


ma iconomastico.
Tutti i giochi, infantili o per adulti, sono microsistemi di re-
gole rituali, di azione e/o orali, e quelli infantili vengono insegnati
ai bambini dagli adulti con nalit educative. Partendo quindi da
una denizione antropologica del gioco infantile come rito di pre-
parazione alla vita adulta, la domanda che dobbiamo porci nei ri-
guardi del gioco della mosca cieca la seguente: perch il no-
me di un gioco infantile dovrebbe chiamarsi col nome di un in-
setto o di un animale, o di una gura antropomorca, e per di pi
308 Lorigine delle parole

quasi sempre cieca? Pi precisamente: quale potrebbe essere il


ruolo dellinsetto o animale o persona cieca in questo gioco/rito?

7.2.3.5. Lofciante del rito come colpitore

Vi poi un altro aspetto importante che emerge dal confronto


iconomastico, e che, pur non riguardando n gli animali n le per-
sone n la cecit, getta luce sul signicato ultimo del giocorito.
Per far conoscenza con esso possiamo prendere in esame il nome
francese della mosca cieca, colinmaillard, nora studiato, ci
sembra, supercialmente, cio senza alcun supporto comparativo
o folclorico. Come etimologia del nome francese viene infatti da-
ta (vd. BLOCH/VON WARTBURG e FEW) la coppia di nomi propri
Colin indubbia derivazione del nome proprio Nicole e, sen-
za ulteriore spiegazione (ci che non ci sorprender, per le ragio-
ni pi volte illustrate), Maillard.
Anzitutto, per quanto riguarda Colin, si potrebbe pensare, ol-
tre che a una gura umana generica o al mfr. colin gaglioffo, fur-
fante (FEW, s. v. Nicolaus), anche a uno zoonimo: cos farebbe
piuttosto pensare, in prima analisi, la diffusione di colin come no-
me di animale soprattutto di uccello in Francia: mfr. e fr.
gavina, mfr. svasso, pernice americana, colin grisart gab-
biano, colin noir gallina acquatica nerastra, Ardennes toro
(FEW, ibidem). Se, nonostante questi indizi, resta tuttavia pro-
babile che si tratti di un personaggio umano, e non di un ani-
male, ci perch a questa conclusione orienta proprio lana-
lisi del termine maillard, nora rimasto senza spiegazione. Ve-
diamo cosa rivela.
Questo nome, anzitutto, certamente un derivato di fr. mail
martello, maglio, mazza, mazza per il gioco della pallamaglio,
gioco della pallamaglio, reg. correggiato, etc., da lat. malleus
martello, maglio, mazza, da confrontare con fr. e fr. reg. maillet
maillot mailleau mazzuolo, etc., mailloche martello, mazza,
mazzuolo, etc., fr. reg. mailler rompere a colpi di martello, bat-
tere, battere (il grano), gramolare (la canapa) sbattere (il bu-
cato) follare, sgrassare (il tessuto), etc., chamailler battere,
7 Iconimologia: ricerca delliconimo 309

rompere, etc., chamaillard chi ama rompere, battere (FEW s. v.


malleus). Se maillard viene quindi inteso come chi ha la mazza,
chi ama dar colpi di mazza, colinmaillard sarebbe qualcosa co-
me {Nicola il mazziere}, inteso come una gura magica e ritua-
le che mena colpi di mazza. Come vedremo fra poco, alcune ri-
me infantili associate al gioco confermano che i colpi sferrati
dalla gura cieca rappresentano il nucleo funzionale del gio-
co/rito.
Un rapido e superciale sguardo al folclore francese permette
di individuare alcuni probabili parenti di questo {Colin mazzie-
re}: per esempio il Grand Colin e il Petit Colin, giganti mitici del-
lisola di Guernesey e grandi giocatori di pallamaglio (si ricordi
che la pallamaglio lantenato del golf, del cricket e del croquet);
il primo, dopo aver vinto il gioco lanciando la sua palla (un e-
norme masso erratico!) a un miglio e mezzo di distanza, piant la
sua mazza nella pianura, dove gura tuttora come menhir! (S-
BILLOT 1904/1907, IV: 10). Colinmaillard sarebbe quindi, in
questo quadro, un mitico giocatore di pallamaglio. Anche lico-
nimo {colpo del cieco} del nome inglese del gioco, blindmans
buff, ripete e conferma questa analisi, dato che il blindman ne-
cessariamente una gura umana, e buff buffet sono i nomi del
colpo, schiaffo (cfr. fr. buffe, it. buffetto). Si pu inne aggiun-
gere qui un nome dialettale occitano del gioco, il cui iconimo
{giocare alla sbarra di ferro}, la cui area doveva essere assai e-
stesa, se lo troviamo sia nellArdche (PP. 824, 833), che nelAu-
de (P. 776), nellArige (P. 782) e nellAveyron (P. 733).
Dopo questa prima analisi, insomma, possiamo gi raggiun-
gere alcune conclusioni importanti: (1) la gura centrale del ri-
to/gioco cieca; (2) viene spesso assimilata a un animale o a un
personaggio mitico; (3) il suo aspetto spesso minaccioso (cfr.
lorco, il diavolo, la morte, il {colpitore}); (4) la sua funzione, an-
che quando non espressa (ma cfr. la {sbarra di ferro}, il {ma-
glio}), comunque quella di colpire i presenti, che devono quin-
di cercare di sfuggire ai suoi colpi. Una volta colpiti, diventano
loro i colpitori.
310 Lorigine delle parole

7.2.3.6. Il signicato degli etnotesti relativi al gioco della mosca


cieca

Se ora vogliamo cercare di raggiungere una conclusione pi


precisa sul signicato primitivo del gioco, individuando il suo nu-
cleo genetico, dobbiamo estendere la ricerca alle rime infantili
che lo accompagnano, soprattutto nelle loro versioni presumibil-
mente pi arcaiche e autentiche.
Nella versione pi banale del gioco, quella che si gioca, o si
giocava, nelle citt, i bambini liberi sdano, colpendolo e schi-
vandolo, quello bendato, che ha invece il compito di afferrarli.
Quando il giocatore cieco riesce ad afferrare qualcuno, i ruoli si
alternano. In questa versione semplicata il gioco solo un gio-
co dazione, la minaccia quella di essere afferrati dal giocato-
re/ofciante cieco, e il castigo per chi viene afferrato di diven-
tare a sua volta cieco e colpitore. Nella versione conservata nelle
aree pi isolate, invece, il gioco comprende tutta una variet di
formule rituali sse (purtroppo non sempre registrate dai racco-
glitori), che sono recitate, alternativamente, dal giocatore cieco e
dagli altri. Sono queste rime veri e propri etnotesti che ci
illuminano sul signicato simbolico del gioco e del ruolo del gio-
catore cieco.

7.2.3.7. Il colpitore cieco come rafgurazione della morte

Ecco la tipologia pi illuminante di queste formule, cos come


si rivela, per esempio, nellarea delle parlate ladine della Svizze-
ra romanza (DRG s. v. chaptschella), in cui il nome della mosca
cieca motivato da una cappuccella, cio da un cappuccio mes-
so sugli occhi. Mentre le formule dei bambini vedenti, che si ri-
volgono al bambino o alla bambina bendati, sono del classico ti-
po di sda provocatrice, come cucu, cucu, eau sum co (cuc,
cuc, io sono qui), le diverse varianti locali della formula rituale
del giocatore bendato contengono invece minacce che rivelano
pi chiaramente il signicato arcaico del gioco: Chaptschai i
chaptschon / quel cha clap schi iau sgialun / cul curt da Jon
7 Iconimologia: ricerca delliconimo 311

(Not) Schamun (Cappuccione, a quello che acchiappo gli stacco i


anchi col coltello di Giovannone). Oppure Chaptschon, cha-
ptschai, / a quel cha chf fechi la faira (mazi) cul curt da legn
(quello che acciuffo lo ammazzo col coltello di legno); e ancora:
chi cha chf magli (a chi lo acciuffo me lo mangio), Chaptsche-
la, chaptschon, quel cha clap, mazza cun n curteun (quello che
acchiappo lo ammazzo con un coltellone), Chaptitschegra, chan-
degla, chi chi va sot banch a sot megsa tagli zo igl cho (Cappuc-
cel(l)a, candela, a chi va sotto il banco o sotto il tavolo gli taglio
il collo); pegli igkl curt digl sar patron a schana (lo scanno col
coltello del padrone); quel tgi vo sot maisa, sin pegna a davos pe-
gna, tgastri cugl cunti toart (a quello che va sotto il tavolo, sul
forno o dietro il forno, lo castro col coltello ricurvo); vign taglea
giu il tgea cugl cunti toart (gli viene tagliata la testa col coltello
ricurvo).
Questa tipologia etnotestuale rivela dunque assai chiaramente
che il giocatore bendato rappresenta la minaccia della morte, e il
gioco infantile mima in modo rituale il rapporto fra i vivi e la mor-
te (e i morti), concepiti come una rafgurazione del destino cie-
co; di cui, per, non solo dobbiamo imparare a non temere e a pa-
rare i colpi, ma che dobbiamo essere anche pronti, quando arriva
il nostro turno, ad accettare, assumendo il ruolo del morto nei
confronti dei vivi. A rafforzare questa analisi, vi anche il gi ci-
tato nome del gioco attestato in Sardegna, area arcaica per eccel-
lenza, che ne coglie molto bene lessenza, perch signica, tra-
dotto in italiano, giocare a sfuggire la morte.
Anche nel dialogo siciliano che accompagna il gioco (or-
vucimineddu), registrato da Giuseppe Pitr nei suoi Giuochi fan-
ciulleschi siciliani (PITR 1969), si pu ravvisare un indizio di
questa valenza del gioco: il dialogo (fra il mastro del gioco
uno dei giocatori non bendati e il giocatore bendato) consiste
nellalternarsi di una domanda ssa che il mastro ripete a o-
gni risposta del cieco e di una risposta del cieco, con un cre-
scendo che si conclude con lannuncio dellintenzione assassina
del giocatore bendato: orvu cimineddu unni vai? / a ccattari li-
gna. / Cu i ligna ch ha a fari? / h ddumari u luci. / Cu u luci
312 Lorigine delle parole

ch ha a fari? / h quadiari lacqua / Cu lacqua ch ha a fari? /


h mmulari i cutedda. / Cu i cutedda chha a fari? / a m mug-
ghieri haju a mmazzari (Mosca cieca dove vai? / a raccattar le-
gna. / Colla legna che ci fai? / ci devo accendere il fuoco. / E con
il fuoco che ci fai? / ci devo scaldare lacqua. / E con lacqua che
ci fai? / ci devo arrotare il coltello. / E col coltello che ci fai? / mia
moglie ci devo ammazzare).
Queste considerazioni, naturalmente, risolvono solo una par-
te dei problemi posti dai nomi della mosca cieca, anche se ci sem-
brano la premessa indispensabile per la spiegazione degli altri.

7.2.3.8. Gli animali e la maga ciechi come rappresentazione del-


la morte nella concezione totemica

Resta cio da capire perch, accanto ai nomi dellorco, della


morte, del diavolo, della vecchia, di Santa Lucia e di Maria, tro-
viamo soprattutto nomi di animali. Quale il ruolo della mosca,
della gatta, della gallina, della vacca, della capra, del rospo, del-
lorbettino, del lupo, del sorcio, etc., in questo quadro? E perch
sono sempre ciechi? E possiamo dire qualcosa sulla mosca di
bronzo del greco antico?
La risposta qui si riallaccia da un lato alle numerose ricerche
sulluso degli zoonimi come designazione, spesso magicoreli-
giosa, di altri referenti (cfr. ALINEI 1984a, 1989a, 1995d, 1997bc,
2000b, 2003abc, 2005, MINELLI/ORTALLI/SANGA 2005) e vd. an-
che qui, cap. 8); dallaltro alle ben note conclusioni del grande
folclorista russo Vladimir Propp (PROPP 1946) sul ruolo centrale
che il regno animale assolve nella abistica mondiale, vista come
principale riesso ideologico del totemismo, che a nostro avviso
sono applicabili con successo anche allo studio delliconomasti-
ca dialettale. Abbondantemente documentato infatti luso degli
zoonimi come nomi di altri referenti di valenza magicoreligio-
sa, cio per tutti i fenomeni della vita e della natura considerati
arcani: quindi non solo la nascita, la morte e la malattia, ma an-
che larcobaleno, la nebbia, la tempesta e simili, gli aspetti orri-
di del paesaggio, le piante considerate sacre o utilizzate come
7 Iconimologia: ricerca delliconimo 313

medicinali, e perno gli esseri magicoreligiosi stessi. Inoltre,


nella tipologia iconimica di questi aspetti della realt, gli anima-
li si alternano agli esseri cristiani e a quelli pagani antropomor-
; e mentre gli iconimi antropomorci cristiani (o islamici) rap-
presentano lultimo strato nella sequenza di sviluppo, e quelli an-
tropomorci pagani lo strato immediatamente precedente, con
quelli zoomorci raggiungiamo lo strato pi antico, che si pu
considerare originario, cio sincronico con lo sviluppo delle pri-
me concezioni magicoreligiose dellumanit. Avremmo allora,
in questa elaborazione, il modo per trasformare liconomastica
tipologica o sincronica in iconomastica storica o diacronica.
Ora, si pu conciliare questa visione con luso dei nomi di a-
nimale come designazione del gioco della mosca cieca e della sua
gura centrale? Cio, pu appartenere anche il gioco infantile tra-
dizionale a un aspetto cos arcaico della nostra evoluzione cultu-
rale? Se partiamo come sembra indispensabile dalla tesi che
il gioco sia la simulazione infantile di un rito di esorcizzazione del-
la morte, la risposta al nostro quesito ci viene di nuovo da Propp,
senza alcun dubbio il pi originale studioso delle abe mondiali,
di cui ha anche dimostrato le origini totemiche: Propp ha dimo-
strato che il teriomorsmo del regno lontano, cio la concezio-
ne del regno dei morti come regno di animali, la forma pi anti-
ca della rappresentazione della morte e del suo regno, e tuttora la
pi comune nelle societ tradizionali (PROPP 1972: 456 sgg.): il
sembiante animale della morte pi antico del [suo] sembiante
scheletrico (ID.: 114); Il cacciatore dipende interamente dalla-
nimale ed egli popola il mondo di animali; attribuisce agli anima-
li il suo ordinamento del clan, e crede che, dopo morto, diventer
un animale e sincontrer [] col re dei serpenti, dei pesci, dei
gamberi, etc. (ID.: 458459) (enfasi mia).
Propp, inoltre, ci ha anche indicato la direzione da seguire per
approfondire il motivo della cecit, che non soltanto quello e-
reditato dal mondo classico e gi notato qui sopra, del destino e
della morte, ma anche quello, molto pi antico, del custode del-
lingresso al regno dei morti e, in quanto tale, un essere legato
al mondo degli animali e al mondo dei morti (ID.: 114). Lani-
314 Lorigine delle parole

male cieco del gioco quindi in origine una diretta rafgu-


razione della morte e dei morti, e il giocatore cieco che si chiama
col nome dellanimale ha anche il potere del custode del regno dei
morti, cio quello di trascinare i vivi nel regno dei morti.
E anche sulla mosca di bronzo sempre Propp che ci d qual-
che indizio (che andrebbe approfondito in altra sede), quando ci ri-
corda la leggenda greca di Talus, luomo (o vitello, o bue) di bron-
zo dellisola di Creta, che si stringeva al petto gli stranieri prima di
gettarsi nel fuoco, e la paragona alla aba russa delluomo di bron-
zo o rame, che agisce esattamente come la maga che brucia i bam-
bini nella stufa (ID.: 256 sgg.). Insomma, anche la mosca di bron-
zo sarebbe una tipica epifania del dispensatore di morte.
Ridotto ai suoi termini pi elementari, il gioco della mosca
cieca rivela la straordinaria saggezza dei nostri antenati pi lon-
tani: si offriva ai bambini la possibilit di addestrarsi su come
sfuggire alla morte (lanimale cieco), ma allo stesso tempo li si
obbligava ad affrontare, nella simulazione rituale, anche la stessa
esperienza della morte, con il conseguente passaggio al ruolo di
suo dispensatore cieco fra i vivi: una concezione che riette mol-
to da vicino i rapporti totemici fra morti e vivi, cio fra anima-
limortidonatori e umani vivi, ma che ha conservato un nucleo
di verit anche per noi.
Quanto allaspetto tipologico e storico della ricerca iconoma-
stica, abbiamo visto come linterpretazione dei dati permetta di
far convergere entrambi in una sintesi coerente.

7.3. Alcuni esempi di ricerca iconomastica bifase

Il tipo di ricerca iconimologica appena illustrato era quello


semplice o monofase, che non presenta, cio, alcuna problemati-
ca di tipo morfonetimologico. Quello bifase, come sappiamo, ri-
chiede invece una fase euristica morfonetimologica preliminare.
Per non uscire dallambito delle etimologie certe, tuttavia, ci li-
miteremo a esempi la cui problematica morfonetimologica risul-
ta elementare.
7 Iconimologia: ricerca delliconimo 315

7.3.1. Vecchie iconimologie

Esempi di elementari iconimologie ante litteram che risalgono


alla ne dellOttocento, ma possono essere pur nella loro con-
cisione considerate valide ancora oggi, sono quelli di Napoleo-
ne Caix (cfr. CAIX 1878) [ Antologia critica, 1.1], il primo pro-
fessore di lolologia romanza dellUniversit di Firenze, e attivo
etimologo che si impegn molto nel miglioramento e nel comple-
tamento del primo dizionario etimologico scientico delle lin-
gue romanze, quello del Diez (vd. cap. 13). Anche se le sue eti-
mologie errate corrette dalla successiva ricerca sono pi nu-
merose di quelle giuste, Caix forse letimologo italiano che pi
ha contribuito, alla ne dellOttocento, a migliorare il livello del-
la ricerca per quanto riguarda litaliano e i dialetti toscani.

7.3.2. It. pateracchio da lat. PATER + ACULUM

Letimologia dellit. pateracchio accordo poco limpido e


contratto matrimoniale(XVIII sec.), data per incerta (DELI) o
spiegata in maniera pi o meno fantasiosa da altri autori (PELI: <
patafo (< epitafo), AEI: < patafo + panereccio; VEI: < patto),
stata spiegata esemplarmente da Ottavio Lurati (cfr. LURATI
1982) [ Antologia critica, 13.1] con un semplice ricorso al-
luso di pater del pater noster, sostantivato e ampliato in acchio
(da aculum), nei contratti di danzamento gestiti dai mezzani
matrimoniali (con relativi accordi e accomodamenti fra parenta-
di) di cui ha trovato adeguata documentazione nelle inchieste na-
poleoniche sugli usi e costumi del Regno Italico. Le migliori eti-
mologie sono sempre quelle pi semplici!

7.3.3. It. sciara lava indurita da lat. FLAGRO ammeggiare, av-


vampare

Un altro esempio recente quello del sicilianismo sciara, gi


noto dal Verga, e recentemente venuto alla ribalta per le frane del-
la Sciara del Fuoco nellisola di Stromboli. Prima considerato un
316 Lorigine delle parole

arabismo, stato ricondotto esemplarmente al semplicissimo


se si conosce la regola di conversione siciliana // > // lat. a-
gro ammeggiare, avvampare, ardere cfr. it. conagrare
da Giovanni Sinicropi (cfr. SINICROPI 1983) [ Antologia critica,
13.2]. unetimologia importante, sul piano culturale, perch
dimostra non solo come la terminologia dei fenomeni vulcanici
sia di origine italica e latina, ma sia anche antica e di probabile ca-
rattere miticoreligioso, dato che lepiteto osco di Giove Iuvei
Flagi (cfr. lat. Iuppiter Flagius) certamente afne a agro ma
di senso incerto (cfr. DELL, VETTER 1953: 85, UNTERMANN 2000:
209210 con bibl.) sembra proprio avere a che fare con la
Flagra del Fuoco di Stromboli e quella etnea gi nota.

7.3.4. Il curioso destino di tre termini monastici medievali: it. co-


lazione da lat. COLLATIO, it. pietanza da lat. PIETAS, it. mi-
nestra da lat. MINISTRARE1

1. Come spiegato ma non egualmente bene da tutti i di-


zionari etimologici, il nome italiano della colazione, il pasto del-
la mattina o di mezzogiorno, deriva dal lat. collatio, onis, nel
senso tuttora esistente per il suo continuatore dotto collazione
di confronto.
Sul piano formale, cio morfonetimologico, non vi molto da
dire: non vi alcun dubbio che la parola italiana sia di tradizione
dotta o semidotta, in contrasto, come vedremo, con il carattere as-
solutamente popolare del mutamento semantico. Occorrerebbe
semmai approfondire ci che invece sembra sia passato inos-
servato perch collationem abbia subito la degeminazione o
scempiamento della consonante doppia di collationem. Tornere-
mo su questo punto, che costituisce lunico problema da risolve-
re a livello formale.
Per quanto riguarda la semantica, liconimo di colazione sem-
bra dunque essere curioso: perch mai scegliere {confronto}? Per

1. Una prima versione di queste tre etimologie apparsa in ALINEI (1997a).


7 Iconimologia: ricerca delliconimo 317

capirlo, occorre rifarsi alla circostanza che nei monasteri al-


tomedievali una delle refezioni quotidiane dei monaci avveniva
in concomitanza con la lettura delle Collationes patrum, una rac-
colta delle vite dei Padri della Chiesa, scritta da Cassiano (360 ca.
435) negli anni 420428, che ebbe un ruolo importante nella for-
mazione del monachesimo occidentale (DEI). Il punto di parten-
za non quindi collatio nel senso di conferenza, riunione (come
suggerisce per esempio il VEI), bens quello cos formulato nel
Lexicon del NIERMEYER (1976): pasto serale in un monastero, du-
rante il quale si leggevano le Collationes di Cassiano, e nel DU
CANGE: apud Monachos praesertim, dicitur Sacrorum librorum
lectio, quae statis horis, maxime post coenam, coram iis ebat.
La fonte principale di questa informazione proprio linizia-
tore del monachesimo occidentale, fondatore del primo ordine
monastico dei Benedettini: Benedetto da Norcia (480 ca. 547).
Nella sua Regula monachorum (540 ca.) egli scrive infatti (cap.
42): Mox ut surrexerint a coena, sedeant omnes in unum, et le-
gat unus Collationes, vel Vita Patrium, aut certe aliud quod aedi-
cet audientes. Da questa lettura monastica di testi edicanti,
associata a una cena nasce dunque il senso di col(l)atione come
refezione.
Dal DU CANGE si possono ricavare poi altri interessanti detta-
gli, che ci illuminano meglio sulla ragione di questo curioso mu-
tamento semantico: Udalricus (morto nel 1093), nelle sue Anti-
quiores consuetudines monasterii Cluniacensis (a. 1083) scrive-
va (c. 13): De Collatione surgunt ad charitatem, et de vino quod
tunc propinatur, nullus omnino praesumit abstinere, ut non ali-
quantulum gustet. Idem (c. 18): Post vesperas coena, post coe-
nam coena servitorum, post coenam servitorum ofcium pro de-
functis, post ofcium Collatio, et ita ad completorium. Mona-
sticum Anglicanum (tom. 2, p. 370): Et legat unus frater tam in
prandio quam in coena et Collatione. Petrus Abalardus (Epi-
stula ad amicum, ca. 11311136): Post vesperas autem vel sta-
tim coenandum est, vel potandum. Et inde etiam secundum tem-
poris consuetudinem ad collationem eundum. Regula Templa-
rior (cap. 16): Hanc [] collationem in dispositione et arbitrio
318 Lorigine delle parole

Magistri ponimus, ut quando voluerit de aqua: et quando jubebit


misericorditer, et vino temperato competenter recipiatur.
Non vi dunque alcun dubbio che sia stato il sincronismo fra
la collatio come lettura monastica di testi edicanti, e la refezio-
ne accompagnata da vino servita dopo la collatio, che ha deter-
minato lo sviluppo semantico.
La lezione che si ricava dalla storia insomma che del severo
e ieratico rituale monastico medievale, per una curiosa eteroge-
nesi dei ni, rimasto solo laspetto mangereccio. Evidentemen-
te, doveva essere quello laspetto pi importante per i monaci al-
tomedievali che ce lo hanno tramandato, inconsapevoli antici-
patori dei monaci boccacceschi!
Sul piano storicoculturale, inoltre, solo limportanza centrale
della vita monastica nellAlto Medioevo pu spiegare la grande
diffusione del termine, che infatti attestato non solo in mfr. e in
fr., e si diffuso in una vasta area dialettale francese nel senso di
pasto leggero, ma anche (e in varianti che risalgono al nominati-
vo collatio e non allaccusativo collationem!) in antico ammin-
go e nella maggioranza dei dialetti tedeschi (FEW), sempre nel
senso di pasto frugale, merenda e leggero pasto serale.
Per tornare ora al piano morfonetimologico, dobbiamo ancora
rispondere al quesito sul perch collationem abbia subito la dege-
minazione o scempiamento della consonante doppia. Di solito, que-
sto un fenomeno tipico dellarea di inuenza celtica, cio Francia
e alta Italia. Possiamo applicarlo anche a un termine introdotto dai
Benedettini di Montecassino? Certamente no, se luso del termine
si fosse fermato in questo ambiente. Ma non fu cos: anche a giudi-
care dalle attestazioni sopra citate, le consuetudini sia rituali che
alimentari dei pi antichi monasteri benedettini vennero conser-
vate dagli ordini monastici successivi, che furono di netta area fran-
cese (cluniancensi e cistercensi, cio di Cluny, Clairvaux e Citeaux)
ed ebbero massima importanza per la cultura europea.

2. Lo stesso contesto monastico anche se pi tardo del pre-


cedente e quindi sicuramente cluniacense e cistercense si ri-
scontra in un altro termine fondamentale, anchesso di tradizione
7 Iconimologia: ricerca delliconimo 319

semidotta, dellalimentazione italiana: pietanza. Sul piano for-


male, abbiamo uno sviluppo dal lat. pietas atis piet, con lag-
giunta del sufsso antia, lat. tardo pietantia. Anche in fr. abbia-
mo pitance, senza lenizione, e quindi tipico di uno sviluppo se-
midotto. Sul piano semantico, invece, abbiamo uno sviluppo di ti-
po popolare, e per di pi insolito, dato che la distanza fra {piet}
e pietanza non sembra facile da colmare.
Il mutamento semantico viene spiegato in modo insufciente-
mente approfondito, se non proprio errato, dai dizionari etimolo-
gici: secondo il DELI, per esempio, pietanza sarebbe in origine
il cibo che si dava per piet ai poveri. Vi sono qui due errori:
uno di omissione e uno di sostanza. Lomissione che non si se-
gnala il contesto principale della presunta distribuzione di cibo ai
poveri, cio le mense monastiche. Lerrore di sostanza che la
pietanza non era il cibo dato ai poveri, bens ai monaci stessi.
La denizione corretta invece quella che della pietantia tar-
dolatina d il Niermeyer: distribuzione straordinaria di cibo ai
monaci, in aggiunta alla porzione quotidiana di pane, che consi-
steva di solito in uova, pesce, formaggio (enfasi nostra). Il ge-
neroso companatico, insomma, era per i monaci, ed solo questo
dettaglio, ovviamente, che spiega sia lo sviluppo semantico che il
carattere semidotto, e non popolare, della forma (vd. anche oltre).
Le attestazioni medievali sono numerosissime, e baster cita-
re Udalrico Cluniacense (lib. 2, cap. 35, vd. sopra per le date):
Generale appellamus quod singulis, in singulis datur scutellis;
Pitancia quod in una scutella, duobus; veri gratia, aliquando pro
Pitancia absque scutella unum crudi casei frustum, vel quatuor o-
va: pro generali ova quinque, et caseus nunquam nisi cactus; e
Guigo prior Carthusiensis (Chartreuse), nelle sue Consuetudines
Carthusienses (11211127 ca.): De caseo nacque seu piscibus,
aut ovis, seu, vel si quid ejusmodi, quae Pitancias vocamus, se-
mel sumimus. La continuit del termine monastico anche nel
suo valore alimentare dimostrata dalla ricchissima documenta-
zione dialettale francese, dove pitance e varianti hanno molto
spesso il senso di tutto ci che si mangia col pane (FEW). At-
traverso il francese, poi, il termine si poi diffuso anche in ingle-
320 Lorigine delle parole

se, in cui pittance conserva, in uno dei suoi sensi, il signicato o-


riginale: a special additional allowance of food or drink in a re-
ligious house (CHAMBERS).
Vale poi la pena di ricordare lesistenza di un monaco pitan-
tiarius, che DU CANGE denisce Ofcium monasticum, cui mu-
nus incumbit componendi et distribuendi singulis Monachis Pi-
tancias suas, e che paragona pi oltre a un moderno Matre
dHotel. Il termine si continua, esattamente con lo stesso signi-
cato, nellafr. pitancier, celui qui, dans un couvent, est charg de
donner chaque moine sa pitance (FEW).
La grande diffusione del termine nei dialetti francesi dimostra
la centralit della Francia nella storia della cultura medievale, im-
perniata sui grandi ordini monastici cluniacensi e cistercensi.
Sul piano storicoculturale, inne, abbiamo un altro esempio
di quella curiosa eterogenesi dei ni gi notata per collatio: il con-
trasto fra la lettera tutta rivolta alla piet religiosa, e la sostanza
tutta rivolta a una soddisfacente cucina.

3. Un terzo esempio del curioso destino mangereccio di ter-


mini monastici quello della parola minestra, anchessa non a-
deguatamente spiegata nei dizionari etimologici. DELI, per e-
sempio, cita loraziano coena ministratur pueris tribus per illu-
strare il passaggio da amministrare (il cibo), nel senso di distri-
buirlo e servirlo, a quello di minestrare scodellare la minestra e
quindi a minestra stessa.
Non vi dubbio che minestra sia una retroformazione da mi-
nestrare, a sua volta da lat. ministrare servire a mensa (porgere,
versare, mescere, etc.), e che questo senso sia gi presente nel la-
tino classico, non solo in Orazio ma anche in Tacito, Ovidio, Ci-
cerone e altri. Ma ci sono sufcienti ragioni per chiedersi se il
contesto per questo passaggio semantico a minestra sia quello
domestico, databile al latino popolare e quindi alle origini stesse
del latino, oppure non sia lo stesso che abbiamo visto negli e-
sempi precedenti, cio quello monastico medievale.
Ecco le ragioni: (I) come sappiamo, la scelta di un iconimo
non viene fatta a caso, ma riette di solito le circostanze in cui na-
7 Iconimologia: ricerca delliconimo 321

sce la lessicalizzazione. E in questo caso pi probabile che un


iconimo come {amministrazione del cibo}, per divenire mine-
stra, sia stato messo in primo piano quando esso divenne la nor-
ma in una collettivit di alto prestigio culturale e come abbia-
mo visto di notevole importanza per la diffusione delle sue inno-
vazioni linguistiche come quella monastica. (II) Sul piano
morfonetimologico, poi, si osservi che al parallelismo formale di
minister e magister in latino ambedue con la i tonica breve
non corrisponde quello neolatino di minstra e mastra, che
non fanno rima perfetta: la i breve di ministrat non divenuta
e chiusa come quella di mastro, come ci aspetteremmo dalla
regola, ma e aperta. Anche questo sembra indicare che il ter-
mine minestra sia uninnovazione regionale, penetrata da fuori
nel lessico toscano, e non un termine di tradizione ininterrotta dal
latino popolare.
A rafforzare ulteriormente lipotesi stanno poi le numerose at-
testazioni del tardo latino ministratio nel senso di cibo, pietanza,
pasto (NIERMEYER), come quelle nellOrdo Romanus (VIIIX
sec.) (si aliam ministrationem ministrentur), nel Liber de mi-
raculis di Giovanni da Amal, monaco della seconda parte del X
secolo (Sororibus ap[p]osuerunt ministrationes diversas), in un
documento del 1120 da Cambrai (Monachi concesserunt domi-
nae R. unam ministrationem monachalis praebendae), e inne
nella Regula Canonicorum Metensium (carnem inter duos, mi-
nistrationem unam, et cibaria una accipiat; et si cibaria non ha-
bent, tunc duas ministrationes de carne aut lardo habeant) (DU
CANGE). In tutti questi casi, si tratta di mense monastiche.
Resterebbe da vedere perch il senso di minestra non abbia
avuto la stessa diffusione di colazione e di pietanza, essendo
limitato allItalia, ai dialetti delle Alpi francesi (FEW, ALF: 1253)
e, in Germania, alla Carinzia e alla Svevia. Si potrebbe azzarda-
re lipotesi che lambiente monastico in cui la scelta delliconimo
ha avuto luogo sia stato quello benedettino italiano, e non quello
pi tardo francese, cluniacense o cistercense.
In ogni caso, la ricerca mostra come il tipo iconimico (qui
un iconimo religioso ricorrente per designare un cibo), che in u-
322 Lorigine delle parole

na seconda fase abbiamo evidenziato mediante il confronto ico-


nomastico fra diverse etimologie, si trasformi nellargomento de-
cisivo per una ricostruzione storica adeguata: iconomastica tipo-
logica che sbocca, di nuovo, nelliconomastica storica.

7.3.5. It. dial. mazza vomere dellaratro da lat. *MATEA (cfr. lat.
MATEOLA)

Un altro caso di elementare analisi morfonetimologica, e di in-


teresse principalmente storicoculturale, quello del nome al-
toitaliano occidentale (e siciliano, dove un prestito) del vo-
mere dellaratro: mazza, lessema anche italiano il cui signicato
ci noto. La sua anteforma , come risaputo, il lat. *matea (e
non *mattea, come si trova in moltissimi dizionari2, compreso il
DELI, lIEW e BUCK (1949): per generare la doppia affricata ita-
liana non c bisogno della doppia /tt/; cfr. platea > piazza, vitium
> vezzo, pretium > prezzo), che si lascia ricostruire sulla base del-
la forma attestata mateola (da cui it. mazzuola), e che forma la ba-
se, oltre che di it. mazza e derivati, anche dellit. ammazzare. Ma
come potuto diventare {mazza} liconimo del vomere?
La risposta (cfr. ALINEI 1991a, 1996b: 134, 1997d, 2000a: 870
sgg.) richiede un approccio misto: di tipo WuS, naturalmente, ma
combinato con adeguate conoscenze sulla preistoria dellaratro.
Non mancano, per questo attrezzo, gli strumenti per assisterci
nella ricerca: le pagine dedicate allaratro da Wagner nella sua o-
pera sulla Sardegna, gi citata nel cap. 4 (cfr. WAGNER 1921) [
Antologia critica, 4.1]; quelle pi recenti dellantropologo Giu-
lio Angioni, tratte dalla sua splendida ricerca sul lavoro agricolo
in Sardegna, per molti aspetti grandemente superiore a quella di
Wagner (cfr. ANGIONI 1976) [ Antologia critica, 4.2]; e, fon-
damentali per la conoscenza della preistoria dellaratro, le ricerche
di uno dei maggiori aratrologi mondiali, Gaetano Forni, studioso
molto preparato anche sulla documentazione linguistica (cfr. FOR-

2. E come citato dallo scrivente negli articoli citati oltre.


7 Iconimologia: ricerca delliconimo 323

NI 1988, 1990, 1995). Di lui riproduciamo in Appendice un recen-


tissimo articolo sullaratro preistorico valdostano (probabilmente
il pi antico nora trovato in Italia) (cfr. FORNI 2005) [ Antolo-
gia critica, 4.3].
Lillustrazione di questa iconimologia bifase ci permette quin-
di di dimostrare perch uscire dallo stretto orizzonte del formali-
smo etimologico per addentrarsi nella cultura materiale e nellar-
cheologia non solo sia necessario, ma anche molto produttivo dal
punto di vista culturale.
Occorre anzitutto ricordare che laratro primitivo, che nasce
nel tardo Neolitico (V mill. a.C), se non nellEt del Rame3 (IV
mill.), era di legno e si componeva di un solo pezzo: un ramo bifor-
cuto, di cui la parte lunga costituiva la bure e la parte corta e ap-
puntita il vomere. Sulla burevomere si innestava poi un secondo
pezzo un bastone che costituiva la stiva e serviva al control-
lo dellangolo di incidenza del vomere (vd. Fig. 7.1, p. 970) . In o-
rigine, dunque, il vomere era un semplice ramo appuntito e indu-
rito a fuoco, che serviva a scalre la terra e non a dissodarla. Per
avere il vomere di metallo, a lama convessa adatta a dissodare la
terra, occorre aspettare ancora alcuni millenni: addirittura lEt
del Ferro (I mill.), in quanto il vomere in bronzo, nellEt del
Bronzo (II mill.), fu usato solo a scopi rituali, e non divenne mai
comune4.
Come tutti sappiamo, il nome comune latino del vomere vo-
mer/vomis vomeris, di etimologia incerta (ma vedi cap. 8 per una
nuova proposta), da cui it. vomere e afni dialettali. Ora, mentre
la chiave di lettura tradizionale, in questo caso come in tanti altri,
sarebbe che i continuatori dialettali del latino classico vomer sia-
no antichi, mentre gli altri nomi sarebbero innovazioni medieva-
li, nel nostro caso appare invece chiaro che mazza rappresenta la
conservazione del nome dellantico vomere di legno, mentre lin-
novazione rappresentata dallo stesso vomer latino, e da altri no-

3. Vd. FORNI (1990: 159160).


4. Vd. FORNI cit.
324 Lorigine delle parole

mi dialettali che discuteremo nel prossimo capitolo. A meno che


si preferisca ipotizzare che Emiliani occidentali, Liguri, Piemon-
tesi e Lombardi occidentali avessero cambiato nel Medioevo il
nome latino vomer (che in latino indicava gi il tipo del vomere
in ferro a lama convessa) con un nome motivato dallidea della
mazza di legno. Ipotesi non solo assurda in s, ma anche perch
in contrasto con i reperti archeologici, che dimostrano che in E-
miliaRomagna il vomere di ferro era gi del tutto normale n
dallepoca romana. La sola conclusione possibile dunque che il
tipo vomere sia linnovazione, e mazza uno dei nomi originali del
vomere di legno.
La documentazione archeologica relativa alla Val dAosta, illu-
strata e discussa da Forni (cfr. FORNI 2005) [ Antologia critica,
4.3], conferma che laratro valdostano antico era interamente di
legno, e quindi rende pi sicura e signicativa linterpretazione del
nome del vomere mazza, che anche il nome valdostano.

7.3.6. It. ugello da lat. *AVICELLUS

Un altro caso di ricerca iconimologica che richiede una fase


preliminare di tipo morfonetimologico pi approfondita quello
del termine ugello, che come noto designa la parte terminale
di un condotto dal quale si fa efuire un uido (VLI), ma cu-
riosamente considerato di etimologia incerta o sconosciuta (DEI,
DELI, manca in REW e REWS e il LEI ne sbaglia letimologia,
perch non lo inserisce dove invece dovrebbe trovarsi, cio s. v.
aucellus!). Si tratta invece di unevidentissima variante setten-
trionale di uccello, come gi intuito da MIGLIORINIDURO (PELI):
prob. variante settentrionale di uccello. Proposta che il DELI
cos commenta, giustamente: ha bisogno di appoggi cronologi-
ci e geolinguistici e di confronti col referente. Appoggi per fa-
cilissimi, perch letimologia del tutto elementare, sia dal pun-
to di vista fonetico che semantico, se solo si presta un minimo di
attenzione alla cosa.
La fonetica, anzitutto, del tutto normale per i continuatori set-
tentrionali di lat. tardo aucellu (cfr. LEI s. v. aucellu, dove per
7 Iconimologia: ricerca delliconimo 325

manca proprio ugello!), ed anzi interessante notare che la varian-


te ugello attestata sia in toscano antico che in toscano dialettale
(lucchese, versiliese, elbano ugello, garfagnanoapuano uello), e-
videnti estensioni del tipo altoitaliano con la consonante lenita.
Lo sviluppo semantico da uccello a ugello, cio in termini
pi rigorosi la scelta delliconimo {uccello} per designare
lugello, poi assolutamente trasparente, se si tiene presente (1)
che la funzione dellugello, rispetto al contenitore del liquido o
dellaria, esattamenta quella di un rubinetto, e (2) che anche la
forma dellugello, da cui fuoriesce il uido, quella del rubinet-
to, cio a cannuccia. La sua forma e la sua funzione richiamano
quindi molto da vicino quelle delluccello come pene delluomo
e membro del bue o dellasino (vd. Fig. 7.2, p. 971, e cfr. LEI s.
v. aucellu, dove per, come notato, manca proprio ugello. Per svi-
luppi analoghi in francese cfr. FEW s. v. aucellus). Che sia cos
poi anche confermato dalle varianti siciliane di uccelletto e uc-
celluzzo, che signicano proprio rubinetto dacqua (LEI, idem)
e, in Francia, dal fr. dial. (Albertville) j petite languette de bois
quon place au bout du serpentin pour que les gouttes tombent
toutes au mme point (FEW s. v. aucellus).
Come si pu notare, la fase euristica delliconimologia, nono-
stante la sua relativa trasparenza, produce un iconimo assoluta-
mente certo, e anche non poco importante sul piano storicocul-
turale, perch gli ugelli pi antichi, nella storia della tecnologia
europea, sono quelli della parte terminale del mantice, realizzati
in ceramica per la produzione del bronzo/ferro, e quindi spesso ri-
trovati fra i reperti archeologici, come preziosa prova dellesi-
stenza in loco della metallurgia del ferro (CAMPS 1988, PERONI
1994: 64). Si potrebbe allora associare la lessicalizzazione dellu-
gello di chiara origine settentrionale, come abbiamo visto
allo sviluppo della tecnologia del ferro nellalta Italia del I mil-
lennio a. C., quando linuenza dei Celti della civilt di La Tne
nellEuropa occidentale e centrale era massima (ALINEI 2000a:
931). Ecco dunque come letimologia, divenuta ricerca dellico-
nimo, pu contribuire in modo importante e indipendente alla no-
stra conoscenza della protostoria, anche sul piano geograco.
326 Lorigine delle parole

7.4. Liconimologia come fonte primaria di conoscenze stori-


che e parte integrante dellarcheologia etimologica

Come si vede dagli esempi dati, liconimologia, sia monofase


che bifase, pu contribuire in modo originale e indipendente dal-
le altre scienze storiche allampliamento e allapprofondimento
delle nostre conoscenze, e per questo costituisce, a nostro avviso,
una parte integrante della nuova disciplina che abbiamo chiamato
archeologia etimologica: se la storia del casino, del paterac-
chio, della colazione, della pietanza e della minestra rap-
presentano frammenti inediti di storia moderna e medievale del-
la societ italiana, quella dellugello ci porta allEt del Ferro,
quella della mazza come vomere dellaratro agli inizi del Neo-
litico, e quella della mosca cieca alla preistoria meso e paleo-
litica, in cui prevale la rappresentazione zoomorca, in chiave
magicoreligiosa, di tutto il reale.

7.5. Liconimologia come inverso speculare della semasiologia

Prima di passare allillustrazione delliconomasiologia, dob-


biamo inne notare unimportante implicazione della ricerca del-
liconimo: ogni ricerca iconimologica che sbocca nella scoperta di
un iconimo comporta, automaticamente, la creazione di una se-
quenza inversa, speculare, cio semasiologica. Se abbiamo sco-
perto che liconimo della parola ciao, che signica saluto infor-
male, {schiavo}, la cui anteforma sclavus, allora abbiamo an-
che scoperto che sclavus si trasformato nel saluto informale ciao.
In altre parole, nel momento in cui facciamo liconimologia di u-
na parola, niamo sempre col fare anche la semasiologia del suo
iconimo. Non importa che la sequenza cos scoperta sia in s si-
gnicativa e frequente, o trascurabile e rara: sul piano della teoria
e del metodo importa, ed anzi fondamentale, che vi sia questo
rapporto dialettico, speculare, fra iconimologia e semasiologia.
Fra laltro, si noti che questo rapporto vale esclusivamente per
liconimo, e non per letimo nel senso tradizionale: aver scoperto
7 Iconimologia: ricerca delliconimo 327

che letimo di io il lat. ego non comporta il suo inverso sema-


siologico, ma solo il suo rovescio cronologico e processuale: se
io deriva da ego, allora ego si trasformato in io. Nel caso
della scoperta delliconimo, invece, allinverso cronologico e pro-
cessuale che pure viene prodotto si aggiunge il cosiddetto
mutamento semantico, che, come abbiamo visto, di fatto consiste
nella scelta di un nuovo iconimo per la creazione di un nuovo si-
gnicato. Nei prossimi capitoli torneremo su questo tema e sulla
sua importanza metodologica.
8. ICONOMASIOLOGIA: ONOMASIOLOGIA E TIPOLOGIA DEGLI ICONIMI

8.1. Dallonomasiologia alliconomasiologia

Come abbiamo visto nel cap. 3, lonomasiologia, come studio


e confronto etimologico dei diversi nomi (eteronimi) di uno stes-
so referente in una data area, stata una dei pi importanti svi-
luppi delletimologia tradizionale, e certo la pi importante appli-
cazione delletimologia alla geolinguistica. La geolinguistica, in-
fatti, era nata prima di tutto come esigenza di raccolta e di regi-
strazione delle innumerevoli variazioni dialettali in uno stesso ter-
ritorio linguistico, e aveva realizzato tale esigenza con gli atlanti
linguistici, nazionali e regionali, che sono sempre stati atlanti di
materiali grezzi. Anche se senza unesplicita coscienza degli o-
biettivi dellinterpretazione, il successivo passaggio, dalla raccol-
ta alla fase interpretativa e comparativa dei materiali, si realizz
ben presto proprio con il metodo dellonomasiologia, cio effet-
tuando lanalisi etimologica comparata dei diversi nomi per la
stessa nozione, resi nalmente accessibili dagli atlanti linguistici.
Ovviamente, a seconda delloggetto prescelto, e per le ragio-
ni illustrate nei capitoli precedenti, anche uno studio onomasio-
logico poteva confrontarsi con etimi di vario tipo: non solo iconi-
mi trasparenti veri e propri, ma anche anteforme sicure, ma prive
di iconimo, o anteforme incerte, con o senza iconimo, o inne ir-
risolti e/o insolubili. Per chiunque abbia una sufciente cono-
scenza dellimmensa produzione onomasiologica della met del
secolo XX, tuttavia, del tutto chiaro che la ragione del successo
di questo tipo di ricerca fu proprio nella grande quantit e variet

329
330 Lorigine delle parole

di iconimi sicuri anche se quasi mai esplicitati, neanche col no-


me di motivazione che lonomasiologia di volta in volta rive-
lava, e che da un lato soddisfacevano e anzi superavano le aspet-
tative degli studiosi, dallaltro li incoraggiavano a tentare delle
sintesi esplicative a livello pi approfondito, spesso in un oriz-
zonte interdisciplinare. Alcuni studi onomasiologici, come quel-
lo di BERTOLDI (1923) sui nomi del colchico, di cui riproduciamo
in Appendice lIndice e lIntroduzione [ Antologia critica, 5],
o di RIEGLER sulla zoonimia popolare (cfr. RIEGLER 1907,
19361937/1981; questultimo riprodotto in Appendice [ An-
tologia critica, 8]) e sui singoli zoonimi (HDWA), o di Kuusi
(1957) (vd. oltre) sui nomi della pioggia col sole, sono veri e pro-
pri capolavori di studi iconomastici ante litteram. Si potrebbe an-
zi sostenere, a buon diritto, che la migliore ricerca onomasiologi-
ca ha precorso in molti aspetti la ricerca iconomasiologica, so-
prattutto quando ha approfondito, prima di studiare letimologia
dei nomi, il folclore, il mito e qualunque altro aspetto stori-
coculturale e/o materiale del referente, come il caso degli stu-
di citati di Bertoldi e di Riegler.
Ci possiamo allora porre due domande: (1) Poich, come sap-
piamo, in moltissimi casi la ricerca etimologica rivela solo lan-
teforma (sicura o incerta) senza raggiungere un iconimo vero e
proprio, per quale motivo, allora, potevano apparire tanti iconimi,
tutti in una volta, in una stessa ricerca dedicata, dopo tutto, ai no-
mi di un singola nozione? (2) Come mai poi, una volta scoperta
di fatto, anche se non in teoria, la nozione di iconimo non fu e-
splicitata gi da questi primi studiosi di onomasiologia?
Per quanto riguarda la grande quantit di iconimi ottenuti, la
ricerca onomasiologica del primo Novecento era nata, come ab-
biamo appena detto, sulla scia della pubblicazione dei primi a-
tlanti nazionali o regionali, e il materiale raccolto da questi atlan-
ti riguardava, sostanzialmente, luniverso della cultura contadina.
Il linguista che allora si interrogava sul perch di tanta variet di
nomi per la stessa realt in una stessa area linguistica italiana,
francese, iberica, neolatina, o tedesca o germanica o slava non
aveva certo in mente i nomi dialettali del sole e della luna, del ven-
8 Iconomasiologia: onomasiologia e tipologia degli iconimi 331

to e della pioggia, dellacqua o del vino, che le carte degli atlanti


rivelavano essere diversi solo nella forma fonetica; bens quelli di
piante, di ori e di animali, oltre che delle innumerevoli realt
contadine, lontane e spesso sconosciute alla vita urbana. Soprat-
tutto dei primi si constatava sia la sorprendente variet sia la fre-
quente trasparenza, nel senso che la loro forma rivelava subito le-
timoiconimo: il dente di leone, il biancospino, il nontiscordar-
dim, il piscialletto, il girasole, cos come il pettirosso, la capi-
nera, il barbagianni, il millepiedi, il porcellino di santAntonio e
lorbettino (diminutivo, come sappiamo, di orbo) hanno un nome
identico alletimoiconimo.
Per quanto riguarda la mancata esplicitazione della nozione di
iconimo, occorre riettere a due circostanze: (A) lambiguit del-
la nozione tradizionale di etimo, obiettivo della ricerca degli ono-
masiologi, non diminuiva certo levidenza e la portata dei risulta-
ti ottenuti dallonomasiologia, che stava tutta nella grande quan-
tit di iconimi ante litteram. In altre parole: se al lessico di un o-
raio mancasse il concetto di rosa, e quindi anche il suo nome
rosa, questo non renderebbe meno belle le rose da lui raccolte se
le raccogliesse assieme ad altri ori meno belli e conoscendo so-
lo la parola e il concetto di ore. Il successo iconomastico dello-
nomasiologia, insomma, pur senza coscienza della nozione, invi-
tava molto pi a continuare lo stesso tipo di ricerca tradizionale
cio etimologica per le centinaia di nozioni rese disponibi-
li dagli atlanti e dalla dialettologia, che non a porsi quesiti teori-
ci. (B) Gli atlanti grezzi di prima, di seconda e di terza genera-
zione, cio nazionali, regionali e di gruppo linguistico, riguarda-
no per denizione unarea linguistica omogenea, rispettivamente
di un singolo paese (Italia, Francia, Spagna, etc.), di una singola
regione (Piemonte, Provenza, Andalusia, etc.) o di un intero grup-
po linguistico (neolatino, germanico, slavo, etc.). Di conseguen-
za, allinterno di una stessa area linguistica, quando lanalisi eti-
mologica tradizionale si confrontava con qualche iconimo, di so-
lito identico o facilmente riconducibile allanteforma, non ci si
poteva facilmente accorgere della differenza fra le due nozioni.
Un esempio: se in area neolatina, o solo in Italia, si lavora sullo-
332 Lorigine delle parole

nomasiologia della donnola, appariranno certamente, fra i di-


versi nomi, i seguenti quattro: (1) it. donnola, it. dial. donna e
varr., sp. dial. donosilla, galiz. donia e varr., (2) fr. belette, cor-
so bellula, friul. bilite, it. dial. bellola, etc., (3) sp. comadreja,
occ. comairela e it. dial. cummatrella, (4) frpr., it. dial., lad. mu-
stela. Lanalisi etimologica tradizionale di questi tipi rivela, ri-
spettivamente, quattro anteforme latine: DOMINA signora, BELLA
bella e CUMMATER comare, MUSTELA donnola, ermellino. La
distinzione fra le prime tre, che sono alloantesememi, e quindi i-
conimi della donnola a pieno titolo, e la quarta che invece un o-
moantesemema e quindi una semplice anteforma, non emerge
facilmente. Lo studioso, che ha ancora a che fare con una nozio-
ne ambigua e insufcientemente analizzata come quella di eti-
mo, pu al massimo notare come far Carlo Tagliavini (se-
guendo Garbini: vd. oltre) la presenza di un fattore fantasti-
co nellonomasiologia.
Per rendersi conto dellesistenza e del ruolo autonomo delli-
conimo, insomma, occorreva prima di tutto uscire dallambito di
unarea linguistica omogenea. E anche questo, al principio, non
bast: anche le prime ricerche multilinguali, che iniziarono a
met del Novecento, non furono sufcienti a far compiere il sal-
to qualitativo. Una delle prime ricerche di questo tipo, per esem-
pio quella di TAGLIAVINI (1949), in s molto originale, sui no-
mi della pupilla spaziava dai dialetti italiani alle lingue in-
doeuropee vicine e distanti, alle lingue camitosemitiche, a quel-
le negroafricane, maori, chamir, micronesiane, swahili, cinese,
malese, etc. Ci nonostante, lo stesso Tagliavini, nella sua tuttora
insuperata (per la linguistica storica) Introduzione alla glottolo-
gia (TAGLIAVINI 19697), poteva descrivere la propria ricerca come
un valido sussidio alla semantica o semasiologia, e uno dei
mezzi pi utili per renderci conto della potenza del fattore fanta-
stico nella creazione del linguaggio che, ampliando lindagine
a gruppi di lingue diverse permetteva di comprendere come lo
stesso fattore onomastico, il pi delle volte da ricercarsi nellog-
getto o concetto stesso denominato, agisca indipendentemente in
varie regioni, molto lontane luna dallaltra (ID.: 280281, enfa-
8 Iconomasiologia: onomasiologia e tipologia degli iconimi 333

si mia). Come si vede, non viene neppure menzionata la pur nota


nozione saussuriana di motivazione, e il fantomatico fattore fan-
tastico o fattore onomastico (che Tagliavini riprende da un
nonlinguista come il Garbini) non serviva certo a una migliore
comprensione del fenomeno: ma creava, semmai, ancora pi con-
fusione!
Anche la magistrale ricerca del folclorista nlandese MATTI
KUUSI (1957), dedicata alle denominazioni mondiali della piog-
gia col sole, pur coprendo le principali lingue del mondo e non
pochi dialetti, e producendo anche la prima serie di carte geolin-
guistiche che potrebbero a diritto chiamarsi iconomasiologiche o
motivazionali, sul piano teorico, provenendo da un nonlinguista,
non produsse nulla: anzi, lo studioso, membro della scuola diffu-
sionista nlandese, mirava a dimostrare, naturalmente senza riu-
scirvi, proprio il contrario di quanto aveva pi realisticamente in-
tuito il Tagliavini, e cio che la ricchissima iconomastica mon-
diale dei nomi della pioggia col sole non era universale, cio
fondata su una stessa psicologia e attivit iconica, ma derivava da
particolari centri di diffusione.

8.2. Dalletimoanteforma alletimoiconimo

Il salto di qualit teorico e di metodo, che ha determinato la


presa di coscienza del ruolo delliconimo e ne ha permesso una
prima e fondamentale elaborazione, inaugurando allo stesso tem-
po un nuovo lone di ricerca, stato fatto nellambito dellAtlas
Linguarum Europae (ALE), fondato da me (assieme ad Anton
Weijnen dellUniversit Cattolica di Nijmegen) nel 1970, e da lui
diretto dal 1982 no al 1997. Nel primo volume dei sei nora u-
sciti, pubblicato nel 1982, lo scrivente e un gruppo di coautori
pubblicarono, luno indipendentemente dagli altri, delle carte che
vennero chiamate motivazionali, per distinguerle nettamente da
quelle tradizionali onomasiologiche: quelle per i nomi dellarco-
baleno (ALINEI 1983b, cfr. 1981a, 1984bc) e quella per i nomi
della cavalletta (AVASENOV et al. 1983).
334 Lorigine delle parole

In queste carte che ora invece di chiamare motivazionali


chiameremo iconomasiologiche non pi lanteforma che go-
verna la costruzione della legenda, come nelle carte onomasiolo-
giche (in cui ogni anteforma corrisponde a un simbolo, e varian-
ti formali della stessa anteforma corrispondono a varianti dello
stesso simbolo), ma liconimo (qui ancora chiamato motivazio-
ne): ogni iconimo (o raggruppamento di iconimi: vd. oltre) corri-
sponde a un simbolo, e alle diverse sue realizzazioni nelle diver-
se lingue corrispondono varianti dello stesso simbolo. In concre-
to: mentre in una carta onomasiologica europea dellarcobaleno,
it. sp. e port. arco e fr. arc avrebbero un simbolo corrispondente
a lat. arcus, completamente diverso da quello di ted., ingl., ned.,
etc., bogen, bow, boog, etc. arco, in una carta iconomasiologica
(motivazionale) liconimo {arco} ha lo stesso simbolo, con une-
ventuale differenziazione interna per esplicitare le differenze nel-
la forma.
Per il suo notevole spessore culturale, poi, fu proprio la nostra
carta dellarcobaleno che ag da stimolo e fece da prototipo a
tutta una serie di carte analoghe, che poi seguirono non solo nei
successivi volumi dellALE, ma anche e soprattutto nelle carte
dellAtlas Linguistique Roman (ALiR) che nacque come ini-
ziativa del Dipartimento Romanzo dellALE ed ora, sotto la di-
rezione di Michel Contini, al suo terzo volume , nonch in nu-
merosissime altre ricerche indipendenti.
Perch nacque nellALE il nuovo metodo, e perch si poi ra-
pidamente sviluppato come un nuovo metodo di ricerca etimolo-
gica, oltre che cartograca?
In primo luogo, come gi detto, lambito plurilinguistico faci-
lita molto il salto dallonomasiologia tradizionale a quella ico-
nomasiologica o motivazionale. Prendiamo appunto alcuni nomi
europei dellarcobaleno: liconimo {arco} appare non solo in am-
bito romanzo (dove abbiamo it. arcobaleno, fr. arcenciel, sp.
arco iris, port. arco da velha, etc.), in quello germanico (ingl.
rainbow, ted. regenbogen, nl. regenboog, dan. regnbue, etc.), bal-
toslavo (let. dieva duga, bulg. daga, bruss. daga, rus. duga, scr.
duga, cec. duha, etc.), ngr. dxa, etc., cio in ambito indoeuropeo,
8 Iconomasiologia: onomasiologia e tipologia degli iconimi 335

ma anche in quello uralico (nl. kaari e composti), altaico (tu.


jaja e composti), arabo (qawsalla) e caucasico (tsiw e composti).
evidente che il linguista che voglia raggruppare questi tipi se-
condo i principi dellonomasiologia tradizionale, cio separando
ciascun etimo che signica arco, produce una carta di faticosis-
sima lettura, e inoltre nisce con separare proprio ci che simi-
le; se poi si riette che molto spesso liconimo dellarcobaleno
pu essere {arco di Dio}, e che anche Dio nelle lingue IE ha un
diverso nome latino (deus), greco (qej), germanico  (ingl.
god, ted. gott, etc.), slavo (ru. scr. bog, pol. bg, cec. buh, etc.)
, senza contare Allah delle aree mussulmane e i nomi di Dio nel-
le altre aree europee, diventa poi materialmente impossibile pro-
durre una carta leggibile. Laddove invece il linguista segua i prin-
cipi delliconomastica, considerando {arco} e {Dio} come due
singoli iconimi, e quindi indipendenti dalla forma in cui si realiz-
zano nelle diverse aree, la visione dinsieme, ottenuta mediante la
semplicazione della legenda e la focalizzazione dellunico a-
spetto rilevante liconimo , produce una documentazione di
grande valore storicoculturale.
altres chiaro, daltra parte, che liconomasiologia, pur rap-
presentando un enorme passo avanti nellelaborazione dei mate-
riali linguistici, non sacrica niente delletimologia tradizionale:
al contrario, per ottenere il risultato voluto deve continuare a ri-
cercare lanteforma di ciascun tipo lessicale, sulla base delle pur
sempre validissime e fondamentali regole della grammatica sto-
rica. Ma il risultato ottenuto assolutamente nuovo, rispetto a
quello onomasiologico, perch il raggruppamento degli iconimi
eguali, effettuato mediante la temporanea neutralizzazione del
ruolo dellanteforma, ci permette di creare e studiare una tipolo-
gia iconimica per ciascuna nozione designata, mediante la quale
penetriamo in profondit nelle strutture dellimmaginario cos
come si evoluto nel corso dei secoli e dei millenni.
Ma vi di pi. Il passaggio dallonomasiologia alliconoma-
siologia permette altri fondamentali passi in avanti nellap-
profondimento dellinterpretazione e nellelaborazione tipologi-
ca e storiograca dei risultati ottenuti, andando cos molto al di l
336 Lorigine delle parole

di quanto non possa fare letimologia tradizionale. Li illustriamo


nelle sezioni successive.

8.3. Dal singolo iconimo alla classe e al campo iconimici: ico-


nomastica tipologica

Il carattere astratto delliconimo permette di elaborarne e di e-


stenderne lo studio lungo una scala di almeno quattro gradi di a-
strazione, che sono: (I) il singolo iconimo concreto, (II) il singolo
iconimo astratto, (III) la CLASSE ICONIMICA [ Glossario] e (IV)
il CAMPO ICONIMICO [ Glossario], in cui entra qualunque iconi-
mo che per lo stesso referente presenti aspetti rilevanti per
la problematica etimologica. Questa scala di valori rappresenta le-
laborazione tipologica della ricerca iconomastica. Volendo, questi
diversi livelli di astrazione possono essere rappresentati da una di-
versa realizzazione della convenzione qui adottata di racchiudere
liconimo fra {}. Vediamo come, con un esempio tratto ancora dal-
liconomastica europea dellarcobaleno.
In Europa vi sono centinaia di nomi dellarcobaleno che han-
no come iconimo il nome di molteplici santi e sante come {san
Giovanni}, {san Martino}, {san Bernardo}, etc., {santa Maria},
{santElena}, etc., pi un attributo come {arco} {cintura} {coro-
na}. Ora, per rappresentare questa tipologia in modo pi astratto,
potremmo adottare, per esempio, il maiuscoletto come indice di
un maggior grado di astrazione: otterremmo quindi {ATTRIBUTO
DI UN SANTO/UNA SANTA}. Sul piano formale, lonomasiologia tra-
dizionale, governata rigorosamente com dalla forma, ci co-
stringerebbe a tener conto non solo della differenza fra gli attri-
buti del santo/della santa (arco cintura corona aureola, etc.)
e fra i loro nomi nelle diverse lingue, ma anche di ogni singolo
nome di santo/santa: sia questi che quelli, quindi, dovrebbero a-
vere ciascuno un simbolo a s. Nelliconomasiologia dellarco-
baleno, invece, non solo possiamo estrapolare dai diversi nomi di
arco nelle diverse lingue liconimo astratto {arco}, ma diventa
possibile anche raggruppare tutti i nomi dei santi e delle sante in
8 Iconomasiologia: onomasiologia e tipologia degli iconimi 337

un singolo iconimo {SANTO/SANTA}, che rappresenta la classe i-


conimica di tutti i santi e di tutte le sante, o se rilevante per la
ricerca quella del solo {SANTO MASCHILE} o della sola {SANTA
FEMMINILE}. Inoltre, poich dallesame delliconomastica euro-
pea dellarcobaleno emerge chiarissima una preponderanza di i-
conimi di tipo religioso cristiano (che comprendono non solo
Dio e i santi, ma anche Ges, la Madonna, preti, monaci, la Bib-
bia, e altri istituti e concetti tipicamente cristiani), che a sua vol-
ta si oppone a una minoranza di iconimi di tipo religioso
precristiano, il carattere concettuale della nozione di iconimo
ci permette anche di creare, come massima categorizzazione, la
categoria di campo iconimico, e quindi una sorta di ipericonimo
{MAGICORELIGIOSO}, che domini sia la coppia di iconimi
{CRISTIANO} e {ISLAMICO} sia quella, cronologicamente anterio-
re, {PRECRISTIANO} e {PREISLAMICO}.
Analogamente, poich, come vedremo, fra gli iconimi dellar-
cobaleno troveremo anche numerosi nomi di animali, non soltan-
to potremo raggruppare sotto uno stesso simbolo, per esempio,
liconimo {serpente} o {drago}, che in svariate lingue europee
presta il suo nome allarcobaleno, ma potremo anche creare da u-
na parte liconimo della classe {ANIMALE}, che raggruppi tutti gli
iconimi di animali attribuiti allarcobaleno nelle diverse lingue
europee (vd. oltre), e dallaltra liconimo del campo {ZOO-
MORFISMO}, che comprender, oltre agli iconimi di tipo {ANI-
MALE}, anche quelli che designano una {PARTE DI ANIMALE}, co-
me quelli del tipo {corno} e {proboscide}. Lunica condizione al-
lelaborazione degli iconimi che la loro griglia classicatoria sia
rigorosamente giusticata dalla documentazione attestata.
Si osservi, inne, che questa imponente documentazione rap-
presenta da un lato una notevole elaborazione in direzione tipo-
logica delliconomastica dellarcobaleno, dallaltro fornisce, con
alcuni suoi componenti (per esempio gli iconimi {cristiani} op-
posti a quelli {precristiani}), la base per unimportante elabora-
zione storica della stessa iconomastica, in direzione di quellar-
cheologia etimologica di cui stiamo denendo il programma. In
termini pi generali, risultati di questo tipo da un lato ampliano
338 Lorigine delle parole

le nostre conoscenze sulliconomastica, e con esse gli orizzonti


delletimograa, dallaltro rivitalizzano il ruolo dellapproccio
storico nella ricerca etimologica.
Questo non pu stupirci: infatti chiaro che il fenomeno del-
liconimia, studiato tipologicamente, cio per vericarne leven-
tuale ricorrenza e regolarit, contiene per denizione una matri-
ce storica: il passaggio da un signicato allaltro, espresso ripe-
tutamente, in diverse aree, con lo stesso iconimo. Tipologia ico-
nimica, dunque, di fatto equivale a dire tipologia evolutiva, ri-
petivit di uno sviluppo storico. Ecco perch il passaggio dalli-
conomastica tipologica a quella storica prevedibile, oltre che e-
stremamente procuo.

8.4. Laspetto speculare e ciclico delliconomastica: dallico-


nomasiologia alla semasiologia

Vi di pi. Come abbiamo visto nel capitolo precedente, qua-


lunque iconimologia che raggiunga liconimo genera automati-
camente il rapporto inverso, speculare a esso e tipico della se-
masiologia (vd. cap. 9): quello fra referente e nome, fra signi-
cato e forma/iconimo. Questa specularit [ Glossario, SPECU-
LARIT DELLA RICERCA ICONOMASTICA] vale, a maggior ragione,
per liconomasiologia, il cui maggior livello di astrazione iconi-
mica, rispetto a quello raggiunto dalla singola iconimologia, per-
mette di generare, a livello semasiologico, risultati pi importan-
ti. Vediamo perch.
Secondo la denizione che ne abbiamo dato al capitolo prece-
dente, la semasiologia parte dalla forma (delliconimo) per ricer-
care quali signicati essa abbia assunto nelle diverse aree o nei
diversi periodi. Ora, se riettiamo un momento al processo di a-
strazione descritto nella sezione precedente per le designazioni
dellarcobaleno con il quale per es. dai singoli iconimi {san
Giovanni} + {san Martino}, {santAnna} + {santa Maria}, etc.,
ricaviamo una classe iconimica {SANTO, SANTA} , ci rendiamo
allora conto che nel momento stesso in cui abbiamo effettuato
8 Iconomasiologia: onomasiologia e tipologia degli iconimi 339

questa generalizzazione, otteniamo non solo la risposta alla do-


manda tipica delliconomasiologia su quali sono gli iconimi del-
larcobaleno; ma scopriamo anche, a livello semasiologico, che
la categoria {SANTO} cio qualunque nome di santo pu ac-
quistare, fra le altre cose, anche il signicato di arcobaleno. E
in questo modo non solo abbiamo rovesciato il rapporto con i no-
stri materiali ma abbiamo anche rivelato la ciclicit [ Glossa-
rio, CICLICIT DELLA RICERCA ICONOMASTICA] della ricerca ico-
nomastica, in quanto abbiamo creato la possibilit di attivare un
ciclo di ricerche semasiologiche e iconomasiologiche partendo
ora dalla domanda semasiologica: quali altri realia, oltre allar-
cobaleno, possono essere designati, eventualmente, dallo stesso i-
conimo {SANTO}? (vd. cap. 9). Che a sua volta attiva tante ricer-
che iconomasiologiche quanti sono i realia individuati.

8.5. Il risultato principale della ricerca iconomastica: la sco-


perta delle regole della semantica storica

Sul piano dellinquadramento teorico ed epistemologico, in-


somma, gli inattesi e imponenti fenomeni di ripetitivit, di rego-
larit e come abbiamo appena visto anche di specularit e
di ciclicit nella documentazione iconomastica, ci permettono di
fare un importante passo avanti nellelaborazione teorica del no-
stro materiale. Possiamo infatti assimilare detti fenomeni a vere e
proprie regole, parallele a quelle che stanno alla base della fone-
tica storica, e valide sia per la ricerca icononomasiologica sia, co-
me vedremo, per quella semasiologica. Ecco perch possiamo di-
re che nasce cos, per la prima volta, una semantica storica a-
vente pari dignit alla fonetica e morfologia storica: quella se-
mantica storica che la linguistica storica ha sempre immaginato
ma non mai riuscita a realizzare. A sua volta questa semantica
storica, che ha le sue basi nelliconimologia e la sua principale e-
laborazione nelliconomastica tipologica e in quella storica, altro
non che una delle principali metodologie di quellarcheologia
etimologica pi volte evocata, come nuova disciplina in grado di
340 Lorigine delle parole

riscrivere la storia e la preistoria di una comunit di parlanti uti-


lizzando la documentazione linguistica resa disponibile.
dunque da questo aumento dellorizzonte interpretativo del-
liconomastica da un lato, dal suo conseguente ampliamento al-
liconomasiologia e alla semasiologia, e dal suo salto nella scala
di valori teorici dallaltro, che essa acquisisce, oltre a un nuovo
posto nella linguistica storica, il suo potere esplicativo. Questo
consiste soprattutto nella possibilit di utilizzare i suoi risultati
per ritornare ogni volta pi forte ai singoli problemi etimo-
logici tradizionali, in un processo di costante feedback dal gene-
rale al particolare e dal particolare al generale, dal signicato al-
liconimo (iconomasiologia) e dalliconimo al signicato (sema-
siologia).
Vediamo ora, per apprezzare meglio questi diversi punti, tre e-
sempi di ricerca iconomasiologica, con il loro risvolto semasio-
logico, tratti dai volumi dellALE: prima quello dellarcobale-
no, cio di un fenomeno naturale, poi quello della coccinella e
della donnola, cio di un insetto e di un animale selvatico. Ne
riassumiamo i risultati pi utili per lillustrazione del metodo, sot-
tolineando la regolarit dei risultati, la loro specularit e ciclicit,
nonostante la loro apparente indipendenza, e il potenziale che
questo tipo di ricerca offre anche per la soluzione di singoli pro-
blemi etimologici, e quindi per il progresso delletimologia come
disciplina storiograca a tutti gli effetti. Nel prossimo capitolo il-
lustreremo pi in dettaglio la semasiologia.

8.6. Tre esempi di iconomasiologia

8.6.1. Iconomasiologia europea dellarcobaleno

Anzitutto, notiamo che la stragrande maggioranza dei nomi


dellarcobaleno europei sono iconimicamente trasparenti, rivela-
no cio subito il loro iconimo. Il caso vuole che uno dei pochi no-
mi opachi dellarcobaleno sia proprio quello italiano, sulla cui an-
teformaiconimo, per, la ricerca degli ultimi decenni ha per for-
8 Iconomasiologia: onomasiologia e tipologia degli iconimi 341

tuna raggiunto la conclusione quasi concorde (sulleccezione non


vale la pena soffermarsi) che si tratta di un {arco della balena}.
Passando ai materiali e alla loro tipologia, se si tralasciano i-
conimi astorici come {arco della pioggia}, che tipico della-
rea germanica (cfr. ingl. rainbow, ted. Regenbogen, ned. regen-
boog, etc.), ma attestato anche in altre aree linguistiche, o il fr.
arcenciel, e ci si concentra sugli iconimi pi ricchi di aspetti
storicizzabili [ Glossario, STORICIZZABILIT SEMANTICA], la
classicazione iconomasiologica produce tre distinte categorie di
iconimi:

(A) iconimi che riettono una {INTERPRETAZIONE MA-


GICORELIGIOSA, CRISTIANA O MUSSULMANA}, a
seconda dellarea, del fenomeno. Ecco alcuni dei nume-
rosissimi esempi: in albanese {cintura della Vergine}; in
baltico, lettone {arco/cintura di Dio}, lituano {cintura
dellalleanza (biblica)}; in celtico: gallese {arco dellal-
leanza}; in greco: {arco della monaca}, {aureola del san-
to}; in iranico: tat {ponte delle preghiere} e {ponte Sirat}
(mito islamico); in area neolatina: in catalano {arco di
san Martino}, {arco di san Giovanni}, etc.; in francopro-
venzale {corno di san Bernardo}, etc.; in ol e occitano
{arco di san Martino/san Bernardo/Dio}, {cerchio di
Dio}, {cintura del buon Dio}, {giarrettiera del buon
Dio}, {nastro della buona Vergine}, {croce di san Gio-
vanni}, {ruota di san Bernardo}, {arco di san Bernar-
do/san Michele}, {corona di san Bernardo/san Barna-
ba/san Dionigi/san Martino}, {cintura di san Barnaba/san
Martino/san Medardo}, {cerchio di san Martino}, {pon-
te di san Bernardo}, {ruota di san Barnaba}, {riga di san
Martino/san Bernardo}, {alleanza del buon Dio}, etc.; in
Italia {arco di No}, {arco di Dio}, {arco della Vergine},
{arco di santa Maria/santElena/san Marco}, etc.; in Por-
togallo {arco della Vergine}; in Spagna {arco del Signo-
re}, {fascia di Dio}, {arco di san Giovanni}, etc.; in bal-
toslavo: lettone, bulgaro, macedone, ceco {arco di Dio},
342 Lorigine delle parole

{cintura di Dio}, serbocroato {cintura di Maria}; in se-


mitico: maltese {arco (di arciere) di Allah}; in turcico:
ciuvascio {ponte delle preghiere} (islamico), etc.;
(B) iconimi che riettono una {INTERPRETAZIONE MA-
GICORELIGIOSA DELLARCOBALENO, ASSO-
CIATA A DIVINIT O ESSERI MITICI ANTROPO-
MORFI PRECRISTIANI O PREISLAMICI}. Ecco i
principali esempi: nellarea uralica larcobaleno si asso-
cia a divinit precristiane come {Ukko il Vecchio},
{Tiermes} e il {Dio del Tuono}, a volte accompagnati da
un attributo signicativo come {arco (dellarciere)}. Nel-
larea turcica associato al dio del cielo {Tngri}, o a un
attributo come la {spada} o l{arco dellarciere}. Nella-
rea IE, in osseto (iranico), si collega alla gura epica di
{Soslan}, nellarea baltica alla divinit femminile {Lau-
me}, in greco all{arco dellarciere}, o alla {signora Lu-
na} o {Nerandzula}, o {Maruli}. Nellarea neolatina ap-
pare collegato alla mitica {Vecchia} (ALINEI 1988b), a {I-
ris}, al {lutin folletto} francese, il cui nome deriva da
Neptunus. Un iconimo quasi paneuropeo poi la {cin-
tura}, o {fascia} o {nastro}, spesso di un tipo indossato
esclusivamente dalle donne, e quindi rivelatore di una
concezione dellarcobaleno come {ornamento di una di-
vinit femminile}. Appare in greco, albanese, baltosla-
vo, romanzo, celtico; nnico, lappone, permico, veps; ud-
murto; turcico; nakhodaghestano, etc. In ambito IE in-
teressante notare che il lit. josta, bulg. dial. pojas, opas,
serbocroato dial. pas, pasats (dallaslav. poja cintu-
ra) e ngr. zni, zwnri, etc., continuano tutti la stessa ra-
dice PIE *ius cingere, ci che prova lesistenza di un mi-
to comune baltoslavoilliricogreco, associato alla rap-
presentazione dellarcobaleno come {cintura di un essere
mitico femminile}; probabilmente la Grande Madre, la co-
siddetta Venere paleolitica (sempre scolpita con una cintura);
(C) iconimi che riettono linterpretazione dellarcobaleno
come un {GIGANTESCO ANIMALE} o come {UNA SUA PAR-
8 Iconomasiologia: onomasiologia e tipologia degli iconimi 343

TE}: invece di riettere una rappresentazione antropomor-


ca dellarcobaleno, come gli altri due, ne riettono una
{ZOOMORFICA}. Troviamo infatti la {volpe} nei dia-
letti albanesi, lituani, tedeschi, italiani e bielorussi; la
{vacca}, il {bue} o il {corno} in quelli baschi, komi zy-
rian, francesi e sloveni; un {animale divino} nei dialetti
komi permiak, komi zyrian, catalani, sloveni; {balena
prob. delno} in italiano, {donnola} in xva, lingua cau-
casica, {puzzola} in Calmucco, lingua mongola;
(D) quasi ovunque in Europa presente, fra gli iconimi del-
larcobaleno, quello del {BEVITORE}, che riette anches-
so un antico mito dellarcobaleno come {ANIMALE CHE
BEVE LACQUA} e la restituisce come pioggia. Talvolta li-
conimo la parte di un animale, come per esempio {pro-
boscide} (con cui lanimale beve lacqua) in lituano, e an-
che liconimo della {pompa}, nel nome ungherese del-
larcobaleno, una probabile trasformazione dellanima-
le che beve.

Soffermiamoci ora su questa quadruplice documentazione,


cominciando dalla prima categoria, quella cristianoislamica, e
notiamo, di nuovo, che cos facendo siamo passati insensibil-
mente dalla fase iconomasiologica a quella semasiologica della
ricerca. Scoprire infatti, a livello iconomasiologico, che larcoba-
leno ha tutta una serie di nomi religiosi cristiani o islamici, signi-
ca anche scoprire, a livello semasiologico, che fra i signicati
dei termini religiosi cristiani e islamici vi anche larcobaleno. E
partendo da questultima osservazione semasiologica, alla do-
manda perch larcobaleno avrebbe dovuto essere cristianizzato
o islamizzato, dato che non esiste nessuna consacrazione ufcia-
le del fenomeno atmosferico n nelle fonti, n da parte delle au-
torit religiose?, possiamo dare una sola risposta: larcobaleno
doveva gi essere, in qualche modo, oggetto di un culto popolare,
o comunque considerato sacro dalle popolazioni europee prima
del Cristianesimo e dellIslamismo, e lavvento delle due nuove
religioni storiche ha innescato uno spontaneo processo di rein-
344 Lorigine delle parole

terpretazione e di innovazione lessicale, mirante a trasformare lo


stesso rapporto sacro in chiave cristiana o islamica.
Proprio la seconda categoria iconomastica dellarcobaleno,
associata a tutta una serie di divinit precristiane locali, confer-
ma la nostra ipotesi: si tratta di uno strato pi antico di quello
cristianoislamico, in gran parte sommerso dallinnovazione suc-
cessiva. Pi precisamente, possiamo affermare senza esitazione
che ovunque appaia un iconimo cristianoislamico ci sia stata
precedentemente la presenza di un pi antico iconimo sacro,
precristiano o preislamico. E da questa duplice documentazio-
ne iconomasiologica e semasiologica possiamo interrogarci di
nuovo sul perch di questo fenomeno: perch larcobaleno era
sacro gi in epoca precristiana?
Certo possiamo immaginare che larcobaleno sia stato, nel-
lantichit, un fenomeno naturale tipicamente numinoso, atto
cio a risvegliare in chi lo osservava ignorandone le cause
un senso di sgomento e di sacro terrore. Come per esempio an-
che il tuono, il lampo, il fuoco fatuo, la nebbia e simili. Ma pri-
ma di soffermarci, per elaborarla, su questa conclusione, dob-
biamo ancora spiegarci gli iconimi del terzo e del quarto grup-
po, zoomorci bevitori e non, anche questi ormai accertati e
visti in chiave semasiologica (sapendo cio ora che gli zoonimi
e i termini per bere possono signicare, fra laltro, larcobale-
no). Questi si contrappongono agli altri due gruppi di nomi per
lopposizione fra zoomorsmo e antropomorsmo, accentuata
dal fatto che mentre nelle rappresentazioni cristiane/islamiche e
precristiane/preislamiche larcobaleno un semplice attribu-
to di una divinit antropomorca, in quelle zoomorche esso si
identica con lanimale stesso. Di qui la domanda, anchessa se-
masiologica in quanto parte dalla forma/iconimo, e non pi dal
referente arcobaleno: che relazione pu esserci, se ve ne u-
na, fra il gruppo di rappresentazioni zoomorche di un fenome-
no naturale di tipo numinoso come larcobaleno, e gli altri due,
antropomorci?. La risposta, convergente, ci viene fornita da
diverse scienze: dalletnograa, dalla demologia e dalla storia
delle religioni.
8 Iconomasiologia: onomasiologia e tipologia degli iconimi 345

Lo studio delle societ tradizionali e delle tradizioni popolari


ha da tempo rivelato lesistenza di un mito secondo il quale lar-
cobaleno concepito come un animale gigantesco quasi sem-
pre un serpente che ingoia le acque della terra e le rigetta in
forma di pioggia. Il pi noto e pi studiato serpentearcobaleno
quello degli Aborigeni in Australia, animale totemico che mo-
stra appunto queste caratteristiche. In Europa, il mito dellarcoba-
leno che beve tutte le acque della terra sopravvive non solo nelle
tradizioni orali, ma perno in alcune espressioni idiomatiche: nel-
larea slava, per esempio, invece di dire, come in italiano, che u-
na persona beve come una spugna si dice che beve come lar-
cobaleno (cfr. ceco pt jako duha). Pi importante, dal punto di
vista storico e cronologico, lattestazione del mito in una com-
media di Plauto (III secolo a. C.), il Curculio, in cui un personag-
gio, alla vista di una vecchia che si china indietro per tracannare
del vino esclama: bibit arcus larcobaleno beve! (ALINEI 1992a).
La storia delle religioni, a sua volta, fornisce due tipi di prove.
Da un lato gli specialisti, sulla base della documentazione etno-
graca e delle religioni antiche, hanno raggiunto la conclusione
che gli animali, spesso considerati come antenati (totem) e pro-
tettori delle popolazioni, rivestivano unimportanza centrale nel-
le credenze magicoreligiose delle societ tradizionali. stato
anche suggerito, da autorevoli studiosi, che il culto degli animali
a cui come noto si d il nome di totemismo sia stata la
prima e pi antica forma di religione dellumanit, e come tale co-
nosciuta universalmente. Dallaltro, la ricerca storicoreligiosa
ha anche dimostrato che qualunque rappresentazione antropo-
morca del soprannaturale riette necessariamente lemergere di
lites dotate di poteri di vita e di morte nella societ reale. E poi-
ch noto che la straticazione sociale un fenomeno tipico ed
esclusivo delle societ delle Et dei Metalli, in particolare del
Bronzo e del Ferro, la rappresentazione antropomorca delle di-
vinit non pu essere pi antica di queste.
La conclusione, allora, non pu essere che una: le rappresen-
tazioni zoomorche dellarcobaleno rappresentano lo strato pi
antico, di origine totemica, precedente quindi non solo le religio-
346 Lorigine delle parole

ni storiche ma anche quelle antropomorche antiche. Questa ipo-


tesi forte lunica che permetta di collegare fra loro i tre grup-
pi tipologici di iconimi, in un rapporto coerente e valido da tre
punti di vista: (1) dal punto di vista strutturale tutti e tre deb-
bono essere espressioni di uno stesso culto dellarcobaleno; (2)
da quello areale tutti e tre, egualmente dispersi in tutta Euro-
pa, riettono necessariamente unininterrotta continuit cultura-
le; (3) da quello specialistico, storiograco e cronologico nel-
la storia delle idee religiose le rappresentazioni zoomorche di un
fenomeno considerato sacro precedono certamente quelle antro-
pomorche.
Inoltre la ricerca etimologica, una volta liberata dalle incer-
tezze di metodo e di fatto che abbiamo illustrato nei capitoli pre-
cedenti, e divenuta in tal modo una disciplina storica a pieno ti-
tolo, pu rivendicare il diritto di avanzare ipotesi forti, n pi
n meno come la ricerca storiograca stessa. La forza dellipote-
si test fatta sullorigine e sullo sviluppo degli iconimi europei
dellarcobaleno in diretto rapporto col numero e allo stesso
tempo con la ripetitivit degli iconimi presi in esame. qui in-
fatti che liconomasiologia rivela tutta la sua produttivit: la
massa delle evidenze fornite dagli iconimi di tipo ripetitivo ge-
nera delle certezze che si riverberano su ogni singolo problema e-
timologico. Torneremo pi volte su questo punto.

8.6.1.1. La produttivit delliconomasiologia per la soluzione di


problemi etimologici

La scoperta di iconimi trasparenti o quasi, ricorrenti nella ri-


cerca iconomasiologica, ha evidenti e importanti risvolti per la so-
luzione dei problemi etimologici che si presentano nellambito
della ricerca stessa. Uno dei risultati pi importanti dellicono-
mastica dellarcobaleno, cos come era emersa dalla ricerca per
lALE (ALINEI 1983b), per esempio, stata la scoperta della sua
produttivit [ Glossario, PRODUTTIVIT DELLICONIMO] per li-
denticazione delletimologia di alcuni nomi dialettali italiani
problematici (ALINEI 1984c).
8 Iconomasiologia: onomasiologia e tipologia degli iconimi 347

Il ticinese marscria (AIS II 371, P. 51: Vergeletto; cfr. SPIESS


1976: 277), per esempio, prima senza etimologia, si lascia facil-
mente ricondurre alliconimo {marcio/marcia}, usato nel Ticino
per indicare ci che in italiano sarebbe tempo marcio. Questo
nome, la cui formazione identica a quella del tipo lombardo (e
italiano) cativria e simili (aggettivo + ria), riette quindi la
concezione dellarcobaleno come presagio di tempesta, e potreb-
be anche avere valore apotropaico, come avviene per tutti i feno-
meni (atmosferici e altri) temibili, per esempio il tipo {porcheria}
per il fulmine (umbro e abruzzese, cfr. AIS II 393).
Anche il misterioso nome badiotto anterbnk (che DA RON-
CH 1954: 153 poneva senza giusticazione fra le forme non
romanze) si lascia facilmente analizzare: il dizionario di PIZZINI-
NIPLANGG (1966 s. v.) attesta la variante anterbnt, che ci per-
mette di analizzare bant come {bevente}, e quindi di ricondurlo
alla concezione paneuropea dellarco che beve lacqua della ter-
ra (ALINEI 1983b, 1984b, 1992a), prevalente in Veneto e in Friu-
li (cfr. fra laltro DA RONCH 1954: 104 sgg, FRAU 1976: 290
292), e come abbiamo visto gi attestato in Plauto (bibit arcus).
Per la sincope della v mediana e successiva monottongazione
si possono confrontare moltissime forme, fra le quali la pi no-
ta proprio il leggendario ergobando arcobaleno del Lago di
Carezza1 (lett. arco bevente, con formazione dal gerundio); per
la nale, si pu ipotizzare sia un gerundivo, paragonabile al tipo
termnt tremendo, da lat. tremendus (GARTNER 1879: 95), sia
un participio presente, come in lournt lavorante, kunesnt
conoscente, parnt parente e simili, da lat. entem o antem
(GARTNER, ibid.). La nale bnk ha quindi unorigine dissimi-
latoria, facilmente assumibile data la duplice presenza di ant sia
allinizio che alla ne delloriginario anterbnt. Vi pu essere
anche stata, come fattore secondario, una contaminazione con
bank banco di lavoro (PIZZININI/PLANGG, s. v.); unimmagine

1. La leggenda dolomitica dellarcobaleno (ergobando) spezzato dal Silvano per


amore dellAquana, e gettato nel lago di Carezza, raccontata, fra gli altri, da F. PIZZINI-
NI (1952: 103). Cfr. anche ALINEI (1984bc).
348 Lorigine delle parole

rara, ma non impossibile, nella tipologia delle motivazioni del-


larcobaleno.
Per quello che riguarda la prima parte della parola anter, que-
sta forma in badiotto continua lat. inter non soltanto come prepo-
sizione o come presso nel senso di tra (come in italiano e ne-
gli altri dialetti ladini, cfr. GARTNER 1879: 97, 111; ELWERT 1972:
60, 197), ma acquista anche il senso aggettivale di sonderbar,
merkwrdig, cio straordinario fuori dal comune (che in lati-
no popolare sarebbe proprio di extra, piuttosto che di inter) (cfr.
PIZZININI/PLANGG s. v. anter). Quindi il senso sarebbe strabevo-
ne, simile al bevaone attestato nel Friuli a Basiliano (ASLEF P.
127; cfr. FRAU 1976: 300).
Ecco come liconomasiologia contribuisce ad ampliare larea
delle regolarit e delle certezze etimograche e a diminuire le in-
certezze delletimotesi.

8.6.1.2. Laspetto ciclico della ricerca iconomasiologica: dalli-


conimo del nome al nome delliconimo

Come abbiamo visto, la ricerca iconomasiologica sbocca sem-


pre nel suo inverso speculare, cio semasiologico: la scoperta del-
la classe iconimica {SANTO} e del pi vasto campo iconimico
{MAGICO RELIGIOSO}, o quella dell{ANIMALE} e del suo
campo {ZOOMORFISMO}, tutti estrapolati dalla sistematica
comparsa di loro rappresentanti nelle designazioni europee e mon-
diali dellarcobaleno, implicano una scoperta semasiologica pa-
rallela: sia gli zoonimi che la terminologia magicoreligiosa pos-
sono signicare arcobaleno. Scoperta in s minima, ma suf-
ciente a imporre un allargamento della ricerca: poich larcobale-
no un fenomeno naturale numinoso, non possiamo aspettarci che
lo stesso valga anche per altri fenomeni naturali simili, come il
tuono, il lampo, il fuoco fatuo, la nebbia e simili? E ovviamente,
per accertarsi di questa possibilit, e dimostrare cos la validit
dellipotesi, occorre invertire la ricerca in senso semasiologico, al
ne di identicare quali realia, oltre allarcobaleno, possano ave-
re come nome uno zoonimo o un nome magicoreligioso. Vedre-
8 Iconomasiologia: onomasiologia e tipologia degli iconimi 349

mo, nel prossimo capitolo, come si pu procedere in una ricerca


semasiologica del genere. Qui sottolineiamo di nuovo, a livello
teorico, il rapporto dialettico, speculare, fra la ricerca iconoma-
siologica e quella semasiologica.
Ma vi un altro tipo di rapporto che nasce dalla ricerca ico-
nomasiologica, e che deniremo ciclico. Illustriamolo con un e-
sempio. Per spiegare la duplice rilevanza del campo iconimico
{MAGICO RELIGIOSO} e di quello dello {ZOOMORFISMO}
per i nomi dellarcobaleno abbiamo ipotizzato che la sacralit pi
recente e moderna dellarcobaleno, rispettivamente precristiana
e cristiana, preislamica e islamica, sia derivata da quella preisto-
rica e remota dellanimale totemico. Cio, pi precisamente, dal-
la mitologia dellanimale totem come creatore delluniverso e
nel caso specico come creatore della pioggia in quanto bevi-
tore delle acque terrestre. Qui ci confrontiamo di nuovo, dunque,
con lipotesi forte che il culto totemico, documentato nelle so-
ciet tradizionali e ricostruibile nella preistoria, abbia lasciato im-
portanti tracce di s nei dialetti moderni, come sembra apparire
nelliconomasiologia dellarcobaleno, fenomeno naturale numi-
noso.
Ora, qualunque sia la nostra valutazione dellipotesi, possia-
mo fare qualcosa per vericarla o per falsicarla, in maniera in-
dipendente?
Se riettiamo un momento alla sostanza dellipotesi che
leventuale sacralit degli animali la prima risposta che si af-
faccia alla nostra mentre questa: se questa sacralit esistita,
dovremmo necessariamente trovarne delle tracce nelliconoma-
siologia stessa degli animali. In altre parole, se gli animali erano
sacri, linsieme dei loro nomi cio la loro iconomastica do-
vrebbe rivelarcelo. Non solo, ma dovrebbe farlo in maniera siste-
matica e ripetitiva, come ora sappiamo di poterci attendere dalla
ricerca iconomasiologica.
Ecco allora che il risultato della ricerca iconomasiologica sul-
larcobaleno, con la scoperta che la sua iconomastica potrebbe di-
pendere in larga misura dallantica sacralit degli animali, si tra-
sforma nellinput per una nuova ricerca iconomasiologica: quel-
350 Lorigine delle parole

la dei nomi degli animali, della zoonimia popolare. Ed qui che


appare il carattere che abbiamo denito ciclico della ricerca ico-
nomasiologica. In termini pi generali, il numero e il grado ele-
vato delle generalizzazioni prodotte dalliconomasiologia per-
mettono e impongono di impostare nuovi programmi di ricerca
miranti da un lato a vericare, a livello altrettanto generale, i ri-
sultati gi ottenuti e dallaltro a produrre nuovi risultati, destina-
ti a conuire tutti nella semantica storica, e in particolare nella
nuova disciplina che abbiamo chiamato archeologia etimologica,
ampliandone sempre pi le regole tipologiche, le trame struttura-
li e lorizzonte cronologico.
Nel nostro caso, cio, dopo aver studiato gli animali come i-
conimi dellarcobaleno, e quindi dopo aver scoperto che larco-
baleno un frequente risultato della semasiologia dei nomi di a-
nimale tanto da supporre un antichissimo ruolo mitico degli a-
nimali come creatori dei fenomeni atmosferici e delluniverso
siamo condotti a vericare cosa ci pu rivelare, su questo suppo-
sto ruolo mitico, lo studio dei nomi, e quindi degli iconomi, degli
animali: cio liconomasiologia della zoonimia popolare. Abbia-
mo insomma intrapreso un percorso che si rivela ciclico, perch
va dalliconomasiologia (dellarcobaleno) alla semasiologia (de-
gli animali, dei santi, delle divinit precristiane), e di nuovo dal-
la semasiologia alliconomasiologia, in questo caso degli anima-
li. Dagli animali come nome (nel nostro caso dellarcobaleno), al
nome degli animali.
Si tenga inne presente che: (A) a prescindere dai risultati spe-
cici che possiamo attenderci da tale ricerca sulla zoonimia po-
polare, qualunque ricerca iconomasiologica che riguardi uninte-
ra classe di oggetti, come quella degli zoonimi, produce sempre
risultati degni di conoscenza; (B) per effettuarla, possiamo co-
munque valerci della gi citata ricchissima bibliograa sullono-
masiologia tradizionale della zoonimia popolare.
Possiamo ora vedere due esempi rappresentativi di iconoma-
siologia zoonimica, quelli della coccinella e della donnola. E ve-
dremo come essi producano risultati non solo interessanti in s e
per s, ma anche del tutto rilevanti per la questione che abbiamo
8 Iconomasiologia: onomasiologia e tipologia degli iconimi 351

sollevato sulla remota antichit e sul carattere sacro delle de-


signazioni zoomorche dellarcobaleno e di fenomeni simili. Su
altre questioni pi generali, sia di teoria che di fatto, torneremo
nel prossimo capitolo.

8.6.2. Iconomasiologia europea della coccinella

Passiamo dunque allesame della carta iconomasiologica eu-


ropea della coccinella, che abbiamo realizzato in collaborazio-
ne con la studiosa portoghese Manuela Barros Ferreira (BARROS
FERREIRA/ALINEI 1990a) (vd. Fig. 8.1, pp. 972973). I cinque co-
lori della legenda della carta corrispondono a cinque categorie i-
conimiche, che conosciamo gi in parte e che elenchiamo qui di
seguito, facendo seguire ciascuna dallindicazione dei diversi i-
conimi presenti nel raggruppamento.

Rosso: {PARENTI}: {nonna}, {vecchia}, {madre}, {zia},


{zio}, {nonno}, {vecchio}, {madrina}, {comare}, {spo-
sa}, {danzata}, {cognata}, {glio}, {glia}, {ragazza},
{orfanella}.

Verde scuro: {ESSERI MAGICORELIGIOSI PRECRI-


STIANI}: nl. {Ukko Vecchio, dio del cielo}, ol. {Puken
specie di farfarello}, nl. {Lemminkinen personaggio del
Kalevala}, rum. {Paparuga donna nuda ricoperta di piante
nei riti agrari primaverili}, {indovina} in diverse lingue,
{ondina} in Italia settentrionale.

Giallo: {ESSERI MAGICORELIGIOSI CRISTIANI E


MUSSULMANI}: {Dio}, {nostro Signore}, {Padre del
Cielo}; {Allah}; {Cristo}, {san Pietro}, {san Giovanni},
{san Paolo}, {san Martino}, {san Nicola}, {santAntonio},
{san Michele}, {vescovo Bernabeo}, {angelo}, {anima},
{diavolo}, {monaco}, {prete}; {Nostra Signora}, {Maria
Vergine}, {santa Maria}, {Madre di Dio}, {sorella di Dio},
{santa Caterina}, {santa Lucia}, {santAnna}, {santarella},
352 Lorigine delle parole

{monaca}, {pellegrina per Roma}, {moglie del pope}, {pic-


cola Maria di san Vito};{moschea}, {Fatima}.

Verde chiaro: {PERSONAGGI LAICI}, cio:


{MESTIERI}: {pastore}, {calzolaio}, {orafo}, {soldato},
{guardiano}, {mendicante}, {mercante}; {pastorella},
{sartina}, {fornaia}, {mugnaia}, {massaia};
{SIGNORI}: {re}, {boiardo}, {regina}, {dama}, {padrona}.

Arancione: {ANTROPONIMI} (di probabile origine sacra,


ma laicizzati): {Pietro}, {Giovanni}, {(favorito di) Gio-
vanni}, {(ometto di) Gianni}, {Martino}, {Nicola}, {Vita-
le}, {Andrea}, {Isidoro}, {Antonio}; {Maria}, {Cateri-
na}, {Lucia}, {Anna}, {Giovanna}, {Paolina}, {Martina},
{Nicolina}, {Gertrude}, {Brigitta}, {Elisabetta}, {Mar-
gherita}, {Teodora}, {Elena}, {Maddalena}, {Apollonia},
{Luisina}.

8.6.2.1. Le rime infantili

Anzitutto, come spiegare lenorme quantit di queste denomi-


nazioni della coccinella? Per rispondere, opportuno ricordare u-
na cosa, soprattutto a quanti sono nati e cresciuti in un contesto
urbano: una delle pi diffuse tradizioni delle campagne, sia in I-
talia che in Europa (e probabilmente anche fuori dEuropa),
quella che afda ai bambini, quando vedono una coccinella o, in
molti casi, quando riescono a farla camminare sulla loro mano, il
compito di recitarle una lastrocca, naturalmente nel dialetto lo-
cale. Molto spesso queste tradizioni a carattere locale, microgeo-
graco, sono quelle che danno origine al nome della coccinella.
Eccone alcuni esempi, che traduciamo in italiano (perdendo na-
turalmente rime e assonanze).

DallItalia: Coccinella, coccinella


mostrami la strada del mio danzato.
8 Iconomasiologia: onomasiologia e tipologia degli iconimi 353

Dalla Germania: Uccellino del sole, vola!


Vola verso la casa di mio padre!
Ritorna presto
e portami mele e pere!

Dalla Spagna: Sola, sola coccinella,


vattene in montagna
e di al pastore
che porti il buon sole
per oggi e per domani
e per tutta la settimana.

Dalla Francia: Piccola coccinella


vola vola vola!
Tuo padre a scuola,
vola vola vola!
Ti comprer un bel vestito
Vola vola vola!
Se tu non voli
non avrai niente.

Dal Portogallo: Giovannina vola vola


che tuo padre a Lisbona
con una coda di sardina
per darla a Giovannina.

Dalla Finlandia: Vola vola coccinella,


se tu non voli
ti metto
sotto una pietra e tu seccherai
e sotto un ceppo dalbero ti pentirai.

La traduzione in italiano e la conseguente perdita della rima


non rende conto di un primo fatto: molto spesso il nome della coc-
cinella coincide col primo verso, o ne forma una parte. Un esem-
pio italiano tipico il nome della coccinella diffuso in Abruz-
354 Lorigine delle parole

zo e in Sicilia vola vola san Nicola, che coincide con le pri-


me parole della canzoncina locale. Molto pi importante, perch
ci avvicina alla vera natura di questi nomi, poi la seguente os-
servazione: in tutte queste lastrocche, indipendentemente dalla
loro provenienza, la coccinella assume un ruolo nellambito di un
rito, al quale prendono parte altri personaggi ssi. E tutti questi
personaggi, compresa la coccinella, sono gli stessi che incontria-
mo sul pi grande e ricco palcoscenico delle abe mondiali (vd.
ALINEI/BARROS FERREIRA 1986), che da diversi decenni, a partire
dagli studi pioneristici di PROPP (1928/1969, 1946/1972), sono
ormai loggetto di studi specialistici di grande interesse stori-
coculturale. Abbiamo anzitutto lanimaleassistente, rappresen-
tato dalla coccinella, e leroe, rappresentato dal bambino stesso.
Leroe invita lanimaleassistente a volare, cio a effettuare un
viaggio, per recarsi in un luogo che ha una valenza magica, e cio
nel regno lontano/altro mondo, o presso qualcuno che il magi-
co donatore, dove dovr compiere il suo compito difcile: come
trovare, o portare, qualcuno o qualcosa che si desidera. Per cui la-
nimaleassistente avr un premio se riuscir nel suo compito o un
castigo se non riuscir.
Ora Propp aveva visto, nelle strutture e nel signicato delle a-
be e nel ruolo in esse svolto dagli animaliassistenti, la trasfor-
mazione di un ritualismo molto pi antico, di tradizione addirit-
tura totemica, nel cui ambito lanimaletotem concentrava in s
tutte le funzioni che nella aba appaiono separate: leroe, il do-
natore, il viaggiatore, laiutante, lelargitore di premi e di casti-
ghi. Ecco dunque che ci confrontiamo di nuovo con lo stesso con-
testo dellarcobaleno e, soprattutto, con la stessa ipotesi di fondo.
Facciamo un altro passo avanti e vediamo un altro animale: la
donnola.

8.6.3. Iconomasiologia europea della donnola

La bibliograa sui nomi della donnola molto ricca e, in par-


ticolare, alla ricerca sulle sue designazioni neolatine hanno par-
tecipato alcuni dei pi grandi nomi della romanistica, con studi e-
8 Iconomasiologia: onomasiologia e tipologia degli iconimi 355

semplari. quindi tanto pi interessante ricostruirne le tappe fon-


damentali. Inoltre, anche per la donnola esiste una carta com-
mentata dei nomi europei dellanimale che raccoglie e illustra
linsieme dei dati (ALINEI 1986); nomi europei che avevano an-
che attirato lattenzione degli studiosi in quanto molto rappresen-
tativi della tipologia del tab linguistico.
Cominciando proprio dagli iconimi determinati dal {TAB},
appare subito evidente che il nome originario dellanimale che
purtroppo in questo caso ci sfugge stato tabuizzato e sosti-
tuito con nomi che hanno caratteristiche ben studiate dagli spe-
cialisti: anzitutto nomi esplicitamente rivelatori della {PROIBIZIO-
NE}, come {innominabile} e {senza nome}; o {OFFENSIVI} ed {E-
SORCISTICI} come {brutta}, {la brutta e la bella}; o {PROPIZIATO-
RI} e {IPOCORISTICI} come {bella} (cfr. fr. belette e it. dial. bello-
la bellotta), {bellina}, {carina}, {cara}, {dolce}, {buona}, {don-
na bella}, e {donnina} (it. donnola). Ma appartengono alla tipo-
logia tabuistica anche iconimi che rappresentano una {GENERA-
LIZZAZIONE}, come {essere vivente}, {animale}; oppure che de-
scrivono l{HABITAT}, come {porta di muro}, {gradino di scala},
{soglia}, {mucchio di pietre}; o {CARATTERISTICHE FISICHE}, co-
me {bianco}, {color neve}, {rosso}, {puntuta}, {senza linea di
vita}; o {CARATTERISTICHE COMPORTAMENTALI}, come {nuocere},
{rubare}, {mangiare}. E sono anche tabuistici gli iconimi che so-
stituiscono il nome dellanimale con quello di un {ANIMALE SIMI-
LE O DIVERSO}, spesso simile ma domestico, come {gatto}, {ca-
ne}, o nettamente diverso, se non opposto, in aspetto, tipo e di-
mensioni, da quello originario, come {topo}, {civetta}, {lucerto-
la}, {toro}, {stallone}.
La pi evidente conclusione che possiamo trarre da questa ric-
ca documentazione sulle designazioni tabuistiche dellanimale,
universalmente riconosciute come tali, , di nuovo, quella che ab-
biamo incontrato per la coccinella e per larcobaleno: la donnola
doveva essere sacra. Non si tabuizza se non ci che sacro, e sa-
cro non solo nel senso comune ma anche in quello pi profonda-
mente psicologico del termine: ci che risveglia in noi sentimen-
ti di timore, di ripulsa e di attrazione, di sgomento e di reverenza.
356 Lorigine delle parole

A parte questa considerazione, che la donnola in Europa fosse


considerata sacra provato al di l di ogni dubbio dalla presenza
fra le sue categorie iconimiche di numerosi ed evidenti iconimi
{MAGICORELIGIOSI}, come {FATA} in Inghilterra, {DEA},
{MAGA}, {STREGONE}, {INCANTATORE}, {GENIO DOMESTICO} in
Russia, {SPIRITO DELLA TERRA} in Carelia, {Diana (del muro)} in
Sardegna.
Lassenza o la scarsezza di nomi cristiani per la donnola, a pri-
ma vista sorprendente, si lascia facilmente spiegare in termini di
razionalismo popolare (la donnola animale pericoloso per il
contadino moderno). Infatti nei bestiari medievali la donnola, per
la sua capacit di combattere il serpente, era addirittura equipa-
rata a Ges Cristo. Anche i curiosi iconimi del tipo spagnolo, oc-
citano, italiano e basco {PANE E CACIO}, occitano {PANE E LATTE},
spagnolo {CASSERUOLA} e italiano dial. {SETACCIO}, sono stati ri-
condotti da diversi studiosi, in minuziose e riuscite ricerche (vd.
per es. BAMBECK 1984), ad antichi riti rurali propiziatori, sulla ba-
se di testimonianze che risalgono allinizio del cristianesimo.
Forse pi importanti di tutti, per la loro grande diffusione e per
la loro evidente antichit, sono inne i nomi attribuiti alla don-
nola che hanno in comune la classe iconomastica del {PARENTE},
di trasparente tipologia totemica. In tutta lEuropa meridionale,
dallAtlantico al Mar Nero, infatti, la donnola si chiama con no-
mi come {comare}, {sposina}, {nuora}, {zia}, {cugino}, diver-
samente espressi in lingue e dialetti neolatini, albanesi, slavi, un-
gheresi, turchi.
Cominciamo dal nome spagnolo e occitano della donnola,
cio comadreja e comairela. Questo nome ritorna anche in alcu-
ni dialetti italiani centromeridionali nel tipo comarella ma
sullarea francoiberica che la ricerca si concentrata. Gi Me-
nendez Pidal aveva notato che larea di comadreja e comairela
viene divisa in due da un altro nome spagnolo della donnola: pa-
niguesa, cio {pane e cacio}. In unimpeccabile interpretazione
areale, il romanista spagnolo aveva dimostrato che larea del tipo
{comare} doveva essere pi antica di quella di {pane e cacio}, da-
to che la prima sincunea nella seconda e la divide (MENNDEZ PI-
8 Iconomasiologia: onomasiologia e tipologia degli iconimi 357

DAL 1964: 404). La cronologia relativa dunque chiara. Che dire


della datazione assoluta? Se il tipo {pane e cacio} pi recente
di {comare}, a quando risale il primo, e a quando il secondo?
Menndez Pidal non si pronuncia. Per fortuna ci aiuta la ricerca
sul tipo {pane e cacio}, la cui storia illuminante. Prima, lingui-
sti illustri come Schuchardt e Spitzer avevano interpretato {pane
e cacio} come una semplice metafora basata sui colori bianco e
marrone della donnola. Anche Menndez Pidal non si allontana
da questa spiegazione. Il passo in avanti decisivo viene fatto da
ROHLFS (1931), che scopre che {pane e cacio} anche il nome di
svariati animali e animaletti i cui colori sono ben diversi da quel-
li della donnola. Rohlfs, inoltre, scopre che {pane e cacio} una
delle molte offerte che i bambini fanno alla donnola e ad altri a-
nimali con le loro lastrocche, per ingraziarseli o per chiedere un
favore. Inne BAMBECK (1984) scopre che proprio entro larea del
nome, cio nella Galizia, il vescovo di Braga Martino, nel VI se-
colo della nostra era, aveva inveito contro i contadini del suo tem-
po che si ostinavano a fare offerte fra cui anche di pane ad
animali e a insetti. Ecco dunque interpretato correttamente il no-
me della donnola {pane e cacio} alla luce di una documentazio-
ne tipicamente antropologica, ed ecco soprattutto un rigoroso ter-
mine ante quem, il VI secolo della nostra era, per il tipo {pane e
cacio} e, di fatto, una sua datazione precristiana.
Se cos stanno le cose, a che epoca risale il tipo {comare} che,
come abbiamo visto sulla scorta di Menndez Pidal, devessere
ancora pi antico? Vediamo dunque cosa offre la carta paneuro-
pea. In tutta lEuropa meridionale la donnola ha nomi parentela-
ri: in portoghese si chiama norinha, diminutivo di {nuora}, in Ga-
lizia, Spagna, Francia meridionale e Italia centromeridionale,
come abbiamo visto, {comarella}, in albanese nuse e varianti,
cio {sposina, la pi giovane della nuore}, in greco nitza {spo-
sina}, nei dialetti centrali italiani zitola, da zita {sposa, sposina,
ragazza da marito}, in bulgaro, macedone, serbocroato, ucraino,
e di qui in rumeno e moldavo, nevestica e varianti, {sposina}, in
bulgaro anche bulka {sposina}, in turco e in gagauz con derivati
dialettali di gelin {sposina}, e {nuora}, in ungherese menyt e va-
358 Lorigine delle parole

rianti {nuora}. Inoltre, tipi simili si trovano non solo in Danimar-


ca e in Germania, ma perno in Nord Africa, sia in arabo che in
berbero. Di fatto, si tratta di unisoglossa iconimica ininterrotta,
dallAtlantico al Mediterraneo e al Mar Nero, che comprende an-
che la sponda meridionale del Mediterraneo, parti dellEuropa
centrale e Nordcentrale e parti dellAsia Minore. Ovviamente
non pu trattarsi di una diffusione recente, dato che comprende
gruppi linguistici totalmente indipendenti, cio indoeuropei, tur-
chi, uralici, arabi e berberi. Inoltre, se nella mitologia classica tro-
viamo svariati miti antropomor della donnola, diffusissimi so-
prattutto nel mondo greco (vd. ora, oltre ad ALINEI 1986, anche
BETTINI 1998), nella mitologia popolare della donnola troviamo
moltissimi documenti della sua diffusione europea e del suo ca-
rattere arcaico.
Decisiva inne, per il problema dellantichit della datazione,
levidenza ungherese. Il nome ungherese della donnola, menyt,
come abbiamo visto, signica in origine nuora. Ma il nome un-
gherese antico della donnola era hlgy, helgy, che in ungherese
moderno divenuto sposina, signora. Questo nome originario
ungherese hlgy, tuttavia, fa parte di un gruppo di antroponimi
ungheresi, nella maggior parte di origine turca, che gli studiosi
ungheresi sono concordi nel considerare antichissimi, addirittura
di origine totemica (KLMN 1978: 36, 40, 43; GOMBOCZ 1926/
1973: 106): si tratta di nomi come per es. Kus falcone, Karcsa
poiana, Kartla aquila, Torontl falco, Turul, Turol, Turony
falcone, Zongor o Csongor poiana, Arszlan leone, Barsz
pantera, Kaplan tigre, Kurd lupo, Tege o Teke ariete,
Gyaln o Gyiln serpente, Aktaj puledro bianco, Karakus fal-
cone nero, Akkus falcone bianco, Kcsbarsz pantera forte, A-
lattyn falcone eroico, Thonuzoba padrecinghiale, Farkas
lupo, Karoldu donnola nera, Saroldu donnola bianca, Nyesta
o Nyeste faina, Holgyasszony ermellino femmina e molti altri.
Perch uninterpretazione addirittura totemica per questi antro-
ponimi? Per due ragioni: anzitutto perch a essa porta inevitabil-
mente la pi antica cronaca ungherese, quella del cosiddetto A-
nonimo, che concerne le origini della famiglia di rpd, il leg-
8 Iconomasiologia: onomasiologia e tipologia degli iconimi 359

gendario eroe fondatore ungherese che condusse le trib unghe-


resi al bacino del Danubio a del Tisza (KLMN 1978: 36). La cro-
naca racconta di come un turul, la mitica aquila degli antichi un-
gheresi, si accoppi con Emese (dal turco eme madre, animale
femmina), nonna di rpd, mentre questa dormiva. Il frutto di
questa unione fu lmos, padre di rpd. Inoltre, poich molti di
questi antroponimi ungheresi sono di origine turca, gli studiosi
ungheresi sono costretti a proiettarli allepoca dei contatti del-
letnia ungherese con i popoli altaici. Ecco dunque che in questa
grande area di diffusione del tipo parentelare per la donnola ab-
biamo due punti fermi per una datazione assoluta, il tipo neolati-
no e il tipo ungherese, datazione che pu estendersi, in una sorta
di datazione incrociata, a tutta larea.
I risultati della ricerca sugli iconimi europei della donnola so-
no dunque: (I) una denitiva conferma del carattere sacro degli
animali, e pi precisamente del loro ruolo totemico che ancora e-
merge, prepotentemente e variamente, dalla tipologia iconimica
della donnola; (II) una conferma dellantichit delle denomina-
zioni parentelari degli animali e quindi, sia pure indirettamente,
di quella delle rappresentazioni zoomorche dellarcobaleno;
(III) a livello pi generale, una prima conferma che una ricerca
ciclica che parta dagli iconimi di un nome (per es. {ANIMALE} co-
me iconimo/nome dellarcobaleno) per studiare il nome dellico-
nimo (per es. i nomi degli animali) produce risultati quanto mai
rilevanti per una migliore comprensione di entrambi i quadri ico-
nomastici.

8.7. Un esempio di iconomasiologia di classe: iconomasiologia


zoonimica

Fermiamoci ora qui e vediamo, sulla base dei risultati ottenu-


ti dalle due ricerche sulla donnola e sulla coccinella, come pos-
siamo elaborare i risultati ottenuti nel quadro di una ricerca pi
ampia, che prenda in considerazione la classe iconimica dell{A-
NIMALE}.
360 Lorigine delle parole

8.7.1. Le tre principali categorie tipologiche di iconimi zoonimi-


ci: cristiani, precristiani, parentelari

Le categorie tipologiche che pi richiamano lattenzione, fra


quelle che abbiamo visto sia nelliconomastica della coccinella che
in quella della donnola, sembrano essere fondamentalmente tre:

1) {entit MAGICORELIGIOSE CRISTIANE};


2) {entit MAGICORELIGIOSE PRECRISTIANE};
3) {PARENTI}.

Le prime sono massicciamente presenti nella documentazione


relativa alla coccinella, e la loro assenza in quella della donnola
solo apparente. Gli esseri e le entit magicoreligiose precristia-
ne sono presenti e frequenti in entrambe le documentazioni, e lo
stesso vale per la categoria dei parenti.
Naturalmente si potrebbe dubitare di questa conclusione se a-
vessimo a disposizione soltanto la documentazione relativa alla
coccinella e alla donnola. Ma le ricerche di zoonimia popolare di
RIEGLER (cfr. 1907, 1933, 193637), quelle di PLOMTEUX (1982,
1987), di chi scrive (ALINEI 1981b, 1983b, 1984ab, 1986, 1987ab,
1990a (in coll. con BARROS FERREIRA), 1993, 1995d, 1997bc,
1999, 2000b, 2002ab, 2003abc, 2005), cos come quelle che si so-
no enormemente sviluppate a partire dalle ricerche dellALE, del-
lALiR e di altri progetti (BARROS FERREIRA 1997, BLASCO FER-
RER 2001, BONAFIN 1996, BRACCHI 1988, 1991, 1993, 19951996,
2005, CAPRINI 1998, 1999, 2001, 2005, CONTINI 1997, 2005, DAL-
BERA 1997ab, 2005, 2006, GARCIA MOUTON 1987, 1999, 2003,
2006, HOYER 1999, 2001, MARTINS e VITORINO 1984, LANAIA
2003ab, 2007, MDLICE 1997, 2001ab, 2006, NESI 2001, TEL-
MON 1996, 2006, TUAILLON 2001ab), etc., confermano esattamen-
te questa conclusione. Ecco, per limitarci allItalia, una sintesi dei
risultati ottenuti no al 1984 (vd. Tabella 8.1), tutti ampiamente
confermati e ampliati dalle successive ricerche.
8 Iconomasiologia: onomasiologia e tipologia degli iconimi 361

Tabella 8.1 Le tre principali categorie zoonimiche


animale iconimo
{ESSERE {ESSERE {PARENTE}
CRISTIANO} PRECRISTIANO}

airone {nonnoa}

aselluccio {Signore}, {nonnoa},


(porcellino di S. {S. Antonio} {sposoa}
Antonio)
ballerina {S. Antonio}, {prete}

bofonchio {Spirito Santo}

bruco {S. Pietro} {strega}, {borda {mamma},


spauracchio, {vecchia},
vecchia, etc.} { zioa)}
cavalletta {fata} {mamma}

cervo volante {diavolo}

cetonia dorata {S. Martino}

chiocciola {monaca e der.} {mamma}, {zioa}

cimice {nonnoa}

cinciallegra {monaca e der.}

civetta {zia}

coccinella {Dio}, {Signore}, {borda {comare},


{Madonna}, spauracchio, {loloa nonnoa}
{angelo}, vecchia, etc.} {sposina},
{S. Antonio}, {zioa}
{S. Caterina},
{S. Giovanni}
{S. Lucia}, {S.
Maria},
{S. Martino},
{S. Nicola},
{S. Paolo},
{S. Pietro},
{diavolo}, {prete},
{monaca e der.}
codirosso {S. Maria}

damigella {sposoa}

delfino {S. Basilio} {Faraone} {fratello uterino}


362 Lorigine delle parole

donnola {borda {comare}


spauracchio,
vecchia, etc.}
farfalla {Spirito Santo}, {strega} {mammadonna
{S. Antonio}, nonna}
{S. Nicola}, {prete}
fringuello {zio}

germano reale {germano}

girino {monaca e der.}

grillotalpa {borda
spauracchio,
vecchia, etc.}
gufo {strega} {zio}, {lat. amma
nutrice}
insetto dacqua {mazzamorello}

larva {mamma}
(maggiolino)
libellula {Signore}, {strega}, {comare},
{S. Antonio}, {masciara maga, {nonnoa},
{diavolo}, {prete}, strega} {sposoa}
{monaca e der.}
lodola {monaca e der.}
cappelluta
lombrico {borda {mamma}
spauracchio,
vecchia, etc.}
lucciola {S. Antonio}, {borda {comare}
{S. Giovanni} spauracchio,
vecchia, etc.}
lucertola {S. Marino}

lumaca {S. Paolo}

lupo {S. Lupo} {lupo mannaro} {compare},


{zioa}
maiale {lat. Maia}

mosca {mosca macella}

orbettino {S. Maria} {zia}

pappataci {cugino}
8 Iconomasiologia: onomasiologia e tipologia degli iconimi 363

passero {germano}

pesce prete {prete}

pesce S. Pietro {S. Pietro}

pettirosso {zioa}

pregadio {Dio}, {S. {mantide} {zioa}


(mantide) Caterinella}, {indovina}
{S. Maria
Maddalena},
{diavolo}, {prete},
{frate}, {badessa},
{cantamessa}
raganella {Signore},
{S. Giovanni},
{S. Maria},
{S. Martino},
{S. Pietro}
ragno {vecchia} {vecchia}

ramarro {drago}

rana {nonnoa}

rigogolo {drago} {compare}

rondine {S. Lucia}, {zioa}


{S. Maria}
rospo {fata} {madre}, {zioa},
{loloa nonnoa}
scarafaggio {diavolo}, {prete} {borda {vecchia}
spauracchio,
vecchia, etc.},
{mago}, {vecchia}
scricciolo {zioa}

serpe {S. Paolo} {fata} {magne zia}

tartaruga {Tartaro}

verme {loloa nonnoa},


{zioa}
volpe {comare},
{compare}, {zioa}

zanzara {cugino}
364 Lorigine delle parole

8.7.2. La sacralit dellanimale, alla luce delle due categorie


magicoreligiose

Come abbiamo gi visto per larcobaleno, le due categorie ti-


pologiche delliconomastica {MAGICORELIGIOSA}, che so-
no rispettivamente {CRISTIANO} o {ISLAMICO} e {PRECRISTIANO}
o {PREISLAMICO}, sono in un rapporto che si lascia denire di
continuit storica, nel senso che {CRISTIANO} e {ISLAMICO} de-
vono essere necessariamente uno sviluppo pi recente, cronolo-
gicamente, di {PRECRISTIANO} e {PREISLAMICO}. In altre paro-
le, lenorme quantit di iconimi cristiani (e molto minore di quel-
li islamici) attualmente presenti nella zoonimia dialettale in am-
bito europeo non possono che rappresentare una trasformazione
di un ancora pi grande numero di iconimi precristiani e
preislamici, di cui sopravvivono oggi soltanto pochi superstiti.
Gli altri devono essere stati cristianizzati o islamizzati, ri-
spettivamente, nei primi secoli della nostra era o nellalto Me-
dioevo, cos come tante forme della religiosit antica sono con-
uite nel Cristianesimo e nellIslamismo, nellambito di quel fe-
nomeno noto agli studiosi come sincretismo religioso.
Partendo da questa conclusione, che abbiamo gi raggiunto
per larcobaleno e che sembra inoppugnabile, se ne pu subito
raggiungere unaltra, seguendo anche qui lo stesso ragio-
namento che abbiamo fatto per larcobaleno: considerando sia le
denominazioni cristiane e islamiche, sia quelle precristiane e
preislamiche, come un insieme unitario, nelle aree in cui tale i-
conomastica appare, lanimale come tale doveva essere indubbia-
mente sacro. La presenza di unimponente e quasi sistematica
trasformazione del sacro precristiano o preislamico nel sacro
cristiano e islamico d un rilievo ancora maggiore a questa pre-
cedente, pi antica sacralit, dato che una trasformazione di que-
sto genere, in ogni area europea, non sarebbe avvenuta se questa
sacralit non fosse stata universale e profondamente sentita.
8 Iconomasiologia: onomasiologia e tipologia degli iconimi 365

8.7.3. La sacralit dellanimale alla luce della categoria del tab

Sia nei capitoli 3 e 4 che in questo ci siamo confrontati con


limportante fenomeno del tab linguistico, che ancora oggi si
applica a tutte quelle parole che in qualche modo si collegano ad
aspetti sacri della vita. E ora sappiamo (cfr. cap. 4) che fra le
pi importanti categorie del sacro tabuizzato vi proprio quella
degli animali, ancora oggi tabuizzati dai cacciatori e dai pescato-
ri, perno nella nostra cultura, e che gli zoonimi, per la ricchezza
della documentazione raccolta su di essi, sono forse la principale
fonte di informazioni sul fenomeno. Ricordiamo, per esempio,
che il nome indoeuropeo di un animale come lorso stato ta-
buizzato in molti gruppi linguistici indoeuropei, dopo la loro dif-
ferenziazione (ma probabilmente ancora nel Paleolitico), cos che
in tutte le lingue germaniche lorso appare come {il bruno}, in
tutte le lingue slave come {il mangiatore di miele}, in tutte quel-
le celtiche come {il buon vitello}. E ricordiamo anche la recente
ricerca svolta nelle zone pi isolate del Vietnam (cfr. ALINEI
1993), che ha ulteriormente ampliato lambito della zoonimia ta-
buistica, identicando i nomi di parenti come il primo e pi im-
portante tipo di nome noa, sostitutivo di quello vero tabuizzato.
Non vi quindi dubbio che la tabuizzazione degli animali fosse
fenomeno estremamente antico, tanto pi se si riette allimpor-
tanza del ruolo della caccia nelle societ dette, appunto, di cac-
ciatori e raccoglitori.
Anche dal tab linguistico, insomma, riceviamo una fonda-
mentale conferma della sacralit degli animali e dellantichit del
fenomeno.

8.8. Nuovi orizzonti della ricerca

Conclusa cos lillustrazione delliconomasiologia dellarco-


baleno, della coccinella e della donnola, e del rapporto che si la-
scia instaurare fra loro e fra le loro diverse ramicazioni, non ab-
biamo ancora esaurito inutile dirlo la tematica affrontata:
366 Lorigine delle parole

uno dei nuovi problemi che si pone, sempre in virt della specu-
larit e della ciclicit della ricerca iconomasiologica, per e-
sempio quello del valore e del ruolo da attribuire ai nomi dei {PA-
RENTI} che, come abbiamo visto, sono regolarmente emersi co-
me iconimi di animali: sono per caso sacri anche questi, o appar-
tengono a tuttaltra sfera? Cercheremo di dare una risposta a que-
sto quesito nel prossimo capitolo, nellambito della ricerca sema-
siologica.
Ci che possiamo notare, alla ne di questa sezione, come
una ricerca, partita dallonomasiologia dellarcobaleno e di due
animali come la donnola e la coccinella, sia ogni volta sboccata
in un imprevedibile orizzonte magicoreligioso. Nel prossimo ca-
pitolo vedremo anche come questo quadro si lasci ampliare a di-
smisura sul versante semasiologico, sempre grazie alla produtti-
vit della nozione delliconimia. Produttivit che, come abbiamo
gi visto, si lascia misurare dal successo della ricerca iconoma-
stica nellambito dellALE, dellALiR e di altri progetti e, per ci-
tare tre fra gli esempi pi recenti e rappresentativi, dalle ricerche
di Alo Lanaia sullornitonimia siciliana, sul serpentearcobale-
no nella tradizione classica, e sui nomi della mantide nei dialetti
italiani (LANAIA 2003ab, 2007).

8.9. Un esempio diverso di iconomasiologia: i nomi del vome-


re dellaratro

Mentre i tre esempi che abbiamo illustrato ci hanno aperto le


porte di un vasto universo magicoreligioso, entro il quale abbia-
mo scoperto una tta e complessa rete di relazioni culturali, le-
sempio che segue ci porta nel mondo della tecnologia antica, con
una duplice prospettiva: vericare la produttivit delliconoma-
siologia anche in un campo che possiamo supporre di natura di-
versa, oltre che pi semplice, e individuarne se esistono e-
ventuali specicit.
Anzitutto, sappiamo ora che per affrontare un argomento del
genere assolutamente indispensabile ricorrere a un approccio
8 Iconomasiologia: onomasiologia e tipologia degli iconimi 367

combinato di tipo WuS e archeologico. E nel precedente capitolo


abbiamo ricordato alcune opere che ci possono assistere nella ri-
cerca: quelle di WAGNER (1921) e di ANGIONI (1976) sulla vita ru-
rale in Sardegna, e quelle di FORNI (2005) sullevoluzione prei-
storica dellaratro [ Antologia critica, 4.14-3].
Abbiamo anche visto, nel precedente capitolo, come la scelta
delliconimo {mazza} per designare il vomere dellaratro sia do-
vuta alla tipologia dellaratro preistorico, tutto di legno compre-
so il vomere, e di fatto costituito essenzialmente da due soli pez-
zi: un grosso ramo biforcuto, che forma ci che oggi chiamerem-
mo la bure (la parte lunga del ramo) e il vomere (la parte corta,
che nellaratro storico sarebbe invece divisa in due pezzi separa-
ti: il ceppo di legno, su cui si innesta il vomere), e un bastone in-
castrato nella bure, che oggi chiameremmo la stiva. Trascurando
ora le altre parti secondarie dellaratro storico (il manico o ma-
nutengolo della stiva, per facilitarne la presa; il prome, cio las-
se che deve unire la bure al ceppo, una volta che questi siano di-
venuti due componenti staccati, e le orecchie, per migliorare il
rendimento del vomere), possiamo concentrarci sulle quattro par-
ti fondamentali dellaratro che sono stiva, bure, ceppo e vo-
mere. E sar allora facile capire che lintero aratro, cos come lo
stesso aratore e i buoi o cavalli del traino, ci sono solo perch il
vomere possa fare il proprio lavoro, che quello di rovesciare la
terra per poter seminare in modo ottimale. La stiva, infatti, serve
solo al controllo dellaratro da parte dellaratore, la bure serve a
unire laratro ai buoi, e il ceppo la parte di legno dellaratro su
cui si innesta il vomere di ferro. Di qui una prima considerazione
strutturale: laratro preistorico in legno non poteva conoscere di-
stinzione fra vomere e ceppo. Quando il vomere si chiamava maz-
za, ovviamente, non cera bisogno di unaltra mazza di legno
che facesse da ceppo: ne bastava una, la cui estremit indurita a
fuoco e appuntita costituiva il vomere stesso. La necessit di un
ceppo distinto dal vomere nasce solo quando il vomere diventa di
ferro.
Daltra parte, anche probabile che i nomi italiani del ceppo
dellaratro principalmente dentale e varianti, ceppo e puntale
368 Lorigine delle parole

, prima di essere tali fossero anche nomi del vomere: altrimen-


ti perch il ceppo dovrebbe chiamarsi, gi in Virgilio (Georgiche),
dentale? Evidentemente, il dente che mordeva la terra era il vo-
mere, e non il ceppo, che non ha mai contatto diretto con il terre-
no. Cos anche il ceppo, la parte pi dura dellalbero, era proba-
bilmente il legno preferito per ricavare il ceppovomere di legno:
Giulio Angioni, per esempio, mi ha riferito in una comunicazio-
ne personale che quando in Sardegna lobrata, - il vomere della-
ratro sardo (che discuteremo fra poco), era di legno, si usava il
ceppo del ginepro.
Osserviamo ora la Figura 8.2 (p. 974), che riproduce i nomi
del vomere nel CentroNord (a Sud appare quasi ovunque solo il
tipo vomere).
Conosciamo gi il tipo nordoccidentale mazza che, come ab-
biamo visto, deve risalire allaratro preistorico di legno. La sua
presenza in un punto isolato della costa dalmata (Lagosta), in
Lombardia nordorientale (Isolaccia in Val di Dentro (P. 209) e
Grosio (P. 218)) e nel Canton Ticino a Olivone (P. 22) (AIS 1437),
sembrerebbe indicare che larea originaria di mazza era pi este-
sa, ed stata poi sommersa da tipi pi recenti. Per quanto riguar-
da la Val dAosta, le straordinarie evidenze di aratura nel III mil-
lennio a. C., recentemente scoperte dalla ricerca archeologica,
confermano clamorosamente linterpretazione del nome del vo-
mere mazza anche valdostano come risalente al vomere li-
gneo preistorico. La distribuzione areale del tipo, tuttavia, indica
chiaramente che in Val dAosta il tipo mazza arrivato dalla pia-
nura padana occidentale (ALINEI 2001).
Sappiamo anche che il vomere di legno non crea un vero e pro-
prio solco ma si limita a scalre la terra, e che per ottenere un sol-
co profondo occorre attendere lintroduzione del vomere di fer-
ro, a lama convessa e asimmetrica, che non solo penetra in
profondit ma rovescia la terra sui due lati del solco. Ora, se si tie-
ne conto di queste elementari considerazioni antiquarie, si capi-
sce che i nomi nordorientali del vomere sono tutte innovazioni,
rispetto al vomere di legno: (1) il tipo friulano ferro si riferisce per
denizione al nuovo tipo di vomere in ferro, e quindi liconimo
8 Iconomasiologia: onomasiologia e tipologia degli iconimi 369

{ferro} deve essere stato scelto in concomitanza con le innovazio-


ni dellEt del Ferro. (2) Il tipo friulano e veneto versore viene dal
verbo VERTO rovesciare, e quindi anche liconimo {rovesciatore}
non pu che riettere la nuova funzione del vomere. (3) Lo stesso
si pu dire per il tipo lombardo scartada e varianti, afne a squar-
tare e a squarciare, quindi da *exquart(i)are, che esprime di nuo-
vo la stessa nozione. Prima di queste innovazioni, nel NordEst e
NordCentro, di fatto nellintera Val Padana, doveva regnare quin-
di o mazza, o un altro tipo arcaico (come ceppo e dentale).
Ovviamente questa lettura, proprio come quella di mazza che
abbiamo discusso nel precedente capitolo, contrasta con quella
tradizionale, secondo la quale larea centromeridionale del tipo
vomere, che continua il latino, dovrebbe essere quella conserva-
trice, mentre le altre sarebbero innovazioni, per denizione me-
dievali. Nel quadro della priorit metodologica ed epistemologi-
ca delliconimo, tuttavia, siamo costretti a mettere in dubbio la vi-
sione tradizionale, che fra laltro urta anche contro il buon senso:
che lingua parlavano i fondatori e i primi abitanti di Roma? Se
parlavano latino, come abbiamo tutte le ragioni di pensare, dob-
biamo necessariamente postulare la presenza in Italia di un lati-
no preromano, non meno importante e reale di quello po-
stromano: quello che poi si diffonder, con lImpero, anche do-
ve prima non cera. Senza entrare qui nella questione degli sce-
nari e della cronologia delle origini latinoitaliche (per cui vd. A-
LINEI 1996a, 2000), non vi comunque alcuna ragione di esclu-
dere che i dialetti italiani pos