Sei sulla pagina 1di 1

Sol- Sol- Sol-

G come guerra (Stacco)


Sol- Re- Sol-
G come giungla E gi tutti quanti per terra Occhi arrossati
Re- Fa Re-
La notte comunque si allunga Non basta restare al riparo Narici imbiancate
Fa Do- Fa
Le regole sono saltate Chi vuol sopravvivere deve Denti sbiancati
Do- cambiare Do-
Le favole sono dimenticate Sol- Ghigni tirati
Sol- (Stacco) Sol- Re-
G come guerra Sol- C' un'altra guerra in sala
Re- Re- riunioni
E gi tutti quanti per terra Il sole ti contro ti porta alla Fa Do-
Fa luce Da cui comunque tu resti
Non basta restare al riparo Fa fuori
Do- Do- Sol-
Chi vuol sopravvivere deve Non riesci a distinguere tutti i E guardo fuori ma quanto
cambiare nemici basta
Sol- Sol- Re-
(Stacco) Re- Ma quanto basta nascosto
Sol- Re- E' proprio quando ti senti un Do-
E' sorto il sole su un piccolo p in pace Potresti essere il prossimo
mondo Fa Oppure il prossimo pasto
Fa Do- Sol-
Do- Che sa presentarsi la bestia E puoi urlare che tanto la
E i vecchi banchieri stanno feroce giungla
pranzando Sol- Re-
Sol- Anche fra loro si stanno Soffoca la tua voce
Re- sbranando Do-
Ti devi spingere ancora pi Re- Per ti lasciano contare
fuori Non hanno fame ma Su tutti quei mi piace
Fa mangiano intanto Sol-
Do- Fa G come giungla
Che qui sei cacciato o E' l'abitudine che li mantiene Re-
cacciatore Do- La notte comunque si allunga
Sol- Cos spietati cos senza fine Fa
La polveriera su cui sei Sol- Le regole sono saltate
seduto G come giungla Do-
Re- Re- Le favole sono dimenticate
Aspetta solo il gesto La notte comunque si allunga Sol-
compiuto Fa G come guerra
Fa Le regole sono saltate Re-
E tutti fumano e buttano Do- E gi tutti quanti per terra
cicche Le favole sono dimenticate Fa
STOP Sol- Non basta restare al riparo
Hai visto il fuoco come si G come guerra Do-
appicca? Re- Chi vuol sopravvivere deve
Sol- E gi tutti quanti per terra cambiare
G come giungla Fa Sol- Re- Fa Do- ...
Re- Non basta restare al riparo
La notte comunque si allunga Do-
Fa Chi vuol sopravvivere deve
Le regole sono saltate cambiare
Do-
Le favole sono dimenticate