Sei sulla pagina 1di 4

Telefonia (22/04/2017 22:29)

. [...] ! Mae ch no you ni mae. [...] hachi no you


ni sasu!
I float like a butterfly. [...] And sting like a bee, yo!
[Killer Bee; chapter 411; NARUTO by Masashi Kishimoto]

Lago agitato, che come ubriaco


Leviatano, di solitudo saturato.
Tra le tempeste, scariche
Dov la vitalit, in quel che sembra morte?
Bagliori lontani. Lampo e tuono.

Al mirar spume, sue ferite in movimento


A chiamar costa, vagando sulle strade,
Lontana emancipazione, contatto
Febbrile, lemozione. Nel brivido di scatto
Pronto? A voler essere
Pronto, qualunque cosa intenda
Ogni affronto.
Di un mancato ritorno.

E mentre l tuona, strizzo locchio ad altra scossa


Mentre lo scempio urla, incendia qui attorno
Rifugio friabile tra i monti.
Duro il disco attraverso cui comunico
Della gran memoria, in cerca di un concerto
Dur incessabile, vento dellincerto.

Quello mi sussurra un pensiero:


Lofferente altra guancia, non galleggiava in piante
Ad incassar il guadagno pi grande
un pugile, pronto sanguinar amante
Agile e pi fragile, effimera su ninfea
Levante e dirompente, slancio in meridian
Onda, questo strano ad or telematico gioco
In mezzo al tormento, alternato allestremo
Sporgersi, col rischio di cadere aggrappato
Alla cornetta, impiccarsi in uno shock.

Un volar pungente attraverso le distanze,


Tra gli elementi, ad assorbir pugni:
Uno scazzottar fino a rovinar le nocche
Di rosso, acceso da diverse linee
Capillari, a scoppiar di sudori
Minerali, qualit rare a trovarsi
Nei vicini fari, di cui erose furon sponde.

E a chi capo scuote del guadagno fuliggine


Lago, limpido come uno specchio
Lanimo, un voler a non rapprendersi
Ma a battere. Grancassa frastuono
Su quel sacco che comune fardello
Lamor che fa di voce il pi magico suono.

Il tema principale della poesia il contatto: Telefonia, esprime chiaramente


attraverso quale mezzo il concetto espresso e raggiunto. Il testo diviso in quattro
tematiche principali, raggruppabili per due categorie: visiva e uditiva. Queste
racchiudono (proprio a partire dalle parole lampo e tuono), linsieme di sensi
coinvolti nei contatti pi coinvolgenti per il poeta, siccome questi sono composti, in
misura variabile, proprio da questi due sensi.
La poesia risulta essere particolarmente diretta anche ad un primo approccio, grazie
alle immagini semplici suscitate e ad un utilizzo pi marcato delle rime, tuttavia vi
un certo grado di complessit tale per cui molte delle immagini evocate si leghino tra
loro, in quello che ad un primo approccio pare una combinazione confusionaria.
Le quattro tematiche presenti sono: lambiente e il pugilato (principalmente visive), il
suono e la linea (principalmente uditive).
AMBIENTE: In questa opera il poeta sembra interagire con il lago, osservandolo nei
suoi turbamenti e, riflettendosi in quelli, dandogli delle risposte: il lago viene
interpretato, in un giorno di tempesta, come un ubriaco che attraverso le sue onde
barcolla e sbanda a chiamar costa, cio ricercando un contatto in quelle emozioni
febbrili che vagano sulle strade, ovvero che procedono le proprie vite in quella che
viene vista come lontana emancipazione, cio un allontanamento forzato. La
situazione simile a quella descritta in miele in uno scatto. Similarmente in
quellincidenza lo scatto era interpretato come una fotografia, una necessaria
immagine che sancisse qualcosa (Lei si fermata [...] cosa guardi, che sai?) la cui
mancanza causa turbamento (ti prego guarda a est [cit. Affetto Elementale]), ora
questa stessa mancanza viene affrontata con difficolt e con coraggio (la
punteggiatura dopo i due pronto, che ricordano la classica risposta allapertura di
una chiamata telefonica), sapendo come questa possa essere ambigua e sembrare
spesso mancante di sostanza (ritorno), come le spume del lago in tormenta.
Questa continua descrivendo le montagne attorno al bacino: alcune di queste
appaiono distrutte e rovinate dagli incendi recenti, facendo sentire il poeta Friabile
nel suo rifugio, in un erosione simile a quella che il lago ottiene urtando contro le
sponde arse di quella che pare fuliggine (un guadagno esiguo), ma che in realt deve
mirare con numerosi sforzi e scariche quei lampi e tuoni lontani, simbolo di forza e
affetto (il tema dellelettricit presente ovunque nelle opere del poeta).
PUGILATO: il binomio fragilit/fortezza appunto ricalcato in primis dalla citazione
antecedente la poesia. Essa appartiene formalmente al Manga Naruto (fonte di
ispirazioni e riferimenti plurimi per il poeta), ma che, nella praticit, unonorevole
dedica alle parole con cui stato definito il pugile Cassius Clay (in arte, e per s
stesso, conosciuto come Muhammad Al). Mentre il poeta fa esplicito riferimento alla
citazione attraverso volar pungente ed effimera su ninfea (poich un insetto,
come le due similitudini della citazione), il tema del pugilato molto sfruttato
allinterno del testo. Esso ricalca lassorbi pugno! (cit. Frantumi delle sette met) che
una locuzione chiave per esprimere come il poeta cerchi di assorbire il dolore altrui
per trasformarlo in forza ( sono qui sfogati!, come se servisse- Mostro, di
delinquenza e disapparenza - Io la vedo e cos ne reagisco. [cit. Catalizzatore]) in
maniera efficace.
Il contatto con il lago suggerisce al poeta come il vero insegnamento non si debba
cogliere astrattamente dalla religione (Lofferente laltra guancia, non galleggiava in
piante si riferisce a Ges, che ha camminato sullacqua [Piante piante dei piedi,
ma piante galleggianti si ricollega anche a ninfea]) ma si debba cogliere dallaffetto e
dalla buona volont (Sanguinar amante). Un riferimento alle opere umanitarie del
pugile, ma anche alla volont del poeta, che in un misto di fragilit e dirompenza
continua a volare attraverso le distanze per incassare pugni. Dopodich un veloce
scambio di significati (rosso acceso- acceso linee- linee capillari- capillari scoppiar-
sudori minerali- minerali erosi) accentua il legame tra limmagine del pugile e quella
dellambiente. Lultima strofa contiene ancora riferimenti (sacco, battere, non
rapprendersi [il rosso acceso, il sangue, ma anche simile foneticamente a non
arrendersi], fardello) i quali si ricollegano anche al tema del suono.
SUONO: Esso si lega molto bene con le altre tre tematiche: a partire dai verbi che
sembrano personificare il lago a dargli una voce (chiamar, sussurra, urla, concerto) a
compararsi con la voce spesso sorda del poeta (duro il disco e gran memoria, si
riferiscono anche alla memoria hard-disk di telefoni e computer, oltre che a quella
dellautore stesso), per giungere a una resa acustica della fatica pugilistica (battere, il
gioco di rime tra shock, gioco e nocche, grancassa frastuono, scoppiar,
allitterazioni varie.). In tutta la poesia costante la fonetica, quasi a voler traslare
dalla dimensione in cui costretta per giungere allorecchio: lidea di questo slancio si
raggiunge nel verso Levante e dirompente, slancio in meridian siccome sia
temporale che spaziale. Questultima notazione ricorda il ti prego guarda ad est gi
citato, riferito al destinatario proprio perch il poeta ne sentiva la mancanza: come
allora il poeta sarebbe dovuto essere soggetto passivo (siccome ai tempi il poeta era
infatti ad est del lago, mentre ora tornato sulla sponda occidentale), ora ne invece
lautore attivo, e in un sintomo di coerenza mantiene la volont espressa un paio
danni prima. Ora infatti guarda sia sud (meridian) che ad est (levante) e lo fa sia
quando appena alzato (levante) sia quando pienamente sveglio (meridian:
mezzogiorno) nellaccezione temporale del verso, coronata da verbi di forza e
movimento sia spaziale che fonetico (dirompente, slancio, onda) a rievocare il
frastagliarsi del lago contro la costa ma in maniera pi conscia e possibilmente senza
limiti fisici.
VOCE: mentre il suono fa da collante per lintero testo, la questione della voce forse
la pi cara allautore, come ad essere un nucleo pi profondo del suono stesso. Termini
come vitalit, faro (ecolocalizzazione), scossa, bagliore (lo schermo che si
illumina, la speranza), capillari (questione dellespandersi) e limmagine delle spume
sono meno percepibili come legati alla questione del suono, ma ineluttabilmente legati
al tema della ricerca, e a questi dellaffetto. Similarmente, nella ricerca di questa voce
il poeta chiarisce le immani difficolt con immagini forti (impiccarsi, incendi, sangue, la
furia degli elementi come pugni, lo scuotere il capo in segno di disdegno) per poi per
giungere a descrivere lanimo combattente, attraverso le sezioni precedentemente
analizzate, e i sacrifici che il poeta vuole assimilare pur di rendere percepibile lamore
che egli prova e che vuole sentire a sua volta, nel tormento dellincerto.
Lo stesso pronto rievoca la voce della persona ricercata, la quale allinizio della
poesia (come di una chiamata) sembra incerta e smorta, ma, al termine dellopera, il
poeta si sente limpido, come se il lago si fosse calmato ad offrire uno scenario di
piacere e beatitudine, ottenuta dallo sfogo riuscito e dal sentire la voce della persona
ricercata in un timbro di sollievo, riassunto proprio in Lamor che fa di voce il pi
magico suono.

Potrebbero piacerti anche