Sei sulla pagina 1di 4

Lombardia

Il popolo gemanico dei longobardi occup tra il VI e lVIII secolo


gran parte della penisola italiana, che da loro prese il nome di Lon-
gobardia. Quando essi furono sconfitti questo nome rimase soltanto
a una regione settentrionale e, nel corso degli anni, venne modifica-
to in Lombardia.

Dove si trova?
SCALA 1 : 1 800 000
La Lombardia una regione dellI- km
0 50

talia nord-occidentale, al centro


dellarco alpino. A nord confina con S V I Z Z E R A HE
IC
la Svizzera, a est con il Trentino-Alto
RE
T
Passo d. Stelvio TRENTINO-
Adige e il Veneto, a sud con lEmilia- Passo d. Spluga I
P Passo 2757
2118 ] [ Ortles Bolzano

][
L
Romagna e a ovest con il Piemonte. A di Foscagno ] [ 3899
1508 3439 Bormio Cevedale
Pizzo Stella Bernina 3764
3163 4050 Cima di Piazzi

Liro
Passo di Gavia
Che superficie Chiavenna Monte

][
2621

da
e popolazione ha? TINE Disgrazia 1883

Ad
ON

][
P 3678 Passo d.
Con i suoi 23 857 km2 la Lombardia LE Tirano

a
Sondrio Tonale
PI Adda n 3554
si colloca al quarto posto tra le AL Pizzo di Gino V a l t e l l i -ALTO ADIGE
2245 Adamello

o n ic a
O R O B I
regioni dItalia come superficie. Verbania
Lago di A L P I E
Lugano Lago TRENTO

am
Con i suoi 9 545 400 abitanti si collo- r e
di Como Grigna a Pizzo della
io

n
Pizzo Presolana C

ba
2410
g

ian a
ag

Arera

Val Brem
ca al primo posto come popolazione.

l
2521

Va
L ag o M

P R E 2512

Se r
Lago di Varese A L P Lecco
Varese Erba I Lovere

l
L O M

Va
Como B r i a n z a B A R D E

pia
lla
Lago

Val Trom
Lago
bo

Me
Cant Bergamo d'Iseo d'Idro
Gallarate
Brem

a
ard
Saronno
Monza

Lago di G
Sal
Busto Arsizio Rho Brescia
Legnano Treviglio
Chiari Desenzano
del Garda
VENETO
MILANO Verona
Novara Abbiategrasso Orzinuovi
8% della superficie 16% della popolazione Crema

Mincio
Chiese
italiana italiana Vigevano Lodi
O
gl
Ti

io
S e si

Ad
in

llina da
o

Quali sono le citt me Pavia


a

Lo u r a
P i a n P Mantova
capoluogo di provincia? Po Po Codogno a d
Cremona a
n
I capoluoghi di Po a
SO Oltrep Piacenza Po
CO
provincia sono 12. Voghera
Pavese
VA LC
MI
MB BG Milano anche Alessandria
LO BS Passo
MN
capoluogo di regione del Penice Parma
PV CR
][

1145
1460
PIEMONTE Monte Penice E M I L I A - R O M A G N A
Citt abitanti Reggio Modena
nell'Emilia
Milano (MI) 1 303 400
LIGURIA
Brescia (BS) 190 000
Monza (MB) 121 400
Bergamo (BG) 115 600
Como (CO) 83 300 Che cosa caratterizza
Varese (VA) 82 200 il suo territorio?
Cremona (CR) 70 900 montagna (41%)
La pianura si estende su quasi
Pavia (PV) 70 700 la met della superficie della collina (12%)
Mantova (MN) 47 800 regione, unaltra buona parte
Lecco (LC) 47 000 pianura (47%)
occupata dalle montagne,
Lodi (LO) 42 700 mentre la zona collinare
Sondrio (SO) 22 000 piuttosto limitata.

Copyright 2008 Zanichelli Editore SpA, Bologna [7047] Lombardia 1


Questo file una estensione online del corso Dinucci, Dinucci GEOGRAFICAMENTE essenziale Zanichelli 2010
REGIONI DITALIA
CuboImages srl/Alamy

G. A. Rossi/Tips
1 LALTA VALTELLINA E LE ALPI OROBIE

RILIEVI 2 IL PAESAGGIO DELLA PIANURA PADANA


Il rilievo della Lombardia disposto in fasce
quasi parallele. A nord le Alpi Lepontine e le Alpi PIANURE
Retiche; sotto di esse, separate dalla Valtellina, le Il tratto lombardo della Pianura Padana
Alpi Orobie [ 1 ]. Le Retiche sono le pi elevate occupa quasi met della regione.
(Bernina 4052 m, Disgrazia 3678 m, Ortles 1 Comincia a sud delle Prealpi, a una quota
3899 m) e ricche di ghiacciai. Pi a sud, dal Lago 3 4 di circa 200 metri. Poi scende lentamente,
Maggiore al Lago di Garda, si estendono le fino a raggiungere le poche decine di
Prealpi, incise dalle valli dei numerosi affluenti di metri di quota lungo il Po. Si suddivide in
sinistra del Po. Nella parte pi meridionale, 2 alta pianura, a nord, densamente
denominata Oltrep pavese, la regione si estende popolata, e in bassa pianura a sud (fino
fino agli Appennini, in un triangolo delimitato da alla linea del Po), particolarmente fertile e
Piemonte ed Emilia-Romagna. ricca di acque [ 2 ].
G. A. Rossi/Image Bank

Publiaerfoto
3 IL LAGO E LA CITT DI COMO 4 IL CENTRO MEDIEVALE DI BERGAMO ALTA

FIUMI E LAGHI ECONOMIA


Il fiume principale il Po che percorre la Lombardia per circa Lagricoltura lombarda, grazie allabbondanza dacqua e
300 km. I suoi affluenti di sinistra sono numerosi e ricchi di acque: ai moderni sistemi di coltivazione, una delle pi
il Ticino, che nasce in Svizzera e si immette nel Po vicino a Pavia; avanzate: alle colture fondamentali (grano, riso, ortaggi,
lOlona e il Lambro, che lambiscono Milano: lAdda, il pi lungo; foraggi) si affiancano i vigneti dellOltrep pavese e della
lOglio e il Mincio. Si trovano poi in Lombardia i pi importanti Valtellina. Altrettanto sviluppato lallevamento.
laghi prealpini. A ovest il Lago Maggiore, condiviso con Svizzera Lindustria, molto diversificata, comprende produzioni
e Piemonte. Pi a est: il Lago di Lugano, condiviso con la Svizzera; sia di base sia ad alto contenuto tecnologico. Le
il Lago di Como [ 3 ], attraversato dal fiume Adda; il Lago dIseo fabbriche si concentrano nelle province di Milano,
attraversato dallOglio; il Lago di Garda, condiviso con il Veneto. Varese, Como, Brescia e Bergamo. Ben sviluppato anche
A questi si aggiungono circa un migliaio di piccoli laghi alpini. il turismo [ 4 ].

Copyright 2008 Zanichelli Editore SpA, Bologna [7047] Lombardia 2


Questo file una estensione online del corso Dinucci, Dinucci GEOGRAFICAMENTE essenziale Zanichelli 2010
MILANO La capitale economica dItalia Paolo Sarpi Vi Vi
aV

C
Via a itr
Porta Garibaldi

o
ei Sa uv
alil io

r
Piazza n
Vi

es
XXV Aprile Porta Nuova G
G. Piazza

o
al
Vi Via Cincinnato

ir
R.A.I. a Piazzale e
Princ. Clotilde Gr

A
L.

S
S. Maria Piazza della eg

e
Tu

uova
or

s
Melzi Ca Piazzale Incoronata Repubblica Piscina

m
io
Via

no
no Biancamano ni
D ni

rco
si

Porta N
Er ca

ue
i
i Piazza Lega Vi a a

o
zia Lombarda Via le

San Ma

B
n

l
Elv Ca

a ld i
Vi t
anova
Vi

e
le

Vi a L e g n
Ba
sti t r i o

ti
al Via Museo d. Mos Brtta Piazzale

so
ura
e cov

a r ib
Piazza Piazzale Permanente on Lavater
S. Angelo a

V. T
id V

or
Giovanni XXIII Sempione Arena iP n

Corso G
By
ort e to
a C

nin
G i a r d i n i

C
Corso di
ro
Arco della Largo a Ve
vall.
Vi

Vi a

n
Caselli di Porta Piazza VIII

ano
Pace n

Via
le Treves Pubblici

Ma
zia
a

Vi

Orientale

Vi
Novembre
ia Ca

ale
Palazzi MUSEO DI Porta 1917

Via
Parco Palazzo

Barb
Venzia

al
Vi

S. Marco ex Montecatini STORIA


Savo

ta
Dugnani
Sempione
nc

o S. SIMPLICIANO NATURALE Planetario

Vi a
ar
V i a Fa t e b
en

ga Teatro enefr Piazza Via Palest


egg.

ro

Viale
Vi

Viale
a
Palazzo dellArte Studio ontaccio a t e l li Cavour
zo

Pa

Fo
al

zi
(Triennale di P

r
Via R

io

o
V.

Via
e

Milano)

ne
Museo d. VILLA REALE
io ad
Palazzo

Pisacane
Ale

V
Risorgimento
ar
(GALL. DARTE MOD.) Saporiti

Ve
G

ia
Palazzo
ma

Bu
M

Luigi
M i a Cusani PALAZZO

Piave
on

ona
Palazzo
gna

Se
DI BRERA Castiglioni

Brera
a
ti

parte
Vi
Palazzo
o

na
et
Ariost

i d. Senato Palazzo
e
Pi

P
br i

to
V.

az

CASTELLO te d MUSEO Berri-Meregalli


em rso V. Mon

Maino
A.

za

POLDI-PEZZOLI
V

t C SFORZESCO V. de llO Palazzo


t
da

Piazzale a s t e l l
ia

Serbelloni
Se Stazione o Largo Cairoli Museo

o
Gi

Via

L. Cadorna
XX F.N.M. Corso
us

rs
TEATRO Manzoniano Palazzo Prefettura
V.

F
sa

a oro B te Concordia
Vi uonapar ALLA SCALA

Co
Via Boc cacc io Belgioioso
no

Piazza d. o r t e Piazza del Piazza


Mon f

Vi
Tricolore Risorgimento
M

Piazzale Scala Piazza Meda C o rs o


a
cci

CENACOLO Palazzo Piazza


o

Baracca

Da

V ia le B ia nc
Palazzo S. Fedele

Viale Prem
n

ta

i Modrone
rdu

Casa Clerici S. Babila

nt

rgh S.
ti

e ri
Litta

Via
S. Carlo

e
P.ta Magenta Laughier S. Maria

Ma Via
Palazzo Marino al
Ca

Corso Magenta Vi a M er a vi gl
i Piazza (Municipio) Corso n. II d. Passione
Museo Cordusio m a
. Carso

itt . E

Galv.
Galleria Vittorio
a

Posta T.

pa
S. MARIA Archeologico oV
rcellin

ti d
ex Monastero e Tel. Emanuele
Cors

ro
D. GRAZIE
Via

Via Maggiore Piazza

con
Eu
ichele d

PALAZZO D.

a M ar ia
Sa PINACOTECA RAGIONE del DUOMO Conservatorio
P.ta Ve

Caserma

so

Vis
n V

Fiamma
Piazza S. Duomo

uda
AMBROSIANA

C.
itt Garibaldi Largo

Via
ore Ambrogio Palazzo Palazzo S. Pietro
V.le S. M

Augusto
V. Mazzini
S. Vittore Reale Arcivescovile
V.le di

S. AMBROGIO Universit Pal. S. SATIRO in Gessate


al Corpo Cattolica Borromeo Uff. S. Stefano Piazza 5
Piazza Comunali a Magg. C o r s o d i Po r t a Vi t t o r i a Giornate
Diaz a rg
Piazzale S. Sebastiano L Pal. Sormani
MUSEO NAZ.

N e a r g h e ri t a
Aquileia Andreani Palazzo di

a
D. SCIENZA E Pusterla di Piazza
na

Vi
Vi

sini
a S. Ambrogio ino Missori Giustizia
D. TECNICA . To r S. Alessandro
o

V V
Ol

ia E dm Carrobbio Torre

Moro
V.

on CA GRANDA

ro
le do Velasca Rotonda

aM
(UNIVERSIT STATALE)
It al ia

della Besana
Ticinese

Piazza De
a

M o Regin
S. NAZARO

Via d. Comm
op p S. Agostino S. LORENZO
V. F Piscina P Piazza
MAGGIORE Piazza MAGGIORE

nte
Coperta a Resistenza Co
Via p Partigiana Am Bertarelli Policlinico

e
rso
Corso di P.ta

Vi a l

o
i icis
C or so

Parco di ova di

ili
n
i o n Porta i a P
mora
rs e So f

Em
Solari V. M or

enda
a amar
n C o ta G Ticinese olin S.
ta
A lf. L

le
o o r o d. a R
P Parco d. Armi Vi om V ia

Via

a
Basiliche an

Vi
a

STORIA Lombarda (1167), guid gli


Fondata alla fine del V seco- altri comuni italiani contro
lo a.C. dai galli, fu in segui- limperatore Federico Bar-
to conquistata dai romani e barossa, riportando una
colonizzata con il nome di decisiva vittoria nella Batta-
Mediolanum. Nel 313 d.C., glia di Legnano (1176).
limperatore Costantino vi Passata dal comune alla
promulg il famoso editto signoria, venne governata
sulla libert di culto (Editto prima dai Della Torre, poi
di Milano). dai Visconti e infine dagli
Dopo il crollo dellimpero Sforza, divenendo una delle
romano fu saccheggiata dai pi influenti e ricche corti
burgundi (489), occupata del XV secolo [ 1 ].
dai bizantini (537) e dai goti Funestata da guerre e
(539), infine conquistata dai pestilenze (1630), divenne
longobardi (569). nel Settecento il principale
Passata sotto il dominio centro dellilluminismo ita-
dei franchi (VIII secolo), liano. La cultura liberale
Milano conobbe un notevo- port gli intellettuali mila-
le sviluppo economico, nesi ad aderire allesperien-
G. A. Rossi/Image Bank

tanto che fu tra le prime za napoleonica. Ci spiega


citt italiane a costituirsi in perch, dopo la Restaura-
libero comune (1097). zione del 1815, la citt fu
Dopo aver fondato la Lega protagonista della lotta per 1 IL CENTRO DI MILANO CON IL DUOMO E LA SUA PIAZZA

Copyright 2008 Zanichelli Editore SpA, Bologna [7047] Lombardia 3


Questo file una estensione online del corso Dinucci, Dinucci GEOGRAFICAMENTE essenziale Zanichelli 2010
Massimo Perrucci

Studioelle/Marka

U. Tasca
2 LA STRAGE ALLA BANCA DELLAGRICOLTURA, IN PIAZZA FONTANA 4 IL DUOMO (ESTERNO) 5 IL DUOMO (INTERNO)

in costante crescita fin dai importanti musei, come il


primi dellOttocento, ha Nazionale della Scienza e
subto una forte impennata della Tecnica, il Civico del
fra il 1950 e il 1970, per poi Castello Sforzesco e il Tea-
cominciare gradualmente a trale della Scala.
diminuire. Ci dipeso dal Milano anche la princi-
rapido sviluppo e dalla suc- pale citt italiana dal punto
cessiva contrazione (verso di vista culturale e delledi-
la met degli anni Settanta) toria. Vi hanno sede infatti
del settore industriale. ben sei universit, il mag-
La contrazione dellindu- giore teatro di lirica (La
stria ha lasciato liberi ampi Scala), le sedi dei principali
spazi che sono stati gra- quotidiani nazionali (Cor-
dualmente ristrutturati e riere della Sera, Il Sole-
3 LA BORSA DI MILANO adibiti ad attivit di servizi. 24Ore, La Gazzetta dello
Significativi i casi dellarea Sport ecc.).
lindipendenza dal dominio ECONOMIA E SOCIET ex Pirelli, trasformata in A partire dagli anni
austriaco (si ricordano, per Milano pu essere definita polo universitario, e di Ottanta del secolo scorso,
esempio, le cinque giorna- la capitale economica quella ex Montedison, dove Milano anche divenuta
te di Milano del 1848). dellItalia. Da centro com- sta nascendo un secondo sede di numerose produ-
A partire dallUnit dIta- merciale fino alla fine del centro cittadino. zioni cinematografiche e
lia, Milano assunse il ruolo XIX secolo, divenne poi televisive, contribuendo a
di principale centro econo- grande metropoli indu- ARTE E CULTURA lanciare parecchie mode
mico del Regno. Nel perio- striale, infine citt leader Milano possiede un ricco (come quella dellaperitivo
do fra le due guerre mon- nel settore dei servizi, cio patrimonio artistico. Si alluscita dal lavoro).
diali fu teatro dellazione delle attivit che si occupa- possono menzionare il
politica sia socialista, sia no dei beni dopo che sono Duomo (XIV-XIX secolo)
fascista. Nel periodo della stati prodotti dalle indu- [ 4 ] [ 5 ], la chiesa di S.
Resistenza stata un centro strie: attivit delle banche e Maria delle Grazie (che
propulsore della lotta con- delle assicurazioni, societ ospita la famosa Ultima
tro i nazisti e i fascisti. informatiche, attivit pub- Cena di Leonardo da Vinci)
Dopo la Seconda guerra blicitarie, finanziarie [ 3 ] e e la Basilica di San Lorenzo
mondiale, la citt ha cono- legate al turismo. Milano (375). Al periodo rinasci-
sciuto una nuova stagione oggi la citt italiana con la mentale risalgono numero-
di scontro sociale. Vi inizia- pi alta concentrazione di si palazzi, come Palazzo
rono infatti sia le lotte sin- servizi (pi di un terzo di Marino e Palazzo Litta. Non
dacali dei lavoratori tutte le attivit di questo mancano notevoli esempi
(soprattutto operai) e stu- tipo dellintera Lombardia). di architettura contempo-
dentesche degli anni Ses- anche la citt dove ranea, come il Grattacielo
santa, sia i primi attentati sono nate le prime televi- Pirelli (1960) e la nuova
terroristici (come la strage sioni private (Canale 5, Ita- immagine di Piazzale
di Piazza Fontana [ 2 ], il 12 lia 1 e Retequattro). Cadorna [ 6 ].
E. Turri

dicembre del 1969). La popolazione milanese, La citt anche sede di 6 PIAZZALE CADORNA

Copyright 2008 Zanichelli Editore SpA, Bologna [7047] Lombardia 4


Questo file una estensione online del corso Dinucci, Dinucci GEOGRAFICAMENTE essenziale Zanichelli 2010