Sei sulla pagina 1di 28

Sapere ci che si vuole

1
CERVELLO VS. CERVELLO

SINISTRO DESTRO

Logica di senso Modalit


Comune soggettive
(intuizione, immaginazione, inconscio)

Allineamento degli obiettivi prefissati ai propri VALORI

9
Gli obiettivi inconsci possono determinare o meno il successo nel
raggiungimento degli obiettivi consapevoli. Avendo consapevolezza
di questi aspetti potrete vedere molti pi obiettivi per arrivare al
successo. Anche un primo limitato tentativo di definire l'obiettivo
moltiplicher molte volte le vostre possibilit di successo, una volta
che avrete allineato i vostri processi mentali e i vostri obiettivi.
Applicate dunque i criteri di un obiettivo ben formulato.

Prendendo in considerazione gli aspetti pi ampi degli stessi obiettivi


potrete ottenere risultati notevoli.

10
Ci vero in particolar modo quando i vostri obiettivi risultano in
linea con i vostri valori e con la vostra identit.

L'applicazione del processo SMART, pone un'enfasi unica SU ci


che viene definito ecologia del risultato, vale a dire quelleffetto
che un obiettivo pu avere su altri obiettivi.

11
Conflitto tra obiettivi e valori

Lobiettivo non vi rispecchia

ci che non volete ha la precedenza obiettivo ben formulato


valutate onestamente gli
effetti di raggiungimento
del vs obiettivo

12
Potrebbe accadere, dopo aver raggiunto un obiettivo conscio, di
scoprire altri obiettivi pi grandi e inconsci, rimasti incompiuti. Da
ci deriva la delusione o la sensazione che manchi ancora qualcosa.
In realt ci accade quando non identificate n perseguite gli obiettivi
giusti.

Pi precisamente ci vuol dire che non avete perseguito l'obiettivo


definitivo, ma semplicemente ne avete raggiunto uno allinterno di un
percorso.

13
Pertanto, per rispettare ci che chiamiamo lecologia del risultato,
innanzitutto importante valutare tutta la gerarchia di obiettivi e quali
obiettivi questi ultimi potrebbero influenzare; in seguito potremo
pensare all'effetto dei nostri obiettivi sugli altri (persone o valori).

Effettuate questo controllo ecologico ogni volta che iniziate a


perseguire un obiettivo e otterrete senza dubbio i seguenti vantaggi:

- risparmio di tempo

- aumento probabilit di successo

14
I fattori di un obiettivo ecologico

Per identificare i fattori ecologici di un obiettivo prima necessario


capire il vostro modo di pensare. Recuperate alcune nozioni presenti
nelle lezioni precedenti per iniziare a capire meglio voi stessi e il
mondo unico con cui funzionate.

Alcuni di questi aspetti ecologici potranno inizialmente sfuggire la


vostra consapevolezza; in altri casi, dovrete semplicemente pensare
con onest alla questione. In alcuni casi gli effetti dei vostri obiettivi
vi saranno d'un tratto chiari applicando le sei regole.

15
Alcune questioni ecologiche influenzano anche altre persone e
potrebbero quindi avere un impatto importante sulle vostre relazioni
con gli altri cos come sui vostri obiettivi personali.

L'ecologia dell'obiettivo si basa dunque sul primo presupposto di


questo corso: la mappa non il territorio. Pertanto i nostri
programmi mentali personali costituiscono la "mappa. Questi
includono i nostri "metaprogrammi: schemi di pensiero, valori,
convinzioni e caratteristiche della nostra personalit.

16
Cos come una personalit multi-sfaccettata, le vostre parti dovranno
agire in accordo con i vostri obiettivi, altrimenti vedrete ridotte le
vostre possibilit di successo. Oltre a pensare a ci che desiderate,
riflettete accuratamente sul vostro modo di pensare per identificare le
questioni che circondano i vostri obiettivi.

Anzich concentrarvi su ci che non volete, cercate di concentrarvi su


ci che effettivamente volete, iniziando formulare positivamente il
vostro obiettivo.

17
Il successo dipende dalla massimizzazione di questi processi e in
particolare dall'avere chiaramente definiti gli obiettivi a cui mirare.

Es: una persona che si allontana da una data situazione si concentra


mentalmente (ma involontariamente) proprio su ci che vuole evitare.
L'obiettivo secondario, inconscio, ottiene di conseguenza la
precedenza.

18
ELEMENTO 1. DI UN OBIETTIVO BEN FORMULATO:

affermate positivamente il vs. obiettivo

Es: voglio smettere di fumare". Una persona che cerca di smettere di


fumare persegue un obiettivo meritevole, nonostante il frasario
negativo; tuttavia la stessa persona potrebbe dover lottare contro la
spinta di altri obiettivi inconsci secondari, o "vantaggi secondari"
(forse sociali), derivanti dal fumo. In quel caso gli obiettivi interiori
pi forti costituiscono il traguardo verso il quale la persona si "auto
dirige". Il fallimento nel perseguimento di questo obiettivo subentra

19
quando i benefici secondari inconsci hanno maggior peso rispetto
all'obiettivo dichiarato. Potreste individuare gli obiettivi negativi
nella vostra lista tramite le parole che usate per esprimerli e trovare
molto pi difficile localizzare le intenzioni positive inconsce che
possono essere responsabili di molti anni di apparenti fallimenti.

20
Nell'impostare degli obiettivi consci, dovete dunque identificare i
diversi obiettivi secondari e le forze che lavorano in voi e che
potrebbero influenzarli, valutandoli onestamente.

Potreste anche decidere di rimanere nella vostra situazione attuale. A


voi la scelta, ma almeno non vi ritroverete costretti ad affrontare
ripetuti fallimenti, dovuti alla mancata comprensione del
funzionamento del "sistema".

SCELTA + CONTROLLO = aumento probabilit di successo

21
Identificare gli obiettivi inconsci
Come potete tenere in considerazione queste forze inconsce di
raggiungimento degli obiettivi?

Accettando semplicemente che gli obiettivi secondari possano


esistere, si tender a portare alla luce questi fattori ecologici. Create
quindi un dialogo con la vostra mente inconscia. Aprite la vostra
mente alla possibilit di questo dialogo. I sei test per un obiettivo ben
formulato appresi nel corso delle precedenti lezioni riveleranno
gradualmente gli aspetti meno chiari dei vostri obiettivi.

22
Le domande di verifica degli obiettivi che abbiamo suggerito, alcune
delle quali potrebbero apparirvi senza senso logico, vi aiuteranno a
rivelare questi fattori inconsci. Affrontate i sei test dell'obiettivo in
una modalit di ascolto rilassata.

In questo modo potrete individuare desideri meno consci e allinearli


con quelli consci, apportando i necessari cambiamenti durante il
percorso.

23
Rappresentare i propri obiettivi

In che modo le rappresentazioni mentali


influenzano i vostri obiettivi?

Esse creano di fatto obiettivi interni. I vostri valori e le vostre


convinzioni, infatti, suggeriscono alla mente inconscia ci che volete
portare a compimento. Rappresentano il traguardo del vostro
meccanismo innato di raggiungimento degli obiettivi.

24
Es: l'onest persegue obiettivi che riflettono un comportamento
onesto.

I valori e le convenzioni che vi guidano e la direzione in cui vi


portano indicano chiaramente la vostra destinazione finale, stabilendo
se conseguire pi o meno i vostri obiettivi consci.

Es: una convinzione del tipo "non riesco a organizzare altre persone",
sarebbe d'ostacolo al raggiungimento di qualsiasi obiettivo connesso
con la gestione di altre persone.

25
Le convinzioni e i valori possono quindi generare una spirale di
successi o fallimenti.

Obiettivi della lezione:

Individuare e riaffermare i valori e le convinzioni che


potrebbero sostenere i vostri obiettivi.

Conoscere il vostro modo specifico di percepire il mondo

Conoscere come questi modi specifici influenzino ci che volete


e il modo in cui volete ottenerlo

26
Strategia per il raggiungimento degli obiettivi:

analisi dei propri VALORI, FILTRI, MAPPE

Comprendendo meglio la vostra "mappa" mentale personale, vedrete


pi chiaramente quali sono gli obiettivi pi importanti per voi in
quanto individui. Identificate gli scopi principali nella vita a cui
volete dedicare tempo ed energie: allineerete ci che desiderate
raggiungere con la vostra identit.

27
I quesiti cartesiani

Diverse tecniche possono aiutarvi a distinguere questi aspetti meno


consci dei vostri obiettivi, separandoli dagli aspetti pi consapevoli.
Una di queste tecniche e quella dei quesiti cartesiani, riassunta di
seguito.

28
PROPOSIZIONE INVERSA TEOREMA

AB AB

CHE COSA NON ACCADERBBE CHE COSA ACCADREBBE

SE LO FACESTE? SE LO FACESTE?

PROPOSIZIONE CONTROINVERSA PROPOSIZIONE CONTRARIA

AB A B

CHE COSA NON ACCADREBBE CHE COSA ACCADREBBE

SE LO FACESTE? SE NON LO FACESTE?

29
Usando uno dei vostri obiettivi specifici, ponetevi le quattro domande
nella matrice:

1. che cosa accadrebbe se lo facessi (se raggiungessi appieno il


mio obiettivo)? Avete gi affrontato questo procedimento nelle
lezioni precedenti, quando avete applicato l'elemento numero
cinque, e in particolare quando avete visualizzato la realizzazione
del vostro obiettivo.

30
2. Che cosa non accadrebbe se lo facessi? Questa domanda
permette di far emergere un vantaggio secondario. Vi aiuter a
individuare i benefici derivanti da un comportamento attuale, che
potreste perdere in caso di raggiungimento di un nuovo obiettivo.
Potreste dover rinunciare a qualche piccolo piacere, anche se
normalmente non lo avreste mai identificato. Questo processo
crea la possibilit di scegliere. Decidete voi. Questa sorta di
valutazione ecologica dell'obiettivo richiede naturalmente onest
e tempo per un'introspezione rilassata e senza fretta.

31
3. Che cosa accadrebbe se non lo facessi (se non raggiungessi il
mio obiettivo)? Questo quesito enfatizza il costo o il dolore che
c' nel continuare ad andare avanti nello stesso modo. La vostra
scelta deliberata di andare avanti nello stesso modo pu fornirvi
la motivazione, di cui avete bisogno, per cambiare.

32
4. Che cosa non accadrebbe se non lo facessi? Questa domanda
ha leffetto di confondere lemisfero sinistro del vostro cervello.
Va oltre la mente conscia e fa lavorare il cervello su diversi
canali neurali, facendovi pensare alle cose in modo nuovo. Pu
rendervi coscienti di valori e di forze interiori a cui non avete
mai pensato. Provate quindi a rispondere a questa domanda in
modo intuitivo pi che logico.

33
Applicate questo metodo di interrogazione a un semplice esempio:

voglio davvero?

34
FINE LEZIONE

35