Sei sulla pagina 1di 3

Cappuccetto Rosso

Cera una volta una bambina bella e buona che indossava sempre una mantella
rossa e, per questo, tutti la chiamavano Cappuccetto Rosso.
Un giorno la mamma dice: Cappuccetto Rosso, ho fatto una torta. Vai dalla
nonna e portale la torta. Ma non ti fermare nel bosco e non parlare con nessuno.
Invece di ascoltare la mamma, Cappuccetto Rosso attraversa il bosco perch si
vuole fermare a raccogliere dei fiori per la nonna. Un lupo afamato vede la
bambina, si avvicina e le dice: Dove vai bella bambina?. Cappuccetto Rosso
allora risponde: Vado dalla nonna. E il lupo continua: Dove abita la nonna? E
Cappuccetto, senza pensarci, gli risponde: Abita in una casa nel bosco. Il lupo
allora saluta Cappuccetto Rosso, corre a casa della nonna, entra e mangia la
nonna. Poi si mette la camicia da notte della nonna e si sdraia nel letto ad
aspettare Cappuccetto Rosso. Quando Cappuccetto Rosso arriva, bussa alla porta.
Il lupo, che fa finta di essere la nonna, le dice: Vieni avanti bambina, io sono
troppo ammalata, non posso alzarmi dal letto.
Cappuccetto Rosso entra e vede la nonna nel letto, la guarda e le dice: Nonna,
ma che orecchie grandi che hai!. E il lupo: Per sentirti meglio!. Cappuccetto
Rosso continua: Nonna, ma che occhi grandi che hai! E il lupo: Per vederti
meglio!. E Cappuccetto le dice allora: Nonna, ma che bocca grande che hai!. E
il lupo: Per mangiarti meglio!. Cos il lupo salta fuori dal letto e mangia la
bambina. Poi torna a letto e si addormenta. Un cacciatore che passa l vicino si
accorge che la porta della casa della nonna aperta e decide di entrare per vedere
che cosa sta succedendo. Quando arriva nella camera da letto trova il lupo e
capisce tutto. Il cacciatore allore apre la pancia del lupo e fa uscire Cappuccetto
Rosso e la nonna, che stanno bene.