Sei sulla pagina 1di 24

Bilancio 2

I principi contabili di base: lo stato patrimoniale

Sono presentati 5 degli 11 principi contabili:


1. Lomogeneit
2. Lentit
3. La prospettiva di continuit di funzionamento
4. Il costo storico e il fair value
5. Il duplice aspetto

Le principali voci dello stato patrimoniale e come si


modificano a seguito delle transazioni

pag. 1
1. Il principio di omogeneit

Secondo il concetto di omogeneit:

lunit di misura delle risorse la moneta

si possono sommare algebricamente risorse di natura diversa

sono riportati solo quei fatti della vita aziendale che producono
effetti valutabili monetariamente

Di conseguenza, il bilancio una descrizione incompleta

pag. 2
2. Il principio dellentit

Il proprietario di un sito Internet preleva 100 dalla cassa della


propria societ per uso personale. Dovrebbe il sistema
contabile aziendale rilevare questo prelievo?

Si, a motivo del principio dellentit. Questo principio richiede,


infatti, che i conti aziendali mostrino che la liquidit dellazienda
ora inferiore di 100 rispetto a quanto era prima del prelievo.

pag. 3
3. La prospettiva di continuit di funzionamento

Le rilevazioni contabili devono assumere in alternativa:

che lazienda sia in una fase di interruzione dellattivit

che lazienda rimanga in vita per un tempo indeterminato

Il principio di continuit di funzionamento assume che


lazienda continui a funzionare per un periodo
indeterminato (bilancio desercizio)

Attivo Moretti S.p.A. al 31-12-2015 pari a 42.250.


E questo il valore al quale le attivit potrebbero
essere vendute?
pag. 4
4. Il principio del costo

Le risorse economiche di unazienda sono definite attivit o asset


o elementi patrimoniali

Le attivit possono essere:


non monetarie: non esiste uninformazione oggettiva e
affidabile di quale sia il loro valore di mercato (terreni,
fabbricati, macchinari)
monetarie: esiste uninformazione oggettiva e affidabile del
loro valore (denaro contante e C/C, titoli, diritti a incassare
denaro)
Unattivit, qualunque sia, normalmente rilevata in contabilit al
suo prezzo dacquisto cio al suo costo storico.

pag. 5
4. Il principio del costo
Come avviene la contabilizzazione delle due categorie di
attivit

Attivit non monetarie


Il costo dacquisto continua a essere il riferimento per la
contabilizzazione anche nei periodo successivi e il valore
contabile di unattivit non monetaria non rappresenta il
suo valore corrente
Prevalenza delloggettivit e fattibilit su rilevanza

pag. 6
4. Il principio del costo
Come avviene la contabilizzazione delle due categorie di
attivit
Attivit monetarie
La maggior parte delle attivit monetarie sono invece
registrate in periodi successivi a quello dacquisto al loro
valore di presunto realizzo
Lutilizzo dei valori di mercato delle attivit monetarie : (1)
rilevante, (2) oggettivo e (3) fattibile (a basso costo).

pag. 7
4. Il principio del costo: le attivit monetarie

Unimpresa ha investito un surplus di cassa acquistando 100.000


azioni Unicredit il 30 settembre 2010 al prezzo di 2 e intende
determinare il valore di presunto realizzo dellinvestimento al 30
settembre 2012 per potere redigere il bilancio mensile a quella
data
Per far questo necessario semplicemente attendere la chiusura
della borsa di Milano e leggere sul WEB il valore del titolo. Se per
esempio fosse di 3,47 allora il valore di mercato dellinvestimento
sarebbe di 347.000 e non 200.000.

pag. 11
5. Il principio del duplice aspetto (I)

Attivit = Passivit + Capitale netto


Il totale dei
diritti vantati
non pu
ATTIVIT <= PASSIVIT + CAPITALE NETTO eccedere
ogni attivit quanto
sulla quale non lazienda
vantano diritti i ATTIVIT >= PASSIVIT + CAPITALE NETTO possiede
creditori sar
rivendicata dai
detentori del
ATTIVIT = PASSIVIT + CAPITALE NETTO
capitale

Ogni transazione produce un effetto doppio sulle registrazioni contabili

pag. 17
Lo Stato Patrimoniale
Stato Patrimoniale della Moretti S.p.A. al 31/12/2015

Sezione di sinistra Sezione di destra

ATTIVITA PASSIVITA E
CAPITALE NETTO

3. Passivit correnti
1. Attivit correnti
4. Passivit a
lungo termine

2. Attivit
immobilizzate 5. Capitale Netto

pag. 21
Le attivit e le passivit

Le attivit sono interpretabili come:


Risorse economiche possedute dallazienda
Impieghi o investimenti aziendali compiuti per
perseguire gli obiettivi aziendali
Le passivit sono interpretabili come:
Diritti dei creditori nei confronti delle attivit aziendali
(obblighi dellimpresa nei confronti dei creditori)
Fonti finanziarie messe a disposizione dai creditori
Il capitale netto interpretabile come:
Diritti (residuali) della Propriet nei confronti delle attivit
aziendali
Fonti finanziarie messe a disposizione dalla Propriet

pag. 22
Le attivit correnti e le attivit immobilizzate

1. ATTIVITA CORRENTI O A BREVE TERMINE

liquidit vere e proprie

attivit che si trasformeranno in liquidit entro lesercizio successivo

attivit che produrranno la loro utilit entro lesercizio successivo

2. ATTIVITA A LUNGO TERMINE O IMMOBILIZZATE

immobilizzazioni materiali

immobilizzazioni immateriali

immobilizzazioni finanziarie

pag. 24
Le attivit correnti

1A. LIQUIDITA VERE E PROPRIE


Cassa
Conto corrente attivo
Titoli immediatamente smobilizzabili

1B. ATTIVITA CORRENTI

Crediti commerciali
Cambiali commerciali attive
Crediti commerciali verso societ del gruppo
Crediti finanziari a breve
Rimanenze
Anticipi a fornitori
Costi anticipati

pag. 25
Le attivit immobilizzate materiali

IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI
Terreni
Fabbricati e immobili
tangibili

Impianti e macchinari
Attrezzature e stampi
Mobili e macchine da ufficio

Sono risorse che produrranno gradualmente


in futuro la loro utilit

pag. 26
Le attivit immobilizzate finanziarie

IMMOBILIZZAZIONI FINANZIARIE

Titoli e partecipazioni (strategiche)


Intangibili

Crediti finanziari a lungo termine


Crediti commerciali a lungo termine

Sono denaro o diritti a ricevere determinate somme in futuro

pag. 27
Le attivit immobilizzate immateriali

IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI
Costi di impianto e ampliamento
Costi di Ricerca e Sviluppo (R&S)
Intangibili

Diritti di brevetto industriale


Concessioni, licenze e marchi
Avviamento

pag. 28
Lavviamento
Se unimpresa non paga niente per disporre di unattivit, allora
questa non compare normalmente nello SP (concetto di costo)
Fattori come la conoscenza, la notoriet dellimpresa, le
competenze, sia pure contribuendo alla crescita del valore
dellimpresa non sono dunque contabilizzate
Lavviamento presente solo se unimpresa ne acquista unaltra
a un prezzo maggiore del: (1) fair value delle sue attivit (valore
di presunto realizzo delle attivit) meno (2) il valore di presunta
estinzione delle sue passivit
La differenza, che valorizza il capitale intellettuale, la reputazione il
marchio , il valore dellavviamento

pag. 32
Le passivit correnti

3A. PASSIVITA CORRENTI FINANZIARIE


Debiti a breve verso banche
Debiti a breve verso societ del gruppo
Quote a breve termine di debiti a lungo termine

3B. PASSIVITA CORRENTI OPERATIVE (DI FUNZIONAMENTO)


Debiti verso fornitori
Cambiali passive commerciali
Debiti tributari
Debiti verso il personale
Costi sospesi
Anticipi da clienti

pag. 33
4. Le passivit a lungo termine

Prestiti obbligazionari

Mutui (esclusa la quota in scadenza)

Debiti a lungo termine verso societ del gruppo

Trattamento di fine rapporto (T.F.R.)

..

pag. 34
Il capitale netto

Gli elementi principali costituenti il capitale netto:

1. Capitale versato: ammontare di denaro apportato direttamente


dalla Propriet

2. Riserve di utili: ricchezza generata attraverso la gestione e


non distribuita sotto forma di dividendi

pag. 35
5. Il capitale Netto

CAPITALE VERSATO 2.140


Utile dellesercizio 200
Riserve di utili (accantonamenti anni precedenti) 700
RISERVE DI UTILI 900
CAPITALE NETTO 3.040

Capitale versato Dividendi (cassa)


+ -
+ Capitale Netto -

Gestione (Ricavi) Gestione (Costi)

pag. 36
Lo Stato Patrimoniale
Moretti S.p.A.
Sezione a breve
Stato Patrimoniale
al 31/12/2014
(in migliaia di )

Attivit Passivit e Capitale netto


Attivit correnti: Passivit correnti:
Cassa e disponibilit liquide 1.449 Debito vs fornitori 5.602
Titoli in portafoglio 246 Debito di conto corrente 1.000
Crediti commerciali netti 9.944 Costi sospesi 876
Rimanenze 10.623 Debiti tributari 1.541
Costi anticipati 389 Quota in scadenza debiti
a M/L termine 500
Totale attivit correnti 22.651 Totale passivit correnti 9.519
Una voce sintetizza normalmente una segue
molteplicit di voci che la costituiscono
pag. 37
Il quoziente di liquidit

Quoziente di liquidit
(Moretti S.p.A. al 31/12/2014

Attivit che si trasformeranno in


liquidit (produrranno la loro
utilit) entro lesercizio
successivo

Attivit correnti 22.651


2,38
Passivit correnti 9.519

Debiti che verranno a scadenza


entro lesercizio successivo

pag. 38
Lo Stato Patrimoniale Sezione a M/L termine

Attivit Passivit e Capitale Netto

Totale attivit correnti 22.651 Totale passivit correnti 9.519

Terreno, fabbricati e impianti Debiti a lungo termine


(al costo) 26.946 (al netto quota in scadenza) 2.000
Fondo ammortamento (-) (13.534) Imposte differite 824
Terreno, fabbricati, impianti
al netto del fondo amm.to 13.412 Totale passivit a M/L 12.343
Immobilizzazioni materiali 13.412

Immobilizzazioni finanziarie 1.110 Capitale sociale 1.000


Riserva sovrapprezzo azioni 11.256
Marchi e brevetti 403 Totale capitale versato 12.256
Avviamento 663
Immobilizzazioni immateriali 2.176 Riserve di utili 13.640

Totale attivit immobilizzate 15.588 Totale capitale netto 25.896

Totale attivit 38.239 Totale passivit e C.N. 38.239


pag. 39