Sei sulla pagina 1di 194

Collana diretta da Aldo Borsari

X
Guido Guerzoni

LE CORTI ESTENSI E
LA DEVOLUZIONE
DI FERRARA DEL 1598

Prefazione di
Marco Cattini e Marzio Achille Romani
Indice

Prefazione .............................................................................................. 11

Premessa ................................................................................................. 13

Un test impegnativo: la Devoluzione del 1598....................................... 31

Il metodo e le fonti .................................................................................. 43

La struttura della corte estense .............................................................. 73


.....
.....La struttura organizzativa: fonti, metodi e alcune premesse ......................... 75
.....La struttura organizzativa: alcuni lineamenti teorici ..................................... 78
.....La Casa: la Camera (o Cubiculum) ............................................................... 79
.....La Guardaroba .............................................................................................. 80
.....Gli uffici di bocca ......................................................................................... 81
.....Tavola, tinelli e cucine .................................................................................. 81
.....Gli altri uffici di bocca .................................................................................. 83
.....Gli altri uffici sottoposti al maestro di casa................................................... 85
.....Religiosi, musici, artisti e professionisti del loisir ........................................ 85
.....Le cacce ........................................................................................................ 86
.....Le stalle......................................................................................................... 87
.....Gli uffici del capitano de castello e le guardie .............................................. 88
.....Gli ospiti fissi e quelli imprevisti .................................................................. 89
.....I consigli, la Cancelleria, gli oratori e gli agenti:
.....il Consiglio di giustizia e il Consiglio segreto .............................................. 89
.....La Cancelleria ............................................................................................... 90
.....Oratori e agenti.............................................................................................. 92
.....La Camera Ducale: origini e trasformazioni ................................................. 93
.....La struttura della Camera Ducale.................................................................. 94
.....Gli uffici tecnico-amministrativi in senso stretto: quadri direttivi,
.....ufficiali camerali distaccati, ragioneria, esattoria, tesoreria, massaria .......... 97
.....I quadri direttivi ............................................................................................ 97
.....Gli ufficiali e i notai camerali distaccati ....................................................... 99
.....La ragioneria ................................................................................................. 99
.....Lesattoria ................................................................................................... 102
.....La tesoreria.................................................................................................. 103
.....La Massaria e lUfficio del Mese................................................................ 104

.....
Anatomia della corte............................................................................. 107
.....
.....Origini e trasformazioni .............................................................................. 109
.....I meccanismi operativi ................................................................................ 112
.....I meccanismi di comunicazione e decisione ............................................... 113
.....I meccanismi di coordinamento .................................................................. 114
.....I meccanismi informali e la supervisione diretta......................................... 116
.....La standardizzazione dei processi produttivi e delle procedure:
.....ordini, istruzioni, capitoli e regolamenti ..................................................... 117
.....La standardizzazione di beni e servizi......................................................... 122
.....La standardizzazione dei comportamenti .................................................... 125
.....La trattatistica comportamentale ................................................................. 130
.....Cerimoniale ed etichetta.............................................................................. 132
.....La trattatistica tecnico-gestionale................................................................ 133
.....I sistemi di controllo: le coppie tecnico-amministrative,
.....le strutture contabili, i supporti amministrativi,
.....le pratiche di revisione contabile e le ispezioni amministrative
.....(con alcuni casi di appropriazione indebita)................................................ 139
.....I registri dei singoli uffici............................................................................ 140
.....I registri della contabilit generale .............................................................. 145
.....Le pratiche di revisione contabile ............................................................... 145
.....Con le mani nel sacco: alcuni casi di cattiva o
.....pessima amministrazione ............................................................................ 146
.....I sistemi di pianificazione: i bilanci di previsione.
.....Significati, figurati e budget di spesa .......................................................... 148
.....Scambi interni, sistemi di valutazione e prezzi di trasferimento................. 150

La corte di Alfonso II ................................................................................... 155

.....Gli esordi..................................................................................................... 157


.....La maturit: dimensioni e cambiamenti ..................................................... 160
.....Le provenienze............................................................................................ 166
.....Le carriere .................................................................................................. 170
.....Vecchie e nuove lites................................................................................. 175

La corte di Cesare sino alla Devoluzione............................................. 179

.....La nascita .................................................................................................... 181


.....
La Devoluzione .............................................................................................. 189

La corte di Cesare dopo la Devoluzione ................................................... 199


Fonti archivistiche, manoscritte e bibliografia.................................... 213
.....
.....Fonti archivistiche....................................................................................... 215
.....Manoscritti .................................................................................................. 217
.....Fonti a stampa pubblicate prima del 1850 .................................................. 218
.....Letteratura critica ........................................................................................ 224

Lanalisi dei dati ........................................................................................... 249


Abbreviazioni

Nelle note al testo sono state impiegate le seguenti abbreviazioni:

ASFe.... = .....Archivio di Stato di Ferrara


ASFi .... = .....Archivio di Stato di Firenze
ASGe ... = .Archivio di Stato di Genova
ASLu ... = .Archivio di Stato di Lucca
ASMn .. = .Archivio di Stato di Mantova
ASMi ... = .Archivio di Stato di Milano
ASMo .. = ..Archivio di Stato di Modena
AFP ..... = .Amministrazione finanziaria dei Paesi
AP ....... = .Amministrazione dei Principi
ACa ..... = .Amministrazione della Casa
ASE ..... = .Archivio Segreto Estense
CD ....... = .Camera Ducale Estense
CAD .... = .....Cancelleria Ducale
CS........ = .Casa e Stato
BS........ = .Bolletta dei Salariati
Soldo ... = .Bolletta del Soldo
ASP ..... = .Archivio di Stato di Parma
ASTo ... = .Archivio di Stato di Torino
BA ....... = .Biblioteca Ambrosiana di Milano
BCA..... = .Biblioteca Comunale Ariostea di Ferrara
BT........ = .Biblioteca Trivulziana di Milano
A Noemi, Tommaso, Sergio e Gioia

A ferraresi e modenesi,
per i momenti felici passati nelle loro citt

Il bello, comunque, deve ancora venire


Vorrei esprimere un vivo ringraziamento alle persone che, a diverso titolo, hanno contribuito alla redazione di questo testo.
Innanzitutto Marco Cattini e Aldo Borsari per avermi esortato a intraprenderne la stesura; il dottor Gianni Cottafavi, assessore alla
Cultura del Comune di Modena, per il finanziamento che ha consentito di realizzare parte delle ricerche; il direttore dellArchivio
Storico Comunale di Modena, dottor Aldo Borsari, per aver ospitato i risultati delle mie indagini nella collana editoriale dei Quaderni
dellArchivio Storico, sostenendo i costi della pubblicazione del volume; il direttore dellArchivio di Stato di Modena, professor
Angelo Spaggiari, e gli archivisti dottor Giuseppe Trenti, dottor Mario Bertoni e dottor Riccardo Vaccari, per gli aiuti e i consigli di
cui sono stati prodighi in questi anni, la comprensione mostrata per le mie esigenze di studio e la fiducia accordatami; il personale
degli archivi e delle biblioteche in cui ho lavorato per lassistenza che mi hanno sempre gentilmente prestato; Massimo Amato,
Franco Amatori, Maurice Aymard, Stefano Baia Curioni, Marina Bianchi, Marco Bianchini, Edoardo Borruso, Marco Cattini,
Francesco Ceccarelli, Andrea Colli, Aldo De Maddalena, Neil De Marchi, Anna Detheridge, Marcello Fantoni, Marco Folin, Alex
Foti, Adriano Franceschini, Richard Goldthwaite, Pia Kehl, Franca Leverotti, Hans Medick, Antony Molho, Gian Luca Podest,
Marina e Marzio Achille Romani, Franco Saba, Walter Santagata, Gino Zaccaria per le loro utili osservazioni; Aldo Coletto, Andrea
Palazzi e Vanna Bertoni per la preziosa assistenza bibliografica; Mario Bertoni e i suoi familiari per laffetto che mi hanno sempre
dimostrato; Carlo Gregori e Roberta Bertoli, affettuosi compagni degli anni emiliani e Stefano e Yang Kan Zacchetti, amici
carissimi; gli abitanti di Modena e Ferrara e le loro indimenticabili risate; Francesca Bona, Luca Rossi, Anna Pintucci e Franco Del
Frassino, per avermi sopportato nelle vacanze degli ultimi anni; Giorgia Mancini per il prezioso aiuto fornitomi nella ricerca e
trascrizione del materiale; Alessandra Barabaschi e Marta Montone per lassistenza nella fase di editing; Gianluca Baracchi per la sua
diponibilit.
Infine, desidero ringraziare mia moglie Noemi, inseparabile compagna delle mie peregrinazioni, mio figlio Tommaso,
concepito in terra estense, mio padre Sergio, per il suo costante sostegno morale ed economico, mia sorella Gioia e lagreste Tocco,
Dario e Maria, e numerosi altri parenti e amici, per quanto hanno fatto nel corso di questi anni.
Prefazione

Milano, settembre 1999, Universit L.Bocconi

E davvero sorprendente che un paese nel quale gli antichi stati regionali contraddistinsero gran parte
dellesperienza storica basso medievale, moderna e primo contemporanea manchi tuttora duna solida
storiografia dedicata alla corte, alle corti: veri perni delle forme politiche, diplomatiche e governative del
passato italiano ed europeo.
Come spiegare una lacuna tanto macroscopica? Perch la corte da noi non assurta a problema
storiografico centrale? Alcune ragioni rimandano a pregiudizi ideologici negativi alimentati dalla cultura
romantica e liberale ottocentesca. Per non fare che un esempio, trattando delle corti italiane, il grande storico
belga Henry Pirenne arriv a scrivere: i sovrani si servono di persone di cui non sono mai sicuri il loro
principio la ragion di Stato, niente li lega, n sovranit, n giuramenti, n consuetudini, n privilegi di
alcuna arte, e meno ancora un pensiero religioso o giuridico. Come gli antichi imperatori romani, possono
permettersi tutto.
Sarebbe bastato molto meno per liquidare senza appello una questione dai pi reputata marginale.
Irrilevante sotto il profilo politico, guardata come centro parassitario di un potere usurpato ai liberi comuni,
come luogo dintrichi e di raggiri, di lusso smodato e di spreco, di amori illeciti e di avvelenamenti, la corte
ha tutt'al pi attirato linteresse di quegli studiosi che indagavano sul mecenatismo dei principi e sui pochi
cortigiani celebrati nella storia delle lettere e delle arti.
Non mancano altre ragioni per spiegare il discredito che ha lungamente pesato sulle corti. Preoccupati di
risalire alla genesi dello Stato moderno nel Rinascimento, gli storici si sono sbarazzati di questa
ingombrante istituzione giudicandola la parte oscura, inattendibile e inafferrabile del potere. Cos facendo,
hanno perso di vista la complessa organizzazione delle cariche, delle carriere e dei ruoli, che assicurava il
funzionamento degli entourage dei principi e dei sovrani, assieme al governo della Res publica, ed hanno
altres trascurato il fatto che, prima dellavvento della burocrazia impersonale, per secoli le corti
rappresentarono organizzazioni straordinariamente complesse e stabili, con attribuzioni di compiti e
svolgimento dordinarie funzioni inimmaginabili per quegli studiosi che le guardavano impacciati da
irriducibili pregiudizi di valore.
Un altro formidabile ostacolo ad una corretta comprensione delle corti dato, infine, dallincapacit della
maggior parte degli storici di decifrare e mettere a frutto lampia gamma di documenti che ne rendono
testimonianza: dalle scritture contabili ai libri dei movimenti di magazzini di scorte vive e morte, dalle
matricole dei salariati ai ruoli degli ufficiali dislocati nelle periferie degli stati, dalle patenti di familiarit dei
sovrani agli inventari dapparati, di mobilia, darredi e di capi dabbigliamento e alle dispense di derrate
alimentari destinate ai pasti quotidiani di centinaia di persone, secondo gerarchie che imponevano che
dimore, abiti e cibi - i doni del principe - fossero elargiti in proporzione alle dignit e alle funzioni di
ciascuno e fossero regolati da cerimoniali che prescrivevano modi e tempi delle relazioni fra cortigiani.
In realt, come pi tardi si comprese, la corte limmagine simbolica dello Stato personale e lespansione
della famiglia del principe: un organismo complesso a pi dimensioni, nel quale sintersecano e si
confondono molteplici piani che esigono dessere analizzati nel lungo periodo e secondo prospettive
dinsieme.
Le corti degli Este ferraresi e modenesi, a proposito delle quali c stata conservata unimponente mole di
carte, indagate con paziente intelligenza da Guido Guerzoni come organismi complessi, tenuti assieme da
una molteplicit di relazioni sociali, economiche e culturali, grazie alla sua intraprendenza analitica e ad
uninvidiabile padronanza dei mezzi informatici, guadagnano finalmente il centro del proscenio della Storia
basso medievale e moderna italiana, tenendo la scena con stupefacente autorevolezza.
Mosso dalla preoccupazione di accertare in che misura la corte del primo duca di Modena, rampollo dun
ramo bastardo degli Este, costretto ad abbandonare la nata Ferrara, tornata nelle braccia di santa madre
chiesa, per trasferirsi nella nuova capitale dello stato diminuito, fosse apparentata a quella di Alfonso II,
morto nel 1597 senza diretti discendenti, Guido Guerzoni, non solo ricostruisce gli organici dellultima corte
ferrarese e della prima di modenese, ma ne chiarisce anche i confini, precisa le consistenze delle molte altre
corti parallele a quelle ducali, misura le durate di servizio dei singoli cortigiani e rileva le trasmigrazioni da
una corte allaltra di taluni di questi, restituendoci, nellinsieme e nei particolari minuti, la stupefacente
complessit di un organismo conoscibile solo a patto daddentrarsi nelle sue intime strutture e di ricostruirne
pazientemente la complessa architettura e le altrettanto complesse dinamiche.
Coniugando felicemente qualit e quantit dei fenomeni osservati nel tempo lungo, grazie alla sua
sensibilit economica, sociale e culturale di storico ed al sapiente utilizzo delle tecniche informatiche, le sole
che permettono di stabilire e misurare tutte le possibili relazioni fra i numerosi membri delle molte corti di
casa dEste, Guido Guerzoni ha acutamente messo a frutto lenorme messe di dati reperiti e trattati. Il suo
modo di guardare complessivo, allopposto del procedere discreto nel tempo dei cosiddetti specialisti,
permette di cogliere la ricchezza di sfaccettature della corte, delle corti, a cominciare da quelle estensi
ferraresi e modenesi e, nel contempo, propone un persuasivo metodo di raccolta, trattamento ed
interpretazione delle informazioni che ci sembra tanto fecondo da meritare dessere provato su altri casi in
Italia e allestero, cos da contribuire ad elevare finalmente la storia delle corti alla dignit di questione
basilare della vicenda storica italiana dal Medioevo alla prima Et contemporanea.

Marco Cattini e
Marzio A. Romani
Premessa
Una doverosa premessa

Questo elaborato il risultato, ancorch parziale, di un esperimento. Non si tratta di una monografia sulla
Devoluzione di Ferrara, di un saggio di metodologia della ricerca oppure di una prova di storia economico-
sociale o politico-istituzionale, ma della tappa di un percorso quasi decennale, teso ad approfondire la
conoscenza delle corti estensi in et moderna.
Tale obiettivo stato perseguito adottando due approcci complementari e destinati ad integrarsi
reciprocamente, ossia compulsando le fonti interrogate nelle indagini di storia politica, istituzionale,
giuridica, sociale ed economica e costruendo in parallelo unanagrafe estense informatizzata, un tat civil,
per riprendere la felice definizione di Michele Luzzati,1 residente in un data-base relazionale2 multilivello
ove sono confluiti i dati3 riguardanti:
1) .. i membri delle cinque corti dei duchi Ercole I, Alfonso I, Ercole II, Alfonso II, Cesare, Francesco I.4
2) .. i membri delle otto corti delle duchesse Eleonora dAragona, Lucrezia Borgia, Laura Eustochia Dianti,
Renata di Francia, Lucrezia Medici, Barbara dAustria, Margherita Gonzaga, Virginia Medici.5
3) .. i membri delle quattro corti dei cardinali Ippolito I, Ippolito II, Luigi, Alessandro.6
4) .. i membri di altre nove corti particolari di principi e principesse del sangue di Casa dEste: Sigismondo
senior, Anna Sforza, Ferrante, Giulio, Sigismondo junior, don Alfonso, don Alfonsino, Marfisa dEste,
Lucrezia dEste duchessa di Urbino.7
5) .. i paggi delle corti dei duchi di Ercole I, Alfonso I, Ercole II, delle duchesse Eleonora dAragona e
Lucrezia Borgia, del cardinale Ippolito I, dei principi Sigismondo junior, Giulio e Ferrante, ospitati tra il
1484 e il 1534.8
6) .. gli stipendiati del Soldo: gli elementi della milizia permanente, in larga misura cavalieri (balestrieri e
zanettieri inclusi), che servirono tra il 1484 e il 1561.
7) .. gli ufficiali operanti sul territorio del ducato (podest, notai, governatori, commissari, capitani, ecc.) e i
funzionari delle magistrature finanziarie periferiche (massari, camerlenghi, salinari, fattori, ecc.),9 attivi
tra il 1505 e il 1559.
8) .. i funzionari delle magistrature finanziarie ferraresi, operanti tra il 1492 e il 1556.10
9)... gli ufficiali del Comune di Ferrara, in attivit tra il 1503 e il 1527.11
10). i magistrati dei XII Savi ferraresi dal 1505 al 1598.12
11). i laureati dello studio Ferrarese nel XVI secolo.13
12). i consiglieri comunali di Modena e Reggio Emilia, eletti tra il 1505 e il 1628.14
13). i conduttori di dazi, i titolari di privative, gli affittuari delle manifatture e degli immobili estensi, in
attivit tra il 1490 e il 1556.15
14). i principali fornitori delle corti ducali e delle corti particolari (tessuti pregiati, guardaroba, munizioni e
fabbriche), che intrattennero relazioni commerciali con gli entourages estensi tra il 1505 e il 1559.16
Il sistematico ricorso alle metodologie quantitative non stato casuale, ma dettato dal vivo desiderio di
superare i limiti che segnano una buona parte degli approcci storiografici al tema della corte,17 che oscillano
tra coraggiose dichiarazioni di intenti e scritture spesso indulgenti nella compiaciuta degustazione di chicche
letterarie o nella certosina incisione di cammei biografici, rimanendo cos vincolate a un descrittivismo che,
per quanto raffinato o erudito, fatica a cogliere le aperture che tale soggetto potrebbe offrire,18 a dispetto
degli eccellenti risultati che sono stati raggiunti in ambiti affini19 coniugando felicemente la dimensione
qualitativo-narrativa con la mass-prosopography,20 la standard network analysis21 o levent history analysis.22
Non per un caso che tali esperimenti siano stati spesso condotti da antropologi, demografi, politologi,
sociologi ed economisti storici, che rispetto agli storici di mestiere possono vantare una maggior
familiarit con dispositivi analitici la cui raffinatezza formale direttamente correlata alla profondit delle
conoscenze matematiche e informatiche prerequisite, nei confronti delle quali buona parte della storiografia
europea,23 ma soprattutto italiana,24 nutre ancora una mal celata diffidenza, bench il fronte degli storici
quantitativi si sia allargato sino a comprendere studiosi delle lite, della mobilit sociale, delle
mobilitazioni collettive e dei comportamenti elettorali, demografi e storici della famiglia e dei fenomeni
migratori, cultori della storia sociale alla Labrousse, di quella seriale alla Chaunu o dellhistoire quantitative
alla Marczewski, cliometrici e new economic historians, storici della medicina e della criminalit, ecc. 25
Purtroppo, il qualificato dibattito internazionale che nel corso degli ultimi ventanni ha ridestato
linteresse per gli approcci prosopografici26 non ha goduto in Italia di un larghissimo seguito,27 penalizzando
levoluzione dei filoni di ricerca che avrebbero potuto trarne larghi benefici: dagli studi sulle lite28 ai
connubi tra microstoria e macro-quantificazione,29 dai case-studies sul personale delle istituzioni politiche30
alle indagini longitudinali sui gruppi socio-professionali.31
Ciononostante, pur unendomi al coro di chi ribadisce con forza la complementarit e lassenza di ogni
pretesa esaustivit di tali sperimentazioni,32 reputo che gli studi sulle corti in et moderna non possano
sottrarsi allunione improcrastinabile, per quanto compromissoria, di qualit e quantit, ritratto biografico e
paesaggio istituzionale, vicende singolari ed epopee collettive, purch vengano rispettate le condizioni
esiziali al successo di simili esperimenti: umilt nellapproccio, preferenza accordata a dati one-mode,
profonda conoscenza del dibattito storiografico e del contesto storico, padronanza assoluta delle fonti
primarie, chiarezza delloggetto di studio, sensatezza delle comparazioni. Laddove queste esigenze vengano
soddisfatte lanalisi prosopografica pu rivelarsi un eccellente tester di ipotesi storiografiche rigorosamente
costruite, soprattutto negli ambiti di ricerca che hanno nella relazione e nel capitale sociale la loro chiave di
volta,33 come negli studi sui meccanismi clientelari, sulle carriere, sui rapporti creditizi e di fornitura, sulle
fazioni e sulle coalizioni, ecc.
In tal senso, per confutare la tesi, accolta da numerosi modernisti, che la corte sia il luogo
dellambiguit,34 un sistema tanto meno connotato quanto pi circolare e capillare,35 necessario
comprendere che la prosopographie permet, comme nous lavons dit en 1977, de combiner lhistoire
politique des hommes et des vnements, avec lhistoire sociale anonyme des volutions long term,
par ltudes des individus qui sont le support des deux,36 e che la prosopografia come histoire sociale des
institutions una strada poco battuta dalla storiografia italiana, ma obbligata per chi voglia indagare le
strutture amministrative... o per dirla con Guene, smontare il meccanismo degli ingranaggi su cui la
monarchia [...] ha fondato la sua potenza.37
Non si tratta di adeguarsi pedissequamente allennesima moda storiografica con lesibizione di mal spesi
talenti informatici e statistici, ma riconoscere lobbligatoriet di questo passo, dacch, come Francois
Autrand aveva gi indicato nel 1979 in un intervento significativamente intitolato De lhistoire de ltat la
prosopographie,38 la storia delle istituzioni coincide con la storia dei suoi membri e only a better
understanding of the participants can lead us to a better appreciation of the functioning, success or failure of
medieval or early modern institutions.39
E ovvio che tali approcci possano esigere la formulazione di ipotesi forti, ai limiti dellazzardo, e
comportare delle perdite, per taluni insopportabilmente dolorose, nella visione di dettaglio; ma quanto pi
ambiziosi sono i traguardi e imponenti le masse documentarie rivaleggianti, tanto pi diviene indispensabile
assumere una visione storicamente presbite, ch da miopia stata sinora affetta la storiografia cortese:
conosciamo nei minimi particolari lesistenza di cortigiani di terza e quarta fila e sappiamo quasi tutto del
cassettone ligneo, del pi oscuro componimento poetico, delleditio princeps o della serie minore di
stoviglie, ma sovente ignoriamo cosa davvero fosse la corte, quali fossero i suoi confini, quante persone vi
vivessero e come, quali fossero i diritti, i doveri e i privilegi dei cortigiani, come venissero assunti, retribuiti,
licenziati, ecc.
E tali paradossi sono presenti anche nella storiografia estense, dove pure non mancano eccellenti lavori
dedicati alla storia degli Stati40 e delle corti,41 gi in passato oggetto di accurate indagini.42 Tuttavia, a dispetto
di una produzione medievistica e quattrocentistica particolarmente attenta alle tematiche politico-istituzionali
pi vicine alle vicende cortesi,43 le ricerche dei modernisti hanno privilegiato soprattutto analisi di taglio
artistico-culturale,44 dove la corte appare come semplice fondale, scenario di vicende ad essa financo
estranee; lacuna ulteriormente acuita dalla carenza di studi sistematici riguardanti la storia economica e
sociale del ducato, a tuttoggi ancorata ai risultati dei meritori, ma ormai vetusti, sforzi del Sitta.45
Per ritrarre un soggetto cos imponente bisogna pertanto ispirarsi alle tele dellultimo Tiziano, del tardo
Rembrandt: a un palmo di naso paiono impiastri indistinti, ridde di cromie casuali, ma alzata la testa e prese
le giuste distanze, rivelano, in lontananza, mirabili e nitide visioni dinsieme. Per sfuggire a uno sguardo cos
miope da sconfinare nella cecit intellettuale, necessario quindi pedinare, interrogare, guardare negli occhi,
tutti, ma proprio tutti i cortigiani, dal locotenente ducale allultimo degli sguatteri di cucina, per ridare fiato e
slancio a un progetto conoscitivo che deve misurarsi con lintera istituzione e non con i singoli membri o le
specifiche parti. Per provare a rispondere a quesiti cos ampi vale la pena di coprire tutta la gamma di
posizioni, qualifiche e funzioni, tracciando una biografia collettiva che abbracci lintero spettro della varia
umanit che popolava la scena di corte.
Non credo vi sia strumento pi efficace per realizzare tale proposito di unanagrafe prosopografica: forse
scevra di riferimenti cronologici mirati o dettagli biografici, ma assai puntuale nel fornire preziose
informazioni sulle strutture istituzionali, sui loro meccanismi di funzionamento, sulla dinamica delle carriere,
sulla demografia del potere, sulle strategie dei suoi membri.
Come spesso capita nella vita, bisogna dunque esporsi, operare delle scelte e assumersi delle
responsabilit, dal momento che in tema di approcci prosopografici sussistono sensibili differenze,
riconducibili allo scarto che separa linterpretazione della prosopografia quale mera investigation of the
common background characteristics of a group of actors in history by means of a collective study of their
lives,46 da quella proposta da Neithard Bulst, coincidente con una netta separazione, particolarmente sentita
in ambito germanico, tra una prosopographie quale collection et relev de toutes les personnes dun
cercle de vie dlimite dans le temps et dans lespace e un Historische Personenforschung che si presenta
come la mise en valeur des donnes prosopographiques sous des aspects divers de linterprtation
historique; con la prima subordonne la Personenforschung et la prcde ce qui en consquence la rend
indpendante de la Personenforschung et la classifie en science auxiliaire, al punto che si dans la suite
nous employons le terme prosopographique nous entendons par l - contrairement sa signification en
allemand, la combination entre Prosopographie et Personenforschung.47
Nel nostro caso abbiamo mantenuto una posizione prossima a quella di Bulst, anche se il quadro di
riferimento metodologico si arricchito per la presenza di ulteriori elementi di complicazione. Infatti
lapproccio prosopografico, nelle sue forme passate, si imposto negli ambiti storiografici, tipicamente negli
studi di storia antica e medievale, ove le fonti erano e rimangono scarse, lacunose, frammentarie, quale
altissima forma di collezionismo votato alla raccolta e alla collazione di lacerti e brandelli informativi, di
rarit documentarie. In tal senso, i recenti sviluppi informatici hanno rafforzato la naturale propensione della
prosopografia a porsi come superiore criterio di ordinamento di universi citazionistici difficilmente
governabili in assenza di strumenti capaci di dominare la complessit, la reticenza e leterogeneit delle
fonti.
Tuttavia tali presupposti, per gli studiosi che operano su fronti cronologicamente pi vicini, possono
tendere a svanire, sino ad invertirsi: non fondamentale vincere la scarsit, ma governare magmatiche
abbondanze, con un netto spostamento dellasse problematico dalla selezione e gerarchizzazione delle fonti
alla progettazione e gestione dei sistemi di raccolta e impiego delle informazioni: il solo data set relativo ai
circa 4.200 cortigiani dei cinque duchi dEste ha comportato liscrizione e lelaborazione di oltre 35.000
records e i principali problemi affrontati nel corso del lavoro non sono consistiti nellindividuazione delle
fonti, ma piuttosto nella progettazione dellarchitettura del sistema, nella codifica dei dati, nella
standardizzazione dei medesimi, nella risoluzione dei casi di omonimia, nella formulazione di ipotesi sui dati
mancanti, ecc.
In tal senso, pur ispirandomi alla filosofia degli studi prosopografici condotti da medievalisti e
quattrocentisti, ho voluto dare un taglio leggermente diverso al lavoro, che potr forse far storcere la bocca ai
puristi, ma che ha risposto bene alle mie esigenze, lavorando meno sul gruppo, sul sub-set, sul campione
statistico e insistendo maggiormente sullistituzione, sul set, sulla popolazione statistica, seguendo modelli
propri della demografia storica, nella piena convinzione che sia pi importante indagare i rapporti che
intercorrevano tra ufficiali operanti sul territorio, uomini darme e cortigiani (quanti cortigiani operarono
come ufficiali, quanti uomini darme/ufficiali divennero cortigiani?), i pattern di sviluppo delle carriere
(diagonali, verticali o orizzontali?) e la loro durata, gli scambi di personale tra corti ducali e corti particolari,
quali gruppi familiari erano pi o meno presenti, quali relazioni sussistevano con gli alti ranghi dellesercito
e con le lites finanziarie, piuttosto che conoscere nei minimi particolari lesistenza di un singolo individuo o
di un piccolo sottogruppo.
Un test impegnativo:
la Devoluzione del 1598
Alla luce dei risultati ottenuti con tale approccio, ho deciso di testarne le capacit esplicative su un
impegnativo banco di prova, quello della Devoluzione del 1598, per comprendere cosa accadde alla corte
ducale nel passaggio da Ferrara a Modena, cercando nel contempo di porre nuovi quesiti storiografici.
Infatti, scorrendo labbondante e qualificata bibliografia otto-novecentesca sulla Devoluzione,48 risulta
evidente che per cause largamente comprensibili e in buona parte giustificate dalla dinamica talvolta bizzarra
dei fatti, tale vicenda stata interpretata soprattutto in chiave personalistica, largheggiando nellattribuzione
di meriti e colpe individuali, privilegiando accesi toni melodrammatici, dipanando trame narrative che
ruotano attorno alle azioni di isolati protagonisti, eroi o felloni a seconda delle circostanze e degli interpreti.
Tuttavia, questa riduzione prospettica ha comportato linvolontaria marginalizzazione dellinquadratura
storiografica della corte stessa, che ho invece inteso riportare al centro della scena. Osservata da tale
angolazione, la Devoluzione si presenta come un soggetto decisamente affascinante, punto focale in cui si
sovrappongono in termini sommatori gli effetti di tre distinti fenomeni, ordinati in base alla loro crescente
traumatica.
Il primo rappresentato dalle normali conseguenze delle pratiche successorie, strutturalmente legate ai
cicli di vita delle corti e alla vivace dialettica che esisteva tra le corti ducali e quelle particolari. Il numero
dei cortigiani risultava infatti inferiore alla media durante gli anni giovanili, registrava una netta crescita
durante la prima adolescenza, segnava i massimi nella piena maturit, per poi diminuire progressivamente
approssimandosi la vecchiaia, quando nuove corti particolari dovevano essere costituite per servire
degnamente i futuri regnanti e i principi e le principesse del sangue. I matrimoni, le nascite, le successioni e i
decessi erano i principali vettori di cambiamento delle strutture demografiche cortesi, dal momento che
implicavano il trasferimento di numerosi cortigiani dai vecchi ai nuovi nuclei:49 la crescita delle giovani
corti era controbilanciata dalla salutare potatura di quelle anziane, ottenuta con lo spostamento di alcuni
veterani e col mancato reintegro dei funzionari deceduti o trasferiti.50 Era sufficiente che il ricambio
venisse rallentato o arrestato seguendo i ritmi dellinvecchiamento del dominus o della domina, perch si
conseguisse una progressiva ed equilibrata riduzione degli organici delle cerchie pi vetuste; in tal modo, al
momento della presa di potere, la corte del principe era numericamente equivalente a quella del duca
defunto, s da facilitare il rapido riassorbimento degli individui legati al signore scomparso. Infatti,
contrariamente a quanto affermato da taluni trattatisti,51 la morte del duca, della duchessa o dei principi e
delle principesse del sangue non comportava sempre labbandono dei rispettivi cortigiani a un incerto e
tragico destino, poich le disposizioni testamentarie contemplavano clausole poste per assicurare una
dignitosa sistemazione ai propri protetti.52
Tuttavia, in occasione della Devoluzione, questa prassi vivificante sub una drammatica battuta darresto:
se nel 1558,53 anno che precedette la morte di Ercole II, esistevano a Ferrara, oltre a quella ducale, ben nove
corti particolari, nel 1598 sopravvivevano, oltre alla corte di Cesare, solo quelle di Virginia, Alessandro e
Marfisa, peraltro ridotte a sparuti manipoli di fedelissimi.
Limpotentia generandi di Alfonso II, questo vecchio duca che si era visto premorire mogli, zii, sorelle,
fratelli e cugini, si accompagnava, annunciandolo sinistramente, allirrimediabile rinsecchimento dellarbore
genealogico estense e comprovava la necrosi dellorgano votato alla riproduzione del tessuto umano di Casa
dEste, che aveva sempre esibito la propria virilit nella puntuale rinascita delle corti particolari, assicurando
unonorevole collocazione ai sudditi desiderosi di intraprendere la carriera cortese. Ancora alla met del
Cinquecento, quando la corte ducale poteva accogliere 500/550 individui, linsieme delle particolari era in
grado di assorbirne altri 1000/1200. Tale circostanza consentiva di moltiplicare considerevolmente le
occasioni di servitio, allargando gli orizzonti politici delle lites del ducato. Cos, a titolo di esempio (ho
scelto a caso tra un ristretto numero di corti e un nutrito panorama di famiglie), tra il 1552 e il 1559,
servivano nella corte del duca Ercole II Francesco e Ludovico Ariosto, Gaspare e Gianfrancesco Beloncini,
Borso e Giambattista Dalle Anguille, Giambattista e Rinaldo Gatti, Alfonso Giglioli, Lancillotto Laciosi,
Carlo e Montino Montini, Alfonso Rossetti, Galeazzo, Giulio e Ludovico Tassoni, Giambattista Tristani e
Tommaso Zerbinati; in quella del principe ereditario Alfonso II Pietro Dalle Anguille, Ercole Giglioli, Paolo
Montini, Alberto ed Ercole Pistoglia, Zilio Rossetti, Camillo ed Ercole Tassoni, Francesco e Giovanni
Tristani; in quella di don Alfonso, marchese di Montecchio, Ippolito Beloncini e Marco Bruno Dalle
Anguille; in quella di Renata di Valois Diana Ariosto e Alfonso e Putti; in quella del cardinale Ippolito II
Antonio e Claudio Ariosto, Ercole Gatti, Annibale Giglioli, Ippolito Laciosi, Carlo Pistoglia, Ippolito ed
Ercole Putti, Giambattista Rossetti, Lucrezio e Nicola Tassoni, Carlo Zerbinati; in quella del futuro cardinale
Luigi Attilio Ariosto, Vincenzo Gatti, Lacioso Laciosi, Antonio Maria Zerbinati.
La puntuale rigenerazione delle corti particolari favoriva dunque la costituzione di reti relazionali vaste,
fitte e robuste, capaci di estendere per partogenesi linfluenza di Casa dEste in un groviglio di alleanze,
appoggi ed aiuti che, tempestivamente sollecitati, potevano far cogliere ghiotte occasioni, capaci di
soddisfare le legittime pretese dei sudditi estensi. Tuttavia, nei tardi anni 90 le lites ferraresi erano
pienamente consapevoli che tali opportunit venivano scemando; la morte di Alfonso II non descriveva solo
la fine della parabola generativa tracciata ab origine dallincontinenza fondativa del Niccol padre di tutti i
figli di qua e di l dal Po, ma segnava in modo drammatico lirrammendabile cesura della rete relazionale
che il ramo primario di Casa dEste aveva pazientemente costruito in quattro secoli di tenace tessitura: alla
fine del 1597 i ferraresi dovettero scegliere tra il giovane, debole e decentrato sistema di relazioni di Cesare e
il secolare, formidabile e centralissimo reticolo pontificio: ci sarebbero volute almeno due generazioni
perch il brulicante marmacchiume di Cesare fosse, forse, in grado di offrire prospettive di carriera simili a
quelle che lAldobrandini lasci intravedere prima del suo arrivo (dando loro puntuale conferma coi
provvedimenti del 1599) ed assai probabile che non tutti fossero disposti ad aspettare tanto.
In tal senso, risulta di difficile interpretazione la mossa effettuata da Alfonso II nel corso dellultimo
decennio del proprio regno, quando rinsangu gli organici della sua corte con robuste iniezioni di giovane
plasma ferrarese: dei 376 salariati di corte che lo servivano nel 1597, ben 189 erano entrati in ruolo solo
negli ultimi 8 anni.54 Si tratt di un estremo impulso filodinastico, che il duca diede per cementare in chiave
profilattica quei sentimenti di fedelt nei confronti di Casa dEste che avrebbero potuto rendere meno
traumatica e incerta la successione indiretta, oppure Alfonso II intese recidere i sottili legami che andavano
intessendosi tra Cesare e llite ferrarese, in un cupio dissolvi culminante in un Auprs moi, le deluge, come
lascerebbe intendere lepisodio accaduto nellottobre 1595, quando Alfonso II, essendosi i Ferraresi [...]
rivolti a riverire il Sol nascente del Signor Don Cesare, ritrovandosi il Duca vecchio, senza prole, et poco
fortunato, ne suoi desiderii, et perci geloso, che la sua autorit non divenisse dispreggievole, si risolse di
dire, et disse a esso Don Cesare, che per lavvenire non si lasciasse corteggiare, ne veder per la Citt, che
con tre soli Gentilhuomini, oltre la sua famiglia ordinaria, di Paggi, et di Palafrenieri, onde egli havuto
questordine la prossima festa, che venne, essendo gran numero di Nobilit venuta nel suo Palazzo de
Diamanti, per corteggiarlo a Messa, uscendo egli di camera disse a tutti loro lordine, che tenea dal Duca,
et ringrati, qualunque Signore, che quivi si ritrovava, quali si partirono, essendo restati seco il Conte
Ernesto Bevilaqua, il Conte Ludovico Fino, et il Conte Galeazzo Estense Tassoni,55 episodio diversamente
riportato al Granduca di Toscana da Michele della Rocca, segretario del residente mediceo Francesco
Malaspina, marchese di Treggiana, che in una lettera del 4 settembre 1595 scriveva: Era solito che la
maggior parte di questi cavaglieri e nobilt di questa citt nel andare il signore don Cesare a corte,
andavano a levar sua Eccellentia di casa, e cos solevano ancor fare quando cavalcava per la citt. Pare
hora che il giorno di San Bartolomeo, il signore Ducca chiamasse il signore don Cesare, e gli dicesse che
giudicava fosse bene che non venisse a corte con pi di tre o quattro gentilhuomini, e cosi facesse nel
cavalcare fuori, e per esser statto colto cos al improviso, il signore don Cesare non rispose altro al Altezza
se non che lubbidirebbe sempre in questo et in ogni altra cosa. E parsa questa novit a molti molto strana
e si vanno facendo molti discorsi, alcuni dicono che sia pure detto, che sicome la maggior parte di questi
cavaglieri andavano col signore Cesare non si vedevano genti per la citt se non quando andava fuori, altri
dicono che SA, lhabbi fatto acci non si facesse tanto domestico con essi altri che SA lhabbia fatto perch
alcuni sotto lombra del signore don Cesare si acostavano alle carozze di Dame e parlavano cosa che al
signore Duca dispiace.56
I fatti farebbero propendere per la seconda delle ipotesi: senza che si fossero manifestati nel corso del
governo alfonsino segni evidenti di tensione o di rottura nei rapporti coi propri sudditi, i ferraresi opposero
agli accorati appelli del suo successore un rifiuto quasi clamoroso: solo 38 dei 376 salariati che nel 1597
servivano Alfonso II decisero di seguire lanno successivo Cesare a Modena, e tra questi furono gli esponenti
della bassa corte a fare la parte del leone.
Le cifre sopra menzionate forniscono un crudo e immediato ragguaglio circa gli esiti del secondo
fenomeno di notevole interesse: il trauma dinastico rappresentato dalla successione indiretta a un ramo
bastardo di casa dEste. Cesare venne abbandonato dai ferraresi perch il sangue non mentiva, e lui, il figlio
dellillustrissimo bastardo, non aveva molti su cui contare, dovendosi semmai guardare dagli strali
vendicativi che, sub specie creditarum, i vari parenti del duca defunto gli lanciarono con singolare e
concertato tempismo. Pur tuttavia, rispetto alla vulgata storiografica corrente, rimangono aperte affascinanti
questioni: come si realizz la sofferta investitura a Cesare? Come era strutturata la sua corte durante tale
periodo? Qual era il tono delle relazioni tra Cesare e le lites del ducato nel decennio che precedette la
Devoluzione? Come si form il fronte dei suoi partiali ferraresi e che ruolo ebbero gli entourages delle
prime donne di Casa dEste, da Margherita Gonzaga a Virginia de Medici, da Marfisa dEste a Lucrezia,
duchessa dUrbino?
Non si tratta di questioni di poco conto, e lanalisi dei dati e la lettura delle fonti coeve rivelano che sulle
decisioni delle cerchie estensi dovette pesare non poco la bastardia di Cesare e della sua consorte, se vero
che persino 57 dei 123 salariati che nel 1597 li servivano a Ferrara decisero di non seguirli a Modena, senza
dimenticare che gran parte dei rimanenti 64 era costituita dai cortigiani di Virginia de Medici, nata dalla
relazione extramatrimoniale del granduca Cosimo con Camilla Martelli.
Tuttavia, un aspetto altrettanto interessante della successione indiretta risiede nella resa dei conti che si
apr allindomani della morte di Alfonso II, regolamento integralmente giocato sul fronte caldissimo degli
interessi economici e che ebbe per indiscusse protagoniste le parenti strette del defunto, che approfittarono
della bastardia di Cesare per contestarne le prerogative successorie, avanzando pretensioni di ogni tipo, che
lo costrinsero a intavolare trattative tanto estenuanti quanto costose. Ora, non chiaro se questa tardiva
guerra dei sessi sia stata combattuta da Anna, Lucrezia e Margherita (Marfisa tenne un atteggiamento
neutralmente avverso) e dai loro procuratori legali (Luigi Servin, avvocato generale del Parlamento di
Parigi e Antonio Favre, lavvocato francese che patrocin la causa di Anna presso la Sacra Rota,
lAldobrandini e Vincenzo II) per far scontare a Cesare il machismo del padre e dello zio; certo che il
nuovo duca dovette ben presto saggiare a proprie spese la forza del sangue delle donne di Casa dEste. Che
dire altrimenti del tempismo con cui il duca di Mantova intim, a meno di un mese dalla morte del cognato
la restituzione della dote [...] adesso in denari contanti [...] et la difficolt nasce perch Mantova pretende
oltra lo intero della dote di centomila scudi et della sopradote di altretanti ventimila scudi pi per acquisto
che ha fatto laggio delle monete che marit in qua,57 della tenacia con cui Anna di Nemours contest, con
successo, le ragioni di Cesare sui feudi francesi o della beffarda decisione con cui Lucrezia in tutti li altri
suoi beni mobili immobili ragioni et attioni et particolarm.te nella sue ragioni et pretensioni che tiene di
supplemento di legitima a se debita ne i beni del gia Ser.mo Duca Hercole suo padre della Ser.ma S.ra
testatrice lascia et instituisce suo herede universale lIll.mo et R.mo Card.le il S.r D. Pietro Aldobrandino al
presente legato di sua B.ne in Ferrara pregandolo a ricevere dalla buona volont di S.A. Ser.ma questa poca
gratitudine per segno dellaffettione inesplicabile che li porta, per li infiniti meriti di S.S. Ill.ma, dolendosi di
non potere complire a tanto quanto porta e luno e laltro verso la persona sua, assicurandosi che S.S. Ill.ma
agradira la prontezza del sincero animo della prefata S.A. non potendo con maggior segni farne pi
manifesta dimostratione.58
Ma tali notazioni aprono un ulteriore fronte di indagine, riguardante la montagna di debiti che il padre e
gli zii lasciarono in eredit a Cesare (il Duca Alfonso mha lasciato pi di trecento mila scudi di debiti,
oltra una gran quantit, che me ne lasci il Cardinal Luigi e il signore don Alfonso mio padre, de quali ne
pago molti gravi interessi59), leffettivo stato delle finanze estensi alla morte di Alfonso II, la difficile difesa
dei beni allodiali nel ferrarese, ch questi Aldobrandini hanno applicato lanimo a comprare i luoghi et le
possessioni che il duca tiene sul ferrarese poich il Martellini mi ha riferito che il signor Giovanni
Francesco ragionando seco gli disse che ci spenderebbe volentieri circa dua o 300 mila scudi facendo per
il conto di comprare a ragione di otto per cento,60 lumiliante stato di indigenza della povera Virginia,
uscita quasi pazza stando ella a letto et quasi al buio [...] non stando in cervello et in particolare la notte
[...] si che se le fusse dato qualche sodisfazzione nel particolare di pagargli i suoi debiti che non sono per
per quanto ho potuto ritrarre pi di tremila scudi, credo che facilmente tornerebbe in perfetta sanit,61 la
paziente e tenace opera di ricostituzione della cassa e del patrimonio estense.
Quesiti che riguardano anche il terzo dei fenomeni indagati, il trauma geopolitico connesso al
trasferimento coatto della corte e della capitale, che comportava unimprevista torsione delle direttrici di
politica interna sino ad allora seguite e imponeva la rapida rinegoziazione dei pur taciti patti siglati coi
feudatari e i patriziati modenesi, reggiani e garfagnini, sollecitando le componenti ferraresi delle corti di
Alfonso II e dello stesso Cesare, largamente maggioritarie, a esprimere chiaramente le loro preferenze al
momento della dipartita dalla capitale del ducato. Dopo una lunga serie di insediamenti, pi o meno attesi (la
Farnesiana a Parma, la Medicea a Firenze, la Sabauda a Torino), la storia delle corti italiane nel Cinquecento
riproponeva una variazione sul tema della fuga. Dopo i Bentivoglio, i Pio e gli Sforza, veniva il mesto turno
degli Estensi, cui veniva tuttavia offerta unultima chance, ricca di incognite: quanti seguirono Cesare nella
cacciata dal paradiso ferrarese, accompagnandolo negli inferi modenesi: decine, centinaia, migliaia o decine
di migliaia di individui? Chi erano costoro? Quanti erano stati cortigiani di Alfonso II? Quanti cortegiani
antichi del secondogenito di don Alfonso? Esistette davvero il turbolento e arrogante partito ferrarese che,
stando allo Spaccini, spadroneggiava nella nuova capitale del ducato? Come si modificarono i rapporti tra
Cesare e la feudalit modenese e reggiana nel corso degli anni e come si ricostitu la corte estense sotto la
Ghirlandina?
Temi affascinanti, che ripropongono da una differente angolazione la spinosa questione delle funzioni
politiche delle corti tardocinquecentesche, che non si esaurirono nellesasperata opera di raffinazione degli
apparati cerimoniali o nellestenuato dibattito trattatistico, ma vennero messe a dura prova da eventi che,
come la Devoluzione, le riportarono sul terreno accidentato della bassa cucina. A Modena la corte dovette
ripartire da zero, essendovi giunta a brandelli, unarmata di poveracci senza famiglia e senza futuro, guidati
da una coppia di bastardi carichi di figli e di debiti, perseguitati, o nella migliore delle ipotesi abbandonati,
dai parenti: ancora nel 1603 Cesare non si vergognava di confessare al Granduca di Toscana chio mi trovo
sette figlioli quattro maschi, et tre femine, et la moglie giovine, che figlia quasi ognanno [...] che non cavo
di questi stati, bench assai grandi, et numerosi di popolo, molta rendita, havendo costumato i miei
predecessori, i quali havevano entrate grosse in Ferrara, di non gravare questi sudditi.62 Eppure, due anni
dopo, Alessandro Garzanio, lo smagato ambasciatore lucchese, poteva riferire ai concittadini che nel corso
del suo soggiorno modenese era stato condotto nel palazzo del duca per un lungo ordine di camere alle
quali facevano da per tutto nobile spalliera gran numero di signori e cavalieri63: lopera di rifondazione era
dunque a buon punto, ma a quale prezzo si stava realizzando e chi la sosteneva?
E, quella della rifondazione della corte modenese, una delle pagine pi affascinanti del nostro lavoro,
perch ci consente di osservare in vitro lo svolgimento del processo di riaggregazione dei diversi corpora
politici attorno a un nuovo progetto, al tempo stesso dinastico e statuale, che comport il ricorso a tutta la
gamma strumentale dellarmamentario cortese: promozioni sociali, nobilitazioni e infeudazioni, acquisti
territoriali e revisioni statutarie, chiamate a corte e accorte benedizioni matrimoniali, realizzazioni di spazi
regali e profferte di occasioni cerimoniali, accompagnate da un sotterraneo, ma non per questo meno
importante, lavorio finanziario, comprovato dalle riforme monetarie, dal ritmo frenetico delle permute e delle
acquisizioni fondiarie, dai lungimiranti provvedimenti in materia economica.
Il Metodo e le Fonti
Venendo al dettaglio, ora necessario spiegare come stato costruito il sub-set del data-base relativo alle
corti oggetto di indagine e quali altre fonti sono state compulsate per allargare la visione periferica e laterale
del fenomeno.
Per quanto riguarda il sub-set relativo alle corti, il primo problema consistito nella progettazione del
data-base, problema che ho risolto optando per un modello relazionale64 multilivello. Tuttavia, il principale
ostacolo era rappresentato dalla definizione dei confini del gruppo oggetto dindagine, dal momento che
chaque catalogue prosopographique devrait supposer en principe un but de recherche et de connaissance.
Avant de commencer collectionner et rechercher les donnes et etablir ventuellement une banque de
donnes il faut savoir ce qui devrait en rassortir65 e toute tude prosopographique part dun groupe, qui,
pour ce qui me concerne, ltude des mecanismes du poivoir, se dfinit par son rle dans le service de ltat,
et par sa place dans la socit: un groupe socio-professionel, pourrait-on dire, si lexpression, galvaude
aujourdhui, ne prtait pas confusion, ou un milieu, mot utilis par Francois Autrand pour ses
parlamentaires.66
Nel caso delle corti, uno dei primi ostacoli che lo studioso deve affrontare costituito dal disagevole
riconoscimento dellidentit e dei confini di tali istituzioni e dei correlati criteri di inclusione ed esclusione;
confini e criteri che, di l da diffusi pregiudizi, erano assai pi marcati e nitidi di quanto si possa ritenere.
Lungi dallessere il crogiolo in cui uomini, ceti e poteri diversi confluivano indistintamente, la corte istituiva
e tutelava le differenze, trovava anzi la propria autentica ragion dessere nella facolt di crearle o
distruggerle. Per rispettare questa propensione allordine, quindi opportuno chiarire possibili dubbi: chi
agiva allinterno delle corti estensi? Chi poteva legittimamente fregiarsi del titolo di cortigiano?67 Quali
differenze sussistevano tra la corte, la familia, la Casa e gli Stati estensi?
Ora, per rispondere a tali quesiti necessario rilevare che il vocabolo corte insufficiente,68 quasi
fuorviante: anche se gli ambasciatori, i cronisti, gli agenti, i trattatisti impiegavano talvolta indifferentemente
familia, corte, seguito o Casa per designare il gruppo di individui legati da un rapporto di servizio
permanente a un principe, a una principessa, a un signore o a un cardinale, questi termini possedevano
significati diversi. Non erano dunque casuali le attenzioni riservate alla problematica definizione di cosa
fosse una corte, di quali fossero i relativi confini, di chi ne facesse legittimamente parte; ad esempio si
prenda spunto dal Sigismondi, che trattando della distintione della Corte, affermava: questo nome di Corte
si piglia per la famiglia di un Prencipe grande assoluto sia Papa, Imperatore, Re, Cardinale, Duca,
Marchese, Conte, altro titolo di potenza assoluta; la quale sia formata di diversi offitii e ministri gluni
subalternati a glaltri: e fr questi alcuni sieno principali, altri mezzani, alcuni inferiori, alcuni che se
esercitino per proprio honore e senza mercede, alcuni stipendiati; et esser tutti sotto lombra e protettione di
quel Principe vivino con molta libert et privileggi, et esenti da moltimpositioni. Sennonch, alla domanda:
non pu dunque la famiglia di unaltro Cavalliero di molta entrata chiamarsi Corte? Come per esempio si
dice: la corte del Signor Marchese tale, del Signor Conte tale, ancorch non sia Prencipe assoluto?
giungeva puntuale la risposta: Propriamente non si deve chiamar Corte, et quelli che la chiamano con
questo nome hanno poca intendenza di simil cosa poich si deve chiamare la famiglia del Signor tale, del
Signor quale, ribadendo che a me pare un grande abuso, che si come hoggid molti pretendono titoli non
convenienti, al grado loro; cos anco ambiscono che le loro famiglie sieno chiamate col nome di Corte. E
proseguendo nel dialogo con un immaginario interlocutore, di fronte al quesito se non si devono anco
chiamar Corti le famiglie di quei Signori e Cavallieri, i quali nelle loro Citt, dopo il Principe hanno il
primo luogo? Come per esempio a Mantova molti Conti: a Parma il simile, e fuore dItalia ancora,
venivano chiaramente esplicitate le condizioni che ammettevano la legittima assunzione del termine: Non
basta solamente lesser primo doppo la persona del Prencipe: ma necessario che vi sieno altre due
conditioni; la prima: che essi sieno successori nello Stato, come sono i Cardinali in Roma, et altrove i
Primogeniti de Prencipi, altro del loro sangue; le famiglie de quali degnamente si chiamano Corti; la
seconda, che non essendoci questa prima conditione sieno almeno per loro stessi Prencipi assoluti ne loro
Stati [...] onde battono moneta: ministrano giustizia assoluta e fanno altre cose simili, senza che si dia
ricorso ad altro Prencipe superiore.69
Prima della corte veniva dunque la familia o famiglia,70 il clan fondato su legami parentali e clientelari
che supportava ogni esponente delle classi aristocratiche e magnatizie, laico o ecclesiastico che fosse.
Convivevano tuttavia due diversi significati e usi del termine familia: talvolta era impiegato latu sensu come
sinonimo di corte,71 in altri casi identificava una ristretta cerchia di cortigiani, detti familiari/es, famulantes o
famigli,72 che beneficiava di un particolare trattamento economico, giurisdizionale e fiscale. Lesistenza di
una familia era dunque condizione necessaria ma non sufficiente alla costituzione di una corte: se vero che
in tutte le corti vi era una familia, non tutte le familie potevano essere legittimamente reputate delle corti. Ci
poteva accadere solo se venivano soddisfatte le condizioni imposte dal Sigismondi: che il pater famili (o la
mater famili) fosse Prencipe grande assoluto sia Papa, Imperatore, Re, Cardinale, Duca,
Marchese, Conte, altro titolo di potenza assoluta, o successore nello Stato, come sono i Cardinali in
Roma, et altrove i Primogeniti de Prencipi, altro del loro sangue o che non essendoci questa prima
conditione sieno almeno per loro stessi Prencipi assoluti ne loro Stati [...] onde battono moneta: ministrano
giustizia assoluta e fanno altre cose simili, senza che si dia ricorso ad altro Prencipe superiore.
Tuttavia, al chiarimento della relazione tra familia e corte si oppongono altre confusioni lessicali: gli
uomini del XV e del XVI secolo ricorrevano allespressione corte per identificare tanto i luoghi, gli spazi
architettonici (la chors o cohors latina) in cui dimoravano i membri di Casa dEste, che linsieme di coloro
che vi lavorava e risiedeva. La stessa parola cortixano/cortesano, sostituita nei documenti ufficiali da
curialis e/o aulicus,73 non distingueva una precisa categoria di dipendenti, ma connotava in modo generico
quanti servivano a corte, di l dalla carica e dalla posizione gerarchica ricoperte. La corte includeva dunque
un insieme di dipendenti pi ampio di quello della familia, ma necessitava del pari di opportune forme di
delimitazione e difesa dei suoi confini esterni.
Non si trattava di ininfluenti cavilli linguistici: il godere di molte libert e privileggi, lessere esenti da
molte impositioni, lessere prencipi assoluti nei propri stati, il battere moneta, lamministrare giustizia,
dimostrano che questo dibattito celava una questione di fondamentale rilevanza, quella dei rapporti tra la
Corte e lo Stato/gli Stati estensi, della delimitazione dei reciproci spazi e della fissazione dei rispettivi tempi
e modi di interazione. Come metteva bene in luce Lorenzo Ducci, attestato su posizioni teoriche gi
sostenute da altri: Pero debbiamo dire non essere Cortigiani, tutti quelli che servono, [...] (il comprenderci
li Soldati, i Giudici, et altri magistrati...) ma solo alcuni di loro, tra quali non si pu negare communemente
esser tenuti per tali quegli, che privatamente lo servono, in modo che par necessario considerare nel
Principe due persone, una publica, che lo f essere Principe, laltra privata, con la quale lo presupponiamo
capo duna famiglia, [...] quelli dunque i quali lo servono come Principe, cio in attioni appartenenti al
benefitio publico, non furono mai appellati per nome di cortigiani, ma solamente coloro, che lo servono
privatamente, e che sono compresi nella famiglia, o Corte di lui.74
La doppia personalit del principe, pubblica e privata, teorizzata e riconosciuta anche sul piano
giuridico, investiva e scindeva due distinti universi: lo Stato, nei confronti dei quali egli si proponeva come
principe politico, e la Corte e la Casa, allinterno delle quali era pater nel senso fisico dellespressione.
Alla duplice personalit corrispondeva unanaloga bipartizione dei due corpi del Re (politico e naturale) che,
pur formando ununit indivisibile, essendo ciascuno di essi pienamente contenuto nellaltro,75
originavano due diversi ordini di relazioni e dipendenze, rispettivamente politico-statuali e domestico-
familiari. Ho volutamente evocato la dimensione della Casa poich familie e corti non esaurivano la gamma
dei livelli di governo e dipendenza di tipo domestico-familiare: esse erano infatti incluse nel superiore ordine
della Casa, lequivalente della domus latina. Anche in questo caso la parola non possedeva un senso univoco,
distinguendo contemporaneamente il luogo fisico di residenza (lokos nel senso letterale del termine) e la
casata, la stirpe, la progenie, la dinastia.
La Casa travalicava i confini della familia e della corte ducale per comprendere tutti i membri delle
familie e delle corti che ogni principe e ogni principessa di sangue estense manteneva gi dalla fine del
Quattrocento, quando la repentina evoluzione dal modello domestico-consortile76 ancora tipico delle signorie
quattrocentesche provoc lesplosione della famiglia allargata in tante familie e corti particolari, ognuna
contraddistinta da peculiari dimensioni e consuetudini.
Dunque erano cortigiani solo coloro che servivano stabilmente77 il duca, la duchessa e i vari principi e
principesse di Casa dEste allinterno degli spazi privati e domestici: la continuit della relazione tra principe
e cortigiano e la prossimit fisica e residenziale, indipendentemente dalle ragioni del servizio,78 costituivano i
primi parametri di selezione.
La Casa dunque includeva i due sottostanti livelli della familia e della corte: mentre tutte le Case
risultavano formate da pi di una corte, una sola corte non era sufficiente a costituire una Casa. In tal senso
Casa dEste era la sommatoria di varie familie e corti particolari, i cui componenti vantavano i medesimi
privilegi,79 lidentico status legale e la stessa considerazione dei cortigiani alle dirette dipendenze del duca:80
nel concedere la cittadinanza ferrarese a un familiare del fratello Sigismondo, il duca Ercole motivava la sua
decisione con leloquente affermazione cum et familiares ipsius illustris fratris nostri non minus quam
nostros diligamus et ad beneficia eis conferenda prompti et parati sumus.81 Anche in molti altri atti ufficiali
i componenti delle varie corti estensi venivano espressamente menzionati come membri de domo et famiglia
nostra estense:82 ad esempio, nella Litter creationis domini Ludovici Martinotii senensis de Ill.ma domo
estense il Martinozzi veniva prima nominato consiliarium nostrum secretum attribuendogli quei
privilegiis, beneficiis immunitatibus commodis et honoribus quibus reliqui consiliarii nostri segreti
funguntur et gaudent e quindi ipsum dominum Ludovicum eiusque filios et descendentes legitimos et
naturales de domo et famiglia nostra estense facimus et constituimus atque in eam plene assumimus et ita
eum cum suis ut supra ab omnibus habendum esse ac appellandum.83
Queste elementari distinzioni consentivano di classificare le varie categorie di individui che
intrattenevano rapporti lavorativi con il milieu curtense: mentre il requisito della continuit escludeva i
numerosissimi fornitori di beni e servizi,84 la co-residenza ed il privato servire discriminavano gli individui
che, pur essendo regolarmente stipendiati dal duca, non figuravano tra i cortigiani immediate salariati, dal
momento che lavoravano lontano dalla sua Casa e distanti dalla sua persona. Tra questi troviamo gli ufficiali
(podest, notai, governatori, commissari, capitani, ecc.) operanti sul territorio del ducato, i membri delle
magistrature finanziarie ferraresi e periferiche, i membri delle milizie permanenti e della flotta ducale, i
professori dello Studio ferrarese,85 le oltre 2000 persone impegnate nelle attivit agricole e zootecniche,86 le
2500 impiegate nelle manifatture ducali (Arte della lana e della seta, fornaci del vetro, fabbrica di sapone,
zecca, fonderie, fornaci per la produzione di materiali edili),87 le 700-800 attive nelle saline di Longastrino,
nelle valli di Comacchio, nelle miniere e nei forni situati sulle pendici appenniniche.
Tutti questi individui dipendevano dal duca, ma non erano considerati membri della sua corte e lo stesso
accadeva pure ai membri delle corti della duchessa e degli altri principi e principesse del sangue, corti che
pur non raggiungendo le dimensioni di quella ducale, n possedendone lindubbia centralit politica e
sociale, replicavano in scala ridotta il medesimo schema organizzativo, economico e relazionale, assicurando
ai propri esponenti il godimento del medesimo regime economico e fiscale goduto dai cortigiani del duca.
Tuttavia, pur avendo delimitato i perimetri inclusivi della corte ducale e di quelle particolari, opportuno
spiegare meglio il significato del termine cortigiani immediate salariati; infatti i cortigiani rubricati come
salariati di bolletta e iscritti nei diversi88 ruoli dei salariati di bolletta, godevano di particolari benefici,
percependo un salario in moneta e un salario in natura che li distinguevano nettamente dai dipendenti di corte
retribuiti solo con razioni alimentari, le cosiddette bocche, (negli entourages ducali si trovavano in tale
condizione 25/30 paggi, 20/30 garzoni e garzoncelli della Camera Ducale, 120/150 tra servi di signori e
gentiluomini, garzoni e parenti di artigiani ed ufficiali).
Il salario in moneta comprendeva una quota di stipendio fisso (lordinario), corrisposto ogni mese in
monete argentee89 e/o in leghe bronzee,90 e una di stipendio straordinario (lextraordinario). Tale distinzione
scaturiva dalle negoziazioni che precedevano lassunzione nei ranghi di corte, in cui veniva stabilita in
anticipo la quota di tempo lavorativo e/o la tipologia del lavoro che sarebbe stata remunerata mensilmente
nellordinario91 e quella che invece sarebbe stata pagata a parte nellextraordinario per i lavori che
eccedevano i limiti prefissati (espressi in numero di pezzi prodotti, ore o giornate lavorative). Ancora pi
importante era poi il salario in natura,92 o provisione, calcolato sulla base della posizione gerarchica del
ricevente,93 equivalente al doppio o al triplo del valore del salario in moneta, differenziato sia in termini
quantitativi che qualitativi e consistente in regolari assegnazioni di alimenti94 e beni di uso domestico,95
tessuti, calzature e capi di abbigliamento gi confezionati, senza dimenticare la concessione gratuita delle
abitazioni,96 lassegnazione di cavalcature mantenute nelle stalle ducali, le cure assicurate dai medici di corte,
i doni rituali che seguivano eventi particolari (nascite e matrimoni), arrivando fino alla totale copertura delle
spese dei funerali.
Per questi motivi ho deciso di concentrarmi sui salariati di bolletta, che rappresentano la semi totalit dei
cortigiani, eccezion fatta per gli stallieri e i mulattieri e per i membri della guardia ducale. Ora, per studiare
le corti di Alfonso II e di Cesare, ho ricostruito prosopograficamente la composizione, i tempi di permanenza
a corte, i bacini e le procedure di cooptazione, le dinamiche delle carriere interne dei membri delle corti di:
1) Alfonso I e consorti, in cui servirono 1.460 individui, gi presenti nel 1494 e assunti sino al 1533, i cui dati
sono stati desunti dallelaborazione dei registri redatti negli anni 1494, 1499/00, 1502, 1504, 1506, 1508/13,
1515, 1518, 1521, 1523, 1525/26, 1528, 1530/33.
2) Ercole II, in cui servirono 936 individui, gi presenti nel 1530 e assunti sino al 1558, i cui dati sono stati
desunti dallelaborazione dei registri redatti negli anni 1530, 1531/37, 1539, 1542/44, 1547, 1550, 1553,
1555, 1558/59.
3) Renata di Valois, in cui servirono 247 individui, gi presenti nel 1531 e assunti sino al 1560, i cui dati sono
stati desunti dallelaborazione dei registri redatti negli anni 1531/32, 1534/6, 1540, 1542, 1544, 1548/51,
1553/56, 1558/60.
4) Laura Eustochia Dianti, limitatamente ai 27 cortigiani che la servirono nel periodo 1569/73.
5) Alfonso II, in cui servirono 1.635 individui, gi presenti nel 1555 e assunti sino al 1597, i cui dati sono stati
desunti dallelaborazione dei registri redatti negli anni 1555/56, 1558/60, 1562/65, 1567/69, 1574, 1576,
1578, 1582/83, 1585, 1588/90, 1592, 1594 (Spenderia 397 e Spisanti 78), 1596 (Spenderia 417 e Spisanti
80), 1597 (Antolini).
6) Cesare e Virginia de Medici, in cui servirono 969 individui, gi presenti nel 1581 e assunti sino al 1627, i
cui dati sono stati desunti dallelaborazione dei registri redatti negli anni 1581/84, 1586/90, 1593/00,
1603/04, 1606/07, 1609/27.
7) Alfonso III, Francesco I, Alfonso IV e Laura Martinozzi, relativamente ai soli 51 cortigiani di Cesare, assunti
sino al 1627, che dal 1644 al 1672 rimasero al servizio dei duchi e delle duchesse di Casa dEste (sono
purtroppo scomparse le bollette dei salariati relative agli anni 1628/1643).
8) Don Alfonso, marchese di Montecchio, padre di Cesare, in cui servirono 395 individui, gi presenti nel 1540
e assunti sino al 1581, i cui dati sono stati desunti dallelaborazione dei registri redatti negli anni 1540/48,
1554, 1561/67, 1581 (i registri sino al 1545 includono anche i salariati di don Alfonsino).
9) Del cardinale Ippolito II, in cui servirono 645 individui, gi presenti nel 1528 e assunti sino al 1572, i cui dati
sono stati desunti dallelaborazione dei registri redatti negli anni 1528/29, 1540/41, 1551/52, 1556, 1565,
1567/72.
10) Del cardinale Luigi, in cui servirono 701 individui, gi presenti nel 1558 e assunti sino al 1586, i cui dati
sono stati desunti dallelaborazione dei registri redatti negli anni 1558/60, 1566, 1568, 1576/84, 1586.
11) Alessandro, limitatamente ai 63 cortigiani che lo servirono nel periodo 1590/92 (si tratta purtroppo dellunica
bolletta sopravvissuta).
12) Lucrezia dEste, duchessa dUrbino, limitatamente ai 69 cortigiani menzionati nel suo testamento del 1598.

*****

Lopera di costruzione dellanagrafe passata attraverso tre distinte fasi.


Nella prima ho trascritto in distinti fogli di lavoro di singoli files di Excel 5.0 per Windows (i files sono
stati intestati ai diversi pater/mater famili) i dati di 158 bollette dei salariati (conservate nei fondi Salariati
della Camera Ducale e Amministrazione dei Principi dellArchivio di Stato di Modena), di 2 registri del
fondo Spenderia e 2 registri del fondo Spisanti conservati nel medesimo archivio, della lista dei salariati di
Alfonso II del 1597 pubblicata in appendice da Antolini, della lista allegata al testamento di Lucrezia dEste,
delle 17 bollette dei salariati di Renata di Francia depositate presso lArchivio di Stato di Torino, sezioni
riunite.
Le bollette dei salariati venivano stilate annualmente rispettando i tradizionali principi ragionieristici
della partita doppia e constavano della contemporanea redazione di un registro di bolletta, di un indice o
rubrica dello stesso e di un giornale di bolletta.
Il primo era un libro mastro compilato ex novo ogni anno (solo quelli delle corti particolari di minori
dimensioni potevano essere poliennali), in cui venivano riportati il titolo, il nome, il
cognome/patronimico/toponimo, la carica, il salario mensile, i movimenti del conto corrente di ogni
salariato ducale. I salariati erano annotati progressivamente per ufficio di appartenenza (spezieria, tinello,
stalla, cucine, guardaroba, magistranze, ecc.) secondo criteri gerarchici: nelle prime carte del registro
figuravano i conti dei principi e delle principesse di Casa dEste, poi venivano quelli di signori e
gentiluomini, quindi quelli di camerieri, scalchi, scudieri, medici e barbieri, oratori, segretari, cancellieri e
cos via. Se escludiamo gli esponenti dei primi tre gruppi (principi, signori e gentiluomini, camerieri, scalchi
e scudieri), i cui conti si trovavano sempre nelle prime carte, lordine di collocazione degli altri uffici nelle
pagine del registro non seguiva disposizioni standardizzate e immutate nel tempo, ma variava di anno in
anno, a seconda della volont dellufficiale incaricato di redigere la nuova bolletta: ad esempio poteva
capitare che un anno i dipendenti della Camera Ducale (lorgano amministrativo centrale) fossero rubricati
prima dei falconieri e dei cacciatori, e che linverso si verificasse nellesercizio successivo. Oltre a questi
aspetti, tuttavia importante sottolineare che il principio di iscrizione per ufficio di appartenenza veniva
rigorosamente seguito, facilitando lindividuazione del raggruppamento professionale di individui di cui non
data lesatta qualifica.
Normalmente, ad eccezione dei principi e delle principesse, a ciascuno dei quali erano riservate due
facciate piene, gli altri cortigiani erano elencati a due a due per carta, talvolta a tre per tre: in dare figuravano
i pagamenti degli stipendi mensili, con le relative date, e i debiti maturati nei confronti della Camera Ducale,
soprattutto per il pagamento di dazi e imposte e per gli acquisti di derrate alimentari dagli uffici ducali
competenti (granai, burataria, spenderia, grassa, cantine); in avere appariva il credito globale, pari al valore
dello stipendio mensile moltiplicato per il numero di mensilit effettivamente liquidate, che variava da 10 a
12, a seconda delle paghe morte trattenute. Inoltre, perlomeno sino al primo ventennio del Cinquecento, non
raro rinvenire scritture contabili concernenti compensazioni bilaterali o trilaterali con altri dipendenti o
fornitori di corte: in tal caso la Camera Ducale esercitava una funzione di clearing bancario, agendo come
camera di compensazione per la regolazione delle transazioni in moneta effettuate dai suoi
salariati/correntisti.
Accadeva per che al 31 dicembre, termine conclusivo dellesercizio contabile de bolletta, molti
cortigiani risultassero ancora creditori o debitori della Camera Ducale. In tal caso, se il dipendente rimaneva
in servizio, il saldo negativo o positivo veniva addebitato o accreditato nella bolletta successiva, se invece si
ritirava dal lavoro, veniva trasferito o decedeva, era annotato nei cosiddetti resti, conti consuntivi collocati
separatamente nelle ultime carte del registro.
Ovviamente il libro mastro si rivelato il tipo di registro pi comodo e utile dal punto di vista della
trascrizione su computer: purtroppo ne sono pervenuti solo una settantina di esemplari, sicch per raccogliere
ulteriori informazioni sono ricorso anche agli indici o estratti di bolletta, le rubriche alfabetiche allegate ad
ogni libro mastro. Gli indici o estratti sono piccoli registri con due pagine per ogni lettera dellalfabeto,
identici alle nostre rubrichette telefoniche; in corrispondenza di ogni lettera erano elencati, in ordine di
numero di carta crescente, i salariati il cui nome iniziava con la medesima lettera, in modo da facilitare il
lavoro del funzionario incaricato di aggiornare il libro mastro: a titolo di esempio, la rubrica della bolletta di
Cesare del 1588,97 alla lettera B riportava i seguenti nomi nelle prime righe:

......
......M.ser ...... Bastiano dallAquila cagnattiero ....................... carta 18
......M.ser ...... Bernardo Crotti in Camera ................................ carta 26
......M.ser ...... Bartolomeo Bresciani sotto maestro di stalla .... carta 29
...... ............... Bartolomeo Munari lavamasseritie.................... carta 45
...... ............... Bastiano fiorentino mulattiere ........................... carta 57

e cos via. Il numero di carta si riferiva ovviamente alla carta del libro mastro corrispondente.
Pur fornendo meno informazioni dei mastri (riportano solo titolo, nome, cognome/patronimico/toponimo,
non sempre la carica), gli estratti, una volta elaborati ricorrendo a riordinamenti per numero di carta, in virt
dei meccanismi precedentemente descritti, hanno consentito di accertare la presenza o lassenza dei
cortigiani e di risalire ai loro uffici di competenza. Per fare un esempio, dopo aver riordinato i dati della
rubrica sopracitata per numero crescente di carte, ho scoperto che a carta 44 era registrato Giacomo Monesi
garzone in cucina, a carta 45 il nostro Bartolomeo Munari lavamasseritie, a carta 46 Giacomo Trevisano
sguattero, a carta 47 Agreste sguattero e Marco Tedesco servo nel tinello degli uomini, tutti appartenenti ai
cosiddetti uffici di bocca. Disponendo di serie di ragguardevole entit, i continui confronti hanno permesso di
individuare con certezza lufficio di appartenenza di oltre il 90% dei cortigiani.
Tuttavia, mastri e rubriche non potevano soddisfare i miei fabbisogni informativi: per poter sviluppare la
ricerca sulle carriere necessitavo di altre fonti. Ho pertanto inventato un metodo per poter utilizzare anche i
dati dei libri giornali di bolletta. Tali registri erano il naturale pendant dei libri mastri; essi riportano segnati
in ordine cronologico i pagamenti effettuati ai cortigiani dal 1 gennaio al 31 dicembre di ogni anno, citando
sempre il numero di carta del mastro corrispondente, in cui il beneficiario aveva il suo conto corrente: ad
esempio, sotto unipotetica scrittura add 1 gennaio, poteva comparire la scrittura: Tizio deve dare lire X per
tante lire avute a conto di sue paghe, como a carta XYZ del registro [mastro] de bolletta, Caio deve dare lire
Y per tante lire avute a conto di sue paghe, como a carta ZHZ de registro [mastro] de bolletta, ecc.
Non potevo tuttavia ricopiare integralmente i libri giornale rintracciati: per fortuna mi sono accorto che i
pagamenti erano di solito scaglionati ufficio per ufficio, spesso con cadenza bimestrale o trimestrale. Ho cos
predisposto dei fogli bianchi numerati, la cui numerazione corrispondeva a quella dei mastri: partendo dalla
prima pagina del libro giornale, leggevo il numero di carta di chi riscuoteva lo stipendio e lo trascrivevo con
il relativo titolo, nome, cognome/patronimico/toponimo, qualifica, salario. A mano a mano che avanzavo
nella lettura e nella trascrizione, le caselle dei miei fogli bianchi prenumerati si riempivano
progressivamente: era sufficiente che un individuo venisse pagato anche una sola volta nel corso dellanno
perch risultasse possibile risalire ai suoi dati. In questo modo ho potuto ricostruire completamente
lordine dei corrispondenti libri mastri scomparsi, disponendo di elenchi pressoch completi.
Successivamente ho riportato il contenuto dei fogli cartacei nei fogli di lavoro informatici.
Purtroppo, per i soli libri giornale di Alfonso II, subentrata unulteriore difficolt: in taluni registri il
numero di carta del mastro corrispondente non mai stato indicato. Per superare tale ostacolo sono stati
integralmente trascritti i pagamenti effettuati nei primi e negli ultimi bimestri o, a seconda dei casi, trimestri;
i nominativi cos ottenuti sono stati riordinati alfabeticamente, filtrando quelli di coloro che furono pagati
almeno una volta nel corso dellanno. Ladozione di questo particolare criterio di campionamento
giustificata dal fatto che nei mesi di novembre, dicembre, gennaio e febbraio venivano usualmente liquidati
gli stipendi arretrati e tale circostanza rende la fonte particolarmente ricca di informazioni.
A questo punto, i dati dei fogli di lavoro dei singoli files sono confluiti in un primo data-base (realizzato
in Excel per Windows 98), che ho utilizzato per la codifica e la standardizzazione dei dati originali.
Nella fase di codifica ho aggiunto dei codici alfanumerici a ciascun record, equivalente a una riga
contenente in ordine progressivo di cella (da sinistra a destra) le informazioni dei diversi fields/colonne: il
titolo (illustrissimo, reverendissimo, marchese, conte, signore, messere, spettabile, don, maestro, ecc.), il
nome, il cognome/patronimico/toponimo, leventuale soprannome (detto..., alias...), leventuale
citt/regione/nazione di provenienza, la carica/qualifica, lufficio di appartenenza, il salario mensile dei
cortigiani. I codici alfanumerici riportano in forma sintetica il numero di imputazione del record nel data-set
(da 00001 a 15.243 per i salariati di Alfonso II e consorti e di Cesare e Virginia), la corte di appartenenza
(A2 per quella del duca Alfonso II, CE per quella di Cesare, F1 per quella di Francesco I, ecc.), lanno di
redazione del registro (521 per il 1521 sino al 672 del 1672), la serie archivistica di riferimento (BS per
bolletta dei salariati della Camera Ducale, AP per amministrazione principi, ecc.), il numero di collocazione
del pezzo (90 per il numero 90, 102 per il numero 102, ecc.), la tipologia del registro (MAS per libro mastro,
GCN per libro giornale numerato, GNN libro giornale non numerato numeri, IND per indice di bolletta), il
numero e il verso della carta di iscrizione (93r per carta 93 recto). I codici sono serviti per snellire il carico
di memoria, velocizzare i tempi di elaborazione, controllare le fasi pi critiche dei riordinamenti e dei
filtraggi (riottenendo rapidamente lordine di imputazione), effettuare rapide verifiche sui dati originali.98
Avrei potuto aggiungere altri codici, ad esempio per i nomi (Giovanni corrisponde a G01, Giacomo a
G02, ecc.) o per le qualifiche (CA1 per cameriere, CA2 per cantiniere, CA3 per carrettiere),99 ma le
contenute dimensioni del data-set non hanno giustificato ladozione di simili misure.
Dopo la codifica vi stata la ben pi delicata e impegnativa standardizzazione dei dati originali:100
dapprima ho standardizzato i titoli, quindi i nomi, poi i cognomi/patronimici/toponimi, quindi i soprannomi,
infine le cariche e i salari, per rendere omogenee ed elaborabili rilevazioni che presentavano marcate
discontinuit. La standardizzazione stata condotta attraverso continui riordinamenti incrociati dei dati
primari, seguendo un preciso ordine procedurale; in prima battuta ho standardizzato i titoli: quello di maestro
nelle fonti originali di volta in volta riportato come m.o, mo., mastro, maistro, mistro, maestro ed era
necessario pervenire ad ununica espressione grafica. Tale operazione, pur scontando gli abusi tardo
cinquecenteschi e seicenteschi,101 si rivelata particolarmente utile per affrontare, e in taluni casi risolvere, i
casi di omonimia e per monitorare i passaggi di carriera: a titolo di esempio un magnifico conte Ercole
Tassoni Estense figurava tra i signori e gentiluomini di Ercole II dal 1542 al 1559 e tra quelli di Alfonso II
dal 1560 al 1569, finendo il proprio servizio il 12 luglio del 1569, mentre dal 1555 risultava alle dipendenze
di Alfonso II un magnifico messere Ercole Tassoni da Modena (Tassoni Estense dal 1578), cameriere sino al
1556 e maestro di casa dal 1559, che dal 1569 venne menzionato come magnifico cavaliere e dal 1582 come
magnifico conte.
Ho quindi standardizzato i nomi, in cinque distinte fasi:102 nella prima ho armonizzato le diverse forme
redazionali (il nome Ercole figura di volta in volta come Hercole, Hercule, Hercolle, Herculle, Ercule,
Ercole, Angelo come Anzelo, Angelo, Agnolo), quindi ho separato i nomi composti (Gianlorenzo,
Michelangelo, Marcantonio sono diventati Giovanni Lorenzo, Michele Angelo, Marco Antonio), poi ho
confrontato, uniformandoli, i nomi degli individui che, a parit di titolo, cognome/patronimico/toponimo,
carica e carriera presentavano versioni parziali dei nomi composti (lo stesso Gianbattista staffiere in alcuni
casi stato rubricato come Giovanni, Battista, Giobatta, Gianbattista staffiere), quindi ho sostituito le
versioni pi arcaiche o particolarmente diverse (Ludovico compare come Lodovico, Ludovico oppure Bigo,
Sebastiano talvolta rubricato come Bastiano, Maurizio come Morelio o Maurilio, Luigi come Alovigi,
Aloise, Alvise, Luiggi, ecc.), infine ho eliminato diminutivi e rafforzativi, trasferendoli in celle di controllo
poste accanto alla versione standard del nome: molti Giovanni/Zoane sono stati riportati anche come
Zanino/Zoanino o Zanone/Zoanone e soprattutto i diminutivi, impiegati per identificare inizialmente giovani
cortigiani, nel corso del tempo scomparivano, sostituiti dalla forma adulta del nome.
Poi ho dovuto eseguire lancor pi delicata opera di standardizzazione dei
103
cognomi/patronimici/toponimi, iniziando dalla rimozione e posposizione delle superfetazioni grafiche,
dai genitivi ai locativi, dagli alias ai dicto, ecc.: cos dallAbaco diventato Abaco/dall, dalli Abissi
divenuto Abissi/alli, detto Capretta si trasformato in Capretta/detto Capretta, ecc., s da procedere ai
riordinamenti alfabetici. Tale operazione si tuttavia abbinata allarchiviazione delle diverse modalit di
scrittura, in modo da facilitare le future ricerche di studiosi che conoscono solo una delle possibili varianti.
Per alcune di esse loperazione di omogeneizzazione si rivelata relativamente semplice, come nel caso
dei Trotti (riportati come dai Trotti, dei Trotti, di Trotti, Trottus, Trotto, Trotti, Trotta), per altre stata assai
meno semplice, sia per levoluzione dei criteri di iscrizione (avvicinandosi alla fine del Cinquecento le z
iniziali o intermedie vennero sostituite dalle c, le doppie c finali dalle z, la singola l da gl o dalla doppia l, le
o finali dalle i, ecc., sicch Ziliollo divenne Giglioli, Bardela Bardella, Pezenino Piccinini, Barocio Barozzi,
ecc.) sia per la coesistenza di versioni assai diverse: Giacomo Bellini, che fu staffiere di Alfonso II nel 1597,
staffiere di Cesare dal 1598 al 1603, decano degli staffieri di Sua Altezza dal 1604 al 1606, valletto del
principe Alfonso dal 1609 al 1612, nei vari registri risulta come Giacomo Bellini, Bellino, Belino, Bellelo,
Bolelli, Bolello, e solo il costante controllo incrociato del titolo, del nome, della qualifica, dellufficio di
appartenenza e del salario ha consentito di stabilire con certezza che si trattava sempre del medesimo
individuo.
Questa operazione stata di fondamentale importanza, sia per predisporre le successive verifiche
incrociate coi dati delle altre corti, ai fini di ricostruire le carriere estensi dei cortigiani ducali (in tal senso
necessario che per tutte le corti vengano adottate le medesime procedure di standardizzazione, pena il
fallimento dei filtraggi), sia per censire le presenze di determinati gruppi o clan familiari104 allinterno dei
circuiti di corte, come si pu evincere dalla lettura della tabella relativa alle presenze, nei soli ranghi ducali,
dei Trotti:
Tabella 1.3: selezione dei dati riguardanti i membri della famiglia Trotti in servizio nelle sole corti ducali dal 1471 al 1627

......... INIZIO ..........FINE .................. NOME ................ COGNOME


..............1471 ................ 1499 ...................... Giacomo ........................ Trotti1
..............1475 ................ 1506 ........................ Nicola ........................... Trotti
..............1475 ................ 1502 .........................Guido ........................... Trotti
..............1478 ................ 1478 ........................ Pavino........................... Trotti
..............1485 ................ 1493 ...................... Galeazzo ......................... Trotti
..............1485 ................ 1485 .....................Alessandro ....................... Trotti
..............1487 ................ 1487 ........................ Panara ........................... Trotti
..............1487 ................ 1487 ....................... Galeotto.......................... Trotti
..............1493 ................ 1493 ........................Giorgio .......................... Trotti
..............1493 ................ 1502 .........................Ercole ........................... Trotti
..............1499 ................ 1499 ................. Giovanni Maria.................... Trotti
..............1499 ................ 1499 ..................... Brandelise........................ Trotti
..............1502 ................ 1502 .................... Bartolomeo ....................... Trotti
..............1502 ................ 1502 .........................Alvise ........................... Trotti
..............1506 ................ 1528 ....................... Alfonso .......................... Trotti
..............1508 ................ 1511 ......................Benedetto ........................ Trotti
..............1511 ................ 1515 .................... Sigismondo....................... Trotti
..............1511 ................ 1511 ........................ Bigino ........................... Trotti
..............1518 ................ 1547 ....................... Alfonso .......................... Trotti
..............1523 ................ 1553 ......................Alfonsino ........................ Trotti
..............1528 ................ 1528 ......................Gerolamo ........................ Trotti
..............1530 ................ 1553 ....................... Ferrante.......................... Trotti
..............1535 ................ 1559 .........................Ercole ........................... Trotti
..............1536 ................ 1536 ......................Francesco ........................ Trotti
..............1537 ................ 1537 ................... Franceschino...................... Trotti
..............1542 ................ 1553 ...................Aldrovandino ..................... Trotti
..............1543 ................ 1576 ................Giovanni Battista .................. Trotti
..............1547 ................ 1555 ....................... Alfonso .......................... Trotti
..............1553 ................ 1560 ...................... Giacomo ......................... Trotti
..............1560 ................ 1569 .........................Felice............................ Trotti
..............1568 ................ 1569 ......................... Borso............................ Trotti
..............1574 ................ 1597 ........................ Cesare ................... Trotti/dal Borgo
..............1578 ................ 1597 ........................ Cesare ............... Trotti/dalla Giovecca
..............1588 ................ 1592 ....................... Alfonso .......................... Trotti
..............1588 ................ 1616 .........................Ercole ........................... Trotti
..............1590 ................ 1597 ........................ Orazio ........................... Trotti

Fonte: data-set Guerzoni

In tal senso, anche i toponimi, i patronimici e i legami parentali sono stati impiegati quali ulteriori
variabili di controllo, anche se hanno necessitato preliminarmente della consueta fase di omogeneizzazione:
messere Mengino Silvagni (signore dal 1562), un modenese che nel 1528 inizi il suo servizio nella corte di
Alfonso I come staffiere, entrando a far parte nel 1537 del gruppo dei camerieri, barbieri e aiutanti in camera
di Ercole II, per divenire quindi cameriere di Alfonso II nel 1560 e dal 1563 castaldo a Belvedere (carica che
presumibilmente mantenne sino al 1578, anno della sua scomparsa), nei primi anni della sua carriera veniva
talvolta iscritto a bolletta come Mengino, Menghino, Mengigno, da Modona, da Modena, Modonese,
Modenese, ecc. I cognomi venivano cos frequentemente omessi, bastando toponimi e patronimici,
soprattutto quando erano coinvolti i cortigiani di medio o basso livello (sguatteri, facchini, garzoni, ecc.).
Inoltre, quale ulteriore elemento di complicazione, in taluni casi veniva riportata la citt e in altri la
regione/nazione di provenienza: il medesimo Antonio Buratino da Poschiavo, scodellaro in tinello nel 1556 e
dal 1558 al 1596 facchino alla credenza del Signore stato iscritto a bolletta come Antonio da Poschiano
(Poschiavo), Antonio da Voltolina (Valtellina, in cui si trova Poschiavo), Antonio fachino, Antonio alla
credenza, Buratino fachino, ecc. Potrebbe apparire paradossale, ma proprio lidentificazione e la
ricostruzione delle carriere del personale meno qualificato ha richiesto i maggiori sforzi e le maggiori
attenzioni, con continue verifiche incrociate delle diverse rilevazioni annuali (quanti venivano da Poschiavo?
Quanti dalla Valtellina? Quanti si chiamavano Antonio? Quanti Buratino? Quanti hanno servito come
facchini alla credenza del Signore dal 1558 al 1596? ecc.), per limitare le possibilit di confondere due
distinti individui assegnando loro un solo cognome e computando ununica carriera.
Le medesime considerazioni valgono anche per il trattamento dei patronimici e dei frequenti rimandi ai
vincoli parentali e ai legami professionali (figlio di, fratello di, nivote di, mogliera di, sorella di, garzone de,
aiuto di, ecc.), per fortuna rari nei registri cinquecenteschi e ricorrenti soprattutto nei primi anni di servizio e
nelle fasi di apprendistato. Anche in questo caso ho dovuto prima rintracciare il nome e il cognome del
congiunto/maestro e quindi riportare i dati mancanti nel record dellindividuo indagato: cos il signor Cesare
Cavazza (talvolta iscritto anche come Cavalca), guardarobiere ducale dal 1627 al 1657, in un paio di bollette
stato iscritto come Cesare figlio di Marcantonio alla guardaroba, vale a dire di quel messere Marco
Antonio Cavazza/Cavalca (magnifico dal 1588 e signore dal 1603), che fu guardarobiere del principe Cesare
dal 1586 al 1597 e sottoguardarobiere ducale dal 1598 al 1627.
Le medesime procedure sono poi applicate ai soprannomi, operazione assai critica e bisognosa di
particolari cure,105 dal momento che spesso i cortigiani venivano iscritti col solo soprannome o col nome di
battesimo seguito dal soprannome: Francesco Clementi/e (messere dal 1596), staffiere dal 1586 al 1589,
ufficiale alle cantine nel 1593, ufficiale alle cantine e bottigliere dal 1594 al 1597, bottigliere nel 1598,
bottigliere di Sua Altezza dal 1599 al 1613, era detto il Fiandra e sovente appare nei registri come Fiandra
bottigliere o Francesco Fiandra canevaro. In questo caso ho dovuto confrontare, utilizzando delle funzioni
logiche, tutte le celle in cui compariva il termine Fiandra, isolando e modificando quelle in cui ci si riferiva
al Clementi. Lo stesso fenomeno si ripetuto per i soprannomi indicanti i gradi di parentela, come nel caso
dei due messeri Alfonso Bianchi, il grande e il piccolo, il primo, padre del secondo, ufficiale della Camera
Ducale dal 1563 al 1592, il secondo, figlio del primo, ufficiale di camera dal 1569 al 1578 e in seguito
ufficiale di casa dal 1582 al 1592.
E venuto poi il turno delle qualifiche, che hanno abbisognato della consueta fase di reductio ad ordinem
(la carica di cameriere riportata nelle forme camerarius, camererius, camerero, camerere, cameriero,
cameriere, ecc.) prima di poter esser utilizzate per risolvere ulteriori dilemmi attributivi, ricorrenti con le
professioni meccaniche: cuochi, barbieri, armaioli, arazzieri, staffieri, facchini, lavamasseritie e garzoni
venivano talvolta iscritti con nome, cognome e toponimo [Salomone Canni da Foligno, staffiere di Cesare
dal 1581 al 1584 o maestro (messere dal 1610) Maurilio Vella, cuoco dal 1598 al 1616 del duca Cesare, dal
1617 al 1623 del principe Alfonso] pi spesso col nome seguito dalla sola qualifica (Salomone staffiere e
Maurilio cogo). In tal riguardo, per rafforzare la capacit di controllo della variabile qualifica ho riportato
a fianco di ciascuna di esse lufficio/gruppo di afferenza, seguendo pedissequamente i criteri di aggregazione
formulati dai funzionari ducali nei registri redatti tra il 1560 e il 1597: signori e gentiluomini, camerieri,
scalchi e scudieri, sopracuochi e cuochi, magistranze, falconieri e cagnattieri, ecc. In taluni casi, quando non
stato possibile identificare con certezza la qualifica, ho riportato a titolo informativo il raggruppamento di
riferimento, in modo da orientare possibili ricerche future.
La fase di standardizzazione ha consentito di ordinare alfabeticamente i dati, in modo da ottenere records
omogenei: oltre 45.000, relativi ai 7.205 cortigiani che servirono nelle dodici corti sopra menzionate.
Si presentavano tuttavia due problemi, il primo rappresentato dalla difficile governabilit di una simile
massa documentaria, il secondo, ben pi spinoso, dal fatto che parecchi di questi 7.205 cortigiani servirono
in pi corti: leffettivo numero di singoli individui era pertanto pi basso e bisognava evitare ingiustificate
duplicazioni, triplicazioni, quadruplicazioni.
Ho cos deciso di costruire una seconda anagrafe di sintesi, residente in un altro data base (questa volta
costruito in Access per Windows 98) destinato alle elaborazioni delle carriere e alle riaggregazioni dei dati
per famiglie, qualifiche, uffici di appartenenza, ecc. Vediamo ad esempio come si presentavano i records (ho
volutamente eliminato alcuni campi/colonne per evidenti vincoli di editing del testo) relativi a messere
Leonardo Coiana, detto il Greco.
Tabella 2.3: selezione dei dati standardizzati riguardanti messere Leonardo Coiana, detto il Greco

CORTE ......ANNO .. FONTE ................ TITOLO... NOME ........COGNOME ......... SOPRANNOME QUALIFICA
Luigi .........1576 .... MAS AP 1213 ... Messer .... Leonardo ...Coiana/Caiano... detto Greco .... Garzone speziale
Luigi .........1577 .... MAS AP 1214.... Messer .... Leonardo ...Coiana/Caiano... detto Greco .... Speziale
Luigi .........1579 .... MAS AP 1215.... Messer .... Leonardo ...Coiana/Caiano... detto Greco .... Speziale
Luigi .........1580 .... MAS AP 1216/7. Messer .... Leonardo ...Coiana/Caiano... detto Greco .... Speziale
Luigi .........1582 .... MAS AP 1219.... Messer .... Leonardo ...Coiana/Caiano... detto Greco .... Speziale
Luigi .........1583 .... MAS AP 1220.... Messer .... Leonardo ...Coiana/Caiano... detto Greco .... Speziale
Luigi .........1584 .... MAS AP 1221.... Messer .... Leonardo ...Coiana/Caiano... detto Greco .... Speziale
Luigi .........1586 .... TEST CS 411 ..... Messer .... Leonardo ...Coiana/Caiano... detto Greco .... Valletto
Alfonso 2 ..1588 .... GSN BS 98......... Messer .... Leonardo ...Coiana/Caiano... detto Greco .... Valletto di SA
Alfonso 2 ..1589 .... GSN BS 100....... Messer .... Leonardo ...Coiana/Caiano... detto Greco .... Valletto di SA
Alfonso 2 ..1590 .... GSN BS 101....... Messer .... Leonardo ...Coiana/Caiano... detto Greco .... Valletto di SA
Alfonso 2 ..1592 .... GSN BS 103....... Messer .... Leonardo ...Coiana/Caiano... detto Greco .... Valletto di SA
Alfonso 2 ..1594 .... Spisanti 78.......... Messer .... Leonardo ...Coiana/Caiano... detto Greco .... Valletto di SA
Alfonso 2 ..1596 .... Spisanti 80.......... Messer .... Leonardo ...Coiana/Caiano... detto Greco .... Valletto di SA
Alfonso 2 ..1597 .... Antolini 83 ......... Messer .... Leonardo ...Coiana/Caiano... detto Greco .... Valletto di SA
Cesare .......1598 ... MAS BS 111 ..... Messer .... Leonardo ...Coiana/Caiano... detto Greco .... Valletto di SA
Cesare .......1599 .... MAS BS 112...... Messer .... Leonardo ...Coiana/Caiano... detto Greco .... Valletto di SA
Cesare .......1600 .... MAS BS 113...... Messer .... Leonardo ...Coiana/Caiano... detto Greco .... Valletto di SA
Cesare .......1603 .... MAS BS 114...... Messer .... Leonardo ...Coiana/Caiano... detto Greco .... Valletto di SA
Cesare .......1604 .... MAS BS 115...... Messer .... Leonardo ...Coiana/Caiano... detto Greco .... Valletto di SA
Cesare .......1606 .... MAS BS 116...... Messer .... Leonardo ...Coiana/Caiano... detto Greco .... Speziale e valletto di SA
Cesare .......1607 .... MAS BS 117...... Messer .... Leonardo ...Coiana/Caiano... detto Greco .... Speziale e valletto di SA
Cesare .......1609 .... MAS BS 120...... Messer .... Leonardo ...Coiana/Caiano... detto Greco .... Valletto
Cesare .......1610 .... MAS BS 123...... Messer .... Leonardo ...Coiana/Caiano... detto Greco .... Valletto

Fonte: primo sub data-set Guerzoni.


Messere Leonardo Coiana (talvolta rubricato come Caiano), detto il Greco, gi nel 1576 serviva il
Cardinale Luigi dEste come garzone speziale; lanno successivo era divenuto speziale, per esser poi
promosso valletto tra il 1585 e il 1586, incarico che conserv nella corte del prelato estense sino alla
scomparsa di questultimo, avvenuta nel 1586; nel 1588 lo ritroviamo valletto di Sua Altezza Alfonso II,
carica che ricopr nella corte alfonsina sino al 1597, per seguire poi Cesare a Modena: nel 1598 figurava
come valletto di Sua Altezza, qualifica che mantenne sino al 1606, quando ottenne il doppio incarico di
valletto e speziale di Sua Altezza, per ritornare semplice valletto nel 1609, posizione che detenne sino al 4
Novembre del 1610, quando, dopo 35 anni di onorato servizio in tre diverse corti estensi, spir sotto la
Ghirlandina.
Ora, non era pensabile condurre elaborazioni avanzate su tutti i records sopracitati, pertanto nel secondo
data-base, di dimensione decisamente pi contenute, figura solo il seguente record (anche in questo caso ho
eliminato alcune colonne per problemi di editing):
Tabella 3.3: stringa dei dati di sintesi (selezionati) riguardanti Leonardo Coiana, detto il Greco

CORTI..........INIZIO .FINE ..ANNI . NOME .....COGNOME ... SOPRANNOME CARRIERA


LU 576-86, ....576 ........610 .....35 ........ Leonardo...Coiana/Caiano .detto Greco........Garzone speziale nel 576, speziale
A2 588-97, ................................ ............ .................. ......................... ..........................dal 577 al 584, valletto nel 586,
CE 598-610 ............................... ............ .................. ......................... ..........................valletto di SA dal 588 al 604,
................................................... ............ .................. ......................... ..........................valletto e speziale dal 606 al 608,
................................................... ............ valletto dal 609 al 610

Fonte: secondo sub data-set Guerzoni.

Ora, evidente che in questa fase i problemi principali sono coincisi con le decisioni riguardanti la
costruzione dei legami106 con gli altri data-set (ufficiali, milizie permanenti, magistrature finanziarie, laureati
dello Studio ferrarese, Membri dei consigli comunali, ecc.) e quelle concernenti i dati mancanti107 (cosa fece
il nostro Leonardo nel 1587, anno per il quale non disponiamo dei registri alfonsini? Era gi al servizio di
Alfonso II o venne accolto solo lanno successivo?), che presentano notevoli difficolt allorquando il
medesimo individuo riappaia a distanza di molti anni e/o con qualifiche radicalmente diverse. Daltronde,
quanto pi si retrocede nel passato, tanto pi avanza la possibilit che le fonti rilevanti manchino, siano state
danneggiate s da renderle pressoch inservibili, oppure presentino lacune tali da pregiudicare la corretta
applicazione del metodo e inficiare la bont dei risultati conseguibili: laddove si manifestassero tali
evenienze, lanalista sarebbe costretto a introdurre elementi inferenziali di difficile dominio, ancorati a
scenari probabilistici che prestano il fianco a facili critiche, per i ricorrenti sconfinamenti nellinsidioso
terreno delle interpretazioni controfattuali.
Ora, soprattutto nel corso dellopera di ricostruzione delle carriere, vera architrave del mio progetto di
ricerca, mi sono spesso imbattuto in casi incerti: nel dubbio ho sempre preferito separare i profili biografici
e le carriere dei soggetti a rischio, considerando individui diversi persone recanti il medesimo nome e
cognome, come avvenuto per i due Ercole Botti, il primo, senza titoli di sorta, rubricato tra i falconieri e
cagnattieri di Alfonso II nel 1588, il secondo, messere dal 1603 e signore dal 1609, ufficiale della stalla
ducale dal 1603 al 1606 e sottomaestro di stalla dal 1607 al 1617. Il problema, in realt, si posto quando ho
dovuto confrontare carriere percorse in corti diverse e trascorse su lunghi orizzonti cronologici, con
interruzioni del rapporto di servizio imputabili sia a effettivi arresti e riprese del medesimo sia alle lacune
delle fonti, che interromperebbero artificialmente la continuit della relazione. Non tutti possono vantare i 45
anni filati di messere Giovanni Maria Serafini (rubricato anche come Serafino, Seraffini, Seraffino,
Saraffini), che dal 1525 al 1569 serv ininterrottamente come cavalcatore i duchi Alfonso I, Ercole II e
Alfonso II: molto pi spesso sono incappato in casi analoghi a quello del reverendo messere Sebastiano Brici
(noto anche come Bastiano Brigo o Briccio), che nel 1558/9 risultava essere cappellano e maestro dei paggi
dellallora vescovo Luigi dEste, nel 1565 figurava al governo dei paggi del cardinale Ippolito II, nel 1582
riappariva tra i cappellani e i cantori di Alfonso II, rimanendovi sino al 1597, per finire la propria carriera a
Modena nel 1598, maestro dei paggi di Cesare. Ora su 41 anni di potenziale carriera (dal 1558 al 1598), don
Sebastiano ne trascorse con certezza solo 21 ai servizi degli estensi: legittimo chiedersi se le assenze degli
anni 1560/1564 e 1566/1581 siano ascrivibili alle vicissitudini del Brici o alla lacunosit delle fonti: di Luigi
non si sono conservate le bollette riguardanti i periodi 1561/1565 e 1569/1575, di Ippolito II mancano i
registri relativi alla fase 1557/1564, senza dimenticare che mancano tutte le bollette del principe Francesco
dEste e che quelle di don Alfonso, marchese di Montecchio, presentano uninterruzione che va dal 1568 al
1580.
In questi casi, soprattutto per il computo degli anni di carriera (che rappresentano uneccellente variabile
proxi del grado di compattezza e di fedelt dinastica dei diversi nuclei cortesi) ho adottato soluzioni
compromissorie, ipotizzando che la continuit di rapporto sia stata artificialmente interrotta dalla rapsodicit
delle fonti quando, nel corso del passaggio da una corte allaltra o in occasione delle rare interruzioni di
rapporto allinterno della medesima corte, siano trascorsi al massimo tre anni senza iscrizioni a bolletta;
prendiamo il caso di messere Ercole Peri (magnifico dal 1589 e iscritto anche come di Pero, Peri, Perri), che
dal 1578 al 1586 serv il cardinale Luigi come castaldo a Consandoli, per riapparire nel 1589 tra i cortigiani
di Cesare in qualit di governatore a Consandoli, carica che mantenne sino allanno successivo; altamente
probabile che anche negli anni 1587 e 1588 messere Ercole sia rimasto al suo posto, come lascerebbe
presumere la qualifica nei ranghi cesariani; cos, dal momento che linterruzione risultata inferiore a tre
anni, ho calcolato una carriera di 13 anni, sorvolando sul vuoto del biennio 1587/8. Diverso invece il
caso di Giovanni Antonio Boni detto Picchio, palafreniere del cardinale Luigi dal 1566 al 1583, staffiere di
Cesare nel 1584, staffiere di Alessandro dal 1590 al 1592; in questo caso, dal momento che lassenza di
rilevazioni del periodo 1585/1589 stata superiore a tre anni, ho computato una carriera di soli ventidue
anni, contro i ventisette complessivamente trascorsi al servizio degli estensi (dal 1566 al 1592), senza poi
dimenticare che di Alessandro si conservata ununica bolletta, riguardante il triennio 1590/92.
Si tratta di un punto fondamentale, dal momento che i periodi meno ricchi di rilevazioni hanno provocato
lovvio accorciamento del computo delle carriere (al crescere della discontinuit delle fonti aumenta
proporzionalmente la possibilit che le permanenze si riducano, soprattutto nei periodi in cui il turnover era
pi elevato), mentre linverso accade per i periodi di cui esistono tutti i registri: disponendo degli elenchi
delle annate che vanno dal 1609 al 1627, ho potuto calcolare con estrema precisione le carriere dei cortigiani
di Cesare che servirono dal 1609 al 1627; invece, considerando i registri alfonsini del 1569 e del 1574, ho
dovuto necessariamente accorciare i tempi di permanenza di coloro che rimasero a corte dal 1569 al 1573 o
dal 1570 al 1574, computandoli pari a un solo anno (1569 o 1574).
Inoltre, non bisogna dimenticare che esistevano significative differenze tra i diversi gruppi, attribuibili ai
diversi momenti di iscrizione a bolletta; ad esempio i membri della bassa corte (facchini, massari, massare,
servi, carrettieri, sguatteri, ecc.) scontavano periodi di apprendistato senza salario in moneta ben pi lunghi
di quelli dei membri degli altri raggruppamenti: essi raggiungevano pi tardi lagognato status di salariato
ducale e naturalmente questo evento ha abbreviato la durata delle loro carriere.108
Comunque, la fase di elaborazione e clearing dei dati contenuti nel data-base di sintesi ha portato alla
definizione finale di 2.538 records, corrispondenti ai 2.538 cortigiani di Alfonso II e Cesare: 1.569 servirono
solo Alfonso (pur prestando servizio anche in altre corti, esclusa quella di Cesare e Virginia de Medici), 903
solo Cesare e Virginia (pur prestando servizio anche in altre corti, esclusa quella di Alfonso), 66 in entrambe.
Conclusasi questa fase e ultimate le necessarie elaborazioni, ho iniziato a compulsare le altre fonti in
precedenza individuate: lanalisi prosopografica stata impiegata in parallelo agli approcci tradizionali, per
testare gli effetti che gli eventi di natura traumatica esercitano sulle strutture relazionali e sulle formazioni
sociali e per supportare la veridicit di intuizioni e affermazioni non immediatamente comprovabili: non ha
affatto inteso sostituirsi alla tradizionali metodologie della ricerca storica, ma piuttosto affiancarle, s da
corroborarne la forza delle conclusioni. In particolare, ho impiegato lanagrafe come mappa orientativa, sia
per indicare i sentieri documentari da battersi con maggiore attenzione nella giungla degli archivi familiari,
sia per chiarire chi fossero esattamente i mittenti e i destinatari dei carteggi o i personaggi menzionati nelle
corrispondenze.
Nella fattispecie, ho utilizzato un approccio eccentrico, frugando progressivamente gli archivi che
presentavano un crescente grado di distanza dagli avvenimenti oggetto di studio. Cos, dopo aver passato in
rassegna la bibliografia esistente, ho intrapreso la revisione delle fonti modenesi meno battute dalle passate
ricerche. Nel tentativo di cogliere tracce domestiche, ho compulsato prima i carteggi tra i principi e le
principesse estensi (lettere inviate e ricevute di Alfonso II, Cesare, Margherita Gonzaga, Alessandro,
Virginia Medici, Filippo I marchese di San Martino), poi ho rivisto i pezzi della raccolta Devoluzione
conservata nel medesimo fondo, dove si trova buona parte del meraviglioso carteggio della spia ferrarese di
Cesare nota come il fedele (fonte gi segnalata ma a mio modesto avviso sottoutilizzata). Poi, allargando la
visuale del progetto di ricerca ho ripreso la lettura dei carteggi degli ambasciatori conservati nel fondo della
Cancelleria Ducale (gi doviziosamente perlustrati dal Gasparini), limitandomi a rivedere i carteggi con gli
agenti e residenti alla corte papale tra il 1591 ed il 1600, analizzando la corrispondenza degli agenti
dellagenzia dei beni nel ferrarese (che, dopo la Devoluzione, curarono lamministrazione dei beni allodiali
estensi in territorio legatizio), perlustrando la documentazione di carattere finanziario dei duchi e dei principi
e principesse del sangue, seguendo le corrispondenze di alcuni ambasciatori. A questo punto ho intrapreso la
lettura delle cronache.
La Struttura
della Corte Estense

La struttura organizzativa:
fonti, metodi e alcune premesse

Ritengo sia necessario, prima di intraprendere lanalisi delle corti di Alfonso II e di Cesare e presentare i
risultati delle mie fatiche ricostruttive, spiegare in dettaglio come queste fossero strutturate e quali
meccanismi ne regolassero lordinario funzionamento. Diversamente non sarebbe possibile comprendere i
compiti e i poteri celati dietro una pletorica ridda di sigle e cariche di non agevole comprensione.
Ora, la ricostruzione delle tre parti costitutive delle corti estensi: la Casa 1), la Cancelleria ed i Consigli
2), la Camera Ducale 3), si basata sulla sistematica compulsione dei fondi camerali, sulla trascrizione dei
ruoli degli stipendiati delle Bollette dei salariati e del soldo, sullinterpretazione dei dati raccolti nel corso
del riordino del fondo Amministrazione della Casa e nelle incursioni in Amministrazione Principi,
Cancelleria Ducale e Archivio Segreto Estense. La mole del materiale archivistico esaminato testimonia le
difficolt affrontate nel discernere ed ordinare le tentacolari appendici di unistituzione cos vitale e
mutevole, in modo da perimetrare stabilmente la giungla di sigle, titoli e denominazioni che spesso
identificavano la medesima carica e lo stesso ufficio,109 evitando e/o riducendo il rischio di sottovalutare o
sopravvalutare le effettive dimensioni di taluni organici.
Oltre alla patologica indeterminatezza semantica, tipica di organizzazioni e burocrazie preindustriali,
vanno poi debitamente tenuti in conto altri fenomeni di natura fisiologica: le trasformazioni linguistiche,
culturali, organizzative e sociali. Mentre levoluzione linguistica determin labbandono e la sostituzione di
taluni termini,110 rimpiazzati dallintroduzione e diffusione di altri di nuovo conio (come camariero o
maiordomo),111 ancora pi marcato fu limpatto delle variabili pi propriamente culturali, in cui si
assommarono gli effetti di stimoli differenti. Giova distinguere le trasformazioni in senso lato, frutto di
mutamenti di lungo periodo, di inedite prassi sociali e culturali raramente interiorizzate o percepite in termini
espliciti, che provocarono la scomparsa o la contrazione degli organici di taluni uffici a fronte della creazione
o dellampliamento di altri,112 dai cambiamenti suscitati dallinnesto di modelli organizzativi e forme
cerimoniali alloctone, che nel caso estense ebbero nelle tradizioni ispano-aragonesi113 e franco-borgognone, i
pi stabili e duraturi termini di riferimento.114
Queste metamorfosi si produssero nellambito di unaccentuata tendenza alliperspecializzazione, alla
frammentazione dei compiti propri di una singola mansione in una pletora di incombenze indipendenti, ben
riconoscibili nella loro unicit. Lestesissima gamma di cariche esistenti comprova il raggiungimento di
sorprendenti livelli di miniaturizzazione organizzativa, che port oltre soglie immaginabili il grado di
divisione del lavoro. Nelle corti, il tradizionale nesso causale tra bisogni e ruoli veniva invertito: lesigenza
di espandere il numero degli incarichi alimentava una parcellizzazione estrema delle mansioni; cos, prima si
titolavano gli ufficiali e successivamente si assegnavano loro compiti sempre pi minuti, prima si
moltiplicavano le fantasiose caselle di organigrammi dalle infinite appendici, poi si identificava lazione, o il
semplice gesto, che aveva motivato listituzione della carica.
Non vanno poi trascurati gli effetti dei frequenti riassetti organizzativi, eredi delle emergenze belliche
(che comportavano drastiche e repentine rivoluzioni), di talune scelte amministrative ( il caso dei dipendenti
che optavano per la corresponsione del solo salario monetario o in natura, gonfiando o sgonfiando
improvvisamente la consistenza degli organici), delle missioni che allontanavano per periodi prolungati il
Duca o il Principe da Ferrara e che comportavano la temporanea cancellazione dalle bollette dei cortigiani al
seguito.
Infine non dobbiamo scordare le cariche istituite pro-tempore, alcune figure misteriose, segnalate solo
una o due volte, qualifiche le cui attribuzioni rimangono ancora oggi ignote.115 Ora, riprendendo le
considerazioni espresse nel primo capitolo sulle cautele che devono accompagnare i processi di definizione
delluniverso cortigiano, cogliamo in modo pi chiaro la portata ed i limiti di questa analisi, il pieno
significato delladozione di termini numerici variabili, che certificano la composizione degli uffici a regime
normale, la prudenza con cui vanno accolte inclusioni o esclusioni,116 lapparente rigidit di talune
dipendenze gerarchiche.
Tuttavia, va ribadita lassoluta centralit dellanalisi delle strutture organizzative; diversamente non
potremmo fondare alcun discorso sensato sulle carriere degli ufficiali, sugli assetti sociali dellistituzione,
sulla formazione, sul mantenimento e sulla dissoluzione delle reti clientelari, sui meccanismi operativi che
garantivano il funzionamento dellapparato amministrativo, sulle relazioni tra Casa e Stato, sui rapporti tra
corte e citt, sui legami tra capitale e territorio.

La struttura organizzativa:
alcuni lineamenti teorici

La corte, ancor prima di essere luogo di mille delizie, refugio di poeti, artisti e scienziati, era
unimponente e sofisticata struttura organizzativa. I suoi funzionari dovevano provvedere quotidianamente
alla risoluzione di numerose questioni logistiche e amministrative: preparare e distribuire centinaia di pasti e
razioni alimentari, regolare laccesso di clienti e supplicanti, assicurare il pernottamento a svariati individui,
garantire lapprovvigionamento e lamministrazione degli uffici di supporto, gestire le relazioni coi fornitori,
curare il disbrigo della corrispondenza, eccetera. Tuttavia, gi nel corso del primo Quattrocento, risult
chiaro che questi compiti non sarebbero stati eseguiti nel pi efficace dei modi senza lintroduzione o il
perfezionamento di meccanismi organizzativi e procedurali capaci di affrontare la delicata questione della
divisione del lavoro, della sua efficiente allocazione in unit autonome ed indipendenti dal punto di vista
operativo. Si giunse cos alla creazione degli offici,117 grandi unit amministrative articolate su vari livelli,
accorpate in una struttura di tipo protodivisionale, in cui ciascun dipartimento sovrintendeva autonomamente
alla conduzione di uno specifico settore di attivit, connesso al soddisfacimento di una determinata categoria
di bisogni: cos la Camera si interessava della persona del signore, delligiene e della salute dei cortigiani, la
guardaroba dellabbigliamento e dellarredo domestico, gli uffici di bocca dei fabbisogni alimentari, le stalle
della mobilit, la musicha ed i religiosi dellintrattenimento musicale e delleducazione, la castellania della
sicurezza, ecc., e in modo analogo anche la cancelleria e la Camera Ducale erano divise in pi dipartimenti
deputati allesecuzione di precise categorie di compiti.
Ma veniamo ora allanalisi dettagliata della struttura della corte, che ho trattato in tre paragrafi riservati
alla Casa in senso stretto (cubiculum, guardaroba, uffici di bocca, cappellani, musici e loisir, cacce, stalle,
castellania), alla Cancelleria (consigli, cancelleria, oratori ed agenti) e alla Camera Ducale.

La Casa: la Camera (o Cubiculum)

Il maestro di camera o cameriero maggiore o camarlengo maggiore o maestro camerlengo era


responsabile dei sacri luoghi del cubiculum, o Camera, spazio costituito dalla camera da letto, dal bagno, dai
vestiboli, dagli spazi pi riposti, personali, privati degli appartamenti ducali. Alle sue immediate
dipendenze si trovavano dieci/quindici camerieri, gentiluomini che servivano il duca in tutti i compiti pi
riservati, godendone lambita intimit, condividendone lonorevolissima presenza, ricercandone
costantemente il favore. Essi lo assistevano quando si coricava e si destava, quando veniva vestito e svestito,
ne vegliavano il sonno e lincolumit fisica, lo accompagnavano nelle quotidiane funzioni religiose, lo
seguivano nelle cacce e nei divertimenti, lo scortavano nei viaggi, nelle missioni belliche, durante le
cerimonie pubbliche.
Compiti simili spettavano inoltre anche ai paggi o ragaci della paggeria ducale. Costoro, guidati da un
maestro di paggeria o maestro dei ragaci responsabile della loro educazione e buona condotta, erano
membri di famiglie aristocratiche e alto borghesi inviati a corte in tenera et per apprendere le severe regole
del comportamento cortese. Il gruppo di giovanetti, che oscillava tra le venti e le trenta unit e disponeva di
due o tre famigli o servitori, era affidato alle cure di un precettore (spesso si trattava del maestro di cappella
o di uno dei cappellani) e dei maestri dello scrivere, di scrima (scherma) e de ballo.
Venivano poi una o due balie, ciascuna con la sua massara e un servitore, che allattavano e accudivano
fino allo svezzamento gli eredi maschi del duca (le principesse erano analogamente cresciute nel gineceo),
due/tre barbieri con i rispettivi garzoni (tra cui si distinguevano il barbiere del duca e quello dei paggi), due
o tre fisici, medici o caudatari (tra i quali godeva di un trattamento di assoluto favore il medico personale del
duca), che con uno o due cerusici ed una massara ai malati governavano anche linfermeria di corte.
Seguivano poi sei/nove staffieri (detti anche palafrenieri a partire dal 1550), quattro o cinque valetti di
camera, altre cinque o sei persone ai servizi del duca, talvolta rubricate come aiutanti in camera, incaricate
di eseguire i compiti pi vili (pulire, rassettare, svuotare i pitali, accendere i fuochi, cambiare le candele,
ecc.), tre/quattro facchini alle camere, quattro o cinque uscieri (talvolta rubricati anche come lachai),
incaricati di regolare gli accessi alle stanze ducali.

La Guardaroba

Lufficio della guardaroba, retto dal guardarobiero maggiore o maestro di guardaroba (carica ricoperta
talvolta anche dal maestro camerlengo o maestro di camera) dirigeva i dipartimenti preposti allacquisto,
produzione, conservazione, manutenzione, pulizia e prestito dei capi dabbigliamento, dellarredo domestico,
delle gioie e dei monili, delle armi e delle armature del duca, delle collezioni, della biblioteca, dellarchivio
privato o segreto di Casa dEste.
Alle dirette dipendenze del guardarobiero maggiore si trovavano lufficiale della guardarobbetta e due
ufficiali della guardaroba che, coadiuvati da tre/quattro facchini, si occupavano dellabbigliamento, delle
calzature e degli accessori. Essi formulavano i preventivi per lacquisto di tessuti e capi finiti, valutavano le
offerte di mercanti ed artigiani, stipulavano i contratti concernenti le lavorazioni (taglio, confezione,
ricamatura) solitamente affidati a maestranze esterne, curavano le fasi di deposito nei magazzini e quelle di
prestito e trasferimento, vigilavano sulle operazioni di lavaggio, pulizia e manutenzione ordinaria e
straordinaria. Compiti analoghi erano assolti dai maestri di drapparia o drappamenta, della tappezzaria,
della arazzeria, i quali, assistiti ciascuno da un facchino, limitavano i loro interventi ai settori dei drappi
(tessuti pregiati da abbigliamento e arredamento, lenzuoli, coperte e tovaglie, capi di biancheria intima, ecc.),
delle tappezzarie (spalliere e bancali, tappeti, tende e apparamenti), degli arazzi. Rispetto agli ufficiali della
guardaroba e della guardarobbetta, va sottolineato che questi maestri erano anche coinvolti direttamente
nella manifattura di taluni pezzi di livello quasi sempre eccelso.
Leggermente diversa era la posizione degli altri ufficiali, artigiani specializzati di chiara fama e assai ben
pagati, che attendevano soprattutto alle fasi tecnico-produttive ed erano investiti di minori responsabilit
amministrative; questi erano il maestro sarto, il maestro de li ricamaduri, il maestro varotaro (pellicciaio),
lufficiale alle armi del duca (rubricato spesso anche come ufficiale agli schiopetti del duca o armaiolo), il
maestro bugadaro o maestro lavandaro con due/tre massare alle savonade o lavandare, un profumiere.118
Venivano infine due/tre offiziali o camerlenghi della torre, che avevano in carico la biblioteca, il tesoro
costituito da gioielli, pietre preziose, indumenti e monili da cerimonia, le collezioni.
Larchivio privato di Casa dEste,119 in cui erano conservati i documenti pi preziosi come le bolle
dinvestitura, i testamenti, i contratti nuziali e i patti dotali, i brevi papali, i catastri delle investiture, pur
essendo sempre situato nella Torre di Rigobello sita in Castel Vecchio, era invece governato da un apposito
funzionario, nominato talvolta offiziale a la tore, altre volte consirvatore delle ragioni della Camera Ducale,
come si pu dedurre dal caso del celebre Pellegrino Prisciani, che tra Quattro e Cinquecento ricopr tale
carica per oltre ventanni.

Gli Uffici di Bocca

Pi complessi erano i compiti che spettavano al maestro di casa o maiordomo, (chiamato siniscalco
ducale o siniscalco ducale generale fino agli anni 30 del 500), e ai due scalchi ducali maggiori, cui toccava
la supervisione degli offici di bocca. Tra questi spiccavano per importanza la tavola, i tinelli e le cocine, posti
sotto limmediato controllo dei due scalchi ducali maggiori o generali e responsabili della preparazione,
cottura e distribuzione dei cibi, ed i rimanenti dipartimenti consacrati allacquisto, conservazione e dispensa
di derrate alimentari, affidati alla direzione del maestro di casa.
Tavola, Tinelli e Cucine 120

Si intendeva per Tavola la sola mensa ducale, cui avevano accesso categorie privilegiate di convitati,
solitamente non pi di quindici, che venivano serviti dai due scalchi o sescalchi maggiori o generali
(chiamati anche scalchi ducali o siniscalchi),121 da un credenziere, un bottigliere, un coppiere, un trinciante,
un assaggiatore. Gli scalchi concorrevano con i sopracuochi allideazione dei menu, programmavano le
interruzioni dei pasti riservate agli intermezzi musicali e teatrali, curavano la preparazione e la distribuzione
dei cibi e delle bevande, controllavano che venissero rigorosamente osservati i passaggi del cerimoniale che
regolava lonorevole conduzione dei conviti. Il credenziere era lufficiale che, assistito da un
sottocredenciero e da un fachino, aveva cura della credenza o cardenza; gli pertinevano lamministrazione,
la disposizione, la pulizia e la custodia dei servizi da pranzo, costituiti da piatti, posate, bacili e vassoi in oro,
argento e rame, salviette e tovaglie di tessuti pregiati; il bottigliere o somegliere, menzionato per la prima
volta nelle bollette dei tardi anni 30 del 500, era responsabile della bottigliaria [...] che sia piena di fiori,
et herbe, che i bicchieri siano ben netti, adoprando ogni mattina la gramegna e scopetta, et ogni sabbato la
bucata, cosi vetri, come alle brocche e conche di rame, e che siano rimessi in cesta, ne stiano sopra le
tavole.122 Seguivano quindi il coppiere, che versava da bere ai convitati, il trinciante, cui spettava la
prestigiosa incombenza di trinciare i cibi e fare le parti nei piatti di portata, lasazatore o consumatore de
roba che assaggiava le vivande prima che fossero servite. Sei/otto scudieri (qualifica che spettava spesso ai
giovani usciti dalla paggeria ma non ancora nominati camerieri, paggi di cappa o accolti nella cerchia dei
gentilhuomini) adempivano alle mansioni pi semplici, reggendo i lumi e le torce, fornendo salviette ed
essenze profumate per la pulizia del viso e delle mani, distribuendo il pane, rimanendo a disposizione dei
convitati per qualunque evenienza.
Venivano quindi i tinelli, ossia le sale che ospitavano gli altri gruppi di commensali (tra le sessanta e le
novanta persone), che mangiavano dopo che era stata adeguatamente servita la Tavola ducale. I tinelli erano
solitamente due: il primo era riservato ai camerieri e a pochi altri ufficiali, il segondo, chiamato anche
significativamente tinello della famiglia, ai rimanenti camerieri, ad alcuni scudieri, ai paggi, agli staffieri e
agli ufficiali che vi servivano, i quali, assolti i loro doveri, potevano partecipare al convito. Questi funzionari
erano due/tre scalchi (i paggi ne avevano uno personale, come pure gli eventuali forastieri), un credenziere
(con aiuto e facchino), un canovaro, un bottigliere, un panettero, uno o due trincianti; le mansioni meno
qualificate toccavano a uno/due imbandidori o aparechiadori, altrettanti scudellari e fachini. Mentre il
canovaro in tinello curava lassegnazione delle bozze e dei fiaschi di vino, il panettiero vigilava
sullassegnazione dei vari tipi di pane, limbandidore disponeva sulle grandi tavolate piatti, bicchieri e
posate, lo scudellaro poneva i cibi nelle forcule, il fachino si prendeva cura delle operazioni di pulizia e
riassetto, della raccolta dei resti, del trasporto in cucina dei piatti sporchi, ecc. Dalla fine del Quattrocento
anche i figli del duca e i principi di sangue che risiedevano a corte pranzavano e cenavano in tinelli
separati, guidati dai relativi ufficiali.
Infine vi erano le cucine, rette da un maestro cuoco, assistito da un sopracuoco o soprastante alla cocina.
Agli ordini del maestro cuoco vi erano quattro o cinque squadre formate ciascuna da un cuoco, un
aiutocuoco (fino al 1480 chiamato anche scotto), un lavamasseritie e un gargione, aiutati da due o tre
sguatari. Lelevato numero di dipendenti era da ascriversi sia ai quasi duecento coperti serviti
quotidianamente, sia alla notevole raffinatezza dei banchetti.123

Gli altri Uffici di Bocca

Gli altri uffici de bocca erano preposti allacquisto, conservazione e distribuzione delle derrate alimentari.
Essi erano diretti, oltre che dai due scalchi ducali generali, dal maestro di casa, assistito da un sottomaestro.
Il maestro di casa era inoltre affiancato dal proveditore della corte, un economo presente dal 1475.124 Insieme
stabilivano le razioni di viveri e beni di prima necessit (legne da foco, candelle de sevo e de cira, granate e
granatelli) da assegnarsi giornalmente o periodicamente alle diverse categorie di cortigiani, agli uffici e agli
animali, pianificavano i donativi e le elemosine, compilavano ogni anno i compendi e gli ordinari,
redigevano i bilanci preventivi dei consumi e individuavano le fonti finanziarie necessarie alla loro
copertura, stendevano i capitolati di fornitura e si occupavano del rogito dei relativi contratti.
Sempre allautorit del maestro di casa era soggetta la spenderia, il pi rilevante ufficio-acquisti di corte,
diretto da uno spenditore generale aiutato da uno o due sottospenditori, da cui dipendevano due o tre ufficiali
in spenderia (solitamente un notaio e due ragionati) e due o tre facchini. Questo ufficio seguiva lintero
fronte degli approvvigionamenti alimentari e domestici,125 acquistando le derrate deperibili (frutta e verdura,
burro e ricotte) nei mercati urbani, ricevendo e stoccando i beni provenienti dalle tenute ducali, regolando le
relazioni con quasi tutti i fornitori. Esistevano poi uno o due spenditori cavalcanti, che svolgevano le
medesime mansioni quando il duca era in viaggio o trattenuto lontano da Ferrara dai frequenti impegni
bellici e diplomatici.
Strettamente connessi alla spenderia cerano poi lufficio della grassa, diretto da due ufficiali alla grassa
che, assistiti da due facchini, governavano i depositi riservati alle derrate alimentari non immediatamente
deperibili e a taluni beni di uso domestico,126 e la dispensa, istituzionalizzata nei primi anni 30 del
Cinquecento (prima gli stessi compiti erano svolti dalla grassa) e affidata alle cure di un dispensiero che,
affiancato dal consueto facchino, amministrava i beni deperibili ricevuti dalla spenderia,127 segnando in
appositi libri quanto veniva ritirato dalle cucine e dagli spisanti. Funzioni simili erano poi assolte dalla
beccaria di corte, condotta da uno o due beccari che macellavano i capi destinati alle mense ducali e
dallufficiale sopra i pollari, che con lappoggio di due/tre massari e massare ai pollari gestiva i serragli in
cui si allevavano oche, galline, capponi, anadre e anadrazzi e le colombare da cui provenivano i piccioni
caxalinghi.
Vi erano poi alcuni depositi di corte, che devono essere tenuti ben distinti dagli omonimi magazzini
governati dai quadri della Camera Ducale. Tra questi spiccavano il granaro di corte e la burataria (o
deposito delle farine), i cui due/tre superiori fornivano il necessario allattivit di uno o due maestri fornari
che producevano il pane, il biscotto ed i dolci successivamente consegnati allufficiale alla panataria;
seguivano quindi cinque/sei canovari (cantinieri) e sottocanevari, che secondati da tre/quattro facchini
amministravano la caneva della dispensa e le caneve ed i canovini di castello, ove si producevano e
dispensavano vini, aceti, vermuth e graspe (presumibilmente grappe). Infine vi erano lufficiale sopra il
legnaro picolo o di corte, che con due facchini gestiva lapprovvigionamento e la distribuzione della legna
da ardere, e la spezieria, amministrata da un fattore de la spezieria e diretta da uno o due maestri speziali
spalleggiati da due aiuti e da un facchino, deputata allacquisto, conservazione e dispensa di ogni categoria
di spezie, oltre che alla preparazione di rimedi e medicamenti, alla distillazione di essenze e profumi, alla
fabbricazione delle candele di cera e di sego.

Gli altri uffici sottoposti al Maestro di Casa

Vi erano infine altri ufficiali sottoposti allautorit del maestro di casa; tra questi spiccava lufficiale ai
forestieri, che provvedeva ai bisogni dei numerosi ospiti accolti nei palazzi di corte e nelle delizie extra
muros, dirigendo il cuoco e lo scalco dei forestieri, oltre ad alcuni facchini ai servizi e alle camere. Infine
segnalo la presenza dellufficiale ai lumi, che, aiutato da un facchino, soprintendeva allilluminazione degli
spazi di corte, dellufficiale alle ceneri preposto alla raccolta delle ceneri dei camini e dei forni, di tre o
quattro massare ai servizi e due o tre scopaduri o stramazadori, che disimpegnavano i lavori di pulizia pi
umili.

Religiosi, musici, artisti e professionisti del loisir

E quindi il turno dei religiosi, diretti da un maestro de cappella solitamente anche capo dei cappellani;
egli dirigeva la Cappella ducale composta da sette, otto e infine (dagli anni 30 del Cinquecento) undici
elementi, quattro/cinque cappellani, uno/due precettori, uno/due confessori. Nel 1556 la prefata Compagnia
de Ges fece il suo ingresso tra i salariati del duca, con una provisione mensile invero sorprendente.
Seguiva limportantissimo ufficio della mussicha,128 affidato ad un maestro della musica che dirigeva
otto/quindici cantori, sei/dieci strumentisti (principalmente dediti agli strumenti a corda), sette/dieci piffari.
Cerano poi gli artisti di corte, uno o due pittori, uno scultore, un orafo o orefixe, un intarsiatore, figure
peraltro pi frequenti nelle bollette quattrocentesche.129 Infine, il variopinto quanto nutrito mondo dei
professionisti del loisir:130 nani e bufoni, uno o due maestri de balo o balarini, il maestro di scrima (scherma)
e quello de scachi, due o tre ballonari e racheteri (giocatori di pallacorda e pallamaglio).

Le Cacce
Le cacce occupavano un posto di assoluto rilievo nellambito delle attivit estensi. Vi soprintendeva un
maestro delle cacce, detto anche maestro di campagna, quasi sempre un cameriere o un gentilhuomo, che
comandava numerosi sottoposti specializzati nellesercizio di diverse pratiche venatorie.
Le battute condotte con lausilio di grandi felini esotici erano dirette da due o tre liompardieri o pardieri
o pantirali, che, assistiti da tre o quattro131 famigli ai pardi, accudivano e guidavano pardi e liompardi; in
modo analogo gli ufficiali della canataria, due o tre brachieri, due o tre montieri, tre o quattro canattieri e
due o tre famigli ai cani, addestravano, mantenevano e portavano un centinaio di brachi, seguxi, leverieri,
stivieri, cani grosi, in parte alloggiati nei seragli fatti erigere nel Barco e a Belfiore, in parte ospitati nelle
castalderie ove si tenevano bandite di caccia.
Il maestro de li ocelli o maestro di falcuni dirigeva invece la falconaria, consacrata alle pratiche venatorie
realizzate con lausilio di falchi, falconi, terzoli, astori, nibbi, girifalchi, gufi, allocchi,132 coordinando
quindici/trenta falconieri,133 quattro o cinque uccellatori (specializzati nella caccia con reti, archetti, trappole)
e due famigli alle garzare, luoghi in cui si tenevano gli aironi e gli ocelli da riviera destinati ai
combattimenti aerei coi rapaci. Vengono poi menzionati sporadicamente uno o due pescaduri,134 che
probabilmente accompagnavano il duca durante le tradizionali battute di pesca allo storione e alle anguille.

Le Stalle

Seguivano poi le stalle e i fienili ducali, diretti da uno o due maestri di stalla, quasi sempre aristocratici,
spalleggiati da uno/due sottomaestri di stalla; da essi dipendevano numerosi sottoposti: lufficiale alla tieza
(fienile) amministrava con due bovari e due famigli i numerosi fienili sparsi in citt e nelle delizie
circonvicine; lufficiale alle biave, con un famiglio a soministrar le biave, assegnava a ciascun animale135 le
giuste prevende di biada, spelta, remolo e rapezzollo; lufficiale alla stalla e il soprastante segnavano negli
appositi registri gli estremi delle operazioni effettuate; sessanta/novanta famigli di stalla o stallieri e
dieci/venticinque mulateri e gambilari governavano tre/quattro cavalli e due/tre muli a testa; quattro o cinque
cochieri (presenti a partire dagli anni 30 del 500); due o tre carrattieri salariati (ma fino al 1505 furono pi
di otto), cui se ne sommavano altri dieci/quindici pagati al soldo.
Venivano poi i tecnici: otto o nove cavalcadori, dresseurs incaricati di tenere allenati i cavalli, uno o
due mareschalchi, uno o due sellari, lufficiale sopra i finimenti, che gestiva il deposito in cui erano custoditi
selle, briglie, morsi, staffe, copricavalcature, pennacchi; uno o due domatori, lufficiale ai puledri (che
seguiva il branco dei giovani maschi da sella), due o tre ufficiali ai barbari, che si occupavano dei cavalli da
corsa (i barbari) che i duchi facevano gareggiare nei pal cittadini e nel celebre ippodromo che Ercole I
aveva fatto realizzare nel Barco alla fine degli anni 80 del Quattrocento, e infine, lufficiale alle razze (altre
volte definito come superiore agli stalloni), che probabilmente aveva cura degli incroci e degli
accoppiamenti tra i capi delle razze equine possedute dal duca, zanetti, ubini, corsieri, berberi, e altre ancora.

Gli Uffici del Capitano de Castello e le Guardie

Una funzione assai importante spettava infine al titolare dellufficio della Castellania, ossia il capitano de
castello o castellano, carica talvolta coperta dallo stesso fattore ducale. Tale funzionario dirigeva dagli anni
30136 due portonari e due/tre chiavieri che si occupavano dei servizi di portineria e della custodia delle
chiavi degli edifici di corte, e il nucleo degli artifici o magistranze, strutturatosi nei primi anni 20137 del
Cinquecento e formato da diversi artigiani specializzati:138 un paio di marangoni (falegnami), uno o due
magnani (fabbri), un boccalaro (vasaio-ceramista), un maestro e un gargione agli instrumenti musicali, un
torlitore (tornitore), un segapiedra, un intagliatore di legnami, due o tre armaroli e schiopeteri che gestivano
larmeria ducale, un complesso di vani di ragguardevoli dimensioni139 in cui si fabbricavano e custodivano
armi e armature.
Sempre dal capitano de castello dipendevano poi il capo de li provisionati de castel Vecchio, che
comandava una dozzina di provisionati (chiamati anche lanze spezade o allabardieri) guardie scelte spesso
sguizere e alemane, e i fanti di castello, un gruppo di quattordici/quindici fanti che si peritava di garantire il
rispetto dellordine pubblico allinterno del complesso degli edifici di corte, regolando laccesso di supplici e
clienti, vigilando sulla presenza di intrusi o spie, controllando le prigioni di castello, ove stavano tre o
quattro carcerieri, una cuoca, una massara alli pregionieri, e infine i due famigli alli pregionieri che
servirono per trentaquattro anni don Ferrante e per cinquantatr don Giulio dEste, fratelli del duca Alfonso
I, accusati di aver tramato contro la sua vita nel 1506 e condannati al carcere a vita (don Giulio fu amnistiato
nel 1559, ottantunenne). Infine cera il capitano della piazza di Ferrara, che aveva ai propri ordini venti
fanti incaricati di sorvegliare lo spazio antistante il complesso formato da Corte nuova e Corte vecchia, anche
loro remunerati dal duca nella bolletta dei salariati.

Gli ospiti fissi e quelli imprevisti

Oltre agli uffici sopracitati, erano sempre annesse alla corte ducale le piccole familie dei principi e delle
principesse non ancora affrancatisi dalla tutela paterna. Come gi anticipato nei capitoli precedenti, si
trattava di nuclei di quindici/venti individui, tra cui figuravano due o tre signori e gentiluomini, tre o quattro
camerieri, un paggio, un barbiere, uno o due staffieri, gli ufficiali di bocca (scalco, trinciante, coppiere,
credenziere), qualche volta cagnattieri e falconieri. Queste piccole corti rimanevano legate a quella paterna
per pochi anni,140 per poi staccarsi e divenire totalmente autosufficienti. Diverso il caso dei familiari di altri
principi e principesse del sangue, temporaneamente presenti nei ranghi ducali: normalmente si trattava di
misure straordinarie prese in occasione di eventi particolarmente gravi141 o di fasi transitorie.142

I Consigli, la Cancelleria, gli Oratori e gli Agenti:


il Consiglio di giustizia e il Consiglio segreto

Se fino al 1453 esisteva solo un Consilium domini marchionis, le cui prime tracce appaiono nel 1360,143
da quello stesso anno furono istituiti il Consiglio di giustizia e il Consiglio segreto.144 Il primo era formato da
3 giurisperiti, raramente ferraresi, assistiti da un coadiutore e da due messi al consiglio, e fungeva da
supremo organo giudiziario e legislativo. Per dotarlo di pieni poteri e per impedire fastidiose sovrapposizioni
giurisdizionali fu stabilito che gli statuti del Comune e delle altre Universitates, artes et collegia di
Ferrara, laddove conferissero qualche giurisdizione sub expressione nominis et offici iudicum curie nostre,
seu etiam veteris consilii dovessero essere interpretati da allora in avanti nel senso che conferivano le
giurisdizioni medesime al nuovo consiglio di giustizia.145 Il consiglio eredit cos la magna pars delle
prerogative dei trecenteschi judices curi, e, pur senza avocare completamente a s tutte le funzioni di
spettanza podestarile e comunale, divenne in breve il pi importante organo consultivo e deliberativo in
campo giudiziario e legislativo.
Diverse erano invece le competenze del consiglio segreto, istituito sempre nel 1453 come organo
esecutivo che deliberava sul piano della quotidiana attivit di governo, su quello giurisdizionale, su quello
amministrativo e politico.146 Esso risultava normalmente composto da sei persone (ma oscill tra i tre e gli
undici membri), tra cui figuravano anche alcuni segretari e cancellieri, che costituivano il personale della
Cancelleria in senso stretto. Al termine del regno di Ercole II (tra il 1555 ed il 1558, stando al Chiappini)
furono creati anche il Consiglio di Segnatura, una sorta di supremo tribunale di Stato che fungeva da organo
consultivo per le magistrature comunali, ed il Consiglio di Stato, che avoc a s parte delle competenze del
Consiglio segreto, assumendo una struttura simile a quella di un vero e proprio consiglio dei ministri, in cui i
consiglieri disponevano di aree di competenza assimilabili a dicasteri.

La Cancelleria

Se il nucleo primigenio di una Camera domini Marchionis Estensis facente funzioni di organo, o meglio
di luogo, amministrativo centrale, appare citato per la prima volta in un documento del 16 marzo 1276,147
solo nel corso degli anni Quaranta del secolo successivo si giunse a una chiara demarcazione dei confini tra
le aree di competenza della Cancelleria e quelle sottoposte allautorit del parallelo ufficio della Camera o
Factoria:148 sino ad allora la conduzione delle pratiche concernenti gli affari patrimoniali e politici del duca
era stata delegata alloperato di notai esterni.
Tuttavia, la crescente mole degli impegni port alla costituzione di un nucleo interno di funzionari,149
quasi sempre pubblici notarii, specializzati nel trattamento delle questioni riguardanti investiture di feudi,
usi, livelli, terratici, nel disbrigo della corrispondenza, nella cura dei rapporti con i funzionari operanti sul
territorio, nella preparazione e trascrizione dei testi dei decreti, delle lettere patenti, delle pratiche di
esenzione fiscale e di concessione di cittadinanza. Rimandando al paragrafo successivo la discussione sulle
trasformazioni e sulle menomazioni subite dalla Cancelleria nel corso del secolo successivo, passo
direttamente alla descrizione della struttura, dellorganico e delle sue funzioni dopo il 1471.
Gi nel 1475 la Canzellaria estense era retta da un capo cancelliere o referendario, il quale coordinava il
lavoro di sei/otto cancellieri distinti tra residenti e cavalcanti, di due/tre notari, sovente iscritti come
coadiutori e registratori, dellufficiale al sigillo, di due messi o comandadori.150 Mentre i cancellieri residenti
restavano prevalentemente a Ferrara, quelli cavalcanti seguivano il duca nel corso dei suoi incessanti
spostamenti, occupandosi altres delle missioni extra mnia di breve durata.151
Oltre al referendario e ai suoi sottoposti, vi erano poi il segretario personale del duca e altri due/tre
segretari, selezionati tra i cancellieri. Questo quadro rimase immutato sino agli anni Quaranta del
Cinquecento, quando le funzioni, il prestigio, il numero e lo stesso salario dei cancellieri iniziarono a
scemare vistosamente, a scapito della corrispettiva ascesa dei segretari, che negli anni 50 giunsero con
Alessandro Guarini ad occupare contemporaneamente le cariche di segretario del duca e fattore generale.152
Inoltre la Cancelleria, nel dirimere le questioni politiche e diplomatiche e nel curare i rapporti con gli
ambasciatori e gli agenti estensi accreditati presso corti e senati italiani ed esteri, affidava ai cavallari e ai
curieri, diretti da un maestro della posta dai primi anni 30 del Cinquecento, il compito di recapitare missive
e dispacci riservati. Tali ufficiali, stipendiati fin dalla met del Quattrocento dallUfficio del mese, erano
solitamente una decina, con punte di quindici/sedici elementi.

Oratori e Agenti

Venivano quindi gli ambasciatori residenti, nota dolente delle finanze ducali, denominati anche oratori o
comissari. Si trattava di quattro/cinque individui scelti tra le fila dellalta nobilt del ducato, tra i giudici del
consiglio di giustizia, tra i vertici della Cancelleria. Mentre fino al 1510 furono coperte permanentemente
solo alcune sedi italiane,153 dal 1511 viene menzionato loratore presso il christianissimo re di franza,154 dal
1525 quello presso la corte cesarea,155 nel 1528 quello presso il re dInghilterra,156 dal 1558 quello presso
Filippo II di Spagna.157 Il mutamento dello scenario politico internazionale provoc il progressivo abbandono
delle sedi italiane, (sempre pi spesso affidate ad agenti che vi risiedevano saltuariamente, eccezion fatta per
la corte papale e il senato veneziano, e inizi a gravare consistentemente sul bilancio statale: le sedi
diplomatiche erano sin dal Quattrocento classate a seconda della loro importanza, e in base a tale criterio
venivano fissati gli emolumenti spettanti. Oltre agli oratori, era poi rilevante lapporto dei numerosi agenti o
negociatori spesso impiegati in sostituzione degli oratori residenti. Taluni si limitavano a informare il duca
di avvenimenti, propositi, manovre militari in corso o in preparazione, altri erano invece investiti di ampie
responsabilit politiche e diplomatiche, miranti alla risoluzione di determinati problemi. Come comprova il
celebre carteggio degli ambasciatori estensi, il panorama degli agenti ducali era tanto vasto quanto
composito. Vi figuravano cancellieri, camerieri e gentiluomini, musicisti, banchieri e mercanti ferraresi,
talvolta pagati a missione, pi spesso rimborsati dallUfficio del Mese, senza risultare cos tra i salariati
ducali.

La Camera Ducale: origini e trasformazioni

Lamministrazione delle pratiche concernenti gli aspetti economici, finanziari e fiscali fu affidata alla
met del Trecento alla neocostituita Camera Marchionale (poi Ducale), altrimenti detta anche Factoraria o
Factoria. Questa rilev progressivamente lesercizio di alcune funzioni in precedenza esercitate dalla
Massaria del Comune di Ferrara, e, pur senza esautorarla completamente,158 avoc a s un numero crescente
di incombenze, ampliando considerevolmente il proprio raggio dazione.159
Nellambito di una tendenza alla costante crescita della pianta organica, si registrarono, nel periodo
1360/1400, la costituzione di un ufficio con delega sulle finanze militari, affidato ad un officialis super
stipendiaris antesignano del quattrocentesco tesauriero del soldo, la comparsa di un officialis super
possessionibus predecessore dei fattori sopra le possessioni, lassorbimento da parte della Factoria delle
spettanze della Camera Rebellium, cui perteneva lesecuzione delle confische e il recupero dei crediti vantati
nei confronti di debitori morosi o insolventi. Nel frattempo, i fattori generali iniziarono ad assumere alcune
funzioni patrimoniali, in particolare quella relativa alle investiture,160 dando origine ai primi conflitti di
competenza tra ufficiali camerali e quadri della cancelleria, in seguito sedati dal duca.161 La conclusione di
questo processo segn la vittoria dei fattori: le aree di competenza economica spettanti alla Cancelleria si
contrassero notevolmente,162 mentre prosegu il suo sviluppo lorganico della Camera, che gi nel 1456
superava le trenta unit,163 per oltrepassare venticinque anni dopo le quaranta.

La struttura della Camera Ducale

E opinione diffusa che la Camera Ducale fosse perennemente afflitta da problemi di


sottodimensionamento e inadeguatezza degli organici, che vi regnasse un clima quasi patologico di
confusione tra ufficio e ufficio, tra competenze di un impiegato e competenze di un altro,164 che apparisse
evidente un notevole disinteresse per le soluzioni tecniche.165 In realt, dopo aver speso quasi dieci anni a
esaminare i fondi camerali, non riesco a nascondere la mia ammirazione per la grandiosit e per la precisione
di un sistema amministrativo che, quando pot funzionare a pieno regime, riusc ad esprimere soluzioni
tecniche e a sperimentare prassi gestionali tali da destare il pi vivo stupore.166
La diffusione generalizzata del sistema ragionieristico in partita doppia, ladozione tardo quattrocentesca
dellistituto della revisione contabile permanente,167 limpiego sistematico dei bilanci preventivi, lesistenza
di un duplice sistema di contabilizzazione in natura ed in moneta e linvenzione di veri e propri prezzi di
trasferimento interni, limponenza delle funzioni di clearing svolte dalla tesoreria centrale, la sofisticata
spregiudicatezza delle operazioni finanziarie portate a termine sulle pi importanti piazze internazionali, la
raffinata gestione dei pi svariati strumenti creditizi, le intelligenti scelte di make or buy adottate negli
investimenti manifatturieri, non sono che alcune tra le pur numerose indicazioni di rigore e modernit che
ci provengono dalla condotta della Camera Ducale. Ma lefficienza organizzativa era anche limmediata
conseguenza di una solida e razionale divisione del lavoro in uffici pressoch autonomi, sostenuti da un
imponente staff centrale che erogava alle unit periferiche servizi specialistici. Possiamo cos individuare
allinterno dei confini della Camera168:
a) Gli uffici tecnico-amministrativi in senso stretto: quadri direttivi, ufficiali camerali distaccati, ragioneria,
esattoria, tesoreria, massaria.

b) Lufficio sopra le castalderie e possessioni e quello sopra i bestiami, che amministravano le propriet
fondiarie condotte direttamente ed il patrimonio zootecnico.

c) Gli uffici che gestivano i magazzini in cui venivano stoccate, conservate, talvolta vendute talune derrate
alimentari e altri beni di prima necessit: i granari grandi, la burataria o deposito delle farine, i legnari
grandi, le caneve grandi o cantine. Laggettivo grande veniva impiegato per distinguerli dagli omonimi
depositi di Casa, che svolgevano funzioni analoghe, ma limitate allesclusivo soddisfacimento dei
fabbisogni di corte.

d) Lufficio di Munizioni e Fabbriche, da cui dipendevano i funzionari che seguivano i numerosi cantieri
aperti in citt e nei territori del dominio, governavano i magazzini della Munizione (da quelli dei legnami
da opera a quelli del salnitro), dirigevano le attivit cantieristiche (rimessaggio e manutenzione di
bregantini, galee, barche e bucintori) e quelle connesse alla fabbricazione di carrozze e carrette,
vegliavano sulloperato dei bombardieri-fonditori dediti alla produzione di pezzi di artiglieria e di polveri
da sparo e, infine, sovrintendevano alle numerose fornaci ducali specializzate nella lavorazione di
mattoni, tegole, calcina, oggetti in vetro.
e) Lufficio del Soldo, o bancha dei soldati, che stipendiava i membri permanenti delle milizie ducali (le
compagnie di fanti e mercennari erano pagate a parte) e talune categorie di cortigiani non comprese nei
salariati della Bolletta (staffieri, cuochi, tamburini, trombetti, fino ai primi anni del Cinquecento).

f) La Marinareza, che seguiva la flotta ducale e controllava le attivit dei porti di Ferrara.

g) La Zecca.
h) Lufficio sopra le valli di Comacchio e quello sopra i sali de Longastrino, che curavano la produzione, il
trasporto, la conservazione e la vendita del pesce fresco e in salamoia proveniente dalle valli ducali di
Comacchio e dei sali estratti nelle saline di Comacchio e Longastrino.

i) . Lufficio sopra le miniere e le ferrareze, che badava alle attivit estrattive delle miniere appenniniche
(oro, argento, ferro, rame, vetriolo), alle produzioni siderurgiche dei forni che in Garfagnana lavoravano
la vena locale ed il minerale proveniente dallisola dellElba, ai piccoli laboratori in cui ghisa e fero dolce
venivano trasformati in manufatti di vario genere (chiodi, lame, colteli, balote, ecc.).

l) . Gli uffici dellArte della Lana, dellArte della Seta e del Fontico dei pani, che coordinavano lattivit
delle manifatture ducali dedite alla produzione di panni di lana e di tessuti serici.

m) La Savonaria, manifattura ducale in cui venivano prodotte ingenti quantit di savone biancho.

Rinviando al successivo capitolo la trattazione degli aspetti pi squisitamente tecnico-ragionieristici,


credo sia ora opportuno descrivere la struttura della Camera Ducale in base alla suddivisione proposta,
limitandomi alla sola analisi dei tratti organizzativi e contabili della Camera in senso stretto: gli uffici
compresi tra il punto b) e il punto m) non sono stati trattati in questa sede.

Gli uffici tecnico-amministrativi in senso stretto:


quadri direttivi, ufficiali camerali distaccati, ragioneria,
esattoria, tesoreria, massaria

I quadri direttivi

I quadri direttivi della Camera Ducale constavano della presenza di una coppia169 di fattori generali,
coadiuvati da uno o due notai dei fattori,170 da un consultore della Camera, da un Sindaco, dagli alti dirigenti
degli altri dipartimenti che costituivano la Camera in senso stretto (maestri dei conti, esattore, tesoriere,
massaro della Camera). Questi funzionari erano poi assistiti per il disbrigo delle faccende ordinarie da
due/tre comandadori e da una coppia di messi in Camera.
Mentre il consultore e il sindaco, citati tra i membri della Camera nel 1494 e nel 1475,171 limitavano il
proprio operato allesercizio di funzioni consultive in ambito economico e giuridico, il raggio dazione dei
fattori generali era pressoch illimitato. Non vi era aspetto della vita economica della Casa e dello Stato che
si sottraesse al loro controllo, non vi era potere, ad eccezione di quello ducale, che vi si potesse opporre:
erano per molti versi i veri alter-ego del Principe. Il tema meriterebbe di esser studiato con maggior
attenzione, poich le figure dei fattori generali rimangono centrali nellambito delle ricerche dedicate alla
formazione, al mantenimento e alla dissoluzione delle reti clientelari, delle fazioni politiche, delle cordate
di appaltatori, mercanti e finanzieri gravitanti nellorbita del dominio estense. Infatti, pur spettando sempre e
comunque ai duchi le decisioni finali, i fattori godevano di una notevole autonomia operativa e impiegavano
con estrema cura i poteri discrezionali loro concessi per facilitare o contrastare lascesa di individui, gruppi,
istituzioni e poteri a loro inclini o invisi.

Gli ufficiali e i notai camerali distaccati

Un breve appunto deve poi essere riservato agli ufficiali e ai notai camerali temporaneamente distaccati
ad altri uffici, in modo particolare in quelli di Casa.172 Non si deve infatti credere che questi funzionari,
spesso qualificati in modo significativo come adherenti de la Camera, rimanessero separati o slegati dalla
Camera stessa.
Al contrario, in tutti i dipartimenti rilevanti dal punto di vista economico-organizzativo venivano collocati
superiori, ragionati e notari173 di formazione e provenienza camerale, incaricati di amministrare le unit loro
affidate. Quando poi queste raggiungevano dimensioni ragguardevoli, il personale amministrativo di
provenienza camerale non compariva pi tra i salariati della Camera, ma figurava direttamente nei bilanci
degli uffici distaccati: i nominativi e le retribuzioni degli ufficiali delle valli di Comacchio, di quelli delle
saline di Longastrino e dei salari di Ferrara, dei dipendenti di Castalderie e Possessioni, dellArte della lana e
della seta, gi alla fine del Quattrocento apparivano solo nei conti generali e nei memoriali dei rispettivi
uffici.

La ragioneria

La ragioneria era il cuore dellapparato tecnico-amministrativo in senso stretto; era articolata su pi livelli
gerarchici, con al vertice tre/quattro maestri del conto generale, distinti tra maestri al conto vecchio e maestri
al conto nuovo,174 affiancati da tre/quattro notari o ufficiali ai conti generali e due/tre ai memoriali. Questi
funzionari, quasi sempre notai, avevano alle loro dipendenze otto/dodici ragionieri o ragionati assistiti da
una fitta schiera (tra le quindici e le trenta unit) di garzoni (chiamati a volte anche computisti) e
garzoncelli,175 i quali prestavano servizio gratuito176 in qualit di apprendisti per un periodo di tempo
superiore ai quattro anni.177 Accanto a loro operavano altri ufficiali: lufficiale a lo iscontro dei libri si
dedicava alle revisioni contabili ordinarie, quello sopra le bollette dei salariati aveva in carico la tenuta dei
registri in cui erano annotate le scritture concernenti i salariati del duca, quello sopra i catastri de le
investiture si applicava ai supporti contabili relativi alle investiture dei feudi e alla gestione delle propriet
fondiarie concesse in forma di uso, livello ed affitto, quello sopra le bullette178 redigeva le licenze per
lesportazione, il transito e limportazione di beni particolari (soprattutto cereali e farine, sali, legname,
tessuti pregiati, pesce in salamoia, ecc.), quello sopra i rubieri ed i rebelli de la Camera attendeva ai libri
contabili in cui erano riportati gli estremi delle confische e dei pignoramenti dei beni dei debitori morosi o
insolventi; un ruolo assai importante era infine attribuito allofficiale sopra la libraria, altrimenti detto ala
custodia de li libri, che assieme ad un garzone vegliava sullarchivio camerale.
Ai membri della ragioneria spettavano le pratiche di revisione contabile ordinaria e straordinaria, la tenuta
dei registri generali (libri dei conti generali e memoriali), la verifica delle corrispondenze tra libri mastri e
giornali dei singoli uffici, il controllo formale sulloperato degli altri dipartimenti camerali. Vigeva tra i
ragionieri una rotazione (solitamente triennale) degli uffici in carico,179 cos da renderli edotti in tutte le
branche dellamministrazione e da evitare pericolose rendite di posizione; ad eccezione degli ufficiali
sopra le bollette dei salariati, sopra i catastri de le investiture, sopra i rubieri ed i rebelli, ciascuno di loro
seguiva contemporaneamente i registri di tre/quattro diversi uffici, aggregati in vari partimenti secondo
criteri eterogenei.

Lesattoria

Lesattoria era lufficio incaricato della riscossione dei crediti camerali; se fino al 1484 constava della
semplice presenza di un esattore e di un notaro ala exactoria, nel 1511180 risultava composta da un exactore
al conto nuovo, da un exactore al conto vechio, da un notaio e da due comandadori o messi, gli ufficiali che
si recavano personalmente a riscuotere i crediti e a notificare le istanze di pignoramento e sequestro. Tale
situazione, se escludiamo laffiancamento avvenuto nel 1513181 di un esattore a li rebelli della Camera
responsabile delle confische dei beni dei debitori camerali morosi e il successivo avvento di un secondo
notaio, rimase pressoch immutata sino agli anni Quaranta, quando fu istituita la carica dellesattore
generale.182
La tesoreria

La tesoreria o bancho era una delle due banche di Corte interne (laltra era la bancha del soldo o
bancha de li soldati, di cui parleremo in seguito), ed era affidata alla direzione di un tesoriero.183 Tale ufficio,
pur figurando gi nel 1471 tra quelli stipendiati permanentemente dal duca, mantenne sempre un carattere
ibrido: lapparente ereditariet della carica e la durata della sua titolarit, il livello salariale assai basso in
rapporto alle responsabilit del compito,184 lassenza di personale di supporto pagato dalla Camera, la
mancanza di una preesistente carriera camerale, fanno pensare ad un vero e proprio esercizio in appalto.185
Non si deve tuttavia credere che questo ufficio, investito soprattutto delle funzioni di tesoreria ordinaria,
coprisse completamente lampio spettro delle operazioni finanziarie e dei fabbisogni di cassa dei duchi, i
quali continuarono a ricorrere ai servigi di banchieri ferraresi186 e italiani, di prestatori ebrei, di compagnie
europee. Cos i grandi investimenti, i prestiti e gli anticipi accordati ai re di Francia, le operazioni speculative
di ampio respiro furono portate a termine o tentate con il concorso dei pi notabili operatori nazionali e
stranieri: si pensi alle colossali bonifiche del secondo Cinquecento sostenute dai decisivi apporti toscani e
veneti, alle fideiussioni internazionali che accompagnarono le pi ambiziose operazioni immobiliari ed
edilizie, dallAddizione Erculea alla costruzione della Mesola, per tacere degli ampi depositi che i duchi
mantennero permanentemente su diverse piazze estere.

La Massaria e lUfficio del Mese

La Massaria della Camera, retta da un Massaro della Camera, era un ufficio gi operante nel 1440, cui
pertenevano compiti estremamente eterogenei; sufficiente scorrere i capituli di spesa di un registro del
1485 per capacitarsene: vi erano contemplate le uscite per Cavalchaduri, Corieri, Soprastantie,
Ambasiaduri, Noli de nave, Castel vechio, Andata di mulatieri, Candele de seo, Candelle de cira, Carte de
pecora, Libri e carta bambasina e ligature, Aza sutile e grossa, Cera verde, Vermise, Inchiostro, Spese
extraordinarie, Castelle de romagna, Oxelli da rapina, Andate di barbareschi, Chiave et chiavadure,
Sepulture di morti et anoali e limosine.187 A partire dai primi anni del XVI secolo, il dipartimento si limit ad
esercitare due sole funzioni: era leconomato che provvedeva allacquisto e alla distribuzione del materiale
di cancelleria,188 e lufficio-viaggi (possiamo includere in questo ambito anche le spese per i funerali),189
delegato al titolare dellUfficio del Mese,190 incaricato di registrare tutte le spese sostenute191 nelle trasferte
effettuate dai membri della corte:192 cancellieri ed oratori, cavallari e corrieri,193 agenti impegnati nelle pi
svariate missioni.194
Anatomia della Corte

Origini e trasformazioni

Dopo aver descritto la struttura della corte estense, legittimo domandarsi quali meccanismi ne
assicuravano il funzionamento e quale evoluzione ebbero nel corso del XV e del XVI secolo. Le mie
osservazioni rievocano infatti solo alcune tappe del lungo ed ininterrotto processo di perfezionamento e
revisione delle strutture in essere, avviatosi nella seconda met del Quattrocento, quando, parallelamente alla
crescita del peso e della centralit economica e sociale dellinstitutio corte, aument il grado di complessit
delle procedure gestionali e delle prassi contabili. Il processo riformistico conobbe fasi alterne, pi blande
sotto il dominio di Ercole I ed Eleonora dAragona, assai pi vigorose e spedite con Alfonso I ed Ercole II.
Tuttavia, ancor pi della volont e della capacit dei singoli regnanti, furono le circostanze esterne a favorire
o ad avversare i progetti e le fasi di cambiamento. Basti pensare alle inderogabili e voraci necessit delle
finanze militari, alle distruzioni e alle gravi perdite patrimoniali cagionate dalle conquiste veneziane, al
perdurante stato di semi-belligeranza (1484-1527) e alla quasi ventennale sottrazione di Modena e Reggio,
alla frequente assenza del duca e di molti dei suoi ufficiali dalla capitale, alle ricorrenti pandemie e alle
reiterate quanto rovinose rotte del Po.
Limpianto generale, con tutta probabilit gi delineato a grandi linee durante il regno di Ercole I, matur
in modo decisivo durante il periodo alfonsino, per poi raggiungere il massimo dellefficienza con Ercole II e
segnare le prime fasi di inesorabile declino col suo successore Alfonso II. Lultimo ventennio del
Quattrocento pu essere quindi legittimamente assunto come un vero e proprio turning-point, solido
spartiacque tra la magmatica esperienza quattrocentesca e la pi lineare e razionale partitura dellinizio del
secolo successivo, quando il disegno generale risultava ormai definitivamente tracciato. I fattori che
concorrono alla spiegazione di tale fenomeno sono perlomeno tre e meritano una trattazione non superficiale:
laccentuazione del grado di differenziazione dei compiti e delle responsabilit degli uffici, laffermarsi della
Casa (o corte in senso stretto) come nucleo autonomo dal punto di vista contabile, laccelerazione del
processo di separazione delle corti particolari, che iniziarono a dotarsi di strutture amministrative
indipendenti.
Alla fine del Quattrocento, il grado di differenziazione tra i singoli uffici era ancora soltanto abbozzato e
non erano chiaramente distinguibili i confini tra le unit organizzative appartenenti al medesimo
raggruppamento o divisione; prevaleva la tendenza alla concentrazione, allaccorpamento, anche in senso
strettamente tecnico. A titolo di esempio, fino agli anni 1504-5 esisteva tra i registri di spenderia un unico e
gigantesco conto generale de carne e pesse, che oltrepassava facilmente le 700 pagine, in cui venivano
registrate le operazioni relative allacquisto e alla distribuzione di carni, pesci e pollami: gi nel 1510-11 tali
transazioni erano riportate in vacchette separate, i cui valori di sintesi comparivano poi nel conto generale di
spenderia.
Tale suddivisione permise di aumentare considerevolmente il grado di dettaglio delle rilevazioni,
consentendo una pi accurata classificazione delle diverse tipologie di beni: le carni vennero distinte tra
manzo, vitello, porco, figato di vitello, figato di porco, budelle, trippe, cazagione, il pesce tra luzzi, tinche,
carpe, chepie (cheppie), anguille, cevali e orate, sturioni, il pollame tra caponi, galine, polastri, pepioni
(piccioni de colambara e caxalinghi), faxani, pavoni, anadre e anadrazzi, pernixi, ove fresche e stantie.
In modo analogo, il registro dello spenditore generale fu affiancato da quello dello spenditore cavalcante
(incaricato di registrare gli acquisti e le distribuzioni avvenute durante i viaggi del duca) e successivamente
da quello dello spenditore alle forestarie, in cui erano segnati a parte gli estremi delle operazioni eseguite per
lapprovvigionamento degli ospiti ducali.
Tale fenomeno si diffuse in tutti gli uffici di Casa e camerali, determinando linsorgenza di problemi
quasi diametralmente opposti, risolvibili solo con la creazione di strumenti contabili di secondo livello che
integrassero e sintetizzassero la marea montante di dati provenienti da carte, registri, bollettini e mandati
separati. La risposta fu sia organizzativa (creazione di nuovi profili professionali, riordino degli
organigrammi preesistenti, comparsa di ruoli e figure di raccordo, ecc.), sia amministrativa: i conti generali e
i memoriali di spesa del livello divisionale furono il pi efficace strumento di raccordo tra unit e documenti
divenuti pressoch autonomi.
Tali soluzioni determinarono anche la crescita dei livelli di delega, soprattutto per ci che concerneva la
possibilit di effettuare i pagamenti e le riscossioni di ordinaria amministrazione: dal saldo dei noli alla
remunerazione dei facchini, dalla copertura delle spese di manutenzione ordinaria agli acquisti di materiali e
di strumenti da lavoro. Tali operazioni, rimaste fino ad allora centralizzate come prerogativa esclusiva della
tesoreria, dovettero essere parzialmente decentrate con la creazione di fondi di tesoreria periferici; tali
somme potevano essere assegnate mensilmente sulla base degli stanziamenti previsti dai bilanci preventivi
(esemplare a tal proposito il caso dei versamenti mensili fatti dalla tesoreria alla spenderia, la quale si
peritava di ridistribuirli agli altri uffici collegati come la grassa o la panetaria) oppure annualmente.
Fino alla fine del Quattrocento le distinzioni tra i confini della Casa e quelli dello Stato risultavano ancora
incerti e lappartenenza di dipendenti e degli stessi uffici alluna o allaltro era largamente indeterminata.
Nelle bollette dei salariati ducali (in cui, fino al 1495-96, confluivano indistintamente i dati afferenti alle
posizioni contabili dei membri delle corti del duca, della duchessa e di alcuni principi di sangue, dei capitani
di porte, rocche e castelli, dei professori dello Studio ferrarese), a fronte del salario monetario posto in avere,
comparivano in dare le somme dovute per pagamenti di dazi, acquisti di derrate alimentari, tessuti o cavalli,
oltre a quelle relative a saldi e compensazioni di debiti sorti con persone estranee alla corte stessa, ecc.
Limportanza di questa funzione di clearing delle scritture contabili va ampiamente sottolineata, tuttavia
bisogna notare che si cerc, soprattutto durante il regno di Alfonso I, di scindere la sfera delle attivit della
Casa da quella degli interessi ad essa estranei. Tale obiettivo fu perseguito con il perfezionamento delle
procedure di assegnazione delle componenti naturali della remunerazione, con la separazione dei conti
relativi alle attivit eseguite per conto della Casa da quelle effettuate per cause ad esse aliene, con
lassegnazione permanente di quadri camerali a taluni uffici di Casa, con laffinamento delle competenze
spettanti al Proveditore generale de la corte, vero e proprio amministratore delegato della Casa, con
listituzione, la diffusione e la standardizzazione dei significati e dei figurati, bilanci preventivi consacrati al
solo ambito delloikos estense.
Il terzo ed ultimo fattore, forse il pi importante, fu laccelerazione del processo di separazione delle corti
particolari, che nellultimo ventennio del Quattrocento iniziarono a dotarsi di strutture amministrative
indipendenti. Le cause di questo progressivo distacco possono essere ricercate sia nellambito delle obiettive
difficolt incontrate dai quadri camerali nel coordinare e mantenere sotto controllo 7-8 contabilit distinte, in
continua, simbiotica e sovente caotica relazione con quelle ducali e statali, sia in quello di una composita e
sofferta temperie culturale che si indirizzava ormai alla clonazione della formula principesca.
Laffrancamento delle corti particolari dalla tutela ducale provoc anche lavvento di organi amministrativi
separati. Se nel 1505 don Ferrante dEste, fratello del duca Alfonso I, aveva alle proprie dipendenze come
fattore generale messere Giovannino dal Fabro e, in veste di tesoriere, Sigismondo dal Fabro,
presumibilmente parenti (oltre a Spierambene, ufficiale al granaro, Giovanni del Bernardo alle cantine, tre
spenditori e due ufficiali in guardaroba196) dieci anni dopo risultavano alle dipendenze di Sigismondo I, zio
del duca, un fattore generale, lo spettabile Francesco dalle Balestre, un computista di nome Giusberto
Giusberti, e numerosi altri ufficiali di casa.196 Cos, nel 1546, il ventiseienne don Alfonso, figlio legittimato
di Ercole I e Laura Eustochia Dianti, aveva al proprio servizio il maestro dei conti messere Agostino di Fino,
il tesoriere Alfonso dal Vescovo, i ragionati Antonio Maria Bianchi e Giuliano Grandi,198 oltre agli ufficiali
alla spenderia, al granaro, alle canove, alle farine e ai molini del Finale.
Le corti sopracitate erano peraltro di dimensioni relativamente ridotte, dal momento che oscillavano tra le
sessanta e le cento persone; assai pi nutriti erano invece i quadri amministrativi presenti nelle familie delle
duchesse, dei cardinali e dei vescovi di Casa dEste: se tra il 1552 ed 1556 il numero dei contabili del
cardinale Ippolito II superava le otto unit, a cui vanno sommati i responsabili dellamministrazione degli
enti e delle propriet ecclesiastiche poste sotto il suo controllo, che figuravano in bollette separate,199 nel
biennio 1558-59 erano agli ordini di don Luigi dEste, ancora vescovo di Ferrara (fu ordinato cardinale nel
1560), cinque funzionari addetti ai conti dello Episcopato e pi di otto per quelli della Casa.200
Gli spunti di riflessione offerti da tale situazione sono diversi. Innanzitutto siamo testimoni di un
bellesempio di isomorfismo organizzativo, ossia della diffusione capillare di modelli organizzativi assunti
come consolidati modelli di riferimento; inoltre non veniva disperso, o per meglio dire distribuito, il solo
sapere tecnico, ma si muovevano gli stessi uomini che lo incarnavano: non casuale che il 90% del
personale contabile delle corti minori (con la parziale eccezione di quelle cardinalizie) provenisse dai ranghi
della Camera Ducale. Questo fatto provoc una salutare uniformazione delle prassi amministrative, facilit la
regolamentazione delle compensazioni bilaterali tra il centro e i nuclei periferici, pose le basi per la
definizione di un unico sistema di prezzi di trasferimento; infine agevol i processi di centralizzazione di
determinate operazioni, consentendo ad esempio alla spezieria e al fontico ducale di fornire a prezzi
concordati alle corti minori i beni acquistati en bloc. Inoltre si moltiplicarono gli sbocchi e gli orizzonti
professionali del personale camerale, che, dopo essersi formato negli uffici centrali, poteva tentare brillanti e
redditizie carriere al servizio di altri membri di Casa dEste, evitando cos pericolosi ingessamenti degli
organici e accelerandone il turn-over.

I meccanismi operativi

Il quotidiano funzionamento della corte era assicurato da un complesso sistema di meccanismi operativi:
strutture, tecniche e strumenti. Per esigenze espositive sono stati ripartiti in diversi gruppi: i meccanismi di
comunicazione e decisione; quelli di coordinamento, distinti tra meccanismi informali e di supervisione
diretta, standardizzazione dei processi produttivi e delle procedure, standardizzazione di beni e servizi,
standardizzazione dei comportamenti; i sistemi di controllo, i supporti amministrativi, le pratiche di revisione
contabile e le ispezioni amministrative; i sistemi di pianificazione; i sistemi di valutazione e i prezzi di
trasferimento delle transazioni interne.

I meccanismi di comunicazione e decisione

I diversi uffici e i relativi ufficiali comunicavano tra loro sia verbalmente che in forma scritta.
Rientravano nellambito della prima categoria: le discussioni che scaturivano nel corso delle riunioni che si
tenevano periodicamente a scadenze prefissate, gli incontri di routine tra i titolari di uffici contigui, ovvero
posti allinterno di specifici processi produttivi e distributivi, le comunicazioni orali affidate ai messi e ai
comandadori, che fungevano da raccordo tra i diversi uffici.
Pi interessanti e articolate erano le forme scritte, di carattere sia informale che formale. Assimilabili alle
prime erano le lettere e i messaggi, gli squarzetti, i brogliacci, gli appunti, i ricordi, insomma tutte le
comunicazioni di servizio. Assai pi ampio e sofisticato era invece il panorama dei rapporti ufficiali: oltre ai
registri veri e propri, che analizzeremo in seguito, svolgevano unimportante funzione i cosiddetti bullettini,
piccole strisce di carta che riportavano il contenuto di talune disposizioni ufficiali, usualmente soggetti a
forme di standardizzazione, recanti le firme (e a partire dagli anni 40 anche alcuni timbri) di uno o pi
ufficiali di livello superiore. Tali documenti, se redatti in bona forma, avevano potere liberatorio, poich
sollevavano da responsabilit indebite chi dava seguito alle disposizioni in essi contenute.
Unaltra forma, pi specialistica, era quella dei mandati: ordini di pagamento, soggetti alla stessa
normativa che regolava i bollettini, avevano potere liberatorio solo se compilati nei termini e nelle forme
previste e se controfirmati dai fattori generali: in caso contrario, il tesoriere si doveva rifiutare di effettuare i
pagamenti richiesti.
Anche i meccanismi decisionali ricalcavano un modello assai simile; essi erano ancorati al rispetto del pi
ferreo principio gerarchico per ci che concerneva i processi decisionali dei singoli uffici e delle singole
divisioni, mentre ricorrevano a momenti collegiali di verifica e discussione per le scelte che coinvolgevano
diversi livelli operativi, dando modo ai vertici dei diversi uffici di concertare politiche e interventi comuni.
Un minuzioso e articolato sistema di deleghe, che rimandava inevitabilmente ai decisori ultimi (il
maggiordomo, il commissario generale e i fattori generali), permetteva agli uffici di sceverare le
informazioni rilevanti da quelle inutili, rendendo pi agili i processi e mettendo a disposizione dei decisori
solo le indicazioni strettamente necessarie.
Rimane comunque stupefacente, di l da qualunque facile retorica, il grado di eccellenza del lavoro
cortigiano. Tali risultati, ancor pi sorprendenti se teniamo conto della relativa rudimentalit delle forme di
comunicazione e coordinamento, dellampiezza dei confini organizzativi, delle difficolt incontrate nei
processi di pianificazione, dovevano gran parte della loro brillantezza, oltre che alla preparazione degli
specialisti e alla flessibilit della struttura, sempre in grado di coprire tempestivamente improvvise defezioni
o mancanze, proprio allefficacia e allefficienza del sistema decisionale, articolato in decisioni ordinarie e
straordinarie, individuali e collegiali.
Le prime riguardavano compiti e mansioni routiniere (assoldare dei facchini, far trasportare dei materiali,
fare eseguire dei lavori di manutenzione ordinaria, ecc.) e spettavano normalmente allufficiale delegato, il
quale, pur dovendo sempre rendere conto del suo operato ai diretti superiori, decideva con relativa
autonomia. Diverse erano invece le decisioni extraordinarie, relative a deviazioni anche minimali dai
sentieri prefissati: incrementi salariali, nuove assunzioni e promozioni, mutamenti degli ordinari dei singoli,
eventi imprevisti, ecc. Questi provvedimenti erano demandati a processi negoziali tra i titolari degli uffici
superiori: il responsabile dellufficio interessato faceva la sua proposta, che veniva sottoposta allattenzione
dei suoi diretti superiori, fino al vaglio dei fattori generali, talvolta dello stesso duca, ultimo orecchio e prima
bocca delle volont di corte.
Diverso il caso delle decisioni e degli incontri collegiali: vere e proprie sedute consiliari, assai simili a
quelle che si tenevano con cadenza settimanale presso la Camera Ducale. Pur non essendo riuscito a
rintracciare le disposizioni che regolavano il calendario di tali incontri allinterno della corte estense, si pu
ipotizzare che non fossero dissimili da quelli sabaudi, ove nel 1564 i membri del Consiglio di Casa si
dovevano riunire ogni venerd per proposer, ouyr, voir et determiner tant ce en quoy il sera lors besoing de
pourvoir tant pour le pass, qu lavenir: et notamment pour la septimaine lors prochainement venant.201
In tali appuntamenti venivano discussi i fatti della settimana o del mese trascorso, si prendevano
provvedimenti disciplinari nei confronti di dipendenti negligenti o macchiatisi di colpe particolarmente gravi
(furto e peculato in primis), si pianificavano le attivit dei periodi entranti. Affini gruppi di lavoro erano
poi costituiti per fronteggiare eventi eccezionali: episodi bellici e spostamenti extra mnia, matrimoni,
battesimi e lutti, arrivi di ospiti illustri e viaggi di grande prestigio, festivit laiche e religiose. In tali
frangenti si tenevano incontri supplementari per precisare ogni singolo dettaglio: era infatti necessario
mutare le strategie e i tempi degli approvvigionamenti, ridefinire la logica e la logistica dellospitalit (ogni
gran personaggio viaggiava nelle occasioni ufficiali con tutta la sua familia al seguito e si doveva
provvedere al soddisfacimento dei suoi bisogni come a quelli dellultimo dei suoi mulattieri), potenziare
temporaneamente gli organici di appositi uffici (da quello sovra i forestieri agli spenditori cavalcanti).

I meccanismi di coordinamento

Il rispetto delle forme di comunicazione e decisione richiedeva la messa in atto di meccanismi di


coordinamento, intesi a regolare le relazioni verticali, orizzontali e diagonali che si instauravano tra i diversi
elementi della struttura; sarebbe infatti ingenuo e semplicistico credere che le singole unit fossero coinvolte
solo sporadicamente nellambito di processi produttivi e distributivi comuni. Al contrario, le relazioni
intraorganizzative erano quotidiane e intense, come risulter da un breve esempio, in cui ho ricostruito uno
specifico processo, una storia minima, quella di un panino.
Nella possessione X, appartenente alla castalderia WW, il lavoradore YY, legato al duca da una contratto
mezzadrile di laboradura stipulato da un notaio camerale alla presenza del fattore alle possessioni,
produceva una quantit Z di frumento. Terminato il raccolto, avvenuto sotto il controllo del saltaro ducale e
con lapporto dei cavalli da trebbia condotti da un cavallaro dipendente dal fattore sopra i bestiami, la parte
dominicale veniva incamerata dal castaldo della castalderia WW. Tale ufficiale, previa trascrizione
dellammontare del quantitativo fornito dal lavoratore YY nel registro de la castalderia, inviava con un
apposito bullettino la quantit di frumento Z al superiore ai granari ducali. Questi ne prendeva nota
nellapposita vacchetta e, con un altro bollettino, inviava il grano a uno dei munari ducali in servizio a
Ferrara, che lo restituiva in forma di farina a uno degli ufficiali del deposito grande delle farine. Il relativo
superiore, dopo averne registrato qualit (primo fiore, secondo fiore, da famiglia, da cani, remolo o
rapezzollo) e quantit, inviava la farina allufficiale alla burateria, o deposito delle farine di corte. Questi,
dopo aver registrato il carico nellapposito zornale de la paneteria, la consegnava al maestro panettiero,
dipendente dallo scalco ducale generale, che a sua volta riportava nella sua vacchetta del pane in dare i pesi e
le libbre di farina ricevuta e in avere le unit di pane ottenuto (in tiere ed once). Una volta impastata con
lolio o lo strutto proveniente dallufficio della grassa e acquistato dalla spenderia ducale, la nostra michetta
era pronta per essere affidata alle cure del dispensiero, rimanendo nelle sue mani sino a quando il panettiero
in tinello non riceveva dal suo superiore, lo scalco in tinello, lordine di prelevarla e darla al credenziero in
tinello, affinch venisse posta sul desco da un imbandidore. Per un caso tanto raro quanto fortuito, la
michetta poteva esser solo sbocconcellata: un facchino in tinello la raccoglieva e la consegnava con gli altri
retrati de pane allo scalco, che a sua volta la restituiva alla panateria. Qui il destino della michetta
mordicchiata poteva imboccare due diverse strade: finendo nelle fauci di uno dei levrieri, dei segugi o dei
bracchi del duca, affidati alle cure di uno dei canattieri ducali, oppure terminando la sua vita di corte in un
sacco dal peso prefissato, che costituiva parte del salario in natura ordinario di uno dei vacchari ducali,
dipendenti del fattore sopra i bestiami obbligati per contratto a mantenere almeno 3 cani da guardia per
proteggere i capi bovini bradi dallassalto dei ladri e soprattutto dei lupi. Per pura sorte il suddetto vaccaio
pascolava le sue vache da boscho proprio sul maggese della possessione X, e la nostra michetta concludeva
la propria carriera come concime del campo di frumento Z.

I meccanismi informali e la supervisione diretta

Ma veniamo ora ai singoli meccanismi, tra i quali un posto di sicuro rilievo spettava alle forme pi
comuni di coordinamento: i meccanismi informali e la supervisione diretta. A tal proposito non c molto da
aggiungere a ci che si gi detto, eccezion fatta per un solo aspetto. La supervisione era quasi sempre
diarchica, poich correva su un duplice binario tecnico-amministrativo. La prima rotaia coincideva col sapere
tecnico, la capacit specifica, la professione, e non si discostava dai tradizionali canoni direttivi delle arti e
dei mestieri: un lungo apprendistato intrapreso dalla pi tenera et, vincolato da legami familistici o
padrineschi, un limitato grado di autonomia decisionale, carriere lente, vischiose e tutte percorse allinterno
della corte, talvolta per pi generazioni, massimo rispetto per esperienza e anzianit. In un simile ambiente la
supervisione era costante, quasi ossessiva, ma perennemente legata al fare e al saper fare, allazione, al
compito. Diversa era invece la natura della supervisione amministrativa, demandata ad apposite figure che
avevano il compito di monitorare, sovrintendere, valutare lopera dei tecnici; in questo caso il controllo era
mediato, pi formale che sostanziale.
Inoltre, il peso della supervisione diretta era accresciuto dalla compresenza di elementi in parte scomparsi
dallo scenario delle moderne organizzazioni: mi riferisco al ruolo svolto dalle gerarchie. Si confrontavano
infatti sulla scena di corte diverse archie, diversi ordini: quello del Sangue e del Rango, quello della
Capacit e del Merito, quello del Favore. Mentre i primi due erano relativamente stabili, il terzo contribuiva
sia al mantenimento che al mutamento degli equilibri acquisiti. Gran parte del controllo, e della supervisione
in senso lato, nasceva proprio dalla convivenza di forze sociali che in nessun altro luogo erano cos vicine e
al tempo stesso distanti. La corte non si limitava ad essere una metafora, un plastico, un modello in scala
ridotta dello Stato, ma ne era la forma prima, lincarnazione pi autentica: in essa erano rappresentati tutti i
ceti e i poteri (nobili e borghesi, artigiani e mercanti, magistrati e uomini di fatica, religiosi ed artisti, letterati
e buffoni), con le identiche tensioni, le stesse istanze.
Tuttavia la compattezza della struttura, la solidit dellistituzione, vero e proprio nucleo in senso fisico
della Stato, potevano conservarsi solo se pi ordini concorrevano a determinare lOrdine, se pi poteri
preservavano il Potere. Non era dunque affatto casuale che determinate cariche e specifici compiti fossero
attribuiti solo a individui provenienti da couches sociali ben definite, in modo da sovresporre dignit della
carica e alti natali, dipendenza tecnico-organizzativa e inferiorit sociale, rafforzando cos la componente
naturale, la propensione istintiva ed innata al comando e allobbedienza, alla supremazia e alla
subordinazione. Non devono quindi stupire i rimbrotti del Sigismondi quando, trattando del rapporto tra
nobili camerieri e vili aiutanti di camera, specifica che: in molti servitii della camera, e massime in alcuni,
[...] i camerieri non devono ingerirsi in modo alcuno, come per esempio nel far i letti, polir le tavole, spazzar
le vesti, accendere il fuoco, e molte altre cose simili, [...] non solo per loro particolar honore: ma anco per
non far pigri gli aiutanti, e per non renderli arditi contro di essi.202
Non mancavano peraltro gli aspetti negativi, sintomatici di conflitti che traslavano sul terreno
apparentemente neutrale, ma non per questo meno infido, della professione e della professionalit,
rivendicazioni e pretese ben diverse, che nascondevano tacite ambizioni di ascesa sociale o esplicite richieste
di chiusura dei ranghi. In questi frangenti era la terza gerarchia, quella del Favore, magico regolo
equilibratore, a entrare in gioco, per disinnescare le potenzialit eversive del conflitto, per infrangere,
ridefinendole, le regole che sancivano il diritto daccesso e il dovere despulsione dal cerchio di corte.
Tuttavia, la sottile e quasi infallibile corda del Favore era pizzicata pi di sovente per ricompensare carriere
esemplari che per assolvere crimini inescusabili, divenendo un fattore funzionale al potenziamento
dellelemento gerarchico, un suo complemento quasi aneddotico, un prezioso exemplum della catechesi
dellobbedienza, della religione della fedelt.
La standardizzazione dei processi produttivi e
delle procedure: ordini, istruzioni, capitoli e regolamenti

Ai fini dellequilibrata conduzione della struttura e del costante raggiungimento degli obiettivi imposti
dallesigentissima domanda ducale, era essenziale che i processi produttivi e distributivi fossero
standardizzati. La standardizzazione assolveva pi funzioni: garantiva la continuit e lomogeneit
qualitativa nellerogazione di determinati servizi, riduceva i rischi di interruzione degli stessi, permetteva ai
funzionari di disporre di modelli utili per risolvere con successo casi controversi o mai affrontati, rendeva
quasi superflui gli apporti personali nella conduzione dellufficio, meno gravi le defezioni improvvise e
poco traumatiche le fasi di apprendistato e di ricambio del personale.
In particolare, almeno due tra i benefici sopracitati erano di assoluta rilevanza: la continuit
nellerogazione dei servizi e la spersonalizzazione della conduzione dellufficio. Possiamo parlare di una
vera e propria ossessione per la continuit: levento pi temuto, per le sue derive simboliche ancor prima che
pratiche, era proprio linterruzione, la sospensione, la mancanza, la carestia. Nel luogo dellabbondanza per
eccellenza, dove il consumo vistoso assumeva unimmediata valenza apotropaica, la povert, la penuria,
sarebbero state vissute come evento luttuoso, sicuro presagio della ruina dello Stato stesso.
E invece diverso il caso della spersonalizzazione. Non si devono infatti confondere la personalizzazione
o familiarizzazione della titolarit di taluni uffici, trasmessi da padre in figlio o talvolta posti allincanto, con
la personalizzazione della conduzione dello stesso. Qui ogni intervento discrezionale, ogni interpretazione
personale delle regole procedurali era vissuta come un incidente, un accadimento da evitarsi con la
massima cura. Infatti, le conseguenze di una diffusione incontrollata di tale comportamento sarebbero state
nefaste, e avrebbero condotto rapidamente al collasso le delicate articolazioni del corpus amministrativo.
Diversi erano invece gli strumenti attraverso i quali le misure di standardizzazione si concretizzavano,
riassumibili nelle forme degli ordini et istruzioni, dei pacti e dei capitoli, degli instrumenti notarili.
Gli ordini et instruzioni erano veri e propri mansionari, o manuali di procedura, in cui venivano
minuziosamente prestabiliti i compiti che ciascun ufficiale doveva svolgere nel quotidiano esercizio delle sue
funzioni. Essi potevano essere sia di natura generale che particolare. I primi, di chiara origine
quattrocentesca, come ben testimonia il noto caso degli ordini et offitij urbinati,203 erano testi in cui le
consuetudini amministrative si erano convertite in disposizioni permanenti, trascritte in documenti che
dovevano avere una circolazione pi ampia di quanto si creda. Vi erano contemplate tutte le disposizioni utili
ai fini di una corretta e onorevole conduzione della corte: dai consigli sulla scelta degli scalchi,204 a quelli
riguardanti le attivit dei barbieri,205 fino ai pi intimi suggerimenti sullassetto notturno della camera del
signore, ove stiano sempre aparechiati doi orinali de vetro bem necti et bem lavati et lucidi, et cus una
sedia cum lo catino de lacqua posticcio et mutato servitio per servitio, cum sterchatori de tela un poco
ruvidecta et biancha sempre, ma io lodaria pi la stoppa de la cannapa.206
Tutto luniverso del sapere, o ancor meglio, del mestiere cortigiano, era compendiato in appositi capitoli,
in cui veniva definito lordine esatto delle cose, degli uomini, dei compiti e dei comportamenti.
Un grado ancor maggiore di dettaglio era poi presente negli ordini degli specifici uffici, in cui erano
dettagliatamente descritte le sequenze procedurali che gli ufficiali dovevano seguire nella quotidiana
esecuzione dei compiti loro affidati.
Cos, negli ordini di paggeria intitolati Regimento di Paggi del Serenissimo S.re Duca di Ferrara, tra i 45
capitoli ve ne erano alcuni dedicati al modo di dormire, alle orationi inanci il dormire, al partimento delle
camere nel dormire, al modo di levarsi, a come si debban presentare al maestro, a quello che sha da fare
nel tempo della scola, al modo di andare a cavalcare, al gioco darmi et ballo, al disnare, fino al passatempo
doppo la scuola o allandare in maschera.207 Analogamente negli ordini di stalla comparivano le istruzioni
circa il numero di prevende di biava da assegnare ad ogni cavallo, ronzino, asino, mulo, giumenta da caretta,
il calendario delle strinature e dei lavaggi con aceto, i capi da affidare a ciascun famiglio di stalla e
mulattiero, sino ai compiti e alle responsabilit dei domatori, dei superiori agli stalloni e ai puledri, dei
maniscalchi, dei sellai, degli ufficiali ai finimenti, ecc.
Attenzioni ancor maggiori erano riservate agli obblighi procedurali. Si vedano ad esempio i passaggi
riservati allo spenditore, che comprara tutte le cosse che di giorno in giorno, occoreno per bisogno del
viver de detta Casa scrivendoli il numero, peso et costo sopra il suo libro et consignar ogni cosa al
dispensiero il quale ancor lui sul libro della dispensa scrivera tutte le robbe per numero, peso et costo di
quanto gli consignara il detto spenditor et cossi ogni sera il scalcho di s.s. vedera la detta spesa chegli
haveva fatto come quello che vede le robbe matina et sera et di sua mano sotto scrivera le dette spese di
giorno in giorno et il detto computista in capo del mese gli accettara quanto gli trovara sotto scritto di mano
del ditto s.r scalcho di s.s. et no altri mente facendo poi il mandato in capo del mese in meso, et si vedera
cun buona diligentia et il detto spenditore fara una lista ogni di di quanto havera spese et la dara al s.ro
maestro di casa.208
La lunghezza degli esempi, scelti a caso nel novero di una casistica ben pi ampia e dettagliata (giunge a
predeterminare come e in quali pagine dei registri vadano segnate determinate partite o quali titoli209 debbano
essere impiegati nelle pratiche di registrazione), illustra la razionalit del sistema, la maturit, lassoluta
lontananza dai pregiudizi dei pi vieti clich storiografici che a lungo hanno fiaccato le ricerche su un
soggetto pur cos intrigante. Sarebbe infatti erroneo, ingiusto e storicamente scorretto perseverare nel
concepire la corte come il luogo dellimprovvisazione, del capriccio, della sregolatezza; ci che invece
affascina maggiormente la tensione quasi maniacale volta alla ricerca dellordine totale, del controllo
assoluto, della misura perfetta. Non vi era azione o sentimento che non fosse misurabile e misurato,
valutabile e valutato, codificabile e codificato: ovunque regnava lossessione per la precisione millimetrica,
per lequilibrio infinitesimale. Forse sta proprio in questa paradossale meschinit, in questa borghesissima
attenzione per lultimo spicciolo, la cifra del successo estense e della sua conclamata magnificentia che, a
onor del vero, appaiono pi il risultato di calcoli degni dellultimo degli avari che di azioni sinceramente
liberali: i Gran Prencipi di Casa dEste stabilivano minuziosamente i quantitativi giornalieri di miglio da
darsi a li ocellini che stanno in le voliere a Belfiore, disponevano che ogni cane da caccia avesse ogni d 1
tiera di pan taia de onze 20 e che quelli da guardia ricevessero 1 tiera de onze tranta luna di pane negro,
sapevano che gli 11 gati suriani che stano a Belvedere consumavano 1 tiera de pan negro e che i due
liompardi che anno ogni di 30 per ambidui lire 14 soldi 15 de lire marchesine vene el di continuo per
cadauno soldi 4 denari 10 marchesini.210
Inoltre, proprio in questa sottaciuta tendenza al calcolo si cela forse la vera essenza del Favore, la
variabile decisiva del sistema di equazioni cortigiane: solo in un ambiente in cui tutto era perfettamente
calcolato e regolato e in cui tutti erano coscienti dellordo rerum, poteva risultare sconvolgente linfrazione
delle norme, la violazione delletichetta, il comportamento a-normale. Non si pensi, sulla scorta delle
suggestioni del Castiglione, di Della Casa o del Guazzo, che solo parole, sguardi e gesti fossero soggetti a
razionamenti, a parsimoniosi risparmi e sospetti quanto improvvisi sprazzi di generosit: ogni cosa, o per
meglio dire, le Cose prima di ogni cosa, erano soppesate, elevate a misura e testimonianza dellordine e degli
ordini: le qualit delle cose e degli uomini erano inseparabili gemelle, la prova incontrovertibile del
reciproco valore.
Tuttavia, lordine, la perfetta seppur asimmetrica distribuzione, la regola, si dovevano cristallizzare,
fissare in documenti in grado di tradurre le consuetudini in leggi, gli usi in codici e canoni comportamentali.
Una forma consimile avevano i pacti e i capitoli, documenti in cui erano trascritti i termini degli accordi
informali che sussumevano tradizioni e prassi consuetudinarie e che si ponevano a met strada tra gli ordini e
gli instrumenti notarili. Pur non avendo valore coercitivo come gli instrumenti n lidentica forza legale, i
patti e i capitoli erano assai simili negli aspetti formali e venivano impiegati per la fissazione dei compiti di
quegli uffici211 che si ponevano a cavaliere tra linterno e lesterno dei confini di corte: le attivit dellufficio
sopra il pollaro, dei cavallari e dei curieri, del fornaro, del beccaro, del fruttarolo, del casaro, solo per
citarne alcuni, erano regolate dai rispettivi capitoli. I sottoscrittori si dichiaravano dacordo luna parte e
laltra et prometteno di osservare quanto nel presente scritto se contiene et voleno et dicano esser contenti
che il presente scritto habbia quella forza et autoritade come fusse uno instrumento rogato per pubblico
nodaro,212 regolando cos i reciproci obblighi, con clausole davvero sorprendenti per precisione e
completezza. Non si deve infatti credere che gli aspiranti cortigiani si astenessero dallavanzare precise e
circostanziate richieste: se nei pacti quali vol fare rugiero fornaro et zoanne suo fiolo, si richiedevano
oltre ad un salario di lire 15 marchesane ogni mese senza ritentione de paga morta, anche la spesa di
quattro boche, e che la Camara sia tenuta darli la Casa et li ordigni per li forni et farli condure lacqua dal
po et le massaritie da forno,213 nei pacti e capitoli che dimanda a la m.ra vostra lorenzo trentino et fratelli
et nepoti per il masenare della corte, veniva richiesta e ottenuta lesenzione per denari sei di estimo, o sia
per homini sei, e la exemptione di molini dui come esta la usanza del tempo passato,214 oltre ad altri
numerosi benefici.
Venivano infine gli instrumenti, ossia i contratti rogati dai notai camerali, talvolta anche da quelli
pubblici, in cui venivano stabilite le clausole che regolavano i rapporti di fornitura, gli affitti e gli appalti;
tutte le relazioni economiche di qualche rilievo venivano disciplinate in appositi instrumenti: dai contratti
siglati tra la Camera Ducale e i conduttori delle valli di Comacchio a quelli stipulati tra i laboraduri dei
singoli poderi e lufficio sopra le castalderie e possessioni, dai capitolati di fornitura sottoscritti dai
fornaciari alle clausole accettate dai maestri da muro, dai magnani, dai fenestrari e dai copridori de caze
impegnati nelle attivit edilizie. Anche in questo caso lattenzione dei funzionari di corte era posta sulla
standardizzazione dei contratti, sulla stabilit delle condizioni (es. prezzi o quantitativi), sulluniformit del
trattamento, sulla reiterabilit nel tempo dei modelli acquisiti come duraturi termini di riferimento. Questa
prassi accresceva considerevolmente il potere negoziale degli uffici di corte, rendeva trasparenti le
condizioni alle quali si accettavano proposte o richieste di collaborazione esterna (facendo pesare gli
eventuali favori accordati a singoli operatori), ampliava il mercato dei possibili competitori e uniformava le
procedure di stesura dei documenti stessi, che dovevano limitarsi a ricalcare le tracce dei modelli gi
esistenti.
La standardizzazione di beni e servizi

Unaltra forma di coordinamento, complementare alla precedente, era la standardizzazione dei risultati
dei processi produttivi e distributivi. Tale procedimento rispondeva a esigenze tanto diverse quanto sentite,
ponendo ordine nel complesso sistema delle relazioni socioeconomiche di corte e fornendo agli ufficiali
indicazioni sicure e stabili nel tempo. Esso inoltre garantiva la precisione e la rapidit delle procedure di
verifica e rendicontazione, fondate su unit di misura omogenee: era sufficiente sommare le voci delle
singole colonne per disporre dei dati consuntivi relativi ai consumi o alle produzioni settimanali, mensili,
annuali, per di pi distinguibili per categorie di consumatore/produttore (signori e gentiluomini, officiali e
funzionari, artigiani e professionisti, bassa corte, per i consumi; i diversi operatori per le produzioni) e di
consumo/produzione (ordinario e straordinario). Era poi dutile ausilio per la stesura dei bilanci preventivi
(significati e figurati) e agevolava le critiche fasi di passaggio tra i due diversi assetti stagionali.215
I processi di standardizzazione riguardavano sia le attivit produttive che quelle distributive. Per ci che
riguarda le prime, venivano fissate in appositi documenti le caratteristiche specifiche di determinati beni, che
dovevano essere il pi possibile omogenei dal punto di vista del peso, delle quantit, delle dimensioni, del
prezzo. Cos i casari ducali, responsabili delle produzioni casearie, dovevano fornire alla spenderia forme di
formazo di pisi 8 luna da 25 libbre, i lavoradori delle possessioni ducali erano tenuti a recapitare ogni anno
ai canevari una, due, tre o quattro castellate di vin con graspe, i fornaciari provvedevano vetri, ceramiche e
materiale per ledilizia in quantitativi e prezzi standard, i ferrieri di Garfagnana consegnavano ai fonditori
ducali fero e balote de fero in unit di eguale peso e propriet, ecc. In alcuni casi si giungeva a prestabilire
rigidamente le propriet dei singoli beni: cos nellufficio della panateria non solo si tenevano conti separati
della farina ricevuta, distinta in primo e secondo fiore, da famiglia, da cane, rapezzollo, e dei pani da questa
ottenuti, suddivisi in pane intiero da signore di primo e secondo fiore, pan taia, da famiglia, da cani,
biscotto, ma veniva predeterminata la crescimonia de lo pane della casa che doveva essere per il pan
intero libbre 14 per cento [libbre di farina avuta], per il taia libbre 16 per cento, per il pan roseffo e frescho
libbre 16 per cento, per il pan da famia libbre 16 per cento, per il pan da cani libbre 23 per cento,
intendendose che libbre 50 de farina siano per uno staro, stabilendo che se da al fornaro de cosedura del
pane soldi uno per staro e per la cosedura de lo biscotto soldi 1 denari 6 de lire marchesane per staro [di
farina] da condo il dito fornaro libre 75 de biscotto per libre 100 di farina.216
In modo analogo venivano prefissati gli standard dellerogazione di determinati servizi: si considerino, a
titolo di esempio, le clausole degli accordi stipulati con i cavallari e i curieri incaricati di recapitare i
dispacci delle cancellerie estensi: costoro, in base ad un accordo quinquennale stipulato nel 1510,217
ricevevano dece lire marchesane el mexe et serano obligati a cavalcare miglia cinquanta de intorno a
Ferara a loro spexe per portare litere nostre. Qualora avessero dovuto oltrepassare le cinquanta miglia
(calcolabili, in caso di trasferta del duca o della duchessa, dal punto di partenza nel ducato estense), sel
prefato Ill.mo S. nostro on sua Ill.ma consorte se ritrovasse a modena et bisognasse mandare litere a parma
siano pagate solo da regio a parma non solo mutava lufficio di pertinenza (per viaggi fuori de le terre
sopradicte et vicine a ferrara per miglia cinquanta debiano essere pagati di dicti viaggi per bollettino de li
cancellieri directivi alo officio del mexe a ferrara) ma entravano in gioco altri parametri di valutazione e
remunerazione del servizio.218
Ancora pi importanti erano poi le forme di standardizzazione delle operazioni distributive, codificate nei
compendi, negli ordinari, nei libri degli spisanti, creati per unificare e razionalizzare le procedure
distributive e aggiornati settimanalmente o mensilmente.
I compendi, gli ordinari ed i libri degli spisanti erano i registri in cui venivano segnate le assegnazioni in
natura spettanti agli uffici, ai singoli cortigiani (normalmente distinti tra spisanti ordinari e straordinari), ai
prestatori dopera assunti occasionalmente. Tali documenti venivano redatti ogni anno e quindi aggiornati in
appositi squarzetti di settimana in settimana, talvolta di mese di mese. Ogni anno il provveditore di corte,
assieme al maestro di casa, ai due scalchi ducali generali, al maestro di stalla e ai fattori generali, stabiliva le
assegnazioni in natura, per ogni possibile voce. Ad esempio negli ordinari del vino, compilati dagli scalchi
sulla scorta delle indicazioni degli analoghi compendi del vino, e quindi consegnati ai canevari, figuravano di
settimana in settimana i nomi di coloro che potevano ricevere le razioni concordate di vino da signori,
colado o buido presso le varie cantine ducali, il numero di bocche da vino cui avevano diritto, la quantit
prefissata in bozze e fiaschi, i giorni di riscossione. Similmente, in una qualsiasi pagina di un ordinario del
pesce, comparivano voci come questa Marco pigante ha il di pesce libre 2 e 2/3, per di 9 [di ogni mese]
fanno pesce libbre 24, Marchetto pigante ha il di pesce libre 1 e 1/3, per di 9 fanno pesce libbre 12, Prigioni
de castello hano el di pesce libre 8, per di 9 fanno pesce libbre 72,219 ecc.
Analoghi compendi e ordinari erano impiegati per le assegnazioni agli uffici, ai cortigiani e agli
straordinari di frumento e altri cereali (ordinari deli granari), di farine e pani cotti (ordinari e straordinari
del pane), di carni (compendi ed ordinari della carne e libri degli spisanti), dei prodotti della grassa (voci
separate riportavano le distribuzioni di olio, sale, carne salata, formaggio, candele, grana e granadelli), di
legnami (i compendi del legnaro), dei capi di vestiario (i compendi di guardaroba, gli ordinari de
calzamenta e de vestimenta, le note di biancheria distribuita al personale), fino a arrivare agli scritti redatti
per il mantenimento dei cavalli delle stalle ducali (gli ordinari delle biave), dei falconi (ordinari de la
falconaria), dei cani da caccia (ordinari de canataria), ecc. Tali operazioni raggiungevano livelli di inusitata
accuratezza, in termini sia statici che dinamici. Nel primo caso venivano minuziosamente classificate tutte le
varie tipologie, in modo da poter correlare perfettamente la qualit dei beni al rango e alla posizione del
ricevente: se cinque erano i tipi di pane e quattro quelli di vino, le carni erano distinte in oltre dodici
categorie, le candele potevano essere di zira bianca, zira zala o de sevo, luzzi, anguile, orade e sturioni erano
riservati ai palati di signori e gentiluomini, mentre tinche, cheppie e pesce bianco venivano date agli spisanti,
e cos via. Una volta definite le qualit, venivano predeterminate le quantit spettanti ai singoli, solitamente
espresse in numero di bocche, persone dipendenti o collegate alle aventi diritto (servitori, familiari e parenti,
i garzoni, gli assistenti dei maestri) che riscuotevano lidentica razione: per ottenere la quantit finale era
sufficiente moltiplicare la razione standard per il numero di bocche. Anche in questo caso lelemento
gerarchico si rivelava decisivo: se il signore Francesco Cantelmo [uno dei pi alti dignitari di corte]
riceveva ogni mese libbre 3 dolio, 3 di sale, 3 di carne salata, 3 di formazo, 1 e 1/2 di candele, 10 grane e
10 granadelli, maestro Francesco Formigone, ufficiale alla grassa, ritirava libbre 1 dolio, 2 di sale, 1 di
carne salata, 1 di formazo, 2 di candele, 2 grane e 2 granadelli, mentre Francesco da Salo canattiero poteva
riscuotere solo onze 7 e 1/2 di candele, 6 grane e 4 granadelli.220 In altri casi venivano addirittura compilati
ordinari e compendi distinti per categorie socio-professionali: vi erano cos gli ordinari di calzamenta e
vestimenta de ragazi (i paggi), quelli dei camerlenghi (ufficiali e camerieri), quelli per i famigli, ecc.
Anche dal punto di vista dinamico tali strumenti erano sorprendentemente duttili, arrivando a rilevare le
minime variazioni giornaliere: quando uno degli aventi diritto si assentava da corte per motivi ufficiali, ad
esempio perch al seguito del duca, le razioni relative ai suoi giorni di assenza venivano tempestivamente
stralciate; quando invece si ammalava, la sua dieta alimentare veniva prontamente modificata: invece dei
consueti giorni 21 da carne e 9 da pesce (di magro), poteva ricevere carne biancha e pesse per pi giorni,
brodi e verdure cotte, infusi e tisane, subito registrati in appositi conti dei libri della dispensa.
La rigidit e la minuziosit delle procedure non toccava per la sola sfera delloikos estense, ma ricadeva
anche nei suoi immediati confini: i pasti forniti dai castaldi ai gentiluomini e ai lavoratori esterni che si
recavano nelle varie castalderie per i motivi pi disparati si rifacevano a razioni standard ed erano segnati in
appositi conti, permettendo in tal modo ai castaldi di far figurare tra i costi dei loro libri della castalderia, la
voce pasti, che a fine esercizio la Camera Ducale era tenuta a rifondere o a scalare dalle partite in dare.
Analogamente, erano standardizzati i quantitativi di frumento, formaggio, vino e carne salata ricevuti dai
lavoratori delle saline di Longastrino e dai paroni in compagnia de la Camera ducale delle Valli di
Comacchio, o dai facchini e dai famigli che occasionalmente servivano a corte.

La standardizzazione dei comportamenti

Tuttavia, lo strumento di coordinamento pi efficace fu la standardizzazione dei comportamenti di coloro


che servivano a corte. Tale fenomeno, cos rilevante da essere assunto nelle dibattute tesi eliasiane quale il
principale vettore dei processi di civilizzazione della civilt occidentale,221 fu sostenuto dal concorso di
elementi convergenti. Esistevano infatti organi formativi interni alla corte stessa o posti nei pressi dei suoi
immediati confini, dettagliatissimi regolamenti, utili contributi esterni.
Vanno innanzitutto menzionate le tradizionali modalit formative delle societ dAncien Rgime:
lapprendistato, il garzonato, i forti vincoli con le professioni paterne e parentali, che operavano sia
nellambito dei mestieri (cuochi, sarti, arazzieri e tappezzieri, armaioli ed artigiani specializzati) che in
quello delle professioni di corte (i quadri camerali e quelli della cancelleria, medici e giardinieri, musicisti e
artisti, architetti ed ingegneri). Se nel caso dei mestieri lesperienza e linflessibile rigore di una preparazione
votata alla ricerca delleccellenza assoluta assicuravano lelevata capacit del lavoratore e la sua virtuale
sostituibilit, favorendo la costituzione di un mercato del lavoro cortigiano,222 nel caso delle professioni il
tratto istituzionalizzante fu ancor pi sentito. Infatti, la Camera Ducale e la Cancelleria ospitavano
permanentemente giovani da formarsi per il reclutamento nei ranghi dellamministrazione della Casa, dello
Stato, del Comune. Si trattava di periodi di apprendistato quadriennale e quinquennale, che prevedevano
continue rotazioni allinterno degli uffici, durante i quali non veniva corrisposto alcun salario monetario e
che impegnavano i praticanti solo a tempo parziale. Questo permetteva ai futuri burocrati di seguire
parallelamente le attivit familiari e professionali ( il caso dei molti che provenivano da famiglie di
banchieri, notai e mercanti), in modo da sviluppare rapidamente le competenze necessarie allo svolgimento
di compiti assai complessi. Allinizio venivano loro affidate mansioni assai semplici (conteggi e verifiche
parziali, trascrizioni di lettere e dispacci, ecc.), per giungere poi a incarichi di maggior responsabilit. Il
meccanismo consentiva di monitorare, uniformandole, le capacit dei futuri amministratori, rinsaldando nel
contempo i legami clientelari e familistici che segnavano le forme di reclutamento dei quadri
dellamministrazione estense.
Non va poi trascurato il ruolo svolto dallo Studio estense, le cui vicende testimoniano lattenzione
prestata dai signori di Ferrara alle delicate questioni delleducazione e della formazione professionale.
Questa istituzione, finanziata dal Duca sino agli anni 90 del 400 e successivamente mantenuta dalle casse
comunali, esercit un ruolo propulsivo di straordinario rilievo, richiamando a Ferrara celebri intellettuali
italiani ed esteri e offrendo corsi di eccellente livello, che attiravano studenti da tutta Europa: numerosi
ufficiali estensi provenirono dalle sue fila e/o vi insegnarono.
Diverso il caso delle professioni cortegiane, di coloro che corteggiavano per honore e non per mercede,
distinguendosi dal novero dei mercennari, dei vili meccanici che servivano per il commodo suo, per la sola
uttilit. Mi riferisco ai camerieri, agli scudieri, agli scalchi, ai trincianti, ai coppieri, ai maestri di casa e di
caccia, agli alti uffiziali et gentilhuomini. Costoro apprendevano i segreti di un onorevole servitio nelle
paggerie223 che, sparse in tutta la penisola, fornivano alle giovanissime matricole i rudimenti necessari
allinizio e alla prosecuzione delle carriere cortigiane. Si trattava di organi cui sono state dedicate poche
attenzioni, ma che esercitavano funzioni di vitale importanza: oltre a servire da incubatrici per la crescita
di numerosi cortigiani,224 garantivano il rispetto di accordi politici e diplomatici (era il caso dei giovani dati e
tenuti in ostaggio), rinsaldavano i legami con la feudalit estense, con il patriziato urbano e con le case
alleate,225 funzionavano come mercati matrimoniali.
Tuttavia, non possiamo trascurare in questa sede limportanza di un altro basilare veicolo di
normalizzazione dei comportamenti: la letteratura trattatistica,226 che con lavvento tardo quattrocentesco
della stampa moltiplic le pubblicazioni dedicate alleducazione del perfetto cortegiano, di carattere sia
generale che specifico, naturale pendant degli scritti rivolti alla formazione dei principi secolari227 e della
Chiesa. Tale genere letterario non solo godette di uno straordinario successo editoriale, testimoniato
dallincredibile diffusione dei testi, dalle continue riedizioni, dalla rapidit con cui vennero tradotti da o in
altre lingue straniere, ma fu uno dei principali artefici del processo di canonizzazione dei comportamenti
aristocratici, nobiliari e signorili.
Tuttavia, giova trattare separatamente la letteratura pi propriamente comportamentale, raccolta in
architesti come il Cortegiano di Baldassar Castiglione, il Galateo del Della Casa, o la Civile Conversazione
del Guazzo, e lampia messe di contributi minori consacrati allesame di soggetti pi specifici o di questioni
pratiche, talvolta veri manuali di gestione aziendale228 che per completezza, raffinatezza, ampiezza e
modernit delle questioni affrontate non hanno nulla da invidiare ai loro omonimi contemporanei.
Si soppesino ad esempio le critiche indirizzate allopera archetipica del genere cortigianesco: il Libro del
Cortegiano di Baldassar Castiglione. Per un Cesare Caporali che si limitava ironicamente a rilevare: Non
s, per dire il ver, nel protocollo Del Conte Baldassar haver mai letto lira duno Cortigian mezzo
satollo,229 Tommaso Garzoni acutamente sottolineava che bench il Castiglioni habbia composto quel suo
libro del cortegiano in tanta eccellenza et perfettione, ne pi ne meno mai si vedr qual perfetto cortegiano,
che egli dipinge,230 e Pelegro de Grimaldi colpiva con maggior precisione il bersaglio di gran parte delle
critiche del secondo Cinquecento sostenendo che messer Baldassar Castiglione ha voluto formar un
Cortigiano si fatto, ch impossibile, chaltri ne divenga mai tale [...] si ch non si pu raccor cosa, che ci
possa essere di molto aiuto [...] poi che egli [il Castiglione] sen passato sulle cose generali, che poco
sempre ci giovano, senza quasi mai, ove nera maggiore il bisogno, discendere alle particolari, le quali in
questo fatto sogliono essere le di maggior importanza: perch egli varrebbe assai poco ad alcuno il Sapere,
che nelle Corti vale assai (per gratia di essempio) lesser prudente, non gli fosse poi detto, ne casi,
chaccader vi possono tutto l giorno: come shavesse ad usare cotal prudenza,o quali attioni facciano
inditio dalcuno, chegli si sia, o non sia, di qual parte di quella prudenza dotato, per potersene nelle
oportunit poi valere.231
Siamo spettatori di un netto scollamento tra lofferta di astratti, calligrafici, politissimi precetti
comportamentali e la crescente domanda di suggerimenti pratici, consigli, indicazioni e scorciatoie che
agevolassero o abbreviassero il percorso verso lagognata meta di tante fatiche; la vita a Corte, facilitandone
una duratura e onorevole permanenza. Ci risalta con evidenza dalla designazione del pubblico dei potenziali
lettori, identificato nei signori che mandaranno i loro figliuoli alle corti, troveranno in questo libro tutti e
bisogni, delli quali li dovrebbero provvedere. Quelli che gia di molto tempo prima sono cortegiani vi
troveranno parimente quelle cose che hanno da fare. Et quelli che sono favoriti delli Prencipi vi trovaranno
anco essi de gli ottimi consegli, col mezzo de quali potranno mantenersi nella grandezza del loro favore.232
Non dobbiamo infatti dimenticare che, a fronte di un numero crescente di aspiranti, molti errino nel
mestiero (siami conceduto il cosi chiamarlo) del Cortegiano [...] ove non ha insino al di dhoggi, chialcuno
insegnamento ce nhabbia dato tal.233 Tali testi si proponevano quindi di colmare queste gravi lacune, di
saziare la fame di ammaestramenti, avvertimenti, suggerimenti necessari a vivere e sopravvivere
nellinsidiosa arena di corte, dove non v alcuna maniera di vivere, al quale possa soddisfare a ognuno.
Perch sel cortegiano tace, dicono che egli ignorante, segli parla il notano dimpertuno, segli spende
dicono ch prodigo, e segli non fa dicono che avaro, segli sta in casa laccusano dhipocrito, segli
visita spesso, dicono ch persona che troppo si intromette, se egli va molto accompagnato dicono che
pazzo, se solo che egli misero.234
E quindi il caso di considerare separatamente i testi pi squisitamente comportamentali e quelli pi
marcatamente tecnici.

La trattatistica comportamentale

La trattatistica comportamentale era rivolta alla formazione di un perfetto gentilhuomo, di un polito


cortigiano, la cui piena e riconoscibile identit poteva disvelarsi solo attraverso la conoscenza e
lapplicazione di quei dettami che trovavano nella corte il naturale ambito di formulazione ed espressione.235
Erano infatti numerose quanto autorevoli le voci che si levavano a ribadire lincommensurabile distanza che
separava la Corte dal Mondo, esaltandone lindirizzo elitario, lessenza distintiva, la natura di regione a
perimetro chiuso, esclusiva ed escludente, pronta a discriminare chi non ne conoscesse le regole del gioco, i
segni, i linguaggi, la cultura. E sufficiente sfogliare qualche pagina di quei trattati per capacitarsi del grado
di sofisticazione, di ermeticit, dellonnipresente e incombente elemento di critica ed autocritica dei
comportamenti cortesi: le sintassi, le allusioni, le allegorie, i prontuari simbolici, le cifre dellinterazione non
accomunavano, ma dividevano, classificavano, giudicavano chi poteva rimanere dentro e chi fuori dal sacro
recinto. Non ci si pu tuttavia sottrarre a una doverosa riflessione sugli aspetti positivi della
conformazione, della routinizzazione che questo fenomeno indusse nei comportamenti dei cortigiani,
dotandoli di un bagaglio culturale che consentiva loro di tentare la fortuna in qualsiasi angolo del mondo
allora noto.
Se alcuni imitatori del Castiglione e del Della Casa si dilungavano ancora in minute prescrizioni
riguardanti la sfera dei bisogni pi elementari e delle proscrizioni pi volgari,236 riproponendo topoi letterari
gi presenti nella trattatistica tardo quattrocentesca, in alcune opere scritte nella prima met del XVI secolo
traspare la volont di rivelare ai lettori ben altri segreti, astuzie e arguzie capaci di assicurare lacquisto del
favore e della gratia del principe, in modo da far s che come egli [il cortigiano] in obligo doperare per lo
fine che muove il Principe a contrahere societ con lui, che il proprio servitio: cos il Prencipe tenuto ad
operare per lo fine che ha mosso il cortegiano a stringersi in nodo di servit con esso: in maniera che si pu
dire il Principe essere obligato a operare a beneficio del Cortegiano in quelle cose, chil cortigiano si
propone dacquistare servendo: et queste sono le commodit e gli honori.237
Tali testi finirono inevitabilmente per toccare ogni possibile e immaginabile aspetto della vita di corte,
ogni situazione, ogni condizione, ogni sentimento. Si riguardino ad esempio i minuti consigli del Ducci sulla
scelta dei possibili alleati nella dura battaglia per la sopravvivenza nellarena cortigiana,238 le pagine riservate
dal Nifo alla trattazione del risu, gaudio, moerore, moestitia, laetitia, tristitia, voluptate, dolore,
gesticulatione,239 o quelle che il Refuge dedica al Disfavore nella sua opera: Veniamo dunque al Disfavore,
overo scemamento di credito, procuratoci da nostri inimici, Invidiosi, Concorrenti. li quali si servono di
uno di questi tre modi; di allontanarci dalla Corte, sotto pretesto di impiegarci altrove: overo di renderci
sospetti, pur odiosi al Principe: overo di costringere il Principe a viva forza di cacciarci via, di non
servire pi di noi,240 fino ai precetti sulle bone letture proposti dal Castori Come si possano leggere con
frutto, i libri cristiani profani; Qual sorte di libri, si possano leggere sicuramente; La moltitudine, et variet
di libri, pi dannosa che utile.241
La pervasivit di tali osservazioni, lo stupefacente acume psicologico che le dettava, la prova di una
costante padronanza dellarte regina del savoir vivre cortigiano: la conoscenza degli animi umani e dei loro
pi reconditi segreti, tradiscono le ragioni del successo di questi testi, il determinante contributo
allaffermazione della cortigiana come imperituro ed ambito stile di vita e alla costituzione di un comune,
seppur elitario, retroterra culturale, che provoc in simultanea una crescente omogeneizzazione dei tratti
comportamentali e un violento clima di pressione sociale nel gruppo di riferimento, che stigmatizzava e
puniva immediatamente ogni comportamento anormale, ogni minimo scarto dai binari della prestazione
attesa.

Cerimoniale ed etichetta

Non si pensi tuttavia che le minute disposizioni di tali testi rimanessero lettera morta o si cristallizzassero
in inascoltati precetti letterari.242 Esse si traducevano quotidianamente in regole, procedure, deroghe e divieti,
la cui osservanza era tassativa e il valore indiscusso, raccolte in manuali detichetta e di cerimoniale o
trasmesse oralmente allinterno dei circuiti culturali di corte.
In un quadro in cui ogni atto era atteso, prevedibile e previsto, ogni passaggio regolato, ogni azione
disciplinata, ogni individuo collocato in una definita e insindacabile posizione gerarchica, venivano ridotti al
minimo i tempi dei processi decisionali, massimizzata lefficienza del servitio, disinnescati i rischi di
tensioni sociali, eliminati i conflitti di competenza, rendendo perfettamente sostituibile, indifferente nel
senso economico del termine, lapporto e la presenza di qualsiasi singolo attore del sistema. Nel momento in
cui tutti sapevano qual era il posto loro assegnato, quello che avrebbero dovuto fare e che ci si attendeva
da loro, forti di un esperienza maturata in anni e anni di esercizio costante e di infinite repliche, le azioni si
riducevano a puri automatismi, gli uomini a meri componenti di un perfetto congegno di alta ingegneria
behaviouristica: disumanizzando il fallibile apporto umano alleconomia dei processi, abolendo ogni
possibile libera iniziativa, riducendo i rapporti di supremazia e subordinazione a semplici riflessi, la
corte era in grado di tagliare traguardi di perfezione ed efficacia impensabili. Questo il segreto, questa la
cifra del successo: laver spinto il grado di disciplinamento dei comportamenti oltre soglie oggi
inimmaginabili, istituendo un sistema di premi e punizioni, di valutazione delle prestazioni, di ermeneutica
comportamentale di cui difficile replicare la sofisticazione.

La trattatistica tecnico-gestionale

Oltre ai generi summenzionati, fior un parallelo genere trattatistico, che ho definito tecnico-gestionale,
che si cur degli aspetti pi banali, quotidiani, quasi volgari della vita di corte, fornendo agli ufficiali
utilissimi supporti per il disbrigo dei loro compiti e nobilitando mestieri e figure professionali che nacquero e
si affermarono allinterno dei circuiti cortigiani. Possiamo ravvisare due diverse tipologie di trattati: i primi
sono di impronta generalistica, intesi a irraggiare i principi necessari al buon governo di una corte, i secondi
sono invece pi specialistici.
Lesistenza di trattati generalistici non deve stupire: allinizio del Cinquecento esistevano in Italia e
allestero centinaia di corti, strutturalmente assai simili e costrette ad affrontare e risolvere problemi
pressoch identici. Non pertanto casuale che il pi fertile campo di sperimentazione e diffusione di siffatti
testi sia stato lentourage delle corti cardinalizie,243 ove i tratti di comunanza erano ancor pi marcati. Qui
erano simili gli organici e le cariche, identico il territorio, o per meglio dire la citt di residenza, comuni i
problemi logistici, i mercati, i metodi e i tempi di approvvigionamento, come pure le aspettative dei
dipendenti e le possibilit di soddisfarle da parte dei patres famili. Il Priscianese arriva cos a
modellizzare, sulla scorta di quanto gi fatto trentanni prima dal Cortesi nel suo De Cardinalatu 244 (dove
la soglia numerica di una onorevole familia era posta oltre le 120 persone), le dimensioni di una corte
cardinalizia ideale: per essere pi chiaramente inteso, e per potere delle cose regionar pi a punto, io
presupporr una Corte di persone cento sette, e di cavalcature quaranta: la quale non mi pare n troppo
grande n piccola, ma onesta molto, e qual possa essere onorevole ad ogni tal Signore. Dalla quale si potr
poi, come da preposto esempio, scemando o crescendo, adempiere con ragione il desiderio suo, ci o
diminuire o augumentare la corte sua e le spese, come pi piacer,245 diffondendosi poi nellanalisi di ogni
pi minuta questione organizzativa.
Ma la modellizzazione presuppone lesistenza di un pubblico, di un mercato del lavoro, di un universo
professionale di ampiezza sorprendente, desideroso di trasmettere e ricevere informazioni sulle possibili
strategie di conduzione, sulle opzioni gestionali, sulle tecniche amministrative. Si vedano ad esempio le
pagine dedicate alla formazione del giovane spenditore,246 alla scelta dei servitori, allet degli ufficiali,247 ai
doppi incarichi248, allatto e modo del licentiarsi249, ai modi di ricevere gli ospiti illustri e fronteggiare
eventi imprevisti,250 lorario dei pasti251 o gli approvvigionamenti.252
Inoltre non si limitavano a provvedere generici consigli logistici o gestionali, ma sfioravano questioni
ancor pi delicate: si osservi ad esempio come Sigismondi affronta e risolve lo spinoso tema dei conflitti tra
capi-uffici e nobili dipendenti,253 come tratteggia il ritratto ideale di un buon funzionario non si devono
prendere huomini maritati [...] che occorendo al Padrone dandare in viaggi lunghi [...], per lo pi simili
ministri per esser maritati lasciano la servit, abandonando allimproviso il Padrone; il che non fanno gli
huomini sciolti dal legame del matrimonio254 o espone principi di selezione e gestione del personale,
pronunciandosi sulle relazioni tra dispensiere e spenditore: questi due offitiali, acci un padrone fosse da
loro fedelmente servito, per lo pi doveriano essere poco amorevoli; il perch quando sieno concordi, et
amici intrinsechi, fanno a chi pu far miglior borsa [...] che essendo amici intrinsechi possono luno nel
comprare, et laltro nello ricevere procacciarsi molta, e scambievole utilit; poich lo Spenditore
comprando, pu far scrivere al Dispensiero quello che gli pare; onde se portar alla dispensa venti libbre di
carne, ne far scrivere venticinque et il guadagno lo partiranno tra loro,255 dacch il dispensiero pu
guadagnare [...] nel pesare le robe col dare il peso ingiusto a quelli [...] o nel dispensare il pane,
accordandosi col fornaio, acci non lo faccia di peso [...] o nelle occasioni di forestarie col dispensare roba
in fretta, e senza numerarla e misurarla, mettendo poi nei libri la quantit, che a lui piace [...] o neglolii,
facendoli crescere col acqua.256
Sono egualmente sorprendenti i contributi collocabili nella categoria dei trattati sui mestieri e sulle
professioni di corte, composti da autori che, dopo decenni di onorato servizio nelle pi importanti corti
italiane, decisero di mettere per iscritto i ricordi delle loro fatiche, ribadendo la dignit dei loro incarichi e
vituperando le situazioni in cui il loro ruolo non era tenuto in sufficiente considerazione. Si legga la vigorosa
reprimenda iniziale del Cervio, sul fatto che hoggidi questo ufficio [del trinciante] venuto in cos poco
conto, et particolarmente nella corte di Roma, tutto preceduto dalla miseria di alcuni Prelati, li quali non
si vergognano di voler dare quindici o venti giuli al mese a un Trinciante, che niente meno si d a un
famiglio di stalla: Et di qui viene che non si trova pi gentilhuomo, che si degni di voler far questo ufficio
tanto honorato, la sua accorata difesa della dignit professionale,257 o linsistenza con cui Evitascandolo
specifica che: la professione del Trenciante non si pu imparare per ragionarne a bocca [...] che quando vi
haver detto, e redetto, partirete tutto confuso, ne saprete dove mettere le mani.258
Si trattava di manuali in cui ogni operazione era descritta nei pi minuti particolari e in cui ampi spazi
erano concessi agli aspetti pi tecnici,259 toccando apici di sfrenato virtuosismo.260 Leggiamo a titolo di
esempio la descrizione delle facolt e delle caratteristiche del cuoco eccellente dello Scappi,261 o il modo con
cui Colle, gi trinciante di Ercole I, espone in versi le sue opinioni sulla natura dei cibi e le questioni ed i
dubi di ordine medico,262 per giungere sino Vincenzo Cervio.263 In modo consimile giova riflettere sulle
affermazioni di Evitascandolo, quando nel suo Libro dello Scalco specifica quanto ha da essere longa et
larga la tavola per un piato [...] che per un piato ordinario ha da esser longa palmi sei, et larga palmi
quattro, et un quarto [...] et per lordinario quattro persone fa un piatto, a tal che se sarano otto si far due
piatti, et fusse quentemente di quattro in quattro; et se sarano sei si far solo un piatto, aggiongendo tre
palmi di tavola, come anco se faranno cinque.264
Tutto il sapere tecnico cortigiano emerge nella sua pienezza e appare non pi ignorabile il concorso delle
corti allo sviluppo e alla nobilitazione di mestieri e professioni che solo in questambito sarebbero potuti
crescere con tanto splendore, aprendo confini disciplinari e dibattiti di amplissima portata. Tali pubblicazioni
non rimasero infatti limitate al solo comparto gastronomico-conviviale, ma si estesero presto a numerosi altri
settori delle attivit curiali: dallufficio del guardarobiero a quello di credenziero,265 da quello del
segretario266 a quello dellambasciatore,267 per non parlare poi dei trattati sulla caccia e sulla pesca, sulle armi,
sulla scherma, sul ballo, sul nuoto, sui giochi, che trovavano sempre nelle corti i loro referenti naturali e i
lettori pi affezionati.

I sistemi di controllo: le coppie tecnico-amministrative,


le strutture contabili, i supporti amministrativi,
le pratiche di revisione contabile e le ispezioni amministrative
(con alcuni casi di appropriazione indebita)

Il sistema di controllo della struttura organizzativa e amministrativa era imperniato sia sulladesione a
specifici modelli e procedure di registrazione contabile, sia sul ricorso a prassi amministrative consolidate.
Analogamente a quanto si era verificato per il disegno della struttura organizzativa, ancorata a livelli scalari
di responsabilit e autonomia gestionale affidati a uffici ordinati in modo gerarchico, anche il sistema
amministrativo era imperniato sul rispetto di principi gerarchici, che si riflettevano nella progressivit del
grado di sintesi delle rilevazioni.
Esistevano cos almeno tre livelli correlati (singoli uffici, divisioni, contabilit generale), che di volta in
volta inglobavano e sussumevano le rilevazioni provenienti dagli organi immediatamente inferiori, e quattro
diverse forme di registrazione (annuali e poliennali, ordinarie e straordinarie).
I registri dei singoli uffici

Al piano terra delledificio amministrativo erano situati i supporti contabili dei singoli uffici: il libro
mastro in partita doppia corredato dalla relativa rubrica alfabetica o indice (chiamato libro ragioniero,
autentico, creditori e debitori, sovente libro dellufficio de...) ed il corrispondente libro giornale (chiamato
anche zornale, giornale, vacchetta, squarzo di entrata e uscita). Quando lufficio era di grandi dimensioni e
implicato in numerose operazioni, era prassi comune tenere due giornali separati, uno per le entrate e laltro
per le uscite.
Ora, a seconda della natura dellufficio, nei giornali potevano comparire i dati relativi a operazioni
esclusivamente finanziarie, oppure a movimenti di beni, derrate, merci. Cos, mentre nel giornale dellufficio
dei salariati si annotavano quotidianamente le riscossioni e i pagamenti in moneta, in quello dellufficio dei
granari, del legnaro, della burataria o della panateria comparivano solo le entrate e le uscite di moggia e
stari di frumento, di fasci e zoche di legna, di pesi e libbre di farina, di forme e tiere di pane, ecc. Ci spiega
perch, quando lufficio era coinvolto in entrambi i generi di operazioni, venisse sempre tenuto un terzo
registro, chiamato memoriale, o giornale di cassa, in cui erano annotate separatamente le transazioni che
avevano determinato movimenti monetari.
Tali registri costituivano i supporti ragionieristici elementari e, salvo accadimenti straordinari, venivano
regolarmente redatti per ogni esercizio contabile.268 Esistevano poi altri registri di supporto, chiamati squarzi,
ricordi o vacchette, in cui venivano riportate operazioni o partite di particolare rilevanza; si trattava spesso di
conti accesi a specifiche categorie di operatori o classi merceologiche, che supportavano la tenuta della
contabilit ordinaria.
Diverso il caso dei registri poliennali. Alcuni, come i libri dei resti, erano redatti con relativa frequenza
e potevano talora protrarsi per decenni, altri avevano cadenze e durate inferiori, come i numerossisimi
inventari o recordi, che fungevano da rudimentali stati patrimoniali di alcuni uffici, in modo particolare di
quelli preposti alla conservazione di taluni beni, come larmeria, la guardaroba e la guardarobetta, le
credenze, larazzeria e la tappezzeria, la biblioteca e la drapperia, la selleria, la dispensa, ecc.
Tali inventari non contemplavano solo i beni di maggior valore, ma venivano periodicamente stilati anche
per quelli pi comuni: ho cos rinvenuto accurati elenchi di strumenti per lattivit casearia e per quella
vinicola, liste di servici di cortelli e forchette, pignate e pignaton, coperti da fiama, cadini forati,
stagnadellli, cadini e pedolle, tielle da casaro compilate dal dispensiere e dal sopracuoco, note di mobili e
arredi presenti nelle castalderie e nelle delizie extraurbane, enumerazioni di finimenti e articoli di selleria,
ecc.
Tali registri, nel novero dei quali rientravano anche gli elenchi delle scorte presenti a fine esercizio nei
diversi magazzini (fontico dei tessuti, granai, legnaie, depositi dei sali e del salnitro, grassa) e gli inventari
che dovevano essere compilati dagli affittuari delle propriet camerali al termine delle locazioni (dai casari
ai conduttori della saponaria ducale, dai ferrai garfagnini ai locatari della fornase da vedri), assolvevano
diversi compiti. Quelli concernenti gli oggetti di maggior pregio erano regolarmente compilati quando
mutava il titolare dellufficio, consentendo di verificare lattivit del funzionario uscente e sollevando da
responsabilit indebite il subentrante; erano inoltre utili nelle frequenti erogazioni dei prestiti269 a singoli,
istituzioni o enti ecclesiastici, e nella regolamentazione delle transazioni tra diversi uffici di corte. La logica
dellinventariazione era assai raffinata: i pezzi erano assegnati a diverse classi, descritti minutamente e
quindi numerati progressivamente,270 basandosi sui questi dati, puntualmente aggiornati con lingresso dei
nuovi capi e la sostituzione della robba che era tutta rotta et non era buona da niente,271 era pi facile
verificare che i pezzi prestati o trasportati in altre sedi non venissero danneggiati o rubati, snellendo al tempo
stesso le minuziose procedure di prestito e trasporto, invero dispendiose se si pensa che per le sole
tappezzerie ho registrato dalla met del Quattrocento ai primi anni del Cinquecento una media di 7-800
movimentazioni annue.
Tali procedure, tanto pi meticolose quanto maggiore era il valore del bene in questione, comportavano la
registrazione obbligatoria di una serie di dati: giorno, mese e anno, il nome e la qualifica di colui che aveva
ricevuto il pezzo, il motivo del prestito e leventuale terzo beneficiario (che sovente non coincideva col
ricevente), il numero dinventario del pezzo consegnato.272
Inventari simili erano poi stilati per regolare gli scambi tra gli uffici di corte e risolvere le controversie
che insorgevano tra gli stessi, relative a beni depositati e non restituiti, o non riconsegnati nei termini
prestabiliti. Un classico esempio costituito dalle relazioni tra guardaroba e scalcheria. Per ogni banchetto
ducale, sia gli apparamenti da tavola costituiti da arazzi, tappeti e cuscini, che le preziose tovaglie de lino de
fiandra e le relative salviette erano fornite dagli ufficiali della guardaroba, che compatibilmente alle loro
possibilit cercavano di soddisfare le richieste formulate dai responsabili dellorganizzazione dei conviti,
vale a dire degli scalchi, consegnando loro un apposito inventario o bullettino in cui erano annotati i pezzi
consegnati. Al termine del banchetto, gli scalchi verificavano, grazie ai dati del bullettino, che nessun pezzo
fosse stato sottratto o danneggiato (ipotesi non infrequente) e riconsegnavano gli apparamenti alla
guardaroba, mentre affidavano le tovaglie e le salviette da lavare allufficio delle savonade. Qui, il bugadaro
eseguiva le consuete operazioni di controllo e riscontro e restituiva alla guardaroba i capi puliti. Nel caso in
cui si fossero verificate delle mancanze, i diversi uffici erano tenuti a giustificarle, specificando la causa
delle stesse. Analoghi inventari parziali erano redatti per regolare i prestiti tra guardaroba e foresteria, tra
guardaroba e selleria, tra credenze e ufficio della torre, ecc.
Il caso dei registri dei Resti, o debitori e creditori poliennali, invece tanto diverso quanto
esemplificativo della tendenza alla razionalizzazione e al perfezionamento delle procedure in atto a partire
dalla fine del Quattrocento. Mentre fino alla fine del XV secolo debiti e crediti pregressi erano regolarmente
ritrascritti ogni anno nel nuovo libro ragioniero, che veniva cos intasato con la progressiva crescita del
peso, dello spessore, del disordine interno, gi a partire dai primi anni del governo alfonsino (1505-10) si
nota la tendenza a separare le posizioni contabili dei creditori e dei debitori pregressi, poste in appositi libri
dei resti, da quelle dei soggetti del nuovo esercizio. Tale prassi valeva per solo per gli uffici pi grandi e pi
attivi; negli altri, ancora a met Cinquecento, era usuale riportare ogni anno, nelle prime pagine del libro
ragioniero, i nomi e le situazioni finanziarie dei debitori e dei creditori pregressi.
Tutte le forme sopracitate costituivano comunque registrazioni ordinarie, da giustapporsi a quelle
straordinarie. Era infatti abitudine consolidata segnare in appositi registri i dati contabili relativi a eventi
eccezionali come viaggi particolari, entrate di stranieri e ambasciate, feste, matrimoni, lutti, cerimonie
particolari. In occasione di tali eventi, che determinavano sforzi logistici e organizzativi di considerevole
portata (si pensi che nellaprile 1543, in occasione dellarrivo del pontefice a Ferrara tuta questa gente del
Papa, che era in numero di 3320 con 7660 cavalli furono tuti alogiati a spese del duca273), era impensabile
addossare alla contabilit ordinaria il peso di accadimenti tanto sporadici quanto imponenti: registri come la
Dispensa de le charne morte per le noce dellIll.mo Nostro signore ed il Libro del pollaro de S.Andrea, de li
pavani e anadrazzi dati da le Comunitade e persone de el infrascripte ville, despensati per le noce de lo
Ill.mo N.S. (entrambi si riferiscono al matrimonio tra Ercole I ed Eleonora dAragona avvenuto nel 1473),274
il Zornale de la Spenderia per conto delle noce di don Alfonso (1491),275 il Conto delle robe de guardaroba
che condusse Zohane Ziliolo da Lione (1494-1502) o il Compendio delli vestiti fatti il carnevale (1560),276
sono tipici esempi di scritture straordinarie.
Abbiamo gi osservato in precedenza come le unit organizzative elementari fossero raccordate in unit
maggiori, che abbiamo chiamato divisioni. Questi uffici centrali dovevano coordinare lattivit degli organi
ad essi affidati e armonizzarne i flussi informativi e le relative registrazioni contabili. Si trattava dunque di
istituire un secondo livello di registrazione, che sintetizzasse i dati elementari offrendo una prima lettura
delle relazioni economiche intercorse tra uffici non appartenenti al medesimo raggruppamento. Vennero cos
creati registri detti Conti Generali, Giornali, Memoriali, Resti e soprattutto i libri dei mandati. I primi tre non
si discostavano dagli omonimi libri dei singoli uffici, limitandosi per a riassumere tutte le transazioni di
secondo livello avvenute allinterno della loro sfera di influenza. Cos esistevano allinterno della casa due
soli conti Generali: quello della Guardaroba e quello della Spenderia, mentre nellambito dei confini
camerali avevano Conti Generali lufficio delle Castalderie e possessioni, di Munizioni e Fabbriche, delle
Valli di Comacchio, dellArte della Lana.
Tali registri nascevano dallesigenza di coordinare fino a sei o sette libri mastri separati, via via intestati
alle diverse e sempre pi specializzate branche che costituivano la divisione: si pensi che fin dagli anni 20
del Cinquecento, nellambito del solo ufficio sopra le Valli di Comacchio, venivano compilati ogni anno il
libro autentico o conto generale, il vacchettone del conto generale, il giornale de contanti (entrata e uscita),
il giornale di spesa (registro delle spese sostenute per far far e far pescar le valli), lintrada e dispensa del
pesce salato o libro dei salami (relativo al solo pesce in salamoia), il libro del casello di Ferrara, il libro dei
resti, il libro delle condennagioni e contrabandi, la Vacchetta delle saline di Comacchio e Longastrino e il
conto delle spese delle saline.
Un altro esempio di sintesi ci dato, oltre che dai libri dei Resti, di cui abbiamo gi diffusamente parlato,
dai libri dei mandati. Ogni mandato di pagamento veniva infatti redatto in duplice copia: quello sciolto era il
singolo ordine di pagamento, scritto su un apposito foglietto volante e recante le firme di un ufficiale e dei
fattori generali,277 quello in filza era la trascrizione dello stesso in un registro della tesoreria, il libro dei
mandati, in cui i mandati venivano ordinati cronologicamente, con unaccurata descrizione delle causali
dellordine di pagamento, del pagatore, del beneficiario, della somma, della moneta in cui il pagamento era
stato effettuato e del suo valore di cambio in termini di lire marchesane ferraresi (scudi doro de Carpi da
soldi 73 de lire marchesante, monette vechie dargento, monetta lunga, ecc.). Ai fini di controllo di gestione,
ogni grande divisione riportava in un proprio registro pluriennale, detto anche questo libro dei mandati ma
differente da quello della tesoreria, gli estremi di tutti i mandati di pagamento siglati per lo svolgimento della
propria attivit, che in caso di controversia o verifica permettevano un immediato riscontro con le scritture
dellomonimo registro di tesoreria: esistevano cos i libri dei mandati della guardaroba, della stalla, della
spenderia, delle valli di Comacchio, delle munizioni e fabbriche, fino ad arrivare a quelli dedicati a specifici
progetti o imprese, come i libri dei mandati della Mesola, o i libri delle Paghe delle Mura, in cui vennero
riportati tutti i mandati di pagamento fatti per i rispettivi cantieri.

I registri della contabilit generale

Allultimo livello si trovavano i registri della contabilit generale: il conto generale, i memoriali, i libri
dei mandati e i registri della tesoreria (giornale di intrata, giornale di uscita, creditori e debitori). Tali libri
presentavano le identiche prerogative morfologiche dei loro omonimi dei livelli pi bassi, fatta eccezione per
lassoluto grado di sintesi delle scritture e per lattenzione accordata alla pura e semplice dimensione
finanziaria delle rilevazioni. Se nei conti precedenti vi erano ancora numerose registrazioni relative a conti in
natura, espressi in quantit fisiche (le partite del conto generale del fontico erano espresse in brazza di
tessuto, quelle dellufficio del salaro in moggia, stare e sacchi di sale, quelle delle valli di Comacchio in
numero di botti, botexelle e barilli di pesce in salamoia, e cos via), questo non accadeva nei super-registri
camerali, dove ogni variabile era ricondotta a dimensioni monetarie.

Le pratiche di revisione contabile

Unaltra importantissima forma di controllo era la revisione contabile, articolata su pi livelli di


intervento, tra loro coordinati.
I registri erano aggiornati e controllati quotidianamente dai diversi ufficiali con mansioni amministrative
presenti in ogni ufficio, i cosiddetti computisti, che dovevano regolarli al pi tardi entro una settimana. Ogni
sera, gli stessi registri dovevano poi essere sottoposti al vaglio del diretto superiore dufficio e del
responsabile dellintera divisione (il maestro di casa per i registri degli uffici di bocca, il maestro camerlengo
per quelli della guardaroba, il maestro di stalla per quelli della stalla, ecc.). Cos, ogni giorno i libri del
dispensiere erano controllati dal computista, quindi sottoposti al vaglio dello scalco competente, il quale era
tenuto a sottoscriverli, e a quello del maestro di casa, che doveva verificare la correttezza dei conti.
A fine mese i registri di ogni ufficio venivano consegnati allufficiale camerale preposto alla verifica delle
corrispondenze tra i diversi conti e alla stesura del rendiconto mensile, che compariva in appositi conti finali.
Questo fatto spiega la struttura stessa di questi libri contabili, soprattutto dei giornali, in cui compaiono
spesso pagine bianche: lesperienza insegnava a preassegnare allinizio di ogni esercizio un determinato
numero di pagine per ciascun mese o conto, in modo da poter agevolare la stesura dei consuntivi.
A conclusione di ogni esercizio, i libri in questione erano quindi affidati allorgano di revisione dei conti
della Camera Ducale: lufficiale allo inscontrare de li libri, di cui ho rilevato la precoce presenza gi in una
bolletta del 1485, quando Liezolo Liezoli a ricoprire questa importante carica.278 Tale ufficiale verificava la
congruit e lesattezza delle partite e firmava in calce il registro controllato, annotando la presenza di
eventuali errori o correzioni da apportarsi.
Lultima forma di controllo era pi rara e seguiva la morte o leventuale trasferimento di un ufficiale: in
tali occasioni, i fattori ducali o il Duca stesso ordinavano una revisione completa di tutti i registri
amministrati dal defunto o dal trasferito, per appurare lesistenza di eventuali frodi e ammanchi. Ladozione
di provvedimenti di controllo cos rigorosi sulloperato dei funzionari era motivata dalla lentezza e dalla
vischiosit delle loro carriere: la lunga permanenza allinterno del medesimo ufficio si poteva tradurre non
solo in una perfetta conoscenza del funzionamento dello stesso, ma anche in pericolosi episodi di
concussione perpetrati ai danni di fornitori e creditori o in casi non isolati di occultamento o riduzione di
talune esposizioni debitorie. La stessa vulnerabilit dei supporti cartacei, oggetto di svariati attentati volti a
distruggere le prove di comportamenti compromettenti, motivava ancor pi il ricorso sistematico alle
pratiche di revisione contabile. Furono infatti numerosi gli incendi, quasi sempre dolosi, che colpirono gli
archivi camerali: oltre a diversi episodi tardo quattrocenteschi vanno segnalati il grave incendio del 30
dicembre 1532, che coinvolse diversi edifici di corte, o quello Dellanno 1544 il d 7 Gennaio, il luned sera
venendo il martad, Pietro Morelli esatore ducale s le quattro ore di notte, condotto da diabolica
suggestione apizz il fuoco nellesattoria et fattoria ducale, et abbruci tutti quei libri e registri vecchi, con
danno troppo notabile del Duca.279 Le distruzioni proseguirono nel 1553 con la ruina della Torre di
Rigobello (gi gravemente danneggiata da un fulmine nel 1536), ove erano stati fino ad allora conservati i
documenti pi importanti.

Con le mani nel sacco:


alcuni casi di cattiva o pessima amministrazione

Il caso del Morelli non peraltro frequente, segno che il sistema di controllo ducale funzion
relativamente bene, grazie anche a punizioni esemplari. Rimane tuttavia il sospetto che le posizioni dei
derubati e dei derubanti non fossero sempre nitide; che le improvvise scoperte fossero da attribuirsi a faide
camerali; che i castighi giungessero solo di fronte a casi di appropriazioni indebite di portata eccezionale,
mentre fossero largamente tollerate le piccole sottrazioni, le creste sulle spese, in virt di taciti quanto
diffusi accordi sui diritti al residuo. A titolo di esempio il 5 zenaro 1496, marte, fu condanato Alessandro
di Fanti [...] per aver falsificato et facto falsificare libri e scripture fra lui et il duca Ercole, per lo tempo che
fu suo tesoriero, quando sue signoria era in Toscana a soldo de Fiorentini, in lire cento quaranta sei miara
de bolognini: neppure tre giorni dopo fu spiccato un mandato di cattura per il maestro dei conti Giacomo da
Arzenta, che in lo fare de le ragioni de Alessandro de Fanti, che lui aveva facto e salda, lhavesse recevuto
dal dicto Alessandro cento ducati, sapiendo che Alexandro avesse falsificato li libri et scritture [...] et taciuto
la cosa.280 Altre volte furono coinvolti dei semplici comandadori, come nel caso di Antonio Maria Ravalle,
figliolo di Bernardino, essendo prigione, per aver, sotto specie di essere comandatore, fatto molti pegni per
le colte, et vendutagli, et per aver comesso molti furti, et avenenato suo padre due volte, una che il veneno
non hebbe effetto, laltra che lo pass di vita, fu impicato, et poi squartato, a d 9 febraro 1541,281 mentre
due sole volte furono investite le pi alte cariche dellamministrazione statale: nel mese di aprile del 1502
essendo stato datto principio a fare la ragione de Antonio Maria Guarniero, gi factore generale del duca
hercole, fu trovato che in una parte havea enganato el duca de lire cinquemilia ducento septanta nove de
marchesini, le quale el trasse.282 Le differenze stavano piuttosto nella durezza delle pene, che nel caso degli
alti funzionari si tramutavano in confische o in sospette amnistie, in quello dei pesci piccoli in efferate
esecuzioni: il caso di Alfonso Dalla Pena, gi spenditore di don Alfonso dEste marchese di Montecchio, ed
in seguito entrato a servizio del duca Alfonso II, a tal proposito esemplare: quando il 18 febbraio 1553 li
fedelissimi servitori di V.S. Gerolamo Orlandino, Antonio Maria di Bianchi ed Andrea Mazzarello [...]
havendo rivisto gli conti di M.ser Alfonso Dalla Pena gi spenditore di V.S., et del quondam Ill.mo S.r suo
fratello vi e debitor scudi trecento sestanta a V.S, tanti gli suprasripti fano ricorso alli piede di V.S.
supplicandolla per la sua infinita clemencia et bontade si voglia dignar di fargli gratia di detto debito et
donargli quanto il detto debitore offerendosi li suprascripti pregar sempre il S.r Iddio la conservi
felicemente; i tasti solleticati dai devoti ragionieri dovevano essere quelli giusti, se lIll.mus dux benigne
supplicantibus concedit et donat.283

I sistemi di pianificazione: i bilanci di previsione.


Significati, figurati e budget di spesa

Dal quadro emerso fino ad ora risulta evidente il grado di dettaglio delle forme di registrazione e delle
scritture di sintesi; non si pensi per che non esistessero forme altrettanto raffinate di bilanci di previsione. A
tal proposito venivano predisposti appositi documenti chiamati significati o figurati,284 in cui venivano
previsti i flussi di entrate e uscite, le possibili variazioni di tali grandezze, le eventuali misure straordinarie da
prendersi. Tali documenti assolvevano diversi scopi: garantivano un costante monitoraggio del sistema di
spese e della sua struttura, mettevano a disposizione dei decisori informazioni puntuali che si rivelavano
assai utili nei momenti di crisi o di emergenza ( il caso degli assetti bellici di cui parleremo in seguito),
quando bisognava intervenire drasticamente con tagli mirati, agevolavano i piani di ridimensionamento degli
organici e di riduzione dei salari, permettevano di tarare le misure fiscali ordinarie e straordinarie.
Tali documenti potevano assumere come sempre forme diverse, riguardanti tanto loikos estense che i
singoli uffici. In tal senso i significati erano i bilanci preventivi generali, stilati ogni anno per stimare i costi
del mantenimento della Casa e le entrate da destinarsi alla loro copertura. La struttura di tali registri,
compilati sistematicamente perlomeno a partire dal 1493, era articolata nel seguente modo: nelle prime
pagine compariva una lunga elencazione di determinate voci di entrata (gabelle e dazi, affitti, appalti, ecc.),
per le quali erano previste due voci: lentrata bruta e la spesa del guberno; la prima era lentrata prevista, la
seconda rappresentava lonere della gestione e riscossione della stessa e andava sottratta alla precedente per
ottenere lentrata netta; seguivano poi le uscite, distinte per tipologia: prima compariva il figurato di salariati
de la Camera Ducale per le sue provisioni (vale a dire il preventivo delle uscite per il pagamento dei salari
monetari dei soli salariati della camera), ripartito su quattro colonne, in cui erano riportati i nomi ed i
cognomi dei salariati, i valori della paga dogni mese, il numero delle paghe o mensilit (numerosi
dipendenti ne percepivano solo 10 o 11), infine quanto importa per tutto lanno, vale a dire il prodotto del
secondo per il terzo dato. Quindi comparivano tutti i compendi delle persone che hano spisa ogni di per
ordinario di pane e frumento, carne, pesce, vino, aceto, prodotti della grassa e della spenderia. Tali compendi
esprimevano i loro valori finali in termini di bocche e potevano comprendere ulteriori figurati: cos il
Compendio delle persone chi hano spisa di pan cocto ogni di per ordinario et provisione di frumento lanno
conteneva anche il significato di quanto frumento bisognara lanno.285
Esistevano poi, oltre ai figurati dei singoli uffici, i figurati di spesa, assai pi dettagliati rispetto ai
significati. In tali documenti non ci si limitava al computo dei consumi per bocca, ma si traducevano in
termini monetari le componenti in natura della remunerazione, distinguendo e sommando i valori finali degli
stipendi in moneta e delle provvigioni in natura. In tali documenti erano contemplate tutte le uscite, da quelle
relative al mantenimento degli esseri umani a quelle degli animali (esistevano figurati per i cavalli, per i cani,
per gli ocelli da rapina, per le bestie da serraglio, per i pardi, per gli aironi delle garzare, ecc.), dalle
elemosine ai doni che se fa ogni ano, fino agli estraordinari che acadono speso e quando accade questo
lo ordinario.286 Non si pensi che tale prassi fosse limitata alla sola corte ducale: lo splendido Figurato della
spesa che pu importare in uno anno nella Corte dello Ill.mo Principe287 e altri identici documenti
testimoniano la normalit, lutilit, la diffusione dello strumento; senza di essi il sistema budgetario di
molti uffici di corte sarebbe miseramente naufragato. Infatti, sulla scorta delle indicazioni provenienti dai
preventivi, venivano pianificati gli obiettivi di spesa attraverso la formulazione di veri e propri piani di spesa,
sia mensili che annuali. Lesempio pi chiaro rappresentato dagli stanziamenti assegnati ogni mese dalla
tesoreria alla spenderia: le cifre corrisposte servivano per far fronte a talune scadenze tecniche (gli acquisti
di determinati beni come il sale, il pesce in salamoia, il vino, si concentravano in periodi particolari, altri
avevano cadenze semestrali o annuali, come per i prodotti di spezieria forniti dai conduttori di Vinegia, altri
erano influenzati dal calendario delle consuete trasferte ducali per le cacce autunnali, i soggiorni estivi nelle
delizie, le grandi pesche settembrine, ecc.), dalle variazioni stagionali (vedi diete invernali versus diete
estive), dalla presenza di eventi particolari, come le festivit natalizie e pasquali, in cui si moltiplicavano i
donativi e le elemosine ducali. Questa prassi permetteva agli uffici centrali di ridurre e controllare la quantit
di denaro circolante allinterno della corte, di contrarre le richieste di fondi, di predisporre in anticipo i fondi
necessari ai pagamenti; lefficacia del meccanismo peraltro confermata dagli scarti tra fondi richiesti e
fondi impiegati: nelle serie storiche da me costruite lerrore o scarto di previsione oscilla attorno al 5%.

Scambi interni, sistemi di valutazione e prezzi di trasferimento

Credo sia ormai asserita lesistenza allinterno della corte di due sistemi di contabilit complementari,
luno in natura, fondato su accurate scritture di carico e scarico di quantit fisiche di beni omogenei o
assimilabili dal punto di vista merceologico; laltro monetario, basato sulladozione del prezzo di mercato
come normale prezzo di trasferimento tra divisioni coinvolte in transazioni intraorganizzative e come
metro di valutazione dellautoconsumo.
Ora, come si potuto verificare dagli esempi addotti in precedenza, il numero di uffici implicati nei pi
banali processi di produzione e distribuzione era tale da sconsigliare ladozione del prezzo come misura
unica dei flussi e delle relazioni tra le diverse unit organizzative; la contabilit in natura era pi agile, pi
semplice, insensibile alle fluttuazioni stagionali o episodiche che gli equivalenti monetari subivano. Tuttavia,
ci non implica che gli amministratori ducali fossero insensibili al tema della quantificazione in termini
monetari dei consumi della struttura stessa, n che si disinteressassero alla valutazione dellautoconsumo,
ossia della traduzione in termini di prezzi del consumo di beni provenienti dalle unit produttive ducali.
Oltre a ci, numerosissimi uffici erano direttamente coinvolti in attivit commerciali, considerando che
avevano rapporti con grossisti, dettaglianti e cortigiani; basti pensare alle operazioni di vendita di derrate
agricole condotte dai granari, dalle cantine, dai depositi delle farine, oppure ai cavalli, ai capi zootecnici, alle
carni e ai cuoi esitati dal fattore sopra le possessioni, per rendersi conto di quanto fosse stringente, addirittura
condizionante, il legame tra la corte e i mercati urbani ed extraurbani e di quanto fosse diffuso il ricorso al
prezzo mercantile per misurare i valori. Tuttavia, per superare lostacolo rappresentato dalla complessit
della contabilit espressa in moneta, si ricorse a un raffinato quanto ingegnoso sistema misto, fondato
sullesistenza di tre diversi uffici-acquisti (il fontico copriva quasi completamente larea dellabbigliamento,
la spenderia gestiva il fronte degli approvvigionamenti alimentari, la spezieria acquistava spezie, cere,
essenze e medicinali), di cinque uffici-filtro che compravano dalla Camera Ducale e rivendevano alla stessa
(beccaria, pollaria, fruttaria, datio della pescaria, legnaro), e sulladozione di prezzi medi per la traduzione
in valori monetari del consumo di quei beni provenienti direttamente dagli uffici camerali che adottavano la
sola contabilit in natura.
Che il sistema fosse misto, lo si deve anche al fatto che gli acquisti riguardavano beni forniti sia da
fornitori esterni che da fornitori interni. La duplice natura di tale meccanismo risultava dallesistenza di un
grado di autarchia solo parziale: se nei settori strategici le produzioni di corte eccedevano la domanda
interna, in altri erano insufficienti, deficitarie o inesistenti, come nel caso delle spezie. Diversa era tuttavia la
logica dei tre sottosistemi: nel primo caso, ladozione del prezzo di mercato come prezzo di trasferimento
intraorganizzativo era prassi usuale, sia che gli scambi avvenissero tra uffici della Casa e della Camera, sia
che si svolgessero allinterno della sola Casa. Ad esempio, se nel 1528 la drapparia della guardaroba
acquistava i numerosi tessuti dallArte della lana ducale, gi nel 1512288 diversi uffici di corte acquistavano
separatamente i quantitativi di sale necessari alle loro attivit: la spenderia, il fattore alle valli di Comacchio
e il fattore al bestiame compravano dallufficio del sale le partite di merce indispensabili al soddisfacimento
dei bisogni degli uffici da essi diretti, pagando 14 soldi lo staro del sale, vale a dire il prezzo al dettaglio. Un
caso identico si verificava per gli acquisti fatti dalla spenderia di anguille vive e salate presso lufficiale
camerale titolare della condutta del pesce salato e del caxello di Ferrara: non solo la spenderia acquistava
a prezzi al dettaglio i quantitativi di salame necessari alle mense ducali, ma in conti separati figuravano gli
acquisti per elemosine e quelli per doni.289
Anche le transazioni tra i tre uffici-acquisti e gli altri uffici di Casa erano regolate grazie alladozione dei
prezzi come unit di misura delle transazioni: la spenderia, nel suo conto generale, aveva conti aperti a tutti
gli uffici che da essa acquistavano (grassa, dispensa, cucina), addebitando loro il costo delle forniture; per
portare i conti in pareggio, gli uffici acquirenti addebitavano a loro volta lesborso alla Camera Ducale. In
modo analogo si comportavano il fontico dei panni, che vendeva i suoi tessuti alla guardaroba,290 e la
spezieria. Che poi tali acquisti si risolvessero in semplici partite di giro contabili, nel momento in cui
venivano regolate tutte le compensazioni interdivisionali, e che non si traducessero in effettive operazioni di
tesoreria ma in semplici variazioni dei reciproci conti correnti, un altro discorso. Rimane il fatto che il
prezzo di mercato (spesso neppure quello praticato allingrosso), era il costante termine di riferimento di
molte delle transazioni che avvenivano tra uffici di corte, riguardanti normalmente acquisti di beni
particolarmente costosi (tessuti e spezie), o di rilevante entit (come nel caso degli acquisti della spenderia).
Nel secondo caso, quello degli uffici-filtro, le cose andavano diversamente; come ho gi notato in
precedenza, si era creato un articolato sistema che prevedeva la presenza di dipendenti-imprenditori che
interfacciavano gli uffici che seguivano la produzione e quelli che provvedevano al consumo e alla
distribuzione. Cos il beccaro comprava i capi da macello dallufficio sopra i bestiami, e dopo averli
macellati rivendeva la carne alla spenderia, e la stessa cosa facevano lufficiale sopra il legnaro, quello sopra
il pollaro e il fruttarolo, che acquistava ricotte, burro e latte provenienti dalle possessioni e dalle cascine
ducali e la frutta e gli ortaggi dei broili, degli orti e dei giardini estensi, rivendendo poi il tutto alla grassa e
alla spenderia.
Leggermente diverso era il caso degli acquisti di pesce dolce e di mare: non era pi un singolo
dipendente-imprenditore, ma uno specifico ufficio camerale appaltato, il datio della piscaria, a svolgere la
medesima funzione. In tal caso, il superiore al datio della pescaria e la Camera Ducale stipulavano, con
regolari instrumenti notarili, accordi di fornitura di durata quasi sempre quinquennale, che prevedevano la
cessione del pesce dacqua dolce di qualit media (carpe, tinche, chepie, pesce biancho) a un prezzo fisso di
7 denari per libra sutile o 20 soldi per pixo (o peso, equivalente a kg. 8,5). Il pesce di mare e quello dolce di
elevata qualit (lucci e storioni) erano invece segnati e pagati a parte. Anche in questo caso il dazio della
pescaria acquistava il pesce sia dalle pescarie ducali non affittate, sia dagli stessi cortigiani o spisanti del
duca (i registri del pesce sono a tal proposito chiarissimi), i quali si avvalevano del diritto di pescare nei
fossati e nei canali che circondavano gli edifici della corte estense. Anche in questo caso ci troviamo di
fronte a semplici partite di giro: delle lire tremillia quattrocento de lire marchesane de monete de camera
senza lazi [che il conduttore del datio della pescaria doveva versare di affitto annuale alla Camera Ducale] da
esse li compensato et difalchate al dicto conductore de anno in anno in lo pesce che lui dara per uso della
corte, et quando il pesce chil dara montasse pi del dicto afficto, quello pi gli sia posto a suo compto in lo
affitto de le valli de comachio.291 Soluzioni analoghe erano peraltro impiegate per gli approvvigionamenti di
ferramenta e balote de fero.
Questo ingegnoso sistema permise di filtrare una quota consistente di autoconsumo e di tradurlo
immediatamente in termini di prezzi. Si sottrassero a tale sistema solo lautoconsumo di pane, granaglie,
vino e biade e spelta per i cavalli. In questo caso, si ricorse al terzo sottosistema: ladozione di prezzi medi
che venivano moltiplicati per i consumi rilevati, arrivando cos a determinare il valore finale
dellautoconsumo. Non casuale che fossero soggetti a tale prassi i prodotti basilari dellalimentazione di
uomini e bestie: la frequenza delle transazioni era tale da sconsigliare ladozione del prezzo come misura del
consumo, rendendo assai pi agevole la tenuta della sola contabilit in natura e la sua conversione finale in
termini monetari. In tal caso, i prezzi medi dovevano essere probabilmente una media dei prezzi di mercato
annuali, distinti per tipologia di prodotto.
Un breve cenno meritano infine i prezzi impiegati nelle transazioni tra la corte ducale e le corti
particolari; queste, pur disponendo di strutture pressoch identiche, compravano alcuni articoli dagli uffici
camerali, soprattutto i tessuti dal fontico, le spezie dalla spezieria (con la sola eccezione delle corti
cardinalizie, che disponevano spesso di una spezieria propria), il sale dallufficio del sale e il pesce in
salamoia da quello delle Valli di Comacchio; mentre nel caso delle spezie venivano fissati di anno in anno i
prezzi di trasferimento per tutti gli articoli pi importanti, agli altri generi veniva applicato il normale prezzo
al dettaglio, senza alcun ricarico.
La Corte di Alfonso II

Gli esordi

La corte di Alfonso II, dal punto di vista amministrativo, si form tra il 1554 e il 1555, allorquando il
secondogenito di Ercole II, prossimo al ventunesimo anno di et, venne munito dal padre di un seguito di
tutto rispetto: i salariati erano 114 nel 1555 e 116 nel 1556, mentre il computo delle bocche stazionava
attorno alle 180 unit.
Tuttavia, di l dalla consistenza, interessante osservare che a differenza di quanto era accaduto in
passato lentourage alfonsino non venne al mondo dalle tradizionali costole paterne. Si trattava di una
corte totalmente nuova. Il 95% dei suoi membri non vantava carriere estensi pregresse e, fatto ancor pi
sorprendente, i vertici della familia erano costituiti da individui giovani, sovente cresciuti nelle paggerie
estensi, ma privi di significative esperienze di servizio. Si osservi a tal proposito la seguente tabella:

Tabella 6.1: i principali esponenti della corte di Alfonso II entrati al suo servizio tra il 1555 e il 1556

Magnifico conte .................... Onofrio ..................Bevilacqua ..........Cameriere


Magnifico messere ................ Ercole ....................Brasavola ............Cameriere
Magnifico conte .................... Alberto...................Canossa...............Cameriere
Messere ................................. Claudio ..................Carbolieri ............Cameriere
Magnifico messere ................ Filippo ...................Cospi...................Maestro di stalla
Magnifico messere ................ Vincenzo ...............Fiaschi.................Cameriere
Magnifico messere ................ Curzio ....................Forni....................Cameriere
Magnifico messere ................ Ercole ....................Giglioli................Cameriere
Magnifico messere ................ Alfonso..................Lulani..................Cameriere
Messere ................................. Paolo......................Montini ...............Maestro delle cacce
Magnifico messere ................ Alessandro.............Parisani ...............Cameriere
Magnifico messere ................ Ercole ....................Pistoglia ..............Gentiluomo
Magnifico messere ................ Ippolito ..................Pistoglia ..............Cameriere
Magnifico messere ................ Zilio .......................Rossetti ...............Gentiluomo
Magnifico messere ................ Francesco...............Sosena.................Guardarobiere e scalco
Magnifico messere ................ Ercole ....................Tassoni................Cameriere e maestro di camera
Illustrissimo signore.............. Camillo ..................Tassoni Estense ..Maggiordomo
Magnifico messere ................ Ippolito ..................Turchi..................Gentiluomo
Magnifico .............................. Nicola ....................Vincenzi..............Guardarobiere
Messere ................................. Ercole ....................Zanella ................Cameriere
Messere ................................. Carlo ......................Zuccardi ..............Gentiluomo darme

Fonte: data-set Guerzoni

Dei ventuno cortigiani sopracitati solo due avevano servito in precedenza in qualche corte estense:
Filippo Cospi dal 1547 al 1554 era stato cameriere di Ercole II, e come lui Vincenzo Fiaschi, dal 1542 al
1547.
Ora, senza sbilanciarsi in interpretazioni arrischiate, va rimarcata lanomalia di un fenomeno che veniva a
interrompere una tradizione secolare, che aveva visto sorgere tutte le corti principesche dalle ceneri di quelle
paterne, con la presenza fissa di saggi vecchioni posti dai duchi per temperare coi loro dotti consigli i
giovanili ardori degli eredi.
Inoltre, si affacciavano per la prima volta alla ribalta ferrarese homines novi provenienti da casate che mai
avevano avuto lonore di tenere un uomo a servizio: Carbolieri, Lulani, Montini, Parisani, Zanella e Zuccardi
erano solo le avanguardie del cambiamento, le spie della precoce opera di riplasmatura delle lites ferraresi
intrapresa dal delfino di Ercole II.
Tuttavia, la rottura col passato, il desiderio, peraltro soddisfatto, di circondarsi di uomini privi di un
ingombrante passato, evidenziava le tensioni, mai sopite, nel rapporto tra il duca e il suo successore
designato, tensioni che si allentarono durante il prolungato soggiorno transalpino di Alfonso, ma che
riesplosero al suo ritorno.
Come interpretare, infatti, i provvedimenti con cui il nuovo duca, tra il 1559 e il 1560, spium gli
organici della sua nuova corte allontanando gruppi interi di ufficiali paterni? Si tratt presumibilmente di una
vendetta postuma, di una pena comminata in contumacia, di cui pagarono il fio alcuni fedelissimi di Ercole,
come si pu evincere dalla seguente tabella:

Tabella 6.2: i tassi di turn-over della corte di Alfonso II

ANNO ......... NUMERO CORTIGIANI ..... NUOVI INGRESSI .....% NUOVI INGRESSI .... ABBANDONI ........ % ABBANDONI
1555..................... 114................................ 114 .......................... 100,00% ......................... 8.......................7,02%
1556..................... 116.................................. 10 .............................. 8,62% ....................... 43.....................37,07%
1558....................... 88.................................. 15 ............................ 17,05% ....................... 38.....................43,18%
1560..................... 398................................ 348 ............................ 87,44% ..................... 137.....................34,42%
1562..................... 428................................ 167 ............................ 39,02% ....................... 26.......................6,07%
1563..................... 415.................................. 13 .............................. 3,13% ....................... 30.......................7,23%
1567..................... 481................................ 162 ............................ 33,68% ....................... 37.......................7,69%
1568..................... 450.................................... 6 .............................. 1,33% ....................... 86.....................19,11%
1569..................... 466................................ 102 ............................ 21,89% ..................... 167.....................35,84%
1574..................... 369.................................. 70 ............................ 18,97% ....................... 51.....................13,82%
1576..................... 383.................................. 65 ............................ 16,97% ....................... 54.....................14,10%
1578..................... 342.................................. 13 .............................. 3,80% ....................... 78.....................22,81%
1582..................... 418................................ 154 ............................ 36,84% ....................... 15.......................3,59%
1583..................... 437.................................. 34 .............................. 7,78% ....................... 75.....................17,16%
1585..................... 408.................................. 46 ............................ 11,27% ....................... 71.....................17,40%
1588..................... 405.................................. 68 ............................ 16,79% ....................... 29.......................7,16%
1589..................... 404.................................. 28 .............................. 6,93% ....................... 43.....................10,64%
1590..................... 398.................................. 37 .............................. 9,30% ....................... 64.....................16,08%
1592..................... 399.................................. 65 ............................ 16,29% ..................... 162.....................40,60%
1597..................... 376................................ 139 ............................ 36,97% ..................... 338.....................89,62%

Fonte: data-set Guerzoni.

Legenda: nella colonna recante la dicitura numero cortigiani riportato il numero totale di salariati in servizio nellanno
corrispondente, in quella nuovi ingressi il numero di cortigiani che iniziarono a servire nellanno, in quella abbandoni il numero di
cortigiani che serv per lultima volta.
Procedendo a unattenta analisi dei dati, sono due le cifre che ci inducono a riflettere. Innanzitutto lalto
numero di abbandoni del 1558, che non si pu spiegare ricorrendo solo al licenziamento di parte del seguito
raccolto per il soggiorno in terra di Francia; infatti, a differenza di quanto fece il fratello Luigi,292 Alfonso
non si attorni di numerosi elementi locali: il 90% della sua corte transalpina era formata da italiani, in larga
misura ferraresi.
Si ha cos la netta impressione che con queste espulsioni egli abbia inteso tagliare i ponti col passato,
rinnegando il tormentato periodo di subordinazione dinastica liberandosi di quanti potevano rammentargli gli
anni della dipendenza dal padre. Diverso invece il significato dellelevato numero di abbandoni del 1560,
ascrivibile alla scrematura dei ranghi della corte della consorte e al deliberato allontanamento di numerosi
cortigiani del padre. Infatti, se diamo un volto ai freddi numeri, scopriamo che a fronte di circa 350 nuovi
arrivi (che nullaltro sono se non i 309 salariati di Ercole II del 1559 pi la quarantina di familiari di
Lucrezia de Medici), alla fine dellanno ben 137 persone vennero definitivamente cassate, senza peraltro
trovare successive sistemazioni in altre corti estensi: solo messer Tarabino da Modena, gi cavalcatore sotto
Alfonso I e Ercole II e licenziato da Alfonso II nel 1565, trov posto, con la medesima qualifica, nella corte
di Luigi, in compagnia di quel messer Nicola Beccari che, lasciati nel 1560 i ranghi alfonsini con la carica di
ufficiale della Camera Ducale, riusc a rientrare nel 1566 in quelli di Luigi nelle vesti di computista, carica
che mantenne sino al 1577.
Peraltro, accanto alle epurazioni condotte tra staffieri, facchini, falconieri, cagnattieri, ufficiali del tinello
e di casa, non mancarono vittime eccellenti: scomparvero dai ruoli ducali nomi eccellenti come quelli del
signor Alessandro Bentivoglio, dei conti Alberto da Canossa, Gerolamo Bersanini, Ippolito, Rigo Rangoni,
di monsignor Giulio Sartori, dei gentiluomini Federico Quaglia, Ercole Bonaccioli, Giacomo Trotti,
Francesco Capelli e Gaspare Sentinesi, dei camerieri Giovanni Francesco Gonzaga, Scipione Silva,
Francesco Minotti e Fabrizio Romano e Antonio Tonini. Per alcuni giunse, dopo anni di onorato servizio, il
momento del commiato dai travagli terreni, ad altri fu forse fatale lostracismo ducale.

La maturit: dimensioni e cambiamenti

Seguirono alcuni anni di relativa calma, segnati dalla costante crescita dimensionale della corte alfonsina,
che dai 398 salariati del 1560 ascese ai 481 del 1567 (anno in cui risultavano gi aggregati i cortigiani di
Barbara dAustria, sposata nel 1565 in seconde nozze).
Se consideriamo che da tale computo sono stati esclusi i dipendenti della stalla ducale (che dai relativi
registri risultano essere stati, nei medesimi anni, non meno di 100-120), le guardie suizere e todesche
(rispettivamente 50 e 50) e quelle de castello (10-15 armati), i paggi (20-25 unit), i garzoni e garzoncelli
della Cancelleria e della Camera Ducale (altri 30-40 ragazzi) e le numerosissime bocche (di solito una ogni
due salariati), possiamo serenamente affermare che alla fine degli anni 60 la corte di Alfonso e Barbara era
costituita da oltre 900 persone, cifra di notevole entit, ma in linea con le consuetudini estensi e le usanze
nazionali. Infatti, se consideriamo il grafico sottostante,

Possiamo constatare la permanenza, lungo un arco cronologico secolare, di valori pressoch costanti, che
comprovano la normalit della situazione. Tra Quattro e Cinquecento le corti sforzesche, gonzaghesche,
medicee e sabaude, con la sola eccezione delle farnesiane, si attestavano su livelli analoghi, oltrepassati solo
da quelli della curia papale, e tale affinit traspare con evidenza dalla tabella sottostante, in cui sono riportate
le grandezze degli organici sopra citati nel corso della seconda met del 500.
Tabella 6.3: organici delle corti dei duchi e granduchi di casa Gonzaga, Medici, Farnese, Savoia e di quella papale nel 500. I numeri
indicano sempre i soli salariati.

CORTE ...........GONZAGHESCA .... MEDICEA ........ FARNESIANA ....SABAUDA ....... PAPALE


Cortigiani .............. 245 (1543) ............... 7 (1549)..............90 (1551).......... 196 (1562) ..... 701 (1516)
............................... 341 (1554) ........... 168 (1564) ..........175 (1565).......... 157 (1568) .......................
............................... 370 (1577) ............................. ............162 (1576).......... 128 (1573)
............................... 610 (1589) ........... 233 (1587)............201 (1586).......... 200 (1588)
............................... 705 (1598) ........... 359 (1609)............226 (1593)

Fonti: I dati riguardanti le corti gonzaghesche e farnesiane sono stati desunti da Romani M.A., Honesto ocio post laborem ad
reparandum virtutem quiete, op. cit., p.626; quelli relativi alla corte papale da Ferrajoli A., Rotulus familiae Leonis X. Il ruolo della
corte di Leone X (1514-1516), a cura di De Caprio V., Roma, Bulzoni, 1984, pp.32-33; quelli della corte medicea da Fantoni M., La
corte del Granduca, op. cit., p.30; quelli sabaudi per il 1562, 1568 e 1573 dal saggio di Stango C., La corte di Emanuele Filiberto,
op. cit., p.465, per il 1588 da Merlin P., Tra guerre e tornei, op. cit., p.55. I dati concernenti la consistenza numerica della corte
sabauda nel 1588 sono presumibilmente sottostimati, stando allopinione espressa dal Merlin alle pp.55-6.

Ora, numeri del genere testimoniano la velleitariet dei tentativi effettuati dai sovrani italiani per tenere
lormai insostenibile passo continentale: la maison du roi francese comprendeva 318 ufficiali nel 1490, 366
nel 1495, 540 nel 1523, 622 nel 1535, per annoverarne 892 nel 1557,293 la corte di Filippo II negli anni 60
del Cinquecento vantava 1200-1500 funzionari,294 quella di Federico III dAsburgo superava i 600 individui
alla fine del XIV secolo,295 mentre nel 1474 il duca di Borgogna era circondato da 1030 cortigiani.296
Il tardo Cinquecento fu lestate di San Martino delle ambizioni padane, una breve stagione di splendida
depense che ebbe per protagonisti assoluti due cognati dirimpettai, Vincenzo Gonzaga e Alfonso dEste,
uniti da un destino che li volle condannati a mantenere corti abnormi, regali, nella speranza di giocarsi le
ultime carte sul tavolo della politica europea col volto celato da una maschera cos magnificente da
nascondere le miserie e la spossatezza dei loro microscopici ducati. Proprio per questo motivo, sino alla fine
degli anni 80, Alfonso mantenne una corte strepitosa: come notava argutamente Dalla Rena, uomo forse
prevenuto ma innegabilmente sagace, il Duca di Ferrara, se si misura dalla potenza, et dallo Stato suo,
non se non Principe mediocre, con tuttoci con questo artificio, che in Lui mirabile apparisce tanto
grande, di tanto grido, e di tanta stima, che posto sempre nel numero de maggiori, cos procura che la
Corte allapparir sia piena di Cortiggiani, et di gentiluomini, facendo invitar ancor quelli, che non hanno
obbligo di servire.297
In tal senso, ritornando allanalisi dei tassi di turn-over, lalto numero di abbandoni del 1569 (ben 167
cortigiani) solo da attribuirsi alla lacunosit delle fonti, che saltano il 1570, anno in cui Barbara spir: gran
parte del suo seguito venne licenziato e solo dopo il terzo matrimonio, celebrato nel 1578 con Margherita
Gonzaga, la consistenza degli organici riprese vigore, con una netta progressione dai 342 salariati del 1578
ai 437 del 1583.
Tuttavia, a scanso di equivoci, dobbiamo rammentare che tali somme includevano tutti i salariati di corte
e non i soli gentiluomini, come lascerebbe intendere il Prandi quando, riprendendo un passaggio di Dalla
Rena, ritiene che Alfonso II ne stipendiasse circa 300, ripartiti in tre livelli di prestigio: gentiluomini di
tavola a venticinque scudi al mese, a venti e a quindici.298 In realt lagente mediceo asser che arrivano i
gentiluomini [di Alfonso II] a 60, e son di tre sorti; i primi di tavola con 25 scudi il mese, i secondi con 20, e
li terzi con 15,299 elencando nella Nota de Marchesi, Conti, Cavalieri e Gentiluomini, che frequentano la
corte di Ferrara i nominativi di 67 persone.300 Tale precisazione doverosa poich altrimenti, come spesso
accaduto in passato, verremmo indotti a credere che llite di corte annoverasse centinaia di persone: Prandi,
confidando nella dimensione del corteo che celebr la creatione del secondogenito di Ercole II, afferma che
non si andrebbe forse lontano dal vero estendendo allintera rete della famiglie aristocratiche una
potenziale appartenenza alla corte: in tal caso il numero, nel momento iniziale del governo di Alfonso II, si
aggirerebbe attorno alle mille unit.301 Ma queste mille unit rappresentano semmai la crema
dellaristocrazia dellintero ducato: a Ferrara, considerando pure il circuito delle corti particolari, non
servirono mai, continuativamente o saltuariamente, pi di 150-200 tra gentiluomini e gentildonne, e, a
ribadire limportanza di scelte dalle immediate valenze politiche, alcune celebri casate modenesi, garfagnine
e reggiane non inviarono mai, per tutto il XVI secolo, un solo membro a corte, maschio o femmina che fosse.
Tuttavia, il dato pi sorprendente, su cui mi ero gi soffermato nei primi capitoli, emerge dallanalisi della
dinamica, invero anomala, dei tassi di turn-over degli anni 90: dei 376 salariati di corte che servivano il
duca nel 1597, ben 189 erano entrati in ruolo solo negli ultimi 8 anni e due su cinque dopo il 1592.
Si trattava dunque di una corte giovanissima, allegra, piena di vita, rifondata ex-novo nel momento in cui
Alfonso realizzava definitivamente la sua impotentia generandi e sentiva avvicinarsi lora della fine. Siamo
ben lontani dallimmagine stereotipata di una cerchia decrepita, esausta e decadente, impegnata ad
assecondare i mesti spassi di chi, consapevole sin dal 1591 che per la continuatione del Dominio di
Ferrara, nella sua Famiglia, haveva fatto quanto havea potuto, conoscendo, che li rimaneva poco pi di
vita, volle questo rimanente passare con ogni sorta di sodisfatione ragionevole, et conveniente ad un gran
Principe, et veramente Christiano.302
Eppure, di l dal comprensibile desiderio di suggere il nettare della giovent mentre le forze venivano
meno, circondandosi di juniores surroganti laffettuosa presenza dei figli mai avuti, ritengo che il vampiresco
Alfonso abbia voluto con questa trasfusione di giovane plasma ferrarese fiaccare fatalmente le speranze di
Cesare, che venne privato, nel momento decisivo, della possibilit di attrarre a s forze fresche e verdi
speranze.
Infatti, proprio tra il 1588 e il 1593 Cesare si gioc le ultime chances di plasmare una corte allaltezza
degli ardimentosi compiti che la attendevano: solo 27 dei 167 cortigiani che iniziarono a servirlo tra il 1581 e
il 1584 risultavano ancora al suo servizio nel 1593, a dimostrazione del fatto che furono gli stessi sodali del
secondogenito di don Alfonso a fiutare, quattro anni prima della Devoluzione, quale sarebbe stato il
probabile epilogo della infelice vicenda successoria.
Dietro una maschera di inappuntabile cortesia, Alfonso boicott la successione del cugino, impedendogli
di intessere legami generazionali coi coetanei ferraresi. Costoro vennero volutamente male educati dal duca
che li abitu a livelli di sfarzo che nessun successore avrebbe mai potuto garantire e creando aspettative che
quel poveraccio di Cesare non avrebbe mai potuto soddisfare. In tal senso, non credo che le lites ferraresi,
malcontente, indebitate, disusate alla guerra,303 abbiano voltato le spalle a Cesare perch delusi da Alfonso,
reo di averli condotti sul baratro della bancarotta. Al contrario, gli osservatori coevi sottolinearono sempre la
bont e larmonia dei rapporti tra Alfonso II e laristocrazia ferrarese: ancora nel 1589 il solito Dalla Rena
riferiva al granduca mediceo che i ferraresi amano e riveriscono il lor Principe con ogni affetto, e si
gloriano con ognuno della nobilt, ma non lodando in questa nessuno superiore al mondo304 e che la corte
sua bella, e piena di conti, e nobili signori, i quali egli sa mantenere con grande artifizio, et quasi
differenti a tutte laltre, perch non regna molta invidia tra cortigiani, anzi benevolenza; apparisce esser fra
loro grandissima cortesia, e creanza pi, che pi religione altrettanto.305
Vale semmai il discorso inverso, che i ferraresi non abbiano voluto rinunciare al consueto stile di vita
liberale e gaudente, come sarebbero stati costretti a fare qualora avessero abbracciato la povera causa di
Cesare, sicuri che lAldobrandini avrebbe prolungato la rotta festosa tracciata da Alfonso. E la pirotecnica
sequenza celebrativa del 1598, dettagliatamente descritta da Bonner Mitchell,306 dovette probabilmente
rassicurarli, quanto meno allinizio, che la pacchia non sarebbe finita; gli undici mesi che seguirono la
partenza di Cesare furono davvero mirabili, cinquanta settimane di baldoria ininterrotta, al punto che le
contrade di questa Citt, bench lunghissime, erano corte, & le strade, bench amplissime, anguste alle file
de cavalli, & de Cavalieri senza parlare poi dei Banchetti fatti a queste Signore, & Signori nella Citt, &
nel Buccentoro, n delle Tavole mantenute sempre piene a poveri, n della copia delle vettovaglie &
vivande.307
Queste considerazioni chiariscono il significato delle impressionanti cifre dellultima riga della tabella
6.2: visti i chiari di luna, non dobbiamo stupirci se 338 dei 376 salariati di Alfonso II non seguirono Cesare a
Modena: una vera debacle, in larga misura ascrivibile alle mosse dellultimo duca di Ferrara.
Tali motivi spiegano cos il valore, davvero basso, delle permanenze medie a corte, chiaramente
evidenziato dai dati sottostanti:

Tabella 6.4: anni di servizio

ANNI ..............NUMERO ............. ....................................ANNI ................ NUMERO


DI SERVIZIO .. DI CORTIGIANI ... % SUL TOTALE .......... DI SERVIZIO ..... DI CORTIGIANI . % SUL TOTALE
1...................... 387....................... 23,67%....................... 29......................19 ....................... 1,16%
2...................... 102....................... 6,24%......................... 30......................15 ....................... 0,92%
3...................... 121....................... 7,40%......................... 31......................27 ....................... 1,65%
4...................... 53......................... 3,24%......................... 32......................6 ......................... 0,37%
5...................... 71......................... 4,34%......................... 33......................13 ....................... 0,80%
6...................... 75......................... 4,59%......................... 34......................14 ....................... 0,86%
7...................... 34......................... 2,08%......................... 35......................18 ....................... 1,10%
8...................... 71......................... 4,34%......................... 36......................14 ....................... 0,86%
9...................... 28......................... 1,71%......................... 37......................7 ......................... 0,43%
10.................... 67......................... 4,10%......................... 38......................7 ......................... 0,43%
11.................... 43......................... 2,63%......................... 39......................6 ......................... 0,37%
12.................... 25......................... 1,53%......................... 40......................12 ....................... 0,73%
13.................... 31......................... 1,90%......................... 41......................1 ......................... 0,06%
14.................... 20......................... 1,22%......................... 42......................6 ......................... 0,37%
15.................... 38......................... 2,32%......................... 43......................7 ......................... 0,43%
16.................... 41......................... 2,51%......................... 44......................1 ......................... 0,06%
17.................... 38......................... 2,32%......................... 45......................9 ......................... 0,55%
18.................... 14......................... 0,86%......................... 46......................1 ......................... 0,06%
19.................... 21......................... 1,28%......................... 47......................1 ......................... 0,06%
20.................... 19......................... 1,16%......................... 48......................3 ......................... 0,18%
21.................... 11......................... 0,67%......................... 49......................3 ......................... 0,18%

ANNI ..............NUMERO ............. ....................................ANNI ................ NUMERO


DI SERVIZIO .. DI CORTIGIANI ... % SUL TOTALE .......... DI SERVIZIO ..... DI CORTIGIANI . % SUL TOTALE
22.................... 27......................... 1,65%......................... 51......................4 ......................... 0,24%
23.................... 12......................... 0,73%......................... 53......................2 ......................... 0,12%
24.................... 28......................... 1,71%......................... 55......................2 ......................... 0,12%
25.................... 6........................... 0,37%......................... 56......................2 ......................... 0,12%
26.................... 17......................... 1,04%......................... 57......................1 ......................... 0,06%
27.................... 10......................... 0,61%......................... 59......................1 ......................... 0,06%
28.................... 23......................... 1,41%......................... Media 11,44 .....1635 ................... 100%

Fonte: data-set Guerzoni.

Legenda: nella prima e nella terza colonna sono stati elencati gli anni di servizio, da un minimo di 1 a un massimo di 59, nella
seconda e nella quarta il numero di individui che serv per il corrispondente lasso di tempo, nella terza e nella sesta il valore
percentuale sul totale della popolazione dei cortigiani.

Pi della scadente qualit dei dati statistici,308 furono determinanti i licenziamenti avviati nei primi due
anni di governo, gli sfoltimenti dei seguiti delle tre spose, lallontanamento dei familiari delle due consorti
che gli premorirono e infine la politica di ringiovanimento degli organici tenacemente perseguita nel corso
degli anni 90. Si spiegano cos sia la pronunciata instabilit delle carriere, confermata dallelevato numero
di cortigiani che servirono per uno o al massimo due anni (rispettivamente 387 e 102, pari al 30% del totale,
cio 489 su 1635), sia il valore particolarmente basso della durata media delle permanenze a corte; gli 11,44
anni dellultima riga della tabella 6.4 rappresentano il valore medio delle carriere estensi (includono cio
anche gli anni spesi nelle corti particolari): se ci limitiamo a calcolare la durata media delle carriere trascorse
esclusivamente nelle fila alfonsine, il computo precipita a soli 7,91 anni, contro i 9,42 dei cortigiani di Ercole
I (1471-1505), i 10,19 di quelli di Alfonso I (1505-1534), i 9,12 di quelli di Ercole II (1535-1559),
nonostante Alfonso II sia stato, dal punto di vista degli anni di governo, il pi longevo dei cinque duchi
ferraresi.309
Ci troviamo dunque al cospetto di una corte irrequieta, percorsa da fremiti di nervosismo che rivelano
quanto fosse difficile conservare la gratia del principe; le antiche rendite fiduciarie, i vitalizi dinastici,
venivano sradicati dalle folate del cambiamento in atto. Allinquietudine dei nobili vergognosi si
contrapponeva la guardinga ricerca di occasioni dei parvenuti, in un sottile gioco di equilibri sempre pi
instabili, di fughe e cacciate, cui nessuno poteva sottrarsi, rendendo assai pi fluide le dinamiche di
promozione e declassamento sociale.

Le provenienze

Tuttavia, le ripetute quanto frenetiche operazioni di dialisi effettuate sul corpo umano della corte,
celano altre interessanti informazioni; infatti, una volta smaltite le scorie delleredit paterna, Alfonso II non
attinse affatto, per le nuove assunzioni, dal ricco bacino delle corti particolari. Se escludiamo i 307 salariati
avuti in dote dal padre e dal nonno (dei 307 cortigiani di Ercole II, 44 avevano gi servito nella corte di
Alfonso I), nel corso della sua quarantennale esistenza la corte alfonsina accolse solo 92 individui
provenienti da altre cerchie estensi, poco pi del 5% dei complessivi 1635 elementi: 22 vennero dalla corte
di don Alfonso, marchese di Montecchio, 7 da quella di Cesare, 4 da quella di Renata di Valois, 22 da quella
di Ippolito II e 36 da quella di Luigi. Complessivamente 6 individui servirono in 4 corti, 77 in 3, 385 in 2,
1250 solo in quella di Alfonso e delle sue consorti.
Si tratta di dati affascinanti, che comprovano la sostanziale chiusura del nucleo alfonsino: mentre sino ad
Ercole II il flusso di interscambio con le altre corti ferraresi era stato copioso e costante, il quinto duca di
Ferrara ruppe ancora una volta con le tradizioni, negando a centinaia di individui la prosecuzione di una
carriera in Casa dEste: se lesiguo numero di transfughi dai ruoli di Renata non deve destare stupore,310 visti
i pessimi rapporti intercorsi tra madre e figlio negli ultimi anni del volontario esilio a Consandoli, come pure
lo sparuto manipolo di servitori che lasciarono Cesare prima del 1597 per entrare nei ranghi ducali,311 ben
altra impressione suscitano le scarse assunzioni dalle cerchie di Ippolito e Luigi, il primo scomparso nel
1572, il secondo nel 1586.
Che i rapporti del duca coi due porporati non fossero proprio idilliaci lo si sapeva, ma simili cifre suonano
come una vera e propria bocciatura: dei 110 salariati di Ippolito II del 1571, solo tre vennero accolti nella
corte di Alfonso: il reverendo monsignore Ercole Gatti, che conserv la carica di segretario, messer
Francesco Cappello, che mantenne la qualifica di computista e infine il reverendo monsignore Giulio
Masetti, che rimase a Roma, in qualit di agente estense.
And ancora peggio ai protetti di Luigi, il quale, subodorando il finale della vicenda, aveva inutilmente
tentato negli ultimi anni di vita di costringere il fratello ad assumersi, qualora il cardinale fosse spirato prima
di lui, la promessa di provvedere al mantenimento dei suoi cortigiani. Non si trattava di un onere di poco
conto, dal momento che, pur non raggiungendo i livelli dei tardi anni 70, quando Luigi si trattenne a Roma
con un seguito di 349 persone,312 lultimo testamento del 1585 menzionava 104 legatari tra familiaribus,
domesticis et servitoribus.313 Ebbene, solo sei di loro vennero ripresi da Alfonso: il celebre Leonardo Coiana,
detto Greco, che rimase valletto di camera, Francesco Maria Depintore, alias Rocha, che da dispensiere
divenne sottosescalco, messer Filippo Della Vedova, detto Brisighella, che continu a servire come
bottigliere, maestro Francesco Galeotti, fornaio prima e dopo, il magnifico messer Alessandro Zerbinati, gi
tesoriere del cardinale, arruolato tra gli ufficiali della Camera Ducale, il signor Francesco Guareschi, che
mantenne la qualifica di gentiluomo. Per gli altri fu notte fonda: solo Cesare si prodig per rendere meno
amaro il loro destino, non fossaltro che per i doveri morali che gli derivavano dagli indesiderati obblighi
testamentari.314
Questa sensazione di chiusura, di insularit dei ranghi, riaffiora anche dallanalisi dei dati concernenti le
provenienze geografiche dei cortigiani alfonsini:

Tabella 6.5: provenienze geografiche dei cortigiani di Ercole I, Alfonso I, Ercole II e Alfonso II non originari del ducato: gli italiani

CORTE ......................................ERCOLE I ........ALFONSO I...... ERCOLE II ...... ALFONSO II


NUMERO DI CORTIGIANI ............... 1604....................1460 ................... 936......................1635
Abruzzo ........................................... 2..........................1 ......................... ............................1
Basilicata
Bergamo e Brescia .......................... 8..........................9 ......................... 5 ..........................3
Bologna ........................................... 17........................10 ....................... 7 ..........................6
Calabria ........................................... 1..........................2
Campania ........................................ 17........................7 ......................... 5 ..........................1
Correggio ........................................ 11........................8 ......................... 1
Friuli................................................ ............................2 ......................... 2
Lazio................................................ 9..........................7 ......................... 3
Liguria ............................................. 6..........................3
Lombardia ....................................... 42........................37 ....................... 8 ..........................7
Lucca ............................................... 9..........................4 ......................... 2
Mantova........................................... 12........................23 ....................... 10 ........................11
Marche............................................. 6..........................11 ....................... 5 ..........................6
Mirandola ........................................ 2..........................12 ....................... 5
Monferrato ...................................... 9.......................... ........................... ............................1
Novara e Vercelli ............................ 4..........................3 ......................... 2 ..........................1
Parma e Piacenza ............................ 21........................7 ......................... 7 ..........................9
Piemonte.......................................... 6..........................6 ......................... 4 ..........................4
Puglia............................................... 5..........................2 ......................... 1 ..........................
Romagna non estense...................... 12........................11 ....................... 5 ..........................2
Sicilia............................................... ............................ ........................... ............................1
Toscana ........................................... 21........................23 ....................... 15 ........................12
Trentino ........................................... ............................2 ......................... ............................1
Umbria............................................. 8..........................2 ......................... 2
Veneto ............................................. 29........................33 ....................... 25 ........................15
TOTALE ITALIANI .......................... 257......................225 ..................... 114......................81
% SU TOTALE CORTIGIANI ............ 16,02% ...............15,41%............... 12,18%................4,95%

Fonte: data-set Guerzoni. I dati relativi alle corti di Ercole I, Alfonso I ed Ercole II non includono i cortigiani delle duchesse.
Tabella 6.6: provenienze geografiche dei cortigiani di Ercole I, Alfonso I, Ercole II e Alfonso II non originari del ducato: i non
italiani
CORTE ......................................ERCOLE I ........ALFONSO I...... ERCOLE II ...... ALFONSO II
NUMERO DI CORTIGIANI ............... 1604....................1460 ................... 936......................1635
Albania, Dalmazia e Istria .............. 6..........................4 ......................... 1 ..........................
Austria ............................................. ............................1 ......................... ............................6
Baviera ............................................ ............................ ........................... ............................4
Borgogna......................................... ............................ ........................... ............................1
Egitto, Siria e Turchia ..................... 1..........................2 ......................... 1
Fiandre............................................. 12........................4 ......................... 5 ..........................9
Francia............................................. 15........................17 ....................... 3 ..........................31
Germania ......................................... 13........................13 ....................... 8 ..........................16
Grecia .............................................. 6..........................4 ......................... 2 ..........................2
Inghilterra........................................ 1
Lorena ............................................. ............................ ........................... ............................1
Moscovia ......................................... ............................ ........................... ............................1
Polonia............................................. ............................ ........................... 1 ..........................1
Portogallo ........................................ 3..........................1
Savoia.............................................. 1.......................... ........................... 1
Spagna ............................................. 10........................7 ......................... 3 ..........................6
Svizzera ........................................... ............................ ........................... ............................3
Turchia
Ungheria.......................................... ............................2 ......................... 3 ..........................1
Valtellina e Grigioni ....................... 10........................7 ......................... 8 ..........................10
TOTALE NON ITALIANI .................. 63........................62 ....................... 36 ........................92
% SU TOTALE CORTIGIANI ............ 3,93% .................4,25%................. 3,85%..................5,63%
TOTALE ITALIANI + NON ............... 320......................287 ..................... 150......................173
% SU TOTALE CORTIGIANI ............ 19,95% ...............19,66%............... 16,03%................10,58%

Fonte: data-set Guerzoni. I dati relativi alle corti di Ercole I, Alfonso I ed Ercole II non includono i cortigiani delle duchesse.

Bench Alfonso II possa immeritatamente vantare, solo per ragioni di ordine metodologico e statistico,315
un maggior numero di cortigiani stranieri, in larga misura coincidenti col nucleo dei familiari austro-tedeschi
della seconda moglie Barbara dAustria e con la cerchia degli ufficiali francesi arruolati durante i soggiorni
transalpini, se esaminiamo il numero di cortigiani provenienti da localit non situate negli stati estensi
dobbiamo constatare la progressiva provincializzazione della corte ducale: se includessimo nel computo i
salariati delle consorti dei suoi tre predecessori, otterremmo per costoro percentuali di cortigiani non-estensi
pari al 23-25%, pi del doppio di quelle di Alfonso II. E un segnale importante, che indica, marcandolo
indelebilmente, il processo di chiusura dei ranghi cortesi tardo cinquecenteschi, un ripiegamento che coincise
con una sempre pi accentuata rappresentativit territoriale. Nel momento in cui gli orizzonti politici si
chiusero in termini pressoch definitivi, la corte divenne lunico stagno ove gracidare, il luogo in cui si
doveva stare se si voleva contare qualcosa in uno stato che ormai non contava pi nulla. I confini della corte
erano i confini dello Stato e quanto pi vicino si stava al centro del potere tanto pi diventava difficile
sottrarsi alla sua magnetica influenza: quasi impossibile riuscirci per i ferraresi, se gi nel 1579 prohib in
questi giorni il Duca che niuno si potesse allontanare dalla Citt per andare a servire altri Principi senza
sua espressa licenza.316
La corte estense, in passato crocevia di bizzarre e disparate traiettorie biografiche, crogiolo di razze e
asilo di profughi e fuggiaschi dogni sorta, stava diventando uninsula sempre pi italiana, sempre pi
estense, sempre pi ferrarese: unisola felice, lambita marginalmente dalle correnti della grande politica
europea, popolata da pochi, splendidi, indigeni attorniati da masse di pezzenti. Un luogo fatato, ma
ossessivamente chiuso su se stesso, che stregava i propri abitanti, elevando la ferraresit a cifra distintiva e
rendendo incredibile lipotesi che fosse davvero possibile vivere lontano dai suoi piaceri, dai suoi spassi.
Figuriamoci a Modena, poi!

Le carriere

Tuttavia, non sussistono legami diretti tra lirrequietezza delle carriere cortesi e i processi di
avanzamento e retrocessione sociale. Alfonso ebbe un ruolo determinante nel rimodellare la demografia del
potere ferrarese, ma lo fece con le chiamate nei, e le espulsioni dai, ranghi di corte, e non, come si potrebbe
supporre, attraverso la regia delle promozioni interne: era esiziale essere dentro o fuori listituzione, ma, una
volta allinterno, non rimanevano margini per clamorose scalate dei gradini gerarchici: le carriere erano
lente, vischiose, si sviluppavano solo allinterno dei singoli uffici, denotavano una limitata mobilit
orizzontale e diagonale e scarse o nulle possibilit di salire celermente le posizioni dei ranghi ducali.
Per chiarire meglio il significato di tali affermazioni, si suddivisa la corte in quattro fasce,
corrispondenti a diversi livelli gerarchici: alta (signori e gentiluomini, oratori, fattori generali, segretari,
consiglieri di giustizia, camerieri, scalchi, scudieri, medici, barbieri, maestri di stalla e di cacce), medio-alta
(cancelleria, Camera Ducale, castaldi, musici, giardinieri, armaioli, tornitori, fabbri, falegnami, ebanisti,
liutai, sarti, tappezzieri, ufficiali in guardaroba, notai, spenditori, cantinieri, superiori ai granai, ai legnari e
alle fabbriche), medio-bassa (falconieri e cacciatori, staffieri, portonari, chiavieri, religiosi, saltari, ortolani,
cuochi, maniscalchi, sellai, ufficiali ai bucati, credenzieri, sottocantinieri, panettieri, fornai, nocchieri e
capitani della marinareza) e bassa (messi e comandatori, famigli ai cani, stallieri, mulattieri, facchini,
massari, sguatteri, massare, servi, carrettieri).
Ora, analizzando i dati del data-base ho potuto constatare che nel corso del periodo alfonsino si
verificarono pochissimi spostamenti dalla fascia bassa a quella medio-bassa; di norma si entrava facchini e si
usciva facchini, si cominciava sguatteri e si finiva sguatteri. Poche le promozioni, infrequenti gli
avanzamenti gerarchici, al pi si poteva confidare in un aumento salariale o in un inconsueto cambio di
mansione, come accadde a Domenico da Valtellina, facchino alle cantine dal 1555 al 1559, facchino in
tinello nel 1560, quindi facchino alle camere dal 1562 al 1576 o a Francesco Grande, che fu staffiere dal
1530 al 1554, usciere dal 1555 al 1559, portonaro dal 1560 (anno a partire dal quale venne designato nei
registri come messere) al 1568, per finire messo in Camera Ducale dal 1569 al 1585.
Si tratta per di episodi isolati, circoscritti a pochi individui: la ferrea rigidit delle gerarchie sociali non
ammetteva deroghe e le carriere dei membri della bassa corte si svolgevano entro una banda assai ristretta,
con limiti superiori pressoch invalicabili.
Era invece leggermente migliore la situazione di quanti si trovavano nella fascia medio-bassa, che talvolta
riuscivano a farsi aggregare in quella immediatamente superiore. Quasi sempre queste promozioni venivano
concesse per meriti di anzianit, allinterno del medesimo ufficio: prima lavamasseritie, poi aiuto-cuoco,
cuoco dei forestieri, cuoco, e infine, solo in circostanze eccezionali, maestro di cucina.317 Talora si poteva
essere ancor pi fortunati: messer Antonio Maria da Ferrara, che serv come staffiere dal 1558 al 1578, nel
1582 venne promosso ufficiale di casa e nel 1594 nominato credenziere, carica che mantenne sino al 1597,
mentre David Rausert, staffiere di Alfonso dal 1567 al 1585, nel 1585 divenne staffiere della duchessa, per
esser poi elevato al rango di sopracuoco nel 1594.
Le fortunate vicende del Rausert non debbono per trarre in inganno: solo con Cesare, e dopo la
Devoluzione, il passaggio da una corte allaltra pot comportare significativi avanzamenti; in precedenza, nel
95% dei casi coloro che si trasferirono conservarono le medesime mansioni e lo stesso salario dellultimo
impiego: il magnifico messere Alfonso Cattani serv come medico sino al 1581 nella corte di don Alfonso,
marchese di Montecchio, dal 1582 al 1584 in quella di Cesare, nel 1586 in quella di Luigi, nel 1592 in quella
di Alfonso II, mentre il magnifico messere Gerolamo Malvezzi, dopo aver servito sino al 1584 don Alfonso,
marchese di Montecchio, e poi Cesare come superiore alle fabbriche, fu sottoscalco di Alfonso II dal 1589 al
1597; quando nel 1599 riapparve a Modena, ottenne la carica di sottoscalco e solo nel 1603 venne nominato
scalco dei forestieri, qualifica che mantenne sino al 1616.
Semmai, col trasferimento si potevano ottenere piccoli vantaggi: Giacomo da Poschiavo, aiutante in
cucina sotto Ercole II nel biennio 1558-9, entr nel 1560 nei ranghi alfonsini come aiutante in bottiglieria,
per venire nominato nel 1568 aiutante alle camere, ove rimase sino al 1570.
La ridotta mobilit verticale e orizzontale chiarisce cos lassenza di traiettorie diagonali: gli unici che
saltuariamente venivano spostati da un ufficio allaltro erano i facchini, i notai e i contabili, le cui capacit
potevano essere indifferentemente impiegate in guardaroba o alla grassa, nelle legnaie o nei granai; nei
rimanenti casi, i trasferimenti da un ufficio a un altro erano pressoch inesistenti, come pure i passaggi dalla
fascia medio-bassa a quella alta.
Tuttavia, a ulteriore dimostrazione del crescente grado di cristallizzazione delle gerarchie sociali, durante
il governo alfonsino sbiadirono anche le speranze di carriera dei membri della fascia medio-alta,318 lunica
che sino ad allora aveva goduto di occasioni davvero propizie. Con lirresistibile ascesa dei segretari e la
costituzione del Consiglio di Stato decaddero il prestigio e le chances dei cancellieri,319 mentre i quadri della
Camera Ducale subirono un drastico ridimensionamento320 nel momento in cui la carica di fattore generale
divenne prerogativa delle couches aristocratiche: scomparso nel 1574 lultimo fattore di estrazione borghese,
Francesco Tombesi, si susseguirono nomi illustri come quelli dei signori Guido Coccapani e Giovanni
Battista Montecatini, sino al 1599, anno in cui troviamo contemporaneamente fattore generale e
maggiordomo del duca Cesare il conte Giulio Tassoni.
Il favore principesco si svelava dunque fuori dai confini di corte, manifestandosi in forme che non
intaccavano la sostanziale e necessaria immutabilit degli assetti socio-politici che la corte rappresentava e
tutelava: invece di nobilitare un falconiere o promuoverlo tra i propri camerieri i duchi potevano colmarlo di
doni, regalargli una casa o un podere, investirlo di usi, livelli, censi o terratici, assegnargli le entrate di dazi o
gabelle, e via dicendo.321 In modo analogo, i principi estensi potevano ripagare i servigi di banchieri e
mercanti senza accettarli immediatamente tra i propri gentilhuomini, ma concedendo loro un titolo nobiliare
o un investitura feudale, accogliendone i figli in paggeria o appoggiando unioni matrimoniali con casate
altolocate. Anche per la maggior parte di scudieri, camerieri, segretari, oratori e consiglieri di giustizia, non
vi erano avanzamenti eclatanti: spesso il duca preferiva ricorrere allampia gamma di esenzioni e immunit,
donava gioielli, vesti, somme di denaro, immobili e propriet fondiarie, assegnava benefici ecclesiastici e
accoglieva le istanze di nobilitazione.
Il favore ducale si rivelava preferibilmente fuori dai confini istituzionali: senza perdere la loro
fondamentale esemplarit, concessioni e gesti munifici non alteravano radicalmente gli equilibri gi esistenti.
Il sistema era fondamentalmente giusto e garantiva il soddisfacimento delle reciproche ambizioni
qualunque desiderio solletichi il petto del Servidore o sia dhonore, o di ricchezze, o daltro; egli sempre
spinto a voler pi tosto un luogo, che un altro, nel servigio. Non tutte le cariche, non tutti i luoghi, sono
egualmente opportuni a quei fini, che pu haver col Prencipe il Servitore. Egli ben vero, che quei luoghi,
che portano pi di splendore, dautorit, o dutile; sono i pi desiderati comunemente. Il distribuirgli tocca
al potente. Il farlo convenevolmente parte sovrana del suo debito verso i Servidori, verso il Publico, e
verso lufficio proprio. Fa torto al servidore il Potente, se impiega in carico inferiore alla sua virt: fa
ingiuria al pubblico, se ingombra gli uffici con personaggi inhabili a sostenergli: nelluna, e nellaltra
maniera, manca al debito del suo ufficio, che di provedere i carichi di persone, e le persone di carichi; a
proportione l del bisogno, qu del valore.322
Il fedele servire veniva comunque premiato, stimolando i meccanismi emulativi, ma nel contempo il duca
assolveva nel modo pi consono al suo rango i compiti di tutore e garante degli ordini socio-politici. Egli non
poteva agire solo arbitrariamente: era tenuto a salvaguardare limplicita bilateralit del rapporto sovrano-
suddito e la piena reciprocit della relazione principe-servitore, che, pur nella sua imperfetta simmetricit, o
per meglio dire perfetta asimmetricit, nel corso del secondo 500 and orientandosi verso connotazioni
semi-contrattualistiche. Se nei primi anni 50 del XVI monsignor Della Casa tentava ancora di sostenere le
ragioni di uno scambio munifico quanto impari, un ineguagliabile dono-controdono inteso a mostrare la
superiorit morale ancor prima che economica del Signore perch i potenti e ricchi quando a coloro, i quali
meritevoli ne sono, usando della liberalit, donano delle lor ricchezze; non si persuadono operare in essi
beneficio alcuno ma s premiargli de servigi, e dellhonore da loro ricevuto. Anzi vorrei io che la mercede
ne gli rendessero con quella misura, colla quale essi le fatiche imposte gli anno, e colla quale hanno voluto
esser serviti; a guisa della terra facendo, la quale maggior copia de frutti rende a chi nel coltivarla con pi
industria si affatica,323 e il Peregrini affermava che il cortigiano non altrimenti, che adoperandosi con
quella studiosa diligenza, che pi frutta a pr del suo Signore, consegue giustamente i beni dovuti alla vita
Cortigiana. Ne altres pi disposto a non dovuti. N pu rimanere fraudato, che tratto alla Corte da
brama honesta del bene, se l Prencipe non manca al suo dovere dacch lhonesta via del Corteggiare
non conduce al proprio bene, se non passa per quello del Potente. Ne ricerca il proprio bene come fine, ma
come appoggio. Il bene del Cortigiano un nutrimento del bene del Principe,324 nei primi anni del Seicento
autori come il Ducci ribadivano che come egli [il cortigiano] in obligo doperare per lo fine che muove il
Principe a contrahere societ con lui, che il proprio servitio: cos il Prencipe tenuto ad operare per lo
fine che ha mosso il cortegiano a stringersi in nodo di servit con esso: in maniera che si pu dire il
Principe essere obligato a operare a beneficio del Cortegiano in quelle cose, chil cortigiano si propone
dacquistare servendo: et queste sono le commodit e gli honoricon lavvertenza che non di meno egli
davvertire, che come il Cortigiano istesso non obbligato a operare quanto pu in servitio del Suo
Principe, quando loperatione torna in pregiuditio dellinteresse proprio, cos molto meno tenuto il
Principe a beneficiare il suo Cortigiano in cosa che porti offesa o danno al servitio suo.325

Vecchie e nuove lites


Non dobbiamo dunque scordare i limiti negoziali dei poteri ducali: i progetti di ricambio delle classi
dirigenti e delle lites nobiliari trovavano a corte non solo entusiasti sostenitori, ma anche ostinati avversari:
esisteva cio un punto di equilibrio tra i costi della gestione e composizione dei conflitti e i benefici dei
disegni di cambiamento. In tal senso esistevano limiti quasi fisiologici ai processi di avanzamento allinterno
della corte; al pi si poteva confidare nelle dinamiche intergenerazionali: ogni nuova leva della famiglia o
del clan poteva sperare di salire un ulteriore gradino del cursus honorum. Tuttavia, tali opportunit
scemarono nel corso del Cinquecento; gi dagli anni 1530-40 le gerarchie si irrigidirono e i margini di ascesa
si contrassero, prova ne sia il fatto che anche nella fascia pi alta furono introdotte severe limitazioni,
accentuando le distanze in termini di status tra scudieri, camerieri, gentiluomini e signori. Mentre fino al
tardo Quattrocento tali cariche potevano essere progressivamente ricoperte nel corso di una sola esistenza,
qualche decennio pi tardi questa sequenza era assai infrequente: solo i membri delle casate nobiliari pi
illustri terminavano senza intoppi il percorso netto paggio-scudiere-cameriere-gentiluomo-signore; negli altri
casi si poteva rimanere scudiere o cameriere per tutta la vita, senza alcuna reale prospettiva di significativi
avanzamenti.
La partita si giocava tutta sul terreno delle chiamate a corte e su questo campo da gioco Alfonso si
dimostr quasi imbattibile. Osserviamo con attenzione la tabella sottostante.

Tabella 6.6: famiglie aventi almeno due membri in servizio tra il 1471 e il 1597 nel gruppo dei signori, gentiluomini, camerieri,
scalchi, scudieri, medici, segretari, maestri di guardaroba, stalla e cacce, oratori, consiglieri, fattori generali.

FAMIGLIA .. 1471-1559 .. ALFONSO II ... FAMIGLIA ... 1471-1559. ALFONSO II.....FAMIGLIA ... 1471-1559.. ALFONSO II
Alvarotti .......... 2.................. 2................Dalla Vela .......... 2 ............... 0................Mori .....................1 ................4
Antonelli.......... 0.................. 0................DallAssassino ... 2 ............... 1................Mosti ....................4 ................2
Ariosti.............. 9.................. 3................Duranti ............... 0 ............... 0................Naselli ..................2 ................2
Barozzi ............ 0.................. 0................Farolfini ............. 4 ............... 0................Panza....................1 ................2
Belencini.......... 0.................. 2................Ferrari................. 1 ............... 0................Parisani.................1 ................2
Bellaia.............. 3.................. 1................Ferri.................... 0 ............... 0................Perondoli..............2 ................0
Bendedei.......... 4.................. 1................Fiaschi................ 4 ............... 4................Pigna ....................1 ................1
Bentivoglio...... 3.................. 7................Fogliani .............. 1 ............... 2................Pio .......................3 ................1
Bernieri............ 2.................. 1................Fontana............... 0 ............... 3................Pistoglia ...............0 ................2
Bevilacqua....... 2.................. 4................Forni................... 3 ............... 1................Pretti.....................0 ................2
Boiardi............. 2.................. 1................Foscardi.............. 3 ............... 0................Prosperi ................2 ................1
Bonaccioli........ 4.................. 1................Gatti ................... 2 ............... 3................Quaglia.................2 ................1
Bonlei .............. 4.................. 1................Gianella.............. 0 ............... 4................Rangoni................3 ................8
Boschetti.......... 5.................. 1................Giglioli ............... 2 ............... 5................Ricci .....................1 ................1
Brasavola......... 2.................. 4................Giraldi ................ 0 ............... 2................Romei...................4 ................0
Brugia .............. 3.................. 0................Girondi ............... 2 ............... 0................Rossetti.................1 ................2
Calcagnini........ 2.................. 1................Gonzaga ............. 5 ............... 4................Ruggeri.................1 ................3
Calori .............. 0.................. 1................Greco.................. 0 ............... 2................Sagrati .................11 ...............2
Canossa............ 0.................. 2................Grillenzoni ......... 0 ............... 0................Sanseverini...........3 ................1
Cantelmi .......... 2.................. 0................Gualenghi........... 2 ............... 2................Sartori...................1 ................2
Castelli............. 0.................. 1................Guarini ............... 1 ............... 3................Sassi .....................0 ................0
Castelvetro....... 0.................. 0................Guarnieri ............ 3 ............... 2................Scotti ....................2 ................0
Cattani ............. 0.................. 1................Laciosi ............... 2 ............... 0................Seghizzi................0 ................1
Cavazza ........... 0.................. 0................Laderchi ............. 0 ............... 1................Sogari ...................0 ................2
Cavedoni.......... 2.................. 0................Lardi................... 2 ............... 0................Somenza...............0 ................1
Cesis ................ 0.................. 0................Lavezzoli............ 1 ............... 2................Sosena ..................0 ................2
Cestarelli.......... 3.................. 0................Levizzani............ 0 ............... 0................Strozzi ..................5 ................0
Coccapani ........ 0.................. 2................Macchiavelli ...... 2 ............... 1................Tassoni ................8 ................9
Codebue........... 0.................. 0................Magnanimi ......... 2 ............... 1................Thiene ..................5 ................3
Conegrani ........ 1.................. 2................Malaspina........... 0 ............... 4................Tombesi ...............2 ................2
Cortesi ............. 2.................. 0................Malatesta............ 1 ............... 3................Torri .....................0 ................0
Cortili .............. 2.................. 1................Mandini.............. 0 ............... 0................Torricelli ..............0 ................0
Costabili .......... 9.................. 0................Manfredi............. 2 ............... 2................Trotti ...................16 ...............8
Da Castello ...... 3.................. 0................Marescotti .......... 0 ............... 2................Turchi...................5 ................4
Da Correggio... 3.................. 0................Masetti ............... 0 ............... 1................Valentini...............2 ................0
Da Crema......... 2.................. 0................Miroglio ............. 0 ............... 4................Varano .................3 ................0
Dai Banchi....... 2.................. 0................Molza ................. 0 ............... 2................Vezzali .................0 ................0
Dai Carri.......... 2.................. 0................Montecatini ........ 1 ............... 3................Visdomini.............1 ................2
Dal Pozzo ........ 2.................. 0................Montecuccoli ..... 3 ............... 4................Zobeli ...................2 ................1
Dal Sale ........... 3.................. 0................Montini............... 1 ............... 4

Fonte: data-set Guerzoni.


Legenda: nella colonna 1471-1559 indicata la somma di quanti servirono nel gruppo dei signori, gentiluomini, camerieri, scalchi,
scudieri, medici, segretari, maestri di guardaroba, stalla e cacce, oratori, consiglieri e fattori generali sotto i duchi Ercole I, Alfonso I
ed Ercole II, in quella Alfonso II quelli che servirono sotto Alfonso II. I numeri 0 sono dovuti al fatto che nelle successive pagine
verranno riportati anche i dati riguardanti la corte di Cesare.
E evidente che nel corso della seconda met del Cinquecento si verificarono notevoli trasformazioni
nella geografia del potere. Numerose casate che nei due secoli precedenti avevano fornito diversi esponenti
ai vertici dei ranghi ducali scomparvero dai ruoli estensi o videro scemare drasticamente la propria presenza:
Bendedei, Boschetti, Cestarelli, Costabili, Da Castello, Da Correggio, Da Crema, Dai Banchi, Dai Carri, Dal
Pozzo, Dal Sale, Farolfini, Foscardi, Romei e Strozzi, lentamente ma inesorabilmente, sparirono dalllite di
corte, alcuni, come i Costabili e gli Strozzi,326 in modo quasi clamoroso.
In taluni casi si tratt di estinzioni naturali, in altri di esclusioni selettive, destinate a creare nuovi spazi
per i clan emergenti e imposte per vincere la resistenza di quelli radicati da secoli, ben decisi a mantenere un
fermo controllo sui processi di cooptazione, che non potevano certo essere eterodiretti ma quantomeno
influenzati.
In questi frangenti Alfonso II gioc abilmente sui mismatchings esistenti, avvalendosi del doppio ruolo di
arbitro e giocatore per modificare le regole delle chiamate e delle permanenze a corte: solo sei famiglie
riuscirono a mantenere almeno un rappresentante in ognuna delle sei corti ducali che si susseguirono tra il
1471 e il 1627: gli Ariosti, i Boschetti, i Rangoni, i Sagrati, i Tassoni e i Trotti, ma si tratt di casi isolati.
Nella stragrande maggioranza dei casi le fortune duravano al pi due o tre generazioni, poi diveniva
incalzante la concorrenza di chi con ogni mezzo, lecito e illecito, cercava di introdursi a corte, in
unappassionante battaglia tra interni ed esterni. Chi era al servizio del duca rimaneva infatti il referente
primario di strategie e trame familiari: poteva presidiare la difesa delle posizioni acquisite e assicurare
lallargamento delle sfere dinfluenza, patrocinare le cause dei protetti e accrescere la forza della propria
coalizione, dovendosi misurare con gli opposti disegni delle fazioni avversarie. Ma la centralit socio-
relazionale dei cortigiani, rappresentanti e tutori degli interessi di vaste cordate, linvidiata capacit di
brocheraggio clientelare, costituivano uno stimolo quasi irresistibile ai tentativi di destituzione, ai progetti di
ricambio forzato e ci spiega la pervicacia con cui gli esclusi tentavano di insediare un loro uomo allinterno
dellambita cerchia ducale.
Alfonso, sempre a corto di quattrini, fu tuttaltro che sordo alle profferte di chi, arricchitosi allombra del
padre o nel corso del suo stesso governo, desider nobilitare origini tuttaltro che adamantine o ristabilire le
giuste distanze sociali: molte chiamate a corte suonano sospette, quasi stonate, ma le ragioni del cuore non
combaciavano con quelle della borsa e le infornate del 1565 e del 1582, da cui molti ferraresi uscirono ben
bene indorati con croccanti titoli di cavaliere, conte e marchese, dovettero presumibilmente soddisfare molti
di questi pruriti. In tal senso, se il 1559 segn la fine delle fortune di tante antiche casate, gli anni 60
salutarono lavvento di nuove dinastie Bevilaqua, Brasavola, Gianelli, Giglioli, Giraldi, Malaspina, Miroglio,
Montecatini, Pistoglia, Parisani, Sosena, talmente riconoscenti verso Alfonso da decidere, al momento del
dunque, di rimanere a Ferrara, confidando nelle promesse dellAldobrandini e abbandonando Cesare alle sue
miserie modenesi.
La Corte di Cesare
sino alla Devoluzione
La nascita

La corte di Cesare si form tra il 1581 e il 1582, quando il secondogenito di don Alfonso, marchese di
Montecchio, e di donna Giulia della Rovere era prossimo ai ventanni (era nato il 1 ottobre 1562) e in
predicato di prendere moglie, essendo state avviate le trattative per procurargli la mano di madamigella di
Vaudemont, sorella di Luigia regina di Francia.
Non dobbiamo nascondere che gli esordi furono scintillanti, quasi regali: Cesare manteneva circa 110
salariati e oltre 160 bocche, cifre che salirono rispettivamente ai 150 e alle 210 del 1584, anno in cui,
tramontate le speranze del connubio con la principessa transalpina, don Alfonso sigl il contratto
matrimoniale che impegnava il figliolo a maritare Virginia de Medici, figlia naturale del granduca Cosimo e
di Camilla Martelli, e fornita, a parziale indennizzo dellimpurit del sangue, di una sonante dote di 100.000
scudi doro, merce rara in quei tempi di magra.
Tuttavia, se in termini numerici le corti di Alfonso e Cesare presentavano al momento della loro
costituzione parecchi elementi di similitudine, dal punto di vista della composizione erano quasi agli
antipodi: mentre la corte alfonsina era radicalmente nuova, quella di Cesare risultava quasi integralmente
costituita da fedelissimi del padre, il quale, approssimandosi la fine delle fatiche terrene, assegn al figlio, di
anno in anno, un numero crescente di vecchi ufficiali.
Infatti, delle 167 persone entrate al servizio di Cesare tra il 1581 e il 1584, ben 67 erano stati iscritti nella
bolletta dei salariati di don Alfonso del 1580-1 e tra costoro, guarda caso, si trovavano i titolari delle cariche
di maggior prestigio e responsabilit: i magnifici messeri Turchetto Candiotto, Andrea Mazzarelli, Montino
Montini e Aurelio Roito, entrati al servizio del padre nel 1554, figuravano rispettivamente come castellano
dellIsola, maggiordomo, maestro di stalla e notaio, il magnifico messer Gerolamo Galeazzi, gi cameriere e
coppiere, divenne governatore di Cesare, il magnifico messere Fabrizio Cavezzi, cameriere sino al 1581,
venne promosso primo cancelliere, il reverendo messer Fabrizio Albertini mantenne la precedente carica di
maestro di casa, i magnifici messer Baldissera Paolucci e Alessandro Susara quella di camerieri, il magnifico
messer Alfonso Cattani quella di medico, il reverendo don Francesco Loiani quella di cappellano.
Di fatto, il giovane Cesare era attorniato da creature del padre, uomini maturi ma provenienti da famiglie
che non avevano mai contato nulla sulla scena ferrarese. Si trattava di una situazione delicata, conseguenza
ultima delle peculiari condizioni in cui Cesare si era venuto a trovare; non dobbiamo infatti scordare che non
venne educato in maniera superbamente principesca: era un semplice cadetto, figlio di un bastardo che a
pochi anni dalla scomparsa della prima consorte si era risposato con Violante Signa, la figlia dello speziale di
corte. Semmai, le speranze di riscatto dinastico erano nelle mani del fratello maggiore di Cesare, Alfonsino,
che nel maggio del 1578 convol a nozze con Marfisa dEste, figlia di don Francesco marchese di
Massalombarda, nel quadro di un disegno dinastico che avrebbe potuto creare un nuovo ramo dellarbore
estense, solido, ricco e di grande prestigio; il fato volle che il giovane Alfonsino, secondo i maligni spossato
dalle maratone sessuali ingaggiate collinsaziabile Marfisa, schiattasse giovanissimo, neppure quattro mesi
dopo la celebrazione del matrimonio.
Cesare si ritrov cos erede delle ambizioni paterne, ma la confusissima e quasi interminabile pratica
successoria non diede per lungo tempo adito ad alcuna speranza che giustificasse la formazione di una corte
degna di un futuro duca: se nel 1581 Alfonso II aveva inutilmente cercato di ottenere dal papa la dispensa per
sciogliere dai voti il fratello Luigi, ormai in sacris, affinch potesse unirsi in matrimonio e dare quellerede
legittimo indispensabile alle cause estensi, si dovette attendere il luglio del 1595 perch la candidatura di
Cesare venisse definitivamente ufficializzata. In mezzo, in quel tormentato quindicennio, si sussegu, in una
ridda di voci incontrollabili, una girandola di candidature, bruciate dal medesimo duca o dai veti papali e
cardinalizi: prima si ipotizz linvestitura del padre di Cesare, don Alfonso, uomo non pi giovanissimo ma
ancora prestante (era nato nel 1527), poi di Cesare Trotti, secondo alcuni figlio adulterino di Ercole II e di
Diana moglie di Giacomo Trotti, spalleggiato nelle sue pretensioni da Lucrezia di Este,327 infine, nel 1590-
91, fu la volta di Filippo dEste, del ramo sigismondiano dei marchesi di San Martino in Rio - uomo ben
introdotto nella corte sabauda, ma soprattutto cognato del barone Paolo Sfondrati, fratello di papa Gregorio
XIV - che rimase in ottima posizione sino alla fine dellestate del 1591, per poi rinunciare, deluso dal
comportamento di Alfonso II, e morire lanno successivo.328
In altre parole, come alcuni osservatori coevi non mancarono di osservare, le titubanze di Cesare nei
novanta giorni che trascorsero tra la morte di Alfonso II (il 27 ottobre 1597) e sua dipartita da Ferrara (il 28
Gennaio 1598) non sarebbero da attribuire a intrinsechi limiti caratteriali o a deficienze mentali, ma
allinesperienza e allinadeguatezza della sua preparazione, non essendo mai stato seriamente educato alle
arti del governo. Nel momento decisivo non gli furono fatali linettitudine o lincapacit,329 ma la scarsa
dimestichezza col potere, la scarsa familiarit con i gran personaggi; tuttavia, anche in questi frangenti, si
pu notare la maligna intrusione dello zampino di Alfonso II, che fece di tutto per privare il cugino
dellopportunit di ricevere, nel momento in cui era ancora possibile otternerla, una profilattica infarinatura
di malizie principesche.
Non si capisce infatti perch mai Alfonso II, dopo aver nominato il 6 agosto del 1593 suo luogotenente il
s.r don Cesare dEste, e si va praticando tuttavia. Si prepara anche un appartamento in castello per servizio
del S.r don Cesare dEste, volendo il S.r ducha che S.E. stia appresso di Lui qualche giorno della settimana,
il che si giudica a molto favore e maggiore speranza per quel sig.re330 (fatto grazie al quale, secondo il
residente mediceo Torquato Malaspina, il s.r don Cesare dEste continuamente savanza nellopinione di
questa nobilt [ferrarese], per i certi segni della gratia di questo Serenissimo, da che, oltre allappartamento
concessoli in castello, che si va tuttavia accomodando per poterlo fra poco habitare, si tien sicuro che debba
esser fatto in breve del consiglio di segnatura, che il supremo Magistrato di questo stato: con che egli
potr introdursi nella cognizione di questo governo e gratificar molti)331 e averlo ufficialmente chiamato
alla presidenza del consiglio di Segnatura il 10 gennaio del 1594, a distanza di pochi mesi, senza alcun
preavviso n ragione apparente, lo abbia privato della carica, allontanandolo da palazzo e orbandolo del
diritto di caccia,332 e per giunta intimandogli, nellottobre del 1595, di non farsi vedere in giro con pi di tre
gentiluomini, perch essendosi i Ferraresi [...] rivolti a riverire il Sol nascente del Signor Don Cesare,
ritrovandosi il Duca vecchio, senza prole, et poco fortunato, ne suoi desiderii, et perci geloso, che la sua
autorit non divenisse dispreggievole, si risolse di dire, et disse a esso Don Cesare, che per lavvenire non si
lasciasse corteggiare, ne veder per la Citt, che con tre soli Gentilhuomini, oltre la sua famiglia ordinaria,
di Paggi, et di Palafrenieri.333 Ciononostante, se osserviamo i dati della tabella sottostante, relativa ai tassi
di turn-over della corte di Cesare prima della Devoluzione, possiamo constatare che tra il 1584 e il
Tabella 7.1: i tassi di turn-over della corte di Cesare, 1581-1597

ANNO ......... NUMERO CORTIGIANI ..... NUOVI INGRESSI .....% NUOVI INGRESSI .... ABBANDONI ........ % ABBANDONI
1581-4.................. 146................................ 146 .......................... 100,00% ..................... 101.....................69,18%
1586-7.................. 148................................ 103 ............................ 69,59% ....................... 39.....................26,35%
1588..................... 141.................................. 32 ............................ 22,70% ....................... 36.....................25,53%
1589-90................ 143.................................. 38 ............................ 26,57% ....................... 48.....................33,57%
1593..................... 126.................................. 31 ............................ 24,60% ....................... 14.....................11,11%
1594..................... 124.................................. 12 .............................. 9,68% ....................... 14.....................11,29%
1595..................... 119.................................... 9 .............................. 7,56% ......................... 5.......................4,20%
1596..................... 126.................................. 12 .............................. 9,52% ....................... 14.....................11,11%
1597..................... 123.................................. 11 .............................. 8,94% ....................... 57.....................46,34%

Fonte: data-set Guerzoni.


Legenda: nella colonna recante la dicitura numero cortigiani riportato il numero totale di salariati in servizio nellanno
corrispondente, in quella nuovi ingressi il numero di cortigiani che iniziarono a servire nellanno, in quella abbandoni il numero di
cortigiani che serv per lultima volta nellanno.

1587 la corte di Cesare venne rifondata, con un ricambio quasi completo del personale in servizio, provocato
dallazione di due fattori concomitanti: laggregazione dei familiari della consorte Virginia, giunta a Ferrara
nel 1586 e lespulsione dei cortigiani ereditati dal padre, scomparso nel 1587.
Tuttavia, questi avvenimenti, con i susseguenti nuovi arrivi, non migliorarono la qualit della cerchia
cesariana, i cui vertici continuarono ad annoverare la presenza, tuttaltro che qualificante, di tanti personaggi
di secondo e terzo piano, sconosciuti ai pi. Se escludiamo i camerieri Ferrante Mori, Alfonso Bellaia e
Alfonso Vincenzi, il maggiordomo Giulio Mori, lo scalco Giulio Perondoli, il maestro di stalla Alfonso
Molza e poche dame come Beatrice Signa o Florinda Riminaldi, quella di Cesare rimaneva una corte minore
nel senso letterale del termine, priva di relazioni con le lites del ducato, senza personalit e, soprattutto,
vergognosamente povera di uomini e denari.
A taluni potrebbe infatti apparire paradossale il fatto che Cesare, dopo aver ereditato tra il 1586 e il 1587
le fortune del padre e del cugino Luigi, si sia visto costretto a ridurre costantemente gli organici della sua
corte, che invece di crescere continuarono penosamente a contrarsi, sino ai 123 salariati del 1597, una cifra
lontana anni luce dagli astronomici valori forniti dallo Spaccini, secondo il quale venerd 26 dicembre 1597
il signor don Cesare ha accalato 500 bocche inutile alla sua corte.334
Ma la possibilit di allargare la cerchia dei protetti e di estendere la rete della propria influnza era
condizionata dalle disponibilit economiche e i lasciti piombati tra capo e collo nel biennio 158-7 portarono
solo guai: gran quantit [di debiti] me ne lasci il Cardinal Luigi e il signore don Alfonso mio padre, de
quali ne pago molti gravi interessi.335 Cesare non mentiva: il padre gli lasci debiti per quasi 200.000 lire, il
cugino Luigi per 185.000 lire a Roma e 450.000 lire a Ferrara, citt in cui il porporato doveva cifre
astronomiche a numerosi feudatari estensi: Bevilaqua, Pio, Obizzi, Tassoni, Putti, Gatti, Ariosti e Cybo
Malaspina.336
In tal modo Cesare, che stando ai miei calcoli (sono purtroppo scomparsi i suoi registri di tesoreria del
periodo ferrarese) godeva di entrate di cassa annue non superiori alle 80.000-100.000 lire, inizi
giovanissimo a passare la vita pagando debiti altrui, perennemente assillato dal tarlo del bisogno, che lo
costrinse in reiterate occasioni a supplicare lintervento del cognato fiorentino: nel 1594, approssimandosi le
nozze delle sorelle minori, (Eleonora si marit con Carlo Gesualdo principe di Venosa, Ippolita col conte
Federico della Mirandola) Cesare si ridusse a implorare trovandomi [...] senza cavallo atto per armeggiar
allo stocco, ho voluto in cosi urgente mio bisogno prendere ardire di supplicar V. Altezza a farmi gratia di
concedermene in prestito uno dei suoi, buono per il sudetto effetto.337
In simili condizioni egli non avrebbe mai potuto creare una corte in grado di rivaleggiare con quella di
Alfonso II, le cui entrate crebbero a dismisura nel corso del secondo Cinquecento, come si pu evincere dalla
lettura della tabella sottostante:

Tabella 7.2: flussi di cassa ducali, in entrata e uscita netti,338 con relativi saldi, per il periodo 1504-1592, espressi in lire, soldi e
denari

ANNO ....................... ENTRATE ....................... USCITE .......................... SALDO


1504.................................139.861,13,11...........................165.562,12,10 ........................ -25.701,01,01
1506.................................139.264,11,00...........................136.019,10,02 ............................3.245,00,10
1507.................................158.043,10,09...........................159.517,02,07 .......................... -1.474,08,02
1508.................................156.466,12,04...........................148.970,09,08 ............................7.496,02,08
1510.................................247.903,00,02...........................263.740,01,04 ........................ -15.838,18,10
1511.................................256.806,18,00...........................218.629,13,02 ..........................38.177,04,10
1512.................................269.676,15,10...........................279.349,17,07 .......................... -9.674,18,03
1513.................................230.296,00,09...........................213.086,08,05 ..........................17.209,12,04
1514.................................219.264,08,00...........................228.012,18,00 .......................... -8.749,10,00

ANNO ....................... ENTRATE ........................USCITE ...........................SALDO


1517................................. 233.147,19,08 ..........................226.668,01,01 ........................... 6.479,18,07
1518................................. 235.333,10,03 ..........................233.032,11,05 ........................... 2.300,18,10
1521................................. 326.919,18,08 ..........................386.643,19,04 ........................ -59.725,19,04
1522................................. 381.169,19,02 ..........................270.253,05,03 ....................... 110.916,13,11
1523................................. 338.187,08,06 ..........................329.095,19,01 ........................... 9.091,09,05
1532................................. 497.587,14,01 ..........................367.773,13,09 ....................... 129.814,00,04
1534................................. 446.588,07,07 ..........................385.267,03,07 ......................... 61.321,04,00
1536................................. 409.380,03,03 ..........................451.898,05,03 ........................ -42.519,18,00
1537................................. 453.957,10,04 ..........................449.394,07,07 ........................... 4.563,02,09
1538................................. 428.412,02,02 ..........................454.396,18,02 ........................ -25.985,04,00
1540................................. 897.664,00,04 ..........................900.347,11,05 .......................... -2.684,08,11
1541................................. 618.052,11,10 ..........................549.596,12,11 ......................... 68.456,18,11
1543................................. 661.761,17,01 ..........................644.101,01,06 ......................... 17.660,15,07
1544................................. 611.249,02,10 ..........................634.293,16,05 ........................ -23.045,06,05
1545................................. 649.913,00,11 ..........................633.909,06,07 ......................... 16.003,14,04
1549................................. 608.801,13,11 ..........................603.773,00,01 ........................... 5.028,13,10
1576................................. 997.014,03,04 ..........................890.050,00,07 ....................... 106.964,02,09
1577................................. 767.778,19,00 ..........................689.244,03,00 .......................... 78534,16,00
1578................................. 860.772,18,00 ..........................872.505,07,00 ........................ -11.733,07,00
1587.............................. 1.104.322,01,06 .......................1.043.155,10,09 ......................... 61.166,10,09
1591.............................. 1.467.460,19,08 .......................1.560.209,13,05 ...................... -107.251,06,03
1592.............................. 1.316.996,01,00 .......................1.184.338,19,07 ....................... 132.657,01,05

Fonti: ASMo, CD, LCD; per le entrate nn.210, 214, 215, 218, 226, 233, 241, 244, 250, 259, 262, 275, 280, 285, 317, 321, 324, 331,
338, 343, 349, 354, 356, 362, 364, 370, 381, 443, 457, 466, 473, 478; per le uscite nn.210, 214, 215, 218, 227, 236, 240, 245, 249,
259, 260, 276, 281, 284, 316, 320, 323, 328, 337, 344, 348, 353, 357, 363, 366, 371, 382, 443, 457, 466, 473, 478.
Eppure, la corte di Cesare, a dispetto delle croniche deficienze finanziarie, non rinunci a raccogliere
frammenti di altre corti ferraresi e romane, divenendo lultima spiaggia per quanti, respinti forse da Alfonso,
non riuscirono a trovare dignitose alternative. Un oasi raccogliticcia, i cui pezzi pregiati erano sovente
schegge di familie estensi abbandonate da pater o mater passati a miglior vita: oltre alla settantina di ex
cortigiani del padre, dallentourage di Laura Eustochia Dianti arriv il sescalco Carlo dallOca; da quello di
Ippolito giunsero il magnifico reverendo don Annibale Capelli da Roma, gi caudatario del cardinale, il
reverendo messer Sebastiano Brici, maestro dei paggi e di cappella, e il celebre semplicista Evangelista da
Gubbio; da quello di Luigi furono accolti il magnifico Ercole Peri, governatore di Consandoli, lillustre
signore Francesco Guareschi, gentiluomo di Alfonso II e di Luigi, messer Giovanni Panerverco, un polacco
cresciuto nella paggeria di Tivoli e il magnifico Alberto da Como, che dopo aver servito come maestro dei
conti delleredit di Luigi, nel 1593 venne promosso provveditore di corte; infine, dalla cerchia alfonsina,
prima del 1597, giunsero in tutto sei soli individui. Se escludiamo il magnifico Camillo Montini (che fu
scalco di Cesare dal 1581 al 1584, dopo aver servito con la medesima qualifica Alfonso II dal 1560 al 1576),
gli altri cinque erano personaggi quasi insignificanti: lortolano Battista dei Rossi, un Giacomo Trevisano
facchino, il fattore cavalcante Ludovico da Borgo, il computista messer Francesco Florio, lo spenditore Paolo
dallOrto.
Nessuno di loro, comunque, segu Cesare a Modena.
Tuttavia, ci si potrebbe aspettare che la fiacchezza, la pochezza della corte di Cesare sia scomparsa nel
momento in cui la sua candidatura alla successione venne ufficializzata, vale a dire tra il 1594 e il 1595, e nei
due anni immediatamente successivi. Ci, purtroppo, non avvenne: nel corso degli anni 90 non si verific
un solo trasferimento dalle fila alfonsine e anche i nuovi arrivati della corte di Cesare non erano che
sguatteri, facchini, staffieri, ufficiali di casa.
Nessun ferrarese rimase improvvisamente folgorato dalla bellezza dellastro nascente, che si trov stretto
in una ferrea morsa; da una parte Alfonso II si adoper tempestivamente per spegnere sul nascere i timidi
focherelli di passione per la causa del buon Cesare, dallaltra linvestitura giunse troppo tardi (oserei dire
sufficientemente tardi) e non diede il tempo di strappare i ferraresi ancora indecisi sul partito da prendersi
alle lusinghe degli agenti pontifici, che, zitti zitti, continuarono il loro implacabile lavorio ai fianchi, grazie al
quale Santa Romana Chiesa si assicur i fedeli servigi del marchese Bonifacio Bevilaqua, di Francesco
Sacrati, di Ottavio ed Ercole Tassoni, del conte Alfonso Giglioli e del conte Ercole Bevilaqua, uomini delle
principali famiglie ferraresi, capaci alloccasione di far valere tutto il loro peso politico.
Questa situazione chiarisce le ragioni dellelevata mobilit degli organici cesariani nel periodo 1581-
1597; lincertezza del quadro politico, le ristrettezze finanziarie, le velate minacce ducali rendevano instabile
il rapporto di servizio, che presenta tassi medi di abbandoni decisamente pi elevati di quelli di Alfonso II,
provocando la depressione del periodo medio di permanenza nei ranghi di corte. Infatti se analizziamo i dati
della tabella sottostante

Tabella 7.3: anni di servizio alla corte di Cesare

ANNI ..............NUMERO ............. ....................................ANNI ................ NUMERO


DI SERVIZIO .. DI CORTIGIANI ... % SUL TOTALE .......... DI SERVIZIO ..... DI CORTIGIANI . % SUL TOTALE
1...................... 84......................... 8,67%......................... 29......................7 ......................... 0,72%
2...................... 77......................... 7,95%......................... 30......................10 ....................... 1,03%
3...................... 64......................... 6,60%......................... 31......................17 ....................... 1,75%
4...................... 141....................... 14,55%....................... 32......................2 ......................... 0,21%
5...................... 57......................... 5,88%......................... 33......................6 ......................... 0,62%
6...................... 50......................... 5,16%......................... 34......................1 ......................... 0,10%
7...................... 36......................... 3,72%......................... 35......................5 ......................... 0,52%
8...................... 35......................... 3,61%......................... 36......................3 ......................... 0,31%
9...................... 44......................... 4,54%......................... 37......................3 ......................... 0,31%
10.................... 25......................... 2,58%......................... 38......................1 ......................... 0,10%
11.................... 18......................... 1,86%......................... 39......................1 ......................... 0,10%
12.................... 26......................... 2,68%......................... 40......................3 ......................... 0,31%
13.................... 13......................... 1,34%......................... 41......................0 ......................... 0,00%
14.................... 21......................... 2,17%......................... 42......................6 ......................... 0,62%
15.................... 20......................... 2,06%......................... 43......................1 ......................... 0,10%
16.................... 10......................... 1,03%......................... 44......................2 ......................... 0,21%
17.................... 19......................... 1,96%......................... 45......................4 ......................... 0,41%
18.................... 17......................... 1,75%......................... 46......................3 ......................... 0,31%
19.................... 32......................... 3,30%......................... 47......................4 ......................... 0,41%
20.................... 11......................... 1,14%......................... 48......................3 ......................... 0,31%
21.................... 12......................... 1,24%......................... 49......................0 ......................... 0,00%
22.................... 15......................... 1,55%......................... 50......................1 ......................... 0,10%
23.................... 11......................... 1,14%......................... 51......................1 ......................... 0,10%
24.................... 11......................... 1,14%......................... 52......................3 ......................... 0,31%
25.................... 10......................... 1,03%......................... 53......................1 ......................... 0,10%
26.................... 6........................... 0,62%......................... 57......................1 ......................... 0,10%
27.................... 7........................... 0,72%.........................
28.................... 8........................... 0,83%......................... Media 11,23 ...Totale 969 ......... 100%

Fonte: data-set Guerzoni.


Legenda: nella prima e nella terza colonna sono stati elencati gli anni di servizio, da un minimo di 1 a un massimo di 57, nella
seconda e nella quarta il numero di individui che serv per il corrispondente lasso di tempo, nella terza e nella sesta il valore
percentuale sul totale della popolazione dei cortigiani.

non possiamo osservare la diversit delle permanenze medie dei due periodi 1581-1597 e 1598-1627: a
fronte di una carriera media di 11,23 anni, quanti entrarono al servizio di Cesare tra il 1581 e il 1597
rimasero in media alle sue dipendenze per 7,18 anni, quelli entrati dopo il 1598 per 10,88 anni, a dispetto
della minore estensione computazionale del periodo cronologico.
Non sarebbe potuto essere altrimenti, visti gli abbandoni del 1597.
La Devoluzione

Siamo giunti al momento topico della nostra storia, alla Devoluzione.


Bisognava scegliere da che parte stare: o di qua, sotto le chiavi papaline, o di l, sotto laquila estense,
senza poter ritornare sulle proprie decisioni.
Ora, dal punto di vista storiografico la Devoluzione stata sempre affrontata senza mezze misure, o in
termini melodrammatici, vero psicodramma dantan, oppure affidandosi a gelide prospettive dallerudito
taglio giuridico. Cesare contro Lucrezia, Lucrezia contro tutti, partigiani contro traditori, in un quadro
movimentato da frenetiche mosse diplomatiche, scomuniche, scaramucce guerresche, maneggi e congiure.339
Non mia intenzione proseguire in questa direzione, dal momento che preferirei analizzare la
Devoluzione dal punto di vista dei rapporti tra il patriziato ferrarese, il vero decisore dultima istanza, Cesare
e il Papato.
Se infatti guardiamo alla realt dei fatti scopriremo che solo 38 dei 376 salariati di Alfonso II decisero di
seguire Cesare nel suo esilio modenese. Ma di chi si trattava?

Tabella 8.1: i 38 fedeli della prima ora, vale a dire i salariati di Alfonso II che nel 1598 seguirono Cesare a Modena

SERVIZIO ......... TITOLO ...... NOME ...........COGNOME . DESCRIZIONE DELLA CARRIERA


A2 1583-97.............. Maestro............ Vincenzo............ Abbati..............Cuoco sino al 1606, maestro di cucina dal 1607
CE 1598-1627
A2 1590-7................ Messer ............. Giacomo Maria.. dAdamo..........Ufficiale della Camera Ducale sino al 1597,
CE 1598-606 ........... ......................... ........................... .........................dal 1598 ufficiale della Camera Ducale
................................. ......................... ........................... .........................alla libreria e furiere
A2 1576-97.............. Signor .............. Alessandro ......... Ariosto.............Cameriere sino al 1585, cameriere nella famiglia
CE 1598-1604 ......... ......................... ........................... .........................della duchessa dal 1588 al 1590,
............................... ......................... ........................... .........................dal 1592 furiere maggiore, scalco nel 1598,
................................. ......................... ........................... .........................gentiluomo di SA nel 1604
A2 1585-94.............. Messer ............. Luigi .................. Avich ...............Ufficiale di guardaroba dal 1585-94,
CE 1598-1622 ......... ......................... ........................... .........................dal 1598 ufficiale di spenderia
A2 1597 ................... ......................... Giacomo ............ Bellino .............Staffiere nel 1597 con Alfonso II,
CE 1598-1612 ......... ......................... ........................... .........................staffiere dal 1598 al 1603,
................................. ......................... ........................... .........................decano degli staffieri di SA dal 1604 al 1606,
................................. ......................... ........................... .........................valletto del principe dal 1609
A2 1582-97.............. Messer ............. Giulio................. Bignozi ............Ufficiale di stalla
CE 1598-1600 .........
A2 1597 ................... Conte ............... Guidobaldo ........ Bonarelli..........Gentiluomo di Alfonso II,
CE 1598-1600 ......... ......................... ........................... .........................maestro di camera di SA dal 1598

SERVIZIO ......... TITOLO ...... NOME ...........COGNOME . DESCRIZIONE DELLA CARRIERA


A2 1596-7................ ......................... Giacomo ............ Brandi..............Facchino alla credenza nel 1596-7,
CE 1598-1604/1612-6....................... ........................... .........................al tinello degli staffieri dal 1598 al 1600,
............................... ......................... ........................... .........................facchino nel 1603-4, assente dal 1605 al 1611,
................................. ......................... ........................... .........................nel 1612 riappare facchino alla credenza
................................. ......................... ........................... .........................del principe Alfonso, carica che mantiene
................................. ......................... ........................... .........................sino al 1623, quando diventa facchino
................................. ......................... ........................... .........................alle camere del principe Alfonso
LU 1558-9 ............... Reverendo ....... Sebastiano.......... Brici.................Cappellano e maestro dei paggi di Luigi,
IP 1565 .................... messer.............. ........................... .........................Maestro dei paggi di Cesare
A2 1582-97
CE 1598
A2 1592-7................ Illustre signor .. Paolo Emilio ...... Casati...............Tra consiglieri e dottori nel 1592, consigliere di
CE 1598-1612 ......... ......................... ........................... .........................segnatura nel 1597, nel 1599-600 signore del
................................. ......................... ........................... .........................consiglio di segnatura e consigliere di giustizia,
............................. ......................... ........................... .........................nel 1603 consigliere di stato, dal 1604 al 1607
................................. ......................... consigliere e signore di segnatura,
................................. ......................... ........................... .........................dal 1609 rubricato come consigliere
A2 1597 ................... Messer ............. Battista............... Cattenari ..........Servitore dei paggi
CE 1598-1613
A2 1589-97.............. Signor .............. Ercole................. Coccapani........Cameriere di SA sino al 1597, dal 1598 guardarobiere,
CE 1598-1627 ......... ........................ ........................... ........................dal 1603 guardarobiere di SA
LU 1576-86 ............. Messer ............. Leonardo............ Coiana .............Garzone speziale nel 1576,
A2 1588-97.............. ......................... ........................... .........................speziale dal 1577 al 1584, valletto nel 1586,
CE 1598-1610 ......... ......................... ........................... .........................valletto di SA dal 1588 al 1604, valletto e speziale
............................... ......................... ........................... .........................dal 1606 al 1608, valletto dal 1609 al 1610
A2 1592-7................ Maestro............ Alfonso .............. Cremonino.......Cuoco, dal 1617 cuoco del principe Alfonso
CE 1598-1622
A2 1567-97.............. ......................... Giulio................. Dicembri..........Ufficiale di guardaroba
CE 1598-1614
A2 1583-97.............. ......................... Taddeo ............... Ferrarini...........Facchino in dispensa
CE 1598-1600
A2 1585-97.............. Messer ............. Ercole................. Fiornovelli.......Cancelliere
CE 1598-1609
A2 1590-7................ Messer ............ Scipione ............. Fiornovelli.......Ufficiale in dispensa sino al 1603,
CE 1598-1625 ......... ......................... ........................... .........................dal 1604 dispensiere
A2 1588-97.............. Conte ............... Alfonso .............. Fontanelli ........Tra i signori e gentiluomini di Alfonso sino al 1597,
CE 1598-1627 ......... ......................... ........................... ......................... maestro di camera di Cesare
A3 1628
F1 1629-44 ..............
A2 1594 ................... Messer ............. Federico ............. Gagliardi..........Falconiere
CE 1598-1625 .........
A2 1590-7................ Magnifico ........ Cesare ................ Gavassini.........Cancelliere, cancelliere di SA nel 1599,
CE 1598-1604 ......... messer ............. ........................... .........................dal 1600 cancelliere
A2 1597 ................... ......................... Domenico .......... Giovannetti......Facchino nella famiglia di madama nel 1597,
CE 1598-1625 ......... ......................... ........................... .........................facchino alle legnaie sino al 1614, nel 1615
.............................. ......................... ........................... .........................alle camere di madama, dal 1616 alle camere
................................. ......................... della principessa Giulia
A2 1594-7................ Messer ............. Francesco........... Graziani...........Staffiere nel 1594, dal 1597 usciere di SA
CE 1598-1604
A2 1597 ................... Signor .............. Francesco........... Guareschi ........Gentiluomo di Alfonso II, maestro di stalla
CE 1598-1615 ......... ......................... ........................... .........................sino al 1611, nel 1612-3 maestro di stalla e
................................. ......................... ........................... .........................cameriere di SA, nel 1614-5 maestro di stalla
................................. ......................... ........................... .........................e cameriere segreto di SA
A2 1595-97.............. mo, ms dal 598 Ippolito .............. Guasconi..........Sarto in guardaroba con Alfonso II sino al 1597,
CE 1598-1611 ......... ......................... ........................... .........................valletto di SA sino al 1609, dal 1610 sarto e valletto
A2 1576-97.............. Illustrismo ...... Giovanni BattistaLaderchi ..........Segretario e consigliere di Stato
CE 1598-1618 ......... signor
A2 1597 ................... Anna ................ Malagola............ Bugadara di corte
CE 1598...................

SERVIZIO ......... TITOLO ...... NOME ...........COGNOME . DESCRIZIONE DELLA CARRIERA


A2 1582-97.............. Messer ............. Santo.................. Pallavicini........Cavalcatore sino al 1600, dal 1603 al 1613
CE 1598-1627 ......... ......................... ........................... .........................cavallerizzo, dal 1614 cavallerizzo di SA
A2 1578-97.............. ......................... Ercole................. Pasqualetti .......Valletto sino al 1597, dal 1600 capo
CE 1598-1600 ......... ......................... ........................... .........................della porta di SantAgostino
A2 1590-7................ Maestro............ Antonio.............. Romei ..............Armaiolo
CE 1598-1600
A2 1567-97.............. Messer ............. Gerolamo ........... Scappi..............Sopracuoco, dal 1582 nella famiglia della duchessa,
CE 1598-1617 ......... ......................... ........................... .........................sopracuoco di Cesare
A2 1597 ................... Signor .............. Orazio ................ Seghizzi...........Governatore dei paggi
CE 1598-1610
A2 1597 ................... Maestro............ Bernardo ............ Spinetta............Armaiolo che fa gli archibugi
CE 1598-1627
A2 1597 ................... ......................... Gregorio............. Tassi ................Ufficiale al tinello
CE 1598-9
A2 1576-83.............. Conte ............... Giulio................. Tassoni ............Cameriere di Alfonso II, maggiordomo e
CE 1598-1606 ......... ......................... ........................... .........................fattore generale dal 1599
A2 1592 ................... Messer ............. Giulio................. Testi.................Ufficiale di camera nel 1592,
CE 1598-1627 ......... ......................... ........................... .........................massaro della Camera Ducale sino al 1603, dal 1604
................................. ......................... ........................... .........................maestro di conto e massaro della camera ducale
A2 1597 ................... Messer ............. Cristoforo........... Ugolini.............Ufficiale di casa di Alfonso II, spenditore
CE 1598-1610 ......... ......................... ........................... .........................sino al 1603, dal 1604 fattore ducale in carpigiana
LU 1577-86 ............. Messer ............. Filippo ............... della Vedova ...Bottigliere, nel 1603 bottigliere di SA
A2 1590-7
CE 1598-1603

Fonte: data-set Guerzoni

Si trattava soprattutto, questa lamara realt, di disgraziati senza arte n parte, cinque o sei tra facchini e
servitori, tre o quattro artigiani, un paio di staffieri, tre contabili, un falconiere, una lavandaia, un valletto,
qualche ufficiale di casa. Briciole, scarti, schegge della superba cerchia alfonsina.
Ma dove erano finiti i signori, i conti, i marchesi, i gentiluomini che sino a pochi mesi prima popolavano
la ricca scena della corte ducale?
Scomparsi, volatilizzati, dissolti nel nulla, o per meglio dire intenti a festeggiare coi nuovi padroni della
citt: se gi la mattina di domenica 1 gennaio 1598, quattro giorni dopo la mesta partenza di Cesare per
Modena, il cardinale Aldobrandini rest a disnare con tutti quei Prelati, Principi et Signori, serviti da gli
scalchi, et ministri del Duca Alfonso di bona memoria,340 non appena in aprile arriv Clemente VIII i
Cardinali che erano giunti prima Ferrara, gli Ambasciatori di Francia, & Venetia, molti Vescovi, & altri,
Prelati, alcuni Baroni Romani, tutti i Nobili, & molti altri ferraresi, andorno in diverse truppe rincontrare
N. Sig. [il papa],341 e la medesima scena si ripet il 30 maggio dello stesso anno, quando ad accogliere gli
ambasciatori della Serenissima Signoria di Venetia vi furono molti Gentillhuomini Ferraresi
Corteggiarli, & infinito Popolo.342
Se escludiamo il signor Alessandro Ariosto, il conte Guidobaldo Bonarelli, lillustre signor Paolo Emilio
Casati, il signor Ercole Coccapani, il marchese Giulio Thieni, il conte Alfonso Fontanelli e il buon Laderchi,
i vertici della corte di Alfonso II disertarono in massa la causa del suo successore.
N mancarono, fatto ancor pi grave, le defezioni tra gli stessi cortigiani di Cesare, se vero che quasi la
met di quanti lo servirono a Ferrara nel 1597 (57 su 123) decise di abbandonarlo al suo destino di profugo
di lusso, come fecero ad esempio il signor Ludovico Beffi, monsignor Santo Pasti o il magnifico Alessandro
Guarini.
Per ironia della sorte, la gran parte dei residui sessantasei fedelissimi era costituita dai familiari della
moglie Virginia, una Medici, per di pi bastarda.
Una debacle, un vero disastro, la cui amarezza venne parzialmente mitigata dalla lealt dei comandanti
delle milizie e dei principali rettori degli stati estensi: rimasero infatti fedeli a Cesare il locotenente Ippolito
Bentivoglio (il vero alter-ego di Cesare nei primi anni del tormentato soggiorno modenese) e il di lui fratello
Enzo, Galeazzo Tassoni Estense, capitano della cavalleria, il conte Enea Montecuccoli, capitano della
guardia ducale nominato nel 1599 governatore di Carpi, il capitano delle lancie di Lugo Ernesto Bevilacqua,
i colonnelli Roberto Obizzi, Camillo Martinengo e Paolo Brusantini, il governatore di Modena Ferrante
Tassoni Estense e suo figlio Ercole,343 quello di Reggio, conte Ercole Rondinelli (sostituito dal febbraio al
settembre 1599 da Camillo Rondinelli) e quello di Garfagnana, Orazio Sacrati, cui al momento della partenza
si unirono pochi altri nobili ferraresi, tra cui la marchesa Tassoni, i conti Guidobaldo Roverella, Tiberio
Ricci, Ugo Rangoni, Giovanni Molza, i gentiluomini Carlo Forni e Geminiano Ronc, il colonnello Molla.344
Ma quali cause possono spiegare le dimensioni di questo tracollo?
Procedendo per esclusione, non possiamo ascrivere le defezioni ai ricatti pontifici, che ebbero un ruolo
determinante nel provocare lo scollamento tra Cesare e il patriziato ferrarese, ma furono in seguito
disinnescati dagli accordi faentini; non dobbiamo infatti dimenticare che nella scomunica comminata a
Cesare si celavano insidiosi tranelli; tale provvedimento infatti privava Cesare di tutte le gratie, favori,
privilegii, indulti, toleranze, remissioni, libertadi, immunitadi, giurisditioni, locationi, facolt, titoli,
prerogative, honori, dignit; non solo di queste, ma delle Citt, Terre, Castella, Fortezze, Luoghi, Ragioni,
Giurisdittioni, et altri beni, tanto Allodiali, quanto Emphiteotici, et Feudali da qualsivoglia Chiesa, o da
quelle dipendenti ricevute et ottenute. Ne solamente dichiar privato esso Don Cesare delle predette cose,
ma di pi i Figliuoli, Fratelli, et altri parenti agnati, prossimi, et affini, di Lui, che nelle suddette cose, o in
alcuna di esse havessero, o pretendessero haver ragione alcuna: ampli anco questa sentenza in tutti i
posteri, et figliuoli, et qual si volesse successore di esso, privandoli in perpetuo, dogni ragione di
successione, dichiarandoli incapaci, et indegni non solamente a quelle cose, ma anco a qual si voglia altra
simile, o dissimili da ottenersi per lavenire. Inhabilitandoli ad essercitare qual si voglia atto legitimo;
dichiarando, che dalle sopradette pene di privatione, niuno di essi potesse da quelle difendersi, sotto
pretesto di et minore, o di sesso, ma fusse escluso dalla detta successione. Volendo che li beni di esso Don
Cesare sintendessero confiscati, et che fussero di chiunque se li pigliasse, o occupasse: assolvendo le
Comunit, et Universit, di esse Citt, Terre, et Castella, Fortezze, Luoghi, Ragioni, Giurisdittioni, et altri
beni tanto Allodiali, quanto Emphiteotici, et Feudali da qual si voglia Chiesa, o da quelle dipendenti
ricevute et ottenute [...] liberando le Communit, et Universit di esse Citt, Terre, Castella, et altri luoghi,
et anco li sudditi, et li Governatori, di esse, da qual si voglia giuramento di fede prestato ad esso Don
Cesare...levandosi da ogni suggettione, obedienza, et riverenza di esso Don Cesare, non lo riconoscendo per
Duca, o Signore, negandogli tutte lentrate, et rendite, et come veri sudditi della Chiesa riconoscessero esso
Pontefice, et la Sede Apostelica, per immediato, et vero Signore, et Superiore.345
Nelle ultime cinque righe si nascondeva il bersaglio remoto del drastico provvedimento di Clemente VIII:
i patrizi ferraresi, come non mancarono di osservare immediatamente gli osservatori medicei, possedevano
grandi propriet fondiarie sul bolognese e nella romagna pontificia, senza dimenticare la larghissima
provvista di benefici ecclesiastici goduti nel ducato. Di fatto, il provvedimento dellAldobrandini li esponeva
al rischio di vedersi tosto privati e degli uni e degli altri, qualora si fossero ostinati a tenere le parti
dellestense e ci spiega la determinazione con cui Cesare chiese e ottenne che nei capitoli della
Convenzione Faentina, che ratific i termini dellaccordo di Devoluzione, fossero garantite ampie sicurt
circa il rispetto dei diritti di propriet di quanti avrebbero deciso di seguirlo nei suoi feudi imperiali: nel
quarto capitolo si affermava che sia permesso al Sig. Don Cesare di portar e mandar fuori di Ferrara nelli
Stati Imperiali liberamente, e senza alcun impedimento, tutte le sue gioje, ori, argenti et altre cose preziose,
li sali, che si trova averci, i suoi grani, biade e farine, et altri mobili, semoventi, sieno di qualit qualunque,
et il medesimo si conceda a tutti quelli che andassero con Lui, o lo seguissero, poi anche che di loro
bisognasse farne menzione [...], e nel quindicesimo si ribadiva che a quelli i quali vorranno andare con il
Sig. Don Cesare, o seguitarlo poi, et a loro et suoi Eredi et Successori sia conceduto il godere i suoi beni
mobili, immobili et semoventi, et haverne le loro rendite liberamente come se abitassero, n possano essere
in alcun tempo astretti ad abitare in Ferrara, n altrove ancorch avessero beni nello Stato ecclesiastico,
permettendoci per loro il pratticare, conversar e trafficare liberamente.346
Del pari non ritengo plausibile la tesi di unaristocratica insofferenza per il lusso smodato imposto da
Alfonso II, lusso che avrebbe a tal punto tediato i suoi nobili sudditi da spingerli tra le frugali braccia del
pontefice; una tesi che mi non convince, ma che soprattuto non trova degni riscontri storiografici. A
Ferrara, il 1598 non trascorse certo allinsegna del ravvedimento collettivo, quasi che dodici mesi di digiuno
quaresimale potessero bastare per espiare i bagordi di mezzo secolo. Al contrario, mai come nellanno
dellinsediamento papale la citt fu stordita da un turbine di feste, banchetti, celebrazioni e trionfi, ch le
contrade di questa Citt, bench lunghissime, erano corte, & le strade, bench amplissime, anguste alle file
de cavalli, & de Cavalieri senza parlare poi dei banchetti fatti a queste Signore, & Signori nella Citt, &
nel Buccentoro, n delle Tavole mantenute sempre piene a poveri, n della copia delle vettovaglie &
vivande.347
Credo invece che le ragioni profonde dellincolmabile distacco che si venne a creare tra Cesare e le lites
ferraresi risiedano nella natura dei loro rapporti pregressi; la Devoluzione, infatti, impose una scelta finale tra
la citt e la casa regnante, e al momento della decisione risultarono fatali a Cesare i tre anni che trascorsero,
in un anonimo e impotente silenzio, tra il 1595 ed il 1597, dopo lillusorio biennio 1593-4, in cui pareva che
Alfonso II si fosse davvero deciso a dotare il cugino di una solida formazione governativa.
Non sono infatti convinto che se don Cesare si fosse rivolto ai suoi sudditi - specie a quella nobilt
ferrarese che aveva diviso con gli Estensi gioie, feste, pericoli e sventure - facendo vibrare con commoventi
proclami tutti i ricordi dun lungo passato; avrebbe ricavate grosse somme sia da tasse dirette sia da
imprestiti volontari,348 somme che Cesare avrebbe potuto impiegare per assoldare un esercito allaltezza
della situazione. Ritengo invece assai pi convincenti le impressioni dellambasciatore veneziano a Roma, il
quale, riportando le parole del Montecatini, sottolineava che promette che la nobilt durer poco a seguitar
D. Cesare perch non amato n stimato.349
Persino in occasione del road-show decisivo, della celebre arringa che il 7 dicembre 1597 Cesare tenne
alla nobilt ferrarese affinch lo sostenesse nellimpari scontro col papato, emersero chiari segnali di
sfiducia, ben leggibili dal confronto tra la versione strappalacrime della storiografia ufficiale onde il Duca
per non mancar a se stesso, mentre il Pontefice gagliardamente sarmava, f intendere al Giudice, et
Magistrato deSavi, che per il giorno seguente si ritrovassero in Castello. And egli, col Magistrato,
accompagnato da quasi tutta la Nobilt, et da quasi tutti li primi Cittadini di Ferrara, ove udita, chebbero
Messa, il Duca parl loro, dandoli aviso, di quanto passava tra il Pontefice e lui. Et havendo loro palesato,
chaveva lettere di Germania, che li scriveva il Marchese di Scandiano, avisandolo, qualmente lImperatore,
haverebbe mandato in Italia Giorgio Basta, con dodici mila combattenti, anim ciascuno, che quivi si
ritrovava, ad intraprendere questa guerra, per diffesa non pure di lui, ma della loro Patria, et della
commune loro libert, chiamandoli non pure alla confirmatione, de Feudi antichi, che dalli Duchi alli loro
Predecessori erano stati cos largamente conferiti, ma anco allacquisto de nuovi, che da lui haverebbono
ottenuti, quallora essi lhavessero in questa commune impresa aiutato350 e la sintetica versione fornita dal
residente mediceo Francesco Malaspina Hieri matina, dopo che questa A. ebbe udito messa nella Capella di
Castello, si ritir in una sala assai ben grande, e quivi si ferm in testa dessa et tutta la nobilt che vi era
gli fece corona attorno, et SA cominci a farli un parlamento in questo tenore [...] che sperava che loro [i
nobili ferraresi] come sempre si erano mostratti fedelli a casa dEste, cos in questa occasione si mostreriano
verso di lui, che pur del medesimo ceppo [...] a cui per rispose uno strano silenzio [...] e perch tocava al
giudice de savi a risponder, non si senti la nobilt sotisfatta che non havese esagitatto lanimo loro [...].351
Mai silenzio fu pi eloquente, n raggelante.
Cesare espiava dunque la sua mala educazione al potere, scontava limpossibilit di promettere, nelle
condizioni in cui si trovava, onori, cariche e ricchezze, pagava la scarsa forza delle sue relazioni con le
famiglie dominanti, che vantavano invece solidi legami sia con la fazione filopontificia (vale la pena di
rammentare che nel corso degli anni 90 la Santa Sede si era assicurata i servigi del marchese Bonifacio
Bevilaqua, di Francesco Sacrati, Antonio Montecatini, Ottavio ed Ercole Tassoni, dei conti Alfonso Giglioli
ed Ercole Bevilaqua) sia con la corte della diabolica Lucrezia, nelle cui fila militavano, oltre ai signori
Giovanni e Lanfranco Gianella, Alfonso Manfredi e Giovanni Maria Pandolfi, fior di dame come Laura
Montecuccoli, Isabella Laciosi, Barbara, Cassandra, Giulia, Lucia e Lucrezia Trotti, Ippolita Tedeschi,
Ginevra Avogadri e Anna Giglioli, tutte imparentate con le principali prosapie del ducato.
Cesare rimase solo, abbandonato persino dai familiari pi stretti (a dicembre, nel giro di pochi giorni,
Margherita Gonzaga, vedova di Alfonso II, se ne torn dal fratello a Mantova, e persino la sorella Eleonora,
sposa di Carlo Gesualdo principe di Venosa, pens bene di levarsi di torno per andare a godersi la ben pi
salubre aria napoletana) e si vide costretto ad agire, lui, duca, nella sua citt, come un ladro, attendendosi in
tempo di notte, ad inviar fuori di Castello le pi preziose mobiglia, che vi fussero, mandandone parte a
Modona, et parte nel suo Palazzo de Diamanti.352
Ancor prima della partenza Ferrara non gli apparteneva pi, forse non gli era mai davvero appartenuta: il
28 gennaio 1598, sotto una malinconica pioggerellina invernale, il buon Cesare preceduto dalla moglie e
dai figlioli e dalla corte in numerose carrozze, egli solo in unaltra, scortato da 600 cavalleggeri, 200
archibugeri a cavallo, e 300 soldati di fanteria, senza levar mai gli umidi occhi da una lettera che leggeva,
attraversando il giardino del Padiglione [...] si avvi verso la porta degli Angeli e, dopo aver fatto liberare i
carcerati, dato questo ultimo comando [...] usc dalla citt [...] e sincammin al suo Ducato di Modena.353
La corte di Cesare
dopo la Devoluzione

La narrazione della partenza di Cesare riportata nella chiusura del precedente capitolo non stata scelta a
caso. Essa dimostra come il seguito del novello duca di Modena si sia silenziosamente ma instancabilmente
ingrossato nel corso del tempo, grazie ai ritocchi di quanti vollero attribuire maggior spessore umano a
quello che fu un dramma quasi privato. In tal senso, il Frizzi, autore del passo sopra citato, non fece che
alimentare una leggenda storiografica che generazioni e generazioni di studiosi avevano gi generosamente
nutrito.
Proviamo infatti a paragonare le diverse narrazioni di quellinfausto evento, iniziando dalla coeva
Narratione della partenza del Sereniss. Sig. D. Cesare da Este, pubblicata a Pavia nel 1598. In tale testo
lanonimo autore descrisse in questi termini la comitiva dei partenti mercordi a 15 hore, che fu li 28 Genaro
si part il duca da questa Citt con questo ordine [...] veniva la Duchessa con la figliola dentro una lettica
ammalata, et malenconica, che haveva quasi disperso la notte avanti, et dietro in unaltra lettica venivano
gli figliuolini. Poi in tre carrozze sei cavalli venivano le sue damigelle, et suoi gentilhuomini particolari.
Seguiva pur in carrozza il Duca con quattro gentilhuomini, et ben fu di macignio et di diamante chi tenne
locchio asciutto a quel funebre et compassionevole spettacolo.354
Due lettighe e quattro carrozze, un seguito di proporzioni tuttaltro che bibliche, che nella versione
muratoriana crebbe sensibilmente ... tenevangli poi dietro [Cesare] il rimanente della numerosa sua Corte e
famiglia o in carrozza o a cavallo.355 Ottantanni dopo, grazie alla longanime penna del canonico Giuseppe
Manini Ferranti molti di questo onorevole seguito non ritornaron pi in Patria, e stabilirono in Modena le
loro famiglie.356
Ce nera abbastanza perch i pi entusiasti cultori delle memorie estensi si ritenessero autorizzati a
ipotizzare larrivo a Modena di migliaia di persone, quasi che nel corso dei secoli le due lettighe e le quattro
carrozze del 1598 avessero imbarcato, anno dopo anno e miglio dopo miglio, nuovi passeggeri, sino a
raggiungere cifre comiche nella loro surreale infondatezza, fortunatamente smascherate dal Chiappini, il
quale ha recentemente osservato che Cesare fu seguito a Modena da non pochi rappresentanti della nobilt
ferrarese, circa un migliaio ma non ventimila, come qualcuno ha detto, cifra assurda, se si considera che
la popolazione cittadina ammontava a circa trentaquattromila unit.357
In realt, i rappresentanti della nobilt ferrarese furono molti di meno, probabilmente non pi di duecento
tra cortigiani, comandanti delle milizie, rettori dello stato, rispettive consorti e relativi parenti. Sommando
loro il centinaio di salariati di corte, le 150-200 bocche a carico (figli, mogli e parenti vari), una cinquantina
tra stallieri e mulattieri, le cento guardie svizzere e tedesche e le nutrite servit dei clan aristocratici
arriviamo a un migliaio di persone, una cifra di tutto rispetto, comunque in grado di far saltare i delicati
equilibri demografici ed economici della piccola citt preappenninica.
Tuttavia, mi sento di aggiungere che tra i rappresentanti della nobilt non vera gran copia di aristocratici
ferraresi, i quali, in verit, si aggregarono solo negli anni immediatamente successivi e in proporzioni
decisamente contenute. Se infatti scorriamo i nominativi di quanti seguirono subito Cesare, troveremmo
numerosi feudatari modenesi, reggiani, carpigiani e garfagnini, per i quali il ritorno alle origini fu
probabilmente meno doloroso. Il tracotante clan dei ferraresi, tanto detestato dallo Spaccini, andrebbe
temporaneamente ridimensionato, in attesa di ulteriori ricerche: non si trattava di folle oceaniche, ma di
qualche decina di individui, sulla cui concordia nutro diverse riserve.
I rappresentanti della nobilt ferrarese erano in altre faccende affacendati, tutti presi ad occupare i
ventisette scranni riservati alla classe dei nobili nel consiglio centumvirale appena regalato dal legato
pontificio: non dobbiamo stupirci se tra di essi si trovavano tanti ex cortigiani di Alfonso II (Enea Pio, Giulio
Thieni, Guido Bentovoglio, Alfonso Turchi, Scipione Giglioli, Galeazzo Tassoni, Camillo Gualenghi,
Antonio Montecatini, Cesare e Ferrante Trotti, Luigi Montecuccoli, Guido Calcagnini, solo per citarne
alcuni), affiancati dai primogeniti di altrettanti antichi cortegiani del duca Alfonso de bona memoria.
A Modena, invece, le cose andavano diversamente. Ci vollero infatti dieci anni perch la corte di Cesare
riuscisse lentamente a riprendere vigore, come si pu evincere dalla lettura della seguente tabella:
Tabella 9.1: i tassi di turn-over della corte di Cesare, 1598-1627

ANNO ......... NUMERO CORTIGIANI ..... NUOVI INGRESSI .....% NUOVI INGRESSI .... ABBANDONI ........ % ABBANDONI
1598..................... 167................................ 101 ............................ 60,48% ......................... 7.......................4,19%
1599..................... 173.................................. 13 .............................. 7,51% ....................... 11.......................6,36%
1600..................... 174.................................. 12 .............................. 6,90% ....................... 36.....................20,69%
1603..................... 167.................................. 29 ............................ 17,37% ....................... 12.......................7,19%
1604..................... 162.................................... 7 .............................. 4,32% ....................... 10.......................6,17%
1606..................... 167.................................. 15 .............................. 8,98% ......................... 9.......................5,39%
1607..................... 167.................................... 9 .............................. 5,39% ......................... 7.......................4,19%
1609..................... 245.................................. 85 ............................ 34,69% ....................... 17.......................6,94%
1610..................... 247.................................. 19 .............................. 7,69% ....................... 15.......................6,07%
1611..................... 249.................................. 17 .............................. 6,83% ....................... 15.......................6,02%
1612..................... 253.................................. 19 .............................. 7,51% ....................... 16.......................6,32%
1613..................... 249.................................. 12 .............................. 4,82% ....................... 10.......................4,02%
1614..................... 251.................................. 12 .............................. 4,78% ....................... 31.....................12,35%
1615..................... 229.................................... 9 .............................. 3,93% ....................... 11.......................4,80%
1616..................... 239.................................. 21 .............................. 8,79% ....................... 32.....................13,39%
1617..................... 219.................................. 12 .............................. 5,48% ......................... 4.......................1,83%
1618..................... 234.................................. 19 .............................. 8,12% ......................... 8.......................3,42%
1619..................... 249.................................. 23 .............................. 9,24% ....................... 14.......................5,62%
1620..................... 264.................................. 29 ............................ 10,98% ......................... 8.......................3,03%
1621..................... 266.................................. 10 .............................. 3,76% ....................... 12.......................4,51%
1622..................... 277.................................. 23 .............................. 8,30% ....................... 17.......................6,14%
1623..................... 287.................................. 27 .............................. 9,41% ....................... 15.......................5,23%
1624..................... 297.................................. 25 .............................. 8,42% ....................... 19.......................6,40%
1625..................... 304.................................. 26 .............................. 8,55% ....................... 27.......................8,88%
1626..................... 288.................................. 11 .............................. 3,82% ....................... 36.....................12,50%
1627..................... 274.................................. 22 .............................. 8,03% ...........................
1644..................... 319................................ 268 ............................ 84,01%

Fonte: data-set Guerzoni.


Legenda: nella colonna recante la dicitura numero cortigiani riportato il numero totale di salariati in servizio nellanno
corrispondente, in quella nuovi ingressi il numero di cortigiani che iniziarono a servire nellanno, in quella abbandoni il numero di
cortigiani che serv per lultima volta nellanno.

Era dunque una corte minuscola, le cui dimensioni non raggiunsero neppure nel 1625, allapice della sua
floridezza, il livello minimo toccato da quella alfonsina nel secolo precedente; n si pensi che il balzo tra il
1607 e il 1609 sia da attribuirsi a cause particolari: lottantina di salariati che in questo lasso di tempo si
aggiunsero allo smunto ruolo di Cesare erano in preponderanza familiari di Isabella di Savoia, sposata nel
1608 dal primogenito Alfonso.
I numeri non devono per trarre in inganno: Cesare persegu una politica di chiamate a corte
estremamente accorta, potendo pescare in un doppio bacino.
Il primo, sicuramente il pi affascinante, era costituito dal fronte dei ferraresi pentiti. Linfatuazione per
la causa pontificia dur ben poco, svanendo non appena si realizz che lAldobrandini non avrebbe
mantenuto le promesse fatte negli ultimi due mesi del 1597, quando praticava molte famiglie di questa citt
principali per eccitarle contro il Duca, massimamente di quelle, o chano beni sotto la chiesa, o chano preti
in casa sua, promettendo loro honori, cardinalati, cariche in guerra, feudi, et infiniti commodi.358
Vi furono, bisogna ammetterlo, delle promozioni (il conte Ottavio Estense Tassoni e il conte Alfonso
Giglioli vennero nominati camerieri segreti del papa, il conte Francesco Sacrati divenne auditore di Rota e in
seguito cardinale, monsignor Carlo Trotti ottenne il vescovato di Bagnarea, il frate Modesto Gavazzi ebbe il
vescovato di Alisse, Orazio Giraldi, gi vescovo di Comacchio, venne eletto governatore di Ancona e il
conte Bonifacio Bevilaqua, chera stato referendario, governatore di Camerino e infine patriarca di
Costantinopoli consegu lagognata porpora cardinalizia), ma il ferrarese Gismondo Florio non doveva essere
del tutto insincero quando, esortando Cesare a riprendersi la capitale avita, lamentava che i ministri
ecclesiastici [...] come nuovi listrigoni, antropofagi, girioni, polifemi ed arpie di presente tiranneggiandola
[Ferrara] hanno in quella sovertito ogni buon costume, introdotto qualunque vitio, isbandita la virtu, ditrutte
le pi belle fabriche, dissipati li migliori cittadini, permesse linondationi dellacque e per conchiuderla
riddotta la misera citt che in quella da essi non si stima la nobilt n si attende alla povert, ma solo ad
accumulare oro et argento per vie indirette hor una famiglia et hor unaltra.359
Dopo la sbornia del 1598, svanite le illusioni iniziali, la corte estense, per quanto lontana, torn a
esercitare un innegabile fascino, e non solo sugli aristocratici di origine modenese, reggiana e garfagnina.
Alcuni riuscirono a rientrare pi o meno rapidamente nei ranghi modenesi: nel 1599 tornarono allovile il
signor cavalier Gerolamo Malvezzi, sottoscalco di Alfonso II riammesso con la medesima carica e messer
Daniele Micheletti, lorologiaio alfonsino che anche a Modena continu a svolgere la medesima mansione,
nel 1600 fu la volta degli illustri marchesi Alfonso e Cornelio Malaspina, sino al 1597 gentiluomini di
Alfonso e reintegrati con la stessa qualifica, nel 1603 i messeri Scipione Gagliardi, falconiere, e Francesco
Giglioli, ufficiale in tinello sotto Alfonso II e al servizio dei paggi di Cesare, nel 1607 Francesco Maria
Battaglia, gi staffiere di Cesare nel 1597 e ripreso con identica mansione, e lillustrissimo signor conte
Luigi Montecuccoli, sino al 1594 cameriere di Alfonso e dal 1607 cameriere segreto di Cesare, nel 1609
messer Giovanni Barbieri, staffiere di Alfonso II rientrato nei ranghi cesariani come usciere di Sua Altezza,
nel 1610 lillustrissimo signor conte Ercole Trotti, gentiluomo di Alfonso accolto quale cameriere segreto di
Alfonso, nel 1624 lillustrissimo conte Massimiliano Montecuccoli, sino al 1597 cameriere di Alfonso e
riapparso nel 1624 come maggiordomo di Cesare.
Tuttavia, bench non si possa tacere laltisonanza dei nomi di coloro che riabbracciarono la causa estense,
sono ancor pi interessanti i casi di chi, pur provandoci, non ottenne il beneplacito legatizio; infatti, a riprova
del progressivo scadimento dei rapporti coi nuovi padroni della citt, si moltiplicarono le richieste di perdono
(che non sempre si tradussero in licenze di espatrio) mentre con sospetta assiduit molti ferraresi si
presentavano a Modena per riverire il novello duca.
In verit, i primi segnali di insofferenza si erano manifestati neppure a un mese dalla partenza di Cesare:
gi il 2 marzo del 1598 lambasciatore di complicemento mediceo, il cavalier Curzio Picchena, informava il
granduca che il Cardinale [Aldobrandini] ogni giorno piu si ingegna di dar sodisfattione a tutta questa
nobilt ferrarese, ma i cittadini, ai quali pare che di loro non sia tenuto quel conto che essi vorrebbono,
restano sino a hora un poco disgustati,360 e solo diciassette giorni dopo il sempre generoso Spaccini poteva
trionfalmente annotare nel suo diario che tutti li Ferraresi che avevano officii nella corte del morto duca,
che erano ben da 5.000 [dicasi 5.000!] giongerano con il tempo andare mendicando, avendo non solo la
spesa, ma anco la paga da quella Altezza, sendo certo che quelli caridnali che governaranno non faranno
spesa nisuna, come faceva la costui persona che di grandezza paregiava, ma ha avanzato tutti li potentati
del suo tempo.361
Era evidente che lapparente concordia tra le principali case ferraresi si reggeva solo sullaereo
fondamento delle promesse pontifice, parendo destinata a infrangersi da un momento allaltro, visti gli
insanabili contrasti e le accese rivalit esistenti in seno allirrequieto fronte dei traditori. Il Fedele, la celebre
spia ferrarese di Cesare, scrivendo a fine maggio a proposito dei gentiluomini del costituendo consiglio
centumvirale, confessava che non s come governaran bene, mangiandosi il cuore tra di loro questi
infedeli. Conte Turchi, cavalier Gualenguo, Giliuoli Bevilacqui fanno una lega. Tassoni, Fiaschi, Scandiano
per aiuto unaltra. Calcagnini di per se come li Mosti, li quali stanno ritirati et quel matto spazzato del conte
Ercole si da al diavolo della sua ballonderia dicendo: non vi pi luogo a rimediar a cosa alcuna [...] dietro
le sue pedate ci vanno molti altri, ma non se ne lascian intendere, conoscendo lerror loro, ma tardi,
sgratiati che sono, poiche quando parlano nellintrinseco, si lamentano segratamente, et lo s io benissimo,
perche quando benanco il Papa avessea beneficiar la Citt, et lo facesse in efetto, sanno certo questo, che
la carne da Gentilhuomo verr a due quattrini la lira, tanto poco saran prezzati.362
Le previsioni del Fedele si rivelarono esatte e neppure un anno dopo il collegato pontificio si vide
costretto a prendere urgenti provvedimenti, per tamponare un flusso emorragico che pareva destinato ad
aumentare di giorno in giorno... Il signor Duca, a persuasione del signor Cardinale et Marchese di
Scandiano per quel che mi statto refferto haveva di nuovo acettato al servizio il Conte Herculle de Mosti,
per consiglier di statto, stanze in corte et spesa per bocche sei, con 300 scudi di provisione, et quando esso
conte, con sue lettere ha chiesto licenza al Signore Cardinale Aldobrandino, li statto risposto che se ne
vada da Monsignore Illustrissimo Cardinal Colegatto, dal quale haver la ressolutione, et pare che
essendosi statto habbi retratto che per degni respetti non puol haver licenza, et oggid in Ferrara a tutti sia
ferraresi come forestieri alle porte si fanno dare lettere, et le mandano al Cardinale, et questo tratto lo
fecero ultimamente a un figliolo del Conte Herchulle Bevilaqua.363
Lidillio era finito, se persino un Bevilacqua, famiglia reputata tra le principali artefici del tradimento
della causa di Cesare (Et tra la nobilta sono principalmente accarezzati et favoriti quelli che hanno havuto la
mano nel negotio dellaccomodamento, o che almeno si dimostrarono subito partiali per la Chiesa, come
dire il Cavalier Gualengo, il conte Guido Calcagnini, i signori Bevilaqua, i conti Giglioli, et altri,
mettendosi anche tra questo numero il signor Cesare Trotti, fratello putativo del duca Alfonso),364 tentava di
riacquistare il favore ducale e ritornare nellorbita del potere estense, seguito a ruota da un altro traditore,
quel Galeazzo Gualengo che nellagosto del 1602 il cardinal Alessandro raccomandava al fratello poich ha
mostro desiderio di trasferirsi a Modena per far riverenza a Vostra Altezza et continuare lantica sua
divot.ne.365 Se questo era il tenore delle richieste dei giuda manifesti non riesce difficile credere quanto fosse
nutrita la schiera di coloro che, ravvedutisi, implorarono un posto a corte, da Galeazzino Tassoni ai conti
Taddeo e Giovanni Rangoni, che nellautunno del 1598 cercarono di avere in corte [di Cesare] quello che
avevano con il morto duca.366
Cesare, ovviamente, non pot accogliere tutte queste istanze, vuoi per calcoli di natura politica, vuoi per
le assillanti preoccupazioni di carattere economico. Egli doveva infatti ricostruire la propria corte tenendo
conto delle nuove basi territoriali, che lo obbligavano a intessere delicati rapporti con la fiera e talvolta
insofferente feudalit locale, che secoli e secoli di lontananza dalla capitale avevano quasi inselvatichito,
senza peraltro inimicarsi le orgogliose borghesie municipali, gelose della propria vetusta indipendenza ma
nel contempo desiderose di acquisire un tono capace di non farle sfigurare nel confronto con gli azzimati
profughi ferraresi.
Il progetto di restauro di queste fragili trame politiche e sociali, condotto con la tenacia e la pazienza che
sempre contraddistinsero loperato di Cesare, and felicemente in porto, dopo tre decenni di silente lavorio
diplomatico. Osserviamo infatti la seguente tabella:

Tabella 9.2: famiglie aventi almeno due membri in servizio tra il 1471 e il 1627 nel gruppo dei signori, gentiluomini, camerieri,
scalchi, scudieri, medici, segretari, maestri di guardaroba, stalla e cacce, oratori, consiglieri, fattori generali

FAMIGLIA 1471-59 A2.....CE....... FAMIGLIA 1471-59 . A2 ....CE .......FAMIGLIA . 1471-59 .A2 ...CE
Alvarotti .......... 2.......... 2.......... 0...........Dalla Vela .......... 2 ..........0 ........ 0..........Mori .....................1 .........4 ....... 3
Antonelli.......... 0.......... 0.......... 2...........DallAssassino ... 2 ..........1 ........ 0..........Mosti ....................4 .........2 ....... 0
Ariosti.............. 9.......... 3.......... 3...........Duranti ............... 0 ..........0 ........ 2..........Naselli ..................2 .........2 ....... 0
Barozzi ............ 0.......... 0.......... 2...........Farolfini ............. 4 ..........0 ........ 0..........Panza....................1 .........2 ....... 0
Belencini.......... 0.......... 2.......... 2...........Ferrari................. 1 ..........0 ........ 3..........Parisani.................1 .........2 ....... 0
Bellaia.............. 3.......... 1.......... 1...........Ferri.................... 0 ..........0 ........ 2..........Perondoli..............2 .........0 ....... 2
Bendedei.......... 4.......... 1.......... 0...........Fiaschi................ 4 ..........4 ........ 0..........Pigna ....................1 .........1 ....... 3
Bentivoglio...... 3.......... 7.......... 0...........Fogliani .............. 1 ..........2 ........ 0..........Pio ........................3 .........1 ....... 0
Bernieri............ 2.......... 1.......... 0...........Fontana............... 0 ..........3 ........ 1..........Pistoglia ...............0 .........2 ....... 0
Bevilacqua....... 2.......... 4.......... 2...........Forni................... 3 ..........1 ........ 2..........Pretti.....................0 .........2 ....... 0
Boiardi............. 2.......... 1.......... 1...........Foscardi.............. 3 ..........0 ........ 0..........Prosperi ................2 .........1 ....... 0
Bonaccioli........ 4.......... 1.......... 0...........Gatti ................... 2 ..........3 ........ 0..........Quaglia.................2 .........1 ....... 0
Bonlei .............. 4.......... 1.......... 0...........Gianella.............. 0 ..........4 ........ 0..........Rangoni................3 .........8 ....... 2
Boschetti.......... 5.......... 1.......... 2...........Giglioli ............... 2 ..........5 ........ 0..........Ricci .....................1 .........1 ....... 3
Brasavola......... 2.......... 4.......... 1...........Giraldi ................ 0 ..........2 ........ 0..........Romei...................4 .........0 ....... 0
Brugia .............. 3.......... 0.......... 0...........Girondi ............... 2 ..........0 ........ 0..........Rossetti.................1 .........2 ....... 0
Calcagnini........ 2.......... 1.......... 1...........Gonzaga ............. 5 ..........4 ........ 0..........Ruggeri.................1 .........3 ....... 2
Calori............... 0.......... 1.......... 2...........Greco.................. 0 ..........2 ........ 1..........Sagrati .................11 ........2 ....... 1
Canossa............ 0.......... 2.......... 0...........Grillenzoni ......... 0 ..........0 ........ 2..........Sanseverini...........3 .........1 ....... 0
Cantelmi .......... 2.......... 0.......... 0...........Gualenghi........... 2 ..........2 ........ 0..........Sartori...................1 .........2 ....... 2
Castelli............. 0.......... 1.......... 2...........Guarini ............... 1 ..........3 ........ 0..........Sassi .....................0 .........0 ....... 2
Castelvetro....... 0.......... 0.......... 2...........Guarnieri ............ 3 ..........2 ........ 0..........Scotti ....................2 .........0 ....... 1
Cattani ............. 0.......... 1.......... 2...........Laciosi ............... 2 ..........0 ........ 0..........Seghizzi................0 .........1 ....... 3
Cavazza ........... 0.......... 0.......... 3...........Laderchi ............. 0 ..........1 ........ 2..........Sogari ...................0 .........2 ....... 0
Cavedoni.......... 2.......... 0.......... 0...........Lardi................... 2 ..........0 ........ 0..........Somenza...............0 .........1 ....... 2
Cesis ................ 0.......... 0.......... 2...........Lavezzoli............ 1 ..........2 ........ 0..........Sosena ..................0 .........2 ....... 0
Cestarelli.......... 3.......... 0.......... 0...........Levizzani............ 0 ..........0 ........ 3..........Strozzi ..................5 .........0 ....... 0
Coccapani ........ 0.......... 2.......... 3...........Macchiavelli ...... 2 ..........1 ........ 0..........Tassoni ................8 .........9 ....... 5
Codebue........... 0.......... 0.......... 4...........Magnanimi ......... 2 ..........1 ........ 0..........Thiene ..................5 .........3 ....... 2
Conegrani ........ 1.......... 2.......... 0...........Malaspina........... 0 ..........4 ........ 8..........Tombesi ...............2 .........2 ....... 0
Cortesi ............. 2.......... 0.......... 0...........Malatesta............ 1 ..........3 ........ 0..........Torri .....................0 .........0 ....... 2
Cortili .............. 2.......... 1.......... 0...........Mandini.............. 0 ..........0 ........ 2..........Torricelli ..............0 .........0 ....... 2
Costabili .......... 9.......... 0.......... 0...........Manfredi............. 2 ..........2 ........ 4..........Trotti ...................16 ........8 ....... 1
Da Castello ...... 3.......... 0.......... 0...........Marescotti .......... 0 ..........2 ........ 0..........Turchi...................5 .........4 ....... 0
Da Correggio... 3.......... 0.......... 0...........Masetti ............... 0 ..........1 ........ 2..........Valentini...............2 .........0 ....... 0
Da Crema......... 2.......... 0.......... 0...........Miroglio ............. 0 ..........4 ........ 0..........Varano .................3 .........0 ....... 0
Dai Banchi....... 2.......... 0.......... 0...........Molza ................. 0 ..........2 ........ 8..........Vezzali .................0 .........0 ....... 2
Dai Carri.......... 2.......... 0.......... 0...........Montecatini ........ 1 ..........3 ........ 0..........Visdomini.............1 .........2 ....... 0
Dal Pozzo ........ 2.......... 0.......... 0...........Montecuccoli ..... 3 ..........4 ........ 4..........Zobeli ...................2 .........1 ....... 0
Dal Sale ........... 3.......... 0.......... 0...........Montini............... 1 ..........4 ........ 2

Fonte: data-set Guerzoni.


Legenda: nella colonna 1471-59 indicata la somma di quanti servirono nel gruppo dei signori, gentiluomini, camerieri, scalchi,
scudieri, medici, segretari, maestri di guardaroba, stalla e cacce, oratori, consiglieri e fattori generali sotto i duchi Ercole I, Alfonso I
ed Ercole II, in quella A2 quelli che servirono sotto Alfonso II, in quella CE quelli che servirono sotto Cesare.
Risulta evidente il riposizionamento in senso filoterritoriale delle lites di corte, che da una parte
accolsero nelle loro fila alcuni fedeli servitori ferraresi e vari cittadini modenesi reggiani, carpigiani e
garfagnini di fresca nobilitazione (Barozzi, Cattani, Cavazza, Codebue, Duranti, Sartori, Sassi, Seghizzi
Torri, Torricelli o Vezzali), dallaltra registrarono il lento ma costante riavvicinamento dei principali
feudatari del ducato, come si pu evincere dai casi dei Levizzani, dei Malaspina o dei Molza, mentre
scomparvero per sempre i nomi di tante illustri casate ferraresi, gi messe a dura prova dai voleri alfonsini.
Tuttavia, losmotico processo di assorbimento delle forze locali non si limit alla cooptazione dei vertici
della nuova familia ducale, ma si concretizz in termini ancor pi netti nella politica di assunzione degli
esponenti della media e bassa corte, che rafforzarono il genius loci della cerchia cesariana. Era dunque
naturale che una corte nata sotto simili auspici acquistasse uninconfondile aura di provincialit, accentuando
le tendenze autarchiche gi manifestatesi sotto Alfonso II, come si pu inferire dalla lettura delle seguenti
tabelle.

Tabella 9.3: provenienze geografiche dei cortigiani di Ercole I, Alfonso I, Ercole II, Alfonso II, Ippolito, Luigi e Cesare non originari
del ducato: gli italiani

CORTE ................................ERCOLE I ... ALFONSO I ... ERCOLE II ....ALFONSO II ...IPPOLITO II .... LUIGI .... CESARE
NUMERO DI CORTIGIANI ....1604 ........... 1460.............. 936................1635 ...............645 .................. 701 ........ 969
Abruzzo ..............................2 ................. 1.................... ......................1 ..................... ........................ .............. 1
Basilicata ............................ ................... ...................... ...................... ....................... ........................ 1
Bergamo e Brescia .............8 ................. 9.................... 5 ....................3 .....................4 ...................... 7 ............ 2
Bologna ..............................17 ............... 10.................. 7 ....................6 .....................6 ...................... .............. 3
Calabria ..............................1 ................. 2.................... ...................... ....................... ........................ 1
Campania............................17 ............... 7.................... 5 ....................1 .....................2 ...................... 2
Correggio............................11 ............... 8.................... 1 .................... .......................1 ...................... 1
Friuli ................................... ................... 2.................... 2 .................... ....................... ........................ 4 ............ 2
Lazio...................................9 ................. 7.................... 3 .................... .......................5 ...................... .............. 2
Liguria ................................6 ................. 3
Lombardia ..........................42 ............... 37.................. 8 ....................7 .....................5 ...................... 6 ............ 10
Lucca ..................................9 ................. 4.................... 2 .................... ....................... ........................ 2
Mantova..............................12 ............... 23.................. 10..................11 ...................5 ...................... 6 ............ 1
Marche................................6 ................. 11.................. 5 ....................6 .....................1 ...................... 1
Mirandola ...........................2 ................. 12.................. 5 .................... .......................3
Monferrato..........................9 ................. ...................... ......................1
Novara e Vercelli ...............4 ................. 3.................... 2 ....................1
Parma e Piacenza................21 ............... 7.................... 7 ....................9 .....................5 ...................... 3 ............ 4
Piemonte.............................6 ................. 6.................... 4 ....................4 .....................1 ...................... 6
Puglia..................................5 ................. 2.................... 1
Romagna non estense.........12 ............... 11.................. 5 ....................2 ..................... ........................ 6
Sicilia.................................. ................... ...................... ......................1 .....................3 ...................... .............. 1
Toscana...............................21 ............... 23.................. 15..................12 ...................6 ...................... 8 ............ 8
Trentino .............................. ................... 2.................... ......................1 .....................3 ...................... 1 ............ 2
Umbria................................8 ................. 2.................... 2 .................... .......................2 ...................... 4 ............ 1
Veneto ................................29 ............... 33.................. 25..................15 ...................10 .................... 8 ............ 15
TOTALE ITALIANI ..............257 ............. 225................ 114................81 ...................62 .................... 67 .......... 52
% SU TOTALE CORTIGIANI 16,02% ....... 15,41% ......... 12,18%..........4,95%.............9,61%.............. 9,56%.... 5,37%

Fonte: data-set Guerzoni. I dati relativi alle corti di Ercole I, Alfonso I ed Ercole II non includono i cortigiani delle duchesse.
Tabella 9.4: provenienze geografiche dei cortigiani di Ercole I, Alfonso I, Ercole II, Alfonso II, Ippolito, Luigi e Cesare non originari
del ducato: i non italiani

CORTE ................................ERCOLE I ... ALFONSO I ... ERCOLE II ....ALFONSO II ...IPPOLITO II .... LUIGI .... CESARE
NUMERO DI CORTIGIANI ....1604 ........... 1460.............. 936................1635 ...............645 .................. 701 ........ 969
Albania, Dalmazia e Istria..6 ................. 4.................... 1 .................... .......................2 ...................... 1 ............ 1
Austria ................................ ................... 1.................... ......................6
Baviera ............................... ................... ...................... ......................4
Borgogna ............................ ................... ...................... ......................1
Egitto, Siria e Turchia ........1 ................. 2.................... 1 .................... ....................... ........................ 2
Fiandre................................12 ............... 4.................... 5 ....................9 .....................6 ...................... .............. 2
Francia................................15 ............... 17.................. 3 ....................31 ...................35 .................... 46 .......... 4
Germania ............................13 ............... 13.................. 8 ....................16 ................... ........................ 4 ............ 9
Grecia .................................6 ................. 4.................... 2 ....................2
Inghilterra ...........................1
Lorena................................. ................... ...................... ......................1
Moscovia ............................ ................... ...................... ......................1
Polonia................................ ................... ...................... 1 ....................1 ..................... ........................ .............. 1
Portogallo ...........................3 ................. 1
Savoia .................................1 ................. ...................... 1 .................... ....................... ........................ 1
Spagna ................................10 ............... 7.................... 3 ....................6 .....................1 ...................... 1 ............ 2
Svizzera .............................. ................... ...................... ......................3 ..................... ........................ 1
Turchia ............................... ................... ...................... ...................... ....................... ........................ .............. 2
Ungheria ............................. ................... 2.................... 3 ....................1 ..................... ........................ .............. 1
Valtellina e Grigioni...........10 ............... 7.................... 8 ....................10 ...................5 ...................... 4 ............ 2
TOTALE NON ITALIANI .......63 ............... 62.................. 36..................92 ...................49 .................... 60 .......... 24
% SU TOTALE CORTIGIANI 3,93% ......... 4,25% ........... 3,85%............5,63%.............7,60%.............. 8,56%.... 2,48%
TOTALE ITALIANI + NON ....320 ............. 287................ 150................173 .................111 .................. 127 ........ 76
% SU TOTALE CORTIGIANI 19,95% ....... 19,66% ......... 16,03%..........10,58%...........17,21%............ 18,12%.. 7,84%

Fonte: data-set Guerzoni. I dati relativi alle corti di Ercole I, Alfonso I ed Ercole II non includono i cortigiani delle duchesse.

Tuttavia, il ridimensionamento degli orizzonti politici non era dettato solo da convenienze di carattere
politico, ma da brutali esigenze di bilancio: ancora nel 1603 Cesare non si vergognava di confessare al
Granduca di Toscana chio mi trovo sette figlioli quattro maschi, et tre femine, et la moglie giovine, che
figlia quasi ognanno [...] che non cavo di questi stati, bench assai grandi, et numerosi di popolo, molta
rendita, havendo costumato i miei predecessori, i quali havevano entrate grosse in Ferrara, di non gravare
questi sudditi.367
Cesare poteva avere molti difetti, ma raramente mentiva e parlando di quattrini, fu uso sin dalla pi tenera
et a stringere la cinghia e onorare i debiti, talvolta propri, molto pi spesso altrui. Non deve dunque stupire
la sua sconsolata ammissione; nel primo anno modenese la Camera Ducale riusc infatti a incassare, tolti i
prestiti e i denari di castello, 517.617 lire, spicciolo pi, spicciolo meno, mentre nel 1599, tolti i denari
levati di castello, furono raccolte circa 568.000 lire, la cifra si stabilizz attorno alle 480.000-500.000 lire del
triennio successivo.368
Si trattava di entrate pari a circa un terzo di quanto incassava due o tre anni prima il cugino Alfonso,
entrate che non consentivano al suo successore di mantenere la corte che avrebbe voluto; anzi, il duca si vide
costretto dal bisogno a varare unimbarazzante riforma: gi il 27 aprile, stando allo Spaccini, circolavano
voci che si va registrando la corte; si dice che calla da 150 bocche,369 mentre il 4 settembre del 1599,
Flaminio Boni, segretario del marchese di Triggiana Francesco Malaspina, ambasciatore mediceo residente a
Modena e temporaneamente assente, informava il Granduca che mercord, che fu il primo del corente
[mese] dordine di S.A. fu limitato il salario di tutta la servitu sua, et levatone un terzo a ciascuno oltra alla
Casa, o per dir meglio la spesa, et Regaglie, che oltra il sudetto salario la corte si procacciava, ma delli
gentilhuomini che hanno la tavola non si fatto altra novit, il che sucesso per le superflue e gran spese
occorse a S.A., quale piu assai di 80 milla scudi, dicano eccedere le sue Intratte.370 Il Boni non si sbagliava
affatto sullentit dello scostamento del bilancio ducale, quanto mai lungi dal sospirato punto di pareggio:
stando ai calcoli che ho potuto fare basandomi sui numeri forniti dal Sudenti, nel 1599, a fronte di 568.000
lire di entrate, Cesare ne spese quasi 940.000, di cui 109.706 per le milizie del Soldo, 99.735 per linvestitura
di Modena e Reggio, 59.413 per censi e infine 141.362 per una sibillina Cosa nota a S.A.S.
Ridurre i salari, allora come oggi, non era operazione priva di difficolt: limpopolare provvedimento
venne infatti procrastinato di un paio di mesi e se il 30 ottobre 1599 pareva che oggi si sia per publicare la
reforma della Corte la qualle si dice debba esser gagliarda trovandosi come ho scritto a V.A. esser pi le
spese che lentratta,371 il 6 novembre non era ancora stata varato. Bisogn attendere il maggio dellanno
successivo perch lambasciatore mediceo, in una letterina pudicamente cifrata, potesse finalmente
comunicare al suo signore che nel restringer che il signore duca ha fatto la fameglia delle spese ha retirato
li sguizeri et tedeschi nel numero di 22 in tutto et dove prima la duchessa caminava con la guardia hora va
senza et questo ha dato che dire poi che non mancavano modi di ritirare le spese in altre cose pi
superflue.372
Si tratt di una scelta dolorosa, ma obbligata.
La cifra distintiva del primo periodo di governo modenese fu dunque quella della povert, dellindigenza,
cagionata dalla terribile situazione di stallo in cui Cesare si venne subito a trovare; da una parte non poteva
alzare rapidamente i livelli impositivi, pena il fallimento del disegno di riconquista territoriale, dallaltra
risultava chimerica la difesa dei beni allodiali nel ferrarese, minacciati dalle mire degli ecclesiastici (che,
tanto per mettere le cose bene in chiaro, appena arrivati occuparono subito le valli di Comacchio) e dagli
strascichi della cause intentategli dai parenti373 e da antichi debitori.
Persino il Comune di Ferrara, imbaldanzito dalla protezione pontificia, nella liquidazione dei crediti che
Cesare dEste vantava nei suoi confronti, ottenne una transazione con i delegati del Duca di Modena, in
cui, alla cifra riconosciuta di lire 316.565 vennero artificiosamente scontati ingenti, mancati e presunti
riborsi [...] da parte di Lionello, quindi risalenti ad almeno 150 anni prima, e quelli di Ercole I, non onorati
durante limpresa di ampliamento della citt, antecedente di oltre un secolo.374 Ce nera abbastanza perch
a Ferrara, per riportare il dovuto rispetto alla prestigiosa memoria di Casa dEste, dovesse giungere il
fantasma del duca Alfonso II in persona perciche essendo stato mandato Giovanni Mellone Soldato, nativo
tr Cento, et la Pieve, far la sua sentinella s la muraglia della Citt, f da un ombra, che gli vidde a
cavallo, et riconobbe (come e gli disse) per il Duca Alfonso, ultimamente defonto, percosso cos fieramente
nel petto da calci del cavallo dessa ombra, ch pena pot consursi in corpo di guardia, ove havendo
mostrate le lividure, ne potendo a pena rispirare mezo morto fu portato allOspital di SantAnna, ove alcuni
giorni dopo mor.375
Fonti archivistiche,
manoscritte e bibliografia

Fonti archivistiche

Nel seguente elenco sono riportati gli estremi dei fondi archivistici compulsati nel corso della ricerca. Per
quanto concerne i soli pezzi dellArchivio di Stato di Modena, i numeri delle singole unit archivistiche sono
stati riportati nelle citazioni in nota.

Biblioteca Ambrosiana di Milano.


Archivio Pio Falc di Savoia: carteggio di Marco Pio, buste nn.497-8.

Biblioteca Trivulziana di Milano.


Fondo Belgiojoso: buste nn.3-4 (lettere di cardinali e di diversi agli Estensi 1542-1675), n.5 (lettere di
vescovi e di diversi ai marchesi dEste XVI-XVII), n.6 (lettere dei duchi dUrbino e di Parma), n.27
(corrispondenza di Casa dEste, fascicolo I), nn.47-53 (corrispondenza del marchese Filippo dEste, 1588-
1592), nn.54-56 (corrispondenza del marchese Carlo Filiberto dEste, 1595-1600), n.86 (corrispondenza di
Cesare dEste duca di Modena), n.110 (corrispondenza di casa Sfondrati coi marchesi dEste, 1585-1600).

Archivio di Stato di Ferrara.


Archivio Bentivoglio: corrispondenza, buste nn.15-18 (1596-1609).

Archivio di Stato di Firenze.


Archivio Mediceo del Principato: carteggio dei segretari, relazioni con stati italiani ed esteri, Ferrara,
buste nn.2879-2194; Modena, buste nn.2915-2924 e 2935-2937.
Carte Torriggiani, Appendice Torriggiani, n.5.
Ducato dUrbino: classe I, filze n.X inserti 2.17 e 7 (scritture riguardanti Lucrezia), n.XI inserto 23 (eredit
di Lucrezia), n.CXI inserto 5 (corrispondenza di Lucrezia), n.CXII inserto 3 (lettere di Lucrezia al marito),
n.CXLIII (carteggio di agenti a Roma, lettere di Livio Convertini, 1589-1600), n.CCXLII (lettere dei duchi
di Ferrara e di Modena, 1527-1630), n.CCLXVII (lettere di ministri alle duchesse 1550-1640).
Miscellanea Medicea: filze n.12, inserti 2 e 3 e n.97, inserto 4 (materiale riguardante Virginia Medici).

Archivio di Stato di Genova.


Archivio Segreto: litterarum, registro dei cancellieri, n.1870 (1595-1598) e litterarum, fogliazzi, n.1974
(1589-1592), n.1977 (1597-1598); lettere alla Repubblica di Genova da parte di principi, buste nn.2780,
mazzo 4 (lettere di Alfonso II, 1565-1597 e Filippo dEste, 1585) e 2787, mazzo 11 (lettere dei duchi di
Modena 1600-1791).
Archivio di Stato di Lucca.
Anziani al Tempo della libert: lettere diverse e ambascerie, buste nn.178-187, 555, 598-602.

Archivio di Stato di Mantova.


Archivio Gonzaga: carteggio di Margherita Gonzaga, buste nn.2156-2161; lettere degli Este ai Gonzaga,
buste nn.1219-1222; ambasciatori Ferrara (dal 1596 al 1602), buste nn.1260-2; ambasciatori Modena (dal
1597 al 1601), buste nn. 1294-5.

Archivio di Stato di Milano.


Atti di Governo: Potenze Estere post 1535, Modena e Ferrara, busta n.64 (1536-1700).
Archivio Comunale di Modena.
Deliberazioni Consiliari, registri degli anni 1598-1599-1600.

Archivio di Stato di Modena.

Camera Ducale:
Agenzia in Ferrara
Amministrazione dei Principi
Amministrazione della Casa: Aceto, Arazzi e Tappezzerie, Armi, Arte della Lana, Arte della Seta, Bestie,
Biblioteca, Caneve, Carne e Pesce, Cani, Castalderie, Cucina, Elemosine, Falconi, Farine, Fontico, Granai,
Grassa, Guardaroba, Legnara, Navi, Pane, Polli, Sali, Sapone, Significati, Spenderia, Spezieria, Spisanti,
Stalla.

Amministrazione finanziaria Paesi: Comacchio


Borsa Segreta
Bolletta dei Salariati
Bolletta del Soldo
Catastri delle Investiture
Conti Generali
Libri camerali diversi
Munizioni e Fabbriche
Memoriali
Mandati in volume
Notai Camerali
Ufficio del Mese.

Archivio Segreto Estense:


Casa e Stato
Cancelleria Ducale: Ambasciatori Roma, Gridario, Leggi e Decreti, Esenzioni e Privilegi.
Archivio di Stato di Parma.
Carteggio Farnesiano e Borbonico estero: Ferrara, busta n.132 (1591-1732), Modena e Reggio Emilia,
buste nn.235 (1576-1599) e 236 (1600-1609).

Archivio di Stato di Torino.


Sezione I, Archivio di Corte, Real Casa: Corti Estere, Ferrara e Bologna, mazzo 1 da inventariare,
Modena, mazzi 1 e 2 da inventariare.
Sezioni Riunite, Articolo 806, Paragrafo 2, Inventario 365, Conti e Ricapiti delle Case de Signori Duca di
Genevois, Nemours, Aumale, Chartres, e Gisors dal 1397 al 1686, buste nn.44-76.

Manoscritti
Borsetti F., Serie de giudici dei Savi e dei Savi del Maestrato della citt di Ferrara dallanno 1321 sino al
corrente 1760, BCA, Ms classe I, 492.

Caleffini U., Diario di Ugo Caleffini (1471-1494), BCA, Ms classe I, 769.

Cronaca di Ferrara dal 29 gennaio 1598 a tutto il 28 giugno 1614, BCA, Antonelli, 250.

Cronaca di Ferrara dal 1598 al 1611, BCA, Ms classe I, 536.

De Montedecano A., Storia di Ferrara, BE, Ms It. 529 (alpha Q.4.8).

Guarini M.A., Annali di Ferrara dal 1570 al 1596, BCA, Antonelli, 266.
Guarini M.A., Diario di tutte le cose accadute nella nobilissima citta di Ferrara dal 1570 al 1598, BE, Ms
It. 285 (alpha H.2.16).

Isnardi A., Ricordi della citt di Ferrara fino al 1588, BE, Ms It. 530 (alpha R.4.2).

Istoria de capi e giudici de Savi della Citt di Ferrara (709-1706), BCA, Ms classe I, 184.

Maffei G.M., Memorie storiche della citt di Ferrara (322-1635), BCA, Antonelli, 483.

Merenda G., Istorie manoscritte delle cose di Ferrara sino al 1600, BCA, Ms classe I, 467.

Rodi F., Annali di Ferrara in cinque libri, BE, Ms It. 431-434 (alpha H.3.7-10).
Rondoni C., Cronaca dal 29 gennaio 1598 a tutto il 28 giugno 1614, BCA, Antonelli, 250.

Sardi G., Cronacha di Ferrara, Ferrara, BCA, Ms classe I, 474.

Ubaldini C., Istoria di Ferrara dallanno 1597 a tutto lanno 1633, BCA, Ms classe I, 418.

Fonti a stampa pubblicate prima del 1850


Adami A., Il novitiato del Maestro di Casa. Nel qual si da notitia di tutte le cose necessarie per essercitare
questOffitio nella Corte di Roma. Con una instrutione per conoscere le qualit e prezzi delle robbe, regole
di misurar fabbriche, pratiche di agricoltura, e modi di far diverse sorti di vini, e conservarli, utile anche
per le case private, Roma, Tommaso Coligni, 1657.

Albergati F., Thesoro Politico, cio relationi, instruttioni, trattati, discorsi varii pertinenti alla cognitione et
intelligenza delli stati, interessi et dipendenze de pi gran Principi del mondo, Milano, Eredi Sessa, 1600.

Aretino P., Ragionamento nel quale messer Pietro Aretino figura quatro suoi amici che favellano de le corti
del mondo, e di quella del cielo, Venezia, stampatore ignoto, 1541.

Azzi T., Discorso delle prerogative de i curiali antichi, et moderni cortegiani: Et di titoli di qualunque
persona posti per ordine insieme et cavati dasacri Canoni, et leggi, dallEcc.mo S.Tommaso Attio da
Fossombrone, Venezia, Eredi Sessa, 1600.

Biondo M., Angitia cortigiana, de natura del cortigiano, Roma, Antonio Blado, 1540.

Bonacossa I., Bonacossae Hippolyti, nobilis ferrariensis, De servis vel famulis tractatus, Venezia, Damiano
Zenaro, 1575.

Borsetti A., Supplemento al Compendio Historico del Signor D. MarcAntonio Guarini Ferrarese: in cui si
contiene lorigine et accrescimento di Ferrara fino allanno 1670, Ferrara, Bolzoni, 1670.

Bragaccia V., Lambasciatore, Padova, Bolzetta, 1627.

Buonamico M., Della servit volontaria. Ragionamenti favolosi, Venezia, Nicol Zilletti, 1590.

Canonhiero A., Il perfetto Cortegiano, et delluffizio del Prencipe versol Cortegiano, Roma, Bartolomeo
Zannetti, 1609.
Capaccio G.C., Il Secretario opera di Giulio Cesare Capaccio napolitano. Ove si scuopre il vero modo di
scriver lettere familiari correnti nelle corti, Napoli, Cappello, 1594.

Caporali C., Dialogo sopra la Corte, Ferrara, Benedetto Mamarello, 1590.


Castori B., Institutione Civile et Christiana per uno, che desideri vivere tanto in Corte, quanto altrove
honoratamente, e christianamente, Del P. Bernardino Castori Senese della Compagnia di Ges, Roma,
Alessandro Zannetti, 1622.

Cella A., Tropotipo cio a dire Norma de costumi, Dialogo tra un filosofo morale et tre suoi discepoli,
Brescia, Policreto Turlini, 1594.

Cervio V., Ragionamento di Vincenzo Cervio, gi Trinciante dellIll.mo et Reverendissimo Signor Cardinale
di Casa Farnese, fatto sopra lofficio del Trinciante Reale suo Scolaro, pubblicato ne Il Trinciante di M.
Vincenzo Cervio, ampliato et ridotto a perfettione dal Cavalier Reale Fusoritto da Narni, gi Trinciante
dellIll.mo et Reverendissimo Signor Cardinale di Casa Farnese, Venezia, Eredi di Giovanni Varisco, 1593.

Colle F., Refugio de povero gentilhuomo composto per .io. francisco colle a lo illustris. et excellentis. s.d.
alphonso duca di ferrara, Ferrara, Laurenzio Russi da Valentia, 1520, nella riproduzione anastatica
pubblicata a Reggio Emilia da AGE grafico-editoriale nel 1994.

Cortesi P., De Cardinalatu ad Julium Secundum, Finis trium librorum de Cardinalatu ad Julium Secundum
Pont. Max. per Paulum Cortesium, quos Symeon Nicolai Nardi Senensis, alias Rufus, calchographus
imprimebat, Castro Cortesio die decima quinta novembris, 1510.

De Guevara A., Aviso de favoriti, e dottrina de corteggiani, opera non meno utile che dilettevole, composta
per lo Ill.re Signor Don Antonio Giavara Vescovo di Mondogneto, Predicatore, Cronichista, et Consegliero
della Cesarea Maest, tradotta nuovamente dal spagnuolo nellidioma italiano, Venezia, Comin da Trino de
Monferrato, 1562.

De Guevara A., Il libro di Marco Aurelio con lorologio de principi, Venezia, Portonaris, 1556.

De la Frata e Montalbano M., Discorsi de principii della nobilt e del governo che ha da tenere il nobile
ed il principe nel reggere se medesimo, la famiglia, e la Republica: partiti in sei dialoghi, composti per
Marco de la Frata e Montalbano, Venezia, Valgrisi, 1551.

Della Casa G., De officiis potentiores et tenuiores amicos, in Di Benedetto A., a cura di, Prose di G. Della
Casa e altri trattatisti cinquecenteschi del comportamento, Torino, Utet, vol.I, 1970, pp.135-189.
Della Casa G., Galateo: ovvero de costumi. In Rime e prose di Monsignor Giovanni Della Casa, Venezia,
Niccol Bevilacqua, 1558, nelledizione curata da Scarpa E., Modena, Franco Cosimo Panini, 1990.

De Refuge E., Trattato della Corte del Signor di Refuge, Tradotto di Francese in questo nostro Volgare da
D. Girolamo Canini, dAnghiari, Illustrato di Annotationi dallIstesso Autore, e di diversi Metodi dal Canini,
Venezia, Dal Ciotti, 1621.

Diario ferrarese 1409-1502, in Rerum Italicarum Scriptores, Raccolta degli storici italiani dal Cinquecento
al Millecinquecento, ordinata da L.A.Muratori. Nuova edizione riveduta ampliata e corretta con la direzione
di Giosu Carducci - Vittorio Fiorini - Pietro Fedele, tomo XXIV, parte VII, vol.I, Nicola Zanichelli,
Bologna, 1933.

Ducci L., Arte aulica di Lorenzo Ducci, nella quale sinsegna il modo che deve tenere il cortegiano per
divenir possesore della gratia del suo Principe, Ferrara, Vittorio Baldini, 1601.

Duri de Pascolo (Eberhard von Weyhe), Aulicus politicus Diversis Regulis Praeceptis: sive ut ictus
Iavolenus loquitur, Definitionibus selectis, videlicet CCCLXII. Antiquorum et Neotericorum prudentiae
Civilis Doctorum instructus, in Speculi Aulicarum atque politicarum observationum, Argentin, Lazaro
Zetzenero, 1599.

Evitascandolo C., Dialogo del Trenciante di Cesare Evitascandalo Romano, nel quale si legge quanto si
deve operare, et osservare nel servitio del Trenciante, Roma, Carlo Vullietti, 1609.
Faustini A., Delle historie di Ferrara, Ferrara, Bernardino Pomatelli, 1655.

Fracchetta G., Il Principe di Gerolamo Fracchetta, nel quale si considera il prencipe et quanto al governo
dello stato, et quanto al maneggio della guerra. Distinto in due Libri, Venezia, Combi, 1647.

Frigerio B., Leconomo prudente di B.F. di Ferrara, Nel quale con lautorit della Sacra Scrittura,
dAristotile, e daltri gravi scrittori si mostra larte infallibile dacquistar e conservar la robba e la
riputatione duna famiglia e duna corte, Roma, Grignani, 1629.

Frizzi A., Memorie per la storia di Ferrara, Ferrara, Francesco Pomatelli, 1791-1796.

Frugoli A., Pratica di scalcaria. Intitolata pianta di delicati frutti, da servirsi a qualsivoglia Mensa di
Principi e gran Signori e Persone ordinarie ancora, Roma, Francesco Cavalli, 1631.
Fusoritto da Narni, Aggiunta fatta al Trinciante del Cervio dal Cavalier Reale Fusoritto da
Narni,Trinciante dellIll.mo et Reverendissimo Signor Cardinale di Montalto, Venezia, Eredi di Giovanni
Varisco, 1593.

Fusoritto da Narni, Il maestro di Casa di Cesare Pandini. Ragionamento del Cavalier Reale Fusorito da
Narni,Trinciante con Cesare Pandini maestro di Casa, ne il Il Trinciante di M. Vincenzo Cervio, ampliato et
ridotto a perfettione dal Cavalier Reale Fusoritto da Narni, gi Trinciante dellIll.mo et Reverendissimo
Signor Cardinale di Casa Farnese, Venezia, Eredi di Giovanni Varisco, 1593, pp.623-636.

Garzoni T., La piazza universale di tutte le professioni del mondo, e nobili, et ignobili, nuovamente formata
e posta in luce, in Venezia, Giovan Battista Somasco, 1586.

Giegher G., Trattato sul modo di piegare ogni sorta di panni lini, Padova, Frabotto, 1639.

Grimaldi P., Discorsi nei quali si ragiona di quanto far debbono i Gentilhuomini neservigi de lor Signori,
per acquistarsi la gratia loro, Venezia, senza editore, 1544.

Guarini B., Il Secretario,Venezia, Ruberto Megietti, 1594.

Ingegneri V., Del buon secretario libri III, Roma, Falcotti, 1599.

Liberati F., Il perfetto mastro di casa. Distinto in tre libri. Opera utilissima, e necessaria al buon governo di
qualsivoglia Corte, e casa privata, Roma, Angelo Bernab dal Verme, 1658.

Lottini F., Propositioni, overo considerationi in materia di cose di Stato, sotto titolo di Avvertimenti,
Avvedimenti Civili, e Concetti Politici, di M. Francesco Guicciardini, di M.Gio. Francesco Lottini, di M.
Francesco Sansovinni. nelle quali si contengono leggi, regole, precetti, e sentenze molto utili a coloro che
maneggiano, cos i Principati e le Repubbliche, come ogni altra sorte di Governi, Venezia, Altobello
Salicato, 1588.

Manini Ferranti G., Compendio della storia sacra e politica di Ferrara, Ferrara, Socj Bianchi e Negri,
1808-10.

Manzini G.B., Il servitio negato al savio, Libri due, Bologna, Nicolo Thebaldini, 1626.

Memmo G.M., Dialogo del magn. cavaliere m. Giovanni Maria Memmo, nel quale dopo alcune filosofiche
dispute, si forma un perfetto prencipe e una perfetta republica, e parimente un senatore, un cittadino, un
soldato e un mercatante, diviso in tre libri, Venezia, Giolito, 1563.
Menochio G.S., Istitutionis conomic ex sacris litteris deprompt libri duo, Lione, Rovillio, 1627.

Messisbugo C., Banchetti Compositioni di vivande, et apparecchio generale di Christoforo di Messisbugo,


Ferrara, Giovanni de Bulghat et Antonio Hucher compagni, 1549.
Mosti A., Lettera nuova di tutte lentrate, feste, giostre, comedie e doni per la venuta di papa Paolo III a
Ferrara (1543), Ferrara, 1543.

Muratori L.A., Antichit estensi, Modena, 1717-1740, ristampa anastatica Bologna, Forni, 1984.

Muzio G., Il cavaliero, Roma, Baldo, 1569.

Muzio G., Il gentilhuomo. In questo volume distinto in tre dialoghi si tratta la materia della nobilt: et si
dimostra quante ne siano le maniere: qual sia la vera: onde ella habbia avuto origine: come si acquisti:
come si conservi: et come si perda. Si parla della nobilt de gli uomini, et delle donne; delle persone private,
et de Signori. Et finalmente tra la nobilt delle arme, et delle lettere si disputa qual sia la maggiore. Con la
tavola delle cose notabili, Venezia, Giovanni Andrea Valvassori detto Guadagnino, 1571.

Nati A., Trattato del segretario, Firenze, Marescotti, 1588.

Nifo A., Augustini Niphi Suessani opuscolorum politicorum pars quarta, De re aulica, ad Phausinam
Rheam, in Id., Augustini Niphi sua tempestate omnium celeberrimi opuscola moralia et politica, Parigi,
Roleti le Duc, 1645, pp.235-358.

Peregrini M., Il savio in Corte distinto in quattro libri ove sintendono, e si disciolgono le ragioni, che
dissuadono dal corteggiare; e si mostra la necessit de Savi nelle Corti, e perch sia loro convenevole
landarvi, Bologna, Gieronimo Mascheroni, 1625.

Piccolomini A., Della istitutione di tutta la vita dellhuomo nato nobile e in citt libera, libri X in lingua
toscana. Dove e peripateticamente e platonicamente, intorno a le cose de lethica, iconomica, e parte de la
politica, raccolta la somma di quanto principalmente pu concorrere a la perfetta e felice vita di quello,
Venezia, Hyeronimo Scotto, 1542.

Pigna G.B., Il Principe di Giovan Battista Pigna, al Serenissimo Emanuele Filiberto Duca di Savoia. Nel
quale si discrive come debba essere il Principe eroico, sotto il cui governo un felice popolo possa tranquilla
e beatamente vivere, Venezia, Francesco Sansovino, 1561.
Priscianese F., Del governo della Corte dun signore in Roma. Dove si ragiona di tutto quello che al
Signore e suoi Cortigiani si appartiene di fare, opera non manco bella, che utile e necessaria, Roma,
Francesco Priscianese Fiorentino. Con privilegio del Sommo Pontefice per anni dieci, 1543, nella riedizione
pubblicata nella serie Biblioteca dei Bibliofili, Citt di Castello, S.Lapi editore, 1883.

Romei A., Discorsi del Conte Annibale Romei Gentilhuomo Ferrarese di nuovo ristampi, ampliati, e con
diligenzia corretti. Divisi in sette giornate, nelle quali tra dame e cavaglieri ragionando, nella prima si
tratta della bellezza, nella seconda dellamor humano, nella terza dellhonore, nella quarta delliniquit del
duello, del combattere alla macchia; e del modo daccomodar le querele, e ridur pace le inimicitie private.
Nella quinta della nobilt, nella sesta delle ricchezze, nella settima della precedenza, Venezia, 1586.

Romoli D., La singolare dottrina di M. Domenico Romoli sopranominato Panunto, Dellufficio dello Scalco,
de i condimenti di tutte le vivande, el stagioni che si convengono a tutti gli animali, uccelli, et pesci.
Banchetti dogni tempo, et mangiare da apparecchiarsi di d, in d, per tutto lanno a Prencipi, Venezia,
Michele Tramezzino, 1560.

Rosello L.P., Il ritratto del vero principe dellessempio vivo del gran Cosimo de Medici, Ferrara, Vittorio
Baldini, 1586.

Rosello P., Dialogo nel qual si tratta il modo di conoscere, et di fare la Scelta dun servitore, et de lufficio
suo, interlocutori Pavolo Rosello, et Marco Montalbano, in Id., Due dialoghi di Messer Paolo Rosello, uno
in cui si tratta il modo di conoscere, et di far la scelta dun servitore, et de lufficio suo, Laltro, de la vita de
cortegiani, intitolato la Patientia, Venezia, Comin da Trino de Monferrato, 1549.
Sabba da Castiglione, Ricordi overo ammaestramenti di monsignor Sabba Castiglione cavalier
gierosolimitano, ne quali con prudenti, e christiani discorsi si ragiona di tutte le materie honorate, che si
ricercano un vero gentilhuomo, Venezia, Comin da Trino de Monferrato, 1558.

Sansovino F., Del Secretario Libri VII. Nel quale si mostra e si insegna il modo di scrivere lettere
acconciamente e con arte, in qual si voglia soggetto,Venezia, Eredi di Vincenzo Valgrisi, 1580.

Sansovino F., Dialogo del Gentiluomo Vinitiano cio Institutione nella quale si discorre quali hanno a
essere i costumi del nobile di quest citt per acquistarsi gloria et honore, Venezia, Rampazetto, 1566.

Sardi G., Libro delle historie ferraresi del sig. Gasparo Sardi. Con una nuova aggiunta del medesimo
autore. Aggiuntivi di pi quattro libri del sig. dottore Faustini sino alla devoluzione del ducato di Ferrara
alla Santa Sede, Ferrara, Giuseppe Gironi, 1646.
Scappi B., Dellarte del cuoco, del Trinciante, e Maestro di Casa, in libri sei, 1a edizione Venezia,
Tramezino, 1570, nella versione stampata a Venezia, Colombi, 1643.

Sigismondi S., Prattica cortigiana, morale et economica nella quale si discorre minutamente de Ministri,
che servono in Corte dun Cardinale e si dimostrano le qualit, che loro convengono, Ferrara, Vittorio
Baldini, 1604.

Spaccini G.B., Cronaca di Modena, anni 1588-1602, nelledizione curata da Biondi A., Bussi R. e
Giovannini G., Modena, Panini, 1993.

Tasso T., Il secretario et il primo volume delle lettere famigliari ristampate, Venezia, Giacomo Vincenzi,
1588.

Vaselli P., Lapicio overo il maestro dei conviti, Bologna, Dozzo, 1647.

Zerbinati G.M., Croniche di Ferrara quali comenzano del anno 1500 al 1527. Introduzione, edizione e note
di Maria Giuseppina Muzzarelli, Deputazione Provinciale Ferrarese di Storia Patria, Serie Monumenti,
vol.XIV, Ferrara, 1989.

Letteratura critica
A.A.V.V., Lepoca delle Signorie. Le corti, Milano, Silvana Editoriale, 1985.

Agnelli G., Relazione dello stato di Ferrara di Orazio della Rena 1589, in Atti e Memorie della
Deputazione Ferrarese di Storia Patria, vol.VIII, 1896.

Allison P.D., Event history analysis: regression for longitudinal event data, Quantitative applications in the
social sciences, n.46, Beverly Hills, Sage Publications, 1984.

Alma R., A multi level database: study on the elite of 15th and 16th century Groningen, in Goudriaan K.,
Mandemakers K., Reitsma J. and Stabel P., eds., Prosopography and Computer, op. cit., pp.185-194.

Amorth L., Modena capitale: storia di Modena e dei suoi duchi dal 1598 al 1860, Modena, Aedes
Muratoriana, 1961.

Angelini W., Ancora sul concetto della Decadenza di Ferrara dopo la Devoluzione, in Quaderni del
giornale filologico ferrarese, 2, 1981, pp.57-67.
Antolini P., Sei lettere del Cardinal Pietro Aldobrandini al Cardinal Bartolomeo Cesi concernenti i
preparativi per loccupazione di Ferrara, in Atti e Memorie della Deputazione Ferrarese di Storia Patria,
vol.XXII, fascicolo I, 1915, pp.47-92.
Asch R.G. e Birke A.M., eds., Princes, Patronage and the Nobility. The Court at the Beginning of the
Modern Age, c.1450-1650, London-Oxford, Oxford University Press - The German Historical Institute,
1991.

Asch R.G., Courtiers, patronage and faction in early Stuart England. The Caroline court and the limits of
prosopography (c.1625-40), in Genet J.P. e Lottes G., eds., LEtat moderne et les lites XIIIe-XVIIIe sicles,
op. cit., pp.149-163.

Autrand Francoise, ed., Prosopographie et gense de ltat moderne, Prosopographie et gense de ltat
moderne: Actes de la Table ronde 1986 organisee par le Centre national de la recherche scientifique et
lEcole normale superieure de jeunes filles (Paris, 22-23 octobre 1984), Paris, LEcole, 1986.

Avalle D.S., Costruzione di sistemi di unit linguistiche formalmente omogenee e/o non contradditorie, in
Hamesse J., ed., Methodologies informatiques et nouveaux horizons dans les recherches mdivales, op. cit.,
pp.1-16.

Aymard M. e Romani M.A., eds., The court as an Economic Institution, Editions de la Maison des sciences
des hommes, Paris, 1998.

Balduzzi L., Listrumento finale della transazione di Faenza pel passaggio di Ferrara dagli Estensi alla
Santa Sede (13 gennaio 1598), in Atti e Memorie della Regia Deputazione di Storia Patria per le Provincie
di Romagna, serie III, vol.IX, fascicoli I-III, 1891.

Ballardini G., Sulla Convenzione Faentina del 1598. Nuovi documenti inediti, in Archivio Storico
Italiano, V serie, tomo XXXVIII, dispensa II, 1906, pp.339-424.

Barbero A., La corte di Francia nel XVI secolo, in Mozzarelli C., a cura di, Familia del Principe, op. cit.,
vol.I, pp.225-244.

Barman J.A., Barman R.J. e Kershaw W.T., Prosopography by computer; the development of a data
base, in Historical Methods, vol.10, n.3, 1977, pp.102-108.

Basini G.L., Consumo e sperpero alla corte estense. Note in margine a un preventivo di spese del 1599,
in Studi in memoria di Luigi dal Pane, Bologna, Clueb, 1982, pp.345-362.
Bearman P.S., Relations into rhetorics: local lite structure in Norfolk, England, 1540-1640, New
Brunswick-N.J., Rutgers U.P., 1993.

Bedoni G., I primi anni di governo di Cesare dEste sconvolti da vicende dinastiche ed ereditarie (1597-
1602), in Atti e Memorie della Deputazione di Storia Patria per le Antiche Provincie Modenesi, serie XI,
vol.XX, 1998, pp.67-92.

Beech G., Prosopography, in Powell J.M., Medieval studies, Syracuse, Syracuse University Press, 1976,
pp.151-184.

Bentini J., Chiappini A., Panatta G.B. e Visser Travagli A.M., a cura di, A tavola con il Principe, Ferrara,
Corbo, 1988.

Bertelli S. e Calvi G., Rituale, cerimoniale, etichetta nelle corti italiane, in Bertelli S. e Crif G., a cura di,
Rituale, cerimoniale, etichetta, op. cit., pp.11-30.

Bertelli S. e Crif G., a cura di, Rituale, cerimoniale, etichetta, Milano, Bompiani, 1985.

Bertelli S., Cardini F. e Garbero Zorzi E., a cura di, Le corti italiane del Rinascimento, Milano,
Mondadori, 1985.
Bertozzi M., a cura di, Alla corte degli Estensi. Filosofia, arte e cultura a Ferrara nei secoli XV e XVI,
Ferrara, Universit degli studi, 1994.

Best H., Computing the unmeasurable: estimating missing values in legislative roll-call analysis, in Denley
P., Fogelvik S. e Harvey C., eds., History and Computing II, op. cit., pp.104-116.

Best H. e Kuznia R., Die behandlung fehlender werte bei der seriellen analyse namentlicher abstimmungen,
oder: wege zur therapie des horror vacui, in Historical Social Research, 26, 1983, pp.49-82.

Best H., Mochmann E. e Thaller M., eds., Computers in the humanities and the social sciences:
achievements of the 1980s, prospects for the 1990s, Proceedings of the Cologne Computer Conference 1988.
Uses of the computer in the humanities and social sciences (University of Cologne, September 1988),
Munich-London, K.G. Saur Verlag, 1991.

Bianchini M., Frigo D. e Mozzarelli C., a cura di, Governo delle casa, Governo della citt, Cheiron, n.4,
1985.

Biondi A., Giovanni Battista Spaccini, (1570-1636) e la tradizione delle cronache modenesi, in G.B.
Spaccini, Cronaca di Modena, anni 1588-1602, a cura di Biondi A., Bussi R. e Giovannini G., Modena,
Panini, 1993, pp.ix-xxii.
Block W.C. e Star D.L., Data entry and verification, in Historical methods, vol.28, n.1, 1995, pp.63-65.

Bloothooft G., Corpus-based name standardization, in History and Computing, vol.6, n.3, 1994, pp.153-
167.

Blossfeld H.P. e Rohwer G., Techniques of event history modelling: new approaches to causal analysis,
Mahwah - NJ, Lawrence Erlbaum Associates, 1995.

Blossfeld H.P., Hamerle A. e Mayer K.U., Event-history analysis: statistical theory and application in the
social sciences, Mahwah - NJ, Lawrence Erlbaum Associates, 1989.

Bocchi F. e Denley P., a cura di, Storia e multimedia: atti del settimo congresso internazionale
dellassociazione History and Computing (Bologna, 29.8-2.9 1992), Bologna, Grafis, 1994.

Bonaini F., Gli archivi delle provincie dellEmilia, Firenze, Cellini, 1861.

Boonstra O.W.A., Breure L. e Doorn P.C., Historische informatiekunde, inleiding tot het gebruik van de
computer bij historische studies, Hilversum, Uitgeverij Verloren, 1990.

Bouchard G. e Pouyez C., Name variations and computerized record linkage, in Historical Methods,
vol.13, n.2, 1980, pp.119-126.

Bozzolo C. e Loyau H., La cour amoureuse dite de Charles VI, vol.I, Paris, d. Lopard dOr, 1982.

Bradley J., Relational database design and the reconstruction of the British medical profession: constraints
and strategies, in History and Computing, vol.6, n. 2, 1994, pp.71-84.

Brand H. e Schippers D., Facing urban elite in late medieval Leiden, in Goudriaan K., Mandemakers K.,
Reitsma J. and Stabel P., eds., Prosopography and Computer, op. cit., pp.121-134.

Breure L., Interactive data entry: problems, models, solutions, in History and Computing, vol.7, n.1,
1995, pp.30-49.

Breure L., SOCRATES, Data modelling for historians, Utrecht, Utrecht University Press, 1993.
Brizio E., Analisi prosopografica di una classe di governo. Siena sotto i riformatori, 1368-1385, in Bocchi
F. e Denley P., a cura di, Storia e Multimedia, op. cit., pp.146-149.
Brunner O., La casa come complesso e lantica economica europea, in Schiera P., a cura di, Per una
nuova storia costituzionale e sociale, Milano, Vita e Pensiero, 1970, pp.133-164.

Bryan M., SGML: an authors guide to the standard generalized mark-up language, Wokingham, Addison-
Wesley, 1988.

Bulst N., Prosopography and the computer: problems and possibilities, in Denley P., Fogelvik S. e Harvey
C., eds., History and Computing II, op. cit., pp.12-18.

Bulst N., La recherche prosopographie rcente en Allemagne (1250-1650). Essai dun bilan, in Autrand F.,
ed., Prosopographie et gense de ltat moderne, op. cit., pp.35-52.

Bulst N., Objet et mthode dela prosopographie, in Genet J.P. e Lottes G., eds., LEtat moderne et les lites
XIIIe-XVIIIe sicle, op. cit., pp.467-482.

Bulst N. e Genet J.P., eds., Medieval Lives and the Historians: Studies in Medieval Prosopography.
Proceedings of the first international interdisciplinary conference on medieval prosopography (University of
Bielefeld, 3-5 December 1982), Kalamazoo, Western Michigan University Press, 1986.

Burt J. e Beaumont T.J., Source-Oriented data processing. The triumph of the micro over the macro?, in
History and Computing, vol.8, n.3, 1996, pp.160-168.

Burt R.S. e Lin Nan, Network time series from archival records, in Heise D.R., ed., Sociological
Methodology, 1977, San Francisco, Jossey-Bass, 1977.

Burt R.S., Network data from archival records, in Burt R.S. e Minor M.J., eds., Applied Network Analysis,
Beverly Hills, Sage, 1983, pp.158-174.

Burton O.V., Quantitative methods for historians: a review essay, in Historical Methods, vol.25, n.4,
1992, pp.181-188.

Callegari E., La Devoluzione di Ferrara alla Santa Sede (1598) da documenti inediti dagli Archivi di Stato
di Modena e Venezia, in Rivista Storica Italiana, XII, fascicolo I, 1895, pp.1-57.

Campori G., Maiolica e porcellana di Ferrara, Bologna, Forni, 1980, (ristampa anastatica delledizione
pesarese del 1879).

Campori G. e Solerti A., Luigi, Lucrezia e Leonora dEste, Torino, Loescher, 1888.
Carney T.F., Prosopography: payoffs and pitfalls, in Phoenix, 27, 1973, pp.156-179.

Carvalho J., Soluzioni informatiche per microstorici, in Quaderni Storici, anno 26, vol.78, 1991, pp.761-
792.

Castelnuovo G., Ufficiali e gentiluomini. La societ politica sabauda nel tardo medioevo, Milano, F.
Angeli, 1994.

Cattini M. e Romani M.A., a cura di, La Corte in Europa. Fedelt, favori, pratiche di governo, in
Cheiron, vol.I, 1983.

Cattini M. e Romani M.A., Le corti parallele: per una tipologia delle corti padane dal XIII al XVI secolo,
in Papagno G., Quondam A., a cura di, La corte e lo spazio: Ferrara estense, op. cit., pp.47-82.

Cattini M., a cura di, Al governo del Comune. Tremilacinquecento modenesi per la comunit locale dal XV
secolo ad oggi (1412-1995), Modena, Quaderni dellArchivio Storico Comunale, 1996.
Ceccarelli F., La citt di Alcina, Architettura e politica alle foci del Po nel tardo Cinquecento, Bologna, Il
Mulino, 1998.

Cerboni Baiardi G., Chittolini G. e Floriani P., a cura di, Federico di Montefeltro, Bulzoni, Roma, 1986.

Chataigner C., Standardisation et change de donnes informatises dans le disciplines historiques:


quelques exemples, in Genet J.P., Standardisation et change des bases de donnes historiques, op. cit.,
pp.137-144.

Chiappini L., Gli Estensi, Varese, DallOglio, 1967.

Chiappini L., La corte estense alla met del Cinquecento. I compendi di Cristoforo di Messisbugo, Ferrara,
Sate, 1984.

Chiappini L., 1598: diario di una svolta, in Ferrara, n.7, dicembre 1997, pp.17-27.

Chledowski C., Der Hof von Ferrara, Berlin, Verlag Jiulius Bard, 1903.

Cittadella L.N., Notizie relative a Ferrara per la maggior parte inedite ricavate da documenti ed illustrate
da Luigi Napoleone Cittadella, Ferrara, Taddei, 1864.

Cittadella L.N., Notizie amministrative, storiche, artistiche relative a Ferrara, Ferrara, Domenico Taddei,
1868.
Clubb J. e Scheuch E., eds., Historical social research. The use of historical and process produced data,
Stuttgart, Klett-Cotta, 1980.

Corman J., Control of crown corporations: a case study, Structural Analysis Programme Working Paper 51,
Toronto, University of Toronto, 1993.

Cottafavi C., Filippo dEste marchese di San Martino in Rio e linvestitura di Ferrara nel 1591, Reggio
Emilia, Stabilimento Tipo-Litografico degli Artigianelli, 1889.

Croce B., Libri sulle corti, in Id., Poeti e scrittori del pieno e tardo Rinascimento, vol.3, Bari, Laterza, 1952-
1958, pp.198-207.

Croenen G., Prosopography and source oriented data processing with KLEIO, in Goudriaan K.,
Mandemakers K., Reitsma J. e Stabel P., eds., Prosopography and Computer, op. cit., pp.195-210.

Dean T., Lord, vassals and clients in Renaissance Ferrara, in English Historical Review, C, 1985, pp.106-
119.

Dean T., Land and power in late medieval Ferrara: the rule of the Este 1350-1450, Cambridge, Cambridge
U.P., 1988, trad. it., Terra e potere a Ferrara nel tardo medioevo, Modena-Ferrara, Deputazione provinciale
ferrarese di storia patria, 1990.

Dean T., Notes on the Ferrarese Court in the later Middle Ages, in Renaissance Studies, XIII, 1989,
pp.357-369.

Dean T., Le corti. Un problema storiografico, in Chittolini G., Molho A. e Schiera P., a cura di, Origini
dello Stato. Processi di formazione statale in Italia fra medioevo e et moderna, Bologna, Il Mulino, 1994,
pp.437-447.

Dean T., Court and Household in Ferrara 1494, in Abulafia D., ed., The French descent into Renaissance
Italy, 1494-95, Aldershot, Variorum, 1995, pp.165-187.
Demurger A., Lapport de la prosopographie ltude des mcanismes des pouvoirs XIIIeme-XVeme
sicles, in Autrand F., ed., Prosopographie et gense de ltat moderne, op. cit., pp.289-301.

Denley P. e Hopkin D., eds., History and Computing I, Manchester, Manchester University Press, 1987.

Denley P., Fogelvik S. e Harvey C., eds., History and Computing II, Manchester, Manchester University
Press, 1989, pp.2-11.
Denley P., Models, sources and users: historical database design in the 19Hos, in History and Computing,
vol.6, n.1, 1994, pp.33-43.

Denley P., Source oriented prosopography: KLEIO and the creation of a data bank of Italian Renaissance
university teachers and students, in Bocchi F. e Denley P., a cura di, Storia e multimedia, op. cit., pp.150-
160.

Derosas R., Un esempio di applicazione dellinformatica alla ricerca storica: basi di dati e fonti
anagrafiche, in Quaderni Storici, anno 24, vol.70, 1989, pp.297-320.

Derosas R. e Itzcovich O., Computer science and historical research in Italy focusing on historical
information systems, in Metz R., Van Cauwenberghe E. e Van der Voort R., eds., Historical information
systems, op. cit., pp.48-54.

Di Benedetto A., a cura di, Prose di Giovanni Della Casa e altri trattatisti cinquecenteschi del
comportamento, Torino, UTET, 1970.

Dickens A.G., ed., The Courts of Europe. Politics, Patronage and Royalty, 1400-1800, London, Thames and
Hudson, 1977.

Di Pietro V.P., Origini della Cancelleria Estense, tesi di Laurea, Facolt di Lettere e Filosofia
dellUniversit di Bologna, a.a. 1971-1972.

Doorn P., Kluts C. e Leenarts E., eds., Data, computers and the past. Proceedings of the conference
Archiving and disseminating historical machine-readable data (Leiden, April 27-28, 1990), Hilversum,
Uitgeverij Verloren, 1992.

Duijvendank M.G.J. e Felling A.J.A., Longitudinal network-analysis, prosopography and narrative: the
rise of a roman catholic lite in a Dutch region 1800-1920, Groningen, Groningen University, Institute of
Economic Research, Faculty of Economics, Research Memorandum 552, 1993.

Edgington S.B., Micro-history: local history and computing projects, London, Hodder and Stoughton, 1985.

Elias N., Die Hofische Gesellschaft, Darmstad und Neuwied, Luchterhand Verlag, 1975, trad. it., La societ
di Corte, Bologna, Il Mulino, 1980.

Erickson B.H., Social networks and history: a review essay, in Historical Methods, vol.30, n.3, 1997,
pp.149-157.

Erickson B.H., Secret societies and social structure, in Social Forces, 60, 1981, pp.188-210.
Ermini G., Ordini et offitij alla corte del serenissimo duca di Urbino, Urbino, Societ tipografica urbinate,
1932.

Evans R.J.W., The Court: A Protean Institution and an Elusive Subject, in Asch R.G., Birke A.M., Princes,
Patronage and the Nobility, op. cit., pp.481-493.

Ezquerra A., Felipe II, la Corte y Madrid en 1561, Madrid, Consejo Superior de Investigaciones
Cientificas, 1985.
Faccioli E., Scenicit dei banchetti estensi, in Rossi P., a cura di, Il Rinascimento nelle corti padane, op. cit,
pp.597-606.

Fantoni M., Corte e stato nellItalia dei secoli XIV-XVI, in Chittolini G., Molho A. e Schiera P., a cura di,
Origini dello Stato. Processi di formazione statale in Italia fra medioevo e et moderna, op. cit., pp.449-466.

Fantoni M., La corte del Granduca. Forma e simboli del potere mediceo tra Cinque e Seicento, Roma,
Bulzoni, 1994.

Fantoni M., Feticci di prestigio, il dono alla corte medicea, in Bertelli S., Crif G., a cura di, Rituale,
Cerimoniale, Etichetta, op. cit., pp.148-152.

Fasano Guarini E., Modellistica e ricerca storica. Alcuni recenti studi sulle corti padane del Rinascimento,
in Rivista della letteratura italiana, 1, 1983, pp.605-634.

Fernandez R.M. e McAdam D., Social networks and social movements: multiorganizational fields and
recruitment to Mississippi Freedom Summer, in Sociological Forum, 3, 1988, pp.441-460.

Ferrajoli A., Rotulus familiae Leonis X. Il ruolo della corte di Leone X (1514-1516), a cura di De Caprio V.,
Roma, Bulzoni, 1984.

Folin M., Il sistema politico estense fra mutamenti e persistenze (secoli XV-XVIII), in Societ e Storia, 77,
1997, pp.505-549.

Folin M., Note sugli officiali negli stati estensi (secoli XV-XVI), in Gli officiali negli Stati italiani del
Quattrocento, op. cit., pp.99-154.

Folin M., Studio e politica negli Stati Estensi fra Quattro e Cinquecento: dottori, ufficiali, cortigiani, in
Castelli P., Due studenti ferraresi: Giovanni e Giovan Francesco Pico. Lopera e la fortuna, Firenze,
Olschki, 1998, pp.59-90.

Fossier L., ed., Le mdiviste et lordinateur. Actes de la Table ronde, Paris 17 novembre 1989, Paris,
Editions du CNRS, 1990.
Fossier L. e Vauchez V.C., ed., Informatique et histoire mdivale, Rome, Ecole franaise de Rome, 1977.

Fragnito G., La trattatistica cinque e seicentesca sulla corte cardinalizia, in Annali dellIstituto storico
italo-germanico in Trento, XVIII, 1991, pp.135-185.

Frigo D., Il padre di famiglia. Governo della casa e governo civile nella tradizione dellEconomica tra
Cinque e Seicento, Roma, Bulzoni, 1985.

Gandini L., Saggio degli usi e delle costumanze della corte di Ferrara al tempo di Niccol III (1393-1441)
in Atti e memorie della reale deputazione di storia patria per le province di Romagna, 3a serie, IX, 1868,
pp.148-169.

Gasparini A., Cesare dEste e Clemente VIII, Modena, Societ tipografica editrice modenese, 1959.

Genet J.P., ed., Standardisation t echange des bases de dones historique, Actes de la troisime Table
Ronde internationale tenue au L.I.S.H., (C.N.R.S., Paris 15-16 Mai 1987), Paris, Editions du CNRS, 1989.

Genet J.P. e Hainsworth M., Prosop: un systme de traitement automatique des donnes
prosopographiques, in Millet H., ed., Informatique and Prosopographie, op. cit., pp.279-297.

Genet J.P. e Lottes G., eds., LEtat moderne et les lites XIIIe-XVIIIe sicles. Apport et limites de la
methode prosopographique. Actes du colloque international CNRS, (Paris, 16-19 Octobre 1991), Paris,
Publications de la Sorbonne, 1996.
Genet J.P., Entre statistique et documentation: un systme de programmes pour le traitement des donnes
prosopographiques, in Bulst N. e Genet J.P., eds., Medieval Lives and the Historians: Studies in Medieval
Prosopography, op. cit., pp.359-375.

Gilmour-Bryson A., Computer applications to medieval studies, Kalamazoo-Michigan, Western Michigan


University Press, 1984.

Ginzburg C. e Poni C., Il nome e il come: scambio ineguale e mercato storiografico, in Quaderni Storici,
anno 14, vol.40, 1979, pp.181-190.

Given Wilson C., The Royal Household and the Kings affinity: Service, Politics and Finance in England,
1360-1413, New-Haven and London, Yale University Press, 1986.

Gli officiali negli Stati italiani del Quattrocento, in Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa, serie IV,
Quaderni, 1, 1997.
Gomez F. e Lombardini S., Reti di relazioni: metodi di analisi su una base di dati storici, in Quaderni
Storici, anno 26, vol.78, 1991, pp.793-810.

Gorris R., Dun chteau lautre: la corte di Renata di Francia a Ferrara (1528-1560), in Olivato L., a
cura di, Il Palazzo di Renata di Francia, Ferrara, Corbo, 1997.

Goudriaan K., Mandemakers K., Reitsma J. e Stabel P., eds., Prosopography and Computer.
Contributions of medievalists and modernists on the use of computer in historical research, Leuven, Garant,
1997.

Goudriaan K., The elite of Gouda in the late medieval Leiden, in Goudriaan K., Mandemakers K., Reitsma
J. and Stabel P., eds., Prosopography and Computer, op. cit., pp.135-144.

Gould R.V., Multiple networks and mobilization in the Paris Commune, 1871, in American Sociological
Review, vol.56, n.6, 1991, pp.716-729.

Greenstein D.I., A source oriented approach to history and computing: the relational database, in
Historical Social Research/Historische Sozialforschung, vol.14, n.3, 1989, pp.9-16.

Greenstein D.I., Modeling historical data: towards a standard for encoding and exchanging machine-
readable texts, St. Katherinen, Scripta Mercatur Verlag, 1991.

Greenstein D.I., Multi-sourced and integrated databases for the prosopographer, in Mawdsley E., Morgan
N., Richmond L. e Trainor R., eds., History and computing III, op. cit., pp.60-66.

Grossbart S.R., Quantitative and social science methods for historians: an annotated bibliography of
selected books and articles, in Historical Methods, vol.25, n.3, 1992, pp.100-120.

Guery A., Le Roy dpensier. Le don, la contrainte, et lorigine du systme financier de la monarchie
franaise dAncien Rgime, in Annales E.S.C., 6, 1984, pp.1241-1269.

Guerzoni G., Playing Great Games: the Giuoco in Sixteenth-Century Italian Courts, in Italian History and
Culture, n.1, 1995, pp.43-63.

Guerzoni G., Le saline di Comacchio nella prima met del Cinquecento, in Cecchini F., a cura di, Fratello
Sale. Memorie e speranze della salina di Comacchio, Bologna, Nuova Alfa Editoriale, 1997, pp.61-71.

Guerzoni G., The Demand for Art of Italian Renaissance Court: The Case of Este (1471-1560), in North M.
e Omrod D., eds., Markets for art, 1400-1800, Proceedings of the Twelfth International Economic History
Congress, Madrid, 1998, pp.55-69.
Guerzoni G., The Courts of Este in the first half of XVIth century. Socio-economic aspects, in Aymard M. e
Romani M.A., eds., The court as an Economic Institution, Paris, Editions de la Maison des sciences des
hommes, 1998, pp.89-113.

Guerzoni G., Angustia ducis, diviti principum. Patrimoni e imprese estensi tra Quattro e Cinquecento, in
Lo Pane I., a cura di, Tra rendita e investimenti. Formazione e gestione dei grandi patrimoni in et moderna
e contemporanea, Bari, Cacucci, 1998, pp.57-87.

Guerzoni G. e Romani M.A., Looking for a Model: the Court as an Economic Institution. The cases of
Gonzaga, dEste, and Farnese from Fifteenth Century to the Seventeenth Century, in corso di pubblicazione
in Medick H., ed., Beyond Elias? Court Society: The center as Symbol and Locus of Power, Berkeley,
California U.P.

Guerzoni G. e Usai A., Relational capital and economic success in early modern institutions. The dEste
courts in the XVIth century, in corso di pubblicazione nel secondo volume dellEuropean Yearbook of
Business History, Aldershot, Ashgate Publishing.

Guillame S., ed., Les lites fin de sicle: XIXe et XXe siecles. Actes de la journee detudes du 31 Janvier
1992, Paris, Edition de la Maison des sciences de lhomme dAcquitaine, 1992.

Gundersheimer W., Art and Life at the Court of Ercole I dEste: The De triumphis religionis of Giovanni
Sabadino degli Arienti, in Travaux dHumanisme et Renaissance, vol.CXXII, Ginevra, 1972.

Gundersheimer W., Ferrara. The Style of a Renaissance Despotism, Princeton-New Jersey, Princeton
University Press, 1973, trad. it., Ferrara estense. Lo stile del potere, Modena, Panini, 1988.

Guth G., Surname spellings and computerized record linkage, in Historical Methods, vol.10, n.1, 1977,
pp.10-19.

Hamesse J., ed., Methodologies informatiques et nouveaux horizons dans les recherches mdivales,
Turnhout, Brepols, 1992.

Harvey C. e Green E., Record linkage algorithms: efficiency, selection and relative confidence, in History
and Computing, vol.6, n.3, 1994, pp.143-152.
Harvey C. e Press J., Databases in historical research. Theory, methods and applications, op. cit.; Mathisen
R.W., Medieval prosopography and computers: theoretical and methodological considerations, in
Medieval prosopography, 9, 2, 1988, pp.73-128.

Harvey C. e Press J., The Business lite of Bristol: a case study in database design, in History and
Computing, vol.3, n.1, 1991, pp.1-11.

Harvey C. e Press J., Relational data analysis: value, concepts and methods, in History and Computing,
vol.4, n.2, 1992, pp.98-109.

Harvey C. e Press J., Databases in historical research. Theory, methods and applications, MacMillan,
London, 1996.

Harvey C., Green E. e Corfield P.J., Record linkage theory and practice: an experiment in the application
of multiple pass linkage algorithms, in History and Computing, vol.8, n.2, 1996, pp.78-89.

Hawgood D., Genealogy computer packages, London, David Hawgood, 1993.

Hawgood D., Computers for family history: an introduction by David Hawgood, London, David Hawgood,
1994.
Hawgood D., Computer genealogy update, London, David Hawgood, 1997.

Hedstrm P., Contagious collectivities: on the spatial diffusion of Swedish trade unions, 1890-1940, in
American Journal of Sociology, vol.99, n.5, 1994, pp.1157-1179.

Heinig P.J., How Large was the Court of Emperor Frederick III? in Asch R.G. e Birke A.M., eds., Princes,
Patronage, and the Nobility, op. cit., pp.139-156.

Itzcovich O., Lo storico ed il database, in Quaderni Storici, anno 24, vol.70, 1989, pp.321-325.

Itzcovich O., Artigen. An Oracle database for mass prosopography. Nominal record linkage and kinship
network reconstruction, in Aa.Vv., IVe Congrs History and Computing, LOrdinateur et le mtier
dhistorien, (Talence 14-16 Septembre 1989), Bordeaux, Maison des Pays Iberiques, 1990, pp.86-96.

Itzcovich O., Luso del calcolatore in storiografia, Milano, Angeli, 1993.

Itzcovich O., Masters and apprentices in Genoese society, 1450-1535, in Denley P., Fogelvik S. e Harvey
C., eds., History and Computing II, op. cit., pp.209-219.
Itzcovich O., Dal mainframe al personal: il computer nella storiografia quantitativa, in Soldani S. e
Tomassini L., a cura di, Storia & computer: alla ricerca del passato con linformatica, op. cit., pp.30-63.

Jarausch K.H., The role of quantitative methods in history: decline or reawakening, in Storia della
storiografia, 18, 1990, pp.43-60.

Jarausch K.H. e Hardy K.A., Quantitative history for historians. A guide to research, data and statistics,
Chapel Hill, North Carolina University Press, 1991.

Jarausch K.H. e Schrder W.H., eds., Quantitative history of society and economy: some international
studies, St. Katharinen, Scripta Mercatur Verlag, 1987.

Jarausch K.H., Arminger G. e Thaller M., Quantitative methoden in der geschichtswissenschaft,


Wissenschaftliche Buchgesellschaft, Darmstadt, 1985.

Justin C., Relational databases and the Great Plague in London 1665, in History and Computing, vol.5,
n.1, 1993, pp.2-12.

Kantorowicz E.H., I due corpi del Re, Einaudi, Torino, 1989.

Keats Rohan K.S.B., ed., Family trees and the roots of politics: the prosopography of Britain and France
from the tenth to the twelfth century, Woodbrige, Boydell Press, 1997.

Kent D., The rise of the Medici: factions in Florence, 1426-1434, Oxford, Oxford University Press, 1978.

King S., Record linkage in a protoindustrial community, in History and Computing, vol.4, n.1, 1992,
pp.27-33.

King S., Multiple-source record linkage in a rural industrial community,1680-1820, in History and
Computing, vol.6, n.3, 1994, pp.133-142.

Koenigsberger H.G., Republics and Courts in Italian and European Culture, in Past and Present, 83,
1979, pp.32-56.

Lancashire I., ed., The humanities computing yearbook 1989-90. A comprehensive guide to software and
other resources, Oxford, Oxford University Press, 1991.
Larivaille P., La vie quotidienne des courtisanes en Italie au temps de la Reinassance, Paris, Hachette,
1975.
Larner J., Europe of the Courts, in Journal of Modern History, 55, 1983, pp.667-681.

Laurent J.K., The Este and their vassals: a study in signorial politics, Ann Arbour, Michigan, Un. Microf.
Int., 1980.

Law J.E., ed., The Courts of Northern Italy in the XV Century, numero monografico di Renaissance
Studies, 3, 1989.

Lazzari A., Don Francesco dEste, Marchese di Massa Lombarda, in Atti e Memorie della Deputazione di
Storia Patria delle province di Emilia e Romagna, vol.VII, 1941-42.

Lazzari A., Le ultime tre duchesse di Ferrara e la corte estense tempi di Torquato Tasso, Pistoia, Officina
Tipografica Cooperativa, 1913.

Lazzarini I., UnItalia di feudi e citt? Alcune considerazioni attorno al caso ferrarese, in Societ e
Storia, 51, 1991, pp.125-152.

Lazzarini I., Fra un principe e altri stati. Relazioni di potere e forme di servizio a Mantova nellet di
Ludovico Gonzaga, Roma, Istituto storico italiano per il Medioevo, 1996.

Lazzarini I., Palatium juris e palatium residentie. Gli officiali e il servizio del Principe a Mantova nel
Quattrocento, in Mozzarelli C., Oresko R. e Ventura L., a cura di, La corte di Mantova nellet di Andrea
Mantegna: 1450-1550, op. cit., pp.147-155.

Lepore V., Tra produzione e consumo: Gli offitii della Bocca; Il personale di cucina e di tavola nel
Cinque e Seicento, in Montadon A., ed., Traits de savoir - vivre italiens, op. cit., pp.45-70.

Leroy B., Le personnel au service des rois de Navarre aux XIVe et XVe sicles, in Autrand F., ed.,
Prosopographie et gense de ltat moderne, op. cit., pp.131-141.

Le Roy Ladurie E., Auprs du Roi, la Court, in Annales E.S.C., 38, 1982, pp.21-41.

Leverotti F., Diplomazia e governo dello Stato. I famigli cavalcanti di Francesco Sforza (1450-1466),
Pisa, Gisem ETS, 1992.

Lombardi P., La classe dirigente municipale reggiana nel XVI secolo. Persistenze e mutamenti. Tesi di
laurea, relatore Prof. Cattini M., discussa presso la Facolt di Economia e Commercio dellUniversit di
Parma nellanno accademico 1984/85.
Lookwood L., La musica a Ferrara nel Rinascimento, Bologna, Il Mulino,1987.

Lubkin G., A Renaissance Court: Milan under Galeazzo Maria Sforza, Berkeley, University of California
Press, 1994.

Luzzati M., La recostruction nominative et prosopographique de la population dune ville mdivale: projet
de costitution dune banque de donnes pour lhistoire de Pise au XVe sicle, in Millet H., ed., Informatique
and Prosopographie, op. cit., pp.147-158.

Manenti E., Lo spazio amministrativo centrale. Unindagine sulla struttura della Camera Marchionale poi
Ducale Estense a Ferrara, in Papagno G. e Quondam A., a cura di, La corte e lo spazio: Ferrara estense, op.
cit., vol.I, pp.107-118.

Marini L., Il governo estense nello stato estense, in Rossi P., a cura di, Il Rinascimento nelle corti padane.
Societ e cultura, op. cit., pp.53-60.
Marini L., Lo Stato estense, in Marini L., Tocci G. e Stella A., I ducati padani. Trento e Trieste, in Storia
dItalia, Torino, Utet, vol.XVII, 1979, pp.1-212.

Marker H.J., Reinke H. e Schrer K., Sources and data: description and documentation requirements in
historical social research, in Genet J.P., ed., Standardisation t echange des bases de dones historique, op.
cit., pp.106-129.

Mawdsley E. e Munck T., eds., Computing for historians: an introductory guide, Manchester, Manchester
University Press, 1993.

Mawdsley E., Morgan N., Richmond L. e Trainor R., eds., History and computing III: historians,
computers and data applications in research and teaching, Manchester, Manchester University Press, 1990.

Mayer K.U. e Tuma N.B., eds., Event history analysis in life course research, Madison, Wisconsin
University Press, 1990.

Manenti E., Le carte ed i registri dellUfficio del Mese nellarchivio della Camera Estense presso
lArchivio di Stato di Modena, tesi di Laurea, Facolt di Lettere e Filosofia dellUniversit di Bologna, a.a.
1978/79, vol.2.

Manenti E., Lo spazio amministrativo centrale. Unindagine sulla struttura della Camera Marchionale poi
Ducale Estense a Ferrara, in Papagno G. e Quondam A., a cura di, La corte e lo spazio: Ferrara estense, op.
cit., vol.I, pp.107-118.

Mazzacurati G., Percorsi dellideologia cortigiana, in Ossola C. e Prosperi A., a cura di, La corte e il
Cortegiano, op. cit., vol.I, pp.149-172, la citazione tratta da p.151.

Medick H., Weben und uberlenen in Laichingen 1650-1900: Local geschichte als allgemeine Geschichte,
Gttingen, Vandehoeck und Ruprecht, 1996.

Merlin P., Il tema della corte nella storiografia italiana ed europea, in Studi storici, 27, 1986, pp.203-
244.

Merlin P., Tra guerre e tornei. La corte sabauda nellet di Carlo Emanuele I, Torino, SEI, 1991.

Metz R., Global data banks: a wise choice or foolish mistakes, Historical social research/Historische
Sozialforschung, 16, 1, 1991, pp.98-102.

Metz R., Van Cauwenberghe E. e Van der Voort R., eds., Historical information systems. Proceedings of
the Tenth International Economic History Congress, Leuven, August 1990, Leuven, Leuven University Press.

Miall D.S., ed., Humanities and the computer, Oxford, Clarendon Press, 1990.

Mitchell B., 1598 A year of Pageantry in Late Medieval Ferrara, Binghampton-New York, Medieval and
Renaissance texts and Studies, 1990.

Montadon A., ed., Etiquette & Politesse, Clermont-Ferrand, Association des Publications de la Facult de
Lettres et Sciences Humaines de Clermont-Ferrand, 1992.

Montadon A., Pour une histoire des traits de savoir-vivre italiens. Esquisse bibliographique, in Id., ed.,
Traits de savoir-vivre italiens, Clermont-Ferrand, Association des Publications de la Facult del Lettres et
Sciences Humaines de Clermont-Ferrrand, 1993, pp.309-334.

Morsel J., Histoire lignagre et non-gense de lEtat en Allemagne du Sud: entre prosopographie et micro-
histoire, in Genet J.P. e Lottes G., eds., LEtat moderne et les lites XIIIe-XVIIIe sicle, op. cit., pp.139-148.
Morton G., Presenting the self: record linkage and referring to ordinary historical persons, in History and
Computing, vol.6, n.1, 1994, pp.12-20.

Moscati P., a cura di, Trattamento di dati negli studi archeologici e storici, Roma, Bulzoni, 1990.
Mozzarelli C., Corte e amministrazione nel principato gonzaghesco, in Societ e Storia, 5, 1982, pp. 245-
262.

Mozzarelli C., a cura di, Familia del Principe e famiglia aristocratica, Roma, Bulzoni, 1988.

Mozzarelli C. e Olmi G., a cura di, La corte nella cultura e nella storiografia. Immagini e posizioni tra Otto
e Novecento, Roma, Bulzoni, 1983.

Mozzarelli C., Oresko R. e Ventura L., a cura di, La corte di Mantova nellet di Andrea Mantegna: 1450-
1550, Roma, Bulzoni, 1997.

Nelson L.H., Personal name analysis of limited bases of data: examples of applications to medieval
Aragonese history, in Historical Methods, vol.24, n.1, 1991, pp.4-15.

Newcomb A., The madrigal at Ferrara 1579-1597, Princeton, Princeton U.P., 1980.

Nicholas O., English Schoolmasters, 1100-1500, in Neithard B. and Genet J.P., eds., Medieval Lives and the
Historians, op. cit., pp.303-312.

Nygaard L., Name standardization in record linking: an improved algorithmic strategy, in History and
Computing, vol.4, n.2, 1992, pp.63-74.

Oberwittler D., From coding to decoding? An analysis of historical social research in Germany in the
1980s and early 1990s, in Historical Methods, vol.30, n.4, 1997, pp.182-196.

Ossola C. e Prosperi A., a cura di, La corte e il Cortegiano, Roma, Bulzoni, 1980.

Pade M., Petersen L.W. e Quarta D., a cura di, La corte di Ferrara e il suo mecenatismo 1441-1598,
Modena, Panini, 1987.

Padgett J.F. e Ansell C.K., Robust action and the Rise of the Medici, 1400-1434, in American Journal of
Sociology, vol.98, n.20, 1993, pp.1259-1319.

Papagno G. e Quondam A., a cura di, La corte e lo spazio: Ferrara estense, Bulzoni, Roma, 1982.

Paravicini W., The Court of the Dukes of Burgundy: a Model for Europe?, in Asch R.G. e Birke A.M., eds.,
Princes, Patronage, and the Nobility, op. cit., pp.69-103.
Paravicini W., Ordonnances de lHtel undEscroes des gaiges. Wege zu einer prosopographischen
Erforschung des burgundischen Staats im fnfzehnten Jahrhundert, in Bulst N. e Genet J.P., eds., Medieval
Lives and the Historians, op. cit., pp.243-266.

Paravicini-Bagliani A., Pour une approche prosopographique de la cour pontificale du XIIIeme sicle.
Problmes de mthode, in Bulst N. e Genet J.P., eds., Medieval Lives and the Historians, op. cit., pp.113-
120.

Pardi G., Sulle cause della Devoluzione di Ferrara alla Santa Sede, in Atti e Memorie della Deputazione
Ferrarese di Storia Patria, vol.XXIV, fascicolo II, 1922.

Pardi G., Titoli dottorali conferiti dallo studio di Ferrara nei secoli XV e XVI, Lucca 1901, ristampa
anastatica, Bologna, Forni, 1970.
Patrizi G., Il libro del cortegiano e la trattatistica sul comportamento, in Asor Rosa A., a cura di,
Letteratura Italiana, vol. III, La Prosa, Torino, Einaudi, 1984, pp.855-890.

Patrizi G., Il valore della norma. Etichetta come comunicazione e rappresentazione tra Cortegiano e
Galateo, in Montadon A., a ed., Etiquette e Politesse, op. cit., pp.33-42.

Pellegrino N., Nascita di una burocrazia: il cardinale nella trattatistica del XVI secolo, in Mozzarelli C.,
a cura di, Familia del Principe e famiglia aristocratica, op. cit., pp.611-630.

Peruzzi P., Lavorare a corte: Ordine et officij. Domestici, familiari, cortigiani e funzionari al servizio del
Duca dUrbino, in Cerboni Baiardi G., Chittolini G. e Floriani P., a cura di, Federico di Montefeltro, vol.III,
op. cit., pp.225-296.

Pezzica M.S., La Devoluzione di Ferrara in una lettera inedita di Giulio Cortese a papa Innocenzo IX, in
Atti e Memorie della Deputazione Provinciale Ferrarese di Storia Patria, serie IV, vol.VII, 1990, pp.217-
236.

Pilot S., Don Cesare dEste e la satira Don Cesare dEste, in Ateneo Veneto, XXXV, 2, 1907.

Pissavino P., Il De Officis del Della Casa e alcuni raffronti metodologici, in Mozzarelli C., a cura di,
Familia del Principe e famiglia aristocratica, op. cit., pp.51-148

Podest G., Dal delitto politico alla politica del delitto. Finanza pubblica e congiure contro i Farnese nel
ducato di Parma e Piacenza dal 1545 al 1622, Milano, Egea, 1995.
Postles D., Personal pledging: medieval reciprocity or symbolic capital?, in The Journal of
Interdisciplinary History, vol.26, n.3, 1996, pp.419-436.

Prandi S., Dal galateo ai galatei, in Montadon A., ed., Etiquette & Politesse, op. cit., pp.163-187.

Prandi S., Il Cortegiano ferrarese. I Discorsi di Annibale Romei e la cultura nobiliare nel
Cinquecento, Firenze, Olschki, 1990.

Price G. e Gray A., Object oriented databases and their application to historical data, in History and
Computing, vol.6, n.1, 1994, pp.44-51.

Prinzivalli V., La Devoluzione di Ferrara alla Santa Sede secondo una relazione inedita di Camillo
Codeluppi, in Atti e Memorie della Deputazione Ferrarese di Storia Patria, vol.X, 1898, pp.121-333.

Promis V., Filippo dEste, marchese di San Martino, Torino, Loescher, 1879.

Prosperi A., Libri sulla corte ed esperienze curiali nel primo 500 italiano, in Ossola C. e Prosperi A., a
cura di, La corte e il Cortegiano, op. cit., vol.II, pp.69-91.

Ranke von L., In tal modo gli Estensi persero Ferrara, in Renzi R., a cura di, Ferrara: il Po, la Cattedrale,
la Corte dalle origini al 1598, Bologna, ALFA, 1974, pp.357-362.

Ricci B., Le ambascerie estensi di Gaspare Silingardi, vescovo di Modena, alle corti di Filippo II e di
Clemente VIII, Pavia, C.Rossetti, 1907.

Ricci G., Ferrara nellultima et estense: una civilt di vergogna, in Bertozzi M., a cura di, Alla corte degli
estensi, op. cit., pp.146-162.

Ricci G., Il principe e la morte, Bologna, Il Mulino, 1998.

Richardson S., Letter-cluster sampling and nominal record linkage, in History and Computing, vol.6, n.3,
1994, pp.168-177.
Ritter G.A. e Vierhaus R., ed., Aspects de la recherche historique en France et en Allemagne; tendances et
mthodes, Gttingen, Vandenhoeck et Ruprecht, 1981, pp.43-53.

Romani M.A., a cura di, Le corti farnesiane di Parma e Piacenza 1545-1622, Roma, Bulzoni, 1978.
Romani M.A., La vera maniera di tenere il libro doppio di ragione: un economista aziendale alla corte
dei Gonzaga, in Aa.Vv. Scritti in onore di Carlo Masini, Milano, Egea, vol.III, 1993, pp.357-375.

Romani M.A., Honesto ocio post laborem ad reparandum virtutem quiete: corte, finanze e loisir nei
ducati padani tra Cinque e Seicento, in Cavaciocchi S., a cura di, Atti della Ventiseiesima Settimana di
Studi dellIstituto internazionale di storia Economica F. Datini (Prato, 18-23 aprile 1994), Firenze, Le
Monnier 1995, pp.617-639.

Romani M., Una citt in forma di palazzo. Potere signorile e forma urbana nella Mantova medievale e
moderna, Publi-Paolini, Mantova, 1995.

Rosenthal N., Fingrutd M., Ethier M., Karant R. e McDonald D., Social movements and network
analysis: a case study of nineteenth-centurys Womens Reform in New York State, in American Journal of
Sociology, vol.90, n.5, 1985, pp.1022-1054.

Rossi P., a cura di, Il Rinascimento nelle corti padane, Bari, De Donato, 1977.

Rthing H., Der Wechsel von Personennamen in einer sptmittelalterlichen stadt. Zum problem der
identifizierung von personen und zum sozialen status von stadtbewohnern mit wechselnden oder
unvollstndigen namen, in Bulst N. e Genet J.P., eds., Medieval Lives and the Historians, op. cit., pp.215-
226.

Sabean W.D., Kinship in Neckarhausen, 1700-1870, Cambridge, Cambridge U.P., 1997.

Salmons J. e Moretti W., eds., The Renaissance in Ferrara and its European Horizons, Cardiff-Ravenna,
University of Wales Press-Edizioni del Girasole, 1984.

Salmons J., La Devoluzione di Ferrara allo Stato della Chiesa secondo un inedito dalle Istorie Veneziane di
Doge Nicol Contarini, in Studi Secenteschi, 28, 1987, pp.149-226 e 29, 1988, pp.183-234.

Savelli R., I giudici delle rote in Italia (secoli XVI-XVIII), in Bocchi F. e Denley P., a cura di, Storia e
Multimedia, op. cit., pp.182-188.

Savioli G., Come gli Estensi persero il Ducato, in Ferrara, nn.10-12, 1987, pp.51-52.

Savioli G., Breve ragionamento sulla Devoluzione di Ferrara, in Ferrari Decus, 12, 1997, pp.9-11.
Schijvenaars T., Computerized prosopographical research, in Goudriaan K., Mandemakers K., Reitsma J. e
Stabel P., eds., Prosopography and Computer, op. cit., pp.1-24.

Schurer K., The historical researcher and codes: master and slave or slave and master, in Mawdsley E.,
Morgan N., Richmond L. e Trainor R., eds., History and computing III, op. cit., pp.74-82.

Sitta P., Saggio sulle istituzioni finanziarie del ducato estense, in Atti e memorie della deputazione
ferrarese di storia patria, III, 1891, pp.89-254.

Smith R. M., Kings and neighbours in a thirteenth-century Suffolk community, in Journal of Family
History, 4, 1979, pp.219-56.

Sobek M. e Dillon L., Occupational coding, in Historical methods, vol.28, n.1, 1995, pp.70-73.
Soldani S. e Tomassini L., a cura di, Storia & computer: alla ricerca del passato con linformatica, Milano,
Bruno Mondadori, 1996.

Solerti A. e Campori G., Luigi, Lucrezia e Leonora, Torino, Loescher, 1888.

Solerti A., Ferrara e la Corte Estense nella seconda met del secolo decimosesto, Citt di Castello, S. Lapi
tipografo - editore, 1891.

Solerti A., La vita ferrarese nella prima met del secolo decimosesto descritta da Agostino Mosti, in Atti e
Memorie della Deputazione di Storia Patria di Romagna, serie III, volume X, fascicoli I-III, 1892.

Spaeth D.A., Denley P., Davis V. e Trainor R., eds., Towards an international curriculum for history and
computing: a workshop of the International Association for History and Computing, University of Glasgow,
15-17 May 1992, Katharinen, Scripta Mercaturae Verlag, 1992.

Spaggiari A., Rapporti politico-amministrativi tra Corte e periferia negli archivi dello Stato estense, in
Papagno G. e Quondam A., a cura di, La corte e lo spazio: Ferrara estense, op. cit., vol.I, pp.93-106.

Spielman J.P., The city and the crown. Vienna and the Imperial Court, 1600-1740, West Lafayette-Ind.,
Purdue University Press, 1993.

Stango C., La corte di Emanuele Filiberto: organizzazione e gruppi sociali, in Bollettino Storico-
Bibliografico Subalpino, Torino, 85, 1987, pp.445-502.
Starkey D., ed., The English Court from the War of the Roses to the Civil War, London, Longman, 1987.

Stone L., Prosopography, in Daedalus, Journal of the American Academy of Arts and Sciences, 100,
1971, pp.46-79.

Tassoni Estense N., La crisi e levoluzione dellaristocrazia estense dopo la Devoluzione di Ferrara alla
S.Sede, attraverso le vicende della famiglia Tassoni, in Atti e Memorie della Deputazione di Storia Patria
per le Antiche Provincie Modenesi, serie XI, vol.XX, 1998, pp.105-118.

Thaller M., Data bases and expert systems as complementary tools for historical research, in Metz R., Van
Cauwenberghe E. e Van der Voort R., eds., Historical information systems, op. cit, pp.21-31.

Thaller M., Methods and techniques of historical computation, in Denley P. e Hopkin D., eds., History and
Computing, op. cit., pp.147-156.

Thaller M., Possiamo permetterci di usare il computer? Possiamo permetterci di non usarlo?, in Quaderni
Storici, anno 20, vol.60, 1985, pp.871-889.

Thaller M., The need for standards: data modeling and exchange, in Greenstein D.I., Modeling historical
data, op. cit., pp.1-18.

Thaller M., The need for a theory of historical computing, in Denley P., Fogelvik S. e Harvey C., eds.,
History and Computing II, op. cit., pp.2-11.

Tristano R.M., Vassals, fiefs, and social mobility in Ferrara during the Middle Ages and Renaissance, in
Medievalia et Humanistica, n.s., n.15, 1987, pp.43-64.

Tuohy T.J., Struttura e sistema di contabilit della Camera Estense nel Quattrocento, in Atti e Memorie
della Deputazione di storia patria per le antiche Provincie modenesi, serie XI, vol.IV, 1982, pp.115-139.

Tuohy T., Herculean Ferrara. Ercole I dEste (1471-1505) and the Invention of a Ducal Capital,
Cambridge, Cambridge University Press, 1996.
Valenti F., I consigli di governo presso gli estensi dalle origini alla devoluzione di Ferrara, in Studi in
onore di Riccardo Filangeri, Napoli, Larte tipografica, 1959, vol.II, pp.19-40.

Valenti F., Note storiche sulla cancelleria degli estensi a Ferrara dalle origini alla met del secolo XVI, in
Bollettino dellArchivio paleografico italiano, n.s., nn.2-3, (1956-57), pp.357-65.
Van Den Noortgate M., A database as an instrument for a prosopographical study on elite groups of
financial experts in fifteenth-century Ghent, in Goudriaan K., Mandemakers K., Reitsma J. and Stabel P.,
eds., Prosopography and Computer, op. cit., pp.87-96.

Vetter J.E., Gonzalez J.R. e Gutmann M.P., Computer-assisted record linkage using a relational database
system, in History and Computing, vol.4, n.1, 1992, pp.34-51.

Wachter K.W., Hammel E.A. e Leslett P., Statistical studies of historical social structure, New York,
Academic Press, 1978.

Wellman B. e Wetherell C., Social networks analysis of historical communities: some questions from the
present to the past, in History of the Family: an International Quarterly, vol.1, n.1, 1996, pp.97-121.

Werner K.F., Lapport de la prosopographie lhistoire sociale des lites, in Keats Rohan K.S.B., ed.,
Family trees and the roots of politics: the prosopography of Britain and France from the tenth to the twelfth
century, op. cit., pp.1-22.

Wetherell C., Plakans A. e Wellman B., Social networks, kinship and community in Eastern Europe, in
The Journal of Interdisciplinary History, vol.24, n.4, 1994, pp.639-663.

Wevers R.F., Isaeus: chronology, prosopography, and social history, Paris, Mouton, 1968.

Winchester I., The linkage of historical records by man and computer: techniques and problems, in The
Journal of Interdisciplinary History, vol.1, n.1, 1970, pp.107-124.

Winchester I., On referring to ordinary historical persons, in Wrigley E.A., ed., Identifying people in the
past, London, Edward Arnold, 1973, pp.17-40.

Winchester I., What every historian needs to know about record linkage for the microcomputer era, in
Historical Methods, vol.25, n.4, 1992, pp.149-165.

Woollard M. e Denley P., Source-oriented data processing for historians: a tutorial for KLEIO, St.
Katharinen, Scripta Mercatur Verlag, 1993.

Wriedt K., Amstrger in norddeutschen stdten des sptmittelalters, in Neithard B. and Genet J.P., eds.,
Medieval Lives and the Historians, op. cit., pp.227-234.
Yamaguchi K., Event history analysis, Applied social research methods, n.28, Beverly Hills, Sage
Publications, 1991.

Zabaglio C., La classe dirigente municipale reggiana nel XVII secolo. Persistenze e mutamenti. Tesi di
laurea, relatore Prof. Cattini M., discussa presso la Facolt di Economia e Commercio dellUniversit di
Parma nellanno accademico 1984/85.

Zannini A., Il sistema di revisione contabile della Serenissima. Istituzioni, personale, procedure (sec. XVI-
XVIII), Albrizzi, Venezia, 1994.
LAnalisi dei Dati

...
Legenda

Nella prima colonna, denominata Servizio, sono state indicate in ordine cronologicamente progressivo le
diverse corti estensi in cui servirono i 2538 cortigiani di Alfonso II e consorti e di Cesare e Virginia Medici
elencati di seguito.

.... A1.....sta per .. Alfonso I e consorti


.... A2..... ............. Alfonso II e consorti
.... A3..... ............. Alfonso III
.... A4..... ............. Alfonso IV e consorte
.... AL ... ............. Alessandro
.... CE .... ............. Cesare e Virginia
.... DA ... ............. don Alfonso marchese di Montecchio e consorti
.... E2 .. ............. Ercole II
.... F1 .. ............. Francesco I e consorti
.... IP ... ............. Ippolito I
.... LE . ............. Laura Eustochia Dianti
.... LM . ............. Laura Martinozzi
.... LU . ............. Luigi
.... RE . ............. Renata di Valois

Per risparmiare spazio, sono stati omessi, sia nella prima che nellultima colonna:
-.. I numeri 1 indicanti il migliaio di anni: 588 sta per 1588, 627 per 1627, ecc.
-.. Le cifre indicanti il secolo, se identiche a quelle del precendente anno iniziale: 588-92 significa dal 1588
al 1592, 598-627 dal 1598 al 1627, ecc.
-.. Le cifre indicanti le decine di anni, se identiche a quelle del precedente anno iniziale: 581-84 significa dal
1581 al 1584, 558-9 dal 1558 al 1559, ecc.

Nella colonna denominata Anni sono stati riportati gli anni complessivi di servizio, ipotizzando che la
continuit del rapporto sia stata artificialmente interrotta dalla rapsodicit delle fonti quando, nel corso del
passaggio da una corte allaltra o in occasione delle rare interruzioni di servizio allinterno della medesima
corte, siano trascorsi al massimo tre anni senza iscrizioni a bolletta; prendiamo il caso di messer Ercole Peri,
che dal 1578 al 1586 serv il cardinale Luigi come castaldo a Consandoli, per riapparire nel 1589 tra i
cortigiani di Cesare in qualit di governatore a Consandoli, carica che mantenne sino allanno successivo. E
altamente probabile che anche negli anni 1587 e 1588 messer Ercole sia rimasto al suo posto, come
lascerebbe intendere la qualifica nei ranghi cesariani; cos, dal momento che linterruzione risultata
inferiore ai tre anni ho calcolato per lui una carriera di 13 anni (1578-1590), sorvolando sulla lacuna
informativa relativa al biennio 1587/88. Invece, nei casi in cui lassenza di iscrizioni a bolletta si sia protratta
per pi di un triennio, ho volutamente troncato il computo delle carriere, non calcolando gli anni intercorsi
tra le due rilevazioni. Si prenda ad esempio il caso di Giovanni Antonio Boni detto Picchio, palafreniere del
cardinal Luigi dal 1566 al 1583, staffiere di Cesare nel 1584, staffiere di Alessandro dal 1590 al 1592: dal
momento che lassenza di informazioni relative al periodo 1585/89 stata superiore ai tre anni, ho calcolato
una carriera di soli 22 anni, rispetto ai 27 anni complessivamente trascorsi ai servizi degli estensi (dal 1566 al
1592), senza peraltro dimenticare che di Alessandro si conservata ununica bolletta, riguardante il triennio
1590/92.

Nella colonna denominata Titolo sono stati riportati, in forma sintetica, i titoli, onorifici e professionali:

.... cap..... significa ...... capitano


.... cav ..... ..... cavaliere
.... co ....... ..... conte
.... dot ..... ..... dottore
.... ecc...... ..... eccellenza
.... eccma ..... eccellentissima
.... eccmo ..... eccellentissimo
.... fra ..... ..... frate
.... ill........ ..... illustre
.... illma .. ...... illustrissima
.... illmo .. ..... illustrissimo
.... ma...... ..... madama
.... mar.... ..... marchese
.... mca.... ..... magnifica
.... mco.... ..... magnifico
.... mo...... ..... maestro
.... mons.. ..... monsignore
.... ms ...... ..... messere
.... rda..... ..... reverenda
.... rdo..... ..... reverendo
.... serma ..... serenissima
.... sermo ..... serenissimo
.... sle ...... ..... spettabile
.... sr........ ..... signore
.... sra...... ..... signora
.... suor ... ..... suor

SERVIZIO .ANNI TITOLO ....NOME ...........COGNOME ...... DESCRIZIONE DELLA CARRIERA


A2 588-92.....5 .......... ms ..................Luigi................... Abaco/dall.............Ufficiale di camera
A2 583-97, ...45 ........ mo,.................Vincenzo ............ Abbati/Abbatte/di...Cuoco sino al 606, maestro di cucina dal 607
CE 598-627 .. ............ ms dal 607
CE 613-27 ....15 ........ ms, .................Gerolamo ........... Abbati/di.................Ragionato della camera dei conti
...................... ............ mco dal 614...
A2 597 ..........1 .......... .......................Giulio Cesare ..... Abbati/di.................Segretari e cancellieri
DA 581, .......4 .......... ms ..................Pellegrino........... Abbati/di.................Aiutante in camera dei conti
CE 581-4 ......
E2 558-9, ......3 .......... .......................Antonio .............. Abissi/dalli .............Staffiere
A2 560 ..........
A2 559-88.....30 ........ .......................Antonio .............. Abruzzo/d .............Staffiere
A2 567-92.....26 ........ mons ..............Archilao ............. Acciaioli/Azaioli/Acciaoli
A1 523-33, ...42 ........ ms ..................Giacomo............. Acciaioli/................Cancelliere
E2 534-59, .... ............ ....................... ........................... Azaioli/Acciaoli
A2 560-4.......
A2 555-6.......2 .......... .......................Bosco ................. Acquarolo...............Acquarolo
CE 586-9 ......4 .......... ms ..................Giovanni ............ Acquilanti/e............Valletto di camera della principessa Virginia
...................... ............ .......................Tommaso ...........
CE 593-7 ......5 .......... ma ..................Violante.............. Acquilanti/e............Sottodama
CE 598-612 ..15 ........ ecc sr..............Giovanni ............ Acquistapace ..........Medico
...................... ............ .......................Battista ...............
A2 590-7,......17 ........ ms, .................Giacomo............. Adam/Adamo/d.....Ufficiale della Camera Ducale sino al 597,
CE 598-606 .. ............ mco dal 603...Maria.................. ................................dal 598 ufficiale della Camera Ducale alla
...................... ............ ....................... ........................... ................................libreria e furiere
CE 603-23 ....21 ........ ms nel 607, ...Bernardo............. Adam/d .................Garzone della camera dei conti sino al 604,
...................... ............ mco dal 609... .......................... ................................ragionato nel 605, ufficiale alla libreria
...................... ............ ....................... ........................... ................................dal 606 al 616, ufficiale alla stalla dal 617
CE 598-604 ..7 .......... ms ..................Ippolito............... Adam/d .................Ufficiale della libreria
A2 569 ..........1 .......... mo..................Francesco ........... Agazani/dalli ..........
A2 582-97.....16 ........ ms ..................Agio/Agu ........... Agi/Ago/dalli .........Falconieri e cagnattieri
CE 624-7 ......4 .......... sr....................Francesco ........... Agliani....................Sottoscalco
CE 588-94 ....7 .......... .......................Costantino .......... Agnelli/...................Staffiere
...................... ............ ....................... ........................... Angeli/Angelli
A2 582-92.....11 ........ .......................Bartolomeo ........ Agolanti/e...............Famiglia della duchessa
E2 539-59, ....26 ........ ms ..................Francesco ........... Agolanti/e...............Ufficiale della Camera Ducale
A2 560-4.......
A2 567-92.....26 ........ .......................Paolo .................. Agolanti/e...............Ufficiale della Camera Ducale
CE 586..........1 .......... .......................Ercole ................. Agosti/di.................Staffiere
CE 609-25 ....17 ........ ms ..................Francesco ........... Agosti/di.................Ufficiale della guardaroba di SA
CE 593-613 ..21 ........ ms dal 609 .....Giulio ................. Agosti/di.................Staffiere sino al 607, usciere dal 609,
...................... ............ ....................... ........................... ................................usciere del principe Luigi dal 612
A2 562-7.......6 .......... eredi...............Paolo .................. Agosti/di.................Ufficiali al sale
A2 588-94.....7 .......... ms ..................Ippolito............... Agosti/o/di..............Sottomaestro di stalla
CE 625-7 ......3 .......... sr dot..............Gerolamo ........... Agostini..................Consigliere di giustizia
A2 576-89.....14 ........ don.................Ludovico ............ Agostini..................Musico e cappellano
IP 556-7, .......14 ........ don.................Agostino............. Agostini/Nigrastini.Musico e cappellano
A2 560-9.......
CE 603-27 ....25 ........ ms dal 609 .....Paolo .................. Aguiari/ ..................Staffiere
...................... ............ ....................... ........................... Aguiara/Aguiario
A2 563-78.....16 ........ .......................Chierico.............. Aiutante..................Aiutante in cucina
A2 555-62.....8 .......... .......................Pilato .................. Aiutante in cucina ..Aiutante in cucina
E2 558-9, .....3 .......... .......................Bonetto............... Aiuto cuoco ............Aiuto cuoco
A2 560 ..........
A2 597 ..........1 .......... .......................Ottavio ............... Alberti/de/di/degli ..Segretari e cancellieri
E2 550-9, ......48 ........ ms ..................Pietro Antonio.... Alberti/de/di/degli ..Diversi ufficiali di casa (spenditori, caneve,
A2 560-97..... ............ ....................... ........................... ................................credenzieri, grassa, legnari, farine, granari,
...................... ............ .......................chiavieri)
DA 581, ........4 .......... rdo ms............Fabrizio .............. Albertini/Alberti/di.Maestro di camera di don Alfonso nel 581,
CE 581-4 ...... ............ ....................... ........................... ................................maestro di camera della principessa Virginia
...................... ............ nel 584

A2 560, .........8 ...... ms dal 565 . Francesco ...............Albertini/Alberti/di....Dispensiere nel 565, alla biancheria dal 567
IP 565-71 ......
E2 550-9, ......11 .... ms .............. Francesco ...............Albertini/Alberti/di....Diversi ufficiali di casa (non legati alla
A2 560 .......... ....... ................... Giovanni................. ..................................tavola)
CE 623-6 ......4 ...... sr................ Giovanni.................Albinelli.....................Esattore della Camera Ducale
CE 597-627 ..31 .... ms .............. Francesco ...............Aldrovandi.................Ufficiale ai granai nel 597, sottomaestro
...................... ........ ................... ................................ ...................................di stalla dal 598
CE 619-25 ....7 ...... ................... Raimondo ...............Aldrovandi.................Staffiere del principe Ippolito
A1 530-3,......34 .... mo.............. Gerardo...................Alemagna/di/ .............Tappezziere
E2 534-59, .... ........ ................... ................................Fiamingo
A2 560-3.......
A2 582-3.......2 ...... ms .............. Giulio......................Alemani/Allemani .....Ufficiale di guardaroba
DA 540-8,.....30 .... ms .............. Lanfranco ...............Alemani/Allemani/ ....Guardarobiere dei pani del dosso sino al 545,
E2 550-9, ...... ........ ................... ................................da Milano...................cameriere dal 546, dal 562 castaldo
A2 560-9....... ........ ................... ................................ ...................................a Copparo
CE 597-627 ..31 .... sr dal 607... Giacomo .................Aleotti ........................Contista al conto generale delleredit
...................... ........ ................... ................................ ...................................nel 597, aiutante del massaro della camera
...................... ........ ................... ................................ ...................................dei conti nel 598-9, contista della camera
...................... ........ ................... ................................ ...................................dei conti nel 600, ufficiale della camera
...................... ........ ................... ................................ ...................................dei conti nel 603-4, esattore ducale dal 1606
CE 598-611 ..14 .... ms, ............ Ippolito ...................Aleotti ........................Ufficiale ai granai ducali nel 598-99,
...................... ........ sr dal 607... ................................ ...................................ai granai e munizioni dal 600 al 606,
...................... ........ ................... ................................ ...................................ai granai dal 607
A2 567-97.....31 .... ................... Giovanni.................Alere/d......................Magistranze
A2 562-3.......2 ...... ................... Battista....................Alessandri/di..............Ortolano a Copparo
A2 569 ..........1 ...... ................... Agostino .................Alghisi/e/ ...................Garzone di cucina
...................... ........ ................... ................................Alghiese/ssi
E2 558-9, .....11 .... ms .............. Galasso ...................Alghisi/e/ ...................Architetto
A2 560 .......... ........ ................... ................................Alghiese/ssi................
A2 578-83.....6 ...... ................... Domenico ...............Aliprandi/Liprandi/o..Servitore
A2 583-97.....15 .... ................... Ercole .....................Aliprandi/Liprandi/o..Cuoco
E2 547-59, ....51 .... ................... Giovanni Andrea ....Aliprandi/Liprandi/o..Aiuto cuoco sino al 559, cuoco dal 560
A2 560-97.....
DA 581, ........18 .... mo, ............ Ippolito ...................Aliprandi/Liprandi/o..Cuoco
CE 581-97 .... ........ ms dal 589
A2 560 ..........1 ...... ................... Stefano....................Aliprandi/Liprandi/o..Aiuto cuoco
A2 574 ..........1 ...... ms .............. Giovanni Battista....Alle saponate .............Alle saponate
CE 581-4 ......4 ...... ................... Taddea ....................Alle saponate .............Serva alle saponate
DA 563-4,.....3 ...... ................... Francesco ...............Allegri........................Facchino in tinello
A2 576 ..........
A2 563-9.......7 ...... mco co ....... Alvarotto ................Alvarotti/o..................
E2 547-59, ....17 .... rdo mons, .. Giulio......................Alvarotti/o..................Oratore dal re di Francia
A2 560-3....... ........ mco co dal 560 ...........................
A2 590-2.......3 ...... ms .............. Ludovico ................Alza............................Magistranze
CE 589-97 ....9 ...... ms .............. Ludovico ................Amadei ......................Cavalcatore
A2 574-8.......5 ...... ma.............. Giovanna ................Amadori.....................
IP 552, .........13 .... ms, ............. Giovanni.................Amadori.....................Ufficiale ai granai dal 555 sino al 556,
A2 555-67..... ........ sle ms dal 560............................. ..................................dal 558 ufficiale ai conti di SE, dal 560
...................... ........ ................... ................................ ...................................maestro dei conti della Camera Ducale
A2 562-8.......7 ...... ................... Giacomo .................Anastasi .....................
A2 560 ..........1 ...... ................... Giovanni Gerardo...Andreasi/iasi/ssi.........Portonaro
A2 560-5.......6 ...... ................... Giovanni Giacomo .Andreasi/iasi/ssi.........Staffiere
CE 581-4 ......4 ...... ms .............. Annibale .................Andrecchi ..................Assistente a Roma
LU 580,.........2 ...... ill sr ........... Alessandro..............Andriano/...................Coppiere di SA nel 594
A2 594-4....... ........ ................... ................................Andriasi/ssi
DA 561-7, ....39 .... ms .............. Antonio Francesco .Andrioli/Andreoli/lli..Fattore a Monestirolo sino al 567, dal 568
A2 568-97..... ........ ................... ................................ ...................................tra fattori e castaldi
A1 531-3, .....37 .... ms .............. Ercole .....................Andrioli/Andreoli/lli..Castaldo a Belriguardo sino al 559, dal 560
E2 534-59, ... ........ ................... ................................ ...................................fattore delle possessioni del duca
A2 560-7.......

E2 544-59, ...26 ...... ms ......... Giovanni .................Andrioli/Andreoli/lli .....Ufficiale di casa


A2 560-9.......
DA 581, ........9 ........ ms, ........ Leone......................Andrioli/Andreoli/lli .....Fattore a Monestirolo
CE 581-9 ...... .......... mco dal 588...........................
A2 576-92.....17 ...... ma......... Caterina ..................Angelo/a/dall ...............In guardaroba
A2 585-92.....8 ........ ma......... Isabella ...................Angelo/a/dall ...............In guardaroba
A2 560-7.......8 ........ ms ......... Giovanni .................Angera/Angeri/Angiara/Angiera/da
A1 523-33,....47 ...... mco ms . Nicola .....................Angera/Angeri/ .............Esattore sino al 543, dal 544 esattore
E2 534-59, .... .......... .............. ................................Angiara/Angiera/da.......generale, dal 558 fattore generale
A2 560-9....... ..........
CE 614-27 ....14 ...... .............. Pietro ......................Angiolina/dell..............Ufficiale di guardaroba
A2 585-97.....13 ...... .............. Domenico ...............Anguillara/o ..................Fattori e castaldi
A2 562-9.......8 ........ .............. Luigi .......................Anguillara/o ..................
E2 534-59, ....29 ...... ms ......... Giovanni Battista....Anguille/dalle/da le.......Scalchi e scudieri
A2 560-2.......
A2 560 ..........1 ........ .............. Alfonso ...................Anguissola ....................
A2 597 ..........1 ........ .............. Roberto ...................Angusoli........................Ufficiale in guardaroba
DA 561-3,.....13 ...... mo ........ Alessandro..............Annin/d/.......................Garzone in cucina sino al 563, dal 564 cuoco
CE 581-7 ...... .......... .............. ................................detto Annino .................
CE 616-9 ......4 ........ mons .... Geminiano ..............Ansaloni ........................Ambasciatore residente a Milano
...................... .......... abate
CE 613-25 ....13 ...... illmo sr . Giovanni Battista....Antonelli .......................Consigliere di giustizia di SA
CE 622-4 ......3 ........ sr........... Pietro ......................Antonelli .......................Segretario del principe Francesco
A2 582-5.......4 ........ ms ......... Andrea ....................Antoni/dalli ...................Valletto
A2 576-8.......3 ........ .............. Antonio...................Antonioli .......................
CE 603-27 ....25 ...... .............. Bartolomeo .............Anua/Annua..................Facchino alla legnaia
E2 555-9, ......11 ...... ms ......... Giovanni .................Anviel/Anuich/ .............Musici
A2 560-65..... .......... .............. ................................Anrichi ..........................
CE 587-9 ......3 ........ ms ......... Sebastiano...............Aquila/dall ...................Cancelliere
A2 560-78.....19 ...... .............. Antonio Maria ........Archedi da Argenta.......Portonaro
A2 594-4.......1 ........ .............. Orazio .....................Archibugiere .................Archibugiere
A2 597 ..........1 ........ .............. Livia .......................Arco/di ..........................Famiglia della duchessa
E2 558-9, ......17 ...... ms ......... Giovanni FrancescoAretini/o ........................Scalchi e scudieri
A2 560-74.....
CE 620-7 ......8 ........ .............. Benedetto................Aretusi...........................Servo dei fattori generali
A2 567 ..........1 ........ .............. Andrea ....................Argenta/d .....................
A2 582-92.....11 ...... illma ..... Margherita ..............Argenta/d .....................Famiglia della duchessa
A2 567-8.......2 ........ .............. Moretto ...................Argenta/d .....................
A2 555 ..........1 ........ .............. Nicola .....................Argento/dall.................Magistranze
A2 592-7.......6 ........ .............. Gaspare...................Ariani/o .........................Staffiere della duchessa
CE 589-627 ..39 ...... rdo don . Aurelio....................Arigoni ..........................Cappellano sino al 603,
...................... .......... .............. ................................ ......................................cappellano di SA dal 604
A2 576-97,....29 ...... sr,.......... Alessandro..............Ariosti/o/ .......................Cameriere sino al 585, cameriere nella
CE 598-604 .. .......... ill sr ...... ................................Areosti/da li ..................famiglia della duchessa dal 588 al 590,
...................... .......... nel 604.. ................................ ......................................dal 592 furiere maggiore, scalco nel 598,
...................... .......... .............. gentiluomo di SA nel 604
IP 551-2,.......14 ...... ms,........ Claudio ...................Ariosti/o/Areosti/da li ...Tra i camerieri del cardinal Ippolito II,
E2 558-9, ...... .......... rdo mons................................ ...................................... oratore ducale a Milano nel 558-9,
A2 567-76..... .......... dal 558.. ............................... ......................................oratore ducale al Senato Veneto dal 567
A1 525-33,....40 ...... ms ......... Francesco................Ariosti/o/Areosti/da li ...Scudiere sino al 543,dal 544 al 559 cameriere,
E2 534-59, .... .......... .............. ................................ ......................................dal 560 scalco
A2 560-4....... ..........
CE 626-7 ......2 ........ sr co...... Francesco................Ariosti/o/Areosti/da li ...Cameriere del principe Nicol
A1 528-33,....40 ...... ms ......... Ludovico.................Ariosti/o/Areosti/da li ...Ufficiale di casa agli uffici di bocca (spenderia,
E2 534-59, .... .......... .............. ................................ ......................................cantine, credenza, grassa, farine, granai)
A2 560-7....... ..........
CE 622-6 ......5 ........ sra......... Violante ..................Ariosti/o/Areosti/da li ...Dama della principessa Giulia
A2 597 ..........1 ........ .............. Stefano....................Arivieri..........................Musico e cantore
A2 597 ..........1 ........ .............. Gerolamo................Arlotti/o.........................Garzone di cucina
E2 534-59, ....32 ...... .............. Giovanni .................Arlotti/o/famiglio..........Ortolano nel Barchetto dal 557
A2 560-5....... ......... .............. Antonio................... ......................................del maestro Terzo Terzi

A2 555-67.....13 ...... mo ............ Niso/Nisse ...........Armaiolo/Armarolo .....Armaiolo


CE 598-604 ..7 ........ ma............. Maddalena ...........Arnolfi/Arnofi/di/d.....Balia della duchessa
CE 586-607 ..22 ...... ma............. Rosata ..................Arnolfi/Arnofi/di/d.....Sottodama della principessa Virginia sino
...................... .......... .................. ............................. .....................................al 589, governatrice del principe dal 598
...................... .......... .................. ............................. .....................................al 600, poi dama
CE 609-27 ....19 ...... ma............. Virginia................Arnolfi/Arnofi/di/d.....Figlia di camera della duchessa sino al 614,
...................... .......... dal 616 figlia di camera della principessa .................. Giulia
A2 560 ..........1 ........ ms ............. Andrea .................Arqua/da ......................
A2 555-9.......5 ........ ms ............. Andrea .................Arquati .........................Ufficiale ai granai
CE 620-3 ......4 ........ ms ............. Alberto.................Arrighi .........................Valletto del principe Ippolito
CE 598-617 ..20 ...... ms, ........... Arrigo ..................Arrighi .........................Valletto di SA e barbiere nel 598,
...................... .......... mco dal 610............................ .....................................dal 599 valletto di SA
CE 609-27 ....19 ...... ms,............ Giovanni ..............Arrighi .........................Ragionato della camera dei conti dal 614,
...................... .......... mco dal 614............................ ....................................dal 615 al 621 sopracuoco,
...................... .......... .................. ............................. .....................................dal 622 ragionato della camera dei conti
CE 618-20 ....3 ........ ms ............. Marco Antonio ....Asce/delle ....................Usciere di SA
A2 558 ..........1 ........ mco........... Giovanni .............Ascoli/d ......................Medico
...................... .......... .................. Francesco
A2 582-92.....11 ...... ms ............. Astolfo .................Astolfi ..........................Ufficiale di camera
A2 562-74,....16 ...... mo, ........... Nicola ..................Avanzo/Anzo/Tedesco Nelle magistranze di Alfonso II,
AL 590-2 ...... .......... ms dal 590 ............................ .....................................guardarobiere di Alessandro
A2 576 ..........1 ........ sr............... Orazio ..................Avarisio .......................
A2 585-94,....35 ...... ms, ............ Luigi ....................Avich/di .......................Ufficiale di guardaroba dal 585-94,
CE 598-622 .. .......... mco dal 600, .......................... .....................................dal 598 ufficiale di spenderia
...................... .......... sr dal 609..
A1 528-33,....42 ...... ms ............. Nicola ..................Avogari/o .....................Scalchi e scudieri
E2 534-59,
A2 560-9.......
CE 625-7 ......3 ........ .................. Tommaso .............Azzaroni.......................Staffiere della principessa Giulia
DA 581, .......9 ........ ms, ............ Gaspare................Azzi/di .........................Ragionato della camera dei conti, dal 588
CE 581-9 ...... .......... mco dal 588............................ ....................................ufficiale al giornale del conto generale
...................... .......... .................. ............................. .....................................delleredit
A2 597 ..........1 ........ .................. Cesare ..................Babi..............................Garzone di cucina
A2 564 ..........1 ........ sp ms ........ Giovanni ..............Baccani ........................Maestro di conto
E2 547-59, ....14 ...... ms ............. Tommaso .............Badia/dalla ...................Diversi ufficiali di casa (spenditori, caneve,
A2 560 .......... ......... .................. ............................. .....................................credenzieri, grassa, legnari, farine,
...................... .......... .................. ............................. .....................................granari, chiavieri)
DA 581, ........4 ........ .................. Alessandro ...........Baglioni/e.....................Staffiere e imbanditore in tinello
CE 581-4 ......
A2 560 ..........1 ........ sr............... Carlo ....................Baglioni/e.....................
A2 597 ..........1 ........ .................. Cosmo..................Baglioni/e.....................Architetti e ingegneri
A2 560-7.......6 ........ .................. Alessandro ...........Balbarino .....................Facchini e servitori
A2 578-97.....20 ...... ms ............. Alessandro ...........Balbi.............................Soprastante alle monizioni dal 582,
...................... .......... .................. ............................. .....................................tra architetti e ingegneri nel 597
A2 567 ..........1 ........ .................. Curio....................Baldieri ........................
CE 614..........1 ........ ms ............. Giacomo ..............Baldini .........................Staffiere
A2 564-97.....34 ...... ms ............. Giusberto .............Baldruch/Balduch/da ...Musico e cantore
A2 562-89.....28 ...... .................. Bartolomeo ..........Ballarino/n ...................Ballerino sino al 578, dal 582 ufficiale
...................... .......... .................. ............................. .....................................di camera
A2 574-89.....16 ...... .................. Ercole...................Ballarino/n ...................Ballerino sino al 578, dal 582 ufficiale
...................... .......... .................. ............................. .....................................di camera
A2 569 ..........1 ........ mo ............ Pompeo................Balle/dalle....................Ballonaro
CE 600..........1 ........ ms ............. Lattanzio..............Balle/delle....................Maestro del gioco della racchetta
CE 616-27 ....12 ...... .................. Fabio....................Balugola.......................Servitore dei paggi
CE 625-7, .....48 ...... ms,............ Pietro Antonio .....Balugola.......................Ragionato della camera dei conti, computista
A3 628, ......... .......... sr dal 644.. ............................. .....................................di casa dal 644
F1 629-58,
A4 659-62,
LM 663-72 .. ..........
CE 609-27 ....19 ...... sr,.................Matteo................. Baracchi.....................Consigliere di segnatura e di giustizia dal 614,
...................... .......... illmo sr dal 610 ........................ ..................................segretario nel 618-9, segretario di SA e
...................... .......... ..................... ............................ ...................................consigliere di segnatura dal 620
CE 609-14 ....6 ........ ma................Maria................... Barandieri ..................Serva dellInfanta
CE 619-9 ......1 ........ sr..................Giovanni ............. Baranzoni ..................Residente alla corte cesarea
A2 585-92.....8 ........ .....................Bernardo ............. Baratta .......................Ufficiale in tinello
A2 588-96.....9 ........ .....................Domenico ........... Baratta .......................Famiglia della duchessa
A2 592 ..........1 ........ ms ................Ruggero .............. Baratta .......................Ufficiale di casa
A2 578-97.....20 ...... ms ................Alfonso ............... Barba/dalla ................Ufficiale di casa, dal 592 ufficiale al tinello
CE 620-7 ......8 ........ .....................Costanzo ............. Barbanti/ ....................Staffiere del principe Nicol sino al 624,
...................... .......... ..................... ............................ fratello di Paolo .........del principe Ippolito nel 625,
...................... .......... ..................... ............................ ...................................del principe Nicol nel 626, di SA nel 627
CE 626-7 ......2 ........ ma................Felice .................. Barbanti .....................Servitore della principessa Giulia
CE 609-27 ....19 ...... ms ................Francesco............ Barbanti .....................Staffiere sino al 613, staffiere-usciere nel 614-5,
......................usciere nel 616-7, valletto di SA dal 618
CE 619-9 ......1 ........ ms ................Paolo ................... Barbanti/ ....................Staffiere
...................... .......... ..................... ............................ fratello di Costanzo
CE 598-623 ..26 ...... ms ................Emilio ................. Barbazza ....................Corriere sino al 606, sottofuriere dal 607
A2 567-89.....23 ...... .....................Alberto................ Barbetti/a/di...............Ufficiale alle munizioni
A2 589-97.....9 ........ ms ................Alfonso ............... Barbetti/a/di...............Panettiero ufficiale di casa
A2 563-85.....23 ...... ms ................Gerolamo ............ Barbetti/a/di...............Ufficiale alla munizione dei legnami
A2 555 ..........1 ........ .....................Antonio ............... Barbieri......................Facchino in guardaroba
E2 558-9, ..... .......... .....................Bernardo ............. Barbieri/e/di...............Ortolano a Belriguardo
A2 560 ..........3 ........ .....................
CE 609-14 ....6 ........ rdo don ........Giacomo ............. Barbieri/e/di...............Precettore dei paggi
A2 582-97, ...33 ...... ms ................Giovanni ............. Barbieri/e/..................Staffiere sino al 592, poi usciere di SA,
CE 609-25 .... .......... ..................... ............................ di/da Ferrara ..............ricompare nel 609 usciere di SA, rimanendovi
......................sino al 615, servo al consiglio di segnatura e ......................... in cancelleria dal 619
CE 616-27 ....12 ...... ms ................Pietro................... Barbieri/e/di...............Staffiere
A2 583-92.....10 ...... ms ................Rinaldo ............... Barbieri/e/di...............Ufficiale di camera
AL 590-1, .....6 ........ .....................Virgilio ............... Barbieri/e/di...............Garzone in cucina di Alessandro nel 1590-1,
CE 624-7 ...... .......... ..................... ............................ ...................................maestro delle cucine di SA dal 624
A2 576 ..........1 ........ .....................Giuseppe ............. Barbolei/di.................
CE 581-4 ......4 ........ .....................Alfonso ............... Barcati/di ...................Famiglio a Monestirolo
A2 582-92.....11 ...... .....................Benedetto............ Barcelino ...................Ufficiale in tinello
A2 582-90.....9 ........ ms ................Eredi ................... Bardella/Bardela/.......Valletto
...................... .......... ..................... ............................ eredi di Giuliano Bardella
A2 555-78.....24 ...... ms ................Giuliano .............. Bardella/Bardela........Aiutante di camera e alle saponate sino al 559,
......................dal 560 valletto
A2 560 ..........1 ........ .....................Cosimo................ Bardi/di......................Coppiere della duchessa
IP 551-2, .......7 ........ ms, ...............Benedetto............ Bardocchio ................Cassiere dellepiscopato nel 558-9
LU 558-9, ..... .......... sle ms dal 558
A2 574-6....... ..........
CE 606-19 ....14 ...... ms dal 607, .Antonio ............... Bardoni/e ...................Ragionato della camera dei conti
...................... .......... mco dal 610.
A2 582-3.......2 ........ ms ................Alfonso ............... Baressani/ .................Legatari della gi madama Leonora
...................... .......... ..................... ............................ Baresani/greco
A2 574-92.....19 ...... ms ................Antonio ............... Baressani/ .................Segretari e cancellieri
...................... .......... ..................... ............................ Baresani/greco
A2 592 ..........1 ........ ill sr .............Cesare ................. Bargi ..........................Consiglieri e dottori
A2 565-74.....10 ...... ms dal 569...Cola Maria .......... Bari/da .......................Lottatore
A2 574-8.......5 ........ .....................Selvaggio ............ Barilani ......................
E2 550-9, .....45 ...... ms ................Evangelista ......... Baroni/e .....................Cancelliere
A2 560-94.....
A2 569-94.....26 ...... .....................Graziano ............. Baroni/e .....................Usciere
CE 616-27, ..44 ...... ms, ...............Giacomo ............. Baronio ......................Trinciante dei forestieri sino al 627,
A3 628, ........ .......... sr dal 644..... ............................ ...................................trinciante dal 644
F1 629-58,
A4 659 .......... ..........

CE 598-617 ..20 ...... ecc sr dot ..... Claudio .............. Barozzi/Barozi/ci/ ......Avvocato della Camera Ducale sino al 615,
..................... .......... ..................... ........................... Barocio/Baroccio .......poi consultore della stessa
CE 624-6 ......3 ........ sr.................. Gerolamo........... Barozzi/Barozi/ci/ ......Ambasciatore residente a Napoli
...................... .......... ..................... ........................... Barocio/Baroccio
LU 568-76, ..33 ...... ms ................ Roberto .............. Barozzi/Barozi/ci/ ......Cavalcatore sino al 576, stramazzadore della
CE 598-621 .. .......... ..................... ........................... Barocio/Baroccio .......stalla ducale sino al 603, dal 604 cavallerizzo
A2 597 ..........1 ........ ms ................ Tiburzio ............. Bartoli.........................Medico
CE 581-9 ......9 ........ mco.............. Antonio.............. Bartolini/o ..................Menante a Venezia
CE 614-20 ....7 ........ sr.................. Tommaso........... Bartolomasi ................Cancelliere del principe Alfonso
A2 560 ..........1 ........ ..................... Battista............... Bassano ......................
A2 565-9.......5 ........ mo ............... Michele.............. Bassano/da .................Magistranze
A2 574-85.....12 ...... ..................... Galeazzo ............ Bassi/di.......................Falconieri e cagnattieri
CE 581-4, ....6 ........ ms dal 590... Gerolamo........... Bassi/di.......................Staffiere della principessa Virginia,
AL 590-1 ...... ......... ..................... ........................... ....................................credenziere di Alessandro dal 590
CE 606-10 ....5 ........ mo ............... Giovanni ............ Bassini/o/Basino ........Orologiaio
CE 611-26 ....16 ...... ms ................ Nicola ................ Bassini/o/Basino ........Orologiaio
CE 595-7 ......3 ........ ..................... Paolo.................. Basso ..........................Menante a Venezia
A2 569-76.....8 ........ ms ................ Alessandro......... Battaglia/Battaia.........
CE 616-24 ....9 ........ ms ................ Angelo ............... Battaglia/Battaia.........Spenditore
CE 619-27 ....9 ........ ms ................ Francesco........... Battaglia/Battaia.........Staffiere del principe Nicol sino al 626,
...................... .......... ..................... staffiere di SA nel 627
CE 596-7, ....23 ...... ..................... Francesco Maria Battaglia/Battaia.........Staffiere nel 597, ricompare nel 607 come
607-16........... ......... ..................... ........................... ....................................staffiere, bottigliere nel 609, usciere nel 612,
...................... .......... ufficiale alle cantine nel 613,
...................... .......... ..................... ........................... ....................................usciere della duchessa nel 614-5,
...................... .......... ..................... ........................... ....................................usciere della principessa Giulia dal 616
A2 568-89.....22 ...... ms dal 582... Giacomo ............ Battaglia/Battaia.........Usciere
A2 567-97.....31 ...... ms dal 582... Giovanni ............ Battaglia/Battaia.........Usciere della duchessa
CE 609-27, ..48 ...... ms, ............... Nicola ................ Battaglia/Battaia.........Bottigliere dal 610 al 612, usciere nel 613,
A3 628,......... .......... mco dal 644. ........................... ....................................poi usciere dellInfanta
F1 629-56 .... ..........
A2 567-74.....8 ........ ..................... Alessandro......... Battaini/o/di................
E2 555-9, .....36 ...... mo dal 569, . Galeazzo ............ Battaini/o/di................Aiuto cuoco sino al 568, cuoco dal 569
A2 560-90..... ......... ms dal 582...
A2 567-9.......3 ........ ms dal 569... Giorgio .............. Baviera/di...................
A2 567-8.......2 ........ ..................... Giovanni ............ Baviera/di...................
A2 574-8.......5 ........ ..................... Martino .............. Baviera/di...................
CE 620-6 ......7 ........ ..................... Alessandro......... Bazzani.......................Lavamasserizie nel 620-1, lavamasserizie
...................... .......... ..................... nelle cucine di SA dal 622 al 625, nelle
...................... .......... ..................... ........................... ....................................cucine del principe Alfonso nel 626
CE 593-6 ......4 ........ ..................... Giovanni ............ Beccari/Becari/...........Garzone in camera dei conti nel 593,
...................... .......... ..................... ........................... Beccaria/di .................poi ufficiale nella medesima
E2 550-9, ......40 ...... ms, ............... Agostino ............ Beccari/Becari/di........Ufficiale della Camera Ducale sino al 559,
A2 560-89..... ......... sle ms dal 564 ......................... ....................................dal 560 massaro della Camera Ducale
CE 598-606 ..9 ........ ma................ Camilla .............. Beccari/Becari/di........Sottodama
E2 535-59, ...55 ...... ms, ............... Giovanni ............ Beccari/Becari/di........Ufficiale della Camera Ducale
A2 560-89..... ......... sle ms dal 562,
...................... .......... mco ms dal 582 ....................... ....................................
A2 560 ..........1 ........ ms ................ Ludovico............ Beccari/Becari/di........Maestro dei conti

E2 555-9, .....18 ...... ms ................ Nicola ................ Beccari/Becari/di........Ufficiale della Camera Ducale, dal 566
A2 560, ........ .......... ..................... ........................... ....................................computista di casa, dal 568 gi computista
LU 566-77 ....
A2 560-9.......10 ...... ms ................ Tommaso........... Beccari/Becari/di........
A2 583-92.....10 ...... ms ................ Troilo................. Beccari/Becari/di........Ufficiale di camera
A2 562-74.....13 ...... ..................... Matteo................ Bedino/de ...................Staffiere
A2 592-4.......3 ........ ms ................ Giovanni ............ Belagrandi ..................Sottosescalco
A2 574 ..........1 ........ mo ............... Giacomo ............ Belcaro .......................Pelacano
CE 609-27 ....19 ...... sr.................. Alessandro......... Belencini/o/ ................Maestro di stalla dellInfanta
...................... .......... ..................... ........................... Beloncino/i/Belonzino

A2 562-3.......2 ........ ms ..............Alfonso............... Belencini/o/ ..................Diversi ufficiali di casa (spenditori, caneve,


......................Beloncino/i/Belonzino...................... credenzieri, grassa, legnari, farine,
...................... .......... ................... ........................... ......................................granari, chiavieri)
CE 623-7 ......5 ........ sr co...........Augusto.............. Belencini/o/ ..................Maggiordomo dellInfanta
...................... .......... ................... ........................... Beloncino/i/Belonzino
E2 536-59, ...34 ...... ms ..............Gaspare .............. Belencini/o/ ..................Ufficiale in guardaroba
A2 560-9....... .......... ................... ........................... Beloncino/i/Belonzino .
A2 560-9.......10 ...... ms ..............Gerolamo ........... Belencini/o/Beloncino/i/
...................... .......... ................... ........................... Belonzino
E2 558-9, ......8 ........ mco ms ......Giovanni ............ Belencini/o/ ..................Consigliere di segnatura
A2 560-5....... .......... ...................Francesco ........... Beloncino/i/Belonzino
DA 540-54, ..28 ...... ms, .............Ippolito............... Belencini/o/ ..................Scalco
IP 556-7, ....... .......... mco dal 554,.......................... Beloncino/i/Belonzino
A2 559-67..... ......... mco ms dal 559 ..................... ......................................
A2 588-97.....10 ...... ...................Mons ................ Beliardo/di....................Falconieri e cagnattieri
A2 592 ..........1 ........ ...................Giacomo............. Belino ...........................Famiglia della duchessa
CE 586-94 ....9 ........ sr................Alfonso............... Bellaia/Belaia ...............Cameriere delle signore nel 586-7,
...................... .......... ................... ........................... ......................................coppiere di Leonora dal 588
E2 558-9, .....26 ...... ms ..............Antonio .............. Bellaia/Belaia ...............Ufficiale della Camera Ducale
A2 560-83.....
A2 560-3.......4 ........ ...................Francesco ........... Bellaia/Belaia ...............Portonari e ai servizi
E2 555-9, ......29 ...... ms ..............Gaspare .............. Bellaia/Belaia ...............Ufficiale della Camera Ducale, dal 582
A2 560-83..... ......... ................... ........................... ......................................legatari della gi madama Leonora
A2 560-92.....33 ...... ms ..............Nicola................. Bellaia/Belaia ...............Scalchi e scudieri sino al 578,
...................... .......... ................... ........................... ......................................sottosescalco dal 582
A2 597 ..........1 ........ fra ..............Nicola................. Bellaia/Belaia ...............Cappella e cantori
A2 585 ..........1 ........ mco sr........Vincenzo ............ Bellan ...........................Signori e gentiluomini
A2 560-9.......10 ...... ...................Giovanni Pietro.. Bellelo/Bellelano..........Facchino ai servizi delle damigelle
CE 620-7 ......8 ........ ...................Luca ................... Belletti..........................Staffiere della principessa Giulia
A2 597 ..........1 ........ ...................Simone ............... Bellini...........................Protomedico
A2 597, .........16 ...... ms dal 604.Giacomo............. Bellino/Belino/ .............Staffiere nel 597 con Alfonso II, staffiere
CE 598-612 .. .......... ................... ........................... Bellelo/Bolelli/o...........dal 598 al 603, decano degli staffieri di SA
...................... ......... ...................dal 604 al 606, valletto del principe dal 609
E2 547-59, ...30 ...... ...................Alfonso............... Bellintani/o/Belintano ..Staffiere
A2 560-76.....
CE 593-611 ..19 ...... ms dal 596.Giovanni Maria.. Bellonci/Belonci/zi ......Valletto di camera della duchessa dal 593
...................... .......... ................... ........................... ......................................al 600, barbiere dal 603 al 606,
...................... .......... ................... ........................... ......................................valletto dal 607
CE 609-12 ....4 ........ rdo don ......Giovanni Battista Belluzzi ........................Precettore dei principi Ippolito e Nicol
CE 624-7, ....22 ...... sr,...............Angelo................ Belmesseri....................Consigliere di giustizia sino al 627,
A3 628,......... .......... sr conte ..... ........................... ......................................segretario e consigliere di stato nel 644-5
F1 644-5 ....... .......... dal 644.......
CE 610-23 ....14 ...... ms ..............Androfilo............ Belordini.......................Suonatore
CE 610-27 ....18 ...... ms ..............Francesco Maria. Belordini.......................Suonatore
CE 586..........1 ........ mo .............Giovanni............. Beltrano........................Cuoco
A2 569 ..........1 ........ ...................Cristoforo........... Belvedere/da.................
CE 586, ........4 ........ ...................Alfonso............... Benazzi/o/Benaccio......Facchino nel 586, nella famiglia della
A2 588-90..... ......... ................... ........................... ......................................duchessa dal 588
A2 585-97.....13 ...... don.............Francesco ........... Benazzi/o/Benaccio......Cappella e cantori
CE 613-6 ......4 ........ ms ..............Giacomo............. Benazzi/o/Benaccio......Staffiere nel 613, dal 614 staffiere
...................... .......... ................... ........................... ......................................del principe Luigi
CE 593-6 ......4 ........ ...................Ludovico ............ Benazzi/o/Benaccio......Casaro alla San Martina
CE 623-7 ......5 ........ ...................Pietro.................. Benazzi/o/Benaccio......Facchino alle camere della principessa Giulia
......................sino al 625, poi alle camere del principe Alfonso
A1 531-3, .....53 ...... ms ..............Nicola................. Bendedei/Bendedio ......Cameriere
E2 534-59,
A2 560-83.....
CE 581-4 ......4 ........ ...................Ludovico ............ Bendetti/di....................In spenderia
A2 562-74.....13 ...... don.............Giovanni Maria.. Benedelli ......................Cappella e cantori
CE 606-9 ......4 ........ don.............Pietro.................. Beneventi/o ..................Maestro di grammatica dei paggi

CE 598..........1 ........ ................... Alessandro.......... Bennassuto ..................Facchino alle legnaie


LE 570-1, .....6 ........ ms .............. Antonio............... Benozo/Benocio ..........Ufficiale alla grassa, farine e legnaio di
DA 581, ........ .......... ................... ............................ .....................................Laura Eustochia Dianti, guardarobiere dal 581
CE 581-4 ......
A2 560 ..........1 ........ illmo sr ...... Alessandro.......... Bentivoglio/i................Signori e gentiluomini
A2 562-9.......8 ........ ill sr ........... Antonio Galeazzo.....................................Bentivoglio/i Signori e gentiluomini
E2 539-59, ...45 ...... illmo co, .... Cornelio.............. Bentivoglio/i/...............Signori e gentiluomini
A2 560-83..... ......... illmo mar dal 582................... marchese di Gualtieri ..
E2 550-9, .....20 ...... illmo sr ...... Guido.................. Bentivoglio/i................Signori e gentiluomini
A2 560-9.......
A2 582-5.......4 ........ illma sra..... Eleonora Pia ....... Bentivoglio/i/a.............Famiglia della duchessa
A2 578-83.....6 ........ sr................ Ippolito ............... Bentivoglio/i/a.............Signori e gentiluomini
A2 560-9.......10 ...... ma.............. Isotta/Isabetta ..... Bentivoglio/i/a.............Alle damigelle di suor Leonora
A2 567-9.......3 ........ illma .......... Leonarda............. Bentivoglio-Estense/i/a
A2 563-97.....35 ...... ................... Francesco............ Benvenuti/o .................Valletto
DA 554-61, ..15 ...... ................... Marco Antonio ... Benzo...........................Cocchiere
LE 569-72,
CE 581-4 ......
CE 581-4 ......4 ........ ms .............. Ludovico ............ Bergamino ...................Sopracuoco
A2 567 ..........1 ........ ................... Pietro .................. Bergamo/da .................
CE 598-616 ..19 ...... rdo don ...... Alfonso............... Bergomozzi/Bergomazzi/
...................... .......... ................... ............................ Bergomoci/Bergomozi
E2 558-9, .....3 ........ ................... Battista................ Bergonaro/...................Diversi ufficiali di casa
A2 560 .......... .......... ................... ............................ Bergoncino/Borgonero(non legati alla tavola)
A2 592 ..........1 ........ ms .............. Domenico ........... Berlone ........................Ufficiale di guardaroba
A2 582-92.....11 ...... ................... Giannino............. Berlutti.........................Fattori e castaldi
CE 589-90 ....2 ........ ms .............. Bartolomeo......... Bernabe ......................Chiusarolo ai mulini del Finale
A2 560 ..........1 ........ ms .............. Francesco............ Bernardini....................
A2 569-92.....24 ...... ms dal 582. Paolo................... Berni/di........................Garzone alle cantine sino al 578,
...................... .......... ................... ............................ .....................................dal 582 ufficiale alle cantine
E2 550-9, .....28 ...... ms, ............. Paolo Emilio....... Bernieri/Bremeri/ ........Cameriere sino al 562, agente in Savoia
A2 560-9/...... .......... mco dal 563, .......................... Brenieri........................nel 563, dal 582 tra signori e gentiluomini
582-9............. .......... mco cav dal 565,
...................... .......... illmo co dal 582 ..................... .....................................
A2 597 ..........1 ........ ................... Antonio............... Bernio..........................Musico
E2 558-9, .....3 ........ mco co....... Gerolamo............ Bersanino.....................Oratore da Filippo II sino al 559,
A2 560 .......... ......... ................... ............................ .....................................cameriere nel 560
CE 587..........1 ........ ................... Pietro .................. Bersano........................Facchino in spenderia
CE 624-7, ....24 ...... illmo sr ...... Giacomo ............. Bertacchi .....................Fattore generale
A3 628,
F1 629-47 .....
A2 562-8.......7 ........ ................... Gregorio ............. Bertazzo.......................Facchino
A2 576-85.....10 ...... mco sr........ Bartolomeo......... Bertazzoli ....................Consiglieri e dottori
CE 581-90 ....10 ...... ................... Lorenzo ............. Bertelli/Berteli/de........Ortolano al Verginese, dal 588 ortolano e
...................... .......... ................... ............................ .....................................saltaro al Verginese, nel 590 ai giardini
...................... .......... ................... ............................ .....................................di Palazzo dei Diamanti
CE 581-90 ....10 ...... ................... Andrea ................ Bertelli/Berteli/de, ......Ortolano al Verginese, dal 588 ortolano e
...................... .......... ................... ............................ figlio di Lorenzo..........saltaro al Verginese
CE 614-27 ....14 ...... ................... Michele............... Bertesi .........................Allincontro nel 614, dal 615 facchino
...................... .......... ................... ............................ .....................................in legnaia
CE 624-7, ....21 ...... sr dot.......... Bartolomeo......... Bertolani......................Sindaco e avvocato fiscale a Scandiano
A3 628, ........ .......... ................... ............................ .....................................dal 624 al 626, soprintendente della camera
F1 629-44 ..... ......... ................... ............................ .....................................ducale a Scandiano nel 644
DA 565-81, ..20 ...... ................... Maria .................. Bertoldi........................Massara, ai camerini dal 567, serva delle donne
CE 581-4 ...... ......... ................... ............................ .....................................nel 581, alle saponate delle donne nel 584
A2 588-92.....5 ........ ms .............. Cesare................. Bertoldi/o.....................Ufficiale di casa
A2 585-92.....8 ........ ms .............. Ercole ................. Bertoldi/o.....................Ufficiale di casa
A2 588-92.....5 ........ ms .............. Ippolito ............... Bertoldi/o.....................Ufficiale di casa
CE 623-7 ......5 ........ ................... Antonio............... Bertolotti .....................Facchino alla credenza del principe Alfonso
A2 582-90.....9 ........ ms .............. Bernardo............. Bertolotti .....................Cappella e cantori

E2 547-59, ...17 ...... ...................Pellegrino........... Bestiaro.........................Bestiaro


A2 560-3.......
A2 582-90.....9 ........ ...................Santo .................. Bettecha ........................Facchino
CE 620-1 ......2 ........ ms ..............Francesco........... Betti ..............................Aiutante di camera del principe Foresto
A2 576-8.......3 ........ ...................Ippolito .............. Betti ..............................
CE 581-97 ....17 ...... mco,...........Ludovico............ Betti/Beffi/o..................Scalco
...................... .......... sr dal 584...
CE 589-90 ....2 ........ mca............Ippolita............... Bettina ..........................Donna governante di Leonora
A2 582-92.....11 ...... ...................Tommaso ........... Bettino ..........................Falconieri e cagnattieri
CE 596-7 ......2 ........ ...................Maria.................. Bevari/di .......................Serva alle camere
A2 585-97.....13 ...... ill sr co.......Alfonso .............. Bevilacqua ....................Signori e gentiluomini
CE 618-26 ....9 ........ illmo sr co .Camillo .............. Bevilacqua ....................Cameriere segreto del principe sino al 625,
...................... .......... nel 626 governatore di Reggio
A2 582-3.......2 ........ illmo co .....Ercole................. Bevilacqua ....................Signori e gentiluomini
CE 603-11 ....9 ........ ill sr co.......Francesco........... Bevilacqua ....................Cameriere segreto di SA, almeno sino al 607,
......................quando parte per la guerra in Fiandra,
...................... .......... ................... ........................... ......................................dal 611 passa nel ruolo del Soldo
A2 567-89.....23 ...... co, .............Gerardo .............. Bevilacqua ....................Signori e gentiluomini
...................... .......... illmo co dal 582 ....................
A2 555-6/5973 ........ co, .............Onofrio .............. Bevilacqua ....................Cameriere nel 556-7,
...................... .......... mco co nel 597...................... ......................................riappare gentiluomo nel 597
CE 618-27 ....10 ...... ms ..............Orazio ................ Bianchi..........................Ragionato della camera dei conti
A2 588-92.....5 ........ ms ..............Alessandro ......... Bianchi/di/de ................Ufficiale di guardaroba
A2 563-92.....30 ...... ms ..............Alfonso .............. Bianchi/di/de/il Grande Ufficiale di camera
E2 547-59, ...2 ........ ...................Antonio .............. Bianchi/di/de ................Messo in Camera Ducale
A2 560-3.......
A2 568 ..........1 ........ ...................Antonio .............. Bianchi/di/de ................
DA 546-66, ..33 ...... ms ..............Antonio Maria ... Bianchi/di/de ................Ragionato
A2 569-78.....
A2 597 ..........1 ........ ...................Bartolomeo ........ Bianchi/di/de ................Musico
A2 592 ..........1 ........ ms ..............Domenico .......... Bianchi/di/de ................Ufficiale di camera
A2 585-8.......4 ........ ms ..............Ercole................. Bianchi/di/de ................Ufficiale di camera
A2 592-7.......6 ........ ...................Gabriele ............. Bianchi/di/de ................Sopracuoco
A2 560-4.......5 ........ ...................Giacomo Filippo Bianchi/di/de ................Ufficiale di stalla
A2 592 ..........1 ........ ...................Giovanni ............ Bianchi/di/de ................Acquarolo
A2 569-92.....24 ...... ms ..............Alfonso .............. Bianchi/di/de/il Piccolo Ufficiale di camera sino al 578, ufficiale
...................... .......... ................... ........................... ......................................di casa dal 582
A2 578-90.....13 ...... ...................Battista............... Bianchini/o ...................Chiaviero
A1 533, ........36 ...... ms ..............Bianchino........... Bianchini/o ...................Ufficiale di stalla
E2 534-59,
A2 560-8.......
A2 568-94.....27 ...... ms ..............Ercole................. Bianchini/o ...................Sopracuoco
A2 592 ..........1 ........ ...................Ercole................. Bianchini/o ...................Facchino che spazza
E2 550-9, ......48 ...... ms ..............Ippolito .............. Bianchini/o ...................Ufficiale di stalla sino al 578, ufficiale
A2 560-97..... ......... ................... ........................... ......................................di casa dal 582 al 592, spenditore nel 594
CE 598-611 ..14 ...... ms, ............Giacomo ............ Biancolini/o ..................Contista sino al 600, poi ufficiale ragionato
...................... .......... mco dal 611........................... ...................................... della camera dei conti
CE 626-7 ......2 ........ rdo don ......Giulio................. Biancolini/o ..................Confessore della guardia svizzera e tedesca
CE 589-97 ....9 ........ ms ..............Ercole................. Biasi/di..........................Coadiutore alla Guardia di sotto della
...................... .......... ................... ........................... ......................................San Martina nel 589, dal 593 saltaro
...................... .......... ................... ........................... ......................................nel medesimo luogo
CE 597-621 ..25 ...... ms dal 603, Francesco........... Biassini/o/Biasino.........Ufficiale di camera e ragionato sino al 612,
...................... .......... mco dal 609........................... ...................................... dal 614 ufficiale alle farine e alle legnaie
CE 624-7 ......4 ........ rdo don ......Matteo................ Bidelli ...........................Precettore dei paggi
CE 625-7 ......3 ........ sra con .......Anna .................. Biggi Montecuccoli ......Dama donore della principessa Giulia
A2 596-7.......2 ........ ...................Alessandro ......... Bignardi/o.....................Facchino
A2 592-6.......5 ........ ...................Battista............... Bignardi/o.....................Facchino
A2 562-85.....24 ...... ms ..............Francesco........... Bignardi/o.....................Pescatore ducale
CE 623-5 ......3 ........ mo .............Pietro.................. Bignardi/o.....................Cuoco dei forestieri nel 623, dal 624 cuoco
...................... .......... del principe Alfonso

LU 570, ..........2....... ................. Ludovico ............. Bignocio .......................Facchino in camera nel 570, facchino
CE 586............ ........ ................. ............................. ......................................al tinello degli uomini nel 586
A2 582-92.......11 .... ................. Domenico ............ Bignosso .......................Ufficiale di camera
A2 582-97, .....19 .... ms ............ Giulio................... Bignozi/Bergonzi .........Ufficiale di stalla
CE 598-600 ....
CE 589-90 ......2....... mco.......... Biondo................. Biondi ...........................Fattore generale
CE 581-4 ........4....... ................. Giacomo .............. Biondo ..........................Servo allIsola
LU 559-81, ....25 .... mo ........... Ludovico ............. Birella/detto Birella ......Cuoco, dal 576 gi cuoco, dal 582
IP 571, ..................... ................. ............................. ......................................nella famiglia della duchessa
A2 582-3.........
CE 603-4 ........2....... sra............ Anna .................... Bisa...............................Dama della duchessa
A2 597 ............1....... ................. Baldissera ............ Bizzolo..........................Falconieri e cacciatori
CE 595-6 ........2....... ................. Bartolomeo.......... Boca..............................Servo in guardaroba
A2 582-90, .....14 .... sr, illmo ... Paolo Emilio........ Boiardi ..........................Cameriere di Alfonso II,
CE 620-4 ................. sr co dal 620.......................... .....................................ambasciatore a Firenze nel 620-4
CE 609-14 ......6....... ms ............ Ercole .................. Bolelli/o ........................Staffiere
CE 598-606 ....9....... ................. Giacomo .............. Bolelli/o ........................Staffiere sino al 604, nel 606 decano
................................. ................. ............................. ......................................degli staffieri
E2 558-9, .......1....... ................. Domenico ............ Bologna/ .......................Ufficiale in tinello
A2 560 ..................... ................. ............................. detto il Bologna
A2 560 ............1....... ................. Marchione ........... Bologna/detto il Bologna
A2 560-97.......38 .... ................. Andrea ................. Bologna/da....................Facchino alla bottiglieria della duchessa
CE 598-623 ....26 .... ................. Francesco ............ Bologna/da....................Facchino dei camerieri sino al 600, facchino
................................. dal 603 al 606, dal 607 facchino in dispensa
A2 596 ............1....... ................. Adamo ................. Bolognese .....................Cameriere
CE 588-9 ........2....... ................. Gerolamo............. Bolognese .....................Ortolano allIsola
CE 609............1....... ms ............ Antonio................ Bombasi........................Ufficiale alla sala della donne dellInfanta
CE 624............1....... ms ............ Camillo................ Bombasi........................Staffiere dellInfanta
CE 581-4 ........4....... ................. Bartolomeo.......... Bon/B/del....................Casaro alla Guardia
CE 586-9 ........4....... ................. Giacomo .............. Bon/B/del....................Casaro alla Guardia
A2 560-5.........6....... ................. Giovanni Battista. Bon/B/ ........................Portonari e ai servizi
................................. ................. ............................. del/detto il Folega
DA 563-81, ....22 .... ................. Menghino ............ Bon/B/del....................Casaro alla San Martina
CE 581-4 ........
DA 581, .........9....... ................. Paolo.................... Bon/B/del....................Casaro alla Guarda nel 584,
CE 581-9 ................. ................. ............................. ......................................dal 588 casaro alla San Martina
DA 581, ..........4....... ................. Rinaldo ................ Bon/B/del....................Casaro allIsola
CE 581-4 ........
A2 576-8.........3....... ................. Febo..................... Bona..............................
E2 543-59, .....18 .... ms ............ Ercole .................. Bonaccioli/Bonazzolo ..Signori e gentiluomini
A2 560 ............
A2 560-83.......24 .... ms, .......... Borso ................... Bonacossi/a/Bonacosa..Ufficiale di stalla sino al 578, nella famiglia
................................. mco dal 569, ......................... ......................................della duchessa dal 582
................................. mco ms dal 582 .....................
A2 562-97.......36 .... ms dal 569Moretto................ Bonamici/o/de ..............Ufficiale di stalla
E2 559, ..........11 .... ................. Bartolomeo.......... Bonapace/Bonapasi ......Aiuto cuoco
A2 560-9.........
A2 597, ..........4....... ill sr co..... Guidobaldo.......... Bonarelli .......................Gentiluomo di Alfonso II, maestro di camera
CE 598-600 .... ........ ................. ............................. ......................................di SA dal 598
A2 592-4.........3....... ................. Giacomo .............. Bondesano ....................Staffiere di SA
IP 556-7, ........13 .... ms ............ Paolo.................... Bondi/di ........................Governatore dei paggi di Ippolito II, tra gli
E2 559, ................... ................. ............................. ......................................ufficiali di casa di Ercole II e Alfonso II
A2 560-8.........
A2 576 ............1....... ms ............ Giovanni Maria ... Bondinari ......................
A2 560 ............1....... ................. Carlo.................... Boneto ..........................
CE 620-7 ........8....... ................. Domenico ............ Bonetti ..........................Facchino alle camere del principe Alfonso
CE 609-25 ......17 .... ms ............ Silvestro .............. Bonetti ..........................Staffiere sino al 620,
................................. ................. ............................. ......................................dal 621 staffiere dellInfanta
A2 564 ............1....... ................. Pietro ................... Bonfelloni.....................Ortolano a Copparo
CE 617-27 ......11 .... ................. Ludovico ............. Bonfigli.........................Facchino alla credenza

A2 560 ..........1 ........ ms ................Baldissera ........... Bonfioli/o/Bonfio ......Portonari e ai servizi


E2 539-59, ...26 ...... ms ................Bartolomeo/ ........ Bonfioli/o/Bonfio ......Diversi ufficiali di casa (spenditori, caneve,
A2 560-4....... .......... .....................Battista................ ..................................credenzieri, grassa, legnari, farine, granari,
...................... .......... .....................chiavieri)
CE 586-9, ....9 ........ mo, ..............Giovanni .............Bonfranceschi/...........Cuoco con Cesare,
A2 592-7....... ......... ms dal 589... ............................ Buonfranceschi/o/di ..aiuto cuoco con Alfonso II
LU 566-83, ..22 ...... .....................Giovanni Antonio ...................................Boni/di/detto Picchio Palafreniere del Cardinal Luigi, staffiere di
CE 584, ........ .......... ..................... ............................ ...................................Cesare, staffiere di Alessandro
AL 590-2 ...... .......... .....................
A2 567-90.....24 ...... sr dal 569.....Scipione .............. Bonlei/o .....................Nella famiglia della duchessa dal 582
CE 593-8 ......6 ........ .....................Giacomo ............. Bonleli/o/Buonleli .....Staffiere
A2 568-76.....9 ........ ms dal 569...Battista................ Bonomo/Buonuomo/
...................... .......... ..................... ............................ Bonohomo/di .............
E2 539-59, ...31 ...... ms dal 569...Cristoforo............ Bonomo/Buonuomo/ .Portonaro chiaviero
A2 560-9....... .......... ..................... ............................ Bonohomo/di .............
A2 565 ..........1 ........ .....................Gerolamo ............ Bonomo/Buonuomo/
...................... .......... ..................... ............................ Bonohomo/di .............
A2 567-82.....16 ...... ms dal 582...Battista................ Bonone/de..................Ufficiale di guardaroba nel 582
A2 562 ..........1 ........ ms ................Cristoforo............ Bonone/de..................
A2 597 ..........1 ........ .....................Francesco............ Bonone/de..................Facchino
A2 588-97.....10 ...... ma................Domenica............ Bonora .......................Famiglia della duchessa
A2 574 ..........1 ........ .....................Lorenzo............... Bonsignore.................
DA 545-67, ..31 ...... ms ................Ippolito ............... Borasi/o .....................Sottoguardarobiero sino al 562, dispensiere
LE 570-3, ..... .......... ..................... ............................ ...................................nel 563, ufficiale alla grassa nel 564,
DA 581, ........ .......... ..................... ............................ ...................................dispensiere dal 565 al 567, ufficiale al
CE 581-4 ...... ........ ..................... ............................ ...................................granaio di Laura Eustochia Dianti dal 570
...................... .......... ..................... ............................ ...................................al 573, ufficiale alla grassa nel 581,
...................... .......... ..................... ............................ ...................................dispensiere nel 584
CE 625-7 ......3 ........ .....................Valerio ................ Bordini.......................Staffiere di SA
CE 586-9 ......4 ........ sr..................Eusebio ...............Borghi........................Cameriere delle signore
A2 576-92, ...22 ...... .....................Ludovico............. Borgo/da ....................Fattori e castaldi sino al 584, dal 585
CE 593-7 ...... .......... ..................... ............................ ...................................ufficiale di casa, dal 593 fattore cavalcante
A2 574-8.......5 ........ ms ................Tommaso ............ Borgo/da/padre di Nicola
A2 567-8.......2 ........ .....................Bonino ................ Borgonuovo ...............
A2 567-8.......2 ........ .....................Giovanni Maria... Borgonuovo ...............
A2 567-8.......2 ........ .....................Rizzo................... Borgonuovo ...............
A2 562-7.......6 ........ .....................Giovanni Battista Borlandino .................Musico
CE 614-27, ..52 ...... ms dal 644...Biagio ................. Borsari/o ....................Facchino in guardaroba sino al 627,
A3 628,......... .......... ..................... ............................ ...................................dal 644 tappezziere
F1 629-58,
A4 659-62,
LM 663-5 .....
A2 597 ..........1 ........ .....................Domenico ...........Borsetta......................Famiglia della duchessa
CE 594-7 ......4 ........ .....................Cristoforo............ Borsetto .....................Aiutante nelle cantine
CE 613-26 ....14 ...... illmo sr co ...Emanuele ............ Boschetti....................Cameriere segreto del principe Luigi
A2 574, .........15 ...... sr co, illmo ..Paolo Emilio ....... Boschetti....................Tra signori e gentiluomini nel 574,
CE 599-612 .. ......... sr co dal 599 ........................... ...................................dal 599 aio e governatore della duchessa
A2 562-78.....17 ...... ms ................Giovanni ............. Boschi/o.....................Chirurgico
A2 578-97, ...20 ...... mco ms ........Ippolito ............... Boschi/o.....................Medico e chirurgico
CE 593-7 ......
A2 560-85.....26 ...... .....................Domenico ...........Bosco/dal e ...............Acquarolo
...................... .......... ..................... ............................compagni acquaroli
A2 588-90.....3 ........ .....................Ercole..................Bosco/dal e ...............Acquarolo
...................... .......... ..................... ............................compagni acquaroli
A2 590 ..........1 ........ .....................Paolo ................... Bosio..........................Gentiluomo a Roma
CE 620-7 ......8 ........ mco..............Paolo ...................Bosio..........................Ragionato della camera dei conti
A2 597 ..........1 ........ .....................Picho ...................Bosso .........................Falconieri e cagnattieri
CE 623-7 ......5 ........ ms ................Cesare ................. Botti ...........................Ufficiale della stalla ducale
A2 588 ..........1 ........ .....................Ercole..................Botti ...........................Falconieri e cagnattieri
CE 603-17 ....15 ...... ms, ..............Ercole.................. Botti ...........................Ufficiale della stalla ducale dal 603 al 606,
...................... .......... sr dal 609 .... ............................ ...................................sottomaestro di stalla dal 607

CE 622-7, ....44 ...... ms, ...............Francesco............Botti ...........................Valletto del principe Foresto sino al 627,
A3 628,......... .......... mco dal 644. ............................ ...................................dal 644 ufficiale al giornale in Camera Ducale,
F1 629-58, ... .......... ..................... ............................ ...................................dal 652 ufficiale al giornale e alla libreria,
A4 659-62, ... .......... ..................... ............................ ...................................dal 664 sovraintendente al seggione
LM 663-5 ..... ..........
CE 603-25 ....23 ...... ma................Paola ................... Botti ...........................Alle saponate, dal 614 alle saponate di SA
A2 588-94.....7 ........ .....................Pietro...................Botti ...........................Falconieri e cagnattieri
CE 627..........1 ........ rdo don ........Tommaso ............ Botti ...........................Cappellano di SA
CE 625-7 ......3 ........ ma................Virginia............... Botti ...........................Alle saponate
A2 560-9.......10 ...... .....................Battista................ Bottigliere..................Cantiniere
A2 582-5.......4 ........ .....................Copino ................ Bottigliere..................Famiglia della duchessa
DA 546-7, ....15 ...... .....................Giovanni Maria... Bottigliere..................Bottigliere
A2 555-67.....
A2 567-97.....31 ...... .....................Paolo ................... Bottigliere..................Bottigliere, della duchessa dal 582
A2 582-5.......4 ........ .....................Pietro Giovanni...Bottigliere..................Bottigliere della duchessa
A2 582-92.....11 ...... ms ................Ruggero .............. Bottigliere..................Bottigliere
E2 559, ........5 ........ .....................Bernardo .............Bottoni/e/Botone .......Comandadore allesattoria
A2 560-3.......
A2 563-9.......7 ........ .....................Francesco............ Bottoni/e/Botone .......
E2 559, ........2 ........ .....................Maurizio/Maurelio..................................Bottoni/e/Botone Facchini/massari/massare/carratieri
A2 560 ..........
CE 595-626 ..32 ...... ms dal 609...Orazio .................Bottoni/e/Botone .......Staffiere sino al 610, dal 611 valletto del
...................... .......... .....................principe Luigi
A2 588-90.....3 ........ .....................Pellegrino............ Bottoni/e/Botone .......Sopracuochi e cuochi
A2 555-69.....15 ...... mco ms .......Taddeo ................Bottoni/e/Botone .......Segretario, oratore presso la corte sabauda
...................... .......... .....................nel 569
CE 625-7 ......3 ........ ms ................Giovanni ............Bovio .........................Sopracuoco di SA nel 625, sopracuoco del
......................Ludovico................. ............................ principe Alfonso dal 626
A2 597 ..........1 ........ .....................Sabina .................Bozzolarini/ ..............Famiglia della duchessa
...................... .......... ..................... ............................Bozolanina
A2 588-92.....5 ........ .....................Isabella................Bozzolarini/ ...............Famiglia della duchessa
...................... .......... ..................... ............................Bozolanina Miroglia
E2 535-59, ...35 ...... .....................Montiero ............. Bracchiero .................Bracchiero
A2 560-9.......
A2 583-5.......3 ........ ma................Lavinia................Brafiera......................Famiglia della duchessa
E2 542-59, ...49 ...... .....................Alessandro ..........Braga .........................Falconiere
A2 560-90.....
CE 597..........1 ........ .....................Pietro................... Bragalda.....................Fattore alla Guarda
A2 582-3.......2 ........ sr..................Giulio Cesare ......Brancacio/BrancaccioSignori e gentiluomini
A2 574 ..........1 ........ ms ................Alfonso ............... Brancaleone/lioni.......
A2 597 ..........1 ........ .....................Giacomo .............Brancaleone/lioni.......Ufficiale di casa
A2 562-78.....17 ...... ms ................Alfonso ............... Branchi/di ..................
A2 582-3.......2 ........ ms ................Agostino ............. Branchini ...................Ufficiale di camera
A2 596-7, .....22 ...... .....................Giacomo ............. Brandi/di....................Facchino alla crendenza nel 596-7, al tinello
CE 598-604/ . .......... ..................... ............................ ...................................degli staffieri dal 598 al 600, facchino nel 603-4,
612-6............. ......... ..................... ............................ ...................................assente dal 605 al 611, nel 612 riappare
...................... .......... ..................... ............................ ...................................facchino alla credenza del principe Alfonso,
...................... .......... carica che mantiene sino al 623, quando diventa ....... facchino alle camere del principe Alfonso
A2 560 ..........1 ........ mco ms ........Benedetto............ Brasavola/Brasaola....
A2 555-83.....29 ...... mco ms, .......Ercole.................. Brasavola/Brasaola....Cameriere
...................... .......... sr dal 569.....
A2 583-92.....10 ...... mco sr..........Gerolamo ............ Brasavola/Brasaola....Famiglia della duchessa
CE 586-9 ......4 ........ sr..................Giacomo ............. Brasavola/Brasaola....Coppiere della principessa Virginia
A2 556-9/......19 ...... mco..............Renato................. Brasavola/Brasaola....Medico, assente tra il 560 e il 562
563-74...........
CE 623-7 ......5 ........ ms ................Francesco............ Bratti/a/Brati..............Ragionato della camera dei conti
CE 598-622 ..25 ...... ms dal 600, .Giovanni ............. Bratti/a/Brati..............Contista della camera dei conti sino al 599,
...................... .......... mco dal 611. ............................ ...................................dal 600 ufficiale nella medesima
E2 555-9, ......38 ...... don...............Pietro/Pierre........ Breda/da/Fiamingo ....Musico
A2 560-92.....

A2 555 ..........1 ........ .....................Nicola ................. Brentadore e compagni Brentadore


LU 576-84, ..28 ...... ms ................Bartolomeo .........Bresciani/...................Ufficiale di stalla del cardinal Luigi,
CE 587-603 .. .......... ..................... ............................ Bersani/o/Bressano....sottomaestro di stalla con Cesare
A2 574-6.......3 ........ sr..................Nicola Luigi........ Bressa/da/di Sassoni..
CE 615-27, ...30 ...... ms ................Cesare ................. Briani .........................Ragionato della camera dei conti,
A3 628, ........ .......... ..................... ............................ ...................................nel 644 bugadaro della ducale guardaroba
F1 629-44 .....
LU 558-9, .....21 ...... rdo ms..........Sebastiano........... Brici/Brigo/Brizio......Cappellano e maestro dei paggi di Luigi,
IP 565, ......... .......... ..................... ............................ ...................................ai servizi dei paggi con Ippolito II,
A2 582-97, ... .......... ..................... ............................ ...................................maestro dei paggi di Cesare
CE 598.......... ......... ..................... ............................
A2 562-9.......8 ........ .....................Agostino ............. Briebarba ...................
A1 532-3,......34 ...... ms ................Jacques................ Brinello da Carier ......Organista
E2 534-59,
A2 560-5.......
A1 533,.........28 ...... .....................Giacomo .............Brino/dal....................Falconiere
E2 534-59,
A2 560 ..........
CE 611-22 ....12 ...... .....................Gerolamo ............ Brisighella/ ................Staffiere
...................... .......... ..................... ............................Breseghella
CE 594..........1 ........ .....................Francesco............ Brunza .......................Cagnattiero
CE 581-9 ......9 ........ ms, ...............Alfonso ............... Brusantini/ .................Valletto di camera sino al 578,
...................... .......... mco dal 589. ............................ Brusantino/Brusadinodal 587 sottoscalco
A2 594-4.......1 ........ .....................Giovanni Battista Brusati .......................Staffiere del duca
E2 559, ........7 ........ ms ................Ludovico............. Brutti/o/Bruto ............Cameriere
A2 560-5.......
A2 569-76.....8 ........ ms ................Camillo ............... Bruttura......................Ufficiale di casa
A2 589-97.....9 ........ ms ................Ercole..................Bucaletti/Buccaletti ...Valletto sino al 592, nel 594 barbiere di SA
A2 588-92.....5 ........ .....................Andrea ................Bulacara.....................Facchino
A2 597 ..........1 ........ .....................Alberto................ Bulandi ......................Sopracuochi e cuochi
E2 555-9, .....6 ........ ms ................Alessandro .......... Bulbarino/Bralbandino Ufficiale in tinello
A2 560 ..........
A2 588-97.....10 ...... ms ................Michele ............... Buonmercato/ ............Ufficiale di casa
...................... .......... ..................... ............................Bonmercato ...............
E2 555-9, ......6 ........ .....................Tommaso/ ........... Buoso/de/di................Ai servizi in guardaroba
A2 560 .......... .......... .....................Tommasino .........
DA 581, ........4 ........ .....................Bartolomeo ......... Burani/di....................Servo al tinello delle donne
CE 581-4 ......
A2 592-7.......6 ........ .....................Ludovico............. Burasino/Buratino .....Garzone in cucina
A2 596 ..........1 ........ .....................Francesco............Buratia .......................
A2 596 ..........1 ........ .....................Giovanni Battista Buratia .......................
A2 556, ........41 ...... .....................Antonio ............... Buratino/da Poschiavo Scodellaro in tinello nel 556,
E2 558-9, ...... .......... ..................... ............................ ...................................dal 558 facchino alla credenza del Signore
A2 560-96.....
CE 586..........1 ........ mo ...............Alfonso ...............Burdano .....................Cuoco
CE 609-16 ....8 ........ ms ................Sisto .................... Burdiga ......................Staffiere
CE 593-6 ......4 ........ sr..................Eusebio ............... Burgi..........................Cameriere
A2 560-8.......9 ........ .....................Battista................ Burlandino .................Musici
CE 613-27 ....15 ...... rdo don ........Francesco............ Burlenghi ...................Maestro dei principini
A2 597 ..........1 ........ .....................Andrea ................ Busacaro ....................Servitore dei paggi
CE 606-7 ......2 ........ ill sr .............Giovanni Battista Busana .......................Al servizio di SA
A2 597 ..........1 ........ .....................Filippo................. Busatto.......................Facchino
A2 592-7.......6 ........ .....................Gerardo ............... Busse/Buse ................Staffiere, nel 597 nella famiglia della
...................... .......... ..................... ............................ ...................................duchessa
A2 594-4.......1 ........ ms ................Hernando ............Bustamante ................Cantore
CE 604-27 ....24 ...... ms, ..............Agostino ............. Buzzali/e....................Barbiere di SA sino al 606, dal 607 al 611
...................... .......... mco dal 612. ........................... ...................................valletto e barbiere dei paggi,
...................... .......... ..................... ............................ ...................................dal 612 valletto e barbiere di SA
CE 609-14 ....6 ........ ma................Caterina............... Cacherana ..................Figlia di camera dellInfanta
CE 622-7 ......6 ........ mco..............Livio ...................Caffari........................Valletto di SA
A2 560 ..........1 ........ .....................Alfonso ............... Cagnattiero ................Cagnattiero
A2 562-3.......2 ........ .....................Antonio ............... Cagnattiero ................Cagnattiero

E2 550-9, .....20 ...... .....................Francesco............ Cagnattiero ................Cagnattiero


A2 560-9.......
A1 530-33, ...31 ...... .....................Gilberto............... Cagnattiero ................Cagnattiero
E2 534-59,
A2 560 ..........
A2 560-90.....31 ...... .....................Giorgio................ Cagnattiero ................Cagnattiero
A2 560 ..........1 ........ .....................Giovanni ............ Cagnattiero ................Famiglio dei cani
...................... .......... .....................Ludovico
E2 543-59, ...18 ...... .....................Giovanni Paolo/.. Cagnattiero ................Cagnattiero
A2 560 .......... .......... .....................Pietro
A2 588-97.....10 ...... .....................Simone................ Cagnattiero ................Cagnattiero
A2 569 ..........1 ........ ms ................Giovanni Battista Cagnino .....................Sottoscalco della sorella del duca
CE 618-9 ......2 ........ sra................Claudia................ Calcagnini .................Dama dellInfanta
A2 578-89.....12 ...... ill sr co.........Guido .................. Calcagnini .................Signori e gentiluomini
RE 550-60, ..29 ...... ms ................Teofilo ................ Calcagnini .................Metre pallafreniere en la escuyrie
A2 562-78..... ......... ..................... ............................ ...................................della duchessa Renata dal 550 al 560
A2 555-60.....6 ........ .....................Zugolino ............. Calcione.....................Imbanditore
CE 589-90 ....2 ........ .....................Battista ............... Calegari/Callegari/ ....Servo in spenderia
...................... .......... ..................... ............................ Caligaro/di
CE 620-7 ......8 ........ .....................Domenico ........... Calegari/Callegari/ ....Facchino nelle camere dellInfanta
...................... .......... ..................... ............................ Caligaro/di
A2 555-6.......2 ........ .....................Giovanni ............. Calegari/Callegari/ ....Pollarolo
...................... .......... ..................... ............................ Caligaro/di
CE 626-7, .....19 ...... .....................Giovanni ............. Calegari/Callegari/ ....Garzone del sopracuoco sino al 627,
A3 628, ......... .......... ..................... ............................ Caligaro/di.................rosticcere nel 644
F1 629-44 ..... ..........
A2 578-92.....15 ...... don...............Nicola ................. Calegari/Callegari/ ....Musico
...................... .......... ..................... ............................ Caligaro/di
A2 560 ..........1 ........ ms ................Pietro................... Calegari/Callegari/ ....Diversi ufficiali di casa (spenditori, caneve,
......................Caligaro/di ..............credenzieri, grassa, legnari, farine, granari,
......................chiavieri)
CE 623-7, ....22 ...... mo nel 644 ..Tommaso ............ Calegari/Callegari/ ....Lavamasserizie nelle cucine del principe A3 628,
...................... .......... Caligaro/di ..Alfonso sino al 626, cuoco dei forestieri
F1 629-44 ..... .......... ..................... ............................ ...................................nel 627, cuoco nel 644
CE 621-7 ......7 ........ sra................Artemisia ............ Calori.........................Dama della principessa Giulia
A2 590 ..........1 ........ .....................Bartolomeo ......... Calori.........................Agente a Roma
CE 620-5 ......6 ........ ill ecc sr cav Francesco............ Calori.........................Ambasciatore residente alla Corte Cesarea
...................... .......... .....................sino al 623, dal 624 consultore della
...................... .......... ..................... ............................ ...................................Camera Ducale
A2 588-94.....7 ........ ms ................Francesco............ Calzetta......................Ufficiale di stalla
A1 530-3,......35 ...... ms ................Giovanni Luca .... Calzolari/o/CalzolarriBarbiere
E2 534-59,
A2 560-4.......
E2 543-59, ...22 ...... ms ................Giovanni Maria... Calzolari/o/CalzolarriUfficiale della Camera Ducale
A2 560-4.......
A2 555-76.....22 ...... .....................Ippolito ............... Calzolari/o/CalzolarriAiutante in camera
A2 560-7.......8 ........ .....................Giovanni Maria... Calzoni/e ...................Facchino
A2 560-9.......10 ...... .....................Pietro................... Calzoni/e ...................Facchino alle principesse
CE 596-600 ..5 ........ ma................Giulia .................. Camiliani/fiorentina ..Sottodama
CE 589-99 ....11 ...... ma................Silvia................... Camiliani/fiorentina ..Serva delle signorine sino al 593,
...................... .......... ..................... ............................ ...................................dei signorini nel 594, della principessa
...................... .......... .....................Virginia nel 595, dei signorini nel 596-7,
......................governatrice delle principesse nel 598-9
CE 609-22 ....14 ...... ms ................Eugenio............... Camonculi/Camuncoli Sottoscalco sino al 611, sottoscalco del
...................... .......... ..................... ............................ ...................................principe dal 612 al 614,
...................... .......... ..................... ............................ ...................................dal 615 sottoscalco di SA
A2 597 ..........1 ........ .....................Giacomo ............. Campagnolo ..............Falconieri e cacciatori
A2 574 ..........1 ........ ms ................Antonio ............... Campanella................
A2 582-3.......2 ........ sr..................Ferdinando.......... Campegio ..................Cameriere
A2 567 ..........1 ........ .....................Giovanni Battista Campi/di....................

A2 597 ..........1 ........ ...................Francesco ...............Campo.......................Facchino


CE 618-27 ....10 ...... ...................Lucrezio .................Campogalliani...........Servo al consiglio di segnatura e in cancelleria
...................... .......... nel 618, dal 619 facchino alle camere dei .................. principi Ippolito e Nicol, dal
626 facchino .......... ................... ............................... .................................. alle camere del principe Nicol
A2 576-97.....22 ...... mco cav .....Angelo....................Canani.......................Scalco sino al 585, gentiluomo dal 588, nella
...................... .......... famiglia della duchessa nel 597
A2 578-97.....20 ...... ms ..............Uguccione ..............Canani/o....................Sottosescalco
DA 554-81, ..31 ...... ms dal 561, Turchetto................Candiotto ..................Ragazzo da staffa nel 554, sescalco in tinello
CE 581-4 ...... .......... mco ms ..... ............................... .................................sino al 563, dal 564 sottoscalco, dal 581 dal 518
...................... .......... ...................castellano allIsola
CE 581-4 ......4 ........ ...................Salomone ...............Canni/da Foligno ......Staffiere
A2 555-60.....6 ........ mco co.......Alberto ...................Canossa/da ................Cameriere
A2 590-7.......8 ........ sr co...........Bonifacio................Canossa/da/Canoci ...Cameriere sino al 592, dal 594 gentiluomo
CE 598-626 ..29 ...... ms dal 603.Giovanni.................Canova ......................Bugadaro della ducale corte sino al 624,
...................... .......... ................... ............................... ..................................dal 625 serve al consiglio di segnatura e
...................... .......... ................... ............................... ..................................in cancelleria
A2 562-90.....29 ...... ...................Bartolomeo ............Canterino/Canterino .Musico
A2 574-88.....15 ...... ms ..............Cesare.....................Cantore......................Cantore
A2 564 ..........1 ........ ms ..............Luigi.......................Cantore......................Cantore
CE 609-14 ....6 ........ sr................Nestore ...................Cant.........................Segretario del principe Alfonso
CE 616-27 ....12 ...... ...................Giovanni Battista ...Capelli.......................Garzone del sopracuoco del principe Alfonso
......................sino al 625, dal 626 garzone del sopracuoco .......................... di SA
IP 567-71, ....15 ...... don,............Annibale.................Capelli/Capello/........Caudatario
LU 577-586 , .......... ...................mco rdo ................. ..................................da Roma
CE 581-4 ...... .......... don dal 577
A2 560 ..........1 ........ ms ..............Francesco ...............Capello......................Signori e gentiluomini
CE 604-16 ....13 ...... ms ..............Geminiano..............Capoluppi..................Al servizio dei principi, dal 607 musico
A2 568-9.......2 ........ don.............Francesco ...............Cappellano ................Cappellano
A2 567 ..........1 ........ ...................Melchiorre..............Cappellano ................Cappellano
IP 565-71, .....14 ...... ms ..............Francesco ...............Cappello/Capello ......Ufficiale di camera
A2 583-9.......
IP 540, ..........37 ...... ...................Giovanni.................Capretta/....................Staffiere
E2 542-59, ... .......... ...................Domenico...............detto Capretta
A2 560-76..... .........
CE 622-7 ......6 ........ mco............Camillo...................Caprioli .....................Ufficiale al conto generale
CE 611-7 ......7 ........ sr................Giovanni Battista ...Caraccioli/o...............Cameriere segreto del principe dal 613
CE 623-7 ......5 ........ ill sr cav.....Fabio ......................Carandini ..................Ambasciatore residente a Roma
A2 576 ..........1 ........ sr................Paolo ......................Carandini ..................
CE 610-27 ....18 ...... sra..............Vittoria ...................Caravaggi..................Musica
A2 556-8.......3 ........ ...................Claudio/Clodo........Carboliero/francese...Cameriere
CE 586-7 ......2 ........ ...................Ludovico ................Carbonaro .................Staffiere
CE 612-27 ....16 ...... ms ..............Marco .....................Carboni .....................Staffiere sino al 618, dal 619 valletto
...................... .......... ................... ............................... ..................................del principe Borso
E2 547-59, ...22 ...... mo .............Giovanni.................Carchieri/di ...............Magistranze
A2 560-8.......
A2 574-8.......5 ........ ms ..............Luigi.......................Carchieri/di ...............
E2 547-59, ...23 ...... ms ..............Costanzo.................Cardano/....................Scalchi e scudieri
A2 560-9....... .......... ................... ...............................Gardano/Gardenio
CE 581-97 ....17 ...... ms ..............Domenico...............Carelli/o/Carelo ........Ufficiale ai granai sino al 588,
...................... .......... ................... ............................... ..................................dal 589 ai granai e alle legnaie
A2 592-7.......6 ........ ...................Giuseppe ................Caretti/Carretti ..........Staffiere
CE 611-6 ......6 ........ ...................Maurizio/Maurelio.Cariboni/Carriboni....Garzone del sopracuoco
A2 597 ..........1 ........ ...................Enrico.....................Carichi ......................Paggi e valletti
CE 616-9 ......4 ........ rdo don ......Giovanni.................Carletti ......................Precettore dei paggi
E2 555-9, .....35 ...... ms, sle .......Galeazzo.................Carlo/Corlo/da ..........Ufficiale della Camera Ducale
A2 560-89..... ......... ms dal 569.
DA 581, ........4 ........ ms ..............Maurizio/Maurelio.Carniti/tti/di ..............Ufficiale alle cantine
CE 581-4 ......
CE 581-4 ......4 ........ ...................Ercole .....................Carobbi/di .................Cuoco

CE 612-3 ......2 .......ms...................Leonardo.............Carpentieri ................Staffiere


A2 597 ..........1 ....... .......................Giovanni .............Carpi/da ....................Facchino
E2 559, .........2 ....... .......................Giuliano ..............Carpi/da ....................Ufficiale in tinello
A2 560 ..........
A2 555-63.....9 ....... .......................Biagio..................Carpino .....................Sopracuoco
A2 582-92.....11 .....ms...................Cristoforo............Carpino .....................Ufficiale di casa
CE 598-600 ..3 ....... .......................Giuseppe .............Carretta .....................Staffiere
A2 574-85.....12 ..... .......................Giacomo .............Carrettiere.................Carrettiere
A2 567-85.....19 ..... .......................Giovanni .............Carrettiere.................Carrettiere
E2 534-59, ....36 ..... .......................Nicola..................Carrettiere.................Carrettiere
A2 560-9.......
CE 622-6 ......5 .......rdo don ...........Salvatore .............Casacci/da Mantova .Scrive gli avvisi da Mantova
A2 582-97.....16 ..... .......................Orazio .................Casaio .......................Facchino, nel 597 facchino in guardaroba
A2 560 ..........1 ....... .......................Francesco............Casantino/da .............
A2 592-7,......21 .....ill sr nel 592, ..Paolo Emilio .......Casati ........................Tra consiglieri e dottori nel 592, consigliere
CE 598-612 .. .........ill ecc sr dal 598, ........................ ..................................di segnatura nel 597, nel 599-600 signore
...................... .........illmo sr dal 604 ........................... ................................ del consiglio di segnatura e consigliere di
...................... ......... .......................giustizia, nel 603 consigliere di stato,
...................... ......... ....................... ............................ ..................................dal 604 al 607 consigliere e signore di segnatura,
......................dal 609 rubricato come consigliere
CE 627..........1 .......sra...................Valeriana.............Cascrola ...................Dama dellInfanta
E2 558-9,
A2 560-5.......8 .......don .................Gaspare ...............Casela .......................Cappellano e cantore
A2 592-7.......6 .......ms...................Ercole..................Casellati/Caselato .....Ufficiale di casa
A2 555-6.......2 ....... .......................Giacomo .............Casone ......................Facchino alle legnaie
CE 619-27 ....9 .......ms...................Giovanni Pietro...Cassani......................Armaiolo
CE 603-6 ......4 .......ms dal 604......Giorgio................Casta/tedesco ............Orologiaio
A2 583-5.......3 .......ms...................Catto....................Castagnini.................Segretari e cancellieri
CE 612-27, ...47 .....ma, .................Elena ...................Castagnini.................Figlia di camera dellInfanta sino al 627,
A3 628, ......... .........sra dal 644...... ............................ ..................................dal 644 tra i provisionati
F1 629-58 ..... ........
A2 590-7.......8 ....... .......................Giacomo .............Castellano .................Falconieri e cagnattieri
A2 560-83.....24 .....ms...................Battista ................Castelletto/i/..............Ufficiale di casa
...................... ......... ....................... ............................Castelarino
A2 555-94.....40 .....ms...................Cristoforo............Castelletto/i/..............Sottoguardarobiere
...................... ......... ....................... ............................Castelarino
CE 587-603 ..17 .....sra...................Clarice.................Castelli......................Governatrice della signora Virginia
CE 587-9 ......3 .......sr ....................Francesco............Castelli......................Governatore della signora Virginia
A2 594-7.......4 ....... .......................Orazio .................Castelli......................Cameriere di SA
CE 623-7 ......5 ....... .......................Giovanni .............Castelvecchio............Facchino in dispensa
CE 625-7 ......3 .......ecc sr dot ........Giacomo .............Castelvetro................Avvocato della Camera Ducale
CE 623-7, ....50 .....sr, ...................Giulio Cesare ......Castelvetro................Cameriere extramuros sino al 625,
A3 628, ........ .........illmo sr .......... ............................ ..................................cameriere ordinario nel 626-7, gentiluomo
F1 629-58, ... .........dal 664 ........... ............................ ..................................di madama dal 644 al 647, dal 648 al 662
A4 659-62, ... ......... ....................... ............................ ..................................maggiordomo della bocca della duchessa,
LM 663-72 .. ........ ....................... ............................ ..................................dal 664 fattore ducale generale e collaterale
DA 581, .......4 .......ma ..................Giulia ..................Castri/di/ ...................Bugadara
CE 581-4 ...... ......... ....................... ............................detta Bizzarra
A2 592 ..........1 .......Giovanni ........Cattabriga ...........Ufficiale di casa
CE 581-9 ......9 ....... .......................Cristoforo............Cattafesta/.................Facchino nelle cantine e in spenderia,
...................... ......... ....................... ............................Catafesta/Catta..........nel 589 solo in spenderia
A2 583-97.....15 .....ms...................Agostino .............Cattani/Cattaneo/ ......Cappella e cantori
...................... ......... ....................... ............................Cattanio
A2 578-97.....20 ..... .......................Alberto ................Cattani/Cattaneo/ ......Cappella e cantori
...................... ......... ....................... ............................Cattanio
DA 581, .......6 .......mco ms,..........Alfonso ...............Cattani/Cattaneo/ ......Fisico, medico nel 592
CE 581-4, .... .........mco sr nel 586 ............................Cattanio
LU 586,
A2 592 .......... ........ .......................
A2 590-2.......3 ....... .......................Cristoforo............Cattani/Cattaneo/ ......Ufficiale di camera
...................... ......... ....................... ............................Cattanio

A2 567 ..........1 ....... .......................Gerolamo ............Cattani/Cattaneo/


...................... ......... ....................... ............................Cattanio.....................
A2 578-92.....15 .....ms...................Giacomo .............Cattani/Cattaneo/ ......Musico
...................... ......... ....................... ............................Cattanio
CE 611-27, ...35 .....ms...................Giacomo .............Cattani/Cattaneo/ ......Staffiere sino al 621, dal 622 staffiere
A3 628, ......... ......... ....................... ............................Cattanio.....................dellInfanta, nel 644-5 serve la balia
F1 644-5 ....... .......... .................... ............................ ...................................e la governante del principe
E2 547-59, ....14 ...... .....................Giovanni ............. Cattani/Cattaneo/ .......Ufficiale in tinello
A2 560 .......... .......... ..................... ............................ Cattanio .....................
A2 576 ..........1 ........ sr..................Livio Paolo ......... Cattani/Cattaneo/Cattanio
A2 597,.........17 ...... ms dal 612...Battista................Cattenari/catinaro ......Servitore dei paggi
CE 598-613 ..
CE 621-7 ......7 ........ ecc sr dot .....Raffaele............... Caula..........................Medico di SA
A2 558 ..........1 ........ .....................Sebastiano........... Cavala........................Asinaro
A2 555-6.......2 ........ .....................Buonantonio .......Cavalca ......................Trombettiere
DA 548, ........30 ...... .....................Nicola ................. Cavalcatore................Cavalcatore
E2 555-9,
A2 560-83.....
A2 582-5.......4 ........ ms ................Pietro Paolo ........ Cavalcatore................Cavalcatore
A2 555-97.....43 ...... ms ................Cavaliere.............Cavalieri/ ..................Ufficiale alle biancherie sino al 559, dal 560
......................Cavaliera/dalla........ufficiale di stalla
A2 585-94.....10 ...... sr..................Ovidio ................. Cavalieri/ ..................Maestro dei paggi
...................... .......... ..................... ............................Cavaliera/dalla
CE 581-4 ......4 ........ eredi.............Domenico ........... Cavallaro ...................Cavallaro
CE 607-10 ....4 ........ don, .............Giulio.................. Cavani........................Maestro di grammatica dei principi nel 607, rdo don dal 609
...................... .......... dal 609 precettore dei principi Ippolito e Nicol
A2 588 ..........1 ........ sr..................Raul.....................Cavaps .....................Cameriere
CE 627,.........31 ...... sr..................Cesare ................. Cavazza/ ....................Guardarobiere
A3 628, ......... .......... ..................... ............................ Cavalca/figlio di
F1 629-57 ..... .......... ..................... ............................ Marcantonio
CE 620-7 ......8 ........ ecc sr ...........Francesco............Cavazza/Cavalca .......Medico di SA
A2 562-3.......2 ........ ms ................Gaspare ............... Cavazza/Cavalca .......Ufficiale della Camera Ducale
CE 586-627 ..42 ...... ms, ..............Marco Antonio.... Cavazza/Cavalca .......Guardarobiere di Cesare sino al 597,
..................... .......... mco dal 588, ............................ ...................................dal 598 sottoguardarobiere
...................... .......... sr dal 603..... ............................
E2 547-59, ....21 ...... ms ................Giulio.................. Cavedoni....................Barbiere
A2 560-7.......
A2 569 ..........1 ........ ms ................Livio ................... Cavedoni....................
DA 581, ........4 ........ mco ms ........Fabrizio............... Cavezzi ......................Cameriere di don Alfonso, cancelliere del
CE 581-4 ...... ......... ..................... ............................ ...................................Signore con Cesare
CE 623-7 ......5 ........ .....................Domenico ........... Cavi............................Facchino nelle cantine del principe Alfonso
CE 598-600 ..3 ........ sr..................Massimiliano ...... Cavriani .....................Cameriere di SA
A2 597 ..........1 ........ .....................Francesco............ Cazzetta .....................Ufficiale di stalla
CE 589-97 ....9 ........ rdo ms,.........Francesco............ Cecchini/o/Cechini/o.Fattore alla San Martina
...................... .......... rdo ms don dal 593...................
CE 594-7 ......4 ........ .....................Giulio.................. Cecchini/o/Cechini/o.Fattore a Monestirolo
CE 581-94 ....14 ...... ms, ..............Orazio .................Cecchini/o/Cechini/o.Governatore/fattore allIsola sino al 589, dal
...................... .......... mco dal 588. ........................... ...................................593 fattore a Monestirolo,
...................... .......... ..................... ............................ ...................................muore nel dicembre del 594
CE 604-11 ....8 ........ mo, .............Orazio .................Cecchini/o/Cechini/o.Morsaro
...................... .......... ms dal 609...
CE 613-4 ......2 ........ rdo don ........Domenico ...........Cechi..........................Maestro di grammatica dei principi nel 613,
...................... .......... maesto di grammatica dei paggi nel 614
A2 582-92.....11 ...... ms ................Cristoforo............ Cefali .........................Ufficiale di camera sino al 583, dal 585
...................... .......... ..................... ............................ ...................................ufficiale di casa
CE 620-7 ......8 ........ ms ................Ludovico............. Cella...........................Valletto del principe Nicol
CE 613-23 ....11 ...... ma................Angela................. Celli ...........................Serve il principe Francesco
CE 624-7 ......4 ........ .....................Maurizio/ ............Cenesi ........................Maestro di cucina del principe Alfonso
...................... .......... .....................Maurelio ............. ...................................capitano nel 569
A2 560-9.......10 ...... .....................Rizzo...................Cento/da.....................Montiero

E2 555-9, .....15 ...... ................... Domenico ............Cerchi..........................Messo in Camera Ducale


A2 560-9.......
CE 587-624 ..38 ...... ms dal 609. Paolo....................Cervegliera..................Staffiere, dal 621 staffiere della principessa
...................... .......... Giulia
CE 603-18 ....16 ...... ill sr co....... Ercole ..................Cesis............................Gentiluomo di SA
CE 603-25 ....23 ...... sra, ............ Laura ...................Cesis............................Dama donore della duchessa sino al 616,
...................... .......... ill sra dal 604,...............................................................dal 617 dama donore della principessa Giulia
...................... .......... illma sra dal 609......................
A2 568-97.....30 ...... ................... Francesco ............Cestaro ........................Servitore al tinello sino al 583, dal 585
...................... .......... ................... ..................................................................ufficiale al tinello
CE 611-27 ....17 ...... ................... Andrea .................Cevali ..........................Lavamasserizie sino al 613, dal 614 al 616
...................... .......... ................... garzone di cucina, nel 617 garzone nelle cucine del principe Alfonso, nel
618-9 garzone ......... ................... .................................................................. nelle cucine di SA, dal 620 al 622 cuoco dei
...................... .......... forestieri, nel 623 maestro di cucina del principe ....... Alfonso, dal 624 cuoco dei forestieri
A2 592-7.......6 ........ ms .............. Enea.....................Checa/Checha/ ............Spenditore
...................... .......... ................... .............................Checca/de la/da la
A2 583-94.....12 ...... ms .............. Gerolamo.............Checa/Checha/ ............Ufficiale di casa sino al 592,
...................... .......... ................... .............................Checca/de la/da la .......spenditore nel 594
A2 556-97.....42 ...... ms .............. Giovanni Battista.Checa/Checha/ ............Cavalcatore
...................... .......... ................... .............................Checca/de la/da la
A2 567-74.....8 ........ ms .............. Pietro ...................Chelniero.....................Musico
A2 585-97.....13 ...... ms .............. Anselmo ..............Chiaratti/o/Chiarati .....Fattori e castaldi
A2 589-97.....9 ........ ................... Antonio................Chiaratti/o/Chiarati .....Fattori e castaldi
A2 562-88.....27 ...... ms .............. Agostino ..............Chiencio/Chientio .......Furiere dal 582
CE 620-7 ......8 ........ ms .............. Antonio................Chierici........................Sopracuoco di SA
A2 585-94.....10 ...... ms .............. Alessandro...........Chierico.......................Panettiere sino al 592, dal 594 panettiere
...................... .......... ................... cavalcante
A2 560 ..........1 ........ ms .............. Baldissera ............Chierico.......................
A2 555-69.....15 ...... ms .............. Bartolomeo..........Chierico.......................Ufficiale alle cantine
A2 567-97.....31 ...... ................... Giulio...................Chierico.......................Ufficiale di casa nel 597
DA 581, ........4 ........ ................... Lorenzo ...............Chiozzato ....................Governatore delle barche allIsola
CE 581-4 ......
CE 609-19 ....11 ...... sra.............. Amedea ...............Chiuroni ......................Dama dellInfanta
A2 597 ..........1 ........ ................... Francesco ............Cibrilo .........................Ufficiale al tinello
CE 596-7 ......2 ........ ................... Simone.................Ciccarelli/Cicarelli......Mulattiere
A2 594-7.......4 ........ ................... Alessandro...........Cicogna .......................Dispensiere cavalcante
A2 560-9.......10 ...... sle ms ........ Alberto.................Cicognara ....................Esattore della Camera Ducale nel 560,
...................... .......... ................... ..................................................................ufficiale di stalla dal 562
A2 585-92.....8 ........ ms .............. Pompeo................Cicognara ....................Ufficiale di camera
A2 574-97.....24 ...... ms .............. Alberto.................Cicognolli/Ciccognelli Valletto sino al 592, nel 594 barbiere di SA
A2 594-4.......1 ........ ms .............. Fabrizio ...............Cima............................Trinciante ducale
A2 560-9.......10 ...... ................... Laura ...................Cimani.........................Ai servizi delle damigelle di suor Leonora
A2 582-97.....16 ...... ma.............. Caterina ...............Cimani/Zimani............Legatari della gi madama Leonora
A2 582-97.....16 ...... ma.............. Isabella ................Cimani/Zimani............Legatari della gi madama Leonora
CE 620-7, ....46 ...... sr................ Marcello ..............Cimicelli......................Cameriere di SA sino al 627, nel 644
A3 628, ......... .......... ................... ..................................................................maggiordomo di madama, dal 645 al 648
F1 629-58, ... .......... ................... ..................................................................ambasciatore a Firenze, nel 650 gentiluomo
A4 659-62, ... .......... ................... ..................................................................di camera segreta e maggiordomo di SA,
LM 663-5 ..... ....... ................... ..................................................................nel 651-2 aggiunge la carica di guardarobiere
......................e maggiordomo del principe, nel 653
...................... .......... ................... ..................................................................maggiordomo di casa, nel 655 guardarobiere
...................... .......... del principe, nel 656 maggiordomo maggiore ............ del principe, dal 657 al 662 maggiordomo
...................... .......... ................... .................................................................. maggiore di SA, nel 664-5 governatore
...................... .......... ................... ..................................................................di Carpi
A2 569-97.....29 ...... ms .............. Giovanni Battista.Cinardi ........................Speziale, nel 597 ufficiale di casa
A2 582-3.......2 ........ ms .............. Giovanni Battista.Cinardi ........................Staffiere
A2 592-4.......3 ........ ................... Giovanni..............Ciniano........................Cagnattiero

CE 604-22 ....19 ...... illmo sr ........ Alfonso................Ciocchi/Ciocco .........Consultore della Camera Ducale sino al 613,
...................... .......... consultore e fattore generale dal 614 al 616, .............. dal 617 fattore generale
CE 610-4 ......5 ........ ..................... Donino.................Cipolla ......................Facchino alla credenza di SA
E2 558-9, ......5 ........ mco ms ........ Benedetto ............Ciprelli ......................Consigliere di giustizia
A2 560-2.......
A2 589-97.....9 ........ ..................... Andrea.................Cirella .......................Facchino
A2 569-76.....8 ........ ms ................ Giacomo..............Cirotto.......................Dispensiere cavalcante
CE 617-27 ....11 ...... mco.............. Antonio ...............Ciuffi.........................Ufficiale alla libreria
A2 567-76.....10 ...... ms dal 569... Alberto ................Cividato/Cividatto ....
A2 567-76.....10 ...... ms ................ Giacomo..............Cividato/Cividatto ....
CE 586-613 ..28 ...... ms dal 596... Francesco ............Clementi/e/................Staffiere sino al 589, ufficiale alle cantine nel detto il
Fiandra..........593, ufficiale alle cantine e bottigliere dal ............................. 594 al 597, nel 598 bottigliere,
dal 599
...................... .......... ..................... ............................. ..................................bottigliere di SA
CE 589-97 ....9 ........ ..................... Francesco ............Clini/di ......................Staffiere
A2 555-67.....13 ...... ..................... Giovanni..............Clove/e......................Racchettiero
A2 562-9.......8 ........ ms ................ Orazio..................Coatti/Coati/di ..........
CE 589-97 ....9 ........ ..................... Lorenzo ...............Cocazzoni/e ..............Saltaro alla Guarda
CE 581-4 ......4 ........ mco sr.......... Camillo................Coccapani .................Precettore di Alessandro
A2 589-97, ...39 ...... sr,................. Ercole ..................Coccapani .................Cameriere di SA sino al 597, dal 598
CE 598-627 .. ......... ill sr dal 603, ............................. ..................................guardarobiere, dal 603 guardarobiere di SA
...................... .......... ill sr co dal 606.......................... ..................................
A2 582 ..........1 ........ mco.............. Giovanni..............Coccapani .................Soprastante alle munizioni
A2 567-92.....26 ...... mco, ............ Guido...................Coccapani .................Fattore generale
...................... .......... illmo sr dal 582 .........................
CE 609-27 ....19 ...... sr co, illmo .. Guido...................Coccapani .................Cameriere segreto del principe
...................... .......... sr co dal 611
CE 611-4 ......4 ........ sr.................. Ercole ..................Coccapani/da Carpi ..Fattore e fattore cavalcante
CE 581-4 ......4 ........ ..................... Benedetto ............Cocchiere ..................Cocchiere
CE 610-4 ......5 ........ ms dal 611... Giacomo..............Cocco/da ...................Staffiere
CE 609-21 ....13 ...... ms ................ Giovanni..............Cocco/da/FiammingoStaffiere, dal 614 staffiere del principe
...................... .......... ..................... Alfonso
CE 609-27 ....19 ...... sr, ................ Andrea.................Codebue ....................Consigliere sino al 613, dal 614 al 616
...................... .......... illmo sr ....... ............................. ..................................consigliere e segretario di SA,
...................... .......... dal 613......... ............................. ..................................nel 617 segretario di SA, dal 618 al 626
...................... .......... ..................... ............................. ..................................consigliere di segnatura, nel 627 consigliere
...................... .......... di stato e segretario di SA
CE 626-7 ......2 ........ sr.................. Giovanni..............Codebue ....................Cameriere di SA
CE 624-7, ....21 ...... sr.................. Giovanni Battista Codebue ....................Furiere maggiore
A3 628,
F1 629-44 .....
CE 619-25 ....7 ........ sr.................. Giulio Cesare ......Codebue ....................Cameriere del principe Ippolito
A2 567-78.....12 ...... ..................... Giuseppe .............Cogrosso/tto..............Musico
LU 576-86, ..34 ...... ms ................ Leonardo .............Coiana/Caiano/ .........Garzone speziale nel 576, speziale dal 577
A2 588-97, ... .......... ..................... .............................detto Greco ...............al 584, valletto nel 586, valletto di SA
CE 598-610 .. .......... .................... ............................. ..................................dal 588 al 604, valletto e speziale dal 606 al
...................... .......... 608, valletto dal 609 al 610
CE 598-623 ..26 ...... ms ................ Giulio Cesare ......Collevati/ ..................Ricamatore, solo nel 606 rubricato come
...................... .......... Colevati/Coleva ........................ricamatore e ufficiale allarazzeria
CE 623-7 ......5 ........ ..................... Maurizio/.............Collevati/ ..................Ricamatore, sostituisce il padre Giulio Cesare
......................Maurelio.................. Colevati/Coleva
CE 610-27, ..52 ...... ms ................ Giovanni Battista Colombi ....................Suonatore, violino dal 644
A3 628,
F1 629-58,
A4 659-61 ....
A2 555-6.......2 ........ ms ................ Paolo ...................Colornio ....................Ufficiale alle legnaie e alla panetteria nel 555,
...................... .......... alle legnaie nel 556
A2 582-5.......4 ........ ms ................ Abramo ...............Colorno/Colornio/
...................... .......... ..................... .............................da/ebreo ....................
A2 562-65.....4 ........ mo ............... Antonio ...............Colorno/Colornio/da.Magistranze

A2 567-9.......3 ........ mo ...............Francesco............Colorno/Colornio/da..Magistranze


E2 550-9, .....11 ...... mo ...............Francesco ...........Colorno/Colornio/da..Speziale
A2 560 .......... .......... .....................Giovanni
A2 574-97.....24 ...... ms ................Nicola ................. Colorno/Colornio/da..Ufficiale di guardaroba
E2 558-9, .....3 ........ .....................Stefano................ Colorno/Colornio/da..Garzone di cucina
A2 560 ..........
A2 560-92.....33 ...... mo ...............Francesco............Coltrari/o/di ...............Magnano
A2 567-85.....19 ...... .....................Sebastiano........... Comacchio/da............Ufficiale di casa
A2 555-65, ...16 ...... ms ................Giovanni ............. Comini/Comino/........Scalco in tinello nel 555, sottoscalco dal 556,
LU 568-70 .... .......... ..................... ............................ de/detto Grosso .........tra scalchi e scudieri dal 560, sottoscalco dal
...................... .......... 568 al 570
LU 566-86, ..32 ...... ms, ...............Alberto................ Como/da ....................Computista sino al 586, maestro dei conti
CE 588-97 .... ......... mco dal 586. ............................ ...................................delleredit nel 588, provveditore dal 593
A2 566, .........25 ...... ms ................Gaspare ...............Como/da ....................Sopracuoco sino al 570,
LU 568-81 .... ......... ..................... ............................ ...................................castaldo a Baura nel 581
A2 574-8.......5 ........ sr..................Ercole.................. Conegrani/o ...............Tra signori e gentiluomini
E2 543-59, ...27 ...... mco..............Rodolfo ............... Conegrani/o ...............Oratore ducale a Firenze
A2 562-9.......
A2 574-92.....19 ...... ms ................Lionello............... Confortini ..................Ufficiale di guardaroba
A2 578 ..........1 ........ ms ................Ludovico............. Confortini ..................
A2 560-76.....17 ...... mo ...............Polione................ Confortini ..................Tornitore
CE 609-12 ....4 ........ ms ................Giovanni .............Conselici....................Staffiere
A2 597 ..........1 ........ don...............Paolo ................... Containo ....................Cappella e cantori
A2 582-5.......4 ........ .....................Carlo ...................Conte Guido/dal ........Staffiere
A2 560-9.......10 ...... .....................Francesco............Contessini/o/Contesino Ufficiale di casa
A2 569-90.....22 ...... mo ...............Alberto................ Conti/di/de .................Ufficiale di casa
A2 576 ..........1 ........ .....................Domenico ........... Conti/di/de .................
A2 592-7.......6 ........ ms ................Francesco............Conti/di/de .................Ufficiale di casa
CE 595-7 ......3 ........ ms dal 596...Bernardo .............Contughi ....................Ragionato e ufficiale ai libri in guardaroba
A2 574-83.....10 ...... sr..................Federico ..............Copelatti/Ceppellatti..Segretario, dal 582 segretario e
...................... .......... ..................... ............................ ...................................consigliere di giustizia
A2 558 ..........1 ........ .....................Foie .....................Core/di/Francese........Sopra li carioni di SE (carillion),
...................... .......... ..................... ............................ ...................................con un ottimo stipendio
A2 565-9.......5 ........ .....................Antonio ............... Corlese.......................
CE 623-7 ......5 ........ cav ...............Bernardo ............. Corli...........................Sottoscalco dei forestieri
A2 588-92.....5 ........ ms ................Antonio ............... Cornetto .....................Furiere
A2 597 ..........1 ........ .....................Alberto................Cornetto/dal ...............Ufficiale di casa
A2 578-97.....20 ...... .....................Filippo................. Cornetto/dal ...............Musico
A2 560-97.....38 ...... .....................Innocenzio .......... Cornetto/dal ...............Musico
A2 560-9.......10 ...... ms ................Nicola ................. Cornetto/dal ...............Musico
E2 555-9, .....38 ...... ms, ...............Ercole.................. Corno/dal ...................Ufficiale della Camera Ducale
A2 560-92..... .......... sle ms dal 569 .......................... ...................................
A2 562-69.....8 ........ mco, ............Francesco............Corno/dal ...................Consultore della Camera Ducale
...................... .......... mco ms nel 569 ........................ ...................................
E2 555-9, .....24 ...... ms, ...............Giovanni AlfonsoCorno/dal ...................Superiore alla munizione del legname
A2 560-78..... .......... sle ms dal 569 .......................... ...................................
A2 588-92.....5 ........ .....................Ludovico............. Corolese.....................Facchino
A2 597 ..........1 ........ .....................Gaspare ...............Corona .......................Marinareza
A2 597 ..........1 ........ .....................Barbara ...............Correggiari.................Famiglia della duchessa
A2 567-85.....19 ...... .....................Natale..................Corriere......................Corriere
A2 563-89.....27 ...... .....................Veneziano ........... Corriere......................Corriere
A2 567-9.......3 ........ .....................Cesare ................. Cortesi/di ...................
A2 574, ........5 ........ mco..............Ercole.................. Cortili/e......................Signori e gentiluomini sino al 574,
582-97........... ......... sr dal 582..... ........................... ...................................dal 582 oratore a Firenze
A2 565-7.......3 ........ ms ................Ippolito ............... Cortili/e......................
A2 567-9.......3 ........ ms ................Polino.................. Cortili/e......................
A2 597 ..........1 ........ .....................Francesco............Coscella .....................Magistranze
E2 547-54, ...37 ...... mco ms, .......Filippo.................Cospi/o.......................Cameriere sino al 553, dal 555 maestro di stalla
A2 555-83..... ......... sr dal 569.....
E2 547-59, ...23 ...... .....................Ludovico............. Cossa/dal ...................Portonaro
A2 560-9.......

CE 611-6 ......6 ........ .....................Orazio .................Costa..........................Sguattero sino al 613, dal 614 lavamasserizie
A2 590-2.......3 ........ ms ................Fabrizio............... Costabili.....................Ufficiale di camera
CE 609-23 ....15 ...... ms ................Pietro................... Costantini/di ..............Staffiere, dal 614 al 621 staffiere del principe
......................Alfonso, dal 622 staffiere dellInfanta
A2 555-6.......2 ........ don...............Agostino ............. Costantino/di .............Maestro dei paggi e cappellano
A2 555-60.....6 ........ .....................Baldissera ........... Credenziere................Credenziere
A2 567-9.......3 ........ .....................Cesare ................. Credenziere................Credenziere
A2 567-9.......3 ........ .....................Pandolfo.............. Credenziere................Credenziere
DA 540-81, ..45 ...... ms ................Staffirino............. Credenziere................Credenziere sino al 545, bottigliere dal 554,
CE 581-4 ...... ......... ..................... ............................ ...................................dal 581 credenziere di Violante
CE 586..........1 ........ .....................Marco ................. Crema/da/ ..................Lavamasserizie
...................... .......... ..................... ............................detto Reggiano
A2 574-88.....15 ...... ms ................Giacomo ............. Cremona ....................Ufficiale di casa
A2 592 ..........1 ........ mco sr..........Giovanni ............ Cremona ....................Consiglieri e dottori
...................... .......... .....................Francesco
CE 581-4 ......4 ........ fra ................Giovanni Battista Cremona/da ...............
A2 582-92.....11 ...... .....................Domenico ........... Cremonino .................Famiglia della duchessa
A2 592-7, .....31 ...... mo ...............Alfonso ............... Cremonino/CremonioCuoco, dal 617 cuoco del principe Alfonso
CE 598-622 ..
CE 588-603 ..16 ...... ms dal 600...Giovanni Battista Crescino/Cressino......Facchino alle camere di Leonora sino al 589,
...................... .......... nel 593-4 servo in spenderia,
...................... .......... ..................... ............................ ...................................dal 598 ai servizi del maestro di casa
A2 582-3.......2 ........ .....................Francesco............ Cresto.........................Staffiere
A2 576-97.....22 ...... ms ................Ippolito ............... Crica/Cricha...............Musico
A2 562-89.....28 ...... ms, ..............Giovanni Maria... Crispi/Crespi..............Consiglieri e dottori
...................... .......... mco sr dal 569,
...................... .......... ill sr dal 582
A2 560-92.....33 ...... .....................Domenico ........... Cristofori/o/ ...............Castaldo alla Diamantina nel 562, saltaro a
......................Cristofali/di.............Belriguardo nel 563-4, dal 565 in poi
...................... .......... ..................... ............................ ...................................tra fattori e castaldi
A2 597 ..........1 ........ .....................Gerolamo ............Cristofori/o/ ...............Fattori e castaldi
...................... .......... ..................... ............................ Cristofali/di
DA 581, .......9 ........ ms ................Bernardo ............. Crotti..........................Baglio nel 584, ai servizi nelle camere dal 588
CE 581-9 ......
CE 588-94 ....7 ........ ma................Giulia .................. Crotti..........................Dama di Leonora
A2 564-90.....27 ...... .....................Gaspare ...............Cuccone .....................Burchiarolo
A2 558-9.......2 ........ don...............Silvano................Cultri..........................Cappellano e maestro dei paggi
A2 563-90.....28 ...... .....................Bernardo ............. Cuoco.........................Cuoco
A2 555-89.....35 ...... .....................Damiano ............. Cuoco.........................Aiutante in cucina sino al 559, cuoco dal 560
A2 560-60.....1 ........ .....................Domenico ........... Cuoco.........................Cuoco
A2 568-78.....11 ...... .....................Gabriele .............. Cuoco.........................Cuoco
CE 581-4 ......4 ........ .....................Giovanni ............. Cuoco.........................Cuoco
A2 594-4.......1 ........ .....................Ippolito ............... Cuoco.........................Cuoco
A2 560-69.....10 ...... mo ...............Tonino/Tognino.. Cuoco.........................Cuoco
A2 594-4.......1 ........ .....................Veronese .............Cuoco.........................Cuoco
CE 609-25 ....17 ...... sra................Caterina............... Cuonia/da Reggio......Governante delle dame della duchessa sino
...................... .......... al 615, dal 616 governante delle dame della .............. principessa Giulia
A2 576-8.......3 ........ .....................Cesare ................. Curcioni/e/Curioni.....
E2 559, ........26 ...... ms ................Felice ..................Curcioni/e/Curioni.....Cameriere sino al 578, dal 582 sottosescalco
A2 560-85,
LU 566-86 ....
A2 578-88.....11 ...... ms ................Marco Antonio.... Curcioni/e/Curioni.....Sottosescalco dal 582
A2 574 ..........1 ........ ms ................Giovanni Maria... Dainese ......................
A2 597 ..........1 ........ .....................Vincenzo............. Dainese/Daineci.........Medico
CE 625-7 ......3 ........ ma................Margherita .......... Dandini ......................Governante delle dame della principessa Giulia
A2 560 ..........1 ........ .....................Michele ...............Davier/francese..........
CE 609-24 ....16 ...... sr, ................Febo ....................Denaglia.....................Ambasciatore residente a Roma sino al 613,
...................... .......... illmo sr ........ ............................ ...................................anche se dal 611 figura anche come consigliere, dal 610
......................dal 614 al 617 consigliere di segnatura,
...................... .......... ..................... ............................ ...................................nel 618-9 segretario di SA, dal 620 al 624
...................... .......... .....................segretario di SA e consigliere di segnatura

LU 576-86, ..22 ...... ms ................... Francesco Maria....Depintore/alias Rocha ....Dispensiere dal 577 al 586,
A2 589-97..... ......... ........................ ............................... ........................................sottosescalco dal 589
A2 597 ..........1 ........ ........................ Domenico ..............Derson/Derton ................Ufficiale di guardaroba
A2 590 ..........1 ........ ........................ Giovanni................Dicembri/Decembri/.......Ufficiale di guardaroba
...................... .......... ........................ ...............................Settembri/di/di ................
E2 555-9, .....11 ...... ........................ Giovanni Battista ..Dicembri/Decembri/.......Portonari e ai servizi
A2 560-5....... .......... ........................ ...............................Settembri/di/di ................
A2 567-97, ...48 ...... ms dal 600...... Giulio ....................Dicembri/Decembri/.......Ufficiale di guardaroba
CE 598-614 .. .......... ........................ ...............................Settembri/di/di
A2 594-4.......1 ........ sr..................... Ferdinando ............Dieferschirichei ..............Gentiluomo
E2 559, ........27 ...... sle ................... Filippo ...................Dolcetti/o/Dulcetto .........Ufficiale alle munizioni dei legnami
A2 560-85.....
A2 574-8.......5 ........ don.................. Cesare....................Dolci ...............................Musico
A2 569 ..........1 ........ ........................ Marsilio .................Domeneghini/di ..............
A2 585-9.......5 ........ ill sr ................ Giovanni................Donaligi ..........................Consiglieri e dottori
A2 560-83.....24 ...... ........................ Antonia..................Donne/dalle ....................Massara dellillmo sr nostro
A2 560 ..........1 ........ ms ................... Antonio..................Donne/dalle ....................Cameriere della s.Lucrezia
CE 612..........1 ........ mco................. Ludovico ...............Donzi ..............................Banchiere
CE 611-4 ......4 ........ ........................ Lorenzo .................Dotti................................Sguattero
A2 569 ..........1 ........ ms ................... Bartolomeo............Dozze/dalle.....................Capitano alle Porta del Barbacano
CE 617-27 ....11 ...... ........................ Pietro Giovanni .....Dozzi...............................Suonatore
CE 603-27 ....25 ...... sr, ................... Massimiliano.........Dragoni ...........................Cameriere di SA sino al 606,
...................... .......... sr cav dal 610 . .............................. ........................................dal 607 gentiluomo di SA
CE 609-16 ....8 ........ ms ................... Ascanio..................Duranti/e.........................Alla guardaroba dellInfanta
CE 609-23 ....15 ...... ma................... Barbara ..................Duranti/e.........................Assafatta dellInfanta
CE 609-27 ....19 ...... ma................... Ludovica................Duranti/e.........................Figlia di camera dellInfanta
A2 564-9.......6 ........ ms ................... Nicola ....................Duranti/e.........................Fattore a Pomposa
CE 609-27 ....19 ...... ma................... Vittoria ..................Duranti/e.........................Figlia di camera dellInfanta
DA 581, .......4 ........ ........................ Alfonso..................Durazzo/da/fatto cristiano
CE 581-4 ......
CE 581-4 ......4 ........ ........................ Leone.....................Ebreo...............................Maestro di ballo
A2 560-82.....23 ...... mo .................. Giacomo ................Emarquand/ ....................Orologiaio
...................... .......... ........................ ...............................Emarquandi/Emarguatti/
...................... .......... ........................ ...............................Marquatti/Svizzero
A2 560-82.....23 ...... mo .................. Giovanni................Emarquand/ ....................Orologiaio
...................... .......... ........................ ...............................Emarquandi/Emarguatti/
...................... .......... ........................ ...............................Marquatti/Svizzero .........
CE 606-7 ......2 ........ ms ................... Giovanni................Enrichi ............................Ragionato della camera dei conti
A2 592 ..........1 ........ sr..................... Giovanni Battista ..Erri..................................Scalco
CE 609-27 ....19 ...... sermo sr prin .. Alfonso..................Este/da ............................Principe
CE 609-27, ..53 ...... eccma suor ..... Angela Caterina ....Este/da ............................Suora
A3 628,
F1 629-58,
A4 659-61 ....
CE 626-7 ......2 ........ eccmo pri........ Borso .....................Este/da ............................Principe
A2 590-2.......3 ........ ill sr ................ Filippo ...................Este/da/ ...........................Signori e gentiluomini
...................... .......... ........................ ...............................Marchese di San Martino
CE 626-7 ......2 ........ eccmo pri........ Foresto...................Este/da ............................Principe
CE 610-27 ....18 ...... eccma sra prin Giulia.....................Este/da ............................Principessa
CE 619-27 ....9 ........ sermo sr prin .. Ippolito ..................Este/da ............................Principe
CE 609-26 ....18 ...... serma infa....... Isabella ..................Este/da ............................Moglie del principe Alfonso
CE 586-98 ....13 ...... sra................... Laura .....................Este/da ............................Dama della principessa Virginia
CE 610-27 ....18 ...... eccmo sr don .. Luigi ......................Este/da ............................Principe
CE 619-27 ....9 ........ eccmo sr pri.... Nicola ....................Este/da ............................Principe
A2 582-5.......4 ........ sr..................... Nicola ....................Evangelisti ......................Cameriere
A2 588-97.....10 ...... ........................ Ercole ....................Fabbri/o/Fabri/................Famiglia della duchessa
A2 560-83.....24 ...... ms ................... Simone ..................Fabbri/o/Fabri/................Valletto
A2 560 ..........1 ........ ........................ Domenico ..............Fabbri/o/Fabri/di/dal Finale
CE 615-27 ....13 ...... ms dal 609...... Alessandro.............Fabi .................................Staffiere
A2 585-9.......5 ........ ill sr ................ Ubertino ................Fabriani...........................Consiglieri e dottori

A2 562-78.....17 ...... .................... Agostino ..................... Facchino ................Facchino alla legnaia grande
A2 597 ..........1 ........ .................... Andrea........................ Facchino ................Facchino alla guardaroba della famiglia
...................... .......... .................... .................................... ...............................di madama
A2 568-85.....18 ...... .................... Bartolomeo................. Facchino ................Facchino al furlone
A2 563-78.....16 ...... .................... Bernardo..................... Facchino ................Facchino al furlone
A2 564-8.......5 ........ .................... Biagio ......................... Facchino ................Facchino al furlone
A1 532-3, .....29 ...... .................... Bonmartino................. Facchino ................Facchino alla legnaia grande
E2 534-59,
A2 560 ..........
A1 521-33, ...36 ...... .................... Domenico ................... Facchino ................ Facchino alla credenza sino al 554,
E2 534-54, ... .......... .................... .................................... ...............................in cucina nel 555-6
A2 555-6.......
A2 562-94.....33 ...... .................... Filippo ........................ Facchino ................Facchino in spenderia
E2 535-54, ...42 ...... .................... Francesco ................... Facchino ................Facchino in guardaroba alla biancheria
A2 555-76.....
A2 562-96.....35 ...... .................... Giacomo ..................... Facchino ................Facchino al furlone
A2 592 ..........1 ........ .................... Giovanni Battista ....... Facchino ................Facchino in spenderia
E2 558-9, .....6 ........ .................... Giovanni Francesco ... Facchino ................Facchino in guardaroba
A2 560-3.......
A2 555-67.....13 ...... .................... Giovanni Maria .......... Facchino ................Facchino alla credenza
CE 598..........1 ........ .................... Giulio ......................... Facchino ................Facchino alle camere di SA e in guardarobetta
A2 588-92.....5 ........ .................... Giuseppe..................... Facchino ................Facchino alla credenza
A2 555-6.......2 ........ .................... Ippolito ....................... Facchino ................Facchino alla credenza
A2 562-3.......2 ........ .................... Ludovico .................... Facchino ................Facchino in guardaroba
A2 560-5.......6 ........ .................... Marco ......................... Facchino ................Facchino alle camere
A2 567-9.......3 ........ .................... Marco Antonio ........... Facchino ................Facchino in guardaroba
E2 559, ........3 ........ .................... Martino....................... Facchino ................Facchino ai lumi e alle lucerne
A2 560 ..........
A2 555 ..........1 ........ .................... Matteo ........................ Facchino ................Facchino alla biancheria
A2 564-85.....22 ...... .................... Nicola ......................... Facchino ................Facchino in guardaroba
A2 576 ..........1 ........ .................... Pietro .......................... Facchino ................Facchino alla credenza
A2 568-9.......2 ........ .................... Pietro Antonio............ Facchino ................Facchino in bottiglieria
A2 568-9.......2 ........ .................... Pirino.......................... Facchino ................Facchino alla grassa
A2 563-8.......6 ........ .................... Rimedio...................... Facchino ................Facchino alla grassa
A2 565-78.....14 ...... .................... Ruggero...................... Facchino ................Facchino in bottiglieria
E2 536-59, ...34 ...... .................... Senese......................... Facchino ................Facchino alle tappezzerie
A2 560-9.......
E2 544-59, ...49 ...... .................... Stefano ....................... Facchino ................Facchino alla grassa di corte
A2 560-92.....
A1 532-3, .....45 ...... .................... Tommaso.................... Facchino ................Facchino alla legnaia di corte
E2 534-59,
A2 560-76.....
DA 581, .......14 ...... ma............... Anna ........................... Facci/di ..................Donzella governante nel 584,
CE 581-94 .... .......... .................... .................................... ...............................dal 588 dama di Leonora
A2 578-97.....20 ...... sr................. Antonio....................... Facci/di ..................Fattori e altri delle possessioni nel 597
A2 582-90.....9 ........ .................... Michele....................... Fadi........................Staffiere
A2 597 ..........1 ........ .................... Giovanni..................... Fadrino ..................Paggi e valletti
A2 597 ..........1 ........ .................... Giuseppe..................... Fadrino ..................Paggi e valletti
A2 596 ..........1 ........ .................... Bartolomeo................. Fagotto...................
CE 594-5 ......2 ........ .................... Carlo........................... Falano ....................Servo in spenderia
A2 582-92.....11 ...... ma............... Giacoma ..................... Falconcina .............Legatari della gi madama Leonora
A2 560-9.......10 ...... .................... Consente..................... Falconiere ..............Falconiere
A2 567-9.......3 ........ .................... Morgante .................... Falconiere ..............Falconiere
A2 582 ..........1 ........ .................... Santo........................... Falconiere ..............Falconieri e cagnattieri
A2 555-85.....31 ...... .................... Tortello....................... Falconiere ..............Falconieri
E2 550-9, .....15 ...... mco ms ....... Gerolamo.................... Faletti/o..................Dal 559 oratore ducale al Senato Veneto
A2 560-4.......
A2 585-90.....6 ........ ms ............... Francesco ................... Falotti ....................Ufficiale di stalla
CE 586..........1 ........ .................... Camillo....................... Famiglio ................Famiglio
A2 560 ..........1 ........ .................... Cesare......................... Famiglio dei paggi.Servitore dei paggi
A2 562-8.......7 ........ .................... Domenico ................... Famiglio dei paggi.Servitore dei paggi

A2 560-2.......3 ........ .......................Giuliano ............. Famiglio dei paggi ......Servitore dei paggi
A2 582-97.....16 ...... .......................Alfonso .............. Fanano/da ....................Valletto della duchessa
A2 564-97.....34 ...... .......................Ippolito............... Fanano/da ....................Servitore dei paggi
A2 597 ..........1 ........ .......................Guglielmo .......... Fanber..........................Cameriere
A2 576-8.......3 ........ .......................Ercole................. Fano/da........................
E2 558-9, .....2 ........ ms ..................Tristano .............. Fano/Fani/di/da ...........Ufficiale di guardaroba
A2 560-9 ......
CE 598-615 ..18 ...... ms dal 603, ...Alessandro ......... Fanti/Fante/del ............Garzone in camera dei conti sino al 604,
...................... .......... mco dal 610... ........................... .....................................dal 605 ragionato nella medesima
CE 598-606 ..9 ........ ma..................Beatrice .............. Fanti/Fante/del ............Alle saponate di madama nel 598, dal 599
...................... .......... alle saponate di madama e SA
CE 581-622 ..42 ...... ms, ................Francesco ........... Fanti/Fante/del ............Ragionato della camera dei conti nel 584,
...................... .......... mco dal 589, . ........................... .....................................dal 588 al 597 maestro dei conti, dal 598
...................... .......... sr dal 604....... .......................... .....................................al 600 maestro dei conti delle possessioni,
...................... .......... nel 603 maestro del conto, nel 604 massaro .................. ed esattore della Camera Ducale, nel 606-7
...................... .......... ....................... ........................... ..................................... maestro del conto, nel 609 maestro del
...................... .......... ....................... ........................... conto e massaro della Camera Ducale,
...................... .......... ....................... ........................... .....................................dal 610 maestro dei conti
CE 597-620 ..24 ...... ma..................Ippolita............... Fanti/Fante/del ............Sottodama della duchessa sino al 606,
...................... .......... ....................... ........................... .....................................dal 607 dama della medesima,
...................... .......... ....................... ........................... .....................................dal 616 dama della principessa Giulia
CE 621-7 ......7 ........ ma..................Isabella............... Fanti/Fante/del ............Balia del principe Alfonso
A2 576-92.....17 ...... mco sr............Achille................ Fantini .........................Consiglieri e dottori
CE 581-4, ....6 ........ .......................Giorgio............... Fantino.........................Famiglio allIsola
586................
CE 581-4, ....6 ........ .......................Aurelio ............... Farina...........................Staffiere
586................
A2 574 ..........1 ........ don.................Ippolito............... Farolfo .........................Cappella e musici
CE 586, ........7 ........ .......................Giovanni BattistaFassolo ........................Garzone di cucina
A2 592-7.......
RE 531-60, ..43 ...... ms ..................Gerolamo ........... Fattorino/Fatturin/ .......Valet de pied sino al 540, huissier de salle
DA 546-7, .... .......... ....................... ........................... detto Fattorino/francese e valet de pied nel 541-2, dal 544 huissier
A2 555-74..... .......... ...................... ........................... .....................................de salle nella corte della duchessa Renata,
...................... .......... maestro di ballo in quelle di don Alfonso e ................... Alfonso II
CE 620-7 ......8 ........ sr....................Paolo .................. Favalotto......................Notaio e cancelliere della Camera Ducale
E2 555-9, .....8 ........ .......................Giovanni ............ Faveriano/Saveriano....Staffiere
A2 560-2.......
A2 594-4.......1 ........ .......................Ercole................. Favero..........................Usciere
A2 597 ..........1 ........ .......................Cesare ................ Fazi/di..........................Consigliere di segnatura
A2 563-92.....30 ...... .......................Francesco ........... Felice ...........................Servitore dei paggi
A2 582-5.......4 ........ ms ..................Juves .................. Felonfante/da...............Falconieri e cagnattieri
A2 597 ..........1 ........ .......................Antonio Maria.... Fenaqua .......................Falconieri e cagnattieri
A2 567 ..........1 ........ .......................Angelo................ Fenchella .....................
CE 596-7 ......2 ........ .......................Domenico........... Fenici...........................
A2 560 ..........1 ........ .......................Giovanni BattistaFeracioso .....................
A2 582-92.....11 ...... ms ..................Carlo .................. Feri/di ..........................Valletto
A2 555-6.......2 ........ ms ..................Manuele ............. Ferini ...........................Ufficiale alle farine
A1 528-33, ...35 ...... mco ms ..........Orazio ................ Fermo/da .....................Cameriere sino al 535,
E2 534-59, ... .......... ....................... ........................... .....................................dal 536 maestro di stalla
A2 560-2.......
A2 588-90.....3 ........ ms ..................Ambrogio........... Ferr/da Ferrara...........Cappella e cantori
E2 542-59, ...55 ...... ms ..................Michele .............. Ferr/da Ferrara...........Musico
A2 560-96.....
E2 542-59, ...51 ...... .......................Antonio Maria.... Ferrag/u/Ferragri .......Falconiere
A2 560-92.....
CE 609-10 ....2 ........ .......................Matteo ................ Ferraguti ......................Facchino alle camere delle dame dellInfanta
A2 583-97.....15 ...... .......................Alessandro ......... Ferrara/da ....................Garzone in cucina

E2 558-9, .....40 ..... ms ..............Antonio Maria.........Ferrara/da.................. Staffiere sino al 578, dal 582 ufficiale
A2 560-97..... ........ ................... ................................ .................................. di casa, nel 594 credenziere
A2 555-6.......2 ....... ...................Bartolomeo .............Ferrara/da.................. Servitore dei paggi
A2 560 ..........1 ....... ...................Ercole......................Ferrara/da..................
A2 568-83.....16 ..... ...................Gerolamo ................Ferrara/da.................. Garzone in cucina
A2 563-5.......3 ....... ...................Giacomo..................Ferrara/da..................
E2 558-9, .....3 ....... ...................Giovanni Battista ....Ferrara/da.................. Staffiere
A2 560 ..........
A2 585-96.....12 ..... ...................Lorenzo...................Ferrara/da.................. Facchino
A2 555-6.......2 ....... ...................Ludovico.................Ferrara/da.................. Cantiniere in tinello
E2 558-9, .....3 ....... ...................Nicola......................Ferrara/da.................. Staffiere
A2 560 .......... .........
CE 603..........1 ....... ...................Pellegrino................Ferrara/da.................. Sguattero
CE 609-11 ....3 ....... ...................Romano...................Ferrara/da.................. Sguattero
A2 590-2.......3 ....... ...................Tommaso ................Ferrara/da.................. Sopracuochi e cuochi
CE 627..........1 ....... sra ..............Antonia ...................Ferrari/di ................... Ai servizi della principessa Giulia
CE 624-7 ......4 ....... sr dot..........Antonio ...................Ferrari/di ................... Ambasciatore residente alla corte
...................... ......... ................... ................................ .................................. di S.M.Cattolica
CE 586..........1 ....... ...................Domenico................Ferrari/di ................... Staffiere
CE 612-6 ......5 ....... ms ..............Francesco ................Ferrari/di ................... Staffiere, dal 614 staffiere del principe Luigi
CE 609-19 ....11 ..... ms ..............Giacomo..................Ferrari/di ................... Staffiere, dal 614 staffiere del principe
...................... ......... ...................Alfonso
CE 609-14, ..12 ..... sr................Giacomo..................Ferrari/di ................... Residente in Spagna
619-24...........
CE 625-7 ......3 ....... ms ..............Ippolito....................Ferrari/di ................... Bottigliere di SA
CE 607-21 ....15 ..... sra ..............Lucrezia ..................Ferrari/di ................... Dama della duchessa sino al 616, dal 617
...................... ......... ...................dama donore della principessa Giulia
A2 597 ..........1 ....... ...................Rossano...................Ferrari/di ................... Fattori e altri delle possessioni
A2 569-90.....22 ..... ms ..............Camillo ...................Ferrari/Ferrazzo/de/diUfficiale in Camera Ducale
A2 574-83.....10 ..... ms ..............Ercole......................Ferrari/Ferrazzo/de/diFattori e castaldi
LU 558-9, ....17 ..... ms ..............Giacomo..................Ferrari/Ferrazzo/de/diAlla decima di Copparo nel 558-9,
A2 560-74..... ........ ................... ................................ .................................. castaldo a Copparo sino al 562,
...................... ......... ................... ................................ .................................. dal 563 alla Diamantina
E2 558-9, .....21 ..... ...................Giovanni .................Ferrari/Ferrazzo/de/diUfficiale in tinello
A2 560-78.....
A2 576-83.....8 ....... ...................Romano...................Ferrari/Ferrazzo/de/diFattori e castaldi
A2 592-7.......6 ....... ms ..............Serafino...................Ferrari/Ferrazzo/de/diUfficiale di guardaroba
E2 547-59, ...14 ..... ...................Camillo ...................Ferrarini/o/ferrini ...... Cuoco
A2 560 ..........
CE 598..........1 ....... ...................Cornelio ..................Ferrarini/o/Ferrini ..... Facchino dello spenditore
E2 535-59, ...40 ..... mo..............Giovanni Andrea ....Ferrarini/o/Ferrini ..... Cuoco
A2 560-74.....
A2 585-90.....6 ....... ms ..............Giovanni Paolo .......Ferrarini/o/Ferrini ..... Ufficiale di stalla
A2 583-97, ...18 ..... ...................Taddeo ....................Ferrarini/o/Ferrini ..... Facchino in dispensa
CE 598-600 ..
CE 609-27, ...37 ..... rdo don ......Guido ......................Ferretti....................... Cappellano dellInfanta
A3 628,
F1 629-45 .....
CE 581-4, ....5 ....... ms ..............Carlo .......................Ferri........................... Maestro di ballo nel 584, ricompare nel 597
597................ ......... ................... ................................ .................................. come maestro di ballo dei signorini
CE 593-604 ..12 ..... ma dal 594.Ludovica .................Ferri........................... Donna governante dei signorini sino al 597,
...................... ......... dal 598 governante delle principesse
DA 581, .......4 ....... ...................Pietro.......................Ferri........................... Servo alla credenza
CE 581-4 ......
CE 581-4 ......4 ....... mco ...........Tommaso ................Ferri........................... Governante di Alessandro
...................... ......... rdo don
CE 607-12 ....6 ....... ms ..............Giovanni Battista ....Ferri/da Reggio ......... Credenziere
A2 582-97.....16 ..... don.............Ercole......................Ferrini/Farini/Ferino . Cappella e cantori
A2 585 ..........1 ....... ms ..............Ercole......................Fervieri...................... Ufficiale di stalla
CE 581-4 ......4 ....... ...................Bernardo .................Fiamma ..................... Staffiere
A2 576-8.......3 ....... ...................Sigismondo .............Fiamma .....................

CE 596-7 ......2 ........ ................... Adriano................. Fiammingo ................. Magnano


A2 560-76.....17 ...... ................... Athiene ................. Fiammingo ................. Musico
A2 589-97.....9 ........ don............. Claudio ................. Fiammingo ................. Cappella e cantori
E2 559, ........11 ...... ................... Giovanni Maria .... Fiammingo ................. Cantore
A2 560-9.......
E2 558-9, .....10 ...... ms .............. Guglielmo............. Fiammingo ................. Cantore
A2 560-7.......
E2 558-9, .....3 ........ ms .............. Martino................. Fiammingo ................. Cantore
A2 560 ..........
E2 539-59, ...45 ...... mco ms, ..... Alessandro............ Fiaschi/Fieschi/ .......... Cameriere sino al 563, oratore dal re di
A2 560-83..... .......... sr dal 564, . .............................. Felischi/Fleschi/ ......... Francia nel 564, dal 565 cameriere,
...................... .......... mco sr dal 567, ........................ Fiaschino .................... dal 582 nella famiglia della duchessa
...................... .......... mco cav dal 569 ....................... ....................................
E2 543-59, ....18 ...... ms .............. Cesare................... Fiaschi/Fieschi/ .......... Cameriere
A2 560 .......... .......... ................... .............................. Felischi/Fleschi/Fiaschino
A2 574-97.....24 ...... sr................ Galeazzo............... Fiaschi/Fieschi/ .......... Nella famiglia della duchessa nel 597
...................... .......... ................... .............................. Felischi/Fleschi/Fiaschino
E2 542-7, .....53 ...... ms, ............. Vincenzo .............. Fiaschi/Fieschi/ .......... Cameriere
A2 555-94..... ......... sr dal 569... .............................. Felischi/Fleschi/Fiaschino
A2 588-97.....10 ...... ms .............. Bartolomeo........... Ficcia/Fiera ................ Cappella e cantori
A2 597 ..........1 ........ co............... Cristoforo ............ Fiessi .......................... Gentiluomo
A2 582-8.......7 ........ ................... Gregorio ............... Figaro ......................... Fattori e castaldi
CE 587-597 ..11 ...... ................... Bartolomeo........... Figura ......................... Facchino alla credenza sino al 588,dal 593
...................... .......... servo alla credenza della signora
E2 543-54, ...34 ...... ................... Giovanni Maria .... Filippi/Felipi/di .......... Falconiere
A2 555-76.....
A2 588-90.....3 ........ ms .............. Virgilio ................. Filippi/Felipi/di .......... Ufficiale di guardaroba
A2 592-7.......6 ........ ................... Antonio................. Finetto ........................ Famiglia della duchessa
E2 555-9, .....15 ...... ms .............. Carlo..................... Fini/Fino/de................ Ufficiale della Camera Ducale
A2 560-9.......
A2 567-9.......3 ........ mco, .......... Francesco Maria... Fini/Fino/de
...................... .......... mco sr dal 569..........................
A2 562-9.......8 ........ ms .............. Gerolamo.............. Fini/Fino/de................
A2 597 ..........1 ........ ................... Michele................. Fini/Fino/de................ Musici e cantori
E2 550-9, .....20 ...... sle ms ........ Pietro Maria.......... Fini/Fino/de................ Ufficiale della Camera Ducale sino al 557,
A2 560-9....... ......... ................... .............................. .................................... dal 558 al 560 maestro dei conti della camera
......................ducale, tesoriere nel 562, dal 563 maestro .............................. dei conti
A2 569 ..........1 ........ ms .............. Taddeo.................. Fini/Fino/de................
A2 585 ..........1 ........ ms .............. Francesco.............. Finon/dal .................... Ufficiale di camera
CE 581-4 ......4 ........ ................... Giacomo ............... Finotto ........................ Staffiere della signora
A2 555-78.....24 ...... ms dal 569. Giovanni............... Fiorano/da .................. Maestro di scherma dei paggi
A2 582-97.....16 ...... ms dal 592. Alessandro............ Fioravanti ................... Staffiere sino al 594, poi usciere
A2 560 ..........1 ........ ................... Biagio ................... Fiore/dal ..................... Facchino alle cantine
CE 598-600 ..3 ........ sr dal 599... Giovanni Matteo .. Fiore/del .....................
A2 560 ..........1 ........ ................... Francesca.............. Fiorentina ................... Servitrice
A2 560 ..........1 ........ ................... Mana..................... Fiorentina ................... Servitrice
A2 574-8.......5 ........ ms .............. Agostino ............... Fiorentino...................
A2 560 ..........1 ........ ................... Chino .................... Fiorentino...................
CE 587-9 ......3 ........ ................... Martino................. Fiorentino................... Mulattiere
CE 593-6 ......4 ........ ................... Matteo .................. Fiorentino................... Mulattiere
CE 581-95 ....15 ...... ................... Sebastiano ............ Fiorentino................... Mulattiere
CE 595-6 ......2 ........ ................... Stefano ................. Fiorentino................... Mulattiere
A2 562-9.......8 ........ ms dal 569. Ippolito ................. Fiorini/o...................... Scalchi e scudieri
A2 569-97.....29 ...... don............. Ippolito ................. Fiorini/o...................... Musico
CE 616-22 ....7 ........ ................... Pietro .................... Fiorisi ......................... Lavamasserizie nel 616,
...................... .......... ................... .............................. .................................... dal 617 lavamasserizie nelle cucine
...................... .......... ................... .............................. .................................... del principe Alfonso
A2 585-97, ...25 ...... ms .............. Ercole ................... Fiornovelli/o/.............. Cancelliere
CE 598-609 .. .......... ................... .............................. Fiorenovelli/o/di.........

A1 530-3, .....17 ...... ms .............. Giovanni Maria ...Fiornovelli/o/ .............. Ufficiale di casa (spenderia e grassa)
E2 534-59, ... .......... ................... ............................. Fiorenovelli/o/di
A2 560-76..... .......... ...................
A2 555-85.....31 ...... ms .............. Pietro ................... Fiornovelli/o/ .............. Sottospenditore sino al 556, spenditore dal 558
...................... .......... ................... ............................. Fiorenovelli/o/di
A2 590-7, .....36 ...... ms, ............. Scipione............... Fiornovelli/o/ .............. Ufficiale in dispensa sino al 603,
CE 598-625 .. .......... mco dal 604, ........................... Fiorenovelli/o/di ......... dal 604 dispensiere
...................... .......... sr dal 609 .. ............................. ....................................
CE 603-4 ......2 ........ rdo don ...... Valerio................. Fiornovelli/o/ .............. Cappellano di SA
...................... .......... ................... ............................. Fiorenovelli/o/di
CE 606-10 ....5 ........ ................... Melchiorre ...........Flighero/da Groslocan Orologiaio
CE 599-624 ..26 ...... sr................ Cesare..................Florio .......................... Ambasciatore residente presso la corte
...................... .......... ................... ............................. .................................... di S.M.Cesarea
DA 563-7, ....25 ...... ms .............. Francesco............. Florio .......................... Computista ragionato di don Alfonso,
A2 574-92, ... .......... ................... ............................. .................................... ufficiale della Camera Ducale di Alfonso II,
CE 597.......... ......... ................... ............................. .................................... contista di Cesare
A2 560 ..........1 ........ ms .............. Ippolito ................Florio .......................... Ufficiale di casa agli uffici di bocca (spenderia,
...................... .......... cantine, credenza, grassa, farine, granai)
CE 604-9 ......6 ........ ecc sr dot ... Sigismondo.......... Florio .......................... Ufficiale in libreria
A2 582-92.....11 ...... sr................ Valentino .............Florio .......................... Agente presso la corte cesarea
A2 583-94.....12 ...... ill sr co....... Alfonso................Fogliani/o.................... Cameriere
A2 564, 569..2 ........ mco co, ..... Gaspare................Fogliani/o.................... Oratore ducale alla corte di Savoia nel 564,
...................... .......... ill co nel 569 ........................... ................................... ricompare oratore alla corte del re di Francia
...................... .......... nel 569
CE 625-7, .....20 ...... ................... Pellegrino ............Fogliani/o.................... Staffiere del principe Ippolito nel 625,
A3 628, ......... .......... ................... ............................. .................................... staffiere del principe Nicol nel 626-7,
F1 629-44 ..... ......... ................... ............................. .................................... in bottiglieria nel 644
A2 574-8.......5 ........ rdo ............. Ercole ..................Folengo....................... Cappellani e cantori
A2 560-62.....1 ........ don............. Giovanni Agostino ................................... Foligno/Fuligno/da Musici
A2 590-2.......3 ........ sr................ Ferdinando...........Fonbolenstan .............. Cameriere
A2 562-78.....17 ...... ms .............. Ercole .................. Fontana .......................
A2 560 ..........1 ........ ................... Eredi ....................Fontana ....................... Marinareza
A2 585-92.....8 ........ ms .............. Fabrizio ............... Fontana ....................... Ufficiale di camera
E2 535-59, ...38 ...... ................... Giacomo .............. Fontana ....................... Capitano del porto di San Paolo,
A2 560-97..... ......... ................... ............................. .................................... dal 585 subentrano gli eredi
A2 585-97.....13 ...... rdo mons.... Giovanni.............. Fontana ....................... Agente a Milano, dal 592 tra consiglieri e
...................... .......... ................... dottori, nel 597 consigliere di segnatura e vescovo di Ferrara
A2 569 ..........1 ........ mco............ Ippolito ................ Fontana ....................... Consultore della Camera Ducale
CE 625-7, .....20 ...... sr prev,....... Roberto................Fontana ....................... Ambasciatore residente a Milano
A3 628, ........ .......... sr abate nel 644
F1 629-44 ..... ..........
A2 588-97, ...57 ...... ill sr co....... Alfonso................ Fontanelli/a/o/nela...... Tra i signori e gentiluomini di Alfonso
CE 598,......... .......... ................... ............................. .................................... sino al 597, maestro di camera di Cesare
A2 588-97,
CE 598-627,
A3 628, F1
629-44 .......... ..........
CE 603-12 ....10 ...... sr................ Fulvio ..................Fontanelli/a/o/nela...... Fattore a Morana
CE 619-26 ....8 ........ sr................ Giulio...................Fontani........................ Cameriere del principe Nicol
A2 597 ..........1 ........ ................... Lionello ............... Forlino ........................ Ufficiale di guardaroba
A1 523-33, ...40 ...... ms .............. Vincenzo ............. Formica/Formiga ........ Cavalcatore
E2 534-59,
A2 560-2.......
A2 555-9.......5 ........ mo ............. Tommasino.......... Fornaio........................ Fornaio
A2 574 ..........1 ........ ms .............. Pietro ................... Fornasini/o..................
A2 582-97.....16 ...... ................... Stefano................. Fornasini/o.................. Famiglia della duchessa
A2 585-97.....13 ...... mo ............. Achille .................Forni/Dal Forno.......... Cuoco della famiglia della duchessa
CE 609-27 ....19 ...... sra.............. Barbara ................ Forni/Dal Forno.......... Ai servizi dellInfanta
CE 609..........1 ........ sra.............. Caterina ...............Forni/Dal Forno.......... Dama dellInfanta
A2 555-6, .....16 ...... ms, ............. Curzio.................. Forni/Dal Forno.......... Cameriere nel 555-6, riappare nel 576
576-89........... ......... mco ms dal 576 ....................... .................................... maestro di campagna
A2 562-4.......3 ........ ms ................ Gerolamo .............Forni/Dal Forno ..........
CE 609-12 ....4 ........ sr cav ........... Teofilo .................Forni/Dal Forno .......... Cameriere segreto del principe
A2 589-97.....9 ........ ..................... Tommaso.............Fornieri/Forieri ........... Cagnattiero
CE 609-27 ....19 ...... ms ................ Geminiano ...........Foscardi/Fuscardi........ Staffiere sino al 617, dal 618 bottigliere del
......................principe Alfonso
CE 598-614 ..17 ...... illmo sr ........ Annibale ..............Foschiera..................... Fattore generale, almeno sino al 607
A2 574 ..........1 ........ mco ms ........ Felice ...................Fosco...........................
A2 569-74.....6 ........ ..................... Giovanni ..............Fr/di...........................
CE 621-7, ....24 ...... ms, ............... Alfonso ................Frambana .................... Corriere sino al 627, computista nella
A3 628, ........ .......... mco nel 644. .................................................................. camera dei conti nel 644
F1 629-44 ..... .........
CE 598-627 ..30 ...... ms dal 603... Annibale ..............Frambana .................... Corriere
CE 627..........1 ........ ms ................ Francesco.............Frambana .................... Corriere, figlio di Annibale
CE 593-7 ......5 ........ ..................... Cesare ..................Francesconi/e/di.......... Staffiere
A2 555-6.......2 ........ ..................... Adriano................Francese ...................... Servitore dei paggi
A2 594-4.......1 ........ mons............ Beliardo ...............Francese ...................... Cacciatore
CE 598-600 ..3 ........ ..................... Benedetto.............Francese ...................... Facchino alla credenza
DA 581, .......4 ........ ..................... Didir.....................Francese ...................... Garzone di cucina
CE 581-4 ......
E2 547-59, ...14 ...... ..................... Francese...............Francese ...................... Famiglio dei cani
A2 560 ..........
A2 560-69.....10 ...... ..................... Giacomo ..............Francese ...................... Facchino
A2 594-4.......1 ........ ..................... Giacomo ..............Francese ...................... Sottosescalco ducale
A2 555-9.......5 ........ ms ................ Gian .....................Francese ...................... Maestro di canto dei paggi
A2 567 ..........1 ........ ..................... Giovanni ..............Francese ......................
CE 581-4 ......4 ........ ms ................ Giovanni ..............Francese ...................... Valletto di camera della signora
A2 560 ..........1 ........ ..................... Ippolito ................Francese ...................... Al tinello delle damigelle
A2 569-85.....17 ...... ..................... Natale...................Francese ...................... Garzone di cucina
A2 558 ..........1 ........ ..................... Pietro ...................Francese ...................... Facchino alle camere
A2 558-74.....17 ...... ..................... Ren/Benon.........Francese ...................... Staffiere
A2 578-83.....6 ........ mo ............... Simone.................Francese ...................... Magistranze
A2 592 ..........1 ........ mo ............... Vincenzo..............Francese ...................... Magistranze
CE 581-4 ......4 ........ mco.............. Antonio................Franchi/o/di................. Consindaco
A2 592-7.......6 ........ ..................... Francesco.............Franchi/o/di................. Facchino
E2 558, ........26 ...... ms,............... Giovanni .............Franchi/o/ .................... Ufficiale di casa (spenderia, panetteria e
A2 560-83..... ......... sr dal 583..... Francesco.............di/da Bologna.............. grassa), nella famiglia della duchessa dal 583
CE 588-622 ..35 ...... ms ................ Ludovico..............Franchi/o/di................. Ufficiale al tinello degli uomini sino al 597,
......................dal 598 ufficiale di sala
A2 585-97.....13 ...... ..................... Romano ...............Franchi/o/di................. Ufficiale in tinello
CE 597-627 ..31 ...... ..................... Giovanni ..............Franchini/a/Franchi/di. Facchino in guardaroba
A2 568-97.....30 ...... ms ................ Antonio................Francolino ................... Sottosescalco sino al 592, trinciante nel 594
A2 563 ..........1 ........ ..................... Fabrizio................Frange .........................
A2 583-8.......6 ........ ms ................ Paolo....................Freda ........................... Ufficiale di camera
A2 588-92.....5 ........ ..................... Tommaso.............Fregatti ........................ Ufficiale in tinello
A2 592 ..........1 ........ ms ................ Giacomo ..............Frigeri/Frigerio/Frigiero Ufficiale di stalla
A2 582-97.....16 ...... ms ................ Innocenzio ...........Frigeri/Frigerio/Frigiero Ufficiale di stalla
A2 558-78.....21 ...... ms dal 569... Vincenzo..............Frigeri/Frigerio/ .......... Ufficiale di stalla
...................... .......... ..................... .............................Frigiero/Frugeri
A2 582-5.......4 ........ ms ................ Vincenzo..............Fronti........................... Cappella e cantori
A2 562-69.....8 ........ ms ............... Alessandro...........Fucci/Fuccio................
A2 564-76.....13 ...... ms ................ Ercole...................Fucci/Fuccio................ Ufficiale di camera
CE 586-9, ....7 ........ ms ................ Ippolito ................Fucci/Fuccio................ Contista sino al 588, ufficiale al conto
A2 590-2....... ......... ..................... .................................................................. generale nel 589, ufficiale della camera
...................... .......... ..................... ducale di Alfonso II
A2 562-76.....15 ...... ..................... Ludovico..............Fucci/Fuccio................ Scalchi e scudieri
A2 582-3.......2 ........ sr.................. Antonio................Funecho....................... Cameriere
A2 576 ..........1 ........ ..................... Antonio Maria .....Furaga .........................
E2 553-9, .....13 ...... ms ................ Ettore ...................Furlano ........................ Camerieri
A2 560-5.......
CE 586-7 ......2 ........ ..................... Giuseppe..............Furlano ........................ Facchino

A2 588-92.....5 ...... sr co ...........Francesco...............Fusignani .................... Signori e gentiluomini


A2 560 ..........1 ...... ...................Domenico ..............Gabaneli......................
A2 596 ..........1 ...... ...................Cesare ....................Gaboto ........................
A2 597 ..........1 ...... ...................Alessandro .............Gabrielli...................... Cameriere
CE 625-7 ......3 ...... ...................Battista...................Gagliardi/Gaiardi/....... Falconiere
...................... ........ ................... ...............................Gaiardino/figlio di Federico
A2 594, ........29 .... ms ..............Federico .................Gagliardi/Gaiardi/....... Falconiere
CE 598-625 .. ........ ................... ...............................Gaiardino ....................
CE 609..........1 ...... ...................Fiora.......................Gagliardi/Gaiardi/....... Serva della balia di don Foresto
...................... ........ ................... ...............................Gaiardino
CE 588-615 ..28 .... ms dal 612 .Fioravante ..............Gagliardi/Gaiardi/....... Sguattero sino al 589, dal 593 al 613 garzone
......................Gaiardino ............in cucina, cuoco dei forestieri nel 614-5
CE 618-27 ....10 .... ...................Francesco...............Gagliardi/Gaiardi/....... Falconiere
...................... ........ ................... ...............................Gaiardino/fratello di Maurelio
CE 593-7 ......5 ...... ms ..............Giovanni Battista...Gagliardi/Gaiardi/....... Dispensiere
...................... ........ ................... ...............................Gaiardino
E2 547-59, ...10 .... ...................Maurizio/Maurelio.Gagliardi/Gaiardi/....... Falconiere
A2 560-9....... ........ ................... ...............................Gaiardino ....................
CE 616-8 ......3 ...... ...................Maurizio/Maurelio.Gagliardi/Gaiardi/....... Falconiere
...................... ........ ................... ...............................Gaiardino/figlio di Scipione
A2 588-97, ...24 .... ms ..............Scipione .................Gagliardi/Gaiardi/....... Falconiere
CE 603-16 .... ........ ................... ...............................Gaiardino ....................
CE 618-27 ....10 .... ...................Vincenzo................Gagliardi/Gaiardi/....... Garzone nelle cucine del principe Alfonso
...................... ........ ................... ...............................Gaiardino
CE 622-7 ......6 ...... ...................Francesco...............Galaverni .................... Ragionato della camera dei conti
DA 564-81,...35 .... mco ms, .....Gerolamo ...............Galeazzi ...................... Cameriere, coppiere dal 567, governatore di
CE 581-98 .... ....... sr dal 584 ... .............................. .................................... don Cesare dal 581 al 584, segretario dal
...................... ........ ...................586 al 589, maestro di casa dal 593
LU 577-86, ...11 .... mo..............Francesco...............Galeotti ....................... Fornaio di casa
A2 597 ..........
A2 565-9.......5 ...... ...................Luigi ......................Galetto/de ................... Musico
A2 563-92.....30 .... ms ..............Alfonso ..................Galvani/o/di/il Vecchio Castaldo alla Diamantina
E2 550-9, .....29 .... ms ..............Antonio ..................Galvani/o/di ................ Tra fattori e castaldi sino al 559, dal 560 fattore
A2 560-78..... ....... ................... ............................... .................................... alle bestie e governatore dei giardini
A2 567 ..........1 ...... ...................Baldissera ..............Galvani/o/di ................
A2 592-7.......6 ...... ...................Bernardo ................Galvani/o/di ................ Staffiere
A2 597 ..........1 ...... ...................Giulio.....................Galvani/o/di ................ Fattori e altri delle possessioni
CE 581-627 ..47 .... ms, ............Ippolito ..................Galvani/o/di ................ Sottocancelliere nel 584, cancelliere dal 588,
...................... ........ mco dal 588, ............................. .................................... cancelliere di SA dal 606
...................... ........ sr dal 603 ...
CE 586-96 ....11 .... ma ..............Isabella...................Galvani/o/di ................ Sottodama della signora
CE 586-9 ......4 ...... ma ..............Lucrezia .................Galvani/o/di ................ Madonna di governo
A2 588-90.....3 ...... ...................Ludovico................Galvani/o/di ................ Falconieri e cagnattieri
CE 589-98 ....10 .... ma ..............Polissena ................Galvani/o/di ................ Donna al governo delle dame della signora
A2 582-97.....16 .... ms ..............Agostino ................Gambaro/dal ............... Ufficiale di stalla
A2 588-97.....10 .... ...................Giovanni Pietro......Gambaro/dal ............... Staffiere
A2 578 ..........1 ...... ...................Sebastiano..............Gambaro/dal ...............
A2 582-90.....9 ...... ...................Ercole.....................Gambino ..................... Famiglia della duchessa
A2 555-94.....40 .... mo..............Sebastiano..............Gambino/ .................... Lavamasserizie, dal 582 nella famiglia della
......................detto Gambino ....duchessa
E2 555-9, .....34 .... ...................Ercole.....................Gandolfi/o/.................. Magistranze
A2 560-88..... ........ ................... ...............................di maestro Francesco ..
A2 576-8.......3 ...... rdo .............Giuseppe ................Garofali....................... Musico
E2 558-9, .....1 ...... ...................Bolognese ..............Garzone....................... Garzone in cucina
A2 560 ..........
A2 585-9.......5 ...... ...................Domenico ..............Garzone....................... Famiglia della duchessa
A2 582-3.......2 ...... ...................Giovanni Giacomo Garzone....................... Famiglia della duchessa
DA 581, .......4 ...... mo..............Masetto ..................Garzone....................... Aiuto cuoco
CE 581-4 ......
A2 582-92.....11 .... ...................Veronese ................Garzone....................... Famiglia della duchessa
CE 616-27 ....12 .... ...................Francesco...............Gasparino.................... Staffiere di SA

A2 590 ......... 1....... ..................... Ercole .................Gastaldino....................Ufficiale di guardaroba


A2 585-94.... 10..... ..................... Domenico...........Gatti/Catti/Catto/di ......Staffiere della duchessa
IP 556-71, ... 26.....ms, ............... Ercole .................Gatti/Catti/Catto/di ......Cancelliere, segretario dal 565,
A2 588-97.... ........rdo ms dal 565, ........................ .....................................segretario nel 597
..................... .........ill sr dal 588. ............................
E2 550-9, .... 11.....ms ................ Giovanni BattistaGatti/Catti/Catto/di ......Ufficiale di casa (spenderia, grassa o panetteria)
A2 560 ......... .........
A2 560 ......... 1.......ms ................ Orazio.................Gatti/Catti/Catto/di ......
A2 582-5...... 4....... ..................... Paolo ..................Gatti/Catti/Catto/di ......Facchino
A2 576-97.... 22.....mco sr .......... Renato ................Gatti/Catti/Catto/di ......Segretari e cancellieri, dal 583 consiglieri e
..................... .........dottori, nel 597 segretario
E2 555-9, .... 8.......mco ms......... Rinaldo...............Gatti/Catti/Catto/di ......Consultore della Camera Ducale
A2 560-2...... .........
A2 590-7, .... 15.....mco ms,........ Cesare.................Gavassini/o ..................Cancelliere, cancelliere di SA nel 599,
CE 598-604 . ........sr dal 603 ..... ........................... .....................................dal 600 cancelliere
CE 581-4 ..... 4....... ..................... Giovanni.............Gazinelo.......................In giardino
A2 567-97.... 31.....mo ................ Francesco ...........Gazzani/Gazani/...........Fattori e castaldi
..................... ......... ..................... ............................Agozzari
A2 560-62.... 3....... ..................... Battista ...............Gazzuolo/Gazuolo/ ......Messo in Camera Ducale
..................... ......... ..................... ............................Gazoldo/da
CE 625-7 ..... 3....... ..................... Andrea................Gelati ...........................Bugadaro
CE 612......... 1.......ms ................ Annibale.............Gelati ...........................Valletto dellInfanta
CE 627......... 1.......sr co ............. Pietro ..................Gelvez..........................Cameriere del principe Nicol
CE 603-10 ... 8.......ms ................ Pellegrino ...........Genesi/e/Zenese...........Cavallerizzo nel 603, dal 604 sottomaestro
..................... ......... ..................... ............................ .....................................di stalla
CE 593-622 . 30.....sr dal 595 ..... Lucilio ................Gentiloni ......................Cameriere di SA sino al 606, gentiluomo
..................... ......... ..................... ............................ .....................................di SA dal 607
CE 614-7 ..... 4....... ..................... Giulio Cesare .....Ghenizzi.......................Servitore dei paggi
E2 550-9, .... 19..... ..................... Nicola.................Gherardi/Girardi ..........Ufficiale in tinello
A2 560-8......
CE 614......... 1.......rdo don......... Giulio .................Ghiletti .........................Maestro dei paggi di SA
CE 598-615 . 18.....mo, .............. Alberto ...............Ghirlanda .....................Cuoco sino al 606, dal 607 maestro di cucina
..................... .........ms dal 607
LU 577-82, . 16..... ..................... Luigi...................Gi turco fatto cristiano Ai servizi del cardinal Luigi, staffiere di Cesare
CE 587-96 ... .........
A2 560 ......... 1....... ..................... Giovanni BattistaGiacobelli/Iacobelli .....
CE 588-627 . 40.....ms, .............. Marco Antonio...Giandoso......................Ufficiale soprastante alle munizioni e
..................... .........sr dal 609 ..... ............................ .....................................fabbriche
A2 563-9...... 7.......sr .................. Ercole .................Gianelli/a/Zanella ........
CE 618-27 ... 10.....ms ................ Ernesto ...............Gianelli/a/Zanella/ .......Valletto del principe Luigi
..................... ......... ..................... ............................figlio di Milano
A2 594-4...... 1....... ..................... Giovanni.............Gianelli/a/Zanella ........Segretario ducale
A2 563-94.... 32.....ms, sr dal 569Lanfranco ...........Gianelli/a/Zanella ........
CE 586-627 . 42.....ms dal 596.... Milano ................Gianelli/a/Zanella ........Staffiere sino al 593, usciere della signora nel
..................... 594, dal 596 al 624 valletto del principe ................................. Alfonso, nel 625 del principe
Francesco, nel ....... ..................... ............................ ..................................... 626-7 del principe Alfonso
A2 569-97.... 29.....ms dal 582.... Matteo ................Gianioli/Gianiolli/di ....Garzone ai canovini sino al 578, dal 582
..................... ......... ..................... ............................ .....................................ufficiale alle cantine
A2 578-90.... 13.....ms, .............. Ippolito...............Gianluca.......................Ufficiale di guardaroba nel 578, dal 582 mco sr
dal 582 ......... ......... ..................... maestro di guardaroba
CE 609-27 ... 19.....ms ................ Giacomo.............Giannetti/Giovannetti/o/ Staffiere sino al 611, dal 612 usciere del
..................... ......... ..................... ............................Giovanetti ....................principe Alfonso
A2 583-92.... 10.....mo ................ Bartolomeo.........Giannini .......................Magistranze
E2 558-9, .... 12..... ..................... Filippo ................Giara/dal ......................Ufficiale in guardaroba
A2 560-9......
A2 560 ......... 1....... ..................... Francesco ...........Giara/dal ......................Fattori e castaldi
A2 560-68.... 9....... ..................... Giacomo.............Giberti/di......................Facchino nella sala delle damigelle

A2 555-97.....43 ..... mco ms, ......Ercole................ Giglioli/Gilioli/o/ZilioliCameriere, scalco dal 582 al 592, dal 594
...................... ......... sr dal 569, ... .......................... ......................................maestro di casa
...................... ......... mco sr dal 582,
...................... ......... mco co dal 594....................... ......................................
A2 592, ........25 ..... ms................Francesco .......... Giglioli/Gilioli/o/ZilioliUfficiale in tinello con Alfonso II, servitore
CE 603-27 .... ........ ..................... .......................... ......................................dei paggi sino al 612, dal 613 credenziere del
......................principe Alfonso
A2 589-92.....4 ....... mco sr..........Galeazzo ........... Giglioli/Gilioli/o/ZilioliSignori e gentiluomini
LU 566-70, ..6 ....... mons,...........Gerolamo .......... Giglioli/Gilioli/o/ZilioliCameriere sino al 570,
A2 592 .......... ........ ill sr co dal 592....................... .....................................gentiluomo a Roma nel 592
A2 582-97.....16 ..... ms................Guglielmo ......... Giglioli/Gilioli/o/ZilioliFattori e castaldi
A2 594-4.......1 ....... ill sr co ........Scipione ............ Giglioli/Gilioli/o/ZilioliCameriere segreto e coppiere di SA
CE 627..........1 ....... ms................Vincenzo ........... Giglioli/Gilioli/o/ZilioliCredenziere di SA
A2 582-3.......2 ....... .....................Gerolamo .......... Gigliotti ........................Facchino
A2 576-8.......3 ....... don...............Ferrante ............. Gilino............................Musico
A2 582-97.....16 ..... .....................Pietro Giacomo . Ginelli/Gimelli .............Credenziere della duchessa
A2 555-74.....20 ..... ms dal 569...Gonino .............. Ginevra/Genevere/da ...Sottomaestro di stalla
CE 624-7 ......4 ....... .....................Flaminio............ Gioia .............................Valletto del principe Ippolito
CE 625-7 ......3 ....... .....................Pietro Antonio... Gioia .............................Staffiere del principe Ippolito nel 625,
...................... ......... ..................... .......................... ......................................del principe Luigi nel 626, di SA nel 627
CE 609-27 ....19 ..... ms................Giovanni Battista .....................................Giordani Portiere dellInfanta sino al 610, ufficiale di
...................... ......... .....................sala dal 614 al 621, ufficiale di sala
...................... ......... ..................... .......................... ......................................dellInfanta nel 622, di sala di SA nel 623,
...................... ......... ..................... .......................... ......................................dal 624 di sala dellInfanta
CE 627..........1 ....... .....................Pietro Antonio... Giordani........................Staffiere del principe Alfonso
CE 599-627 ..29 ..... .....................Domenico.......... Giorgini/o/di Giorgino/ Facchino alle cantine sino al 618, dal 619
...................... ......... Giorgione/de .......................... facchino alle camere di SA
CE 618-9 ......2 ....... .....................Antonio ............. Giovanardi....................Staffiere del principe Luigi
CE 598-606 ..9 ....... .....................Antonio ............. Giovannetti/o/...............Facchino alle camere di madama
...................... ......... ..................... .......................... Giovanetti/fratello di Giacomo
CE 598..........1 ....... .....................Cesare ............... Giovannetti/o/...............Facchino alle legnaie
...................... ......... ..................... .......................... Giovanetti
A2 576 ..........1 ....... ms................Francesco .......... Giovannetti/o/Giovanetti
CE 598-614 ..17 ..... .....................Giacomo............ Giovannetti/o/...............Facchino alla credenza di madama sino al
...................... ......... Giovanetti/ ..604, dal 605 facchino alle camere di madama
...................... ......... ..................... .......................... fratello di Antonio
CE 593-7 ......5 ....... .....................Giovanni ........... Giovannetti/o/...............Servo al tinello delle donne
...................... ......... ..................... .......................... Giovanetti
CE 609-14 ....6 ....... .....................Giacomo............ Giovannetti/o/...............Facchino alle camere del principe Luigi
...................... ......... ..................... .......................... Giovanetti/di Lorenzo
A2 597, ........29 ..... .....................Domenico.......... Giovannetti/o/...............Facchino nella famiglia di madama nel 597,
CE 598-625 .. ......... ..................... .......................... Giovanetti/zZanetti.......facchino alle legnaie sino al 614, nel 615 alle
...................... ......... camere di madama, dal 616 alle camere della ............. principessa Giulia
E2 558-9, .....39 ..... .....................Giovanni ........... Giovanni/Gioan/di........Facchino in spenderia
A2 560-96.....
A2 588-97.....10 ..... sr..................Camillo ............. Giraldi/Ziraldi ..............Fattori e castaldi
A2 582-90.....9 ....... mco ms ........Gerolamo .......... Giraldi/Ziraldi ..............Fattori e castaldi
DA 546-7, ....18 ..... mco ms ........Giovanni Battista .....................................Giraldi/Ziraldi/ Precettore nella corte di don Alfonso,
E2 550-9, ..... ......... ..................... .......................... da Firenze .....................dal 550 cancelliere
A2 560-3....... ........
A2 574-90.....17 ..... sr, ................Ascanio ............. Giraldini/Girlandini......Signori e gentiluomini
...................... ......... ill sr dal 589
A2 597 ..........1 ....... .....................Giovanni Battista .....................................Giufatto Famiglia della duchessa
A2 576 ..........1 ....... ms................Nicola................ Giulioli .........................
A2 582-92.....11 ..... ms................Francesco .......... Giuliotti ........................Ufficiale di casa
CE 614-27 ....14 ..... ms................Nicola................ Gnoli.............................Cantiniere nel 614, dal 615 ufficiale alle cantine
A1 531-3, .....35 ..... ms dal 563...Francesco .......... Gobbo/Orbo..................Staffiere sino al 553, ai servizi sino al 559,
E2 534-53, ... ......... ..................... .......................... ......................................portonaro nel 560, giardiniere dal 562
A2 555-65.....
CE 611-6 ......6 ....... .....................Matteo ............... Goldoni.........................Facchino alle camere del principe Luigi

A2 592 ..........1 ....... ms............. Sigismondo ........Goldoni ..........................Ufficiale di camera


A2 590 ..........1 ....... sr............... Carlo...................Gonzaga .........................Cameriere
E2 535-59, ...30 ..... ill sr co ..... Galeazzo.............Gonzaga .........................Signori e gentiluomini
A2 560-4.......
E2 553-9, .....8 ....... ms............. Giovanni.............Gonzaga .........................Camerieri
A2 560 .......... ........ .................. Francesco ...........
E2 559, ........11 ..... ill sre......... Luigi...................Gonzaga .........................Signori e gentiluomini
A2 560-9.......
CE 621-6 ......6 ....... rdo frate.... Ottone.................Gorgonio/dellordine .....Confessore della guardia tedesca
......................di San Domenico
CE 581-4 ......4 ....... .................. Antonio ..............Goselo............................Staffiere della signora
CE 612-21 ....10 ..... ms............. Ruffino ...............Gotti ...............................Nano
CE 606-27 ....22 ..... ma............. Fiore ...................Gottoli............................Alle saponate nel 606,
...................... ......... .................. ............................ .......................................dal 607 alle saponate di SA
CE 600-27 ....28 ..... ms............. Gerolamo ...........Gottoli............................Contista in guardaroba nel 600, dal 603
...................... ......... .................. ............................ .......................................ufficiale di guardaroba
A2 597 ..........1 ....... .................. Giovanni.............Gozzi..............................Sopracuochi e cuochi
CE 609-18 ....10 ..... .................. Giovanni Battista .......................................Gozzi/alias Baldovino Servo dei fattori in Camera Ducale dal 614
CE 594-5 ......2 ....... .................. Giovanni Maria ..Gozzolani.......................Bugadaro
A1 530-3, .....56 ..... ms dal 560 Francesco ...........Grande ...........................Staffiere, dal 555 al 559 usciere, dal 560 al
E2 534-55, ... ......... .................. ............................ .......................................568 portonaro, dal 569 messo in camera
A2 556-85.....
A2 562-9.......8 ....... .................. Nicola.................Grande ...........................Portonari e ai servizi
A2 564-5.......2 ....... .................. Bedino................Grandi/e/di .....................
A2 582-97.....16 ..... ms............. Francesco ...........Grandi/e/di .....................Ufficiale di casa
E2 553-9, .....10 ..... rdo mons .. Giulio .................Grandi/e/di .....................Tra gli oratori, oratore ducale dal Papa nel 562
A2 562 ..........
A2 567-9.......3 ....... .................. Ludovico ............Grandi/e/di .....................Ortolano a Copparo
A2 560-8.......9 ....... .................. Nicola.................Grandt/Polacco ..............Scalchi e scudieri
CE 627..........1 ....... .................. Francesco ...........Grappi ............................Staffiere del principe Alfonso
CE 612..........1 ....... sr............... Alessandro .........Grassetti .........................Tesoriere della Camera Ducale
CE 598-9 ......2 ....... mo ............ Giovanni Battista .......................................Graziadio Ufficiale alla biada in stalla
DA 562-81, ..23 ..... ma............. Teodora ..............Graziadio .......................Serva dei signorini sino al 581, nel 584 ai
CE 581-4 ...... ........ .................. ............................ .......................................servizi di Violante
CE 624-7 ......4 ....... sr............... Antonio ..............Graziani/o/Graciano ......Consigliere di giustizia
A2 594-7, .....11 ..... ms............. Francesco ...........Graziani/o/Graciano ......Staffiere nel 594, dal 597 usciere di SA
CE 598-604 ..
A2 578, ........4 ....... ms,............ Ercole .................Greco
AL 590-2 ...... ........ sr dal 590.. ............................
A1 525-33, ...40 ..... ms............. Giovanni.............Greco .............................Ufficiale della Camera Ducale
E2 534-59,
A2 560-4.......
A2 578-83.....6 ....... ms............. Giovanni.............Greco .............................Medico
CE 589-603 ..15 ..... sr............... Orazio.................Greco/Griego .................Trinciante, dal 599 cameriere di SA
A2 562-3.......2 ....... .................. Bartolomeo.........Griffoni ..........................Segretari e cancellieri
A2 588-94.....7 ....... .................. Alberto ...............Grilandi..........................Cuoco
E2 555-9, .....35 ..... .................. Fabrizio ..............Grilandi..........................Aiuto cuoco
A2 560-89.....
CE 622-7 ......6 ....... sr............... Florestano...........Grillenzoni .....................Cavallerizzo
CE 623-7, .....22 ..... sra............. Giuliana..............Grillenzoni .....................Governante delle dame dellInfanta
A3 628, ........ ......... .................. ............................ .......................................sino al 627,
F1 629-44 ..... ......... .................. ............................ .......................................dama della duchessa nel 644
CE 603-10 ....8 ....... illmo sr ..... Leandro ..............Grillenzoni .....................Consigliere di stato
CE 622-7 ......6 ....... ma............. Maria..................Grillenzoni .....................Ai servizi della principessa Giulia
A2 585-90.....6 ....... mo ............ Orazio.................Grillenzoni .....................Magistranze
CE 593-7 ......5 ....... .................. Roberto...............Grossi.............................Superiore ai mulini del Finale
E2 558-9, .....10 ..... .................. Ludovico ............Guadagni/di ...................Ufficiale in tinello
A2 560-7.......
LU 558-9, ....31 ..... mco ms, .... Camillo...............Gualenghi/Gualengo......Gentiluomo
A2 569-97..... ........ mco cav dal 569,
...................... ......... illmo co dal 582 ....................

A2 589-97.....9 ....... ..................... Ludovico..............Gualenghi/Gualengo..Famiglia della duchessa


A2 555, ........15 ..... rdo ms don .. Francesco.............Gualtieri/o/da Faenza.Cappella e musici
E2 558-9,
A2 560-9.......
LU 584-6, ....22 ..... sr,................. Francesco.............Guareschi/Guaresco...Gentiluomo di Luigi e Alfonso II, maestro
A2 597, ........ ......... ill sr dal 603 ............................. ...................................di stalla sino al 611, nel 612-3 maestro
CE 598-615 .. ........ ..................... ............................ ...................................di stalla e cameriere di SA, nel 614-5
...................... ......... ..................... ............................. ...................................maestro di stalla e cameriere segreto di SA
CE 596-7 ......2 ....... sr nel 597..... Alessandro...........Guarini .......................Segretario
A2 574-6.......3 ....... mco sr.......... Giovanni Battista.Guarini .......................
A2 567-83.....17 ..... mco, ............ Battista.................Guarini/Guirini ..........Signori e gentiluomini
...................... ......... dal 582 illmo co ........................
IP 540, .........7 ....... ms,............... Gerolamo ............Guarnieri ....................Sescalco
A2 555-60..... ........ mco ms dal 555 .........................
A2 555-6/......6 ....... ms................ Guarniero.............Guarnieri ....................Scudiere
62-5...............
A2 574-8.......5 ....... mo ............... Alfonso ................Guasconi/e .................
CE 581-627 ..47 ..... ms, .............. Alfonso ................Guasconi/e .................Valletto di camera sino al 597, nel 598 valletto
...................... ......... mco dal 612. ............................ ...................................di SA e ufficiale in guardarobetta, dal 599
...................... ......... ..................... valletto di SA
A2 595-97, ...27 ..... mo, .............. Ippolito ................Guasconi/e .................Sarto in guardaroba con Alfonso II sino
CE 598-611 .. ........ ms dal 598... ............................ ...................................al 597, valletto di SA sino al 609, dal 610
...................... ......... ..................... sarto e valletto
A2 590-4.......5 ....... ..................... Cesare ..................Gubbi .........................Garzone in cucina
IP 569-71, ....5 ....... frate ............. Evangelista ..........Gubbio/da ..................Semplicista
CE 599-600 ..
CE 598-600 ..3 ....... ..................... Bernardo ..............Gubertoni/Ghibertoni.Garzone in massaria
LU 577-86, ..21 ..... ..................... Alfonso ................Guerra ........................Cavallaro alla Guarda
CE 589-97 ....
CE 625-7 ......3 ....... ..................... Giovanni ..............Guglielmo ..................Facchino nelle camere della principessa Giulia
A2 562-83.....22 ..... ms dal 569... Giorgio.................Guicciardi/Guizzardi .Ufficiale di stalla
CE 610-26 ....17 ..... ms................ Giovanni Battista.Guicciardi/Guizzardi .Suonatore
CE 581-4 ......4 ....... ms................ Filippo .................Guideti .......................Ragionato della camera dei conti
A2 585 ..........1 ....... ms................ Alberto.................Guidotti ......................Ufficiale di camera
CE 593..........1 ....... ..................... Antonio Maria .....Guitti/di......................Servo in guardaroba
CE 589-97 ....9 ....... ms................ Domenico ............Guitti/di......................Fattore cavalcante
A2 555-90.....36 ..... ..................... Francioso/sino .....Imbanditore................Imbanditore in tinello
A2 582-97.....16 ..... ..................... Marco Antonio ....Imbanditore................Famiglia della duchessa
CE 609-27 ....19 ..... ms................ Filiberto ...............Imperatori/Imperati....Sarto dellInfanta
CE 599-607 ..9 ....... ms................ Donino/Donnino..Ingoni.........................Credenziere di SA
A2 597 ..........1 ....... ..................... Lazzaro ................Invidioso ....................Sopracuoco
E2 558-9, .....21 ..... ms................ Giovenale/ ...........Isduardo .....................Capella, capellani e cantori
A2 560-78..... ......... ..................... Incisvalle .............
A2 597 ..........1 ....... ..................... Massimiliano .......Isflinger......................Cameriere
A2 592 ..........1 ....... ..................... Guglielmo............Isola............................Ufficiale in tinello
A2 567 ..........1 ....... ..................... Gaspare................Ispruch/Insbruck/d....
A2 567-9.......3 ....... ..................... Giovanni ..............Ispruch/Insbruck/d....
A2 567 ..........1 ....... ..................... Matteo..................Ispruch/Insbruck/d....
A2 562-7.......6 ....... ..................... Giovanni ..............Lacai ..........................Portonari e ai servizi
A2 555-60.....6 ....... mo ............... Pietro/Pierre.........Lachai/o/Lachi/..........Aiutante in cucina sino al 556, cuoco dal 559
...................... ......... ..................... .............................Francese
CE 609..........1 ....... sr co............. Alfonso ................Laderchi .....................Cameriere segreto del principe
A2 576-97, ...43 ..... illmo sr, ....... Giovanni Battista.Laderchi/detto lImola Segretario e consigliere di Stato
CE 598-618 .. ......... illmo sr co dal 603 .................... ...................................
CE 581-4 ......4 ....... mco.............. Marco Antonio ....Lampeda ....................
A2 563-8.......6 ....... ..................... Paresino ...............Lana ...........................Lavamasserizie
CE 589-90 ....2 ....... ..................... Pietro ...................Lana/della ..................Staffiere
A2 567-97.....31 ..... ms dal 582... Paolo....................Lance/dalle.................Usciere
A2 567-78.....12 ..... ms dal 569... Pietro ...................Lance/dalle.................
A2 576-90.....15 ..... ill co ............ Ottavio .................Landi ..........................Tra signori e gentiluomini
CE 615-26 ....12 ..... ms................ Giacomo ..............Landrei/francese ........Cavallerizzo

A2 588 ..........1 ......ms.................Agostino.................Langhe ......................Fattori e castaldi


A2 597 ..........1 ...... .....................Pico ........................Lanzilotto..................Servitore dei paggi
A2 563-7.......5 ...... .....................Giacomo.................Lanzone ....................
CE 586-627 ..42 ....ms.................Marco.....................Lanzotti/o..................Ufficiale alle legnaie e allarmeria sino al 588,
...................... ........dal 589 al 597 allarmeria, dal 598 al 606 ..................... archibugiere, dal 607 ufficiale
allarmeria
E2 542-59, ...44 ....ms dal 582....Carlo ......................Latte/dal/dalla ...........Portonaro sino al 559, dal 560 ufficiale di
A2 560-85..... ....... ..................... ............................... ..................................guardaroba
A2 574-97.....24 ....ms.................Cesare ....................Latte/dal/dalla ...........Credenziere
A2 588-97.....10 .... .....................Giovanni Antonio ..Latte/dal/dalla ...........Facchino, nel 597 facchino in guardaroba
A2 596 ..........1 ...... .....................Antonio ..................Lavamasserizie .........Lavamasserizie
A2 558-62.....5 ...... .....................Bernardo ................Lavamasserizie .........Lavamasserizie in cucina
A2 582-90.....9 ...... .....................Giovanni Maria......Lavamasserizie .........Famiglia della duchessa
A2 562 ..........1 ...... .....................Pietro......................Lavamasserizie .........Lavamasserizie in cucina
A2 569 ..........1 ...... .....................Ranino....................Lavamasserizie .........Lavamasserizie
A2 558-68.....11 .... .....................Tambellino ............Lavamasserizie .........Lavamasserizie in cucina
A2 567-9.......3 ...... .....................Veronese ................Lavamasserizie .........Lavamasserizie
A2 582-97.....16 .... .....................Lavandara di S.A. ..Lavandaia..................Lavandaia della duchessa
A2 560 ..........1 ......cap................Giovanni TommasoLavezzoli/Lavezoli/Leveggioli
A2 563-83.....21 ....ms, ...............Lionello..................Lavezzoli/Lavezoli/ ..Cameriere
...................... ........sr dal 569 ..... ...............................Leveggioli
CE 609-14 ....6 ......ma ................Dorotea ..................Lazzari ......................Ai servizi del principino
CE 598..........1 ...... .....................Ercole.....................Lena/Lenna ...............Facchino in bottiglieria e nelle cantine
CE 594-616 ..23 ....sr dal 596, ...Giovanni Battista ...Lena/Lenna ...............Paggio nel 593, dal 594 al 597 cameriere, dal sr cav dal 613
...................... ........598 cameriere di SA
A2 590-7.......8 ......sr ..................Leonardo ................Leonardi....................Cameriere
A2 560-78.....19 ....ms dal 569....Alessandro .............Leoni/e/dal ................Ufficiale di stalla
A2 560 ..........1 ...... .....................Leone .....................Leoni/e/dal ................Maestro di ballo
E2 553-9, .....37 ....mco ms,........Paolo ......................Leoni/e/dal ................Consigliere di giustizia, consiglieri e
A2 560-89..... .......mco sr dal 569,............................. ..................................dottori dal 582
..................... ........rdo mons dal 582 ......................... ..................................
A2 582-3.......2 ......ill sr ..............Camillo ..................Lepidi........................Consiglieri e dottori
A2 560-65.....6 ...... .....................Becco .....................Lepre/di.....................
A2 585-92.....8 ......mco ms.........David......................Levaloro....................Ufficiale di casa
A2 567-97.....31 .... .....................Leone .....................Levi/Ebreo ................Famiglia della duchessa nel 597
CE 581-4 ......4 ......rdo ms ..........Francesco ...............Leviano .....................Cappellano
A2 574-92.....19 ....rdo ................Agostino.................Levizzani/Livizzani/o Musico
CE 609-26 ....18 ....sr ..................Camillo ..................Levizzani/Livizzani/o Gentiluomo dellInfanta
CE 617-27 ....11 ....sr ..................Ippolito...................Levizzani/Livizzani/o Scalco dei forestieri
CE 614-5 ......2 ......sr ..................Orazio ....................Levizzani/Livizzani/o Consultore della Camera Ducale
A2 555-9.......5 ...... .....................Antonio ..................Libanori ....................Trombetta
A2 562-83.....22 ....mo, ..............Fossa ......................Libraio ......................Libraio
...................... ........ms dal 582
E2 555-9, .....35 ....ms.................Giovanni ................Liegi/Legge/da..........Musico
A2 560-89.....
A2 590-2.......3 ......mo ................Fabio ......................Liera..........................Magistranze
A2 574 ..........1 ......sr ..................Archilao .................Ligorio ......................
IP 551, .........17 ....ms.................Pirro .......................Ligorio ......................Antiquario, inizia il 1/12/1568 il servizio
A2 568-83..... ....... ..................... ............................... ..................................presso Alfonso II, tuttavia nel 1551 troviamo
...................... ........un Pirro Antiquario al servizio di Ippolito II, ................ che presumo essere il Ligorio
A2 574-6.......3 ...... .....................Nicola.....................Lione/da ....................
A2 567-9.......3 ......ms dal 569....Simone ...................Lione/da ....................
A2 560-3.......4 ...... .....................Giovanni ................Livani/Levan con due compagni
CE 581-4 ......4 ...... .....................Bartolomeo ............Liviero ......................Bovaro allIsola
A2 560 ..........1 ...... .....................Jacques...................Loc ............................
CE 622-7 ......6 ...... .....................Biagio.....................Lodi/da......................Staffiere del principe Alfonso
E2 558-9, .....28 ....mo, ...............Giovanni Antonio ..Lodi/da......................Armaiolo
A2 560-85..... .......ms dal 582....
A2 574-89.....16 .... .....................Rocco .....................Lodi/da......................Corriere

DA 581, .......3 .......rdo ms don ..Francesco ...............Loiani........................Cappellano


CE 588-9 ......
A2 582-92.....11 .....ms................Giacomo.................Lolio..........................Fattori e castaldi
CE 581-4 ......4 ............................Bernardo ................Lombardo..................Famiglio a Monestirolo
CE 581-4 ......4 ............................Nicola.....................Lombardo..................Famiglio a Monestirolo
DA 581, .......4 ............................Santo ......................Lombardo..................Bugadaro nel 581, gi bugadaro nel 584
CE 581-4 ......
CE 617-22 ....6 .......sr..................Nicola.....................Longhi.......................Sottoscalco dei forestieri
A2 555-60.....6 ............................Giovanni Giacomo.Lonigo/Lunigo/da .....Bugadaro
A2 590-2.......3 .......mo ...............Giovanni Ercole.....Lorena/di...................Magistranze
A2 597 ..........1 .......dot ...............Gaspare ..................Lotti ..........................Consigliere di segnatura
CE 609-27 ....19 .....rdo don ........Leone .....................Lotti ..........................Cappellano dellInfanta
DA 581, .......4 ............................Simone ...................Lovati........................Ufficiale al tinello
CE 581-4 ......
A2 588-9.......2 .......ms................Cesare ....................Lovati/di....................Falconieri e cagnattieri
CE 586, ........3 ............................Giacomo.................Lovati/di....................Carrozziere
AL 591-2 ......
A2 569-90.....22 ..........................Battista ...................Lucadelli ...................Corriere
LU 566-581, 16 .....ms................Sigismondo ............Lucadelli ...................Cavalcatore
A2 578 ..........
E2 550-9, .....45 ..........................Sebastiano ..............Luchini/o/..................Scodellaro fino al 555, dal 556 sopracuoco
A2 560-94..... .............................. ...............................detto Luchino............
A2 576 ..........1 ............................Ercole.....................Lucho ........................
A2 562-97.....36 .....ms................Luciasco/Luciano...Luciaschi/Luzasco/de Musico organista
A2 588-97.....10 ..........................Alfonso ..................Ludrini/o ...................Cuoco
A2 568-97.....30 ..........................Antonio Maria........Ludrini/o ...................Cuoco
A2 583-97.....15 ..........................Francesco ...............Ludrini/o ...................Cuoco
CE 611-23 ....13 .....ms dal 612...Battista ...................Luglio........................Staffiere sino al 614, dal 615 staffiere del
...................... ..............................principe Alfonso
A2 567-88.....22 .....mo, .............Domenico...............Lugo/da.....................Musico
...................... .........ms dal 582...
A2 560-65.....6 .......mo ...............Giovanni Marco.....Lugo/da.....................Magistranze
A2 555-9.......5 .......mco ms........Alfonso ..................Lulano.......................Cameriere
A2 559-62.....4 ............................Gerolamo ...............Lumino......................Ufficiale in tinello
CE 581-94 ....14 .....ma................Laura ......................Lupi/Luppi/di............Alle saponate, nel 594 alle saponate di Leonora
LU 577, ........5 .......ms................Borso......................Lupi/Luppi ................Ufficiale in spenderia di Alfonso II
A2 594-7.......
E2 547-59, ...18 .....mco..............Giovanni Paolo ......Macchiavelli/ ............Signori e gentiluomini
A2 560-4....... .............................. ...............................Machiavelli ...............
A2 563-5.......3 ............................Mignone.................Maciale/Maciato .......
CE 581-4 ......4 ............................Alessandro .............Macini.......................Staffiere
CE 581-4 ......4 ............................Giovanni ................Macini romagnolo ....Staffiere
LU 580, ........4 ............................Giacomo.................Macrino/Magrino/di/ Tra i fattori e castaldi di Alfonso II
A2 582-3....... .............................. ...............................di Borgogna ..............
CE 586-7 ......2 ............................Giacomo.................Maderno/de...............Staffiere
A2 592-4.......3 ............................Madernino..............Maderno/de...............Giardiniere
A2 555-68.....14 ..........................Giuseppe ................Maffei/Maffeo/de .....Credenziere
CE 581-7 ......7 .......ms................Giuseppe ................Maggi/Maggio ..........Cantiniere, cantiniere e bottigliere nel 595,
...................... ..............................cantiniere nel 596
CE 619-24 ....6 .......rdo don ........Giovanni Battista ...Magnani ....................Precettore dei paggi
A2 592 ..........1 .......ms................Filippo....................Magnanimi/o/ ...........Segretari e cancellieri
...................... .............................. ...............................Magnanino/i
E2 555-9, .....9 ............................Giovanni ................Magnanimi/o/ ...........Falconiere
A2 560-3....... .............................. ...............................Magnanino/i..............
CE 609-15 ....7 .......sr..................Pietro Paolo............Magnanimi/o/ ...........Ufficiale ai granai e munizioni
...................... .............................. ...............................Magnanino/i
A2 597 ..........1 ............................Agostino.................Magnano ...................Ufficiale in guardaroba
E2 547-59, ...23 .....mo ...............Bernardo ................Magnano ...................Magnano
A2 560-9.......
A2 562-64.....3 .......ms................Bernardo ................Magnano ...................
A2 597 ..........1 ............................Domenico...............Magnano ...................Ufficiale al tinello

CE 589-97 ....9 .......ms................Francesco ...............Magni/o/di ................Gabellino ai mulini del Finale


CE 609-27 ....19 .....sr..................Giacomo.................Magni/o/di ................Ufficiale di guardaroba
CE 586-9 ......4 ............................Ludovico ................Magni/o/di ................Staffiere
E2 544-59, ...17 ..........................Francesco ...............Magon.......................Messo della Camera Ducale
A2 560 ..........
A2 562-7.......6 ............................Giacomo.................Magra........................
A2 582-94.....13 .....ms................Raffaele..................Mai/y.........................Usciere
CE 586-610 ..25 .....ms................Giacomo.................Malacisi/e/Malecisi...Ufficiale al tinello del signore nel 586,
...................... .............................. ............................... ..................................al tinello degli uomini dal 587 al 597, dal 598
......................al 600 ufficiale di sala, dal 603 ufficiale alle ......................... cantine
A2 597, ........2 ............................Anna.......................Malagola ...................Bugadara di corte
CE 598..........
CE 586..........1 ............................Giacomo.................Malanca ....................Facchino al tinello degli uomini
A2 594-4.......1 .......sr..................Bernardo ................Malanotte ..................Segretario
A2 582-97, ...28 .....illmo sr marc ...............................Alfonso ....................Malaspina Tra i signori e gentiluomini di Alfonso II,
CE 600-11 .... ............................. ............................... ..................................dal 600 gentiluomo di SA
CE 609/ ........8 .......sr marc.........Annibale.................Malaspina..................Cameriere segreto di SA nel 609, dal 616 al
616-21, ......... .............................. ............................... ..................................621 ambasciatore a Firenze,
F1 644........... ............................. ............................... ..................................ricompare nel 644 governatore di Carpi
CE 616-21 ....6 .......illmo sr ........Annibale.................Malaspina..................Ambasciatore presso il Granduca di Toscana
CE 598-609 ..12 .....illmo sr marc ...............................Bartolomeo ...............Malaspina Ambasciatore presso il Granduca di Toscana
A2 582-97, ...33 .....illmo sr marc ...............................Cornelio ....................Malaspina Tra i signori e gentiluomini di Alfonso II,
CE 600-16 .... ............................. ............................... ..................................dal 600 gentiluomo di SA
A2 582-97.....16 .....illmo marc ...Fabrizio ..................Malaspina..................Signori e gentiluomini
A2 597 ..........1 .......illmo marc ...Ferrante ..................Malaspina..................Cameriere
CE 611-5 ......5 .......sr marc.........Manfredo................Malaspina..................Ambasciatore presso il Granduca di Toscana
CE 617..........1 .......sr marc.........Nicola.....................Malaspina..................Gentiluomo di SA
CE 614-27, ...31 .....sr marc.........Obizzo/Obizzone ...Malaspina..................Gentiluomo di SA
A3 628,
F1 629-44 .....
A2 589-90.....2 .......ill sr .............Ercole.....................Malatesta...................Signori e gentiluomini
E2 550-9, .....14 .....ill sr .............Roberto ..................Malatesta...................Signori e gentiluomini
A2 560-3.......
A2 585 ..........1 .......sr..................Sigismondo ............Malatesta...................Cameriere
A2 597 ..........1 ............................Francesco ...............Malavolta ..................Fattori e altri delle possessioni
CE 586-600 ..15 .....sra................Costanza.................Malingegni................Dama della signora
A2 555-6.......2 .......ms................Paris .......................Malmegnato..............Maestro dello scrivere dei paggi
CE 598-627 ..30 .....rdo don ........Bartolomeo ............Malpighi....................Maestro dei principi sino al 606, maestro di
...................... .........grammatica nel 607, maestro di grammatica ................ nel 609
CE 623-7 ......5 ............................Giulio .....................Malpighi....................Staffiere dellInfanta
E2 558-9, .....28 .....ms................Paolo ......................Malpio.......................Ufficiale di casa (spenderia, panetteria o grassa)
A2 560-85.....
CE 593..........1 ............................Bartolomeo ............Malservizi/o/tio/ti .....Servo alle camere delle signorine
CE 588-627 ..40 ..........................Sebastiano ..............Malservizi/o/tio/ti .....Facchino alle camere della signora nel 588,
...................... .........alle camere della puttina nel 589, alle camere .............. dei principi dal 594 al 614, dal 615 alle
...................... .............................. ............................... .................................. camere delle dame dellInfanta
A2 567-78.....12 .....mco, ............Sigismondo ............Malvasia
...................... .........sr dal 569.....
A2 567-85.....19 ..........................Giovanni Maria......Malvezzi/Manazzi/di Ufficiale di guardaroba
DA 565-7, ....20 .....ms dal 582...Francesco ...............Malvezzi/o ................Computista garzone, ragionato dal 567,
A2 576-92..... ............................. ............................... ..................................ufficiale di camera dal 576
DA 581, .......28 .....mco ms,.......Gerolamo ...............Malvezzi/o ................Superiore alle fabbriche di Cesare nel 584,
CE 581-4, .... .........sr cav dal 599 .............................. ..................................sottosescalco di Alfonso II dal 589 al 597,
A2 589-97, ... .............................. ............................... ..................................ricompare nel 599 come sottoscalco,
CE 599-616 .. ........ .................... ............................... ..................................sottoscalco di SA nel 600,
...................... .............................. ............................... ..................................scalco dei forestieri dal 603
CE 623-7 ......5 .......mco..............Giovanni ................Mamoli......................Sottocancelliere
A2 568-89.....22 ...... ................... Vespasiano ........... Mancini/Manzini.......Cameriere
CE 604-27 ....24 ...... ma .............. Laura .................... Mandina.....................Dama della duchessa sino al 615, dal 616
...................... .......... ................... dama della principessa Giulia
CE 609-17 ....9 ........ ma .............. Vittoria ................. Mandina.....................Famiglia di camera di madama sino al 615,
...................... .......... dal 616 figlia di camera della principessa Giulia
CE 622-6 ......5 ........ sra .............. Giulia.................... Manfredi....................Dama dellInfanta
CE 619-23 ....5 ........ sra .............. Isabella ................. Manfredi....................Dama dellInfanta
CE 623-7 ......5 ........ sra .............. Laura .................... Manfredi....................Dama dellInfanta
CE 627..........1 ........ ................... Lorenzo ................ Manfredi....................Facchino in spenderia
CE 622-7, ....26 ...... sr co ........... Paolo .................... Manfredi....................Maestro di camera dellInfanta
A3 628,
F1 629-47 .....
A2 562-9.......8 ........ ................... Agostino............... Manfredi/Manfreddi..Staffiere
A2 564 ..........1 ........ co ............... Taddeo ................. Manfredi/Manfreddi..Oratore ducale presso il re Cattolico
A2 588-94.....7 ........ sr ................ Torquato............... Manfredi/Manfreddi..Cameriere
LU 566-81, ..31 ...... don ............. Antonio ................ Manfredi/Manfreddi/.Cappellano
A2 582-97..... .......... ................... .............................. Manfrini/Manfre/di ...
CE 606-20 ....15 ...... ms dal 609 . Francesco ............. Manfredini/o..............Staffiere sino al 613, staffiere-valletto dei
...................... .......... ................... principi nel 614-5, valletto dei principi nel 616, del principe Ippolito dal 617
CE 586-7 ......2 ........ ................... Nicola................... Manganelli/o .............Staffiere
CE 619-27 ....9 ........ ms .............. Gerolamo.............. Manni/Manini............Staffiere dei principi Ippolito e Nicol sino al
......................623, del principe Ippolito dal 624 al 626,
...................... .......... ................... .............................. ...................................di SA nel 627
CE 623-7, .....31 ...... sr dot .......... Francesco ............. Mantovani/da ............A Roma per aver cura delle lettere alla curia
A3 628,......... .......... ................... .............................. Rubiera ......................sino al 624, dal 625 al 627 procuratore
F1 629-53 ..... ......... ................... .............................. ...................................a Roma, dal 644 dovrebbe rimanere a Roma
A2 567-90.....24 ...... ms .............. Annibale............... Mantovano.................Famiglia della duchessa
A2 582-8.......7 ........ ................... Bartolomeo........... Mantovano.................Facchino
CE 586..........1 ........ ................... Federico................ Mantovano.................Famiglio di stalla
A2 569-76.....8 ........ ................... Giacomo............... Mantovano.................Facchino alle tappezzerie
A2 597 ..........1 ........ ................... Lucio .................... Mantovano.................Ufficiale di casa
A2 574-90.....17 ...... ................... Ludovico .............. Mantovano.................Facchino
A2 560-9.......10 ...... ................... Pellegrino ............. Mantovano.................Facchino
CE 593-7 ......5 ........ ms .............. Antonio ................ Manziero ...................Garzone della camera dei conti
CE 609-22 ....14 ...... sr ................ Filippo .................. Manzuoli ...................Furiere nel 609, dal 610 furiere maggiore
A2 565 ..........1 ........ ................... Tommaso ............. Maranino ...................
A2 597 ..........1 ........ ................... Placido.................. Marcelli .....................Cappella e cantori
CE 619-21 ....3 ........ ms .............. Benedetto ............. Marchesi....................Staffiere del principe Ippolito
CE 627, ........18 ...... ................... Bernardo............... Marchesi....................Staffiere del principe Alfonso, staffiere nel 644
A3 628,
F1 629-44 .....
CE 621..........1 ........ ................... Marco Antonio..... Marchesi....................Facchino
CE 586..........1 ........ ................... Antonio ................ Marchetto ..................Facchino nelle cantine e in spenderia
CE 625-7 ......3 ........ ms .............. Flaminio ............... Marchiani/di ..............Ragionato nella camera dei conti
A2 589-90.....2 ........ ................... Nicola................... Marchiani/di ..............Cappella e cantori
A2 585-92.....8 ........ ................... Teodato ................ Marchiani/di ..............Cappella e cantori
DA 581, .......4 ........ rdo ms ........ Lauro .................... Marchiani/ .................Cappellano
CE 581-4 ...... .......... ................... .............................. Marchiano/di .............
CE 589-93 ....5 ........ ................... Giovanni Battista . Marcomino ................Servo in guardaroba
E2 555-9, .....22 ...... mo .............. Andrea.................. Marescalco ................Maniscalco
A2 560-76.....
A2 582-9.......8 ........ ms .............. Giannino............... Marescalco ................Maniscalco
E2 544-59, ...33 ...... ms, mco ..... Adriano ................ Marescotti/o ..............Cameriere
A2 560-76..... ......... cav dal 574.
A2 560 ..........1 ........ ms .............. Andrea.................. Marescotti/o ..............
A1 530-33, ...35 ......ms dal 560 . Carlo..................... Marescotti/o ..............Magistranze
E2 534-59,
A2 560-4.......
A2 576 ..........1 ........ sr ................ Lionello ................ Marescotti/o ..............

CE 587-593 ..7 ........ ms dal 588 . Orazio.................. Marescotti/o ...............Contista nel 587, ragionato nella camera dei
...................... .......... conti nel 588-9, ufficiale al conto generale ................. nel 593
CE 616-27 ....12 ...... ................... Pietro Antonio..... Marescotti/o ...............Facchino in spenderia
CE 626..........1 ........ms .............. Giovanni.............. Mari/di........................Garzone in libreria
CE 619-25 ....7 ........ms .............. Pietro ................... Mari/di........................Staffiere dei principi Ippolito e Nicol sino
...................... .......... al 620, del principe Ippolito nel 621, del principe ...... Nicol nel 622, del principe Ippolito nel 623,
...................... .......... ................... ............................. del principe Nicol nel 624-5
CE 598-606 ..9 ........ ................... Francesco ............ Mariandi.....................Staffiere
CE 586-93 ....8 ........ ................... Alessandro .......... Marighella ..................Carrozziere
CE 586-93 ....8 ........ ................... Ercole .................. Marighi/Merighi/di ....Staffiere
CE 607-10 ....4 ........sra .............. Maddalena........... Marigliani/a................Dama della duchessa
A2 582-5.......4 ........ma .............. Cornelia............... Marinetti/a..................In guardaroba
A2 582-3.......2 ........ ms .............. Gerolamo............. Marinetti/a..................Ufficiale di guardaroba
A2 576-85.....10 ...... ms .............. Giulio .................. Marinetti/a..................Ufficiale di guardaroba
A2 592 ..........1 ........ ................... Livio.................... Marone .......................Furiere
E2 555-9, .....29 ...... ms .............. Nicola.................. Marone/ ......................Musico
A2 560-83..... .......... ................... ............................. detto Trombone
A2 592-7.......6 ........ ms .............. Giovanni.............. Marone/i.....................Cappella e cantori
A2 567-9.......3 ........ ................... Giorgio ................ Marovere/Maroniere ..
LU 559-66, ..18 ......rdo ms, ....... Francesco ............ Martelli.......................Vicario dellepiscopato nel 559,
A2 567-76..... ......... mons dal 566 ........................... ...................................segretario nel 566
CE 593..........1 ........ ................... Bartolomeo.......... Martini........................Servo in spenderia
A2 592 ..........1 ........ ms .............. Placido................. Marzali .......................Cappella e cantori
CE 596..........1 ........ ................... Cesare.................. Mascara ......................Servo in spenderia
A2 562-3.......2 ........ ................... Gregorio .............. Mascherone/...............Ufficiale in tinello
...................... .......... ................... ............................. detto Mascherone
CE 624-7, ....21 ......illmo sr co.. Tiburzio............... Masdoni......................Cameriere segreto di SA sino al 627,
A3 628, ......... .......... ................... ............................. ....................................nel 644 gentiluomo di SA in Roma
F1 628-44 .....
CE 619-25 ....7 ........ sr cav.......... Bartolomeo.......... Masetti........................Cameriere del principe Nicol
CE 600, ........14 ...... sr ................ Fabio ................... Masetti........................Agente a Roma
609-21...........
IP 569-71, ....3 ........ sr, ............... Giulio .................. Masetti........................Agente a Roma di Alfonso II,
A2 576-85..... ......... rdo mons dal 576 ..................... ...................................almeno dal 582
CE 581-4 ......4 ........ ms .............. Alberto ................ Masi/Maso/de/di ........Maestro di stalla
DA 581, .......18 ...... ms, ............. Giovanni.............. Masi/Maso/de/di ........Fattore alla San Martina sino al 589,
CE 581-9, .... .......... mco dal 588 ............................. ....................................sottomaestro di stalla di Alfonso II
A2 592-7....... .........
CE 586-9 ......4 ........ ms, ............ Giovanni Andrea. Masi/Maso/de/di ........Fattore alla Guarda
...................... .......... mco dal 589
CE 612-24 ....13 ...... ms .............. Andrea................. Masini ........................Valletto sino al 613, valletto del principe
...................... .......... ................... Ippolito dal 614 al 618, del principe Nicol nel 619-20, del
principe Ippolito nel 621-2, ........ ............................. .................................... del principe Nicol nel 623, del principe
...................... .......... ................... ............................. ....................................Ippolito nel 624
CE 588-94 ....7 ........ ma .............. Francesca............. Massara di camera .....Massara di camera
A2 560 ..........1 ........ ms .............. Antonio ............... Massaro ......................Diversi ufficiali di casa (spenditori, caneve,
...................... .......... credenzieri, grassa, legnari, farine, granari, ................ chiavieri)
E2 558-9, .....19 ...... ................... Gerolamo............. Mastri/Mistri/di ..........Ortolano a Belriguardo
560-76...........
CE 589-90 ....2 ........ms .............. Pietro ................... Mattobuono ................Governatore dei paggi
E2 547-59, ...16 ...... ................... Martino................ Mazacavalli/...............Cuoco
A2 560-2....... .......... ................... ............................. Mazza Cavai...............
A2 582 ..........1 ........ ................... Antonio ............... Mazante......................Falconieri e cagnattieri
A2 597 ..........1 ........ ................... Gerolamo............. Mazina........................Famiglia della duchessa
A2 582-5.......4 ........ ................... Sigismondo ......... Mazocco.....................Ufficiale in tinello
A2 592-7.......6 ........ms .............. Alfonso................ Mazza/Maza...............Ufficiale di casa
CE 589-90 ....2 ........ ................... Giovanni Battista Mazzante ....................Servo alla credenza

DA 554-81, ..31 .....ms,............. Andrea .................. Mazzarelli/o/................. Maestro di casa nel 581,
CE 581-4 ...... ........sle ms dal 561, ........................ Mazarelo....................... maggiordomo di Cesare
...................... .........mco dal 581 ............................. ......................................
A2 597 ..........1 ....... .................. Giacomo ............... Mazzarelli/o/Mazarelo . Saltaro
CE 627..........1 .......ms.............. Biagio ................... Mazzeri......................... Violinista
CE 600-12 ....13 .....ms.............. Luigi ..................... Mazzi/da Ferrara .......... Musico
CE 593-5 ......3 ....... .................. Antonio Maria ...... Mazzocco/Mazzoco...... Fattore ai mulini in Romagna
A2 585-9.......5 .......ms.............. Alessandro............ Mazzola/Mazzuola ....... Ufficiale di guardaroba
A2 588-97.....10 .....ms.............. Francesco ............. Mazzola/Mazzuola ....... Famiglia della duchessa
CE 598-600 ..3 .......mo ............. Giovanni............... Mazzola/Mazzuola ....... Sellaio della stalla ducale
A2 588-90.....3 ....... .................. Giacomo ............... Mazzolino..................... Staffiere
A2 592 ..........1 .......ms.............. Giovanni Battista.. Mazzolino..................... Ufficiale di guardaroba
CE 624..........1 .......mco ........... Paolo..................... Mazzoni ........................ Aiutante in libreria
CE 624-6 ......3 ....... .................. Pietro Paolo .......... Mecis ............................ Valletto del principe Ippolito
A2 565 ..........1 ....... .................. Battista.................. Megnone.......................
A2 560-9.......10 .....ma ............. Eleonora ............... Meleghina/Melegina..... Ai servizi delle damigelle
A2 560-78.....19 ..... .................. Giovanni Pietro .... Meleghina/Melegina..... Facchino alle lucerne
CE 617-26 ....10 ..... .................. Alessando ............. Melibelli ....................... Orologiaio
CE 593-611 ..19 .....sr ............... Alfonso................. Mella/dalla.................... Coppiere della signora
A2 576 ..........1 .......don ............ Francesco ............. Mella/dalla.................... Cappellani e cantori
A2 568-74.....7 .......ms dal 569. Galeazzo............... Mella/dalla....................
A2 576-8.......3 .......ms.............. Ludovico .............. Mella/dalla....................
CE 620-6 ......7 ....... .................. Ottavio.................. Melli ............................. Staffiere del principe Alfonso
E2 544-59, ...24 ..... .................. Alessandro............ Meloni/e........................ Staffiere sino al 556, dal 558 portonaro
A2 560-7.......
CE 620-1 ......2 .......mons.......... Giovanni............... Melzi............................. Ambasciatore residente a Milano
A2 576 ..........1 .......ms.............. Giovanni............... Menegatti/o/Monegatti .
A2 576-97.....22 .....ms.............. Pietro .................... Menegatti/o/Monegatti . Valletto, almeno dal 582
CE 615-6 ......2 .......ms.............. Alessandro............ Menghi.......................... Usciere
E2 534-59, ...34 ..... .................. Giovanni Maria .... Mengolini/Mingolino/ .. Messo in consiglio di giustizia
A2 560-7....... ......... .................. .............................. Mergolino .....................
A2 560-76.....17 .....ms.............. Battista.................. Menino/de.....................
A2 574-8.......5 ....... .................. Giacomo ............... Merchino ......................
A2 588 ..........1 ....... .................. Matteo .................. Merchino ...................... Cappella e cantori
A2 564-97.....34 .....don ............ Gerolamo.............. Merenda........................ Musico
E2 559, ........10 .....ms.............. Ludovico .............. Mergotti/o/Mergoto...... Ufficiale alle legnaie
A2 560-8....... .........
E2 542-53, ...18 .....ms.............. Giovanni Luca...... Meschini/del Meschino/Sottomaestro di stalla dal 555
A2 555-9....... ........ .................. .............................. figlio di Meschino da Damasco
A2 582-90.....9 ....... .................. Giacomo ............... Meschino ...................... Garzone in cucina
A2 555-68.....14 ..... .................. Antonio Maria ...... Messi/Messe/Muso....... Facchino alla grassa
E2 534-59, ...35 ..... .................. Innocenzio............ Messo............................ Messo della Camera Ducale
A2 560-8.......
CE 581-4 ......4 ....... .................. Giovanni............... Mezadri......................... Servo alle montagne dellIsola
DA 581, .......4 ....... .................. Alessandro............Miari/di......................... Servo in guardaroba
CE 581-4 ......
A2 592-7, .....12 .....ms.............. Daniele ................. Micheletti/Micheleto/ ... Valletto nel 582, dal 594 orologiaio
CE 599-603 .. ......... .................. .............................. Midriletti.......................
A2 555-68.....14 .....ms.............. Costantino ............ Micheli/Michaelli/........ Ai servizi
...................... ......... .................. .............................. Michaele
CE 597..........1 ....... .................. Domenico ............. Micheli/Michaelli/........ Casaro allIsola
...................... ......... .................. .............................. Michaele
A2 594-4.......1 ....... .................. Francesco ............. Micheli/Michaelli/Michaele
A2 569-94.....26 .....ms.............. Ippolito ................. Micheli/Michaelli/........ Ufficiale alle legnaie sino al 592,
...................... ......... .................. .............................. Michaele ....................... nel 594 in spenderia
A2 592 ..........1 ....... .................. Ludovico .............. Mietti ............................ Staffiere
CE 627,.........22 .....mco ........... Giovanni Battista.. Migliari/Migliari........... Sottocancelliere nel 627,
A3 628,......... ......... .................. .............................. ...................................... consigliere dal 644
F1 629-48 .....
CE 611-27 ....17 .....ma ............. Barbara ................. Mignoni ........................ Ai servizi del principino Cesare sino al 621,
...................... .........della principessa Giulia nel 622, dei principini ............. nel 623, della principessa Giulia
nel 624, ........ ......... .................. .............................. ...................................... del principe nel 625, della principessa
...................... ......... .................. .............................. ...................................... Giulia nel 626-7

CE 586..........1 ...... .....................Ferrante....................Milanese................... Famiglio di stalla


A2 556 ..........1 ...... ms ................Annibale ..................Milano......................
CE 589-94 ....6 ...... .....................Francesco.................Milano/da................. Servo alla credenza della signora nel 589,
...................... ........ .....................alle camere di Leonora dal 593
A2 560-88.....29 .... .....................Alessandro ...............Milleville/da............. Musico
A2 582-5.......4 ...... ms ................Giovanni Battista.....Mino......................... Cappella e cantori
IP 552, .........5 ...... ms ................Apollonio.................Minotti ..................... Ufficiale ai conti
A2 555-6.......
E2 550-9, .....11 .... ms ................Francesco.................Minotti ..................... Siniscalchi e scudieri
A2 560 ..........
A2 588-90.....3 ...... ms ................Minotto ....................Minotti ..................... Ufficiale di guardaroba
CE 609-10 ....2 ...... sr cav ...........Andrea .....................Minucci.................... Signori e gentiluomini
A2 597 ..........1 ...... .....................Andrea .....................Mioli ........................ Famiglia della duchessa
A2 592-7.......6 ...... ill sr co.........Alfonso ....................Miroglio/Mirogli/..... Cameriere
...................... ........ ..................... .................................Mirolio/Miroli/o
A2 560-4.......5 ...... mco ms ........Bartolomeo ..............Miroglio/Mirogli/..... Signori e gentiluomini
...................... ........ ..................... .................................Mirolio/Miroli/o
A2 560-89.....30 .... ms dal 562, .Federico ...................Miroglio/Mirogli/..... Signori e gentiluomini, dal 582 nella famiglia
...................... ........ co dal 569, .. .................................Mirolio/Miroli/o....... della duchessa
...................... ........ illmo sr co dal 582......................... .................................
A2 594-4.......1 ...... sra ................Isabella.....................Miroglio/Mirogli/Mirolio/Miroli/o
DA 554-81, ..31 .... ms ................Benedetto.................Mistri/di ................... Credenziere
CE 581-4 ......
A2 594-6.......3 ...... .....................Giacomo ..................Mitirotti.................... Garzone di cucina
E2 543-59, ...18 .... .....................Alberto.....................Modena/da ............... Portonari e ai servizi
A2 560 ..........
A1 530-3, .....40 .... mo................Angelo .....................Modena/da ............... Magistranze
E2 534-59,
A2 560-9.......
A2 562-9.......8 ...... .....................Bartolomeo ..............Modena/da ...............
A2 560 ..........1 ...... .....................Bortola .....................Modena/da ...............
A1 533, ........34 .... ms dal 566 ...Tarabino...................Modena/da ............... Cavalcatore
E2 534-59,
A2 560-5,
LU 566..........
A2 590-7.......8 ...... mo................Domenico ................Molinaro/Mulinari ... Magistranze
CE 586-97 ....4 ...... sr..................Alfonso ....................Molza ....................... Maestro di stalla sino al 589, nel 596-7
...................... ........ .....................maestro di casa
CE 599-625 ..27 .... sr, ................Andrea .....................Molza ....................... Maestro generale di campagna
...................... ........ ill sr dal 603,
...................... ........ illmo sr co dal 609.........................
CE 612-26 ....15 .... sr..................Annibale ..................Molza ....................... Cameriere segreto del principe Luigi
CE 620-6 ......7 ...... illmo sr co....Camillo ....................Molza ....................... Cameriere segreto di SA
CE 624-7 ......4 ...... illmo sr co....Cesare ......................Molza ....................... Ambasciatore presso il Granduca di Toscana
CE 600, 609..2 ...... ill sr cav.......Filippo......................Molza .......................
CE 625-7 ......3 ...... sr cav ...........Francesco.................Molza ....................... Cameriere segreto di SA
CE 619-27 ....9 ...... sr..................Orazio ......................Molza ....................... Cameriere del principe Ippolito
A2 582-3.......2 ...... sr..................Ottavio .....................Molza ....................... Cameriere
A2 583-8.......6 ...... mca sra ........Tarquinia..................Molza ....................... Famiglia della duchessa
CE 609-20 ....12 .... .....................Santo ........................Mondino................... Facchino alle camere dellInfanta
CE 581-625 ..45 .... mo dal 593, .Giacomo ..................Monesi/e/Munesi ..... Lavamasserizie nel 584, garzone nel 589,
...................... ........ ms dal 609 ... ................................ ................................. aiuto cuoco dal 593 al 597, cuoco dal 598
CE 586-99 ....14 .... ms dal 596 ...Giovanni ..................Monesi/e/Munesi ..... Ufficiale al tinello delle dame sino al 597,
...................... ........ ufficiale di sala nel 598-9
A2 576-97.....22 .... ms ................Ippolito ....................Monete/dalle ............ Ufficiale di casa, dispensiere nel 594
A2 582-92.....11 .... .....................Domenico ................Monferrato/dal ......... Facchino
CE 603-4, ....3 ...... .....................Gaspare ....................Mongardini/o ........... Garzone in Camera Ducale nel 603-4,
F1 644........... ........ ..................... ................................. ................................. ricompare ufficiale alla bolletta dei salariati
...................... ........ nel 644
CE 598-627 ..30 .... ms, ..............Giovanni Andrea .....Mongardini/o ........... Ufficiale al conto generale della camera mco
dal 610 .......... ........ ....................ducale sino al 621, maestro dei conti dal 622

A2 585 ..........1 ....... ms............... Nicola ...................Monina........................ Falconieri e cagnattieri


A2 569-97.....29 ..... mo .............. Giovanni...............Monte/dal.................... Sarto
A2 560-9.......10 ..... .................... Luca......................Monte/dal.................... Portonari e ai servizi
A2 589-92.....4 ....... ms............... Paolo.....................Monte/dal.................... Ufficiale di camera
A2 568-97.....30 ..... mco, ........... Antonio.................Montecatini/................ Segretari, consiglieri e dottori, segretario mco sr
dal 582 ..........Montecattini/o....... nel 697
A2 574-92.....19 ..... mco sr,........ Giovanni Battista..Montecatini/................ Fattore generale dal 582
...................... ......... illmo sr dal 582 .........................Montecattini/o
A2 597 ..........1 ....... co................ Luigi .....................Montecatini/................ Gentiluomo
...................... ......... .................... ..............................Montecattini/o
A2 555 ..........1 ....... .................... Giacomo Antonio.Montecchio ................. Panettiere
E2 555, ........5 ....... ms............... Alberto..................Montecchio/da ............ Magistranze
A2 560-4.......
E2 550-9, .....8 ....... illmo co ...... Camillo.................Montecuccoli/ ............. Signori e gentiluomini
A2 560-7....... ......... .................... ..............................Montecucoli/Montecucolo/di
CE 627, ........19 ..... sr cav .......... Francesco..............Montecuccoli/ ............. Cameriere del principe Nicol,
A3 628, ......... ......... .................... ..............................Montecucoli/............... maggiordomo nel 644,
F1 629-45 ..... ......... .................... ..............................Montecucolo/di........... maggiordomo maggiore nel 645
A2 560-89.....30 ..... illmo co ...... Gerolamo..............Montecuccoli/ ............. Signori e gentiluomini
...................... ......... .................... ..............................Montecucoli/Montecucolo/di
A2 576-94, ...29 ..... co,............... Luigi .....................Montecuccoli/ ............. Cameriere di Alfonso II,
CE 607-16 .... ........ ill sr co ...... ..............................Montecucoli/............... cameriere segreto di SA sino al 614,
...................... ......... dal 607........ ..............................Montecucolo/di........... nel 615-6 governatore di Brescello
A2 592-7, .....10 ..... ill sr co, ...... Massimiliano ........Montecuccoli/ ............. Cameriere di Alfonso II,
CE 624-7 ...... ........ illmo sr co . ..............................Montecucoli/............... maggiordomo di Cesare
...................... ......... dal 624........ ..............................Montecucolo/di
A2 588-97.....10 ..... ms............... Stefano..................Montelini/o ................. Cappella e cantori
A2 569 ..........1 ....... co................ Federico................Montevecchio .............
A2 560-76, ...21 ..... ms............... Camillo.................Montini/o .................... Tra scalchi e scudieri di Alfonso II,
CE 581-4 ...... ........ mco nel 584 ............................. .................................... sescalco di Cesare
E2 558-9, .....13 ..... ms,.............. Carlo.....................Montini/o .................... Spenditore, sescalco di don Alfonso
A2 560-9, ..... ......... mco dal 581
DA 581 ......... ........
A2 582-9.......8 ....... ms............... Floriano ................Montini/o .................... Segretari e cancellieri
A2 583 ..........1 ....... rdo .............. Gregorio ...............Montini/o .................... Famiglia della duchessa
DA 554-81, ..31 ..... mco............. Montino ................Montini/o .................... Paggio di camera nel 554,
CE 581-4 ...... ........ ms dal 561.. ............................. .................................... maestro di stalla dal 561
A2 588-97.....10 ..... ms............... Montino ................Montini/o .................... Cappella e cantori
A2 555-74.....20 ..... ms............... Paolo.....................Montini/o .................... Maestro delle cacce
A2 585 ..........1 ....... sr................. Ottavio..................Morani......................... Signori e gentiluomini
A2 560 ..........1 ....... mo .............. Giacomo Filippo ..Morato/de....................
DA 540-5, ....7 ....... sle ms ......... Pellegrino .............Morato/Moretto/de...... Precettore, maestro dello scrivere nel 560
A2 560 ..........
CE 617-27 ....11 ..... ms............... Giovanni...............Morelli ........................ Sottomaestro di stalla
A2 596 ..........1 ....... .................... Alberto..................Morello .......................
CE 615-26 ....12 ..... illmo sr co .. Stefano..................Moreni......................... Cameriere segreto di SA
A2 560 ..........1 ....... .................... Focca ....................Moreo..........................
A2 567-76.....10 ..... .................... Domenico .............Moretto/Moro/dal .......
A2 558-89.....32 ..... mo, ............ Giacomo ...............Moretto/Moro/dal ....... Calzettaio
...................... ......... ms dal 582
A2 562-78.....17 ..... don.............. Gerolamo..............Morgante..................... Cappellani e cantori
A2 560-83.....24 ..... ms............... Agostino ...............Mori/o ......................... Signori e gentiluomini
A2 567-97.....31 ..... .................... Alfonso.................Mori/o ......................... Cancelliere, nel 594 tra consiglieri e dottori
CE 588-600 ..13 ..... sr................. Ferrante ................Mori/o ......................... Cameriere
CE 586-9, ....5 ....... sr................. Giulio....................Mori/o ......................... Maggiordomo/maestro di casa di Cesare
A2 597 .......... ........ .................... .............................. .................................... sino all589, nel 597 ricompare nella
...................... ......... famiglia della duchessa Margherita Gonzaga,
...................... ......... .................... .............................. .................................... presumibilmente con la medesima qualifica
A2 597 ..........1 ....... sra............... Lucrezia................Mori/o ......................... Famiglia della duchessa,
...................... ......... .................... .............................. .................................... probabilmente dama
CE 609-27 ....19 ..... ms............... Ludovico ..............Mori/o/detto Focherino Nella famiglia di madama sino al 613, dal
...................... ......... .................... 614 valletto del principe Alfonso

A1 525-33, ...39 ......mco ms........ Pietro .................. Mori/o........................ Signori e gentiluomini


E2 534-59,
A2 560-3.......
CE 609-11 ....3 ........ms................ Giovanni............. Morino ....................... Staffiere
A2 565-92.....28 ......mo dal 569, Loren .................. Mori/de .................... Racchettiero
...................... ..........ms dal 582
A1 528-33, ...56 ......ms,............... Agostino ............. Mosti.......................... Tra signori e gentiluomini dal 544,
E2 534-59, ... ..........mco sr dal 582.......................... ................................... dal 582 antiquario
A2 560-83..... .........
A2 590-4.......5 ........ill sr co ........ Ercole ................. Mosti-Estense ............ Scalco sino al 592, nel 594 maestro di casa
CE 581-4 ......4 ........ms................ Tommaso............ Mozardo..................... Valletto di camera del signore
A2 568-9.......2 ........ .................... Gerolamo............ Mozzina .....................
A2 562-9.......8 ........ .................... Gerolamo............ Mozzo/Mozo/dal .......
A2 594-4.......1 ........ms................ Stefano ............... Muccio....................... Credenziere del duca
CE 588..........1 ........mco ............. Giulio Cesare ..... Muccioli..................... Superiore alle barche
A2 558-64.....7 ........ .................... Ruffino ............... Mulattiere .................. Mulattiere
A1 530-3, .....36 ...... .................... Alessandro.......... Mule/dalle/da le ........ Cavalcatore
E2 534-59,
A2 560-5.......
CE 600-3 ......4 ........ .................... Antonio............... Mullo ......................... Sguattero
CE 609-27 ....19 ......ms................ Antonio............... Munaretti ................... Barbiere del principe
CE 588..........1 ........ .................... Bartolomeo......... Munari ....................... Lavamasserizie
A2 576-90.....15 ...... .................... Cristoforo ........... Musacchio/Musachio Ufficiale di camera
A2 567-92.....26 ......mo, ............. Giovanni............. Muscovia/di ............... Corriere
...................... ..........ms dal 582
E2 559, ........2 ........ .................... Alberto ............... Naldino ...................... Comandadore allesattoria
A2 560 ..........
CE 621-7, ....33 ......ms,............... Enea.................... Nani/Nanni ................ Scrittore e precettore dei principini sino al 627,
A3 628, ......... ..........sr dal 644..... ............................ ................................... scrittore di SA dal 644
F1 629-53 ..... .........
A2 576-92.....17 ......ms................ Pellegrino ........... Nani/Nanni ................ Ufficiale di camera
A2 574 ..........1 ........sr ................. Giovanni............. Nano .......................... Nano
A2 585-90.....6 ........mo ............... Nicola ................. Nanus......................... Magistranze
CE 598..........1 ........sr ................. Giulio ................. Nari............................ Notaio dellesattoria
E2 543-54, ...43 ......ms................ Alessandro.......... Narni.......................... Trinciante sino al 556, scudiere nel 558,
A2 555-85 .... ......... .................... ............................ ................................... dal 560 tra scalchi e scudieri, dal 582 nella
...................... .......... .................... famiglia della duchessa
A2 582-94.....13 ......ms................ Alfonso............... Narni.......................... Sottosescalco nella famiglia della duchessa
A2 585-92.....8 ........ms................ Alberto ............... Naselli/o..................... Ufficiale di camera
A2 597 ..........1 ........ .................... Alfonso............... Naselli/o..................... Famiglia della duchessa
CE 607-19 ....13 ...... .................... Domenico ........... Naselli/o..................... Lavamasserizie sino al 613, dal 614 cuoco
...................... .......... .................... dei forestieri
A2 576-88.....1