Sei sulla pagina 1di 3

11 Le deformazioni elastiche 11.

2 Travi isostatiche: il calcolo della deformazione 1

11.2.2 Travi appoggiate

Travi appoggiate con vari schemi di carico: formule di calcolo e dimostrazioni


Trave appoggiata agli estremi soggetta a Trave appoggiata agli estremi soggetta a
un carico uniformemente ripartito due coppie MA ed MB applicate alle
Lo schema di carico riportato in figura a. estremit
Essendo i momenti differenti fra loro e tali da determinare un
momento flettente positivo [fig. b], il relativo diagramma un
trapezio; assumendo la trave ausiliaria appoggiata agli estremi
e caricata con il diagramma dei momenti flettenti, le aree dei
due triangoli, nei quali stato suddiviso il diagramma dei mo-
menti con una diagonale, assumono i seguenti valori:
MA l
Pa =
2
M l
Pb = B
2
e vengono considerate applicate nei rispettivi baricentri.

Fig. a

Assunta la trave ausiliaria appoggiata agli estremi e caricata


con il diagramma dei momenti flettenti, essendo questultimo
simmetrico, le reazioni fittizie sono uguali; ricordando che
2
larea di una parabola data da S = b h, si ha:
3
2 q l2 l
A*l l = 0
3 8 2

q l3
per cui A* = B* = e quindi:
24 Fig. b

A* q l3 Si calcolano ora le reazioni fittizie:


== = [1]
E I 24 E I 2 1
A*l Pa l Pb l = 0
3 3
Il momento flettente fittizio M* max si verifica nel punto medio
della trave ove si ha la freccia massima, per cui: 1 2
B*l Pa l Pb l = 0
3 3
l 2 q l2 l 3 l 5
M *max = A* = q l4 e, sostituendo i valori di Pa e Pb prima calcolati, si ottiene:
2 3 8 2 8 2 384
e quindi: l
A* = (2 M A + M B )
6
M* 5 q l4
f= = [2] l
E I 384 E I B* = (M A + 2 M B )
6

SEI - 2012
11 Le deformazioni elastiche 11.2 Travi isostatiche: il calcolo della deformazione 2

11.2.2 Travi appoggiate


Le rotazioni alle estremit risultano quindi:
A* l
= = (2 M A + M B ) [3] q
EI 6EI qx
HA

X x
B* l f
= = (M A + 2 M B ) [4]
EI 6EI
RA RB
Se risultasse, MA = MB = M le rotazioni alle estremit risulte- x

rebbero uguali e pertanto si avrebbe:


l
l
== (2 M + M)
6EI 0 0
ossia M

M l
== [5]
2EI
y
Il segmento CC nella sezione mediana vale:
MA + MB Fig. c
CC =
2
e divide verticalmente il diagramma dei momenti in due parti; 0mentre la reazione RB risulta:
considerando quella di sinistra, questa viene suddivisa in due
ql ql
triangoli dalla diagonale AC, per cui il momento flettente fit- RB =
tizio M* rispetto alla sezione di mezzeria risulta: 2 6

l 1 l 2 l 1 M + MB l 1 l ossia:
M* = A* M A A =
2 2 2 3 2 2 2 2 3 2 ql
RB = [9]
l 2
3
= (M A + M B )
16 Lo sforzo di taglio si annulla nella sezione X alla distanza da A:
Labbassamento del punto medio, non corrispondente al mas- l 3
simo, vale: xA =
3
M* l2 Il momento flettente in una sezione generica X distante x dal-
fl = = (MA + M B ) [6] lestremo A dato da:
2 E I 16 E I
q x x ql q x2
Mx = RA x x = x x
Per MA = MB = M la freccia in mezzeria corrisponde anche a 2 3 6 6
quella massima e si ha: Il valore di qx del carico in corrispondenza della sezione x
viene calcolato con la proporzione:
M l2
f max = [7] q : l = qx : x da cui
q
qx = x
8E I l
Il momento flettente nella sezione di mezzeria per x = l/2 ri-
sulta quindi:
Trave appoggiata agli estremi gravata
q l2
di un carico ripartito con diagramma Ml = [10]
2 16
triangolare [fig. c]
La reazione RA vale: mentre il momento massimo :

ql l q l 2
3
RA l =0 Mmax = 0,00642 q l 2 [11]
2 3 27

e quindi: Labbassamento in mezzeria dato da:


ql 5 q l4
RA = [8] f= [12]
6 768 E I
SEI - 2012
11 Le deformazioni elastiche 11.2 Travi isostatiche: il calcolo della deformazione 3

11.2.2 Travi appoggiate


mentre quello massimo : Le rotazioni sono date dalle formule:
q l4 7 q l3 8 q l3
fmax = 0,006522 [13] = = [14]
EI 360 E I 360 E I

maggiore di appena lo 0,18% circa rispetto a quello in mez-


zeria.

E S E R C I Z I O S V O LT O
Calcolare la freccia nella sezione di mezzeria e le rotazioni alle estremit della trave rappresentata in figura, realizzata
in legno con sezione di 15 21 cm2, soggetta al carico linearmente variabile con q1 = 2 kN/m e q2 = 5 kN/m.

q2
q2 q1
q1 q1

A B A B A B

I = 5,00

a b

Le deformazioni della trave si possono ottenere come somma di quelle dovute:


al carico ripartito uniforme q1 [fig. b] (formule [1] e [2] di questa Unit);

al carico ripartito con diagramma triangolare con qmax = q2 q1 (formule [12] e [14] di questa Unit).

Si assume E = 10 105 N/cm2 e viene calcolato il momento dinerzia:


1 1
Ix = b h3 = 15 213 = 11 576 cm4
12 12

Le quantit vengono espresse in N e in cm.

Rotazioni
q1 l 3 7 qmax l 3
= + =
24 E I 360 E I
20 5003 7 30 5003
= + 0,0153 rad
24 10 10 11576,25 360 10 105 11 576,25
5

q1 l 3 8 qmax l 3
= + =
24 E I 360 E I
20 5003 8 30 5003
= + 0,0162 rad
24 10 10 11576,25 360 10 105 11 576,25
5

Abbassamento in mezzeria
5 q1 l 4 5 qmax l 4
f= + =
384 E I 768 E I
5 20 5004 5 30 5004
= + 2,46 cm = 24,6 mm
384 10 10 11576,25 768 10 105 11 576,25
5

SEI - 2012