Sei sulla pagina 1di 7

Presentazione del lavoro di gruppo

L'obiettivo di tale relazione quello di esporre i dati raccolti durante l'intervista


alla Sig.ra Raffaella Paone, direttrice delle risorse umane di Kiton Spa nonch
figlia del fondatore del marchio, e al Sig. Francesco, dipendente da pi di 20
anni di tale azienda. L'Intervista stata focalizzata sull'analisi delle
competenze e delle leve motivazionali che hanno permesso a Kiton di esportare
la tradizione dell'abito artigianale in tutto il mondo.

L'Evoluzione del brand


Kiton una sartoria industriale e casa di moda fondata a Napoli nel 1968. Nata
come una semplice bottega artigianale, in soli 50 anni essa ha
successivamente avuto una diffusione su scala mondiale. Oggi Kiton presente
in America, Asia e prossimamente raggiunger le coste australiane per
proporre, ancora una volta, la qualit del Made in Italy in terra straniera.
L'headquarter ancora presente ad Arzano (Na), e ad oggi conta 414
dipendenti solo presso tale sede e complessivamente circa 800 dipendenti in
tutto il mondo. Il campionario Kiton propone una vasta gamma di abiti
completi, cravatte di alta moda e scarpe, con una produzione di 80 capi al
giorno. Kiton si rivolge esclusivamente alla fascia alta del mercato,
caratterizzata da una particolare ricerca della qualit italiana. La sua rete di
vendita formata da un responsabile retail, responsabile della vendita in tutti i
negozi; un manager per ciascuna area geografica; un direttore per ogni
negozio; oltre agli addetti alla vendita. Il segmento di mercato
essenzialmente privo di reali concorrenti. I direttori, per, individuano in
Herms il loro principale riferimento,sopratutto in termini di target di clientela.
L'azienda include tra i prossimi obiettivi quello di massimizzare le vendite e di
espandersi in mercati nuovi con negozi rigorosamente monomarca.

Analisi e natura delle competenze


Con l'aiuto di Raffaella Paone, stato possibile analizzare le competenze dei
singoli lavoratori,partendo da quelle di suo Padre Ciro il quale grazie ad una
serie di skills innate quali l'intuito per gli affari, una gran capacit
imprenditoriale ed una buona mimica ''alla napoletana'' (che ha attudito la
mancata conoscenza della lingua inglese), riuscito ad esportare il suo
marchio in tutto il mondo.
Quando parliamo di Kiton,ci riferiamo ad un prodotto sartoriale , dunque
necessario avere competenze che rispecchiano il ruolo del sarto nella sua
interezza. L'azienda infatti offre ai giovani dai 16 ai 21 anni una scuola di
formazione di tre anni all'interno dell'azienda, ed al termine la possibilit di
essere assunti dalla stessa.Nonostante l'altissimo livello di specializzazione
presente in azienda, essere un dipendente Kiton implica anche un margine di
flessibilit nel dedicarsi a mansioni diverse da quelle abituali in caso di
particolare necessit. Ci risulta possibile in virt del fatto che il clima creato
da Ciro Paone quello di un ambiente totalmente familiare in cui ognuno si
sente come a casa ed anche in dovere di aiutare gli altri,daltronde il
dipendente oltre ad essere un valore aggiunto per la sartoria o per l'area
operativa/commerciale,assume anche un valore di carattere affettivo.Di
conseguenza. essere un sarto in maniera completa permette
l'interscambiabilit di mansione in caso di assenze di alcuni dipendenti, chi
dunque addetto al taglio, sar sicuramente anche in grado di cucire il bottone o
di stirare la fodera. All'interno della distinzione generica tra le diverse
mansioni.viene compiuta un'ulteriore diversificazione tra quelle compiute da
uomini e donne .La donna avendo una mano pi delicata rispetto l'uomo , si
occupa principalemente di tutto ci che riguarda il ricamo oltre al cucito delle
camicie e delle cravatte, riservata all'uomo invece la cucitura della spalla
della giacca maschile e le scarpe.
In generale,le tasks-skill dominated pi rilevanti sono sicuramente precisione
ed attenzione al dettaglio.Ovviamente all'interno della stratificazione delle
competenze dei singoli dipendenti rientrano anche tratti della personalit e
della motivazione,che possono ricondursi ad esempio ad una passione per il
loro mestiere o all'essere una persona particolarmente paziente e meticolosa.
Kiton da la possibilit ai suoi dipendenti di sviluppare ulteriori competenze
stesso in azienda,periodicamente infatti, coloro che seguono il percorso di
formazione di 3 anni, vengono chiamati in Sartoria per imparare a lavorare "in
catena" e quindi per svolgere una determinata mansione in tempi speficici ed
in maniera perfetta, se ci infatti non accade il prodotto torna indietro e l'intero
processo viene rallentato. Oltre a creare nuove competenze , questo processo
pu essere anche inteso come Sperimentazione vicaria che permette quindi un
aggiustamento dei giudizi di auto efficacia attraverso l'osservazione di altri
attori, ogni mini- catena di montaggio infatti, prevede la riunione di ogni suo
membro attorno allo stesso tavolo, svolgendo compiti differenti.
Questo proprio quello che distingue Kiton da tutte le altre aziende, la
capacit di coordinamento infatti pi importante della stessa disponibilit
delle risorse,a dimostrazione del fatto che le imprese con le migliori
competenze non sono quelle che necessariamente posseggono le maggiori
risorse .Quello che l'azienda Kiton possiede senza dubbio una competenza
organizzativa ,oltre quella distintiva,che in gado di creare dei processi
specifici attraverso l'interazione tra le risorse tangibili e intangibili.
La Competenza organizzativa non basta per fronteggiare i competitor per
questo motivo che Kiton possiede una competenza distintiva ,in grado di
differenziarsi dai propri concorrenti attraverso delle abilit specifiche ,ad una
differenziazione del prodotto e di valore per il mercato cui si rivolge
l'impresa ,e possiede una forte competenza nella qualit ed efficacia del
servizio e un forte dinamismo che consente di attuare cambiamenti strategici e
organizzativi per rispondere all'evoluzione dell'ambiente competitivo .Infatti
kiton ha raggiunto una duplice finalit : ESTERNA poich con l'interazione
estera con gli stati uniti ,Emirati Arabi ,Australia ,Cina ed altri paesi ha creato
una posizione di vantaggio competitivo e INTERNA perch favorisce un
processo di autocreazione Delle risorse.

Aspetti motivazionali
Prima di parlare degli aspetti motivazionali ,essendo il rapporto tra
management e collaboratori un rapporto di reciproco scambio , in termini
sopratutto di feedback, necessario individuare una gerarchia dei bisogni che i
dipendenti si aspettano che vengano soddisfatti. Abbiamo quindi intervistato
l'altra faccia della medaglia, un collaboratore Kiton, il Sig Francesco addetto
al taglio delle giacche da pi di 20 anni, ha evidenziamo classi di bisogni che
l'azienda provvede a soddisfare e sopratutto le leve utilizzate per migliorare la
performance e stimolare i suoi dipendenti.Tali bisogni si riconducono in primo
luogo a quelli di sicurezza e di stima.
E' importante sottolineare che per lavorare da Kiton sono fondamentali alti
livelli di specificit, quindi un elevato livello esperienziale, e specializzazione,
un ampio bagaglio di conoscenze derivanti dalla formazione professionale
continua. Di conseguenza, assai importante mantenere elevata la
motivazione dei dipendenti di cos alta professionalit, anche per evitare il
rischio che possano lasciare l'azienda. Gli aspetti motivazionali della Kiton sono
collegati a due categorie: una di valenza intrinseca e una di valenza estrinseca.

-La prima riguarda il clima interno all'azienda sia tra i dipendenti fra loro sia tra
i dipendenti e il vertice aziendale. Si caratterizza in un rapporto spontaneo
libero ed informale, quello che facilmente riscontrabile in una tipica grande
famiglia.
-La seconda riguarda premi di produzione collettivi, premi individuali di
raggiungimento di risultato e numerosi benefit ( vengono disposti dei premi per
Natale e Pasqua o in caso di poche assenze e tutto ci a testimonianza del fatto
che l'azienda mira a motivare gli operai a svolgere al meglio delle loro
possibilit le mansioni affidategli). Il processo motivazionale della Kiton
riconducibile alla "Teoria del rinforzo", in quanto esso regolato dai feedback
positivi dei clienti che non si fermano al livello del management, ma arrivano a
tutti i dipendenti, il che accresce il loro coinvolgimento e la loro motivazione. In
altre parole, le azioni che fanno registrare effetti positivi vengono ritenute
corrette (quindi vengono ripetute) e ci motiva il dipendente ampliando il suo
senso di appartenenza e di auto-realizzazione. Infine, abbiamo potuto
ricollegare il "modus operandi" dell'azienda alle teorie motivazionali del
processo e del contenuto. Nella teoria del contenuto, si sottolinea l'importanza
delle cause che originano un certo comportamento (es.arrivare in ritardo,
fumare in bagno); nella teoria del processo, invece, viene spiegato in che
modo cambia il comportamento di una persona e come quest'ultima comincia
ad agire (es.se il dipendente continua ad arrivare in ritardo o a fumare in
bagno, contravvenendo le regole,allora la direzione sar costretta ad agire
diversamente).

Osservazioni e Conclusione
Oltre a rivelarsi determinante nel comprendere le skills necessarie a
determinare il successo di un azienda, tale esperienza ci ha permesso di
ridimensionare .in un ottica pi umile ,la nostra visione di azienda leader nel
campo della moda. Mantenendo le sembianze di una semplice sartoria, infatti,
Ciro Paone riuscito a creare un vero e proprio impero felice, in cui il
lavoratore medio riesce a percepire la stima dei suoi superiori,ed in cui sue
competenze innate ed acquisite permettono di far riconoscere Kiton in tutto il
mondo come simbolo della qualit artiginale Italiana.
Tag:
Salta Navigazione

Navigazione
Home
My home

Pagine del sito


Il mio profilo
Corso in uso
OA
Partecipanti
Introduzione
... laurea in Management delle Imprese Internazionali

Forum e News del corso di Organizzazione Aziendale


Informazioni sul lavoro di gruppo facoltativo
Wiki di iscrizione ai lavori di gruppo

Wiki lavoro gruppo

Crea pagina

Visualizza

Modifica

Commenti

Storico

Mappa

File