Sei sulla pagina 1di 6

IL 1600 IN EUROPA

Il quadro economico europeo dei Seicento si presenta molto


variegato: si assiste allascesa economica di Inghilterra e Olanda
mentre Spagna, Portogallo e Italia attraversano un forte momento
di depressione. Nel nord Europa si verifica il rilancio delle attivit
commerciali, imprenditoriali e coloniali, si avviano processi di
modernizzazione in ogni settore delleconomia. Nel Sud si avvicenda
una fase quasi di regresso feudale. Il baricentro delleconomia
Europea si sposta dal Mediterraneo allAtlantico.

Alla crisi economica si sovrappone una forte crisi dei rapporti tra le
potenze europee che sfocer nella guerra dei Trentanni. Nata dal
tentativo degli Asburgo di imporre il cattolicesimo su tutta larea
tedesca, tra Gli Stati Germanici (cui legata la spagna per motivi
dinastici) e la Francia la guerra dei Trentanni coinvolse in modo
diverso tutte le potenze europee.
La Pace di Westfalia nel 1648 sancir la fine della guerra a favore
della Francia.

WESTFALIA
La pace di Westfalia disegn un nuovo assetto politico-territoriale e
diplomatico dellEuropa, consolidando la monarchia Francese e
quella della Svezia. Limpero tedesco scomparve come organismo
politico, frazionandosi in 350 stati sovrani. Gli Asburgo dAustria
furono di fatto estromessi dallimpero, conservando solo il titolo.
Con Westfalia furono riconosciute e legittimate le tre diverse
confessioni: la cattolica, la luterana e la calvinista. Si concluse cos
il programma controriformista di restaurazione religiosa perseguito
dagli Asburgo dAustria e di Spagna.
Si afferma il principio per cui ogni Stato libero e sovrano e ha
diritto ad essere rispettato nella propria unit territoriale e
indipendenza, sancendo cos il tramonto dello spirito universalistico
dellImpero.
Nasce con Westfalia la prima antesignana forma della diplomazia
tesa a stabilire tra i diversi stati
una politica di equilibrio.

LA CONCEZIONE MODERNA DELLO STATO E LASSOLUTISMO

Dalla pace di Westfalia, con laffermazione dellidea di Stato, si


configurano in Europa due nuove forme di monarchia, quella
parlamentare Inglese (che nacque nel 1688 con il Bill of
Right) e la Monarchia assoluta di Luigi XIV in Francia, di segno
totalmente opposto.
Monarchia assoluta. Sancisce la sovranit illimitata e indivisibile
del sovrano (absolutus: sciolto da ogni costrizione esterna). Il
sovrano esercita liberamente il proprio potere senza alcuna
limitazione: Lo stato sono io.
Nello Stato feudale: lesercito formato da nobili, lapparato
burocratico consiste in una serie di legami sovrano-vassalli, il
sistema fiscale affidato ai signori locali, il sistema commerciale
ostacolato da dazi generando uneconomia pi chiusa.
Nello Stato assoluto: Lesercit formato da mercenari o sudditi
addestrati, lapparato amministrativo privatizzato (privilegi e
corruzione), sistema fiscale centralizzato, si forma un mercato
nazionale e nazionalizzato.
Re Sole: la monarchia assoluta di Luigi XIV . 1661-1715.

RE SOLE

Luigi XIV , divenuto erede al trono da minorenne, fu allevato


politicamente da Mazzarino, cardinale erede di Richelieu. La
reggenza, fino al raggiungimento della maggiore et, fu tenuta dalla
madre Anna DAustria. In questa fase bisogna ricordare il
movimento antigovernativo della Fronda che nel 1648 e poi nel
1650 si ribell alle decisioni dello Stato monarchico.
All'origine della prima fase (fronda parlamentare) vi fu il rifiuto del
parlamento di Parigi di registrare l'editto di sospensione degli
emolumenti alle corti sovrane. Nel 1650 si ebbe la seconda fase di
opposizione (fronda dei principi), capeggiata dal principe di Cond,
rappresentante di quella nobilt che la politica di Mazzarino aveva
cominciato ad esautorare di ogni ruolo, anticipando la concezione
assolutistica del potere che si afferm con Re Sole.

LA POLITICA DI RE SOLE

Gli Stati Generali (Parlamento) furono esautorati da qualsiasi


potere, la nobilt fu ridotta ad esercito di cortigiani, le cariche di
governo furono affidate alla borghesia.

Politica religiosa.
Luigi XIV sostenne la chiesa Galliana, poich pi autonoma da Roma
e garante di maggiore autonomia del sovrano dal Papa. Fu strenuo
oppositore del giansenismo moralizzatore. Nel 1685 promulg
leditto di Fontainebleau contro i calvinisti ugonotti. Per sostenere il
proprio controllo Luigi XIV impose una forte censura sulle
pubblicazioni fino al controllo delle stesse tipografie.

Politica economica.
Per rispondere al pesante deficit interno, reduce dalle guerre di
religione che avevano afflitto lEuropa per trentanni, leconomista
Jean Batiste Colbert collaboratore di Luigi XIV, impose una politica
mercantilista rivolta a frenare le importazioni e sviluppare lexport.
Si introdussero misure per sviluppare il commercio interno e di
protezione verso le merci esterne.
Venne promossa lindustria di Stato per la produzione di oggetti di
lusso per larredamento: tappezzeria, specchi, arazzi. E si
costituirono cinque compagnie commerciali di Stato.

Politica estera.
La Politica estera fu essenzialmente di carattere espansionistico,
rivolta ai territori spagnoli e olandesi. I desideri egemonici di Luigi
XIV provocarono la guerra di devoluzione (I Baesi Bassi dovevano
essere devoluti alla Francia, secondo il sovrano) che dur dal 1667
al 1668, e la guerra dOlanda (1672-1678). Contro lo strapotere
francese si form tra i paesi europei la Lega di Augusta che riusc a
concludere solo dieci anni dopo il conflitto. Contro Francia e Spagna,
uniti dalla salita al trono di Spagna di Filippo DAngi nipote di Luigi
XIV, si form una nuova alleanza antifrancese ((Inghilterra, Austria e
le Province unite) che dichiar guerra alla Francia e alla Spagna
(guerra di successione spagnola 1701-1714). Il conflitto si concluse
con la Pace di Utrecht (1713) e la Pace di Rostadt che fu firmata
anche dallAustria. (1714).

Negli anni immediatamente successivi alla morte di Luigi XIV dopo


la fine dei conflitti egemonici francesi si assiste ad una fase di
declino di Spagna e Francia a favore dellAustria e dellInghilterra.
La Spagna cede agli Asburgo i territori delle Fiadre e quelli italiani
(Milano, Sardegna, regno di Napoli), ai Savoia la Sicilia e il
Monferrato. La Francia cede allinghilterra parte delle sue colonie
americane, la Spagna cede Gibilterra e lisola di Minorca.

NASCONO NUOVE POTENZE EUROPEE

Nellambito delleuropa centro-orientale si consolidano nuove


potenze. Nasce una nuova entit statale La Prussia, che sotto la
casata degli Hohenzoller si avvia verso un forte sviluppo ispiri rato
allassolutismo e ad una politica espansionistica fondata
sullesercito forse pi potente dEuropa.
LAustria rafforza il potere centrale grazie ad una efficace
organizzazione amministrativa allo scopo di dare coesione ai vari
territori conquistati (con la Prammatica sanzione si consente a
Maria teresa dAustria di diventare imperatrice del Sacro Romano
Impero).
La Russia entra nella scena europea grazie alla dinastia Romanov.
Lo zar Pietro il Grande avvia un processo di modernizzazione e di
occidentalizzazione del Paese (forte amministrazione, esercito
regolare, marina, polizia segreta).

LIlluminismo.

Movimento culturale ampio che riguard molteplici settori del


sapere (scienza, filosofia, letteratura) e che si svilupp nel corso
del Diciassettesimo secolo, detto appunto il secolo dei lumi.
Al centro del pensiero illuminista sta il primato della ragione e
dellintelletto umano, e la fiducia nel progresso quale strada
maestra per la felicit umana. Il pensiero illuminista contribu a
ispirare i principi di uguaglianza, fraternit, libert della
Rivoluzione francese. Scardin le basi teoriche dellassolutismo
(monarchie per diritto divino) e decret la fine del dispotismo delle
classi dominanti su quelle subalterne. I principi dellilluminismo
rappresentano la base su cui si sono costituiti gli stati di diritto
moderni. Altro elemento fondamentale dellilluminismo fu il
cosmopolitismo ed il rifiuto della guerra.
LIlluminismo il fondamento della cultura Occidentale e del
laicismo.

Gli intellettuali illuministi e il loro contributo.

Pierre Boyle. Autore del dizionario storico-critico (1697), una


raccolta di errori dovuti al pregiudizio.
Voltaire. Autore del Trattato sulla tolleranza. Io non approvo quello
che dici ma difender fino alla morte il tuo diritto di farlo.

Diderot e dAlambert. Autori dellEnciclopedia, primo compendio del


sapere umano.

Montesquieu. Teorico dello stato costituzionale moderno e della


democrazia rappresentativa. La separazione dei poteri (legislativo,
giudiziario, esecutivo) la sola che salvaguardia la libert politica.

Rosseau. Teorico delluguaglianza umana per natura. Tutti gli


uomini sono uguali allo stato naturale, le diseguaglianze sono frutto
di una sbagliata organizzazione sociale.

Posizioni economiche.

Adam Smith. Economista, teorico del liberismo e della funzione


positiva del mercato (il mercato si autorganizza in funzione del bene
delluomo). Secondo Smith il lavoro delluomo la vera fonte di
ricchezza (valorizza lopera e la capacit umana).

Quesnay. Fodatore della fisiocrazia, posizione economica che


valorizza il ruolo della natura e dellagricoltura contro il
mercantilismo.

Le monarchie illuminate.

Linfluenza del pensiero illuminista coinvolse anche le monarchie


assolute dellepoca, furono molti i sovrani in Europa che si sentirono
spinti ad avviare i primi programmi riformatori in campo sociale,
economico e del diritto. Questa fase storica conosciuta come
dispotismo illuminato.

Lespulsione dei Gesuiti. E il fatto simbolico che segna la fine


dellingerenza della chiesa sugli affari di stato. Ad espellere i gesuiti
nel 1754 furono inizialmente Spagna e Portogallo, seguiti dalla
Francia, dai regni di Parma e Piacenza e da quello di Napoli. Il papa
Clemente XIV fu costretto a sciogliere la compagnia. Lepisodio
viene considerato come un caposaldo del laicismo moderno.

Austria. La sovrana Maria Teresa DAmburgo si fece portatrice di un


vasto programma di riforma che fu perseguito anche in seguito dal
figlio Giuseppe II. Fu introdotto il matrimonio civile e aboliti i culti
religiosi.

Prussia. Federico II di Hohenzollern decret il divieto della tortura e


della pena capitale. Istitu il credito agrario e attiv un programma
di sostegno allagricoltura. A lui si deve lo sviluppo della
coltivazione della patata.

Russia. Caterina II fu promotrice di un ampio programma sociale


rivolto alle masse contadine.

Lombardia. Il governo austriaco di Maria Terese e poi di Giuseppe II


istituirono lobbligo scolastico dai 6 ai 13 anni.

Toscana. Il Codice Leopoldino abolisce la pena capitale anche per il


regicidio.

Napoli. Il ministro Tanucci di Carlo III abol lomaggio della Chinea


(festa annuale nel corso della quale veniva regalato un cavallo al
Papa).