Sei sulla pagina 1di 1

1

L'editto di tolleranza di Galerio

LUCIUS CAECILIUS FIRMIANUS LACTANTIUS, De LATTANZIO, La morte dei persecutori, 34 (ed.


mortibus persecutorum 34 (ed. S. BRANDT N. BENAZZI, Archivum. Documenti della sto-
G. LAVBMANN, L. Caeli Firmiani Lactanti, in ria della Chiesa dal primo secolo a oggi,
CSEL 27 2/2, Vindobonae 1897). Piemme, Casale Monferrato 2000).

<212> [34, 1] Inter cetera quae pro rei <72> Tra le altre misure da noi ritenute op-
publicae semper commodis atque utilitate portune per il bene e l'utile dello Stato, vi fu
disponimus, nos quidem volueramus l'immediata volont che tutto ritrovasse
antehac iuxta leges veteres et publicam l'antico ordine secondo le leggi e la discipli-
disciplinam Romanorum cuncta corrigere na pubblica dei Romani e che, pertanto, si
atque id providere, ut etiam Christiani, qui procurasse che i cristiani, che avevano ab-
parentum suorum reliquerant sectam, ad bandonato la religione dei loro avi, si vol-
bonas mentes redirent, [2] siquidem quadam gessero a migliori propositi. Tanta fu l'arro-
ratione tanta eosdem Christianos voluntas ganza che li prese, per chiss quale ragione,
invasisset et tanta stultitia occupasset, ut non che essi non seguirono pi le usanze dei loro
illa veterum instituta sequerentur, quae for- padri, ma si diedero leggi personali e capric-
sitan primum parentes eorundem <213> ciose, osservandole e tenendo assemblee in
constituerant, sed pro arbitrio suo atque ut vari luoghi.
isdem erat libitum, ita sibimet leges facerent
quas observarent, et per diversa varios popu-
los congregarent.

[3] Denique cum eiusmodi nostra iussio Avendo noi promulgato un Editto affinch
extitisset, ut ad veterum se instituta confe- tornassero alle usanze degli antichi, molti di
rrent. Multi periculo subiugati, multi etiam loro furono processati, colpiti e dovettero
deturbati sunt. scontare la pena capitale.

[4] Atque cum plurimi in proposito perse- Ma poich la maggior parte di loro persiste
verarent ac videremus nec diis eosdem cul- nella medesima follia, non adorando come si
tum ac religionem debitam exhibere nec dovrebbe gli dei celesti... richiamandoci al
Christianorum deum observare, contempla- nostro amore per gli uomini e al nostro at-
tione mitissimae nostrae clementiae, intuen- teggiamento di perdono, abbiamo stabilito di
tes et consuetudinem sempiternam, qua sole- concedere la nostra indulgenza anche allo
mus cunctis hominibus veniam indulgere, stato presente. I cristiani, pertanto, possono
promptissimam in his quoque indulgentiam nuovamente vivere liberamente, ricostruire
nostram credidimus porrigendam, ut denuo le case e tenervi le loro assemblee, purch
sint Christiani et conventicula sua compo- non compiano nulla che sia dannoso per
nant, ita ut ne quid contra disciplinam agant. l'ordine pubblico. [...]

[5] [Per] aliam autem epistolam iudicibus <Attraverso un'altra lettera abbiamo indicato
significaturi sumus quid debeant observare. ai giudici il modo di comportarsi> In cam-
Unde iuxta hanc indulgentiam nostram bio della nostra clemenza, essi dovranno
debebunt deum suum orare pro salute nostra pregare il loro Dio per il benessere nostro,
et rei publicae ac sua, ut indique versum res dello Stato e per il proprio, perch la societ
publica praestetur incolumis et securi vivere prosperi ed essi stessi possano vivere tran-
in sedibus suis possint. quillamente nelle loro case.

Potrebbero piacerti anche