Sei sulla pagina 1di 40

Abstract tratto da www.darioflaccovio.

it - Tutti i diritti riservati


Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

A tutti coloro che sanno


e subiscono il potere di chi non sa
Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

Vincenzo Nunziata

Teoria e pratica delle strutture


in cemento armato

Dario Flaccovio Editore


Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

Vincenzo Nunziata
Teoria e praTica delle sTruTTure in cemenTo armaTo

ISBN 9788857903033

2014 by Dario Flaccovio Editore s.r.l. - tel. 0916700686


www.darioflaccovio.it info@darioflaccovio.it

Seconda edizione: giugno 2014

Nunziata, Vincenzo <1961->


Teoria e pratica delle strutture in cemento armato / Vincenzo Nunziata. - 2. ed. - Palermo : D. Flaccovio, 2014.
ISBN 978-88-579-0303-3
1. Strutture in cemento armato.
624.18341 CDD-22 SBN Pal0270530
CIP - Biblioteca centrale della Regione siciliana Alberto Bombace

Stampa: Tipografia Priulla, Palermo, giugno 2014

Nomi e marchi citati sono generalmente depositati o registrati dalle rispettive case produttrici.
Leditore dichiara la propria disponibilit ad adempiere agli obblighi di legge nei confronti degli aventi diritto sulle opere
riprodotte.
La fotocopiatura dei libri un reato.
Le fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume/fascicolo di periodico
dietro pagamento alla SIAE del compenso previsto dallart. 68, commi 4 e 5, della legge 22 aprile 1941 n. 633. Le riproduzioni
effettuate per finalit di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale
possono essere effettuate solo a seguito di specifica autorizzazione rilasciata dagli aventi diritto/dalleditore.
Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

VII

INDICE

Prefazione alla I edizione ............................................................................ pag. 1


Prefazione ................................................................................................... 3
Introduzione ................................................................................................. 7
Premessa ............................................................................................... 7
Gli Eurocodici e il quadro normativo nazionale ed internazionale ...... 8
Breve cronostoria del programma degli Eurocodici............................. 10
Norme nazionali che implementano gli Eurocodici ............................. 10
Introduzione allo studio degli elementi strutturali ............................... 11

PARTE I
Edificio in cemento armato: analisi statica

1. I solai
1.1. Introduzione.......................................................................................... 17
1.2. Solai misti con travetti in c.a. gettati in opera ...................................... 19
1.2.1. Analisi dei carichi ..................................................................... 20
1.2.2. Scelta dello schema statico e determinazione
delle caratteristiche di sollecitazione ........................................ 22
1.2.3. Verifica della sezione e progetto delle armature ....................... 28
1.2.4. Elementi secondari .................................................................... 44
1.2.4.1. Fori .............................................................................. 44
1.2.4.2. Ribassamenti................................................................ 55
1.2.4.3. Sbalzi ........................................................................... 56
1.2.4.3.1. Sbalzo laterale.............................................. 59
1.2.4.3.2. Sbalzo dangolo ........................................... 63
Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

VIII
Teoria e pratica delle strutture in cemento armato

1.2.5. Disegni esecutivi ....................................................................... 74


1.3. Solai prefabbricati ................................................................................ 76
1.3.1. Solaio a travetti in calcestruzzo precompresso
e blocchi in laterizio .................................................................. 78
1.4. I solai alveolari ..................................................................................... 90
1.5. I solai a soletta piena ............................................................................ 94
1.5.1. Analisi ....................................................................................... 95
1.5.2. Le lastre piane: richiami di analisi teorica ................................ 95
1.5.2.1. Flessione semplice in due direzioni ortogonali ........... 96
1.5.2.2. La lastra circolare ........................................................ 99
1.5.3. La lastra continua su appoggi puntiformi.
I solai a soletta piena ................................................................. 104
1.5.3.1. I solai a soletta piena: sovraccarico totale ................... 104
1.5.3.1.1. Sollecitazioni e deformazioni nei campi
di solaio ........................................................ 104
1.5.3.1.2. Sollecitazioni in corrispondenza dei pilastri 106
1.5.3.2. I solai a soletta piena: sovraccarico a strisce alternate 108
1.5.4. Punzonamento ........................................................................... 109
1.5.4.1. Premessa ...................................................................... 109
1.5.4.2. Descrizione del meccanismo di rottura
a punzonamento ........................................................... 112
1.5.4.3. Resistenza a taglio-punzonamento .............................. 115
1.5.4.3.1. Verifica di resistenza a taglio-punzonamento
sul perimetro del pilastro o area caricata ..................... 117
1.5.4.3.2. Verifica di resistenza a taglio-punzonamento
lungo il perimetro critico u1 ......................................... 118
1.5.4.4. Resistenza a punzonamento di piastre munite
di armatura a taglio-punzonamento ............................. 121
1.5.4.4.1. Armature per il taglio-punzonamento
e loro disposizione ....................................................... 123
1.5.4.5. Progetto con modelli tirante-puntone (strut and tie).... 125
1.5.4.6. Progetto con metodo semplificato .............................. 131
Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

IX
Indice

2. Le scale
2.1. Introduzione.......................................................................................... 135
2.2. Aspetti tecnologici nella realizzazione della scala ............................... 135
2.2.1. Soluzioni geometriche delle scale............................................. 138
2.2.2. Sfalsamento delle rampe ........................................................... 139
2.3. Il calcolo delle scale ............................................................................. 141
2.3.1. Scala con travi a ginocchio e gradini a sbalzo .......................... 141
2.3.1.1. Gradini ......................................................................... 142
2.3.1.2. Trave a ginocchio ........................................................ 149
2.3.1.3. Pianerottoli .................................................................. 158
2.3.1.4. Travi di testata ............................................................. 162
2.3.2. Scala a soletta rampante ............................................................ 165
2.3.2.1. Il calcolo della scala a soletta rampante ...................... 167
2.3.3. La scala appesa ......................................................................... 171

3. Le travi
3.1. Introduzione.......................................................................................... 175
3.2. La progettazione ................................................................................... 175
3.2.1. Aspetto architettonico e funzionale .......................................... 175
3.2.2. Aspetto statico e tecnologico .................................................... 182
3.3. Il calcolo ............................................................................................... 191
3.3.1. Scelta degli schemi limite di calcolo ........................................ 191
3.3.2. Analisi dei carichi ..................................................................... 193
3.3.3. Risoluzione degli schemi e inviluppo dei diagrammi
del momento flettente e del taglio............................................. 195
3.3.3.1. Schemi di carico e loro risoluzione ............................. 195
3.3.3.2. Diagramma del momento e del taglio.......................... 196
3.3.4. Verifica delle sezioni e determinazione delle armature ............ 198
3.3.4.1. Verifica delle sezioni ................................................... 198
3.3.4.2. Armatura a flessione .................................................... 198
3.3.4.3. Armatura a taglio ......................................................... 199
3.3.4.3.1. Progetto delle armature a taglio ................... 200
3.3.4.3.2. Minimi di armatura e prescrizioni normative 202
Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

X
Teoria e pratica delle strutture in cemento armato

4. I pilastri
4.1. Introduzione.......................................................................................... 213
4.2. Aspetto tecnologico .............................................................................. 213
4.3. Considerazioni sullanalisi dei carichi ................................................. 218
4.4. Dimensionamento dei pilastri............................................................... 223
4.5. Instabilit .............................................................................................. 226
4.5.1. Introduzione .............................................................................. 226
4.5.2. Metodi semplificati di calcolo .................................................. 227
4.5.2.1. Colonne isolate ............................................................ 227
4.5.2.2. Snellezza di colonne isolate......................................... 227
4.5.2.3. Progettazione di colonne snelle ................................... 230

5. Le fondazioni
5.1. Generalit ............................................................................................. 237
5.2. Criteri di progetto ................................................................................. 239
5.2.1. Normativa di riferimento e principi di progettazione ............... 242
5.2.2. Fondazioni superficiali.............................................................. 244
5.2.2.1. Verifiche agli stati limite ultimi (SLU) ........................ 244
5.2.2.2. Verifiche agli stati limite di esercizio .......................... 245
5.2.3. Fondazione su pali .................................................................... 246
5.2.3.1. Verifiche agli stati limite ultimi (SLU) ........................ 247
5.2.3.1.1. Resistenze di pali soggetti a carichi assiali.. 248
5.2.3.1.2. Resistenza di pali soggetti a carichi
trasversali ..................................................... 250
5.2.3.2. Aspetti costruttivi e prove di carico............................. 250
5.3. Meccanica dei terreni e mezzi di indagine ........................................... 251
5.3.1. Classificazione e propriet dei terreni....................................... 251
5.3.2. Richiami di meccanica dei terreni............................................. 255
5.3.2.1. Sforzi nei terreni .......................................................... 255
5.3.2.2. Permeabilit e condizioni di drenaggio ....................... 258
5.3.2.3. Criteri di resistenza e parametri meccanici.................. 259
Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

XI
Indice

5.3.3. Mezzi di indagine...................................................................... 262


5.3.3.1. La prova penetrometrica standard (SPT) ..................... 266
5.3.3.2. La prova penetrometrica statica (CPT)........................ 271
5.4. Fondazioni dirette ................................................................................. 274
5.4.1. Scelta del piano di posa............................................................. 276
5.4.2. Carico limite ............................................................................. 277
5.4.3. Cedimenti .................................................................................. 287
5.4.3.1. Calcolo dei cedimenti: il metodo edometrico .............. 289
5.4.3.2. I cedimenti differenziali............................................... 295
5.4.4. Calcolo delle fondazioni ........................................................... 296
5.4.4.1. Generalit..................................................................... 296
5.4.4.2. Plinti ............................................................................ 300
5.4.4.2.1. Generalit..................................................... 300
5.4.4.2.2. Calcolo ......................................................... 301
5.4.4.2.3. Plinti con travi di collegamento ................... 313
5.4.4.2.4. Plinti a bicchiere .......................................... 314
5.4.4.3. Travi rovesce ............................................................... 320
5.4.4.3.1. Generalit..................................................... 320
5.4.4.3.2. Metodo della trave rigida ............................ 324
5.4.4.3.3. Metodo della trave elastica su suolo elastico . 326
5.4.4.3.4. La costante di sottofondo K ......................... 333
5.4.4.3.5. Criteri di progetto ........................................ 334
5.4.4.3.6. Reticolo di travi rovesce .............................. 337
5.4.4.4. Platea di fondazione..................................................... 350
5.4.4.4.1. Generalit..................................................... 350
5.4.4.4.2. Metodi di calcolo ......................................... 350
5.5. Fondazioni indirette.............................................................................. 352
5.5.1. Generalit .................................................................................. 352
5.5.2. Pali battuti ................................................................................. 356
5.5.3. Pali trivellati .............................................................................. 357
5.5.3.1. Pali trivellati di piccolo diametro (micropali) ............. 358
5.5.3.2. Pali trivellati di medio e grande diametro ................... 360
Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

XII
Teoria e pratica delle strutture in cemento armato

5.5.4. Carico limite dei pali di fondazione .......................................... 363


5.5.4.1. Pali di medio diametro: correlazioni con prove
penetrometriche ........................................................... 364
5.5.4.2. Pali di grande diametro ................................................ 366
5.5.4.3. Attrito negativo ............................................................ 367
5.5.5. Pali caricati da forze orizzontali ............................................... 368
5.5.6. Plinti su pali .............................................................................. 382
5.5.6.1. Generalit..................................................................... 382
5.5.6.2. Il calcolo dei plinti su pali ........................................... 383

PARTE II
Edificio in cemento armato: analisi sismica

6. Progetto di un edificio in c.a. in zona sismica EC8


6.1. Introduzione.......................................................................................... 393
6.2. Metodi di analisi e criteri di verifica .................................................... 394
6.3. Progettazione per classe di duttilit DCM............................................ 396
6.4. Gerarchia delle resistenze ..................................................................... 398
6.4.1. Travi .......................................................................................... 399
6.4.2. Colonne ..................................................................................... 401
6.4.3. Fondazione ................................................................................ 403
6.5. Caratteristiche del terreno e azione sismica ........................................ 404
6.6. Esempio di progettazione di un edificio in c.a. in zona sismica EC8 406
6.6.1. Descrizione del fabbricato ....................................................... 406
6.6.2. Definizione delle carpenterie di piano e fondazioni ................. 409
6.6.3. Carichi e azione sismica............................................................ 413
6.6.4. Modellazione, calcolo e verifiche ............................................. 420
6.6.5. Disegni esecutivi ....................................................................... 428
6.6.5.1. Carpenterie di piano .................................................... 428
6.6.5.2. Fondazione .................................................................. 432
Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

XIII
Indice

6.6.5.3. Tabella pilastri ............................................................. 432


6.6.5.4. Travi............................................................................. 432
6.6.5.5. Scala ............................................................................ 436
6.6.5.6. Caratteristiche dei materiali ......................................... 439

APPENDICI

APPENDICE A
Fattori di conversione di unit di misure ..................................................... 443

APPENDICE B
Principali tabelle e formule di riferimento tratte dal volume 1, Teoria....... 444

APPENDICE C
Norme di riferimento solai .......................................................................... 450
C1. Norme complementari relative ai solai ................................................ 450
C1.0. Generalit e classificazione dei solai ........................................ 450
C1.1. Norme complementari relative ai soli misti in c.a. e c.a.p.
e blocchi forati in laterizio ........................................................ 451
C1.1.1. Classificazione ............................................................. 451
C1.1.2. Prescrizioni generali .................................................... 451
C1.1.3. Requisiti di accettazione prove e controlli ................. 451
C1.1.3.1. Spessore delle pareti e dei setti .................... 451
C1.1.3.2. Caratteristiche fisico-meccaniche ................ 451
C1.1.3.3. Integrit dei blocchi ..................................... 452
C1.1.3.4. Controllo di qualit dei blocchi in laterizio . 452
C1.1.4. Progettazione ............................................................... 452
C1.1.4.1. Verifiche ....................................................... 452
C1.1.4.2. Spessore minimo dei solai ........................... 453
C1.1.4.3. Modulo elastico di calcolo ........................... 453
Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

XIV
Teoria e pratica delle strutture in cemento armato

C1.1.4.4. Spessore minimo della soletta...................... 453


C1.1.4.5. Larghezza ed interasse delle nervature ........ 453
C1.1.4.6. Armatura trasversale .................................... 453
C1.1.4.7. Armatura longitudinale ................................ 454
C1.1.4.8. Armatura per il taglio ................................... 454
C1.1.5. Esecuzione ................................................................... 454
C1.1.5.1. Protezione delle armature ............................ 454
C1.1.5.2. Bagnatura degli elementi ............................. 454
C1.1.5.3. Caratteristiche degli impasti per elementi
prefabbricati ................................................. 454
C1.1.5.4. Blocchi ......................................................... 454
C1.1.5.5. Allineamenti e forzature .............................. 454
C1.1.5.6. Conglomerati per i getti in opera ................. 454
C1.1.5.7. Modalit di getto .......................................... 455
C1.1.5.8. Solidarizzazione tra intonaci e superfici
di intradosso ................................................. 455
C1.1.6. Disposizioni aggiuntive per i travetti di solaio
precompressi prefabbricati per la realizzazione di solai
con blocchi in laterizio ................................................ 455
C1.1.6.1. Elementi con armatura pre-tesa. .................. 455
C1.1.6.2. Criteri di calcolo .......................................... 455
C1.1.6.3. Getti in opera ............................................... 455
C1.2. Norme complementari relative ai solai misti di c.a. e c.a.p.
e blocchi diversi dal laterizio. ................................................... 455
C1.2.1. Classificazioni e prescizioni generali .......................... 455
C1.2.2. Blocchi collaboranti..................................................... 456
C1.2.3. Blocchi non collaboranti.............................................. 456
C1.2.4. Resistenza al punzonamento........................................ 456
C1.2.5. Verifiche di rispondenza .............................................. 456
C1.2.6. Spessori minimi ........................................................... 456
C1.3. Norme complementari relative ai solai realizzati con
lassociazione di elementi in c.a. e c.a.p. prefabbricati con unioni
e/o getti di completamento. ....................................................... 456
Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

XV
Indice

C1.3.1. Solidarizzazione tra gli elementi di solaio................... 457


C1.3.2. Altezza minima del solaio ........................................... 457
C1.3.3. Solai alveolari .............................................................. 457
C1.3.4. Solai con getto di completamento. .............................. 457

Indice Analitico ........................................................................................... 459

Bibliografia .................................................................................................. 463


Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

Prefazione alla I edizione

A quasi tre anni dalla pubblicazione del mio primo volume sulla tecnica e la statica delle
strutture in cemento armato viene proposto ai lettori questo secondo volume, che rappresenta
la naturale continuazione del primo e in cui vengono trattati i principali elementi strutturali
che compongono le strutture in cemento armato.
Il testo si inquadra in quella materia che viene comunemente chiamata Tecnica delle Co-
struzioni nello specifico con riferimento alle strutture in c.a. e relativamente solo ad alcuni
elementi tipici degli edifici. Esso nasce per varie ragioni tra le quali le principali sono state:
le numerosissime richieste pervenute da liberi professionisti e dagli studenti delle facolt di
Ingegneria e di Architettura che avevano avuto modo di leggere il primo volume sul c.a. o an-
che quello sullacciaio; la constatazione che pochissimi testi reperibili con molte difficolt tra
la bibliografia corrente trattano nel merito gli elementi strutturali in c.a. e non solo a livello
teorico; il senso di smarrimento e frustrazione che sta prendendo il mondo professionale per
la imminente applicazione delle nuove normative che impongono tra le altre cose labbando-
no del metodo classico alle tensioni ammissibili, che tanto lustro ha dato alla progettazione
strutturale, a favore del pi moderno metodo degli stati limite che lunico considerato nel
presente testo e che viene trattato in maniera semplificata secondo principi ormai consolidati
dallesperienza e comunque in osservanza della norma europea Eurocodice 2 (EC2) nonch
della nuova normativa sismica italiana conosciuta come Ordinanza 3274.
La consapevolezza che i concetti acquisiti debbano per uno strutturista trovare sbocco nel-
la risoluzione di problemi pratici che si presentano continuamente nella libera professione
ha comportato, come per i precedenti testi pubblicati, la scelta di inserire nella trattazione
numerosi esercizi attinenti anche alla pratica di cantiere il cui scopo oltre ad essere quello
di puntualizzare e ampliare i concetti teorici esposti quello di fornire un riferimento per
la progettazione a regola darte di alcuni elementi strutturali in c.a. Tale criterio quello
tra laltro seguito dal mio maestro ideale prof. Odone Belluzzi, che purtroppo per ragioni di
et non mi stato possibile conoscere, nella sua aurea opera sulla Scienza delle Costruzioni.
Il volume diviso in cinque capitoli e sono presenti due appendici finali nelle quali sono
riportate le principali formule o tabelle del primo volume utili per le applicazioni eseguite.
Il capitolo 1 tratta dei solai, delle principali tipologie di tale elemento strutturale: solai a solet-
ta piena; solai prefabbricati; solai gettati in opera; ecc. Viene focalizzata lattenzione sui solai
con travetti in c.a. e blocchi di alleggerimento (pignatte) gettati in opera, vengono analizzati
inoltre alcuni elementi secondari quali: fori; ribassamenti; sbalzo laterale; sbalzo dangolo.
La maggior parte dei concetti esposti per tale tipologia pu essere facilmente estesa anche
alle altre tipologie.
Il capitolo 2 tratta delle scale, vengono introdotte alcune tipologie ed elementi tecnologici. In
Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

2
Teoria e pratica delle strutture in cemento armato

particolare vengono analizzate nel dettaglio le scale con travi a ginocchio e gradini a sbalzo
e le scale a soletta rampante.
Il capitolo 3 tratta delle travi, vengono analizzate dal punto di vista tecnologico e statico le
travi a spessore e le travi emergenti.
Il capitolo 4 tratta dei pilastri, viene analizzato laspetto tecnologico e statico ed introdotta
linstabilit.
Il capitolo 5 tratta delle fondazioni, la trattazione eseguita diversa rispetto alla trattazione
classica riportata sui testi di fondazioni o di tecnica delle costruzioni. Partendo dalla con-
vinzione, supportata dallesperienza acquisita, che per poter progettare la fondazione di un
edificio in c.a. occorre avere una conoscenza approfondita del suolo o del terreno interessato,
si concentrato in un unico capitolo quello che laspetto geotecnico e meccanico dei terreni
e quello che laspetto tecnico e statico delle varie tipologie di fondazioni per edifici in c.a.;
tali due aspetti sono altrimenti reperibili separatamente su testi specializzati. Il capitolo tratta
della meccanica dei terreni e mezzi di indagine, e delle principali fondazioni dirette: plinti;
travi rovesce; platee; e fondazioni indirette: plinti su pali.

Palma Campania, giugno 2004


Vincenzo Nunziata
Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

Prefazione

Sono passati dieci anni dalla prima edizione del presente volume e molte cose sono cambiate:
le normative, la sensibilit degli ingegneri strutturisti per laspetto sismico, i mezzi di calcolo
e di indagine, ecc.; quello che non cambiato o cambiato in maniera molto modesta la
scienza e la tecnica delle costruzioni. I principi generali alla base della corretta progettazione
strutturale sono sempre gli stessi ormai da pi di cento anni, sebbene presentati in maniera
sempre nuova o diversa facendoli sembrare in molti casi dei concetti innovativi o addirittura
delle invenzioni.
La prima edizione ha ricevuto un apprezzamento dai lettori veramente notevole senza distin-
zione tra studenti universitari, liberi professionisti o semplici cultori della materia. Questo
apprezzamento e dimostrazione di stima manifestata attraverso le centinaia di e-mail rice-
vute sono stati il motore che mi ha spinto ad approntare questa nuova edizione del volume 2
c.a. Pratica completamente aggiornata ed ampliata; oltre alla consapevolezza di poter dare
un piccolo contributo ai tanti professionisti e studenti nellaffrontare il difficile mestiere
dellingegnere strutturista che solo una sana passione pu aiutare a fare tali e tante sono le
sfide (anche le delusioni) e i rischi, molte volte senza un adeguato riconoscimento.
Il mestiere dellingegnere strutturista, come ricordato nel testo, si basa su concetti teorici di
matematica e fisica adattati alla realt, molto pi complessa, attraverso approssimazioni, ve-
rifiche sperimentali, empirismo e capacit personali. Come richiamato nellIntroduzione, vo-
lendo stilare una lista in ordine di importanza dei mezzi a disposizione dellingegnere per una
corretta progettazione strutturale si potrebbe scrivere:
1. le capacit personali
2. la regola darte
3. la teoria
4. la pratica
5. le regole empiriche.
Come si pu osservare la teoria solo uno dei mezzi a disposizione, e nemmeno il pi
importante, per una corretta progettazione. Molto pi importanti sono le capacit personali
di ogni singolo progettista strutturale, le quali sono delle doti innate che riguardano larte del
costruire la progettazione strutturale, a parere dellAutore e di altri autorevoli strutturisti,
una forma darte che si esprime attraverso la gestione delle masse, della geometria e della
forma per realizzare delle opere necessarie ai bisogni primari della gente come labitare, il
viaggiare, il produrre, ecc., e per questi motivi forse pi importante di altre forme darte pi
conosciute ed apprezzate come la pittura e la scultura. Con estremo rammarico si osserva
sempre di pi il sacrificio dellarte della progettazione strutturale allaltare delleconomia e
Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

4
Teoria e pratica delle strutture in cemento armato

delle normative tecniche, queste ultime molte volte troppo stringenti e vincolanti senza un
reale beneficio sia per la corretta progettazione che per la sicurezza.
Mentre la teoria e la pratica con relative regole si possono insegnare, le capacit personali ov-
viamente no, sebbene pi importanti. Loggetto del presente volume proprio quello di appro-
fondire alcuni concetti che attingono alla pratica del costruire con riferimento agli elementi
principali di un edificio in c.a. con relative regole normative e di esecuzione a regola darte.
Come facilmente pronosticato nella prefazione alla prima edizione il classico metodo delle
tensioni ammissibili che tanto lustro ha dato alla progettazione strutturale stato abbandona-
to a favore del metodo agli stati limite, gli Eurocodici strutturali sono diventati di uso comune
ed anzi con lemanazione del Decreto 31 luglio 2012 Approvazione delle Appendici Nazionali
recanti i parametri tecnici per lapplicazione degli Eurocodici, si dato pari dignit sia alle
norme tecniche nazionali (NTC) che agli Eurocodici strutturali (EC) consentendo lapplica-
zione di entrambe le norme in alternativa. Le attuali norme tecniche altro non sono che una
sintesi degli Eurocodici con opportuni adattamenti e integrazioni, per cui prevedibile anche
in Italia in un imminente futuro la completa accettazione di tutti gli Eurocodici come unica
normativa di riferimento a livello europeo (come gi avviene in molti Stati) con lauspicio che
si possa arrivare presto ad un accordo anche a livello mondiale per luso di unico quadro nor-
mativo che consenta il libero scambio di idee e prodotti a livello strutturale come gi avviene
in altre settori scientifici come la fisica e la chimica.
Negli sviluppi successivi sono stati applicati nella progettazione strutturale oltre alle Norme
Tecniche Costruttive (NTC) gli Eurocodici strutturali, in particolare: lEurocodice 1 Basi di
calcolo ed azioni sulle strutture Parte 1: Basi di calcolo, lEurocodice 2 Progettazione delle
strutture di calcestruzzo Parte 1-1: Regole generali e regole per gli edifici e lEurocodice 8
Progettazione delle strutture per la resistenza sismica Parte 1: Regole generali, azioni si-
smiche e regole per gli edifici emendati con le Appendici Nazionali di cui al summenzionato
Decreto 31 luglio 2012.
Con lemanazione delle nuove norme tecniche tutto il territorio italiano ricade in pratica in
zona sismica, a differenza di non pi di dieci anni fa dove risultava esattamente il contrario.
Alla luce di tale considerazione un libro che tratti del solo aspetto statico delle strutture non
ha pi senso, come gi osservato nel volume 1, per cui rispetto alla prima edizione sono stati
introdotti concetti propri dellingegneria antisismica e un capitolo finale (il capitolo 6) dove
stata analizzata nel dettaglio la progettazione di un edificio in c.a. in zona sismica. Dato che
la progettazione statica e quella antisismica rappresentano in sintesi solo due diverse fasi a cui
la struttura assoggettata o si presume che lo sia, esse nella prassi comune di modellazione
strutturale sono rappresentate e analizzate con una serie di combinazioni di carico e ipotesi
progettuali. Per le verifiche di sicurezza si considerano gli inviluppi delle varie combinazioni.
Per conservare limpostazione iniziale del libro semplice ed immediata gli argomenti trattati
sono stati divisi in due parti: Parte 1 Edificio in c.a. Analisi Statica e Parte 2 Edificio in
c.a. Analisi sismica. Si dato maggiore spazio allanalisi statica ritenendo che un edificio
in c.a. se correttamente progettato secondo rigorosi criteri statici e la buona regola darte ri-
sulta idoneo nella maggioranza dei casi anche in zona sismica; daltra parte alcuni elementi
strutturali trattati in dettaglio nel presente volume, come i solai, sbalzi, fori, ecc., risentono in
minima parte delleffetto sismico.
Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

5
Prefazione

Il volume diviso in sei capitoli pi una introduzione e tre appendici finali.


Il capitolo 1 tratta dei solai. Vengono riportate le principali tipologie: solai gettati in opera,
solai a soletta piena, solai prefabbricati, ecc. Viene focalizzata lattenzione sui solai con tra-
vetti in c.a. e blocchi di alleggerimento (pignatte) gettati in opera; vengono analizzati alcuni
elementi secondari quali: fori, ribassamenti, sbalzi. Nella parte finale del capitolo vengono
analizzati i solai a soletta piena, tipologia strutturale che si va sempre pi diffondendo, viene
introdotta la teoria delle piastre e ricavati i risultati significativi utili alle verifiche e dimen-
sionamento; particolare attenzione viene rivolta allanalisi delle caratteristiche della solleci-
tazione di punzonamento.
Il capitolo 2 tratta delle scale. Vengono introdotte alcune tipologie ed elementi tecnologici. In
particolare vengono analizzate nel dettaglio le scale con travi a ginocchio e gradini a sbalzo
e le scale a soletta piena.
Il capitolo 3 tratta delle travi. Vengono analizzate dal punto di vista tecnologico e statico le
travi a spessore e le travi emergenti. Vengono introdotti alcuni concetti significativi relativi
alle travi a spessore utili anche per la progettazione in zona sismica.
Il capitolo 4 tratta dei pilastri. Viene analizzato laspetto tecnologico e statico e introdotta
linstabilit.
Il capitolo 5 tratta delle fondazioni. Vengono analizzati sia laspetto geotecnico che struttu-
rale, due aspetti strettamente correlati e che solitamente risultano reperibili su distinte pub-
blicazioni specialistiche.
Il capitolo 6 tratta della progettazione di un edifico in c.a. in zona sismica con lapplicazione
degli Eurocodici. Oltre allaspetto teorico (spettri di risposta, classi di duttilit, gerarchia delle
resistenze, ecc.) e a quello normativo, viene riportata nel dettaglio lanalisi di un edificio reale
in zona sismica (caso studio) a partire dalla concezione strutturale fino ai disegni esecutivi.

Palma Campania, marzo 2014


Vincenzo Nunziata
Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

Introduzione

Premessa
Questo volume tratta dei principali elementi strutturali che compongono un edificio in ce-
mento armato: solai, scale, travi, pilastri e fondazioni.
Per la trattazione teorica si fa riferimento al volume 1 Teoria dello stesso Autore, applicando i
concetti in esso riportati a casi reali e in alcuni casi ampliando i concetti stessi.1 Daltra parte
la scienza delle strutture una scienza mirata a risolvere bisogni primari delluomo come
labitare, il trasporto delle merci e delle persone, il difendersi da calamit naturali, ecc., a
differenza di altre scienze fondamentali come la fisica, la chimica e la matematica che sono
essenzialmente delle scienze di indagine dei fenomeni che ci circondano sebbene esse pre-
sentino dei risvolti applicativi e la base teorica per ogni altra scienza quali possono essere
lingegneria e la medicina.
Occorre comunque sottolineare e tenere bene in mente, qualunque sia lattivit da svolgere,
sia che riguardi laspetto teorico sia quello pratico, che la scienza degli ingegneri (nel nostro
caso strutturisti) non una scienza esatta, a differenza delle scienze fondamentali, e per
quanto dato prevedere per il futuro essa non sar o potr mai essere scienza esatta tali e
tante sono le variabili aleatorie che condizionano il risultato finale.
Lingegnere strutturista dovr sempre ragionare in termini relativi e probabilistici e fare in
modo che il risultato finale sia sempre a vantaggio di sicurezza, anche se mai esatto. Per fare
ci lingegnere ha a sua disposizione vari mezzi che lo guideranno nelle scelte, in ordine di
importanza:
1. le capacit personali2
2. la regola darte
3. la teoria

1
Prendiamo umilmente come esempio colui il quale ritenuto lideatore della teoria classica del cemento armato
(c.a.), o quantomeno colui che seppe inquadrare tale teoria in una forma definitiva ovvero il prof. Emil Mrsch.
Il Mrsch pubblic il suo fondamentale trattato sulle costruzioni in c.a. Der Eisenbetonbau nel 1902. In Italia fu pub-
blicata una prima edizione completa tradotta in italiano della quarta edizione in tedesco nel 1910 dalla casa editrice
Hoepli. Successivamente lo stesso Autore con la pubblicazione della quinta edizione in tedesco, data la notevole mole
che lopera aveva assunto, volle dividerla in due volumi: il primo Teorie ed esperienze, il secondo Applicazioni: co-
struzioni civili fondazioni muri di sostegno e di sponda camini torri; la traduzione in italiano di tali volumi fu
pubblicata da Hoepli rispettivamente nel 1923 e 1930.
2
Le capacit personali attengono allarte del costruire, che per definizione non si pu insegnare. Esse sono il mezzo
a disposizione dellingegnere pi importante nella progettazione strutturale.
Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

8
Teoria e pratica delle strutture in cemento armato

4. la pratica
5. le regole empiriche.
Si capisce bene che la Teoria solo uno dei mezzi a disposizione, e nemmeno il pi impor-
tante, per una corretta progettazione strutturale.
Lattivit dellingegnere strutturista oggigiorno sempre pi condizionata dal quadro norma-
tivo vigente che si evolve in continuazione e in tempi relativamente brevi rispetto al passato3,
e molte volte senza una reale motivazione scientifica, se vero come vero che la scienza
delle strutture si evolve in maniera molto lenta. Si pu senzaltro affermare che a partire dal
secolo scorso progressi reali nel capire e interpretare i fenomeni che caratterizzano le struttu-
re in c.a. sono stati veramente pochi, a differenza dei mezzi di indagine computer, software,
prove sperimentali che si sono evoluti moltissimo.
Lattuale quadro normativo, tra laltro, ha esteso a quasi tutto il territorio italiano la zonizzazio-
ne sismica per cui occorre applicare nella progettazione strutturale i principi propri dellinge-
gneria sismica, a differenza del passato quando le zone sismiche erano molto limitate. Per tale
motivo un libro che tratti di strutture in c.a. con riferimento ad edifici non in zona sismica non
pi proponibile come era stato fatto nella precedente edizione del presente volume, anche se
era stato sottolineato e qui si ribadisce che:
1. un edificio in c.a. che risulti ben progettato in zona non sismica risulta esserlo nella mag-
gioranza dei casi anche in zona sismica;
2. la progettazione a regola darte diretta conseguenza di principi e regole consolidate a
prescindere dalle norme vigenti.
In questa nuova edizione del volume 2 che tratta gli elementi strutturali in c.a., la pratica, si
fatto riferimento oltre che alla statica anche alla dinamica strutturale secondo le regole e i
principi gi evidenziati nel capitolo 10 del volume 1. Alla fine della trattazione, nel capitolo 6,
stato riportato un esempio di calcolo di un edificio in c.a. in zona sismica nei suoi elementi
fondamentali, a partire dalla corretta impostazione geometrica forma, di masse e rigidezze,
fino al dettaglio costruttivo, ben consci che il fine ultimo di ogni ingegnere strutturista quello
di utilizzare i concetti acquisiti per poter progettare e veder realizzate delle proprie opere per
quanto auspicabile uniche e durature. Si rende comunque necessario unutile premessa alla
trattazione sul quadro normativo vigente di riferimento.

Gli Eurocodici e il quadro normativo nazionale ed internazionale


Nellera della globalizzazione totale dove le informazioni viaggiano veloci e dove la scienza
in rapida evoluzione, non pi pensabile che ogni Stato sia dotato di proprie regole e norma-
tive nel campo delle costruzioni. Lauspicio che presto si arrivi a regole comuni nel settore
edilizio e in particolare nellingegneria strutturale.

3
Solo per le costruzioni in cemento armato a partire dal primo Regolamento Edilizio del gennaio 1907 si sono avute ben 17
norme tecniche fino al D.M. 09 gennaio 1996: lultima normativa si pu dire prima dellavvento delle norme di nuova ge-
nerazione che fanno riferimento agli Eurocodici e che in Italia ha inizio con la pubblicazione dellOrdinanza del Pres. Cons.
dei Ministri n. 3274 del 20 marzo 2003. Per tutto il periodo della ricostruzione e del boom edilizio c stata una sola nor-
mativa, la pi longeva, il Regio Decreto Legge 16 novembre 1939 n. 2228, rimasto in vigore fino al 1972 per ben 33 anni!
Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

9
Introduzione

Lidea certamente non nuova fu la ragione principale per la quale negli anni 70 alcune Na-
zioni della Comunit Europea decisero di incontrarsi per produrre una nuova legislazione
europea il cui scopo era quello di sostituire le singole legislazioni dei vari Stati; questa nuova
legislazione che abbraccia tutti i campi delle costruzioni stata chiamata Eurocodici.
In Europa, questo processo di unificazione delle regole sembra essersi concluso con ladozio-
ne da parte di tutti gli Stati della comunit europea degli Eurocodici.
In Italia tale processo di unificazione ha avuto inizio nel 2003 (abbastanza tardi) con la pro-
mulgazione, in seguito al tragico evento del crollo della scuola elementare in San Giuliano di
Puglia provocato da una modesta scossa sismica4, dellOrdinanza del Presidente del Consi-
glio dei Ministri (OPCM) n. 3274 del 20 marzo 2003, con successive modifiche ed integrazio-
ni fino alla versione finale: OPCM n. 3431 del 03 maggio 2005. Tali Ordinanze in buona so-
stanza recepirono lEurocodice 8 Progettazione delle strutture per la resistenza sismica nella
sua versione finale EN (European Norm) proponendone una versione semplificata attraverso
le Ordinanze. Successivamente furono emanati il D.M. 14 settembre 2005, il D.M. 14 gennaio
2008 (NTC 08), che hanno recepito in maniera pi estesa i vari Eurocodici sulle costruzioni:
lEurocodice 2 per le strutture in c.a., lEurocodice 3 per le strutture in acciaio, lEurocodice
4 per le strutture composte, lEurocodice 5 per le strutture in legno, ecc. estendendo la trat-
tazione a tutti i materiali strutturali e alle tipologie, sia in condizioni statiche che sismiche.
Tali Norme Tecniche sono state recepite tra laltro dalle Appendici Nazionali agli Eurocodici
pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale n. 73 in data 27.03.2013, che contengono informazioni
su quei parametri, noti come Parametri Determinati a livello Nazionale (PDN), che in ogni
Eurocodice sono lasciati aperti ad una scelta a livello nazionale (possono essere confermati
in alternativa i valori consigliati dagli Eurocodici stessi).
opinione di autorevoli specialisti condivisa dellAutore che con la pubblicazione delle Ap-
pendici Nazionali gli Eurocodici strutturali abbiano assunto lo stesso valore formale e legale
del Norme Tecniche delle Costruzioni (NTC) e pertanto possano essere applicati in alterna-
tiva alle norme stesse. Infatti in Italia al pari di pochi altri Paesi a livello internazionale (per
esempio Spagna e Grecia) le norme tecniche hanno valore cogente di legge e pertanto non
si possono applicare norme che non siano espressamente previste da strumenti legislativi: le
stesse NTC al cap. 12 primo capoverso recitano si intendono coerenti con i principi base
delle NTC le indicazioni riportate negli Eurocodici strutturali pubblicati dal CEN, con le
precisazioni riportate nelle Appendici Nazionali.
Le NTC vogliono essere esse stesse una versione concisa e semplificata degli Eurocodici
strutturali; sarebbe auspicabile una loro versione definitiva che potrebbe chiamarsi Com-
pendio degli Eurocodici o Concise Eurocode come gi avviene in altri Stati membri della
Comunit Europea, senza apportare ulteriori modifiche o integrazioni per un numero ade-
guato di anni (perlomeno 10 anni) per consentire ai tecnici la maturazione dei concetti con-
tenuti e la loro pratica attuazione5.

4
La scossa sismica di magnitudo M = 6 provoc il crollo della scuola con il tragico bilancio di morte di 27 bambini ed
1 maestra. In seguito lAutorit Giudiziaria ha stabilito che bench il crollo avesse avuto origine per la scossa sismica
le responsabilit fossero invece di tipo personale: costruttori, progettisti, tecnici comunali, ecc.
5
Non si capisce bene il motivo per il quale gli Eurocodici che dopo pi di 30 anni hanno raggiunto la loro versione
definitiva da sperimentale ENV a finale EN non vengano adottati completamente ed in maniera ufficiale dalla
normativa italiana, senza continue integrazioni o aggiunte sotto forma di Decreti ministeriali (D.M.)
Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

10
Teoria e pratica delle strutture in cemento armato

Negli Stati Uniti dAmerica (U.S.A.) sembra invece che questo processo di unificazione delle
norme sia appena iniziato. Le norme variano Stato per Stato e qualche volta anche citt per cit-
t allinterno dello stesso Stato. Per molti stati negli USA, il trend quello di adottare un unico
codice a carattere generale, IBC (International Building Code), che di fatto ha valore di legge,
facendo riferimento per i vari materiali e tipologie strutturali a codici specialistici AISC Steel
Construction Manual, ACI Building Code Requirements for Structural Concrete, AASHTO
Bridge Design, ecc. pubblicati da varie associazioni di categoria.

Breve cronostoria del programma degli Eurocodici


Nel 1975, la Commissione delle Comunit Europee decise di attuare un programma di azioni nel
settore delle costruzioni, sulla base dellarticolo 95 del Trattato. Lobiettivo del programma era
leliminazione degli ostacoli tecnici al commercio e larmonizzazione delle specifiche tecniche.
Nellambito di tale programma di azioni, la Commissione prese liniziativa di stabilire un
insieme di regole tecniche armonizzate per la progettazione delle opere di costruzione che, in
una prima fase, sarebbe servito come alternativa rispetto ai regolamenti nazionali in vigore
negli Stati Membri ed, alla fine, li avrebbe sostituiti.
Per quindici anni, la Commissione, con laiuto di un Comitato Direttivo composto da Rap-
presentanti degli Stati Membri, ha provveduto allo sviluppo del programma degli Eurocodici,
che ha portato alla stesura della prima generazione di codici europei negli anni 80.
Nel 1989, la Commissione e gli Stati Membri della UE e della EFTA decisero, in base a un ac-
cordo tra la Commissione e il CEN, di trasferire il compito della preparazione e della pubbli-
cazione degli Eurocodici al CEN attraverso una serie di Mandati, con lobiettivo di attribuire
ad essi nel futuro lo status di Norme Europee (EN).
Il programma degli Eurocodici Strutturali comprende le seguenti norme, generalmente com-
poste da un certo numero di Parti:
EN 1990 Eurocodice: Basis of Structural Design
EN 1991 Eurocodice 1: Actions on structures
EN 1992 Eurocodice 2: Design of concrete structures
EN 1993 Eurocodice 3: Design of steel structures
EN 1994 Eurocodice 4: Design of composite steel and concrete structures
EN 1995 Eurocodice 5: Design of timber structures
EN 1996 Eurocodice 6: Design of masonry structures
EN 1997 Eurocodice 7: Geotechnical design
EN 1998 Eurocodice 8: Design of structures for earthquake resistance
EN 1999 Eurocodice 9: Design of aluminium structures
Gli Eurocodici forniscono regole comuni per la progettazione strutturale, di uso corrente, nella
progettazione di strutture, nel loro complesso, e di componenti strutturali, di tipologia tradizio-
nale o innovativa. Forme di costruzione o condizioni di progetto inusuali non sono trattate in
modo specifico; per tali casi richiesto dal progettista il contributo aggiuntivo da parte di esperti.

Norme nazionali che implementano gli Eurocodici


Le Norme nazionali che implementano gli Eurocodici contengono il testo completo dellEu-
Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

11
Introduzione

rocodice (comprese tutte le appendici), cos come pubblicato dal CEN, il quale pu essere
preceduto da una copertina nazionale e da una premessa nazionale, e pu essere seguito da
una appendice nazionale.
LAppendice nazionale pu contenere solo informazioni su quei parametri, noti come Para-
metri Determinati a livello Nazionale, che in ogni Eurocodice sono lasciati aperti ad una scelta
a livello nazionale, da impiegarsi nella progettazione degli edifici e delle opere di ingegneria
civile da realizzarsi nella singola nazione, cio:
valori e/o classi per i quali nellEurocodice sono fornite alternative;
valori da impiegare, per i quali nellEurocodice fornito solo un simbolo;
dati specifici della singola nazione (geografici, climatici, ecc.), per esempio la mappa della
neve;
la procedura da impiegare quando nellEurocodice ne sono proposte diverse in alternativa.
LAppendice nazionale pu anche contenere:
decisioni riguardanti lapplicazione delle appendici informative;
riferimenti ad informazioni complementari non contraddittorie che aiutino lutente ad
applicare lEurocodice.

Introduzione allo studio degli elementi strutturali


Prima di iniziare a parlare degli elementi strutturali caratteristici di un edificio in c.a. si ri-
portano alcune considerazioni ed ipotesi valide per i capitoli successivi.
Ledificio utilizzato come riferimento nello studio degli elementi strutturali una struttura in
zona sismica soggetta ad alcune limitazioni di tipo geometrico e statiche; esse sono:
numero di piani 10;
regolarit in pianta ed altezza;
luci regolari: per solai 7 m, per travi emergenti 6 m, per travi a spessore 5 m;
piani rigidi.
Si far riferimento, laddove necessario, ai seguenti comportamenti strutturali:
comportamento strutturale non dissipativo;6
comportamento strutturale dissipativo, per classe di duttilit media (CDB).
Per edifici in zona sismica occorrer associare allazione statica, in genere composta da unu-
nica combinazione di carichi massimi, lazione sismica, in genere composta da pi combina-
zioni di carico minimo 16 combinazioni in assenza di sisma verticale.
Secondo lEurocodice 0 e le NTC le combinazioni minime da considerare per gli stati limiti
strutturali (STR) sono quelle riportate di seguito.

6
Nella bozza delle nuove NTC e in base al parere del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, espresso nella seduta
del 14/12/2010, stato finalmente chiarito che anche gli edifici in c.a., come qualsiasi altra tipologia strutturale, pos-
sono essere progettati secondo un comportamento strutturale non dissipativo e quindi affidare la risposta sismica alla
resistenza e non alla duttilit, in realt sempre presenti entrambe. Le norme NTC 08 fanno riferimento per le strutture
in c.a. ad un comportamento esclusivamente dissipativo.
Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

12
Teoria e pratica delle strutture in cemento armato

Combinazione statica fondamentale

Fd = G1 G1 + G 2 G2 + P + Q Qk 1 + Q nj=2 0, j Qk , j

Combinazione sismica
Fd = G1 + G2 + P + in=1 2 ,i Qk ,i + E

dove
Fd = carico di progetto
G1 = pesi propri (o effetti da essi causati) delle strutture, del terreno e dellacqua, quando
pertinenti
G2 = pesi propri degli elementi non strutturali
P = azione indotta da precompressione o pretensione
Qk1 = azione variabile di base (o pi gravosa ai fini della sicurezza) di ogni combinazione o
effetto causato da essa
Qkj = j-esima azione variabile oltre quella di base o effetti causati da essa
G1 = 1,3 (1 se il suo contributo opera a favore della sicurezza)
G27 = 1,5 (0 se il suo contributo opera a favore di sicurezza)
Q = 1,5 (0 se il suo contributo opera a favore della sicurezza)
0j = coefficienti di combinazione che tengono conto della ridotta probabilit di concomitan-
za delle azioni variabili con i rispettivi valori caratteristici. I valori sono riportati nella
tabella 1 per edifici civili ed industriali correnti.

Tabella 1. Coefficienti di combinazione delle azioni variabili

Categoria/Azione variabile 0j 1j 2j
Categoria A Ambienti ad uso residenziale 0,7 0,5 0,3
Categoria B Uffici 0,7 0,5 0,3
Categoria C Ambienti suscettibili di affollamento 0,7 0,7 0,6
Categoria D Ambienti ad uso commerciale 0,7 0,7 0,6
Categoria E Biblioteche, archivi, magazzini e ambienti ad uso industriale 1,0 0,9 0,8
Categoria F Rimesse e parcheggi (per autoveicoli di peso 30 kN) 0,7 0,7 0,6
Categoria G Rimesse e parcheggi (per autoveicoli di peso > 30 kN) 0,7 0,5 0,3
Categoria H Coperture 0,0 0,0 0,0
Vento 0,6 0,2 0,0
Neve (a quota 1000 m s.l.m.) 0,5 0,2 0,0
Neve (a quota > 1000 m s.l.m.) 0,7 0,5 0,2
Variazioni termiche 0,6 0,5 0,0

7
Nel caso in cui i pesi o i carichi permanenti non strutturali (ad esempio i carichi permanenti portati) siano compiuta-
mente definiti si potranno adottare gli stessi coefficienti validi per il peso proprio della struttura o azioni permanenti;
ovvero G2 = 1,3 (1 se il suo contributo opera a favore di sicurezza).
Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

13
Introduzione

La combinazione statica, assenza di sisma, ci consente lo studio delledificio per componenti8:


solai
scale
travi
pilastri
fondazioni.
Tale studio per componenti stato eseguito da generazioni di ingegneri strutturisti fino a
non molti anni fa allorquando quasi tutto il territorio italiano risultava non in zona sismica, a
differenza di oggi dove risulta essere esattamente lopposto.
I risultati acquisiti con la sola analisi statica delle strutture risultano nella maggioranza dei
casi fondamentali9 per una corretta progettazione strutturale; essi verranno trattati nel detta-
glio nei capitoli dal n. 1 al 5.
Lanalisi di un edificio in zona sismica, di tipo spaziale, verr riportata nel capitolo 6. Verr
analizzato un caso reale di edificio in c.a. in zona sismica in classe di duttilit bassa (CDB),
a partire dalla concezione strutturale, sulla base di un progetto architettonico fornito dalla
committenza, fino agli esecutivi di cantiere e dettagli costruttivi. Per i necessari approfondi-
menti teorici e normativi si far riferimento principalmente al capitolo 10 del vol. 1 Edifici
in cemento armato in zona sismica a cui si rimanda il lettore; laddove necessario si utilizze-
ranno gli Eurocodici strutturali.
Si evidenzia sin dora che i principi generali oggi adottati dalle norme europee fanno riferi-
mento essenzialmente al Performed Based Design (PDB) secondo il quale la progettazione
strutturale basata su regole di tipo prestazionale e non convenzionali e prescrittive. Per
raggiungere i prescritti livelli prestazionali dal punto di vista operativo viene fortemente con-
sigliato (quasi obbligato) il cosiddetto criterio della gerarchia delle resistenze o capacity
design10; che si basa essenzialmente sulle modalit con le quali favorire o anzi predisporre
dei meccanismi di tipo duttile ai quali affidato il compito di dissipare lenergia sismica
secondo delle regole di gerarchia o di importanza strutturale in relazione alla sicurezza delle-
lemento considerato. Sono fortemente osteggiati, con regole penalizzanti, i comportamenti
strutturali che fanno ricorso alla resistenza nella dissipazione di energia sismica, anche se in
particolari situazioni e particolari tipologie strutturali tali comportamenti risultano i soli ap-
plicabili. C da dire che lanalisi delledificio soggetto a soli carichi verticali (analisi statica)
e delledificio soggetto a soli carichi sismici (analisi sismica) ha in questo testo un significato

8
Questo tipo di approccio con i mezzi informatici a disposizione oggigiorno non ha ragione di esistere, per cui il cal-
colo di una struttura reale sar sempre di tipo spaziale anche per edifici in zona non sismica; risulta comunque utile
dal punto di vista didattico uno studio per elementi in quanto aiuta a capire il funzionamento degli elementi stessi e
fornisce dei mezzi rapidi di verifica dei risultati, operazione questultima indispensabile.
9
Si tenga conto che il terremoto per sua natura un evento eccezionale con dei tempi di ritorno che in molte tipologie
strutturali superano la vita utile della tipologia stessa.
10
Occorre sottolineare che tale criterio sebbene adottato in via preferenziale dalle norme europee solo uno dei
possibili modi di poter far fronte ad un evento sismico, e da solo non garantisce la completa sicurezza nei confronti
di un probabile terremoto. Il criterio trae origine da studi condotti in Nuova Zelanda e riportati a livello bibliografico:
Paulay e Priestley (1992); tali studi tra laltro ancora non sono sufficientemente sperimentati. Negli USA tale criterio
non adottato.
Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

14
Teoria e pratica delle strutture in cemento armato

prettamente didattico, anche se risulta corretta dal punto di vista concettuale e formalmente
applicabile. Nella pratica professionale le due analisi vengono eseguite in parallelo tramite
appositi software agli elementi finiti, e combinate in modo da ricavare i risultati pi penaliz-
zanti.
Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

15

PARTE I
Edificio in cemento armato: analisi statica

Come gi evidenziato nellIntroduzione, lanalisi statica di un edificio in c.a. si rende quan-


tunque necessaria anche se ledificio si trova in zona sismica, in tal caso essa va combinata
o associata allanalisi sismica (vedi capitolo 6). Per edifici non in zona sismica (in Italia non
esistono pi zone non sismiche ma nel nord Europa tali zone sono la maggioranza: ad esempio
lInghilterra) lanalisi statica risulta da sola sufficiente nella progettazione strutturale.
In questa parte del libro verranno analizzati nel dettaglio i principali componenti o elementi
strutturali di un edificio in cemento armato, di seguito elencati:
solai
scale
travi
pilastri
fondazioni.
Lo studio per elementi di tipo manuale consentito nellanalisi statica secondo una procedura
semplificata in presenza di soli carichi verticali (forze da sisma e vento nulle e comportamen-
to a piani fissi) risulta ancora oggi fondamentale nonostante i potenti mezzi informatici e di
calcolo a disposizione. Tale affermazione discende dalla consapevolezza che un ingegnere
strutturista debba sempre possedere nel suo bagaglio culturale dei mezzi semplici di dimen-
sionamento e controllo dei risultati che vengono fuori da un calcolo automatico che molte
volte si basa su ipotesi e procedure protette dalla casa software che produce il programma di
calcolo e quantomeno difficilmente reperibili e non sufficientemente validate1. Tali procedu-
re risultano sempre pi complesse per tener conto dellevoluzione continua delle normative
che prevedono una serie di verifiche e dettagli costruttivi che solo una procedura automatiz-
zata pu eseguire in tempi ragionevoli con il pericolo per lingegnere strutturista inesperto di
perdere la conoscenza o la consapevolezza del fenomeno fisico che governa la progettazione
strutturale e lordine di grandezza dei risultati acquisiti, peraltro anchessi di difficile inter-
pretazione matematica e fisica.

1
In merito alle analisi e verifiche svolte con lausilio di codici di calcolo le NTC al punto 10.2 riportano una serie
di prescrizioni cui dovr riferirsi il progettista strutturale che resta comunque responsabile dellintera progettazione
strutturale NTC 10.1. In particolare sar cura del progettista appurare laffidabilit dei codici utilizzati e la valida-
zione dei codici.
Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

17

1. I solai

1.1. Introduzione
I solai sono gli elementi di copertura o di calpestio degli edifici civili o industriali soggetti pre-
valentemente a carichi distribuiti; anche le solette da ponte si possono considerare come solai
soggetti per a carichi di diversa tipologia e quindi con schemi statici diversi per il calcolo.
Si usa suddividere i solai in cemento armato in:
solai a soletta piena, in c.a. o in c.a.p. alveolare (figura 1.1);
solai misti con travetti in c.a. o c.a.p. e blocchi interposti di alleggerimento collaboranti e
non, in laterizio o altro materiale (figura 1.2).

Figura 1.1. Solai a soletta piena

Figura 1.2. Solai misti

I solai a soletta piena possono essere a spessore costante o nervati (figura 1.3) in una o due
Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

18
Parte I Edificio in cemento armato: analisi statica

direzioni; essi scaricano sui muri tramite cordoli o sulle travi di piano; la geometria del solaio
definisce lo schema statico.

Figura 1.3. Solaio nervato (o a cassettoni)

Un particolare tipo di solaio a soletta piena il cosiddetto solaio a fungo (figura 1.4) nel quale gli
appoggi sono puntiformi (pilastri) senza travi. I pilastri vengono disposti su file parallele, secondo
i vertici di rettangoli (figura 1.4a) o quadrati, oppure secondo i vertici di triangoli (figura 1.4b).

Figura 1.4. Solaio a fungo

La testa del pilastro pu essere piana (figura 1.4c), o allargarsi a forma di calice o di fungo
(figura 1.4d) da cui il nome; spesso si rinforza la soletta in corrispondenza del pilastro rin-
grossandola (figura 1.4e).
Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

19
I solai cap 1

I solai a soletta piena1 trovano applicazione laddove sono previste grosse luci o forti carichi;
essi risultano molto meno diffusi dei solai misti per cui nel prosieguo verranno analizzati que-
sti ultimi limitandoci a dare per i primi brevi indicazioni e metodologie di calcolo alla fine di
questo capitolo; daltra parte la loro trattazione non differisce molto da una normale struttura
completamente in c.a. (lastra).

1.2. Solai misti con travetti in c.a. gettati in opera


Il solaio misto con travetti in c.a. gettati in opera (figura 1.5) e blocchi in laterizio (pignatte)
non collaboranti il solaio classico ancora oggi2 molto diffuso per i suoi notevoli pregi che
sono essenzialmente la facilit di esecuzione, la gestione pratica di alcuni particolari costruttivi
(fori, sbalzi, ecc.), leconomia. Peraltro alcune considerazioni che si faranno in merito a tale
tipologia potranno essere estese anche ad altre.

Figura 1.5. Solaio misto con travetti in c.a.

Il calcolo di un solaio misto in c.a. si articola attraverso le seguenti fasi:


1. analisi dei carichi;
2. scelta dello schema statico e determinazione delle caratteristiche di sollecitazione;
3. verifica della sezione e progetto delle armature;
4. progetto e verifica degli elementi secondari:
a. fori
b. ribassamenti
c. sbalzi laterali
d. sbalzi dangolo.
5. disegni esecutivi.

1
Anche le fondazioni a platea (nervata e non), utilizzate per ripartire il carico di un edificio su una maggiore superficie
di terreno scadente, si comportano come dei normali solai a soletta piena, solo che in questo caso il carico dato dalla
reazione del terreno rivolta verso lalto.
2
La tendenza quella di andare verso la prefabbricazione che insieme ad alcuni vantaggi come la velocit del mon-
taggio presenta alcuni inconvenienti che possono diventare significativi in dipendenza della tipologia strutturale come
ad esempio la difficile gestione dei particolari costruttivi, la difficolt di gestire geometrie articolate e non ultimo la
difficolt di gestire le verifiche di calcolo dovendosi affidare a delle tabelle precompilate molte volte incomplete, o
addirittura demandare il calcolo alla ditta fornitrice del solaio prefabbricato.
Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

20
Parte I Edificio in cemento armato: analisi statica

1.2.1. Analisi dei carichi


Lanalisi dei carichi un operazione preliminare per qualsiasi calcolo e risulta di importanza
fondamentale per lattendibilit dei risultati del calcolo stesso. Purtroppo per ragioni contin-
genti alcuni dei carichi da considerare risultano molte volte aleatori e fissati dalle norme in
base a considerazioni di natura probabilistica; gli stessi carichi fissi risultano condizionati da
alcuni parametri come il peso specifico o lo spessore reale che il pi delle volte si danno per
scontati, ma cos non sono. In definitiva lanalisi dei carichi che nella maggioranza dei testi
tecnici si considera ovvia pu risultare invece molto complicata e comunque sempre approssi-
mata; tale approssimazione diminuisce al crescere dellesperienza e del grado di conoscenza
del tecnico.
Il carico per condizioni normali va distinto in:

peso proprio
Permanenti = G =
sovraccarichi fissi
{
Accidentali = Q = sovraccarico accidentale

I simboli G e Q indicano i carichi da considerare al fine dellapplicazione dei coefficienti


parziali di sicurezza G e Q previsti dallEC2.
Il peso proprio costituito dalla somma dei pesi degli elementi che compongono la struttura
portante del solaio, ovvero:
soletta
travetti
laterizi (o pignatte).
Il sovraccarico fisso costituito per i piani intermedi da: intonaco, massetto, pavimento,
tramezzi; per la copertura da: intonaco, massetto delle pendenze, guaina o asfalto, tegole, ecc.
Il sovraccarico accidentale viene fissato dalle norme in funzione della destinazione duso
delledificio.
Non si tiene conto nei calcoli del carico termico, salvo a considerarlo mediante alcune pre-
scrizioni costruttive.
Per poter determinare i carichi permanenti occorre fissare la sezione del solaio. A tal propo-
sito le norme3 indicano alcuni parametri minimi da rispettare; in particolare per i solai gettati
in opera con blocchi non collaboranti si dovr tener conto di quanto riportato in figura 1.6.
In pratica succede spesso che per la costruzione di edifici si usino delle sezioni piuttosto che
altre per consuetudine, a seconda della zona in cui si opera (tutte rispettose dei valori minimi
imposti dalla normativa).
Una tipica sezione di solaio per edifici per civile abitazione riportata in figura 1.7, per essa si
ha con riferimento alla striscia di 1 metro:

3
I solai non vengono trattati in modo diretto dallEC2 e dalle NTC 08 (4.1.9), per essi occorrer far riferimento al
punto 7 del D.M. 09 gennaio 1996.
Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

21
I solai cap 1

Figura 1.6.

Analisi dei carichi


1. peso proprio:
soletta 1 1 0,04 25 = 1,0 kN/m 2
travetti 2 (0,1 0,18 1 25) = 0,9 kN/m2
laterizi 8 0,1 = 0,8 kN/m2
2,7 kN/m2

2. sovraccarichi fissi
massetto 1 1 0,07 14 = 0,98 kN/m 2
pavimento 1 1 0,01 27 = 0,27 kN/m2
intonaco 1 1 0,02 15 = 0,30 kN/m2
incidenza tramezzi4 = 1,00 kN/m 2
2,55 kN/m 2

G = 2,7 + 2,55 = 5,25 kN/m2


Q = 2 kN/m2

Per gli sbalzi si ha:

G = 2,7 + 1,55 = 4,25 kN/m2


Q = 4 kN/m2

4
Secondo il punto 3.1.3.1 NTC, per i solai il peso proprio di elementi divisori interni potr essere ragguagliato ad un
carico permanente portato uniformemente distribuito. Il carico uniformemente distribuito da considerare dipende dal
peso della parete per unit di lunghezza. Si assunto un valore intermedio del carico distribuito previsto dalle norme:
0,81,2 kN/m2, ovvero il valore 1,0 kN/m2.
Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

22
Parte I Edificio in cemento armato: analisi statica

Figura 1.7. Sezione tipo di solaio

1.2.2. Scelta dello schema statico e determinazione delle caratteristiche di sollecitazione


Nellottica accennata allinizio del capitolo si tratta di estrapolare dalla struttura reale (figura
1.8) lelemento solaio e cercare di individuarne il comportamento fisico attraverso schemi di
tipo approssimato che tengano conto della tecnologia e delle caratteristiche geometriche.

Figura 1.8. Impalcato

Il solaio si caratterizza strutturalmente per essere formato da tante piccole travi a T (figura
1.7) che vanno ad innestarsi nelle travi di piano che a loro volta scaricano sui pilastri e questi
Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

23
I solai cap 1

sulla fondazione; il grado di incastro opposto dalla trave di piano caratterizza il vincolo di
estremit delle travi a T (travetti) del solaio.
Tale grado di incastro funzione oltre che della rigidezza a torsione della trave di piano,
dipendente dalla geometria della sezione, anche della posizione del travetto. In mezzeria la
trave oppone la minima resistenza alla tendenza del travetto corrispondente a ruotare per cui
al limite il vincolo pu essere considerato un appoggio semplice (rotazioni libere); in corri-
spondenza del pilastro la trave oppone la massima resistenza alla rotazione del travetto cor-
rispondente per cui al limite il vincolo pu essere considerato un incastro (rotazione nulla).
In generale quindi i travetti che costituiscono il generico solaio possono essere vincolati alle
estremit, in funzione delle condizioni al contorno, con un grado di incastro intermedio tra il
semplice appoggio e lincastro perfetto. Per tener conto della variabilit del vincolo di estre-
mit e giacch per ragioni economiche e pratiche i travetti appartenenti ad uno stesso solaio5
si armano allo stesso modo, lo schema statico considerato nel calcolo del generico solaio non
unico ma linviluppo dei risultati di tre schemi semplici che sono:
schema 1: trave continua su n appoggi, figura 1.9a; tale schema approssima meglio il
comportamento dei travetti in mezzeria per travi di estremit poco rigide (travi a spessore
di solaio);
schema 2: travi separate perfettamente incastrate agli estremi, figura 1.9b; tale schema
approssima il comportamento dei travetti in prossimit dei pilastri;
schema 3: travi incernierate agli estremi (figura 1.9c), con dimezzamento delle solleci-
tazioni; tale schema si adotta per cautelarsi da una parziale interruzione della continuit
provocata dalle variazioni termiche o da eventuali cedimenti dei vincoli.

Figura 1.9. Schemi di calcolo

Ci si riferisce in genere alla fascia di un metro prescindendo dai collegamenti trasversali, di


cui si discuter separatamente; si considerano inoltre solo carichi uniformemente distribuiti
disposti sulle campate in modo da provocare le massime sollecitazioni.

5
Si definisce solaio un insieme di travetti continui su una o pi campate.
Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

24
Parte I Edificio in cemento armato: analisi statica

Lo schema 1 d luogo a vari diagrammi del momento flettente6 che la sollecitazione pi gra-
vosa per i solai, a seconda di come si dispongono i carichi accidentali in campata7 (figura 1.10).

6
Per il calcolo della trave continua si pu applicare il metodo di Cross, il quale un metodo iterativo sufficientemente
semplice che consente con pochi passaggi di determinare le incognite iperstatiche che sono i momenti sugli appoggi
intermedi (noti questi si pu risolvere la trave determinando il momento e il taglio in ogni sezione e le reazioni vin-
colari, come vedremo di seguito).
Il procedimento consiste, noti i carichi distribuiti q = g G + q Q, nei seguenti passaggi:

Applicazione del metodo di Cross

a. considerando i nodi intermedi fittiziamente bloccati con vincoli incastro (morsetti), si calcolano i momenti di in-
q l2 q l2 1 q l2
castro perfetto a destra e a sinistra degli appoggi: M i = i i ovvero M i = i i s s , si considerano i
12 8 2 2
momenti agenti sullasta positivi se destrogiri;
b. note le rigidezze flessionali Wi, si ricavano i coefficienti di ripartizione a destra e a sinistra degli appoggi intermedi
che per sezione e materiale identici (EI = cost) si scrivono:
Wi ,dx Wi ,sx
ci ,dx = ci ,sx =
Wi ,sx + Wi ,dx Wi ,sx + Wi ,dx
dove
4
Wi = per le campate intermedie
li
3
Wi = per le campate di estremit.
li
c. si calcola il momento di squilibrio per ogni appoggio i M si cambia di segno e si ripartisce sulle estremit della
i
trave convergenti nel nodo in base ai coefficienti di ripartizione ci;
d. si calcolano i momenti di trasmissione allaltra estremit dellappoggio, che si ottengono dividendo per 2 i momenti
di ripartizione senza cambiarli di segno;
e. si riparte dal punto c) fino a quando si verifica per ogni appoggio i M = 0 il metodo converge molto rapidamente.
i

Una volta ricavati i momenti sugli appoggi intermedi, si possono determinare i momenti in mezzeria, ovvero:
qi li2 M i1 + M i
Mi =
l/2 8 2
Successivamente si costituisce il diagramma dei momenti inserendo le rispettive parabole campata per campata in
base ai valori ricavati per gli appoggi e per la mezzeria.
7
Nel caso di carichi uniformi comunque segmentabili, cio di estensione arbitraria, per determinare la disposizione
Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

25
I solai cap 1

In genere si ricerca il massimo momento in campata e il minimo sugli appoggi; a tal uopo nel
primo caso si dispone il carico accidentale sulla campata interessata e si alterna sulle altre
campate; nel secondo caso si dispone il carico accidentale sulle due campate adiacenti lap-
poggio interessato e si alterna sulle altre.
La risoluzione degli schemi di calcolo considerati d luogo ad una serie di diagrammi del
momento flettente (vedi figura in nota 7) il cui diagramma di inviluppo (figura 1.11d) preso
di riferimento per il progetto e la verifica del solaio considerato.

del carico sulle campate della trave continua che rende massimo (o minimo) il momento nella sezione considerata (di
solito quelle di mezzeria e agli appoggi) sono di aiuto le linee di influenza. Supposta la trave percorsa da un carico
concentrato unitario verticale, si chiama linea di influenza di un determinato effetto un diagramma tale che la sua
ordinata letta (in una data scala) sotto le diverse posizioni del carico dia il valore delleffetto provocato dal carico
unitario mobile.
Leffetto considerato il momento flettente nella sezione s (Ms); il passaggio dal carico concentrato unitario a quello
distribuito avviene attraverso una semplice integrazione.
Leffetto potr essere sia positivo che negativo, per cui per ottenere ad esempio il massimo momento positivo in
campata occorrer caricare solo le zone della linea dinfluenza con segno positivo e risolvere lo schema statico con i
noti metodi della scienza delle costruzioni; nella seguente figura riportata la linea dinfluenza del momento Ms per la
sezione di mezzeria della campata AB di una trave continua e il conseguente caricamento delle campate (ci si riferisce
a carichi accidentali uniformemente distribuiti).

Linea dinfluenza e caricamento della trave

In realt quello che interessa non la reale linea dinfluenza che ci permetterebbe di ottenere il momento Ms attraverso
una integrazione del tipo:
M s = q dx
x

ma la sua forma anche se approssimata. Landamento della linea dinfluenza del momento flettente pu essere ottenuta
applicando il teorema di Land, pensando di svincolare la trave in S ed applicare a tale sezione due coppie uguali e
contrarie tracciando qualitativamente la deformata della trave che ne consegue (vedi figura).

Linee dinfluenza qualitative del momento flettente


Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

26
Parte I Edificio in cemento armato: analisi statica

Figura 1.10. Schemi di carico per la trave continua

Figura 1.11. Diagrammi dei momenti flettenti


Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

27
I solai cap 1

Per il taglio si dovrebbe fare la stessa cosa fatta per il momento flettente, ovvero ricavare il
taglio massimo e minimo per ogni campata attraverso la risoluzione di vari schemi di calcolo
oppure procedere secondo un metodo approssimato come si vedr per le travi, ma giacch i
solai normali non vengono8 armati a taglio tale operazione non viene fatta.
In merito ai coefficienti parziali di sicurezza g e q applicati rispettivamente ai carichi per-
manenti e accidentali, c da dire che nel caso della trave continua essi potrebbero assumere
valori anche diversi da quelli normali: g = 1,3; q = 1,5, ovvero per particolari condizioni ge-
ometriche (campate corte, sbalzi lunghi) essi potrebbero assumere i valori alternativi g = 1 e
q = 0 previsti dallEC2 con il moltiplicarsi degli schemi statici da considerare. Nel prosieguo
della trattazione supporremo sempre che essi assumano il loro valore standard (g = 1,3; q =
1,5) come accade nella quasi totalit dei casi.
Per una progettazione veloce9 anche di tipo manuale che permette di dimensionare un qual-
siasi solaio con risultati a vantaggio di sicurezza si pu considerare un unico schema di
carico (figura 1.12) con carichi distribuiti su tutte le campate e con valori del momento
flettente pari a:

(
1, 3G + 1, 5Q ) 10l

rispettivamente per le campate e gli appoggi intermedi;


e pari a:

2
l
(
1, 3G + 1, 5Q ) 14

per gli appoggi di estremit.


In presenza di sbalzo si assume per lappoggio corrispondente il valore:

2
lsbalzo
(
1, 3G + 1, 5Q ) 2

8
Salvo a tenerne conto con alcune prescrizioni imposte alle armature e alcune regole del buon costruire che verranno
indicate in seguito.
9
I solai per edifici normali sono ormai entrati nelluso comune, per cui risulta sicuramente fuorviante utilizzare sofi-
sticati mezzi di calcolo e numerosi schemi di calcolo per ottenere alla fine dei risultati gi noti avendo un minimo di
esperienza di cantiere.
Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

28
Parte I Edificio in cemento armato: analisi statica

Figura 1.12. Schematizzazione semplificata di un solaio

Nel caso di solai con molte campate di luci simili, in alternativa possibile considerare un
solo schema di calcolo con sovraccarico presente su tutte le campate, aggiungendo un momen-
to q Q l2/24 agli appoggi e sottraendo in campata un valore di momento pari a q Q l2/12.

1.2.3. Verifica della sezione e progetto delle armature


Noto il diagramma inviluppo del momento flettente e i massimi e minimi valori rispettivamen-
te in campata e sugli appoggi, si procede attraverso tre fasi successive, riportate di seguito.

a. verifica dellaltezza della sezione di calcestruzzo


Tale verifica viene condotta in corrispondenza del massimo valore positivo del momento
flettente in campata. Occorrerebbe procedere, a rigore, secondo quanto indicato nel paragra-
fo 5.6 vol. 1 per le sezioni a T, nel prosieguo invece utilizzeremo un metodo approssimato
canonizzato ormai dallesperienza e dalle applicazioni numeriche.
Nella sezione in campata (mezzeria) si ipotizza che lasse neutro tagli la soletta dei singoli tra-
vetti (figura 1.13) per cui si considera una trave a sezione rettangolare B d. Nel caso in esame
avendo riferito il calcolo alla striscia di 1 m sar B = 100 cm (in genere 2 travetti).

Figura 1.13. Sezione di calcolo in campata


Abstract tratto da www.darioflaccovio.it - Tutti i diritti riservati

29
I solai cap 1

Si applica la formula ricavata nel paragrafo 5.3 vol. 1 per le sezioni rettangolari a semplice
armatura, verificando che sia laltezza utile:

M
d r
B
dove r riportato in tabella 5.2 Appendice B in funzione della resistenza caratteristica Rck
del calcestruzzo.

b. verifica della sezione sugli appoggi (fasce piene e semipiene)


Tale verifica si rende necessaria in quanto sugli appoggi avendosi momento negativo (fibre tese
superiori) non potr considerarsi pi una base compressa di ampiezza B = 100 bens B = 2t, per
cui la verifica relativa allaltezza della sezione sarebbe con molta probabilit non soddisfatta.
In realt si procede in modo diverso, ovvero si applica la formula inversa e si determina il
momento resistente del calcestruzzo:
B d2
M rc =
r2
Avendo gi fissata (e verificata in campata) laltezza utile d, ed essendo r funzione solo della
resistenza caratteristica del calcestruzzo che in genere viene fissata in funzione delle caratte-
ristiche di resistenza che devono possedere le travi e i pilastri, lunico parametro su cui si pu
agire la larghezza del generico travetto in prossimit dellappoggio10.

Figura 1.14. Fasce piene e semipiene

10
In passato venivano usate delle apposite pignatte rastremate che permettevano lallargamento a coda di rondine del travetto.