Sei sulla pagina 1di 6

Scrittori emergenti e concorsi letterari

Francesca Vigan

Premessa
Il fine di questa ricerca , attraverso un' intervista semi strutturata proposta a
uno scrittore emergente (Mirco, 30 anni), indagare la funzione dei concorsi
letterari nella pubblicazione di opere prime. La ricerca analizzer la struttura e
la funzione comunicativa dei bandi, i fattori che determinano la scelta di uno
scrittore emergente di aderire al bando, le modalit di pubblicazione dell'opera
e di promozione di quest'ultima.

Struttura e selezione del bando


Il bando nei concorsi letterari quel comunicato con fine informativo e
regolativo, pubblicato attraverso media digitalizzati e non, che definisce i
termini di partecipazione al concorso stesso.

La comunicazione che si sviluppa nei bandi di tipo macrosociale in cui l'autore


pu essere una casa editrice, un centro culturale o altre istituzioni che si
occupano dell'organizzazione del concorso, mentre il ricevente designato : gli
autori emergenti e non. Mentre l'emittente esplicitato pi volte, il
destinatario implicito, proprio perch la struttura del testo stesso a definire
il frame , e dunque a escludere dalla comunicazione coloro che non sono
interessati a partecipare al concorso.
Gli elementi del bando che vanno a formare il frame e che ci permettono di
inquadrare e interpretare la situazione comunicativa sono molteplici:
- l'emanazione del bando da parte di case editrici o di istituzioni che si
occupano di scritture e letteratura
- il bando si trova su un sito che si occupa concorsi letterari
- la presenza di informazioni sulla lunghezza del testo espresse spesso con un
linguaggio tecnico (si parla ad esempio di cartelle)
- la presenza di premi quali la pubblicazione dello scritto in caso di vittoria
- la presenza di giudici che ricoprono ruoli professionali o di rilievo nel campo
dell'editoria e della letteratura. Inoltre, all'interno del frame "bando di concorso
letterario", possiamo notare la presenza di un frame secondario che porta ad
un'ulteriore scrematura dei destinatari della comunicazione:
- indicazione dell'ammissione al concorso di romanzi o di raccolte poetiche
oppure di racconti
- l'ammissione di opere edite o di opere inedite
- la presenza di restrizione riguardo al genere dello scritto (opera di narrativa,
oppure di fantascienza, horror, fantasy ecc.)
- l'imposizione dell'obbligo che gli scritti inviati della trattazione di un tema
determinato.
Un ultimo elemento che potrebbe all'esclusione di candidati al bando la
presenza di una quota da pagare; anche l'intervistato dichiara di non
partecipare a concorsi in cui non vi una tassa di iscrizione: "Mi sembra che i
concorsi gratuiti siano poco credibili, tutti sono invogliati a partecipare ma alla
fine molti scritti sono di basso livello; mentre sono rari i concorsi nazionali
gratuiti." Le parole di Mirco rivelano come ci si aspetti che al capitale
economico degli iscritti (in questo caso: la volont di pagare una somma in
denaro per la partecipazione) sia associato un certo capitale culturale
(maggiore qualit artistica delle opere).
La funzione principale della sezione dedicata ai peri dunque di attrarre il
maggior numero di partecipanti
"Molto spesso baso la decisione di iscrivermi ad un bando anche sulla presenza
di un premio in denaro () guadagnare soldi per pubblicare un'opera mi fa
sentire pi vicino ad uno scrittore professionista."
Queste parole ci permettono di osservare che un autore emergente non venga
legittimato come scrittore solo attraverso la pubblicazione, che comporterebbe
un aumento del capitale simbolico (aumento di notoriet), ma anche per
mezzo di una retribuzione, cio attraverso un'assegnazione al prodotto librario
di un valore in capitale economico.
"L'altro elemento che tengo sempre in considerazione in un concorso la
giuria. Trovo pi affidabili i bandi in cui vengono riportati i nomi dei giurati e la
loro professione () le giurie che fino ad adesso hanno valutato i miei scritti
erano composte da giornalisti, critici, editor ma anche scrittori che avevano a
loro carico quattro o cinque libri pubblicati ." , la giuria infatti la componente
pi importante del concorso non solo perch si occupa di proclamare i vincitori,
ma anche poich attribuisce prestigio al concorso.
La giuria dei concorsi pu essere composta da:
- agenti professionisti
-giurati che detengono un forte capitale simbolico e culturale poich ricoprono
ruoli politici o di prestigio ( presidenti di associazioni culturali, assessori alla
cultura...)
- intermediari culturali di due tipi:
1 casuali: tutti quegli intermediari che svolgono questo ruolo occasionalmente,
ma che detengono il capitale sociale e simbolico necessario per influenzare le
scelte di pubblicazione delle case editrici (esempi: scrittori affermati,
giornalisti).
2 seriali: hanno le stesse caratteristiche degli intermediari casuali, con la
differenza che svolgono in maniera costante questo ruolo. (esempi: oltre a
quelli gi citati sono compresi in questa categoria i creatori di tendenze, cio
coloro che hanno la capacit di valutare prodotti di industrie creative e
promuoverli al fine di convogliare i gusti verso quei prodotti )
Gli intermediari seriali non sono figure professionali del mondo dell'editoria,
non ottengono un compenso economico per la loro opera di mediazione, ma
ricevono un riconoscimento in capitale sociale o simbolico, accumulano infatti
prestigio e notoriet.
Nei concorsi letterari, grazie alla selezione attuata da questi intermediari, la
probabilit che opere prime vengano pubblicate maggiore rispetto alla
probabilit che si presenterebbe nel caso in cui le opere prime venissero inviate
direttamente ad una casa editrice senza passare per intermediari o concorsi, ce
l'ho conferma lo stesso intervistato: "Ho provato a mandare un paio di raccolte
di racconti a una grande casa editrice ed a una pi piccola: dalla prima non ho
mai ricevuto risposta, mentre la seconda mi ha proposto la pubblicazione a mie
spese, ovviamente ho rifiutato.'' (le stime di opere che non passano per
intermediari e che vengono pubblicate sono: 1 su 4000 per le grandi case
editrici, 1 su 2000 per le medie e 1 su 1000 per le piccole, cfr. )
Le parole di Mirco delineano l'attuale situazione del mercato editoriale italiano:
il sovraffollamento della produzione di manoscritti dovuta ad una maggiore
facilit, grazie ai media digitalizzati, a scrivere e inviare opere e alla
diminuzione media nei consumi di tale prodotto librario, portano ad una
selezione pi severa delle opere stesse da parte delle case editrici. Le
pubblicazioni di opere prime tendono a puntare su libri in cui vi sia un buon
rapporto tra possibile successo commerciale e qualit artistica; per le case
editrici infatti economicamente pi conveniente la pubblicazione di un
secondo romanzo che riscuoter poco successo, rispetto a pubblicare un'opera
prima fallimentare.

La selezione di scritti vincitori in un concorso pu non dipendere solo da una


giuria di esperti, ma la selezione di opere finaliste pu essere determinata dal
voto dei lettori stessi. "Una volta ho partecipato ad un concorso organizzato da
una community online di scrittori, gli abstract venivano pubblicati sul sito e
quelli che ottenevano pi voti venivano poi letti da una commissione di esperti
che avrebbe decretato i vincitori ." Il passaggio del lettore da consumatore a
intermediario casuale la prova di come:
1 il consumatore non ha un ruolo passivo nella produzione di prodotti, ma
influenza la influenza in questo caso partecipando alla selezione dello scritto
che si trasformer in libro.
2 il libro un prodotto simbolico e, in quanto tale, influenzato dal gusto del
pubblico e dalle tendenze letterarie.
Inoltre l'affidamento ai lettori della mansione di selezione delle opere da
pubblicare permette alle case editrici di:
1 conoscere prima della pubblicazione il feedback sul prodotto, evitando cos
una pubblicazione fallimentare.
2 pubblicizzare il prodotto stesso. Il consumatore verr infatti invogliato
maggiormente all'acquisto di un prodotto che egli stesso ha selezionato,
attribuendogli dunque un significato personale e contribuendo direttamente
alla sua produzione.

Pubblicazione e promozione
Una volta terminata la selezione da parte dei giurati e nominati i vincitori del
concorso, il passo successivo la pubblicazione.
"Nei concorsi a cui ho partecipato i miei racconti sono stati pubblicati in due
formati: o cartaceo o e-book."
La nascita dei media digitalizzati hanno influenzato anche i metodi di
pubblicazione delle opere degli scrittori esordienti: la pubblicazione in formato
e-book permette alla casa editrice di ridurre i tempi di produzione (eliminando il
processo di stampa) e ne ammortizza i costi, riducendo cos le perdite nel caso
in cui il prodotto risulti un flop commerciale. Inoltre il prodotto esclusivamente
digitalizzato pi facile da reperire rispetto ad un'opera cartacea vincitrice di
un concorso che viene molto spesso stampata in un numero di copie limitato.

Un ruolo fondamentale nella promozione del libro vincitore esercitato dalla


cerimonia di premiazione.
"Tra le cerimonie di premiazione a cui ho partecipato quella che mi ricordo
meglio si era svolta in un palazzo storico ad Ancona. Dopo che la giuria aveva
annunciato i vincitori, uno scrittore famoso ci ha consegnato le targhe."
Una cerimonia di premiazione pu venir promossa in differenti modi:
- Inserendola all'interno di una manifestazione pi grande (una fiera del libro,
un ciclo di conferenze ecc.)
- Invitando autori affermati i quali, grazie al loro capitale sociale e simbolico e
attraverso i profili personali sui social network, promuovono l'evento.
- Servendosi dei media
La molteplicit mediale e le pratiche ad essa collegate (presenziare su
Facebook attraverso la creazione di un evento che annunci gli ospiti e i dettagli
sulla cerimonia, la possibilit, per coloro che vi parteciperanno, di condividere e
mettere mi piace all'evento) permette agli organizzatori del concorso estendere
la partecipazione all'evento promozionale, che altrimenti sarebbe rivolta ad un
pubblico di nicchia, ad un maggior numero di partecipanti. Oltre ad internet sia
nella diffusione del bando sia nella promozione della cerimonia di premiazione
esercitano un ruolo fondamentale televisione, radio e giornali.
I bandi e le cerimonie di premiazione dei concorsi meno prestigiosi (di solito
quelli organizzati dai comuni), presentando uno scarso grado notiziabilit per i
giornali o canali televisivi nazionali, vengono riportati nei periodici locali,
mentre i premi nazionali pi importanti trovano spazio nell'agenda setting sia
dei canali televisivi nazionali sia delle testate giornalistiche pi importanti ( ad
esempio: il bando premio La Giara, oppure la trasmissione della cerimonia di
premiazione del premio Strega). La valutazione di un premio letterario come
premio di prestigio o meno dipende non solo dal capitale simbolico e culturale
dei giudici ma anche dal capitale simbolico, culturale ed economico degli
sponsor e delle istituzioni o enti patrocinanti. Ad esempio: la cerimonia di
premiazione del concorso La Giara viene mandata in onda dai Rai 2 poich,
sebbene come altri concorsi premi scrittori esordienti, viene bandita e
sponsorizzato dalla Rai stessa, la quale, essendo un'istituzione dotata di grande
capitale simbolico, culturale ed economico il concorso in un evento di interesse
mediatico .

In conclusione i concorsi letterari, attraverso gli stessi


bandi, garantiscono allo scrittore emergente che:
1. La giuria, che svolge il ruolo di filtro 1 nel modello di
Hirsch, si occupi di selezionare gli scritti che verrano
poi pubblicati
2. La casa editrice, la quale svolge la funzione di sistema
manageriale, pubblichi l'opera vincitrice.
3. l'organizzazione tecnica (che nel modello di Hirsch svolge
il ruolo di filtro 2) della cerimonia di premiazione o
presentazione dell'opera sia resa possibile attraverso i
finanziamenti degli sponsor e dei patrocini
4. vi sia una promozione delle opere pubblicate attraverso
media digitalizzati e non (i quali costituiscono il
sottosistema istituzionale).
5. l'opera sia resa disponibile in e-book su vari siti (Amazon,
sito concorso) e eventualmente in libreria. I siti
internet e le librerie che mettono in vendita e
espongono il prodotto svolgono la funzione di filtro 3
nel modello di Hirsch.
cinzia.depellegrin@italy.katun.com