Sei sulla pagina 1di 2

Filippo Maria Sanna 3 SB Gruppo 1 24-01-2016

Relazione di Scienze
Soluzioni e Solubilit

Obbiettivo: Capire quali sostanze si sciolgono in acqua, o le une con le altre e descriverne le
caratteristiche prima e dopo l'unione.

Introduzione teorica:
In chimica, si definisce soluzione una miscela omogenea in cui una o pi sostanze sono contenute in
una fase liquida o solida o gassosa; contiene particelle diverse mescolate e distribuite in modo
uniforme nello spazio disponibile in modo che ogni volume di soluzione abbia la medesima
composizione degli altri. Una soluzione si differenzia da una generica dispersione perch il soluto
disperso nel solvente a livello di singole molecole o ioni, ciascuno di essi circondato da molecole di
solvente (si parla pi precisamente di solvatazione). Quando, in una soluzione, un soluto presente
con atomi, ioni o molecole di dimensioni particolarmente contenute (inferiori ad 1 nm), invisibili
anche con l'ausilio del microscopio, si parla di soluzione vera. Altrimenti, quando le dimensioni
delle particelle del soluto risultano comprese tra 1 e 1000 nm, si parla di soluzione falsa, o
dispersione colloidale.
Nell'ambito delle soluzioni, si usa chiamare soluto (o fase dispersa) la sostanza (o le sostanze) in
quantit minore e solvente (o fase disperdente o fase continua) la sostanza in quantit maggiore.
Tuttavia in alcuni casi le sostanze sono miscibili, ovvero sono solubili l'una nell'altra in qualsiasi
rapporto. In questi casi pu essere privo di senso considerare una sostanza come il soluto e l'altra
come il solvente. Quando le sostanze sono in differenti stati di aggregazione (nelle condizioni
ambientali date) si definisce solvente la sostanza che conserva il suo stato di aggregazione.
Nel caso di composti ionici, il meccanismo della dissoluzione il seguente: le molecole polari del
solvente circondano i cristalli del sale, e possono anche diffondere all'interno del reticolo cristallino;
in questa maniera sono indebolite le forze di attrazione tra gli ioni di carica opposta che
costituiscono il cristallo, i quali quindi si trasferiranno nel solvente sotto forma di ioni solvatati.
Un solvente un liquido che scioglie un soluto solido, liquido o gassoso, dando luogo ad una
soluzione. In altre parole, un solvente il componente di una soluzione che si presenta nello stesso
stato di aggregazione della soluzione stessa. Il solvente pi comune l'acqua. Il solvente quella
sostanza presente in maggior quantit in una soluzione. I solventi in genere hanno un basso punto di
ebollizione ed evaporano facilmente o possono essere rimossi per distillazione. Il termine solvente
organico si riferisce ai solventi che sono composti organici.

Materiale:
Provette;
Porta provette;
Spruzzetta;
Pipetta;
Sostanze: acqua, trielina, alcol etilico, zucchero, sale, parafina;

Rischi: Tenere l'alcol, la parifina e la trielina lontano dalla portata di un bambino. La trielina usata
nell'ambito delle pulizie tossica.

Procedimento: All'interno delle provette unire le diverse sostanze liquide le une conle altre e
descrivere i risultati. In seguito unire le sostanze solide con le diverse sostanze liquide e descriverne
i risultati.
Tabelle:

Liquido Liquido Risultato


Acqua Trielina Soluzione eterogenea.
Alcol etilico Acqua Soluzione omogenea.
Trielina Alcol etilico Soluzione eterogenea, se mischiata diventa
momentaneamente omogenea, assumendo una
colorazione biancastra.

Liquido Solido Risultato


Acqua Zucchero Soluzione trasparente omogenea.
Acqua Sale Soluzione trasparente omogenea.
Acqua Paraffina Soluzione eterogenea, la paraffina galleggia sulla
superficie.
Trielina Zucchero Soluzione eterogenea, lo zucchero si deposita sul
fondo.
Trielina Sale Soluzione eterogenea, il sale si deposita sul fondo.
Trielina Paraffina Soluzione trasparente omogenea.
Alcol etilico Zucchero Soluzione eterogenea, lo zucchero di deposita sul
fondo.
Alcol etilico Sale Soluzione eterogenea, il sale di deposita sul fondo.
Alcol etilico Paraffina Soluzione eterogenea, la paraffina si deposita sul
fondo.

Conclusioni: Sia i Solventi che i soluti possono essere classificati come polari e non polari (o
apolari). La polarit o apolarit di un solvente determina la natura dei soluti che il solvente pu
sciogliere e la natura degli altri solventi e/o liquidi con i quali si pu miscelare. Di norma, solventi
polari sciolgono meglio composti polari e solventi non polari sciolgono meglio composti non polari.
In particolare, l'acqua un solvente polare, per cui le sostanze che si sciolgono meglio nell'acqua
(dette "idrofile") sono in genere polari, mentre le sostanze che si sciolgono in acqua con pi
difficolt (dette "lipofile") sono in genere apolari.
Composti fortemente polari come i sali inorganici o gli zuccheri si sciolgono solo in solventi molto
polari come l'acqua, mentre composti fortemente apolari come gli olii o le cere si sciolgono solo in
solventi organici estremamente apolari. Analogamente, acqua e olio non sono mischiabili tra loro e
si separeranno velocemente formando due fasi distinte, anche dopo aver mescolato energicamente.