Sei sulla pagina 1di 3

Grammatica italiana

Nome Cognome Matr.

1. In questo testo ci sono 10 errori di ortografia. Li sottolinei:

Il clima politico del tempo incandesciente, acceso da un fuoco che si chiama


referendum. Il mese che ci separa dal voto percepito - e vissuto - come una lunga
attesa, che scuote molte coscenze. Il sondaggio condotto nei giorni scorsi da Demos
per Repubblica riflette un sentimento di sospenzione. Le stime di voto, come nella
rilevazzione precedente, delineano un sostanziale ecuilibrio, fra Pd e M5S. Con un
lieve vantaggio del Pd, nel voto proporzionale, e del M5S, nel ballottaggio. In entrambi
i casi, la distanza molto ridotta. Tanto da non permettere previsioni. D'altra parte,
per, le intensioni di voto, in merito al referendum, fanno osservare un ribaltamento
rispetto alle precedenti rilevazzioni. Il No, per la prima volta, supera il S. Di stretta
misura, in effetti: 4 punti. Anche perch gli incerti sono ancora molti. E la quota dei
potenziali astenuti - nascosti, fra l'altro, nelle mancate risposte - ancora molto elevata.
Si tratta di un orientamento osservato da altri gi da qualche mese. I nostri sondaggi,
invece, rilevano questa svolta solo ora. Anche se giunge a conclusione di un
avvicinamento progressivo. Da febbraio, quando il S risultava in netto vantaggio, fino
ad oggi. Questo percorso segnato, e quasi determinato, dalle scelte del premier,
Matteo Renzi. Che l'ha trasformato in un referendum "personale". Con l'intenzione,
evidente, di ricavarne una leggittimazione diretta. Per rimediare al problema, che lo
ha sempre angustiato, di apparire - ed essere - un premier "non eletto". In questo
modo, per, Renzi ha prodotto un esito imprevisto e non intensionale. Ha, cio,
politicizzato il referendum, trasformandolo in un canale di "mobilitazione" di tutti gli
scontenti. Contro di lui. Il sondaggio dell'Atlante Politico di Demos rende evidente
questo processo di personalizzazzione del voto. Solo un quarto degli elettori -
intervistati - ritiene, infatti, che l'obiettivo del referendum sia di riformare oppure
mantenere l'attuale Costituzione. Mentre una maggioranza molto larga - 57% - pensa
che si tratti di una consultazione a favore oppure contro Renzi e il suo governo. Ed
probabile, dunque, che, a sua volta, voter seguendo la stessa logica.

2. Scriva la forma verbale richiesta, come nellesempio:

dare, cong. pres., 2a pers. sing.: dia

a. pescare, cong. passato, 3a pers. sing. ABBIA PESCATO


b. sbattere, ind. trapassato prossimo, 1a pers. plur. AVEVAMO SBATTUTO
c. spingere, ind. pass. remoto, 1a pers. plur. SPINGEMMO
d. spargere, ind. trapass. prossimo, 1a pers. plur. AVEVAMO SPARSO
e. giacere, ind. pass. remoto, 3a pers. sing. GIACQUE
f. ricordarsi, cong. passato, 1 pers. plur. CI SIAMO RICORDATI
g. piacere, cond. presente, 1a pers. sing. PIACEREI
h. compiacersi, cond. passato, 1a pers. plur. CI SAREMMO COMPIACIUTI
i. scorgere, ind. pass. prossimo passivo, 2a pers. sing. SEI STATO SCORTO
j. divertirsi, cong. imperfetto, 2a pers. sing. TI DIVERTISSI
k. vincere, ind. pass. prossimo passivo, 1a pers. sing. SONO STATO VINTO
l. scuotere, indicativo passato remoto attivo, 2a pers. plur. SCUOTESTE

3. Indichi il verbo, il tempo, il modo e la diatesi (= attivo, passivo, riflessivo),


come nellesempio:

abbia sfondato = congiuntivo passato attivo di sfondare


a. partisti = passato remoto attivo di partire
b. saremmo presi = condizionale presente passivo di prendere
c. suggerissi = congiuntivo imperfetto attivo di suggerire
d. rifacessi = congiuntivo imperfetto attivo di rifare
e. svenni = passato remoto attivo di svenire
f. sia stato amato = congiuntivo passato passivo di amare
g. mi diverta congiuntivo presente riflessivo di divertirsi
h. smontando gerundio semplice attivo di smontare
i. ruppi = passato remoto attivo di rompere
j. fui rotto = passato remoto passivo di rompere
k. avessi suggerito = congiuntivo trapassato attivo di suggerire
l. suggerissi = congiuntivo imperfetto attivo di suggerire

4. Indichi se in queste frasi il verbo essere : ausiliare di un verbo attivo


[AA], ausiliare di un verbo passivo [AP], ausiliare di un verbo riflessivo [AR],
copula di un predicato nominale [C], come nellesempio:

Ero andato subito ad avvertirli. [AA] [AP] [AR] [C]

1. Mi sono svegliato da solo. [AA] [AP] [AR] [C]


2. La cifra stata versata. [AA] [AP] [AR] [C]
3. La cifra molto alta. [AA] [AP] [AR] [C]
4. Siamo passati per caso. [AA] [AP] [AR] [C]
5. Nessuno vuole essere tradito. [AA] [AP] [AR] [C]
6. Sono stato compreso. [AA] [AP] [AR] [C]
7. Sono stato comprensivo. [AA] [AP] [AR] [C]
8. Mi sono divertito molto. [AA] [AP] [AR] [C]
9. Sono stato guarito da un bravissimo medico. [AA] [AP] [AR] [C]
10.Non sono mai stato bello. [AA] [AP] [AR] [C]
11.Carlo attraente. [AA] [AP] [AR] [C]
12.Maria attratta da Carlo [AA] [AP] [AR] [C]

4. Inserisca dove necessario il segno dinterpunzione adatto. Attenzione:


non si fidi delle maiuscole!

Siamo figli della societ industriale, iniziata nella met del Settecento e tramontata nella met del
Novecento. Questa societ(,) che prende il nome dall'industria(,) ha preso come suo modello la fabbrica
manifatturiera: rude, fragorosa, efficiente, competitiva, maschile. Anche le societ pre-industriali,
centrate sull'agricoltura e sull'artigianato, avevano avuto i loro modelli: la Chiesa nel Medioevo, / ; il
Comune e la Signoria nel Rinascimento. Ma, per quanto terribili siano stati gli usi e i costumi del mondo
rurale, tuttavia l'etica rappresentava una guida imprescindibile, e l'estetica addolciva la vita attraverso la
gioia dei capolavori artistici e musicali. La societ industriale ha preferito la pratica all'estetica, la
razionalit all'emotivit, il conflitto alla solidariet, la fatica fisica all'impegno intellettuale, l'anonimato
dei centri urbani all'identit dei villaggi, lo squallore dei quartieri operai all'interclassismo delle cittadine
fiorenti, l'industrialismo all'umanesimo ;/. ne venuta fuori una societ greve, soffocante, in cui la
presenza dei nostri simili ci toglie la solitudine senza darci la compagnia, e in cui ogni cosa , / (il tempo,
lo spazio, i beni, i servizi, /) sono oggetto di consumo, contesa e rapina. Per fortuna (,) a partire dalla
met del Novecento (,) il progresso tecnologico ha consentito di delegare alle macchine i lavori pi
rozzi, banali e faticosi, riservando alla maggioranza dei cittadini le attivit intellettuali; l'etica ha
riacquistato man mano un posto centrale nell'umana convivenza; l'estetica diventata la nota dominante
del nostro contesto materiale ; /./: siamo diventati gelosi dei nostri gusti personali, delle preferenze
soggettive, delle passioni; /. la mascolinit muscolosa e intransigente che intorno a noi e dentro di noi
ha ceduto il passo alla femminilit morbida, aggraziata, tollerante esteticamente ed eticamente
apprensiva.