Sei sulla pagina 1di 58

Kung Fu

Terza Stagione anno 2005 - 2006

Sommario

Regolamento Scuola...................................................................................................................4
1. Lezione 1 Introduzione al Kung Fu......................................................................................5
1.1 Arti marziali cinesi moderne......................................................................................................6
1.2 Ambienti di sviluppo del Kung Fu.............................................................................................6
1.3 Studio delle armi tradizionali.....................................................................................................6
1.4 Classificazione degli stili...........................................................................................................7
1.5 Tecniche di meditazione.............................................................................................................8
1.6 Il LAI..........................................................................................................................................8
1.7 Laltare........................................................................................................................................8
1.8 La Scuola..................................................................................................................................10
1.9 I gradi nel Kung Fu..................................................................................................................10
1.10 Terminologia del Kung Fu......................................................................................................11
1.10.1 Posizioni..........................................................................................................................11
1.10.2 Calci.................................................................................................................................11
1.10.3 Zone della mano..............................................................................................................11
1.10.4 I numeri in cinese............................................................................................................12
1.10.5 Altri Termini....................................................................................................................12
1.10.6 Le regioni della Cina.......................................................................................................13
2. Lezione 2 Storia del Kung Fu.............................................................................................14
3. Lezione 3 Lo stile HUNG GAR............................................................................................18
3.1 Genealogia dello Stile Hung Gar.............................................................................................19
3.2 Caratteristiche dello stile Hung Gar.........................................................................................21
3.3 Lo Studio delle armi tradizionali nellHung Gar - PIN HEI (MO HAY).................................22
3.4 La danza del leone - MOU SI...................................................................................................22
3.5 Il Saluto nellHung Gar............................................................................................................23
3.6 Le Forme dellHung Gar..........................................................................................................23
3.7 Terminologia dello stile Hung Gar...........................................................................................33
3.7.1 Posizioni............................................................................................................................33
3.7.2 Pugni e colpi con le mani..................................................................................................33
3.7.3 Parate ed afferraggi...........................................................................................................34
3.7.4 Calci..................................................................................................................................34
4. Lezione 4 Lo stile TANG LANG..........................................................................................35
4.1 Genealogia dello Stile Tang Lang............................................................................................37
4.2 Il M Wei Hisiang.....................................................................................................................37
4.3 Caratteristiche dello stile Tang Lang........................................................................................38
4.4 Gli stili del Tang Lang..............................................................................................................39
4.5 La scuola del Nord e la scuola del sud.....................................................................................39
4.6 Gli esercizi Yang Li Yeh...........................................................................................................39
4.7 Lo Studio delle armi tradizionali nel Tang Lang - PIN HEI (MO HAY).................................40
4.8 I 12 Principi del Tang Lang - SHI HER GONG SHI...............................................................40
4.9 Le Forme del Tang Lang..........................................................................................................41
4.10 Terminologia dello stile Tang Lang........................................................................................41
5. Lezione 5 Lo stile WING CHUN.........................................................................................42
5.1 Genealogia dello Stile Wing Chun...........................................................................................43
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

5.2 Le Caratteristiche dello stile Wing Chun.................................................................................44


5.3 Le Posizioni e gli Spostamenti nel Wing Chun........................................................................45
5.4 Le Guardie nel Wing Chun.......................................................................................................47
5.5 I Pugni nel Wing Chun.............................................................................................................47
5.6 I Calci nel Wing Chun..............................................................................................................48
5.7 Il Chi Sao e il Lop Sao.............................................................................................................48
5.8 Lo Studio delle armi tradizionali nel Wing Chun - PIN HEI (MO HAY)................................49
5.9 Le Forme nel Wing Chun.........................................................................................................49
5.10 Terminologia dello Stile Wing Chun......................................................................................56
5.10.1 Pugni e colpi con le mani................................................................................................57
5.10.2 Calci................................................................................................................................58
5.10.3 Parate...............................................................................................................................58
6. Lezione 6 Forme, posizioni e calci.....................................................................................60
6.1 Forme.......................................................................................................................................60
6.2 Posizioni...................................................................................................................................61
6.3 Calci.........................................................................................................................................62
7. Pa Tuan Chin........................................................................................................................65
8. TAO YING o LIANG YI XUE (via interna o via della salute)............................................66

Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 2 di 58


Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

Regolamento Scuola

I Programmi Tecnici della Scuola del Maestro Cangelosi sono registrati a statuto a partire dal
1 grado Si Dai fino all8 grado Si Bak con estensioni di programma extra trasmessi attraverso
lezioni private e seminari

Per conseguire il grado di istruttore, ed avere eventualmente lautorizzazione ad insegnare


ufficialmente allinterno di una scuola, e` obbligatorio aver ottenuto i seguenti requisiti:

1) Aver regolarmente raggiunto e conseguito il V grado di Si Hing


2) Aver superato lesame teorico e pratico di relativa abilitazione

Non basta aver raggiunto il grado per ottenere credibilit, responsabilit ed autorit
allinterno dellorganizzazione del lavoro. In caso di sospensione o decadimento
dallaffiliazione, abbandono o fuoriuscita dalla scuola listruttore o lallievo non potranno mai
fare uso dei programmi tecnici o teorici, del nome e cognome, del logo e del marchio della
scuola del M Paolo Cangelosi, salvo successiva autorizzazione del Sifu. In ogni caso e` fatto
divieto agli istruttori di svolgere autonoma attivit dinsegnamento relativo allArte Marziale
Kung Fu previa apertura di scuole private al di fuori dellaffiliazione in tutto il territorio
nazionale per la durata di cinque anni a partire dalla data di sottoscrizione della scheda di
iscrizione ai sensi degli ARTT> 2595 e seguenti del Codice Civile. Analogo divieto, per
identica durata, verr imporsto, attraverso sottoscrizioni di patto limitativo alla concorrenza,
allallievo che, nel futuro, decidesse di abbandonare o fuoriuscire dalla scuola.

Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 3 di 58


Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

1. Lezione 1 Introduzione al Kung Fu

KUNG: duro, potente, qualcosa fatto con fatica


FU: uomo, tigre, lavoro

LArte Marziale cinese nasce intorno al 2700 avanti Cristo; c chi sostiene che sia stata
lIndia a dare la nascita alle prime arti marziali, chi addirittura ne fa risalire le origini a
Babilonia. Tuttavia, mentre in India le arti marziali non mutano col tempo (le arti marziali
indiane insistono molto sul combattimento corpo a corpo in quanto sono arretrate o ferme
alla prima codificazione) e restano confinate allinterno della regione, in Cina esiste
unevoluzione che le porta ad influenzare le arti marziali delle zone limitrofe come ad
esempio il Giappone, la Corea ecc.
Okinawa , ora isola giapponese, in passato faceva parte della Cina; qui le arti marziali cinesi
influenzarono le arti marziali praticate nellisola e queste, successivamente, portarono la loro
influenza sulle arti marziali nel resto del Giappone.
Come esempio si consideri il Karate , che subisce una forte influenza dallo stile Hung Gar
(in particolare lo stile SHO TO KAN), inoltre la stessa parola, Kara Te, aveva allinizio il
significato di mano cinese , prima che in Giappone cambiassero i significati degli
ideogrammi in mano vuota.
Un altro esempio lAikido che riprende il Pa Kua, uno stile interno che fa uso di movimenti
circolari contenenti molte spirali che permettono di aggirare e avvolgere lavversario.

KUNG FU (o Gong Fu, pronuncia pi appropriata secondo i recenti studi sulla scrittura degli
ideogrammi) tradotto letteralmente significa uomo che lavora duramente, che ottiene
qualcosa tramite la fatica. Il temine di per se non identifica larte marziale; infatti il Kung Fu
un insieme di stili, ciascuno dei quali con un suo nome e le sue peculiariet. In passato,
prima che fosse forgiata la parola Kung Fu, esistevano varie terminologie per identificare
diverse forme di combattimento:

KEN FUT: pugno (ken) di Buddha (Fut)


QUAN SHU: boxe cinese
CHUAN FA: movimento del pugno ( il termine pi antico, raggruppa tutte le arti marziali
cinesi)
FUT SHOU: mano (shou) di Buddha (Fut) stile di derivazione buddista
FENG SHOU: mano (shou) del vento (feng) stile di derivazione taoista
CHANG KUO CHANG: abilit nella boxe cinese
KONG SHOU: mano (shou) vuota (kong)
CHUAN SHU: arte del pugno

Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 4 di 58


Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

Gran parte degli stili di Kung Fu derivano da due correnti filosofiche, il Buddismo e il
Taoismo; alcuni stili si sono ispirati al Confucianesimo ed altri ancora, anche se in maniera
piu ridotta, sono stati influenzati dallIslamismo. Il Buddismo influenz principalmente gli
stili esterni, il Taoismo quelli interni.

WU SHU: esercizio fisico

KUO SHU: arte marziale

Visto che qualsiasi cosa ottenuta con fatica Kung Fu, il modo migliore per definire il Kung
Fu come arte marziale sarebbe

Kung Fu Wu Shu

Ma dal momento che ormai con Wu Shu ci si riferisce alle arti marziali cinesi moderne, molto
acrobatiche ma poco tecniche, adotteremo il termine

Kung Fu

1.1 Arti marziali cinesi moderne


Le arti marziali della Cina moderna sono, a volte, molto pi acrobatiche ma perdono tutto il
bagaglio filosofico, stilistico, la ricerca interna e la tecnica delle arti marziali cinesi
tradizionali. Occorre infatti considerare che i vari stili vengono a volte influenzati dalle
filosofie vigenti nei vari periodi.
Tali stili vengono chiamati KUO SHU (arte marziale) di cui il WU SHU (esercizio fisico) ne
un esempio.
Un altro esempio di arte marziale cinese moderna il JET KUNE DO che deriva dal Kung Fu
ed applica molti concetti dello stile Wing Chun.

1.2 Ambienti di sviluppo del Kung Fu

La nascita del Kung Fu, come gi detto, si fa risalire intorno al 2700 a.C. sotto Huang Ti (o
Huang Di), meglio conosciuto come l Imperatore Giallo.
[n.b. la prima dinastia cinese, quella di Huang Di, stata la Xia la cui effettiva esistenza non
mai stata accertata storicamente.]
Il primo stile di Kung Fu codificato era uno stile che usava un elmo con grandi corna per
combattere; le sequenze di questo stile erano ispirate al combattimento leggendario del
Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 5 di 58
Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

sovrano Huang Ti contro un mostro con le corna. E solo intorno allanno zero, sotto la
dinastia Han (206 a.C. 220 d.C.) che si inizier a parlare di pratiche interne.

Le arti marziali cinesi si dividono in due grandi rami: la scuola esterna e quella interna

WAI CHIA: scuola esterna

NEI CHIA: scuola interna

Alcuni stili della scuola esterna sono l Hung Gar, il Wing Tsun, il Tang Lang, lo Shaolin e
molti altri ancora; gli stili della scuola interna come il Tai Chi Chuan, il Pa Kua o lo Hsing I
sono tutti quelli che lavorano in decontrazione attraverso la canalizzazione energetica.
Obiettivo di chi pratica questi stili cercare di ottenere un equilibrio energetico che porta al
benessere.

TSI JI: ciclo energetico (della persona)

Lo Hsing I ha avuto meno diffusione degli altri, uno stile dai movimenti diretti ed efficaci. La
leggenda narra che ci fu un grande combattimento tra il creatore dello stile Pa Kua ed un gran
combattente dello stile Hsing I, che dur tre giorni; nessuno dei due ebbe la meglio e da
allora nelle scuole di Pa Kua si insegna anche lo Hsing I e viceversa. Il Pa Kua nato verso il
1800.

Il primo stile codificato il GO TI e risale al 2700 A.C. a cui si fa risalire la nascita del Kung
Fu, che si evolve allinterno di vari ambienti:

Ambiente monastico: si sviluppa e si evolve la tecnica che si fonde anche con la


filosofia. Il monastero pi noto lo SHAOLIN (NB: lo stile shaolin che si pratica tuttoggi
il WU SHU). Si diceva che un monaco guerriero del monastero di Shaolin potesse
tenere testa a 15-20 persone contemporaneamente in battaglia; nel monastero i monaci
erano 350, di cui un centinaio erano i monaci guerrieri. Fu la dinastia dei Ching,
provenienti dalla Manciuria, a prendere il posto dellultima dinastia cinese (cio quella
dei Ming) e a distruggere il monastero, che si era schierato con i Ming. La distruzione
pot avere luogo solo in seguito ad un tradimento: le porte del monastero furono
spalancate ai nemici, che entrarono e massacrarono un gran numero di monaci. I pochi
che si salvarono decisero di insegnare per la prima volta il Kung Fu al di fuori del
monastero: nascono cos tutta una serie di stili derivati dallo Shaolin nel nord e nel sud
della Cina. Alcuni dei superstiti alla distruzione del monastero di Shaolin fondarono delle
sette (le sette Ming) che volevano sovvertire il governo e restaurare la vecchia dinastia. Da
queste sette purtroppo sono nate molte delle mafie cinesi di adesso, come le Triadi o il
Loto Bianco. Su circa quattrocento stili di Kung Fu che vengono insegnati ai giorni nostri,

Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 6 di 58


Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

un buon 80% va inteso come Nam Siu Lam cio del Sud dello Shaolin o Pak Siu Lam
cio Nord dello Shaolin.

Ambiente militare: sviluppo delle armi, soprattutto di quelle YANG (spade, alabarde,
lance) che trovano unevoluzione naturale in questo ambiente.

Ambiente contadino: vengono introdotte delle pratiche interne di respirazione per


contrastare/alleviare la fatica e si utilizzano delle armi YIN , strumenti che nascono,
inizialmente, per altri scopi (i bastoni a 2 o 3 sezioni unite da catene, ad esempio, erano
usati per battere il riso, il bastone era utilizzato per trasportare i secchi dellacqua, ecc.)
Eremiti: a volte i maestri diventano eremiti, gli stili che nascono in queste circostanze si
tramandano, per lo pi, allinterno dello stesso ambiente ed per questo motivo che
molti stili sono andati perduti. Questi eremiti seguivano spesso la filosofia taoista e
cercavano costantemente di fondere la loro energia interna con tutto ci che li
circondava, secondo i concetti del taoismo; chiaramente le stesse condizioni di vita degli
eremiti contribuirono alla perdita degli stili per via delle difficolt dovute alla trasmissione
degli insegnamenti; ad esempio lo stile dellubriaco veniva insegnato dal maestro eremita
che ne custodiva la memoria ad UN SOLO allievo, da lui ritenuto degno: se non lavesse
trovato, lo stile non sarebbe stato tramandato. Lo stile dellubriaco (Tzui Pa Hisien, nato
proprio in un contesto del genere) ha assunto questo nome perch mima le movenze
dellubriaco; spesso era praticato da vecchi e decrepiti maestri che nascondevano
unagilit impercettibile ad un occhio inesperto. Le forme dello stile dellubriaco
raccontano delle storie riguardo lubriaco e la sua ricerca dellIlluminazione o della luna
riflessa nel pozzo. Spesso si usa definire questo stile lo stile di quello che non sai mai
quello che fa perch in effetti quella limpressione: facile trovare colpi che vengono
tirati mentre si cade, molte forme contemplano il gesto di offrire una tazza di vino
allavversario e colpirlo, per poi bere ancora e cadere a terra di nuovo; da questo stile
attinge il kung fu moderno in quanto uno stile acrobatico e molto spettacolare.

1.3 Studio delle armi tradizionali


MO HAY -> in pechinese
PIN HEI ->in cantonese
KO -> in giapponese
Le armi sono suddivise in due settori:
Mo Hay YANG: dette anche armi proprie (armi YANG) perch sono nate come tali, ossia
per scopo offensivo (spade, alabarde, lance, coltelli). Esempi di tali armi sono: Tan Tou
-> spada curva, Kim -> spada diritta a doppio taglio, Cheon -> lancia, Kwan Tou ->
Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 7 di 58
Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

alabarda ad un dente; queste armi nascono e vengono perfezionate allinterno


dellambito militare.
Mo Hay YIN: dette anche armi improprie (armi YIN) perch vengono utilizzati attrezzi
o strumenti di lavoro che sono nati per altri utilizzi (bastoni, rastrelli, asce, bastoni snodati
a pi sezioni) e successivamente impiegati per scopo offensivo. Esempi di tali armi sono:
Sam Cha Pi -> forcone a tre punte, Sam Chet Pi -> catena a tre sezioni, Ta Kwan ->
bastone di tre metri ; queste armi nascono per lappunto in un contesto rurale, sono gli
arnesi utilizzati dalla gente per battere il riso o per tagliare il grano ma che alloccorrenza
si tramutavano in micidiali armi da guerra; lambiente contadino fu fondamentale per lo
sviluppo del kung fu, difatti proprio in questo scenario che si svilupparono tutta una
serie di esercizi di ginnastica interna, gli esercizi del contadino per lappunto, volti a
coltivare il CHI.

1.4 Classificazione degli stili


Esistono varie differenziazioni degli stili; una di queste si basa sulla provenienza dello stile e
quindi sulla conformazione del territorio:
Nord della Cina
Sud della Cina

Il nord e il sud della Cina sono separati dal fiume Giallo (Huang To Yangtze Kiang)

Stili del nord: si ha un maggiore utilizzo delle gambe, gli stili sono pi acrobatici e
brillanti e questo grazie alla particolare conformazione del territorio (boschi ed ampi
spazi). Esempi di stili appartenenti a questo gruppo sono: TSUI PA HISIEN, TAN TUEN
U TEN TUI, ER LA MAN PAI, TANG LANG, BAK HOI PAI, PAK MEI1 ecc.

Stili del sud: si ha un minore utilizzo delle gambe e un maggiore utilizzo delle braccia (i
maestri si allenavano nelle risaie). Esempi di stili appartenenti a questo gruppo sono:
CHOI LI FUT, HUNG GAR, CHOY GAR, LAU GAR, HAP GAR, LEI GAR, MO GAR,
LOON YING, PA MEI ecc.

Unaltra differenziazione degli stili la seguente:


Stili esterni o scuola esterna (WAI CHIA): stili che operano un lavoro fisico di
contrazione/decontrazione muscolare, le tecniche vengono eseguite in maniera forte e
veloce. Esempi di questi stili sono: HUNG GAR, WING CHUN -> stile diretto, TANG
LANG, SHAOLIN, CHOY LI FUT -> stile circolare (opposto al Wing Chun)

1
Il PAK MEI uno stile del nord derivato dallo Shaolin, quindi uno stile PAK SIULAM
Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 8 di 58
Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

Stili interni o scuola interna (NEI CHIA): lavorano sempre in decontrazione muscolare
con movimenti lenti, morbidi e continui, in accordo con la filosofia taoista e con il
pensiero medico cinese sullenergia interiore (Chi). Ogni minima azione si rif alla
medicina tradizionale cinese (scorrimento dellenergia, punti di pressione). Esempi di
questi stili sono: TAI CHI CHUAN, PA KUA CHAN, HSING HI, LI HO HI PA FA PAI ->
le sei armonie e gli otto movimenti, YU SHEN CHUAN, HSING I -> stile diretto opposto
al Pa Kua. In genere chi pratica il PA KUA apprende anche lo stile HSING I.

Lo stile CHEN il primo stile Tai Chi codificato.

CHEN

FUN

TAI CHI SUN

WU

YANG

1.5 Tecniche di meditazione


DYANA (India) -> CHAN 520 D.C. (Cina) -> ZEN 1180 D.C. (Giappone)

1.6 Il LAI
LAI: saluto

Il LAI rappresenta il rispetto per gli allievi, per lambiente in cui si pratica, per il maestro ecc..
Con il saluto si crea il TAO con le braccia che formano un cerchio e le mani che
rappresentano rispettivamente lo YIN e lo YANG (luna e sole)
YIN mano sx aperta
YANG mano dx pugno

Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 9 di 58


Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

1.7 Laltare
Nel luogo dove si pratica il Kung Fu sempre presente laltare, dove sono esposti i simboli di
questa arte; laltare, quindi, non ha simbologia religiosa ma rappresenta il Kung Fu. Il saluto
che si rivolge allaltare manifesta ringraziamento e rispetto per larte marziale, poich esso
rappresenta tutto quello che arrivato a noi in 5000 anni.

Larte, il maestro e lallievo sono i tre elementi portanti della pratica.

Sullaltare ci sono tre coppette che rappresentano il brindare insieme, il vivere in armonia tra
il Maestro, lallievo e larte marziale.

Sullaltare ci sono tre statuine che rappresentano dei concetti:


FU: rappresenta la felicit e la beatitudine interiore nel praticare larte marziale, ha in
braccio un bambino (simbolo di gioia)
LOK: rappresenta la ricchezza interiore, larricchimento di se stessi con larte marziale,
ha in mano una cornucopia (simbolo di ricchezza)
SAO: rappresenta la saggezza e la lunga vita, limmortalit spirituale a cui si arriva
praticando il kung fu, tiene in mano una pesca (simbolo di longevit)

KWAN KUN: la statua pi grande, un grande maestro vissuto durante la dinastia HAN (206
A.C. 220 D.C. nel Sud Canton). Esperto di alabarda, protettore dei pi deboli, visto come
il protettore dellarte marziale e dei praticanti, rappresenta larte marziale stessa. Il colorito
del suo viso rosso; esiste addirittura un Leone di Kwan Kun che ha proprio i colori di questo
grande personaggio.

Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 10 di 58


Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

Altri elementi presenti sullaltare sono:


Un testo relativo allarte marziale, sul nostro c lI-CHING un testo antichissimo che
influenza grandemente la filosofia taoista, e con essa anche il Tai Chi Chuan e il Pa Kua,
stile di cui si pu rappresentare addirittura OGNI movimento con un trigramma; oggi
viene sempre pi spesso usato a scopo divinatorio, ma l I-Ching un testo filosofico
molto importante. Altri testi che possono essere presenti sullaltare sono l HONG FANG
o il TAO TE CHING.
La foto del maestro della scuola o di maestri che hanno contribuito allo sviluppo della
scuola (nel nostro altare sono presenti le foto di Fu Han Tung e Chan Hon Chung).
Degli oggetti che rappresentano la meditazione (il gong, la chiave di Buddha).
Dellincenso che ha la funzione di aiutare a svuotare la mente e rappresenta laspetto
interiore delle arti marziali.
Delle candele, utilizzate durante la meditazione anchesse rappresentano laspetto
interiore.
Il simbolo della scuola.
Delle statue di leoni. Il leone un animale mitologico nel pensiero cinese (non sono
autoctoni della Cina!) e da questa nasce la danza del leone che di buon augurio. Il leone
un simbolo positivo, rappresenta lenergia protettiva ed , nella simbologia Cinese, il
guardiano dei Templi.
La frutta, che rappresenta un dono fatto allarte marziale dal maestro o dagli allievi
anziani.
Statuine raffiguranti vari stili, possono esserci o non esserci (nel nostro altare ve ne sono
tre).
Massime filosofiche si possono appendere sul lato dellaltare.

Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 11 di 58


Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

Nel saluto allaltare (TEI SAH SHIN CHIN -> pace, unione, armonia) raccogliamo le energie
universali (braccia in alto), le portiamo a noi (inspirazione e mani congiunte vicino alla bocca) e le
doniamo al Kung Fu (inchino).

1.8 La Scuola
La scuola nata nel 1978 con il M Cangelosi, un grande artista marziale (definito il re del
kung fu dalla Budo International, autorevole rivista spagnola del settore) che a soli otto anni
ha conosciuto il maestro FU HAN TUNG, il capostipite della filosofia della nostra scuola,
intesa come linsegnamento di pi stili. Nel 78 il Maestro Cangelosi apriva la scuola di
Genova, nei primi anni 80 ne apriva una a Roma; al giorno doggi esistono scuole a Genova,
Roma, Firenze, Domodossola, Tivoli e ci sono allievi provenienti un po da ogni parte del
mondo, come Portogallo, Francia, Germania, Marocco. Alcuni allievi si sono anche distaccati
dalla scuola o sono stati allontanati in seguito a fatti gravi.
I colori della nostra scuola sono nero rosso e giallo.

CHEN CHAN SAO: il simbolo della nostra scuola ed indica un augurio di lunga vita con il
Kung Fu.

1.9 I gradi nel Kung Fu


Non ci sono cinture nella scuola dal momento che, per quanto il bagaglio tecnico che si
apprende negli anni sia decisamente vasto, lo studio non incentrato su di un solo stile
quindi non avrebbe senso definire un sistema di cinture. Lunica differenziazione utilizzata
allinterno della scuola dovuta agli anni di pratica, che corrispondono a dei gradi; sono 10 i
gradi che differenziano gli allievi:

GRADO AL MASCHILE AL FEMMINILE


1 SI DAI SI MUI
(principiante)
2-3 TOE DAI
4-5 SI HISIN SI JE
6-7 SI SOOK (figlio) SI GU
8-9 SI BAK
10 SI FU
(padre/maestro)
- SI GONG
- SI JONG

Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 12 di 58


Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

Bisogna tener presente che il grado non si riferisce allanno di pratica: ad esempio il 5 grado
si da alla fine del 9 anno ed un passaggio importante: da allievo ad istruttore;
per diventare istruttore necessario sostenere un esame molto duro, che autorizza
allinsegnamento. In 28 anni della scuola il 7 grado il pi alto che sia mai stato raggiunto.
Tornando ai gradi, il significato della loro accezione cinese di tipo familiare, perch un
tempo si praticava tutti dentro la stessa casa, tutti insieme dalla mattina alla sera e alla fine
era quasi naturale che nascesse un rapporto di quel tipo. Lunico modo per diventare
formalmente Si Fu quando quello della scuola passa a Si Gong, cio maestro che si ritira
dallinsegnamento. Si Fu letteralmente vuol dire Padre o Maestro e il Si Jong il
maestro che crea uno stile.

1.10 Terminologia del Kung Fu


YU BEI SHI: posizione di partenza
CHONG PEI: posizione di rilassamento
LAI: saluto
KEN LAI (SAI LAI): saluto dello stile Hung Gar
YUO: girarsi oppure destra
TSUO: sinistra
SAO: parata

1.10.1 Posizioni
MAH BO: posizione del cavaliere
GUNG BO: posizione del cavallo
DING BO: posizione del gatto
TIU MAH
KAI BO: posizione dellarco teso
LAO MAH: posizione incrociata
LOW KWAI MAH: posizione piccola
CIN DIEN: posizione della gru
YAT CHI MAH
YEE JEE KIM YANG MAH: posizione a clessidra/ posizione frontale
YOR MAH: posizione avanzata
CHI MAN SE: posizione del drago al risveglio
TA CHI MAN SE: grande posizione del drago al risveglio
Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 13 di 58
Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

HUSU TZU U MAH: posizione della tigre che scende dalla montagna
KAI KUNG TZE

1.10.2 Calci
TEK (TE o TOI): calcio
TUI: penetrante
CHA: frustato
JIK BUL TEK: calcio frontale con la punta del piede
JIK SAW TEK: calcio frontale con lavampiede
JIK TEK: calcio frontale con la pianta del piede
KUA NOI TEK: calcio passante dallinterno allesterno
WAI YUE TEK: calcio dallesterno allinterno (WAI: esterno)
PANG TEK: calcio laterale
CHUL TEK: calcio circolare
HOUC TEK: calcio allindietro o girato

1.10.3 Zone della mano


KUA: dorso
CAP: parte terminale delle dita
JIN: nocche della mano
PEK: zona opposta al pollice (zona del mignolo)
MON: parte centrale delle dita

1.10.4 I numeri in cinese

Numero Ideogramma Pronuncia

1 yee

2 er

3 sahn

4 si

5 woo

6 lyo

7 qi

8 bah

Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 14 di 58


Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

9 jiu

10 shi

1.10.5 Altri Termini

QUIEN, KUEN, LU, TAO: Forma


MAH, BO, SHI, TAN, JE: Posizione
LIANXI (GONG) MAH: allenamento (duro) delle posizioni
LOP SAO: combattimento schermato (di allenamento) a vari livelli
CHI LUNG: combattimento a vari livelli
GONG SOUT: combattimento pi duro del Chi Lung (nessuna regola, protezione o
padrino)

Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 15 di 58


Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

1.10.6 Le regioni della Cina

Nella mappa riportata alcune regioni riportano i nomi moderni che sono (leggermente)
diversi da quelli riportati nei presenti appunti.

Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 16 di 58


Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

2. Lezione 2 Storia del Kung Fu

Il Kung Fu la pi antica arte marziale esistente anche se c chi fa risalire la prima arte
marziale ad alcuni stili indiani precedenti (KALARIPAYIT -> primo sistema di combattimento
indiano).

Il primo stile codificato di Kung Fu risale al 2700 A.C.

2700 A.C.
Dinastia XIA
Dinastia leggendaria della cui esistenza non si hanno prove certe.
- Imperatore FU HI: codific le formule divinatorie relative alla composizione dei
trigrammi (gi esistenti) raggruppandole nel famoso un testo lI-CHING, importante
per il taoismo e le arti marziali poich gli stili interni (Tai Chi Chuan e molti altri)
derivano dai concetti di questo libro. Le forme di Tai Chi sono un susseguirsi di Yin e
Yang.
- Imperatore CHENG NONG: innovatore dell'agricoltura e della medicina
fitoterapeutica.
- Imperatore HUANG TI (imperatore giallo): con lui si sviluppa l'agricoltura, la
medicina e si ha la prima esperienza di lotta organizzata, a lui si fa risalire la prima
codifica di uno stile di Kung Fu: lo stile GO TI. Si dice che limperatore Huang Ti
avesse codificato tale stile insieme al generale CHIN YU HSU. Il Go Ti era uno stile
primitivo, le cui forme erano basate sullanalisi di un combattimento leggendario
avvenuto tra lImperatore Huang Ti ed un mostro con le corna (tant che questo stile
lavora esclusivamente sul corpo a corpo, e nella pratica spesso si adoperava un elmo
dalle grandi corna); simile a molti stili indiani nel cercare il contatto con lavversario, il
lavoro di questo stile si potrebbe definire Chin Na se non fosse che questultimo
comprende strangolamenti, lavoro a terra, insomma tutto un lavoro estraneo al Go Ti.
Da ricordare che il GO TI il primo stile che sia stato CODIFICATO, non detto che
non siano esistiti altri stili prima. Il corpo a corpo il primo sistema di combattimento
e comprende delle tecniche di proiezione e di afferraggio. Dello stile GO TI si perdono
le tracce. Huang Ti insieme al suo medico CHI PO creer il primo testo di medicina
cinese* (NEI CHIA SUN WENG) dove vengono trattati i primi punti (HUSUE)
dellagopuntura e del CHI (di circolazione dellenergia).

*Medicina Cinese
Il corpo attraversato da 12 +2 meridiani fondamentali, canali energetici assimilabili
a fiumi, in cui scorre il CHI, l ENERGIA assimilabile ad un fumo o una luce che percorre
il corpo, e che

Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 17 di 58


Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

raggiunge tutti gli organi. Negli ultimi anni le teorie alla base della medicina cinese
hanno trovato conferma scientifica anche grazie a verifiche effettuate tramite il
magnetismo. In sostanza il chi, questenergia che scorre allinterno del nostro corpo,
percorrere questi meridiani e si convoglia in certi laghetti di energia, chiamati
HUSHUE (si legge USE); visto che ogni canale va a toccare un organo fondamentale,
per poterlo guarire bisogna poter influenzare lenergia presente nellorgano, grazie alle
tecniche di agopuntura o anche alla pratica degli stili interni come il Tai Chi Chuan, che
lavorano molto proprio su questo punto, il ripristino dello Tsi Ji, lequilibrio energetico;
nella teoria della medicina cinese lo stato di malattia dovuto ad un eccesso o ad una
mancanza di chi negli hushue.
Esistono stili come il Bak Hoi Pai che sono specializzati nelle tecniche di Din Mak, cio
di digitopressione volta a SQUILIBRARE lequilibrio, o meglio lo Tsi Ji, dellavversario.

Passano diversi secoli prima di avere unevoluzione dellarte marziale

206 A.C. 220 D.C.


Dinastia HAN
Dinastia importante, viene unificato limpero e si vive in un periodo di pace.
In questo periodo entra il Buddismo in Cina (la data ufficiale di tale entrata si fa risalire al 50
A.C., anche se i primi influssi si hanno tra il 400 e il 300 a.C.), il Taoismo gode della sua
massima espansione e si assiste ad una esplosione culturale a tutti i livelli; la Cina unificata
sotto un unico impero.
Anche il Kung Fu ha notevole impulso grazie all'opera di vari maestri con i quali l'arte
marziale comincia a raffinarsi in forme pi elaborate (come ad esempio CHUEI TI), si
comincia a distinguere tra combattimento corpo a corpo ed una scherma di braccia e gambe.
Al contempo per le scienze mediche subivano grandi rallentamenti a causa dei precetti del
confucianesimo, che vietava di introdursi allinterno del corpo, per esempio per sezionare un
cadavere o operare direttamente sugli organi: proprio per questo che sono nate e si sono
sviluppate le tecniche di prevenzione, come lagopuntura e le arti interne come il Tai Chi. La
medicina cinese si sviluppa esternamente al corpo.
Cera un medico molto famoso allepoca, Hua To, che cre degli esercizi di ginnastica
morbida basati sui movimenti degli animali, che non appartengono a nessuno stile ma si
studiano ancora oggi; questo contribu a creare una suddivisione in due tipi di scuole:

NEI CHIA: scuole interne


WAI CHIA: scuole esterne

Chia, come anche Kwoon, sono termini che indicano la scuola, ma mentre per Kwoon si
intende scuola intesa pi in termini fisici, Chia indica scuola come insieme di pratiche di un
certo tipo.
Anche Yun Chun, altro personaggio importante dellepoca, creer molti esercizi di ginnastica
morbida basati sullosservazione dello stirarsi dellorso e sui movimenti degli uccelli in volo

Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 18 di 58


Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

(queste sequenze sono chiamate Tao Ying), esercizi di ginnastica taoista interna molto
importanti ed usati ancora ai giorni nostri. Importante il contributo di medici esperti nelle
arti da combattimento che con la loro conoscenza dell'anatomia del corpo umano sviluppano
sia tecniche interne per la longevit del corpo che tecniche di combattimento.
Nascono due diversificazioni delle arti marziali dovute al maestro KWOOK I che crea lo stile
CHANG CHANG SHOU (stile della mano lunga) -> combattimento non pi solamente corpo
a corpo ma anche con lutilizzo di pugni e calci.
Le due codifiche che si evolvono in questo periodo sono CHUEI TI e SHOU PO
CHUEI TI -> stili corpo a corpo
SHOU PO -> stili con scherma a distanza
Maestri vissuti in questepoca:
HUA TO ( o HUA SU o YUAN HUA): medico e maestro di arti marziali, il primo che
codifica una serie di esercizi di ginnastica interna (WU QIN XI -> gioco dei 5 animali). Con
lui si differenziano gli stili della scuola esterna (WAI CHIA) da quelli della scuola morbida
o interna (NEI CHIA), caratterizzata da movimenti lenti in decontrazione.
WU PO: allievo di HUA TO, crea lesercizio YAN CHEN -> nutrire la vita
YUN CHUN: codifica gli esercizi interni del TAO YING sempre ispirati agli animali: lo
stirarsi dell'orso e il volo dell'uccello.
KWAN KUN: grande guerriero esperto nelluso dellalabarda. Considerato un simbolo del
Kung Fu e della Cina tanto che la sua statua in genere posta sullaltare.
KWAN PEN: figlio di KWAN KUN
LI PA YU: compone lHONG FANG -> teoria dei vertici

Passano dei secoli e intorno al 500 d.C: (Medio Evo Cinese) e pi precisamente nel 520 d.C.
arriva in Cina un indiano, BODHIDARMA (che in Cina chiamato TA MO e in Giappone
chiamato DARUMA TAISHI). Si racconta che Ta Mo fosse figlio di un re, SUGANDA; egli
studi a corte dei sistemi di combattimento e studi con PRAJNATRA che era il 27 patriarca
della corrente del buddismo MAHAYANA, la corrente del grande veicolo. Ta Mo fugg
dallIndia per lavvento dellInduismo ed arriv in Cina, inizialmente gir per vari monasteri
(TON WA, JON TI, LEN CHO) poi arriv alla corte dellimperatore LIANG WU TI che, dopo
aver appreso le teorie filosofiche e religiose di Ta Mo e dopo averne compreso la forza
innovatrice e l'influenza spirituale che avrebbero avuto sulla popolazione, per timore, lo
band dal regno, costringendolo ad errare ancora per la Cina fino a raggiungere il monastero
di SHAOLIN (SIU LAM -> piccolo bosco, in quanto sorgeva proprio nei pressi di un piccolo
bosco tra le montagne) nella regione dell'Honan nella catena Song Shan, monastero di cui
divenne labate. Nel monastero si praticava il buddismo ma erano pratiche statiche che
indebolivano il corpo dei monaci. Allora Ta Mo inizi ad insegnare loro la ginnastica basata
sugli animali che comprendeva circa 18/24 esercizi chiamati lI CHING CHING. Con pratica
e costanza i monaci si trasformarono nei monaci-guerrieri divenuti una leggenda e convocati

Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 19 di 58


Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

perfino dall'imperatore in caso di estrema necessit.


Ta Mo introdurr una corrente del buddismo detta DYANA che in Cina chiamata CHAN
(concentrazione sul vuoto per armonizzarsi con luniverso) e nel periodo KAMAKURA in
Giappone diverr ZEN. Il principio su quale si basa la sua dottrina , come abbiamo detto,
l'unione tra spirito e corpo attraverso l'esercizio fisico e la meditazione. Ta Mo il primo
patriarca buddista in Cina ed il 28 in India. La fama del monastero di Shaolin si diffonde nel
periodo di maggior splendore della Cina.

840 846 D.C.


Dinastia TANG
Nel periodo della dinastia Tang e soprattutto negli anni che vanno dall840 all846,
limportanza dei monasteri divenne fastidiosa per lImpero. Limperatore ordin la
distruzione di migliaia di monasteri e la persecuzione del Buddismo; ad ogni modo il
monastero di Shaolin (nel nord della Cina) si salv e continu ad accrescere la sua
importanza a livello marziale e politico, contribuendo alla formazione di una casta di monaci
che combattevano accanto allimperatore in molte battaglie cambiandone lesito.

1550 D.C.
Inizia l'invasione dal Nord con i Manchu (Mongoli). C un cambiamento delle regole del
monastero di Shaolin. Prima era molto difficile entrare nel monastero, tuttavia in questo
periodo labate ritiene necessario aumentare il numero dei praticanti visto laumentare delle
pressioni da parte dei paesi limitrofi (pi battaglie e tentativi di invasione) e visto che non
tutti i monaci erano monaci-guerrieri (nel periodo di massimo splendore del monastero di
Shaolin i monaci guerrieri erano un centinaio su circa trecentocinquanta); viene dunque
facilitato laccesso al monastero. Labate decide inoltre di unificare gli stili fondamentali:
tigre, serpente, leopardo, gru e drago. Prima ogni maestro studiava un singolo stile relativo ad
un solo animale ora invece ogni maestro avrebbe avuto la conoscenza di 5 animali al livello
base e 7 al livello avanzato; ma questo fece si che molti maestri se ne andarono dal monastero
e fondarono un loro stile proprio (come il maestro dellAquila). Il drago e la tigre sono i
simboli del monastero di Shaolin cos come la tigre e la gru sono i simboli dellHung Gar.
Drago -> YIN
Tigre -> YANG

1300 1644 D.C.


Dinastia MING
Periodo doro della Cina, massima espansione culturale per ogni arte anche per le arti
marziali. I MING sono lultima dinastia cinese.

1642 1644 D.C.


Nel 1640 a Pechino era stato ucciso lImperatore in seguito ad una ribellione; Pechino,
preoccupata, aveva mandato a chiamare dei soldati mercenari affinch la liberassero ed in
effetti questi soldati provenienti dalla Manciuria riuscirono a sedare la rivolta, solo che una
volta compiuto il loro dovere anzich tornare in Manciuria continuarono ad affluire in Cina
Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 20 di 58
Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

fino a prendere il potere ed occupare il trono imponendo la loro dinastia, la dinastia Ching,
che poi quella dellultimo imperatore in Cina.
Nel corso degli anni i CHING invadono la Cina, i monaci di Shaolin si schierano con la
dinastia MING. In questo periodo, e pi esattamente nel 1642, avvenne la distruzione del
monastero di Shaolin ad opera dell'imperatore KANGTSI, grazie al tradimento di alcuni
monaci che aprirono le porte del monastero permettendo a circa 4000 soldati manch di
entrare al suo interno, e uccidere nel sonno i circa 150 monaci guerrieri.
Dalla distruzione del monastero dell'Honan si salvarono solo 7 o 9 monaci (TI SIN SIN, NUI
MG, MIU HI, MIU TZUI FA, FONG SAI YUK, LOK AH CHOY) i quali, in fuga per la Cina,
continuarono lo studio del kung Fu, ormai dichiarato fuorilegge, e la conseguente
divulgazione delle arti marziali attraverso le cosiddette "Sette segrete Ming" (la tigre nera, il
loto bianco, la triade, ecc. ) in onore della dinastia che pi aveva contribuito allo sviluppo
culturale, sociale ed economico del Paese (alcune di queste sette evolvono diventando dei
clan della mafia cinese). Queste sette si oppongono al governo ed organizzano delle ribellioni.
In queste sette si tramandano le antiche forme del kung fu di Shaolin.
In questo periodo abbiamo la nascita di tutti gli stili derivati dallo Shaolin, tra i quali il Wing
Chun, lHung Gar e il Choy Li Fut.

1912
Alla fine della dinastia CHING limpero si era impoverito e loccidente cercava di conquistare
il mercato della Cina (th e oppio); le delegazioni occidentali presero il controllo delle citt
cinesi (Hon Kong, Pechino ecc.) e le sette si rivoltarono. Nel 1912 si verific la "Rivolta dei
Boxer" alla quale parteciparono moltissime sette e Maestri di Kung Fu dando vita ai "55
giorni di Pechino".

1958 59
Rivoluzione culturale MAO TSE TUNG
Tutte le discipline tradizionali verranno bandite dalla Repubblica Popolare Cinese compreso
il kung fu che viene riorganizzato. Si creer il kung fu moderno attuale detto WU SHU o
KUO SHU che il kung fu attualmente insegnato in Cina e, naturalmente, anche nel
monastero Shaolin (che nel frattempo stato ricostruito). Vengono introdotti dei movimenti
coreografici della ginnastica artistica e si perde tutta la parte interiore.
I maggiori maestri lasceranno la Cina poich verr riformato il pensiero cinese ed anche il
kung fu.

Una personalit molto importante del dopoguerra il M YIP MAN, il quale inizia ad
insegnare lo stile a livello popolare ed anche agli occidentali. Infatti, in passato, la pratica
delle arti marziali era riservata solamente ai cinesi e neanche a tutti.

Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 21 di 58


Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

3. Lezione 3 Lo stile HUNG GAR

GAR: Famiglia
HUNG GAR: stile della famiglia HUNG

HUNG GAR, detto anche HUNG KUNE e HON KUNE, uno stile nato verso la fine del
1600 e sviluppatosi durante la dinastia CHING

Alla fine della dinastia MING, con la caduta del monastero di Shaolin, alcuni monaci
fuggirono e diffusero lo stile. Uno di questi TI SIN SIM (detto anche TI SHIN CHIN), che si
salva dalla distruzione del monastero dell'HONNAN rifugiandosi a LO HAN, un altro
monastero Buddista, dove conosce HUNG NEI KUNG (detto anche HUNG HAI KUNG),
originario di Canton nella regione del Kwantung, a cui insegna la forma KON JI FO FU.
Le caratteristiche fisiche di robustezza e potenza di Hung Nei Kung, determinano la nascita di
uno stile duro e potente, che rifacendosi ai movimenti fondamentali dello Shaolin sviluppa un
lavoro di WAI CHI KUNG.

Lo stile Hung Gar si diffonde inizialmente nelle regioni intorno alla citt di Canton (Kianshi,
Fukkien, Kwantung) per poi espandersi in tutto il Sud della Cina, fino ad influenzare anche
le arti marziali dell'isola di Okinawa le quali, a loro volta, influenzeranno alcuni stili del
Karate. Attualmente lo stile Hung Gar uno degli stili pi praticati al mondo.

Come per lo stile Shaolin, i movimenti si rifanno a cinque animali di base cui sono associati 5
elementi del Feng Shui, ma con un ordine di successione diverso:

Animale Elemento
LOON (LOUNG): drago (YIN) TO (TU): terra
FU (HU): tigre (YANG) GAM (JIN): metallo
PAO: leopardo (YIN) SOI (SHUI): acqua
SE (TSE): serpente (YANG) FOT (HUO): fuoco
HOK (HOI): gru (YIN) MO (MU): legno

Anticamente veniva studiato un sesto animale "l'Orso" (HOO JO) a cui associato "l'Oro"
come elemento.

Gli animali che rappresentano lo stile sono: Gru (eleganza, energia Yin) e Tigre (forza, energia
Yang).

Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 22 di 58


Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

3.1 Genealogia dello Stile Hung Gar

TI SIN SIN
(1600/1700)

HUNG NEI KUNG


(1600/1700)
Corrente canonica, pipopolare
Corrente
LOK AH CHOY SIU LAM JI-PO TIM
(1700)

WONG TA YING GKOK YAN


(1700/1800)

WONG KEY YEN


(1700/1800) LEUNG KWAN (TI KIU SAM):
Corrente Arriva la forma TI (1813 1886)
SIU LAM - FUKKIEN SIN KUN le tre braccia di ferro. Molto esperto
WONG FEI HUNG nel kung fu e nell so dell labarda.
LAM BOK SIN (1850 1936)

WU GUM SIN
Lo riconoscono Lo riconosce come maestro
come maestro LAM SAI WING LAM FOOK SING
(1861 1942)

LING WAN GAI LUK JIN GUN

CHAN HON CHUNG LAM JO TANG FUN


(1909 1991) (1909) (1874 955)

YUEN LING

Nello stile Hung Gar esistono varie correnti:


la corrente SIU LAM JI-PO TIM: composta da GKOK YAM -> TI KIU SAM -> LAM FOOK SING
la corrente SIU LAM FUKKIEN: composta da WU GUM SIN

Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 23 di 58


Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

la corrente composta da LAM BOK SIN

WONG KEY YEN, WONG FEI HUNG, LEOUNG KWAN e TI KIU SAM fanno parte dei
SAP FU, le 10 tigri del Guang Tung, ovvero dieci maestri di arti marziali, considerati degli
eroi nel sud della Cina sia per le loro capacit combattive che per il loro senso di giustizia.
Si dice che Leoung Kwan (fine 1800) si impegnasse a difendere i deboli e che diventasse
estremamente severo quando i malvagi erano praticanti di arti marziali; Leoung Kwan era
famoso per le tecniche di filo di ferro o camicia di ferro, grazie alle quali rendeva il
corpo molto pi resistente.
WONG FEI HUNG: 1850, Sifu nel 1936, muore nel 1936. introduce varie forme, tra cui
la Lau Gar Kuen
LAM SAI WING: viene riconosciuto come maestro da tutte le scuole Hung Gar; Lam Sai
Wing unific le tre correnti di Hung Gar e cre quella che si studia oggi.
TI KIU SAM: pass alla storia per aver vinto moltissime sfide contro maestri provenienti
da ogni parte della Cina. Il suo vero nome era LEON KWAN ma prese il soprannome "Il
terzo braccio di ferro" (Ti Kiu San), perch le sue braccia erano dure e forti come il ferro.
Si racconta che un giorno fece salire sulle sue braccia (nella posizione di Tan Ji Kiu) ben
sei persone, che riusc a sollevare e trasportare per cento passi. Famoso per la
canalizzazione del CHI, creer la forma Ti Sing Kuen. Ti Kiu Sam elabora un settore, il
LOON KAO TI KIU (9 ponti del drago di ferro) da cui, si dice, derivi la forma Ti Sin Kun. Le
Loon Kao Ti Kiu sono una serie di 9 piccole forme che allenano le posture/posizioni
utilizzando delle respirazioni legate al Chi Kung.
CHAN HON CHUNG: sar lultimo esponente della scuola, alla sua morte non lascer
altri maestri. Nato a Canton nel 1909, conosce Lam Sai Wing all'et di 18 anni, quando si
trasferisce ad Hong Kong. Smette di insegnare nel 1987, dopo aver creato unassociazione
di 6000 praticanti circa ed aver combattuto contro la mafia e la malavita di Hong Kong,
ricevendo onorificenze e riconoscimenti per l'impegno sociale dalla Regina Elisabetta. Era
inoltre un grande esperto della medicina cinese, insegnata anche nellHung Gar. Il Maestro
Chan Hon Chung aveva una piccola palestra e di fronte un negozio; la palestra ormai era
gestita dagli allievi avanzati e lui non insegnava pi ma praticava solamente per se stesso,
finch non decise di insegnare al Sifu Paolo Cangelosi: il Sifu aveva iniziato a studiare
Hung Gar gi con Fu Han Tung ma ottenne un grande approfondimento grazie agli studi
col Maestro Chung (che mor nel 1992). Lallenamento cominciava alle tre e mezza di
mattina con lapplicazione di unguenti di erbe, alle sette cera la colazione col Maestro in
cui doveva portare i giornali quotidiani e disporli nellordine giusto, altrimenti il M Chang
li avrebbe buttati in terra e per lintera durata della giornata non ci sarebbe stato alcun
allenamento. Il M Chang era un maestro del vecchio stampo con metodi severi ma efficaci
ed stato presidente di diverse associazioni. Molto influente e grande amico di FU HAN
TUNG, muore ad Hong Kong il 23/02/1991 nel quartiere di Mong Hok dove viveva.

Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 24 di 58


Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

Si narra che in seguito ad un incontro tra Wong Fei Hung ed un vecchio maestro di Tsui Pa
Hisien, uno scambio di tecniche far ritrovare nelle forme di Hung Gar dei movimenti tratti
dallo stile dellubriaco.

LHung Gar veniva tramandato assieme ad un canone di medicina basato sulla combinazione
di erbe.

Alla distruzione del monastero di Shaolin, nascer una suddivisione degli stili derivati in due
correnti:

Stili del Nord (del fiume giallo) derivati dallo Shaolin detti PAK SIULAM
Stili del Sud (del fiume giallo) derivati dallo Shaolin detti NAM SIULAM

L Hung Gar uno stile del sud derivato dallo stile Shaolin, fa parte quindi della corrente Nam
Siulam. Ai giorni nostri esistono circa 600-700 stili di kung fu, un buon 60% dei quali sono
derivati dallo stile di Shaolin; tra questi vi anche il Wing Chun (che venne creato cos
diverso dallo stile del monastero anche per opporsi allo Shaolin, visto che chi aveva tradito il
monastero la notte della sua distruzione aprendo le porte dallinterno aveva studiato lo stile
nel monastero, e di conseguenza ora quello stile era conosciuto anche dal nemico).

Ci sono vari stili NAM SIULAM (gli stili pi diffusi sono sottolineati):
HUNG GAR
LAU GAR
LEI GAR
MO GAR
HAP GAR
LI GAR
CHOY GAR
GOR GAR
CHOY LEE FUT
PA MEI
LOOM YIN
HAKKA CHUAN
CHIA CHIA CHUAN

Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 25 di 58


Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

LHung Gar lo stile che pi contribuisce alla creazione dello stile NAM CHUAN2 che lo
stile che rappresenta gli stili del sud. Esistono diversi stili Nam Chuan in base alle varie
regioni della Cina, ma tutti contengono lHung Gar.

3.2 Caratteristiche dello stile Hung Gar


Uno tra i pi completi stili di Kung Fu, non si presenta come uno stile particolarmente
acrobatico, ma la sua tecnica risulta marziale, netta e diretta all'applicazione. Predilige i
movimenti di braccia (caratteristica degli stili del Sud) e rinforza in particolar modo gli arti
inferiori attraverso l'uso di posizioni lunghe e marcate. Le tecniche sono potenti, i movimenti
netti, precisi, non si lavora mai inarcando o caricando la schiena, che si mantiene sempre
dritta in qualsiasi tipo di movimento. Nella sua tradizione, lo stile stesso si apprende
direttamente dallo studio delle forme e delle loro applicazioni, ogni forma infatti si divide in
sequenze applicative da allenare poi in coppia o in pi persone; sono inoltre previsti
prestabiliti di coppia a diversi livelli.
Un aspetto molto importante quello del lavoro sul potenziamento dell'energia interna,
chiamata "QI GONG" (o CHI KUNG), energia della quale si avvale l'Hung Gar per la
realizzazione di sofisticate tecniche di offesa e difesa, nonch per proteggere il corpo in
modo da renderlo resistente agli attacchi.
WAI CHI KUNG: sistema di lavoro per potenziare il fisico tramite il controllo dellenergia

3.3 Lo Studio delle armi tradizionali nellHung Gar - PIN HEI (MO HAY)
L Hung Gar ha un grande bagaglio tecnico di armi.
KWAN TOU -> alabarda ad 1 dente (nella nostra scuola lalabarda viene studiata secondo
lo stile Hap Gar, che quello che ne ha affinato meglio lutilizzo).
KIM -> spada diritta doppio taglio
TAN TOU -> spada curva
MA LAU KWAN -> bastone della Scimmia
LAU GAR KWAN -> bastone ad una testa della famiglia Lau
SHON TOU -> bastone cilindrico
TA KWAN -> bastone di tre metri
CHEON -> lancia

2
Stile NAM CHUAN - o NAN CHUAN o NAM KUEN (Shaolin del Sud)- uno stile della corrente Nam Siulam, abbastanza
recente. Si fonda su stili tradizionali di Kung Fu Shaolin, ma ha origine nel XX sec e si ben definito nel 1958 a seguito delle
riforme attuate sia nella corrente NEI che WAI CHIA, per unificare alcuni stili marziali.
Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 26 di 58
Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

SAN CHAN PI -> forcone a tre punte


WU DIP TAO -> coltelli a farfalla
SAN CHET PI -> catena a tre sezioni

3.4 La danza del leone - MOU SI


La "Danza del Leone" riveste un'importanza particolare, non solo nell'Hung Gar ma in tutto
il Kung Fu. Il Leone, considerato un animale mitologico dai cinesi, viene rappresentato da
tutte le scuole di arti marziali per mezzo di una danza dalle caratteristiche acrobatiche e
marziali, che divenne cos oggetto di sfide e gare. Si impiega in tutti gli avvenimenti
importanti, anche al di fuori dell'ambito del Kung Fu, ed considerata di buon auspicio.
Nelle danze del leone si rappresentano i vari stati danimo del leone. Quella del nord pi
brillante, anche se pi famosa la danza del sud. La danza viene ritmata da un tamburo ed
altri strumenti a percussione (piatti, gong, ecc).

MOU LOUNG -> danza del drago

3.5 Il Saluto nellHung Gar

3.6 Le Forme dellHung Gar


MUI FA KUEN (forma del fiore di prugno): stata introdotta da Lam Sai Wing. Il termine
Mui Fa (Fiore di Prugno) comune a molti stili tradizionali di Kung Fu per le sue
caratteristiche; il primo a sbocciare e, con il suo particolare modo di schiudersi, indica i
quattro punti cardinali. Fiore particolarmente forte, resiste sia al rigido clima invernale del
Nord della Cina che nelle calde regioni del Sud. Per la sua forza e la sua bellezza, molti
maestri hanno dedicato il suo nome alle forme pi significative dei loro stili.

Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 27 di 58


Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

LAU GAR KUEN (pugno della famiglia Lau): considerata una forma femminile perch
fluida, agile e brillante, studiata tradizionalmente come seconda forma. Introdotta da
Wong Fei Hung. Le sue origini si trovano nello stile Lau Gar. La storia racconta che tra la
famiglia Hung e la famiglia Lau vi fossero ottimi rapporti che diedero luogo a uno scambio
tecnico che arricch entrambi gli stili.
KONJI FO FU (dominare le energie cavalcando la tigre): la terza forma (unione di
energie e movimenti della tigre) e racchiude il 70% del bagaglio tecnico dello stile Hung
Gar. una forma molto lunga e nella scuola del Maestro Chan Hon Chung viene studiata
come un'unica grande forma anche se, in alcune scuole, viene divisa in due parti:
1 parte: KON JI
2 parte: FO FU
Un antico detto cinese recita: "Chi pratica quotidianamente la Konji Fo Fu svilupper la
forza e la potenza per sollevare la Cina con un dito".
WU DIP JUEON KUEN (pugno delle ali della farfalla): considerata anchessa una forma
femminile perch fluida, agile e brillante. Le ali della farfalla sono rappresentate
tecnicamente dai palmi delle mani. E diventata importante nellambito dello stile Hung
Gar per merito del Maestro Wong Fei Hung.

Con queste 4 forme si chiude il programma base, ma altre 4 forme costituiscono il


programma avanzato:

FU HOK SEON YING (la doppia via percorsa dalla tigre e dalla gru): ispirata ai due
animali rappresentativi dello stile, si dice che gli elementi fondamentali di questa forma
siano stati combinati dal Maestro Hung Nei Kun, ma che sia stato il Maestro Wong Fei
Hung a tradurla nella forma tuttora praticata.
MG YING KUNE (le cinque vie): una forma che raggruppa le tecniche dei cinque
elementi: legno, metallo, acqua, fuoco e terra.
SAP YING (la forma dei dieci stili): rappresenta i cinque animali (Drago, Serpente, Tigre,
Leopardo, Gru) e i cinque elementi.
TI SING KUEN (Filo o Anima di Ferro): forma introdotta dal M Ti Kiu Sam, grande
esperto dei tecniche di Wai Chi Kung. La forma basata su movimenti di
contrazione/decontrazione, di emissioni di suoni e canalizzazione dellenergia. Si dice
che la sua pratica rinforzi tutto lorganismo.

Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 28 di 58


Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

3.7 Terminologia dello stile Hung Gar


Lo stile Hung Gar si sviluppa al Sud, dunque anche la sua terminologia cantonese e non
pechinese

I FO CHUN -> YU BEI SHI


KEN LAI (SAI LAI)

3.7.1 Posizioni
KUNG CHI MAH -> GUNG BO
SEI PI MAH -> MAH BO
TAN FA MAH -> KAI KUNG TZE
TIU MAH -> DING BO (In realt nel Tiu Mah, a differenza del Ding Bo, con la gamba
anteriore viene poggiato lavampiede al posto della sola punta del piede)
DING BO: posizione del gatto
LOK QUE MAH: posizione piccola
LAO MAH: posizione incrociata
CHI MAN TSE: gung bo con la punta del piede posteriore allineata con il tallone del piede
anteriore

3.7.2 Pugni e colpi con le mani


JUK KUNE: pugno laterale
PING KUNE: pugno opposto alla gamba avanzata
TSUI KUNE: pugno corrispondente alla gamba avanzata
TSUI PO KUNE: pugno corrispondente alla gamba avanzata per prima di portare il pugno la
gamba corrispondente fa un passo in avanti
POW KUNE: montante (pugno dal basso verso lalto)
GAU CHOY: gancio
KUA CHOY: pugno con il dorso della mano
PEK CHOY: pugno a martello, dallalto al basso
JIK FU CHAO: artiglio della tigre diretto
DIA FU CHAO: artiglio della tigre dal basso
HUOANG JEON: colpo con il palmo della mano, dita rivolte verso lalto
YUN JEON: colpo con il palmo della mano, dita rivolte verso lesterno
DIA JEON: colpo con il palmo della mano, dita rivolte verso il basso
PEI CHAN: gomitata
DAK PEI CHAN: gomitata diagonale
JUK PEI CHAN: gomitata laterale
FON HAN: occhio della fenice
TAI WAN FON HAN: occhio della fenice con avvitamento
YAT CHA: mano a lancia

Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 29 di 58


Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

3.7.3 Parate ed afferraggi


BONG SAO: sollevare e rovesciare il gomito, serve a deviare/ intercettare un colpo. La spalla,
il gomito ed il polso devono trovarsi su tre piani diversi e la spalla deve essere pi esterna del
gomito che a sua volta deve essere pi esterno del polso
KIU SAO: parata con la mano verticale ed il braccio leggermente flesso
GOANG SAO: parata sulla linea dellanca (usata nella mui fa per deviare e parare un Jik bul
tek tui)
CAP SAO: controllo dallalto in basso col palmo della mano
NA SAO: afferraggio
WEN SAO: parata sulla linea dellanca con il palmo della mano verso lalto e le dita verso
lesterno, ad avvolgere
WU DIP SAO (WEN SAO + PAK SAO): parata delle ali della farfalla
KIK LEI SAO: parata con i polsi ad uncino
TAN JI KIU: parata con la mano avente il pollice leggermente piegato, lindice disteso e le
dita rimanenti piegate (ed unite)
PAK SAO: parata con il palmo della mano (mano verticale, verso lalto)
PI PAK SAO: PAK SAO passante, a schiaffo, con richiamo (la mano scorre)
LAP FU CHAO: afferraggio con la mano a tigre
LOON YIN SAO: parata del drago (gambe in KAI KUNG TSE e braccia in GAO SAO + KOM
SAO)

3.7.4 Calci
Calcio Posizione di partenza
JIK BUL TEK Cha: Calcio frontale frustato TA CHI MAN TZE
JIK BUL TEK Tui: Calcio frontale penetrante LOK QUE MAH rialzato
CHUL TEK Cha: Calcio circolare frustato TA CHI MAN TZE
CHUL TEK Tui: Calcio circolare penetrante LOK QUE MAH rialzato
HOUK TEK: Calcio allindietro o girato TA CHI MAN TZE
QUA NOI TEK: Calcio dallinterno LOK QUE MAH rialzato
WAI YUE TEK: Calcio dallesterno LOK QUE MAH rialzato
PANG TEK: Calcio laterale MAH BO rialzato

Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 30 di 58


Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

4. Lezione 4 Lo stile TANG LANG

TANG LANG, oppure TONG LONG, stile della mantide religiosa.

Stile della seconda met del 1600, non deriva dallo stile Shaolin ed uno stile del Nord (altri
stili del nord sono il PA KUA, TAI CHI, TSUI PA HISIEN, TAN TUEN U TEN TUI, ER LA
MAN PAI, BAK HOI PAI 3, PAK MEI 4). Il creatore il Maestro WONG LONG, grande
esperto di arti marziali e, si dice, conoscitore di circa 17 stili di Kung Fu; egli era specializzato
in due stili:
HUL CHEN CHUAN (oppure HOU CHAN): stile della scimmia o delle 12 scimmie
TAO TIEN HU TAN TUI: stile delle gambe elastiche
Il M Wong Long, nativo del distretto di Liu nella provincia di Shantung, viene ricordato
come una persona al servizio dei deboli e dei poveri, sempre dedito all'allenamento ed ai
combattimenti. Proprio durante due di questi combattimenti fu sconfitto dal M FAI (un
maestro pi anziano di lui che alcune fonti identificano come un monaco Shaolin). Il M
Wong Long decise di ritirarsi in solitudine per riflettere sull'accaduto. Si narra che un giorno,
proprio durante una meditazione, il M Wong Long fu distolto dalla sua pratica dal
combattimento che una mantide religiosa aveva ingaggiato con un altro insetto (c' chi dice
un'altra mantide, c' chi dice una cavalletta). Affascinato dalla ferocia e dall'astuzia
dimostrata dalla mantide in quei frangenti, e dall'efficacia delle strategie adottate per vincere,
decise di studiarne le movenze al fine di trarre nuovi spunti di combattimento; vennero cos
fondate le basi dell'attuale Tang Lang. Wong Long allen e perfezion questo stile fino a
quando non si sent sicuro di poter affrontare vittoriosamente il M Fai. Il terzo scontro gli
diede infatti ragione, ed il M Fai, riconoscendo la superiorit tecnica del proprio avversario,
divenne uno dei suoi primi allievi: nasce cos la scuola di Tang Lang fondata dal M Wong
Long.

Lo stile Tang Lang uno degli stili pi diffusi ed efficaci. Nasce come uno stile del Nord, si
diffonde infatti nelle seguenti regioni:
SHANTUNG
HOPEI
SHANSHI

Pi tardi si diffonder anche al Sud nel QUANTUNG e nello SHIZUAN

3
Lo Stile BAK HOI PAI stato creato da una donna
4
Il PAK MEI uno stile del nord che deriva dallo Shaolin, quindi uno stile PAK SIU LAM
Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 31 di 58
Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

La leggenda narra che tre allievi di Wong Long trovarono tre mantidi, ognuna con una
caratteristica somatica diversa dalle altre:
una con 7 stelle sul dorso che ispir lo stile CHAT SIN TANG LANG
una con un disegno simile ad un bocciolo di pruno che ispir lo stile MEI HUA TANG
LANG
una pura che ispir lo stile PI MEN TANG LANG (Tang Lang Della porta segreta, per il
suo modo chiuso di impostare la guardia e chiudere le "porte" dei punti vulnerabili)

Questi stili evidenziano 3 diversi aspetti che saranno tramandati dagli allievi scelti dal M
Wong Long:

il Chat Sing uno stile rigido, secco, privo di movimenti coreografici, essenziale e corto
negli spostamenti.
il Mei Hua fluido, leggero e veloce ed il maggiore ispiratore del Wu Shu Tang Lang in
epoca moderna.
il Pi Men uno stile lungo, plastico e potente; i suoi movimenti sono eleganti.

Si dice che il Tang Lang originario fosse molto simile al movimento Chat Sing del Nord, per
cui si tende ad affermare che le derivazioni dello stile provengano direttamente dal Chat Sing.

Queste tre sono le scuole pi antiche originarie dello Shantung e rappresentano le scuole
principali del Tang Lang.

4.1 Genealogia dello Stile Tang Lang

WONG LONG

SI LIN SING

3 scuole principali LI SAM CHIN

WONG REN SHENG

FAN YU TONG CHEN CHAN FENG

Sifu Paolo Cangelosi LOK KWAN YU Culturale Acqua e Fuoco


Associazione Pagina 32 di 58
Scuola Discipline Orientali (1924) Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

WONG REN SHENG (detto HUANG TANG -> Re della Mantide) detto anche WONG
WIN SAN
CHEN CHAN FENG (detto TA YU -> Grande Universo): altro allievo di Wong Ren Sheng.
Molti programmi della nostra scuola sono simili a quelli adottati da lui. Il M Cangelosi ha
combattuto contro suo figlio.
LOK KWAN YU, allievo di Fan Yu Tong, insegna il Tang Lang delle sette stelle ad Hong
Kong.
KWAN KUN LIEH inserisce luso dellalabarda nel suo esercito
PA YU KUN generale che introdusse luso del Tang Lang allinterno dellesercito cinese
Nel Tang Lang studiata la medicina tradizionale cinese.

4.2 Il M Wei Hisiang


Un altro allievo della scuola di Wong Long che va ricordato WEI HISIANG che ha
contribuito notevolmente allo sviluppo dello stile. Viveva nella Cina del Nord in una zona
montuosa a contatto con popolazioni confinanti belligeranti. In seguito al suo trasferimento
nel Sud, in una zona pi tranquilla e sicura, un giorno, in sua assenza, la sua casa fu distrutta
e la famiglia assassinata. Al suo ritorno, la realt che vide e l'impossibilit di potersi
vendicare, vista anche l'et avanzata, lo indussero a ritirarsi come un eremita su una
montagna, nella regione dell'HOPEI. Un gruppo di giovani scopr l'esistenza di questo
Maestro eremita; vennero in contatto con lui e lo convinsero ad insegnare loro il suo stile.
Nacque cos unaltra scuola Tang Lang caratterizzata da movimenti ancor pi potenti della
prima nel lavoro di braccia, ma con tecniche di gamba meno spettacolari. Lo stile di Wei
Hisiang si distaccava leggermente dallo stile originale per via dell'inserimento di tecniche
specifiche per irrobustire il corpo, sia muscolarmente sia nella respirazione e nell'aumento
dell'energia "wai". Nel corso del tempo, quando la scuola di Wong Long cominci ad
espandersi nel territorio, furono inevitabili i contatti e gli scontri tra gli allievi delle due scuole
per la supremazia e la superiorit dell'una sull'altra. Quando i due Maestri vennero a
conoscenza di ci, per porre fine a queste inutili dispute, si incontrarono e risolsero il
problema: Wei Hisiang si proclam allievo di Wong Long il quale, a sua volta, accett di
introdurre nei programmi di insegnamento alcune innovazioni elaborate dal Wei Hisiang,
arricchendo cos lo stile di nuove tecniche di respirazione, di WAI CHI KONG ed esercizi atti
a sviluppare la tonificazione e la potenza fisica (YANG LI YEH). Le due scuole si fusero
insieme e, nel successivo ventennio, superarono in importanza ed imbattibilit tutte le altre
gi esistenti.

Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 33 di 58


Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

4.3 Caratteristiche dello stile Tang Lang


Il Tang Lang caratterizzato dallutilizzo della zampa della mantide. La formazione della
zampa avviene con un movimento a ventaglio delle dita che raggiungono la loro posizione
finale una consecutivamente all'altra. Il dito mignolo il primo che apre il ventaglio mentre
l'indice chiude il ventaglio ed il pollice si posiziona sullindice
CHUAN TANG: zampa della mantide
KUO YIN TANG: impostazione della zampa della mantide.
Nellimpostazione della zampa della mantide si devono formare tre triangoli:
mignolo - gomito
gomito - spalla
spalla polso
I calci simulano i colpi di coda della mantide ed il movimento delle zampe.
Nello stile Tang Lang molto utilizzato lavambraccio.
Unaltra caratteristica dello stile della mantide quella di creare delle trappole in cui il
praticante offre un bersaglio (una gamba, un braccio, laddome) in modo che lavversario
attacchi in quel punto preciso e durante il tentativo di attacco arriva immediatamente il
contrattacco del praticante mirato, in genere, a spezzare l'arto dellantagonista.
I principi del Tang Lang dellafferrare e attaccare gli arti dellavversario quando sta per
colpire (per spezzarli) vengono detti TIEN HU SUH WO oppure DOUNG SHEN IEN
DIREN.
Si dice che Wong Long abbia creato delle sequenze tecniche segrete dette delle 7 mantidi.

4.4 Gli stili del Tang Lang


Il Tang Lang ha otto stili principali
CHAT SIN TANG LANG: si diffonde ad HON KONG (nel Sud)
MEI HUA TANG LANG: stile del bocciolo di prugno
PI MEN TANG LANG: stile della porta segreta
LI HO: stile delle sei armonie o 6 coordinazioni

Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 34 di 58


Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

PA PU: stile degli otto passi


SUN KIK: stile del Sud Ovest della Cina (regione del Shizuan)
CHU KAI: devastatrice, mantide che distrugge ogni cosa (regione del Quantung)
TAI CHI TANG LANG: con influenze del Tai Chi

4.5 La scuola del Nord e la scuola del sud


Si possono notare delle differenze tra le correnti sviluppatesi nel Nord e nel Sud:
Nelle scuole del Nord sono presenti tecniche che prediligono la lunga distanza,
sfruttando soprattutto le estremit degli arti (polsi, mani, piedi). I movimenti sono pi
ampi e larghi e molto definiti ricchi di tecniche di gamba
Nelle scuole del Sud si predilige la corta distanza, i movimenti brevi, rapidi, veloci e pi
scattanti, si sfruttano gomiti, ginocchia, testa.
Nel nord si sviluppa il lavoro corpo a corpo del Tang Lang.

4.6 Gli esercizi Yang Li Yeh


Come detto, dalla scuola di Wei Hisiang nascono sei esercizi detti Yang Li Yeh che sono
esercizi molto faticosi e duri che tendono a sviluppare la muscolatura e la struttura del corpo
con forti espirazioni/inspirazioni. I primi cinque sono abbastanza ordinari, il sesto un
esercizio di isometria che si pu fare da soli oppure con uno sparring partner che fa da
supporto.

4.7 Lo Studio delle armi tradizionali nel Tang Lang - PIN HEI (MO HAY)
SAM CHET KUAN: bastone a tre sezioni
CHIM TAN: grandi mazze
GA TA O FU (dette anche KOU): spade uncinate

4.8 I 12 Principi del Tang Lang - SHI HER GONG SHI


Nella codifica dello stile, Wong Long ha definito i 12 principi del Tang Lang detti SHI HER
GONG SHI oppure SHI HER YAO SHI (SAP YI TAO -> in cantonese). Sono delle tecniche
che sfruttano delle strategie proprie della mantide, che vanno dal bloccare e tirare,
dallafferrare e colpire, dallo schivare e balzare in avanti etc.
Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 35 di 58
Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

Di questi dodici principi, i primi dieci sono estratti dall'analisi dei movimenti tipici della
mantide, l'undicesimo un principio estratto dallo stile della scimmia, il dodicesimo
suggerito dallo stile Tan Tui (del Nord Cina - zona Shantung, conosciuto per il grande lavoro
di gambe che lo caratterizza).
Ogni scuola di Tang Lang ha i 12 principi. In alcune scuole pi recenti i principi sono
diventati quattordici; non sempre l'ordine numerico e la denominazione sono uguali per tutte
le correnti ma, in generale, possiamo catalogarli nel modo seguente:
AU: bloccare, uncinare (fase iniziale della formazione della zampa)
LOU: afferrare
TOAL: colpire,contrattaccare
KUA: parare/bloccare verso lalto (e contrattaccare)
TIAL: agganciare
CHIN: avanzare creando lo spazio
PANG: retrocedere (colpire) con un pugno rovesciato dopo aver afferrato
TA: colpire di taglio
CHER: aderire (entrare in contatto)
TIEH: avvicinarsi spezzando, unire
LIEN: chiudere, legare, restare attaccati
KON: inclinarsi e colpire di gomito
CHI SAN: evitare,uscire lateralmente
TENG NUO: calciare in volo e con calci multipli (principio dello stile delle gambe
elastiche)

4.9 Le Forme del Tang Lang


Wong Long ha creato varie forme; c chi dice siano 8, chi dice siano 3. Il QUIEN BA WONG
una delle otto forme da lui create.

4.10 Terminologia dello stile Tang Lang


CHUAN TANG: zampa della mantide
KUO YIN TANG: impostazione della zampa della mantide.
OU DA CHUAN TANG: colpo con il polso

Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 36 di 58


Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

GO TANG: becco di mantide


XIAO TANG o LI ME TANG: artiglio di mantide (o antenne della mantide)
WAI LAP TANG LANG GORT: parata a mantide esterna
NEI LAP TANG LANG GORT: parata a mantide interna
YUAN FENG TEK : calcio circolare che rappresenta il colpo di coda della mantide
QUA NOI YEH TEK: calcio che rappresenta il movimento delle zampe della mantide quando
lotta
TANG LANG SHI: guardia della mantide (SHI=Posizione)
TIEN HU SUH WO (DOUNG SHEN IEN DIREN): principi del Tang Lang dellafferrare e
attaccare gli arti dellavversario, quando ci sta per colpire, per spezzarli.
YANG LI YEH: sei esercizi di tonificazione ed irrobustimento inventati da Wei Hisiang
SHI HER GONG SHI (SHI HER YAO SHI): 12 principi del Tang Lang definiti da Wong Long

Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 37 di 58


Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

5. Lezione 5 Lo stile WING CHUN

WING CHUN (o WING TZUN/TSUN o VING TZUN o YUN CHUN): bella primavera
Il Wing Chun nasce nella seconda met del 1600.
Una monaca Shaolin NUI MG (MUI NG), che si dice fosse allieva di Ti Sin Sin, sfuggita dal
monastero di Shaolin dopo la sua distruzione, si rifugia nel monastero LEONG SHOY (si
trova nella catena del WUTAN SHAN, mentre Shaolin si trova nella catena del SONG SHAN;
in questa zona nascono molti stili interni) in cui si praticano tecniche di meditazione
buddista. Era perfettamente consapevole della minaccia che gravava sugli altri monasteri e
sulla popolazione: dato che i traditori erano a conoscenza delle tecniche di Shaolin, erano
divenuti combattenti preparati e pericolosi. Per questo motivo decise, partendo dalla sua
pratica di Arti Marziali, di studiare ed inventare un nuovo stile che potesse fronteggiare la
tecnica Shaolin e che soprattutto fosse tecnicamente molto diverso. Nui Mg non cre un
metodo basato sulla potenza fisica, in quanto sarebbe stata svantaggiata rispetto ad un uomo,
ma svilupp uno stile ricco di tecniche diversificate e veloci che, se portate in rapida
successione, raggiungono l'efficacia di ununica tecnica potente. Questo stile nasce con
l'intento di essere solamente uno stile di combattimento, quindi semplice, pratico, efficace
ed alla portata di tutti (facile da apprendere).
Un giorno Nui Mg assistette al combattimento fra una GRU ed un SERPENTE a cui si ispir
NON per copiarne le movenze, BENSI per estrarre i principi fondamentali di questo stile:
Serpente (YANG): velocit, astuzia e rapidit d'azione
Gru (YIN): movimenti rapidi del becco, equilibrio negli spostamenti (rimase
impressionata dal modo in cui evitava gli attacchi del Serpente, senza fare molta fatica,
con piccoli e semplici movimenti).
Per mantenere rapidit dazione, il Wing Chun adopera esclusivamente traiettorie dirette,
ovvero la via pi breve per unire due punti.
Per avere economia di movimento, il Wing Chun lavora sulla corta distanza con movimenti
brevi e strettamente indispensabili.
Lo stile non prende il nome da Nui Mg ma da WING CHUN KIM (WING TSUN JIM) una sua
allieva.
Vicino al monastero cera un villaggio con una locanda. In quel periodo cerano anche molte
bande che che si abbandonavano a ruberie e saccheggi, mentre lesercito Ming era in rotta.
Nella locanda abitavano due ragazzi (una ragazza e il fratello) che si trovavano spesso in
difficolt, tanto che la ragazza voleva imparare a difendere se stessa ed il fratello; gli dissero,
cos, di andare dalla monaca Nui Mg. La ragazza era Wing Chun Kim; si narra che in uno
scontro con un brigante dentro quella locanda Wing Chun Kim lo uccise con una tecnica di
Biu Jee. Il Biu Jee una tecnica molto efficace, anche contro avversari considerevolmente pi
grandi, al punto che una delle tre forme a mani nude del Wing Chun INTERAMENTE
dedicata allo studio di questo colpo, particolare anche dal punto di vista dellimpatto, visto
che le tecniche del Wing Chun cercano sempre di preservare le articolazioni, i polsi e le dita
Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 38 di 58
Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

mentre questa tecnica colpisce con la punta delle dita in affondo. E Wing Chun Kim che
codifica lo stile Wing Chun. Di Wing Chun Kim si narra che fosse stata anche sposata con il
fondatore dello stile Hung Gar, ma questo dipende dalle fonti. Per secoli il Wing Chun verr
insegnato sempre allinterno di un villaggio per poi diffondersi e diventare lo stile pi
praticato al mondo. Allievo di Wing Chun Kim LEUNG BOK CHOI/CHAU/TOI detto BAK
HOI PAK (la gru bianca del nord) che collabora con Wing Chun Kim anche per la codifica
delle forme infatti sono loro che hanno creato le tre forme fondamentali. Il Wing Chun nasce
nel nord della Cina per si sviluppa nel sud (gli stili del nord sono pi acrobatici). Il Wing
Chun NON appartiene alla categoria Nam Siulam (stili del sud derivanti dallo shaolin) e non
ha nulla a che vedere con gli stili Shaolin.

5.1 Genealogia dello Stile Wing Chun

NUI MG

WING CHUN KIM

LEOUNG BOK CHOY

WONG WAM PO
SHUEN CHAUEN LAI LEOUNG YEE TAI

LEOUNG JAN TAN SKON TONG

LEOUNG BIK CHAN WAN


TZEUON
Yip Man pratica con
Leoung Bik

LUK SON CHAI


YIP MAN
(muore nel 1972)

LUK YU Luk Yu studia


con Yip Man

CHEN CHEN
FU
SANG WILLIAM YIP LEOUNG TSUI SHEON WONG TSUN FONG
TANG Sifu Paolo
CHEONCangelosi
CHUNG TING TING
Associazione Culturale Acqua e Fuoco
LEUNG Pagina 39 di 58
Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

LEUNG YEE TAI e LEOUNG JAN: inseriscono luso delluomo di legno (MOK YANG
CHONG) e creano una forma che si pratica con esso: la JOAN SAO
SHEON CHUEN LAI: non crea una scuola ma inserisce nello stile il principio di attacco
mentre prima, nel Wing Chun, si attendeva lattacco dellavversario
SKON TONG: studia anche lHung Gar e crea uno stile misto. Una della forme e` simile al
Sil Lim Tao ma si pratica in Mah Bo.
LEUNG BIK: Figlio di Jan, mantiene la scuola tradizionale
CHAN WAN TZUEON: da una sua interpretazione dello stile
YIP MAN: un personaggio molto importante che contribu notevolmente allo sviluppo del
Wing Chun e alla sua diffusione: prima di Yip Man il Wing Chun si praticava solo in un
villaggio, lui lo porta ad Hong Kong e in tutta la Cina. Morir allinizio degli anni 70. E Yip
Man che ha reso famoso e personalizzato il Wing Chun: stato anche maestro di Bruce
Lee per due anni anche se non lha mai riconosciuto come allievo. Luk Son Choi insegn al
proprio figlio Luk Yu, Yip Man insegn al proprio figlio Yip Chun e ad altri allievi tra cui lo
stesso Luk Yu. Anche lui dar una sua interpretazione dello stile. Avr moltissimi allievi e
molti maestri
TSUI SHEON TING: amico di FU HAN TUNG
LEOUNG TING: la scuola pi diffusa, molto personalizzata nello stile.
IL 70% del programma della nostra scuola deriva dal programma di Yip Man, mentre il 30%
da quello di Luk Son Chai

5.2 Le Caratteristiche dello stile Wing Chun


Il Wing Chun si sviluppa secondo i seguenti fondamentali:
immediatezza dellazione (massima rapidit)
economia del movimento
corta distanza
l'80% delle tecniche sono portate con le braccia e solo il 20% con le gambe;
i calci non superano l'altezza dell'addome;
pugno verticale "YAT CHI CHOY" per imprimere pi potenza e non far cedere il polso
nell'impatto
spostamenti piccoli e veloci
il corpo si muove in linea diretta "CHONG" e pu essere in entrata o in uscita;
nell'attacco viene sfruttata la via pi breve e diretta (JIK SENG) spesso per anticipare
un'azione circolare

Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 40 di 58


Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

non solo un colpo a determinare l'azione, ma una successione di colpi (la continuit
nelle azioni l'elemento fondamentale);
le posizioni sono solamente due e alte
particolare importanza assume l'anticipo, che la cosa pi difficile da attuare (attaccare
la persona quando sta per attaccare e non quando ci si aspetta l'attacco)
mani aperte nella difesa (questo per l'istintivit)

La massima rapidit si ottiene spostandosi su una linea retta e leconomia si ottiene facendo i
minimi spostamenti. Non necessaria la forza ma il numero di tecniche. Il Wing Chun utilizza
la linea retta e quelle diagonali. Sia in attacco che in difesa ci si sposta, in genere, lungo un
triangolo.
I principi base dello stile sono:
anticipo (distanzia medio/corta);
intercettazione
controllo, che pu realizzarsi in HER SHOU, cio con il braccio anteriore che controlla
mentre il posteriore attacca, oppure in HI SHOU, cio con il braccio anteriore che
controlla, dopo la parata, strisciando sul braccio dell'avversario e quindi attaccando.
Esistono degli esercizi che hanno lo scopo di rendere istintivo il movimento. Questi schemi di
allenamento vengono detti: SEK SIN SAW. Chan Kun Tao il rendere il movimento istintivo.
Un altro principio importante del Wing Chun la suddivisione del corpo in due parti:

-Cancelli del Cielo Parte alta Protetti dalle mani


-Cancelli della Terra Parte bassa Protetti dalle gambe

5.3 Le Posizioni e gli Spostamenti nel Wing Chun


Il Wing Chun ha posizioni alte, corte, strette, i movimenti sono lineari su di una linea retta; il
massimo delluscita lo spostamento del corpo su un lato con lo spostamento dellanca e
converge sempre al centro. Nelle posizioni Wing Chun si ha sempre l'addome spinto in avanti
per compensare l'incassamento del plesso solare e conservare il CHI nel TAN TIEN.

Esistono tre posizioni nel Wing Chun:

YEE JEE KIM YANG MAH (posizione a clessidra): i piedi sono convergenti, una
posizione frontale con i piedi alla larghezza delle anche, ginocchia flesse in modo da
tendere la zona lombare ed avere la schiena dritta; il bacino spinto in avanti.
JOR MAH: con un piede avanzato, una posizione che mantiene le stesse
caratteristiche della prima per quanto riguarda la larghezza e l'impostazione della
colonna vertebrale e del bacino, ha per la larghezza di una volta le spalle, la gamba

Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 41 di 58


Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

anteriore con "piede a 45" all'interno ginocchio leggermente flesso mentre la


posteriore ha sempre il piede a 45 e ginocchio flesso e mantiene il peso del corpo al
70% indietro.
JUK YUE YI YING: spostamento di uscita, ci si rigira e ci si sposta dalla posizione
centrale e si va sulla diagonale tramite la rotazione delle anche. Pu essere visto come
una variante dello Yee Jee Kim Yang Mah
Da queste posizioni nascono gli spostamenti, definiti come PU FA MAH. Lo spostamento
pu essere fatto o allungando la posizione:
PIU MAH: si mantiene la stessa gamba avanzata e laltra viene trascinata dietro
oppure cambiando gamba avanzata e facendo un passo:
PO MAH: la gamba posteriore si porta in avanti

Come gi detto nel Wing Chun gli spostamenti avvengono su delle linee rette per avere
velocit e immediatezza del movimento. Tecnicamente ci si sposta sulla linea centrale (al
termine della quale si trova il target) e sui lati di un triangolo (al cui vertice si trova il target).
Bersaglio

SAM PO SEEN: sfruttamento di tutte le linee (lati) del triangolo

Direzione degli spostamenti:

in linea retta (sullaltezza del triangolo) tramite dei PIU MAH e dei POH MAH
diagonali a 45 tramite lo JUK YUE YING
perpendicolari a 90 uno JUK YUE YING seguito da un altro spostamento in PIU MAH
spostandosi parallelamente al piede posteriore

Target

JUK YUE YING + PIU MAH


90

45
JUK YUE YING POH MAH o PIU MAH

Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 42 di 58


Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

Per raggiungere la linea centrale (JIK SENG) si possono usare due passaggi uno chiamato
NOI MOON e laltro chiamato OI MOON.
NOI MOON: entrare dentro dallinterno
OI MOON: entrare dentro dallesterno
Target

OI MOON
NOI MOON

Ad esempio un Chi Bin Kiu Choy effettuato con uno spostamento in Juk Yue Yi Yin pu essere
visto come uno colpo effettuato con un passaggio Oi Moon

5.4 Le Guardie nel Wing Chun


TSUO BEE JION: posizione di Yee Jee Kim Yang Mah + braccia in guardia con il braccio sx
avanzato
YUO BEE JION: posizione di Yee Jee Kim Yang Mah + braccia in guardia con il braccio dx
avanzato
TSUO JION SIEN: posizione di Yor Mah sx + braccia in guardia con il braccio sx avanzato
YUO JION SIEN: posizione di Yor Mah dx + braccia in guardia con il braccio dx avanzato

5.5 I Pugni nel Wing Chun


Limpostazione del pugno nel Wing Chun avviene con le nocche verticali (Yat Chi =
Impostazione Verticale) in linea con l'avambraccio, per il semplice motivo che RADIO e
ULNA con un pugno orizzontale si incrociano, quindi se portato male un pugno orizzontale
rischioso per il braccio; nel Wing Chun, volendo creare uno stile adatto a tutti, si scelto di
utilizzare il pugno verticale, visto che in quel modo radio e ulna sono paralleli e assorbono
meglio lurto. La superficie di impatto interessa larea che va dalla nocca del medio fino al
mignolo. Il pollice pu chiudere sulla falange dellindice oppure sopra allindice. Il pugno
non deve essere serrato ma morbido, il braccio deve essere rilassato. Nel momento

Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 43 di 58


Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

dellimpatto il pugno deve essere ben saldo. Il caricamento al centro per dare pi velocit e
per protezione. La tecnica si esegue di scatto e con una traiettoria pi corta possibile.
CHOY (o KUNE): pugno
CHONG CHOY: pugno diretto al viso, il pugno pi utilizzato
CHUM CHOY (CHERPT CHOY): pugno diretto a livello medio
NUI MON CHOY: pugno diretto sulla linea centrale
SHENG CHOY (LI WAN KUNE): portare tanti colpi, portare pugni a catena 1 dietro laltro

5.6 I Calci nel Wing Chun


I calci nel Wing Chun non sono alti, non esistono calci circolari, sono tutti diretti. 2 livelli
base:
basso: sotto i genitali
medio: dai genitali al petto
(alto -> molto raro, dal petto alla testa)
I calci Wing Chun hanno delle caratteristiche particolari e, come per le tecniche di braccia,
preferiscono la linea retta. Il corpo per calciare si pu impostare frontale o semilaterale. La
posizione della schiena e del bacino rimangono composte, ovvero non s'inclina all'indietro il
busto e non si fanno sporgere le anche in avanti, permettendo quella continuit tra braccia e
gambe che caratterizza questo metodo.
Il calcio spesso non ha richiamo, una volta sferrato scende a terra con la gamba distesa,
questo per mantenere lontano l'avversario. Anche il caricamento, a volte, minimo, per
ottimizzare il movimento (economia) e per risultare imprevedibile.
Un'altra caratteristica sono le combinazioni dei calci portati su differenti livelli di altezza, e tra
quelli semilaterali e quelli frontali, spesso portati con la stessa gamba.
JIK DAR TEK: calcio frontale verso il basso (JIK = frontale, DAR = basso)
JUK DAR TEK: calcio laterale verso il basso (JUK = laterale, DAR = basso)
JIK TEK: calcio frontale a scimmia (altezza media)
JUK TEK: calcio laterale (altezza media) apertura del piede fino a 90

5.7 Il Chi Sao e il Lop Sao


Nel Wing Chun ci sono due settori detti
HAN CHOY KAI (o LOP SAO): intercettazione o tecniche di combattimento

Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 44 di 58


Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

HAN CHOY CHA CAU (o CHI SAO): controllo, un sistema di presa dellavversario
che non viene pi lasciato, sia con le braccia che con le gambe. Principio del contatto
e del controllo. Una volta intercettato il colpo dellavversario parte il controllo ed il
contrattacco.
Quando i due arti si toccano c il Chi Sao, i due arti si sentono e si possono controllare. Il
Wing Chun cerca sempre il contatto sia in difesa che in attacco. Una volta preso il contatto
con la mano o con il pugno si pu attaccare. Lo spazio che ci divide dallavversario deve
essere di una misura, si deve essere in grado di raggiungere lavversario con uno
spostamento

Lop Sao:
Lapplicazione delle tecniche apprese attraverso una simulazione di combattimento viene
chiamato Lop Sao. un esercizio importante, da effettuare in coppia, per acquisire
scioltezza e consapevolezza delle tecniche e della loro applicazione. Questo esercizio si
divide in 6 livelli qui di seguito indicati :
1 livello (1 forma) posizione frontale senza spostamenti; una persona porta tecniche di
attacco e laltra effettua tecniche di parata (solo con gli arti superiori)
2 livello (2 forma) posizione frontale senza spostamenti; ci si alterna nel portare una
tecnica di attacco ed una di difesa solo con gli arti superiori
3 livello (3 forma) effettuando spostamenti lungo una linea; ci si alterna (arrivati alla fine
della linea) nel portare tecniche di attacco solo con gli arti superiori
4 livello (4 forma) effettuando spostamenti in tutte le direzioni; ci si alterna nel portare
tecniche di calci (e parate di braccia o gambe)
5 livello (5 forma) effettuando spostamenti in tutte le direzioni; ci si alterna nel portare
una tecnica di attacco (calci o pugni o altro)
6 livello (6 forma) - effettuando spostamenti in tutte le direzioni; non ci si alterna

5.8 Lo Studio delle armi tradizionali nel Wing Chun - PIN HEI (MO HAY)
BAR CHAN TAO (o WU DIP DO): coltelli a farfalla (lett. lame a farfalla)
TA KWIN (o TA KUA): bastone lungo 3 mt e (lett. grande palo)
DAN BIEN: catena (venne proibita in quanto troppo pericolosa anche in quanto
facilmente occultabile)
Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 45 di 58
Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

5.9 Le Forme nel Wing Chun


Solamente le prime tre forme sono state codificate da Wing Chun Kim e da Leoung Bok Choy.
SIL LIM TAO (piccola idea oppure acque tranquille e pugni feroci) la prima che si
studia allinterno della nostra scuola
CHUM KIU (via centrale) la seconda forma studiata; lavora sugli spostamenti
BIU JEE (dita penetranti) lavora interamente su di un solo colpo: il Biu Jee
JOAN SAO ( forma con l'uomo di legno)
BAR CHAN TAO (forma con i coltelli a farfalla)

5.10 Terminologia dello Stile Wing Chun


CHON TAO: la via centrale, arrivare alla linea centrale con il ponte (BIN KIU SAO)
JIK SENG: linea centrale, il target
CHAN KUN TAI: movimento istintivo
SEK SIN SAW: allenamento al movimento istintivo

LOP SAO (AN CHOI KAY): simulazione del combattimento


CHI SAO (AN CHOI CHA CHU): mani appiccicose
DAAN CHI SAO: praticare il CHI SAO con un solo braccio
POON CHI SAO: praticare il CHI SAO con due braccia (un braccio in Fok Sao e laltro in Tan
Sao)
LUK SAO: CHI SAO se si usano solo le braccia
NUK SAO: equivale al LOP SAO per le gambe
CHI GERK (o NAM SAO): equivale al CHI SAO per le gambe
KOU SAO: fusione di NUK SAO + CHI GERK

LIM SIL DEA DAR: principio del parare e colpire in contemporanea


PU FA MAH: lavoro sulle posizioni
PU FA SHOU: lavoro con le mani
PIU MAH: spostamento mantenendo senza cambiare il piede avanzato e trascinando il piede
arretrato
Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 46 di 58
Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

PO MAH: spostamento in cui si fa un passo e si cambia la gamba avanzata


JUK YUEY YING: spostamento di uscita laterale utilizzando le anche
YEE JEE KIM YANG MAH: posizione frontale con i piedi che convergono al centro
YOR MAH: posizione frontale con una gamba avanzata
HER SHOU: principio di controllo in cui il braccio anteriore controlla mentre il posteriore
attacca
HI SHOU: principio di controllo in cui il braccio anteriore controlla, dopo la parata
strisciando sul braccio dell'avversario e quindi attaccando.

5.10.1 Pugni e colpi con le mani


CHONG CHOY: pugno diretto alto (al viso)
CHUM CHOY (CHERPT CHOY): pugno diretto medio
SHENG CHOY: catena di pugni
NUI MOON CHOY: pugno sulla linea centrale
TSUI CHOY: pugno corrispondente alla gamba avanzata
VI CHOY: pugno opposto alla gamba avanzata
CHI BIN KIU CHOY: Pugno a ponte, pugno che incrocia una linea. Lintercettazione deve
avvenire partendo dal polso
YUN JEON: colpo con il palmo della mano. Le dita sono verso lalto
WAN JEON: colpo con il palmo della mano. Le dita sono laterali verso lesterno
DIA JEON: colpo con il palmo della mano. Le dita sono verso il basso
BIU JI: dita a dardo, penetranti. Colpo portato in posizione frontale con il palmo della mano
rivolto verso il basso
FAK SAW: colpo con la mano a taglio con avambraccio e mano in posizione orizzontale.
Portato a partire da una posizione con il gomito chiuso che si apre di scatto.

5.10.2 Calci
JIK (DAR) TEK: calcio (basso) frontale con piede a scimmia (tallone rivolto verso linterno)
JUK (DAR) TEK: calcio (basso) laterale (tallone rivolto verso lesterno)

Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 47 di 58


Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

5.10.3 Parate
BONG SAO: sollevare e rovesciare il gomito, serve a deviare/ intercettare un colpo. La spalla,
il gomito ed il polso devono trovarsi su tre piani diversi e la spalla deve essere pi esterna del
gomito che a sua volta deve essere pi esterno del polso
FOK SAO: parata con il polso flesso verso linterno
GOANG SAO: parata sulla linea dellanca, mano e avambraccio sono in linea.
GUAT SAO: parata sulla linea centrale, la mano richiamata
GUM SAO: Blocco di palmo basso/avanti/dietro/laterale con la mano che spinge
HUENG SAO: tecnica di controllo del braccio dellavversario con la mano che ruota e afferra
HUING SAO: KIK LEI SAO avvolgente dallalto
JUN SAO: nel Sim Ling Tao la tecnica che si esegue quando si mettono le mani a V dopo
aver fatto il doppio incrocio con le braccia (LAN SAO + FAK SAW)
JUT SAO: simile al JUN SAO, in questo caso le palme della mani sono rivolte verso il basso e
sono messe come a formare il tetto di una casa (rimangono sempre distanti). Si vede nel Sim
Ling Tao dopo il SEON TOK SAO.
KAN SAO: tipo il SEON KUA CHOY della lau gar ma con i pugni aperti
KAU SAO: parata con il polso leggermente ad uncino. Lavambraccio in diagonale
KIK LEI SAO (o HOUR SAO): parata con il polso ad uncino (polso ruotato verso lesterno).
Si vede anche nella MUI FA KUEN, in forma SEON.
KIU SAO: con lavambraccio a 90 e la mano verticale a taglio
LAN SAO: bloccaggio con il braccio in orizzontale, il contatto avviene con lavambraccio e la
mano orizzontale (allineata con lavambraccio)
PAK SAO: parata con il palmo della mano (allaltezza della spalla o di controllo, in avanti)
SAM PAI FUT: Le tre mani di Buddha (prima parte lenta della forma, le tre mani sono tan
sao, wu sao e fok sao)
TAN SAO: parata con lavambraccio verso lalto con la mano sulla linea della spalla e il palmo
rivolto verso il viso. Come nel GOANG SAO mano e avambraccio sono in linea,
TOK SAO: parata con il palmo della mano che si alza. Il palmo rivolto verso lalto
WO (WU) SAO: mano verticale vicina allo sterno, la mano che protegge

Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 48 di 58


Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

6. Lezione 6 Forme, posizioni e calci

6.1 Forme
Termini: QUIEN, KUEN, LU, TAO
Una forma, una sequenza di tecniche su una o pi direzioni che simula un combattimento
contro uno o pi avversari.
Esistono forme statiche o in movimento, in questultimo caso ogni forma ha un suo schema
di movimento
Esistono stili con pi forme (Hung Gar) e stili con ununica forma (Tai Chi).
Per tanti secoli la forma stata il mezzo per codificare e tramandare lo stile. I maestri
codificano delle sequenze di movimento e con linsegnamento della forma si tramandano non
solo i movimenti ma anche linterpretazione.
Esistono varie chiavi di lettura di una forma:
Esercizio fisico: sviluppo della resistenza (fiato) e della muscolatura
Esercizio di coordinazione psico-fisica: controllo della mente sul corpo
Mezzo di tramandazione dello stile: tramanda le tecniche di parata e di attacco, i
movimenti (ovvero gli spostamenti e il lavoro di gambe), gli atteggiamenti
Filosofia: le forme spesso raccontano delle storie che racchiudono delle massime di
saggezza, a volte nelle forme e` presente anche una lettura energetica
Strategia dello stile: esistono stili che, ad esempio, non prevedono tecniche di attacco;
come nel Wing Chun, in cui si aspetta che lavversario attacchi. Nel Tang Lang, invece,
vengono usate delle trappole scoprendo volutamente delle parti del corpo per indurre
lavversario a colpire in quel punto. Altri stili invece prevedono esplicitamente liniziativa
nellattacco
Segreti dello stile: tecniche particolari. Ad esempio nel TI SIN KUNG viene specializzato
laspetto della canalizzazione delle energie dello stile Hung Gar
Massime di saggezza
Respirazione: migliora la capacit di gestire la respirazione
Concentrazione, Ritmo, Respirazione, Velocit Potenza, Tempismo

MEH QUE FEN (rosa dei venti): esercizio di applicazione di una forma sullo schema di
movimento della forma. Ad esempio, nel caso della Mui Fa lo schema di applicazione segue
quello di una croce, con le 4 direzioni cardinali, per la Lao Gar invece, sono presenti anche le
direzioni intermedie (N-E, N-O, ecc.)

Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 49 di 58


Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

Una forma si pu allenare nei seguenti modi:


Rispettando i tempi di esecuzione
Pi lentamente
Pi velocemente
Decontratto
In contrazione
Occhi chiusi
Bendato
Solo alcune sequenze
Singole tecniche
Visualizzandola
Dalla fine allinizio
In pi persone una tecnica ognuno
In pi persone una sequenza ognuno
Con attrezzi
Solo le braccia
Solo le gambe

6.2 Posizioni

Varie terminologie: MAH, BO, SHI, TAN, JE


Esistono tante posizioni ma possiamo effettuare una suddivisione primaria nella tipologia di
posizione.:
lunghe basse -> Sono posizione generalmente pi statiche (difficile muoversi
velocemente in basso con gli arti distanti). La posizione pi bassa e pi lunga il CHA
SA MAH (spaccata)
corte alte -> Sono posizioni nettamente pi dinamiche, in cui la velocit di attuazione
e` maggiore. La posizione pi alta e corta il CHIN TI LU LI (posizione della gru)
Le posizioni sono fondamentali perch da esse deriva la tecnica (di attacco o difesa) e la
tecnica pi o meno efficace a seconda del tipo di posizione e della sua correttezza di
esecuzione. Se si richiede una tecnica potente allora meglio una posizione bassa, ben
piazzata e con il peso in avanti. Le posizioni lunghe e basse sono lente e potenti mentre
quelle corte e alte sono pi veloci e brillanti.
Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 50 di 58
Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

Le posizioni caratterizzano lo stile ed hanno diverse caratteristiche:


Larghezza
Lunghezza
YING/YANG: punti forti e punti deboli della posizione
Distribuzione del peso
Direzione (sguardo)
Altezza
Posizionamento delle anche (chiuse o aperte)
Posizione dei piedi
Posizione del busto
Posizione della colonna vertebrale
Baricentro

Le posizioni possono essere utilizzate per allenarsi attraverso il LIANXI (GONG) MAH ->
allenamento (duro) sulle posizioni

6.3 Calci
4 fasi:
1. Caricamento
2. Distensione
3. Richiamo
4. Appoggio

Possono essere portati:


Piede scaccia piede
Passo
Giro
PIU MAH con trascinamento
Cambio gamba
Sforbiciata
Salto
Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 51 di 58
Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

Piede scaccia ginocchio


HOUK LAO MAH: con un caricamento dato da un LAO MAH di passaggio
Caduta

Possono essere:
TUI/CHA-> penetrante/frustato
Anteriori o posteriori
Da terra
Da in piedi
TIAO -> in volo

Esistono circa 30 tecniche fondamentali di calci che possono essere cos suddivisi:
Alti
Medi
Bassi

Frontali
Laterali
Posteriori

Passanti o circolari
Penetranti o diretti

Nelleseguire un calcio bisogna curare:


Movimento del bacino
Impostazione del busto
Caricamento della gamba
Impostazione delle braccia
Gamba e piede di sostegno
Sguardo
Livello
Traiettoria

Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 52 di 58


Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

Calci

Calcio Posizione di partenza


JIK BUL TEK Cha: Calcio frontale frustato TA CHI MAN TZE
JIK BUL TEK Tui: Calcio frontale penetrante LOK QUE MAH rialzato
CHUL TEK Cha: Calcio circolare frustato TA CHI MAN TZE
CHUL TEK Tui: Calcio circolare penetrante LOK QUE MAH rialzato
HOUK TEK: Calcio allindietro o girato TA CHI MAN TZE
QUA NOI TEK: Calcio dallinterno LOK QUE MAH rialzato
WAI YUE TEK: Calcio dallesterno LOK QUE MAH rialzato
PANG TEK: Calcio laterale MAH BO rialzato

Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 53 di 58


Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

7. Pa Tuan Chin

I Pa Tuan Chin, o Baduanjin, (letteralmente: "otto pezzi di broccato" ma tradotto spesso


anche come "otto pezzi di giada" o esercizi di seta), sono l'insieme di otto esercizi che
abbinano all'allenamento muscolare e respiratorio un massaggio degli organi interni. In realt
ci sono circa 100 esercizi che si possono combinare in sequenze di 8, i Pa Tuan Chin sono
una di queste sequenze. Con il Pa Tuan Chin si facilita lo scorrere dell'energia vitale nei
meridiani che attraversano il nostro corpo.
Il ritmo determinato dalle capacit respiratorie. Ogni esercizio inizia sempre dalla parte dx
del corpo.

Sequenza dei Pa Tuan Chin

1 ciclo di respirazione

1) SPINGERE IL CIELO: 2 cicli di respirazione (gambe chiuse)

1 ciclo di respirazione e divaricare le gambe

2) DIVIDERE LE MONTAGNE: 2 cicli di respirazione (gambe divaricate)

3) FORMARE UNA MEZZALUNA: 4 cicli di respirazione (gambe divaricate)

1 ciclo di respirazione e chiudere le gambe

4) SPINGERE L A TERRA: 5 cicli di respirazione (gambe chiuse)

1 ciclo di respirazione e divaricare le gambe

5) FORMARE UNA GOBBA: 2 cicli di respirazione (gambe divaricate)

1 ciclo di respirazione

6) SCIOGLIERE IL CORPO: respirazione libera + 1 ciclo di respirazione accucciati sulle


gambe

1 ciclo di respirazione

7) GUARDARE UNA NUVOLA CHE PASSA: 6 cicli di respirazione (gambe divaricate)

8) TENDERE LARCO: 7 cicli di respirazione (gambe divaricate) + 1 (facoltativo che si pu


avere allinizio quando si divaricano ulteriormente le gambe)

Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 54 di 58


Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

8. TAO YING o LIANG YI XUE (via interna o via della salute)

un settore che si evoluto negli stessi ambienti dellarte marziale. molto antico e lo si fa
risalire a HUANG TI (5000 anni fa) della dinastia XIA che, insieme al medico CHI PO, creer
il NEI CHING SUN WENG5 (canone di medicina tradizionale cinese).
La teoria dice che ci sono 12 canali fondamentali (meridiani) che attraversano il corpo e che
passano per 6 organi e 6 visceri. A questi canali se ne aggiungono altri 2:
Meridiano della concezione
Meridiano governatore
Il Chi scorre nei meridiani (CHING) che sono dei veri e propri percorsi invisibili e non
corrispondono al tragitto anatomico di nervi o vasi sanguigni. La rete dei meridiani si chiama
CHING LUO.
Meridiani (o CHING): canali energetici entro cui fluisce il Chi.
CHI: energia che scorre nei meridiani
Se in certi punti lungo i canali la circolazione del Chi viene alterata o bloccata il corpo si
ammala o muore. I trattamenti di agopuntura o di pressione con le dita servono a rimuovere
questi blocchi e a ristabilire un flusso regolare di Chi riequilibrando cos le disarmonie
dell'organismo. Il sistema dei meridiani unifica tutte le parti del corpo e crea dei collegamenti
fra la parte interna del nostro organismo e quella esterna. Esistono svariate centinaia di punti
localizzati sui dodici meridiani regolari che vengono utilizzati dagli agopuntori. Tali punti
sono sempre localizzati in minuscole depressioni della superficie cutanea e per questo
motivo vengono chiamati "cavit" o HUSUE (letteralmente "punto cavo").
Se pertanto operiamo (tramite agopuntura, pressione con le dita o altri sistemi) su dei punti
(HUSUE) situati sulla superficie del corpo possiamo influenzare ci che avviene all'interno.
HUSUE: punto di agopuntura o digitopressione
Come gi detto i dodici meridiani regolari corrispondono ai dodici organi fondamentali della
medicina tradizionale cinese. Il Chi vi scorre ininterrotto sempre nello stesso senso, andando
successivamente da un organo YANG a un organo YIN.

Sei di tali meridiani sono considerati YANG, in quanto servono organi Yang, la cui funzione
principale quella di ricevere il cibo, assorbirne le parti utilizzabili (che dovranno poi essere
trasformate nelle sostanze fondamentali) ed eliminare lo scarto.
Gli altri sei meridiani vengono invece considerati YIN, perch servono organi Yin, la cui
funzione quella di produrre, trasformare, regolare e accumulare le sostanze fondamentali
(Chi, Ching, sangue, fluidi ecc.).

Leccesso o la mancanza di energia YIN e YANG equivale allinizio di un sintomo o di malattia

5 YIN
Letteralmente, il SUN WENG YANG
parte dei NEI CHING YIN YANG
Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 55 di 58
Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

Il giusto equilibrio portato dalle due energie perfettamente in armonia e in accordo tra loro.

YIN YANG

BAK HOI PAI: uno stile che si specializza nel DIN MAK cio lavora sui punti vitali
HUA TO (Dinastia HAN): crea il gioco dei cinque animali (esercizi che simulano limitazione
degli animali accompagnato anche da respirazioni).
YUN CHUN (detto anche CHUM YUNG o CHUM KWAT YUN): creer i TAO YING (o DAO
YIN) che sono 12 esercizi di ginnastica morbida sono ispirati allo stirarsi dell'ORSO ed al
volo dellUCCELLO.

CHI HAI (HARA in giapponese) il punto centrale dellenergia


SOI CHI: risveglio dellenergia (salice da terra, guardare il cielo)
YAN TI KAM: combinazioni di 2 esercizi mirati su un organo specifico. Bisogna conoscerli
bene o nella pratica si avranno degli squilibri energetici
CHING CHANG: 18 o 24 esercizi insegnati da TAMO. In Giappone diventano EIKI NIKKIO
CHAN: meditazione
CHAN KAO: agopuntura
I CHOU: moxacombustione
I JING JAN: esercizi dei contadini (non sono n buddisti, n taoisti, ma prendono spunto e
nascono da pratiche che usavano i contadini per rilassare e tonificare il corpo dopo aver
faticato nei campi)

Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 56 di 58


Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

KONG FOU: Tecniche (esercizi) di respirazione


NGA MO: Tecniche di automassaggio che si estraggono dal bagaglio culturale del taoismo e
servono a scopo preventivo e curativo (percuotere il grande tamburo, percuotere il palazzo
celeste, spiegare le ali della fenice, il drago rosso che agita le acque del mare)
CHI KUNG: potenziamento/risveglio dell'energia interna: occorre avere padronanza della
postura (SHI), dellenergia (CHI) e della mente (I)

Noi scambiamo la nostra energia con quella delluniverso tramite la respirazione e


lalimentazione ma esiste una barriera che divide lenergia che scorre in noi da quella
delluniverso, tale barriera costituita dal nostro corpo.
Il nostro corpo trattiene lenergia e questa barriera deve essere eliminata in modo che il
nostro Chi possa integrarsi con quello delluniverso, in questo modo il Chi riesce a circolare
totalmente e a rigenerarsi, lo YIN e YANG si bilanciano ed il corpo ne acquisisce in salute.
Bisogna quindi avvertire la presenza del Chi, farlo circolare ed eliminare la barriera tra il
nostro Chi e quello delluniverso. per questo che si consiglia di praticare le tecniche per il
risveglio del Chi con determinati indumenti, in determinate ore, con una certa temperatura,
vicino ad una pianta, allaria aperta etc. perch tutto questo favorisce il Chi.
La volont e la mente guidano il Chi.
Esistono tre tipi (fondamentali) di pratiche del CHI KUNG
WU WEI CHI KUNG (statico, WU WEI: non azione): si assumono posizioni statiche, si
resta immobili come statue e si aspetta che lenergia si sblocchi
NEI TAN CHI KUNG (dinamico, in movimento): si eseguono movimenti lenti e leggeri
WAI CHI KUNG (duro, esterno, dinamico): si utilizza la forzatura, si usano tecniche di
contrazione e decontrazione muscolare per scatenare e liberare il flusso energetico

CHI KUNG o Potere dellenergia

WU WEI CHI KUNG NEI TAN CHI KUNG WAI CHI KUNG
(non azione, rimane CHI (CHI KUNG in movimento, (CHI KUNG marziale, duro e
KUNG statico) lento e continuo) esterno)

Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 57 di 58


Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582
Kung Fu
Terza Stagione anno 2005 - 2006

APPENDICE: DI TUTTO UN PO

Shaolin
Una volta entrato nel monastero, un monaco Shaolin non poteva uscirne se non per compiti
particolari che gli venivano assegnati. Qualora avesse voluto andarsene, cera una prova da
superare: il monaco doveva superare un labirinto pieno di trappole e se ci fosse riuscito ci
significava che era un Maestro e pertanto era libero di uscire: una volta superato il labirinto
per cera una pentola ardente che aveva raffigurati sui manici un drago e una tigre in rilievo.
Non appena il monaco la sollevava, i manici lasciavano impressi a fuoco sui suoi avambracci
appunto le figure dei due animali pi rappresentativi per il monastero: la tigre e il drago.
Si narra che i pochi monaci che riuscirono a scappare al massacro nel monastero passarono
per il labirinto, dove nessun altro poteva seguirli. I monaci che si salvarono sono

Miu Hin
Miu Tzi Fa
Fong Sai Yuk
Nui Mg (monaco donna)
Luk Ha Choi

KWON: Scuola

DEFINIZIONE dellArte Marziale: un esercizio che disciplina colui che la pratica; una
disciplina interiore e di vita, pi che una disciplina di combattimento.

Il segreto del kung fu nascosto sotto il piede di un mah bo


questo perch una posizione molto dura che
tempra lanimo e salda al terreno e pertanto veniva
usata anche per meditare.

Sifu Paolo Cangelosi Associazione Culturale Acqua e Fuoco Pagina 58 di 58


Scuola Discipline Orientali Via del Carroccio 14 ROMA
Salita delle Fieschine 17f - GENOVA Tel. 347 1652778 06 99702768
Tel./Fax. 010 8391575 C.F. Ass. 97361960582