Sei sulla pagina 1di 1

da pi lunga e tortuosa, che a volte si apre su ampi paesaggi, altre si a ffaccia s

u canyon cos profondi che il fondo rimane invisibile. La sua spiccata se nsibilit
per ogni tipo di sottigliezza linguistica fa s che il modo in cui Derrida pensa s
ia inseparabile dalle parole con cui espresso. La magia di questo dialog o, che
procede a ritmo serrato ma accessibile, sta in quella combinazione di inv entiva
e rigore, argomentazione e asserzione, di cui Derrida maestro insuperato. Un al
tro grande filosofo francese, Blaise Pascal, addit in queste coppie i due r egist
ri della filosofia: l'"esprit de finesse" e l'"esprit de gometrie". Nonostante le
notevoli differenze di approccio, entrambi i filosofi sostengono c he il concet
to di terrorismo sfuggente e che proprio questa sua elusivit il maggi ore pericol
o nell'arena politica globale presente e la pi grande sfida del futuro . Ad esemp
io non chiaro su quale base il terrorismo possa rivendicare un contenu to politi
co ed essere separato dalla mera attivit criminale. Rimane da verificare se ha se
nso parlare di terrorismo di Stato, se plausibile la distinzione fra te rrorismo
e guerra, e infine se ragionevole che uno Stato o una coalizione di Sta ti dich
iarino guerra, in modo non soltanto metaforico, ad altro da un'entit polit ica. T
roppo spesso il termine 'terrorismo' usato dai media occidentali e dal Dip artim
ento di Stato americano come un concetto ovvio, insieme a tutte le distinzi oni
che sussume in s: quelle tra terrorismo nazionale e internazionale, locale e glob
ale, sono solo due tra molte altre. Habermas ricostruisce la possibilit di attrib
uire un contenuto politico al terror ismo in funzione del realismo dei suoi obie
ttivi, per cui esso acquisterebbe un contenuto politico solamente a posteriori,
ovvero retroattivamente. Nei moviment i di liberazione nazionale, osserva Haberm
as, abbastanza comune che chi consider ato un terrorista, e possibilmente anche
condannato come tale, venga a far parte , in seguito ad un'improvvisa svolta deg
li eventi, della nuova leadership. Poich il tipo di terrorismo emerso con l'11 se
ttembre non pare avere obbiettivi politi ci realistici, Habermas ne respinge il
contenuto politico. Su questa base trova allarmante la decisione di dichiarare g
uerra al terrorismo perch gli conferisce u na legittimazione politica. Inoltre Ha
bermas preoccupato per la progressiva perd ita di legittimit a cui sono sottopost
i i governi degli Stati democratici e liber ali, che vede esposti sistematicamen
te al rischio di reagire in maniera eccessiv a contro un nemico sconosciuto. Si
tratta di un pericolo serio: imminente a live llo dei singoli Stati, dove la mil
itarizzazion