Sei sulla pagina 1di 17

Teorie della

ricchezza e del
valore
Il ruolo dello Stato

Introduzione

Leconomia politica nasce come scienza


autonoma dalla filosofia morale e
dalletica nella seconda met del 700.
A. Smith, 1776, Ricchezza delle Nazioni

1
Periodo Pre- Smithiano

Temi di discussione
Moralit dello scambio ed accettabilit dal punto di vista etico
delle sue conseguenze
Efficienza del mercato nel suo ruolo di coordinamento delle
attivit individuali

4 filoni di ricerca

1. Scuola di Salamanca (met del 500)

Economia parte della teoria della


giustizia e del diritto
Problema del valore
valore come costosit della produzione
valore come riflesso dellutilit o scarsit

Prezzo giusto (S. Tommaso)


Revisione della condanna dellusura
(danno emergente e lucro cessante)

2
2. Teoria della moneta
Studiosi soprattutto francesi e spagnoli che
studiano il valore della moneta
Il valore della moneta legato al concetto
di scarsit dei metalli preziosi che la
compongono
Nei periodi di grande afflusso di metalli preziosi lusura un reato
meno grave perch la moneta ha un minor valore.

Linflazione collegata alla quantit di


metalli.

3. Autori Italiani

Finanza pubblica e finanza del Principe


Straordinariet delle imposte
Devono essere giustificate da una causa precisa di spesa
Devono essere commisurate alla ricchezza dei sudditi

3
4. Mercantilismo (e
pamphletistica)
La ricchezza di un paese si fonda sul
surplus della bilancia commerciale
afflusso di oro

Il commercio e lo scambio sono


moralmente legittimi
Lazione economica accettabile dal
punto di vista etico quando produce un
risultato positivo per la collettivit
(Riforma)

W. Petty (1662)

Treatise of taxes and contributions


Opera di finanza pubblica
Vengono identificati i settori di intervento dello Stato: difesa,
giustizia, pubblica amministrazione. Istruzione, attivit di assistenza,
opere di pubblica utilit.

Tassazione e capacit contributiva


Principio del sacrificio proporzionale: la tassazione non deve
avere alcuna finalit redistributiva

4
Fisiocratici

Quesnay (Tableau Economique)


Ricchezza data dal prodotto netto dellagricoltura

Imposta unica sulla rendita terriera (Impt


unique)
Imposta reale e non personale (non esentava quindi le terre di
nobilt e clero)
Imposta con un risultato allocativo neutro

Abolizione dei diritti di monopolio

Illuminismo scozzese

Critica ad Hobbes
Mandeville: favola delle api
Descrizione di che cosa accadrebbe alla societ se gli individui
avessero smesso di perseguire egoisticamente quei lussi e piaceri
tanto criticati dalla morale

La ricchezza collettiva presuppone


legoismo individuale
Il risparmio privato arricchisce lindividuo ma impoverisce la
societ.

5
Teoria economica classica:
presupposti

Mutamento dellorganizzazione
economica e sociale
Capitalismo
Finalizzazione allo scambio di tutta la produzione
Concentrazione dei mezzi di produzione
Scambio lavoro/salario
Ruolo della borghesia industriale

Teorie del valore

Spiegano la genesi e la determinazione del


valore delle merci distinta e logicamente
antecedente rispetto al prezzo
Il valore non deve dipendere dai prezzi
delle merci, anzi, il valore deve fondare la
teoria dei prezzi

6
Il problema del valore

Valore-utilit (mercato) e valore lavoro


(sfera della produzione)
Potere di scelta e sovranit del
consumatore
Influenza delle tecniche produttive, delle
macchine e del capitalista

Il problema del valore

Origine: concetto di sovrappi = prodotto


sociale meno reintegro dei mezzi di
produzione necessari (salari e capitale)
Il prodotto sociale composto di merci
eterogenee e quindi per quantificare il
prodotto sociale serve una medesima unit
di misura = teoria dei prezzi e del valore

7
Adam Smith: La ricchezza delle
nazioni (1776)
Centralit del lavoro come fonte della
ricchezza
Specializzazione del lavoro e scambio
Lo scambio favorisce la specializzazione
La mano invisibile
rapporto tra condotta individuale e risultato sociale
Ciascun individuo compete per vendere le sue merci, spinto dal
proprio personale interesse, ma nel fare ci lindividuo spinto da
una mano invisibile a promuovere un fine diverso e socialmente
proficuo

Il ruolo dello Stato

condanna del monopolio


intervento per difesa, giustizia, opere
pubbliche, istruzione.
Imposte: devono colpire il reddito ed i
patrimoni e non i consumi:
imposte sul salario, sulla rendita, sui profitti

8
Requisiti delle imposte

Commisurazione alla capacit contributiva


Certezza e semplicit
Tempi adeguati alle esigenze del
contribuente
Minor sacrificio possibile

Smith: Teoria del valore-lavoro


In uno stadio primitivo delleconomia il valore
di una merce pari al lavoro contenuto in
quella merce: costo della merce in termini di
lavoro omogeneo
Lavoro comandato: quante ore occorre
lavorare per ottenere un salario che consenta
di acquistare una data merce?
In uneconomia evoluta dove il prodotto non
appartiene al lavoratore il prezzo reale di una
merce si compone di salari, profitto e rendita
fondiaria

9
Lavoro comandato > lavoro contenuto

Il prezzo di una merce non dipende solo dal lavoro


necessario a produrla ma da tutti i redditi pagati
per produrre la merce
Quindi il prezzo la somma di redditi da lavoro,
capitale impiegato, tasso di profitto
Prezzo di mercato: dipende dalla domanda e
dallofferta ed oscilla intorno al prezzo reale (a
meno che non vi sia un monopolio)

David Ricardo (1772-1823)


Teoria normativa delle imposte
come devono essere strutturate ed a quale fine
devono obbedire?
Effetti economici delle imposte sulla produzione
e distribuzione del prodotto sociale
Effetti sulla distribuzione del prodotto sociale
Massima neutralit fiscale
Le imposte non devono disincentivare gli scambi

10
Effetti economici delle imposte
Imposte sulla rendita, sui salari, sui profitti, sul
grano
Concetto di surplus: Eccesso delle quantit di
beni prodotte su quelle che si sono dovute
utilizzare nel processo produttivo
Nel lungo periodo il surplus viene suddiviso tra
rendite e profitti

La rendita
Remunerazione per luso della terra: perch si
paga la rendita?
Se vi fossero abbondanti terreni fertili in grado di produrre quanto
necessario, non vi sarebbe rendita
In realt vi sono terreni di diversa qualit e quali di essi vengano
messi a coltura dipende da circostanze storiche (aumento della
popolazione, imposizione di dazi, guerre)

11
La rendita

Terreno marginale: il meno produttivo tra i terreni


messi a coltura, non genera rendita.
Il fatto che il terreno marginale venga coltivato
genera rendita per tutti i terreni di migliore
qualit

Conseguenze:

No ai dazi sul grano (Corn Laws del 1815)! Essi


riducono le importazioni e costringono a mettere
a coltura terre meno fertili
Limposta sulla rendita non altera il numero di
terreni messi a coltura
Limposta sulla rendita lascia inalterati i profitti
legati alla conduzione del terreno mentre colpisce
i percettori della rendita

12
Imposta sui salari e sui profitti

Salario minimo di sussistenza


Imposta come prelievo sul salario
Lonere finale dellimposta grava sui capitalisti
(sul loro profitto)
I capitalisti pagano limposta sui profitti e non
riescono a trasferirla su altre classi sociali

Imposta sul grano

Limposta sul grano ha leffetto di far


aumentare il prezzo del grano stesso
Limposta si trasferisce sui consumatori di
grano
Analisi dellincidenza:
Limposta sul grano si traduce in unimposta sulla rendita
(parte consumata dai proprietari terrieri) sui profitti
(capitalisti) ed ancora sui profitti poich la parte che grava
sul salario si trasferisce al profitto.

13
Marx

Evidenzia la distinzione tra lavoro e forza lavoro


Il plusvalore: differenza tra il lavoro che viene
svolto a vantaggio del capitalista ed il lavoro
necessario a produrre i mezzi di sussistenza per
la forza-lavoro

Valore delle merci = capitale variabile + capitale


costante + plusvalore
Il capitale costante una accumulazione di lavoro
passato (lavoro morto)
Il capitale variabile la remunerazione del lavoro
vivo

14
Quando si passa ad analizzare un sistema
economico che produce pi merci eterogenee si
pone, anche per Marx il problema della
determinazione dei prezzi
Il prezzo in generale non riflette il valore-lavoro

Utilitarismo e rivoluzione
marginalista

Bentham
Fondamento utilitaristico delleconomia
Valore duso e valore di scambio
Razionalit economica

15
S. Jevons

Il valore di un bene dipende dallutilit


I consumatori traggono utilit dal consumo di un
bene
I consumatori cercano di soddisfare al massimo i
loro bisogni
Lo scambio mette gli individui sullo stesso piano
Individualismo metodologico

C. Menger

La minestra..
I prezzi si determinano sulla base dellutilit
Lutilit dei beni finali determina anche
limpiego dei fattori della produzione
I fattori stessi sono impiegati sulla base della
loro produttivit

16
L. Walras

Centralit del concetto di scarsit (raret)


Lo scambio porta allequilibrio
Il prezzo si forma sul mercato
Teoria dellequilibrio generale

Fondamenti della teoria del


valore-utilit

Focus sullo scambio anzich sulla produzione


Lutilizzazione ottima delle risorse scarse
attraverso lo scambio porta ad un ottimo sociale
Teoria economica come teoria delle scelte

17