Sei sulla pagina 1di 1

06txtI_NUNZIANTE_2010 30/06/11 18:00 Pagina 494

494 j Capitolo 6 j La trave secondo de Saint Venant

Figura 6.54 Applicazione


dellanalogia idrodinamica
a sezioni chiuse
in parete sottile.

zs

Mz

In corrispondenza di spigoli rientranti (concavi), Figura 6.53b, punto P, le linee


di flusso si addensano e le tensioni crescono fino a divergere in presenza di
spigoli vivi. In corrispondenza di spigoli convessi, punto Q, le linee di corrente
si distanziano e il fluido ristagna, sicch le tensioni tangenziali decrescono.
Per questa ragione, per ridurre la concentrazione degli sforzi, in corrispon-
denza degli spigoli rientranti vengono usualmente previsti raccordi opportuni.
Si ricorda, a titolo di esempio, lanalisi condotta da Trefftz sugli angolari di
spessore costante b raccordati con un arco di circonferenza di raggio r (Figura
1 6.53). Tale analisi ha mostrato come in corrispondenza del raccordo si abbia
b 3
* = 1.74 max una tensione tangenziale massima effettiva che in modulo vale , essendo
r tmax la tensione massima nei rettangoli adiacenti data dalla (6.120). La formula
mostra come per r 5 0, t* diverga; ci giustifica la necessit di raccordare
gli spigoli rientranti per evitare forti concentrazioni di tensione, che portereb-
bero in queste zone il materiale in condizioni plastiche.
Il confronto fra le linee di velocit in sezioni sottili aperte o chiuse, Figure
6.53 e 6.54, suggerisce la fondamentale diversit del loro comportamento tor-
sionale e la differente rigidezza, derivante dal braccio delle risultanti delle t.

Torsione nelle travi a sezione 6.8.4 Torsione nelle travi di parete sottile a sezione
sottile biconnessa chiusa
Lanalogia idrodinamica assai utile per la soluzione del problema della torsione
nei tubi sottili. Il confronto fra le linee di velocit nelle sezioni di parete sottile aperte
e chiuse (Figure 6.53 e 6.54) suggerisce che, nel caso in esame, le tensioni tangenziali
tzs relative a una generica corda di spessore b abbiano tutte lo stesso verso.

Si assume inoltre che, essendo per ipotesi lo spessore molto piccolo, le tensioni
tangenziali possano essere approssimate dal loro valore medio ed essere considerate
uniformi nello spessore stesso e ortogonali alla corda.

Si faccia riferimento alla sezione tubolare sottile due volte connessa di Figura
6.55. Sia g la curva che definisce la linea media della sezione; stabilita su g
unascissa curvilinea s, lo spessore b(s) una funzione assegnata, sufficientemente
regolare, di s. Si fa, inoltre, lipotesi che ciascuna corda di spessore b sia con