Sei sulla pagina 1di 13
GUIDA AL MODELLO FORMATIVO 70:20:10 Copyright © 2015 Docebo - Tutti i diritti riservati. Per contattare

GUIDA AL MODELLO FORMATIVO

70:20:10

Copyright © 2015 Docebo - Tutti i diritti riservati. Per contattare Docebo, visita: www.docebo.com

GUIDA AL MODELLO FORMATIVO 70:20:10 Copyright © 2015 Docebo - Tutti i diritti riservati. Per contattare

The 70:20:10 PRIMER

2
2

ESTRATTO

Negli ultimi anni, il modello formativo 70:20:10 ha generato grande interesse. Sempre più

organizzazioni stanno adottando il 70:20:10 per rendere più efficace la propria formazione

e-learning e incrementare le performance di business.

Ma cos’è il modello 70:20:10? È una teoria della formazione, una soluzione per tagliare i costi della formazione, oppure è una regola che prevede rapporti immutabili e sempre vincolanti?

O, più semplicemente, si tratta di una soluzione già nota e ampiamente diffusa (il cosiddetto

“vino vecchio in nuove bottiglie”, per usare una metafora enologica), dato che gran parte dei

professionisti HR ritiene di integrare correttamente la formazione nel flusso di lavoro?

Perché il modello 70:20:10 è di cruciale importanza per la formazione aziendale? E in che modo

questa formula, all’apparenza fin troppo semplice, può adattarsi al complesso mondo della

formazione, generando elevate performance di business?

Il numero dei professionisti del settore e-learning che oggi riconosce il valore del 70:20:10 è in costante aumento. Non perché tale modello formativo sia un mantra o un’ideologia da applicare rigorosamente, ma perché permette loro di allineare la formazione al business in maniera più

rapida ed efficace. Grazie al modello di riferimento 70:20:10, infatti, sempre più organizzazioni stanno sviluppando strategie formative più solide ed efficaci, migliorando sia le performance

individuali che quelle organizzative, incrementando la produttività e raggiungendo i propri obiettivi di business. Il 70:20:10 è un movimento il cui scopo consiste nell’implementare approcci

più efficaci ed efficienti, per generare elevate performance, rispondendo tempestivamente alle

esigenze delle aziende. Questa breve guida affronta alcune delle tematiche principali legate al

modello formativo 70:20:10.

The 70:20:10 PRIMER 2 ESTRATTO Negli ultimi anni, il modello formativo 70:20:10 ha generato grande interesse.Copyright © 2015 Docebo - Tutti i diritti riservati. Per contattare Docebo, visita: www.docebo.com " id="pdf-obj-1-44" src="pdf-obj-1-44.jpg">

The 70:20:10 PRIMER

3
3

CONTENUTI

  • 2 ESTRATTO

  • 4 FORMAZIONE FORMALE E INFORMALE NELLE ORGANIZZAZIONI

  • 6 LA FORMAZIONE INFORMALE È PIÙ IMPORTANTE DI QUELLA FORMALE

  • 7 QUALI TASK SI TRADUCONO IN ESPERIENZE FORMATIVE?

  • 8 CHE COS’È IL MODELLO FORMATIVO 70:20:10? COSA NON È IL MODELLO FORMATIVO 70:20:10!

  • 9 IL 70:20:10 SUPPORTA SIA LA FORMAZIONE INFORMALE CHE FORMALE

  • 10 I NUMERI DEL 70:20:10 MENTALITÀ E 70:20:10

  • 11 RESPONSABILITÀ PERSONALE E 70:20:10

  • 12 70:20:10 ED ELEVATE PERFORMANCE 70:20:10 E LA SFIDA PER I PROFESSIONISTI HRD

The 70:20:10 PRIMER 3 CONTENUTI 2 ESTRATTO 4 FORMAZIONE FORMALE E INFORMALE NELLE ORGANIZZAZIONI 6 LACopyright © 2015 Docebo - Tutti i diritti riservati. Per contattare Docebo, visita: www.docebo.com " id="pdf-obj-2-39" src="pdf-obj-2-39.jpg">

The 70:20:10 PRIMER

4
4

FORMAZIONE FORMALE E INFORMALE NELLE ORGANIZZAZIONI

“L’apprendimento, all’interno delle organizzazioni, è troppo importante per delegarlo ai dipartimenti di formazione.”

Questa citazione di Jay Cross - autore nel 2006 di un libro pionieristico sulla formazione informale, nonché uno dei pensatori più importanti in materia di formazione sul posto di lavoro - implica che la maggior parte dell’apprendimento non avviene nelle aule, ma a livello informale, come parte del lavoro. Cross non è l’unico a pensarla così.

Molti altri studiosi hanno scoperto che gran parte della formazione avviene all’interno del flusso

quotidiano di lavoro, piuttosto che nei tradizionali corsi d’aula. La figura 1 che segue è un estratto da “70:20:10 Towards 100% Performance” di Arets, Jennings e Heijnen.

In base alle ricerche condotte da McCall, Lombardo e Morrison, Lombardo e Eichinger (1996) sostengono che la formazione derivi per (circa) il 70% dalle esperienze on-the-job, lavorando su task e problemi di ordine pratico; il 20% da feedback o dal lavoro sulla base di buoni e cattivi esempi; il 10% da corsi e letture.

Secondo Bruce, Aring e Brand (1998), circa il 70% della formazione avviene durante il lavoro, in parte sulla base delle ricerche di Zemke (1985).

Verespei (1998) sostiene che il 62% delle informazioni necessarie per svolgere il proprio lavoro si ottiene attraverso l’esperienza on-the-job.

Cross e Parker (2004), Kessels (2012) e Brown e Duguid (2000) riportano che la formazione non avviene all’interno delle strutture formali di un’organizzazione, quanto piuttosto nei suoi aspetti informali.

Arrow (1962) e De Grip (2008) dimostrano il valore economico della formazione informale, basata sul presupposto che le persone apprendono lavorando. Ne deriva una riduzione del costo di beni e servizi.

Cross, Ehrlich, Dawson e Helferich (2008) sottolineano l’importanza della formazione attraverso

i social network, spiegando come questi strumenti consentono di condividere le informazioni e

quali benefici apportano.

Secondo Lave (2012), la formazione informale è per lo più un’attività sociale che si verifica durante il lavoro con gli altri. Lave e Wenger (1991) e Wenger (1998), inoltre, affermano che la formazione

avviene attraverso connessioni profonde tra le persone che si supportano vicendevolmente, che

hanno reciproca fiducia e condividono rischi e informazioni.

Secondo De Laat (2012), il network learning è una naturale attività umana, nonché parte essenziale della necessità di interazione sociale.

Fig. 1. Extract from ‘Overview of research on learning and working together’. Arets, Jennings &

Heijnen (2016)

The 70:20:10 PRIMER 4 FORMAZIONE FORMALE E INFORMALE NELLE ORGANIZZAZIONI “L’apprendimento, all’interno delle organizzazioni, è troppoCopyright © 2015 Docebo - Tutti i diritti riservati. Per contattare Docebo, visita: www.docebo.com " id="pdf-obj-3-55" src="pdf-obj-3-55.jpg">

The 70:20:10 PRIMER

5
5

Secondo il ROA (il Centro di Ricerca per l’Educazione e il Mercato del Lavoro nei Paesi Bassi), che

dal 2004 studia il ruolo della formazione formale e informale, la maggior parte della formazione si

verifica durante il flusso di lavoro. Questi risultati, con gli altri che arrivano alle stesse conclusioni,

sono troppo importanti per essere ignorati.

La ricerca ROA (Borghans et al., 2014) dimostra che i lavoratori investono una media di 21 ore

all’anno in corsi formali e altri tipi di formazione, contro 484 ore della formazione informale.

La figura 1 fornisce una panoramica della formazione informale per età, tra il 2004 e il 2013, mostrando che tra il 2007 e il 2013 le ore relative alla formazione informale sono aumentate del 35% sul tempo di lavoro totale. È interessante notare che il numero di ore relative alla formazione

informale diminuisce notevolmente con l’età.

  • 1 Cross, Jay. (2006) Informal Learning: Rediscovering the Natural Pathways That Inspire Innovation and Performance. John Wiley & Sons. ISBN-13: 978-0787981693

  • 2 Arets, J., Jennings, C., Heijnen. V. (2016). 70:20:10 Towards 100% Performance. Sutler Media. ISBN 978-90-823978-2-6

The 70:20:10 PRIMER 5 Secondo il ROA (il Centro di Ricerca per l’Educazione e il MercatoCopyright © 2015 Docebo - Tutti i diritti riservati. Per contattare Docebo, visita: www.docebo.com " id="pdf-obj-4-32" src="pdf-obj-4-32.jpg">

The 70:20:10 PRIMER

6
6

LA FORMAZIONE INFORMALE È PIÙ IMPORTANTE DI QUELLA FORMALE

Queste ricerche evidenziano che i lavoratori intervistati hanno speso in media 505 ore all’anno

per la formazione: 494 ore per la formazione informale e 21 ore per quella formale (o, in termini

  • di tempo, 96% contro 4%).

Questa grande differenza rende evidente che la formazione informale sia di gran lunga più

rilevante. Nelle ricerche condotta da ROA, gli intervistati hanno riferito che la quantità di informazioni e conoscenze apprese durante 8 ore di formazione formale è equivalente alla quantità di informazioni e conoscenze apprese durante 8 ore di formazione informale. In entrambi i casi, dunque, l’output formativo è lo stesso.

  • Di conseguenza, De Grip (2015) conclude che, a parità di output formativo e in base a un rapporto

  • di 96% contro 4%, “per lo sviluppo dei dipendenti, la formazione informale è molto più importante

rispetto a quella formale.”

Attività di routine quotidiana Meetings Scrittura di documenti Effettuare calcoli Collaborazione con colleghi meno esperti Lettura
Attività di routine quotidiana
Meetings
Scrittura di documenti
Effettuare calcoli
Collaborazione
con colleghi meno esperti
Lettura di documenti
Collaborazione
con colleghi più esperti
Attività impegnative
Nuove attività
1
2
3
4
5
Molto
Livello di apprendimento
Molto

poco

Figura. 2. Formazione informale: percentuale del tempo speso per attività formative, per età,

2004-2013 (. Borghans et al, 2014)

The 70:20:10 PRIMER 6 LA FORMAZIONE INFORMALE È PIÙ IMPORTANTE DI QUELLA FORMALE Queste ricerche evidenzianoCopyright © 2015 Docebo - Tutti i diritti riservati. Per contattare Docebo, visita: www.docebo.com " id="pdf-obj-5-36" src="pdf-obj-5-36.jpg">

The 70:20:10 PRIMER

7
7

QUALI TASK SI TRADUCONO IN ESPERIENZE FORMATIVE?

Nello stesso studio, il team di Borghans ha chiesto ai lavoratori quali task si sono tradotte in esperienze formative. Come risultato, una vasta gamma di compiti è in grado di fornire input

formativi, sebbene sussistano differenze significative tra i dipendenti formati in maniera efficace

e quelli che hanno ricevuto una formazione carente, oltre che tra uomini e donne. Le donne, ad

esempio, apprendono di più rispetto agli uomini dai meeting e dalla collaborazione con i colleghi

più o meno esperti. I lavoratori altamente qualificati apprendono meno da task di routine rispetto

a quelli che hanno ricevuto una formazione carente, ma di più attraverso task impegnative, dalla collaborazione con i colleghi più esperti e dalla lettura di documenti.

Qui di seguito riportiamo alcuni esempi pratici del cosiddetto “learning by working”, ovvero il 70 e il 20 del modello di riferimento 70:20:10. Alcuni di questi esempi si inseriscono nelle categorie riportate nella Figura 2; vedi anche Arets et al., 2015.

  • Imparare da progetti di miglioramento all’interno di team (20)

  • Processi di After Action Review dei team (20)

  • Condivisione online e offline delle conoscenze necessarie (20)

  • Diffusione di buone pratiche (20)

  • Lavorare ad alta voce (20)

  • Coaching pratico per i colleghi (20)

  • Osservazione online e offline di un esperto o di un top performer (70)

  • Riflessione individuale durante il lavoro (70)

  • Recording online delle task svolte durante l’anno (70)

  • Uso del supporto delle performance (70)

  • Presentazioni (70)

  • Blog, articoli e libri (70)

Oggi, la tecnologia consente di connettersi facilmente con altre persone e di apprendere dal lavoro.

La formazione integrata è costituita da conoscenze rilevanti ed efficaci, disponibili online e offline,

erogate rapidamente, al momento giusto e alle persone giuste.

The 70:20:10 PRIMER 7 QUALI TASK SI TRADUCONO IN ESPERIENZE FORMATIVE? Nello stesso studio, il teamCopyright © 2015 Docebo - Tutti i diritti riservati. Per contattare Docebo, visita: www.docebo.com " id="pdf-obj-6-68" src="pdf-obj-6-68.jpg">

The 70:20:10 PRIMER

8
8

CHE COS’È 70:20:10?

Il 70:20:10 è un modello di riferimento (o framework) che aiuta le organizzazioni ad estendere il

loro focus su formazione e sviluppo al di là dei corsi tradizione in aula, per generare una forza lavoro più versatile, una mentalità di formazione continua ed elevate performance.

Il 70:20:10 è un meccanismo che consente di spostare il focus dalla formazione (input) alle performance (output).

Il 70:20:10 va oltre il singolo individuo. La maggior parte della formazione è progettata per migliorare le performance individuali. Il 70:20:10, invece, è focalizzato sulle performance organizzative.

Il 70:20:10 offre anche una preziosa opportunità ai team HR e ai professionisti della formazione

per incrementare le performance organizzative. Estendendosi al di là della formazione formale

(il ‘10’), le metodologie del modello di riferimento 70:20:10 possono essere applicate a sfide

complesse che presentano scarsi livelli di performance.

Il modello 70:20:10 descrive il modo naturale in cui le persone apprendono nuove conoscenze,

rivelandosi un potente strumento per supportare e rendere più efficace la formazione,

suddividendola come segue:

  • le persone apprendono sul posto di lavoro attraverso la pratica, compiti giornalieri e sfide

  • le persone apprendono attraverso sessioni di training, mentoring e interazione con i propri colleghi

  • le persone apprendono attraverso eventi strutturati, tra cui corsi e programmi online

Il 70:20:10, soprattutto, è un movimento il cui scopo è quello di implementare approcci formativi

più efficaci ed efficienti, al di là di corsi in aula, workshop, meeting aziendali e, più in generale,

esperienze al di fuori del flusso di lavoro quotidiano. Tale modello consente di passare da eventi

formativi strutturati a un ambiente in cui formazione e sviluppo si integrano perfettamente nel

flusso di lavoro quotidiano, per generare elevate performance, più velocemente rispetto a quanto

richieda il business.

COSA NON È IL MODELLO FORMATIVO 70:20:10!

Il modello 70:20:10 non è una regola ferrea e non è affatto una prescrizione. Non “impone” alle

aziende di assegnare il 10% del carico formativo al proprio LMS. Piuttosto, ci ricorda che almeno il

90% della formazione avviene nel flusso quotidiano di lavoro.

Il 70:20:10 non è una teoria della formazione. Si tratta di un modello di riferimento che fornisce una serie di principi guida grazie ai quali estendere l’attenzione al di là della formazione formale.

Il 70:20:10 non è una questione di rapporti immutabili e sempre vincolanti. Formazione e sviluppo sono altamente contestuali, dunque il rapporto ottimale tra formazione formale, sociale ed

esperienziale dipenderà dalle specifiche situazioni.

The 70:20:10 PRIMER 8 CHE COS’È 70:20:10? Il 70:20:10 è un modello di riferimento (o framework)Copyright © 2015 Docebo - Tutti i diritti riservati. Per contattare Docebo, visita: www.docebo.com " id="pdf-obj-7-69" src="pdf-obj-7-69.jpg">

The 70:20:10 PRIMER

9
9

Il 70:20:10 non è un modo per separare formazione e performance. Al contrario, è un approccio

che aiuta ad individuare la soluzione più appropriata per ogni situazione specifica, migliorando così

le performance di business.

IL 70:20:10 SUPPORTA SIA LA FORMAZIONE INFORMALE CHE FORMALE

Oggi, i team HR sono in grado di supportare perfettamente la formazione informale e formale, sfruttando come punto di partenza il modello 70:20:10, le attività principali e le priorità strategiche

del business. Si tratta di un approccio radicalmente differente rispetto a quello della formazione

formale, che muove dalle esigenze dell’intera organizzazione, piuttosto che da quelle dei singoli o dei team.

Tutto ciò può essere ottenuto con il “70” del modello di riferimento, secondo cui i singoli

dipendenti acquisiscono nuove conoscenze e informazioni durante il proprio lavoro, apprendendo dall’esperienza e ottenendo migliori performance. È anche possibile apprendere dagli altri, sia

online che offline, utilizzando strumenti quali community, collaborazione e apprendimento

attraverso l’osservazione.

Nelle prime ricerche condotte sul modello 70:20:10, Lombardo ed Eichinger 3 capirono come individuare le esigenze individuali di formazione e performance, utilizzando una vasta gamma

  • di piani strutturati per sfruttare le esperienze e soddisfare tali esigenze. I piani si basavano sul

fatto che la necessità di miglioramento, così come la formazione stessa, deriva principalmente dall’esperienza.

Raramente, però, i miglioramenti individuali affrontano il problema nella sua interezza. Il 70:20:10

è stato sviluppato sulla base di una metodologia e di uno spettro di soluzioni più ampio rispetto

a quanto originariamente previsto. Lavoriamo fianco a fianco con le organizzazioni che si affidano

a sistemi e processi che riportano anche scarsi livelli di performance. Ciascuna azienda può

contribuire alla formazione e superare eventuali gap. Ma occorre estendere questo discorso anche al di là dell’esperienza.

Spesso, infatti, le persone, apprendono lavorando assieme. Sarebbe un valido motivo per

modificare il nome del modello di riferimento in “90:10”! O forse, per essere ancora più precisi (in base alle ricerche condotte da Grip), in “96:4”. In realtà, i numeri e il rapporto del modello 70:20:10 non sono importanti. Ciò che conta, piuttosto, è il principio in base al quale le persone apprendono

  • di più attraverso i canali informali, le esperienze on-the-job e il coaching, rispetto a quanto non

facciano con mezzi più formali. Per tale motivo, è cruciale che il settore dello Sviluppo delle Risorse

Umane (HRD) si aggiorni e si espanda, incorporando il modello 70:20:10.

3 Lombardo, M., and Eichinger, R. (1996) The Career Architect Development Planner. Lominger. ISBN 0-9655712-1-1

The 70:20:10 PRIMER 9 Il 70:20:10 non è un modo per separare formazione e performance. AlCopyright © 2015 Docebo - Tutti i diritti riservati. Per contattare Docebo, visita: www.docebo.com " id="pdf-obj-8-63" src="pdf-obj-8-63.jpg">

The 70:20:10 PRIMER

10
10
  • I NUMERI DEL 70:20:10

Anche se il modello 70:20:10 è in primo luogo un agente di cambiamento, i suoi numeri servono a ricordarci che la maggior parte della formazione avviene sul posto di lavoro, piuttosto che in situazioni formali.

  • I numeri sottolineano che la formazione è fortemente dipendente dal contesto. Gran parte della

formazione avviene sul posto lavoro, dove è probabile che sia più efficace. Tanto più la formazione

sarà vicina al punto di utilizzo, infatti, tanto più risulterà efficace.

Tuttavia, non bisogna commettere l’errore di pensare al 70:20:10 come a un rapporto fisso e vincolante. Numeri e rapporti specifici dipendono sempre dal contesto. In ambienti altamente regolamentati e strutturati (con molteplici corsi formali), ad esempio, il ‘10’ potrebbe essere

ampliato. In ambienti altamente innovativi e agili, il ‘10’ potrebbe essere un valore addirittura inferiore, per supportare al meglio la necessità di ottenere risultati rapidi, senza che i dipendenti abbandonino il loro lavoro quotidiano per ricevere formazione.

Negli ultimi 40 anni, le ricerche hanno dimostrato che all’interno delle organizzazioni, la formazione informale e sul posto di lavoro è diventata sempre più pervasiva e centrale. Non vi è alcun dubbio su questo: l’enorme potenziale della formazione informale e sociale è stato chiaramente dimostrato. Il quadro generale venutosi a delineare evidenzia che le persone apprendono di più durante il proprio lavoro.

Inoltre, è importante non commettere l’errore di separare i tre elementi del modello 70:20:10. Essi,

infatti, sono interdipendenti e olistici, ovvero parte di un’unica soluzione efficace. Ognuno dipende dall’altro. Ad esempio, coaching, mentoring e corsi funzionano meglio quando supportano la formazione on-the-job, soprattutto in tempo reale, durante lo svolgimento del lavoro 4 .

MENTALITÀ E 70:20:10

Il 70:20:10 è incentrato sulla formazione che avviene attraverso l’esperienza e l’interazione con

gli altri, aiutando ad estendere la comprensione del significato di formazione. Inoltre, spinge la

formazione dal “know-what” verso un più efficace “know-how”.

Il 70:20:10 fornisce un approccio chiaro e semplice per estendere il supporto di formazione

e sviluppo per tutti i lavoratori (dai singoli collaboratori agli alti dirigenti) al di là dei servizi

tradizionalmente forniti dai team HR e dai dipartimenti di formazione/L&D. Bisogna ignorare

  • i numeri specifici: sono semplicemente degli indicatori che ci ricordano come le persone

apprendono sul posto di lavoro, e non una formula immutabile e vincolante. Piuttosto, è necessario

concentrarsi sull’esigenza di implementare il supporto e i processi necessari per incorporare,

estrarre e condividere la formazione come parte del flusso di lavoro.

4 McCall, M.W., (2010) Recasting Leadership Development. Industrial and Organizational Psychology, 3 (2010), 3–19.

The 70:20:10 PRIMER 10 I NUMERI DEL 70:20:10 Anche se il modello 70:20:10 è in primoCopyright © 2015 Docebo - Tutti i diritti riservati. Per contattare Docebo, visita: www.docebo.com " id="pdf-obj-9-58" src="pdf-obj-9-58.jpg">

The 70:20:10 PRIMER

11
11

La cosiddetta “mentalità dello sviluppo” è fondamentale per implementare con successo il modello

70:20:20.

I concetti di “crescita” e “mentalità dello sviluppo” sono relativamente nuovi, supportati da recenti ricerche delle neuroscienze e legati alla plasticità cerebrale. Carol Dweck, psicologa della Stanford University, è la principale responsabile della teoria della mentalità. Dalle ricerche di Dweck emerge che gli individui si pongono su un continuum in base alla loro implicita convinzione dell’origine delle proprie abilità.

In altre parole, le persone che ritengono che i fattori principali del proprio successo siano “doti

naturali” o “capacità innate”, in sostanza, sono definite nel modello di Dweck come soggetti con una “mentalità fissa” (teoria dell’entità, o intelligenza fissa).

All’altra estremità del continuum, invece, ci sono le persone che credono che il proprio successo,

e quello degli altri, derivi dal duro lavoro, dalla formazione e dalla perseveranza. Queste persone

hanno una “mentalità di crescita” (teoria incrementale, intelligenza flessibile e variabile).

Una mentalità di crescita è un fattore essenziale per la corretta adozione del modello 70:20:10. Occorre dunque lavorare in modo costante sui dipendenti, sui team e sullo sviluppo organizzativo,

ogni giorno, affinché le organizzazioni possano raggiungere lo status di “Learning Organization” (secondo Peter Senge) e il modello 70:20:10 sia implementato con successo.

RESPONSABILITÀ PERSONALE E 70:20:10

Il 70:20:10 si basa su dipendenti che si assumono la responsabilità del proprio sviluppo professionale, oltre che su team leader, manager e dirigenti che supportano tale sviluppo, in

allineamento con le attività dei team HR e dei professionisti della formazione. Tutto ciò deve

tradursi in un impegno corale, uno sforzo di squadra.

Il 70:20:10 è un agente di cambiamento - aiuta a rafforzare il focus culturale su performance

elevate, formazione continua e una migliore attitudine al cambiamento, incorporando tutti gli aspetti della mentalità di crescita o di sviluppo - che presuppone un contatto costante e l’accettazione del fallimento come parte del processo di crescita.

Il 70:20:10, inoltre, si concentra anche al di là delle attività strutturate, supportando ogni modalità formativa sul posto di lavoro attraverso esperienze stimolanti, risultati, pratica sul campo, creazione

di solide reti di rapporti personali e osservazione di colleghi più esperti, per ottenere preziosi insight e migliorare le proprie performance. Per implementare correttamente il modello 70:20:10 sono necessari supporto, strumenti e tutti i processi necessari per garantire che la formazione sia

profondamente radicata nel flusso di lavoro quotidiano.

In sintesi, il 70:20:10 aiuta a cambiare mentalità e processi formativi.

The 70:20:10 PRIMER 11 La cosiddetta “mentalità dello sviluppo” è fondamentale per implementare con successo ilCopyright © 2015 Docebo - Tutti i diritti riservati. Per contattare Docebo, visita: www.docebo.com " id="pdf-obj-10-50" src="pdf-obj-10-50.jpg">

The 70:20:10 PRIMER

12
12

70:20:10 ED ELEVATE PERFORMANCE

Negli ultimi anni, abbiamo compreso meglio in che modo i top performer riescono a raggiungere il successo, ottenendo performance elevate.

I lavoratori che riportano performance elevate sono impegnati in cicli di sviluppo continuo. Parte di questo sviluppo avviene attraverso formazione e-learning, corsi in aula, workshop e altre attività

strutturate. Tuttavia, la maggior parte dello sviluppo che si traduce in performance elevate deriva

dall’apprendimento durante il flusso di lavoro quotidiano e dall’interazione con i propri colleghi.

Ovviamente, un pilota di aerei di linea o un chirurgo necessitano di una formazione strutturata.

Tuttavia, in termini di performance elevate, i risultati conducono - sempre e invariabilmente - a

esperienze stimolanti, pratica, conversazioni con mentori e colleghi, reti professionali e riflessione.

Inoltre, i lavoratori che riportano performance elevate sono continuamente motivati a migliorarsi. Formazione continua e motivazione, dunque, tracciano il percorso ideale per ottenere elevate performance.

E il modello 70:20:10 è lo strumento grazie al quale supportare in maniera ottimale la motivazione e il necessario processo di formazione continua.

70:20:10 E LA SFIDA PER I PROFESSIONISTI HRD

Le sfide del modello 70:20:10 sono radicate nelle pratiche di formazione e sviluppo. Di

conseguenza, oggi i professionisti dell’e-learning sono chiamati a sviluppare le proprie conoscenze e abilità.

Uno dei fondamenti del modello di riferimento 70:20:10 è l’accettazione del fatto che solo

una piccola quantità di formazione organizzativa e di miglioramento delle performance (il ‘10’

del modello di riferimento) può essere gestita dai team HR e di formazione. La maggior parte dell’apprendimento si verifica al di fuori del loro controllo. È importante considerare che l’attuale

obiettivo della maggior parte dei professionisti HR è incentrato sulla gestione dei processi di formazione formale e sulla creazione di contenuti da erogare attraverso strumenti di formazione formale.

Per l’effettiva attuazione del modello 70:20:10, i team HR non dovrebbero pretendere di controllare

ogni aspetto della formazione, ma limitarsi a osservare, supportare, incoraggiare e apprendere da tutto quello che avviene intorno a loro.

Ciò non vuol dire che professionisti della formazione siano necessariamente ridondanti o superflui.

Per sfruttare con successo il modello 70:20:10, però, è cruciale che modifichino il proprio modus

operandi.

Ottobre 2016. Licenced for co-branding by 70:20:10 Institute Partners. © 2016 70:20:10 Institute. All rights reserved.

The 70:20:10 PRIMER 12 70:20:10 ED ELEVATE PERFORMANCE Negli ultimi anni, abbiamo compreso meglio in cheCopyright © 2015 Docebo - Tutti i diritti riservati. Per contattare Docebo, visita: www.docebo.com " id="pdf-obj-11-56" src="pdf-obj-11-56.jpg">

LA PIATTAFORMA E-LEARNING PER LA TUA FORMAZIONE PARTNER

Assicurati che i tuoi partner di canale partner abbiano a disposizione tutti gli strumenti necessari. Docebo supporta la formazione sociale e mobile, che consente ai tuoi sales partner di accedere ai contenuti formativi in qualunque momento e da qualunque luogo. Inoltre, le nostre integrazioni e gli strumenti di automazione sono in grado di ridurre l’investimento di tempo per la gestione e la formazione dei partner, garan- tendo una solida partnership. Gli avanzati strumenti di reporting di Docebo rappre- sentano un valido aiuto per individuare e incrementare il Ritorno sugli Investimenti del Canale.

Vuoi provare con mano tutte le caratteristiche della piattaforma e-learning Docebo? Contatta il nostro team e richiedi una demo.

LA PIATTAFORMA E-LEARNING PER LA TUA FORMAZIONE PARTNER Assicurati che i tuoi partner di canale partnerRICHIEDI UNA DEMO Per maggiori informazioni, visita: www.docebo.com/it www.facebook.com/Docebo twitter.com/docebo www.linkedin.com/company/docebo-srl Copyright © 2016 Docebo - All rights reserved. To contact Docebo, please visit: www.docebo.com " id="pdf-obj-12-27" src="pdf-obj-12-27.jpg">

Copyright © 2016 Docebo - All rights reserved. To contact Docebo, please visit: www.docebo.com