Sei sulla pagina 1di 80

Istituto Superiore

di Scienze Religiose di Udine


in collegamento accademico con la Facolt Teologica del Triveneto

AnnuarioAccademico
20122013

viale Ungheria, 22 33100 UDINE


c/o Seminario Arcivescovile San Luigi Scrosoppi
tel. 0432.298120 fax 0432.298119
e-mail: info@issrudine.it sito web: www.issrudine.it

PubblicazioneacuradellaSegreteria.

Ilpresenteannuarioaccademicohacarattereinformativo.LISSRdiUdinesiriservaildirittodiin
trodurrecambiamentisiaaccademici,siaamministrativi,ancheadannoaccademicoiniziato.

Incopertina: LAngelodiSantaMariadiCastelloUdine
Statuasegnaventoinramericopertoconfogliadoro.Realizzatadaifratelli
VallandaManiagonel1777erestauratanel2011.
Per gentile concessione del Museo del Duomo di Udine. Si ringrazia il direttore
dott.ssaMariaBeatriceBertoneeilparrocomons.LucianoNobile.

2
Presentazione

Con la lettera apostolica Porta fidei Benedetto XVI ha indetto un Anno della
Fede,comegifecePaoloVInel1967,perchintuttalaChiesavifosseunauten
tica e sincera professione della medesima fede [] confermata in maniera indivi
dualeecollettiva,liberaecosciente,interioreedesteriore,umileefranca.
Liniziodiquestoannospecialeprevistoperl11ottobre2012,giornoincui
ricorreil50anniversariodellaperturadelConcilioecumenicoVaticanoII,quasia
sottolinearelesigenzadiriprendereinmanoediapprofondirecostantementeite
stilasciatiinereditdaiPadriconciliari,[che]nonperdonoillorovalorenilloro
smalto.necessariocheessivenganolettiinmanieraappropriata,chevenganoco
nosciuti e assimilati come testi qualificati e normativi del Magistero, allinterno
dellaTradizionedellaChiesa.Infatti,essicostituisconounriferimentoimprescin
dibileperlavitadellaChiesaeperilsuocostanterinnovamento;unabussolasi
cura per rendere ragione della fede cristiana nella tarda modernit, epoca cos
complessaericcadisfideimpegnativeeaffascinanti.
Una simile occasione coinvolge pienamente il nostro Istituto e ci stimola a
intensificarelaricercaelostudiodiunateologiaallaltezzadelleesigenzeintellet
tuali e delle domande esistenziali del nostro tempo. Una lezione particolare del
Conciliochedobbiamofarenostralanecessitdiconfrontarsiinmodosereno
epositivoconlarealtattuale,percogliereglielementipresentinellaculturacon
temporanea che predispongono ad un annuncio fruttuoso del Vangelo. Esso il
tesoronascostocheogniuomoeognidonnamisteriosamentestacercando,poi
ch esso solo capace di corrisponderepienamente aldesiderio pi profondo del
cuoreumano.Perscoprirlonelcampodellavitaecondividerloconaltri,ciascuno
dinoichiamatoalasciarsiattrarredallapersonadelCrocifissoRisorto,attraverso
la conoscenzarelazione personale con lui e lapprofondimento del suo messaggio
liberanteesalvifico.
Inquestoanno,pertanto,nonmancherannoiniziativemirateacelebrarelari
correnza,soprattuttofavorendoilcontattovivoconitestidelConcilioeconilvis
suto ecclesiale che ne seguito allinterno delle nostre comunit locali. Auspico,
per,chetuttalavitaaccademicaordinariasiaconcepitacomeautenticaesperien
zadi fede alla luce delVaticano II ovvero itinerario personale e comunitario per
prendere esatta coscienza della fede, per ravvivarla, per purificarla, per confer
marla,perconfessarla.Infatti,questoilsensoeilcompitodellostudiodellateo
logia,disciplinachepuntaacoinvolgerelapersonainteraenonsololasua,purim
portante,dimensionerazionale.
Conquesteintenzioni,auguroatuttibuonlavoro!

Udine,5maggio2012

prof.donGiovanniDelMissier,direttore

3
4
5
FACOLTTEOLOGICADELTRIVENETO
AUTORITACCADEMICHE

GranCancelliere:S.E.mons.DinoDeAntoni,ArcivescovodiGorizia
ViceGranCancelliere:S.E.mons.AntonioMattiazzo,VescovodiPadova
Preside:dott.donAndreaToniolo
VicePreside:dott.donGiuseppeMazzocato
SegretarioGenerale:dott.donGaudenzioZambon

ISTITUTOSUPERIOREDISCIENZERELIGIOSEDIUDINE
AUTORITACCADEMICHE
Moderatore:S.E.mons.AndreaBrunoMazzocato,ArcivescovodiUdine
Direttore:dott.donGiovanniDelMissier
Segretaria:sig.FrancescaDeMezzo
ConsigliodIstituto: dott.donGiovanniDelMissier
dott.donGiovanniDriussi
mons.PierluigiMazzocato(rappr.delModeratore)
dott.ssaAntonellaDeBortoli(rappr.docentiinvitati)
dott.donSandroPiussi(rappr.docentiinvitati)
sig.SimoneCarlini(rappr.studenti)
sig.MarcoLuciano(rappr.studenti)

SEDEEORARIDIRICEVIMENTO
Sede: vialeUngheria,2233100UDINE
c/oSeminarioArcivescovileSanLuigiScrosoppi
tel.0432.298120fax0432.298119
email:info@issrudine.itsitoweb:www.issrudine.it
Segreteria: aperta al pubblico ogni luned, marted, mercoled e venerd
dalle16.00alle18.30(giovedchiuso)
Direttore: dott.donGiovanniDelMissier(ricevesuappuntamento)
Segretaria: sig.FrancescaDeMezzo
AddettadiSegreteria:sig.FrancescaTodero

6
STATUTO
TITOLOINATURAEFINE
Art.1LIstitutoSuperiorediScienzeReligiose(ISSR)diUdineunaistitu
zione accademica ecclesiastica eretta dalla Congregazione per leducazione
cattolica allinterno della Facolt Teologica del Triveneto. in collegamento
conessasecondoilmodellodiunistituzioneaccademicaaretedescrittonegli
Statutadellamedesimaedpostasottolasuaresponsabilitaccademica.

Art. 2 LIstituto promosso dalla Arcidiocesi di Udine ed conforme alla


Nota normativa per gli ISSR della Santa Sede e agli Statuti della Facolt
TeologicadelTriveneto.
a) LIstitutohasedeinUdine.
b) La Facolt teologica del Triveneto conferisce i gradi accademici di
Laurea (o Baccalaureato) in Scienze Religiose (dopo il primo triennio) e
diLaureamagistrale(oLicenza)inScienzeReligiose(dopoilbienniodi
specializzazione), in corrispondenza agli equivalenti titoli
dellordinamentocivile.

Art.3LISSRdiUdinehacomepropriafinalitlaformazioneteologicaac
cademicadireligiosielaici:
a) perunapicoscienteeattivapartecipazioneaicompitidievangelizza
zionenelmondocontemporaneo;
b) per favorire lassunzione di competenze professionali nella vita
ecclesiasticaenellanimazionecristianadellasociet;
c) perqualificareidocentidiReligionecattolicanellescuole.

Art.4LISSRperseguelapropriafinalitproponendolapprofondimentoe
la trattazione sistematica, con metodo scientifico, della Dottrina cattolica at
tintadallaRivelazione.Pertanto,essopromuovelaricercadellerisposteagli
interrogativi umani, alla luce della stessa Rivelazione, con lausilio delle
scienzefilosofiche,dellescienzeumaneedellescienzedellareligione.

Art. 5 La responsabilit della vita e della promozione dellISSR di Udine


viene esercitata congiuntamente, secondo le diverse funzioni, dalla Facolt
teologica del Triveneto e dal Vescovo Moderatore, secondo quanto preve
7
donoleAutoritcomunidellaFacoltedellIstituto.1Essasiattuaattraverso
la sollecitudine per il corretto insegnamento della Dottrina cattolica, la pro
mozionedellivelloaccademicoscientificodellIstituto,laricercaelaqualifi
cazionedelcorpodocente,ilsostegnoeconomicodellIstituto.
Le autorit comuni della Facolt e dellIstituto sono il Gran Cancelliere, il
Preside,ilConsigliodiFacolt.

Art.6AlGranCancellieredellaFacoltdiTeologiaspetta:
a. chiedereallaCongregazioneperlEducazioneCattolicalerezionecanoni
cadiciascunISSR,dopoaverottenutoilparerepositivodellaConferenza
EpiscopaleodialtraAssembleacompetentedellaGerarchiaCattolica;
b. presentareallaCongregazioneperlEducazioneCattolicailpianodistudi
eiltestodelloStatutodellISSRperladebitaapprovazione;
c. informare la Congregazione per lEducazione Cattolica circa le questioni
piimportantiedinviareallamedesima,ognicinqueanni,unarelazione
particolareggiatariguardantelavitaelattivitdellISSR;
d. nominare il Direttore, scelto tra una terna di docenti stabili designati dal
Consiglio dIstituto, acquisito il parere favorevole del Consiglio della Fa
coltdiTeologiaeconilnullaostadelModeratore.

Art.7AlPresidedellaFacoltdiTeologiacompete:
a. convocareepresiedereilConsigliodiFacolteilCollegiodeidocentidella
FacoltperquestioniriguardantilISSR;
b. regolare,congiuntamenteaiDirettoridegliISSR,lequestionicomuni;
c. presiedere, personalmente o tramite un suo Delegato, le sessioni per gli
esamidigrado;
d. presentarealConsigliodiFacolt,ognicinqueanni,larelazionesullavita
elattivitdellISSR,preparatadalDirettore,perlapprovazioneeinoltrar
laalGranCancelliere,chelatrasmetterallaCongregazioneperlEduca
zioneCattolica;
e. firmareidiplomideigradiaccademicidellISSR.

Art.8AlConsigliodellamedesimaFacoltspetta:

Cfr.CONGREGAZIONE PER LEDUCAZIONE CATTOLICA,IstruzionesugliIstitutiSuperiori


1

diScienzeReligiose,28giugno2008,art.6.
8
a. esaminareedapprovare,inviapreliminare,ipianidistudio,loStatutoed
ilRegolamentodellISSR;
b. esprimere il proprio parere circa lidoneit dei docenti dellISSR in vista
dellalorocooptazioneedellaloropromozioneastabili;
c. esaminareedapprovareleinformazionicheilPresidedeveannualmente
forniresullandamentodellISSR;
d. verificarelaconsistenzaelafunzionalitdellestruttureedeisussididel
lISSR,inparticolaredellabiblioteca;
e. approvarelarelazionequinquennalesullavitaelattivitdellISSRprepa
ratadalDirettore;
f. dareilbenestareperlanominadelDirettoredellISSR;
g. proporre al Gran Cancelliere che venga chiesta alla Congregazione per
lEducazione Cattolica la sospensione dellISSR qualora esso risultasse
inadempiente.

Art. 9 LISSR di Udine fa parte del Comitato degli Istituti Superiori di


Scienze Religiose costituito allinterno del Consiglio di Facolt ed rappre
sentatodalDirettore.

Art. 10 LIstituto retto dalle norme emanate dalla Congregazione per


lEducazioneCattolica2edalpresenteStatuto.

TITOLOIIAUTORITACCADEMICHE
Art.11LeautoritaccademichepropriedellIstitutosono:
ilModeratoredellIstituto
ilDirettore
ilViceDirettore
ilConsigliodIstituto

IlModeratore
Art. 12 Il Moderatore dellIstituto lArcivescovo di Udine. Al Moderatore
compete:
a. procurarecheladottrinacattolicasiaintegralmentecustoditaefedelmente
trasmessa;
2
Cfr.CONGREGAZIONE PER LEDUCAZIONE CATTOLICA,IstruzionesugliIstitutiSuperiori
diScienzeReligiose,28giugno2008,art.6.
9
b. nominare i docenti non stabili concedendo la missio canonica a coloro che
insegnanodisciplineconcernentilafedeelamorale,dopoaveremessola
professionedifede,nonchlaveniadocendiacolorocheinsegnanoaltredi
scipline.
c. revocarelamissiocanonicaolaveniadocendi,attesolart.27(TitoloIII);
d. dareilnullaostaperlanominadelDirettore;
e. vigilare sullandamento dottrinale e disciplinare dellISSR, riferendone al
GranCancelliere;
f. significareallaFacoltTeologicadelTrivenetolemaggioridifficoltdicui
venisseaconoscenza,invitandolamedesimaFacoltaprendereadeguate
misure;
g. nominareilViceDirettore,lEconomoeilSegretariodellISSR,selecirco
stanzelosuggeriscono,dopoaversentitoinmeritoilpareredelDirettore;
h. approvareibilanciannualiconsuntiviepreventiviegliattidistraordina
riaamministrazionedellISSR;
i. firmare i diplomi dei gradi accademici dellISSR, congiuntamente al Pre
sidedellaFacoltTeologicadelTrivenetoealDirettoredellIstituto.

IlDirettore
Art. 13 Il Direttore nominato dal Gran Cancelliere, con il parere del
Consiglio di Facolt, scelto tra una terna di docenti stabili indicati dal Con
siglio di Istituto dellISSR, e con il Nulla Osta del Moderatore dello stesso,
quandononcoincidesseconilGranCancelliere.

Art. 14 Il Direttore dura in carica cinque anni e pu essere confermato nel


suoufficiounasolavoltaconsecutivamente.

Art.15AlDirettorecompete:
a. rappresentare lIstituto davanti al Moderatore, alle autorit accademiche
dellaFacoltTeologicadelTrivenetoealleautoritcivili;
b. dirigere, promuovere e coordinare lattivit dellIstituto, sotto laspetto
dottrinale,accademicoedisciplinare,secondoquantodeterminatonelRe
golamento;
c. convocareepresiederelevariesessionidelConsigliodIstitutoedelColle
giodeidocenti;
d. presenziarealleassembleedeglistudentidipersonaoperdelega;

10
e. redigere la relazione quinquennale sulla vita e lattivit dellIstituto e,
dopo averla sottoposta allapprovazione del Consiglio dIstituto, presen
tarlaalPreside;
f. firmareidiplomideigradiaccademici,insiemeconilPresidedellaFacolt
TeologicadelTrivenetoeconilModeratore;
g. proporrealModeratorelanominadellEconomo,delSegretarioedelVice
DirettoresceltotraiDocentidellIstituto,chelocoadiuvinelladempimen
todideterminatefunzioni,perunperiododefinito.
h. esaminarelerichiesteeiricorsideidocentiedeglistudenti,prospettando,
neicasipigravinonrisoltidalConsigliodIstituto,lasoluzionealgiudi
ziodellaFacoltTeologicadelTriveneto.

IlConsigliodIstituto
Art.16IlConsigliodIstitutohalaresponsabilitdirettaespecificadellISSR.
Essocompostoda:
DirettoredellIstituto,chelopresiede;
ViceDirettore;
tuttiiDocentistabilidellIstituto;
dueDocentirappresentantideinonstabili,elettidailorocolleghi;
PresidedellaFacoltounsuoDelegato;
unDelegatodelModeratore;
duestudentiordinarielettidallassembleadeglistudentiognianno;
Segretarioconcompitidiattuario.

Art.17IcompitidelConsigliodIstitutosono:
a. stabilireipianidistudio,dasottoporreallapprovazionedelConsigliodi
Facolt;
b. designarelaternadiDocentidaproporrealModeratoreperlanominaa
DirettoredapartedelGranCancelliere,sentitoeventualmenteilpareredel
Collegiodocenti;
c. proporrelenominedeiDocenti;
d. approvarelarelazionequinquennalesullavitaelattivitdellISSR.

Art. 18 Il Consiglio dIstituto viene convocato dal Direttore almeno due


volteallannoe,inviastraordinaria,surichiestadellamaggioranzadelCon
sigliostesso.

11
TITOLOIIIDOCENTI
Art. 19 I docenti dellIstituto si dividono in stabili, che possono essere
ordinari o straordinari, nominati dal Gran Cancelliere,3 e non stabili, che
possonoessereincaricati,assistentioinvitati,nominatidalModeratore.
a. Per la cooptazione e la promozione dei docenti dellISSR si
applicano le condizioni stabilite dalla Costituzione Apostolica
SapientiaChristianaedalleannesseOrdinationes.
b. I Docenti stabili per le discipline ecclesiastiche devono essere in
possesso del congruo Dottorato conseguito in una Istituzione
ecclesiastica;perledisciplinenonecclesiasticheiltitolorichiesto
quellodisecondociclodeglistudisuperiori.
c. IDocentiStabiliequellinonstabiliricevonolamissiocanonicaola
veniadocendi,concordementeconlart.12b.

Art.20LIstitutodevepotercontaresualmenocinqueDocentistabili,chesi
distinguonoinordinariestraordinari.
a. IDocentistabiliordinarisonodocentiassuntiatitolodefinitivoeatempo
pieno. Spetta al Docente stabile ordinario: occuparsi della ricerca scienti
fica, attendere alle mansioni dinsegnamento e allassistenza accademica
degli studenti, partecipare attivamente alla vita dellIstituto e in partico
lareagliorganismicollegiali.Nonavrincarichiesternichelodistolgano
daquesticompiti.
b. IrequisitiperesserepromossoaDocenteordinario,oltreaquelliprevisti
per essere Docente straordinario (cfr. art 21) sono: avere insegnato con
efficacia almeno tre anni come docente straordinario la disciplina al cui
insegnamento chiamato nellIstituto; aver pubblicato lavori che segnino
unprogressonelladisciplinainsegnata;avereilconsensoscrittodelMode
ratoreedelproprioOrdinario.

Art.21IDocentistabilistraordinarisonoDocentiassuntiatempopieno.
a) Requisiti per essere nominato docente straordinario sono: ricchezza di
dottrina e senso di responsabilit ecclesiale e accademica; aver conse
guito il dottorato in una Facolt canonicamente riconosciuta o titolo
equipollente; aver dimostrato attitudine allinsegnamento universitario

3 Cfr.FACOLTTEOLOGICADELTRIVENETO,Regolamento,art.15f.
12
(almeno per tre anni); aver dimostrato attitudine alla ricerca mediante
adeguatepubblicazioniscientifiche;avereilconsensoscrittodelproprio
Ordinario.
b) Procedura di concorso o di cooptazione di un docente straordinario
stabilitadalRegolamentodellIstituto.SpettaallaFacoltlaverificadelle
condizioni per la concessione del nulla osta alla nomina, su richiesta
delleautoritdellIstituto.

Art.22IDocentinonstabiliperlematerieecclesiastichedocentiincaricati,
assistenti,invitatidevonoessereinpossessoalmenodellaLicenzacanonica
o di un titolo equipollente e devono essere capaci di indagine scientifica ed
averebuoneattitudiniallinsegnamento.

Art.23IDocentiincaricatieinvitatisononominatidalModeratoresupre
sentazione del Direttore, sentito il parere del Consiglio di Istituto, conce
dendolamissiocanonicaolaveniadocendi,fermerestandolecompetenzedelle
autoritcollegialiepersonalidellaFacoltTeologicadelTriveneto.
a) Essi devono possedere i requisiti stabiliti dalla normativa vigente per
linsegnamentopressoleFacoltecclesiastiche.
b) Ad un Docente non stabile non pu venire affidato linsegnamento di
piditrediscipline.
c) Gliincarichihannoladuratadiunanno.IlConsigliodiIstitutopupro
porrecheunDocentedidisciplinaprincipale,dopocinqueanniconsecu
tividiinsegnamento,siaincaricatoadquinquennium.

Art. 24 I Docenti assistenti sono nominati dal Direttore su proposta di un


professorestabileeconlapprovazionedelConsigliodiIstituto.Lelorofun
zionididatticheescientifichevengonoattribuitedalDirettoredaccordocon
ilConsigliodiIstituto.CompetealDocenteassistente:
a) assistere il docente stabile nellinsegnamento, nel lavoro seminariale e
nellapreparazionedelleriunioniscientifiche;
b) collaborarenellosvolgimentodegliesami;
c) aiutareglistudentinellaelaborazionedelledissertazioni,sottolaguida
delprofessore.
IlDocenteassistentepotressereincorporatonelcorpoaccademicodopoaversvoltounpercorso
diformazioneaccademicaalledirettedipendenzedelDirettore,sentitoilConsigliodiIstituto.

13
Art.25IDocenti,impegnatiaqualunquetitolonellIstituto,compongonoil
CollegioPlenariodeiDocentidellISSR.GliincontridelCollegioplenariodei
DocentisonofinalizzatiadunavalutazionedellavitadellIstituto,adunag
giornamento delle prospettive dellIstituto, ad una conoscenza dei docenti,
allanominadeiduerappresentantiinConsigliodiIstituto.IlCollegioplena
rio dei docenti convocato e presieduto dal Direttore si riunisce almeno
unavoltaallanno.

Art.26Lincaricodidocentestabileterminaconilraggiungimentodelset
tantesimoannodiet.Aidocentiordinari,cheamotivodiassunzionediun
ufficio pi importante o per malattia o per et cessano dallinsegnamento,
conferito il titolo di docenti emeriti. Gli altri docenti, che abbiano insegnato
almeno dieci anni, possono essere annoverati fra gli emeriti dal Consiglio
dIstituto.
I docenti emeriti e i docenti gi incaricati possono essere invitati per linse
gnamentodisingolicorsifinoalletdisettantacinqueanni.

Art.27Lasospensioneolacessazionedallufficiodidocenzapuessereat
tivata da parte del Moderatore qualora il docente abbia insegnato in diffor
mitalladottrinacattolicaosisiamostratononpiidoneoallinsegnamento,
fattosempresalvoildirittodidifesaeosservatoquantoprescrittodallart.22
delleOrdinationesdellaCostituzioneSapientiaChristiana.

Art. 28 I docenti stabili presso gli ISSR non possono essere contempora
neamentestabiliinaltreIstituzioniaccademicheecclesiasticheocivili.Inoltre,
lincarico di docente stabile incompatibile con altri ministeri o attivit che
nerendanoimpossibileladeguatosvolgimentoinrapportosiaalladidattica,
siaallaricerca.

TITOLOIVSTUDENTI
Art. 29 LIstituto pu accogliere tutti coloro che, forniti di regolare atte
stato, idonei per condotta morale e per gli studi precedenti, desiderino ap
prenderelaTeologiaeleScienzeReligiose.

Art.30Glistudentisidividonoinordinari,straordinari,uditorieospiti.

14
Art. 31 Gli studenti ordinari sono quelli che, aspirando ai gradi accademici
rilasciati dalla Facolt frequentano tutti i corsi e le esercitazioni prescritte
dallIstituto. Per essere ammesso come studente ordinario necessario aver
conseguito il titolo di studio prescritto per lammissione allUniversit di
Stato. A discrezione del Direttore, potr essere richiesta allo studente la fre
quenza previa di qualche corso integrativo, con il regolare superamento dei
rispettiviesami.

Art.32Glistudentistraordinarisonoquellichemancanodeltitoloprescritto
per liscrizione, pur frequentando tutte le discipline o una buona parte di
loro,conrelativoesame.
a. Peressereiscrittocomestudentestraordinarionecessariochelostudente
dimostridiaveridoneitafrequentareicorsiperiqualirichiedeliscrizio
ne.
b. Glistudentistraordinarinonpossonoottenereigradiaccademici,mapos
sonochiedereunattestatodifrequenzae,dopoilsuperamentodellesame,
lattestazionedelvotoconseguito.
c. Il curriculum di detti studenti pu essere valutato ai fini del passaggio a
studenti ordinari solo qualora, in itinere, lo studente entrasse in possesso
dellecondizioniprevistedallarticoloprecedente.

Art. 33 Si definiscono studenti uditori gli studenti che, con il consenso del
Direttore,sonoammessiafrequentaresoloalcunicorsioffertidallISSR.

Art.34SonostudentiospiticolorochesonoiscrittiallaFacoltdiTeologiao
adunaltroIstitutoeottengonodalDirettorelapossibilitdifrequentareal
cunicorsiedisostenereirelativiesami.

Art.35Glistudenticheavendocompletatolafrequenzadelcurriculumdegli
studi, non hanno superato tutti gli esami e le altre prove previste entro la
sessioneinvernaledellannoaccademicoconclusivo,diventanofuoricorso.

Art. 36 Gli studenti partecipano alla vita dellIstitutonei modideterminati


dagliStatutiedalRegolamento.

15
Art.37Perpoteressereammessiagliesaminecessariochelostudenteab
bia seguito le lezioni con una frequenza non inferiore ai due terzi delle ore
dellesingolediscipline.

Art.38Pergraviinfrazionidiordinedisciplinareemorale,ilDirettorepu
decidere di sospendere o dimettere uno studente, dopo aver consultato il
Consiglio dIstituto. Il diritto alla difesa sar comunque tutelato, anche me
diantericorsoalModeratore.

Art. 39 Attesa la distinta configurazione degli studi in Teologia e nelle


ScienzeReligiose4lostudentechevolesseconseguireilBaccalaureatoinSacra
Teologia deve attenersi a quanto stabilito dallart. 21 della Istruzione sugli
IstitutidiScienzeReligiose.

TITOLOVOFFICIALI
Art.40LavitadellIstitutosigiovadialcuniofficialiediPersonaleausilia
rioaddetto.Gliofficialisono:ilSegretario,lEconomoeilBibliotecario.

Art. 41 Spetta al Moderatore la nomina degli officiali, sentito il Direttore


dellIstituto.

IlSegretario
Art.42IlSegretarioresponsabiledellasegreteriadellIstituto.IlSegretario
nominato dal Moderatore, su proposta del Direttore, per un quadriennio, al
terminedelqualepuessereconfermato.

Art.43AlSegretariospetta:
a. EseguireledecisionidelModeratore,delDirettoreedelConsigliodiIsti
tuto.
b. Ricevere e controllare i documenti degli studenti per quanto riguarda le
domandediiscrizioneallIstituto,diammissioneasosteneregliesami,di
conseguimentodeigradiaccademici.
c. Assicurare lordine nellIstituto e informare subito le competenti autorit
accademichesuquantoritenganecessarioperraggiungeretalescopo.
4
Cfr.CONGREGAZIONE PER LEDUCAZIONE CATTOLICA,IstruzionesugliIstitutiSuperiori
diScienzeReligiose,28giugno2008,Introduzione,nn.25.
16
d. Conservareidocumentiufficialieautenticarliconlasuafirma.
e. Curare la redazione dei registri e dei documenti riguardanti liscrizione
degli studenti, gli esami, i corsi, i seminari di studio, le dissertazioni
scritte,idiplomi.
f. CompilarelannuariodellIstituto,ilcalendarioelorariodellelezioniede
gliesami,icertificatiegliattestati.
g. FungeredasegretariodelConsigliodIstituto.

Art. 44 Il Segretario pu essere coadiuvato da personale ausiliario appro


vatodalDirettore.

LEconomo
Art. 45 LEconomo il responsabile della gestione economica ordinaria
dellIstituto. nominato dal Moderatore, sentito il Direttore, per un qua
driennio,alterminedelqualepuesserericonfermato.

Art.46AllEconomospetta:
a. Amministrare i beni dellIstituto ed avere la responsabilit della cura
ordinariadegliambientiediquantocontengono.
b. Provvedereallacoperturaeconomicadelleiniziativeculturalichevengono
promossedallIstituto,mantenendosiperciincollegamentoconilDiret
tore.
c. Curarelaredazionedeiregistricontabili.
d. Predisporreilpreventivoeilrendicontoannuale.

Art.47LEconomopuesserecoadiuvatodapersonaleausiliario,approvato
dalDirettore.

IlBibliotecario
Art. 48 Il Bibliotecario ha il compito di seguire le attivit della biblioteca
dellIstituto. nominato dal Direttore, sentito il parere del Consiglio dIsti
tuto.

Art.49SpettaalBibliotecario:
a. assicurareunapresenzacontinuativaneilocalidellaBiblioteca;
b. custodire,ordinareedincrementareilpatrimoniobibliografico,dotandola
Bibliotecadistrumentiadeguati;
17
c. presiedereallutilizzoeallasistemazionedellabiblioteca;
d. catalogareilibrielerivisteinarrivo;
e. consegnareeritirareivolumiinprestitoaglistudiosi;
f. presentare ogni anno al Direttore una relazione circa lo stato e lincre
mentodellaBibliotecastessa.

Personaleausiliario
Art.50Ilpersonaleausiliariocompostodapersonechesonoimpiegatenella
vitadellIstitutonellosvolgimentodiincarichidisegreteria,catalogazioneo
altro.QuestiausiliarisonosceltidalDirettoreconlassensodelModeratoree
delConsigliodegliaffarieconomici.

TITOLOVIAMMINISTRAZIONEEGESTIONE
Art.51LagestioneeconomicadellIstitutosottolasorveglianzadiunCon
siglio per gli affari economici, composto di almeno tre membri, nominati dal
Moderatore.Nemembro,confunzionidisegretario,lEconomodellIstitu
to.convocatoalmenoduevoltelanno,perlapprovazionedeibilancicon
suntivoepreventivo,dapresentarealConsigliodIstitutoealModeratore.Il
Consiglioduraincaricaquattroanni.

TITOLOVIIORDINAMENTODEGLISTUDI
Art.52IlcurriculumdeglistudidellISSRhaladuratadicinquearmi;iprimi
treanniperilconseguimentodellaLaureainScienzeReligioseeidueannisuc
cessiviperilconseguimentodellaLaureamagistraleinScienzeReligiose.

Art.53Nelcorsodelbienniospecialisticosonoattivatialmenoicorsidiin
dirizzopedagogicodidattico;possonoessereattivatianchecorsidiindirizzo
pastoralecatecheticoliturgicoeantropologicoculturale.

Art.54Perquantoconcernelordinamentodeglistudi,ilmonteoreeicrediti
nellISSRsarannoequivalentiaquellidelcicloistituzionaledellaFacoltteo
logicastrutturatoinunquinquennio.Nelquinquennioicreditisecondoilsi
stema europeo degli ECTS, devono essere normalmente 300 comprendendo
corsi,seminari,laboratorietirocini.

18
Art.55IlprogrammadeglistudieilcurricolodellISSRprevedenelprimo
Triennioleseguentidiscipline;
- StoriadellaFilosofia
- Filosofiasistematica
- SacraScrittura
- IntroduzioneallaTeologia
- Teologiafondamentale
- Teologiadogmatica
- Teologiamorale
- Dirittocanonico
- Liturgia
- PatrologiaeStoriadellaChiesa
- Scienzeumane(PsicologiaePedagogia).

Nelbienniovengonopropostedisciplineteologicheealtrediindirizzodidat
tico,pastoraleeantropologicoculturale,quali:
- TeologiapastoraleeCatechetica
- StoriadellereligionieTeologiadellereligioni
- Chiesecristianeedecumenismo
- ScienzeumaneeScienzedellareligione(PsicologiaeSociologia)
- DidatticageneraleeDidatticadellIRC
- Teoriadellascuolaelegislazionescolastica.

Sono previste anche discipline complementari e opzionali (ad. es. Latino,
Ebraico,Letteraturareligiosa,Arte,Storialocale,Iconografiacristiana,Arche
ologiacristiana,Questioniscientifiche...)

TITOLOVIIIGRADIACCADEMICI
Art.56IgradiaccademicidiLaureainScienzeReligioseediLaureamagistrale
in Scienze Religiose sono conferiti dalla Facolt teologica del Triveneto a cui
lISSRcollegato.

Art.57IrequisitiperconseguirelaLaureainScienzeReligiosesono:
a. averfrequentatoilciclotriennaledistudieaversuperatoleverifichecon
esitopositivo;
b. attestarelaconoscenzadiunalinguastraniera;

19
c. avercompostoediscussounelaboratoscritto,conformeallenomeindicate
dal Regolamento, che mostri la capacit di impostazione dellargomento
scelto, e aver sostenuto un esame sintetico su un apposito tesario con
unacommissionedialmenotredocenti.

Art.58IrequisitiperconseguirelaLaureamagistraleinScienzeReligiosesono:
a. averfrequentatoilciclo quinquennaledistudiedaver superatoleverifi
chediprofittoprescritte;
b. attestarelaconoscenzadiduelinguestraniere;
c. aver composto un elaborato scritto, conforme alle nome indicate dal Re
golamento, che mostri la competenza maturata nel campo di specializza
zioneprescelto,esottoporloapubblicadiscussionenellasessioneprevista.

TITOLOIXSUSSIDIDIDATTICIEDECONOMICI
Art.59Perilraggiungimentodeisuoifini,lISSRcuralincrementodellaBi
bliotecafornitaeaggiornata,conlibrierivistespecializzateinscienzeteolo
gicoreligiose, e dispone di adeguati supporti multimediali, incluso il colle
gamentoinreteconlaFacolt.

Art. 60 Lamministrazione dellISSR autonoma e non dipende dalla Fa


colt. La copertura economica delle sue attivit conta sul contributo annuo
della Diocesi, sulle quote partecipative degli studenti e su eventuali
integrazioniderivantidadonazioniedaaltreelargizioni.

DISPOSIZIONIFINALI

Art.61EventualimodifichealpresenteStatutopossonoesserepropostedal
Direttore, sentito il Consiglio di Istituto, e devono essere approvate dalla
Conferenza Episcopale Triveneta, dalla Facolt Teologica del Triveneto e
dallaCongregazioneperlEducazioneCattolica.

Art.62PericasididubbioeperquellinoncontemplatidalpresenteStatuto
si seguono le indicazioni del Regolamento allegato, le decisioni di volta in
volta adottate dai competenti organi di governo dellIstituto e, in ultima
istanza,lenormedelDirittoCanonicouniversaleeparticolare.

20
Art.63Inconformitallart.47dellIstruzionesugliIstitutiSuperioridiScienze
Religiose si stabilisce che il passaggio dal vecchio al nuovo ordinamento di
studi avvenga sotto la guida della Facolt e la responsabilit del Direttore,
dopoattentavalutazionedelcurriculumsvoltoedegliesamisuperatidaogni
studente che chiede il passaggio. Le modalit concrete vengono stabilite nel
regolamentodiogniIstituto.


NORMESULCONFERIMENTODEITITOLIDI
LAUREAINSCIENZERELIGIOSEEDI
LAUREASPECIALISTICAINSCIENZE
RELIGIOSE1

I.ConferimentodellaLaureainScienzeReligiose
1. Possono conseguire il Laurea in Scienze Religiose gli studenti
ordinarichehannocompletatoiprimitreannidelcurriculum.
2. IrequisitiperilconseguimentodellaLaureasono:
- aversuperatoleverifichediprofittoprescritte,conesitopositivo;
- attestarelaconoscenzadiunalinguastranieramoderna;
- avercompostounelaboratoscritto.
A. Lelaboratoscritto
3. Lelaborato scritto deve dimostrare nel candidato la capacit di
istruire lo status quaestionis dellargomento affrontato e di impostare
unpercorsodiricercascientifica.
4. Nel corso del terzo anno lo studente sceglie il relatore dellelaborato
scrittotraiDocentidellIstitutoconilpermessoscrittodelDirettore.
5. LostudentecompilalappositaschedarilasciatadallaSegreterianella
qualepresentaunatracciadisviluppodellargomentoaffrontatocor

Nellattesadellastesura e dellapprovazionedelnuovo regolamento, si continua a


1

fare riferimento alle presenti norme sul conferimento dei titoli di Laurea e di Laurea
MagistraleinScienzeReligiose.
21
redata da bibliografia essenziale, controfirmata dal Docente scelto e
dalDirettore.
6. Lelaborato deve consistere in un lavoro dattiloscritto non inferiore
allequarantacartelle(aspazio2)enonsuperioreallesessanta.
7. Lelaborato va consegnato in duplice copia almeno un mese prima
dellesamecomprensivodiLaurea:unaperildocentechehadirettola
preparazione,laltraperlaSegreteria.
8. Nel caso che la valutazione dellesercitazione scritta sia negativa, il
candidatoperdeildirittodisostenerelesameoraleedtenutoarive
dereiltestosecondoleindicazionidelrelatore.
9. Il candidato ha disponibilit del titolo depositato in Segreteria per
quattroanni,alterminedeiqualipotresseresceltodaunaltrocan
didato.
B. Lesamefinale
10. Lesame finale per il conseguimento della Laurea in Scienze Reli
giose si svolge in quattro sessioni annuali: primaverile, estiva, au
tunnale,invernale.
11. Lesame viene sostenuto davanti ad una Commissione composta dal
Docente che ha seguito lelaborato scritto, un Docente dellIstituto e
unPresidente.
12. Lesamefinalecostituitodaduecolloquidiventiminuticiascuno.Il
primo verte sulla tesi a cui appartiene largomento dellelaborato
scritto;ilsecondosuunaltratesiindicatadallaDirezione.
13. Al termine dellesame la Commissione esprime la sua valutazione in
trentesimi.
14. La Composizione della Commissione, la scelta delle tesi e lordine
desamevienestabilitodallaDirezioneecomunicatotregiorniprima
dellesame.

II.ConferimentodellaLaureaMagistraleinScienzeReligiose
15. Possono conseguire la Laurea Magistrale in Scienze Religiose gli
studentiordinarichehannocompletatoilquinquenniodispecializza
zione.

22
16. IrequisitiperilconseguimentodellaLaureaMagistralesono:
- aversuperatoleverifichediprofittoprescritte,conesitopositivo;
- attestarelaconoscenzadiduelinguestranieremoderne;
- avercompostounelaboratoscrittodasottoporreapubblicadiscus
sionenellasessionediesameprevista.
A. Lesercitazionescritta
17. Per accedere allesame di Laurea Magistrale richiesta la
preparazionediunelaboratoscrittocheattestilacompetenzamaturata
nelcampodispecializzazioneprescelto.
18. Lelaboratoscrittodeveessereinedito,ecomunquenonpresentatoperil
conseguimentodellaLaureaodialtrigradiaccademici,ecclesiasticio
civili.
19. Tale esercitazione deve consistere in un elaborato non inferiore alle
sessantacartelledattiloscritte(aspazio2)enonsuperioreallecento.
20. Nel corso del biennio lo studente sceglie il relatore dellelaborato
scrittotraidocentidellIstitutoconilpermessoscrittodelDirettore.
21. LostudentecompilalappositaschedarilasciatadallaSegreterianella
quale presenta uno schema ragionato dellargomento affrontato cor
redatodabibliografiaessenziale,induplicecopia.IlDirettoredesigna
il Docente correlatore che analizza lo schema. Le eventuali osserva
zioni e consigli del Correlatore saranno trasmessi al Relatore per
iscrittoentroquindicigiornidallaconsegnadelloschema.Loschema
munitodelleduefirmedefinitivamenteapprovato.
22. Lesercitazionescrittavaconsegnataintriplicecopiaalmenounmese
prima dellesame di Laurea Magistrale: una al docente che ne ha
diretto la preparazione, una al Docente correlatore, laltra in
Segreteria.
23. Nel caso che la valutazione dellesercitazione scritta sia negativa, il
candidatoperdeildirittodisostenerelesameoraleedtenutoarive
dereiltestosecondoleindicazionidelrelatore.
24. Il candidato ha disponibilit del titolo depositato in Segreteria per
quattroanni,alterminedeiqualipotresseresceltodaunaltrocan
didato.

23
25. LadiscussionedellelaboratoscrittoavvieneallapresenzadelDocente
relatore,diunDocentecorrelatoreedelPresidentedicommissione.Il
candidatoillustrairisultatidellaricercacollocandolinellareadiatti
nenzadellargomentoaffrontatoerispondealledomandedellaCom
missione inerenti alle aree interessate dalla tesi individuate al mo
mentodellapresentazionedelloschemadellaricerca.
26. possibileritirarsidallesameoralefinoaunasettimanaprimadella
sessionedesame;dopotalelimite,chiintenderitirarsiperdeildiritto
disostenerelesamenellasessionesuccessiva.
27. Si pu sostenere lesame in una delle quattro sessioni annuali:
primaverile,estiva,autunnale,invernale.
28. Al termine dellesame la Commissione esprime la sua valutazione in
trentesimi.

III. Valutazioneeconferimentodeititoli
29. Il superamento dellesame di Laurea e di Laurea Magistrale d
diritto al Titolo accademico rispettivamente di Laurea in Scienze
ReligioseediLaureaMagistraleinScienzeReligiose.
30. Lavalutazionevieneespressaintrentesimifacendomedia:
- deivotidegliesami(influenteperil50%);
- dellavalutazionedellesercitazionescritta(influenteperil30%);
- dellavalutazionedelladiscussionefinale(influenteperil20%).
31. Nelcalcolodellevalutazionilalodehavaloredi1punto.
32. Il risultato delle valutazioni parziali non viene arrotondato, ma indi
catoconduedecimali.
33. Lavalutazionefinalevienearrotondataineccessoquandoiduedeci
malidelvotoraggiungonolo0,60,indifettonelcasocontrario.
34. Il Titolo accademico di Laurea Magistrale in Scienze Religiose e di
Laurea in Scienze Religiose viene conferito dalla Facolt Teologica
delTriveneto.

24
Tabelladiconversionedeicrediti
IlprocessodiadeguamentoalProtocollodiBolognahaintrodottounnuovo
sistemaperlaccreditamentodeicorsiedellediscipline,nonpibasatosulleoredi
lezione (come accadeva tradizionalmente per i Crediti Ecclesiastici), ma su un
nuovosistemadicalcolochiamatoEuropeanCreditTransferSystem(ECTS).
UncreditoECTScorrisponde,convenzionalmente,a25orediimpegnodello
studente (che comprendono: 78 ore di frequenza alle lezioni; 1416 ore di studio
personale,lavoriscritti,testsinitinere;23oredimpegnonelcontestodegliesami).
Sipupertantostabilireunatabelladiconversioneconvaloresemplicemente
orientativo,comesegue:

CreditiEcclesiastici oredilezione ECTS oredistudio


2 24 3 75
3 36 5 125
4 48 6 150
5 60 8 200
6 72 10 250

25
Pianodistudio
perlaLaureainScienzeReligiose(3anni)
Materie cr. eccl. ECTS Corso
Sacra Scrittura: Introduzione generale 4 6 I
Sacra Scrittura NT 1: Sinottici e Atti 4 7 I
Sacra Scrittura NT 2: letteratura paolina 4 7 II *
Sacra Scrittura NT 3: letteratura giovannea 4 7 III *
Sacra Scrittura AT 1: Libri storici 4 6 I
Sacra Scrittura AT 2: Profeti 4 6 III *
Sacra Scrittura AT 3: Salmi e Sapienziali 4 6 II *
Storia della filosofia antica e medioevale 2 3 I
Storia della filosofia moderna e contemporanea 4 6 I
Filosofia sistematica: etica 2 3 I
Filosofia sistematica: antropologia 3 5 II *
Filosofia della conoscenza e ontologia 4 7 III *
Morale fondamentale 5 8 I
Morale della vita fisica e bioetica 4 6 II *
Morale sessuale e familiare 4 6 III *
Storia della Chiesa antica 2 3 I-II
Storia della Chiesa medioevale e moderna 1 2 3 II *
Storia della Chiesa moderna 2 e contemporanea 3 5 III *
Teologia: introduzione e fondamentale 5 8 I
Teologia Dogmatica 1: il Mistero di Dio 4 7 III **
Teologia Dogmatica 2: cristologia 4 7 II *
Teologia Dogmatica 3: antropologia e grazia 4 7 II *
Teologia Dogmatica 4: ecclesiologia e mariologia 4 7 III *
Seminario teologico interdisciplinare 2 3 II **
Patrologia 4 6 II *
Diritto Canonico 4 7 III *
Liturgia 3 5 III *
Metodologia teologica 2 2 I
Didattica e metodologia 1: parte generale 2 3 II *
Pedagogia generale 2 3 III *
Tesi ed esame di Laurea 10
Crediti complementari 5 ***
TOTALI 103 180

* Corsi ciclici: vi partecipano insieme gli studenti del II e III corso.


** Corso che si tiene solo per il II anno di corso.
*** Recensioni, ricerche facoltative, relazioni, partecipazione a corsi, convegni ed
eventi vari previamente concordati con il Direttore, documentati e valutati da un
docente.

26
Pianodistudiodellaspecializzazione
perlaLaureaMagistrale
inScienzeReligiose(2anni)
Materie cr. eccl. ECTS Corso
Teologia pastorale 4 6 I
Ecumenismo 2 3 II
Seminario biblico 5 8 I
Filosofia della religione e ateismo 2 3 II
Religioni nel Mondo 1: Ebraismo e Islamismo 4 7 I
Religioni nel Mondo 2: Buddismo e Induismo 3 5 II
Dottrina sociale della Chiesa 2 3 I
Morale sociale ed economica 2 3 I
Storia delle Chiese locali 2 3 II
Archeologia cristiana 2 3 II
Arte e iconografia cristiana 3 5 II
Teologia Dogmatica 5: sacramenti 4 6 II
Teologia delle religioni e dialogo interreligioso 3 6 I
Seminario teologico 5 8 II
Sociologia 2 3 I
Psicologia generale 3 5 I
Psicologia dello sviluppo 3 5 I
Psicologia dellesperienza religiosa 2 3 I
Dinamiche della comunicazione 4 6 II
Linguaggio multimediale 2 3 II
Corsi di indirizzo* 8 12 I e II
Tesi di Laurea Magistrale 10
Esame di Laurea Magistrale 4
TOTALI 67 120

NB Tutti i corsi sono ciclici: vi partecipano insieme gli studenti del I e II corso di spe-
cializzazione.

* Vedi nel dettaglio alla pagina seguente.

27
Indirizzopastoralecatecheticoliturgico
Materie cr. eccl. ECTS Corso
Laboratorio teologico-pastorale 4 6 I
Catechetica generale 2 3 II
Liniziazione cristiana: teologia e problemi attuali 2 3 II

Indirizzopedagogicodidattico
Materie cr. eccl. ECTS Corso
Teoria della scuola e legislazione scolastica 2 3 I
Tirocinio 4 6 I
Didattica e metodologia 2: IRC 2 3 II

Indirizzoantropologicoculturale
Materie cr. eccl. ECTS Corso
Introduzione allantropologia culturale 2 3 I
Cristianesimo, filosofia e dialogo interculturale 2 3 II
Seminario socio-politico 2 3 II
Seminario filosofico-teologico 2 3 II

Passaggidalvecchioalnuovoordinamento
ColorochesonoinpossessodelDiplomainScienzeReligioseconilvecchioor
dinamento e desiderano conseguire il nuovo titolo, possono iscriversi come stu
dentiordinarifuoricorsoneltriennioe,dopoaverconseguito25ECTSintegrativi,
sostenerelesameprevisto.
Coloro che sono in possesso del Magistero in Scienze Religiose con il vecchio
ordinamentoedesideranoconseguireilnuovotitolo,possonoiscriversicomestu
denti ordinari nel biennio di specializzazione, con il riconoscimento di 30 ECTS
(lequivalentedeicorsidiunsemestre).

28


Informazioni
riguardantilannoaccademico2012/2013

29
CALENDARIO

GIUGNO 2012 LUGLIO 2012


1 V Lezione Termine delle lezioni - II semestre 1 D XIII DEL TEMPO ORDINARIO
2 S FESTA DELLA REPUBBLICA 2 L Esami
3 D SANTISSIMA TRINIT 3 M Esami
4 L 4 M Esami
5 M 5 G Esami
6 M Inizio delle iscrizioni agli esami - 6 V Esami Fine degli esami - Sessione Estiva
Sessione autunnale 7 S
7 G 8 D XIV DEL TEMPO ORDINARIO
8 V 9 L
9 S 10 M
10 D CORPUS DOMINI 11 M Termine delle iscrizioni agli esami -
11 L Esami Inizio degli esami - Sessione Estiva Sessione autunnale
12 M Esami 12 G
13 M Esami Termine per liscrizione allesame 13 V Titoli in Scienze Religiose
finale del 13 luglio La segreteria chiude al pubblico
14 G Esami fino al 3 settembre 2012
15 V Esami 14 S
16 S 15 D XV DEL TEMPO ORDINARIO
17 D XI DEL TEMPO ORDINARIO 16 L
18 L Esami 17 M
19 M Esami 18 M
20 M Esami 19 G
21 G Esami 20 V
22 V Esami 21 S
23 S 22 D XVI DEL TEMPO ORDINARIO
24 D XII DEL TEMPO ORDINARIO 23 L
25 L Esami 24 M
26 M Esami 25 M
27 M Esami 26 G
28 G Esami 27 V
29 V Esami 28 S
30 S 29 D XVII DEL TEMPO ORDINARIO
30 L Corso biblico estivo
31 M Corso biblico estivo

30
CALENDARIO

AGOSTO 2012 SETTEMBRE 2012


1 M Corso biblico estivo 1 S
2 G Corso biblico estivo 2 D XXII DEL TEMPO ORDINARIO
3 V Corso biblico estivo 3 L Esami La segreteria riapre al pubblico
4 S Iscrizioni al nuovo anno accade-
5 D XVIII DEL TEMPO ORDINARIO mico - Inizio degli esami Ses-
6 L TRASFIGURAZIONE DEL SIGNORE sione autunnale
7 M 4 M Esami
8 M 5 M Esami
9 G 6 G Esami
10 V 7 V Esami
11 S 8 S
12 D XIX DEL TEMPO ORDINARIO 9 D XXIII DEL TEMPO ORDINARIO
13 L 10 L Esami
14 M 11 M Esami
15 M ASSUNZIONE DELLA B.V. MARIA 12 M Esami
16 G 13 G Esami
17 V 14 V Esami
18 S Viaggio-Studio in Armenia 15 S
19 D XX DEL TEMPO ORDINARIO 16 D XXIV DEL TEMPO ORDINARIO
Viaggio-Studio in Armenia 17 L Esami
20 L Viaggio-Studio in Armenia 18 M Esami
21 M Viaggio-Studio in Armenia 19 M Esami
22 M Viaggio-Studio in Armenia 20 G Esami
23 G Viaggio-Studio in Armenia 21 V Esami
24 V Viaggio-Studio in Armenia 22 S Termine degli esami - Sessione
25 S Viaggio-Studio in Armenia autunnale
26 D XXI DEL TEMPO ORDINARIO 23 D XXV DEL TEMPO ORDINARIO
27 L 24 L
28 M 25 M
29 M 26 M
30 G 27 G
31 V 28 V
29 S Termine per liscrizione allesame
finale del 31 ottobre
30 D XXVI DEL TEMPO ORDINARIO

31
CALENDARIO

OTTOBRE 2012 NOVEMBRE 2012


1 L Lezione Inizio delle lezioni - I semestre 1 G TUTTI I SANTI
2 M Lezione 2 V COMMEMORAZIONE DEI FEDELI DEFUNTI
3 M Lezione 3 S
4 G 4 D XXXI DEL TEMPO ORDINARIO
5 V Lezione 5 L Lezione
6 S 6 M Lezione
7 D XXVII DEL TEMPO ORDINARIO 7 M Lezione
8 L Lezione 8 G Sessione straordinaria di esami
9 M Lezione 9 V Lezione
10 M Lezione 10 S
11 G 11 D XXXII DEL TEMPO ORDINARIO
12 V Lezione 12 L Lezione
13 S 13 M Lezione
14 D XXVIII DEL TEMPO ORDINARIO 14 M Lezione
15 L
Lezione Termine per le iscrizioni al nuovo 15 G
anno e per la richiesta delle omo- 16 V Lezione
logazioni 17 S
16 M Lezione 18 D XXXIII DEL TEMPO ORDINARIO
17 M Lezione 19 L Lezione
18 G 20 M Lezione
19 V Lezione 21 M Lezione
20 S 22 G
21 D XXIX DEL TEMPO ORDINARIO 23 V Lezione
22 L Lezione 24 S
23 M Lezione 25 D CRISTO RE DELLUNIVERSO
24 M Lezione 26 L Lezione
25 G 27 M Lezione
26 V Lezione 28 M Lezione
27 S 29 G
28 D XXX DEL TEMPO ORDINARIO 30 V Lezione
29 L Lezione
30 M Lezione
31 M Lezione Titoli in Scienze Religiose 30 novembre: Scadenza versamento tasse
scolastiche (I rata)

32
CALENDARIO

DICEMBRE 2012 GENNAIO 2013


1 S 1 M B.V. MARIA MADRE DI DIO
2 D I DI AVVENTO 2 M
3 L Lezione ore 15.30 Collegio Docenti 3 G
4 M Lezione Incontro del Direttore - Studenti 4 V
5 M Lezione 5 S
6 G 6 D EPIFANIA DEL SIGNORE
7 V Lezione 7 L Lezione La segreteria riapre al pubblico
8 S IMMACOLATA CONCEZIONE Riprendono le lezioni
9 D II DI AVVENTO 8 M Lezione
10 L Lezione 9 M Lezione
11 M Lezione 10 G
12 M Lezione 11 V Lezione Termine delle iscrizioni agli
13 G esami - Sessione invernale
14 V Lezione Inizio delle iscrizioni agli esami - 12 S
Sessione invernale 13 D BATTESIMO DEL SIGNORE
15 S 14 L Lezione
16 D III DI AVVENTO 15 M Lezione
17 L Lezione S. Messa con il Moderatore 16 M Lezione
18 M Lezione 17 G
19 M Lezione 18 V Lezione Termine delle lezioni - I semestre
20 G Inizio delle vacanze natalizie 19 S
La segreteria chiude al pubblico 20 D II DEL TEMPO ORDINARIO
fino al 7 gennaio 2013 21 L
21 V 22 M
22 S 23 M
23 D IV DI AVVENTO 24 G
24 L 25 V
25 M NATALE DEL SIGNORE 26 S
26 M SANTO STEFANO 27 D III DEL TEMPO ORDINARIO
27 G 28 L Esami Inizio degli esami - Sessione
28 V invernale
29 S 29 M Esami
30 D SANTA FAMIGLIA DI NAZARET 30 M Esami
31 L 31 G Esami

31 gennaio: Scadenza iscrizione studenti fuori corso

33
CALENDARIO

FEBBRAIO 2013 MARZO 2013


1 V Esami 1 V Lezione
2 S 2 S
3 D IV DEL TEMPO ORDINARIO 3 D III DI QUARESIMA
4 L Esami 4 L Lezione
5 M Esami 5 M Lezione
6 M Esami 6 M Lezione
7 G Esami 7 G
8 V Esami 8 V Lezione
9 S 9 S
10 D V DEL TEMPO ORDINARIO 10 D IV DI QUARESIMA
11 L Esami 11 L Lezione
12 M Esami 12 M Lezione ore 15.30 Collegio Docenti
13 M LE SACRE CENERI 13 M Lezione
14 G Esami 14 G
15 V Esami Fine degli esami - Sessione 15 V Lezione
invernale 16 S
16 S 17 D V DI QUARESIMA
17 D I DI QUARESIMA 18 L Lezione
18 L Lezione Inizio delle lezioni - II semestre 19 M Lezione
19 M Lezione 20 M Lezione
20 M Lezione 21 G
21 G 22 V Lezione Titoli in Scienze Religiose
22 V Lezione Termine per liscrizione allesame 23 S
finale del 22 marzo 24 D LE PALME
23 S 25 L La segreteria chiude al pubblico
24 D II DI QUARESIMA fino al 3 aprile
25 L Lezione 26 M
26 M Lezione 27 M
27 M Lezione 28 G
28 G 29 V
30 S
31 D PASQUA DI RISURREZIONE

31 marzo: Scadenza versamento tasse scolastiche


(II rata)

34
CALENDARIO

APRILE 2013 MAGGIO 2013


1 L DELLANGELO 1 M SAN GIUSEPPE LAVORATORE
2 M 2 G
3 M Esami La segreteria riapre al pubblico 3 V Lezione
Sessione straordinaria di esami 4 S
4 G Esami Sessione straordinaria di esami 5 D VI DEL TEMPO PASQUALE
5 V Esami Sessione straordinaria di esami 6 L Lezione Inizio delle iscrizioni agli esami -
6 S Sessione estiva
7 D II DEL TEMPO PASQUALE - IN ALBIS 7 M Lezione
8 L Lezione Riprendono le lezioni 8 M Lezione
9 M Lezione 9 G
10 M Lezione 10 V Lezione
11 G 11 S
12 V Lezione 12 D ASCENSIONE DEL SIGNORE
13 S 13 L Lezione
14 D III DEL TEMPO PASQUALE 14 M Lezione
15 L Lezione 15 M Lezione
16 M Lezione 16 G
17 M Lezione 17 V Lezione Termine delle iscrizioni agli esami
18 G - Sessione estiva
19 V Lezione 18 S
20 S 19 D PENTECOSTE
21 D IV DEL TEMPO PASQUALE 20 L Lezione ore 15.30 Collegio Docenti
22 L Lezione 21 M Lezione
23 M Lezione 22 M Lezione
24 M Lezione 23 G
25 G FESTA DELLA LIBERAZIONE 24 V Lezione
26 V Lezione 25 S
27 S 26 D SANTISSIMA TRINIT
28 D V DEL TEMPO PASQUALE 27 L Lezione
29 L Lezione 28 M Lezione
30 M Lezione 29 M Lezione
30 G
31 V Lezione Termine delle lezioni - II semestre

35
CALENDARIO

GIUGNO 2013 LUGLIO 2013


1 S FESTA DELLA REPUBBLICA 1 L Esami
2 D SANTISSIMA TRINIT 2 M Esami
3 L 3 M Esami
4 M 4 G Esami
5 M 5 V Esami Fine degli esami - Sessione Estiva
6 G 6 S
7 V 7 D XIV DEL TEMPO ORDINARIO
8 S 8 L
9 D CORPUS DOMINI 9 M Termine delle iscrizioni agli esami
10 L Esami Sessione autunnale
11 M Esami 10 M
12 M Esami Termine per liscrizione allesame 11 G
finale del 12 luglio 12 V Titoli in Scienze Religiose
13 G Esami 13 S
14 V Esami 14 D XV DEL TEMPO ORDINARIO
15 S 15 L La segreteria chiude al pubblico
16 D XI DEL TEMPO ORDINARIO fino al 2 settembre 2013
17 L Esami Inizio degli esami - Sessione Estiva 16 M
18 M Esami 17 M
19 M Esami 18 G
20 G Esami 19 V
21 V Esami 20 S
22 S 21 D XVI DEL TEMPO ORDINARIO
23 D XII DEL TEMPO ORDINARIO 22 L
24 L Esami Inizio delle iscrizioni agli esami - 23 M
Sessione autunnale 24 M
25 M Esami 25 G
26 M Esami 26 V
27 G Esami 27 S
28 V Esami 28 D XVII DEL TEMPO ORDINARIO
29 S 29 L
30 D XIII DEL TEMPO ORDINARIO 30 M
31 M

dal 29 luglio al 2 agosto Corso biblico estivo

36
CALENDARIO

SETTEMBRE 2013 OTTOBRE 2013


1 D XXII DEL TEMPO ORDINARIO 1 M Lezione
2 L Esami La segreteria riapre al pubblico 2 M Lezione
Iscrizioni al nuovo anno 3 G
accademico 4 V Lezione
Inizio degli esami - Sessione 5 S
autunnale 6 D XXVII DEL TEMPO ORDINARIO
3 M Esami 7 L Lezione
4 M Esami 8 M Lezione
5 G Esami 9 M Lezione
6 V Esami 10 G
7 S 11 V Lezione
8 D XXIII DEL TEMPO ORDINARIO 12 S
9 L Esami 13 D XXVIII DEL TEMPO ORDINARIO
10 M Esami 14 L Lezione
11 M Esami 15 M Lezione Termine per le iscrizioni al nuovo
12 G Esami anno e per la richiesta delle omo-
13 V Esami logazioni
14 S 16 M Lezione
15 D XXIV DEL TEMPO ORDINARIO 17 G
16 L Esami 18 V Lezione
17 M Esami 19 S
18 M Esami 20 D XXIX DEL TEMPO ORDINARIO
19 G Esami 21 L Lezione
20 V Esami Termine degli esami - Sessione 22 M Lezione
autunnale 23 M Lezione
21 S 24 G
22 D XXV DEL TEMPO ORDINARIO 25 V Lezione
23 L 26 S
24 M 27 D XXX DEL TEMPO ORDINARIO
25 M 28 L Lezione
26 G 29 M Lezione
27 V 30 M Lezione
28 S Termine per liscrizione allesame 31 G Titoli in Scienze Religiose
finale del 31 ottobre
29 D XXVI DEL TEMPO ORDINARIO
30 L Lezione Inizio delle lezioni - I semestre

37
Insegnamentiprevistiperla.a.2012/2013
I corso cr. eccl. ECTS Docente Sem.
Filosofia sistematica: etica 2 3 Gismano Franco I
Sacra Scrittura: Introduzione generale 4 6 Romanello Stefano I
Sacra Scrittura NT 1: Sinottici e Atti 4 7 Grasso Santi I
Storia della filosofia antica e medioevale 2 3 Freschi Claudio I
Storia della Chiesa antica 2 3 Piussi Sandro I
Metodologia teologica 2 2 Del Missier Giovanni I
Storia della filosofia antica e medioevale 2 3 Freschi Claudio I
Teologia: introduzione e fondamentale 5 8 Grosso Federico II
Morale fondamentale 5 8 Gismano Franco II
Sacra Scrittura AT 1: Libri storici 4 6 Giordani Giorgio II
Storia della filosofia moderna e contemporanea 4 6 Freschi Claudio II

II e III corso cr. eccl. ECTS Docente Sem.


Sacra Scrittura AT 3: Salmi e Sapienziali 4 6 Giordani Giorgio I
Sacra Scrittura NT 2: letteratura paolina 4 7 Romanello Stefano I
Storia della Chiesa antica (solo II) 2 3 Piussi Sandro I
Seminario teologico interdisciplinare (solo II) 2 3 Qualizza/Magarelli I
Didattica e metodologia 1: parte generale 2 3 Di BenedettoPatrizia I
Teologia Dogmatica 3: antropologia e grazia 4 7 Malnati Ettore I-II
Antropologia filosofica 3 5 Cucuzza Alessandro II
Morale della vita fisica e bioetica 4 6 Del Missier Giovanni II
Patrologia 4 6 Driussi Giovanni II
Storia della Chiesa medioevale e moderna 1 2 3 De Bortoli Antonella II
Teologia Dogmatica 1: Il Mistero di Dio (solo II) 4 7 De Cecco Sergio II

I e II corso specialistico cr. eccl. ECTS Docente Sem.


Psicologia generale 3 5 Piccoli Elena I
Psicologia dellesperienza religiosa 2 3 Candussio Sabrina I
Teologia delle religioni e dialogo interreligioso 3 6 Del Nin Franco I
Religioni nel Mondo 1: Ebraismo e Islamismo 4 7 Magris Aldo I-II
Morale sociale 4 6 Gismano Franco I-II
Seminario biblico 5 8 Grasso/Lamanna II
Psicologia dello sviluppo 3 5 Piccoli Elena II
Sociologia 2 3 Zenarolla Anna II
Teologia pastorale 4 6 Bettuzzi Ivan II
Indirizzo pastorale-catechetico-liturgico
Laboratorio teologico-pastorale 4 6 Della Pietra Loris I
Indirizzo pedagogico-didattico
Teoria della scuola e legislazione scolastica 2 3 Nunziata Andrea I
su richiesta
Indirizzo antropologico-culturale 6 12
di almeno 6 studenti
38
Quotepartecipative

ISSRnuovoordinamento(3+2)
Studentiordinariestraordinari:quotaannuale Unicasoluzionealliscrizione 500,00

Studentiordinariestraordinari:quotaannuale Alliscrizione 150,00


Rata1:entro30.11.2012 200,00
Rata2:entro31.03.2013 200,00

Studentiuditori:dirittiamministrativi Alliscrizione 15,00


Studentiuditori:singolocorso23oresett. Alliscrizione 50,00
Studentiuditori:singolocorso4opioresett. Alliscrizione 70,00

Moraperritardo:finoa15giorni 10,00
Moraperritardo:oltrei15giorni 25,00
Morapermancatoavvisodirinunciaesame 10,00

Studentifuoricorsoconesami:iscrizione Entroil31.01.2013 170,00


Studentifuoricorsosenzaesami:iscrizione Entroil31.01.2013 120,00

ScuoladiFormazioneTeologica
Iscrizioneannuale 300,00
DiplomadiTeologia 60,00

Certificati
Tuttiicertificativannorichiesticonunasettimanadianticipo

Certificatosemplice Allaprenotazione 5,00


Certificatogeneraledeglistudi Allaprenotazione 10,00
DiplomadiLaureainSR Alliscrizioneallesamefinale 160,00
DiplomadiLaureaMagistraleinSR Alliscrizioneallesamefinale 200,00

39
I CORSO TRIENNIO PER LA LAUREA
ORARIO PRIMO SEMESTRE
Orario Luned Marted Mercoled Gioved Venerd
Introduzione alla Metodologia Introduzione alla Storia della
17.30 18.15 S. Scrittura Teologica S. Scrittura Chiesa Antica
ROMANELLO DEL MISSIER ROMANELLO PIUSSI
Introduzione alla Metodologia Introduzione alla Storia della
18.15 19.00 S. Scrittura Teologica S. Scrittura Chiesa Antica
ROMANELLO DEL MISSIER ROMANELLO PIUSSI
19.00 19.15 Intervallo Intervallo Intervallo Intervallo
Esegesi NT1 Esegesi NT1 Storia Filosofia
Filosofia Etica
19.15 20.00 Sinottici - Atti Sinottici - Atti Antica e Medievale
GISMANO
GRASSO GRASSO FRESCHI
Esegesi NT1 Esegesi NT1 Storia Filosofia
Filosofia Etica
20.00 20.45 Sinottici - Atti Sinottici - Atti Antica e Medievale
GISMANO
GRASSO GRASSO FRESCHI
20.45 20.50 Intervallo Intervallo Intervallo Intervallo
Esegesi NT1
20.50 21.35 Sinottici - Atti
GRASSO

Lezioni in comune con il II corso del Triennio per la Laurea

ORARIO SECONDO SEMESTRE


Orario Luned Marted Mercoled Gioved Venerd
Esegesi AT 1 Teologia Esegesi AT 1 Teologia
17.30 18.15 Libri Storici Fondamentale Libri Storici Fondamentale
GIORDANI GROSSO GIORDANI GROSSO
Esegesi AT 1 Teologia Esegesi AT 1 Teologia
18.15 19.00 Libri Storici Fondamentale Libri Storici Fondamentale
GIORDANI GROSSO GIORDANI GROSSO
19.00 19.15 Intervallo Intervallo Intervallo Intervallo
Morale Teologia Storia Filosofia Storia Filosofia
19.15 20.00 Fondamentale Fondamentale Moderna e Contemp. Moderna e Contemp.
GISMANO GROSSO FRESCHI FRESCHI
Morale Morale Storia Filosofia Storia Filosofia
20.00 20.45 Fondamentale Fondamentale Moderna e Contemp. Moderna e Contemp.
GISMANO GISMANO FRESCHI FRESCHI
20.45 20.50 Intervallo Intervallo Intervallo Intervallo
Morale Morale
20.50 21.35 Fondamentale Fondamentale
GISMANO GISMANO

40
II e III CORSO TRIENNIO PER LA LAUREA
ORARIO PRIMO SEMESTRE
Orario Luned Marted Mercoled Gioved Venerd
Esegesi AT 3 Teologia Dogmatica 3 Esegesi AT 3 Storia della
17.30 18.15 Salmi e Sapienziali Antropologia e Grazia Salmi e Sapienziali Chiesa Antica
GIORDANI MALNATI GIORDANI PIUSSI
Esegesi AT 3 Teologia Dogmatica 3 Esegesi AT 3 Storia della
18.15 19.00 Salmi e Sapienziali Antropologia e Grazia Salmi e Sapienziali Chiesa Antica
GIORDANI MALNATI GIORDANI PIUSSI
19.00 19.15 Intervallo Intervallo Intervallo Intervallo
Esegesi NT 2 Esegesi NT 2 Seminario Teol.
Didattica 1
19.15 20.00 Lett. Paolina Lett. Paolina Interdisciplinare
DI BENEDETTO
ROMANELLO ROMANELLO (solo II)
Esegesi NT 2 Esegesi NT 2 Seminario Teol.
Didattica 1
20.00 20.45 Lett. Paolina Lett. Paolina Interdisciplinare
DI BENEDETTO
ROMANELLO ROMANELLO (solo II)

Lezioni solo per il II corso in comune con il I corso del Triennio per la Laurea
Seminario A: La teologia di W. Pannenberg QUALIZZA
a scelta
Seminario B: Mors et vita conflixere mirando MAGARELLI

ORARIO SECONDO SEMESTRE


Orario Luned Marted Mercoled Gioved Venerd
TD 3: Grazia Storia della Chiesa
Patrologia Patrologia
17.30 18.15 e Antropologia M.Evale e Moderna 1
DRIUSSI DRIUSSI
MALNATI DE BORTOLI
TD 3: Grazia Storia della Chiesa
Patrologia Patrologia
18.15 19.00 e Antropologia M.Evale e Moderna 1
DRIUSSI DRIUSSI
MALNATI DE BORTOLI
19.00 19.15 Intervallo Intervallo Intervallo Intervallo
Morale della Antropologia TD 1: TD 1:
19.15 20.00 Vita Fisica - Bioetica Filosofica il mistero di Dio il mistero di Dio
DEL MISSIER CUCUZZA DE CECCO DE CECCO
Morale della Antropologia TD 1: TD 1:
20.00 20.45 Vita Fisica - Bioetica Filosofica il mistero di Dio il mistero di Dio
DEL MISSIER CUCUZZA DE CECCO DE CECCO
20.45 20.50 Intervallo Intervallo Intervallo Intervallo
Morale della Antropologia
20.50 21.35 Vita Fisica - Bioetica Filosofica
DEL MISSIER CUCUZZA

Lezioni solo per il II corso del Triennio per la Laurea

41
I e II CORSO BIENNIO SPECIALISTICO
ORARIO PRIMO SEMESTRE
Orario Luned Marted Mercoled Gioved Venerd
Morale Sociale Psicologia religiosa Teologia Religioni
17.30 18.15
GISMANO CANDUSSIO DEL NIN
Morale Sociale Psicologia religiosa Teologia Religioni
18.15 19.00
GISMANO CANDUSSIO DEL NIN
19.00 19.15 Intervallo Intervallo Intervallo
Psicologia generale Teologia Religioni
19.15 20.00 Corso dindirizzo
PICCOLI DEL NIN
Psicologia generale Ebraismo Islamismo
20.00 20.45 Corso dindirizzo
PICCOLI MAGRIS
20.45 20.50 Intervallo Intervallo
Psicologia generale Ebraismo Islamismo
20.50 21.35
PICCOLI MAGRIS

Indirizzo pastorale: Laboratorio teologico-pastorale: liturgia DELLA PIETRA


Indirizzo didattico: Teoria della scuola e legislazione scolastica NUNZIATA

ORARIO SECONDO SEMESTRE


Orario Luned Marted Mercoled Gioved Venerd
Morale Sociale Teologia Pastorale
17.30 18.15 Seminario biblico
GISMANO BETTUZZI
Morale Sociale Teologia Pastorale
18.15 19.00 Seminario biblico
GISMANO BETTUZZI
19.00 19.15 Intervallo Intervallo Intervallo
Psicologia sviluppo Teologia Pastorale Ebraismo Islamismo
19.15 20.00
PICCOLI BETTUZZI MAGRIS
Psicologia sviluppo Sociologia Ebraismo Islamismo
20.00 20.45
PICCOLI ZENAROLLA MAGRIS
20.45 20.50 Intervallo Intervallo Intervallo
Psicologia sviluppo Sociologia
20.50 21.35
PICCOLI ZENAROLLA
Seminario A: Bibbia e violenza GRASSO
a scelta
Seminario B: I Salmi delle Ascensioni LAMANNA

42
Descrizionedeicorsi2012/2013
I.TriennioperlaLaurea
SacraScrittura:Introduzionegenerale prof.StefanoRomanello
ECTS6 cr.eccl.4 Corsosemestrale(4oresett.Isem.)

Obiettivididattici:Ilcorsointendeintrodurregliallieviallostudioscientificodella
Sacra Scrittura, presentandone lambiente e le situazioni di origine, il rilievo che
essahaperlacoscienzacredentequaleparoladiDio,eleprincipalimetodichedi
studiodeitestibiblici.
Contenuti:
1.LaBibbiacomeParoladiDio:lautocoscienzadellaBibbiacomeparolaautore
vole/ispirata;lariflessioneteologicaeledichiarazionimagisterialisuispirazionee
interpretazionebiblica;ilCanonedellaBibbia.
2.Metodologiediletturabiblica:iprincipalimetodidistudiobiblicoallalucedel
documentoLinterpretazionedellaBibbianellaChiesa.
3.LoriginedellaBibbia:visionesinteticadelleproblematichedellastoriadIsraele;
loriginedeilibribiblicinelcontestodellastoriadIsraele.
Modalit di svolgimento: Il punto 2. verr svolto in forma seminariale, con pre
sentazionepubblicadiesercitazionisvoltadagliallieviconlaguidadeldocente,su
ulteriorebibliografiadaluiindicata.Ipunti1.e3.sonosvoltiinformafrontale.
Modalitdiverifica:Duranteilcorso:presentazionediesercitazionidiletturabi
blica;nellasessionedesami:verificaoralesuipunti1.e3.Colorochenonpresen
tassero la propria esercitazione durante il corso, sono tenuti a presentarla, con
giuntamenteaunostudiodelletematicheinerentialpunto2.,insedediverificafi
nale.
Bibliografia:
Documentimagisteriali:
CONCILIO ECUMENICO VATICANO II, Costituzione dogmatica Dei Verbum (18 novembre
1965);
PONTIFICIACOMMISSIONEBIBLICA,LinterpretazionedellaBibbianellaChiesa(1993);
BENEDETTOXVI,esortazioneapostolicapostsinodaleVerbumDomini(11novembre2010).
Studidiriferimento:
ARTOLAA.M.,SNCHEZCAROJ.M.,BibbiaeparoladiDio,Paideia,Brescia1994;
ANGELINIG.(ED.),Larivelazioneattestata.LaBibbiafratestoeteologia,Glossa,Milano1998;
BUZZETTIC.,CIMOSA M.,Bibbia.ParolascrittaeSpirito,sempre.IspirazionedelleSacrescritture,
LAS,Roma2004;
FABRISR.(ED.),IntroduzionegeneraleallaBibbia,LDC,Leumann(TO)2006;
LIVERANIM.,OltrelaBibbia.StoriaanticadIsraele,Laterza,RomaBari2004;
TBETM.,IntroduzionegeneraleallaBibbia,SanPaolo,CiniselloBalsamo1998;
43
THEOBALDC.,SeguendoleormedellaDeiVerbum.Bibbia,teologiaepratichedilettura,EDB,
Bologna2011.

SacraScritturaNT1:SinotticieAtti prof.SantiGrasso
ECTS7 cr.eccl.4 Corsosemestrale(5oresett.Isem.)

Obiettivididattici:Ilcorsosiprefiggeinprimoluogodiintrodurreallostudiodelle
importanti problematiche critiche, alla lettura dei Vangeli sinottici e degli Atti degli
Apostolieinsecondodiapplicareimetodiesegeticiallostudiodialcunitesti.
Contenuti: Storia dellermeneutica: Old Quest/New Quest/Third Quest; Ambiente
giudaico(Qumran,Apocalittica,GiuseppeFlavio);Strutturaeteologiadelvangelo
di Matteo, di Marco, di Luca, di Atti degli Apostoli. Testi di esegesi: La chiamata
dei quattro pescatori (Mt 4,1822//Mc 1,1620//Lc 5,111); Le beatitudini (Mt 5,1
12//Lc 6,2023.2326); Il Padre Nostro (Mt 6,913//Lc 11,24); La guarigione di un
lebbroso(Mt8,14//Mc1,4045//Lc5,1216);Laguarigionedelfigliodelcenturione(Mt
8,513//Lc7,110);Laparaboladelseminatoreespiegazione(Mt13,123//Mc4,120//Lc
8,115); La parabola del giudizio finale (Mt 25,3146); La morte di Ges (Mt 27,45
56//Mc15,3341//Lc23,4449);IdiscepolidiEmmaus(Lc24,1335);Lapentecoste(At
2,141);Ifondamentidellacomunit(At2,4148);LachiamatadiPaolo(At9,130).
richiestalaletturadiuntestodiintroduzionescegliendotra:
GEORGEA.GRELOTP.,IntroduzionealNuovoTestamento,voll.12,Borla,Roma1985;
LOHSEE.,LambientedelNuovoTestamento,Paideia,Brescia19912.
Modalitdisvolgimento:Perquantoriguardalaprimapartesiintendepresentarea
grandi linee le maggiori problematiche introduttive allo studio critico del Nuovo
Testamento;percicheconcernelasecondasivuoleoffrirelapossibilitdistudiarei
testisopraelencatiattraversoidiversimetodiesegetici.
Modalit di verifica: Nellesame lo studente dovr mostrare sia la sua capacit
sintetica nel presentare le importanti tematiche di approccio critico allo studio del
Nuovo Testamento, sia la sua capacit analitica nel saper affrontare lo studio delle
pericopisceltedaiVangeliedagliAtti.
Bibliografia:
Perlintroduzione:
AGUIRRE MONASTERIO R., RODRGUEZ CARMONA A., Vangeli sinottici e Atti degli Apostoli,
Paideia,Brescia1995;
CASTELLUCCI E., DavveroilSignorerisorto.Indagineteologicofondamentalesullarisurrezionedi
Ges,Cittadella,Assisi(PG)2005;
CONZELMANNH.,LINDEMANNA.,GuidaallostudiodelNuovoTestamento,Marietti,Torino1990;
EGGER W., Metodologia del Nuovo Testamento. Introduzione allo studio scientifico del Nuovo
Testamento,EDB,Bologna1989;
GUILLEMETTEP.,BRISEBOISM.,Introduzioneaimetodistoricocritici,Borla,Roma1990;
44
KOLLMANNB.,StoriedimiracolinelNuovoTestamento,Queriniana,Brescia2005;
KMMEL W.G., IlNuovoTestamento.Storiadellindaginescientificasulproblemaneotestamentario,
EDB,Bologna1976;
MANNSF.,Ilgiudaismo.AmbientememoriadelNuovoTestamento,EDB,Bologna1994;
SEGALLAG.,SulletraccediGes.Laterzaricerca,Cittadella,Assisi(PG)2006.
Perlesegesi:
ERNSTJ.,IlvangelosecondoLuca,voll.12,Morcelliana,Brescia1990;
GRASSOS.,Luca,Borla,Roma1999;
ROSSG.,IlVangelodiLuca,CittNuova,Roma1992.

FABRISR.,Matteo,Borla,Roma1982;
GNILKAJ.,IlvangelodiMatteo,voll.12,Paideia,Brescia1988;
GRASSOS.,IlvangelodiMatteo,Dehoniane,Roma1995.

GNILKAJ,Marco,Cittadella,Assisi1987;
PESCHR.,IlvangelodiMarco,voll.12,Paideia,Brescia1982;
SCHNACKENBURGR.,VangelosecondoMarco,voll.12,Paideia,Brescia1975;
GRASSOS.,IlvangelodiMarco,Paoline,Milano2004.

BARRETTC.K.,Atti,voll.2,Paideia,Brescia21998;
FITZMYERJ.A.,GliAttidegliApostoli,Queriniana,Brescia2003;
ROSSG.,Attidegliapostoli,CittNuova,Roma1998;
ZMMIJEWSKIJ.,AttidegliApostoli,Morcelliana,Brescia2006.

SacraScritturaNT2:Letteraturapaolina prof.StefanoRomanello
ECTS7 cr.eccl.4 Prerequisiti:SacraScrittura:Introduzionegenerale Corsosemestrale(4oresett.Isem.)

Obiettivididattici:Gliobiettivifondamentalidelcorsoconsistononellacquisizione
sia di una prima competenza personale nella lettura e comprensione delle argo
mentazionipaoline,siadellebasilarisueideeteologiche.Aquestopropositosipor
r attenzione alle differenti modalit espositive tra le lettere indisputate e quelle
comunementeritenutedellasuatradizione.Unappendiceascostituirunsaggio
danalisidellaLetteraagliEbrei.
Contenuti:FontiecronologiadellattivitdiPaolo.Suoprofilobiografico;Ilgenere
epistolareeleletterediPaolo;Latradizionepaolina;Argomentazioneeteologia
diRm18,conraffrontoconaltresignificativeargomentazionipaoline;Cennisulla
LetteraagliEbrei.
Modalitdisvolgimento:
Parte istituzionale: dopo unabreve introduzionedeldocente, gli studenti studie
rannolequestioniconcernentilacronologiapaolinaelametodologiadistudiodel
lesueepistole,presentandocriticamenteatalfineunadelleletteredelsuoepisto
lario.

45
Parte monografica: lettura continuativa e studio dei capp.18 della Lettera ai Ro
mani, con comparazioni con altri significativi brani dellepistolario paolino. Saggi
diletturadellaLetteraagliEbrei.
Modalitdiverifica:Lesamesaroralepertutti,avendoperoggettolapresenta
zionediunadellelettereindicatedaldocenteeibranistudiatiinclasse.
Bibliografia:
BARBAGLIOG.,IlpensaredellapostoloPaolo,EDB,Bologna2004;
BARBAGLIOG.,LateologiadiPaolo.AbbozziinformaepistolareEDB,Bologna1999;
FABRISR.,LatradizionePaolina,EDB,Bologna1995;
FABRISR.,ROMANELLOS.,IntroduzioneallaletturadiPaolo,Borla,Roma2006;
HAWTHORNEG.F.,MARTINR.P.,REIDD.G.(EDD.),DizionariodiPaoloedellesuelettere(ed.
italianaacuradiR.PENNA),EP,CiniselloBalsamo1999;
MANZIF.,LetteraagliEbrei,CittNuova,Roma2001;
SANDERS E.P., Paolo e ilgiudaismopalestinese.Studiocomparativosumodellireligiosi Paideia,
Brescia1986.

SacraScritturaAT1:Libristorici prof.GiorgioGiordani
ECTS6 cr.eccl.4 Prerequisiti:SacraScrittura:Introduzionegenerale Corsosemestrale(4oresett.IIsem.)

Obiettivi didattici: Si utilizzeranno le diverse metodologie esegetiche: al metodo


storicocriticosiaffiancherannoquellinarratologicoesimbolico.Datochelavastit
delmaterialeletterariodaesaminarenonpermetteunanalisidettagliatadeitesti,ci
si orienta, allora, ad impadronirsi degli strumenti di base che permettano: 1. Un
approccioesegeticosignificativoconitestiscelti;2.Unadefinizionediunateologia
costitutivadelPrimoTestamento.
Contenuti:EsegesidiGn13;Gn411:problemiesegeticieletturafinale;Esegesidi
Gn12,14;Lafedeneiciclipatriarcali;Esodo:origineletteraria,struttura,materialie
significato;EsegesidiEs3,115;IsegninellEsodo;LaPasquaEs12;Ilpassaggiodel
mare Es 14; Esegesi Es 1920; 24; Il materiale legislativo; Deuteronomio: temi; La
teologiadeuteronomista.
Modalit di svolgimento: Le tematiche saranno presentate con lezioni frontali
conunlavorodisupportorichiestoaglialunniperpoteraffrontareinmanierain
duttivaalcuniproblemisignificativiperlacquisizionediunmetododiricerca.
Modalit di verifica: lesame orale verter sulla capacit di usare correttamente i
metodidiinterpretazionesiaesegeticacheteologicobiblica.
Bibliografia:
BLENKINSOPP J., Il Pentateuco. Introduzione ai primi cinque libri della Bibbia, Queriniana,
Brescia1996;

46
CHILDS B.S., Il libro dellEsodo. Commentario criticoteologico, Piemme, Casale Monferrato
(AL)1995;
GARCA LPEZ F., Pentateuco. Introduzione alla lettura dei primi cinque libri della Bibbia,
Paideia,Brescia2004;
SKAJ.L.,IntroduzioneallaletturadelPentateuco,EDB,Bologna2004;
WESTERMANNC.,Genesi,Piemme,CasaleMonferrato(AL)1995.

SacraScritturaAT3:SalmieSapienziali prof.GiorgioGiordani
ECTS6 cr.eccl.4 Prerequisiti:SacraScrittura:Introduzionegenerale Corsosemestrale(4oresett.Isem.)

Obiettivi didattici: Saper riconoscere lo stile della produzione letteraria dei libri
sapienzialie,diconseguenza,lapeculiareteologiabiblicapresente.
Contenuti: Introduzione ai libri sapienziali; Esegesi di testi del libro di Giobbe,
Qoelet,Siracide,Proverbi,Sapienza;InterpretazionedialcuniSalmi.
Modalitdisvolgimento:Lezionifrontali,ricerchepersonali,discussioniinclasse.
Modalitdiverifica:Lesameoraletenderaverificarelacapacitdiriconoscere
attraversoillavorodiesegesiilsensodeitestiericavarnelateologiabiblica.
Bibliografia:
ALONSOSCHKELL.,CARNITIC.,ISalmi,2voll.,Borla,Roma19921993;
ALONSO SCHKEL L., SICRE DAZ J.L., Giobbe. Commento teologico e letterario, Borla, Roma
1985;
ALONSOSCHKELL.,VLCHEZLNDEZJ.,IProverbi,Borla,Roma1988;
BARBIEROG.,Canticodeicantici,Paoline,Milano2004;
BONORAA.;PRIOTTOM.(EDD.),Librisapienzialiealtriscritti,LDC,Leumann(TO)1997;
MORLAASENSIOV.ETAL.,Librisapienzialiealtriscritti,Paideia,Brescia1997;
RAVASIG.,IllibrodeiSalmi.Commentoeattualizzazione,3voll.,EDB,Bologna19811984;
VILCHEZLINDEZJ.,Qolet,Borla,Roma1997;
VLCHEZLNDEZJ.,Sapienza,Borla,Roma1990.

Storiadellafilosofiaanticaemedioevale prof.ClaudioFreschi
Aspettidellariflessioneeticanelpensierogreco
ECTS3 cr.eccl.2 Corsosemestrale(2oresett.Isem.)

Obiettivididattici:fornireaicorsistiunquadrodeiproblemiedeiconcettiessen
zialidellariflessionesulproblemaeticonelpensierogreco,inparticolaredaiSofisti
alletellenistica,anchecomepresuppostopercomprenderetaluneinterpretazioni
contemporanee.
Contenuti:
1. Umanismo,relativismoeconvenzionalitdellamoralenellariflessioneeticadei
Sofisti.

47
2. Intellettualismo, autenticit e orizzonte universalista nel pensiero etico di
Socrate.
3. PlatoneelideadelBene.
4. DefinizionedelgiustomezzoedelfineultimodellagireumanoinAristotele.
5. Ragioneepiacerenellariflessionemoraledelletellenistica.
Modalitdisvolgimento:Lezionifrontali;organizzazionedilavoriseminarialisu
determinatitesti;trasmissioneditracce,mappeconcettuali,questionari.
Modalitdiverifica:Discussioneorganizzatasugliargomentidelcorso;sommini
strazionediquestionari;lavorosuitestinellambitodeiseminari;esameoralecon
clusivo.
Bibliografia:
Manualediriferimento:
ABBAGNANO N.,FORNERO G.,IlNuovoProtagonistietestidellafilosofia,voll.1Ae1B,Para
via,Torino2006.
DEBARTOLOMEOM.,MAGNIV.,Isentieridellaragione,vol.1B,Atlas,Bergamo2006.
Testi selezionati: PLATONE, Critone, Menone, Protagora, Repubblica; ARISTOTELE, Etica nico
machea;EPICURO,LetteraaMeneceo.
Studi:
ADKINSA.W.H.,LamoraledeiGreci,Laterza,RomaBari1964;
BERTIE.,ProfilodiAristotele,Studium,Roma1985;
KOYR,IntroduzioneaPlatone,EditoriRiuniti,Roma1996;
ROBINL.,Storiadelpensierogreco,Mondadori,Milano1962
Altromaterialebibliografico:
Eventualiulterioriindicazionideldocenteinaperturadelcorso.

Storiadellafilosofiamodernaecontemporanea prof.ClaudioFreschi
Problemadelsensodellavitaeragionevolezza
dellafedecristiananeiPensieridiPascal
ECTS6 cr.eccl.4 Corsosemestrale(4oresett.IIsem.)

Obiettivididattici:fornireaicorsistiunpercorsodentroilpensierodiB.Pascal,per
presentareinparticolarelasuacapacitdiriaccreditarelaragionevolezzadellafede
nel Dio di Ges Cristo nel contesto della nuova interrogazione sul senso del
mondoedellavitaapertadallarivoluzioneastronomicaescientifica.
Contenuti:
1.Rivoluzioneastronomicaescientificaedeffettisullavisionedelmondo.
2.AspettidecisividellariflessionediPascal:
- ilproblemadelsensodellavita;
- lacriticadeldivertissement;
- grandezzaemiseriadelluomo;
48
- laproblematicitdelDiodeifilosofi;
- spiritodigeometriaespiritodifinezza;
- lesperienzadelDiodiGesCristoeilMemoriale;
- lascommessasuDioelaragionevolezzadiunopzionedifede.
Modalitdisvolgimento:Lezionifrontali;organizzazionedilavoriseminarialisu
determinatitesti;trasmissioneditracce,mappeconcettuali,questionari.
Modalitdiverifica:Discussioneorganizzatasugliargomentidelcorso;sommini
strazionediquestionari;lavorosuitestinellambitodeiseminari;esameoralecon
clusivo.
Bibliografia:
Manualediriferimento:
ABBAGNANO N.,FORNERO G.,IlNuovoProtagonistietestidellafilosofia,voll.2A,2Be3A,
Paravia,Torino2007.
Testi selezionati: PASCAL B., Pensieri, (a cura di A. Bausola, R. Tapella), Rusconi, Milano
1993.
Studi:
ANTISERID.,ComeleggerePascal,Bompiani,Milano2005;
BAUSOLAA,IntroduzioneaPascal,Laterza,RomaBari1997;
GUARDINIR.,Pascal,Morcelliana,Brescia1992;
LECLERCE.,Pascal,Paoline,CiniselloBalsamo(MI)1996.
Altromaterialebibliografico:
Eventualiulterioriindicazionideldocenteinaperturadelcorso.

Filosofiasistematica:etica prof.FrancoGismano
ECTS3 cr.eccl.2 Prerequisiti:StoriadellaFilosofia Corsosemestrale(2oresett.Isem.)

Obiettivididattici:Fornireunintroduzioneallaproblematicamoralegeneraleper
mezzo di unesposizione sistematica dei concetti di base delletica filosofica. Tali
concettiverrannopresentatinellorosviluppostoricofilosofico.
Contenuti: In dialogo con le recenti concezioni filosofiche della libert umana, si
cerca di stabilire la reale possibilit delluomo di essere padrone dei suoi atti. Ci
comportalanalisidellattoumanoallalucedellacorrelazionedellecategorieetiche
fondamentalidicoscienzaenorma.
Modalit di svolgimento: Lezioni frontali e approfondimento delle tematiche at
traversolaletturadiunmanualeindicato.
Modalitdiverifica:Laverificasisvolgeroralmente,apartiredaunargomento
svoltodurantelelezioniesceltodalcandidato.
Bibliografia:
ABBG.,Qualeimpostazioneperlafilosofiamorale?,LAS,Roma1996;
49
DAREA.,Filosofiamorale,BrunoMondatori,Milano2003;
LONARDA.,Ilfondamentodellamorale.Saggiodieticafilosofica,SanPaolo,CiniselloBalsamo
20052.
Altromaterialebibliografico:
AA.VV.,Lessicodellalibert.Percorsotra15parolechiave,Paoline,Milano2005;
AA.VV.,Perunalibertresponsabile,Messaggero,Padova2000;
BRENAG.L.(acuradi),Lalibertinquestione,Messaggero,Padova2002.

Antropologiafilosofica prof.AlessandroCucuzza
ECTS4 cr.eccl.7 Prerequisiti:StoriadellaFilosofia Corsosemestrale(3oresett.IIsem.)

Obiettivididattici:Ilcorsodiantropologiafilosoficasiproponedicollocarelari
flessionesulluomoallinternodelleproblematichecontemporanee,associandoagli
approfondimenti di carattere filosofico una attenta disanima della percezione
delluomo che la societ contemporanea ha oggi sviluppato. Lintento quello di
fornirestrumentidiletturadellarealtedarelapossibilitdiunrecuperodiquegli
elementichefavorisconounavisionechecorrispondaallapienadignitdelluomo.
Contenuti: Con una trasversale riflessione sulla percezione contemporanea
delluomo, il corso vuole presentare le dimensioni fondamentali della natura
umana,neisuoiaspettidiinteriorit,direlazioneconlarealtchelacircondaedi
apertura ad un orizzonte infinito. Particolare valutazione sar data anche alle di
verseconcezionidelluomolungolastoriadellafilosofiadandoilgiustorisaltoalla
riletturainchiavepersonalisticadelpensierofilosoficocattolicocontemporaneo.
Modalit di svolgimento: Il corso prevede un monte ore di lezioni frontale suffi
cienteapresentareeadapprofondireidiversiaspettidellanaturaumanasecondo
una declinazione filosofica cristiana. Non mancher lo spazio per lo stimolo
allapprofondimento personale degli studenti e alla loro rilettura critica di quanto
proposto.
Modalitdiverifica:Esameorale,nelqualeoltrelaconoscenzadiquantoesposto
in classe sar richiesta la dimostrazione di una personale rilettura critica degli ar
gomentipresentatidalprofessore.
Bibliografia:
Manuali:
LUCASLUCASR.,Luomospiritoincarnato,EdizioniSanPaolo,CiniselloBalsamo,1993;
LUCASLUCASR.,Orizzonteverticale,EdizioniSanPaolo,CiniselloBalsamo,2007;
MONDINB.,Antropologiafilosofica,EdizioniStudioDomenicano,Bologna,2006;
PALUMBIERIS.,Luomoquestameraviglia,UrbanianaUniversityPress,Roma,1999;
PALUMBIERIS.,Luomoquestoparadosso,UrbanianaUniversityPress,Roma,2000.

50
Altromaterialebibliografico:
BERGAMINOF.,Lastrutturadellessereumano,Edusc,2007;
FIMIANIM.,Antropologiafilosofica,EditoriRiuniti,2005;
MANCINI R., FALAPPA F., CANULLO C., LABATE S., Per unantropologia della creaturalit, Il
pozzodiGiacobbe,Trapani,2009.

Moralefondamentale prof.FrancoGismano
ECTS8 Cred.eccl.:5 Prerequisiti:Filosofiasistematica:etica Corsosemestrale(5oresett.IIsem.)

Obiettivididattici:Fornireleprincipalichiaviinterpretativedellesperienzamorale
delcredente,coscomesisonoconfiguratenellariflessioneteologicapostconciliare
(dalVaticanoIIinpoi).Vuoleinoltreintrodurrelostudenteallacomprensionedel
linguaggioteologicomoraleattraversolaletturadiunmanualespecificamentein
dicato.
Contenuti:Laprimapartedelcorsomiraadunasinteticaricostruzionedellagenesi
filosoficoteologicadellecategoriemoralidelcredente.Presentalattualesituazione
delladisciplinaenericostruiscelastoria.Lasecondapartedelcorsocostituitada
unatrattazionesistematicadeifondamentidellecategoriemoraliallalucedellaRi
velazionecristiana.
Modalit di svolgimento: I contenuti della prima parte del corso vengono offerti
con il metodo della lezione frontale; mentre gli approfondimenti vengono svilup
patisullabasedellaletturacommentatadipartidelmanualeindicatoe/odiarticoli
proposti.
Modalitdiverifica:Verificaoralesuicontenutisvoltidurantelelezionietrattati
nelmanualeindicato.
Bibliografia:
Documentimagisterialiprincipali:
CONCILIOECUMENICOVATICANOII,Documenti;
GIOVANNIPAOLOII,lett.enc.Veritatissplendor(6agosto1993);
GIOVANNIPAOLOII,lett.enc.Fidesetratio(14settembre1998);
Studidiriferimento:
DEMMERK.,Introduzioneallateologiamorale,Piemme,CasaleMonferrato(AL)1993;
MIRABELLA P.,AgirenelloSpirito.Sullesperienzamoraledellavitaspirituale,Cittadella,Assisi
(PG)2003.
Altromaterialebibliografico:
COMPAGNONI F., PIANA G., PRIVITERA S. (EDD.), Nuovo Dizionario di Teologia Morale, San
Paolo,CiniselloBalsamo(MI)1990;
PIANA G.,Lagiremoraletraricercadisensoedefinizionenormativa,CittadellaEditrice,Assisi
(PG)2001.

51
Moraledellavitafisicaebioetica prof.GiovanniDelMissier
ECTS6 cr.eccl.4 Prerequisiti:Moralefondamentale Corsosemestrale(3oresett.IIsem.)

Obiettivididattici:Conoscenzadeldibattitoincorsosuitemidellabioeticaedella
posizione del Magistero; acquisizione e affinamento dellargomentazione etico
teologicanelcampodelleticadellavita;riflessionecriticasuitemidellavitaedella
salute.
Contenuti:
Partegenerale:Identitestatutoepistemologicodellabioetica;Teoriemoraliepre
supposti filosofici delle diverse impostazioni bioetiche; Coordinate fondamentali
perunaantropologiateologica.
Parte sistematica: Non uccidere: omicidio, suicidio, legittima difesa e pena di
morte;Liniziodellavita:statutodellembrioneumano,abortoeprocreazioneassi
stita; Le sfide della medicina: trapianti, accertamento della morte, accanimento ed
eutanasia.
Modalitdisvolgimento:Lezionifrontaliconsupportididatticimultimediali.
Modalitdiverifica:Esameoralefinaleconelaboratoscrittofacoltativo.
Bibliografia:
Documentimagisterialiprincipali:
CONGREGAZIONEPERLA DOTTRINADELLA FEDE,dichiarazioneQuaestiodeabortu(18novem
bre1974)sullabortoprocurato;
CONGREGAZIONE PER LA DOTTRINA DELLA FEDE, istruzione Donum Vitae (22 febbraio 1987)
sullavitaumananascenteeladignitdellaprocreazione;
CONGREGAZIONE PER LA DOTTRINA DELLA FEDE, istruzione Dignitas Personae (8 settembre
2008)sualcunequestionidibioetica;
GIOVANNIPAOLOII,letteraenciclicaEvangeliumVitae(25marzo1995)sulvaloreelinviola
bilitdellavitaumana.
Studidiriferimento:
FAGGIONI M.P., La vita nelle nostre mani. Manuale di bioetica teologica, Camilliane, Torino
20092.
MERLOP.,Fondamenti&temidibioetica,LAS,Roma20112;
MORDACCI R., Unaintroduzionealleteoriemorali.ConfrontoconlaBioetica,Feltrinelli,Milano
2003.
PONTIFICIA ACADEMIAPRO VITA, Laculturadellavita:fondamentiedimensioni,LEV,Cittdel
Vaticano2002.
SCHOCKENHOFFE.,EticadellaVita.Uncompendioteologico,Queriniana,Brescia1997.
SGRECCIA E., Manuale di bioetica. Volume I. Fondamenti ed etica biomedica, Vita e Pensiero,
Milano19993.
TETTAMANZID.,Nuovabioeticacristiana,Piemme,CasaleMonferrato(AL)20002.
Altromaterialebibliografico:Dispensenelformatoslideseindicazionideldocente.

52
StoriadellaChiesaantica prof.SandroPiussi
ECTS3 cr.eccl.2 Corsosemestrale(2oresett.Isem.)

Obiettivi didattici: Favorire la conoscenza della Chiesa delle origini nella variet
dellesueistituzionienelrapportomissionarioconilmondogiudaico,grecoroma
noedeinuovipopoli(secoloIVII).
Contenuti: La genesi della storia della Chiesa nellorizzonte giudaico e grecoro
mano.FisionomiadellaprincipaliChiese.Istituzioni,missione.Caratterievolutivi.
Modalitdisvolgimento:Frontaleeinterattivoconutilizzodellefontiletterarie.
Modalitdiverifica:Colloquioorale,conanalisidellefonti.
Bibliografia:
COMBYJ.,PerleggerelastoriadellaChiesa.Vol.1:DalleoriginialXVsecolo.,Borla,Roma1986;
DANILOU J. MARROU H..,NuovastoriadellaChiesa.1.DalleoriginiaSanGregorioMagno,
Marietti,Torino1994.

StoriadellaChiesamedioevaleemoderna1 prof.AntonellaDeBortoli
ECTS3 cr.eccl.2 Corsosemestrale(2oresett.IIsem.)

Obiettivididattici: Far conoscereaglistudenti iprincipali avvenimenti caratteriz


zanti la Storia della Chiesa dalla formazione dei vescoviconti, secondo la politica
degli Imperatori Sassoni (Privilegium Othonis, 962), fino allepoca della Controri
forma (Paci della Vestfalia, 1648). Il corso monografico propone lanalisi del
rapportotraChiesaeStatonelmedioevofeudale.
Contenuti:
Parte generale: Lotta per le investiture; Le Crociate; Comuni, Impero e Papato;
ApogeodelMedioevo:FedericoII,InnocenzoIII;LacontestazionedellaChiesa:le
eresie; La crisi dellUniversalismo: Bonifacio VIII e Filippo il Bello; Il papato ad
Avignone; Et moderna; La Rivoluzione Protestante; Lutero; Calvino; La Riforma
Cattolica;IlConciliodiTrento;LaguerradeiTrentanni.
Partemonografica:Ereticiederesiemedievali.

Modalit di svolgimento: Il corso, diviso in due parti, consentir agli studenti,


nellaprima,diacquisiremetodoestrumentiperunarielaborazionepersonaledelle
principali tematiche proposte dal programma e, nella seconda, di approfondire
largomentomonograficoattraversolanalisiditestiedocumenti.

Modalitdiverifica:Lesame,orale,prevedeoltrelaverificadellacquisizionede
gliargomentipropostidurantelelezioni,lapresentazionedapartedellostudente,
di una rielaborazione personale di una tematica a scelta, legata a quelle proposte
dalprogramma,corredatadabibliografia.
53
Bibliografia:
PartegeneraleManuali
COMBYJ.,PerleggerelastoriadellaChiesa,voll.IeII,Borla,Roma1986;
FILORAMOG.,MEZZID.,Storiadelcristianesimo,voll.IIeIII,Laterza,Bari2001;
LENZENWEGER J., STOCKMEIER P., AMON K., ZINNHOBLER R., StoriadellaChiesacattolica,San
Paolo,CiniselloBalsamo(MI)1989;
MARTINAG.,StoriadellaChiesa,Morcelliana,vol.I,Brescia1997;
MEZZADRI L., Storia della Chiesa tra Medioevo ed epoca moderna, vol. I: Dalla crisi della
Cristianit alle Riforme (12941492); vol. II: Rinnovamenti, separazioni, missioni. Il
Concilio di Trento (14921563); vol. III: Il grande disciplinamento (15631648), CLV,
Roma2001.
Operediconsultazione
FLICHEA.MARTINV.(EDD.),Storiadellachiesa,Torino1974,voll.25;
JEDINH.(ED.),StoriadellaChiesa,Milano19761985,voll.10.
Partemonografica:
Dispensaacuradeldocenteconfontiletterarieedocumentarie.
Altromaterialebibliografico: Ulterioriindicazionibibliograficheverranno fornite du
rantelosvolgimentodelcorso.

Teologia:introduzioneefondamentale prof.FedericoGrosso
ECTS8 cr.eccl.5 Corsosemestrale(5oresett.IIsem.)

Obiettivididattici: Fornire la cartadidentit della Teologia egli aspetti fonda


mentali della sua riflessione, in relazione a quattro fuochi: lo sviluppo storico (per
giungereallaprogressivacostituzionedelsuostatutoepistemologico);laRivelazione
(pergiungereallaconsapevolezzadiunaperturaradicaledelluomoallautorivela
zionediDioedelculmineditaleautorivelazioneinGesCristo);GesilCristo(per
giungere alla valenza universale e affidabile della testimonianza pasquale di
Cristo)elaChiesa(pergiungereaverificarelacredibilitdellamediazionetestimo
nialedellaChiesa).
Contenuti: A. Sezione storicoepistemologica: 1. Qualche suggestione iniziale su:
Teologiastileetempo.2.LosviluppostoricodellaTeologiadalleoriginialXXse
colo.3.Teologiaeteologiafondamentaleoggi:identit,sfideestatutoepistemolo
gico. B. Sezione sistematica: 1. Homo capax Dei: lapertura radicale delluomo alla
Rivelazione. 2. La Rivelazione di Dio in Ges Cristo: la parola definitiva di un
Dio affidabile. 3. Ges Cristo e la sua testimonianza pasquale. 4. La Chiesa
comefonteditestimonianzaesegnodicredibilit.C.Sezionepraticoseminariale:
breveelaboratoscritto,redattoconmetodoscientificoedespostoinclasse,sualcuni
autori rappresentativi di ciascun periodo trattatodello sviluppo storico della Teo
logia.

54
Modalit di svolgimento: Lezioni frontali del docente, dialogo in classe, apporti
deglistudenti(soprattuttoinriferimentoallasezioneseminarialeeallelettureasse
gnate).
Modalitdiverifica:Compitiinriferimentoallelettureassegnate;elaboratoesua
esposizione,esameorale.
Bibliografia:
a.Documentiefontimagisteriali:DocumentidelConcilioVaticanoII;GIOVANNIPAOLOII,
lettera enciclica Fides et Ratio; DENZINGER H., Enchiridion symbolorum definitionum et
declarationumderebusfideietmorum,EDB,Bologna20003
b.Testidiriferimento.Sezionestorica:
DULLES A., Il fondamento delle cose sperate. Teologia della fede cristiana, Queriniana, Brescia
1997;
OSCULATI R., La teologia cristiana nel suo sviluppo storico. I. Primo millennio, Edizioni San
Paolo,CiniselloBalsamo(MI)1996;
ID., La teologia cristiana nel suo sviluppo storico. II. Secondo millennio, Edizioni San Paolo,
CiniselloBalsamo(MI)1997;
VAGAGGINIC.,Teologia,NDT15491652.
c.Sezionesistematica:
PININOTS.,Lateologiafondamentale.Rendereragionedellasperanza(1Pt3,15),Queriniana,
Brescia2002.
d.Altritesti:
BOFG.,Teologia,DSPTh16011674;
FISICHELLA R. (ED.), La teologia fondamentale. Convergenze per il terzo millennio, Piemme,
CasaleMonferrato(AL)1997;
GIBELLINIR.,LateologiadelXXsecolo,Queriniana,Brescia19963;
ID.(ED.),ProspettiveteologicheperilXXIsecolo,Queriniana,Brescia2003;
HERCSIKD.,Elementiditeologiafondamentale.Concetti,contenuti,metodi,EDB,Bologna2006;
VERWEYEN H. La parola definitiva di Dio. compendio di teologia fondamentale, Queriniana,
Brescia2001;
WALDENFELS H., Teologia fondamentale nel contesto del mondo contemporaneo, Edizioni San
Paolo,CiniselloBalsamo(MI)19962;
WERBICKJ.,Essereresponsabilidellafede.Unateologiafondamentale,Queriniana,Brescia2002.
Altromaterialebibliografico:Duranteilcorso,specialmenteinriferimentoallasezione
praticoseminariale, verranno assegnate delle letture e segnalati dei testi di particolare
interesse.

TeologiaDogmatica1:ilMisterodiDio prof.SergioDeCecco
ECTS7 cr.Eccl.4 Prerequisiti:Teologia:introduzioneefondamentale Corsosemestrale(4oresett.IIsem.)

Obiettivididattici:Indirizzareglistudentiapercorrerelitinerariostoricoteologico
che ha portato la Chiesa nel suo complesso a formulare la professione di fedenel
DiodiGesCristo.Attenzioneparticolaresardataalpassaggiodauncontesto
55
culturaleallaltro;inspeciedalmondobiblicoaquelloellenistico,continuandopoi
ilpercorsodallaPatristicafinoaitempiattuali.
Contenuti: Si parte dalla situazione culturale del mondo attuale, con la sua con
trapposizionetipica:oDiooluomo.Questocometemaintroduttivogenerale,per
poisituarelaquestioneneltematrinitario,comeidentitdelDiocristiano.Sitrat
tanorispettivamenteigranditemibibliciepoilatraduzionediessineiconciliecu
menicidelIVsecolo.Dopolapresentazionedellegrandisintesiteologichedelpas
sato,siaffrontalapartesistematica.
Modalit di svolgimento: Tenuto conto del paragrafo precedente, si presenta la
struttura generale del trattato, con la bibliografia essenziale e con la proposta di
lettureappropriateperlapprofondimento.
Modalitdiverifica:Esameorale,previapresentazionediuntemascritto,breveed
essenziale,adocumentazionedellacomprensionedellamateria.
Bibliografia:
CODA P., DioUnoeTrino.Rivelazione, esperienza eteologia diDio, San Paolo, Cinisello Bal
samo(MI)1995;
COZZIA.,Nuovocorsoditeologiasistematica.Vol.4:Manualedidottrinatrinitaria,Queriniana,
Brescia2009;
JUNGELE.,Dio,misterodelmondo,Queriniana,Brescia1982;
KASPERW.,IlDiodiGesCristo,Queriniana,Brescia1992;
LAFONTG.,Dio,iltempoelessere,Piemme,CasaleMonferrato(AL)1995;
MONDINB.,LaTrinitmisterodamore.Trattatoditeologiatrinitaria,EDB,Bologna1993.

TeologiaDogmatica3:antropologiaegrazia prof.EttoreMalnati
ECTS7 cr.eccl.4 Prerequisiti:Teologia:introduzioneefondamentale Corsoannuale(2oresett.)

Obiettivi didattici: Il corso ha la pretesa di presentare lantropologia che emerge


dallevento Cristo e dalla progettualit offerta dal kerygma cristiano tra natura
umana,personaegrazia.IltuttonelladimensionediunconvertereadDeumnella
mediazionesacramentalecristica.Lobiettivoanchequellodioffrirelaletturateo
logicadellarealtpostmorteminunavisualediretribuzionepersonaleenellaluce
dellaparusia.
Contenuti:Siparteessenzialmentedallavisualescritturisticadoveluomoimpove
ritohaunasperanza:laredenzioneoperatadalVerboincarnato.Sioffreunpercor
so della teologia della grazia nel pensiero dei Padri latini e greci, del Magistero e
deiteologicontemporanei.Cisisoffermasulvaloredellalibertumanaedelloffer
tadivina.
Modalitdisvolgimento:Lezionisistematicheconlavoridigruppopertematiche
dicarattereecumenico.

56
Modalitdiverifica:Esameoraleetesinadadiscuterenellesame.
Bibliografia:
CASALEGNOA.(Ed.),Tempoedeternit,SanPaolo,CiniselloBalsamo(MI)2002;
CONGREGAZIONE PER LA DOTTRINA DELLA FEDE, Temi attuali di escatologia, LEV, Citt del
Vaticano2000;
EBERHARDJ.,IlVangelodellagiustificazionecomecentrodellafedecristiana,Queriniana,Brescia
2000;
MALNATIE.,Lasperanzadeicristiani,Paoline,Milano2003;
MALNATI E., Luomo da impoverito a redento. Antropologia teologica, Eupress, FTL Lugano
(CH)2009;
SANNAI.,Lantropologiacristianatramodernitepostmodernit,Queriniana,Brescia2002;
Altromaterialebibliografico:
BENEDETTOXVI,leteraenciclicaSpeSalvi;
FEDERAZIONE LUTERANA MONDIALE, PONTIFICIO CONSIGLIOPERLAPROMOZIONEDELLUNIT
DEI CRISTIANI, DichiarazionecongiuntasulladottrinadellaGiustificazione,inEnchiridion
Vaticanum,17/10511103.

Seminarioteologicointerdisciplinare
ECTS3 cr.eccl.2 Corsosemestrale(2oresett.Isem.)

PropostaA:LateologiadiW.Pannenberg prof.MarinoQualizza
Iscrizionecompetitivasecondolemodalitindicatedallasegreteria

Obiettivididattici:ilseminariosiproponedipresentarenelletematicheprincipali
lateologiasistematicadelnototeologoluterano,avendodimiraancheilconfronto
ragionatoedialogicoconlateologiaprotestante.Questorientraanchenellamplia
mentodellorizzonteculturaleenellapprofondimentodeldialogoecumeniconello
spiritodellaCartadiLima1982.
Contenuti: riguardano le tematiche della teologia sistematica che Pannenberg ha
sviluppatoinquestianni,dallintroduzioneallatematica,allequestioniepistemolo
gicheedagliapprocciantropologiciconlosviluppodeitrattatifondamentalidella
trattazionesistematica.Sarinteressanteanchelapprocciometodologicoinclusele
diversitconlateologiacattolica.
Modalit di svolgimento: dopo la presentazione dellautore e delle tematiche
fondamentali si proceder alla presentazione da parte dei corsisti. Seguir il
confrontoconicorsisti.
Modalitdiverifica:duemomenti;ilprimolarelazioneoraledellatematicascelta;
ilsecondolaelaborazionescritta,diunadecinadipagine.
Bibliografia:
PANNENBERGW.,Antropologiainprospettivateologica,Queriniana,Brescia1987;
PANNENBERGW.,Epistemologiaeteologia,Queriniana,Brescia19992;
57
PANNENBERGW.,Questionifondamentaliditeologiasistematica,Queriniana,Brescia1975;
PANNENBERGW.,Teologiasistematica.Voll.1,2,3,Queriniana,Brescia19901996.
Altromaterialebibliografico:saraffidatoalmomentodellassegnazionedeitemi.

PropostaB:Morsetvitaconflixeremirando. prof.LorenzoMagarelli
Unosguardoallamortenellasocietpostmortale
Iscrizionecompetitivasecondolemodalitindicatedallasegreteria

Obiettivi didattici: In unepoca segnata dalla paura della morte e dal suo
confinamentonegliospedali,urgeriprendereinmanolargomento.Lescatologia
un versante ancora poco praticato nella teologia, ma quello antropologicamente
pisignificativoanchedalpuntodiunapastoraleinpostmodernit.Ilseminariosi
proponediaffrontarelaquestionedaunapluralitdiapprocci.
Contenuti: La morte ha sempre accompagnato il vivere delluomo: dalle prime
sepolturealCristomorto,dalleinumazioninellechieseallelegginapoleoniche.Nel
seminario si desidera percorrere una pluralit di approcci legati alla morte:
dallantropologia culturale allurbanistica, dallarte alla psicologia. Cuore del
Seminario sar la riflessione teologica sul mistero della morte secondo le
prospettivedialcuniteologi.
Modalitdisvolgimento:Ildocenteillustrerlecoordinatebasedellatematica.Gli
studenti,poi,agruppidi56approfondirannogliambitiindividuati.Unaproposta
di sezioni di approfondimento: antropologicoculturale, filosofica, artistica,
urbanistica,rituale,biblica,teologica.
Modalitdiverifica:Siterrcontodellavorofattodalgruppo,dallesposizionee
dallarelazionescritta.
Bibliografia:
ARISP.,StoriadellamorteinOccidente,Rizzoli,Milano1998;
GRESHAKEG.,Vitapifortedellamorte.Sullasperanzacristiana,Queriniana,Brescia2009;
KBLERROSSE.,Lamorteeilmorire,Cittadella,Assisi(PG)2008;
LAFONTAINEC.,Ilsognodelleternit,Medusa,Milano2009;
PANOFSKYE.,LasculturafunerariadallAnticoEgittoaBernini,Einaudi,Torino2011;
RAHNERK.,Ilmorirecristiano,Queriniana,Brescia2009.
Altromaterialebibliografico:saraffidatoalmomentodellassegnazionedeitemi.

Patrologia prof.GiovanniDriussi
ECTS6 cr.eccl.4 Corsosemestrale(4oresett.IIsem.)

Obiettivididattici:1)ricercareleragionidellostudiodeiPadridellaChiesa;2)fa
miliarizzarsi con le edizioni e le traduzioni degli scritti cristiani antichi; 3) intro
durreallostudiocriticodellaletteraturapatristica;4)trarredalpensierodeiPadri
58
elementidicontinuitedirinnovamentoperlaspiritualit,lateologia,laliturgia,
lesegesielavitaecclesiale.
Contenuti: La vita, lopera e il pensiero teologico di alcuni fra i Padri Apostolici
(Clemente di Roma, Ignazio), gli Apologisti (Giustino, A Diogneto), gli scrittori eccle
siastici del III secolo (Tertulliano, Origene), e i Padri del IV/V secolo: gli aquileiesi
Fortunaziano,Cromazio,GirolamoeRufino;ilatiniAmbrogioeAgostino;igreciGregorio
diNazianzoeGiovannidiCostantinopoli.
Modalitdisvolgimento:Lezionifrontaliperlanalisicriticadellefontipatristiche
eapprofondimentopersonale.
Modalit di verifica: Esame orale e breve saggio (15 pagine) su una delle opere
patristicheconsigliateperlettura.
Bibliografia:
CONGREGAZIONE PER LEDUCAZIONE CATTOLICA, Istruzione sullo studio dei Padri della Chiesa
nellaformazionesacerdotale,CittdelVaticano1989.
PETERSG.,IPadridellaChiesa,voll.12,Borla,Roma19841986.
SIMONETTI M. PRINZIVALLI E., Storiadellaletteraturacristianaantica,Piemme,CasaleMon
ferrato(AL)1999.
Altromaterialebibliografico:
FraimanualidiPatrologiasiaconsiglia:
BOSIOG.DALCOVOLOE.MARITANON.,IntroduzioneaiPadridellaChiesa,voll.16,S.E.I.,
Torino199199;
MORESCHINIC.NORELLIE.,Antologiadellaletteraturacristianaanticagrecaelatina.voll.12,
Morcelliana,Brescia1999;
QUASTEN J. INSTITUTUM PATRISTICUM AUGUSTINIANUM, Patrologia, voll. 14, Marietti, Ca
saleMonferrato19831996;
SIMONETTI M. PRINZIVALLI E., Letteraturacristianaantica.vol.13,Piemme,CasaleMonfer
rato(AL)1999.
PerapprofondirelateologiadeiPadri:
DI BERARDINO A. STUDER B. (EDD.), Storia della Teologia. vol. I: Epoca Patristica, Piemme,
CasaleMonferrato(AL)1993;
GRILLMEIERA.,GesilCristonellafededellaChiesa,voll.13,Paideia,Brescia19821996;
ORBEA.cur.,IlCristo,voll.13:TestiteologiciespiritualidalIalIVsecolo,Mondadori,Milano
1985;
ORBEA.,LaTeologiadeisecoliIIeIII.IlconfrontodellaGrandeChiesaconlognosticismo,voll.1
2,PiemmePUG,CasaleMonferrato(AL)1995;
STUDERB.,DiosalvatoreneiPadridellaChiesa,Borla,Roma1986.
Perunapanoramicasuglistudipatristicinegliultimianni:
DALCOVOLOE.TRIACCAM.,LostudiodeiPadridellaChiesaoggi,LAS,Roma1991.

59
MetodologiaTeologica prof.GiovanniDelMissier
ECTS3 cr.eccl.2 Corsosemestrale(2oresett.Isem.)

Obiettivi didattici: introdurre ad una metodologia coerente applicata alla condu


zioneeallaredazionedellavoroscientificoinambitoteologico.
Contenuti: Nozioni di base; Metodologia tecnica della ricerca; Metodologia della
redazioneedellapresentazionedellavoro.
Modalit di svolgimento: teoricopratico: presentazione dei principi della meto
dologiaeloroapplicazionenelleesercitazioni.
Modalitdiverifica:proveinclasseerecensionescrittadiuntesto.
Bibliografia:
FARINAR.,Metodologia.Avviamentoallatecnicadellavoroscientifico,LAS,Roma19874;
FERRUA V., Manuale di metodologia: guida pratica allo studio, alla ricerca, alla tesi di laurea,
Piemme,CasaleMonferrato(AL)1991;
HENRICIP.,Guidapraticaallostudio:conunabibliografiadeglistrumentidilavoroperlafilosofia
elateologia,PontificiaUniversitGregoriana,Roma19923;
ISTITUTO SUPERIOREDI SCIENZE RELIGIOSEDELLE VENEZIE,Notedimetodologia.Indicazioniper
lostudiodellateologia,Padova2001;
MURAG.,DIIANNIM.,Metodologia,UrbanianaUniversityPress,CittdelVaticano1995;
PRELLEZO GARCA J.M.,GARCA M.J.,Invitoallaricerca.Metodologiaetecnichedellavoroscien
tifico,LAS,Roma2007;

Didatticaemetodologia1:partegenerale prof.ssaPatriziaDiBenedetto
ECTS3 cr.eccl.2 Corsosemestrale(2oresett.Isem.)

Obiettiviformativi:fornireaglistudentiiconcettiteoricieglistrumentimetodolo
gicifondamentalidellaDidattica,perunanalisideiprocessiedeiproblemirelativi
allinsegnamento e allapprendimento scolastico, ma non solo. Lintento soprat
tuttoquellodioffrireunlavorochesiaessenzialmenteformativo,chesollecitiasvi
luppare capacit di analisi critiche, confronti, il gusto per la ricerca e un atteggia
mentocostruttivoversoilcambiamento.
Contenuti:Laprimapartedelcorsointroduceaitemigeneralidelladidatticacon
unariflessionesullostatutoscientificodellamateriaeunainterpretativaintornoai
fenomenioggettodistudioealrapportoconlealtrescienzedelleducazione.Nella
seconda parte, recuperando un aggancio allempiria, si proceder allanalisi di al
cuni modelli di insegnamento e stili di apprendimento per giungere alla realizza
zionediunaprogettazioneeducativaconsapevoleinuncontestosegnatodallauto
nomia.
Modalitdisvolgimento:Conlezionifrontalisarannoillustratelenozioniteoriche
generali,daapprofondireneitesti;gliargomentidelprogrammasarannoaffrontati
60
nellospiritodiunconfrontocriticoeconlausiliodimaterialeillustrativoedesem
plificativo(lucidi,schemi,mappe,ecc.).Nelleesercitazionisiprenderannoinesame
prototipidiprogettazioneeducativa.
Modalit di verifica: Lesame orale. Durante il colloquio il candidato dovr di
mostrarediessereingradodiutilizzarelapparatoteoricoacquisitoinunapplica
zionepratica.
Bibliografia:
CALVANIA.(ED.),Fondamentidididattica,Carocci,Roma2007;
FIORIN I., La relazione didattica. Insegnamento ed apprendimento nella scuola che cambia, La
Scuola,Brescia2004.
GRASSELLIB.(ED),Nuovaprofessionalitdocente,CLEUP,Padova2002;
GUASTIL.(ED.),Apprendimentoeinsegnamento,VitaePensiero,Milano2002;
LANEVEC.,Elementidididatticagenerale,LaScuola,Brescia2005;
LUCIDANO P.,SALERNI A.,Metodologiadellaricercaineducazioneeformazione,Carocci,Roma
2002;
PELLEREY M., Progettazione didattica. Metodi di programmazione educativa scolastica, SEI,
Torino1994.
Altromaterialebibliografico:Testiinvisionecheverrannoconsigliatiduranteilcorso.

Descrizionedeicorsi2012/2013
II.Bienniospecialistico
TeologiaPastorale prof.IvanBettuzzi
Progettazioneeprassiecclesiale
ECTS6 cr.eccl.4 Corsosemestrale(3oresett.IIsem.)

Obiettivi didattici: Obiettivo del corso di fornire agli studenti elementi per la
comprensione della natura e dello scopo della disciplina; offrire strumenti per la
lettura dei modelli di Chiesa succedutisi nelle diverse epoche storiche; introdurre
adunacorrettaprogettazionepastorale.
Contenuti:Ilcorsosisvilupperintrefasi:
1. Indagine storica che individuer il contesto, fisser la data di nascita della
Teologia Pastorale e rifletter sul percorso storicoteologico che maturato nel
ConcilioVaticanoII;
2. Excursusbiblicoteologicoperlindividuazionedeimodelliecclesiologicinellet
apostolicaesuccessivaindividuazionedeimodellidiChiesamaturatineisecoli;
3. Offerta degli strumenti essenziali ad una corretta progettazione pastorale e
approfondimentodellelineeteologicopastoraliassuntedallaChiesaItalianaper
ilnuovodecennio.
61
Modalitdisvolgimento:Lezionideldocente.
Modalitdiverifica:Esameorale.
Bibliografia:
ADLER G.,Percorsiditeologiapastoraleinareafrancofona,inStudiaPatavina43(1996)3:502
530;
ALBERICHE.,Lacatechesioggi,LDC,Leumann(TO)2001;
GRUPPO ITALIANO DOCENTIDI DIRITTO CANONICO(ED.),IlaicinellaministerialitdellaChiesa.
Incontrodistudio28giugno3luglio1999,Glossa,Milano2000;
MIDALI M.,Teologiapastoraleopratica.Camminostoricodiunariflessionefondanteescientifica,
LAS,Roma1991;
SEVESOB.,Edificarelachiesa.Lateologiapastoraleeisuoiproblemi,LDC,Leumann(TO)1982;
SORAVITO L., Il progetto pastoraleparrocchiale, in Rivista DiocesanaUdinese n. 2/1990 (studio
delmese);
SORAVITO L., Teologia pastorale. Progettazione e prassi ecclesiale, (disp. cicl. uso studenti),
Udine2003;
WINDISCH H., La teologia pastorale nellarea di lingua tedesca, in Studia Patavina 44 (1997) 3:
621650.
Altro materiale bibliografico: Altre indicazioni verranno suggerite nel corso delle
lezioni.

Seminariobiblico
ECTS8 cr.eccl.2+3perlelaboratoscritto Corsosemestrale(2oresett.IIsem.)

PropostaA:DioelaviolenzanellaBibbia prof.SantiGrasso
Iscrizionecompetitivasecondolemodalitindicatedallasegreteria

Obiettivi didattici: lo studio del tema della violenza nellAntico e nel Nuovo Te
stamento costituisce loccasione per affrontare testi importanti della tradizione bi
blica che per spesso sono ignorati perch ritenuti troppo complicati da interpre
tare.Lanalisidelcontestoincuiessisononatiesisonosviluppatiedeltestoinse
stesso mostrer come essi non solo non siano di difficile interpretazione, ma di
schiudanosignificatiprofondiperlateologia,anchecontemporanea.
Contenuti:ilseminariovertersultemadellaviolenzanellaBibbiaintuttelesue
sfaccettatureconlaletturadipagineimportanticomequelladiCainoeAbele,del
diluviouniversale,delsacrificiodiIsacco,dellEsodo,dellaguerrasanta,delgiudi
zio,delsacrificiodiCristo,ecc.
Modalitdisvolgimento:nelcorsodelseminarioglistudentidovrannoaffrontare
lostudiodeitesticoncernentiiltemadellaviolenza.
Modalitdiverifica:glistudentipresenterannoprimailpropriostudioattraverso
unacomunicazioneoraleepoiconuntestoscritto.
62
Bibliografia:
BARBAGLIOG.,Dioviolento?,CittadellaEditrice,Assisi(PG)1991;
MAZZINGHIL.(ED.),LaviolenzanellaBibbia,inRicerchestoricocritiche20(2008);
RMER T., I lati oscuri di Dio. Crudelt e violenza nellAntico Testamento, Claudiana, Torino
2010;
WNIN A.,Dallaviolenzaallasperanza.CamminidiumanizzazionenelleScritture,Magnano(BI)
2005;
ZENGERE.,UnDiodivendetta?,Ancora,Milano2005.

PropostaB:ISalmidelleAscensioni prof.ssaRosangelaLamanna
Iscrizionecompetitivasecondolemodalitindicatedallasegreteria

Obiettivi didattici: I Salmi delle Ascensioni (120134) sono lunica collezione for
mata da quindici composizioni poetiche presenti allinterno del salterio in modo
consecutivo.ApartiredallostudiodelSalmo121,secondosalmodellacollezione,il
seminarioproponeunanalisiesegeticoteologicaelacquisizionediunametodolo
giaperlostudiodeisalmi.
Contenuti:ISalmidelleAscensionisonoununittradizionalegiudaicaecristiana
chesicaratterizzaperladiversitditemiegeneriletterariqualiadesempiolafidu
cia, la lamentazione, lazione di grazie, la preghiera e che si leggono in maniera
continuata,formandounbloccounico.Perquestimotiviilseminariopartirdauno
studiogeneraledellacollezioneperpoiinquadrareilsignificatodituttiisalmicon
lepropriecaratteristiche,particolaritespecificit.
Modalitdisvolgimento:Dopoalcunelezioniintroduttiveognisedutasarcarat
terizzata dalla relazione di uno degli studenti su un salmo da lui scelto apparte
nenteallacollezione.
Modalitdiverifica:Valutazionedellelaborazionescrittaedellesposizioneorale.
Bibliografia:
ALONSOSCHKELL.,CARNITIC.,ISalmi,vol.2,Borla,Roma1992;
BEAUCHAMPP.,Salminotteegiorno,Cittadella,Assisi20022;
COSTACURTAB.,Illacciospezzato.StudiodelSalmo124,EDB,Bologna2002;
LORENZINT.,ISalmi,Paoline,Milano2000;
RAVASIG.,IllibrodeiSalmi.Commentoeattualizzazione,voll.1,3,EDB,Bologna1985;
SEYBOLDK.,PoeticadeiSalmi,Paideia,Brescia2007;
WNIN,A.,Entrareneisalmi,EDB,Bologna2003.
Altromaterialebibliografico:Duranteilseminarioverroffertabibliografiaspecifica.

63
Religioninelmondo1:EbraismoeIslamismo prof.AldoMagris
ECTS7 cr.eccl.4 Corsoannuale(2oresett.)

Obiettivididattici:1.Conoscenzadellevoluzionestoricadelpopoloebraico,delle
suetradizioniculturaliereligiose,conparticolareriguardoalperiodoantico,tardo
anticoemedievale;2.ConoscenzadellafiguraedelloperadiMaometto,degliele
menti fondamentali della religione islamica e dei rapporti storici fra Islam e occi
dente.
Contenuti: 1. Storia dIsraele dalle origini al medioevo; il giudaismo ellenistico e
lapocalittica; Qumran; il giudaismo rabbinico, con esposizione sintetica della
Minah;lamisticaebraica;teologiaemorale;preghiereefeste;lepersecuzionian
tiebraiche; 2. Vita di Maometto; il Corano; i cinque pilastri della fede; la quattro
scuolegiurdiche;scuoleteologicheefilosofiche;lespansionestoricadellIslam.
Modalitdisvolgimento:Lezionideldocente.
Modalitdiverifica:Esameoralenellesessioniprescritte
Bibliografia:Dispenseacuradeldocente.
Altromaterialebibliografico:Studiodellefonticheverrannoindicatealezione;inpar
ticolare,oltreallATealCorano(completi),1Enoc;manoscrittidiQumran(selezione);let
tura di testi minaici nella tr. it. di V. Castiglioni (Roma 19621965); lettura di testi della
misticadallAntologiaLamisticaebraica(Torino,Einaudi).

Moralesociale prof.FrancoGismano
ECTS6 cr.eccl.4 ComprendeancheDottrinaSocialedellaChiesa Corsoannuale(2oresett.)

Obiettivi didattici: Il corso intende presentare le categorie eticoteologiche


fondamentalichehannocaratterizzatolacomprensionedellesperienzasocialenel
mondo grecolatino e giudaicocristiano. Tali categorie sono quelle riprese e
interpretatedallaTradizionecristianachedaltestobiblicogiungefinoanoiconla
DottrinaSocialedellaChiesa.Ditalicategoriesicercherdievidenziarelagenesi
storica,lalorodiversainterpretazioneneltempoelaloroattualecomprensione.
Contenuti:
a. Ladimensionesocialedelluomo.
b. Ilrapportotrateologia,teologiamoraleeteologiamoralesociale.
c. LariflessioneeticoteologicasulsocialedallepocadeipadriallattualeDSC.
d. Lacoscienzasocialenellatradizionebiblicaanticoenuovotestamentaria.
e. Distinzione e relazione tra le dimensioni civili, economiche e politiche della
societ.
f. ApprofondimentoditemiattualidimoralesocialeallalucedellaDSC.

64
Modalit di svolgimento: Il corso prevede una introduzione generale, seguita da
una ricerca e presentazione in classe di temi della DSC concordati insieme agli
studentiedaunasintesistoricosistematicafinale.Duranteilcorso,inrelazioneai
temitrattati,cisiavvarrdellacompetenzadipiinsegnanti.
Modalit di verifica: La verifica sar composta dalla presentazione in classe del
temaconcordatoedallesameoralefinalesullapartestoricosistematicadelcorso.
Bibliografia:
LeenciclichesocialidellaChiesa(dallaRerumnovarumallaDeuscharitasest);
PONTIFICIO CONSIGLIO DELLA GIUSTIZIA E DELLA PACE, Compendio della dottrina sociale della
chiesa,EditriceVaticana,CittdelVaticano2004;
COMBIE.,MONTIE.,Fedecristianaeagiresociale,CentroAmbrosiano,Milano1994;
CREPALDIG.,Diooglidei.DottrinasocialedellaChiesa:percorsi,Cantagalli,Siena2009;
MANZONEG.,Unacomunitdilibert,Messaggero,Padova2008;
PIANAG.,Vangeloesociet.Ifondamentidelleticasocialecristiana,Cittadella,Assisi(PG)2005.
Altromaterialebibliografico:Sarsuggeritodurantelelezioni.

Teologiadellereligioniedialogointerreligioso prof.FrancoDelNin
ECTS6 cr.Eccl.3 Corsosemestrale(3oresett.Isem.)

Obiettivi didattici: Il corso si prefigge, attraverso la presentazione degli aspetti


fondamentaliesignificatividellevariereligioni,difornireallostudentediteologia
lechiavidiletturadelgrandeeventodelnostrotempocostituitodallincontrofrale
diverse fedi, per poter dare il proprio contributo culturale al tema correlato del
dialogointerreligioso.
Contenuti: Saranno presentati gli orientamenti e le correnti che animano lattuale
dibattitodellateologiadellereligioniapartiredalpercorsostoricoeseguitonelse
colo scorso da questa nuova disciplina. Ampio spazio sar riservato alle proble
matichemetodologichelegateallapproccioculturaleallevariereligionispeciedal
puntodivistadelmessaggiobiblico.Unindaginesullostatutoepistemologicodella
materia corredato dai riferimenti ai principali documenti conciliari completer
litinerarioofferto.
Modalitdisvolgimento:Lezionifrontaliconilcontributodialogicodeglistudenti
esupporticididatticimultimediali.
Modalitdiverifica:Esameoralefinale.
CONCILIO VATICANO II, Documenti, in Enchiridion Vaticanum, vol. 1, Queriniana, Brescia
1992.
Studidiriferimento
CROCIATAM.(ED.),Teologiadellereligioni:bilancieprospettive,Ed.Paoline,Milano2001;
CROCIATAM.,Teologiadellereligioni:laquestionedelmetodo,CittNuova,Roma2006;
DUPUISJ.,GesCristoincontroallereligioni,CittadellaEditrice,1989;
65
KNITTERP.,Introduzionealleteologiedellereligioni,Queriniana,Brescia2005;
PANNIKKARR.,Ildialogointrareligioso,CittadellaEditrice,Assisi1988;
PANIKKARR.,Lincontroindispensabile:dialogodellereligioni,JacaBook,Milano2001;
VIGILM.J.,Teologiadelpluralismoreligioso,Borla,Roma2008.

Sociologia prof.AnnaZenarolla
ECTS3 cr.Eccl.2 Corsosemestrale(2oresett.IIsem.)

Obiettivi didattici: Il corso si propone di fornire agli studenti le categorie


fondamentalidellostudiodellasocietalfinedioffrirelorounrepertoriodicriteri
concuiinterpretareiprincipalifenomeniecambiamentiinattonellanostrasociet.
Nello specifico, il corso intende portarli a comprendere cosa significa leggere la
societ e come la si pu leggere sociologicamente attraverso unanalisi delle sue
dimensionifondamentalilacultura,leappartenenze,ledifferenzeeilcontestoa
partire da una prospettiva relazionale, e con particolare riferimento ai contesti di
attivitdidatticaopastoralediloropossibileinserimento.
Contenuti:Losviluppodelcorsosisnoderlungoledimensioniessenzialidiogni
societ la quale: possiede una cultura, che d luogo a specifici processi
(comunicazione,socializzazione,interazione)edifferenziateespressioni(religione,
arte,scienza,diritto,stilidivita);sisostanziadirapportisocialiformalieinformali,
che, muovendo dalla relazione sociale, danno luogo a diversi tipi e forme di
appartenenza (gruppo, istituzione, organizzazione); evidenzia al suo interno
differenze socialmente rilevanti in termini di potere, reddito, prestigio (struttura
sociale, stratificazione, mobilit); radicata in un contesto spazio temporale dal
qualenonsipuprescinderenellasuacomprensione.
Modalit di svolgimento: Le lezioni alterneranno lesposizione frontale degli
aspetti teorici e la discussione guidata con gli studenti, a livello individuale o in
piccolo gruppo, al fine di favorire da parte loro la rielaborazione critica e la
contestualizzazione al momento attuale e alla realt nazionale o regionale dei
contenutitrattati.Lelezionisarannoaccompagnatedallapredisposizionedaparte
deldocentedimaterialedidattico.
Modalit di verifica: Lesame consister in una prova scritta volta a rilevare
lassimilazionedapartedellostudentedeiconcettichiavedellasociologiaelasua
capacitdiapplicarliadalcunesituazioniedeventicaratterizzantilattualecontesto
socialeealpossibilecontestodiattivitdidatticae/opastoraledeglistudenti.
Bibliografia:
Testidiriferimento
BAUMANZ.,Lasocietindividualizzata,ilMulino,Bologna2002;
CESAREOV.(ED.),Sociologia.Concettietematiche,VitaePensiero,Milano1998(rist.2006);
DONATIP.(ED.),Sociologia.Unaintroduzioneallostudiodellasociet,Cedam,Padova2006.
66
Altritesti
CIPOLLAC.(ED.),Iconcettifondamentalidelsaperesociologico,FrancoAngeli,Milano2011;
SMELSERN.J.,Manualedisociologia,ilMulino,Bologna2007;
Altro materiale bibliografico: La bibliografia verr integrata da altro materiale
bibliograficospecificoperlapprofondimentodialcuniconcettidiparticolareinteresseper
glistudenti(ades.socializzazione,religione,cultura,gruppo,famiglia).

Psicologiagenerale prof.ssaElenaPiccoli
ECTS5 cr.eccl.3 Corsosemestrale(3oresett.Isem.)

Obiettivi didattici: Fornire un quadro concettuale circa la natura, i problemi e i


paradigmi di ricerca della psicologia; offrire una panoramica dei principali
approcci teorici che si sono delineati dalla nascita della psicologia come scienza
sino ad oggi; introdurre alla comprensione dei processi mentali e della variet di
prospettivedallequalipossibileanalizzareeinterpretareicomportamentiumani.
Contenuti:
ParteGenerale:Lanascitaelosviluppodellapsicologia;scenariostoricodeiprin
cipaliorientamentiteorici;imetodidiricerca.Iprocessicognitivi.Ilgruppoelesue
dinamiche. I fondamentali processi dinamici alla base del comportamento sociale
delluomo.
Parte monografica: I sistemi motivazionali e i conseguenti comportamenti sociali
dellindividuoedelgruppo.
Modalitdisvolgimento:Lezionifrontaliconsupportididatticimultimedialiedi
scussioniguidate.
Modalit di verifica: Esame scritto, con quesiti a risposta multipla e a risposta
aperta.
Bibliografia:
Partegenerale:
GAMBINIP.,Introduzioneallapsicologia,Vol.1:iprocessidinamici,FrancoAngeli,Milano
2004.
GHIANDELLIG.,Manualedipsicologiainchiaveolistica,L.S.Gruppoeditoriale,Bologna2005;
HEWSTONEM.,STROEBEW.,Introduzioneallapsicologiasociale,IlMulino,Bologna,2001;
LEGRENZIP.(ED.),Storiadellapsicologia,IlMulino,Bologna1992;
LEGRENZIP.(ED.),Manualedipsicologiagenerale,IlMulino,Bologna1997.
Partemonografica:
LICHTENBERGJ.D.,Psicoanalisiesistemimotivazionali,RaffaelloCortina,Milano1989;
MASLOWA.H.,Motivazioneepersonalit,Armando,Roma1973;
NUTTINJ.,Teoriadellamotivazioneumana,Armando,Roma1983;
STELLAS.,ROSSATIA.(EDD.),Mondointernoemondoesterno,NIS,Roma1996.

67
Psicologiadellosviluppo prof.ssaElenaPiccoli
ECTS5 cr.eccl.3 Corsosemestrale(3oresett.IIsem.)

Obiettivi didattici: Fornire un quadro concettuale circa lo sviluppo umano inteso


come un processo che implica sia cambiamento che continuit; offrire una
panoramica dei principali paradigmi interpretativi dello sviluppo delluomo;
introdurre alla comprensione dei principali processi di sviluppo dalla prima
infanziaalladolescenza.LosviluppodelS.
Contenuti:
Parte Generale: La nascita della psicologia dello sviluppo; le principali aree dello
sviluppo nelle diverse tappe evolutive: lo sviluppo fisico, percettivo, cognitivo,
sociale,emotivoaffettivo,losviluppomorale,losviluppodellacoscienzadis.
Partemonografica:Losviluppodellacoscienzatranspersonale:ilS.
Modalitdisvolgimento:Lezionifrontaliconsupportididatticimultimedialiedi
scussioniguidate.
Modalit di verifica: Esame scritto, con quesiti a risposta multipla e a risposta
aperta.
Bibliografia:
Partegenerale:
AMMANITI M. (ED.), Manuale di psicopatologia delladolescenza, Raffaello Cortina, Milano
2002;
BLOOMP.,IlbambinodiCartesio,IlSaggiatore,Milano2005;
MALAGOLITOGLIATTIM.,ARDONER.,Adolescentiegenitori,NIS,Roma1993;
MILLERP.,Teoriedellosviluppopsicologico,IlMulino,Bologna1994;
PIETROPOLLICHARMETG.,Inuoviadolescenti,RaffaelloCortina,Milano2000.
SCHAFFERH.R.,Psicologiadellosviluppo,RaffaelloCortina,Milano2005;
Partemonografica:
ASSAGIOLIR.,Losviluppotranspersonale,Astrolabio,Roma,1988.
LATTUADAP.L.,Oltrelamente,FrancoAngeli,Milano,2004.
WILBERK.,Lospettrodellacoscienza,EdizioniCrisalide,Latina,1993.
WILBERK.,IlprogettoAtman,EdizioniCrisalide,Latina,2003.

Psicologiadellesperienzareligiosa prof.ssaSabrinaCandussio
ECTS3 cr.eccl.2 Corsosemestrale(2oresett.Isem.)

Obiettivi didattici: Il corso si propone di presentare lo studio della condotta reli


giosanellambitodellaricercaedellariflessionepsicologicaconlevidenziazionedi
uncorrettoimpiantoepistemologico;dipresentareilpensierodigrandiprotagoni
sti dello scenario psicologico e lapporto da essi offerto allo studio della condotta
religiosaeditrattarnecriticamenteleproblematichepsicologichenellevariefasidi

68
crescitadella persona; di offrire strumenti per una riflessione criticasulle dinami
chepsicologichechefondanoetalorafalsanolatteggiamentoreligioso.
Contenuti: Criteri di lettura della condotta religiosa; la religione come problema
psicologico;lostatutoepistemologicodellaPsic.dellesperienzareligiosa;principali
interpretazioni psicologiche del fenomeno religioso; i contributi di S. Freud, C.G.
Jung,E.Fromm,W.James,G.W.Allport,A.Adler,A.Maslow,V.Frankl.Psicologia
genetica della religiosit: infanzia, fanciullezza, preadolescenza, adolescenza, gio
vinezza.Maturitpsicologicaematuritreligiosa;immaturitpsicologicaeimma
turitreligiosa.Psicopatologiadellesperienzareligiosa.
Modalitdisvolgimento:Ilcorsosirealizzerattraversolezionifrontali,lasciando,
per,anchespazioalconfronto,aldibattitoeallerichiestedichiarimentosuicon
tenutitrattati.
Modalit di verifica: Laccertamento della preparazione avverr tramite esame
orale(scrittosolonelcasodipidiottoiscrizioniperlostessoappello)eviconcor
reranchelapartecipazioneattivaearricchente,lattenzioneelinteressedimostrati
alezione.
Bibliografia:
BRYANTC.,Psicologiadelprofondoefedereligiosa,Cittadella,Assisi(PG)1989;
DACQUINOG.,Religiositepsicoanalisi,SEI,Torino1980;
DALMOLINN.,Versoilblu.Lineamentidipsicologiadellareligione,Messaggero,Padova1995;
FIZZOTTIE.,SALUSTRIM.,Psicologiadellareligioneconantologiadeitestifondamentali,Citt
Nuova,Roma2001;
FIZZOTTIE.,Versounapsicologiadellareligione,2voll.,LDC,Leumann(TO)1992;
MILANESIG.,ALETTIM.,Psicologiadellareligione,LDC,Leumann(TO)1973.
Altro materiale bibliografico: Ulteriore materiale bibliografico verr indicato dal do
centealmomentodellapresentazionedelcorsoedeisuoicontenuti.

69
Descrizionedeicorsi2012/2013
III.Indirizzispecifici
Laboratorioteologicopastorale: prof.LorisDellaPietra
Iritidelcongedo.Celebrareleesequiecristianeoggi.
ECTS6 cr.eccl.2+2perlelaboratoscritto
Indirizzopastoralecatecheticoliturgico Corsosemestrale(2oresett.Isem.)

Obiettivididattici:Illaboratoriosiproponediintrodurrealleragioniteologichee
allarticolazione rituale della celebrazione esequiale cristiana, ai linguaggi impie
gati, alle forme che esprimono e fanno sperimentare il senso dellesodo cri
stiano dalla morte alla vita. Tale introduzione pu aiutare gli operatori pastorali
nellelaborazione di momenti celebrativi al contempo fedeli al dato cristiano e
alluomochemuore.
Contenuti:IlnuovoadattamentoCEIdelRitodelleEsequieoccasionepreziosaper
riprendere in mano un capitolo spesso trascurato, ma centrale in ordine al conte
nuto della fede e alle istanze provenienti dalla cultura odierna. Durante il corso
verrannoanalizzateleragionidelladattamentoelenovitdellibroliturgicoegli
studentiverrannoaiutatiadconoscerelostrumentoperutilizzarlocompiutamente
nellacelebrazioneenellapreparazionedeiritiesequiali.
Modalitdisvolgimento:Ilcorsoprevedeunintroduzionefrontaleconapprofon
dimentiinordineaitemisvoltieunapartelaboratorialedapartedeglistudenti.
Modalit di verifica: La verifica sar orale per quanto riguarda la parte introdut
tivaeterrcontodellavorosvoltonellaccostamentodelmaterialeliturgico.
Bibliografia:
CONFERENZA EPISCOPALE ITALIANA, Rituale Romano riformato a norma dei decreti del
Concilio ecumenico Vaticano II e promulgato da papa Paolo VI, Rito delle esequie,
LibreriaEditriceVaticana,CittdelVaticano2011;
BARBA M.,Nellasperanzadellabeatarisurrezione.Lanuovaedizionedelritodelleesequieperla
Chiesaitaliana,LibreriaEditriceVaticana,CittdelVaticano2012;
BROVELLI F., SARTORE D., Esequie, in A. M. TRIACCA A.M., SARTORE D., CIBIEN C. (EDD.),
Liturgia,SanPaolo,CiniselloBalsamo(MI)2001,689704
La celebrazione cristiana delle esequie, a cura di P. SORCI (Facolt Teologica di Sicilia S.
GiovanniEvangelista),IlPozzodiGiacobbe,Trapani2012;
RitodelleEsequie.NuovaedizioneperlItalia,numeromonograficodiRivistaLiturgica99/1
(2012);
Altromaterialebibliografico:Verrannosegnalatieventualialtricontributisoprattuttoper
quantoconcernelaconoscenzadellapercezionedellamortenellattualecontestoculturale.

70
Teoriadellascuolaelegislazionescolastica prof.AndreaNunziata
ECTS3 cr.eccl.2 Indirizzopedagogicodidattico Corsosemestrale(2oresett.Isem.)

Obiettivididattici:Ilcorsistaconoscerleprincipalinormechecaratterizzanoilsi
stemascolasticoitaliano,conparticolareriguardoalsistemadellAutonomiascola
stica;siconfronterconlassettonormativoconcordatariocheregolainmodospeci
ficolInsegnamentodellaReligioneCattolicainItalia;conoscerilruoloelafunzio
nedeldocentenellascuolaelecaratteristichepeculiariconcernentilostatogiuridi
co dellinsegnante di religione; confronter il sistema giuridico italiano sullinse
gnamentodellareligioneconaltrisistemigiuridicieuropei.
Contenuti: Il sistema scolastico italiano; Linsegnamento della Religione Cattolica
inItalia;Lafunzionedocente:dirittiedoveridegliinsegnanti;Lalegislazionesul
lAutonomiaScolastica;Linsegnamentodellareligionenellaprospettivaeuropea.
Modalitdisvolgimento:Lezionifrontali.
Modalitdiverifica:Esameorale.
Bibliografia:
CICATELLIS.,ProntuarioGiuridicoIRC,Queriniana,Brescia2003;
CICATELLIS.,Conoscerelascuola,LaScuola,Brescia2004;
PAJERF.,Europa,scuola,religioni,SEITorino2005.
Altromaterialebibliografico:TestodellaCostituzionedellaRepubblicaItaliana.Saran
no,inoltre,indicatinelcorsodellelezionitestidileggeenormativerilevantiedessenziali
alfinedellacquisizionedeicontenuti.

71
Tesarioperlesamefinaledi
LaureainScienzeReligiose
Il presente tesario valido per coloro che nellanno accademico 2012
2013concludonoregolarmentelafrequenzaaicorsiechepotrannosostenere
lesamefinalenellesessioniprevisteapartiredaquellaestiva2013.
UnmeseprimadellesameoraledeveesserepresentatainSegreteriala
domandadiiscrizione,unitamenteaduecopiedellesercitazionescritta.Sela
valutazione dellesercitazione negativa, il candidato perde il diritto di so
stenerelesameoraleedtenutoarivedereiltestosecondoleindicazionidel
relatore. Allatto della presentazione della domanda di iscrizione, va pure
versatalaquotaprevistadallaSegreteria.
possibileritirarsidallesameoralefinoadunasettimanaprimadella
sessione desame: in caso contrario si perde il diritto di sostenere lesame
nella sessione successiva. Lindicazione della data precisa dellesame e
lassegnazione delle commissioni vengono stabilite dalla Direzione. Lesame
prevedeuncolloquiodicirca50minuti.
Di ciascuna tesi al candidato si richiede di: collocarla dentro e in
connessioneconlareatematicadeltesariofissatodallISSRdiUdine;saperne
esporreicontenutiinmodoordinatoeisignificatiprincipaliinrapportoalla
culturaattuale;presentaresinteticamenteunostudiorelativoallargomento
dellatesi,conunavalutazionecritica.
PrimaTesi
Areaacuisiriferiscelelaboratoscrittoconilprof.chehadirettoillavoro

SecondaTesi
Sorteggiatatraleseguenti:

1. AREADITEOLOGIAPOSITIVA:SacraScrittura
IllibrodeiSalmiprof.G.Giordani
2. AREADITEOLOGIASISTEMATICA:Teologiadogmatica
LeventodellamorteerisurrezionedelCristo,sintesidelmisteroPasquale,nella
riflessioneteologicosistematicaprof.M.Qualizza
3. AREADITEOLOGIASISTEMATICA:Teologiamoralespeciale
Problemidibioeticaprof.G.DelMissier

72
ElencodeiDocenti
BETTUZZIprof.mons.IVAN IncaricatoTeologiaPastorale
PiazzaGaribaldi,8533033CODROIPO(UD)
tel.0432.906008 email:ivanbettuzzi@yahoo.it

BOLZONprof.MARCO InvitatoLinguaggimultimediali
viaCrema,1A33100UDINE
tel.0432.410105 email:marco.bolzon@libero.it

CANDUSSIOprof.ssaSABRINA IncaricataPedagogiaePsicologia
c/osegreteriaISSRUdine email:sabrina.candussio@webtonika.it

CRACINAprof.mons.GIORDANO IncaricatoTeologiadelleReligioni
viadellaChiesa,1333028IMPONZODITOLMEZZO(UD)
tel.0433.929084 email:lapolse@libero.it

CUCUZZAprof.donALESSANDRO InvitatoFilosofiasistematica
viaForlanini,2634139TRIESTE
cell.349.8780582 email:alcucuzz@tin.it

DEBORTOLIprof.ssaANTONELLA IncaricataStoriadellaChiesa
viaVerdi,233010PAGNACCO(UD)
tel.0432.661613 email:debortoliantonella@msn.com

DECECCOprof.donSERGIO InvitatoTeologiaDogmatica
c/oSeminarioInterdiocesanoGorizia,Trieste,Udine
viaCastellerio,8133010PAGNACCO(UD)
cell.340.3837984 email:presergio@libero.it

DELLAPIETRAprof.donLORIS InvitatoLiturgia
vicoloM.Nicoletti,233043CIVIDALEDELFRIULI(UD)
tel.0432.731144 email:don_loris@libero.it

DELMISSIERprof.donGIOVANNI StraordinarioTeologiaMorale
viaDeciani,50/133100UDINE
cell.328.3624662 email:gdelmis@gmail.com

DELNINprof.donFRANCO InvitatoEcumenismo
viaI.Nievo,933030GradiscuttadiVarmo(UD)
tel.0432.778327 email:D.Franco1962@libero.it

73
DIBENEDETTOprof.ssaPATRIZIA InvitatoDidattica
c/osegreteriaISSRUdine email:patriziadibi@libero.it

DRIUSSIprof.donGIOVANNI StraordinarioPatrologia
vialeTrieste,11033100UDINE
tel.0432.294694 email:giovannidriussi@virgilio.it

FABRISprof.mons.RINALDO InvitatoSacraScritturaNT
c/oSeminarioInterdiocesanoGorizia,Trieste,Udine
viaCastellerio,8133010PAGNACCO(UD)
tel.0432.650265 email:rinaldo.fabris@alice.it

FRESCHIprof.CLAUDIO IncaricatoFilosofiasistematica
viaF.Petrarca,67/A33100UDINE
tel.0432.507764 email:claudio.freschi@alice.it

GENEROprof.mons.GUIDO IncaricatoLiturgia
c/oCuriaArcivescovileviaTreppo,733100UDINE
tel.uff.0432.414540 email:vicario.generale@diocesiudine.it

GERETTIprof.donALESSIO InvitatoArteeiconografiacristiana
viaLequio,733028TOLMEZZO(UD)
tel.0433.2054 email:pieve_tolmezzo@libero.it

GERMANOprof.ssaFAUSTA InvitatoFilosofiasistematica
c/osegreteriaISSRUdine

GIORDANIprof.donGIORGIO IncaricatoSacraScritturaAT
corteS.Ilario,734170GORIZIA
tel.0481.534477 email:giordi55@libero.it

GISMANOprof.donFRANCO IncaricatoTeologiaMorale
viaAlfieri,634074MONFALCONE(GO)
tel.uff.0481.597617 email:franco.gismano@arcidiocesi.gorizia.it

GRASSOprof.donSANTI IncaricatoSacraScritturaNT
viadelSeminario,1334170GORIZIA
tel.0481.535437 email:sa.grasso@libero.it

GROSSOprof.donFEDERICO InvitatoTeologiadogmaticaeCatechetica
viaBini,3333013GEMONADELFRIULI(UD)
tel.0432.980608 email:fedgr@libero.it

74
GRUSOVINprof.MARCO InvitatoFilosofiasistematica
viaBosizio,134170GORIZIA
tel.0481.32681 email:m.grusovin@virgilio.it

LAMANNAprof.ssasuorROSANGELA InvitatoSacraScritturaAT
viaSantaChiara,1434170GORIZIA
email:sr.rosangela@yahoo.it

LIZZIprof.mons.ERMANNO Emerito
c/oSeminarioInterdiocesanoGorizia,Trieste,Udine
viaCastellerio,133010PAGNACCO(UD)
tel.0432.650265 email:e.lizzi@alice.it

MAGARELLIprof.donLORENZO InvitatoTeologiadogmatica
c/oCuriaVescovileviaCavana,1634124TRIESTE
cell.339.7701080 email:lorenzo.magarelli@gmail.com

MAGRISprof.ALDO IncaricatoReligioninelmondo
viaS.GiovanniBosco,2033050LUMIGNACCO(UD)
tel.0432.564091 email:magris@units.it

MALNATIprof.mons.ETTORE IncaricatoTeologiaDogmatica
viadonG.Minzoni,534124TRIESTE
tel.040.303643 email:sioncom@tiscalinet.it

MAZZOCATOprof.mons.PIERLUIGI IncaricatoDirittoCanonico
piazzaPaderno,133100UDINE
tel.0432.42809 email:pier.mazz@tin.it

MONTAGNINIprof.ssaFLAVIA ResponsabiledelTirociniotutoriale
viaCanada,4533100UDINE
tel.0432.601626 email:flavia.montagnini@alice.it

NUNZIATAprof.ANDREA InvitatoLegislazionescolastica
c/oCuriaArcivescovileviaTreppo,333100UDINE
cell.338.4379099 email:andrea.nunziata1958@libero.it

PERSICprof.ALESSIO InvitatoPatrologia
viaMolinNuovo,11/P33100PADERNOUDINE
tel.0432.546885 email:alessio.persic@unicatt.it

75
PICCOLIprof.ssaELENA InvitatoPsicologia
viaPuccini,9/133010TREPPOGRANDE(UD)
tel.348.7444731 email:elenapiccoli@Katamail.com

PIUSSIprof.mons.SANDRO IncaricatoStoriadellaChiesa
c/oCuriaArcivescovileviaTreppo,733100UDINE
tel.uff.0432.414548 email:bbcc@diocesiudine.it

QUALIZZAprof.mons.MARINO IncaricatoTeologiaDogmatica
vialeUngheria,1833100UDINE
tel.0432.511185 email:m.qualizza@libero.it

ROMANELLOprof.donSTEFANO IncaricatoSacraScritturaNT
c/oSeminarioInterdiocesanoGorizia,Trieste,Udine
viaCastellerio,8133010PAGNACCO(UD)
tel.uff.0432.650195 email:donstefanoromanello@vodafone.it

ROSSIprof.padreFRANCESCO InvitatoTeologiaDogmatica
c/oComunitPadriStimmatini
viaCadore,5933100UDINE
cell.328.2724231 email:rossifra@katamail.com

TIRELLIprof.FERNANDO Emerito
viaIMaggio,333050MORTEGLIANO(UD)
tel.0432.761046 email:nando1939@libero.it

ZENAROLLAprof.ssaANNA InvitatoSociologia
c/osegreteriaISSRUdine email:anna.zenarolla@gmail.com

76
BibliotecadiocesanaP.Bertolla
delSeminarioarcivescovilediUdine
GlistudentipossonoavvalersidellaBibliotecadiocesanaP.BertolladelSemi
narioArcivescovilediUdine,attiguaallasededellISSRdiUdine.biblioteca
pubblica acaratterespecialisticoteologicostorico,informativodivulgativoe
conservativo,conunpatrimoniobibliograficoneisettoriditeologia,filosofia,
esegesi biblica, patristica, liturgia, storia della Chiesa, storia dellarte sacra,
storiadelpatriarcatoaquileieseedelFriuliVeneziaGiulia.
Servizialpubblico:saladiconsultazioneconpuntiPC,prestitodiretto,con
sulenzabibliograficaescientifica,lezionieincontrisuappuntamento.Nonsi
effettua il prestito interbibliotecario. Catalogo informatizzato disponibile sul
sitowww.bibliowin.net/seminarioudine.
Sede: vialeUngheria,1833100UDINE
tel.0432.298121 fax0432.298119
email:biblioteca@seminarioudine.it

Apertura al pubblico: luned e venerd dalle 14.00 alle 18.00; marted,


mercoledegioveddalle9.00alle13.00edalle14.00alle18.00.
Direttore:dott.donSandroPiussi
Bibliotecari:dott.ssaCarlaPederoda;dott.MarcoGrusovin

Studentichehannoconseguitoititoli(20112012)
HannoconseguitoLaureamagistraleinScienzeReligiose:
Indirizzopedagogicodidattico:
PREODionella[matr.n.888Gorizia]:
il 10 giugno 2011 difendendo la tesi: Piero della Francesca. Il ciclo della vera
Croce,direttadaiproff.AlessioGerettieMarinoQualizza.
ROSSIFrancesca[matr.n.806Udine]:
il 31 maggio 2011 difendendo la tesi: Ascolto, Silenzio, Parola. Percorso
interdisciplinare tra dinamiche della comunicazione, pedagogia e teologia biblica,
direttadaiproff.ElenaPiccolieStefanoRomanello.
77
HannoconseguitoLaureainScienzeReligiose:
BAGNAROLLuca[matr.n.789Udine]:
il7novembre2011conlesercitazionescritta:Rufinonellaprimacontroversiasu
Origene,direttadalprof.AlessioPersic.
ELLEROPaola[matr.n.825Udine]:
il 16 gennaio 2012 con lesercitazione scritta: Lidentit messianica di Ges.
Capitoli7e8delVangelodiGiovanni,direttadalprof.RinaldoFabris.
LORENZETMara[matr.n.779Udine]:
il13gennaio2012conlesercitazionescritta:GianniVattimo:Addioallaverit
Una provocazione al cristianesimo nella cultura contemporanea, diretta dal prof.
AlessandroCucuzza.
MIANIFabrizio[matr.n.877Gorizia]:
il7novembre2011conlesercitazionescritta:Lanozionedipersonanelpensiero
diMarthaNussbaum,direttadalprof.GiovanniDelMissier.
MIONCristina[matr.n.879Udine]:
il 16 gennaio 2012 con lesercitazione scritta: Scegliere come amarsi. La coppia:
Amoreinrelazione,direttadalprof.GiovanniDelMissier.
TABOGAViviana[matr.n.856Gorizia]:
il 5 maggio 2011 con lesercitazione scritta: Lannuncio di felicit dal mondo
grecoellenisticoallatradizioneevangelica,direttadalprof.SantiGrasso.

HannoconseguitoilMagisteroinScienzeReligiosedelvecchioordinamento:
CUCCHIAROMonica[matr.n.561Udine]:
il 23 luglio 2011 con lesercitazione scritta: Il laico nella Chiesa e nel mondo,
direttadalprof.MarinoQualizza.
DEFRANCESCHISORAVITTOGina[matr.n.371Udine]:
il30gennaio2012conlesercitazionescritta:Esodo:modellodifedediunpopolo,
direttadalprof.GiorgioGiordani.
RACITICristina[matr.n.744Udine]:
il23luglio2011conlesercitazionescritta:Interruzionevolontariadigravidanza,
direttadalprof.GiovanniDelMissier.
VENTURINIPierAngelo[matr.n.696Gorizia]:
il 26 marzo 2012 con lesercitazione scritta: Il matrimonio misto. Canoni per il
dialogo,direttadalprof.PierluigiMazzocato.

78
Indice

Presentazione............................................................................... 3

Autoritaccademiche................................................................... 6

Statuto.......................................................................................... 7

Normesulconferimentodeititoli............................................... 21

Pianodistudio........................................................................... 26

Informazioniperlannoaccademico20122013........................... 29

Calendario. ................................................................................. 30

Insegnamentiprevistiperil20122013........................................38

Quotepartecipative.................................................................... 39

Orarideicorsi. ............................................................................ 40

DescrizionedeicorsiI.TriennioperlaLaurea..........................43

DescrizionedeicorsiII.Bienniospecialistico............................61

DescrizionedeicorsiIII.Indirizzispecifici...............................70

Tesario........................................................................................72

Elencodeidocenti. ......................................................................73

BibliotecadiocesanaP.Bertolla...............................................77

Studentichehannoconclusoglistudi(20112012).......................77

Indice.........................................................................................79

79