Sei sulla pagina 1di 37

ata

rv
e
ris
ne
io
uz
od
r
ip
R
Il Money Management per il trader dinamico

I
H
C
C
U
ST
O
IC
R
EN

Verona 15 aprile 2016



Sondaggio Gruppo Facebook Traderpedia 27/02/2016

ta
Secondo voi quali sono le componenti che

a
rv
e
ris
influenzano maggiormente il successo nel trading?

ne
io
1) Psicologia

uz
od
r
ip
2) Money Management

R
I
3) Capitalizzazione

H
C
C
4) Talento U
ST
O

5) Metodo
IC
R
EN

Verona 15 aprile 2016 2


Citazioni e premesse
"E' meglio avere un sistema mediocre e una buona strategia

a ta
rv
di money management, piuttosto che una scadente strategia

e
ris
di money management e un ottimo sistema"

ne
io
(cit. Stanely Kroll, trader sulle commodities negli anni 70, capace guadagnare un

uz
milione di dollari partendo da 18.000$ in soli 3 anni).

od
r
ip
R
I
"Il Money Management il paracadute per quando le cose

H
C
girano storte e l'acceleratore per quando le cose vanno bene,
C
U
ma non trasforma un trader/metodo perdente in uno
ST
vincente"
O
IC

(cit. Enrico Stucchi, trader sconosciuto).


R
EN

Verona 15 aprile 2016 3


Ma che diavolo questo MM?

ta
Definizione letterale: "gestione del

a
rv
e
ris
denaro"

ne
io
"Googolando": si trovano tante

uz
od
definizioni diverse...

r
ip
R
I
L'approccio pi sistematico ed

H
C
Money
C
utile al trader lo ha dato Andrea
ST
U
Management
Unger
O
IC
R
EN

Verona 15 aprile 2016 4


Cosa non il MM

ta
Non ha nulla a che vedere con la gestione di una

a
rv
e
posizione (ingresso ed uscita dai trade)

ris
ne
Posizionamento grafico degli stop loss

io
uz
od
Posizionamento dei take profit (target)

r
ip
R
Posizionamento del trailing stop

I
H
C
Tecniche di spostamento degli stop in pareggio,
C
U
ST
piramidare, mediare, smezzare, ecc.
O
IC

Risk/Reward del trade


R
EN

Verona 15 aprile 2016 5


Il Money Management e il gioco d'azzardo

ata
rv
e
ris
QUANTE FICHES

ne
io
PUNTO SULLA

uz
od
PROSSIMA

r
ip
R
I
SCOMMESSA?

H
C
C
U
ST
O
IC
R
EN

Verona 15 aprile 2016 6


Una domanda semplice, una risposta complessa

ta
Il MM un insieme di tecniche e di calcoli che

a
rv
e
ris
risponde ad un'unica e semplice domanda:

ne
io
Con quanti soldi (o lotti) entro nel prossimo trade

uz
od
(position sizing)?

r
ip
R
I
Domanda simile (ma non uguale)

H
C
C
U
Quale percentuale del mio capitale metto a rischio
ST
O

nel prossimo trade (risk management)?


IC
R
EN

Verona 15 aprile 2016 7


10 minuti di noiose definizioni

ata
rv
e
ris
ne
io
uz
od
r
ip
R
I
H
C
C
U
ST
O
IC
R
EN

Verona 15 aprile 2016 8


I processi stocastici e le scommesse eque

ta
a
Probabilit di vincita

rv
Gioco Remunerazione equa
(numero pieno)

e
ris
ne
Lancio della moneta =0,5=50% Vinco 1 per ogni rischiato

io
uz
Lancio della "moneta a 3
1/3=0,333=33,3% Vinco 2 per ogni rischiato

od
facce"

r
ip
Lancio del dado tetraedrico (4

R
1/4 =0,25=25% Vinco 3 per ogni rischiato
facce)

I
H
Lancio del dado cubico (6

C
1/6=0,167=16,7 % Vinco 5 per ogni rischiato

C
facce)
U
ST
Roulette francese 1/37=0,027=2,70% Vinco 36 per ogni rischiato
O
IC

La scommessa detta "equa" quando in un ipotetico numero infinito di giocate e capitale


R

infinito nessuno dei giocatori ne' vince ne' perde (payoff del gioco pari a zero)
EN

Verona 15 aprile 2016 9


Probabilit e ricompensa nei processi stocastici

ta
Probabilit di Nei giochi stocastici (casuali, aleatori)

a
rv
vincita=Numero di eventi la probabilit di vincita W (Win Ratio)

e
ris
favorevoli/Numero di eventi
e il rapporto tra la ricompensa attesa

ne
possibili

io
e il rischio corso (R), sono legati dalle

uz
Su un numero infinito di

od
seguenti relazioni

r
giocate:

ip

R
W (Win Ratio)=Numero di
=

I
vincite/Numero di giocate +

H
C

C
W% = 100 *W
U =
ST

O

R (Reward/Risk Ratio)=
IC

Ricompensa attesa/Rischio
R
EN

corso

Verona 15 aprile 2016 10


R e W nel trading

ta
Definiamo

a
rv
e
ris

=

ne

io
uz
% =

od
r
ip
R

I
/ = =

C
C
U
I trader utilizzano pi spesso il termine
ST

"RR" "Risk/Reward" (solo perch suona / =
O


IC

meglio) che il reciproco di R (e viceversa)


R
EN

Verona 15 aprile 2016 11


Relazioni tra R e W nel trading

ta
Supponendo vera la teoria del Random Walk, l'esito di un

a
rv
trade sarebbe del tutto casuale (come in un processo

e
ris
"stocastico") e in questo caso il "payoff" del gioco sarebbe

ne
io
pari a zero (commissioni escluse) e la percentuale di trade in

uz
od
profitto (W Win Ratio) e il Reward/Risk Ratio (R) sarebbero

r
ip
legati dalle seguenti formule:

R
I

H
=

C
+
C
U
ST


O
IC

=
R


EN

Verona 15 aprile 2016 12


Relazioni tra R e W nel trading

ta
R W% Al crescere di R diminuisce la

a
(rapporto (percentuale di trade

rv
probabilit di chiudere il trade in

e
rendimento/rischio) chiusi in profit)
profitto

ris
0.10 91%

ne
0.25 80%
Se credessimo ciecamente alla teoria

io
0.33 75%
del Radom Walk e fossimo certi che

uz
0.50 67%

od
0.75 57% queste statistiche non si possano

r
battere, non avrebbe senso fare

ip
1 50%

R
1.25 44% trading (il payoff sarebbe nullo se

I
1.5 40% non ci fossero le commissioni e

H
2 33%

C
addirittura sfavorevole con le

C
3 25%
commissioni)
4 20%
U
ST
5 16,7%
Sar profittevole il trader che nel
O

Da notare come passando da R=1 a R=2 la


lungo periodo e con buona costanza
IC

probabilit decresca del 17%, mentre passando


R

batter queste "relazioni statistiche"


EN

da 3 a 4 solo del 5%.....


Verona 15 aprile 2016 13


Il RAPAL

ta
Non sempre (anzi quasi mai) si

a
riesce a lavorare con un R

rv

e
impostato e fisso. =

ris

ne
Si pu per sempre misurare

io

uz
Quanto guadagno in media =

od

quando guadagno

r
ip
Quanto perdo in media quando

R
perdo

I
Esempio di sequenza di trade

H
Il rapporto tra questi due valori

C
rappresenta il valore medio di R +1.000, -500, +2.000, +3.000, -1.500

C
nei vari trade eseguiti e viene U
ST
detto RAPAL (Ratio Average Average profit=(1.000+2.000+3.000)/3=2.000
O

Profit Average Loss) Average loss=(-500-1.500)/2=-1.000


IC

RAPAL=-(2.000/-1.000)=2
R
EN

Verona 15 aprile 2016 14


Relazioni tra RAPAL e W nel trading

ata
W% RAPAL

rv
(percentuale di trade chiusi (ratio average profit

e
% =

ris
in profitto) /average loss)
+

ne
99% 0.01

io
uz
90% 0.11

od
80% 0.25

ip
70% 0.43

R
= 60% 0.67

I
% 50% 1.00

H
C
40% 1.50

C
Sar vincente il trader che batter nel lungo
U
periodo queste relazioni (es. il trader che
30% 2.33
ST
20% 4.00
con il 50% di operazioni in profitto avr un
O

10% 9.00
IC

average profit maggiore dell'average loss


R

1% 99.00
(RAPAL>1)
EN

Verona 15 aprile 2016 15


Alcune tecniche di Money Management

ata
rv
e
ris
ne
io
uz
od
r
ip
R
I
H
C
C
U
ST
O
IC
R
EN

Verona 15 aprile 2016 16


Il Fixed Fractional
Il metodo Fixed Fractional il metodo di MM pi diffuso e

ata
rv
pi facile da applicare

e
ris
Si basa sul concetto di Antimartingala (se perdo diminuisco la

ne
io
size)

uz
od
Prevede di rischiare per ogni trade una percentuale fissa (%f)

r
ip
R
del proprio capitale

I
Sfrutta il potentissimo meccanismo dell'interesse composto

H
C
C
Si applica in modo diverso tra strumenti a facile frazionabilit
U
ST
(es. forex, azioni, CFD) e quelli a frazionabilit ridotta (es.
O
IC

futures)
R
EN

Verona 15 aprile 2016 17


Fixed Fractional con le azioni (o certificates)

ta
%

a
() =

rv
%

e
ris
ne
()

io
uz
=
()

od
r
ip
dove

R
I
C = capitale disponibile

H
C
%f = percentuale del capitale rischiata per ogni trade

C
C*%f = rischio monetario per trade U
ST
O

Stop loss % = stop loss in percentuale del prezzo dell'azione (stabilito per esempio
IC

dal trader in modo grafico)


R
EN

Verona 15 aprile 2016 18


Esempi di Fixed Fractional: azioni

ta
Capitale di trading: 10.000

a
rv
e
%f: 5%

ris
ne
Rischio monetario per trade: 500

io
uz
Strumento utilizzato: Azione ACME

od
r
ip
Operazione: long a 100,00

R
I

H
Stop loss sul grafico posto a 90,00 (distanza 10%)

C
C
U
Size d'ingresso = Rischio per trade % * Capitale / Stop loss %
ST
= 5% * 10.000/10%=5.000
O
IC

Azioni da comprare: 5.000/100=50


R
EN

Verona 15 aprile 2016 19


Fixed Fractional con forex e CFD

ta
%

a
=

rv

e
ris
dove

ne
io
C = capitale disponibile

uz
%f = percentuale del capitale rischiata per ogni trade

r od
C*%f = rischio monetario per trade

ip
R
Stop loss monetario per lotto = valore della perdita per singolo lotto tradato in base allo stop loss (stabilito

I
per esempio dal trader in modo grafico)

H
C
Il Numero di lotti approssimato per difetto alla minima size concessa dal broker (es. 0.01 lotti)

C
U Il numero di lotti derivante dalla formula del Fixed
ST
Fractional non pu superare il rapporto tra il
Attenzione:
O

capitale disponibile e il margine richiesto dal


IC

broker per il singolo lotto (non capita quasi mai



R

visto che le leve offerte sono elevate)


EN

Verona 15 aprile 2016 20


Esempi di Fixed Fractional: forex

ta
Capitale di trading: 10.000

a
rv
%f: 5%

e
ris
Rischio monetario per trade: 500

ne
io
Strumento utilizzato: EURUSD (10 $ a pip per 1 lotto standard da 100.000 )

uz
od
Operazione: long a a 1,1200

r
ip
Stop loss sul grafico posto a 1,1180 (distanza 20 pips, 200 $ per lotto179 per

R
I
lotto)

H
C
Size d'ingresso (lotti) = Rischio per trade /Perdita per lotto = 500/179 = 2,79 lotti

C
U
Capitale investito = Numero lotti * Valore lotto=2,79*100.00 = 279.000
ST
O

Leva effettiva impiegata: 279.000/10.000=27,9


IC
R
EN

Verona 15 aprile 2016 21


Esempi di Fixed Fractional: CFD

ta
Capitale di trading: 10.000

a
rv
%f: 5%

e
ris
Rischio monetario per trade: 500

ne
io
Strumento utilizzato: CFD su FIB (1 lotto standard corrisponde a 1 future FIB con tick size di

uz
5 punti indice, tick value di 25 , point value di 5 )

od

r
Operazione: long a 18.000

ip
R
Stop loss posto sul grafico a 17.800 (200 punti di distanza pari a 1.000 per lotto standard)

I
H
Size d'ingresso (lotti) = Rischio per trade /Perdita per lotto = 500/1.000 = 0,5 lotti

C
C
Capitale investito = Numero lotti * Valore lotto = 0,5*90.000 = 45.000
U
ST
Leva effettiva impiegata: 45.000/10.000 = 4.5 (offerta da qualsiasi broker di CFD)
O
IC
R
EN

Verona 15 aprile 2016 22


Fixed Fractional con i futures

ta
%

a
=

rv

e
ris
ne
dove

io
C = capitale disponibile

uz
od
%f = percentuale del capitale rischiata per ogni trade

r
ip
C*%f = rischio monetario per trade

R
I
Stop loss monetario per lotto = valore della perdita per singolo lotto tradato in base allo

H
stop loss (stabilito per esempio dal trader in modo grafico)

C
C

U
INT = approssimazione per difetto al numero intero Il numero di lotti derivante dalla
ST
formula del Fixed Fractional non
Attenzione: pu superare il rapporto tra il
O
IC

capitale disponibile e il margine



R


richiesto dal broker per il singolo
EN

lotto

Verona 15 aprile 2016 23


Esempi di Fixed Fractional: Future

ta
Capitale di trading: 10.000

a
rv
%f: 5%

e
ris
Rischio monetario per trade: 500

ne
Strumento utilizzato: Future DAX (tick size 0,5 punti indice, tick value 12,5 , point value 25 )

io
Margine per lotto: 8.000 intraday, 19.000 overnight

uz

od
Operazione a rischio di margin call intraday e non fattibile overnight

r
Operazione: short a 10.000

ip
R
Stop loss sul grafico posto a 10.040 (40 punti, 80 tick, 1.000 per lotto)

I
Size d'ingresso (lotti standard) = Rischio per trade /Perdita per lotto = 500/1.000 = 0,5 lotti Operazione non

H
C
fattibile con Future standard

C
Operazione fattibile con Future mini-DAX (1/5 del lotto standard, con tick size 1 punto indice, tick value 5 e point
U
ST
value 5 , margine 1.600 intraday, 3.900 overnight)
Size d'ingresso (mini-lotti)=500/200=2,5 lotti Mini Dax 2 lotti (non frazionabili)
O
IC

Capitale investito = Numero lotti * Valore lotto = 2 *50.000 = 100.000


R
EN

Leva effettiva impiegata: 100.000/10.000 = 10


Verona 15 aprile 2016 24


La legge della rovina statistica

ata
rv
e
ris
ne
io
uz
od
r
ip
R
I
H
C
C
U
ST
O
IC
R
EN

Verona 15 aprile 2016 25


Quanto rischio nel prossimo trade: la Formula di Kelly

ta
Noti i parametri statistici dei propri trade, la Formula di Kelly

a
rv
permette di definire la percentuale ottimale da rischiare per ogni

e
ris
trade per massimizzare il profitto

ne
io
uz
od

% = ( )

r
ip

R
Dove:

I
H
W il Win Ratio (numero trade in profitto/numero trade totali)

C
C
U
RAPAL (Ratio Average Profit/Average Loss o il Reward/Risk medio)
ST
O
IC
R
EN

Verona 15 aprile 2016 26


Kelly e il suo ottimismo

ta
Esempi

a
rv
e
ris
RAPAL=2 RAPAL=2

ne
io
Watteso=0,333 (33,3%) Watteso=0,333 (33,3%)

uz
od
Wottenuto=0,3 (30%) Wottenuto=0,4 (40%)

r
ip
R
I
K%=100*(0,3-(1-0,3)/2)=-5% K%=100*(0,4-(1-0,4)/2)=10%

H
C
C
[K<0 significa che meglio non rischiare nulla]
U
ST
O

L'ottimismo di Kelly risiede nel fatto che usando le sue percentuali


IC

bastano piccoli scostamenti dai propri parametri statistici per generare


R

dei disastri (nessuno costante nella propria profittabilit)


EN

Verona 15 aprile 2016 27


Fixed Ratio

ta
Metodo inventato da Ryan Jones e particolarmente

a
rv
e
adatto ai futures

ris
ne
Si parte in genere da 1 lotto

io
uz
od
Il numero di contratti (lotti) s'incrementa di 1 per ogni

r
ip
R
"Delta" guadagnati da ogni singolo lotto tradato

I
H
Delta stabilito dal trader (pi basso il Delta, pi
C
C
aggressivo il sistema) U
ST
O

E' un metodo scollegato dal rischio per trade


IC
R
EN

Verona 15 aprile 2016 28


Fixed Ratio Esempi

ta
Parto da 1 lotto

a
rv
Parto da un capitale di 15.000

e
ris
Il margine per contratto di 8.000 (margin check: ok)

ne
io
Uso un Delta di 5.000

uz
od
Quando il capitale di 20.000 (ho guadagno 5.000 , pari al Delta) passo

r
ip
R
a 2 lotti (il margine richiesto di 16.000 quindi ok)

I
Per aumentare ancora di 1 lotto e passare a 3, ciascuno dei 2 lotti con cui

H
C
lavoro deve guadagnare Delta (2*5.000 = 10.000)
C
U
Quindi quando arrivo a 30.000 posso passare a 3 lotti (margine richiesto
ST
24.000 , ok)
O
IC

30.000 +
Per lavorare con 4 lotti devo arrivare ad un capitale di....
R
EN

3*5.000=45.000

Verona 15 aprile 2016 29


Fixed Ratio Formula

ata
( )

rv
+ +

ris
=

ne
io
Lavorando con azioni, Forex e

uz
CFD posso usare la formula
dove

od
del Fixed Ratio togliendo la

r
funzione "INT"

ip
C = capitale disponibile

I
C0 = capitale iniziale Se il capitale scende sotto il capitale inziale il

H
numero di lotti non scende sotto ad 1 (purch il

C
Attenzione: capitale si mantenga superiore al valore del

C
margine richiesto dal broker)
se C<C0 allora Nlotti=1 U
ST
Il numero di lotti derivante dalla formula del
Fixed Ratio non pu superare il rapporto tra il
O

capitale disponibile e il margine richiesto dal


IC


broker per il singolo lotto
R
EN

Verona 15 aprile 2016 30


Confronto Fixed Fractional vs. Fixed Ratio

a ta
Capitale inziale = 20.000

erv
Stop loss monetario per singolo lotto: 400

ris
Margine: 8.000

ne
io
uz
Il Fixed Ratio richiede minori

od
aumenti di capitale all'inizio per

r
aumentare il numero di lotti (pi

ip
R
aggressivo)

I
H
C
Al crescere del capitale il Fixed

C
Fractional porta ad incrementare
U pi velocemente il numero di lotti
ST
O
IC
R
EN

Verona 15 aprile 2016 31


Confronto Fixed Fractional vs. Fixed Ratio

ata
rv
e
ris
ne
io
uz
od
r
ip
R
I
H
C
C
U
ST
O
IC
R
EN

Verona 15 aprile 2016 32


Altri metodi pi complessi

ta
Optimal f

a
rv
e
ris
Secure f

ne
io
Percent volatility

uz
od
r

ip
Reduced f

R
I
Aggressive Ratio

H
C
C
Asymmetric Ratio U
ST
O

IC

....
R
EN

Verona 15 aprile 2016 33


L'importanza del regime fiscale

ta
Regime Amministrato

a
rv
Gli adempimenti fiscali sono a cura dell'intermediario (sostituto d'imposta) e sono anonimi (no monitoraggio fiscale)

e
Le plusvalenze sono conteggiate col criterio del costo medio ponderato

ris
Compensazioni Plus valenze solo con Minus gi accumulate (ordine cronologico)
Compensazione 4 anni precedenti solo all'interno dello stesso intermediario

ne
Il capital gain netto (plus-minus) si paga subito per ogni operazione (l'intermediario versa le imposte allo stato mensilmente)

io
Non si compila il Modello Unico a meno che non si usino fondi ed ETF non armonizzati UCITS

uz
Sul capital gain (redditi diversi) si paga il 26% (dal 1/7/2014)

od
I redditi da capitale (es. dividendi, interessi, delta NAV) sono tassati a parte

r
ip
Regime Dichiarativo

R
L'onere del conteggio del pagamento e della dichiarazione a carico del contribuente (non anonimo monitoraggio fiscale)

I
Compensazione Minus e Plus valenze realizzate nell'anno fiscale con metodo LIFO (ma senza ordine cronologico)

H
Le plus valenze sono conteggiate col metodo LIFO

C
Le compensazioni si possono fare anche tra vari conti di regime dichiarativo

C
Le minus si possono usare per compensare le plus anche per i 4 anni successivi
U
ST
Complessit nel calcolo dei cambi e dei dividendi
Necessita di compilazione Modello Unico
O

Se il Broker all'estero anche di quadro RW


IC

Il broker estero non fa le ritenute sui redditi da capitale (es. dividendi) che seguono tassazione e ritenute separate da capital gain (redditi diversi)
R

Capital gain pagato con i tempi e le rate della dichiarazione dei redditi (no anticipi per anno successivo)
EN

I redditi diversi vanno in tassazione separata (non contribuiscono al reddito IRPEF e non posso usufruire delle varie deduzioni (es. spese sanitarie)

Verona 15 aprile 2016 34


L'importanza del regime fiscale

ata
rv
e
ris
ne
io
uz
od
r
ip
R
I
H
C
C
U
ST
O
IC
R
EN

Verona 15 aprile 2016 35


Difficolt pratiche nell'applicazione del MM

ta
Non sempre sono disponibili le statistiche di trading necessarie per tarare i parametri e scegliere il metodo (specie in

a
discrezionale)

e rv
Quando sono disponibili non sono costanti nel tempo

ris
Pochi trader lavorano con R, RAPAL, o rischio per trade fisso

ne
io
Lo stop loss o il rischio per trade non sono il drawdown e il drawdown l'unica misura del rischio che conta

uz
Le imposte sul capital gain erodono il capitale reinvestibile

rod

ip
I costi transazionali incidono in modo differente in base allo stile di trading (scalping, day trading, multiday, trading di

R
posizione)

I
Se ho pi posizioni o sistemi contemporanei reinvestire i profitti diventa pi complicato (su quale operazione

H
reinvesto? Suddivido? Ogni quanto tempo o dopo quale Delta reinvesto?)

C
C
Se ho pi posizioni contemporanee il rischio si somma in funzione del grado di correlazione dei sottostanti e delle
strategie
U
ST
Se una parte dei profitti mi servono per campare non posso reinvestirli
O
IC

Se il capitale di partenza limitato sono costretto a rischiare di pi all'inizio, mentre se il capitale diventato
R

importante la predisposizione al rischio decresce


EN

Verona 15 aprile 2016 36


Grazie per l'attenzione

ta
Slides disponibili

a
rv
e
Download dal Gruppo Facebook di https://www.facebook.com/groups/tra

ris
Traderpedia derpedia/

ne
io
Scrivendo a: enrico.stucchi@libero.it

uz
r od
Articoli e post disponibili su

ip
R
https://www.facebook.com/groups/tra

I
Gruppo facebook di Traderpedia derpedia/search/?query=enrico%20stu

H
cchi

C
C
www.traderpedia.it/blog/index.php/co
U Blog Traderpedia
ST
mponent/tags/tag/28-enrico-stucchi
O

http://www.traderpedia.it/wiki/index.
Traderpedia rubrica contributi dei
IC

php/Indice_sequenziale_Contributi_da
traders
R

i_Traders
EN

Verona 15 aprile 2016 37