Sei sulla pagina 1di 25

A

F causa A
x F = K l dove K = E
l
x
l effetto l F l l
quindi l = = x
E= x A E E
x
l x x
= x =
l E E
Acciaio 207
Acciaio inossidabile 190
Valore del Ghisa sferoidale 172
modulo Ghisa malleabile 166
elastico
Titanio 114
di alcuni
materiali Ottone - Bronzo 110
Ghisa grigia 104
Alluminio 71.8
Magnesio 44.8 GPa

0 50 100 150 200 250

1
A
F causa A
x F = K l dove K = E
l
x
l effetto l F l l
quindi l = = x
E= x A E E
x
l x x
= x =
y l E E
contrazione laterale (effetto Poisson)

F
x y z
y = z =
E E
z
nel caso pi generale di stato di tensione
triassiale la deformazione x data da:

x x x + z
y = z = x = y
E E E E

A
F causa A
x F = K l dove K = E
l
x
l effetto l F l l
quindi l = = x
E= x A E E
x
l x x
= x =
y l E E
contrazione laterale (effetto Poisson)

F
x y z
y = z =
E E
z
In modo analogo si
possono ottenere y x + z
y ed z : y =
E E

y = x z = x z + y
E E z = x
E E

2
stato di tensione triassiale
relazione costitutiva in campo elastico tra deformazione e la tensione :

y
nel sistema di riferimento xyz
x =
1
E
[
x ( y + z )]
1
[
y = y ( x + z )
E
]

z
x 1
E
[
z = z ( x + y )]
nel sistema di riferimento principale
1
2 1 = [1 ( 2 + 3 )]
E
1
2 = [ 2 (1 + 3 )]
E
1 1
3 3 = [ 3 (1 + 2 )]
E

Nel caso di torsione pura, con la


z Torsione disposizione degli assi scelta, si ha:
y
A M x = y = z = xz = yz = 0
x xy 0
= (16 M) / ( d3) Lequazione cubica dello stato di tensione
M assume quindi la seguente forma:
1 3
yx
3 - x y2 = 0
da cui si ottiene:
xy xy
3 = - 1
1= xy
yx 2= 0
3 1 3 = - x y

3
bb
x y / 2
1 = /4- x y /2
1

o a
xy
a
o
3 3 oa
tg( /4- x y /2) =
ob
xy oa oa (1+ 3 ) oa
= =1
(1+ 1 )
3
ob ob ob
1 (1+ 3 )
tg( /4- x y /2) =
(1+ 1 )

tg - tg tg /4 - tg x y /2
tg(- ) = tg( /4- x y /2) =
(1+ tg tg) (1+ tg /4 tg x y /2)

=1 x y /2
tg /4 - tg x y /2 1 - x y /2 (1+ )
tg( /4- x y /2) = = = (1+ 3 )
(1+ tg /4 tg x y /2) 1+ x y /2 1

1 - x y /2 (1- )
3 = - 1 3= - 1 = (1+ 1 )
1+ x y /2 1

essendo:
1 = 1/E [1 - (2 +3 ) ] x y = 2 1
si ottiene:
x y = 2/E [1 - (2 +3 ) ]
nel caso della torsione pura 1 = x y e 3 = - x y e quindi:

x y = 2(1 +) 1 /E = 2(1 +) x y /E = x y / G G = E/[2(1+ )]

4
Sollecitazione di taglio:

xy 1 2 - 3
x y = 1 = 1 = 1 = 2 - 3
G G G
xz 2 1 - 3
xz = 2 = 2 = 2 = 1 - 3
G G G
yz 3 1 - 2
yz = 3 = 3 = 3 = 1 - 2
G G G

valida in campo elastico (per i materiali isotropi)

x 1/E - /E - /E 0 0 0 x
y - /E 1/E - /E 0 0 0 y
z - /E - /E 1/E 0 0 0 z
x y = 1/G 0 0 xy
0 0 0
x z xz
0 0 0 0 1/G 0
yz yz
0 0 0 0 0 1/G

Le sottomatrici nulle indicano che non c accoppiamento


tra componenti normali della tensione e distorsione

5
Come si comporta il materiale
oltre il limite elastico?
comportamento elasto-plastico

3
2
lp
scarico l
1
p Limite elastico

Rimuovendo la forza applicata


lp = l p rimane un allungamento residuo
permanente

Come si comporta il materiale


oltre il limite elastico?

comportamento elastico non lineare

3
2

scarico
1


Al termine del ciclo di carico non rimane
alcuna deformazione permanente

6
comportamento
elastico non
lineare
La curva del materiale

comportamento
elasto-plastico
Limite elastico

limite elastico
convenzionale
max
s

r =0.002 = 0.2%
l

l p
e
T

La curva

Modelli semplificati

7
La curva

Modello bilineare: rigido-plastico


La curva

Modello bilineare: elasto-plastico perfetto


dominio elastico

8
La curva

Modello bilineare: elasto-plastico con incrudimento



ET

dominio elastico

La curva

Modello multilineare: elasto-plastico con incrudimento


E2

E1

dominio elastico

9
La curva
1
Energia di deformazione E = FdL E= F L
2
E 1 F L 1
max = Es =
V A L 2 A L 2
s Energia di deformazione elastica

R = maxe = max2/ 2E

Energia di deformazione plastica

p T = d - max2/ 2E
e
T

allaumentare della
deformazione questo termine
diventa trascurabile

La curva
Effetto benefico del comportamento plastico:
ridistribuzione dello stato tensionale nelle zone di forte gradiente


andamento teorico della tensione
in campo totalmente elastico

effetto della plasticizzazione


sullandamento della tensione

x
Zona con forte gradiente tensionale

10
La curva

Lf
= L
L
=
Lf - L0
L0
=
L 0
dL = ln Lf
L L0
deformazione ingegneristica deformazione logaritmica
detta anche deformazione vera (true strain)
Lf
= 1+ = ln(1+ ) = e -1
L0

IPOTESI: in campo plastico la deformazione


avviene a volume costante = F/ A0
y A0
tensione ingegneristica
A
Lf F A0
F S = F/ A =
A0 A
z x
S =
A0
L0
A
= e = (1+ )
tensione vera
A0 L0 = A Lf A0 /A = (1+ ) = ln (A0 /A) (true stress)
Lf / L0 = A0 /A A = A0 /(1+ ) A = A0 / e

La curva
Una relazione spesso utilizzata:
P=SA P
S
ura
Rott A = A0 /(1+ ) P

S = k n A = A0 / e P = S A0 / e

Condizione A0
Caratteristiche
di collasso plastico
del materiale
u dP
A
d
=0

dP A0 dS dSu
= -S = Su
d
=0
e d d
P
Su = ku n n ku n-1 = ku n u = n
P

11
La curva
Valori di k ed n misurati sperimentalmente (prova di trazione)
( MPa PSI / 144.5 )

La curva

Curve sperimentali in campo plastico (prova di trazione)


presentate in scala logaritmica

bonificato
SAE 4130 rato
e temp
n ormalizzato
30
SAE 41
)
30 rbonio
AISI 4 to (b a sso ca
lega
Acciaio
i
termic
r a tta menti
ersi t
n div
r bo nio co -S
al ca io 24
3 Acciai Allumin
1,2 e -301
ll um inio R
A

12
Sollecitazione triassiale in
campo plastico

IPOTESI: 1) Storia di carico monotona


2) Volume costante V=0
3) Parallelismo tra tensioni e deformazioni principali

1 1
2 2 ( = Tensione vera)
3 3
4) Il rapporto tra deformazione e tensione tangenziale uguale
per tutte le componenti e si mantiene costante durante la
deformazione

1 - 2 2 - 3 3 - 1
1 - 2 = 2 - 3 = 3 - 1 =Ci

5) La componente elastica della deformazione trascurabile


rispetto a quella plastica

Sollecitazione triassiale in
campo plastico
dalla 2 delle ipotesi precedenti si ha:

V0 =abc
V0 = Vs Vs = abc (1+ 1 ) (1+ 2 ) (1+ 3 )

V0 = Vs (1+ 1 ) (1+ 2 ) (1+ 3 ) = 1


dalla 4 delle ipotesi
precedenti si ha:
= ln(1+ ) 1 + 2 + 3 = 0
1 - 2 = Ci ( 1 - 2)
1 - 3 = Ci ( 1 - 3)
1 = 2 Ci /3 [ 1 - ( 2 + 3)]
Queste relazioni sono simili a
2 = 2 Ci /3 [ 2 - ( 1 + 3)]
quelle di Hooke,
valide in campo elastico,
3 = 2 Ci /3 [ 3 - ( 1 + 2)]
con un valore di pari ad

13
Sollecitazione triassiale in
campo plastico

Ci una caratteristica del materiale che pu essere valutata con una


prova sperimentale (prova di trazione)
0
1, 2 , 3
caso monoassiale (prova di trazione)
caso triassiale
IPOTESI I due stati di tensione sono equivalenti
se la tensione 0 calcolata nei due casi la stessa

0 =1/3 (1 - 2)2 +(2 - 3)2 +(3 - 1)2


alla quale associata la deformazione tangenziale 0

0 =2/3 (1 - 2)2 +(2 - 3)2 +(3 - 1)2

Sollecitazione triassiale in
campo plastico

la tensione 0 calcolata nel caso monoassiale (2 = 3 =0) vale:

0 =1/3 (1 - 2)2 +(2 - 3)2 +(3 - 1)2 =1/3 (1)2 +(- 1)2 = 2 1
3

la deformazione 0 calcolata nel caso monoassiale


(2 = 3 = - 1/2) vale:

0 =2/3 (1 - 2)2 +(2 - 3)2 +(3 - 1)2

0 =2/3 (1 - 1/2)2 +((-1/2) - (-1/2)) 2 +(-1/2 - 1)2 = 2 1

quindi i valori di 0 e 0 nel caso monoassiale sono i seguenti:

30 0
0 = 2 1 0 = 2 1 1 = 1 =
3 2 2

14
Sollecitazione triassiale in
campo plastico

la deformazione principale nel caso monoassiale si pu calcolare come segue

1 = 2 Ci /3 [ 1 - ( 2 + 3)] 1 = 2 Ci /3 ( 1)

30 0
1 = 1 = 3
2 2 Ci = 2 1
1
0
2 0
Ci = 23 =
30 20
2
nellipotesi che sia valida la relazione costitutiva = k n si ha:

30 0 n 30 1/n

=k 0 = 2 k 2
2 2

Sollecitazione triassiale
in campo plastico

dalle relazioni ottenute si pu ricavare il valore di


Ci in funzione della sola 0

0
Ci = stata ottenuta
20 1/n
2 30 utilizzando la 0
Ci = 2 k
30 1/n
0 2 calcolata nel caso
0 = 2 k 2 monoassiale

Nel caso triassiale la 0 dovr essere calcolata


utilizzando tutte le componenti della tensione

0 =1/3 (1 - 2)2 +(2 - 3)2 +(3 - 1)2

ed introdotta nellespressione di Ci

15
Sollecitazione triassiale
in campo plastico

Introducendo quindi la 0 calcolata nel caso triassiale


nellespressione di Ci si ottiene:

Ci = 3(2)(-1-n)/2n(1/ k)1/n[(1 - 2)2 +(2 - 3)2 +(3 - 1)2](1-n)/2n


3
Posto: = 21 = 1 si ottiene:

1/n
1 (1-n)/2n

1 = k 2 + 2 +1 - - - 1-
2
-
2
1/n
1 (1-n)/2n
1
2 = k 2 + 2 +1 - - - - 2
-
2
1/n
1 (1-n)/2n
1
3 = k 2 + 2 +1 - - - -
2
-
2

Applicazione:
calcolo a collasso plastico di un serbatoio

IPOTESI: spessore sottile De Di Dm


P 1 2

2 3 = 0

s 1
P D2 1
P 2 = P
4 Ds
2 = PD
4s
D

1 = F
A
=
PD 1
2s 1
=
PD
2s 3
1 =
2s
3 0
D
3max = -P

16
Applicazione:
calcolo a collasso plastico di un serbatoio

1 3
1 = PD
2s
2 = PD
4s
3 = 0 = 2 = 2 = 1 =0
1

1/n
1 (1-n)/2n

1 = k 2 + 2 +1 - - - 1-
2
-
2

1/n
1 (1-n)/2n
1 = k () 2+ 0 +1 - 0 - () - 0 1- -0

1/n
1 (1-n)/2n
PD
1/n (1+n)/2n

1 = k 3/4 3/4 1 = 2ks


3/4

Applicazione:
calcolo a collasso plastico di un serbatoio

1 3
1 = PD
2s
2 = PD
4s
3 = 0 = 2 = 2 = 1 =0
1

1/n
1 (1-n)/2n
1
2 = k 2 + 2 +1 - - - - 2
-
2

1/n
1 (1-n)/2n
1 1
2 = k ()2 + 0 +1 - 0 - () - 0 2
-0 - 2

2 = 0

17
Applicazione:
calcolo a collasso plastico di un serbatoio

1 3
1 = PD
2s
2 = PD
4s
3 = 0 = 2 = 2 = 1 =0
1

1/n
1 (1-n)/2n
1
3 = k 2 + 2 +1 - - - -
2
-
2

1/n
1 (1-n)/2n
1 1
3 = k () 2+ 0 +1 - 0 - () - 0 0 - 4- 2

1/n
1 (1-n)/2n
PD
1/n (1+n)/2n

3 = k 3/4 - 3/4 3 = 2ks - 3/4

3 = - 1

Applicazione:
calcolo a collasso plastico di un serbatoio

1/n (1+n)/2n
PD
1 = 3/4 2 = 0 3 = - 1
2ks

D = D0 e1
1 =ln L D
=ln
L0 D0

3 =ln s = s0 e 3 = s0 e-
1
s
s0

1/n (1+n)/2n n
PD0e 1 2ks0 1
1 =
3
P= e -21
1
2ks0e- 4 D0 1+n
3 2n
4

18
Applicazione:
calcolo a collasso plastico di un serbatoio
n
2ks0 1 Condizione di collasso plastico:
P= e -21
D0 1+n dP
=0
3 2n d
4
n
1
2ks0
-2e-21 1n + n1n-1 e-21
dP 1+n
= =0
d1 D0 3 2n
4 n
La derivata si annulla se: 1u = 2

Sostituendo 1 con
n nella espressione di P si ottiene
2
n
2ks0 n Pu il valore critico della pressione, che
Pu = e -n 1+n provoca il collasso plastico del
D0
3 2n serbatoio.
2
4

Applicazione:
calcolo a collasso plastico di un serbatoio

Esempio numerico Dati:


D0 = 18 in = 457.2 mm PSI
( MPa )
s0 = 0.125 in = 3.175 mm 144.4629
k = 154000 PSI = 1066 MPa
n = 0.156
n S = 89000 PSI = 614 MPa
2ks0 n R = 98000 PSI = 676 MPa
Pu = e -n 1+n
D0
3 2n
2
4

0.156 0.156
Pu =
2 1066 3.175
e -0.156 1+ 0.156 = 10.0474 MPa
457.2 0.156x2
3
2 ( 100.5 bar )
4

19
Applicazione:
calcolo a collasso plastico di un serbatoio

Esempio numerico Dati:


D0 = 18 in = 457.2 mm PSI
( MPa )
s0 = 0.125 in = 3.175 mm 144.4629
k = 154000 PSI = 1066 MPa
n = 0.156
S = 89000 PSI = 614 MPa
R = 98000 PSI = 676 MPa
Pu 100.5 bar

1
1 = PD
2 = PD
3 = 0 0 = ( 1 2 )2 + ( 2 3 )2 + ( 3 1 )2
2s 4s 3
457.2 1 2
1 = 10.0474 = 723.4MPa 0 = ( 1 )2 + ( 1 )2 =
2 3.175 3 3
457.2 1
2 = 10.0474 = 361.7 MPa = ( 1 2 )2 + ( 2 3 )2 + ( 3 1 )2
4 3.175 2

Applicazione:
calcolo a collasso plastico di un serbatoio

Esempio numerico Dati:


D0 = 18 in = 457.2 mm PSI
( MPa )
s0 = 0.125 in = 3.175 mm 144.4629
k = 154000 PSI = 1066 MPa
n = 0.156
S = 89000 PSI = 614 MPa
R = 98000 PSI = 676 MPa
Pu 100.5 bar

1
= (723.4 361.7 )2 + (361.7 0)2 + (0 723.4)2 = 626MPa
2

20
Applicazione:
calcolo a collasso plastico di un serbatoio

P IPOTESI: spessore sottile De Di Dm


1 2

2 3 = 0

s 1
P D2 1
1 = 2 = P
4 Ds
1 = PD
4s
D

3
1 =
2s
3 0
D
3max = -P

Applicazione:
calcolo a collasso plastico di un serbatoio

2 3
1 = PD
4s
2 = PD
4s
3 = 0 = = 1 = 1 =0
1

1/n
1 (1-n)/2n

1 = k 2 + 2 +1 - - - 1-
2
-
2

1/n
1 (1-n)/2n
1 = k (1)2 + 0 +1 - 0 - (1) - 0 1- 1 -0
2

1/n
1 (1-n)/2n
PD
1/n

1 = k 1 1/2 1 = 4ks
1/2

21
Applicazione:
calcolo a collasso plastico di un serbatoio

2 3
1 = PD
4s
2 = PD
4s
3 = 0 = = 1 = 1 =0
1

1/n
1 (1-n)/2n
1
2 = k 2 + 2 +1 - - - - 2
-
2

1/n
1 (1-n)/2n
1
2 = k (1 ) 2+ 0 +1 - 0 - (1 ) - 0 1 -0 - 2

1/n
1 (1-n)/2n
PD
1/n
2 = k 1 1/2 2 = 1/2 2 = 1
4ks

Applicazione:
calcolo a collasso plastico di un serbatoio

3
1 = PD
4s
2 = PD
4s
3 = 0 = 2 = 1 = 1 =0
1

1/n
1 (1-n)/2n
1
3 = k 2 + 2 +1 - - - -
2
-
2
1/n
1 (1-n)/2n
1 1
3 = k (1)2 + 0 +1 - 0 - (1) - 0 0 - 2- 2

1/n
1 (1-n)/2n
PD
1/n

3 = k 1 - 1 3 = -1
4ks

1/n

3 =
PD 3 = - 2 1
4ks

22
Applicazione:
calcolo a collasso plastico di un serbatoio

1/n
PD
1 = 1/2 2 = 1 3 = - 2 1
4ks

D = D0 e1
1 =ln L D
=ln
L0 D0

3 =ln s 1
s = s0 e 3 = s0 e -2
s0

1/n
PD0e 1
n
4ks0
1 =
1
P= e -31 2 1
4ks e-21
0
2 D0

Applicazione:
calcolo a collasso plastico di un serbatoio

Condizione di collasso plastico:


n
4ks0
P= e -31 2 1 dP
=0
D0 d

dP 4ks0 n

d1
=
D0
2 -3e-31 1n + n1n-1 e-31 =0

n
La derivata si annulla se: 1u = 3

Sostituendo 1 con
n nella espressione di P si ottiene
3
n
4ks0 2n Pu il valore critico della pressione, che
Pu = e -n provoca il collasso plastico del
D0 3 serbatoio.

23
Applicazione:
calcolo a collasso plastico di un serbatoio

Esempio numerico Dati:


Acciaio SAE 4130
D0 = 18 in = 457.2 mm
s0 = 0.125 in = 3.175 mm
k = 154000 PSI = 1066 MPa
n = 0.156
S = 89000 PSI = 614 MPa
n R = 98000 PSI = 676 MPa
4ks0 2n
Pu = e -n
D0 3
0.156
4 1066 3.175 2 0.156
Pu = e -0.156 = 17.797 MPa
457.2 3

Applicazione:
calcolo a collasso plastico di un serbatoio

Esempio numerico Dati:


Alluminio Alcoa 24-S
D0 = 18 in = 457.2 mm
s0 = 0.125 in = 3.175 mm
k = 55900 PSI = 384.65 MPa
n = 0.211
n
4ks0 2n
Pu = e -n
D0 3

0.211
4 384.65 3.175 2 0.211
Pu = e -0.211 = 5.72 MPa
457.2 3

24
Applicazione:
calcolo a collasso plastico di un serbatoio

Esempio numerico Dati:


Acciaio 0.05% C
D0 = 18 in = 457.2 mm
s0 = 0.125 in = 3.175 mm
k = 77100 PSI = 530.52 MPa
n = 0.261

n
4ks0 2n
Pu = e -n
D0 3

0.261
4 530.52 3.175 2 0.261
Pu = e -0.261 = 7.19 MPa
457.2 3

Finisce
qui

25