Sei sulla pagina 1di 10

AIS Capire le differenze Urbino, 13-15 settembre 2007

Differenze, disuguaglianze, identit: dalle politiche della


differenza a pratiche di multiculturalismo quotidiano
Enzo Colombo

La differenza, insieme allidentit e alla cultura a cui risulta legata in modo


inestricabile, sembra costituire una cifra distintiva della contemporaneit occidentale.
Gran parte dei dibattiti, delle preoccupazioni, delle azioni politiche e dei conflitti
sembra ruotare intorno al tema della difesa, della rivendicazione o del riconoscimento
della differenza.
In questo intervento vorrei brevemente ricostruire la genesi e lo sviluppo delle
cosiddette politiche della differenza (o politiche dellidentit), evidenziandone i legami
con le pi ampie trasformazioni sociali i nuovi movimenti sociali, il superamento del
modello fordista di produzione e di mercato, la svolta epistemologica nelle scienze
sociali alla fine degli anni sessanta e, successivamente, a partire dalla fine degli anni
ottanta quando il tema delle politiche della differenza si salda al tema del
multiculturalismo, la fine del bipolarismo e della Guerra fredda, il diffondersi della
prospettiva post-coloniale e post-strutturale, lintensificarsi dei processi di
globalizzazione.
Vorrei quindi affrontare una delle critiche principali che il diffondersi delle
politiche della differenza ha sollevato, cio la controversa relazione che la differenza
mantiene nei confronti della disuguaglianza, per alcuni un necessario superamento di
una visione eccessivamente materialistica della societ, per altri un occultamento delle
profonde determinanti della stratificazione sociale che garantisce un efficace
mantenimento dello status quo.
Infine, nellultima parte dellintervento, se il tempo me lo conceder, vorrei
proporre alcuni elementi di riflessione per una definizione sociologica della differenza
che, a partire dalla vita quotidiana, ne evidenzi il carattere ambivalente di vincolo e
risorsa e consenta di concentrare lattenzione sui contesti empirici specifici di
relazione in cui la differenza assume sempre pi il carattere di posta in gioco politica
per la definizione delle situazioni e per la definizione delle relazioni asimmetriche di
potere.

Le politiche della differenza


Sebbene molti autori tra questi Melucci (2000) e Stuart Hall (2000) tendano a
collegare lemergere delle politiche della differenza alla fine del bipolarismo e della
Guerra fredda, al consolidarsi del post-colonialismo e allintensificarsi dei processi di
globalizzazione avvenuti alla fine degli anni ottanta, ritengo utile, con altri come Bianca
Beccalli (1998) o Simonetta Piccone Stella (2003), rintracciare il seme di una
rielaborazione culturale della differenza alla fine degli anni sessanta, in connessione con
lazione dei nuovi movimenti sociali, con le trasformazioni postfordiste e con la
cosiddetta svolta epistemologica nelle scienze sociali, fenomeni che convergono nel
mettere in discussione un aspetto centrale della modernit occidentale: la possibilit
linevitabilit di un modello unico, indiscusso, oggettivo e autorevole, da utilizzare
come unit di misura per la lettura della realt, la sua valutazione e la costruzione di
progetti futuri.
A scopo analitico potrebbe essere utile cercare di suddividere in tre dimensioni il
percorso dellaffermarsi del tema della differenza, senza per questo suggerire che esse si
AIS Capire le differenze Urbino, 13-15 settembre 2007

succedano cronologicamente in forma evolutiva, lasciando che la nuova dimensione


emerga solo dopo completo esaurimento o superamento della precedente. Come
osservano Bianca Beccalli e Simonetta Piccone Stella, luso che i nuovi movimenti
sociali hanno fatto della differenza risulta faticoso, contraddittorio e polivalente, sfugge
quindi a ogni eccessiva semplificazione analitica.
Nonostante queste precauzioni, forse comunque utile separare una prima
dimensione che potrebbe essere definita, seguendo Gergen (1999: 42), una
dimensione che enfatizza la resistenza la quale segna una trasformazione nel modo di
considerare la differenza: da retaggio della tradizione che frena il pieno sviluppo e la
piena partecipazione alla societ moderna a prodotto della costruzione del discorso
dominante che, foggiando in forma sminuita, incompleta e subordinata limmagine delle
minoranze riproduce e consolida il dominio.
Una seconda dimensione che tende ad enfatizzare lautonomia in cui alla
denuncia del carattere oppressivo prodotto della rappresentazione negativa della
differenza fatta dai gruppi maggioritari si affianca, nellazione collettiva delle
minoranze, la produzione di una propria auto-rappresentazione, che valorizza le
specificit e fonda la possibilit di un discorso alternativo rispetto a quello dominante.
Infine, una terza dimensione che tende ad enfatizzare la performance in cui la
definizione della differenza viene vista non come una caratteristica essenziale e
immutabile ma come una realizzazione pratica continua, la posta in gioco del confronto
politico; una possibile risorsa nella sua irriducibile ambivalenza orientata a
destabilizzare le opposizioni simboliche che sono alla base delle differenziazioni di
gruppo esistenti (Fraser 2007)

La prima dimensione quella di resistenza caratteristica dellazione dei primi


movimenti sociali, una fase storica caratterizzata dalla comparsa sulla scena pubblica di
nuovi soggetti sociali giovani, donne, neri, omosessuali che utilizzano la differenza
come critica allelite dominate, sia evidenziando la distanza tra le affermazioni di
principio lesistenza di una societ egualitaria e la mancanza di vincoli strutturali al
successo dei pi meritevoli e dei pi capaci e la realt dei fatti fatta di
emarginazione ed esclusione nei campi delleducazione, del lavoro e della
partecipazione alla vita sociale, sia evidenziando come la rappresentazione delle
minoranze fatta dal gruppo maggioritario sia carica di pregiudizi e veicoli unimmagine
negativa che impedisce un pieno sviluppo dellautostima e una piena partecipazione
alla pari alla vita sociale (Fanon 1961). In questa fase i movimenti sociali tendono a
utilizzare la differenza come strumento critico che illumina il carattere iniquo e
asimmetrico della societ: evidenziando la presenza della differenza mettono in
discussione sia lequit della societ sia il carattere razzista e discriminatorio della
maggioranza, incapace di riconoscere gli aspetti positivi delle minoranze.
La differenza qui utilizzata principalmente per veicolare richieste di inclusione e
di revisione delle regole vigenti in senso universalistico, atte a garantire uneffettiva pi
ampia partecipazione delle minoranze. Il movimento per il riconoscimento dei diritti
civili guidato da Martin Luther King (2000) manifestava per il riconoscimento per i neri
di eguali diritti basati su diritti civili, cio sulla premessa di una cittadinanza eguale e
individuale (Baumann 2003: 9), la differenza era vista come il risultato delle pratiche
discriminatorie, come costruzione ideologica che legittima il dominio del gruppo
maggioritario dominante, occultandone lazione di potere. Anche il movimento
femminista e omosessuale avanzano richieste simili: utilizzano la differenza come
manifestazione evidente della volont di esclusione del gruppo dominante, che
costruisce laltro come inferiore, incompleto, dipendente per giustificare il proprio
AIS Capire le differenze Urbino, 13-15 settembre 2007

dominio. Lorigine della discriminazione non solo materiale, basata sui rapporti di
forza e sulle capacit di mercato, ma soprattutto simbolica, basata su un
misconoscimento dei gruppi minoritari che impedisce loro di sviluppare lautostima e
lautonomia necessaria a costituirsi come soggetti eterodiretti e di partecipare alla pari
alla vita sociale. Questa dimensione delle politiche della differenza tende a sottolineare
linconsistenza della distinzione tra pubblico e privato, segnalando limportanza di
riconoscere il privato come problema pubblico, cio di ottenere attenzione pubblica per
le particolarit, e di riconoscere la dimensione pubblica del vissuto privato,
trasformando i temi del corpo, della sessualit, dei desideri, delle scelte personali in
questioni di rilevanza pubblica (Zaretsky 1995).
Qui, le politiche della differenza rimandano sostanzialmente a un lavoro di
decostruzione dei gruppi maggioritari e della loro idea di normalit: sono impegnate
nel mostrare il carattere discriminante sessista, razzista e classista di ogni cultura,
incluse le culture maggioritarie che tendono invece a rappresentarsi come universali,
aperte, eque. Nelle versioni pi contemporanee, questa dimensione sembra
caratterizzare luso della differenza come forma di pedagogia critica che consente di
decostruire le relazioni di potere e di dominio legando le dimensioni strutturali alle
intuizioni post-strutturaliste sulla natura della soggettivit come soggetti e oggetti dei
discorsi e delle rappresentazioni, incorporando linteresse marxista per lazione politica
dei gruppi di opposizione (Berstein 2005).

La seconda dimensione quella di autonomia rimanda a unazione collettiva che


ha come obiettivo una pi radicale critica al gruppo dominante. Non si tratta
semplicemente di denunciare uno iato tra le affermazioni di principio eguaglianza,
equit tolleranza e la realt dei rapporti sociali che caratterizzano lideologia e la
prassi di molti gruppi maggioritari ma di mettere in evidenza che la loro aspirazione
universalistica necessariamente locale e particolare e che la loro dichiarata equit e
volont di inclusione ha come costo implicito lomologazione al modello maggioritario.
In questo caso, la differenza non pi una rappresentazione negativa che deve essere
superata, perch il suo superamento ha come contropartita lomologazione nel modello
del gruppo dominante. La differenza deve invece essere intesa come specificit, come
differenza di valore rispetto al gruppo dominante. Riappropriarsi della propria
specificit e valorizzarla divengono i prerequisiti per lautonomia e il pieno sviluppo
della soggettivit individuale e collettiva. Black is beautiful diviene lo slogan dominate
che riassume questo diverso aspetto delle politiche della differenza: la propria unica
differenza come orgoglio, come elemento caratteristico e costitutivo a cui non
possibile rinunciare senza perdere la possibilit di essere se stessi.
In questa fase, le politiche della differenza divengono spesso sinonimo di
separazione, di costruzione di confini netti che distinguono qualitativamente da ogni
altro gruppo sociale. La richiesta principale non il riconoscimento di diritti civili su
base individuale, n linclusione alla pari alla vita sociale, ma il riconoscimento della
specificit comunitaria e di diritti collettivi (essere accettati per ci che si ), spesso
orientati alla richiesta di autonomia (solo i neri sono autorizzati a parlare per i neri, solo
le donne a parlare per le donne). Si sottolinea limportanza di vedersi riconosciuti spazi
auto-organizzati, separati e sicuri, in cui trovarsi e confrontarsi tra soggetti che
condividono la condizione di esclusione costituisce un necessario momento di crescita e
di liberazione (gruppi di auto-coscienza).
Iris Marion Young (1996: 208) esprime chiaramente questa posizione:
AIS Capire le differenze Urbino, 13-15 settembre 2007

una politica che affermi la positivit della differenza di gruppo liberatoria e


legittimante. Con il gesto di riappropriarsi dellidentit che la cultura dominante ha
insegnato loro a disprezzare, proclamandola unidentit da esaltare, gli oppressi si
liberano della loro doppia coscienza: s, io sono ci che loro dicono che sono, un
ragazzo ebreo, una ragazza di colore, una checca, una lesbica, una befana, e me ne
vanto! Non mi propongo pi di cercare di diventare quello che non sono in una
situazione in cui il fatto stesso di provarci non fa che rammentarmi quello che sono. La
politica della differenza afferma che i gruppi oppressi hanno culture, esperienze e
ottiche distinte e dotate di un significato umano positivo, per alcuni aspetti forse
addirittura superiore alla cultura e allottica della maggioranza. E che il rifiuto e la
svalutazione della propria cultura e della propria ottica non deve essere una condizione
necessaria per la partecipazione a pieno titolo alla vita della societ

La richiesta di riconoscimento della specificit porta spesso a enfatizzare le


differenze, favorendo forme di integralismo, e a favorire la loro proliferazione: diviene
plausibile e vantaggioso rivendicare specificit sempre pi particolari favorendo una
moltiplicazione delle differenze.
Nella sua versione meno radicale, questa dimensione caratteristica dei nuovi
movimenti sociali che puntano soprattutto sulle dimensioni espressive dellazione e
fanno dellidentit uno dei fini dellazione politica (Melucci 1982, 1996). La differenza
serve come elemento critico da cui partire per sostenere ed esplorare lidentit
individuale e collettiva dei soggetti e per sperimentare nuove forme di espressione e di
comunicazione; serve come strumento per contrastare la colonizzazione del mondo della
vita da parte delle strutture, riflesso dei gruppi dominanti, e trasformare cos la societ
civile (Bernstein 2005: 54). Le politiche della differenza servono dunque non solo ad
ampliare lo spazio della partecipazione e dellinclusione ma anche a rendere politici
spazi di vita precedentemente considerati dominio privato, escluso dalla politica
(sessualit, relazioni interpersonali, stili di vita, dimensioni simboliche e culturali).

Queste due dimensioni sembrano caratterizzare soprattutto le rivendicazioni


collettive di riconoscimento della differenza negli anni sessanta e settanta e, oltre
allazione dei nuovi movimenti sociali, sono sicuramente connesse alle trasformazioni
del modello produttivo fordista; allaffermarsi di forme di produzione e di consumo
centrate sul cliente che enfatizzano la sua capacit di scelta e lunicit dei suoi
comportamenti di consumo. Influente pure lo sviluppo della prospettiva
fenomenologica (Berger e Luckmann 1966), della teoria etnometodologica (Garfinkel
1967) e di quella drammaturgica (Goffman 1959) che mettono in luce come la realt
sociale sia il risultato di pratiche e procedure che la costituiscono come realt data e non
problematica. Evidenziano che ci che appare come ontologico e universale , in realt,
il risultato di una costruzione sociale, di una continua opera di revisione, modifica,
aggiustamento che profondamente radicata nella condizione storica e culturale
particolare di ogni specifico gruppo sociale e trova il suo ambito principale di
espressione nellesperienza del mondo della vita quotidiana. Lantropologia
interpretativa (Geertz 1973), inoltre, sottolinea che valori, conoscenze e verit sono
relative, dipendono cio dal contesto sociale e culturale entro cui sono prodotte.

Alla fine degli anni ottanta nuove trasformazioni sociali contribuiscono a riorientare
le politiche della differenza saldandole con le discussioni sulle societ multiculturali. Il
primo elemento dato dal crollo del muro di Berlino e dalla fine della Guerra fredda
(Melucci 2000, Hall 2000): il declino di un modello alternativo allo sviluppo
AIS Capire le differenze Urbino, 13-15 settembre 2007

occidentale ha lasciato riemergere, sul piano culturale, antiche tensioni irrisolte e ha


moltiplicato le faglie di contrapposizione. Privato di una controparte a cui opporsi
nettamente traendone identit e unit, il modello occidentale risulta indebolito e lascia
spazio a una molteplicit di riarticolazioni e contestazioni locali. Un secondo elemento
dato dallintensificarsi dei processi di globalizzazione che alimentano nuovi flussi
culturali globali (Appadurai 2001: 52) e colorano in modo nuovo lesperienza
migratoria. La differenza diviene unesperienza quotidiana e la contrazione delle
dimensioni spazio temporali rende sempre pi complesso identificare un luogo centrale
che possa fungere da modello e da punto di riferimento. La molteplicit e la variabilit
diventano un elemento ricorrente dellesperienza quotidiana lasciando spazio allidea
che siano i soggetti stessi, e non un modello precostituito, a definire le scelte e gli
orientamenti delle loro azioni pratiche, oppure sollecitando nostalgiche aspirazioni a
recuperare una stabilit e ununit che si immaginano perdute. In ogni caso, la
differenza in quanto vincolo o risorsa, come distinzione da raggiungere o da difendere
diventa una preoccupazione costante. Non marginale anche linfluenza delle
prospettive post-coloniali (Robert J.C. Young 2005) e post-strutturaliste (Hall 2006,
Belsey 2002) che sottopongono a critica i modi dominanti di pensare i rapporti tra
mondo occidentale e non occidentale, decostruiscono le categorie che definiscono il Noi
e il Loro e pongono al centro della riflessione il tema dellAlterit. Lattenzione centrale
data al linguaggio e, pi in generale, ai discorsi e alle rappresentazioni evidenzia il
carattere costruito delle categorizzazioni e la loro capacit performativa, nonch la
stretta relazione tra modi di narrare, modi di conoscere e potere.
Queste trasformazioni favoriscono una nuova sfumatura nelle politiche della
differenza, che evidenzia il carattere di costruzione sociale della differenza e ne
evidenzia lo stretto legame con il potere. Questa terza dimensione quella della
performance parte da una critica allessenzialismo che caratterizza le dimensioni
presentate in precedenza. In questo caso la critica spesso interna i gruppi minoritari:
sono, ad esempio, le donne di colore o i transessuali che mettono in discussione la
possibilit di una specifica differenza che caratterizzi tutte le donne e denunciano
lopera di reificazione di modelli di femminilit o di differenze di genere che sono in
realt socialmente costruiti e rappresentativi di una parte ben specifica di individui (bell
hooks 1998).
Le politiche della differenza che enfatizzano lautonomia sono accusate di
rafforzare le logiche di esclusione che stanno alla base di ogni demarcazione di
differenza piuttosto che ridefinire le componenti culturali e simboliche che le
costituiscono: rovesciare le categorie dicotomiche, considerando positivo ci che la
maggioranza considera negativo, non ha che leffetto di consolidare il valore della
distinzione, costituita e funzionale alla maggioranza, non in grado di sfidare in modo
fondamentale il potere, mettendone in discussione la logica e i processi attraverso cui da
forma di naturalit alla propria costruzione della realt. Lunico modo efficace per
incidere sulle fonti delloppressione e del dominio un lavoro continuo di messa in
discussione delle categorie, dei confini e delle logiche della costruzione delle differenze.
Nella sua versione postmoderna pi radicale, la differenza costituisce un potente
strumento di decostruzione delle categorie sociali: lazione sociale efficace consiste in
un gioco continuo di spiazzamento, in una miscelazione dei confini, in una produzione
senza fine di ibridi come unico modo per sfuggire alle convenzioni e ai vincoli del
potere maggioritario. Le politiche queer, lazione performativa trasgressiva che rimette
in discussione le categorie che creano la norma (Butler 1990, 1993) costituiscono un
esempio paradigmatico di queste nuove forme di uso della differenza.
AIS Capire le differenze Urbino, 13-15 settembre 2007

Al di l di alcuni eccessi postmoderni, evidenziare la dimensione delle performance


consente di porre in primo piano due elementi centrali: la dimensione del potere e il
carattere di costruzione sociale di ogni differenza.
Il primo elemento consente di evidenziare come le differenze che hanno rilevanza
sociale, lontano dallessere semplice riflesso di distinzioni naturali e necessarie,
costituiscono il modo in cui il potere arriva a costituirsi e a stabilizzarsi. La differenza
diviene un elemento indispensabile per dare forma allinfinit priva di senso del
divenire del mondo, per parafrasare Weber (1958), il gancio che consente al potere di
fissarsi e di esercitare forme di dominio e di esclusione. Unefficace lotta alla
discriminazione e al dominio consiste nel continuo interrogare lapparente naturalezza
delle strutture, sfidandole dove essere si radicano e si nascondono: nel senso comune,
negli habitus, nelle pratiche quotidiane pi banali e abitudinarie.
Il secondo elemento consente di evidenziare che ogni differenza ha un carattere
storico, contingente, non assoluto; il risultato di pratiche situate di soggetti storici
specifici, assemblaggi di materiali, discorsi e simboli irriducibili a unessenza stabile e
universale (Moore et al. 2003: 3). Questo consente di concentrare lattenzione
sullutilizzo pratico specifico, situato della differenza piuttosto che disquisire sul
suo carattere essenziale o di prodotto sociale, sulla sua presunta verit o falsit.
La sfida posta da questa terza dimensione delle politiche della differenza appare pi
radicale. Non si tratta solo, come per la dimensione di resistenza, di richiedere una pi
efficace inclusione e un superamento delle barriere formali, n, come per la dimensione
di autonomia, di sostenere la possibilit di decidere autonomamente il proprio destino e
di avere spazi protetti e isolati entro cui coltivare la propria specificit, ma della
richiesta di rimettere in discussione le regole stesse dello stare insieme: la richiesta non
pi rispettami per ci che sono, ma rivediamo le regole su cui si fonda il nostro
vivere comune e i privilegi che consentono le posizioni di dominio (Hall 2006; Piccone
Stella 2003). Le dimensioni del conflitto tra posizioni e visioni del mondo e della lotta
per legemonia culturale diventano elementi costitutivi di una societ multiculturale.

Differenze e disuguaglianze
Una delle critiche ricorrenti nei confronti delle prospettive che utilizzano la
categoria di differenza quella di occultare il tema della disuguaglianza (Gitlin 1995;
Procacci 1998, 1999). Lampiezza del dibattito e la rilevanza della questione non
consentono, qui, che un accenno irrimediabilmente semplicistico. Le posizioni neo-
marxiste sottolineano che lo spostamento sul piano culturale favorito dallidea di
differenza occulta le dimensioni strutturali, principalmente materiali, delle asimmetrie
sociali e del dominio, inoltre uninsistenza sulla particolarit frantuma il fronte degli
oppressi, esaltandone le differenze e occultandone gli interessi comuni, impedendo loro
di agire in modo comune contro il gruppo dominante. Le posizioni liberali evidenziano
come una precoce e sbrigativa liquidazione di un orizzonte di eguaglianza universale, a
favore di unesaltazione delle differenze, rischi di condurre verso un relativismo
radicale in cui la mancanza di parametri condivisi rende impossibile non solo
interrogarsi su qualsiasi statuto di verit ma rende altres impossibile un dialogo e un
confronto tra posizioni concepite come sostanzialmente incommensurabili. Eliminare
lorizzonte di una uguaglianza universale significa inoltre eliminare una delle possibili
fonti che hanno permesso e incoraggiato le lotte sociali per laffermazione dei diritti e
della democrazia.
Al di l di queste critiche, soprattutto rivolte a una politica della differenza che
rimanda alla dimensione dellautonomia, le studiose e gli studiosi contemporanei
sembrano concordare nel sottolineare la falsit e la non necessit di una distinzione
AIS Capire le differenze Urbino, 13-15 settembre 2007

radicale tra differenza e disuguaglianza (Piccone Stella 2003; Cooper 2004). Il


riconoscimento che disuguaglianza e differenza costituiscono spesso due facce della
medesima medaglia comunque bel al di l dal fornire un quadro teorico e strumenti
empirici adeguati allanalisi delle reali condizioni delle discriminazioni nelle societ
contemporanee. Le argomentazioni pi note che orientano in questa direzione sono
quelle di Nancy Fraser nonch il dibattito che evidenzia lintersezione tra classe, genere
e etnicit.
Fraser (1997, 2004; Dahl et al. 2004) ricorre alla proposta di sviluppare uno
sguardo integrato che consenta di distinguere analiticamente, ma di riconoscerne i
legami reciproci nella realt empirica, la dimensione materiale (connessa a ci che
Fraser definisce il problema della redistribution), la dimensione culturale (il problema
della recognition) e la dimensione politica (il problema della representation, cio del
frame che definisce il senso delle richieste di redistribuzione e di riconoscimento, i
soggetti autorizzati ad avanzare tali richieste, nonch le regole valide per le domande e
per le soluzioni). Per Fraser, la divisione tra una politica culturale di riconoscimento e
una politica sociale di giustizia ed eguaglianza su cui si basa la discussione sulla
politica della differenza ignora le interconnessioni dellingiustizia socioeconomica
radicata in modelli sociali di rappresentazione, interpretazione e comunicazione.
Etnicit e genere costituiscono collettivit ambivalenti, cio gruppi influenzati sia
dalleconomia politica sia dalle strutture di valutazione culturale della societ, nonch
dalle lotte politiche per la definizione delle regole comuni (Berstein 2005: 53).
Linterconnessione tra le dimensioni economiche, culturali e politiche assunte dalla
disuguaglianza nel mondo contemporaneo che Fraser sviluppa su un registro normativo,
sono ulteriormente sviluppate in direzione analitica dalle riflessioni sulle relazioni tra
classe, genere ed etnicit (Gimenez 2001). In questo caso il concetto centrale quello di
collocazione sociale (social location) (Anthias 2002: 284) che assume lesistenza delle
differenza ma senza considerarle fisse; esse sono invece concepite come dinamiche,
dipendono dai contesti e dai significati. Le differenze di classe, di genere e di
appartenenza etnica sono realizzazioni pratiche, performance; un mezzo sia per
giustificare le pi fondamentali divisioni della societ, sia per dare senso alla realt
quotidiana (West, Fenstermaker 1995). Non si tratta di categorie analitiche indipendent i
i cui effetti possono essere semplicemente sommati, nella loro articolazione
costituiscono piuttosto un luogo da cui si parla e si fa esperienza della realt.
In questottica, le politiche della differenza non costituiscono una negazione delle
disuguaglianze materiali, costituiscono piuttosto una forma specifica, valutabile nella
sua dimensione pratica, di costruzione di disuguaglianza o di contestazione e resistenza.
Piuttosto che costituire degli a priori che determinano le condizioni e le azioni dei
soggetti, le differenze sono considerate sia dei vincoli imposti dai contesti e dalle
situazioni storico-sociali in cui si agisce, sia il risultato concreto di pratiche continue di
differenziazione e di definizione di confini.

Forme di multiculturalismo quotidiano


La concezione delle differenze come pratiche situate, come performance e come
elementi che definiscono il frame delle interazioni, contemporaneamente il risultato
dellinterazione e la cornice che consente di dare senso allinterazione aprendo e
chiudendo possibilit di azione , consente di superare sia una visione reificata della
differenza qualcosa che si ha e che determina i comportamenti sia una visione
eccessivamente fluida qualcosa che pu essere fatto o disfatto senza costi.
Questo consente di pensare alle politiche della differenza in modo diverso rispetto
alle dimensioni evidenziate in precedenza. Mentre le dimensioni della resistenza e
AIS Capire le differenze Urbino, 13-15 settembre 2007

dellautonomia tendono a reificare le differenze, considerandole qualcosa di essenziale


e favorendo lidea che siano gli elementi costitutivi di base della nostra attuale identit,
qualcosa che abbiamo ottenuto come bagaglio dalla natura o dalla nostra pi antica e
sacra storia collettiva e che abbiamo lobbligo di sviluppare e di proteggere dal degrado
e dalla dissoluzione, la dimensione della performance rischia di trasformare le
differenze in qualcosa di puramente contingente e, alla fine, irrilevante, un gioco
continuo che non pu avere soluzione ne stabilizzazione, se non in relazioni di dominio.
Questo porta ad esaltare la portata innovatrice dellibrido e della trasgressione, a
considerare ogni trasformazione sempre progressista, ignorando il possibile carattere
reazionario e regressivo di nuove forme di distinzione d i nuovi confini (West 1992;
Anthias 2001).
La prospettiva delle pratiche situate consente di mantenere una visione
costruzionista della differenza che dipende quindi dalle condizioni storiche e sociali e
su questo terreno pu essere contestata e trasformata ma prendendo sul serio la
rilevanza e gli effetti concreti che tale costruzione produce considerando cio la
produzione sociale della differenza come produzione di fatti sociali, che come tali
hanno implicazioni reali nella vita delle persone. Riconosce cio che i processi di
produzione sociale di distinzione e di definizione di confini hanno rilievo sociale nel
momento in cui producono effetti e si presentano come stabili, il pi possibile naturali e
indiscussi. Questa aspirazione a una posizione egemonica tuttavia sempre precaria e
raggiungibile in forma provvisoria: ogni costruzione di differenza pu essere utilizzata e
confermata o, potenzialmente, essere contestata e modificata. in questo spazio di
utilizzo e di resistenza che si manifesta la capacit di azione individuale e collettiva.
Questa prospettiva consente un approccio che tratta la cultura stessa come un luogo
di battaglia politica, uno strumento analitico che enfatizza potere, processo e pratiche.
Le pratiche culturali hanno effetti politici tangibili: forgiano comunit, riproducono
disuguaglianze, giustificano esclusioni. Tuttavia forniscono anche i mezzi per mettere in
discussione questi stessi effetti. Le politiche della differenza insistono sul fatto che
questi conflitti sono contemporaneamente materiali e simbolici, prendendo sul serio i
legami che uniscono segni fugaci a pratiche incorporate e a corpi viventi (Moore et al.
2003).
Come sottolinea Melucci (2000), lautonomia individuale oggi una risorsa
centrale perch il modo di definire/nominare i problemi gi parte della loro possibile
soluzione, il conflitto si sposta dal possesso materiale dei beni e della risorse alle
modalit simboliche con cui si definisce la realt, si nomina ci che costituisce un bene
o una risorsa, e il modo in cui si nominano i soggetti che ne possono (o meno) disporne.
In questo contesto, in cui risultano rilevanti le capacit personali, cio le risorse a
disposizione dei singoli per pensarsi e per agire come soggetti autonomi, la differenza
assume il carattere di risorsa politica, che gli attori individuali e collettivi possono
utilizzare od occultare in base agli obiettivi e agli interessi, nel tentativo di confermare o
contestare le differenze significative che strutturano un particolare contesto sociale.
Questo consente di mantenere il carattere ambivalente della differenza capace di
veicolare esclusioni e richieste di riconoscimento e il suo carattere aperto in base ai
contesti e ai modi in cui se ne fa esperienza genere, etnicit, classe e ogni altra forma di
distinzione possono assumere significati diversi che possono essere confermati o
contestati, pur senza rinunciare a riconoscere il suo carattere vincolante:
unaffermazione di differenza ha successo quando traccia un confine socialmente
significativo, definisce categorie e discriminazioni, limita le possibilit e vincola i
comportamenti.
AIS Capire le differenze Urbino, 13-15 settembre 2007

Lattenzione alle dimensioni di risorsa politica assunte dalla differenza nella societ
contemporanea orienta lanalisi verso situazioni di multiculturalismo quotidiano
(Colombo, Semi 2006), cio verso situazioni empiriche in cui la differenza viene
utilizzata in modo tattico, strategico e come forma di resistenza per dare senso alle
interazioni che avvengono in contesti gi strutturati da definizioni della differenza che
tracciano confini e distribuiscono in modo asimmetrico le possibilit di azione.
Le politiche della differenza, cos riviste, costituiscono uno spazio specifico e
rilevante di interazione nella societ contemporanea, uno spazio di comunicazione e di
conflitto che ha come posta in gioco sia la definizione della situazione e dei suoi attori,
sia la regolazione degli accessi a beni materiali e simbolici.

Bibliografia

Anthias F. (2001), New hybridities, old concepts: the limits of culture, Ethnic and
racial studies, 24, 4, pp. 619-641.
Anthias F. (2002) Beyond Feminism and Multiculturalism: Locating Difference and
the Politics of Location, Womens Studies International Forum, 25, 3, pp. 275-
286.
Appadurai A. (2001), Modernit in polvere, Meltemi, Roma.
Baumann G. (2003), Lenigma multiculturale. Stati, etnie, religioni, Il Mulino, Bologna.
Beccalli B. (1998), La differenza in frantumi, in Melucci A. (a cura di), Fine della
modernit?, Guerini, Milano, pp. 213-227.
bell hooks (1998), Elogio del margine, Feltrinelli, Milano.
Belsey C. (2002), Poststructuralism. A Very Short Introduction, Oxford University
Press, New York.
Berger P. L., Luckmann, T. (1966), The Social Construction of Reality, Doubleday and
Co., Garden City, New York, tr. it. La realt come costruzione sociale, il Mulino,
Bologna,1969.
Bernstein M. (2005), Identity Politics, Annual Review of Sociology, 31, pp. 47-74.
Butler J. (1990), Gender Trouble: Feminism and the Subversion of Identity, Routledge,
London, tr. it. Scambi di genere. Identit, sesso e desiderio, Sansoni, Milano
2004.
Butler J. (1993), Bodies that Matter. On the Discursive Limits of Sex, Routledge,
London, tr. it. Corpi che contano. I limiti discorsivi del sesso, Feltrinelli,
Milano 1996.
Colombo E., Semi G. (a cura di) (2007), Multiculturalismo quotidiano. Le pratiche
della differenza, Franco Angeli, Milano.
Cooper D., (2004), Challenging Diversity. Rethinking Equality and the Value of
Difference, Cambridge University Press, Cambridge.
Dahl H. M., Stoltz P., Willig R. (2004), Recognition, Redistribution and
Representation in Capitalist Global Society: An Interview with Nancy Fraser,
Acta Sociologica, 47, 4, pp. 374-382.
Fanon F. (1961), Les damns de la terre, Maspero, Paris, tr. it. I dannati della terra,
Einaudi, Torino 1962.
Fraser N. (1997), Justice Interruptus: Critical Reflections on the Postsocialist
Condition, Routledge, London.
Fraser N. (2004), Social justice in the age of identity politics: redistribution,
recognition, and partecipation, in Friedland R., Mohr J. (a cura di), Matters of
AIS Capire le differenze Urbino, 13-15 settembre 2007

Culture. Cultural Sociology in Practice, Cambridge University Press, Cambridge,


pp. 227-254.
Fraser N. (2007), Identity, Exclusion, and Critique: A Response to Four Critics,
European Journal of Political Theory, 6, 3, pp. 305-338.
Garfinkel H. (1967), Studies in Ethnomethodology, Prentice-Hall, Englewood Cliffs
(NJ).
Geertz C. (1973), The Interpretation of Cultures, Basic Books, New York, tr. it.
Interpretazione di culture, Il Mulino, Bologna 1987.
Gergen K.J. (1999), An Invitation to Social Construction, Sage, London.
Gimenez M.E. (2001), Marxism and Class, Gender and Race: Rethinking the Trilogy,
Race, Gender and Class, 8, 2, pp. 23-33.
Gitlin T. (1995), The Twilight of Common Dreams, Metropolitan Books, New York.
Goffman E. (1959), The Presentation of Self in Everyday Life, Anchor Books, New
York.
Hall S. (2000), Conclusion: The Multi-cultural Question, in B. Hesse (ed.) Un/settled
Multiculturalism. Diasporas, Entanglements, Transruptions, Zed Books, London,
pp. 209-241.
Hall S. (2006), Politiche del quotidiano. Culture, identit e senso comune, Il Saggiatore,
Milano.
King. M. L. (2000), I have a dream. Lautobiografia del profeta delleguaglianza,
Mondatori, Milano.
Melucci A. (1982), Linvenzione del presente: movimenti, identit, bisogni individuali,
il Mulino, Bologna.
Melucci A. (1996), Challenging Codes. Collective action in the information age,
Cambridge University Press, Cambridge.
Melucci A. (2000), Culture in gioco, Il Saggiatore, Milano.
Moore D. S., Kosek J., Pandian A. (eds.) (2003), Race, Nature, and the Politics of
Difference, Duke University Press, Durham and London.
Piccone Stella S. (2003), Esperienze multiculturali, Carocci, Roma.
Procacci G. (1998), Cittadinanza sociale e crisi del welfare, in Melucci A. (a cura di),
Fine della modernit?, Guerini, Milano, pp. 229-245.
Procacci G. (1999), Studiare la disuguaglianza oggi, in Cella G.P. (a cura di),
Disuguaglianze e differenze, Guerini, Milano, pp. 17-28.
Weber M. (1958), Il metodo delle scienze storico-sociali, Einaudi, Torino, ed. or.
Gesammelte Aufstze zur Wissenschaftslehre, Mohr, Tbingen 1922.
West C. (1992), The new cultural politics of difference, in Fergusson R., Gever M.,
Minh-ha T., West C. (a cura di) Out There: Marginalisation and Contemporary
Cultures, MIT Press, Cambridge, pp. 19-38.
West C., Fenstermaker S. (1995), Doing Difference, Gender and Society, 9, 1, pp. 8-
37.
Young I. M. (1996), Le politiche della differenza, Feltrinelli, Milano.
Young R. J. C. (2005), Introduzione al postcolonialismo, Meltemi, Roma.
Zaretsky E. (1995), The birth of identity politics in the 1960s: psychoanalysis and the
public/private division, in M. Featherstone, S. Lash, R. Robertson (eds,) Global
Modernities, Sage, London, pp. 244-259.