Sei sulla pagina 1di 7

FAME, AMORE E FIORI DI BACH

(Articolo di Carmen Almansa tratto dalla rivista Sedibac n. 50/08)


Traduzione di Barbara Pela
Le necessit fondamentali dell'uomo sono solo due: la fame e l'amore!
Sigmund Freud
In questo articolo vengono descritte alcune delle essenze floreali del metodo Bach
che possono essere d'aiuto quando non si ha un rapporto sano con il cibo.
Occorre segnalare, a titolo di importante avvertenza, che problemi gravi come
bulimia, anoressia e obesit, tra gli altri, richiedono un trattamento specialistico,
sebbene la terapia floreale possa essere impiegata collateralmente come supporto.
Tornando al tema di questo articolo vediamo a quali problematiche alimentari
diretto il nostro lavoro.
Come risaputo, le essenze floreali di Bach trattano principalmente le sofferenze
emotive di una persona di fronte a un problema, non il problema in s (come lo si
vive e non ci che ).
Per questo se la persona ha un chilo di troppo e lo vive stupendamente, non
richiesto alcun trattamento floreale. Anzi, ci pu essere indice di salute emozionale
in un mondo cos influenzato dall'immagine.
N si tratta di una questione oggettiva, visto che una bellissima donna con un corpo
splendido, per esempio, pu avere una relazione dolorosa con il cibo e la sua
immagine.
Alimentazione e storia emozionale
Il modo in cui ci si relaziona con il cibo strettamente correlato con il nostro mondo
emozionale.
Sebbene esistano altri fattori importanti (genetici, educativi, culturali, eccetera),
una relazione inadeguata con il cibo, secondo la mia opinione, va concepita come un
sintomo o conseguenza di conflitti emozionali della persona. per questo motivo
che le diete falliscono, una dopo l'altra (in molti casi peggiorando il problema) o,
spesso, producono miglioramenti solo temporanei, proprio perch sono dirette a
curare il sintomo e non la causa. Come suggerisce Menderez (2006) :
L'alimentazione va associata a tutta la nostra storia emozionale.
Il nostro corpo un organismo che si mette in moto grazie al nutrimento fisico,
cibo e prodotti alimentari, e al nutrimento emotivo, amore e affetto. Se
quest'ultimo manca, la mente cerca i
mezzi per esprimere il proprio disagio.
La compulsione verso il cibo, la perdita di appetito, la necessit di perdere peso,
l'incapacit di acquistarne o qualsiasi disturbo alimentare sono alcuni dei mezzi
che la nostra psiche usa per dirci
che qualcosa non come dovrebbe.
L'alimentazione, quindi, non solo serve come fonte di energia; pu anche avere la
capacit
di manifestare conflitti psicologici che non riusciamo ad esprimere ".
L'assunzione di cibo un processo di comunicazione con dei significati emotivi.
Confondere il
cibo con le emozioni piuttosto frequente.
Noi tutti, in qualche occasione, siamo ricorsi al cibo per sentirci meglio quando ci
sentivamo, ad esempio, soli, frustrati o ansiosi.
La tristezza e la rabbia sono emozioni che ci spingono a mangiare anche se non
abbiamo fame oppure a non mangiare anche quando dovremmo farlo.
Durante il primo anno di vita, i bambini imparano a conoscere il mondo utilizzando
la bocca.
La prima relazione affettiva che si instaura quella tra il bambino e coloro che lo
nutrono. E cos si crea una relazione fondamentale che durer tutta la vita: quella
tra nutrizione e affetto.
Quando il bambino non riceve adeguata attenzione, sia per eccesso (gli viene offerto
cibo al minimo segno di malessere) sia per difetto (negligenza), probabilmente
crescer nella perplessit e nella confusione, incapace di distinguere quando ha
fame e quando soddisfatto e, in futuro, avr difficolt a distinguere tra il bisogno
di cibo e altri bisogni o emozioni.
Anche in ambito familiare si possono usare differenti principi di interazione in cui si
utilizza il cibo con finalit diverse dalla nutrizione: pu essere usato come arma
offensiva o difensiva, come punizione o ricompensa.
Nel momento in cui un genitore d al figlio un dolce o una caramella per
tranquillizzarlo, il cibo diventa qualcosa non solo di fisico, ma anche di emotivo.
A partire dall'infanzia il cibo viene utilizzato per festeggiate qualcosa, per calmarsi,
per alleviare la noia o la depressione e consolarsi nei momenti di angoscia e
tristezza.
Accettare un pezzo di torta ad un compleanno perch rifiutarlo sarebbe antisociale,
premiarsi con un pezzo di cioccolata dopo un compito faticoso, bere con riluttanza
una birra o un bicchiere di vino quando facciamo vita sociale, fa parte della vita di
tutti i giorni.
Raramente i bambini ci aiutano ad identificare le emozioni.
E 'consuetudine nella nostra societ avere difficolt ad identificare ci che si sente e
ad esprimerlo. In un mondo di conoscenza e cultura, la maggior parte di noi un
analfabeta emotivo
Le persone che soffrono di disturbi del comportamento alimentari hanno
confusione sul loro stato emotivo interno, compresa la sensazioni di fame o saziet.
Coloro che ricorrono al cibo o lo rifiutano per compensare le proprie emozioni,
hanno probabilmente imparato fin da bambini a minimizzare, a negare o non
mostrare agli altri ci che sentono.
Ecco perch, personalmente, quando un cliente durante un consulto sui fiori, mi
chiede
aiuto per il suo "difficoltoso o doloroso" rapporto con il cibo, gli dico sempre
"questo un
problema che migliorer durante il trattamento, evitando di trattarlo come un
obiettivo in s,
dal momento che di solito un sintomo di qualcosa di profondo e radicato che
dovremo scoprire.
Citando di nuovo Menendez (2006):
"E 'inutile perdere tempo ed energia controllando ossessivamente la dieta quando il
peso del conflitto nel mondo delle emozioni.
(...) La bocca che si chiude o apre al cibo la stessa bocca che vuole parlare.
Indifferenza, negligenza, senso di colpa, rabbia, gelosia, rivalit, disagio o tristezza
sono alcuni dei sentimenti che possono cercare di esprimersi nei conflitti con il cibo
(...). Quando la nostra bocca non pronuncia ci che sentiamo, ingoia per alleviare lo
stress emotivo.
(...) A volte le diete tentano di controllare qualcosa che non possiamo controllare
interiormente come la sensazione che non siamo chi vogliamo essere. Pertanto, solo
quando ci si inizia ad amare veramente, si pu iniziare una dieta sana. Altrimenti,
viene da pensare che si sta tentando di
controllare qualcosa che va oltre i chili (...). I disturbi alimentari compaiono quando
si cerca
di nascondere con il cibo conflitti che non possiamo risolvere in altro modo, quando
un abisso separa ci che siamo da ci che ci piacerebbe essere (.)
Fiori di Bach e alimenti
Qualsiasi emozione pu esprimersi attraverso un conflitto con il cibo. Pertanto,
ognuna delle 38 essenze floreali, pu essere d'aiuto.
Di seguito, una selezione personale.
Il cibo come auto-castigo e auto-condanna
Le essenze floreali correlate con auto-condanna, auto-punizione o auto-distruzione
sono, a mio parere, molto importanti per il tema trattato, sebbene le persona, nella
maggior parte dei casi, a seconda del loro grado di conoscenza di s, non siano
consapevoli di questo rapporto:
"l'eccesso di cibo mi danneggia, cos posso espiare i miei peccati ".
PINE, quando la persona si sente colpevole (consapevolmente o meno) e si punisce
"arrivando a traboccare."
Sono d'accordo con Menendez (2006) quando dice che ogni emozione pu essere
espressa attraverso conflitto con il cibo, ma la pi eclatante la colpa: "E' una
sensazione inconscia
che si placa mangiando. "
"Mi detesto, mi disgusto"
(Per i chili di troppo) Crab Apple, alla persona non piace per niente il suo aspetto
(fino a disgustarlo). Questa essenza ci riporta ad un stato di equilibrio. Aiuta ad
amare il proprio corpo, per tornare ad uno stato di dignit.
"Solo autodisciplina e controllo mi possono salvare"(almeno ho controllo su ci
che mangio)
Rock Water sar molto rigoroso seguendo la dieta (che sar rigidissima) e,
naturalmente, vivr molti disagi passando attraverso gli stati CHERRY PLUM.
Queste quattro essenze (PINE, CRAB APPLE, ROCK WATER E CHERRY PLUM)
costituiscono un nucleo emozionale che che pu fungere da mappa emozionale .
"Per non mangiarmi l'altro mi mangio ci che capita "
Mangiare o desiderare di farlo perch si arrabbiati qualcosa che accade di pi
nelle donne che negli uomini, perch tradizionalmente stata loro impedita la
manifestazione della rabbia.
Persone che credono di non aver il diritto di essere arrabbiate o che in realt hanno
paura delle loro reazioni di rabbia sono pi inclini ad usare il cibo in modo
inadeguato.
Accade che la persona si sente arrabbiata ma non se ne accorge o se ne accorge ma
non se lo permette (sono una brava bambina o ho paura delle conseguenze
dell'espressione della mia rabbia), quindi lo stato Holly iniziale (che pu essere
sano: rabbia, tristezza e paura sono stati emotivi spiacevoli ma funzionali) si ritorce
contro la persona e si trasforma in Willow.
Da questo momento, solo il cibo mi calma l'ansia che mi provoca questa
situazione e che provoca questa rabbia o risentimento.
Per non fare del male agli altri ne faccio a me stesso in modi diversi, uno dei quali
pu essere riempirmi di cibo.
Mangiare colma il mio vuoto....uno stomaco senza fondo
La compulsione a gratificarsi mangiando come vendetta per l'assenza di nutrizione
affettiva e per l'insoddisfazione di sentimenti di rifiuto precedenti. Heather,
quindi uno dei fiori principali del rapporto disfunzionale con il cibo. Si tratta di uno
stato emotivo che si manifesta in un senso di vuoto (fissazione orale: "non ho avuto
abbastanza il seno di mamma "), anche se la persona non consapevole di questo,
ma della necessit di riempire un buco ... per esempio, con il cibo.
In tempi di maggiore solitudine affettiva pu "rapinare" il frigorifero. Heather mette
inconsciamente in relazione il cibo con la con la mancanza di compagnia, attenzione
e affetto. D'altra parte, anche se pu oggettivamente essere privo di questo affetto,
ha anche difficolt di alimentazione, dunque un "Pozzo senza fondo" o una
"stomaco senza fondo
Mangiare calma la mia ansia
Tra gli stati emotivi che possono condurre ad un uso inadeguato del cibo, troviamo
l'ansia. Generalmente l'ansia tanto pi forte quanto meno se ne conosce la causa.
Potremmo, in linea di massima, includere qui le essenza floreali collegate con stati
di ansia e angoscia.
Agrimony: che calma la sua ansia con il cibo. Pu sentire che gli succede
qualcosa ma non sa cosa, disconnesso dalle sue emozioni e agisce
compulsivamente. Oppure pu essere consapevole di ci che gli capita ma tenta
di autoingannarsi, o minimizzare l'evento, calmando la sua ipersensibilit al
dolore con il cibo (il cibo come analgesico emozionale)
Aspen: uno stato di grande angoscia e ansia che precede l'abbuffata come
mezzo per placare questa preoccupazione non specifica

Il mio problema con il peso genetico


Quando il problema di sovrappeso o obesit genetico e la persona lo vive in questo
modo, il fiore Walnut, come per gli altri stati legati all'ereditariet, aiuta a
spezzare il laccio, schema o vincolo della costellazione familiare
Cosa posso fare? Ognuno quello che
Quando la persona vive con rassegnazione (che diversa dall'accettazione) i suoi
chili di troppo , sentendo di non poter cambiare perch sono cos, l'essenza
Wild Rose pu essere d'aiuto-
Tutto il cibo possibile
Centaury, difficolt di porsi un limite, di limitare, in questo caso, l'ingestione;
essenza che, per il suo Principio Transpersonale, aiuta a staccarsi dalle dipendenze
perch ci sottomettiamo, in questo caso dipendiamo dal cibo
Cherry Plum aiuta a mantenere ferma la volont in quei momenti di dilemma me
lo mangio o non me lo mangio (e me lo mangio e mi sento in colpa Pine e mi
disprezzo Crab Apple)
Altre possibilit? Per riflettere ancora
Chicory-Willow aiutano la necessit di accumulare sempre e la difficolt di
diminuire (in questo caso i chili). Ricordiamo che nei Principi Transpersonali (R.
Orozco) Chicory e Willow sono due stati di ritenzione. E nel Metodo Bach (Juan
Bautista, 2007) costituiscono una coppia di fiore-personalit spiritualizzata.
La coppia Agrimony-Walnut sarebbe invece indicata per coloro che necessitano
dell'obesit come scudo difensivo. Costituiscono anche una coppia floreale nel
Metodo Bach precedentemente menzionato.
Anti-dieta, cambio di abitudini e fiori di Bach
Sebbene questo articolo abbia pi un'impostazione da anti-dieta che da aiuto
durante la dieta, mentre ci accingiamo a prendere coscienza e rispettare le nostre
emozioni, alcune essenze floreali da tenere in considerazione, se decidiamo di
tagliare le abitudini nocive per la nostra salute fisica ed emotiva, sono:
Heather: se soffriamo di ansia orale, sentiamo il bisogno di tenere qualcosa in
bocca (parole, sigaretta, cibo). Sensazione di insaziabilit
Gentian: il grande semplificatore (R.Orozco), anche nella dieta, certo! Se siamo
sfiduciati, frustrati o scoraggiati per le battute d'arresto nel nostro cambio di
abitudini alimentari che possono spingerci ad abbandonare il nostro proposito.

Rock Water: se l'eccesso di rigidit con cui affrontiamo il problema si


trasforma in un ostacolo anzich essere un aiuto

Cherry Plum: se si ha difficolt a concentrare la propria volont sull'obiettivo e


diminuire la paura o la tentazione di cadere nelle abitudini alimentari dannose
(qualitativamente o quantitativamente)

Crab Aplle: per aiutarci ad essere pi amorevoli con noi stessi e pi obiettivi
verso il nostro corpo. Quando sentiamo che un alimento in s o un eccesso di
quell'alimento ci stanno rovinando dentro. Quando il desiderio di vederci liberi
dai chili di troppo che abbiamo, assume pi importanza di quanta dovrebbe.

White Chestnut:per spezzare il circolo del pensiero ossessivo, per smettere di


pensare alla dieta e al cibo. Quando la dieta un'ossessione.

Chestnut Bud: per l'abitudine di cadere un'altra volta in ci che non


desideriamo, per imparare dalla nostra associazione emozione-cibo e catturare il
momento in cui il cibo sostituisce il sostegno delle emozioni. Per essere coscienti
che quell'emozioni ci provoca l'impulso a mangiare.

Centaury: per aiutarci a rompere con la dipendenza dal cibo.

Walnut: aiuta a spezzare le abitudini acquisite e che desideriamo modificare.


Quando le usanze sociali e le riunioni familiari possono farci deviare dal nostro
intento.

Agrimony: indicato non solo perch un potente ansiolitico, ma anche per


aiutarci a prendere coscienza delle nostre emozioni. Tuttavia consiglio di non
assumerlo pi di 4 volte al giorno poich un'assunzione frequente in alcune
persone che presentano uno stato radicato di Agrimony pu provocare
inizialmente un effetto contrario.

.e qualsiasi delle 38 essenze ricordando che queste sono solo idee,


suggerimenti, un tentativo di pensare in modo floreale riguardo a un problema,
parafrasando S. Veilati, non una formula ma una possibilit la cui lettura pu farci
prendere mano con la questione.
Ricordiamo che possiamo utilizzare i fiori di Bach per cucinare, secondo E. Grecco
(2007), l'effetto potenziato e senza dubbio un bel divertimento!