Sei sulla pagina 1di 1

Comune di Fermo

Assessorato alla Cultura

2016-2017

FEBBRAIO MARZO
DOMENICA 5 FEBBRAIO 2017 DOMENICA 5 MARZO 2017
ore 17, Auditorium "Bill"da- Conservatorio
ore 17, sala definire (g.c.) ore 17, Auditorium "Bill"da- Conservatorio
ore 17, sala definire (g.c.)
(info. 347.6529970) (info. 347.6529970)

ILYA MAXIMOV JAE HYEONG LEE


(pianoforte) (violino)
Primo premio VIOTTI 2015 1 premio POSTACCHINI 2016
Liszt Albeniz Rahmaninov

DOMENICA 12 FEBBRAIO 2017 DOMENICA 12 MARZO 2017


ore 17, Auditorium "Bill"da- Conservatorio
ore 17, sala definire (g.c.) ore 17, Auditorium "Bill"da- Conservatorio
ore 17, sala definire (g.c.)
(info. 347.6529970) (info. 347.6529970)

TRIO SABIN QUATUOR AKILONE


(archi e pianoforte) (archi)
1 Premio BORDEAUX 2016
Luigi Stillo (pianoforte) Elise De-Bendelac, Emeline Conce (violino)
Luca Marziali (violino) Louise Desjardins (viola)
Alessandro Culiani (violoncello) Lucie Mercat (violoncello)
Bartok Janacek - Dvorak

DOMENICA 19 FEBBRAIO 2017 DOMENICA 19 MARZO 2017


ore 17, Auditorium "Bill"da- Conservatorio
ore 17, sala definire (g.c.) ore 17, Auditorium "Bill"da- Conservatorio
ore 17, sala definire (g.c.)
(info. 347.6529970) (info. 347.6529970)

ARPE DIEM PLATERO E IO


(quartetto di arpe)
Larpa fantastica Irene Placci Califano (chitarra)
Simone Baldassarri (voce recitante)
Donata Mattei, Duccio Lombardi Musiche di Mario Castelnuovo tedesco
Federica Sainaghi, Davide Burani su testi di Juan Ramon Jimenez
Ciaikowski Vivaldi Verdi Bizet - Rossini

Tre preziosi concerti per un febbraio


da vivere in musica
La Stagione Concertistica fermana nel segno di Ilya Maximov, Trio Sabin e Arpe diem
I vincitori dei pi prestigiosi premi internazionali accanto a proposte originali e suggestive. Sono queste le linee che guidano
da sempre la Stagione Concertistica fermana organizzata dalla Giovent Musicale e dal Comune che anche per il mese di
febbraio non si smentisce. Domenica 5 febbraio alle ore 17 nellauditorium Bill del Conservatorio di Musica (g.c.) si esi-
bir un fuoriclasse del pianoforte, il russo Ilya Maximov reduce dal prestigioso Concorso Internazionale Viotti che ha vinto
sbaragliando pianisti provenienti da tutto il mondo. La grande Alicia de Larrocha cos si espressa nei confronti di Ilya Maxi-
mov ha grande talento e sensibilitNellinterpretazione dimostra passione e coinvolgimento, qualit che fanno di lui
un pianista destinato ad una brillante carriera. E questo talentuoso pianista proporr al pubblico fermano un programma
brillante e particolarmente impegnativo. Il concerto si apre con la Sonata Patetica di Beethoven. Prosegue con 5 degli estrosi
e virtuosistici Etude Tableaux di Rachmaninov. Nella seconda parte un luminoso esempio di musica descrittiva, Quadri da
unesposizione che Mussorgski compose ispirato dagli acquerelli del suo amico pittore Hartmann. Talento precoce, Maximov a
soli otto anni tiene il suo primo concerto con la Philharmonic Orchestra. Ha tenuto recital in sale da concerto in tutto il mondo
ed ha vinto pi di 15 concorsi, dallo Chopin al Maria Canals di Barcellona.
Domenica 12 la volta di un Trio con pianoforte, il Tro Sabin composto da Luigi Stillo (pianoforte), Luca Marziali (violino) e
Alessandro Culiani (violoncello). Tre conosciuti e apprezzati musicisti che esplicano anche attivit didattica nei Conservatori
di Fermo e Cosenza. Il programma verr svelato direttamente in sala dagli artisti.
Larpa fantastica invece leloquente titolo del concerto in programma per domenica 19 febbraio alle ore 17 sempre
nellAuditorium Bill del Conservatorio. Protagonista uno straordinario quartetto di arpe, Arpe diem composto da Donata
Mattei, Duccio Lombardi, Federica Sainaghi, Davide Burani. Gi ascoltare un concerto per arpa evoca emozioni a non
finire ma quando le arpe sono quattro e suonate da artisti di rango, le suggestioni si moltiplicano allennesima potenza.
In programma Fantasie su arie celebri di Verdi, le Quattro Stagioni di Vivaldi, brani da La bella addormentata e Lo
Schiaccianoci di Ciaikowski, un exursus nella tradizione spagnola con Malaguena e Andalucia per concludere con una
spumeggiante Carmen suite di Bizet.