Sei sulla pagina 1di 5

42 Aa Inverno 2012

Parcheggio in acciaio:
sicurezza e flessibilit
degli spazi
di Marco Clozza
Sullarea dellex scalo merci ferroviario di Corso Monviso, adiacen-
te alla stazione ferroviaria e allospedale Santa Croce, ha preso forma
una delle opere pi attese e importanti della citt: il progetto del cen-
tro dinterscambio gomma-rotaia, realizzato in project financing.
Il manufatto, caratterizzato da una progettazione insolita e
unarchitettura particolare, sinserisce con armonia nel contesto,
arricchendo esteticamente il paesaggio circostante. Non si tratta,
infatti, di una costruzione solo funzionale: lunione di richieste
pratiche, le possibilit creative date dal sistema costruttivo, con-
cetti economici e standard qualitativi molto alti hanno generato
un edificio decisamente interessante nel suo complesso.
La scelta della tipologia costruttiva adottata nasce dalla necessi-
t e dalla difficolt di gestire una visione dinsieme di un oggetto
architettonico che, date le sue dimensioni (77,91 m x 47,34 m),
risulta abbastanza imponente: il rivestimento avvolge come un
involucro tutta la struttura, in modo da ottenere un senso di omo-
geneit e continuit dellinsieme.
Verso C.so Monviso ledificio dialoga con la dimensione pi urba-
na dei marciapiedi, delle alberature e delle aiuole grazie alla vegetazio-
ne che nel corso degli anni si svilupper sulla struttura metallica del
parcheggio, integrandola con lintorno senza alcun trauma visivo.
Dal lato della ferrovia, la chiusura del parcheggio in aderenza (per
impedire il libero accesso e per garantire la sicurezza verso lesterno)
realizzata con strutture leggere, non piene, che creano un effetto
aperto, permettendo cos alla luce di filtrare allinterno e dando ori-
gine a giochi di pieni e vuoti, luci e ombre, tramite i quali il parcheg-
gio colloquia con la natura vicina, senza mai imporsi.
Lautorimessa si sviluppa su tre piani sfalsati fuori terra e uno
seminterrato. Il complesso composto da sette livelli, con 555 po-
sti auto. Il parcheggio dotato di due blocchi scala ascensore re-
alizzati in c.a., posti rispettivamente sul lato nord e sud: il primo
offre il collegamento ai livelli 1-3-5-7, mentre il secondo inizia dal
piano terra ammezzato per terminare allultimo piano garantendo
cos laccesso ai livelli 2-4-6. La facciata ovest ospita invece la scala
aperta di sicurezza a servizio dei livelli 1-3-5-7. Le scale e le uscite
di sicurezza ai piani superiori sono tutte protette. I passaggi tra i
piani dellautorimessa, le scale, gli ascensori, sono REI 120, dotati
di congegno di auto chiusura.
La struttura portante del parcheggio stata realizzata in ac-
ciaio zincato con pilastri in profili HEA su fondazione continua

1
Aa Inverno 2012 43
2

3 4
nastriforme e travi IPEA 400 in sem- una larghezza di 2,5 m. La misura di Le aree di parcheggio sono quindi
plice appoggio su luce libera di 16 16 m, corrispondente a due solette al- libere e lassenza di pilastri facilita la
metri con saldatura di pioli tipo Nel- lineate, anche pari alla somma della manovrabilit dei mezzi. I carichi di
son per la solidificazione strutturale larghezza della corsia centrale (6 m) progetto hanno previsto 2,85 kN/
con la soletta. La struttura metallica e degli spazi per i posti auto disposti mq di peso proprio solaio + perma-
dotata di appositi sistemi di contro- ai lati (profondit di 5 m), mentre la nenti e 2,5 kN/mq di accidentale.
vento al fine di garantire adeguata sta- larghezza di 2,5 m pari alla larghezza Un aspetto non secondario la re-
bilit e rigidezza alle azioni orizzontali dello stallo. I giunti tra gli elementi sistenza al fuoco delle strutture por-
(vento e sisma). Il tamponamento di prefabbricati dei solai, completati con tanti. Bench il recente Decreto Mi-
protezione dei piani nel parcheggio resine speciali, oltre a garantire il col- nisteriale del 09/05/2007 abbia aper-
costituito da una barriera a tre tu- legamento tr a le travi di acciaio e le to ormai la strada allutilizzo della
bi zincati con mancorrente di 48,3 lastre prefabbricate in cls, servono al- metodologia di calcolo prestazionale
mm e barriera di due elementi 60,3 lo stesso tempo per contrassegnare le del Fire Safety Engineering per ta-
mm protetti da una struttura grigliata corsie e i posti auto. li strutture, in questo caso specifico
a maglia 50x200 con filo verticale Laltezza sotto trave di 2,1 m si sono preferite invece una serie di
7,5 mm e filo orizzontale 5,6 mm mentre linterpiano pari a 2,7 m. misure antincendio integrative atte
zincata e verniciata. Tutta la carpen- Gli elementi prefabbricati sono stati ad annullarne in partenza il rischio
teria metallica zincata a caldo, alta- affiancati tra di loro fino a raggiunge- legato alla tipologia edilizia del par-
mente resistente nel tempo alla corro- re la dimensione richiesta dal proget- cheggio. Gli elementi in acciaio sono
sione degli agenti atmosferici. to. I pilastri di sostegno posizionati impiegati senza alcuna protezione
Il sistema costituito da solette ogni 16 x 2,5 m, sistemati lungo il passiva. stata prevista una rete di
prefabbricate in c.a. di 10 cm di spes- perimetro esterno, delimitano le sot- estinzione incendi a Sprinkler con
sore aventi una lunghezza di 8 m e toaree anchesse adibite a parcheggio. valvola a secco, estesa a tutti i piani

44 Aa Inverno 2012
ad esclusione del piano piazzale co-
stituente spazio a cielo libero. Questo
impianto, che ha una bassa incidenza
di costo aggiuntivo al metro quadro,
capace di distribuire lacqua sia verso
lalto a protezione della soletta sovra-
stante, sia verso il basso a protezione
dellautorimessa. stato realizzato un
gruppo di pompaggio antincendio
con una vasca di 215 mc mentre la
rete didranti interni UNI45 stata
potenziata rispetto al minimo e i rag-
gi delle manichette ricoprono tutta la
superficie dei vari piani. In ultimo,
la superficie di areazione naturale, 5
molto pi estesa rispetto al minimo
richiesto dalla normativa, rappre-
sentata dalle pareti dei vari piani di f
parcheggio sufficiente per classificare a
ledificio come tipo aperto, garan- g
tendo un efficiente ricambio dellaria
ad ogni piano. c
Le 330 tonnellate di acciaio im- c
b b
piegato hanno permesso una ridu- g
zione dei costi finali della costru- c
zione, dei tempi di realizzazione (la e
messa in opera della sola struttura d
fuori terra si conclusa in tre sessio- b
g
ni da tre settimane ciascuna: circa
due mesi senza finiture) e, non me-
no importante, dei costi per la ma-
6
nutenzione nel tempo dellopera.
1. Vista del parcheggio inserito
nel contesto urbano e naturale
Italia - 2011 2. Vista panoramica del parcheggio
Cuneo 3. Vista del parcheggio e delle strutture
di controvento
Parcheggio fuoriterra c
4. Vista del parcheggio in fase di cantiere
Movicentro
5. Vista interna del parcheggio
Parcheggio multipiano
6. Sezione:
Committente a) IPE 300
Franco Barberis spa b) profilo cavo a sezione quadrata 90x4
Progetto architettonico esecutivo c) HEA 200
Giovanni Rocca, Paola Cattaneo d) tondi diam 30 con tenditori
Progetto strutturale e) profilo cavo a sezione quadrata 120x8 b
Paolo Barberis, Giuseppe Gobino, f) HEA 240
Massimo Morando g) IPEA 400
Carpenteria metallica 7. Particolare aggancio, prospetto e pianta:
Goldbeck GmbH a) IPEA 400
b) HEA 240 a
Impresa c) lamiera piegata sp. 10mm n. 4 fori diam. 22 d
Franco Barberis spa n. 4 bulloni M20 classe 8.8
Foto d) lamiera piegata sp. 10mm n.4 fori diam. 22
Franco Barberis spa n. 4 bulloni M20 classe 8.8
7

Aa Inverno 2012 45