Sei sulla pagina 1di 9

Collettiva Donne

7 marzo 2012

inaugurazione h.19.00

TemporaryPalazzo
strada al Duomo 7
Parma (PR)
Il rosso uno dei colori dello spettro percepibile dall'occhio
umano. Ha la frequenza minore e, conseguentemente, la lunghezza
d'onda pi lunga di tutti gli altri colori visibili.
uno dei tre colori primari.

Collettiva Donne
Una serata dedicata ai talenti femminili e alla rete di contatti nascente tra donne indipendenti e
creative: un progetto che nasce dalla collaborazione tra musiciste, danzatrici e attrici emergenti,
provenienti da tutt'Italia. Una reazione, quasi una risposta, allo stesso tempo polemica e
propositiva al clima di crisi in cui ci troviamo immersi. Tutte le donne che partecipano all'iniziativa
hanno compiuto studi approfonditi, perfezionando le proprie abilit, inventandosi nuove
professionalit, per far fronte ad una tendenza imperante che vuole le figure che si occupano di
cultura impegnate soltanto a tempo perso, part-time. Ecco quindi l'invito ad una giornata 'full-time',
all'insegna della condivisione di uno spazio-tempo dedicato alla bellezza dell'espressivit artistica,
in cui il pubblico sar accompagnato in un percorso attraverso l'universo femminile:che non si pensi
'in rosa', ma in 'rosso', tinta che vuole richiamare la caratteristica di una donna passionale e
appassionata, ben diversa da quella 'rosa pallido' continuamente divulgata attraverso il tubo
catodico. Protagoniste in scena sono le giovani donne, artiste che agiscono e non si lasciano
trascinare nel vortice dell'inerzia e dell'indifferenza: il fine ultimo del progetto prevede la
realizzazione di un DVD degli spettacoli che potr essere devoluto alle associazioni di volontariato
femminile ed in difesa dei diritti della donna.
Vivere pienamente,verso l'esterno come verso l'interno,
non sacrificare nulla della realt esterna
a beneficio di quella interna, e viceversa:
considera tutto ci come un bel compito per te stessa.
Etty Hillesum, Diario (1941-1943)

Ospiti della giornata:

Alessandra Ziveri, Alice Caradente Duo d'Arpe Alchimia in Grovigli

Maruska Ronchi, Silvia Alfei - danzatrici in Keep in touch

Letizia Ragazzini, Mariella Donnaloia, Isabella Fabbri, Laura Rocchegiani, Maria


Giulia Cester Gershwin Quintet, Quartetto di Saxofoni e Pianoforte, plays
Gershwin

Lucia Conversi - pittrice ed illustratrice in Pinocchio, vecchie storie e nuove


tecnologie

Deniz Ahzar Azari e Alessia Vicardi - attrice e regista in Khub Nist o l'identit,
piece teatrale
Non c' niente di pi pericoloso del demone della fantasia
acquattato nell'animo femminile.
Isabel Allende, La figlia della fortuna

Grovigli di Alchimia Duo


Alice Caradente e Alessandra Ziveri

Alchimia Duo nasce dalla comune passione delle due musiciste per l'arpa
e il suo repertorio: propone al pubblico un programma da concerto il cui
filo conduttore il tempo, con l'evoluzione della scrittura musicale e delle
possibilit tecniche, mutate e ampliate nei secoli grazie alle innovazioni
organologiche apportate allo strumento.
La ricerca delle composizioni attenta e scrupolosa: vi sono muscihe
inedite, scritte originalmente per la formazione del duo d'arpe, altre
riscoperte e riadattate attraverso la trascrizione.

Dalla pi antica tradizione celtica, si passa a quella dei grandi organisti


tedeschi, sino alla Francia del 1700, dove siamo all'apice del virtuosismo
esecutivo. Dal periodo romantico, con Franck, si arriva all'espressivit pi
moderna di Bernard Andrs.
Essendo l'arpa anche uno strumento popolare e folkloristico, soprattutto
nelle culture del Sudamerica, vengono proposte alcune danze, che
porteranno alla mente i colori e i profumi delle terre da cui provengono.
Per chiudere il loro viaggio, Alice ed Alessandra hanno scelto un finale tutto
dedicato ad un compositore che non ha bisogno di presentazioni: George
Gershwin. Le sue splendide melodie ed armonie ci portano fino ai giorni
nostri attraverso le calde atmosfere del jazz.
Non credo che esista una donna come le altre.
Forse non ci sono le altre.
Oppure sono cos poche che non contano.
Ivy Compton-Burnett

Gershwin Quintet plays Gershwin


Letizia Ragazzini - flauto/sax soprano
Mariella Donnaloia - sax contralto
Isabella Fabbri - sax tenore
Laura Rocchegiani - sax baritono
Maria Giulia Cester - pianoforte

Il Gershwin Quintet un ensemble al femminile che unisce musiciste


provenienti da Brindisi, Camerino, Ancona, Imola e Ferrara. Diplomate con il
massimo dei voti, si perfezionano con Maestri di fama internazionale quali L.
Derosier, J.I. Fourmeau, M. Gerboni, J.M. Londeix, M. Mazzoni, M. Marzi, F.
Mondelci, S. Perticaroli, G. Valentini.
In occasione del 75 anniversario dalla morte di George Gershwin, il
Gershwin Quintet propone per l'anno 2011/2012 un programma interamente
dedicato al compositore americano.
L'ensemble, inoltre, presenter il suo primo lavoro discografico appena
concluso, Oh, Ladies Be Good!, il quale omaggia Gershwin con le note di
Cuban Ouverture, Three Preludes e della celeberrima Rhapsody in Blue.
Un concerto all'insegna della musica americana, ritmata e malinconica allo
stesso tempo, reinterpretata con freschezza e femminilit dal Gershwin
Quintet.
Ascoltarsi dentro.
Non lasciarsi pi guidare da quello che si avvicina da fuori,
ma da quello che s'innalza dentro.
Etty Hillesum, Diario (1941-1943)

Keep in touch
di e con Maruska Ronchi e Silvia Alfei
E dallo scarto, dallo sfasamento o dalla distanza che pu nascere lincontro, nella sfumatura trascurabile, nella
correzione minuscola necessaria a stabilire un contatto e considerare un tempo indeterminato, il tempo giusto. Ci
che si evidenzia non tanto il momento stesso di un incontro, ma ci che precede questo istante, come ci si arriva e
da dove.

Questo lavoro nato da una riflessione sulle modalit di relazione e comunicazione


nella societ contemporanea e sullosservazione della difficolt di raggiungere incontri
veri. Lincontro oggi non pi soltanto dal vivo ma anche attraverso il web...La
scrittura on line diventata preponderante ed proprio da qui che partito il lavoro.
La nascita di questa performance avvenuta prima di tutto mantenendo un contatto
a distanza. A volte ci si rincorre per molto tempo finch accade, anche solo per un
attimo, di trovare il tempo giusto. Silvia Alfei e Maruska Ronchi portano in scena
due identit distinte che trovano momenti di contatto attraverso azioni comuni,
attraversando gli stessi luoghi ed esprimendo in maniera di- versa le medesime
esperienze. In unalternanza di momenti, allinterno di una struttura fatta di uso
dello spazio, qualit del movimento, interazione con suono, video e luci, si muovono
corpi carichi di emozione. La partitura musicale originale creata da DuaL Lyd.
Attraverso la ricerca di suoni e di partiture atte a supportare il movimento specifico di
ogni momento dello spettacolo, la musica diventa parte integrante del lavoro; non
solamente un accompagnamento ma un elemento creativo fondamentale e una
presenza importante. Il video proiettato in scena una piccola finestra sul mondo.
La dimensione ridotta ricorda i video visibili sul web, le immagini sono quelle della
folla, gente per la strada, nelle stazioni, aereoporti...il mare dentro a cui tutti
navighiamo e dove siamo simili e diversi, dove giochiamo il tempo della vita creando
la nostra rete di rapporti e parole.
La strega fu impiccata, nella storia, ma la storia e io troviamo le
arti magiche di cui abbiamo bisogno, giorno dopo giorno.
Emiliy Dickinson, Witchcraft was hung, in History

Vecchie storie e nuove tecnologie: Pinocchio per iPad-iPhone-iPod Touch


di e con Lucia Conversi

llustrazioni originali dartista, scene ad alto tasso di interattivit,


animazioni, musiche scritte ad hoc, testi adattati direttamente dal
romanzo di Collodi. Proiettato nello spazio magico
delliPad/iPhone, il grande classico della nostra tradizione diventa
un libro tutto da giocare e da scoprire, su misura per i piccoli
lettori di oggi. Non un semplice e-book, ma unapp a tutti gli
effetti, una vera e propria avventura interattiva.

Le illustrazioni di Pinocchio sono state realizzate appositamente


per lapp dallartista Lucia Conversi, che ha lavorato fianco a fianco
con lo staff tecnico responsabile delle animazioni e degli effetti
speciali. Gli eventi interattivi non sono stati aggiunti a posteriori,
ma sono nati insieme alle immagini e ai testi, integrati alla
narrazione. Originale anche la colonna sonora, che segue il
racconto nei suoi cambi di ritmo e atmosfera, trascinando il lettore
dentro la storia.

Selezionato da Apple e da siti di settore come Miglior libro italiano


per iPad 2011 e dopo quasi un anno dalluscita ancora in testa alle
classifiche, Pinocchio esprime un modo tutto nuovo di leggere:
unoccasione di incontro tra i grandi capolavori della letteratura e
le nuove generazioni, tra vecchie storie e nuove tecnologie.
Una donna libera il contrario di una donna leggera.
Simone de Beauvoir,Quando tutte le donne del mondo...

Khub Nist o l'identit - di Deniz Azhar Azari e Alessia Vicardi

Khub Nist un progetto sul tema dellidentit.


Deniz unattrice di origine iraniana che nata e vive a Firenze. La
sua cultura risente delle tradizioni di entrambi i paesi, ma della
lontana Persia e dellodierno Iran ci sono nella sua esperienza
soltanto i racconti della sua famiglia, il rispetto di alcune usanze,
libri, articoli di giornali e soprattutto la lingua, il farsi . Il tema si
declina nel viaggio alla ricerca delle proprie origini per scoprire che la
nostra identit non unimmagine fissa da poter presentare come
essenza della nostra esistenza. Cosa vuol dire essere pi cose?
Perch si tende a voler trovare una sola appartenenza? Cos la
paura del diverso? Ci che non rispecchia la nostra idea di vita e di
esistenza diverso, no?
Dunque, le origini: dai ricordi dinfanzia ai primi rimproveri,
dalleducazione dei genitori alle tappe della vita che ci portano ad
essere quello che siamo.
La doppia nazionalit non tocca solo la carta, il documento, ma
lessere e il pensiero. Il desiderio di cercare nel passato diventato
un pretesto per cercare qualcosa che ci identifichi e nello stesso
tempo sia unindagine sul senso di appartenenza, sul valore dellunicit di ogni essere umano come insieme di
esperienze e valori particolari e universali nello stesso tempo.
-Khub Nist! - una frase iraniana che tradotta in italiano significa: non bene, non bello, non decoroso, non si fa,
non dignitoso, non sta bene, maleducazione.
Percorso...
h. 19.00 inaugurazione e concerto
presentazione del progetto e delle artiste,
consegna della mappa e del programma della
serata. Inizio del percorso con:
Alchimia Duo in 'Grovigli'(sala T1)

h. 19.45 performance
Keep in touch (Sala T7)

h. 20.15 immagini in movimento


Presentazione di Pinocchio:
vecchie storie e nuove tecnologie
(Sala T6)

h. 20.50 concerto
Gershwin Quintet plays Gershwin (sala T6)

h. 21.30 piece teatrale


Khub Nist o l'identit (sala T7)