Sei sulla pagina 1di 12
ha COMUNE DI FERRARA ASS.TO PUBBLICA ISTRUZIONE ISTITUTO D’ARTE «DOSSO DOSSI» 296} o1BUUE6 9 / 996) e1qWODIP 9 ~ Gz ‘0d Jap UoIGeSiOg BIA 1GSOG OSSOG* AIMV.0 OLS! - SHISOW VIVS In coperting “A ESIBICIONISTA NA PISCINA» 148x100x60 E abbastanza naturale, per noi, pensare che il te- ‘ma principale dell'opera di uno scultore debba es- sere la figura umana: non é stato sulficiente il Cu- bismo, non sono bastati Futurismo e Dada por troncare uno stigma di origine ed una tradizione millenaria, dissacrando la scultura e destituendola di «aura» celebrativa, Anzi,se la scultura del Nove- ‘cento, dopo le proposte alternative delle Avanguar- die, si da a conoscere grazie a particolari caratteri che la distinguono dalle parallele espressioni delle arti figurative, non sara difficile enuclearvi la per- manenza e la riattualizzazione di un «tono alto» che meno agevolmente si ritrova nella pittura: in- somma, una umanistica distilazione di forme mi- rante a conciliare il particolare con l'universale, la finitezza dell'organismo plastico con le dimensioni universali dello spazio. Le opere scultoree di Luiz Antonio Rocha riconter- mano questa prospeltiva e nello stesso tempo la contraddicono. A grandezza naturale, intensamen- te impegnate a conciliare lo spazio della propria rappresentazione con lo spazio tridimensionale, reale @ non metaforico, nel quale sono inserite, ‘queste figure di uomini e di donne possiedono la ieraticta di forme per sempre bloccate, si sottrag- gono ad ogni ipotesi di ulteriore manipolazione. Tuttavia, @ proprio il modo in cul gest, forme ed at- teagiamenti sono fissati, a suggerirci la sensazione dall'artista, Ecco la nuova funzione assegnata al non finito», ad una tecnica di abbreviazione che «disegna» alcune parti delle figure, in luogo di rac- chiuderne compiutamente la consistenza volume- trica; e, accanto a questa, I'equilibrio instabile del personaggio (cosi simile a quello della scultura di Degas) rafforza in noi la sensazione del" interruzio- ne improwisa ed istantanea. Lo stesso materiale usato in prevalenza da Rocha — reti metalliche di varia consistenzae tramatura — va inteso non co- me sostituto «brutalistico» dei material tradizionali della scultura (bronzo, 0 marmi), bensi come invo- lucro che délinea forme senza racchiuderle, che delimita uno spazio senza appesantirio e senza renderlo opaco 0 impermeabile al flusso della luce e dell'aria: secondo un effetto visivo equivalente a quello ottenibile per mezzo di un computer grafico. E questa, in defintiva, la piu lampante differenza fra la scultura di Rocha e quella, a lui non certo ignota, del Pop americano George Segal, impareg- giabile plasmatore di fantasmi che possiedono Fimperturbabilita el'astanza di cose tangibili,real: ossessione dell’oggetto, punto di partenza e d’ar- rivo delle generazioni maturatesi all’arte fino ad una ventina d’anni fa, lascia ora spazio — in un’ poca di pil diffusa, sottile @ «fredda» tecnologia — ad una pit libera, concettuale e «virtuale» ricreazio- ne dellimmagine, che pud vivere tanto nello spa- io respirante dell'uomo, quanto in quello astratto € mentale dei suoi processi tecnologict. Massimo Cavallina sO ESPANTO» 195x67%75 s£M BUSCA DO TEMPO PERDIDO: 130x80x90 QUEM SONHA COMIGO» 130x60x40 sHOMEM DE CARRO» 90x85x60 10 PEIXE» 190x35x50 DE CARA PARA A VIDA» 115x50x45 sMULHER NO SACO DO SUPER» 140x37%25 “MULHER NA PRADARIAs 118x120x60 CURRICULUM Luiz Antonio Carvalho da ROCHA (Nico Rocha) Nato a Passo Fundo in Brasile nel 1954, si é laureato in architettura nel 1978. Svolge attivita didattica dal '78 alla Facolta di archi- tettura Ritter dos Reis ed @ contitolare dello studio di architettura Storchi & Rocha, Pratica la scultura dal 1979, Ha partecipato alle seguenti mostre collettive: 1983 - Porto Alegre - « A arte dos arquitetos », IAB 1884 - Porto Alegre - al Centro municipal de cultura «70 anos de Vasco Prado » 1985 - Porto Alegre - Facolta di architettura UFRGS «Novos arquitetos » 1985 - S. Paulo - « Panorama actual de arte bra leira» MAM 1986 - Porto Alegre - Museo de Artes Do RGS - « Ar- te gaucha no panorama» Mostre personali 1980 - Galeria 542 - Porto Alegre 1981 - Centro Comercial - Porto Alegre 1982 - Galeria Ida e Anita - Curitiba 1983 - Galeria Tina Presser - Porto Alegre 1985 - Galeria Tina Prosser - Porto Alegre 1086 - Galleria Schubert - Milano Ha ricevuto il primo premio al « Salao Jovemarte sulamerica » nel 1981 Vive e lavora @ Porto Alegre ed @ rappresentato dalla Galleria Schubert di Milano, Si ringrazia la Galleria Schubert di Milano per la collaborazione prestata, HOMEM SOB AS COLUNASs 120x120x40