Sei sulla pagina 1di 17

MINISTERO DELL’ISTRUZIONE, DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA

Ufficio Scolastico Regionale per la Campania


Direzione Didattica 1° Circolo
80069 Vico Equense (NA)
Cod.fisc. 82011000633 – Cod. mecc. NAEE198002
Sede: via Sconduci, 12 – Tel/Fax: 0818015730
E-mail: NAEE198002@istruzione.it

Il giorno 20 del mese di maggio dell’anno duemiladieci (2010) alle ore 17.00, nei locali della scuola Primaria G.Pascoli del
I Circolo Didattico convocato con invito scritto assunto al protocollo generale n. 2329 /A19 del 12/05/2010 redatto a norma
dell’art. 1 del Regolamento Tipo, diramato dal Ministro della Pubblica Istruzione con circolare 16 aprile 1975 n. 105 che
disciplina il funzionamento amministrativo-contabile delle istituzioni scolastiche, si è riunito il Consiglio di Circolo, con la
partecipazione dei seguenti componenti:

NºORD. COGNOME NOME CATEGORIA PRESENTE


DI
APPARTENE SI No
N.
1 Adrianopoli Debora Dirig. Scolast. X
2 Russo Giovanni presidente X
3 Barba Angela genitore X
4 Barbato Giulia genitore X
5 Domestico Giovanna genitore X
6 Guida Michela genitore G
7 Iazzetta Guglielmo genitore G
8 Scognamiglio Maria genitore X
9 Straniero Adriana genitore X
10 Aiello Maria Docente X
11 Aiello Raffaella Docente X
12 Cilento Antonia Docente X
13 Cilento Teresa Docente G
14 Desiderio Concetta Docente X
15 Russo Maria Teresa Docente X
16 Scaramellino Concetta Docente X
17 Staiano Maria Docente X
18 Cucorullo Maria ATA X
19 Cioffi Giuditta ATA X

X = presente; G = giustificato; N = non giustificato


per discutere i seguenti punti posti all’ordine del giorno:
1. Lettura e approvazione verbale seduta precedente
2. Approvazione Conto Consuntivo e.f. 2009
3. Variazioni di bilancio
4. Utilizzo locali scolastici (palestra) per a.s. 2010/11
5. Programmazione dei Fondi Strutturali Europei 2007/2013 – Fondo Sociale Europeo Programma Operativo Nazionale
“Competenze per lo Sviluppo” – Piani Integrati di Istituto annualità 2010/2011
6. Accordo di rete “Rete territoriale Scuole Penisola Sorrentina”
7. Adesione Progetto “Ri-scopriamo il Faito”
8. Progetto sperimentale screening neuro-psicomotoria per la prevenzione dei disturbi comportamentali in età scolare
(Scuola Infanzia).
9. Eventuali e varie.

Presiede il consiglio il signor Giovanni Russo, assume le funzioni di segretaria verbalizzante l’insegnante Maria Staiano a
ciò designata dal Presidente.
Partecipa alla riunione, su invito del Dirigente Scolastico e del Presidente il Direttore dei servizi generali ed amministrativi
della Scuola Signora Pia Luisa Fiorentino, di seguito denominato “direttore”.
Il Presidente constatato il numero di membri presenti, la validità dell’adunanza, dichiara aperta la seduta.

Su invito del Presidente di Circolo, e per volontà di tutti i membri della componente genitori è presente all’incontro
l’assessore all’Edilizia Scolastica del Comune di Vico Equense l’ingegnere Coppola Francesco che prende la parola su
invito del presidente e con il consenso dei presenti illustra :
- il programma che ha l’amministrazione Comunale relativamente all’ampliamento del plesso G. Pascoli di via Sconduci
da realizzare entro il 20/12/2013, impegnandosi a confrontarsi con una componente del Consiglio di Circolo sul
Progetto di ampliamento:
- la volontà dell’amministrazione di trasferire le sei sezioni di Scuola dell’Infanzia
che occupano il 1° piano del plesso S.S. Trinità al plesso Capoluogo;
- la decisione di chiudere il punto cottura della scuola Primaria di Sconduci per realizzare un unico punto cottura nel
plesso della scuola Caulino di Moiano;
I componenti del Consiglio esprimono al rappresentante dell’Ente Comunale la propria posizione espressa nei seguenti
punti :
- recepiscono il programma prospettato dall’Amministrazione ed afferente l’ampliamento del plesso di Sconduci che l’
ing. Coppola presume fruibile per l’anno scolastico 2012/2013.
- manifestano il proprio dissenso al trasferimento della scuola dell’infanzia . A parere del Consiglio di Circolo la scelta
dell’Amministrazione di spostare le sezioni della Scuola dell’Infanzia a Sconduci risulta essere pregiudizievole anche
per la sicurezza della popolazione scolastica.
- manifestano il proprio dissenso per la chiusura del punto cottura di Sconduci, e per la concentrazione in unico sito del
centro mensa in Moiano (ritenuto peraltro molto decentrato), anche perché avere un solo punto cottura sul territorio
vicano, inevitabilmente ridurrebbe la qualità del servizio.
A tal proposito il Consiglio di Circolo invita l’ Amministrazione comunale, per il tramite dell’Ing. Coppola, a condividere
ufficialmente ogni scelta in ordine a tutto quanto interessi l’utenza scolastica, con particolare riferimento anche ai locali
che si intendono adibire all’accoglimento degli alunni della scuola dell’infanzia per l’anno scolastico 2010/2011.
A questo punto l’assessore all’Edilizia Scolastica del Comune di Vico Equense l’ingegnere Coppola Francesco saluta
dichiarando di farsi portavoce presso il Sindaco delle proposte del Consiglio di Circolo.

Il presidente allora passa alla discussione del primo punto all’ordine del giorno:

1. Lettura e approvazione verbale seduta precedente


Il segretario dà lettura del verbale del 02/03/2010. Il consiglio all’unanimità approva.

2. Approvazione Conto Consuntivo e.f. 2009


Il Dirigente Scolastico per l’aspetto didattico ed il direttore per quello amministrativo – contabile espongono la relazione redatta di
accompagnamento al Conto Consuntivo Esercizio Finanziario 2009 così come previsto dall’articolo 18, comma 5, D.I. 44/01.

Il consiglio di Circolo all’unanimità dei presenti


• Visti gli artt 18, 29 , 58 e 60 Decreto Interministeriale 1° Febbraio 2001 n°44;
• Visto l’art.21 della ç.15 marzo 1997 n.59;
• Visto il DPR 275/99;
• VISTA la relazione illustrativa del Dirigente Scolastico Dott,ssa Debora Adrianopoli
• Vista la documentazione predisposta dal Direttore dei servizi generali ed amministrativi;
• Tenuto conto che sono stati operati variazioni, storni ed assestamenti al programma annuale per l’esercizio finanziario 2009
sempre nel rispetto di quanto previsto dall’art. 6 del decreto 1/2/2009 n° 44, astenendosi dal divieto imposto dal comma 3
dello stesso articolo e regolarmente approvate dal Consiglio di istituto, con emissione dei successivi dispositivi da parte del
dirigente scolastico, regolarmente pubblicati all’albo dell’istituto in applicazione dell’art.14 del DPR 8/3/1999, nº275, per
soddisfare i bisogni dell’utenza in relazione alle istanze didattiche emerse dal Collegio dei Docenti;
• Considerato che la gestione generale dell’istituto per l’anno 2009, ha rispettato quanto previsto nel piano dell’offerta formativa
ed i criteri e gli indirizzi dettati dal Consiglio di Istituto;
• Tenuto conto del pieno rispetto dei limiti imposti dal programma annuale relativo all’esercizio 2009;
• Vista l’astensione permanentemente dal contrarre impegni per i quali non esisteva copertura finanziaria;
• Considerato che la rendicontazione del documento contabile in esame, è conforme a tutto quanto deliberato, e di quanto,
portato a conoscenza del consiglio di istituto durante tutto l’anno finanziario 2009;
• Vista l’approvazione di regolarità contabile del Collegio dei Revisori dei Conti e visionata la situazione finanziaria definitiva al
31/12/2009:

DELIBERA (N°76)
• l’approvazione del Conto Consuntivo e.f. 2009 predisposto dal Dirigente Scolastico e dal Direttore dei servizi generali ed
amministrativi, nonché tutta la documentazione prevista a corredo del documento in discussione. (Allegato n°1.)
• di disporre la pubblicazione all’Albo , l’inserimento nel sito Web del presente atto,con tutta la documentazione allegata (
modelli predisposti dal Direttore ,relazione del Dirigente, parere dei Revisori dei Conti) e di inviare il Verbale dei Revisori e la
documentazione prevista dall’art. 18 del Regolamento all’Ufficio Scolastico Regionale e alla Ragioneria Territoriale dello
Stato. (DELIBERA N°76)

Si riporta ad ogni buon fine lo schema del conto consuntivo e della situazione finanziaria definitiva al 31/12/2009:
3. Variazioni di bilancio

Il direttore dei servizi generali e amministrativi dà ampia spiegazione delle variazioni che necessitano Il Dirigente Scolastico informa
di aver predisposto in data 19/05/2010 Variazioni al Programma Annuale relativo all’Esercizio Finanziario 2010 approvato dal
Consiglio di Circolo in data 01/02/2010.
Le variazioni riguardano la dotazione ordinaria (aggregato 02/01), i finanziamenti della Regione (aggregato 03/04), contributi da
privati o famiglie vincolati (aggregato 05/02) altre entrate , interessi (aggregato 07/01).
Il Consiglio di Circolo all’unanimità dei presenti
VISTO Il programma annuale per l'esercizio finanziario 2010 ,

VISTO l'art. 6 comma 1 e 2 del D.I. n. 44 del 1° febbraio 2001

CONSIDERATO occorre modificare ed assestare ulteriormente il programma annuale


CHE

DELIBERA( n. 77)

di apportare la seguente ED ULTERIORE VARIAZIONE/STORNO al programma annuale 2010(DELIBERA N°77 ALLEGATO N°2.)
4. Utilizzo locali scolastici (palestra) per l’a.s. 2010/2011

Viste le richieste presentate all’Ufficio Protocollo della scuola, entro i termini stabiliti dalla vigente normativa, dalle Associazioni del
territorio per l’utilizzo dei locali atrio e palestra;
Visto l’art. 50 del Decreto n. 44 del 1/02/2001 che attribuisce all’istituzione scolastica la facoltà di concedere a terzi l’uso precario e
temporaneo dei locali scolastici;
VISTO l’art. 12 della legge 517/77;

VISTI gli art. 22 e 96 T.U. 16/04/1994, n.297;

VISTO il D.P.R. n567 del 10 ottobre 1996

VISTA la delibera del 25.9.2000 del Consiglio Scolastico Provinciale di Napoli

VISTO l’art. 33, 2° comma, del Decreto n.44 del 1/02/2001 in base al quale il Consiglio di Circolo è chiamato ad esprimere i criteri ed
i limiti entro cui il Dirigente Scolastico può svolgere l’attività negoziale prevista dalla stessa disposizione;
VISTI i criteri e le modalità per la concessione in uso dei locali scolastici al di fuori dell’orario scolastico del regolamento approvato
con delibera n°72 del 1/2/2010 del consiglio;
Considerato che si tratta di richieste di utilizzo continuativo e prolungato per le quali è previsto l’assenso o il diniego del Consiglio di
Circolo entro il 30 Maggio successivo, ma l’ atto di concessione, predisposto in base ai criteri previsti dalla delibera del Consiglio
Scolastico Provinciale, è di competenza dell’Ente locale

Il consiglio, con voti unanimi espressi in termine di legge


DELIBERA (N°78)

assenso favorevole alla concessione dei locali alle Associazioni richiedenti :


- Tersicore;
- Saimon Dance;
- Polisportiva Club Napoli;
- A.S.D. Casali d’Equa;
- A.D. Aequa Basket;
- A.S.D. Mareluna.
In merito all’ultima Associazione l’assenso è subordinato a una comunicazione da parte della stessa di una più dettagliata
documentazione in merito alle attività svolte e agli orari di utilizzo richiesti.
Il Dirigente Scolastico provvederà ad inoltrare al competente Ente Locale, le richieste per le quali è stato espresso assenso ed in
ottemperanza alla delibera chiederà all’Ente Comunale garanzia in merito alla comunicazione dei nominativi degli addetti antincendio
e primo soccorso delle Associazioni richiedenti. DELIBERA (N°78).

Dalle ore 18,15 è presente la Docente Aiello Maria.

5. Programmazione dei Fondi Strutturali Europei 2007/2013 – Fondo Sociale Europeo Programma Operativo Nazionale
“Competenze per lo Sviluppo” – Piani Integrati di Istituto annualità 2010-2011

Il Consiglio all’unanimità dei presenti


• Vista la circolare prot. n° AOODRCA8093 del 27/04/2010 avente per oggetto : Programmazione dei Fondi Strutturali Europei
2007/2013 – Fondo Sociale Europeo Programma Operativo Nazionale : “Competenze per lo sviluppo” – Piani Integrati di
Istituto annualità 2010/2011 – Modifiche ed integrazione – prot. A00DGAI/n.5078 del 26/4/2010.
• Vista la delibera n° 15 del Collegio dei Docenti del 19/05/2009;
• Considerato la piena rispondenza del Piano Integrato predisposto per l’anno 20210-11 ai bisogni degli alunni e dei
docenti del I Circolo di Vico Equense e alle finalità e linee di indirizzo del POF del 1° Circolo di Vico Equense;

delibera( n. 79)
il Piano integrato per l’a-s- 2010/2011 così articolato:
1. Medi@mente” Obiettivo:D”Accrescere la diffusione, l’accesso e l’uso della società dell’informazione nella scuola”
Azione: D-1 “Interventi formativi rivolti ai docenti e al personale della scuola, sulle nuove tecnologie della comunicazione: Tipologia
del percorso: Percorso formativo sulla conoscenza e sull’utilizzo dell’informatica nella didattica. Titolo“Medi@Mente
2”. Destinatari:Personale docente Scuola Infanzia e Primaria( Max 25); Fattori di criticità: Scarsa padronanza delle
competenze digitali di base e bassa integrazione delle nuove tecnologie nei processi didattici e formativi.
Ore:30
Finalità: Completare il percorso di alfabetizzazione informatica (Livello A) valido per il conseguimento della certificazione
informatica europea(3 moduli) in continuità con la precedente formazione -Annualità 2009PROGETTO D-1-FSE-2009-1739
“Medi@mente” - (4 moduli) e promuovere situazioni di apprendimento/insegnamento strutturate sull’uso dei mezzi informatici
considerati come strumenti indispensabili per innovare e agevolare i processi formativi.

2. FSE B-1 ”Sulle orme di Einstein”;


Obiettivo: Azione: B-1 Tipologia del percorso: Beneficiari: Fattori di Ore
B Interventi Scuola Primaria criticità: 30
Migliorare le innovativi per la Percorso formativo sulle Insufficienza
competenze del promozione delle metodologie didattiche e Destinatari: valenza della
personale della competenze sui contenuti disciplinari Personale docente metodologia
scuola e dei chiave, in didattica a
docenti particolare sulle Contenuto della supporto
discipline tecnico - proposta: dell’insegnamento
scien-tifiche, Competenze della lingua
matematica, lingua in matematica matematica
madre, lingue
straniere

- Finalità: Facilitare le situazioni di insegnamento/apprendimento della Matematica attraverso l’uso di metodologie


didattiche innovative e più coinvolgenti tali da rendere più attraente lo studio della disciplina, come ad esempio far ricorso alle
pratiche laboratoriali e all’uso di materiale strutturato e non, o privilegiare le pratiche di discussione e collaborazione in classe
nell’elaborazione di ragionamenti fondati su problematizzazioni in situazione per rimanere ancorati alle esperienze pregresse
del vissuto degli alunni
- Il corso si prefigge di fornire ai docenti strumenti culturali e scientifici per sostenere la sperimentazione e l’innovazione
didattiche permettendo loro di impartire lezioni che lungi dall’essere tradizionalmente statiche e obsolete, si prefigurano come
momenti coinvolgenti di osservazione e di riflessione critica che stimolano le capacità logiche e matematiche degli alunni
rendendoli più partecipi nello studio della materia.
- Risultati attesi: Vivacizzare l’insegnamento della Matematica con l’approccio laboratoriale, con l’impiego di nuove
metodologie e con l’utilizzo di nuovi strumenti innovativi tali da stimolare la discussione e il ragionamento critico degli alunni
stimolandoli a migliorare il loro livello di apprendimento nelle conoscenze e nelle competenze matematiche

3. FSE B-4 “Tutto per tutti”;


Obiettivo: B Azione: B-4 Tipologia del percorso: Beneficiari: Fattori di criticità: Ore
Migliorare le Interventi di formazione Scuola Primaria
competenze del sulle metodologie per la Percorso di formazione Scuola dell’Infanzia Inadeguatezza della 30
personale della scuola didattica individualizzata sulle metodologie per la formazione in servizio dei
e dei docenti e sulle strategie per il didattica individualizzata Destinatari: docenti e necessità di
recupero del disagio. e sulle strategie per il Personale docente realizzare attività di
recupero del disagio prevenzione del disagio e
di recupero dello
Contenuto della svantaggio culturale.
proposta:
Competenze
metodologiche e
didattiche

Finalità: Sviluppare nel personale della scuola competenze necessarie per riconoscere ed affrontare situazioni di disagio e/o di
svantaggio quali ad esempio disturbi di comportamento, disadattamento, difficoltà di apprendimento e di interazione.
Risultati attesi: Migliorare le condizioni degli alunni che presentano sintomi di disagio o svantaggi culturali favorendone la
valorizzazione del sé e il successo formativo.

4. Obiettivo C Azione C-4 Area delle eccellenze” Menti… veloci”

Obiettivo C: Migliorare i livelli di conoscenza e competenza dei giovani


Azione C 4 Area dell’eccellenza. Interventi individualizzati per promuovere l'eccellenza-(gara di prontezza matematica-)
Percorso formativo: Preparazione Gare
H. 30 - Destinatari : alunni delle classi Iv e V ( n. 25)
Finalità
Promuovere un approccio dinamico allo studio della matematica non percepita come arida disciplina di numeri, ma come
linguaggio creativo e pratico capace di mettere ordine, di rilevare relazioni e uguaglianze tra elementi e finanche di risolvere
situazioni problematiche concrete, rapportabili al vissuto degli stessi alunni.
Obiettivo formativo (competenza)
Essere il grado di risolvere situazioni problematiche, anche complesse, ricorrendo a soluzioni logiche basate sia sul ragionamento
e sull’applicazione delle regole matematiche sia sull’intuizione.
Risultati attesi: Aumentare il numero degli alunni registrati nelle fasce medio-alte della valutazione delle competenze di matematica
5. Obiettivo C Azione C-1 Area Matematico –scientifica “ Non solo numeri) ( n. 2 Corsi)

obiettivo C : Migliorare i livelli di conoscenza e competenza dei giovani


Tempi: n. 30h
Destinatari: alunni delle classi seconde (Max. n. 20) .alunni delle classi terze(n. 20)
Questa azione parte dal presupposto che la matematica non può essere soltanto una scienza dei numeri in quanto investe molteplici
capacità individuali di organizzare la realtà sia elaborando schemi mentali sempre più complessi sia utilizzando il suo intuito, la sua
creatività e la sua vita di relazione. Gli interventi saranno orientati ai principi della psicomatematica cioè di una strategia educativa
che coinvolge direttamente gli alunni nell'acquisizione di concetti matematici facendo leva non solo sulle abilità cognitive ma anche
su quelle emotive, iconiche e relazionali
Finalità: Favorire la comprensione dei concetti matematici di base mediante azioni ludiche e mirate che, facendo leva su approcci
metodologici diversi (principi della psicomatematica, della musicoterapica e del gioco), stimolino lo sviluppo del pensiero critico,
euristico, divergente e logico-matematico.
Risultati attesi: Diminuire il numero degli alunni registrati nelle fasce medio-basse della valutazione delle competenze di
matematica.

6. Obiettivo C Azione C-1 Area delle competenze trasversali “ Crescere con la musica”(n. 2 richieste)
Obiettivo: C) Migliorare i livelli di fruizione e produzione della musica da parte dei giovani
Azione C.1 - interventi per lo sviluppo delle competenze chiave (percorso formativo consapevolezza ed espressione culturale)
DESTINATARI: Alunni delle classi prime( 25) e seconde (alunni n. 25 )
Tempi: h30
Finalità: Il progetto intende offrire un valido supporto e sostegno alle problematiche relative alle situazioni di difficoltà di
apprendimento di comportamento e di relazione. Lo scopo del progetto è esplorare quali siano i possibili percorsi utili per fornire ai
bambini gli strumenti emotivi, cognitivi e musicali per elaborare il linguaggio sonoro e per tradurlo, approfondirlo e arricchirlo
attraverso gli altri linguaggi.
Risultati attesi: Sviluppare la musicalità che è in ciascuno per comprendere ed esprimere le proprie emozioni e sentimenti, per
migliorare l’apprendimento, in generale, e della musica, in particolare. Ridurre i casi di iperattività .Raggiungere l’integrazione delle
componenti percettivo -motorie, cognitive e affettivo - sociali della personalità.
Acquisire il benessere psico-fisico.

7.Obiettivo C Azione C-1 Interventi per lo sviluppo delle competenze chiave; (area delle lingue)” “Let’s go English”
Obiettivo: C) Migliorare i livelli di conoscenza e competenza della lingua inglese da parte dei giovani
Azione C.1 - interventi per lo sviluppo delle competenze chiave (Area delle Lingue)
DESTINATARI: Alunni delle classi quarte e quinte–alunni n. 25
Tempi: h 50
Fine prioritario del percorso progettuale è quello di favorire una reale capacità di comunicare contribuendo alla maturazione delle
capacità espressive degli alunni lungo il loro percorso di crescita all’interno della società.
Finalità:
• Sviluppare negli alunni la capacità di interagire con gli altri in modo sereno, aperto e solidale per prepararsi a vivere in una
dimensione europea, maturando al tempo stesso la consapevolezza dell’importanza della conoscenza di una seconda lingua
come strumento indispensabile per ampliare i rapporti comunicativi e le esperienze di vita..
• Potenziare le capacità comunicative in lingua inglese per portare i bambini al livello A1 della scala di competenza linguistica
stabilita dal Consiglio d’Europa nel campo delle lingue straniere sia attraverso specifiche attività didattiche sia creando
situazioni divertenti con “simulate”, “gioco-dramma” oppure” utilizzando giochi didattici che sfruttano il canale video e audio.
Risultati attesi:
• acquisizione da parte degli alunni della certificazione Cambridge Livello Base
• utilizzare la lingua inglese nei vari contesti comunicativi
• comprendere canzoni, interviste, richieste…. In lingua inglese
• utilizzare costruzioni linguistiche diverse imparando a utilizzare un diverso modo di strutturare il proprio pensiero
• Ampliare e migliorare i livelli di consapevolezza multiculturale

Alle ore 18,30 lascia la seduta la signora Cioffi Giuditta

6. Accordo di rete “Rete territoriale Scuola Penisola Sorrentina”

Il dirigente scolastico dà lettura alla proposta di accordo di rete tra i Dirigenti delle Istituzioni Scolastiche della Penisola Sorrentina :
PES.NET. – RETE DELLA PENISOLA SORRENTINA, tesa a realizzare finalità istituzionali di comune interesse. Il Consiglio
riconoscendo nell’accordo di rete la prospettiva di un potenziamento e miglioramento della qualità dell’Offerta Formativa in un
contesto territorialmente allargato esprime parere favorevole all’adesione.

Il Consiglio di Circolo all’unanimità dei presenti


- Presa visione dell’accordo di rete proposto dall’Istituto I.S.A. “Grandi” capofila dell’accordo;
- Sentito il dirigente scolastico;

delibera (n°80)

l’adesione del I Circolo Didattico di Vico Equense all’accordo di rete, demandando al Dirigente Scolastico la sottoscrizione
dell’accordo, che si allega al verbale del Consiglio di Circolo, come parte integrante. (DELIBERA N°80) Allegato n°3
Dalle ore 18,40 è presente la signora Straniero Adriana

7. Adesione Progetto “Ri-scopriamo il Faito”


Il Dirigente Scolastico informa il Consiglio della proposta avanzata dall’UNITRE di un laboratorio ambientale per la riscoperta e la
salvaguardia del monte Faito a cura di esperti volontari dell’associazione.
Il Consiglio delibera all’unanimità la proposta per l’inserimento nel POF 2010/2011. (DELIBERA N°81)
8. Progetto sperimentale screening neuro-psicomotoria per la prevenzione dei disturbi comportamentali in età scolare
(Scuola Infanzia)
Il Dirigente Scolastico informa il Consiglio di due differenti proposte di collaborazione a titolo gratuito da parte di terapiste della
neuropsicomotricità dell’età evolutiva per un progetto sperimentale di screening per la diagnosi precoce e la segnalazione di disturbi
comportamentali in età scolare e un progetto in ambito teatrale.
Il Consiglio all’unanimità dei presenti

sentito il DS
vista anche la delibera n° … del Collegio dei Docenti del 19/05/2010
ne approva l’adesione secondo le indicazioni progettuali del Collegio dei Docenti. (DELIBERA N°82)

9. Eventuali e varie
Il Dirigente Scolastico informa il consiglio che il Collegio dei Docenti del 02/03/2010 ha deliberato di aderire al Progetto “Alle radici del
presente” promosso dall’UNITRE Penisola Sorrentina per l’anno scolastico 2010/2011.
Il D.S. informa i presenti sulla rideterminazione dell’organico di diritto che è confermato e non presenta riduzioni per la Scuola
dell’Infanzia , mentre evidenzia la riduzione di un posto comune per i docenti in conseguenza del fatto che le classi prime e seconde
dovranno osservare un tempo scuola settimanale pari a 27 ore.
E’ stato invece autorizzato lo sdoppiamento di una futura classe III della scuola primaria che porterà per il prossimo a.s. alla
formazione di 5 classi III, su richiesta del dirigente scolastico per la necessità di rientrare nei parametri della normativa della
sicurezza, (infatti l’aula più capiente( P02) disponibile nel plesso G. Pascoli al piano terra( non è possibile ubicare la classe ai piani
superiori per i problemi di deambulazione di cui sopra), come da allegato prospetto degli indici di affollamento redatto dal
Responsabile del servizio di prevenzione e protezione e da planimetrie, misura mq. 37,50 con un indice di affollamento massimo ai
sensi della normativa sulla sicurezza di 21 persone.)

Non essendoci altri punti da discutere , alle ore 19,50 ha termine la seduta.

Del che è verbale, che letto e confermato, viene sottoscritto come segue e la seduta è tolta alle ore…..

Avverso il presente verbale, in virtù dell’art. 14 del DPR 8/3/1999, nº275 e successive modificazioni, è ammesso reclamo, da chiunque ne
abbia interesse entro il 15° giorno dalla data di pubblicazione all’albo dell’Istituto. Decorso tale termine la deliberazione diventa definitiva e
può essere impugnata solo con ricorso giurisdizionale al TAR o ricorso straordinario al Capo dello Stato rispettivamente nei termini di 60 e
120 giorni.

IL SEGRETARIO IL PRESIDENTE
Giovanni RUSSO